Sei sulla pagina 1di 602

BTicino SpA

Viale Borri, 231


21100 Varese - Italy
www.bticino.it

Per documentazione tecnica, informazioni di carattere commerciale e


sulla rete dei centri di assistenza tecnica

Numero attivo dal lunedi al venerdi dalle ore 8.30 alle 18.30.

AD-ITMH15GT - Edizione 07/2015


Al di fuori di questi orari è possibile inviare richieste tramite i contatti del sito web. La
richiesta sarà presa in carico e verrà dato riscontro il più presto possibile.

Guida tecnica 2015


Organizzazione di vendita e consulenza tecnica

Piemonte • Valle d’Aosta • Emilia Romagna • Lazio • Calabria •

BTicino S.p.A. si riserva il diritto di variare in qualsiasi momento i contenuti del presente
stampato e di comunicare, in qualsiasi forma e modalità, i cambiamenti apportati.
Liguria RSM • Marche Campania
UFFICIO REGIONALE UFFICIO REGIONALE UFFICIO REGIONALE
10098 RIVOLI (TO) 40069 ZOLA PREDOSA (BO) 00153 ROMA
c/o PRISMA 88 – C.so Susa, 242 Via Nannetti, 5/A Viale della Piramide Cestia, 1
Tel. Q 011/9502611 Tel. Q 051/6189911 pal. C - 4° piano - int. 15/16
Fax 011/9502666 Fax 051/6189999 Tel. Q 06/5783495
Fax 06/5782117
Lombardia UFFICIO REGIONALE
60019 SENIGALLIA (AN) UFFICIO REGIONALE
UFFICIO REGIONALE
Via Corvi, 18 80059 S. MARIA LA BRUNA
20154 MILANO
Tel. Q 071/668248 TORRE DEL GRECO (NA)
Via Messina, 38
Fax 071/668192 Via dell’Industria, 22
Tel. Q 02/3480600
Tel. Q 081/ 8479500
Fax 02/3480610
Abruzzo • Molise • Fax 081/ 8479510

Veneto Occidentale • Puglia • Basilicata


Sicilia
Trentino Alto Adige UFFICIO REGIONALE
70026 MODUGNO (BA) UFFICIO REGIONALE
UFFICIO REGIONALE 95037 SAN GIOVANNI LA PUNTA (CT)
Via Paradiso, 33/G
36100 VICENZA (VI) Via Galileo Galilei, 18
Tel. Q 080/5352768
JJ CONSULTING Sas Tel. Q 095/7178883
Fax 080/5321890
c/o Palazzo PLATINUM Fax 095/7179242
Via Vecchia Ferriera, 5
Tel. 0444/870861 Toscana • Umbria
Fax 0444/870829 UFFICIO REGIONALE
Sardegna
50136 FIRENZE UFFICIO REGIONALE
Veneto Orientale • Via Aretina, 265/267 09121 CAGLIARI
Tel. Q 055/6557219 c/o centro Commerciale I MULINI
Friuli Venezia Giulia Piano Primo int. 1
Fax 055/6557221

GUIDA
UFFICIO REGIONALE Via Piero della Francesca, 3
36100 VICENZA (VI) Località Su Planu
c/o Palazzo PLATINUM Tel. Q 070/541356
Via Vecchia Ferriera, 5
Tel. 0444/870811
Fax 070/541146
ALLA PROGETTAZIONE
E ALL’INSTALLAZIONE
Fax 0444/870829
INTRODUZIONE – LINEE GUIDA PROGETTUALI

Luci e AutomazionI

ANTIFURTO

GESTIONE ENERGIA Termoregolazione – Climatizzazione


Visualizzazione consumi – Gestione e controllo carichi

DIFFUSIONE SONORA

VIDEOCITOFONIA

CABLAGGIO STRUTTURATO RESIDENZIALE

INTEGRAZIONE E CONTROLLO DEGLI IMPIANTI

SOFTWARE E SERVIZI – CATALOGO

Sommario MyHOME
MyHOME Sommario
INDICE
Introduzione
Caratteristiche generali. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2

Linee guida progettuali


Caratteristiche generali. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 20
Schema funzionale di un impianto MyHOME . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .20
Realizzazione dell’impianto domotico MyHOME. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 22
Questionario per la raccolta delle informazioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .23
Progetto preliminare e predisposizione degli impianti . . . . . . . . . . . . 24
L’installazione di un impianto a BUS . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .24
Impianto automazione – cavo BUS grigio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 32
Impianto termoregolazione – cavo BUS grigio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 40
Scelta delle sonde. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 43
Scelta degli attuatori. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .44
Impianto visualizzazione consumi e controllo carichi – cavo BUS grigio . . . . . 46
Impianto antifurto – cavo BUS rosso. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .52
Impianto diffusione sonora – cavo BUS bianco . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .56
Impianto videocitofonia – cavo BUS bianco . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .60
Integrazione degli impianti. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .64
Integrazione di MyHOME con sistemi di altri produttori. . . . . . . . . . . . . . . .68
Integrazione degli impianti - gestione scenari. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .70
Impianto rete dati – cavo LAN. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .72
Controllo centralizzato del sistema MyHOME . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .74
Controllo centralizzato del sistema MyHOME - portale MyHOME_Web. . . . . .80
Scelta del quadro elettrico. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .81
MyHOME Flatwall . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 82

Sommario MyHOME
Posizione del quadro elettrico. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .94
Posizionamento delle cassette di derivazione. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .95
Preventivazione dell’impianto. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 96
Preventivazione con Software YouProject. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .96
Configurazione dei dispositivi. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 98
Generalità . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 98
MyHOME_Suite. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .99

Luci e AutomazionI
Caratteristiche generali. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 104
Introduzione all’impianto Luci e Automazione tapparelle . . . . . . . . . . . . . 104
Dispositivi di comando . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 106
Dispositivi attuatori . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 114
Dispositivi attuatori - il controllo dell’illuminazione. . . . . . . . . . . . . . . . . . 115
Interfacce. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 120
Estensione impianto a BUS con dispositivi radio ZigBee . . . . . . . . . . . . . . 121
Configurazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 122
Concetti generali. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 122
Esempi di configurazione. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 125
Numero massimo di dispositivi configurabili. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 126
Espansione logica degli indirizzi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 127
Livelli di indirizzamento. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 130
Principali modalità operative. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 133
Esempi di configurazione. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 135
Configurazione tramite MYHome Suite di scenari
memorizzati nel programmatore scenari MH202 e attivati
da sensori di movimento/presenza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 136
Norme generali di installazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 138
Distanze massime e assorbimenti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 138
Sensori di luminosità e movimento/presenza. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 142
Schemi di collegamento. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 159
Gestione dell’illuminazione. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 159
Gestione di carichi diversi. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 160
Gestione delle tapparelle o serrande. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 162
Gestione di lampade dimmerate. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 163
Gestione dell’illuminazione e delle tapparelle. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 164

Antifurto
Caratteristiche generali. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 172
La sicurezza da professionisti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 172
Funzioni evolute: la sicurezza della casa e delle persone . . . . . . . . . . . . . . 174
Funzioni evolute: l’integrazione con altre funzioni MyHOME . . . . . . . . . . . 176
I dispositivi dell’impianto. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 177
Dispositivi di comando e di protezione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 178
Dispositivi per espansione radio e allarmi tecnici. . . . . . . . . . . . . . . . . . . 179
Criteri di scelta dei dispositivi. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 180

MyHOME Sommario
Norme generali di installazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 185
Dimensionamento dell’impianto. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 185
Esempio: impianto antifurto in appartamento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 190
Dispositivi modulari . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 192
Alimentatori modulari. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 193
Centrali con display . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 194
Rivelatori IR. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 195
Sensori vari. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 196
Sirena esterna . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 199
Configurazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 200
Concetti generali. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 200
Esempio di configurazione. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 202
Impiego del programma YouProject per la configurazione dell’impianto. . . . 203
Schemi di collegamento. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 204
Messa in funzione e collaudo. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 214
Messa in funzione. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 214
Test dell’impianto: verifica dei sensori volumetrici . . . . . . . . . . . . . . . . . . 216
Test dell’impianto: verifica delle interfaccie contatti. . . . . . . . . . . . . . . . . 217
Modifiche impianto o configurazione - Manutenzione. . . . . . . . . . . . . . . 218

Gestione energia - Termoregolazione


Caratteristiche generali. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 222
I dispositivi. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 222
Norme generali di installazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 231
Numero massimo di dispositivi, distanze massime e assorbimenti. . . . . . . . 231
Integrazione con altre funzioni. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 233
Modalità di corretta installazione per centrale 4 zone,
sonde e contatti magnetici. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 234
Disposizione delle elettrovalvole e degli attuatori . . . . . . . . . . . . . . . . . . 235
Schemi di collegamento. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 236
Legenda simboli. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 236
Villa a 3 zone. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 238
Villa a 4 zone. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 250
Villa a 4 zone - fan-coil Climaveneta . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 266
Villa a 6 zone . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 272
Villa a 8 zone . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 276
Terziario a 12 zone . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 280
Integrazione con sistemi di altri produttori. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 284
Configurazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 288
Concetti generali. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 288

Gestione energia - CLIMATIZZAZIONE


Caratteristiche generali. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 292
Climatizzazione - Air Conditioning. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 292
Dispositivi per integrazione MyHome. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 293

Sommario MyHOME
Gestione energia - Visualizzazione consumi
Caratteristiche generali. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 296
Dati istantanei sui consumi di elettricità, acqua e gas . . . . . . . . . . . . . . . . 296
Visualizzare i consumi e i dati di produzione. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 298
Dispositivi di misurazione e visualizzazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 300
Visualizzazione dei consumi tramite portale MyHome_Web. . . . . . . . . . . . 303

Gestione energia - Gestione e controllo


carichi
Caratteristiche generali. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 306
Mai più black out. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 306
Funzionamento del sistema Gestione e controllo carichi. . . . . . . . . . . . . . 308
Criteri di scelta dei dispositivi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 310
Norme generali di installazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 313
Numero massimo di dispositivi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 313
Dimensionamento dell’impianto. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 314
Configurazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 315
Generalità . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 315
Schemi di collegamento. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 317
Visualizzazione dei consumi di energia elettrica, acqua e gas. . . . . . . . . . . 318
Visualizzazione bilancio tra energia fotovoltaica prodotta
ed energia elettrica consumata - impianto trifase. . . . . . . . . . . . . . . . . . 320
Visualizzazione dei consumi elettrici di più linee
tramite Energy Data Logger . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 322
Visualizzazione di sette consumi elettrici generici,
consumi energetici di acqua (da contatore di volume) e
riscaldamento (da contatore di calore) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 324
Visualizzazione energia prodotta e consumata. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 326
Visualizzazione energia prodotta e consumata in modalità scambio sul posto. . 327
Visualizzazione bilancio tra energia fotovoltaica prodotta
ed energia elettrica consumata tramite Energy Data Logger. . . . . . . . . . . . 328
Visualizzazione consumo potenza termica/acqua calda per singola abitazione. 330
Gestione e controllo carichi con la visualizzazione totale dei consumi. . . . . . 331
Gestione e controllo carichi con la visualizzazione totale sui carichi e diagnostica. 332
Gestione controllo carico trifase e carico monofase . . . . . . . . . . . . . . . . . 333

Diffusione sonora
Caratteristiche generali. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 336
Diffusione sonora HI-FI stereo 2 fili. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 336
Ampia gamma di soluzioni. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 338
Integrazione con altre applicazioni MyHOME e sistema videocitofonico 2 FILI . 339
I dispositivi dell’impianto. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 340
Impianti realizzabili. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 344
Norme generali di installazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 356
Cablaggio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 356

MyHOME Sommario
Dimensionamento dell’impianto. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 358
Configurazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 362
Regole generali. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 362
Schemi di collegamento. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 369
Residenziale - appartamento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 370
Residenziale - villetta 1. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 372
Residenziale - villa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 376
Terziario - studio medico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 378
Terziario - ristorante. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 380
Terziario - supermercato. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 382
Terziario - camera d’albergo 1. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 384
Terziario - camera d’albergo 2. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 386
Residenziale - villa con integrazione sistema di automazione . . . . . . . . . . . 388
Residenziale - villa con integrazione videocitofonia 2 fili . . . . . . . . . . . . . . 390
Ampliamento impianti. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 392
Integrazione con MyHome_Screen 10 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 396

Videocitofonia
Caratteristiche generali. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 400
Composizione del sistema. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 400
Semplicità installativa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 402
I dispositivi. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 403
Esempio 1 - la villa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 406
Esempio 2 - la villa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 408
Esempio 3 - l’appartamento. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 410
Esempio 4 - Il complesso di villette. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 412
Le funzioni del sistema. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 414
Norme generali di installazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 420
Composizione dell’impianto. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 420
La configurazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 425
Il cablaggio. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 428
Installazione posti esterni, posti interni ed interfacce . . . . . . . . . . . . . . . . 430
Prestazioni del sistema . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 431
Schemi di collegamento. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 434
Impianto monofamigliare con 1 PE e 5 videocitofoni intercomunicanti. . . . . 434
Impianto bifamigliare con 1 PE, 3 PI
per abitazione ed intercom tra appartamenti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 435
Impianto monofamigliare con 2 PE e 2 telecamere da esterno. . . . . . . . . . 436
Impianto monofamigliare con 5 videocitofoni
in accensione contemporanea. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 437
Impianto monofamigliare con max 16 telecamere o posti esterni. . . . . . . . 438

Cablaggio strutturato residenziale


Caratteristiche generali. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 442
Cosa è il cablaggio strutturato per il residenziale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 442
Esempi applicativi. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 444

Sommario MyHOME
Esempi applicativi: telefono, dati e integrazione myhome
per il controllo locale e remoto delle funzioni. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 446
I dispositivi dell’area di comunicazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 448
Il cablaggio e le prese d’utenza. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 454
Norme generali di installazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 456
Requisiti generali. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 456
Realizzazione dell’area di comunicazione. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 457
Posizionamento delle prese d’utenza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 458
Cablaggio delle prese d’utenza. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 459
Schemi di collegamento. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 460
Impianto con 3 prese telefoniche e 4 prese dati attive. . . . . . . . . . . . . . . 460
Impianto con 6 prese telefoniche e 6 prese dati attive. . . . . . . . . . . . . . . 461
Impianto con Access gateway, 6 prese telefoniche,
4 prese dati, 1 presa IPTV e 6 prese TV/SAT. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 462
Impianto per la distribuzione di telefonia, rete dati, segnale TV/SAT . . . . . . . 464
Impianto con Modem router Wireless esterno al quadro
per la gestione di 4 prese dati. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 466
Integrazione della rete telefonia e dati con sistema
MyHOME per controllo locale e remoto delle funzioni . . . . . . . . . . . . . . . 467
Espansione del numero di prese dati . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 468

Integrazione e controllo delle funzioni


Caratteristiche generali. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 470
Integrazione delle funzioni. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 470
Integrazione tra diversi impianti MyHOME. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 472
Integrazione di MyHOME con sistemi di altri produttori. . . . . . . . . . . . . . . 479
Controllo degli impianti. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 488
Dispositivi per il controllo locale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 490
Dispositivi per il controllo remoto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 502
MyHOME_Web . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 512
MyHOME_Web - Area Professionisti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 513
MyHOME_Web - Area Clienti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 514
Predisposizione dell’impianto per l’impiego dei servizi
MyHOME_Web . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 516
MyHOME_Web - Creazione e configurazione
dell’Area Clienti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 518
MyHOME_Web - Creazione dell’Area Clienti:
operazioni da effettuare nell’Area Professionisti. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 519
MyHOME_Web - Creazione dell’area clienti:
operazioni da effettuare sui dispositivi di controllo. . . . . . . . . . . . . . . . . . 520
Schemi di collegamento. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 522
Integrazione dell’impianto Automazione con impianto Termoregolazione. . . 522
Integrazione dell’impianto Videocitofonia con l’impianto Diffusione sonora. . 523
Integrazione dell’impianto Antifurto con gli impianti
Automazione e Termoregolazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 524
Integrazione dell’ impianto Antifurto con l’impianto

MyHOME Sommario
Videocitofonia e Diffusione sonora. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 525
Integrazione dell’impianto Automazione con l’impianto Videocitofonia
(con Web server per controllo remoto) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 526
Integrazione totale degli impianti MyHOME
con controllo remoto delle funzioni. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 528

Software e servizi
Caratteristiche generali. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 532
YouProject preventivazione e progettazione di sistemi domotici. . . . . . . . . 532
MyHOME_Suite. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 534
Software YouDiagram . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 535

CatalogHI
Catalogo MyHOME. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 539
Catalogo MyHOME FLATWALL . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 573

Sommario MyHOME
2 MyHOME Introduzione
INDICE
MyHOME – Introduzione
Caratteristiche generali. . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2

Introduzione MyHOME 1
www.professionisti.BTicino.it
Caratteristiche generali

Domotica

MyHome attraverso una vasta i requisiti della classe di efficienza e l’integrazione funzionale dei diversi
gamma di dispositivi offre soluzioni energetica più elevata per gli edifici, dispositivi offrono la libertà
semplici ed efficienti per soddisfare previsti dalla Norma Europea EN di scegliere quali applicazioni
le esigenze di sicurezza, comfort, 15232. adottare fin da subito e quali
risparmio energetico e comunicazione Grazie all’impiego di dispositivi integrare nel futuro, senza importanti
applicabili in qualsiasi contesto elettronici intelligenti e interventi strutturali e con un’ottima
abitativo e terziario. programmabili, MyHome rende gestione dei costi.
MyHOME è inoltre la risposta alle più accessibile in maniera semplice MyHOME utilizza la tecnologia
recenti esigenze di basso consumo e personalizzata funzioni evolute installativa a BUS con doppino 2
energetico negli edifici; le diverse difficilmente realizzabili in un fili e può essere integrato a sistemi
applicazioni infatti permettono di impianto elettrico tradizionale. diversi quali per esempio KNX e DALI.
realizzare impianti che soddisfano Inoltre, la sua modularità installativa Inoltre, mediante apposite interfacce

Amplificatore Sonda Comandi


diffusione sonora termoregolazione luci

Alimentatore

Comando 8 tasti Telecamera Touch screen con


e comando generale luci e sensore IR antifurto visualizzazione consumi

2 MyHOME Introduzione
e all’impiego del protocollo TCP/IP,
MyHome è in grado di:
gestire le funzioni dell’impianto
audio digitale NUVO;
integrarsi con dispositivi e sistemi di
altri produttori;
gestire e supervisionare la casa
anche da remoto utilizzando
un telefono fisso, mobile o una
connessione Internet.

Posto interno
videocitofonico
Impianto audio NUVO

Sistemi di altri produttori

- Hitachi
- Daikin
- Mitsubishi
- altri....

Bus 2 fili rete LAN

Gateway

Internet

Dispositivi
per il controllo
remoto delle fuzioni
MyHOME_Screen 10: dispositivo per
il controllo centralizzato di tutte le fuzioni

Introduzione MyHOME 3
www.professionisti.BTicino.it
Caratteristiche generali

LE FUNZIONI DI

COMFORT SICUREZZA

GESTIONE DELL’ILLUMINAZIONE E DI Diffusione sonora 2 Protezione antifurto 4


CARICHI GENERICI 1 disponibilità di musica con qualità protezione perimetrale
regolazione dell’intensità luminosa, stereo Hi-Fi in ogni ambiente, e volumetrica degli ambienti
accensione e spegnimento delle luci diffusione di una o più fonti sonore della casa per rilevare intrusioni,
a livello singolo, a gruppi o generale, simultanee, costituite da radio FM invio di messaggi telefonici
gestione di LED, lampade fluorescenti integrata, impianto Hi-Fi o files mp3. di soccorso,
compatte (CFL) dimmerabili, alogene suddivisione della casa in zone
a risparmio energetico, trasformatori Gestione scenari 3 (max. 99) per controllo indipendente.
elettronici e ballast 0-10. attivazione manuale o automatica
in funzione di eventi o condizioni, Allarmi tecnici 4
GESTIONE DI TAPPARELLE E SERRANDE 1
di luci, tapparelle motorizzate, chiusura automatica del tubo del gas
comando di tende e tapparelle diffusione sonora e temperatura e/o acqua in presenza di fughe
a livello singolo, a gruppi o generale, ambiente ideale. di gas o allagamento,
richiamo di una posizione funzione di telesoccorso
pre stabilita (preset), per anziani e disabili,
comando sistemi di irrigazione segnalazione dell’ intervento
e altri sistemi con la massima del “Salvavita” e possibiltà di riarmo
flessibilità e semplicità. con comandi telefonici.

Comando generale Comando 8 tasti Centrale Sensore IR


tapparelle ad incasso + MW

Per maggiori informazioni consultare la sezione: 1 Automazione, 2 Diffusione sonora, 3 Integrazione e controllo degli impianti,
4
Antifurto, 5 Gestione energia-Termoregolazione, 6 Gestione energia-Visualizzazione consumi, 7 Gestione energia-Controllo carichi,
8
Videocitofonia, 9 Integrazione e controllo degli impianti

4 MyHOME Introduzione
GESTIONE ENERGIA COMUNICAZIONE CONTROLLO CENTRALIZZATO
AUDIO VIDEO DELLE FUNZIONI
Termoregolazione
e Climatizzazione 5 Videocitofonia 8 Controllo locale 9
controllo della temperatura gestione di chiamate videocitofoniche. impiego di dispositivi Touch screen,
differenziato per zone (max. 99), impiego di dispositivi mobile
gestione di impianti a termosifoni, Videocontrollo 8 (Ipad e Iphone) provvisti di apposita
fan-coil e pannelli radianti con valvole controllo degli accessi tramite App MyHOME.
ON/OFF e proporzionali 0-10V, telecamere,
gestione splitter. integrazione con impianto antifurto Controllo remoto 9
per attivazione telecamere in caso gestione delle funzioni domotiche
Gestione dei consumi 6 di intrusione. tramite comandi telefonici
visualizzazione istantanea dei consumi o collegamento diretto all’impianto
di acqua, gas e energia elettrica, tramite internet,
contabilizazione e valutazione servizio MyHome_Web per la gestione
quantitativa della spesa economica. tramite pagine web personalizzate e
specifica APP per dispositivi Android
Gestione dei carichi 7 e iOS.
gestione della potenza assorbita
degli elettrodomestici per evitare
l’intervento dell’interruttore limitatore.

MyHOME_Screen 3,5: Posto interno Classe 100 Touch screen MyHOME_Screen 10


grafico del consumo per la gestione locale di tutte le funzioni
dell’energia elettrica in un giorno

Introduzione MyHOME 5
www.professionisti.BTicino.it
Caratteristiche generali

: UN SISTEMA APERTO

My Home è un sistema aperto che Driver manager F459 configurato Con la stessa modalità è possibile
si integra facilmente, senza alcuna per l’interfacciamento, attraverso gestire anche il sistema audio NUVO
modifica all’impianto, con le migliori il protocollo TCP/IP, di sistemi di utilizzando dispositivi di comando
tecnologie e con sistemi e dispositivi termoregolazione quali Mitsubishi MyHOME quali per esempio il
di terze parti. Electric, Daikin ecc.. Tutte le funzioni comando 8 tasti e il comando 4
Ciò si realizza con due modalità: di riscaldamento e raffrescamento scenari.
mediante la piattaforma di potranno essere gestite da Touch Per maggiori informazioni visitare il
integrazione MyHOME_Link che screen e da sonde o termostati di sito http://www.professionisti.
prevede l’impiego del dispositivo ogni singola zona dell’impianto. bticino.it/integrazione_myhome/.

Impianto audio NUVO

Sistemi di altri produttori:

Sistemi
Rete di climatizzazione
BUS LAN
Illuminazione
con lampade RGB

Driver manager F459

Gestione stazioni
meteo e sensori

tramite l’impiego di un protocollo di


comunicazione denominato OpenWeb
Net (Open Protocol for Electrical
Network) sviluppato da Bticino e reso
disponibile attraverso la Community
MyOPEN per l’integrazione con
dispositivi standard Konnex, BACNET,
DALI e TCP/IP.
Per maggiori informazioni consultare
il sito http://www.professionisti.
Web
bticino.it/integrazione_myhome/ Server
Attuatore
dimmer DALI

TCP/IP
Lighting management Supervisione Comunicazione Supervisione
nel terziario via internet luci

6 MyHOME Introduzione
LA tecnologiA A BUS

Comando Attuatore Attuatore BUS


modulo DIN da incasso

CARATTERISTICHE

La tecnologia BUS si basa sull’impiego di dispositivi collegati tra loro mediante un cavo (BUS)
a due conduttori, utilizzato per il trasporto delle informazioni e l’alimentazione elettrica a bassa tensione (27 Vdc).
Tramite apposite interfacce gli impianti a BUS MyHOME possono essere facilmente integrati ad impianti
a BUS con protocolli di comunicazione diversi, quali standard Konnex, Dalì ecc. ed estesi con dispositivi
di comando radio ZigBee.

CONFIGURAZIONE
dei dispositivi

TV/SAT

Cavo Web Server


Ethernet
TV/SAT IPTV

automazione diffusione sonora antifurto termoregolazione videocitofonia controllo lan

automazione diffusione sonora antifurto termoregolazione videocitofonia controllo lan controllo carichi energia luci tvcc www irrigazione

1 Configurazione 2 Configurazione fisica, mediante


con software di l’impiego di componenti ad innesto
programmazione Cavo BUS denominati configuratori

Introduzione MyHOME 7
www.professionisti.BTicino.it
CARATTERISTICHE GENERALI

UN’INTERFACCIA PER OGNI ESIGENZA

COMANDI BASE

Comando base Comando soft touch Comando scenari

Comando capacitivo Telecomando Comando con badge transponder


e ricevitore IR

Interagire con MyHOME tapparelle o richiamano scenari


è facile e intuitivo, grazie alla preconfigurati con la pressione
vasta offerta dei dispositivi digitali di semplici pulsanti, alle grandi
che spaziano dalla semplice potenzialità offerte dai dispositivi
immediatezza dei comandi base, più sofisticati e completi quali
che attivano il comando di luci o i comandi Touch Screen e
Smartphone Android e iOS.

8 MyHOME Introduzione
SENSORI
DI PRESENZA

MyHOME_Screen 10 permette di
utilizzare menù personalizzabili a icone
per gestire tutte le funzioni domotiche
della casa e per fruire di contenuti
multimediali provenienti da altri
dispositivi esterni e dalla rete Internet.
Il dispositivo può essere utilizzato anche
Sensore IR passivo Sensore IR serie Green come posto interno videocitofonico.
Switch per gestione evoluta
dell’illuminazione

DISPOSITIVI
TOUCH SCREEN

MyHOME_Screen 3,5 MyHOME_Screen 10

DISPOSITIVI PER IL CONTROLLO LOCALE E REMOTO


VIA RETE LAN E INTERNET

Accesso Accesso Gestione con APP MyHOME_Up: l’applicativo gratuito per Smartphone e tablet
mobile vocale con permette di mettere in funzione l’impianto MyHOME_Up, di effettuare la gestione
messaggi locale e remota delle funzioni domotiche ed il controllo delle funzioni più comuni
SMS dell’Antifurto filare-radio.

Introduzione MyHOME 9
WWW.PROFESSIONISTI.BTICINO.IT
Caratteristiche generali

VESTI COME VUOI

L’originalità del sistema MyHome Le funzioni sono infatti integrate In questa pagina si illustrano
è l’integrazione perfetta nelle nel dispositivo e possono essere alcune combinazioni estetiche;
serie civili AXOLUTE, LIVINGLIGHT “vestite” con la stessa estetica di per una visione completa e
e MATIX per creare sinergia e tutto l’impianto elettrico; dettagliata di tutte le finiture
armonia tra i dispositivi dell’impianto dal semplice comando digitale disponibili consultare i cataloghi
e l’arredamento della casa. al dispositivo Touch più evoluto. delle singole famiglie.

Bianco Cobalto Tè verde Marrone caffè

Acero Titanio grafite Deep verde Nickel satinato

Bianco Nighter Ciliegio Antracite


Axolute

10 MyHOME Introduzione
Combinazioni estetiche DISPOSITIVI COMUNI
ALLE TRE SERIE

Dispositivo
bianco

Placca
Quadra
Avorio
Centrale antifurto Videocitofono
standard Polyx Memory Display

Dispositivo Dispositivo Dispositivo


bianco grigio tech antracite

Placca Placca Placca Placca Living


Tonda Air Quadra International
Palladio

Dispositivo Dispositivo Dispositivo


bianco grigio tech antracite
MyHOME_Screen 10

Placca Placca Placca


Ellittica Quadra Air

Bianco opaco

Introduzione MyHOME 11
www.professionisti.BTicino.it
Caratteristiche generali

PORTALE MyHome_Web: per la gestione


della casa da remoto

CASA - impianto MyHOME Accesso da remoto

Impianto Web
MyHome

ADSL
Controllo con Accesso
Accesso con PC messaggi SMS mediante APP
Web server Modem ADSL per dispositivi
Android e iOS.

MyHome_Web è un innovativo servizio MyHOME_Web è SUDDIVISO IN DUE AREE:


con il quale è possibile controllare a
distanza le funzioni dell’impianto 1 Area Professionisti 2 Area Clienti
MyHome ed essere tempestivamente rivolta all’installatore MyHOME per rivolta esclusivamente a coloro che
informati di qualsiasi allarme registrare gli impianti realizzati. sono interessati alla Telegestione,
eventualmente intercorso. Se richiesto dal Cliente, cioè al controllo da remoto di tutte
Mediante l’impiego di uno Smartphone, l’installatore può attivare il servizio le funzioni domotiche di MyHome.
o un PC collegato ad Internet, si potrà di Teleassistenza per monitorare Questa area consente di disporre di
interagire da remoto con l’ impianto. da remoto la casa e ricevere servizi esclusivi realizzabili solo con il
in tempo reale segnalazioni portale (notifiche in caso di pericolo,
in caso di guasti. attivazione scenari web ecc.).

Per maggiori informazioni consultare la sezione Domotica - MyHome_Web del sito www.professionisti.bticino.it

SICUREZZA E PROTEZIONE NELLA CONNESSIONE


Nello sviluppo del portale Per le caratteristiche
MyHOME_Web, sono stati adottati descritte, il servizio
i più severi criteri di protezione ha ottenuto la certificazione
per garantire elevati livelli di: ISO27001 “Information
protezione dei dati nei confronti technology - Security
di accessi non autorizzati; management systems”.
salvaguardia dell’accuratezza
e completezza delle informazioni;
accessibilità di dati e informazioni
quando richiesto.

12 MyHOME Introduzione
CON MyHome RISPARMIARE ENERGIA
NON È MAI STATO COSI’ FACILE

MyHome,
la combinazione
vincente
Visualizzare i consumi e tenere perchè sia esso un “green user”
sotto controllo la gestione dei oppure semplicemente molto
carichi: queste le nuove soluzioni attento al risparmio per motivi
MyHome per venire incontro economici.
alle esigenze dell’utente finale
sempre più attento ai consumi, o

Vedere per migliorare


Perché un utente consapevole
porta l’utente a modificare le
è un utente che risparmia a
proprie abitudini sbagliate o a
tutto vantaggio dei suoi costi e
intervenire in caso di anomalie,
dell’ambiente. Numerosi studi
con un conseguente risparmio
hanno infatti dimostrato che
del 10-15%.
visualizzare i propri consumi

MyHOME_Screen 10

Con MyHome
è possibile:

Realizzare un contesto
abitativo dove vivere nel
massimo comfort, utilizzando
solo l’energia e il calore che
servono.
Migliorare la classificazione
energetica dell’edificio e quindi
anche il suo valore economico.

MyHOME_Screen 3,5

13
www.professionisti.BTicino.it
Caratteristiche generali

Puntare sull’efficienza energetica.


Con MyHOME è quasi un gioco.

bus-scs myhome

TV/SAT IPTV

Riscaldare solo quando


e dove serve.
Grazie a questa funzione è possibile scegliere la
antifurtoTermoregolazione
termoregolazione temperatura di
videocitofonia ogni singolalanstanza controllo
controllo a seconda carichi della
energia luci tvcc www irrigazione
a zone sua funzione e del momento della giornata in cui la
si utilizza. È possibile inoltre selezionare gli ambienti
che non essendo utilizzati non si vuole riscaldare.
L’attivazione dell’impianto tiene inoltre in considerazione FINO AL
il calore prodotto dal sole e dell’eventuale apertura di
finestre (funzione opzionale). Grazie alla funzione di
30%
DI RISPARMIO
termoregolazione a zone l’edificio guadagna una classe
energetica,
e gli utenti risparmiano sulla bolletta.
Per dettagli consultare il capitolo TERMOREGOLAZIONE.

Spegnere la luce,
accendere il risparmio.
FINO AL
75%
Gestire l’illuminazione in funzione della presenza
energia
Gestione luci tvcc www irrigazione
automazione luci di persone e della quantità di luce naturale:
questo vuol dire avere il massimo comfort visivo DI RISPARMIO
per gli utilizzatori e dare un grosso contributo al
risparmio energetico. Negli ambienti del terziario
si può risparmiare dal 55% al 75%.
Per dettagli consultare il capitolo LUCI E
AUTOMAZIONI.

bus-scs myhome

14 MyHOME Introduzione
TV/SAT IPTV

Un check up completo di consumo e


produzione di energia.
L’utente può visualizzare sui touch screen non solo i consumi
Visualizzazione della propria abitazione (elettricità, acqua e gas), ma anche
ne videocitofonia controllo lan controllo carichi energia luci tvcc www irrigazione
consumi la produzione di energia e di acqua calda ottenute con
impianti a pannelli fotovoltaici o con il solare termico.
Con pochi e semplici passaggi, l’utente sceglie il tipo di
consumo da verificare, il tipo di visualizzazione (istantanea
FINO AL
15%
o tramite grafici) e il periodo (giorno, mese, anno).
Informazioni estremamente utili per utilizzare al meglio i
DI RISPARMIO propri impianti e ridurre sprechi e malfunzionamenti.
Per dettagli consultare il capitolo VISUALIZZAZIONE
CONSUMI.

TV/SAT IPTV

Mai più black out.


Questa funzione permette di gestire la massima
potenza impiegata e di scollegare automaticamente,
termoregolazione videocitofonia controllo lan Gestione
controllo carichi in caso di sovraccarico,
energia luci gli
tvcc elettrodomestici
www meno
irrigazione
dei carichi
importanti. Tramite i touch screen l’utente può
verificare il consumo totale delle singole linee
controllate e decidere di modificare la priorità tra
le stesse. Può inoltre decidere di temporizzare
l’attivazione dei carichi.
Per dettagli consultare il capitolo GESTIONE E
CONTROLLO CARICHI.

Introduzione MyHOME 15
www.professionisti.BTicino.it
Caratteristiche generali

Panoramica dei dispositivi per la gestione


dell’efficienza energetica
Splitter

Sonda Sonda con display

Interfaccia per
gestione splitter

Impianto di
riscaldamento

Centrale 99 zone
Quadro elettrico

Room-by-room temperature control


Termoregolazione a zone Gestione splitter

Interfaccia per Splitter


gestione splitter
Sonda
MyHOME_Screen 3,5
Centrale 99 zone

16 MyHOME Introduzione
Lavatrice

Pannello Pannello
per fotovoltaico per solare termico

Forno a microonde

Attuatore 16A
Sensore ad infrarossi
da incasso
Misuratore
energia elettrica

Interfaccia
conta impulsi

Attuatore

Interfaccia Interfaccia
conta impulsi conta impulsi

MyHOME_Screen 3,5

Contatore acqua
con uscita a impulsi
Contatore gas
con uscita a impulsi

Automatic switching off of heating when windows are Irrigation management


Visualizzazione dei consumi
opened
Gestione controllo carichi
e della produzione
m3/€

m3/€

KWh/€

MyHOME_Screen 3,5 KWh


Centrale controllo carichi
Kcal

Introduzione MyHOME 17
www.professionisti.BTicino.it
18 MyHOME Linee guida progettuali
INDICE
MyHOME – Linee guida progettuali
Caratteristiche generali. . . . . . . . . . . . . . . . . . 20
Progetto preliminare e predisposizione
degli impianti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 24
Preventivazione dell'impianto. . . . . . . . . . . . . . 96
Configurazione dei dispositivi. . . . . . . . . . . . . . 98

Linee guida progettuali MyHOME 19


www.professionisti.BTicino.it
CARATTERISTICHE GENERALI

Schema funzionale di un impianto MyHOME


La realizzazione di un impianto all’unità abitativa, confluiscono in carichi (attuatori) e per l'eventuale
domotico MyHOME non comporta un quadro generale contenente integrazione funzionale. Il BUS
grossi stravolgimenti rispetto ad un i dispositivi con modularità DIN dell'impianto Automazione luci/
impianto tradizionale. Le “sorgenti” per il sezionamento impianto, tapparelle (cavo GRIGIO), è comune
di energia, linea telefonica/linea per l'alimentazione elettrica agli impianti di gestione energia e
dati e videocitofonia, esterne dei vari BUS, per la gestione dei termoregolazione. TV/SAT

Termoregolazione

Fornitura Energia
FLATWALL

automazione diffusione sonora antifurto termoregolazione videocitofonia controllo

Linea Telefono Cavo Grigio (BUS)


TV/SAT IPTV TV/SAT IPTV
CONTROLLO
REMOTO

one videocitofonia controllo lan controllo carichi energia luci tvcc www irrigazione Cavo Rosso (BUS)
zione diffusione sonora antifurto termoregolazione videocitofonia controllo lan controllo carichi energia luci tvcc www
Linea ADSL TV/SAT
(Internet) IPTV

Videocontrollo

arichi energia luci tvcc www irrigazione

Chiamata Videocitofonica

automazione diffusione sonora antifurto termoregolazione videocitofonia controllo lan controllo carichi energia luci tvcc ww

Cavo Bianco (BUS)

LAN

20 MyHOME Linee guida progettuali


Il BUS dell'impianto Antifurto e consente di implementare la degli impianti si realizza con diverse

(cavo ROSSO), è il medesimo funzione di videocontrollo. tipologie di dispositivi di controllo.

dell’applicazione allarmi tecnici. Gli impianti possono essere realizzati

Il BUS per la Videocitofonia 2 singolarmente ed essere integrati

FILI (cavo BIANCO), è comune tra loro con apposite interfacce. La

all'impianto diffusione sonora supervisione ed il comando locale


TV/SAT

IPTV TV/SAT Automazione Luci/tapparelle


IPTV

Gestione Energia
TV/SAT IPTV

automazione diffusione sonora antifurto


Controllo
termoregolazione
Locale
videocitofonia controllo

termoregolazione
controllo carichi videocitofonia
energia controllo luci lan tvcc TV/SATenergia
controllo carichi
www irrigazione luci IPTV tvcc www irrigazione

Antifurto
automazione diffusione sonora antifurto termoregolazione videocitofonia controllo lan controllo carichi
TV/SAT IPT

Allarmi Tecnici
mazione diffusione sonora antifurto termoregolazione videocitofonia controllo lan controllo carichi energia luci tvcc www

TV/SAT automazione
IPTV
diffusione sonora antifurto termoregolazione TV/SAT
videocitofonia controllo
IPTVlan controllo

Videocitofonia Diffusione Sonora

TV/SAT IPTV

Controllo Locale
rto termoregolazione videocitofonia automazione
controllo diffusione sonora
lan antifurto
controllo carichi termoregolazione
energia videocitofonia
luci tvcc controllo www lan controllo carichi
irrigazione energi
TV/SAT IPTV

Rete Dati

automazione diffusione sonora antifurto


TV/SATvideocitofonia
termoregolazione controllo
IPTV
lan controllo carichi energia l

Controllo Locale
lazione videocitofonia controllo lan controllo carichi energia luci tvcc www irrigazione

automazione diffusione sonora antifurto termoregolazione videocitofonia controllo lan controllo carichi energia luci tvcc

Linee guida progettuali MyHOME 21


www.professionisti.BTicino.it
CARATTERISTICHE GENERALI

Realizzazione dell’impianto domotico MyHOME

Avvertenza:
La progettazione e la realizzazione dell'impianto MyHOME deve essere effettuato esclusivamente da personale
qualificato, in ottemperanza alle normative vigenti nei singoli Paesi. Si declina ogni responsabilità per eventuali
conseguenze dovute ad una mancata osservazione di tali normative.

