Sei sulla pagina 1di 42

GIURISPRUDENZA

E AUTORITÀ INDIPENDENTI
NELL’EPOCA
DEL DIRITTO LIQUIDO
STUDI IN ONORE DI ROBERTO PARDOLESI

A cura di F. Di Ciommo e O. Troiano

IL FORO
ITALIANO
FONDATO NELL’ANNO 1876 DA ENRICO SCIALOJA

FORO_979_Studi_PARDOLESI_2018_1.indb 1 05/10/18 11:14


Questo volume è pubblicato con la sponsorizzazione
dello Studio Legale Di Ciommo & Partners
e di IP2Tech S.r.l. – Industria Partecipazioni Tecnologia

© Copyright La Tribuna Srl – 2018


La Tribuna Srl | www.latribuna.it
29121 Piacenza – Via Campo della Fiera, 4
Tel. 0523.46311 – Fax 0523.757219

Sono riservati per tutti i Paesi la traduzione, l’adattamento totale o parziale, la riproduzione con
qualsiasi mezzo (inclusi i microfilm, i film, le fotocopie), nonché la memorizzazione elettronica.

FORO_979_Studi_PARDOLESI_2018_1.indb 2 05/10/18 11:14


Giurisprudenza e autorità indipendenti
nell’epoca del diritto liquido

Studi in onore di Roberto Pardolesi


(A cura di F. Di Ciommo e O. Troiano)

Introduzioni

F. Di Ciommo e O. Troiano . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. XI

Guido Calabresi
Roberto Pardolesi: Scholar, Teacher, Friend . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » XIII

Diritto ed economia nel mondo che cambia

Umberto Breccia
Incognite del pensiero giuridico contemporaneo. Identità e tradizioni. Ritorni problematici.
Approdi insicuri . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 5

Salvatore Mazzamuto
Il diritto post-moderno: un concetto inutile o addirittura dannoso?. . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 21

Pier Giuseppe Monateri


The Equivalence of Political and Economic Allocations . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 29

Alessio M. Pacces
Analisi economica del diritto: positiva e normativa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 35

Luca Nivarra
Diritto soggettivo e Giurisdizione. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 57

Andrea Giannaccari
Norme tecniche e (concorrenza tra) ordinamenti giuridici. Un itinerario comparato. . . . . . » 65

 III

FORO_979_Studi_PARDOLESI_2018_1.indb 3 05/10/18 11:14


Indice

Giorgio Resta
North v. Polanyi - Due paradigmi per un dialogo tra giuristi ed economisti . . . . . . . . . . . . . pag. 81

Antonio Gambaro
Fittizietà. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 97

Vincenzo Zeno Zencovich


Come il mondo dei dati cambia taluni riferimenti tradizionali del giurista. . . . . . . . . . . . . » 107

Giudici e processo

Maurizio Paganelli
Il diritto giurisprudenziale tra (recente) passato e futuro (prossimo) . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 119

Francesco Di Ciommo
Può la giustizia essere ingiusta? Dalla giurisprudenza normativa alla giustizia del caso
concreto, tra (in)certezza del diritto, imprevedibilità delle soluzioni, liquidità dei rap-
porti giuridici e dubbi di costituzionalità. Scritto in onore di Roberto Pardolesi . . . . . . » 127

Enrico Scoditti
After Dogmatics: Rethinking Legal Knowledge. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 149

Umberto Violante
Analisi economica del diritto e giurisprudenza normativa. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 155

Angela Arbore
Potere di controllo e disciplinare. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 163

Giorgio Lener
Il nuovo “corso” giurisprudenziale della meritevolezza degli interessi. . . . . . . . . . . . . . . . . . » 173

Domenico Dalfino
Le competenze civili del giudice onorario di pace dopo l’ultima riforma. . . . . . . . . . . . . . . . » 189

Giorgio Costantino
La delega al professionista ex art. 591 bis c.p.c. a (quasi) venti anni dal suo esordio. . . . . . » 207

Diritto dei contratti

Guido Alpa
Conceptions and definitions of contract. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 227

Giuseppe Bellantuono
Comparing Contexts: Technical Standards and Contract Law. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 235

IV 

FORO_979_Studi_PARDOLESI_2018_1.indb 4 05/10/18 11:14


Indice

Gianni Colangelo
Usura sopravvenuta: Cassazione e fallimento dello Sato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 259

Valentina Vincenza Cuocci


Fornitura di contenuti digitali e controprestazione non pecuniaria: luci e ombre sulla tutela
del consumatore nella prospettiva del diritto contrattuale europeo. . . . . . . . . . . . . . . . . » 269

Adolfo Di Majo
Forma dell’atto o regolamento del rapporto?. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 283

Fabio Marchetti
La fiducia nella legge 112/2016 fra diritto dei tributi e diritto dei contratti. . . . . . . . . . . . . » 287

Nicola Scannicchio
Mandatory Mediation in The European Consumer Directive Between Right Enforcement
and Regulation of the ADR Industry. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 299

Bruno Tassone
Le avoidance clauses dell’esperienza nordamericana: problemi e prospettive di una nuova
ricerca. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 319

Paolo L. Carbone
Contratti collegati, aliud pro alio, causa concreta: uno slancio verso il futuro o un ritorno
al passato? . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 337

Michele Graziadei
Collisioni transatlantiche: consenso e contratto nel trattamento dei dati personali. . . . . . . » 361

Diritto della concorrenza

Giuliano Amato
I fondamenti e i fini della concorrenza. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 371

Cristoforo Osti
Roberto Pardolesi ed il Diritto della Concorrenza. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 375

Francesco Caringella
Il sindacato del giudice amministrativo e le garanzie difensive nel procedimento antitrust. » 385

Anna Lisa Bitetto Murgolo


Abuso di dipendenza economica: dal private al public enforcement!. . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 405

Aldo Frignani
Il Whistleblowing in Italia: la nuova legge n. 179 dimentica la concorrenza (e non solo). . » 413

 V

FORO_979_Studi_PARDOLESI_2018_1.indb 5 05/10/18 11:14


Indice

Gianluca Faella
Le efficienze nei casi di abuso: un’analisi economica e comparata. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 431

Massimiliano Granieri
Una lettura alternativa circa l’argomento della specificità dell’attività sportiva alla luce del-
le norme di concorrenza in Europa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 451

Anna Chiara Mastrorilli


Excessive price nel diritto Antitrust Europeo e Nordamericano con particolare riferimento
al mercato dei farmaci. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 463

Roger Van den Bergh


Efficiency based competition law and the new populism: the remake of a golden oldie. . . . » 471

Diritto commerciale

Mario Libertini
Ancora a proposito di principi e clausole generali, a partire dall’esperienza del diritto com-
merciale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 495

Giuseppe Niccolini
Su due sentenze in tema di responsabilità dell’accomandatario. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 525

Giuseppe De Marzo
Indennità d’espropriazione e valori aziendali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 535

Daniela Caruso
Distribuzione (commerciale) e diritto: variazioni su tema. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 541

Tommaso Ubertazzi
Garanzie infragruppo e profili dinamici interni delle obbligazioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 551

Onofrio Troiano
Efficienza economica e crisi di impresa nella fase esecutiva del concordato preventivo in
continuità. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 579

Enzo Maria Tripodi


L’alambicco del legislatore: il commercio su aree pubbliche dopo la legge di bilancio 2018 . » 589

Antonio Iannarelli
Le articolazioni soggettive della prelazione agraria: quando una compiuta rivisitazione
legislativa? . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 605

Alessandro Silvestrini
Le offerte concorrenti di cui all’art. 163 bis legge fallimentare . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 623

VI 

FORO_979_Studi_PARDOLESI_2018_1.indb 6 05/10/18 11:14


Indice

Diritto bancario e finanziario

Francesco Capriglione
Incidenza degli NPLs sulla stabilità del sistema bancario. I possibili rimedi. . . . . . . . . . . . . pag. 635

Raffaele Lener
Spunti di riflessione sulla nozione di raccolta bancaria del risparmio nel nuovo mondo dei
servizi di pagamento e della moneta elettronica. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 655

Mirella Pellegrini
Trasparenza bancaria, tecniche cognitive, educazione finanziaria . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 663

Luca Enriques – Alessandro Romano


Attivismo degli investitori istituzionali e teoria delle reti. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 677

Gioacchino La Rocca
Trattamento dei dati personali e impresa bancaria (Reg. UE 679/2016) . . . . . . . . . . . . . . . » 685

Raffaella Menzella
Il FinTech e le regole (una, nessuna o centomila?). . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 699

Marco Annecchino
La riduzione delle prestazioni pensionistiche complementari in corso di erogazione in con-
seguenza della carenza di “mezzi patrimoniali adeguati” dei fondi pensione. . . . . . . . . » 717

Chiara Medici
Consumatore, impresa “dipendente”, cliente - investitore: frazionamento o sintesi (proble-
matica) della tutela del contraente debole? . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 729

Valentino Lenoci
I contratti finanziari derivati tra regole di validità e regole di condotta . . . . . . . . . . . . . . . . » 747

Patrizio Messina
Non-Performing Loans e operazioni di cartolarizzazione: aspetti regolamentari italiani
ed europei. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 765

Proprietà industriale

Roberto Caso
Il diritto d’autore accademico nel tempo dei numeri e delle metriche . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 785

Giuseppe Colangelo
Analisi economica e proprietà intellettuale: il caso della riforma europea del diritto d’au-
tore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 797

 VII

FORO_979_Studi_PARDOLESI_2018_1.indb 7 05/10/18 11:14


Indice

Luigi Carlo Ubertazzi


Falsi d’autore e proprietà intellettuale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 831

Responsabilità civile

Francesco D. Busnelli
1958-2018: sessant’anni di responsabilità medica. Itinerari di confronto tra diritto e medi-
cina per la tutela della salute . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 857

Giulio Ponzanelli
La nuova frontiera della responsabilità civile: la quantificazione del danno non patrimoniale. » 873

Vincenzo Carbone
Nascita indesiderata: anche il padre ha diritto al risarcimento dei danni. . . . . . . . . . . . . . . » 879

Umberto Izzo
La perdita della vita come danno relazionale: analisi storico-comparativa di una conver-
genza transistemica. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 887

Paolo Pardolesi
La parabola rimediale della responsabilità civile: dalla funzione compensativa a quella
punitivo/sanzionatoria. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 921

Roberto Simone
La riscoperta della funzione deterrente della responsabilità civile oltre i risarcimenti punitivi. » 931

Luigi Lambo
I danni punitivi e l’intenzionalità dell’offesa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 943

Alessandro Palmieri
“Welcome to the Hotel California”. Suggestioni dal Golden State in tema di esperibilità dei
rimedi in tort contro le piattaforme digitali di home sharing. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 951

Antonio Davola
Veicoli Autonomi, Sinistri Stradali e Nuovi Modelli di Responsabilità Civile. . . . . . . . . . . . » 961

Sergio Di Paola
Sport subacquei e regimi di responsabilità tra regole precauzionali, condivisioni dei rischi,
obblighi di diligenza. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 983

Giovanni Comandé
Responsabilità ed accountability nell’era dell’Intelligenza Artificiale. . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 1001

Paolo Laghezza
Un manuale giudiziale sulla responsabilità da cose in custodia?. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 1015

VIII 

FORO_979_Studi_PARDOLESI_2018_1.indb 8 05/10/18 11:14


Indice

Diritto di famiglia

Nicolò Lipari
I rapporti familiari tra autonomia e autorità . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 1023

Antonello Miranda
Multiculturalism v. Multicommunitarism in the Italian Family Law. Some very brief con-
siderations . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 1031

Miscellanea

Carlo Maria Barone – Anselmo Barone


Roberto Pardolesi e le collaborazioni su “il Foro italiano”: un breve excursus diacronico. . » 1055

Giovanni Pascuzzi
Insegnare all’Università. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 1061

Andrea Proto Pisani


Note a margine di una vita universitaria. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 1079

Ciro De Lorenzo
Splendori e miserie del notariato: biografia non autorizzata della funzione notarile . . . . . » 1083

Alfredo Calderale
The Forest Law e The Charter of the Forest ai tempi di Enrico III Plantageneto. . . . . . . . . . » 1097

Francesco Macario
L’evoluzione del “genere istituzionale” nella manualistica per l’insegnamento del diritto pri-
vato. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 1113

Giuseppe Tucci
Il razzismo e le nuove discriminazioni del diritto privato postmoderno. . . . . . . . . . . . . . . . » 1141

 IX

FORO_979_Studi_PARDOLESI_2018_1.indb 9 05/10/18 11:14


La perdita della vita come danno relazionale:
analisi storico-comparativa di una convergenza transistemica (*) (1)

di Umberto Izzo

We invite the tortfeasor who runs over a pedestrian


to back up and do it again and be sure his victim is dead.
Jones v. Shaffer, 573 So.2d 740, 746 (Miss.1990)
(Robertson, J. concurring)

Sommario: Le quattro leggi fondamentali della tutela della vita umana. 1.1. La prima legge: diritto penale. 1.2. La
seconda legge: diritto costituzionale e internazionale. 1.3 La terza legge: diritto amministrativo. 1.4. La quarta legge:
diritto privato. 2. La quarta legge fondamentale della tutela della vita: genesi e sviluppo nel diritto inglese. 2.1 La
dimensione «pubblicistica» della morte e la «legge del deodando» nel common law arcaico. 2.2. La consacrazione
della regola: «in a civil court, the death of a human being cannot be complained of as an injury». 2.3. Il Fatal Accident
Act e la scelta legislativa di privilegiare il rimedio relazionale al cospetto della perdita della vita. 3. (…) e nel diritto
statunitense. 3.1. La perdita della vita come «constitutional tort» in base al § 1983 U.S.C. 4. Schegge di diritto privato
europeo: la quarta legge della protezione della vita in Germania e Francia. 4.1 Die zu ersetzenden Schäden bei Tötung.
4.2. Droit de la responsabilitè civil et prix de la vie humaine. 5. (Libere) considerazioni sul dibattito italiano: le scelte
della storia e la perdita della vita come danno relazionale.

1. Le quattro leggi fondamentali della tutela della vita umana

1.1. La prima legge: diritto penale

Cominciamo dall’ovvio. In tutti in sistemi giuridici del globo il valore della vita è protetto da norme
incriminatrici e sanzionatrici di natura penale. Porre fine all’esistenza di un uomo innesca la reazione
punitiva dello Stato, con un livello di intensità e afflittività che varia in ciascun sistema giuridico, a se-
conda della natura intenzionale, o non, letta nella condotta che determina l’estinzione della vita altrui.
Potrebbe non bastare una vita di intenso studio al penalista che si prefiggesse di completare un’analisi
comparativa di dettaglio per verificare in che modo, e con quali presupposti storici, religiosi, cultu-

(*) Questo saggio rielabora ed espande un working paper inedito, intitolato «Better to Kill than to Maim»? Loss of Life as an
Autonomously Recoverable Damage of the Primary Victim in Personal Injury Law, presentato dall’autore – assieme a Valentina
Moscon, autrice di un testo diverso da quello qui rielaborato – in occasione di un seminario tenuto nell’ambito del Private Law Con-
sortium istituito da un gruppo di studiosi appartenenti alle università di Pennsylvania, Harvard, McGill, Oslo, Trento, Bar-Ilan – che
si è svolto l’11 maggio 2014 presso la Faculty of Law dell’Università della Pennsylvania. L’autore desidera ringraziare i partecipanti al
seminario per gli utili commenti ricevuti. (1)

 887

FORO_979_Studi_PARDOLESI_2018_1.indb 887 05/10/18 11:14


La perdita della vita come danno relazionale: analisi storico-comparativa

rali e di politica criminale, in ciascuna entità statuale mondiale (e prima e parallelamente ad esse, in
ciascun gruppo o società umana) sono (state) articolate e messe in pratica regole che danno corpo a
questa prima legge fondamentale della tutela della vita. Nondimeno, in ogni tempo e a qualsiasi latitu-
dine, la distruzione della vita umana è stata ed è considerata idonea a suscitare la reazione più intensa
e afflittiva in cui può esplicarsi l’idea stessa della tutela giuridica, invariabilmente affidata al diritto pe-
nale. La distruzione di una vita comporta una punizione e questa punizione può essere amministrata
solamente dallo Stato. Prevenire le condotte suscettibili di porre illecitamente fine alla vita è una delle
funzioni che esplicitano l’idea della sovranità di uno Stato moderno, il quale, non sempre riuscendoci,
ha fra le sue prerogative essenziali quella di rivendicare il monopolio nell’esercizio di questa funzione.
È questa la prima legge fondamentale della tutela della vita umana.

1.2. La seconda legge: diritto costituzionale e internazionale

Senza uscire dal recinto dell’ovvio e questa volta nella prospettiva del diritto pubblico, costituzionale e
internazionale, la vita è ancora una volta universalmente oggetto di un diritto contemplato come il più
fondamentale e inalienabile dei diritti dell’uomo, senza il quale nessuno degli altri diritti fondamenta-
li riconosciuti nelle carte costituzionali o nelle convenzioni internazionali potrebbe essere esercitato(2).
Ne deriva quella che si può definire la seconda legge universale della tutela della vita umana.

1.3. La terza legge: diritto amministrativo

Sempre nell’angolo visuale del diritto pubblico, ma nella dimensione regolativa che interessa più da
presso il diritto amministrativo, si può osservare come nel corso del XX secolo lo Stato regolatore
abbia cominciato a considerare esplicitamente il valore economico della vita per pervenire a deter-
minazioni capaci di orientare la desiderabilità politica e sociale delle scelte commesse alla collettività
e in ultima analisi al regolatore pubblico. Nel far questo – e facendo premio su una linea di pensiero
tradizionalmente ostile anche solo a interessarsi all’idea di commisurare attraverso meccanismi di
mercato il valore di una vita interrotta, nella misura in cui si elegga tale valore a paradigma filosofico
dell’incommensurabilità – le vite virtualmente figurative degli esseri umani – quelle che, in un pro-
cesso di astrazione statistica depersonalizzante, sono considerate espressione di preferenze individuali
aggregate, oggetto di sofisticati processi di calcolo che si sforzano di attribuire plausibilità empirica a
questo valore – hanno finito per ricevere una lettura economica.
Con la determinazione di un dato pecuniario che resta stipulativo e che, tuttavia, si trasforma in
quell’indicatore di costo necessario a portare a fruizione l’analisi-costi benefici, incarnazione di quel
moderno minotauro che elegge il valore dell’efficienza a bussola ideale delle scelte regolative(3), per of-

(2) Dalla arcinota menzione della formula «life, liberty and the pursuit of happiness», operata dichiarando l’indipendenza degli
Stati Uniti nel 1776, alla proclamazione che «[E]veryone has the right to life, liberty and security of person» espresso nell’art. 3 della
dichiarazione Universale dei Diritti Umani del 1948), e che «[I]l diritto alla vita di ogni persona è protetto dalla legge. Nessuno può
essere intenzionalmente privato della vita, salvo che in esecuzione di una sentenza capitale pronunciata da un tribunale, nel caso
in cui il reato sia punito dalla legge con tale pena» (come recita l’articolo 2.1 della Convenzione Europea dei Diritti dell’Uomo del
1950, trovando eco nel meno incisivo «ogni individuo ha diritto alla vita» enunciato dall’art. 2.1 della Carta dei diritti fondamentali
dell’Unione Europea), senza trascurare l’«[E]very human being has the inherent right to life. This right shall be protected by law.
No one shall be arbitrarily deprived of his life», recitato dall’International Covenant on Civil and Political Rights, adottato nel 1966
dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite), e senza ovviamente tralasciare la menzione del diritto alla vita in molte costituzioni
degli Stati del mondo.
(3) Il non velato omaggio (è qui la festa?) è rivolto ovviamente a R. Pardolesi, Un moderno minotauro: Law and Economics, in So-
ciologia del diritto, 1990, 519-534.

888 

FORO_979_Studi_PARDOLESI_2018_1.indb 888 05/10/18 11:14


Umberto Izzo

frirsi a chi decide quale second best di un corso di azione altrimenti destinato a restare invariabilmente
prigioniero di valutazioni puramente politiche, ottenebrate dal peso della contingenza e degli altri im-
prevedibili e confliggenti fattori che orientano le scelte pubbliche quando, chi in democrazia ha l’ulti-
ma parola, agisce in un orizzonte valutativo condizionato dal solo obiettivo della conferma elettorale.
In un momento preciso del suo sviluppo nella Modernità lo Stato regolatore ha, quindi, imparato
(anche se gli scettici chioserebbero che ci sia ancora moltissimo da imparare) a servirsi degli strumenti
necessari per improntare il suo agire a un paradigma di razionalità economica. Il risultato di questo
processo è stato che – per proteggere dall’azzeramento il valore (per definizione incommensurabile)
incarnato nella vita di ciascuno dei suoi cittadini di fronte a minacce alla salute pubblica e individuale,
sia sul terreno ambientale che su quello occupazionale, e più in generale in tutti gli ambiti del vivere
sociale nei quali l’esistenza umana va salvaguardata dal rischio statistico della sua interruzione – lo
Stato regolatore si è gradatamente predisposto ad accettare l’idea che alla vita umana si pervenga ad
attribuire un «prezzo». Un prezzo indicatore di un costo definito ex ante, quando la morte è conside-
rata in termini astratti e statistici e una morte reale e individualizzata è fuori dall’orizzonte valutativo,
essendo in questa prospettiva il diritto interessato a regolare il mero valore statistico del rischio di
veder persa la vita di un consociato astratto e senza nome, vero e proprio milite ignoto di un modo di
valutare il rischio che convince il suo interprete con la lusinga dell’oggettività calcolatoria(4). Si è quin-
di scelto di dare credito ad articolate metodologie disegnate per calcolare in valuta la quantificazione
di questo prezzo(5).
Questo esito, che per molti continua ad apparire paradossale o moralmente inaccettabile, trova
la sua giustificazione ultima nella finitezza delle risorse che ogni società umana può investire per
prevenire la materializzazione dei rischi mortali che attentano alla vita dei propri consociati. Si po-
trebbe obiettare che sul piano comparativo questo esito sia ancora lontano dall’essere condiviso a
livello globale, sebbene i sistemi giuridici della più parte dei paesi avanzati abbiano(6), con fiducia (non
omogenea, ma) crescente, finito per accogliere questo paradigma. Ma la tendenza in atto è quella di

(4) Come è stato osservato: «[L]e renversement du règne de la loi au profit de la gouvernance par les nombres s’inscrit dans l’histoire
longue du rêve de l’harmonie par le calcul, dont le dernier avatar – la révolution numérique – domine l’imaginaire contemporain.
Cet imaginaire cybernétique conduit à penser la normativité non plus en termes de législation mais en termes de programmation.
On n’attend plus des hommes qu’ils agissent librement dans le cadre des bornes que la loi leur fixe, mais qu’ils réagissent en temps
réel aux multiples signaux qui leur parviennent pour atteindre les objectifs qui leur sont assignés» (A. Supiot, La gouvernance par
les nombres. Cours au Collège de France (2012-2014), Paris, 2015, 38, nota omessa), non senza avvertire che «[L]a règle de droit, à la
différence de la norme biologique ou économique, ne procède pas exclusivement de l’observation des faits. Elle ne donne pas à voir le
monde tel qu’il est, mais tel qu’une société pense qu’il devrait être, et cette représentation est l’un des moteurs de sa transformation.
La tâche propre de l’analyse juridique n’est donc pas d’appréhender directement le monde des faits, celui de l’être, mais celui du devoir
être. Il ne s’agit pas de négliger la dynamique qui relie dans l’action des hommes ces deux univers de l’être et du devoir être – auquel il
faudrait du reste ajouter celui du pur imaginaire –, mais bien au contraire de dire qu’on ne peut saisir cette dynamique sans identifier
les systèmes de représentations qui irriguent le droit dans une société donnée. Beaucoup de choses se jouent en effet dans l’écart entre
ces représentations formelles et l’état réel du monde. Si cet écart est trop grand ou s’élargit, la réalité disqualifie l’ordre normatif et
sape sa crédibilité» (ivi, 30).
(5) La letteratura su questa metodologia è ormai immensa. Con una scelta necessariamente arbitraria è possibile qui rinviare a
due studi che esprimono un deciso contrasto sulla possibilità che il metodo di computo del valore di una vita statistica (il Value of a
Statistical Life, o VSL) sviluppato nell’analisi regolativa possa essere preso sul serio per pervenire a decisioni razionali nel decidere se,
nel contesto di una valutazione ex post tipica della responsabilità civile si possa dar credito a questi valori economici: E. Posner, C.
Sunstein, Dollars and Death, 72 University of Chicago Law Review 537-98 (2005) (entrambi favorevoli a questa opzione); W. K. Viscu-
si, The Flawed Hedonic Damages Measure of Compensation for Wrongful Death and Personal Injury, Vanderbilt Law and Economics
Research Paper No. 08-05, 2008, http://papers.ssrn.com/sol3/papers.cfm?abstract_id=1084933 (contrario a questo esito); cui adde
W. K. Viscusi, Saving Lives through Punitive Damages, Vanderbilt Law and Economics Research Paper No. 09-21, http://papers.ssrn.
com/sol3/papers.cfm?abstract_id=1475364 (favorevole, invece, a vedere operare la stima della VSL nel più circoscritto ambito della
determinazione del quantum dei danni punitivi). Per una recente sistematica riproposizione di queste idee, nel quadro di una con-
siderazione organica della letteratura sul tema, id., Pricing Lives. Guideposts for a Safer Society, Princeton University Press, 2018, cui
adde, per una valutazione equilibrata dei non risolti problemi di dettaglio nei quali ci si addentra una volta che si accetti di impiegare
un meccanismo che cerca di mimare il mercato per dare un prezzo alla vita, C. Sunstein, Il diritto della paura, trad. U. Izzo, Bologna,
2010, 177 ss. (ed. or., Laws of Fear, Cambridge University Press, 2005).
(6) Per uno dei primi studi in argomento in ambiente francese, M. Le Net, Le prix de la vie humaine. Le coût des maux sociaux.
Notes et Études documentaires, n° 4455, Paris, La Documentation française, 1980.

