Sei sulla pagina 1di 2

Landini-aprile.qxp 11/04/2012 12.

00 Pagina 306

RIVISTE & RIVISTE

Ottimismo benefico & splendore critico


«L’essenza dell’ottimismo non è ca dell’Università di Milano-Bi-
soltanto guardare al di là della si- cocca, il Centro di Ematologia Pe-
tuazione presente, ma è una forza diatrica. Tra gli anni ’80 e oggi
vitale, la forza di sperare quando 2.000 i giovani pazienti curati dal
gli altri si rassegnano, la forza di Centro e guariti raggiungono il nu-
tenere alta la testa quando sembra mero di oltre 1.000, con oltre 400
che tutto fallisca, la forza di sop- giovani che hanno ormai superato
portare gli insuccessi, una forza l’età di 18 anni, sono diventati
che non lascia mai il futuro agli av- adulti e stanno affrontando, come
versari, il futuro lo rivendica a sé». tutti i loro coetanei, i problemi del-
Parola di Dietrich Bonhoeffer, il la vita. Stiamo, questa volta, facen-
teologo luterano tedesco, protago- do, lo si sarà capito, un giornali-
nista della resistenza al Nazismo, smo propriamente etico, il cui
impiccato nel campo di concentra- obiettivo è non solo quello di in-
mento di Flossenbürg all’alba del formare parlando, come noi fac-
9 aprile 1945, pochi giorni prima ciamo da tempo in questa rubrica,
della fine della guerra. Lo cita An- di carta stampata, massime di
drea Biondi, medico di fama, do- quella periodica; ma anche, e vor-
cente di pediatria in forze all’Uni- ga cerca di prevenire e risolvere i remmo dire soprattutto, di far co-
versità di Milano Bicocca, nell’e- problemi dei genitori, «dà una ma- noscere al lettore le cose buone
ditoriale che apre un numero re- no, e accompagna la famiglia nel che accadono a sua insaputa, senza
cente del Notiziario del Comitato lungo percorso verso la guarigio- che egli ne sia al corrente (le noti-
Maria Letizia Verga (A. Biondi, ne». Coordinare le attività di repar- zie dei media sono in genere quel-
Continuare a guardare avanti, n. to, programmare la psicologia del le riferibili a disastri, delitti, furti,
64, dic. 2010, p. 1), organo seme- trattamento, seguire la guarigione stupri, rapine, scandali politici e fi-
strale dell’omonimo comitato «per psicofisica del bambino, cercare di nanziari); e di metterlo in grado,
lo studio e la cura della leucemia migliorare gli spazi di degenza e le una volta che esse notizie siano da
del bambino» presso la Clinica pe- attrezzature sanitarie, promuovere lui conosciute, di contribuire a sua
diatrica dell’Ospedale San Gerar- la ricerca, informare la gente affin- volta alla loro diffusione («bonum
do a Monza, affiliato al Diparti- ché ai piccoli pazienti vengano ga- diffusivum sui») e al consolida-
mento di cui Biondi è il responsa- rantite le migliori cure e qualità di mento delle iniziative meritorie di
bile. Il Comitato Maria Letizia vita durante la malattia, consentire cui si parla: in forma vuoi di vo-
Verga per la cura e lo studio della ai medici, più o meno giovani, di lontariato, vuoi di contribuzione
leucemia del bambino, fondato nel partecipare a congressi, stage all’e- diretta o indiretta, con denaro o in
1979, riunisce genitori, amici e stero, borse di studio: tutto questo altra forma. In parole povere, o qui
operatori sanitari con l’obiettivo di fa parte del ventaglio di obiettivi noi andremo di persona a fare ope-
offrire ai bambini ammalati di leu- che il Comitato si prefigge. Fra i ra di concreta solidarietà, parteci-
cemia l’assistenza medica e psico- quali è il reperimento di risorse da pando attivamente e in proprio al-
sociale più qualificata al fine di ga- investire nella creazione di struttu- l’importante iniziativa di cui si è
rantire loro le più elevate possibili- re adeguate in un’organizzazione riferito o, se impossibilitati a farlo,
tà di guarigione e la miglior quali- multidisciplinare con forte atten- se impediti nell’atto di rimboccar-
tà di vita. Quando in una famiglia zione ai problemi psico-sociali, al- ci le maniche, metteremo però ma-
arriva la notizia che il proprio fi- la ricerca, alla formazione di gio- no al nostro portamonete e sarà
glio ha la leucemia, si legge nel si- vani pediatri-ematologi. Punti di questo il segno tangibile della no-
to dell’Associazione, «ci si vede riferimento di assoluta eccellenza stra discreta presenza accanto a
cadere il mondo addosso». Orbe- restano l’Ospedale San Gerardo di tanti bimbi così atrocemente pro-
ne, il Comitato Maria Letizia Ver- Monza, la nuova Clinica Pediatri- vati, ancora in tenera età, da una
306
Landini-aprile.qxp 11/04/2012 12.00 Pagina 307

