Sei sulla pagina 1di 17

tutorial e foto di Leila Bidler © - è vietata la vendita, riproduzione e distribuzione

anche parziale delle foto e di questo documento/tutorial senza permesso scritto

Questo tutorial mostra come decorare e trasformare una semplice scatoletta


economica in un decoro SPAVENTOSO per la vostra prossima festa di
Halloween.

Ovviamente è possibile cambiare e modificare soggetti e colori utilizzati o


cambiare tipo di supporto. Questo tutorial vuole solo essere una guida sulla
tecnica, sentitevi liberi di rendere vostra l'idea e di sbizzarrirvi!

Nota: vendo solo oggetti e faccio solo tutorial che come idee sono di mia
proprietà, di mio ingegno. Vi prego di fare altrettanto ;) Ovviamente potrete
vendere oggetti realizzati seguendo questo tutorial, ma non è permesso fare
copie identiche 1:1 e soprattutto è vietato rivendere il tutorial. E' vietato
distribuire il tutorial o parte di esso gratuitamente, è vietato utilizzarlo per
insegnare, anche gratuitamente.

Per suggerimenti o domande la mia Email è: gom6699@yahoo.it


Occorrente:
• Pasta Sintetica nei seguenti colori: oro, nero, arancione, volendo anche
fosforescente
• Una scatoletta di cartone pressato, cartapesta o legno
• Colore acrilico bianco, arancione e fosforescente (che si illumina al buio)
• Uniposca o penna indelebile a punta fine, colore nero
• Pasta Sintetica liquida (Fimo Liquid ecc)
• Colla Vinilica (Vinavil o simili)
• Pigmento in polvere colore nero (ombretti, gessetti, Pear-Ex ecc)
• due pennelli morbidi, uno a punta sottile per il pigmento uno più grosso per il
colore acrilico
• Spiedino di legno o ferro da maglia
• Lama per pasta sintetica
• Scalpello
• Punteruolo
• Macchina per la pasta o rullo acrilico
• (opzionale) formina per biscotti ovale
• (opzionale) guanti sottili in lattice per lavorare
Dove reperire i materiali:
Tutto quello che trovate elencato sopra dovreste trovarlo presso un negozio di belle
arti ben fornito. Spesso scatole e scatolette di legno sottile o cartoncino si trovano
anche presso i grandi magazzini cinesi dove costano meno o presso siti online come
opitec.it
I colori acrilici fosforescenti si illuminano al buio dopo essere stati "caricati" dalla
luce, ossia esposti a qualche fonte di luce tipo lampadina. Ce ne sono di varie
marche e anche di vari colori oramai, dal rosa al bianco-verdastro. Un'ottima marca
è la Golden, ma ce ne sono diverse con diversi prezzi. Risaltano di più su sfondo
bianco.

Attrezzi base per lavorare la pasta sintetica: piano di lavoro, macchina per la pasta,
lame, rullo acrilico
La prima cosa da fare e colorare la scatoletta con i colori acrilici, cosi, mentre questi
asciugano, possiamo intanto preparare i decori in Fimo.
Iniziamo colorando la parte inferiore, la scatola vera e propria di bianco sia dentro
che fuori.
Mentre questa inizia ad asciugare coloriamo il coperchio di un bel color arancione
vivo. Se non volete sporcarvi troppo le mani indossate dei guanti monouso in lattice.

scatola/ parte inferiore: bianco

coperchio: arancione

Quando il bianco sarà asciutto al tatto (ci vorranno circa 10 minuti) applicate uno
strato di colore fosforescente - se usate il "bianco" avrà un aspetto comunque
verdastro al buio che è veramente perfetto per Halloween. Spesso questo tipo di
colori è molto denso, potete diluire con un pochino di acqua distillata, se risulta
troppo diluito, date semplicemente due mani di colori.

barattolo di acrilico fosforescente della "Golden"


Quando vedete che il coperchio è completamente asciutto applicate una
mano di Vinavil ben diluita con acqua distillata (come fosse una vernicetta
finale), questo aiuterà la pasta sintetica ad attaccarsi meglio alla scatola.
Mentre asciuga passiamo alla creazione dei decori in Fimo!

Condizionate per bene la pasta per renderla morbida e fare in modo che tutti
gli ingredienti siano ben distribuiti e formate una pallina. La dimensione
dipende molto dalla dimensione della scatola che avete scelto, la mia è
grande circa 1/4 della superficie del coperchio.

Rivestiamo la pallina nera con della pasta arancione, ne basta una sfoglia
sottile.

