Sei sulla pagina 1di 4

Criteri diagnostici Episodio Maniacale

A: Un periodo ininterrotto di almeno 1w con umore abnormalmente e persistentemente


elevato, espansivo od irritabile,
ed attivit� finalizzata o energia maggiori, anomale e persistenti, per la
maggior parte del giorno, quasi ogni giorno
(Nota che durata non � necessaria se richiede ospedalizzazione)
B: Durante il periodo 3+ di questi, rappresentanti significativo cambiamento:
1 Elevata autostima o senso di grandezza
2 Ridotto bisogno di dormire (3h)
3 Pi� loquacit� o spinta a parlare del solito
4 Fuga delle idee o esperienza soggettiva che i pensieri si susseguano
rapidamente
5 Distraibilit� (osservata o riportata)
6 Aumento in attivit� finalizzata o agitazione psicomotoria
7 Eccessivo coinvolgimento in attivit� con elevato rischio di conseguenze
pericolose (thrill seeking)
C: Abbastanza severo da causare compromissione sociale od occupazionale o
richiedere ospedalizzazione per prevenire danni a s� o altri
D: Non attribuibile ad uso sostanza o altra condizione medica
Nota: se avviene un episodio simile a conseguenza di terapia antidepressiva ma
persistente a pieno livello sindromico oltre effetto fisiologico del trattamento �
classificabile come episodio maniacale (e quindi dist. bipolare I)

Criteri diagnostici Episodio Ipomaniacale


A: Un periodo ininterrotto di almeno 4d, quasi ogni giorno, per buona parte del
giorno, di umore elevato, espansivo, irritabile
B: come Maniacale
C: Associato ad inequivocabile cambiamento in funzionamento non caratteristico per
il pz
D: Osservabile da altri
E: Non severo da causare compromissione sociale od occupazionale o necessitare
ospedalizzazione, privo di tratti psicotici (che fanno rientrare in maniacale)
F: Non attribuibile ad effetti fisiologici di sostanza
Nota: se emerge in terapia antidepressiva e si mantiene a pieno livello sindromico
oltre termine effetto fisiologico � sufficiente per episodio ipomaniacale,
attenzione che alcuni sintomi come ansia ed irritabilit� sono effetti collaterali
degli antidepressivi)

Criteri diagnostici Episodio Depressivo Maggiore:


A: 5+ dei seguenti in stesso periodo di almeno 2w, almeno uno � 1,2
1 Umore depresso per la maggior parte del giorno, quasi ogni giorno, osservato
o riportato (in bambini ed adolescenti pu� essere irritabile)
2 Interesse marcatamente o nessun piacere (anedonia) in tutte o quasi tutte le
attivit� quotidiane (osservato o riportato)
3 Perdita di penso significativa senza dieta o aumento di peso (+/- 5% in un
mese) o aumento/diminuzione appetito quasi ogni giorno (in bambini considerare peso
atteso)
4 Ipersonnia/Insonnia (Nota extracriteri: insonnia in depresso �
prevalentemente tardiva)
5 Agitazione o ritardo psicomotorio (Osservato, NON riportato)
6. Affaticamento o perdita d'energia quasi ogni giorno
7: Sentimenti di svalorizzazione o eccessivo/inappropriato senso di colpa quasi
ogni giorno
8: Diminuita capacit� di pensare o concentrarsi o indecisone quasi ogni giorno
(osservato o riportato)
9: Ricorrenti pensieri di morte (non solo paura di morire), ricorrente
ideazione suicidiaria senza piano specifico, tentato suicidio o piano specifico per
commettere suicidio
B: Disagio clinicamente significativo, o compromissione sociale od occupazionale od
in altra area importante
C: Non attribuibile agli effetti fisiologici di sostanza od altra condizione medica
Nota: distingui depressione da lutto tenendo in considerazione norme culturali,
reazioni dell'individuo, e se ci son stati precedenti episodi depressivi (in questo
caso considerarlo come nuovo episodio)
il lutto arriva ad ondate, legato a ricordi del deceduto, la depressione �
continua, non legata a stimoli esterni

Criteri diagnostici Disturbo Bipolare I


A: Criteri raggiunti per almeno un episodio maniacale
B: L'occorrenza di episodi maniacali e depressivi maggiori non sono meglio spiegati
da dist. dello spettro schizofrenico

Criteri diagnostici Disturbo Bipolare II


A: Criteri raggiunti per almeno un episodio depressivo maggiore ed un episodio
ipomaniacale
B Assenza d'episodio maniacale
C Non meglio spiegato da disturbi dello spettro schizofreniforme
D I sintomi depressivi o l'imprevedibilit� dell'alternanza depressione-ipomania
causano disagio clinicamente significativo o compromissione sociale, occupazionale
o in altra area funzionale.