Il primo passo per l’installazione di domotiche richieste, è indispensabile molto da quella di un impianto
un sistema domotico è quello di che l’installatore disponga della elettrico tradizionale, in particolare
progettare e realizzare una buona planimetria dell’abitazione e di per quanto riguarda la scelta e
predisposizione di base. una sommaria ipotesi d’arredo. posizione del quadro elettrico, la
Infatti, una accurata predisposizione È altresì importante verificare la posizione delle scatole portafrutto,
di cavi, canalizzazioni, scatole, corrispondenza tra quanto la posizione delle cassette di
vani tecnici e punti di comando, previsto in preventivo e la realtà derivazione e la definizione/posizione
permette di seguire più agevolmente del cantiere - quantità dei locali dei carichi/utilizzatori.
l’evoluzione dei dispositivi già previsti, destinazione d’uso dei
presenti in casa e di inserirne di nuovi locali (soggiorno, camera, bagno
in futuro. etc.). Sotto il profilo progettuale ed
Indipendentemente dal tipo di installativo, la realizzazione di un
impianto e dalle applicazioni impianto domotico non si discosta

la realizzazione dell’impianto domotico MyHOME


si sviluppa attraverso le seguenti fasi:

1 Raccolta delle 2 Progetto: 3 Progetto:


esigenze dell'utente predisposizione configurazione dei
per definizione degli impianti, scelta dispositivi e sviluppo
delle funzioni dei dispositivi e dello schema
domotiche e loro preventivazione elettrico.
caratteristiche

Nelle prossime pagine verranno


4 Installazione e 5 Messa in servizio
dettagliate le operazioni descritte
cablaggio e collaudo
ai punti 1- 3; per l'installazione e
dell'impianto
la messa in servizio degli impianti
consultare le specifiche sezioni della
guida.

22 MyHOME Linee guida progettuali


Questionario per la raccolta delle informazioni

Una buona progettazione al Cliente per raccogliere tutte le applicativi quali Acrobat Reader
dell'impianto domotico presuppone informazioni di dettaglio utili per o equivalenti, è disponibile nella
una attenta analisi delle esigenze valutare la consistenza dell'impianto sezione Professionisti-Domotica
dell'utente da parte dell'installatore; da realizzare e preventivarne i costi. del sito www.bticino.it
a tale scopo è stato realizzato un Il documento, in formato PDF
apposito questionario da sottoporre compilabile e stampabile con

Documento per
la raccolta delle
esigenze

In alternativa al modulo descritto, è


possibile utilizzare l'applicativo “You
Project” realizzato per effettuare la
preventivazione e la configurazione
dell'impianto.

Linee guida progettuali MyHOME 23


www.professionisti.BTicino.it
PROGETTO PRELIMINARE E PREDISPOSIZIONE DEGLI IMPIANTI

L'installazione di un impianto a BUS

Nella realizzazione di un impianto impianto a BUS. deviatori). Come si può notare, per
domotico devono essere considerati In un impianto tradizionale, tutti i realizzare una funzione abbastanza
diversi fattori dipendenti dalle dispositivi di comando sono connessi semplice è necessario realizzare
caratteristiche installative di un al carico utilizzatore tramite un un cablaggio impegnativo e
impianto “a BUS”, quale il sistema cablaggio più o meno complesso. difficilmente modificabile nel tempo,
MyHOME: Ogni funzione presuppone quindi un a meno di dover ricablare buona
La tracciatura delle condutture;
„„ collegamento elettrico; più l’impianto parte del circuito (per esempio per
La tipologia di cablaggio;
„„ viene arricchito di funzioni, più aggiungere un nuovo punto di
La coesistenza dei cavi nelle
„„ aumentano i circuiti e la complessità comando).
condutture. del cablaggio.
Per comprendere dette prescrizioni, A titolo di esempio si illustra lo
riportate ampiamente nelle schema elettrico di un circuito di
pagine successive, è importante comando per l’accensione di una
comprendere la differenza tra un lampada con quattro dispositivi
impianto di tipo tradizionale ed un di comando (due invertitori e due

Deviatore Invertitore Invertitore Deviatore

L
T
N

Scatola di Scatola di Scatola di Scatola di


derivazione derivazione derivazione derivazione

24 MyHOME Linee guida progettuali


In un impianto a BUS, la linea Questa configurazione d’impianto modificare la posizione dei
di potenza per l’alimentazione offre evidenti vantaggi: punti di comando attraverso la
del carico è svincolata dalla linea Una sensibile semplificazione
„„ connessione del dispositivo in
dei comandi e quest’ultima è del cablaggio dei vari punti di qualsiasi punto del BUS;
indipendente dal cablaggio comando offerta dall’impiego di un Una semplificazione della
„„
funzionale. solo cavo (doppino); realizzazione delle condutture per
Con riferimento allo schema a lato, La possibilità di aggiungere o
„„ l’alimentazione dei carichi.
in luogo dei tradizionali deviatori L
T
e invertitori, vi sono dispositivi di
N Attuatori nel centralino
comando elettronici connessi,
tramite un doppino telefonico (linea
BUS), a dispositivi attuatori per il
controllo della lampada.
BUS
Nel disegno gli attuatori sono
rappresentati all’interno del quadro
elettrico dell’appartamento ma è Dispositivo Dispositivo Attuatore
di comando di comando
possibile anche posizionarli in scatole
di derivazione oppure, per alcune
tipologie, includerli nelle scatole Scatola di Scatola di
BUS derivazione derivazione
portapparecchi con i dispositivi di
comando.

Potendo condividere lo stesso comune. È il caso per esempio linea BUS dell’impianto Automazione
doppino BUS, alcuni impianti dell’impianto Termoregolazione senza richiedere la realizzazione di un
MyHOME possono realizzare funzioni e dell’impianto Automazione; la cablaggio specifico e aggiuntivo.
diverse basate su un cablaggio centrale e le sonde si collegano alla Anche l’attuatore per il controllo
dell’elettrovalvola dell’impianto
L
T
di riscaldamento è connesso al
N Attuatori nel centralino Centrale termo BUS Automazione e condivide il
centralino dell’abitazione con gli altri
attuatori dell’impianto domotico.

BUS

Dispositivo Dispositivo Attuatore


di comando di comando

Sonda
Scatola di
Termoregolazione
derivazione
Scatola di
derivazione

Linee guida progettuali MyHOME 25


www.professionisti.BTicino.it
PROGETTO PRELIMINARE E PREDISPOSIZIONE DEGLI IMPIANTI

L'installazione di un impianto a BUS

Tipologia di cablaggio cablaggio con struttura


Gli impianti possono essere realizzati libera
con due diverse tipologie di struttura Questo tipo di cablaggio viene stesse per inserire il doppino BUS
o modalità distributiva: solitamente utilizzato nelle inguainato, fornito da BTicino e
Struttura libera
„„ distribuzioni tradizionali, tuttavia per caratterizzato da una tensione di
Struttura a stella
„„ l’integrazione dei sistemi MyHOME, isolamento 300/500 V. In generale le
La scelta viene fatta in relazione è importante tener conto in fase di condutture dovranno essere scelte
alla necessità installativa, funzioni progetto delle seguenti indicazioni: con diametro idoneo per soddisfare
richieste, (installazione delle Il percorso del BUS può essere lo
„„ qualsiasi richiesta di dotazione
applicazioni; illuminazione, stesso della linea energia, realizzato impiantistica attuale e futura.
automazione, antifurto, con le tradizionali canalizzazioni Le indicazioni si estendono anche
„„
videocontrollo etc.), vincoli murali, sottotraccia, in canalizzazioni per all’installazione delle scatole di
ristrutturazioni o costruzioni nuove. montaggio superficiale, in sistemi derivazione che devono essere
Con queste modalità è possibile sottopavimento o in canalizzazioni dimensionate e situate in posizioni
coprire e realizzare tutte le tipologie situate in controsoffi ttature. che agevolano la connessione
impiantistiche di MyHOME. Questa soluzione permette sia una “in parallelo” del doppino in più
riduzione dei tempi di installazione tratte di impianto. Nel caso si
che di intervento sulla struttura preveda di motorizzare serrande
muraria. Se nello stabile sono già e tapparelle, prevedere l’arrivo dei
presenti le condutture dell’impianto servizi energia e del doppino BUS
energia con diametro non inferiore Automazione anche in prossimità
a 20 mm, è possibile utilizzare le dei cassonetti per tapparelle.

Dispositivo

Scatola derivazione

Alimentatore

26 MyHOME Linee guida progettuali


cablaggio con struttura
“a stella”
Questo cablaggio è indicato Compatibilmente con la struttura
„„
quando è prevista l’integrazione dell’edificio, posizionare il “centro
degli impianti di trasmissione dati, stella” in posizione baricentrica
videocitofonia, videocontrollo, rispetto all’impianto. Qualora sia
diffusione sonora, telefonia e TV/SAT possibile, installare il centralino
in una unica conduttura. in un apposito locale di servizio o
La struttura del cablaggio a stella sgabuzzino per non compromettere
è costituita da un punto centrale il fattore estetico dell’ambiente.
definito “centro stella” nel quale Installare le condutture
„„
convergono tutti i rami periferici dei predisponendo ogni 10 metri
diversi cablaggi. Di norma il “centro delle scatole di derivazione per il
stella” è realizzato con un centralino, tiraggio dei cavi o per l’inserimento
un quadro da incasso o da parete che di eventuali amplificatori di segnali.
raggruppa tutti i dispositivi attivi e Per l’impianto energia utilizzare
passivi per la gestione dei servizi che, condutture esclusive, i servizi EDP/
dalle reti urbane e di edificio, sono telefonia/TV possono condividere
portate all’interno dell’appartamento. le medesime condutture che
Il dimensionamento di un impianto dovranno avere un diametro
con cablaggio a stella deve tener interno non inferiore ai 18 mm
conto delle seguenti indicazioni: (consigliato 20 mm).

Dispositivo

Scatola derivazione

Alimentatore

Linee guida progettuali MyHOME 27


www.professionisti.BTicino.it
PROGETTO PRELIMINARE E PREDISPOSIZIONE DEGLI IMPIANTI

L'installazione di un impianto a BUS

I cavi previsti nel sistema MyHOME per il cablaggio dei dispositivi sono tre:

CAVO BTICINO 336904 CAVO BTICINO L4669, CAVO BTICINO L4669S


e L4669HF E L4669/500 Il cavo è stato appositamente
Per gli impianti video, BTicino ha Il cavo è stato appositamente progettato per la realizzazione
costruito appositamente un cavo progettato per la realizzazione di di impianti Antifurto MyHOME.
336904, costituito da 2 conduttori impianti a BUS per le applicazioni: Attraverso questo cavo vengono
twistati con sezione da 0,50 mm 2
Automazione, Controllo energia distribuite le alimentazioni e i segnali
per ciascun conduttore. Questo e Termoregolazione. Attraverso di funzionamento. Con il cavo BUS
cavo consente di raggiungere le questo cavo vengono distribuite isolato a 300/500 V ed il coperchio di
migliori prestazioni nel sistema le alimentazioni e i segnali di protezione dei morsetti di cui sono
video (maggiore distanza tra Posto funzionamento. Con il cavo BUS dotati tutti gli apparecchi, l’impianto
Esterno e Posto Interno rispetto isolato a 300/500 V ed il coperchio di Antifurto BTicino può essere
all’utilizzo degli altri cavi). Inoltre, protezione dei morsetti di cui sono installato anche in scatole e tubazioni
contrariamente ai cavi di comune dotati tutti gli apparecchi, gli impianti insieme alle linee di energia (230 Vac)
uso che non sono adatti per posa BTicino possono essere installati - Impianti classificati LIVELLO 1.
interrata, l'articolo 336904 è adatto anche in scatole e tubazioni insieme Caratteristiche tecniche
per posa interrata purchè protetto alle linee di energia (230 Vac). Doppino inguainato SCS costituito
„„
da tubazioni adeguate, in quanto Per applicazioni in ambienti ove è da 2 conduttori flessibili con
rispetta i requisiti della norma CEI 20- previsto maggior riguardo per la guaina intrecciati e non schermati
11 relativa ai cavi interrabili. sicurezza utilizzare il cavo L4669HF. per sistema Antifurto
L'articolo L4669HF è un cavo a Caratteristiche tecniche Tensione di isolamento: 300/500 V
„„
bassa tossicità, privo di alogeni, da Doppino inguainato SCS costituito
„„ Rispondente alle norme CEI 46-5 e
„„
impiegare in ambienti ove è previsto da 2 conduttori flessibili con CEI 20-20
maggior riguardo per la sicurezza in guaina intrecciati e non schermati Lunghezza matassa: 100 metri
„„
caso di incendio. Tensione di isolamento: 300/500 V
„„
Caratteristiche tecniche Rispondente alle norme CEI 46-5 e
„„
Doppino inguainato SCS costituito
„„ CEI 20-20
da 2 conduttori flessibili con Lunghezza matassa: - 100 metri
„„
guaina intrecciati e non schermati ( L4669) - 500 metri (L4669/500) -
Tensione di isolamento: 450/750V
„„ 200 metri (L4669HF)
Rispondente alle norme EN60811,
„„
EN50289, EN60228, 50265-2-1,
EN50395, EN50396
Lunghezza matassa: 200 metri
„„ CAVO GRIGIO
L4669 L4669/500

CAVO BIANCO CAVO ROSSO


336904 L4669S

28 MyHOME Linee guida progettuali


La tabella seguente permette di scegliere il tipo di cavo da utilizzare in funzione dell’applicazione MyHOME.

APPLICAZIONI MyHOME

rispar- con-
comfort sicurezza comunicazione
TV/SAT IPTV TV/SAT IPTV TV/SAT
TV/SAT TV/SATIPTV
IPTV mio
TV/SATTV/SAT
TV/SAT
IPTV TV/SAT
IPTV
IPTV
TV/SAT
IPTV IPTV IPTV
trollo

TV/SAT
TV/SAT IPTV
IPTV

e sonora antifurto termoregolazione videocitofonia automazione


controllo diffusione
lan sonora controllo antifurto
carichi termoregolazione
energia automazionevideocitofonia
automazione luci diffusione
diffusione sonora
sonora controllo
tvcc
automazione antifurto diffusione
antifurto www lantermoregolazione
sonora automazione
controllo
irrigazione
termoregolazione
automazione
automazione carichi
videocitofonia
antifurto
videocitofonia
diffusione diffusione
energia sonora
controllo
termoregolazione
diffusione
sonorasonora controllo
antifurto antifurto
luci
videocitofonia
automazione
antifurto termoregolazione termoregolazione
lan diffusione tvcc
controllo
controllo
lantermoregolazionesonora
controllo
videocitofonia
carichi videocitofonia
carichiantifurto
automazione
videocitofonia www
lan energia
diffusione
energia
controllo controllo
irrigazione
sonora
controllo
controllo luci luci
carichi
termoregolazione antifurto
lan lan
lan energia
videocitofonia
controllo
tvcc
controllo controllo
tvcccarichi
termoregolazione luci carichi
controllo
carichi www wwwenergialanenergia
videocitofonia
energia tvcc irrigazione
irrigazione controllo
controllo
luci luci
www
luci carichi tvcclantvcc tvcccontrollo
irrigazione
energia wwwluci www
wwwcarichi energia irrigazione
irrigazione tvcc
irrigazione luci www tvcc
irrigazione

Antifurto filare

Videocontrollo

Videocitofonia
Illuminazione

Automazione

Termoregola-

Web Server
Diffusione

integrata
Telefonia

Rete dati
Gestione
energia

TV/SAT
sonora automazione
automazione diffusione
diffusione
sonora
sonora antifurto
antifurto termoregolazione
termoregolazione videocitofonia
videocitofonia controllo
controllo lan lan controllo
controllo
carichi
carichi energia
energia luci luci tvcc tvcc wwwww

video
zione

BTicino 336904 e
L4669HT
(bianco) (*) (*) (*) (*) (*)

BTicino L4669 e
L4669/500,
(grigio)

BTicino L4669S
(rosso)

BTicino L4668CM
UTP 5

Multicoppie UTP 5E
BTicino C9881U/5E
C9882U/5E

Doppino telefonico

Cavo RG6

Cavi consigliati da BTicino (conformi alle norme d’installazione) Cavi impiegabili (verificare per ogni impianto con le norme d’installazione)

NOTA (*): Da impiegare obbligatoriamente nelle tratte interrate dei singoli impianti

Linee guida progettuali MyHOME 29


www.professionisti.BTicino.it
PROGETTO PRELIMINARE E PREDISPOSIZIONE DEGLI IMPIANTI

L'installazione di un impianto a BUS

Coesistenza cavi tipi di installazioni sono fortemente da quello economico.


Sebbene i cavi garantiscano sconsigliate. Tuttavia, in caso di Nella tabella seguente vengono
costruttivamente l’isolamento ristrutturazione, i cavi di alcune evidenziati gli impianti/applicazioni
elettrico 300/500 V, non è comunque applicazioni possono transitare MyHOME i cui cavi possono
garantita l’immunità ai disturbi che nelle stesse tubazioni o condutture coesistere e transitare insieme alle
potrebbero accoppiarsi qualora il dell’impianto elettrico tradizionale di linee energia (è assolutamente
cavo medesimo venisse posato nelle energia. Questa soluzione permette sconsigliata la coesistenza con le
stesse tubazioni dove transitano i un risparmio considerevole sia dal linee energia a 380 Vac).
cavi di alimentazione a 230 V. Tali punto di vista delle opere murarie sia

Applicazioni MyHOME COESISTENZA CON CAVI ENERGIA


Illuminazione / Automazione SI
Comfort
Diffusione sonora NO
Antifurto SI
Sicurezza
Videocontrollo *1
Risparmio Gestione energia SI
Videocitofonia *1
Comunicazione
Telefonia integrata/ Rete dati NO

Note: * se in questi impianti vengono utilizzati i cavi consigliati, con codice BTicino, si garantisce la sicurezza per quanto riguarda l’isolamento elettrico, mentre
non si garantisce il corretto funzionamento dovuto ai disturbi che potrebbero accoppiarsi qualora il cavo dell’impianto MyHOME coesistesse con quello di energia.

Il BUS GRIGIO di automazione La separazione delle condutture di


luci, automazione tapparelle, energia da quelle di segnale, DEVE
termoregolazione e gestione energia essere rispettata anche all’interno
PUO’ convivere con il BUS ROSSO delle cassette di derivazione e del
dell’antifurto (in impianti classificati quadro elettrico.
CAVO L4669 di Livello 1) ed insieme possono Occorre quindi prestare attenzione
condividere le stesse condutture e le alla predisposizione dell’ingresso
CAVO 336904 stesse scatole con i cavi energia. tubazioni nelle cassette di
derivazione e nel quadro elettrico.
Il BUS BIANCO di videocitofonia e
diffusione sonora può convivere
nella stessa conduttura con i cavi di
trasmissione dati, telefonia e segnali
di TV-SAT, ma deve essere separato
dalle condutture di energia.

30 MyHOME Linee guida progettuali


SCELTA E DIMENSIONAMENTO Indicazioni della norma CEI
DELLE CONDUTTURE 306-2 (*)
All’interno dell’unità abitativa i Nel dimensionamento delle 2. 1 tubazione di diametro non
cavi devono essere posati entro condutture la Norma CEI 306-2 inferiore a 18mm per le condutture
tubi protettivi di materiale isolante consiglia di prevedere eventuali che collegano il centro stella con le
incassati nei pavimenti, nelle pareti o future richieste di cablaggi evoluti. scatole portapparecchi. In caso di
nei soffitti. Per i locali box e cantina, Per la realizzazione di condotti che condutture “a vista” potranno essere
considerata la difficoltà di incassare i giungono o partono dal quadro utilizzati canalizzazioni con capacità
componenti nelle pareti (calcestruzzo elettrico la Norma citata consiglia di equivalente.
nei box e spessore inferiore a 10 cm predisporre: 3. 1 tubazione, con diametro
nelle cantine), è preferibile installare 1. 1 tubazione con diametro di adeguato all’installazione di 1 cavo
i tubi e le scatole di contenimento almeno 38 mm per il collegamento per la TV terrestre e sino a 8 cavi, per
degli apparecchi a vista. Il percorso del centro stella all’infrastruttura della il collegamento del centro stella con
delle condutture deve tenere conto parte comune dell’edificio o punto le antenne TV terrestre e parabole per
della possibilità di far transitare cavi di ingresso dei vari servizi (telefonia, TV satellitare.
che collegano impianti diversi. energia, antenna TV condominiale).
Per le installazioni da incasso,
prevedere l’utilizzo di tubi corrugati
di diverso colore, facilitando 1
l’installazione e l’individuazione dell’
Ø ≥ 38 mm
impianto. Si consiglia di utilizzare
tubazioni con diametro non inferiore
a 25 mm.
Telefonia
Energia
TV Quadro centro stella
Automazione
Energia
Termoregolazione
Gestione energia
2

Antifurto
Ø ≥ 18 mm

Telefonia

Rete dati Quadro centro stella


TV/SAT
Videocitofonia
Diffusione sonora
3
Rete dati
TV/SAT

Nota (*): CEI 306-2. Guida per il cablaggio per


telecomunicazioni e distribuzione multimediale negli
TV Quadro centro stella
edifici residenziali.
Linee guida progettuali MyHOME 31
www.professionisti.BTicino.it
PROGETTO PRELIMINARE E PREDISPOSIZIONE DEGLI IMPIANTI

Impianto automazione – cavo BUS grigio

TIPOLOGIA DEI CARICHI DA GESTIRE


La conoscenza dei carichi da controllare, sia punto luce che motore per tapparelle ecc., è fondamentale per la corretta scelta
del tipo di attuatore da utilizzare.
I parametri per la scelta sono i seguenti:
tipologia del carico da comandare (punto luce o motore elettrico tapparelle e tende);
„„
modalità di gestione (ON/OFF, Dimmer, spegnimento temporizzato, SU/GIU’ monostabile, ecc.).
„„

Se si desidera effettuare un’installazione di tipo funzionale, basata cioè su un buon compromesso tra costi e prestazioni in
termine di portata in corrente dei contatti, scegliere i dispositivi tenendo conto della tabella sottostante.

singolo Punto Luce


comando da 1 punto

% COSTI
100 BMSW1002

F411U1

BMSW1003

50 F411U2
BMSW1005

L4671/1
F411/4
LN4671M2

10

10 50 100
% PRESTAZIONI

Nota: La tabella riporta come esempio la gamma di attuatori per le funzioni ON/OFF. La valutazione economica per gli
attuatori in modularità DIN tiene conto anche del dispositivo di comando abbinato. Per dettagli tecnici consultare le rispettive
schede tecniche..

32 MyHOME Linee guida progettuali


TABELLA PER LA SCELTA DEGLI ATTUATORI/DIMMER
Attuatori Tipologia

Lampade ad Lampade a LED Lampade Lampade Trasformatori Trasformatori Motoriduttori per


incandescenza fluorescenti lineari fluorescenti elettronici ferromagnetici tapparelle
e alogene a risp. compatte
energetico
LN4671M2

L4671/1

LN4661M2 F401

F411U1

F411U2

F411/4

BMSW1002

BMSW1003

BMSW1005

BMDI1001
per ballast 1-10V
BMDI1002
per ballast 1-10V
F413N
per ballast 1-10V
F414
(*) (*)
F416U1

F417U2

F418

F418U2

F429 16 Ballast
per ballast DALI per canale (N°8 canali)

Legenda tabella: per ogni attuatore viene indicato il relativo carico da controllare con il seguente criterio:
dispositivo con prestazioni idonee all’impiego
dispositivo con prestazioni idonee ma limitate; si consiglia l’impiego di dispositivi con caratteristiche superiori.
dispositivo non idoneo per il carico indicato

Nota (*) : i carichi devono essere dimmerabili.

Linee guida progettuali MyHOME 33


www.professionisti.BTicino.it
PROGETTO PRELIMINARE E PREDISPOSIZIONE DEGLI IMPIANTI

Impianto automazione – cavo BUS grigio

DISPOSIZIONE DEI DISPOSITIVI (ALIMENTATORI E ATTUATORI)


IN FUNZIONE DELL’AMBIENTE

Attenersi alle seguenti raccomandazioni:


1, 2 o 3 vani: è opportuno centralizzare la disposizione degli attuatori DIN nel quadro elettrico/domotico e distribuire gli
„„
attuatori ad incasso.
più di 3 vani: centralizzare e, dove conveniente, distribuire gli attuatori in scatole di derivazione. Scegliere l’attuatore
„„
tapparelle preferibilmente di tipo “ad incasso”.
più piani: prevedere un quadro elettrico per ogni piano dove centralizzare gli attuatori. Dove conveniente installare gli
„„
attuatori in scatole di derivazione.

Oltre alle raccomandazioni sopracitate, la disposizione centralizzata o distribuita dei prodotti, deve essere scelta tenendo
conto anche dei fattori costo e funzionalità.

Nella tabella seguente è possibile valutare i vantaggi delle due tipologie installative in relazione alla complessità di cablaggio
iniziale, alle fasi di manutenzione, al costo e alla flessibilità dell’impianto, intesa come possibilità di apportare modifiche al
cablaggio esistente.

Tipo di impianto Elementi da valutare


Cablaggio Manutenzione Costo Flessibilità
Centralizzato S V S V
V = vantaggioso
Distribuito V S V S S = svantaggioso

L
T
N Attuatori nel centralino

BUS

Dispositivo Dispositivo
di comando di comando

Installazione centralizzata: Scatola di


BUS derivazione
gli attuatori sono raggruppati
nel quadro elettrico

34 MyHOME Linee guida progettuali


Alimentatori Centrale termo

L
T
N

Attuatore

Dispositivo Dispositivo
di comando di comando

Sonda Scatola di
Scatola di
Termoregolazione derivazione
derivazione

Installazione distribuita: gli attuatori, come i dispositivi di comando, sono installati in scatole portapparecchi o di derivazione.

Si consiglia di utilizzare il cablaggio di tipo distribuito e scegliere attuatori con comando locale ad incasso per la gestione di
tende motorizzate e per la gestione della lampada per la specchiera del bagno e abat-jour in camera.

Cavo
energia
M
Cavo 230V

Attuatore
Attuatore ad incaso
ad incasso con
comando locale Cavo energia
e bus Automazione

Cavo energia Scatola di


e bus Automazione derivazione

Linee guida progettuali MyHOME 35


www.professionisti.BTicino.it
PROGETTO PRELIMINARE E PREDISPOSIZIONE DEGLI IMPIANTI

Impianto automazione – cavo BUS grigio

Scelta e disposizione dei dispositivi di comando

Con MyHOME è possibile scegliere il


dispositivo di comando che soddisfa
ogni esigenza del cliente. La gamma
si compone di dispositivi con tasto di
comando a pressione, a sfioramento,
in vetro con sensori capacitivi. Per
applicazioni evolute sono disponibili
Touch screen con schermo OLED e
dimensioni di 1,2”, 3,5” e 10”.

Comandi a sfioramento
Local Display

Comando a pressione

MyHOME_Screen 3,5

MyHOME_Screen 10

36 MyHOME Linee guida progettuali


Il posizionamento dei dispositivi di comando MyHOME segue gli stessi criteri validi per i dispositivi di comando tradizionali
quali interruttore, deviatore ecc. .

A titolo indicativo si illustrano le posizioni consigliate per i sopracitati dispositivi di comando.

MyHOME_Screen 10
6

4
3

Video display

2
MyHOME_Screen 3,5

4
Comando scenari
3

Comando generale
Comando luci
illuminazione
Local display zona giorno

Linee guida progettuali MyHOME 37


www.professionisti.BTicino.it
PROGETTO PRELIMINARE E PREDISPOSIZIONE DEGLI IMPIANTI

Impianto automazione – cavo BUS grigio

TRACCIA DELLE CONDUTTURE

Attenersi alle seguenti regole installative:

Impianto automazione luci

1 2

Cavo energia
Attuatore dimmer
in quadro elettrico
M

Cavi energia e BUS


Automazione

Cavi energia e BUS


Automazione

1. se il locale prevede un carico comandato da un solo 2. se previsto un carico con regolazione della luminosità
punto (attuatore da incasso con comando), la conduttura (DIMMER), l’attuatore sarà posizionato nel quadro
sarà diretta dalla scatola portafrutto verso il carico elettrico e la conduttura seguirà le indicazioni precedenti.

3 Cavi energia e BUS Automazione 4

Scatola comando
Scatola comando

BUS
Automazione Scatola attuazione

3. se il locale prevede vari carichi comandati da più 4. se previsto un carico collegato ad una presa comandata
punti, (attuatore DIN in cassetta di derivazione o quadro (es. lampada comodino o lampada a piantana nella sala)
elettrico), la conduttura sarà diretta dalla scatola con attuatore Basic, la conduttura transiterà attraverso le
portafrutto verso la cassetta, e dal carico verso la cassetta scatole portafrutto di attuazione e di comando.
stessa o quadro elettrico.

38 MyHOME Linee guida progettuali


Impianto automazione tapparelle

5
M

Cavi energia e BUS


Automazione
Attuatore
ad incasso

Cavi energia e BUS


Automazione

5. Se previsto il comando delle tapparelle la conduttura


sarà diretta dalla scatola portafrutto verso il carico.

Per facilitare la composizione di più dispositivi con ingombro di 2 moduli, si consiglia l’installazione di scatole portapparecchi
con modularità di almeno 4 moduli. L’eventuale spazio in eccedenza potrà essere vantaggiosamente utilizzato per futuri
ampliamenti dell’impianto (aggiunta di comandi scenari ecc.) o integrazione di sistemi domotici non previsti in fase iniziale.

Si consiglia inoltre di lasciare spazio disponibile nella posizione più conveniente, ad esclusione dell’interno del centralino DIN,
per l’installazione di un’interfaccia SCS/ZigBee, utile per ampliamenti dell’impianto mediante dispositivi di comando radio
ZigBee alimentati a batteria.

Avvertenza:
dispositivi Touch screen e Local display devono essere installati preferibilmente ad un'altezza di 1,6 m dal pavimento.
Questa quota si riduce a 1,2 m se i dispositivi sono destinati a persone disabili o portatori di handicap.

Linee guida progettuali MyHOME 39


www.professionisti.BTicino.it
PROGETTO PRELIMINARE E PREDISPOSIZIONE DEGLI IMPIANTI

Impianto termoregolazione – cavo BUS grigio

L’impianto di Termoregolazione MyHOME si può installare quando:

Quando l’impianto è Bagno

predisposto per la gestione Cucina


Camera
a zone
Un impianto è predisposto per
la gestione a zone, quando sul
collettore di distribuzione è possibile
installare le elettrovalvole per la
gestione di ogni singola zona.
Ingresso
Soggiorno

Elettrovalvole Collettore

Esempio di impianto diviso a Zone con riscaldamento a pannelli radianti


Camera da letto
Cucina Collettore

Bagno Soggiorno

Cassetta

Quando le elettrovalvole utilizzate sono:

Le elettrovalvole che gestiscono le „„con contatti apri/chiudi L’impianto di termoregolazione AVVERTENZA: le valvole miscelatrici
zone possono essere di tre tipi: 0÷10 Volt MyHOME può gestire anche le proporzionali non possono essere
„„con contatti ON/OFF (vedi figura 3) pompe di circolazione (vedi figura 4). gestite direttamente dall’impianto
(vedi figura 1) termoregolazione MyHOME;
„„con contatti apri/chiudi necessitano di una centralina esterna
(vedi figura 2) fornita dal costruttore di impianti a
pannelli radianti (vedi figura 5).
1 2 3 4 5

SI SI SI SI
M

M M
0÷10

40 MyHOME Linee guida progettuali


In impianti con:

Termosifoni Fan-coil Pannelli radianti

Con impianti di:

Bagno
Riscaldamento Raffrescamento Entrambi
Cucina Camera

In impianti centralizzati
con collettore di
distribuzione per ogni
UNITà ABITATIVA
Ingresso
Negli impianti centralizzati se ogni
Unità Abitativa è dotata di collettore Soggiorno
di distribuzione, è possibile:
Installando in ingresso al collettore
„„
un contabilizzatore, misurare la
quantità di calore utilizzata; Bagno
Installando delle elettrovalvole
„„
Cucina Camera
gestire le diverse zone dell’Unità
Abitativa.

Ingresso
Collettore di
distribuzione
Soggiorno

Elettrovalvole
di zona

Esempio di impianto Centralizzato diviso a zone per più appartamenti.


Contabilizzatore
Caldaia
centrale
Linee guida progettuali MyHOME 41
www.professionisti.BTicino.it
PROGETTO PRELIMINARE E PREDISPOSIZIONE DEGLI IMPIANTI

Impianto termoregolazione – cavo BUS grigio

SCELTA DEI DISPOSITIVI

La conoscenza dell’impianto da gestire è fondamentale per la corretta scelta delle sonde e degli attuatori. In questo caso è
necessario interfacciarsi con il tecnico e/o idraulico che dovrà realizzare l’impianto per condividere le seguenti informazioni di
progetto:
tipologia dell’impianto: a termosifoni, fan-coil (2 tubi, 4 tubi, n° velocità) o pannelli radianti a pavimento, presenza di Splitter
„„
per Air Conditioning. Se l’impianto dovrà essere integrato con sistemi HVAC, chiedere il supporto tecnico alla filiale.
numero e caratteristiche delle elettrovalvole: di tipo ON/OFF oppure di tipo Apri/Chiudi;
„„
numero e caratteristiche delle pompe di circolazione o consensi per accensione caldaia, chiller o ingressi per dispositivi
„„
contabilizzatori.
la tipologia delle sonde, numero in funzione delle zone, del tipo di impianto e della necessità o meno di regolare la
„„
temperatura tramite manopola locale.

SCELTA DELLA CENTRALE

La conoscenza del numero delle aree dell’abitazione, per le quali si vuole il controllo differenziato della temperatura,
permette di scegliere la centrale da utilizzare:

Funzioni disponibili SONDA centrale 1 zonA centrale 4 zone centrale 99 zone

C
CC OK
OK
OK

OK
OK
OK
H/LN4691 (*) HC/HS/L/N/NT4695, AM5875 CLEAR
CLEAR
CLEAR

11 1 22 2
ABC
ABCABC
33 3
DEF
DEFDEF

44 4
GHI
GHI GHI
55 5
JKL
JKL JKL
66 6
MNO
MNOMNO

77 7
PQRS
PQRS
PQRS
88 8
YUV
YUVYUV
99 9
WXVZ
WXVZ
WXVZ

00 0

3550

Numero massimo di zone gestite dal dispositivo 1 4 99

Nota (*) : se usata da sola, la sonda funziona solo da termostato in quanto non gestisce i profili orari.

42 MyHOME Linee guida progettuali


Scelta delle sonde

tipo di impianto sonda

-2 -1 -2 -1

-3

-3
+1 OF +1 OF
F F

+2

+2
+3

+3
H/LN4691 HC/HS4692 HC/HS4692FAN HC/HS4685
L/N/NT4692 L/N/NT4692FAN L/N/NT4685

In abbinamento con sonda


HC/HS4693, L/N/NT4693 o
con sonda esterna 3457

HC/HS4693
L/N/NT4693
Termosifoni o pannelli radianti

Fan-coil normali

Fan-coil CLIMAVENETA

Valvola 0÷10

0÷10

Raccomandazioni:
Per l’installazione delle sonde tenere presente
le seguenti raccomandazioni:
provvedere una sonda per ogni zona da controllare; se l’ambiente ha superficie estesa
„„
abbinare una sonda in configurazione “slave”.
posizionare le sonde ad un’altezza di circa 1,5 metri da terra e lontano da zone che possano
„„
influenzare la lettura della temperatura ambiente, finestre, fan-coil o termosifoni.
Evitare l’installazione in pareti perimetrali.
Non affiancare alle sonde dispositivi che scaldano.
„„

Linee guida progettuali MyHOME 43


www.professionisti.BTicino.it
PROGETTO PRELIMINARE E PREDISPOSIZIONE DEGLI IMPIANTI

Scelta degli attuatori

tipo di impianto attuatore

F430/2 F430/4 F430R8 F430R3V10 F430V10 3456 Interfaccia

1 21 32 43 4 1 21 32 43 54 5
1 2 13 24 3 4 1 2 31 42 53 4 5
P SCS
ZA/A
ART. F430/2
ART. F430/2 ART. F430/4
ART. F430/4 ZB/PL
N
M
ART. F430/FP
ART. F430/FP

C1 C1
C2 C2 C1 C1
C2 C2
C3 C3
C4 C4

TX-IR

Termosifoni o pannelli radianti

Fan-coil 2 tubi con


valvole ON/OFF

2 o 4 tubi con
valvole ON/OFF
a 3 punti

2 o 4 tubi
con valvole propor-
zionali 0÷10

Valvola 0÷10

0÷10

Splitter

ATTENZIONE: proteggere le uscite dei relè degli attuatori con un magnetotermico da 10A.