 889

FORO_979_Studi_PARDOLESI_2018_1.indb 889 05/10/18 11:14


La perdita della vita come danno relazionale: analisi storico-comparativa

una accettazione sempre più universale di questo modo di razionalizzare l’obiettivo di contrastare in
forma collettiva il rischio di distruzione di una vita umana.
Pertanto, sarebbe azzardato affermare che l’analisi costi-benefici che lo Stato regolativo conduce
assegnando un valore economico alla vita umana identifichi la terza legge universale della tutela della
vita umana, ma è forse possibile affermare, con maggior prudenza, che tenda ad esserlo la giustifica-
zione (e la razionalizzazione) economica che induce ad adottare questo tipo di analisi(7).

1.4 La quarta legge: diritto privato

La quarta legge universale della tutela della vita umana compete (si fa per dire) al diritto privato. Essa
dispone che, quando la vittima di un atto illecito muoia istantaneamente, il valore della vita perduta
non assume interesse per il diritto dei privati, perché questo valore (quale possa essere la sua consi-
stenza pecuniaria) non può utilmente assolvere alcuna funzione compensativa per la vittima dell’il-
lecito, che cessa di esistere nel momento stesso nel quale l’atto cancella la soggettività della persona.
Certo, fra i sistemi giuridici si rinvengono soluzioni profondamente dissonanti sulla rilevanza
compensativa attribuibile a valori diversi da quella della vita in sé (come la salute, la sensazione di
agonia, la perdita della capacità di produrre reddito) quando la vittima muoia dopo un certo tempo
dal momento nel quale le conseguenze prodotte dall’atto illecito cominciano ad essere sperimentate. E
non è questa la sede per esplorare le soluzioni ulteriormente dissonanti che caratterizzano (nella loro
ricaduta concreta: quella dei soldoni) il trattamento compensativo che le persone legate da un vincolo
giuridicamente rilevante alla persona deceduta a causa dell’illecito possono reclamare in giudizio
dopo la morte di quest’ultima. Esplorando entrambi questi scenari l’analisi comparativa è suscettibile
di portare in luce il diabolico ruolo che i dettagli giocano nell’amministrare gli esiti determinati in
ciascuna esperienza dal diritto del risarcimento dei danni alla persona.
Ma, contrariamente a un cliché logoro e abusato (i sistemi di common law, terre elettive della
judge-made law, in ciò ritenuti agli antipodi dei sistemi di civil law, saldamente ancorati a un diritto
di marca legislativa), si danno ragioni storiche assai pregnanti per spiegare perché nei sistemi giuridici
accomunati dalla comune radice inglese la personal injury law faccia registrare la tendenza ad applica-
re un diritto tenacemente ancorato alla legislazione, mentre i sistemi di civil law tendono a concedere
uno spazio assai più ampio all’interazione di corti e dottrina nella definizione della linee portanti e dei
risvolti applicativi del risarcimento dei danni alla persona.
Di là da queste differenze sistemiche e dai molti distonici dettagli che la comparazione studia e
all’occorrenza permette di portare alla luce, quasi tutti i sistemi giuridici convergono in modo sor-
prendente(8) (ricucendo nel segno di un esito comune le pur eterogenee componenti storiche, con-

(7) Sintetizza gli argomenti impiegati per applicare la terza legge della protezione della vita nella prospettiva della valutazione
ex post connessa alla dimensione risarcitoria che accede alla valutazione economica dell’azzeramento di una vita umana in sé con-
siderata, nel tentativo di dare concretezza alla declamazione di cui alla seconda legge, W. J. Aceves, Valuing Life: A Human Rights
Perspective on the Calculus of Regulation, 36 Law & Inequality 1 (2018).
(8) Come ogni regola, anche questa sorprendente regola conosce la sua eccezione, che, a sua volta, si rivela non meno capace di
sorprendere. E, come nel dibattito italiano non ha mancato di emergere, questa eccezione è offerta dal diritto civile portoghese. Ove
però il legislatore (e non l’interpretazione adeguatrice di giudici e dottori) ha voluto consapevolmente disegnare un pacchetto di
norme codicistiche che concede al giudicante un potere di determinazione equitativa del danno assai spiccato e che prende in consi-
derazione in notevole dettaglio gli scenari risarcitori conseguenti alla morte di un soggetto, sia nel considerare le pretese iure proprio
di soggetti terzi rispetto alla vittima, sia nell’associare espressamente il danno non patrimoniale all’evento morte [Così, infatti, gli
articoli rilevanti del codigo del 1966, nella traduzione di chi scrive. Articolo 494 (Limitazione del risarcimento in caso di mera colpa)
1. Quando la responsabilità si basa sulla mera colpa, il risarcimento può essere equamente determinato in un importo inferiore a
quello corrispondente ai danni causati, a condizione che il grado di colpevolezza dell’agente, la situazione economica di quest’ultimo
e del soggetto leso e le altre circostanze lo giustifichino. Articolo 495 (Risarcimento a terzi in caso di morte o di lesioni personali) 1.
In caso di lesioni che determinino la morte, il responsabile è obbligato a risarcire le spese sostenute per salvare il soggetto leso e tutte

890 

FORO_979_Studi_PARDOLESI_2018_1.indb 890 05/10/18 11:14


Umberto Izzo

cettuali e sistemiche che caratterizzano le tradizioni giuridiche cui appartengono) nel sancire, come
direttiva generale di sistema, un netto rifiuto all’idea di attribuire un valore compensativo alla vita
istantaneamente azzerata da un atto illecito(9).
È per ora possibile tentare di definire i contorni di questa quarta legge fondamentale della tutela
della vita in questo insieme di preposizioni:

in caso di morte istantanea la protezione della vita non è considerata una funzione
perseguibile dalla responsabilità civile; se la funzione compensativa propria di questa
partizione del diritto è idonea a garantire protezione a un’ampia gamma di valori, di-
versi dalla vita in sé considerata, suscettibili di essere lesi da un’uccisione, la vita per il
diritto privato non ha valore in quanto tale, ma in chiave ontologicamente relazionale.
Ne discende che il valore risarcitorio di una vita perduta sta nel ventaglio delle relazioni
aventi contenuto patrimoniale, e non, facenti capo all’ucciso.

Sia nei sistemi di common law che nei sistemi di civil law, il diritto del risarcimento dei danni alla
persona orientò la sua evoluzione verso le forme e gli assetti che oggi conosciamo nel corso del XIX
secolo, in risposta a una straordinaria pressione che prima di allora lo sviluppo tecnologico non aveva
mai saputo esercitare in quei termini nelle società umane. Fu allora che le regole archetipiche della re-
sponsabilità civile, come storicamente elaborate in ciascuna tradizione, vennero conformate e furono
oggetto di scelte cruciali per venire incontro alle inedite necessità compensative suscitate dall’avvento
della tecnologia nella vita quotidiana dei consociati. Paradigmatica in tal senso la diffusione della
ferrovia e di altri moderni mezzi di trasporto come i battelli a vapore e l’aumento del numero e della
magnitudine dei danni provocati dall’avvento di queste tecnologie(10).

quelle conseguenti, senza escludere quelle funerarie. 2. In questo come in tutti gli altri casi di lesioni corporali, hanno diritto ad essere
risarciti quanti hanno soccorso il soggetto leso, così come gli ospedali, i medici o le altre persone o entità che hanno contribuito al
trattamento o alla cura della vittima. 3. Hanno ugualmente diritto ad essere risarciti coloro che potevano esigere gli alimenti dal sog-
getto leso o coloro i quali erano destinatari di alimenti erogati dal soggetto leso nell’esecuzione di una obbligazione naturale. Articolo
496 (Danno non patrimoniale) 1. Il risarcimento deve limitarsi ai danni non patrimoniali che, per la loro gravità, meritano tutela dal
diritto. 2. Alla morte della vittima, il diritto al risarcimento per i danni non patrimoniali spetta al coniuge non separato giudizialmen-
te e ai figli e agli altri discendenti; in assenza di questi ultimi, ai genitori e agli altri ascendenti; e per ultimi ai fratelli o ai nipoti che li
rappresentano. 3. L’importo del risarcimento sarà fissato equitativamente dal tribunale, tenendo conto, in ogni caso, delle circostanze
di cui all’articolo 494; in caso di morte vanno considerati non solo i danni non patrimoniali subiti dalla vittima, ma anche quelli subiti
dalle persone aventi diritto al risarcimento in base all’articolo che precede. Sulla base di questa inequivoca scelta legislativa la giuri-
sprudenza è stata chiamata a chiarire che il danno da morte («a indemnização pela lesão do direito à vida, o chamado dano-morte»,
che si aggiunge al danno iure proprio previsto dall’art. 495 codigo civil ) spetta in quote uguali a tutti gli appartenenti alla categoria
dei beneficiari chiamata a «spartirsi» questa voce di danno, seguendo l’ordine successivo delle categorie legittimate all’azione in base
all’art. 496 del codigo civil, e che tale «situazione di appartenenza», definita dalla legge in deroga alle norme successorie, non implica
un litisconsorzio necessario (anche la realtà delle cose umane non esclude che uno dei chiamati all’azione sia talmente alieno dalla
parabola esistenziale dell’ucciso da non venire nemmeno a conoscenza dell’avvenuto decesso di costui). Nel far ciò la suprema corte
lusitana ha avuto modo di ribadire che «[A] supressão do direito à vida constitui um dano, o qual se for de considerar facto notório
não carece de ser provado (CPC - 514). Bastará então demonstrar os factos-base - a morte e a relação com a vítima», e che le corti sono
chiamate a quantificare il danno astraendo dalla numerosità dei suoi legittimati attivi potenziali, per poter all’occorrenza fare spazio
ad una misurazione del danno che rifletta l’equità distributiva scolpita nell’art. 494 codigo civil. Si veda, in questi termini, Supremo
Tribunal de Justiça, 15 aprile 1997, n. SJ199704150002081, in Boletin do Ministério da Justiça, n. 466, 1997, 450.
(9) «È nato prima l’uovo o la gallina?» potrebbe essere la massima prosaica con la quale sintetizzare in una vena di irrispettosa
sintesi l’infinito dibattito accademico, alimentato dalle tante pagine che filosofi e giuristi hanno composto in ogni tempo e latitudine
per argomentare in pro all’idea che la morte estingua la soggettività giuridica della vittima dell’illecito (la quale, perdendo questa
soggettività, non è più in grado di sperimentare le conseguenze dannose legate alla perdita del proprio diritto alla vita) o a favore
della contrapposta idea che, un nanosecondo prima di cessare di esistere per il diritto, la vittima consolidi nel proprio patrimonio il
diritto al risarcimento per la perdita subita, acquisendo un diritto suscettibile di essere trasmesso per via successoria agli eredi del
soggetto un nanosecondo dopo il momento nel quale tale consolidamento avviene. Approfondisce sul piano medico-legale il puzzle
irresolubile dell’«apprezzabile lasso di tempo», A. Marchese, La clessidra della morte: riflessioni sulla difficoltà cronometrica del danno
tanatologico, in Riv. it. medicina legale, 2017, 511.
(10) Per questo spunto, in uno studio che – aggiungendo nuove chiavi di lettura al dibattito tradizionale che negli Stati Uniti vide
M. J. Horwitz (The Transformation of American Law 1780–1860, Oxford University Press, 1977) e L. Friedman (A History of American
Law, 1973, New York, Simon & Schuster, 409-27) impegnati a denunciare come l’evoluzione della tort law statunitense fosse stata ispi-
rata alla volontà di proteggere gli interessi dell’industria (in particolare quella dei trasporti), replicando a R. A. Posner [A Theory of

 891

FORO_979_Studi_PARDOLESI_2018_1.indb 891 05/10/18 11:14


La perdita della vita come danno relazionale: analisi storico-comparativa

Come veniva osservato a quei tempi:

«[T]he progress of science has created new forces often fatal, and has produced new sub-
stances, of which our forefathers had no knowledge. Machinery is organized on a large
scale, so that the lives of numbers of men are liable to be destroyed, not by malicious
intent, but by the negligence of other men who have their lives in charge»(11).

Fu nel compiersi di questo processo che la già evocata quarta legge fondamentale della tutela della
vita prese definitivamente forma in tutte le esperienze giuridiche. La fondatezza logica e la cogenza
di questa regola è stato oggetto nel tempo di veementi critiche nel pensiero di quanti hanno teso a
stigmatizzare il paradossale esito di una soluzione che, come ricorda la celebre concurring opinion ri-
cordata nell’epigrafe di questo saggio(12), in caso di morte istantanea della vittima dell’illecito gratifica
il responsabile di una situazione migliore di quella che quest’ultimo avrebbe fronteggiato ove avesse
provocato una morte non istantanea, privando il diritto privato della capacità di esprimere qualsiasi
forma di deterrenza rispetto all’annichilimento di un diritto, che pure è oggetto di riconoscimento in
base ai dettami di quella che si è definita la seconda legge della protezione della vita umana(13).
Come è ben noto al cultore della responsabilità civile italica, nel gennaio del 2014 l’universalità
della quarta legge della protezione della vita è stata (e per un apprezzabile lasso di tempo: un anno e
mezzo) revocata in dubbio dalla terza sezione della Corte di Cassazione(14).
Con una decisione dirompente rispetto a una costante linea di precedenti risalente a prima che si co-
stituisse la Corte di Cassazione unitaria romana(15), e ponendosi in aperto contrasto con una assai nota

Negligence, 1 J. Legal Stud. 29 (1972)], che in quella storia aveva letto il precoce trionfo delle ragioni dell’efficienza, andando in seguito
incontro anche allo scetticismo documentato da G. T. Schwartz, Tort Law and the Economy in Nineteenth-Century America: A Rein-
terpretation, 90 The Yale Law Journal, 1717 (1981) – mette in luce con quali dinamiche politiche l’avvento della tecnologia conformò
il sistema della responsabilità civile e del risarcimento del danno alla persona nell’Inghilterra del XIX secolo, K. Oliphant, Tort Law,
Risks and Technological Change in England, 59 McGill Law Journal 819 (2014).
(11) Così C. Walford, On the Number of Deaths from Accident, Negligence, and Misadventure in the United Kingdom and Some Oth-
er Countries, 44 Journal of the Statistical Society of London, 444, 458-59 (1881). Singolare l’assonanza con quanto si sarebbe osservato,
scrivendo nei luminosi anni sessanta della nostra responsabilità civile: «[s]i può dire che quasi non v’è opera sulla responsabilità civile
– quale che sia il suo impegno e la sua ampiezza – che non paghi un tributo ai tempi nuovi, sotto forma di rassegna delle nuove oc-
casioni di danneggiamento che caratterizzano la nostra era», così S. Rodotà, Il problema della responsabilità civile, Milano, 1964, 16.
(12) Non senza ricordare fin d’ora che, a uno stratagemma retorico evocativo e di grande successo come quello di Jones v Shaffer, è stato
fin troppo agevole replicare in Choctaw Maid Farms, Inc. v. Hailey, 822 SO.2d 911 (Miss. 2002) che: «[T]he logic of this argument [“the
back up and do it again” argument] borders on the absurd. A tortfeasor who runs over a pedestrian has been negligent and owes monetary
damages. A tortfeasor who does so a second time to be sure the victim is dead has committed a felony, punishable by life in prison or death.
The argument that we should allow hedonic damages in wrongful death cases so tortfeasor do not also murder needs no further response».
(13) Ha incisivamente riassunto le ragioni che muovono a criticare questo stato di cose, R. Caso, Uccidere è più conveniente che
ferire: la distruzione della via tra paradossi, irrazionalità e costi del ‘sistema’ risarcitorio del danno non patrimoniale, in U. Izzo (a cura
di), Dialoghi sul danno alla persona, Trento, 2006, 211-238.
(14) Cass., 23 gennaio 2014, n. 1361, in Danno e resp., 2014, con note di G. Ponzanelli e R. Foffa, La sentenza “Scarano” sul danno
da perdita della vita: verso un nuovo statuto di danno e Postilla di R. Pardolesi e R. Simone; in Foro it., 2014, I, 719, con note di A.
Palmieri, R. Pardolesi, Di bianco o di nero: la “querelle” sul danno da morte; R. Simone, Il danno per la perdita della vita: “die hard”
2.0; R. Caso, Il bene della vita e la struttura della responsabilità civile; C. Medici, Danno da morte, responsabilità civile e ingegneria
sociale; in Resp. civ. prev., 2014, 380, con note di P. Ziviz, Grandi speranze (per il danno non patrimoniale); ivi, 492, C. M. Bianca, La
tutela risarcitoria del diritto alla vita: una parola nuova attesa da tempo; ivi, 723, E. Bargelli, Danno non patrimoniale iure hereditario.
Spunti per una riflessione critica; ivi, 777, F. P. Patti, Danno da nascita e danno da morte: due sentenze a confronto; in Nuova giur. civ.
comm, 2014, I, 257, con note di A. Galasso, Il danno tanatologico e di G. Ponzanelli, Alcune considerazioni sulla decisione “Scarano”;
A. Gorgoni, Il danno da perdita della vita: un nuovo orientamento della Cassazione, ivi, I, 396; R. Pucella, Coscienza sociale e tutela
risarcitoria del valore-persona: sul ristoro del danno da morte, ivi, II, 270; in Corr. giur., 2014, 605, con nota di C. Scognamiglio, Il
danno da perdita della vita e le funzioni del risarcimento del danno non patrimoniale.
(15) Il risarcimento jure proprio del danno morale dei parenti dell’ucciso era del tutto pacifico nella giurisprudenza post-unitaria.
Così, fra le molte di quel periodo, Cass. Firenze, 28 marzo 1889, in Foro it., 1889, I., 907: «prescindendo dall’esaminare se, trattan-
dosi di morte o di danni personali arrecati da disastri ferroviari, possano gli eredi del defunto, o i danneggiati stessi, esperimentare
la azione del contratto di trasporto, o del suo inadempimento, su di che non è pacifica la soluzione, certo è che basta a sostenere la
sentenza, l’aver essa riconosciuto come esperibile dai Breda jure proprio l’azione derivante dalla colpa, in base agli art. 1151 e seg. cod.
civ., la quale azione è certamente esperibile, tanto dalla persona che riportò le ferite e i danni personali, quanto dagli stretti parenti
di chi nel disastro perde la vita». Cass. Roma, 10 marzo 1911, in Foro it., 1911, I, 798, in tempi che di fronte alla (all’epoca) dilagante
linea di pensiero gabbiana, risolutamente contraria a riconoscere la proiezione non patrimoniale del danno, si facevano difficili per la

892 

FORO_979_Studi_PARDOLESI_2018_1.indb 892 05/10/18 11:14


Umberto Izzo

sentenza della Corte Costituzionale del 1994(16), la c.d. «sentenza Scarano» (subito associata al cognome
del suo estensore, forse riconoscendo le difficoltà eufoniche insite nel rinvio a Sant’Emerenziana, patro-
na del fatidico giorno di deposito, ma forse anche per dare atto del notevole impegno argomentativo di
un estensore prodottosi in quella che in dottrina è stata diffusamente definita una sentenza-trattato(17))
ha statuito che il risarcimento per la perdita istantanea della vita debba rientrare a pieno titolo fra le
missioni della responsabilità civile, e che le corti di merito avrebbero dovuto articolare un modo (e dopo
molto argomentare la sentenza sceglieva un metodo di valutazione improntato all’equiparazione di que-
sto danno al valore riconosciuto a una lesione dell’integrità psico-fisica equivalente al 100% di invalidi-
tà) per quantificare il danno da perdita della vita, che in tal modo sarebbe suscettibile di entrare nell’asse
ereditario della vittima, per essere reclamato in giudizio da quanti siano chiamati a succedere all’ucciso.

