Sei sulla pagina 1di 234

AUTOMATION

STUDIO
Manuale per l’utente
 FAMIC Technologies Inc.
Tutti i diritti riservati.

Manuale per l’utente di Automation Studio.


Documento Numero: AS5-IF01-001
RIPRODUZIONE
La riproduzione di questo manuale o software, completa o in parte, è rigorosamente vietata
senza espressa autorizzazione scritta da parte di FAMIC Technologies Inc.

IBM è un marchio registrato di IBM Corporation.


Windows è un marchio registrato di Microsoft Corp.
PNEUSIM è un marchio registrato di FAMIC Technologies Inc.
AUTOMATION STUDIO è un marchio registrato di FAMIC Technologies Inc.

Famic Technologies Inc.


9999, boul. Cavendish, bureau 350, St-Laurent, QC, Canada, H4M 2X5
Tél. : 514-748-8050, Fax : 514-748-7169, Url : www.automationstudio.com
Sommario

Sommario .................................................................................................................................. i

Elenco delle figure .................................................................................................................vii

1. Introduzione...................................................................................................................1-1
1.1. A proposito d’Automation Studio ........................................................................1-1
1.1.1. Presentazione generale ...........................................................................1-1
1.1.2. Sequenza delle funzioni..........................................................................1-2
1.2. Contenuti della presente documentazione ............................................................1-3
1.3. Convenzioni usate nella presente documentazione...............................................1-3
1.3.1. Convenzioni tipografiche .......................................................................1-3
1.3.2. « Scegliere » o « Selezionare »...............................................................1-4
1.3.3. Combinazioni e sequenze dei tasti..........................................................1-4
1.3.4. Nozioni di base e convenzioni terminologiche.......................................1-4
1.3.5. Termini relativi all’uso del mouse..........................................................1-5
1.3.6. Avvisi e suggerimenti.............................................................................1-5

2. Avvio...............................................................................................................................2-1
2.1. Avvio del software................................................................................................2-1

3. Editore di diagramma ...................................................................................................3-1


3.1. Elementi statici .....................................................................................................3-2
3.1.1. Sbarra di titolo del software ...................................................................3-2
3.1.2. Sbarra di menu........................................................................................3-2
3.1.3. Sbarra degli strumenti...........................................................................3-20
3.1.4. Sbarra di stato.......................................................................................3-26
3.1.5. Tracciatore............................................................................................3-26
3.1.6. Finestra di messaggi .............................................................................3-29
3.2. Strumenti di gestione ..........................................................................................3-29
3.2.1. Esploratore delle biblioteche ................................................................3-29
3.2.2. Esploratore di progetti ..........................................................................3-32
3.2.3. Gestore di variabili ...............................................................................3-32

i
Manuale per l’utente – Automation Studio

3.3. Menu contestuali.................................................................................................3-39


3.3.1. Aprire un menu contestuale ..................................................................3-39
3.3.2. Comandi specifici dei menu contestuali ...............................................3-39

4. Realizzazione e gestione di un progetto e dei suoi documenti ................................... 4-1


4.1. Creazione di un nuovo progetto ........................................................................... 4-1
4.1.1. Registrazione di un nuovo progetto ....................................................... 4-2
4.1.2. Apertura di un progetto.......................................................................... 4-3
4.1.3. Chiusura di un progetto.......................................................................... 4-3
4.2. Creazione di un nuovo documento....................................................................... 4-4
4.2.1. Creazione di un nuovo diagramma ........................................................ 4-4
4.2.2. Creazione di un GRAFCET (workshop non standard) .......................... 4-5
4.2.3. Nuovo rapporto...................................................................................... 4-6
4.2.4. Nuove pagine Web ................................................................................ 4-6
4.2.5. Nuovo documento esterno ..................................................................... 4-7
4.2.6. Nuova cartella........................................................................................ 4-8
4.3. Registrazione di un modello ................................................................................ 4-8
4.3.1. Modello di progetto ............................................................................... 4-8
4.3.2. Modello di diagramma........................................................................... 4-9
4.3.3. Modello di rapporto ............................................................................... 4-9
4.4. Salvaguardia di un progetto ................................................................................4-10
4.4.1. Salvaguardia sotto un progetto .............................................................4-10
4.5. Importazione di un documento ...........................................................................4-10
4.6. Esportazione di un documento............................................................................4-10
4.7. Proprietà del progetto..........................................................................................4-10
4.7.1. Puntale « Generale ».............................................................................4-11
4.7.2. Puntale « Informazione sommaria » .....................................................4-11
4.7.3. Puntale « Storico »................................................................................4-13
4.8. Stampa ................................................................................................................4-15
4.8.1. Anteprima di stampa.............................................................................4-16
4.9. Esportazione di un diagramma............................................................................4-17
4.10. Invio di un progetto verso ...................................................................................4-18
4.11. Uscire dal software .............................................................................................4-18

ii
Sommario

5. Realizzazione di un diagramma ...................................................................................5-1


5.1. Proprietà del documento .......................................................................................5-1
5.1.1. Puntale « Impaginazione » .....................................................................5-1
5.1.2. Puntale « Informazione sommaria ».......................................................5-4
5.1.3. Puntale « Diagramma » ..........................................................................5-6
5.1.4. Puntale « Storico » .................................................................................5-7
5.2. Sistemazione degli elementi in un diagramma .....................................................5-8
5.2.1. Sistemazione dei componenti e utilizzazione della biblioteca................5-8
5.2.2. Sistemazione dei legami .........................................................................5-9
5.2.3. Verifica delle connessioni ....................................................................5-15
5.3. Proprietà dei componenti....................................................................................5-16
5.3.1. Introduzione..........................................................................................5-16
5.3.2. Norme e standard..................................................................................5-16
5.3.3. Finestra di dialogo « Proprietà del componente » ................................5-17
5.3.4. Dati tecnici dei componenti..................................................................5-18
5.3.5. Informazioni catalogo...........................................................................5-19
5.3.6. Informazioni visualizzate .....................................................................5-20
5.3.7. Curve caratteristiche.............................................................................5-21
5.3.8. Configuratore di componenti................................................................5-24
5.3.9. Assegnazione delle variabili.................................................................5-35
5.4. Informazione dettagliata del componente...........................................................5-49
5.5. Modifica di un diagramma..................................................................................5-50
5.5.1. Selezione d’elementi ............................................................................5-50
5.5.2. Muovere elementi.................................................................................5-51
5.5.3. Duplicazione degli elementi .................................................................5-52
5.5.4. Soppressione degli elementi .................................................................5-52
5.5.5. Modifica degli elementi........................................................................5-53
5.5.6. Trasferimento d’elementi tra due diagrammi .......................................5-54
5.5.7. Proprietà del componente o di una selezione .......................................5-55
5.5.8. Porti di connessione e punti di contatto................................................5-55
5.5.9. Nome dei porti di connessione .............................................................5-56
5.5.10. Incastro dei componenti .......................................................................5-57
5.5.11. Proprietà della griglia ...........................................................................5-57

iii
Manuale per l’utente – Automation Studio

5.6. Inserzione d’un elemento grafico........................................................................5-58


5.6.1. Inserzione di una linea, di un rettangolo e di una ellisse ......................5-58
5.6.2. Inserzione di una finestra di testo, un’ immagine e un campo..............5-59
5.6.3. Inserzione di un legame, un arco e un poligono ...................................5-60
5.6.4. Attributi degli oggetti grafici ................................................................5-61
5.6.5. Tracciatore ............................................................................................5-63
5.6.6. Rapporto ...............................................................................................5-64
5.7. Simulazione ........................................................................................................5-65
5.7.1. Descrizione della modalità simulazione ...............................................5-65
5.7.2. Velocità di simulazione ........................................................................5-68
5.8. Verificare le connessioni.....................................................................................5-70
5.8.1. Rivelazione di errori in simulazione .....................................................5-71

6. Tracciatore .................................................................................................................... 6-1


6.1. Apertura del Tracciatore ...................................................................................... 6-1
6.2. Utilizzazione ........................................................................................................ 6-2
6.3. Tracciamento della curva..................................................................................... 6-3
6.3.1. Conservazione dei dati visivi................................................................. 6-3
6.3.2. Conservazione dei dati testuali .............................................................. 6-3
6.3.3. Modifica del colore di una variabile ...................................................... 6-3
6.3.4. Modifica della scala di tracciamento di una variabile............................ 6-4
6.3.5. Soppressione di una variabile ................................................................ 6-5
6.4. Variabili che possono essere tracciate.................................................................. 6-5

7. Configurazione dei campi ............................................................................................ 7-1


7.1. Configurazione dei campi di proprietà................................................................. 7-1
7.1.1. Aggiungere dei campi personalizzati..................................................... 7-2
7.1.2. Modifica di un campo personalizzato .................................................... 7-3
7.1.3. Ritiro di un campo personalizzato ......................................................... 7-4
7.1.4. Associazione di un campo personalizzato a un componente ................. 7-5
7.2. Inserzione dei campi ............................................................................................ 7-6

8. Catalogo......................................................................................................................... 8-1
8.1. Accesso al catalogo.............................................................................................. 8-1

iv
Sommario

8.1.1. Aggiungere degli accessori.....................................................................8-2


8.2. Salvaguardia dell'informazione ............................................................................8-3
8.3. Gestione dell’informazione ..................................................................................8-3
8.3.1. Tabella delle corrispondenze (CRT).......................................................8-3
8.3.2. Tabella delle intestazioni (HDT) ............................................................8-4
8.3.3. Tabella d’informazioni catalogo (CAT) .................................................8-4
8.3.4. Tabella degli accessori (ACT)................................................................8-5
8.4. Componenti personalizzati ...................................................................................8-6

9. Gestione dei rapporti.....................................................................................................9-1


9.1. Creazione di un rapporto ......................................................................................9-1
9.2. Modifica di un rapporto........................................................................................9-6
9.2.1. Inserire....................................................................................................9-6
9.2.2. Cancellare...............................................................................................9-7
9.3. Organizzazione dei dati di un rapporto.................................................................9-7
9.3.1. Ordinare i dati.........................................................................................9-7
9.3.2. Raggruppare i dati ..................................................................................9-8

10. Carta interfaccia I/U ...................................................................................................10-1


10.1. Utilizzo della Carta interfaccia I/U.....................................................................10-2
10.1.1. Sistemazione del componente Carta interfaccia I/U.............................10-2
10.1.2. Proprietà di configurazione ..................................................................10-3
10.1.3. Proprietà d’affissione............................................................................10-3
10.1.4. Proprietà d’assegnazione delle variabili ...............................................10-4
10.2. Esempio pratico d’utilizzazione della carta d’interfaccia I/U.............................10-4
10.2.1. Realizzazione del diagramma...............................................................10-5
10.2.2. Definizione della sequenza...................................................................10-5
10.2.3. Diagramma a relè della sequenza .........................................................10-8
10.2.4. Assegnazione degli I/U della carta interfaccia ...................................10-10
10.3. Simulazione del circuito in comunicazione con un A.P.I. ................................10-11

11. Fogli di Calcolo ............................................................................................................11-1


11.1. Introduzione........................................................................................................11-1
11.2. Tipi di parametri .................................................................................................11-1

v
Manuale per l’utente – Automation Studio

11.3. Interfaccia ...........................................................................................................11-2


11.4. Funzionamento dei Fogli di Calcolo ...................................................................11-3
11.4.1. Accedere al foglio di calcolo ................................................................11-3
11.4.2. Precisare i parametri conosciuti ............................................................11-4
11.4.3. Avviare i calcoli....................................................................................11-4
11.4.4. Visualizzare i risultati ...........................................................................11-6
11.4.5. Applicare i cambiamenti.......................................................................11-6
11.4.6. Reinizializzare il foglio.........................................................................11-6
11.4.7. Stampare il foglio .................................................................................11-6
11.4.8. Visualizzare le equazioni ......................................................................11-7
11.4.9. Visualizzare le informazioni ulteriori ...................................................11-7
11.4.10.Esempio................................................................................................11-7

12. Configurazione del software .....................................................................................12-11


12.1. Elenco delle opzioni..........................................................................................12-12
12.1.1. Applicazione .......................................................................................12-12
12.1.2. Editore di diagramma .........................................................................12-13
12.1.3. Nucleo.................................................................................................12-14
12.1.4. Workshop CAD ..................................................................................12-14
12.1.5. Modulo di Grafcet...............................................................................12-15
12.1.6. Modulo di simulazione .......................................................................12-16
12.1.7. Modulo del Tracciatore.......................................................................12-17
12.1.8. Workshop Idraulico ............................................................................12-17
12.1.9. Editore di curve...................................................................................12-18

A. Scorciatoie della tastiera e del mouse..........................................................................A-1

B. Glossario ........................................................................................................................B-1

C. Indice..............................................................................................................................C-1

vi
Elenco delle figure

Figura 1–1 : Sequenza delle funzioni .....................................................................................1-2


Figura 2–1 : Finestra principale dell’applicativo Automation Studio.....................................2-2
Figura 3–1 : Editore di diagramma .........................................................................................3-1
Figura 3–2 : Sbarra di titolo all’avvio d’Automation Studio ..................................................3-2
Figura 3–3 : Sbarra di menu ...................................................................................................3-2
Figura 3–4 : Menu « Documento ».........................................................................................3-3
Figura 3–5 : Sotto-menu « Nuovo » .......................................................................................3-3
Figura 3–6 : Sotto-menu « Registrare modello »....................................................................3-4
Figura 3–7 : Menu « Edizione » .............................................................................................3-6
Figura 3–8 : Menu « Affissione »...........................................................................................3-7
Figura 3–9 : Menu « Inserzione »...........................................................................................3-9
Figura 3–10 : Menu « Disposizione »...................................................................................3-11
Figura 3–11 : Menu « Simulazione »....................................................................................3-14
Figura 3–12 : Menu « Strumenti »........................................................................................3-15
Figura 3–13 : Simulazione e finestre multiple......................................................................3-16
Figura 3–14 : Menu « Finestra »...........................................................................................3-17
Figura 3–15 : Sotto-menu « Affiggere »...............................................................................3-17
Figura 3–16 : Menu « Aiuto » ..............................................................................................3-19
Figura 3–17 : Sotto-menu « Supporto in linea »...................................................................3-20
Figura 3–18 : Sbarra degli strumenti Progetto......................................................................3-21
Figura 3–19 : Sbarra degli strumenti Edizione .....................................................................3-22
Figura 3–20 : Sbarra degli strumenti Simulazione ...............................................................3-22
Figura 3–21 : Sbarra degli strumenti Affissione...................................................................3-23
Figura 3–22 : Sbarra degli strumenti Inserimento ................................................................3-24
Figura 3–23 : Sbarra degli strumenti Disposizione...............................................................3-25

vii
Manuale per l’utente – Automation Studio

Figura 3–24 : Sbarra degli strumenti Formato ......................................................................3-26


Figura 3–25 : Sbarra di stato.................................................................................................3-26
Figura 3–26 : Tracciatore......................................................................................................3-27
Figura 3–27 : Finestra Esploratore delle biblioteche ............................................................3-30
Figura 3–28 : Sbarra degli strumenti della finestra Esploratore delle biblioteche ................3-31
Figura 3–29 : Finestra Esploratore di progetti ......................................................................3-32
Figura 3–30 : Finestra Gestore di variabili ...........................................................................3-33
Figura 3–31 : Finestra di dialogo « Aggiungere una variabile»............................................3-35
Figura 3–32 : Finestra di dialogo « Modificare la variabile »...............................................3-37
Figura 4–1 : Finestra di dialogo « Modelli dei progetti » ...................................................... 4-1
Figura 4–2 : Finestra di dialogo « Save As » ......................................................................... 4-2
Figura 4–3 : Finestra di dialogo « Aprire »............................................................................ 4-3
Figura 4–4 : Finestra di dialogo « Modelli dei diagrammi ».................................................. 4-5
Figura 4–5 : Finestra di dialogo « Proprietà progetto », puntale « Informazione
sommaria » ...............................................................................................4-12
Figura 4–6 : Finestra di dialogo « Proprietà progetto », puntale « Storico » ........................4-14
Figura 4–7 : Finestra di dialogo « Selezione per saggio e stampa » .....................................4-16
Figura 4–8 : Finestra « Anteprima di stampa ».....................................................................4-17
Figura 4–9 : Finestra di dialogo « Confirmazione » .............................................................4-18
Figura 5–1 : Righello cartografico inserito nel diagramma ................................................... 5-2
Figura 5–2 : Finestra di dialogo « Proprietà del documento », puntale
« Impaginazione » ..................................................................................... 5-3
Figura 5–3 : Finestra di dialogo « Proprietà del documento », puntale
« Informazione sommaria »....................................................................... 5-5
Figura 5–4 : Finestra di dialogo « Proprietà del documento », puntale
« Diagramma » .......................................................................................... 5-6
Figura 5–5 : Finestra di dialogo « Proprietà del documento », puntale « Storico » ............... 5-7
Figura 5–7 : Esempio della divisione di un legame ..............................................................5-12
Figura 5–8 : Modifica della forma di un legame...................................................................5-13

viii
Elenco delle figure

Figura 5–9 : Esempio di una finestra di dialogo « Proprietà del componente »


che permettono di modificare le proprietà d’un legame...........................5-14
Figura 5–10 : Finestra dei messaggi – Esempio di messaggi di verifica delle
connessioni...............................................................................................5-15
Figura 5–11 : Finestra di dialogo delle proprietà di un componente o di un
gruppo ......................................................................................................5-17
Figura 5–12 : Finestra di dialogo delle « Proprietà del componente », puntale
« Informazioni catalogo » ........................................................................5-20
Figura 5–13 : Finestra di dialogo « Proprietà del componente », puntale
« Informazioni visualizzate » ...................................................................5-21
Figura 5–14 : Finestra di dialogo « Proprietà del componente», puntale « Curve
caratteristiche » ........................................................................................5-22
Figura 5–15 : Finestra di dialogo «Configuratore di cilindri» ..............................................5-25
Figura 5–16 : Finestra di dialogo « Configuratore dei sensori del cilindro » .......................5-27
Figura 5–17 : Finestra di dialogo « Configuratore dei distributori » ....................................5-28
Figura 5–18 : Finestra di dialogo « Configuratore dei distributori proporzionali »..............5-31
Figura 5–19 : Finestra di dialogo « Configuratore dei sequenziatori ».................................5-34
Figura 5–20 : Finestra di dialogo « Proprietà del componente », puntale
« Assegnazione della variabile » per componenti d’emissione
e ricevitore ...............................................................................................5-36
Figura 5–21 : Finestra di dialogo « Configurazione OPC » .................................................5-41
Figura 5–22 : Finestra di dialogo « Configurazione OPC », puntale « Server »...................5-42
Figura 5–23 : Finestra di dialogo « Aggiungere server » .....................................................5-43
Figura 5–24 : Finestra di dialogo « Configurazione OPC », puntale « Gruppo ».................5-44
Figura 5–25 : Finestra di dialogo « Aggiungere Gruppo » ...................................................5-45
Figura 5–26 : Finestra di dialogo « Configurazione OPC », puntale « Legame » ................5-47
Figura 5–27 : Finestra di dialogo « Proprietà del componente », puntale
« Assegnazione delle variabili » dopo creazione di un legame
OPC..........................................................................................................5-49
Figura 5–28 : Componente ricettore dopo creazione di un legame esterno in
lettura .......................................................................................................5-49
Figura 5–29 : Creazione di un quadro per una selezione multipla........................................5-51

ix
Manuale per l’utente – Automation Studio

Figura 5–30 : Scegliere un gruppo e quindi uno di quest'elementi. ......................................5-54


Figura 5–31 : Due tipi di connessioni : raccordo(cerchi) e contatti meccanici
(losanga)...................................................................................................5-56
Figura 5–32 : Componente con dei numeri di allacciamento................................................5-56
Figura 5–33 : Finestra di dialogo «Proprietà della griglia»...................................................5-58
Figura 5–34 : Finestra di dialogo «Proprietà degli oggetti grafici » .....................................5-62
Figura 5–35 : Finestra « Tracciatore » ..................................................................................5-64
Figura 5–36 : Finestra di messaggi «Verificare le connessioni»...........................................5-71
Figura 6–1 : Tracciatore nell’interfaccia................................................................................ 6-1
Figura 6–2 : Finestra di dialogo « Selezione delle variabili »................................................ 6-2
Figura 6–3 : Finestra di dialogo « Color » ............................................................................. 6-4
Figura 7–1 : Finestra di dialogo « Configurazione dei campi » ............................................. 7-1
Figura 7–2 : Finestra di dialogo « Aggiungere un campo »................................................... 7-2
Figura 7–3 : Finestra di dialogo « Modificare il campo »...................................................... 7-4
Figura 7–4 : Messaggio della conferma di ritratto di campo ................................................. 7-4
Figura 7–5 : Finestra di dialogo « Selezione del campo » ..................................................... 7-5
Figura 8–1 : Finestra di dialogo « Esploratore del catalogo »................................................ 8-2
Figura 9–1 : Finestra di dialogo « Modelli di rapporti » ........................................................ 9-2
Figura 9–2 : Finestra di dialogo « Configurazione dei rapporti », puntale
« Configurazione dei filtri » ...................................................................... 9-2
Figura 9–3 : Finestra di dialogo « Configurazione dei rapporti », puntale
« Selezione del campi »............................................................................. 9-3
Figura 9–4 : Finestra di dialogo « Configurazione dei rapporti », puntale
« Configurazione globale » ....................................................................... 9-3
Figura 9–5 : Esempio di un rapporto ..................................................................................... 9-4
Figura 9–6 : Finestra di dialogo « Ordinare » ........................................................................ 9-8
Figura 9–7 : Finestra di dialogo « Raggruppare ».................................................................. 9-8
Figura 10–1 : L'interazione tra il software Automation Studio, la carta
interfaccia I/U e un A.P.I..........................................................................10-1
Figura 10–2 : Biblioteca del workshop interfaccia ...............................................................10-3

x
Elenco delle figure

Figura 10–3 : Esempio del simbolo Carta interfaccia I/U, mnemonici ed


identificatori affissi ..................................................................................10-4
Figura 10–4 : Esempio di un circuito elettropneumatico......................................................10-5
Figura 10–5 : GRAFCET della sequenza .............................................................................10-7
Figura 10–6 : Diagramma a relè dell'automatismo ...............................................................10-8
Figura 11–1 : Interfaccia fogli di calcolo..............................................................................11-2
Figura 11–2 : Selezione dei parametri ..................................................................................11-5
Figura 11–3 : Entrata dei dati ...............................................................................................11-9
Figura 11–4 : Risultato di calcolo.......................................................................................11-10
Figura 12–1 : Finestra di dialogo « Opzioni » ....................................................................12-11

xi
1. Introduzione
Automation Studio è un software di progettazione, animazione e simulazione creato per
l'industria dell'automazione, in particolare per soddisfare le esigenze di ingegneria,
formazione e collaudo. I workshop allegati al software rispecchiano nel modo più fedele
possibile l'uso prevalente nell'industria. La funzione di simulazione rende Automation Studio
uno strumento efficace per la certificazione di processi e programmi automatizzati.
Nell'ambiente di Automation Studio tutti gli strumenti di progettazione sono facilmente
accessibili. Il Sistema Centrale comprende tre funzioni: l’Editore di diagramma, l’Esploratore
di progetti e l’Esploratore delle biblioteche. Il primo consente di generare diagrammi di
simulazione e di creare rapporti, il secondo si occupa della gestione dei file e della
classificazione di tutti i diagrammi collegati al progetto di simulazione e il terzo fornisce delle
biblioteche di componenti che servono a realizzare dei diagrammi contenuti nei progetti.
Infine, Automation Studio consente di documentare il vostro progetto. I diagrammi possono
essere stampati ed esportati insieme ai diversi elenchi e rapporti ad essi collegati per costituire
una cartella di lavoro completa.

1.1. A proposito d’Automation Studio


Automation Studio è un pacchetto software di simulazione sul quale è possibile integrare
diversi moduli.
I moduli, chiamati « workshops », sono composti di biblioteche dalle quali potete prelevare i
componenti necessari per la creazione di circuiti di diversa tipologia: idraulici, pneumatici,
elettrici, ecc. - sia singolarmente che combinandoli.
Automation Studio comprende le funzioni di edizione, di simulazione, di gestione dei file, di
stampa e di affissione.

1.1.1. Presentazione generale


La struttura della documentazione del manuale per l'utente è caratterizzata da una struttura
modulare. Il Manuale per l'utente di Automation Studio contiene le informazioni relative alle
funzioni principali dell’Esploratore di progetti, dell’Esploratore delle biblioteche, dell’Editore
di diagramma per i workshop (idraulico, pneumatico, controllo elettrico, elettronica digitale,
PLC – Ladder Logic) e della funzione di Simulazione. Ogni workshop presenta un Manuale
per l'utente che fornisce informazioni specifiche compresa una Guida rapida che consente
all'utente di approfondire le diverse funzioni relative a quel determinato workshop.

1-1
Manuale per l’utente – Automation Studio

1.1.2. Sequenza delle funzioni


La sequenza delle funzioni descritta in questa sezione riflette la sequenza normalmente
adottata quando si usa Automation Studio. In realtà, le modifiche e i miglioramenti apportati
nel corso del progetto spesso richiedono la ripetizione o la riesecuzione di alcune funzioni.
Inoltre, questo manuale illustra solamente le caratteristiche principali dell’Automation Studio,
pertanto le funzioni specifiche relative ai workshop non sono descritte nel presente
documento.

Figura 1–1 : Sequenza delle funzioni

1-2
Introduzione

1.2. Contenuti della presente documentazione


Il presente Manuale per l'utente di Automation Studio è completato dal Manuale di
Installazione e di Protezione e dai Manuali per l'utente dei workshop non standard. La
documentazione dei workshop descrive la teoria e l'utilizzo pratico del software mediante
esercizi ed esempi che rendono facilmente comprensibile la tecnologia del workshop.
Consultare il Manuale per l'utente dei diversi workshop non standard per ulteriori
informazioni sulle funzioni, sui componenti e sugli esempi di applicazioni necessari per
conoscere meglio e per utilizzare questi workshops.
Nel presente Manuale per l'utente di Automation Studio abbiamo incluso tutte le istruzioni
necessarie per usare le funzioni del software condiviso da tutti i workshop. Tali istruzioni si
riferiscono in particolare agli ambienti dell’Esploratore di progetti, dell’Esploratore delle
biblioteche e dell’Editore di diagramma, insieme ai loro comandi e finestre di dialogo. Le
istruzioni necessarie alla simulazione delle diverse tecnologie che rappresentano i workshop
sono anche presentati.
Le istruzioni sono presentate rispettando l'ordine secondo il quale il lavoro deve essere
eseguito. I contenuti sono stati organizzati in modo tale da garantire che ogni fase in ogni
sezione sia il più vicino possibile alla seguente. In effetti, il funzionamento dell’Automation
Studio può essere approfondito tramite la lettura in sequenza dei capitoli del Manuale. Per le
operazioni specifiche relative ad un workshop occorre leggere il Manuale per l'utente fornito
con lo stesso.
È anche possibile accedere all'informazione in modo non-lineare, come in una guida di
riferimento. Questa guida, infatti, è fornita di un indice che permette la localizzazione
immediata di un soggetto e annessi. E’ situata alla fine e costituisce una sintesi delle
informazioni di riferimento.

1.3. Convenzioni usate nella presente


documentazione
Il presente manuale contiene certe convenzioni che dovete conoscere. Sono state definite per
chiarire e strutturare l’informazione. Le medesime convenzioni si ritrovano nel manuale per
l’utente del workshop.

1.3.1. Convenzioni tipografiche


Nel presente manuale sono utilizzati i seguenti formati tipografici.
I nomi degli elementi dell'interfaccia utente come i menu, i comandi, le finestre di dialogo, i
pulsanti ed i campi sono piazzati tra virgolette.
• Esempio : Scegliete il comando « Documento » « Aprire ».

1-3
Manuale per l’utente – Automation Studio

I nomi dei tasti sono presentati in maiuscolo corsivo.


• Esempio : Premete il tasto SHIFT per separare un componente da un legame.
I nomi dei file e delle cartelle appaiono in maiuscolo.
• Esempio : Selezionate la cartella C:\PROJECTS, nell'elenco delle « Cartelle ».
Il testo da digitare così come indicato appare in grassetto.
• Esempio : Digitate setup.exe e quindi premete ENTER per avviare l'installazione del
software.
I nomi delle variabili, i titoli dei diagrammi ed il testo che rappresentano le informazioni da
inserire sono indicati in corsivo.
• Esempio : Nella casella « Nome del file », digitate il nome del file con l'estensione .PR4,
come di seguito: nome.PR4.
• Esempio : Per ulteriori informazioni vedere il Manuale per l'utente di Windows.

1.3.2. « Scegliere » o « Selezionare »


Il termine « scegliere » indica una selezione che provoca un'azione.
• Esempio : Scegliete « Documento » « Uscire ».
Il termine « selezionare » è utilizzato per identificare un oggetto da modificare o per
selezionare un'opzione dentro una finestra di dialogo.
• Esempio : Selezionate il driver della stampante della casella di riepilogo a discesa
« Stampante ».

1.3.3. Combinazioni e sequenze dei tasti


TASTO1+TASTO2 Il segno più (+) indica che occorre tenere premuto il primo tasto mentre si
preme il secondo.
• Esempio : CTRL+A
TASTO1, TASTO2 La virgola (,) indica che occorre premere i due tasti uno dopo l'altro.
• Esempio : ALT, F

1.3.4. Nozioni di base e convenzioni terminologiche


Il presente manuale contiene due tipi di convenzioni terminologiche. Uno per i termini relativi
all'uso del mouse ed un secondo per le icone utilizzate in questa documentazione.

1-4
Introduzione

1.3.5. Termini relativi all’uso del mouse


Termine Definizione
Puntare su Posizionare il puntatore del mouse su un elemento dello schermo.
Fare clic su Premere e rilasciare immediatamente il pulsante del mouse. Salvo
diversamente indicato, fare clic con il pulsante sinistro del mouse.
Fare doppio clic su Premere rapidamente due volte il pulsante del mouse. Salvo
diversamente indicato fare doppio clic con il pulsante sinistro del
mouse.
Trascinare Tenere premuto il pulsante sinistro del mouse mentre si sposta il
puntatore del mouse lungo lo schermo.

1.3.6. Avvisi e suggerimenti


Il presente manuale utilizza delle icone per segnalare avvisi o suggerimenti importanti intesi a
semplificare l'uso dei comandi.
Icona Definizione

Indica un avviso importante o un concetto al quale prestare particolare


attenzione.

Indica un suggerimento che semplifica l'uso dei comandi di Automation


Studio.

Indica l’accesso al menu contestuale dell’elemento selezionato.

1-5
2. Avvio
Il presente capitolo descrive il procedimento di base del programma e l'interfaccia utente.

2.1. Avvio del software


Esistono diverse opzioni per avviare questo software. È possibile scegliere l'opzione di avvio
che meglio si adatta alle proprie esigenze.
Dopo avere installato Automation Studio appare un'icona sul desktop di Windows.
Per avviare Automation Studio :
1. Fare clic sul menu « Avviare » in basso dello schermo.
2. Scegliere l’opzione « Programmi ».
3. Scegliere l’opzione « Automation Studio ».
4. Scegliere il comando « Automation Studio ».

Fare doppio-clic sull’icona di Automation Studio localizzata sul (« desktop »).

La finestra principale dell’applicativo Automation Studio appare allo schermo come


presentata nella figura seguente.

2-1
Manuale per l’utente – Automation Studio

Figura 2–1 : Finestra principale dell’applicativo


Automation Studio

Se si vuole realizzare un progetto, si apre la finestra principale del software Automation


Studio, e sullo schermo apparirà un diagramma vuoto ma che presenta le sbarre degli
strumenti associati all’Editore di diagramma, l’Esploratore delle biblioteche e l’Esploratore di
progetti.
Il seguente capitolo contiene la descrizione dettagliata degli elementi della finestra principale
dell’applicativo Automation Studio. Per evitare tutta ridondanza d’informazioni in questo
manuale, le funzioni che appaiono nei menu, le sbarre degli strumenti e i menu contestuali
saranno descritti nei menu e non ci sarà che un riferimento quando saranno menzionati in
questo manuale.

2-2
3. Editore di diagramma
Troverete in questa sezione, la descrizione dettagliata di ogni elemento che costituisce la
finestra principale d’Automation Studio. Gli elementi della finestra principale d’Automation
Studio sono divisi in due categorie : gli elementi statici e gli elementi dinamici.

A
B
E
C

Figura 3–1 : Editore di diagramma

A Sbarra di titolo (statico);


B Sbarra di menu (statico);
C Sbarra degli strumenti diversi (statico);
D Esploratore delle biblioteche (dinamico);
E Esploratore di progetti (dinamico);

3-1
Manuale per l’utente – Automation Studio

F Menu contestuale – esempio (dinamico).

3.1. Elementi statici


Gli elementi statici coprono la sbarra di titolo, la sbarra di menu e le diverse sbarre degli
strumenti. È possibile di affiggere o non le sbarre degli strumenti e di spostarle in accordo ai
vostri bisogni e quelli dei vostri progetti.

3.1.1. Sbarra di titolo del software


Durante l’apertura di Automation Studio, la sbarra del titolo dell’Editore di diagramma affissa
per default « Automation Studio – [ASProjet1 : Diagram1] ». Durante il primo salvataggio o
all’apertura del file esistente, la sbarra del titolo affissa il nome del software seguito dal nome
del progetto e del diagramma attivo.

Figura 3–2 : Sbarra di titolo all’avvio d’Automation


Studio

3.1.2. Sbarra di menu


La sbarra di menu dell’Editore di diagramma contiene nove menu. Ciascuno di questi menu e
anche il loro contenuto è descritto nelle pagine seguenti.

Figura 3–3 : Sbarra di menu

3.1.2.1. Menu « Documento »


Il menu « Documento » raggruppa principalmente i comandi per la gestione dei file di progetti
(creazione, apertura, salvataggio, stampa) e per l’apertura di progetti che provengono della
versione 3 e seguenti

3-2
Editore di diagramma

Figura 3–4 : Menu « Documento »

Nuovo progetto…

Questo comando permette di creare un nuovo progetto basato su uno dei modelli disponibili.

Aprire progetto…

Questo comando permette di aprire un progetto esistente (incluso quelli della versione 3.x).

Chiudere progetto

Questo comando permette di chiudere un progetto e di salvare o non le modifiche fatte (si
riferisce al capitolo Salvaguardia di un progetto per il procedimento a seguire).

Nuovo

Questo comando permette di creare un nuovo documento basato sull’elenco seguente :

Figura 3–5 : Sotto-menu « Nuovo »

• Diagramma : Crea un nuovo diagramma.

3-3
Manuale per l’utente – Automation Studio

• Grafcet : Permette d’inserire e di creare un nuovo Grafcet (workshop non-standard) se la


licenza l’autorizza.
• Rapporto : Permette d’inserire un documento di tipo Buono di comando o Rapporto.
• Pagina Web : Permette d’inserire un legame verso una pagina Web.
• Altro Documento… : Permette d’inserire un documento diverso da un documento
Automation Studio. Questo documento deve provenire da un applicativo installato
correttamente sul computer dell’utente.
• Cartella : Permette di aggiungere delle cartelle e sotto-cartelle all’arborescenza del
progetto.