44 MyHOME Linee guida progettuali


Disposizione delle elettrovalvole e
degli attuatori in impianti a termosifoni e Attuatori Cassetta
pannelli radianti elettrovalvole 1 2 3 4
1 2 3

C1 C2
4

ART.F430/2
1 2 3 4
1 2 3

C1 C2
4

ART.F430/2
1 2 3 4
1 2 3

C1 C2
4

ART.F430/2
1 2 3 4
1 2 3

C1 C2
4

ART.F430/2
di derivazione

L’installazione tipica prevede di posizionare tutte le


elettrovalvole sul collettore, raggruppate in una cassetta nel
locale caldaia. In abitazioni a più piani questa soluzione può Collettore
idraulico
essere replicata per ogni piano. In entrambi i casi si consiglia
di radunare tutti gli attuatori, disponibili in modulo DIN, in Elettrovalvole
di zona
un apposito centralino installato in prossimità della cassetta
del collettore. Negli impianti a pannelli radianti, la valvola
Cassetta
di miscela dell’acqua del tipo proporzionale a tre vie, non
viene comandata dal sistema MyHOME ma da un’apposita
centralina fornita dal costruttore.

Installazione dell’elettrovalvola in fan-coil a 2 tubi


Disposizione delle elettrovalvole e degli
attuatori in impianti a fan-coil
In impianti a fan-coil l’elettrovalvola può essere
M
installata all’interno del fan-coil stesso. In impianti
a 2 tubi l’elettrovalvola è una sola per entrambe le
funzioni di riscaldamento e raffrescamento. In impianti Installazione dell’elettrovalvola in fan-coil a 4 tubi
a 4 tubi le elettrovalvole sono 2 e distinte per le singole
funzioni di riscaldamento e raffrescamento.

Gateway Impianti con fan-coil modello Idrorelax CLIMAVENETA non


M
richiedono elettrovalvole e relativi attuatori di controllo, ma solo
l’installazione di un’apposito dispositivo Gateway all’interno di
ogni fan-coil, connesso all’impianto Termoregolazione mediante il
BUS cavo BUS GRIGIO. Tener conto di questo fattore nella realizzazione
dell’impianto a BUS dell’impianto.

Linee guida progettuali MyHOME 45


www.professionisti.BTicino.it
PROGETTO PRELIMINARE E PREDISPOSIZIONE DEGLI IMPIANTI

Impianto visualizzazione consumi e controllo carichi


– cavo BUS grigio

CRITERI PER La scelta dei dispositivi:

1. Tipo di funzione da gestire 2. Tipologia di dati visualizzati


solo controllo carichi anti black-out e diagnostica;
„„ consumo e produzione di energia elettrica
„„
visualizzazione dell’energia consumata e prodotta;
„„ consumo di gas
„„
entrambe le funzioni.
„„ consumo di acqua calda/fredda
„„
calorie/frigorie consumate, tramite contabilizzatore con
„„
uscita a impulsi posizionato sul collettore dell’impianto
Termoregolazione.

3. Modalità di forzatura del carico


locale, agendo sul pulsante dell’attuatore da incasso
„„
abbinato alla presa energia comandata

Presa Attuatore

centralizzato, tramite l’impiego di attuatori DIN


„„
installati nel quadro elettrico o in scatole di
derivazione e gestione/visualizzazione dello
stato per mezzo di Pannello di controllo carichi,
Local Display e Touch Screen.

Local Display

Attuatore DIN

Pannello controllo
carichi

46 MyHOME Linee guida progettuali


4. Modalità di controllo impianto e visualizzazione energia prodotta/consumata
A prescindere dalle funzioni dell’impianto è possibile scegliere diverse interfacce utente per il controllo centralizzato.
Fare riferimento alla tabella sottostante per la scelta dei dispositivi.

Funzioni disponibili dispositivi


Misuratore Centrale Attuatore 16A Attuatore 16A Attuatore 16A Interfaccia Pannello controllo
di energia controllo carichi con sensore di da incasso contaimpulsi carichi
corrente

HC/HD/HS4672N 3522N HC/HD/HS4673


L/N/NT4672N L/N/NT4673
F521 F522 F523
F520

Visualizzazione

Controllo carichi

Diagnostica

Funzioni dispositivi
disponibili
Local display e MyHOME_Screen 3,5 MyHOME_Screen 10 Energy data Portale MyHOME
Display energy logger

MyHOME_Web

HC/HD/HS4685
L/N/NT4685

H/HW4890 MH4892
TIME
LN4890A MH4893 F524
AM4890 MH4892C
H4710 MH4893C
LN4710
Display energy

Visualizzazione 1)

Controllo carichi
Diagnostica
NOTA 1): le informazioni raccolte sono visualizzabili mediante connessione Ethernet al dispositivo ed utilizzando un Browser Web.

Linee guida progettuali MyHOME 47


www.professionisti.BTicino.it
PROGETTO PRELIMINARE E PREDISPOSIZIONE DEGLI IMPIANTI

Impianto visualizzazione consumi e controllo carichi


– cavo BUS grigio

TIPOLOGIA DI CABLAGGIO

La scelta della modalità di gestione del carico (ri-attivazione forzata in caso di scollegamento) e la modalità di visualizzazione
dei consumi di energia, determina le caratteristiche del cablaggio elettrico.

Gestione carichi:
se si impiegano attuatori ad incasso abbinati a prese energia, realizzare il cablaggio del BUS di tipo distribuito per
„„
raggiungere i dispositivi nelle rispettive scatole portapparecchi.

Centralino

Cavo energia
Cavo BUS

Centralino

Scatola di
derivazione

Cavi energia e
BUS automazione
Cavi energia e
BUS automazione

48 MyHOME Linee guida progettuali


se si impiegano attuatori DIN raggruppati nel centralino, prevedere il cablaggio del BUS ove si installeranno i dispositivi
„„
di controllo e visualizzazione di tipo centralizzato (pannello controllo carichi, Local display, Touch screen etc.). Da ogni
attuatore nel centralino verrà derivato la linea dedicata (conduttore di fase e neutro) per la rispettiva presa del carico da
controllare.

Cavo energia
Centralino
con attuatori DIN
Cavo BUS

Pannello controllo carichi

Centralino

Pannello
controllo
carichi

Cavo BUS

Scatola di
derivazione Cavi energia

Cavi energia

Cavi energia e
BUS automazione

Linee guida progettuali MyHOME 49


www.professionisti.BTicino.it
PROGETTO PRELIMINARE E PREDISPOSIZIONE DEGLI IMPIANTI

Impianto visualizzazione consumi e controllo carichi


– cavo BUS grigio

Visualizzazione consumi: tipo distribuito destinato ad ogni toroide, per ogni linea elettrica per
per la visualizzazione dei dati relativi
„„ interfaccia conta impulsi impiegata la quale si desidera visualizzarne i
ai consumi di acqua, gas e calore, e posizionata nelle vicinanze del consumi.
realizzare il cablaggio del BUS di dispositivo contabilizzatore con Analogamente all’impianto per il
uscita ad impulsi. controllo carichi con attuatori nel
Centralino
per la visualizzazione dei consumi
„„ centralino, prevedere il cablaggio del
energia raggruppare i dispositivi BUS ove si installeranno i dispositivi
misuratori a modulo DIN nel di visualizzazione di tipo centralizzato
centralino. Prevedere dispositivi (Local display, Touch screen etc.).
misuratori di energia, con rispettivo

BUS

Interfaccia Interfaccia
conta impulsi conta impulsi Uscita optoisolata
per sistemi
centralizzati di
contabilizzazione

Diagramma consumi

Contatore acqua
con uscita a impulsi
Contatore gas
con uscita a impulsi

Centralino
Interfaccia Interfaccia
contaimpulsi contaimpulsi

Touch
Screen

Scatola di Contatore gas


derivazione Contatore
acqua

50 MyHOME Linee guida progettuali


Visualizzazione energia Pannello Pannello
per fotovoltaico per solare termico
prodotta:
Con le stesse modalità descritte nei
paragrafi precedenti, installando
nel centralino misuratori di energia
elettrica abbinati agli impianti
fotovoltaico e/o solare termico, è
possibile visualizzare l’ammontare
dell’ energia elettrica prodotta.

Contatore acqua calda


Inverter Rete LAN con uscita a impulsi

Misuratore
energia Energy
elettrica Data Logger

Interfaccia
conta impulsi

Linee guida progettuali MyHOME 51


www.professionisti.BTicino.it
PROGETTO PRELIMINARE E PREDISPOSIZIONE DEGLI IMPIANTI

Impianto antifurto – cavo BUS rosso


ELEMENTI DA VALUTARE PER SCELTA:

Per la scelta degli articoli considerare le due tipologie di impianto realizzabili:


impianto per protezione base di tipo perimetrale e/o volumetrica;
„„
impianto per protezione completa che, oltre alla protezione base, offre servizi al verificarsi di un evento antintrusione,
„„
quali l’invio di messaggio telefonico dal comunicatore della centrale oppure dal Portale MyHOME_Web e/o l’attivazione di
automazioni (accensione luci della casa).

Tipologia dell’abitazione da proteggere

Le caratteristiche dell’abitazione determinano la scelta delle protezioni (volumetrica, perimetrale e/o mista) ed il numero
di aree nelle quali suddividere l’impianto. Nella tabella seguente si riportano alcuni consigli in funzione della tipologia di
abitazione.

PROTEZIONE N° LOCALI N° AREE ACCESSI PROTETTI


AMBIENTE
Perimetrale Volumetrica Perimetrale Volumetrica
1, perimetrale Porta d’ingresso,
2
Appartamento a piano terra, 1, volumetrica finestre e balconi Zona giorno e
al 1° piano o ultimo 2, perimetrali zona notte
Più di 2 Come sopra
2, volumetriche
1, perimetrale
2 Porta d’ingresso Ingresso
Appartamento generico con finestre e Solo per ingresso 1, volumetrica
balconi non accessibili dell’abitazione 1, perimetrale
Più di 2 Come sopra Ingresso e zona giorno
2, volumetriche
Porta d’ingresso
principale e Zona giorno,
2 o più, perimetrali
Casa singola o villa su più piani diversi eventualmente zona notte,
2 o più, volumetriche
secondaria, finestre, cantina e garage
balconi, garage

Centrale tipo 4601 Centrale tipo 3486


per la gestione fino a 4 zone per la gestione fino a 8 zone

52 MyHOME Linee guida progettuali


Metodologia di approccio del progetto: protezione base e protezione completa

Oltre ai criteri indicati nella pagina precedente, l’ approccio ad un nuovo progetto MyHOME ANTIFURTO a livello di
predisposizione può essere effettuato in funzione del grado di protezione offerto dall’impianto:
Protezione base: basato cioè sulla protezione essenziale dell’abitazione mediante contatti magnetici a porte d’ingresso e
„„
finestre, all’ impiego di uno o più sensori IR per la protezione volumetrica e una sirena esterna.
Protezione completa: oltre alle caratteristiche sopradescritte, l’impianto offre funzioni aggiuntive quali la segnalazione
„„
d’allarme anche con sirene interne, l’invio di messaggi telefonici e l’attivazione di scenari d’automazione grazie
all’integrazione con altri impianti MyHOME.

Per la scelta dei dispositivi fare riferimento alla seguente tabella; per informazioni dettagliate relative ai dispositivi consultare
la sezione Antifurto della presente guida.

TIPO DI PROTEZIONE
Dispositivi Base Criterio per scelta Completa Criterio per scelta
Centrale Tipo 3485B Gestione max. 4 aree e 36 Tipo 3486 e 3485STD Gestione di max. 8 aree e 72
(3) sensori. sensori.
Collegamento di uno o Invio messaggi d’allarme
due contatti magnetici per tramite rete PSTN e PSTN/
protezione perimetrale. GSM.
Personalizzazione delle chiavi
di accesso e delle aree da
proteggere. Attivazione di
scenari Automazione.
Sensori volumetrici Sensori IR base Protezione di ambienti senza Sensori IR tipo 4610, 4611 e Maggior affidabilità contro
tipo 4611B e N4640B criticità di falsi allarmi IR+MW 4613 falsi allarmi. Invio di comandi
di Automazione.
Sirena 1 sirena esterna o 1 sirena Segnalazione di base 2 sirene su lati opposti e 1 Segnalazione acustica
interna (1) sirena interna potenziata.
Ideale per abitazioni isolate.
Interfacce contatti 1 interfaccia per più contatti Gestione di max. 2 linee Più interfacce per tutti i Gestione flessibile delle
perimetrali 2) contatti protezioni perimetrali e
riconoscimento facilitato dell’
area violata
Barriere IR per finestre Barriere IR tipo 3518/50/150 Aumentare il grado di
e 3519 protezione di porte finestre e
finestre
Dispositivi per inserimento/ Centrale antifurto, tramite Gestione dell’impianto da un Inseritori a tastiera con o Gestione dell’impianto da più
disinserimento impianto relativa tastiera e/o badge unico punto della casa. senza display e/o inseritori punti della casa.
transponder transponder installati La centrale è nascosta dagli
all’ingresso e in altri ambienti estranei.
della casa.
Telecomando radio con Gestione dell’impianto dal
interfaccia ricevente garage o dall’esterno

Nota 1): Scegliere solo sirena interna se la sirena esterna non è ammessa per regolamenti locali oppure costituisce fonte di disturbo per il vicinato.
Nota 2): Se si sceglie la centrale 3485B oppure 3485STD è possibile utilizzare il contatto interno per la protezione della porta d’ingresso e
impiegare una o più interfacce contatti per le finestre.
Nota 3): per la scelta della centrale, di tipo PSTN oppure PSTN/GSM, verificare la disponibilità della linea telefonica.
Se non disponibile la linea filare PSTN, adottare l’interfaccia PSTN/GSM art. 3489GSM
oppure scegliere la centrale con connessione telefonica di tipo GSM.

Linee guida progettuali MyHOME 53


www.professionisti.BTicino.it
PROGETTO PRELIMINARE E PREDISPOSIZIONE DEGLI IMPIANTI

Impianto antifurto – cavo BUS rosso


TRACCIATURA DELLE CONDUTTURE

A prescindere dall’approccio al progetto, tenere presente le seguenti prescrizioni in sede di predisposizione dell’impianto:

Quadro elettrico Sirena


esterna

per il collegamento tra il centralino


„„
che ospita l'alimentatore antifurto
BUS Antifurto
e ciascuna sirena esterna, è
necessario prevedere una
conduttura dedicata.

Cavo a 2 coppie
per contatti magnetici
Quadro
elettrico Cavo a 2
coppie per
contatti magnetici

BUS Antifurto

in appartamenti piccoli (max. 2 locali) installare nel centralino le interfacce


„„
contatti e predisporre quindi le condutture per le rispettive linee contatti.

54 MyHOME Linee guida progettuali


Cavo a 2 coppie
per contatti magnetici
Cavo a 2
coppie per
contatti magnetici

BUS Antifurto

in appartamenti con più locali o ville su più piani predisporre condutture separate dirette in cassette di derivazione dove
„„
alloggiare le interfacce contatti (modulo Basic o modulari DIN).

Contatti radio
per finestra
Contatti Contatti radio
Sensore Cavo a 2 coppie per finestra per finestra
radio per contatti magnetici

interfaccia
radio/filare

BUS Antifurto

se, a causa di vincoli architettonici, non è possibile cablare il cavo BUS, utilizzare sensori volumetrici e perimetrali radio in
„„
abbinamento con l’apposita interfaccia radio/filare connessa al BUS .

Linee guida progettuali MyHOME 55


www.professionisti.BTicino.it
PROGETTO PRELIMINARE E PREDISPOSIZIONE DEGLI IMPIANTI

Impianto diffusione sonora – cavo BUS bianco


ELEMENTI DA VALUTARE PER SCELTA:

Il progetto dell’impianto deve essere condotto valutando congiuntamente i seguenti fattori:

1. Approccio al progetto: di tipo funzionale o di tipo economico.

2. Tipologia dell’ambiente: residenziale oppure terziario (Uffici, studi medici, attività commerciali ecc.).

3. Caratteristiche dell’impianto:
di tipo base stereo con 1 sola sorgente sonora: in questo caso l’impianto sarà di tipo stereo monocanale e la sorgente
„„
sonora diffonderà la musica in tutti gli ambienti;
con 2 o più sorgenti sonore: in questo caso l’impianto è di tipo di tipo stereo multicanale: diverse sorgenti sonore
„„
diffondono simultaneamente la musica in più ambienti.
L’impianto, senza l’installazione di specifici dispositivi, potrà essere facilmente integrato con altre applicazioni MyHOME quali
l’impianto videocitofonico 2 FILI.

Metodologia di approccio del progetto: di tipo funzionale o di tipo economico.

FUNZIONALE: basato cioè su un buon compromesso tra economicità e funzionalità, in cui risulta prioritaria la scelta delle
funzioni e viene considerata la realizzazione della predisposizione per futuri ampliamenti dell’impianto.
ECONOMICO: basato cioè sull’economicità della realizzazione. Non preclude l’utilizzo delle diverse potenzialità offerte
dall’impianto domotico ma prevede per esempio l’utilizzo di dispositivi di diverso tipo (dal costo più basso), senza tener conto
di futuri ampliamenti dell’impianto.

Diffusore da incasso

Amplificatore da incasso
TIPOLOGIA DELL’AMBIENTE.

Per garantire una corretta impostazione del


lavoro, è fondamentale disporre della planimetria
dell’ambiente per valutare, in funzione
dell’ampiezza, i seguenti elementi:
- Tipologia e numero di diffusori;
- Numero degli amplificatori.
- Tipologia e posizione dei dispositivi di comando.

56 MyHOME Linee guida progettuali


Per un dimensionamento “di massima” dell’impianto in funzione dell’ambiente da sonorizzare, fare riferimento alla tabella
seguente. Il numero e la tipologia degli articoli sono definiti considerando ambienti tipo (appartamenti da 4 locali o ville
medio/grandi con 4 ambienti da sonorizzare disposti su 1 o 2 piani).

Ambiente Elementi dell’impianto

Sorgenti sonore (2) Dispositivi di comando


Amplificatori Diffusori sonori (1) Funzioni
locali
Appartamento N° 1 sintonizzatore radio Da 2 a 4, tipo 4562 ad N° 2, a parete L4567 o a Tramite i pulsanti presenti Diffusione del segnale
F500N incasso incasso L4565, per ogni negli amplificatori musicale prelevato
amplificatore dall’impianto Hi-Fi
Villetta N° 1 controllo stereo N° 4, tipo 4562 ad incasso N° 2, a incasso L4565, per - Tramite i pulsanti Diffusione di 2 fonti sonore
L4561, N° 1 sintonizzatore e N° 2 tipo F502 ogni amplificatore 4562 e presenti negli (Hi-Fi e radio FM).
FM art. F500N e un Touch N° 2 a incasso H4570 per amplificatori ad incasso; Gestione centralizzata
Screen H/HW/LN/AM4890 amplificatore tipo F502 - Touch screen H4684 dell’impianto da Touch
- LN4890A - Uno o più comandi screen.
speciali tipo 4651M2 Gestione da più punti
configurati per Diff. Sonora. mediante dispositivi di
- Local display tipo 4891 comando ad incasso.
Villa di grandi N° 1 controllo stereo L4561, N° 16 dispositivi DIN F502 N° 32 da parete L4567 - Tramite i pulsanti Diffusione di 2 fonti
dimensioni N° 1 sintonizzatore FM art. oppure F503 con display presenti negli sonore (Hi-Fi e radio FM)
disposta in 2 o F500N, grafico amplificatori; e possibilità di una terza
più piani N° 1 ingresso RCA tipo - N° 1 Touch screen H/HW/ fonte sonora (lettore MP3
4560, LN/AM4890 - LN4890A o similare).
N° 1 MyHOME_Screen 3,5 oppure N° 1 MyHOME_ Multicanalità: in ogni
tipo H/HW/LN/AM4890 Screen 10 art. H4892/93; ambiente si può ascoltare
- LN4890A oppure - Local display tipo 4891 la fonte sonora desiderata.
MyHOME_Screen 10 art. Gestione centralizzata
H4892/93 (2) dell’impianto da Touch
screen.
Studio medico N° 1 ingresso RCA tipo N° 2, tipo 4562 ad incasso N° 2, a parete L4567 per N° 1 o 2 comandi speciali Diffusione del segnale
4560, nelle sale da visita ogni amplificatore. tipo 4651M2 configurati musicale prelevato
N° 1 DIN F502 nella sala per Diffusione sonora; dall’impianto Hi-Fi.
d’aspetto - uno o più Local display
tipo 4891
Ristorante N° 1 controllo stereo N° 9 tipo DIN F502 N° 2, a parete L4567 per - N° 1 o 2 comandi Diffusione di 2 fonti sonore
L4561, N° 1 ingresso RCA ogni amplificatore. speciali tipo 4651M2 (Hi-Fi e lettore MP3).
tipo 4560, appositamente configurati Impiego di Touch screen
per Diff. sonora. per gestione di ogni
- N° 1 Touch screen H4684 amplificatore e per
- uno o più Local display attivazione di scenari
tipo 4891 d’ascolto con diversi livelli
sonori per ogni ambiente
del ristorante.

Nota 1): In alternativa ai diffusori sonori forniti da BTicino, è possibile utilizzare qualsiasi diffusore sonoro con impedenza compresa tra 8÷16 Ohm e
una potenza non inferiore a 70Wrms.
Nota 2): il MyHOME_Screen 3,5 ed il dispositivo touch MyHOME_Screen 10 sono dispositivi evoluti in grado di gestire contenuti multimediali presenti
in dispositivi USB e SD card ed in rete LAN (ascolto di brani MP3 oppure di stazioni Web radio).

Local display:
Diffusore da controsoffitto
comando a touch screen per gestione
amplificatori, on / off, volume, selez. stazione

Amplificatore stereo

Comando speciale:
gestione
amplificatori, on/
off, volume, selez.
stazione o brano
CD; da completare
con appositi
copritasti
Linee guida progettuali MyHOME 57
www.professionisti.BTicino.it
PROGETTO PRELIMINARE E PREDISPOSIZIONE DEGLI IMPIANTI

Impianto diffusione sonora – cavo BUS bianco


Per la predisposizione dell’impianto tenere presente le seguenti indicazioni:

Diffusore sonoro Diffusore sonoro


impianto base stereo con una
„„
sorgente sonora: prevedere
l’installazione nel centralino di un
alimentatore compatto DIN art.
346030 dal quale verrà derivato ON ON

Amplificatore Amplificatore
il cablaggio del BUS per gli
OFF OFF
amplificatori.

Terminatore
di linea

Centralino

Sorgente sonora
Miscelatore
PRI audio/video
346030
PRI: 220 - 240V~
185-175mA
50/60Hz
SCS A-V 27Vdc
SCS 600mA

SCS A-V SCS


Alimentatore
compatto
Sintonizzatore radio

Diffusore sonoro

impianto stereo monocanale con una sorgente


„„
sonora e funzioni videocitofoniche: installare
Posto interno
nel centralino un miscelatore audio/video
F441 ed eventuali sorgenti sonore modulo DIN
(sintonizzatore radio F502 o controllo stereo ON

Amplificatore
L4561N). OFF

Terminatore
Ad altri di linea
amplificatori

Sorgente sonora Centralino

Alimentatore
Sintonizzatore radio Posto esterno
Nodo
audio/video

SCS

58 MyHOME Linee guida progettuali


impianto stereo multicanale con due o più sorgenti sonore e funzioni videocitofoniche:
„„
installare nel centralino una matrice audio/video F441M ed eventuali sorgenti sonore modulo DIN
(sintonizzatore radio F502 o controllo stereo L4561N.).

Diffusore sonoro

Amplificatore

Ad altri
amplificatori
Terminatore
di linea

Centralino
Posto esterno
Alimentatore
Matrice o nodo
audio/video

Sintonizzatore radio Controllo stereo


Stereo

Sorgente 3

Sorgente 1
Sorgente 4
Sorgente 2

230Vac

Se in luogo degli altoparlanti da controsoffitto si impiegano diffusori


da incasso H4570, gli amplificatori DIN F502 possono essere installati
vantaggiosamente nel retro del diffusore.

Linee guida progettuali MyHOME 59


www.professionisti.BTicino.it
PROGETTO PRELIMINARE E PREDISPOSIZIONE DEGLI IMPIANTI

Impianto videocitofonia – cavo BUS bianco

Premessa: in queste pagine si descrivono unicamente gli impianti videocitofonici 2 FILI di tipo monofamiliare che si integrano
facilmente nell’impianto MyHOME grazie alla condivisione di dispositivi comuni, quali il nodo audio video art. F441 e la
matrice multicanale F441M già previsto per l’impianto Diffusione sonora.

ELEMENTI DA VALUTARE PER SCELTA:

Con i prodotti della gamma Videocitofonia


2 FILI è possibile realizzare impianti con
funzioni base fino a impianti con funzioni
evolute, derivanti dall’integrazione con
altri sistemi MyHOME. Per il progetto è
indispensabile definire i seguenti elementi:

N° e tipologia di posti interni audio/video


„„
in base alla funzionalità e modalità di
installazione (incasso, superficiale):

MyHOME_Screen 10
art. MH4892 (nero) e MH4893 (bianco)

Axolute video display

Polyx memory display

Panoramica dei dispositivi evoluti, con vivavoce e menù ad icone serie Nighter/Whice, Axolute, Axolute Etèris e Polyx memory, predisposti anche per
gestione di applicazioni domotiche quali Termoregolzione, Automazione, Scenari, Diffusione sonora e Antifurto.

60 MyHOME Linee guida progettuali


Se nell’impianto MyHOME è previsto il controllo centralizzato di tutte le funzioni domotiche mediante il dispositivo touch MyHOME_
Screen 10, questo potrà essere impiegato in luogo di un posto interno in quanto è predisposto per rispondere alle chiamate
videocitofoniche, visualizzare le immagini trasmesse dal posto esterno o dalle telecamere e comandare la serratura elettrica.

Pulsanti laterali per


funzioni videocitofoniche

Posto Esterno
da parete
Posto Esterno
SFERA

Definizione del posto esterno,


„„
in funzione dell’estetica, della
modalità di installazione, della Posto Esterno
da incasso
funzione (solo audio oppure
audio/video con telecamera a
colori o B/N):

Funzione Videocontrollo:
Oltre alle funzioni videocitofoniche è possibile integrare
nell’impianto una o più telecamere da incasso e/o da esterno
per controllare gli ambienti utilizzando
il posto interno o il Multimedia
Telecamere complete
MyHOME_Screen 10 come di placca di finitura
monitor esterno o dalle telecamere
e comandare la serratura elettrica.

Telecamera da esterno

Linee guida progettuali MyHOME 61


www.professionisti.BTicino.it
PROGETTO PRELIMINARE E PREDISPOSIZIONE DEGLI IMPIANTI

Impianto videocitofonia – cavo BUS bianco

L’installazione dei dispositivi DIN (alimentatore, nodo audio video ecc.) dovrà essere effettuata all’interno di un centralino
dal quale si derivano con topologia “a stella” i BUS per il collegamento dei posti esterni, del posto interno e di eventuali
telecamere per videocontrollo. Per applicazioni dove sono presenti più dispositivi, è possibile connetterli “in parallelo” sullo
stesso BUS mediante connessione di tipo “entra-esci”.

Centralino

Nodo Audio/Video Alimentatore

PRI
N NF

346000 CEBEC
PRI 230 V~ 50 - 60 Hz 260 mA
BUS
}
2 - 1 27V 1,2A IP30

Videocitofono Videocitofono

Posto esterno di appartamento


Telecamera da esterno

62 MyHOME Linee guida progettuali


Quanto sopra si applica anche nel caso l’impianto
videocitofonico venga integrato con l’impianto
Diffusore sonoro
Diffusione sonora con il quale condivide
l’impiego del Nodo audio/video F441 o la Matrice
multicanale F441M.

Amplificatore

Ad altri
amplificatori
Terminatore
di linea

Centralino
Posto esterno
Alimentatore
Matrice o nodo
audio/video

Sintonizzatore radio Controllo stereo


Stereo

Sorgente 3

Sorgente 1
Sorgente 4
Sorgente 2

230Vac

Se in luogo degli altoparlanti da controsoffitto si impiegano diffusori


da incasso H4570, gli amplificatori DIN F502 possono essere installati
vantaggiosamente nel retro del diffusore.

Linee guida progettuali MyHOME 63


www.professionisti.BTicino.it
PROGETTO PRELIMINARE E PREDISPOSIZIONE DEGLI IMPIANTI

Integrazione degli impianti

Grazie all'integrazione tra i BUS


dei vari impianti, si potranno
realizzare funzioni domotiche
evolute ed effettuare la gestione
centralizzata dell’impianto MyHOME.
L'integrazione è possibile mediante 1 2
l’impiego di particolari interfacce che
trovano posto all’interno del quadro
elettrico accanto ad altri dispositivi
(alimentatori, attuatori ecc.).
Nell’immagine seguente sono
rappresentati i dispositivi principali 3 4 5

che realizzano quanto descritto.

6
7
Posto esterno videocitofonico

8 9

11

10

64 MyHOME Linee guida progettuali


TV/SAT IPTV

IPTV Automazione Luci/tapparelle

LEGENDA
1. Alimentatore E46ADCN per 4. Interfaccia F422 per l’integrazione
automazione diffusione sonora antifurto termoregolazione videocitofonia controllo lan controllo carichi energia luci tvcc
TV/SAT alimentazione dell’impianto degli impianti Videocitofonia e
IPTV
controllo carichi energia luci tvcc
Automazione,
www
Termoregolazione e
irrigazione
Automazione.
Termoregolazione Gestione energia. 5. Web Server F454 per il controllo
IPTV
2. Alimentatore E46ADCN per locale e remoto via Internet e rete
Gestione Energia l’alimentazione del’impianto LAN delle funzioni domotiche.
Antifurto. 6. Alimentatore 346000 per
TV/SAT IPTV degli impianti
antifurto termoregolazione videocitofonia controllo 3. Interfaccia
lan F422
controllo per l’integrazione
carichi energia luci l’alimentazionetvcc www irrigazione

Antifurto degli impianti Antifurto e Videocitofonia e Diffusione sonora.


Automazione. 7. Matrice multicanale audio/
lan controllo carichi
TV/SAT
energia luci
IPTV
tvcc www irrigazione
video F441M per l'integrazione e
la distribuzione dei segnali degli
Videocitofonia TV/SAT IPTV
impianti Videocitofonia e Diffusione
automazione diffusione sonora antifurto termoregolazione videocitofonia controllo lan controllo carichi energia luci tvc
sonora.
Diffusione Sonora
8. Switch F551 per distribuire la rete
LAN verso quattro differenti prese RJ45.
rmoregolazione videocitofonia controllo lan controllo carichi energia luci tvcc www irrigazione
9. Alimentatore F552 per
alimentazione dello switch.
automazione diffusione sonora antifurto termoregolazione videocitofonia
Sistemi di altri costruttori controllo
10. Modem/router
lan controllo carichi
ADSLenergia
per la luci t

connessione alla rete Internet


dell’impianto MyHOME mediante il
TV/SAT IPTV
Web server F454.
Rete Dati 11. Driver manager F459 per
l'integrazione di MyHOME con
sistemi e dispositivi di altri produttori
tramite protocollo TCP/IP (sistemi
di termoregolazione DAIKIN,
controllo lan controllo carichi energia luci tvcc www irrigazione
Impianto audio NUVO MITSUBISHI ecc.).
Oltre ai dispositivi descritti, l’impianto
MyHOME può essere integrato anche
con impianti di diversa tecnologia e
IPTV
protocollo di comunicazione quali
Linea Telefono Linea ADSL (Internet) per esempio DALI e KONNEX, con
i dispositivi illustrati. Per maggiori

TV/SAT dettagli consultare la sezione


IPTV
”INTEGRAZIONE E CONTROLLO DEGLI
IMPIANTI” della presente guida.
controllo carichi energia luci tvcc www irrigazione

antifurto termoregolazione videocitofonia controllo lan controllo carichi energia


Linee luci tvcc
guida progettuali www irrigazione
MyHOME 65
www.professionisti.BTicino.it
PROGETTO PRELIMINARE E PREDISPOSIZIONE DEGLI IMPIANTI

Integrazione degli impianti

L’integrazione tra i vari impianti MyHOME consente di realizzare:


funzioni evolute, derivanti dall’interazione tra i vari dispositivi;
„„
l’attivazione di scenari;
„„
la supervisione locale e/o remota di tutte le funzioni domotiche mediante diversi dispositivi di controllo descritti nel
„„
capitolo successivo.

A titolo di esempio, si riportano nella tabella seguente alcune funzioni evolute ottenibili dall’integrazione di due o più impianti
con le modalità sottodescritte. Per ogni esempio vedere il disegno con lo schema semplificato.

Esempio di Impianti integrati Funzione


integrazione
1 Automazione e Termoregolazione Attivazione di scenari con accensione di luci, movimentazione tapparelle e regolazione della
temperatura ambiente.
1A Automazione, Gestione energia e Come sopra – con possibilità di visualizzare dati consumo energetico e gestire i carichi.
Termoregolazione
2 Automazione, Diffusione sonora e Attivazione di scenari con accensione di luci, movimentazione tapparelle, regolazione della
Termoregolazione temperatura ambiente e sottofondo musicale.
3 Videocitofonia e Diffusione sonora Tacitazione automatica e temporanea della musica diffusa nella casa a seguito di una
chiamata e successiva comunicazione citofonica.
Possibilità di invio messaggi vocali attraverso gli altoparlanti Diffusione sonora.
4 Automazione e Antifurto Accensione automatica delle luci a seguito del rilevamento di un intruso. Spegnimento
o accensione automatica delle luci o automatismi per inserimento/disinserimento
dell’impianto Antifurto.
5 Antifurto e Videocitofonia Visualizzazione automatica con i posti interni o Touch MyHOME_Screen 10 delle immagini
trasmesse dalle telecamere associate alle zone dell’antifurto, quando questo è in allarme.

Esempio n° 1A:
L’integrazione si realizza facilmente senza alcuna particolare
Impianto Luci e Automazione
predisposizioni del cablaggio; può essere realizzata, in sede di prima
installazione o in seguito, con modalità differenti:

A. Integrazione derivante dalla condivisione dello stesso cablaggio a


BUS. Sistemi diversi quali L’Automazione, Termoregolazione e Gestione
energia, sono nativamente integrati in quanto i rispettivi dispositivi si
installano sullo stesso cavo BUS (cavo grigio art. L4669).
cavo BUS GRIGIO art. L4669

Impianto
Esempio n° 1: Termoregolazione
Impianto
Impianto Luci e Automazione Termoregolazione

Impianto
Gestione energia

cavo BUS GRIGIO art. L4669

66 MyHOME Linee guida progettuali


B. Integrazione derivante
Esempio n° 3: Nodo audio video Impianto
dalla condivisione dello stesso Diffusione sonora

cablaggio con l'impiego di


dispositivi d’impianto quali il
Nodo audio video art. F441 e la
Matrice multicanale art. F441M.
Impianto
Questa modalità si applica per Videocitofonia cavo BUS BIANCO cavo BUS BIANCO
art. 336904 art. 336904
l’integrazione dell’impianto
Diffusione sonora con l’impianto
Videocitofonia.

Impianto Impianto
Matrice multicanale Diffusione sonora
Videocitofonia

C. Integrazione di impianti con BUS differenti. Questa modalità si realizza collegando tra loro gli impianti mediante una interfaccia
SCS/SCS art. F422 facilmente installabile all’interno del centralino DIN dell’impianto domotico.

Esempio n° 2:
Impianto Impianto Impianto
Impianto Luci e Automazione Termoregolazione Videocitofonia Diffusione sonora
OUT

ART.F422

cavo BUS GRIGIO art. L4669 cavo BUS BIANCO art. 336904

Esempio n° 4: Esempio n° 5:
Impianto
Impianto Luci e Automazione Impianto Antifurto Impianto Antifurto Videocitofonia
OUT OUT

ART.F422 ART.F422

IN OUT OUT IN

cavo BUS GRIGIO cavo BUS ROSSO cavo BUS ROSSO cavo BUS BIANCO
art. L4669 art. L46695 art. L46695 art. 336904

Per l’integrazione di più impianti, utilizzare più interfacce

Impianto
Impianto Antifurto Impianto Luci e Automazione Videocitofonia
OUT OUT

OUT ART.F422
IN IN ART.F422
OUT

cavo BUS cavo BUS cavo BUS cavo BUS


ROSSO art. L46695 GRIGIO art. L4669 GRIGIO art. L4669 BIANCO art. 336904

Linee guida progettuali MyHOME 67


www.professionisti.BTicino.it
PROGETTO PRELIMINARE E PREDISPOSIZIONE DEGLI IMPIANTI

Integrazione di MyHOME con sistemi di altri produttori

L’integrazione di MyHOME con altri sistemi avviene tramite una nuova piattaforma MyHOME_Link, installando nell’impianto
il dispositivo Driver manager art. F459 opportunamente configurato per gestire le funzioni dei sistemi di altri produttori
mediante i dispositivi a BUS MyHOME.
La comunicazione tra MyHOME e il sistema integrato avviene attraverso il protocollo di comunicazione TCP-IP; pertanto si
rende necessario predisporre nell’ambiente (se non già prevista per altri impieghi) una apposita rete LAN alla quale collegare
il Driver manager e il sistema da integrare.
Per maggiori informazioni consultare la sezione “Integrazione e controllo delle funzioni” della presente guida.

Impianto
Impianto Antifurto Impianto Luci e Automazione Videocitofonia
OUT OUT

OUT ART.F422
IN IN ART.F422
OUT

cavo BUS cavo BUS cavo BUS cavo BUS


ROSSO art. L46695 GRIGIO art. L4669 GRIGIO art. L4669 BIANCO art. 336904

Impianto MyHOME
cavo BUS

Driver manager
F459

LAN

Switch

Ad altri dispostivi
di rete

Sistemi di altri
produttori

68 MyHOME Linee guida progettuali


Esempio di integrazione di MyHOME con l’impianto audio digitale Nuvo

Diffusori da cartongesso 8” Diffusori da soffitto 6,5 “

MyHOME_Screen 10

Player multi zona

LAN

Driver manager
F459
Comando Comando
ADSL base 8 tasti

Internet Modem/Router
Wi-Fi

BUS MyHOME

PC desktop

PC

Hard disk di rete

Linee guida progettuali MyHOME 69


www.professionisti.BTicino.it
PROGETTO PRELIMINARE E PREDISPOSIZIONE DEGLI IMPIANTI

Integrazione degli impianti - gestione scenari

Come riportato nella tabella delle pagine precedenti, l’integrazione tra impianti differenti permette di realizzare particolari
situazioni ambientali, denominate “scenario”, costituite dall’attivazione simultanea di più dispositivi.
Gli scenari sono di 2 tipologie:

1 Scenario automatico e schedulato: questa


applicazione, realizzabile con il dispositivo art.
MH202, permette di inviare un comando ad un’ora
stabilita e al verificarsi di una condizione, o di
agire su scenari stabili nel programmatore scenari
art. MH202 oppure nel MyHOME_Screen 3,5; la
gestione può essere fatta dall’utente agendo sugli
stessi dispositivi descritti per lo scenario manuale.
Gli scenari possono essere generati anche dai
sensori IR evoluti art. BMSE3001, art. BMSE3003
e art. 048834 su eventi Presenza / Assenza/ Programmatore scenari MH202
Movimento opportunamente configurati per
l'abbinamento con MH202.