sofferenza inaudita. In un modo o pri: una sfida, una scommessa di


nell’altro saremo al loro capezzale cui il risultato si attende» (E. Buh-
e tenderemo loro le nostre mani. ne, Democratizzazione del sapere,
Mani magari grassocce, unte, su- in «La Rivisteria», 99, sett.-ott.
date, sporche, impastate ancora 2000). Gillo Dorfles, il cui punto
dell’inchiostro con cui si stampano di vista stentiamo spesso a condi-
le banconote. Mani indegne, dalle videre, la definisce «una rivista eli-
quali tutto uno si aspetterebbe taria, che troppo pochi conosco-
tranne che una buona azione. Ma no». D’accordo sull’ultima affer-
almeno sarà un bel gesto e questo mazione, un po’ meno sulla prima.
gesto, siatene certi, servirà a qual- Il numero 22 di Ágalma è dedicato
cosa. Dimenticavamo quasi di par- al tema del divismo e anti-divi-
lare del Notiziario. Ma sì, sono 34 smo. Nell’editoriale che inaugura
pagine interamente a colori, senza questo numero della rivista (edito-
neppure un’ombra di pubblicità. Si riale che ha per titolo Tutti divi,
parla di news terapeutiche, di nuo- nessun divo) Perniola analizza la
vi farmaci. Nel numero ultimo (di- demeritocrazia che pervade, a tut-
cembre 2011) un servizio sull’im- ti i livelli, l’odierna società del gla-
portanza dell’affetto nella gestione morous, dell’immagine, dello spet-
dei pazienti, e non solo di quelli in Mann a Carducci, da Spinoza a tacolo, e che è figlia del ’68: la
età pediatrica (R. Magrosso, Anche Lukács per dimostrare come il re- confusione tra autoritarismo e au-
l’amore, quello vero, è terapia, pp. taggio della Klassik avesse per- torevolezza, scrive Perniola, «il vi-
10-11) e uno sulla prevenzione meato (e continui a permeare) il talismo che considera la spontanei-
delle complicanze infettive (A. pensiero della modernità; ma lo ci- tà un valore in sé, l’avversione nei
Biondi, Il rischio infezioni nel mi- tiamo, in questa sede, come fonda- confronti delle istituzioni, l’indivi-
rino, p. 21). tore di una casa editrice fra le più dualismo senza freni, nonché l’o-
curiose e valevoli nell’odierno pa- stilità per le prove di grandezza
La «bellezza» norama editoriale. Nel catalogo, che vengono sistematicamente so-
ampio e articolato, figura anche stituite da prove di forza», sono
di Omero una bella rivista semestrale dal ti- tutti sintomi e spie del livello di
tolo sibillino, Ágalma, «ornamen- abiezione anzitutto morale, e solo
La casa editrice Mìmesis di Mila- to» nella lingua di Omero, ma an- in un secondo tempo estetica, rag-
no ha un malin génie d’eccezione, che «splendore» o «bellezza», con giunto (verso il basso) dall’odierna
si tratta del filosofo e studioso di l’accento rigorosamente sulla pri- società dell’immagine. La stessa
estetica al quale si deve un saggio ma sillaba, dapprima pubblicata da paupertas animi di Sanremo e de-
curioso intitolato L’opera d’arte Castelvecchi, passata poi a Melte- gli sproloqui catodici di Celenta-
nell’età della falsificazione, lavoro mi, approdata infine a Mìmesis. no, sempre la stessa che a suo tem-
di indubbia importanza per lo stu- Dirige la rivista, giunta ormai al po fece del povero Alfredino Ram-
dio del plagio, della contaminazio- numero 22 e al suo duodecimo an- pi, la giovanissima vittima del
ne, ma anche della copia dolosa, in no di vita, Mario Perniola, ordina- pozzo di Vermicino, il primo vero
tutte le sue forme e manifestazioni rio di Estetica presso il Diparti- martire mediatico.
possibili, al di là del caso singolo mento di Ricerche filosofiche del-
rappresentato da Han van Meege- l’Università di Roma «Tor Verga- Carlo Alessandro Landini
ren, il più noto falsario del XX se- ta». Quattro le parole d’ordine che
colo, l’inimitabile alias di Ver- riassumono il manifesto di fonda-
Il Notiziario del Comitato Maria Letizia
meer. Di Pierre Dalla Vigna, stu- zione di Ágalma, definito ora la Verga si riceve in abbonamento postale.
dioso di storia delle religioni, già «filosofia critica di Internet», ora Telefonare, per informazioni, al numero
docente di Estetica presso la Fa- «l’economia dei beni simbolici», 039-2333526. Oppure scrivere una mail
coltà di Conservazione dei Beni ora «l’inconscio delle culture», all’indirizzo postale: info@comitatoma-
Culturali dell’Università di Bolo- ora, infine, «il punto d’incontro tra rialetiziaverga.org. Per chi vuole aiutare,
il c.c.p. 14172209 è a disposizione dei
gna, ricorderemo un prezioso in- le modernità e i rituali». Ágalma bene intenzionati. Un numero di Ágalma
tervento (Metamorfosi e stili del vuole essere, spiega Elisabetta costa € 14,00. L’abbonamento annuo co-
moderno. Dal neo-cinismo al neo- Buhne, «un tentativo di portare il sta € 25,00 (se studente € 20,00). Versa-
stoicismo) su un vecchio numero nuovo, il diverso nel seno dell’isti- menti sul c.c.p. n. 38372207 intestato ad
di Hiram (genn. 2003, pp. 73-92), tuzione universitaria, pur soffren- «Associazione Culturale Mimesis On-
lus» (via Risorgimento, 33 – 20099 Sesto
intervento che a noi piacque in do delle difficoltà legate all’utiliz- San Giovanni, Milano). Per informazioni
quanto nietzschianamente inattua- zo di linguaggi specialistici in àm- si può chiamare l’Ufficio Abbonamenti
le, il quale spaziava da Thomas biti che non gli sono di natura pro- dell’editore, il numero è 02-89403935.

307