Sei sulla pagina 1di 92

SECONDO MODULO

CAPITOLO N_1
OBIETTIVI

Sapere come trattare le situazioni


pericolose per la vita

2
Morte Cardiaca Improvvisa

Perdita di Coscienza

Arresto
Respiratorio

ARRESTO
CARDIACO

Morte
Clinica
Morte
Biologica
3
Ritmi di Presentazione

FV/TV

FV - Fibrillazione Ventricolare TV - Tachicardia Ventricolare

25%
Altri ritmi

Asistolia PEA
75%
4
In assenza di RCP
la probabilità di successo della defibrillazione
diminuisce rapidamente nel tempo

100
7-10% ogni minuto
90
80
70
60
50
40
30
20
10
1 2 3 4 5 6 7 8 9 1 1
Tempo (min)
5 0 1
6
Trattamento ottimale dell’ACC

(Compressioni Toraciche Esterne)

7
8
* immagine tratta da
Immediato riconoscimento
dell’ACC e attivazione del
Sistema di risposta delle
emergenze

9
RCP precoce
(COMPRESSIONI TORACICHE)

10
Defibrillazione rapida

11
Supporto vitale avanzato efficace

12
Assistenza post-arresto cardiaco
adeguata

13
14
15
Sequenza BLSD
a 2 soccorritori
(azioni svolte anche contemporaneamente)

1. Colpo d’Occhio
2. Sicurezza
Garantisci la sicurezza per te, per l’equipaggio
e per la vittima
3. Coscienza e Respiro
Chiama a voce alta e scuoti gentilmente
la vittima, valutando l’espansione toracica
4. Posizione adeguata
Se incosciente, posiziona la vittima supina
su un piano rigido e allinea gli arti
16
Valuta la
SICUREZZA della SCENA

17
Valuta
COSCIENZA e RESPIRO

18
Valuta RESPIRO

19
Valuta il RESPIRO

Respiro NORMALE Respiro ASSENTE

20
Valuta il RESPIRO

Respiro
ANORMALE
(COMPATIBILE CON ACC)

GASPING (RESPIRO
FREQUENZA da AGONICO): SPORADICI
NORMALE a ELEVATA MOVIMENTI del TORACE,
(>10 volte/minuto) SPESSO ASSOCIATI a
FREQUENTEMENTE MOVIMENTO PARADOSSO
ASSOCIATO a SIBILI, (il torace si solleva mentre
FISCHI, RANTOLI * l’addome si abbassa), con
talora SOLLEVAMENTO
della MANDIBOLA e
PARZIALE PROTRUSIONE
della LINGUA
21
Valuta il RESPIRO

22
vittima INCOSCIENTE
con RESPIRO ASSENTE oppure
ANORMALE COMPATIBILE CON ACC

1. Comunica ACC al resto dell’equipe

2. Posizionala su un piano rigido

3. Inginocchiati a lato della vittima

4. Scoprile il torace quanto basta per le manovre rianimatorie

23
vittima INCOSCIENTE
con RESPIRO ASSENTE oppure
ANORMALE COMPATIBILE CON ACC

APPENA POSSIBILE COMUNICA CON LA SOREU 24


Compressioni Toraciche Esterne
POSIZIONE CORRETTA delle MANI

Posiziona la mano al centro del torace sulla metà


inferiore dello sterno
Appoggia sopra l’altra mano
Intreccia le dita
25
Compressioni Toraciche Esterne

POSIZIONE del SOCCORRITORE

• Braccia perpendicolari al
torace del paziente
• Non piegare i gomiti
• Il fulcro del movimento è il
bacino
• Utilizza il peso del tuo corpo
come forza di compressione

26
Compressioni Toraciche Esterne

27
Compressioni Toraciche Esterne

28
29
30
USO DEL DAE
Preparazione del torace

Se necessario depila
SOLO le aree su cui
vanno applicate le
piastre adesive del DAE

Asciuga rapidamente
TUTTO il torace

31
USO DEL DAE
Posizione degli elettrodi
ANTERO-LATERALE

Sternale: sotto la clavicola destra,


a lato dello sterno

Apicale: centro della piastra


sulla linea ascellare anteriore
all’altezza del 5° spazio
intercostale

32
USO DEL DAE

33
USO DEL DAE
SICUREZZA

34
USO DEL DAE
SICUREZZA

35
USO DEL DAE
SICUREZZA

36
USO DEL DAE

37
IN SINTESI

38
39
APERTURA DELLE VIE AEREE

ESTENSIONE del CAPO e SOLLEVAMENTO del MENTO

APERTURA della
BOCCA
ISPEZIONE VISIVA
del CAVO ORALE

40
PERVIETÀ DELLE VIE AEREE

SVUOTAMENTO CAVO ORALE


SOLO SE SONO EVIDENTI CORPI
ESTRANEI SOLIDI O IN CASO DI STORIA
DI SOSPETTO CORPO ESTRANEO

CONSIDERA
ASPIRATORE

41
VENTILAZIONI

Insuffla un volume sufficiente a sollevare


il torace (500/600 ml - 5-6ml/kg)
DURATA: 1 secondo ognuna
Lascia espirare
Controlla l’efficacia
(ESPANSIONE TORACICA)

42
Ventilazioni
con pallone autoespansibile

Durante la ventilazione

CONTROLLA
L’EFFICACIA
(ESPANSIONE TORACICA)

43
Ventilazioni

O2 aria ambiente: 21% O2 con reservoir: 90%


44
Ventilazioni

• Riempimento di aria nello stomaco


(con rischio di rigurgito, vomito e inalazione)
• Aumento della pressione intratoracica
(con riduzione della perfusione cardiaca)