Avvia Ferma
scenario scenario

Abilita Disabilita

Abilita/ Modifica
Disabilita lo scenario

Avvia
scenario

MyHOME_Screen 3,5
tipo 4890:
esempio di icone per la
gestione degli scenari

70 MyHOME Linee guida progettuali


2 Scenario manuale: in questo caso
l’utente interagisce su particolari
dispositivi quali la centralina scenari,
il comando speciale, il Local Display, il
Touch Screen tipo 4890 o il MyHOME_
Screen 10 programmati per attivare
simultaneamente funzioni diverse
(accensione luci, movimentazione
tapparelle, accensione sottofondo
musicale e impostazione di
una temperatura ottimale). Per Comando Modulo scenari
art.HC4680 art.F420 per la
la creazione e la gestione di per la gestione memorizzazione
questi scenari si dovrà prevedere di 4 scenari fino a 16 scenari
l’installazione nel BUS Automazione
dei dispositivi modulo scenari art.
F420 e/o comando scenari tipo 4680.

Oltre ai due scenari descritti, è


possibile realizzare funzioni evolute.
Per esempio grazie all’integrazione
mediante l’interfaccia F422
dell’impianto Antifurto con l’impianto
Automazione, in caso di effrazione,
oltre all’attivazione della sirena si
potranno accendere autonomamente
tutte le luci dell’abitazione per
scoraggiare l’intruso.

Linee guida progettuali MyHOME 71


www.professionisti.BTicino.it
PROGETTO PRELIMINARE E PREDISPOSIZIONE DEGLI IMPIANTI

Impianto rete dati – cavo LAN

Il cablaggio della rete dati permette di predisporre la casa per:


la diffusione del segnale ADSL nei vari ambienti ai fini della fruizione dei servizi Internet, quali dati, TV e telefonia su IP;
„„
l’impiego di dispositivi con connessione Ethernet per il controllo centralizzato, sia locale che remoto, delle funzioni domotiche
„„
(per esempio Touch screen) e per la raccolta e visualizzazione dei consumi energetici (Energy data logger F524);
l’aggiornamento e la programmazione via LAN dei dispositivi (Web server, Touch screen, …..).
„„
il collegamento dell'impianto audio digitale NUVO;
„„
l'integrazione di sistemi di illuminazione e/o termoregolazione di aziende di altri produttori (Samsung, Hitachi, Daikin ecc.)
„„

Connettori per cablaggio LAN

Gli elementi da valutare per la scelta dei prodotti sono principalmente:


1. il numero di prese RJ45 da posizionare nei locali; indicativamente si consiglia di installare una
presa in ogni locale dello stabile se d’uso residenziale e due o più prese se d’uso terziario.
Predisporre nelle vicinanze prese di energia per l’alimentazione delle utenze.

Switch F551
2. la tipologia di apparati attivi e non, quali Switch dati, permutatori, filtro ADSL ecc.
per la gestione dei segnali e la distribuzione verso i connettori RJ45. La scelta di
questi prodotti dipende dalle caratteristiche ed estensione della rete LAN richiesta.

In particolare, se il Modem router previsto per la connessione ad Internet non è dotato


di funzione switch, prevedere l’impiego di uno o più dispositivi Switch art. F551 per la
distribuzione di più segnali dati nella rete LAN.

3. Il bisogno di realizzare il controllo locale


e centralizzato delle funzioni domotiche
Per la descrizione dei
tramite i dispositivi:
dispositivi di controllo
MyHOME_Screen 10 art. 4892 e 4893;
„„
locale e remoto di
MyHOME_Screen 3,5 tipo 4890;
„„
MyHOME si rimanda
Video touch screen H4687.
„„
al capitolo successivo.

Se si desidera effettuare il controllo remoto


Web server
tramite connessione ad Internet, prevedere
l’impiego di un dispositivo Web server art.
F454 con funzioni di Access Gateway tra
l’impianto MyHOME e la rete LAN.

72 MyHOME Linee guida progettuali


In fase di progetto prevedere Dal centralino realizzare un cablaggio
un’apposito spazio nel centralino a stella per la connessione di
domotico per l’installazione di tutti tutte le prese RJ45 e di eventuali
gli apparati (attivi e non) e dispositivi dispositivi MyHOME per il controllo
per la diffusione di servizi IPTV e centralizzato.
similari.
Impianto audio NUVO

Area di comunicazione

Dati

TV/SAT
Zona dispositivi
Access Gateway

Dispositivo TV/SAT
per il controllo remoto

Zona dispositivi
per il cablaggio
residenziale

TV/SAT IPTV

Telefonia
Linea telefonica
Internet
T

IPTV

Impianto TV/SAT IPTV

MyHOME_Screen 3,5 MyHOME_Screen 10


Area di comunicazione
nel quadro
MyHOME Flatwall

Linee guida progettuali MyHOME 73


www.professionisti.BTicino.it
PROGETTO PRELIMINARE E PREDISPOSIZIONE DEGLI IMPIANTI

Controllo centralizzato del sistema MyHOME


MyHOME permette di supervisionare e controllare l’ abitazione o l’ufficio in locale utilizzando diverse modalità di interazione,
dal semplice comando Local Display al Touch MyHOME_Screen 10 con funzioni anche di posto interno Videocitofonico, o da
remoto tramite PC, pagine web, portale MyHOME_Web, Smartphone e Tablet.

Tabella per la scelta dei dispositivi di controllo locale


COMANDO SCENARI LOCAL DISPLAY MyHOME_Screen 3,5

FUNZIONI SVOLTE HD4891


HD4680
HC4680 HC4891
HS4680 HS4891 H/HW4890
L4680 L4891 LN4890/A
N4680 N4891 AM4890
NT4680 NT4891

ON /OFF ciclico

Comando ON/OFF con controllo


intensità luminosa
ILLUMINAZIONE
Comandi generali, d’ambiente,
di gruppo

Comandi temporizzati

Comando tapparelle
SU/GIÙ in modalità normale
AUTOMAZIONE SU/GIÙ in modalità sicura
Comandi generali, d’ambiente,
di gruppo

Richiamo scenari memorizzati nel


modulo scenari F420
GESTIONE
SCENARI Attivazione scenari memoriz-
zati nel programmatore scenari
MH200N (configuratore CEN)

Inserimento, disinserimento
ANTIFURTO
impianto e parzializzazione

DIFFUSIONE ON /OFF amplificatore, cambio


SONORA brano e regolazione volume

TERMOREGOLAZIONE Visualizzazione temperatura e


gestione delle zone

Controllo e visualizzazione
RISPARMIO consumi
ENERGETICO
Gestione carichi anti black-out

Controllo e comando delle funzio-


VIDEOCITOFONIA comando elettroserratura
ni videocitofoniche
e luce scale

Visualizzazione di contenuti multi-


MULTIMEDIALITA’ mediali presenti in rete (Radio IP e
Media Server)

74 MyHOME Linee guida progettuali


Condizione indispensabile per realizzare il controllo centralizzato di due o più funzioni domotiche MyHOME è l’integrazione
degli impianti tra loro, che si realizza con le modalità descritte nel precedente capitolo.

MyHOME_Screen 10 POSTI INTERNI VIDEOCITOFONICI APP MyHOME

MH4892 349310
MH4893 349311/12/13
349320/21

Visualizzazione stato sistema


e segnalazione di allarme

Linee guida progettuali MyHOME 75


www.professionisti.BTicino.it
PROGETTO PRELIMINARE E PREDISPOSIZIONE DEGLI IMPIANTI

Controllo centralizzato del sistema MyHOME

Installazione dei dispositivi


L’installazione dei dispositivi per il controllo locale non prevede indicazioni particolari in quanto si utilizzano comuni scatole ad
incasso o supporti a parete da posizionare ad una altezza consigliata di 160÷165 cm dal suolo. Tenere presente che, in funzione
del dispositivo scelto, dovrà essere realizzato il relativo cablaggio del BUS.

COMANDO SCENARI LOCAL DISPLAY TOUCH SCREEN MULTIMEDIA TOUCH SCREEN

HD4680 HD4891
HC4680 HC4891
HS4680 HS4891 H/HW4890
L4680 L4891 LN4890/A MH4892
N4680 N4891 AM4890 MH4893
NT4680 NT4891 MH4892C
MH4893C

grigio art. L4669/500/ grigio art. L4669/500/ - grigio art. L4669/500/HF/KM1 - bianco art. 336904
TIPO DI CAVO
HF/KM1 HF/KM1 - cavo LAN art. 32754, 32872 - cavo LAN art. 32754, 32872

POSTI INTERNI VIDEOCITOFONICI APP MyHOME

349311/12/13
349320/21

- bianco art. 336904


TIPO DI CAVO
- cavo alimentazione supplementare (se richiesto)

76 MyHOME Linee guida progettuali


Dispositivi per il controllo remoto.
Come già citato, MyHOME offre la possibilità di comandare e controllare tutte le funzioni integrate presenti
nell’abitazione utilizzando un PC, uno Smart Phone, un Tablet palmare, un telefono fisso o un telefono cellulare.
Condizione principale per rendere possibile il controllo da remoto è la presenza nell’abitazione dei seguenti
dispositivi che svolgono la funzione di Access Gateway tra l’impianto MyHOME e la rete telefonica e/o Internet:
Web server F454;
„„
Centrale Antifurto 3486 o 3485STD.
„„

La scelta del dispositivo deve essere effettuata considerando diversi fattori:


funzioni da controllare;
„„
modalità di connessione con l’abitazione, ossia per mezzo di connessione via Internet con linea ADSL o connessione
„„
telefonica PSTN/GSM;
modalità di controllo dell’impianto:
„„

Modalità di gestione delle funzioni:


a. con l’impiego di un Web Server per controllare l’impianto con PC, smartphone e tablet connesso alla rete Internet
tramite interazione con pagine Web memorizzate nel Web Server e anche da portale MyHOME_Web.
b. impiegando la centrale Antifurto con comunicatore, connessa alla rete telefonica PSTN o GSM, per controllare,
mediante l’invio di comandi telefonici, alcune funzioni dell’impianto MyHOME.

TV/SAT IPTV

TV/SAT IPTV
Automazione
automazione diffusione sonora antifurto term

automazione diffusione sonora


Antifurto
antifurto termoregolazione videocitofonia controllo lan controllo carichi energia luci tvcc

Web server
automazione diffusione sonora antifurto termoregolazione videocitofonia controllo lan controllo carichi energia
Illuminazione
luci tvcc

Videocontrollo
energia luci tvcc www irrigazione
domestico
Portale MyHOME
TV/SAT IPTV TV/SAT IPTV

Gestione e controllo del sistema


automazione
MyHOME attraverso PC o untermoregolazione Videocitofonia Gestione energia Supervisione, comandoenergia
e controllo
ra antifurto termoregolazione diffusione sonora
videocitofonia antifurto
controllo lan videocitofonia
controllo carichi controllo
energia lan luci controllo carichi
tvcc www luci
irrigazione
palmare collegandosi al portale MyHOME o attraverso telefono dell’impianto attraverso pagine WEB
fisso o mobile seguendo un menù vocale personalizzabile. e/o programmi di gestione.

Linee guida progettuali MyHOME 77


www.professionisti.BTicino.it
PROGETTO PRELIMINARE E PREDISPOSIZIONE DEGLI IMPIANTI

Controllo centralizzato del sistema MyHOME


Per la scelta del dispositivo fare riferimento alla tabella sottostante.

Tabella per la scelta dei dispositivi di controllo REMOTO


ADSL GSM

Funzioni svolte
F454 F462

Automazione
- ON/OFF illuminazione
- SU/GIU’ tapparelle Controllo singoli carichi elettrici

Antifurto

Gestione energia

Videocontrollo
max 96 telecamere (collegando l’F454 ad un impianto videocitofonico 2 fili)
Visualizzazione delle immagini in bianco e nero e a colori

Termoregolazione
Accensione/spegnimento da remoto

Invio di e-mail a fronte di eventi intrusione e allarme tecnico

Invio di SMS a fronte di eventi, richieste stato, allarmi


Solo con portale MyHOME

Invio di chiamate vocali a fronte di eventi intrusione ed allarme tecnico


Solo con portale MyHOME

Invio di e-mail con allegato a fronte di eventi intrusione ed allarme tecnico

Segreteria videocitofonica: memorizzazione e invio con e-mail del messaggio e


delle immagini registrate dal posto esterno

Invio di chiamate a fronte di eventi Stop&Go

Note (1): Verificare la disponibilità della linea telefonica. Se non disponibile la linea filare PSTN, adottare l’interfaccia PSTN/GSM art. 3489GSM oppure scegliere la centrale con connessione
telefonica di tipo GSM.

78 MyHOME Linee guida progettuali


GSM + PSTN (1) linea telefonica analogica (PSTN) (1)

3486 3485STD

Solo con portale MyHOME Solo con portale MyHOME

Solo con portale MyHOME Solo con portale MyHOME

Solo con portale MyHOME Solo con portale MyHOME

Solo con portale MyHOME Solo con portale MyHOME

Linee guida progettuali MyHOME 79


www.professionisti.BTicino.it
PROGETTO PRELIMINARE E PREDISPOSIZIONE DEGLI IMPIANTI

Controllo centralizzato del sistema MyHOME -


portale MyHOME_Web
Oltre al controllo effettuato mediante collegamento diretto, di tipo telefonico o via Internet, con i dispositivi Access Gateway
nell’abitazione (web server oppure centrale antifurto), è possibile controllare a distanza tutte le funzioni di MyHOME utilizzando la
connessione al portale MyHOME_Web.
In questo caso, utilizzando un PC connesso ad Internet o tramite un telefono, si interagisce con una piattaforma virtuale che
provvede a trasmettere o ricevere dall’impianto MyHOME tutte le informazioni riguardanti lo stato delle funzioni domotiche
presenti nell’abitazione.

Funzioni gestibili tramite Portale MyHOME_Web in base al dispositivo Gateway impiegato

Dispositivo di controllo WEB SERVER (*) centrale antifurto

Funzioni
F454 *
3486 - 3485STD
Comfort
1
Sicurezza
Gestione energia e Controllo carichi
Gestione energia e Visualizzazione consumi
Comunicazione Audio Video

NOTA *: Per utilizzare il servizio MyHOME_Web con Web Server è necessario inserire nell’impianto un modem/router ADSL.
NOTA 1: Il Web Server indica esclusivamente lo stato dell’impianto Antifurto.

Per ulteriori informazioni consultare la sezione “Integrazione e controllo degli impianti” della presente guida.

In fase di progetto prevedere lo spazio all’interno del centralino domotico per l’installazione del Web Server F454 qualora si
scelga di effettuare il controllo dell’impianto attraverso connessione Internet. In questo caso dovrà essere disponibile la linea
ADSL (con IP fisso o dinamico) ed un modem ADSL. Se si sceglie di effettuare il controllo impiegando la centrale antifurto,
installare il dispositivo all’interno del centralino domotico oppure a parete mediante apposita staffa.

80 MyHOME Linee guida progettuali


Scelta del quadro elettrico

MyHOME
L ’integrazione dei vari sistemi FLATWALL 240 - 270

MyHOME nell’edificio comporta la


necessità di raggruppare in un unico
punto centrale tutti quei dispositivi
attivi (alimentatori, interfaccie, MyHOME
FLATWALL 150
centralini telefonici ecc.) o passivi
che concorrono al controllo ed alla Panoramica dei centralini per
montaggio superficiale ed a incasso
gestione di tutte le funzioni.
Questo punto costituisce in effetti
il “cervello” di tutto il sistema
domotico dell’edificio e dovrà essere
dimensionato tenendo conto delle
seguenti regole generali:
prevedere spazio disponibile
„„
in eccesso per consentire
l’installazione di ulteriori dispositivi
richiesti da nuove e diverse
esigenze;
installare gli alimentatori nella
„„
posizione più bassa del centralino in della serie Multiboard e Idroboard Questo prodotto può ospitare
modo da agevolare la dissipazione per l’integrazione dell’impianto fino a 288 moduli DIN ed è
termica; MyHOME. Ai fini del calcolo della caratterizzato da parti accessibili
il centralino dovrà essere in grado di
„„ potenza dissipata, tutti i centralini e i solo dall’installatore (es. attuatori,
dissipare una potenza superiore alla quadri BTicino, soddisfano i requisiti alimentatori per manutenzione
somma delle potenze dissipate da della Norma CEI 23-51. / aggiornamento), e da parti
tutti i dispositivi che ospiterà per installazioni in stabili nuovi
„„ utilizzabili dall’utente finale
BTicino offre una grande varietà di ad un piano ed appartamenti (centrale antifurto, videocitofono
centralini idonei ad ogni esigenza, nei quali non vi è la disponibilità da incasso etc.).
differenziati per capienza e modalità di un vano o locale tecnico per MyHOME FLATWALL viene
installative (ad incasso o a parete). l’integrazione dell’impianto incontro a due diverse esigenze
Un criterio di scelta utile ai fini MyHOME, BTicino mette a installative:
dell’installazione del sistema MyHOME disposizione MyHOME FLATWALL, - nelle unità abitative, come
è il seguente: un’innovativa soluzione per innovativa soluzione di installazione
per installazioni in stabili nuovi o
„„ l’installazione centralizzata di centralizzata per tutti i servizi
esistenti (ristrutturazione) ad un apparecchiature elettriche ed elettrici e multimediali nel pieno
piano o multipiano ove è previsto elettroniche ed interfacce utente rispetto estetico dell’abitazione.
eventualmente un locale tecnico per nel pieno rispetto estetico nel montante di edificio,
„„
il quadro elettrico dell’abitazione, dell’abitazione. come soluzione che ospita la
è possibile scegliere tra le diverse Disponibile in due versioni: distribuzione del cablaggio
soluzioni di quadro o centralino con - con altezza variabile da 240 a 270 cm principale di tutto l’edificio.
montaggio a parete o ad incasso - con altezza di 150 cm

Linee guida progettuali MyHOME 81


www.professionisti.BTicino.it
PROGETTO PRELIMINARE E PREDISPOSIZIONE DEGLI IMPIANTI

MyHOME Flatwall

1. Soluzione tipo centralino 2. Soluzione tipo quadro elettrico


Configurazione che consente di interagire con l’impianto Configurazione che consente di contenere tutti gli
MyHome tramite comando d’ambiente (Touch Screen), alimentatori e gli attuatori DIN dell’impianto MyHome,
posto interno videocitofonico (Video Display) e centrale rendendoli facilmente accessibili.
antifurto.
Inoltre permette di intervenire sui dispositivi di protezione
elettrica differenziali e magnetotermici collocati
MyHome Flatwall 150
nell’apposito centralino.
Soluzione tipo centralino

1
Esempio installazione Flatwall h 150:
unità abitative di piccole dimensioni o impianti domotici con funzionalità base.

Soluzione tipo quadro elettrico

82 MyHOME Linee guida progettuali


MyHome Flatwall 240 - 270
Soluzione tipo centralino
3. Soluzione tipo montante di piano
Configurazione passante tra i vari piani di un edificio, per
la distribuzione tramite cavi dei servizi comuni (realizzabile
1
unicamente con Flatwall 240–270).

Tutte queste soluzioni sono perfettamente mimettizabili con l'ambiente in cui sono
inserite grazie ai pannelli di finitura, disponibili in colore bianco, tinteggiabili con le
comuni pitture murali.

Esempio installazione Flatwall 240 - 270

1
2

3
2 3

Soluzione tipo quadro elettrico Soluzione tipo montante di piano


Linee guida progettuali MyHOME 83
www.professionisti.BTicino.it
PROGETTO PRELIMINARE E PREDISPOSIZIONE DEGLI IMPIANTI

MyHOME Flatwall

Valore estetico e funzionale con il Alcune parti sono accessibili solo all’installatore, per inter-
„„

minimo ingombro venti di manutenzione sugli apparecchi installati;

MyHome Flatwall è caratterizzata da una pregevole Altre parti sono accessibili all’utente finale per interagire
„„

estetica e dalla estrema funzionalità di tutti i suoi compo- con l’ impianto.

nenti. L’accessibilità ai dispositivi installati, è differenziata in Grazie alla sporgenza dal muro di soli 2 cm, ai pannelli di fini-
funzione dell’utilizzo: tura verniciabili, e alle cornici laterali in alluminio anodizzato,
MyHOME FLATWALL garantisce la massima integrazione
con gli ambienti residenziali in cui è installata.

MyHOME FLATWALL 240 - 270

MyHOME FLATWALL 240–270


Disponibile nelle versioni centralino, quadro elettrico e
montante di piano consente di gestire la distribuzione di
tutti i servizi elettrici nelle moderne abitazioni.
L'installazione è realizzabile sia nella pareti in muratura
(portanti e divisorie) che nelle pareti in cortongesso.

MyHOME FLATWALL 150

MyHOME FLATWALL 150


MyHOME FLATWALL 150 è ideale per contenere tutti i
dispositivi necessari per la realizzazione di un impianto
domotico base (fino a 180 moduli DIN), con il minimo
ingombro. La nuova versione ha caratteristiche estetiche
e funzionali in linea con quelle della già affermata Flatwall
240–270. La maggior parte dei complementi ed accesso-
ri sono comuni alle due versioni eccetto l'ingresso cavi
della zona inferiore che non richiede la piastra fermatubi,
evitando così di ridurre lo spazio utile per l'alloggiamento
dei dipositivi.
L'installazione è possibile sia in pareti in muratura che
cartongesso.

84 MyHOME Linee guida progettuali


All'offerta Flatwall si aggiunge un box dedicato concentrazione della apparecchiature elettriche e la
all'installazione di apparecchi multimediali (router, scomparsa dagli spazi abitativi di antiestetici cavi necessari
modem, ecc) che fanno parte degli impianti di Home a collegare questo tipo di apparecchiature. Bticino è
network, promossi da tutti i maggiori gestori telefonici. presente con una propria offerta di dispositivi per l'Home
Il nuovo accessorio Flatwall crea una zona dedicata ai network ed il box multimediale Flatwall ne è parte
dispositivi multimediali; ne conseguono un’ulteriore integrante.

Box dedicato all'installazione di dispositivi multimediali come router o


modem ADSL. L'installazione prevede l'impiego di un supporto da 36
moduli DIN (3787).

Dispositivi per l’interazione con l’impianto MyHome utilizzabili


dall’utente finale (Touch Screen, centrale antifurto e Video Display).

Centralino per dispositivi di protezione e sicurezza accessibile


all’utente finale. Disponibile in tre versioni (vetro, metallo e plastica)
caratterizzato dalla reversibilità installativa. Il lato con le cerniere si può
infatti fissare indifferentemente a destra o a sinistra, permettendo così
di aprire lo sportello dal lato più comodo e funzionale.

Zona accessibile all’installatore dove sono montati alimentatori,


attuatori e altri dispositivi DIN (fino a 288 moduli) per il funzionamento
dell’impianto MyHome. L’installazione si completa con i pannelli di
finitura bianchi.

Linee guida progettuali MyHOME 85


www.professionisti.BTicino.it
PROGETTO PRELIMINARE E PREDISPOSIZIONE DEGLI IMPIANTI

MyHOME Flatwall
Composizione del centralino MyHOME FLATWALL 240 - 270

MyHOME FLATWALL è composta da:


1. un modulo base telescopico 2. una serie di supporti portapparecchi
regolabile su due altezze: h 270 e 240 cm che costituisce il modulari per l’installazione di tutti i tipi di apparecchiature
fondo metallico da incassare nella parete; i piedini regolabili elettriche DIN, dotati di canaline plastiche posizionate ai lati,
permettono un miglior posizionamento del fondo. che permettono un agevole passaggio e fissaggio dei cavi.
Sui supporti possono anche essere fissate apposite staffe, per
il montaggio di dispositivi MyHome.

1 Installazione Staffa con piedini


2 Installazione
modulo base regolabili supporti portapparecchi
Testata
superiore

Fondo
modulo telescopico

Supporto
portapparecchi
con guide DIN

Fondo
modulo base

Staffa con piedini


regolabili

Piastra fermatubi

Rete per
muratura

86 MyHOME Linee guida progettuali


3. pannelli e cornici di finitura
che rispondono ad esigenze di carattere estetico e
funzionale.
I pannelli sono disponibili con finitura bianca (RAL 9003)
e secondo le proprie esigenze estetiche possono essere
verniciati con colori a tempera.

3 installazione
finiture
Finitura
superiore

Staffa per dispositivi


MyHome e
videocitofonia

Pannello di finitura
per installazione
dispositivi MyHome
e videocitofonia
h 120 cm

Centralino per appa-


recchi DIN h 30 cm

Pannello di finitura
copriforo
h 90 cm
Box multimediale
da completare con
apposite graffette
F496/MF e
coperchio 3829

Finitura
inferiore
Cornici laterali con maniglie
d’apertura (coppia)

Linee guida progettuali MyHOME 87


www.professionisti.BTicino.it
PROGETTO PRELIMINARE E PREDISPOSIZIONE DEGLI IMPIANTI

MyHOME Flatwall
Composizione del centralino MyHOME FLATWALL 150

MyHOME FLATWALL è composta da:


1. un modulo base 2. una serie di supporti portapparecchi
metallico, altezza 150 cm, da incassare nelle pareti in modulari per l’installazione di tutti i tipi di apparecchiature
muratura o in cartongesso. A differenza della Flatwall elettriche DIN, dotati di canaline plastiche posizionate ai
240–270, non è prevista la piastra fermatubi. lati, che permettono un agevole passaggio e fissaggio dei
In caso di necessità, eliminare la prima guida DIN nella cavi. Sui supporti possono anche essere fissate apposite
parte inferiore per facilitare l'ingresso dei cavi. staffe, per il montaggio di dispositivi MyHome ed accessori
specifici come ad esempio il nuovo box multimediale
dedicato all'installazione di modem, router, ecc.

1 Installazione 2 Installazione
modulo base supporti portapparecchi

Supporto
portapparecchi
con guide DIN
h 60 cm

Fondo
modulo base

Supporto
portapparecchi
con guide DIN
h 30 cm

Rete per
muratura

88 MyHOME Linee guida progettuali


3. pannelli e cornici di finitura
che rispondono ad esigenze di carattere estetico e
funzionale. I pannelli sono disponibili con finitura bianca
(RAL 9003) e secondo le proprie esigenze estetiche
possono essere verniciati con colori a tempera.

3 installazione
finiture

Staffa per dispositivi


MyHome e
videocitofonia

Finitura
superiore

Pannello di
finitura h 30 cm

Pannello di finitura
per installazione
dispositivi MyHome
e videocitofonia
h 30 cm

Centralino per appa-


recchi DIN h 30 cm

Pannello di finitura
copriforo
h 90 cm

Box multimediale Finitura


Cornici laterali
da completare con inferiore
apposite graffette
F496/MF e
coperchio 3829

Linee guida progettuali MyHOME 89


www.professionisti.BTicino.it
PROGETTO PRELIMINARE E PREDISPOSIZIONE DEGLI IMPIANTI

MyHOME Flatwall
Altezze installative per ogni esigenza

La soluzione Flatwall 150, ideata appositamente per La soluzione Flatwall 240–270, grazie all’esclusivo sistema di
abitazioni di modeste dimensioni, consente di installare regolazione ed aggancio a scorrimento, consente di regolare
fino a 180 moduli DIN (capienza mediamente superiore al in cantiere l’altezza della colonna, adattandola all’altezza
numero di apparecchi utilizzati in un impianto domotico degli ambienti. Permette di installare fino a 288 moduli DIN
base). (capienza mediamente superiore al numero di apparecchi
utilizzati in un impianto domotico completo) centralizzando
così gli apparecchi in un unico punto della casa. Utilizzan-
do l'apposito accessorio è possibile utilizzare MyHOME
FLATWALL come colonna montante per i servizi condomi-
niali, o all’interno di appartamenti o ville su più piani.

Fondo da incasso da 150 cm Fondo da incasso regolabile da 240 o 270 cm


Max 252 moduli DIN

Max 288 moduli DIN

Max 180 moduli DIN


150 cm

270 cm

240 cm

56 cm

56 cm 56 cm

90 MyHOME Linee guida progettuali


I supporti portapparecchi

Sono disponibili tre tipi di supporti portapparecchi che Indipendentemente dalla soluzione MyHOME FLATWALL
offrono il vantaggio di poter essere cablati al banco e solo adottata, i pannelli di finitura vengono sempre fissati con
successivamente portati in cantiere per essere fissati al viti, sui supporti portapparecchi.
fondo metallico, già installato nella parete, con notevole Pertanto nell’assemblaggio di MyHOME FLATWALL è
semplificazione e risparmio di tempo per l’installatore. sempre indispensabile installare, per tutta l’altezza del
prodotto, i supporti portapparecchi.

72 moduli 36 moduli fissaggio cavi

3787 3788

3789

Altezza: 60 cm
„„ Altezza: 30 cm
„„ Altezza: 30 cm
„„
Capienza max: 72 moduli DIN
„„ Capienza max: 36 moduli DIN
„„ Asole per fissaggio cavi con fascette
„„
Guide DIN e canaline laterali per
„„ Guide DIN e canaline laterali per
„„ Fori per fissaggio separatore
„„
cablaggio* cablaggio* verticale (3804)
Da impiegare nelle soluzioni tipo
„„ Asole per fissaggio cavi con fascette
„„ Equipaggiabile con kit DIN e
„„
centralino e tipo quadro elettrico. Fori per staffe di installazione
„„ canaline (3790)
centrali di termoregolazione e Da impiegare sempre nella
„„
Nota: guide DIN e canaline PVC sono fisse e non
antifurto GSM non modulari soluzione tipo montante di
asportabili.
Da impiegare nelle soluzioni tipo
„„ piano o come piastra universale
centralino e tipo quadro elettrico per installazione libera nelle altre
Necessario per l'installazione del
„„ configurazioni.
box multimediale.

Nota: guide DIN e canaline PVC sono asportabili,


per la massima flessibilità di configurazione.

* Canaline laterali per cablaggio, dimensioni 60 x 60 mm, soggette alla normativa CEI-64-8 per il rispetto del coefficiente di stipamento del 50%.

Linee guida progettuali MyHOME 91


www.professionisti.BTicino.it
PROGETTO PRELIMINARE E PREDISPOSIZIONE DEGLI IMPIANTI

MyHOME Flatwall
Soluzioni installative

Le dimensioni contenute dei fondi da incasso, soli 8,5 cm essere equipaggiati al banco e successivamente installati
di spessore, permettono di installare MyHOME FLATWALL all’interno del fondo metallico già montato nel muro.
con la stessa modalità utilizzata per le porte a scomparsa. Per salvaguardarne l'integrità, le finiture estetiche possono
Il fondo metallico, se installato nella fase di costruzione essere installate una volta terminate le opere murarie.
del muro consente anche un risparmio di materiali di Nella pagina a fianco, una tipica installazione su parete in
costruzione. Gli appositi supporti portapparecchi possono muratura.

Pareti divisorie Pareti in cartongesso Muri Portanti

Nota: per l’installazione in muri portanti ricavare un vano della larghezza di circa 60 cm da pavimento a soffitto, per pareti divisorie o in cartongesso lasciare un’apertura
di circa 60 cm durante la costruzione della parete.

92 MyHOME Linee guida progettuali


Area destinata ai dispositivi
accessibili e in vista, per
interazioni
Ingresso laterale per tubi corrugati.

Box dedicato all'installazione di apparecchi multimediali (router, modem, ecc). Il cestello


metallico, installabile solo su supporto portapparecchi 36 moduli, è provvisto di prefratture
su tutti i lati così da consentire una gestione flessibile delle zone di passaggio cavi. A corredo
sono forniti 4 passacavi di gomma, importanti per garantire la protezione di cavi dati e cavi
di alimentazione. Nel caso l'installazione dei dispositivi multimediali richieda il passaggio di
un elevato numero di cavi, è disponibile l'apposito kit con 8 passacavi (3831) L'installazione
degli apparecchi si realizza tramite apposite graffette (F496/MF). *

Zanca per fissaggio a muro.


Area destinata ai dispositivi Area destinata ai
di protezione (stop&go, dispositivi MyHome
magnetotermici ecc.)

Piastra fermatubi
Per favorire l’ingresso dei cavi, MyHOME FLATWALL (per la versione da h 240 -270) è stata
progettata per consentire il passaggio di numerosi tubi corrugati, sia nei fianchi laterali,
attraverso asole con prefratture, sia nella parte inferiore, dove possono essere facilmente
fissati grazie alla presenza della piastra fermatubi. Questa operazione non è richiesta per la
Flatwall da h 150.

* La struttura metallica di Flatwall scherma il segnale wi-fi, quindi in fase di progettazione è necessario prevedere il collegamento di un'antenna esterna.
Linee guida progettuali MyHOME 93
www.professionisti.BTicino.it
PROGETTO PRELIMINARE E PREDISPOSIZIONE DEGLI IMPIANTI

Posizione del quadro elettrico

La posizione del quadro/i elettrico deve essere valutata in base alla tipologia dell’immobile. È opportuno accordarsi con
l’installatore per la definizione della posizione più idonea del quadro (se non già predisposto).

ambiente terziario Più di 3 locali piu’ servizi immobile a piÙ piani


Installare all’interno di un locale predisporre un unico quadro Predisporre un quadro principale
tecnico un quadro dedicato dove disposto in posizione baricentrica. posizionato in un locale tecnico
centralizzare tutti i dispositivi su I dispositivi DIN verranno in parte o sottoscala ed un quadro per
guida DIN. centralizzati nel quadro ed in parte ogni piano dislocato in posizione
distribuiti. baricentrica. I dispositivi DIN
Immobile ad un piano
verranno in parte centralizzati ed in
1,2 o 3 locali + servizi: predisporre un
parte distribuiti.
unico quadro disposto in posizione
baricentrica dove centralizzare tutti i
dispositivi DIN.

Ambiente terziario Immobile a più piani


Dispositivo ad
incasso
Quadro
elettrico
Quadro
elettrico
1 2 3 4
1 2 3 4

038 42

C1 C2

3 PIANO

Vano tecnico

Immobile ad un piano: 1, 2 o 3 locali più servizi 2 PIANO

Dispositivo
Quadro ad incasso
elettrico

1 PIANO

Vano
tecnico
Immobile ad un piano: più di 3 locali più servizi
Quadro Dispositivo 1
1
2
2
3 4
3 4

elettrico modularità DIN


1 2 3 4 038 42
1 2 3 4

038 42
C1 C2

C1 C2

Dispositivo
ad incasso

1 2 3 4
1 2 3 4

038 42

C1 C2
Dispositivo
ad incasso

94 MyHOME Linee guida progettuali


Posizionamento delle cassette di derivazione

La posizione e la quantità delle cassette di derivazione deve essere valutata in base alla tipologia dell’immobile. Prendiamo
ora in considerazione le seguenti tipologie abitative:

appartamento su 1 piano appartamento su più piani ambiente terziario


1, 2 o 3 locali + servizi: le cassette
„„ Predisporre una cassetta di Predisporre le cassette di derivazione
di derivazione sono minime derivazione sotto ogni quadro nel controsoffitto o sottopavimento.
e destinate alle giunzioni dei elettrico e predisporre cassette Tutti i dispositivi DIN sono
cavi. Tutti i dispositivi DIN sono distribuite per ospitare i dispositivi centralizzati.
centralizzati. DIN dell’impianto domotico.
più di 3 locali + servizi: le cassette
„„ I dispositivi DIN sono centralizzati e
di derivazione accolgono anche i distribuiti.
dispositivi DIN dedicati all’impianto In alternativa ove conveniente
domotico. I dispositivi DIN sono utilizzarla, prevedere l’installazione
Cassetta derivazione principale
centralizzati e distribuiti. di MyHOME FLATWALL dove
centralizzare tutti i dispositivi DIN.

30 cm
Nota: Per l’installazione delle cassette fare riferimento alla Guida CEI 64-50.
La Guida consiglia una altezza dal pavimento superiore a 17,5 cm. Consigliamo di posizionarle a circa 30cm.

Installazione: Inoltre, si consiglia di Non posizionare


Sulla base della planimetria con le cassette:
ipotesi di arredo, si consiglia di dietro mobili/armadi di grosse
„„
installare le cassette di derivazione: dimensioni;
in zone facilmente accessibili per
„„ dietro elettrodomestici da incasso;
„„
eventuali manutenzioni; in zone particolarmente visibili.
„„
Attuatori Cassetta
in locali di “passaggio” (es.
„„ elettrovalvole 1 2 3 4
1 2 3

C1 C2
4

ART.F430/2
1 2 3 4
1 2 3

C1 C2
4

ART.F430/2
1 2 3 4
1 2 3

C1 C2
4

ART.F430/2
1 2 3 4
1 2 3

C1 C2
4

ART.F430/2
di derivazione

disimpegni) o di saltuario utilizzo


(es. ripostigli);
nelle vicinanze del collettore
„„ Collettore
idraulico dell’impianto di idraulico

termoregolazione (vedi Elettrovalvole


illustrazione). di zona

Cassetta

Linee guida progettuali MyHOME 95


www.professionisti.BTicino.it
PREVENTIVAZIONE DELL'IMPIANTO

Preventivazione con Software YouProject

YouProject è un programma la progettazione e installazione


„„ la serie di informazioni generate
estremamente utile e versatile degli impianti (verifica da YouProject nel corso delle
realizzato per semplificare e assorbimento sistema, numero fasi previste per la realizzazione
velocizzare il dimensionamento di un modularità DIN e potenza dell’impianto:
sistema MyHOME. Esso permette: dissipata, mappa link fisici e RACCOLTA ESIGENZE
„„
la valorizzazione dell’offerta
„„ link logici per l’installazione, PROGETTO
„„
(descrizione generale e vantaggi, configurazione). INSTALLAZIONE.
„„
computo metrico, elenco Nel disegno sottostante si illustra
materiale);

1a FASE - RACCOLTA ESIGENZE Inserimento dati per definizione delle funzioni

2a FASE - PROGETTO
Report:
- Descrizione generale e vantaggi;
- Computo metrico;
- Elenco materiale; Preventivo
- Stima dei tempi;
- Verifica assorbimento sistema;
- Numero modularita’ DIN e potenza dissipata.
YouProject
3a FASE - INSTALLAZIONE

File XML

Servizi MyHome_Web

Portale MyHOME

96 MyHOME Linee guida progettuali


Per l'attivazione del servizio che permette di creare in pochi di impostare le configurazioni dei
MyHOME_Web, in alternativa passi il file .xml di attivazione del dispositivi dell'impianto, generando
alla modalità descritta nella portale MyHome. Lo strumento, oltre al file .xml, anche un file Excell
pagina precedente è possibile disponibile direttamente alla home da poter conservare e lasciare al
utilizzare il nuovo strumento page dell'area professionisti del Cliente come "carta d'identità"
MyHOME_WebConfig, un wizar portale MyHOME_Web, permette dell'impianto realizzato.