Non utilizzo semplicemente una pallina arancione perchè intagliandola si


intravedrà parte del nero e questo ci aiuta a creare un effetto di maggiore
profondità.

Utilizzando lo scalpello intaglio due triangoli che formeranno gli occhi.

Non "taglio" nel vero senso della parola ma piuttosto spingo giu con la lama
per fare un lato del triangolo, tenendola leggermente inclinata verso il centro
di questo triangolo. Faccio cosi con tutti 3 i lati e in questo modo si toglierà
facilmente una forma tipo piccola piramide - vedi foto qui sotto:
Procediamo a intagliare la bocca facendo piccoli tagli triangolari o a zig-zag e come
si può notare bene si intravvede la pasta interna di color nero. Più i tagli saranno
irregolari più l'effetto sembrerà realistico:

Ora dobbiamo creare i tipici solchi che vanno dal centro in alto al centro in
basso. E' possibile utilizzare vari attrezzi per farlo, ad esempio un punteruolo,
secondo me il metodo più sicuro per fare dei bei solchi dritti e profondi è usare
la parte NON tagliente della lama.
Iniziando dal centro in alto imprimiamo la lama, non tagliando e non
trascinando, ma imprimendo semplicemente e roteando la zucca verso il
basso.
L'ideale è non fare linee troppo uguali tra loro e farne alcune che arrivano solo
fino a metà partendo una volta dall'alto e una volta dal basso.
Appoggiando questa prima zucca sul coperchio della scatolina ora si puo
decidere se realizzarne una seconda e se si, di quali dimensioni. Nella foto
esempio qui sotto la mia prima zucca è quella centrale più grande. Ne ho
aggiunta una grande più o meno la metà. Volendo se ne potrebbero fare
anche altre 3 o 4, dipende tutto dalle dimensioni della scatola e delle zucche.

Per variare si può a questo punto anche modificare il colore delle zucche,
creandone di più chiare (mescolando il color arancione base con una punta di
giallo) oppure piu scure aggiungendo una punta di verde per creare un color
arancione che vira al marrone.

Foto: zucca grande e piccola sulla scatoletta terminata


E' giunta l'ora di creare le foglie e i rametti attorcigliati tipici delle zucche!
Per creare le foglie ci sono in commercio piccoli stampi (spesso usati per i dolci ed il
cake design) con venatori, oppure potete imprimere il retro di una foglia vera per
ricreare le venature (sul retro le venature sono spesso più pronunciate e si prestano
meglio per creare impressioni e calchi).

In alternativa basta tagliare una forma ovale appuntita con una formina o la lama e
poi imprimere le venature usando un punteruolo.

Come colore nel mio esempio ho utilizzato della pasta metallizzata color oro. E'
importante condizionare molto bene la pasta per averla bella morbida, cosi una volta
impresse le venature si potrà facilmente modellare la foglia ulteriormente con le dita
per darle una curvatura più naturale.

Per fare i rametti attorcigliati basta fare un rotolino di pasta e avvolgerlo


attorno ad uno stuzzicadenti, spiedino o ferro da maglia, a seconda del
diametro che preferite utilizzare. Consiglio di realizzarne 5 o 6 di misure
diverse cosi si può giocare un pò e vedere quale sta meglio in relazione con le
zucchette create.
Con delicatezza si possono rimuovere le spirali dall'attrezzo, se la pasta
risulta troppo morbida e appiccicosa, basta cospargerla con un pochino di
talco o maizena.
Con la pasta rimanente formiamo anche un torsolo a forma piu o meno di
goccia.

Per ogni zucca ci servono almeno una foglia, un torsolo e un rametto


attorcigliato. Per decorare il coperchio della scatoletta ne serviranno altre 3
foglie e altri tre rametti attorcigliati.

Ora dobbiamo assemblare il tutto, con un bulino o la punta di uno spiedino


realizziamo un buco in cima alla zucca. Aggiungendo una goccia di Fimo
Liquid inseriamo prima il rametto attorcigliato, poi mettiamo la foglia e fissiamo
tutto con il torsolo al centro spingendolo nel buco.
Ecco come si presenta la zucca con l'aggiunta degli elementi creati

Per dare più profondità e realismo alla zucca ora utilizziamo del pigmento (o
gessetto) nero o color marrone scuro. Con un pennello sottile e morbido
spennelliamo il pigmento nelle righe e crepe che abbiamo creato. Utilizzando
la punta del dito oppure un cottonfiocc ne mettiamo un pochino anche sulla
foglia e sul rametto.
E' ora di assemblare tutto!

