Sei sulla pagina 1di 314

A sa limba

LINGUISTICA / 3

ISBN: 88-8467-170-1
Su sardu. Limba de Sardigna e limba de Europa

© 2004 Cooperativa Universitaria Editrice Cagliaritana


prima edizione aprile 2004

Senza il permesso scritto dell’Editore è vietata la riproduzione, anche parziale, con qualsiasi mezzo
effettuata, compresa la fotocopia, anche ad uso interno o didattico.

Realizzazione editoriale: CUEC


via Is Mirrionis 1, 09123 Cagliari
Tel/fax 070271573 - 070291201

www.cuec.it
e-mail: info@cuec.it

Stampa: S o l t e r – Cagliari

Realizzazione grafica della copertina: B i p l a n o – Cagliari


I NDICE / Ì NDITZE

LUCIA GRIMALDI/GUIDO MENSCHING


Prefazione/Prefatzione 9

Parte I

L’arcaicità del sardo / S’arcaitzitade de su sardu

GUIDO MENSCHING
Su sardu – limba arcàica o limba moderna? 27

THOMAS KREFELD
Un mito da smontare: l’arcaicità del vocalismo sardo 55

PETER KOCH
Il cosiddetto “conservatorismo” lessicale del sardo 67

Parte II

La standardizzazione del sardo / S’istandardizzatzione de su sardu

HEINZ JÜRGEN WOLF


La lingua sarda standard e la toponomastica 107

MICHEL CONTINI
Noragugume, così vicina a Nuoro… 113

XAVIER FRÍAS CONDE


Su galitzianu, su catalanu e su sardu: comente arribare
a una standardizatzione. Modellos e circustántzias 139

MASSIMO PITTAU
La questione della lingua sarda oggi.
Proposte fatte e provvedimenti da prendere 157
Parte III

Aspetti multimediali / Aspettos multimediales

LUCIA GRIMALDI
Internet: una prospettiva per la promozione e lo studio delle
lingue “minoritarie” 169

DIETER KATTENBUSCH/CAROLA KÖHLER


La Sardegna nel progetto VIVALDI 193

EVA-MARIA REMBERGER
Traduzione automatica al servizio della lingua sarda:
stato attuale e prospettive 205

Parte IV

La prospettiva europea / Sa prospettiva europea

ROBERTO BOLOGNESI/WILBERT HEERINGA


L’influsso delle lingue dominanti sul lessico
e la fonologia dei dialetti sardi 231

BERND KIELHÖFER
Competenze linguistiche tra i figli degli emigrati sardi e
italiani a Berlino 279

CARLA CAPRIOLI
Azioni di promozione e tutela delle lingue “minoritarie”
da parte della Commissione europea 293
Prefazione

Prefatzione
Prefazione

Lo studio della lingua sarda gode, nell’ambito della filologia romanza, di una
tradizione relativamente lunga che la individua come la lingua romanza che ha
conservato il maggior numero di tratti del latino. Di conseguenza, l’interesse
dei linguisti ne ha privilegiato soprattutto la prospettiva storica. Accanto a rare
descrizioni di carattere strutturale e ad alcune di carattere sociolinguistico,
l’interesse per la lingua sarda assume, a partire dagli anni Settanta, una dimen-
sione più ampia che, nell’ambito di una nuova corrente emancipatrice, rivolge
l’attenzione anche alla standardizzazione. È in questo periodo che va localiz-
zata una proposta di legge per il riconoscimento della lingua sarda e per l’in-
troduzione del bilinguismo, presentata nel 1978 in riferimento all’articolo 6
della Costituzione Italiana. Il ventennio seguente è caratterizzato da numerose
discussioni linguistiche e da un notevole investimento di mezzi in campagne
volte a favorire l’utilizzo del sardo come lingua scritta. Tuttavia si è trattato di
iniziative prettamente individuali, accompagnate da una stagnazione della
“questione della lingua sarda” a livello politico.
Negli anni Novanta del ventesimo secolo, molti ambiti socioculturali han-
no potuto osservare una crescente “europeizzazione” e globalizzazione. Anche
le lingue “minoritarie” sono state coinvolte da tale processo. Da un lato, va
menzionato il boom informatico ed il crescente perfezionamento di internet
che, in qualità di sistema aperto, fornisce alle lingue “minoritarie” una cornice
ideale per presentarsi a livello internazionale. Anche il sardo ha fatto presto la
sua comparsa su internet, affermandosi sempre più, pur continuando a regi-
strare un’assenza nei mass-media tradizionali quali la stampa, la radio e la
televisione. Il secondo aspetto che assume una crescente rilevanza negli anni
Novanta è il dibattito sulle lingue in pericolo, anch’esso condotto su scala
mondiale sia dai linguisti sia dall’opinione pubblica. Entrambi gli aspetti sono
stati presto collegati: non è un caso che alcune delle maggiori opere su questo
tema, quali l’UNESCO Red Book on Endangered Languages o l’opera enci-
clopedica Ethnologue siano state pubblicate in versione elettronica su internet.
Prefatzione

S’istùdiu de sa limba sarda juchet una traditzione longa bastante in su campu


de sa filolozia romànica, chi si nd’est interessada mascamente dae unu puntu
de bista istòricu. Diffattis, su sardu est istau cussiderau dae meda (e in parte
fintzas a oje) sa limba romànica chi at mantesu su nùmeru prus mannu de
caratterìsticas de su latinu. A parte de descrissiones raras de caràttere istruttu-
rale e àtteras de zenia sotziolinguìstica, naschet, a cumintzare dae sos annos
settanta, una dimensione noba de s’interesse linguìsticu relativu a su sardu:
comente parte de una currente noba d’emantzipatzione, si dabat attentzione
fintzas a sa chistione de s’istandardizzatzione. E fit in custu tempus chi accat-
tamus una proposta de lezze pro riconnoscher sa limba sarda e pro introducher
su bilinguismu, presentada in s’annu 1978 chin riferimentu a s’artìculu 6 de sa
Costitussione Italiana. Sos binti annos appustis juchian medas discussiones
linguìsticas e campagnas mannas a favore de s’usu iscrittu de su sardu, ma fin
semper initziativas sìngulas, mentres a livellu polìticu sa “chistione de sa
limba sarda” abbarabat, in pràtica, firma.
In sos annos nobanta de su nobechentos, àreas meda de sa sotziedade e de
sa curtura an tentu iffrussos dae una “europeizzatzione” e una globalizza-
tzione semper prus manna. Puru sas limbas “minoritàrias” an partetzipau in
custu protzessu. Dae una banda bisonzat de mentovare s’isprosione de internet
chi, dae su puntu de bista tècnicu, diventaiat cada borta prus perfettu. Sico-
mente si trattat de unu sistema apertu, sas limbas “minoritàrias” no an istentau
meda pro b’accattare unu locu e pro si presentare a livellu internatzionale.
Fintzas su sardu b’est intrau impresse e chin una presèntzia semper prus man-
na, cuntrastande chin sa mancàntzia sua in sos “mass-media” traditzionales
comente s’istampa, sa ràdiu e sa televisione. Su ’e duos aspettos chi naschet in
sos annos nobanta est su dibàttitu supra de sas “limbas in perìculu”, chi, custu
puru, fit lebau a livellu globale, siat in linguìstica, siat puru in s’opinione
prùbbica. Ambos duos sos aspettos, a s’impresse, si fin unios a pare: no est
pro casu chi paritzas de sas òperas mannas a favore de sas limbas in perìculu,
comente su UNESCO Red Book on Endangered Languages o s’òpera en-
tziclopèdica Ethnologue sian istadas prubbicadas in versione elettrònica in
internet.
12 Prefazione

Inoltre, nel 1992, il Consiglio d’Europa ha varato la Carta Europea per le


lingue regionali o minoritarie i cui obiettivi fondamentali concernono il rico-
noscimento di tali lingue in quanto espressione di ricchezza culturale ed il loro
utilizzo in ambito scolastico, mediatico, amministrativo e giudiziario, così co-
me in quello economico e sociale. In seguito a questa Carta, la lingua sarda,
menzionata esplicitamente nel documento, non ha dovuto attendere a lungo
per ottenere un riconoscimento anche a livello regionale e nazionale ed una
legislazione atta a garantire il bilinguismo. A tale proposito gli eventi precipi-
tano verso la fine degli anni Novanta: nel 1997 entra in vigore la legge regio-
nale n. 26 e due anni dopo, infine, la tanto attesa legge nazionale (n. 482). Su
proposta dell’Osservatorio regionale per la cultura e la lingua sarda, eletto a
norma dell’articolo 5 della sopraccitata legge regionale, è stata istituita una
commissione che, nel 2001, ha presentato una proposta per la standardizzazio-
ne del sardo, la cosiddetta Limba Sarda Unificada (LSU). Inoltre, il 2001 è
stato l’Anno Europeo delle Lingue. Questi eventi ci apparvero talmente impor-
tanti da rendere necessaria una discussione dei recenti sviluppi in un quadro
internazionale.
All’incirca nello stesso periodo qui a Berlino si è sviluppato un intenso
interesse per la lingua e la cultura sarda. Nel 2000 è stato inaugurato il Circolo
Sardo di Berlino e, nello stesso anno, la Freie Universität di Berlino ha istitui-
to una cattedra dedicata in parte alla ricerca e all’insegnamento del sardo. Pa-
rallelamente, presso la Humboldt-Universität di Berlino, nasceva un progetto
di geografia linguistica concernente anche la lingua sarda. Quindi, in accordo
con il Circolo Sardo, pensammo che la città di Berlino avrebbe fornito la cor-
nice ideale per un congresso internazionale dedicato alla lingua sarda. Il con-
gresso Su sardu: limba de Sardinna e limba de Europa si è tenuto presso la
Freie Universität di Berlino dal 30 novembre al 2 dicembre 2001 ed ha visto
la partecipazione di 16 relatori provenienti sia da Sardegna e penisola, sia da
paesi esteri quali Francia, Regno Unito, Spagna, Paesi Bassi e Germania.
Alla luce dei suddetti sviluppi a livello locale ed europeo, ci eravamo pro-
posti di discutere soprattutto le seguenti questioni:

• È possibile riunire in un unico idioma i diversi idiomi sardi, così


differenti benché imparentati tra loro?
• Può il sardo diventare una lingua europea moderna?
• Quali condizioni linguistiche, sociali e politiche sono necessarie a
questo scopo?
Prefatzione 13

A livellu europeu, in s’annu 1992, su Cussizu d’Europa at approbau sa


Carta Europea pro sas limbas rezonales o minoritàrias. Sos obiettivos de cu-
sta Carta sun, tra àtteras cosas, de riconnoscher sas limbas in chistione co-
mente ispressione de ricchesa curturale e s’usu issoro in s’educatzione, in sos
“mass-media”, in s’amministratzione prùbbica, in su sistema de zustìssia, e
puru in s’àrea econòmica e sotziale. A sa sichida de custu documentu, sa
limba sarda, chi bi si fentomat in forma cara, no at dèppiu prus isettare meda
pro esser riconnotta fintzas a livellu rezonale e natzionale e pro ottenner sas
lezzes adattas a facher possìbile su bilinguismu. Sos eventos in propòsitu
s’ammuntonan a sa fine de sos annos nobanta: in su 1997 intrat in vigore sa
lezze rezonale n. 26, e in su 1999, a sa fine, sa lezze natzionale (n. 482) iset-
tada dae tantu tempus. S’Osserbatòriu rezonale pro sa curtura e sa limba
sarda, elettu a norma de s’artìculu 5 de sa mentovada lezze rezonale, proponet
de formare una cummissione chi, in su 2001, at presentau una proposta pro
s’istandardizzatzione de su sardu, muttia Limba Sarda Unificada (LSU). In
prus, s’annu 2001 fit s’Annu Europeu de sas Limbas. Custos eventos nos sun
pàrfios gai importantes chi amus crèttiu chi diat esser netzessàriu a discuter
sos irviluppos rechentes in unu cuntestu internatzionale.
Prus o mancu a su matessi tempus, innoche in Berlinu s’est irvillupau
un’interesse mannu pro sa limba e sa curtura sarda. In su 2000 s’est inaugurau
su Tzìrculu Sardu de Berlinu e, in su matessi annu, sa Freie Universität de
Berlinu at istituiu una càttedra dedicada, in parte, a s’investigatzione e a s’in-
segnamentu de su sardu. In parallelu, in sa Humboldt-Universität de Berlinu,
bi fit unu prozettu de zeografia linguìstica in ube intrabat fintzas su sardu.
Duncas, in pare chin su Tzìrculu Sardu, amus pessau chi sa tzittade de Berlinu
diat esser istada unu locu adattu pro bi facher unu cumbènniu internatzionale
dedicau a sa limba sarda. Su cumbènniu Su sardu: limba de Sardinna e limba
de Europa s’est fattu in sa Freie Universität de Berlinu dae su 30 de Sant’An-
dria a su 2 de nadale de su 2001, e b’an partetzipau in tottu 16 reladores chi
benian dae sa Sardigna e de sa penìsula, ma puru dae Frantzia, su Regnu Uniu,
s’Ispagna, sos Paesos Bassos e dae sa Zermània.
Tenende comente fundu sos irvilluppos rechentes sardos e europeos men-
tovaos in susu, abamus pessau de faveddare mascamente de custas chistiones:

• A benit bene de collire sas faveddadas sardas divressas, mancari im-


parentadas, in una limba sola?
• Su sardu podet diventare una limba moderna de Europa?
• De cales cundissiones linguìsticas, sotziales e polìticas amus bi-
sonzu?
14 Prefazione

• Sussiste una contraddizione tra le esigenze di modernizzazione del


sardo e la sua cosiddetta “arcaicità”?
• La LSU può rappresentare la soluzione giusta per la codificazione
della lingua sarda?
• Quale contributo può fornire la linguistica, anche con l’impiego delle
moderne tecnologie dell’informazione?
Siamo lieti di poter pubblicare in questo volume quasi tutti i contributi pre-
sentati al congresso. Tenendo conto degli obiettivi sopraccitati, cercheremo di
offrire un panorama degli studi sulla lingua sarda centrati su aspetti di “mo-
dernità”, senza però perdere di vista la tradizione filologica e le caratteristiche
particolari del sardo. Il volume si suddivide in quattro filoni tematici princi-
pali: la questione dell’arcaicità, il problema della standardizzazione, l’impiego
dei nuovi mezzi di informazione e la prospettiva europea.
Nella prima sezione (L’arcaicità del sardo) riprendiamo uno dei più tradi-
zionali filoni di ricerca della filologia sarda. L’opinione diffusa che considera
il sardo come una lingua arcaica, se non la più arcaica tra tutte le lingue ro-
manze, rappresenta un Leitmotiv nella storia della linguistica romanza in
generale e sarda in particolare. Nonostante quest’ipotesi sia stata alle volte
contestata, il nostro volume vi si dedica per la prima volta in maniera siste-
matica. L’articolo di GUIDO MENSCHING, che introduce questa sezione con il
titolo provocatorio “Su sardu – limba arcàica o limba moderna?”, prende in
esame, dopo aver illustrato alcune definizioni del termine “arcaicità”, i diversi
campi di ricerca del sistema linguistico sardo (fonologia, morfologia, sintassi
e lessico) per verificare se vi sia la presenza di eventuali tracce di arcaicità.
Anticipando il risultato dell’analisi, possiamo affermare che, benché il sardo
contenga, soprattutto nel lessico, elementi che si possono certamente conside-
rare “arcaici” o meglio “conservatori”, sembrano prevalere le innovazioni. Gli
altri due articoli di questa sezione si concentrano, in maniera molto dettaglia-
ta, su un unico filone della ricerca linguistica. THOMAS KREFELD si dedica alla
fonologia con il suo contributo dal titolo “Un mito da smontare: l’arcaicità del
vocalismo sardo”, nel quale – grazie ad un paragone tra il sistema vocalico del
sardo e i sistemi vocalici di alcuni dialetti dell’Italia meridionale – dimostra
che, per lo meno in ambito fonologico, e più precisamente nel vocalismo, l’ar-
caicità del sardo è da considerarsi una leggenda, come del resto traspare dal ti-
tolo programmatico. Segue PETER KOCH che nel suo articolo “Il cosiddetto
‘conservatorismo’ lessicale del sardo” si dedica all’analisi di un campo finora
praticamente inesplorato della lingua sarda e cioè la semantica. Partendo da
un punto di vista sia semasiologico che onomasiologico, Koch paragona la
somiglianza persistente tra il lessico logudorese e campidanese e quello
Prefatzione 15

• In cale relassione s’accattat s’aspettu modernu de su sardu in cuf-


frontu a sa gai nada “arcaitzitade”?
• A si podet cussiderare sa LSU una solutzione bona pro sa codifica-
tzione de su sardu?
• Cale cuntributu podet dare sa linguìstica, fintzas usande sa tecnolozia
moderna de informatzione?
Semus cuntentos de poder presentare chin custu volume bell ’e tottu sos cun-
tributos ispostos in su cumbènniu. Sicunde sos obiettivos chi amus fentomau
in susu, si trattat de dare unu panorama de sos istùdios de limba sarda cun-
tzentraos supra de aspettos de “modernidade”, chentza peroe perder de bista
sa traditzione filolòzica e sas caratterìsticas particulares de su sardu. Pro su chi
pertoccat sos temas, su volume si organizzat tando in battor partes: sa chi-
stione de s’arcaitzitade, su probrema de s’istandardizzatzione, s’appricu de sos
mèdios nobos de informatzione e s’aspettu europeu.
In sa setzione prima (S’arcaitzitade de su sardu) amus a faveddare de unu
de sos temas d’investigatzione prus traditzionales de sa filolozia sarda. Su
pessu chi su sardu siat una limba arcàica, o fintzas sa prus arcàica tra sas lim-
bas romànicas, rappresentat unu “Leitmotiv” in s’istòria de sa linguìstica ro-
mànica e sarda. Mancari cust’ipòtesi siat istada disputada charchi borta, su
libru nostru bi si dèdicat pro sa prima borta in manera sistemàtica. S’artìculu
de GUIDO MENSCHING introduchet custa setzione chin su tìtulu provocadore
“Su sardu – limba arcàica o limba moderna?”, in ube, appustis de aer illustrau
paritzas definissiones de su tèrmine “arcaitzitade”, esàminat sos campos di-
vressos de investigatzione de su sistema linguìsticu sardu (fonolozia, morfolo-
zia, sintassi e lèssicu) pro nde accattare urminas d’arcaitzitade. Comente ri-
surtau podimus ja narrer innoche chi, mancari siat beru chi su sardu (masca-
mente in su lèssicu) jucat elementos chi si poden cramare “arcàicos” o mezus
“cusserbadores”, sas inobassiones sun prus numerosas. Sos àtteros duos artì-
culos de custa setzione si cuntzentran supra de unu livellu solu de s’istùdiu
linguìsticu, ma in fundu. De sa fonolozia nde faveddat THOMAS KREFELD chin
s’artìculu suo “Un mito da smontare: l’arcaicità del vocalismo sardo”, in ube –
ponende a pare su sistema vocàlicu sardu e sos sistemas vocàlicos de paritzos
dialettos de s’Itàlia meridionale – mustrat su chi su tìtulu programmàticu ja
nos fachet suspettare, est a narrer chi nessi in s’àrea de sa fonolozia, e prus
esattamente in su vocalismu, s’arcaitzitade de su sardu bisonzat a la cusside-
rare una lezzenda. Sichit PETER KOCH chi in s’artìculu “Il cosiddetto ‘conser-
vatorismo’ lessicale del sardo” analizzat unu campu chi in pràtica fit abbarrau
chentza isprorare fintzas a commo: sa semàntica. Tuccande siat dae su puntu
de bista semasiolòzicu siat dae cuddu onomasiolòzicu, Koch cuffrontat s’assi-
16 Prefazione

latino con le analogie presenti tra il lessico latino e quello di alcune lingue ro-
manze e giunge alla conclusione che l’arcaicità del sardo sia, anche in questo
caso, un «mito da sfatare». L’argomento verrà ripreso anche nella quarta se-
zione da Bolognesi/Heeringa (v. sezione IV), che – possiamo già anticiparlo –
giungeranno a simili conclusioni.
La seconda parte (La standardizzazione del sardo) è dedicata soprattutto
alla cosiddetta LSU, la proposta di standardizzazione pubblicata nel 2001 ad
opera della Regione Autonoma della Sardegna, Assessorato della Pubblica
Istruzione, Beni Culturali, Informazione, Spettacolo e Sport in un opuscolo
dal titolo “Limba Sarda Unificada”. Sintesi delle norme di base: ortografia,
fonetica, morfologia, lessico con una breve presentazione dell’allora assessore
on. Pasquale Onida. La LSU rappresenta sicuramente una soluzione che me-
rita di essere considerata seriamente e costituisce in ogni caso la prima propo-
sta di standardizzazione ufficiale nella storia della lingua sarda. Naturalmente
essa non può che rappresentare un primo abbozzo di lavoro, come suggerisce
tra l’altro il sottotitolo “norme di base”. Molti aspetti necessitano infatti di una
futura elaborazione. Uno dei campi da approfondire viene analizzato da HEINZ
JÜRGEN WOLF, membro della commissione autrice della LSU, nell’articolo
“La lingua sarda standard e la toponomastica”. Dopo un breve commento del-
le reazioni alla LSU, Wolf prende in esame la standardizzazione dei toponimi,
argomento di particolare portata se si pensa che entrambe le leggi, sia quella
regionale sia quella nazionale, prevedono la realizzazione di una toponoma-
stica ufficiale bilingue, finora ultimata soltanto in forma sporadica. Gli articoli
successivi lanciano, da differenti punti di vista, ulteriori proposte ma anche
forti critiche alla LSU. MICHEL CONTINI si rivolge alla questione dello
standard servendosi della metodologia della geografia linguistica (“Nora-
gugume così vicina a Nuoro…”) e lancia il nuorese come controproposta alla
LSU. Una soluzione diversa, che cerca di rendere conto delle caratteristiche
delle diverse varietà, è quella proposta da XAVIER FRÍAS CONDE. Nell’articolo
“Su galitzianu, su catalanu e su sardu: comente arribare a una standardiza-
tzione”, egli mette a confronto la LSU con possibili alternative sulla base delle
soluzioni di standardizzazione scelte per altre lingue romanze. Infine, MASSI-
MO PITTAU, anch’egli, come Wolf, membro della suddetta commissione,
illustra – nell’articolo “La questione della lingua sarda oggi” – la sua opinione
nei riguardi dei lavori e dei risultati della commissione alla luce delle reazioni
dell’opinione pubblica. L’eterogeneità delle proposte, localizzabili su un
continuum, con la scelta di una varietà esistente ad un estremo e la creazione
di una norma che rispecchi le caratteristiche delle diverse varietà sull’altro
polo, è percepibile nella discussione attuale e dimostra, indipendentemente
Prefatzione 17

mizu tra su latinu e su lèssicu logudoresu e campidanesu dae una banda, e su


lèssicu de àtteras limbas romànicas. Puru innoche, s’arcaitzitade de su sardu
risurtat «unu mitu pro irmontare». Amus a torrare a custu argumentu appustis
in s’artìculu de Bolognesi/Heeringa (v. setzione IV), chi – ja lu podimus anti-
tzipare – an a arribare a cuncrusiones simizantes.
Sa ’e duas partes (S’istandardizzatzione de su sardu) faveddat mascamente
de sa fentomada LSU, proposta d’istandardizzatzione prubbicada a su cumin-
tzu de su 2001 dae sa Rezone Autònoma de sa Sardigna, Assessorau de
s’Istrutzione Prùbbica, Benes Curturales, Informatzione, Ispettàculu e Isport
in unu libreddu chin su tìtulu “Limba Sarda Unificada”. Sintesi delle norme
di base: ortografia, fonetica, morfologia, lessico e chin un’introdutzione cur-
tza de Pasquale Onida, su tempus Assessore. Sa LSU rappresentat de sicuru
una solutzione a su mancu pro la cussiderare in manera sèria e est, comente si
siat, sa prima proposta d’istandardizzatzione uffissiale in s’istòria de sa limba
sarda. Naturalmente, issa podet esser solu unu primu ischitzu, comente nos fa-
chet cumprender tra àtteras cosas su sottotìtulu “norme di base”. Pro aspettos
mèdas bi cheret diffattis un’elaboratzione futura. Unu de sos campos pro ap-
profundare lu presentat HEINZ JÜRGEN WOLF, membru de sa cummissione
ch’at fattu sa LSU, in s’artìculu “La lingua sarda standard e la toponomasti-
ca”. Appustis de una descrissione curtza de sas reatziones a sa LSU, Wolf co-
lat a sa chistione de comente istandardizzare sos topònimos, argumentu im-
portante, ca ambas duas sas lezzes, sa rezonale e sa natzionale, pessan a una
toponomàstica uffissiale bilìngue, chi fintzas a commo b’est solu pacas bortas.
Àtteras propostas ma fintzas crìticas fortes contra sa LSU essin a campu in sos
artìculos chi sichin appustis, dae puntos de bista differentes. MICHEL CONTINI
si accùrtziat a sa chistione de s’istandard chin sos mètodos de sa zeografia lin-
guìstica (“Noragugume così vicina a Nuoro…”) e faveddat a favore de su nu-
goresu comente controproposta a sa LSU. Un’àttera solutzione, chi chircat de
tenner contu de sas caratterìsticas de sas variedades divressas est cudda pro-
posta dae XAVIER FRÍAS CONDE. In s’artìculu suo “Su galitzianu, su catalanu e
su sardu: comente arribare a una standardizatzione”, issu ponet a pare sa LSU
chin arternativas possìbiles, dae su puntu de bista de sas solutziones de istan-
dardizzatzione isseperadas pro àtteras limbas romànicas. Pro finire, MASSIMO
PITTAU, puru issu, comente Wolf, membru de sa cummissione, descrivet – in
s’artìculu “La questione della lingua sarda oggi” – sas ideas suas pessonales
relativas a sos trabballos e risurtaos de sa cummissione, a sa luche de sas rea-
tziones de s’opinione prùbbica. Sas propostas s’accattan in unu “continuum”,
in ube in unu capu b’est su mètodu de isseperare una variedade chi esistit e in
s’àtteru sa creassione de una norma artifissiale, rifressu de sas caratterìsticas
18 Prefazione

dal problema se la LSU verrà adottata o meno, quanto la standardizzazione del


sardo sia ancora una meta lontana.
L’adottamento dei sistemi elettronici di elaborazione dell’informazione e
dei nuovi mezzi di informazione e comunicazione rappresenta una sfida per la
linguistica moderna, e di conseguenza anche per la linguistica sarda. La terza
sezione (Aspetti multimediali) è dedicata a diversi esempi di applicazione di
queste nuove tecnologie per migliorare l’analisi, la salvaguardia e la promo-
zione della lingua sarda. Sono proprio questi gli obiettivi del progetto multi-
mediale Limba e curtura de sa Sardigna descritto da LUCIA GRIMALDI. Il suo
articolo intitolato “Internet: una prospettiva per la promozione e lo studio
delle lingue ‘minoritarie’” parte da una prospettiva sociolinguistica e riprende
alcune delle considerazioni in materia di salvaguardia del sardo avanzate da
Pittau nella sezione precedente, rivolgendo però l’attenzione soprattutto al
ruolo dei moderni mezzi d’informazione. Uno dei grandi vantaggi di internet
consiste nella raccolta interattiva dei dati linguistici, che consente ai parlanti
stessi di contribuire comodamente da casa loro alla rilevazione dei dati relativi
alla loro lingua. Oltre alla documentazione e all’analisi elettronica dei dati
linguistici vengono presentati ulteriori aspetti dell’uso di internet, quali la co-
municazione in limba e il conseguente contributo all’emancipazione lingui-
stica, nonché il dibattito aperto sulla standardizzazione condotto in un forum
internazionale da linguisti e non. Emancipazione e standardizzazione sono
premesse irrinunciabili per il futuro del sardo: non è un caso, infatti, che dei
13 articoli pubblicati in questo volume solo due siano scritti in sardo, nono-
stante tutti gli autori avessero la libertà di scelta tra italiano e sardo. Nel se-
condo articolo di questa terza parte (“La Sardegna nel progetto VIVALDI”),
DIETER KATTENBUSCH e CAROLA KÖHLER dimostrano come la ricerca nelle
discipline tradizionali, quali la geografia linguistica, possa essere approfondita
e perfezionata grazie alle tecnologie moderne. La registrazione cartografica di
dati linguistici del sardo e la loro analisi, che fino ad oggi risulta frammenta-
ria, è una premessa importante non solo per lo studio linguistico, ma anche per
la standardizzazione. Mentre l’uso dei tradizionali atlanti linguistici rimane in
genere circoscritto all’ambiente accademico, i risultati del progetto VIVALDI
sono accessibili, grazie alla loro presenza su internet, a chiunque si interessi di
lingua sarda. Un’applicazione ragionata dei sistemi di elaborazione dell’in-
formazione potrà avere successo a lungo termine soltanto se accompagnata da
appositi strumenti di analisi e sintesi linguistica automatica, che la linguistica
computazionale da anni mette a disposizione per le lingue “maggiori”. Nel
suo articolo “Traduzione automatica al servizio della lingua sarda: stato attua-
le e prospettive”, EVA-MARIA REMBERGER illustra le potenzialità di questo
Prefatzione 19

de sas variedades differentes. Custa divressidade si biet galu oje in sa discus-


sione de commo e dimustrat chi s’istandardizzazione de su sardu est una meta
chi s’accattat galu inedda, siat chi s’at a adottare sa LSU o nono.
S’appricu de sistemas elettrònicos pro trabballare s’informatzione e sos
mèdios nobos d’informatzione e comunicatzione rappresentan una marrania
pro sa linguìstica moderna, e tando fintzas pro sa linguìstica sarda. Sa ’e tres
setziones (Aspettos multimediales) s’òccupat de paritzos esèmpios de comente
si poden appricare custas tecnolozias nobas pro s’anàlisi, s’amparu e sa pro-
mossione de sa limba sarda. Sun pròpiu custos sos obiettivos de su prozettu
multimediale Limba e curtura de sa Sardigna, descrittu dae LUCIA GRIMALDI
in s’artìculu “Internet: una prospettiva per la promozione e lo studio delle
lingue ‘minoritarie’”. Tuccande dae unu puntu de bista sotziolinguìsticu, issa
ghirat a carchi cussideratzione fatta dae Pittau in sa setzione de innantis pro su
chi pertoccat sa protetzione de su sardu. Ma appustis dat s’attenzione masca-
mente a su rolu de sos mèdios modernos d’informatzione. Uno de sos vantaz-
zos mannos de internet est sa cullitta interattiva de datos linguìsticos, est a
narrer chi sos faveddantes ettottu poden cuntribuire dae domo a documentare
sa limba issoro. In prus de sa documentatzione e s’analisi elettrònica de datos
linguìsticos si fachen bier àtteros aspettos de s’usu d’internet comente lu sun a
comunicare in limba e a cuntribuire a s’emantzipatzione linguìstica chi nde
sichit, e su dibàttitu cumintzau supra de s’istandardizzatzione in unu foru
internatzionale de linguistas e nono. S’emantzipatzione e s’istandardizzatzio-
ne sun puntos tzentrales pro su tempus benidore de su sardu: diffattis, non pro
nudda de sos 13 artìculos prubbicaos in custu volume solu duos sun iscrittos
in sardu, mancari tottu sos autores appan àppiu sa libertade d’isseperare tra
s’italianu e su sardu. In su ’e duos artìculos de custa parte tertza (“La Sarde-
gna nel progetto VIVALDI”) DIETER KATTENBUSCH e CAROLA KÖHLER nos
mustran comente dissiprinas traditzionales che sa zeografia linguìstica poden
avantzare e esser perfetzionadas pro more ’e sas tecnolozias modernas. Sa
rezistratzione cartogràfica de datos linguìsticos de su sardu e s’anàlisi issoro,
chi fintzas a sos tempos modernos risurtat frammentària, est una cundissione
importante non solu pro s’istùdiu linguìsticu, ma fintzas pro s’istandardizza-
tzione. Mentres sos atlantes linguìsticos traditzionales abbarran in zènere limi-
taos a s’usu accadèmicu, sos risurtaos de su prozettu VIVALDI sun presentes
in internet e duncas apertos a tottu sos interessaos de limba sarda. Un’ap-
pricassione bona de sos sistemas de elaboratzione de s’informatzione at a
poder aer sutzessu a tèrmine longu solu si andat paris chin istrumentos adattos
pro s’anàlisi e sa sìntesi automàtica de sa limba, chi sa linguìstica computa-
tzionale est ponende a dispositzione dae annos pro sas limbas “majores”.
20 Prefazione

metodo di traduzione non solo da o in sardo, ma anche da una determinata va-


rietà sarda in un’altra. Dopo una breve introduzione al modello teorico della
Grammatica Generativa, utilizzato per l’analisi sintattica, Remberger illustra
come la traduzione automatica possa essere sfruttata soprattutto per una lingua
che, come il sardo, non possiede uno standard ed è caratterizzata da una forte
variazione dialettale, ma da una relativa omogeneità sintattica. Il sistema LPS,
sviluppato da Jürgen Rolshoven all’Università di Colonia, rende possibile,
sulla base di questa omogeneità, la comunicazione elettronica in sardo «senza
però perdere di vista le varietà parlate».
L’articolo di ROBERTO BOLOGNESI, anch’egli membro della suddetta com-
missione, e WILBERT HEERINGA (“L’influsso delle lingue dominanti sul les-
sico e la fonologia dei dialetti sardi”) introduce la quarta ed ultima sezione di
questo volume (La prospettiva europea). Gli autori si ripropongono di analiz-
zare la ripercussione esercitata sulle varietà del sardo ad opera delle varie lin-
gue europee legate alla storia della Sardegna e riprendono in parte alcuni
aspetti illustrati nella prima e nella terza sezione. Infatti, il metodo statistico
utilizzato da Bolognesi/Heeringa si serve di un’applicazione computazionale
che permette di misurare la distanza fonologica tra elementi lessicali delle
lingue comparate. Tra queste è presente anche il latino, cosicché un raffronto
della distanza tra latino e varietà sarde da un lato e latino ed altre lingue euro-
pee dall’altro richiama la questione dell’“arcaicità” del sardo, già discussa
nella prima sezione di questo volume. Anche in questo caso i risultati mettono
seriamente in dubbio l’ipotesi dell’arcaicità della lingua sarda. Inoltre si può
constatare che l’influsso delle “lingue dominanti” sulla struttura del sardo
risulta relativamente debole dal punto di vista fonologico. La relazione tra il
sardo e le altre lingue europee è un aspetto di particolare rilevanza, se non
l’aspetto essenziale per garantirne la sopravvivenza in un’Europa multilingue.
A tale scopo risulta di importanza cruciale l’apprendimento delle lingue da
parte dei bambini che, nell’Europa moderna, dovranno essere bilingui, o addi-
rittura trilingui. Nella letteratura in merito compare (come in Bolognesi/
Heeringa, ma in un altro senso) il termine “lingua dominante”, con il quale in
questo caso si etichetta semplicisticamente la lingua di cui i bambini plurilin-
gui hanno maggiore padronanza mentre le altre lingue vengono definite “de-
boli”. Il problema si presenta in maniera particolare per i numerosi sardi resi-
denti all’estero. Quali misure dovranno prendere per l’educazione linguistica
dei loro figli? Questi ultimi dovranno imparare, oltre alla lingua del paese o-
spitante, l’italiano o il sardo, lingua dei genitori? Riguardo al sardo purtroppo
Prefatzione 21

In s’artìculu suo “Traduzione automatica al servizio della lingua sarda: stato


attuale e prospettive”, EVA-MARIA REMBERGER ispiegat sas possibilidades de
custa tecnolozia particulare pro sa tradutzione non solu in o dae su sardu, ma
fintzas tra sas variedades divressas de sa limba sarda. Appustis de un’introdu-
tzione curtza a su modellu teòrico de sa Grammàtica Zenerativa, impreau pro
s’analisi sintàttica, Remberger illustrat comente sa tradutzione automàtica po-
det esser isfruttada mascamente pro una limba comente su sardu, chi non tenet
un’istandard e si caratterizzat pro una variatzione dialettale manna, ma puru
pro unu parinzu relativu in sa sintassi. Su sistema LPS irvilluppau dae Jürgen
Rolshoven de s’Universidade de Colònia, serbìndesi de custa “omozeneitade”
fachet possibile sa comunicatzione elettrònica in sardu «chentza peroe perder
de bista sas variedades faveddadas».
S’artìculu de ROBERTO BOLOGNESI, puru issu membru de sa cummissione
mentovada in susu, e WILBERT HEERINGA (“L’influsso delle lingue dominanti
sul lessico e la fonologia dei dialetti sardi”) introduchet sa ’e battor partes,
s’urtima setzione de custu volume (Sa prospettiva europea). S’iscopu de sos
autores est de analizzare cale effettu an àppiu in sas variedades sardas paritzas
limbas europeas chi bi fin in s’istòria de sa Sardigna in fases istòricas divres-
sas. Innoche torramus in parte a carchi aspettu de sa prima e de sa tertza se-
tzione: diffattis, su mètodu istadìsticu impreau dae Bolognesi/Heeringa si ser-
bit de un’appricassione computatzionale chi lis permittit de iscumbattare canta
est sa distàntzia fonolòzica tra elementos lessicales de sas limbas postas a pa-
re. Tra custas b’est fintzas su latinu, gaichì unu cuffrontu de sa distàntzia tra
su latinu e sas variedades sardas dae una banda e su latinu e sas àtteras limbas
europeas dae s’àttera, fachet essire de nobu sa chistione de s’“arcaitzitade” de
su sardu, ja discussa in sa prima setzione de custu volume. Puru innoche sos
risurtaos ponen a pessare abberu s’ipòtesi de s’arcaitzitade de su sardu. Un’àt-
tera cuncrusione est chi sas iffruèntzias de sas “limbas dominantes” supra de
s’istruttura de su sardu paren prus a prestu mìnimas dae unu puntu de bista
fonolòzicu. Colande dae su passau a su tempus de oje, in s’attualidade, sa re-
lassione tra su sardo e sas àtteras limbas europeas est un’aspettu importante, si
non s’aspettu printzipale pro sa supravivèntzia sua in un’Europa multilìngue.
Pro custu est importante meda chi sos pitzinnos imparen limbas, e in s’Europa
moderna s’educatzione at a depper esser bilìngue o fintzas trilìngue. In sa
litteratura supra de custu tema torramus a accattare (comente in Bolognesi/
Heeringa, ma in un’àtteru sensu) su tèrmine “limba dominante”, chi innoche
cheret narrer – in pàragulas simpres – sa limba chi sos pitzinnos plurilìngues
ischin mezus che sas àtteras limbas “dèbbiles”. Su probrema si presentat in
manera ispetziale pro sos sardos meda chi istan in s’èsteru. Cales misuras s’an
22 Prefazione

mancano dati per descrivere lo status quo dell’istruzione plurilingue ma, nel
suo articolo “Competenze linguistiche tra i figli degli emigrati sardi e italiani
a Berlino”, BERND KIELHÖFER mostra come i dati rilevati per l’educazione bi-
lingue italotedesca possano essere presi in considerazione per una futura edu-
cazione bi- o trilingue, che garantisca la presenza del sardo. Tali iniziative
dipendono in parte dalla volontà dei genitori, ma naturalmente anche da con-
dizioni istituzionali. CARLA CAPRIOLI, membro della Rappresentanza della
Commissione europea a Milano, presenta diverse “Azioni di promozione e tu-
tela delle lingue ‘minoritarie’ da parte della Commissione europea” e con-
clude così questo volume.
Vorremmo ringraziare la Regione Autonoma della Sardegna, il Circolo
Sardo di Berlino e.V. e la Freie Universität di Berlino, così come la Federa-
zione dei Circoli Sardi in Germania, l’Istituto Italiano di Cultura e il Banco di
Sardegna, che hanno reso possibile il congresso e la pubblicazione di questo
volume. Ringraziamo inoltre gli autori dei diversi contributi per la loro pre-
ziosa collaborazione e naturalmente anche Diego Corraine e Michael Allan
Jones che hanno partecipato al congresso senza purtroppo poter contribuire
alla pubblicazione a causa di impegni precedenti. Ulteriori ringraziamenti
vanno inoltre a Giovanna Demurtas, Domenico Canu, Alberto Musa e Ma-
nuela Razzu del Circolo Sardo per l’instancabile impegno nell’organizzazione
del congresso e a Sara Porporato, Lino Depalmas e Eva-Maria Remberger per
la revisione delle bozze. Ringraziamo infine la CUEC per averci dato occa-
sione di realizzare la pubblicazione degli atti.
Questo volume certamente non può (né vuole) fornire risposte esaurienti a
tutte le domande posteci all’inizio di questa premessa. Siamo ciononostante
dell’opinione che il congresso di Berlino sia stato un evento significativo
poiché ha reso possibile l’incontro e lo scambio di opinioni tra esperti di lin-
gua sarda o di materie affini, rilevanti per la promozione del sardo. Nono-
stante siano passati due anni dall’incontro, gli argomenti trattati hanno con-
servato la loro attualità e continuano ad essere al centro della discussione
linguistica e a suscitare in parte l’interesse dell’opinione pubblica in Sardegna.
Speriamo che la documentazione dei contributi presentati al congresso di
Berlino possa essere proficua per i dibattiti ancora in corso intorno alla lingua
sarda.

Berlino, febbraio 2004 Lucia Grimaldi


Guido Mensching
Prefatzione 23

a depper piccare pro s’educatzione linguìstica de sos fizos? Issos an a depper


imparare, in prus de sa limba de su paesu istranzu, s’italianu o su sardu, limba
de su babbu e de sa mama? Pro su sardu, addolumannu mancan datos pro
s’istrutzione multilìngue, ma BERND KIELHÖFER in s’artìculu “Competenze
linguistiche tra i figli degli emigrati sardi e italiani a Berlino” mustrat comente
sos datos relativos a s’educatzione bilìngue ìtalu-tedesca poden esser tentos in
cussideru pro un’educatzione futura bi- o trilìngue in ube intrat puru su sardu.
Initziativas gai dipenden in parte dae sa boluntade de sos babbos e de sas
mamas, ma fintzas dae cundissiones istitutzionales. CARLA CAPRIOLI, mem-
bru de sa Rappresentàntzia de sa Cummissione europea a Milanu, presentat
paritzas “Azioni di promozione e tutela delle lingue ‘minoritarie’ da parte
della Commissione europea” e serrat gai custu volume.
Cherimus ringrassiare sa Rezone Autònoma de sa Sardigna, su Tzìrculu
Sardu de Berlinu e.V. e sa Freie Universität de Berlinu, comente fintzas sa Fe-
deratzione de sos Tzìrculos Sardos in Zermània, s’Istitutu Italianu de Curtura
e su Bancu de Sardigna chi an fattu possìbile su cumbènniu e s’istampa de cu-
stu volume. Ringrassiamus in prus sos autores de sos cuntributos pro sa colla-
boratzione pretziada e puru Diego Corraine e Michael Allan Jones chi an par-
tetzipau a su cumbènniu ma no an pòttiu, addolumannu, cuntribuire a sa prub-
bicassione pro more de àtteros impinnos. Deppimus gràtzias infinias puru a
Giovanna Demurtas, Domenico Canu, Alberto Musa e Manuela Razzu de su
Tzìrculu Sardu de Berlinu pro s’impinnu sichiu a s’organizzatzione de su
cumbènniu e a Sara Porporato, Lino Depalmas e Eva-Maria Remberger pro sa
revisione de sas botzas tipogràficas. E in fine cherimus ringrassiare sas Edi-
tziones CUEC pro nos aer dau s’occasione de prubbicare custu libru.
Custu volume de sicuru non podet (ne cheret) dare rispostas definitivas a
tottu sas dimandas chi amus fattu a su cumintzu de custa prefatzione, ma pes-
samus chi su cumbènniu de Berlinu siat istau un’eventu significativu ca at fat-
tu possìbile s’addòbiu e s’iscàmbiu de opiniones tra espertos de limba sarda o,
comente si siat, de matèrias importantes pro sa promossione de su sardu. Man-
cari sian colaos duos annos dae s’addòbiu, sos argumentos trattaos no an pèr-
diu s’attualidade issoro e sichin a esser in su tzentru de s’attentzione in sa dis-
cussione linguìstica e, in parte, puru in s’opinione prùbbica in Sardigna. Ispe-
ramus chi sa documentatzione de sos cuntributos presentaos in su cumbènniu
de Berlinu pottat dare fruttu pro sos dibàttitos chi sun galu in cursu supra de sa
limba sarda.

In Berlinu, frearju de su 2004 Lucia Grimaldi


Guido Mensching
Parte I

L’arcaicità del sardo

S’arcaitzitade de su sardu
Guido Mensching
(Berlinu)

Su sardu – limba arcàica o limba moderna?*

1. Introdutzione

Dante Alighieri, in su libru suo De vulgari eloquentia aiat nau chi sos sardos
no aian una limba romànica issoro, ma istrocchian su latinu «comente sas mù-
nicas a sos òmines ca issos naran dominus nova e domus novus».1 Custos sin-
tagmas non sun sardos, e non credo chi lu sian istaos in su tempus de Dante.
Mancari, tando, su pessu chi aiat Dante supra de su sardu fit “vagu e cuffusu”,
comente iscrivet Wagner (1993:41), nos podimus immazinare itte cheriat nar-
rer: in sardu, si narat domo nova, in ube s’elementu primu paret una forma de
sa sicunda decrinassione latina e su secundu de sa prima. E si narat fintzas
corpus, comente in latinu, ma su prurale est corpos e non còrpora: s’ispressio-
ne *CORPOS MAGNOS (imbetzes de CORPORA MAGNA) diat esser un’ir-
ballu mannu in latinu. Bell’e gai, corpus mannu s’assimizat prus a su latinu
che s’italianu corpo grande o s’otzitanu cors grans.
Sèculos appustis, custu assimizu chin su latinu, sos istudiosos de sa filolo-
zia romànica l’an interpretau in un’àtteru modu, narande chi su sardu est sa
limba prus “arcàica” de sas limbas romànicas. Itte cheret narrer custa “arcai-
tzitade”? Si piccamus deche libros divressos, tenimus deche pessos divressos,
e fintzas a commo bi sun pacos istùdios sèrios supra de sa mentovada arcai-
tzitade de sa limba sarda. In cust’artìculu, su tema de s’arcaitzitade s’at a istu-
diare in duos modos, sichinde duas dimandas: itte cheret narrer arcaitzitade
faveddande de sas limbas romànicas, e mascamente pro su chi pertoccat sa
limba sarda? E, sicunde sa definissione chi amus a accattare, cales sun custos
elementos arcàicos de su sardu, e cantos sun? A sa fine, cherzo risponder a sa
dimanda de su tìtulu: su sardu est abberu una limba arcàica a riguardu de su
latinu o nono?
Su tìtulu de cust’artìculu paret pacu esattu: s’imbesse de arcàicu diat esser
prus a prestu innobadore. Bell’e gai, su cuntrastu tra sos duos azzetivos ar-
28 Guido Mensching

càicu e modernu s’est fattu a s’apposta, ca cheret cuffrontare duas positziones


chi podimus aer supra de su sardu: una de una limba sarda arcàica, rifressu pu-
ru de una sotziedade betza, retrògrada e assolada dae su mundu de oje, e
un’àttera de una limba moderna, capassa de funtzionare in sa sotziedade post-
industriale, chin sa matessi dignidade che àtteras limbas de Europa (comente
lu fachen cumprender puru sas lezzes rechentes).

2. Su cuntzettu de sa arcaitzitade

2.1 Battor definissiones de arcaitzitade

Mancari in custu locu non pottamus isterrer un’istùdiu bundante, app’a esami-
nare in curtzu carchi definissione de sos termines arcàicu e arcaitzitade, co-
mente s’accattan in sa litteratura linguìstica. In sos ditzionarios de sa linguì-
stica, in zenerale, custas paràgulas no essin a campu (su chi ja nos diat poder
facher suspettare chi fortzis non sian tèrmines sèrios).2 Unu solu mustrat una
definissione chi nos podet serbire; soe faveddande de su ditzionàriu de Knob-
loch (1986:156), pro chie un’arcaismu est una zenia de antichidade, chi sas
limbas prus cusserbadoras an mantesu de sa limba dae ube sun nàschias. Custa
definissione no est meda bona, ca usat paràgulas comente cusserbadore e
antichidade, chi si dian depper definire issas puru. Nàndelu in paràgulas prus
craras, diamus poder narrer chi un’arcaismu est una caratterìstica chi una
limba at mantesu mezus de sa limba de base che àtteras limbas essias dae sa
matessi, comente si cheret illustrare in (1):

(1) Arcaismu A
a. limba A b. latinu
abcde /fak´re/

limba A1 limba A2 limba A3 italianu frantzesu sardu


abd afcdje abcdf /far´/ /f´:r/ /fak´r/

Tando, sa forma verbale /fak´r/ de su sardu tzentrale (e puru cudda logudoresa


/fag´r/) est un’arcaismu in custu sensu.
Commo, cando abbaidamus sos libros supra de sa limba sarda, accattamus
cosas chi s’ingrangùllian a pare. Amus a bier chi, nessi in manera suttintesa,
Su sardu – limba arcàica o limba moderna? 29

accatamus tres àtteras definissiones de itte est un’arcaismu o sa arcaitzitade de


su sardu. In s’introdutzione a sa filolozia romànica de Tagliavini (1972:393),
sas paràgulas arcàicas3 de su sardu sun sas chi si sun pèrdias in tottu sas àtte-
ras limbas romànicas, o a su mancu, in su bonu de issas. Si trattat de paràgulas
sardas connottas comente domo, mannu, ischire. Tando sos elementos arcài-
cos de su sardu dian esser sos elementos mantesos dae su latinu chi sun is-
cumpàrfios in (bell’e tottu) sas àtteras limbas romànicas:

(2) Arcaismu B
a. limba A b. latinu
X MAGNUS

limba A1 limba A2 limba A3 italianu frantzesu sardu


∅ ∅ X ∅ ∅ mannu

In un’àttera introdutzione, sa de Pöckl e Rainer (1990:57), leghimus galu


un’àttera cosa, compricada meda:4
A causa de s’antichidade de sa romanizzatzione e de s’isserru relativu masca-
mente de su tzentru motagnosu de s’ìsula, su sardu at mantesu paritzas caratterì-
sticas arcàicas de su latinu, chi sun andaos pèrdios in bell’e tottu su restu de sos
territòrios romànicos.
«Paritzas caratterìsticas arcàicas de su latinu» – tando inoche non si faveddat
prus de elementos arcàicos de su sardu, ma de elementos arcàicos de su latinu
ettottu! Bell’e gai, prus tardu in su matessi libru si faveddat puru de arcaismos
de su sardu (comente domo e mannu), gaichì su lettore tenet s’impressione chi
sos elementos arcàicos de su sardu dian esser sos elementos chi ja fin arcàicos
in su latinu. Est craru chi cust’idea benit dae s’ipòtesi proposta dae Gröber a
sa fine de s’ottichentos. A su narrer suo, «su sardu, in su territòriu chi fit cun-
chistau comente primu foras de Italia, tenet su nùmeru prus mannu de arca-
ismos tra sas limbas romànicas» (Gröber 1884:210-211).5 Custu est fintzas su
pessu chi lebat Wagner annos dopo:
È certo che il lessico sardo contiene non pochi elementi che risalgono alla prisca
latinità, vocaboli che in parte non si sono riscontrati finora in altri territori ro-
manzi, in parte si trovano anche in altre zone arcaiche. E non può sorprendere,
giacchè la Sardegna è la più antiqua conquista di Roma e presenta, anche nella
fonetica e nella sintassi, tanti fenomeni arcaici (Wagner 1993:81).
Sa «prisca latinità» est su latinu anticu, sa limba chi iscrivian sos autores
latinos de su sèculu III i.d.C., chi torrat chin sa variedade A1 in s’ischema
30 Guido Mensching

(3a). S’ischema (3b) nde mustrat un’esèmpiu chi amus a trattare appustis in sa
setzione 2.2.

(3) Arcaismu C
a. b.
variedade A1 (anteriore) latinu anticu
limba A X MALE PERDITUS
(base)
variedades A2-n (posteriore) latinu (post)clàssicu
X ∅

limba B1 limba B2 limba B3 italianu frantzesu sardu


∅ ∅ X ∅ ∅ malebèrdiu

Pro su chi pertoccat sas àtteras limbas, b’est istau carchi proponimentu pro
seperare sas definissiones (1) e (2) dae cudda in (3): gaichì, Mariner Bigorra
(1960) narat, pro s’ispagnolu, chi sos elementos chi sichin sas definissiones
(1) e (2) deppen esser muttios cusserbadorismos, e solu sos elementos chi si-
chin sa definissione (3), de un’època preclàssica, mascamente latina antica,
los cheret muttire arcaismos.
Amus puru un’àttera definissione, chi s’accattat in sa Storia linguistica
della Sardegna de Blasco Ferrer (1984). Inoche b’est, tra àtteras cosas, una
lista manna de paràgulas “arcàicas”. Si trattat de «quegli etimi lat. di voci
sarde che per la loro arcaicità o diffusione areale limitata (a zone isolate/
laterali) costituiscono un tratto particolare del sardo.» (Blasco Ferrer 1984:
34). Un’àttera definissione diat esser tando custa: elementos de su latinu cus-
serbaos solu in àreas isuladas e laterales:

(4) Arcaismu D

X
X = elementu cusserbau in un’àrea isulada
Y = elementu cusserbau in un’àrea laterale
Y Y

X
Su sardu – limba arcàica o limba moderna? 31

Custu cuntzettu si basat, comente s’ischit, supra de sas normas areales, pro-
postas dae Matteo Bartoli in sos annos binti de su sèculu colau (Bartoli 1925):
a su narrer suo, sas zonas isuladas o cuddas chi s’accatan in s’òrulu de un’àrea
linguìstica mantenen formas prus anticas che sas partes tzentrales.

2.2 Anàlisi crìtica

Appustis de aer bidu paritzos cuntzettos de arcaitzitade, su còmpitu nostru


deppet esser commo de esaminare cales de custos cuntzettos poden esser tzer-
tos, a su mancu pro su sardu. Cumintzamus chin s’ùrtimu, arcaismu D in (4).
Mancari siat beru chi sas innobassiones linguìsticas medas bortas no arriban a
cuddas zonas chi sun isserradas o laterales, non tottu sos elementos chi accat-
tamus in cussas àreas sun anticos. Antzis, s’isulamentu ettottu fachet gai chi
naschen fintzas cosas nobas. Tantu pro narrer, in sa lista de Blasco Ferrer
(1984:273) accattamus, comente arcaismu de custa zenia, su verbu cunzare
‘tancare, serrare’,6 chi ja l’aiat mentovau Wagner (1993:110)7 e chi derivat
dae su latinu CUNEARE. In rumenu, una limba faveddada in un’àttera zona
in s’oru de su territòriu latinu, b’accatamus unu verbu piccau dae sa matessi
base latina e chin su matessi sinnificau che in sardu (a încuia), e diffattis b’est
un’àttera paràgula in sardu, incujare,8 chi non la mentovat ne Wagner ne
Blasco Ferrer. Su probrema est chi CUNEARE cheriat narrer ‘frimmare chin
una cota’,9 e duncas su sinnificau chi sa paràgula at lebau in sardu e in rumenu
est un’innobassione! Imbetzes, su verbu latinu CLAUDERE, chi fit classificau
dae Ernout/Meillet (1951:224) comente «ancien et usuel», s’est mantesu prò-
piu in su tzentru ettottu de su territòriu latinu, e l’accatamus fintzas a oje in
italianu comente chiudere. Amus a bier derettu àtteros casos in ube su sardu at
elementos medas chi non benin dae su latinu, ma, antzis, si deppen bier co-
mente innobassiones. Duncas, nde podimus bocare sa definissione arcaismu
D, ca no est unu sinnu craru de antichidade.
Su cuntztettu de arcaismu C, illustrau in (3), a sa prima, paret prus sèriu,
ca Max Leopold Wagner nos dat una lista – mancari minoredda – de paràgulas
chi si usaban in su latinu anticu e chi paret chi sun isparèssios dae atterube
foras de sa Sardigna (Wagner 1993:78; 81-83):

(5) Paràgulas sardas derivadas dae su latinu anticu a pessos de Wagner10

malebèrdiu < MALE PERDITUS


jubilare < IUBILARE
caddu < CALLUM (APRUGNUM)
32 Guido Mensching

agasone < AGASO, -ONIS


maccu < MACCUS, de orìzine osca
soddu < SOLLUS, forma osca de SOL(I)DUS
occhisòrju < OCCISORIUM

S’ipòtesi de Gröber fit criticada ja in sos annos trinta de su sèculu colau.11


Gaichì, puru Stefenelli (1996:76-77) botzat s’ipòtesi de Gröber comente ispie-
gatzione zenerale, ma pessat chi podet esser zusta pro paritzos fenòmenos sìn-
gulos, e mascamente pro su sardu, tenende in contu sos elementos accataos
dae Wagner. Ma custos fenòmenos, comente amus a bier derettu, non mustran
nudda supra de s’esistèntzia de elementos de su latinu anticu in sa limba sar-
da.
A pessos de Wagner, s’iscramassione sarda malebèrdiu benit dae MALE
PERDITUS chi at accatau in un’òpera de Plautu,12 chi biviat dae su 250 fin-
tzas a su 184 i.d.C., est a narrer, diffattis, in s’època de sa cunchista romana de
sa Sardigna.13 Ma pompiande in su Thesaurus Linguae Latinae (ThLL 8,244),
si biet chi sa documentatzione de PERDERE usau paris chin s’avverbiu MA-
LE, cherende narrer pacu prus o mancu ‘isperder (una pessone) in modu ma-
lu’, s’isterret fintzas a un’època tarda, e s’usabat, pro esèmpiu galu in su sécu-
lu I ap.d.C. (Tàtzitu) e peri in sa Vulgata, iscritta in su cumintzu de su sécu-
lu V.14 Ma in prus, semper sichinde sas indicassiones de su ThLL, s’avvèrbiu
MALE si podiat usare, in tottu sas èpocas de sa limba latina, pro affortzare
unu verbu de semántica negativa: PERDERE nd’est solu un’esèmpiu, ma in
su matessi modu l’accatamus in sos iscrittores latinos chin VEXARE, PERI-
RE, OCCIDERE etz. S’idea de Wagner, chi presupponet chi s’ispressione sin-
tagmàtica MALE PERDERE, o fintzas s’iscramassione MALE PERDITUS,
fit lessicalizzada ja a su tempus de Plautu, est prus che improbàbile.
In sa matessi manera, si poden criticare puru sas àtteras paràgulas fento-
madas dae Wagner: su verbu jubilare no agguantat sa crìtica nemmancu issu,
ca su sinnificau de JUBILARE in latinu, ‘abochinare, gridare’, non fit ristrintu
a su latinu anticu, ma fit su sinnificau “normale” in latinu chi accatamus fin-
tzas a tardu (cfr. ThLL 7,2,587). Antzis, su sinnificau ‘gridare pro gòdiu o pia-
chere’, chi connoschimus de àtteras limbas, fit un’innobassione tarda, de su
latinu cristianu.15 Paret chi su verbu, a su cumintzu, fit ristrintu a sa limba de
su campu, e tando custu verbu no apparteniat a un’istratu diacrònicu ma dia-
stràticu.
Sa situassione est simizante puru chin sos àtteros esèmpios de Wagner. Su
sintagma CALLUM APRUGNUM b’esistit in Plautu, e est beru chi si trattat
de unu tèrmine chi accattamus meda in su latinu anticu (gaichì custu sintagma
fit usau puru dae Naeviu, 270-201 i.d.C.). Ma est puru beru chi CALLUM
Su sardu – limba arcàica o limba moderna? 33

APRUGNUM l’accatamus galu in su sèculu I ap.d.C. in sas òperas de Plìniu,


e fintzas in su sèculu V ap.d.C. in Apìciu e Fulgèntiu (cfr. ThLL 3176,177).
Su sinnificau de CALLUM, sicunde su ThLL est ‘de totius corporis aut singu-
larum partium cute dura animantium’, e duncas tenet unu sensu zenerale, non
ristrintu, comente in sardu, a sa pedde de su porcu o de su porcapru. Infattis,
comente amus bidu innantis, in latinu bi cheriat s’azzetivu APRUGNUM pro
istabilire custu sensu. A su narrer de Wagner, AGASO ‘equos agentes id est
minantes’ est una «voce arcaica usata da Plauto e da Ennio, che più tardi prese
il senso peggiorativo di ‘servo rozzo, inesperto’» (Wagner 1993:83-84). Ma
toccat a osserbare chi AGASO l’usabat puru Virzìliu in su sensu orizinale, e
galu in su sèculu IV ap.d.C., Sèrviu ispiegat custa paràgula chin «duces equo-
rum scilicet, quos vulgo agasanos vocamus» (ThLL 1,1268).
Duas àtteras paràgulas, maccu ‘ballaloi’ e soddu ‘moneda’ sun probremàti-
cas pro àtteras resones. Wagner los derivat dae sa limba osca, in ube MAC-
CUS est unu personazzu de su teatru oscu e SOLLUS est sa forma osca de
SOL(I)DUS. Custas paràgulas, comente at iscrittu Wagner, fin intraos a su la-
tinu in tempos anticos e appustis si fin pèrdias tottube francu in sardu. Ma cus-
tu est puramente ipotèticu, comente amus a bier derettu. MACCUS fit una
màscara brullera in sa Fabula Atellana (cfr. ThLL 8,2), unu tipu de farsa osca
chi fit istabilia in Roma in su sèculu III i.d.C. e chi si usabat fintzas a sa fine
de su sèculu I i.d.C., semper in limba osca o nessi chin elementos de limba
osca. Su probrema est chi su sinnificau ‘pessone istùpida’ l’accatamus pro sa
prima borta in su sèculu II ap.C. (Apulèiu), ma no in su latinu anticu! Sa parà-
gula SOLLUS b’est solu in s’òpera de Lucìliu (180-103 i.d.C.). Su fattu chi
l’accatamus solu una borta in sa documentatzione de su latinu nos fachet su-
spettare chi siat unu dialettalismu, mascamente ca Lucìliu fit nàschiu in Sessa
Aurunca, Campania, est a narrer in su territòriu oscu. Pro Wagner «[l]’esi-
stenza della parola in sardo non prova però niente a favore di presunte colonie
osche in Sardegna, ma sarà semplicemente un relitto della prisca latinità». Su
fattu chi sa forma *SOLLUS (comente variante de SOLIDUS) siat esistia anti-
camente in su latinu paret probabile, ca esistin derivaos comente SOLLEM-
NIS, SOLLICITUS etz., comente iscrivet Wagner chin resone (cfr. puru
Walde 1954:II,556; Ernout/Meillet 1951:1118). Peroe – francu in Lucìliu –
non b’est documentatzione peruna de custa paràgula, nemmancu in sos iscrit-
tores de su latinu anticu, gaichì paret probàbile chi ja fit iscumpàrfia in s’èpo-
ca de sa cunchista de sa Sardigna. E b’at puru àtteros probremas supra de
s’ipòtesi chi soddu est sa continuatzione diretta de custa paràgula de su latinu
anticu (o, antzis, de su latinu preliteràriu): SOLLUS fit un’azzettivu chi in os-
cu cheriat narrer ‘intregu’, e su matessi bisonzat de lu pessare puru pro su lati-
34 Guido Mensching

nu anticu, sicunde sos ditzionàrios etimolòzicos. Imbetzes, SOL(I)DUS co-


mente nùmene de una moneda est nàschiu in su latinu tardu (sèculu III ap.
d.C., cfr. FEW 12,56).16 In prus, no est pro nudda sicuru chi soddu benit dae
SOLLUS, comente imparamus dae sa discussione chi nos narat Wagner
(1993:82, nota 8).
In pacas paràgulas, si podet narrer chi no esistit nemmancu una paràgula
crara de su latinu anticu in sa limba sarda. E est naturale, ca s’ipòtesi de Grö-
ber presupponet chi su latinu fit abbarrau comente cunzelau in su mamentu de
sa cunchista e chi appustis no evolutzionabat prus. Annotamala, sa romaniz-
zatzione durabat a bortas paritzos sèculos, comente fit, pro esèmpiu, su casu
de su tzentru de sa Sardigna. Comente narat puru Stefenelli (1996), s’esistèn-
tzia de un’elementu in su latinu anticu non podet escruder s’usu in fases poste-
riores de sa latinitade, e est esattamente custu chi amus bidu chin bell’e tottu
sas paràgulas accattadas dae Wagner.
Benimus commo a sa definissione in (2), arcaismu B: s’esistèntzia de ele-
mentos latinos chi si sun pèrdios in sas àtteras limbas romanicas. Esèmpios
connottos sun sas paràgulas DOMUS e MAGNUS. Su chi est beru est su fattu
chi custas paràgulas non si sun cusserbaos atterube,17 ma tando arcàicu non
cheret narrer prus ‘anticu meda’: a su mancu pro su sardu non si trattat de su
latinu anticu, comente amus bidu, ma nemmancu de s’època de su latinu clàs-
sicu, ca de sas paràgulas DOMUS e MAGNUS nd’ischimus chi an cumintzau
a iscumparrer dae su latinu de foras de Sardigna in su tempus de s’Impèriu, a
favore de paràgulas prus modernas comente CASA e GRANDIS. S’etade im-
periale fit in sos sèculos primos appustis de Cristu, est a narrer, non fit un’è-
poca antica predale comente nos fachet cumprender su tèrmine arcàicu. A
donzi modu semus faveddande de un’istratu latinu relativamente anticu. In cu-
stu sensu, si diat poder narrer chi est beru chi su sardu juchet elementos arcài-
cos.
Sa definissione arcaismu A in (1) s’assimizat a su casu de paràgulas co-
mente domu e mannu, chin sa differèntzia chi sos elementos a ube fachet rife-
rimentu sa definissione (1) non si sun pèrdios in àtteras limbas, ma an suffertu
càmbios prus minores in sardu che in àtteras limbas; cfr. s’esèmpiu de facher
in (1). Sos càmbios de custa zenia chi an colau sas àtteras limbas si sun fattas
puru in un’època post-cristiana, comente sa palatalizzatzione de /k/ innantis de
sas vocales /e/ e /i/, protzessu chi est incumintzau fortzis a sa fine de su sèculu
III ap.d.C. (cfr. Kieckers 1960:110-118, Tagliavini 1972:244). Ma bisonzat de
annotare chi àtteros cambios los at connottu fintzas su latinu sardu, comente
su càmbiu de /ks/ a /ss/ (/koksa/ > /kossa/), fenòmenu documentau a cumin-
tzare dae su sèculu I ap.de C. (Tagliavini 1972:245-246), o s’irviluppu dae /tj/
Su sardu – limba arcàica o limba moderna? 35

a /ts/ (/putju/ > /putsu/) chi est incumintzau a colare adderettura in su seculu II
o III ap.d.C. (cfr. Tagliavini 1972:246). Sos risurtaos primos de un’istùdiu
meu supra s’esistèntzia de elementos de su latinu postclàssicu e tardu
(Mensching 2002) mustran una sèrie de elementos lessicales de sa matessi
època, comente agurtire, àrgana, attarju, baddai, banzare, battaza, belare,
bassu, incùdine, mèndula, tazare.18 Tando, si diat poder narrer (in modu unu
pacu esazerau) chi su latinu in Sardigna s’est irvilluppau paris chin sas àtteras
variedades de su latinu fintzas a sos sècolos II, III, o fortzis IV ap.de C., època
in ube o appustis de ube sas àtteras variedades an suffertu càmbios chi non si
fin fattos in Sardigna. Sos elementos de sa limba sarda cramaos arcàicos sun
unu rifressu de su latinu de cussa època post-cristiana. Dae custu puntu de bi-
sta, si poden riformulare sas definissiones de (1) e (2) in custa manera:

(6) Arcaismos in sa limba sarda


Elementos cusserbaos de su latinu faveddau in sos sèculos primos appustis de
Cristu
a. chi si sun pèrdios in (bell’e tottu) sas àtteras limbas romànicas o
b. chi si sun cusserbaos mezus che in sas àtteras limbas romànicas.
Commo amus un’idea prus crara de itte est custa arcaitzitade. Ma itte est una
limba arcàica? Sos trabballos chi amus bidu fachen gai: accattan carchi ele-
mentu arcàicu in sa limba sarda e tando naran chi issa est una limba arcàica.
Ma itte sun custos elementos arcàicos, e, prus a prestu, cantos sun? Est natura-
le chi in custa occasione non nde podimus istabilire sa cantidade esatta, peroe
podimus chircare a su mancu a los esaminare in una forma sistemàtica.
In accordu chin sos risurtaos de custa setzione, deppimus esaminare com-
mo cales sun custos elementos sardos chi sichin sa definissione (6), e cantos
elementos ereditàrios de su latinu podimus accatare in su sardu, e cantas nobi-
dades. Custas dimandas las app’a risponder pro sas àreas grammaticales (fo-
nolozia, morfolozia, sintassi; setzione 3) e pro su lèssicu (setzione 4).

3. Arcaitzitade grammaticale
3.1 Fonètica e fonolozia

Sicomente non podimus trattare inoche tottu sa fonolozia sarda e latina, app’a
facher mascamente carchi annotu supra de su vocalismu, chi s’at a istudiare
chin prus profundidade in s’artìculu de Krefeld in custu volume. Comente
36 Guido Mensching

s’ischit, sa Ĭ e sa Ŭ latinas an dau /i/ e /u/ in sardu, ma /e/ e /o/ in italianu e in


ispagnolu. Gaichì, PĬLUM est diventau pilu e PŬLLUM est diventau puddu,
in cuntrastu chin s’italianu, in ube si narat pelo e pollo, e chin sas àtteras lim-
bas romànicas. S’addòbiu de Ĭ e Ē e puru de Ŭ e Ō s’est fattu in bell’e tottu su
territòriu latinu fortzis a cumintzare dae su sèculu duos o tres ap.de.C. (cfr.
Lausberg 1963:1,144-145). Gai, su sardu at mantesu un’istratu relativamente
anticu de su latinu e tando custa calidade diat esser un’arcaismu sicunde sa
definissione in (6b).
S’irviluppu de sas vocales sardas si podet rappresentare chin règulas de
custu tipu:

(7)
{ [+ vocàlicu]
[α longu] } [+ vocàlicu]

S’efettu de custa règula fit chi est iscumpàrfia sa distintzione tra sas vocales
longas e curtzas, ma non s’est cambiada sa calidade de sas vocales. Su pro-
brema est chi custa est una règula istòrica, una descrissione de unu protzessu
colau duamiza annos fachet in su latinu, ma no est una règula chi serbit a
descriver su sardu, e tando custa règula non podet esser un’arcaismu de su
sardu. Bell’e gai, su risurtau de custas règulas esistit comente rifressu in sas
paràgulas sardas fintzas a oje, e tando si podet narrer chi s’immàzine fònica de
sas paràgulas sardas s’assimizat medas bortas prus a su latinu che in italianu,
in ispagnolu o in frantzesu. Peroe, in custu sensu, non semus prus in s’àrea de
sos sonos (fonolozia e fonètica), ma de su lèssicu. Custu balet puru pro sos
àtteros fenòmenos. In cussecuèntzia, s’argumentatzione connotta chi sa fono-
lozia de su sardu est arcàica, non balet. In donzi casu si podet narrer chi su
lèssicu sardu est arcàicu. Amus a torrare a custa chistione in sa setzione 4.
Peroe, mancari si pottat faveddare fortzis de arcaismu fònicu in su livellu
lessicale, bisonzat de tenner in contu puru sas innobassiones, pro esèmpiu su
chi est colau in variedades medas chin sas vocales pretònicas, pro esèmpiu sa
Ŏ in custos esèmpios:

(8) a. DORMIRE > drumire


b. CONTENTUS > cuntentu
c. CONSTRICTUS > custrintu
Custu fenòmenu est frecuente mascamente in su sardu tzentrale, chi diat esser
sa variedade prus arcàica sicunde s’opinione comune. In custu casu, bi sun
àtteras variedades e peri àtteras limbas chi cusserban mezus su latinu, pro
esèmpiu s’italianu ettottu (dormire, contento, costretto).
Su sardu – limba arcàica o limba moderna? 37

Si cherimus faveddare de sa fonolozia, bisonzat de ponner a pare sos siste-


mas fonolòzicos de sas limbas romànicas chin cuddu latinu, in custu casu sos
sistemas vocàlicos:

(9) a. sardu /a/ /e/ /i/ /o/ /u/


b. ispagnolu /a/ /e/ /i/ /o/ /u/
c. italianu /a/ /e/ /´/ /i/ /o/ /ø/ /u/
d. latinu /a/ /e/ /i/ /o/ /u/
/a:/ /e:/ /i:/ /o:/ /u:/
Su latinu teniat deche fonemas vocàlicos. S’italianu (e puru su portughesu)
tenet galu sette. E su sardu e s’ispagnolu nde tenen petzi chimbe. Tando, dae
custu puntu de bista, si podet narrer chi su sistema vocàlicu italianu s’assi-
mizat prus a su latinu che cuddu sardu e ispagnolu. E dae unu puntu de bista
istrutturalista, si diat poder narrer chi s’italianu at cusserbau prus oppositzio-
nes latinas che su sardu.
Un’àttera chistione, chi no amus a trattare innoche, est cudda de sas règu-
las fonolòzicas chi sun sa base de sas rappresentatziones fonèticas, comente
sas règulas pro sa vocale paragòzica e pro sa metafònesi (cfr. Bolognesi
1998), in ube su sardu paret esser una limba innobadora e no arcàica.

3.2 Morfolozia

In sa matèria de sa morfolozia, si distinghet sa formatzione de paràgulas e sa


flessione. No app’a faveddare inoche de sa prima, ca est una cosa pacu istu-
diada dae su puntu de bista sincrònicu. Imbetzes, amus a trattare sa flessione,
est a narrer, sas formas differentes chi una paràgula podet tenner dipendende
de sa funtzione sintàttica. Pro Wagner (1993:321), sa flessione de su sardu at
mantesu sas caratterìsticas de su latinu mezus che tottu sas àtteras limbas ro-
manicas.19 Issu mentovat, comente cosa prima, paràgulas sardas comente
domo o capudanne, in ube si sun mantesas sas formas de s’ablativu e de su
zenitivu latinu (DŎMŌ > domo, CAPUT ANNI > capudanni). Su probrema
est chi, in sardu, custas formas non si usan prus in sa funtzione chi tenian in su
latinu, ca, comente s’ischit, sos casos grammaticales ablativu e zenitivu sun
iscumpàrfios dae su sardu, comente dae bell’e tottu sas àtteras limbas romà-
nicas. Duncas, sas paràgulas de custu tipu sun petzi formas fossilizadas.20
Cussos fenòmenos appartenen, de nobu, a su lèssicu, e no a sa morfolozia. E
est pro custu chi issos non poden probare nudda supra de sa arcaitzitade de sa
morfolozia sarda. Si deppet narrer su matessi de àtteros fenòmenos fentomaos
dae Wagner, comente sa cusserbatzione de sa paràgula àrbore comente fè-
38 Guido Mensching

mina, chi est parte de s’informatzione rezistrada in su lèssicu de sos faved-


dantes.
Wagner nos faveddat puru de sa cusserbatzione de sos neutros latinos chi
tenen -MEN e -US a sa fine de sa paràgula:

(10) a. NOMEN, -MINIS > nùmene FLUMEN, -MINIS > frùmene


b. TEMPUS, -ORIS > tempus CORPUS, -ORIS > corpus
Pro cumintzare, toccat de annotare chi su zènere de custas paràgulas in sardu
no est neutru comente in latinu, ma mascru, ca su zènere neutru est iscumpàr-
fiu dae su sardu. Annotamala, su chi nos paret galu prus importante, est su
fattu chi sos paradigmas de custos tipos latinos (sos neutros de sa de tres de-
crinassiones) sin sun pèrdios in sardu comente in tottu sas àtteras limbas ro-
mànicas, mascamente ca sos prurales de tempus e corpus non sun *tempores e
*corpores (o peri *tempora e *còrpora, su chi diat esser sa solutzione prus
arcàica), ma tempos e corpos. De nobu diamus poder interpretare custu tipu de
arcaismu comente parte de su lèssicu, o prus a prestu, de una parte cuncreta de
su lèssicu chi est sa immàzine fònica, est a narrer su sonu de custas paràgulas,
nessi in su casu de su tipu frùmene (v. setzione 4). In su casu de tempus, cor-
pus etz., sa cosa est prus anneosa, ca dipendet de chistiones teòricas. Tantu
pro narrer, si su lemma est petzi sa radichina /corp-/, su chi est fortzis sa ma-
nera prus ecòmica de trattare custas paràgulas (cfr. setzione 4), sa detzisione
dependet de sa chistione in ube cherimus localizzare sa terminatzione /-us/.
Dependende de sa teoria morfolòzica chi cherimus adottare, issa podet esser
cussiderada (a) comente parte de su lèssicu (ipòtesi lessicalista), o (b) co-
mente parte de sas règulas morfolòzicas. In s’ùrtimu casu, sa terminatzione
/-us/ diat poder esser un’arcaismu morfolòzicu, ma, de nobu, solu a riguardu
de s’immàzine fònica, ca sa funtzione sua no est prus cudda de su latinu, co-
mente amus bidu.
Pro bier si su sardu juchet àtteros arcaimos in s’àrea de sa morfolozia no-
minale, deppimus ponner a pare su sistema sardu de sa flessione chin cuddu
latinu. Sos paradigmas de sa flessione de sos nùmenes in sardu sun custos (cfr.
Pittau 1972:67, Blasco Ferrer 1986:82-83, Mensching:1994:28 e àtteros):

(11) singulare prurale zènere


a. conca concas f.
b. locu locos m.
b.' tempus tempos m.
b.'' coro coros m.
c. sole soles m./f.
d. tzilleri tzilleris m.
Su sardu – limba arcàica o limba moderna? 39

Sas classes (11a), (11b) e (11c) si poden derivare dae su latinu, ma in custu su
sardu no est differente dae sas àtteras limbas romànicas. In prus, sa classe
(11d) est un’innobassione. Nemmancu sa divisione de sa de duas classes in
tres partes (11b,b',b") no est unu rifressu de una sistemàtica latina. Antzis,
bisonzat a la cussiderare un’innobassione sarda, ca juchet unu nùcleu regulare
de paràgulas de sa prima decrinassione, carchi etzetzione in ube si cusserbat
sa terminazione -us de sos nèutros latinos de sa de tres decrinassiones (v. in
susu), e puru carchi fòssile de ablativos o dativos latinos. Faveddande de sas
categorias nominales in una manera prus zenerale, si podet iscumbattare chi sa
decrinassione de sos nùmenes si fachet a riguardu de su nùmeru e su zènere,
in ube mancat su neutru, comente aiamus nau innantis. Sa categoria “casu” no
esistit prus, e in zenerale, su sardu si cumportat comente su bonu de sas lim-
bas romànicas. Inoche, sa limba prus arcàica est su rumenu, ca tenet galu su
zènere neutru e puru duos casos diferentes. In àtteras paràgulas: sa flessione
sarda de sos nùmenes non contenet praticamente nudda de arcàicu, mancu,
fortzis sa terminatzione /-us/.
In s’àrea de sa flessione de sos verbos, deppimus ammiter chi sa cusserba-
tzione de -T comente issida de sa tertza singulare si fit pèrdia in bell’e tottu
sas àtteras limbas romànicas ja in su medioevu e si mantenet petzi in sardu. Sa
chistione, si si trattat de un’arcaismu morfolòzicu in sensu istrintu, dipendet
de nobu dae sas detziones teòricas ispostas in susu a riguardu de sa termina-
tzione /-us/. Un’àttera chistione est su livellu paradigmàticu: cumparemus, pro
esèmpiu, sos paradigmas de su conzuntivu presente in limbas differentes:

(12) latinu sardu ispagnolu italianu


1. p. sing. CANTEM cante cante canti
2. p. sing. CANTES cantes cantes canti
3. p. sing. CANTET cantet cante canti
1. p. plur. CANTEMUS cantemus cantemos cantiamo
2. p. plur. CANTETIS cantezes cantéis cantiate
3. p. plur. CANTENT canten canten cantino

Si podet bier chi s’italianu tenit petzi battor formas, s’ispagnolu chimbe e su
sardu ses. Tando, inoche si podet narrer chi est beru chi su sardu est arcàicu
sicunde sa definissione nostra.
Su latinu aiat una flessione verbale de zenia sintètica, cusserbada bene in
sas limbas romànicas, pro su chi appartenet a sa flessione in nùmeru e in pes-
sone. Ma pro su chi pertoccat sos tempos e modos, b’at àppiu càmbios man-
nos. Itte est colau chin su sardu? In sa tabella (13) bidimus cales formas sintè-
ticas sun abbarradas in sas limbas romànicas.
40 Guido Mensching

(13) Tempos e modos sintèticos in latinu e in sas limbas romànicas


Indicativu Indicativu Conzuntivu Conzuntivu
attivu passivu attivu passivu
AMO AMOR AMEM AMER
AMABAM AMABAR AMAREM AMARER
AMABO AMABOR --- ---
AMAVI --- AMAVERIM ---
AMAVERAM --- AMAVISSEM ---
AMAVERO --- --- ---

Sas formas iscantzelladas no esistin prus in peruna limba romànica. Tottu sas
otto formas chi bi sun abbarradas s’accattan fintzas a oje in su portughesu;
s’ispagnolu de commo nde tenet ses, s’italianu istandard e meridionale chim-
be, e cuddu settentrionale battor. Su sardu cusserbat petzi sas chimbe formas
marcadas in cursivu, ma in prus, duos de custos tempos e modos s’accattan
solu in pacos locos de s’ìsula. Sos datos chi nos dat Wagner (1938/1939:9-21)
nos permittin de dissinzare una cartina provisòria, chi fachet bier prus o man-
cu sa situassione de su passau remotu e de su conzuntivu de imperfettu in sa
prima midade de su nobechentos:21

(14) Distributzione zeogràfica de paritzos tempos e modos

conz. de imp. (cantaret)


pass. rem. (cantait)
pass. rem. (cantesit)
(cantaret)

Paris chin sa tabella (13), si biet chi su cantu prus mannu de sa Sardigna at
mantesu solu tres de sos tempos e modos sintèticos latinos, e pro custu est sa
limba romànica prus pacu arcàica, paris chin su frantzesu faveddau. Annota-
mala bisonzat a osserbare chi su passau remotu in -esit est un’innobassione.
Su conzuntivu de imperfettu de su tipu cantaret, imbetzes, est un’arcaismu
Su sardu – limba arcàica o limba moderna? 41

bellu, ma comente amus bidu in sa cartina, si connoschet solu in unu cantu


minoreddu de sa Sardigna.
Un’aspettu ùrtimu, ma importante, est custu: sicomente bell’e tottu sos
tempos e modos sintèticos latinos in (13) sun andaos pèrdios, su sardu at pic-
cau unu sistema nobu, de tipu analìticu. Nos deppimus ammentare chi su la-
tinu fit una limba de morfolozia verbale sintètica. Diffattis, comente ammu-
strat un’istùdiu de Iliescu/Mourin (1991), su sardu est sa limba romànica chi
juchet su nùmeru prus mannu de formas analìticas tra sas limbas romànicas. In
custu sensu, su sardu non tenet nudda de arcàicu, ma est massimamente inno-
badore.

3.3 Sintassi

Pro Wagner (1993:365) e àtteros istudiosos, puru sa sintassi de su sardu est


arcàica:
In sostanza si può dire che la sintassi sarda rivela non meno tratti arcaici che le
altre categorie grammaticali, e di nuovo possiamo constatare che i dialetti cen-
trali e rustici sono i più conservatori anche in questo campo.
Comente arcaismos, Wagner (1993:cap. XV) fentomat:

(15) a. Sa cunzuntzione ca chi introduchet su chistionu indirettu,22 derivau de


s’usu de QUIA in su latinu vulgare.23
b. Sa partichedda interrogativa a (< AUT).
c. Sa funtzione partitiva de sa prepositzione de chene artìculu (es.: In ube
s’accattat de abba frisca?), a diferèntzia de àtteras lìmbas romànicas, ma
comente in su latinu de sa Vulgata («Afferte de piscibus»; Santu Jubanne,
21,20).
d. Su singulare collettivu (tipu: sa preda; cfr. Pittau 1972:68, Mensching
1994:29 e àtteros), comente in latinu, usau de forma regulare in sardu, a
diferèntzia de sas àtteras limbas romànicas chi nde bocan a campu petzi
carchi esèmpiu.
e. S’imperativu negativu formau chin su conzuntivu (no cantes), comente in
ispagnolu.
f. Sa postpositzione de su verbu esser (tipu: Beru est).

