Sei sulla pagina 1di 32

L’UTILIZZO DELLA FORZA RELATIVA E DEI CANALI DI DONCHIAN PER

SOVRAPERFORMARE NEL LUNGO TERMINE UNO SPECIFICO MERCATO

DI RIFERIMENTO
ABSTRACT'

L’UTILIZZO DELLA FORZA RELATIVA E DEI CANALI DI DONCHIAN PER

SOVRAPERFORMARE NEL LUNGO TERMINE UNO SPECIFICO MERCATO

DI RIFERIMENTO

Spesso siamo costretti ad affidarci a costosi fondi a gestione attiva per provare ad

ottenere rendimenti maggiori (possibilmente a parità di rischio) rispetto ad uno specifico

mercato. Altrettanto spesso, i gestori di tali fondi non riescono a raggiungere tali obiettivi

nel lungo termine. All’interno del paper vengono proposte 2 semplici strategie

meccaniche che, sfruttando le potenzialità della forza relativa e dei canali di Donchian,

permettono di sovraperformare nel lungo termine uno specifico mercato di riferimento.

La forza relativa è stata utilizzata come filtro, mentre i breakout dei canali di Donchian

sono stati utilizzati per decidere il timing di ingresso e di uscita dal mercato. Tali

strategie, grazie all’utilizzo di Etf, sono perfettamente replicabili e sono inoltre adattabili

a qualsiasi mercato, settore e titolo azionario. Nell’analisi in questione si è scelto come

riferimento l’indice azionario europeo Stoxx Europe 600. Entrambe le strategie presentate

hanno mostrato risultati incoraggianti riuscendo a generare in 11,5 anni test, maggiori

rendimenti, minori drawdown, minor capitale medio investito e minori tempi di recupero

dei drawdown.

! ii!
INDICE'
1.! INTRODUZIONE'................................................................................................'1!
1.1.! PREMESSA!......................................................................................................................................................!1!
1.2.! LA FORZA RELATIVA!..............................................................................................................................!2!
1.3.! OBIETTIVO!.....................................................................................................................................................!3!
1.4.! DEFINIZIONI!..................................................................................................................................................!3!
1.5.! CONSIDERAZIONI INIZIALI!.................................................................................................................!4!
2.! APPROFONDIMENTO'......................................................................................'6!
2.1.! STRATEGIE PRESENTATE!.....................................................................................................................!6!
2.2.! REPLICABILITA’ DELLE STRATEGIE!.............................................................................................!6!
2.3.! INDICATORI!...................................................................................................................................................!7!
2.4.! REGOLE OPERATIVE!................................................................................................................................!7!
2.5.! VARIANTI!........................................................................................................................................................!9!
3.! TEST ED OSSERVAZIONI'..............................................................................'10!
3.1.! DATI!.................................................................................................................................................................!10!
3.2.! DATI RACCOLTI!.......................................................................................................................................!12!
3.3.! STATISTICHE!.............................................................................................................................................!15!
3.4.! EQUITY LINE!..............................................................................................................................................!20!
3.5.! PORTAFOGLIO ATTUALE!...................................................................................................................!26!
4.! CONCLUSIONI'.................................................................................................'26!
!

'
!
!
!
!
!
!
!
!
!
!
!
!
!
!
!
!
!

