Sei sulla pagina 1di 5

Progetto didattico

Il Sogno, un percorso di educazione all’opera


lirica
Destinatari
Il progetto è destinato ad allievi della scuola primaria e secondaria di primo grado.

Premessa
L’attività del teatro musicale offre un’esperienza scolastica importante per la crescita
del ragazzo presentando un evento nel quale il tempo (della musica e della parola) e
lo spazio si fondono creando un genere in cui ogni elemento è correlato con gli altri.
L’educazione della persona nell’integrità delle sue intelligenze è una delle principali
linee della moderna pedagogia, ma purtroppo la musica e il teatro vengono spesso
emarginate nelle attività scolastica. Questo progetto si propone come un percorso di
avvicinamento dei ragazzi all’opera lirica. L’opera si presenta come il genere più
complesso del teatro musicale dove la musica si combina con la parola, entra dentro
di essa e le si muove intorno con gli strumenti. Essa si combina con la gestualità e
l’azione scenica, con lo spazio e la scenografia. Tutto il repertorio dei sistemi
espressivi e comunicativi, la varietà dei linguaggi interagisce nello spettacolo
operistico facendone un teatro musicale integrale.
Caratteristica saliente del progetto è che i ragazzi partecipino attivamente alla
realizzazione di una nuova opera lirica. Insieme a professionisti del mestiere saranno
coinvolti come solisti e coro, e canteranno sia in scena che dalla platea coinvolgendo
scenicamente anche il corpo con il gesto, il movimento e la coreografia. Alcuni di
loro saranno impegnati anche nella costruzione delle scene e faranno esperienza
come collaboratori di palcoscenico durante le prove in teatro e la recita.
L’allestimento sarà il risultato di un lavoro progettuale congiunto di artisti e
insegnanti delle scuole e coinvolgerà cantanti professionisti, strumentisti che
formeranno l’ensemble, un preparatore strumentale e direttore, un preparatore vocale,
regista, costumista, scenografo, attrezzista, tecnico luci.
Oltre a mettere in moto l’interesse e la curiosità dei bambini e dei ragazzi il progetto
intende dare un contributo alla didattica dei laboratori, sensibilizzando gli insegnanti
all’importanza di un’educazione degli alunni verso il teatro musicale e fornendo loro
adeguati strumenti per poter operare in classe in vista di tale obiettivo. In particolare
saranno perseguite le seguenti finalità:

• Favorire la comprensione che la capacità di vivere la realtà musicale può


divenire una risorsa di arricchimento del proprio mondo affettivo, intellettivo e
culturale.
• Promuovere nelle Istituzioni Scolastiche Primarie e Secondarie di primo grado
percorsi ed attività creative centrate sul linguaggio musicale.
• Coinvolgere alunni e insegnanti nella realizzazione di uno spettacolo musicale di
alto livello.
• Facilitare l’approccio e la familiarizzazione con il linguaggio dell’opera lirica.
• Promuovere la conoscenza di arti e mestieri dello spettacolo, attraverso la
partecipazione attiva alla messa in scena dell’opera.
• Riconoscere le proprie attitudini musicali, la propria musicalità attraverso
attività individuali e di gruppo
• Sviluppare la capacità di relazionarsi anche attraverso il rispetto delle regole di
gruppo
• Rinforzare la capacità di attenzione, autodisciplina, espressione e
comunicazione.
• Fornire agli insegnanti strumenti didattici (indicazioni metodologiche, percorsi
operativi, materiali sussidiari) perché possano svolgere con i propri alunni un
programma di educazione al teatro musicale.

Traguardi per lo sviluppo delle competenze


• L’alunno gestisce diverse possibilità espressive della voce, di oggetti e strumenti
musicali imparando ad ascoltare se stesso e gli altri
• Esegue da solo o in gruppo, semplici brani strumentali o vocali appartenenti a
generi e culture differenti
• Riconosce gli elementi linguistici costitutivi di un semplice brano musicale,
sapendoli poi utilizzare anche nelle proprie prassi esecutive;
• Sa apprezzare la valenza estetica e riconoscere il valore funzionale di ciò che si
fruisce

Obiettivi di apprendimento
• Usare la voce, gli strumenti, gli oggetti sonori per produrre, riprodurre, creare e
improvvisare fatti sonori ed eventi musicali di vario genere.
• Eseguire in gruppo semplici brani vocali e strumentali curando l’espressività e
l’accuratezza esecutiva in relazione ai diversi parametri sonori.
• Riconoscere e discriminare gli elementi base all’interno di un brano musicale.

