Sei sulla pagina 1di 1

15SPE01A1506 ZALLCALL 13 10:22:00 06/17/98

GLI SPETTACOLI l’Unità2 7 Lunedì 15 giugno 1998

ROMA. Gli «anni di piombo». Il ter-


rorismo. Da Mimmo Calopresti (La
Un’altra opera che
seconda volta) a Wilma Labate (La
mia generazione), da Gianni Amelio riflette sugli anni bui
(Colpire al cuore) a Giuseppe Ferra-
ra (Il caso Moro), i registi italiani del terrorismo
hanno tentato a più riprese di rac-
contare quell’oscuro periodo della Il racconto quotidiano
nostra storia. Una ferita ancora
aperta nelle nostre coscienze, co- di chi vive in fuga
me testimonia il tormentato dibat-
tito sull’indulto che va avanti da
molte legislature. Ma quello che
Il regista: mi accusano
non ha mai fatto il nostro cinema
è andare a scoprire la vita degli
ma vedano prima il film
«esuli». Quei «rifugiati» riparati
nella Francia di Mitterrand, tra la

Vite
fine dei Settanta e gli Ottanta, 15SPE01AF01
quando con l’arrivo dei socialisti
all’Eliseo il paese d’oltralpe si pro- 4.0
pose come un grande asilo per tut- 19.0
ti gli esuli politici. Oreste Scalzone,
Toni Negri, non sono che i nomi
più famosi. Ma oltre a loro ce ne
sono tanti altri, che non hanno
mai avuto gli «onori delle crona-
che» e che in Francia vivono e la-
vorano, dopo essere riusciti a rifar-

di
si una vita. Ed è di loro che parla
Vite sospese, il primo lungometrag-
gio (prodotto dalla Rai) di Marco
Turco, giovane regista, per anni
aiuto di Gianni Amelio, che ha già
affrontato questo argomento in un
documentario di Storie vere per Rai-
tre.
«Però - dice subito il regista - Vi-
te sospese non vuole essere un film
sul terrorismo, ma piuttosto una

piombo
storia di sentimenti. Il racconto
della loro vita quotidiana, delle lo- LA POLEMICA
ro difficoltà, delle loro debolezze». Ennio Fantastichini
Per questo la trama, ambientata
nell’88 nel periodo della coabita-
zione Mitterrand-Pasqua che fece
in una immagine di
«Vitesospese»,
sotto Massimo Bellinzoni
E i rifugiati replicano:
temere misure restrittive nei con-
fronti dei rifugiati, è tutta incen-
e Isabella Ferrari «È solo una caricatura»
trata sul rapporto tra due fratelli:
Jacopo (Massimo Bellinzoni) un Pubblichiamo una lettera firmata dai 4
giornalista ventenne e Dario (En- «esuli» che hanno ispirato il regista.
nio Fantastichini) un «esule», ap-
punto, che vive da anni a Parigi. Nella primavera del ‘96 è stato girato a
Parigi dal regista Marco Turco il film