! iii!
ELENCO'DELLE'IMMAGINI'
Immagine 1: storico dello Stoxx Europe 600!...................................................................................!5!
Immagine 3: esempio di linea di forza relativa e media mobile!.................................................!8!
Immagine 4: l'uso del canale di Donchian per aprire una posizione!.........................................!8!
Immagine 5: l'uso del canale di Donchian per chiudere una posizione!...................................!9!
Immagine 6: esempio di forza relativa decrescente!........................................................................!9!
Immagine 7: equity line della strategia 1!.........................................................................................!20!
Immagine 8: equity line della stategia 2!...........................................................................................!20!
Immagine 9: equity line settore Auto & parts!................................................................................!21!
Immagine 10: equity line settore Banks!...........................................................................................!21!
Immagine 11: equity line settore Construction materials!...........................................................!22!
Immagine 12: equity line settore food and beverages!..................................................................!22!
Immagine 13: equity line settore industrial goods!........................................................................!23!
Immagine 14: equity line settore Insurance!....................................................................................!23!
Immagine 15: equity line settore Oil & gas!....................................................................................!24!
Immagine 16: equity line settore Technology!................................................................................!24!
Immagine 17: equity line settore Telecom!......................................................................................!25!
Immagine 18: equity line settore Utilities!........................................................................................!25!

!
!
!
!
!
!
!
!
!
!
!
!
!
!
!
!
!
!
!
!
!

! iv!
ELENCO'DELLE'TABELLE'
Tabella 1: dati raccolti utilizzando la strategia 1!...........................................................................!12!
Tabella 2: dati raccolti utilizzando la strategia 2!...........................................................................!12!
Tabella 4: statistiche delle 2 strategie presentate!...........................................................................!15!
Tabella 5: extrarendimento della strategia 1 contro lo Stoxx Europe 600!............................!18!
Tabella 6: extrarendimento della strategia 2 dal 2005 al 2016!.................................................!19!
Tabella 7: portafoglio attuale creato con la strategia 2!................................................................!26!
!
!
!
!
!
!
!

'
!

! v!
1. INTRODUZIONE

1.1. PREMESSA

La verità è che dove andrà il mercato nessuno lo sa. Nessuno potrà mai avere la certezza

di dove si muoveranno i prezzi nel futuro, per cui l’unica cosa che è possibile fare è

semplicemente identificare gli scenari più probabili ed agire di conseguenza. Nel mondo

del risparmio gestito, gli investitori che vogliono esporsi su un mercato specifico (ad

esempio il mercato azionario europeo), devono spesso affidarsi a fondi a gestione attiva

che in teoria hanno l’obiettivo di fare meglio del proprio benchmark (ad esempio lo Stoxx

Europe 600), ma che in realtà non riescono a farlo quasi mai. Ne risulta che gli investitori

si ritrovano molte volte a pagare elevate commissioni di gestione annue a gestori che in

realtà non riescono a creare degli extrarendimenti positivi rispetto al proprio indice di

confronto. Tale situazione è purtroppo molto diffusa. Mediamente circa il 90% dei fondi

a gestione attiva non riesce a battere il proprio benchmark di riferimento. Questo

elaborato vuole fornire agli investitori delle valide strategie (alternative ai classici fondi a

gestione attiva) per esporsi sul mercato azionario con l’obiettivo di ottenere maggiori

rendimenti o minori rischi (oppure entrambi) e senza doversi necessariamente affidare a

costosi ed inefficienti fondi. Le strategie illustrate in questo paper si basano sul concetto

forza relativa per decidere i mercati su cui investire e sull’indicatore “Canale di

Donchian” per la scelta del timing di ingresso e di uscita. Tali strategie sono meccaniche

e non lasciano spazio alla discrezionalità dell’investitore.

! 1!
1.2. LA FORZA RELATIVA

La forza relativa è uno strumento di analisi tecnica che permette di valutare la forza di

uno strumento finanziario rispetto ad un altro. Non è altro che un rapporto tra 2 titoli che

viene sintetizzato da una linea che può oscillare illimitatamente sopra e sotto lo zero.