Registrare modello…

Questo comando permette di salvare un documento come un nuovo modello basato


sull’elenco seguente :

Figura 3–6 : Sotto-menu « Registrare modello »

• Progetto : Permette di salvare un modello di progetto.


• Diagramma : Permette di salvare un modello di diagramma.
• Grafcet : Permette di salvare un modello di diagramma funzionale di sequenza.
• Rapporto : Permette di salvare un modello di rapporto.

Salvare progetto...

Questo comando permette di salvare un progetto e le modifiche che sono state fatte (far
riferimento al capitolo Salvaguardia di un progetto per il procedimento da seguire).

Salvare progetto sotto...

Questo comando permette di salvare, sotto un altro nome, un progetto e le modifiche che sono
effettuate senza influenzare la versione originale del documento (rifersi al capitolo
Salvaguardia di un progetto per il procedimento da seguire).

3-4
Editore di diagramma

Importare

Questo comando permette l’importazione dei GRAFCETs ai formati GIE (Grafcet


Importazione / Esportazione) e GIG (dal software Graphite).

Esportare…

Questo comando permette d’esportare un documento Diagramma o GRAFCET.

Proprietà progetto

Questa comanda permette di entrare, di verificare e di modificare le informazioni concernenti


il progetto in corso (riferirsi al capitolo Proprietà del progetto per saperne di più
sull’informazione contenuta nei puntali della finestra di dialogo Proprietà del progetto).

Anteprima di stampa

Questo comando permette di visualizzare il progetto in corso prima di stampare il contenuto


(riferirsi al capitolo Anteprima di stampa per il procedimento da seguire).

Stampare…

Questo comando permette di stampare, tutto o in parte dei diagrammi del progetto in corso
(rifersi al capitolo Stampa per il procedimento da seguire).

Invia verso…

Questo comando permette di spedire, tramite e-mail, una copia appiattita del progetto in corso
(riferirsi al capitolo Invio di un progetto verso per il procedimento da seguire).

Uscire

Questo comando permette di chiudere completamente l’applicativo Automation Studio


contrariamente al comando « Chiudere » che permette di chiudere solamente il progetto in
corso (riferirsi al capitolo Uscire dal software per il procedimento da seguire).

3.1.2.2. Menu « Edizione »


Il menu « Edizione » raggruppa i comandi di visualizzazione e di modifica di proprietà dei
documenti, degli elementi selezionati su un diagramma e dei comandi d’edizione di una
selezione dell’Editore di diagramma.

3-5
Manuale per l’utente – Automation Studio

Figura 3–7 : Menu « Edizione »

Annullare

Questo comando permette di rimuovere l’ultima azione effetuata nel documento in corso.

Rifare

Questo comando permette di ristabilire l’azione precedentemente rimossa con il comando


« Annulla » nel documento in corso.

Tagliare

Questo comando permette di fare sparire dal documento in corso, un elemento


precedentemente selezionato al posto del desktop.

Copiare

Questo comando permette di fare una copia nel desktop di un elemento precedentemente
selezionato nel documento in corso.

Incollare

Questo comando permette di piazzare il contenuto del desktop nel documento in corso.

Duplicare

Questo comando permette di fare une copia identica dell’elemento selezionato


precedentemente, nel documento in corso.

3-6
Editore di diagramma

Cancellare

Questo comando permette di rimuovere dal documento in corso, un elemento selezionato


precedentemente (eccetto i satelliti dei componenti).

Selezionare tutto

Questo comando permette di selezionare, senza alcuna distinzione, tutti gli elementi che si
trovano nel documento in corso.

Proprietà dei componenti…

Questo comando permette di visualizzare, d’inserire e di modificare le informazioni associate


all’elemento selezionato che si trovano nel documento in corso.

Proprietà del documento…

Questo comando permette di visualizzare, d’inserire e di modificare le informazioni associate


al documento in corso.

3.1.2.3. Menu « Affissione »


Il menu « Affissione » raggruppa i comandi che permettono la modifica dell del diagramma.

Figura 3–8 : Menu « Affissione »

3-7
Manuale per l’utente – Automation Studio

Zoom precedente

Questo comando permette di ritornare all’affisione precedente.

Zoom finestra

Questo comando permette di selezionare una zona del diagramma e visualizzare


l'allargamento proporzionalmente alla selezione effettuata.

Zoom +

Questo comando permette di visualizzare la pagina a partire da un fattore di 25% fino a 800%
indipendentemente dalla selezione.

Zoom –

Questo comando permette di visualizzare la pagina a partire da un fattore di 800% fino a 25%
indipendentemente dalla selezione.

Zoom tutti componenti

Questo comando permette di visualizzare l’insieme dei componenti della pagina


indipendentemente dalla loro posizione nel diagramma.

Zoom pagina

Questo comando permette di visualizzare la pagina intera nella sua altezza.

Panoramico

Questo comando permette di spostare in tempo reale la pagina ed il suo contenuto grafico con
un movimento multidirezionale dell’immagine.

Griglia

Questo comando permette d’affiggere o non la griglia d’incastro dei simboli.

Righelli

Questa comanda permette d’affiggere o non i righelli laterali e orizzontali di localizzazione.

3-8
Editore di diagramma

Punti di contatto

Questo comando permette di visualizzare i punti di contatto dei simboli.

Porti di connessione

Questo comando permette di visualizzare i porti di connessione dei simboli.

Nome dei porti di connessione

Questo comando permette di visualizzare i nomi dei porti di connessione dei simboli.

Aggancio del componente

Questo comando, quando attivo, assicura l’incastro dei simboli della biblioteca sulla griglia
del diagramma.

Proprietà della griglia

Questo comando permette di modificare l’agganciamento degli elementi di disegno sul


diagramma e di modificare il colore della griglia.

3.1.2.4. Menu « Inserzione »


Il menu « Inserzione » raggruppa i comandi che permettono d’inserire degli elementi di
disegno e i campi di testo nei diagrammi. Questo menu è visibile solamente se un diagramma
è attivo.

Figura 3–9 : Menu « Inserzione »

3-9
Manuale per l’utente – Automation Studio

Linea

Questo comando permette di disegnare una linea su un diagramma.

Rettangolo

Questo comando permette di disegnare un rettangolo di dimensioni diverse su un diagramma.

Arco

Questo comando permette di disegnare un arco di dimensioni diverse su un diagramma.

Ellisse

Questo comando permette di disegnare un ellisse di dimensione diversa su un diagramma.

Poligono

Questo comando permette di disegnare un poligono di dimensioni diverse su un diagramma.

Testo

Questo comando permette d’inserire una zona di scrittura su un diagramma.

Immagine…

Questo comando permette d’inserire un’immagine di formato JPG e BMP su un diagramma.

Campo

Questo comando permette d’inserire un campo automatico che può contenere le proprietà del
progetto o del diagramma attivo.

Rapporto

Questo comando permette d’inserire una nomenclatura automatica che contiene le proprietà
« Quantità » e « Nome del componente ».

Legame

Questa comanda permette d’inserire un legame su un diagramma.

3-10
Editore di diagramma

3.1.2.5. Menu « Disposizione »


Il menu « Disposizione » raggruppa i comandi che permettono di modificare l’orientamento e
la disposizione degli elementi nello spazio di lavoro. Questo menu è visibile solamente se un
diagramma è attivo.
Un oggetto è in questo contesto un simbolo, un gruppo o una selezione multipla di quegli
elementi. Se la selezione è un gruppo, le funzioni di disposizione saranno applicate sugli assi
di simmetria e centro di rotazione del gruppo. Se è multipla, le funzioni di disposizione
saranno applicate su ogni elemento della selezione.

Figura 3–10 : Menu « Disposizione »

Rotazione 180°

Questo comando permette d’applicare ad un oggetto selezionato anteriormente, una rotazione


di 180 gradi.

Rotazione sinistra

Questo comando permette d’applicare ad un oggetto selezionato anteriormente, una rotazione


di 90 gradi°in senso antiorario.

3-11
Manuale per l’utente – Automation Studio

Rotazione destra

Questo comando permette d’applicare ad un oggetto selezionato anteriormente, una rotazione


di 90 gradi°in senso orario.

Capovolgere verticalmente

Questo comando permette di capovolgere un oggetto selezionato lungo il suo asse verticale.

Capovolgere orizzontalmente

Questo comando permette di capovolgere un oggetto selezionato lungo il suo asse orizzontale.

I simboli, durante la loro inserzione, sono piazzati su dei piani che si sovrappongono.
Si distingue il primo piano localizzato sopra tutti gli altri e l’ultimo piano sotto tutti
gli altri.

Primo piano

Questo comando permette di fare passare l’oggetto selezionato anteriormente al primo piano.

Sfondo

Questo comando permette di fare passare l’oggetto selezionato anteriormente all’ultimo piano
di sovrapposizione degli elementi del diagramma.

Avanzare

Questo comando permette di fare passare un oggetto selezionato anteriormente ad un piano


sovrastante al piano attuale.

Mandare indietro

Questo comando permette di fare passare un oggetto selezionato anteriormente dal piano
attuale al piano sottostante.

Raggruppare

Questo comando permette di riunire molti oggetti selezionati precedentemente in un solo


elemento, in un gruppo.

3-12
Editore di diagramma

Separare

Questo comando permette di dissociare molti oggetti raggruppati in un solo elemento


selezionato anteriormente.

Un legame è una linea che permette di connettere tra di loro i simboli da simulare.

Legame diretto

Questo comando, quando attivato, permette di eliminare tutte le deviazioni implicate in un


legame, in altri termini, questo comando segue la filosofia del più corto percorso tra A e B.

Rompere legame

Questo comando permette di dividere un legame in due o più segmenti.

Unire legami

Questo comando permette di raggiungere due legami distinti in un solo e unico legame.

Convertire legame in rinvio

Questo comando permette di trasformare i workshop standard in legame tra due componenti
in due rinvii che hanno un medesimo mnemonico per poter allegare il numero di legami da
inserire in un circuito.

Dei rinvii possono essere prelevati dalla biblioteca per ripartire e collegare i circuiti
tra di loro su diversi diagrammi.

3.1.2.6. Menu « Simulazione »


Il menu « Simulazione » raggruppa i comandi di simulazione di un progetto o di un
diagramma.
La simulazione di un progetto o di un diagramma avvia il calcolo e la risoluzione della parte
selezionata di un circuito disegnato e che da come risultato il comportamento e l’animazione
dei simboli.

3-13
Manuale per l’utente – Automation Studio

Figura 3–11 : Menu « Simulazione »

Normale

Questo comando permette di simulare un circuito in modalità normale. Questa modalità


corrisponde alla velocità massima di calcolo del simulatore in accordo all’installazione.

Passo per passo

Questo comando permette di simulare un circuito in modalità Passo per passo.

Rallentatore

Questo comando permette di simulare un circuito in modalità Rallentatore.

Pausa

Questo comando permette di arrestare temporaneamente una simulazione e di riprenderla piu


tardi.

Arresto

Questo comando permette di arrestare una simulazione e di ritornare in modalità edizione.

Progetto

Questo comando permette di simulare dei diagrammi del progetto attivo.

Documento

Questo comando permette di simulare il diagrammo attivo.

3-14
Editore di diagramma

Selezione

Questo comando permette di simulare i diagrammi selezionati anteriormente con il comando


« Selezione degli articoli ».

Selezione degli articoli

Questo comando permette d’effettuare una selezione dei diagrammi del progetto attivo in
vista della loro simulazione simultanea.

3.1.2.7. Menu « Strumenti »


Il menu « Strumenti » raggruppa degli strumenti che aiutano alla configurazione del software
e dei campi ed alla verifica e l’esportazione del diagramma.

Figura 3–12 : Menu « Strumenti »

Verificare le connessioni…

Questo comando permette all’utente di verificare tutte le connessioni di ogni componente nel
diagramma attivo.

Opzioni…

Questo comando permette all’utente di adattare l’applicazione e i suoi moduli in accordo alle
sue preferenze.

Configurazione dei campi…

Questo comando permette di configurare i campi di proprietà personalizzati.

3-15
Manuale per l’utente – Automation Studio

3.1.2.8. Menu « Finestra »

3.1.2.8.1. Organizzazione delle finestre


Il software Automation Studio consente di organizzare la visualizzazione dei progetti e dei
loro diagrammi in diverse finestre. La visualizzazione di queste finestre può facilmente essere
migliorata mentre si disegna e si simula il progetto.

3.1.2.8.2. Vantaggi delle finestre multiple


La possibilità offerta da Windows di visualizzare contemporaneamente finestre multiple
facilita lo scambio di informazioni tra le diverse finestre aperte sullo schermo. Nel caso di
Automation Studio, diventa uno strumento di analisi molto utile nei seguenti casi:
• Per valutare uno o più diagrammi durante una simulazione;
• Per evidenziare delle sezioni del diagramma il cui comportamento durante la simulazione
è particolarmente interessante.
Questa caratteristica è utile quando si lavora su circuiti complessi contenuti in diagrammi di
grandi dimensioni o durante la simulazione di un progetto che contiene molti diagrammi. La
figura seguente presenta un esempio e la disposizione delle finestre è messa in evidenza.

Figura 3–13 : Simulazione e finestre multiple

3-16
Editore di diagramma

3.1.2.8.3. Disposizione delle finestre


Dal menu « Finestra », è possibile organizzare la disposizione delle finestre aperte durante la
sessione di lavoro. In seguito viene presentata una descrizione dei diversi comandi di questo
menu. (Vedere il Manuale per l'utente di Windows per ulteriori informazioni sulla
disposizione delle finestre).

Figura 3–14 : Menu « Finestra »

Nuova vista

Questa funzione apre una nuova finestra del diagramma attivo.

Chiudere tutte le finestre

Questa funzione chiude tutte le finestre del progetto attivo.

Affiggere

Questo comando permette d’affiggere i diversi strumenti di gestione d’Automation Studio e


anche le diverse sbarre degli strumenti necessari all’utente.

Figura 3–15 : Sotto-menu « Affiggere »

3-17
Manuale per l’utente – Automation Studio

• Sbarra degli strumenti… : Questo comando permette di selezionare le sbarre degli


strumenti a affiggere allo schermo (riferirsi al capitolo Sbarra degli strumenti per sapere
più sulle sbarre degli strumenti).
• Messaggi : Questo comando permette d’affiggere la finestra dei messaggi.
• Esploratore di progetti : Questo comando permette d’affiggere l’Esploratore di progetti.
• Esploratore delle biblioteche : Questo comando permette d’affiggere l’Esploratore delle
biblioteche.
• Tracciatore : Questo comando permette d’affiggere il Tracciatore.
• Sbarra di stato : Questo comando permette d’affiggere la sbarra di stato.
• Gestore di variabili : Questo comando permette d’affiggere il Gestore di variabili.

Tegola Orizzontale

Questa funzione permette le finestre dei diversi progetti, attivi o non, nel senso della
larghezza.

Tegola Verticale

Questa funzione permette d’affiggere le finestre dei diversi progetti, attivi o non, nel senso
della altezza.

Cascata

Questa funzione permette di disporre le finestre dei diversi progetti attivi o non l’uno
sull’altro con un leggero spostamento.

Finestra del documento o progetti aperti

Questa funzione permette di selezionare la finestra di un progetto d’affiggere in primo piano.

3.1.2.9. Menu « Aiuto »


Il menu « Aiuto » raggruppa i comandi d’aiuto contestuale.

3-18
Editore di diagramma

Figura 3–16 : Menu « Aiuto »

Aiuto contestuale

Questa funzione apre l’aiuto contestuale della finestra (Esploratore di progetti, Esploratore
delle biblioteche, ecc.) o dell’articolo selezionato (componente, gruppo, DAO, ecc.).

Sommario dell’aiuto

Questo comando permette d’accedere al sommario del manuale dell’utente di Automation


Studio.

Registrazione del software…

Questo comando permette all’utente di registrare la sua copia di Automation Studio con
Famic Technologies Inc. via Internet.

Il vostro computer deve essere connesso a Internet per avere accesso a questo
servizio.

Dovete registrarvi per avere accesso al supporto tecnico in linea.

Supporto in linea

Questo comando permette all’utente d’accedere ai diversi servizi Web d’Automation Studio.

3-19
Manuale per l’utente – Automation Studio

Figura 3–17 : Sotto-menu « Supporto in linea »

• Pagina del supporto cliente : Questo comando permette all’utente d’accedere al suo
portale personale di supporto tecnico.

È necessario aver registrato la propria versione (all’installazione o da e-mail/fax o


per comando « Registrazione del software » del menu « Aiuto »).

• Gruppo di discussione : Questo comando permette all’utente di accedere al nostro sito di


conferenza-discussione relativo al nostro software.
• Domande più frequenti (FAQ) : Questo comando permette all’utente di accedere
all’elenco delle domande più frequenti. A queste domande sono state date risposte in
precedenza per informare Automation Studio di nuovi sviluppi e innovazioni e in
secondo luogo per evitare di rispondere continuamente alle stesse domande.
• Automation Studio sul Web : Questo comando permette all’utente di accedere
direttamente alla pagina delle novità concernente il software.
• Suggerimenti : Questo comando permette all’utente di accedere ad un deposito di idee
virtuale dove si possono spedire per e-mail i propri suggerimenti.

A proposito…

Questa funzione permette di visualizzare l’informazione relativa alla vostra installazione


(moduli, sistema, identificazione, ecc.).

3.1.3. Sbarra degli strumenti

Per affiggere o mascherare una sbarra degli strumenti, scegliere « Finestra »


« Affiggere » « Sbarra degli strumenti », poi spuntare o scoccare la casella di
questa sbarra degli strumenti. Questa funzione è accessibile dal tasto F6 o tramite il
menu contestuale del mouse quando il cursore è posizionato su qualunche sbarra
degli strumenti. Per muovere una sbarra degli strumenti, fare clic su di essa, senza

3-20
Editore di diagramma

fare clic su un tasto, mantenere premuto il tasto del mouse, muovere il mouse e
rilasciare.

Sbarra degli strumenti « Progetto »

La sbarra degli strumenti « Progetto » contiene i tasti corrispondenti ai comandi i piu utilizzati
nell’Esploratore di progetti o l’Editore di diagramma. La sbarra degli strumenti si adatta
automaticamente allo strumento attivo. Quando il comando corrispondente non è disponibile
nello strumento, il tasto è distorto.

B C D E F G H I

A J

Figura 3–18 : Sbarra degli strumenti Progetto

La sbarra degli strumenti contiene i comandi seguenti.


Comando Descrizione
A Nuovo progetto Creare un Nuovo progetto.
B Aprire Aprire un progetto esistente.
C Registrare Salvare il progetto.
D Stampare Permette di lanciare la stampa.
E Nuovo Creare un nuovo diagramma (standard).
diagramma
F Nuovo rapporto Creare un nuovo documento di tipo Buono di comando o Rapporto.
G Nuovo Grafcet Creare un Nuovo Grafcet (workshop non-standard) se la licenza
l’autorizza.
H Esploratore di Apre o chiude la finestra dell’Esploratore di progetti.
progetti
I Esploratore delle Apre o chiude la finestra dell’Esploratore delle biblioteche.
biblioteche
J Gestore di Apre o chiude la finestra Gestore di variabili.
variabili

3-21
Manuale per l’utente – Automation Studio

Sbarra degli strumenti « Edizione »

La sbarra degli strumenti « Edizione » dell’Editore di diagramma è affissato per default


solamente se un diagramma è attivo.

A B C D E F

Figura 3–19 : Sbarra degli strumenti Edizione

La sbarra degli strumenti contiene i comandi seguenti.


Comando Descrizione
A Tagliare Rimuove la selezione e la sposta nel Desktop.
B Copiare Copia la selezione e la piazza nel Desktop.
C Incollare Aggiunge il contenuto del Desktop al diagramma.
D Annullare Annulla l’ultima operazione effettuata.
E Ristabilire Ristabilisce l’ultimo comando annullato.
F Proprietà Affigge la finestra di dialogo proprietà del componente e presenta le
proprietà dell’articolo selezionato.

Sbarra degli strumenti « Simulazione »

La sbarra degli strumenti « Simulazione » dell’Editore di diagramma contiene i pulsanti


seguenti.

B C D E F G H I

A J
Figura 3–20 : Sbarra degli strumenti Simulazione

Comando Descrizione
A Normale Diagramma Simula un circuito in velocità normale.
B Passo per passo Simula un circuito un ciclo a ogni clic.
C Rallentatore Simula a velocità più lenta.

3-22
Editore di diagramma

D Pausa Sospende la simulazione.


E Arresto Arresta la simulazione.
F Simulazione Seleziona l’insieme dei diagrammi del progetto attivo durante
progetto l’avvio della simulazione.
G Simulazione Seleziona il diagramma attivo durante il lancio della simulazione.
diagramma attivo
H Simulazione Seleziona gli articoli selezionati durante l’avvio della simulazione.
selezione
I Articoli da Apre la finestra di dialogo di selezione dei diagrammi da simulare
simulare nel progetto attivo.
J Tracciatore Apre o chiude la finestra del Tracciatore.

Sbarra degli strumenti « Affissione »

La sbarra degli strumenti « Affissione » dell’Editore di diagramma contiene i pulsanti


seguenti.

B C D E F G

A H
Figura 3–21 : Sbarra degli strumenti Affissione

Comando Descrizione
A Zoom % Elenco srotolante che permette di selezionare la percentuale
prestabilita d’affissione allo schermo.
B Zoom + Aumenta la dimensione d’affisione del diagramma (fattore massimo
800 %).
C Zoom - Riduce la dimensione d’affissione del diagramma (fattore minimo
25 %).
D Zoom finestra Permette di inquadrare una zona e riportare le dimensioni
dell’affisione a quelle di questa zona.
E Zoom pagina Affissa la totalità del diagramma allo schermo.
F Zoom tutti i Affissa la totalità dei componenti contenuti nello spazio di lavoro.
componenti

3-23
Manuale per l’utente – Automation Studio

Comando Descrizione
G Zoom larghezza Affissa la pagina nella sua larghezza.
pagina
H Panoramico Passa in modalità panoramica.

Sbarra degli strumenti « Inserimento »

La sbarra degli strumenti « Inserimento » dell’Editore di diagramma contiene i pulsanti


seguenti.

B C D E F G H I

A J
Figura 3–22 : Sbarra degli strumenti Inserimento

Comando Descrizione
A Selezione Permette la selezione di un articolo nello spazio di lavoro.
B Legami Crea dei legami tecnologici.
C Linea Disegna una linea.
D Rettangolo Disegna un rettangolo.
E Ellisse Disegna una ellisse.
F Arco Disegna un arco.
G Poligono Disegna un poligono.
H Testo Prende e inserisce una scatola di testo.
I Immagine Inserisce una immagine.
J Campo Inserisce un campo.

3-24
Editore di diagramma

Sbarra degli strumenti « Disposizione »

La sbarra degli strumenti « Disposizione » dell’Editore di diagramma contiene i tasti seguenti.

B C D E F G H I J K L

A M
Figura 3–23 : Sbarra degli strumenti Disposizione

Comando Descrizione
A Rotazione inverso Pivota la selezione di 90° verso la sinistra.
di 90°
B Rotazione 90° Pivota la selezione di 90° verso la destra.
C Rotazione libera Permette di pivotare? liberamente la selezione con l’aiuto delle
manovelle.
D Inversione Inverte la selezione in accordo al suo asse verticale.
verticale
E Inversione Inverte la selezione in accordo al suo asse orizzontale.
F Primo piano Invia la selezione al primo piano.
G Sfondo Invia la selezione all’ultimo piano.
H Gruppo Raggruppa gli elementi selezionati.
I Separare Divide i gruppi selezionati.
J Legame Diretto Aggiusta le deviazioni di un legame.
K Rompere Legame Seleziona un legame o due o molti segmenti.
L Unire legame Collega due legami distinti e collegati da una connessione in un
solo e unico legame.
M Convertire legame Trasforma un legame in due rinvii con il medesimo mnemonico.
in rinvio

Sbarra degli strumenti « Formato »

La sbarra degli strumenti « Formato » dell’Editore di diagramma contiene i tasti seguenti.

3-25
Manuale per l’utente – Automation Studio

A B C D

Figura 3–24 : Sbarra degli strumenti Formato

Comando Descrizione
A Colore Modifica il colore del tratto dell’entità grafica selezionata e anche
unicamente il colore dei caratteri dei testi sul diagramma.
B Spessore Modifica lo spessore dell’entità grafica selezionata sul diagramma.
C Tipo Modifica il tipo di linea grafica selezionata su un diagramma.
D Visibilità Rende visibile o invisibile le entità grafici selezionati su un
diagramma.

3.1.4. Sbarra di stato


La sbarra di stato affigge per tutti gli strumenti la descrizione dei menu e comandi quando
l’utente li seleziona. Contiene anche diversi casi d’informazione che indicano la modalità in
corso (Simulazione o Edizione), e lo stato di certe tasche (MAJ, NUM, DEF, INS). In più,
l’Editore di diagramma, informa sulla posizione del puntatore nel diagramma. L’informazione
seguente si trova.

Figura 3–25 : Sbarra di stato

Case Funzione
ST XX :XX :XX.XX Tempo simulato passato dall’avvio della simulazione.
X=XXX,Y=YYY Indica le coordonate del puntatore nel diagramma.
X% Indica il fattore di zoom attualmente utilizzato per il diagramma
attivo.

3.1.5. Tracciatore
Il tracciatore permette, durante la simulazione, di visualizzare l’evoluzione temporale di
diverse variabili sotto forma di grafico. Diverse variabili di diversi componenti possono essere
visualizzati simultaneamente in un solo e medesimo grafico.
Viene salvato un tracciatore per progetto.

3-26
Editore di diagramma

3.1.5.1. Descrizione del Tracciatore


I valori affissati sono dati per default dal software. Alcuni di questi valori sono modificabili e
altri sono statici. L’elenco seguente presenta una breve descrizione dei dati disponibili nel
tracciatore e nella sua tabella di variabili.

B
A

L M N
C

D E F G H I J
K O P Q

Figura 3–26 : Tracciatore

Ogni progetto contiene il suo proprio tracciatore.

Zona Descrizione
A Scala Affigge l’asse dei Y (ordinate) di ognuno delle variabili
selezionate.
B Grafico Zona di tracciamento delle curve d’evoluzione temporale.

3-27
Manuale per l’utente – Automation Studio

Zona Descrizione
C Elenco delle Rappresentazione modificabile dell’elenco delle proprietà delle
proprietà variabili.
D Componente Affigge nell’elenco dell’identificatore interno del componente.
Questo valore non è modificabile.
E Nome Affigge il nome del componente. Questo valore non è
modificabile.
F Variabile Affigge il nome della variabile. Questo valore non è modificabile.
(Tracciatore)
G Colore Affigge il colore, definito per difetto, che identifica la variabile e
la sua curva. Questo colore è modificabile.
H Scala Min. Affigge il valore minimo tracciabile della variabile associata. Un
valore per difetto è attribuito a ogni variabile. Questo valore è
modificabile.
I Scala Mas. Affigge il valore massimale di tracciabile della variabile associata.
Un valore per difetto è attribuito a ogni variabile. Questo valore è
modificabile.
J Unità corrente Affigge il valore delle unità di misura del componente. Questo
valore non à modificabile.
K Intervallo-tempo Affigge il valore dell’intervallo tempo visibile nel grafico per
l’insieme delle variabili tracciate. Questo valore si esprime in
secondi ed è modificabile.
L Esportare Esporta il grafico di curve in formato .txt catalogato.
M Aiuto Affigge l’aiuto di questa finestra di dialogo.
N Proprietà Tasto che dà accesso alla zona delle proprietà modificabili o
statiche delle variabili.
O Applicare Permette d’eseguire una modifica o una soppressione effettuata da
applicare al grafico o alla scala. Questo tasto può essere utilizzato
ad ogni modifica o una sola volta per l’insieme delle modifiche.
P Rimuovere Permette di ritirare una variabile selezionata nell’elenco.
Q Annullare Permette d’invalidare una modifica o una soppressione effettuata.

3-28
Editore di diagramma

3.1.6. Finestra di messaggi


Questa finestra si apre automaticamente quando il software trova degli errori e informa
l’utente affinchè li corregga e continui la sua funzione.

3.2. Strumenti di gestione


Gli strumenti di gestione servono, a ben gestire i progetti. Che sia per la gestione delle
variabili o la creazione di una biblioteca di componenti, ogni strumento di gestione offre
all’utente la possibilità di gestire i progetti in accordo alle esigenze.
Per o nascondere gli strumenti di gestione, effettuare le tappe seguenti :
1. Selezionare « Finestra » « Affiggere ».
Automation Studio apre la lista degli strumenti da affiggere o mascherare. Quando il nome di
uno strumento è precedutto da un gancio, questo significa che lo strumento in questione è
affisso sullo schermo. La Figura 3–15 : Sotto-menu « Affiggere » rappresenta tutti gli
strumenti disponibili in Automation Studio. Ogni strumento disponibilie è descritto nelle
pagine seguenti.

Allo scopo di ottimizzare lo spazio di lavoro, tutte le finestre di strumenti sono


munite di questa puntina che, in quella posizione, permette di arrotolarsi
automaticamente su se stesse. Lascia vedere quindi la loro sbarra di titolo quando il
cursore del mouse esce. Per evitare che queste finestre s’arrotolino su se stesse, il
tasto della puntina deve essere in posizione .

3.2.1. Esploratore delle biblioteche


L’Esploratore delle biblioteche offre tutta una gamma di componenti idraulici, pneumatici,
elettricità di comando, ecc. Permette di selezionare tutti gli elementi necessari alla costruzione
di un circuito funzionale. Permette anche di creare e gestire le nuove biblioteche e nuovi
componenti in accordo alle esigenze dell’utente.

3-29
Manuale per l’utente – Automation Studio

A
B

Figura 3–27 : Finestra Esploratore delle biblioteche

Gli elementi che compongono l’Esploratore delle biblioteche sono i seguenti :


Comando Descrizione
A Sbarra degli Sbarra degli strumenti che permette la gestione, la selezione e la
strumenti creazione delle biblioteche e componenti. La sbarra degli
strumenti dell’Esploratore delle biblioteche è descritta in più
dettagli nelle pagine seguenti..
B Puntale(i) I puntali permettono di selezionare la biblioteca corrispondente
alle esigenze del grafico allo scopo di facilitare la creazione dei
circuiti. Il puntale « Biblioteca principale » corrisponde alla
biblioteca standard di Automation Studio.

3-30
Editore di diagramma

Comando Descrizione
C Finestra biblioteca La finestra biblioteca permette d’affiggere l’arborescenza e di
selezionare dei sotto-gruppi, famiglie di workshop specializzati
come l’idraulico, la pneumatica, ecc. Ogni tipo di biblioteca
contiene i componenti che sono associati.
D Finestra La finestra componenti permette d’affiggere e di selezionare i
componente componenti necessari alla creazione di un circuito.

3.2.1.1. Sbarra degli strumenti Esploratore delle


biblioteche
La sbarra degli strumenti « Esploratore delle biblioteche » dell’Editore di diagramma contiene
i tasti seguenti.

B C D E
A F
Figura 3–28 : Sbarra degli strumenti della finestra
Esploratore delle biblioteche

Comando Descrizione
A Aprire biblioteca Permette all’utente di selezionare una delle biblioteche disponibili,
sia quelle standard che personalizzate.
B Creare biblioteca Permette all’utente di creare una biblioteca che personalizzerà in
accordo alle esigenze del progetto.
C Salvare Biblioteca Permette all’utente di salvare le biblioteche che personalizzerà in
accordo alle esigenze del progetto.
D Creare categoria Permette all’utente di creare una categoria di componenti che
personalizzerà in accordo alle esigenze del progetto.
E Rimuovere Permette all’utente di rimuovere una categoria di componenti.
categoria Questa opzione si applica unicamente alle categorie create
dall’utente e non alle categorie standard fornite con Automation
Studio.
F Chiudere/Sbullona Permette all’utente di chiudere/sbullonare una biblioteca allo
re scopo di impedire che sia rimossa per errore.

3-31
Manuale per l’utente – Automation Studio

3.2.2. Esploratore di progetti


L’Esploratore di progetti riempie tutte le funzioni relative alla gestione dei vostri progetti
aperti e dei loro documenti. Con i menu contestuali associati al documento selezionato
nell’arborescenza, permette di creare, d’affiggere, di registrare, d’esportare/importare, di
spedire e di simulare un documento come pure di stampare interamente o in parte.

Figura 3–29 : Finestra Esploratore di progetti

Comando Descrizione
A Finestra Permette all’utente di selezionare gli elementi contenuti
d’arborescenza nell’arborescenza di un progetto e di effettuare un’azione
(stampare, copiare, rinominare, ecc.).

Per ottenere la disponibilità ottimale del software, è consigliato gestire i progetti (o i


file) dal menu Documento della finestra principale e i documenti dai menu
contestuali accessibili a partire dall’« Esploratore di progetti ».

3.2.3. Gestore di variabili


Il Gestore di variabili offre la possibilità di creare, modificare, filtrare e di visualizzare e di
legare a degli articoli OPC tutte le variabili del progetto attivo. Permette anche la creazione e
la soppressione di variabili interne.

3-32
Editore di diagramma

B C D E F

A
H I
G

Figura 3–30 : Finestra Gestore di variabili

Comando Descrizione
A Filtro Permette all'utente di filtrare le variabili da affiggere a partire da
un gruppo di caratteri. Le variabili da cui il mnemonico comincia
con il gruppo di caratteri utilizzato come filtro sono prese in
considerazione per visualizzazione.
B Aggiornare In edizione, permette di aggiornare l’elenco delle variabili in
seguito all’aggiunta o alla rimozione di variabili interne o di
componenti.
Durante la simulazione, permette di aggiornare il valore delle
variabili.
C Nuova variabile Permette di creare una nuova variabile interna. Vedere Aggiungere
una variabile.
D Modificare la Permette di modificare le proprietà di una variabile. Vedere
variabile Modificare la variabile.
E Rimuovere la Permette di rimuovere una variabile interna. Non permette di
variabile rimuovere una variabile di componente.

Per rimuovere una variabile di componente, si deve


rimuovere il componente sul diagramma dove appare.

F Legami OPC Dà accesso alla finestra di dialogo di creazione di legami in


lettura/scrittura su degli articoli OPC. Vedere Creazione di un
legame esterno.
G Elenco delle Affiggere le variabili del progetto in accordo al filtro attivo.
variabili
H Aiuto Dà accesso all’aiuto contestuale.

3-33
Manuale per l’utente – Automation Studio

Comando Descrizione
I Chiudere Permette di chiudere il Gestore di variabili.

3.2.3.1. Aggiungere una variabile


Per creare una variabile interna :
1. Fare clic sul tasto « Nuova Variabile » (nella finestra del Gestore di variabile o nella
finestra di dialogo delle proprietà del componente Ladder o Grafcet).
La finestra di dialogo di creazione di variabili « Configurazione OPC » si apre.
2. Completare le zone della finestra di dialogo.
3. Premete sul pulsante « OK ».

Potete creare soltanto variabili interne. Le variabili di componenti sono create


automaticamente in occasione della creazione dei componenti.

Un nome di variabile non deve contenere uno spazio e deve cominciare con una
lettera o una cifra. Deve contenere almeno una lettera. Il nome della variabile deve
essere unico nel progetto o il documento secondo la filiazione (globale o locale) della
variabile. I nomi riservati non devono essere utilizzati (ABS, SQR, ecc.).