In un film di Turco
«Figli dello stesso padre - prosegue pito. E io ancora non ho capito.
documentario dal titolo: «Vite sospese»
Turco -, ma di madri diverse, i due Posso dire che oggi non lo farei destinato alla trasmissione su Raitre.
fratelli si sono visti pochissime più, ma sono sempre la stessa per- Quattro i personaggi del film: Andrea
volte. Anche se il più piccolo ha sona”. Perché mi rendo conto che Morelli, Pino Mitrani, Livia Scheller e
vissuto nel “mito” di Dario: lui,
quello che durante la “Rivoluzione
dei garofani” era andato in Porto-
gallo, lui quello impegnato nella
gli esuli parigini il pentimento appartiene alla cul-
tura cattolica, difficile da com-
prendere per chi come noi viene
invece da una formazione materia-
Domenico De Feo, tutti firmatari della
presente. Siamo stati a lungo intervista-
ti da Marco Turco su tre temi: la fuga,
l’arrivo a Parigi, l’esilio. Facciamo par-
politica. Cose che Jacopo, troppo
giovane in quegli anni, sta sco-
prendo poco a poco solo ora». Ed è
della «lotta armata» listica».
Ora, come già accadde per La se-
conda volta di Calopresti, anche Vi-
te, infatti, di quella comunità di italiani
rifugiatisi in Francia alla fine degli anni
Settanta per sottrarsi all’ondata di man-
dati di cattura emessi in relazione ai co-
sidetti «anni di piombo». Abbiamo of-
proprio questa curiosità che spinge te sospese ha scatenato le ire degli
Jacopo a riavvicinarsi a Dario. su quanti hanno scelto la strada ritrovati di fronte all’arresto di al- stessi «protagonisti». Come ripor- ferto a Marco Turco la nostra completa
disponibilità perché il suo approccio al
L’occasione gli è offerta dal matri- della lotta armata. Al contrario cuni di loro, in seguito all’accordo tiamo qui accanto. Ma Turco è
monio di quest’ultimo. «Jacopo, «ho cercato di seguire le vite degli di Schengen che, eliminando le consapevole della difficoltà di af- gnato dolorosamente la vita del soggetto ci sembrava guidato da un sincero desiderio di
insieme al padre - interpretato dal- ”esuli” nel modo più discreto pos- frontiere, ha anche messo a repen- frontare certi temi. Anche perché nostro Paese. E degli esuli ho cer- conoscenza. Per la prima volta abbiamo offerto ad un in-
terlocutore televisivo tanti particolari sul nostro vissuto.
lo scenografo Umberto Turco, vero sibile. Abbiamo girato in super 16 taglio lo status di rifugiato. in principio ha cercato di coinvol- cato di raccontare gli aspetti uma- E il risultato è stato apprezzabile. Oggi Marco Turco ha
padre del regista - va a Parigi per le proprio per poterli spiare più age- Torna a ripeterlo Marco Turco, gere nel progetto gli stessi esuli pa- ni, le debolezze. Cosa c’è di mise- altre ambizioni. Dal documentario passa alla fiction. Ed
nozze del fratello e tra i due ripren- volmente nelle loro giornate, nella «Vite sospese è un film sulla condi- rigini, facendo leggere loro la sce- rabile in questo? Non ho espresso ha girato il film «Vite sospese». La ripetizione del titolo
de il dialogo, in un clima di grande loro vita quotidiana a Belleville, zione umana dei rifugiati. Su come neggiatura e chiedendo consigli. alcun giudizio morale. Piuttosto, prefigura un approfondimento del soggetto già trattato e
tensione, acuita dal difficile rap- quartiere di rifugiati tra rifugiati», si pone l’uomo di fronte alle col- «Le polemiche non mi spaventano prima di fare valutazioni sul film, fa sperare, grazie alla fiction, ad un arricchimento di per-
porto culturale e generazionale divenuto celebre per i romanzi di pe». Un esempio? «Credo di averlo - conclude - ed ho fatto questo aspettino di vederlo». sonaggi. L’idea che ispira la sceneggetura è interessante
ed è nata durante la realizzazione del documentario: a
che il fratello maggiore ha sempre Pennac. E anzi, proprio durante le spiegato con una battuta di Dario: film proprio per continuare a par- Parigi il protagonista ritrova suo fratello perso di vista da