Quando la linea di forza relativa (linea RS) cresce, significa che lo strumento al

numeratore sta facendo meglio dello strumento al denominatore, viceversa quando la

linea RS decresce significa che lo strumento al denominatore sta facendo meglio di quello

al numeratore. L’indicatore di forza relativa è un ottimo indicatore di medio e lungo

termine, molto utile per determinare quali settori stanno sovraperformando i mercati e

quali li stanno invece sottoperformando. Tali informazioni risultano essere di grande

importanza in fase di composizione di un portafoglio. La forza relativa è utilizzata

principalmente per le analisi di tipo Top – Down (mercati – settori – azioni). Si parte

quindi da un’analisi aggregata per poi scendere via via sui singoli settori e sulle singole

azioni. L’analisi di forza relativa e le relative strategie di asset allocation si prestano

molto bene ad attività di tipo discrezionale. Risulta essere infatti molto difficile trovare

un criterio oggettivo e non discrezionale per comporre un portafoglio in base alla forza

relativa di ogni singolo settore rispetto al mercato. Solitamente si cerca di sovrapesare in

portafoglio i settori che stanno mostrando maggiore forza rispetto al proprio indice e si

sottopesano (o vengono eliminati) quei settori che mostrano una forza relativa minore.

Un problema di cui bisogna sempre tenere conto, è che uno strumento può mostrare

maggiore forza relativa anche quando i suoi prezzi stanno scendendo. Infatti se i prezzi di

tale strumento stanno scendendo, ma in misura minore rispetto al mercato utilizzato per il

confronto, lo strumento avrà una forza relativa maggiore. Se ci si basasse solo su tale

! 2!
informazione, si rischierebbe di mettere in portafoglio strumenti che stanno perdendo

valore e che quindi dovrebbero essere scartati. Secondo uno dei più importanti principi di

analisi tecnica infatti, una volta che si stabilisce un trend, ci sono più probabilità affinché

esso prosegua la sua direzione piuttosto che la inverta. In linea di massima, molto

banalmente, ciò significa che si dovranno comprare strumenti i cui prezzi stanno

crescendo e vendere quelli i cui prezzi stanno scendendo. Se si vuole fare analisi di tipo

discrezionale può risultare più o meno facile identificare la direzione del trend, ma se si

vuol creare una strategia automatizzata sarà necessario andare a lavorare sul movimento

dei prezzi per trovare un criterio univoco di identificazione del trend. Per far ciò è stato

deciso di utilizzare come indicatore il Canale di Donchian, i cui breakout permettono in

modo univoco di identificare la direzione di un trend.

1.3. OBIETTIVO

L’obiettivo della ricerca è quello di fornire delle strategie meccaniche basate sulla forza

relativa per battere un qualsiasi benchmark di riferimento nel lungo periodo. In tal senso,

lo studio in questione fissa come benchmark di riferimento l’indice azionario europeo

Stoxx Europe 600. Le soluzioni proposte sono strategie che hanno come orizzonte

temporale il lungo termine e sono adatte principalmente ad investitori e non a traders. Ciò

non toglie che riparametrando gli indicatori presentati, tali strategie potranno adattarsi

anche ad operatori di breve termine.

1.4. DEFINIZIONI

Stoxx Europe 600: Lo Stoxx Europe 600 Index è un benchmark ponderato per la

capitalizzazione di mercato aggiustata per il flottante ed è un sottoindice del Dow Jones

Stoxx 1800 Index. Il benchmark contiene un numero fisso di 600 titoli emessi in 18

! 3!
diversi paesi, catturando così circa il 95% della capitalizzazione di questi mercati.

L’economia più rappresentata è il Regno Unito (30-35%), seguita da Francia e Svizzera

(12-15%). I titoli finanziari hanno il peso maggiore (20-25%), seguiti dai beni di

consumo (12-20%) e dagli industriali (10-15%).

Stoxx Global 200: fornisce una rappresentazione delle 200 blue chips più grandi al

mondo garantendo ad ogni nazione un numero minimo di società.

Forza relativa: è un indicatore che permette di valutare la forza di uno strumento

finanziario rispetto ad un altro. Non è altro che un rapporto tra 2 strumenti finanziari che

viene sintetizzato in una linea che può oscillare illimitatamente sopra e sotto lo zero.