L'indirizzo deve rispettare la sintassi del fabbricante ed essere unico nel progetto.

3-34
Editore di diagramma

Figura 3–31 : Finestra di dialogo « Aggiungere una


variabile»

Ecco la descrizione delle varie zone di questa finestra di dialogo.


Campo Descrizione
A Mnemonico Affigge il mnemonico della variabile e permette la sua modifica
se il campo non è distorto.
B Indirizzo Permette di iscrivere l'indirizzo della variabile, quando si tratta
di una variabile di dispositivo automato programmabile
industriale (A.P.I.).
C Tipo variabile Elenco srotolante che permette la selezione di tipo di variabile:
• Booleano generico;
• Intero generico (32 bits);
• Punto fluotante generico (32 bits).
D Documento Elenco srotolante che permette di specificare se la variabile è
globale al progetto corrente o locale a un documento :
• Progetto (globale);
• Nome del diagramma (locale a un diagramma o un grafcet).
E Descrizione Permette di scrivere un commento pertinente alla variabile.

3-35
Manuale per l’utente – Automation Studio

3.2.3.2. Modificare la variabile


Per modificare il nome, il valore iniziale, l'indirizzo o la descrizione di una variabile scelta:
1. Scegliete la variabile nell'elenco e premete sul bottone « Modificare la variabile » o
doppio-clic la linea che contiene la variabile desiderata.
La finestra di dialogo « Modificare la variabile » si apre.
2. Modificare i campi necessari.
3. Fare clic su « OK ».
La finestra di dialogo « Modificare la variabile » si chiude.
Le nuove proprietà sono salvate e aggiornate.
I diagrammi dove appare la variabile sono aggiornati con le nuove proprietà.

Solo le variabili di componenti d'emissione o d'emissione/ricevitori possono essere


modificate. I campi della finestra di dialogo sono distorti per le variabili di
componenti ricevitori.

Un mnemonico di variabile non deve contenere uno spazio e deve cominciare con
una lettera o una cifra. Deve contenere almeno una lettera. Il mnemonico della
variabile deve essere unico nel progetto o il documento secondo la filiazione (globale
o locale) della variabile. I nomi riservati non devono essere utilizzati (ABS, SQR,
ecc.).

L'indirizzo deve rispettare la sintassi del fabbricante ed essere unico nel progetto.

È impossibile modificare la filiazione (documento d'appartenenza) di una variabile.

3-36
Editore di diagramma

Figura 3–32 : Finestra di dialogo « Modificare la


variabile »

Ecco la descrizione delle diverse zone di questa finestra di dialogo.


Zona Descrizione
A Mnemonico Affigge mnemonico della variabile e permette la sua modifica
se il campo non è distorto.
B Valore Permette di inserire un valore iniziale per la variabile
C Esadecimale/Binario Questi campi permettono la conversione delle totalità in
numerazione esadecimale e binario.
D Indirizzo Permette di iscrivere l'indirizzo della variabile, quando si tratta
di una variabile di dispositivo automatico programmabile
industriale (API).
E Descrizione Permette di iscrivere ogni commento pertinente alla variabile.

3-37
Manuale per l’utente – Automation Studio

3.2.3.3. Ordinare le variabili


Per ordinare le variabili :
1. Premete sulla rubrica di una colonna della tabella. La selezione si effettua per ordine
alfabetico.
2. Premete una seconda volta la stessa rubrica per invertire l'ordine di selezione.

3.2.3.4. Filtro delle variabili


Per filtrare le variabili :
1. Inserite un gruppo di caratteri. Il gruppo di caratteri deve cominciare con una lettera o
una cifra. Deve contenere almeno una lettera, almeno due caratteri e non devono
contenere uno spazio.
2. Le variabili da cui una proprietà comincia con questo gruppo di caratteri sono prese in
considerazione per l'affissione.

3.2.3.5. Controllo del valore delle variabili in


simulazione
Spesso, in occasione della simulazione, succede che un circuito non funziona come previsto.
Per facilitare la risoluzione di questo tipo di problema, il Gestore di variabili permette di
affiggere lo stato dei componenti mostrando il valore delle loro variabili. Ciò permette di
identificare i componenti e le variabili che non adottano il comportamento previsto.
Per visualizzare i valori delle variabili :
1. Avviare la simulazione.
2. Filtrare e ordinare le variabili se richieste.
3. Regolate la dimensione della finestra del « Gestore di variabili » così richiesta.
4. Premete il bottone « Aggiornare » per forzare un aggiornamento dei valori delle variabili.

Solo le variabili che agiscono d'emissione, d'emissione/ricevitore o ricevitore


possono essere visualizzate nel Gestore di variabili. Per le altre variabili (pressione,
flusso, ecc.), vedere Tracciatore.

3-38
Editore di diagramma

3.3. Menu contestuali


I menu contestuali dell’Editore di diagramma sono stati creati allo scopo di facilitare l’accesso
ai comandi contenuti nella barra dei menu e degli strumenti. All’ eccezione di qualche
comando creato specificamente per un certo caso, praticamente tutti i comandi che l’utente
ritrova nei menu contestuali sono presenti nei menu e la sbarra del menu o di strumenti.

3.3.1. Aprire un menu contestuale


I menu contestuali appaiono quando l’utente preme sul tasto destro del mouse quando il
cursore si trova sopra di un elemento all’interno dell’Editore di diagramma. Il menu
contestuale di questo elemento appare allo schermo e l’utente può allora scegliere uno dei
comandi disponibili di questo menu.

3.3.2. Comandi specifici dei menu contestuali


Certi comandi non sono accessibile eccetto nel caso dei menu contestuali. Non sono allora
disponibili dei menu contestuali o delle sbarre di tasti. Questi comandi si applicano
specificamente agli elementi selezionati o ai contesti presenti.

3.3.2.1. Legame fluidico in edizione


Drenaggio

Questo comando si applica ai collegamenti idraulici nell’Editore di diagramma in virtu delle


norme ISO.

Pilota

Questo comando si applica ai collegamenti idraulici e pneumatici nell’Editore di diagramma


in virtu delle norme ISO.

Pressione

Questo comando si applica ai collegamenti idraulici e pneumatici nell’Editore di diagramma


in virtu delle norme ISO.

3-39
Manuale per l’utente – Automation Studio

3.3.2.2. Simbolo in simulazione


Animazione

Questo comando si applica ai componenti dell’Esploratore di diagramma in modalità


simulazione. Permette all’utente di aprire la finestra di vista trasversale sincronizzata del
componente.

Reglaggio

Questo comando si applica ai componenti in modalità Simulazione e permette di modificare i


parametri d’aggiustamento funzionale (esempio : pressione d’apertura di una valvola).

3.3.2.3. Zona dei simboli nell’Esploratore delle


biblioteche
Icone piccole/medie/larghe

Questo comando si applica ai componenti dell’Esploratore delle biblioteche. Permette


all’utente di selezionare la dimensione d’affissione dei componenti nella finestra dei simboli
della biblioteca.

Rinominare

Questo comando si applica ai nuovi componenti, biblioteche e categorie dell’Esploratore delle


biblioteche, ai progetti e diagrammi dell’Esploratore di progetti. Permette di dare un altro
nome, diverso da quello attribuito automaticamente dal software, all’elemento selezionato.
Allora l’utente ha libera scelta nell’appellazione dei suoi documenti e strumenti di lavoro in
accordo ai suoi bisogni.

3-40
4. Realizzazione e gestione di un progetto e
dei suoi documenti
Questo capitolo presenta le istruzioni necessarie alla creazione e alla gestione di progetti
nell’ambito dell’Esploratore di progetti.
Questo capitolo tratta i soggetti seguenti :
• Gestione dei progetti (file creati da Automation Studio) e dei suoi documenti;
• Gestione dei documenti di un progetto.

4.1. Creazione di un nuovo progetto


Per creare un progetto :
1. Scegliere « Documento » « Nuovo progetto ».

La finestra di dialogo « Modelli di progetti » appare e offre la scelta dei modelli sul quale
potete basare il vostro nuovo progetto.

Figura 4–1 : Finestra di dialogo « Modelli dei progetti »

2. Scegliere il modello di progetto che volete o scegliete « Nessuno » se i modelli


disponibili non corrispondono ai vostri bisogni.

4-1
Manuale per l’utente – Automation Studio

3. Quando questa selezione è effetuata, fare clic sul tasto « OK » per creare il nuovo
progetto.
Un nuovo progetto, conforme al modello selezionato, appare allo schermo e nell’Esploratore
di progetti. È assegnato un nome per difetto che potete modificare secondo la vostra volontà.
Per default, il software include un diagramma vuoto nel nuovo progetto.
Potete adesso aggiungere i documenti di vostra scelta nel nuovo progetto. (Per più dettagli
sulla gestione dei diagrammi vedere la sezione Nuovo documento).

4.1.1. Registrazione di un nuovo progetto


Quando un progetto è creato, è etichettato con un nome sequenziale per difetto. Per registrare
il nuovo progetto, effettuate le tappe seguenti :
1. Selezionare « Documento » « Salvare progetto sotto ».
La finestra di dialogo « Save As » si apre allo schermo.

Figura 4–2 : Finestra di dialogo « Save As »

2. Scrivere il nuovo nome del File nel campo « File Name ».


3. Selezionare la cartella desiderata nell’elenco srotolante « Save As ».
4. Fare clic « Save ».
La finestra di dialogo « Proprietà del progetto » si apre allo schermo e affigge il puntale
« Informazione sommaria ». L’informazione di questo puntale è modificabile in qualsiasi
momento. Potete, a vostro ritmo, completarlo immediatamente o modificarlo più tardi.

Queste proprietà possono essere utilizzate nei campi automatici.

Per completare la procedura di registrazione del nuovo progetto :

4-2
Realizzazione e gestione di un progetto e dei suoi documenti

5. Fare clic su « OK ».
Il nuovo documento è adesso creato e pronto a ricevere tutti le aggiunte e modifiche che
desiderate apportare.

4.1.2. Apertura di un progetto


Per aprire un progetto :
1. Scegliere « Documento » « Aprire progetto ».

La finestra di dialogo « Aprire » appare allo schermo.

Figura 4–3 : Finestra di dialogo « Aprire »

2. Con l’aiuto degli elenchi « Lettori » e « Cartelle », selezionate il disco e la cartella che
contiene il progetto.
3. Nell’elenco « Nome del File », selezionate il progetto che volete aprire.
4. Fare clic sul tasto « Aprire ».

4.1.3. Chiusura di un progetto


Per chiudere un progetto :
1. Scegliere « Documento » « Chiudere ».

Se qualche modifica è stata effettuata dall’ultima registrazione, il software chiude il progetto


attivo.

4-3
Manuale per l’utente – Automation Studio

Se avete effettuato delle modifiche dall’ultima registrazione, un messaggio si affigge allo


schermo domandandovi di confermare la salvaguardia delle modifiche effettuate.
2. Se desiderate registrare le modifiche, fare clic sul tasto « Yes ».
Se il progetto è già stato registrato sotto un nome specifico, una nuova registrazione del vostro
progetto si fa automaticamente.
Se il progetto non è mai stato registrato, la finestra del dialogo « Salvare sotto » si apre
automaticamente (si riferisce alla sezione Registrazione di un nuovo progetto per la procedura
da seguire).
3. Se non volete registrare le modifiche, fare clic sul tasto « No ».
Il software chiude il progetto, le ultime modifiche sono perse.
L’Esploratore di progetti non contiene più questo progetto.

4.2. Creazione di un nuovo documento


È possibile includere diversi tipi di documenti nel progetto; dei diagrammi che integrano dei
componenti dei workshop standard, dei documenti che integrano dei componenti dei
workshop non standard, dei rapporti, infine dei documenti che provengono d’applicazioni
esterne alle pagine WEB o dei documenti di trattamento di testi, di tabulatori, ecc.

4.2.1. Creazione di un nuovo diagramma


Per creare un nuovo diagramma :
1. Scegliere « Documento » « Nuovo » « Diagramma ».

La finestra di dialogo « Modelli di Diagramma » appare allo schermo.

4-4
Realizzazione e gestione di un progetto e dei suoi documenti

Figura 4–4 : Finestra di dialogo « Modelli dei


diagrammi »

2. Scegliete il modello che conviene alle vostre necessità. Se nessun modello conviene,
scegliere il modello « Nessuno » e modificatelo secondo le vostre esigenze.
3. Fare clic su « OK ».

Potete creare un diagramma che contiene tutte le vostre esigenze e salvarlo come
modello, riferitevi alla sezione Registrazione di un modello per la procedura da
seguire.

Un « modello di diagramma » può contenere degli elementi disegnati, una cartuccia,


dei componenti, delle immagini. (Vedere la sezione Inserzione d’un elemento grafico
per l’inserzione dei campi, degli elementi grafici e delle immagini in un diagramma).

4.2.2. Creazione di un GRAFCET (workshop non


standard)
Se disponete della licenza richiesta per un workshop non standard :
1. Scegliere « Documento » « Nuovo » « Grafcet ». Nella sbarra degli
strumenti, questo pulsante è associato a un nuovo GRAFCET per
l’esempio.
La finestra di dialogo « Modelli di Grafcet » appare allo schermo.
2. Selezionate il modello desiderato facendo clic su un icona.

4-5
Manuale per l’utente – Automation Studio

3. Fare clic sul pulsante « OK » per convalidare.


Il nuovo documento appare e si inserisce nell’Esploratore di progetti al posto desiderato.
La finestra di dialogo « Proprietà del documento » si apre allo schermo.
4. Modificare le proprietà del grafico se richiesti (vedere il capitolo 3.1 Creazione di un
nuovo progetto e di un nuovo diagramma del Manuale per l’utente del workshop
Grafcet).
Il nuovo documento appare e si inserisce nell’Esploratore di progetti al posto desiderato.

4.2.3. Nuovo rapporto


Per creare un nuovo rapporto :

Dovete avere la licenza richiesta per avere accesso al modulo di rapporti avanzato.
Scegliere « Aiuto » « A proposito... » per conoscere le informazioni sulla vostra
licenza.

1. Scegliere « Documento » « Nuovo » « Rapporto ».

La finestra di dialogo « Modelli dei rapporti » appare allo schermo.


2. Selezionate il modello che vi conviene di più per le vostre necessità. Se nessun modello
conviene, selezionare il modello « Nessuno » e modificatelo in accordo alle vostre
esigenze.
3. Fare clic « OK ».
La finestra di dialogo « Configurazione dei rapporti » appare allo schermo.
4. Selezionate i dati corrispondenti ai vostri bisogni.
5. Fare clic « OK »

Per più dettagli rapportatevi alla sezione Nuovo rapporto.

4.2.4. Nuove pagine Web


Per inserire una pagina Web :
1. Scegliere « Documento » « Nuovo » « Pagina Web ».

4-6
Realizzazione e gestione di un progetto e dei suoi documenti

La finestra di dialogo « Indirizzo della pagina Web » che chiede l’URL (suo indirizzo) della
pagina e anche il nome da dare a questo nuovo documento si apre.
2. Riemplire i campi « Nome » e « URL ».
3. Fare clic sul pulsante « OK » per convalidare.
La pagina Web si apre e si inserisce nell’Esploratore di progetti al posto desiderato.

4.2.5. Nuovo documento esterno


Per inserire un nuovo documento esterno :
1. Scegliere « Documento » « Nuovo » « Altro documento ».

La finestra di dialogo « Inserire documento attivo » che indica i diversi tipi di documenti
possibili si apre.
2. Potete creare un documento vuoto selezionando l’opzione « Nuovo » o potete servirvi di
un documento esistente selezionando l’opzione « A partire del File » in questo caso la
finestra di dialogo affigge un pulsante che conduce verso il gestore di file del sistema
operativo.
L’opzione « Nuovo » :
1. Selezionare l’applicazione in cui desiderate creare un documento.
2. Fare clic su « OK ».
L’applicazione selezionata si apre allo schermo conservando Automation Studio attivo
all’ultimo piano.
3. Creare il vostro nuovo documento.
Il nuovo documento appare e si inserisce nel Nuovo Esploratore di progetti al posto
desiderato. Per ritornare al progetto di Automation Studio :
4. Fare doppio-clic su uno dei diagrammi AS.
Automation Studio ritorna al primo piano.
L’opzione « A partire del File » :
1. Fare clic sul pulsante « Percorrere ».
La finestra di dialogo « Parcorrere » si apre allo schermo.
2. Selezionate la cartella e file desiderati.
3. Fare clic « Aprire ».
La finestra di dialogo « Inserire documento attivo » riappare allo schermo.

4-7
Manuale per l’utente – Automation Studio

4. Fare clic « OK ».
Il nuovo documento appare e si inserisce nell’Esploratore di progetti al posto desiderato. Per
ritornare al progetto di Automation Studio :
5. Fare doppio clic su l’uno dei Diagrammi AS.
Automation Studio ritorna al primo piano.

4.2.6. Nuova cartella


1. Scegliere « Documento » « Nuovo » « Cartella ».

La nuova cartella si crea e si inserisce al posto desiderato nell’Esploratore di progetti.

4.3. Registrazione di un modello


Se utilizzate frequentemente la medesima struttura di progetto o i medesimi articoli nel
diagramma (immagini, cartucce, etc.) o le medesime informazioni nei rapporti allora è utile
crearvi dei modelli di documenti e di progetti. Durante la creazione di un nuovo progetto, di
un diagramma o di un rapporto, la configurazione del documento non si deve piu
ricominciare.

È imperativo che tutti i vostri modelli, affinchè siano accessibili, siano registrati
nella cartella « Template » d’Automation Studio. Se questi modelli sono registrati in
un altra cartella non saranno accessibili dal software durante il suo avvio.

4.3.1. Modello di progetto


Il modello di progetto permette di contenere una struttura particolare di documento
preconfigurata e anche i campi di proprietà personalizzati. Per salvare un modello di progetto,
il modello deve essere attivo.
1. Scegliere « Documento » « Registrare modello » « Progetto ».

La finestra di dialogo « Registrare modello progetto » appare allo schermo.


2. Dare un nome e una descrizione al modello.
3. Fare clic sul tasto « Registrare » per convalidare.
La finestra di dialogo « Proprietà del progetto » appare allo schermo.
4. Riempire i campi necessari all’identificazione del modello (facoltativo).

4-8
Realizzazione e gestione di un progetto e dei suoi documenti

5. Fare clic sul tasto « OK ».


Un modello di progetto che porta il nome attribuito è creato nella cartella « Templates » con
l’estensione .PJT.

4.3.2. Modello di diagramma


Il modello di diagramma permette di salvare i parametri di messa in pagina e le proprietà del
diagramma. Per salvaguardare un modello di diagramma :
Il diagramma che desiderate conservare in modello deve essere attivo.
6. Scegliere « Documento » « Registrare modello » « Diagramma ».
La finestra di dialogo « Save diagram template » appare allo schermo.
7. Dare un nome e una descrizione al modello.
8. Fare clic sul tasto « Save » per validare.
Un modello di diagramma che porta il nome attribuito è creato nella cartella « Templates »
con l’estensione .SCT.

4.3.3. Modello di rapporto

Dovete avere la licenza richiesta per avere accesso al modulo di rapporti avanzato.
Scegliere « Aiuto » « A proposito » per conoscere le informazioni sulla vostra
licenza.

Un modello di rapporto contiene i filtri sui workshops, i componenti e anche i campi


d’informazione. Per salvare un modello di rapporto :
Il rapporto che desiderate conservare in modello deve essere attivo.
1. Scegliere « Documento » « Registrare modello » « Rapporto ».
La finestra di dialogo « Save report template » appare allo schermo.
2. Dare un nome e una descrizione al modello.
3. Fare clic sul tasto « Save » per convalidare.
Un modello di rapporti che porta il nome attribuito è creato nella cartella « Templates » con
l’estensione .RPT.

4-9
Manuale per l’utente – Automation Studio

4.4. Salvaguardia di un progetto


Per salvare un progetto :
4. Scegliere « Documento » « Salvare ».

Il progetto è salvato.
A ogni utilizzo di questo comando, il File del progetto attivo è registrato con le modifiche
realizzate dall’ultima salvaguadia.

Se non avete ancora salvato il progetto sotto un nome specifico, la finestra di dialogo
« Save as » si apre automaticamente. (Per più dettagli concernenti questa finestra di
dialogo, vedere la sezione Registrazione di un nuovo progetto.)

4.4.1. Salvaguardia sotto un progetto


Tutto progetto già salvato può essere salvato di nuovo sotto un nome diverso. Riferirsi alla
sezione Registrazione di un nuovo progetto per la procedura da seguire.

4.5. Importazione di un documento


I Grafcets generati da un software Graphite possono essere importati, anche che i file di
formato GIE.

4.6. Esportazione di un documento


I diagrammi possono essere esportati in formato DXF e EMF. I Grafcets possono essere
esportati in formato GIE e in formato compatibile a certi automatici programmabili. L’elenco
dei manufattori disponibili è funzione della licenza.

4.7. Proprietà del progetto

Alcune proprietà e le varie revisioni del progetto sono accessibili con i campi
automatici, che permettono di creare delle cartucce dinamiche sui diagrammi.

Esiste, per ciascuno dei vostri progetti, una finestra di dialogo di proprietà che conserva
l'identificazione e l'informazione associate alla gestione del progetto. Il puntale « Generale »

4-10
Realizzazione e gestione di un progetto e dei suoi documenti

contiene i dati gestiti automaticamente dal sistema operativo ed offre agli utenti
un'informazione statica sul progetto stesso.
I puntali « Informazione sommaria » e « storico » permettono all'utente di inserire
l'informazione necessaria all'identificazione ed alla gestione dei suoi progetti.
Per aprire la finestra di dialogo « Proprietà del progetto » :
1. Scegliere « Documento » « Proprietà progetto ».

La finestra di dialogo si apre.


2. Scegliere il puntale desiderato.

4.7.1. Puntale « Generale »


Il puntale « Generale » permette d’informare l’utente del tipo di progetto, della sua
localizzazione, della sua dimensione, del suo nome MS-DOS, della sua data di creazione, di
modifica e della data che è stata attribuita ultimamente. Informa anche attributi del progetto
tali « Lettura », « Archivio », « Occulto » e « Sistema ».

4.7.2. Puntale « Informazione sommaria »


Il puntale « Informazione sommaria » permette all’utente di inserire l’informazione pertinente
al progetto attivo. Quest'informazione può essere inserita sempre ed è modificabile secondo
l'evoluzione del progetto.
Per selezionare o modificare l'informazione sommaria di un progetto :
1. Scegliere « Documento » « Proprietà progetto ».

La finestra di dialogo « Proprietà del progetto » si apre allo schermo.


2. Selezionate il puntale « Infomazione sommaria ».

4-11
Manuale per l’utente – Automation Studio

Figura 4–5 : Finestra di dialogo « Proprietà progetto »,


puntale « Informazione sommaria »

3. Selezionate o modificate i diversi campi della finestra di dialogo.


4. Fare clic sul pulsante « Applicare » per convalidare l’informazione.
I dati selezionati o modificati nel puntale « Informazione sommaria » sono convalidati.
5. Fare clic sul pulsante « Chiudere » per uscire dalla finestra di dialogo.
Ecco la descrizione dei diversi campi di selezione del puntale « Informazione sommaria » :
Zona Descrizione
Nome Affigge il nome attribuito al progetto.
Titolo Affigge il titolo del progetto.
Soggetto Permette la selezione di une breva descrizione del progetto.
No del Affigge il numero attribuito al progetto.
documento
Società Affigge il nome della società associata al progetto.
Disegnato da Affigge il nome dell’autore associato al progetto.
Verificato da Permette di definire la persona responsabile della verifica del progetto.

4-12
Realizzazione e gestione di un progetto e dei suoi documenti

Zona Descrizione
Approvato da Permette di definire la persona responsabile dell’approvazione del progetto.
Categoria Affigge il tipo di progetto.
Parole chiave Permette la selezione di parole chiave associate al progetto.
Commenti Permette l'introduzione di un lungo commento che contiene l'informazione
e le osservazioni importanti per questo progetto. La prima linea di questo
commento osservato si pubblicherà nella zona « Descrizione » della
finestra di dialogo « Aprire », al momento delle aperture successive del
progetto.
Modelli Nome del modello di progetto utilizzato per il progetto attivo (non
editabile).

Le informazioni osservate nel puntale « Informazione sommaria » possono essere


inserite in un campo su un diagramma per creare le informazioni della cartuccia. Per
ulteriori dettagli vedere la sezione inserimento di una linea, di un rettangolo e di una
ellisse.

4.7.3. Puntale « Storico »


Il puntale « Storico » permette di inserire i commenti e le informazioni delle varie tappe
dell'evoluzione del progetto attivo. Potete attribuirgli numeri di revisione successivi. Il primo
commento è sempre conservato e gli ultimi numeri di revisione sono registrati con la loro
data, un commento esplicativo, il nome dell'autore della revisione ed il nome della società.

4-13
Manuale per l’utente – Automation Studio

Figura 4–6 : Finestra di dialogo « Proprietà progetto »,


puntale « Storico »

4.7.3.1. Aggiunta/modifica di una revisione


Il pulsante « Nuova revisione… » è sempre attivo per il progetto e non è utilizzato che per
aggiungere una nuova revisione.
Per aggiungere una revisione :
1. Scegliere « Documento » « Proprietà progetto ».

La finestra di dialogo « Proprietà del progetto » si apre sullo schermo.


2. Selezionate il puntale « Storico ».
3. Fare clic sul pulsante « Nuova revisione ».
I campi della finestra di dialogo si liberano dell’informazione precedente.
4. Selezionate i diversi campi della finestra di dialogo.
5. Fare clic sul pulsante « Applicare ».
Per modificare l’informazione di una revisione :
1. Aprire l’elenco srotolante « Revisione » e selezionate la revisione da modificare.

4-14
Realizzazione e gestione di un progetto e dei suoi documenti

L’informazione salvata con questa revisione si affigge allo schermo.


2. Effettuare le modifiche necessarie ai campi corrispondenti.
3. Fare clic sul pulsante « Applicare » per convalidare le modifiche.
4. Fare clic sul pulsante « Chiudere » per uscire della finestra di dialogo.
Ecco la descrizione delle diverse zone di selezione del puntale « Storico » :
Zona Descrizione
Creato Affigge la data e l’ora della creazione del progetto. Questo campo non è
editabile.
Modificato Affigge la data e l’ora dell’ultimo salvataggio del progetto. Questo campo
non è editabile che dal salvataggio del progetto.
Revisione Permette di nominare/selezionare una revisione nuova/precedente e di
selezionare/affiggere l’informazione della revisione.
Nuova Permette d’introdurre una nuova revisione.
revisione
Commenti Affissa i commenti associati a ogni revisione del progetto.
della
revisione
Rivisto da Affigge il nome del revisore associato al progetto.
Verificato da Permette di scrivere il nome del responsabile della verifica del progetto.
Approvato da Permette di scrivere il nome del responsabile dell’approvazione del
progetto.
Data I tre campi « Data » permettono di inserire i diversi dati da cui le attività di
revisione sono associate.

4.8. Stampa
Per stampare più di un documento nel progetto attivo :
1. Scegliere « Documento » « Stampare » (CTRL + P).

La finestra di dialogo « Selezione per anteprima ed impressione » si apre sullo schermo.


2. Spuntare la casella dei documenti da stampare.

4-15
Manuale per l’utente – Automation Studio

Per stampare l’insieme dei documenti di un progetto, spuntare la casella del progetto.
Le caselle dei documenti contenuti nel progetto sono automaticamente spuntate.

3. Fare clic sul pulsante « OK » per convalidare.


La finestra di dialogo « Configurazione della stampa » si apre sullo schermo.
4. Regolate la stampa in accordo ai bisogni del progetto.
5. Fare clic su « OK » per convalidare.

4.8.1. Anteprima di stampa


Per evitare le impressioni inutili, è vantaggioso visualizzare il documento prima di stamparlo.
Per avere una descrizione prima della stampa di un documento in un progetto :
1. Scegliere « Documento » « Anteprima di stampa ».

La finestra di dialogo « Selezione per saggio e stampa » si apre sullo schermo.

Figura 4–7 : Finestra di dialogo « Selezione per saggio e


stampa »

2. Spuntare la casella del documento da visualizzare.

Per visualizzare molti documenti, spuntare le caselle dei diversi documenti.

4-16
Realizzazione e gestione di un progetto e dei suoi documenti

Per visualizzare l’insieme dei documenti di un progetto, spuntare la casella del


progetto. Le caselle dei documenti contenuti nel progetto sono automaticamente
spuntate.

3. Fare clic sul pulsante « OK » per validare.


La finestra di dialogo « Configurazione della stampa » si apre allo schermo.
4. Fare clic « OK » per convalidare.
La finestra di anteprima di stampa si apre.
Per uscire della finestra « Anteprima di stampa » :
5. Fare clic sul pulsante « Chiudere » o utilizzare il pulsante « Esc » o ancora fare clic sul
pulsante « Stampare ».

Figura 4–8 : Finestra « Anteprima di stampa »

4.9. Esportazione di un diagramma


Per l’esportazione di più di un documento nel progetto attivo :

4-17
Manuale per l’utente – Automation Studio

1. Scegliere « Documento » « Esportare ».


La finestra di dialogo « Save as » si apre allo schermo.
2. Scegliere la destinazione del progetto da esportare.
3. Scegliere il formato in cui il progetto deve essere esportato (DXF o EMF).
4. Scegliere il pulsante « OK » per convalidare.

4.10. Invio di un progetto verso


Per l’invio di un progetto attivo :
1. Scegliere « Documento » « Invia verso ».

Il vostro software di posta elettronica (e-mail) deve essere configurato e installato.

La finestra di dialogo « Proprietà del progetto » si apre allo schermo.


2. Inserire le informazioni che desiderate fare pervenire con il progetto.
3. Fare clic sul pulsante « OK » per convalidare.

4.11. Uscire dal software


Per uscire dal software :
1. Scegliere « Documento » « Uscire » (ALT + F4).
Se alcune modifiche non sono state effettuate dall’ultimo salvataggio, il software si chiude e
termina la procedura di uscita.
Se avete effettuato delle modifiche dall’ultima registrazione, la finestra di dialogo seguente si
apre automaticamente per ogni progetto aperto.

Figura 4–9 : Finestra di dialogo « Confirmazione »

2. Se non volete registrare le modifiche, fate clic sul pulsante « No ».

4-18
Realizzazione e gestione di un progetto e dei suoi documenti

Il software si chiude senza salvare le ultime modifiche e termina la procedura di uscita.


3. Se volete registrare le modifiche, fate clic sul pulsante « Yes ».
Se il progetto è già stato registrato sotto un nome specifico, un nuovo salvataggio rimpiazza il
vecchio automaticamente. Il software si chiude e termina allora la procedura di uscita.
Se il progetto non è mai stato salvato, la finestra di dialogo « Save as » si apre
automaticamente.
4. Selezionare i diversi parametri di salvataggio e fate clic sul pulsante « OK ».
(Per più dettagli sulla finestra di dialogo « Save as », vedere la sezione Registrazione di un
nuovo progetto.)
5. Riprendere la procedura per ognuno dei progetti aperti.

4-19
5. Realizzazione di un diagramma
Questo capitolo presenta le istruzioni necessarie alla realizzazione di un diagramma nel
quadro dell’Editore di diagramma.
Questo capitolo tratta dei seguenti soggetti :
• Impaginazione;
• Impaginazione degli elementi in un diagramma;
• Proprietà dei componenti;
• Sommario dei componenti;
• Modifica di un diagramma;
• Simulazione.
Per avviare la realizzazione di un diagramma, occorre ovviamente avviare il software (riferirsi
alla sezione Avvio del software per il procedimento da seguire).

5.1. Proprietà del documento


Questa finestra di dialogo è allo stesso tempo comune e personalizzata per ogni documento al
quale è associata. Le funzioni d’impaginazione e di continuo delle revisioni e delle
informazioni sommarie sono comuni per diagrammi e grafcets. I puntali « Diagramma » e
« Grafcet » sono personalizzati secondo il tipo di documento al quale la finestra di dialogo è
associata. Inoltre, l'informazione inserita nei campi è anche personalizzata secondo le
esigenze del documento attivo.

5.1.1. Puntale « Impaginazione »


Lo spazio di lavoro corrisponde allo spazio disponibile per la costruzione di un diagramma.
Molti parametri sono associati a questo foglio di lavoro. Per esempio, potete selezionare la
sua forma e la sua dimensione, potete anche aggiungere al vostro diagramma degli elementi
supplementari come quadro, cartuccia, nomenclatura o norma cartografica.

Il foglio (bianco) di lavoro corrisponde alla zona stampabile del diagramma.

5-1
Manuale per l’utente – Automation Studio

È il puntale « Impaginazione » del comando « Proprietà del documento » del menu


« Edizione » che vi permette di indicare le dimensioni del foglio di lavoro e di definire come
desiderate stampare il vostro diagramma.
Poiché l'aggiunta di questi elementi diminuisce lo spazio disponibile per la realizzazione del
vostro circuito, si raccomanda di definire l'impaginazione prima di cominciare la creazione di
un diagramma.

Figura 5–1 : Righello cartografico inserito nel


diagramma

Potete personnalizzare lo spazio di lavoro dell’Editore di diagramma affinché


corrisponda alle vostre necessità e le vostre preferenze.

Per definire o modificare l'impaginazione di un diagramma :


1. Scegliere « Edizione » « Proprietà del documento »
« Impaginazione ».
La finestra di dialogo « Proprietà del documento » appare allo schermo.
2. Afferrare o modificare le diverse zone della finestra di dialogo.

5-2
Realizzazione di un diagramma

3. Fare clic sul pulsante « Applicare ».


I dati presi nella finestra di dialogo sono convalidati.
4. Fare clic sul pulsante « Chiudere » per ritornare al vostro diagramma.
La nuova impaginazione che avete definito per vostro diagramma è convalidata. Gli elementi
supplementari appaiono ora nel vostro foglio di lavoro.

C E

D F

Figura 5–2 : Finestra di dialogo « Proprietà del


documento », puntale « Impaginazione »

5.1.1.1. Descrizione delle opzioni dell’impaginazione


Ecco la descrizione delle diverse zone della finestra di dialogo « Impaginazione » :
Zone Descrizione
A Dimensione del Permette di definire il formato di carta. Il formato scelto
diagramma corrisponde alle dimensioni del foglio di lavoro.

5-3
Manuale per l’utente – Automation Studio

B Margini Permette di definire i margini sinistri, diritti, superiori ed


inferiori del foglio di lavoro.
C Orientamento Permette di scegliere l'affissione del foglio di lavoro secondo
l'orientamento in lunghezza (Orizzontale) o in larghezza
(Verticale).
D Unità della riga Permette di scegliere tra il sistema metrico ed il sistema
imperiale per le unità di misura della riga cartografica.
E Scala di disegno Permette di definire il fattore di ridimensionamento
proporzionale degli elementi in occasione del loro inserimento
nel diagramma.
F Norma cartografica Aggiunge una griglia punteggiata e numerata
alfanumericamente all'interno dello spazio di lavoro del
diagramma.

Non confondere la griglia del menu « Affissione » che


è utilizzata per i materiali aderenti gli elementi e la
norma cartografica che serve alla localizzazione degli
elementi all'interno del diagramma.