avuto con suo padre, un comuni- riprese, nel febbraio scorso, si sono ”Per essere pentiti si deve aver ca- lare di un argomento che ha se- Gabriella Gallozzi tempo. Grazie a questo incontro e alle interviste che gli
sta convinto, un uomo del Pci». concedono i compagni del fratello, cariche di particolari,
Così come nella realtà è davvero il aneddoti e stimoli, scopre una storia a lui sconosciuta e
padre del regista. attraverso il racconto di suo fratello ripercorre anche la
«Mio papà era nel Pci - racconta
Marco Turco - ed io ho militato
I PRECEDENTI propria vita. Purtroppo questa idea si perde ed è rovinata
nel corso della sceneggiatura: la storia presenta delle si-
tuazioni inverosimili, personaggi caricaturali, dialoghi
per molto tempo nella Fgci. In zeppi di luoghi comuni. La fiction quando prende spun-
questo senso sento Vite sospese co- ROMA. Il terrorismo raccontato al cinema. Negli a Parigi che accetta di seguire due vecchi dramma esistenziale di un reduce del Sessan- to dai fatti reali ha in sé la possibilità eccezionale di ar-
me un film autobiografico. Quegli anni Novanta i nostri autori hanno riscoperto compagni in un’azione terroristica a Barcello- totto che, di ritorno in Italia dopo anni tra- ricchire la realtà di drammaticità, comicità, ironia, ma
anni li ho vissuti in prima perso- questo argomento da vari punti di vista. Spesso na. Ma anche negli anni Ottanta sono molti i scorsi in Sudamerica, non si riconosce nella non ha mai il diritto di raccontare falsità. Noi «vite so-
spese» ci sentiamo parte in causa perché la storia in que-
na. E rispetto al terrorismo sono tirandosi dietro grandi polemiche. È il caso, per titoli che affrontano direttamente il tema del nuova realtà tra la caduta degli ideali e il ter- sto copione non è totalmente inventata: è carpita alla
sempre stato dall’altra parte. Vi- esempio de La seconda volta di Mimmo Calo- terrorismo. Dell’86 è il discusso istant-movie rorismo. Infine, I tre fratelli di Francesco Rosi nostra storia personale e poi trasfigurata, caricaturata,
vendo con grande sofferenza que- presti, con Nanni Moretti. A Cannes ‘95 scese di Giuseppe Ferrara, Il caso Moro. Dell’83 è il dell’81. Il confronto tra tre esistenze in occa- banalizzata. Oggi si cerca da molte parti una soluzione
sta divisione, perché consapevole sul piede di guerra Oreste Scalzone, in perso- celebre Colpire al cuore di Gianni Amelio sul sione della morte della madre. Uno è un giu- politica e giuridica agli «anni di piombo» e la storia di
di appartenere ad un nucleo origi- na, che si presentò al Festival polemizzando conflitto generazionale tra un professore ami- dice che teme di essere nel mirino dei terrori- quegli anni comincia ad essere riletta con uno spirito
nario comune». col regista e ottenendo intere pagine sui gior- co e di brigatisti e il figlio pronto a denunciar- sti. L’altro è un operaio che ammette l’uso nuovo. Questo film ispirerà reazioni di ripugnanza verso
i suoi personaggi: miserabili, immorali, indegni di una
Ma nonostante la premessa di nali italiani. Riflessioni e dibattiti seguirono, lo alla polizia. Figlia di un commissario ucciso della violenza nella lotta politica. Il terzo au- nuova comunità che si prefigura in questa Italia di fine
«appartenenza», Marco Turco tie- poi, anche La mia generazione di Wilma Laba- dalle Br e fidanzata con un terrorista è, inve- spica la rivolta morale contro il malcostume secolo. Questo film dà un’immagine degli esiliati che
ne subito a precisare che «con il te. Meno noto, invece, è Roma, Paris, Barcello- ce, la protagonista de Il diavolo in corpo di italiano. non corrisponde alla loro storia, ai loro sentimenti, al lo-
suo film non ha alcuna intenzione na di Paolo Grassini e Italo Spinelli, che rac- Marco Bellocchio (’86). Mentre in Maledetti vi ro modo di vivere. Per questo ci sentiamo offesi nella no-
di esprimere un giudizio morale» conta proprio di un rifugiato politico italiano amerò (’80) Marco Tullio Giordana presenta il Ga. G. stra dignità.