Quando la linea di forza relativa (linea RS) cresce, significa che lo strumento al

numeratore sta sovraperformando lo strumento al denominatore, viceversa quando la

linea RS decresce significa che lo strumento al denominatore sta sovraperformando

quello al numeratore. E’ molto utilizzato nelle analisi intermarket.

Canale di Donchian: è un indicatore che viene rappresentato sul grafico dei prezzi. E’

visualizzato come un canale formato da una banda superiore e da una banda inferiore. La

banda superiore è data dal massimo dei prezzi degli ultimi X periodi (dove X è un valore

scelto arbitrariamente) e la banda inferiore è data dal minimo degli ultimi X periodi (dove

X è un valore scelto arbitrariamente). L’operatività suggerita originariamente da

Donchian era quella di entrare long alla rottura rialzista della banda superiore e short alla

rottura ribassista della banda inferiore.

1.5. CONSIDERAZIONI INIZIALI

Lo studio prende in esame l’indice Stoxx Europe 600 su uno storico di 11,5 anni. Tale

arco temporale viene considerato sufficiente ed adeguato per un’analisi storica, in quanto

! 4!
si sono susseguite ed alternate tutte le varie fasi del mercato. In questi anni infatti c’è

stata l’alternanza di 3 fasi rialziste, 2 neutrali ed 1 ribassista. Nel dettaglio lo Stoxx

Europe 600 ha seguito le seguenti fasi:

• Gennaio 2005 - Giugno 2007 (2 anni e 6 mesi): Rialzista

• Giugno 2007 - Marzo 2009 (1 anno e 9 mesi): Ribassista

• Marzo 2009 - Aprile 2010 (1 anno e 1 mese): Rialzista

• Aprile 2010 - Agosto 2012 (2 anni e 4 mesi): Neutrale

• Agosto 2012 - Maggio 2014 (1 anno e 9 mesi): Rialzista

• Maggio 2014 - Giugno 2016 (2 anni e 1 mese): Neutrale

Nel grafico sottostante sono state colorate le diverse fasi del mercato come segue:

• Colore verde: fase rialzista;

• Colore rosso: fase ribassista;

• Colore grigio: fase neutrale.

Immagine 1: STORICO STOXX EUROPE 600

! 5!
Alla luce del fatto che le strategie presentate hanno un orizzonte temporale di lungo

termine, lo storico analizzato (11,5 anni) e il numero totale di segnali rilasciati (107

segnali) sono ritenute sufficienti per poter trarne delle conclusioni statisticamente valide e

soddisfacenti. Si ritiene infatti che l’elemento più importante per il test di una strategia,

sia l’alternanza di tutte le diverse fasi del mercato durante il periodo di test.

2. APPROFONDIMENTO

2.1. STRATEGIE PRESENTATE

La ricerca propone 2 strategie:

• Strategia 1: si vuole battere l’indice azionario Stoxx Europe 600 sfruttando la

forza relativa dello stesso contro l’indice azionario globale Stoxx Global 200.

L’idea è quella di comprare l’indice Stoxx Europe 600 solo nei periodi in cui i

prezzi stanno crescendo con una maggiore forza relativa rispetto al mercato

azionario globale.

• Strategia 2: si vuole battere l’indice azionario Stoxx Europe 600 sfruttando la

forza relativa dei suoi settori principali. In questo caso si ripartisce il capitale a

disposizione sui 10 principali settori azionari europei e si metteranno in

portafoglio solo quando i loro prezzi stanno crescendo con una maggiore forza

relativa rispetto all’indice Stoxx Europe 600.

2.2. REPLICABILITA’ DELLE STRATEGIE

Sebbene lo studio sia condotto sugli indici Stoxx Europe 600 e sugli indici Stoxx

settoriali europei non acquistabili direttamente sul mercato, le strategie presentate

! 6!
possono essere replicate nella realtà utilizzando degli ETF specifici che replicano

fedelmente e passivamente l’andamento di tali indici. Tali prodotti possono essere

liberamente acquistati e venduti sul mercato come se fossero dei titoli azionari.