5.1.2. Puntale « Informazione sommaria »


All'immagine delle proprietà del progetto, l'informazione sommaria del documento contiene
l'informazione e l'identificazione di ogni documento che costituisce il vostro progetto.
1. Scegliete il diagramma di cui desiderate osservare o modificare l'informazione sommaria
per renderlo attivo.
Per pubblicare e/o modificare le proprietà del documento attivo:
1. Scegliere « Edizione » « Proprietà del documento » « Informazione
sommaria ».
La finestra di dialogo seguente si apre allo schermo.
2. Afferrate o modificate i dati contenuti nelle varie zone del ramo « Informazione
sommaria » della finestra di dialogo.
3. Fare clic sul pulsante « Applicare ».
I dati sono convalidati.
4. Fare clic sul pulsante « Chiudere » per ritornare al vostro diagramma.

5-4
Realizzazione di un diagramma

Figura 5–3 : Finestra di dialogo « Proprietà del


documento », puntale « Informazione sommaria »

La finestra di dialogo « Proprietà del documento » contiene le zone seguenti :


Zona Descrizione
Nome Affigge il nome dato al documento.
Titolo Permette l'introduzione di una breve descrizione del documento.
Soggetto Permette l'introduzione di una descrizione del contenuto del documento.
No del Permette l'introduzione del numero d'identificazione che desiderate dare
documento al documento. Questo numero serve a costruire l’identificazione interna
del componente.
Società Permette l'introduzione del nome della società.
Disegnato da Permette l'introduzione del nome dell’autore del documento.
Verificato da Permette l'introduzione del nome della persona responsabile della
verifica del contenuto del documento.
Approvato da Permette l'introduzione del nome della persona responsabile
dell’approvazione finale del contenuto del documento.
Categoria Affigge il tipo di documento.

5-5
Manuale per l’utente – Automation Studio

Zona Descrizione
Parole-chiave Permette l'introduzione di parole chiave associate al diagramma.
Commenti Permette l'introduzione di un commento lungo che contiene
l'informazione e le osservazioni importanti per questo documento.
Modello Nome del modello di documento utilizzato per il documento attivo (non
editabile).

5.1.3. Puntale « Diagramma »


Questo puntale della finestra di dialogo « Proprietà del documento » è utilizzato per definire
un identificatore supplementare ai progetti che utilizzano diagrammi multipli.

Figura 5–4 : Finestra di dialogo « Proprietà del


documento », puntale « Diagramma »

Zona Descrizione
Nome Permette l'introduzione di un nome per il documento.
Installazione Norma 1219-2 : questo codice si compone di cifre che cominciano per 1.
Questo numero d'impianto o di gruppo funzionale deve essere utilizzato
appena il circuito comporta un impianto.

5-6
Realizzazione di un diagramma

Zona Descrizione
Circuito Norma 1219-2 : questo codice è composto da cifre. La classificazione si
effettua continuamente per ogni circuito.

5.1.4. Puntale « Storico »


Il puntale « Storico » permette di inserire i commenti e le informazioni delle diverse tappe
dell’evoluzione del documento attivo. Potete attribuirgli numeri di revisione successivi. Il
primo commento è sempre conservato e gli ultimi numeri di revisione sono registrati con la
loro data, un commento esplicativo, il nome dell'autore della revisione ed il nome della
società.

Figura 5–5 : Finestra di dialogo « Proprietà del


documento », puntale « Storico »

Poiché le finestre di dialogo « Proprietà del documento » e « Proprietà del progetto »


affiggono gli stessi campi, riferitevi alla sezione Puntale « Storico » per una
descrizione dettagliata dei campi disponibili definiti specificamente per un
documento.

5-7
Manuale per l’utente – Automation Studio

5.2. Sistemazione degli elementi in un


diagramma
5.2.1. Sistemazione dei componenti e utilizzazione della
biblioteca
La selezione di un componente da realizzare nello spazio di lavoro si effettua a partire dalla
biblioteca. La sistemazione del componente è a volte seguita dall'apertura della sua finestra di
dialogo « Proprietà del componente », in particolare per i componenti che comunicano tra loro
con mnemonici in simulazione (una bobina ed i suoi contatti).
Le proprietà del componente permettono generalmente di definire i parametri di
comportamento del componente nel diagramma. Le proprietà possono così riguardare le
dimensioni d'entrata o d'uscita del componente, il suo funzionamento interno o anche le sue
dimensioni.
Esiste una finestra di dialogo « Proprietà del componente » per componente anche se a volte,
a causa della semplicità dei componenti o della loro similarità, molte finestre di dialogo
« Proprietà del componente » sono identiche.
Le proprietà dei componenti sono descritte in dettaglio nella guida dell'utente del workshop
interessato o nell'aiuto in linea della finestra di dialogo di proprietà del componente o nel suo
aiuto contestuale (F1). La spiegazione dettagliata delle proprietà di ogni componente si trova
nell'aiuto in linea del simbolo accessibile con il bottone « Aiuto » dei vari puntali di proprietà.
I parametri di tutti i componenti (workshop fluidi) sono preconfigurati in modo che la
simulazione funzioni correttamente senza alcun intervento dell'utente, eccetto le variabili di
comunicazione (workshop di controllo).
Per piazzare un componente sul vostro diagramma :
1. La finestra dell’Esploratore delle biblioteche non è aperta, premere sul pulsante F9 per
aprirlo.
La finestra dell’Esploratore delle biblioteche si apre.
2. Scegliere la biblioteca desiderata facendo clic sul puntale.
3. Fare clic sul workshop della vostra scelta nell'elenco « Workshops ».
L'elenco delle varie categorie del workshop scelto si presenta.
4. Fare clic sulla categoria che comprende il componente voluto.
L'elenco dei componenti che contiene si affigge nella zona dei simboli.
5. Fare clic sul simbolo desiderato senza rilasciare il pulsante.

5-8
Realizzazione di un diagramma

Il simbolo del componente appare in sottolineato.


6. Muovete l'indicatore del mouse fino al posto in cui volete inserire il simbolo sul
diagramma.

Il puntatore prende questa forma .


7. Rilasciare il pulsante.
Il simbolo è piazzato sul diagramma.
8. Se la finestra di dialogo delle proprietà del componente si apre, vi si definisce i parametri
del componente.
9. Fare clic sul pulsante « Applicare » poi sul pulsante « Chiudere ».
I parametri che avete definito per questo componente sono convalidati. Per affiggere le
proprietà affissabili sul diagramma, riferirsi alle informazioni affissabili del simbolo. Quando
quest'informazione è nel diagramma, vi è possibile modificare l'aspetto facendoci doppio-clic
sopra. La finestra di dialogo « Font » si apre sul diagramma e permette di definire il formato
dell'informazione sul diagramma come per un oggetto grafico « Testo ».

5.2.2. Sistemazione dei legami


All'immagine dei fili elettrici o delle condotte di un circuito, un legame permette di collegare
componenti.
Per sistemare un legame :
1. Fare clic sul porto di connessione del simbolo.

In questo contesto, l'indicatore del mouse assume questa forma .


2. Fare clic in vari punti del diagramma per creare gomiti ed evitare i simboli già in posto.

In questo contesto, l'indicatore del mouse assume questa forma .


Il legame si traccia secondo la scivolata.

3. Rilasciare il tasto del mouse quando il puntatore riprende questa forma al secondo
porto di connessione.
Un legame si stabilisce tra due componenti.
4. Riprendete le tappe 1 a 3 per tutti i legami che desiderate mettere (non è necessario
riselezionare il legame ogni volta nella biblioteca).
5. Per interrompere la sistemazione dei legami, continuate a premere sul tasto destro del
mouse.

5-9
Manuale per l’utente – Automation Studio

Il puntatore del mouse riprende la sua forma iniziale.

La visualizzazione dei legami può essere molto utile in occasione di questa


procedura. Permette di visualizzare la sovrapposizione dei punti di connessione. Di
conseguenza, garantite che il comando « Porti di connessioni » del menu
« Affissione » è ben eseguito.

Dopo avere inserito un legame, potete modificare la sua forma con l’aiuto del mouse. (Per più
dettagli, vedere la sezione Modificazione della forma d’un legame).

5.2.2.1. Trattamento automatico delle intersezioni


Quando una giunzione di 3 legami è fatta, automaticamente un connettore nero è creato come
esigono le norme ISO.

5.2.2.2. Spostamento di un punto di connessione


Per muovere un punto di connessione:
1. Selezionate il legame in cui volete muovere la connessione.
Il legame prende il colore della selezione.

Figura 5–6 : Legame selezionato


2. Fare clic sulla connessione da modificare e senza rilasciare il tasto del mouse, scivolate
fino al nuovo porto di connessione.

In questo contesto, il puntatore del mouse prende questa forma .


Il legame si modifica secondo la scivolata.
3. Rilasciate il tasto del mouse quando le due connessioni sono sovrapposte.

5.2.2.3. Muovere un legame


Per muovere un legame collegato o no :

5-10
Realizzazione di un diagramma

1. Scegliere il legame da muovere.


Il legame prende il colore della selezione.
2. Se il legame è un legame diretto, fare clic nel centro del legame. Altrimenti, fare clic su
un angolo del legame.

In questo contesto, il puntatore del mouse prende questa forma .


3. Senza rilasciare il tasto del mouse, scivolate fino al posto voluto.
4. Quando avete raggiunto il posto desiderato per depositare il legame, rilasciare il tasto del
mouse.
Il legame si muove secondo la scivolata.

5.2.2.4. Inserimento di una biforcazione


È possibile inserire una biforcazione da un legame esistente utilizzando il tasto « Legami », :
1. Fare clic sul tasto « Legami » della barra degli strumenti « Inserimento ».

Il puntatore prende la forma seguente .


2. Fare clic sul legame nel posto dove desiderate creare un porto di connessione o una
biforcazione.
Un porto di connessione è creato ed un nuovo legame si disegna.
3. Fare clic per tracciare la forma di legame desiderato.
4. Se terminate l'estremità del legame nel vuoto, fate clic sul posto desiderato per
completare il legame. Se terminate l'estremità del legame su un porto di connessione fate
clic una volta su questo connettore per completare il legame.

5.2.2.5. Divisione di un legame


Potete tagliare un legame in modo da ottenerne due distinti. Potete anche tagliare due legami
che si incrociano ed ottenerne quattro distinti. La divisione di legami vi permette di tagliare
legami in un punto preciso.
Per tagliare un legame :
1. Scegliere il tasto « Tagliare legame » della sbarra degli strumenti « Disposizione ».

Il puntatore del mouse prende questa forma associata al taglio dei legami.
2. Fare clic sul legame sul posto in cui desiderate tagliarlo.

5-11
Manuale per l’utente – Automation Studio

Figura 5–7 : Esempio della divisione di un legame

Il legame è tagliato in due.


Il puntatore del mouse riprende sua forma iniziale.
Ognuno dei due nuovi legami può essere selezionato individualmente.

Se l'affissione dei porti di connessione è scelta, un porto si affigge tra i due nuovi
legami. (Per ulteriori dettagli, vedere la sezione porti di connesione e punti di
contatto).

5.2.2.6. Trasformazione di due legami in un solo


Al contrario della divisione di legami, se desiderate trasformare due legami consecutivi in
uno solo, potete collegarli.
Per unire due legami :
1. Selezionate il primo legame.
2. Selezionate il secondo legame sostenendo sul tasto SHIFT.
3. Scegliere il tasto « Unire legami » della sbarra degli strumenti « Disposizione ».
Il porto di connessione sparisce, i due collegamenti ne formano uno solo.

5.2.2.7. Modifica della forma di un legame


A volte, la disposizione degli elementi sul vostro diagramma richiede una modifica della
forma dei legami per evitare che si sovrappongano.
Per modificare la forma di un legame :
1. Selezionare il legame da modificare.
Il legame prende il colore della selezione.
2. Fare clic sul legame al posto in cui desiderate modificarlo e fare clic sul tasto sinistro del
mouse.

5-12
Realizzazione di un diagramma

In questo contesto, il puntatore del mouse prende una di queste forme .


3. Senza rilasciare il tasto del mouse, scivolate fino al posto voluto.

Figura 5–8 : Modifica della forma di un legame

Il legame si modifica secondo la scivolata.


4. Rilasciare il tasto del mouse.
Il legame è modificato.
Il puntatore del mouse riprende la sua forma iniziale.
5. Riprendete le tappe 2 a 5 per tutte le parti del legame che desiderate modificare.

Per modificare un collegamento in un legame diretto, scegliete il legame da


modificare e scegliete il comando « Legame diretto » del menu contestuale del
legame.

5.2.2.8. Modifica delle proprietà di un legame


Le proprietà di ogni legame (condotta di pressione, condotta di controllo, filo elettrico, ecc.)
disponibili nel software possono essere modificate. Questi legami quando sono collegati a
componenti, l'idraulica, pneumatica, elettrica, digitale o diagramma riportate in scala adottano
proprietà proprie di questa tecnologia.
Per farsi :
1. Se il legame non ha alcun angolo: fare doppio-clic sul legame (e non sui connettori). Se il
legame ha uno o più angoli: fare doppio-clic su uno degli angoli del legame o scegliete il
legame.
2. Scegliere « Edizione » « Proprietà del componente ».

La finestra di dialogo che contiene le proprietà del legame si apre allo schermo.
3. Modificare le proprietà desiderate.

5-13
Manuale per l’utente – Automation Studio

4. Fare clic sul tasto « Applicare » per convalidare le modifiche.


5. Fare clic sul tasto « Chiudere » per ritornare allo schermo.

Figura 5–9 : Esempio di una finestra di dialogo


« Proprietà del componente » che permettono di
modificare le proprietà d’un legame

Riferitevi all’aiuto contestuale del legame per dettagli su queste proprietà. Utilizzate
i tasti della sbarra degli strumenti « Formato » per modificare il colore e lo spessore
del tratto.

5.2.2.9. Sistemazione di componenti su dei legami

Per aumentare la rapidità d'esecuzione di un diagramma, è pratico utilizzare la


funzione d'inserimento automatico di un componente su un legame disegnato.
Quest'azione taglia automaticamente il legame per inserire il componente.

Condizioni di funzionamento : questa funzione è operativa in modo che solo un componente


non raggruppato sia mosso sul legame.

5-14
Realizzazione di un diagramma

Caso 1 : inserimento di un componente dalla biblioteca o da un altro diagramma o con una


copia.
Basta scegliere il componente ed inserirlo sul legame prendendo cura che i connettori siano
sul legame al momento di ridurre il componente sul diagramma.
Caso 2 : spostamento di un componente su un legame (i due articoli sono su uno stesso
diagramma).
Basta muovere il componente sul legame assicurandosi che i connettori siano sul legame e
assicurandosi di utilizzare il tasto SHIFT al momento del rilascio.

Il tasto SHIFT permette di inserire un componente su un legame o staccare un


componente di un legame.

5.2.3. Verifica delle connessioni


Il comando « Verificare le connessioni » del menu « Strumenti » vi permette di identificare i
collegamenti o i componenti i cui raccordi non sono collegati.
Per verificare lo stato delle connessioni :
1. Se i porti di connessioni sono mascherati, affiggeteli scegliendo « Affissione » → « Porti
di connessioni ».
2. Scegliere il comando « Strumenti » → « Verificare le connessioni ».
Se dei raccordi non sono collegati, la finestra di messaggi si apre allo schermo.

Figura 5–10 : Finestra dei messaggi – Esempio di


messaggi di verifica delle connessioni

Tutti i raccordi liberi ed i componenti non collegati sono automaticamente scelti affinché
possiate facilmente situarli.

5-15
Manuale per l’utente – Automation Studio

5.3. Proprietà dei componenti


5.3.1. Introduzione
Ogni simbolo nella biblioteca principale rappresenta un componente. Ciascuno di questi
componenti possiede proprietà di varia natura. Lo scopo di questa sezione è di precisare il
ruolo e l'utilizzo di questi vari tipi di proprietà.

Per conoscere il ruolo esatto di ogni proprietà di un componente, riferirsi all’aiuto


contestuale di questo componente.

5.3.2. Norme e standard


Automazione studio permette di disegnare diagrammi idraulici e pneumatici che rispettano la
norma ISO 1219 - 1. per le dimensioni mancanti in questa norma, le dimensioni della norma
1219 -1.2 (in fase d'approvazione) sono state scelte. Le informazioni affissabili sono
raccomandate dalle norme ISO 4413 ed ISO 4414.

L'identificatore interno di ogni componente (tecnologie idrauliche, pneumatiche ed elettriche)


è costruito con le specificazioni della norma ISO 1219 - 2; questo codice è una
concatenazione di molte proprietà del componente.

Codice interno = Numero d’installazione - Numero di circuito.Codice componente


ISO.Incremento automatico.
• Il numero dell'installazione e del circuito è proprietà del documento; accessibili con
« Edizione » → « Proprietà del documento » → « Diagramma », questi campi sono
modificabili da parte dell'utente. Appena si inserisce un componente su un diagramma,
queste due proprietà del documento sono attribuite per difetto al componente. È possibile
modificare queste due proprietà di uno o più componenti aprendo la loro finestra di
dialogo di proprietà nel puntale « Informazioni affissabile ».
• Il codice componente ISO è definito nel modo seguente:
− Pompe e compressori : P
− Azionatori : A
− Motori d’addestramento : M
− Sensori : S

5-16
Realizzazione di un diagramma

− Valvole : V
− Altri apparecchi : Z
L'affissione ISO nelle opzioni di configurazione del software permette d'affiggere tutte le
informazioni raccomandate dalla norma ISO 1219 - 2 per ogni componente fluido.

Per i simboli delle altre tecnologie, le norme IEC 61131, JIC sono state rispettate. Il codice
interno del componente è costruito nello stesso modo sia per i componenti idraulici sia
pneumatici. Questo metodo garantisce l'unità del componente e permette di basare
l'associazione delle variabili su questo codice interno.

5.3.3. Finestra di dialogo « Proprietà del componente »


Per visualizzare e modificare un tipo di proprietà :
1. Fare clic sull'arborescenza desiderata.

B
F

C
E

D
J G H I

Figura 5–11 : Finestra di dialogo delle proprietà di un


componente o di un gruppo

5-17
Manuale per l’utente – Automation Studio

Generalmente, la finestra di dialogo di proprietà di un componente è costituita dagli elementi


seguenti :
Zona Descrizione
A Sbarra di titolo Questa sbarra contiene il nome della finestra di dialogo seguito
dal nome del componente.
B Finestra di Questa finestra affigge il simbolo, è molto utile quando il
visualizzazione componente è configurabile. Permette di affiggere le modifiche
del simbolo in seguito alla loro applicazione.
C Finestra Questa finestra è presente soltanto per componenti raggruppati.
d’arborescenza di
gruppo
D Finestra delle L'informazione affissata in questa finestra varia secondo il
famiglie di proprietà componente. Basta premere sul raccordo desiderato per
disponibile pubblicare le proprietà associate al componente nella parte diritta
della finestra di dialogo.
E Zone di proprietà Zone che mostrano le proprietà modificabili del ramo di
proprietà scelto.
F Più/Meno Tasto che permette di aprire/chiudere la zona di proprietà dei
dati avanzati del componente.
G Applicare Tasto che permette di registrare le modifiche effettuate sulle
proprietà.
H Riniziare Tasto che permette di annullare le modifiche se non sono state
registrate prima.
I Aiuto Tasto che permette il lancio dell'aiuto contestuale di questa
finestra di dialogo.
J Chiudere Tasto che permette di chiudere la finestra di dialogo e ritornare
al diagrammo attivo.

5.3.4. Dati tecnici dei componenti


Parametri fisici utilizzati nel modello di comportamento analogico o grafico del componente.
I loro valori sono valutati ed inseriti nel calcolo della risoluzione del sistema costituito dei
diagrammi da simulare.

5-18
Realizzazione di un diagramma

In questa finestra di dialogo, le unità utilizzate sono quelle del sistema configurato in
occasione dell'impianto del software. Possono essere convertite automaticamente nel
tipo di unità proposte negli elenchi che svolgono.

5.3.4.1. Dati di base


Questi dati corrispondono ai parametri di messa a punto e/o dimensionali del componente.
Permettono di regolare il « Modello grafico » o il « Modello analogico » di comportamento
del componente. Questi dati sono modificabili da parte dell'utente.

5.3.4.2. Dati avanzati


Alcuni di questi dati sono utilizzati come valori estremi dei parametri fisici supportati dal
componente e sono presenti a titolo informativo (cilindrata massima, ecc.). Alcuni altri
servono a definire gli intervalli in ascisse ed in ordinate delle curve caratteristiche (pressione
differenziale massima, flusso massimo, ecc.). E di altri ancora sono parametri avanzati di
alcuni componenti (fughe interne, attrito, ecc.).

5.3.4.3. Dati calcolati


Questi dati sono calcolati automaticamente a partire dai « Dati di base » o dai « Dati
avanzati ». Non sono editabili dall'utente, né il loro valore, né la loro unità.

5.3.5. Informazioni catalogo

Dovete avere la licenza richiesta per avere accesso a questo modulo. Scegliete il
comando « A proposito » del menu « Aiuto » per conoscere le informazioni sulla
vostra licenza.

Queste informazioni sono associate ad un simbolo ed utilizzate per generare vari tipi di
relazioni: buoni d'ordine, rapporti tecnici e commerciali, ecc. Riferirsi all’aiuto relativo alla
« Creazione di relazione » per imparare ad utilizzare queste informazioni.

5.3.5.1. Informazioni della parte


Queste informazioni sono associate alla parte e provengono generalmente da un catalogo.
Sono inserite manualmente o automaticamente con il tasto « Cercare pezzo… ». Per utilizzare
questo tasto, rinviate alla sezione Catalogo. È possibile attribuire al componente informazioni

5-19
Manuale per l’utente – Automation Studio

personalizzate. Riferirsi alla sezione catalogo per la procedura da seguire. Queste


informazioni sono scritte manualmente.

5.3.5.2. Elenco d’accessori


Queste informazioni permettono di attribuire al componente un elenco di accessori definiti dai
loro numeri di parte, i loro prezzi e le loro quantità. Queste informazioni sono scritte
manualmente o automaticamente via il tasto « Cercare pezzo… », per utilizzare questo tasto,
rinviate alla sezione Catalogo.

Figura 5–12 : Finestra di dialogo delle « Proprietà del


componente », puntale « Informazioni catalogo »

5.3.6. Informazioni visualizzate


Le informazioni elencate in questa finestra di dialogo sono affissabili sul diagramma in
edizione e/o in simulazione se la finestra situata a sinistra del nome dell'informazione è
intaccata. Le informazioni standard vengono mostrate ed ordinate vicino al simbolo, le altre
sono affisse al centro del simbolo. Provengono dai « Dati tecnici », dall'« Assegnazione delle
variabili » e/o delle « Informazioni di catalogo ». Riferirsi alla sezione Norme e standard per
conoscere alcune configurazioni standard offerte dal software.

5-20
Realizzazione di un diagramma

Le informazioni affisse sul diagramma sono editabili direttamente sul diagramma


come testo. La modifica è salvaguardata nella finestra di dialogo di proprietà del
componente.

Queste informazioni dei componenti affissabili su un diagramma sono chiamate


satelliti.

Figura 5–13 : Finestra di dialogo « Proprietà del


componente », puntale « Informazioni visualizzate »

5.3.7. Curve caratteristiche


Le curve caratteristiche sono utilizzate durante la simulazione per i componenti il cui modello
è definito da una « Costruzione di modelli grafici ». Generalmente una curva è definita da un
valore particolare di un parametro che proviene da uno dei « Dati tecnici di base ».

5-21
Manuale per l’utente – Automation Studio

A
C

H
G

Figura 5–14 : Finestra di dialogo « Proprietà del


componente», puntale « Curve caratteristiche »

Il dialogo delle curve caratteristiche contiene le zone seguenti :


Zona Descrizione
A Zona grafica zona grafica dove sono visualizzate le curve
B Asse delle ascisse Valori delle ascisse espresse nell'unità d'installazione del
software.
C Asse delle Valori delle ordinate espresse nell'unità d'iinstallazione del
ordinate software
D Coordinate dei tabella dei valori dei punti della curva scelta (ascissa, ordinata) -
punti la rubrica di questa tabella contiene il nome del parametro affisso
in ascissa (1a colonna) ed in ordinata (2a colonna)
E Parametraggio Parametro considerato per ogni curva anche se il suo valore è
delle curve editabile

5-22
Realizzazione di un diagramma

Zona Descrizione
F Costrizioni costrizioni da rispettare in occasione dell'edizione della curva
G Bottone Zoom Permette di visualizzare la totalità delle curve disegnate
tutto
H Bottone Zoom Permette di fare zoom su una parte della zona grafica definita da
Finestra un rettangolo disegnato con il mouse (bottone sinistro inserito)
La maggior parte dei componenti dei menu idraulici e pneumatici hanno un comportamento
espresso sotto forma grafica. Automazione Studio include per ogni componente di questo
tipo, un gioco di curve tipiche del componente, riflesso delle misure dei costruttori. Per uno
stesso componente ogni curva è associata ad uno stesso parametro il cui valore è diverso
secondo la curva scelta. Questo parametro è editabile nel campo associato. Questo parametro
è così visibile nei dati tecnici di base del componente. Il valore del parametro visibile nei
« Dati tecnici » è modificabile ma ciò non vuole dire che una curva sarà definita per questo
valore. Tuttavia, il simulatore costruisce automaticamente una curva che corrisponde al
parametro del componente con interpolazione. Questa curva è costruita dinamicamente dal
simulatore e non è visibile da parte dell'utente.
Per editare una curva, basta :
1. Selezionare la curva da modificare.
La curva selezionata cambia colore.
2. Modificare il valore del parametro della curva se necessario.

Se lo desiderate, osservate il valore del parametro attuale del componente nei « Dati
tecnici » associati alla curva, così la curva che affissate sarà quella utilizzata dal
simulatore e non un'interpolazione.

3. Modificare i valori delle coordinate dei punti che appaiono nella tabella.
O
3. Scivolare e muovere i punti della zona grafica.
Durante la modifica, i segmenti di destre che formano la curva e non rispettando le costrizioni
vedono il loro colore cambiare per mettere in evidenza l'inosservanza delle costrizioni. È
preferibile correggere quest’errori prima di applicare i cambiamenti.
4. Convalidare le modifiche che utilizzano il tasto in « Applicare » o scegliendo un'altra
curva.
In occasione della convalida, costrizioni sono applicate riguardando il tasso di crescita della
curva.

5-23
Manuale per l’utente – Automation Studio

• Curva strettamente crescente;


• Curva strettamente decrescente.

Per il simulatore una curva di pressione in funzione del flusso è strettamente


(de)crescente se il tasso di variazione in valore assoluto è superiore ad 1 atmosfera
per 1000 LPM, sia dp/dq > 0.1 atmosfera/LPM o dp/dq > 5.5 psi/GPM.

Queste curve permettono di simulare dei comportamenti reali o disfunzionali.

5.3.8. Configuratore di componenti


I configuratori esistenti sono quelli che riguardano :
• Cilindri pneumatici e idraulici;
• Valvole di distribuzione pneumatici e idraulici;
• Distributori proporzionali idraulici;
• Sequenziatore pneumatici.

5-24
Realizzazione di un diagramma

5.3.8.1. Configuratore di cilindri


A E
B
F M
C
L
D
J J
G G
H H
I I
K K

Figura 5–15 : Finestra di dialogo «Configuratore di


cilindri»

Zona Descrizione
A Tipo di cilindro Indica il tipo di cilindro : Semplice Effetto (Ritrazione), :
Semplice Effetto (Estensione), Doppio effetto, Doppio effetto
senza stelo, Doppio effetto doppio stelo. Però, quando voi
utilizzare un tipo dato non potete modificarlo, per cambiare tipi
occorre andare cercare un simbolo fra le famiglie di cilindri
esistenti. Queste famiglie sono classificate da tipo.
B Tipo di pistone Permette di selezionare un dei tipi seguente di Pistone :
Magnetico oppure Non-Magnetico.
C Tipo di Permette di selezionare uno dei tipi d’ammortizzatori seguenti :
ammortizzatore Nessuno, sinistra, destra, Sinistra & Destra, Sinistra variabile,
Destra variabile, Sinistra & destra variabili, Sinistra & destra
variabile, Sinistra variabile & destra, Sinistra & destra variabili.
D Carrello Permette all’utente d’indicare la presenza o l’assenza di un
carrello.

5-25
Manuale per l’utente – Automation Studio

Zona Descrizione
E Porto d’ingresso Permette di selezionare uno dei vari tipi di porti d'ingresso.
F Porto di scarico Permette di selezionare uno dei porti di scarico.
G Adattatore Permette di selezionare uno dei 10 ghieri disponile.
H Freno Permette di selezionare uno dei freni seguenti : (4 opzioni,
Alcuni, Doppio Effetto, NA e NC).
I Muovimento Permette di caratterizzare lo stelo sui suoi movimenti possibili :
dello stelo (4 opzioni: rotazione, nessuna rotazione, rotazione in estensione,
rotazione in ritrazione). Quest'informazione è simbolica.
J Molla Permette d’includere o non una molla.
K Diametro dello Questo permette all’utente di selezionare uno dei diametri
stelo seguenti dello stelo: (un valore intero sia 0, 1, 2 o 3).
L Lunghezza del Questo permette all’utente di determinare la Lunghezza del
corpo Corpo: (un valore intero tra 2 e 15).
M Bottone sensori Questo bottone apre il dialogo di configurazione dei sensori. 3
scelte di sensori sono disponibili; il sensore di posizione, velocità
e forza.

5-26
Realizzazione di un diagramma

5.3.8.2. Sensori

Figura 5–16 : Finestra di dialogo « Configuratore dei


sensori del cilindro »

Quando un sensore è selezionato (casella cocchiata) allora una variabile è creata nel gestore di
variabili. Ogni variabile forse utilizzata in ingresso da un dispositivo di controllo (l'idraulica
proporzionale), una variabile logica interna (moduli di GRAFCET, di diagramma scala) o
alcuni componenti ricevitori (comandi di distributori)
Per ogni sensore l'utente precisa l'intervallo del segnale d'uscita (valore minimo, valore
massimo).

5-27
Manuale per l’utente – Automation Studio

5.3.8.3. Configuratore dei distributori


C
A

B
D
E
F

J
G H I

Figura 5–17 : Finestra di dialogo « Configuratore dei


distributori »

Zona Descrizione
A Numero dei porti Permette di scegliere il numero dei porti del distributore.
B Numero di Permette di scegliere il numero di posizioni per il distributore.
posizioni
C Posizione iniziale Permette di scegliere il numero della posizione iniziale per un
distributore.
D Proporzionale Permette di definire se un distributore è proporzionale o non.
Quest'opzione è simbolica, sarà simulata come un distributore
non-proporzionale.

Per ottenere componenti proporzionali in simulazione,


occorre possedere il workshop idraulico proporzionale.

5-28
Realizzazione di un diagramma

Zona Descrizione
E Frecce Utilizzate per muovere il comando corrispondente verso l'alto, il
fondo, la destra o la sinistra.
F Rimuovere Toglie il comando del cassetto scelto.
G Applicare Applicare i cambiamenti al componente.
H Reinizializzare Rimette il simbolo nel suo stato iniziale.
I Aiuto Questo bottone permette all'utente di accedere al file dell'aiuto in
linea su questa finestra di dialogo.
J Simbolo Simbolo del distributore in configurazione.

Inizialmente, durante la creazione di un nuovo distributore, nessun comando è configurato,


dei punti d'interrogazione appaiono accanto ai cassetti del distributore, ed indicano le
possibilità di combinare altri comandi siano in serie o in paralleli.
L'utente può scegliere cassetti di distributore specifici fra molti disponibili. Ci sono altrettante
immagini che ci sono di posizioni.
Con ogni porto di connessione configurato e precisato nel numero di porti, è creato un campo
che pubblica il valore per difetto del porto associato. Questo campo è editabile.

Per configurare un distributore, basta di :


1. Scegliere il numero di porto.

Una volta il distributore configurato se il numero di posizioni, il numero di porto o il


numero della posizione iniziale è modificato allora il distributore è reinizializzato.

2. Scegliere il numero di posizioni.


3. Scegliere il numero della posizione iniziale.
4. Intaccate la casella proporzionale (al bisogno).
5. Scegliere il primo cassetto del distributore facendo doppio clic sul punto d'interrogazione
corrispondente.
Il dialogo di selezione dei cassetti si apre. Se il cassetto desiderato non esiste, premere sul
bottone "Più", l'elenco dei cassetti si completa.
6. Scegliere la posizione desiderata facendo doppio clic su questa o scegliere il comando
con un clic ed in seguito premere sul bottone "OK".

5-29
Manuale per l’utente – Automation Studio

7. Scegliere un comando del distributore o un interrogativo di comando e doppio premere


sopra.
Un comando già configurato accetta un comando in serie se un interrogativo è messo
dietro.
Ogni comando già configurato accetta un comando in parallelo affissando un
interrogativo immediatamente sopra il simbolo del comando.
8. Ripetere per l'altro lato.
9. Una volta il distributore configurato, è possibile muovere i comandi 1 per 1 o una
selezione multipla di comandi fatta premendo su ogni comando mantenendo la chiave
SHIFT inserita.

È possibile di rimuovere un comando selezionato con il bottone “Rimuovere”

5-30
Realizzazione di un diagramma

5.3.8.4. Configuratore dei distributori proporzionali

A C

B
D
J E
F

G H I

Figura 5–18 : Finestra di dialogo « Configuratore dei


distributori proporzionali »

Zona Descrizione
A Nomero delle Permette di scegliere il numero di porti del distributore.
posizioni
B Nomero di Permette di scegliere il numero di posizioni per il distributore.
posizioni
C Posizione iniziale Permette di scegliere il numero della posizione iniziale per un
distributore.
D Posizione di Permette di scegliere una posizione di riposo. Questa posizione di
riposo riposo è raggiunta quando l'alimentazione elettrica è difettosa
(variabile al di sotto della soglia d'attivazione).
E Frecce Utilizzate per muovere il comando corrispondente verso l'alto, il
fondo, la destra o la sinistra.

5-31
Manuale per l’utente – Automation Studio

Zona Descrizione
F Rimuovere Toglie il comando del cassetto scelto.
G Applicare Permette di scegliere il numero della posizione iniziale per un
distributore.
H Reinizializzare Rimette il simbolo nel suo stato iniziale.
I Aiuto Questo bottone permette all'utente di accedere al file dell'aiuto in
linea su questa finestra di dialogo.
J Configurazione Questo bottone è attivo quando una posizione è scelta. Apre la
configurazione dei flussi nominali versus la caduta di pressione in
ogni condotta della posizione disegnata nel dialogo.
K Simbolo Simbolo del distributore in configurazione.
Inizialmente, durante la creazione di un nuovo distributore, nessun comando è configurato,
interrogativi appaiono accanto ai cassetti del distributore, ed indicano le possibilità di
combinare altri comandi siano in serie o in paralleli.

L'utente può scegliere cassetti di distributore specifici fra molti disponibili. Ci sono altrettante
immagini che ci sono di posizioni.

Con ogni porto di connessione configurato e precisato nel numero di porti, è creato un campo
che affissa il valore per difetto del porto associato. Questo campo è editabile.

Per configurare un distributore, basta di :


1. Scegliere il numero di porti.

Una volta il distributore configurato se il numero di posizioni, il numero di porto o il


numero della posizione iniziale è modificato allora il distributore è rinizializzato.