IL DOCUMENTARIO Il lavoro di Nicolas Klotz alla Rassegna del film Etnomusicale di Firenze
Italia
7 numeri
6 numeri
Annuale
L. 480.000
L. 430.000
Tariffe di abbonamento
Semestrale
L. 250.000
L.230.000
5 numeri
Domenica
Annuale
L. 380.000
L. 83.000
Semestrale
L. 200.000
L. 42.000
Un film su Shankar, finestra d’oriente in musica
Estero
7 numeri
Annuale
L. 850.000
Semestrale
L. 420.000
L’esperienza del musicista indiano che fu maestro dei Beatles. Gli incontri con Coltrane e Menuhin. Un film su Nusrat Fateh Ali Khan.
6 numeri L. 700.000 L. 360.000
Per abbonarsi: versamento sul c.c.p. n. 269274 intestato a SO.DI.P. «ANGELO PATUZZI» s.p.a. Via DALLA REDAZIONE reotipo dei tanti hippies che si (peraltro grazie al suggerimento
Bettola 18 - 20092 Cinisello Balsamo (MI) precipitavano in India a scoprire di un altro rocker, Pete To-
Tariffe pubblicitarie FIRENZE. La musica d’Oriente è una nuova spiritualità - parla in- wnshend degli Who) il profeta
A mod. (mm. 45x30) Commerciale feriale L. 590.000 - Sabato e festivi L. 730.000 come il jazz: non è scritta, ma ri- vece Pandit Ravi Shankar, il film del qawwali e lo mise sotto con-
Feriale Festivo velata. E quanto dice Nusrat Fa- di Nicolas Klotz finora inedito tratto per la sua Real world, fa-
Finestra 1ª pag. 1º fascicolo L. 5.650.000 L. 6.350.000
teh Ali Khan a proposito del in Italia: e che si tratti di una cendo assurgere incredibilmente
Finestra 1ª pag. 2º fascicolo L. 4.300.000 L. 5.100.000 personalità fuori dal comune lo Una immagine di il canto sufi alle classifiche di-
qawwali, il canto devozionale
Manchette di test. 1º fasc. L. 4.060.000 - Manchette di test. 2º fasc. L. 2.880.000
della tradizione sufi pakistana, capisci in appassionate intervi- Ravi Shankar scografiche. E c’è quella del pro-
Redazionali: Feriali L. 995.000 - Festivi 1.100.000; Finanz.-Legali-Concess.-Aste-Appalti:
Feriali L. 870.000: Festivi L. 950.000 di cui è stato il più grande inter- ste come quella al direttore d’or- 15SPE01AF02 Si deve anche a lui se duttore Michael Brook, che
A parola: Necrologie L. 8.700; Partecip. Lutto L. 11.300; Economici L. 6.200 prete, applaudito e osannato in chestra Zubin Mehta, che guidò il grande mondo guarda ammirato il maestro che
Concessionaria per la pubblicità nazionale PK PUBLIKOMPASS S.p.A. Occidente quanto in patria. An- la New York Philarmonic Orche- 1.33 della musica si lancia in quegli arabeschi vo-
Direzione Generale: Milano 20124 - Via Giosuè Carducci, 29 - Tel. 02/864701 stra nei meandri di una compo- cali che portano diritto al co-
Aree di Vendita
zi, del qawwali è stato L’ultimo
profeta, come recita il titolo del sizione sinfonica di Shankar e 9.0 indiana spetto del Signore, e dice scon-
Milano: via Giosuè Carducci, 29 - Tel. 02/24424611- Torino: corso M. D’Azeglio, 60 - Tel. 011/6665211 - Genova: via che per lui confessa un’ammira- è venuto a contatto solato: «La loro tradizione classi-
C.R. Ceccardi, 1/14 - Tel. 010/540184 - 5-6-7-8 - Padova: via Gattamelata, 108 - Tel. 049/8073144 - Bologna: via Amen- documentario di Jerôme de Mis- con la musica
dola, 13 - Tel. 051/255952 - Firenze: via Don Minzoni, 46 - Tel. 055/561192 - Roma: via Quattro Fontane, 15 - Tel. solz passato ieri l’altro sera alla zione sterminata. Strepitose le ca è infinitamente più mobile