risarcibilità del danno morale, aveva tuttavia ammesso il danno morale iure proprio dei familiari dell’ucciso: «quando non si tratti di
quei danni puramente morali derivanti dal sentimento del cuore, ma di persona, per la quale la legge detta diritti e doveri, quando con
la persona defunta vengano a turbarsi le relazioni di famiglia, che la legge naturale crea con vincoli indissolubili, e che la legge civile
regola e mantiene anche per motivi di ordine pubblico, creando tra le persone che ne fanno parte vincoli e doveri, che costituiscono
un patrimonio morale ed economico per l’andamento delle medesime; quando la persona della famiglia sente direttamente gli effetti
materiali della perdita (indipendentemente dall’offesa del sentimento del cuore) non può negarsi (…) che la privazione di quei benefici,
o per meglio dire, di quei diritti che la legge concede, sia risarcibile sotto la convenzionale espressione dei danni morali, che in sostanza
sono veri danni effettivi, costituendo un vero danno la perdita di diritti sanzionati dalla legge, e la privazione di un’utilità pure dalla
legge garantita». Il novum, teso questa volta a riconoscere ai familiari il danno da morte dell’ucciso iure haereditatis, si affacciò a tinte
nette in Cass. Palermo, 31 dicembre 1918, in Foro it., 1919, I, 171, ove si discuteva della morte di un viticultore siciliano in un disastro
ferroviario di cui era stata chiamata a rispondere la società gestrice della linea. E la Corte di Palazzo Chiaramonti di Piazza Marina fu
antesignana nel cassare la sentenza impugnata che aveva dato ingresso a questa soluzione, e con estrema nettezza: «[D]isse infatti la
Corte che tale azione competeva agli attori jure haereditatis; ma è questo un errore, perché, se la morte estingue la capacità giuridica,
non è concepibile che taluno acquisti e trasmetta un diritto, il quale non può essere nato prima che sia avvenuta la morte di lui. La di-
fesa dei resistenti ha detto che fra il trauma e la morte deve esservi stato un intervallo, sia pure minimo, durante il quale si sarà potuto
acquistare un diritto; ma non sembra che la supposizione di questo imprecisabile intervallo possa aver valore. Nella specie infatti non
si è mai chiesto il risarcimento di un danno qualsiasi che abbia potuto verificarsi durante il cennato intervallo e di cui anche il de cujus
avrebbe potuto chiedere il ristoro, se fosse vissuto. Gli attori invece hanno indicato la morte di Roberto Ahrens come causa del danno,
e non si è discusso che di conseguenze dannose derivanti da quella morte e che senza di essa non si sarebbero avute. L’azione dunque
avrebbe dovuto ammettersi soltanto jure proprio, in quanto cioè gli Ahrens, oltre all’interesse d’indole affettiva, potevano anche avere
un interesse personale di natura economica alla conservazione della vita dell’infortunato, e perciò, in questa parte, solo a titolo di colpa
extra-contrattuale. La difesa dei resistenti ha sostenuto che l’essersi riconosciuta una trasmissione ereditaria del diritto ai danni sia
cosa priva d’importanza, dal momento che fu anche ammesso che i danni competessero per diritto proprio; ma codesta affermazione
della difesa risulta arbitraria, non potendo facilmente credersi che il giudice abbia voluto fare una inutile dichiarazione di diritto, e non
essendo dato discernere dalle considerazioni della sentenza quale parte abbia essa fatto, nella valutazione dei danni, al diritto proprio
e quale al diritto ereditario». Esemplare, perché già esplicitante il grande tema su cui ci si sarebbe scontrati molti anni dopo, fu di lì
a poco Cass. Torino, 25 maggio 1923, in Foro it., 1923, I, 1099, ove di nuovo venne in questione una morte per disastro ferroviario.
All’argomento per il quale «il diritto alla vita costituisce di per sé un bene, anzi il substratum di tutti i beni che formano il patrimonio
d’una persona», i giudici di Palazzo Madama replicarono che «l’argomento difetta di base, e cioè non è dato concepire il trapasso di
un diritto a risarcimento di danno per la perdita della vita, che il defunto non fu mai in condizioni di acquistare e di esperire durante
la sua vita, e tanto meno all’atto della sua morte; un tal diritto non poteva sussistere durante la vita della vittima, in quanto atteneva
al risarcimento di un danno sorgente all’atto e per effetto della morte di essa; non poteva tal diritto prendere origine da tale evento in
quanto questo dava luogo alla immediata esclusione di qualsiasi capacità giuridica della vittima, così da inesplicare la impossibilità in
lei di un potere di acquisto e di trasmissione del diritto stesso, dal momento che essa più non esisteva quale titolare del diritto leso. Se,
invero, la vittima di un sinistro non poté mai possedere il diritto al risarcimento dei danni prodotti dal sinistro quando questo importò
la morte del sinistrato; se un tale diritto conseguentemente non poté mai far parte del patrimonio di costui, né prima, né all’atto, né
dopo la sua morte, non può, sotto nessun aspetto, concretarsi l’ipotesi vagheggiata dai ricorrenti, di una loro successione nel diritto
stesso, comeché inesistente. Essi invece, domandando il risarcimento del danno conseguente alla morte del loro congiunto, debbono
limitare e circoscrivere l’azione relativa al danno loro arrecato da tale evento, e perciò non possono procedere che jure proprio, in base
all’interesse, oltreché d’indole affettiva, di ordine economico, che essi potessero aver con la conservazione della vita di lui».
(16) Corte cost., 27 ottobre 1994, n. 372, est. Mengoni, in Foro it., 1994, I, 3297, con nota di G. Ponzanelli, La Corte Costituzionale
e il danno da morte. Per confortare la linea argomentativa ribadita col suo diniego, la Consulta curò di evocare il primo precedente
della corte di legittimità unificata a Roma, identificato in Cass., sez. un., 22 dicembre 1925, in Foro it., I, 328 e da allora in poi sempre
richiamato nei dibattiti sul tema come leading case primordiale dell’esperienza italiana sul punto, su cui di recente l’approfondimento
di R. Simone, Il danno tanatologico e la ricerca del vero precedente. A proposito di una risalente pronuncia della Cassazione del Regno,
in D. Dalfino (a cura di), Scritti dedicati a Maurizio Converso, Roma, 2016, 577, il quale perviene alla conclusione che il nocciolo
dell’argomentazione fatta propria dalla Cassazione nel 1925, ovvero «che “se è alla lesione che si rapportano i danni, questi entrano
e possono logicamente entrare nel patrimonio del lesionato solo in quanto e fino a quando il medesimo sia in vita. Questo spentosi,
cessa anche la capacità di acquistare, che presuppone appunto e necessariamente l’esistenza di un subbietto di diritto”, abbia ben
poco a che vedere con la problematica della risarcibilità del danno non patrimoniale tanatologico reclamato iure hereditatis dai so-
pravvissuti della vittima del sinistro, poiché, si ribadisce, si tratta di affermazione fatta con riferimento a pretese patrimoniali affatto
estranee al tema del danno da perdita della vita in quanto tale» (ivi, 581).
(17) Anche perché il deposito della pronuncia è stato pressoché coevo alla pubblicazione di una monografia dello stesso estensore,
L. A. Scarano, La quantificazione del danno non patrimoniale, Torino 2013.

 893

FORO_979_Studi_PARDOLESI_2018_1.indb 893 05/10/18 11:14


La perdita della vita come danno relazionale: analisi storico-comparativa

Il cambio di paradigma che questa decisione recava al diritto italiano del risarcimento danni alla
persona ebbe modo di suscitare una reazione immediata da parte di un altro collegio della medesima
sezione della Cassazione, spiazzato dall’innovativa decisione, subito sublimata in un’ordinanza inter-
locutoria(18), che alla fine ha indotto le Sezioni Unite a ripristinare lo status quo ante, componendo il
contrasto nel segno di un convinto ritorno alla tradizionale vigenza della quarta legge di cui qui si vuol
parlare(19).
Oggi siamo (temporaneamente – il giurista minimamente avveduto scansa parole come «mai» e «per
sempre») oltre la vicenda che ha interessato la nostra giurisprudenza di legittimità, tenacemente istigata da
un dibattito dottrinario alimentato da voci che a lungo si sono battute con sanguigna determinazione per
provocare un revirement giurisprudenziale durato 18 mesi, nel corso dei quali il dibattito sul tema ha rag-
giunto la sua massima intensità(20), sullo sfondo di una giurisprudenza di merito che - la storia lo dimostra(21)

(18) Cass., ord., 4 marzo 2014, in Foro it., 2014, I, 760.


(19) Cass., sez. un., 22 luglio 2015, n. 15350, in Foro it., 2015, I, 2690 e ss., con note di A. Palmieri, R. Pardolesi, Danno da morte: l’arroc-
co delle sezioni unite e le regole (civilistiche) del delitto perfetto; di R. Simone, La livella e il (mancato) riconoscimento del danno da perdita
della vita: le sezioni unite tra principio di inerzia e buchi neri dei danni non compensatori; di R. Caso, Le sezioni unite negano il danno da
perdita della vita: giorni di un futuro passato; e in Danno e resp., 2015, 899, con nota di M. Franzoni, Danno tanatologico, meglio di no…
(20) Fra i commentatori delle sentenze ricordate nelle note che precedono, numerose le voci favorevoli al revirement epocale, fra cui quelle
di Pardolesi, Palmieri, Caso, Simone, Pucella, Ziviz, Bianca, Patti, Galasso, cui adde, prima per l’impostazione sistematica offerta al pensiero
critico rilanciato, e solo in ultimo per la circostanza che la tesi fu discussa (assieme ai coevi interventi di C. M. Bianca – il cui testo è apparso
come Il danno da perdita della vita, in Vita not., 2012, 1497 - e P. Rescigno) in occasione di un incontro di studio svoltosi presso la Corte di
Cassazione il 17 ottobre 2012, verosimilmente dando il la al progetto di revirement, N. Lipari, Danno tanatologico e categorie giuridiche, in
Riv. critica dir. privato, 2012, 523 ss. (poi anche in id., Le categorie del diritto civile, Milano, 2013, 212 ss.). In passato, e sempre senza pretese di
esaustività, fra le voci favorevoli alla risarcibilità del danno da morte iure haereditatis vanno annoverate quelle di G.P. Chironi, Colpa extra-
contrattuale, II, Torino, 1906, 458; F. Carnelutti, Infortuni sul lavoro, II, Roma, 1914, 126 ss.; A. Montel, La legittimazione attiva nell’azione di
risarcimento per la morte di una persona, in Temi emil., 1930, II, 105 e id., Ancora in tema di legittimazione attiva nell’azione di risarcimento
per uccisione, in Riv. dir. priv., 1931, II, 293; L. Cariota Ferrara, Il momento della morte è fuori dalla vita?, in Riv. dir. civ., 1961, I, 134; A. De
Cupis, Il danno. Teoria generale della responsabilità civile, II, 1979, 123 ss. Una recente opera monografica dedicata al tema, che torna a
battersi per il revirement, invocando in ultimo «un intervento legislativo che confermi la configurabilità del danno tanatologico e contenga
precise indicazioni sul quantum debeatur» è quella di A. Viglianisi Ferraro, Il problema del danno tanatologico, Milano, 2018, spec. 207 ss.
(21) App. Palermo, 31 luglio 1924, in Foro it., 1924, I, 1046, ebbe in sorte di decidere sul rinvio lo stesso caso – già ricordato qual-
che nota fa - che la Cassazione palermitana aveva deciso nel 1918. E nonostante ciò, si ribellò alla nomofilachia di quella pronuncia,
probabilmente contando sul fatto che al tempo la legittimità si era appena spostata nella capitale del Regno e la questione, ove nuo-
vamente impugnata, avrebbe finito per essere vagliata a piazza Cavour. Questa l’estrema dissenting dei mai domi giudici palermitani:
«al fine di determinare la misura del danno risarcibile, occorre preliminarmente esaminare se gli Ahrens possano agire in risarci-
mento contro l’Amministrazione delle ferrovie anche jure haereditatis, e se abbiano diritto al risarcimento dei danni, che pur stando
in rapporto di effetto a causa colla morte del Roberto Ahrens, siano o possano ritenersi una conseguenza mediata ed indiretta di tale
evento. E non è da revocarsi in dubbio che tale diritto compete agli Ahrens. È risaputo, infatti, che l’azione di risarcimento passa agli
eredi, essendo una azione essenziale patrimoniale. Se essa non sia stata esperita dal de cuius sino al momento della sua morte, agli
eredi si trasmette il diritto di esercitarla. Di ciò non è lecito dubitare: dal patrimonio del de cuius passano in quello degli eredi, pro-
portione haereditaria, i beni e tutti i diritti, come tutti i pesi; passa, perciò, anche il diritto ad esperimentare l’azione di risarcimento,
che non è da confondersi coi diritti esclusivamente personali, che non sono trasmissibili. Dai sostenitori dell’opinione contraria si
è obbiettato e si obbietta, che nella specie tale diritto non si è potuto trasmettere agli eredi, perché non si trovava nel patrimonio del
de cuius, e non vi si trovava, perché è nato con la morte di costui. Ma l’obbiezione è vinta da poche considerazioni. Innanzi tutto se
essa potesse venire accettata, si assisterebbe a questo: ad accordare il risarcimento agli eredi di chi ha riportato una lieve lesione ed a
negarla a quelli di colui che della lesione è rimasto vittima; ad accordarlo agli eredi di colui che muore dopo il disastro, ed a negarlo
agli eredi di chi ha perduto la vita nel momento stesso del disastro! Tutto ciò è semplicemente assurdo; perché mentre, da un canto,
si avrebbe un indennizzo per il danno minore, dall’altro canto, si vedrebbe colpito l’autore del danno minore e libero da ogni obbligo
di risarcimento colui sul quale grava una maggiore colpa. E l’obbligo del risarcimento, al quale corrisponderebbe il diritto all’inden-
nizzo, mentre unico sarebbe il fatto colposo ed unica la responsabilità di chi vi diede causa, dipenderebbe dal fatto accidentale del
momento in cui si verificherebbe la morte del danneggiato. E si assisterebbe a questo spettacolo nient’affatto edificante, che la lesione
più grave, come sarebbe quella che dà luogo alla morte immediata, non darebbe luogo all’azione di risarcimento da parte degli eredi,
mentre la darebbe quella più lieve! Ciò implicherebbe una palese ingiustizia e si risolverebbe in violazione di una norma giuridica. Ma
i sostenitori dell’opinione della trasmissibilità dell’azione, cui accede questa Corte, rispondono anche con successo, rilevando che è
chiaro, che dal momento dell’evento dannoso alla morte vi deve essere un intervallo, non è possibile che la morte, la quale costituisce
la conseguenza di determinate lesioni, avvenga nell’attimo stesso in cui la lesione si produce; occorre un intervallo, sia pure minimo,
sia pure di un attimo, perché l’organismo sano, ed in pieno funzionamento, passi da vita a morte. Ed è durante questo attimo, che
nasce il diritto nel patrimonio del lesionato, ed egli, morendo, lo trasmette agli eredi. Né si dica, che l’azione per la morte non si può
trovare nell’asse ereditario, in quanto se essa nasce dalla morte, nasce troppo tardi, perché possa trasmettersi. A tale obbiezione in-
nanzi tutto rispondono le osservazioni già fatte, ed essa, del resto, si risolve in un giuoco di parole. L’azione, ed il diritto ad esperirla,
non nasce dalla morte, ma dalla lesione che ha causato la morte; e se tende a domandare un risarcimento per la morte, è solo perché
il fatto della morte, effetto della lesione, serve a determinare il danno. E perciò, se il contenuto dell’azione è dato dal risarcimento
per la morte, l’origine del diritto è nella lesione, e più precisamente nell’evento dannoso e colpevole. E dire di azione che nasce dalla
morte, significa chiaramente confondere la causa con l’effetto. E si può aggiungere, che il patrimonio di una persona è costituito da un
complesso di beni e di diritti, tra i quali, senza dubbio, il più importante è il diritto alla vita, consacrato dalla legge civile col divieto

894 

FORO_979_Studi_PARDOLESI_2018_1.indb 894 05/10/18 11:14


Umberto Izzo

– si è spesso mostrata pervicacemente riottosa a seguire l’assetto impresso al problema dalla nomofilachia
di legittimità(22).
Sopitosi il fuoco che divampa in dottrina a cavallo dei pronunciamenti a Sezioni Unite, il momen-
to è allora propizio – ed è questo lo scopo di questo saggio steso in affettuoso omaggio – per provare a
portare in luce in chiave storico-comparativa le ragioni che fondano la quarta legge fondamentale del-
la protezione della vita e il corollario che da questa legge discende, ovvero la circostanza che il diritto
privato consideri il danno derivante dalla perdita istantanea della vita come un danno essenzialmente
relazionale, come si avrà modo di illustrare nel prosieguo di questa riflessione.
Le ragioni emergeranno dopo aver esplorato in qualche dettaglio in che modo questa legge sia
venuta ad esistenza e sia stata implementata nelle esperienze di alcuni sistemi giudici di common e
civil law (Gran Bretagna, Stati Uniti, Francia, Germania e Italia), e con quali basi storiche, concettuali
e funzionali. Facendo tesoro di questa analisi, nelle conclusioni si formuleranno alcune riflessioni di
sintesi, in un dialogo (a-tecnico) con alcuni spunti offerti dall’impostazione di law and economics.

2. L
 a quarta legge fondamentale della tutela della vita: genesi e
sviluppi nel diritto inglese

2.1 La dimensione «pubblicistica» della morte e la «legge del deodando» nel common law
arcaico

Cominciamo dalla culla del common law. In attesa del pieno disvelamento degli effetti della prima
rivoluzione industriale, in una Gran Bretagna pre-tecnologica, la morte di un uomo a seguito di un in-
cidente determinato da una condotta umana astrattamente valutabile in termine di negligence tendeva
a non lasciare traccia nei Law Reports. I quali, invece, abbondavano di casi penali nei quali la morte di
uomo era oggetto di punizione quale felonious homicide (omicidio non intenzionale, oggetto in date
circostanze del perdono del sovrano) o manslaughter (omicidio volontario)(23).
Era piuttosto raro che quanto oggi siamo soliti riferire al concetto di negligence (all’epoca delle
rigidità proprie del trespass on the case lontanissimo dall’essere definito nel senso generale che il con-
cetto ricevette nel corso del XIX secolo, quello di un comportamento atipicamente segno di disatten-
zione, privo di connotazione intenzionalmente lesiva), fosse considerato quale fattore causale di una
morte occorsa in modo non naturale e fosse posto a base di una richiesta di risarcimento promossa
nei confronti di chi quella condotta aveva tenuto.
In sede civile il sistema delle forms of action avrebbe potuto astrattamente reagire alla morte di un
uomo incanalando la pretesa alla giustizia in un’azione in battery, richiedente la prova della volontà di
cagionare il contatto fisico rivelatosi fatale. Per giunta, la più parte delle vittime di questi accadimenti
luttuosi erano miserabili have-nots, soggetti virtualmente privi di patrimonio. Ed era assai raro che il

tassativo e severo del neminem laedere. Ora, dal momento stesso in cui è violato questo pieno e fondamentale diritto, viene ipso iure
a subentrare al suo posto il diritto all’id quod interest, cioè all’azione di risarcimento. E peraltro, sarebbe veramente illogico pensare,
che un patrimonio potesse esser impoverito dall’azione colposa di un terzo. È la responsabilità dell’autore del danno, che integra
la situazione e rimette il patrimonio nella sua originaria efficienza. In altri termini, esistendo nel patrimonio del de cuius il diritto
alla sua incolumità personale, che nella specie trovava applicazione e conferma nell’obbligo specifico assunto dall’Amministrazione
ferroviaria di renderlo salvo a destino, l’azione che nasce dalla lesione di questo diritto, non può, a somiglianza di ogni altra azione,
che abbia un contenuto patrimoniale, non trasmettersi agli eredi».
(22) Censisce, assieme alle più recenti sentenze di legittimità espressesi sul tema, un buon campionario di precedenti di merito
emanati in pro e contra la tesi favorevole alla trasmissibilità ereditaria del risarcimento del danno da morte immediata, Viglianisi
Ferraro, Il problema del danno tanatologico, cit., XII-XIV, spec. sub nota 10.
(23) Sul punto, volendo, lo studio di W. H. Coldiron, Historical Development of Manslaughter 38 Kentucky Law Journal 527 (1949-
1950).

 895

FORO_979_Studi_PARDOLESI_2018_1.indb 895 05/10/18 11:14


La perdita della vita come danno relazionale: analisi storico-comparativa

congiunto della vittima adisse la giustizia, non essendo affatto agevole dimostrare un danno econo-
mico di qualche consistenza sofferto in conseguenza della morte del proprio familiare. Soprattutto, la
tutela civile era amministrata in sede penale e il right of action dei congiunti tendeva ad essere assor-
bito nel quadro dell’azione penale promossa dalla Corona per la morte della vittima(24).
Questa, almeno, fu la conclusione raggiunta dai tre giudici del King’s Bench che concorsero in una
convinta unanimità nel formulare il landmark Higgins v. Butcher deciso nel 1606, ove veniva in ballo
quello che le cronache d’oggi definirebbero un femminicidio: il marito della vittima aveva chiesto di
essere risarcito dall’autore di un furioso pestaggio che aveva portato a morte la povera moglie. Quanto
segue è il testo del resoconto del caso tramandatoci dai Reports dell’epoca.

«The plaintiff declared that the defendant assaulted and beat his wife such a day, of
which she died such a day following; to his damage. And it was moved by Foster ser-
jeant, that the declaration was not good; because it was brought by the plaintiff for beat-
ing his wife; and that being a personal tort to the wife, is now dead with the wife; And
if the wife had been alive, he could not without his wife have this action; for damages
shall be given to the wife for the tort offered to the body of his wife»(25).

Per corroborare il decisum a Tanfield Judge non venne in mente altro di meglio che instaurare
un’analogia (che dovette apparirgli intuitiva) con la relazione fra master e servant. Intuizione che, se
vogliamo, ritraeva il rapporto fra marito e moglie deceduta in piena coerenza con quella che doveva
essere la considerazione sociale dei rapporti di coniugio in voga nell’Inghilterra del XVII secolo(26):

«if a man beats the servant of J.S., so that he dies of the battery, the master shall not
have an action against the other for the battery and loss of service, because the servant
dying of the extremity of the battery, it is now become an offense to the Crown, being
converted into felony, and that drowns the particular offense and private wrong offered
to the master before, and his action is thereby lost”(27).

Nella nota di commento al caso riassunto nel Report l’annotatore cercò di decifrare il senso che la
decisione assumeva per l’interprete:

«The old maxim, that a trespass is merged in a felony, has sometimes supposed to mean
that there is no redress by civil action for an injury which amounts to a felony. But after
the defendant is convicted of the felony, he is liable to a civil suit of the party injured
(…) So also he is liable after acquittal, unless it is obtained per fraudem. (…) But where
it appears that a felony has been committed, it is perfectly well settled in England that
the sufferer cannot maintain a civil suit against the offender, till he has been tried for the

(24) Quanto detto trova conferma a contrario nel testo sacro del common law, i Blackstone’s Commentaries, che nel prendere in
considerazione le injuries con riferimento alla lesione della vita, andavano per le spicce, affermando «[W]ith regard to the first subdi-
vision, or injuries affecting the life of man, they do not fall under our present contemplation, being one of the most atrocious species
of crime the subject of the next book of our Commentaries [avente a oggetto il diritto penale]», per poi trattare la law of personal in-
juries civile senza mai considerare la circostanza che i torts ivi contemplati determinassero la morte di un uomo, così W. Blackstone,
Commentaries of the Law of England in four books with an analysis of the work, Third book, New York, Harper and Brothers, 1852, 118.
(25) Reports of Sir Henry Yelverton, Knight and Baronet, Late one of the Justices of the Court of the Common Pleas, First American
Edition from the fourth English Edition by Theron Metcalf, Andover, Flaag and Guld, 1820, 89.
(26) Qualche tempo dopo il grande ordinatore del common law canonizzò questa analogia, descrivendo le relazioni fra marito e
moglie, servo e padrone, genitore e figlio come «the three great relations in private life», Blackstone, cit., First book, 422.
(27) Reports of Sir Henry Yelverton, cit., 89.

896 

FORO_979_Studi_PARDOLESI_2018_1.indb 896 05/10/18 11:14


Umberto Izzo

felony. (…) The policy of the law requires that before the party injured by any felonious
act can seek civil redress for it, the matter should be heard and disposed of before the
proper criminal court, in order that the justice of the country may be first satisfied in
respect to the public offence. The object of the law is to stimulate the party injured to
bring the offender to trial and prevent a compromise, by denying him all redress for the
private injury, till judgment has been passed upon the offense»(28).

Non era un mistero, infatti, che il common law attribuisse al padrone un’azione in trespass per
quod servitium amisit contro chiunque uccidesse intenzionalmente un servo, con l’effetto di privare il
padrone dei servigi resigli dall’ucciso. Solo pochi anni dopo Higgins, il King’s Bench avrebbe peraltro
statuito che questo tipo di azione, concessa al padrone nei confronti dell’intenzionale uccisore del
servo, avrebbe potuto essere accordata anche in caso di uccisione accidentale(29).
L’argomento impiegato in Higgins appare – come era solito accadere nell’erratico incedere del com-
mon law – interamente fondato su motivi procedurali, perché ciò che anima la decisione è la volontà
di negare ai danneggiati la possibilità di raggiungere un accordo transattivo con gli autori dell’illecito,
per costringere i primi a cercare giustizia in un processo penale per felony e così soddisfare l’interesse
della Corona alla repressione e punizione delle «public offences». Il che, peraltro, presta coerenza al
modo in cui Blackstone ritrasse più di un secolo dopo la relazione fra public offenses e private wrongs,
laddove – Egli scrisse – le prime erano destinate a «inghiottire» i secondi:

«in nearly every case a crime includes an injury; almost every public offence is also a
private wrong, and somewhat more; it affects the individual, and it likewise affects the
community (…) Murder is an injury to the life of an individual; but the law of society
considers principally the loss which the state sustains by being deprived of a member,
and the pernicious example thereby set for others to do the like. (…) In any such gross
and atrocious injury, the private wrong is swallowed up in the public; we seldom hear
any mention made of satisfaction of the individual; the satisfaction to the community
being so very great. And indeed, as the public crime is not otherwise avenged than by
forfeiture of life or liberty and property, it is in general impossible afterwards that any
reparation can be made for the private wrong: for this can only be had from the body
or goods of the aggressor»(30).