L’investitore deve tenere conto dei costi di gestione annua che tali prodotti presentano (su

tali mercati sono mediamente inferiori all’1% e nettamente inferiori ai costi di gestione

annua dei fondi a gestione attiva che possono anche superare il 3%) e che nella realtà

andrebbero ad influire negativamente sulle performance delle strategie oggetto di studio.

2.3. INDICATORI

Gli indicatori utilizzati nelle strategie presentate sono:

• Forza relativa;

• Canale di Donchian a 10 settimane;

• Media mobile semplice a 52 periodi sulla forza relativa.

2.4. REGOLE OPERATIVE

Criteri di acquisto:

• La linea di forza relativa si trova sopra la sua media mobile semplice a 52

settimane;

• I prezzi chiudono la candela settimanale oltre la banda superiore del canale di

Donchian a 10 settimane;

• La posizione si apre all’apertura della settimana successiva a quella del segnale.

! 7!
Immagine 2: ESEMPIO DI LINEA DI FORZA RELATIVA E MEDIA MOBILE

Immagine 3: ESEMPIO GENERICO DI BREAKOUT PER APRIRE UNA POSIZIONE

Criteri di chiusura posizione:

• I prezzi chiudono la candela settimanale sotto la banda inferiore del canale di

Donchian a 10 settimane;

! 8!
• La posizione si chiude all’apertura della settimana successiva a quella del segnale

di chisura.

Immagine 4: ESEMPIO GENERICO DI BREAKOUT PER CHIUDERE UNA POSIZIONE

Immagine 5: ESEMPIO DI FORZA RELATIVA DECRESCENTE

2.5. VARIANTI

I parametri stabiliti sono stati scelti per creare una strategia di lungo termine adatta

principalmente ad investitori che non vogliono fare troppe operazioni annuali. Tale

! 9!
strategia può essere modificata a proprio piacimento tenendo conto che l’orizzonte

temporale può essere ridotto:

• riducendo la lunghezza della media mobile applicata all’indicatore di forza

relativa;

• riducendo il timeframe dei dati (ad esempio da settimanale a giornaliero);

• riducendo il numero di periodi del canale di Donchian.

Operando su queste variabili, si potranno ottenere un numero maggiore di segnali di

durata minore, ma attenzione perché potrebbe diminuire l’affidabilità e potrebbe

aumentare il numero di operazioni perdenti. E’ bene sempre testare l’efficacia di una

qualsiasi modifica si dovesse effettuare.

Le strategie proposte possono essere anche applicate per la selezione di azioni. In tal caso

sarà sufficiente utilizzare la forza relativa tra i singoli titoli azionari ed i rispettivi settori

di appartenenza.

3. TEST ED OSSERVAZIONI

3.1. DATI

Capitale iniziale: 100.000 €

Data inizio analisi: 1 Gennaio 2005

Data fine analisi: 30 Giugno 2016

Gestione del capitale: i profitti non sono reinvestiti

Indice da battere (Benchmark): Stoxx Europe 600 Price

Timeframe: Settimanale.

Orizzonte temporale: Lungo termine.

! 10!
Costi e tassazione: Non vengono prese in considerazione le commissioni e la tassazione

dei profitti ottenuti durante tutto il periodo di analisi.

Strategia 1: su ogni operazione si investe il 100% del capitale iniziale (100.000 €)

sull’indice Stoxx Europe 600.

Strategia 2: il capitale iniziale viene suddiviso in parti uguali e destinato ai 10 principali

settori che compongono l’azionario europeo. Il capitale iniziale per ciascun settore sarà

quindi di 10.000€.

• Settori dello Stoxx Europe 600 utilizzati:

o Automobilities & parts;

o Banks;

o Construction materials;

o Food and beverage;

o Industrial goods;

o Insurance;

o Oil & gas;

o Technology;

o Telecom;

o Utilities.