Criteri diagnostici disturbo ciclotimico:


A: Per un periodo di almeno 2y (1y in bambini e adolescenti) numerosi periodi con
sintomi depressivi e ipomaniacali senza raggiungere pieni criteri per episodi
depressivo maggiore o ipomaniacale
B: Durante il periodo di 2y (1y) i periodi depressivi ed ipomanici sono stati
presenti per almeno met� del tempo e non assenti per +2m alla volta
C: Criteri per episodi depressivo maggiore, manico o ipomanico MAI raggiunti
D: Sintomi del Criterio A non meglio spiegato da disturbo spettro schizofreniforme
E: Sintomi non attribuibili ad effetti fisiologici sostanza od altra condizione
medica
F: Disagio significativo, o compromissione sociale, occupazionale, o in altra area
di funzionamento

Criteri diagnostici Disturbo Depressivo Maggiore


A-B-C di Episodio Depressivo Maggiore
D: Occorrenza non meglio spiegata da dist. dello spettro schizofreniforme
E: Mai stati episodi maniacali o ipomaniacali (che non fossero indotti da sostanze
o condizioni mediche)
Nota sottotipi: Melanconica: prevalente anedonia, rallentamento psicomotorio,
perdita peso, eccessivi sensi di colpa, risponde meglio a trattamenti (triciclici e
ECT)
Atipica: caratterizzata da reattivit� dell'umore (anedonia
paradossa), aumento di peso e appetito (alimentazione consolatoria), paralisi
plumbea, compromissione sociale per ipersensibilit� a rifiuto interpersonale
percepito
Catatonica: Catatonia e ritardo psicomotorio, atti senza scopo
anche bizzarri
Post-partum (entro 1m)
Stagionale (autunno-inverno, risolta in primavera)

Criteri diagnostici Disturbo depressivo persistente (Distimia)


A: Umore depresso per buona parte del giorno, per pi� giorni che no (osservato o
riportato), per almeno 2y (1y in bambini ed adolescenti, pu� esser irritabile)
B: Presenza, durante umore depresso, di 2+ seguenti
1 Aumento o diminuzione appetito
2 Insonnia o ipersonnia (nota che insonnia � tardiva solitamente in depresso)
3 Scarsa energia o affaticamento
4 Scarsa autostima
5 Scarsa concentrazione o difficolt� a compiere decisioni
6 Sentimenti di disperazione
C: Durante il periodo di 2y (1y in bambini o adolescenti) il pz non � mai stato
senza A-B per pi� di 2m alla volta
D: Possono esser stati raggiunti i criteri per un episodio depressivo maggiore
continuamente per 2y
E: Mai stato episodio maniacale o ipomaniacale, mai raggiunti criteri per disturbo
ciclotimico.
F: Non meglio spiegato da disturbo spettro schizofreniforme
G: Non attribuibile ad effetti fisiologici di sostanza o altra condizione medica
H: Disagio clinico significativo, o compromissione sociale, occupazionale, o in
altre aree di funzionamento.

Criteri diagnostici Disturbo premestruale disforico


A: Nella maggior parte dei cicli mestruali devono esser presenti almeno cinque
sintomi nell'ultima settimana prima di mestruazioni, miglioranti nei primi giorni
da inizio e minimi o assenti nella settimana successiva
B: 1+ tra 1. Marcata labilit� affettiva
2. Marcata irritabilit� o rabbia o aumentati conflitti interpersonali
3. Umore marcatamente depresso, sentimenti di disperazione, pensieri
negativi su di s�
4. Marcata ansia, tensione, o senso di essere con le spalle al muro
C. 1+ tra 1. Diminuito interesse nelle attivit� usuali
2. Soggettiva difficolt� a concentrarsi
3. Letargia, facile affaticamento, marcata mancanza d'energia
4. Marcato cambiamento in appetito, overeating, cravings
5. Ipersonnia o insonnia
6. Senso di essere sopraffatti o fuori controllo
7. Sintomi fisici (Gonfiore, dolore articolare o muscolare, aumento di
peso, senso di rigonfiamento mammelle)
Nota: A-B-C devono essere soddisfatti per la maggior parte dei cicli mestruali nel
corso di anno precedente
D. Disagio clinicamente o interferenza con lavoro, scuola, attivit� sociali o
relazioni interpersonali
E. Non � esacerbazione di sintomi di altro disturbo come disturbo depressivo
maggiore o persistente, o di personalit� (ma pu� essere concomitante)
F. Criterio A dovrebbe essere confermato giornalmente per almeno due cicli
sintomatici
G. Sintomi non attribuibili a sostanza o condizione medica

