Sei sulla pagina 1di 1

Inquinanti Gassosi

giovedì 22 novembre 2018 10:15

Le persone generalmente possono maneggiare liquidi o solidi con facilità, ma per quanto riguarda i gas, questi
possono essere maneggiati solo se presenti in serbatoi. Ecco perché è importante imporre una normativa su di
essi e sulle tubazioni. Ovviamente, a meno che non ci siano pozzi o giacimenti, stiamo parlando di fenomeni
accidentali in cui manca una tenuta in un serbatoio o in una delle tubazioni e quindi c'è una fuga accidentale di
gas (che potrebbero essere fortemente inquinanti come il Cloro, ammoniaca, gas naturale, fenomeni di
evaporazione e sublimazione). Se facciamo il trattamento superficiale dei metalli c'è una fase in cui il pezzo viene
immerso in un liquido tipicamente acido, il quale genera un evaporato che va captato e poi filtrato. In questo
caso stiamo parlando di un problema produttivo che dipende dal tipo di produzione appunto. Un esempio è
l'industria farmaceutica in cui si usano molti composti in reattori batch e sistemi di separazione batch. Quando io
ho a che fare con composti in fase gas e devo aprire e chiudere il batch, avrò delle perdite che vengono
tipicamente assorbite da una cappa e trattate.

I processi di combustione stazionaria e mobile rappresenta nonostante tutto la stragrande maggioranza delle
sorgenti di emissione di inquinanti.
Come si fa a sapere se un composto è inquinante e come si crea una normativa?
Si fa uno screening sulle condizioni di salute delle persone e si analizzano quali sono le dosi critiche di un certo tipo
di sostanza per le persone. Devo inoltre capire quella sostanza in atmosfera come si comporta.
Ma se ho un policiclico aromatico tossico e voglio metterci una legge, chi si trova a produrre questo composto
preferisce chiudere l'azienda in Italia piuttosto che spenderci soldi per trattarlo e spostarsi in un paese senza quella
normativa. E' complicato.
Ci sono normative per cui alla fine la gente si è dovuta rassegnare.
Per cui ha senso mettere una norma sul policiclico aromatico, oppure ha più senso mettere una norma sull'SO2?
Perché se si guarda la tossicità di qualcosa effettivamente non si potrebbe nemmeno prendere medicinali.
L'idea di inserire una normativa nasce anche dalla valutazione delle quantità emesse e dall'impatto sulla salute delle
persone.
Io conosco e studio la tossicità di vari inquinanti e di quelli particolarmente tossici pongo dei limiti. Riconosco, però,
tra quegli inquinanti quelli che sono emessi in quantità maggiore. So che c'è molto zolfo nei combustibili che
vengono utilizzati e che la quantità di SO2 che viene fuori in aria è molto alta.
Devo però effettivamente definire un valore soglia a cui la concentrazione dell'inquinante diventa dannosa. (E'
ovvio che chi si trova a lavorare nell'impianto in cui viene prodotto l'inquinante sarà più esposto di chi vive in città e
che vedrà concentrazioni di quell'inquinante molto minori).
Dentro una lista di inquinanti ci sono migliaia di composti tossici, anche più dei policiclici aromatici, ma bisogna
vedere qual è la concentrazione in atmosfera.
A quali inquinanti guardo per prima? Tutti i prodotti di una combustione incompleta: CH4, CO, SO2, As, NOx,
idrocarburi e composti aromatici.
PS. Io posso misurare abbastanza facilmente degli idrocarburi ma se devo misurare degli aromatici di una certa
complessità vado in difficoltà. (Come faccio a controllare che la normativa venga applicata? Non posso misurare la
quantità di policiclici aromatici nell'aria e quindi non so se la normativa viene rispettata).
Quando una produzione non è possibile si pensa di cambiare combustibile.
Sulle acque e sui sedimenti la situazione è complicata perché l'inquinamento non lo vediamo. Se guardiamo
all'inquinamento di una matrice naturale, e la falda acquifera è inquinata (come nella terra dei fuochi)
Sull'aria il discorso è più facile perché le emissioni in atmosfera si mischiano. Per vedere quant'è l'impatto di un
inquinante bisogna vedere quante persone vanno in ospedale a carico dello s tato perché la qualità dell'aria è
bassa. Quindi ci sono norme sul livello di TOSSICITA', qualità dell'ARIA, caratteristiche allo SCARICO.
Mentre per il livello di tossicità noi possiamo fare valutazioni biologiche, sulla qualità dell'aria e caratteristiche allo
scarico bisogna avere degli strumenti di misura.
Le norme vengono imposte anche rispetto alla finezza tecnologica. Per esempio, se non riesco a produrre meno di
120 ppm di SO2 da un motore diesel, la norma avrà il tetto a 160 ppm.

Lezione 1 6novembre Pagina 1