Sei sulla pagina 1di 2

Cavità addominale

È un’ampia cavità separata dalla cavità toracica dal diaframma cranialmente, mentre caudalmente si continua con la cavità pelvica

È di forma ovoidale e presenta un polo maggiore cranio ventrale ed un polo minore caudo dorsale

Nei carnivori si presenta stretta ed allungata

Negli ungulati è molto più ampia, specie nei ruminanti

Tutte le sue pareti sono rivestite da peritoneo

Presenta:

 Parete dorsale
Ha per base anatomica le vertebre lombari ed i muscoli dorsali dell’addome, come il muscolo grande e piccolo psoas, il
muscolo quadrato dei lombi, ed il muscolo iliaco
Si estende dal margine ventrale del diaframma, sino all’entrata della pelvi, è sempre più breve della parete ventrale
È ricoperta solo in parte da peritoneo parietale e ad essa infatti aderiscono i seguenti visceri: aorta e rami viscerali,
celiaca, mesenterica craniale, renale, testicolare od ovarica, e mesenterica caudale, vena cava caudale, catena del
simpatico, cisterna del chilo, reni, con ghiandola adrenale ed uretere

 Parete ventrale
Ha per base anatomica il processo xifoideo dello sterno cranialmente, ed il muscolo retto dell’addome caudalmente
Si estende dal processo xifoideo dello sterno fino al margine craniale del pube, è circa due volte più estesa della parete
dorsale
È ricoperta da peritoneo, che nel suino e nei carnivori può presentare un accumulo di grasso
Presenta: legamento falciforme, legamento mediano della vescica, linea alba, medialmente, fascia trasversale e muscolo
retto dell’addome, lateralmente, arterie e vene epigastriche craniali e caudali

 Parete laterale
È costituita cranialmente dalle coste, dalle cartilagini costali e dai muscoli intercostali, caudalmente dai muscoli esterno,
interno, e trasverso dell’addome
Si estende in senso cranio caudale, dal diaframma all’entrata della pelvi, in senso dorso ventrale, dal margine laterale
della regione lombare al margine laterale del muscolo retto dell’addome
È ricoperta da peritoneo parietale, poco aderente e con presenza di tessuto adiposo

 Parete craniale o diaframmatica


è costituita completamente dalla faccia caudale del diaframma, concavità della cupola
è ricoperta da peritoneo parietale ad eccezione di piccole aree di aderenza viscerale (area nuda del fegato, area di
aderenza dell’atrio del rumine)
a livello di centro tendineo l’aderenza è maggiore rispetto alle parti carnose, e da tali zone partono i legamenti che
uniscono il diaframma al fegato, allo stomaco ed alla milza

 Parete caudale o pelvica


Separa la cavità addominale da quella pelvica, ed è circoscritta completamente da ossa quali: dorso cranialmente faccia
ventrale del sacro, promontorio e dalle vertebre caudali, ventro caudalmente dal margine craniale del pube, lateralmente
dal pettine del pube e dalla linea arcuata dell’ileo, margine ventro mediale dell’ileo
Si viene così a delimitare la linea terminale, una linea circolare che viene così a delimitare l’apertura craniale della pelvi,
obliqua in direzione cranio caudale

Inoltre nella cavità addominale si distinguono una porzione retrodiaframmatica, una porzione intratoracica, ed una porzione
addominale propriamente detta, extratoracica
Visceri della cavità addominale

La cavità addominale contiene i visceri dell’apparato digerente, tutto il tratto gastroenterico, ad eccezione di retto, canale anale,
inoltre sono presenti fegato, e pancreas, visceri dell’apparato urogenitale con ampie variazioni legate a sesso e specie, e milza

Mentre la cavità pelvica contiene visceri dell’apparato digerente quali retto e canale anale, visceri dell’apparato urogenitale con
ampie variazioni legate a sesso e specie, vescica in porzioni più o meno estesa, parte pelvica dell’uretra e ghiandole genitali ad essa
annesse nei mammiferi maschi, la porzione caudale degli organi genitali nei mammiferi femmine

Peritoneo

È la sierosa della cavità addominale, ed in parte della cavità pelvica

Come tutte le sierose è costituito da due foglietti, uno parietale ed uno viscerale, uniti per mezzo di un meso

Il peritoneo parietale tappezza tutta la superficie interna della cavità addominale, spingendosi fin dentro a quella pelvica e
formando nel maschio i due canali vaginali

Il peritoneo viscerale riveste gli organi addominali e alcuni organi pelvici

I due foglietti delimitano la cavità peritoneale, resa virtuale dal fatto che i visceri si addossano o contro la parete o l’uno contro
l’altro

La fissazione dei visceri avviene sulla parete lombare e sul diaframma

 Mesi semplici
Foglietti sierosi che dal peritoneo parietale si portano a quello viscerale unendoli
Essi formano una sottile lamina connettivale interposta tra essi, nella quale decorrono vasi e nervi destinati all’organo
corrispondente: digiuno, colon discendente, retto, utero, ovaio, testicolo, mesentere, mesometrio, mesovario, mesorchio

 Omento
Meso che si estende da un viscere all’altro, fluttuando tra essi più o meno lassamente
Grande omento o epiploon, dallo stomaco a colon, e pancreas
Piccolo omento, dallo stomaco, piccola curvatura, al fegato

 Legamento o piega peritoneale


Meso formato da una lamina sierosa con uno strato intermedio fibroso, inestensibile, il cui compito è fissare l’organo alla
parete o ad un altro organo

 Fondo cieco o tasca peritoneale


Si forma quando il peritoneo affonda in una depressione della parete o fra i visceri tra cui si riflette

 Borse peritoneali
Tasche profonde ben delimitate che comunicano con la cavità peritoneale tramite orifici
La borsa omentale e la borsa ovarica