Il rimedio privato può dispiegarsi sono dopo che la «pace del Regno» sia ristabilita da un verdetto
penale, tenendo però conto che, in attesa che il processo penale si concluda con la condanna del reo,
la perdurante vigenza del c.d. «appeal of death» (ovvero un’istanza orale promossa all’interno del
processo penale da parte di quanti avessero dimostrato di aver ricevuto nocumento dagli effetti del
reato per cui si procedeva per la morte di un uomo, fondata su una regola formalmente abolita in Gran
Bretagna solo nel 1819) può determinare il giudice a comminare la condanna capitale del condannato,
disponendo il contestuale sequestro di tutti i suoi averi, destinati ad essere incamerati dalla Corona,
con l’effetto di privare in radice i privati, potenzialmente danneggiati dall’illecito penale commesso
dal condannato, di ogni interesse ad avviare l’azione risarcitoria(31).

(28) Reports of Sir Henry Yelverton, cit. 90.


(29) Ewerard v Hopkins, 2 Bulstrode 332 (K.B. 1614).
(30) W. Blackstone, Commentaries of the Law of England, Fourth book, London, Maxwell, Sweet & Stevens, 1869, 4-5.
(31) Sebbene il sequestro non potesse essere disposto nel caso di una morte (accidental death) determinata da una condotta che
oggi definiremmo colposa, e nonostante tale provvedimento fosse evitabile qualora il giudice avesse istruito la giuria di procedere

 897

FORO_979_Studi_PARDOLESI_2018_1.indb 897 05/10/18 11:14


La perdita della vita come danno relazionale: analisi storico-comparativa

Ma, soprattutto, questo approccio di diritto pubblico al tentativo di generare deterrenza per l’ille-
cita distruzione di una vita, perfettamente allineato allo spirito della prima legge della protezione della
vita umana, nell’Inghilterra entrata nell’evo moderno era coadiuvato dalle regole del deodandum.
Ogni bene mobile (si trattasse di schiavo, animale o cosa inanimata) era suscettibile di essere consi-
derato un deodandum quando una giuria del Regno si fosse persuasa che il bene fosse stato partecipe
della catena causale esitata nella morte di un uomo. Nessun primordiale abbozzo di tentativi di leg-
gere la causalità in senso giuridico qui. La relazione causale fra la morte e la cosa veniva apprezzata
in termini puramente e oggettivamente naturalistici. Al riscontro di questa relazione, la cosa veniva
solennemente dichiarata un deodandum, che, in quanto tale, veniva immediatamente requisito dal
Royal Exchequer e acquisito al patrimonio della corona inglese, a favore di un sovrano che – in teoria
– avrebbe dovuto impiegare questa risorsa o il suo valore per opere pie beneficianti la collettività(32).
Il diritto del deodandum era il lascito di un processo storico occorso fra il XII e il XIV secolo,
quando, consolidando il suo potere di amministrare la giurisdizione, la Corona riuscì a interporre
la sua autorità sovrana nelle liti private che contrapponevano l’uccisore e i parenti dell’ucciso (ma lo
stesso si dava in caso di gravi lesioni personali).
Nell’Inghilterra di Alfredo il Grande le prime forme di composizione delle liti fondate sul paga-
mento di una somma danaro potevano assumere due forme. L’animale (la tecnologia del tempo, so-
vente imprevedibile agente eziologico di incidenti mortali) o il diverso bene mobile di qualche valore,
instrumentum causale dell’uccisione, sarebbe stato trasferito alla famiglia dell’ucciso o alla vittima
delle gravi lesioni nella forma di un bane, termine che può intendersi leggendo simbolicamente il suo
significato letterale di «tormento», che rende esplicito l’ideale punitivo associato alla spoliazione, po-
nendo così fine a un processo di giustizia nossale. Ma all’occorrenza l’essenza di questo trasferimento
riparativo poteva prescindere dalla sua cosalità e tradursi in un valore monetario, prendendo la forma
di un wergild, una somma di danaro oggetto di trasferimento dalla famiglia dell’uccisore a quella
dell’ucciso per compensare la perdita inferta.
Nelle parole di un recente studio dedicato a questi antichi istituti del common law, conformati
dalla prassi dei giudici del Re e proceduralizzati nel 1280 durante il regno di Edoardo I:

«the term “deodand” derives from the Latin phrase Deo Dandum, which means “to be
given to God”. In theory, the crown was supposed to confiscate falling irons and killer
pigs, sell them and send the profits to the king’s almoner who would eventually apply
them toward some pious use. In practice, deodands were rarely taken away from their
owners. In most cases, the jury that adjudged the deodand also appraised its value; ow-

a un verdetto di non colpevolezza o se, ancor prima di questo momento, si fosse deciso di non procedere all’arraignment (ovvero,
concettualmente, alla contestazione formale del reato) dell’accusato, anche se evidentemente queste circostanze non si verificarono
nel caso Higgins. Per approfondimenti su questi dettagli processuali, J.H. Baker, An Introduction to English Legal History, 4th edition,
London, Butterworths LexisNexis, 2002, 529. Utilizzando questo strumento processuale, rimesso alla loro disponibilità, i congiunti
dell’ucciso spesso riuscivano ad estorcere denaro all’imputato. Per la conclusione che il tutto si traducesse in una sorta di «legalized
blackmail», v. Lord Summer nell’opinion di Admiralty Commissioners v Steamship Amerika (Owners), The Amerika [1917] AC 38 (HL)
58-60; e vedi per ulteriori approfondimenti D. R. Ernst, The Moribund Appeal of Death: Compensating Survivors and Controlling
Jurors in Early Modern England, 28 The American Journal of Legal History 164, 166 ss. (1984).
(32) Secoli dopo, l’idea riecheggia prepotentemente nel tentativo di accreditare i «curative damages» nell’esperienza forense attra-
verso la quali le giurie statunitensi contemporanee continuano a esercitare la loro antica signoria nel liquidare, in base alle istruzioni
ricevute dal giudice e dopo aver ascoltato le argomentazioni degli avvocati, la consistenza dei punitive damages. Si tratta in pratica di
definire somme che le giurie pongono a carico del convenuto soccombente, con la precisazione però che tali somme sono soggette a
un vincolo di destinazione impresso dall’attore, il quale può così dedicarle a «curare» il problema sociale reificatosi in proprio dan-
no attraverso la malice o la gross negligence accertata in capo al danneggiante. Ecco quindi destinare e vincolare quote dei punitive
damages messe in conto al cattivone di turno alla nobile causa dell’educazione stradale, della sostituzione di guardrail assassini, del
contrasto alla violenza sessuale, della ricerca scientifica per la cura della malattia che la sciatteria del medico non aveva saputo gua-
rire, e così via. Per un primo approfondimento, L. R. Mervine, Bridging the “Philosophical Void” in Punitive Damages: Empowering
Plaintiffs and Society Through Curative Damages, 54 Buffalo Law Review 1587 (2007).

898 

FORO_979_Studi_PARDOLESI_2018_1.indb 898 05/10/18 11:14


Umberto Izzo

ners were then expected to pay a fine equal to the value of the deodand. If the owner was
unable to do so, his township would be held responsible for the fine. Nor were the profits
often applied to pious uses: sometimes, the money was given to charity or to the victim’s
family, but more often, it went directly into the royal coffers and intermingled with
other sources of revenue. As time went on, the crown started selling off the rights to all
the deodands from a particular jurisdiction to lords, townships and corporations»(33).

Un eminente storico dell’antichità spostatosi molto avanti nella storia che era solito indagare, per
considerare a fondo questa evoluzione del diritto inglese, ha convincentemente raffigurato lo sviluppo
della legge del deodandum, con la quale i conquistatori normanni riplasmarono la datio nossale in
voga presso i Sassoni, come una innovazione cruciale del processo attraverso il quale l’arcaico ideale
compensativo sotteso alla prassi del noxal surrender e del wergild fu canonizzato in una regola che
attribuiva all’autorità del sovrano il potere/diritto di vantare l’acquisto della proprietà della cosa che
aveva causato la morte di un suddito del Regno(34), e questo anche se il bene mobile fosse risultato di
proprietà della stessa vittima(35).
In sintesi, questo passaggio storico si rivelò cruciale per gettare le basi concettuali della quarta
legge della protezione della vita umana, almeno nella prospettiva del common law, i cui successivi
sviluppi adesso vedremo. Mentre a un livello più generale non sarebbe precluso cogliere in questo
passaggio il compiersi di una elaborazione sincretica fra l’idea primordiale che solo Dio possa dare (e
togliere) la vita agli esseri umani e la radice dei valori materiali e spirituali evocati e poi meglio affinati
fra la fine del medioevo e il primo evo moderno per concepire l’idea di sovranità cui oggi siamo soliti
fare riferimento.

(33) Così A. Pervukhin, Deodands: A Study in the Creation of Common Law Rules, 47 The American Journal of Legal History 237
(2005). Al seguito dei normanni, la prassi del deodandum fu importata anche nella Francia nel XII secolo. Ma, mentre la frammenta-
ria sovranità giurisdizionale della Francia dell’epoca fece sì che la pratica si disperdesse in una panoplia di applicazioni diversificate
su basi locali, la più intensa centralizzazione giurisdizionale del Regno di Inghilterra permise che la pratica si consolidasse e assur-
gesse a regola giuridica seguita dalle corti di common law. Per questa interessante annotazione comparatistica, J.J. Finkelstein, The
Ox That Gored, 71 Transactions of the American Philosophical Society, New Series, 1, 68 (1981).
(34) Come puntualizza con ricchezza di dettagli Finkelstein, The Ox That Gored, cit., 75 (note omesse): «this surrender of the
instrument of death when there was no malicious intent on the part of any person involved in the circumstances of the death was
not understood as a true restitution for the damage done (that is, the economic loss to the family of the victim caused by the latter’s
death). It was a ransom by the owner of the wrongdoing chattel, designed to forestall further action by the injured party. Only a
refusal to surrender that wrongdoing agent (which could have been a person’s slave, beast, or inanimate chattel) might have exposed
the owner to suit for full composition. The custom of noxal surrender was practiced in pre-Christian European societies and was
also an established usage in Roman law. It is also known in the customary law of African tribal societies, as the following statement
indicates: among the Akamba, accidental killing was always compensated by only half the amount of blood-money for intentional
killing. This is called mbanga, which is a word also used by the Akikuyu to signify the killing of a man by some article or the animal
belonging to another. Both the Akikuyu and the Akamba would award the article or the animal causing the death to the deceased’s
relatives. That the deodands are in part a continuation of this institution of noxal surrender has not been in dispute. But, as many
authorities have already observed, the effect of the way the deodands law functioned was far from the intent of the noxal surrender.
Obviously, the assessment of a deodand upon an instrument with which the person who owned it accidentally killed himself can by
no stretch of the definition be explained as noxal surrender. Further, while the noxal surrender was strictly an arrangement between
the private parties involved, the deodands belonged to the realm of Crown Pleas, that is, that branch of delicts that became the kernel
of the criminal law. The beneficiary of the deodands assessment was neither the party that had suffered the loss due to the death,
nor the Church (as has often been asserted), but the king. It is true that one occasionally finds in the records instances in which the
justices (acting for the king) ceded the money due for some particular deodand to a charitable purpose “for God’s sake” (pro Deo),
or even to the victim’s survivors. But, as a rule, the deodand, like every other kind of fine or forfeiture, was due to the king. The very
reason for holding the periodic judicial commissions known as eyres, and the assizes that succeeded them in the fourteenth century,
was to insure that the exchequer received all that was due it from all kinds of fines and forfeitures in the several counties, as well as the
rents and various revenues due to the Crown from the local jurisdictions. Indeed, once the eyre or assize was concluded, a separate
roll was drawn up listing the amounts due; the sheriffs were then held responsible for seeing to it that these monies actually went into
the exchequer twice yearly».
(35) Finkelstein, The Ox That Gored, cit., 77. Il che rende arduo ravvedere in questa regola traccia di precoci sensibilità a moderne
idealità deterrenti, disvelando piuttosto la volontà, connessa alle esigenze del potere centrale di una corona perennemente in guerra,
di rimpinguare le sempre esauste casse del regno.

 899

FORO_979_Studi_PARDOLESI_2018_1.indb 899 05/10/18 11:14


La perdita della vita come danno relazionale: analisi storico-comparativa

2.2. L
 a consacrazione della regola: «in a civil court, the death of a human being cannot be
complained of as an injury»

Torniamo all’Inghilterra del primo scorcio del XIX secolo(36). Piaccia, o non, come testimonia un di-
battito mai sopitosi nei due secoli successivi(37), Higgins v Butcher ebbe in sorte di esser trasformato in
un pilastro della common law of personal injury, che all’epoca conosceva cruciali assestamenti. Prota-
gonista di questo passaggio fu nel 1808 Baker v Bolton e in particolare il celebre dictum che l’autore del
report del caso riferì alla voce di Lord Ellenborough, il quale qualche anno dopo sarebbe stato spedito
in India col titolo di viceré della corona britannica(38).
Decidendo in sede di nisi prius, quest’ultimo istruì la giuria affinché prendesse in considerazione
la perdita del legame familiare sofferta dalla moglie di Baker e la sofferenza che quest’ultima aveva pa-
tito, ma solo dal momento della lesione iniziale fino al momento del decesso, pronunciando il celebre
dictum «in a civil court, the death of a human being cannot be complained of as an injury, and in this
case the damages as to the plaintiff’s wife must stop with the period of her existence»(39), un’afferma-
zione avviata a diventare iconica, che in seguito i commentatori riconcettualizzeranno per celebrare
l’ormai avvenuta recezione nel common law del latinismo actio personalis moritur cum persona(40).

(36) Il diritto scozzese restò fuori dal quadrante che stiamo lumeggiando. Nelle terre settentrionali dell’isola la dottrina dell’assyth-
ment accordava tutela ai congiunti dell’ucciso nelle wrongful death actions. Originariamente riconosciuto in caso di felonious killings,
il pagamento di una somma di denaro era concepito per evitare l’avvio della vendetta clanica della stirpe dell’ucciso. Col tempo
questo rimedio assunse una connotazione compensativa, mentre il denaro riconosciuto quale assythment cominciò a considerare
esplicitamente la perdita pecuniaria subita dai congiunti per la morte del proprio caro, unitamente a una somma riconosciuta quale
soddisfazione per la perdita provata (solatium). Alla fine del XVIII secolo l’applicazione di questa doctrine fu gradatamente estesa a
casi nei quali la condotta esitata nella morte non era necessariamente apprezzabile sul piano penale, divenendo in tal modo un modo
per accordare tutela compensativa ai congiunti delle vittime di ciò che, coerentemente con la riscontrata assenza di una punizione
penale, prese ad essere definito un fatal accident. I riferimenti a questa particolarità del diritto scozzese abbondarono nel dibattito
parlamentare che condusse all’emanazione del Lord Campbell Act in Gran Bretagna, come vedremo a breve.
(37) Pietra angolare di questo dibattito è lo studio di W.S. Holdsworth, The Origin of the Rule in Baker v Bolton, 32 The Law Quar-
terly Review 43 (1916), che rimproverò a Lord Ellenborough di aver confuso la regola espressa nella massima actio personalis moritur
cum persona con la regola procedurale che muoveva dal riscontro che l’atto illecito in questione nel caso fosse ascrivibile a una felony
perseguibile penalmente. Ancor più aspre le critiche mosse al caso nell’analisi americana di H. R. Preston, A Bit of Legal History, 2 The
Virginia Law Register, No. 1 (May, 1896), 3, 6, che così concluse: «[N]o sound reason has ever been given, and it is easy to see from the
cases that the whole doctrine that at common law there could be no recovery for death rests for authority upon Lord Ellenborough’s
judgment». Una sintesi dottrinale recente delle critiche ricevute nel tempo dal povero Lord Ellenborough è proposta da P. Handford,
Lord Campbell and the Fatal Accidents Act, 129 The Law Quarterly Review 420, 425 (2013).
(38) Il Report del caso, come accadeva per la particolarità della procedura seguita nella circostanza, è sufficientemente breve da
poter essere riportato di seguito nella sua integralità: «[T]his was an action against the defendants as proprietors of a stagecoach
on the top of which the plaintiff and his late wife were traveling from Portsmouth to London, when it was overturned, whereby the
plaintiff himself was much bruised, and his wife was so severely hurt that she died about a month after in a hospital. The declaration,
besides other special damage, stated, that “by means of the premises, the plaintiff had wholly lost, and been deprived of, the comfort,
fellowship, and assistance of his said wife, and had from thence hitherto suffered and undergone great grief, vexation, and anguish
of mind”. It appeared that the plaintiff was much attached to his deceased wife; and that, being a publican, she had been of great use
to him in conducting his business. But Lord Ellenborough said the jury could only take into consideration [1] the bruises which the
plaintiff had himself sustained], and [2] the loss of his wife’s society and the distress of mind he had suffered on her account, from
the time of the accident till the moment of her dissolution. In a civil court the death of a human being could not be complained of as
an injury; and in this case the damages, as to the plaintiff’s wife, must stop with the period of her existence. Verdict for the plaintiff,
with £100 damages», così Cases determined at Nisi Prius in the Courts of King’s Bench and Common Pleas, Vol. 1, London, Strahan,
1809, 493 (corsivo aggiunto). Come osservato da un commentatore – V. X. Miller, Dead Men in Torts: Lord Campbell’s Act was not
Enough, 19 Catholic University Law Review 283, 289 (1970) – la somma di 100 pounds era un risarcimento decisamente importante
per gli standard del 1808. E questo dato sembrerebbe fornire un’anticipazione dell’attitudine delle corti contemporanee a liquidare
somme considerevoli per il danno sofferto dalla vittima che muore dopo un congruo lasso di tempo dal momento nel quale subisce
la lesione iniziale.
(39) Per una congiunzione astrale strana, a rendersi autore del Report che tramandò il caso nella posterità fu un giovane barrister
di nome John Campbell, che, dopo aver assunto il titolo di Lord Campbell, fu mentore e supervisore del Fatal Accidents Bill emanato
dal parlamento inglese 38 anni dopo. Nel commentare il caso egli si pose una domanda semplice e fatidica: «[I]f the wife be killed on
the spot, is this considered damnum absque iniuria?», così, Cases determined at Nisi Prius in the Courts of King’s Bench and Common
Pleas, 494.
(40) Nel rievocare i passaggi politici che condussero all’emanazione del Lord Campbell Act nel 1846, è stato osservato: «[A] more
plausible explanation for the failure of the first Fatal Accidents Bill in the Commons was provided by Charles Whitmore QC in his ev-
idence to the Select Committee of 1870, according to whom “it was defeated by the veto of the Attorney General” because: “It seemed
to the lawyers of that day to offend against first principles, especially against the well-known legal maxim, Actio personalis moritur
cum persona; and some of the great pillars of our profession stood up resolutely against it, and it was thrown out”», così D. P. Nolan,

900 

FORO_979_Studi_PARDOLESI_2018_1.indb 900 05/10/18 11:14


Umberto Izzo

Molti anni dopo, nel tentativo di sbarazzarsi del lascito di Baker in via legislativa, in un rapporto
di studio ufficiale del governo inglese si giunse a mettere in dubbio che il brocardo avesse solide radici
nelle fonti romane(41).
Se è vero che il brocardo nella forma che ci è nota non trova riscontri testuali nelle fonti romane,
e facendo premio su una diatriba dottrinale intorno al se l’associazione del brocardo alla regola enun-
ciata in Baker potesse essere dovuta ad un’erronea interpretazione risalente al XIII secolo, attribuibile
a Bracton(42), non è contestabile che – nella sua essenza – la regola che il ferimento seguito dalla morte
di un uomo libero non concedesse azione agli eredi fosse ben radicata nel diritto romano(43). Resta il
fatto che in Baker Lord Ellenborough del latinismo romano non fece esplicita menzione(44).
Nonostante ciò, il precedente del 1808 offrì l’occasione per consolidare le fondamenta concettuali
della quarta legge della protezione della vita nei sistemi di common law, il cui senso e la cui portata
autoritativa furono derivati dall’assai scarno materiale argomentativo offerto da questo dictum.
Se, in base al principio del common law declamato dal suo «oracolo» Lord Ellenborough, la morte
di un uomo non dava seguito a un’autonoma azione risarcitoria concessa a chi sopravviveva alla vitti-
ma, quand’anche la sussistenza del primo fosse dipesa dall’ucciso (con una soluzione mai avallata fino
a questa estrema conseguenza nelle esperienze di civil law), a fortiori il dictum – letto alla luce della
formula latina – predisponeva a ritenere che la morte non avrebbe permesso di trasmettere l’azione
dell’ucciso agli eredi, affinché costoro la esercitassero per conseguire il risarcimento maturato dalla
vittima per la perdita della vita.
Guardando ai fatti che Lord Ellenborough ebbe in sorte di valutare, che involgevano la responsa-
bilità del proprietario di una carrozza rovesciatasi cagionando la morte del trasportato, è stato anche
ipotizzato che la soluzione del caso sia stata in qualche modo promossa dalla volontà di salvaguardare
lo sviluppo dell’allora nascente industria dei trasporti pubblici, agevolati dalla comparsa di mezzi di
trasporto innovativi, all’inizio di un secolo che sotto questo profilo sarebbe stato testimone di straor-

The Fatal Accidents Act 1846, in T. T. Arvind, J, Steele (eds.), Tort Law and the Legislature: Common Law, Statute and the Dynamics
of Legal Change, Oxford, Hart Publishing, 2012, 131, 148, note omesse. Il che sembra confermare la circostanza che la massima latina
fosse assurta a dogma del common law nel volgere di pochi decenni.
(41) Interim Report of the Law Commission Committee, March 7, 1934, Command papers 4546, ove si raccomandò senza successo
di cancellare Baker in via legislativa. Nel frattempo nel 1917 il dictum di Lord Ellenborough aveva trovato modo di sopravvivere alle
tante critiche ricevute dai commentatori (fra cui il più autorevole fu Holdsworth) in The Amerika, cit., una decisione nella quale la
House of Lords si distinse nella deferenza mostrata per il valore precedenziale, se è vero che Lord Loreburn nella sua opinion affermò:
«[W]hen a rule has become inveterate from the earliest time, as this rule appears to have been, it would be legislation pure and simple
were we to disturb it» (ivi, 41), seguito da presso da Lord Scrutton, che, pur non pienamente convinto della regola, concluse: «[W]
hy this should be so, if the matter were open to us to consider, is a matter of great doubt, but I think it is determined by authority».
(42) Autore di questa illazione fu H. Goudy, Two ancient brocards (“Actio personalis moritus cum persona” and “Cuius est solum
eius est usque ad coelum”), in P. Vinogradoff (ed.), Essays in Legal History read before the International Congress of Historical Studies
held in London in 1913, London-New York, Oxford University Press, 1913, 215, 227; su cui il non velato scetticismo di P.H. Winfield,
Death as Affecting Liability in Tort, 29 Col. L. Rev., 239, 241 (1929).
(43) Così sul punto Goudy, Two ancient brocards, cit., 218-19: «the reason for this usually given by jurists was that no money-value
can be put on the life of a freeman: liberum corpus nulla recipt estimationem. To this harsh rule the Roman law steadily adhered down
to Justinian; the jurists were apparently obsessed by the idea that the person of a freeman had no money value and that there could
be no patrimonial loss to a man’s family where the injury to himself could not be estimated». E vedi B. Biondi, Intorno alla intra-
smissibilità agli eredi del diritto al risarcimento del danno non patrimoniale, in Foro it., 1956, I, 39, per l’osservazione che «un gruppo
piuttosto cospicuo di azioni, che gli interpreti qualificavano vindictam spirantes, sono intrasmissibili attivamente agli eredi per la
considerazione che l’azione magis enini, vindictae quam pecuniae habet persecutionem (D. 6, 2, 4); si dice, che l’azione magis ad ultio-
nem pertinet (D. 47, 12, 10). Pertanto si estinguono con la morte della parte lesa: simul cum ipso intercidunt (D. 35, 2, 32); si trasmet-
tono invece dopo la litis contestatio, ossia quando la pretesa dedotta in giudizio, ha perduto il carattere penale per trasformarsi in una
pretesa puramente patrimoniale». Sul tema anche W.W. Buckland, A. Duncan McNair, Roman Law and Common Law: A Comparison
in Outline (second edition entirely revised by F. H. Lawson), Cambridge, Cambridge University Press, 1952, 418. Scettico, invece, sui
natali romani della regola celebrata in common law richiamando il latinismo, F. P. Walton, Actio Personalis and the French Law, 18
Journal of Comparative Legislation and International Law, 40, 41 (1936).
(44) Handford, Lord Campbell and the Fatal Accidents Act, cit., 427, osserva giustamente che «in Baker v Bolton, both parties to
the action – the husband and the negligent stage-coach proprietor – were still alive. Accordingly the actio personalis maxim cannot
provide a basis for Lord Ellenborough’s rule».