De custas caratterìsticas, mi paret chi sa (15d) podet esser un’arcaismu sintàt-


ticu beru. Supra de sos àtteros, toccat a annotare chi (15a) e (15b) poden esser
cramaos arcaismos, ma sun arcaismos lessicales e non sintàtticos. Pro su chi
pertoccat su (15e), est beru chi su sardu at cusserbau sa forma latina, paris
42 Guido Mensching

chin s’ispagnolu (e àtteras variedades romànicas) e cuntrastande chin sas in-


nobassiones de s’italianu e de su frantzesu. Ma puru su sardu at pèrdiu sa par-
tichedda de negassione latina ne, e, su chi nos paret prus importante, su latinu
no usabat su conzuntivu presente ma cuddu de su passau: NE CANTAVERIS
e non no(n) cantes comente in sardu, ispagnolu etz. Dae s’àttera banda, nos
diamus poder cherrer dimandare si sa costrutzione italiana non cusserbat me-
zus sa sintassi latina, ca b’esistiat puru sa costrutzione NOLI CANTARE. In
pacas paràgulas, toccat de annotare chi sa caratterìstica (15e) est bastante du-
dosa comente arcaismu. Su puntu (15c) est diffitzile, o fintzas impossìbile, a
lu cussiderare comente arcaismu, proitte su latinu non connoschiat s’artìculu
determinativu, e tando DE PISCIBUS si podet traducher o de sos pisches o de
pisches. Sa dimanda deppet esser, pro cale motivu su sardu at isseperau sa de
duas possibilidades e no sa prima, cosa chi podet esser tantu un’arcaismu co-
mente puru un’innobassione.
Su puntu (15f) est, pro usare una metàfora, un’illusione òttica. Su latinu fit
una limba de verbu finale, est a narrer de òrdine SOV (cfr. 16a). Su sardu,
imbetzes, est una limba de tipu SVO, ma tenet una règula pròpia de facher
dimandas e iscramassiones. Custa règula si podet rappresentare, chin su mo-
dellu de sa grammàtica zenerativa, chin unu movimentu, cfr. (16b):

(16) a. Latinu b. Sardu

beru est ∅ beru


∅ verum est

Comente si biet, sas istrutturas sun differentes de su tottu. Sa règula de movi-


mentu si podet appricare puru a infinitivos, zerùndios, sintagmas nominales,
prepositzionales etz.:

(17) a. b.
Maccu maccu
Ghirande ghirande Cantare cantare
ses ?/! Abba cheres abba ?/!
In domo in domo
Su sardu – limba arcàica o limba moderna? 43

In tottu, s’esame de sas “caratterìsticas arcàicas” postuladas dae Wagner ri-


surtat duncas negativu. Imbetzes, toccat de osserbare chi sa sintassi sarda est
prus a prestu innobadora, comente ammustrat sa règula illustrada in (16b) e in
(17), ma puru pro su chi riguardat s’istruttura de su sintagma nominale,24
comente cherzo esaminare commo. Si cunfronten sos esèmpios in (18) a (20):

(18) a. DOMUS MAGNA - MAGNA DOMUS lat.


b. una casa grande - una grande casa ital.
c. une maison grande - une grande maison frantz.
d. una domo manna - *una manna domo sard.

(19) a. FILIA MEA - MEA FILIA lat.


b. figlia mia - mia figlia ital.
c. hija mia - mi hija isp.
d. *fille ma - ma fille frantz.
e. fiza mea - *mea fiza sard.

(20) a. AMICI MULTI - MULTI AMICI lat.


b. *amici molti - molti amici ital.
c. *amigos muchos - muchos amigos isp.
d. amicos meda(s) - ?medas amicos sard.

In latinu, sa positzione de sos azzettivos, de sos possessivos e de sos cuantifi-


cadores podiat esser prenominale o postnominale. Su prus de sas limbas ro-
mànicas, nessi pro sos azzettivos e sos possessivos, nd’ammitten galu ambas
possibilidades (cfr. 18 e 19), mentres su sardu nd’ammittet solu una, est a
ischire sa postnominale.25 In custu sensu, sas àtteras limbas sun prus arcàicas
che su sardu, ca no an ristrintu sas possibilidades sintàtticas de su latinu. In su
casu de su cuantificadore meda, sa situassione est divressa, ca su sardu paret
ammitter siat sa positzione postnominale, siat puru sa prenominale, sende chi
s’urtima est una solutzione marcada e, sicunde sa connoschèntzia mea,
agrammaticale in paritzas variedades. Ma mi risurtat probremàticu meda a
cussiderare custu comente unu trattu arcàicu, ca paret esser una particulari-
dade de meda e no unu printzìpiu zenerale comente lu fit in latinu.26
Pro serrare custa setzione, colamus a unu livellu prus teòricu, cumintzande
dae s’idea chi sas limbas naturales, in màteria de sintassi, si poden partire in
duas partes, est a ischire limbas chin sos nùcleos a manca e limbas chin sos
nùcleos a dresta. Su latinu apparteniat a sa prima camba, a su mancu in ten-
dèntzia, mentres sas limbas romànicas appartenen a sa de duas, chin carchi
etzetzione, comente si biet in sa positzione prenominale de sos modificadores
in sos esèmpios (18) a (20). Paret chi su sardu, imbetzes, tenet una tendèntzia
44 Guido Mensching

forte a regularizzare custas “imperfetziones”, comente ammustrat s’illustra-


tzione (21), in ube sos nùcleos sun marcaos chin su sìmbolu °:

(21) SD

D° SN
unu

N° SA
libru

A° Avv
bellu meda

Inoche bidimus un’istruttura regulare chin sos nùcleos a manca. Custa regula-
ridade, chi non la teniat su latinu ne la tenen sas àtteras limbas romànicas, est
una innobassione crara de sa limba sarda.

4. Arcaitzitade lessicale

Ja appo faveddau de aspettos divressos de su lèssicu sardu: non solu contenet


elementos arcàicos in su sensu de (6), ma amus bidu chi medas de sos arca-
ismos chi sa traditzione linguìstica aiat attribuiu a sas àreas de sa fonolozia, de
sa morfolozia e de sa sintassi sun, in realidade, arcaismos lessicales. Amus
nau puru chi arcaismu, comente bisonzat de lu cumprender pro su chi riguar-
dat su sardu, cheret sinnificare s’esistèntzia de elementos latinos relativamente
anticos, chi si fin usande in sa limba de sos romanos de sos sèculos primos
appustis de Cristu.
Tando, mancari siat beru chi su lèssicu sardu juchet elementos arcàicos, a-
mus bidu puru chi custa arcaitzitade riguardat mascamente s’immàzine fònica,
e, in parte s’informatzione morfolòzica de sas paràgulas, pro esèmpiu chi su
nùmene àrbore est de zènere feminile (cfr. 3.2). Diffattis, pro ischire si su
lèssicu sardu juchet elementos arcàicos, diamus aer bisonzu de ponner a pare
sas intradas lessicales intregas, comente dio cherrer illustrare chin carchi
esèmpiu:
Su sardu – limba arcàica o limba moderna? 45

(22) Lat. Sard. Ital.


a. /arbør-/ /arbor-/ /alber-/
decl. III decl. III decl. II
fèmina fèmina mascru
[+cuncretu, -artefattu ...] [+cuncretu, -artefattu ...] [+cuncretu, -artefattu ...]

b. /døm-/ /dom-/
decl. IV decl. IIa ∅
fèmina fèmina
[+cuncretu, +artefattu ...] [+cuncretu, +artefattu ...]

c. /t´mp/ /temp-/ /t´mp-/


decl. III decl. IIa' decl. II
neutru mascru mascru
[-cuncretu ...] [-cuncretu ...] [-cuncretu ...]

d. /k´l-/ /kel-/ /tß´l-/


decl. II decl. II decl. II
neutru mascru mascru
[+cuncretu, -artefattu ...] [+cuncretu, -artefattu ...] [+cuncretu, -artefattu ...]

e. /werwe:k-/ /berbek-/
decl. III decl. III ∅
mascru fèmina
[+cuncretu, +animau, [+cuncretu, +animau,]
+ mascru ...] + zenèricu]

In su casu (22a), su sardu si cumportat in manera prus arcàica che s’italianu,


sicunde sa definissione (6b), abbaidande a tottu sas partes de sa intrada lès-
sica, francu sa parte semàntica (chi est sa matessi). Sa paràula in (22b) est
arcàica in su sensu (6a), francu sa caratterizzatzione morfolòzica (chi est
un’innobassione). Su (22c) no est un’elementu arcàicu, ca s’immàzine fònica
non s’est cusserbada mezus che in italianu, e in prus, sa caratterizzatzione
morfolòzica e su zènere si sun cambiaos (simizante a s’italianu). Pro sa termi-
natzione /-us/, cfr. 3.2. S’esèmpiu (22d) est arcàicu sicunde (6b) petzi pro su
chi pertoccat sa rappresentatzione fònica. S’ùrtima paràgula (22e) diat esser
arcàica in su sensu de (6a) chin riguardu a sa fonolozia e a s’informatzione
morfolòzica, ma non pro su restu, sende chi su zènere s’est cambiau, e puru sa
semàntica.27 Sas rappresentatziones semànticas sun provisòrias e si li dian da-
re prus cara.28 S’ùnicu istùdiu connottu a mie chi esàminat s’arcaitzitade de su
sardu in s’àrea semàntica est cuddu de Koch (in custu volume).
46 Guido Mensching

Ma un’àttera dimanda est si su lèssicu sardu est su prus arcàicu de sas


limbas romànicas. Fintzas a commo, no esistit un’esame cuantitativu de tottu
su materiale lessicale ereditàriu latinu chi esistit galu in sas limbas romànicas,
e gai a custa dimanda non si podet risponder in manera pretzisa. In custu ma-
mentu, non diat nemmancu esser possibile a facher un’esame intregu, pro itte
non tottu sas variedades romànicas tenen unu ditzionàriu etimolòzicu bonu e
finiu. Paritzos prozettos mannos comente, pro esèmpiu, su Lessico etimolo-
gico italianu, s’an a finire fortzis in binti annos dae commo. E pro su sardu
b’est petzi su Dizionario etimologico sardo de Wagner, unu ditzionàriu bonu
e ammirabile ma troppu minore e non chene probremas.
Bell’e gai, paritzos investigadores an chircau de facher un’intentu appros-
simativu, piccande comente base una parte minoredda de paràgulas e appri-
cande mètodos istadìsticos. Gaichì, Stefenelli (1992) aiat piccau sas milli pa-
ràgulas prus frecuentes de su latinu clàssicu, esaminande pro cada limba can-
tas nde sun abbarradas solu in custa limba o bell’e tottu solu. Si trattat duncas
de unu cuntzettu de arcaitzitade sicunde sa definissione arcaismu B in (2), o
arcaismu in su sensu de (6b).29 Su risurtau fit custu:

(23) 1. sardu, 2. italianu, 3. otzitanu, 4. rumenu, 5. frantzesu, 6. ispagnolu,


7. portughesu, 8. catalanu.
Su sardu diat esser sa limba prus arcàica, contenende su 3% de arcaismos de
custu tipu. Peroe cando bidimus chi s’italianu contenet su 2,7%, nos dimanda-
mus si custa differèntzia minoredda de 0,3 % podet esser sinnificativa. Custu
risurtau paret esser cuffirmau dae s’istùdiu de Sala (1988), a su mancu a ri-
guardu de sa positzione arta de su sardu:

(24) 1. sardu, 2. catalanu, 3. portughesu, 4. otzitanu, 5. italianu, 6. ispagnolu,


7. frantzesu, 8. rumenu.
Inoche s’at impreau s’imbesse de su mètodu de Stefenelli: s’istùdiu tuccat dae
unu vocabulàriu basilare de 2000 paràgulas pro cada limba romànica, e s’esà-
minat pro cada limba cantas de custas paràgulas si poden derivare de forma
diretta dae su latinu. Su sardu diat esser sa limba prus arcàica in s’àrea de su
lèssicu, chin su 52% de paràgulas derivàbiles dae su latinu, sichiu dae su cata-
lanu chin su 51%. Ma su catalanu e su sardu s’accattan troppu accurtzu s’unu
dae s’àtteru, in manera chi nos diat parrer chi custas duas limbas contenen su
matessi gradu de arcaitzitade, e puru in custu sensu su risurtau de Sala est
compatìbile chin su de Stefenelli. Ma b’est galu un’àtteru probrema: Sala aiat
esaminau su vocabulàriu basilare de cada limba romànica. Custos vocabula-
rios basilares tenen comente base, in bell’e tottu sos casos, sa frecuèntzia de
Su sardu – limba arcàica o limba moderna? 47

sas paràgulas. Peroe, pro su sardu e pro àtteras limbas minores, comente su re-
toromanu e s’otzitanu, non bi’nde aiat de listas de frecuèntzia. E tando, pro
istabilire su vocabulàriu basilare de su sardu, at impreau àtteros critèrios, pro
esèmpiu sa richesa semàntica e su poderiu derivativu. Est evidente chi custu
no balet comente mètodu issientìficu: non si podet trattare una parte de sos da-
tos in una manera e un’àttera in modu differente. In prus, sa fonte printzipale
pro su vocabulàriu sardu fit unu ditzionàriu de su 1848, e tando bi mancan pa-
ràgulas modernas comente telèfonu, tassì, aèreu, littorina e àtteras. Imbetzes
pro sas àtteras limbas, custas paràgulas si fin cussideradas.
Pro su chi pertoccat sa paca distàntzia istadìstica tra su sardu e àtteras
limbas, Stefenelli s’ind’est abbizau puru issu, e tando, in unu passu sicundu, at
modificau sa manera d’esaminare, dimandande cantos de sas milli paràgulas
latinas esistin galu oje in donzi limba. S’òrdine chi nde risurtat est gai (cfr.
Stefenelli 1992:96-97):

(25) 1. italianu, 2. portughesu, 3. otzitanu, 4. catalanu, 5. ispagnolu, 6. retoromanu, 7.


sardu, 8. frantzesu, 9. rumenu.
Comente bidies, su sardu s’accattat in su de sette postos, zustu innantis de su
frantzsesu, limba connotta comente innobadora, o fintzas “anti-arcàica”. Est
craru chi su mètodu de Stefenelli non podet abbarrare chene crìtica, ca at usau
sas paràgulas latinas prus frecuentes e s’ischit chi pròpiu sas paràgulas fre-
cuentes si cumportan in modu differente dae sas paràgulas prus pacu frecuen-
tes. Ma fortzis custu risurtau podet esser prus o mancu tzertu, ca ja carchi
annu innantis Mańczak (1986) fit arribau a unu risurtau simizante. Issu aiat
esaminau sas tradutziones de una parte minoredda de sa bìbbia in sas limbas
romànicas, aparagonàndelas chin sa Vulgata latina. In cust’istùdiu, b’at acca-
tau, in su testu italianu, 165 paràgulas chi s’assimizan a cuddas latinas. Su
sardu, imbetzes, nde teniat solu 135. In prus, cust’istùdiu puru at àppiu co-
mente risurtau chi s’italianu est sa limba prus arcàica si faveddamus de su
lèssicu. Unu risurtau sìmile l’amus a bier derettu in s’artìculu de Bolognesi (in
custu volume), e est possibile chi est su risurtau zustu, ca cointzidet chin àtte-
ros duos istùdios basaos supra de mètodos totalmente differentes.30
Siat comente siat, si cherimus riassumer su chi ischimus fintzas a commo:
amus chimbe risurtaos: in duos de issos, su lessicu sardu est prus arcàicu che
su de sas àtteras limbas, e in àtteros tres istùdios diat esser s’italianu sa limba
prus arcàica. Non l’ischimus tando de forma esatta, ma si podet narrer chi su
lèssicu sardu est prus o mancu arcàicu, dipendende dae su puntu de bista.
48 Guido Mensching

5. Cuncruimentu

In cust’artìculu appo chircau de risponder a sa dimanda diffìtzile si su sardu


est una limba arcàica o nono. In sa setzione 2 amus esaminau sas paràgulas
chi Max Leopold Wagner aiat crèttiu de orìzine latina antica, de un’època pa-
cu appustis de sa cunchista romana. Su risurtau est chi tottu cussas paràgulas
si fin usadas in sa limba latina fintzas a s’edade imperiale. Gaichì, s’arcaitzita-
de supposta de su sardu non si podet riferire a su latinu anticu. Sa limba sarda
derivat dae su latinu faveddadu in sos sèculos I, II e III appustis de Cristu.
Gaichì, un’arcaismu podet esser un’elementu de cudd’època chi su sardu at
cusserbau bene, siat ca s’est pèrdiu atterube (pro es. mannu), siat ca s’assimi-
zat galu prus a s’elementu orizinale latinu che in àtteras limbas (pro es. fa-
cher). Mancari diat esser mezus, fortzis, a usare pro custos elementos su tèr-
mine cusserbadorismos (accontzau dae s’ispagnolu), podimus puru continuare
a los cramare arcaismos, in accordu chin sa traditzione de sa filolozia sarda. In
sa setzione 3, appo chircau de istabilire in cale oru de su limbazu s’accattan
custos elementos arcàicos: non los podimus addobiare ne in sa fonolozia, ne in
sa sintassi, e in s’àrea de sa morfolozia nd’imbenimus pacos pacos (masca-
mente sa terminatzione verbale -t, e fortzis cudda nominale -us). Imbetzes, su
locu in ube accatamus unu nùmeru prus a prestu mannu de arcaismos est su
lèssicu, e amus puru bidu chi partitzos elementos chi sa traditzione filolòzica
at chèrfiu attribuire a sa fonolozìa e a sa morfolozìa sun, in realidade, caratte-
rìsticas lessicales, supra de tottu s’immàzine fònica de sas paràgulas. Dae s’àt-
tera banda, sa limba sarda contenet unu nùmeru mannu de innobassiones. In
prus, s’arcaitzitade lessicale de su sardu toccat prus a prestu sa calidade, ma
non sa cantidade: sos esames numèricos chi si sun fattos fintzas a commo in-
dittan chi b’esistin àtteras limbas chin unu nùmeru prus mannu de arcaismos.
Ma est beru chi sa calidade de paritzas paràgulas podet esser prus arcàica o
cusserbadora che in àtteras limbas, ca s’assimizu fònicu de una paràgula co-
mente /fak´r/ chin sa radichina latina est prus forte che in sas paràgulas chi li
corrisponden in italianu, frantzesu, ispagnolu etz. (/far´/, /f´:r/, /a†er/). E de
custu, pesso chi si nde fit abbizau fintzas Dante…
Su sardu – limba arcàica o limba moderna? 49

Notas

* Cust’artìculu est una versione attualizzada e bortada in sardu de una cufferèntzia chi appo fattu
su 14 de Sant’Andria de su 1997 in Colònia, comente parte de s’esame pro esser numenau profes-
sore de universidade.
1
«Sardos etiam, qui non Latii sunt, sed Latiis associandi videntur, eiciamus, quoniam soli sine
proprio vulgari esse videntur, gramaticam, tanquam simie homines, imitantes; nam dominus nova
et domus novus locuntur» (Dante, De vulg. eloqu. XI,7). Imbetzes de «dominus nova et domus
novus» sos manuscrittos e sas editziones tenen, comente variantes, «domus novi et domus novus»,
«domus nova et domus novas», «domus nova et dominus meus» e àtteros. Itte cheriat narrer Dante
est una chistione diffìtzile meda, chene solutzione definitiva fintzas a commo. Pro sa discussione,
cfr., pro es., su commentàriu a s’editzione de Rovira/Gil (1982), e, supra de tottu, ED (5,34-35).
2
In sos ditzionàrios de linguìstica s’accatan, bell’e gai, àtteros sinnificaos, comente (a): elemen-
tu linguìsticu de un’època anteriore, usau mascamente pro resones istilìsticas; (b) forma gramma-
ticale, costrutzione o sinnificau “cunzelau”, cramau puru “relittu”. Pro su chi pertoccat (b), cfr. sa
setzione 3.2 de cust’artìculu.
3
In su matessi paràgrafo, Tagliavini faveddat de paràgulas cusserbadoras e de paràgulas arcài-
cas, chene facher una distintzione crara tras issas. Pro su chi riguardat sa differentziatzione tra ar-
càicu e cusserbadore, cfr. s’idea de Mariner Bigorra trattada in sa pàzina chi sichit.
4
Sa tradutzione est mea, comente puru sos àtteros testos in josso bortaos in sardu dae su tedescu.
5
Cfr. puru Gröber (1884:213): «Sa seperatzione de sas limbas romànicas diat esser, tando, antica
meda. Custa [seperatzione] est cumintzada in su tempus de sa romanizzatzione de sa prima pro-
vìntzia foras de Italia, e si ripitiat a s’ora de sa cunchista de cada territòriu nobu de limba romàni-
ca [sic]; cada borta sa limba de sos primos populadores de custos [territòrios] est istada su puntu
de cumintzu de sa limba romànica rispettiva; custa [limba] s’est dèppia guardare dae [sa limba
de?] sos immigraos posteriores, est ressessia a la assimilare in issa, e s’est irvilluppada fintzas a
diventare una limba romànica, chentza esser iffruentziada dae sos sonos de issa [est a narrer, de sa
limba de sos immigraos posteriores]».
6
DLCS: cugnàre, cungiai, cunzare ‘serrare, acurtziare sas duas partes de un’abbertura de no
arreare logu in mesu, ponner sa cunzadura, inghiriare unu logu ororu cun carchi cosa de impedu-
mare chi si essat o s’íntrede’; sinònimos: serrai, tancare; incujare.
7
Pro Wagner (1993:107-108), custu tipu de “arcaismu” no at unu caràttere marzinale in su sensu
de Arcaismu D, ma prus a prestu rùsticu: «Fra gli elementi lessicali comuni al sardo e alla latinità
balcanica sono notevoli soprattutto quelli che riguardano la terminologia rustica: appartengono ad
uno strato lessicale arcaico, il cui centro di irradiazione sarà stata l’Italia meridionale, e difatti pa-
recchi di questi vocaboli si trovano anche in dialetti dell’Italia meridionale e centrale».
8
DLCS: incujàre, incuxare ‘serrai una terra, unu possessu, ponendidhu su serru, sa cresura’. Su
REW (2392) tenet incugiai, ma chin un àtteru sinnificau.
9
Cfr. Wagner (1993:110): «si riferisce in origine a quelle serrature primitive di legno, in cui
certe biette in forma di cuneo (sard. kóndzu; rum. cuĭu) s’incastrano in altrettante incavature, e
che si vedono ancora nei predi campestri dell’isola, come esistono anche, secondo comunicazione
dell’amico Sever Pop, in Romanìa.» Su sinnificau de CUNEARE est ‘fendre ou serrer avec un
coin’ sicunde Ernout/Meillet (1951:281). Su ThLL (4,1402-1403) indittat su sensu ‘cuneis iunge-
re, claudere’, ma credo chi ‘claudere’ non fit pessau dae sos autores de su ThLL comente unu sin-
nificau independente, ma, antzis, bisonzat de legher ‘cuneis iungere, [cuneis] claudere’. Custu si
podet bier puru in sos ùnicos duos testos indittaos in su ThLL in ube accattamus su verbu CUNE-
ARE in custu sensu (Sèneca, epist. 118,16 e Plìniu nat. 16,206). S’indicassione de su REW
(2392), chi dat a su verbu latinu su sinnificau de ‘tancare’, est, duncas, farsa, a su mancu fintzas a
su sèculu I ap.de.C.
50 Guido Mensching

10
Custos e sos àtteros esèmpios los appo bortaos in forma ortogràfica imbetzes de sa trascritzione
fonètica usada dae Wagner. Inditto inoche sas formas e sos sinnificaos de custas paràgulas co-
mente s’accatan in su DLCS (s.v.): zubilàre, giuilare, zuilare, zulliare, zuvilare ‘ghetai zúbilos,
tzérrius (po dolori, po circai a ccn.), pigai a tzérrius po certu’; càdhu, gadhu ‘corzolu de lardu, de
porcu o de porcrabu; carre intostada, in manos o in pes, acorzolada a fortza de la cariare triballen-
dhe o caminendhe’; agasòne, asone ‘castiadori de cuadhus’; macu ‘chi o chie no est tantu zustu
de conca, débbile de conca’; sódhu ‘deghe tzentésimos de unu francu sardu, ma oramai nâdu petzi
cun su sinnificau de “dinari”’. Sa paràgula malebèrdiu non s’accattat in su ditzionàriu de Puddu;
pro Wagner cheret narrer ‘ohimè, povero me’ e est usada a Baunei.
11
Cfr. sas indicassiones bibliogràficas in Tagliavini (1972:266), Hall (1976:11), Lausberg (1963:
66), Stefenelli (1996).
12
Aulularia, IV,9, versu 7121: «heu me miserum, misere perii, male perditus, pessimus ornatus
eo».
13
Cfr. puru DLS (605), s.v. malebérdiu: «dal latino male perditus (Plauto)».
14
Matt. 21,41: «malos male perdet», su chi sas versiones italianas traduchen chin «farà peri-
re/morire malamente/miseramente».
15
Ernout/Melleit (1951:581): «C’est seulement dans la langue de l’Eglise où iūbilāre a la nuance
‘pousser des cris de joie’». Custu l’ischiat puru Wagner, ca iscrivet: «Il lat. jubilare non s’incon-
tra nel significato di ‘giubilare’ prima della volgata» (Wagner 1993:82).
16
E puru AEI (s.v. soldo): «lat. tardo (nummus) soldus, class. solĭdus, sostantiv., moneta di oro
massiccio dell’età di Costantino».
17
DOMUS b’esistit in s’italianu (> duomo), ma, comente s’ischit, benit dae su latinu eccle-
siàsticu.
18
Unu gruppu ispetziale sun sos elementos lessicales de su latinu cristianu: battijare, frastimare,
crèsia, pìscamu, jàcanu, preìderu.
19
«Il sardo è la lingua romanza che meglio di tutte le altre ha conservato il suo carattere latino
anche rispetto ai fattori morfologici», sende chi Wagner intendet comente morfolozia solu sa fles-
sione.
20
Cfr. nota 2, definissione (b).
21
Sa situatzione de oje, si diat depper istudiare, ma un’interrogu minoreddu fattu in Internet (cfr.
Grimaldi in custu volume) nos fachet timer chi custas formas si sun perdende semper prus.
22
DLCS: «in propositziones chi dipenden de verbos che a nàrrere, pentzai, crèdere, timire, e gai,
cun su matessi sinnificadu de ‘chi’».
23
E puru in su chistionu direttu: Una die lis at natu ca «lu ’idites chi so a puntu a m’inche
morrer.»; cfr. puru sos esèmpios de sa Vulgata offertos dae Wagner (1993:370).
24
Cfr. Jones (1993:31-79) pro un’esame cumpretu.
25
Francu pacas etzetziones, mascamente bonu, bellu e santu (cfr. Pittau 1972, Blasco Ferrer
1984, Mensching 1994).
26
Pro tottu, sa positzione non marcada est sa prenominale, comente puru in sas àtteras limbas
romànicas. Toccat de ammentare puru chi meda est un’innobassione e chi presentat fenòmenos
particolares de cuncordàntzia, comente puru tottu, indeclinàbile in variedades medas.
27
Custa paràgula b’esistit puru in frantzesu, brebis, chin sos matessis càmbios. Custos càmbios
sun de su latinu tardu, documetaos a cumintzare dae su sèculu V. Est prus arcàicu su rumenu, chi
cusserbat su zènere e sa semàntica de sa paràgula latina. Cfr. FEW (XIV, 338).
28
Pompiemus sa paràgula sarda domo. Faveddande de su sonu, sa paràgula casa chi accattamus
in àtteras limbas romanicas est puru una paràgula latina antica. Tando, pro itte si narat chi su
sardu est prus arcàicu che sas àtteras limbas romànicas? Sa resone est, chi in latinu, DOMUS che-
riat narrer ‘domo’, e CASA cheriat narrer ‘barracca’ o ‘pinneta’. Ma su probrema est custu: sa do-
mo traditzionale sarda tenet, comente s’ischit, una sola istàntzia. Itte diat colare si diamus poder
Su sardu – limba arcàica o limba moderna? 51

facher bier custa domo sarda a unu romanu: pesso chi isse si diat ispantare, ca li diat parrer petzi
una pinneta, e tando una CASA e no una DOMUS!
29
Sa differèntzia est chi su puntu de riferimentu de Stefenelli est su latinu clàssicu e non cuddu
postclàssicu propostu in (6).
30
Un’àtteru probrema de sos istùdios esaminaos est su latinu in ube si sun basaos, ca su sardu
non derivat ne dae su latinu clàssicu ne dae su latinu de sa bìbbia, mancari cust’ùrtimu jucat car-
chi caratterìstica de su latinu vulgare. Cfr. sa discussione in sa setzione 2 supra de sa chistione de
cale latinu fit sa base de sa limba sarda, e galu sos pessos de Bolognesi (in custu volume).
52 Guido Mensching

Riferimentos bibliogràficos

AEI = Devoto, Giacomo (1968): Avviamento alla etimologia italiana. Firenze: Le


Monnier.
Bartoli, Matteo (1925): Introduzione alla neolinguistica: principi, scopi, metodi. Zine-
vra: Olschki.
Blasco Ferrer, Eduardo (1984): Storia linguistica della Sardegna. Tùbinga: Niemeyer.
Blasco Ferrer, Eduardo (1986): La lingua sarda contemporanea. Grammatica del lo-
gudorese e del campidanese. Casteddu: Della Torre.
Bolognesi, Roberto (1998): The Phonology of Campidanian Sardinian: A Unitary
Account of a Self-Organizing Structure. S’Aia: Holland Academic Graphics.
Bolognesi, Roberto/Heeringa, Wilbert (in custu volume): “L’influsso delle lingue
dominanti sul lessico e la fonologia dei dialetti sardi”.
DLCS = Puddu, Mario (2000): Ditzionàriu de sa limba e de sa cultura sarda. Casted-
du: Condaghes.
DLS = Pittau, Massimo (2000): Dizionario della lingua sarda: fraseologico ed etimo-
logico. Casteddu: Gasperini.
ED = Bosco, Umberto (1970 sgg.): Enciclopedia Dantesca. 5 voll. Roma: Istituto della
Enciclopedia italiana.
Ernout, Alfred/Meillet, Antoine (41985): Dictionnaire étymologique de la langue lati-
ne: histoire des mots. Parizi: Librairie C. Klincksieck.
FEW = Wartburg, Walther von (1922 sgg.): Französisches etymologisches Wörter-
buch. Basilea et al.
Grimaldi, Lucia (in custu volume): “Internet: una prospettiva per la promozione e lo
studio delle lingue ‘minoritarie’”.
Gröber, Gustav (1884): “Vulgärlateinische Substrate romanischer Wörter”, in: Archiv
für lateinische Lexikographie und Grammatik 1, 204-254, 539-537.
Hall, Robert A. (1974): External History of the Romance Languages. Noba York:
American Elsevier Publ. Co.
Hall, Robert A. (1976): Proto-Romance Phonology. Noba York: American Elsevier
Publ. Co.
Iliescu, Maria/Mourin, Louis (1991): Typologie de la morphologie verbale romane.
Innsbruck: Inst. für Sprachwiss. d. Univ.
Jones, Michael A. (1993): Sardinian Syntax. Londra et.al.: Routledge.
Kieckers, Ernst (1960): Historische lateinische Grammatik. Mònacu de Baviera:
Hueber.
Knobloch, Johann (a cura de) (1986): Sprachwissenschaftliches Wörterbuch. 2 voll.
Heidelberg: Winter.
Koch, Peter (in custu volume): “Il cosiddetto ‘conservatorismo’ lessicale del sardo”.
Su sardu – limba arcàica o limba moderna? 53

Krefeld, Thomas (in custu volume): “Un mito da smontare: l’arcaicità del vocalismo
sardo”.
Lausberg, Heinrich (21963): Romanische Sprachwissenschaft. Berlinu: De Gruyter.
LEI = Pfister, Manfred (1984 sgg.): Lessico etimologico italiano. Wiesbaden: Reichert.
Mańczak, Witold (1985): “Le sarde est-il la langue romane la plus archaïque?”, in:
Actes du XVIIème congrès international de linguistique et philologie
romanes. Aix-en-Provence: Université de Provence; Marseille: Laffitte.
Mariner Bigorra, Sebastián (1960): “El latín de la Península ibérica: Léxico”, in:
Alvar, Manuel/Badia, Antoni et al. (a cura de): Enciclopédia Lingüística
hispánica. Vol. 1. Madrid: Consejo superior de investigaciones científicas.
Mensching, Guido (21994): Einführung in die sardische Sprache. Bonn: Romanisti-
scher Verlag (Bibliothek romanischer Sprachlehrwerke 2).
Mensching, Guido (2002): “Elementi del latino tardo nel lessico sardo”. Cufferèntzia
in su Cumbenniu Internathionale de sa Limba Sarda, Tiniscole, Santu Gabi-
nu 2002.
Pittau, Massimo (31972): Grammatica del sardo-nuorese: il più conservativo dei par-
lari neolatini. Bologna: Pàtron.
Pöckl, Wolfgang/Rainer, Franz (21994): Einführung in die romanische Sprachwissen-
schaft. Tùbinga: Niemeyer.
REW = Meyer-Lübke, Wilhelm (31935): Romanisches etymologisches Wörterbuch.
Heidelberg: Winter.
Rovira Soler, Matilde/Gil Esteve, Manuel (a cura de) (1982): Dante Alighieri: De
vulgari eloquentia. Madrid: Universidad Complutense.
Sala, Marius (a cura de) (1988): Vocabularul reprezentativ al limbilor romanice. Buca-
rest: Editura Ştiinţificǎ şi Enciclopedicǎ.
Stefenelli, Arnulf (1992): Das Schicksal des lateinischen Wortschatzes in den romani-
schen Sprachen. Passau: Wissenschaftsverlag Richard Rothe (Passauer
Schriften zur Sprache und Literatur 6).
Stefenelli, Arnulf (1996): “Thesen zur Entstehung und Ausgliederung der romanischen
Sprachen”, in: Holtus, Günter/Metzeltin, Michael/Schmitt, Christian (a cura
de): Lexikon der Romanistischen Linguistik. Vol. II,1: Latein und Roma-
nisch. Tùbinga: Niemeyer, 73-90.
Tagliavini, Carlo (61972): Le origini delle lingue neolatine. Introduzione alla filologia
romanza. Bologna: Pàtron.
ThLL = Thesaurus Linguae Latinae. 10 voll. fintzas a commo. Mònacu de Baviera:
Saur.
Wagner, Max L. (1938/39): “Flessione nominale e verbale del sardo antico e moder-
no”, in: Italia Dialettale 14 (1938), 93-170; 15 (1939), 207-247.
Wagner, Max L. (31993): La lingua sarda – storia, spirito e forma. Tùbinga/Basilea:
Francke.
Walde, Alois (31938-1954): Lateinisches etymologisches Wörterbuch. 3 voll. Heidel-
berg: Winter.
Thomas Krefeld
(Monaco di Baviera)

Un mito da smontare: l’arcaicità del


vocalismo sardo*

1. Avvertenza

Di solo pane non si vive; neanche gli scienziati si nutrono di puri dati prepa-
rati secondo le ricette della bisnonna – ma sulla loro tavola non devono man-
care né proteine teoriche fresche né vitamine creative per prevenire la sclerosi
intellettuale. In ogni caso nuoce alla salute alimentarsi a lungo solo di con-
serve, anche perché sulle conserve scientifiche non viene indicata la data di
scadenza. Vorrei sconsigliarVi di aprire il vecchio barattolo fonologico sulla
cui etichetta è scritto in caratteri gotici: “Arcaicità del vocalismo sardo”. E
con questo mio avvertimento, che non riguarda soltanto la filologia sarda
bensì la romanistica in generale, passiamo da un antipasto stuzzicante al no-
stro pane quotidiano (e quindi non ancora raffermo) della fonologia diacro-
nica.

2. Brevi cenni sulla sincronia

Dal punto di vista sincronico il sistema vocalico del sardo è semplice e chiaro;
è costituito da tre gradi di apertura e 5 fonemi monottonghi (/i/, /e/, /a/, /o/,
/u/). Le due vocali medie vengono realizzate sotto forma di due allofoni ({e,
E},{o, O}), la cui scelta è alternativamente condizionata dalle vocali finali; le
finali chiuse -i, -u determinano -e-, -o-, le aperte (-a, -e, -o) invece si legano
esclusivamente alle toniche -E-, -O-:
56 Thomas Krefeld

(1) Esempi di variazione armonizzante (metafonetica) secondo Atzori (1982:23)

bElla, bEllas, bEllos (log., nuor.) davanti a -a, -o, -e


fOrte, fOrtes (log., nuor.)
bellu (log., nuor., camp.), bellus (camp.) davanti a -u, -i
forti, fortis (camp.)

Non esistono né dittonghi né la vocale indistinta /´/ di tipo napoletano. A


priori questo sistema non ha niente di straordinario; assomiglia fortemente
agli altri sistemi romanzi (soprattutto a quelli dell’Italia meridionale, ma an-
che a quelli iberoromanici – con l’eccezione del castigliano e del catalano – e
perfino al rumeno); si tratta di un vocalismo di stampo romanzo assai comune.

3. Considerazioni sulla diacronia

Dal punto di vista diacronico invece il vocalismo sardo si rivela molto origi-
nale e ha da sempre suscitato l’interesse dei linguisti storici che qualificano
questa sua originalità – anche per comodità – “arcaica”. Ma prima di esami-
nare in che misura sia giustificabile tale giudizio bisognerebbe chiedersi che
cosa vuole, anzi che cosa può significare “arcaico”.1
Constatiamo, prima di tutto, che si tratta di un predicato relazionale: qual-
cosa è arcaico rispetto a qualcos’altro. Ora sono due le prospettive offerteci
dalla filologia romanza:
1. arcaicità quasi latina: è arcaico un fenomeno linguistico perché rimasto
più fedele al latino in confronto a soluzioni equivalenti in altre varietà o
lingue.
2. arcaicità romanza: è arcaico un fenomeno quando esso corrisponde ad
una fase romanza più antica rispetto a quella di soluzioni equivalenti in
altre varietà o lingue.
Nella sezione che segue vogliamo considerare l’originalità del vocalismo
sardo in entrambe le prospettive.
Un mito da smontare: l’arcaicità del vocalismo sardo 57

4. Originalità del vocalismo sardo


4.1 Originalità del vocalismo sardo rispetto al latino

Il punto di riferimento per chiunque si occupi del vocalismo romanzo è fissato


dalle ricerche del Lausberg; nella sua famosissima indagine Die Mundarten
Südlukaniens (‘I dialetti della Lucania meridionale’; Lausberg 1939), egli
riscontrò risultati vocalici talmente divergenti che si vide costretto ad abban-
donare l’idea di un’eventuale omogeneità del vocalismo del latino volgare.
Per la Lucania rilevò tre sistemi vocalici diversi tra di loro e con distribuzione
geografica complementare; cfr. SISTEMA 4, 6b, 7 in (3). A nord e a sud si
uniscono rispettivamente al sistema detto “del latino volgare” (SISTEMA 3) e
al sistema “siciliano” (SISTEMA 5), come illustra la cartina (2):

(2) Distribuzione dei sistemi vocalici romanzi in Italia meridionale secondo Lausberg
(1939)

SISTEMA 3
SISTEMA 7

SISTEMA 6

SISTEMA 4

SISTEMA 5

Poiché tutti i sistemi identificati da Lausberg si ripresentano, con distribuzione


diatopica irregolare, anche a volte molto lontano dalla zona dell’Italia meri-
dionale scelta da Lausberg come oggetto di ricerca, essi vengono oggi consi-
derati uno dei criteri fondamentali per la classificazione (genetica) delle lin-
gue romanze contemporanee e dei loro dialetti.
Tracciamo quindi un profilo dei sistemi vocalici già nominati e di alcuni
altri, studiati dai successori di Lausberg:
58 Thomas Krefeld

(3) Alcuni sistemi vocalici romanzi dell’Italia meridionale

SISTEMA 3: Iberoromània, Galloromània, Romània alpina, Italoromània (tranne le


zone dei SISTEMI 4-8), Dalmazia, Istria. Nelle regioni nominate vige il cosiddetto
vocalismo “latino-volgare” o “panromanzo”.
lat. class. ī ĭ ē ĕ ă ā ŏ ō ŭ ū

i e E a O o u

SISTEMA 4: Sardegna, Corsica meridionale, alcune zone della Lucania, del Cilento,
della Calabria settentrionale, della Romània submersa africana. In queste regioni si
trova il vocalismo di tipo sardo.
lat. class. ī ĭ ē ĕ ă ā ŏ ō ŭ ū

i e/E a O/o u

SISTEMA 5: Sicilia, Cilento (tra Ascea e Sapri), Calabria (con esclusione della fascia
sottile a nord della linea Diamante-Cassano), Puglia meridionale (a sud di Brindisi).
Queste regioni presentano il cosiddetto “sistema siciliano”.
lat. class. ī ĭ ē ĕ ă ā ŏ ō ŭ ū

i E a O u

SISTEMA 6: Romània balcanica e parte orientale della Lucania (intorno a Castelmez-


zano; AIS P 733). Questo sistema decisivo combina la soluzione “panromanza” (SI-
STEMA 3) per il ramo palatale con la soluzione “arcaica” per il ramo velare. Per tale
motivo è nominato anche «sistema di compromesso» (Lausberg 1969:148) o «sistema
asimmetrico» (Devoto 1974:91). Il sistema della Romània balcanica è il seguente:
lat. class. ī ĭ ē ĕ ă ā ŏ ō ŭ ū

i e E a o u
SISTEMA 6a: La Lucania orientale presenta la variante:
lat. class. ī ĭ ē ĕ ă ā ŏ ō ŭ ū

i e[E] a o u
Un mito da smontare: l’arcaicità del vocalismo sardo 59

SISTEMA 7: Sud-est della provincia di Salerno, Lucania settentrionale e occidentale,


Nord-ovest del Salento (AIS P 731, P 726, P 735, P 729), Abruzzo.
lat. class. ī ĭ ē ĕ ă ā ŏ ō ŭ ū

i E a O u

SISTEMA 8a: Intorno a Teramo (Rohlfs 1969:11)


lat. class. ī ĭ ē ĕ ă ā ŏ ō ŭ ū

i a O u

SISTEMA 8b: Teramo (Giammarco 1979:10)


lat. class. ī ĭ ē ĕ ă ā ŏ ō ŭ ū

i a u

SISTEMA 8c: Grottamare (AP; Rohlfs 1969:12)


lat. class. ī ĭ ē ĕ ă ā ŏ ō ŭ ū

i e E a u

La storia del vocalismo romanzo è innanzi tutto la storia della spiccata ridu-
zione dell’inventario vocalico del latino classico che comprendeva dieci fo-
nemi; questa diminuzione è sicuramente legata allo scomparire della quantità
fonologica, senza che sia tuttavia necessario presupporre l’idea di un “collasso
quantitativo”.
Colpiti dalla riduzione dell’inventario vocalico, i sistemi romanzi si
contraddistinguono tra di loro per la specificità delle collisioni che si sono
prodotte. A prima vista il sistema sardo non rivela una particolare vicinanza al
latino. Perché allora affibbiare l’etichetta “arcaico”?
In modo analogo vengono di regola classificati come “arcaici” i dialetti
calabro-lucani, per i quali invece vige il SISTEMA 4/5; vedi infra in (5). Que-
sta opinione, purtroppo radicata, mi sembra piuttosto mal fondata in quanto
collegata all’intuizione che le collisioni del tipo sardo (medesimo trattamento
di ī e ĭ, ē e ĕ, ă e ā, ō e ŏ, ū e ŭ) siano quasi scontate e perciò anche più antiche
delle soluzioni parallele. Consueta è la ricostruzione, come quella proposta da
Lausberg, secondo la quale in Sardegna si sarebbe mantenuto più a lungo il
sistema delle quantità vocaliche del latino:
60 Thomas Krefeld

Alla fine scomparvero le quantità naturalmente anche in Sardegna e nel con-


tempo si fusero le corrispettive quantità (p. es. ī ĭ) in un’unitaria qualità (p. es. i).
Ebbe origine il sistema arcaico (Lausberg 1969:§158).
Lo sviluppo corrisponderebbe allo schema seguente:

(4) Collasso delle quantità e filiazione dei sistemi vocalici romanzi (secondo Lausberg
1969)

vocalismo lat.class. ī : ĭ : ē : ĕ : ă : ā : ō : ŏ : ū : ŭ (SISTEMA 1)

mantenimento
abbandono totale precoce
prolungato delle
(“collasso”) delle quantità
quantità2

vocalismo protoromanzo
abbandono delle quantità
i:I:e:E:a:O:o:U:u
e fusione delle coppie
(SISTEMA 2)
vocaliche con grado di
apertura identica
(ī/ĭ > i), (ē/ĕ > e) ecc.

sistemi romanzi tranne vocalismo sardo


vocalismo sardo (SISTEMA 4)
(SISTEMI 3, 5, 6, 7, 8)

La filiazione ipotizzata dal Lausberg non è provata e neppure provabile. Sicu-


ramente non si può fare a meno di presupporre una separazione precoce, cioè
una differenziazione diatopica precoce, a causa della quale il sardo divenne
autonomo, cioè non più raggiunto dallo sviluppo più esteso del romanzo co-
mune ancora più o meno unitario. La ragione di questo speciale sviluppo del
vocalismo sardo non risiede tuttavia in un mantenimento particolarmente
lungo della quantità che meriterebbe di essere chiamato arcaico, bensì proprio
nel suo abbandono precoce – e innovativo.
Passiamo ora alla seconda prospettiva considerando il vocalismo del sardo
rispetto alle altre lingue romanze.
Un mito da smontare: l’arcaicità del vocalismo sardo 61

4.2 Originalità del vocalismo sardo rispetto agli altri sistemi romanzi

La comune etichetta “sardo”, sia per le parlate lucane scoperte da Lausberg sia
per i dialetti parlati in Sardegna, è in certa misura fuorviante. Come “sarda”
può essere definita in Lucania solo una serie di varianti armonizzanti delle
vocali medie, quella condizionata da una finale aperta.

(5) SISTEMA 4/5 detto “sardo” di penisola: zona Lausberg (Lucania meridio-
nale/Calabria settentrionale)

4
davanti a
-a/-e i E a O u

lat.class. ī ĭ ē ĕ ă ā ŏ ō ŭ ū

5 i i8 e a u8o u
davanti a
-u/-i

Quanto si discosti questa situazione da quella esistente in Sardegna, lo mostra


il sistema armonizzante sardo, geograficamente inteso, nel suo insieme.

(6) SISTEMA 4/4a: Sardegna

4
davanti a
-a/-e i E a O u

lat.class. ī ĭ ē ĕ ă ā ŏ ō ŭ ū

4a i e a o u
davanti a
-u/-i

La particolarità della Sardegna risulta esclusivamente dalla serie di chiusura


(cioè SISTEMA 4a davanti a -i/-u) non documentata nella penisola. Contra-
riamente a tutti gli altri sistemi, e anche contrariamente al vocalismo detto sar-
do della Lucania (cfr. sup. SISTEMA 4/5), le coppie latine ĕ : ē e ŏ : ō hanno
sempre un esito comune nel vocalismo sardo (SISTEMA 4/4a), i fonemi /E/ e
/O/. In sincronia entrambi i fonemi subiscono una variazione allofonica, si
62 Thomas Krefeld

realizzano sia chiusi (e/o) sia aperti (E/O) sotto l’influsso delle condizioni ar-
monizzanti alternative (finali -i/-u vs. finali -a, -e -o; vedi gli esempi nella ta-
bella 1). Quindi la distribuzione di {e/E} e {o/O} nel sardo della Sardegna si
può descrivere sufficientemente attraverso le regole sincroniche del sistema
fonologico armonizzante che non lascia neppure sospettare l’esistenza delle
vocali ĭ, ē, ō, ŭ del latino classico.
Nella penisola (SISTEMA 4/5), al contrario, collidono sì le coppie lat. ŏ :
ō (> O) e ĕ : ē (> E), ma solo con vocale finale aperta. Con vocale finale chiusa
infatti lat. ē collide con ĭ e ī (> esito comune i) e lat. ō collide con ŭ e ū (> esi-
to comune u); vedi n´pOt´ vOstr´ ‘la vostra nipote’ (< nepotem) vs. i n´put´
nust´ ‘i nostri nipoti’ (AIS 18, 22; P 745). In questo sistema l’alternanza voca-
lica armonizzante è diventata completamente opaca in sincronia; in alcune pa-
role le vocali toniche E, O alternano con i 8e, u8o quando cambia la finale, in
altre invece alternano con i, u ecc.
In maniera analoga ma ancora più cospicua funzionano gli altri sistemi, nei
quali le coppie vocaliche del latino classico ĭ : ē e ō : ŭ si sono sviluppate in
maniera divergente; a seconda della sillaba finale diventano i e u rispettiva-
mente e/E e o/O . Le parole in questione (tipo: niru ‘nero’ vs. nera), cioè con
vocale tonica variabile {i/e(E)} formano una classe distributiva complementa-
re accanto a quelle con i e u invariabile (tipo: fiddju vs. fiddja) e a quelle con
{e/E(i 8e)} o {o/O/u8o} alternanti (tipo: beddu vs. bEdda/bi 8edda). Questa classe
è lessicalizzata e assolutamente non condizionata da nessuna regola fonolo-
gica sincronica, ma perfettamente spiegabile se si ricorre all’etimologia. Tra
tutte le i e u sincroniche solo quelle che risalgono al lat. ĭ, ŭ subiscono la va-
riazione e, analogamente, la divergenza variazionale di e e o sincroniche si
spiega da un punto di vista diacronico. Ne risulta chiaramente che la regolarità
delle collisioni fu in principio condizionata da processi armonizzanti antichis-
simi che compresero non solo le coppie medie del lat. class. ŏ : ō e ĕ : ē (come
in sardo) bensì tutte le vocali latine tranne ī e ū.
Per questo motivo, in ogni caso, è inaccettabile la congettura che il SI-
STEMA 3 detto latino volgare e il SISTEMA 5 detto siciliano e tutti gli altri si
siano sviluppati possibilmente sulla base di un vocalismo del tipo sardo (SI-
STEMA 4). La supposizione di una secondaria e casuale formazione di una
terza classe distributiva (parole con vocale tonica alternante {i/e} < latino
classico ĭ/ē) accanto a parole con vocale tonica i non alternante e a quelle con
vocale tonica alternante {i8E/E} rispettivamente {e/E}, è, considerate le condi-
zioni di formazione chiaramente determinabili dall’etimologia, così improba-
bile che si può tranquillamente escludere.
Un mito da smontare: l’arcaicità del vocalismo sardo 63

Il sardo (di Sardegna) può considerarsi conservatore tutt’al più nell’ostina-


to mantenimento del suo sistema vocalico – arcaico nel senso che conserva un
sistema quasi protoromanzo – ma di certo non è storicamente sottostante agli
altri sistemi romanzi. La mancanza di questa terza classe distributiva in sardo
risale, al contrario, chiaramente ad una propria e precoce innovazione, quella
di aver abbandonato prima delle altre lingue romanze l’opposizione tra ī : ĭ e
tra ū : ŭ.
Inoltre si può constatare che il vocalismo sardo (SISTEMA 4a/4), ma an-
che il SISTEMA 4 ‘pseudosardo’ della Lucania si distinguono, dal punto di
vista diacronico, chiaramente per una precoce restrizione dei processi di armo-
nizzazione: la congettura di tali processi è necessaria solo nel caso della colli-
sione del lat. class. ē/ĕ rispettivamente ŏ/ō. In tutte le altre regioni la di-
vergenza delle collisioni sotto l’influsso delle finali suggerisce un condiziona-
mento armonizzante dello sviluppo di tutte le vocali del latino (tranne ī, ū, ă,
ā). Si veda lo schema seguente:

(7) Filiazione dei sistemi vocalici romanzi su base di affinità processuale

vocalismo lat. class. ī : ĭ : ē : ĕ : ă : ā : ō : ŏ : ū : ŭ (SISTEMA 1)

• abbandono parziale della quantità (vocali medie)


• sviluppo di processi armonizzanti (vocali medie)

• mantenimento prolun-
• totale abbandono
gato delle opposizioni
delle quantità
quantitative ī : ĭ e ū : ŭ
• restrizione della ar-
• estensione dei processi
monizzazione alle
armonizzanti (ĭ, ū)
sole medie (e, o)

• totale abbandono vocalismo sardo


delle quantità (SISTEMA 4)

sistemi romanzi che man- sistemi romanzi che


tengono (ev. estendono) abbandonano i processi
processi armonizzanti armonizzanti (conser-
vando tracce formali)
64 Thomas Krefeld

Il discorso è diverso per la sincronia, infatti qui sussiste una palese “aria di
famiglia” tra il vocalismo sardo (SISTEMA 4a/4) e il vocalismo dei dialetti
italiani centro-meridionali (SISTEMA 3/5). In entrambi i sistemi si è cristal-
lizzata un’alternanza vocalica che coinvolge tutte le vocali medie attribuendo
le varianti (E, O), rispettivamente (e, o), a una delle due serie di armonizza-
zione; in Sardegna e nella penisola l’armonizzazione delle vocali medie fun-
ziona dunque come un evidente principio di organizzazione nella struttura
fonologica della parola (cfr. Krefeld 1999:149-161).
Nonostante le condizioni storiche l’abbiano isolato molto presto e a lungo
dalla parte meridionale della penisola, il sardo non si è mai allontanato dai
dialetti parlati nel Meridione. Per quanto riguarda il vocalismo rappresentano
senza ombra di dubbio lo stesso tipo.

Note
* Ringrazio Jole Puglia per la diligente revisione stilistica.
1
Per un’ulteriore discussione del termine “arcaicità” cfr. anche Koch e Mensching (entrambi in
questo volume).
2
È questa l’ipotesi di Lausberg (1969, § 158, § 149 7c) riguardo all’opposizione di ă : ā.
Secondo questi lo spostamento dell’accento in sardo kenápura ‘venerdì’ < *(dies de) cénā púrā
(per lat. class. dies cenae purae) è necessariamente motivato dalla lunghezza della ā finale. – Si
noti però che un eventuale mantenimento dell’opposizione tra ă breve e ā lunga non ha nessuna
rilevanza per la differenziazione dei sistemi vocalici, dato che entrambe le vocali hanno lo stesso
esito in qualsiasi idioma romanzo.
Un mito da smontare: l’arcaicità del vocalismo sardo 65

Riferimenti bibliografici

AIS = Jaberg, Karl/Jud, Jakob (1928-1940): Sprach- und Sachatlas Italiens und der
Südschweiz/Atlante linguistico ed etnografico dell’Italia e della Svizzera
meridionale. 8 voll. Zofingen: Ringier.
Atzori, Maria Teresa (1982): Sardegna. Pisa: Pacini (Profilo dei dialetti italiani 20).
Devoto, Giacomo (1974): Il linguaggio d’Italia. Storia e strutture linguistiche italiane
dalla preistoria ai giorni nostri. Milano: Rizzoli.
Giammarco, Ernesto (1979): Abruzzo. Pisa: Pacini (Profilo dei dialetti italiani 13).
Krefeld, Thomas (1999): Wortgestalt und Vokalismus in der Italoromania. Plädoyer
für eine gestaltphonologische Rekonstruktion des romanischen Vokalismus.
Kiel: Westensee (Dialectologia pluridimensionalis Romanica 7).
Lausberg, Heinrich (1939): Die Mundarten Südlukaniens. Halle: Niemeyer.
Lausberg, Heinrich (1969): Romanische Sprachwissenschaft. Vol. 1: Einleitung und
Vokalismus. Berlino: De Gruyter.
Rohlfs, Gerhard (1969): Grammatica storica della lingua italiana e dei suoi dialetti. 3
voll. Torino: Einaudi (ed. originale: Historische Grammatik der Italienischen
Sprache und ihrer Mundarten. 3 voll. Berna: Francke, 1949/1954).
Peter Koch
(Tubinga)

Il cosiddetto “conservatorismo” lessicale del sardo*

1. Arcaicità e conservatorismo del sardo

Tutti i romanisti sembrano concordi nel considerare il sardo, specie nella sua
varietà logudorese nonché nuorese, una lingua romanza di tipo arcaico. Ecco
alcune citazioni autorevoli:
La speciale individualità del sardo si riconosce già nei testi antichi. Già in essi il
sardo si presenta come una lingua di tipo arcaico, ma con una fisionomia sua
propria (Wagner 1980:47).
Il Sardo ha una sua speciale fisionomia ed individualità che lo rende, in certo
qual modo, «il più caratteristico degli idiomi neolatini»;1 e questa speciale in-
dividualità del Sardo, come lingua di tipo arcaico e con una fisionomia incon-
fondibile, traspare già fin dai più antichi testi […] (Tagliavini 1972:388).
Personne ne nie que la langue sarde présente des traits archaïques qu’elle ne
partage avec aucun autre parler roman ou qu’elle ne partage qu’avec des parlers
romans connus eux aussi pour leurs traits archaïques (Dardel 1985:263).
[...] il sd. è una lingua romanza o neolatina arcaica, a causa della sua precoce
latinizzazione (sec. III a.C.), della sua situazione isolata e della scarsa capacità
di recepimento di innovazioni provenienti dal continente.
Queste caratteristiche sono ravvisabili nella struttura linguistica del sd., e cioè:
1) Nell’arcaicità di certi fenomeni fonetici e morfosintattici […] e nella
conservazione di lessemi ignoti alla maggior parte della Romània […]
2) Nel carattere prettamente contadino o rurale del lessico […]
3) Nella mancanza di prestiti greci, specie nel campo degli astratti […]
(Blasco Ferrer 1984:23).
Si citano, di solito, dei tratti quali il vocalismo “conservatore”, la mancanza di
palatalizzazione nei tipi lat. caelu > log. chelu e lat. gelare > log. ghelare,
l’articolo log. e camp. su/sa < lat. ipsu/-a appartenente ad uno strato più antico
68 Peter Koch

del latino volgare, la conservazione della forma latina del congiuntivo imper-
fetto log. cantaret ecc.
Sorgono, però, anche dei dubbi. Dardel avverte i romanisti che l’esistenza
di un certo numero di tratti arcaici non li deve indurre a conclusioni troppo
avventate:
En somme, de tous ces traits archaïques du sarde et de ces faits historiques, il est
certes possible de tirer d’utiles indications, mais point la preuve que le sarde
reflète un état du roman commun qui lui soit spécifique, qui soit antérieur par
conséquent à ceux qui se reflètent dans le reste de la Romania (Dardel 1985:
263).
Per di più, Krefeld (1999:67-70) dimostra che, nel caso del vocalismo,
l’attributo ‘conservatore’ dipende dall’impostazione teorica scelta dal fono-
logo.
A ogni buon conto, la risposta dipende soprattutto dalla nostra definizione
di ‘arcaicità’ oppure di ‘conservatorismo’. Mensching (in questo volume)
distingue quattro accezioni diverse del termine ‘arcaicità’ nella letteratura
sull’argomento:
(A) presenza di caratteristiche del latino meglio conservate in sardo che non
nelle altre lingue romanze;
(B) conservazione di elementi del latino scomparsi in (quasi) tutte le lingue
romanze;
(C) conservazione di elementi appartenenti ad uno strato relativamente an-
tico del latino, scomparsi o no nelle altre lingue romanze;
(D) presenza di elementi latini che si riscontrano anche in altre aree margi-
nali e isolate della Romània.
Per quanto riguarda il sardo, Mensching osserva che la presenza di certi tratti
linguistici in aree marginali e isolate (D) non ne garantisce l’arcaicità (può
trattarsi anche di innovazioni spontanee o usualizzate). Sono proprio ‘arcaici’
gli elementi del tipo (C), mentre per (A) e (B) sarebbe forse più adeguato
parlare di ‘conservatorismo’.
Il cosiddetto conservatorismo lessicale del sardo 69

2. ‘Arcaicità’ e ‘conservatorismo’ del lessico sardo

Lo scopo di questo studio consiste nell’analisi della cosiddetta ‘arcaicità’ (o


‘conservatorismo’) del lessico sardo. All’occasione giova ricordare alcune
prese di posizione in merito:
È certo che il lessico sardo contiene non pochi elementi che risalgono alla prisca
latinità, vocaboli che in parte non si sono riscontrati finora in altri territori ro-
manzi, in parte si trovano anche in altre zone arcaiche (Wagner 1980:81).
[...] sono presenti nei sistemi sardi delle voci che attesterebbero l’arcaicità di una
parte del lessico, quali crasi […], domo […], sciri […], petere […], maccu […],
ecc. (Loi Corvetto 1988:864).
Il carattere arcaico del lessico sardo è reperibile nei seguenti tratti:
1) Nella mancanza dell’apporto ellenistico nel latino volgare sardo
2) Nelle unità lessicali appartenenti ad uno strato latino arcaico
3) Nel tenore prettamente rustico del latino di Sardegna
4) […] nella creazione generativa metaforica sarda, legata ad una semantica
soggiacente che rispecchia in modo perfetto la realtà concreta del mondo
contadino (Blasco Ferrer 1984:32).
Precisiamo subito che i punti 3 e 4 di Blasco Ferrer non attengono tanto
all’arcaicità linguistica quanto a quella socioculturale (cfr. anche il materiale
esposto in Blasco Ferrer 1984:41-46). Se il sardo contiene molti elementi del
lessico rustico, perché corrispondono all’ambiente in cui si parla questa lingua
(punto 3), ciò non implica per forza che questi elementi appartengano ad uno
strato arcaico della lingua latina in quanto tale, purché non si tratti addirittura
di innovazioni. Il punto 4, poi, contraddice il concetto stesso di arcaicità op-
pure di conservatorismo linguistico, poiché la creazione di metafore è, di per
sé, un atto innovativo (nonostante l’eventuale provenienza delle metafore da
domini concettuali “arcaici”).
Pur ammettendo che la questione dell’arcaicità dell’ambiente sardo e del
suo mondo concettuale meriti di essere studiata separatamente, ci limiteremo,
in quanto segue, al problema dell’arcaicità/del conservatorismo linguistico del
sardo, evocato soprattutto nel punto 2 di Blasco Ferrer.
Uno spoglio particolareggiato di tre elenchi di “arcaismi” lessicali – con
parecchie intersezioni – ci fornisce un campione di 118 parole sarde tutt’altro
che contingente (cfr. Wagner 1980:81-94; DES:s.vv.; Blasco Ferrer 1984:34-
40; Stefenelli 1992:92 sg.).2 Questo materiale impone decisamente la neces-
sità di precisare i criteri seguiti (se possibile, si citano le forme moderne logu-
doresi e campidanesi):3
70 Peter Koch

(I) Intendendo parlare del lessico del sardo moderno (il che mi sembra
ragionevole in questa sede), dobbiamo subito scartare gli elementi con-
servatori attestati solo nel sardo antico e scomparsi nel frattempo. Que-
sto criterio riguarda 8 parole del campione4 (notiamo tra parentesi che,
in parte, per queste parole valgono ulteriori criteri, innanzi tutto IV). Mi
permetto di osservare che, almeno rispetto a tali elementi, mi pare para-
dossale segnalare l’arcaicità del sardo “già” nei testi antichi (cfr. le cita-
zioni di Wagner e di Tagliavini nella sezione 1).
(II) In linea di principio, i prestiti non hanno niente a che vedere con uno
strato arcaico (v. la fine della sezione 3). Pertanto non contano sicura-
mente i tre casi seguenti: il log. galu ‘ancora’ (dal toscano antico aguale,
però con mutamento di significato notevole); il log. chenápura e camp.
cenápura ‘venerdì’ (calco dal greco tramite l’ebraico); il log. sett. rusu-
dzu ‘residuo’ (sardizzazione dell’it. residuo e incrocio con l’it. rimasu-
glio). Il campione contiene altri due casi particolari: il log. e camp.
maccu ‘matto’ e il log. e camp. soddu ‘soldo’ che, trattandosi di influssi
oschi, possiamo avvicinare, in pratica, ai gruppi VI o VII.
(III) L’appartenenza ad una varietà linguistica vicina all’oralità, piuttosto
diversa dal latino classico oppure ad uno stadio di lingua posteriore ad
esso, è in genere incompatibile con il concetto di arcaicità:5 si pensi,
p. es., alla voce onomatopoetica log. pappare e soprattutto camp. pappai
‘mangiare’ (proveniente dall’oralità espressiva nel senso di Koch/
Oesterreicher 1996) oppure al log. coyu(b)are e il camp. coyai ‘sposarsi’
(< lat. coniugare, non attestato prima di Apuleio e di Sant’Agostino).
Sono probabilmente posteriori al latino classico anche gli etimi segnati
da un asterisco in quanto forme ricostruite, non attestate tra l’epoca
classica e le prime testimonianze romanze, come p. es. il log. (raro) isca-
ressere e camp. scarésci(ri) ‘dimenticare’ (< lat. *ex-cadescere). In que-
sto senso, un gruppo di altre 18 parole del campione non può essere an-
noverato tra gli arcaismi.6
(IV) Come verrà in seguito illustrato dettagliatamente nella sezione 3, non si
può parlare né di ‘arcaicità’ né di ‘conservatorismo’, qualora la parola
latina e/o il suo significato originario non siano sopravvissuti. Si oppon-
gono dunque a una classificazione come arcaismo tutti i processi lessi-
cali che possano produrre questi risultati (mutamenti di significato della
parola latina seguiti dalla perdita del significato originario; sola
sopravvivenza di una forma ellittica, di un derivato ecc.):7 per es. il log.
e camp. conca ‘testa’ <metonimia< ‘cranio’ <metafora< lat. concha
Il cosiddetto conservatorismo lessicale del sardo 71

‘conchiglia’ (cfr. Koch 1997:231, 236; Blank 1998:20, 22); log. e camp.
murru ‘grigio’ <allargamento< lat. murinus ‘color topo (manto del ca-
vallo)’; log. a(bb)enzu nuor. irghenzu ‘difetto fisico o morale’ <restrin-
gimento< lat. ingenium ‘indole’; log. (b)eranu camp. (b)enau ‘prima-
vera’ <ellissi< lat. tempus + veranum (<derivazione< lat. ver ‘prima-
vera’; cfr. sezione 3); ecc. Questo criterio riduce notevolmente il cam-
pione, essendo applicabile a non meno di 49 casi.8
(V) Il campione comprende un gruppo di 34 parole che hanno conservato
almeno un significato centrale che si verificava nel latino classico. Si
possono discernere due sottogruppi. Le parole del primo sottogruppo
(Va), pur avendo subito un mutamento di significato, non hanno abban-
donato l’accezione originaria (ciò le distingue dal gruppo IV): per es. il
lat. pala ‘scapola’ > log. e camp. pala ‘scapola’ >metonimia> ‘spalla’.9
Il secondo sottogruppo (Vb), molto più importante, comprende parole
essenzialmente inalterate in quanto rappresentano la continuazione di
una o più accezioni latine: per es. il lat. cl. acina ‘grappolo; uva’ > log.
ághina e camp. áxina ‘grappolo; uva’; il lat. magnus ‘grande’ > log. e
camp. mannu ‘grande’.10 Siccome in tutto il gruppo V sussiste una conti-
nuità tra il latino classico e la forma di latino volgare, che è la base del
sardo, bisogna ammettere che si tratta di casi di ‘conservatorismo lessi-
cale’ rispetto a una forma latina pervenutaci attraverso la tradizione
classica. Al punto (VI) si vedrà perché non parlerei, invece, di ‘arca-
ismi’.
(VI) Rimangono poi 2 parole che conservano il significato essenziale di pa-
role appartenenti effettivamente ad uno strato relativamente arcaico: il
log. basone e camp. basoni ‘mandriano di cavalli’ (< lat. agaso, -ne); il
log. yanna e camp. yenna ‘porta’ (< lat. ianua). Non esiterei a definire
queste due parole ‘arcaismi lessicali’ veri e propri. Il punto di riferi-
mento è, in questi casi, il latino preclassico, la «prisca latinità». A questo
gruppo si può aggiungere a mio avviso la parola maccu già menzionata
(II), perché corrisponde ad un influsso osco integrato abbastanza presto
nel latino.
(VII) Siccome per tutti gli esempi finora citati importavano solo la loro esi-
stenza e il loro significato, si poteva prescindere dalla variazione ed
evoluzione della loro veste fonica. Nel campione si trovano comunque
due parole la cui ‘arcaicità’ dipende esclusivamente dalla loro forma
materiale e non dal significato, che rimane invariato. Si tratta, infatti, di
varianti arcaiche rispetto alla forma attestata nel latino classico: una va-
72 Peter Koch

riante osca abbastanza antica per soddu, già citato al punto (II) (< sollum
invece del lat. solidum), e una variante latina arcaica per forru ‘forno’ (<
lat. fornus invece di furnus, forma posteriore che è la base di quasi tutte
le altre forme romanze; cfr. Wagner 1928:12 sg.; Rohlfs 1971:32 sg.,
237). Si deve includere in questo gruppo anche il log. chercu ‘quercia’,
la cui veste morfologica non risale, però, ad uno strato antico, ma sem-
plicemente al lat. class. quercus invece di *quercia (base per es. dell’it.
quercia).
Questo materiale suggerisce delle scelte terminologiche più prudenti. Trala-
sciando le 8 parole del sardo antico (I), si possono definire ‘conservatrici’
(rispetto al latino classico) solo 34 parole delle 110 prese in esame (V). Se-
condo la terminologia proposta in questa sede, la quota degli ‘arcaismi’ veri e
propri (rispetto ad uno strato più antico del latino) è bassissima: 5 su 110 (VI
+ VII). Non dimentichiamo che t u t t e le 110 parole sono state presentate
come ‘arcaismi’ nelle opere dedicate all’argomento! In realtà, almeno 70 di
esse sono innovazioni di diverso tipo (II, III, IV).
In questo modo si conferma quanto è stato detto da Mensching a proposito
dell’‘arcaicità’ del sardo (v. sezione 1): la caratteristica più importante per il
sardo consiste, semmai, nelle parole r e l a t i v a m e n t e antiche (A/B)
che io chiamerei ‘conservatrici’ (V) e che possiamo far risalire tutt’al più al
latino classico; gli elementi di un’epoca antica del latino (C) – ‘arcaici’ nella
mia terminologia (VI + VII) – non sono inesistenti, ma davvero marginali.11
Dobbiamo quindi concentrarci sul gruppo (V), cioè sul ‘conservatorismo’
lessicale del sardo nel senso definito in precedenza.

3. Semasiologia e onomasiologia nel mutamento lessicale

Per capire meglio che cosa succede nel mutamento lessicale, necessitiamo di
un modello lessicologico diacronico adeguato. Blasco Ferrer (1984:39) os-
serva giustamente che nel campo del mutamento lessicale si devono distin-
guere semasiologia e onomasiologia. Infatti, ogni mutamento lessicale com-
prende due processi innovativi concomitanti che solo analiticamente si pos-
sono separare (cfr. Koch 2000a:77 sg.; 2001a:11-13). Come dimostra la figura
(1), nel latino della Sardegna, la parola fabula > sd. faula (Sn) ‘storia’ (Cs) ha
preso il significato ‘bugia’ (Ct). Questo processo, che si descrive in chiave
semasiologica, costituisce un mutamento di significato (metonimico, in questo
caso).12
Il cosiddetto conservatorismo lessicale del sardo 73

(1) Cs STORIA

lat. fabula Sn innovazione/mutamento


> sd. faula di significato
(prospettiva semasiologica)
innovazione/mutamento
di designazione
(prospettiva onomasiologica) Ct BUGIA

lat. mendacium Sm S = segno (lessema, parola complessa ecc.)


C = concetto

Si noti però che ogni mutamento di significato si accompagna, per defini-


zione, ad un altro processo, visibile solo nella prospettiva onomasiologica:
partendo dal concetto BUGIA (Ct), constatiamo che esso si designava prima col
lat. mendacium (Sm) e poi col lat. fabula > sd. faula (Sn). Questo ultimo pro-
cesso, che si descrive in chiave onomasiologica, costituisce un mutamento di
designazione.
Possiamo ipotizzare che, almeno per un certo periodo i due significati Cs e
Ct del lat. fabula siano coesistiti, che Sn, cioè, sia stato temporaneamente poli-
semico (uno stadio inevitabile, come sappiamo, per questi tipi di processo, che
teoricamente può durare anche molti secoli; cfr. Bréal 1921:143 sg.; Koch
1991:293; Wilkins 1996:267-270; Blank 1997:114-130; in stampa).
La figura (1) ci consente di impostare meglio certi problemi ravvisabili
nella sistematica della sezione 2. Vediamo che la particolarità del gruppo VII
consiste appunto nel fatto che non si verifica nessun mutamento semantico, né
di significato né di designazione (si tratta di continuità lessicale: cfr. Gévau-
dan 2003:191, 197 sg.). Si tratta soltanto di un mutamento materiale a livello
del significante di Sn (fornus/furnus oppure solidum/sollum). Nel prosegui-
mento della nostra analisi, possiamo fare a meno di tali processi (non privi di
interesse fonico-morfologico), perché studiamo solo il mutamento lessicale
semantico.
I gruppi V e VI sono caratterizzati dal fatto che il legame Sn–Cs è rimasto
essenzialmente intatto dal latino classico (o preclassico nel caso VI) fino al
sardo moderno. Per descrivere questa situazione mi pare particolarmente
adatto, appunto, il termine di ‘conservatorismo lessicale’. Naturalmente non è
74 Peter Koch

mai da escludere che durante la lunga storia linguistica si siano sviluppati


significati supplementari (e, di conseguenza, delle polisemie). Nel caso del
gruppo Va ne abbiamo tenuto conto dicendo che queste parole hanno subito
un mutamento di significato (assumendo un nuovo Ct), senza però abbando-
nare Cs. Il log. crispu (Sn), ad esempio, ha mantenuto il significato originario
del latino crispus corrispondente a CRESPO (Cs), ma ha sviluppato (più di) un
nuovo significato corrispondente a FORTE, VELOCE ecc. (= Ct1, Ct2 ecc.).13 Le
parole del sottogruppo Va si contraddistinguono dunque per la loro polisemia
vistosa (Cs/Ct) nel sardo moderno. Un esempio tipico del gruppo Vb è il log.
ischire e camp. sciri (Sn) che ha conservato il significato del latino classico
corrispondente a SAPERE (Cs), senza avere generato una nuova polisemia vi-
stosa. Certo, questo non vuol dire che le parole del gruppo Vb non abbiano
sviluppato alcun significato supplementare, seppur marginale. È un dato di
fatto, per esempio, che il log. segare e camp. segai (Sn) esprima non soltanto
il concetto SPEZZARE (Ct), ma anche, come già nel latino classico, quello di
TAGLIARE (Cs). Ovviamente, il confine tra Va e Vb rimane piuttosto precario e
continuo, e siccome quello che conta è il mantenimento del legame Sn–Cs
rispetto al latino classico, abbiamo riunito i due gruppi in uno solo.
A questo punto balza agli occhi la differenza tra i gruppi V e IV. Nel caso
di IV non solo il mutamento di significato Cs → Ct è definitorio, ma è scom-
parso anche il legame Sn–Cs. Così il lat. cl. meta (Sn) esprimeva i concetti
CONO (Cs1), MUCCHIO (Cs2) ecc. In sardo moderno lo stesso Sn (> meda)
esprime esclusivamente il concetto MOLTO (Ct) raggiunto tramite un muta-
mento di significato metonimico sulla base di Cs2.14 Rimane intatto solo il –
nuovo – legame Sn–Ct.15 Si tratta quindi di un’innovazione lessicale irrevoca-
bile. L’unione di un’espressione con un dato contenuto è sempre un contratto
a tempo (cfr. Gauger 1995:69). Una volta sciolto quest’ultimo, il fatto lessi-
cale in questione svanisce. In questa prospettiva, la sola identità del signifi-
cante di Sn non garantisce alcuna continuità metafisica e non giustifica affatto
il ricorso ai termini ‘conservatorismo’ o persino ‘arcaicità’.
Avevamo detto che ogni mutamento di significato si accompagna, per
definizione, ad un mutamento di designazione. Ma il contrario non è vero. Ri-
spetto al concetto Ct BUGIA, osserviamo, infatti, nella prospettiva onomasiolo-
gica tanto nel latino di Sardegna quanto in quello iberoromanzo un mutamento
di designazione Sm (lat. mendacium) → Sn. Come abbiamo visto, nel caso del
sardo questo mutamento si attua, dal punto di vista semasiologico, tramite il
mutamento di significato rappresentato nella figura (1). Nel caso dello spa-
gnolo, invece, esso si realizza, come dimostra la figura (2), grazie ad una nuo-
Il cosiddetto conservatorismo lessicale del sardo 75

va derivazione (→ Sn mentida > mentira) sulla base del verbo lat. mentire >
sp. mentir (So) che esprime il concetto MENTIRE (Cs).
(2) lat. mentire So
> sp. mentir

Cs MENTIRE
sp. mentida innovazione morfologica/
> mentira Sn derivazione
(prospettiva semasiologica)

innovazione/mutamento
di designazione Ct BUGIA
(prospettiva onomasiologica)

lat. mendacium Sm

Da queste considerazioni risulta che il mutamento di significato illustrato in


(1) costituisce solo u n tipo di mutamento di designazione tra tantissimi
processi lessicali quali la derivazione (2), la composizione, la conversione, lo
scambio di genere, il fraseologismo, la creazione onomatopoetica ecc. (cfr.
Koch 2000a:78 sg., 81-85; 2001a:15-21; Gévaudan 2003:204-207). Come
dimostrano tra l’altro gli esempi sd. faula e sp. mentira, processi diversi pos-
sono soddisfare gli stessi bisogni “designativi”. Per tutti questi processi lessi-
cali vale, mutatis mutandis, quello che si è detto a proposito del mutamento di
significato: una derivazione So → Sn, per esempio, è un’innovazione lessicale
irrevocabile. Il fatto lessicale che diventa decisivo è il legame Sn–Ct, a fortiori
dal momento che Sm–Ct non esiste più (e questo è un fatto onomasiologico). Il
caso più tipico nel nostro materiale è quello che si può esemplificare con il
log. (b)eranu e camp. (b)enau: sulla base del lat. ver (So), che esprimeva il
concetto PRIMAVERA (Cs) si è creato il sintagma tempus veranu (Sn) per
esprimere – originariamente in modo più esplicito, poi con ellissi in sardo – lo
stesso concetto PRIMAVERA (Ct). Nonostante So = Sm e Cs = Ct in questo come
anche in altri casi, beranu/benau rappresenta senza nessun dubbio un’innova-
zione lessicale rispetto al lat. ver e non un elemento conservatore. Si riscontra-
no anche casi più elementari (creazione onomatopoetica con So e Cs indiscer-
nibili per sd. pappare invece del lat. edere) e casi più complessi (conversione
76 Peter Koch

lat. conari ‘provare’ → *conus, poi mutamento di significato nel sd. conos pl.:
‘conati di vomito’).
È utile ricordare che le 49 parole che corrispondono alla casistica del
gruppo IV comprendente principalmente mutamenti di significato, ma anche
altri processi lessicali innovativi, costituiscono il gruppo più importante nel
campione preso in esame nella sezione 2.
Alla casistica delle figure (1) e (2) si aggiunge almeno una terza via di in-
novazione lessicale (cfr. Koch 2001a:21 sg.; Gévaudan 2003:207-209): il pre-
stito, che si può esemplificare, sempre rispetto a Ct = BUGIA, appunto con la
parola italiana bugia (Sn) proveniente dall’occ. ant. bauzia ‘inganno’ (So) e so-
stituitasi – almeno nel linguaggio corrente – all’it. menzogna (Sm, a sua volta
un’innovazione del tipo della figura 2 rispetto al lat. mendacium). Non ci sarà
più bisogno di sottolineare che anche i mutamenti di designazione tramite pre-
stito avvenuti dopo l’epoca classica (gruppo II nella sezione 2) non possono
affatto corroborare l’arcaicità del sardo.

4. Conservatorismo e innovazione lessicali nel sardo e nelle


altre lingue romanze: approccio semasiologico

Nella tradizione della linguistica sarda si enumerano normalmente «arcaismi»


isolati, e gran parte del nostro campione di 118 parole (sezione 2) proviene da
tali enumerazioni abbastanza criticabili anche dal punto di vista metodologico:
Gli specifici arcaismi [sardi], pur essendo stati più volte sottolineati tramite
esempi scelti […], non sono mai stati rilevati in maniera sistematica né quantifi-
cati nella loro totalità (Stefenelli 1992:92).16
Il problema è questo: nei campi della fonologia e della grammatica è relativa-
mente facile fare una lista dei criteri che ci consentono di valutare il grado di
conservatorismo del sardo. Il lessico, invece, è praticamente infinito. Si pos-
sono citare dieci, venti, cento ... “arcaismi” – senza dimostrare nulla. Infatti,
questi esempi si citano, appunto perché si ritengono “arcaismi”. Un’indagine
metodologicamente più salda presuppone, invece, che si definiscano i criteri
della scelta dei dati (del campione) prima di conoscere i risultati.
Ecco il metodo che ha scelto Stefenelli nel suo studio panromanzo del
1992. Egli prende le mosse dall’insieme dei 1000 lessemi centrali, cioè più
frequenti del latino scritto,17 per osservarne il “destino” nelle lingue romanze.
Per quanto riguarda gli “arcaismi” (che anche lui chiama così), non giunge a
Il cosiddetto conservatorismo lessicale del sardo 77

risultati sensazionali per il sardo neanche rispetto ad altre lingue romanze –


cfr. c nella tabella (3):
Il ‘vantaggio’ [sc. del sardo] soprattutto sull’italiano, ma anche sull’occitano,
l’iberoromanzo e, sorprendentemente, addirittura sul (proto-)francese, rimane
limitato […] per quanto possa risultare dalla tradizione accessibile (Stefenelli
1992:93).18

(3) Elementi lessicali “arcaici”/“conservatori” specifici del sardo e di altre lingue ro-
manze rispetto alle 1000 parole più frequenti del latino scritto

sd. it. occ. fr.ant. sp.


≤ 17 ≤ 15 ≤7
c ‘arcaismi’ ≤ 31 ≤ 27 gallorom. iberorom.
secondo Stefenelli in genere: in genere:
≤ 19 ≤ 15
d elementi ‘conservatori’ del tipo V 12 ? ? ? ?
e elementi proprio ‘arcaici’ del tipo 0 ? ? ? ?
VI

Le 31 parole sarde della rubrica c erano comprese anche nel nostro campione
di 118 parole ritenute tipiche del sardo (e tutt’al più di poche altre lingue ro-
manze). Visto che, all’interno della casistica delineata nella sezione 2 per il
sardo moderno queste 31 parole soddisfano condizioni completamente di-
verse, questo numero si riduce a 12 per l’elemento ‘conservatore’ (rubrica d
= V) e proprio a zero per l’‘arcaicità’ (rubrica e = VI) – sempre rispetto alle
1000 parole più frequenti del latino.19
Tuttavia non basta vedere (e contare) solo gli elementi conservatori in
quanto tali per verificare la tesi del conservatorismo lessicale del sardo; anzi
bisogna prendere in esame ampie fasce del lessico, bisogna, cioè, calcolare la
proporzione tra continuità e perdite, esattamente come fa anche Stefenelli nel-
la sua prospettiva panromanza. La tabella (4) presenta quattro costellazioni ti-
piche ritrovabili all’interno della Romània. Rispetto al lat. class. caelum non si
verifica nessuna perdita in tutta la Romània (diffusione ‘panromanza’ secondo
Stefenelli). Nel caso di caput, osserviamo delle perdite in sardo, in francese,
in spagnolo, in portoghese e parzialmente in italiano, ma non nelle altre lingue
(diffusione ‘interromanza’). La parola scire è svanita nella maggior parte delle
lingue, ad eccezione del rumeno e del sardo (diffusione ‘ristretta’). Infine,
ignis è scomparso dappertutto nella Romània (estinzione totale).
78 Peter Koch

(4) Diffusione panromanza, interromanza, ristretta e estinzione totale della parola


latina

lat. class. caelum caput scire ignis


rm. cer cap şti
capo
it. cielo
sd. chelu ischire/sciri
retorom. tschêl cheu
fr. ciel
occ. cel cap
cat. cel cap
sp. cielo
pg. céu

Le 1000 parole latine del campione di Stefenelli forniscono le seguenti quote


di conservazione vs. perdita lessicale nelle lingue romanze fino all’età mo-
derna:20

(5) Conservazione e perdite lessicali nelle 1000 parole latine più frequenti (secondo
Stefenelli 1992:97)

Parole conservate Perdite Σ


(senza dialetti e aree (senza dialetti e aree
particolari) particolari)
rm. 230 770 1000
fr. 288 722 1000
sd. 301 699 1000
retorom. 315 685 1000
sp. 341 659 1000
cat. 345 655 1000
occ. 366 634 1000
pg. 368 632 1000
it. 412 588 1000

Dopo il rumeno e il francese, lingue romanze piuttosto atipiche, il sardo oc-


cupa il terzo posto per quanto riguarda le perdite del patrimonio lessicale
latino, almeno in questa fascia di alta frequenza del vocabolario. Colpisce
innanzi tutto la distanza tra il sardo e l’italiano, lingua romanza di gran lunga
più conservatrice. La fisionomia lessicale del sardo moderno si può allora de-
Il cosiddetto conservatorismo lessicale del sardo 79

scrivere in questo modo: l’effettivo di 301 parole conservate comprende da


una parte 289 parole di diffusione panromanza o almeno interromanza che
possiamo denominare ‘conservatrici non specifiche’, dall’altra le 12 parole del
tipo V più o meno specifiche del sardo che chiameremo ‘conservatrici specifi-
che’ (v. rubrica d nella tabella 3; cfr. anche n. 11). Se al tipo V appartene-
vano in tutto 34 parole ‘conservatrici specifiche’ del sardo, la differenza di
34–12 = 22 parole ovviamente non fa parte della fascia centrale delle 1000
parole più frequenti del lessico latino. Per quanto riguarda le perdite, si sono
estinte 699 sulle 1000 parole più frequenti, sintomo di un dinamismo lessicale
abbastanza intenso (vicino a quello del francese!).