06/4620011 - Napoli: via Caracciolo, 15 - Tel. 081/7205111 - Bari: via Amendola, 166/5 - Tel. 080/5485111 - Catania: «Rassegna del film etnomusica- immagini del duetto con il violi- occidentale della nostra». Allo stesso modo
corso Sicilia, 37/43 - Tel. 095/7306311 - Palermo: via Lincoln, 19 - Tel. 091/6235100 - Messina: via U. Bonino, 15/C -
le» di Firenze. Allo stesso modo nista Yehudi Menuhin, dove i dicono i «classici» Menuhin e
Tel. 090/6508411 - Cagliari: via Ravenna, 24 - Tel. 070/305250
è un profeta Ravi Shankar, insu- due musicisti disegnano linee Mehta di Shankar: il problema
Pubblicità locale: P.I.M. PUBBLICITÀ ITALIANA MULTIMEDIA S.r.l.
perabile virtuoso del sitar, l’uo- melodiche che si inerpicano si- delle composizioni di Ravi è che
Sede Legale: 20123 MILANO - Via Tucidide, 56 bis - Tel. 02/70003302 - Telefax 02/70001941
Direzione Generale e Operativa: 20124 MILANO - Via S. Gregorio, 34 - Tel. 02/67169.1 - Telefax 02/67169750 mo reso celebre in Occidente no a tali vette da lasciare senza vivono solo con lui. Quello che
00192 ROMA - Via Boezio, 6 - Tel. 06/3578/1 20124 MILANO - Via S. Gregorio, 34 - Tel. 02/671697/1 grazie all’incontro con i Beatles, fiato. suona lui lo può suonare solo
40121 BOLOGNA - Via Cairoli, 8/f - Tel. 051/252323 50129 FIRENZE - V.le Don Minzoni, 48 - Tel. 055/578498/561277 ma che in realtà è l’uomo che Il vero protagonista dei due lui. È questa «irripetibilità», al di
Stampa in fac-simile: Se.Be. Roma - Via Carlo Pesenti 130
ha «sdoganato» l’immensa sto- documentari è l’incontro tra là della pagina scritta, la vera ci-
PPM Industria Poligrafica, Paderno Dugnano (Mi) - S. Statale dei Giovi, 137 due mondi: quello tra l’Occi- l’«anno santo del rock», il ’67) periodo che oggi forse si ha una fra della musica d’Oriente. Ed è
STS S.p.A. 95030 Catania - Strada 5ª, 35 ria della musica classica dell’In- con il maestro indiano. Dopodi- comprensione maggiore di quel-
Distribuzione: SODIP, 20092 Cinisello B. (Mi), via Bettola, 18 dia, allargandone gli orizzonti dente e l’Oriente della musica. in questo senso che i destini di
Ecco dunque l’incontro con ché, ecco l’ex beatle in tempi la musica di quanto non si aves- due profeti come Shankar e Nu-
in una continua dialettica con ben più recenti intervistato in se allora».
le esperienze più varie, dal jazz John Coltrane, oppure i filmati srat sono legati fra loro. Perché
di un George Harrison giovanis- una grigia strada londinese che Un percorso per certi versi si- siamo noi ad aspirare all’Orien-
alla musica cosiddetta colta. Di racconta come «in quegli anni mile a quello compiuto dall’im-
Supplemento quotidiano diffuso sul territorio nazionale unitamente al giornale l’Unità questo e della personalità cari- simo e baffuto con tanto di ca- te: ma non ci arriviamo mai.
Direttore responsabile Mino Fuccillo micia indiana alla sua prima ed l’India era diventata una moda, menso Nusrat, scomparso l’an-
smatica del grande Ravi - che perché nei sixties tutto era esplo- no scorso: c’è la testimonianza
Iscriz. al n. 22 del 22/01/94 registro stampa del tribunale di Roma
qui in Occidente sconta lo ste- emozionata lezione (siamo nel- Roberto Brunelli
sivo: pur tuttavia, è grazie a quel di Peter Gabriel, che «scoprì»