 901

FORO_979_Studi_PARDOLESI_2018_1.indb 901 05/10/18 11:14


La perdita della vita come danno relazionale: analisi storico-comparativa

dinari sviluppi tecnologici. Ma l’osservazione resta congetturale, e come tale può essere lasciata agli
storici(45).
Quel che rileva nella prospettiva qui seguita è che né Higgins, né Baker avevano preso esplicita-
mente posizione sulla possibilità che gli eredi potessero reclamare in giudizio il valore della vita per-
duta da un congiunto per effetto di un illecito. Il tema cruciale della trasmissibilità dell’azione non era
stato toccato da queste pronunce e restava da affrontare. Ma è chiaro, nel contempo, che, per come era
stata catturata dal reporter del caso, la secca affermazione retorica di Lord Ellenborough era suscetti-
bile di lasciare intendere che anche questo problema fosse stato chiarito dal verdetto.
Fu in questo momento cruciale della trasformazione tecnologica del paese (che all’epoca anche
da questo punto di vista era saldamente assiso sul tetto del mondo) che la regola del deodandum,
risorgendo dai polverosi tomi nei quali era sepolta, diede un decisivo contributo a una innovazione
legislativa che canonizzò definitivamente il senso della quarta legge della protezione della vita nel di-
ritto inglese. In seguito, come vedremo nel prossimo segmento di questo studio, questo sviluppo ebbe
modo di essere osmoticamente recepito dal diritto della ex colonia statunitense. I dettagli di questa
storia sono stati attentamente investigati nella scholarship recente, e non saranno ripresi qui(46).
È sufficiente annotare che a quel tempo lo sviluppo della tecnologia dei trasporti evocò impetuo-
samente il calabresiano spirito maligno della responsabilità civile, producendo nella società inglese un
aumento degli incidenti mortali che non si esagera a definire vertiginoso. Lutti certo non provocati
con intenzione, ma per incapacità di padroneggiare il potere delle nuove tecnologie, i quali nel loro
insieme identificavano il pesante tributo di sangue versato per sostenere lo spirito di intraprenden-
za che induceva a mettere immediatamente a disposizione della società le nuove potenzialità della
tecnica, senza curarsi troppo di garantire la sicurezza di quanti avrebbero potuto entusiasticamente
beneficiarne.
Mentre il costo dei beni implicati nel verificarsi di queste «morti accidentali» cresceva esponen-
zialmente (il valore delle diligenze(47), dei treni e dei battelli a vapore era semplicemente incomparabile
a quelli dei tradizionali carretti trainati da cavalli), l’azione diretta ad invocare il deodandum – che
agli occhi dei contemporanei era considerata poco più di un «remnant of superstition»(48), ma che
all’epoca era ancora pienamente applicabile invocando l’autorità del common law, conobbe rinnovato
vigore nelle applicazioni delle corti inglesi.
Fu allora, in questo tardivo scorcio di reviviscenza giudiziale, che l’istituto medioevale si rivelò in-
capace di essere modernizzato per essere adattato nel segno di un equilibrio ottimale fra la necessità di

(45) Si veda ancora J. J. Filkelstein, The Goring Ox: Some Historical Perspectives on Deodands, Forfeitures, Wrongful Death and the
Western Notion of Sovereignty, 46 Temple Law Quarterly 169, 172fn (1973): «[I]t is hardly a coincidence that Baker v. Bolton (…) which
made it officially impossible to recover for wrongful death at common law, concerned a death caused by a stagecoach accident». La
stessa spiegazione funzionalistica è stata associata anche all’emanazione del Lord Campbell Act del 1846 e alla contestuale abolizione
della regola dei deodands, si veda H. Smith, From Deodand to Dependency, 11 The American Journal of Legal History 389 (1967); e
anche E.A. Cawthon, Job Accidents and the Law in England’s Early Railway Age: Origins of Employer Liability and Workmen’s Com-
pensation, Lewiston, The Edwin Mellen Press, 1997, 149.
(46) T. Sutton, The Deodand and Responsibility for Death, 18 Journal of Legal History 44 (1997); E. Cawthon, New Life for the
Deodand: Coroners’ Inquests and Occupational Deaths in England, 1830–46, 33 American Journal of Legal History 137 (1989), e più
in generale, E.A. Cawthon, Job Accidents and the Law in England’s Early Railway Age: Origins of Employer Liability and Workmen’s
Compensation, Lewiston, The Edwin Mellen Press, 1997.
(47) Il Turnpike Trust System – una rete capillare di «autostrade a pedaggio» che connettevano le principali città inglesi, percorse
da comode diligenze adibite al trasporto persone – prese forma nell’Inghilterra nel XVIII secolo e raggiunse il suo zenith nella prima
metà dell’Ottocento. L’affinamento tecnologico fece sì che le carrozze a trazione animale divenissero sempre più grandi, confortevoli
e complesse, giungendo a ospitare regolarmente otto passeggeri all’inizio del secolo. Per molti altri interessanti dettagli, B. J. Buchan-
an, The Evolution of the English Turnpike Trusts: Lessons from a Case Study, 39 Economic History Review, 1986, 223.
(48) Si veda il resoconto di The King v Humprey Evett, che menziona questa espressione pronunciata dal legale patrocinante il caso
di nome Campbell (si trattava, ancora una volta, del futuro Lord che avrebbe dato nome al Lord Campbell Act nel 1846), in una vi-
cenda che riguardava un decesso occorso a seguito di un incidente mortale che aveva visto interessato una diligenza, nella quale si
dibatteva sull’applicazione del deodandum nei confronti dell’imprenditore proprietario del convoglio, in The Law Journal for the Year
1827 Comprising Report of Cases, Vol. V, London, James Holmes, 1827, 36.

902 

FORO_979_Studi_PARDOLESI_2018_1.indb 902 05/10/18 11:14


Umberto Izzo

garantire una compensazione ai congiunti delle vittime degli incidenti determinati dalla forza causale
del «bene letale» e quella di esprimere deterrenza nei confronti delle condotte negligenti il più delle
volte annidantesi dietro l’esplicazione di queste mortali energie causali delle cose(49).
I tempi erano maturi per un compromesso politico davvero ottimale. Il bisogno di riformare le vesti-
gia regolative di un’antica tradizione giuridica, incapace di adattarsi al cambiamento di una nuova socie-
tà industriale nella quale tale tradizione continuava ad esplicare effetto, incontrava la consapevolezza che
il diritto della risarcimento dei danni alla persona non potesse aspettare oltre un intervento legislativo
capace di aprire, in modo selettivo e politicamente consapevole, la «porta compensativa» che Baker sem-
brava aver chiuso ad ogni pretesa risarcitoria occasionata dalla morte istantanea di un essere umano(50).

2.3. I l Fatal Accident Act e la scelta legislativa di privilegiare il rimedio relazionale al


cospetto della perdita della vita

Il 18 febbraio 1845 Lord Lyttelton annunciò l’introduzione di un bill nell’agenda dei lavori della House
of Lords concepito per garantire ai familiari delle vittime di un’uccisione determinata da una condotta
colposa un’azione di danni nei confronti del responsabile dell’illecito. Scopo della legge era rimediare
alle conseguenze operazionali seguite a Baker nell’assetto raggiunto dalla common law, introducendo
un’azione prevista dalla statutory law(51).
Tecnicamente, come un civilian sarebbe pronto ad osservare, questo claim poteva sembrare con-
ferito dalla legge iure haereditatis, visto che anche processualmente l’azione spettava al rappresentan-
te dell’estate del deceduto, ma l’azione era attentamente cesellata nella lettera del provvedimento in
modo da limitare il novero dei pregiudizi al danno (che sempre un civilian definirebbe) iure proprio,
reclamabile solo a vantaggio di categorie di congiunti specificate dalla legge stessa(52).
In altre parole, al cuore della proposta c’era quanto agli occhi di un giurista continentale può ap-
parire un ibrido concettuale. Si prevedeva che l’amministratore dell’estate della vittima promuovesse
l’azione conferita dalla legge al de cuius in favore degli eredi, agendo, quindi, in base un diritto risarci-
torio sorto in capo alla vittima, con la precisazione che i beneficiari dell’azione avrebbero potuto con-
seguire i soli danni patiti per ciò che ciascuno di essi aveva perso con la morte della vittima, mentre
costoro non sarebbero stati ammessi a promuovere un’autonoma azione personale per reclamare quel-
lo stesso tipo di danni(53). Sarebbe poi toccato alla giuria decidere come quantificare i danni invocabili
in base a questo schema, risarcendo a ciascuno dei beneficiari «such damages (...) proportioned to the
injury resulting from such death».

(49) Per un’esauriente analisi sul punto, svolta analizzando la giurisprudenza inglese (che tornò ad applicare assai frequentemente
la deodand law fra il 1830 e il 1845) e le cronache dell’epoca, ricche di aspre critiche levatesi contro la sopravvivenza di questo arcaico
istituto del common law, Nolan, The Fatal Accidents Act 1846, 137-143.
(50) Sul punto ancora Nolan, The Fatal Accidents Act 1846, 144 ss.
(51) Eloquente, da questo punto di vista, la formula di legge impiegata per sancire il sorgere di questo statutory right: «the person
who would have been liable if Death had not ensued shall be liable to an Action for Damages, notwithstanding the Death of the Per-
son injured, and although the Death shall have been caused under such Circumstances as amount in Law to Felony».
(52) Come puntualizza Nolan, The Fatal Accidents Act 1846, at 146, «[T]he essence of the original Fatal Accidents Bill was that in
cases of wrongful death, liability should be imposed on a person who would have been liable to the deceased if death had not ensued,
and that the action should be brought by the executor or administrator for the “sole benefit of such person or persons as are entitled
to the personal effects of the deceased”, with the jury awarding such damages as they “may think apportioned to the injury’ suffered
by such parties as a result of the death”».
(53) Questo ibrido serviva a rendere chiaro che il destino dei danni che i congiunti avrebbero potuto conseguire con l’approvazione
della legge era strettamente legato all’azione sopravvissuta alla persona deceduta. Un riscontro di comparative negligence commessa
dalla vittima avrebbe vanificato le aspettative risarcitorie dei congiunti. Esito che molti familiari di lavoratori deceduti sul posto di
lavoro avrebbero sperimentato sulla propria pelle negli anni a venire, come approfondisce Handford, Lord Campbell and the Fatal
Accidents Act, cit., 441.

 903

FORO_979_Studi_PARDOLESI_2018_1.indb 903 05/10/18 11:14


La perdita della vita come danno relazionale: analisi storico-comparativa

Dopo un turbinoso cammino parlamentare (la prima versione del progetto di legge passò alla
House of Lords, ma s’inceppò nella House of Commons, e dovette essere ripresentata nella camera
alta nel 1846) la proposta, con alcune importanti modifiche(54), ricevette la regia sanzione della regina
Vittoria il 26 agosto 1846, per diventare il Fatal Accident Act, otto giorni dopo l’approvazione del suo
provvedimento politicamente gemello, il Deodands Abolition Act. Il valore della vita perduta dall’uc-
ciso restava fuori dal quadro compensativo disegnato dal provvedimento(55), e la quarta legge ottenne
di cristallizzarsi, almeno nel diritto inglese.
Nell’economia di questa riflessione non è possibile seguire in dettaglio gli sviluppi conosciuti nel
diritto inglese dalla risarcibilità del danno conseguente alla morte di una persona nei 150 anni seguiti
al Fatal Accident Act(56). Questi sviluppi fecero sì che il compensatory basket dei congiunti sopravvissuti
all’ucciso rimanesse a lungo limitato al mero danno patrimoniale da perdita del sostentamento assicu-
rato in vita dalla vittima, escludendo la risarcibilità di elementi non patrimoniali riconducibili al con-
cetto di solatium che s’è visto come fosse già all’epoca una prerogativa consolidata del diritto scozzese(57).
L’Act del 1934 finalmente abbatté (lasciandolo vivere solo nel caso della diffamazione) il dogma in
base al quale la morte di un soggetto estingueva non soltanto le azioni risarcitorie spettanti a quest’ul-
timo al momento del decesso, ma anche quelle che avrebbero potuto coinvolgerlo quale legittimato
passivo. Con l’avvento dei danni a quattro ruote, la regola, in effetti, determinava problemi insolubili
nel garantire che, in caso di morte del danneggiante in un incidente stradale, gli aventi diritto al risar-
cimento potessero soddisfare le proprie pretese nei confronti dell’assicurazione del deceduto. Ancora
una volta il legislatore fu, però, assai puntiglioso nello stabilire che le azioni risarcitorie «sopravvis-
sute» alla morte del loro legittimato attivo avrebbero incontrato la limitazione che «the damages (…)
shall be calculated without reference to any loss or gain to his estate consequent on his death», per
fugare ogni dubbio che la perdita della vita in quanto tale non avrebbe potuto essere considerata un
danno risarcibile(58).

(54) Quella decisamente più importante riguardava il modo col quale la legge identificava i soggetti che avrebbero beneficiato del
provvedimento. Contrariamente alla versione iniziale del progetto di legge, che prevedeva che l’azione spettasse al congiunto più
prossimo alla vittima, la versione finale della normativa identificava con precisione le tipologie di beneficiari di congiunti ammesse
ad invocare tutela, ovvero il coniuge, i figli, i genitori, il nuovo marito o la nuova moglie del genitore, il figlio del proprio coniuge e i
figli dei figli della vittima, Nolan, The Fatal Accidents Act 1846, 149.
(55) Assai eloquente, nella prospettiva seguita in questo studio, è la circostanza che durante il dibattito parlamentare che prece-
dette l’emanazione della legge del 1846, sia nella House of Lord che nella House of Commons fosse evocato, come argomento in pro
all’emanazione della legge, l’anomalia seguita al caso Baker, giudicandosi irrazionale che il responsabile dell’illecito avrebbe dovuto
sottostare pienamente alle conseguenze civili del suo atto se avesse ferito (magari lievemente) qualcuno, ma se «the negligence were
still grosser» e una vita fosse risultata annichilita, nessun rimedio civile sarebbe stato esperibile. Si sottolineava come questa ano-
malia non si desse in Scozia e nel diritto dei paesi del continente, ove ai congiunti della vittima era riconosciuto il danno sofferto per
aver perduto il proprio caro. Si veda per un’analisi di dettaglio dei dibattiti parlamentari, Nolan, The Fatal Accidents Act 1846, 149.
(56) I capisaldi di questa evoluzione, che in Gran Bretagna sono stati fermamente tenuti nelle mani del legislatore, sono il Law
Reform (Miscellaneous Provisions) Act del 1934 e il The Fatal Accidents Act del 1976, modificato in alcune sue parti nel 1982. E questo
è un dato interessante sul piano comparativo. Nella tradizione civilian l’evoluzione del diritto del danno alla persona è stata dovuta
principalmente (anche se non esclusivamente) alle corti. Questa osservazione assai generale può allora accostarsi a un’altra osserva-
zione. Nella Gran Bretagna contemporanea le controversie nelle quali è in gioco il danno alla persona esibiscono un tasso di compo-
sizione extragiudiziale pari al 99%, assai più alto di quello conosciuto mediamente e in generale dalle liti processate da una giustizia
civile, che pure, per una serie di fattori, esibisce una propensione strutturale a far sì che la composizione avvenga in via negoziale e
non tramite aggiudicazione, si veda S. Hedley, Death and Tort, in J. Herring and others (eds.), Death Rites and Rights, Oxford, Hart
Publishing, 2007, 241, 246. Questo esito sarebbe stato probabilmente impossibile se l’approccio al tema fosse stato dominato, come
invece è accaduto in Italia, da una infinita dialettica autoriflessiva affidata alle cure di giudici e dottori.
(57) All’indomani dell’emanazione dell’Act del 1846, prima in Gillard v Lancashire & Yorkshire Railway Co., 12 L.T.O.S. 356 (Ex.
D. 1848) (ove affermò che la legge poneva «a pure question of pecuniary compensation, and nothing more»), poi in Blake v Midland
Railway (1852) 18 QB 93, 118 ER 35, Lord Chief Baron Pollock (lo stesso che qualche anno dopo avrebbe guadagnato il copyright sulla
formula «res ipsa loquitur») sbarrò la strada alla possibilità di considerare risarcibili alla luce della cause of action fondata sulla nuova
legislazione eventuali componenti non patrimoniali del danno reclamabile dai congiunti dell’ucciso, sul rilievo che una giuria non
avrebbe potuto in alcun modo calcolare questa voce di danno e che, ove avesse inteso riconoscere questa prerogativa, l’Act del 1846
lo avrebbe dovuto dire in modo esplicito. Fu solo nell’anno della guerra delle Falkland che il parlamento inglese intervenne legislati-
vamente per riconoscere al coniuge dell’ucciso una somma convenzionale destinata a reagire alla perdita del proprio caro, si veda la
Section 3 dell’Administration of Justice Act del 1982, che inserì a tal fine la Section 1a nel Fatal Accidents Act del 1976.
(58) Law Reform (Miscellaneous Provisions) Act 1934, section 1(2).

904 

FORO_979_Studi_PARDOLESI_2018_1.indb 904 05/10/18 11:14


Umberto Izzo

Si crearono, quindi, le condizioni perché, in caso di morte conseguente ad illecito, si dessero due
azioni nei confronti del responsabile, la prima in base all’Act del 1846 e la seconda in base all’Act del
1934, con una regola che impediva il double recovery, prevedendo che nel computare i danni ai be-
neficiari tassativamente indicati nell’Act del 1846, si dovesse tener conto di quanto costoro avessero
eventualmente ricevuto in via successoria dai danni conseguiti dall’estate del de cuius(59).
Il restatement dell’Act voluto da Lord Campbell venne con il tutt’ora vigente Fatal Accidents Act del
1976 [Sezione 1 (1) e (2)], il quale nella sua norma chiave dispone quanto segue:

«(1) If death is caused by any wrongful act, neglect or default which is such as would (if
death had not ensued) have entitled the person injured to maintain an action and reco-
ver damages in respect thereof, the person who would have been liable if death had not
ensued shall be liable to an action for damages, notwithstanding the death of the person
injured. (2) Subject to section 1A(2) below, every such action shall be for the benefit of
the dependents of the person (‘the deceased’) whose death has been so caused»(60).

La regola vigente, che condensa il senso della quarta legge della protezione della vita nella giurisdi-
zione inglese, prevede dunque la sopravvivenza delle azioni risarcitorie esperibili dalla persona deceduta
a seguito di un illecito. Ma queste azioni risarcitorie assumono un senso compensativo ben definito, che
viene «congelato» dal sopravvenire del decesso. Con le parole di uno studioso inglese di «tort & death»:

«if, at the instant before death, there was a right to sue, then that same right is available
after the death. But the right does not expand or grow. By and large, nothing that occurs
after the claimant’s death can be regarded as a legal wrong to the claimant: nothing that
happens to their body can be an ‘injury’; and they no longer have any property or other
assets to be taken from them»(61).

(59) Questo non ha evidentemente impedito l’insorgere di un florilegio di problemi applicativi determinati dalla sussistenza di
due azioni [per un accurata disamina dei quali, S. M. Waddams, Damages for Wrongful Death: Has Lord Campbell’s Act Outlived Its
Usefulness?, 47 The Modern Law Review 437 (1984)], che raggiunsero un punto di non ritorno quando la House of Lords in Gammell
v. Wilson (1982) A.C. 27 (H.L.) concesse all’estate dell’ucciso la possibilità di ottenere il risarcimento per il lucro cessante determinato
dall’abbreviazione della vita patita nel caso di un ventiduenne deceduto istantaneamente senza essere sposato e senza lasciare per-
sone che dipendessero da lui, così prospettando la possibilità che, qualora il decisum fosse applicato a una vittima che avesse lasciato
dependants beneficiari di autonomo risarcimento grazie al Fatal Accident Act, il danneggiante del caso si sarebbe trovato a risarcire
due volte, prima questi ultimi e poi l’estate (e gli eredi intestati o testamentari, non necessariamente corrispondenti ai beneficiari
enumerati nel Fatal Accidents Act). Per evitare l’impasse il legislatore intervenne prontamente con l’Administration of Justice Act del
1982, la cui Section 4 statuì esplicitamente che l’estate di una vittima deceduta per effetto di un illecito non potesse reclamare il lucro
cessante per gli anni perduti, qualora la vittima fosse deceduta dopo il primo gennaio 1983.
(60) La Section 1 della normativa, oggetto di modifiche che nel tempo hanno portato a estendere il novero dei beneficiari, prosegue,
disponendo che: «(3) In this Act “dependant” means – (a) the wife or husband or former wife or husband of the deceased; (aa) the civil
partner or former civil partner of the deceased; (b)any person who – (i) was living with the deceased in the same household immediately
before the date of the death; and (ii) had been living with the deceased in the same household for at least two years before that date; and
(iii) was living during the whole of that period as the husband or wife or civil partner of the deceased; (c) any parent or other ascendant
of the deceased; (d) any person who was treated by the deceased as his parent; (e) any child or other descendant of the deceased; (f) any
person (not being a child of the deceased) who, in the case of any marriage to which the deceased was at any time a party, was treated by
the deceased as a child of the family in relation to that marriage; (fa) any person (not being a child of the deceased) who, in the case of
any civil partnership in which the deceased was at any time a civil partner, was treated by the deceased as a child of the family in relation
to that civil partnership; (g) any person who is, or is the issue of, a brother, sister, uncle or aunt of the deceased. (4) The reference to the
former wife or husband of the deceased in subsection (3)(a) above includes a reference to a person whose marriage to the deceased has
been annulled or declared void as well as a person whose marriage to the deceased has been dissolved. (4A) The reference to the former
civil partner of the deceased in subsection (3)(aa) above includes a reference to a person whose civil partnership with the deceased has
been annulled as well as a person whose civil partnership with the deceased has been dissolved. (5) In deducing any relationship for the
purposes of subsection (3) above – (a) any relationship by marriage or civil partnership shall be treated as a relationship by consanguin-
ity, any relationship of the half blood as a relationship of the whole blood, and the stepchild of any person as his child, and (b) an illegit-
imate person shall be treated as – (i) the legitimate child of his mother and reputed father, or (ii) in the case of a person who has a female
parent by virtue of section 43 of the Human Fertilisation and Embryology Act 2008, the legitimate child of his mother and that female
parent. (6) Any reference in this Act to injury includes any disease and any impairment of a person’s physical or mental condition.
(61) Hedley, Death and Tort, at 242.