5. Conservatorismo e innovazione lessicali nel sardo e in


altre lingue romanze: approccio onomasiologico

I 699 casi di perdita lessicale appena menzionati restano, nella prospettiva


finora adottata, una sorta di black box. L’approccio di Stefenelli è prevalente-
mente semasiologico.21 Nei termini della figura (1) si tiene conto in pratica
solo delle 301 parole sopravvissute in quanto Sn, che esprimono tuttora Cs
(come in latino) o Ct (dopo un mutamento di significato).22 Dietro le 699 per-
dite si nascondono però, in senso positivo, delle innovazioni lessicali. Per
mostrare anche queste innovazioni, bisognerebbe capovolgere la prospettiva e
assumere un punto di vista onomasiologico partendo da concetti Ct per esami-
nare se si sia verificato o no un mutamento di designazione Sm → Sn, tramite
un mutamento di significato (come in figura 1), tramite un altro processo
morfosintattico (per es. figura 2) oppure un prestito (v. sopra sezione 3). Que-
sta impostazione ci consentirebbe, ad esempio, di riscrivere la tabella (4)
come (6), rivelando non solo le corrispondenze inalterate Sm–Ct (zona grigia),
ma anche i mutamenti di designazione Sm → Sn rispetto al concetto Ct (zona
bianca):
80 Peter Koch

(6) Continuità e mutamenti di designazione rispetto al concetto Ct

CONCETTO Ct CIELO TESTA SAPERE FUOCO


lat. class. caelum (Sm) caput (Sm) scire (Sm) ignis (Sm)
rm. cer (Sm) cap (Sm) şti (Sm) foc (Sn)
capo (Sm)/
it. cielo (Sm) testa (Sn) sapere (Sn) fuoco (Sn)
sd. chelu (Sm) conca (Sn) ischire/sciri (Sm) fogu (Sn)
retorom. tschêl (Sm) cheu (Sm) savair (Sn) fau (Sn)
fr. ciel (Sm) tête (Sn) savoir (Sn) feu (Sn)
occ. cel (Sm) cap (Sm) saber (Sn) foc (Sn)
cat. cel (Sm) cap (Sm) saber (Sn) foc (Sn)
sp. cielo (Sm) cabeza (Sn) saber (Sn) fuego (Sn)
pg. céu (Sm) cabeça (Sn) saber (Sn) fogo (Sn)

Si intuisce che la prospettiva semasiologica e quella onomasiologica, che sem-


brano totalmente equivalenti nelle figure (1) e (2), non lo sono nella realtà del
mutamento linguistico. Come ha dimostrato già Coseriu (1958:112, 116 sg.,
127 sg.) e come dimostra di nuovo Keller (1994:24 sg., 112 sg.), il parlante
non ha l’intenzione di cambiare la sua lingua, ossia, nel nostro caso, di asse-
gnare ad una data parola Sn esprimente un determinato concetto Cs un nuovo
concetto Ct; anzi, decide in determinate situazioni, in cui vuole esprimere il
concetto Ct, di scegliere non la parola Sm, legata in modo convenzionale a Ct,
ma una parola Sn, legata ad un altro concetto Cs (figura 1), coniata nuovamen-
te sulla base di altri elementi (figura 2) oppure appartenente ad un’altra lingua
(cfr. Koch 2000a:79 sg.; 2001a:8-10).
La prospettiva onomasiologica è quindi più vicina alla logica del parlante,
quando si tratta di innovazione lessicale e, in fin dei conti, di mutamento les-
sicale (qualora l’innovazione venisse adottata dalla comunità linguistica e
lessicalizzata; cfr. Coseriu 1958:44-46).
Sarebbe ragionevole testare la capacità innovativa lessicale di una lingua
secondo criteri onomasiologici. Per quali concetti osserviamo dei mutamenti
di designazione? E per quali no? Per realizzare un’indagine onomasiologica
del genere c’è bisogno di un campione non di parole (S), ma di concetti (C).
In un lavoro lessicostatistico del 1955, Swadesh pubblicò una lista di circa
duecento concetti per studiare la quota di innovazioni lessicali in diverse lin-
gue. Si tratta di concetti sufficientemente basilari da poter essere applicati ad
un numero massimo di lingue.
Il cosiddetto conservatorismo lessicale del sardo 81

Premetto subito che questa lista è ancora tutt’altro che ideale,23 ma ha dato
buoni risultati con un numero non trascurabile di lingue. Anche se dal punto
di vista quantitativo siamo ancora lontanissimi dalle dimensioni del campione
semasiologico di Stefenelli, la lista di Swadesh costituisce almeno un punto di
partenza su cui impostare ulteriori indagini. Ad ogni modo essa ci consente di
definire un campione prima di conoscere i risultati dell’indagine. Le sole cose
che ho eliminato in questa lista sono:
• le cosiddette parole grammaticali, per concentrare l’attenzione esclusiva-
mente sul lessico tralasciando la grammatica;
• i numerali, in quanto anch’essi hanno uno stato particolare.
Rimangono dunque nella lista in tutto 179 concetti Ct (v. l’appendice).
Ho fatto completare questa lista per il logudorese e il campidanese da
un’informatrice di madrelingua logudorese meridionale, ma che possiede an-
che una certa dimestichezza con il campidanese e che avevo tenuto all’oscuro
dallo scopo dell’indagine.24 Ho aggiunto i dati italiani, spagnoli e francesi e
verificato per ogni concetto e per ogni idioma se abbiamo a che fare con
un’innovazione rispetto al latino classico, precisando anche i tipi lessicologici
di innovazione analoghi ai criteri sviluppati in II, IV, V e intorno alle figure
(1) e (2) (i dati completi si trovano nell’appendice).
Passiamo a prendere in esame le principali costellazioni interromanze di
innovazioni emergenti dall’indagine onomasiologica illustrata nella tabella
(7): conservazione totale della parola latina classica in tutt’e cinque gli idiomi
([a]: VENIRE); opposizione tra le due varietà sarde, in quanto conservatrici, e
le altre lingue, innovatrici – costellazione tipica del ‘conservatorismo’ specifi-
camente sardo ([b]: GRANDE); innovazione in una delle varietà sarde condivisa
con un’altra lingua romanza ([c]: DARE); innovazione pansarda assieme ad
un’innovazione (diversa) in una delle altre lingue ([d]: MOLTI); innovazione
esclusivamente sarda, contraddicente ogni conservatorismo ([e]: PIOGGA); in-
novazione in tutte le lingue del campione, ma diverse tra di loro ([f]: GAMBA);
conservazione di un sostrato preromano in (una delle varietà del) sardo, caso
abbastanza eccezionale di ‘ultraconservatorismo’ ([g]: ALBERO); soluzioni di
sinonimia per un dato concetto in una o più lingue romanze ([h]: BUTTARE);25
derivati della parola latina (in genere diminutivi) che si sono sostituiti a questa
stessa parola di base, sia in sardo che in altre lingue – un caso innegabile di in-
novazione ([i]: SOLE e [j]: RADICE); infine tutti i casi di prestiti, innovatori
s’intende, nelle diverse lingue romanze: prestiti dal germanico ([k]: SCHIENA),
parole dotte dal latino ([l]: PENSARE) e in sardo soprattutto prestiti da una
lingua iberoromanza ([m]: CALDO) e dall’italiano ([n]: SPINGERE).26
(7) Le principali costellazioni interromanze di innovazione e di conservatorismo (gli indici del tipo 5VENIRE rinviano all’appendice)
concetto logudorese campidanese italiano spagnolo francese
[a] 5VENIRE bénnere © < lat. venire bénniri © < lat. venire venire © < lat. venire venir © < lat. venire venir © < lat. venire
[b] 42GRANDE mannu © < lat. magnus mannu © < lat. magnus grande ☼ < lat. grandis grande ☼ < lat. grandis grand ☼ < lat. grandis
[c] 7DARE dare © < lat. dare donai ☼ < lat. donare dare © < lat. dare dar © < lat. dare donner ☼ < lat. donare
[d] 36MOLTI medas ☼ < lat. meta medas ☼ < lat. meta molti © < lat. multi muchos © < lat. multi beaucoup de ☼
+ plur. + plur. < fr. ant. bel cop
[e] 52PIOGGIA abba ☼ < lat. aqua acua ☼ < lat. aqua pioggia © < lat. pluvia lluvia © < lat. pluvia pluie © < lat. pluvia
[f] 113GAMBA anca ☼(-P) camba ☼(-P) gamba ☼(-P) pierna ☼ jambe ☼(-P)
< germ. hanka < gr. kampē⁄ < gr. kampē⁄ < lat. perna < gr. kampē⁄
[g] 70ALBERO árbure © < lat. arbor matta PR albero © < lat. arbor árbol © < lat. arbor arbre © < lat. arbor
[h] 15GETTA- ghettare © < lat. iactare gettai © < lat. iactare gettare © < lat. iactare echar © < lat. iactare jeter © < lat. iactare
RE, BUTTARE, furriare ☼ fuliai ☼ buttare ☼-P tirar ☼ < ???
TIRARE (etimologie diverse) (etimologie diverse) < germ. bōtan/bautan
tirare ☼ < ???
[i] 48SOLE sole © < lat. sol soli © < lat. sol sole © < lat. sol sol © < lat. sol soleil ☼-D < lat. soliculu
[j] 71RADICE raighina ☼-D arrexini ☼-D radice © raíz © racine ☼-D
< lat. radicina < lat. radicina < lat. radix < lat. radix < lat. radicina
[k] 95SCHIENA ischina ☼(-P) schina ☼(-P) schiena ☼(-P) espalda ☼ < lat. spatula dos © < lat. dorsum
< germ. skena/skina < germ. skena/skina < germ. skena/skina
[l] 124PENSA- pessare ☼(-P-L) pensai ☼(-P-L) pensare ☼(-P-L) pensar ☼(-P-L) penser ☼(-P-L)
RE < lat. pensare < lat. pensare < lat. pensare < lat. pensare < lat. pensare
[m] 143CALDO caente ☼-P < sp. caliente callenti ☼-P < sp. caliente caldo © < lat. calidus caliente ☼ < lat. calens chaud © < lat. calidus
[n] 20SPINGE- imbérghere ☼ spingi ☼-P-I spingere ☼ empujar ☼ pousser ☼< lat. pulsare
RE < lat. immergere < it. spingere < lat. expingere < lat. impulsare
Spiegazione dei simboli: PR = sostrato preromano; © = elemento conservatore; ☼ = elemento innovatore (senza specificazione = mutamento di
significato; specificazioni: D = derivato; P = prestito; L = latinismo; I = italianismo; ☼(-P) = prestito con mutamento di significato successivo).
Il cosiddetto conservatorismo lessicale del sardo 83

Vediamo ora i risultati quantitativi nel loro insieme:

(8) Quote di innovazione lessicale secondo la lista di Swadesh (prospettiva onomasio-


logica)

innovazione di designazione sostrato Σ


designazione conservatrice preromano
fr.mod. 100,5 78,5 — 179
sp. 96,7-97,2 81,8-82,3 — 179
camp. 95,5 82,5 1 179
log. 88 90 1 179
it. 80,9 98,1 — 179

Anche dal punto di vista onomasiologico il francese moderno è naturalmente


la lingua più innovatrice del nostro campione (100,5 innovazioni su 179; cfr.
n. 20). Segue, però, subito dopo lo spagnolo (circa 97 su 179), il campidanese
(95,5 su 179) e, a qualche distanza, il logudorese (88 su 179). L’italiano, in-
vece, è chiaramente più conservatore (80,9 su 179). Il divario tra il campida-
nese e il logudorese si spiega, almeno in parte, con il più gran numero di ita-
lianismi in campidanese che ho dovuto annoverare necessariamente tra le in-
novazioni (cfr. l’appendice). Tutto sommato, il campidanese, ma anche il lo-
gudorese dimostrano, nel confronto onomasiologico interromanzo, una note-
vole capacità di innovazione lessicale.
Ma bisogna tener conto anche del lato qualitativo dei nostri risultati, cioè il
profilo lessicologico delle innovazioni sarde. In parte queste innovazioni si ri-
trovano in tutta la Romània, come ad esempio nei casi già citati FUOCO/lat.
ignis (tabelle 4 e 6) e VENIRE (tabella 7, [a]). Talvolta si ritrovano almeno in
un’altra parte della Romània (cfr. tabella 7: [c] DARE, [j] RADICE, [k] SCHIENA,
[l] PENSARE). Esiste però un numero non trascurabile di più di 40 innovazioni
specifiche, autoctone che, senza essere dei prestiti, si riscontrano esclusiva-
mente in sardo logudorese e/o campidanese (v. nell’appendice le designazioni
sarde per 36MOLTI, 52PIOGGIA, 83UCCELLO, 102TESTA, 113GAMBA, 134NERO e tanti
altri).
Vediamo dunque che lo scarso numero di elementi ‘conservatori’, nonché
‘arcaici’ rintracciabili nel lessico sardo in una prospettiva semasiologica (cfr.
V, VI e tabella 3) è largamente controbilanciato dal numero di innovazioni
specifiche del sardo identificabili nella prospettiva onomasiologica.
84 Peter Koch

6. Innovazione lessicale in sardo e riorganizzazione


concettuale: approccio tipologico

La lista di concetti di Swadesh, l’abbiamo detto, non è priva di problemi. Tra


l’altro, essa è piuttosto ingenua in quanto non prevede una variazione nell’or-
ganizzazione concettuale da parte delle diverse lingue e nei diversi stadi di
lingua. Constatiamo, infatti, che certe volte il materiale concettuale viene rior-
ganizzato e ristrutturato passando dal latino alle lingue romanze o almeno a
certe lingue romanze. Tutti coloro che hanno fatto un po’ di semantica struttu-
rale si sono accorti di questi problemi.
Riscontriamo nel nostro materiale, per esempio, dei casi di riorganizza-
zione concettuale nel trattamento principalmente tassonomico del mondo (e in
questo caso possiamo effettivamente avvalerci di certi risultati della semantica
strutturale).27 La tabella (9) presenta i casi in merito che si trovano nel mate-
riale dell’appendice.28 Colpisce il fatto che una parte di questi casi di riorga-
nizzazione concettuale corrispondono a dei punti di attacco che si riscontrano
in moltissime lingue, come rivela una tipologia lessicale più ampia (cfr. Koch
2000b:102-104; 2001b:1146 sg., 1152-1154): si tratta delle zone concettuali
29
CAPELLO/PELO, CARNE, ANIMALE/CARNE (PESCE nel nostro caso), TERRENO
COPERTO DI ALBERI DI ALTO FUSTO, STRADA, ESSERE UMANO/UOMO.
Come si può notare, bisogna distinguere in questa impostazione tipologica
del mutamento lessicale tra innovazione lessicale (materiale) e innovazione
concettuale che si incrociano in modo diverso. Nel caso di CARNE (Ct), ad
esempio, l’italiano e lo spagnolo sono conservatori tanto a livello dell’orga-
nizzazione concettuale di Ct quanto a livello lessicale-materiale (la parola
caro/carne > carne Sm rimane essenzialmente inalterata in quanto espressione
del concetto Ct). Il sardo, invece, attua una scissione tassonomica di Ct, oppo-
nendo CARNE VIVA (Ct1) a CARNE DA MANGIARE (Ct2). A livello lessicale-
materiale mantiene la parola caro/carne > carre (Sm) per esprimere, però, solo
Ct1, mentre Ct2 viene espresso ormai con un termine innovatore pettia (Sn) che
originariamente esprimeva il concetto PEZZO (Cs). In francese osserviamo
un’evoluzione simile con materiale in parte diverso (Sn = viande < lat. vivenda
con Cs = VIVANDA). Uno sviluppo particolarmente tipico del sardo si verifica
nel caso di Ct = STELLA con una scissione tassonomica STELLA CHE RISPLENDE
MOLTO/STELLA DI POCA LUCE, realizzata tramite uno scambio di genere istella/
stedda → isteddu/steddu (cfr. DES:s.v. istéddu).
(9) Analisi qualitativa dei casi di riorganizzione concettuale nel campione
concetto lat.class. logudorese campidanese italiano spagnolo francese
47
STELLA CHE RISPLENDE istella © less. stedda © less. stella estrella étoile
MOLTO stella © tass. © tass. © tass.
☼ tass. ☼ tass. © less. © less. © less.
STELLA DI POCA LUCE isteddu ☼ less. steddu ☼ less.
65
CORSO D’ACQUA frúmene frúmini fiume río rivière ☼ less.
IMPORTANTE flumen, © tass. © tass. © tass. © tass.
fluvius © less. © less. © less. ☼ less. ☼ tass.
CORSO D’ACQUA MOLTO fleuve © less.
IMPORTANTE
73
TERRENO COPERTO DI buscu bosco ☼ less. bosque ☼ less. bois
ALBERI D’ALTO FUSTO litu PR? ☼ less. ☼ tass. ☼ tass. ☼ less.
silva © tass. ☼ tass. foresta ☼ less. selva © less. ☼ tass.
padenti ☼ tass. ☼ tass. forêt
☼ less. selva © less. monte ☼ less. ☼ less.
80
PESCE VIVO pische pisci pesce pez © less. poisson
piscis © tass. © tass. © tass. ☼ tass. © tass.
PESCE DA MANGIARE © less. © less. © less. pescado ☼ less. ☼ less.
83
UCCELLO GRANDE puzone pilloni uccello ave © less. oiseau
avis © tass. © tass. © tass. ☼ tass. © tass.
UCCELLO PICCOLO ☼ less. ☼ less. ☼ less. pájaro ☼ less. ☼ less.
84
ESSERE UMANO homo ómine ómini uomo hombre homme
☼ tass. ☼ tass. ☼ tass. ☼ tass. ☼ tass.
87 © less. © less. © less. © less. © less.
ESSERE UMANO MASCHILE vir
97
CARNE VIVA carre © less. carre © less. carne carne chair © less.
caro ☼ tass. ☼ tass. © tass. © tass. ☼ tass.
CARNE DA MANGIARE petta ☼ less. pezza ☼ less. © less. © less. viande ☼ less.
111
CAPELLO capillum capello pelo poil
pilu pilu © less. © less. pelo © less.
☼ tass. ☼ tass. © tass. © tass. ☼ tass. © tass.
© less. © less. pelo cabello © less. cheveu
PELO pilum © less. © less. © less.
134
NERO BRILLANTE niger nieddu nieddu nero negro noir
☼ tass. ☼ tass. ☼ tass. ☼ tass. ☼ tass.
NERO CUPO ater ☼ less. ☼ less. © less. © less. © less.
137
BIANCO BRILLANTE candidus arbu biancu bianco blanco blanc
☼ tass. ☼ tass. ☼ tass. ☼ tass. ☼ tass.
BIANCO CUPO albus © less. ☼ less. ☼ less. ☼ less. ☼ less.
142
APPENA FATTO nobu nou nuovo nuevo neuf © less.
(cf. n. 28) novus © eng. © eng. © eng. © eng. ☼ eng.
CHE SI VEDE/ SENTE PER LA © less. © less. © less. © less. nouveau ☼ less.
PRIMA VOLTA
164
GIOCARE ludere zogare giogai giocare jugar
☼ less. ☼ less. ☼ less. ☼ less. jouer
© tass. © tass. © tass. © tass. ☼ tass.
sonare sonai suonare tocar ☼ less.
165
SUONARE canere ☼ less. ☼ less. ☼ less. ☼ less.
178
STRADA IN CENTRO carrela arruga, carrela calle rue
ABITATO ☼ less. ☼ less. strada ☼ less. ☼ less.
via ☼ tass. ☼ tass. © tass. ☼ tass. ☼ tass.
STRADA CHE COLLEGA istradone stradoni ☼ less. carretera route
LOCALITÀ ☼ less. ☼ less. ☼ less. ☼ less.
Spiegazione dei simboli: ☼ tass. = innovazione tassonomica; © tass. = conservatorismo tassonomico; ☼ eng. = innovazione enginomica (cf. n. 27);
© eng. = conservatorismo enginomico; ☼ less. = innovazione lessicale-materiale; © less. = conservatorismo lessicale-materiale.
Il cosiddetto conservatorismo lessicale del sardo 87

Dal punto di vista quantitativo, la tabella (10) riassume, in base alla tabella
(9), per ogni lingua il numero di casi di riorganizzazione concettuale rispetto
all’organizzazione concettuale delle parole latine del nostro campione. Si ve-
de, ancora una volta, che il sardo non risulta meno innovativo di altre lingue
romanze e certamente più innovativo dell’italiano.

(10) Analisi quantitativa dei casi di riorganizzione concettuale nel campione

innovazione conservatorismo Σ
concettuale concettuale casi di riorganizza-
zione concettuale
fr. 9 4 13
camp. 8 5 13
log. 7 6 13
sp. 7,5 5,5 13
it. 4 9 13

7. Conclusione

Il sardo, l’abbiamo visto, è una lingua tutt’altro che “arcaica” nel suo lessico.
Semmai, si può parlare di casi di ‘conservatorismo’ rispetto al latino classico.
Questi si rivelano, però, piuttosto marginali nel contesto di uno spoglio sema-
siologico panromanzo basato sulle 1000 parole più frequenti del latino (Stefe-
nelli). Anche un esame onomasiologico interromanzo dei mutamenti di desi-
gnazione nel campo dei 179 concetti basilari della lista di Swadesh palesa il
carattere relativamente innovatore del sardo tanto a livello materiale (specie
per il campidanese) quanto al livello, molto più profondo, dell’organizzazione
concettuale – soprattutto per il campidanese, ma anche per il logudorese.
Il sardo lingua “arcaica” – un mito da sfatare almeno nell’ambito del les-
sico!
88 Peter Koch

Note

* Sono molto grato a Silvia Mongili come informatrice. – Ringrazio Eugenio Rusignuolo per la
revisione stilistica di questo contributo.
1
Citazione dovuta a Bartoli (cfr. Tagliavini 1972:388 n. 79).
2
Possiamo subito escludere dal campione il log. impudare ‘vergognarsi’ che non si riconduce –
tramite una forma problematica impudire citata in Wagner (1980:93) – al lat. pudere, bensì a
imputare (cfr. DES:s.v. imputare).
3
Gli ulteriori esempi citati in Stefenelli (1992:92 n. 161), sembrano confermare le tendenze pre-
sentate in quanto segue. Non li ho presi in esame dettagliatamente (a meno che non fossero già
contenuti negli elenchi di Wagner e di Blasco Ferrer), perché hanno uno stato piuttosto marginale
nello studio di Stefenelli – eccezione fatta per la parola centrale log. segare e camp. segai, che ho
effettivamente integrato nel campione. Per quanto riguarda la centralità/marginalità secondo i
criteri di Stefenelli, v. sezione 4.
4
Si tratta delle seguenti parole: arvu ‘campo arativo’; bocare ‘chiamare’; castru ‘costruzione a
scopo di difesa; nuraghe’; coyube ‘marito e moglie’; diskere ‘imparare’; imperare ‘imporre, dis-
porre; usufruire’; nunthare ‘citare dinanzi ad un magistrato’; rennu ‘giudicato; proprietà pubblica,
fisco’.
5
Non mi soffermerò sulla vecchia questione del carattere conservatore vs. innovatore delle va-
rietà orali. Certo, non è totalmente da escludere l’esistenza di tratti conservatori anche in queste
varietà, ma la difesa del conservatorismo delle varietà orali (latino volgare ecc.) risente anche di
innegabili equivoci: cfr. Koch/Oesterreicher (1996:64 sg. n. 2).
6
Oltre ai tre esempi già citati si tratta delle seguenti parole (per più dettagli si veda la letteratura
sopraccitata, specie il DES): log. agatare e camp. agatai ‘trovare’; log. e camp. arrancu ‘cattivo
odore, puzza’; log. bíschidu ‘acido’; camp. caboni ‘gallo’; log. chitto camp. chizzi ‘presto’ (non
attestato prima di Seneca); log. cónduma ‘compagnia, brigata’; Fonni/Olzai ondoma, onduma
‘moltitudine di gente’; log. egru ‘vecchio’ (v. più sotto); log. fígadu e camp. figau (parola chia-
ramente innovatrice rispetto al lat. iecur, il che non toglie che il tipo di accentuazione logudorese
(< fícatum) sia più antico di quello campidanese (< ficátum): cfr. Wagner 1928:14-16); log. fra-
dile e camp. fradili ‘cugino’; camp. inghittsai ‘cominciare’; log. ispesone ‘quantità di grano,
carne e vino che si dà in onore del morto ai poveri e ai parenti dopo i funerali’; log. nárrere e
camp. n(ar)ai, narri ‘dire’ (lat. narrare è attestato con questo significato da Livio Andronico in
poi, ma solo nel linguaggio familiare); log. petta e camp. pezza ‘carne da mangiare’ – cfr. anche
la tabella (9); log. puddu ‘gallo’; log. susuya, sisuya ‘anello di cuoio nel quale s’incastra il timone
dell’aratro nel giogo’ (attestato in Catone, De agricultura, in uno stile piuttosto vicino all’oralità).
Non poche parole soddisfano alla volta più di una delle condizioni corrispondenti a III e/o hanno
subito, rispetto al latino classico, un mutamento di significato tardivo o un altro processo lessi-
cale, come le parole del gruppo IV più sotto. – Per quanto riguarda il lat. vetulus (> log. egru )
menzionato da Blasco Ferrer, va notato che la forma semplice vetus, usata nel latino classico, non
si è mantenuta in sardo (benché in certe altre lingue romanze) e che si è diffuso, come in molte al-
tre lingue romanze, il tipo innovatore vetulus (> egru), oggi sostituito, tranne in usi molto ristretti,
con l’italianismo betzu (cfr. Wagner 1980:70).
7
Per i diversi tipi del mutamento di significato ed altri processi lessicali cfr. Blank (1997:57-
344; 2000); Koch (1994; 1999; 2000a:81-89; 2001a:17-25; 2001b:1156-1161; 2001c); Gévaudan
(2003:198, 201, 204-207).
8
Oltre ai quattro esempi già citati si tratta delle seguenti parole, che Wagner, Blasco Ferrer e/o
Stefenelli – pur identificandone, in molti casi, il mutamento di significato o altro processo lessica-
le – ritengono “arcaiche” (per più dettagli si veda la letteratura sopraccitata, specie il DES): log. e
camp. áidu ‘entrata di un podere chiuso circondato da un muro o da siepi’; log. appeddare ‘abbai-
are’; camp. (Gerrei) arattsa ‘grano e sale che si getta agli sposi quando ritornano di chiesa’;
Il cosiddetto conservatorismo lessicale del sardo 89

camp. (fai s’)arracciuni ‘(fare il) mezzadro’; log. (ar)ré(ghe)re e camp. arréiri ‘reggere, fermare,
ritenere’; camp. rust. arti ‘giuntura’; log. (b)addine ‘capostorno’; log. binittu e camp. inghizzu
‘cappio al quale si allacciano le cavalle durante la trebbiatura’; camp. (b)oddeu ‘gruppo di casola-
ri’; camp. cerda ‘graticcio che serve da stuoia per espandervi le frutta’; log. conos ‘sforzo, vomi-
to’, coniu ‘vomito asciutto’ (cfr. Wagner 1930:130); log. costoire e camp.rust. chistiri ‘conservare
bene, nascondere’; log. crómpere e camp. lómpiri ‘maturare’; log. criare e camp. criai ‘fare l’uo-
vo’; Fonni kriaθοne ‘bimbo, piccolo’; log. cunzare e camp. cungiai ‘chiudere’; log. emmo ‘sì’;
Fonni ero ‘ma, forse (dissenso, dubbio)’; nuor. goddeθοne ‘biche di grano nell’aia’; log. imperzu
e camp. impergiu ‘affare, faccenda’; log. inférrere e camp. inférri(ri) ‘innestare’; log. e camp. in
s’interi(s) ‘nel frattempo; mentre’; log. ischidare e camp. scidai ‘svegliare’; Baunei malebérdiu
‘ohimé, povero me (interiezione)’; log. manzanu e camp. mengianu ‘mattino’ (cfr. Blasco Ferrer
1984:36 sg.); log. e camp. meda ‘molto’ (v. sezione 3); log. e camp. mélinu ‘falbo (manto del ca-
vallo)’; log. muzu ‘rossiccio (manto del cavallo)’; log. e camp. múrtinu ‘sauro (manto del caval-
lo)’; camp. n(e)ozzu, niozzu ‘quantità di cereali che il contadino deve corrispondere dopo il rac-
colto per i vari servizi/ai poveri’; log. (b)occhisorzu e camp. occisorgiu ‘porchetto di pochi mesi’;
log. e camp. oc(c)annu ‘quest’anno (avv.)’; Bitti ope ‘scampo’; log. e camp. orriu ‘bugnola, gra-
naio cilindrico’; camp.rust. [corra] pádua ‘[corna] aperte’; camp. rust. pana ‘puerpera’; log. e
camp. pegus ‘capo di bestiame’; log. pránghere e camp. prangi(ri) ‘piangere’; log. preguntare e
camp. pregontai (e altre varianti) ‘domandare’; log. remeyu ‘assesto, proprietà’; log. rúere e
camp. arrui(ri) ‘cadere’; camp. (Isili) tiddu ‘trave del telaio’; log. istudare e camp. studai ‘spe-
gnere’; log. uscrare e camp. uscrai ‘bruciare, abbrucciacchiare’; log. yuvare ‘giovare, essere utile,
servire’.
9
Oltre all’esempio già citato si tratta delle seguenti parole (per più dettagli si veda la letteratura
sopraccitata, specie il DES): log. e camp. crispu ‘crespo’ >...> ‘vivo, forte, pronto, veloce’; lat.
pugnare > log. punnare ‘sforzarsi, propendere’ >...> ‘tentare di arrivare in qualche luogo’ >...>
‘andare spesso/con piacere in un luogo’ (= camp. impunnai che, in quanto derivazione andrebbe,
però, attribuito piuttosto al gruppo IV!).
10
Oltre i due esempi già citati si tratta delle seguenti parole (per maggiori dettagli si veda la lette-
ratura sopraccitata, specie il DES): centr. arregore ‘gelo’; log. atta camp. azza ‘filo del coltello,
della spada’; log. afférrere ‘rapportare, riferire’; nuor. berβerare ‘percuotere, picchiare’; log.
bídrigu e camp. bídriu ‘patrigno’; Sulcis cinus ‘cenere’; log. cras e camp. crasi ‘domani’; log.
crímene e camp. crímini ‘crimine’; log. déghere e camp. déxiri ‘convenire’; log. domo e camp.
domu ‘casa’; log. e camp. fémina ‘donna + femmina’; nuor. edu ‘capretto’; log. férrere e camp.
fériri ‘portare’; camp. frius ‘il freddo’; log. fúrfure ‘crusca’; Bitti imbénnere ‘trovare’; log. ischire
e camp. sciri ‘sapere’; log. línghere e camp. língiri ‘leccare’; centr. merie e camp. merí ‘mezzo-
giorno’; log. e camp. mesa ‘tavolo’; log. nemos e camp. nemus ‘nessuno’; log. onus ‘carico’; log.
pedire ‘chiedere’; log. póddine ‘fior di farina’; nuor. sartághine/-a e camp. sartania ‘padella’;
log. segare e camp. segai ‘tagliare’; log. e camp. trigu ‘grano’; log. trobeire e camp. tobiri ‘legare
i piedi alle bestie’; log. yuilare ‘gridare’.
11
Mariner Bigorra applica un ragionamento analogo al lessico iberoromanzo: «Los arcaismos
propiamente tales del léxico hispanolatino son escasos si, como es debido, dejan de considerarse
como tales los casos de conservación de vocablos perfectamente clásicos, suplantados por otros
de formación más reciente en el resto del imperio» (1999:276).
12
In quanto segue, i concetti C vengono notati in MAIUSCOLETTI. – Per i diversi tipi del muta-
mento di significato, v. n. 7.
13
Almeno secondo il DES, s.v. kríspu, il camp. crispu apparterrebbe piuttosto al gruppo IV, a-
vendo abbandonato Cs CRESPO.
14
Per questo esempio e sviluppi analoghi in altre lingue, cfr. Blasco Ferrer (1984:37); Koch
(1997:232-234).
90 Peter Koch

15
DES:s.v. mèta: «La voce risale senza dubbio a META ‘mucchio’ [...], ma questo significato pri-
mario che sopravvive in molti dialetti romanzi, specm. per indicare un mucchio di grano o di fie-
no, non è più vivo in sardo (e neanche nel sardo antico se ne trovano tracce) [...]».
16
Citazione originale: «Die spezifischen [sardischen] Archaismen wurden zwar bereits mehrfach
an ausgewählten Beispielen hervorgehoben [...], aber nie systematisch erfaßt und in ihrem Ge-
samtumfang quantifiziert».
17
Questo campione viene definito sulla base di Gardner (1971) e Delatte (1981).
18
Citazione originale: «Der ‘Vorsprung’ [sc. des Sardischen] vor allem gegenüber dem Italieni-
schen, aber auch dem Okzitanischen, dem Iberoromanischen und auffallenderweise selbst dem
(Ur-)Französischen bleibt [...] im Rahmen der faßbaren Überlieferung gering».
19
Nella rubrica d si trovano le seguenti parole del gruppo (V): sd. atta (< lat. acies), afférrere (<
afferre), crímene (< crimen), déghere (< decere), domo (< domus), férrere (< ferre), frius (< fri-
gus), imbénnere (< invenire), ischire (< scire), mannu (< magnus), onus (< onus), segare (< seca-
re). Lo zero nella rubrica e significa che gli etimi delle parole elencati in (VI) non contano tra le
1000 parole latine più frequenti: lat. agaso (> sd. basone), ianua (> sd. yanna) e maccus (> sd.
maccu). – Per le altre lingue romanze ho messo dei punti interrogativi nelle rubriche d e e, per-
ché non posso presentare per esse un calcolo analogo in questa sede.
20
Negli inizi romanzi le quote di conservazione sono dappertutto più alte, s’intende (cfr. Stefe-
nelli 1992:96). Certe lingue, tra le quali spicca il francese, che ha subito notevoli mutamenti dal
medioevo in poi, cambiano anche posto nella gerarchia di conservazione (a causa del divario tra il
francese antico e quello moderno, cfr. Stefenelli 1981:171-201; Koch:2003). Si noti che il sardo
resta sempre al terzo posto, vale a dire che il sardo antico non era più conservatore rispetto alle al-
tre lingue romanze.
21
Ciò non toglie che egli integri nel suo studio anche delle considerazioni onomasiologiche pie-
namente compatibili con quanto segue.
22
Stefenelli nota, in linea di principio, i mutamenti di significato, cosicché sarebbe possibile se-
parare, all’interno del gruppo di 301 parole conservate, quelle che corrispondono piuttosto al no-
stro tipo V con Sn–Cs intatto da quelle del nostro tipo IV con solo Sn–Ct.
23
Cfr. l’autocritica dello stesso Swadesh (1955:124). Esistono persino diverse versioni di questa
lista (cfr. op.cit.:Appendice:132-137 e Goddard 2001:1191 sg.). Siccome la lista è stata concepita
per confrontare un massimo di lingue diverse, la scelta dei concetti si è rivelata estremamente spi-
nosa, ma nell’ambito delle lingue romanze legate a culture non troppo diverse questo problema si
riduce a pochi punti (cfr. comunque le osservazioni fatte nella sezione 6). Ciò mi ha incoraggiato
a usare la versione estesa della lista (cfr. Swadesh 1955:132) per avere a disposizione un massimo
di concetti.
24
Questo modo di procedere garantiva che lei compilasse le parole che le parevano corrispondere
ad un logudorese/campidanese più o meno generale senza idiotismi troppo estremi.
25
In questo caso per ogni lingua ogni singola soluzione viene analizzata separatamente e le viene
attribuito un valore di 0,3/0,5/0,7 punti (a seconda del numero di sinonimi).
26
Osservava già Wagner: «[...] non bisogna ingannarsi: il lessico del sardo di oggi, quale è parla-
to dalla maggioranza della popolazione, è certamente assai diverso da quello che vigeva nell’isola
prima che italiani, catalani e spagnoli ne avessero preso possesso [...]» (1980:69).
27
Cfr. innanzitutto l’approccio diacronico-strutturale di Coseriu (1964). Tuttavia, come ho dimo-
strato in altra sede (Koch 1998:115-125), la semantica strutturale, specializzata nelle questioni di
organizzazione tassonomica, non è per forza in grado di affrontare tutti i problemi di organizza-
zione concettuale. Infatti, il caso dei due concetti APPENA FATTO – CHE SI VEDE/SENTE PER LA PRI-
MA VOLTA non va analizzato in termini tassonomici, bensì in termini “enginomici” che presup-
pongono la nozione di frame concettuale (cfr. Koch 2000b:9 sg.; 2001b:1144 sg.; 2001c:216 sg.):
tra questi due concetti si verifica un rapporto di contiguità all’interno di un frame (quello che è
Il cosiddetto conservatorismo lessicale del sardo 91

stato appena fatto si vede/sente per la prima volta e, viceversa, in molti casi quello che si vede/
sente per la prima volta è stato appena fatto). Nella maggior parte delle lingue del nostro campio-
ne – come del resto in latino – i due concetti vengono espressi da una sola parola (tramite una po-
lisemia metonimica), mentre l’innovazione del francese consiste nel lessicalizzarli separatamente:
neuf/nouveau.
28
Nel caso del concetto TERRENO COPERTO DI ALBERI D’ALTO FUSTO l’organizzazione tassono-
mica nelle lingue innovatrici rimane senza specificazione nella tabella (9), perché la ripartizione
tassonomica non coincide esattamente nelle diverse lingue. Per quanto riguarda i concetti PELO/
CAPELLO, si noti che la ripartizione tassonomica del latino non coincide totalmente con quella
delle lingue romanze conservatrici (capillum anche ‘pelo della barba’).
29
Cfr. Wagner (1930:83): «Ein Unterschied zwischen H a a r e des Körpers und Kopfhaare
wird im Sardischen nicht gemacht».
92 Peter Koch

Riferimenti bibliografici

Blank, Andreas (1997): Prinzipien des lexikalischen Bedeutungswandels am Beispiel


der romanischen Sprachen. Tubinga: Niemeyer (Beihefte zur Zeitschrift für
romanische Philologie 285).
Blank, Andreas (1998): “Der ‘Kopf’ in der Romania und anderswo. Ein meta-
phorisches (und metonymisches) Expansions- und Attraktionszentrum”, in:
Gil, Alberto/Schmitt, Christian (a cura di): Kognitive und kommunikative
Dimensionen der Metaphorik in den romanischen Sprachen. Bonn: Roma-
nistischer Verlag (Romanistische Kongreßberichte 5), 11-32.
Blank, Andreas (2000): “Pour une approche cognitive du changement sémantique lexi-
cal: aspect sémasiologique”, in: Société de Linguistique de Paris 2000, 58-
73.
Blank, Andreas (in stampa): “Polysemy in the Lexicon”, in: Nerlich, Brigitte et al. (a
cura di): Polysemy. Amsterdam/Philadelphia: Benjamins.
Blasco Ferrer, Eduardo (1984): Storia linguistica della Sardegna. Tubinga: Niemeyer
(Beihefte zur Zeitschrift für romanische Philologie 202).
Bréal, Michel (51921): Essai de sémantique (Science des significations). Parigi:
Hachette.
Coseriu, Eugenio (1958): Sincronía, diacronía e historia. El problema del cambio lin-
güístico. Montevideo: Universidad de Montevideo.
Coseriu, Eugenio (1964): “Pour une sémantique diachronique structurale”, in: Travaux
de Linguistique et de Littérature 2/1, 139-186.
Dardel, Robert de (1985): “Le sarde représente-t-il un état précoce du roman com-
mun?”, in: Revue de linguistique romane 49, 263-269.
Delatte, Louis (1981): Dictionnaire fréquentiel et index inverse de la langue latine.
Liegi: Mardaga.
DES = Wagner, Max L. (31989): Dizionario etimologico sardo. 3 voll. Cagliari: Trois.
Gardner, Donald D. (1971): A Frequency Dictionary of Classical Latin Words. 4 voll.
Ann Arbor: Karoma 1971.
Gauger, Hans-Martin (1995): “Der etymologische Holzweg”, in: id.: Über Sprache
und Stil. Monaco di Baviera: Beck (Beck’sche Reihe 1107), 62-81.
Gévaudan, Paul (2003): “Lexikalische Filiation. Eine diachronische Synthese aus Ono-
masiologie und Semasiologie”, in: Blank, Andreas/Koch, Peter (a cura di):
Kognitive romanische Onomasiologie und Semasiologie. Tubinga: Niemeyer
(Linguistische Arbeiten 467), 189-211.
Goddard, Cliff (2001): “Universal Units in the Lexicon”, in: Haspelmath et al. (2001).
Vol. 2, 1190-1203.
Haspelmath, Martin/König, Ekkehard/Oesterreicher, Wulf/Raible, Wolfgang (a cura
di) (2001): Typology and Language Universals/Sprachtypologie und sprach-
liche Universalien/La typologie des langues et les universaux linguistiques.
Il cosiddetto conservatorismo lessicale del sardo 93

An International Handbook/Ein internationales Handbuch/Manuel interna-


tional. 2 voll. Berlino/Nuova York: Mouton de Gruyter (Handbücher zur
Sprach- und Kommunikationswissenschaft 20).
Keller, Rudi (21994): Sprachwandel. Von der unsichtbaren Hand in der Sprache. Tu-
binga: Francke (UTB 1567).
Koch, Peter (1991): “Semantische Valenz, Polysemie und Bedeutungswandel bei ro-
manischen Verben”, in: Koch, Peter/Krefeld, Thomas (a cura di): Connexio-
nes Romanicae. Dependenz und Valenz in romanischen Sprachen. Tubinga:
Niemeyer (Linguistische Arbeiten 268), 279-306.
Koch, Peter (1994): “Gedanken zur Metapher – und zu ihrer Alltäglichkeit”, in:
Sabban, Annette/Schmitt, Christian (a cura di): Sprachlicher Alltag. Lingui-
stik – Rhetorik – Literaturwissenschaft. Festschrift für Wolf-Dieter Stempel
7. Juli 1994. Tubinga: Niemeyer, 201-225.
Koch, Peter (1997): “La diacronia quale campo empirico della semantica cognitiva”,
in: Carapezza, Marco/Gambarara, Daniele/Lo Piparo, Franco (a cura di):
Linguaggio e cognizione. Roma: Bulzoni (Società di Linguistica Italiana 37),
225-246.
Koch, Peter (1998): “Saussures mouton und Hjelmslevs træ: zwei Schulbeispiele
zwischen Semstruktur und Polysemie”, in: Werner, Edeltraud/Liver, Ricarda/
Stork, Yvonne/Nicklaus, Martina (a cura di): et multum et multa. Festschrift
für Peter Wunderli zum 60. Geburtstag. Tubinga: Narr (Tübinger Beiträge
zur Linguistik 428), 113-136.
Koch, Peter (1999): “Frame and Contiguity: On the Cognitive Basis of Metonymy and
Certain Types of Word Formation”, in: Radden, Günter/Panther, Klaus-Uwe
(a cura di): Metonymy in Language and Thought. Amsterdam/Philadelphia:
Benjamins (Human Cognitive Processing 4), 139-167.
Koch, Peter (2000a): “Pour une approche cognitive du changement sémantique lexical:
aspect onomasiologique”, in: Société de Linguistique de Paris 2000, 75-95.
Koch, Peter (2000b): “Indirizzi cognitivi per una tipologia lessicale dell’italiano”, in:
Italienische Studien 21, 99-117.
Koch, Peter (2001a): “Bedeutungswandel und Bezeichnungswandel. Von der
kognitiven Semasiologie zur kognitiven Onomasiologie”, in: Zeitschrift für
Literaturwissenschaft und Linguistik 121, 7-36.
Koch, Peter (2001b): “Lexical Typology from a Cognitive and Linguistic Point of
View”, in: Haspelmath et al. (2001). Vol. 2, 1142-1178.
Koch, Peter (2001c): “Metonymy: Unity in Diversity”, in: Journal of Historical Prag-
matics 2/2, 201-244.
Koch, Peter (2003): “Lexikalische Restandardisierung im Französischen”, in: Busse,
Winfried/Schmidt-Radefeldt, Jürgen (a cura di): Rumänisch und Romanisch.
Festschrift zum 60. Geburtstag von Prof. Dr. phil. habil. Rudolf Windisch.
Rostock: Universität Rostock (Rostocker Beiträge zur Sprachwissenschaft
13), 207-235.
94 Peter Koch

Koch, Peter/Oesterreicher, Wulf (1996): “Sprachwandel und expressive Mündlich-


keit”, in: Zeitschrift für Linguistik und Literaturwissenschaft 102, 64-96.
Krefeld, Thomas (1999): Wortgestalt und Vokalismus in der Italoromania. Plädoyer
für eine gestaltphonologische Rekonstruktion des romanischen Vokalismus.
Kiel: Westensee (Dialectologia pluridimensionalis Romanica 7).
Loi Corvetto, Ines (1988): “Sardisch: Evoluzione del lessico”, in: Holtus, Günter/
Metzeltin, Michael/Schmitt, Christian (a cura di): Lexikon der Romanisti-
schen Linguistik. Vol. IV: Italienisch, Korsisch, Sardisch. Tubinga: Nie-
meyer, 854-867.
Mariner Bigorra, Sebastián (1999): “El latín de la Península Ibérica: Léxico”, in: id.:
Latín e Hispania antigua. Scripta Minora a sodalibus collecta et in auctoris
memoriam edita. Madrid: Editorial Complutense, 273-306.
Mensching, Guido (in questo volume): “Su sardu – limba arcàica o limba moderna?”.
Rohlfs, Gerhard (1971): Romanische Sprachgeographie. Geschichte und Grundlagen,
Aspekte und Probleme mit dem Versuch eines Sprachatlas der romanischen
Sprachen. Monaco di Baviera: Beck.
Société de Linguistique de Paris (a cura di) (2000): Théories contemporaines du
changement sémantique. Louvain: Peeters (Mémoires de la Société de
Linguistique de Paris. Nouvelle Série 9).
Stefenelli, Arnulf (1981): Geschichte des französischen Kernwortschatzes. Berlino:
Schmidt (Grundlagen der Romanistik 8).
Stefenelli, Arnulf (1992): Das Schicksal des lateinischen Wortschatzes in den
romanischen Sprachen. Passau: Wissenschaftsverlag Richard Rothe
(Passauer Schriften zur Sprache und Literatur 6).
Swadesh, Morris (1955): “Towards Greater Accuracy in Lexicostatistic Dating”, in:
International Journal of American Linguistics 21, 121-137.
Tagliavini, Carlo (61972): Le origini delle lingue neolatine. Introduzione alla filologia
romanza. Bologna: Pàtron.
Wagner, Max L. (1928): “La stratificazione del lessico sardo”, in: Revue de
linguistique romane 4, 1-61.
Wagner, Max L. (1930): Studien über den sardischen Wortschatz (I. Die Familie – II.
Der menschliche Körper). Ginevra: Olschki (Biblioteca dell’Archivum Ro-
manicum, II, 16).
Wagner, Max L. (21980): La lingua sarda. Storia, spirito e forma. Berna: Francke
(Bibliotheca Romanica, I, 3).
Wilkins, David P. (1996): “Natural Tendencies of Semantic Change and the Search for
Cognates”, in: Durie, Mark/Ross, Malcolm (a cura di): The Comparative
Method Reviewed. Oxford: Oxford University Press, 264-304.
Il cosiddetto conservatorismo lessicale del sardo 95

Appendice
Equivalenti sardi, italiani, spagnoli e francesi esprimenti 179 concetti della
lista di Swadesh 1955:132 (si escludono i concetti che corrispondono alle
parole grammaticali e ai numerali inclusi in questa lista).
Spiegazione dei simboli (cfr. tabella 7):
PR = sostrato preromano;
G = cambio di genere;
© = elemento conservatore;
☼ = elemento innovatore:
senza specificazione = mutamento di significato/origine complessa/origine sconosciuta;
specificazioni:
D = derivato, conversione (la base del derivato/della conversione può essere sia la parola
«originaria» del latino classico che qualsiasi altra parola; p. es. 71RADICE: log raighina
< lat. radicina ← lat.cl. radix oppure 24COLPIRE, PICCHIARE: it. colpire ← it. colpo);
F = fraseologismo;
O = origine onomatopeica;
P = prestito
P-L = latinismo;
P-I = italianismo.
☼(-P) = prestito con mutamento di significato successivo
☼(-P-L) = latinismo con mutamento di significato successivo;
☼(-P-I) = italianismo con mutamento di significato successivo.
☼ tass. = riorganizzazione concettuale: innovazione tassonomica (cfr. sezione 6 e tabella 9);
☼ eng. = riorganizzazione concettuale: innovazione enginomica (cfr. n. 27 e tabella 9).

Equivalente
Concetto logudorese campida- italiano spagnolo francese
nese
LOCALIZZAZIONE
1 lontano
LONTANO aillargu ☼-F attesu ☼ lejos ☼ loin ©
☼-D
2 accanta
VICINO accurzu ☼-F vicino ☼ cerca ☼-D près ☼
☼-P-I
3
DESTRO deretu ☼ deretu ☼ destro © derecho ☼ droit ☼
4 sinistro izquierdo gauche
SINISTRO mancu ☼ mancu ☼
☼-P-L I-P I-P
POSIZIONE e MOVIMENTO
5
VENIRE bénnere © bénniri © venire © venir © venir ©
6 estar sentado être assis
SEDERE sézzere © sézziri © sedere ©
☼-F ☼-F
7
DARE dare © donai ☼ dare © dar © donner ☼
8
VOLARE bolare © bolai © volare © volar © voler ©
9 arréere/arre- stare in être
STARE IN arréiri estar en pie
are istantariu piedi debout
PIEDI ☼ ☼-F
☼(-F) ☼-F ☼-F
96 Peter Koch

Equivalente
Concetto logudorese campida- italiano spagnolo francese
nese
10
TENERE poderare ☼ poderai ☼ tenere © tener © tenir ©
11 tomber
CADERE rúere ☼ arrui ☼ cadere © caer ©
☼-O
12
NUOTARE nadare © nadai © nuotare © nadar © nager ☼
13 ghirare ☼ girai ☼ girare ☼ girar ☼ tourner
GIRARE

14 caminar
CAMMINA- caminare caminai cammina- marcher
☼-D,
RE ☼-P-I ☼-P-I re ☼-D ☼(-P)
andar ☼
15 ghetare © getai © gettare © echar ©
GETTARE,
buttare
BUTTARE, jeter ©
furriare ☼ fuliai ☼ ☼-P, tirar ☼
TIRARE
tirare ☼
16
TRARRE, trarre ©
tragare ☼-D tragai ☼-D tirar ☼ tirer ☼
TIRARE tirare ☼
17 flotar ☼-P,
GALLEG- galligiare galligiai galleggia- flotter I-
sobrenadar
GIARE ☼-P-I ☼-P-I re ☼-D D
☼-D
18 fluire © fluir C
FLUIRE,
cúrrere ☼ curri(ri) ☼ (s)correre couler ☼
(S)CORRERE correr ☼
☼(-D)
giacere © estar acosta-
19 être
STARE abarrare abarrai stare dis- do ☼-F, couché
DISTESO istérridu ☼-F isterriu ☼-F teso ☼-F estar echado
☼-F
☼-F
20 spingere pousser
SPINGERE imbérghere ☼ spingi ☼-P-I empujar ☼
☼ ☼
AZIONI MANUALI
21 samunare sciacuai
LAVARE lavare © lavar © laver ©
☼-D ☼(-P-I)
22 spaccare
SPACCARE zacare ☼-O zacai ☼-O hender © fendre ©
☼-P
ligai © lier ©
23 atar
LEGARE ligare © accapiai legare ☼ attacher

☼(-P-I) ☼
colpire
24 iscúdere ☼, scudi ☼, golpear
COLPIRE, ☼-D, frapper
arropare arropai ☼-D,
PICCHIARE picchiare ☼-P
☼-O ☼-O pegar ☼
☼-O
25 sfregare essuyer
SFREGARE frigare ☼ frigai ☼ fregar ☼
☼-D ☼
Il cosiddetto conservatorismo lessicale del sardo 97

Equivalente
Concetto logudorese campida- italiano spagnolo francese
nese
26 tagliare
TAGLIARE segare © segai © cortar ☼ couper ☼

27
FREGARE frigare © frigai © fregare © frotar ☼-P frotter ☼
28 scavare (ex)cavar creuser
SCAVARE bogare ☼ bogai ☼
☼-D ☼(-D) ☼-D
arrancare arrancai
29
GRAFFIA- ☼-P, ☼-P, graffiare arañar gratter
RE farraskare scarraffiai ☼-D ☼-D(?) ☼-P
☼(-P) ☼-P
30 (i)sprémere (i)sprémiri spremere exprimir presser
SPREMERE
© © © © ☼-D
PERIODI DI TEMPO
31
ANNO annu © annu © anno © año © an ©
32
GIORNO die © di © giorno ☼ día © jour ☼
33
NOTTE note © noti © notte © noche © nuit ©
QUANTITATIVI
34
TUTTI totu ☼ totu ☼ tutti ☼ todos ☼ tous ☼
35
POCHI pagos © pagus © pochi © pocos © peu de ©
36 beaucoup
MOLTI medas ☼ medas ☼ molti © muchos ©
de ☼
DIMENSIONI
37
LARGO largu © largu © largo © ancho ☼ large ©
38
SPESSO grussu ☼ fitu ☼ spesso ☼ espeso ☼ épais ☼
39
LUNGO longu © longu © lungo © largo ☼ long ©
40 fine ☼-P-I,
SOTTILE langiu ☼-D sottile ☼ delgado ☼ fin ☼
sútile ☼-P-I
41
STRETTO istrintu ☼ strintu ☼ stretto ☼ estrecho ☼ étroit ☼
42
GRANDE mannu © mannu © grande ☼ grande ☼ grand ☼
43 piccolo pequeño
PICCOLO minudu ☼ minudu ☼ petit ☼-O
☼-O ☼-O
44
CORTO curzu ☼-D cruzu ☼-D corto © corto © court ©
OGGETTI e FENOMENI NATURALI
gelu ☼,
45 biddia ☼-O, ghiaccio
GHIACCIO giarra hielo ☼ glace ©
astragu ☼ ©-G
☼(-P-I)
46
SALE sale © sali © sale © sal ©-G sel ©
(RISPLEN- isteddu ☼-G
DENTE)
47 ☼ tass.
STELLA stedda © stella © estrella © étoile ©
istella ©
(DI POCA
LUCE)
98 Peter Koch

Equivalente
Concetto logudorese campida- italiano spagnolo francese
nese
48 sole © soli © sole © sol © soleil
SOLE
☼-D
49
VENTO bentu © bentu © vento © viento © vent ©
50
CIELO chelu © celu © cielo © cielo © ciel ©
51 nuvola
NUVOLA nue © nui © nube © nuage ©
☼-D
52
PIOGGIA abba ☼ acua ☼ pioggia © lluvia © pluie ©
53
ACQUA abba © acua © acqua © agua © eau ©
54
MARE mare © mari © mare © mar ©(-G) mer ©-G
55 fumée
FUMO fumu © fumu © fumo © humo ©
☼-D
56 nie © ni © neve © nieve © neige
NEVE
☼-D
57
SABBIA arena © arena © sabbia ☼ arena © sable ☼
58
PIETRA preda ☼ perda ☼ pietra ☼ piedra ☼ pierre ☼
59
MONTA- montagna montaña montagne
monte © monti ©
GNA ☼-D ☼-D ☼-D
cinixi ☼-D
60
CENERE chisina ☼-D cinus © cenere © ceniza ☼-D cendre ©
[Sulcis]
61
TERRA terra © terra © terra © tierra © terre ©
62 poussière
POLVERE pruine © pruini © polvere © polvo ©
☼-D
63
LAGO lagu © lagu © lago © lago © lac ©
brouil-
64
NEBBIA néula © nébida © nebbia © niebla © lard
☼-D
(IMPORTAN- rivière ☼
TE)
65 ☼ tass.
CORSO
frúmene © frúmini © fiume © río ☼
D’ACQUA
fleuve
(MOLTO IM- ☼(-P-L)
PORTANTE)
66
FUOCO fogu ☼ fogu ☼ fuoco ☼ fuego ☼ feu ☼
PIANTE e loro COMPONENTI
67 corz(ol)a scorza ☼,
SCORZA, croxolu ☼-
☼(-D), iscor- corteccia corteza ☼-D écorce ☼
CORTECCIA D
tza ☼-P-I ☼-D
68
FOGLIA foza © folla © foglia © hoja © feuille ©
69 hierba, yerba
ERBA erba © ebra © erba © herbe ©
©
Il cosiddetto conservatorismo lessicale del sardo 99

Equivalente
Concetto logudorese campida- italiano spagnolo francese
nese
70
ALBERO árbure © mata PR albero © árbol © arbre ©
71 arrexini racine
RADICE raighina ☼-D radice © raíz ©
☼-D ☼-D
72
FIORE frore © frori © fiore © flor ©-G fleur ©-G
73
bosco bosque ☼-P
bois
TERRENO buscu ☼-P-I ☼(-P)
COPERTO DI ☼(-P)
☼ tass. ☼ tass.
ALBERI litu PR?
☼ tass. foresta ☼ selva © ☼ tass.
D’ALTO
☼ tass. ☼ tass.
FUSTO padenti ☼ forêt ☼
selva © monte ☼
semence
74
SEME sémene © sémini © seme © semilla ☼-D ☼-D,
graine ☼
75
BACCA baga © bacca ☼-P-I bacca © baya © baie ©
76
BASTONE fuste © fusti © bastone ☼ bastón ☼ bâton ☼
ANIMALI
77 gusano
VERME breme © bremi © verme © ver ©
☼-P(?)
78 serpente
SERPENTE coloru ☼ coloru ☼ culebra ☼ serpent ©
©
79 pidocchio
PIDOCCHIO pregu © priogu © piojo © pou ©
©
(VIVO) pez ©
80
PESCE ☼ tass. poisson
pische © pisci © pesce © pescado ☼-D ☼-D
(DA
MANGIARE)
81
CANE cane © cani © cane © perro ☼-O(?) chien ☼
82 animal animal
ANIMALE bestia ☼ bestia ☼ animale ©
☼-P-LL ☼-P-LL
(GRANDE) ave ©
83 uccello ☼ tass- oiseau
UCCELLO puzone ☼ pilloni ☼
☼-D pájaro ☼ ☼-D
(PICCOLO)
ESSERI UMANI
84
ESSERE
ómine © ómini © uomo © hombre © homme ©
UMANO
85
ESSERE
UMANO fémina © fémina © donna ☼ mujer ☼ femme ©
FEMMINILE
86 bambino
BAMBINO pizzinu ☼ pipiu ☼ niño ☼-O enfant ☼
☼-O
100 Peter Koch

Equivalente
Concetto logudorese campida- italiano spagnolo francese
nese
87 ómine ☼ ómini ☼ uomo ☼ hombre ☼ homme ☼
ESSERE
(☼ tass.: (☼ tass.: (☼ tass.: (☼ tass.: (☼ tass.:
UMANO
v. 84ESS. v. 84ESS. v. 84ESS. v. 84ESS. v. 84ESS.
MASCHILE
UMANO) UMANO) UMANO) UMANO) UMANO)
PARTI, ORGANI e SOSTANZE DEL CORPO
88
SANGUE sámbene © sánguni © sangue © sangre ©-G sang ©
89 orecchio
ORECCHIO origra © origa © oreja © oreille ©
©-G
90
MANO manu © manu © mano © mano © main ©
91
LINGUA limba © lingua © lingua © lengua © langue ©
92
DENTE dente ©-G denti ©-G dente © diente ©-G dent ©-G
93
PIEDE pee © pei © piede © pie © pied ©
94
UOVO obu © ou © uovo © huevo © œuf ©
95 schina schiena
SCHIENA ischina ☼(-P) espalda ☼ dos ©
☼(-P) ☼(-P)
96
CODA coa © coa © coda © cola ☼-D queue ©
(VIVA) carre © carre © chair ©
97
CARNE ☼ tass. ☼ tass. ☼ tass.
peta ☼ pezza ☼ carne © carne © viande ☼
(DA
MANGIARE)
98
OCCHIO ogru © ogu © occhio © ojo © œil ©
99
PENNA pinna © pinna © penna © pluma ☼ plume ☼
100
PELLE pedde ☼ peddi ☼ pelle ☼ piel ☼ peau ☼
101
OSSO ossu © ossu © osso © hueso © os ©
102
TESTA, capo ©
conca ☼ conca ☼ cabeza ☼-D tête ☼
CAPO testa ☼
103
BOCCA buca ☼ buca ☼ bocca ☼ boca ☼ bouche ☼
104
NASO nare ☼ nasu © naso © nariz ☼ nez ©
105
ALA ala © ala © ala © ala © aile ©
106
CUORE coro © coru © cuore © corazón ☼-D cœur ©
107 grasso graisse
GRASSO rassu ☼-D grassu ☼-D grasa ☼-D
☼-D ☼-D
108 viscere entrailles
VISCERE mata ☼ mazza ☼ entrañas ☼
☼-P-L ☼
109
PANCIA bentre © brenti © pancia ☼ vientre © ventre ©
110
COLLO zugru ☼ zugu ☼ collo © cuello © cou ©
ca-
pelo
111 pilu © pilu © capello © bello cheveu ©
CAPELLO/ ©
©
PELO
pelo ☼
☼ tass. ☼ tass. pelo © poil ©
© tass.
Il cosiddetto conservatorismo lessicale del sardo 101

Equivalente
Concetto logudorese campida- italiano spagnolo francese
nese
112
FEGATO fígadu ☼ figau ☼ fegato ☼ hígado ☼ foie ☼
113
GAMBA anca ☼ camba ☼ gamba ☼ pierna ☼ jambe ☼
SENSAZIONI e ATTIVITÀ FISICHE
114
BERE bí(b)ere © buffai ☼-P bere © beber © boire ©
115
MORIRE mórrere © morri © morire © morir © mourir ©
116
SENTIRE = udire © entendre
inténdere ☼ intendi ☼ oír ©
UDIRE sentire ☼ ☼
117
VEDERE bíere © biri © vedere © ver © voir ©
118
DORMIRE dormire © dromì © dormire © dormir © dormir ©
119
VIVERE bívere © bivi © vivere © vivir © vivre ©
120
MANGIA- mangiare manger
mandigare ☼ papai ☼-O comer ☼
RE ☼-P ☼
121
SAPERE ischire © sciri © sapere ☼ saber ☼ savoir ☼
122 mossigare mossigai mordere
MORDERE morder © mordre ©
☼-D ☼-D ©
123 craindre
TEMERE tímere © timi © temere © temer ©

124 pessare pensai pensare pensar penser
PENSARE
☼(-P-L) ☼(-P-L) ☼(-P-L) ☼(-P-L) ☼(-P-L)
125 alenare
RESPIRA- respirare respirar respirer
☼(-P-I), alidare ☼
RE ☼-P-L ☼-P-L ☼-P-L
alidare ☼
126
VOMITA- bómbere © vomitare
caciai ☼ vomitar ☼-D vomir ©
RE cazzare ☼ ☼-D
127
SENTIRE
fragare ☼ fragai ☼ sentire ☼ oler ☼ sentir ☼
(UN ODORE)
ATTIVITÀ ORALI
128
RIDERE ríere © arrì © ridere © reír © rire ©
129 chanter
CANTARE cantare © cantai © cantare © cantar ©
©
130
SUCCHIA- succhiare
súghere © suzzai ☼-P-I chupar ☼-O sucer I-D
RE ☼-D
131 piangere pleurer
PIANGERE pranghere ☼ prangi ☼ llorar ☼
☼ ☼
132 ruspiare sputare cracher
SPUTARE spudai ☼-D escupir ☼-D
☼-O ☼-D ☼-O
133 allegare allegai
PARLARE parlare ☼ hablar ☼ parler ☼
☼(-P) ☼(-P)
102 Peter Koch

Equivalente
Concetto logudorese campida- italiano spagnolo francese
nese
COLORI
134
NERO nieddu ☼-D nieddu ☼-D nero © negro © noir ©
(BRILLANTE ☼ tass. ☼ tass. ☼ tass. ☼ tass. ☼ tass.
+ CUPO)
135
VERDE birde © birdi © verde © verde © vert ©
136 arrubiu rouge
ROSSO ruiu ☼-D rosso ☼ rojo ☼
☼-D ☼-D
137
BIANCO biancu bianco blanc
arbu © blanco ☼(-P)
(BRILLANTE ☼(-P) ☼(-P) ☼(-P)
+ CUPO) ☼ tass. ☼ tass. ☼ tass. ☼ tass. ☼ tass.
138 giallo
GIALLO grogu ☼-P grogu ☼-P amarillo ☼ jaune ☼
☼-P
QUALIFICATIVI
139 becciu vecchio vieux ☼-
VECCHIO bezzu ☼-P-I viejo ☼-D
☼-P-I ☼-D D
140
SECCO sicu © sicau ☼-D secco © seco © sec ©
141
BUONO bonu © bonu © buono © bueno © bon ©
(APPENA neuf ©
FATTO) ☼
142
NUOVO eng.
(SI nobu © nou © nuovo © nuevo © nouveau
VEDE/SENTE ☼-D
a
PER LA 1
VOLTA)
143
CALDO caente ☼-P callenti ☼-P caldo © caliente ☼-D chaud ©
144 pudesciu marcio pourri ☼-
MARCIO marzu ☼-P-I podrido ☼-D
☼-D ☼-D D
145
FREDDO fritu © fridu © freddo © frío © froid ©
146
ACUTO acutu ☼-P-I agudu ☼-P-I acuto © agudo © aigu ©
147 exacto ☼-P- exact ☼-
GIUSTO zustu © giustu © giusto ©
L P-L
148
DRITTO deretu © deretu © dritto © derecho © droit ©
151 liscio
LISCIO lisciu ☼-P-I lisciu ☼-P-I liso ☼-O(?) lisse ☼-D
☼-O(?)
150 mauvais
CATTIVO malu © malu © cattivo ☼ malo ©

151 úmidu bagnato mouillé
BAGNATO iffustu ☼-D mojado ☼-D
☼-P-I(?) ☼-D ☼-D
152
SCIOCCO tontu ☼-P tontu ☼-P sciocco ☼ tonto ☼-O bête ☼
153 sale
SPORCO brutu ☼(-P) brutu ☼(-P) sporco ☼ sucio ☼
☼(-P)
Il cosiddetto conservatorismo lessicale del sardo 103

Equivalente
Concetto logudorese campida- italiano spagnolo francese
nese
PARENTELA
154
FRATEL- fratello
frade © fradi © hermano ☼ frère ©
LO ☼-D
155 sorella
SORELLA sorre © sorri © hermana ☼ sœur ©
☼-D
156
PADRE babbu ☼ babbu ☼ padre © padre © père ©
157
MADRE mama ☼ mamma ☼ madre © madre © mère ©
158
MARITO maridu © pobiddu ☼ marito © marido © mari ©
159 mulleri ☼,
MOGLIE muzere ☼ moglie ☼ mujer ☼ femme ☼
pobidda ☼
OGGETTI e ATTIVITÀ CULTURALI
160
CUCIRE cosire ☼ così ☼ cucire ☼ coser ☼ coudre ☼
atacare
161
ATTACCA ☼-P-I, attaccare attacher
atacai ☼-P-I pegar ☼
RE apizzigare ☼ ☼
☼(-P-I)
162 isparare sparai ☼-P-
SPARARE sparare ☼ tirar ☼ tirer ☼
☼-P-I I
163 cacciare chasser
CACCIARE cassare ☼-P cassai ☼-P cazar ☼
☼ ☼
164
GIOCARE zogare ☼ giogai ☼ giocare ☼ jugar ☼ jouer ☼
165 suonare ☼
SUONARE sonare ☼ sonai ☼ tocare ☼
☼ tass.
166 vestiti ☼- ropa ☼(-P), vêtements
VESTITI bestires ☼-D bestiris ☼-D
D vestidos ☼-D ☼-D
167
LAVORA- triballare traballai ☼- lavorare travailler
trabajar ☼
RE ☼-P P © ☼
168 ballare dancer
BALLARE ballare ☼-P baddai ☼-P bailar ☼-P
☼(-P) ☼(-P)
transper-
169
INFILZA- inferzire infrizzi ☼-P- infilzare cer ☼-D,
espetar ☼-D
RE ☼-P-I I ☼-D embro-
cher ☼-D
170 punzar ☼-D, piquer
PUNGERE púnghere © pungi © pungere ©
picar ☼-O ☼-O
171
COMBAT- combat- combattre
lutare ☼-P-I lutai ☼-P-I combatir ☼
TERE tere ☼ ☼
vari
172
NOME lúmene © nómini © nome © nombre © nom ©
173
ALTRO áteru © atru © altro © otro © autre ©
104 Peter Koch

Equivalente
Concetto logudorese campida- italiano spagnolo francese
nese
174 bruyare abruxai bruciare
BRUCIARE quemar © brûler ☼
☼-P-I ☼-P-I ☼
175 soffiare souffler
SOFFIARE sulare ☼ sulai ☼ soplar ☼-D
☼-D ☼-D
176
GELARE ghelare © gelai © gelare © helar © geler ©
177 gonfiare
GONFIARE unfrare © unfrai © hinchar © gonfler ☼

(IN CENTRO arruga
ABITATO) carrela ☼-P ☼-P-I, calle ☼ rue ☼
178
STRADA carrela ☼-P
☼ tass. ☼ tass. strada ☼ ☼ tass. ☼ tass.
(CHE
istradone stradoni carretera
COLLEGA route ☼
LOCALITÀ) ☼-D ☼-D ☼-D
179 uccidere
UCCIDERE ochídere © bociri © matar ☼ tuer ☼
©
Parte II

La standardizzazione del sardo

S’istandardizzatzione de su sardu
Heinz Jürgen Wolf
(Bonn)

La lingua sarda standard e la toponomastica

Si parla molto, in questo volume, dei risultati dell’elaborazione di una lingua


standard condotta da una commissione istituita dalla Regione Autonoma della
Sardegna (cioè dall’Assessorato della Pubblica Istruzione, Beni Culturali,
Informazione, Spettacolo e Sport), la quale, di recente, ha provveduto alla
diffusione del fascicolo Limba Sarda Unificada (cfr. LSU). Si sa che già
prima della pubblicazione, questa lingua standard ha suscitato discussioni,
dibattiti televisivi, interventi sulla stampa, in particolare nei due giornali re-
gionali L’Unione Sarda e La Nuova Sardegna, schieratisi manifestamente
dalla parte degli oppositori e che – si ha l’impressione – non hanno omesso di
pubblicare nessuna delle opinioni critiche.
Tra esse, c’è quella di un cosiddetto «comitato per la difesa» della «limba
campidanese» costituitosi a Burcei che sostiene, come hanno fatto altri, che
«[…] l’assessorato alla Pubblica Istruzione, vorrebbe promuovere la ‘logudo-
rese’ la lingua ufficiale della Sardegna […]»1 – cosa non vera, e che allo
stesso tempo parla dei «soprusi di chi vuole imporre per legge una lingua
unificata a tavolino […]» (ibd.) – cosa un po’ più esatta, visto che si tratta, in
effetti, di una lingua elaborata a tavolino, come è avvenuto per tutte le lingue
standard, soprattutto quelle che recentemente si sono dotate di una norma. È il
caso anche di tutte quelle lingue che, in campo romanzo, aspirano allo stato di
lingua, diventato importante nel contesto della legislazione europea, cioè il
catalano, il gallego, l’asturiano, l’aragonese (in Spagna), il ladino nei Grigioni
(romantsch grischun), il ladino dolomitico e il friulano in Italia. In Sardegna
certi gruppi, per diverse ragioni (rimaste generalmente inespresse), si mo-
strano particolarmente aggressivi nella loro opposizione ad una lingua stan-
dard; ne cito un ultimo esempio: un altro (?) comitato di cui fanno parte per-
sone che vengono definite «scrittori», «poeti», ecc. ha scritto: «[…] siamo di
fronte […] ad un vero e proprio tentativo di genocidio culturale […]».2
Genocidio: da tedesco mi permetto di dire che si tratta di un linguaggio
108 Heinz Jürgen Wolf

osceno da parte di gente che non è mal informata – come tanti altri – ma mal
intenzionata, come se la norma dell’italiano, del tedesco, dello spagnolo, del
francese o dell’inglese avesse costituito un atto di genocidio culturale. Inutile
dire, in questa sede, che dappertutto persistono i dialetti e, con essi, una lette-
ratura dialettale.
E non mi pare lecito, come ha fatto l’amico Pittau (in questo volume), a
proposito dei lavori della Commissione, parlare di una “truffa”. Quando un
governo chiede il parere di una commissione di esperti, ne prende atto e se ne
serve nel modo che gli sembra più opportuno. I risultati ai quali è giunta la
Commissione, rappresentano per i politici un mezzo di informazione; la poli-
tica la fanno loro e non i membri della Commissione.
La norma sarda divulgata dalla Regione Autonoma della Sardegna, cioè
dall’Assessorato della Pubblica Istruzione, è stata elaborata tenendo conto di
tutti i dialetti ritenuti sardi, in vista di una specie di sardo medio. Di questa
norma, quindi, non fanno parte realizzazioni fonetiche particolari di definite
aree linguistiche più o meno ristrette. Ciononostante, dobbiamo prendere in
considerazione anche particolarità fonetiche limitate ad aree più o meno ri-
strette. La ragione del recupero di certi fonetismi non considerati in prece-
denza, risiede nel fatto che la famosa legge 26, all’articolo 24, prevede «Inter-
venti per il ripristino dei toponimi in lingua sarda», tra i quali
[…] l’installazione di cartelli stradali che contengano i nomi originari delle lo-
calità, delle vie, degli edifici e di tutto quanto è significativo nella memoria sto-
rica dei Comuni. In tali casi le suddette indicazioni andranno ad aggiungersi a
quelle esistenti in lingua italiana (RAS: art. 24).
È questo un provvedimento incoraggiante da parte del legislatore seppur non
raggiunga le misure prese dalla Generalitat de Catalunya insieme alla Genera-
litat Valenciana e alla Comunitat Autònoma de les Illes Balears, le quali
hanno proceduto alla semplice sostituzione della forma spagnola con quella
catalana: ad es. Lérida, la cui forma ufficiale spagnola oggi è Lleida. Anche in
Francia, stato reputato repressivo in materia linguistica, mi ricordo di aver
visto, già più di 20 anni fa, a Collioure, soltanto cartelli stradali col nome
Cotlliure invece del tradizionale Collioure. Comunque sia, la Sardegna avrà –
speriamolo – almeno cartelli bilingui. Ma, come ho detto, le forme
“originarie” presentano dei problemi. Con “originario” – un aggettivo che non
è ben preciso – si può intendere ‘tradizionale’, ‘autoctono’, ‘dialettale’.
La Commissione per conto suo ha interpretato “originario” nel senso di
‘autoctono’, dunque ‘dialettale’ e, in un certo senso, ‘tradizionale’, e ha ben
capito che, per rendere la forma dialettale dei toponimi, bisogna ampliare il
quadro grafematico stabilito per la regolamentazione della Limba Sarda Uni-
La lingua sarda standard e la toponomastica 109

ficada, valido per il lessico appellativo. Ed è in riferimento alla trascrizione


dei toponimi che ho parlato di «realizzazioni fonetiche particolari». Queste
riguardano soprattutto i microtoponimi, le cui forme vanno in effetti ripristi-
nate, visto che una grande parte di esse sono state storpiate dai geometri –
generalmente non originari di quei luoghi – responsabili dei catasti, delle
carte catastali e di quelle dell’Istituto Geografico Militare (questa non è una
specialità sarda). Ma anche i macrotoponimi sono stati colpiti da quella amara
sorte: basti citare esempi come Girasole – [dΩilisúli] o Sanluri – [seddóri]. Il
collega Mensching ne ha menzionati due dozzine nel suo libro Einführung in
die sardische Sprache (cfr. Mensching 1994:16).
La soluzione ideale consisterebbe, quindi, nel trascrivere ogni realizza-
zione fonetica locale, tutti i suoni rintracciabili nei dialetti sardi, ma si tratta di
una soluzione non realistica. Basta consultare l’Etude de géographie phonéti-
que et de phonétique instrumentale du sarde del collega Contini (cfr. Contini
1987:I, 44-47; II, s.p.), il quale, per rendere la realtà fonetica dei dialetti logu-
doresi e ogliastrini, ha utilizzato non meno di 59 segni differenti. È ovvio che
nel contesto della Limba Sarda Unificada sarà impossibile riprodurre questo
sistema fonetico che è molto stretto, molto dettagliato.
Per questo sistema naturalmente sarebbe necessaria l’utilizzazione di
caratteri estranei all’alfabeto italiano e di segni diacritici. Ma l’uso di lettere
non italiane e di segni diacritici non sembra possibile nel contesto di una lin-
gua standard. La Commissione era di questo parere e io penso che anche cia-
scuno di noi possa essere d’accordo. La trascrizione dei toponimi deve quindi
seguire, in linea di massima, la grafia adoperata per la Limba Sarda Unificada
che è basata sulla grafia dell’italiano. Questa base è stata scelta per la sua
diffusione anche in Sardegna, almeno a partire dell’istruzione obbligatoria.
Così è stata trascurata, a favore della ch italiana, ad es. la k, lettera tradizio-
nale davanti alle vocali anteriori (e, i ma spesso anche a), usata non solo nel
sardo antico, ma anche oggi, seppur raramente.
La Commissione non ha potuto, per mancanza di tempo, trattare la trascri-
zione dei toponimi, ma questo aspetto della grafia dovrebbe essere uno dei
compiti di un’accademia o piuttosto di un «Istituto della lingua sarda», di cui
si è parlato alla fine dei lavori della Commissione, all’inizio del 2001. Non è
mia intenzione anticipare le decisioni di quell’Istituto in materia di toponoma-
stica, desidero però accennare i problemi inerenti alla questione e sottoporre
all’attenzione del lettore delle proposte.
Partendo dai suoni elencati da Contini (1987), si osserva che molti corri-
spondono a suoni italiani, la cui trascrizione va conservata, ad esempio le
nasali m e n, le liquide (o laterali) l e r, le occlusive sorde (p, t, c/k) e sonore
110 Heinz Jürgen Wolf

(b, d, g), come stabilito nella norma Limba Sarda Unificada. Lì, è stato deciso
di trascrivere con b, d e g anche le fricative corrispondenti, caratteristiche del
sardo e che non hanno corrispondenze in italiano e che, in trascrizione fone-
tica, vengono spesso trascritte con [β, δ, γ] (cfr. ad es. Contini 1987) o con un
trattino (p. es.[đ]); questa è una debolezza del sistema alla quale la Commis-
sione non ha potuto porre rimedio. Per la d cacuminale, invece è stata decisa
la grafia doppia d (dd) senza i puntini della trascrizione fonetica, e la cacumi-
nalizzazione del nesso nd non è segnata. A differenza dell’italiano che scrive
sempre z (scempia o doppia), la norma prevede una differenziazione grafica
tra l’affricata sorda [ts] che viene trascritta tradizionalmente con tz (come in
Atzori, Atzeni ecc.) e l’affricata sonora [dz], resa con z. Ma tutte queste regole
ortografiche fanno parte della norma della L(imba) S(arda) U(nificada). Man-
cano quindi, come detto, certi suoni particolari come la fricativa sonora «post-
alveolare» (così Contini 1987:I, 46). Lì, sembra logico ricorrere alla grafia
tradizionale con x che troviamo ad es. in Simaxis o Cixerri, grafia presa, con
questo valore, dal catalano. Un’altra grafia tradizionale può servire a trascri-
vere la fricativa interdentale sorda, ad es. in [urθu"le]. Si tratta di th che tro-
viamo nei condaghi, in nomi come Thathari (Sassari) che in certi dialetti
ancora oggi è pronunciato ["θaθari] (almeno dagli anziani). In più, questa gra-
fia presenta il vantaggio di corrispondere a quella dell’inglese, la lingua stra-
niera più diffusa. Dell’inglese si potrebbe prendere in prestito anche il gra-
fema h che indica, come in altre lingue germaniche, quali il tedesco, l’aspirata
(Contini 1987:I, 46: costrittiva laringale sorda), ad es. ingl. house, ted. Haus
‘casa’. Ma questo segno potrebbe venire utilizzato, se non sbaglio, soltanto
per tre dialetti, in primo luogo quello di Ovodda, dove la -f- (iniziale e interna)
è passata à -h-, in toponimi come Hiloléri, Hoddateddi o Orohole, Tsolove-
hune. È evidente, da un punto di vista sia grafico che acustico, che negli ultimi
due esempi, quel suono si ravvicina molto all’ach-Laut tedesco (p. es. acht,
‘otto’), o alla jota spagnola (p. es. hijo ‘figlio’), suono generalmente trascritto
diversamente, ma che Contini (1987) ha reso ugualmente con h. Così, questa h
può servire anche a trascrivere questo suono a Dorgali e Urzulei; a Dorgali,
[su Xal"avriXe] non è soltanto ‘il biancospino’, ma allo stesso tempo un topo-
nimo. Dallo spagnolo possiamo prendere la tilde, o piuttosto dal portoghese,
lingua in cui la tilde indica la nasalizzazione della vocale sopra la quale si
trova. In questo modo, è facile trascrivere un gran numero di toponimi dei
dialetti meridionali come [muristẽi] cioè ‘Muristene’, invece di Monastir che
è una forma catalana e non indigena. L’ultimo esempio sarà quello del colpo
di glottide (fr. coup de glotte, ingl. glottal stop), nella definizione continiana
occlusiva laringale (cfr. Contini 1987:I, 45) che nel Sarrabus è il risultato
La lingua sarda standard e la toponomastica 111

fonetico normale, regolare, di -n- e -l- intervocaliche, p. es. [sa ua] ‘la luna’,
e che in nove dialetti della Barbagia Ollolai sostituisce la c etimologica in
molte posizioni, ad es. in posizione intervocalica come in [pau] ‘poco’ o
all’iniziale davanti a vocale: [antare] ‘cantare’. Mentre M.L. Wagner adope-
rava una lettera presa dall’alfabeto arabo (ain), si è diffuso presso altri studiosi
l’uso di un segno diacritico proposto dall’IPA (), al quale Pittau, da un certo
tempo, ha preferito la q (senza u). Non mi pare questa una soluzione felice,
visto che in nessuna scrittura assume tale valore. Parrebbe più indicato l’uso
di una c rialzata (in esponente) sopra la riga, perché nei dialetti barbaricini, il
colpo di glottide è sostituito dalla c [k] dopo nasale, cioè n, ad es.: so andau a
casteddu – so istau in Kasteddu, cerdzo ‘voglio’ – non kerdzo.
Per il resto, bisogna confidare nella facoltà dei sardofoni di sostituire un
fonetismo più o meno locale con un altro, una facoltà ben sviluppata e che non
richiede molta attenzione quando si tratta di cambiare una qualità, diciamo, di
s o di l; quindi penso che sia sufficiente la grafia custu con s per le pronuncie
[kutu, kuhtu, kultu, kuitu ecc.].
Dunque, rimane materia di discussione la grafia dei toponimi detti “origi-
nari” nel quadro della Limba Sarda Unificada, soprattutto quando si tratta dei
microtoponimi. Ma si dovrebbe cominciare con gli altri, i nomi dei paesi,
restituendo la dignità di toponimi a termini quali Seddori invece di Sanluri,
Gilisuli invece di Girasole, Oroteddi e Garteddi invece di Orotelli e Galtellì
(con spostamento dell’accento!) e così via. E non dimentichiamo Forru, di cui
già il canonico Spano aveva detto nel 1872, nel suo Vocabolario sardo geo-
grafico patronimico e etimologico: «Ora questo villaggio ha preso lo strano
nome di Collinas. Veramente il battesimo non è stato di buon gusto» (cfr.
Spano 1872:s.v.).