2. Scegliere il numero di posizioni.


3. Scegliere il numero della posizione iniziale.
4. Scegliere il numero della posizione di riposo (al bisogno).
5. Scegliere il primo cassetto del distributore facendo doppio clic sull'interrogativo
corrispondente.
Il dialogo di selezione dei cassetti si apre. Se il cassetto desiderato non esiste, premere sul
bottone "Più", l'elenco dei cassetti si completa.

5-32
Realizzazione di un diagramma

6. Scegliere la posizione desiderata facendo doppio clic su questa o scegliere il comando


con un clic ed in seguito premere sul boutton "OK".
7. Scegliere un comando del distributore o un interrogativo di comando e fare doppio clic
sopra.
Il dialogo di selezione dei comandi si apre. Se il comando desiderato non esiste, premere
sul bottone "Più", un elenco di simboli unitari vi permette di disegnare il vostro comando.

È possibile muovere uno o più comandi da un trascinare-spostare classico.

8. Ripetere la tappa per l'altro lato.


9. Una volta il distributore configurato, è possibile muovere i comandi 1 per 1 o una
selezione multipla di comandi fatta premendo su ogni comando mantenendo il tasto
SHIFT inserito.

È possibile eliminare un comando scelto con il bottone "Cancellare"

10. Quando il simbolo è definito, potete al bisogno modificare la configurazione dei cassetti,
le curve di spostamento e le caratteristiche dello smaltimento nelle curve del distributore.

5-33
Manuale per l’utente – Automation Studio

5.3.8.5. Configuratore dei sequenziatori

C
B

D F

Figura 5–19 : Finestra di dialogo « Configuratore dei


sequenziatori »

Zona Descrizione
A Tipo di Permette all’utente di selezionare uno dei tipi sequenti di
Sequenziatore sequenziatori: Tipo I, Tipo II, PAC, Registro di trasferimento.
B Numero di unità Permette all’utente di specificare il numero di unità che
comporta il sequenziatore. (0 – 10)
C Numero iniziale Permette all’utente di specificare il numero d’unità iniziale
della prima cellule.
D Tipo d’unità Per ogni unità, l’utente può scegliere tra le funzioni seguenti :
Amplificatore, Unità ET, Unità NON, Unità OUI,
Elettrovalvola NC, Relè di Sensore a Fuga e Temporeggiatore.
E Temporeggiamento Associato con un Tipo d'unità di Temporeggiatore. Per i Tipi di
unità di Temporeggiamento, l'utente puo precisare un ritardo di
temporeggiamento.
F Simbolo Simbolo dell’unità

5-34
Realizzazione di un diagramma

Per configurare un sequenziatore, basta di:


1. Scegliere un tipo di Sequenziatore.
2. Scegliere un numero di unità.
3. Scegliere un numero iniziale.
Dipendendo dal tipo di sequenziatore scelto (i.e., PAC o Registro di trasferimento), scegliere
un'unità sulla rappresentazione del sequenziatore ed in seguito scegliere un tipo d'unità.

5.3.9. Assegnazione delle variabili


Automazione studio utilizza variabili di componenti e variabili interne non collegate a
componenti.
Le variabili dei componenti sono create automaticamente in occasione del loro inserimento
nei diagrammi. Le variabili interne devono essere create dall'utente nei dialoghi di proprietà
dei componenti o nel Gestore di variabili.
Alcuni componenti agiscono come emittente, cioè che trasmettono il loro stato o il loro valore
verso altri componenti o variabili. Come esempio, una bobina di relè trasmette il suo stato
verso i contatti che vi fanno riferimento.
Altri componenti agiscono come ricevitori, cioè ricevono il loro stato o il loro valore di un
componente d'emissione o di una variabile interna. Come esempio, un contatto di relè riceve il
suo stato della bobina alla quale fa riferimento.
Alcuni componenti possiedono molte variabili di cui alcune agiscono come emittenti e di altre
come ricevitori.
Le variabili interne possono agire come emittente e come ricevitore.
L'assegnazione delle variabili permette di creare per una variabile data un legame in lettura o
in scrittura su una variabile compatibile o su una variabile esterna (tale articolo provenendo da
un server OPC). Questi legami sono utilizzati dal simulatore per valutare lo stato dei
componenti, delle variabili interne e delle variabili esterne durante la simulazione.

5.3.9.1. Puntale « Assegnazione delle variabili »


Le opzioni di questa finestra di dialogo differiscono a seconda che si tratti di un componente
ricevitore o di un componente d'emissione.

5-35
Manuale per l’utente – Automation Studio

A
D E

Figura 5–20 : Finestra di dialogo « Proprietà del


componente », puntale « Assegnazione della variabile »
per componenti d’emissione e ricevitore

Ecco la descrizione delle varie zone di questa finestra di dialogo :


Zona Descrizione
A Tabella delle Mnemonico : Lo mnemonico delle variabili interne può essere
proprietà delle modificato. Queste variabili sono d'emissione e ricevitori.
variabili del Possono avere un collegamento esterno in lettura/scrittura. È
componente impossibile definire direttamente un collegamento interno per le
variabili interne. Invece, è possibile legare in scrittura una
variabile d'emissione di componente ad una variabile interna. È
così possibile legare in lettura una variabile ricevitore di
componente ad una variabile interna.
• Salvo eccezioni, le variabili d'emissione non hanno
mnemonico per difetto. Può essere modificato dall'utente.
• Salvo eccezioni, le variabili ricevitori hanno il carattere
« ? » come mnemonico per difetto. La variabile prende loil

5-36
Realizzazione di un diagramma

Zona Descrizione
mnemonico del componente al quale è legato in lettura
(legame interno o esterno). Questo mnemonico non può
essere modificato dall'utente.
Indirizzo : Indirizzo della variabile per le variabili di dispositivo
automatico programmabile.
ID interno : Identificatore del componente al quale appartiene la
variabile. Quest'identificatore è generato dal software e non è
modificabile.
L/S : Questo campo segnala se la variabile ha un collegamento
in lettura o scrittura. La variabile sulla quale è legata è scelta
nell'elenco delle variabili compatibili.
Tipo : Mostra il tipo della variabile sia: Booleano intero (32 bit)
e reale (32 bit).
Documento : Mostra l'appartenenza del componente o della
variabile. Per un componente, si tratta del diagramma dove
appare. Per una variabile interna globale, si tratta del progetto
corrente. Per una variabile interna locale, si tratta del
documento (diagramma o grafcet) al quale appartiene.
Descrizione : Commento associato alla variabile.
Valore : Valore iniziale della variabile.
B Modificare Permette di modificare le proprietà della variabile di
componente scelta. Vedere la sezione Modificare la variabile.
C Rimuovere tutti Permette di distruggere i legami della variabile scelta.
legami
D Legame Permette di creare il collegamento tra la variabile di
componente e la variabile compatibile.
E Leggere/Scrivere Selezione esclusiva del tipo di legame. Le variabili compatibili
sono mostrate in funzione della selezione. Se un legame esiste,
la variabile compatibile sulla quale il legame è fatto è scelta.
F Elenco delle variabili Tabella che contiene l'elenco delle variabili compatibili per
compatibili creare un legame in scrittura/lettura quando questo tipo di
legame è scelto.
G Legami OPC Questo tasto fa appello alla finestra di dialogo che permette di
creare legami su articoli OPC che provengono da un dispositivo
automatico o altri. Vedere la sezione Creazione di un legame

5-37
Manuale per l’utente – Automation Studio

Zona Descrizione
esterno.

5.3.9.2. Creazione di un legame interno


Per creare un legame interno :
1. Scegliete una variabile nella tabella di proprietà della variabile.
2. Scegliete una variabile nella tabella di collegamenti interni.
3. Scegliete il tipo di legame così richiesto secondo il contesto (lettura/scrittura).
4. Premere sul tasto « Legame ».

Premere sul tasto « Rimuovere tutti legami » per eliminare tutti i legami interni ed
esterni della variabile selezionata.

5. Premere sul tasto « Applicare ».


Le colonne della tabella delle proprietà della variabile sono aggiornate secondo il contesto.
6. Chiudete finestra di dialogo di proprietà del componente (tasto « Chiudere »).
Il diagramma è aggiornato.

5.3.9.3. Creazione di un legame esterno


Per creare un legame esterno :
1. Scegliete una variabile nella tabella delle proprietà della variabile.
2. Premere sul tasto « Legame OPC ».
La finestra di creazione di legami esterni si apre per la tecnologia scelta (vedere Figura 5–
21 : Finestra di dialogo « Configurazione OPC »).

Se la vostra licenza non contiene l'opzione di comunicazione, queste opzioni sono


distorte. Scegliete il comando « A proposito » del menu « Aiuto » per conoscere le
informazioni sulla vostra licenza.

3. Premete sul puntale « Server » per aprire la finestra di dialogo dei server OPC (vedere
Figura 5–22 : Finestra di dialogo « Configurazione OPC », puntale « Server »).

5-38
Realizzazione di un diagramma

4. Premete il tasto « Nuovo » per aprire la finestra di dialogo di selezione di un server


(vedere Figura 5–23 : Finestra di dialogo « Aggiungere server »).
5. Scegliete un server e premete il tasto « OK » per convalidare la vostra azione. La finestra
di dialogo dei server OPC è aggiornata.

Attenzione, il server selezionato deve essere disponibile.

6. Premete sul puntale « Gruppo » per aprire la finestra di dialogo dei gruppi di articoli OPC
(vedere Figura 5–24 : Finestra di dialogo « Configurazione OPC », puntale « Gruppo »).
7. Premete sul tasto « Nuovo » per aprire la finestra di dialogo di creazione di un gruppo di
articoli OPC (vedere Figura 5–25 : Finestra di dialogo « Aggiungere Gruppo »).
8. Completate le zone della finestra di dialogo e premete sul tasto « OK » per convalidare la
vostra azione.
La finestra di dialogo dei gruppi OPC è aggiornata.
9. Fare clic sul puntale « Legami OPC » per aprire la finestra di dialogo di creazione di
legami su degli articoli OPC (vedere Figura 5–26 : Finestra di dialogo « Configurazione
OPC », puntale « Legame »).
10. Selezionare un server, un gruppo, poi specificare se dipende da un legame in lettura o
scrittura.
11. Fare clic sulla variabile desiderata.
12. Fare clic sull’articlo OPC.
13. Fare clic sul tasto di legame.
Il legame è creato e appare nell’elenco dei legami (vedere Figura 5–26 : Finestra di dialogo
« Configurazione OPC », puntale « Legame »).

Per collegare diverse variabili, scegliere la casella « Legami diretti », fare clic su una
variabile poi fare clic su un articolo OPC. Ricominciare per collegare altri legami. I
legami creati appaiono nell’elenco dei legami.

14. Fare clic sul tasto « OK » per terminare la creazione di legami esterni.
15. Premere sul tasto « Applicare » della finestra di dialogo delle proprietà del componente.
Le colonne della tabelle delle proprietà della variabile sono aggiornate in accordo al testo.
Vedere Figura 5–27 : Finestra di dialogo « Proprietà del componente », puntale
« Assegnazione delle variabili » dopo creazione di un legame OPC.

5-39
Manuale per l’utente – Automation Studio

16. Chiudere la finestra di dialogo delle proprietà del componente (tasto « Chiudere »). Il
diagramma è aggiornato (vedere Figura 5–28 : Componente ricettore dopo creazione di
un legame esterno in lettura).

Il legame è aggiornato nelle proprietà della variabile. L’indicazione « L », « S » o


« L/S » appare nella colonna « L/S » della tabella di proprietà della variabile in
accordo al contesto.

Se si tratta di un legame esterno in lettura per una variabile di componente ricevitore,


la variabile prende il nome dell’articolo OPC. Se si tratta d’un legame esterno in
lettura o scrittura per una variabile di componente emettitore o una variabile logica
interna, la variabile conserva suo nome.

5-40
Realizzazione di un diagramma

A B C

Figura 5–21 : Finestra di dialogo « Configurazione


OPC »

Ecco la descrizione dei diversi puntali di questa finestra di dialogo :


Puntale Descrizione
A Server Dà accesso al dialogo dei server OPC.
B Gruppo Dà accesso al dialogo dei gruppi OPC.
C Legame Dà accesso al dialogo dei legami degli articoli OPC.

5-41
Manuale per l’utente – Automation Studio

D E F

A B C

G H I J

Figura 5–22 : Finestra di dialogo « Configurazione


OPC », puntale « Server »

Ecco la descrizione dei diversi tasti di questa finestra di dialogo :


Zona Descrizione
A Server Elenco dei server attivi.
B Stato Stato dei server.
C Gruppo Numero di gruppi d’articoli OPC per server.
D Info Descrizione sommaria del server.
E OPC Versione della norma OPC supportata per il server.
F Ora dell’avvio Data e ora del più recente avvio del server.
G Nuovo Questo tasto permette di accedere al dialogo di selezione dei server.

5-42
Realizzazione di un diagramma

Zona Descrizione
H Cancellare Questo tasto permette de ritirare il server selezionato dall’elenco.
Questo tasto permette di stabilire la connessione con il server
I Connettere
selezionato.
J Disalimentare Questo tasto permette di tagliare la connessione al server selezionato.

D
Figura 5–23 : Finestra di dialogo « Aggiungere server »

Ecco la descrizione delle diverse zone di questa finestra di dialogo :


Zona Descrizione
A Server OPC Questa zona mostra l’elenco dei server presenti sul computer. Solo i
registrati server di versione OPC selezionati sono visualizzati. Per selezionare un
server, fare clic sulla linea corrispondente nell’elenco.
B Tipi Questa casella da spuntare permette di selezionare i server della
versione 1 o della versione 2 di OPC o le due.
C Avviare Questa casella da spuntare permette di avviare automaticamente il
server server selezionato. Il server deve essere avviato per creare dei
collegamenti.
D Messaggi del Questo tasto permette di affiggere i messaggi di errori che vengono dal
server server durante una simulazione.

5-43
Manuale per l’utente – Automation Studio

A B C D E F G H

I J K L M

Figura 5–24 : Finestra di dialogo « Configurazione


OPC », puntale « Gruppo »

Ecco la descrizione dei diversi tasti di questa finestra di dialogo :


Zona Descrizione
A Gruppo Elenco dei gruppi definiti per questo server.
B Attivo Stato attivo o non del gruppo definito dall’utente durante la creazione
del gruppo.
C Cnx Stato attivo o non della comunicazione con il server per questo gruppo.
D Server Identificatore del server.
E Articolo Numero d’articoli definito per questo gruppo.
F Aggiornamen Tasto di aggiornamento richiesto per il gruppo. Il valore tra parentesi
to rappresenta il tasto d’aggiornamento reale.

5-44
Realizzazione di un diagramma

Zona Descrizione
G Banda morta Divergenza necessaria affinché il cliente OPC affermi un cambiamento
di valore per gli articoli interi e reali. Il valore tra parentesi è il valore
regolato al server.
H Commento Commento di gruppo.
I Nuovo Questo tasto permette di accedere alla finestra di dialogo di creazione di
un gruppo.
J Modificare Questo tasto permette di accedere alla finestra di dialogo di modifica di
un gruppo selezionato.
K Cancellare Questo tasto permette di ritirare il gruppo selezionato dall’elenco.
L Attivare Questo tasto permette d’attivare il gruppo selezionato.
M Desattivare Questo tasto permette di disattivare il gruppo selezionato.

Figura 5–25 : Finestra di dialogo « Aggiungere Gruppo »

Ecco la descrizione delle diverse zone di questa finestra di dialogo :

5-45
Manuale per l’utente – Automation Studio

Zona Descrizione
A Server Questo elenco srotolante permette di scegliere il server che conterrà
il gruppo. È impossibile modificare la scelta di server in occasione
della modifica delle proprietà del gruppo.
B Gruppo Questo campo permette di inserire il nome del gruppo. È possibile
modificare questo nome in occasione della modifica delle proprietà
del gruppo.
C Aggiornamento Questo campo permette di precisare l'intervallo di aggiornamento
del valore degli articoli del gruppo. È possibile modificare il tasso di
aggiornamento in occasione della modifica delle proprietà del
gruppo. Il server prova a rispettare il tasso di aggiornamento chiesto.
Il tasso di aggiornamento attuale ed il tasso di aggiornamento
richiesto sono affissi.
D Banda morta Questo campo permette di inserire la percentuale di variazione per
affermare un cambiamento di un valore intero o reale.
E Commenti Questo campo permette di inserire un commento per il gruppo.
F Attivare gruppo Questa casella permette di attivare il gruppo durante la connessione
al server. Il gruppo deve essere attivo per creare dei legami su degli
articoli OPC.

5-46
Realizzazione di un diagramma

A B

E F

Figura 5–26 : Finestra di dialogo « Configurazione


OPC », puntale « Legame »

Ecco la descrizione delle diverse zone di questa finestra di dialogo :


Zona Descrizione
A Variabili Automation Questo elenco permette di selezionare una variabile di
Studio Automation Studio per legarla in lettura o in scrittura articoli ad
una OPC. Il cammino d'accesso alla variabile scelta è affisso al
fondo dell'elenco. Una variabile già legata non può essere legata
una seconda volta. L'icono segnala che la variabile è legata
in scrittura e l’icono segnala che la variabile è legata in
lettura.

5-47
Manuale per l’utente – Automation Studio

Zona Descrizione
B Articoli OPC Questo elenco arborescente permette di scegliere articoli OPC
per legarlo in lettura o in scrittura ad una variabile
d'Automazione Studio. Il cammino d'accesso all’articolo scelto
è affisso al fondo dell'elenco.
C Legame
Il tasto di legame permette di legare una variabile
d’Automation Studio a un articolo OPC in lettura o in scrittura.
D Legame diretto Questa casella da spuntare permette di legare molte variabili di
seguito senza dovere premere sul tasto di legame. Quando
questa finestra è spuntata, basta scegliere una variabile ed
articolo OPC, il legame è realizzato automaticamente.
E Progetto Questa zona mostra il nome del progetto corrente.
F Configurazione OPC Questa zona permette di selezionare un server e un gruppo
attivo. Permette anche di specificare se il legame è in lettura o
in scrittura.
G Elenco dei legami L’elenco dei collegamenti è affisso in basso della finestra di
dialogo. Il valore degli articoli OPC è aggiornato in accordo al
tasso di aggiornamento richiesto.
Il valore « NA » indica che l’articolo non può essere aggiornato
sia perché il server non può comunicare con l'obiettivo, sia
perché articolo non è configurato nel server.

5-48
Realizzazione di un diagramma

Figura 5–27 : Finestra di dialogo « Proprietà del


componente », puntale « Assegnazione delle variabili »
dopo creazione di un legame OPC

Figura 5–28 : Componente ricettore dopo creazione di un


legame esterno in lettura

5.4. Informazione dettagliata del componente


Consultare l’aiuto in linea di ogni componente selezionando il comando « Aiuto » del menu
contestuale del componente.

5-49
Manuale per l’utente – Automation Studio

5.5. Modifica di un diagramma


5.5.1. Selezione d’elementi

5.5.1.1. Selezione di un elemento


La selezione di un elemento si effettua premendo su quest'ultimo.
Per scegliere un oggetto grafico, dovete in particolare premere su una delle impugnature
dell'oggetto. (Vedere la sezione Inserzione d’un elemento grafico). Potete anche utilizzare la
selezione con cornice.

5.5.1.2. Selezione di molti elementi


Potete scegliere molti elementi non consecutivi mantenendo il tasto SHIFT inserito in
occasione della selezione degli elementi.

5.5.1.3. Selezione per cornice


La cornice permette di scegliere rapidamente molti elementi consecutivi.
Per scegliere molti elementi inquadrando :
1. Immaginate un quadro attorno agli elementi da scegliere.
2. Piazzate l'indicatore su ognuno dei suoi angoli.
3. Fare clic e scivolate verso l'angolo opposto.
Un quadro prende forma secondo la scivolata.

5-50
Realizzazione di un diagramma

Figura 5–29 : Creazione di un quadro per una selezione


multipla.

4. Scivolando, regolate il quadro affinchè contenga tutti gli elementi voluti.


Solo gli elementi completamente inquadrati saranno scelti.
5. Rilasciare il tasto del mouse.
Gli elementi selezionati prendono il colore di selezione.

5.5.1.4. Selezione di tutti gli elementi


Per selezionare tutti gli elementi del diagramma attivo :
1. Scegliere il comando « Selezionare tutto » del menu « Edizione » (CTRL + A).

5.5.2. Muovere elementi


Questa procedura si applica a tutti gli elementi. Seguendo questa procedura, potete muovere
un componente, un legame o un oggetto.
Per muovere un elemento, seguire queste tappe :
1. Scegliete l'elemento che desiderate muovere.
Il componente prende il colore di selezione.
2. Fare clic sull’elemento e, senza rilasciare il tasto, trascinare fino alla nuova posizione
dell’elemento.
L’elemento segue il puntatore del mouse.

5-51
Manuale per l’utente – Automation Studio

Se avete scelto una grande quantità di elementi allo stesso tempo, un quadro
attaccato all'indicatore rappresenta la selezione in occasione dello spostamento.

3. Quando avete raggiunto la nuova posizione dell'elemento, rilasciare il tasto del mouse.

Se muovete un componente collegato, i legami restano attivi. Per staccarli, sostenete


sul tasto SHIFT in occasione della scivolata.

5.5.3. Duplicazione degli elementi


Potete duplicare un elemento per ottenere una copia conforme sul vostro diagramma.
Il comando « Duplicare » non utilizza la funzione del Clipboard di Windows. Vi permette di
effettuare la duplicazione di elementi conservando il contenuto del Clipboard intatto.
Per duplicare un elemento :
1. Selezionare un elemento da duplicare.
2. Scegliere « Edizione » « Duplicare » (CTRL + D).

3. Muovere il puntatore sul posto dove volete copiare la vostra selezione e fare clic.
Una copia della vostra selezione è inserita nel vostro diagramma.

Potete duplicare un elemento semplice tenendo il tasto CTRL + premuto e effettuando


un clic-scivolare sull'elemento. La copia dell'elemento segue il cursore fino a che il
tasto del mouse è rilasciato.

5.5.4. Soppressione degli elementi


Per eliminare un elemento (componente o selezione) :
1. Selezionare l’elemento che desiderate rimuovere del diagramma.
2. Scegliere « Edizione » « Cancellare » (SUPPR).

La selezione è rimossa dal vostro diagramma.

5-52
Realizzazione di un diagramma

5.5.5. Modifica degli elementi

5.5.5.1. Orientamento degli elementi


Quando fate un diagramma, potete modificare l’orientamento degli elementi che vi
permettono d’organizzare la rappresentazione grafica del circuito.
Per modificare l’orientamento di un elemento :
1. Selezionare gli elementi da orientare.
2. Scegliere il comando del menu « Disposizione » che vi permette d’orientare l’elemento
come lo desiderate (riferirsi alla sezione Menu « Disposizione » per una descrizione dei
comandi d'orientamento).

5.5.5.2. Ordine d’affissione


All’immagine dei fogli che si deposita uno per uno in un ufficio, i primi oggetti grafici
disegnati si trovano sotto quelli disegnati in ultimo. È tuttavia possibile modificare
quest'ordine d’affissione.
Per modificare l’ordine d’affissione di un oggetto grafico :
1. Selezionare l’oggetto da modificare.
2. Scegliere « Disposizione » → « Portare al primo piano », « Mandare
dietro », « Avanzare » o « Mandare in dietro » che permette di modificare
l’ordine d’affissione come desiderate.
L’ordine d’affissione degli elementi è modificato.

5.5.5.3. Raggruppamento degli elementi


È possibile raggruppare molti elementi (componenti, oggetti grafici, ecc.) in modo che si
comportino come un solo elemento. Successivamente, possono essere mossi simultaneamente
scegliendo il gruppo.
Per raggruppare degli elementi :
1. Selezionate gli elementi da raggruppare.
2. Scegliere « Disposizione » « Raggruppare » (CTRL + G)

Gli elementi sono mantenuti raggruppati.

5-53
Manuale per l’utente – Automation Studio

Per modificare le proprietà di un componente che appartiene ad un gruppo, basta


scegliere il gruppo quindi fare doppio-clic sul componente.

Figura 5–30 : Scegliere un gruppo e quindi uno di


quest'elementi.

5.5.5.4. Separazione degli elementi


Per separare degli elementi :
1. Selezionare un gruppo.
2. Scegliere « Disposizione » « Separare » (CTRL + U)

Gli elementi sono mantenuti separati.

5.5.6. Trasferimento d’elementi tra due diagrammi


Il Clipboard è una funzionalità di Windows che permette di memorizzare temporaneamente
dei dati per realizzare un trasferimento d'informazione.
Potete utilizzare questa funzione per trasferire o copiare elementi di un diagramma all'altro.

5.5.6.1. Trasferimento o copia di una selezione


Per trasferire una selezione o sua copia in un altro diagramma :
1. Selezionare l’elemento che volete trasferire.
2. A seconda che desideriate trasferire o copiare la selezione, scegliere rispettivamente il
comando « Tagliare » o « Copiare » del menu « Edizione ».

5-54
Realizzazione di un diagramma

Secondo il caso, la selezione è eliminata dal vostro diagramma o copiata e messa nel
Clipboard.
3. Aprire la finestra del diagramma o la selezione che deve essere trasferita o copiata.
La finestra del secondo diagramma diventa la finestra attiva.
4. Scegliere « Edizione » → « Incollare » (CTRL + V)

La copia appare, attaccata al puntatore.

Se avete selezionato una grande quantità di elementi allo stesso tempo, un quadro
attaccato al puntatore rappresenta la selezione in occasione dello spostamento.

5. Muovere il puntatore e fare clic sul posto in cui volete inserire il contenuto del Clipboard.
Il contenuto del Clipboard è inserito nel diagramma.

Se volete copiare una selezione, trascinatela sullo stesso diagramma o un altro


diagramma e premete il tasto CTRL in occasione del rilascio.

5.5.6.2. Trasferimento di un diagramma in un altro


La procedura di trasferimento di un diagramma è identica al trasferimento di un elemento
(consultate la sezione precedente). Basta semplicemente, in questo caso, scegliere il comando
« Scegliere tutto » del menu « Edizione » per effettuare la selezione prima di trasferire o
copiare tutti gli elementi in un altro diagramma.

5.5.7. Proprietà del componente o di una selezione


Aprire la finestra di dialogo « Proprietà del componente ».
Per editare, modificare le proprietà d’un componente o d’una selezione:
1. Scegliere « Edizione » « Proprietà del componente » (ALT + ENTER).

5.5.8. Porti di connessione e punti di contatto


Esistono due tipi di connessioni: i porti di connessione ed i punti contatto. I porti di
connessione collegano due componenti e permettono la trasmissione di fluidi (aria o olio) o di

5-55
Manuale per l’utente – Automation Studio

corrente elettrica. I punti contatti quanto a loro, mettono in contatto un sensore ed un


ricevitore che permette ad un componente di influenzare il comportamento di un altro.
Gli allacciamenti sono rappresentati da un cerchio che appare sul punto di connessione. Il
colore del cerchio indica lo stato della connessione (collegata o no).
I contatti meccanici sono rappresentati da una losanga che appare sul punto di contatto.
Contrariamente agli allacciamenti, il colore delle losanghe non è influenzato dallo stato della
connessione.

Figura 5–31 : Due tipi di connessioni : raccordo(cerchi)


e contatti meccanici (losanga)

Quando sovrapposte, due connessioni, cambiano colore per segnalarvi che il legame è
stabilito. Potete così identificare rapidamente le connessioni libere.
Per affiggere o mascherare le connessioni :
1. Scegliere « Affissione » → « Porti di connessione » o « Punti di contatto ».
I porti di connessione o punti di contatto appaiono allo schermo quando le opzioni
corrispondenti sono spuntate.

5.5.9. Nome dei porti di connessione


L’affissione dei porti di connessione è una informazione utile quando si tratta di realizzare un
montaggio reale a partire da un diagramma. A questo momento, questa informazione permette
di conoscere esattamente e rapidamente quali sono gli allacciamenti da effettuare.

Figura 5–32 : Componente con dei numeri di


allacciamento

Per affiggere o mascherare i nomi dei porti di connessione:


1. Scegliere l'opzione « Nomi dei porti di connessione» del menu « Affissione ».
I numeri di allacciamento appaiono o scompaiono dallo schermo.

5-56
Realizzazione di un diagramma

Per stampare i nomi dei porti di connessione:


2. Affiggere i numeri di connessione prima di lanciare la stampa.
(Per più dettagli sull’avvio della stampa, vedere il capitolo Stampa).

5.5.10. Incastro dei componenti


Quando selezionata, questa funzione permette di muovere gli elementi su un diagramma con
la precisione di un passo della griglia.
Per scegliere o deselezionare l’affissione dei righelli :
1. Scegliere « Affissione » → « Aggancio del componente ».

5.5.11. Proprietà della griglia


Quando selezionata, questa funzione permette di trasformare (homothétie) gli elementi su un
diagramma con la precisione del passo della griglia.
Per selezionare o deselezionare l’affissione della griglia :
1. Scegliere « Affissione » → « Griglia ».

Le proprietà della griglia permettono all’utente di definire il livello di precisione


dell’incastro degli elementi grafici in un diagramma. Questa precisione è utile
durante la creazione di disegni che richiedono una piu grande precisione
d’esecuzione.

Il colore della griglia può essere modificato da questa finestra di dialogo.


Per difetto, gli oggetti grafici (linee, cerchi, ecc.) s’incastrano alla griglia nel medesimo modo
che i componenti. Però, è possibile specificare un incastro piu fine per gli oggetti grafici
solamente.
Perciò, effetuare le tappe seguenti :
1. Scegliere « Affissione » → « Proprietà della griglia ».
La finestra di dialogo « Proprietà della griglia » appare allo schermo.
2. Scegliere il colore d’affissione della griglia.
3. Scegliere la precisione d’incastro.
4. Fare clic sul tasto « OK ».

5-57
Manuale per l’utente – Automation Studio

Scegliendo « ¼ » per esempio, la precisione d’incastro per gli oggetti grafici sarà quattre volte
piu fine che quella della griglia affissata.

Figura 5–33 : Finestra di dialogo «Proprietà della


griglia»

5.6. Inserzione d’un elemento grafico


Le procedure di sistemazione degli elementi grafici del menu « Inserzione » sono simili. Così,
la linea, il rettangolo e l'ellisse si inseriscono allo stesso modo; mentre la finestra di testo,
l'immagine ed il campo differiscono alla fine dell'inserimento, e che il collegamento, l'arco ed
il poligono sono distinti.

5.6.1. Inserzione di una linea, di un rettangolo e di una


ellisse
Per evitare la ripetizione nel testo, solo l'inserimento di una ellisse sarà descritto poiché la
procedura è identica per gli altri elementi grafici come citato precedentemente.
Per inserire una ellisse :
1. Scegliere « Inserzione » « Ellisse ».

Il puntatore prende la forma dell’icona del tasto selezionato.


2. Fare clic con il tasto sinistro del mouse e senza rilasciare, trascinare il mouse nella
direzione opposta.
Durante il trascinamento, la forma dell’oggetto si affigge e si modifica in funzione dello
spostamento.
3. Rilasciare il tasto del mouse quando l’elemento raggiunge la dimensione desiderata.
L’oggetto grafico si affigge sullo schermo.

5-58
Realizzazione di un diagramma

4. Riprendere le tappe 2 e 3 per tutti gli elementi grafici che desiderate piazzare (Non è
necessario riselezionare l’elemento ogni volta nella sbarra degli strumenti).
5. Per interrompere la sistemazione, premere sul tasto diritto del mouse.
Il puntatore del mouse riprende la sua forma iniziale.

Contrariamente al legame associato ad una tecnologia, la linea non trasmette segnali


in occasione della simulazione. Non può dunque servire a collegare elementi.

5.6.2. Inserzione di una finestra di testo, un’ immagine


e un campo
Per evitare la ripezione nel testo, la descrizione della procedura comincia nel momento in cui
l'utente rilascia il tasto del mouse.
Per inserire una finestra di testo :
1. Ripetete le tappe 1 a 3 della procedura precedente premurandosi bene di scegliere lo
strumento « Testo ».
2. Nella zona « Testo », scrivere il testo da inserire nel diagramma.
3. Per interromperne la sistemazione, premere sul tasto diritto del mouse.
Il puntatore del mouse riprende sua forma iniziale.
Per inserire un’immagine :
1. Ripetere le tappe 1 a 3 della procedura precedente premurandosi bene di scegliere lo
strumento « Immagine ».
La finestra di dialogo « Inserire un’ immagine » si apre allo schermo.
2. Selezionate nell’elenco l’immagine da inserire.
3. Fare clic sul tasto « Aprire ».
L’immagine appare nel diagramma.
4. Per interrompere la sistemazione, premere sul tasto destro del mouse.
Il puntatore del mouse riprende sua forma iniziale.

5-59
Manuale per l’utente – Automation Studio

L’immagine scelta può essere inserita in un diagramma per illustrare il


funzionamento di un circuito o per personalizzare una cartuccia.

Per inserire un campo :


1. Ripetere le tappe 1 a 3 della procedura precedente premurandosi bene di scegliere
l'attrezzo « Campo ».
La finestra di dialogo « Campi disponibili » si apre allo schermo.
2. Selezionate la categoria e il nome del campo che devono apparire nel diagramma.
3. Fare clic sul tasto « Applicare » per convalidare la selezione.
4. Fare clic sul tasto « Chiudere » confirmare e ritornare al diagramma.
Il valore del campo appare nel diagramma.
5. Per interrompere la sistemazione, premere sul tasto destro del mouse.
Il puntatore del mouse riprende la sua forma iniziale.

Dovete riempire le proprietà del progetto e/o del diagramma attivo affinché i campi
scelti abbiano un valore.

5.6.3. Inserzione di un legame, un arco e un poligono


Per evitare la ripetizione nel testo, la descrizione della procedura comincia nel momento in
cui l'utente rilascia il tasto del mouse.
Per inserire un legame :
1. Ripetere le tappe 1 a 3 della procedura precedente premurandosi bene di scegliere lo
strumento « Legame ».
2. Fare clic una seconda volta per ancrare il punto d’arrivo del legame nel diagramma e
quindi creare un cambiamento di direzione del legame.
3. Se desiderate interrompere la sistemazione, premere sul tasto destro del mouse.
Per prolungare il legame :
4. Continuare a fare clic, finchè è necessario.
5. Per interrompere la sistemazione, premete sul tasto destro del mouse.
Il puntatore del mouse riprende sua forma iniziale.

5-60
Realizzazione di un diagramma

Ogni clic effettuato dopo il clic e trascinato inizialmente corrisponde ad un


cambiamento di direzione del legame tanto e fino a quando l'utilizzo dello strumento
« Legame » non si interrompe.