! 11!
3.2. DATI RACCOLTI

Di seguito viene riportato l’insieme dei dati raccolti utilizzando le 2 strategie proposte.

Tabella 1: DATI RACCOLTI UTILIZZANDO LA STRATEGIA 1


PREZZO PREZZ CAPITALE
DIREZI DATA DI DATA DI GAIN / GAIN / EQUITY
MERCATO INDICE DI O DI GIORNI INVESTIT
ONE INGRESSO USCITA LOSS % LOSS € LINE
INGRESSO USCITA O
Stoxx
Europa Europe Long 10/01/05 255 02/05/05 256,2 112 100.000 0,47% 470,59 100.470,59
600
Stoxx
Europa Europe Long 06/06/05 270,6 22/05/06 318,4 350 100.000 17,66% 17.664,45 118.135,04
600
Stoxx
Europa Europe Long 07/08/06 327,4 05/03/07 359,4 210 100.000 9,77% 9.773,98 127.909,01
600
Stoxx
Europa Europe Long 16/04/07 383,8 30/07/07 372,7 105 100.000 -2,89% 2.892,13 125.016,88
600
Stoxx
Europa Europe Long 15/10/07 390,5 26/11/07 358,4 42 100.000 -8,22% 8.220,23 116.796,65
600
Stoxx
Europa Europe Long 27/07/09 220,4 10/05/10 248,8 287 100.000 12,89% 12.885,66 129.682,32
600
Stoxx
Europa Europe Long 13/09/10 266 14/03/11 274,4 182 100.000 3,16% 3.157,89 132.840,21
600
Stoxx
Europa Europe Long 17/09/12 275,3 19/11/12 263,8 63 100.000 -4,18% 4.177,26 128.662,95
600
Stoxx
Europa Europe Long 10/12/12 278,7 24/06/13 280,5 196 100.000 0,65% 645,86 129.308,80
600
Stoxx
Europa Europe Long 16/09/13 312,8 04/08/14 332,6 322 100.000€ 6,33% 6.329,92 135.638,73
600

Tabella 2: DATI RACCOLTI UTILIZZANDO LA STRATEGIA 2


PREZZO
DIREZIO DATA DI DATA DI PREZZO GIOR CAPITALE GAIN / GAIN / EQUITY
MERCATO SETTORE DI
NE INGRESSO USCITA DI USCITA NI INVESTITO LOSS % LOSS LINE
INGRESSO
Europa Telecom Long 03/01/05 281,50 07/03/05 283,48 63 10.000 0,70% 70 100.070
Europa Banks Long 10/01/05 362,44 18/04/05 360,83 98 10.000 -0,44% 44 100.026
Construction
Europa Long 10/01/05 225,32 25/04/05 229,96 105 10.000 2,06% 206 100.232
material
Europa Insurance Long 10/01/05 191,50 25/04/05 190,24 105 10.000 -0,66% 66 100.166
Industrial
Europa Long 17/01/05 193,88 02/05/05 195,35 105 10.000 0,76% 76 100.242
Goods
Automobilie
Europa Long 18/07/05 216,00 24/08/05 224,10 37 10.000 3,75% 375 100.617
s & parts
Europa Oil & Gas Long 07/02/05 328,05 17/10/05 386,60 252 10.000 17,85% 1.785 102.402
Con.
Europa Long 06/06/05 244,18 24/10/05 253,82 140 10.000 3,95% 395 102.796
material
Industrial
Europa Long 13/06/05 212,80 24/10/05 217,42 133 10.000 2,17% 217 103.014
Goods
Europa Utilities Long 03/01/05 273,54 31/10/05 309,53 301 10.000 13,16% 1.316 104.329
Automobilie
Europa Long 30/01/06 246,76 15/05/06 259,51 105 10.000 5,17% 517 104.846
s & parts
Food and
Europa Long 30/05/05 230,91 15/05/06 259,80 350 10.000 12,51% 1.251 106.097
beverages