Note

1
In: Unione Sarda 09/09/2001, “Un comitato per la difesa della ‘limba’ campidanese”, (http://
www.unionesarda.it/unione/2001/09%2D09%2D01/prov.%20di%20cagliari/pro01/a04.html).
2
In: Unione Sarda 07/08/2001, “Campidano contro logudoro”, (http://www.unionesarda.it/
unione/2001/07%2D08%2D01/cultura/clt01/a04.html).
112 Heinz Jürgen Wolf

Riferimenti bibliografici

Contini, Michel (1987): Etude de géographie phonétique et de phonétique


instrumentale du sarde. 2 voll. Alessandria: Dell’Orso.
LSU = Regione Autonoma della Sardegna (2001): Limba Sarda Unificada. Cagliari
(URL: http://www.uemilano.it/multilinguismo/pdf/lsu.pdf).
Mensching, Guido (21994): Einführung in die sardische Sprache. Bonn: Romanisti-
scher Verlag (Bibliothek romanischer Sprachlehrwerke 2).
Pittau, Massimo (in questo volume): “La lingua sarda oggi”.
RAS = Regione Autonoma della Sardegna (1997): “Promozione e valorizzazione della
cultura e della lingua della Sardegna”, Legge Regionale n. 26 del 15 ottobre
1997 (URL: http://www.regione.sardegna.it/leggi_regionali/1997/lr-n_26_
1997_10_15.htm).
Spano, Giovanni (1872): Vocabolario sardo geografico patronimico e etimologico.
Cagliari (Ristampa: Cagliari: 3T, 1970).
Michel Contini
(Grenoble)

Noragugume, così vicina a Nuoro…

1. Introduzione

In questi ultimi anni, il progetto sulla creazione di una Limba Sarda Unificada
per lo scritto, ha dato luogo a dibattiti animati sulle diverse proposte in pre-
senza, più o meno attente alla realtà linguistica dell’isola e, talvolta, a scontri
verbali poco compatibili con una riflessione scientifica. Cosciente dell’interes-
se della questione, già da una buona quindicina d’anni (cfr. Contini 1994a;
1994b; 2001), ho espresso anch’io le mie riflessioni in proposito e le mie pro-
poste, partecipando sempre dall’esterno, come sardo fuoruscito. Non avendo
avuto l’onore di far parte della Commissione Regionale incaricata dell’elabo-
razione di una norma ortografica per la LSU, non ho potuto però esprimere il
mio punto di vista in occasione dei suoi lavori, come hanno potuto farlo gli
specialisti che ne facevano parte. Lo rimpiango, certo, ma senza il minimo
sentimento di frustrazione, abituato come sono, da quasi una quarantina d’an-
ni, a intraprendere personalmente e a dirigere ricerche sul sardo, in piena li-
bertà di movimento, al di fuori di strategie e antagonismi universitari e libero
da preoccupazioni socio-politiche diverse. In quella Commissione, dunque,
non c’ero.

2. Il sardo come “mosaico di varietà”

Se avessi partecipato ai suoi lavori, avrei cominciato coll’affermare, come già


lo feci in altre occasioni – e forse, da alcuni, ciò sarebbe stato sentito come
una provocazione – che la Lingua sarda non esiste, che solo esistono le innu-
merevoli varietà dialettali che lo compongono e che sono oggi perfettamente
definite, almeno su criteri fonetico-fonologici, in base alle mie ricerche perso-
114 Michel Contini

nali e a quelle di Cossu (2000), realizzate in tutti i comuni dell’Isola, senza


dimenticare, naturalmente, i lavori precedenti: penso in particolare a quelli del
Wagner e ai rilievi degli Atlanti linguistici nazionali (AIS; ALI). Gli abitanti
di Onifai, Orgosolo, Ovodda, S. Vito, Isili, Sanluri, Giba, Sennariolo, Seme-
stene, Ozieri, Berchidda – e potrei i continuare a lungo – affermano tutti, con
ragione, di parlare in sardo. Ma sono coscienti, allo stesso tempo, di parlare
varietà diverse, come ho potuto verificarlo, personalmente, nel corso di più di
duecento inchieste sul campo. Un abitante di un qualunque paese identifica
facilmente l’origine geografica di altre persone del circondario, o anche di
aree più lontane, a partire dal loro “accento”, termine vago che ricopre para-
metri linguistici diversi, segmentali e prosodici soprattutto, ma anche in base a
caratteristiche morfologiche, sintattiche o lessicali della loro parlata.1 È co-
sciente quindi della variabilità che, in molti casi, può rendere difficile l’inter-
comprensione e, indirettamente, dell’esistenza di diversi tipi di sardo. Può an-
che manifestare una tendenza a classificare le varietà in base a criteri qualitati-
vi, motivata più dall’influsso della tradizione o da pressioni mediatiche che da
convinzioni o da competenze personali: così, per prendere l’esempio più noto,
il cosiddetto “logudorese” sarà generalmente considerato come più prestigioso
che il “campidanese”. Le tradizioni hanno la vita dura: ed è difficile dimenti-
care il mito della «sarda Toscana», espressione che il canonico Giovanni Spa-
no (1840:198) aveva forgiato, per definire un’area del Logudoro ... un secolo
e mezzo fa! La classificazione qualitativa può anche interessare varietà interne
di ognuna delle due principali aree, quella “campidanese” e quella “logudore-
se”. Per la prima, per esempio, l’area delle nasalizzazioni vocaliche che coin-
cide, in gran parte, con quella delle metatesi quasi sistematiche di -r in fine di
sillaba, e che si estende dalle falde del Monte Ferru fino quasi alle porte di
Cagliari, non gode di un giudizio positivo.2 Quasi che pronunciare [sa mãũ]
per ‘la mano’ – che potrebbe essere ortografata nello stesso modo – fosse una
cosa di cui ci si dovrebbe vergognare: non arrossiscono affatto i Portoghesi
che trascrivono proprio in questo modo le vocali nasali della loro lingua, con
la tilde (ma solo sulla prima vocale) per indicare lo stesso fenomeno delle par-
late sarde meridionali. Per concludere su questo punto, direi che la coscienza
della grande variabilità dialettale e la propensione a una gerarchia qualitativa
delle varietà, non hanno certamente facilitato le ricerche per un’unificazione
del sardo, non foss’altro che allo scritto.
Se avessi partecipato ai lavori della Commissione, avrei manifestato
ugualmente, come lo faccio da anni, le mia opposizione a una proposta, come
quella di Blasco Ferrer, di utilizzare due codici diversi per il sardo scritto, uno
per il logudorese e un altro per il campidanese, che rispecchia la tradizionale
Noragugume, così vicina a Nuoro… 115

e, secondo me, sorpassata dicotomia (cfr. Blasco Ferrer 1994; 1998): una tale
proposta continua a perpetuare l’idea secondo la quale le due grandi varietà
costituirebbero, due aree linguisticamente omogenee. Il che non corrisponde
affatto alla realtà: le ricerche geolinguistiche dimostrano, al contrario,
l’esistenza di una grande frammentazione dialettale all’interno di ciascuna di
loro. Senza contare, poi, che anche la tradizionale divisione nord-sud del
sardo, continua ad imporre l’immagine di una frontiera linguistica interna che,
in realtà, non esiste. L’analisi della struttura fonetica e fonologica di tutte le
parlate sarde – sappiamo che la divisione dialettale è legata soprattutto alla
variabilità fonetica – permette oggi di evidenziare una continuità fra le diverse
varietà dell’Isola. Si può quindi ammettere, perfettamente, l’esistenza di un
“sardo continuo”, all’interno di una “Romania continua”. La sola frontiera
linguistica, nell’Isola, potrebbe essere, eventualmente, quella che separa le
parlate sarde da quelle delle aree sassarese e gallurese.3 Ma anche in questo
caso, non si può essere neppure categorici! L’esistenza di numerosi tratti co-
muni, fonetici e anche lessicali, fra le parlate dell’Aglona e del Logudoro – e
soprattutto del Logudoro nord-occidentale – con le parlate sassaresi e gallu-
resi, è un fatto ben noto. Ragion per cui, senza ignorare, certo, i numerosi
elementi differenziatori (morfo-sintattici o lessicali), non sarebbe neppure
assurdo immaginare un sardo continuo attraverso tutta l’Isola.4 La cartina (1)
che mette in evidenza i percorsi di 61 isofone fondamentali non ha bisogno di
un lungo commento.
116 Michel Contini

(1) Tracciato delle 61 isofone più significative dell’area settentrionale e della parte
nord e nord-est del sardo meridionale5

Appare evidente che il passaggio dalle varietà settentrionali a quelle meridio-


nali si opera per gradi successivi e che non si osserva nessun raggruppamento
notevole di isofone: queste ultime hanno sempre percorsi diversi, contraria-
mente alla “frontiera” sardo/gallurese-sassarese le cui isofone seguono tutte,
esattamente, lo stesso percorso,6 formando un fascio compatto.7
Noragugume, così vicina a Nuoro… 117

Se prendiamo in considerazione le sei isofone che delimitano alcune caratteri-


stiche fonetiche considerate come le più rilevanti per l’opposizione nord-sud
(v. cartina 2)8 dobbiamo constatare che i loro tracciati divergono, delimitando
un’area in cui numerose parlate sono settentrionali per certi tratti e meridionali
per altri:9
(2) 1. (n) cane / (s) cani
2. (n) coro / (s) coru
3. (n) chelu / (s) celu
4. (n) sos, sas / (s) is
5. (n) roda / (s) arroda
6. (n) iscala / (s) scala
118 Michel Contini

L’analisi dei percorsi di altre sei isofone, presentate nella cartina (3) accentua
il carattere illusorio della frontiera nord-sud e mette invece in evidenza il pro-
lungamento di tratti nettamente settentrionali verso il sud-est dell’isola, com-
prendente regioni come l’Ogliastra, o anche le Barbagie de Seulo e di Belvì e
il Sarcidano, anche queste meridionali per altre caratteristiche fonetiche.10

(3) 7. Isofona settentrionale di pezza, mazza….


8. Area della nasalizzazione vocalica
9. Area di -l- intervocalica instabile
10. (n) andare(i) / (s) andai
11. Isofona meridionale di abba
12. Isofona meridionale di ungra
Noragugume, così vicina a Nuoro… 119

A partire da questi dati ci si può chiedere quindi: dove cominciano le varietà


settentrionali e dove finiscono quelle meridionali? Considerazioni simili pos-
sono essere fatte anche sulla ripartizione geografica di tipi lessicali sapendo
però che il lessico contribuisce in modo minore alla frammentazione dialettale
e che, in ogni modo, le aree lessicali non coincidono generalmente con le aree
fonetiche, come lo mostrano alcuni esempi presentati nella cartina (4).11
(4) 1. (n) santu aine(i)/(s) mes ’e ladàmini
2. (n) nadale(i)/(s) mes ’e idas
3. (n) tilipirche, tilibriche/(s) pibizziri
4. (n) pòddighe/(s) didu
5. (n) mazzone(i)/(s) margiane(i), mariane
6. (n) feu/(s) leggiu
7. (n) abbaidare, pompiare/(s) castiai
8. (n) càvana/(s) trempa
120 Michel Contini

Le osservazioni precedenti confermano – ma chi potrebbe ancora ignorarlo? –


che il sardo è un mosaico di varietà, più facilmente identificabili nella loro
struttura fonetico-fonologica; che la stessa dicotomia nord-sud è soggetta a
cauzione; e, infine, che non esiste un’unità neppure all’interno delle due
grandi varietà, settentrionale e meridionale, unità che, probabilmente, non c’è
mai stata. Ragion per cui, proporre un sardo unico allo scritto ignorando, o
facendo finta di ignorare o, in ogni modo, sottovalutando una tale situazione
significa avventurarsi sul terreno dell’arbitrarietà.

3. Alcuni problemi per la standardizzazione

Personalmente, ho sempre affermato l’impossibilità di una tale unificazione –


salvo se si ricorre a scelte arbitrarie – tenendo conto dell’estrema variabilità
delle parlate dell’Isola della quale ho mostrato numerosi esempi. Che tipo di
grafia scegliere (o quale esito), per esempio, per una parola come ‘falce’ <
FALCE che, in sardo, può suonare come [falk, fark, ar, al, hall,
faç, farti, fraki, frati ...]; o per ‘maschio’ < MASC(U)LU per la quale,
nelle diverse varietà, sono attestate le forme [maskulu, maskuru, maskru,
mau, maltu, maskju, masku ...]; o ancora per ‘la barba’ < BARBA pronun-
ciata, a seconda delle parlate, [sa ara, sa varva, s ara, s arva, s arba,
s alva, s aiva, s avva, sa barba, s raa ...]? La proposta dell’utilizzazione di
due codici diversi, par le due macro-varietà, non risolverebbe affatto il pro-
blema. Prendiamo la varietà meridionale. La ‘macina del grano’, per esempio,
può essere chiamata [mla, mlla, mwa, ma, mwa, moa, ma ...] <
MOLA; il mese di ‘aprile’ [arili, arii, arioi, arbii] < APRILE; l’‘uva’
[aina, aĩã, aia, aia, aĩã] < ACINA; il ‘fieno’ [fenu, feũ, feũ] <
FENU. Quale forma scegliere? Quella che corrisponde alla pronuncia della
capitale? Quella più vicina al sardo settentrionale, scelta che potrebbe essere
giustificata dalla volontà di ravvicinamento fra le diverse varietà? Quella geo-
graficamente più diffusa? Ma, in quest’ultimo caso le forme con le vocali
nasali o con le metatesi sistematiche di -r in fine di sillaba dovrebbero essere
considerate come le più rappresentative. La situazione del sardo settentrionale
non è meno complessa. In quest’area, per esempio, per ‘pecora’ bisognerebbe
adottare, fra i continuatori di VERVECE, una delle tante forme rilevate e cioè
[vrvk, rk, rek, r, r, rv, alv, aiv, avv-
 ...] o, per ‘collo’, scegliere fra [truku, ukru, uu, tudu, tuju, tsukru,
truu ...]. Anche qui si pone lo stesso problema: quale forma adottare?
Noragugume, così vicina a Nuoro… 121

Anche nella morfologia si può osservare una certa variabilità, come lo


mostrano gli esempi seguenti che riguardano la coniugazione del verbo ‘es-
sere’.12 Nelle parlate meridionali, l’imperfetto dell’indicativo presenta forme
diverse per tutte le persone. Così, al singolare, la prima pers. sarà fia, fem(m)u
e fui nel nord del Campidano, e furia a Senorbì; per la seconda, si potranno
avere tre forme: fíast(a), fusta e fusti per il nord del Campidano e la media
valle del Tirso; la variabilità della terza è ancora più grande: fíada, fudi nel
nord del Campidano di Oristano e nel circondario della città; fudía, sempre nel
nord del Campidano di Oristano e nel Gerrei; furia(da) a Senorbì; fùeda o la
forma contratta feda, tipiche del «contado» (il termine è del Wagner 1938-
39:§115-117), fudi, fùada caratteristiche di quel campidanese che, sempre il
Wagner, definisce come «rustico». Per il plurale, la prima pers. suona
fem(m)us, fustis, o anche fustiaus (Busachi); per la seconda, si rilevano festis,
fustis (quest’ultima nel Sulcis, nel campidanese «rustico» e nel Sarcidano –
Laconi) e fustiais (Busachi); per la terza, infine, si sentono fíant(a), fùant(a),
funta, fudíanta, nel nord del Campidano di Oristano; furianta a Senorbì;
fùenta, fenta (forma contratta del «contado»), fùinti nel nord del Campidano di
Oristano e fùinte (Busachi). In conclusione, dire, come lo fa Blasco Ferrer,
che l’imperfetto (o il preterito) del campidanese presenta le forme «femu,
fiast, fut (anche fiat), femus, festis, fiant» (Blasco Ferrer 1998:84), significa
fare una scelta di un solo tipo a discapito di tutti gli altri. Ma su quale criterio?
E quale forma scegliere per il gerundio della prima coniugazione, per esempio
per il verbo cantare? cantando, cantandoro, cantendu, cantenduru o can-
tendi?13 Blasco Ferrer preferisce l’ultima forma. Ma perché?
Nelle parlate settentrionali si incontrano gli stessi problemi. Le forme
dell’imperfetto dello stesso verbo, per esempio, possono essere, per la prima
pers. sing., fui, (Barbagia, Planargia, log. sett.), fuo, uo (Barbagia, log. sett.),
fio, fia (log. sett.), fip(p)o, ip(p)o (Nuoro, Bitti), fippi (Dorgali); per la se-
conda, fusti (Barbagia, Planargia, log. sett.: per quest’ultima area la forma
ricopre diverse pronuncie del gruppo -st-), fisti, o ancora fuzi, e uzi (Barbagia,
Planargia, log. sett.); per la terza, fudi, udi (Barbagia, Planargia, log. sett.),
fùidi (Planargia) e fidi. Al plurale, per la prima pers., si dovrà scegliere fra
fumus, umus (Barbagia, log. sett.), fumizi (Planargia, log. sett.), fimus (Nuoro,
Bitti, log. sett.) e fimis (Baronia, log. sett.); per la seconda, fra fuzis, uzis (Bar-
bagia; log. sett.), fizis, (id.), fistis (Dorgali); per la terza, fra fumi, umi (Barba-
gia, Planargia, log. sett.), fùini (Planargia), ùnini (Barbagia), fini (Barbagia,
Dorgali). Anche in questo caso, Blasco Ferrer, alla ricerca di una soluzione
unitaria per il logudorese, propone la serie fipo, fis, fit, fimus, fizis, fin, scelta
che appare piuttosto speditiva. Curioso anche il fatto di aver integrato il tipo
122 Michel Contini

nuorese fipo come rappresentante del logudorese quando, per il resto, l’autore
si riferisce piuttosto alle varietà del Logudoro e scrive, per il logudorese sa
boghe, deghe, apo bidu, piga e non le forme nuoresi corrispondenti che sareb-
bero sa boche, deche, apo itu e pica. Quanto alla variabilità del gerundio, la si
può osservare anche in quest’area che, sempre per la prima coniugazione,
presenta le forme in -ando, -ande, -ende: cantando, cantande, cantende.
Appare quindi evidente che l’utilizzazione di un codice unico per tutto il
sardo, o di due codici, non può evitare una scelta che avrà, come conseguenza,
la soddisfazione per alcuni e la frustrazione per molti altri, perché dovrà pri-
vilegiare sempre una forma a discapito di tutte le altre.

4. La variazione linguistica nella letteratura sarda


contemporanea

Coscienti di una così grande atomizzazione e, certamente, in mancanza di


proposte unificatrici serie, i diversi scrittori che hanno scelto di scrivere in
sardo si sono espressi, nella maggior parte dei casi, nella varietà che parlano,
quella del loro paese o della loro regione. Ciò è particolarmente evidente nelle
opere in prosa – romanzi, novelle, teatro, saggistica – che hanno conosciuto
un notevole sviluppo in quest’ultimo ventennio, come lo mostrano gli esempi
seguenti. In quello che è considerato come il primo romanzo in lingua sarda,
Puxeddu (1982), nativo di Orotelli, utilizza la varietà nuorese e scrive, per
esempio, luche ‘luce’, deche ‘dieci’, pranghere ‘piangere’, mandicare ‘man-
giare’, chircat ‘cerca’, ocros ‘occhi’, monticru ‘collina’, juchiat ‘portava’,
ecc.14 Pira (1983) sceglie il bittese che conserva, per esempio, l’occlusiva
alveodentale sorda intervocalica -t- (sa vita ‘la vita’, bi pensaiata ‘ci pensava’,
in zittate ‘in città’); nel nuorese la -t- (< T finale seguita da una vocale para-
gogica) si ritrova solo nella flessione verbale: chircata ‘cerca’ (ma roda
‘ruota’). Lo stesso autore utilizza ugualmente l’ortografia th per l’interdentale
sorda (petha ‘carne’, thilipirche ‘cavalletta’); nota l’assenza di f- iniziale dopo
vocale (’ini ‘erano’, su izzu ‘il figlio’, sa emina ‘la donna’, cando ’i ‘quando
ero’) e la sua persistenza dopo consonante (sar funtanas ‘i pozzi’); conserva
l’esito -nn- da -nd- (tunnu ‘tondo’, unnu ‘fondo’) e la laterale palatale come
esito di -R +yod (cheglio ‘voglio’). Pau (1988) si esprime nella stessa varietà.
Bandinu (1988) preferisce quella che chiama «varietà bittese-baroniese» e
giustifica la scelta «pro su forte assimizu de sas duas allegas» (Bandinu
1988:134). Quest’ultima, si differenzia per qualche tratto dalla precedente:
Noragugume, così vicina a Nuoro… 123

l’autore non prende in considerazione, per esempio, l’assenza della f- iniziale,


comune alle due varietà (e scrive, su filu ‘il filo’, de focos ‘di fuochi’, si fachet
‘si fa’) e neppure l’esito -nn- da -nd- sconosciuto, è vero, dalle parlate baro-
niesi. Sole si esprime in una varietà di sardo settentrionale, che potrebbe es-
sere quella dell’est o del sud-ovest del Logudoro, ma con tratti fonetici estra-
nei a queste regioni (cfr. p. es. Sole 1978). Fra i più caratteristici, figurano le
palatalizzazioni dei gruppi primari o secondari PL e CL (piena ‘piena’, piusu
‘più’, piaghet ‘piace’, giamat ‘chiama’, orija ‘orecchia’) o del gruppo -SCL-
(masciu ‘maschio’) e l’uso di forme con risultati distinti da -L e -R etimolo-
gici in fine di sillaba (culpa ‘colpa’, bolta ‘volta’, calchi ‘qualche’, altu ‘alto’,
isculta ‘ascolta’, accanto a isparghet ‘sparge’, chircare ‘cercare’, porcrabu
‘cinghiale’, tiligherta ‘lucertola’), tratto che non si ritrova, a mia conoscenza,
in nessuna parlata sarda settentrionale e direi anche in nessun parlata sarda,
all’eccezione di quella di Baunei15 che è già, essenzialmente, meridionale. Gli
scritti di Sole rivelano quindi un tentativo di standardizzazione limitato a una
parte delle varietà sarde settentrionali. Anche il sardo di Patatu (1994), corri-
sponde a una parlata della stessa area, quella di Chiaramonti; sono presenti le
stesse palatalizzazioni (ojos ‘occhi’, giae ‘chiave’, urtiju ‘sughero’, tuju
‘collo’, fiores ‘fiori’, pius ‘più’, piattu ‘piatto’, cheja ‘chiesa’) o anche gli esiti
[-t-] o [-tt-] da T, C + yod (piatta ‘piazza’, chito ‘presto’). La lingua di Masala
dovrebbe rispecchiare la parlata di Nughedu S. Nicolò: l’autore elimina però
molti tratti che caratterizzano l’area a cui appartiene il suo dialetto (nord-ovest
del Logudoro), come gli esiti speciali dei gruppi con S, R, L + consonante
(scrive infatti: arvures ‘alberi’, cherzo ‘voglio’, murdegu ‘cisto’, chirchende
‘cercando’ con la -r in fine di sillaba,16 istrale ‘scure’, est ‘è’, come in altre
varietà della stessa regione – cfr. Contini 1981; 1983:vol. 1, 337-352; vol. 2,
tav. 27-31, 67, 70, 80-84; carte 56, 57, 71, 80). Di tali esiti appaiono invece
tracce in un piccolo lavoro di Masia Francioni (1993), in trascrizioni ortogra-
fiche come ischomintsende ‘cominciando’, berthula ‘bisaccia’ o corchare
‘coricare’. Cossu (1984) è fedele alla sua parlata sardo settentrionale di Santu
Lussurgiu in cui compare, fra i tratti caratteristici, l’esito [-nn-] da [-nd-] come
nel Bittese (ridinne ‘ridendo’, canno ‘quando’, sinnigu ‘sindaco’, risponnen
‘rispondono’).
Differenze simili esistono anche nelle pubblicazioni in sardo meridionale:
la maggior parte mostrano che gli autori ricercano una certa standardizza-
zione. Rare sono le grafie, per esempio, che ricordano l’evoluzione e il poli-
morfismo della [-l-] intervocalica o la caduta della [-n-] nella stessa posizione,
correlata con lo sviluppo delle vocali nasali, fenomeni fra i più caratteristici
della varietà geograficamente più estesa del sardo meridionale. Solo Melis
124 Michel Contini

(1953; 1954) indicava con una piccola n in esponente (n) la caduta della nasale
– e, indirettamente, la nasalizzazione delle vocali vicine (un’ora ‘un’ora’,
ponidi ‘mette’, cani ‘cane’) – e conservava la grafia -b- per -l- (Fiebi ‘Raffa-
ele’, mabadia ‘malata’, mabi ‘male’). Lecca (1999:7, nota), che dice usare
«[…] la variante campidanese, espressa (in) una forma letteraria» utilizza
sempre la -l- (soli ‘sole’, palas ‘spalle’, sola ‘suola’) salvo nella parola cabo-
rus ‘bisce’; scrive ugualmente sciriat ‘sapeva’ e biriat ’vedeva’, altrove
pronunciate scidiat e bidiat; utilizza regolarmente gli infiniti in -iri (scriri
‘scrivere’, sciri ‘sapere’, perdiri ‘perdere’, arruiri ‘cadere’) e, curiosamente,
adopera forme lessicali non particolarmente meridionali come àteru per atru
‘altro’ o ancora chena per sena o senza ‘senza’. Curiosa ugualmente l’utilizza-
zione di forme come sezziti ‘siediti’ e arregordati ‘ricordati’ con una -t- inter-
vocalica al posto di una -d-, per la costrittiva sonora corrispondente. Da notare
ugualmente l’uso di sunt per la terza pers. del plurale dell’indicativo, riflesso
probabile di una tentazione etimologica: la forma meridionale è normalmente
funti e quella del sardo settentrionale sun/sunu.17 Noteremo che i due autori
adottano, per i gerundi della prima coniugazione, la forma in -endu e non in -
endi come in altre aree del sardo meridionale. La stessa si ritrova anche nella
prosa di Spano (1995), che corrisponde alla varietà di Villacidro (cristionendu
‘parlando’, traballendu ‘lavorando’, lassendu ‘lasciando’); l’autore preferisce
però atru a aturu (is atrus ‘gli altri’), senza o anche sena (sena divisa ‘senza
divisa’) a chena e gli infiniti tronchi (sci ‘sapere’, essi ‘essere’).
La produzione scritta di questi ultimi 20 anni – e le opere in prosa in parti-
colare – indica quindi scelte diverse: nella maggior parte dei casi gli autori
utilizzano, più o meno fedelmente, la varietà che essi stessi parlano; alcuni
adottano un forma standard, limitata a una regione dell’Isola, da proporre,
eventualmente, come modello “letterario”. E visibile, allo stesso tempo, una
volontà di normalizzazione ortografica, con soluzioni più o meno felici che
possono essere diverse, a seconda degli autori, per una stessa parlata.
Una tale situazione non dovrebbe suscitare nessuna reazione negativa,
considerando il fatto che essa riflette, nella maggior parte dei casi, l’esigenza
di un accordo fra l’oralità del sardo, che resta la sua caratteristica dominante –
e alla quale, a mio parere, dovrebbero essere dedicate maggiori energie da
parte dei difensori della nostra lingua – e la sua trasposizione allo scritto.
Aggiungo anche che, per la sua prossimità con la lingua parlata, la letteratura
è senza dubbio più accessibile a tutte le persone che parlano, e che quindi
capiscono, la lingua adoperata allo scritto.
Noragugume, così vicina a Nuoro… 125

5. Commenti sulla LSU

Non si può ignorare, tuttavia, che una tale situazione presenta anche aspetti
negativi: l’assenza di una lingua scritta unitaria può essere considerata come
un punto debole del sardo per far fronte alla crescente dominazione della
lingua nazionale e aspirare a una vera politica di bilinguismo, superando la
diglossia attualmente dominante. L’adozione di un sardo scritto, unico, per-
metterebbe alla lingua di difendersi meglio. Questa esigenza si è affermata più
fortemente nel clima di entusiasmo nato in seguito al riconoscimento ufficiale
del sardo come l’altra lingua dei Sardi (era tempo!) e che ha portato alla co-
stituzione della Commissione di cui si è già parlato, all’iniziativa della Re-
gione sarda, o sotto il suo patrocinio. Le diverse proposte e le discussioni,
abbastanza animate – da quanto è apparso anche nel Convegno di Berlino – si
sono concluse con la proposta di una LSU, ormai adottata, che si rivela come
una soluzione abbastanza arbitraria e il cui risultato è un patchwork fatto di
tratti presi alle diverse aree dialettali. Penso che l’intento sia stato quello di
accontentare un po’ tutti, di trovare una soluzione accettabile per tutti. Pur-
troppo – ma c’era da aspettarselo – le cose sono andate diversamente.
Già da tempo avevo espresso un parere negativo nei riguardi di una tale
soluzione, che continuo a considerare come la peggiore (cfr. Contini 1994b;
2001). La Commissione sembra, in realtà, aver sottovalutato non solo la pro-
fonda frammentazione dialettale e la tendenza dei Sardi a classificare le di-
verse varietà in base a criteri qualitativi; ma anche ignorato i campanilismi
linguistici – e non solo linguistici – isolani e le paure, degli uni e degli altri,
d’essere colonizzati e di sentire in pericolo la propria varietà parlata. A questo
proposito ho sentito, personalmente, numerose reazioni di persone convinte
che la proposta di un sardo unificato significava l’imposizione a tutti i sardi di
parlare uno stesso dialetto. Forse le spiegazioni dei membri della Commis-
sione non sono state molto chiare e sarebbe quindi necessario un ulteriore
sforzo pedagogico per eliminare ogni possibile ambiguità. Le numerose mani-
festazioni di rigetto, che non hanno tardato a manifestarsi, sono la conferma di
una certa confusione.
Ci si può chiedere se esse siano legittime (parlo al presente perché le rea-
zioni e i movimenti di protesta continuano ancora oggi). Per rispondere a tale
domanda, mi sembra interessante analizzare alcuni aspetti della LSU. Basta
uno sguardo per accorgersi che essa rappresenta, per l’essenziale, un tipo di
sardo settentrionale: in particolare, si noterà che, davanti a vocali palatali, le
velari sono conservate (si scriverà chentu e non centu ‘cento’); che in posi-
zione finale inaccentata si adottano le forme in -e/-o (si dovrà scrivere
126 Michel Contini

boe/coro e non boi/coru ‘bue/cuore’); che fra gli esiti di L + yod è stata scelta
la semi-occlusiva [dz] e che quindi, per ‘figlio’, si scriverà fizu e non figiu,
['fiu], fiju, figliu, filgiu, fillu. Senza contare poi che bisognerà scrivere ma-
scru e non mascu ‘maschio’, mincra e non minca ‘pene’, ungra e non unga
’unghia’ o ancora abba e non aqua ‘acqua’, ambidda e non anguidda ‘an-
guilla’: non dimentichiamo che un “vero” sardo “parla in limba” … senza
essere totalmente originale, giacché anche i rumeni parlano in limbă! Si po-
trebbe continuare a lungo.

6. Localizzazione geografica della LSU

Inutile dire che i Meridionali si sono sentiti subito vittime di un colonialismo


interno, senza scrupoli – si è parlato addirittura di golpe! – e che le manifesta-
zioni di protesta si sono moltiplicate. E non è servito qualche contentino con-
cesso a questi ultimi, come l’adozione della semi-occlusiva [ts] come esito di
C, T + yod di cui si parlerà in seguito e che, d’altra parte, caratterizza anche
aree settentrionali. Per consolare, in un certo senso, i sardofoni meridionali –
di cui, come cagliaritano, faccio parte anch’io – vorrei dire che il patchwork di
sardo proposto non può accontentare nessuno interamente, per il semplice
fatto che la LSU non corrisponde a nessuna parlata nell’Isola. Avendo realiz-
zato inchieste in tutte le località dell’area settentrionale e in un gran numero di
quelle dell’area sud-orientale posso dimostrarlo facilmente.18
Sulla cartina (5) sono riportate le isofone meridionali della non palatalizza-
zione di C+i/e e dell’uso di due plurali (sos, sas): il che conferma – come già
si diceva – il carattere settentrionale del sardo unificato situato al nord dei due
tracciati. L’analisi di alcune isofone fondamentali mostra tuttavia che esso è
lungi da rappresentare tutta l’area settentrionale. Come esito di CL- iniziale è
stato scelto, per esempio cr-, col rotacismo della laterale, la cui area è delimi-
tata, al nord e all’ovest, da un’isofona che segue una linea trasversale appros-
simativa che va dal Monte Ferru al nord di Budoni, sulla costa tirrenica. Al di
là di questa linea, le parlate del Logudoro, dell’Anglona, della Planargia e due
località del Marghine (Bortigali: 96 e Borore: 110), conoscono la palatalizza-
zione di CL- in [d] (es. ['da] e non ['kra] ‘chiave’ < CLAVE), ma anche
quella di PL- e di FL- (es. ['pjenu] e non ['prenu] ‘pieno’ < PLENU; [fjr] e
non [frr] ‘fiore’ < FLORE) e non corrispondono, per questo tratto, alla scel-
ta della Commissione. Il territorio “potenziale” del sardo unificato si restringe
ancora se prendiamo in considerazione l’esito di C, T + yod di cui è stato
adottato il risultato [ts] ortografato zz. Nel sardo settentrionale, tale esito è
Noragugume, così vicina a Nuoro… 127

(5) 1. (n) giaru, giae/(s) craru, crae(i)


2. (n) sos, sas /(s) is
3. (n) chentu /(s) centu
4. Area di corzu, orzu, puntorzu
5. Isofona sett. e merid. di pezza, mazza, azza…
| Parlate che corrispondono alla norma della L.S.U.

caratteristico di una parte del Monte Ferru, di due località del basso Marghine
(Dualchi: 108 e Noragugume: 109), di qualche parlata all’ovest della Barbagia
d’Ollolai (Ottana: 104, Olzai: 115) e di una parte del Mandrolisai (Teti: 127,
Austis: 137 e Neoneli: 142). Così, l’area delimitata precedentemente si re-
stringe ancora, perdendo tutto il Marghine, il Goceano (dove l’esito è
l’occlusiva -t-), la Barbagia di Ollolai, la Baronia e il Circondario di Bitti
(dove l’esito è []). La presa in considerazione, per la norma ortografica, di un
altro tratto, e cioè l’esito [-rdz-] da R + yod o da RD + yod (es. [kordzu] ‘cuo-
io’ < CORIU, [ordzu] ‘orzo’ < ORDEU), sottrae ancora all’area la località di
Neoneli.19
128 Michel Contini

Se osserviamo i percorsi di altre tre isofone presentate sulla cartina (6)


constatiamo che l’area più vicina alla norma ortografica, delimitata sulla car-
tina precedente, ha tendenza a rimpicciolire ancora.

(6) 1.Area di sogru, ogru…


2.Area di ungra
3.Area di mascru
… Parlate che corrispondono alla norma della
L.S.U. in base ai dati della carta (5)
| Parlate che corrispondono alla norma della
L.S.U. in base ai dati delle carte (5) e (6)

L’isofona di -ngr- < -NGL- secondario (es. [ungra] ‘unghia’ < UNG(U)LA),
per esempio, lascia fuori tutta la parte sud di quest’area e la maggior parte
delle parlate della media valle del Tirso (salvo Aidomaggiore: 117 e Sedilo:
120) e anche quelle del Mandrolisai; l’isofona meridionale di -skr- < -SCL-
secondario (es. [maskru] ‘maschio’ < MASC(U)LU) toglie all’area le ultime
parlate del Monte Ferru (Bonarcado e Seneghe) e quella di Olzai; infine,
Noragugume, così vicina a Nuoro… 129

l’isofona di -r- < -CL- secondario (es. [oru] ‘occhio’ < OC(U)LU), “eli-
mina” Aidomaggiore, Sedilo e Ottana. L’area si trova così ridotta a due soli
paesi: Dualchi e Noragugume. Ma, se si approfondisce l’analisi del fonetismo
(cartina 7), anche Dualchi viene “tagliata fuori” da un altro trattamento, quello
di J- originaria, il cui esito è [d] in questa parlata e [dz] in quella di Noragu-
gume che si trova ancora in conformità con la norma ortografica (es. [dunku
~ dzunku] ‘giunco’ < IUNCU).
(7) 1. Area di zuncu, zunta, zanna…
2. Area di magiu, ragiu, mogiu…
| Parlata più vicina alla norma della L.S.U. in
base ai dati delle carte (5), (6) e (7)

La parlata di quest’ultima località, sul piano fonetico, appare quindi come la


varietà più vicina alla LSU. Ma non completamente identica, tuttavia, come lo
mostrano altri tratti. Possiamo prendere due esempi. Il primo riguarda l’ado-
130 Michel Contini

zione di -j- intervocalica come esito di -J- e -D + yod (es. maju ‘maggio’ <
MAIU; raju ‘fulmine’ < RADIU) alla quale corrisponde, a Noragugume, la
costrittiva postalveolare [] (es. [mau, rau]) e per la quale la norma non
prevede un grafema particolare.20 Il secondo potrebbe essere la pronuncia, nel-
la stessa località, di una parola come [proku] ‘maiale’ (con una metatesi “ru-
stica” meridionale!) per la quale la norma preferisce la forma [porku], orto-
grafata porcu senza metatesi.
L’analisi della struttura fonetica di tutte le parlate dell’Isola mostra quindi
che nessuna corrisponde al sardo proposto dalla Commissione.21 In secondo
luogo essa rivela che la parlata più vicina a questo standard è quella di Nora-
gugume che, di fatto, diventa quasi il modello di riferimento. Così, il caso ha
voluto che questa tranquilla borgata, tra basso Marghine e media valle del
Tirso, sia stata promossa, senza saperlo, a un nuovo ruolo linguistico per di-
ventare, in un certo senso, il cuore della lingua sarda, un ruolo al quale non
sembrava predestinata. Lungi da me un qualunque giudizio negativo nei ri-
guardi della parlata di Noragugume, un paese di cui conservo, fra l’altro, il
ricordo molto vivo di un’appassionante inchiesta dialettale e della squisita
ospitalità dei miei informatori. Come linguista ho sempre considerato che ogni
parlata locale, quella di un qualunque paese della Sardegna, per restare nella
mia Isola, è una lingua à part entière, e che non esistono differenze qualitative
fra una parlata del Logudoro, della Trexenta, del Sulcis o della Gallura.
Per Noragugume, “il caso” si è manifestato nelle decisioni, più o meno
arbitrarie, della Commissione di cui si è già parlato. E si potrebbe discutere
sulla scelta, probabilmente involontaria, della sua parlata, come modello. Ma,
dico io, perché Noragugume e non Nuoro? «E nosu drínghidi!»,22 diranno
molti miei colleghi sardi: e, in fondo, non avranno torto. Da tempo, infatti,
nelle mie pubblicazioni o in occasione di manifestazioni scientifiche, pro-
pongo che la parlata della capitale della Barbagia diventi il modello per il
sardo scritto, precisando le ragioni di questa scelta. Il fatto, prima di tutto, che
il nuorese è riconosciuto nella linguistica romanza come una delle parlate più
rappresentative del sardo, quella che, senza dubbio, conserva il maggior nu-
mero di tratti specifici che permettono di caratterizzare questa lingua
nell’ambito delle varietà romanze. Senza cadere nel mito dell’arcaico, che ha
sempre appassionato molti specialisti del sardo, a cominciare dal Wagner,
bisogna riconoscere che la presenza di molti tratti conservativi nel nuorese (e
in altre parlate centro orientali) ha contribuito grandemente alla sua notorietà.
Sappiamo d’altra parte che i sardi, sentimentalmente, hanno sempre conside-
rato la Barbagia, come il vero cuore dell’Isola, come l’immagine emblematica
della cultura sarda nel suo insieme; che riconoscono in essa la terra che, stori-
camente, ha resistito con maggior energia alle colonizzazioni venute dall’e-
Noragugume, così vicina a Nuoro… 131

sterno. Ma vorrei ritornare al problema della lingua poiché la mia proposta ri-
posa su considerazioni linguistiche. La prima, parte dal fatto che il nuorese –
intendo la parlata di Nuoro – è la varietà di sardo che presenta la più grande
prossimità tra codice orale e codice scritto, elemento capitale, secondo me,
che invece non sembra essere stato privilegiato nell’elaborazione della norma.
Ci si può chiedere infatti per quale ragione, nella proposta di un sardo unifica-
to, gli autori hanno deciso di conservare le occlusive sorde in fonetica sintatti-
ca (sa paza, sa terra, su cane, su chelu), caratteristica delle sole parlate dell’a-
rea centro-orientale, e non all’interno di parola dove si preconizza l’uso delle
sonore (cuba, chida, trigu, pighe) che poi, in realtà, hanno la pronuncia delle
costrittive corrispondenti [kua, kiδa, triu, pi]. Tale scelta mostra che
non è stato preso in considerazione il fatto che la rappresentazione ortografica
non corrisponde alla pronuncia di nessuna varietà dell’Isola.23 nessun sardo,
leggendo parole come sa cuba, su trigu, su pighe ritroverà, nella sua parlata,
una pronuncia [sa kua, su triu, su pi]. La scelta del nuorese, che conser-
va le sorde nelle due posizioni,24 avrebbe presentato una situazione più coe-
rente dato che, in questo caso, la trascrizione ortografica di forme come sa pi-
pera, sa cupa, su tricu, su piche, lu chircat corrisponde alla pronuncia, reale,
di una varietà di sardo, parlata da decine di migliaia di persone. Lo stesso di-
casi per l’esito di J- iniziale originaria. Perché aver preferito zuncu, zunta,
zanna, con una semi-occlusiva alveolare all’iniziale, alle forme juncu, junta,
janna con la palatale etimologica conservata? La cartina (7) mostra che l’area
della semi-occlusiva, in questa posizione, è relativamente ridotta, e non più
vasta di quella che invece conserva la palatale.25 Senza contare poi che, in fo-
netica sintattica, dopo vocale, le semi-occlusive [dz, d] si riducono in moltis-
sime parlate a [j]: zuncu, giuncu > su juncu. E, d’altra parte, perché conserva-
re la costrittiva -j- all’interno di parola (maju, raju, moju) e non all’iniziale?
Perché aver scelto l’esito [ts] da T, C + yod sapendo che tale risultato è geo-
graficamente limitato, nell’area settentrionale, e che, d’altra parte, non è nep-
pure generalizzato in quella meridionale?26 Perché non aver scelto invece
l’esito [t] che è della parlata di Nuoro e di una vasta area settentrionale com-
prendente il Logudoro, il Goceano, il Marghine e la Planargia e che, inoltre,
rappresenta un trattamento abbastanza eccezionale in area romanza? Si pensi
ugualmente a una forma come ocru pronunciata [okru] nel nuorese mentre,
nella norma ortografica, la forma ogru corrisponde a una pronuncia [oru],
con una costrittiva velare. E perché non aver preservato l’esito -rj- da R/RD +
yod del nuorese in parole come coriu, ghennariu, oriu corrispondenti alla
pronuncia [korju, gnnarju, orju], attestato solo, ma meno regolarmente, in
132 Michel Contini

aree meridionali italo-romanze? Gli è stato preferito invece il grafema -rz- che
è solo di una parte delle parlate settentrionali, come lo mostra la cartina (5).
La parlata di Nuoro aveva certamente vocazione a diventare un modello
della lingua sarda scritta, una lingua che sarebbe stata, fra l’altro, abbastanza
vicina al sardo scritto medievale. Allo stesso tempo, il capoluogo della Barba-
gia, città non universitaria, sarebbe dovuto diventare a mio parere, la sede di
un Centro internazionale di ricerca sul sardo e dell’Accademia della Lingua
Sarda di cui da anni auspico la creazione sul modello delle Accademie della
Lingua Gallega o della Lingua Catalana, per restare nell’ambito della lingue
dette “minoritarie”. I miei desideri non sono stati appagati. Per quel che ri-
guarda il primo punto, in particolare, mi è sempre stato detto che bisognava
evitare di imporre una varietà come norma per un sardo scritto unificato, poi-
ché non sarebbe mai stata accettata da tutti i sardi. La proposta del nuorese
non è stata accolta. Si è preferita una costruzione artificiale il cui risultato sarà
stato però di imporre, senza volerlo, un’altra varietà, quella di Noragugume: il
che non ha evitato affatto i fenomeni di rigetto di cui si è parlato. Ma allora,
dico io, tanto valeva proporre la parlata di Nuoro, per tutte le ragioni già enu-
merate, parlata che del resto i miei colleghi stranieri presenti al convegno di
Berlino, hanno adottato spontaneamente nei loro interventi. Forse, con uno
sforzo di spiegazione sulla motivazione di una tale scelta, essa sarebbe stata
accolta più facilmente di quella proposta della Commissione. In fondo, sa-
rebbe bastato un piccolo sforzo. Noragugume è così vicina a Nuoro...

Note

1
Sarebbe interessante realizzare delle ricerche per una geolinguistica soggettiva in cui, un’area
dialettale sarebbe definita non in funzione di dati obiettivi, rilevati durante le inchieste, ma in base
alla percezione che, di quest’area, intesa come uno spazio in cui si parla una stessa varietà, ha
ogni informatore (si veda, in proposito, Iannàccaro/Dell’Aquila 1999).
2
Siamo nella zona del «campidanese rustico», per riprendere un termine caro al Wagner.
3
Le isole alloglotte di Alghero (catalano) e di Carloforte e Calasetta (ligure) vanno naturalmente
considerate a parte.
4
All’interno dell’area occitanica, per prendere un esempio, le diverse varietà possono presentare
elementi fonetici o lessicali altrettanto importanti.
5
La carta è estratta da Contini (1983:vol.2, carta 95). Si noti, all’estremo nord, il fascio compat-
to di isofone che separa il gallurese e il sassarese dal sardo settentrionale.
6
Tutte le isofone, per esempio, passano nella valle del Rio Mascari, al sud di Sassari, o ancora
fra Sassari e Osilo, o fra Sorso e Sennori separate da soli due chilometri, o ancora fra Telti e
Monti ecc.
7
Il che può giustificare il fatto di considerare questo fascio di isofone come la materializzazione
di una “frontiera” linguistica, la sola dell’area sarda che possa essere presa in considerazione.
Noragugume, così vicina a Nuoro… 133

8
Per le carte (2), (3) e (4) nelle quali ho voluto mostrare i tracciati di alcune isofone o isoglosse
rispetto a tutta l’area sarda, mi sono servito della rete dell’ALI i cui punti di inchiesta sono indica-
ti sulla carta I nell’appendice. La carta (2) presenta i limiti meridionali di -e/-o finali inaccentate
(vs. -i/-u: cane ~ cani ‘cane’; coro ~ coru ‘cuore’; rispettivamente, isofone 1 e 2); della conserva-
zione (vs. la palatalizzazione) delle velari etimologiche davanti alle vocali palatali (chelu ~ celu
‘cielo’; isofona 3); dell’uso di due forme dell’articolo definito al plurale (maschile e femminile)
(vs. una forma unica: sos, sas ~ is; isofona 4); della conservazione di r- iniziale (vs. lo sviluppo di
una vocale prostetica: roda ~ arroda ‘ruota’; isofona 5); dello sviluppo di una i- prostetica davanti
a un gruppo originario con s + consonante occlusiva, all’iniziale (vs. l’assenza di prostesi vocali-
ca: iscala ~ scala ‘scala’; isofona 6).
9
Così, per esempio, tutte le varietà del nord del Campidano di Oristano (Cabras, Nurachi, Bara-
tili, Milis, Solarussa, Bauladu, Villanova Truschedu, ma anche Simaxis e, più all’est Ruinas, sono
meridionali se si considera che esse conoscono un solo articolo (is) al plurale; ma sono ancora set-
tentrionali se si considera che non palatalizzano le velari. L’isofona meridionale della prostesi di
i- davanti ai gruppi con s + occl. “scende” fino a Laconi e interessa quindi un gran numero di par-
late già meridionali per gli altri tratti. Inversamente l’isofona settentrionale della prostesi vocalica
davanti ad r- iniziale, caratterizza un gran numero di varietà settentrionali, con una “punta” verso
nord-est, fino a Dorgali.
10
Si pensi, per esempio, alle isofone meridionali di -n- e -l- intervocaliche stabili, conservate an-
che dell’estremo sud dell’Isola: manu ~ mãu/mãu ‘mano’ (isofona 8); mela/meba/meua/
megua/... ‘mela’ (isofona 9); a quella di -bb- da -QU- (vs. -qu-: abba ~ aqua ‘acqua’; isofona 11)
o di un nesso consonantico come -ngr- da -NGL- (secondario) di fronte al risultato meridionale -
ng-: ungra ~ unga ‘unghia’ (isofona 12). Va aggiunta ugualmente l’incursione verso il sud
dell’isofona meridionale degli infiniti in -are/-ari (vs. -ai): andare/andari ~ andai ‘anda-
re’(isofona 10). La stessa carta mostra infine che l’isofona settentrionale e orientale della semi-
occlusiva [ts] come esito di T, C + yod (es. pezza ‘carne’, mazza ‘ventre, intestini’; isofona 7),
considerato come tipicamente sardo meridionale, delimita in realtà solo una parte di quest’area e
che, inversamente, ricopre aree già settentrionali, fino alla piana di Macomer.
11
Le otto isoglosse evidenziano diverse aree lessicali (n = nord, s = sud): (n) santu aine(i) ~ (s)
mes ’e ladàmini ‘ottobre’ (1); (n) nadale(i) ~ (s) mes ’e idas ‘dicembre’ (2); (n) tilipirche, tilibri-
che ~ (s) pibizziri, pibizziu ‘cavalletta’ (3); (n) pòddighe(i) ~ (s) didu ‘dito’ (4); (n) mazzone(i) ~
(s) margiane(i), mariane ‘volpe’ (5); (n) feu ~ (s) leggiu ‘brutto’ (6); (n) abbaidare, pompiare ~
(s) castiai ‘guardare’(7); (n) càvana ~ (s) trempa ‘guancia’ (8).
12
La variabilità sul piano morfologico appare già nei lavori del Wagner: gli esempi citati sono
estratti da Wagner (1938-1939).
13
Cfr. Wagner (1938-1939:§ 72).
14
In un romanzo più recente (cfr. Puxeddu 1991), lo stesso autore preferisce una varietà che si
avvicina a quelle del Marghine: si può notare, per esempio che, in posizione intervocalica o fra
vocale e r, le costrittive sonore hanno sostituito le occlusive sorde corrispondenti delle parlate
centro-orientali (deghe ‘dieci’, nughe ‘noce’, amigos ‘amici’, ogros ‘occhi’) o che la j- iniziale o
in fonetica sintattica, ha lasciato il posto alla semi-occlusiva alveolare sonora z- (sa zanna ‘la por-
ta’ e non sa janna).
15
Cfr. Wagner (1941:§294); Contini (1983:vol. 1, 351-370; vol. 2, carte 69-72, 83).
16
Che non è un tratto del Logudoro, ma di altre regioni settentrionali (in particolare Goceano,
Marghine, area centro-orientale, media valle del Tirso, nord del Monte Ferru). Si veda, per esem-
pio Masala (2000).
17
Nella presentazione editoriale di questo lavoro si notano delle incoerenze. In un piccolo testo in
sardo settentrionale della seconda di copertina, per esempio, si legge, accanto alle forme cheret,
cherimos, fagher, l’espressione sa lingua nostra. Non si vuol più scrivere in limba? Nella terza di
134 Michel Contini

copertina, nella presentazione redatta ugualmente in sardo settentrionale, figurano una forma na-
schiu ‘nato’ (di quale varietà? Il sardo settentrionale adopera piuttosto naschidu, mi sembra) e la
frase sos libros suos sunt. Questo stesso sunt lo si ritrova ugualmente nel testo – meridionale que-
sta volta – della quarta di copertina: is umbras sunt bentu ‘le ombre sono vento’. Dobbiamo
considerarlo come un tentativo di unificazione pansarda?
18
Rinvio alle carte (5), (6) e (7) di questo articolo. I 214 punti, corrispondenti ad altrettante loca-
lità, sono quelli del mio Atlante fonetico (in Contini 1983:vol.2). La scelta della mia rete d’inchie-
ste permette di conoscere il tracciato preciso di ognuna delle isofone.
19
I punti circondati da un cerchietto indicano l’area che corrisponde alla norma ortografica se si
prendono in considerazione le cinque isofone di cui si è parlato.
20
In realtà, la costrittiva intervocalica, risultato della consonificazione di [j] corrisponde a una
realizzazione fra [z] e [].
21
Non avendo fatto inchieste a tappeto sulla struttura morfologica e sintattica – come invece è
stato il caso per la fonetica e per la fonologia – non posso dire se, anche in questo campo, la stessa
parlata coincide con le scelte della Commissione.
22
Questa espressione si adopera quando una persona ritorna sempre alla carica per presentare e
difendere una proposta o un’idea (cfr. Puddu 2000 s.v. drínchidhi).
23
Le sole parlate di Teti (127), Orune (72), Nuoro (85), Orotelli (87), Oniferi (94) e Orani (102),
conoscono la conservazione di t- inizale in fonetica sintattica, dopo vocale (sa terra) e la spiran-
tizzazione-sonorizzazione della -T- intervocalica originaria (frade). In queste parlate però (salvo
quella di Teti), si osserva la presenza di -t- intevocalica come esito di una -T finale nella flessione
verbale (cfr. Contini 1983:vol.2, carte 11-13).
24
Salvo l’eccezione, segnalata nella nota precedente, dell’esito di -T- che potrebbe essere elimi-
nata adottando l’occlusiva sorda, conservata in una gran parte dell’area centro-orientale.
25
Per la delimitazione di quest’area si rinvia a Contini (1983:vol.2, carta 89).
26
Ne stanno fuori l’Ogliastra, la Barbagia di Seulo e una parte del Sarcidano e della Barbagia di
Belvì, che conoscono l’esito -s(s)-: [ps(s)a, mas(s)a]; senza contare il Sulcis e l’Iglesiente che
utilizzano la semi-occlusiva alveo-palatale -t-: [pta, mata].
Noragugume, così vicina a Nuoro… 135

Riferimenti bibliografici

Esempi

Bandinu, Bachisio (1988): I sogni dei pastori. Visiones. Cagliari: AmeD (Collezione I
Griot).
Cossu, Antonio (1984): Manigos de memoria. Nuoro: Istituto superiore regionale etno-
grafico.
Lecca, Ignazio (1999): Sciuliai umbras. Cagliari: Condaghes.
Masala, Francesco (2000): Sa limba est s’istoria de su mundu. Cagliari: Condaghes.
Masia Francioni, Zina (1993): L’agnellino. Sassari: Edizioni di iniziative culturali.
Melis, Efisio V. (1953): Ziu paddori. Cagliari: Il Nuraghe.
Melis, Efisio V. (1954): Su bandidori. Cagliari: Il Nuraghe.
Patatu, Salvatore (1994): Contos de s’antigu casteddu. Sassari: Diesse.
Pau, Albino (1988): Sas gamas de Istelai. Cagliari: Su Carrale.
Pira, Michelangelo (1983): Sos sinnos. Cagliari: Della Torre.
Puxeddu, Larentu (1982): S’arvore de sos tzinesos. Nuoro: Sa Nae.
Puxeddu, Larentu (1991): Mastru Taras. Nuoro: Papiros.
Sole, Leonardo (1978): Pedru Zara. Sassari.
Spano, Salvator A. (1995): Contus de bidda mia. Villacidro: Cartabianca.

Studi

AIS = Jaberg, Karl/Jud, Jakob (1928-1940): Atlante linguistico ed etnografico dell’Ita-


lia e della Svizzera meridionale/Sprach- und Sachatlas Italiens und der Süd-
schweiz. 8 voll. Zofingen: Ringier.
ALI = Bartoli, Matteo et al. (1995-) (a cura di): Atlante Linguistico Italiano. Roma:
Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato.
Blasco Ferrer, Eduardo (1994): Ello, Ellus. Nuoro: Poliedro.
Blasco Ferrer, Eduardo (1998): Pro domo. Grammatica essenziale della lingua sarda.
Cagliari: Condaghes.
Contini, Michel (1981): “Les latérales sifflantes du sarde septentrional”, in: Bulletin de
l’Institut de Phonétique de Grenoble 10/11, 127-168.
Contini, Michel (1983): Etude de géographie phonétique et de phonétique instrumen-
tale du sarde. 4 voll. Tesi di dottorato. Strasburgo [Parzialmente pubblicata
in: Contini, Michel (1987): Etude de géographie phonétique et de phonétique
instrumentale du sarde. 2 voll. Alessandria: Dell’Orso].
Contini, Michel (1994a): Parlare e scrivere il sardo. Sassari: EDES.
136 Michel Contini

Contini, Michel (1994b): “Quel avenir pour les langues minoritaires? L’exemple du
sarde”, in: Actas Convegno Variação no espaço, no tempo e na sociedade,
Miranda do Douro, 1993. Lisbona: Associação Portuguesa de Linguística/
Edições Colibri, 13-31.
Contini, Michel (2001): “In che sardo vogliamo scrivere?”, in: La grotta della vipera
93, 3-26.
Cossu, Maria G. (2000): Unité et variabilité phonétique des parlers sardes méridio-
naux. Tesi di dottorato. Université Stendhal Grenoble.
Iannàccaro, Gabriele/Dell’Aquila, Vittorio (1999): “Elementi per lo studio delle fron-
tiere linguistiche in Val di Fassa”, in: Géolinguistique 8, 5-49.
Puddu, Mario (2000): Ditzionàriu de sa limba e de sa cultura sarda. Cagliari: Con-
daghes.
Spano, Giovanni (1840): Ortografia sarda nazionale ossia grammatica della lingua
logudorese paragonata all’italiana. Cagliari: Reale stamperia.
Wagner, Max L. (1938/39): “Flessione nominale e verbale del sardo antico e moder-
no”, in: Italia Dialettale 14 (1938), 93-170; 15 (1939), 207-247.
Wagner, Max L. (1941): Historische Lautlehre des Sardischen. Halle: Niemeyer.
Noragugume, così vicina a Nuoro… 137

Appendice

Punti di inchiesta dell’ALI


Xavier Frías Conde
(Madrid)

Su galitzianu, su catalanu e su sardu:


comente arribare a una standardizatzione.
Modellos e circustántzias

1. Intradura

Una parte manna de sas limbas romanzas minores1 est colada atraessu unu
processu de standardizatzione. In cada casu sa standardizatione l’ant fata in
manera divessa, e su modellu impreadu pro una limba no est semper bonu pro
sas áteras, ca sas cunditziones de una certa limba medas bortas non balent pro
sas áteras. Sa realidade sociale e linguística de cada limba romanza minore est
única, e tando s’at a chircare una solutzione individuale, mancari fatzat a
agatare calchi modellu pro isolver sos problemas cuncretos in áteras limbas.
Dia cherrer analizare sos problemas prus mannos de sa standardizatzione
de su sardu abbaidende-la dae sa standardizatzione de su galitzianu e de su
catalanu, ponende a pare sos tres traballios, cun s’intentu de mustrare chi sas
chistiones normativas discussas pro su sardu, las ant ja cuncordadas in custas
duas limbas iberoromanzas. In calchi casu, pro dare a bider in manera prus
crara calchi fenómenu sardu, no mi so arressu a su Galitzianu e a su Catalanu
ma apo chircadu puru in áteras limbas romanzas, comente in cussa limba non
minore, chi est su portughesu in sas variedades suas de Europa (Portugallu) e
América (Brasile).

2. Modellos de standardizatzione

In sa standardizatzione de sas limbas romanzas minores si sunt leados co-


mente de base custos modellos:
140 Xavier Frías Conde

1. Ammissione de duos stándardes: custu est su casu prus stranu. In sas


limbas romanzas lu connosco solu in s’asturianu-leonesu, ue s’asturianu
tenet unu standard suo e su mirandesu puru. Sas assomizaduras inter sos
duos stándardes sunt pagas, ca sos sistemas ortográficos issoro sunt di-
vessos meda. Cada standard andat fatu dae una cummissione divessa e
s’idea de unidade linguística no esistit.
2. Isséberu de su dialetu cun prus prestigiu sociale: custu est su casu de su
catalanu de Catalúnnia, in ue su dialetu de Barcellona est sa base de sa
limba standard, mancari calchi elementu de sos áteros dialetos nde fatzat
parte. Custu est puru su critériu impreadu in s’atopu de s’asturianu. In
cunditziones normales, su dialetu de sa capitale spissu tenet unu pesu
prus mannu de totu sos áteros.
3. Isséberu de unu dialetu cun prestígiu literáriu: custu est su critériu sighi-
du dae sa Cummissione de sa Limba Sarda,2 proponende una fromma a
curtzu de su logudoresu comente base de su standard sardu.
4. Isséberu de una variedade centrale: in s’ocitanu, sa variedade langue-
dociana est sa base de su standard, ca in una limba cun una diversidade
dialetale gai manna, custu dialetu est cumpresu dae totu.
5. Creatzione de unu standard supradialetale: est su casu de su galitzianu,
mancari sos elementos ocidentales siant prus numerosos.
Custos critérios no semper si sighint literalmente, ca capitat de ammisturare
duos o prus de issos.
Medas bortas, unu processu de standardizatzione mustrat problemas lin-
guísticos e sociales. Su bonu de sas bortas, tocat a chircare solutziones media-
das, ue su standard ammitet normas minores. Como nde fatzo referimentu:
A. Sas normas: intro de unu standard, est possíbile chi su standard unifi-
cadu tenzat problemas pro s’imponner. Tando, chena truncare s’unidade lin-
guística, certas variantes leant una norma issoro. S’esempru prus craru est su
catalanu, chi tenet unu standard solu, ma tres normas: sa catalana, sa valen-
tziana e sa baleárica. Custu si podet mustrare goi:
(1)
Limba catalana

Norma catalana Norma valentziana Norma baleárica


Su galitzianu, su catalanu e su sardu 141

B. Su substandard: in génere, pro motivos sociales o políticos, una varie-


dade presentat unu substandard, inue sunt regollidos certos elementos própios
de issu chi no esistint in su standard. Sa diferéntzia inter sa norma e su sub-
standard est gerárchica, ca sas normas sunt totu in su mantessi pranu, ma su
substandard est suta de su standard, nde est una variante. Un’esempru est su
gascone intro de s’ocitanu, chi presentat grafias divessas de su standard. Pró-
piu sa variedade aranesa, in territóriu spanniolu, tenet su substandard suo,
comente si bidet in custu gráficu:

(2)

Standard occitanu

Substandard gascone Substandard aranesu

Fintzas a innoghe, apo presentadu a sa lestra sos processos de base de sa cre-


atzione de unu standard. Tocat a nde connoscher áteros detallios, ma pro
como bastat custu pro cumprender cales sunt sos mecanismos prus importan-
tes. Dae como a inanti, apo a tratare de sos problemas prus cuncretos chi per-
tocant a sa standardizatzione, analizende, prus che áteru, sas solutziones lea-
das in sos casos galitzianos e catalanos.

3. Problemas cuncretos de sa standardizatzione

A aunire una limba, tuchende dae una realidade dialetale prus che vária no est
una cosa fácile. Sa seletzione de una fromma fónica o morfológica est pro su
prus una chistione arbitrária e si leat tra sas brigas de sos espertos e sos faed-
dantes de una limba. Apo a mentovare unos cantos de custos problemas.

3.1 Dependéntzia o autonomia dae su sistema ortográficu de sa limba


statale

Belle totu sas limbas romanzas minores sighint unu sistema ortográficu chi est
una copiadura de su sistema de sa limba statale, francu in duos casos
cuncretos, su catalanu e s’ocitanu.3 Su sistema galitzianu oficiale at adatadu e
adotadu su sistema ortográficu spanniolu pro sa scritura de custa limba. Custu
142 Xavier Frías Conde

critériu tenet comente puntos positivos chi sa scolarizatzione est prus fácile ca
su sistema ortográficu est ja connotu e chi sas pessones scolarizadas in sa
limba statale no tenent problemas medas pro imparare a scrier in sa limba
issoro. Sos puntos negativos sunt chi s’independéntzia de sa limba minore est
relativa e chi faghet prus fácile su processu de dialetalizatzione respetu a sa
limba statale.
In su casu de su sardu, dadu chi sa traditzione medioevale no est de im-
portu perunu in sa limba de como, non faghet a sighire cussu critériu. Tando,
est beru chi b’at una adatatzione de su sistema italianu aplicadu a su sardu. In
custu momentu, chi su sardu est chena scolarizatzione, mi paret su prus sím-
plice, ma non segundu su chi si presentat in sa proposta de sa Cummissione
(LSU), ue sos únicos elementos noos sunt sos grafemas <z>, <tz> e <lli> in
pare cun unu sistema de acentuatzione própia.
Cumbenit de non nos olvidare chi in sardu logudoresu e campidanesu
esistit una certa traditzione literária, cussos chi naramus logudoresu illustre e
su campidanesu illustre. B’at elementos chi sunt ja fissados e chi diat esser
unu sballiu a non nde tener in contu: 4
• sa desinéntzia <-t> de sas frommas verbales: cantat, timet, partit, de sa
tertza persona singulare,
• sa desinéntzia <-nt>: cantant, timent, partint, de sa tertza persona plurale,
• mancántzia de representatzione gráfica pro sa lenitzione,
• s’asséntzia de representatzione de sas vocales paragógicas, etz.
Tando, chena negare chi bisonjat de sighire unu sistema de base italiana,5 b’at
elementos chi sunt fáciles a imparare e chi dant a su sardu una pessonalidade
própia, chena chi parfat una variedade dialetale de s’italianu. Custos elemen-
tos, ja presentados dae Bolognesi (2001a; b) e in calchi casu dae sa Cummis-
sione (LSU) sunt:6
• omissione de sas grafias <qua, que, qui, quo>, cambiadas in <cua, cue,
cui, cuo>: frecuéntzia, acuáticu, etz. (C e B),
• impreu de sos trígrafos <lli> e <nni> pro indicare sos fonemas /Ò/7 e /µ/
(B),
• impreu de <dd> pro su fonema cacuminale /Î/ (C e B) (ma esistint áteras
propostas pro sa grafia de custu fonema, che <dh> e própiu <ddh>),
Su galitzianu, su catalanu e su sardu 143

• impreu de unu sistema de acentos gráficos simizante a su catalanu e su


portughesu, ma semper grave <`>, segundu sa norma italiana (C) (de cu-
stu puntu nde apo a faeddare prus in dainnantis),
• seberadura de sos clíticos in énclisi (a postis de su verbu), cun unu puntu
altu <·> (C), o cun unu tratinu <-> (B),
• preferéntzia pro s’eliminatzione de sas consonantes dopias (C), ecetu in
su casu de <ll>, <mm>, <nn>, <rr>, <ss> e <dd>.

3.2 Seletzione de una fromma única

De siguru, comente fia nende inanti, custa est una de sas decissiones prus arbi-
trárias chi si dant in casos medas. In génere, si schirriat custa chi tenet un’im-
preu prus mannu intro de su territóriu linguísticu o cudda chi si seberat de
prus dae sa limba de cobertura.8 In custa tabella presento calchi casu de sele-
tzione de frommas fónicas e morfológicas in galitzianu:

(3)

galitzianu oc. galitzianu cent. galitzianu or. standard sinnificadu


irmán irmao irmao irmán ‘frade’
chan chao chao chan ‘paimentu’
corazóns corazós corazois corazóns ‘coros’
cans cas cais cans ‘canes’
catro catro cuatro catro ‘bátor/cuatro’
gardar gardar guardar gardar ‘cunservare’
falades falades falais falades ‘faeddades’
bebedes bebedes bebeis bebedes ‘bebedes’
partides partides partís partides ‘partides’
ti tu tu ti ‘tue’
máis... ca min máis... ca min máis... que eu máis... ca min ‘prus... de mie’

Respetu a su sardu, sas cosas sunt simizantes in calchi manera. Su critériu de


chircare frommas divessas dae sa “limba tetu” in sa limba coberta est bálidu in
casos medas, ma b’est puru s’áteru critériu de sa seletzione de sas frommas
prus estesas. In calchi proposta de su sardu (LSU; Bolognesi 2001a; b), sos
duos critérios andant impreados:9
144 Xavier Frías Conde

(4) Nuoresu Logudoresu Campidanesu Fromma proposta


catena cadena cadena cadena
provare proare provai proare
supra subra assuba subra
locu logu logu logu
cantava cantaía cantamu cantaía/cantamo
ocru oju ogu ogru
frore fiore frori frore
prachere piaghere praxeri praghere praxere10
cantan(a) cantan(a) cantanta cantant
cantande cantende cantendi cantende
timinde timende timendi timende
partinde partende partendi partende

3.3 Acetatzione de frommas dopias

In catalanu, s’esisténtzia de frommas dópias, a su in prus in sa morfologia e in


su léssicu, est una realidade, dadu chi s’esisténtzia de tres normas permitit chi
totu sas frommas siant standard. No est stranu chi unu scritore catalanu impi-
tet léssicu valentzianu o baleáricu, tando, pro ite unu logudoresu, in unu
limbagiu literáriu, non podet impreare su léssicu campidanesu e unu scritore
campidanesu impreare su léssicu logudoresu?
In catalanu, sos esempros sunt medas, ma nde presento solu caligunu:
(5) Baleáricu Catalanu Valentzianu Sinnificadu
mos ens ens ‘nos’
som sóc sóc ‘soe’
cant canto cante ‘canto’
cantam cantem cantem ‘cantamus’
cantau canteu canteu ‘cantades’
cantàs cantés cantés ‘cantárepo/cantessi’
aquest aquest aquest ‘custu’
(aqueix) (aqueix) eix(e) ‘cussu’
aquell aquell aquell ‘cuddu’
en venir en venir al venir ‘in su mamentu de
benner’
tenc tinc tinc ‘tenjo’
venc vinc venc ‘benjo’
Su galitzianu, su catalanu e su sardu 145

(5) Baleáricu Catalanu Valentzianu Sinnificadu


canti canti cante ‘cante’ (conjunt.)
cantis cantis cantes ‘cantes’
canti canti cante ‘cantet’
sortir sortir eixir ‘essire’
tomàtiga tomàquet tomata ‘tomátiga’
tomàtec
ca, cussa gos, gossa gos, gossa ‘cane’
al·lot noi xiquet ‘pitzinnu’

Própiu in portughesu, una limba statale, sas diferéntzias inter su portughesu


europeu e su brasilianu sunt importantes, ca in onji casu esistit una norma eu-
ropea e un’átera americana, intro de unu solu standard:
(6) Norma europea Norma americana Sinnificadu
comboio trem ‘trenu’
camioneta, autocarro ônibus ‘(auto)bus’
disqueta disquete ‘dischetu’
saco bolsa ‘bursa’
fractura fratura ‘fratura’
eléctrico elétrico ‘elétricu’
efectivo efetivo ‘efetivu’
óptica ótica ‘ótica’
excepto exceto ‘francu’
dezassete dezessete ‘deghesete’
dezanove dezenove ‘deghenoe’
húmido úmido ‘úmidu’
humidade umidade ‘umidade’
fala-se português se fala português ‘si faeddat portu-
ghesu’
eu vejo-te eu vejo você ‘ti bido’
ele vê-me ele me vê ‘issu mi bidet’
estou a falar estou falando ‘soe faeddende’

In galitzianu puru, esistint frommas dópias intro de su standard, mancari sunt


prus pagas che in áteras limbas e si tratat in génere de variantes fónicas. Nde
fato calchi esempru:
146 Xavier Frías Conde

(7) Fromma 1 Fromma 2 Sinnificadu


gando gado ‘bestiámene’
ponla póla ‘nae’
pór poñer ‘ponner’
ouvir oír ‘inténder’
louvar loar ‘alabare’
cincocentos quiñentos ‘chimbeghentos’
libraría librería ‘libreria’
amábel amable ‘amábile’
posíbel posible ‘possíbile’
lixar luxar ‘imporcare’
luns segunda feira ‘lunis’
martes terza feira ‘martis’
mércores (…) cuarta feira (…) ‘mércuris’ (…)
arrancar arrincar ‘boghare’

Bolognesi (2001a ; b) proponet frommas dopias pro sas duas variedades de su


sardu, ue totu sunt standard, in unu modu divessu de sa Cummissione, chi solu
ammitet frommas logudoresas in su prus de sos casos. Custos sunt unu tantu
de esempros de frommas dopias ammissíbiles in su standard :
(8) Norma Norma Norma Norma
logudoresa campidanesa logudoresa campidanesa
limba lingua pische pisce
sámben(e) sánguene connoscher connoscer
bátor cuátro sos, sas is
abba ácua lu, la; li ddu, dda; ddi
ebba écua gai, goi aici
mezus mellus como immoe
chentu centu cherer boller
praghere praxere cantárapo cantasse
ghéneru/ géneru cantares cantassest
bénneru cantaret cantasset
bochire bocire galu ancora
ánghelu ángelu mandigare papare

No bi diat aer problema perunu cunsiderende che sinónimos sos vocábulos de


s’unu e de s’áteru cabu de Sardinnia.
Su galitzianu, su catalanu e su sardu 147

3.4 Una fromma ortográfica única e pronunciatziones divessas

Problemas medas de sas diferéntzias inter sos duos dialetos sardos sunt
basados in su sistema vocálicu issoro, ca su sardu logudoresu connoschet
chimbe vocales finales e su sardu campidanesu tres e bia. Bolognesi (2001a;
b) proponet una solutzione chi est sa prus normale in sa Románia: mantenner
sas chimbe vocales in s’ortografia, ma ammiter duas clases de pronúncia.
Tando, agatamus custa situatzione respetu a sas vocales:
(9) Standard Pron. logudoresa Pron. campidanesa
mannu ['mannu] ['mannu]
mannos ['mannøs] ['mannus]
amore [a'mør´] [a'møri]
tue ['tu´] ['tui]

In portughesu sa situatzione est simizante, ca sas vocales finales portughesas


sunt tres: /a/, /\/, /u/, e puru in brasilianu, ma in un’áteru modu: /a/, /i/, /u/:
(10) Standard Pron. europea Pron. americana
grande ['grãd\] ['grãdΩi]
come ['kom\] ['komi]

In catalanu sa situatzione est prus cumplicada, ma su procedimentu est su


mantessi, própiu in áteras positziones (no solu finale). Su catalanu de Cata-
lúnnia tenet tres vocales átonas: /i/, /á/, /u/; su baleáricu nde tenet bator: /i/,
/\/, /o/, /u/; e su valentzianu nde tenet chimbe: /a/, /e/, /i/ /o/, /u/:

(11)

Standard Pron. catalana Pron. baleárica Pron. Sinnificadu


valentziana
la casa [l\'kaz\] [l\'kaz\] [la'kaza] ‘sa domo’
les cases [l\s'kaz\s] [l\s'kaz\s] [las'kazas] ‘sas domos’
ferro ['fεrru] ['fεrro] ['fεrro] ‘ferro’
rodar [rru'da] [rru'da] [rro'da] ‘rodar’

Tando, pro unu campidanesu, totu <-e> e <-o> finales si pronúnciant [-i] e
[-u] respetivamente; in custu modu, una parte manna manna de sas diferén-
tzias inter sos duos dialetos restant neutralizadas. In totu sas limbas romanzas
su critériu est stadu de impreare sa grafia prus cunservadora inter totu sos dia-
letos, tando pro su sardu diat esser aguale.
148 Xavier Frías Conde

In sa limba catalana, s’únicu casu notábile de diferéntzia consonántica sunt


sos grafemas <b> e <v>, chi si pronunciant divessos in baleáricu e valen-
tzianu, ma sunt aguales, [b], in catalanu.
In sardu, sa proposta Bolognesi (2001a; b) chircat de jomper a una unidade
ortográfica subra-dialetale e cun libertade fonética.11 Ma áteras sighint sche-
mas de assimilatzione ortográfica a s’italianu. Traditzionalmente, sa diferén-
tzia cun s’italianu gente e facile si representaiat in sa cunventzione logudoresa
comente zente e fàtzile respetivamente. Ma gai non si representat s’unidade
cun su campidanesu. In s’àtera ala, sas frommas scritas traditzionales campi-
danesas televisioni o altus, cumparadas cun su logudoresu televisione e altos
seberant s’unu dae s’áteru dialetu. Est possibile a scrier mannos e pronunciare
['mannøzø] in logudoresu e ['mannuzu] in campidanesu, comente apo ja nadu.
A scrier gente e fácile comente in italianu non sinnifícat chi si pronúnciet a
sa mantessi manera. In fatu, custa est sa grafia in áteras limbas romanzas:
portughesu e spanniolu: gente, fácil, frantzesu gent, facil, occitanu: gent, fàcil,
etz. Ma sa pronúncia est divessa in cada limba. S’impreu de s’ortografia ita-
liana pro scrier su sardu, chirchende de nde refleter sa pronúncia de s’italianu
est unu sinnu de dialetalismu de su sardu respetu a s’italianu. Custu est gai
puru in su galitzianu, ue s’ortografia sua est una mala adatatzione de sa span-
niola (comente apo ja sinnaladu) e est atesu meda dae sa portughesa. In su
casu de unu vocábulu cultu che ginecologia, sa pronunciatzione logudoresa
díat esser, tando, [dzinekolo'dzia], divessu dae su campidanesu [dΩineko-
lo'dΩia].
No est adeguadu a tenner duas o tres grafias (solu duas e in casos necessá-
rios, comente apo mostradu in sa tabella 8) cando ja su stadu de sa limba
caminat a cara a su standard. Sos casos sinnalados pro s’unidade consonántica
prus importantes in sardu sunt custos:
(12) Standard Pron. logudoresa Pron. campidanesa
stúdiu [is'tudiu] ['studiu]
scola [is'køla] ['skøla]
círculu ['tzirkulu] ['tßirkulu]
felice [fe'litz´] [fe'litßi]
gente ['dz´nt´] ['dΩ´nti]
mágicos ['madzikøs] ['madΩikus]
ponjo ['pøndzø] ['pøndΩu]
tenjo12 ['t´ndzø] ['t´ndΩu]
birgunja13 [bir'gundza] [bir'gundΩa]
faularju [fau'lardzu] [fau'lardΩu]
Su galitzianu, su catalanu e su sardu 149

(12) Standard Pron. logudoresa Pron. campidanesa


frearju [fre'ardzu] [fre'ardΩu]
molinarju [moli'nardzu] [moli'nardΩu]
smurzare [ismur'dzar´] [smur'dzai]
[immur'dzar´]
[irmur'dzar´]
cantare [kan'tar´] [kan'tai], [kan'tari]
timer ['timer(´)] ['timi], ['timiri]
partire [par'tir´] ['parti], ['partiri]
rosa ['røsa] [a'r‹øsa]
roda ['røda] [a'r‹øda]
cantadu [kan'tadu] [kan'tau]

B’at galu elementos meda chi bisonjant un’análisi estesa, specialmente sa se-
letzione de frommas morfofonológicas divessas in totu sos dialetos, ma custu
est unu traballiu lentu, de annos, chi non podimus tratare innoghe.

4. Áteros elementos chi intrant in sa standardizatzione

4.1 Su léssicu

Diat esser belle impossíbile a fagher – in unu spátziu gai curtzu – una lista
rapresentativa de su léssicu sardu specificu frommadu cun s’interventu ita-
lianu, ma nde cherjo narrer calchi casu:14
(13) Sardu Italianu
máchina macchina
telefoninu telefonino
cafelate caffelatte
cumpiúter computer
stampante stampante

Custa dependéntzia si bidet in totu sos estremos. Si in italianu si cramat Ger-


mania su paesu, e tedeschi sos abitantes suos, e in conseguentzia, in sardu est
tedescos, ma non diat esser prus coerente che pro sa Germánia sarda si diant
narrer germanos sos abitantes de cussu paesu?
Su sardu est una limba romanza. Sa frommatzione de unu léssicu specíficu
depet sighire sos mantessis critérios che in sas áteras limbas romanzas. Non si
150 Xavier Frías Conde

podet esser un’estremista e iper-sardizare paráulas cuncretas pro chi siant totu
divessas dae sas italianas, inter áteras rejones ca sos própios faeddantes sardos
non nchi diant reconnoscher sa limba issoro. Custu fit unu procedimentu abi-
tuale in galitzianu in s’ottichentos e una parte de su novichentos. Duncas, si
faghiant paráulas artificiales comente título > tíduo, oficina > oficiña, prima-
vera > primaveira, cun s’obietivu de sfigurare sas paráulas communes, man-
cari esseret cun un’evolutzione artificiale.
No cherjo intrare in custa chistione innoghe ca diat esser tropu cumpli-
cada. Bisonjat cuntare cun linguistas e técnicos non linguistas (avogados,
scientíficos, etz.) pro s’elaboratzione de unu léssicu cultu, ca sa limba depet
esser un’aina pro sos séculos bennidores, aberta a totu sos ámbitos de sa
communicatzione umana, ma custu si depet fagher cun una cura manna manna
e precautzione meda. Est unu traballiu de sa lessicografia.
Peroe, est necessáriu de creare unu léssicu suo; pro facher custu su passu
naturale est a bider in su latinu sa vena. In onji modu, non si tratat solu de su
léssicu, ma própiu de petzas prus minudas, comente sos prefissos. Gai, su
prefissu <ri-> est própiu de s’italianu e respondet a s’evolutzione sua. In sardu
depet esser <re->, pronunciadu [re] o [ar‹e-]. Tando, diant esser frommas sar-
das: revista (e non rivista), reflessu (e non riflessu), etz. Custa chistione de sas
vocales sardas, postas a pare cun sas italianas, nos diat dare frommas própias
comente mostro in (14), ma chena smentigare chi in paráulas cultas medas, su
sardu ja tenet sas frommas suas, perfetamente divessas dae sas italianas.
(14) Sardu Italianu
literatura letteratura
séculu secolo
artículu articolo
pópulu popolo
oficiale ufficiale
ammiter ammettere
círculu circolo
remiter rimettere
participare partecipare
produtu prodotto
produir produrre
cunfirmare confermare
singulare singolare
esámine esame
Su galitzianu, su catalanu e su sardu 151

In custu casu, si tratat de chircare sas frommas etimológicas, comente s’at fatu
in sas áteras limbas romanzas.
In galitzianu standard s’at curretu puru s’impreu inadeguadu de spannio-
lismos de su galitzianu faeddadu, suprimende-nchi sos ditongos e áteros fe-
nómenos intrados atraessu de su spanniolu:

(15)

Galitzianu standard Galitzianu faeddadu Spanniolu Sinnificadu


enerxía [ener'ßia] [ener'hia] energía [ener'xia] ‘energia’
xesto ['ßesto] ['hesto] gesto ['xesto] ‘gestu’
século ['sekulo] ['siglo ], ['sigro] siglo ['siglo] ‘séculu’
prefiro [pre'firo] [pre'fjero] prefiero [pre'fjero] ‘preferjo’

4.2 S’acentuatzione

Sa proposta de sa Cummissione proponet unu sistema de acentuatzione grá-


fica pro su sardu chi sighit critérios in parte simizantes a sos de áteras limbas
romanzas, cuncretamente su catalanu e su portughesu, ma chena duos acentos
gráficos comente in cussas limbas. S’impreu de unu acentu gráficu paret una
solutzione bona. Peroe, a parrer meu, diat esser menjus usare s’acentu agudu
(´) in totu sos atopos, creende chi sas régulas propostas in sa LSU sunt bonas
pro su sardu.