Per inserire un arco :


1. Ripetete le tappe 1 a 3 della procedura precedente premurandovi bene di scegliere lo
strumento « Arco ».
La forma iniziale dell'arco corrisponde ai tre quarti di un cerchio, per creare l'arco :
2. Premete una delle due impugnature (una alle 9h00 e l'altra alle 12h00) e senza rilasciare il
tasto del mouse, scivolate l'impugnatura per prolungare o accorciare l'arco secondo le
vostre necessità.
3. Per interrompere la sistemazione, premere sul tasto destro del mouse.
Il puntatore del mouse riprende la sua forma iniziale.
Per inserire un poligono :
1. Ripetete le tappe 1 a 3 della procedura precedente premurandovi bene di scegliere lo
strumento « Poligono ».
Appena il tasto del mouse è rilasciato, il secondo punto d'incastro è creato :
2. Cambiate direzione e fate clic una seconda volta per stabilire il terzo punto d'incastro del
poligono nel diagramma.
3. Ripetete la tappa precedente tante volte quanto necessario.
Per chiudere il poligono :
4. Avendo sempre lo strumento « Poligono » di selezione, fare clic sul punto di partenza del
poligono.
5. Per interrompere la sistemazione, premere sul tasto destro del mouse.
Il puntatore del mouse riprende la sua forma iniziale.

5.6.4. Attributi degli oggetti grafici


È possibile modificare alcuni attributi degli oggetti grafici come il tipo, lo spessore, il colore,
il riempimento e le estremità della linea. Questi attributi non sono disponibili per il testo.
Per modificare gli attributi degli oggetti grafici :
1. Selezionate un oggetto.
2. Fare clic sul tasto destro del mouse.

5-61
Manuale per l’utente – Automation Studio

3. Scegliere il comando « Proprietà » del menu contestuale che appare.


La finestra di dialogo « Proprietà del componente » appare:
4. Scegliete gli attributi che desiderate.
5. Fare clic su « Applicare » per convalidare.
6. Premete su « OK » per tornare al diagramma.
Gli attributi sono applicati sull'oggetto scelto.

Figura 5–34 : Finestra di dialogo «Proprietà degli


oggetti grafici »

Ecco la descrizione delle diverse zone di questa finestra di dialogo :


Zona Descrizione
Colore Colore della linea dell’oggetto.
Stile Stile della linea : punteggiato, ecc. Non disponibile per l’arco.
Spessore Spessore della linea.
Modello Modello di riempimento. Non disponibile per la linea.
Primo-
Colore del motivo. Non disponibile per la linea.
piano
Sfondo Colore di fondo del motivo. Non disponibile per la linea.

5-62
Realizzazione di un diagramma

Zona Descrizione
Scelta di fine della linea per l'inizio dell'oggetto. Non disponibile per il
Inizio
rettangolo e l'ellisse.
Scelta di fine della linea per l'inizio dell'oggetto. Non disponibile per il
Fine
rettangolo e l'ellisse.
Dimensione dell'inizio e della fine della linea di fine. Non disponibile per il
Dimensione
rettangolo e l'ellisse.

5.6.5. Tracciatore
Il Tracciatore permette, quando configurato in modalità edizione, di ottenere la disposizione
temporale delle curve di variazioni di alcuni parametri o variabili del circuito o di componenti
particolari durante la modaltà simulazione.
1. Scegliere il comando « Finestra » « Affiggere » « Tracciatore ».
La finestra del Tracciatore si apre :

5-63
Manuale per l’utente – Automation Studio

Figura 5–35 : Finestra « Tracciatore »

Riferitevi alla sezione Tracciatore per ulteriori dettagli sul suo utilizzo.

5.6.6. Rapporto
Un rapporto può essere inserito automaticamente in un diagramma. Elenca i componenti
raccogliendoli con il loro nome e dà la loro quantità.
1. Scegliere il comando « Rapporto » del menu « Inserzione ».
Il puntatore riprende la forma dell’articolo selezionato.
2. Al posto dove desiderate inserire la prima impugnatura della nomenclatura, premete e,
senza ridurre il tasto del mouse, scivolate allontanandoli da questo punto.
La zona d'affissione, la nomenclatura è definita dalle impugnature.
3. Ridurre il tasto del mouse per terminare l'inserimento.

5-64
Realizzazione di un diagramma

La nomenclatura appare in funzione dei componenti presenti nel diagramma attivo :

Un gruppo sarà considerato se un solo componente nella sua finestra di dialogo, la


casella « Assemblaggio » è intaccata.

5.7. Simulazione
La simulazione è la messa in operazione di un progetto o di un diagramma. Permette, tra
l'altro, di effettuare la prova, la verifica, la visualizzazione e la riparazione della costruzione
di modelli costituita da diagrammi.
Questo capitolo copre gli argomenti seguenti :
• Descrizione della modalità Simulazione :
− Selezione del progetto attivo;
− Selezione del diagramma attivo;
− Selezione di diversi articoli;
− Selezione degli articoli da simulare;
• Velocità di simulazione :
− Simulazione Normale;
− Simulazione Passo per passo;
− Simulazione Rallentatore;
− Pausa della simulazione;
− Arresto della simulazione.
Questa sezione della guida dell'utente tratta la simulazione in modo generale. Nelle varie
guide dell'utente dei workshops troverete anche un esempio di simulazione applicata alla
tecnologia del workshop.

5.7.1. Descrizione della modalità simulazione


Questa sezione descrive l'insieme degli aspetti dell'interfaccia utilizzatore che cambiano
quando iniziate una simulazione. I punti seguenti sono trattati :
• Menu e comandi;
• Sbarra di stato;

5-65
Manuale per l’utente – Automation Studio

• Colori d’affissione;
• Disposizione delle finestre.
In modalità simulazione, nessun comando d'edizione può essere utilizzato, nessuna modifica
può essere portata al vostro progetto o diagramma. Ne risulta che alcuni menu ed alcuni
comandi sono distorti. Invece, potete molto bene affiggere e navigare fra i vostri progetti e
diagrammi in corso di simulazione.

Durante la simulazione, l’impressione d’un diagramma è autorizzata.

La simulazione di un progetto o di un diagramma si effettua soprattutto a partire dai comandi


del menu o della sbarra degli strumenti « Simulazione ».

Per affiggere o mascherare la sbarra degli strumenti « Simulazione », scegliete


« Finestra » → « Affissione » → « Sbarra degli strumenti » → « Simulazione ».

Sbarra di stato

La sbarra di stato segnala che il modo di funzionamento è il modo simulazione e il valore del
tempo simulato passato.

Puntatore del mouse

La mano rappresenta la possibilità di intervenire in corso di simulazione. Secondo il


workshop ed i componenti inseriti nel diagramma, potete effettuare vari interventi come
regolare uno strangolatore del workshop Pneumatico o spingere su un pulsante che attiva un
commutatore del workshop Elettricità.

Colori d’affissione

In modalità simulazione, alcuni elementi prendono colori diversi per mettere in evidenza il
loro funzionamento, o facilitare la loro identificazione. L'utilizzo di colori permette
soprattutto di identificare il cambiamento di stato dei componenti o dei collegamenti.
Per ulteriori dettagli sui colori di affissione in simulazione, vedere la guida dell'utente dei
workshop.

5-66
Realizzazione di un diagramma

Disposizione delle finestre

Quando un progetto contiene un circuito distribuito su molti diagrammi, è utile disporre le


finestre in modo che siano tutte visibili allo stesso tempo al diagramma. Di conseguenza,
effettuate le tappe seguenti :
1. Scegliete « Finestra » → « Tegola verticale ».
Tutte le finestre del diagramma appaiono in mosaico.
2. Selezionate un diagramma facendo clic su sua finestra.
3. Fare clic sul tasto « Zoom pagina » affinché il diagramma appaia per intero nella finestra.
4. Ripetere l’operazione per tutti i diagrammi.
5. Utilizzate le barre srotolanti di ogni finestra per centrare ognuno dei diagrammi.

Se salvate il progetto, questa disposizione sarà conservata durante la riapertura del


progetto.

5.7.1.1. Avvio della simulazione di un progetto


Per simulare il progetto attivo:
1. Scegliere « Simulazione » « Progetto ».

2. Scegliere una modalitò di simulazione del menu « Simulazione ».


La modalità simulazione è iniziata.
Gli elementi di tutti i circuiti del progetto attivo prendono i colori d'affissione della modalitò
simulazione. (Per ulteriori dettagli sui colori d'affissione in simulazione, vedere le opzioni di
configurazione del software per il workshop interessato).
3. In corso di simulazione, potete aprire diversi diagrammi con l’aiuto del comando
« Aprire » o creare una « Nuova vista » dal menu contestuale del documento nel
Esploratore di progetti.
Le finestre aperte che contengono i diagrammi vi permettono d’osservare l’animazione dei
componenti.
La modalità simulazione è indicata nella sbarra di stato.

5-67
Manuale per l’utente – Automation Studio

5.7.1.2. Avvio della simulazione del diagramma attivo


Per effettuare la simulazione di un diagramma particolare, potete simularlo solo,
indipendentemente dagli altri diagrammi del progetto.
Per simulare un solo diagramma :
1. Aprire il diagramma che volete simulare.
La finestra del diagramma si apre e diventa attiva.
2. Scegliere « Simulazione » « Documento ».

3. Scegliere una modalità di simulazione del menu « Simulazione ».


La simulazione è iniziata. Si applica solamente ai diagrammi della finestra attiva.
La modalità simulazione è indicata nella sbarra di stato.

5.7.1.3. Selezione dei diagrammi da simulare


Potete selezionare diversi diagrammi da simulare, per cio :
1. Scegliere « Simulazione » « Articoli da simulare ».

La finestra di dialogo dà l'albero degli articoli che possono essere simulati.


2. Spuntare le caselle davanti ai documenti che desiderate simulare.
3. Fare clic OK per confermare.
4. Scegliere « Simulazione » « Simulazione della selezione ».

5. Scegliere la modalità simulazione del menu « Simulazione ».


La simulazione è iniziata. Si applica unicamente ai diagrammi selezionati.
La modalità simulazione è indicata nella sbarra di stato.

5.7.2. Velocità di simulazione


La modifica delle velocità vi permette di adattare lo svolgimento della simulazione alle vostre
esigenze. Tre velocità d'esecuzione vi sono proposte nel menu « Simulazione ».

5-68
Realizzazione di un diagramma

5.7.2.1. Simulazione Normale


Durante una simulazione in velocità normale (all'opposto delle velocità « Rallentatore » o
« Passo per passo »), quest'opzione comanda il termine minimo tra ogni ciclo di calcolo di
una simulazione.
La simulazione prende avvio in modo normale, cioè il modo più rapido.
1. Scegliere « Simulazione » « Normale ».

Potete, in qualsiasi momento, passare in un altro modo di simulazione facendo clic


su quello desiderato.

5.7.2.2. Simulazione Passo per passo


Permette d’eseguire un ciclo di simulazione a ogni clic del mouse.
Per simulare in modo Passo per passo :
1. Scegliere « Simulazione » « Passo per passo ».

La simulazione avvia in modo Passo per passo. Un passo è fatto a ogni clic del mouse.

Potete, a ogni momento, passare in un altro modo di simulazione facendo clic sul
modo desiderato.

5.7.2.3. Simulazione Rallentatore


Simulazione a velocità piu lenta.
Per simulare in modalità rallentatore :
1. Scegliere « Simulazione » « Rallentatore ».

La simulazione si avvia in modalità Rallentatore.

Potete, a ogni momento, passare in un altra modalità di simulazione facendo clic sul
quella desiderata.

5-69
Manuale per l’utente – Automation Studio

5.7.2.4. Pausa della simulazione


Per interromperse temporaneamente la simulazione e riprenderla :
1. Scegliere « Simulazione » « Pausa ».

La simulazione si interrompe e può essere riavviata ad ogni istante.

5.7.2.5. Arresto della simulazione


Per terminare la simulazione del progetto e ritornare in modalità Edizione :
1. Scegliere « Simulazione » « Arresto ».

La simulazione è stabilita.
La sbarra di stato segnala che il software funziona nuovamente in modalità Edizione.

5.8. Verificare le connessioni


Il comando « Verificare le connessioni » del menu « Strumenti » permette all’utente di
localizzare i collegamenti o componenti che non sono connessi.
Per verificare lo stato delle connessioni del vostro diagramma, effettuate la procedura
seguente :
Se le connessioni sono nascoste :
1. Selezionate « Affiggere » « Porti di connessione » per affiggere le connessioni.
Un cerchio rosso appare a ogni porto di connessione.
2. Selezionare « Strumenti » « Verificare le connessioni ».
Quando un porto non connesso è rilevato, la finestra di dialogo « Messaggi » appare allo
schermo.
Tutte le connessioni libere sono disegnate con un colore diverso e i componenti non connessi
sono selezionati.

5-70
Realizzazione di un diagramma

Figura 5–36 : Finestra di messaggi «Verificare le


connessioni»

5.8.1. Rivelazione di errori in simulazione


Alcuni messaggi di errori possono apparire durante l'avviamento o l'esecuzione della
simulazione.

5.8.1.1. Rivelazione degli errori nei diagrammi all’avvio


della simulazione
Il simulatore di fluido non può effettuare il suo lavoro se una connessione è mancante.
Pertanto un messaggio appare all'avviamento della simulazione se ciò si verifica.
Il simulatore delle tecnologie di comandi tollera i connettori liberi.

5.8.1.2. Rivelazione degli errori di comunicazione


(OPC)
In simulazione, se l'opzione d'affissione dei messaggi del server è scelta nella finestra di
dialogo di selezione di un nuovo server, questi messaggi saranno affissi durante la
simulazione. Vedere Figura 5–23 : Finestra di dialogo « Aggiungere server »
In edizione, lo stato della comunicazione è indicato nella finestra di dialogo di creazione dei
legami sugli articoli OPC. Vedere : Figura 5–22 : Finestra di dialogo « Configurazione

5-71
Manuale per l’utente – Automation Studio

OPC », puntale « Server », Figura 5–24 : Finestra di dialogo « Configurazione OPC », puntale
« Gruppo », Figura 5–26 : Finestra di dialogo « Configurazione OPC », puntale « Legame ».

5-72
6. Tracciatore

6.1. Apertura del Tracciatore


Per affiggere il Tracciatore :
1. Scegliere « Finestra » → « Affiggere » → « Tracciatore » o fare clic sul
pulsante « Tracciatore » della sbarra degli strumenti « Simulazione ».
Il Tracciatore si affigge sul diagramma ed è gestito allo stesso modo delle altre finestre come
l’ Esploratore delle biblioteche e l’Esploratore di progetti.

Figura 6–1 : Tracciatore nell’interfaccia

6-1
Manuale per l’utente – Automation Studio

6.2. Utilizzazione
In modalità edizione, l'aggiunta di una curva è realizzata nel modo seguente :
1. Aprire il Tracciatore.
2. Scivolate-depositare il componente in anticipo scelto di un diagramma sulla zona di
tracciamento del Tracciatore.
La finestra di dialogo « Selezione delle variabili » appare.

Figura 6–2 : Finestra di dialogo « Selezione delle


variabili »

Se il componente non ha variabili da tracciare, il messaggio « Nessun grafico può


essere creato per questo componente » appare allo schermo. Premete su « OK » per
chiuderlo.

3. Spuntare le variabili da affiggere (massimo di 5).


4. Fare clic « OK » per confermare la selezione.

Un massimo di 5 curve possono essere tracciate simultaneamente nel grafico.

Le variabili appaiono nell’elenco in accordo all’ordine definito nella finestra di dialogo


« Selezione delle variabili ».
Il Tracciatore attribuisce automaticamente le proprietà seguenti a ogni curva :
• Scala : valore minimo e massimo dell’intervallo di tracciamento.

6-2
Tracciatore

• Colore di tracciamento : Colore attribuito da difetto alla variabile in occasione della sua
selezione e che la identifica nel grafico e nella scala.
• Unità di tracciamento : In funzione del sistema d'unità scelto in occasione dell'impianto
(metrico o imperiale).
• Scala di tempo : Valore di tempo visibile nella zona di tracciamento del Tracciatore.
Quando la variabile è configurata, la prossima simulazione comporterà automaticamente il
tracciamento della sua curva d'evoluzione temporale.

6.3. Tracciamento della curva


Il tracciamento di ogni curva è realizzato ad ogni ripetizione di calcolo del simulatore. Così, il
tracciamento e la simulazione si svolgono simultaneamente. Se il tempo di simulazione supera
la capacità visiva definita nella scala di tempo, il grafico sfilaccia per affiggere il nuovo
intervallo di tempo ed una sbarra di svolgimento appare al fondo del grafico e permette
all'utente di muovere l'intervallo di affissione della curva quando in modalità edizione.

6.3.1. Conservazione dei dati visivi


In seguito alla sospensione della simulazione, il grafico resta sulla superficie di tracciamento.
Quando la simulazione riavvia, la superficie di tracciamento è reinizializzata.

6.3.2. Conservazione dei dati testuali


Alla fine del tracciamento di una o di più curve, è possibile esportare i dati della curva in un
file *.txt di formato tabulato. Di conseguenza, scegliere il tasto « Esportare » del tracciatore.
La finestra di dialogo di registrazione in formato .txt si apre alla radice del repertorio del
progetto, se è stato salvaguardato una volta o alla radice del repertorio memorizzato per i
progetti. Un file è esportato per ogni curva di un grafico. Questi file .txt di formato tabulato
possono essere importati in un tabulatore.

6.3.3. Modifica del colore di una variabile


Per cambiare il colore di una variabile :

1. Fare clic sul tasto localizzato a destra del colore.


La finestra di dialogo « Color » si apre allo schermo.

6-3
Manuale per l’utente – Automation Studio

Figura 6–3 : Finestra di dialogo « Color »

2. Selezionate il colore desiderato.


3. Fare clic « OK » per confermare la selezione.
La finestra di dialogo « Color » si chiude.
4. Fare clic sul tasto « Applicare » del Tracciatore per confermare e applicare la modifica
del colore d’identificazione della variabile allo schermo.
Il colore è aggiornato nell'elenco, nel grafico e nella scala.

6.3.4. Modifica della scala di tracciamento di una


variabile
Per cambiare la scala di tracciamento di una variabile :
1. Fare clic sul valore corrispondente nella finestra del Tracciatore.
2. Cambiate il valore come desiderato, garantite che il valore minimo della scala sia più
piccolo del valore massimo della scala.
3. Fare clic sul tasto « Applicare » del Tracciatore per confermare e applicare la modifica
della scala di tracciamento.

6-4
Tracciatore

La scala è aggiornata nell'elenco e nel grafico.

6.3.5. Soppressione di una variabile


Per rimuovere una variabile e la sua curva :
1. Selezionate la variabile facendo clic sull’uno dei sue dati affissi nell’elenco.
2. Fare clic sul tasto « Rimuovere ».
3. Fare clic sul tasto « Applicare » per confermare la soppressione e per eliminare nel
grafico e nella scala.
o
1. Scivolate-depositate il componente in anticipo scelto di un diagramma sulla zona di
tracciamento del Tracciatore.
La finestra di dialogo « Selezione delle variabili » appare allo schermo.
2. Scoccate le variabili.
3. Fare clic su « OK » per confermare la deselezione.

Quando un componente è rimosso dal diagramma, queste variabili inserite nel


tracciatore sono automaticamente eliminate. Le variabili possono essere eliminate
soltanto una sola volta nello stesso tempo.

6.4. Variabili che possono essere tracciate


La maggior parte dei componenti dei workshops Pneumatici ed Idraulici permettono di
tracciare i valori di flusso e di pressione, la maggior parte dei componenti degli altri
workshops permettono di tracciare il valore logico della variabile associata al componente.
Nel caso del tracciamento di una variabile booleana la scala è automaticamente di 0 -1 (stato
logico) senza unità.

6-5
7. Configurazione dei campi

7.1. Configurazione dei campi di proprietà

Dovete avere la licenza richiesta per avere accesso a questo modulo. Scegliere il
comando « A proposito » del menu « Aiuto » per conoscere le informazioni sulla
vostra licenza.

Oltre alle proprietà associate per difetto ad ogni simbolo il cui componente associato è un
prodotto commerciale, vi è possibile definire i vostri campi e scegliere fra i campi standard
forniti (proprietà del progetto attivo, dei diagrammi del progetto attivo) di associare altri
campi ai componenti.
La finestra di dialogo « Configurazione dei campi » è utilizzata per generare i campi
personalizzati per tutti i componenti allo stesso momento.

Figura 7–1 : Finestra di dialogo « Configurazione dei


campi »

Ecco la descrizione dei diversi tasti di questa finestra di dialogo.


Tasto Descrizione
Aggiungere Permette d’aggiungere dei campi personalizzati.

7-1
Manuale per l’utente – Automation Studio

Tasto Descrizione
Modificare Permette di modificare il campo personalizzato selezionato.
Cancellare Permette di cancellare un campo selezionato.
OK Chiude la finestra di dialogo conservando tutte le operazioni effetuate
(Aggiungere, Modificare e Retirare).

7.1.1. Aggiungere dei campi personalizzati


Per creare dei campi personalizzati, a partire della finestra di dialogo « Configurazione dei
campi »:
1. Fare clic sul pulsante « Aggiungere ».
La finestra di dialogo « Aggiungere un campo » appare.
2. Inserire il nome del nuovo campo nella zona « Nome ».
3. Scegliere il tipo di questo campo nella zona « Tipo ».
4. Nella zona « Valore », inserite un dato compatibile che apparirà nella finestra di dialogo
di informazioni catalogo di ogni componente al quale questo campo sarà associato.
5. Premete sul tasto « OK » per convalidare e ritornare al dialogo precedente o premete sul
tasto « Annullare » per annullare l'aggiunta di questo nuovo campo.
La proprietà si ritrova nell’elenco dei campi.
6. Ripetere le tappe 1 a 5 per ogni nuovo campo da aggiungere.

Figura 7–2 : Finestra di dialogo « Aggiungere un


campo »

Le scelte sono:
Tipo Descrizione
Intero Permette di inserire un numero intero senza decimale tra -32768 e 32767.

7-2
Configurazione dei campi

Tipo Descrizione
Numero Permette di entrare una cifra tra -999 999 999.99 e 999.999 999.99.
punto
fluottante
Testo Permette di inserire fino a 512 caratteri (lettere e cifre).
Data Permette di inserire un dato. Il formato del dato non è verificato.
Monneta Permette di inserire un prezzo. Non superare $ 999.999 999.99.
Percentuale Permette di inserire una percentuale con due decimali.

I campi personalizzati creati sono disponibili soltanto per il progetto corrente. Se


desiderate che siano disponibili per progetti futuri dovrete creare un modello di
progetto e create i vostri futuri progetti secondo questo modello.

Per ulteriori informazioni, vedere la sezione sulla creazione di modelli.

7.1.2. Modifica di un campo personalizzato


Per modificare un campo personalizzato, a partire dal dialogo « Configurazione dei campi » :
1. Selezionare il campo da modificare.
2. Fare clic sul pulsante « Modificare ».
La finestra di dialogo « Modificare il campo » appare.
3. Nella zona « Nome », potete modificare il nome del nuovo campo.
4. Nella zona « Tipo », potete modificare il tipo di campo.
5. Nella zona « Valore per difetto », potete modificare la descrizione del campo.

Se modificate il nome, il tipo e il valore per difetto di un campo, tutte le informazioni


iscritte per i componenti per cui questo campo è stato associato saranno perse.

6. Fare clic sul pulsante « OK » per ritornare alla finestra di dialogo « Configurazione dei
campi » o fare clic sul pulsante « Annullare » per ignorare le modifiche apportate a
questo campo.
Il campo modificato si ritrova nell’elenco dei campi.
7. Ripetere le tappe 1 a 6 per ogni campo da modificare.

7-3
Manuale per l’utente – Automation Studio

Figura 7–3 : Finestra di dialogo « Modificare il campo »

7.1.3. Ritiro di un campo personalizzato


Si nota che solo i campi personalizzati possono essere ritirati (cancellati). Per ritirare un
campo personalizzato a partire dalla finestra di dialogo « Configurazione dei campi ».
1. Selezionare un campo personalizzato (in colore).
2. Fare clic sul pulsante « Ritirare ».
Il messaggio della conferma appare :

Figura 7–4 : Messaggio della conferma di ritratto di


campo

Se cancellate un campo personalizzato e che questo campo è associato con almeno


un componente, il campo non sarà più associato con questo componente e
l’informazione che inserita, sarà persa.

3. Premete sul tasto « Yes » per procedere alla cancellazione o premete sul tasto « No » per
annullare la cancellazione.
Il campo è ritirato dall’elenco.

7-4
Configurazione dei campi

7.1.4. Associazione di un campo personalizzato a un


componente
Per associare un campo personalizzato (precedentemente creato) soltanto ad un componente :
1. Fare doppio-clic sul componente al quale desiderate associare uno o più campi
personalizzati.
La finestra di dialogo « Proprietà del componente » si apre.
2. Fare clic sul puntale « Informazioni catalogo ».
Le zone « Informazioni pezzi » e « Elenco d’accessori » diventano visibili.
3. Fare clic sul pulsante « Aggiungere » nella zona « Informazioni Pezzi ».
La finestra di dialogo « Selezione del campo » appare allo schermo.
4. Premete sul tasto « OK » ed i campi personalizzati associati a questo componente saranno
aggiornati o premete sul tasto « Annullare » per non cambiare nessuno dei campi
associati al componente.

I campi personalizzati appaiono in colori diversi per distinguerli dai campi standard.

A C

B D

Figura 7–5 : Finestra di dialogo « Selezione del campo »

7-5
Manuale per l’utente – Automation Studio

L’elenco di sinistra contiene tutti i campi standard e personalizzati che possono essere
associati ai componenti. L’elenco di destra mostra i campi selezionati.
I pulsanti seguenti possono essere utilizzati in questa finestra di dialogo :
Tasto Descrizione
Muove il campo scelto dell'elenco di sinistra all'elenco di destra. Il campo
A
diventa associato al componente.
Muove il campo scelto dell'elenco di destra all'elenco di sinistra. Il campo non
B
è più così associato al componente.
C Monta il campo scelto di una posizione nell'elenco di destra.
D Scende il campo scelto di una posizione nell'elenco di destra.
Tasti che permettono di creare, di modificare o ritirare campi definiti
E
dall'utente.

Il tasto « Aggiungere » è presente solo se avete installato il workshop Rapporto.

7.2. Inserzione dei campi


Per inserire dei campi in un diagramma :
1. Scegliere « Inserzione » « Campo ».

Il puntatore del mouse prende la forma seguente .


2. Con il pulsante destro del mouse, delimitate ad un posto una zona per affiggere un
campo.
La finestra di dialogo « Proprietà del componente » si apre.
3. Assicuratevi che il ramo « Campi » sia selezionato.
4. Fare clic su « Diagramma Corrente » nella zona « Categorie ».
L’elenco dei campi disponibili appare nella zona « Nome dei campi » di destra.
5. Selezionate un campo facendo clic su di esso.
Il campo selezionato e il suo valore appaiono nella zona « Valore dei campi »
6. Fare clic sul pulsante « Applicare ».
7. Fare clic sul pulsante « Chiudere ».

7-6
Configurazione dei campi

Il valore del campo selezionato appare nella zona inizialmente delimitata.

7-7
8. Catalogo
La funzione catalogo permette di selezionare i componenti del fabbricante a partire da un
elenco preconfigurato.

Dovete avere la licenza richiesta per avere accesso a questo modulo. Scegliere il
comando « A proposito » del menu « Aiuto » per conoscere le informazioni sulla
vostra licenza.

8.1. Accesso al catalogo


Per accedere al catalogo :
1. Inserire un componente su un diagramma.
2. Selezionare il ramo « Informazioni catalogo ».
3. Fare clic sul pulsante « Cercare pezzo » nella zona « Informazioni del pezzo ».
La finestra di dialogo « Esploratore del catalogo » si apre. Se il componente è associato ad
una o più descrizioni, le varie informazioni appaiono in una tabella.
4. Ordinare la tabella scegliendo l'intestazione di colonna adeguata.
5. Fare clic sulla descrizione componente desiderata.
6. Fare clic sul pulsante « Selezionare ».
La finestra di dialogo « Esploratore del catalogo » si chiude e i campi d’informazioni catalogo
nel dialogo « Proprietà del componente » sono aggiornati in funzione della selezione.

8-1
Manuale per l’utente – Automation Studio

Figura 8–1 : Finestra di dialogo « Esploratore del


catalogo »

8.1.1. Aggiungere degli accessori


Per aggiungere degli accessori ad un componente a partire dalla funzione catalogo :
1. Inserire un componente su un diagramma.
Se la finestra di dialogo « Proprietà del componente » non si apre, fare doppio clic sul
simbolo per accedervi.
2. Selezionare il ramo « Informazioni catalogo ».
3. Se gli accessori non sono affissi, fare clic sul tasto « Affiggere gli accessori ».
4. Fare clic sul pulsante « Aggiungere un accessorio » nella zona « Elenco d’accessori ».
5. Fare clic sul pulsante « Cercare pezzo » nella zona « Elenco d’accessori ».
La finestra di dialogo « Esploratore d’accessori » si apre. Se il componente è associato ad una
o più descrizioni, le varie informazioni appaiono in una tabella.
6. Ordinare la tabella scegliendo la rubrica di colonna adeguata.
7. Fare clic sulla descrizione componente desiderata.
8. Fare clic sul pulsante « Selezionare ».

8-2
Catalogo

9. La finestra di dialogo « Esploratore d’accessori » si chiude e i campi d’informazione sono


aggiornati in funzione della selezione.

8.2. Salvaguardia dell'informazione


Le informazioni catalogo associate ad un componente sono automaticamente salvaguardate in
occasione della salvaguardia del diagramma o dell'inserimento del componente in una
biblioteca personalizzata.

8.3. Gestione dell’informazione

Per accedere all'informazione nelle basi di dati dovete possedere il software MS-
ACCESS versione 2000 o più.

Le informazioni catalogo sono conservate e recuperate con l’aiuto di queste tabelle nella base
dei dati « Catalogo » :
• Tabella delle corrispondenze (CRT)
• Tabella delle intestazioni (HDT)
• Tabella d’informazioni catalogo (CAT)
• Tabella degli accessori (ACT)

8.3.1. Tabella delle corrispondenze (CRT)


La tabella di corrispondenza permette d’associare dei componenti della biblioteca principale a
un certo identificatore catalogo (ID_Cat). Questo identificatore catalogo è utilizzato per
associare l’informazione nella tabella CAT.
La tabella delle corrispondenze è composta di cinque colonne :
Colonna Descrizione
IDA Identificatore interno del componente. Questa colonna non deve essere
modificata.
IDF Identificatore interno del componente. Questa colonna non deve essere
modificata.
IDT Identificatore interno del componente. Questa colonna non deve essere
modificata.
ID_Cat Identificatore catalogo.

8-3
Manuale per l’utente – Automation Studio

Colonna Descrizione
Descrizione Descrizione del componente. Questa colonna non deve essere modificata.

8.3.1.1. Associazione di un componente a un ID


catalogo
Per associare un componente della biblioteca principale con un ID catalogo :
1. Nella tabella CRT trovate, con l’aiuto degli identificatori interni e della descrizione, il
componente che deve essere collegato a un ID_Cat.
2. Iscrivete il ID_Cat desiderato (massimo di 255 caratteri alfanumerici) nella colonna
« ID_Cat » sulla stessa fila.

8.3.2. Tabella delle intestazioni (HDT)


La tabella delle intestazioni dà l’elenco delle colonne che sono nella tabella d’informazione
catalogo (CAT).
La tabella delle intestazioni è composta di 2 colonne :
Colonna Descrizione
ID Identificatore dell’intestazione.
Headers Titolo dell’intestazione.

Affinchè una colonna sia aggiunta alla tabella d’informazione cataloghi, il titolo
della colonna deve apparire in questa tabella. Tutte le rubriche della tabella CAT,
eccetto « ID_Cat », devono apparire in questa tabella nell’ordine delle colonne della
tabella CAT (Aggiunta di una colonna).

8.3.3. Tabella d’informazioni catalogo (CAT)


La tabella d’informazioni catalogo contiene tutta l’informazione collegata a un certo ID_Cat
che sarà affissata durante l’apertura della finestra di dialogo « Esploratore del catalogo ».
La tabella d’informazioni catalogo è composta al minimo di otto colonne seguenti (in questo
ordine) :
Colonna Descrizione
ID_Cat Identificatore catalogo

8-4
Catalogo

Colonna Descrizione
Part Number Numero del pezzo
Manufacturer Informazione Fabbricante
Catalogue Description Descrizione catalogo
Inventory Number Numero d’inventario
Unit Price Prezzo Unitario
Discount Sconto
Type Tipo
Le otto colonne di base rappresentano le otto proprietà di base di qualsiasi componente. Il
numero di colonne che possono essere aggiunte a questa tabella è illimitato.

8.3.3.1. Aggiunta di una colonna


Affinchè l’informazione di una nuova colonna della tabella CAT sia trasferita nel ramo
« Informazioni catalogo » del componente con lo strumento catalogo :
1. Aggiungere una colonna nella tabella CAT in ultima posizione (si riferisce all’aiuto di
MS-Access per aggiungere una colonna in una tabella).
2. Rinominate l’intestazione della nuova colonna dandogli il valore che corrisponde al nome
del campo aggiunto nell’elenco « Informazioni catalogo » del componente.
3. Aggiungete l’intestazione su un nuovo file nella tabella HDT.
Un nuovo numero sarà automaticamente assegnato alla nuova intestazione.

8.3.4. Tabella degli accessori (ACT)


La tabella degli accessori contiene l’informazione degli accessori che possono essere aggiunti
ad un componente.
La tabella degli accessori è composta delle otto colonne seguenti :
Colonna Descrizione
ID_Cat Identificatore catalogo
Part Number Numero del pezzo
Quantity Quantità
Description Descrizione

8-5
Manuale per l’utente – Automation Studio

Colonna Descrizione
Unit price Prezzo unitario
Il ID_Cat utilizzato è quello del componente a cui l’accessorio sarà destinato.

8.3.4.1. Associare un accessorio a molti ID


Per associare piu di un ID_Cat a un accessorio :
1. Copiare il file dell’accessorio.
2. Incollare il file.
3. Rinominare il ID_Cat del nuovo file.

8.4. Componenti personalizzati


Per associare un ID catalogo ad un componente personalizzato :
1. Inserire un componente sulla superficie di tracciamento.
La finestra di dialogo « Proprietà del componente » si apre.
2. Selezionate il ramo « Informazioni catalogo ».
3. Inserire il valore desiderato nel campo « ID Catalogo ».
4. Inserire il componente nella biblioteca personalizzata.

Per maggiori informazioni sulle bilbioteche personalizzate vedere Esploratore delle


biblioteche.

Nel caso d’un gruppo, utilizzare l’opzione « Assemblaggio » nella fila


« Informazioni catalogo » dell’arborescenza principale del gruppo prima di associare
un ID catalogo.

8-6
9. Gestione dei rapporti
I rapporti sono documenti generati a partire dai dati agli articoli disegnati sugli diagrammi
(eccetto i Grafcet). Sono considerati sugli diagrammi, i componenti della biblioteca e i gruppi
riuniti.
Per riunire un gruppo, basta sceglierlo ed intaccare la funzione Assemblaggio del gruppo nel
menu contestuale.
Per smontare un gruppo, basta sceglierlo e scoccare la funzione Assemblaggio del gruppo nel
menu contestuale.

9.1. Creazione di un rapporto


Per produrre un nuovo rapporto, dovete prima di tutto creare un progetto con i suoi vari
diagrammi. Supponiamo che abbiate già avviato quest'operazione; poniamo l'accento sul
principio di produzione dei rapporti.
L’esempio seguente illustra la produzione di un rapporto generico.
Per produrre un rapporto :
1. Scegliere « Documento » « Nuovo » « Rapporto »

La finestra di dialogo « Modelli di rapporti » appare.