INSTALLAZIONE
MyHOME_Web Config

File XML

Servizi MyHome_Web

Portale MyHOME

Linee guida progettuali MyHOME 97


www.professionisti.BTicino.it
CONFIGURAZIONE DEI DISPOSITIVI

Generalità

In base alla tipologia dei prodotti,


questa operazione può essere
effettuata in due modalità differenti:
Configurazione fisica:
„„
inserendo in apposite sedi di
ogni dispositivo dei particolari
componenti ad innesto (3501/...)
denominati configuratori,
differenziati per numero, lettera, Configurazione fisica di un dispositivo da incasso
colore o grafismo.
Configurazione virtuale: utilizzando
„„
un PC, dotato di software
MyHOME_Suite, connesso
all’impianto mediante un Web
Server art. F454 o il kit 3504.

Web Server
Configurazione virtuale

Cavo Ethernet
BUS

automazione diffusione sonora antifurto termoregolazione videocitofonia

Cavo Ethernet

PC con programma
MyHOME_Suite kit art. 3504

TV/SAT
Connettore per
Connettore BUS alimentazione

98 MyHOME Linee guida progettuali automazione diffusione sonora automazione


antifurto diffusione sonora
termoregolazione antifurto
videocitofonia termoregolazio
controllo
MyHOME_Suite

MyHOME_Suite è l'applicativo quali Web Server, Programmatore configurazione fisica e di estendere i


che consente di semplificare scenari, MyHOME_Screen 10, limiti di indirizzamento.
notevolmente le operazioni di MyHOME_Screen 3,5, posti interni Grazie alla funzione di notifica
configurazione dei dispositivi degli videocitofonici ecc. integrata, l’utente sarà avvisato ogni
impianti Automazione, Gestione MyHOME_Suite si rivela qualvolta sarà disponibile
energia e Termoregolazione. particolarmente utile anche nel una nuova versione; la procedura
Oltre alla configurazione dei singoli caso di ampliamento o modifica di aggiornamento si avvierà in
dispositivi predisposti per questa di impianti esistenti, in quanto automatico.
modalità, MyHOME_Suite è in grado può effettuare la mappatura della Il software dispone anche di una
di gestire in modo integrato anche configurazione dei dispositivi per guida integrata che ne facilita
i software di programmazione poi effettuarne la modifica; inoltre, l'utilizzo e può essere facilmente
(TiDisplay, TiMH200N ......) per la è in grado di configurare funzioni reperito gratuitamente dal sito
configurazione dispositivi evoluti evolute non configurabili con la www.homesystems-legrandgroup.com.

Icona Icona consultazione Indirizzo IP del Web Server e


aggiornamenti guida d'uso integrata visualizzazione stato connessione
on-line nel programma

Elenco articoli Area di lavoro per la raccolta dei Selezione dei parametri per configurare l'indirizzo
configurabili dispositivi d'impianto da configurare e la modalità di funzionamento

Linee guida progettuali MyHOME 99


www.professionisti.BTicino.it
CONFIGURAZIONE DEI DISPOSITIVI

MyHOME_Suite
COLLEGAMENTO DELL'IMPIANTO AL PC PER LA CONFIGURAZIONE

Si illustrano alcuni esempi di Il collegamento può avvenire


collegamento tra il PC e l’impianto da anche senza il kit configurazione
configurare attraverso il kit 3504. se nell’impianto è presente il Web
Server F454.
TV/SAT TV/SAT
IPTV IPTV
Impianto Automazione/termoregolazione con KIT 3504

centrale
termoregolazione

e diffusione sonora automazione


antifurto diffusione sonora
termoregolazione antifurto
videocitofonia termoregolazione
controllo videocitofonia
lan controllo
controllo carichi lan
energia controllo
lucicarichi energia
tvcc luci
www

comando comando comando sonda con


tapparella dimmer tapparella CLEAR
OK
selettore
1 2 3
ON ABC DEF

4 5 6
alimentatore GHI

7
PQRS
JKL

8
YUV
MNO

9
WXVZ

OFF
0

dimmer DIN attuatore DIN attuatore DIN

attuatore L
1 2 3 4 1 2 3 4
T5H 250V

incasso
ART. F411/2 ART. F411/2
0245 06

C1 C2 C1 C2

F414
230V~ 50Hz 60 1000VA
¤

A PL M G

Kit 3504
PC

ETHERNET

SCS AI SCS AV

ETHERNET

WiFi
BUS
PC
cavo ethernet
incrociato SCS AI SCS AV

230 Vac

Connettore BUS
Web Server
ETHERNET

F454

Connettore per
alimentazione
SCS AI SCS AV

Impiego di un dispossitivo Gateway in alternativa al kit 3504

100 MyHOME Linee guida progettuali


impianti integrati
Configurazione dei dispositivi di tutti gli Web Server al Montante principale. funzionamento in modalità “espansione logica”,
impianti appartenenti sia al Bus locale Avvertenza: tenere presente che per effettuare la inserendo il configuratore N° 2 nella posizione M
che al Montante principale. Questo configurazione di tutti i dispositivi dell’impianto è e configurando l’indirizzo della posizione I4 con
può essere fatto collegando il Kit o il necessario configurare le interfacce F422 per il configuratori da 1 a 9.

BUS locale

Impianto Automazione N° 1 Montante PC per


principale configurazione
cavo ethernet dei dispositivi
OUT
incrociato dell’impianto
Interfaccia
OUT

ART.F422

F422

BUS locale
IN
Impianto Automazione N° 2 ETHERNET

Web Server
OUT F454
Interfaccia
OUT

ART.F422

F422
SCS AI SCS AV

IN

Se invece il kit di configurazione o configurare solo i dispositivi deve essere scollegato dal montante
il Web Server è collegato ad uno appartenenti a quell’impianto. In rimuovendo la connessione alla
dei due Bus locali, sarà possibile questo caso l’impianto da configurare relativa interfaccia F422.

BUS locale
Impianto Automazione N° 1
Montante
principale
cavo ethernet incrociato OUT
BUS locale OUT

Interfaccia
ART.F422

Impianto Automazione N° 2 F422


PC per configurazione dei
dispositivi dell’ impianto N°2 IN
cavo
scollegato
ETHERNET

OUT
Web Server OUT

Interfaccia
ART.F422

F454
F422

SCS AI SCS AV
IN
Cavo BUS

Linee guida progettuali MyHOME 101


www.professionisti.BTicino.it
102 MyHOME Luci e automazioni
INDICE
MyHOME – Luci e automazioni
Caratteristiche generali. . . . . . . . . . . . . . . . . . 104
Configurazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 122
Norme generali di installazione . . . . . . . . . . . . 138
Schemi di collegamento. . . . . . . . . . . . . . . . . 159

Luci e automazioni MyHOME 103


www.professionisti.BTicino.it
Caratteristiche generali

Introduzione all’impianto Luci e Automazione tapparelle


L’impianto MyHOME Comandi, connessi solo al cavo BUS;
„„ Scegliendo e configurando
Automazione, permette di gestire Attuatori, connessi al cavo BUS
„„ opportunamente i dispositivi è
contemporaneamente ed in modo e alla linea energia 230 Vac per possibile realizzare le seguenti
integrato, funzioni fino ad oggi la gestione del rispettivo carico funzioni:
realizzate da impianti elettrici distinti connesso.
e complessi quali: Nel caso si desideri espandere GESTIONE DELL’ILLUMINAZIONE
La gestione dell’illuminazione
„„ un impianto pre-esistente senza Lampade tradizionali ad
Il comando di serrande e/o tende
„„ eseguire opere di muratura, incandescenza, a LED, fluorescenti ed
elettriche. l’impianto può essere espanso con alogene possono essere facilmente
Nell’impianto sono presenti due interfacce filare/radio e dispositivi di gestite con modalità ON/OFF e
tipologie di dispositivi: comando radio ZigBee. DIMMER per sposare esigenze di
confort e risparmio energetico.

Impianto filare

Interfaccia Comando Comando a sfioramento


contatti basic generale Comando 8 tasti (SOFT TOUCH)

Dispositivo
tradizionale

Alimentatore

230 Vac
TV/SAT IPTV TV/SAT
Attuatore Attuatore dimmer Comando
modulo DIN modulo DIN attuatore tapparelle

TV/SAT automazione diffusione sonora


IPTV
antifurto termoregolazione videocitofonia controllo lan controllo carichi energia automazione
luci diffusione
tvcc
sonora antifurto
www termoregolazione
irrigazione videocitofonia controllo

automazione diffusione sonora antifurto termoregolazione videocitofonia controllo lan controllo carichi energia luci tvcc www irrigazione

Tapparelle Luci Tapparelle

I dispositivi del sistema MyHOME Automazione hanno ottenuto la certificazione IMQ in quanto rispondenti alla norma di prodotto CEI EN 50428 “apparecchi di comando
non automatici per installazione elettrica fissa per uso domestico e similare”.

104 MyHOME Luci e automazioni


AUTOMAZIONE DI TAPPARELLE, SCENARI LUCI E AUTOMAZIONI situazioni di confort rispondenti allo
TENDE E DISPOSITIVI VARI L’impianto può essere configurato stile di vita dell’utente. L’ambiente
È possibile gestire anche la per eseguire una serie di operazioni potrà essere predisposto anche
movimentazione di tapparelle, tende, simultanee agendo su un singolo con un sottofondo musicale e
porte e altri dispositivi motorizzati. dispositivo di comando oppure sul con la temperatura desiderata se
Oltre alle modalità SU/GIU (o APRI/ menù di un Touch Screen. l’impianto è integrato con gli impianti
CHIUDI) di tipo monostabile o Questa funzione viene normalmente Termoregolazione e Diffusione
bistabile, si può memorizzare e definita “scenario”. Ad esempio si sonora.
richiamare una desiderata posizione potranno attivare simultaneamente Le soluzioni realizzabili in questo
del carico controllato (funzione Preset) alcune luci di un ambiente con campo sono svariate.
agendo direttamente sull’attuatore, su diversi livelli di luminosità e l’apertura
un Touch screen ecc.. di alcune tapparelle per creare

Interfacce radio/filare Impianto radio

Interfaccia Comando
Comando locale Touch Screen radio SCS/ZigBee radio

Telecomando radio

Attuatore TV/SAT IPTV


basic

automazione diffusione sonora antifurto termoregolazione videocitofonia controllo lan controllo carichi energia luci tvcc www irrigazione
IPTV

Comando/
n controllo carichi energia luci tvcc
attuatore
www irrigazione

tapparella

Luci Tapparelle

Luci e automazioni MyHOME 105


www.professionisti.BTicino.it
Caratteristiche generali

Dispositivi di comando
Gli apparecchi di comando DISPOSITIVI DA COMPLETARE
permettono di controllare lo stato CON COPRITASTO PER
degli attuatori, eseguendo funzioni GESTIONE LUCI, AUTOMAZIONE
differenti: ON, OFF, Dimmer, SU/ TAPPARELLE E SCENARI
GIÙ temporizzazione etc. dipendenti Questi dispositivi si completano con
dalla modalità di funzionamento loro tasti e copritasti di due tipologie:
assegnata tramite una opportuna A 1 funzione, ad uno o due moduli
„„
configurazione. da abbinare al tasto di comando di
Tutti i dispositivi sono dotati di colore grigio;
indicazione luminosa che segnala lo A 2 funzioni, ad uno o due moduli
„„
stato del carico (attivo o disattivo) e da abbinare al tasto di comando di
ne facilita l’individuazione al buio. colore nero.
L’intensità dei led di segnalazione si
può regolare/escludere.

Pulsante superiore
Pulsante inferiore

Indicatore luminoso

Tasto comando Tasto comando Tasto comando

Copritasto Copritasto Copritasto Copritasto


1 funzione 2 funzioni 1 funzione 2 funzioni
1 modulo 1 modulo 2 moduli 2 moduli

Il comando con il copritasto singolo è assimilabile ad un Il comando con il copritasto doppio (basculante) è invece assimilabile ad un contatto tradizionale in scambio.
contatto in chiusura tradizionale (pulsante o interruttore). NOTA: i tasti di comando sono forniti a corredo con il dispositivo.

106 MyHOME Luci e automazioni


Alcuni esempi di dispositivi di
comando completi di copritasti.

Comando generale luci e tapparelle

Comando tapparelle con copritasto 2 moduli

Comando per tapparelle e luce dimmerizzata

COMANDI SPECIFICI PER


GESTIONE EVOLUTA DELLE
TAPPARELLE
Utilizzando appositi dispositivi art.
H/LN4660M2, art. AM5860M2 con
attuatori modulo DIN F401 e ad
incasso H/LN4661M2, AM5861M2, è
possibile gestire tapparelle dotate di
motore standard o ad impulsi, con
funzioni evolute.
Oltre alle modalità di funzionamento
SU/GIÙ monostabile e bistabile, il
comando permette, previa pressione
del pulsante STOP a tapparella ferma,
di predisporla in una posizione
specifica (Preset) memorizzata
nell’attuatore.
È comunque possibile impostare
una nuova posizione a seconda delle
Preset
esigenze dell’utilizzatore.

Luci e automazioni MyHOME 107


www.professionisti.BTicino.it
Caratteristiche generali

Dispositivi di comando per la gestione delle luci


Oltre ai dispositivi di comando
personalizzabili con copritasti è
possibile scegliere dispositivi di
comando con diverse modalità
di azionamento. Comando Soft Touch 2 moduli

COMANDI A SFIORAMENTO A 2
O 3 MODULI
Questo dispositivo è in grado di
inviare comandi di attuazione
e regolazione per funzioni di
illuminazione (ON/OFF, Dimmer,
temporizzazioni ecc.), diffusione
sonora e videocitofonia
semplicemente sfiorando la
superficie del comando.

SENSORI DI PRESENZA E
ILLUMINAMENTO (*)
Utilizzando sensori di luminosità e impostabili da configurazione utilizzatori mediante l’accensione
movimento/presenza è permettono all’utente di ottenere automatica della luce nel
possibile gestire, in un impianto diversi livelli di efficienza momento in cui si accede ad
MyHome, l’illuminazione in funzione energetica. un locale e il mantenimento del
della presenza di persone e della confort e benessere
„„ livello di illuminamento desiderato
quantità di luce naturale rispettando I nuovi sensori consentono di in funzione delle condizioni
i requisiti della classe di efficienza incrementare il comfort degli ambientali esterne.
energetica più elevata per gli edifici,
previsti dalla Norma Europea EN
15232.
Ciò assicura due vantaggi:
maggior efficienza energetica
„„
riducendo lo spreco di energia
attraverso una gestione
intelligente dei corpi illuminanti:
si avrà così la luce necessaria al
momento giusto e nell’ambiente
dove è richiesta. Le diverse Sensore di movimento ad infrarossi
modalità di funzionamento

NOTA (*): per la scelta e l’installazione i questi prodotti vedere capitolo specifico “Norme Sensore IR passivi con rilevazione del
generali di installazione - sensori di luminosità/movimento/presenza” movimento e del livello di illuminamento

108 MyHOME Luci e automazioni


Dispositivi di comando per la gestione delle luci
e automazioni (tapparelle, tende ecc.)
COMANDO MULTIFUNZIONE
8 TASTI
Dotato di 8 tasti con rispettive icone
retroilluminate indicanti le
funzioni assegnate, questo
particolare dispositivo di comando è
in grado di comandare funzioni di Comando 8 tasti
illuminazione, automazione
tapparelle, diffusione sonora, scenari
e funzioni videocitofoniche.

Comando 3 moduli Nighter COMANDI CON SENSORI


CAPACITIVI
Dispositivi con pulsanti costituiti da
sensori capacitivi.
Ogni zona corrispondente ad un
Comando 4 moduli Whice tasto è contrassegnata al
centro da un LED illuminato che
aumenta di intensità luminosa
quando l’utente vi appoggia il dito
per azionare il comando.
Dal punto di vista delle funzioni
gestibili, questo comando è
equiparabile al dispositivo di
comando con sensori capacitivi
sopradescritto. È prodotto nelle
versioni a 3 e 4 moduli da incasso,

TELECOMANDO E RICEVITORE rispettivamente a 6 e 8 tasti.

ALL’INFRAROSSO
Il ricevitore permette di aggiungere o
Ricevitore IR
sostituire al comando manuale,
il comando a distanza tramite il
telecomando a raggi infrarossi.
Ai pulsanti del telecomando è
possibile associare comandi destinati
ad attuatori per illuminazione e per Telecomando IR

l’automazione di tapparelle,
tende ecc.
È inoltre possibile gestire scenari ed
agire sui sistemi di diffusione
sonora e videocitofonia.

Luci e automazioni MyHOME 109


www.professionisti.BTicino.it
Caratteristiche generali

Dispositivi di comando
LUCI E AUTOMAZIONI
TAPPARELLE
I dispositivi di comando illustrati nelle tutte le singole attivazioni che I dispositivi citati sono i seguenti:
pagine precedenti possono essere costituiscono la situazione ambientale Modulo scenari F420 a due moduli
„„
configurati per attivare, per esempio di confort da replicare. DIN per la memorizzazione di 16
con la sola pressione di un pulsante, Un esempio di scenario è l’attivazione scenari.
più utenze contemporaneamente. di alcune luci ad un determinato Programmatore scenari MH202
„„
Questa funzione, definita “scenario” livello di luminosità e dal per la creazione e gestione di
viene svolta in abbinamento posizionamento di alcune tapparelle scenari evoluti, dipendenti anche
all’impiego di particolari dispositivi in per vedere la TV o leggere un libro, da eventi temporali, stato degli
grado di memorizzare o programmare secondo lo stile di vita dell’utente. impianti e altro.

MyHOME_Screen 10
automazione diffusione sonora antifurto

Programmatori scenari MH202

Sensore illuminamento/movimento

TV/SAT
MyHOME_Screen 3,5

automazione diffusione sonora antifurto termoregolazione videocitofonia controllo

Comando Nighter e Whice

110 MyHOME Luci e automazioni


Oltre alle funzioni luci e tapparelle,
entrambi i dispositivi possono gestire
applicazioni di diffusione sonora,
termoregolazione e videocitofonia.

TV/SAT IPTV Comando speciale


Comando 8 tasti

automazione diffusione sonora antifurto termoregolazione videocitofonia controllo lan controllo carichi energia luci tvcc w

Video Display

Modulo scenari F420

Comando Soft Touch

IPTV
Local display

Comando scenari protetto con transponder (*)


controllo carichi energia luci tvcc www irrigazione

Comando scenari

NOTA (*): attualmente questi dispositivi non possono attivare scenari gestiti dal programmatore scenari MH202.

Luci e automazioni MyHOME 111


www.professionisti.BTicino.it
Caratteristiche generali

Dispositivi di comando

scelta del comando in base alla funzione da gestire


COMANDO BASE COMANDO SPECIALE COMANDO COMANDO TELECOMANDO
SOFT TOUCH 8 tasti

HD4653M2/3 H/LN4652
H4652/2 H4651M2
HC4653/2/3
FUNZIONI SVOLTE L4652/2 L4651M2
HS4653/2/3
AM5832/2 AM5831M2 3529
H4652/3 HD4654
L4652/3 HC4654
AM5832/3 HS4654
L/N/NT4654N
88232

ON /OFF ciclico
Comando ON/OFF con
controllo intensità
ILLUMINAZIONE luminosa
Comandi generali,
d’ambiente, di gruppo

Comandi temporizzati
Comando tapparelle
SU/GIÙ in modalità
normale
AUTOMAZIONE
SU/GIÙ in modalità sicura
Comandi generali,
d’ambiente, di gruppo
Richiamo scenari
memorizzati nel modulo
scenari F420
GESTIONE
SCENARI Attivazione scenari
memorizzati nel
programmatore scenari
MH200N (configuratore CEN)

112 MyHOME Luci e automazioni


SENSORE DI LUMINOSITÀ TASCA LETTORE COMANDO CAPACITIVO COMANDO SCENARI
E MOVIMENTO/PRESENZA PORTABADGE TRANSPONDER NIGHTER E WHICE

HC/HD/HS4658 H4648 HD4607 HD4680


HC/HD/HS4659 H4649 HC4607 HC4680
HS4607 HD4657M3/4 HS4680
L/N/NT4658 LN4648
L/N/NT4607 HC4657M3/4 L4680
L/N/NT4659 LN4649 HS4657M3/4 N4680
BMSE3001
BMSE3003 NT4680
048834

Luci e automazioni MyHOME 113


www.professionisti.BTicino.it
Caratteristiche generali

Dispositivi attuatori
GENERALITÀ collegati al cavo BUS tramite In base alle caratteristiche installative
Eseguendo i comandi a loro i morsetti estraibili, devono essere si possono suddividere in:
indirizzati questi dispositivi connessi alla linea 230 Vac di attuatori a due moduli da incasso da
„„
controllano il carico connesso, in alimentazione del carico. completare con copritasti;
maniera analoga ad un relè di tipo Esistono diverse tipologie di attuatori attuatori in modularità Basic
„„
elettromeccanico. che differiscono per tipologia caratterizzati da dimensioni
Per questo motivo, oltre ad essere di carico, potenza controllata e forma. estremamente compatte: larghezza
= 40,5 mm, altezza = 40,5 mm,
profondità = 18 mm per scatole di
Pulsante superiore
derivazione e retrofrutto;
Pulsante inferiore
attuatori modulo DIN per centralini.
„„
Indicatore luminoso

Tasto comando

Tasto comando

Copritasto Copritasto
1 funzione 2 funzioni
2 moduli 2 moduli
Copritasto Copritasto «comando»
«attuatore» attuatore remoto
gestione luci

Esempio di installazione Attuatore DIN


in scatola ad incasso per l’installazione in centralini

Attuatori Basic affiancati


Scatola Morsetti di
connessione
del carico

Pulsante di
comando del
carico

Sede configuratori

Ingresso
dispositivi
BUS BUS tradizionali Supporto

114 MyHOME Luci e automazioni


Dispositivi attuatori - il controllo dell’illuminazione
La gamma di attuatori presenti nel incandescenti;
„„
catalogo MyHOME permette alimentati con trasformatori
„„
di soddisfare qualsiasi esigenza ferromagnetici o elettronici;
progettuale. ballast 1÷10V DALI.
„„
A prescindere dalle forme costruttive art. dimmer F418
e caratteristiche installative,
è possibile scegliere dispositivi per
accensione in modalità ON/OFF
oppure graduale (dimmerizzata)
attuatore ON/OFF modulo Basic
di corpi illuminanti con potenze art. 3475
comprese tra 40 ÷ 2300 W del tipo:
LED;
„„
fluorescenti;
„„
alogeni;
„„

ATTUATORI ON/OFF E DIMMER


CON ALIMENTAZIONE DI RETE
Questi dispositivi, grazie A catalogo sono disponibili:
all’alimentazione di rete, possono
controllare il carico anche in attuatori ON/OFF nelle versioni a
„„ lampade a risparmio energetico
mancanza di tensione dal BUS 2, 4 e 8 relè con contatti da 16A e quali lampade fluorescenti
agendo sui tasti presenti sul uscite indipendenti e caratterizzati compatte e lampade a LED;
dispositivo stesso. dall’alimentazione con modalità dimmer con uscita 1÷10V per
„„
Inoltre, assorbendo bassissime “zero crossing”; particolarmente ballast elettronici o alimentatori
correnti dal BUS, è possibile adatti alla gestione delle nuove driver con potenze fino a 1000VA.
impiegare diversi attuatori
nell’impianto senza influire art. BMDI1001

sensibilmente sul numero massimo di


art. BMSW1001
dispositivi installabili nell’impianto.

art. BMSW1003

Luci e automazioni MyHOME 115


www.professionisti.BTicino.it
Caratteristiche generali

Dispositivi attuatori - il controllo dell’illuminazione


dimmer “universale” a 1 e 2 uscite
„„
per il controllo di lampade LED,
CFL e qualsiasi altro tipo di carico
con potenze fino a 300W.

L
N

art. F418U2
T1,6H 250V

ID

230V
C16

Connessione elettrica del Dimmer art. F418


alla rete elettrica e al carico da controlare

art. F417U2

ATTUATORI GESTIONE ENERGIA


Alcuni dispositivi della gamma Attuatore da incasso: Attuatori DIN:
Gestione Energia si prestano Realizzato per essere installato in Due dispositivi attuatori con relè NO
all’impiego anche per il controllo supporti da incasso delle serie in grado di svolgere funzioni sia di
di punti luce con assorbimento civili, questo dispositivo ha gestione energia che di automazio-
massimo di 16A. prestazioni equivalenti all’attuatore ne; uno in versione base art. F523
art. F523 ma non è dotato di funzione e uno provvisto con un sensore di
La gamma si compone di: “alimentazione zero crossing”. corrente integrato art. F522 per la
misura dei consumi del carico con-
trollato (consumo instantaneo e 2
totalizzatori di energia resettabili in
modo indipendente).
Attuatore da incasso
serie Axolute Configurati in modalità “automazione”
(il relè si predispone nello stato NC)
questi attuatori consentono di svolge-
re tutte le modalità operative dispo-
nibili sui dispositivi di comando ad
eccezione della gestione tapparelle.
Grazie all’alimentazione del carico
in modalità “zero crossing” questi
dispositivi sono compatibili con le
Attuatore
art. F522 nuove lampade a risparmio energeti-
co (Fluorescenti compatte e LED).

116 MyHOME Luci e automazioni


Dispositivi attuatori per automazioni tapparelle, tende.
Il controllo di motorizzazioni di attuatori a 2 e 4 relè previsti
„„
tapparelle e/o tende può essere per il controllo ON/OFF
effettuato utilizzando: dell’illuminazione e appositamente
configurati in modalità
“interblocco” per il funzionamento
a coppie dei relè.
N

L1
M L2
L

Attuatore F411U2 M = motore in AC


con 2 avvolgimenti
L1-N = rotazione oraria
L2-N = rotazione antioraria
Attuatore a 2 relè art. attuatore a 4 relè art.
F411U2 F411/4

Connessione dell’ attuatore a 2 relè art. F411U2 per il


controllo di una tenda con motore elettrico 230V a.c.

attuatore con 2 relè interbloccati


„„ Funzione di Preset:
specifico per il controllo di Oltre alle modalità di funzionamento
motori standard con calibrazione SU/GIU’ Monostabile e Bistabile,
MQ01016-a-IT 27/04/2015
automatica, standard con il dispositivo consente, previa
calibrazione manuale e motori ad pressione del pulsante STOP, di
impulsi. predisporre la tapparella in una
Attuatore da incasso Pulsante Sù
Impiegato in abbinamento ai posizione specifica (Preset). Durante
dispositivi di comando specifici il funzionamento in questo stato, si
per la gestione delle tapparelle, il accenderà il LED Preset.
dispositivo consente di realizzare L’attuatore viene fornito con 9
funzioni evolute quali la gestione di posizioni prestabilite, selezionabili
100 posizioni differenti, la gestione mediante configurazione; oltre a
del 3° fine corsa (regolazione queste, a seconda delle esigenze
posizione lamelle) e la possibilità di dell’utente, è comunque possibile
pre-impostare una posizione della impostare una nuova posizione
tapparella (Preset). mediante configurazione. La funzione Pulsante
STOP Pulsante GIù
Se impiegato con altri dispositivi Preset può essere gestita
di comando generici, svolgeranno anche con il Modulo scenari.
solo le funzioni base (SU e GIU’). L’attuatore è disponibile anche nella
Disponibile nella versione ad versione modulare DIN.
incasso da completare con coprtasti
e in modularità DIN 2 moduli.

Luci e automazioni MyHOME 117


www.professionisti.BTicino.it
Caratteristiche generali

Dispositivi attuatori: scelta degli attuatori


La tabella permette di individuare il dispositivo attuatore in base alla destinazione di impiego ed alle caratteristiche elettriche
del carico da comandare.
Avvertenza: Salvo indicazioni specifiche del Foglio Istruzione, inserire una protezione magnetotermica da 10 A sulla linea che porta potenza agli attuatori.

carichi pilotabili (230 Va.c. 50/60 Hz)


Attuatori Tipologia

Lampade ad incandescenza Lampade a LED Lampade fluorescenti Lampade fluorescenti Trasformatori Trasformatori ferromag- Motoriduttori per tap-
e alogene lineari 1) compatte elettronici 3) netici 2) 3) parelle 4)
a risp.energetico
H/L4671M2 2A 70 W 0,3 A 70 W 0,3 A 2 A cosφ 0,5 2A
AM5851M2 460 W Max 2 lampade 70 W Max 2 lampade 70 W 460 VA 460 W

H/L4671/1 6A 150 W 0,65 A 150 W 0,65 A 2 A cosφ 0,5 -


AM5851/1 1380 W Max 3 lampade 150 W Max 3 lampade 150 W 460 VA -

H/L4678 0,25 - 1,30 A - - - - 0,25 - 1,30 A -


60 - 300 W - - - - 60 - 300 VA -

3475 2A 40 W - 40 W - 2 A cosφ 0,5 -


3476 460 W Max 1 lampada - Max 1 lampada - 460 VA -

H/L4661M2 - - - - - - 2 A 250 Va.c.


AM5861M2
F401
F411U1 10 A 500 W 4A 500 W 4A 4 A cosφ 0,5 -
2300 W Max 10 lampade 920 W Max 10 lampade 920 W 920 VA -

F411U2 10 A 250 W 4A 250 W 4A 4 A cosφ 0,5 2A


1380 W Max 4 lampade 230 W Max 4 lampade 230 W 460 VA 460 W

F411/4 2A 70 W 0,3 A 70 W 0,3 A 2 A cosφ 0,5 2A


460 W Max 2 lampade 70 W Max 2 lampade 70 W 460 VA 460 W

F411/1NC 10 A 500 W 4A 500 W 4A 4 A cosφ 0,5 -


2300 W Max 10 lampade 920 W Max 10 lampade 920 W 920 VA -

BMSW1002 16 A 2,1 A 10 X (2 X 36 W) 1150 W 16 A 16 A -


3680 W 500 VA 4,3 A 5A 3680 W 3680 W -

BMSW1003 16 A 2,1 A 10 X (2 X 36 W) 1150 W 16 A 16 A -


3680 W 500 VA 4,3 A 5A 3680 W 3680 W -

BMSW1005 16 A 2,1 A 4,3 A 5A 16 A 16 A -


3680 W 500 VA 10X2X36 W 1150 VA 3680 W 3680 W -

Note:
1) Lampade fluorescenti rifasate, lampade a scarica.
2) È necessario tener conto del rendimento del trasformatore per calcolare la potenza effettiva del carico connesso all’attuatore. Ad esempio se si collega un dimmer ad un trasformatore
ferromagnetico da 100 VA con rendimento di 0.8, la potenza effettiva del carico sarà di 125 VA.
3) Il trasformatore deve essere caricato alla sua potenza nominale e comunque mai al di sotto del 90% di tale potenza. E’ preferibile utilizzare un unico trasformatore piuttosto che più
trasformatori in parallelo.
Ad esempio è preferibile utilizzare un unico trasformatore da 250 VA con collegati 5 faretti da 50 W piuttosto che utilizzare 5 trasformatori da 50 VA in parallelo ognuno con un faretto da 50 W.
4) Il simbolo riportato sugli attuatori fa riferimento a motoriduttori per tapparelle.

118 MyHOME Luci e automazioni


carichi pilotabili (230 Va.c. 50/60 Hz)
Attuatori Tipologia

Lampade ad incandescenza Lampade a LED Lampade fluorescenti Lampade fluorescenti Trasformatori Trasformatori ferromag- Motoriduttori per tap-
e alogene a risp. energetico lineari 1) compatte elettronici 3) netici 2) 3) parelle 4)
BMDI1001 4,3 A - 4,3 A 4,3 A - - -
1000 VA - 1000 VA 1000 VA - - -
BMDI1002 Dimmer per ballast - 4 uscite da 4,3 A
4x 1000VA@ 230 Vac
4x500VA@ 230 Vac

F413N - - 2 A 460 W 5) - - - -
- - Max 10 ballast tipo T5, T8, - - - -
compatte o driver per LED

F414 0,25 - 4,3 A - - - - 0,25 - 4,3 A -


60 - 1000 VA - - - - 60 - 1000 VA -

F416U1 4,3 A - - - 4,3 A 4,3 A -


40 - 1000 W - - - 40 - 1000 W 40 - 1000 W -

F417U2 1,7 A - - - 1,7 A 1,7 A -


40 - 400 W - - - 40 - 400 W 40 - 400 W -

F418 1÷300 W 1÷300 VA - 1÷300 VA 1÷300 VA - -

F418U2 2x300 W 2x300 VA - 2x300 VA 2x300 VA 2x300 VA -

F429 SCS/DALI interfaccia dimmer - 8 x16 ballast

Note:
1) Lampade fluorescenti rifasate, lampade a scarica.
2) È necessario tener conto del rendimento del trasformatore per calcolare la potenza effettiva del carico connesso all’attuatore. Ad esempio se si collega un dimmer ad un trasformatore
ferromagnetico da 100 VA con rendimento di 0.8, la potenza effettiva del carico sarà di 125 VA.
3) Il trasformatore deve essere caricato alla sua potenza nominale e comunque mai al di sotto del 90% di tale potenza. E’ preferibile utilizzare un unico trasformatore piuttosto che più
trasformatori in parallelo.
Ad esempio è preferibile utilizzare un unico trasformatore da 250 VA con collegati 5 faretti da 50 W piuttosto che utilizzare 5 trasformatori da 50 VA in parallelo ognuno con un faretto da 50 W.
4) Il simbolo riportato sugli attuatori fa riferimento a motoriduttori per tapparelle. 5) Compatibile solo con lampade previste di Ballast 1/10 V.

Luci e automazioni MyHOME 119


www.professionisti.BTicino.it
Caratteristiche generali

Interfacce
Tramite questi dispositivi si possono dietro ai frutti tradizionali (es:
connettere al BUS apparecchiature interruttore, pulsante) o a frutti
tradizionali quali interruttori e elettronici di tipo ribassato (es:
pulsanti allargando l’impiego del BUS comandi, sensori) presenti in una
ad impianti tradizionali già esistenti. scatola 503E.
Si possono anche interfacciare Questa soluzione installativa
termostati, apparecchi di comando, semplifica la conversione di
sensori di umidità, sensori eolici etc. impianti elettrici tradizionali
Disponibili in due versioni: in impianti domotici, poichè si
modulo DIN per installazioni in
„„ possono mantenere le scatole da
centralini; incasso esistenti senza realizzare
modulo Basic caratterizzato da
„„ opere murarie.
ingombro ridotto per installazione

Interfaccia contatti
in modulo DIN

Interfaccia contatti
in modulo basic

Apparecchi esterni Interruttore di prestigio


(recupero storico)

120 MyHOME Luci e automazioni


Estensione impianto a BUS con dispositivi radio ZigBee
L’impianto descritto nelle pagine da una particolare interfaccia. FUNZIONI REALIZZABILI
precedenti può essere in qualsiasi Questa soluzione può anche essere Automazione serrande e tapparelle;
„„
momento ampliato estendendo vantaggiosamente attuata in Illuminazione;
„„
il cablaggio e aggiungendo nuovi ambienti di nuova realizzazione. Gestione scenari.
„„
dispositivi. Per esempio, in uffici con pareti
Non sempre però questa operazione mobili e con attuatori a BUS nel
è di facile attuabilità; spesso in controsoffitto, i comandi radio si
ambienti quali edifici storici e/o utilizzano quali punti luce flessibili
di pregio si deve intervenire e facilmente ricollocabili in caso di
pesantemente alla struttura muraria. modifica della disposizione degli
Questi problemi sono facilmente uffici o degli arredi.
risolvibili utilizzando comandi radio Per maggiori informazioni e la scelta
dell’offerta Casa connessa - luci e dei dispositivi di comando consultare
automazioni, alimentati a batteria e la specifica documentazione tecnica
indipendenti dal cablaggio “Casa connessa - luci e automazioni”
dell’impianto.
L’integrazione tra le due tecnologie,
quella radio e quella a BUS, è svolta

Comando radio
per gestione luci
Comando Comando
luci tapparelle

Alimentatore

Interfaccia
radio

TV/SAT
TV/SAT IPTV
IPTV
230 Vac

Attuatore Attuatore
luce tapparelle
TV/SAT
TV/SAT IPTV
automazione
automazione
diffusione sonora
diffusione sonora
antifurto
antifurto
termoregolazione
termoregolazione
videocitofonia
videocitofonia
controllo
controllo
lan
lan
controllo carichi
controllo carichi
energia
energia
luci
luci
tvcc
tvcc
www
www
irrigazione
irrigazione
IPTV

termoregolazione videocitofonia controllo lan controllo carichi energia luci tvcc www irrigazione
termoregolazione videocitofonia controllo lan controllo carichi energia luci tvcc www irrigazione

Telecomando radio
per gestione scenari

Luci Tapparelle

Luci e automazioni MyHOME 121


www.professionisti.BTicino.it
Configurazione

Concetti generali
In questo capitolo vengono Indirizzo degli attuatori -
descritti i concetti generali per CONFIGURAZIONE FISICA
la “configurazione fisica” e per L’indirizzo di ogni attuatore è si effettua inserendo un terzo
la “configurazione virtuale” dei definito univocamente assegnando configuratore numerico nella sede
dispositivi MyHome Automazione. i configuratori numerici 1–9 nelle identificata con G (Gruppo).
Per informazioni di dettaglio circa la posizioni A (Ambiente) e PL (Punto Alcuni attuatori dispongono di più
configurazione di ciascun dispositivi Luce all’interno dell’Ambiente). Questi posizioni G (G1, G2 e G3) potendo
vedasi la relativa “scheda tecnica”. valori devono corrispondere a quelli appartenere contemporaneamente a
riportati nelle posizioni A e PL del più gruppi differenti.
Attuatori: rispettivo dispositivo di comando.
indirizzi e tipi di comando Per ogni ambiente è possibile definire Esempio: L’attuatore configurato con A = 1,
Per comprendere la logica di un massimo di 9 indirizzi; in un PL = 3 e G = 4 è il dispositivo N°3 dell’ambiente 1
indirizzamento è utile definire sistema sarà possibile definire un appartenente al gruppo 4.
alcuni termini che ricorreranno massimo di 9 ambienti. La definizione
frequentemente nella guida. del gruppo di appartenenza
Ambiente (A)
Insieme dei dispositivi appartenenti Configurazione fisica
ad una zona logica (in una abitazione,
per esempio, la sala, la camera ecc.). AMBIENTE 9
Punto Luce (PL) A =9 A =9 A =9 A =9
PL = 1 PL = 2 PL = 2 PL = 9
Identificativo numerico del singolo
attuatore all’interno dell’Ambiente. A =9 A =9 A =9
PL = 1 PL = 2 PL = 9
Gruppo (G)
Insieme dei dispositivi appartenenti
anche ad ambienti diversi, ma AMBIENTE...
che devono essere comandati AMBIENTE 2
contemporaneamente (per 1–9
AMBIENTE 1
esempio le tapparelle del lato Nord
A =1 A =1 A =1 A =1
PL = 2 PL = 9
dell’abitazione, l’illuminazione della PL = 1 PL = 1

zona giorno ecc.).