! 12!
Europa Technology Long 18/07/05 283,33 15/05/06 299,73 301 10.000 5,79% 579 106.676
Europa Banks Long 07/11/05 404,12 22/05/06 451,56 196 10.000 11,74% 1.174 107.850
Industrial
Europa Long 21/11/05 234,40 22/05/06 365,98 182 10.000 56,13% 5.613 113.463
Goods
Europa Insurance Long 25/07/05 207,90 22/05/06 246,53 301 10.000 18,58% 1.858 115.321
Europa Utilities Long 12/12/05 331,92 22/05/06 362,17 161 10.000 9,11% 911 116.233
Construction
Europa Long 12/12/05 281,47 05/06/06 322,36 175 10.000 14,53% 1.453 117.686
material
Europa Insurance Long 07/08/06 250,72 05/03/07 279,64 210 10.000 11,53% 1.153 118.839
Europa Telecom Long 30/10/06 307,51 05/03/07 311,64 126 10.000 1,34% 134 118.973
Europa Banks Long 21/08/06 467,49 12/03/07 510,61 203 10.000 9,22% 922 119.896
Europa Utilities Long 31/07/06 392,64 23/07/07 503,10 357 10.000 28,13% 2.813 122.709
Construction
Europa Long 07/08/06 326,60 30/07/07 435,66 357 10.000 33,39% 3.339 126.048
material
Food and
Europa Long 31/07/06 271,90 06/08/07 308,36 371 10.000 13,41% 1.341 127.389
beverages
Automobilie
Europa Long 23/10/06 269,99 13/08/07 356,01 294 10.000 31,86% 3.186 130.575
s & parts
Industrial
Europa Long 18/09/06 275,86 13/08/07 339,25 329 10.000 22,98% 2.298 132.873
Goods
Europa Oil & Gas Long 02/07/07 454,38 13/08/07 409,24 42 10.000 -9,93% 993 131.880
Europa Technology Long 18/06/07 334,45 20/08/07 316,08 63 10.000 -5,49% 549 131.330
Europa Technology Long 24/09/07 345,01 05/11/07 329,62 42 10.000 -4,46% 446 130.884
Industrial
Europa Long 08/10/07 361,49 26/11/07 328,81 49 10.000 -9,04% 904 129.980
Goods
Automobilie
Europa Long 08/10/07 411,60 31/12/07 360,98 84 10.000 -12,30% 1.230 128.750
s & parts
Europa Telecom Long 28/05/07 336,05 07/01/08 360,76 224 10.000 7,35% 735 129.486
Food and
Europa Long 29/10/07 333,04 14/01/08 306,29 77 10.000 -8,03% 803 128.683
beverages
Europa Utilities Long 24/09/07 504,67 21/01/08 524,81 119 10.000 3,99% 399 129.082
Europa Insurance Long 31/03/08 222,96 09/06/08 210,65 70 10.000 -5,52% 552 128.529
Food and
Europa Long 31/03/08 297,06 16/06/08 288,07 77 10.000 -3,03% 303 128.227
beverages
Industrial
Europa Long 12/05/08 306,56 30/06/08 275,48 49 10.000 -10,14% 1.014 127.213
Goods
Europa Utilities Long 26/05/08 481,71 30/06/08 453,49 35 10.000 -5,86% 586 126.627
Europa Oil & Gas Long 28/04/08 412,66 07/07/08 398,87 70 10.000 -3,34% 334 126.293
Food and
Europa Long 15/09/05 286,98 13/10/08 224,04 1124 10.000 -21,93% 2.193 124.100
beverages
Construction
Europa Long 12/01/09 217,10 23/02/09 172,25 42 10.000 -20,66% 2.066 122.034
material
Construction
Europa Long 20/04/09 210,74 13/07/09 199,81 84 10.000 -5,19% 519 121.515
material
Europa Banks Long 27/07/09 199,61 01/02/10 206,88 189 10.000 3,64% 364 121.880
Automobilie
Europa Long 20/04/09 216,60 08/02/10 213,93 294 10.000 -1,23% 123 121.756
s & parts
Construction
Europa Long 03/08/09 234,57 15/02/10 250,08 196 10.000 6,61% 661 122.417
material
Europa Insurance Long 24/08/09 164,52 10/05/10 142,98 259 10.000 -13,09% 1.309 121.108
Europa Oil & Gas Long 11/05/09 295,76 10/05/10 314,55 364 10.000 6,35% 635 121.744
Construction
Europa Long 05/04/10 283,30 24/05/10 248,50 49 10.000 -12,28% 1.228 120.515
material
Automobilie
Europa Long 21/06/10 259,20 14/03/11 326,05 266 10.000 25,79% 2.579 123.094
s & parts
Industrial
Europa Long 04/05/09 189,97 14/03/11 320,58 679 10.000 68,75% 6.875 129.970
Goods

