Sei sulla pagina 1di 2
foto n°1 foto n° 2
foto n°1 foto n° 2

foto n°1

foto n° 2

foto n°1 foto n° 2

Comunità Creativa è una realtà volta alla valorizzazioni dell’esecuzione e dell’educazione musicale che annovera nel suo direttivo importanti nomi del mondo accademico e concertistico, sia nazionale che internazionale. Pur essendo una realtà giovane, in quanto nasce formalmente nel mese di novembre 2017, di fatto affonda le sue radici in un disegno molto ampio che vede nel prof. Salvatore Colazzo,

docente ordinario di pedagogia sperimentale dell’Università del Salento, il fondatore di un’idea che ha iniziato a prendere forma da almeno un triennio e che ha coinvolto in diverse formazioni

e attività molte figure espressioni del nostro territorio. Comunità Creativa, dunque, seppur

giovane, vanta già esperienza nel settore della sociologia musicale. Esperienza che si desume

dalle autorevoli personalità coinvolte.

È l’incontro proficuo tra il docente Colazzo e i Maestri Martino Pezzolla e Luca De Giorgi ha

porre le basi per la strutturazione di percorsi atti a valorizzare la cultura di appartenenza con alcuni progetti, tra i quali meritano di essere annoverati il recupero degli organi ecclesiastici antichi, l’apertura del 60esimo anniversario dell’Università del Salento, esibizioni in formazioni sinfoniche per concerti in diversi eventi e rappresentazioni di opere liriche, attivando di volta in volta collaborazioni atte a valorizzare una rete di musicisti e studiosi esistenti nella nostra comunità salentina che decidono di lavorare insieme in modo creativo. Da qui il nome Comunità Creativa, dove per “comunità” si intende l’insieme di persone e valori, di cultura e tradizioni, ma anche di innovazione e ricerca dove la stessa comunità è partecipe, e non soltanto fruitrice passiva di percorsi di crescita. La Brass, fondata nel 1988 dal M° Martino Pezzolla, a cui era stato affidato l’incarico di formare un gruppo di ottoni e percussioni con l’arduo incarico, di esibirsi con la Washington Philarmonic Orchestra sotto la direzione del M° W. Rostropovich, nella produzione dell’Ouverture “1812” di Ciaikovshi, nell’unico concerto tenutosi in Italia, a Lecce presso Palazzo dei Celestini (vedi Foto n° 2). Dopo questa esperienza musicale internazionale di notevole portata artistica, nasce la Salento Brass, con lo scopo di divulgare la musica per ottoni, vanta un notevole repertorio dalla polifonia per Ottoni del ‘500 alla musica moderna. su richiesta e su programmazioni in cui si richiede un organico ampliato. Melodie tradizionali miste a passioni giovanili: tutto questo è la “ Salento Brass Ensemble”. Il variegato Menù musicale del repertorio proposto offre un gustoso antipasto a base di brani

americani, come la famosissima Fanfare for the common man di Aaron Copland, dai tratti patriottici ed evocativi; Lassus trombone di Henry Fillimor, dalle divertenti gag di inizio secolo the trombone family, e il tango di David Short, estratto dal lavoro the brassfactory in cui viene esaltata la duttilità di questi strumenti. Altro capolavoro è Just a closer walk di Don Gillis appartenente alla tradizione dei funerali Jazz di New Orleans. Un ricco brano a base di armonie classiche e jazzistiche, ci porta al un altro brano in programma, The Saint’s Hallelujah sintesi di due celebri melodie: il celebre hallelujah dal messiah haendeliano e When the Saints Go Marching In.per poi arrivare al popolarissimo Libertango di Astor Piazzolla e Trumpets of Jericho di Enrique Crespo, il tutto farcito da un saporito tocco…. Brass! Nel 2014 si è dato vita ad una unione con la Comunità Creativa by ESPERO spin-off dell'UNISALENTO, dando vita alla Comunità Creativa Salento Brass, con la quale si è esibita in una tournée nel Salento riscuotendo consensi di pubblico e di critica, il 03 Novembre ha rappresentato L’UNISALENTO in un concerto tenutosi a Pisa, questo l’annuncio dell’evento di PisaToday: Festival nazionale dei cori e delle orchestre delle Università a Pisa 2017 Eventi a Pisa, dopo la prima edizione nel 2016 che ha visto la partecipazione dei cori delle università di Roma Tor Vergata, di Modena e Reggio Emilia e di Reggio Calabria, quest’anno sono protagonisti, insieme al coro e all'orchestra dell'Ateneo, UniBzVOICES, il coro della Libera Università di Bolzano, l’orchestra dell’Università degli studi di Firenze e la Comunità Creativa 'Salento Brass' dell’Università del Salento.“

http://www.pisatoday.it/eventi/festival-nazionale-cori-orchestre-universita-pisa-2017.html