A =1 A =1 A =0
PL = 1 PL = 2 PL = 9
GRUPPO 9

1–9
GRUPPO 1

A = GR
PL = 1
1–9

122 MyHOME Luci e automazioni


Indirizzo degli attuatori - estensione logica
Configurazione virtuale In caso di superamento dei limiti
Tramite l’impiego dell’applicativo di configurazione citati (impianto
MyHome Suite sarà possibile definire con molti dispositivi), è possibile
per ogni ambiente un massimo di 16 realizzare un impianto esteso
indirizzi (PL=0-15); in un sistema sarà costituito da più impianti connessi tra
possibile definire un massimo di 11 loro mediante l’apposita interfaccia
ambienti (A=0 -10). art. F422 in modalità “espansione
logica” (vedere sezione Norme
Generali di Installazione).

Configurazione virtuale

AMBIENTE 10
A = 10 A = 10 A = 10 A = 10
PL = 0 PL = 1 PL = 1 PL = 15

A = 10 A = 10 A = 10
PL = 0 PL = 1 PL = 15

AMBIENTE...

AMBIENTE 1
0 – 15
AMBIENTE 0
A =0 A =0 A =0 A =0
PL = 1 PL = 1 PL = 2 PL = 15

A =0 A =0 A =0
PL = 1 PL = 2 PL = 15
GRUPPO 255

1 – 15
GRUPPO 1

A = GR
PL = 1
1 – 255

Luci e automazioni MyHOME 123


www.professionisti.BTicino.it
Configurazione

Concetti generali

Comandi: indirizzi e tipi di


comando
Anche i dispositivi di comando Per dette posizioni sono previsti
dispongono delle posizioni A e PL configuratori numerici e con grafismo
per la definizione dell’indirizzo dei che abilitano il dispositivo ad inviare
dispositivi destinatari del comando il rispettivo comando con le diverse
(attuatori). modalità elencate nella sottostante
tabella.

Modalita di indirizzamento dei dispositivi con configurazione fisica Modalita di indirizzamento dei dispositivi con configurazione virtuale

Tipo di comando Dispositivo di comando TIPO DI COMANDO DISPOSITIVO DI COMANDO


valore del Indirizzo configurabile Configurazione
sede per configuratori
configuratore
A 0-10
Punto-punto
A 1-9 PL 0-15
Punto-punto
PL 1-9
A AMB
Ambiente
A AMB PL 0-10
Ambiente
PL 1-9
A GR
Gruppo
A GR PL 1-255
Gruppo
PL 1-9
A GEN
Generale
A GEN PL -
Generale
PL -

124 MyHOME Luci e automazioni


Esempi di configurazione

Esempi di configurazione
Comando punto-punto Comando di gruppo
Se il comando N° 3 è configurato con Se il comando N° 7 è configurato con attuatori con G = 1 (appartenenti cioé
A = 1 e PL = 3, questo dispositivo A = GR e PL = 1 questo dispositivo al gruppo 1).
invia il proprio comando all’attuatore invia il proprio comando a tutti gli
identificato con A = 1 e PL = 3.

comandi comandi comandi comandi


punto-punto DI AMBIENTE DI GRUPPO GENERALE

1 2 3 4 5 6 7 8 9

A = 1 A = 1 A = 1 A = 2 A = AMB A = AMB A = GR A = GR
PL = 1 PL = 2 PL = 3 PL = 1 PL = 1 PL = 2 PL = 1 PL = 2
A = GEN
PL = –

BUS

attuatori A = 1 A = 1 A = 1 A = 2 A = 2 A = 2
PL = 1 PL = 2 PL = 3 PL = 1 PL = 2 PL = 3
G = 1 G = 1 G = 2 G = 2 G = 1 G = 1

= Comando punto-punto 1 2 3 4 5 6
= Comando di gruppo

Luci e automazioni MyHOME 125


www.professionisti.BTicino.it
Configurazione

Numero massimo di dispositivi configurabili


Impianto singolo
configurato fisicamente
In un impianto singolo possono Per ogni ambiente è poi possibile A questi indirizzi si aggiungono
essere gestiti sino ad un massimo di 9 gestire sino ad un massimo di 9 punti eventuali appartenenze a uno o più
ambienti (A). luce (PL) per un totale di 81 indirizzi. gruppi. È possibile inoltre avere più
dispositivi con il medesimo indirizzo.

Interfaccia Comando Comando


contatti basic tapparella dimmer
Max 81 indirizzi

A
ON ON
3 31

PL1

alimentatore
PL2
M
SPE

ART. 3477

OFF OFF
PL1 PL2 C

230 Vac Cavo BUS

L
Dimmer
DIN
T5H 250V
A
Attuatore Attuatore 0245 06
3 31

PL1
PL2
M

basic incasso
SPE
F414
230V~ 50Hz 60 1000V A
ART. 3477 ¤

A PL M G

PL1 PL2 C

Impianto singolo
configurato VIRTUALMENTE
In un impianto singolo possono Per ogni ambiente è poi possibile di 175 indirizzi (l’indirizzo A=0, PL=0
essere gestiti sino ad un massimo di gestire sino ad un massimo di 16 non è ammesso).
11 ambienti (A=0-10). punti luce (PL=0-15) per un totale

Interfaccia Comando Comando 230 Vac


contatti basic tapparella dimmer Web server
Max 175 indirizzi

A
ON ON Alimentatore
3 31

PL1

alimentatore
PL2

supplementare
M
SPE

ART. 3477

PRI: 220 – 240 V~


175 – 165 mA

OFF OFF 47/63 Hz

PL1 PL2 C
F453
1 2 1 SCS: 27 Vdc
600 mA

Cavo Ethernet
230 Vac
incrociato Cavo BUS

Dimmer Pc
DIN
L
T5H 250V

Attuatore Attuatore
0245 06
A
3 31

PL1
PL2
M
SPE

basic incasso
F414
230V~ 50Hz 60 1000V A
ART. 3477 ¤

A PL M G

PL1 PL2 C

126 MyHOME Luci e automazioni


Espansione logica degli indirizzi
Impianto esteso con
una interfaccia F422
configurato virtualmente
In grandi abitazioni o in aree del In questo caso è possibile realizzare
terziario vi può essere la necessità un impianto Automazione
di realizzare impianti Automazione esteso, utilizzando l’interfaccia
caratterizzati da un numero di funzioni F422 configurata nella modalità
tali da superare il limite di indirizzi “espansione logica”: con configuratore
sopradescritti. N° 2 in posizione M e N° 1 in I4.

interfaccia comando comando comando comando


Max 175 ndirizzi

alimentatore contatti basic tapparella dimmer ventilatore tapparella


A
ON ON ON
3 31

PL1
PL2
M
SPE

ART. 3477

OFF OFF OFF


PL1 PL2 C

230 Vac

L
attuatore
DIN 1
1 2
2
3
3 L N
T5H 250V

0245 06 AR T.F470/2

Impianto
A A
3 31

3 31

PL1 PL1
PL2 PL2
M M
SPE SPE

Automazione N° 2
F414
230V~ 50Hz 60 1000V A
ART. 3477 ¤
ART. 3477

A PL M G
Interfaccia
(BUS locale) PL1 PL2 C PL1 PL2 C

F422

MAX 349 INDIRIZZI


attuatore attuatore dimmer attuatore OUT
I1 =–
basic incasso DIN basic I2 =–
OUT

AR T.F422

I3 =–
interfaccia comando comando comando comando I4 =1
contatti basic tapparella dimmer ventilatore tapparella M =2 IN
alimentatore
Max 174 ndirizzi

A
ON ON ON
3 31

PL1
PL2
M
SPE

ART. 3477

OFF OFF OFF


PL1 PL2 C

230 Vac

L
attuatore
DIN
1 2 3 L N
1 2 3
T5H 250V

0245 06 AR T.F470/2
A A
3 31

3 31

PL1 PL1

Impianto
PL2 PL2
M M
SPE SPE
F414
230V~ 50Hz 60 1000V A
ART. 3477 ¤
ART. 3477

Automazione N° 1 A PL M G

PL1 PL2 C PL1 PL2 C

(Montante principale)
attuatore attuatore dimmer attuatore
basic incasso DIN basic

Pc 230 Vac Alimentatore


Web server supplementare
ETHERNET

PRI: 220 – 240 V~


175 – 165 mA
47/63 Hz
SCS: 27 Vdc
600 mA

SCS AI SCS AV

Cavo Ethernet incrociato

Luci e automazioni MyHOME 127


www.professionisti.BTicino.it
Configurazione

Espansione logica degli indirizzi


Impianto esteso con configurato, presente sul montante principale o
più interfacce F422 su uno dei singoli impianti (max 9) collegati.
configurato virtualmente Qualora si desideri effettuare il controllo e la
„„
Nel caso si debbano integrare tra gestione centralizzata dell’impianto con Web
loro tre o più impianti (fino ad un Server, Touch Screen e Centrale Gestione energia,
massimo di 9), questi devono essere questi dispositivi dovranno essere installati
necessariamente collegati tramite le necessariamente nel montante principale.
MONTANTE PRINCIPALE
interfacce F422 ad un bus comune, che MAX 166 INDIRIZZI
d’ora in poi chiameremo “montante”, BUS locale

sul quale possono essere installati Max 174 ndirizzi Impianto Automazione N° 1

anche dei dispositivi di comando, I1 = – OUT


I2 = –
attuazione, gestione (per esempio I3 = –
OUT

ART.F422

I4 = 1 Interfaccia
Touch Screen) purchè appartenenti M= 2
F422
all’impianto Automazione. Non
IN
è pertanto possibile realizzare il
montante, per esempio, con un
impianto Antifurto o Videocitofonia BUS locale

2 fili. Le interfacce F422 vengono Impianto Automazione N° 2


Max 174 ndirizzi

configurate per il funzionamento

Max indirizzi: 174x9+166 (montante principale) = 1732


I1 = – OUT
I2 = –
in modalità “espansione logica”, I3 = –
OUT

Interfaccia
ART.F422

I4 = 2
inserendo il configuratore N° 2 nella M = 2 F422
posizione M e configurando, l’indirizzo
IN
della posizione I4 con configuratori da
1 a 9, come da schema seguente. Per
BUS locale
ognuno dei 9 impianti si dispone di tutti
Impianto Automazione N° 3
i 174 indirizzi di configurazione previsti,
Max 174 ndirizzi

escluso l’indirizzo dell’interfaccia, + 166 I1 = – OUT


I2 = –
OUT

indirizzi sul montante, per un totale di I3 = – ART.F422

Interfaccia
I4 = 3
1732 indirizzi. M = 2 F422

IN
Avvertenze:
Nel montante principale è possibile installare
„„
BUS locale
dispositivi di comando configurati per inviare
Impianto Automazione N° 4
Max 174 ndirizzi

comandi di GRUPPO o GENERALI rispettivamente


I1 = – OUT
ad alcuni o tutti gli attuatori presenti nei singoli I2 = – OUT

I3 = –
impianti e nello stesso montante principale. I4 = 4
ART.F422

Interfaccia
I comandi di tipo PUNTO-PUNTO generati
„„
M = 2 F422

all’interno di ogni singolo impianto e sul IN


montante principale possono raggiungere
gli attuatori presenti in tutto l’impianto solo
se inviati da dispositivo di comando speciale
Impianto Automazione N° 9
H/L4651M2, AM5831M2 opportunamente

128 MyHOME Luci e automazioni


iMPIanto esteso con
interfacce F422 e Web Server
Impianti particolari per i quali è F454 e una rete LAN che costituisce caso, costituito da due o più impianti
richiesta la disponibilità di più di 1739 l’infrastruttura di collegamento. per ognuno dei quali è possibile
indirizzi, possono essere realizzati Riferendosi all’immagine sottostante, configurare un massimo di 1739
con l’ausilio di uno o più Web Server l’impianto esteso risulta, in questo indirizzi. Il controllo centralizzato
delle funzioni si realizza mediante
Personal Computer connettendosi
BUS locale
direttamente all’indirizzo ad IP fisso
Impianto Automazione N° 1 Montante
OUT principale del Web Server ed agendo su pagine
OUT
Max 1739 ndirizzi

Comando ART.F422

Interfaccia Web con icone preconfigurate.


F422
IN
BUS locale
Impianto Automazione N° 2

OUT
OUT
1 2 3 4

ART. F411/2
ART.F422

Interfaccia
C1 C2 F422
IN Web Server
ETHERNET

F454
Impianto 1
SCS AI SCS AV

BUS
PC
BUS locale
Impianto Automazione N° 1 Montante
OUT principale
OUT
Max 1739 ndirizzi

Comando ART.F422

Interfaccia
F422
IN
BUS locale
Impianto Automazione N° 2

OUT
OUT
1 2 3 4

ART. F411/2
ART.F422

Interfaccia
C1 C2 F422
IN
Web Server
ETHERNET

F454
Impianto 2
Rete
SCS AI SCS AV
LAN
BUS

BUS locale
Impianto Automazione N° 1 Montante
OUT
OUT principale
Control
Max 1739 ndirizzi

ART.F422

Interfaccia
F422
IN
BUS locale
Impianto Automazione N° 2
OUT
OUT
1 2 3 4
ART.F422

Interfaccia ETHERNET

Web Server
F422
ART. F411/2

C1 C2
F454
IN

SCS AI SCS AV

Impianto 3 BUS

Luci e automazioni MyHOME 129


www.professionisti.BTicino.it
Configurazione

Livelli di indirizzamento
Ai fini di un maggior chiarimento Esempio: comando per un carico singolo (lampada, ventilatore, tapparella, ecc.)
dei concetti esposti nella pagina
ambiente 1 ambiente 2
precedente, si illustrano qui sotto le
quattro modalità di indirizzamento.
I dispositivi di comando (mittenti)
permettono di attivare gli attuatori
A = 1 A = 1 A = 1 A = 2 A = 2 A = 2
(destinatari) con le seguenti modalità: PL = 1 PL = 2 PL = 3 PL = 1 PL = 2 PL = 3

Comando punto-punto
TV/SAT IPTV TV/SAT IPTV TV/SAT IPTV TV/SAT IPTV TV/SAT IPTV

Comando diretto ad un solo


automazione diffusione sonora antifurto termoregolazione
automazione
attuatore identificato da un “numero
diffusione
videocitofonia
sonora controllo
antifurto automazione
termoregolazione
lan diffusione
controllo
videocitofonia
carichi
sonora antifurto
energia
controllo termoregolazione
luci
lan videocitofonia
controllo
tvcccarichi controllo
energia
www irrigazione
lan
automazione
luci controllo
diffusione
tvcc
carichi sonora energia
www
antifurto irrigazione
termoregolazione
luci
automazione diffusione
videocitofonia
tvcc sonora www
controllo
antifurto irrigazione
termoregolazione
lan controllo
videocitofonia
carichi energia
controllo luci
lan controllo
tvcccarichi energia
www irrigazione
luci tvcc www irrigazione

di ambiente” e da un “numero di
A = 1 A = 1 A = 1 A = 2 A = 2 A = 2
punto luce”. PL = 1 PL = 2 PL = 3 PL = 1 PL = 2 PL = 3

Dispositivo di comando: A = n* PL = n*
Attuatore: A = n* PL = n*

Comando di ambiente
Comando diretto a tutti gli attuatori Esempio: comando per tutte le lampade di un locale
identificati dallo stesso numero di
ambiente. ambiente 1 ambiente 2

A = 1 A = 1 A = 1 A = 2 A = 2 A = 2
PL = 1 PL = 2 PL = 3 PL = 1 PL = 2 PL = 3

A = 1 A = 1 A = 1 A = 2 A = 2 A = 2
PL = 1 PL = 2 PL = 3 PL = 1 PL = 2 PL = 3

A = AMB A = AMB
PL = 1 PL = 2

Dispositivo di comando: A = AMB PL = n*


n* = qualsiasi configuratore numerico da 1 a 9 Attuatore: A = n* PL = n*

130 MyHOME Luci e automazioni


Comando di gruppo
Comando diretto a tutti gli attuatori
che svolgono particolari funzioni
anche se appartengono ad ambienti
diversi e sono identificati dallo stesso
“numero di gruppo”.

Esempio: comando di tutte le lampade di un piano, del lato Nord dell’edificio

ambiente 1 ambiente 2

A = GR
PL = 1
A = 1 A = 1 A = 1 A = 2 A = 2 A = 2
PL = 1 PL = 2 PL = 3 PL = 1 PL = 2 PL = 3

A = GR
PL = 2

A =1 A =1 A =1 A =2 A =2 A =2
PL = 1 PL = 2 PL = 3 PL = 1 PL = 2 PL = 3
G =1 G =1 G =2 G =2 G =1 G =1

A = AMB A = AMB
PL = 1 PL = 2

Dispositivo di comando: A = GR PL = n*
Attuatore: A = n* PL = n* G = n*

Luci e automazioni MyHOME 131


www.professionisti.BTicino.it
Configurazione

Livelli di indirizzamento
Comando generale
Diretto a tutti gli attuatori del sistema.

Esempio: comando di tutte le lampade dell’edificio

ambiente 1 ambiente 2

A = 1 A = 1 A = 1 A = 2 A = 2 A = 2
PL = 1 PL = 2 PL = 3 PL = 1 PL = 2 PL = 3

A = GR
PL = 1

A = GR A =1 A =1 A =1 A =2 A =2 A =2
PL = 2 PL = 1 PL = 2 PL = 3 PL = 1 PL = 2 PL = 3
G =1 G =1 G =2 G =2 G =1 G =1

A = GEN
PL = -

A = AMB A = AMB
PL = 1 PL = 2

Dispositivo di comando: A = GEN PL = /


Attuatore: A = n* PL = n* G = n* n* = qualsiasi configuratore numerico da 1 a 9

132 MyHOME Luci e automazioni


Principali modalità operative
I dispositivi presenti nel sistema La definizione della funzione svolta, (se i dispositivi sono da incasso).
automazione possono svolgere cioè cosa deve fare il dispositivo, si Nella tabella seguente si elencano le
funzioni diverse, quali regolazione effettua inserendo dei configuratori diverse modalità operative in funzione
dell’ intensità luminosa, accensione/ nelle sedi contrassegnate con M dei del configuratore e della tipologia di
spegnimento di lampade oppure dispositivi di comando e completando copritasto utilizzato nel dispositivo.
apertura/chiusura di tapparelle. gli stessi con i relativi tasti e copritasti

Tabella comandi
Copritasti Valore configuratore (M) Funzione svolta
1 FUNZIONE
Comando di ON-OFF ciclico
M
M
M M
Premendo ripetutamente sul copritasto il dispositivo utilizzato con attuatori a relé, invia
M M
alternativamente il comando di ON e OFF.
M Con attuatori dimmer mantenendo
M M la pressione sul pulsante, si effettua la regolazione
M della potenza sul carico.
M M

nessun configuratore
M 1√ M 1√
M ON
M
SPE
ON
1√ M Comando
1√ di ON SPEM 1√
1√

M
M
Alla
1√
pressione del rispettivo
M
M 1√
copritasto il dispositivo invia il comando di ON.
M
M ON
SPE 1√

M 1√ M 1√
M ON
SPE 1√

M
M OFF configuratore ON 1√ M
M OFF 1√
M 1√ M 1√
M ON Comando di OFF M
SPE 1√
M OFF 1√
Alla pressione del rispettivo
M copritasto il dispositivo invia il comando di OFF.
M OFF 1√

M SLA

M O/I M SLA

configuratore OFF
M O/I
M
M SLA
M OFF 1√
M O/I
M
M O/I
Comando di ON-OFF monostabile
SLA
(pulsante)
Questa modalità permette di effettuare un comando ON/OFF assimilabile al comando di
M P L
un pulsante tradizionale
M
diPtipo
L
punto-punto destinato quindi a un solo indirizzo.
M

M M SLA
M P L
M
configuratore
M
PUL O/I

M P L

M
2 FUNZIONE
M Comando bistabile
M con ritenuta (SU-GIU per tapparelle)
M
M
Con una breve pressione sul copritasto (superiore o inferiore) si invia il comando SU-GIU
P L

M
per un motore di tapparelle.
Dopo l’ attivazione del comando, la successiva pressione del copritasto superiore o inferio-
re permette di fermare la tapparella nella posizione desiderata.
M 1√ M 1√
configuratore
M ON
SPE 1√

Comando monostabile (SU-GIU per tapparelle)


M M M
Il dispositivo invia un comando di SU-GIU per motore di tapparelle per tutto il tempo in cui
si agisce sul copritasto superiore o inferiore.
M OFF Al rilascio delM copritasto si effettua lo STOP del motore.
1√

configuratore M
M 1√ M 1√
M ON
SPE 1√
Comando di ON/OFF
M
Utilizzato con attuatori a relé, quando si agisce sul copritasto superiore il dispositivo invia
SLA

M O/I

un comando di ON; quando si agisce sul copritasto inferiore si invia un comando di OFF.
Con attuatori dimmer agendo sul copritasto superiore e inferiore si effettua la regolazione
M della potenza sul carico.
M OFF 1√
configuratore O/I M P L

M SLA
Luci e automazioni MyHOME 133
M
www.professionisti.BTicino.it
O/I
Configurazione

Principali modalità operative


Modalità operativa CEN di un dispositivo di comando Per esempio, è possibile attivare due
Questa particolare modalità trova configurato con il configuratore CEN scenari indipendenti utilizzando
impiego per la gestione di dispositivi nella posizione M. il comando speciale H/L4651M2,
programmatori scenari art. MH200N. Il legame tra il tasto (superiore o AM5831M2, agendo sul pulsante
Come descritto nelle pagine di inferiore) del dispositivo di comando T1 (superiore) e T2 (inferiore). Per
questa guida, il dispositivo consente e lo scenario da attivare si realizza la corrispondenza tra i tasti del
di gestire scenari, anche complessi, mediante il programma TiMH200 comando e gli scenari da attivare
attivati automaticamente a seguito di previsto per la creazione degli scenari vedere tabella:
eventi nell’impianto o manualmente e la successiva memorizzazione nel
mediante la pressione di un tasto dispositivo MH200N.

Tipo di comando Configurazione Identificazione tasti per attivazione scenari


Comando speciale A=0–9; PL=0–9; M=CEN; LIV1/AUX=0; LIV2=0; SPE=0; I=0 T1
H/L4651M2 e AM5831M2

T2
Comando base per 2 carichi indipendenti A1=0–9; PL1=0–9; M1=CEN; A2=0; PL2=0; M2=0 T1
H/L4652/2 e AM5832/2

T2
A1=0–9; PL1=0–9; M1=CEN; A2=0; PL2=0; M2=CEN T1 T2

T3 T4
Comando base per 3 carichi indipendenti A1=0–9; PL1=0–9; A2=0; PL2=0; A3=0; PL3=0; M=CEN T1 T2 T3
H/L4652/3 e AM5832/3

T4 T5 T6
M M

M M

Principali modalità operative degli attuatori


Gli attuatori, possono essere configurati per le seguenti modalità operative:
M M
M 1√ M 1√

M 1√
SPE
M
1√
1√
Tabella ATTUATORI
SPE
Valore configuratore (M)
1√
Funzione svolta

M 1√ M 1√
Funzioni speciali
ON
M SPE 1√
Questa modalità permette di effettuare delle funzioni speciali (OFF ritardato, STOP temporizzati) in base al tipo di attuato-
1√
M
1√
re impiegato (singolo o doppio) ed al configuratore numerico inserito.
configuratore 1÷4

M Slave
OFF M SLA 1√

M SLA
Questa modalità permette di far eseguire un comando a due o più attuatori. In pratica gli attuatori con il configuratore
SLA (Slave) ripetono la funzione svolta da un altro attuatore che funziona da Master. Gli attuatori devono avere gli stessi
indirizzi e devono essere dello stesso tipo (o tutti attuatori luce o tutti attuatori tapparella).
configuratore SLA
M SLA

O/I
M P L

M P L
PUL
Il dispositivo non si attiva con i comandi di Ambiente e Generale.

configuratore PUL
M P L

134 MyHOME Luci e automazioni


Esempi di configurazione
Nel disegno è rappresentato un Comando di gruppo e dai configuratori nella posizione M
impianto per la gestione di tre Il comando di gruppo N° 7 per definire la funzione (ON/OFF o
lampade e di tre tapparelle. Ogni contrassegnato con A=GR e PL=1, SU/GIU).
attuatore è identificato da tre controlla gli attuatori N°1 e 2
numeri: numero di Ambiente (A), contrassegnati con G=1 Modalità operative dei
numero progressivo del dispositivo Comando generale comandi
(PL per attuatori luci e PL1 e PL2 per I dispositivi identificati A=GEN Il configuratore inserito nella
attuatori tapparelle) e di Gruppo (G) e PL= - (nessun configuratore) posizione M di ogni dispositivo di
di appartenenza. inviano un comando generale a comando identifica la modalità
tutti gli attuatori, per le luci e per le operativa.
Definizione degli indirizzi tapparelle, presenti nel sistema. Il configuratore O/I specifica un
Comando punto-punto comando di accensione della
NOTA: Gli attuatori per la gestione delle tapparelle,
Il comando N° 1 (A=1, PL=1) controlla lampada che si realizza agendo
a differenza di quelli per le luci, sono configurati
l’ attuatore N° 1 (A=1, PL=1 e G=1); in sul copritasto superiore (ON) e sul
ugualmente nelle due posizioni PL1 e PL2.
modo analogo il comando N°2 (A=1, copritasto inferiore (OFF).
PL=2) controlla l’ attuatore N°2 (A=1, I dispositivi di comando sono invece
PL=2 e G=1) etc.. contraddistinti dai configuratori nelle I configuratori e M nella
Comando di Ambiente posizioni A e PL che specificano gli posizione M specificano invece
Il comando di Ambiente N°8 (A=AMB, indirizzi degli attuatori destinatari un comando per la gestione delle
PL=2) controlla gli attuatori N° 4 e 5 del comando (uno solo, un gruppo tapparelle destinato agli attuatori N°
contrassegnati con A=2 oppure più attuatori di un ambiente) 4, 5 e 6.

comandi comandi comandi comandi


punto-punto DI GRUPPO DI AMBIENTE GENERALE

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10

A =1 A =1 A =1 A =2 A =2 A =3 A = GR A = AMB A = GEN A = GEN


PL = 1 PL = 2 PL = 3 PL = 1 PL = 2 PL = 1 PL = 1 PL = 2 PL = – PL = –
M = O/I M = O/I M = O/I M = M M = M M = M M = O/I M = M M = O/I M = M

BUS

1 2 3 4 5 6
attuatori A = 1 A = 1 A = 1 A = 2 A = 2 A = 3
PL = 1 PL = 2 PL = 3 PL = 1 PL = 2 PL = 1
G = 1 G = 1 G = 2 G = 1 G = 2 G = 1

Luci e automazioni MyHOME 135


www.professionisti.BTicino.it
Configurazione

Configurazione tramite MYHome Suite di scenari


memorizzati nel programmatore scenari MH202 e attivati
da sensori di movimento/presenza
A seconda dell’applicazione
desiderata è possibile avviare degli
scenari sulla base dei seguenti eventi:
Presenza / Assenza;
„„
Movimento.
„„
In base alla funzione desiderata
è necessario configurare i sensori
in maniera differente e realizzare
differenti tipi di scenario nell’editor
del programmatore MH202.
Di seguito sono riportati in maniera
sintetica alcuni esempi.

Programmatori scenari MH202

ESEMPIO 1 - SCENARIO BASATO SU PRESENZA/ASSENZA


A seguito di un evento del tipo presenza / assenza, il
sensore attiva uno scenario, dopo di che continuerà a gestire Configurazione del sensore

automaticamente le luci.
Una possibile applicazione è la seguente: alla rilevazione di
presenza il sensore richiama uno scenario memorizzato nel
programmatore scenari MH202 in cui viene attivato un Fan coil,
allo stesso tempo il sensore accende le luci; queste ultime sono
gestite poi dai sensori in maniera autonoma.
Una volta che non è più rilevata presenza il sensore richiama uno
scenario programmato in cui viene disattivato il Fan coil e dopo
il tempo di ritardo configurato sul sensore stesso, quest’ultimo
spegne le luci.

Configurazione degli oggetti


per il programmatore scenari
art. MH202.

136 MyHOME Luci e automazioni


ESEMPIO 2 - Scenario BASATO SUL MOVIMENTO
Questo tipo di scenario viene attivato ogni qualvolta il sensore
individua un movimento. In questo caso il sensore richiama
semplicemente lo scenario memorizzato nel programmatore
MH202 ma non regola le luci.
Esempio: accensione temporizzata delle luci scale a seguito
della rilevazione di movimento. Ogni volta che il sensore rileva
movimento, attiva lo scenario memorizzato nel programmatore
scenari MH202.

Configurazione degli oggetti per il programmatore scenari


Configurazione del sensore art. MH202.

Luci e automazioni MyHOME 137


www.professionisti.BTicino.it
Norme generali di installazione

Distanze massime e assorbimenti


In questo capitolo troverete le alla classificazione SELV è garantita Ai fini dei calcoli sopraindicati,
informazioni per una corretta solo con il completo rispetto delle fare riferimento ai DATI TECNICI
realizzazione di un impianto normative di installazione vigenti e riportati nelle schede tecniche
Automazione MyHOME: dalle Norme generali di installazione di ogni dispositivo. Nel calcolo
Classificazione SELV;
„„ dei singoli dispositivi e cavi di cui degli assorbimenti è necessario
Distanze massime e assorbimenti;
„„ è costituito l’impianto indicato da considerare anche la disponibilità di
Numero massimo di dispositivi
„„ BTicino. corrente in funzione della lunghezza
configurabili. del cavo.
Distanze massime del cavo Durante il dimensionamento
CLASSIFICAZIONE SELV bus e assorbimenti rispettare le seguenti regole:
L’impianto Automazione è classificato Il numero massimo di dispositivi
SELV (Safety Extra Low Voltage) in collegabili sul BUS dipende
quanto alimentato con dispositivi dall’assorbimento totale degli
indipendenti a doppio isolamento stessi e dalla distanza tra il punto 1 La lunghezza del collegamento fra
di sicurezza non connessi alla terra di connessione e l’alimentatore. l’alimentatore e il dispositivo più distante non
e con tensione di funzionamento L’alimentatore può erogare fino deve superare i 250 m.
massima di 27 Vdc non ondulata, a 1200 mA o 600 mA; il numero 2 La lunghezza totale dei collegamenti
conforme alla CEI EN 600065, massimo dei dispositivi sarà quindi non deve superare i 500 m (cavo steso).
assimilabile ad una sorgente SELV determinato dalla somma degli 3 Ai fini di una ripartizione ottimale delle correnti
come descritto nel punto 411.125 assorbimenti dei singoli dispositivi sulla linea BUS è consigliabile posizionare
della CEI 64-8-4. La rispondenza che si desidera installare. l’alimentatore in posizione intermedia.

ON ON

OFF OFF

A PRI
A
E49
PRI: 220 – 240 V~
185 – 175 mA
50/60 Hz
SCS: 27 Vdc
600 mA

B SCS B
E46ADCN
E49
1 2 3 4 5 1 2 3 4 5
1 2 3 4 5 1 2 3 4 5

C1 C2 C3 C4 C1 C2 C3 C4

Con alimentatore E46ADCN: Con alimentatore E49:


A = 250 m max A = 250 m max
B = 250 m max B = 250 m max
A + B = 500 m A + B = 500 m
Corrente massima erogata Corrente massima erogata
dall’alimentatore: 1200 mA. dall’alimentatore: 600 mA.

NOTA: Se in alternativa al cavo BUS L4669 viene utilizzato un cavo UTP5 le distanze indicate si dimezzano.

138 MyHOME Luci e automazioni


Assorbimenti, ingombri e dissipazioni
Articolo Descrizione Assorbimento dal Bus Ingombro Dissipazione
(alimentazione 27 Vcc) Potenza dissipata Max carico
con carico massimo
3475 attuatore 13 mA modulo Basic
3476 attuatore comando 13 mA modulo Basic
3477 interfaccia contatti 3,5 mA modulo Basic
E46ADCN alimentatore 8 moduli DIN 11 W 1,2 A
E49 alimentatore compatto 2 moduli DIN 5,3 W
F411U1 attuatore 1 relé 5 mA standby - max 30 mA 2 moduli DIN 1,5 W
F412U1 attuatore 2 relé 55 mA(carichi singoli) 2 moduli DIN 1,7 W
30 mA (interblocco)
F411/4 1) attuatore 4 relé 60 mA (carichi singoli) 2 moduli DIN 2,4W
22 mA (interblocco)
F412 1) attuatore 1 relé NC/NA 20 mA 2 moduli DIN 1,5 W
F413N 1) uscita 1÷10 per ballast 30 mA 2 moduli DIN 0,5 W
F414 dimmer DIN 9 mA 4 moduli DIN 11W 1000W
5W 500W
F522 Attuatore 16A con sensore di corrente 30 mA 1 modulo DIN
F418 dimmer DIN 10 mA 4 moduli DIN 2,5 W 300 W
F523 Attuatore 16A 10 mA 1 modulo DIN
F420 modulo scenari 20 mA 2 moduli DIN 0,6 W
F422 interfaccia SCS/SCS IN: 25 mA OUT: 2mA 2 moduli DIN 1W
F425 modulo memoria 5 mA 2 moduli DIN 0,1 W
F426 interfaccia SCS/EIB 30 mA 6 moduli DIN
F427 interfaccia OPEN KNX 6 moduli DIN
F428 interfaccia contatti 9 mA 2 moduli DIN 0,2 W
F429 interfaccia SCS/DALI 5 mA 6 moduli DIN
H/L4651M2 AM5831M2 comando speciale 6 mA per H4651M2 2 moduli incasso
8,5 mA per L4651M2 e
AM5831M2
H/LN4652 comando 8 tasti 5 mA (stand-by) 20 mA 2 moduli incasso
H/L4652/2 AM5832/2 comando per 2 attuatori 9 mA 2 moduli incasso
H/L4652/3 AM5832/3 comando per 3 attuatori 9 mA 3 moduli incasso
H/L4671/1 AM5851/1 attuatore 1 relé 16,5 mA 2 moduli incasso 0,9 W
H/LN4671M2 AM5851M2 comando/attuatore 14 mA 2 moduli incasso
H/L4678 dimmer incasso 9 mA 2 moduli incasso 3W 300 W
H/HW/AM4890 LN4890/A Touch screen a colori 80 mA 3+3 moduli incasso
HD/HC/HS/L/N/NT4575SB interfaccia radio ricevente SB 33 mA 2 moduli incasso
HD/HC/HS/L/N/NT4607 comando protetto 15 mA 2 moduli incasso
HD/HC/HS/L/N/NT4607/4 comando scenari protetto 12 mA 2 moduli incasso
HD/HC/HS/L/N/NT4610 rilevatore IR fisso 4,5 mA 2 moduli incasso
HD/HC/HS/L/N/NT4611 rilevatore IR orientabile 4,5 mA 2 moduli incasso
HD/HC/HS/L/N/NT4672N attuatore 2 moduli da incasso 16 A 10 mA 2 moduli incasso
HD/HC/HS/L/N/NT4680 comando scenari 9 mA 2 moduli incasso
BMSE3001 sensore da soffitto con infrarosso passivo 12mA diametro 102mm -prof. 55,6
BMSE3003 sensore IR a doppia tecnologia 17mA diametro 120mm -prof. 62,27
BMSW1005 attuatore alimentazione 100÷240Vdc 10 DIN modules 3600W
BMDI1002 1÷10V Dimmer alimentazione 100÷240Vdc 10 DIN modules 1000W
F418U2 DIN Dimmer - 2 outputs 18mA 4 DIN modules 2X300W
F416U1 attuatore dimmer 1000W TC 5 mA 6 moduli DIN 8W 1000 W
F417U2 attuatore dimmer 2x400 W TC 5 mA 6 moduli DIN 8W 2 X 400 W
BMDI1001 attuatore dimmer 1/10 V 5 mA 6 moduli DIN
BMSW1002 attuatore a 2 relè 230 Vac 5 mA 4 moduli DIN 1,7 W
BMSW1003 attuatore a 4 relè 230 Vac 5 mA 6 moduli DIN 2,8 W
H/LN4660M2 AM5860M2 comando tapparelle 7 mA
H/LN4661M2 AM5861M2 F401 attuatore tapparelle 16 mA 2A 250 Va.c
HD/HC/HS4657M3/M4 comando touch 25 mA 2 moduli incasso

NOTA:
1) la potenza dissipata indicata è quella corrispondente al dispositivo con tutti i relè caricati al carico massimo. Nel caso di carico inferiore la potenza dissipata è inferiore e può essere
calcolata tramite la seguente formula:P[mW]=140+400*N+10*[I12+I22+...IN2]
P: potenza dissipata in mW, N: numero di relè caricati IN: corrente del carico corrispondente al relè N.
Installare gli articoli con la maggiore potenza dissipata (in particolare alimentatori e dimmer) nelle posizioni più basse del centralino per agevolare la dissipazione termica.
Non accostare tra loro dispositivi che dissipano una potenza superiore ai 5W, ma lasciare un modulo vuoto tra di essi.
Luci e automazioni MyHOME 139
www.professionisti.BTicino.it
Norme generali di installazione

Distanze massime e assorbimenti


Per la scelta dell’alimentatore tenere Modalità espansione fisica supponendo ad esempio che I3=2,
presente le seguenti raccomandazioni: Per ciascun bus si applicano i I4=7:
se l’assorbimento di tutto l’impianto limiti del sistema, in termini di Sul bus di ingresso (IN) gli indirizzi
„„
è inferiore ai 600 mA si può utilizzare assorbimento e di distanza massima dei dispositivi Automazione n° 1
l’alimentatore compatto E49, nel caso di cablaggio, come indicato nella devono essere compresi tra A=1 /
l’assorbimento è compreso tra i 600 pagina precedente. Non è quindi PL=1 e A=2 / PL=6;
e i 1200 mA utilizzare l’alimentatore possibile alimentare con un solo Sul bus di uscita (OUT) gli indirizzi
„„
E46ADCN. alimentatore E46ADCN o E49 un dei dispositivi automazione n° 2
In un impianto di grande estensione impianto costituito da due o più devono essere compresi tra A=2 /
o con assorbimento di corrente bus, connessi fra loro da interfacce PL=8 all’indirizzo della interfaccia
superiore al limite dei 1200 mA o 600 configurate in modalità “espansione successiva.
mA forniti dall’alimentatore E46ADCN fisica”, anche se il numero e il tipo Nel dimensionamento dell’impianto
o E49, è necessario suddividere di componenti connessi al sistema tenere presente le seguenti
l’impianto in più tratte alimentate non comportasse il superamento raccomandazioni:
con un proprio alimentatore e dell’assorbimento massimo previsto Sullo stesso bus non possono essere
„„
connesse tra loro tramite l’apposita (1200 mA o 600 mA). connesse due interfacce in parallelo;
interfaccia F422 configurata in Le posizioni I3 e I4 dell’interfaccia È possibile mettere fino a 4
„„
modalità “espansione fisica”. dovranno essere configurate in interfacce in serie, che suddividono
funzione della configurazione dei l’impianto in 5 tratte distinte;
A/PL = 28 53 dispositivi Automazione presenti Il modulo scenari F420, il modulo
„„
nei due impianti connessi tra loro. memoria F425 ed i dispositivi
In riferimento all’illustrazione, configurabili in modalità
autoapprendente vanno installati
sul tratto di bus corrispondente al
proprio indirizzo locale, ad esempio
Impianto 1
230 Vac se si configura il modulo scenari
come A=0 (nessun configuratore),
F422 OUT F422 PL=1 esso andrà posto sul tratto
dell’impianto 1. La centrale del
OUT OUT

F422 F422
sistema di gestione energia F421
C C
ed il pannello di controllo N4682
I1 = – I1 = –
I2 = –
del sistema gestione energia vanno
I2 = – IN IN
I3 = 2 I3 = 5 obbligatoriamente posti sul bus a
I4 = 7 I4 = 4
MOD = 1 IN MOD = 1 indirizzi più alti (impianto N° 3 in
figura).