2. Scegliete il modello di rapporto da produrre, in questo caso « Nessuno ».
La finestra di dialogo « Configurazione dei rapporti » appare e vi permette di configurare il
vostro rapporto.
Quando avete terminato di definire le caratteristiche del vostro rapporto.
3. Fare clic sul tasto « OK » per generare il rapporto.

9-1
Manuale per l’utente – Automation Studio

Figura 9–1 : Finestra di dialogo « Modelli di rapporti »

Figura 9–2 : Finestra di dialogo « Configurazione dei


rapporti », puntale « Configurazione dei filtri »

9-2
Gestione dei rapporti

Figura 9–3 : Finestra di dialogo « Configurazione dei


rapporti », puntale « Selezione del campi »

Figura 9–4 : Finestra di dialogo « Configurazione dei


rapporti », puntale « Configurazione globale »

La figura seguente mostra un esempio di rapporto. Quest'ultimo si riassume ad una griglia di


informazioni dove le colonne corrispondono ai nomi delle proprietà scelte e le linee
corrispondono ai valori presi da queste proprietà.

9-3
Manuale per l’utente – Automation Studio

Figura 9–5 : Esempio di un rapporto

Se volete modificare le caratteristiche del vostro rapporto, dovete utilizzare il


comando « Edizione » « Configurazione » quando il vostro rapporto è attivo.

In questa fase, il rapporto appare nell'albero dei documenti dell'« Esploratore di progetti ».
La finestra di dialogo di definizione di una relazione generica si compone di tre puntali:
« Configurazione dei filtri », « Selezione dei campi » e « Configurazione globale ». Per un
rapporto di tipo elenco di variabili, solo il puntale « Selezione dei campi » è disponibile.
La tabella seguente contiene la descrizione delle varie zone di battitura e dei tasti che
compongono il puntale « Configurazione dei filtri » :
Zona Descrizione
Elenco dei diagrammi • Enumera i diagrammi esistenti nel progetto. Potete generare
un rapporto per la totalità del progetto o per diagrammi
specifici.
• Per difetto, tutti i diagrammi del progetto corrente sono scelti
e presenteranno dunque parte della relazione. Dovete liberare
i diagrammi che non desiderate vedere apparire nel vostro
rapporto.
• Potete liberare un diagramma premendo sul suo nome. Il
nome del diagramma su lineato.

9-4
Gestione dei rapporti

Zona Descrizione
Elenco dei workshop • Affissa i workshop utilizzati per il disegno dei diagrammi
scelti.
• Dovete liberare tutti i workshop in cui desiderate che i
componenti non siano parte del rapporto.
• Ad esempio, se il vostro diagramma contiene dei componenti
del workshop idraulico ed elettrico, scegliendo soltanto il
workshop idraulico, solo i componenti di questo workshop
(presente nei diagrammi scelti) si presenteranno parte del
rapporto.
Elenco dei componenti • Tutti i componenti presenti nei diagrammi scelti sono presenti
e scelti.
• Diselezionare i componenti che desiderate vedere apparire nel
rapporto. Questo vi permetterà di fare in modo che alcuni
componenti non appaiano nel rapporto.
• I nomi dei componenti saranno sottolineati.
• Questo tasto si adatta all'elenco nel quale è illustrato
l'indicatore del mouse. Permette di scegliere tutti i diagrammi,
i workshops o i componenti.
• Tutti i diagrammi, i workshops ed i componenti sono scelti
per difetto.
• Questo tasto si adatta all'elenco nel quale è illustrato
l'indicatore del mouse. Permette di liberare tutte le selezioni
dei diagrammi, i workshops o i componenti.
Accessori inclusi nel • Quest'opzione permette di aggiungere gli accessori ai
rapporto componenti nel rapporto di nomenclatura.
La tabella seguente contiene la descrizione degli elenchi di selezione che compongono il
puntale « Selezione dei campi » della finestra di dialogo « Configurazione dei rapporti ».
Liste Descrizione
Campi Mostra i campi delle informazioni cataloghi o i campi che
presentano già parte del rapporto. I campi rappresentano i
parametri di simulazione e le informazioni-cataloghi o delle
proprietà personalizzate.
I campi « Disponibili » possono essere aggiunti al rapporto. I
campi « Scelti » sono quelli che appariranno nel vostro rapporto.

9-5
Manuale per l’utente – Automation Studio

La tabella seguente contiene la descrizione dei diversi campi che compongono il puntale
« Configurazione globale » della finestra di dialogo « Configurazione dei rapporti » :
Zone Descrizione
Affiggere il totale Affigge i campi « Ribasso globale (%) », « Tasse (%) » e
globale « Spese diverse ».
Ribasso globale (%) Sconto applicato sul totale dei campi di prezzo.
Tasse (%) : Tasse applicate sull'importo dopo ribasso.
Spese diverse : Spese applicate all'importo dopo le tasse.

Quando un nuovo rapporto è creato, quest'ultimo porta, nella sua sbarra di titolo, un
nome per difetto che è la parola « Rapporto » seguita da un numero sequenziale
attribuito dal software. Potete modificare questo nome per mezzo del comando
« Rinominare » del menu contestuale di questo rapporto nell'« Esploratore di
progetti » o del comando « Proprietà del documento » del menu « Edizione ».

Questo software vi permette di elaborare rapporti sui progetti che avete fatto. Modelli di
rapporti sono forniti con la versione regolare del software.

9.2. Modifica di un rapporto


La modifica dei campi di un rapporto è realizzata a partire dal menu « Edizione ». Il menu
« Edizione » è composto da due comandi « Inserire » e « Cancellare » e del comando
« Opzioni ».
I comandi « Inserire » e « Cancellare » del menu « Edizione » sono composti dai comandi
« Fila » e « Colonna ».

9.2.1. Inserire
Per inserire una fila in un rapporto :
1. Scegliere « Edizione » « Inserire » « Colonna ».
La finestra di messaggio d'avvertimento d'edizione di un rapporto si apre allo schermo.
2. Fare clic sul tasto « OK ».
La finestra di dialogo « Titolo del nuovo campo » che chiede il titolo del nuovo campo si apre
allo schermo.
3. Premere il nome della nuova colonna.

9-6
Gestione dei rapporti

4. Fare clic sul tasto « OK ».


La procedura è la stessa per l'inserimento di una nuova fila, tranne che nessun nome sarà
richiesto.

9.2.2. Cancellare
Per cancellare una fila di un rapporto :
1. Scegliere « Edizione » « Cancellare » « Fila ».
Il messaggio d'avvertimento si apre allo schermo.
2. Fare clic sul tasto « OK ».
Il file dove si trova il cursore è tolto dal rapporto. La procedura è la stessa per la soppressione
di una colonna.

9.3. Organizzazione dei dati di un rapporto


I dati di un rapporto possono essere separati o raggruppati. L'ordinazione e/o il
raggruppamento dei dati di un rapporto è realizzato a partire dal menu « Dati ».

9.3.1. Ordinare i dati


Per ordinare i dati in un rapporto :
1. Scegliere « Dati » « Ordinare ».
La finestra di dialogo « Ordinare » si apre.
2. Selezionate il nome della colonna che deve essere ordinato.
3. Selezionate l'ordine di selezione sia ascendente che discendente.
Ripetere per secondo o terzo criterio di selezione secondo la necessità.
4. Fare clic sul tasto « OK ».
I dati del rapporto sono da ordinare secondo i criteri di ordinazione.

9-7
Manuale per l’utente – Automation Studio

Figura 9–6 : Finestra di dialogo « Ordinare »

9.3.2. Raggruppare i dati


Raggruppare i dati in un rapporto :
1. Scegliere « Dati » « Raggruppare ».
La finestra di dialogo « Raggruppare » si apre.
2. Scegliete il comando di raggruppare o no i dati del rapporto.
3. Fare clic sul tasto « OK ».
I dati del rapporto sono raggruppati o no secondo dei criteri scelti.

Figura 9–7 : Finestra di dialogo « Raggruppare »

9-8
10.Carta interfaccia I/U
La carta interfaccia I/U è stata concepita come complemento ai workshops di simulazione del
software Automazione Studio.
Questo capitolo vi presenta le informazioni richieste per utilizzare questa carta. Queste
informazioni includono la realizzazione e la simulazione di un circuito e un esempio
d'applicazione.
Per la procedura d'installazione e di configurazione, riferirsi alla procedura d'impianto fornito
con la vostra carta.
La carta interfaccia I/U fa parte della famiglia interfaccia della biblioteca del software
Automazione Studio. L'installazione di questa carta non è compresa nell'impianto del sistema
di base, deve farsi indipendentemente. La procedura d'impianto è descritta nella prossima
sezione.
La carta interfaccia I/U vi permette di aumentare le possibilità d'interazione tra i workshops di
simulazione del software Automation Studio e le A.P.I. (automatici programmabili industriali)
che si incaricano di comandare i circuiti simulati del diagramma, per mezzo della finestra a
relè inclusa. Potete anche collegare direttamente il vostro circuito di simulazione sugli
azionatori o i sensori di un circuito esistente o di un pannello d'apprendistato.

Figura 10–1 : L'interazione tra il software Automation


Studio, la carta interfaccia I/U e un A.P.I.

L'organizzazione di questo capitolo rappresenta il concatenamento dei compiti che vanno


dalla realizzazione di un circuito alla sua simulazione in interazione con un apparecchio
periferico.

10-1
Manuale per l’utente – Automation Studio

Invece, questo documento non tratta delle nozioni teoriche che riguardano l'apparecchio
periferico. Abbiamo redatto questo capitolo considerando che abbiate già familiarizzato con le
nozioni di comunicazione e d'interfaccia delle entrate e delle uscite con unità periferiche.
Questo capitolo contiene le sezioni seguenti :
• Utilizzazione della Carta interfaccia I/U con il software Automation Studio.
• Esempio pratico d'utilizzo della Carta interfaccia I/U associata ad un circuito.

10.1. Utilizzo della Carta interfaccia I/U


Questa sezione presenta l'utilizzo della Carta interfaccia I/U con il software Automation
Studio.
L'informazione è presentata secondo l'ordine dei compiti da realizzare. I punti seguenti sono
trattati :
• Sistemazione del componente Carta interfaccia I/U in un diagramma;
• Definizione delle proprietà del componente Carta interfaccia I/U.

10.1.1. Sistemazione del componente Carta interfaccia


I/U
L'inserimento su un diagramma del componente Carta interfaccia I/U è realizzato come
qualsiasi altro componente della biblioteca del software Automation Studio.
Per inserire una Carta interfaccia I/U su un diagramma :
1. Scegliere « Finestra » « Affiggere » « Esploratore delle biblioteche ».

L’« Esploratore delle biblioteche » dell’« Editore di diagramma » appare.


2. Nell'albero della biblioteca, premete sulla famiglia « Interfaccia » quindi sul sottogruppo
« Interfaccia I/U ».
I componenti Carta interfaccia I/U appaiono nella finestra dei componenti della biblioteca.
3. Scegliete il componente che corrisponde al tipo di carta installata sul vostro elaboratore
(ISA/PCI o USB).

10-2
Carta interfaccia I/U

Figura 10–2 : Biblioteca del workshop interfaccia

4. Inserite il componente scelto sul diagramma.


La finestra di dialogo « Proprietà del componente » si apre allo schermo.

10.1.2. Proprietà di configurazione


.Per accedere alle proprietà di configurazione della Carta interfaccia I/U, premete sul ramo
« Configurazione » nell'albero delle proprietà.
Aggiungere la configurazione in funzione del tipo di carta installata sul vostro computer
(rifatevi alla documentazione fornita con la vostra carta).

10.1.3. Proprietà d’affissione


Per accedere alle proprietà d'affissione della Carta interfaccia I/U, premete sul ramo
« Informazioni visualizzate » nell'albero delle proprietà.
Scegliete le opzioni di affissione desiderate e conservate il nome della carta per difetto (rifatte
alla documentazione fornita con la vostra carta).

10-3
Manuale per l’utente – Automation Studio

Figura 10–3 : Esempio del simbolo Carta interfaccia I/U,


mnemonici ed identificatori affissi

10.1.4. Proprietà d’assegnazione delle variabili


Per accedere alle proprietà d'assegnazione delle variabili della carta interfaccia I/U, premete
sul ramo « Assegnazione delle variabili » nell'albero delle proprietà.

10.2. Esempio pratico d’utilizzazione della carta


d’interfaccia I/U
Questa sezione presenta un esempio di Carta interfaccia I/U collegata ad una A.P.I. per
verificare il funzionamento.
Ecco il seguito dei compiti utilizzati nell'esempio :
• Realizzazione del diagramma del circuito;
• Definizione della sequenza in GRAFCET;
• Diagramma a relè della sequenza;
• Assegnazione delle variabili di entrate e di uscite ai componenti elettrici sul diagramma;
• Simulazione del circuito in comunicazione con il A.P.I. tramite la Carta interfaccia I/U.

10-4
Carta interfaccia I/U

10.2.1. Realizzazione del diagramma


La figura seguente presenta il circuito elettropneumatico comandato da un A.P.I. e simulato
con Automation Studio. Le uscite dell’automato sono collegate alle entrate della Carta
interfaccia I/U e le uscite della Carta interfaccia I/U sono collegate alle entrate dell’automato.

Figura 10–4 : Esempio di un circuito elettropneumatico

Il circuito comporta due cilindri (A1 ed A2), ciascuno comandato da un distributore 5/2
fornito di una elettrocalamita di ogni lato. Dei sensori di prossimità permettono di individuare
le due posizioni di fine di corsa di ogni cilindro. Un pulsante serve ad iniziare la sequenza.

10.2.2. Definizione della sequenza


Ecco la sequenza di comando del circuito elettropneumatico. È rappresentata per mezzo di un
diagramma SFC. Questa sequenza deve essere programmata nella vostra A.P.I. Tradurremo
ulteriormente questo diagramma SFC in diagramma a relè generico in previsione della sua
instaurazione nel vostro A.P.I.

10-5
Manuale per l’utente – Automation Studio

Tappa 1 :
Alla tappa iniziale (tappa 1), i due steli dei cilindri A1 ed A2 sono rientrati grazie
all'attivazione degli elettromagneti A1- ed A2-.
Tappa 2 :
La sequenza si avvia appena si preme sul pulsante DEPART e che i due cilindri A1 ed A2
sono completamente rientrati (sensori di posizione A1_0 ed A2_0 attivati). Attualmente, la
transizione 1 è superata e la tappa 2 è attivata. All'attivazione della tappa 2, l'elettrocalamita
A1+ è attivata, cosa che ha per effetto di fare uscire lo stelo del cilindro A1. Una volta lo stelo
del cilindro A1 completamente uscito, il sensore di posizione A1_1 è attivato.
Tappa 3 :
Questo permette di superare la transizione 2 ed attivare la tappa 3. All'attivazione della tappa
3, l'elettrocalamita A2+ è attivata, cosa che ha per effetto di fare uscire lo stelo del cilindro
A2. Una volta lo stelo del cilindro A2 completamente uscito, il sensore di posizione S2_2 è
attivato.
Tappa 4 :
Questo permette di superare la transizione 3 ed attivare la tappa 4, l'elettrocalamita A2 è
attivata, cosa che ha per effetto di fare entrare nello stelo del cilindro A2. Una volta lo stelo
del cilindro A2 completamente rientrato, il sensore di posizione S2_1 è attivato.
Tappa 5 :
Questo permette di superare la transizione 4 ed attivare la tappa 5. All'attivazione della tappa
5, l'elettrocalamita A1 è attivata, cosa che ha per effetto di fare rientrare lo stelo del cilindro
A1. Una volta lo stelo del cilindro A1 completamente rientrato, il sensore di posizione A1_0 è
attivato.
Questo permette di superare la transizione 5 e di tornare alla tappa l. Automatismo è ora
pronto per un altro ciclo.
La figura seguente rappresenta il GRAFCET della sequenza.

10-6
Carta interfaccia I/U

Figura 10–5 : GRAFCET della sequenza

10-7
Manuale per l’utente – Automation Studio

10.2.3. Diagramma a relè della sequenza


La figura seguente presenta il diagramma a relè equivalente all'automatismo descritto in SFC.
Le tabelle seguenti indicano la corrispondenza tra gli mnemonici di entrate e di uscite della
Carta interfaccia I/U, gli mnemonici dei componenti sul diagramma e gli mnemonici utilizzati
nel diagramma a relè.

Figura 10–6 : Diagramma a relè dell'automatismo

10-8
Carta interfaccia I/U

Dovete creare questo diagramma a relè utilizzando l'editore fornito con la vostra A.P.I. una
volta la A.P.I. programmata, voi potete provare l'automatismo iniziando la simulazione.
Quando stabilite il vostro programma per un automatismo particolare, assicuratevi di
attribuire i buoni indirizzi di entrata e di uscita, cioè coloro che corrispondono al cablaggio
che avete effettuato tra l’automatismo e la Carta interfaccia I/U.
Ad esempio, un diagramma di comando per un automatismo Allen-Bradley potrebbe avere gli
indirizzi corrispondenti seguenti :
Mnemonico Indirizzo Connessione Mnemonico Indirizzo Connessione
nell’A.P.I. Allen- alla Carta nell’A.P.I. Allen- alla Carta
Bradley interfaccia I/U Bradley interfaccia I/U
DEPART I:1/0 OUT0 Y2 B3 :0/1 N/A
A1_0 I:1/1 OUT1 Y3 B3 :0/2 N/A
A1_1 I:1/2 OUT2 Y4 B3 :0/3 N/A
A2_0 I:1/3 OUT3 Y5 B3 :0/4 N/A
A2_1 I:1/4 OUT4 X1 B3 :1/0 N/A
A1+ O:2/0 IN0 X2 B3 :1/1 N/A
A1- O:2/1 IN1 X3 B3 :1/2 N/A
A2+ O:2/2 IN2 X4 B3 :1/3 N/A
A2- O:2/3 IN3 X5 B3 :1/4 N/A
Y1 B3 :0/0 N/A
Un diagramma di comando per un automatismo Modicon potrebbe avere gli indirizzi
corrispondenti seguenti :
Mnemonico Indirizzo Connessione Mnemonico Indirizzo Connessione
nell’A.P.I. Modicon alla carta nell’A.P.I. Modicon alla carta
interfaccia I/U d’interfaccia
d’I/U
DEPART 10001 OUT0 Y2 01101 N/A
A1_0 10002 OUT1 Y3 01102 N/A
A1_1 10003 OUT2 Y4 01103 N/A
A2_0 10004 OUT3 Y5 01104 N/A
A2_1 10005 OUT4 X1 01200 N/A
A1+ 00001 IN0 X2 01201 N/A

10-9
Manuale per l’utente – Automation Studio

Mnemonico Indirizzo Connessione Mnemonico Indirizzo Connessione


nell’A.P.I. Modicon alla carta nell’A.P.I. Modicon alla carta
interfaccia I/U d’interfaccia
d’I/U
A1- 00002 IN1 X3 01202 N/A
A2+ 00003 IN2 X4 01203 N/A
A2- 00004 IN3 X5 01204 N/A
Y1 01100 N/A

10.2.4. Assegnazione degli I/U della carta interfaccia


Dovete ora fare l'assegnazione dell'I/U della carta per stabilire la corrispondenza tra la carta
interfaccia I/U ed i componenti elettrici del diagramma. Per accedere alle proprietà
d'assegnazione delle variabili della carta interfaccia I/U, premete sulla famiglia
« Assegnazione delle variabili » nell'albero delle proprietà del componente.
La tabella seguente presenta la tabella di corrispondenza tra i componenti elettrici del circuito
ed il I/U della carta interfaccia I/U per il circuito.
Uscita collegata in lettura su mnemonici di Tipo di componente Mnemonici
componenti del diagramma
LOIC1.OUT0 Pulsante NA 1-1PBNO1.DEPART
LOIC1.OUT1 Sensore di prossimità 1-1S1.A1_0
LOIC1.OUT2 Sensore di prossimità 1-1S2.A1_1
LOIC1.OUT3 Sensore di prossimità 1-1S3.A2_0
LOIC1.OUT4 Sensore di prossimità 1-1S4.A2_1
Dovete modificare gli mnemonici per difetto delle entrate come segue prima di legarle in
lettura alle elettrocalamite dei distributori :
Componenti del diagramma collegati in Ingressi Mnemonici
lettura su ingressi della carta interfaccia
I/U
Elettrocalamite SOL1 del distributore 1-1V1 LOIC1.IN0 A1+
Elettrocalamite SOL2 del distributore 1-1V1 LOIC1.IN1 A1-
Elettrocalamite SOL1 del distributore 1-1V2 LOIC1.IN2 A2+
Elettrocalamite SOL2 del distributore 1-1V2 LOIC1.IN3 A2-

10-10
Carta interfaccia I/U

10.3. Simulazione del circuito in comunicazione


con un A.P.I.
L'utilizzo della carta interfaccia I/U stabilisce il collegamento tra la simulazione e la realtà.
Potete convalidare un circuito collegandolo a componenti reali o anche convalidare il
programma di una A.P.I. collegandolo ai componenti di un circuito simulato in Automation
Studio.
In occasione della simulazione, i diversi segnali di uscite emessi dal circuito di simulazione
sono trasmessi dalla carta interfaccia I/U ai componenti esterni ai quali è collegata. Infatti,
tutti i componenti aventi i loro mnemonici legati in lettura ad un'uscita della carta interfaccia
I/U inviano un segnale all'apparecchio periferico quando sono attivati. Nello stesso modo,
tutti i componenti d'Automation Studio aventi i loro mnemonici legati in lettura ad un'entrata
della Carta interfaccia I/U sono attivati dal segnale ricevuto dall'apparecchio periferico da
quest'entrata.
Per evitare la trasmissione involontaria di segnali ad un'unità periferica, è consigliato di
provare inizialmente il circuito simulandolo in Automation Studio senza stabilire la
comunicazione con la carta interfaccia I/U. Per disattivare la comunicazione tra Automation
Studio e la carta interfaccia I/U, spunta la casella « Attivazione » nelle proprietà di
configurazione della carta (consultate la documentazione fornita con la vostra carta).
Per simulare il circuito :
1. Spuntare la casella « Attivazione » nella proprietà di configurazione della carta.
2. Avviare la simulazione.
3. Attivate il pulsante che permette di iniziare la simulazione del circuito premendo sopra
(1-1PBNO1.DEPART).
Sul componente che rappresenta la carta interfaccia I/U nel diagramma, le caselle delle entrate
e delle uscite cambiano colore in occasione della trasmissione dei segnali. Le caselle delle
entrate cambiano colore soltanto se la carta interfaccia I/U è collegata ad un apparecchio
periferico.
4. Arrestare la simulazione per tornare in modalità Edizione.
La simulazione viene arrestata.
La sbarra di stato segnala che il software funziona nuovamente in modalità Edizione.

10-11
11.Fogli di Calcolo

11.1. Introduzione
I fogli di calcolo sono un strumento che permette di effettuare i calcoli necessari per la
selezione ed il calcolo dei componenti di un circuito. Per mezzo di questi fogli, è possibile
calcolare i bisogni in termini di capacità ed anche di applicare i risultati dei calcoli ai
componenti nei diagrammi d'Automazione Studio. I fogli sono dotati di una macchina di
calcolo bidirezionale che offre all'utente la possibilità di iniziare con i valori che possiede e di
calcolare i valori mancanti.

I fogli di calcolo utilizzano equazioni teoriche per il calcolo dei vari parametri, è
possibile che la macchina di simulazione non riproduca esattamente i risultati
affissati per mezzo di questo strumento.

11.2. Tipi di parametri


I fogli di calcolo funzionano secondo un sistema di risoluzione d'equazione che permette
all'utente di fare variare alcuni parametri e di osservare gli effetti sugli altri parametri. Poiché
il calcolo si effettua che quando il software è in modo « Edizione » i valori dinamici calcolati
dalla macchina di simulazione (pressione, flusso, ecc..) non sono trasferiti agli fogli di
calcolo, così, solo i valori costanti trovati nei dati tecnici della finestra di dialogo « Proprietà
del componente » possono essere trasferiti.

I parametri negli fogli di calcolo non che rientrano tra i dati tecnici del componente
non sono salvaguardati con il componente, saranno reinizializati ad ogni apertura del
foglio.

11-1
Manuale per l’utente – Automation Studio

11.3. Interfaccia
B C
A

I
F G H
D E

K
Q R
L

P O N M

Figura 11–1 : Interfaccia fogli di calcolo

Zona Descrizione
A Simbolo del componente scelto come definito in Automazione Studio 4.0.
B Immagine fisica di un esempio del componente.
Immagine che rappresenta un diagramma del componente e le variabili di
C
calcolo sotto formato grafico.
D Casella da spuntare che definiscono un parametro conosciuto.
Elenco dei parametri di calcolo - i parametri applicabili ai componenti sono in
E
caratteri grassi.
F Simbolo del parametro come trovato nelle equazioni.

11-2
Fogli di Calcolo

Zona Descrizione
Campi d'introduzione o di visualizzazione di dati per ogni parametro di
G
calcolo.
H Elenco a svolgimento delle unità disponibili per il parametro.
I Istruzioni relative al funzionamento dei fogli di calcolo.
Bottone « Calcolare » : questo bottone inizia il calcolo del sistema. Diventa
J attivo quando un valore è cambiato. Vedere funzionamento dei fogli di
calcolo.
Bottone « Stampare » : questo bottone permette di produrre un'impressione su
K
carta dei dati.
Bottone « Equazioni » : questo bottone dà accesso alla pagina di
L
visualizzazione delle formule utilizzate per il calcolo.
Bottone « Aiuto » : questo bottone dà accesso all'aiuto in linea d'Automazione
M
Studio.
Bottone « Reinizializzare » : questo bottone permette di ristabilire i dati a
N
partire dall'ultima salvaguardia.
Bottone « Applicare » : questo bottone permette di trascrivere i valori nei dati
O
tecnici del componente.
P Bottone « Chiudere » : questo bottone permette di tornato al diagramma.
Ramo « Calcolo » : questo ramo permette di accedere alle opzioni di calcolo di
Q
un componente.
Bottone « … » : questo bottone permette di accedere alle informazioni ulteriori
R
disponibili per un certo parametro.

11.4. Funzionamento dei Fogli di Calcolo


11.4.1. Accedere al foglio di calcolo
Per accedere al foglio di calcolo :
1. Inserire un componente sul diagramma
2. Aprire la finestra di dialogo « Proprietà del componente ».
3. Scegliere il ramo « Calcolo »
All'apertura del foglio di calcolo, alcuni valori si trovano già nei campi di sequestro, esistono,
in questo caso, tre tipi di parametri:

11-3
Manuale per l’utente – Automation Studio

1. Parametri trasferiti : Questi parametri provengono direttamente dal ramo « Dati


Tecnici » del componente. Il nome di questi parametri appare in caratteri grassi.
2. Parametri automaticamente calcolati : A partire dai parametri che sono stati trasferiti,
è possibile calcolare un certo numero di parametri, ad esempio la superficie del
pistone di un cilindro a partire dal diametro.
3. Parametri con valore per difetto : Questi parametri affissiono valori per difetto
qualunque e devono essere rivisti prima di lanciare i calcoli. Questi parametri non
saranno salvaguardati alla chiusura del foglio di calcolo.

11.4.2. Precisare i parametri conosciuti


Per ogni calcolo di calcolo, alcuni parametri devono essere conosciuti in anticipo. La finestra
ad intaccata che si trova a sinistra di ogni parametro permette di precisare quali variabili sono
conosciute in occasione del lancio dei calcoli. È da partire da questi valori che il calcolo sarà
effettuato. I valori che sono state specificate e che sono state cambiate prima del avvio del
calcolo sono affissate in un campo di colore blu. I valori che sono stati precisati e che sono
stati cambiati prima dell'avviamento del calcolo sono affissate in un campo di colore blu.
Per fissare e definire un parametro conosciuto :
1. Fare clic sulla casella di sinistra del parametro desiderato.
2. Scegliere l’unità desiderata nell’elenco srotolante delle unità.
3. Entrare il valore del parametro nel campo di sequestro.
Il campo di sequestro diventa blu.
4. Ripetere le tappe 1 a 3 per ogni parametro conosciuto.

11.4.3. Avviare i calcoli


Quando almeno un parametro sarà stato definito, e il bottone « Calcolare » diventa attivo, è
allora possibile iniziare i calcoli.
Per avviare i calcoli :
1. Fare clic sul tasto « Calcolare »

11.4.3.1. Se troppo pochi parametri sono conosciuti


Se un'equazione richiede più parametri che coloro che sono stati definiti nel foglio di calcolo
in occasione dell'avviamento dei calcoli, la finestra di dialogo seguente appare :

11-4
Fogli di Calcolo

H G F
J I B
C

Figura 11–2 : Selezione dei parametri

Zona Descrizione
A Equazione di calcolo.
Bottone « OK » – si attiva così almeno 1 parametro è scelto. Questo bottone è
B
attivato se nessun parametro è scelto.
Bottone « Prossima equazione » permette di passare alla prossima equazione
C
senza dare valori.
D Bottone « Annullare » permette di mettere fine alla funzione di calcolo.
E Bottone « Aiuto » – conduce direttamente alla sezione « Aiuto ».
F Selezione delle unità come nell'interfaccia principale.
G Campo di sequestro dei dati.
H Simbolo dei parametri.
I Elenco dei parametri di calcolo.
J Casella a spuntare per scegliere i parametri da specificare.
Per definire un parametro :
1. Fare clic sulla casella a sinistra del parametro desiderato.

11-5
Manuale per l’utente – Automation Studio

2. Selezionare l’unità desiderata.


3. Modificare il valore nel campo di sequestro.
4. Fare clic sul bottone « OK ».
Per passare alla prossima equazione :
1. Fare clic sul bottone « Equazione seguente » se è attivo.
Il bottone « Equazione seguente » si attiva solamente si un altra equazione non è risolta nel
foglio di calcolo.

11.4.3.2. Se troppi parametri sono conosciuti


Si tutti i parametri di un'equazione sono definiti e che l'equazione non può essere risolta, la
stessa finestra di dialogo appare ma chiederà questa volta di ritirare uno dei parametri perché
quest'ultimo sia ricalcolato.

11.4.4. Visualizzare i risultati


Una volta i calcoli terminati, i parametri ricalcolati sono affissati. I parametri che sono
cambiati durante il calcolo sono affissati in rosso. Così, è facile comprendere l'effetto di
variazione di un parametro.

11.4.5. Applicare i cambiamenti


Se i calcoli sono completi ed i risultati soddisfacenti, è possibile « Trasferire » i parametri
affissati in caratteri grassi verso i dati tecnici del componente.
Per applicare i cambiamenti :
1. Fare clic sul bottone « Applicare ».

11.4.6. Reinizializzare il foglio


Per rimettere i calcoli così come erano al momento dell'apertura del foglio:
1. Fare clic sul bottone « Reinizializzare ».

11.4.7. Stampare il foglio


Per stampare i valori calcolati :
1. Fare clic sul bottone « Stampare ».
Una pagina HTML appare allo schermo.

11-6
Fogli di Calcolo

2. Scegliere il bottone « Stampare ».


Oppure,
3. Scegliere il bottone « Salvaguardare HTML ».

11.4.8. Visualizzare le equazioni


Per visualizzare le equazioni :
1. Fare clic sul bottone « Equazioni ».
Una pagina html affissa tutte le equazioni utilizzate per il calcolo appaiono allo schermo.

Le equazioni non possono essere modificate.

Le equazioni sono regolate per unità di calcolo in S.I. Egli si può che alcune costanti
siano state aggiunte alle equazioni per fine di conversione.

11.4.9. Visualizzare le informazioni ulteriori


Poiché che alcuni parametri sono difficili da ottenere, i fogli di calcolo offrono informazione
ulteriore su alcuni parametri. Quest'informazioni devono essere utilizzate a titolo di
riferimento soltanto e possono variare secondo le condizioni di funzionamento dei
componenti. È importante bene interpretare questi dati e comprendere ciò che rappresentano
prima di utilizzarli.
Per visualizzare le informazioni ulteriori:
1. Fare clic sul bottone « ... » situato a destra delle unità del parametro.

11.4.10. Esempio
Esempio 1 :
Utilizziamo lo foglio di calcolo dei cilindri idraulici per calcolare i bisogni di flusso e
pressione per utilizzare un cilindro.

Dati del cilindro :


Diametro del pistone : 10 cm

11-7
Manuale per l’utente – Automation Studio

Diametro dello stelo : 5 cm


Lunghezza della corsa : 25 cm

Dati del spostamento :


Forza da ricambiare in uscita : 1500 N
Forza da ricambiare in ingresso : 100 N
Tempo del percorso in uscita : 10 s
Tempo del percorso in ingresso : 5 s

Soluzione :

1. Mettere un cilindro idraulico sul diagramma.


2. Aprire la finestra di dialogo « Proprietà del componente » del cilindro
3. Scegliere il ramo « Calcolo »
Nel foglio di calcolo :
1. Intaccare le caselle adeguate per entrare i parametri del cilindro :
Diametro del pistone : 10 cm
Diametro dello stelo : 5 cm
Lunghezza della corsa : 25 cm
Tempo di uscita : 10 s
Tempo d'ingresso : 5 s
Forza esterna (uscita) : 1500 N
Forza esterna (ingresso) : 100 N

11-8
Fogli di Calcolo

Figura 11–3 : Entrata dei dati

2. Fare clic sul bottone « Calcolare ».


I risultati ci danno :
Flusso di uscita : 11.78 LPM
Flusso d’ingresso : 17.67 LPM
Pressione di uscita : 1.91 Bar
Pressione d’ingresso : 0.17 Bar

11-9
Manuale per l’utente – Automation Studio

Figura 11–4 : Risultato di calcolo

11-10
Configurazione del software

12.Configurazione del software


Per fare la configurazione del software Automation Studio :
1. Scegliere « Strumenti » « Opzioni ».
La finestra di dialogo « Opzioni » appare.
2. Scegliete il ramo sul quale desiderate effettuare delle modifiche.
3. Effettuate le modifiche necessarie alla configurazione navigando attraverso le opzioni.
4. Premere sul pulsante « Applicare ».
Il software tiene conto della nuova configurazione.
5. Premere sul pulsante « Chiudere ».
La finestra di configurazione dell’applicazione si chiude.

Figura 12–1 : Finestra di dialogo « Opzioni »

12-11
Manuale per l’utente – Automation Studio

Ecco la descrizione delle varie zone d'introduzione di questa finestra di dialogo :


Zona Descrizione
Finestra dell'albero Manifesta tutti i rami che danno accesso alle opzioni di
configurazione dei moduli disponibili del software.
Proprietà Permette di fare l'enumerazione di tutte le opzioni associate con
un ramo con i loro tipi e valori predefiniti.
Configurazione Permette di enumerare le opzioni visibili per un certo ramo.

Alcune opzioni come la selezione del linguaggio richiedono l’avvio


dell'applicazione.