Note:
Prevalenza: Complessivamente pi� del 10% pop
Depressivo Maggiore M 2.3-3.2% (7-12% LF)
F 4.5-9-3& (20-25%)
Bipolare I (0.4-1.6%)
II (0.5%) senza differenze sesso/razza
Distimia (M 4.1%)
(F2.2%)
Ciclotimia (0.4-1%)
Disforico Premestruale 1.8-5.8/y
Continuazione terapia riduce il rischio di recidive, che avvengono tuttavia
comunque nel 15% dei casi
Rischio aumenta con numero di recidive, 10x dopo primo, 18x dopo secondo, rischio
lifetime recidive 90%, ogni nuovo episodio aumenta rischio cronicit� 10-15%
Predittori recidive: numero episodi, durata, esordio precoce o tardivo, comorbidit�
ansia o psicotici, storia familiare, genere femminile, persistenza sintomi residui,
scarso funzionamento lavorativo
Rischi scarsa compliance: Effetti collaterali, frequenza somministrazioni,
interferenza con abitudini, costo cure, pregiudizi su depressione o su farmaci.
80% di chi soffre il primo episodio depressivo maggiore ne avr� almeno un altro,
con una media di 4 lifetime
Altro studio mostra 50% recover e 50% almeno un altro, 15% cronicizza
Depressione a tratti psicotici ha 90% di ricorrenza
Entro 1/y perdita coniuge rischio 4x
Mortalit� per suicidio 15% nei depressi gravi
Alta comorbidit� tra depression ed ansia (51% lifetime)
Legame con abuso d'alcol e droghe, ADHD, PTSD
Aumento rischio CVD a parit� d'altri fattori
Teorie eziopatogenesi depressione
Triade cognitiva di Beck: idee/errori negativi su di s�, ambiente esterno, e futuro
Fattori psicologici predisponenti o protettivi (metodi di coping, autostima,
pensiero, etc)
Fattori biologici: polimorfismo trasportatore lungo della serotonina pu� fornire
qualche idea
ruolo dell'ippocampo (ridotto in alcuni pz depressi), correlato
con lunghezza malattia, e area corteccia cingolata anteriore, antidepressivi
aumentando serotonina stimolano queste aree?
BDNF sembra implicato sia in patogenesi che in azione di alcuni
serotoninergici
depressione ed infiammazione cronica?
Terapia depressione: farmaci antidepressivi, psicoterapia (CBT, interpersonale,
psicodinamica?), ECT
Se lieve > Psicoterapia Se severa > antidepressivi Se
farmacoresistente > ECT
Eziopatogenesi bipolare ed in generale disturbi umore:
Kindling Model: stressori possono inizialmente scatenare episodi, ma con la
progressione del disturbo gli episodi si slegano (stimoli minori) e iniziano
autonomamente
Ipotesi deficit noradrenalina e serotonina, superata da latenza effetto
antidepressivi
Coinvolgimento asse ipotalamo ipofisi, TRH-TSH
Aumento cortisolo ed alterazione ritmo diurno di escrezione danno supporto a teoria
di depressione come reazione disfunzionale allo stress o a reazione a stress troppo
lunga
Ereditariet�: 1 genitore affetto> 27% 2>50-75%
Vulnerabilit� genetica pare maggiore nei bipolari
Quali geni? Xq, HLA, noradrenalina, dopamina e serotinina, Ch 18, 21,
4, regioni su svariati altri
Teorie psicanalitiche: Conflitti inconsci, o mancato sviluppo causa privazioni
precoci, "perdita d'oggetto interiorizzato"
CBT: triade di Beck, distorsioni cognitive (inferenza arbitraria,
ipergeneralizzazione), alterazioni information processing
Teorie cognitivo-evoluzionistiche: "attaccamento insicuro", sconfitta relazionale
ed esistenziale
Trattamento bipolare: stabilizzatori dell'umore,stab+sedativi in fase maniacale
(bdz o antipsicotici), stab+antidepressivi (NON TRICICLICI) in ep. depressivo