Per far aderire bene le creazioni al coperchio dobbiamo mettere due gocce di
Fimo Liquid al centro del coperchio e poi di adagiamo le 3 foglie e i rametti
creati prima.
(vedi foto)

Durante la cottura il Fimo Liquid farà presa sul colore acrilico e fisserà le
nostre decorazioni. Se tuttavia dovessero non attaccarsi bene o per qualche
motivo non si può infornare il coperchio (ad esempio se è di plastica) si
possono attaccare anche dopo la cottura utilizzando una colla bicomponente
o del cianoacrilato gel (tipo Super Attack Flex Gel).

Al centro delle foglie mettiamo altre gocce di Fimo Liquid e vi adagiamo le


nostre zucche e/o altri eventuali decori, premendo leggermente perché
aderiscano bene.

Oltre alle zucchette si possono anche fare e aggiungere dei dettagli con pasta
fosforescente (che si illumina al buio). Soggetti adatti sono piccole palline che
risulteranno come misteriosi globi luminosi al buio, come anche piccoli
teschietti, stelline e lune, oppure piccoli fantasmini.

Sistemato tutti gli elementi non resta che infornare seguendo le indicazioni dei
produttori della pasta che abbiamo usato.
Ecco come risulta la nostra scatola finita e cotta:

Volendo rendere la scatola ancora piu rifinita si possono aggiungere dei


piccoli piedini sul fondo.
Per fare questo ho semplicemente creato 4 piccole palline dello stesso
diametro. Le ho premute sul piano di lavoro per farle aderire saldamente e
creare un punto piatto che successivamente andrà incollato sul fondo della
scatola. Ho inciso delle piccole ragnatele per rimanere in tema.
Dopo la cottura ho incollato questi piedini con una goccia di Attack Flex Gel.
Ecco come si presenta il fondo della scatola con i 4 piedini (e la mia firma)

Note sulla cottura:


Varie marche di pasta sintetica modellabile recano diverse raccomandazioni sulla
cottura, il range varia da 110°C - 150°C. La pasta che cuoce a 150°C è la pasta Kato
e deve per forza di cose cuocere ad una temperatura cosi elevata.
Tutte le altre paste possono invece essere cotte allo stesso modo e alla stessa
temperatura e mescolate tranquillamente tra loro. Esperienza mia (e di tanti artisti e
creativi attorno al mondo) negli anni ha evidenziato che la cottura ottimale avviene a
130°C per 60 minuti. E' essenziale cuocere BENE, se no non si formano i legami tra
le varie componenti e la pasta risulterà sempre fragile.
La temperatura di cottura deve essere precisa, costante e controllata tramite
termometro da forno. Non fidatevi MAI a impostare semplicemente la temperatura
del forno tramite manopola della temperatura - mettendo 130°C vi potreste ritrovare
160°C come 100°C - senza termometro da forno a parte è impossibile dirlo.
E' quindi essenziale l'acquisto ed utilizzo di un termometro da forno per controllare la
temperatura del vostro forno. E' altamente consigliato anche coprire le creazioni con
una teglia o un foglio di carta alluminio per evitare che le paste trasparenti,
fosforescenti o bianche possano scurire.
Raccomando inoltre di far raffreddare le creazioni lentamente a forno chiuso e
spento.
Non si può per nessun motivo e in nessun modo "cuocere" in microonde o a vapore,
bagnomaria ecc.

Scatole di legno, carta, compensato, vetro, metallo resistono benissimo a 130°C


Qualche foto aggiuntiva di scatole decorate, faveti ispirare e create le vostre scatole
spaventose!
Ecco l'interno della scatola con il disegno in nero su sfondo fosforescente:

Per prenotare un corso personalizzato con me, domande, dubbi o suggerimenti non
esitare a contattarmi: gom6699@yahoo.it

Se realizzi qualsiasi cosa usando uno dei miei tutorial mandami le foto che le
condividerò con piacere sui miei social con link diretto a te.

www.lbidler.com
IG: https://www.instagram.com/leila_bidler/
fb: https://www.facebook.com/LeilaBidlerPolymerClay/

www.etsy.com/shop/lbidler

La vendita e distribuzione anche parziale di questo documento e qualsiasi sua parte e
immagine è vietata senza previa autorizzazione scritta. (C) Leila Bidler
Ecco qualche grafica gratuita per prendere ispirazione

Interessi correlati