 905

FORO_979_Studi_PARDOLESI_2018_1.indb 905 05/10/18 11:14


La perdita della vita come danno relazionale: analisi storico-comparativa

A parte il mancato sostentamento dei dependants, risarcibile in base all’Act del 1976, quali sono,
in soldoni, i danni non patrimoniali concretamente riconoscibili da una corte inglese all’estate della
vittima di un illecito mortale? Le linee guida predisposte dal Judicial College per la quantificazione
dei general damages in caso di danno alla persona, giunte alla quattordicesima edizione pubblicata
nel 2017, che da tempo rappresentano una bussola d’uso corrente per l’operatore del risarcimento del
danno alla persona in Gran Bretagna, nella Section 1 individuano il tetto minimo e massimo delle
singoli voci del danno alla persona risarcibile alla vittima (o meglio al suo estate), a condizione che la
morte consegua alla lesione iniziale dopo un apprezzabile lasso di tempo(62).
Queste linee guida, sintesi di una valutazione precedenziale periodicamente ricalibrata sul piano
medico legale, considerano la natura e le conseguenze della lesione, lo stato di consapevolezza della
vittima rispetto all’imminenza della morte, la magnitudine stimata del dolore provato, ovvero, qualo-
ra la vittima giunga all’exitus in stato di incoscienza, la perdita non pecuniary legata a una condizione
che priva il legittimato del piacere della vita. La concreta quantificazione dei danni varia in funzione
del tempo trascorso fra lesione ed exitus e del prolungarsi dell’eventuale stato di incoscienza, sul pre-
supposto compensativo che la vittima sia capace di sperimentare le conseguenze della lesione patita.
Si dà così che una vittima deceduta in stato di piena coscienza a distanza di tre mesi dalla lesione
iniziale permetta al suo estate di reclamare una somma collocabile in una forchetta fra i £10,000 e i
£ 18,980, consentendo di attribuire una maggiorazione pari al 10% di queste somme in casi carat-
terizzati da estrema gravità(63). Se colpita da ustioni gravi e danni ai polmoni, seguita da una piena
consapevolezza per un periodo breve e un periodo di 4 o 5 settimane di consapevolezza variabile,
accompagnate dalla sopportazione di interventi terapeutici intrusivi, la stima può indurre una corte
inglese a liquidare un danno entro la forchetta dei £15,400 e £22,500, sempre con la maggiorazione del
10% in casi caratterizzati da estrema gravità(64).
Lo stesso quadro nosologico, caratterizzato, però, da «excruciating pain» e seguito dall’insorgere
di uno stato di incoscienza entro 3 ore dalla lesione iniziale e poi dalla morte due settimane dopo o più
tardi, oppure – nella stessa tempistica – una vittima politraumatizzata con lesioni ortopediche gravi,
oggetto di cura, ma seguite da complicazioni letali, sono valutate dai £7,700 ai £10,300 (con il consueto
aumento del 10% al ricorrere dell’estrema gravità)(65). Ove la vittima entri immediatamente in uno sta-
to di incoscienza, con un decesso sopravvenuto dopo almeno 6 settimane, sono risarciti £ 6,200 (con
la possibilità dell’aumento convenzionale del 10% al ricorrere dell’estrema gravità)(66). Il risarcimento
per l’incoscienza immediata o seguita dopo un intervallo molto breve dalla lesione, con il decesso che
sopraggiunga entro una settimana dalla lesione iniziale è monetizzato in una somma fra i £1000 e i
£2050 (sempre con l’aumento percentuale nel caso di estrema gravità)(67).

(62) Judicial College Guidelines for the Assessment of General Damages in Personal Injury Cases (compiled by Justice Burnett, P.
Carson, S. McKechnie, S. Snowden, R. Wilkinson), 14th edition, Oxford, Oxford University Press, 2017, 1-2.
(63) Ivi, 1. Per favorire stupite e indignate comparazioni agli esperti dei mercuriali del danno alla persona italiano, si può soggiun-
gere che, qualora la vittima della lesione sopravviva affetto da paraplegia, la stima che queste linee guida offrono alla valutazione del
giudice inglese, che non considera una progressione tabellare legata all’età della vittima, si colloca fra i £258,740 e i £322,060 (con
l’uplift del 10%).
(64) Ivi, 1.
(65) Ivi, 2.
(66) Ivi, 2.
(67) Ivi, 2.

906 

FORO_979_Studi_PARDOLESI_2018_1.indb 906 05/10/18 11:14


Umberto Izzo

3. (segue) …e nel diritto statunitense

L’opzione sulla quarta legge della tutela della vita avrebbe potuto imboccare strade diverse sulle due
sponde dell’Atlantico, sol che la valorizzazione dell’eredità del diritto coloniale delle entità destinate
a unirsi in uno Stato federale avesse impedito l’importazione della soluzione legislativa accolta nella
ex Madrepatria. L’analisi storica rivela, infatti, che Higgins nell’America coloniale e postcoloniale non
ebbe l’effetto di impedire la risarcibilità di azioni fondate sulla perdita della vita(68). Questa originaria
particolarità del diritto coloniale non ebbe però modo di proiettarsi nella contemporaneità, e non cer-
to perché le corti statunitensi della prima metà del XIX si fossero sentite obbligate a prestare ossequio
al verbo ieratico di Lord Ellenborough – come Wax Malone ha avuto il merito di dimostrare(69).
Il diritto statale degli Stati statunitensi seguì l’opzione inglese solo quando la prosa concisa del
Lord Campbell Act si offrì all’imitazione recettizia, per indicare una soluzione pratica semplice a un
problema giuridico denso di delicate implicazioni politiche ai legislatori delle assemblee statali degli
stati federati, in un legal process nel quale la staffetta fra diritto legislativo e diritto giurisprudenziale
ebbe modo di realizzarsi solo quando i giudici statunitensi poterono avere per le mani il testo della
legge emanata nella ex madrepatria. Avvenne così che l’imprimatur al trapianto fosse vagliato prima a
livello giurisprudenziale, con i giudici d’oltreatlantico che mostrarono di gradire la soluzione inglese,
per poi indicare la strada ai legislatori statali, che consolidarono questo gradimento. Non fu una coin-
cidenza che in Carey v Berkshire R.R – il primo caso statunitense a dichiarare che il common law non
concedeva rimedi civili alla morte della vittima di un illecito, aderendo tardivamente al precedente di
Baker – fu emanato dalla Corte suprema del Massachusetts nel 1848, due anni dopo l’entrata in vigore
del Lord Campbell Act in Inghilterra(70).
Da lì alla fine del XIX secolo nelle giurisdizioni statali statunitensi la diffusione della regola accolta
in Baker fu rapida e inarrestabile(71). Il trionfo della regola di common law ispirata al principio actio
personalis moritur cum persona venne cristallizzato nella dottrina dell’abatement, secondo la quale le
azioni risarcitorie per il danno alla persona erano da considerarsi perente ove l’attore fosse deceduto
prima di ottenere la sentenza(72). L’istanza compensativa posta dalla diffusione delle strade ferrate, vere
e proprie protagoniste della «conquista del west» nella quale la giovane nazione era protesa, impose

(68) Per uno studio sulla considerazione giurisprudenziale dei casi di wrongful death nel diritto delle colonie inglesi d’oltreat-
lantico, W. S. Malone, The Genesis of Wrongful Death, 17 Stanford Law Review 1043, 1062-66 (1965); e id., American Fatal Accident
Statutes - Part I: The Legislative Birth Pains, 673 Duke L.J. (1965), con una descrizione della pratica primordiale invalsa nella prima
epoca coloniale (nella «virtual absence of persons learned in the law», Malone, The Genesis, cit., 1063), mercé la quale il giudizio
penale mostrava la sua capacità di essere impiegato per attribuire alla famiglia dell’ucciso una somma di denaro al duplice scopo di
compensare i congiunti e punire l’autore dell’illecito. Sempre Malone ricorda con orgoglio patriottico una decisione emanata da una
corte della Virginia – Smith v Brown, 1 Va. Col. Dec. (Sir John Randolph’s Reports 1728-1732) RI, R5 (1729) (dictum) – nella quale
il decisum di Higgins v Butcher veniva censurato, osservando come la soccombenza di Higgins fosse dovuta alla circostanza che il
marito avesse erroneamente impostato l’azione, nel tentativo di avvalersi di un’azione personale che apparteneva alla moglie, e su
questo rilievo la corte dello Stato del tabacco rifiutò di accettare la vincolatività della regola in base alla quale Higgins avrebbe dovuto
imporre di dichiarare assorbito il claim civile nell’azione penale, secondo la felony merger doctrine. La stessa soluzione fu avallata
dopo l’indipendenza da una corte del Connecticut, Cross v Guthery, 2 Root 90, 92, 1 Am. Dec. 61, 62 (Conn. 1794).
(69) Si veda, però, la legislazione speciale che il Massachusetts aveva sviluppato in epoca coloniale, applicabile ai decessi determi-
nati dalla cattiva tenuta delle strade, con la quale si utilizzava il procedimento penale per garantire un risarcimento forfettario ai
familiari della vittima, e che sei anni prima dell’emanazione del Lord Campbell Act in Inghilterra venne modificata per considerare
gli incidenti determinati dal trasporto a mezzo di battelli a vapore e ferrovie, le nuove tecnologie che implicavano un elevato rischio
di decessi, Malone, The Genesis, cit., 1070.
(70) Malone, The Genesis, cit., 1067 ss.
(71) Analizzava la relativa casistica giurisprudenziale e la diffusione legislativa del modello nelle giurisdizioni dei singoli stati, F.
Davis, Wrongful Death, Washington University Law Quarterly 327, 327-8 (1973).
(72) Così Mobile Life Ins. Co. v Brame, 95 U.S. 754, 756–57 (1877): «[T]he authorities are so numerous and so uniform to the prop-
osition, that by the common law no civil action lies for an injury which results in death, that it is impossible to speak of it as a prop-
osition open to question. It has been decided in many cases in the English courts and in many of the State courts, and no deliberate,
well-considered decision to the contrary is to be found. In Hilliard on Torts, p. 87, sect. 10, the rule is thus laid down: “Upon a similar
ground it has been held that at common law the death of a human being, though clearly involving pecuniary loss, is not the ground
of an action for damages”».

 907

FORO_979_Studi_PARDOLESI_2018_1.indb 907 05/10/18 11:14


La perdita della vita come danno relazionale: analisi storico-comparativa

così ai legislatori statali di reagire al vuoto di tutela, emanando survival of actions statutes(73), mentre –
poiché questo tipo di interventi si limitava a mantenere in vita l’azione concessa alla vittima deceduta
in capo all’estate di quest’ultimo, circoscrivendo l’ambito dei danni risarcibili a quelli occorsi al mo-
mento della morte – provvedimenti legislativi disegnati sul modello del Lord Campbell Act occuparo-
no il campo di quella che impropriamente sarebbe definibile la tutela «iure proprio» prevista a favore
dei prossimi congiunti dell’ucciso.
Nel lasciare il campo ad una soluzione mediata dalla politica locale, le assemblee legislative statali
si predisposero a comporre un vero e proprio patchwork regolativo nelle 51 giurisdizioni statunitensi,
come dimostra il fatto che oggi nella più parte degli Stati le wrongful death action sono promosse in
base a un modello che guarda al danno occorso ai survivors(74), nel calco dello schema primigenio in-
glese, mentre le restanti giurisdizioni mostrano di applicare il dispositivo fondato sulla prosecuzione
in capo all’estate dell’azione spettante all’ucciso al momento della morte(75).
Tentare di addomesticare il diavolo che alligna nei molti dettagli delle legislazioni statali indivi-
duanti le regole operazionali applicabili al risarcimento dei danni conseguenti alla morte istantanea
della vittima di un illecito negli Stati Uniti si pone al di là delle finalità di questo studio. Resta il dato
di fondo, che conferma la vigenza strutturale della quarta legge descritta avviando questo scritto.

3.1. La perdita della vita come «constitutional tort» in base al § 1983 U.S.C. 42

In questo contesto, l’introduzione da parte del Congresso nel 1982 di uno specifico rimedio fede-
rale volto a reagire alla deprivation di un diritto garantito al cittadino dalla Costituzione o da una
misura legislativa federale(76), reso giustiziabile di fronte alle legislazioni statali, ha introdotto una
novità di non poco momento per il tema che ci occupa(77). La novità legislativa – che ancor prima di

(73) D. Horton, Indescendibility, 102 California Law Review 543, 548-49 (2014), descrive la situazione a macchia di leopardo che
nelle 50+1 giurisdizioni statunitensi caratterizza la vigenza delle legislazioni sulla sopravvivenza delle azioni, concludendo che «to
call these variations “haphazard” would be an understatement».
(74) Nell’economia di questa riflessione conviene rifarsi alla tassonomia tracciata da A.J. McClurg, It’s a Wonderful Life: The Case
for Hedonic Damages in Wrongful Death Cases, 66 Notre Dame Law Review 57, 96 (1990): «[W]rongful death statutes in loss-to-the-
survivors jurisdictions come in five basic varieties with respect to the damages that are available: (1) those providing only in general
terms for fair and just damages; (2) those including a nonexclusive list of available types of damages; (3) those including an exclusive
list of available types of damages; (4) those specifically limiting damages to pecuniary losses of the survivors; and (5) those which
otherwise make clear that the damages are for injuries suffered by the survivors because of the death».
(75) Si danno così: (1) legislazione ibride, dove i due modelli convivono, con survival actions estese in via legislativa o giurispruden-
ziale a considerare gli stessi danni reclamabili con azioni modellate sullo schema inventato nel 1848; (2) veri e propri wrongful death
statutes, costruiti per misurare il danno consistente nei mancati guadagni che sarebbero pervenuti alla vittima se avesse continuato
a vivere; (3) wrongful death statutes che misurano il danno guardando alla perdita sofferta dai sopravvissuti alla vittima, salvo che la
vittima non lasci beneficiari appartenenti alle categorie indicate dalla legge, nel qual caso i danni tornano ad essere computati quali
perdite da lucro cessante all’estate; e ancora (4) wrongful death statutes che guardano alle perdite sofferte dai beneficiari designati
dalla legge, salvo consentire al rappresentante dell’estate di recuperare spese specifiche, come le spese mediche sostenute dalla vittima
prima di morire e le spese funerarie, per questa tassonomia di massima, McClurg, It’s a Wonderful Life, cit., 93-94.
(76) È appena il caso di ricordare la formula «nor shall any state deprive any person of life, liberty, or property, without due process
of law» recitata dalla Section 1 del XIV Amendment della Costituzione statunitense. Per inciso, l’innovazione legislativa si diede per
la necessità di consacrare (e disciplinare i risvolti applicativi di) un principio declamato dalla Corte Suprema in Monroe v Pape, 365
U.S. 167 (1961).
(77) Prevedendo un dispositivo che ammette il cittadino alla tutela civile risarcitoria al ricorrere di una privazione di un diritto,
privilegio o immunità garantito dalla Costituzione o da una legge federale, la norma recata dalla Section 1983 recita: «[E]very person
who, under color of any statute, ordinance, regulation, custom, or usage, of any state or territory, subjects, or causes to be subjected,
any citizen of the United States or other person within the jurisdiction thereof to the deprivation of any rights, privileges, or im-
munities secured by the Constitution and laws, shall be liable to the party injured in an action at law, suit in equity, or other proper
proceeding for redress, except that in any action brought against a judicial officer for an act or omission taken in such officer’s judicial
capacity, injunctive relief shall not be granted unless a declaratory decree was violated or declaratory relief was unavailable». Agire
«sotto il colore» della legge dello Stato significa banalmente che il danneggiante deve essere investito di un potere previsto dalla
legislazione statale. Si noti che la previsione di legge federale, con un meccanismo tutt’altro che lineare, rinvia all’ambito di tutela
previsto dalla legge statale per circoscrivere l’ambito della pretesa concretamente azionabile (e quindi il danno risarcibile) in base
all’azione esperita ai sensi della Section 1983. Si era battuto perché la normativa federale fosse interpretata in modo da consentirne

908 

FORO_979_Studi_PARDOLESI_2018_1.indb 908 05/10/18 11:14


Umberto Izzo

essere emanata indusse la dottrina a enfatizzare le prospettive dischiuse a ciò che non ci volle molto
a ribattezzare enfaticamente con l’etichetta dei constitutional torts(78)– meriterebbe una trattazione di
dettaglio a sé stante, che qui non può svolgersi. Sta di fatto che l’avvento della c.d. «§1983 litigation» ha
visto le corti statali applicare il dispositivo federale soprattutto per reagire alla spoliazione del diritto
alla vita – proclamato dalla seconda legge della tutela della vita nella costituzione statunitense – su-
bita da cittadini restati vittima dei ben noti metodi spicci che caratterizzano il modus operandi delle
forze dell’ordine statunitensi, sebbene il dispositivo renda civilmente responsabile l’amministrazione
responsabile delle forze dell’ordine, garantendo a certe condizioni l’immunità in sede civile a quanti
agiscono in nome di quest’ultima.
Nel far ciò, si sono date episodiche aperture giurisprudenziali a una prospettiva che – nel parti-
colare contesto di una cause of action innervata legislativamente da finalità compensative, ma che a
qualcuno era parso potesse prestarsi a veicolare finalità deterrenti – ha attribuito in forma di hedonic
damage un cospicuo valore alla vita perduta da cittadini uccisi da agenti di polizia dal grilletto facile,
i quali, sovente privi di reddito, e in tale condizione oggetto di azioni di polizia dall’esito tragico, di
solito conducono esistenze la cui interruzione non è suscettibile di prospettare danni pecuniari ap-
prezzabili sotto forma di lucro cessante(79).
Questa timida apertura settoriale al danno da perdita della vita, nelle diverse configurazioni di-
scusse in dottrina sotto l’egida nominale dell’hedonic damage, lascia tuttavia intatta sul piano sistema-
tico la validità della quarta legge della protezione della vita nel diritto statunitense. Dove la funzione
del general damage resta rigorosamente compensativa e dove in caso di wrongful death, come abbia-
mo visto, si continua a privilegiare una geometria relazionale del danno da perdita della vita. Anche
perché – e non è affatto superfluo osservarlo – essa convive con un più generale modo di intendere
le conseguenze risarcitorie di un illecito, che, notoriamente, al ricorrere di precise condizioni, abilita
le giurie a liquidare una voce di danno autonoma, esplicitamente diretta ad esprimere deterrenza: il
punitive damage.

l’applicazione in via autonoma, prescindendo dai limiti posti dalle legislazioni statali, al dichiarato fine di superare i limiti che tali le-
gislazioni, come abbiamo visto, pongono alla risarcibilità del danno da perdita della vita in caso di morte istantanea nelle azioni pro-
mosse dall’estate della vittima, S. H. Steinglass, Wrongful Death Actions and Section 1983, 60 Indiana Law Journal 561, 644 ss. (1985).
(78) W. R. Casto, Government Liability for Constitutional Torts: Proposals to Amend the Federal Tort Claims Act, 49 Tennessee Law
Review 201 (1982).
(79) In Sherrod v Berry, 629 F. Supp. 159, 162 (N.D. Il1. 1985) la giuria giunse a risarcire $850.000 all’estate della vittima ingiustifi-
catamente tratta a morte da un ufficiale di polizia che esibiva una storia personale di violenze in servizio, che non solo non era mai
stata oggetto di considerazione dall’amministrazione municipale alle cui dipendenza l’agente operava, ma che la stessa si era esplici-
tamente rifiutata di considerare prima del luttuoso evento. In Jaco v Bloechle, 739 F.2d 239 (6th Cir. 1984), l’estate della vittima dece-
duta istantaneamente fu ammessa alla tutela risarcitoria ex § 1983, sebbene la legislazione dell’Alabama contemplasse espressamente
l’abatement delle azioni personali in caso di morte subitanea, sul rilievo che altrimenti il rimedio federale sarebbe stato incapace di
esprimere deterrenza in tali circostanze. In Roman v City of Richmond, 570 F. Supp. 1554, 1556-58 (N.D. Cal. 1983) la district court
esplicitamente istruiva la giuria di curvare in termini deterrenti la cospicua quantificazione del danno da riconoscersi all’estate della
vittima per la morte di Roman ad opera del solito agente di polizia ritratto nei film di Clint Eastwood. In Bell v City of Milwaukee,
746 F.2d 1205, 1234-41 (7th Cir. 1984) la corte distrettuale, rilevando come la previsione di legge federale, messa a confronto con la
legge del Wisconsin, disvelasse un vuoto di tutela nella misura in cui la legislazione dello Stato impediva di riconoscere il danno da
perdita della vita istantanea all’ucciso, chiarì alla giuria che l’applicazione della legge federale al caso avrebbe imposto di quantificare
un danno dotato di finalità deterrenti, ma distinto dal danno punitivo, che, peraltro, non può essere posto a carico delle ammini-
strazioni municipali, City of Newport v Fact Concerts, Inc., 453 U.S. 247, 271 (1981). Approfondiva il tema, Note, Hedonic Damages in
Section 1983 Actions: A Remedy for the Unconstitutional Deprivation Of Life, 44 Washington & Lee Law Review 321 (1987); anche se,
a molti anni di distanza dalla novità legislativa rappresentata dalla Section 1983, va sottolineato come la deprivation of life in quanto
tale – a seguito del dictum di Memphis Comm. Sch. Dist. v Stachura, 477 U.S. 299 (1986), ove la Supreme Court ha chiarito che i danni
riconosciuti e liquidati in base all’astratto «valore» o «importanza» del diritto costituzionale violato non sono ammissibili in base alla
§ 1983 – resta un danno risarcibile con insormontabili difficoltà nelle giurisdizioni statali, si veda, per esempio, Student work, Rights
Without Remedies: Why Limiting Damages Recoverable by the Decedent Renders the Florida Wrongful Death Act Inconsistent with 42
U.S.C. § 1983, 44 Stetson Law Review 549 (2015).