Impianto 2 Impianto 3

230 Vac 230 Vac

A/PL = 11 26 A/PL = 55 99

140 MyHOME Luci e automazioni


COLLEGAMENTO DEGLI
ATTUATORI AI CORPI Esempio di collegamento con art. F411/1N
ILLUMINANTI N

Per gestire correttamente alcuni tipi L

di carico è necessario rispettare delle


indicazioni installative valide per tutti
1 2 3

gli attuatori impiegati. F411/1N 1 2 3 L N


Lampade fluorescenti: la lunghezza
„„ MIN 3 m
C1

del cavo di collegamento tra


l’attuatore e il carico non deve
essere inferiore a 3m. non collegare
sulla stessa linea più di 15 attuatori
che controllano questo tipo di
Avvertenza: Fare riferimento ai dati tecnici riportati sulle schede tecniche per ciascun attuatore.
lampade;
Lampade a ioduri metallici e
„„
ai vapori di sodio: oltre alle
indicazioni fornite per le lampade
fluorescenti porre attenzione alle
istruzioni di utilizzo di tali lampade
(ad esempio evitare l’accensione a
caldo), non collegare dimmer alla
stessa linea di tali lampade, tenere
la linea bus e la linea di potenza
relativa a tali lampade separate da
almeno 1 metro;
Reti trifase: nel caso di reti trifase
„„
controllare il bilanciamento delle
fasi e la qualità della rete. Distanze massime per collegare l’interfaccia contatti
Il non rispetto delle suddette 50 m

prescrizioni può compromettere la


A

corretta funzionalità dei dispositivi. PL1


PL2
M
SPE

COLLEGAMENTO PL1 PL2 C

DELL’INTERFACCIA CONTATTI
Interruttore
CON DISPOSITIVI TRADIZIONALI di prestigio
(recupero storico)
La connessione tra l'interfaccia, (basic
o in modulo DIN) ed il dispositivo di
BUS
tipo tradizionale non deve superare
i 50 metri di lunghezza. Agli ingressi
dell’interfaccia è possibile connettere
più pulsanti.

Luci e automazioni MyHOME 141


www.professionisti.BTicino.it
Norme generali di installazione

Sensori di luminosità e movimento/presenza


CRITERI DI SCELTA DEI Concretamente la scelta del tipo di sensore si riassume in quattro passi
DISPOSITIVI fondamentali:
Nelle pagine seguenti si riportano

1 2
Analisi delle caratteristiche Scelta della tecnologia
le informazioni per la scelta e
dell’ambiente del sensore
l’installazione dei sensori di luminosità
e di movimento che, sebbene
realizzati per impiego in ambienti
terziario, trovano applicazione anche
in ambito residenziale contribuendo
a rendere gli edifici più efficienti dal
punto di vista energetico.
I passi più critici nella progettazione
di un sistema di illuminazione con
i sopracitati componenti, dal più
semplice al più complesso, sono quelli
3 4
Area di copertura Scelta della modalità di
relativi alla scelta del tipo di sensore DEL SENSORE funzionamento
più adatto. Quale tecnologia utilizzare,
quanti sensori, dove sono posizionati,
la tipologia di copertura ecc.
influiscono in maniera considerevole
sul buon funzionamento dell’intero
sistema.

Effettuata la scelta del sensore, ulteriori due fasi consentono di


completare la messa in opera:

5 6
INSTALLAZIONE Regolazione dei parametri
di funzionamento

142 MyHOME Luci e automazioni


1 Analisi delle caratteristiche dell’ambiente

La prima fase consiste nell’analisi delle


caratteristiche dell’ambiente per la quale
sono necessarie diverse informazioni
riguardanti:

Destinazione d’uso dell’ambiente;


„„ Posizione delle pareti, delle porte e
„„
delle finestre;
Forma e dimensioni dell’ambiente;
„„
Presenza di spazi con apporto di luce
„„ Posizione dei terminali di emissione
„„
Spazio principale di attività degli
„„
naturale; dell’impianto di riscaldamento e di
occupanti;
raffrescamento;
Posizione delle postazioni di lavoro;
„„
Altezza del soffitto e presenza di
„„
Caratteristiche dei corpi illuminanti
„„
controsoffitto; Posizione degli scaffali, degli armadi e
„„
installati o da installare.
dell’arredamento voluminoso;

AVVERTENZA: Ricordarsi di informare gli


occupanti, circa il funzionamento
dei sensori per renderli sensibili e
partecipi allo sviluppo sostenibile

Luci e automazioni MyHOME 143


www.professionisti.BTicino.it
Norme generali di installazione

Sensori di luminosità e movimento/presenza


2 SCELTA DELLA TECNOLOGIA DEL SENSORE

La seconda fase è relativa alla scelta della tecnologia più adatta è fondamentale per ottimizzare la rilevazione, ottimizzare il
funzionamento del sistema ed evitare malfunzionamenti come false rilevazioni o spegnimenti indesiderati.

PIR: infrarossi passivi US: ultrasuoni

PIR (infrarossi passivi) è una tecnologia di rilevamento Questi sensori emettono onde sonore non percepibili
basata su sensori piroelettrici, che misurano le variazioni di dall’orecchio umano; utilizzano un cristallo di quarzo che
temperatura nell’ambiente. I sensori rilevano I cambiamenti oscilla a una frequenza di 40 kHz, con potenza <110 dB a una
di temperatura all’interno della loro area di rilevazione, distanza di 1,5 m. Le onde vengono emesse entro il raggio
definita da un lente curva e sfaccettata da cui si dipartono di copertura del sensore, rimbalzando su oggetti, superfici
numerosi raggi; all’aumentare della distanza dal sensore e persone. Quando le onde ritornano al sensore, questo
aumenta la distanza tra i vari raggi e di conseguenza ne misura la frequenza. Il movimento è rilevato da un lieve
diminuisce la sensibilità di rilevazione. cambiamento di frequenza (effetto Doppler), che determina

Circuito la rilevazione di presenza. Il rilevatore a ultrasuoni è in grado


di controllo Segnale di ”scorgere” oggetti e superfici, fintanto che le superfici
Amplificatore
Rilevatore
in una zona chiusa risultino sufficientemente compatte da
Lente
Fresnel piroelettrico permettere alle onde sonore di rimbalzare. Gli ultrasuoni non
Cellula Cds hanno effetti su esseri umani e animali.
Radiazione (Sensore di
a infrarossi luminosità)

Trasmettitore

Il movimento causa
NOTA: Il parametro misurato dal sensore è la temperatura. il cambiamento di
Ricevitore frequenza
Il sensore funziona meglio tanto più la temperatura ambientale è (effetto Doppler)

differente da quella corporea.


La migliore soluzione consiste nel collocare il sensore perpendicolare alla
traiettoria delle persone. Doppia tecnologia (PIR + US)

CONSIGLI: utilizzare sensori sensori ad infrarossi passivi in aree di


passaggio o a presenza non stanziale privi di ostacoli che possano inibire I sensori a doppia tecnologia utilizzano le tecnologie PIR/US
la rilevazione. per garantire massima affidabilità e copertura, ottimizzando
al minimo la possibilità di falsi rilevamenti.

NOTA: Il parametro misurato dal sensore è la rifrazione dell’onda


ultrasonica contro un ostacolo.
La migliore soluzione consiste nel collocare il sensore parallelo alla
traiettoria delle persone.

CONSIGLI: utilizzare sensori sensori ultrasuoni in aree di lavoro o presenza


stanziale; evitare aree non delimitate o con pareti a vetri.
144 MyHOME Luci e automazioni
Il seguente schema può essere utilizzato per determinare quale tecnologia di sensori si adatta meglio a ciascuna applicazione/
ambiente.

L’area viene usata


solo di tanto in tanto?
Le luci rimangono accese
quando le stanze sono vuote?
No

Esistono eventuali raccomandazioni Si desidera avere


energetiche da rispettare?
No comandi automatici?

No
Sì Sì
Un altro sistema di controllo
L’altezza del soffitto sarebbe più indicato
è inferiore a 4 m? No


Nell’area sono presenti pareti,
apparecchiature o mobili?
No
Nell’area sono presenti pareti,
apparecchiature o mobili? PIR

Sì No Si tratta di un’area piccola o


di un’area specifica che Sì
necessita di rilevamento?
PIR
No
Si tratta di un’area piccola
L’area è delimitata? No o ben definita? Un altro sistema di controllo
sarebbe più indicato
No


Vi sono flussi d’aria?
Doppia tecnologia Vi è un impianto di climatizzazione?

No Sì

È possibile per l’installatore Vi è una linea visiva diretta


Vi sono apparecchiature meccaniche in tutte le zone? Sì
allontanare il rilevatore dal
in movimento nella stanza?
bocchettone dell’aria condizionata? PIR

No
No Sì No Sì

Doppia tecnologia Doppia tecnologia Doppia tecnologia


Un altro sistema di controllo
sarebbe più indicato

Luci e automazioni MyHOME 145


www.professionisti.BTicino.it
Norme generali di installazione

Sensori di luminosità e movimento/presenza


3 AREA DI COPERTURA DEL SENSORE

La terza fase consiste nella scelta del tipo e del numero di sensori più adatto alle esigenze di controllo.
Per far questo è necessario innanzitutto suddividere l’ambiente in aree di controllo, cioè aree all’interno delle quali operano gli
utenti e che è necessario controllare tramite uno o più sensori.
Si possono presentare tre situazioni tipiche:

1 Ambiente piccolo con una sola


area di controllo: un unico sensore
2 Ambiente grande con una sola
area di controllo: un unico sensore
3 Ambiente con diverse aree
di controllo: per ogni area di
è sufficiente a garantire la corretta non è sufficiente a garantire la controllo è indispensabile uno o
copertura dell’area. corretta copertura dell’area. La più sensori in parallelo, seguendo
soluzione consiste nel predisporre la logica indicata nei due punti
un numero sufficiente di sensori precedenti.
in parallelo in modo da coprire
uniformemente tutto l’ambiente.

Definita l’area o le aree di controllo è possibile scegliere il sensore più adatto alle esigenze.
L’area di copertura di un sensore dipende da tre fattori:
1) Tipologia di installazione: parete, soffitto o incasso in serie civile;
2) Altezza di installazione;
3) Sensibilità di rilevazione.
Variando questi tre fattori è possibile adattare l’area di copertura di un sensore all’area di controllo.

Per ulteriori dettagli relativamente all’area di copertura dei sensori e della sensibilità di rilevazione consultare le schede
tecniche dei prodotti specifici.

146 MyHOME Luci e automazioni


4 SCELTA DELLA MODALITA’ DI FUNZIONAMENTO

La quarta fase consiste nella scelta della modalità di funzionamento. Essa influisce sia sul comfort di utilizzo sia sul risparmio
energetico; è importante scegliere quella più adatta in funzione dell’ambiente di riferimento.

Modalità AUTO* Modalità WALKTHROUGH*

L’attivazione la disattivazione del carico sono gestiti La modalità Walkthrough contribuisce ad incrementare
in maniera completamente automatica dal sensore in ulteriormente il risparmio energetico: se il sensore
funzione della rilevazione di movimento/presenza e del rileva movimento/presenza per un tempo inferiore a
livello di illuminamento misurato nell’ambiente. 20 secondi, il dispositivo riduce il tempo di ritardo a 3
Il sensore mantiene il carico attivo finchè è rilevato minuti (se questo fosse superiore a tale valore, in caso
movimento/presenza, in caso contrario, al termine del contrario il valore rimane inalterato).
tempo di ritardo impostato il carico viene disattivato.

NOTA: (La modalità AUTO non richiede l’installazione di un comando


Modalità ECO*
addizionale è tuttavia possibile aggiungerlo per forzare l’accensione o lo
spegnimento)

CONSIGLIO: per massimizzare il risparmio energetico utilizzare la


modalità AUTO in luoghi di passaggio o presenza non stanziale L’attivazione del carico è manuale e la disattivazione
è gestita in modo automatico dal sensore in funzione
della rilevazione di movimento/presenza e del livello di
illuminamento misurato nell’ambiente.
Una volta attivato manualmente, il carico rimane in tale
stato finchè è rilevato movimento/presenza, in caso
contrario, al termine del tempo di ritardo impostato il
carico viene disattivato.
Un opzione della modalità ECO è la funzione
RETRIGGER* (da attivare tra i parametri del sensore) che
consiste nel funzionamento temporaneo (30 secondi)
in modalità AUTO a seguito di uno spegnimento per
mancata rilevazione di movimento/presenza. Trascorsi
i 30 secondi dallo spegnimento, il sensore torna a
funzionare in modalità ECO e il carico deve essere
riattivato manualmente

NOTA: (La modalità ECO richiede necessariamente l’installazione di un


comando addizionale)
* Per maggiori informazioni in merito alle modalità di
funzionamento o ai differenti parametri disponibili, CONSIGLIO: per massimizzare il risparmio energetico utilizzare la
fare riferimento alle schede tecniche dei prodotti modalità ECO in luoghi di lavoro a presenza stanziale

Luci e automazioni MyHOME 147


www.professionisti.BTicino.it
Norme generali di installazione

Sensori di luminosità e movimento/presenza


5 INSTALLAZIONE

I sensori possono essere installati in differenti modi per meglio adattarsi alle esigenze di controllo e alla configurazione
dell’ambiente

Installazione a soffitto ad incasso Installazione a soffitto superficiale

Installazione ad incasso tramite molle, senza scatola da Tutti i sensori da soffitto possono essere installati
incasso e senza copertura (molle e copertura sono fornite a superficialmente utilizzando la scatola per installazione a
corredo). plafone ref. 048875 da acquistare separatamente.

Installazione a parete

Installazione DEI SENSORI DA INCASSO

Installazione ad incasso tramite molle, senza scatola da


incasso e con copertura (molle e copertura sono fornite a
corredo).

I sensori a soffitto possono essere installati ad incasso anche


in soffitti in muratura o in soffitti in cartongesso utilizzando
le apposite scatole da incasso ref. 502E, PB502 e 89358.

148 MyHOME Luci e automazioni


6 REGOLAZIONE DEI PARAMETRI DI FUNZIONAMENTO

I parametri di configurazione dei sensori possono essere impostati e modificati sia via software MyHome_Suite sia tramite i
telecomandi di configurazione

Regolazione con telecomando di


configurazione
Attraverso i telecomandi di configurazione è possibile 4m
4m
accedere e modificare un ampia gamma di parametri (*).
I telecomandi permettono di evitare di dover utilizzare il
software di configurazione per modificare le impostazioni +/- 15°
+/- 15°
e permettono di salvare e replicare su altri sensori una
configurazione tipo.
* Consultare le schede tecniche dei sensori per dettagli circa i parametri disponibili

Esistono due tipologie di telecomandi di configurazione:


Base art. BMSO4003: permette unicamente di inviare
„„
informazioni ai sensori;
Avanzato art. BMSO4001: permette di inviare e ricevere
„„
informazioni dai sensori.

Il principio di funzionamento è il medesimo e consiste nel


puntare il telecomando direttamente verso il sensore,
scegliere il valore desiderato ed inviare il parametro al
sensore.

Luci e automazioni MyHOME 149


www.professionisti.BTicino.it
Norme generali di installazione

Sensori di luminosità e movimento/presenza


Comportamento dei sensori

La seguente tabella riporta il com- WALKTHROUGH.


portamento dei sensori nel caso di Si ipotizza la presenza di una persona in
modalità di funzionamento AUTO o un locale con presenza di luce naturale.

AZIONE REGOLAZIONE ON - OFF REGOLAZIONE DIMMER


La persona entra nella stanza e il livello di illumina- Nessun’azione Nessun’azione
mento è sufficiente
La persona entra nella stanza e il livello di illumina- Attivazione immediata dei carichi Attivazione immediata dei carichi al livello precedente allo
mento è insufficiente Attivazione della funzione di regolazione (solo se attivata spegnimento (se il livello precedente è insufficiente, i cari-
e disponibile solo per i sensori avanzati) chi vengono attivati al 70% della loro massima potenza)
Attivazione della funzione di regolazione (solo se attivata e
disponibile solo per i sensori avanzati)
La persona rimane nella stanza, il sensore regola Se i carichi sono disattivi vengono attivati immediata- Se i carichi sono disattivi vengono attivati immediatamen-
i carichi, e il livello di illuminamento generale mente te al livello precedente l’ultima disattivazione
diminuisce Se i carichi sono già attivi non viene effettuata nessun Se i carichi sono attivi viene aumentato il livello a cui sono
azione dimmerati
La persona rimane nella stanza, il sensore regola Se il livello di illuminamento supera la soglia di luminosi- Se il livello di illuminamento supera la soglia di luminosità
i carichi, e il livello di illuminamento generale tà impostata sul sensore, dopo 10 minuti i carichi vengono impostata sul sensore, viene ridotto gradualmente il livello
aumenta disattivati a cui i carichi sono attivi (1% al minuto; se la differenza è
Se il livello di illuminamento non supera la soglia di particolarmente grande può impiegare fino ad un ora)
luminosità impostata sul sensore, non viene effettuata
nessuna azione
La persona rimane nella stanza, i carichi sono attivi Comando di spegnimento (OFF): disattivazione immediata Comando di spegnimento (OFF): disattivazione immediata
e viene effettuata una pressione breve sul comando di tutti i carichi di tutti i carichi
manuale Comando di accensione (ON): attivazione dell’algoritmo Comando di accensione (ON): attivazione dell’algoritmo di
di regolazione regolazione
La persona rimane nella stanza, i carichi sono attivi Arresto dell’algoritmo di regolazione Arresto dell’algoritmo di regolazione
e viene effettuata una pressione prolungata sul Nessuna effetto sui carichi Immediato aumento o diminuzione del livello di attivazio-
comando manuale ne dei carichi
La persona rimane nella stanza, i carichi sono Comando di spegnimento (OFF): arresto dell’algoritmo di Comando di spegnimento (OFF): arresto dell’algoritmo di
disattivi e viene effettuata una pressione breve sul regolazione regolazione
comando manuale Comando di accensione (ON): attivazione immediata dei Comando di accensione (ON): attivazione dell’algortimo
carichi e dell’algoritmo di regolazione di regolazione e dei carichi al livello precedente l’ultima
disattivazione
La persona rimane nella stanza, i carichi sono Disattivazione dell’algoritmo di regolazione Disattivazione dell’algoritmo di regolazione
disattivi e viene effettuata una pressione prolungata Attivazione immediata dei carichi Attivazione dei carichi e aumento o diminuzione del livello
sul comando manuale di attivazione dei carichi
La persona abbandona la stanza Disattivazione dei carichi e disattivazione dell’algoritmo Disattivazione dei carichi e disattivazione dell’algoritmo
di regolazione al termine del tempo di ritardo impostato di regolazione al termine del tempo di ritardo impostato
sul sensore sul sensore
Interruzione dell’alimentazione principale I controller (DIN o Room Controller) memorizzano il livello I controller (DIN o Room Controller) memorizzano il livello
di attivazione dei carichi di attivazione dei carichi
Ritorno dell’alimentazione principale I controller ritornano allo stato in cui erano prima dell’in- I controller ritornano allo stato in cui erano prima dell’in-
terruzione dell’alimentazione terruzione dell’alimentazione
L’algoritmo di regolazione viene disattivato L’algoritmo di regolazione viene disattivato
Inizia ad essere misurato il tempo di ritardo in spegnimen- Inizia ad essere misurato il tempo di ritardo in spegnimen-
to impostato sul sensore to impostato sul sensore
Se non viene rilevata alcun movimento/presenza al Se non viene rilevata alcun movimento/presenza al termi-
termine del tempo di ritardo vengono disattivati i carichi ne del tempo di ritardo vengono disattivati i carichi

150 MyHOME Luci e automazioni


La seguente tabella riporta il Si ipotizza la presenza di una persona in
comportamento dei sensori nel caso di un locale con presenza di luce naturale.
modalità di funzionamento ECO.

AZIONE REGOLAZIONE ON - OFF REGOLAZIONE DIMMER


La persona entra nella stanza e il livello di illumina- Nessun’azione Nessun’azione
mento è sufficiente
La persona entra nella stanza e il livello di illumina- Nessun’azione finche non viene premuto il comando Nessun’azione finche non viene premuto il comando
mento è insufficiente manuale manuale
La persona rimane nella stanza, il sensore regola i ca- Se i carichi sono disattivi vengono attivati immediata- Se i carichi sono disattivi vengono attivati immediatamen-
richi, e il livello di illuminamento generale diminuisce mente te al livello precedente l’ultima disattivazione
Se i carichi sono già attivi non viene effettuata nessun Se i carichi sono attivi viene aumentato il livello a cui sono
azione dimmerati
La persona rimane nella stanza, il sensore regola i Se il livello di illuminamento supera la soglia di luminosi- Se il livello di illuminamento supera la soglia di luminosità
carichi, e il livello di illuminamento generale aumenta tà impostata sul sensore, dopo 10 minuti i carichi vengono impostata sul sensore, viene ridotto gradualmente il livel-
disattivati lo a cui i carichi sono attivi (1% al minuto; se la differenza
Se il livello di illuminamento non supera la soglia di è particolarmente grande può impiegare fino ad un ora)
luminosità impostata sul sensore, non viene effettuata
nessuna azione
La persona rimane nella stanza, il sensore non Nessun’azione Nessun’azione
regola i carichi, e il livello di illuminamento generale
diminuisce
La persona rimane nella stanza, il sensore non regola i Nessun’azione Nessun’azione
carichi, e il livello di illuminamento generale aumenta
La persona rimane nella stanza, i carichi sono attivi Comando di spegnimento (OFF): disattivazione immediata Comando di spegnimento (OFF): disattivazione immediata
e viene effettuata una pressione breve sul comando di tutti i carichi di tutti i carichi
manuale Comando di accensione (ON): attivazione dell’algoritmo Comando di accensione (ON): attivazione dell’algoritmo
di regolazione di regolazione
La persona rimane nella stanza, i carichi sono attivi Arresto dell’algoritmo di regolazione Arresto dell’algoritmo di regolazione
e viene effettuata una pressione prolungata sul Nessuna effetto sui carichi Immediato aumento o diminuzione del livello di attiva-
comando manuale zione dei carichi
La persona rimane nella stanza, i carichi sono disattivi Comando di spegnimento (OFF): arresto dell’algoritmo di Comando di spegnimento (OFF): arresto dell’algoritmo di
e viene effettuata una pressione breve sul comando regolazione regolazione
manuale Comando di accensione (ON): attivazione immediata dei Comando di accensione (ON): attivazione dell’algortimo
carichi e dell’algoritmo di regolazione di regolazione e dei carichi al livello precedente l’ultima
disattivazione
La persona rimane nella stanza, i carichi sono disattivi Disattivazione dell’algoritmo di regolazione Disattivazione dell’algoritmo di regolazione
e viene effettuata una pressione prolungata sul Attivazione immediata dei carichi Attivazione dei carichi e aumento o diminuzione del
comando manuale livello di attivazione dei carichi
La persona abbandona la stanza Disattivazione dei carichi e disattivazione dell’algoritmo Disattivazione dei carichi e disattivazione dell’algoritmo
di regolazione al termine del tempo di ritardo impostato di regolazione al termine del tempo di ritardo impostato
sul sensore sul sensore
Interruzione dell’alimentazione principale I controller (DIN o Room Controller) memorizzano il livello I controller (DIN o Room Controller) memorizzano il livello
di attivazione dei carichi di attivazione dei carichi
Ritorno dell’alimentazione principale I controller ritornano allo stato in cui erano prima dell’in- I controller ritornano allo stato in cui erano prima dell’in-
terruzione dell’alimentazione terruzione dell’alimentazione
L’algoritmo di regolazione viene disattivato L’algoritmo di regolazione viene disattivato
Inizia ad essere misurato il tempo di ritardo in spegnimen- Inizia ad essere misurato il tempo di ritardo in spegnimen-
to impostato sul sensore to impostato sul sensore
Se non viene rilevata alcun movimento/presenza al Se non viene rilevata alcun movimento/presenza al
termine del tempo di ritardo vengono disattivati i carichi termine del tempo di ritardo vengono disattivati i carichi

Luci e automazioni MyHOME 151


www.professionisti.BTicino.it
Norme generali di installazione

Sensori di luminosità e movimento/presenza


MISURA DEL LIVELLO DI ILLUMINAMENTO

Il livello di illuminamento presente luminosità integrata. Effettuando regola lo stato o il livello di


nell’ambiente è misurato dal un confronto con la soglia di accensione dei carichi.
sensore tramite la cellula di luminosità impostata il sensore

REGOLAZIONE ON-OFF

Questo tipo di regolazione permette misura il livello di luce naturale deve essere superata per almeno
solamente l’accensione o lo (differenziandolo da quello di luce 10 minuti, prima che il sensore dia il
spegnimento completo del carico, artificiale fornita). Nel caso in cui il comando di spegnimento. Ciò evita
non è possibile la regolazione a livelli livello di illuminamento complessivo eventuali spegnimenti involontari
intermedi. (luce naturale + luce artificiale) che potrebbero causare problemi alle
Per azionare il comando superi la soglia stabilita, i carichi persone.
di spegnimento il sensore verranno disattivati. Tale soglia

Regolazione ON-OFF in modalità AUTO

Illuminamento legenda:
nell’ambiente (lux) Soglia di luminosità: valore espresso in lux,
preimpostato in fabbrica ma modificabile dall’utente.
Livello di OFF Rappresenta la soglia, al di sotto della quale, il sensore
comanda l’attivazione dei carichi
Livello di OFF: valore espresso in lux, precalcolato dal
sensore, che rappresenta la soglia, al di sopra della
Soglia quale, il sensore comanda la disattivazione dei carichi.
di luminosità Tale valore è composto dalla somma del livello di
illuminamento e del contributo di luce artificiale fornito
dai corpi illuminanti installati nell’ambiente
Tempo di ritardo: valore espresso in ore, minuti o
secondi, preimpostato in fabbrica ma modificabile
dall’utente, che rappresenta la soglia temporale oltre la
10 min 20 sec Tempo di Tempo quale si determina uno spegnimento a seguito di una
ritardo (min.)
mancata rilevazione di movimento/presenza
1 2 3 4 5

Consumi
Spiegazione:
energici (kWh) l’attuatore, attiva il carico naturale, diminuisce l’illuminamento
1. Ambiente non occupato: 3. Ambiente occupato: al crescere del all’interno dell’ambiente; superata
100 %
al crescere del contributo di contributo di illuminazione naturale, in senso discendente la soglia di
illuminazione naturale, aumenta aumenta l’illuminamento all’interno luminosità e trascorsi 20 secondi
l’illuminamento all’interno dell’ambiente; superato il Livello di al di sotto di tale livello, il sensore,
dell’ambiente OFF e trascorsi 10 minuti al di sopra attraverso l’attuatore, disattiva il carico
2. Rilevazione presenza: il sensore di tale livello, il sensore, attraverso 5. Mancata rilevazione movimento/
rileva una presenza e verifica un valore l’attuatore, disattiva il carico presenza: il sensore, trascorso
di lux inferiore alla soglia di luminosità 4. Ambiente occupato: al decrescere il Tempo di ritardo, attraverso
0%
impostata e quindi, attraverso del contributo di illuminazione
Tempo l’attuatore, disattiva il carico
(min.)

152 MyHOME Luci e automazioni


REGOLAZIONE DIMMER

Questo tipo di regolazione permette ambientali. Un particolare algoritmo rimangano al buio) e quella in
di regolare costantemente il livello gestisce la variazione in aumento in diminuzione con tempi più lunghi
di attivazione del carico, variandolo maniera rapida (per evitare che le (per evitare di stancare la vista con
e adattandolo alle condizioni persone entrando in un ambiente fluttuazioni).

Regolazione Dimmer in modalità AUTO


legenda:
Illuminamento
Soglia di luminosità: valore espresso in lux,
nell’ambiente (lux)
preimpostato in fabbrica ma modificabile dall’utente.
Livello di OFF Rappresenta la soglia, al di sotto della quale, il sensore
comanda l’attivazione dei carichi
Livello di OFF: valore espresso in lux, precalcolato dal
sensore, che rappresenta la soglia, al di sopra della
Soglia quale, il sensore comanda la disattivazione dei carichi.
di luminosità Tale valore è composto dalla somma del livello di illumi
namento e del contributo di luce artificiale fornito dai
corpi illuminanti installati nell’ambiente
Tempo di ritardo: valore espresso in ore, minuti o
secondi, preimpostato in fabbrica ma modificabile
dall’utente, che rappresenta la soglia temporale oltre la
10 min 20 sec Tempo di Tempo quale si determina uno spegnimento a seguito di una
ritardo (min.)
mancata rilevazione di movimento/presenza
1 2 3 4 5

Spiegazione:
Consumi sufficiente a garantire l’illuminamento naturale, diminuisce l’illuminamento
energici (kWh)
1. Ambiente non occupato: richiesto all’interno dell’ambiente; superata
al crescere del
100 % contributo di 3. Ambiente occupato: al crescere del in senso discendente la soglia di
illuminazione naturale, aumenta contributo di illuminazione naturale, luminosità e trascorsi 20 secondi
l’illuminamento all’interno aumenta l’illuminamento all’interno al di sotto di tale livello, il sensore,
dell’ambiente dell’ambiente; superato il Livello di attraverso l’attuatore, disattiva il carico
2. Rilevazione presenza: il sensore OFF e trascorsi 10 minuti al di sopra 5. Mancata rilevazione movimento/
rileva una presenza e verifica un valore di tale livello, il sensore, attraverso presenza: il sensore, trascorso il
3%
di lux inferiore alla Soglia di luminosità l’attuatore, disattiva il carico Tempo di ritardo, attraverso l’attuatore
0%
impostata e quindi, attraverso 4. Ambiente occupato: al decrescere
Tempo disattiva il carico
(min.)
l’attuatore, regola il carico al livello del contributo di illuminazione

Gli intervalli di tempo per passare da un livello di attivazione del carico da 0% a 100%, e viceversa, variano e dipendono dalla
tipologia di controllo adottata:
1-10V DALI
Variazione da 0% a 100%: da 2 a 6 secondi Variazione da 0% a 100%: da 2 a 6 secondi
Variazione da 100% a 0%: circa 40 minuti con andamento non lineare Variazione da 100% a 0%: circa 6 minuti

Consigli per una buona regolazione


La luce naturale dovrebbe essere illuminamento dovrebbe variare La distanza fra due sensori deve
distribuita il più uniformemente all’incirca da 12 a 20 m², con un’altezza essere di almeno tre metri, per evitare
possibile ed è preferibile non utilizzare di 2,5 m. Tuttavia, ciò non preclude che problemi di “influenza”, reciproca o
pareti divisorie perpendicolari alla la regolazione venga effettuata in una l’interferenza di sorgenti luminose
finestra. zona più piccola di 12 m², purché si troppo vicine.
L’area di misurazione del livello di tratti di uno spazio chiuso.
Luci e automazioni MyHOME 153
www.professionisti.BTicino.it
Norme generali di installazione

Sensori di luminosità e movimento/presenza


Posizionamento del sensore per una corretta misurazione del livello di illuminamento

In un sistema di gestione ESEMPIO:


dell’illuminazione il posizionamento per un soffitto alto 2,8 m e un’altezza
dei sensori è una questione di massima di finestra pari a 2,5 m, il
primaria importanza per assicurare il sensore può essere posizionato da
corretto funzionamento, di seguito 2,8 a 5 m dalla finestra.
sono riportati una serie di consigli Superando tale limite, la regolazione
pratici utili durante l’installazione. dell’illuminazione in base alla luce
naturale risulterà meno efficace,
Per ottenere un risultato poiché la cellula di luminosità
soddisfacente nella regolazione del sensore riceverà un minor
dell’illuminazione, si consiglia di quantitativo di luce naturale.
avere almeno un’apertura (finestra)
verso l’esterno.
È importante che il sensore venga
collocato ad una distanza compresa
fra 1 volta l’altezza della stanza e
massimo da 1,7 a 2 volte l’altezza
della finestra.

  LL  Max
Max  ==(da 1,5à  a2)*h
 (1.5   2)*h
f   w

L
L  Min
Min  ==  1*h
1*h  

hf  
h  
hw h

154 MyHOME Luci e automazioni


Cosa fare:

Utilizzare sensori a doppia


„„ Posizionare sensori a doppia
„„ Istruire gli utilizzatori del sistema in
„„
tecnologia in aree chiuse, ristrette tecnologia parallelamente alla merito ai nuovi dispositivi e come
o in generale delimitate; traiettoria degli utilizzatori dello utilizzarli.
Utilizzare sensori a doppia
„„ spazio;
tecnologia in aree caratterizzate Mantenere una distanza minima
„„
da presenza stanziale o attività di 3 metri fra due sensori a doppia
a ridotta mobilità (uffici, sale tecnologia;
riunioni…); Generalmente posizionare i
„„
Utilizzare sensori ad infrarossi
„„ sensori al di sopra o in prossimità
passivi in aree aperte non delle principali aree di controllo
delimitate; all’interno dello spazio in oggetto;
Posizionare sensori ad infrarossi
„„ Suddividere aree di grandi
„„
passivi perpendicolarmente alla dimensioni in sottoaree, ognuna
traiettoria degli utilizzatori dello delle quali controllata da sensori
spazio; differenti;

Cosa NON fare:

Utilizzare sensori ad infrarossi


„„ Posizionare sensori a doppia
„„ Posizionare sensori a doppia
„„
passivi in aree caratterizzate tecnologia a meno di 2 metri tecnologia su pareti, soffitti o
da presenza stanziale o attività da fonti di raffrescamento/ superfici interessate da vibrazioni;
a ridotta mobilità (uffici, sale riscaldamento (fan coil, splitter, Gestire l’illuminazione di sicurezza
„„
riunioni…); bocchettoni…); e le uscite di emergenza tramite
Utilizzare sensori ad infrarossi
„„ Posizionare sensori a doppia
„„ sensori.
passivi in aree dove oggetti, tecnologia uno di fronte all’altro;
moduli o pareti possono interferire Posizionare sensori ad infrarossi
„„
con la rilevazione; passivi in luoghi dove la
Utilizzare sensori a doppia
„„ temperatura ambiente risulti molto
tecnologia in aree dove il soffitto è prossima rispetto a quella del
più alto di 4 metri; corpo umano;

Luci e automazioni MyHOME 155


www.professionisti.BTicino.it
Norme generali di installazione

Sensori di luminosità e movimento/presenza


Procedura di diagnostica dei malfunzionamenti dei sensori

Di seguito sono riportati alcuni casi Ognuno dei procedimenti di i nomi dei menù del telecomando
di malfunzionamento più comuni risoluzione contempla l’utilizzo del e dei parametri in oggetto. Per
dovuti principalmente ad un errata telecomando di configurazione ogni ulteriore dettaglio relativo
calibrazione, configurazione o avanzato art. BMSO4001, a cui si fa ai parametri dei sensori o del
posizionamento dei sensori; per ogni riferimento più volte per quanto telecomando fare riferimento alle
tipologia sono riportate anche le riguarda i menù a cui accedere o i rispettive schede tecniche.
principali metodologie di risoluzione. parametri da modificare. In grassetto

Malfunzionamento dovuto ad una rilevazione di


Malfunzionamento 1:
movimento/presenza non corretta.
Mancata o accensione intempestiva:
Parametri da modificare:
Caso di sensore a doppia tecnologia (PIR+US)
Tempo di ritardo;
„„
Sensibilità;
„„
Schema di rilevazione.
„„

Passo 1: Individuare quale tecnologia comporta Passo 2: Risolvere il problema


problemi 1. Riportare lo “Schema di rilevazione” alla
1. Regolare il “Tempo di ritardo” a 30 secondi. configurazione di fabbrica (iniziale = PIR e US;
2. Nel menù “Schema di rilevazione”, regolare le tre rileva- mantenimento = PIR o US; re trigger = PIR o US).
zioni (iniziale, mantenimento e retrigger) soltanto in “US”. 2. Ridurre gradualmente la “Sensibilità” della
3. Dal menù “Test” del telecomando inviare il valore tecnologia che comporta problemi.
“Stato iniziale” e uscire dalla zona di rilevazione. 3. Dal menù “Test” inviare il valore “Stato iniziale” e
Qualora il problema persista, la tecnologia che crea problemi è la US. uscire dall’area di rilevazione del sensore

Se il problema non è stato risolto:


Passo 3: Completare se necessario
1. Nel menù “Schema di rilevazione”, regolare le tre
rilevazioni (iniziale, mantenimento e retrigger) 1. Modificare lo “Schema di rilevazione” per

soltanto in “PIR”. potenziare la detezione (iniziale = PIR e US;

2. Dal menù “Test” inviare il valore “Stato iniziale” e mantenimento = PIR e US; retrigger = disattivato),

uscire dall’area di rilevazione del sensore. oppure eliminare la tecnologia che comporta
problemi passando soltanto a PIR o soltanto a
Qualora il problema persista, la tecnologia che comporta problemi è la PIR.
US per quanto riguarda la rilevazione iniziale e di
mantenimento.
2. Qualora il malfunzionamento persista, è necessario
allontanare il sensore dalla fonte dei problemi (ad es.
flusso d’aria proveniente dal riscaldamento o dalla
climatizzazione).
3. Reimpostare il “Tempo di ritardo” al valore richiesto
dall’utente.
156 MyHOME Luci e automazioni
Passo 1: Risolvere il problema
Malfunzionamento 2:
1. Regolare il “Tempo di ritardo” a 30 secondi.
Mancata o accensione intempestiva:
2. Ridurre gradualmente la “Sensibilità”.
Caso di sensore mono-tecnologia PIR
3. Dal menù “Test” inviare il valore “Stato iniziale” e,
Malfunzionamento dovuto ad una rilevazione di fra un test e l’altro, uscire dal locale.
movimento/presenza non corretta. Qualora il malfunzionamento persista, è necessario
Parametri da modificare: allontanare il sensore dalla fonte dei problemi (ad es.
Tempo di ritardo;
„„ flusso d’aria proveniente dal riscaldamento o dalla
Sensibilità.
„„ climatizzazione).
4. Reimpostare il “Tempo di ritardo” al valore richiesto
dall’utente.