Obiettivi formativi
• Conseguire la capacità di comunicare correttamente utilizzando il codice
verbale.
• Imparare ad ascoltare e controllare il proprio respiro e la propria voce attraverso
un primo semplice approccio all’ utilizzo corretto dell’apparato vocale e fonatorio.
• Sviluppare e migliorare l’intonazione e il senso ritmico.
• Utilizzare il corpo e la voce per riprodurre e rielaborare suoni e melodie in
genere.
• Conseguire la capacità di comunicare correttamente utilizzando il codice
verbale.
• Acquisire gli elementi base del linguaggio della direzione corale e orchestrale. •
Riconoscere i diversi strumenti musicali.
• Individuare i rapporti di contemporaneità tra più eventi sonori (vocali e
strumentali).
• Coordinare e collegare in modo fluido alcuni movimenti quali camminare,
saltare, mimare, danzare.

Attività e metodologie
Il progetto si propone di coinvolgere istituzioni scolastiche e teatri della Calabria
nella realizzazione dell’opera lirica “Il Sogno” di Lodi Luka. Nella realizzazione
dell’opera è prevista la partecipazione attiva di alunni e insegnanti. L’attuazione del
progetto didattico sarà divisa in due fasi: la prima corrisponderà al lavoro da svolgere
a scuola e sarà guidata dall’insegnante di musica in collaborazione con il preparatore
musicale dell’opera; la seconda invece comprenderà le prove in teatro e la recita.
Il preparatore musicale e l’insegnante sceglieranno gli alunni che faranno parte del
coro in base alla motivazione e le capacità musicali e vocali. I solisti per i ruoli
principali di Clara e Bruno saranno invece scelti attraverso un’audizione. In base alla
motivazione, alcuni alunni potranno partecipare alla costruzione delle scenografie e
prestare servizio come collaboratori di palcoscenico.
Nella prima fase, si comincerà il percorso dando agli alunni delle nozioni preliminari
sull’opera lirica. Si parlerà brevemente della storia dell’opera Italiana e delle sue
forme. Si parlerà in seguito della storia narrata nell’opera Il Sogno e delle sue
caratteristiche musicali, facendo anche vedere il DVD realizzato dalla
rappresentazione dell’opera presso il teatro “A.Tieri” di Cosenza. Si passerà allo
studio del libretto e della componente musicale dell’opera; si insegneranno ai ragazzi
del coro i canti e le azioni sceniche che saranno parte integrante dello spettacolo
stesso. Con la guida del regista si farà uno studio delle coreografie e dei movimenti
scenici che accompagneranno l’azione e nelle prove di regia le attività descritte
saranno trattate globalmente, curando nei particolari l’insieme di canto e movimento.
Nella seconda fase del progetto i ragazzi parteciperanno alla messa in scena
dell’opera in teatro: alle prove musicali, di regia e infine alle prove d’insieme con
l’ensemble strumentale. Il maestro di palcoscenico si occuperà invece della
preparazione dei ragazzi che saranno collaboratori del palcoscenico. Il progetto si
concluderà con la recita che potrà coronare la magica esperienza di essere
coproduttori di una nuova opera lirica.
Il metodo usato prevalentemente durante il percorso didattico sarà quello euristico-
guidato. Attraverso la sperimentazione diretta sotto la guida degli esperti, sarà
possibile generare apprendimenti significativi che, facendo leva sull’entusiasmo della
scoperta, incrementino la motivazione e gettino le basi per uno sviluppo autonomo
del discente.
Materiale didattico
• Libretto dell’opera
• Partitura
• Pianoforte o tastiera
• Stereo
• Cd audio, Dvd.

Verifica
Oltre a una verifica del risultato finale dello spettacolo sarà molto importante
effettuare delle verifiche durante la preparazione e l’allestimento. Il preparatore
musicale e gli insegnanti osserveranno la motivazione e la partecipazione degli alunni
alle prove musicali e sceniche dell’opera. Infine sarà molto importante stimolare gli
alunni all’autoverifica tramite una discussione in classe e una riflessione scritta
sull’attività svolta.