5. Cuncruimentu

Sa standardizatzione de su sardu est una necessidade pro no spelder sa limba,


ma custa standardizatzione si depet fagher segundu régulas suas, mancari siat
necessáriu de abbaidare cale est stadu su processu in áteras limbas sorres co-
mente su galitzianu e su catalanu. Su passu menzus pro su sardu, semper a
parrer de unu non-sardu che a mie, est chi sa limba tenjat unu standard, ue unu
gradu mannu de unidade si podet resessire cun una ortografia unificada segun-
du su princípiu de una ortografia pro duas o prus pronúncias, lassende aberta
sa possibilidade de stabilire duas normas, una logudoresa e s’átera campidane-
sa, cun elementos própios. Sa repercusione de custu sistema in sa scolariza-
tzione at a esser importante, ma una norma e s’átera non podent esser inde-
pendentes.
152 Xavier Frías Conde

No andat bene a proponner una variedade de limba chi non tenet unu de
custos elementos in su favore suo: (a) a esser sa limba de sa capitale; (b) a es-
ser sa variedade de prus prestigiu (e emmo est beru chi su logudoresu est prus
connotu foras de Sardinnia, ma su sardu est pro sos sardos, nono pro sos stra-
njos), ca su campidanesu tenet a su mancu su mantessi prestigiu; (c) a esser sa
variedade cun prus pesu demográficu. Perunu de custos tres argumentos im-
portantes los cumprit su logudoresu standard o Limba Sarda Unificada (LSU)
proposta dae una parte de sa Cummissione. Peroe, sa própia proposta de sa
Cummissione, cun sos emendamentos de Bolognesi podet esser una base bona
pro sa limba sarda unificada.
Tando, cando in sas scolas de una zona si stúdiat in una norma cuncreta,
s’átera diat esser puru ogetu de stúdiu, mancari si tratet de unu connoschimen-
tu passivu; solu in custu modu, s’at a arribare a una unificatzione bera de su
sardu.

Notas

1
Impreo limba minore pro faghere referimentu a sas limbas minorizadas e minoritárias, chena
fagher distintziones inter issas.
2
Bisonjat narrer chi custa proposta non fit firmada dae totu sos membros de custa cummissione,
ma solu dae una parte de issa. Nos semus referende a sa Limba Sarda Unificada (LSU).
3
S’ocitanu tenet unu sistema própiu, basadu in sa traditzione medioevale; peroe, esistit ateruna
tendéntzia ortográfica, cramada félibrige, chi adatat su sistema ortográficu francesu a s’ocitanu. In
galitzianu puru, esistit sa tendéntzia reintegracionista, chi adatat s’ortografia de su portughesu a
sa pronunciatzione de su galitzianu.
4
S’esisténtzia de custas duas koinés est antiga de prus de unu séculu.
5
Mi soe referende a chistiones comente <ch>, <gh>, ommissione de <h>, <x> in cultismos.
6
C = Cummissione (LSU), B = Bolognesi (2001a; b).
7
Ma, atentzione, ca in campidanesu custu est /ll/. Pois apo a tratare de sas pronúncias dópias.
8
Sa limba de cobertura o “limba tetu” est sa limba statale chi tenet un’influentzia manna manna
subra de sa limba minore, chi in custos casos si cramat limba coberta.
9
Pro su sardu, e pro rejones de simplicidade, solu atendemus a sas variantes nuoresa, logudoresa
e campidanesa, mancari in sa majoria de sos casos amus a traballiare solu cun sas duas últimas.
10
In sa proposta de Bolognesi (2001a; b), su grafema <x> est cunsideradu própiu de sa norma
campidanesa. S’esisténtzia de unu grafema própiu de una norma o de unu substandard no est nou,
ca in gascone esistit <sh>, ma no in su restu de s’ocitanu.
11
Sa prima proposta sua (Bolognesi: 2000) fit galu prus avantzada. Cue proponniat frommas prus
unificadas, comente muljere cun duas pronúncias, centu, cun duas pronúncias, géneru, cun duas
pronúncias, língua, cun duas pronúncias, o ácua, cun duas pronúncias, faularju, cun duas pronún-
cias, etz. Dae unu puntu de bista linguísticu, custa proposta est adeguada meda, ma su problema
est chi sa sociedade sarda non fit galu pronta a ammiter frommas de standard gai unificadas chena
unu tempus préviu de duas normas. In onji casu, a bisu meu, custu at a esser su futuru de sa limba.
Su galitzianu, su catalanu e su sardu 153

12
Custos dígrafos, <nj> e <rj>, bi fint in sa prima proposta de Bolognesi (2000), ma no in sa de
duas (2001a; b). Mi parent prus unificadores custos duos, ca sa possibilidade de regoller áteras
pronunciatziones dialetales est prus manna.
13
Bolognesi (2001a; b) galu ammitit grafias comente menzus, muzere, fizu o cherzo pro frommas
esclusivamente logudoresas, ma segundu sa lógica de su chi benjo esponende, diat esser prus coe-
rente de scrier mugere o figiu, semper cun pronúncia /dz/ in logudoresu.
14
Est esclusu dae custa cunsideratzione su léssicu aguale in sardu e italianu cun un’orígine latina
o greco-latina, comente in teléfonu, linguística, filologia, análisi (ma cun plurale análisis), dotore,
biblioteca, collega, etz.
154 Xavier Frías Conde

Referimentos bibliográficos

Bolognesi, Roberto (2000): “Per un approccio sincronico alla linguistica e alla standar-
dizzazione del sardo” (URL: http://www.lingrom.fu-berlin.de/sardu/artnet2.
doc).
Bolognesi, Roberto (2001a): “Emendamenti alla proposta di lingua sarda unificata.
Una normalizzazione democratica della lingua sarda unificata. Norme per la
convivenza pacifica delle varietà del sardo” (URL: http://www.condaghes.
com).
Bolognesi, Roberto (2001b): “Una normalizzazione democratica della lingua sarda
unificata. Norme per la convivenza pacifica delle varietà del sardo” (URL:
http://www.condaghes.com/public/proposta_democratica.pdf).
Bolognesi, Roberto/Frías Conde, Francisco X./Heeringa, Wilbert (in prep.): Sardegna
fra tante lingue. Il contatto linguistico in Sardegna dal medioevo a oggi.
Casteddu: Condaghes.
Calaresu, Emilia (2002): “Alcune riflessioni sulla LSU (Limba Sarda Unificada)”, in:
Plurilinguismo 9, 247-266.
Comune de Cuartu de Sant’Aleni: “Una limba miscia e de lacana pro sa Sardigna de su
tempus benidore” (URL: http://www.lingrom.fu-berlin.de/sardu/quartu.html).
Frías Conde, Xavier (2000): “Un approccio alla standardizzazione delle lingue minori-
tarie neolatine” (URL: http://www.romaniaminor.net).
LSU = Regione Autonoma della Sardegna (2001): Limba Sarda Unificada. Casteddu
(URL: http://www.uemilano.it/multilinguismo/pdf/lsu.pdf).
Mensching, Guido (1999): “Lingue in pericolo e comunicazione globale: il sardo su
Internet”, in: Bolognesi, Roberto/Helsloot, Karijn (a cura di): La lingua sar-
da. L’identità socioculturale della Sardegna nel prossimo millennio. Atti del
Convegno di Quartu Sant’Elena 9-10 maggio 1997. Casteddu: Condaghes,
171-191 (URL: http://www.lingrom.fu-berlin.de/sardu/papers/articolo.html).
Puddu, Mario (2000): Ditzionàriu de sa limba e de sa cultura sarda. Casteddu: Con-
daghes.
Puddu, Mario (2001): “Totu su sardu. Osservatziones e annuntas a sa proposta de sa
Cummissione regionale” (URL: http://www.condaghes.com).
Su galitzianu, su catalanu e su sardu 155

Apéndice

Pro acabare custa espositzione, oferjo innoghe su sistema ortográficu sardu se-
gundu sa proposta de Bolognesi (2001a; b) in unu cuadru (chena fágher aten-
tzione a sa lenitzione):
Grafia Valore
<a> [a].
<b> In inítzio assolutu o a postis de nasale: [b];
in positzione intervocálica [β].
<bb> [b] o [bb], semper intervocálica.
<c> In dainanti de /a/, /o/, /u/ o cun consonante: [k] in positzione initziale, [γ]
in positzione intervocálica;
in dainanti de /e/, /i/: [ts] in logudoresu, [tß] in campidanesu.
<ch> [k]. S’usat cun sas vocales <e> e <i>.
<d> In inítziu assolutu e a postis de nasale: [d];
restu de sos casos: [δ].
<dd> [Î] cacuminale, normalmente longu. In calchi dialetu, custu sonu aparet
comente alófonu a postis de nasale;
in sa sílaba add-: [d].
<e> [e]. In campidanesu, in finale de paráula sonat [i].
<f> [f].
<g> In dainanti de /a/, /o/, /u/ o cun consonante: [g];
intervocálica: [γ];
in dainanti de /e/, /i/: [dz] in logudoresu, [dΩ] in campidanesu.
<gg> [g], semper intervocálica.
<h> Solu tenet balore diacríticu.
<i> [i].
<j> [j]; mancari podet leare su balore de [dΩ] in campidanesu in certos casos.
<l> [l].
<lli> [λ]; mancari in bastantes casos sonat [ll] in campidanesu.
<m> [m].
<n> [n]; in medas faeddares campidanesos non si pronunciat in positzione
intervocálica, ma si nasalizat sa prima vocale, in unu modu simizante a
su portughesu.
<nni> [µ].
<nj> [ndz] in logudoresu e [ndΩ] in campidanesu.
<o> [o]; in campidanesu semper si pronunciat [u] in su finale de paraula.
156 Xavier Frías Conde

<p> [p].
<r> Initziale: [r] in logudoresu, ma [ar‹] in campidanesu;
intervocálica est semper [r].
<rj> In logudoresu [rdz] ma puru [rj], in campidanesu [rdΩ].
<rr> Semper intervocálica, cun valore forte: [r‹].
<s> Initziale: [s];
intervocálica: [z];
initziale, in dainanti de consonante, in logudoresu si pronunciat [is-], cun
una vocale protética.
<sc> sighidu de /e/ e /i/, sonat [ß].
<ss> Solu intervocálica pro [s].
<t> [t].
<tz> [ts].
<u> [u], [w].
<v> [v], [b].
<x> Normalmente intervocálica. Custu est unu grafema chi solu s’usat in
campidanesu e tenet su valore de [Ω].
<z> [dz].
Massimo Pittau
(Sassari)

La questione della lingua sarda oggi.


Proposte fatte e provvedimenti da prendere

La Commissione regionale per la lingua sarda era stata nominata dall’As-


sessore alla Pubblica Istruzione della Regione Sarda, il prof. Benedetto Bal-
lero, nel mese di maggio del 1999 ed era composta in questo modo: Edoardo
Blasco Ferrer, Antonietta Dettori e Giulio Paulis dell’Università di Cagliari,
Massimo Pittau e Leonardo Sole dell’Università di Sassari, Roberto Bolognesi
dell’Università di Groningen, Heinz Jürgen Wolf dell’Università di Bonn,
Diego Corraine e Tonino Rubattu esperti di lingua sarda, Matteo Porru segre-
tario. All’inizio del secondo anno dei lavori, il nuovo Assessore Pasquale
Onida aveva integrato la Commissione con Ignazio Delogu dell’Università di
Sassari, in sostituzione di uno studioso catalano che, pur nominato regolar-
mente, non aveva mai preso parte ai lavori precedenti.
La Commissione era stata nominata con tre precisi compiti: «elaborare e
presentare a) una ipotesi di normalizzazione ortografica della lingua sarda; b)
un progetto, anche se non esaustivo, di unificazione linguistica ad esclusivo
uso dell’Assessorato; c) uno studio tecnico-scientifico circa l’applicabilità
operativa di procedure e azioni tendenti al raggiungimento degli obiettivi e
delle finalità della legge [...]».
Siccome col febbraio del 2001 la Commissione ha concluso formalmente i
suoi lavori, mi sembra adesso molto appropriato l’invito che ci è stato fatto di
trarre le conclusioni da quelle nostre proposte, anche in vista della loro even-
tuale applicazione pratica. Le nostre infatti non possono essere interpretate
altro che come semplici proposte teoriche, mentre i provvedimenti effettivi e
le iniziative pratiche dovranno essere affrontati in tempi ravvicinati dagli
organi competenti.
È bene e necessario precisare che nessuno dei membri di quella Commis-
sione è autorizzato a parlare a nome della Commissione stessa; ciascuno di
noi può e deve parlare solamente a titolo strettamente personale. Ed io pre-
158 Massimo Pittau

ciso, soprattutto di fronte ad altri membri della Commissione che sono pre-
senti a questo congresso, che la mia odierna presa di posizione strettamente
personale è effetto di precise conclusioni che ho tratto dal modo in cui i Sardi
hanno accolto le nostre proposte.
Ebbene le conclusioni personali che io traggo dai lavori della nostra Com-
missione sono le seguenti.

1. La proposta di una ortografia sarda unificata è stata da noi fatta e raggiunta


con quasi perfetta unanimità. Con essa praticamente abbiamo dichiarato va-
lida la grafia tradizionale della lingua sarda, con la eliminazione però di alcuni
suoi difetti, che sono conseguenti alla imitazione della ortografia della lingua
italiana pure in alcuni punti che in questa risultano essere certamente difettosi
e che quindi noi Sardi abbiamo il preciso interesse di eliminare dalla ortogra-
fia della nostra lingua (ad es. la mancata distinzione, nella ortografia italiana,
fra la zeta sorda tz e quella sonora z). Le nostre proposte concrete risultano
approvate e codificate nell’ultimo verbale dell’anno 1999, secondo il preciso
limite di tempo che ci era stato imposto dalla convenzione firmata con
l’Assessore alla Pubblica Istruzione (P.I.). Fra queste proposte risulta inclusa
ed approvata anche quella che difende la scrittura tradizionale ed etimologica
delle consonanti esplosive sorde in posizione intervocalica: appo, itte, maccu,
notte, otto, sette, tappu ecc. e non apo, ite, macu, note, oto, sete, tapu ecc.

2. La formazione di una varietà sarda di riferimento che sia accettata da tutti,


nel contesto della attuale situazione molto frammentaria dei dialetti e suddia-
letti della Lingua Sarda, è un evento altamente auspicabile e quindi da prepa-
rare e favorire in tutti i modi, anche se oggi nessun linguista, sociologo e
politico potrebbe ragionevolmente e neppure lontanamente prevedere i tempi
(di certo molto lunghi) e le modalità del suo realizzarsi.
Stante questa situazione sociolinguistica odierna, la «varietà linguistica di
riferimento», cioè la Limba Sarda Unificada (LSU), che la Commissione ha
prospettato e che a me piace chiamare come si diceva nel passato “Sardo
Illustre”, deve intendersi valida, secondo i precisi termini della convenzione
firmata con l’Assessore alla P.I., «ad esclusivo uso dell’Assessorato», o al
massimo – così a me sembra – per la redazione degli «atti ufficiali della Re-
gione Autonoma Sarda» (v. sopra).
E in fine dei conti e nella sostanza non dovrebbe essere, questo, un uso
molto ampio, dato che si può auspicare che vengano scritte anche in LSU le
leggi regionali, i proclami della Regione, i suoi manifesti ed iscrizioni, i suoi
messaggi agli altri organismi regionali, nazionali ed anche internazionali e
La questione della lingua sarda oggi 159

niente più. Mi sembra invece che sia da escludersi del tutto che la LSU diventi
anche la lingua della ordinaria amministrazione della Regione, e in maniera
particolare del suo apparato burocratico-amministrativo. Infatti una eventuale
duplice redazione, in italiano ed in sardo, della corrispondenza regionale non
sortirebbe altro effetto che appesantire oltre misura l’apparato burocratico-
amministrativo regionale, quello del quale noi Sardi già lamentiamo l’odierna
notevole farraginosità e la grande lentezza.
Certamente si deve prevedere e consentire che un qualsiasi cittadino della
Sardegna possa scrivere alla Regione ed anche agli altri enti ed uffici pubblici
facendo uso della Lingua Sarda, in una qualsiasi sua varietà, secondo quanto
prevede il punto 3 dell’art. 23 della Legge Regionale 15 ottobre 1997, n. 26
(cfr. RAS), ma dal dettato di questo stesso articolo non è previsto che il sud-
detto cittadino abbia il diritto ad avere una risposta scritta pur’essa in Lingua
Sarda.
Ovviamente non mi sfugge che l’autorità politica della Regione ed a mag-
gior ragione il Consiglio Regionale hanno piena capacità politica ed anche
giuridica di ampliare anche di molto il su richiamato ambito di uso del mo-
dello linguistico da noi proposto «ad esclusivo uso dell’Assessorato», ma
d’altra parte io dichiaro la mia piena convinzione che per il tempo presente e
per quello futuro immediato non sia assolutamente opportuno proporre quel
modello per ambiti più vasti e segnatamente per le scuole dell’Isola. Tale
proposta in effetti verrebbe sentita dagli alunni, dalle famiglie, dagli inse-
gnanti e anche dalla massima parte dei Sardi come una autentica costrizione
od imposizione, la quale otterrebbe proprio l’effetto opposto a quello che ci si
illuderebbe di conseguire e cioè potrebbe segnare negativamente e per sempre
le sorti dell’auspicato processo di recupero e di rilancio della nostra lingua da
parte di noi Sardi.
D’altra parte non si tratta più di prevedere reazioni negative alla imposi-
zione della LSU come modello da imporre in tutti i campi e in tutti gli usi, ma
si tratta ormai di constatare che quelle previste reazioni negative ci sono state
immediatamente e molto forti. Ovviamente si sono sentiti molto toccati tutti i
Sardi del Capo di Sotto, quelli che parlano il campidanese, perché hanno visto
la loro varietà dialettale messa totalmente da parte; ed infatti ci sono state
numerose prese di posizione da parte loro e stanno anche procedendo ad una
raccolta di firme per bloccare quella operazione, che il pur valido e meritevole
ex-Assessore alla P.I. Pasquale Onida – consigliato male, a mio modesto
parere – ha imprudentemente proposto nella presentazione che ha fatto del
testo pubblicato della LSU. Ed hanno espresso la loro vivace opposizione
160 Massimo Pittau

anche i Nuoresi, i Galluresi e pure i Sassaresi, che pure essi hanno visto messa
da parte la loro varietà dialettale.
Del resto noi membri della Commissione regionale dobbiamo essere del
tutto onesti di fronte ai nostri corregionali, anche perché, se non lo fossimo, il
nostro inganno verrebbe fuori con tutta facilità: in effetti noi non abbiamo
unificato un bel nulla; noi abbiamo scelto, come lingua di riferimento da pro-
porre una delle varietà della Lingua Sarda, la varietà del logudorese comune
o, chiamamola pure, la varietà del Sardo Illustre.
Ma molto più grave è stata la opposizione che alla proposta della LSU da
proporre ed imporre a tutti i Sardi hanno manifestato i due giornali della Sar-
degna, L’Unione Sarda di Cagliari e La Nuova Sardegna di Sassari, quelli che
sono letti e seguiti in tutta l’Isola ed anche fuori, tra i Sardi emigrati in Italia e
all’estero. È appena il caso di accennare al fatto che la stampa quotidiana, in
Sardegna come pure in tutti i paesi civili, ha un potere immenso, sia sul piano
politico sia su quello culturale. Sul piano della formazione della opinione
pubblica i giornali possono immensamente di più delle stesse Università,
autorevoli e famose quanto si voglia.
Dopo che ho constatato le numerose e fortissime reazioni negative alla
proposta della LSU come lingua di tutti i Sardi, io mi sono convinto che, nel
grave processo di dissardizzazione linguistica che l’intero popolo sardo ha su-
bìto nel secolo passato, costituirebbe già un notevole passo in avanti se esso
accettasse di riprendere contatto e possesso della sua lingua nazionale, in una
qualsiasi delle sue varietà dialettali e perfino suddialettali; e sarebbe un ancora
più notevole passo in avanti se esso entrasse nell’idea e nella prassi di passare
spontaneamente, almeno per competenza passiva, dal codice della grande va-
rietà dialettale campidanese a quello dell’altra grande varietà logudorese e vi-
ceversa. In questo tempo presente ed in quello prossimo futuro non si può ri-
chiedere nulla di più dal popolo sardo, pena il totale e immediato fallimento
del processo di riappropriazione della sua lingua nazionale.
Si deve considerare che, nei tentativi che stiamo mandando avanti di to-
gliere la Lingua Sarda da una gravissima malattia, quella del suo mancato uso
dalle nuove generazioni dei Sardi e quella del pericolo della sua morte o
scomparsa totale, noi non possiamo sottoporre una creatura ancora ammalata
o almeno convalescente a prove di uso troppo impegnative. Una nostra figlia
convalescente da una malattia che per lei poteva essere mortale, noi non la
sottoponiamo a prove sportive troppo pesanti, ad esempio alla corsa della
maratona.
La questione della lingua sarda oggi 161

3. D’altra parte è molto importante ed anzi è pregiudiziale chiedersi chi e


come abbia promosso in Sardegna questa operazione della «unificazione della
Lingua Sarda». Dagli atti della Commissione regionale di cui ho fatto parte
risulta che ha avuto un certo peso nella determinazione di buona parte dei
membri la seguente mia considerazione: «Se la Autorità politica della Sarde-
gna» – ho detto e scritto – «chiede da noi linguisti una proposta di unifica-
zione della Lingua Sarda, noi non possiamo assolutamente esimerci da essa,
dato che soltanto noi siamo in grado di programmarla e proporla; altrimenti la
nostra stessa serietà professionale ci avrebbe dovuto imporre di non accettare
l’incarico di far parte della Commissione nominata ad hoc».
Lo ripeto e lo sottolineo: questa mia considerazione, entrata negli atti della
Commissione a titolo di mozione, ha avuto un certo peso nella prosecuzione
dei nostri lavori. Senonché, alla lunga io mi sono accorto di avere sbagliato in
quella mia considerazione e sbagliato di grosso: perché nella richiesta di una
«unificazione della Lingua Sarda» la Autorità politica della Regione non è
entrata per nulla o quasi per nulla. Infatti, l’Autorità politica più elevata della
Regione, il Consiglio Regionale non è stato mai investito della questione; e
neppure la Giunta Regionale è stata mai investita della questione nel suo
aspetto politico e culturale, mentre lo è stata solamente per la delibera sullo
stanziamento dei fondi per i lavori della Commissione.
Alla prova dei fatti, chi ha promosso l’idea della «unificazione della Lin-
gua Sarda» e della nomina di una Commissione ad hoc è stato esclusivamente
l’Assessore alla Pubblica Istruzione, il prof. Benedetto Ballero. Ne è manife-
sta e sicura prova la su citata espressione fortemente riduttiva e perfino umori-
stica: «un progetto, anche se non esaustivo, di unificazione linguistica ad
esclusivo uso dell’Assessorato».
D’altra parte è un fatto certo che l’ex-Assessore Ballero non ha mai dimo-
strato un particolare interesse alla questione della Lingua Sarda, che proba-
bilmente neppure parla (ed io non intendo muovergli nessun rimprovero in
proposito, dato che un tale rimprovero si dovrebbe muovere a troppi altri
Sardi). Nessun particolare interesse dell’ex-Assessore Ballero alla questione
della Lingua Sarda, tanto è vero che egli non ha mai presenziato a nessuna
seduta della Commissione e non è mai intervenuto nelle discussioni e polemi-
che che in seguito lo hanno esplicitamente chiamato in causa. Ed allora è del
tutto legittimo il sospetto che egli sia stato preso di sorpresa e di soppiatto da
alcuni individui che gli ronzavano attorno e che si sono perfino nascosti dietro
la umoristica espressione di «unificazione linguistica ad esclusivo uso
dell’Assessorato».
162 Massimo Pittau

In effetti le cose sono andate in questo modo: l’“Osservatorio regionale


per la cultura e la lingua sarda”, eletto a norma dell’art. 5 della citata legge
regionale del 1997, ha proposto all’Assessore alla Pubblica Istruzione di no-
minare una commissione di linguisti o di esperti di lingua sarda, con l’incarico
di fare proposte di carattere generale e specifico in ordine all’applicazione di
quella legge. L’Osservatorio però non ha affatto dato a quella Commissione di
esperti anche l’incarico di proporre una lingua sarda unificata. Ed invece è
avvenuto che qualche individuo furbastro è riuscito ad inserire fra i compiti di
quella Commissione anche la «proposta di una lingua sarda unificata», sia
pure «ad uso esclusivo dell’Assessorato».
Orbene, è mai possibile che si tenti una operazione di così alta valenza
politica e culturale e perfino storica, come la unificazione della Lingua Sarda,
senza che il Consiglio Regionale e senza che la Giunta Regionale abbiano mai
discusso il problema e tanto meno preso una decisione in merito, solamente
perché qualche individuo, ben individuato, è riuscito ad ingannare la buona
fede di un Assessore? È mai possibile che si tenti di mandare avanti una ope-
razione così importante e radicale «in un sottoscala» – come ha detto il mio
amico Michele Columbu – sia pure «in un sottoscala» di un Assessorato re-
gionale?
Senonché i risultati di questa operazione che io non esito a definire “furbe-
sca” e perfino “truffaldina”, sono ormai sotto gli occhi di tutti: i Campidanesi,
i Nuoresi, i Galluresi ed i Sassaresi si sono ribellati, essi che costituiscono gli
otto decimi dell’intero popolo sardo; la stampa regionale, non soltanto quella
quotidiana, ma anche molta di quella periodica, si è opposta totalmente, per-
fino gettando il ridicolo sulla operazione che ci si illude di mandare avanti.
Martedì 13 novembre 2001 il Consiglio Comunale di Quartu Sant’Elena, la
terza città della Sardegna per numero di abitanti, ha approvato alla unanimità
una delibera con cui ha respinto l’ipotesi di adottare la cosiddetta Lingua
Sarda Unificata. E pare che la stessa cosa intenda fare il Consiglio Comunale
di Quartucciu (vedi La Nuova Sardegna del 15 novembre 2001). E vivace e
motivata opposizione ha manifestato lo storico Lorenzo del Piano nel numero
di novembre del periodico Sa Republica. Dunque questo “pasticcio”, per non
dire questa “truffa” della unificazione della Lingua Sarda ad uso esclusivo
dell’Assessorato Regionale alla Pubblica Istruzione sta mettendo i Sardi gli
uni contro gli altri e, peggio, sta mettendo a repentaglio lo stesso processo di
riappropriazione della loro lingua da parte dei Sardi.

4. Ma in fin dei conti e nella sostanza è opportuno e perfino necessario pro-


porci questa domanda: Ma è proprio necessaria, è proprio urgente questa uni-
La questione della lingua sarda oggi 163

ficazione della Lingua Sarda, che in effetti sta provocando così numerose e
gravi discordie fra i Sardi?
Nella realtà pratica i Sardi attualmente parlano dialetti e suddialetti che
fanno capo alle due grandi varietà della Lingua Sarda, il campidanese e il
logudorese. Nella Sardegna settentrionale si parla la varietà dialettale gallu-
rese-sassarese, che, pur non essendo propriamente sarda, viene comunene-
mente compresa dai sardoparlanti e viceversa. Dunque, che c’è di strano, che
c’è di allarmante nel fatto che noi Sardi attualmente parliamo tre varietà dia-
lettali, l’una facilmente comprensibile o interscambiabile con l’altra? Anche i
Greci antichi, nello stesso periodo della migliore fioritura della loro meravi-
gliosa civiltà, non avevano una “lingua greca unificata”, bensì parlavano tre o
quattro grandi varietà dialettali della loro lingua. Né essi hanno mai sentito
l’esigenza di tentare la unificazione della loro lingua greca, né per il loro par-
lare dialettale e suddialettale si sono mai sentiti a disagio né complessati ri-
spetto agli altri popoli contemporanei. L’unificazione della lingua greca –
d’altronde non del tutto completa – è venuta spontaneamente da sé, con la
koinè diálektos, e nel periodo della decadenza della civiltà greca.
Ed allora proponiamoci anche quest’altra domanda: Perché noi Sardi at-
tuali dovremmo sentirci a disagio per il fatto che parliamo tre diverse varietà
dialettali, perché ci dovremmo sentire complessati per questo fatto rispetto
alle altre popolazioni dell’Italia e dell’Europa?.
A questo proposito ritengo importante segnalare che nella Commissione
qualche collega aveva insistito a lungo sul fatto che, a suo dire, in realtà non
esisterebbe il dialetto campidanese né esisterebbe il dialetto logudorese, men-
tre esisterebbero solamente i dialetti di ciascuna delle circa 400 località
dell’Isola. E questa sua tesi sosteneva anche basandosi sulle ricerche analiti-
che di fonologia sperimentale mandate avanti dal linguista Michele Contini
dell’Università di Grenoble. Il mio collega Giulio Paulis ed io ritenevamo di
avere rintuzzato questo punto di vista in seno alla Commissione, ed invece io
me lo sono sentito ripetere in questo Convegno sulla Lingua Sarda che si è
svolto a Berlino.
Ragion per cui metto sotto l’analisi di chi mi ascolta questa considera-
zione: se ci si pone esclusivamente sul piano della stretta analisi fonologica,
dobbiamo anche riconoscere che neppure i singoli dialetti delle singole loca-
lità dell’Isola esistono, dato che, come è noto, ciascun parlante adopera un suo
particolare e personale linguaggio, adopera cioè il suo “idioletto”. Se dunque
qualcuno insiste sul fatto che non esisterebbero le due grandi varietà dialettali
del sardo, il campidanese e il logudorese, allora deve anche accettare di rico-
noscere che non esistono neppure i dialetti di Noragugume, di Samugheo, di
164 Massimo Pittau

Samassi, di Orgosolo e di Luras e di conseguenza che la lingua sarda si identi-


fica totalmente ed esclusivamente col parlare di Melis Efisio di Senorbì, con
quello di Porcu Gavino di Olzai, di Sanna Pasquale di Oschiri e così di se-
guito. Col risultato finale che, chi accettasse questa prospettiva, da una parte
dovrebbe riconoscere che neppure la lingua italiana, né quella francese né
quella inglese esistono, dall’altra dovrebbe pure rinunziare a fare linguistica
scientifica, dato che, come è abbastanza noto, si può fare la scienza dell’uni-
versale o almeno del generale, mentre non si può fare scienza del particolare o
individuale.
Tutto al contrario, perché dobbiamo affermare, in termini esatti di scienza
linguistica, che la parlata campidanese esiste realmente, così come esiste re-
almente la parlata logudorese? Per due differenti ed importanti ragioni: a) Nel
campo della lingua, di tutte le lingue, assume un ruolo enorme la coscienza o
consapevolezza linguistica dei parlanti. Nel Capo di Sotto, cioè in tutto il
Meridione dell’Isola, i singoli parlanti, anche quando parlano con individui di
altre località della Sardegna meridionale, hanno piena consapevolezza di
avere a che fare con la medesima ed unica parlata campidanese. E questa
stessa piena consapevolezza c’è nella situazione contraria, quando cioè essi
parlano, comprendendosi alla perfezione, con individui che vengano dall’area
del Marghine oppure del Goceano: questi altri Sardi parlano un’altra varietà
del sardo, la parlata logudorese. b) Noi linguisti, con in testa il grande Wag-
ner, abbiamo avuto il grande torto di prestare poca o punta attenzione alla
parlata campidanese dei poeti e degli scrittori. Ebbene tutti questi adoperano
una varietà di lingua letteraria che è universalmente conosciuta ed accettata da
tutti i Sardi, anche da quelli dell’area logudorese. Dunque esiste una lingua
letteraria campidanese, come esiste una lingua letteraria logudorese, che noi
linguisti abbiamo avuto il grave torto di trascurare ed anche di ignorare del
tutto. E in effetti dobbiamo perfino riconoscere che se la Lingua Sarda si sal-
verà, sarà pochissimo per merito di noi accademici per gli scritti che abbiamo
prodotto, ma sarà assai di più per merito delle centinaia di poeti sardi che
hanno scritto e stanno scrivendo poesie in lingua sarda o nella parlata logudo-
rese o in quella campidanese.
In effetti si deve considerare che neppure all’epoca del Wagner c’era il
diluvio prima di lui, cioè non c’era il vuoto assoluto alle sue spalle in fatto di
lingua letteraria, perché una certa produzione letteraria, sia in poesia sia in
prosa, esisteva tanto nella parlata logudorese quanto in quella campidanese.
Ed a più forte ragione non si può negare l’esistenza di una odierna produzione
letteraria nelle due parlate fondamentali della lingua sarda, dopo che in
quest’ultimo mezzo secolo è stata effettuata una ricchissima produzione di
La questione della lingua sarda oggi 165

poesia e pure una discreta di prosa sia in logudorese che in campidanese. Ed


abbiamo il dovere di evidenziare non solamente la “quantità” di questa produ-
zione letteraria, ma dobbiamo sottolineare anche la sua “qualità”, cioè i suoi
notevoli passi in avanti sulla via dei valori letterari. Ormai abbiamo numerosi
poeti e scrittori in lingua sarda, logudorese e campidanese, che hanno rag-
giunto discreti livelli di valenza letteraria.
Per merito di tutti questi poeti e prosatori nessuno può negare che esiste
ormai anche una letteratura sarda di valenza almeno discreta; nessuno può
negare che esiste una lingua letteraria ormai totalmente unificata. La Lingua
Sarda ha ormai raggiunto una sua piena unificazione, sia pure rispetto alle sue
parlate fondamentali, quella campidanese e quella logudorese.
Ovviamente io non rinnego l’esigenza che si arrivi ad una unificazione
ulteriore della nostra Lingua Sarda, ma ciò potrà avvenire nel futuro, secondo
procedimenti e secondo tempi che nessun linguista può neppure lontamente
prevedere ed indicare; e saranno procedimenti molto complessi e tempi molto
lunghi. Rispetto a questo problema il primo nostro dovere e interesse è quello
di rimettere in uso la Lingua Sarda in tutte le sue varietà dialettali e perfino
suddialettali; poi si vedrà cosa sarà da farsi. «Andande s’accontzat gárrigu»,
recita un molto saggio proverbio sardo.

5. Ovviamente esiste e si impone in maniera urgente il problema della Lin-


gua Sarda o della sua varietà che, ai sensi delle nuove leggi, regionale e na-
zionale, dovrebbe entrare nella nostra scuola dell’obbligo. Ebbene sull’argo-
mento io mi sento di presentare questa proposta, che del resto è condivisa da
altri autorevoli colleghi:
a) Sul piano del parlato o della lingua orale si dovrebbe fare preciso riferi-
mento al suddialetto di ciascun centro abitato dell’Isola (ad Assemini,
Villamassargia, Neoneli, Orgosolo, Luras, Arzachena, ecc. i bambini ed
i ragazzi dovrebbero parlare il rispettivo suddialetto locale);
b) Sul piano dello scritto invece gli insegnanti dovrebbero presentare agli
alunni come modello la forma comune e letteraria di ciascuna grande va-
rietà della lingua sarda, il campidanese nel Capo di Sotto e il logudorese
nel Capo di Sopra;
c) D’altra parte gli insegnanti dovrebbero preparare ed abituare i loro
alunni ad un passaggio spontaneo da un codice dialettale all’altro; ope-
razione che sarebbe facile mandare avanti facendo leggere e studiare
agli alunni dell’area dialettale campidanese anche poeti e scrittori logu-
doresi e viceversa;
166 Massimo Pittau

d) Questa operazione didattica ed educativa dovrebbe essere mandata


avanti anche nel contatto ed incontro delle varietà dialettali campidanese
e logudorese rispetto a quella gallurese-sassarese e viceversa.
Nelle classi delle scuole delle città sarde che siano frequentate da bambini e
ragazzi che non parlino né capiscano la Lingua Sarda in nessuna sua varietà
dialettale e suddialettale, si può ipotizzare di far loro imparare la LSU, quella
che la nostra Commissione ha proposto per l’uso dell’Assessorato Regionale
della P.I.

6. Nel Consiglio Regionale si dovrebbe consentire l’uso eventuale, da parte


dei singoli consiglieri, di una qualsiasi varietà della lingua sarda ed anche del
dialetto gallurese e di quello sassarese. E ciascun consigliere potrebbe richie-
dere la verbalizzazione del suo intervento appunto nella varietà linguistica da
lui adoperata. Nei Consigli Comunali di ciascun centro abitato si dovrebbe
poter adoperare il suddialetto locale oppure la corrispondente varietà dialettale
comune o letteraria, campidanese o logudorese o gallurese-sassarese; proprio
come si fa già in parecchi Consigli Comunali dell’Isola.
Termino col ribadire che nell’attuale momento storico della Sardegna, con
le sue implicazioni politiche sociali e culturali, nulla di più e nulla di meglio si
possa sperare di conseguire in vista del recupero e del rilancio della nostra
Lingua Sarda. Io non ignoro che qualche mio collega di Commissione ha fatto
e fa proposte molto più avanzate di queste mie, ma, col massimo rispetto del
suo punto di vista ed anzi dichiarando di apprezzare la sua prospettiva di
fondo, a me queste proposte sembrano poco realistiche e soprattutto poco o
punto realizzabili, se non addirittura grandemente pericolose per le forti rea-
zioni negative che esse hanno già provocato da parte della massima parte dei
Sardi.
Parte III

Aspetti multimediali

Aspettos multimediales
Lucia Grimaldi
(Berlino)

Internet: una prospettiva per la promozione


e lo studio delle lingue “minoritarie”

1. Il sardo: lingua “minoritaria”?

Il sardo è una lingua a tutti gli effetti, riconosciuta come tale dallo Stato Ita-
liano con la Legge n. 482 del dicembre 1999 che prevede la «tutela delle mi-
noranze linguistiche storiche» (cfr. Parlamento Italiano 1999). Anche a livello
regionale esiste una legge varata nel 1997 dalla Regione Autonoma della
Sardegna, con la quale ci si ripropone di promuovere la lingua sarda a lingua
ufficiale, allo stesso livello dell’italiano (cfr. RAS).
Per quanto riguarda il numero di sardofoni, è molto difficile farne una
stima, poiché non esistono statistiche ufficiali e, soprattutto, attuali. Le fonti
più pessimistiche contano circa un milione di parlanti.1 Stando a queste cifre,
la lingua sarda figura tra le maggiori lingue “minoritarie” dell’Unione euro-
pea2 e occupa addirittura il primo posto tra le minoranze linguistiche in Italia.
Ciononostante, nell’UNESCO Red Book on Endangered Languages, il sardo
figura tra le lingue in pericolo di estinzione (Salminen 1993). Come può
estinguersi una lingua con un milione di parlanti?
Vorrei illustrare brevemente la situazione del sardo e i fattori che lo ren-
dono lingua “in pericolo”. Dopodiché elencherò alcune caratteristiche di in-
ternet e delle nuove tecnologie dell’informazione che, a mio avviso, lo ren-
dono uno strumento alquanto utile per la promozione e lo studio delle lingue
minoritarie. Infine, nella quarta sezione, presenterò un progetto con sede alla
Freie Universität di Berlino (“Il sardo: storia, struttura e presentazione multi-
mediale”)3 che sfrutta le opportunità offerte da internet per promuovere l’uso
e lo studio della lingua sarda.
170 Lucia Grimaldi

2. Fattori che mettono a rischio la sopravvivenza del sardo

2.1 Lo scambio generazionale

Uno dei maggiori problemi del sardo è costituito dalla decisione di molti
genitori di non usare più il sardo come lingua di comunicazione con i figli,
con il risultato che i giovani non lo imparano più come madrelingua. Questo
fatto si rispecchia nei seguenti dati, rilevati da Euromosaic, relativi alla cono-
scenza del sardo tra parlanti di diverse generazioni:

(1) Conoscenza del sardo in base alla generazione (cfr. Euromosaic 2)4
Ottima Abbastanza Minima Nessuna Senza
buona risposta
Padre 77% 15% 4% 3% 1%
Madre 76% 15% 4% 5% 0%
Fratello 42% 18% 19% 8% 13%
Sorella 36% 15% 17% 8% 24%
Nonni materni 84% 5% 1% 6% 4%
Nonni paterni 83% 6% 1% 4% 6%

Mentre circa l’80% della generazione dei nonni e genitori dichiara di disporre
di un’ottima conoscenza del sardo, nella generazione dei figli la percentuale è
praticamente dimezzata.
Anche altre ricerche confermano questa tendenza. In un’indagine condotta
nel 1988, Sole osserva che mentre solo il 10% della generazione di genitori
dichiara di non parlare per niente il sardo, la percentuale tra i loro figli è del
35%, e circa il 70% dei figli dichiara di sentirsi più a proprio agio con l’italia-
no che non con il sardo (Sole 1990:150, 154).
Questi dati rivelano una tendenza pericolosa: al momento in cui i genitori
smettono di parlare in sardo con i loro figli, la continuità del sardo è minac-
ciata e il pericolo di estinzione diventa improvvisamente molto reale. Un
milione di parlanti è quindi una cifra relativa, se comprende soprattutto par-
lanti di età avanzata e non è garantita la continuità linguistica.

2.2 Diglossia

Esistono diverse ragioni per la rinuncia al sardo da parte dei genitori, una
delle più importanti è forse il timore che essi possano incontrare difficoltà di
integrazione e, di conseguenza, emarginazione e insuccesso nella scuola ita-
Internet: una prospettiva per la promozione e lo studio delle lingue “minoritarie” 171

liana. Questo timore può essere rafforzato dalle esperienze negative a volte
vissute dai genitori stessi nella propria infanzia. Nonostante i diversi tentativi
di singole scuole (soprattutto elementari) di introdurre il sardo come linguag-
gio scolastico, il predominio dell’italiano in questo ambito è tuttora un dato di
fatto.
La scuola però non è l’unico campo in cui, in Sardegna, prevale l’italiano.
Infatti, la maggior parte dei sardofoni parla due lingue, il sardo e l’italiano ma,
ad un’analisi più dettagliata, si può constatare un’asimmetria che riguarda a)
le situazioni in cui si utilizza l’una o l’altra lingua, b) il rispettivo grado di
competenza linguistica.
Mentre il sardo è riservato quasi esclusivamente alla sfera privata, in situa-
zioni più formali, ad esempio in un convegno accademico, si ricorre all’italia-
no.5 Per molti parlanti sardi, il sardo e l’italiano svolgono quindi funzioni di-
verse. Ci troviamo di fronte ad una classica situazione di diglossia.6
Questa specializzazione delle due lingue in diversi contesti comunicativi si
rispecchia anche in una netta differenza di competenze linguistiche. Per il
sardo – lingua di vicinanza7 – i parlanti dispongono di mezzi lessicali e
sintattici adatti ad un codice concettualmente orale, p. es interiezioni, paratassi
ecc., mentre in italiano hanno a disposizione una sintassi più complessa, ter-
minologia specialistica ecc.
Vorrei citare un passo tratto da un messaggio inviato alla nostra lista di
distribuzione SA-LIMBA (cfr. sezione 4.2) per illustrare meglio la situazione:
Deo, pitzinnu in sos annos ’80 e in Ittiri, de situazione diai mala no nd’appo
bida; cussos devent esser istados sos annos chi est incominzadu su “riflusso”: in
iscola nos faghiant faghere sas “ricercas” de sos diccios, de sos muttos, sos
contos, e de sos trabaglios cun tottu sos trastis antigos chi impreaiant sos pasto-
res, sos frailalzos, sos fraigamuros e bai. Pero’, mancari cunsideradu, comente
cosa de cultura, su sardu no est tentu in contu comente dignu a lu faeddare: che-
ret connottu ca est su passadu nostru, no ca juat a lu impreare in presente. Anzis,
su ’e nde faeddare in iscola est, a bisu meu, “il segnale di compiuta normalizza-
zione”: su sardu no iffadat pius, e lu istudiamus appare de Carducci (SA-LIMBA
2967, 22/11/01).
Questo testo manifesta diversi aspetti caratteristici della diglossia: da un punto
di vista formale, saltano all’occhio soprattutto i termini specialistici in italiano
(evidenziati qui – come nel messaggio originale – dalle virgolette). Soprattutto
l’adottamento dell’italianismo ricercas – volutamente segnalato dall’autore
del messaggio tramite le virgolette – lascia trasparire che, nonostante in questa
scuola ci si sia dedicati alla lingua sarda come oggetto di ricerca, la lingua in
cui le ricerche si sono svolte sia stata molto probabilmente l’italiano. Questo
ruolo di materia – piuttosto che lingua – scolastica, è confermato anche dal
172 Lucia Grimaldi

contenuto del messaggio, in particolare dall’espressione «lu istudiamus appare


de Carducci». Anche lo scarso prestigio del sardo accennato sopra («[…] su
sardu no est tentu in contu comente dignu a lu faeddare […]»), è caratteristico
della situazione di diglossia, che favorisce l’italiano ai danni del sardo.
L’asimmetria delle rispettive competenze linguistiche di sardo e italiano è
illustrata in maniera drastica dai seguenti dati:

(2) Differenza di competenze linguistiche tra sardo e italiano8


Comprensione Espressione Comprensione Espressione
orale orale scritta scritta
srd. it. srd. it. srd. it. srd. it.
Ottima 69% 93% 53% 78% 18% 85% 6% 67%
Abbastanza 25% 6% 27% 19% 24% 12% 8% 29%
buona
Minima 5% 1% 18% 2% 42% 2% 30% 4%
Nessuna 0% 0% 2% 0% 16% 0% 55% 0%

Mentre il 94% degli intervistati dichiara di capire il sardo molto o, per lo me-
no, abbastanza bene, solo l’80% dichiara di parlarlo allo stesso livello, solo il
42% è in grado di leggerlo e addirittura appena il 14% di scriverlo almeno ab-
bastanza bene. Si noti che non si tratta soltanto di uno scarto tra competenza
attiva (espressione) e passiva (comprensione), ma soprattutto di una netta dif-
ferenza tra competenza orale e competenza scritta. A mio avviso, questi dati
segnalano che uno dei problemi più gravi per il sardo, è la mancanza di oppor-
tunità di utilizzarlo soprattutto in contesti comunicativi di carattere scritto (a
livello concettuale).9
Se osserviamo infatti i rispettivi dati relativi alla competenza dell’italiano,
possiamo constatare che praticamente tutti coloro che dichiarano di capire
l’italiano ritengono allo stesso tempo di saperlo leggere e anche la differenza
tra espressione orale e scritta è poco significativa. Abbiamo invece una diffe-
renza sorprendente tra il 69% degli intervistati che dichiara di capire molto
bene il sardo, e solo il 18% convinto di saperlo leggere altrettanto bene. La
stessa asimmetria vale per la competenza attiva: solo il 2% dichiara di non
parlare per niente il sardo, ma il 55% ritiene di non saperlo scrivere.10 La dif-
ferenza tra competenze orali e scritte conferma la situazione di diglossia e il
pericolo di estinzione che ne risulta per il sardo.
Internet: una prospettiva per la promozione e lo studio delle lingue “minoritarie” 173

2.3 Frammentazione dialettale e standardizzazione

Un altro problema del sardo consiste nella sua forte variazione diatopica che
sfavorisce lo sviluppo di uno standard ortografico. Infatti, bisogna distinguere
almeno due grandi varietà: il campidanese nella Sardegna meridionale e il
logudorese nella parte settentrionale dell’Isola.11 Inoltre esistono due varietà
minori per quanto riguarda il numero di parlanti, il sassarese e il gallurese,
rispettivamente a nord-ovest e nord-est dell’Isola, la cui appartenenza alla
lingua sarda non è incontestata tra i linguisti, ma che, per ragioni di carattere
soprattutto sociolinguistico, vanno comunque tenute in conto per lo sviluppo
di un futuro standard.
Il dibattito più acceso è quello tra i sostenitori del logudorese e i difensori
del campidanese. Mentre a quest’ultimo viene attribuito tradizionalmente il
maggior numero di parlanti,12 il logudorese godrebbe di maggior prestigio
grazie alla sua tradizione storica e letteraria, posizioni evidenziate dalla se-
guente citazione:
Per concludere, mi sembra che se gli studiosi hanno deciso di adottare nella
scrittura di documenti il sardo logudorese e non il campidanese, dipende dal
fatto che, se questa ultima variante è superiore come numero di parlanti, la va-
riante logudorese è quella più usata nei premi letterari presenti in Sardegna (So-
linas 2000).
Inoltre, soprattutto le varietà del logudorese o sardo centrale (cioè i dialetti
della regione di Nuoro) hanno spesso ricevuto grande attenzione da parte della
linguistica grazie al loro presunto carattere latineggiante, diagnosticato ad
esempio nel mantenimento della consonante latina /k/ davanti alle vocali ante-
riori /e/, /i/, p. es. in crescher (‘crescere’).13
Questa forte variazione diatopica ha impedito finora la creazione di una
varietà di riferimento adottabile come norma ortografica standard, ad esempio
per l’uso amministrativo o la pubblicazione di testi scolastici. Nel 2001, la Re-
gione Autonoma della Sardegna ha presentato una proposta di Limba Sarda
Unificada (LSU) basata soprattutto sul logudorese (cfr. Contini in questo vo-
lume), fatto che ha dato luogo a numerose controversie, cosicché, al momento,
la questione di una norma ortografica rimane aperta.

2.4 La situazione del sardo

Per concludere questa sezione, possiamo constatare da un lato un calo del nu-
mero di parlanti di lingua sarda dovuto allo scambio generazionale, d’altro
174 Lucia Grimaldi

canto un uso del sardo limitato quasi esclusivamente alla sfera privata e, di
conseguenza, soprattutto orale. Inoltre abbiamo un predominio dell’italiano in
numerosi contesti comunicativi, soprattutto di carattere concettualmente
scritto, nei quali l’uso del sardo è piuttosto insolito, dato confermato dalla
scarsa competenza del sardo nell’ambito dello scritto riscontrata da Euromo-
saic (cfr. sezione 2.2). La situazione è aggravata inoltre dalla mancanza di
norme ortografiche per la pubblicazione di testi in sardo. Qualunque tentativo
di promozione del sardo deve quindi mirare a promuoverne l’utilizzo in tutti i
contesti comunicativi, per fare sì che il sardo diventi una lingua a tutti gli ef-
fetti, cioè utilizzabile in qualsiasi occasione.
Nonostante la lingua sarda non si possa dunque considerare minoritaria in
quanto al numero di parlanti, essa è comunque “in pericolo” per i motivi de-
scritti sopra. Si potrebbe definire (troppo) poco usata, termine che tra l’altro è
già stato adottato anche a livello ufficiale, ad esempio dall’European bureau
of lesser used languages (‘Ufficio europeo per le lingue meno usate’).14

3. Il contributo di internet alla promozione delle lingue


“minoritarie”

3.1 Tutela e promozione delle lingue “minoritarie”

Le classiche lingue “in pericolo” hanno un numero molto limitato di parlanti e


necessitano di una certa tutela proprio in senso di preservazione, poiché con la
scomparsa dei pochi parlanti sono destinate ad estinguersi. In questo caso è
soprattutto necessario un sistema di documentazione e archiviazione di dati
linguistici in modo da poterle conservare anche dopo la scomparsa dell’ultimo
parlante. Una “rivitalizzazione” è praticamente esclusa. Per il sardo la situa-
zione, forse, non è ancora così drammatica. Esiste un numero sufficiente di
parlanti per poter capovolgere la situazione. Certo, è necessaria una scelta,
non solo da parte dei parlanti ma anche da parte delle istituzioni politiche e
culturali, a favore del mantenimento in vita del sardo.
Il riconoscimento politico è già avvenuto (cfr. sezione 1). Bisogna però
colmare la lacuna tra teoria e prassi. Per mantenere in vita il sardo c’è un solo
sistema: usarlo e fare sì che sia usato il più possibile. In termini sociolingui-
stici: è necessaria un’estensione dell’uso del sardo a tutti gli ambiti comunica-
tivi (extensiver Ausbau, Koch 1988:344). Chiaramente per poter utilizzare il
sardo in contesti nuovi è necessaria un’estensione dei mezzi linguistici, so-
Internet: una prospettiva per la promozione e lo studio delle lingue “minoritarie” 175

prattutto lessicali (intensiver Ausbau, Koch 1988:344), presupposto che, a sua


volta, è realizzabile soltanto se ci si sforzerà di affrontare contesti comunica-
tivi nuovi in lingua sarda. Un altro fattore da non sottovalutare è la promo-
zione della conoscenza del sardo anche al di fuori della Sardegna, sia tra gli
emigrati sardi e i loro figli sia tra gli stranieri.
In conclusione, si può dire che il sardo oltre alla classica tutela di tipo
“museale” (sotto forma di archivi o documentazioni), ha bisogno di una pro-
mozione attiva, di una vera e propria “rianimazione”. Per riprendere la dia-
gnosi di Pittau (in questo volume), bisogna: «[…] togliere la Lingua Sarda da
una gravissima malattia, quella del suo mancato uso dalle nuove generazioni
dei Sardi e quella del pericolo della sua morte o scomparsa totale […]».

3.2 I vantaggi di internet

Come possono contribuire internet e le nuove tecnologie dell’informazione


alla rianimazione del sardo? Grazie a diverse caratteristiche di questi nuovi
media, essi possono favorire la documentazione, l’informazione, la comunica-
zione e l’analisi linguistica, a nostro avviso aspetti cruciali della promozione
delle lingue meno usate.

3.2.1 Memoria
Innanzitutto le nuove tecnologie dell’informazione hanno il vantaggio di di-
sporre di un’enorme capacità di memoria, possono conservare quindi ingenti
quantità di dati linguistici e favoriscono dunque la documentazione della lin-
gua prescelta. Essa può svolgersi sotto forma di testi, ma anche di files audio
(cfr. Kattenbusch/Köhler in questo volume) e video e rappresenta un rispar-
mio di spazio rispetto a metodi di archiviazione tradizionali. In che modo la
documentazione può contribuire a rianimare il sardo? Se viene messa a dispo-
sizione della comunità linguistica insieme ad adeguati motori di ricerca, può
costituire un punto di riferimento per eventuali incertezze. Soprattutto per una
lingua che non possiede una norma ortografica, potersi orientare ad una quan-
tità significativa di dati può essere utile, senza dimenticare il possibile valore
di un corpus linguistico del sardo per lo sviluppo di uno standard.

3.2.2 Rapidità e interattività


Uno dei maggiori vantaggi di internet in generale è la rapidità dell’accesso e
dello scambio di informazioni di qualsiasi tipo. La ricerca viene assecondata
dalla strutturazione delle informazioni sotto forma di collegamenti ipertestuali
176 Lucia Grimaldi

che consentono una navigazione rapida ed effettiva ad un largo pubblico.


Grazie all’interattività è possibile inoltre uno scambio reciproco di informa-
zioni: gli amministratori di un sito possono servirsi di moduli interattivi che
facilitano la raccolta automatica di informazioni fornite dai visitatori. La pos-
sibilità di un’archiviazione automatica facilita a sua volta il compito della
documentazione descritto sopra.
A parte il contatto immediato tra linguisti e parlanti per lo scambio di dati,
si può instaurare una comunicazione diretta tra i parlanti stessi. Come già
accennato, il sardo finora è riservato soprattutto alla sfera familiare e locale;
ciò che serve è una maggiore diffusione al di fuori di questa sfera e, automati-
camente, un’apertura anche ad altri contesti comunicativi. Internet in questo
caso offre la possibilità non solo di oltrepassare la sfera familiare e locale ma
anche di passare da un codice prevalentemente orale ad un codice scritto (per
lo meno dal punto di vista del medium utilizzato).

3.2.3 Accessibilità economica


Anche dal punto di vista economico, internet è ideale per la promozione delle
lingue meno usate: innanzitutto le spese di allestimento di un sito sono abba-
stanza modeste ma, soprattutto, sono indipendenti dall’indice di gradimento
del portale. Considerando che il maggior problema delle lingue meno usate
consiste nella loro scarsa diffusione, e che spesso i mass media tradizionali –
come la stampa, la radio e la televisione – non sono accessibili in queste
lingue, poiché si teme di non poter contrappesare le alte spese di produzione
con un numero sufficiente di utenti, internet può rappresentare un’alternativa
attraente.15 L’uso di internet è ideale soprattutto per iniziative prive di risorse
economiche, situazione purtroppo molto diffusa nel campo della promozione
delle lingue meno usate.

3.2.4 Modernità
Le lingue minoritarie sono spesso associate alla tradizione e quindi, quasi per
definizione, al passato. Senza voler minimizzare il valore della tradizione o
considerare la modernità come bene in sé, resta il fatto che l’immagine spesso
un po’ “folcloristica” delle lingue minoritarie non sempre le rende attraenti
agli occhi dei giovani, tra i quali, come constatato nella sezione 2.1, la com-
petenza del sardo è già drammaticamente scarsa. La presenza del sardo in
internet può contribuire ad incentivarne l’uso tra i più giovani e ad estenderne
l’applicabilità a nuovi contesti comunicativi, in particolare alla sfera dello
scritto.
Internet: una prospettiva per la promozione e lo studio delle lingue “minoritarie” 177

3.2.5 Spontaneità
Nonostante internet offra l’opportunità abbastanza rara di leggere e scrivere in
sardo, riteniamo che esso si distingua nettamente da altri mezzi di comunica-
zione di carattere scritto, come ad esempio la stampa. Innanzitutto abbiamo
una differenza di accessibilità: scrivere in un giornale è un privilegio riservato
ad un numero abbastanza ristretto di persone, scrivere in internet è alla portata
di (quasi) tutti.16 Oltre all’accessibilità bisogna però considerare un’altra diffe-
renza tra la stampa ed internet: la soglia psicologica da oltrepassare prima di
rivolgersi ad un giornale, ad esempio con una lettera aperta, è molto più alta
che non quella di internet, fatto riconducibile probabilmente al carattere speci-
fico del medium stesso, che da un punto di vista concettuale è da considerarsi
più vicino a codici concettualmente orali, cioè più spontanei.17

3.2.6 Internazionalità
Un altro aspetto importante di internet è la possibilità di garantire alla lingua
meno usata una presenza a livello internazionale al pari di altre lingue, senza
l’intermediazione mediante la lingua dominante, nel nostro caso l’italiano:
Secondo Aracil (1983:181 sgg.), una delle caratteristiche fondamentali delle lin-
gue minoritarie è il fenomeno dell’interposizione […]. L’ambito della lingua x
(nel nostro caso il sardo) è circondato da quello di y (l’italiano). Gli ambiti di v,
w, z (altre lingue, come l’inglese, il tedesco o il francese) e y sono tutti in con-
tatto immediato fra loro, mentre quello di x è in contatto diretto solo con quello
di y. Ciò vuole dire, in parole povere, che i parlanti di altre lingue conoscono la
cultura e la lingua sarda soltanto attraverso il filtro dell’italiano (Mensching
1999:188 sg.).
L’opportunità di scrivere in sardo, associata al prestigio donato alla lingua
dalla considerazione da parte di istituzioni anche estere, può migliorare la
valutazione del sardo da parte dei propri parlanti e farlo conoscere a livello
internazionale. L’internazionalità favorisce inoltre una partecipazione da parte
delle comunità di emigrati che possono mantenere vivi i legami con il proprio
idioma.

3.2.7 Studio linguistico


Un vantaggio indiretto di internet che sta a cuore soprattutto a noi linguisti
consiste nel fatto che i fattori appena elencati favoriscono lo studio delle lin-
gue minoritarie. Nel nostro caso, l’internazionalità di internet permette a stu-
diosi anche non sardi (e non italiani) di dedicarsi al sardo come oggetto di
ricerca. I dati linguistici raccolti e archiviati tramite internet possono essere
178 Lucia Grimaldi

messi a disposizione degli studiosi di lingue. Il fatto di avere a disposizione un


corpus elettronico facilita l’analisi dei dati, sia manuale che automatica; ipo-
tesi linguistiche possono essere, se non verificate, almeno controllate; d’altro
lato l’osservazione di un largo numero di dati può portare ad ipotesi nuove.
L’analisi può essere ulteriormente facilitata da programmi sviluppati da lin-
guisti informatici, quali programmi di concordanza, parser morfologici e sin-
tattici ecc.

4. Il sito: Limba e Curtura de sa Sardigna

Dopo aver sviluppato una visione generale di quello che può essere il contri-
buto di internet alla promozione delle lingue minoritarie, vorrei presentare il
nostro progetto dedicato alla storia, struttura e presentazione multimediale del
sardo.
L’obiettivo principale di questo progetto, collocato al Dipartimento di
Filologia Romanza della Freie Universität di Berlino dall’aprile del 2000
consiste nell’esplorazione di diversi aspetti linguistici del sardo. Oltre a me-
todi e strumenti di ricerca tradizionali si ricorre a moderne tecnologie dell’in-
formazione. A questo proposito, negli anni 1994-1999, venne allestito il sito
web Limba e curtura de sa Sardigna presso l’Università di Colonia, a cura di
Guido Mensching, autore di una grammatica sarda per tedeschi (Mensching
1994), con la collaborazione di Eva-Maria Remberger e Jürgen Rolshoven.
Nell’ambito dell’attuale progetto, la redazione del sito è stata trasferita alla
Freie Universität di Berlino.
In principio, il sito fu creato con l’obiettivo di presentare la lingua sarda in
internet. Col passare degli anni, grazie alla crescente notorietà del sito e
quindi alla maggior partecipazione della comunità sarda, esso si è trasformato
in un vero e proprio strumento di promozione della lingua sarda con quattro
fattori chiave: informazione, comunicazione, documentazione, ed analisi lin-
guistica.

4.1 Informazione

La pagina di entrata e punto di partenza della navigazione offre un panorama


delle risorse del portale.
Internet: una prospettiva per la promozione e lo studio delle lingue “minoritarie” 179

(3) Ingresso del sito Limba e Curtura de sa Sardigna

Partendo da essa si possono ottenere informazioni in sardo e/o intorno alla


lingua e cultura sarda, in parte fornite dagli autori del sito, in parte dai visita-
tori. Troviamo ad esempio pagine dedicate alla storia della Sardegna e della
lingua sarda, al dibattito sulla standardizzazione, oltreché informazioni sulle
principali caratteristiche del sardo. Un’altra pagina importante è quella dedi-
cata allo stato legale del sardo, che documenta non solo le diverse leggi che
hanno conferito al sardo il riconoscimento ufficiale ma anche i protocolli delle
sedute del senato alla vigilia del varo della Legge 482, così come diverse rea-
zioni della stampa italiana e sarda. Oltre alle informazioni di carattere lingui-
stico, sono presenti numerosi riferimenti ad organizzazioni per la tutela delle
lingue minoritarie e, naturalmente, ad altri siti dedicati alla lingua e cultura
sarda.
La concentrazione di informazioni relative al sardo accessibili in Internet
tramite hyperlinks e la presentazione di informazioni linguistiche in maniera
sistematica fanno sì che il nostro portale sia un punto di riferimento per la
ricerca di informazioni relative al sardo. In questo settore è in preparazione
un’attualizzazione dei dati e una presentazione che permetta una navigazione
più comoda ai visitatori. Parti del sito attualmente disponibili solo in tedesco o
in inglese verranno tradotte in sardo.
180 Lucia Grimaldi

4.2 Comunicazione

Uno dei maggiori obiettivi del sito è la promozione dell’uso del sardo. Grande
spazio è riservato quindi alla comunicazione in lingua sarda. Dal gennaio del
1999, la mailing list SA-LIMBA18 offre la possibilità di discutere in sardo di
argomenti relativi alla lingua, cultura, politica e storia sarda. Il vantaggio delle
mailing list è evidente: con un solo messaggio ci si può rivolgere ad un gran
numero di persone che posseggono lo stesso interesse, nel nostro caso, comu-
nicare in sardo. La nostra esperienza con il forum di discussione SA-LIMBA
ne dimostra l’idoneità quale mezzo per la promozione della lingua sarda, so-
prattutto per le seguenti ragioni:
In primo luogo abbiamo potuto constatare che per la comunicazione elet-
tronica non è necessario uno standard. Questa situazione ci rende indipendenti
da decisioni politiche relative alla standardizzazione. Ciò non significa che il
sardo non abbia bisogno di uno standard, ma che, in ogni caso, la comunica-
zione in internet sia possibile anche senza. Infatti, nonostante la comunicazio-
ne in sardo al di fuori della propria varietà locale sia piuttosto inconsueta, SA-
LIMBA dimostra che può funzionare. A nostro avviso, una delle novità più
importanti per i membri di SA-LIMBA è l’esperienza di capirsi in sardo anche
utilizzando diverse varietà dialettali, senza bisogno di passare automaticamen-
te all’italiano, strategia normalmente adottata nella comunicazione “interloca-
le”. Un forum come SA-LIMBA può dunque rappresentare un punto di parten-
za per prendere l’abitudine di usare il sardo anche con estranei, provenienti da
altre località.
È necessario inoltre considerare che, per la maggior parte dei parlanti sar-
di, scrivere in sardo rappresenta una situazione insolita e, non disponendo di
una norma ortografica, essi provano insicurezza nei confronti delle proprie
scelte ortografiche. Abbiamo ricevuto numerose e-mail di sardofoni che “con-
fessavano” di scrivere in sardo per la prima volta, e, nonostante dichiarassero
di avere incertezze per quanto riguarda l’ortografia, hanno continuato a scrive-
re alla lista di distribuzione SA-LIMBA. A nostro avviso, ciò è dovuto al carat-
tere spontaneo e spesso informale di internet (cfr. sezione 3.2.5), che assecon-
da l’uso scritto del sardo e ne contribuisce in tal modo alla promozione.
Va considerato inoltre il punto di vista psicologico: per un gran numero di
sardofoni, scrivere in sardo significa anche rendersi conto per la prima volta
che si tratta veramente di una lingua a tutti gli effetti. Inoltre, tra i membri di
SA-LIMBA, si trovano alcuni abbonati non sardi che hanno imparato il sardo
come lingua straniera. L’esperienza di vedere il sardo considerato da questi
Internet: una prospettiva per la promozione e lo studio delle lingue “minoritarie” 181

come una tra le tante lingue straniere, quali l’inglese, il francese ecc., contri-
buisce certamente ad aumentarne il prestigio.
Un altro vantaggio di SA-LIMBA consiste nella complessità degli argo-
menti in parte discussi, quali, ad esempio, la standardizzazione linguistica. So-
prattutto argomenti di carattere linguistico o linguistico-politico rappresentano
una sfida per i sardofoni, obbligati a trovare mezzi linguistici adatti per fare
fronte a queste discussioni in sardo. Anche se, probabilmente, non tutti i mem-
bri di SA-LIMBA dispongono di una competenza così amplia del sardo, essi
hanno almeno la possibilità di entrare in contatto con un sardo molto elabora-
to.
Dal punto di vista della promozione del sardo a livello internazionale non
vanno dimenticate le numerose richieste di traduzione in sardo da parte di
persone interessate ad una presenza telematica multilingue, tra le quali ad
esempio un prestigiatore americano, un biologo sloveno e un chimico della
Repubblica ceca.19 Dal novembre del 2000 i visitatori del sito hanno inoltre la
possibilità di “chiacchierare” in sardo in real time: è stato allestito un chat in
sardo (tzarra) suddiviso in una stanza virtuale pubblica e una privata.20

4.3 Documentazione

Oltre ad una raccolta di testi sardi di diverso tipo e varietà dialettale (Sardi-
nian Text Database), inoltratici dai visitatori del nostro sito e catalogati speci-
ficandone la varietà, anche le e-mail inviate a SA-LIMBA (e quindi pubbliche)
sono state archiviate fin dall’inizio e costituiscono un corpus del sardo attuale
di valore linguistico inestimabile. L’archivio di SA-LIMBA, che comprende ol-
tre 7000 messaggi, è pubblico e (in gran parte) disponibile in rete. Come le
lettere elettroniche, anche il chatroom pubblico viene archiviato e messo a di-
sposizione della ricerca linguistica, per la quale entrambi gli archivi, grazie al
carattere spontaneo (Nähesprache, cfr. note 7 e 17) della posta elettronica e
del chat (cfr. sezione 3.2.5), rappresentano un’opportunità di studio veramente
unica.
Per poter mettere a disposizione il corpus per analisi linguistiche, è in
progetto una codificazione – in parte automatica – col linguaggio di annota-
zione XML in accordo con le norme della Text Encoding Initiative (TEI).
182 Lucia Grimaldi

4.4 Analisi linguistica

Alcuni risultati preliminari di studi linguistici che usufruiscono dei mezzi


messi a disposizione dal nostro sito sono stati presentati in forma di relazioni
dai collaboratori al progetto in occasione di diversi congressi e sono accessi-
bili sul nostro portale (cfr. nota 3). Non appena la codificazione del corpus a
nostra disposizione avrà raggiunto un livello sufficientemente avanzato, si
intensificheranno gli studi riguardanti aspetti sintattici, morfologici e lessicali
del sardo. Incorporando tecnologie interattive sarà inoltre possibile condurre
inchieste sistematiche con parlanti di madrelingua sarda per il chiarimento di
questioni linguistiche particolari.
Al momento, sul nostro portale sono a disposizione un programma di ri-
cerca di parole sarde e un vocabolario interattivo e sono in progetto altri tools
di ricerca (p. es. un motore di ricerca per siti sardi, una bibliografia online del
sardo ecc.).

4.4.1 Il motore di ricerca di parole sarde


Questo programma, ideato da Guido Mensching, consente di cercare una de-
terminata parola chiave in tutti i testi della Sardinian Text Database (STD) ed
emette una lista dei risultati secondo il metodo KWIC (KeyWord In Context),
cioè indicandone non solo il testo di provenienza, ma mostrando anche il
contesto diretto di tutte le occorrenze della parola chiave.
Vorrei dare un esempio per illustrare un’applicazione pratica del metodo:

(4) Estratto del risultato della ricerca del suffisso -ait21

http://www.lingrom.fu-berlin.de/sardu/Sardinian-Text-Database/Jaccu.html
ommente fachere, fintzas ca su tempus colait e fit imbezzande. Aiat tentu m
opera de maghiarjos. E gae, su nostru, colait su prus de su tempus solu che
e sos tzichirrios de unu sorichittu chi abaidait pacu cumbintu su traballu de c
e pacas paraulas e pacas allegas. Arribait dae unu locu gae luntanu c
ssione podiat pessare. Jaccu incumintzait gae a fachere su dischente
a fachere su dischente ’e su frailarju, li colait sos attrezzos e li narait si una f
su frailarju, li colait sos attrezzos e li narait si una forma podiat andare ve
Che fin giae colados vint’annos e Jaccu ispedait chin passentzia de podere cumpre

In alcuni dialetti sardi esiste una categoria verbale analoga al passato remoto
italiano. I suffissi per la realizzazione di questo tipo di passato variano a se-
Internet: una prospettiva per la promozione e lo studio delle lingue “minoritarie” 183

conda della zona dialettale, ad esempio troviamo il suffisso -ait (terza pers.
sing.) nel logudorese centrale (colait, narait ecc). Immettendo questo suffisso
come sequenza chiave nel motore di ricerca se ne ottengono tutte le occorren-
ze presenti nella STD (v. sup. graf. 4). Grazie a questo metodo si possono ve-
rificare sia i tipi di contesto in cui si fa ricorso al passato remoto sia le varietà
dialettali che si servono della suffissazione con -ait. Nel nostro caso, il risul-
tato della ricerca conferma le aspettative che prevedono forme verbali termi-
nanti in -ait soprattutto nel logudorese centrale.22

4.4.2 Il dizionario interattivo (Ditzionàriu Basilare de sa Limba Sarda)


Un altro tool presente sul nostro portale è il dizionario italiano/sardo ideato da
Eva-Maria Remberger.23 La caratteristica principale di questo dizionario è
l’interattività: esso contiene le parole italiane più comuni ed invita i visitatori
del sito a fornirne la traduzione in sardo. La compilazione del dizionario av-
viene in maniera completamente automatizzata. Prima di poter fornire dati al
dizionario è necessario compilare un questionario, naturalmente anonimo, che
richiede alcune informazioni di carattere sociolinguistico: età, sesso, luogo di
nascita, luogo di residenza, varietà sarda parlata ecc. Dopodiché si ottiene una
password, con la quale si ha accesso al modulo per aggiungere entrate al di-
zionario: si sceglie la parola italiana da tradurre e se ne immette la traduzione,
la varietà dialettale del vocabolo inserito e, facoltativamente, commenti di
ogni tipo (spesso si tratta di tipici contesti del rispettivo vocabolo).
Il vantaggio di questo dizionario – a parte il fatto che si compila pratica-
mente in maniera automatica e richiede solo un minimo di controllo per evi-
tare l’inserimento di dati assurdi – è che fornisce non solo i vocaboli sardi
corrispondenti alla parola italiana immessa nel motore di ricerca, ma ne indica
inoltre la provenienza dialettale. Immettendo ad esempio la parola bacio otte-
niamo i seguenti risultati:

(5) Risultati della ricerca della parola bacio

Paraula italiana: bacio


Tradutzione a su sardu: basiru
Bidda: Iglesias

Paraula italiana: bacio


Tradutzione a su sardu: basu (’asu)
Bidda: Iscanu
Commentos: Dami unu (b)’asu
184 Lucia Grimaldi

Paraula italiana: bacio


Tradutzione a su sardu: vasu
Bidda: Oliena

I tre risultati rinvenuti dal dizionario provengono da Iglesias (campidanese),


Scano Montiferro (logudorese) e Oliena (sardo centrale). Interessanti dal pun-
to di vista linguistico sono i risultati di Oliena e Scano Montiferro che rispec-
chiano una regolarità fonologica dei relativi dialetti, cioè la spirantizzazione
della B latina iniziale che diventa /v/ ad Oliena (BASIUM Æ vasu) e addirit-
tura scompare in posizione intervocalica a Scano Montiferro (unu ’asu).24 Ol-
tre alla ricerca di singoli vocaboli è possibile sfogliare l’intero dizionario (che
al momento ha 555 entrate) in ordine alfabetico sia partendo dalle entrate ita-
liane che da quelle sarde.

4.4.3 L’esplorazione linguistica tramite SA-LIMBA


Un altro strumento utile per lo studioso del sardo è il forum di discussione SA-
LIMBA a cui ci si può rivolgere per una raccolta rapida di dati linguistici,
quali giudizi di accettabilità grammaticale, richieste lessicali nei diversi dia-
letti ecc. Con una media di 200 abbonati, SA-LIMBA permette di consultare un
numero abbastanza significante di sardofoni in brevissimo tempo.
In occasione di questo contributo, ho condotto un’inchiesta in SA-LIMBA
chiedendo la traduzione della frase Il cane abbaia nelle diverse varietà sarde.
La stessa frase è stata esplorata dall’Atlante Linguistico Italiano e Svizzero
(AIS:VI, carta 1099) in 20 località sarde nelle quali si riscontrano tre maggiori
tipi lessicali (appeddhare, baulare/baulai e tsaulai),25 con una prevalenza di
appeddhare nel logudorese e di tsaulai nel campidanese, ma senza la possi-
bilità di localizzarne esattamente la relativa isoglossa. Non disponendo di dati
per la zona tra Milis e Mogoro a ovest, Busachi e Cagliari al centro e Baunei e
Perdasdefogu a est, la fascia in cui localizzare l’isoglossa appeddhare/tsaulai
risulta piuttosto ampia (cfr. cartina 6a, spazio grigio).
Con una richiesta a SA-LIMBA e la consultazione del Ditzionariu Basilare
(cfr. 4.4.2) si sono potute aggiungere 16 località alla rete dell’AIS che hanno
reso possibile una notevole riduzione della fascia in cui localizzare potenzial-
mente l’isoglossa appeddhare/tsaulai (cfr. cartina 6b, spazio grigio):
Internet: una prospettiva per la promozione e lo studio delle lingue “minoritarie” 185

(6) (a) Rete della cartina AIS (VI, 1099) (b) Rete arricchita con l’aiuto di internet

appeddhare appeddhare

tsaulai tsaulai

Tengo a precisare che questo metodo non vuole essere metodo di ricerca
esclusivo ma, piuttosto, esplorativo: chiaramente la sua debolezza rispetto ad
un vero e proprio atlante linguistico sta nel fatto di doversi accontentare della
forma grafica fornita dagli informanti, è quindi adatto per analisi lessicali,
morfologiche e sintattiche, e non certo per studi fonologici.
Il vantaggio, però, è altrettanto palese. La ricerca qui presentata è stata ra-
pidissima: 5 minuti per la richiesta alla mailing list, la consultazione del dizio-
nario interattivo e del programma di concordanza, circa un’ora per leggere le
26(!) risposte giuntemi dagli abbonati di SA-LIMBA nel corso di due giorni26 e
sistemare i risultati sulla cartina. Questo sistema rappresenta quindi una possi-
bilità rapida ed economica di una prima esplorazione linguistica o una contro-
prova di dati già registrati in atlanti linguistici (non sempre attuali); esplora-
zione che dovrà naturalmente essere accompagnata da un’investigazione più
accurata, ma anche molto più costosa, nei casi da approfondire qualora si pre-
sentassero risultati apparentemente problematici.
186 Lucia Grimaldi

5. Conclusioni

Gli aspetti qui presentati costituiscono solo una minima parte delle possibilità
di sfruttare le nuove tecnologie dell’informazione a favore delle lingue meno
usate. Ma già questo sito in sé presenta numerosi punti di partenza per conti-
nuare la promozione e lo studio del sardo, non solo nell’ambito del nostro
progetto, ma anche e soprattutto per i visitatori del sito, che, a loro volta, han-
no dato il via a numerose iniziative (p. es. una raccolta di modi di dire sardi,27
un portale con notizie della giornata in sardo,28 studi linguistici che sfruttano il
corpus elettronico ecc.).
Tutte queste iniziative vengono segnalate nella lista di distribuzione SA-
LIMBA e, tramite collegamenti ipertestuali, sul nostro portale che in tal modo
si è trasformato in un centro di raccolta per iniziative dedicate alla promo-
zione e lo studio del sardo. Forse proprio questa autodinamica, possibile gra-
zie alle caratteristiche di internet sopraccitate, costituisce il più grande merito
del sito Limba e Curtura de sa Sardigna. Infine, oltre ai vantaggi per la pro-
mozione e lo studio del sardo, non va dimenticata la grande soddisfazione che
ci conferisce questo progetto, grazie al contatto diretto con i visitatori del sito
e la conferma e partecipazione di coloro che, come noi, vogliono mantenere in
vita la lingua sarda.