 909

FORO_979_Studi_PARDOLESI_2018_1.indb 909 05/10/18 11:14


La perdita della vita come danno relazionale: analisi storico-comparativa

4. S
 chegge di diritto privato europeo: la quarta legge della
protezione della vita in Germania e Francia

4.1 Die zu ersetzenden Schäden bei Tötung

Com’è arcinoto, nel diritto tedesco la funzione selettiva della norma generale del § 823, primo comma,
del BGB articola un catalogo di diritti enumerati legislativamente cui la norma offre protezione. Ne
consegue, altrettanto notoriamente, che l’approccio teutonico alla responsabilità civile è caratterizza-
to da un approccio tipico quando si tratta di individuare il diritto (a tacer dei sonstiges rechts) che, se
dolosamente o colposamente leso, dà ingresso alla tutela risarcitoria (Schadensersatzpflicht). Per stare
al nostro tema, il risarcimento sembrerebbe in linea di principio dovuto (in ossequio alla seconda leg-
ge della protezione della vita) se una condotta umana viola un diritto considerato dalla stessa norma
istitutiva della responsabilità (Rechte), com’è, appunto, quello alla vita (Leben), che è il primo di questi
diritti, che, se lesi, danno ingresso al risarcimento(80).
Questo, però, solo in linea teorica, perché le conseguenze risarcitorie della morte sono attenta-
mente sorvegliate da specifiche previsioni del BGB, dalle quali si evince che la morte non attribuisce
una Ansprüch al titolare del diritto violato, mentre il risarcimento è sagomato nella prospettiva rela-
zionale, guardando ai congiunti della vittima e a quanti sono tenuti a provvedere alla sua sepoltura.
Rubricato «pretese risarcitorie di terzi in caso di uccisione», il § 844 BGB, in effetti, delinea in modo
puntiglioso un’eccezione alla regola generale per la quale solo la vittima diretta dell’illecito può otte-
nere tutela risarcitoria per un danno patrimoniale(81).
Quanto al danno non patrimoniale, il diritto alla vita scompare nella nuova formulazione del §
253, comma 2, BGB (di cui al precedente § 847, abrogato dalla Modernisierung del 2002). La norma,
estendendo il risarcimento del danno non patrimoniale fuori dal recinto della responsabilità extra-
contrattuale (e rendendolo possibile anche in campo contrattuale), prevede che il danneggiato possa
domandare un’equa indennità in denaro al ricorrere di una lesione del corpo, della salute, della libertà
o della autodeterminazione sessuale. Anche nella nuova formulazione del § 253 BGB resta assodato
che, nel solco di un celebre precedente del BGH del 1955, lo Schmerzensgeld asseconda una duplice
funzione: una ausgleichsfunktion (una funzione compensativa) e una genugtuungsfunktion (una fun-
zione satisfattiva), e che le corti tedesche per quantificare questa tipologia di danni seguono la bussola
indicata dalla consueta tecnica dei Fallgruppen, raccolte di casi aggiudicati su fattispecie analoghe da
cui sono estrapolati valori pecuniari mediani fra i casi analizzati nell’ambito del gruppo omogeneo
messo in osservazione.
Alcuni autori tedeschi animati da sensibilità per la law and economics non hanno mancato di cri-
ticare la circostanza che in questo assetto la lesione del diritto alla vita finisce per non ricevere tutela
diretta dal diritto privato(82). E numerose sono state le proposte avanzate in letteratura per ovviare a

(80) In lingua inglese, oltre all’ormai classico trattato di B. S. Markesinis, H. Unberath, The German Law of Torts. A Comparative
Treatise, Fourth Edition, Oxford-Portland, Hart Publishing, 2002, 14 ss., con specifico al risarcimento del danno alla persona nel
diritto tedesco, B.S. Markesinis, M. Coester, G. Alpa, A. Ullstein, Compensation for Personal Injury in English, German and Italian
Law. A Comparative Outline, Cambridge, Cambridge University Press, 2005.
(81) La norma recita: «[N]el caso di uccisione l’obbligato al risarcimento deve risarcire i costi della sepoltura a colui sul quale grava
l’obbligo di sopportare questi costi. Se l’ucciso al tempo della lesione era in un rapporto con un terzo, in virtù del quale era in forza
di legge tenuto nei confronti di questo al mantenimento o poteva divenire tenuto al mantenimento, e se al terzo in seguito all’ucci-
sione viene a mancare il diritto al mantenimento, l’obbligato al risarcimento deve risarcire al terzo il danno mediante il pagamento
di una rendita in denaro, in quanto l’ucciso durante la presunta durata della sua vita sarebbe stato obbligato alla prestazione del
mantenimento; le disposizioni di cui al § 843, commi da 2 a 4 [in tema di rendita], trovano corrispondente applicazione. L’obbligo di
risarcimento sorge anche se il terzo al tempo della lesione era concepito, ma non era ancora nato».
(82) In particolare, M. Adams, Ökonomische Analyse der Gefährdungs- und Verschuldenshaftung, Heidelberg, Decker, 1985, 174;
H.B. Schäfer, C. Ott, Lehrbuch der ökonomischen Analyse des Zivilrechts, Heidelberg, Springer, 2005, 349.

910 

FORO_979_Studi_PARDOLESI_2018_1.indb 910 05/10/18 11:14


Umberto Izzo

questa situazione. Alcuni autori hanno discusso l’opzione di ammettere una sorta di «moderno de-
odando»: prevedere a carico del responsabile dell’uccisione l’obbligazione di erogare una prestazione
monetaria in qualche modo resa equivalente al valore della vita che la condotta illecita ha spezzato,
che sia disegnata in modo da andare a beneficio delle casse dello Stato o di altre istituzioni pubbli-
che(83). Altri hanno sostenuto che gli eredi della vittima andrebbero messi in condizione di reclamare
una somma che attribuisca loro il valore della vita perduta dal de cuius(84).
Nel caso di una perdita della vita istantanea altre voci dottrinali hanno proposto di riconoscere a
favore degli eredi il diritto di ricevere un’equa indennità, intesa quale corrispettivo del dolore procu-
rato loro dalla perdita del congiunto (Schmerzengeldanspruch), ma esplicitamente funzionalizzata alla
deterrrenza, per reagire a un illecito destinato altrimenti a non ricevere sanzione sul piano civile(85).
Ma il Bundesgerichthof ha finora fermamente rifiutato di riconoscere l’opzione, confermando che la
quantificazione dei danni che i congiunti (o meglio: le persone legate da un vincolo ritenuto suscet-
tibile di dare ingresso alla tutela relazionale della vita della vittima) sono legittimati a ricevere alla
morte dell’ucciso sia ancorata al tempo vissuto da quest’ultimo fra la lesione iniziale e l’exitus. I criteri
impiegati in tal senso prestano attenzione solo all’intensità del dolore e della sofferenza che la vittima
ha sperimentato prima di morire, senza considerare il valore della vita perduta o il dolore provato dai
congiunti.
Per quanto riguarda i congiunti, i danni non patrimoniali possono essere riconosciuti loro solo in
casi eccezionali, quando la morte avvenga in circostanze ritenute tali da risultare particolarmente gra-
vi per chi sopravviva alla morte (una morte avvenuta alla presenza immediata del congiunto, suscetti-
bile di dar seguito a una pretesa risarcitoria di quest’ultimo per «danno da shock»), o in casi nei quali
la reazione dell’individuo alla perdita del congiunto ecceda il normale livello di dolore sperimentabile
in questi casi, inducendo sindromi post traumatiche che devono, però, essere oggetto di valutazione e
prova sulla base di rigorosi criteri medico-legali(86).
Al di là di questi casi, la regola generale che i danni non patrimoniali non siano riconoscibili ai
congiunti resta valida, anche quando sia in gioco la perdita di un figlio o di un genitore(87). L’idea che
il danno non patrimoniale possa essere risarcito in base alla dottrina della perdita di chance (Verlust
einer Chance, che pure il § 252 BGB prende esplicitamente in considerazione) non è mai stata accolta
dalle corti tedesche ed è stata oggetto di critiche in dottrina(88), che non senza ragione ha rilevato come
questa costruzione del danno possa applicarsi solo a voci di danno patrimoniale.
Anche la Germania, pertanto, rende omaggio alla quarta legge della protezione della vita, se è vero
che il diritto teutonico prende in considerazione la distruzione della vita quale possibile fonte di dan-
ni relazionali, rifiutandosi di dar credito all’idea che il valore della vita sia oggetto di una autonoma
valutazione risarcitoria destinata ad entrare nell’asse ereditario(89).

(83) Adams, Ökonomische Analyse, cit., 174-75.


(84) W. Odersky, Schemrzengeld bei Toetung naher Andehoeriger, Munchen, Beck, 1996, 10.
(85) In particolare G. Brueggermeier, Haftungsfolgen, Entwicklungstendenzen im europäischen und deutschen Schadensersatzrecht,
in Ott. C., Schäfer, H.-B. (eds.), Die Präventivwirkung zivil- und strafrechtlicher Sanktionen. Beiträge zum VI. Travemünder Sympo-
sium zur ökonomischen Analyse des Rechts, Mohr Siebeck, Tübingen, 1999, 171, 189.
(86) Per i riferimenti all’analisi giurisprudenziale, Markesinis, Unberath, The German Law of Torts, cit., 115-414.
(87) Si veda BGZ 11 maggio 1971, in BGHZ, 1971, 156, spec. 163; BGH 14 aprile 1989, in NJW, 1989, 2317. Il danno non patrimoniale
per la perdita della gioia di vita da parte dei congiunti non è risarcibile, BGH 27 June 1978, in NJW, 1978, 2337; nemmeno a favore
della moglie divenuta alcolista dopo la perdita del marito, BGH 31 gennaio 1984, in JZ, 1984, 437.
(88) H. Stoll, Haftungsfolgen im Bürgerlichen Recht, Müller, Freiburg, 1993, no 32; H. Fleischer, Shadensersatz für verlorene Chancen
im Vertrags- und Deliktrecht, in JZ, 1999, 768; H. Koziol, Shadensersatz für den Verlust einer Chance?, in Festschrift Hans Stoll, Mohr,
Tübingen, 2001, 233.
(89) Per uno studio monografico ancor recente, che analizza in modo approfondito il tema in una comparazione col diritto france-
se e inglese, proponendo un allargamento in via legislativa della tutela risarcitoria concessa ai congiunti dell’ucciso, anche oltre la cer-
chia dei familiari, col riconoscimento di un danno non patrimoniale anche alle persone legate da un vincolo affettivo all’ucciso, ma
senza invocare il risarcimento del danno da morte istantanea iure hereditatis, A. Schramm, Haftung für Tötung. Eine vergleichende

 911

FORO_979_Studi_PARDOLESI_2018_1.indb 911 05/10/18 11:14


La perdita della vita come danno relazionale: analisi storico-comparativa

4.2 Droit de la responsabilitè civil et prix de la vie humaine

In attesa che, dopo un processo di consultazione che nella primavera del 2018 è stato aperto al pub-
blico della rete, si dia effettività al progetto di riforma presentato il 13 marzo 2017 dal guardasigilli
Jean-Jacques Urvoas – la responsabilità civile francese resta ancora per qualche tempo organizzata
attorno alla clausola generale dell’art. 1382 del codice civile del 1804, pietra angolare di ogni con-
cezione civilian di una responsabilità civile codicistica, che – notoriamente – in Francia è diretta a
rendere «la persona dalla cui colpa il danno deriva, responsabile di ripararlo». Come è altrettanto
noto, dal 1804 in poi lo sviluppo della responsabilità civile francese non ha mai dovuto fare i conti
con una norma che limitasse in qualche modo il risarcimento del danno non patrimoniale. Quando
e che in misura i dommages moraux avrebbero potuto essere riconosciuti in conseguenza della morte
di un uomo sono sempre rimasti interrogativi lasciati all’interpretazione giurisprudenziale e alle spe-
culazioni dottrinali. Inoltre, la mancanza di norme specifiche che vincolassero il riconoscimento del
danno patrimoniale a una scelta legislativa predeterminata nel campo dell’illecito, spiega, almeno in
parte, perché nel corso della sua evoluzione il diritto del risarcimento del danno alla persona francese
abbia concesso uno spazio importante al diritto contrattuale (anche perché il risarcimento del danno
contrattuale non incontrava ostacoli a considerare componenti non patrimoniali). Un non-problema
che, per inciso, oggi manifesta i suoi effetti in Germania (dove, come si è detto, le previsioni sul danno
non patrimoniale con la riforma del 2003 sono state spostate nella parte generale delle obbligazioni
dall’originale collocazione nella sezione dedicata all’illecito) e in Italia (come è ormai ius receptum a
partire del cambiamento impresso dalle S.U. nel 2008).
La distinzione fra survival e wrongful death actions – centrale, come si è visto, nelle esperienze di
common law – non ha alcun senso per un giurista francese come per qualsiasi altro giurista operante
in seno a sistemi della tradizione di civil law, che impara a impostare il ragionamento in termini di
diritti e non di azioni. Di conseguenza gli attori possono vedersi risarcire il danno in nome di un di-
ritto proprio (iure proprio o ex persona sua) o quali successori del diritto leso alla vittima dell’illecito
(iure haereditatis o ex persona defuncti). Questa impostazione, per essere conciliata con la circostanza
che l’illecito viene ad esistenza e produce effetti immediati sul soggetto che perde la vita, ha indotto
in Francia a dar credito a una metafora che descrive i danni come se fossero inflitti ai soggetti legati
da una relazione giuridica dall’ucciso, «rimbalzando» dalla persona di quest’ultimo (dommages par
richochet)(90).
Formula questa che altro non è che un espediente che ha consentito alle corti francesi di allineare
la valutazione e dell’illecito e la sua valutazione alla consistenza risarcitoria della pretesa dei congiunti,
laddove il riscontro di concorso di colpa della vittima primaria dell’illecito può determinare a ridurre
(e all’occorrenza ad azzerare) tale pretesa, con l’effetto di far tornare i conti che nei sistemi di common
law, non potendo tornare nella prospettiva incentrata sul concetto di azione e non di diritto, hanno
indotto a costruire in via legislativa, come si è visto, un’apposita azione concessa ai dependants della
vittima dell’illecita uccisione.
Un consolidato modo di presentare l’evoluzione della responsabilità civile francese non può pre-
scindere dall’evidenziarne la tensione ideale verso l’imperativo di riparare il danno e socializzare i
rischi, tratto che ha trovato la sua manifestazione più tangibile nella seconda metà del secolo trascorso
col venire ad esistenza di una moltitudine di sistemi di indennizzo no-fault predisposti a favore di

Untersuchung des englischen, französischen und deutschen Rechts zur Fortentwicklung des deutschen Haftungsrechts in Tötungsfällen,
Mohr Siebek, Tübingen, 2010.
(90) Per la formula che preferisce riferirsi al «préjudice réfléchi», J. Dupichot, Des préjudices réfléchis nés de l’atteinte à la vie ou à
l’intégrité corporelle, Paris, LGDJ, 1969.

912 

FORO_979_Studi_PARDOLESI_2018_1.indb 912 05/10/18 11:14


Umberto Izzo

speciali categorie di danneggiati legislativamente determinate(91) (per limitarsi alle più note: le vittime
degli incidenti determinati dalla circolazione stradale, le vittime di trasfusioni di sangue ed emoderi-
vati infetti; le vittime di disastri tecnologici ed industriali, le vittime di danni iatrogeni non imputabili
civilmente alla responsabilità di medici e/o strutture sanitarie, e così via).
Eppure, ad onta di questo generale contesto di sistema che in linea di principio avrebbe potuto
favorire l’idea di attribuire un’autonoma proiezione risarcitoria alla vita in quanto tale, le corti tran-
salpine non hanno mai voluto dar credito all’idea che il «prix de la vie» potesse essere reclamato in
via derivata dagli eredi dell’ucciso. La tensione verso ciò che una vita interrotta chiede di riparare ha
seguito anche in questo caso un canone relazionale. I congiunti del defunto non hanno difficoltà a
reclamare i danni patrimoniali (spese mediche, funerarie, perdita di sostegno economico), che non
patrimoniali (a dispetto di alcune decisioni contrarie, tali danni sono risarcibili anche quando la
morte sia sopraggiunta dopo uno stato di incoscienza o coma(92)) sofferti dalla vittima, nella misura
che siano sperimentati fra la lesione e la morte, senza che rilevi che l’azione risarcitoria sia promossa
in via extracontrattuale o contrattuale, o che la vittima abbia promosso l’azione prima dell’exitus(93).
Ma l’azione non è promovibile se la vittima muore istantaneamente, perché in tal caso si ritiene
che il diritto si estingua con la soggettività giuridica dell’ucciso(94). In tal caso il tentativo di inquadrare
l’istanza risarcitoria nei termini di una perdita di chances di vita sofferta dall’ucciso è stato ferma-
mente respinto dalla Cassation(95).
Ad alcuni l’escamotage della perdita di chances è sembrato il cavallo di Troia per affermare la
risarcibilità della vita perduta, reclamabile in giudizio iure haereditatis. Come è stato sostenuto an-
che dagli autori francesi, questo consentirebbe alla responsabilità civile di dar respiro a una duplice
funzione: esprimere anche dal punto di vista del diritto privato una istanza di deterrenza per l’illecito
commesso dal responsabile e al contempo rinforzare la tutela compensativa di chi sopravvive all’ucci-
so (anche se – come appare evidente – la soluzione andrebbe a beneficio di un ventaglio di legittimati
potenziali non necessariamente coincidente con i soggetti che invece sono autonomamente in con-
dizione di reclamare iure proprio il danno subito «par ricochet» alla morte della vittima dell’illecito,
innescando problemi su cui ci si soffermerà a tempo debito).
In una decisione ancor recente l’argomento fondato sulla perdita di chances è stato impiegato al
più ristretto fine di qualificare il danno non patrimoniale patito da una vittima sopravvissuta in coma
per un’ora dopo la lesione iniziale. I genitori della vittima di un incidente stradale avanzavano a tal
titolo una richiesta di 150.000 €, qualificando tale danno patrimoniale quale effetto della sofferenza
patita dalla vittima durante quell’ora fatale. Si osservava, in replica, che «le préjudice invoqué en l’e-
spèce est improprement qualifié “perte d’une chance”; puisque la perte d’une chance est invoquée en
cas d’incertitude sur le lien de causalité entre la faute et le préjudice, alors qu’en l’espèce, le décès est
bien le préjudice directement et certainement causé par la faute». La Cassazione si è rifiutata di dar

(91) Y. Lambert-Faivre, L’évolution de la responsabilité civile d’une dette de responsabilité à une créance d’indemnisation, in Revue
trimestrelle de droit civil, 1987, 1.
(92) Cass. 2e civ., 22 febbraio 1995, in Juris Classeur Periodique G, 1996, II, 22570, nota Y. Dagorne-Labbe e in Dalloz, 1996, jur.,
69, nota Y. Chartier. Ma più di recente, rifiutando il risarcimento in questi casi, Cass. Crim. 5 ottobre 2010, n° 10-81.743 F-D, Re-
sponsabilité civil et assurances 2010. comm. 4 - Crim. 5 ottobre 2010, n° 09-87.385 F-D, Responsabilité civil et assurances 2010. comm.
41, entrambe in Revue trimestrelle de droit civil, 2011, 353, con nota di P. Jourdain, Rejet de l’indemnisation du préjudice moral d’une
personne dans le coma.
(93) Cass. ch. mixte, 30 aprile 1976, Dalloz, 1977, 185, con nota di M. Contamine-Raynaud; e in Revue trimestrelle de droit civil,
1976, 556, con oss. di G. Durry. Per ulteriori dettagli, P. Le Turneau, Droit de la responsabilité et de contrats, Paris, Dalloz, 2008, 348,
con ampi riferimenti alla giurisprudenza sul punto.
(94) Cass. Civ. 6 dicembre 1932, in Dalloz, 1933, 35. Orientamento confermato dalla Cassazione transalpina quando la morte non
sia istantanea, ma segua dopo un breve lasso di tempo, Cass. Civ. 9 ottobre 1957, in Juris Classeur Périodique G., 1957, IV, 163.
(95) Cass. Crim. 30 ottobre 1979, Dalloz 1980, IR 409, con oss. di C. Larroumet, accogliendo le critiche che all’idea aveva formulato
P. Esmein, Le prix d’une espérance de vie, in Dalloz, 1962, chron. 151.

 913

FORO_979_Studi_PARDOLESI_2018_1.indb 913 05/10/18 11:14


La perdita della vita come danno relazionale: analisi storico-comparativa

credito a questa costruzione del danno, confermando il diniego espresso dal giudice territoriale sul
rilievo che «le choc traumatique a été si violent que M. X.. est resté inconscient, qu’il n’a pu être réani-
mé et que son décès a été quasi-instantané; que les juges en concluent que la victime n’a pu se rendre
compte de ce qu’il lui arrivait et que sa souffrance morale n’est pas établie»(96).
L’argomento non ha mancato di essere riproposto in due casi più recenti decisi dalla legittimità
francese(97). Nel primo di essi (Cass. Crim., 26 marzo 2013) i genitori di un ragazzo di 16 anni deceduto
in un sinistro stradale invocavano il danno morale sofferto dal figlio per le ferite e la sensazione di
fine imminente sperimentata prima dell’exitus. Aggiuntivamente chiedevano il danno da perdita di
chance di restare in vita per il tempo nel quale la statistica avrebbe concesso al loro figlio di esserlo. La
Cassazione ha ridotto da 10.000 € a 5.000 € il danno morale accordato dal giudizio territoriale (non
accogliendo la tesi che la mancanza di coscienza impedirebbe tale riconoscimento), ma ha confermato
il rigetto dell’argomento fondato sulla perdita di chance, osservando come il diritto di rimanere in vita
fino ad un età statistica difetti di un sufficiente margine di certezza per poter essere accolto quale dirit-
to risarcibile iure haereditatis, sul rilievo che la vita sia esposta a molti rischi nell’esistenza quotidiana
e che l’incertezza che grava sull’evoluzione delle condizioni di salute nella vita di ognuno impedisca
di dare ingresso alla proiezione risarcitoria di questo diritto(98).
Nel secondo caso vagliato dalla Cassazione francese, gli eredi di una vittima deceduta a qualche
settimana di distanza dall’incidente avevano ottenuto dalla corte territoriale 30.000€ quale danno
morale e quale danno alla speranza di vita sofferti dalla vittima. La corte ha tenuto fermo il quantum
del risarcimento, limitandone il fondamento al danno morale sofferto per l’angoscia vissuta dalla
vittima nell’intervallo di tempo fra la lesione e il decesso e rifiutando di dare ingresso a voci di danno
sulla perdita di chances di vita(99).
Scrivendone più di mezzo secolo fa, Paul Esmein aveva bollato come «pas realiste» l’idea della per-
dita di chances di vita, ritenendo che qualora la vittima sopravviva subendo quale conseguenza della
lesione ricevuta la prospettiva di vivere una vita più breve nessuna somma danaro possa compensare
la riduzione della prospettiva di vita in sé. La legge – continuava il civilista francese – deve in tal caso
limitarsi attribuire al danneggiato, mercé una somma di danaro, una compensazione per il deterio-
ramento delle condizioni di vita subite per il tempo nel quale la vittima vivrà. È questo l’unico scopo
perseguibile se si adotta una prospettiva che ponga un ideale compensativo a base del risarcimento.
Ma, quando la vittima muoia in conseguenza dell’illecito, quale valore è possibile attribuire alla som-
ma di danaro concessa in linea successoria agli eredi della vittima se si adotta l’intento dichiarato di

(96) Cass. Crim., 5 ottobre 2010, n° 09-87.385.


(97) Il primo è Cass. Crim., 26 marzo 2013, n° 12-82.600, F-B+B (ampiamente commentato dalla dottrina francese: Dalloz, 2013,
1064; Dalloz, 2013, 1993, con osservazioni di J. Pradel; Juris Classeur Périodique, 2013, n° 531, con oss. di J. Bourdoiseau; Juris Classeur
Périodique, 2013, n° 675, con nota di D. Bakouche; Responsabilité civil et assurances, 2013, comm. 167, con oss. di L. Bloch; Gazette du
Palais 21-22 giugno 2013, con oss. di C. Bernfeld). Il secondo è Cass. Civ., 2e, 18 aprile 2013, n° 12-18.199, F-D, in Responsabilité civil et
assurances, 2013, comm. 167, con oss. di L. Bloch; Gazette du Palais 21-22 giugno 2013, con oss. di D. Arcadio e S. Boyer Chammard.
(98) La dottrina transalpina ha formulato seri dubbi sulla tesi veicolata dall’espressione «perte de chances de suivi or de vie», ri-
tenuta foriera di confusione concettuale con il diverso tema della «perte de chance de guarison» comunemente accolto nella prassi
giurisprudenziale della responsabilità medica francese. L’argomento incontra un ostacolo di ordine logico se si tenta di considerare
nella sua autonomia il danno provocato da una vita interrotta guardando a quella che sarebbe stata l’ipotetica esistenza residua della
vittima rispetto alla durata della vita media di un uomo o di una donna secondo le statiche demografiche, per poi tentare di con-
cretizzare questa concezione del danno con un parametro di calcolo agganciato alla lesione della salute, che, invece, presuppone la
permanenza in vita del soggetto menomato e si serve dell’aspettativa di vita solo per risolvere un problema di computo di un danno
futuro. In questo senso, salute e vita mostrano di non poter essere sovrapposte nel meccanismo risarcitorio escogitato da chi vorrebbe
attribuire respiro risarcitorio alla perdita di speranza di vita. Né, per converso, sarebbe ammissibile nel diritto francese pervenire a
riconoscere e computare questo danno come espressione di un danno in re ipsa, come osserva P. Jourdain, Préjudice d’angoisse ou
perte d’une chance de vie? Deux nouveaux arrêts sur la douleur morale ressentie par le blessé dont la mort est imminente, in Revue
trimestrelle de droit civil, 2013, 614: «l’atteinte à la vie par réduction de sa durée représente certes une lésion, un dommage, comme
toute autre atteinte à l’intégrité physique. Mais on peut estimer que ce sont les conséquences préjudiciables de cette lésion qui sont
réparables, non la lésion elle-même».
(99) Cass. Civ. 2e, 18 aprile 2013, n° 12-18.199.