45
46
SICUREZZA della SCENA

RESPIRO NORMALE COSCIENZA RESPIRO ASSENTE


O ANORMALE e RESPIRO O ANORMALE
(NON COMPATIBILE CON ACC) (COMPATIBILE CON ACC)

VALUTA ABCDE, PARAMETRI INIZIA IMMEDIATAMENTE le CTE,


VITALI e CONTATTA la CHIEDI DAE e CONTATTA la
COEU/SOREU COEU/SOREU *

DAE DAE NON


* CONTATTA LA COEU/SOREU:
DISPONIBILE IMMEDIATAMENTE
1. CONFERMA ACC DISPONIBILE
2. ESITO ANALISI
3. H DESTINAZIONE
PREPARA il APRI le VIE
TORACE e AEREE e VENTILA
EROGA LO SHOCK APPLICA il DAE 2 VOLTE
SHOCK CONSIGLIATO

APERTURA VIE AEREE SHOCK NON CONSENTI


RCP 30:2 CONSIGLIATO ANALISI del DAE RCP 30:2
Algoritmo BLSD

48
EVOLUZIONE

49
EVOLUZIONE

50
51
NEL PAZIENTE IN ACC

52
53
Vittima di TRAUMA in ACC

Apertura delle VIE AEREE


SUB-LUSSAZIONE della
MANDIBOLA

SE NON PUOI RENDERE PERVIE LE VIE AEREE


IN NESSUN ALTRO MODO
EFFETTUA UNA MODICA ESTENSIONE DEL CAPO:
L’ASSENZA DI RESPIRO E’ PEGGIO DEL RISCHIO
DI DANNO AL RACHIDE CERVICALE
54
Vittima di TRAUMA in ACC

55
LA CANNULA OROFARINGEA

Posizionare in caso di
ventilazione difficile
IL SUO POSIZIONAMENTO
NELL’ACC NON DEVE RITARDARE

L’INIZIO DELLE CTE .

56
Supporto alla ventilazione in assenza
di pallone autoespansibile

57
Rapporto RCP/Ventilazioni

quando il PAZIENTE è INTUBATO effettua


le
CTE SENZA INTERRUZIONI
e VENTILA in modo INDIPENDENTE con
frequenza di 8-10 VENTILAZIONI /
MINUTO
(una ogni 6-8 secondi)

58
ACC durante il TRASPORTO
1. FERMA IL MEZZO
2. INIZIA SEQUENZA BLSD
3. CONTATTA SOREU

59
Posizioni ALTERNATIVE
delle placche del DAE

LATERO-LATERALE ANTERO-POSTERIORE
OGNUNA delle POSIZONI è
ACCETTABILE per la DEFIBRILLAZIONE

60
In caso di:

Cerotti farmacologici
Medicazioni

Defibrillatori impiantati
Pacemaker interni
Dispositivi sottocutanei
UTILIZZA UNA DELLE POSIZIONI ALTERNATIVE PER
L’APPLICAZIONE DELLE PIASTRE

61
Modulo

Nastro

Carta magnetica

Batteria

Monitor
Display

Shock

Accensione

Connettore
62
Caratteristiche del DAE

- Possibilità di registrazione ambientale


- Registrazione elettrocardiografica
- Possibilità di Code Summary
- Possibilità di interfaccia con PC per
gestione dati, archivio e VRQ
- Possibilità di feed-back durante la RCP
- Possibilità di attenuare l’energia da erogare
permettendo l’utilizzo di placche uguali
per i pazienti adulti e i pediatrici
(in continua evoluzione…)
63
Controllo del DAE

64
Innovazioni

65
Massaggiatori Automatici

66
67
68
ARRESTO CARDIACO ADULTO
SEQUENZA BLS-D

69
SICUREZZA DELLA SCENA

70
SCENA SICURA

71
Azioni Svolte
CONTEMPORANEAMENTE

72
Sequenza
(con DAE immediatamente disponibile)

73
IMMEDIATE CTE
CHIEDE DAE

74
APPENA POSSIBILE
CONTATTA LA SOREU

75
LIBERA IL TORACE
(SENZA INTERROMPERE le CTE)

76
ACCENDI IL DAE
(SENZA INTERROMPERE le CTE)

77
RADI e ASCIUGA
IL TORACE SE NECESSARIO
(SENZA INTERROMPERE le CTE)

78
APPLICA le PLACCHE ADESIVE

79
APPLICA le PLACCHE ADESIVE
(SENZA INTERROMPE le CTE)

80
INSERISCI IL CONNETTORE
(o PREMI IL TASTO “ANALIZZA”)

81
CONSENTI L’ANALISI
CARICA IN CORSO

82
DURANTE le FASI dI
ANALISI, CARICA, SCARICA

83
EROGA SCARICA

84
RIPRENDI
IMMEDIATAMENTE le CTE

85
APRI le VIE AEREE
(RAPIDA ISPEZIONE VISIVA DEL CAVO ORALE)

86
ESEGUI DUE VENTILAZIONI
(PALLONE AUTOESPANSIBILE + OSSIGENO + RESERVOIRE)

87
VERIFICA l’ESPANSIONE del TORACE
durante le ventilazioni

88
PROSEGUI RCP 30:2

89
CONSENTI la NUOVA ANALISI

90
CONTINUA la RCP 30:2
IN ATTESA DEL SOCCORSO AVANZATO
SEGUI INDICAZIONI COEU/SOREU

91
OPZIONE:
CANNULA ORO-FARINGEA

92