12.1. Elenco delle opzioni


12.1.1. Applicazione
Opzioni Funzione
Nome dell’utente Permette di precisare il nome dell'utente.
Società Permette di precisare la società.
Numero d’annullazioni Permette di precisare il numero massimo d’annullamenti
possibili.
Lingua Permette di precisare la lingua del software.
Unità dei componenti Permette di precisare le unità dei componenti.
Unità della righella Permette di precisare le unità del righello.
Nuovo progetto all’avvio Permette di precisare l’apertura o non di un nuovo progetto
all’avvio.
Sempre creare una copia Permette di precisare o non la creazione di una copia di
di salvaguardia salvaguardia.
Affiggere il riepilogo del Permette d’affiggere o non il riepilogo del progetto alla prima
progetto alla prima salvaguardia.
salvaguardia
Elenco dei documenti Permette di precisare il numero di file utilizzati recentemente.
recenti

12-12
Configurazione del software

Opzioni Funzione
Modalità di simulazione Permette di precisare un valore numerico per la modalità di
simulazione.
Cartella dei modelli di Permette di precisare la cartella dei modelli di progetto.
progetti
Cartella dei modelli dei Permette di precisare la cartella dei modelli.
diagrammi
Cartella dei modelli di Permette di precisare la cartella dei template Grafcet.
Grafcet
Cartella dei modelli di Permette di precisare la cartella dei template del rapporto.
rapporti
Salvaguardia automatica Permette di fare la salvaguardia automatica della biblioteca alla
della biblioteca chiusura del software.

12.1.2. Editore di diagramma


Opzioni Funzione
Larghezza del Permette di precisare la larghezza della pagina del diagramma.
diagramma
Altezza del diagramma Permette di precisare l’altezza della pagina del diagramma.
Orientamento del Permette di precisare l’orientamento della pagine del diagramma.
diagramma
Margini del diagramma Permette di precisare i margini della pagine del diagramma.
Scala del diagramma Permette di precisare la scala della pagina del diagramma.
Affiggere la griglia Permette d’affiggere o non la griglia.
Affiggere le righelle Permette d’affiggere o non le righelle.
Affiggere i porti di Permette d’affiggere o non i porti di connessioni.
connessione
Affiggere i contatti Permette d’affiggere o non i contatti meccanici.
meccanici
Affiggere i nomi dei Permette d’affiggere o non i nomi dei porti di connessione.
porti di connessione
Zoom iniziale della Permette d’affiggere o non un zoom iniziale sul diagramma.
pagina

12-13
Manuale per l’utente – Automation Studio

12.1.3. Nucleo
Opzioni Funzione
Colore dei componenti Permette di precisare il colore del componente per difetto.
per difetto
Colore connessioni liberi Permette di precisare il colore delle connessioni libere.
Colore del legame Permette di precisare il colore del legame generico.
generico
Colore del componente a Permette di precisare il colore dei componenti che possono
animare essere animati.
Colore del componente Permette di precisare il colore dei componenti che sono animati.
animato

12.1.4. Workshop CAD


Opzioni Funzioni
Colore delle linee per Permette di precisare il colore delle linee.
difetto
Stile linea per difetto Permette di precisare lo stile delle linee.
Larghezza delle linee Permette di precisare la larghezza delle linee.
Modello di riempimento Permette di precisare un valore numerico per lo scopo di
riempimento.
Colore di sfondo per Permette di precisare un colore di sfondo.
difetto
Colore di primo-piano Permette di precisare un colore di primo piano per difetto.
per difetto
Inizio di linea Permette di precisare un valore numerico per l’inizio della linea.
Statura di inizio di linea Permette di precisare un valore numerico per la dimensione
d’inizio di linea.
Fine di linea Permette di precisare un valore numerico per la fine di linea.
Statura di fine di linea Permette di precisare un valore numerico per la dimensione di
fine di linea.
Carattere Permette di precisare il carattere.
Altezza dei caratteri Permette di precisare l’altezza dei caratteri.

12-14
Configurazione del software

Opzioni Funzioni
Carattere grassetto per Permette di indicare la presenza dei caratteri.
difetto
Carattere italico per Permette di indicare o non se il carattere per difetto è italico.
difetto
Carattere sottolineato per Permette di indicare o non se il carattere per difetto è
difetto sottolineato.
Carattere sbarrato per Permette di indicare o non se il carattere per difetto è cancellato.
difetto
Chiusura automatica del Permette di indicare o non la chiusura automatica del poligono.
poligono
Ritorno alla linea Permette di rinviare automaticamente alla linea seguente una
automatico parola troppo lunga per occupare lo spazio che resta alla fine
della linea in una finestra di testo.

12.1.5. Modulo di Grafcet


Opzioni Funzione
Larghezza del Permette di precisare la larghezza della pagina del diagramma.
diagramma
Altezza del diagramma Permette di precisare l’altezza della pagina del diagramma.
Orientamento del Permette di precisare l’orientamento della pagina del diagramma.
diagramma
Margini del diagramma Permette di precisare i margini della pagina del diagramma.
Scala del diagramma Permette di precisare la scala della pagina del diagramma.
Affiggere la griglia Permette d’affiggere o no la griglia nel modulo del Grafcet.
Affiggere i righelli Permette d’affiggere o no i righelli nel modulo del Grafcet.
Affiggere i porti di Permette d’affiggere o no i porti di connessione nel modulo del
connessione Grafcet.
Zoom iniziale della Permette d’affiggere o no una pagina di zoom iniziale nel
pagina modulo del Grafcet.
Regolazione automatica Permette d’aggiustare o no i vergenti automaticamente.
dei vergenti

12-15
Manuale per l’utente – Automation Studio

Opzioni Funzione
Rinvio automatico su Permette d’avere o non una etichetta Jump-To automatico su
transizione positiva legami montanti.
Apertura automatica Permette di precisare se la finestra di dialogo delle proprietà si
della finestra di dialogo apre automaticamente o no.
Formulato (azione, Permette di precisare o non gli enunciati di livello 2.
condizione), livello 2
Commenti livello 1 Permette d’avere o no dei commenti di livello 1.
Animazione booleano Permette d’avere o no una animazione booleane.
Animazione numerica Permette d’avere o no una animazione numerica.
Seguito di tappe attive Permette d’avere o no svolgimento di tappa attiva.
Applicare colori agli Permette d’applicare o no i colori degli elementi di sintassi.
elementi di sintassi
Colore degli operatori Permette di precisare il colore degli operatori.
Colore dei valori Permette di precisare il colore dei numeri.
numerici
Colore degli mnemonici Permette di precisare il colore degli mnemonici.
Colore degli mnemonici Permette di precisare il colore degli mnemonici non-definiti.
non-definiti
Colore del componente Permette di precisare il colore del componente selezionato.
selezionato

12.1.6. Modulo di simulazione


Opzioni Funzione
Fattore di velocità lenta Permette di precisare un fattore di velocità lenta.
Coefficiente di Permette di precisare un beta idraulico.
compressibilità
Pressione atmosferica Permette di precisare la pressione atmosferica.
(kPa)
G Permette di precisare un fattore G (gravità).

12-16
Configurazione del software

12.1.7. Modulo del Tracciatore


Opzioni Funzione
Colore di sfondo nero Permette di precisare il colore della zona di tracciamento delle
curve d’evoluzione temporale.
Colore della griglia Permette di precisare il colore della griglia che appare sulla zona
di tracciamento delle curve d’evoluzione temporale.
Colore della scala Permette di precisare il colore della scala di tempo che appare
sotto la zona di tracciamento delle curve d’evoluzione temporale.
Colore Graph1 Permette di precisare il colore della prima variabile nell’elenco.
Colore Graph2 Permette di precisare il colore della seconda variabile
nell’elenco.
Colore Graph3 Permette di precisare il colore della terza variabile nell’elenco.
Colore Graph4 Permette di precisare il colore della quarta variabile nell’elenco.
Colore Graph5 Permette di precisare il colore della quinta variabile nell’elenco.
Periodo d’affissione in Permette di precisare il numero di secondi per difetto durante
secondo quale la curva è visibile nella zona di tracciamento.
Numero massimo dei Numero massimo di punti memorizzato durante un tracciamento
valori per un di una curva.
tracciamento
Spessore del tratto Permette di precisare lo spessore del tratto della curva nella zona
di tracciamento e nella scala.

12.1.8. Workshop Idraulico


Opzioni Funzione
Larghezza del legame in Permette di precisare la larghezza dei legami in simulazione.
simulazione
Larghezza della freccia Permette di precisare la larghezza della freccia di flusso in
di flusso simulazione.
Altezza della freccia di Permette di precisare l’altezza della freccia di flusso in
flusso simulazione.
Pressione minimale Permette di precisare una pressione minima.
Limite di bassa pressione Permette di precisare un limite di pressione bassa.

12-17
Manuale per l’utente – Automation Studio

Opzioni Funzione
Limite di alta pressione Permette di precisare un limite di pressione alta.
Pressione massimale Permette di precisare una pressione massima.
Condotta di pressione Permette di precisare il colore di una condotta di alta pressione.
alta
Condotta di pressione Permette di precisare il colore di una condotta di pressione bassa.
bassa
Condotta di rimozione in Permette di precisare il colore di una condotta di pressione a
depressione vuoto.
Condotta di rimozione Permette di precisare il colore di una condotta di pressione
non determinato indeterminata.
Condotta di pilotaggio – Permette di precisare il colore di una condotta pilotata alta
alta pressione pressione.
Condotta di pilotaggio – Permette di precisare il colore di una condotta pilotata bassa
bassa pressione pressione.
Condotta di pilotaggio in Permette di precisare il colore di una condotta pilotata in
depressione depressione.
Condotta di pilotaggio Permette di precisare il colore di una condotta pilotata
non determinato indeterminata.
Colore della condotta di Permette di precisare il colore della condotta di drenaggio.
drenaggio
Affiggere la direzione Permette di mostrare la direzione del flusso.
del flusso

12.1.9. Editore di curve


Opzione Funzione
Colore di sfondo Permette di specificare il colore di sfondo della zona grafica
Colore della grillia Permette di specificare il colore della grillia della zona grafica
Colore della selezione Permette di specificare il colore di una curva selezionata
Colore delle curve Permette di specificare il colore delle curve per difetto
Costrizione non Permette di specificare il colore delle curve che non rispettono
rispettata le costrizioni

12-18
Configurazione del software

Opzione Funzione
Spessore delle linee Permette di specificare lo spessore delle linee che rappresentono
le curve
Larghezza dei punti Permette di specificare la larghezza dei punti rappresentati da
(mm) quadrati

12-19
A. Scorciatoie della tastiera e del
mouse

Molti tasti della tastiera, associati tra essi o con il mouse, permettono di semplificare ed
accelerare le operazioni. Questa appendice vi presenta tutte le combinazioni di tasti utilizzati
in questo software.
L'appendice A è diviso in tre sezioni :
• Scorciatoie della tastiera;
• Tasti di spostamento;
• Scorciatoie del mouse.

A.1 Scorciatoie della tastiera


Le scorciatoie della tastiera sono create per permettere un'esecuzione rapida dei comandi più
utilizzati. Riguardano generalmente i comandi comuni alle utilità.

A.1.1 Menu « Documento »


Accorciate Comando
CTRL+N Nuovo
CTRL+O Aprire
CTRL+S Salvare
CTRL+P Stampare
ALT+F4 Uscire

A.1.2 Menu « Edizione »


Accorciate Comando
CTRL+Z Annullare
CTRL+Y Rifare
ALT+ENTER Proprietà dei componenti

A-1
Manuale per l’utente – Automation Studio

Accorciate Comando
CTRL+X Tagliare
CTRL+C Copiare
CTRL+V Incollare
CTRL+D Duplicare
SUPPR Cancellare
CTRL+A Seleziona tutto
F2 Edizione dei componenti di tipo testo

A.1.3 Menu « Zoom »


Accorciate Comando
CTRL++ Zoom +
CTRL + - Zoom -
CTRL+Q Aggancio del componente

A.1.4 Menu « Disposizione »


Accorciate Comando
CTRL+H Rotazione destra
CTRL+F Capovolgere verticalmente
CTRL+T Capovolgere orizzontalmente
CTRL+ pg. prec Primo piano
CTRL+ pg. seg Ultimo piano
SHIFT+ pg. prec Avanzare
SHIFT+ pg. seg Mandare indietro
CTRL+G Raggruppare
CTRL+U Separare
CTRL+J Convertire legame in rinvio
CTRL+L Legame diretto

A-2
Scorciatoie della tastiera e del mouse

A.1.5 Menu « Finestra » → « Affiggere »


Accorciate Comando
F6 Sbarra degli strumenti
F7 Messaggi
F8 Esploratore di progetti
F9 Esploratore delle biblioteche
F10 Tracciatore
F11 Sbarra di stato
F12 Gestore di variabili

A.1.6 Menu « Aiuto »


Accorciate Comando
F1 Aiuto contestuale

A.2 I tasti di spostamento


I tasti di spostamento permettono di navigare all'interno dell'albero dell'Esploratore delle
biblioteche.

A.2.1 Tasti di spostamento nell’Esploratore di progetti


Tasti o accorciate Spostamento
↑ Una linea verso l’alto.
↓ Una linea verso il basso.
pg. seg o origine Piazza la selezione in basso dell’albero.
pg. Prec o fine Piazza la selezione in alto dell’albero.

A-3
Manuale per l’utente – Automation Studio

A.2.2 Tasti di spostamento di una selezione in un


diagramma
Tasti o accorciate Spostamento
→ Sposta un componente di un passo della griglia verso la destra.
Sposta un componente di un passo della griglia verso la

sinistra.
↑ Sposta un componente di un passo della griglia verso l’alto.
↓ Sposta un componente di un passo della griglia verso il basso.
CTRL+→ Sposta l’affissione verso la destra.
CTRL+← Sposta l’affissione verso la sinistra.
CTRL+↑ Sposta l’affissione verso l’alto.
CTRL+↓ Sposta l’affissione verso il basso.
HOME Sposta l’affissione verso il lato superiore destro.
END Sposta l’affissione verso il lato inferiore sinistro.
CTRL+ END Sposta l’affissione verso il lato superiore sinistro.
CTRL+ Fine Sposta l’affissione verso il lato inferiore destro.

A.3 Scorciatoie del mouse


A.3.1 Esploratore di progetti
Azione Su Effetto
Fare clic con il tasto sinistro Un diagramma nello spazio di Seleziona il diagramma.
lavoro.
Fare doppio-clic con il tasto Un diagramma nello spazio di Apre una finestra del
sinistro lavoro. diagramma.

A-4
Scorciatoie della tastiera e del mouse

A.3.2 Editore di diagramma


Azione Su Effetto
Fare clic con il tasto sinistro Un componente nello spazio Seleziona il componente.
di lavoro.
Doppio-clic sul tasto Un componente nello spazio Apre la scheda « Proprietà »
sinistro di lavoro. del componente.
CTRL + fare clic son il tasto Un componente selezionato Duplica il componente.
sinistro nello spazio di lavoro.
CTRL + fare clic con il tasto Un'impugnatura di rotazione. Applica una rotazione
sinistro ortogonale al componente.
CTRL + fare clic con il tasto Un'impugnatura di Applica un ridimensionamento
sinistro ridimensionamento. disproporzionale al
componente.
CTRL + fare clic con il tasto Un rettangolo. Disegna un quadrato perfetto.
sinistro
CTRL + fare clic con il tasto Un ellisse. Disegna un cerchio perfetto.
sinistro
CTRL + fare clic con il tasto Un arco. Disegna un arco di cerchio
sinistro perfetto.
SHIFT+ fare clic con il tasto Un componente non- Aggiunge questo componente
sinistro selezionato o nello spazio di alla selezione già fatta.
lavoro.
SHIFT + fare clic con il tasto Un componente selezionato Rimuove questo componente
sinistro nello spazio di lavoro. della selezione.
SHIFT+ fare clic con il tasto Un componente per lo Stacca il componente dei suoi
sinistro spostare. legami.
Fare clic con il tasto destro Un componente nello spazio Affigge il menu contestuale
di lavoro. del componente.
Fare clic con il tasto destro Lo spazio di lavoro. Affigge il menu contestuale
del diagramma.
CTRL+rotella Lo spazio di lavoro. Aumenta e riduce la
percentuale del zoom della
pagina.
SHIFT+rotella Lo spazio di lavoro. Muove la pagina
orizzontalmente.

A-5
Manuale per l’utente – Automation Studio

Azione Su Effetto
Rotella Lo spazio di lavoro. Muove la pagina
verticalmente.

A-6
B. Glossario

Alfanumerico

Qualifica un'espressione composta da caratteri che appartengono al gioco completo di


caratteri riconosciuti dalla macchina, i caratteri principali sono le 10 cifre decimali e le 26
lettere capitali.

A.P.I.

Sigla Automato Programmabile Industriale.

Assemblaggio

Gruppo considerato come un solo componente nei rapporti (casella « Assemblaggio »


spuntata nella finestra di dialogo del gruppo).

Automatismo

Un dispositivo, sistema o strumentazione che permette ad un apparecchio di effettuare


un'operazione senza l'intervento di un operatore.

Ciclo di simulazione

Corrisponde ad un ciclo di calcolo che determina lo stato di ogni componente.

Classificatore di documenti

Contenuto di una finestra dell'Esploratore di progetti. Il selezionatore di documenti consiste in


un elenco che enumera i documenti del progetto.

Collegamento

Un collegamento collega due componenti e permette la trasmissione di fluidi (aria o olio) o di


corrente elettrica. Simbolizza, per mezzo di cerchi, il punto che collega i legami o i
componenti tra loro. I collegamenti sono dello stesso colore degli elementi se i punti di
collegamenti sono in contatto e collegati e di colori diversi quando i punti non sono collegati.

B-1
Manuale per l’utente – Automation Studio

Componente

Simboli che si trovano nelle biblioteche e che servono a disegnare diagrammi. Le proprietà
« Dati tecnici » sono utilizzate per valutare il comportamento in simulazione, le proprietà
cataloghi sono utilizzate per generare relazioni. Alcune di queste proprietà sono affissabili sul
diagramma.

Connessione

Esistono due tipi di connessione: collegamenti ed i contatti meccanici.

Connettore

Elemento rappresentato da un cerchio rosso quando non collegato. Permette di effettuare un


collegamento tra due componenti. Un connettore diventa un collegamento non appena è
collegato ad un altro elemento.

Diagramma

Diagramma che permette di rappresentare graficamente un circuito per mezzo di elementi e di


componenti scelti nella biblioteca dei workshops.

Esploratore delle biblioteche

Finestra che raccoglie le biblioteche (unghie) che contengono i simboli di base per la
concezione di un circuito per la simulazione. Questi elementi possono essere di due tipi:
simboli ed oggetti grafici. Questi elementi sono forniti dai workshops.

Esploratore di progetti

Utilità che permette la creazione, la modifica e la gestione di archivi « progetti ».


L'Esploratore di progetti contiene il selezionatore di documenti che enumera tutti i documenti
del progetto.

Foglio di lavoro

Zona bianca stampabile del diagramma (pagina).

Forma del collegamento

Tracciato che segue il legame tra due punti di collegamento.

B-2
Glossario

Griglia

Linee punteggiate orizzontali e verticali nello spazio di lavoro dell'Editore di diagrammi sulle
quali gli elementi del diagramma si allineano.

Gruppo

Insieme di simboli o elementi grafici raggruppati in una sola entità.

Interfaccia utente

Ambiente costituito dalle finestre, le finestre di dialogo, i menu, i comandi, il mouse, i


bottoni, ecc. permettendo all'utente di comunicare con il computer.

Legame

Elemento della biblioteca che serve a collegare i componenti di un diagramma. In


simulazione, il legame trasmette un segnale (aria, olio o elettrico) da un componente all'altro.

Menu contestuale

Menu standard di Windows, disponibile in tutte le finestre, simbolizzato da una casella


nell'angolo superiore sinistro di ogni finestra. (Per ulteriori dettagli, vedere la guida dell'utente
di Windows).

Menu « Sistema »

Menu standard di Windows, disponibile in tutte le finestre, simbolizzato da una casella


nell'angolo superiore sinistro di ogni finestra. (Per ulteriori dettagli, vedere la guida dell'utente
di Windows).

Modalità Edizione

Modalità di funzionamento durante la quale i diagrammi del progetto sono creati e modificati.
Esiste una seconda modalità: simulazione.

Modalità Simulazione

Modalità di funzionamento durante la quale un progetto o un diagramma è sono simulati.


Contrariamente al modo edizione, nessuna modifica del progetto può avere luogo nel corso di
questo modo.

B-3
Manuale per l’utente – Automation Studio

Numero di connessione

Numero associato ad ogni punto di collegamento dei componenti.

Oggetto grafico

Un oggetto grafico può essere inserito in un diagramma a titolo d'elemento non funzionale.
Esistono dieci oggetti grafici: la linea, il rettangolo, l'arco, l'ellisse, il poligono, il testo,
l'immagine, il campo, la nomenclatura ed il legame.

Progetto

Insieme coerente formato dai diagrammi. Il progetto è gestito dall'Esploratore di progetti.

Proprietà

Caratteristiche o parametri di un componente. Potete modificare o visualizzare le proprietà


aprendo la finestra di dialogo « Proprietà » del componente.

Punto di contatto

Connessioni che collegano un sensore ad un ricevitore che permette ad un componente di


influenzare il comportamento di un altro. Questi contatti sono rappresentati da una losanga
che appare al punto di contatto. Contrariamente ai collegamenti, il colore delle losanghe non è
influenzato dallo stato della connessione.

Righelli

Le norme, affisse in bordo, indicano le unità di misura e fungono da riferimento per le


dimensioni del diagramma e la posizione rispettiva degli elementi.

Sbarra degli strumenti

Sbarra che raccoglie tasti che offrono la scelta dei comandi più utilizzati in un contesto dato
(edizione di un diagramma, simulazione, creazione di una biblioteca, ecc.).

Sbarra del menu

Sbarra orizzontale situata sotto alla sbarra di titolo del software, che mostra i menu dei
comandi disponibili per la finestra attiva.

B-4
Glossario

Sbarra di stato

Sbarra orizzontale situata in fondo di tutte le finestre di utilità, recepisce diverse informazioni
(commenti, fattore di zoom, coordinate dell'indicatore, ecc.)

Sbarra di titolo

Sbarra orizzontale situata in cima di una finestra e che contiene il titolo.

Simbolo

Elemento grafico che proviene dalla biblioteca.

Spazio di lavoro

Zona dove sono inseriti simboli e/o elementi grafici.

Stesura del progetto

Breve descrizione del progetto che appare nel suo riepilogo.

Strumenti d’affissione

Designa gli accessori di concezione dell'Editore di diagrammi: griglia, norme, collegamenti,


numeri di collegamento. La loro visualizzazione può essere scelta nel menu « Affissione ».

Utilitario

Termine generale che designa i vari tipi di finestre in questo software. Il sistema di base ha
molti strumenti : l'Esploratore di progetti, delle biblioteche, l'Editore di diagrammi,
Tracciatore e il Gestore di variabili.

Workshop

Modulo che completa l'applicazione principale. Ogni workshop contiene gli elementi, i
diagrammi e le funzioni relative alla tecnologia che lo riguarda ed al tipo di progetto che
permette di creare.

Workshop attivati

Workshop installato i cui componenti appaiono nella biblioteca dell'editore di diagrammi.

B-5
C. Indice

Affiggere Sensori ............................................5-27


Nome delle connessioni ................. 5-56 Sequenziatori ..................................5-34
Automatici programmabili Connessione
industriali........................................... 10-1 Affiggere.........................................5-56
A.P.I............................................... 10-4 Spostare ..........................................5-10
Carta d’interfaccia I/U Verificare ........................................5-70
Definizione delle proprietà ............ 10-3 Verificare i connessioni ..................5-15
Esempio d’utilizzazione................. 10-4 Controllo delle variabili......................3-41
Catalogo............................................... 8-1 Convenzioni
Accesso ............................................ 8-1 Combinazioni dei tasti e
Accessori.......................................... 8-2 Sequenza dei tasti .............................1-4
Componenti personalizzati............... 8-6 Diagramma
ID Catalogo...................................... 8-4 Impaginazione...................................5-1
Informazione.................................... 8-3 Realizzazione....................................5-1
Tabelle ............................................. 8-3 Diagramma a relè ...............................10-4
Accessori ...................................... 8-5 Disposizione
Catalogo ....................................... 8-4
Raggruppare....................................5-53
Colonne ........................................ 8-5
Corrispondenza............................. 8-3 Separazione.....................................5-54
Intestazioni ................................... 8-4 Documento
Componenti Gestione ............................................4-1
Associare campo personalizato........ 7-5 Informazione sommaria ....................5-4
Campi personalizzati........................ 7-2 Realizzazione....................................4-1
Campi standard ............................ 12-11 Editore di diagramma ...........................3-1
Inserzione....................................... 10-2 Elementi statici .................................3-2
Modificare campo personalizzato .... 7-3 Sbarra di titolo ..................................3-2
Ritiro campo personalizzato ............ 7-4 Elemento
Configuratore Copiare............................................5-54
Cilindri........................................... 5-25 Duplicare ........................................5-52
distributori proporzionali ............... 5-31 Orientamento ..................................5-53

C-1
Manuale per l’utente – Automation Studio

Rimuovere...................................... 5-52 Separare ......................................... 5-11


Rotazione ....................................... 5-53 Sistemazione .................................... 5-9
Esploratore delle biblioteche Tagliare .......................................... 5-11
Finestra Unire due legami............................ 5-12
Biblioteche.................................. 3-34 Menu
Componenti ................................ 3-34
Affissione......................................... 3-8
Puntali ............................................ 3-33 Aggancio del componente .......... 3-10
Sbarra degli strumenti .................... 3-33 Griglia........................................... 3-9
Esploratore di progetti Nome dei porti di connessione ..... 3-9
Panoramico ................................... 3-9
Finestra d’arborescenza.................. 3-35
Porti di connessione...................... 3-9
Finestra Proprietà della griglia ................. 3-10
di messaggi..................................... 3-32 Punti di contatto............................ 3-9
Finestre Righelli ......................................... 3-9
Zoom - .......................................... 3-8
Disposizione................................... 3-18
Zoom + ......................................... 3-8
Organizzazione............................... 3-17 Zoom finestra................................ 3-8
Fogli di Calcolo ................................. 11-1 Zoom pagina................................. 3-9
Gestione Zoom precedente .......................... 3-8
Documenti........................................ 4-1 Zoom tutti i componenti ............... 3-9
Aiuto .............................................. 3-20
Progetto ............................................ 4-1
A proposito ................................. 3-22
GRAFCET ......................................... 10-4 Aiuto contestuale ........................ 3-20
Griglia Registrazione del software.......... 3-21
Affiggere ........................................ 5-57 Sommario dell’aiuto ................... 3-21
Aggancio ........................................ 5-57 Supporto in linea......................... 3-21
Automation Studio sul Web .. 3-22
Proprietà ......................................... 5-57
Domande più frequenti.......... 3-22
Informazione Gruppo di discussione ........... 3-22
Catalogo ........................................... 8-3 Pagina del supporto cliente ... 3-21
Informazione affissabile Soggerimento ........................ 3-22
Formattare ........................................ 5-9 Disposizione................................... 3-12
Avanzare..................................... 3-13
Modificare........................................ 5-9
Capovolgere orizzontalmente ..... 3-13
Legame Capovolgere verticalmente ......... 3-13
Modificare...................................... 5-12 Convertire legame in rinvio ........ 3-14
Modificare le proprietà................... 5-13 Legame diretto............................ 3-14
Mandare in dietro........................ 3-13
Muovere ......................................... 5-10

C-2
Indice

Primo piano ................................ 3-13 Esploratore di progetti............3-19


Raggruppare ............................... 3-14 Gestore di variabili.................3-19
Rompere legame......................... 3-14 Messaggi ................................3-19
Rotazione 180° ........................... 3-12 Sbarra degli strumenti ............3-19
Rotazione destra ......................... 3-13 Sbarra di stato ........................3-19
Rotazione sinistra ....................... 3-12 Tracciatore .............................3-19
Separare...................................... 3-14 Cascade .......................................3-20
Sfondo ........................................ 3-13 Chiudere tutte le finestre .............3-19
Unire legami ............................... 3-14 Finestra del documento o
Documento....................................... 3-2 progetti aperti ..............................3-20
Anteprima di stampa..................... 3-5 Nuova vista..................................3-19
Aprire progetto ............................. 3-3 Tegola Orizzontale ......................3-20
Chiudere progetto ......................... 3-3 Tegola Verticale ..........................3-20
Esportare....................................... 3-5 Inserzione........................................3-10
Importare ...................................... 3-5 Arco.............................................3-11
Invia verso .................................... 3-6 Campo .........................................3-11
Nuovo ........................................... 3-3 Ellisse ..........................................3-11
Nuovo progetto............................. 3-3 Immagine.....................................3-11
Proprietà progetto ......................... 3-5 Legame........................................3-11
Registrare modello ....................... 3-4 Linea............................................3-10
Salvare progetto............................ 3-5 Poligono ......................................3-11
Salvare progetto sotto ................... 3-5 Rapporto......................................3-11
Stampare....................................... 3-5 Rettangolo ...................................3-10
Uscire ........................................... 3-6 Testo............................................3-11
Edizione ........................................... 3-6 Simulazione ....................................3-15
Annullare ...................................... 3-6 Arresto.........................................3-16
Cancellare..................................... 3-7 Documento ..................................3-16
Copiare ......................................... 3-7 Normale.......................................3-15
Duplicare ...................................... 3-7 Passo per passo............................3-15
Incollare........................................ 3-7 Pausa ...........................................3-15
Proprietà dei componenti.............. 3-7 Progetto .......................................3-16
Proprietà del documento............... 3-7 Rallentatore .................................3-15
Rifare............................................ 3-6 Selezione .....................................3-16
Selezionare tutto ........................... 3-7 Selezione dei articoli ...................3-16
Tagliare......................................... 3-7 Strumenti ........................................3-16
Finestra Configurazione dei campi ...........3-17
Affiggere .................................... 3-19 Opzioni........................................3-17
Esploratore delle Verificare le connessioni .............3-16
biblioteche............................. 3-19 Menu contestuale................................3-42

C-3
Manuale per l’utente – Automation Studio

Aprire ............................................. 3-42 Realizzazione


Comande specifiche ....................... 3-42 Diagramma....................................... 5-1
Animazione................................. 3-43 Documento....................................... 4-1
Drenaggio ................................... 3-42
Progetto............................................ 4-1
Iconi............................................ 3-43
Pilota........................................... 3-42 Righelli
Pressione..................................... 3-42 Affiggere ........................................ 5-57
Reglaggio.................................... 3-43 Sbarra degli strumenti
Rinominare ................................. 3-43
Affissione....................................... 3-25
Messaggi Panoramico ................................. 3-26
Finestra........................................... 3-32 Zoom
Oggetti grafici + ............................................ 3-26
Finestra.................................. 3-26
Attributi.......................................... 5-62
Larghezza della pagine.......... 3-26
Inserzione ....................................... 5-58 Pagina.................................... 3-26
Arco ............................................ 5-60 Percentuale ............................ 3-25
Campo......................................... 5-59 Tutto...................................... 3-26
Ellisse.......................................... 5-58
Disposizione................................... 3-27
Finestra di testo........................... 5-59
Convertire legame in rinvio ........ 3-28
Immagine .................................... 5-59
Dividere ...................................... 3-28
Legame ....................................... 5-60
Inversione orizzontale................. 3-28
Linea ........................................... 5-58
Inversione verticale..................... 3-27
Poligono...................................... 5-60
Legame diretto............................ 3-28
Rettangolo................................... 5-58
Primo piano ................................ 3-28
Linea .............................................. 5-59 Raggruppare ............................... 3-28
Ordine d’affissione......................... 5-53 Rompere legame ......................... 3-28
Progetto Rotazione 90° ............................. 3-27
Rotazione antiorario di 90°......... 3-27
Apertura ........................................... 4-3
Rotazione libera.......................... 3-27
Chiusura ........................................... 4-3 Sfondo ........................................ 3-28
Creazione ......................................... 4-1 Unire legame .............................. 3-28
Gestione ........................................... 4-1 Edizione ......................................... 3-23
Nuovo............................................... 4-1 Annullare .................................... 3-24
Copiare ....................................... 3-24
Realizzazione ................................... 4-1
Incollare...................................... 3-24
Riepilogo........................................ 4-10 Proprietà ..................................... 3-24
Salvaguardia................................... 4-10 Ristabilire ................................... 3-24
Rapporti ............................................... 9-6 Tagliare....................................... 3-24
Esploratore delle biblioteche. 3-33, 3-34

C-4
Indice

Aprire biblioteca......................... 3-34 Passo per passo............................3-25


Chiudere biblioteca..................... 3-35 Pausa ...........................................3-25
Creare biblioteca......................... 3-34 Ralentattore .................................3-25
Creare categoria.......................... 3-34 Simulazione diagramma attivo ....3-25
Rimuovere categorie................... 3-35 Simulazione progetto...................3-25
Salvare biblioteca ....................... 3-34 Simulazione Selezione ................3-25
Sbullonare biblioteca .................. 3-35 Tracciatore...................................3-25
Formato Sbarra di menu
Tipo ............................................ 3-29 Editore di diagramma .......................3-2
Visibilità ..................................... 3-29
Sbarra di stato.....................................3-29
Formato.......................................... 3-28
Selezione
Colore ......................................... 3-28
Spessore...................................... 3-29 Cornice............................................5-50
Inserimento .................................... 3-26 Selezione d’un elemento.....................5-50
Arco............................................ 3-27 Selezione Selezionare tutto.................5-51
Campo ........................................ 3-27 Simulazione
Ellisse ......................................... 3-27
Arresto ............................................5-70
Immagine.................................... 3-27
Legami........................................ 3-26 Avviare ................................. 5-67, 5-68
Linea........................................... 3-26 Circuito .........................................10-11
Poligono ..................................... 3-27 Descrizione del modo .....................5-65
Rettangolo .................................. 3-27 Diagramma .....................................5-68
Selezione .................................... 3-26
Testo ........................................... 3-27 Pausa...............................................5-70

Progetto.......................................... 3-22 Selezione delle velocità ..................5-68


Aprire un progetto ...................... 3-23 Struttura documentaria .........................1-1
Esploratore delle biblioteche ...... 3-23 Tracciatore..........................................3-29
Esploratore di progetti ................ 3-23 Aiuto ...............................................3-31
Gestore di variabili ..................... 3-23
Nuovo diagramma ...................... 3-23 Annulla ...........................................3-32
Nuovo Grafcet ............................ 3-23 Applicare ........................................3-31
Nuovo progetto........................... 3-23 Colore .............................................3-31
Nuovo rapporto........................... 3-23 Componente....................................3-31
Registrare ................................... 3-23
Elenco delle proprietà .....................3-30
Stampare..................................... 3-23
Esportare.........................................3-31
Simulazione ................................... 3-24
Arresto........................................ 3-25 Grafico ............................................3-30
Articoli a simulare ...................... 3-25 Intervallo tempo..............................3-31
Normale ...................................... 3-24

C-5
Manuale per l’utente – Automation Studio

Modificazione delle scale................. 6-4


Nome.............................................. 3-31
Proprietà ......................................... 3-31
Rimuovere...................................... 3-31
Scala ............................................... 3-30
Massimo...................................... 3-31
Minimo ....................................... 3-31
Unità corrente................................. 3-31
Variabile......................................... 3-31
Utilitarie di gestione........................... 3-32
Esploratore delle biblioteche.......... 3-32
Esploratore di progetti.................... 3-35
Gestore di variabili......................... 3-36
Utilizzo della carta interfaccia I/U ..... 10-2
Variabile
Gestore ........................................... 3-36
Verificare le connessioni.................... 5-70

C-6