914 

FORO_979_Studi_PARDOLESI_2018_1.indb 914 05/10/18 11:14


Umberto Izzo

compensare l’abbreviazione della vita di quest’ultimo? Per gli eredi qualsiasi somma concessa a tale
titolo sarebbe un puro profitto, privo di giustificazione perché il danno che in tal caso sarebbe risarcito
resterebbe a loro estraneo»(100).
La seconda direttiva risarcitoria concessa a chi sopravvive alla vittima passa attraverso la già ricor-
data concezione del danno par ricochet. Il novero dei soggetti attivamente legittimati a questa azione
può non corrispondere agli eredi della vittima. La giurisprudenza francese – ben prima che si diffon-
dessero sensibilità legislative per la tutela risarcitoria dei conviventi - è stata fra le prime a riconoscere
che la condizione di concubinage ammetta il convivente a reclamare in giudizio il danno patrimoniale
e non subito con la perdita della persona con la quale era possibile dimostrare di aver intrattenuto una
relazione personale di condivisione di vita, non necessariamente evidenziata dalla coabitazione. Che
l’azione spettasse solo ai familiari e al coniuge dell’ucciso è una posizione abbondonata dalla Cassa-
zione francese fin da un grand arrêt della corte risalente al 1970(101). Da allora in poi è ius receptum
che le vittime secondarie dell’illecito che abbia posto fine alla vita di un uomo possano reclamare in
giudizio i danni, patrimoniali e non, conseguiti alla perdita del soggetto col quale intrattenevano una
relazione giuridicamente rilevante(102).
In conclusione, anche la Francia applica la quarta legge della protezione della vita.

5. (Libere) considerazioni sul dibattito italiano: le scelte della storia


e la perdita della vita come «danno relazionale»

Nel primo paragrafo si sono ricordati gli essenziali riferimenti giurisprudenziali e dottrinali che han-
no alimentato un dibattito su un tema che anche in Italia (come in Inghilterra, sebbene con un deca-
lage riflettente il ben diverso gradiente di sviluppo tecnologico conosciuto dai due paesi nella storia
contemporanea) ha avuto modo di conformarsi sul piano giurisprudenziale nel segno della vigenza
della quarta legge della tutela della vita umana.
Motore metagiuridico di questo assetto una casistica giurisprudenziale che nella Modernità inve-
stiva le corti per effetto del manifestarsi dello “spirito maligno” della responsabilità civile: l’insorgere
seriale di occasioni nelle quali la vita umana veniva istantaneamente distrutta mettendo a frutto la
tecnologia, nello stesso frangente in cui quest’ultima poneva prometeicamente i suoi benefici a dispo-
sizione di fasce sempre più ampie della società.
L’istanza compensativa che in quest’ottica veniva sottoposta alla giustizia civile in termini inediti
rispetto al passato era quella di chi, con la morte dell’ucciso, perdeva il modo di sostentarsi, in un tem-
po in cui la sicurezza sociale era ancora lontana dall’esprimersi nelle forme che sarebbero state messe
a punto nel corso del Novecento.
La nuova domanda posta al sistema, il bisogno di tutela espresso dalla società del tempo, dopo
secoli nei quali il diritto penale aveva esercitato una signoria indiscussa sulla protezione della vita con
gli strumenti anche assai afflittivi di cui esso era costitutivamente dotato (basti por mente alla più an-
cestrale sanzione ritorsiva legata alla perdita di una vita, quella di infliggere la perdita della vita anche

(100) Così, traducendo Esmein, Le prix d’une espérance de vie, cit., 153.
(101) Cass. Ch. Miste, 27 febbraio 1970, in Revue trimestrelle de droit civil, 1970, con oss. di G. Durry.
(102) Il catalogo dei legittimati all’azione risarcitoria iure proprio in Francia è aperto a tutti i soggetti che possano dimostrare di
aver intrattenuto una relazione personale giuridicamente rilevante con la vittima dell’illecito, Cass., 2e civ., 16 aprile 1996, in Dalloz,
1997, somm. 31, con oss. di P. Jourdain. Nel tempo questa legittimazione attiva è stata riconosciuta a un novero sempre più esteso
di soggetti: dal coniuge e i familiari conviventi, ai nonni e ai nipoti, ai figli dei propri fratelli, alla fidanzata, al proprio tutore, a un
bambino al quale la vittima aveva di mostrato di tenere, provvedendo ai suoi bisogni, alla tata d’infanzia, alla governante di un eccle-
siastico, si veda per i riferimenti giurisprudenziali P. Le Torneau, Droit de la responsabilitè et de contrats, cit., 450.

 915

FORO_979_Studi_PARDOLESI_2018_1.indb 915 05/10/18 11:14


La perdita della vita come danno relazionale: analisi storico-comparativa

all’uccisore), premeva con forza in una direzione unitaria: ripristinare il sostentamento di quanti con
l’uccisione quel sostentamento perdevano.
In una sintesi estrema (e ci si auspica: ordinante) imposta dall’impossibilità di riassumere sul piano
tecnico, come converrebbe in questa sede, i tanti argomenti di dettaglio che alimentano un risalente e
ricorrente stato di insoddisfazione per la soluzione accolta e tutt’oggi tenuta ferma dalla nostra giuri-
sprudenza di legittimità – per i quali si rinvia agli scritti degli autori italiani citati nel primo paragrafo
di questa riflessione – tali argomenti possono essere raccolti in tre macro-categorie argomentativa-
mente comunicanti.
La prima categoria – macroscopica e immediatamente evidente anche a un non addetto ai lavori –
raccoglie le critiche che a essa fanno riferimento sotto l’indignazione aporetica procurata dal consta-
tare che la quarta legge della protezione vita umana nega effettività alla seconda legge della protezione
della vita umana(103).
La seconda contesta il fondamento dogmatico del diniego tradizionalmente opposto alla proposta
di dar credito alla sequenza lesione↔danno↔morte↔avvio del fenomeno successorio, e invoca il
superamento (o almeno una deroga straordinaria all’effettività) dell’anatema sistemico pronunciato
esattamente dieci anni fa dalle sezioni unite – impegnate a mantenere il sistema italico della risarcibi-
lità del danno non patrimoniale – all’indirizzo della possibilità di convalidare l’idea del danno-evento
o del danno in re ipsa che dir si voglia(104).
La terza guarda esplicitamente alle funzioni (o, come oggi si suol dire, con il lungamente atteso e
infine concesso avallo dei giudici di legittimità: alla natura polifunzionale) della responsabilità civile.
Essa sottende in qualche misura un ritorno alla dimensione pubblicistica della tutela implicata dalla
prima legge della tutela della vita attraverso il medium di una reazione – il rimedio del danno – che
però finisce ontologicamente per «privatizzare» il precipitato concreto della risposta rimediale che per
questa via si vorrebbe consentire al diritto privato di allestire, mettendosi finalmente in asse con la
seconda legge(105).
Questa categoria argomentativa si nutre di consapevolezze predicate con varietà e ricchezza di
accenti dall’analisi economica del diritto e non si mostra aliena alla tentazione di evocare suggestioni
tratte in modo esplicito dalla terza legge(106). Spunti che possono rendersi disponibili al piano del di-

(103) Indignazione che percorre sottotraccia il quesito retorico proposto, da ultimo, da A. Palmieri, R. Pardolesi, Diritto alla vita
(da carte europee), danno da morte, in Foro it., 2016, I, 3439: «il diritto alla vita, esplicitamente consacrato e protetto dalla Interna-
tional Human Rights Law (nel cui ambito occupa un posto di assoluta preminenza), va preso sul serio nell’ordinamento italiano,
traendone le debite conseguenze anche relativamente alla conformazione dell’apparato rimediale da far scattare in caso di soppres-
sione del bene tutelato? Oppure, malgrado il suo substrato, finisce con l’assumere, per il giurista municipale, le sembianze di una
nobile dichiarazione di principio (per chi si pone in quest’ottica, rafforzativa, se non proprio confermativa, di qualcosa che sarebbe
già insito nel sistema: l’omicidio è sanzionato penalmente, il reato obbliga chi l’ha commesso alla riparazione, e via discorrendo), con
una valenza concreta circoscritta?».
(104) Interessante, in quest’ottica, e meritevole di riflessioni che qui non possono svolgersi, la generale veduta ricostruttiva propo-
sta da T. Pellegrini, Danno conseguenza e danno non patrimoniale. Spunti di ricostruzione sistematica, in Europa e dir. priv., 2016, 455.
(105) Condivisibile da questo punto di vista il rilievo di chi ha osservato, nel commentare il temporaneo revirement del 2014: «il
problema della funzione del risarcimento di questo danno, definita da Cass. 1361/04, compensativa, ma forse più propriamente su-
scettibile di essere qualificata come simbolica, [è] nel senso che la condanna risarcitoria intende in questo caso ripristinare, sia pure
con il mezzo inadeguato dell’attribuzione di una somma di denaro, il valore della persona, che l’evento lesivo con effetti letali aveva
azzerato», così C. Scognamiglio, Il danno da perdita della vita e le funzioni del risarcimento del danno non patrimoniale, cit., 608.
(106) S.V. Smith, Hedonic Damages in Personal Injury and Wrongful Death, in R.T. Kaufman, J.D. Rodgers, G.D. Martin (eds.), Eco-
nomic Foundation of Injury and Death Damages, Northampton, Edward Elgar, 2005; M. Geistfeld, Reconciling Cost-Benefit Analysis
with the Principle that Safety Matters more than Money, 76 New York University Law Review 114 (2001); M. W. Jones-Lee, The Safety
and Saving of Life: The Economics of Safety and Physical Risk, in L. S. Glaister (ed.), Cost Benefit Analysis, Cambridge, Cambridge
University Press, 1994, 291, 642; D.C. Taylor, Your Money Or Your Life?: Thinking About The Use Of Willingness-To-Pay Studies To
Calculate Hedonic Damages, 51 Washington & Lee Law Review 1519 (1994). Era trascorso appena un anno dall’uscita del film manife-
sto dell’era reaganiana (Wall Street, Oliver Stone, 1988) quando il Wall Street Journal, con un articolo intitolato «Hedonic Damages»
pubblicato il 12 dicembre 1988, fece conoscere al grande pubblico statunitense le fortune che stavano arridendo – e non solo in ter-
mini di notorietà – a Stan Vernon Smith, un economista campione della forensic economics, che, in veste di consulente dell’attore, in
Sherrod v Berry, cit., aveva saputo convincere la giuria della bontà del metodo di computo di questa voce di danno da lui proposto e
che da allora in poi aveva cominciato a macinare miglia, assoldato da avvocati che se lo contendevano ai quattro angoli degli States.

916 

FORO_979_Studi_PARDOLESI_2018_1.indb 916 05/10/18 11:14


Umberto Izzo

scorso seguito da questa linea di pensiero(107), quando chi ne è fautore si avventura nella terra incognita
che il suo modo di vedere le cose prospetta all’interprete, nella misura in cui, eleggendo la dimensione
preventivo-sanzionatrice a unica stella polare del dispositivo risarcitorio di cui è invocata l’adozione,
diventa impossibile sottrarsi al compito di risolvere il rompicapo di dare misura a quel quid che la
responsabilità civile, sottrarrebbe a un patrimonio per assegnarlo ad un altro in una pura logica di
deterrenza.
L’argomento della deterrenza è in ogni caso messo in chiaro e rivendicato a tutto tondo in questo
modo di argomentare in pro alla risarcibilità del danno tanatologico iure hereditatis. Non è pensabile
– si dice – che il diritto privato resti – oltre che sordo alla seconda legge – «figlio di un Dio minore»
nell’assistere inerte all’esplicarsi della prima legge della tutela della vita. Da alcuni si sottolinea (e
non senza un fumus di ragione) che la prospettiva di dover far fronte a una più cospicua condanna
risarcitoria può oggi apparire decisamente più minacciosa rispetto all’applicazione di una tutela pe-
nale la cui effettività – almeno per quanto riguarda l’omicidio colposo – può essere ritenuta – a conti
fatti (e nell’ipotesi non si tratterebbe di una frase di maniera, perché è proprio facendo di conto che il
consociato valuterebbe preventivamente le conseguenze delle sue azioni od omissioni) – meno afflit-
tiva dell’ipotesi di dover subire fino in fondo le pesanti conseguenze civilistiche discendenti dall’aver
procurato la distruzione di una vita (ma vedi, in direzione contraria a questo argomento, la recente
introduzione del reato di omicidio stradale, con l’inasprimento edittale così recato).
Certo, prendendo sul serio questo argomento, qualcuno – dall’alto della sua superiore competen-
za nell’elaborazione delle scelte collettive di difesa sociale e politica criminale – potrebbe di nuovo
tentare di superare il civilista sulla fascia, opinando che, a voler condividere questo obiettivo ideale,
basterebbe determinarsi a modificare l’art. 25-septies del D.lgs. 231/2001 – oggi rubricato «Omicidio
colposo o lesioni gravi o gravissime commesse con violazione delle norme sulla tutela della salute e
sicurezza sul lavoro» – nel segno di un semplice richiamo all’art. 589 c.p. non diversamente qualificato
(o ulteriormente qualificato in modo selettivo, ma espansivo), onde inserirlo fra i c.d. reati presuppo-
sto. Quelli che attivano una normativa che nel volgere degli anni continua a conquistare nuovi spazi
applicativi nella realtà forense (al traino dell’infittimento progressivo della lista di tali reati, che ac-
cendono la reazione afflittiva dello Stato per il tramite del medium pecuniario, oltre che di ancor più
temute sanzioni interdittive), senza che di norma, di fronte al compiersi di questo processo, il civilista
si avveda col giusto gradiente di preoccupazione di come il diritto penale, fra schemi di giustizia ri-
parativa e «231», stia silenziosamente sottraendo al diritto civile la competenza ad amministrare ciò
che in una latissima allusione si può (prendere la licenza di) definire l’enforcement delle regole che
orientano i consociati verso comportamenti conformi alla legge.
Certo, in quello scenario a rispondere sarebbero solo le persone giuridiche. Che però, guarda caso,
sono quelle dotate delle vere tasche profonde, sempre che non ci si voglia intestardire nella missione
modernamente taglionesca di estorcere, con ancestrale e pugnace spirito sassone, la c.d. blood money
dal «corpo patrimoniale» della persona fisica del responsabile(108). Ma questo, in fondo, sarebbe un

Per una conferma che ogni domanda di mercato genera reazioni ferocemente competitive sul piano dell’offerta, T.R Ireland, Hedonic
Damages as Economic Junk Science – Defending Against Claims to Measure Lost Pleasure of Life, Loss of Society and Other Intangibles
(2006), in rete: http://www.umsl.edu/~irelandt/working.html.
(107) R. Cooter, U., Mattei, P.G. Monateri, R. Pardolesi, T. Ulen, Il mercato delle regole, II, Applicazioni, Bologna, 2006, 192 ss.
(108) A dire il vero, di «blood money» nella modernità si è tornato a parlare per distinguere il risarcimento che l’attore ottiene di
prelevare direttamente dal patrimonio del convenuto, per distinguerlo dai casi – di gran lunga più consueti – nei quali il risarcimento
viene erogato dall’assicuratore del danneggiato, T. Baker, Blood Money, New Money, and the Moral Economy of Tort Law in Action,
35 Law & Society Review 275, 281 ss. (2001). Proprio alla luce della circostanza che il risarcimento per la perdita della vita istanta-
nea verrebbe inserito nella triangolazione assicurativa che anche in Italia finisce per amministrare in concreto l’esito risarcitorio,
la prospettiva della deterrenza rivelerebbe – a dispetto della deterrenza debole assicurata dai meccanismi di bonus-malus propri
dell’assicurazione contro la responsabilità civile - ulteriori motivi per essere incanalata nell’alveo della responsabilità penale degli

 917

FORO_979_Studi_PARDOLESI_2018_1.indb 917 05/10/18 11:14


La perdita della vita come danno relazionale: analisi storico-comparativa

modo per inserire lo spirito arcaico del deodando nel tessuto di un dispositivo giuridico costruito ab
imis prestando spasmodica attenzione alla precauzione, con i suoi rituali organizzativi da aggiornare,
divulgare, implementare e documentare. Soprattutto, in tal modo le somme tornerebbero a essere in-
camerate all’originario custode della prosperità e della sicurezza dei consociati, che ieri era il Re e oggi
è lo Stato, senza attendere la rarissima successione legittima oltre il sesto grado.
E a proposito di enforcement, anzi, di private enforcement. È noto l’argomento che nel volgere di
pochi lustri ha gonfiato le vele di questo intrigante mantra contemporaneo del diritto antitrust, e che
ne predicherebbe l’estensione ad altri campi del diritto (si pensi, per fare un esempio caro a chi scrive,
al diritto alimentare) bisognosi di essere confortati dalla prospettiva di un diritto civile capace, anche
grazie all’«E pluribus unum» processuale istituito dalle azioni collettive, di supplire al deficit di effet-
tività delle regole pubblicistiche e dei loro apparati di controllo e sanzione, resi sempre più incapaci –
perché sorvegliare e punire costa troppo alla mano pubblica, oggi più che mai – di servirsi di qualcosa
che assomigli al leggendario panopticon benthamiano. Sono le piccole cose che sfuggono e cagionano
underdeterrence sistematica, quando sono tante, ripetute e quando in fondo sembrano suscitare poco
allarme, proprio perché piccole e a volte microscopiche, pur rivelandosi – se misurate su scala aggre-
gata – una formidabile fonte di inefficienza per il sistema economico. E appare giusto, anzi davvero
salvifico, che in uno scenario di questo tipo il diritto civile entri muscolarmente sulla scena, riven-
dicando la sua virtuosa capacità di garantire un enforcement diffuso perché costitutivamente dotato
delle sensibilissime antenne che il medium della effettività risarcitoria – la pecunia - sa far drizzare nei
consociati (e nei loro avvocati).
Sotto questo profilo, però, le cose cambiano non poco quando la deterrenza e la virtuosità conna-
turata all’esercizio del private enforcement si misurano con cose che tanto piccole poi non sono.
Chi potrebbe sostenere che una morte istantanea passi inosservata, praticamente undetected dal
sistema della giustizia? La morte di un uomo è sempre un fatto eclatante, e il mancato esercizio della
deterrenza che la prima legge della vita in tali casi sollecita d’ufficio a esercitare si lega esclusivamente
alla circostanza che il responsabile dell’uccisione si renda volontariamente irreperibile od occulti le
prove della sua colpevolezza (e tali evenienze sembrerebbe potersi dire che ricorrano più di frequente
nelle ipotesi di omicidio volontario, che per fortuna numericamente restano una frazione assai ridotta
dei casi di omicidio colposo che hanno modo di verificarsi ogni anno nelle società umane – almeno
quando essi vivano in tempo di pace). Mentre i subdoli decessi determinati da processi eziologici
lungolatenti, potenzialmente ascrivibili alla responsabilità giuridica di qualcuno, si collocano – per
definizione – fuori dal tema di cui si sta discorrendo, nel quale l’evento lesivo e il danno da morte
tendono a essere pressoché contestuali.
Insomma, si fa largo, a fronte delle osservazioni svolte in una forma volutamente libera in questo
tratto finale del discorso qui seguito, che l’obiettivo di «privatizzare il deodando», con l’appello alla
deterrenza, sia un compito a un tempo (strategicamente) pericoloso e (sostanzialmente) mistificatorio.
Pericoloso, perché così facendo il civilista rischia di vedersi ancora una volta sottrarre sfere di
enforcement delle regole, che potrebbero finire per essere dirottate a beneficio dei cultori della prima
legge della protezione della vita umana, i quali da tempo hanno imparato a valorizzare, nell’ambito del
proprio naturale orizzonte di riflessione ed azione, l’impiego di misure afflittive alternative a quelle
che il processo penale era solito amministrare nella sua antichissima tradizione (osservazione che –
detta in altro modo – si rispecchia nelle sorti, magnifiche e progressive, conosciute negli ultimi lustri
dalle applicazioni del diritto penale dell’economia).

enti, essendo il pagamento delle quote corrispondenti alla sanzione pecuniaria comminata in base a questo dispositivo sottratto
all’operatività dell’ombrello assicurativo.

918 

FORO_979_Studi_PARDOLESI_2018_1.indb 918 05/10/18 11:14


Umberto Izzo

Mistificatorio, perché alla prova dei fatti, lo slancio ideale, esibito dai paladini della necessità che la
deterrenza induca a sciogliere le vele imbrigliate della quarta legge della protezione della vita, produce
un risultato che – come accade quante volte un patrimonio si restringe incrementandone un altro –
determina un arricchimento nel patrimonio di destinazione, con effetti che potranno pure seguitare
a essere teorizzati, giustificati e computati in nome della deterrenza, ma che, una volta giunti a desti-
nazione, sono liberi di assumere le più disparate valenze per i titolari dei patrimoni di destinazione:
satisfattive, compensative e in qualche caso, persino puramente (e casualmente) accrescitive, nel segno
di quella modalità fuzzy di distribuire la ricchezza che le rigide geometrie della successione legittima
non è escluso possa finire per agevolare.
E allora: ammettiamolo, o quantomeno, proviamo a farlo. Se la morte istantanea ha effetti esi-
ziali per il soggetto che la subisce, essa non è meno esiziale per il tentativo di rivendicare una natura
polifunzionale alla responsabilità civile. Perché – a meno di non costruire na maneira portuguesa
un circuito allocativo del danno da morte che si autonomizzi dalle ordinarie geometrie distributive
successorie, finendo per costruire griglie di beneficiari che in definitiva tendano a sovrapporsi, se non
a coincidere, con le schiere dei legittimati al danno da morte iure proprio(109), ma così rassegnandosi
a veder tornare la palla nel campo del tormentato circuito deliberativo della democrazia (che il dirit-
to continua a farlo, senza potergli dare vita autonoma) – la morte istantanea scevera le funzioni del
rimedio che il diritto civile può somministrare alla distruzione del valore declamato dalla seconda
legge della protezione della vita, creando un cortocircuito non emendabile fra ciò che si afferma che
in teoria la responsabilità civile avrebbe la possibilità di assecondare e ciò che la responsabilità civile
finirebbe concretamente per realizzare. Nella consapevolezza, peraltro, che il dispositivo della tute-
la penale sarebbe pronto a candidarsi quale interprete ideale di un’invocazione che davvero sapesse
convincere della necessità di rievocare una volta di più lo spirito del deodando dal suo antico sepolcro
storico (evidentemente non sigillato abbastanza).
C’è della saggezza nell’evolversi della storia che, a volte, noi contemporanei fatichiamo a coglie-
re? Forse sì. Ed è per questo, probabilmente, che la quarta legge della protezione della vita ha finito
per privilegiare il valore relazionale della vita umana. Un uomo ricco, direbbero antiche massime, è
un uomo che nel corso della sua parentesi terrena ha seminato, istituito e conservato fino all’ultimo
relazioni con altri suoi simili. Quelle stesse relazioni che, al momento della sua uscita di scena, ne
perpetueranno, in qualche modo, il cammino compiuto su questa terra. Anche sul piano risarcitorio,
quello destinato a compensare quella «ricchezza» che la perdita istantanea della vita dell’ucciso ha
improvvisamente azzerato.
Vuoi a vedere che, delle quattro leggi fondamentali della tutela della vita, la legge distillata e tutt’o-
ra tenuta ferma dal diritto privato è – di gran lunga – la più nobile di tutte?

(109) Mostrava sensibilità a questo tema, ma su sponde argomentative opposte a quelle qui seguite, la professione di sano realismo
di Caso, Uccidere è più conveniente che ferire?, cit., il quale, a proposito degli effetti cumulativi capaci di prodursi ammettendo il dan-
no tanatologico da morte istantanea, osservava: «[Sul piano della politica del diritto conta la misura complessiva del risarcimento»
(ivi, 208).

 919

FORO_979_Studi_PARDOLESI_2018_1.indb 919 05/10/18 11:14