Note

1
Le stime variano da un milione (cfr. Mercator) a un milione e mezzo (cfr. Ethnologue 2003, i
cui dati risalgono però al 1977), passando attraverso una cifra di 1,3 milioni segnalati da Euromo-
saic (cfr. Euromosaic 1). Considerando che nel 1991 la Sardegna aveva una popolazione di
1.628.690 persone, che il tasso di emigrazione è tuttora alto e non tutti gli abitanti della Sardegna
parlano sardo, appare più realistico attenersi alle stime più moderate.
2
Tra le 36 lingue “minoritarie” dell’Unione Europea, il sardo occupa il quarto posto come nu-
mero di parlanti – si consideri che solo sei di queste lingue raggiungono il milione di parlanti (cfr.
Generalitat di Catalunya 2001).
3
Il sito web Limba e curtura de sa Sardigna, parte decisiva del progetto, è stato presentato in di-
verse occasioni. Per ulteriori informazioni rimando a Grimaldi/Remberger (2001), Mensching
(1999; 2000) e Remberger (1999).
4
La traduzione dei criteri di valutazione e il calcolo delle percentuali sono stati effettuati dalla
sottoscritta. La percentuale abbastanza alta di risposte negative per la generazione dei figli è pro-
babilmente riconducibile al metodo di inchiesta – piuttosto problematico se si tiene conto dei figli
unici. Si noti però che, anche considerando solo i casi validi, la percentuale dei figli con un’ottima
competenza del sardo rimane comunque inferiore al 50%.
Internet: una prospettiva per la promozione e lo studio delle lingue “minoritarie” 187

5
Cfr. Euromosaic 2: «It [il sardo, n.d.r.] seems to be a language relegated to a highly localised
function of interaction between friends and relatives. Its institutional base is extremely weak and
declining».
6
Mi riferisco alla definizione di Fishman (1963), il quale estende il termine coniato da Ferguson
per situazioni in cui sono coinvolte due varietà della stessa lingua a situazioni con varietà apparte-
nenti a lingue diverse. Tuttavia, la diagnosi di diglossia per la situazione del sardo non è inconte-
stata. Secondo Calaresu, la separazione delle funzioni tra sardo e italiano non sarebbe poi così
netta, e diagnostica piuttosto una situazione di dilalia, nella quale «[...] vi sono impieghi e domini
in cui vengono usati di fatto, ed è normale usare, sia l’una che l’altra varietà, alternativamente o
congiuntamente» (Calaresu 2002:253, n.22). Ciononostante sembra che sia soprattutto l’italiano,
«[...] usato, almeno da una parte della comunità, anche nel parlato conversazionale usuale [...]»
(Calaresu 2002:ibidem), ad invadere gli ambiti di spettanza del sardo. In questo caso la situazione
del sardo risulterebbe ancora più grave, e le considerazioni sviluppate in questa sezione varreb-
bero, a maggior ragione, anche per una situazione di dilalia.
7
Mi riferisco ai termini Nähe (‘vicinanza’) e Distanz di Koch/Österreicher (1990:12), che deno-
minano rispettivamente situazioni di oralità vs. scritturalità concettuali.
8
Cfr. Euromosaic 2: La traduzione dei criteri di valutazione e il calcolo delle percentuali sono
stati effettuati dalla sottoscritta.
9
Come Koch/Oesterreicher (1990:5) distinguo tra scritturalità concettuale, caratterizzata da una
situazione comunicativa di distanza, e scritturalità mediale, caratterizzata semplicemente dall’uti-
lizzo di un medium grafico (ad esempio, anche una conversazione telefonica trascritta e disponi-
bile in forma grafica sarebbe da considerarsi medialmente scritta, sebbene orale da un punto di vi-
sta concettuale).
10
Si tenga presente che non figurano analfabeti in questa statistica; infatti, tutti gli intervistati di-
chiarano di saper scrivere l’italiano.
11
Naturalmente, bisogna tenere presente che queste due varietà principali sono a loro volta molto
eterogenee, cfr. Contini (in questo volume).
12
Bisogna notare però che si tratta di stime contestabili, poiché basate soprattutto sul censimento
nazionale del 1991. Calaresu precisa che «Al di là della generale non scontata coincidenza tra i
dati puramente anagrafici di residenza e quelli linguistici, va qui anche ricordato, per quanto ov-
vio, sia il numero notevole di sardi residenti in altre regioni italiane o addirittura all’estero, sia
l’aumento del numero di residenti provenienti da altre zone dell’Italia, soprattutto nei maggiori
centri urbani della Sardegna» (Calaresu 2002:253, n. 23).
13
Per una revisione critica del “mito” dell’arcaicità del sardo, cfr. i contributi di Bolognesi/Hee-
ringa, Koch, Krefeld e Mensching (in questo volume).
14
Si noti però che il nome italiano ufficiale di questo ente è Ufficio europeo per le lingue meno
diffuse (cfr. Caprioli in questo volume).
15
Che, a lungo termine, la diffusione di mass media in lingua minoritaria possa essere redditizia
anche da un punto di vista economico è stato sottolineato da Grin (1999).
16
Questo discorso, come l’argomento dell’accessibilità economica, vale chiaramente solo per le
società industrializzate. Tenendo conto che circa la metà della popolazione mondiale non ha mai
usato un telefono, chiaramente l’accessibilità e globalità di internet viene relativizzata (cfr. Otter-
stetter 1998).
17
Nel senso di Nähesprache (‘lingua di vicinanza’) secondo Koch/Österreicher (1990:5). Per
l’oralità concettuale del linguaggio e-mail, cfr. p. es. Rabanus (1996:77): «Die Sprachform der
elektronischen Diskussionsforen ist ein solcher neuer Texttyp, der [...] Elemente konzeptioneller
Mündlichkeit in die Schriftlichkeit integriert» (‘La forma linguistica dei fori di discussione elet-
tronici costituisce un tale tipo testuale nuovo, che [...] integra elementi di oralità concettuale nella
scritturalità’; traduzione L.G.).
188 Lucia Grimaldi

18
Cfr. http://www.lingrom.fu-berlin.de/sardu/sa-limba.html.
19
Cfr. http://www.jergym.hiedu.cz/~canovm/vyhledav/variant9/sard.html.
20
Cfr. http://www.lingrom.fu-berlin.de/cgi-bin/bluechat.cgi.
21
Fonte: http://www.lingrom.fu-berlin.de/cgi-bin/konk4.pl?Suchbegriff=ait. Si noti che le occor-
renze qui riportate corrispondono solo ad una parte minima (le prime otto righe) del risultato della
ricerca. Ad ogni modo, il numero totale di occorrenze (63 types, 47 token) lascia trasparire una
diffusione relativamente scarsa di questa categoria verbale (cfr. anche Mensching in questo volu-
me).
22
Le occorrenze qui citate provengono infatti da un testo di varietà logudorese centrale.
23
Cfr. http://www.lingrom.fu-berlin.de/~eremberg/sarddiz/diziunariu.html.
24
Qui l’informante ha voluto esprimere la variazione di pronuncia dipendente dal contesto della
parola: infatti, la B iniziale scompare solo se preceduta da una parola terminante in vocale, che ne
provoca una posizione intervocalica, p. es. unu ’asu. In questo caso, oltre all’informazione lessi-
cale, abbiamo ottenuto anche un’informazione fonologica.
25
Omettiamo i lessemi utilizzati nel gallurese e sassarese, poiché sono stati riscontrati rispettiva-
mente soltanto in una località, sia nell’AIS sia nella nostra inchiesta. Per quanto riguarda il tipo
baulare/baulai, esso si riscontra in troppo poche località (quattro nell’AIS, sette nella nostra ricer-
ca), per poterne stabilire una regola di distribuzione.
26
Colgo l’occasione per ringraziare gli abbonati di SA-LIMBA per la loro cooperazione – in que-
sta come in tante altre occasioni.
27
Cfr. http://www.lingrom.fu-berlin.de/modnar.html.
28
Cfr. http://www.sardu.net.
Internet: una prospettiva per la promozione e lo studio delle lingue “minoritarie” 189

Riferimenti bibliografici

AIS = Jaberg, Karl/Jud, Jakob (1928-1940): Sprach- und Sachatlas Italiens und der
Südschweiz/Atlante linguistico ed etnografico dell’Italia e della Svizzera me-
ridionale. 8 voll. Zofingen: Ringier.
Aracil, Lluís (1983): Dir la realitat. Barcellona: Edicions Països Catalans.
Bolognesi, Roberto/Heeringa, Wilbert (in questo volume): “L’influsso delle lingue do-
minanti sul lessico e la fonologia dei dialetti sardi”.
Calaresu, Emilia (2002): “Alcune riflessioni sulla LSU (Limba Sarda Unificada)”, in:
Plurilinguismo 9, 247-266.
Caprioli, Carla (in questo volume): “Azioni di promozione e tutela delle lingue ‘mino-
ritarie’ da parte della Commissione europea”.
Contini, Michel (in questo volume): “Noragugume, così vicina a Nuoro...”.
Euromosaic 1 = Institut de Sociolingüística Catalana (senza data) “Sardinian in Italy”
(URL: http://www.uoc.es/euromosaic/web/document/sard/an/i1/i1.html).
Euromosaic 2 = Euromosaic (1995): “Sardinian Language Use Survey”, 12/01/1995
(URL: http://www.uoc.es/euromosaic/web/document/sard/an/e1/e1.html).
Ethnologue (2003): “Sardinian”, in: Ethnologue – Languages of the World (URL:
http:// www.ethnologue.com/show_language.asp?code=SRD).
Fishman, Joshua (1963): “Bilingualism with and without Diglossia, Diglossia with and
without Bilingualism”, in: Journal of Social Issues 23, 29-32.
Generalitat di Catalunya/Governo delle Isole Baleari (a cura di) (2001): “Il catalano e
le cosiddette ‘lingue minoritarie’ dell’Unione Europea” (URL: http://cultura.
gencat.net/llengcat/publicacions/cle/docs/icle7.pdf).
Grimaldi, Lucia/Remberger, Eva-Maria (2001): “The Promotion of the Sardinian
Language and Culture via the Internet: Fields of Activity and Perspectives”.
Relazione presentata al convegno Minority Languages in Europe: Frame-
works – Status – Prospects. A Pan-European, Comparative, Multidisciplina-
ry Approach, 8.-10. giugno 2001, Bath (URL: http://www.lingrom.fu-berlin.
de/sardu/grimaldi_remberger.html).
Grin, François (1999): The Cost-Effectiveness Evaluation of Minority Language
Policies: Case Studies on Wales, Ireland and the Basque Country. Flens-
burg: ECMI.
Kattenbusch, Dieter/Köhler, Carola (in questo volume): “La Sardegna nel progetto
VIVALDI”.
Koch, Peter (1988): “Italienisch: Externe Sprachgeschichte”, in: Holtus, Günter/
Metzeltin, Michael/Schmitt, Christian (a cura di): Lexikon der Romanisti-
schen Linguistik. Vol. IV: Italienisch, Korsisch, Sardisch. Tubinga: Nie-
meyer, 343-360.
Koch, Peter (in questo volume): “Il cosiddetto ‘conservatorismo’ lessicale del sardo”.
190 Lucia Grimaldi

Koch, Peter/Österreicher, Wulf (1990): Gesprochene Sprache in der Romania: Fran-


zösisch, Italienisch, Spanisch. Tubinga: Niemeyer.
Krefeld, Thomas (in questo volume): “Un mito da smontare: l’arcaicità del vocalismo
sardo”.
LSU = Regione Autonoma della Sardegna (2001): Limba Sarda Unificada. Cagliari
(URL: http://www.uemilano.it/multilinguismo/pdf/lsu.pdf).
Mensching, Guido (21994): Einführung in die sardische Sprache. Bonn: Romanisti-
scher Verlag (Bibliothek romanischer Sprachlehrwerke 2).
Mensching, Guido (1999): “Lingue in pericolo e comunicazione globale: il sardo su
Internet”, in: Bolognesi, Roberto/Helsloot, Karijn (a cura di): La lingua sar-
da. L’identità socioculturale della Sardegna nel prossimo millennio. Atti del
Convegno di Quartu Sant’Elena 9-10 maggio 1997. Cagliari: Condaghes,
171-191.
Mensching, Guido (2000): “The Internet as a Rescue Tool of Endangered Languages:
Sardinian”. Relazione presentata a Multilinguae: Multimedia and Minority
Languages International Congress. 8.-9. novembre 2000, Donostia, San
Sebastian (URL: http://www.gaia.es/multilinguae/pdf/Guido.PDF).
Mensching, Guido (in questo volume): “Su sardu – limba arcàica o limba moderna?”.
Mercator (1991): “Sardinian”, in: Mercator – Research Network and Information Ser-
vice Concerning Regional and/or Minority Languages of the European
Union with the Support of the European Commission (URL: http://www.
ciemen.org/mercator/index-gb.htm).
Otterstetter, Gabriele (1998): Dritte Welt und der Aufbruch in das Informationszeital-
ter – am Beispiel Internet. Tesi di dottorato. TU Berlin (URL: http://www.tu-
berlin.de/fb2/as3/as3w/dipl_ott/dip_inh.htm).
Parlamento Italiano (1999): “Norme in materia di tutela delle minoranze linguistiche
storiche”, Legge n. 482 del 15 dicembre 1999 (URL: http://www.
parlamento.it/parlam/leggi/99482l.htm).
Pittau, Massimo (in questo volume): “La questione della lingua sarda oggi”.
Puddu, Mario (2000): Ditzionàriu de sa limba e de sa cultura sarda. Cagliari: Con-
daghes.
Rabanus, Stefan (1996): Die Sprache der Internet-Kommunikation. CD-ROM. Magon-
za: Gardez!
RAS = Regione Autonoma della Sardegna (1997): “Promozione e valorizzazione della
cultura e della lingua della Sardegna”, Legge Regionale n. 26 del 15 ottobre
1997 (URL: http://www.regione.sardegna.it/leggi_regionali/1997/lr-n_26_
1997_10_15.htm).
Remberger, Eva-Maria (1999): “Sa-Limba: Das Sardische im Internet”, in: RRZK-
Kompass 82, 15-17 (URL: http://www.uni-koeln.de/RRZK/kompass/82/
wmwork/www/K82_13.html).
SA-LIMBA: Mailing list del sito Limba e curtura de sa Sardigna (URL: http://
www.uni-koeln.de/bin2/maillist/sa-limba/).
Internet: una prospettiva per la promozione e lo studio delle lingue “minoritarie” 191

Salminen, Tapani (1993): UNESCO Red Book on Endangered Languages: Europe


(URL: http://www.helsinki.fi/~tasalmin/europe_index.html).
Sole, Leonardo (21990): Lingua e cultura in Sardegna. La situazione sociolinguistica.
Milano: Unicopli.
Solinas, Gigi (2000): “Lingua sarda, ad Ala Birdi adottato il criterio più giusto”, in: La
Nuova Sardegna, 19/12/2000 (URL: http://www.uniss.it/fch/pen/19Dic2000/
Birdi.html).
TEI (2003) = The Text Encoding Initiative (URL: http://www.tei-c.org/).
Dieter Kattenbusch/Carola Köhler
(Berlino)

La Sardegna nel progetto VIVALDI

1. Introduzione

Il paesaggio linguistico della Sardegna è ormai da tempo assai ben documen-


tato. Basta accennare all’eccellente Atlante Linguistico Italo-Svizzero (AIS) i
cui dati sono stati raccolti da Paul Scheuermeier, Gerhard Rohlfs e Max Leo-
pold Wagner già negli anni venti del secolo scorso e pubblicati in otto volumi
tra il 1928 e il 1940 (l’AIS di Jaberg e Jud), nonché all’Atlante Linguistico
Italiano (ALI, in corso di stampa), il cui materiale è stato raccolto negli anni
1926–39 da Ugo Pellis e – dopo la sua morte (1943) – tra il 1952 e il 1964 da
una squadra di ricercatori (Raffaele Giacomelli, Corrado Grassi, Giorgio
Piccitto, Giovanni Tropea, Temistocle Franceschi e Michele Melillo). In
quest’opera monumentale la rete dei punti (luoghi) è molto più fitta di quella
dell’AIS. Le inchieste in Sardegna effettuate da Pellis per la maggior parte
negli anni 1933–35 sono ben 100 (!) e costituiscono una fonte inesauribile per
chiunque studi la situazione linguistica dell’isola.1 Purtroppo tutti questi dati
si presentano esclusivamente sotto forma di materiale cartaceo.
L’idea di un atlante linguistico acustico delle regioni d’Italia è nata in seno
al progetto dell’Atlante linguistico del ladino dolomitico e dei dialetti limitrofi
(ALD), primo atlante linguistico acustico di un territorio italiano. Gli ideatori
di VIVALDI (acronimo che significa VIVaio Acustico delle Lingue e dei
Dialetti d’Italia) sono Roland Bauer (Salisburgo), il primo responsabile
dell’elaborazione elettronica dei dati dell’ALD, e Dieter Kattenbusch (Ber-
lino), realizzatore delle registrazioni per l’ALD nei paesi centroladini nel
1985/86.
194 Dieter Kattenbusch/Carola Köhler

(1) Prima pagina del sito Internet

(2) Luoghi esplorati in Sardegna


La Sardegna nel progetto VIVALDI 195

Gli ideatori del progetto VIVALDI si sono prefissati i seguenti obiettivi:


• raccolta di dati dialettali attuali in tutte le regioni d’Italia,
• documentazione acustica delle lingue minoritarie in Italia,
• uso dei mezzi tecnologici moderni (Internet e CD-ROM) per la presen-
tazione contesto-sensitiva di dati visivi e sonori,
• proposte di trascrizione per un possibile confronto dei dati attuali con
quelli dell’AIS e dell’ALI,
• possibile utilizzo nell’insegnamento della linguistica e in particolare
della dialettologia italiana.
Le prime inchieste furono realizzate da Roland Bauer e Dieter Kattenbusch in
Sicilia già negli anni 1992 e 1993. Attualmente il materiale dialettale registra-
to nei 13 paesi siciliani è disponibile non solo sotto forma di CD-ROM ma
anche su Internet (cfr. fig. 1).2 Questa versione multimediale ed interattiva del
progetto è opera di Marcel Lucas Müller (Münster) e di Carola Köhler.3
Per “VIVALDI Sardegna” sono state scelte 15 località sparse più o meno
regolarmente sull’isola e i cui idiomi sono in un certo qual modo rappresen-
tativi della suddivisione dialettale della Sardegna (fig. 2): Tempio Pausania
(gallurese); Sassari (sassarese); Ploaghe, Macomer (logudorese); Nuoro,
Fonni (nuorese), Bonarcado, Milis (arborense), Laconi, Perdasdefogu, Villa-
cidro, Cagliari, S. Antioco (campidanese); Calasetta (ligure), Alghero (cata-
lano) – si confronti p. es. la carta in Loi Corvetto/Nesi (1993:9).
Le inchieste sono state realizzate tra il 1999 e il 2000 ed è possibile con-
sultarne il materiale raccolto su Internet.4 Esso è suddiviso in 5 parti: 1. foneti-
ca,5 2. lessico, 3. morfologia, 4. sintassi,6 5. Parabola del figliol prodigo.
Come funziona? Basta selezionare la parte desiderata nel frame di
navigazione a sinistra e, quindi, un determinato stimolo. Così facendo, si
aprirà la cartina con i nomi dei luoghi. Scorrendo il mouse sui toponimi della
cartina, l’utente attiva le trascrizioni (cfr. fig. 3) e i suoni relativi. È inoltre
possibile attivare il suono cliccando sull’elenco di trascrizioni situato sotto la
cartina (cfr. fig. 4).7
Nelle prossime sezioni vorremmo presentare, con alcuni esempi, le cinque
parti del progetto.
196 Dieter Kattenbusch/Carola Köhler

(3) Carta interattiva

(4) Elenco di trascrizioni


La Sardegna nel progetto VIVALDI 197

2. Fonetica

Per la prima volta è stato possibile fornire una realizzazione fonica di un suo-
no caratteristico del sassarese, che già a Max Leopold Wagner aveva causato
problemi di trascrizione (cfr. Jaberg/Jud 1928:31 sg.) e la cui articolazione
venne così descritta da Pellis: «La lingua s’incarica con la metà anteriore ver-
so il palato e chiude la stretta dentale fino ai primi molari, dove si forma il
varco, uni- o bilaterale, per il fiato» (ALI-Verbali:718). Questa fricativa late-
rale viene trascritta da noi con i segni [Q ] (sorda), [Q] (sonora), cfr.

(5)

aDQQu Sassari (AIS 922, ALI 717) e Ploaghe (AIS 923, ALI 718) ‘agosto’

káQdu Sassari e Ploaghe ‘caldo’

Oppure l’occlusiva laringale sorda (colpo di glottide) [A ] di Fonni (AIS 947,


ALI 751):

(6)

su Aáne Aéz bdllu ‘il cane è bello’

sa vúAa ‘la bocca’

3. Lessico

Nei differenti paesi scelti per l’indagine sono stati forniti degli stimoli lessicali
alla luce dei quali emerge la grande varietà dialettale presente in Sardegna, co-
me si può notare dall’analisi degli stimoli ‘la bilancia’ e ‘il ragazzo’ riportati
nelle tabelle seguenti:

(7) ‘la bilancia’

Tempio Pausania (SS) - AIS 916 - ALI 707 la bilánca - lu pDzzu

Sassari (SS) - AIS 922 - ALI 717 l bdzzu - la barqnsa

Ploaghe (SS) - AIS 923 - ALI 718 su bDzu - s iQadDa


198 Dieter Kattenbusch/Carola Köhler

Alghero (SS) - ALI 721 la barqsa

Nuoro (NU) - AIS 937 - ALI 734 s istánka - su pDzu

Macomer (NU) - AIS 943 - ALI 740 s istadDa

Fonni (NU) - AIS 947 - ALI 751 sa pDssa

Bonarcado (OR) - ALI 746 sa bézza

Milis (OR) - AIS 941 - ALI 747 sa bDza

Laconi (NU) - AIS 955 - ALI 759 sa b


b
Dzza

Perdasdefogu (NU) - AIS 968 - ALI 770 sa stadDa

Villacidro (CA) - AIS 973 - ALI 780 su bdzu

Cagliari (CA) - AIS 985 - ALI 788 sa bilánca

Calasetta (CA) - ALI 791 a bqNsa

Sant’Antioco (CA) - AIS 990 - ALI 792 sa romána

(8) ‘il ragazzo’

Tempio lU stdFFu - lu steFFDni - lu piccínnu - lu cUanóttu -


Pausania l Dmu

Sassari la greadúra - lu biccindFFu - lu bittsínnu

Ploaghe su búpu - su bizDFFu - su bitzínnu - su dzDvanu

Alghero la kreatúra - lu minD

Nuoro su pippínnu - mu pippdkku - mu dvDvanu - su bagiyánu

Macomer su bittsínnu - su biccókku

Fonni su pilusdFFu - su pilússu - su éDu - su piccokkdFFu -


su piccókku

Bonarcado su bippydFFu - su bippíu - su bitpokkdFFu - su bitpdkku


- su bagadydFFu - su bagaddíu mánnu

Milis su bippíu - su bitsindFFu - su bitsdku


La Sardegna nel progetto VIVALDI 199

Laconi su bippíu - su biccokkdFFu - su biccOkkDnE - su gDvOno

Perdasdefogu su bipíu - su bicokkdFFu - su bicdkku

Villacidro su bippíu - su biccdkkdFFu - su biccdkku

Cagliari su bipydFFu - su bipíu - su biccokkdFFu - su biccdkku

Calasetta u figw - u zuenGtu

Sant’Antioco su bippíu - su biccokkdFFu - su biccdkku

4. Morfologia

La tabella (9), che presenta le diverse soluzioni fonetiche per il termine ‘la
casa’, evidenzia non solo la distribuzione dei diversi etimi (CASA/DOMUS) ma
anche le diverse varianti dell’articolo determinativo (< ILLA: Tempio, Sassari,
Alghero, Calasetta / < IPSA: tutti gli altri):

(9) ‘la casa’

Tempio Pausania la kázza

Sassari la gázza

Ploaghe sa dDmo

Alghero la káza

Nuoro sa dDmO

Macomer sa dDmo

Fonni sa Dómmo

Bonarcado sa ómmo

Milis s ómmu

Laconi sa DmO

Perdasdefogu sa dmu

Villacidro sa dDmu
200 Dieter Kattenbusch/Carola Köhler

Cagliari sa dDmu

Calasetta a ká

Sant’Antioco sa ddmu

5. Sintassi

Anche la posizione del possessivo evidenzia la bipartizione linguistica della


Sardegna: mentre il nord (Tempio Pausania, Sassari e il catalano di Alghero) è
contraddistinto dalla predeterminazione dell’aggettivo possessivo, al contra-
rio, il resto dell’isola (con l’eccezione del dialetto ligure di Calasetta) ne
prevede la postdeterminazione, cfr. (10):

(10) Posizione del possessivo (‘mio figlio’)

Tempio Pausania mé viFFólu

Sassari mD villdlu

Ploaghe fídzu mDu

Alghero múT fíl

Nuoro fídvu mDu

Macomer fíddzu mDu


A
Fonni íggu mdu

Bonarcado fívvu méu

Milis fídvu mDu

Laconi fíZZu mDu

Perdasdefogu fílgu míu

Villacidro fílu míu

Cagliari fíllu míu

Calasetta me fígu

Sant’Antioco fílu míu


La Sardegna nel progetto VIVALDI 201

6. La “Parabola del figliol prodigo”

A mo’ di esempio eccovi riportata la versione fonnese della “Parabola del


figliol prodigo” (i files acustici sono disponibili su internet):
Un’anno à’ede nonnu meu, ’i eris ad’attu ottant’annos a’ ’ontàu a mimmi e a
sorre mea ’ust’istoria:
Una vorta in duna viddi’edda vudi un’omine ’i teniada duos iggios.
Una die su prus minore de sos duos vrades est andau anca su babbu e l’a’ nau:
«Babbai, voggio tottu su ’i m’ispettada. Dagiemi tottu su ’i es’ meu».
Su babbu voliada meda vene (forcis finas meda) a sos iggios e ad’attu su ’ì a’
bròthiu issu.
Pa’as dies appustis su piccinnu a’ pi’àu tottu su dinare e si ch’est andau.
In duna cittade allargu a’ ’olàu una vida allirga, s’imbriagavada in paris pa’os
’ompangios e ballavada in sas bagassas.
Gossi in pa’as ’idas ad’ispessu tottu su dinare e est’abbarrau ’ene nudda.
Ite dipiada ’a’ere? ’Omente podiada gampare? Aunca podiada a’attare unu ’antu
’e pane?
A s’accabbu est’andau anca unu mathaju e l’a’ dimandau «tenies bissongiu de
unu thera’u?»
«Eia», ada arrespostu su mathaju, «ma, ja l’ischis, o’anno ad’attu ’astraore, a’
proidu e a’ grandinau meda. Po ’ussu d’apo a dare unu pa’u ’e pane e ateru
nudda».
«Non b’es’ bissongiu de mi dare ateru. Bastada ’i deo non morgia’!»
«Cada die assa a andare in su podere meu e in cu’e assa a passere sos pro’os e
sas erve’es meas. Ses ’untentu?»
E su mischinu a’ passiu sas bestias de su mere, tres, chimbe, deghe, vinti e me-
das ateras vortas.
Ma ’ando vidiada un pro’u grathu ’i papavada lande, navada tra issu: «Mischinu
’e mene! Si deo uo istau abbarrau in domo, ’omente uo istau mengius. ’Omente
s’istavada vene anca babbai! ’Omo però isto meda male».
E po non morrere papavada erva e arradicas; e pranghiada: «A su mancu essere
pothiu torrare a domo!»
E pranghe’ oe e pranghe’ crassa non si podìa prussu: sa gana e sos dolos
l’illangiavana sempe’ de prussu.
Po ’ussu, apustis de pa’os messes, mancari ’ì sa domo ’e su babbu udi indedda,
a’ penthàu de torrare a dumu sua.
Appustis ’i a’ camminau medas dies e medas nottes, est arribau isciurthu e
istracciolau a sa vidda de su babbu e de sa mama.
Su babbu l’a’ bidu ’i udi veninde, a bellu a bellu, accanta ’e su muru de sa ’orte,
in sos orcos baccios; derettu ada abo’inau po sa ’untentessa, l’est andau in contru
e l’a’ bassau in su ’erveddu, in trempas e in bu’a.
«No, babbai meu, non mi vassèis! Soe istau meda malu. Sos peccados meos su-
nis medas mannos; non soe dignu de essere iggiu vostru; apo a essere unu
thera’u vostru».
«Badiae; ’ustu iggiu meu udi ispèrdiu e ’omo l’amos un’atera vorta ’a’atau».
202 Dieter Kattenbusch/Carola Köhler

E poi l’a’ nau a su iggiu: «Andamos» e est intràu derettu a dumu sua ’in su pic-
cioccu, ’i teniada ’in tottas dua sas manos sa manu manca de su babbu.
E tottu sa die manna ana papàu, buffàu meda vinu e ana ’antau ’anthones allir-
gas.
(traduzione di Michelino Carta).
E imoi spassiaiosì meda cun VIVALDI!

Note

1
I materiali di Terracini/Franceschi (1964) si basano sulle inchieste dell’ALI.
2
URL: http://www2.hu-berlin.de/Vivaldi.
3
Per VIVALDI Sicilia cfr. Bauer (1995), Kattenbusch (1995). Sul metodo tecnico della registra-
zione, dell’elaborazione e della presentazione dei dati ed altri dettagli si veda Müller/Köhler/
Kattenbusch (2001).
4
URL: http://www2.hu-berlin.de/Vivaldi/index_sardegna.html. È disponibile inoltre una versio-
ne di VIVALDI su CD-Rom che può essere ordinata inviando una e-mail a uno dei seguenti indi-
rizzi: dieter.kattenbusch@romanistik.hu-berlin.de, carola.koehler@romanistik.hu-berlin.de.
5
Gli stimoli della parte fonetica sono rappresentativi di tutti i suoni latini e le loro possibili com-
binazioni.
6
Le prime quattro parti comprendono circa 350 stimoli.
7
Il sistema di trascrizione si apre cliccando sul link corrispondente sotto la cartina.
La Sardegna nel progetto VIVALDI 203

Riferimenti bibliografici

AIS = Jaberg, Karl/Jud, Jakob (1928–40): Sprach- und Sachatlas Italiens und der Süd-
schweiz. 8 voll. Zofingen: Ringier.
ALD = Goebl, Hans (1998): Atlante linguistico del ladino dolomitico e dei dialetti li-
mitrofi. Parte I. 4 voll. cartografici, 3 voll. di indici, 3 CD-ROM. Wiesbaden:
Reichert.
ALI = Bartoli, Matteo et al. (a cura di) (1995segg.): Atlante Linguistico Italiano. Ro-
ma: Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato.
ALI-Verbali = Bartoli, Matteo et al. (a cura di) (1995): Atlante Linguistico Italiano.
Verbali delle inchieste. Roma: Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato.
Bauer, Roland (1995): “Vivaldi-Sicilia. Documentazione sonora dei dialetti siciliani”,
in: Ruffino, Giovanni (a cura di): Percorsi di geografia linguistica. Idee per
un atlante siciliano della cultura dialettale e dell’italiano regionale. Pa-
lermo: Centro di studi filologici e linguistici siciliani, 543-550.
Blasco Ferrer, Edoardo (1984): Storia linguistica della Sardegna. Tubinga: Niemeyer.
Jaberg, Karl/Jud, Jakob (1928): Der Sprachatlas als Forschungsinstrument. Halle:
Niemeyer.
Kattenbusch, Dieter (1995): “Atlas parlant de l’Italie par régions: VIVALDI”, in: Estu-
dis de lingüística i filologia oferts a Antoni M. Badia i Margarit. Barcellona:
Abadia de Montserrat, 443-455.
Loi Corvetto, Ines/Nesi, Annalisa (1993): La Sardegna e la Corsica. Torino: UTET.
Müller, Marcel L./Köhler, Carola/Kattenbusch, Dieter (2001): “VIVALDI – ein spre-
chender Sprachatlas im Internet als Beispiel für die automatisierte, computer-
gestützte Sprachatlasgenerierung und -präsentation”, in: Dialectologia et
Geolinguistica 9, 55-68.
Terracini, Benvenuto/Franceschi, Temistocle (a cura di) (1964): Saggio di un atlante
linguistico della Sardegna. 2 voll. Torino: Rattero.
Virdis, Maurizio (1988): “Aree linguistiche”, in: Holtus, Günter/Metzeltin, Michael/
Schmitt, Christian (a cura di): Lexikon der Romanistischen Linguistik. Vol.
IV: Italienisch, Korsisch, Sardisch. Tubinga: Niemeyer, 897-913.
Eva-Maria Remberger
(Colonia/Berlino)

Traduzione automatica al servizio della lingua


sarda: stato attuale e prospettive∗

1. Introduzione

Nonostante il sardo sia una lingua frammentata in numerosi dialetti con tratti
molto variabili, soprattutto a livello fonologico, è possibile constatare una cer-
ta omogeneità nella sintassi del sardo. La mia relazione vuole dimostrare co-
me la traduzione automatica si possa avvalere di questo fatto, senza però per-
dere di vista le varietà parlate del sardo. Proseguirò con i seguenti punti:
Una breve introduzione alla sintassi del sardo sulla base del modello della
Grammatica Generativa fornirà i dati fondamentali, che saranno accompagnati
da dati contrastivi relativi alla lingua tedesca.
Per la traduzione automatica presenterò il sistema LPS che dispone di un
linguaggio di programmazione linguistica basato da un lato sull’orientamento
ad oggetti e dall’altro sulla programmazione in logica. Spiegherò alcune classi
linguistiche ed entrate lessicali responsabili per il processamento del sardo e
del tedesco. Il tutto troverà la sua applicazione in un esempio di traduzione
automatica dal tedesco al sardo.
Alla fine parlerò brevemente delle prospettive di un sistema elaborato di
traduzione automatica per il sardo, cioè delle possibilità di collocazione di un
futuro standard nonché dell’integrazione delle numerose varietà parlate del
sardo.
206 Eva-Maria Remberger

2. La sintassi del sardo

2.1 Il modello: la Grammatica Generativa

Il modello linguistico, cioè la teoria grammaticale che utilizziamo al Diparti-


mento per il Processamento di Dati Linguistici (Sprachliche Informationsver-
arbeitung) all’Università di Colonia come base d’implementazione del sapere
linguistico è la Grammatica Generativa.1
Sviluppatasi dagli anni ’50 in poi grazie alla famosa pubblicazione Syntac-
tic Structures (Le strutture sintattiche)2 di Noam Chomsky del 1957, la Gram-
matica Generativa parte dal presupposto che il linguaggio umano sia una
capacità mentale innata, facente parte, come predisposizione, del patrimonio
genetico degli esseri umani.3
Quindi ogni essere umano nasce con un ‘organo mentale’ («l’istinto del
linguaggio», v. Pinker 1994) che lo rende capace di imparare qualsiasi lingua
umana. La Grammatica Generativa dunque si chiede quali caratteristiche del
linguaggio umano siano proprietà e fenomeni concernenti unicamente singole
lingue e quali caratteristiche siano proprie di tutte le lingue, cioè universali.
Un linguista di stampo generativo ha come obiettivo primario la ricerca della
grammatica universale (UG).
La cosiddetta teoria dei principi e dei parametri (v. Chomsky 1981,
Chomsky 1986) è una conseguenza di questa ricerca: se gli esseri umani han-
no tutti a disposizione la stessa grammatica universale che consente loro di
imparare una lingua particolare, diciamo p. es. il sardo, allora esistono anche
determinati principi che si possono stabilire in tutte le lingue, sia nel sardo sia
nel tedesco sia in qualsiasi altra lingua, anche di tipo non indoeuropeo. Oltre a
questi principi universali innati devono esistere diversi parametri aperti che
durante l’acquisizione del linguaggio vengono fissati per una particolare lin-
gua (p. es. per il sardo).
Facciamo degli esempi: la UG deve contenere la distinzione tra le catego-
rie lessicali, cioè verbi, sostantivi, aggettivi, preposizioni, e le categorie fun-
zionali, cioè quelle categorie che contengono concetti come il tempo, il modo,
l’aspetto, la illocuzione per il verbo, o la determinazione, il genere, il numero,
o anche il caso per i sostantivi e gli aggettivi.
Un altro aspetto della grammatica universale è il principio della struttura
uniforme che si presuppone essere alla base di ogni costruzione grammaticale,
in qualsiasi lingua. Questo principio (anche chiamato principio di proiezione)
è rappresentato dal cosiddetto schema X-barra; questo schema serve per vi-
sualizzare le strutture e le dipendenze all’interno dei costituenti dell’enuncia-
Traduzione automatica al servizio della lingua sarda 207

to, cioè dei sintagmi: X qui sta per qualsiasi categoria, sia lessicale sia funzio-
nale; la proiezione zero di X rappresenta sempre la testa, cioè il nucleo di un
sintagma grammaticale, mentre la proiezione XP (=X'') sta per la proiezione
massima che può anche comprendere complementi, specificatori e aggiunti
che modificano la testa, cfr. (1):

(1) X''

specificatore X'

X' Z''
aggiunto
(modificatore)
X° Y''
testa complemento

Applicato a un sintagma di una determinata lingua, p. es. al sintagma nomi-


nale sardo su tzìrculu sardu in Berlinu, si avrebbe:4

(2) N''

Spec N'
su
N' P''
in Berlinu

N° A''
tzìrculu sardu

Già qui si può vedere come da un lato lo schema universale delle dipendenze
strutturali valga per tutte le lingue, ma come d’altro canto esso si possa mani-
festare sotto diversi aspetti. Prendiamo p. es. il principio della testa di un
sintagma: la testa di un sintagma nominale sarà sempre un nome, in qualsiasi
lingua. Ci troviamo qui davanti ad un principio universale. La distribuzione e
soprattutto l’ordine all’interno del sintagma però saranno determinati da pa-
rametri i cui valori vengono fissati diversamente per ogni lingua, cioè per ogni
particolare grammatica, durante l’acquisizione del linguaggio: in sardo, per
208 Eva-Maria Remberger

esempio, quasi tutti gli aggettivi appaiono sempre dietro la testa del sintagma
nominale, mentre in tedesco si trovano sempre davanti alla testa:

(3) N''

Spec N'
der
N' P''
in Berlin

A'' N°
sardische Zirkel

2.2 I dati: idiosincrasie della sintassi sarda con esempi contrastivi dal
tedesco

Arriviamo ad altri parametri prefissati, cioè ad altre particolarità grammaticali


del sardo. Purtroppo per mancanza di spazio non posso presentare un quadro
completo di tutti i fenomeni idiosincratici del sardo. Presenterò piuttosto al-
cuni fatti esemplari molto semplici che si prestano facilmente ad un esame
contrastivo con il tedesco.

2.2.1 La reggenza5
I fenomeni di ordine all’interno di un sintagma si possono raccogliere sotto la
nozione di reggenza. Reggenza vuol dire grosso modo la direzionalità
nell’ordine gerarchico tra una testa e il suo complemento.6 Nel paragrafo
precedente abbiamo illustrato che la configurazione NOME-AGGETTIVO è
propria del sardo, mentre la configurazione AGGETTIVO-NOME è propria
del tedesco; casi simili si possono constatare anche prendendo in esame i
sintagmi verbali, cioè sintagmi in cui la testa è costituita da un verbo:
(4) Zubanne at nadu chi Maria còmporat semper tottu sos libros asubra de Berlinu.7
(5) Hans hat gesagt, dass Maria immer alle Bücher über Berlin kauft.
In linguistica si presuppone che l’ordine di base dei costituenti in tedesco si
possa vedere chiaramente solo nella frase subordinata, essendo la frase princi-
pale già una derivazione più complessa. Possiamo osservare allora in questi
Traduzione automatica al servizio della lingua sarda 209

esempi, che il verbo sardo còmporat è collocato prima del suo complemento
tottu sos libros asubra de Berlinu, mentre il verbo tedesco kauft si trova dopo
il suo complemento alle Bücher über Berlin. Si possono determinare quindi le
seguenti parametrizzazioni:
(6) In sardo i verbi reggono A DESTRA.
(7) In tedesco i verbi reggono A SINISTRA.
Questa distinzione, come vedremo, assumerà una certa importanza per la
progettazione di un sistema di traduzione automatica.

2.2.2 Il movimento
La nozione di movimento in linguistica si riferisce al fatto, osservabile in tutte
le lingue umane, che certi elementi della frase possono apparire fonologica-
mente in una posizione ma essere logicamente interpretati in una posizione
diversa. Questo significa che nella produzione dell’enunciato sono stati spo-
stati da una loro posizione di base o di partenza. Particolarmente ovvi risul-
tano questi fenomeni se si prende in considerazione la formazione della frase
interrogativa:
(8) Maria còmporat semper tottu sos libros asubra de Berlinu.
(9) Itte còmporat Maria semper?
È da notare che nella frase (9) il complemento del verbo còmporat si trova
all’inizio della frase, mentre nella frase non-interrogativa appare a destra del
verbo (come già stabilito prima). Più interessante è che anche il verbo stesso
della frase interrogativa si trova prima del soggetto Maria, mentre nella frase
non-interrogativa è posto dopo il soggetto. Linguisticamente parlando si dice
che sia il complemento del verbo sia il verbo stesso si sono spostati dalla loro
posizione di base.
Questi fenomeni di movimento sono molto vari nelle diverse lingue. An-
che l’ordine delle parole nella frase principale tedesca, con il verbo sempre in
seconda posizione (si veda la posizione del verbo will nei seguenti esempi), è
attribuito a un tale fenomeno di movimento del verbo verso la parte iniziale
della frase:
(10) Maria will ein Buch kaufen.
(11) Morgen will Maria ein Buch kaufen.
(12) Ein Buch will Maria kaufen.
210 Eva-Maria Remberger

I fenomeni di movimento avranno un ruolo essenziale in una teoria gramma-


ticale che pretende di poter fornire un modello per la traduzione automatica.

2.2.3 Possibilità d’omissione del soggetto


Un altro parametro molto conosciuto nell’ambito della Grammatica Genera-
tiva è il parametro del soggetto nullo. Osserviamo queste frasi:
(13) Oe Maria at comporadu unu libru nou. Fit caru meda.
(14) Heute hat Maria ein neues Buch gekauft. Es war sehr teuer.
In entrambi gli esempi la seconda frase riprende l’oggetto della prima come
soggetto. Ma mentre in tedesco è obbligatoria la ripresa del soggetto tramite il
pronome personale es, in sardo è possibile tralasciare il pronome: per questa
possibilità di omettere il soggetto, il sardo viene definito una lingua a soggetto
nullo.
In riferimento alla traduzione automatica è chiaro che questa corrispon-
denza soggetto pronominale - soggetto nullo debba essere espressa in qualche
modo nel sapere linguistico del sistema.

2.2.4 Il lessico
Il luogo della parametrizzazione più ampia è il lessico. Il lessico, secondo la
Grammatica Generativa, è la lista di tutte le entrate lessicali di una lingua.
Ogni entrata lessicale consiste in un lemma, cioè nella catena dei suoni (o
grafemi) che formano il segno linguistico, nel suo significato (che in qualche
modo deve essere cifrato in complessi di tratti semantici) nonché in informa-
zioni complementari riguardanti l’uso del lemma nel suo contesto. Queste
informazioni complementari sono di natura grammaticale: si tratta di informa-
zioni relative alla categoria, alla classe morfoflessionale del lemma, a possibili
argomenti e ai suoi ruoli all’interno dello schema X-barra, e a possibili restri-
zioni semantiche riguardanti questi argomenti. Il lemma mandicare per esem-
pio potrebbe essere rappresentato così:
(15) catena fonologica: /mandi'kare/
(16) tratti semantici: ‘alimentare il proprio corpo con del cibo’
(17) classe morfoflessionale: a, regolare
(18) argomenti: [V,NP:agente[essere vivente],NP:tema[alimento]]
In un sistema di traduzione automatica il complesso dei tratti semantici è
difficile da cogliere. Nel campo della linguistica computazionale è soprattutto
Traduzione automatica al servizio della lingua sarda 211

il processamento del sapere semantico, cioè l’identificazione dei significati,


che si trova ancora agli inizi nella ricerca.8
In ogni caso, il lessico di un sistema di traduzione automatica sarà sempre
l’interfaccia fra una lingua e l’altra: riconosciuta un’entrata lessicale nella lin-
gua di partenza, l’interfaccia deve trovare la sua corrispondenza nella lingua
di destinazione. Ma anche qui si incontrano subito dei problemi: un’entrata
lessicale deve per forza consistere in una sola parola? O può essere rappresen-
tata anche da due parole? O da una catena fonologicamente vuota?
Paragoniamo queste due frasi:
(19) Er kommt an.
(20) Arribat.
Certamente la seconda potrebbe essere la traduzione della prima. Come si può
allora cogliere il fatto che la prima è composta da tre parole e la seconda da
una sola? Che il tutto abbia qualcosa a che fare con delle parametrizzazioni
del sardo da un lato (la possibilità del soggetto nullo) e del tedesco dall’altro (i
cosiddetti Partikelverben – verbi separabili) è fuori dubbio. Vedremo nella se-
conda parte di questa relazione come dovrà essere costruito un lessico elettro-
nico per poter offrire le funzionalità richieste.

2.3 Un esempio di struttura della frase nella Grammatica Generativa

Finora abbiamo parlato quasi soltanto di categorie lessicali. Per generare e


analizzare frasi complete però dobbiamo almeno menzionare, anche se super-
ficialmente, le categorie funzionali. Le più importanti categorie funzionali se-
condo il modello dei principi e parametri sono le seguenti:

D: DETERMINANTE. Questa categoria contiene la determinazione di un sin-


tagma nominale: un sintagma nominale è perfettamente completo solo se è
complemento di questa categoria. Tipici esponenti di D sono gli articoli, co-
sicché, facendo riferimento fra altri a Abney (1987), si preferisce parlare del
sintagma di determinante (DP) invece che di sintagma nominale (NP).9
T: TEMPO. Questa categoria esprime il tempo della frase, spesso riconoscibi-
le nelle desinenze morfologiche (per esempio -ba- nel caso dell’imperfetto
sardo della prima coniugazione) o nella presenza di un verbo ausiliare (p. es.
aer o esser nel perfetto composto).
212 Eva-Maria Remberger

AGR: ACCORDO. Questa categoria segna l’accordo (ingl. agreement) tra il


verbo e il suo soggetto, a volte anche fra participio e oggetto. Anche questa
categoria è riconoscibile nelle desinenze flessionali (per esempio -t per la ter-
za persona singolare sarda). La divisione del sintagma flessionale in due cate-
gorie, AGR e T, si basa su Pollock (1989).
C: COMPLEMENTATORE. Questa categoria determina la frase sintattica co-
sì come D determina il sintagma nominale. Ciò vuol dire che nella categoria C
si trova l’informazione, che chiarisce se si tratta p. es. di una frase dichiarativa
o interrogativa; le caratteristiche di C determinano se una frase è principale o
subordinata. Possibili esponenti di C sono le congiunzioni (per esempio chi, si
ecc.).
Senza entrare nei dettagli vorrei presentare una struttura ad albero di una deri-
vazione sintattica completa, con tutte le categorie funzionali necessarie per la
frase sarda: Zubanne còmporat una domo.10
(21) C"

Spec" C'

C° Agr"

Spec" Agr'
Zubanne

Agr° T"
còmporat

Spec" T'

T° V"

Spec" V'

V° D"

D° N"
una


domo
Traduzione automatica al servizio della lingua sarda 213

Con questo concludo l’introduzione teorica al modello grammaticale e quindi


la prima parte della presentazione per proseguire con la seconda parte, quella
pratica, in cui illustrerò il sistema di traduzione automatica LPS di Rolshoven.

3. La traduzione automatica al servizio della lingua sarda

È chiaro che al giorno d’oggi, nell’era dell’Unione europea e di tutte le lingue


dei suoi paesi membri, i sistemi di traduzione automatica sono un punto cardi-
nale per la comunicazione fra le istituzioni. Il materiale da tradurre è in conti-
nua crescita e, con l’aumento degli stati membri, le vie bidirezionali di tradu-
zione si moltiplicano. Non ci sono abbastanza traduttori. Di conseguenza è da
parecchio tempo che sistemi come p. es. SYSTRAN11 vengono sviluppati
sotto il patrocinio della UE. Una cosa comunque deve essere chiara: nessun
sistema di traduzione automatica potrà mai sostituire un traduttore umano. Le
traduzioni automatiche potranno al massimo aiutare a compiere una parte del
lavoro, magari quella più meccanica, permettendo di fare delle traduzioni ap-
prossimative che dovranno essere sempre riviste da una persona.12
Per il sardo, considerata una lingua minoritaria riconosciuta, ma non lin-
gua ufficiale di una nazione, chiaramente la traduzione automatica porterebbe
dei vantaggi immensi: invece di dover fare sempre riferimento a documenti
scritti in una delle lingue maggiormente diffuse (inglese, italiano) sarebbe
possibile utilizzare negli enti e negli uffici sardi documenti in lingua sarda,
ricorrendo alla traduzione automatica. Come vedremo nelle prossime sezioni,
il sistema LPS è un sistema aperto, cioè non legato obbligatoriamente a delle
coppie di lingue da tradurre; un sistema che, soprattutto per l’applicazione
scientificamante consolidata della teoria della Grammatica Generativa, si pre-
sta ugualmente e in modo universale ad ogni lingua, sia essa minoritaria o
maggioritaria.
In quanto segue cercherò di esporre la struttura e il funzionamento del si-
stema LPS.

3.1 Il sistema LPS

Il sistema LPS13 è un progetto diretto da Jürgen Rolshoven, del Dipartimento


per il Processamento di Dati Linguistici dell’Università di Colonia (v. Rolsho-
ven 1991, 1996, 1997). È scritto in un linguaggio di programmazione orienta-
214 Eva-Maria Remberger

to ad oggetti.14 Per l’implementazione linguistica vera e propria usa un dialet-


to del linguaggio logico-dichiarativo PROLOG.15
All’inizio, il sistema chiede all’utente di indicare il file contenente le infor-
mazioni sulla lingua di partenza (p. es. Dts.gff per il tedesco) e quello con-
tenente le informazioni sulla lingua di destinazione (p. es. Srd.gff per il sar-
do). In questi files si trovano i componenti rilevanti per le singole lingue, che
in questa tabella saranno caratterizzati solo in breve:
(22)

(* Srd.Gff *)

Srd.atv (* attributi/valori del sapere linguistico sardo *)


Srd.cff (* il sapere linguistico grammaticale del sardo *)
Srd.sem (* il sapere semantico del sardo *)
Srd.lex (* il lessico sardo *)
Srd.amo (* una lista degli allomorfi nel lessico sardo *)
Srd.mrp (* il lessico morfologico sardo *)

Inoltre è necessario un file di collegamento che contenga le informazioni sulle


equivalenze del lessico delle due lingue da processare. Questo file (chiamato
nel nostro caso DtsSrd.aeq) rappresenta la già menzionata interfaccia lessi-
cale, cioè fornisce una lista dei punti di collegamento fra un significante di
una lingua (nel nostro caso il tedesco) e il significante corrispondente nella
lingua di destinazione (nel nostro caso il sardo).16
Nelle prossime sezioni considererò più dettagliatamente il sapere linguisti-
co grammaticale e il lessico, nonché l’interfaccia lessicale bilingue.

3.2 LPS e l’orientamento ad oggetti

LPS, oltre ad essere programmato in un linguaggio di programmazione orien-


tato ad oggetti, usa anche nel sistema stesso il concetto dell’orientamento ad
oggetti come metodo per l’implementazione del sapere linguistico. Per una
breve introduzione a questo concetto è sufficiente tenere presenti questi due
punti:
(a) L’orientamento ad oggetti opera con strutture gerarchiche, cioè con classi
generiche e classi specializzate che possono essere rappresentate in gerar-
chie secondo strutture ad albero: il nodo radice rappresenta la classe più
generica, i nodi intermedi rappresentano i rami dell’albero e quelli termi-
nali delle foglie rappresentano le sottoclassi e le sotto-sottoclassi dei nodi
precedenti. Una sottoclasse specializzata ha sempre tutte le proprietà della
Traduzione automatica al servizio della lingua sarda 215

classe superiore più l’aggiunta di nuove proprietà. Questo principio


fondamentale nel paradigma dell’orientamento ad oggetti si chiama
ereditarietà.
(b) L’orientamento ad oggetti comprende classi e oggetti. Classi e oggetti
contengono informazioni e manifestano determinati comportamenti.
Mentre le classi sono modelli che rappresentano determinati tipi di co-
struzione, gli oggetti sono delle istanze reali, cioè delle occorrenze attuali
delle rispettive classi.
Per una esemplificazione di questi punti addentriamoci subito nel sapere lin-
guistico di LPS. Il sapere linguistico consiste in una serie di moduli che con-
tengono le definizioni delle classi. Le classi del sapere linguistico possono per
esempio modellare le categorie grammaticali. Abbiamo già distinto le catego-
rie lessicali (qui LK) dalle categorie funzionali (qui FK). Così nel sapere lin-
guistico di LPS si trovano i moduli FK.cls e LK.cls che contengono classi
generiche che valgono per tutte le lingue. Nei moduli EurFK.cls e
EurLK.cls poi si trovano classi già più specializzate, che organizzano il sa-
pere linguistico di un cerchio molto più ristretto di lingue, delle lingue euro-
pee in un senso molto generico (e non geografico) della parola. Più in basso
nella gerarchia troviamo poi p. es. una classe RomFK.cls che riguarda solo le
lingue romanze. Allo stesso modo è necessaria una classe specializzata per i
verbi sardi (SrdV.cls) che certamente hanno delle proprietà grammaticali
diverse non solo dai verbi tedeschi (DtsV.cls) ma anche dai verbi di altre
lingue romanze, come ad esempio il francese (FrzV.cls). Così si formano
delle gerarchie di classi (v. punto a) rappresentate qui sotto in strutture ad
albero:
(23)

FK.cls EurV.cls

EurFK.cls ...

FrzV.cls SrdV.cls DtsV.cls


RomFK.cls DtsFK.cls

La classe SrdV.cls rappresenta un modello concepito per tutti i verbi sardi,


cioè descrive le proprietà e i modi di comportamento di un tipico verbo sardo.
216 Eva-Maria Remberger

Nel caso pratico della traduzione automatica poi avremo a che fare con dei
verbi inseriti in un contesto concreto, p. es. col verbo mandicare nel contesto
della frase Maria màndicat una mela. Si tratta allora non più di una classe, ma
di un’istanza concreta di una classe, cioè di un oggetto di questa classe (v.
punto b).

3.3 Il dialetto LPS-PROLOG

LPS-PROLOG è un dialetto del linguaggio di programmazione logico-dichia-


rativo PROLOG. Esso si basa sulla logica dei predicati ed è perciò molto adat-
to per il processamento di dati simbolici. Il sistema, che comprende la possibi-
lità di caricare una banca dati di fatti e regole d’implicazione, e il motore d’in-
ferenza, che applica il concetto dell’unificazione, sono ideali per il processa-
mento del linguaggio umano.
Senza entrare ulteriormente nei dettagli sarà presentata una delle regole del
sapere linguistico europeo: la seguente regola controlla la combinazione della
radice verbale con le sue desinenze morfoflessionali:

(24)
(EuroMorph.msp)

verbEnding(V,Tmps) :-
Get(Mother,V,'mother'),
UnifyValues(Mother,Tmps,'Tempus').

Questa annotazione significa che un nodo verbale V può essere combinato con
il nodo delle desinenze verbali Tmps17 unificando i tratti temporali nel nodo
precedente (il nodo madre, anche esso della categoria V secondo lo schema X-
barra).

3.4 Le classi idiosincratiche del sardo

Come esempio di una classe propria del sardo sarà presentato qui il file
SrdV.cls:
Traduzione automatica al servizio della lingua sarda 217

(25)

CLASSMODULE SrdV;

CLASS V° [Tempus]|[lexical] < EurLK.V°, EurNachbarVon$.V°,


EurLK.VBound*,UG.Rechts;
END;

CLASS V[functional] < V°[Tempus];


END;

END SrdV.

Bisogna dire che si tratta solo di una prima bozza prototipica che potrebbe
valere allo stesso modo anche per il verbo francese. In questo stadio è possi-
bile implementare altre particolarità del verbo sardo, p. es. quella di poter
servire da sostegno per i pronomi clitici sotto determinate circostanze. Una
cosa che qui comunque risalta particolarmente è il fatto che la classe V° in
questo modulo è una estensione della classe UG.Rechts, cioè del modulo con
i tratti universali che contiene anche una possibile direzione riguardante la
reggenza, in questo caso la classe Rechts (‘destra’).
Se guardiamo il modulo di DtsV.cls vediamo che il V° tedesco è un’e-
stensione di UG.Links (‘sinistra’).
(26)

CLASSMODULE DtsV;

CLASS V < FK.Tense;


END;

CLASS V° < UG.Links*;


END;

END DtsV.

Tutto questo non è altro che l’implementazione del fatto, già menzionato nella
prima parte, che i verbi tedeschi reggono a sinistra mentre i verbi sardi reggo-
no a destra – come illustrato in (6) e (7), v. 2.2.1: è la rappresentazione di un
parametro della UG che nelle singole lingue è fissato diversamente.
218 Eva-Maria Remberger

3.5 Le entrate lessicali

Le entrate lessicali del sardo sono codificate nel file Srd.lex. Un’entrata les-
sicale consiste nel lemma, nei possibili allomorfi, nella struttura argomentale
secondo lo schema X-barra (argomenti richiesti e facoltativi) e nell’informa-
zione relativa a certe restrizioni grammaticali e semantiche che valgono per
questi argomenti. Osserviamo ora una tipica entrata lessicale: 18

(27) informazione
categoria morfoflessionale
lemma

legh, V [-1-bar] : Tmps[e-konj];

[0-bar]: [akk];

[1-bar] : [agens] *umanu.

Il complemento della Lo specificatore della testa (il soggetto)


testa deve avere il caso deve avere il ruolo di 'agente' e il tratto
'accusativo'. semantico 'umano'.

Il lessico di una lingua particolare è sempre un’unità modulare a sé stante. Se


paragoniamo due entrate lessicali rappresentate nel formato LPS, una del sar-
do e una del tedesco, vediamo che, anche se l’entrata lessicale sarda potrebbe
in parte essere la traduzione dell’entrata tedesca, le due entrate hanno delle
strutture indipendenti e, soprattutto, che tra i lessici stessi non esiste nessun le-
game diretto.19

(28)

Entrata lessicale tedesca Entrata lessicale sarda

komm, V[-1-bar]: Tmps; arrib, V[-1-bar] : Tmps[a-konj];


[0-bar]:(an,P[0-bar]); [1-bar] : [agens].
[1-bar]:[agens].

Il lessico serve per analizzare le frasi input e per ricostruire le gerarchie e le


correlazioni sottostanti (p. es. dopo il fenomeno di movimento). Questo pro-
cesso (chiamato processo di parse) arricchisce le sole stringhe di significanti
che abbiamo come input, con delle informazioni grammaticali contestuali. Il
risultato di quest’analisi viene rappresentato sotto forma di struttura ad albero.
Traduzione automatica al servizio della lingua sarda 219

Per la generazione dell’output, il sistema ha bisogno prima di tutto


dell’interfaccia lessicale: per ogni entrata lessicale analizzata e fornita di in-
formazioni grammaticali contestuali dal parse, il sistema cerca nella già men-
zionata lista di equivalenze bilingui una possibile entrata lessicale della lingua
di destinazione. Nella lista delle traduzioni dal tedesco al sardo il sistema tro-
va p. es. le soluzioni seguenti:

(29) ...
Buch: libru.
der: su,sa.
komm: arrib.
lies: legh.
Sprache: limba.
...
(DtsSrd.aeq)

Con queste informazioni estrapolate dalla lista e in più le informazioni gram-


maticali del parse, il sistema può generare la frase tradotta nella lingua di
destinazione, servendosi prima delle informazioni memorizzate nel lessico e
poi del sapere linguistico della lingua di destinazione per così generare la
struttura sottostante corrispondente: questa struttura ad albero infine deve solo
essere attraversata raccogliendone i nodi teminali, cioè i nodi che contengono
catene di materiale graficofonetico, per poi produrre l’enunciato della lingua
di destinazione, p. es. del sardo.
Il procedimento può essere visualizzato come segue:

(30) Dts.cff Srd.cff

Dts.lex Srd.lex
DtsSrd.aeq
OUTPUT
INPUT
Dts.gff Srd.gff

Dts.sem Srd.sem
Informazione
... grammaticale ...
contestuale

struttura Dts struttura Srd

PARSE GENERAZIONE
220 Eva-Maria Remberger

3.6 Esempio di traduzione automatica tedesco-sardo

Per concludere vorrei mostrare un esempio di traduzione automatica con il


sistema LPS; v. (31) e (32).20 Si tratta per ora di una frase molto semplice. Per
ogni processo di traduzione di una frase il sistema LPS crea due rappresenta-
zioni di strutture ad albero: una del parse della lingua di partenza e una della
generazione della frase nella lingua di destinazione.
Queste visualizzazioni sono una dimostrazione del fatto che alla base del
sapere linguistico utilizzato dal sistema LPS ci sia il modello della Gramma-
tica Generativa esemplificato nella prima parte di questo saggio. Si notino so-
prattutto le categorie funzionali, le correlazioni fra certi nodi (rappresentate da
linee di collegamento) che sono un prodotto dei fenomeni di movimento, non-
ché le differenze strutturali fra il tedesco e il sardo. Nel sistema reale ogni no-
do contiene anche tutte le informazioni grammaticali, sia quelle estratte dal
lessico sia quelle contestuali rinvenute durante il processo di parse.

(31) INPUT: Maria isst einen Apfel.

C"

D"agens C'
'Maria'

C° Agr"

C° Agr° D" Agr'

T° Agr° T" Agr°

V° T° D" T' T° Agr°

V-' Tmps° V" T° V° T°


'iss ' 't'

D" V' V° T°

D" V°

D'

D° N"
'einen '

N'


'Apfel'
Traduzione automatica al servizio della lingua sarda 221

(32) OUTPUT: Maria màndicat una mela.

Agr"

D" Agr'

Agr° T"

T° Agr° D" T'

V° T° T° V"

V° T° D" V'
'Maria'
V° D"
'una mela'
V-' Tmps°
'mandic' 'at'

4. Prospettive

Nonostante il sistema LPS sia ancora in uno stato prototipico spero, con que-
sta mia relazione, di aver reso l’idea del potenziale che si nasconde dietro un
tale sistema soprattutto per una lingua ancora non standardizzata come il sar-
do. Dato che la sintassi del sardo è il livello sistematico del sardo dove si tro-
va meno variazione dialettale, una qualsiasi modificazione standardizzante è
facile da eseguire.

4.1 Applicazione di un futuro standard

Questa non è la sede adatta per chiedersi: «In o da quale sardo bisogna tradur-
re?» Ciò nonostante è chiaro che un futuro standard sardo in un sistema di tra-
duzione automatica dovrà concentrarsi sull’elaborazione del lessico. Il lessico
permetterebbe una grafia unificata e renderebbe possibile anche di codificare i
geosinonimi. Il lessico del sistema LPS mette a disposizione un formalismo
che permette di annotare sia delle alternative lessicali sia delle alternative allo-
morfiche (v. 4.2). Prendiamo come esempio – astraendo per ora dalle desinen-
222 Eva-Maria Remberger

ze infinitivali – i geosinonimi mandicare (logudorese) e pappai (campidane-


se). Senz’altro potrebbero esistere due entrate lessicali:

(33)

mandic, V[-1-bar]: Tmps[a-konj]; papp, V[-1-bar]: Tmps[a-konj];


[0-bar]: [akk]; [0-bar]: [akk];
[1-bar]: [agens] *umanu. [1-bar]: [agens] *umanu.

Se il sardo è la lingua di partenza, basta registrare tutte le corrispondenze an-


che nella lista delle equivalenze:
(34)
...
mandic: iss.
papp: iss.
... (SrdDts.aeq)

Se il sardo è la lingua di destinazione, è necessario da un lato registrare nella


lista di equivalenze la seguente entrata:
(35)
...
iss: mandic,papp.
...
(SrdDts.aeq)

Dall’altro lato il sistema deve sapere in quale contesto pragmatico si trova at-
tualmente per poter scegliere l’entrata lessicale adatta, visto che qui ha due al-
ternative. Perciò si potrebbe inventare un nuovo attributo (da registrare in
Srd.atv) del tipo Var (per varietà) con i possibili valori camp (per il campi-
danese) o log (per il logudorese):
(36)

mandic,V[-1-bar,log]: papp, V[-1-bar,camp]:


Tmps[a-konj]; Tmps[a-konj];
[0-bar]: [akk]; [0-bar]: [akk];
[1-bar]: [agens] *umanu. [1-bar]: [agens] *umanu
Traduzione automatica al servizio della lingua sarda 223

Questo nuovo attributo potrebbe poi essere utilizzato come informazione


pragmatico-contestuale nel lessico. Un possibile output potrebbe poi scegliere,
se l’utente lo richiede, di utilizzare sempre i geosinonimi campidanesi o sem-
pre quelli logudoresi.

4.2 Integrazione delle varietà sarde nel sistema LPS

Naturalmente questa tecnica si potrebbe estendere anche ad altre parti della


grammatica oltre che al solo lessico, per esempio alle categorie funzionali o
alle desinenze morfologiche.
Per completare il caso precedente, si potrebbero differenziare nel lessico le
desinenze verbali secondo la varietà: se la radice lessicale della parola ha il
tratto camp allora deve accordarsi con la desinenza verbale corrispondente (se
non esiste un caso default):
(37)

are, Tmps[infinit,a-konj,log]. ai, Tmps[infinit,a-konj,camp].

In quanto alle categorie funzionali qui sarebbe interessante soprattutto il caso


degli articoli. Per poter processare anche gli articoli campidanesi il lessico
sardo dovrebbe essere esteso:
(38)
is, D [ 0-bar, plur, Gen, camp].
sa, D [ 0-bar, sing, fem].
sas, D [ 0-bar, plur, fem, log].
sos, D [ 0-bar, plur, mask, log].
su, D [ 0-bar, sing, mask].

Le entrate senza indicazione di varietà rappresentano il caso default. Nella


lista delle equivalenze si avrebbe quindi:21
(39)
...
das: su,sa.
der: su,sa.
die: su,sa,sos,sas,is.
...
224 Eva-Maria Remberger

Un’altra possibilità di implementazione per il processamento e l’integrazione


delle varietà consisterebbe nel progettare un lessico per ogni varietà, cambian-
do all’interno del sapere linguistico solo il file con l’estensione .lex per ogni
varietà al momento della carica. In questo caso però bisognerebbe avere anche
le corrispondenti liste di equivalenze:
(40)
Camp.Lex Log.lex Nuor.lex ...
DtsCamp.aeq DtsLog.aeq DtsNuor.aeq ...

In ogni caso, le possibilità d’integrazione delle varietà sarde sono diverse per-
ché la costruzione del sistema LPS permette un flessibile inserimento di mo-
duli specializzati, mantenendo la progettazione generale.
Infine, un altro progetto del Dipartimento per il Processamento di Dati
Linguistici è quello di un convertitore di varietà, cioè di un ingegno che
svolga in modo automatico la conversione da una varietà all’altra. Questo
convertitore sarebbe facilmente inseribile nel sistema LPS.
In questo modo spero di aver mostrato come LPS, un sistema aperto, al
suo stato attuale può essere adattato alle necessità della lingua sarda.

Note

* Ringrazio Angela Sinesi e Lucia Grimaldi per la revisione del testo italiano.
1
Per un’introduzione alla Grammatica Generativa in italiano, v. Graffi (1994).
2
Ne esiste una traduzione in italiano della Laterza (Bari) del 1977.
3
La scoperta recente del cosiddetto language gene, del ‘gene del linguaggio’, sembra mostrare
che il linguaggio umano sia davvero un fatto tangibile nel genomio umano, v. Pinker (2001), Lai
et al. (2001). La ipotesi dell’innatezza del linguaggio umano sembra allora sempre più probabile
nonché dimostrabile.
4
Che gli aggettivi nella teoria siano dei complementi è una tesi discutibile. Ma per motivi di
esposizione lasciamo per ora che sia così. Un esempio più chiaro sarebbe un sintagma del tipo su
tzìrculu de sa curtura sarda in Berlinu, cioè una testa con una frase preposizionale come comple-
mento.
5
Questo termine è reso a volte anche con governamento, dall’inglese government (v. anche
Graffi 1994:169-170).
6
Generativamente parlando, si direbbe: «Un nodo A m-comanda un nodo B se e solo se: nessu-
no dei due nodi domina l’altro e la prima proiezione massima che domina A domina anche B.» (v.
Graffi 1994:168, che lì traduce Chomsky).
7
Negli esempi qui riportati uso ancora la grafia non standardizzata come appare in Mensching
(1994). Nonostante la pubblicazione delle norme della LSU (Limba Sarda Unificada, v. URL:
http://www.uemilano.it/multilinguismo/pdf/lsu.pdf) la questione ortografica non sembra ancora
risolta per il sardo, vedi anche gli altri contributi nel presente volume.
Traduzione automatica al servizio della lingua sarda 225

8
Al Dipartimento per il Processamento di Dati Linguistici dell’Università di Colonia si sta cre-
ando un tale sistema per l’estrazione automatica di informazione semantica basata principalmente
sul processamento di ampi corpi testuali, v. Lalande/Buyko (2002).
9
Così farò da ora in poi in questo articolo.
10
Questo albero sintattico ed i seguenti sono stati prodotti con il sistema GBX, creato all’Univer-
sità di Colonia da Jean-Yves Lalande (v. Lalande 1997). GBX è stato integrato nel sistema LPS
per visualizzare i risultati della traduzione automatica in maniera linguisticamente fondata e strut-
turata.
11
Cfr. URL: www.systransoft.com.
12
Cfr. Purwin (1998); per un’introduzione fondata alla traduzione automatica siano raccomandati
Allen (1995) e Wehrli (1997).
13
LPS sta per Linguistische Programmiersprache, cioè ‘Linguaggio di programmazione lingui-
stica’.
14
BlackBox Component Pascal della ditta Oberon Microsystems, Zurigo.
15
Per un’introduzione a PROLOG, v. il classico Clocksin/Mellish (1984) nonché, per un’applica-
zione al campo della linguistica computazionale, Covington (1994).
16
Per essere esatti, non si tratta qui di significanti, ma di nomi di significati disambiguati nel loro
contesto semantico (Rolshoven, comunicato personale).
17
Tmps e il nodo della radice verbale sono praticamente nodi a livello -1-barra, cioè gerar-
chicamente situati sotto il nodo di testa (V° flesso).
18
Il soggetto richiesto qui dall’entrata lessicale di leghere può essere naturalmente anche rea-
lizzato dal soggetto nullo del sardo, per il quale ci deve essere una entrata lessicale propria nel
lessico sardo; questa entrata nella Grammatica Generativa viene resa generalmente con pro.
19
Questa annotazione vuol dire che in kommen può essere incorporata facoltativamente la parti-
cella an, cosicché abbiamo come risultato un tipico verbo separabile del tedesco. Con questa in-
corporazione il livello zero, cioè di testa, non viene modificato.
20
Qui la categoria C è vuota e perciò, per ragioni di semplicità, non è rappresentata, anche se ri-
mane linguisticamente presente. Sempre per semplificare, nell’esempio (32) abbiamo rinunciato a
rappresentare la struttura delle D'' in dettaglio.
21
Attenendosi alla Grammatica Generativa praticamente le categorie funzionali non dovrebbero
apparire nella lista delle equivalenze: per gli articoli p. es., trattandosi di categorie D, durante il
parse si dovrebbe fissare il valore ‘determinativo’ o ‘non-determinativo’ della DP. Questa infor-
mazione contestuale poi dovrebbe essere a disposizione del meccanismo di generazione, come
succede anche per le altre categorie funzionali (Agr, T ecc.) senza che esse appaiano nella lista
delle equivalenze.
226 Eva-Maria Remberger

Riferimenti bibliografici

Abney, Steven P. (1987): The English Noun Phrase in its Sentential Aspect. Tesi di
dottorato. MIT.
Allen, James (1995): Natural Language Understanding. Redwood City: Benjamin/
Cummings.
Chomsky, Noam (1957): Syntactic Structures. L’Aia: Mouton.
Chomsky, Noam (1981): Lectures on Government and Binding: The Pisa Lectures.
Dordrecht: Foris [Qui uso l’edizione del 1993: Berlino/Nuova York: Mouton
de Gruyter].
Chomsky, Noam (1986): Barriers. Cambridge Mass.: MIT Press.
Clocksin, William/Mellish, Chris (21984): Programming in Prolog. Berlino/Heidel-
berg: Springer [prima ed. 1981].
Covington, Michael A. (1994): Natural Language Processing for Prolog Pro-
grammers. Englewood Cliffs: Prentice Hall.
Graffi, Giorgio (1994): Le strutture del linguaggio. Sintassi. Bologna: Il Mulino.
Lai, Cecilia et al. (2001): “A Forkhead-Domain Gene is Mutated in a Severe Speech
and Language Disorder”, in: Nature 413, 519-523.
Lalande, Jean-Yves (1997): Verbstellung im Deutschen und im Französischen unter
Anwendung eines CAD-basierten Expertensystems. Tubinga: Niemeyer.
Lalande, Jean-Yves/Buyko, Ekaterina (2002): “Systemraum und Self Organizing
Maps”. Manoscritto. Sprachliche Informationsverarbeitung, Università di
Colonia.
Mensching, Guido (21994): Einführung in die sardische Sprache. Bonn: Romanisti-
scher Verlag (Bibliothek romanischer Sprachlehrwerke 2).
Pinker, Steven (1994): The Language Instinct. Londra: Penguin.
Pinker, Steven (2001): “Talk on Genetics and Vice Versa”, in: Nature 413, 465-466.
Pollock, Jean-Yves (1989): “Verb Movement, Universal Grammar, and the Structure
of IP”, in: Linguistic Inquiry 20, 365-424.
Purwin, René (1998): “Maschinelle Übersetzung. Der PC hat als Dolmetscher nicht
den besten Ruf”, in: FAZ, 4.8.1998.
Rolshoven, Jürgen (1991): “GB und sprachliche Informationsverarbeitung mit LPS”,
in: Rolshoven, Jürgen/Seelbach, Dieter (a cura di): Romanistische Computer-
linguistik. Theorien und Implementationen. Tubinga: Niemeyer (Linguisti-
sche Arbeiten 266), 133-158.
Rolshoven, Jürgen (1996): “Lexikalisches Wissen in der Maschinellen Übersetzung”,
in: Blumenthal, Peter/Rovere, Giovanni/Schwarze, Christoph (a cura di):
Lexikalische Analyse romanischer Sprachen. Tubinga: Niemeyer (Linguisti-
sche Arbeiten 353), 85-100.
Traduzione automatica al servizio della lingua sarda 227

Rolshoven, Jürgen (1997): “Sprachliche Informationsverarbeitung”, in: Hoinkes,


Ulrich/Dietrich, Wolf (a cura di): Kaleidoskop der lexikalischen Semantik.
Tubinga: Narr, 379-396.
Wehrli, Éric (1997): L’analyse syntaxique des langues naturelles. Problèmes et mé-
thodes. Parigi: Masson.
Parte IV

La prospettiva europea

Sa prospettiva europea
Roberto Bolognesi/Wilbert Heeringa
(Groninga)

L’influsso delle lingue dominanti sul lessico e la


fonologia dei dialetti sardi*

1. Introduzione

1.1 Obiettivi del presente lavoro

In questo articolo, sulla base della Dialettologia Computazionale (Nerbonne/


Heeringa 1998, Heeringa et al. 2000, Heeringa/Nerbonne 2001), oltre che
degli sviluppi recenti della fonologia del sardo (Bolognesi 1998; 2002), ven-
gono verificati alcuni stereotipi diffusi nella Romanistica.
Dall’estesa ricerca sulla fonologia dei dialetti sardi meridionali, apparsa in
Bolognesi (1998), risulta che la maggior parte delle differenze fra i dialetti
sardi sono da attribuire a meccanismi fonologici sincronici, i quali modificano
identici input lessicali, trasformandoli in output molto diversi fra loro. Gli
input lessicali dei dialetti meridionali mostrano importanti similitudini con gli
output dei dialetti centrali del sardo, i quali vengono generalmente considerati
conservatori e “puri”. Fra l’altro, i meccanismi sincronici nei dialetti meridio-
nali non mostrano in alcun caso una coincidenza esatta con meccanismi simili
attestati nelle lingue che sono state in contatto con il sardo.
Queste scoperte non si conciliano con la visione imperante all’interno
della linguistica sarda, in particolare, e della Romanistica in generale, riguardo
al rapporto fra i dialetti sardi e le varie lingue che hanno esercitato un ruolo
dominante in Sardegna. Secondo questa visione, il sardo sarebbe una lingua
arcaica, fatta eccezione per quelle varietà della lingua entrate in contatto con
altre lingue. Secondo questa visione tradizionale, più o meno tutte le innova-
zioni fonologiche presenti nell’area linguistica sarda sarebbero da attribuire al
contatto con le lingue dominanti (si veda Blasco Ferrer 1984 per vari esempi e
232 Roberto Bolognesi/Wilbert Heeringa

per un resoconto). Di conseguenza i dialetti centrali vengono considerati più


“puri” mentre i dialetti meridionali sarebbero meno rappresentativi del sardo,
perché mostrano dei sistemi fonologici più innovativi.
Su queste questioni fonologiche e di linguistica storica, si è innestata
un’accesa discussione sociolinguistica, collegata alla standardizzazione del
sardo. La proposta di standardizzazione appoggiata in un primo momento
dalle autorità regionali sarde si basa esclusivamente sulle varietà centroset-
tentrionali del sardo.1 Per affrontare questo problema che, col tempo, si è
caricato di valenze anche emotive, siamo ricorsi agli strumenti metodologici e
tecnologici sviluppati nell’ambito della Dialettologia Computazionale. Per
poter stabilire la misura in cui le diverse varietà del sardo sono influenzate o
meno dalle lingue dominanti, si deve eseguire una comparazione sistematica e
obiettiva tra le varietà linguistiche interessate. Sulla base di un approccio
statistico abbiamo operato una selezione randomizzata di parole del lessico
sardo e in seguito abbiamo raccolto le traduzioni di queste parole in una serie
rappresentativa di dialetti sardi, oltre che nelle varie lingue dominanti.
I risultati dei confronti effettuati e delle nostre analisi permettono di verifi-
care i suddetti stereotipi sulla base dell’evidenza empirica. Quest’evidenza
permette di concludere che nessun dialetto sardo si distingue come significati-
vamente più conservatore (più simile al latino) rispetto agli altri dialetti sardi
o alle lingue dominanti prese in esame. Allo stesso tempo, nessuno dei dialetti
sardi dimostra un’analogia maggiore con le lingue dominanti. Tutti i dialetti
del sardo differiscono da queste lingue in misura maggiore rispetto alla di-
stanza media reciproca esibita dalle lingue in questione. È comunque interes-
sante notare che, anche se in modo modesto, sono proprio i dialetti meridio-
nali a rivelare sistematicamente una maggiore distanza dall’italiano.
Negli oltre 2000 anni seguiti al suo arrivo in Sardegna, il latino volgare2 è
evoluto in una serie di gruppi dialettali che fonologicamente si differenziano
fortemente fra di loro (Contini 1987a/b). Nella cartina (1) generata dal com-
puter si può vedere come ciascuno dei 54 dialetti presi in considerazione sia
collegato a ciascun altro mediante delle linee più o meno scure. Quanto più
una linea è scura, tanto più piccola è la distanza fra i due dialetti. Quando la
distanza fonologica supera un certo limite la linea diventa bianca e perciò
invisibile. I tre dialetti settentrionali linguisticamente non sardi di Tempio,
Sedini e Sassari appaiono quindi collegati con delle linee visibili rispettiva-
mente uno con l’altro. La loro distanza dai dialetti propriamente sardi è invece
troppo grande, quindi le linee che li collegano con il resto della Sardegna sono
bianche e invisibili. Le linee scure che intersecano il nord della Sardegna col-
L’influsso delle lingue dominanti sul lessico e la fonologia dei dialetti sardi 233

(1) Rappresentazione computazionale delle distanze fonologiche di 54 varietà sarde


234 Roberto Bolognesi/Wilbert Heeringa

legano invece l’isola logudorese di Luras con il resto del Logudoro (linguisti-
co).
Dalla cartina possiamo vedere che i dialetti sardi si possono suddividere in
tre gruppi principali: (a) un gruppo settentrionale che comprende i dialetti sas-
saresi e galluresi; (b) un gruppo centrale che comprende anche l’isola logudo-
rese di Luras (a nord est); (c) un gruppo meridionale.
Mentre, come abbiamo già detto, i tre dialetti settentrionali appaiono iso-
lati dai dialetti propriamente sardi, i dialetti centrali e quelli meridionali sono
collegati attraverso le linee scure che congiungono Seneghe rispettivamente
con Abbasanta, Bauladu e Atzara (tutti ‘dialetti di confine’), oltre alle nume-
rose linee più chiare che collegano più debolmente fra di loro molti più dialetti
centrali e meridionali.3
Lo scopo di questa ricerca è quello di stabilire la misura in cui le distanze
strutturali fra i dialetti sardi siano il risultato dei diversi fattori storici che
hanno svolto un ruolo importante nell’isola. I fattori che portano al muta-
mento linguistico possono essere suddivisi in due grandi gruppi Evoluzioni In-
terne e Mutamento da Contatto (Thomason/Kaufman 1988).

1.2. Gli stereotipi sul sardo nella Romanistica

Curiosamente, nella letteratura tradizionale sulla storia della lingua sarda non
si presta praticamente attenzione alle evoluzioni interne della lingua (si veda
Blasco Ferrer 1984 per un resoconto standard della storia linguistica della
Sardegna). Negli studi tradizionali si sottolinea l’importanza del contatto lin-
guistico e soprattutto la sua pretesa assenza, cosa questa che avrebbe prodotto
un’eccezionale arcaicità del sardo. Il sardo viene quindi considerato, dalla lin-
guistica storica tradizionale, come una lingua arcaica.
Nel suo lavoro standard sull’origine della lingue neolatine, Tagliavini
(1982:388) afferma che «Il sardo ha una sua speciale fisionomia e individua-
lità che lo rende, in un certo senso il più caratteristico degli idiomi neolatini; e
questa speciale individualità del Sardo, come lingua di tipo arcaico e con una
fisionomia inconfondibile, traspare già dai più antichi testi». Questo stereotipo
ha avuto origine nel XIX secolo, un periodo in cui ancora si sapeva molto
poco del sardo (si veda Paulis 1996). Malgrado le conoscenze sul sardo siano
nel mentre grandemente migliorate, lo stereotipo si è mantenuto, soprattutto in
studi non basati su proprie ricerche sul campo.4
Lo stereotipo sulla lingua sarda non costuisce comunque un episodio a sé
stante. Per un’analisi estensiva si veda Bolognesi/Heeringa (2002) e gli artico-
li di Koch, Krefeld e Mensching nella prima parte di questo volume. L’infon-
L’influsso delle lingue dominanti sul lessico e la fonologia dei dialetti sardi 235

datezza di questi luoghi comuni è stata mostrata inoltre in Bolognesi (2001b).


Basandosi su una rianalisi dei fatti storici e fonologici, Bolognesi mostra che
le differenze attuali tra i dialetti sardi non possono aver avuto luogo nei tempi
e nei modi indicati, fra gli altri da Andre (1997). Per esempio i fenomeni che
vengono attribuiti al contatto con il pisano medievale sono già attestati in do-
cumenti che precedono il primo contatto linguistico con il pisano di un secolo
e mezzo (si veda anche Virdis 1978/1988). Per di più, il dominio pisano sulla
Sardegna meridionale è durato soltanto 64 anni, troppo poco per avere le con-
seguenze profonde sul sardo meridionale postulate da Andre (si veda Casula
1998). L’apparente arcaicità del sardo è invece il risultato di un’attenzione se-
lettiva riservata a una parte dei fenomeni presenti in alcuni dialetti.
Malgrado a partire dal medioevo diverse lingue abbiano avuto un ruolo
politicamente dominante nell’isola (dopo il pisano: il genovese, il catalano, lo
spagnolo e l’italiano), la Sardegna non ha conosciuto delle vere colonizza-
zioni, cioè delle invasioni da parte di numerosi gruppi di parlanti di altre lin-
gue (si veda Le Lannou 1982). Questa situazione rende molto improbabile la
possibilità che il contatto linguistico sia andato oltre quello che Thomason
(2001:70) definisce un contatto casuale: il livello più basso nella scala di
quattro in cui l’autrice suddivide i livelli di contatto («[…] only nonbasic
vocabulary borrowed […]»). Thomason, riferendosi al contatto casuale, si
esprime nel modo seguente:
Non occorre affatto essere fluenti in una lingua per prendere in prestito alcune
parole, ma dato che non si può prendere in prestito ciò che non si conosce, la pa-
dronanza della lingua fonte è certamente necessaria per poter prendere in pre-
stito delle strutture grammaticali5 (Thomason 2001:69, Traduzione R.B.).
Solo nel caso del sassarese, un dialetto che presenta forti divergenze fonologi-
che e morfologiche nei confronti dei dialetti propriamente sardi, si può parlare
di contatto profondo fra il sardo e un’altra lingua (il genovese, secondo Blasco
Ferrer 1984).
Come affermato anche da van Coetsem (1988), il prestito di caratteristiche
strutturali (fonologiche, per la precisione) richiede la presenza di una situa-
zione di bilinguismo diffuso. Invece, nel passato, gli abitanti della Sardegna
non avevano praticamente alcuna possibilità di apprendere le lingue domi-
nanti. Soltanto con l’effettiva introduzione della scuola dell’obbligo (verso la
metà del XX secolo) questa situazione è cambiata radicalmente, soprattutto
per i parlanti delle generazioni più giovani (cfr. Pira 1978; Loi Corvetto
1983).
Date queste condizioni ne consegue che le attuali strutture del sardo sono
soprattutto il risultato di Evoluzioni Interne alla lingua stessa, mentre nel
236 Roberto Bolognesi/Wilbert Heeringa

passato il contatto linguistico non può che aver svolto un ruolo marginale.
Poiché le lingue con un’origine comune si distanziano sempre di più le une
dalle altre con il passare del tempo (Divergenza di Fondo), gli sviluppi dia-
cronici dei dialetti sardi devono aver portato ad una divergenza strutturale nei
confronti delle lingue dominanti. Più precisamente, quanto più è grande la
distanza di un dialetto dal progenitore comune (il latino), tanto più grande
deve essere questa divergenza. Questa previsione comporta un esito esatta-
mente contrario rispetto a quanto sostenuto tradizionalmente.

1.3 Verso una Diacronia Quantitativa

Con il rifiuto dei suddetti stereotipi non abbiamo comunque ancora risposto
alla domanda se il sardo sia effettivamente più vicino al latino di altre lingue
neolatine, e neanche se i dialetti meridionali siano effettivamente struttural-
mente più vicini alle varie lingue dominanti. A dire il vero, fornire una rispo-
sta a queste domande è tutt’altro che semplice. Per poter stabilire la portata di
processi come il mutamento e il contatto linguistico, e quindi la loro influenza
sulla situazione attuale, è di cruciale importanza assumere un punto di vista
che vada oltre l’attenzione (selettiva) per i fenomeni puramente qualitativi.
Occorre operare un’analisi quantitativa.
I processi diacronici in questione costringono a porsi delle domande come
le seguenti: «Quante parole di una lingua sono coinvolte nei processi di mu-
tamento e contatto linguistico? Quanto è cambiata la struttura di queste pa-
role? Quanto è grande la distanza strutturale tra due fasi storiche di questa
lingua che risulta da questi processi?» Malgrado l’importanza che queste
domande assumono nella linguistica diacronica, fino a poco tempo fa qualsiasi
comprensione delle conseguenze quantitative dei processi linguistici diacro-
nici era praticamente del tutto assente.6
Un’altra fonte di soggettività è costituita dal fatto che il calcolo della di-
stanza strutturale tra due lingue (o due fasi della stessa lingua) è praticamente
impossibile da effettuare senza ricorrere a tecniche computazionali (Ner-
bonne/Heeringa 1998). Ogni parola selezionata in ogni lingua (o fase della
lingua) deve essere confrontata con ogni parola corrispondente nell’altra lin-
gua (o fase) per poter stabilire le rispettive distanze fonologiche. Senza un
approccio computazionale, l’esecuzione di questi calcoli costituisce un’impre-
sa irrealizzabile. Perciò la valutazione delle conseguenze del mutamento e del
contatto linguistico sono necessariamente limitate ad un giudizio intuitivo. In
altri termini: il sorgere di valutazioni soggettive e di luoghi comuni è la conse-
guenza inevitabile dei problemi metodologici che accompagnano un’analisi
L’influsso delle lingue dominanti sul lessico e la fonologia dei dialetti sardi 237

non quantitativa della linguistica storica e comparativa. Attraverso la tecnica


statistica della campionatura randomizzata dei dati (random sampling) si può
però effettuare una selezione oggettiva dei dati. Ricorrendo alle tecniche svi-
luppate all’interno della Dialettologia Computazionale (Kessler 1995; Ner-
bonne/Heeringa 1998), si può fra l’altro determinare quantitativamente il mu-
tamento di una lingua, come conseguenza di evoluzioni fonologiche e/o mor-
fologiche, o del contatto con altre lingue
Nei paragrafi seguenti illustreremo come un approccio computazionale
renda possibile effettuare dei confronti quantitativi, i quali permettono di de-
terminare le distanze strutturali fra le lingue prese in esame. Per mezzo di
queste distanze si possono dedurre e separare le conseguenze delle Evoluzioni
Interne e del Mutamento da Contatto.