Malfunzionamento dovuto ad una non corretta


Malfunzionamento 3:
rilevazione del livello di illuminamento.
A seguito di una rilevazione di movimento/
Parametri da modificare:
presenza la luce si accende nonostante il livello di
Soglia di luminosità.
„„
illuminamento sia sufficiente

Passo 1: Risoluzione del problema 6. Misurare il livello di illuminamento nelle stesse


1. Ridurre la “Soglia di luminosità”. collocazioni strategiche utilizzate al punto 2.
2. Dal menù “Test” inviare il valore “Stato iniziale”. 7. Effettuare una media dei valori rilevati.
3. Attendere cinque secondi, dopodiché muoversi per 8. Inviare il valore medio ottenuto dal menù
essere rilevati. “Modalità avanzata/Calibratura” del
4. Ripetere la procedura, finché la luce non si accende più. telecomando di configurazione BMSO4001.
9. Dal menù “Test” inviare il valore “Stato iniziale”.
Caso particolare (modalità Esperto): 10. Tramite telecomando di configurazione leggere
Risoluzione senza modifica della soglia di luminosità l’insieme dei parametri del sensore dal menù
(Talvolta è meglio non modificare la soglia di principale.
luminosità impostata sulle base delle preferenze 11. Entrare nel menù “Modalità avanzata/
dell’utente. In tal caso, risulta opportuno ri-tarare il Calibratura” e confrontare il valore visualizzato
sensore) con quelli rilevati dal luxmetro (ripetere il processo
- Modalità Esperto con luxmetro. dal punto 2 al punto 11 nel caso in cui il livello di
1. Disattivare l’illuminazione artificiale. luminosità esterno sia variato).
2. Misurare il livello di illuminamento in varie 12. Ripetere la procedura, fino a ottenere un risultato
collocazione strategiche all’interno dell’area di ottimale.
copertura del sensore.
3. Effettuare una media dei valori rilevati. Qualora la taratura del sensore sia stata
4. Inviare il valore medio ottenuto dal menù “Modalità eccessivamente modificata, e vi siano problemi di
avanzata/Calibratura” del telecomando di regolazione, è consigliabile ripristinare le impostazioni
configurazione BMSO4001. di fabbrica: premere brevemente e poi a lungo (circa
5. Attivare l’illuminazione naturale e abbassare le 10 secondi) sul pulsante “Learn” del sensore stesso.
tapparelle (o aspettare il calare del sole).
Luci e automazioni MyHOME 157
www.professionisti.BTicino.it
Norme generali di installazione

Sensori di luminosità e movimento/presenza


Procedura di diagnostica dei malfunzionamenti dei sensori

Malfunzionamento dovuto ad una non corretta


Malfunzionamento 4:
rilevazione del livello di illuminamento.
A seguito di una rilevazione di movimento/
Parametri da modificare:
presenza la luce si spegne nonostante il livello di
Sensibilità;
„„
illuminamento sia insufficiente
Tempo di ritardo.
„„

Soluzione 1: Soluzione 2:
1. Aumentare gradualmente la o le “Sensibilità” ed 1. Aumentare il “Tempo di ritardo” ed inviare il valore
inviare il valore “Stato iniziale” dal menù “test”. “Stato iniziale” dal menù “test”.
Avvicinare il sensore all’area di lavoro. (Per gli spazi lavorativi, BTicino raccomanda
temporizzazioni da 10 a 15 minuti)

Soluzione 3:
1. Avvicinare il sensore all’area di lavoro.

Malfunzionamento dovuto ad una non corretta


Malfunzionamento 5:
rilevazione del livello di illuminamento.
A seguito di una rilevazione di movimento/
presenza la luce non si accende nonostante il livello
Soluzione identica a quella del caso “A
di illuminamento sia insufficiente
seguito di una rilevazione di movimento/

Malfunzionamento 6: presenza la luce si accende nonostante il

A seguito di una rilevazione di movimento/ livello di illuminamento sia sufficiente”

presenza la luce non si spegne nonostante il (pagina precedente)

livello di illuminamento sia sufficiente

Attenzione:
Nel caso di una lampada gestita ON/OFF: la luminosità Coefficiente di sicurezza = 0,5 x la “Soglia di luminosità”.
esterna deve superare la “Soglia di luminosità” + un Livello di spegnimento = 1,5 x la “Soglia di luminosità” +
Coefficiente di sicurezza; dopodiché prima di essere “Contributo di luce”.
spenta dovranno trascorrere almeno altri dieci minuti. Quando la “Soglia di luminosità” impostata è < 100 lux,
Nel caso di una lampada dimmerata: aspettare da dieci a la formula diventa:
quindici minuti per constatare se il livello di attivazione è Livello di spegnimento = 150 lux + “Contributo di luce”.
diminuito in maniera significativa.

158 MyHOME Luci e automazioni


Schemi di collegamento

Gestione dell’illuminazione
SCHEMA 1 accensione e spegnimento di 2 lampade da 4 punti luce con comando generale ON/OFF

N
230 Vac
L

L1 L2
L4671/1 ON
A = 1 L4671/1 ON
A = 1
PL = 1 PL = 2
M = O/I M = O/I
E46ADCN G1 = – G1 = –
OFF G2 = – OFF G2 = –

230 Vac BUS BUS Ad altri


dipositivi

L4652/2 ON
A = GEN L4652/2 A = 1
ON ON
PL1 = – PL1 = 1
GEN M = O/I M1 = O/I
A2 = 1
OFF OFF OFF PL2 = 2
M = O/I

SCHEMA 2 accensione automatica della luce con sensore da soffitto con infrarosso passivo

N
230 Vac
L

3475 L L1
A = 1
1 1

PL = 1
E46ADCN ART. 3475
230V ˜ M = –
2A cosϕ = 0,6
2A G = –

230 Vac BUS Ad altri


dispositivi

A = 1 L4652/2 Per altre


L4659N PL = 1
ON

M = –
funzioni
A1 = 1
S = 1 PL1 = 1
T = 6 M1 = O/I
OFF

I dispositivo comanda il carico che ha l’indirizzo indicato in A e PL. Quando viene rilevata una presenza se l’illuminamento rilevato è inferiore a quello impostato, il dispositivo accende
il carico a lui attribuito e lo mantiene acceso fino allo scadere di un tempo impostato con il configuratore inserito in T. La sensibilità del sensore di movimento PIR viene impostata con il
configuratore inserito in S. Per un corretto funzionamento è necessario impostare il Set Point di illuminazione del sensore (vedi procedura). Se un utente spegne la luce manualmente con
un comando disabilita il sensore di presenza, fino a quando non viene rilevata nessuna presenza per un tempo indicato da T

Luci e automazioni MyHOME 159


www.professionisti.BTicino.it
Schemi di collegamento

Gestione di carichi diversi


SCHEMA 3 accensione e spegnimento di 1 lampadA E COMANDO TAPPARELLA MEDIANTE COMANDO
ATTUATORE

N
230 Vac
L

L1
L2
A1 = 1 A = 1 ON
E46ADCN PL1
M1
=
=
1

M PL
M
=
=
2
O/I
N
A2 = 1 G1 = –
PL2 = 2 L2 G2 = – OFF

M2 = O/I

L4671M2(*) L4671/1

230 Vac BUS

Ad altri
dipositivi
* Completare il dispositivo con copritasti come da disegno: ON

Comando Comando
tapparelle luce
OFF

SCHEMA 4 estensione impianto filare con comando radio per gestione di due lampade

230 V ac N
L

F411U1 A = 1 F411U1 A = 1
PL = 1 L1 PL = 2 L2
M = – M = –
E46ADCN G1 = – G1 = –
G2 = – G2 = –

230 Vac Ad altri


dispositivi
dell’impianto
Automazione filare

L4578 (*) A = 9
PL = 8
M = –

L4597N A =1
PL1 = 1
PL2 = 2

Nota: Sostituendo l’attuatore F411/1N con l’attuatore dimmer F414 è possibile regolare anche la luminosità della lampada.
Nota (*): assegnare un indirizzo non previsto per altri dispositivi Automazione. L’interfaccia può gestire fino a 36 dispositivi di comandi radio.

160 MyHOME Luci e automazioni


SCHEMA 5 comando accensione luce bagno e ventola aerazione con spegnimento ritardato

230 Vac N
L

Ventola
M bagno
Luce
bagno
F411U1 A = 3 F411U1 A = 3
PL = 1 PL = 1
M = 2 M = SLA
G1 = – G1 = –
G2 = – G2 = –
E46ADCN

230 Vac
BUS Ad altri
dispositivi

L4652/2 ON
A = 3
PL = 1
Il comando ON attiva contemporaneamente la luce e la ventola. M = O/I

Il comando OFF spegne la luce mentre la ventola si disattiva dopo OFF


2 minuti (configuratore in M=2 dell’attuatore Master)

SCHEMA 6 comando motore in corrente continua per tende motorizzate (esempio 24 Vdc)

24 Vdc M
+ +

Alimentatore B F411U2 A = 3 F411U2 A = 3


PL1 = 1 PL1 = 1
PL2 = 1 PL2 = 1
G = – G = –
M = – M = SLA

E46ADCN 230 Vac

BUS
230 Vac
Ad altri
dispositivi

L4652/2 Per altre


funzioni
A = 3
È possibile utilizzare motori in corrente continua con altre caratteristiche (12 - 24 - 48 Vdc) PL = 1
sostituendo l’alimentatore compatibile con le caratteristiche del motore (tensione e corrente) M = 
verificando gli assorbimenti del motore con la portata dei relè degli attuatori (F411U2).

Luci e automazioni MyHOME 161


www.professionisti.BTicino.it
Schemi di collegamento

Gestione delle tapparelle o serrande


SCHEMA 7 comando motore in corrente alternata per tappArelle, tende o serrande motorizzate

N
230 Vac N N N
L

L1-N = rotazione oraria M1 M2 M3


L1 L2 L1 L2 L1 L2
L2-N = rotazione antioraria
M = motore in AC F411U2 A = 2 F411U2 A = 2 F411U2 A = 2
PL1 = 1 PL1 = 2 PL1 = 3
con 2 avvolgimenti PL2 = 1 PL2 = 2 PL2 = 3
G = – G = – G = –
M = – M = – M = –
E46ADCN

230 Vac
BUS Ad altri
dispositivi

L4652/3 A = 2 L4652/2 A = GEN


PL1 = 1 PL = –
A2 = 2 GEN M = 
PL2 = 2
A3 = 2
PL3 = 3
M = 

SCHEMA 8 comando motore in corrente alternata per apertura/chiusura persiane motorizzate

M1 M2

N Ap C ˜ Ch Ap C ˜ Ch
230 Vac
L
F411/4 A = 2
PL1 = 1
1 2 3 4 5 PL2 = 1
PL3 = 1
E46ADCN
ART. F411/4

PL4 = 1
C1 C2 C3 C4
M = 1

230 Vac
BUS Ad altri
dispositivi

M1 = motore che comanda l’anta con battuta interna


M2 = motore che comanda l’anta con battuta esterna
PL1 e PL2 = contatti: devono essere tra loro interbloccati e si devono collegare sempre L4652/2 Per altre
sull’anta con battuta interna funzioni
PL3 e PL4 = contatti: devono essere tra loro interbloccati e si devono collegare sempre A = 2
sull’anta con battuta esterna PL = 1
M = 

162 MyHOME Luci e automazioni


Gestione di lampade dimmerate
SCHEMA 9 accensione, spegnimento e regolazione delle luminosità di lampade fluorescenti
tramite “ballast”

N N
230 Vac
L L
+

F413 A = 2
PL1 = 1
M = –
Ballast 1 2 NC 3 4
- +
0-10V
G = –
ART. F413N

N L - + C1

E46ADCN

230 Vac
BUS
Ad altri
dispositivi

L4652/2 ON Per altre


funzioni
A1 = 2
PL1 = 1
OFF
M1 = O/I

SCHEMA 10 accensione, spegnimento e regolazione delle luminosità di lampade LED

N
230 Vac
L

Attuatore
dimmer
E46ADCN DIN

F418U2 A = 1
PL1 = 1
PL2 = 2

230 Vac Ad altri


BUS
dispositivi

A1 = 1
L4652/2 Per altre
PL1 = 1 ON

M = 0/1
funzioni
A2 = 1
PL2 = 2
OFF
M = 0/1

Luci e automazioni MyHOME 163


www.professionisti.BTicino.it
Schemi di collegamento

Gestione dell’illuminazione e delle tapparelle


SCHEMA 11 IMPIANTO ILLUMINAZIONE E GESTIONE TAPPARELLE - UNITA’ ABITATIVA DI 100 M2

Si riporta la descrizione di un impianto cucina, due camere da letto e due Comando punto/i luce in ogni
„„
Automazione utilizzabile per la bagni. stanza;
gestione dell’illuminazione e delle Funzioni svolte dall’impianto: Comando tapparella in ogni stanza;
„„
tapparelle in una Unità Abitativa di Comando genarale luci;
„„ Comando punto luce dimmerizzato
„„
circa 100 m composta da soggiorno,
2
Comando generale tapparelle;
„„ in soggiorno e nelle camere;

Distribuzione componenti nei singoli locali Articolo


1 Comando generale illuminazione (1) H4652/2
1 Comando generale tapparelle (2) H4652/2
INGRESSO
1 Punto luce a soffitto comandato da attuatore ad incasso (3) H4671/1
1 Comando (4) per punto luce corridoio H4652/2
CORRIDOIO 2 Punti luce a soffitto comandati da attuatore ad incasso e da altri otto punti (4 - 6 - 7 - 9 - 13 - 22 - 28) H4671/1
1 Punto luce a soffitto comandato da un punto (7) e da H4652/2
1 attuatore 1 relè in modulo DIN (*) F411U1
CUCINA
1 Tapparella motorizzata comandata da un punto (8) e da H4652/2
1 attuatore 2 relè in modulo DIN (*) F411U2
1 Punto luce a parete comandato da un punto (11) con regolatore di luminosità e da H4652/2
1 attuatore Dimmer in modulo DIN (*) F415
1 Punto luce a soffitto comandato da due punti (9 - 11) e da H4652/2
SOGGIORNO 1 attuatore 1 relè in modulo DIN (*) F411U1
1 Tapparella motorizzata comandata da un punto (10) e da H4652/2
1 attuatore 2 relè in modulo DIN (*) F411U2
1 Touch Screen (12) H4890
1 Punto luce a soffitto comandato da un punto (13) e da H4652/2
1 attuatore 1 relè in modulo DIN (*) F411U1
BAGNO 1
1 Tapparella motorizzata comandata da un punto (14) e da H4652/2
1 attuatore 2 relè in modulo DIN (*) F411U2
1 Punto luce a soffitto comandato da tre punti (16 - 17 - 18) con regolatore di luminosità e da H4652/2
1 attuatore Dimmer in modulo DIN (*) F415
1 Tapparella motorizzata comandata da un punto (15) e da H4652/2
1 attuatore 2 relè in modulo DIN (*) F411U2
CAMERA 1 1 Punto luce a parete comandato da un punto (17) H4652/2
1 Punto luce a parete comandato da un punto (18) e da H4652/2
1 attuatore 2 relè in modulo DIN (*) F411U2
1 Comando (20) per punto luce corridoio H4652/2
1 Local Display (19) HS4891
1 Punto luce a soffitto comandato da tre punti (22 - 23 - 24) con regolatore di luminosità e da H4652/2
1 attuatore Dimmer in modulo DIN (*) F415
1 Tapparella motorizzata comandata da un punto (21) e da H4652/2
1 attuatore 2 relè in modulo DIN (*) F411U2
CAMERA 2 1 Punto luce a parete comandato da un punto (23) H4652/2
1 Punto luce a parete comandato da un punto (24) e da H4652/2
1 attuatore 2 relè in modulo DIN (*) F411U2
1 Comando (26) per punto luce corridoio H4652/2
1 Local Display (25) HC4685
NOTA: Tutti i comandi devono essere completati di supporto, placca e copritasti abbinati alla serie civile desiderata reperibili all’interno del Catalogo Generale Installazione BTicino.
Per questo esempio specifico vengono utilizzati prodotti della serie civile AXOLUTE.
NOTA (*): Tutti gli attuatori in modulo DIN vengono installati nel quadro domotico 54 moduli installato nell’ingresso.

164 MyHOME Luci e automazioni


Controllo centralizzato tramite Touch
„„
Screen sito nel soggiorno;
Richiamo scenari con Local Display
„„
nelle due camere da letto.

Quadro domotico Moduli DIN Quadro domotico Moduli DIN


1 Alimentatore SCS 3 Dimmer DIN
8 12

12 Attuatori DIN 1 Modulo Scenari


24 2
Totale 46

Luci e automazioni MyHOME 165


www.professionisti.BTicino.it
Schemi di collegamento

Gestione dell’illuminazione e delle tapparelle


SCHEMA 11 IMPIANTO ILLUMINAZIONE E GESTIONE TAPPARELLE - UNITA’ ABITATIVA DI 100 M2

INGRESSO CORRIDOIO CUCINA


L

F420
F411U1
A1 = –
E46ADCN PL = 1 H4671/1 H4671/1 A = 3
PL = 1
ART.F420 ON A1 = 1 ON A1 = 2
PL = 1 PL = 1
OFF M1 = O/I OFF M1 = O/I

3 5

230 Vac

H4652/2 H4652/2 H4652/2 H4652/2 H4652/2


ON A1 = GEN A = GEN ON A1 = 2 ON A1 = 2 ON ON A1 = 3
M = O/I M =  PL1 = 1 PL1 = 1 PL1 = 1
GEN
M = O/I M = O/I OFF OFF M1 = O/I
OFF OFF OFF
A2 = 2
PL2 = 1
1 2 4 6 7 M2 = O/I

CAMERA 2
L

L
F415 F411U2 F411U2
ART.F415
A = 8 A = 8 A = 8
PL = 1 PL1 = 2 PL1 = 4
PL2 = 3 PL2 = 4

H4652/2 H4652/2 H4652/2 H4652/2 H4652/2 H4652/2


A = 2 A = – A1 = 8 A1 = 8 A = 8 A = 8
NOTA: per la configurazione
ON
ON ON ON
ON ON

PL1 = 1 PL1 = 1 PL1 = 3 PL1 = 2 PL1 = 1 PL1 = 4


del bagno 2 fare riferimento al M = O/I M = 4 M1 = O/I M1 = O/I M1 = O/I M1 = 
OFF OFF OFF OFF
bagno 1, configurando per tutti i
OFF OFF
FUN = 1 A2 = 8 A2 = 8
dispositivi l’ambiente A = 6 26 25 24 PL2 = 1 23 PL2 = 1 22 21
M2 = O/I M2 = O/I

166 MyHOME Luci e automazioni


CUCINA SOGGIORNO BAGNO
L

M M M

F411U2 F411U1 F415 F411U2 F411U1 F411U2


A = 3 A = 4 L
A = 4 A = 4 A = 5 A = 5
PL1 = 2 PL = 1 ART.F415
PL = 2 PL1 = 3 PL = 1 PL1 = 2
PL2 = 2 PL2 = 3 PL2 = 2

H4890
H4652/2
H4652/2 H4652/2 H4652/2 H4652/2 H4652/2
A1 = 3 ON ON A1 = 4 A1 = 4 ON
ON A1 = 4 ON ON A1 = 5 A1 = 5
PL1 = 2 PL1 = 1 PL1 = 3 PL1 = 2 PL1 = 1 PL1 = 2
M =  OFF OFF M1 = O/I M =  OFF OFF M1 = O/I OFF OFF M1 = O/I M = 
A2 = 2 A2 = 4 A2 = 2
PL2 = 1 PL2 = 1 PL2 = 1
8 9 M2 = O/I 10 11 M2 = O/I
13 M2 = O/I
14
12

CAMERA 1
L

L
F415 F411U2 F411U2
ART.F415
A = 7
A = 7 A = 7
PL = 1
PL1 = 2 PL1 = 4
PL2 = 3 PL2 = 4

H4652/2 HS4891 H4652/2 H4652/2 H4652/2 H4652/2


A1 = 2 A = – A1 = 7 A1 = 7 ON A = 7 A = 7
ON ON ON
ON ON

PL1 = 1 PL1 = 1 PL1 = 3 PL1 = 2 PL1 = 1 PL1 = 4


M = O/I M = 4 M1 = O/I M1 = O/I M1 = O/I M1 = 
OFF OFF OFF OFF OFF OFF
FUN = 1 A2 = 7 A2 = 7
20 19 18 PL2 = 1 17 PL2 = 1 16 15
M2 = O/I M2 = O/I

Luci e automazioni MyHOME 167


www.professionisti.BTicino.it
Schemi di collegamento

Gestione dell’illuminazione e delle tapparelle


SCHEMA 12 IMPIANTO ILLUMINAZIONE CON SENSORI DI PRESENZA E ILLUMINAZIONE - SALA RIUNIONI GRANDE

Il dimmer SCS 1-10  V art. BMDI1002 ottimale e disattiva l’illuminazione (circuito 2), della lavagna (circuito 3) e
gestisce tutti i circuiti di illuminazione generale della stanza (circuito le luci generali (circuito 1) sono gestite
della stanza: accende/spegne le 1) automaticamente sulla base tramite il comando SCS a tre moduli
lampade dello schermo (circuito 2), della rilevazione di presenza e del art. L4652/3.
della lavagna (circuito 3) e regola le contributo di luce naturale. Le tapparelle (circuito 5, 6 e 7) e il
luci generali (circuito 1). È inoltre possibile regolare saliscendi dello schermo (circuito
Il sensore SCS a doppia tecnologia art. manualmente la luce tramite uno dei 2) sono comandate dai tre attuatori
BMSE3003, configurato in modalità pulsanti del comando SCS a tre moduli SCS art. F411/2 e regolate tramite il
ECO è installato al centro della art.  L4652/3 installato in prossimità comando speciale SCS art. L4651M2.
stanza per assicurare una rilevazione dell’ingresso. Le luci dello schermo

L L
N N
Motore Motore Motore Motore Lampade 1 Alogena 1 Alogena
tapparelle tapparelle tapparelle schermo centrali 10 x 72 W schermo lavagna
7 6 5
4 1 2 3

Art. Art. Art. Art. Art. BMDI1002 Art.


F411U2 F411U2 F411U2 F411U2 N L N L E46ADCN
230 V 230 V
cavo SCS

Art. Art. Art.


L4652/3 L4651M2 BMSE3003

1. Installare il sensore SCS da soffitto canali art. F411U2 + il dimmer 1-10 MyHOME_Suite.


a doppia tecnologia art. BMSE3003 V a quattro canali art. BMDI1002 + 5. Il sensore ha le seguenti pre-
al centro della sala per assicurare l’alimentatore SCS art. E46ADCN in regolazioni di fabbrica: tempo
una rilevazione ottimale; installare un armadio. di ritardo 15 minuti, soglia di
il comando SCS a tre moduli art. 3. Collegare tra loro tutti i dispositivi luminosità 500 lux, sensibilità
L4652/3; installare il comando SCS dispositivi per mezzo del cavo SCS PIR massima e US alta. Qualora
speciale art. L4651M2 tra schermo e art. L4669, L4669/500, L4669HF. necessario, usare il telecomando di
tapparelle. 4. Configurare sensori, comandi configurazione art. BMSO4001 per
2. Installare gli attuatori SCS a due e controller tramite il software cambiare i parametri del sensore.

168 MyHOME Luci e automazioni


SCHEMA 13 IMPIANTO ILLUMINAZIONE CON SENSORI DI PRESENZA E ILLUMINAZIONE - HALL E RECEPTION

Ogni sensore da soffitto ad infrarossi sono configurati per mantenere


passivi art. BMSE3001 o a doppia nell’area reception 500 lux e 100 lux
tecnologia art. BMSE3003 controlla sulle scale, rispettivamente.
la relativa zona (circuito 1, 2 e 3). È inoltre possibile attivare
Durante il giorno, l’illuminazione è l’illuminazione agendo su un touch
regolata automaticamente sulla base screen art. H/LN4890.
della presenza o del movimento e del
contributo di luce naturale: i sensori

L1
L2
N
Circuito 1 Circuito 2 Circuito 3

230 V 230 V 230 V


N L N L N L

Art.
Art. Art.
E49
F417U2 F416U1

Cavo BUS/SCS

Art.
LN4890
Art. Art. Art.
BMSE3001 BMSE3003 BMSE3003

1. Installare i sensori SCS da soffitto 3. Installare sulla parete il touch di ritardo 15 minuti, soglia di
a doppia tecnologia o infrarossi screen SCS art. LN4890. luminosità 500 lux, sensibilità PIR
passivi art. BMSE3003 e BMSE3001 4. Collegare tra loro tutti i dispositivi massima e US alta.
al centro di ognuna delle aree da tramite cavo SCS art. L4669, Qualora necessario, utilizzare il
controllare. L4669/500, L4669HF. telecomando di configurazione
2. Installare l’alimentatore SCS 5. Configurare tutti i dispositivi art.  BMSO4001 per modificare i
art. E46ADCN, nonché i dimmer installati utilizzando il software parametri dei sensori.
SCS art. F417U2 e art. F416U1 MyHOME_Suite.
nell’armadio di permutazione della 6. I sensori hanno le seguenti pre-
hall. regolazioni di fabbrica: tempo
Luci e automazioni MyHOME 169
www.professionisti.BTicino.it
170 MyHOME Antifurto
INDICE
MyHOME – Antifurto
Caratteristiche generali. . . . . . . . . . . . . . . . . . 172
Norme generali di installazione . . . . . . . . . . . . 185
Configurazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 200
Schemi di collegamento. . . . . . . . . . . . . . . . . 204
Messa in funzione e collaudo . . . . . . . . . . . . . . 214

Antifurto MyHOME 171


www.professionisti.BTicino.it
Caratteristiche generali

La sicurezza da professionisti
L’Antifurto MyHOME è un sistema ESPANSIONE RADIO INTEGRAZIONE CON ALTRI
di allarme sicuro ed efficace per la Mediante un’apposita interfaccia IMPIANTI MyHOME
protezione di beni e persone, in radio è possibile espandere L’impiego di un cavo BUS a 2 fili
grado di rilevare eventuali intrusioni e l’impianto Antifurto con dispositivi di non polarizzati per il cablaggio dei
segnalare tempestivamente l’evento rilevazione e comando di tipo radio. dispositivi MyHOME permette il
per mezzo di allarmi sonori, visivi e Inoltre si rendono disponibili una reciproco scambio delle informazioni
con messaggi telefonici. Il sistema serie di funzioni opzionali: tra gli impianti.
comprende: Allarmi tecnici: controllo per
„„ In particolare, integrando l’impianto
Centrale con comunicatore
„„ l’allagamento dei locali. Antifurto nel sistema MyHOME
integrato PSTN o GSM con Telesoccorso: intervento
„„ tramite una specifica interfaccia si
gestione fino a 72 sensori in 8 aree. tempestivo, nei confronti di potranno realizzare:
Inseritori a trasponder, inseritori
„„ persone in difficoltà. funzioni evolute derivanti dalla
„„
onde radio, inseritori ad infrarosso Comando radio: gestione a
„„ sinergia dei singoli impianti (per
e codice numerico. distanza dell’impianto mediante esempio l’accensione automatica
Dispositivi a cablaggio filare e radio.
„„ telecomando. delle luci a seguito di un evento
Gestione allarmi tecnici.
„„ antifurto);
Gestione protocollo di
„„ La gestione locale, o remota
„„
comunicazione Ademco Contact ID. dell’impianto via Internet con
portale MyHOME_Web.
L’impianto può anche realizzare
funzioni di “safety” quali il
Telesoccorso per anziani e la
protezione della casa nei confronti di
fughe di gas o di acqua.

Sirena esterna Centrale con comunicatore PSTN e GSM

Alimentatore

230 Vac
BUS

Interfaccia Contatti
Sensore IR+MW Sensore IR contatti Basic magnetici

172 MyHOME Antifurto


GESTIONE DELL’IMPIANTO
Dispositivi radio IMPIANTI MyHOME A BUS
TRAMITE SMARTPHONE
Se l’impianto è dotato di centrale art.
Telecomando 2) Automazione
3486 è possibile utilizzare la specifica
APP “MYHOME ALARM” per controllare
le funzioni con dispositivi Android e
iOS. L’applicativo permette di:
Inserire/Disinserire singole zone
„„
Videocitofonia
d’impianto o scenari;
Verificare lo stato dell’impianto:
„„ Rivelatore
perimetrale radio 1)
inserito/disinserito, scenario o zone
attive, stato della rete e della batteria;
Ricevere la configurazione
„„
impostata nella centrale (es. nomi
degli scenari, delle zone,...).
È inoltre possibile ricevere un
„„
Gestione centralizzata
messaggio SMS, prima della
Rivelatore
chiamata effettuata dalla centrale volumetrico
in caso di un evento di allarme e radio 1)

cambio stato dell’impianto. La App


è disponibile gratuitamente da
iTunes e Google Play.

Ricevitore radio
Interfaccia
SCS/SCS

APP
antifurto

BUS
Ad altri eventuali impianti

Badge
transponder a
portachiavi

Nota (1): non è possibile memorizzare lo stesso


sensore su più ricevitori radio
Nota (2): non associare un telecomando radio a
Inseritore a transponder Inseritore a tastiera più ricevitori radio nello stesso impianto
Badge transponder

Antifurto MyHOME 173


www.professionisti.BTicino.it
CARATTERISTICHE GENERALI

Funzioni evolute: la sicurezza della casa e delle persone


L’impianto Antifurto rappresenta allarme perdite di acqua telesoccorso
l’infrastruttura di base per la o gas Persone anziane, disabili o lungo
protezione antifurto e può essere Integrando nell’impianto Antifurto degenti possono segnalare una
facilmente espanso per la protezione un sensore presenza acqua o un richiesta di soccorso utilizzando un
di cose o persone da eventi sensore di gas, in caso di evento di telecomando portatile. Il segnale
pericolosi. pericolo l’impianto Antifurto attiva trasmesso è captato dall’impianto
Di seguito alcuni esempi: una elettrovalvola per la chiusura della Antifurto che attiva una sirena interna
tubazione della rete di distribuzione. e invia un messaggio telefonico di
Contemporaneamente viene attivata soccorso.
una sirena interna ed inviato un
messaggio telefonico di allarme.

TV/SAT IPTV TV/SAT

Allarme perdita acqua o gas telesoccorso

Sirena interna
automazione diffusione sonora antifurto termoregolazione videocitofonia automazione
controllo diffusione sonora
lan controllo
antifurto carichi termoregolazione
energia videocitofonia
luci controllo
tv
Sirena interna
(opzionale)

Attuatore a relè

Ricevitore radio
Ricevitore radio

Rilevatore di
allagamento

Comando radio
per telesoccorso

174 MyHOME Antifurto


Allarme antipanico Allarme antirapina
In caso di rumori sospetti PER ATTIVITà COMMERCIALI
nell’abitazione, è possibile generare In caso di pericolo, la commessa
manualmente un segnale di allarme. può attivare l’impianto Antifurto per
Se l’impianto Antifurto è inserito, l’invio di un messaggio telefonico di
suoneranno tutte le sirene per soccorso. L’attivazione non genera
disorientare un eventuale intruso e alcun allarme sonoro per permettere
verrà inviato un messaggio telefonico alle forze dell’ordine di sorprendere
di allarme. il rapinatore ignaro della chiamata
Come sopra, ma con l’intervento della effettuata.
sola interna (se presente), nel caso
l’impianto è disinserito.

TV/SAT IPTV
Allarme antirapina Sirena interna
(opzionale)

Allarme antipanico
TV/SAT IPTV
Interfaccia Interfaccia
allarmi tecnici allarmi tecnici

automazione diffusione sonora antifurto termoregolazione videocitofonia controllo lan controllo carichi energia luci tvcc

automazione diffusione sonora antifurto termoregolazione videocitofonia controllo lan controllo carichi energia

Pulsante N.C. Pulsante N.C.

stoP & go: Segnalazione


telefonica dell’intervento
dell’interruttore generale
Collegando, tramite una specifica Il dispositivo SALVAVITA STOP&GO sovraccarico della linea, l’impianto
interfaccia, l’interruttore SALVAVITA provvede quindi a richiudere Antifurto non ripristinerà più la
STOP&GO all’impianto Antifurto, automaticamente l’interruttore corrente ma provvederà ad inviare un
è possibile ricevere un messaggio scattato, ripristinando la corrente messaggio telefonico.
telefonico in caso di intervento in condizioni di totale sicurezza.
dell’interruttore per temporali, Se invece il guasto permane a
Interruttore
disturbi elettrici o guasto all’impianto. causa di un difetto di isolamento o Stop & Go

TV/SAT IPTV
Stop & GO
Interfaccia Interfaccia di
allarmi tecnici comando

diffusione sonora antifurto termoregolazione videocitofonia controllo lan controllo carichi energia luci tvcc www

Antifurto MyHOME 175


www.professionisti.BTicino.it
CARATTERISTICHE GENERALI

Funzioni evolute:
l’integrazione con altre funzioni MyHOME

L’impianto Antifurto può essere Disattivazione automatica


„„ di apertura o chiusura dell’infisso
facilmente integrato all’impianto del riscaldamento. viene rilevato utilizzando il
Automazione o Videocitofonia L’integrazione dell’impianto contatto NC già previsto per la
mediante l’interfaccia F422. Antifurto con l’impianto protezione antintrusione della
Ovviamente con più interfacce è Termoregolazione permette finestra (o porta).
possibile realizzare impianti di una di creare una funzione
certa complessità con funzioni particolarmente utile ai fini del
differenti. Di seguito alcuni esempi: risparmio energetico. In pratica,
Accensione luci di cortesia.
„„ aprendo porte o finestre è
Integrando l’impianto Antifurto possibile spegnere il riscaldamento
con l’impianto Automazione della zona di termoregolazione che
si possono accendere corrisponde all’ambiente in cui si
automaticamente tutte le luci sono aperti i serramenti evitando
dell’abitazione a seguito di un così inutili dispersioni di energia
evento intrusione. verso l’ambiente esterno. Lo stato

accensione luci di cortesia TV/SAT


disattivazione automatica del riscaldamento
IPTV

Contatto
magnetico

diffusione sonora antifurto Interfaccia


termoregolazione videocitofonia controllo lan controllo carichi energia luci tvcc www irrigazione

TV/SAT IPTV

Apertura
TV/SAT
finestra IPTV

automazione diffusione sonora antifurto termoregolazione Interfaccia


videocitofonia controllo lan controllo carichi energia

automazione diffusione sonora antifurto termoregolazione videocitofonia controllo lan controllo carichi energia luci tvcc

Comando TV/SAT IPTV


generale luci

Interfaccia di comando

automazione diffusione sonora antifurto termoregolazione videocitofonia controllo lan controllo carichi energia luci

176 MyHOME Antifurto


I dispositivi dell’impianto

Nelle pagine seguenti si illustrano Personalizzazione degli utenti


„„ Gestione scenari
„„
i dispositivi principali che La centrale può essere programmata Possono essere definiti fino a 16
costituiscono il sistema Antifurto per consentire l’accesso scenari per inserire, con un’unica
di MyHOME. Per l’elenco completo nell’abitazione secondo due criteri operazione, l’antifurto nelle zone
consultare la sezione “Catalogo”. personalizzabili dall’utente; per fascia della casa che si devono proteggere.
oraria e per tipologia di area. È anche possibile associare ad ogni
CENTRALE ANTIFURTO Fascia oraria: L’accesso nelle aree singola chiave un determinato
Disponibile in due versioni: protette è consentito solo in scenario.
Con comunicatore telefonico PSTN
„„ determinati orari. Per esempio, la
oppure PSTN/GSM; donna della pulizie è dotata di chiave
Senza comunicatore telefonico.
„„ che disattiva l’Antifurto ogni martedì,
è il dispositivo cuore dell’impianto dalle ore 9.00 alle ore 12.00. Centrale base
Antifurto in grado di gestire fino Area: L’accesso nella casa è riservato
a 72 sensori suddivisi in 8 aree e solo in alcune aree. Per esempio il
riconoscere fino a 50 chiavi per giardiniere è dotato di chiave che
l’inserimento/disinserimento abilita l’accesso al solo locale adibito
dell’impianto. Attraverso l’ampio a rimessa per gli attrezzi
display è possibile controllare lo
stato del sistema, impostare modalità
di funzionamento evolute quali la
Centrale con comunicatore telefonico PSTN e GSM
personalizzazione degli utenti, la
Aree protette
gestione degli scenari di attivazione
e funzioni evolute derivanti
dall’integrazione con altri impianti
MyHOME.
È inoltre predisposta per la
funzionalità Ademco Contact ID per
Stato del sistema
invio di chiamata telefonica a istituto
di vigilanza a seguito di evento
antifurto o allarme tecnico.

Scenario notte: protezione totale della zona giorno e protezione perimetrale della casa. Scenario lavoro: protezione completa della casa.

LEGENDA
Protezione perimetrale
ProtezioneIR zona giorno
ProtezioneIR zona notte

Antifurto MyHOME 177


www.professionisti.BTicino.it
CARATTERISTICHE GENERALI

Dispositivi di comando e di protezione

INSERITORI Inseritore a tastiera con display

Questi dispositivi permettono di


inserire/disinserire l’impianto tramite
la digitazione di un codice numerico
oppure una chiave transponder.
Con l’inseritore a tastiera con display Lettore chiavi transponder
è inoltre possibile selezionare le
aree dell’abitazione da proteggere
(parzializzazione) e conoscere lo stato
del sistema atraverso le informazioni
presenti sul display.

INTERFACCE CONTATTI
Per il collegamento all’impianto