2. Una selezione dei dati motivata statisticamente

2.1 La selezione ramdomizzata del campione da paragonare

Per questa ricerca abbiamo scelto di determinare la distanza strutturale tra un


gruppo di 54 dialetti sardi, il Latino Classico e le forme contemporanee delle
diverse lingue che hanno svolto un ruolo politicamente dominante in Sardegna
(o ancora lo svolgono, come l’italiano). La nostra ricerca si limita ad investi-
gare le conseguenze fonologiche, morfologiche e lessicali delle differenze tra
queste lingue, visto che queste sono le uniche differenze che si possano misu-
rare sulla base della distanza fonologica. La determinazione quantitativa delle
distanze tra strutture sintattiche è ancora al di fuori della portata delle attuali
tecniche di ricerca linguistica.
La distanza strutturale fra queste varietà viene determinata sulla base della
Distanza Levenshtein (si veda la sezione 3.1) di 200 parole selezionate at ran-
dom e tradotte nelle diverse varietà linguistiche. Le parole in questione pro-
vengono da un corpus di circa 260.000 parole che compongono una serie di
testi scritti in diverse varietà del sardo contemporaneo. I testi consistono di ro-
manzi, traduzioni, articoli di giornali, presentazioni su Internet, i quali erano
disponibili in formato elettronico. Questi testi si possono considerare rappre-
sentativi del sardo scritto moderno. Le 200 parole selezionate sono anche indi-
rettamente rappresentative della frequenza delle parole nel sardo scritto, dato
che le parole che più spesso sono presenti in un testo hanno anche maggiori
probabilità di essere selezionate.
238 Roberto Bolognesi/Wilbert Heeringa

Mediante l’uso di uno specifico programma informatico, è stata effettuata


la selezione randomizzata di 400 parole. Questa prima selezione è stata suc-
cessivamente ridotta alle prime 200 parole che rispondevano ai seguenti requi-
siti: (i) la presenza nel dizionario più comprensivo della lingua sarda (Puddu
2000); (ii) non costituire una variante grafica o dialettale di una parola già se-
lezionata in precedenza.7 Tutte le parole sono state tradotte nelle diverse va-
rietà linguistiche contemporanee, cosa questa che in taluni casi ha comportato
l’uso di costruzioni perifrastiche. Solo nel caso del latino si è scelto di omette-
re un totale di sette parole intraducibili. Si tratta di articoli, preposizioni e pa-
role che corrispondono a concetti contemporanei, come Internet.8
Le parole che nella lista sono seguite da un asterisco sono indicate nella
letteratura come prestiti provenienti dalle varie lingue dominanti (per es.:
cumbidat ‘invita’, abbaidare ‘guardare’: rispettivamente, prestiti dallo spa-
gnolo e dal pisano),9 o consistono in parole che probabilmente provengono dal
latino ecclesiastico (per es.: populos ‘popoli’, istudiare ‘studiare’),10 oppure
ancora si tratta di neologismi penetrati attraverso l’italiano (per es. ariopranu
‘aeroplano’, internet ‘internet’). In totale, nel nostro campione sono presenti
31 prestiti. Possiamo perciò concludere che la percentuale di prestiti nel sardo
curato e sovradialettale è del 15,5%.
Naturalmente ci si può chiedere come un campione randomizzato di 200
parole possa considerarsi rappresentativo di un intero corpus di 260.000 paro-
le. Supponiamo che il lessico sardo consista per la metà di parole provenienti
direttamente dal latino volgare e per metà dalle diverse lingue dominanti.11 In
questo caso la selezione randomizzata corrisponderebbe interamente al classi-
co lancio della monetina. Come viene dimostrato in Bolognesi/Heeringa
(2002), a base dell’applicazione di calcoli probabilistici, possiamo affermare
con una certezza pari al 95% che il numero di prestiti presenti nel corpus si
aggira intorno al 15,15% e il 15,85%.12

2.2 I dialetti sardi

Le 200 parole selezionate sono state proposte a parlanti di 54 dialetti sardi. A-


gli informatori è stato chiesto di tradurre e pronunciare le suddette parole. La
scelta dei dialetti è stata in parte dettata dalla necessità di rappresentare le
principali varietà del sardo. In parte, invece, è stata la disponibilità dei parlanti
stessi a determinare la scelta di un dato dialetto, anziché di un altro. Le diver-
se varietà sono state individuate sulla base dell’Atlante Dialettologico della
Sardegna (Contini 1987a/b; si veda anche l’appendice I per una carta riassun-
tiva) e sulla base della descrizione dei dialetti sardi meridionali contenuta in
L’influsso delle lingue dominanti sul lessico e la fonologia dei dialetti sardi 239

Bolognesi (1998). I dialetti della Sardegna centrale sono abbondantemente


rappresentati in modo da poter esaminare il meglio possibile la transizione dai
dialetti meridionali a quelli centrosettentrionali. La lista dei dialetti esaminati
non è certo esaustiva, nemmeno per quanto riguarda le sub-varietà, ma è suffi-
cientemente estesa per il tipo di ricerca condotto in questa sede. Le caratteri-
stiche delle diverse varietà sono ben rappresentate, come anche i contrasti fra
esse, e la loro distribuzione geografica. Sono del tutto assenti soltanto i dialetti
della costa sud-orientale, i quali sono ben distinti dagli altri dialetti meridiona-
li, ma non particolarmente rilevanti per il contrasto fra nord e sud linguistico
dell’isola (si veda Virdis 1978, Blasco Ferrer 1988 e Bolognesi 1998). Com-
pletamente assenti sono invece le isole linguistiche di Alghero (catalano) e
Carloforte/Calasetta (tabarchino), le quali hanno avuto un’influenza pressoché
nulla sul sardo. I 54 dialetti vengono presentati nella cartina (2), insieme alla
loro distribuzione geografica:

(2)
240 Roberto Bolognesi/Wilbert Heeringa

Agli informatori è stato chiesto di fornire per ciascuna parola tutte le forme
della cui presenza e uso nella loro comunità dialettale essi fossero a cono-
scenza. Nei casi in cui in un dialetto è presente più di una forma per una paro-
la data (p. es. la parola sarda originaria e il corrispondente prestito dall’italia-
no), oppure nei casi di polisemia, sono state indicate tutte le forme presenti.13

2.3 Le altre lingue

Uno degli obiettivi di questa ricerca è quello di stabilire il “grado di arcaicità”


dei dialetti sardi e delle lingue dominanti. Questo comporta un grosso pro-
blema: le lingue romanze derivano dal latino volgare (cfr. n. 2) , ma il latino
volgare non è un’unica lingua, bensì un continuum costituito da diverse va-
rietà diacroniche e diatopiche. Questo significa che il latino volgare dal quale
derivano i dialetti sardi non è lo stesso da cui derivano le lingue dominanti. In
altri termini, a voler essere precisi, non si può sostenere che queste diverse
lingue neolatine abbiano un progenitore comune che possa fungere da para-
metro di riferimento della loro eventuale arcaicità.
La scelta del parametro di riferimento dell’arcaicità è perciò caduta sul
Latino Classico. Questa lingua, benché differente dall’insieme dei “latini vol-
gari” da cui derivano le lingue romanze, esibisce caratteristiche di conservato-
rismo e di stabilità sufficienti a farla fungere da parametro di riferimento.14
L’approccio metodologico prescelto, quindi, prende in considerazione solo
la prima delle due variabili (Forma e Significato) che risultano importanti nei
processi di mutamento linguistico. La variabile Significato viene mantenuta
costante mediante il riferimento esclusivo al significato della parola sarda
contemporanea. Questo procedimento è l’unico che permetta di effettuare
confronti quantitativi e obiettivi, i quali sono possibili soltanto sulla base di
differenze misurabili nella forma fonetica delle parole. I mutamenti di signifi-
cato sono invece per definizione non misurabili.15
Per quanto riguarda le lingue dominanti si è scelto di limitare la ricerca al-
la distanza strutturale (fonologica, morfologica e lessicale) tra gli attuali dia-
letti sardi e le strutture attuali di queste lingue che con il sardo sono state in
contatto. Anche se sarebbe molto interessante stabilire quale fosse la situazio-
ne dopo il primo periodo di contatto, ciò richiederebbe un’estesa ricerca da
condurre in separata sede.
Per il momento, ci limiteremo a stabilire la misura in cui i dialetti sardi si
differenziano rispetto al latino da un lato, e alle varie lingue che, negli studi di
tipo tradizionale, vengono indicate come aventi esercitato la loro influenza sul
sardo (pisano, genovese, catalano, spagnolo e italiano). Anche grazie al con-
L’influsso delle lingue dominanti sul lessico e la fonologia dei dialetti sardi 241

tatto con queste lingue, i dialetti sardi hanno raggiunto, in un arco di tempo
che copre circa 2000 anni, la loro fisionomia attuale. Ciò che qui ci interessa è
stabilire la misura in cui i dialetti sardi sono arrivati a definirsi come sistemi
linguistici autonomi rispetto alla suddetta serie di lingue con le quali essi con-
dividono parte della loro storia.
Per questo motivo è importante anche considerare le evoluzioni che hanno
avuto luogo in seguito all’interruzione del contatto tra queste lingue e il sardo.
Abbiamo perciò confrontato i dialetti sardi con le attuali forme (standard) del-
le diverse lingue dominanti, anziché con le forme che esse avevano al momen-
to del contatto. Per quanto riguarda il pisano si è fatto riferimento all’italiano
standard, poiché questo dialetto toscano è molto vicino al fiorentino, il quale,
a sua volta, costituisce la base dell’italiano standard.16
Per sapere in modo indicativo se la distanza fra un dialetto sardo e una lin-
gua dominante sia da considerarsi grande o piccola si è introdotto nelle misu-
razioni anche l’olandese standard, come riferimento esterno. In quanto lingua
indoeuropea, l’olandese è lontanamente imparentata con le lingue neolatine,
ma non è stato mai in contatto con una delle lingue in questione. Comunque,
va aggiunto che l’olandese condivide con le altre lingue europee standard un
certo numero di neologismi. Queste condizioni comportano una certa conver-
genza fra l’olandese e le altre lingue in questione, che si aggira intorno al
60%, una percentuale a prima vista sorprendente. Nei paragrafi che seguono
illustreremo come questa percentuale sia stata stabilita.

3. La misurazione delle distanze fonologiche tra le lingue

3.1 La Distanza Levenshtein

La Distanza Levenshtein è un metodo che consente di paragonare le diverse


parole di una lingua con il lessico di una lingua differente. La comparazione si
effettua trovando il modo più semplice per trasformare una data parola in
un’altra attraverso l’inserzione di suoni, la loro cancellazione o la loro sostitu-
zione. Nella forma più semplice dell’algoritmo tutte le operazioni menzionate
hanno lo stesso “costo”, per esempio 1.
Supponiamo che la parola usare/impiegare in un dialetto sardo sia pronun-
ciata [impr´ar´], mentre in un altro dialetto sia pronunciata [imp´rai]. Il pas-
saggio da una variante alle altre si effettua nel modo seguente:
242 Roberto Bolognesi/Wilbert Heeringa

(3) [impr´ar´] cancella [r] 1


[impr´a´] sostituisci [´] con [i] 1
[impr´ai] cancella [r] 1
[imp´ai] inserisci [r] 1
[imp´rai]
⎯⎯⎯⎯⎯⎯⎯⎯⎯⎯⎯⎯⎯⎯⎯⎯⎯⎯⎯⎯⎯⎯⎯⎯⎯⎯⎯⎯⎯
4
Confrontando in questo modo due parole, la distanza tra parole più lunghe
sarà mediamente maggiore di quella tra parole più brevi. Più lunga è la parola,
maggiore è la probabilità che esistano differenze rispetto alla parola corri-
spondente in un altro dialetto. Poiché questo contrasta con l’idea che le parole
costituiscano delle unità linguistiche indipendentemente dal numero di ele-
menti che le compongono, la Distanza Levenshtein viene divisa per la lun-
ghezza dell’allineamento (la lunghezza elaborata delle parole). Nell’esempio
seguente le parole vengono allineate in modo appropriato:
(4) i m p φ r ´ a r ´
i m p ´ r φ a φ i
⎯⎯⎯⎯⎯⎯⎯⎯⎯⎯⎯⎯⎯⎯⎯⎯⎯⎯⎯⎯⎯⎯⎯⎯⎯⎯⎯⎯⎯
1+ 1+ 1= 3
Come si vede, la lunghezza dell’allineamento è uguale a 9 unità. La distanza
strutturale fra le parole è adesso perciò uguale a 3/9 = 0.33. 17
Una volta stabilita la lunghezza dell’allineamento più lungo, diventa anche
possibile esprimere la distanza tra due parole in termini percentuali.18 Poiché
il confronto fra varietà linguistiche diverse avviene sulla base di 200 parole,
dai confronti fra due lingue si ottengono 200 Distanze Levenshtein espresse in
percentuali. La distanza espressa in percentuale tra due varietà è quindi uguale
alla media delle 200 Distanze Levenshtein espresse in percentuale, e si calcola
dividendo la somma delle 200 Distanze Levenshtein (espresse in percentuale)
per 200.
Si può vedere che applicando la Distanza Levenshtein non solo si tiene
conto dei confini di parola, ma si prende in considerazione anche l’ordine li-
neare dei suoni di una parola. Questo approccio è stato utilizzato in tutto il re-
sto dell’articolo.
Poiché si confrontano 200 coppie di parole corrispondenti tra di loro in
tutte le coppie che si possono formare dalle 60 varietà linguistiche, in totale si
calcolano [((60*60)-60)/2] * 200 = 354.000 distanze tra parole. È chiaro che
effettuare a mano tutti questi calcoli richiederebbe dei tempi enormi. Perciò è
stato utilizzato un computer per eseguirli.
L’influsso delle lingue dominanti sul lessico e la fonologia dei dialetti sardi 243

Un approccio quantitativo alla linguistica implica perciò necessariamente


l’uso del computer, e per questo viene anche definito approccio computazio-
nale. Dato che uno degli scopi di quest’articolo è quello di presentare i van-
taggi dell’introduzione della Distanza Levenshtein nello studio del contatto
linguistico, è necessario illustrarne esplicitamente anche i limiti.
Innanzitutto, il sistema misura le distanze tra parole sulla base delle
rappresentazioni segmentali della loro pronuncia. Caratteristiche supraseg-
mentali come l’intonazione e l’accento vengono sistematicamente tralasciate.
Il nostro ‘appello’ a favore della Distanza Levenshtein non va però assoluta-
mente preso come un invito a trascurare quelle differenze linguistiche che non
possono essere analizzate in modo soddisfacente sulla base di questo metodo.
Per questo tipo di analisi occorre utilizzare altri metodi.
Un secondo limite è costituito dal fatto che occorrono le trascrizioni
fonetiche delle pronunce delle stesse parole in molte località diverse. Il fatto
che il sistema possa elaborare una gran mole di dati costituisce naturalmente
un grosso vantaggio, ma è pur vero che è necessaria una gran mole di dati per
poter ottenere dei buoni risultati.

3.2 La Distanza Levenshtein e le distanze graduali tra suoni

3.2.1 L’uso delle caratteristiche distintive


Quando si confrontano le lingue sulla base di trascrizioni effettuate mediante
simboli fonetici non si tiene conto della somiglianza o mento tra i diversi
suoni. Per esempio i suoni che compongono la coppia [b,p] sono molto più
simili di quelli che compongono la coppia [a,p]. Inoltre, nei confronti basati
sui simboli fonetici non si tiene conto dei segni diacritici. Confrontando per
esempio una [a] con una [a~], diventa molto difficile stabilire quanto i due
suoni differiscano uno dall’altro. In questi casi occorre operare una scelta
drastica: considerare i due suoni come completamente uguali, oppure conside-
rarli come completamente diversi. Dato che le similitudini tra suoni distinti
solo da segni diacritici sono sempre maggiori delle dissimilitudini, in prece-
denti lavori si era scelto di ignorare queste ultime. Una [a] e una [a~] venivano
quindi considerate identiche.19
Tali problemi si possono risolvere rappresentando ciascun suono come una
serie di caratteristiche distintive e sostituendo il simbolo fonetico con una
matrice (feature matrix) che contenga le varie caratteristiche distintive. Cia-
scuna caratteristica distintiva si può considerare come una caratteristica fone-
tica (generalmente articolatoria) che può fungere da elemento distintivo e/o
244 Roberto Bolognesi/Wilbert Heeringa

classificatorio per tutto il fonema. Una matrice contiene per ciascuna ca-
ratteristica distintiva un valore che indica la misura in cui questa proprietà la
caratterizza. Rappresentando i suoni per mezzo di tali matrici si può tenere
conto anche dei segni diacritici, rappresentando anche questi per mezzo di
caratteristiche distintive e attribuendo ad esse corrispettivi valori.20
Per poter stabilire anche il costo graduale delle inserzioni e delle cancella-
zioni di un suono, è necessario definire anche il “silenzio” in termini di carat-
teristiche distintive. Dato però che il ‘silenzio’ consiste appunto nell’assenza
di qualunque caratteristica distintiva, la sua definizione all’interno di questo
quadro teorico ne impone una definizione artificiosa.
Inoltre, anche se l’approccio basato sulle caratteristiche distintive può
condurre a dei risultati soddisfacenti nella misurazione delle distanze struttu-
rali tra le lingue, i sistemi di caratteristiche distintive non sono basati su delle
misurazioni reali. Le differenze qualitative tra caratteristiche distintive riman-
gono in fondo intrinsecamente impossibili da misurare.
Questi problemi, ma in particolare quello della definizione del ‘silenzio’ si
possono risolvere ricorrendo al confronto tra gli spettrogrammi dei suoni. Il
‘silenzio’ si può perciò definire come assenza dell’intensità per tutte le fre-
quenze di tutti gli spettri di un suono.

3.2.2 L’uso degli spettrogrammi


Durante l’acquisizione del linguaggio, i bambini non hanno bisogno di ap-
prendere esplicitamente le caratteristiche articolatorie dei suoni che gradual-
mente imparano a produrre. Il segnale acustico del parlato contiene tutte le
informazioni necessarie ai bambini per imparare a padroneggiare il sistema
fonologico della lingua alla quale sono esposti. Il segnale acustico contiene
perciò anche informazioni sufficienti sulle caratteristiche articolatorie usate
normalmente per descrivere i suoni del parlato nella letteratura fonetica e
fonologica.
Uno spettrogramma costituisce la rappresentazione visiva del segnale
acustico di un suono. Così come il segnale acustico è sufficiente a distinguere
un dato suono da qualunque altro suono prodotto in circostanze simili, lo
spettrogramma di un suono costituisce una rappresentazione unica e non con-
fondibile con quelle di altri suoni. Le differenze visive tra spettrogrammi
rispecchiano le distanze acustiche tra suoni.
In questa ricerca si è fatto uso dei suoni registrati da John Wells e Jill
House nella cassetta The Sounds of the International Phonetic Alphabet, pub-
blicata nel 1995. In questa registrazione le consonanti sono talvolta precedute
e sempre seguite da una [a]. Queste vocali sono state eliminate dagli spettro-
L’influsso delle lingue dominanti sul lessico e la fonologia dei dialetti sardi 245

grammi. Successivamente, per entrambi i parlanti, è stata stabilita l’altezza


media del tono per mezzo del programma Praat.21 L’altezza media del tono è
stata stabilita sulla base di un campione contenente 28 vocali concatenate.
L’altezza media del tono della voce di John Wells risulta pari a 127.9929
Hertz, mentre quella della voce di Jill House è pari a 191.5735 Hertz. Sono
stati quindi monotonizzati tutti i campioni di John Wells e Jill House sulle
loro rispettive altezze medie di tono.
Nell’appendice (IIa) sono presentati gli spettrogrammi della [u], della [m]
e della [z]. L’asse orizzontale rappresenta il tempo, quello verticale le fre-
quenze. Quanto più un punto dello spettrogramma è scuro, tanto più è vasta
l’amplitudine in quel momento. I suoni rappresentati nell’appendice (IIa/b)
sono stati pronunciati da John Wells e monotonizzati sui 127.9929 Hertz.
Come si può vedere la [u] e la [m] sono più simili che non la [u] e la [z], o la
[m] e la [z].
Successivamente, utilizzando il programma Praat, è stato prodotto lo
spettrogramma di ciascuno dei suoni pronunciati da entrambi i parlanti. Abbi-
nato a Praat, si è scelto anche di filtrare gli spettrogrammi con il Bark-filter, il
quale, per via delle seguenti proprietà, costituisce un modello plausibile della
percezione umana:
1. Si fa uso di una scala di frequenza più o meno logaritmica. Di conse-
guenza si tiene conto del fatto che la distanza fra toni bassi viene perce-
pita come maggiore rispetto a quella fra toni alti. Per stabilire la scala di
frequenza, in Traunmüller (1990) viene presentata la seguente formula:
Bark = [(26,81 * Hertz) / (1960 + Hertz)] – 0.53.
2. Nel caso delle ampiezze (le intensità delle frequenze) si utilizzano i loro
valori logaritmici. Di conseguenza si tiene conto del fatto che i toni bassi
non vengono percepiti come più intensi, malgrado in realtà lo siano.
Nell’appendice IIb si riportano nuovamente gli spettrogrammi della [u], della
[m] e della [z], realizzati sulla base degli stessi campioni utilizzati per realiz-
zare le immagini di IIa. In questo caso, però, la scala di frequenza è riportata
in Bark. Anche in questo caso si vede che i componenti della coppia [u] e [m]
sono più simili fra loro di quanto non lo siano i componenti delle coppie [z] e
[u], o [z] e [m].
Ogni 0.005 secondi si stabilisce lo spettro nel campione di ciascun suono.
A questo scopo si fa uso di una finestrella di analisi con un’apertura di 0.015
secondi. Quando si vuole stabilire la distanza tra due suoni attraverso il con-
fronto fra gli spettrogrammi corrispondenti, può accadere che la lunghezza dei
due suoni non sia uguale. Cioè, il numero di spettri in uno spettrogramma può
246 Roberto Bolognesi/Wilbert Heeringa

essere diverso dagli altri. In tal caso le diverse lunghezze vengono rese uguali
nel modo seguente: supponendo che lo spettrogramma di un dato suono con-
tenga un numero n di spettri, e quello di un altro suono un numero m, si molti-
plica ciascuno degli n spettri per m, e ciascuno degli m spettri per n.
Supponiamo che si voglia confrontare uno spettrogramma contenente 3
spettri con uno che ne contiene 2. Graficamente il problema si può rappresen-
tare come illustrato in (5a). Sarà necessario raddoppiare gli spettri rappresen-
tati dalle strisce nere e triplicare gli spettri rappresentati dalle strisce grigie.
Queste operazioni danno origine all’immagine (5b):

(5) a. b.

Come si può notare, entrambi gli spettrogrammi consistono in un numero


uguale di spettri, 6 per la precisione. A questo punto è possibile stabilire la
Distanza Euclidea tra i due spettrogrammi corrispondenti (quello di un dato
suono e quello dell’altro). La Distanza Euclidea corrisponde in questo caso
alla radice quadrata della somma dei quadrati delle differenze di intensità sulle
frequenze. La scala di frequenza varia da 0 fino a circa 24 Bark e contiene 24
punti di misurazione. Ora, la distanza totale tra due spettrogrammi è uguale
alla somma delle Distanze Euclidee degli spettri.22
Per poter esprimere la distanza tra parole in termini di percentuali occorre
stabilire il valore del costo massimo che risulta dal passaggio da una forma
all’altra di una parola (si veda la sezione 3.1). La distanza massima è quella
attestata tra lo spettrogramma della vocale [a] e quello del ‘silenzio’. Nei
calcoli, perciò, si considera la differenza tra [a] e il ‘silenzio’ come uguale al
100%, per cui le distanze tra tutti gli altri suoni saranno inferiori. Dai risultati
raggiunti si è visto che le liquide e le nasali sono molto simili alle vocali. Per
poter tenere conto delle combinazioni tra suoni che si verificano all’interno
della struttura sillabica è stata necessaria una piccola revisione dell’algoritmo
di Levenshtein. L’algoritmo è stato modificato in modo da allineare, in due
forme diverse di una parola, le vocali esclusivamente con le vocali e le conso-
nanti esclusivamente con le consonanti. Date le loro caratteristiche intermedie,
l’algoritmo tratta però le vocali [i], [u] e schwa ([´]) sia come vocali sia come
L’influsso delle lingue dominanti sul lessico e la fonologia dei dialetti sardi 247

consonanti, mentre le semivocali [j] e [w] vengono trattate sia come conso-
nanti sia come vocali.

3.2.3 Clustering e scalatura multidimensionale


Lo scopo del clustering è quello di identificare raggruppamenti rilevanti
all’interno di strutture complesse.23 L’algoritmo si può spiegare più agevol-
mente usando un esempio. Supponiamo che si abbia la matrice seguente:
(6) Italiano Spagnolo Catalano Iglesias Scano
Italiano 0 17.6 20.0 17.9 18.3
Spagnolo 0 15.2 20.0 19.8
Catalano 0 20.6 21.0
Iglesias 0 12.1
Scano 0

La distanza di ciascuna lingua da sé stessa è naturalmente uguale a 0. Poiché


la matrice è simmetrica non occorre rappresentare nuovamente i dati della me-
tà in basso a sinistra della matrice.
Il clustering costituisce un processo iterativo. In ogni passaggio del pro-
cesso si individua la distanza più piccola nella matrice e le lingue tra cui esiste
questa distanza vengono riunite in un cluster. Successivamente si determina la
distanza tra il cluster formato e le altre lingue. Questa operazione si effettua
sulla base di un algoritmo di aggiornamento della tabella. Jain/Dubes (1988)
menzionano sette di questi algoritmi. Ai fini di questa ricerca, l’algoritmo che
ha fornito i risultati più soddisfacenti (cioè, più logici) si è rivelato quello che
prende in considerazione la media delle distanze. La distanza di k da un nuovo
cluster [ij] è costituita dalla media delle distanze tra i e k e tra j e k.24 Nella
matrice delle distanza presentata qui sopra, la distanza tra Iglesias e Scano si
rivela essere la più piccola. Dopo aver raggruppato le due località in un clu-
ster, si calcolano le distanze tra il nuovo cluster e gli elementi rimasti. Per
esempio, la distanza tra l’italiano e Iglesias-Scano si calcola nel modo se-
guente:
dItaliano (Iglesias,Scano) = (dItaliano-Iglesias + dItaliano-Scano) : 2 = (17.9+18.3) : 2 = 18.1.
Dopo aver calcolato la distanza tra l’italiano e Iglesias-Scano, il catalano e
Iglesias-Scano, e lo spagnolo e Iglesias-Scano si ottiene la matrice seguente (i
nuovi valori sono rappresentati in grassetto, mentre quelli introdotti in prece-
denza sono rappresentati con caratteri normali):
248 Roberto Bolognesi/Wilbert Heeringa

(7) Italiano Spagnolo Catalano Iglesias & Scano


Italiano 17.6 20.0 18.1
Spagnolo 15.2 19.9
Catalano 20.8
Iglesias/Scano

Il processo in cui ad ogni iterazione si effettua la riduzione di due lingue a un


cluster si ripete fino a quando non è più possibile formare un nuovo cluster. Il
risultato finale costituisce un raggruppamento gerarchico completo delle va-
rietà linguistiche, che può essere visualizzato sotto forma di un dendro-
gramma: un albero in cui le foglie corrispondono alle singole varietà e la
lunghezza dei rami rappresenta le distanze fonetiche. Il dendrogramma che
risulta dal clustering di tutte le 60 varietà prese in esame si trova
nell’appendice III.
Le distanze reciproche tra una serie di località si possono determinare sulla
base delle loro coordinate. È anche possibile effettuare il procedimento con-
trario: a partire dalle distanze reciproche è possibile stabilire un sistema otti-
male di coordinate che contiene quelle delle località in questione. Questo
procedimento è reso possibile dalla scalatura multidimensionale, una tecnica
matematica paragonabile all’analisi fattoriale (Kruskal/Wish 1984). Sulla
trama di una scalatura multidimensionale, le lingue fortemente correlate ven-
gono piazzate le une vicine alle altre, mentre le lingue dissimili vengono di-
stanziate.25

4. I risultati delle misurazioni

Le misurazioni delle distanze fonologiche tra i dialetti sardi e le diverse lingue


dominanti, compreso il latino, hanno prodotto dei risultati che contraddicono
le previsioni che risultano dalla concezione tradizionale del problema. Questi
risultati sono presentati nei paragrafi seguenti, specificandoli per ciascuna
delle lingue in questione.

4.1 Latino

Per quanto riguarda il rapporto tra il latino e i dialetti sardi, si può concludere
sulla base delle nostre misurazioni che lo stereotipo relativo alla loro arcaicità
L’influsso delle lingue dominanti sul lessico e la fonologia dei dialetti sardi 249

risulta privo di fondamento. In effetti, tutte le lingue esaminate mostrano una


grande distanza strutturale dal latino classico. Questo risulta ancora più evi-
dente se si confrontano queste distanze con quella esistente tra il latino e l’o-
landese. Nella tabella seguente vengono riportate le differenze percentuali tra
le diverse varietà neolatine e il latino stesso. La distanza tra il “sardo” e il la-
tino è stata calcolata come media delle distanze dei singoli dialetti sardi.

(8) Latino

It. Sp. Tempio Sassari Sardo Cat. Genovese


28.3 % 30.6% 31.0% 31.1% media 32.0% 32.7 33.7%
min 30.2% %
(Siniscola)
max 33.5%
(Guspini)
ds26 0.9
Divergenza di fondo: 31.3% Olandese: 41.0%

Se si calcola la media delle distanze tra il latino e l’italiano, lo spagnolo, Tem-


pio, Sassari, il sardo, il catalano e il genovese, si ottiene la misura della Diver-
genza di fondo che queste lingue esibiscono nei confronti della lingua da cui
derivano. Questa corrisponde al 31.3%. In confronto, la distanza strutturale tra
il latino e l’olandese non è molto più grande (41.0%). La Divergenza di fondo
di queste lingue romanze rispetto al latino è anche superiore alla divergenza
media che esse esibiscono le une rispetto alle altre (Divergenza di fondo gene-
rale), la quale è uguale al 26.5% ed è quindi del 4.8% inferiore alla Divergen-
za di fondo nei confronti del latino.27
Questo significa che, malgrado il fatto che le lingue neolatine si sono di-
stanziate sempre di più dal latino e le une dalle altre, ha avuto luogo anche
una convergenza notevole. Questa si può attribuire in parte al numero di neo-
logismi e cultismi condivisi dalle moderne lingue europee (17 parole: 8.5%
del campione), oltre al fatto che il latino volgare, dal quale queste lingue in ef-
fetti derivano, differiva in modo considerevole dal latino classico già prima di
suddividersi nelle diverse varietà romanze.28
I dialetti sardi non si discostano da questa tendenza generale. Il grado di
“arcaicità” di un dialetto sardo medio coincide all’incirca con la Divergenza di
fondo delle lingue esaminate. Il dialetto più “arcaico” (Siniscola) esibisce una
distanza fonologica dal latino leggermente inferiore alla Divergenza di fondo
(1.1%), ma questa costituisce meno della metà della differenza tra la distanza
250 Roberto Bolognesi/Wilbert Heeringa

dell’italiano e la Divergenza di fondo (3.0). Inoltre, la distanza di Siniscola


differisce solo dello 0.4% da quella dello spagnolo.
Il dialetto meno “puro”, quello di Guspini, mostra una distanza dal latino
che differisce da quella di Siniscola solo del 3.3%. La distanza media calcola-
ta su tutti i dialetti sardi è uguale al 32.0%, con una deviazione standard (ds)
dello 0.9%. Adottando arbitrariamente la Divergenza di fondo (31.3%) come
unità di misura dell’arcaicità, si deve includere un dialetto sardo medio nel
gruppo delle lingue romanze più innovatrici.
Con una distanza di solo 28.3% dal latino, l’italiano è notevolmente più
“arcaico” perfino dei dialetti più conservatori del sardo. Una differenza del
5.2% rispetto alla distanza tra il latino e il dialetto di Guspini va considerata
grande se si tiene conto che la differenza tra le distanze Latino-Guspini e
Latino-Olandese è uguale al 6.5%. La relativa arcaicità dell’italiano si spiega
con il fatto che, al contrario dei dialetti sardi, l’italiano è rimasto per vari se-
coli una lingua unicamente scritta che perciò quasi non ha avuto alcuna evolu-
zione fonologica. Si veda poi l’appendice VI per le distanze fonologiche tra il
latino e il resto dei dialetti sardi.

4.2 Genovese

Per ragioni storiche si suppone che il dialetto di Sassari, molto deviante rispet-
to ai dialetti sardi circostanti, sia stato pesantemente influenzato dal genovese
medievale (Blasco Ferrer 1984).29 Il sassarese viene quindi considerato come
il risultato del contatto linguistico avvenuto tra il genovese e il sardo setten-
trionale, con ulteriori influssi dal pisano medievale. Ciononostante, dalle no-
stre misurazioni risulta che la distanza tra genovese e sassarese coincide
all’incirca con la Divergenza di fondo. Si veda la tabella seguente:

(9) Genovese

It. Tempio Sassari Sp. Cat. Sardo


21.2% 25.4% 27.2% 29.6% 30.7% media 31.1%
min 30.2% (Villamassargia)
max 32.2% (Ollolai)
ds 0.5%
Divergenza di fondo: 27.5% Olandese: 41.9%

La distanza tra il genovese e il sassarese differisce di poco dalla distanza tra il


genovese e lo spagnolo (2.4%), nonostante queste due lingue non siano mai
L’influsso delle lingue dominanti sul lessico e la fonologia dei dialetti sardi 251

state in contatto. Nella prossima tabella si può vedere come il sassarese mostri
una distanza dal sardo e dall’italiano (lingue con le quali è in contatto),30 che
differisce di poco dalla Divergenza di fondo, mentre sussistono forti coinci-
denze tra il sassarese e il dialetto gallurese di Tempio.

(10) Sassari

Tempio It. Sardo Genovese Sp. Cat.


11.3% 22.5% media 22.9% 27.2% 27.6% 28.5%
min 21.5% (Villamassargia)
max 24.2% (Aritzo)
ds 0.7%

Divergenza di fondo: 23.3% Olandese: 42.0%

La distanza tra Tempio e Sassari è solo del 11.3%, rispetto a una Divergenza
di fondo del 23.3%. Il dialetto gallurese di Tempio è quindi il candidato più
probabile come lingua di contatto che oltre al sardo ha prodotto le strutture at-
tuali del sassarese. La differenza tra la distanza Tempio-Sassari e e la Diver-
genza di fondo è del 12%, cioè superiore anche alla stessa distanza Tempio-
Sassari. Questo fatto è ancora più sorprendente perché questi due dialetti, al
momento confinanti, in origine appartenevano a due aree linguistiche ben
separate: la Sardegna settentrionale e la Corsica meridionale.
Mentre gli statuti del libero comune di Sassari venivano scritti nel XIV
secolo ancora in un dialetto logudorese (Blasco Ferrer 1984), il dialetto di
Tempio è stato introdotto nella regione quasi spopolata della Gallura da im-
migrati corsi, a partire dalla fine del XVII secolo (Mossa 1994). Prima del suo
spopolamento causato da pestilenze, carestie e incursioni barbaresche, anche
in Gallura si parlavano dei dialetti logudoresi, come avviene ancora nell’isola
linguistica di Luras (si veda nella cartina 2 come Luras è separata dal territorio
logudorese sia da Tempio sia da Sedini, luoghi in cui si parlano, rispettiva-
mente, il gallurese e il sassarese, varietà romanze diverse dal sardo).
In questo caso, perciò, non si può parlare di due lingue ‘sorelle’ che si
sono gradualmente allontanate. Ci troviamo piuttosto di fronte a un caso di
convergenza, la quale può solo essere il risultato di un contatto linguistico ab-
bastanza recente. Questa convergenza parziale può essere calcolata sottraendo
la distanza Tempio-Sassari dal valore della Divergenza di fondo che si ottiene
da un calcolo nel quale non si tiene conto della distanza tra Tempio e Sassari.
Quest’ultima è uguale al 25.7%, e rappresenta la divergenza media che si è
prodotta tra le lingue di questo gruppo che non si sono trovate in una situazio-
252 Roberto Bolognesi/Wilbert Heeringa

ne di contatto (intenso). La convergenza tra i dialetti di Sassari e Tempio cor-


risponde al 14.4%.
Questa scoperta non esclude ovviamente che durante il Medioevo si sia
verificato il contatto tra genovese e sardo, ma dalle nostre misurazioni non
risulta esserne rimasta alcuna traccia rilevabile quantitativamente.

4.3 Catalano

Con la conquista della Sardegna da parte della corona di Aragona, il catalano


è divenuto la lingua dominante in Sardegna e ha mantenuto tale posizione per
un periodo di 151 anni (1324-1475). Il catalano ha indubbiamente fornito una
serie di prestiti lessicali a tutti i dialetti del sardo (Blasco Ferrer 1984) e alcuni
di questi prestiti sono anche presenti nel nostro campione (per es. irmurzados
‘mangiati a colazione’, dal catalano esmurtzar ‘fare colazione’). Cionono-
stante, i dialetti sardi appaiono, tra tutte le varietà romanze prese in esame, i
più distanti dal catalano. Si veda la tabella seguente:

(11) Catalano

Sp. Sassari Tempio It. Genovese Sardo:


22.5% 28.4% 28.6% 29.9% 30.7% media 31.3%
min 30.5% (Nurri)
max 32.0%
(Nughedu S. Nicolò)
ds 0.3%
Divergenza di fondo: 28.6% Olandese: 39.8%

L’influsso del catalano sul sardo contemporaneo non è quantitativamente rile-


vabile. Questo si può spiegare parzialmente con il fatto che solo a partire dal
1410 si può parlare di completo dominio della Sardegna da parte dei Catalani.
Naturalmente questo fatto limita l’influsso reale della loro lingua sulla vita
pubblica della Sardegna a un periodo ben più breve di quanto non appaia a
prima vista.
Tra tutte le varietà parlate in Sardegna sono proprio il dialetto eccentrico
di Sassari e quello di origine corsa meridionale di Tempio a mostrare le mag-
giori similitudini con il catalano. Comunque, per quanto riguarda il dialetto di
Tempio, si può escludere con assoluta certezza che questo sia mai stato in
contatto con il catalano: l’influsso catalano in Sardegna era cessato da secoli
al momento dell’arrivo degli immigranti corsi in Gallura. Non è un caso per-
L’influsso delle lingue dominanti sul lessico e la fonologia dei dialetti sardi 253

ciò che le distanze fonologiche tra i dialetti di Sassari e Tempio e il catalano


siano all’incirca uguali alla Divergenza di fondo. Per quanto riguarda il geno-
vese e l’italiano, neanche queste due lingue sono mai state in contatto con
questa lingua iberica.
Tra i dialetti linguisticamente sardi, è quello meridionale di Nurri a mo-
strare le maggiori similitudini con il catalano (30.5%), ma il più dissimile
(quello settentrionale di Aritzo) mostra una distanza del 32.0%, cioè una diffe-
renza di solo 1.5%. La distanza media dell’insieme dei dialetti sardi è uguale
al 31.3%, con una deviazione standard dello 0.3%, mentre il dialetto di Nurri
differisce solo dello 0.8% dalla media.
Date le minime differenze tra un dialetto e l’altro rispetto alla loro distanza
dal catalano, non è possibile discernere una tendenza particolare nella gradua-
toria di distanze, anche se si può individuare una qualche maggioranza di dia-
letti meridionali che mostrano distanze più brevi (si veda l’appendice VI).

4.4 Spagnolo

Ancora più a lungo del catalano, lo spagnolo ha svolto in Sardegna un ruolo


politicamente dominante. Nel 1457 divenne la lingua ufficiale dell’isola, in
seguito alla fusione dei regni di Castiglia e di Aragona, conservando tale ruolo
fino al 1718. Malgrado l’uso dell’italiano sia diventato obbligatorio nella vita
pubblica della Sardegna nel 1760, lo spagnolo continuò ad essere usato in do-
cumenti pubblici almeno fino al 1806 (Zirottu 1999).31
Indubbiamente il sardo presenta tutta una serie di prestiti dallo spagnolo,
alcuni dei quali sono presenti nel nostro campione, come per esempio appo-
senteddu (‘cameretta’, dallo spagnolo: aposento ‘camera’). Ciononostante ne-
anche lo spagnolo sembra aver avuto un influsso sul sardo rilevabile in termi-
ni quantitativi. Anche in questo caso, di tutte le varietà romanze, i dialetti sar-
di sono i meno simili alle lingue iberiche. Si veda la tabella seguente:

(12) Spagnolo

Cat. It. Sassari Tempio Genovese Sardo


25.5% 26.6% 27.6% 28.6% 29.6% media 29.0%
min 27.7% (Oschiri)
max 30.4% (Seneghe)
ds 0.8%
Divergenza di fondo: 27.8% Olandese: 41.7%
254 Roberto Bolognesi/Wilbert Heeringa

Anche questa volta i dialetti più simili alla lingua dominante sono quelli lin-
guisticamente devianti di Sassari e Tempio, con distanze fonologiche rispetto
allo spagnolo appena inferiori o superiori alla Divergenza di fondo (rispetti-
vamente 27.6% e 28.6% contro il 27.8% della Divergenza di fondo). Tra i
dialetti propriamente sardi è quello di Oschiri il più simile allo spagnolo, con
una distanza che differisce minimamente dalla Divergenza di fondo. In questo
caso si può distinguere una tendenza, visto che la maggior parte dei dialetti
meridionali, con il dialetto di confine di Seneghe, sono sistematicamente i più
dissimili dallo spagnolo. Se si tiene conto del fatto che la distanza tra catalano
e spagnolo (due lingue in contatto) e l’italiano e lo spagnolo differisce solo
dell’1.1%, una differenza del 2.7% tra le distanze Oschiri-spagnolo e Sene-
ghe-spagnolo risulta abbastanza notevole. In altri termini, all’interno di una
tendenza generale alla divergenza dei dialetti sardi rispetto alla lingua domi-
nante, si vede che i dialetti meridionali sono notevolmente più divergenti.
Dai nostri dati si può anche rilevare che il contatto tra il catalano e lo spa-
gnolo (con quest’ultimo nel ruolo di lingua dominante) ha avuto un influsso
relativamente forte sulla loro distanza fonologica. La differenza tra questa
distanza e la Divergenza di fondo è del 4.6%. Anche in questo caso si può
quindi parlare di convergenza parziale. Questa diventa ancora più evidente se
si calcola la Divergenza di fondo senza tenere conto del catalano. Questa
nuova Divergenza di fondo corrisponde al 28.3%. Questo significa che la
distanza tra due lingue iberiche dovrebbe essere uguale al 28.3%, se si sottrae
il contatto tra catalano e spagnolo (si vedano le distanze tra il catalano e le
altre lingue romanze nell’appendice VI). La differenza tra la Divergenza di
fondo e la distanza spagnolo-catalano è del 2.3%. Questa cifra rappresenta la
convergenza parziale prodotta dal contatto tra catalano e spagnolo.
Né rispetto al catalano, né rispetto allo spagnolo si può misurare una si-
mile convergenza dei dialetti sardi verso la lingua dominante.

4.5 Italiano

Come già accennato in precedenza, la distanza strutturale tra l’italiano e i


dialetti sardi riguarda anche i possibili risultati del contatto di questi con il
pisano medievale (si veda la sezione 1.2). Se si tiene conto del fatto che
l’italiano ha svolto per due volte un ruolo dominante in Sardegna e che da
almeno mezzo secolo l’italiano e i dialetti sardi si trovano in una situazione di
contatto intenso (Loi Corvetto 1983), i risultati ottenuti sono decisamente
sorprendenti.
L’influsso delle lingue dominanti sul lessico e la fonologia dei dialetti sardi 255

Dai nostri dati si vede che la distanza tra le due lingue in questione è molto
grande, nonostante alcune conseguenze del contatto siano abbastanza visibili.
Si veda la tabella (13):

(13) Italiano

Tempio Genovese Sassari Sp. Sardo Cat.


20.6% 21.2% 22.5% 25.7% media 26.7% 29.9%
min 25.4% (Siniscola)
max 28.4% (Guspini)
ds 0.9%
Divergenza di fondo: 24.4% Olandese: 40.5%

La Divergenza di fondo delle lingue esaminate rispetto all’italiano è relativa-


mente bassa, fra l’altro perché quattro delle sei lingue sono in contatto con
l’italiano (genovese, tempiese, sassarese e sardo). Ciononostante, la Diver-
genza di fondo non è molto più bassa della distanza italiano-spagnolo (1.3%).
Questo si spiega in parte con il fatto che entrambe le lingue sono abbastanza
conservatrici e differiscono dal latino in misura minore che non le altre lingue.
Lo stesso vale per il dialetto sardo centrale di Siniscola, il quale rappresenta
anche il dialetto sardo più conservatore, con una distanza del 30.2% rispetto al
latino.
Questa sembra essere anche la causa principale della distanza relativa-
mente piccola tra Siniscola e l’italiano, piuttosto che il contatto con l’italiano.
In effetti, il numero di parole (16: 8% del campione) che questo dialetto ha
preso in prestito dall’italiano non si può definire particolarmente alto. Il dia-
letto meridionale di Guspini, il più dissimile dall’italiano, mostra 15 prestiti.
Oltretutto, praticamente senza eccezioni, i prestiti dall’italiano vengono adat-
tati alla fonologia e alla morfologia dei dialetti sardi. (per es. [politsjot…o] ⇒
[politfisfiot…u] ‘poliziotto’, nel dialetto di Siniscola).
Rispetto ai casi precedenti, questa tabella si distingue per il fatto che, fra le
varietà neolatine prese in esame, questa volta non è uno dei dialetti sardi ad
essere il meno simile alla lingua dominante in questione. Il catalano è in que-
sto caso leggermente più dissimile del dialetto di Guspini (1.5%). Questa
situazione induce a pensare che ci troviamo di fronte ad una modesta conver-
genza parziale, attribuibile all’ancora limitato numero di prestiti dall’italiano.
Questa ridotta convergenza potrebbe indurre a considerare i dialetti sardi più
simili all’italiano di quanto (presumibilmente) non lo fossero nel passato;
tuttavia non basta per concludere che ci troviamo di fronte ad una situazione
di contatto intenso.32 Questo termine è senza dubbio applicabile alla situa-
256 Roberto Bolognesi/Wilbert Heeringa

zione sociolinguistica della Sardegna, ma le previste conseguenze sono assenti


dai nostri dati. Sulla base delle nostre misurazioni si dovrebbe concludere che
tra i dialetti sardi e l’italiano abbia luogo soltanto un contatto casuale, il grado
più basso nella scala dei quattro proposti da Thomason. Anche se la stessa
Thomason (2001:11) fornisce un esempio di una simile situazione di contatto
che comunque non ha portato al verificarsi di prestiti massicci, i nostri dati si
possono forse spiegare con il fatto che essi non provengono dalla produzione
linguistica spontanea.
Una ricerca sistematica sull’influsso dell’italiano sulla parlata spontanea
del sardo non è stata ancora condotta. Sulla base di alcune osservazioni ca-
suali che abbiamo potuto compiere in Sardegna siamo comunque tentati di
concludere che il numero di prestiti dall’italiano debba essere maggiore di
quanto appare nei nostri dati. In Mongili (in corso di pubblicazione) viene
presentata una ricerca sull’influsso dell’italiano sul dialetto di Sedilo e si fa
anche riferimento al notevole numero di prestiti che comparivano nella produ-
zione spontanea degli informanti. In un certo numero di casi, i prestiti appari-
vano nella produzione spontanea di informanti che comunque evitavano gli
stessi prestiti nelle risposte fornite alle domande mirate della ricerca, sulle
quali avevano avuto modo di riflettere. Questi informanti conoscevano senza
dubbio le parole sarde corrispondenti ai prestiti usati nella produzione sponta-
nea.
Sia la discrepanza riportata da Mongili sia il numero relativamente ristretto
di prestiti presenti nei nostri dati possono essere forse attribuiti ad una forte
discrepanza tra Competenza ed Esecuzione in una situazione sociolinguistica
di bilinguismo con diglossia, come quella sarda. I parlanti del sardo sono
praticamente tutti bilingui e abituati ad una commutazione di codice quasi
obbligatoria, regolata dal tipo di argomento trattato e dal tipo di interazione
linguistica: sardo e italiano vengono usati come una sorta di macrosistema
(Bolognesi 1998). Nell’esecuzione questa situazione può portare ad una certa
indifferenza rispetto alla provenienza delle parole usate, la quale però non
cambia il fatto che nella competenza il lessico sardo e quello italiano vengano
ancora tenuti strettamente separati. I nostri dati elicitati rifletterebbero quindi
una situazione di questo genere.
Per quanto riguarda le distanza dei diversi dialetti sardi dall’italiano, si può
vedere che, contrariamente a quanto sostenuto tradizionalmente, sono proprio
i dialetti meridionali a mostrare sistematicamente una distanza maggiore ri-
spetto alla lingua dominante. Le 12 posizioni più basse nella gerarchia delle
similitudini sono occupate dai 12 dialetti in cui è riscontrabile il fenomeno
innovativo della nasalizzazione (si veda l’appendice VI).33 Tra le varietà
L’influsso delle lingue dominanti sul lessico e la fonologia dei dialetti sardi 257

neolatine presenta fenomeni simili, anche se non identici, il portoghese del


Brasile, una lingua che non è mai stata in contatto con il sardo.
Le nostre misurazioni ci permettono inoltre di concludere con una certezza
pari al 95% che la distanza media tra un campione di dialetti sardi scelti a caso
si troverà tra il 12.5% e il 13.1%. La distanza più piccola tra un dialetto sardo
e una delle lingue dominanti è invece quella attestata tra Siniscola e l’italiano
(25.4%), mentre la distanza maggiore tra due dialetti propriamente sardi è
inferiore (22.9%) e corrisponde alla distanza tra i dialetti di Orune e di S.
Antioco.
La distanza relativamente grande tra questi due dialetti è da attribuire al
carattere eccentrico dell’orunese, il quale differisce mediamente del 15.9% dal
resto dei dialetti (deviazione standard 5.7%), del 5.7% dal dialetto di Orani (il
più simile) e del 6.2% dal secondo dialetto più simile, quello del villaggio
confinante di Bitti. Il dialetto di Gonnosfanadiga, che differisce da quello di
Orune all’incirca quanto quello di S. Antioco (22.4%), mostra invece una
distanza media del 13.1% dagli altri dialetti sardi (deviazione standard 6.3%)
e solo dello 0.9% di distanza dal dialetto più vicino (Guspini). Dato che la
distanza del dialetto di Orune dall’italiano (26.3%) differisce di poco dalla
media delle distanze dei dialetti sardi (26.7%), si può concludere che
l’eccentricità dell’orunese non sia da attribuire ad una maggiore similitudine
con l’italiano.
Riassumendo, sulla base delle nostre misurazioni si può concludere che il
contatto tra i dialetti sardi e le varie lingue dominanti abbia avuto delle conse-
guenze trascurabili per la competenza dei parlanti del sardo rispetto alle strut-
ture di questo. Le differenze tra dialetti sardi e tra questi e il latino risultano
essere state prodotte quasi esclusivamente da evoluzioni interne alle varietà
stesse del sardo. L’unica importante eccezione sembra essere costituita dal
dialetto di Sassari che mostra un alto grado di convergenza nei confronti del
dialetto gallurese di Tempio. Questa convergenza si può spiegare unicamente
sulla base del contatto linguistico tra i due dialetti in questione.

5. Conclusioni

Le misurazioni delle distanze fonologiche tra un certo numero di dialetti sardi


e le diverse lingue che hanno svolto un ruolo dominante in Sardegna rendono
possibile dimostrare su base empirica l’infondatezza di alcuni stereotipi stret-
tamente collegati. Secondo i luoghi comuni in questione, una parte dei dialetti
258 Roberto Bolognesi/Wilbert Heeringa

sardi (i dialetti centrosettentrionali) sarebbe eccezionalmente conservatrice,


mentre l’altra parte (i dialetti meridionali) sarebbe pesantemente influenzata
dalle lingue dominanti.
Per fare chiarezza su quest’argomento che nel mentre ha acquisito note-
vole rilevanza sociale, abbiamo affrontato il problema diacronico con i mezzi
messi a disposizione dai recenti sviluppi metodologici e tecnologici all’interno
della Dialettologia Computazionale. Per mezzo di un approccio statistico è
stata effettuata una selezione randomizzata dei dati da analizzare e successi-
vamente i dati sono stati raccolti in un numero rappresentativo di dialetti sardi
e nelle varie lingue dominanti. Quindi è seguita la comparazione e l’analisi
computazionale delle varietà linguistiche in questione.
I risultati delle misurazioni effettuate hanno mostrato che nessun dialetto
sardo si distingue come particolarmente più conservatore né rispetto agli altri
dialetti, né nei confronti delle altre lingue romanze. L’italiano è per esempio
notevolmente più conservatore del più conservatore dei dialetti sardi.
Contemporaneamente nessuno dei dialetti sardi esibisce una similitudine
con le varie lingue dominanti notevolmente maggiore rispetto agli altri. È
abbastanza interessante notare che proprio i dialetti meridionali esibiscono in
modesta misura, ma in modo comunque sistematico, una maggiore distanza
strutturale dallo spagnolo e dall’italiano, lingua questa che svolge attualmente
il ruolo di lingua dominante in Sardegna.

Note

* Questo articolo è una versione italiana abbreviata di un articolo più esaustivo in olandese
(Bolognesi/Heeringa 2002). Siamo grati a diverse persone per il loro aiuto. Innanzitutto ringrazia-
mo collettivamente gli informatori dei vari dialetti e delle varie lingue dominanti: sono troppi per
poterli ringraziare singolarmente. Le immagini contenute in questo articolo sono state realizzate
grazie ai programmi informatici di Peter Kleiweg. Lo ringraziamo per la realizzazione e la con-
cessione dei suoi programmi grafici. Ringraziamo anche Martin de Vries per il suo suggerimento
di paragonare suoni diversi per mezzo dei loro spettrogrammi. Questo suggerimento ci ha permes-
so di centrare il bersaglio. Ringraziamo anche Dickie Gilbers, Tjeerd de Graaf e Wouter Jansen
per il loro aiuto rispetto ai problemi fonologici e fonetici. Ringraziamo Xavier Frías Conde e
Lucia Molinu per la traduzione e la trascrizione delle parole campione in latino, in spagnolo, in
catalano e nel dialetto di Buddusò. Ringraziamo inoltre Tanja Gaustad, Tjeerd de Graaf, Simon
van de Kerke, John Nerbonne e Menno van Zaanen per i loro commenti a previe versioni di que-
sto articolo e per i preziosi suggerimenti. Qualunque errore lo attribuiamo l’uno all’altro.
1
I dialetti meridionali che rappresentano l’identità linguistica della maggioranza dei parlanti in
Sardegna vengono adesso ufficialmente definiti come meno rappresentativi della lingua sarda,
perché essi sarebbero influenzati dalle varie lingue dominanti che si sono succedute in Sardegna
L’influsso delle lingue dominanti sul lessico e la fonologia dei dialetti sardi 259

(soprattutto dall’italiano). Quella che inizialmente appariva come un’innocua disputa accademica
ha assunto improvvisamente una grande rilevanza sociale.
2
Con il nome di latino volgare si intende ovviamente quella specifica varietà del latino che è
stata introdotta in Sardegna al momento della conquista Romana (± 238 a.C.). Si veda inoltre la
sezione 2.3 per un ulteriore chiarimento.
3
Per una rappresentazione delle differenze fra i vari dialetti sardi in termini di isoglosse cfr.
Contini (in questo volume).
4
Non è perciò un caso che questo luogo comune costituisca anche il nucleo della visione ufficia-
le del sardo presentata dal Governo Italiano al Consiglio di Europa: «The Sardinian dialects,
which occur throughout the central-southern part of the island, developed autonomously and more
slowly than those referred to above, because of the special physical circumstances of the island.
They constitute something of a language of their own, within the Indo-European family» (Council
of Europe 1995:69).
5
Citazione originale: «You need not be at all fluent in a language in order to borrow a few of its
words; but since you cannot borrow what you don’t know, control of the source language’s struc-
ture is certainly needed before structural features can be borrowed».
6
Una delle cause risiede nella quantità di dati che si dovrebbero prendere in esame in una ricerca
del genere. In linea di principio si dovrebbero analizzare tutte le parole in tutte le fasi rilevanti di
tutte le lingue in questione, e per di più in tutte le loro possibili derivazioni morfologiche. Neces-
sariamente, deve aver luogo una selezione preventiva dei dati. Una simile selezione, però, costrin-
ge a determinare a priori e in modo soggettivo ciò che è rilevante per la ricerca, a meno di non
impiegare un metodo statisticamente motivato (Kessler 2001).
7
Le 200 parole selezionate che costituiscono il campione da comparare sono consultabili
nell’appendice V.
8
In alcuni casi, le parole selezionate sono probabilmente soltanto delle parole grafiche che con-
sistono in un verbo e nei pronomi enclitici che li seguono (per es. apporrindeli ‘porgendogli/ por-
gendole’; apprettandelos ‘assillandoli’). Il loro status di parole fonologiche e morfologiche cam-
bia da lingua a lingua, ciononostante abbiamo scelto di considerare queste strutture come delle
unità in quanto in ciascuna delle lingue in questione si usano le stesse convenzioni grafiche per la
rappresentazione di queste costruzioni. Abbiamo anche scelto di mantenere nel nostro campione
forme diverse degli stessi verbi (per es. tenner/tenes/tentu ‘avere-INF/3 SG/PP’), in modo da far
contare nelle misurazioni delle distanze strutturali anche la morfologia verbale. Questa scelta
comporta ovviamente una certa ridondanza del nostro campione. I seguenti verbi sono rappresen-
tati diverse volte in forme diverse: andai ‘andare’ (3 volte), ponni ‘mettere’ (3 volte); tenni ‘ave-
re’ (3 volte), domandai ‘chiedere, domandare’ (2 volte), ai ‘avere-AUX’ (2 volte), fai ‘fare’ (2 vol-
te), perdi ‘perdere’ (2 volte), essi ‘essere’ (2 volte), biri ‘vedere’ (2 volte). 7 dei 9 verbi sono però
irregolari e mostrano una grande variabilità che porta a risultati molto diversi nelle varie lingue.
9
Ovviamente c’è da chiedersi se una parola come cumbidai, penetrata nel sardo circa cinque se-
coli fa e unica forma del verbo ‘invitare’, con una morfologia completamente sarda, sia ancora da
considerarsi un prestito. Lo stesso vale per abbaidare.
10
La forma medievale di populos era po∫ulos, con la regolare lenizione della /p/ postvocalica a
[∫]. Questa forma non è più presente nei dialetti sardi contemporanei. La forma populos deve
quindi essere stata reintrodotta in un periodo in cui la lenizione aveva cessato di essere produttiva
all’interno della parola. Per quanto riguarda la forma istuδjare, se questa si fosse evoluta diretta-
mente dal latino volgare, a sua volta non avrebbe dovuto esibire la [δ] in posizione postvocalica.
Questo è quanto è avvenuto, per esempio, durante l’evoluzione di CAUDAM a koa ‘coda’. La for-
ma attuale sarebbe perciò dovuta essere *istujare.
11
Una simile suddivisione è stata proposta in Paulis (1996), anche se in termini leggermente di-
versi.
260 Roberto Bolognesi/Wilbert Heeringa

12
Non esiste la garanzia assoluta che un campione randomizzato sia perfettamente rappresentati-
vo, ma la probabilità di un campione (quasi) rappresentativo è certamente molto alta. Questo si-
gnifica che il rapporto ‘parole di origine latina’/‘prestiti da altre lingue’ nel nostro campione rap-
presenta molto probabilmente un’approssimazione (quasi) rappresentativa del numero totale di
prestiti presenti nell’intero corpus di 260.000 parole. Possiamo perciò anche concludere che il les-
sico del sardo non può essere composto per metà da prestiti provenienti dalle varie lingue domi-
nanti. Argomenti simili valgono anche per le caratteristiche fonologiche e morfologiche delle pa-
role del campione.
13
Il confronto fra più forme della stessa parola ha luogo nel modo seguente. Supponiamo che si
voglia determinare per una certa parola la distanza fra due dialetti, e che in uno o in entrambi que-
sti dialetti siano state fornite due o più forme. In questo caso vengono appaiate le forme dell’uno e
dell’altro dialetto in modo tale che la media delle distanze fra le coppie di parole sia minima. Per-
ciò se in un dialetto si trovano le forme A e B di una parola, e in un altro dialetto la forma C, la
distanza tra i due dialetti sarà data dalla media delle distanze tra A e C e B e C.
14
Da questa scelta ne consegue che le misurazioni che noi abbiamo effettuato non rappresentano
direttamente il grado di arcaicità delle varie lingue neolatine prese in esame. Il confronto fra il La-
tino Classico e le varie lingue rappresenta solo indirettamente il grado di arcaicità di queste ulti-
me attraverso il loro confronto con una lingua strettamente imparentata con i loro diversi progeni-
tori.
15
Coerentemente con questo approccio, per esempio, si è confrontata la parola del sardo meridio-
nale castiàδa (‘guardava’) con la forma classica ASPICIEBAT, anziché CASTIGABAT (la forma ori-
ginaria della parola che solo nel Latino Volgare della Sardegna meridionale ha ricevuto il signifi-
cato in questione). In altri termini, l’evoluzione semantica limitata alla Sardegna meridionale che
ha avuto la parola CASTIGARE (‘custodire il bestiame’) conta per le nostre misurazioni come l’in-
troduzione di una parola totalmente nuova. Dal punto di vista semantico questa scelta è giustifica-
ta dal fatto che CASTIGARE nelle altre lingue romanze ha assunto il significato che ha in italiano.
Per quanto riguarda la pronuncia delle parole latine, abbiamo fatto ricorso alle ricostruzioni più
probabili.
16
Come nel caso del Latino Volgare rispetto al Latino Classico, in questo modo vanno persi alcu-
ni aspetti del contatto linguistico. È certamente interessante sapere che il sardo centrosettentriona-
le abbaidare (‘guardare’) viene dal toscano medievale agguaitare, ma questa forma è anche com-
pletamente sparita nell’italiano moderno. Dato che ciò che si vuole sapere è quanto l’italiano at-
tuale differisca dai dialetti sardi attuali abbiamo scelto di misurare la distanza tra la parola italiana
guardare e quella sarda settentrionale abbaidare. Anche in questo caso, la nostra scelta porta a
misurare una distanza strutturale maggiore di quanto non sarebbe stata se avessi seguito un per-
corso più rispettoso delle etimologie. Ciononostante, questa scelta è giustificata dalla scelta meto-
dologica generale di confrontare le stesse fasi in lingue diverse.
17
Talvolta sono possibili più allineamenti che, oltre a comportare le stesse lunghezze, comporta-
no anche un costo uguale per le operazioni impiegate. In tal caso si divide la distanza per l’alli-
neamento più lungo, dato che questo comporta sempre il maggior numero di abbinamenti. Si parte
anche dal presupposto che l’allineamento più lungo costituisca la miglior approssimazione del
modo in cui gli umani percepiscono la differenza tra due parole.
18
In tal caso la somma dei costi delle operazioni eseguite va divisa per il prodotto della lunghez-
za dell’allineamento più lungo moltiplicato per il costo più alto possibile, moltiplicando poi il
quoziente che ne risulta per 100. In questo esempio, tutti i costi hanno un valore uguale a 1.
Espressa in percentuale, la distanza è adesso uguale a [3 / (9*1)]*100 = 33%.
19
Per di più, con questo sistema è impossibile esprimere il fatto che, per esempio, se un’epentesi
consiste nell’inserzione di una vocale bassa, questa debba pesare molto di più che non l’inserzio-
ne di un quasi inaudibile colpo di glottide.
L’influsso delle lingue dominanti sul lessico e la fonologia dei dialetti sardi 261

20
Per esempio, la caratteristica lunghezza ha come default il valore 0. Se però un suono viene
specificato come semilungo, gli viene attribuito il valore 1, mentre se il suono è indicato come
lungo il valore della lunghezza è 2. Il costo della sostituzione di un suono con un altro nella Di-
stanza Levenshtein è adesso uguale alla distanza tra le matrici che corrispondono ai due suoni. La
distanza invece può essere calcolata come la somma delle differenze tra due matrici corrisponden-
ti (Distanza Manhattan), oppure come la radice quadrata della somma dei quadrati delle differen-
ze fra matrici corrispondenti (Distanza Euclidea), oppure ancora come coefficiente di correlazio-
ne fra le due matrici (Coefficiente di Correlazione di Pearson). Nella presente ricerca si è fatto
uso della Distanza Euclidea, anche se le differenze fra i risultati provenienti dai diversi tipi di mi-
sura sono minime.
21
Questo programma può essere scaricato gratis all’indirizzo: http://www.fon.hum.uva.nl/praat/.
22
Nell’ambito della Distanza Levenshtein si possono includere anche le caratteristiche supraseg-
mentali breve, semilungo e lungo. Questi valori della lunghezza si introducono previamente nelle
trascrizioni fonetiche. La lunghezza dei suoni trascritti senza particolari indicazioni sulla lunghez-
za viene raddoppiata, quella dei suoni semilunghi viene triplicata, mentre quella dei suoni lunghi
viene quadruplicata. Le altre caratteristiche distintive, la cui introduzione è stata possibile grazie
all’adozione degli spettrogrammi, sono quelle rappresentate dai segni diacritici della nasalità vo-
calica (per es. [ã]) e dell’apicalità delle fricative [sfi] e [zfi]. Non essendo disponibili i campioni rela-
tivi, né nella cassetta di John Wells e Jill House, né altrimenti, per poter introdurre queste caratte-
ristiche si è proceduto nel modo seguente: (i) la distanza prodotta dalla nasalità tra una vocale non
nasale 1 e un’altra vocale nasale 2 è stata calcolata come media della distanza fra la vocale non
nasale 1 e la versione non nasale della vocale 2, e la distanza tra la vocale 1 e la consonante na-
sale [n]; (ii) la distanza prodotta dall’apicalità nei confronti delle altre consonanti è stata calcolata
come media della distanza tra una data consonante e le fricative non apicali (a) sorda ([s]) e (b)
sonora ([z]), e tra la stessa consonante e le fricative alveo-palatali (a) sorda ([ß]) e (b) sonora ([Ω]).
23
Il clustering è una tecnica di uso corrente nelle discipline storiche (Boonstra/Doorn/Hendrickx
1990:143 sgg.), ma viene applicata anche alla psicolinguistica (Woods/Fletcher/Hughes 1986:
249 sgg.).
24
Per ogni k si effettua quindi il seguente calcolo: dk (ij) = (dki + dkj) : 2.
25
Nei nostri esperimenti si è fatto uso delle Multidimensional Scaling-Routines nel modulo stati-
stico R, versione 1.3.0 (per informazioni e download: http://www.r-project.org/). Il modulo offre
tre forme di scalatura multidimensionale, per la precisione: Classical Multidimensional Scaling,
Sammon’s Non-Linear Mapping, e Kruskal’s Non-metric Multidimensional Scaling. La migliore
classificazione è stata ottenuta facendo uso del Sammon’s Non-Linear Mapping. Il risultato della
scalatura multidimensionale ottenuto sulla base dei 54 dialetti sardi si può trovare all’appendice
IV.
26
Deviazione standard.
27
Sarebbe naturalmente interessante stabilire, sulla base di un numero rappresentativo di lingue,
la Divergenza di fondo delle attuali lingue romanze rispetto al latino e le une rispetto alle altre. In
questo modo si potrebbe determinare il “grado di arcaicità” dei dialetti sardi in termini più o meno
assoluti.
28
Tutte le lingue romanze esibiscono una serie di innovazioni grammaticali rispetto al latino clas-
sico. La semplificazione della complessa morfologia classica è stata accompagnata dal sorgere di
strutture sintattiche che attribuiscono il caso, oltre che con il sorgere di una serie di parole funzio-
nali simili (articoli, preposizioni, congiunzioni, ecc.). La transizione del latino volgare da una
struttura morfosintattica sintetica a una analitica ha quindi prodotto una notevole distanza struttu-
rale rispetto al latino classico.
29
Durante il medioevo la repubblica marinara di Genova ha svolto in Sardegna un ruolo impor-
tante, soprattutto nel nord dell’isola. In particolare, la potente famiglia dei Doria ha dominato va-
262 Roberto Bolognesi/Wilbert Heeringa

ste zone della Sardegna settentrionale, anche successivamente alla conquista aragonese dell’isola
(Casula 1998). In quel periodo la città di Sassari si era costituita in libero comune, e si suppone
generalmente che vi si sia stabilito un gran numero di mercanti e artigiani provenienti da Genova.
30
Malgrado il sassarese sia in contatto con i dialetti settentrionali del sardo, la distanza più picco-
la è quella misurata tra il sassarese e il dialetto meridionale di Villamassargia, a causa delle con-
vergenze fonologiche tra i due dialetti, le quali hanno comunque avuto un’origine indipendente.
Le convergenze tra il sassarese e i dialetti settentrionali sono soprattutto di natura lessicale.
31
Da documenti pubblicati in Zirottu (1999) risulta che ancora all’inizio del XIX secolo perfino i
notai padroneggiavano l’italiano in modo talmente ridotto da preferirgli lo spagnolo nei loro atti.
32
Per quanto riguarda il contatto intenso, Thomason (2001:70) fornisce la seguente definizione:
«[...] very extensive bilingualism among borrowing-language speakers, social factors strongly fa-
voring borrowing: continuing heavy lexical borrowing in all sections of the lexicon, heavy struc-
tural borrowing».
33
Il fenomeno consiste della cancellazione della consonante nasale [n] quando questa è preceduta
da una vocale accentata e della contemporanea forte nasalizzazione della vocale in questione. As-
sieme alla riduzione delle vocali medie in posizione finale di parola a vocali alte (e ⇒ i; o ⇒ u),
la nasalizzazione produce una distanza fonologica consistente e sistematica tra i dialetti meridio-
nali e quelle altre varietà neolatine che rispetto a queste strutture sono rimaste simili al latino. Il-
lustriamo il fenomeno con l’esempio della parola [«pane], che è uguale in latino, in italiano e nei
dialetti sardi centrosettentrionali mentre nei dialetti meridionali più innovativi la parola si pronun-
cia [«pãi].
L’influsso delle lingue dominanti sul lessico e la fonologia dei dialetti sardi 263

Riferimenti bibliografici

Andre, Emmanuelle (1997): L’éducation bilingue précoce en contexte diglossique: élé-


ments d’une analyse d’une experience pédagogique en Sardaigne. Tesi di
dottorato. Università di Marsiglia.
Blasco Ferrer, Eduardo (1984): Storia linguistica della Sardegna. Tubinga: Niemeyer.
Bolognesi, Roberto (1998): The Phonology of Campidanian Sardinian. A Unitary Ac-
count of a Self-Organizing Structure. Den Haag: Holland Academic Gra-
phics (HIL Dissertation 38).
Bolognesi, Roberto (1999): “‘Vroeger was het Sardisch een dialect, nu is het een taal!’
Dialectvariatie en standaardisatie op Sardinie‹”, in: Gramma,TTT: tijdschrift
voor taalwetenschap 2, 149-171.
Bolognesi, Roberto (2001a): “Per una standardizzazione ‘morbida’ del sardo”, in:
Argiolas, Mario/Serra, Roberto (a cura di): Limba, lingua, language. Lingue
locali, standardizzazione e identità in Sardegna nell’era della globalizzazio-
ne. Cagliari: CUEC, 243-248.
Bolognesi, Roberto (2001b): “Il sardo tra isolamento e contatto: una rianalisi di alcuni
stereotipi”, in: Ianua 2 (URL: http://www.iaga.com/ianua/index2.htm).
Bolognesi, Roberto/Heeringa, Wilbert (2002): “De invloed van dominante talen op het
lexicon en de fonologie van Sardische dialecten”, in: Gramma,TTT: tijd-
schrift voor taalwetenschap 9, 45-84.
Bolognesi, Roberto/Frías Conde, Xavier/Heeringa, Wilbert (in corso di pubblicazione):
Sardegna tra tante lingue. Il contatto linguistico in Sardegna dal Medioevo a
oggi. Cagliari: Condaghes.
Boonstra, Onno/Doorn, Peter/Hendrickx François (1990): Voortgezette statistiek voor
historici. Muiderberg: Coutinho.
Casula, Francesco C. (1998): La storia di Sardegna. Pisa/Sassari: ETS/Cardo Delfino.
Coetsem, Frans van (1988): Loan Phonology and the Two Transfer Types in Language
Contact. Dordrecht: Foris.
Contini, Michel (1987a): Etude de Géographie Phonétique et de Phonétique Instrumentale
du Sarde. Texte. Alessandria: Dell’Orso.
Contini, Michel (1987b): Etude de Géographie Phonétique et de Phonétique Instrumen-
tale du Sarde. Atlas et Album Phonétique. Alessandria: Dell’Orso.
Council of Europe (1995): The Situation of Regional or Minority Languages in
Europe. Contributions Submitted by National Delegations. Strasburgo:
Council of Europe.
Heeringa, Wilbert/Nerbonne John (2000): “Change, Convergence and Divergence among
Dutch and Frisian”, in: Boersma, P./Breuker, P. H./Jansma, L.G./Vaart, J. van
der (a cura di): Philologica Frisica Anno 1999. Lêzingen fan it fyftjinde Frysk
filologekongres. Ljouwert: Fryske Akademy, 88-109.
264 Roberto Bolognesi/Wilbert Heeringa

Heeringa, Wilbert/Nerbonne, John (2001): “Dialect Areas and Dialect Continua”, in:
Language, Variation and Change 13, 375-400.
Heeringa, Wilbert/Nerbonne John/Niebaum, Hermann/Nieuweboer, Rogier/Kleiweg,
Peter (2000): “Dutch-German Contact in and around Bentheim”, in: Gilbers,
Dicky/Nerbonne, John/Schaeken Jos (a cura di): Languages in Contact.
Amsterdam/Atlanta: Rodopi, 154-165.
Jain, Anil K./Dubes, Richard C. (1988): Algorithms for Clustering Data. Englewood
Cliffs, NJ: Prentice Hall.
Kessler, Bratt (1995): “Computational Dialectology in Irish Gaelic”, in: Proceedings
of the European Association for Computational Linguistics. Dublino: EAL,
60-67.
Kessler, Bratt (2001): The Significance of Word Lists. Stanford: CSLI.
Koch, Peter (in questo volume): “Il cosiddetto ‘conservatorismo’ lessicale del sardo”.
Krefeld, Thomas (in questo volume): “Un mito da smontare: l’arcaicità del vocalismo
sardo”.
Kruskal, Joseph. B./Wish, Myron (1984): Multidimensional Scaling. Beverly Hills/
Londra: Sage.
Le Lannou, Maurice (1982): “Un’idea di Sardegna”, in: Brigaglia, Manlio (a cura di):
La Sardegna: Enciclopedia. Cagliari: Della Torre.
Loi Corvetto, Ines (1983): L’Italiano regionale di Sardegna. Bologna: Zanichelli.
Mensching, Guido (in questo volume): “Su sardu – limba arcàica o limba moderna?”.
Mongili, Silvia (in corso di pubblicazione): “Indagine sociolinguistica ed elementi di ita-
lianizzazione nel lessico della parlata sedilese”, in: Quaderni Bolotanesi.
Mossa, Quirino (1994): L’Agliola. Origini e crisi delle consuetudini agricolo pastorali
negli stazzi di Gallura. Olbia: Altergrafica.
Nerbonne, John/Heeringa, Wilbert (1998): “Computationele vergelijking en classifica-
tie van dialecten”, in: Taal en Tongval 2, 164-179.
Odermatt, Peter (1994): Een hard Sardisch gelag. Amsterdam: Het Spinhuis.
Paulis, Giulio (1996): “Max Leopold Wagner e la Sardegna del primo novecento”, in:
Wagner, Max L.: La vita rustica. A cura di Giulio Paulis. Nuoro: Ilisso, 7-46.
Pira, Michelangelo (1978): La rivolta dell’oggetto: un’antropologia della Sardegna. Mila-
no: Giuffré.
Puddu, Mario (2000): Ditzionariu de sa limba e de sa curtura sarda. Cagliari: Con-
daghes.
Tagliavini, Carlo (1982): Le origini delle lingue neolatine. Bologna: Pàtron.
Thomason, Sarah G. (2001): Language Contact. An Introduction. Edinburgo: Univer-
sity Press.
Thomason, Sarah G./Kaufman, Terrence (1988): Language Contact, Creolization and
Genetic Linguistics. Berkeley: University of California Press.
Traunmüller, Hartmut (1990): “Analytical Expressions for the Tonotopic Sensory
Scale”, in: Journal of the Acoustical Society of America 88, 97-100.
L’influsso delle lingue dominanti sul lessico e la fonologia dei dialetti sardi 265

Virdis, Maurizio (1978): Fonetica del dialetto sardo campidanese. Cagliari: Della
Torre.
Virdis, Maurizio (1988): “Sardisch: Areallinguistik”, in: Holtus, Günter/Metzeltin,
Michael/Schmitt, Christian (a cura di): Lexikon der Romanistischen Lin-
guistik. Vol. IV: Italienisch, Korsisch, Sardisch. Tubinga: Niemeyer, 897-
913.
Wagner, Max L. (1908): “Das Nuorese. Ein Reisebild aus Sardinien”, in: Globus
XCIII/16, 245-246.
Wagner, Max L. (1951): La lingua sarda. Storia, spirito e forma. Berna: Francke.
Wagner, Max L. (1984): Fonetica storica del sardo. Cagliari: Trois (Prima edizione
1941).
Woods, Anthony/Fletcher Paul/Hughes, Arthur (1986): Statistics in Language Studies.
Cambridge: Cambridge University Press.
266 Roberto Bolognesi/Wilbert Heeringa

Appendice

I. Isoglosse del sardo

(Contini 1987)
In questa carta i fasci di isoglosse separano i diversi gruppi di dialetti. Dato
che ogni isoglossa rappresenta un certo fenomeno, quanto più è spesso un
fascio di isoglosse, tanto più due gruppi di dialetti differiscono qualitativa-
mente tra di loro. Le differenze quantitative invece non possono essere
espresse per mezzo delle isoglosse, anche se sembrerebbe plausibile che esista
un rapporto tra carattersitiche qualitative e quantitative delle distanze struttu-
L’influsso delle lingue dominanti sul lessico e la fonologia dei dialetti sardi 267

rali tra lingue (si veda Thomason 2001). Questa ipotesi viene in parte confer-
mata e in parte contraddetta dal confronto tra la carta delle isoglosse e la carta
1 presentata a pagina 3. I fasci più spessi di isoglosse si trovano a Nord tra
sassarese e gallurese e il resto dei dialetti propriamente sardi. Il sassarese e il
gallurese esibiscono anche quantitativamente la massima distanza rispetto alla
“Sardegna linguistica”. La suddivisione in base alle caratteristiche quantitative
tra dialetti sardi centrosettentrionali e meridionali, visibile nella carta 1, in-
vece non corrisponde a un chiaro fascio di isoglosse nella carta qui sopra. Si
distingue un ampio ventaglio di isoglosse sulla costa occidentale che si allarga
in modo caotico verso la costa orientale. Questo significa che una serie limi-
tata di fenomeni influenza la forma di una gran numero di parole. Dai nostri
dati risulta che 14 delle venti parole che contribuiscono maggiormente alla
distanza fonologica totale fra i dialetti sardi presentano una [´] finale nei dia-
letti settentrionali e una [i] in quelli meridionali. L’isoglossa quantitativa-
mente più rilevante è quindi quella che separa forme come “søl´/søli”
( ). L’altra isoglossa ( ) separa invece forme come “dømø/ dø-
mu”. La divisione più rilevante fra “Logudorese” e “Campidanese” è determi-
nata da un unico fenomeno fonologico sincronico: la Riduzione delle vocali
medie finali a vocali alte (´ ⇒ i; ø ⇒ u) in fine di parola.

IIa. Spettrogrammi

Figura 1: Spettrogramma della [u], pronunciata da John Wells. Il suono è stato mo-
notonizzato su 127.9929 Hertz.
268 Roberto Bolognesi/Wilbert Heeringa

Figura 2: Spettrogramma della [m], pronunciata da John Wells. Il suono è stato


monotonizzato su 127.9929 Hertz.

Figura 3: Spettrogramma della [z], pronunciata da John Wells. Il suono è stato mo-
notonizzato su 127.9929 Hertz.
L’influsso delle lingue dominanti sul lessico e la fonologia dei dialetti sardi 269

IIb. Spettrogrammi

Figura 4: Spettrogramma della [u] con la scala di frequenze nell’unità Bark, pro-
nunciata da John Wells. Il suono è stato monotonizzato su 127.9927 Hertz.

Figura 5: Spettrogramma della [m] con la scala di frequenze nell’unità Bark, pro-
nunciata da John Wells. Il suono è stato monotonizzato su 127.9927 Hertz.
270 Roberto Bolognesi/Wilbert Heeringa

Figura 6: Spettrogramma della [z] con la scala di frequenze nell’unità Bark, pro-
nunciata da John Wells. Il suono è stato monotonizzato su 127.9927 Hertz.
L’influsso delle lingue dominanti sul lessico e la fonologia dei dialetti sardi 271

III. Dendrogramma
272 Roberto Bolognesi/Wilbert Heeringa

IV. Scalatura multidimensionale

V Lista di parole sarde

Sardo Italiano Sardo Italiano


tandu allora passendi passando
oi oggi sighiat continuava,
inseguiva
cantus quanti pipius bambini
gana voglia, desiderio pustis dopo
bandai andare mannu grande
torrau tornato prangìat piangeva
foras fuori nudda nulla, niente
L’influsso delle lingue dominanti sul lessico e la fonologia dei dialetti sardi 273

Sardo Italiano Sardo Italiano


una una mericeddu pomeriggio
avanzato
soli sole perou però
si se omini uomo
e e cumbìdat invita, offre
muntoni mucchio pèrdiri perdere
oras ore acabau finito, ultimato
sa la chini chi
suzzedint succedono navi nave
tanti tanto, quantità stesiai allontanare
mellus mèglio, miglióre bixinu vicino
domandànt chiedevano, studau spento
domandavano
aqua acqua stittai svezzare
movida mòssa calaus scési, calati
spacciada consumata, finita abertu aperto
appu ho assuttadu asciugato
lestru lèsto, svèlto seguru sicuro
celu cielo ischiat sapeva
candu quando iscummito scommetto
girai girare caffè caffè
persighiri inseguire, balla pallòttola
perseguitare
non non internet internet
depu devo appretziadu apprezzato
is i, gli, le gai così
iat aveva andandesinde andandosene
becciu vecchio apporrindeli porgendogli
costau costato, fianco addurada rimasta
essi èssere parandesi presentandosi,
parandosi
speru speranza custu questo
biri vedere tiu zio
bettiri portare, condurre detzisu deciso
274 Roberto Bolognesi/Wilbert Heeringa

Sardo Italiano Sardo Italiano


como adesso, ora perdidu perso
agguantare mantenere, incras indomani
sopportare
nachi dice che luego sùbito, prèsto
postu mésso, pósto cherias volevi
nois noi fine fine
de di, da abbaidaiat guardava
nos ci momentu momento
irmurzados mangiati a apprettandelos incalzandoli
colazione
manos mani azudu aiuto
che cóme, quanto inoghe qui
podiat poteva affacca vicino
li gli, le ca che, perché
istoja stuoia domo casa
bi ci, vi mai mai
a a resessidu riuscire
fit era issa lei
mama mamma sinnalai segnalare
ndhe ne fillas figlie
peráula parola comunu comune
istare stare cursus corsi
comporare comprare manera modo, maniera
amus abbiamo diventan diventano
chi che zinnu cenno
tenes hai piaghere piacere
istudiare studiare populos popoli
o o ponzo metto
los li tentu avuto, posseduto
etotu stésso trubbadu incitato, condotto
L’influsso delle lingue dominanti sul lessico e la fonologia dei dialetti sardi 275

Sardo Italiano Sardo Italiano


rimediu rimedio fatu fatto
iscusa scusa ite cosa
aprovadu approvato bidiat vedeva
ma ma daghi dacchè, allorchè
deo io linna legna, legno
mi mi chircaiat cercava
veranu primavera ariopranu aereoplano
lada piatta, piana dannu danno
poita perché in in
domandau chiesto, totu tutto
domandato
aposenteddu cameretta bae vai
mexinas medicine ponner mettere
avatu dópo, diètro ateru altro
pressi fretta mastru maestro
parti parte cussu quello
poliziottu poliziotto famiglia famiglia
passillai passeggiare nostra nostra
pariat sembrava, pareva tenner avere
coa coda die giorno
arruiri cadére zughian tenevano
aintru dentro triballare lavorare
scéti soltanto paschian pàscevano,
pascolavano
narri dire pinta fisionomia
cun con pasadi riposati
babbu babbo puru pure, anche
est è dadu dato
fai fare intrare entrare
contras contro abberu davvero
276 Roberto Bolognesi/Wilbert Heeringa

Sardo Italiano Sardo Italiano


prus più derettu diritto, direzióne
bèni bene fiant erano
cumpenzai compensare ogus occhi
dormiu dormito, stogumu stomaco
addormentato
currera corsa agatai trovare
fa fava po per
duus due marigosa amara

VI. Distanze fonologiche fra lingue dominanti e dialetti sardi (in


percentuali)

(In queste tabelle si tiene solo conto di due decimali dopo la virgola).

Latino Catalano Spagnolo Italiano


1 2.83455 Italiano 1 2.25077 Spagnolo 1 2.25077 Catalano 1 2.05808 Tempio
2 3.02474 Siniscola 2 2.84941 Sassari 2 2.66408 Italiano 2 2.12254 Genovese
3 3.03716 Bitti 3 2.86627 Tempio 3 2.76209 Sassari 3 2.21788 Sedini
4 3.06021 Spagnolo 4 2.90947 Sedini 4 2.76793 Oschiri 4 2.25099 Sassari
5 3.07424 Orani 5 2.99493 Italiano 5 2.77005 Romana 5 2.54379 Siniscola
6 3.07614 Orune 6 3.05559 Nurri 6 2.77702 Olmedo 6 2.54680 Oschiri
7 3.08515 Torpe 7 3.06875 Iglesias 7 2.77952 Budduso 7 2.54830 Atzara
8 3.08887 Sedini 8 3.07598 Genovese 8 2.78187 Pattada 8 2.56137 Bitti
9 3.09412 Atzara 9 3.08664 Burcei 9 2.78376 Nule 9 2.56974 Romana
10 3.10072 Oschiri 10 3.08887 Villamassar. 10 2.79114 Luras 10 2.57073 Orani
11 3.10161 Tempio 11 3.08904 Mara Calag. 11 2.79669 Ozieri 11 2.57915 Luras
12 3.10728 Nule 12 3.08936 Oristano 12 2.81150 Orani 12 2.58369 Pattada
13 3.10937 Sassari 13 3.09849 Siniscola 13 2.82007 Orune 13 2.58482 Budduso
14 3.11196 Ottana 14 3.09923 Setzu 14 2.82042 Illorai 14 2.58580 Olmedo
15 3.11307 Luras 15 3.10373 Guspini 15 2.82628 Suni 15 2.59427 Nule
16 3.11379 Budduso 16 3.10581 Musei 16 2.82641 Scano Mont. 16 2.60251 Torpe
17 3.11993 Scano Mont. 17 3.10888 Gonnosfana. 17 2.83428 Nug. S. Nic. 17 2.60768 Abbasanta
18 3.12242 Pattada 18 3.11093 Escolca 18 2.84606 Sedini 18 2.61032 Ghilarza
19 3.12606 Illorai 19 3.11430 Portoscuso 19 2.84857 Torpe 19 2.61077 Ozieri
20 3.14152 Ula Tirso 20 3.11514 Teulada 20 2.85286 Ollolai 20 2.61104 Scano Mont.
L’influsso delle lingue dominanti sul lessico e la fonologia dei dialetti sardi 277

Latino Catalano Spagnolo Italiano


21 3.14537 Ozieri 21 3.11784 Solarussa 21 2.85802 Tempio 21 2.61148 Ula Tirso
22 3.14541 Suni 22 3.11883 Orani 22 2.85852 Siniscola 22 2.61379 Illorai
23 3.14562 Ollolai 23 3.11886 Ollolai 23 2.86609 Atzara 23 2.61461 Suni
24 3.15071 Romana 24 3.12008 Bauladu 24 2.86914 Fonni 24 2.63261 V. Monteleo.
25 3.15093 Ghilarza 25 3.12010 Narcao 25 2.87409 Ottana 25 2.63509 Orune
26 3.15453 Nug. S. Nic. 26 3.12149 Siamaggiore 26 2.88685 Ula Tirso 26 2.63603 Sedilo
27 3.15629 Olmedo 27 3.12278 Atzara 27 2.89896 Bitti 27 2.63931 Desulo
28 3.16605 Fonni 28 3.12503 V. Monteleo. 28 2.89940 V. Monteleo. 28 2.63994 Nug. S. Nic.
29 3.18683 Burcei 29 3.12716 Sestu 29 2.90104 Ghilarza 29 2.64145 Aritzo
30 3.18766 Abbasanta 30 3.12750 Suni 30 2.90984 Villamassar. 30 2.64558 Ottana
31 3.19091 V. Monteleo. 31 3.12840 Budduso 31 2.91128 Teulada 31 2.66306 Villamassar.
32 3.19770 Iglesias 32 3.13201 Nurachi 32 2.91188 Iglesias 32 2.66408 Spagnolo
33 3.20373 Sedilo 33 3.13833 Ghilarza 33 2.92546 Abbasanta 33 2.67112 Ollolai
34 3.21128 Villamassar. 34 3.13916 Torpe 34 2.93390 Nurri 34 2.67756 Burcei
35 3.22222 Desulo 35 3.13927 Oschiri 35 2.93413 Burcei 35 2.68404 Fonni
36 3.23226 Nurri 36 3.13950 Fonni 36 2.94235 Sedilo 36 2.68574 Iglesias
37 3.23532 Mara Calag. 37 3.13993 Bitti 37 2.94482 Portoscuso 37 2.70726 Nurri
38 3.23775 Teulada 38 3.14161 Scano Mont. 38 2.94817 Mara Calag. 38 2.70778 Musei
39 3.24727 Aritzo 39 3.14273 S. Antioco 39 2.95565 Narcao 39 2.71266 Mara Calag.
40 3.26104 Escolca 40 3.14282 Olmedo 40 2.95752 Genovese 40 2.71540 Portoscuso
41 3.26380 S. Antioco 41 3.14492 Luras 41 2.96005 Desulo 41 2.72763 Teulada
42 3.26457 Portoscuso 42 3.14675 Abbasanta 42 2.96099 Bauladu 42 2.72926 Narcao
43 3.26885 S.G. Suergiu 43 3.14826 Villaurbana 43 2.96181 Musei 43 2.74330 Seneghe
44 3.27127 Catalano 44 3.14831 Romana 44 2.96257 Aritzo 44 2.75419 S. Antioco
45 3.27169 Seneghe 45 3.14933 S.G. Suergiu 45 2.96806 Solarussa 45 2.76704 Escolca
46 3.27417 Musei 46 3.15185 Pattada 46 2.96882 S. Antioco 46 2.77648 S.G. Suergiu
47 3.27568 Bauladu 47 3.15233 Nule 47 2.98262 S.G. Suergiu 47 2.77778 Oristano
48 3.27771 Narcao 48 3.15791 Orune 48 2.98926 Escolca 48 2.77868 Siamaggiore
49 3.28603 Siamaggiore 49 3.16195 Ottana 49 2.99372 Oristano 49 2.78436 Solarussa
50 3.30707 Sestu 50 3.16392 Ozieri 50 2.99504 Nurachi 50 2.78736 Setzu
51 3.30734 Solarussa 51 3.16885 Sedilo 51 3.00716 Siamaggiore 51 2.79971 Bauladu
52 3.30805 Oristano 52 3.17085 Ula Tirso 52 3.01312 Setzu 52 2.81802 Sestu
53 3.31470 Setzu 53 3.17499 Seneghe 53 3.01943 Guspini 53 2.82368 Nurachi
54 3.32300 Nurachi 54 3.17805 Illorai 54 3.01963 Gonnosfana. 54 2.82505 Villaurbana
55 3.33705 Villaurbana 55 3.18222 Desulo 55 3.02398 Villaurbana 55 2.83455 Latino
56 3.34811 Gonnosfana. 56 3.18841 Aritzo 56 3.03402 Sestu 56 2.83961 Gonnosfana.
57 3.35128 Guspini 57 3.19975 Nug. S. Nic. 57 3.03880 Seneghe 57 2.84257 Guspini
58 3.37021 Genovese 58 3.27127 Latino 58 3.06021 Latino 58 2.99493 Catalano
59 4.09781 Olandese 59 3.98351 Olandese 59 4.17498 Olandese 59 4.05489 Olandese
Bernd Kielhöfer
(Berlino)

Competenze linguistiche tra i figli degli emigrati


sardi e italiani a Berlino

1. L’emigrato italiano/sardo a Berlino: tra il tedesco e la


sua lingua madre

Quando l’emigrato italiano/sardo arriva a Berlino, il suo primo compito lin-


guistico è quello di imparare il tedesco, l’unico mezzo per sopravvivere so-
cialmente. L’altro compito linguistico, quello di mantenere la lingua madre,
viene spesso dimenticato. In realtà, esso è altrettanto importante: infatti per-
mette di mantenere i contatti con la famiglia e con le origini e di mantenere
all’estero l’identità italiana o sarda, o forse anche ambedue. Questa è anche la
funzione del Circolo sardo a Berlino.
La posizione dell’emigrato tra le diverse lingue diventa ancora più com-
plessa e più difficile se si considera l’educazione linguistica dei figli.

2. L’educazione linguistica dei figli degli emigrati

È ovvio che anche i figli devono imparare il tedesco, ma è anche importante


che imparino la lingua madre dei genitori non solo per – come già detto –
mantenere o permettere i contatti con la famiglia e dare loro un’identità sarda
o italiana, tramite questa lingua, ma inoltre per favorire l’apprendimento del
tedesco.
Secondo Cummins (1984) infatti, senza la padronanza della prima lingua
(madre), l’apprendimento della seconda (il tedesco) può risultare problema-
tico. I genitori sardi si trovano quindi di fronte ad una scelta difficile per i
figli:
280 Bernd Kielhöfer

• un semplice monolinguismo tedesco (piuttosto escluso)


• un bilinguismo italotedesco
• un trilinguismo italiano/sardo/tedesco.
Prima di parlare di alcuni fattori importanti nell’educazione linguistica, vorrei
chiarire il concetto di bilinguismo (e, rispettivamente, di trilinguismo).

2.1 Che cosa significa essere bilingue (o trilingue)?

Essere bilingue (o trilingue) non significa possedere una padronanza perfetta e


uguale di due (o tre) lingue. Questo è un caso raro. In genere c’è sempre una
lingua forte e una o due deboli. Ma anche le lingue deboli non sono lingue
straniere. Esiste sempre un rapporto sociale e affettivo con queste lingue.
A Berlino, nell’ambito sociale tedesco, il tedesco sarà lingua forte. La
lingua debole o, nel nostro caso, le lingue deboli, saranno l’italiano e ancora
di più il sardo. Esse possono indebolirsi tanto da venire prima rifiutate e, in-
fine, dimenticate. Nell’educazione conviene dunque curare e rinforzare le
lingue deboli: l’italiano e il sardo.
Come organizzare questa educazione plurilingue? Quali sono i problemi, i
risultati, che cosa succederà a scuola? Non esistono risposte semplici a questi
interrogativi. Molti fattori influiscono nel formare casi di plurilinguismo
molto diversi tra di loro. Il plurilinguismo è caratterizzato da una grande va-
riabilità.

2.2 Fattori che influiscono sul bilinguismo (o trilinguismo).

2.2.1 L’uso delle lingue nelle famiglie


Il primo fattore che influisce sul bilinguismo (o trilinguismo) è la situazione
famigliare e la lingua o le lingue usate nelle famiglie. Possiamo distinguere
diversi casi:
1. In famiglia si usa soltanto una lingua: un dialetto italiano, il sardo o
l’italiano standard: l’uso esclusivo rinforza questa lingua;
2. La famiglia binazionale con le sue diverse costellazioni: marito italiano -
moglie tedesca o viceversa: marito tedesco - moglie italiana, o francese,
africana, olandese. A Berlino esiste una grande varietà di coppie “miste”.
Competenze linguistiche tra i figli degli emigrati sardi 281

In queste famiglie si usano spesso due lingue, la lingua della madre è


diversa dalla lingua del padre;
3. Si mescolano le lingue: dialetto italiano, sardo, italiano standard, tedesco,
senza seguire un ordine o delle regole precise: si ricorre quindi a una
lingua mista.

2.2.2 La funzionalità delle lingue


L’uso di ogni lingua è funzionale, cioè serve a scopi precisi, e anche la sepa-
razione delle lingue è funzionale. Ogni lingua ha quindi il suo campo ed il suo
ruolo specifico, ad esempio: nella famiglia binazionale i figli parlano una
lingua con la madre, l’altra con il padre. Essi hanno quindi una madrelingua e
una “padrelingua”.
Quando entrambi i genitori sono italofoni, i figli parlano in famiglia l’ita-
liano (o il dialetto, o il sardo), fuori, per la strada, con i compagni, il tedesco
(lingua di gioco); a scuola parlano tedesco, nel ristorante italiano invece l’ita-
liano e così via. Ciò che conta è che ogni lingua svolge una funzione partico-
lare. La lingua mista, invece, non ubbidisce a nessuna funzionalità, lascia i fi-
gli senza regole, senza orientamento e non impone nessuna norma linguistica.

2.2.3 Il valore affettivo delle lingue


Il terzo fattore decisivo è il valore affettivo collegato alle lingue. È importante
dare a tutte le lingue una carica affettiva affinché non rimangano lingue stra-
niere. Si parla di lingua madre appunto perchè essa è la lingua con la quale il
figlio viene consolato, con la quale dice le parolacce e sussurra anche le sue
confessioni amorose. Bisogna quindi caricare anche la lingua della scuola o
del lavoro di affettività. Ciò sarà possibile se il bambino instaurerà un legame
affettivo con persone appartenenti a questi ambiti e avrà la possibilità di vi-
vere esperienze positive (mangiare e parlare, cantare, giocare nell’altra lin-
gua).

2.2.4 Il prestigio sociale delle lingue


Il quarto fattore, il prestigio sociale di una lingua consta di due valori: un va-
lore economico e un valore culturale. Il valore economico deriva dall’“utilità”
di una lingua, la quale a sua volta dipende dal numero dei parlanti e dal loro
potere economico e politico. Ad esempio, per ragioni di utilità tutti vogliono
imparare l’angloamericano. Il valore culturale risulta, invece, dalla storia della
lingua. L’esistenza di grandi testi letterari, religiosi o giuridici conferisce alla
282 Bernd Kielhöfer

lingua un valore culturale. Lingue come il latino e il greco, per esempio, si


studiano per il loro valore culturale e non per ragioni economiche.
Il bilinguismo (o trilinguismo) tra lingue di diverso prestigio comporta un
rapporto complicato tra di esse, poiché sono concorrenti disuguali sul mercato
linguistico. Un bilinguismo italotedesco pone meno problemi rispetto a un
bilinguismo sardotedesco. Lo svantaggio dei dialetti e delle lingue “minori”
come il sardo, rispetto a concorrenti come l’italiano o il tedesco, lingue nazio-
nali standard di prestigio, è ovvio.
Esistono anche istituzioni che possono favorire il bilinguismo: un asilo
nido bilingue può influire positivamente sul bilinguismo dei figli. Un’altra
istituzione importantissima è la scuola. A Berlino esiste, appunto, una scuola
che propone un bilinguismo italotedesco agli alunni. Vorrei presentare breve-
mente questa scuola per poi passare all’analisi delle competenze linguistiche
dei suoi alunni.
Nella sezione che segue si presenterà un’indagine centrata sul bilinguismo
italotedesco poiché il sardo non esiste finora come lingua scolastica (almeno
all’estero). Gli argomenti e i metodi presentati valgono comunque per ogni
tipo di bilinguismo e si potranno applicare al sardo in futuro, se mai questa
lingua dovesse raggiungere uno status di riconoscimento pratico anche a li-
vello scolastico.

3. La scuola europea bilingue Finow-Grundschule di


Berlino

3.1 Organizzazione

La Finow-Grundschule è una scuola elementare berlinese. Il percorso forma-


tivo degli alunni comincia con la classe prima all’età di 6 anni e termina a
12/13 anni con la classe sesta. Ogni classe è composta da due gruppi lingui-
stici; l’iscrizione degli alunni tiene conto della loro competenza linguistica.
• Il gruppo linguistico tedesco è composto da figli di genitori tedeschi, di
madrelingua tedesca, ma anche da figli di turchi, olandesi, africani ecc. Ci
sono anche figli di emigrati italiani con il tedesco più forte dell’italiano o
un italiano troppo debole per poter far parte del gruppo linguistico ita-
liano.
• Il gruppo linguistico italiano teoricamente dovrebbe essere composto da
bambini di madrelingua italiana – in pratica si tratta di figli di emigrati
Competenze linguistiche tra i figli degli emigrati sardi 283

italiani/sardi con livelli di bilinguismo molto variabili, con in genere co-


munque un italiano abbastanza forte.
Ogni gruppo impara prima a scrivere la propria lingua forte; l’apprendimento
della scrittura dell’altra lingua (più debole) comincia due anni dopo. All’inizio
ogni gruppo impara separatamente e in modo intensivo la lingua dell’altro
gruppo. Allo stesso tempo si effettuano lezioni per l’intera classe. Ad esempio
Sachkunde (una materia che comprende temi riguardanti la storia, la geografia
locale, l’educazione civica, la famiglia ecc.) viene impartita per tutti in lingua
italiana, talvolta anche musica ed educazione fisica. La matematica, invece, è
per tutti in lingua tedesca (abbiamo a che fare con la pedagogia dell’immer-
sione parziale). In queste lezioni non si insegna una lingua bensì una materia
in un’altra lingua. Viene quindi applicato il principio pedagogico della separa-
zione funzionale delle lingue: ogni materia ha la sua insegnante con la propria
lingua madre: una materia – una lingua, una persona – una lingua.

3.2 L’indagine

Nell’indagine condotta abbiamo valutato le competenze linguistiche degli


alunni dalla classe seconda (7/8 anni) alla classe sesta (12/13 anni) allo scopo
di verificare i risultati dell’educazione linguistica di questa scuola.
Abbiamo scelto, insieme alle insegnanti, un campione di alunni di ogni
classe adatto a rappresentare i diversi livelli di bilinguismo in ogni gruppo
linguistico. Ogni alunno è stato invitato a raccontare una piccola storia (“pa-
dre e figlio”), partendo da una serie di stimoli grafici (cfr. l’appendice I), e
infine è stato pregato di inventare una morale adatta alla propria storia.
La storia è stata raccontata oralmente e (dalla classe terza in poi) per
iscritto in italiano e in tedesco. Disponiamo dunque, per ogni alunno, di quat-
tro varianti del racconto:
• una versione orale in italiano
• una versione scritta in italiano
• una versione orale in tedesco
• una versione scritta in tedesco
Nella valutazione sono stati assegnati un massimo di 34 punti, attribuiti a
seconda della difficoltà della consegna. Oltre a criteri valutabili sia nello
scritto sia nell’orale, quali la correttezza grammaticale, la differenziazione
lessicale, la struttura, la coerenza del racconto e la qualità della morale, ab-
284 Bernd Kielhöfer

biamo considerato parametri caratteristici delle relative produzioni. Per il


racconto orale abbiamo valutato ad esempio anche la pronuncia, la fluidità e
l’interazione (cfr. i dettagli nell’appendice II). Per il racconto scritto sono stati
considerati alcuni aspetti caratteristici quali l’interpunzione, la suddivisione in
paragrafi, la correttezza ortografica ecc. (cfr. l’appendice III).

3.3 Alcuni risultati

Nell’analisi dei risultati possiamo focalizzare due fenomeni:


1. la struttura intrapersonale della competenza linguistica, cioè: i rapporti e
gli scarti tra l’italiano e il tedesco, tra la lingua scritta e parlata della
stessa persona;
2. l’evoluzione della competenza linguistica, dai 7/8 fino ai 13 anni in
prospettiva interpersonale (infatti, non ci è stato possibile seguire gli
stessi alunni per un periodo di cinque anni!).

3.3.1 La struttura intrapersonale del bilinguismo


Per quanto riguarda il rapporto tra le lingue e le loro rispettive forme scritte e
parlate abbiamo constatato i seguenti fenomeni:
1. In genere (per circa il 30% degli alunni) il tedesco è più forte dell’italia-
no. Ciò vale sempre per il gruppo linguistico tedesco, spesso però anche
per quello italiano. Lo scarto è più forte per l’orale che per lo scritto. Esi-
stono anche eccezioni, ma si tratta di casi isolati con una biografia lin-
guistica particolare.
2. Un’alta competenza linguistica in italiano segnala quasi sempre un’alta
competenza linguistica tedesca. Esiste dunque una correlazione positiva:
più l’italiano è forte, più anche il tedesco è forte – ma non viceversa.
3. Circa il 6% degli alunni preferisce scrivere. Per essi, la competenza scrit-
ta è più alta di quella orale. Qui influiscono ovviamente fattori personali
come l’introversione e la timidezza – tra gli alunni che hanno partecipato
all’inchiesta ci sono più ragazze che ragazzi.
Competenze linguistiche tra i figli degli emigrati sardi 285

4. Lo scarto tra lingua forte e lingua debole è in genere moderato. La


competenza dell’italiano, spesso lingua debole, è sufficiente per poter at-
testare uno stato di bilinguismo a livello di Basic Interpersonal Commu-
nicative Skill (BICS, cfr. Cummins 1984), cioè tutti gli alunni “se la cava-
no” in una situazione sociale normale: sono in grado di salutarsi, porre
domande, dare risposte semplici nell’interazione sociale quotidiana, in
ambedue le lingue; stupisce soprattutto la buona pronuncia di entrambe le
lingue. Il 90% degli alunni è inoltre bilingue anche a livello di CALP
(Cognitive Academic Language Proficiency), cioè è in grado di utilizzare
le due lingue sia in forma scritta che orale come strumenti cognitivi: sa
sviluppare le proprie idee e trasformarle in un discorso e in una storia co-
erente. Quando questa capacità è ancora debole, la consideriamo come un
potenziale linguistico che potrà svilupparsi in caso di necessità.
5. Ci sono alcuni ragazzi “semilingui” (circa il 5%), cioè alunni con due lin-
gue deboli, però soltanto a livello di CALP. Sono i candidati problematici
della scuola. Finché frequentano la seconda e terza, si può ancora sperare
in un miglioramento. Quando invece si tratta di alunni di sesta, quindi di
quasi 14 anni, possiamo presumere una fossilizzazione di queste strutture
“semi-linguistiche”. Prevediamo problemi nella carriera scolastica e, più
tardi, nella vita sociale.
6. Nei casi degli alunni bravi, quelli bilingui ad alto livello (circa il 10%),
come nei casi rari dei “semilingui”, si riscontrano sempre fattori esterni
nella biografia del bambino che hanno avuto effetti positivi o negativi
sulla sua formazione linguistica. Per esempio, Carlo,1 il caso migliore nel
mio campione, presenta la seguente situazione famigliare: ceto sociale al-
to, padre tedesco, madre italiana, professoressa di italiano a Berlino; en-
trambi utilizzano con il figlio esclusivamente la propria madrelingua
(educazione linguistica una persona – una lingua), con una grande consa-
pevolezza e disciplina. Un caso di “semilinguismo” è Luca, figlio di geni-
tori napoletani di ceto sociale inferiore: essi alternano nella comunicazio-
ne con il figlio il dialetto napoletano a un tedesco scorretto, quindi una
lingua mista, senza il supporto di un’educazione linguistica consapevole,
col risultato che Luca non conosce bene né il tedesco né l’italiano.

3.3.2 Evoluzione della competenza linguistica, prospettiva interpersonale


1. Possiamo osservare, per entrambe le lingue, un’evoluzione positiva, con-
dizione da ricondurre all’influenza della scuola e a fattori legati all’età.
286 Bernd Kielhöfer

Soprattutto l’italiano con il tempo si rafforza diventando più stabile con


l’apprendimento della lingua scritta.
2. Lo scarto tra lingua forte (tedesco) e lingua debole (italiano) diminuisce
con l’aumento dell’età. L’italiano, lingua scolastica pari al tedesco, ap-
profitta della nuova funzionalità e si avvicina al tedesco.
3. La norma linguistica diventa più importante (anche tramite l’aumento
della competenza della lingua scritta). Aumentano autocorrezioni ed esi-
tazioni, diminuiscono la spontaneità ma anche gli errori.
4. Questa evoluzione generale è però molto irregolare. Ci sono sbalzi, re-
gressi e stagnazioni. Il problema principale è la stagnazione a basso li-
vello che conduce al sopraccitato “semilinguismo”.

3.3.3 Evoluzione irregolare e variabilità


Per dare un’idea dell’evoluzione irregolare, ho aggiunto nell’appendice (IV)2
una grafica che mostra i risultati dell’indagine per sette alunni, dalla classe
terza (Eva) alla sesta classe (Luca). Sono visibili i risultati orali e scritti in
italiano e in tedesco. Ecco alcuni esempi che ne dimostrano la variabilità:
1. Pietro, classe terza (9;9 anni)3, è quasi altrettanto bravo quanto Carlo
(12;9), classe sesta;
2. Luca, classe sesta, (13;5) è il più debole di tutti;
3. Pietro, Anna e soprattutto Carlo sono bilingui equilibrati ad alto livello,
indipendentemente dall’età e dalle classi;
4. Eva e Maria sono i casi tipici degli alunni con la lingua tedesca forte e
l’italiano debole, anche le loro competenze sono indipendenti dall’età e
dalle classi.
In questi casi la variabilità si spiega dunque principalmente con l’impatto
biografico.

4. Conclusioni e consigli

Abbiamo osservato il contributo positivo della scuola europea bilingue italo-


tedesca nello sviluppo del bilinguismo tra i figli degli emigrati. È da conside-
rarsi dunque l’indirizzo giusto per mandarvi anche i figli della comunità ita-
Competenze linguistiche tra i figli degli emigrati sardi 287

liana di Berlino. Si è potuto constatare, inoltre, come anche l’educazione lin-


guistica nelle famiglie sia un fattore da non sottovalutare: senza il sostegno
della famiglia la scuola non riesce a sviluppare il bilinguismo.
Per la comunità sarda di Berlino si pone quindi il compito di riflettere sul
ruolo e la funzionalità del sardo nel contesto linguistico e sociale berlinese. Si
deve decidere cioè se favorire
a) un trilinguismo tedesco/italiano/sardo;
b) un bilinguismo italotedesco;
c) un bilinguismo tedesco/sardo;
d) altri.
Se si vuole che i propri figli parlino sardo (lingua importante soprattutto per il
suo valore affettivo, dato che è la lingua dei genitori e serve a mantenere il
contatto con il paese di origine e le sue tradizioni) è necessario prendere prov-
vedimenti per curare e sostenere la lingua sarda, lingua debole a Berlino,
come ad esempio:
• inserire presto i figli nell’attività culturale del Circolo sardo;
• fondare un asilo nido sardo o bilingue sardo/italiano a Berlino;
• prevedere per le famiglie consultazioni regolari relative all’educazione
linguistica dei figli, per destare in loro la consapevolezza che
l’acquisizione delle varie lingue nel loro ambito sociale non avviene in
maniera automatica, ma che è necessaria un’educazione linguistica gui-
data per assicurare l’avvenire dei figli.

Note

1
Come è d’abitudine in questo tipo di inchieste, i nomi dei bambini sono stati sostituiti con
pseudonimi.
2
Nella grafica (cfr. appendice IV), accanto allo pseudonimo è indicata la classe frequentata in
cifre romane e l’età tra parentesi (anno;mese).
3
L’età viene indicata in anni e mesi (anno;mese).
288 Bernd Kielhöfer

Riferimenti bibliografici

Cummins, Jim (1984): Bilingualism and Special Education: Issues in Assessment and
Pedagogy. Clevedon, Inghilterra: Multilingual Matters.
Gräfe-Bentzien, Sigrid (2000): Evaluierung bilingualer Sprachkompetenz. Eine Pilot-
studie zur Entwicklung der deutschen und italienischen Sprachfähigkeiten in
der Primarstufe beim Schulversuch der staatlichen Europaschule Berlin.
Tesi di Dottorato. FU Berlin.
Kielhöfer, Bernd/Jonekeit, Sylvia (91998): Zweisprachige Kindererziehung. Tubinga:
Stauffenberg.
Zydatiß, Wolfgang (2000): Bilingualer Unterricht in der Grundschule. Entwurf eines
Spracherwerbkonzepts für zweisprachige Immersionsprogramme. Monaco di
Baviera: Hueber.
Competenze linguistiche tra i figli degli emigrati sardi 289

Appendice

I. Stimoli grafici

Plauen, E. O.: “Zurück zur Natur”, in: id: Vater und Sohn. Ravensburg:
Ravensburger Buchverlag, 16-17.
290 Bernd Kielhöfer

II. Valutazione della prova orale

Parametri di valutazione Punteggio


min-max
1. Pronuncia: rispetto della norma, articolazione, 1-3
comprensibilità
2. Prosodia: rispetto della norma, variazione, monotonia 1-3
3. Fluidità: pause, interruzioni, esitazioni 1-3
4. Interazione: presa d’iniziativa e prontezza nel reagire 1-3
5. Correttezza grammaticale e complessità: genere, caso, 1-3
numero, preposizioni, pronomi, congiunzioni
6. Correttezza sintattica (norma orale) e complessità: frasi 1-3
principali e subordinate, lunghezza degli enunciati,
strutture deittiche ecc.
7. Differenziazione lessicale: relazione type/token, scelta 1-3
lessicale, qualità referenziale ecc.
8. Struttura del racconto: elenchi, descrizioni, trama, 1-5
discorso diretto
9. Coerenza: comprensibilità, plausibilità, logica 1-5
dell’argomentazione
10. Qualità e originalità della morale del racconto 1-3
Punteggio massimo 34

III. Valutazione della prova scritta

Parametri di valutazione Punteggio


min-max
1. Ortografia: rispetto della norma, grafia, leggibilità 1-3
2. Punteggiatura: virgole e punti 1-3
3. Suddivisione in paragrafi e capoversi 1-3
4. Correttezza grammaticale e complessità: genere, caso, 1-3
numero, preposizioni, pronomi, congiunzioni
5. Correttezza sintattica (norma scritta) e complessità: frasi 1-3
principali e subordinate, lunghezza degli enunciati,
strutture deittiche ecc.
6. Differenziazione lessicale: relazione type/token, scelta 1-3
lessicale, qualità referenziale ecc.
Competenze linguistiche tra i figli degli emigrati sardi 291

Parametri di valutazione Punteggio


min-max
7. Struttura del racconto: elenchi, descrizioni, trama, 1-5
discorso diretto
8. Coerenza: comprensibilità, plausibilità, logica 1-5
dell’argomentazione
9. Qualità e originalità della morale del racconto 1-3
Punteggio massimo 31

IV. Grafica della variabilità (cfr. 3.3.3)

35

30

25

20

15

10

0
Eva Pietro Anna Gianni Maria Carlo Luca
IIIa IIIa IVa IVa IVa VIa VIa
(9;6) (9;9) (10;4) (10;2) (10;2) (12;9) (13;5)
italiano parlato italiano scritto tedesco parlato tedesco scritto
Carla Caprioli
(Milano)

Azioni di promozione e tutela delle lingue


“minoritarie” da parte della Commissione europea*

1. Introduzione

Il tema della tutela della diversità culturale e linguistica dell’Unione europea è


ricorrente in un momento in cui, all’approssimarsi dell’allargamento dell’U-
nione, si rinnova l’attenzione alle tematiche della comunicazione, della co-
esione, della governance, della partecipazione al processo democratico e della
non esclusione a tutti i livelli dell’Unione europea.
Per quanto riguarda le lingue delle comunità insulari, nel gennaio 2003 il
Presidente della Commissione europea Romano Prodi ha ribadito in un di-
scorso a Sassari vari temi legati alla specificità delle isole e al ruolo delle
istituzioni europee a tale riguardo. In particolare, ha affermato:
È cresciuta la sensibilità verso le molte identità che compongono il nostro conti-
nente. La salvaguardia della diversità, soprattutto culturale e linguistica, è di-
ventato un obiettivo che attraversa tutte le nostre azioni. Sotto questi aspetti, le
isole sono per l’Europa un patrimonio da conservare e sviluppare (Prodi 2003).
Nell’ottobre 2002, a Helsinki, alla conferenza sul tema Creating a Common
Structure for Promoting Historical Linguistic Minorities within the European
Union (v. Moring 2002), Viviane Reding, Commissaria europea responsabile
per l’istruzione e la cultura, ha dichiarato:
La diversità culturale e linguistica è una caratteristica distintiva dell’Europa.
L’Europa è, ed è sempre stata, un mosaico di identità culturali e linguistiche.
Inoltre, i confini nazionali presenti in Europa non sempre seguono le divisioni
culturali e linguistiche che si trovano alla base. Tutti i paesi europei hanno al
loro interno comunità che fanno tesoro di identità linguistiche e culturali alter-
native, a dispetto di tutte le pressioni verso l’uniformità. [...] [I padri fondatori]
vollero che l’Europa fosse un luogo in cui la molteplicità delle lingue e delle
culture potesse fiorire in un clima di rispetto reciproco. Per favorire il raggiun-
294 Carla Caprioli

gimento di questo obiettivo, l’articolo 151 del trattato CE conferisce alla Comu-
nità europea il compito di contribuire al pieno sviluppo delle culture degli Stati
membri nel rispetto delle loro diversità nazionali e regionali. Esso, inoltre, im-
pegna la Comunità europea a tener conto degli aspetti culturali in tutte le sue
azioni (Reding 2002).
A fronte di tali dichiarazioni estremamente aperte e disponibili, bisogna con-
siderare quali sono i reali ambiti di competenza e di azione dell’Unione euro-
pea. In base al principio di attribuzione, la Comunità può agire secondo le
competenze previste dai trattati. In particolare, per il tema che ci interessa,
possiamo riferirci agli articoli 151 e 149.
Dall’articolo 151 del trattato CE in materia di “Cultura” (Commissione
europea 2002j)1 possiamo trarre due elementi: in primo luogo, l’azione della
Comunità sostiene e si affianca a quella degli Stati membri; in secondo luogo,
il Consiglio realizza questa azione sia con atti vincolanti (per es. decisioni)
che con atti non vincolanti (per es. raccomandazioni), deliberando all’unani-
mità. Il ruolo della Commissione, non menzionato esplicitamente nell’art.
151, è quello propositivo tipico di questa istituzione – e tale ruolo è comunque
fondamentale in quanto il Consiglio non può decidere in assenza di proposte
della Commissione. La funzione della Commissione europea non si esaurisce
infatti nel controllo sugli Stati membri per il rispetto del diritto comunitario,
ma si esplica attraverso l’elaborazione di proposte di atti normativi al Consi-
glio.2
L’articolo 149 del trattato CE in materia di “Istruzione, formazione profes-
sionale e gioventù” consente alla Comunità di incentivare, affiancando l’azio-
ne degli Stati, la componente linguistica dell’insegnamento. È da notare che in
questa materia il Consiglio delibera a maggioranza qualificata. La scelta di
adottare un atto in base all’uno o all’altro articolo del trattato dipende dal con-
tenuto e dagli obiettivi dell’azione proposta.

2. Multilinguismo e diversità linguistica

Il principio del multilinguismo garantisce la trasparenza democratica e la


parità di diritti per i cittadini e gli Stati membri dell’Unione europea, per
quanto riguarda l’accesso alla normativa e alla comunicazione con le istitu-
zioni dell’Unione. Garantisce inoltre la certezza del diritto: gli atti normativi
che si applicano direttamente negli Stati membri devono essere adottati nelle
varie lingue per consentire a tutti gli interessati di prenderne conoscenza in
condizioni di parità.3
Azioni di promozione e tutela delle lingue “minoritarie” 295

Parallelamente, vi è il principio del rispetto della diversità linguistica, che


costituisce uno dei fondamenti democratici e culturali dell’Unione europea,
sancito dalla Carta europea dei diritti fondamentali all’articolo 22.4 La Carta è
stata solennemente adottata dalle istituzioni comunitarie e costituisce un para-
metro dell’azione delle medesime ma è a oggi priva di valore vincolante; l’in-
serimento nei trattati è attualmente al vaglio della Convenzione sul futuro
dell’Europa, che potrà proporlo alla prossima conferenza intergovernativa di
revisione dei trattati, prevista per il 2004.
Il principio della diversità linguistica si applica alle comunità che si espri-
mono in una lingua diversa da quella della maggioranza della popolazione del
loro Stato: si calcola che siano circa 40 milioni i cittadini dell’Unione che
usano regolarmente una lingua regionale o minoritaria, solitamente accanto
alla lingua o alle lingue ufficiali dello Stato. La definizione di lingua regionale
o minoritaria5 che di solito viene utilizzata è quella utilizzata nella Carta euro-
pea per le lingue regionali e minoritarie (ETS 148), trattato internazionale
stilato sotto gli auspici del Consiglio d’Europa e adottato da numerosi Stati
membri dell’UE: si tratta di «lingue tradizionalmente parlate da una parte
della popolazione di uno Stato che non rappresentano dialetti delle lingue
ufficiali di quello Stato, né sono lingue di immigrati o artificiali». Questa
definizione include un’ampia gamma di lingue, nonché una gran varietà di
situazioni sociali, politiche e linguistiche.6 Nel complesso, si possono indivi-
duare più di 60 comunità autoctone, per un totale di più di 40 milioni di citta-
dini europei, che parlano una lingua regionale o minoritaria.7 Il tema è stato
sollevato a più riprese dal Parlamento europeo, che dal 1979 ha adottato sei
risoluzioni specifiche in materia.8

3. Azioni per salvaguardare e promuovere le lingue


regionali e minoritarie

3.1 Azioni dell’Unione europea

Su iniziativa del Parlamento europeo, l’Unione europea ha intrapreso varie


azioni per salvaguardare e promuovere le lingue regionali e minoritarie d’Eu-
ropa, secondo due direttrici:
• fino al 2000, finanziamento di progetti relativi a iniziative concrete volte
alla tutela e promozione delle lingue regionali e minoritarie;
296 Carla Caprioli

• sostegno finanziario all’EBLUL (Ufficio europeo per le lingue meno


diffuse) e alla Rete informativa Mercator. 9
La linea di bilancio B3-1006 (Lingue e culture regionali e minoritarie) – in ba-
se alla quale dal 1983 la Commissione europea finanziava azioni su iniziativa
del Parlamento europeo – venne sospesa nel maggio 1998 per assenza di una
base giuridica.10 Di conseguenza, nel 1999 e nel 2000 sono stati accordati fi-
nanziamenti su due nuove linee di bilancio: A-3015 e B3-1000. Quest’ultima
consentì di finanziare 74 progetti nel 1999 e 35 nel 2000, come misure prepa-
ratorie a una proposta di programma. A seguito di accordi interistituzionali, si
è convenuto che tale tipo di finanziamenti (misure preparatorie precedenti
l’adozione di una base giuridica) si limitassero a tre anni.
Nel 2000 è stato pubblicato un invito a presentare proposte per il
«Sostegno della Commissione europea alle azioni di promozione e di salva-
guardia delle lingue e culture regionali minoritarie», (v. Commissione europea
2000a) concepito in forma nuova: era possibile coinvolgere più organismi, più
tipi di attività in più settori, e le attività dovevano risultare complementari.11
Vi sono state 235 candidature, per una richiesta complessiva di 26,5 milio-
ni di euro; sono stati cofinanziati più di trenta progetti, per 2,5 milioni di euro
(l’elenco è consultabile, v. Commissione europea 2000b). I progetti riguarda-
vano tra l’altro le lingue occitano, bretone, corso, basco, sloveno, franco-pro-
venzale, yiddish, gallese, ladino, sardo, basco, croato, frisone, gaelico, friula-
no, irlandese, galiziano e mirandese. Due progetti riguardavano la lingua sar-
da:
• TERM-LeS. Standardizzazione lessicale e terminologia per le lingue
ladina e sarda (Realizzazione di un dizionario ladino e uno sardo, con
introduzione di neologismi – principalmente nel settore giuridico e am-
ministrativo). Organizzazione di una conferenza sulla codificazione e la
standardizzazione delle lingue minoritarie in Europa. Produzione di un
CD-ROM e di un sito web).
• LINMITER-Formation (Formazione di specialisti in materia linguistica;
realizzazione di un dizionario comune di catalano, corso, friulano, gali-
ziano, ladino, occitano e sardo da pubblicare su Internet).
Dal 2001, un finanziamento a favore di lingue regionali e minoritarie (linea A-
3015) è stato concesso all’EBLUL, l’Ufficio europeo per le lingue meno dif-
fuse12 e alla rete di informazione Mercator quali istituzioni di interesse euro-
peo. L’EBLUL partecipa alla gestione di un’agenzia di informazione on-line
sulle lingue minoritarie, EUROLANG, avviata nel febbraio 2002.13
Azioni di promozione e tutela delle lingue “minoritarie” 297

Nel 2000, l’Unione europea e il Consiglio d’Europa hanno promosso


l’iniziativa “Anno europeo delle lingue 2001” (EYL2001): l’obiettivo della
campagna, rivolta al grande pubblico, consisteva nel sensibilizzare al fatto che
tutte le lingue utilizzate in Europa rappresentano una parte fondamentale del pa-
trimonio del continente e del suo futuro, indipendentemente dal numero di per-
sone di madrelingua che le praticano e dal grado di conoscenza di queste lingue
da parte di persone non di madrelingua14 (Commissione europea 2001a:10).
L’Anno Europeo delle Lingue 2001 si proponeva di favorire l’apprendimento
continuativo delle lingue da parte di tutte le persone che risiedono nei paesi
partecipanti, accentuando i vantaggi culturali, educativi, economici e personali
derivanti dallo studio delle lingue europee. Le lingue target erano le lingue
ufficiali della Comunità europea, unitamente alle lingue dell’Irlanda e del
Lussemburgo, e altre lingue definite dagli Stati membri. Gli obiettivi specifici
dell’Anno Europeo erano: 1) aumentare la consapevolezza della ricchezza
della diversità linguistica e culturale nell’ambito dell’Unione europea e del
suo valore in termini di civiltà e cultura; 2) favorire il multilinguismo; 3)
portare all’attenzione dell’opinione pubblica i vantaggi derivanti dalla cono-
scenza di diverse lingue; 4) favorire l’apprendimento continuativo delle lingue
e l’acquisizione delle relative capacità; e 5) raccogliere e diffondere
l’informazione sull’insegnamento e l’apprendimento delle lingue. La rela-
zione della Commissione «L’attuazione e i risultati dell’Anno europeo delle
lingue 2001» e il documento Valutazione dell’Anno Europeo delle lingue
2001 – Sommario Esecutivo (Commissione europea 2002a,b) sono disponibili
on-line in una pagina di rassegna dell’iniziativa (Commissione europea
2002c).
Per l’EYL 2001 sono stati realizzati vari tipi di attività. L’Unione europea
ha fornito un sostegno finanziario per 188 progetti nei paesi partecipanti;
molti di questi progetti sono stati avviati a livello locale o regionale. L’Unione
europea ha finanziato una campagna d’informazione e comunicazione, che ha
inciso per circa un terzo del budget disponibile. Le attività includevano una
campagna dei media (stampa, radio, TV), il supporto delle pubbliche relazioni
nazionali, il sito web europeo AEL (www.eurolang.org), pubblicazioni, mate-
riale audiovisivo, uno slogan e un logo comuni, nonché articoli promozionali.
Vi erano anche alcuni eventi di importanza fondamentale per l’Anno Europeo,
come gli eventi di apertura e chiusura, la Giornata Europea delle Lingue e la
Settimana Europea degli Allievi Adulti. È stato anche finanziato il sondaggio
d’opinioni Eurobarometro su 16.000 cittadini europei. L’AEL ha generato un
forte effetto catalizzatore, favorendo lo sviluppo di oltre 8.000 attività. La
Commissione europea ha messo a disposizione 10,792 milioni di euro a par-
298 Carla Caprioli

tire dal 2 luglio 2002. A ciò si aggiungono circa 10 milioni di euro stanziati
per l’Anno Europeo da fondi pubblici nei paesi partecipanti.
L’Anno Europeo delle Lingue si è dimostrato un importante catalizzatore
per molte attività nel campo della promozione delle lingue, oltre a favorire
nuove attività. È riuscito a generare entusiasmo e motivazione, conseguendo
notevoli risultati con un budget assai limitato. Nel complesso, l’Anno Europeo
delle Lingue è riuscito a creare una quadro di riferimento comune all’interno
del quale è possibile sviluppare attività in quanto parte dell’iniziativa europea.
In pratica, l’accentuazione della dimensione culturale delle lingue era una
caratteristica di quasi tutte le attività, mentre altri obiettivi, come i vantaggi
derivanti dall’apprendimento delle lingue per la vita privata o professionale o
il favorire l’apprendimento continuativo delle lingue, si caratterizzavano per
iniziative altamente specifiche e quindi in numero inferiore. Nel complesso, è
stata fortemente accentuata la promozione della consapevolezza delle lingue
(uguaglianza delle lingue, diversità culturale, ecc).
L’Anno Europeo ha favorito la promozione di un gran numero di lingue:
per i 92 progetti sottoposti a sondaggio ai fini del rapporto di valutazione, si è
trattato di 65 lingue differenti.

3.2 Il sito web della Rappresentanza della Commissione europea a


Milano

Nel settembre 2001, come contributo all’iniziativa EYL2001, la Rappresen-


tanza della Commissione europea a Milano ha pubblicato le pagine web mul-
tilingui “Multilinguismo? Sì, grazie!”.15 Nello spirito della decisione che
istituisce l’EYL2001, sul sito sono stati via via inseriti materiali sulle (e nelle)
11 lingue ufficiali, schede e documenti relativi a (e in) altre lingue europee, tra
cui lingue regionali e minoritarie (irlandese, catalano, friulano, sardo, gallese,
sloveno ed altre), testi e documenti su tematiche attinenti al futuro allarga-
mento dell’Unione europea. Le pagine intendevano proporsi come “ripetitore”
di contenuti istituzionali (una serie di conversazioni e documenti illustra la
struttura e la funzione dei servizi linguistici delle istituzioni europee, e in
particolare del Servizio di Traduzione della Commissione europea) e insieme,
di sensibilizzazione alla diffusione del multilinguismo, al mercato e alle indu-
strie della lingua nell’Unione europea, con particolare attenzione alla valenza
delle professioni di traduttore, interprete, docente di lingue e localizzatore di
contenuti.
Dalle statistiche interne al sito, aggiornate al gennaio 2003, si evidenzia
che nel periodo 01.03.2002 – 30.1.2003 i pageview della home di “Multilin-
Azioni di promozione e tutela delle lingue “minoritarie” 299

guismo? Sì, grazie!” sono stati 28.219 (a fronte di 201.874 pageviews per
tutto il sito www.uemilano.it).16
I materiali sulle e nelle lingue regionali italiane hanno ricevuto grande
attenzione sul sito: in particolare, sono stati molto visitati i materiali di rifles-
sione sulla lingua sarda. La pubblicazione on-line di Limba Sarda Unificada
(LSU), la proposta di normalizzazione della lingua sarda trasmessa dall’As-
sessorato alla Cultura della Regione Autonoma della Sardegna a seguito di de-
libera della Giunta, è tuttora (gennaio 2003) la quinta pagina più visitata del
sito www.uemilano.it, seguita da un intervento alla tavola rotonda sulla lingua
lingala (lingua dei migranti congolesi). Il documento LSU ha suscitato l’invio
di numerosi contributi interlocutori raccolti sul sito in un “Dossier lingua sar-
da”.
Ulteriore materiale di consultazione è fornito dall’intervista (in italiano e
in sardo) alla prima interprete di lingua sarda iscritta all’albo della camera di
Commercio di Sassari e del Tribunale di Sassari, Anna Corongiu (v. Caprioli
2002), di cui è stato inserito on-line anche un documento di riflessione (in
sardo) sui corsi destinati ai formatori.
Altri hit delle pagine sul multilinguismo: il contributo di Gazzola (2003)
“Il multilinguismo nell’Unione europea e i suoi costi” (URL: http://www.
uemilano.it/multilinguismo/multilinguismo_unione_europea.html); la versio-
ne on-line in lingua friulana di una guida all’euro pubblicata con il patrocinio
della Rappresentanza della Commissione a Milano, Mandi lire, bienvegnût eu-
ro; il contributo di Coluccia, dell’Accademia di Bolzano, sulla promozione
del trilinguismo (italiano, tedesco, ladino) nella Provincia autonoma di Bolza-
no/Alto Adige (v. Caprioli 2002b).
Dato il successo di queste pagine, si è deciso di mettere a disposizione del
pubblico i più significativi contributi e commenti pervenuti e allargare il di-
battito con l’apertura, il 9 maggio 2002, di una nuova pagina on-line sul sito
della Rappresentanza a Milano: la tavola rotonda virtuale «Lingue, alfabeti e
biblioteche multilingui per la costruzione dell’Europa», che ospita ora venti-
due contributi in otto lingue.
Tra i più visitati, si segnalano:
• la scheda introduttiva a cura dei servizi della Commissione europea
Languages and the European Union (in cui sono definiti con chiarezza i
concetti di «lingue dei trattati dell’Unione europea», «lingue delle istitu-
zioni europee», «lingue ufficiali» e «lingue di lavoro delle istituzioni eu-
ropee», con i relativi riferimenti giuridici, v. Commissione europea
2002i);
300 Carla Caprioli

• gli interventi di Salmasi (2002) (sul multilinguismo dinamico delle


istituzioni europee) e di Wagner e.a. (2002) (sul superamento delle bar-
riere culturali nella pratica della traduzione nelle istituzioni europee),
quello già citato sulla diversità linguistica in Europa e sul ruolo
dell’EBLUL (Sacchi/Warasin 2002), sulla situazione linguistica nella
penisola iberica (Frías Conde 2002), in Sardegna (Bolognesi 2002), su
percorsi didattici, sperimentali e di studio di varie lingue in Europa.

4. Sviluppi recenti

Più recentemente, l’importanza delle lingue è stata sottolineata dalla risolu-


zione del Consiglio dell’Unione europea sulla diversità linguistica del 14
febbraio 2002 (Commissione europea 2002d) che riconosce alle lingue la
funzione di integrazione sociale, economica e politica, in particolare nel qua-
dro di un’Europa ampliata.
Nella risoluzione il Consiglio, rammentando «la competenza degli Stati
membri in materia di contenuto dell’insegnamento e organizzazione dei si-
stemi d’istruzione, nonché della propria diversità culturale e linguistica», ha
ribadito che «tutte le lingue europee sono, dal punto di vista culturale, uguali
in valore e dignità e costituiscono parte integrante della cultura e della civiltà
europee» e ha invitato la Commissione europea «ad elaborare entro i primi
mesi del 2003, proposte riguardanti azioni volte a promuovere la diversità
linguistica e l’apprendimento delle lingue[…]».
La Commissione ha pertanto avviato nel dicembre 200217 un processo di
consultazione sui temi della promozione dell’apprendimento linguistico e
della diversità linguistica, inteso a mantenere l’interesse suscitato dalla posi-
tiva esperienza dell’Anno europeo delle Lingue 2001 e in vista della pubblica-
zione di un Piano d’Azione in materia entro la metà del 2003; a tale processo
invita a partecipare tutte le organizzazioni interessate alla tutela delle lingue
regionali e minoritarie.
Il documento di consultazione Promuovere l’apprendimento delle lingue e
la diversità linguistica è stato messo a disposizione on-line in tutte le lingue
(cfr. la versione in lingua italiana, Commissione 2002f).18 La consultazione è
stata effettuata sotto forma di questionario on-line, che si concentra sulle mo-
dalità più efficaci per realizzare, da parte dell’Unione europea, un’Europa del-
le Lingue. Sul server Europa è stato reso disponibile un apposito modulo di ri-
sposta da compilare e spedire elettronicamente19. Tra i quesiti, «In quali modi
l’Unione potrebbe integrare al meglio il sostegno alle lingue ‘regionali’, ‘delle
Azioni di promozione e tutela delle lingue “minoritarie” 301

minoranze’, ‘degli emigranti’ e le lingue gestuali nei propri programmi trans-


nazionali di cooperazione nel campo dell’istruzione, della formazione e della
cultura?» e ancora «in quali modi la Commissione europea potrebbe aiutare
gli Stati membri a creare un ambiente più ‘favorevole alle lingue’…?».
Nel 2001, la Commissione europea ha fatto svolgere uno studio dal titolo
Support for Minority Languages in the European Union: Analytical Frame-
work and Strategic Options for Community Action (SMILE)20, sulle modalità
di supporto alle lingue minoritarie nell’Unione europea. Il testo, che è stato
pubblicato on-line nel febbraio 2003 sul sito della Direzione generale “Istru-
zione e cultura”, è inteso ad analizzare le informazioni e ad elaborare stru-
menti analitici necessari per definire una strategia per la promozione delle
lingue minoritarie nell’Unione europea; contiene una rassegna delle politiche
passate e raccomandazioni relative ad azioni future nell’ottica del main-
streaming, vale a dire l’orientamento secondo il quale le azioni di supporto
delle lingue regionali e minoritarie sono inserite organicamente e a pieno
titolo nelle iniziative adottate nell’ambito dei principali programmi comuni-
tari.
Il tema degli strumenti più opportuni di tutela da parte della Commissione
europea è stato affrontato dalla Commissaria Reding alla citata Conferenza di
Helsinki:
Dopo un’attenta riflessione ed analisi, noi non crediamo che un programma a sé
stante per le lingue minoritarie offra il contesto politico più vantaggioso per le
nostre azioni future in questo campo. La lingua è una questione che trascende
molti settori politici. Molte delle nostre politiche hanno un impatto sulle lingue e
sul loro uso. […] le comunità linguistiche regionali e minoritarie fanno un uso
considerevole di un’ampia varietà di strumenti politici dell’Unione europea per
promuovere progetti con un impatto sulle loro lingue. Abbiamo informazioni su
un numero considerevole di progetti che sono stati finanziati su una scala ancora
più ambiziosa di quella possibile nel contesto di un’azione consacrata esclusi-
vamente alle lingue minoritarie. Crediamo che vi siano approcci più fruttuosi di
quello di creare un programma a parte per le lingue minoritarie, che rispecchie-
rebbe in effetti, su una scala molto più ridotta, attività che sono già previste in
altri programmi e politiche. Questo non per dire che gli attuali programmi e po-
litiche UE possono fronteggiare tutte le questioni che le comunità minoritarie af-
frontano nel salvaguardare le loro lingue, né per dire che le comunità minoritarie
non affrontano ostacoli specifici nel guadagnare accesso a determinati pro-
grammi. Tuttavia, sono proprio tali questioni che dobbiamo affrontare. In che
modo favoriamo un maggiore accesso delle comunità linguistiche minoritarie
alle opportunità di ricevere finanziamenti UE per progetti rilevanti, quali bar-
riere esistono e come possono essere superate? (Reding 2002).
302 Carla Caprioli

Un esempio di programma comunitario che può prevedere iniziative di sup-


porto al multilinguismo è costituito dal programma eContent (Programma
comunitario pluriennale inteso ad incentivare lo sviluppo e l’utilizzo dei con-
tenuti digitali europei nelle reti globali e a promuovere la diversità linguistica
nella società dell’informazione). Nei progetti finanziati in ambito di eContent
a seguito dell’invito a presentare proposte del marzo 2001 ed elencati in una
brochure (Commissione europea 2002g), vi sono state varie iniziative
concernenti strumenti multilingui. Il 20 dicembre 2002 la Commissione ha
pubblicato il terzo invito a presentare proposte per eContent conformemente
al nuovo programma di lavoro adottato per il 2003 e 2004 (Commissione
2002h). Lituania, Estonia, Polonia, Slovenia, Malta partecipano al program-
ma.
La linea d’azione 2 «Incrementare la produzione dei contenuti in un conte-
sto multilinguistico e multiculturale» prevedeva, alla linea 2,1, «Partenariati
per i contenuti multilingue e multiculturali»:
[...] la localizzazione è il processo di adattamento dei prodotti e/o dei servizi alle
esigenze di una comunità specifica. Nel caso dei contenuti questo processo inizia
con l’adattamento linguistico (traduzione) e si estende all’adattamento culturale
nei mercati in cui operano gli editori. Questo adattamento comprende la localiz-
zazione di ricerca, recupero e personalizzazione delle interfacce e degli stru-
menti. […] Se da un lato vi è una tradizione stabile nel campo della traduzione,
dall’altro c’è poca esperienza dei processi e delle esigenze della localizzazione
dei contenuti digitali, dei problemi di gestione dei servizi in più lingue, delle
questioni relative ai permessi, ecc.. La localizzazione pone delle sfide al ciclo di
pubblicazione dei siti web, al design e all’amministrazione. In molti casi le tec-
nologie non ideate per i contenuti multilingue pongono problemi specifici.
Nel 2001, il Parlamento europeo aveva analogamente fatto svolgere un studio
dal titolo The Role of the European Union in Supporting Minority or Lesser-
Used Languages21 in cui si segnalava l’opportunità di un’azione della
Commissione europea per la promozione e la tutela delle lingue regionali e
minoritarie.
Allo stato attuale, l’unanimità di decisione prevista per l’articolo 151 è un
significativo freno all’adozione di atti relativi alla diversità linguistica. Una
modifica dei trattati può essere realizzata solo dalla Conferenza intergoverna-
tiva (CIG) che è composta dagli Stati membri. L’attuale Convenzione sul
futuro dell’Europa si occupa di elaborare le proposte da sottoporre alla CIG.
La Convenzione è aperta ai suggerimenti delle istituzioni e della società ci-
vile. Naturalmente, le istituzioni seguono con attenzione i dibattiti. È da men-
zionare, tra le altre, la proposta recente dall’EBLUL (in un documento intito-
lato Package for Linguistic Diversity – EBLUL 2002 – presentato al Forum
Azioni di promozione e tutela delle lingue “minoritarie” 303

per il futuro dell’Europa), che riecheggia la proposta avanzata nel 2001 dal
Parlamento europeo nella risoluzione Morgan, di una modifica dell’articolo
151 del trattato che istituisce la Comunità europea, in cui al posto della già
ricordata votazione all’unanimità si preveda la votazione a maggioranza
qualificata in materia di cultura.22 Tale differente sistema consentirebbe una
più facile adozione degli atti in questa materia, non rendendo più necessario il
voto favorevole di tutti gli Stati membri.23
Infine, si possono citare le osservazioni presentate dall’ex presidente
finlandese Martti Ahtisaari nella dichiarazione di apertura alla già citata
conferenza di Helsinki dell’ottobre 2002, secondo le quali, malgrado
l’importanza della tutela e salvaguardia delle lingue minoritarie sia ricono-
sciuta da tempo e giudicata altamente prioritaria da alcune istituzioni europee,
la tutela ufficiale delle minoranze linguistiche in Europa rappresenta un feno-
meno molto recente nella sfera del diritto internazionale. Ahtisaari ha sottoli-
neato gli sforzi compiuti dalla Comunità europea per tutelare la diversità cul-
turale e linguistica dei suoi Stati membri e il fatto che la Comunità abbia rico-
nosciuto le lingue minoritarie «as an inherent constituent right». Ahtisaari
osserva che i gruppi di lingue minoritarie si rivolgono all’Unione europea
quando sono alle prese con problemi specifici, e quando tali problemi non
trovano risposta (o risposta insufficiente) a livello nazionale: in tale ottica, la
misura in cui l’Unione europea può influire sulla tutela dei diritti delle lingue
minoritarie negli Stati membri rappresenta una problematica più complessa.
Le aspirazioni in tale direzione devono essere ponderate con un’apprezzamento
e una comprensione della capacità di azione delle Comunità: l’evidenziare il co-
ordinamento, la cooperazione e la non armonizzazione costituisce probabilmente
il modo migliore per tutelare il pluralismo culturale.
Pertanto, Ahtisaari suggeriva di incoraggiare l’elaborazione di norme di pro-
mozione essenziali, in base alle quali gli Stati membri potranno decidere
azioni più esaustive adottando le forme più adeguate alle loro differenti iden-
tità culturali.
304 Carla Caprioli

Note

* Le opinioni espresse nel presente articolo sono puramente personali e non impegnano la
Commissione europea.
1
Per gli articoli citati, v. l’appendice I.
2
Si veda il testo citato sotto II nell’appendice.
3
Le lingue ufficiali dell’Unione europea sono attualmente undici (danese, finlandese, francese,
greco, inglese, italiano, olandese, portoghese, spagnolo, svedese e tedesco). L’irlandese (gaelico,
“Gaeilge”) è considerato lingua ufficiale per il diritto primario (ossia per i trattati). Ad ogni
allargamento, il Consiglio ha sistematicamente aggiunto alle lingue ufficiali esistenti le lingue
designate dai nuovi Stati membri. Il Trattato sull’Unione europea fa fede in ciascuna delle sue 12
versioni linguistiche (danese, finlandese, francese, greco, inglese, irlandese, italiano, olandese,
portoghese, spagnolo, svedese, tedesco) (articolo 53) e garantisce a tutti i cittadini il diritto di
scrivere a tutte le istituzioni in una di queste lingue e di ricevere una risposta redatta nella stessa
lingua (articolo 21). Ai sensi dell’articolo 290 del trattato CE, è il Consiglio che adotta le deci-
sioni relative al regime linguistico delle istituzioni comunitarie - cosa che il Consiglio ha fatto nel
1958 adottando il regolamento n. 1 del 6 ottobre 1958 che stabilisce il regime linguistico della
Comunità economica europea. Tale regolamento pone su un piano di parità le 11 lingue ufficiali e
di lavoro delle istituzioni, ossia tutte le lingue dei Trattati ad eccezione dell’irlandese.
L’articolo 2.11 del trattato di Amsterdam ha introdotto la possibilità, per i cittadini dell’Unione,
di utilizzare la propria lingua negli eventuali contatti con le istituzioni. L’articolo 41, paragrafo 4
della Carta dei diritti fondamentali comprende anch’esso un’analoga disposizione.
4
Articolo 22 - Diversità culturale, religiosa e linguistica : «L’Unione rispetta la diversità cultu-
rale, religiosa e linguistica».
5
Si veda il testo citato sotto III nell’ appendice.
6
Cfr. Commissione europea (senza data).
7
Un elenco esemplificativo, redatto da Bertrand Menciassi (webmaster del progetto Web of
Words dell’EBLUL - Ufficio europeo per le lingue meno diffuse) comprende le seguenti lingue:
Arbërishtja, Deutsch, Aragonés, Armânesti, Asturianu, Plattdüütsch, Euskara, Nedersaksisch,
Brezhoneg, Balgarski, Català, Kernewek, Corsu, Hrvatski, Dansk, Suomi, Français, Francopro-
vençal, Furlan, Frysk, Gàidhlig, Galego, Cymraeg, Hellinika, Magyar, Gaeilge, Djudezmo, Ladin,
Lëtzebuergesch, Mirandés, Nederlands, Occitan, Langues d’Oïl, Romani, Rusky, Sámegiella,
Sardu, Scots, Makedonski, Slovensky, Slovenscina, Serbscina, Svenska, Tatar, Cesky, Türkçe,
Yiddish.
8
Le risoluzioni Arfè (1981), prima tappa per la definizione di una politica linguistica a livello
europeo, cui fece seguito, nel 1983, il primo finanziamento allo sviluppo di una politica comuni-
taria in materia di lingue regionali; la risoluzione Arfè (1983) sulle misure a favore delle lingue e
delle culture di minoranza; la risoluzione Kuijpers (1987) sulle lingue e le culture delle minoranze
etiche e regionali nella Comunità europea (A2-150/87; GUCE C 318 del 30.11.1987, pag. 160),
che sottolineava la possibilità per i Governi degli Stati membri della CE di proporre delle direttive
concrete per il mantenimento e la promozione delle lingue e delle culture regionali; la risoluzione
Killilea (1994), una ulteriore tappa nel riconoscimento dei diritti linguistici in Europa; la risolu-
zione sulla situazione delle lingue nella Comunità europea e sulla situazione della lingua catalana
(1990) (A3-169/90; GUCE C 19 del 28.1.1991, pag. 42); la risoluzione Morgan (2001), richiesta
del Parlamento europeo alla Commissione di presentare un programma pluriennale sulle lingue,
prevedendo fondi destinati espressamente alle lingue meno usate.
9
Research network and information service concerning regional and/or minority languages of
the European Union with the support of the European Commission. (URL: http://www.mercator-
central.org/). Mercator è una rete composta da tre Centri di ricerca e documentazione (Mercator
Azioni di promozione e tutela delle lingue “minoritarie” 305

Education, Mercator Législation e Mercator Media) che si occupa delle lingue regionali o mino-
ritarie.
10
Ogni spesa comunitaria ha bisogno di un duplice fondamento giuridico, cioè la sua iscrizione a
bilancio e, di norma, la previa adozione di un atto di diritto derivato che autorizzi la spesa in
questione. Se mancano questi requisiti, l’azione non può essere realizzata. Ciò è stato affermato
dalla Corte di Giustizia e la Commissione, a seguito della sentenza C-106/96 (Sentenza della
Corte del 12 maggio 1998 «Programma d’azione comunitaria contro l’esclusione sociale - Finan-
ziamento - Fondamento giuridico») ha riesaminato una serie di azioni, tra cui quelle a favore delle
lingue regionali e minoritarie.
11
Ad es., sviluppo di materiali e metodi didattici innovativi combinati con formazione dei do-
centi e corsi pilota, e corredati da esperienza seminariale di valutazione; eventi culturali preceduti
da laboratori di creazione artistica e accompagnati da attività didattiche.
12
L’Ufficio europeo per le lingue meno diffuse (EBLUL) è un’organizzazione non governativa
indipendente, finanziata dalla Comunità europea in quanto istituzione d’interesse europeo.
13
EUROLANG = Eurolang.net. The European news agency for minority languages (URL:
http://www.eurolang.net).
14
Dell’EYL2001 cfr. anche l’invito a presentare proposte (Commissione europea 2001b). Gli
organismi coordinatori per l’Italia erano l’IRRSAE e, per le Università, lo IULM.
15
Originariamente in http://www.uemilano.it/multilinguismo/, le pagine sono ora consultabili an-
che a partire dal nuovo sito della Rappresentanza della Commissione europea a Milano http://
europa.eu.int/italia/milano alla sezione “Approfondimenti”, “Multilinguismo, servizi linguistici
delle istituzioni” (URL: http://europa.eu.int/italia/milano/7_bbriefings2_it.htm). La realizzazione
del sito è stata curata dall’Antenna del Servizio di Traduzione a Milano, ed è stata possibile grazie
al contributo dei servizi della Commissione europea: la Direzione generale “Stampa e informazio-
ne”, la Direzione generale “Istruzione e cultura”, il Segretariato generale, le Rappresentanze della
Commissione europea a Dublino e a Barcellona. Un apporto determinante è stato dato dal Ser-
vizio di traduzione, e in particolare da Kees Van der Horst, Daniele Vitali, Raffaella Longoni e
Robert Rowe; il servizio ha inoltre allestito le traduzioni in inglese, francese e tedesco di nume-
rosi testi. Un contributo significativo è stato dato da Maurizio Gotta, della Direzione generale
“Amministrazione” – direzione Informatica. I materiali multilingui sono stati trasmessi, tra l’altro,
dall’Info Point Europa di Trieste (gestito dal Comune di Trieste in convenzione con la Direzione
Generale Stampa e Comunicazione della Commissione Europea), dall’Assessorato alla Cultura
della Regione Sardegna, da Alessandra Lang (responsabile di Eurojus presso la Rappresentanza a
Milano) e da docenti, traduttori, operatori linguistici e coordinatori di progetti finanziati nell’am-
bito dell’Anno europeo delle lingue 2001.
16
Quest’ultimo ha registrato nello stesso periodo 36.581 visitatori, con una lunghezza media di
sessione di 5 minuti e una media di 5,5 pageview per visitatore; gli hit totali sono stati 1.750.893,
i bit totali trasferiti, 5.497 GB, con una media di 99,94 visitatori al giorno (Fonte: statistiche
interne al sito www.uemilano.it).
17
Si veda anche il testo completo del comunicato stampa (Commissione europea 2002e).
18
Obiettivo, raccogliere i pareri di un’ampia gamma di operatori interessati (insegnanti di lingue,
studenti, cittadini impegnati ad apprendere le lingue, decisori politici) sulle modalità più appro-
priate per migliorare l’apprendimento linguistico e promuovere la diversità linguistica in Europa.
I tre settori chiave: migliorare e ampliare l’apprendimento linguistico lungo tutto l’arco della vita,
rendere più efficace l’insegnamento delle lingue straniere e creare un contesto più favorevole alle
lingue.
19
URL: http://europa.eu.int/comm/education/languages/inquiry/index.cfm?Language=IT. Se si
riscontrano problemi tecnici, è possibile contattare per e-mail il servizio EAC-LANG-
CONSULT@cec.eu.int.
306 Carla Caprioli

20
“Final Report – support for minority languages in Europe”, commissionato a Universitat
Oberta de Catalunya UOC, EBLUL-European Bureau for Lesser Used Languages e ad ECMI-
European Centre for Minority Issues (URL: http://europa.eu.int/comm/education/policies/lang/
langmin/support.pdf).
21
The Role of the European Union in Supporting Minority or Lesser-Used Languages (EP con-
tract IV/2000/13/02). Il rapport, redatto dal CIEMEN e coordinato da Miquel Strubell (CIEMEN
Centre Int. Escarré per a les minor. ètniques i nacions – Universitat Oberta de Catalunya UOC),
analizza il ruolo delle istituzioni comunitarie e le politiche e azioni di promozione delle LULs
dell’UE, fornendo una serie di raccomandazioni. Per sette stati (Grecia, Spagna, Finlansia, Fran-
cia, Irlanda, Lussemburgo e Regno Unito) è inclusa un’analisi delle lingue parlate nei rispettivi
territorio. Il rapporto dovrebbe essere a breve disponibile sul sito web del Parlamento europeo;
copie elettroniche possono essere richieste scrivendo a cdoc@ciemen.org o a DG4-Publications@
europarl.eu.int.
22
«Introducing Qualified Majority Voting in Art. 151 EC on Cultural Policies - In Art. 151 EC,
the European Bureau for Lesser Used Languages proposes to replace the required unanimity vote
by the Council of Ministers by a qualified majority vote. This would facilitate the promotion of
the cultural heritage as a general European interest, with full respect for Member States compe-
tencies in the field of cultural policy» (EBLUL 2002:4).
23
Se un accordo è già difficile ora con quindici Stati, lo sarebbe ancora di più con venticinque. Se
il Consiglio decide all’unanimità, la Commissione troverà maggiori difficoltà a far adottare la sua
proposta legislativa.
Azioni di promozione e tutela delle lingue “minoritarie” 307

Riferimenti bibliografici

Arfé, Gaetano (1981): “Risoluzione del Parlamento Europeo su una Carta comunitaria
delle lingue e culture regionali e una Carta dei diritti delle minoranze
etniche”. Risoluzione del Parlamento Europeo, 16 ottobre 1981 (URL: http://
www.uniud.it/cip/min_ris_europarl.htm#arf).
Bianconi, Claudia/Gualandi, Valeria (a cura di) (2001a): Ciao lira, benvenuto euro!,
Guida alla moneta unica europea. Pubblicazione della Rappresentanza della
Commissione europea a Milano in collaborazione con il Rotary Club “Le
Grigne” di Lecco (URL: http://www.retecivica.trieste.it/ipe/ciaolira/Ciaoli%
7E6.pdf).
Bianconi, Claudia/Gualandi, Valeria (a cura di) (2001b): Mandi lire, bienvegnût euro.
Guide a le monede uniche europeane. Progjet promovût de Regjon
Autonome Friûl-Vignesie Julie. Metût in vore dal Info Point Europe dal
Comun di Triest. Cul patrocini de Rapresentance a Milan de Comission
Europeane (URL: http://www.retecivica.trieste.it/ipe/ciaolira/Mandi~12.pdf).
Bolognesi, Roberto (2002): “Un programma sperimentale di educazione linguistica in
Sardegna”, in: Tavola Rotonda (URL: http://www.uemilano.it/tavola_
rotonda/bolognesi. html).
Caprioli, Carla (2002a): “Medas limbas, meda sapienza. Conversazione con Anna
Corongiu, prima traduttrice e interprete di lingua sarda regolarmente iscritta
alla Camera di Commercio di Sassari”, in: Multilinguismo? Sì, grazie! (URL
versione italiana: http://www.uemilano.it/multilinguismo/corongiu.html, ver-
sione sarda: http://www.uemilano.it/multilinguismo/corongiu_sardu.html).
Caprioli, Carla (2002b): “Conversazione con Stefania Coluccia, laureata in traduzione
presso la Scuola Superiore di Lingue Moderne per Interpreti e Traduttori di
Trieste”, in: Multilinguismo? Sì, grazie! (URL: http://www.uemilano.it/
multilinguismo/intervista_coluccia_ita.html).
Commissione europea (senza data): “Le lingue regionali e minoritarie dell’Unione eu-
ropea” (URL: http://europa.eu.int/comm/education/langmin/regmin_it.html).
Commissione europea (2000a): “Sostegno della Commissione europea alle azioni di
promozione e di salvaguardia delle lingue e culture regionali minoritarie.
Invito a presentare proposte”, in: Gazzetta ufficiale delle comunità europee,
16-9-2000 (URL: http://europa.eu.int/comm/education/langmin/callit.pdf).
Commissione europea (2000b): “Co-Funded Projects for Regional and Minority Lan-
guages and Cultures” (URL: http://europa.eu.int/comm/education/langmin/
language_ en. pdf).
Commissione europea (2001a): Anno europeo delle lingue 2001: alcuni elementi im-
portanti. Opuscolo a cura della Commissione europea (URL: http://
europa.eu.int/ comm/education/languages/it/actions/booklet_it.pdf).
308 Carla Caprioli

Commissione europea (2001b): “Invito a presentare proposte DG/EAC 66/00. Anno


europeo delle lingue 2001”, in: Gazzetta ufficiale delle comunità europee, 6-
1-2001 (URL: http://europa.eu.int/comm/education/languages/call/callit.pdf).
Commissione europea (2002a): “Relazione della Commissione al consiglio, al Parla-
mento europeo, al Comitato economico e sociale e al Comitato delle regioni.
L’attuazione e i risultati dell’Anno europeo delle lingue 2001”. Bruxelles, 4-
11-2002 (URL: http://europa.eu.int/comm/education/languages/download/
rap_it.pdf).
Commissione europea (2002b): “Evaluation of the European Year of Languages 2001-
Executive Summary, August 2002” (URL: http://europa.eu.int/comm/
education/languages/download/evaluation_execsum_it. pdf).
Commissione europea (2002c): “Anno europeo delle lingue 2001” (URL: http://
europa.eu.int/comm/education/languages/it/actions/year2001.html).
Commissione europea (2002d): “Risoluzione del Consiglio del 14 febbraio 2002
relativa alla promozione della diversità linguistica e dell’apprendimento delle
lingue nel quadro dell’attuazione degli obiettivi dell’Anno europeo delle
lingue 2001 (2002/C 50/01)”, in: Gazzetta ufficiale delle Comunità europee,
23-2-2002 (URL: http://europa.eu.int/eur-lex/pri/it/oj/dat/2002/c_050/c_050
20020223it00010002.pdf).
Commissione europea (2002e): “Commission Launches Public Consultation on
Language Learning”. Comunicato stampa (URL: http://europa.eu.int/rapid/
start/cgi/guestfr.ksh?p_action.gettxt=gt&doc=IP/02/1841|0|RAPID&lg=EN
&display=).
Commissione europea (2002f): “Promuovere l’apprendimento delle lingue e la diver-
sità linguistica – Consultazione”. Documento di lavoro dei servizi della
Commissione, SEC(2002) 1234, Bruxelles, 13-11-2002 (URL: http://
europa.eu.int/comm/education/ languages/consult/consult_it.pdf).
Commissione europea (2002g): “eContent Projects Resulting from the March 2001.
Call for Proposals”. Lussemburgo (URL: ftp://ftp.cordis.lu/pub/econtent/
docs/call1_brochure.pdf).
Commissione europea (2002h): “eContent. Programma comunitario pluriennale inteso
ad incentivare lo sviluppo e l’utilizzo dei contenuti digitali europei nelle reti
globali e a promuovere la diversità linguistica nella società dell’informazio-
ne. Programma di lavoro 2003–2004” (URL: ftp://ftp.cordis.lu/pub/econtent/
docs/work _ programme_ 2003_2004_it.pdf).
Commissione europea (2002i): “Languages and the European Union”, in: Tavola
Rotonda (URL: http://www.uemilano. it/tavola_rotonda/languages.html).
Commisione europea (2002j): “Versione consolidata del trattato che istituisce la Co-
munità europea”, in: Gazzetta ufficiale delle Comunità europee, C325/35,
24-12-2002 (URL: http://europa.eu.int/eur-lex/it/treaties/dat/EC_consol.
pdf).
EBLUL (2002): Package for Linguistic Diversity. 3 Proposals to the Convention on
the Future of the European Union (URL: http://europa.eu.int/futurum/
forum_convention/documents/contrib/other/0017_c_en.pdf).
Azioni di promozione e tutela delle lingue “minoritarie” 309

Frías Conde, Xavier (2002): “Ars improvisandi”, in: Tavola Rotonda (URL: http://
www. uemilano.it/tavola_rotonda/pdf/ars_improvisandi_pt.pdf).
Killilea, Mark (1994): “Risoluzione del Parlamento Europeo sulle minoranze
linguistiche e culturali nella Comunità Europea”. Risoluzione del Parlamento
Europeo, 9 febbraio 1994 (URL: http://www.uniud.it/cip/min_ris_europarl.
htm#Killilea).
Kujpers, Willy (1987): “Risoluzione del Parlamento Europeo sulle lingue e le culture
delle minoranze etniche e regionali nella Comunità europea”. Risoluzione
del Parlamento Europeo, 30 ottobre 1987 (URL: http://www.uniud.it/cip/
min_ris_europarl.htm#Kuijpers).
LSU = Regione Autonoma della Sardegna (2001): Limba Sarda Unificada. Cagliari
(URL: http://www.uemilano.it/multilinguismo/pdf/lsu.pdf).
Moring, Tom (a cura di) (2002): Creating a Common Structure for Promoting
Historical Linguistic Minorities within the European Union. Atti del
convegno tenuto a Helsinki dall’11 al 12 ottobre 2002. Helsingfors (URL:
http://www.folktinget.fi/ conference/finalreport.pdf).
Multilinguismo = Multilinguismo? Sì, grazie! Materiali a cura dell’Antenna del
Servizio di Traduzione. Commissione europea, Rappresentanza a Milano
(URL: http://www. uemilano.it/multilinguismo/).
Prodi, Romano (2003): Discorso all’occasione del convegno “Le isole fra riforme e
allargamento. Le ragioni dell’insularità”, Sassari, 24 gennaio 2003 (URL:
http://europa.eu.int/rapid/start/cgi/guesten.ksh?p_action.gettxt=gt&doc=SPE
ECH /03/28|0|RAPID&lg=IT&display=).
Reding, Viviane (2002): “L’avvenire delle lingue regionali e minoritarie nell’Unione
europea”. Discorso tenuto alla Conferenza sulla creazione di una struttura co-
mune per promuovere le minoranze linguistiche storiche nell’Unione euro-
pea, 11-02-02, Helsinki (URL: http://europa.eu.int/futurum/documents/
offtext/sp111002_it.htm).
Sacchi, Irene/Warasin, Markus (2002): “La diversità linguistica in Europa: il ruolo
dell’EBLUL e il ‘Package for Linguistic Diversity’”, in: Tavola Rotonda
(URL: http://www.uemilano.it/tavola_rotonda/sacchi.html).
Salmasi, Stefano (2002): “L’Unione europea e le sue istituzioni, un multilinguismo di-
namico”, in: Tavola Rotonda (URL: http://www.uemilano.it/tavola_rotonda/
multi_dina.html).
Tavola rotonda = Lingue, alfabeti e biblioteche multilingui per la costruzione dell’Eu-
ropa. Tavola rotonda virtuale (URL: http://www.uemilano.it/frame_
tavolarotonda.html).
Wagner, Emma/Bech, Svend/Martínez, Jesús M. (2002): “Untranslatability - Crossing
Cultural Barriers”, in: Tavola rotonda (URL: http://www.uemilano.it/
tavola_rotonda/untranslatability.html).
rocini de Rapresentance a Milan de Comission Europeane
310 Carla Caprioli

Appendice

I. Estratto dal trattato che istituisce la Comunità europea


(cfr. Commissione europea 2002j)

TITOLO XII (ex titolo IX) – Cultura – Articolo 151 (ex articolo 128):

1. La Comunità contribuisce al pieno sviluppo delle culture degli Stati membri


nel rispetto delle loro diversità nazionali e regionali, evidenziando nel con-
tempo il retaggio culturale comune.
2. L’azione della Comunità è intesa ad incoraggiare la cooperazione tra Stati
membri e, se necessario, ad appoggiare e ad integrare l’azione di questi ultimi
nei seguenti settori:
— miglioramento della conoscenza e della diffusione della cultura e della
storia dei popoli europei;
— conservazione e salvaguardia del patrimonio culturale di importanza eu-
ropea;
— scambi culturali non commerciali;
— creazione artistica e letteraria, compreso il settore audiovisivo.
3. La Comunità e gli Stati membri favoriscono la cooperazione con i paesi
terzi e le organizzazioni internazionali competenti in materia di cultura, in
particolare con il Consiglio d’Europa.
4. La Comunità tiene conto degli aspetti culturali nell’azione che svolge a
norma di altre disposizioni del presente trattato, in particolare ai fini di rispet-
tare e promuovere la diversità delle sue culture.

CAPO 3 – ISTRUZIONE, FORMAZIONE PROFESSIONALE E


GIOVENTÙ – Articolo 149 (ex articolo 126)

1. La Comunità contribuisce allo sviluppo di un’istruzione di qualità incenti-


vando la cooperazione tra Stati membri e, se necessario, sostenendo ed inte-
grando la loro azione nel pieno rispetto della responsabilità degli Stati membri
per quanto riguarda il contenuto dell’insegnamento e l’organizzazione del
sistema di istruzione, nonché delle loro diversità culturali e linguistiche.
2. L’azione della Comunità è intesa:
— a sviluppare la dimensione europea dell’istruzione, segnatamente con
l’apprendimento e la diffusione delle lingue degli Stati membri;
— a favorire la mobilità degli studenti e degli insegnanti, promuovendo tra
l’altro il riconoscimento accademico dei diplomi e dei periodi di studio;
Azioni di promozione e tutela delle lingue “minoritarie” 311

— a promuovere la cooperazione tra gli istituti di insegnamento;


— a sviluppare lo scambio di informazioni e di esperienze sui problemi co-
muni dei sistemi di istruzione degli Stati membri;
— a favorire lo sviluppo degli scambi di giovani e di animatori di attività so-
cioeducative;
— a incoraggiare lo sviluppo dell’istruzione a distanza.
3. La Comunità e gli Stati membri favoriscono la cooperazione con i paesi
terzi e le organizzazioni internazionali competenti in materia di istruzione, in
particolare con il Consiglio d’Europa.

II. Paragrafo tratto da La governance europea – Un Libro bianco,


COM 82001, 428 def.

Il “metodo comunitario” garantisce al contempo il rispetto della diversità e


l’efficacia dell’Unione. Esso assicura un trattamento equo di tutti gli Stati
membri, dal più grande al più piccolo, e consente di conciliare interessi di-
versi attraverso due filtri successivi: il filtro dell’interesse generale, a livello
della Commissione; il filtro della rappresentanza democratica, europea e na-
zionale, a livello del Consiglio e del Parlamento europeo, che sono gli organi
legislativi dell’Unione.
Spetta esclusivamente alla Commissione europea presentare proposte legi-
slative ed in tema di politiche. La sua indipendenza rafforza la sua capacità di
dare esecuzione alle politiche, di agire come custode dei trattati e di rappre-
sentare la Comunità nei negoziati internazionali.
Gli atti legislativi e di bilancio sono approvati dal Consiglio dei ministri
(che rappresenta gli Stati membri) e dal Parlamento europeo (che rappresenta i
cittadini). L’introduzione della votazione a maggioranza qualificata in seno al
Consiglio è un elemento fondamentale ai fini dell’efficacia del metodo.
L’esecuzione della politica è affidata alla Commissione e alle autorità nazio-
nali.
La Corte europea di giustizia garantisce il rispetto del principio di legalità.

(URL: http://europa.eu.int/celex/cgi/sga_rqst?SESS=29688!CTXT=6!UNIQ=5!APPL
IC=celexext! FILE=VISU_visom_6_0_6!DGP=0!VI_txt3)
312 Carla Caprioli

III. Estratto da European Charter for Regional or Minority Languages,


Strasbourg, 5.XI.1992

Article 1 – Definitions.
For the purposes of this Charter: a. “regional or minority languages” means
languages that are: i. traditionally used within a given territory of a State by
nationals of that State who form a group numerically smaller than the rest of
the State’s population; and ii. different from the official language(s) of that
State; it does not include either dialects of the official language(s) of the State
or the languages of migrants; a. «territory in which the regional or minority
language is used» means the geographical area in which the said language is
the mode of expression of a number of people justifying the adoption of the
various protective and promotional measures provided for in this Charter; b.
“non-territorial languages” means languages used by nationals of the State
which differ from the language or languages used by the rest of the State’s
population but which, although traditionally used within the territory of the
State, cannot be identified with a particular area thereof.

(URL: http://conventions.coe.int/Treaty/en/Treaties/Html/148.htm)