! 13!
Europa Technology Long 10/01/11 219,01 14/03/11 222,73 63 10.000 1,70% 170 130.139
Food and
Europa Long 11/05/09 230,97 21/03/11 336,50 679 10.000 45,69% 4.569 134.708
beverages
Europa Telecom Long 26/07/10 257,72 21/03/11 273,86 238 10.000 6,26% 626 135.335
Europa Oil & Gas Long 10/01/11 348,32 06/06/11 323,29 147 10.000 -7,19% 719 134.616
Construction
Europa Long 20/12/10 281,71 13/06/11 274,32 175 10.000 -2,62% 262 134.354
material
Industrial
Europa Long 25/04/11 337,11 20/06/11 321,87 56 10.000 -4,52% 452 133.902
Goods
Europa Insurance Long 24/01/11 166,94 27/06/11 155,12 154 10.000 -7,08% 708 133.194
Automobilie
Europa Long 04/07/11 374,76 08/07/11 300,64 4 10.000 -19,78% 1.978 131.216
s & parts
Food and
Europa Long 18/04/11 360,68 08/08/11 349,95 112 10.000 -2,97% 297 130.918
beverages
Construction
Europa Long 12/03/12 257,85 06/04/12 233,56 25 10.000 -9,42% 942 129.976
material
Europa Insurance Long 23/01/12 147,72 16/04/12 143,18 84 10.000 -3,07% 307 129.669
Europa Oil & Gas Long 24/10/11 320,30 16/04/12 330,54 175 10.000 3,20% 320 129.989
Europa Telecom Long 24/10/11 253,14 16/04/12 237,15 175 10.000 -6,32% 632 129.357
Europa Technology Long 31/10/11 202,58 07/05/12 192,53 189 10.000 -4,96% 496 128.861
Industrial
Europa Long 16/01/12 290,93 14/05/12 296,58 119 10.000 1,94% 194 129.055
Goods
Automobilie
Europa Long 23/01/12 311,00 21/05/12 287,21 119 10.000 -7,65% 765 128.290
s & parts
Europa Technology Long 20/04/09 173,45 24/05/12 192,17 1130 10.000 10,79% 1.079 129.369
Europa Banks Long 20/08/12 142,89 18/03/13 179,50 210 10.000 25,62% 2.562 131.932
Automobilie
Europa Long 13/08/12 318,12 01/04/13 349,85 231 10.000 9,97% 997 132.929
s & parts
Europa Technology Long 26/11/12 220,07 22/04/13 234,48 147 10.000 6,55% 655 133.584
Food and
Europa Long 24/10/11 359,11 27/05/13 506,08 581 10.000 40,93% 4.093 137.676
beverages
Europa Technology Long 09/09/13 266,29 05/05/14 274,60 238 10.000 3,12% 312 137.988
Europa Banks Long 06/05/13 174,86 07/07/14 196,22 427 10.000 12,22% 1.222 139.210
Construction
Europa Long 24/12/12 262,37 14/07/14 338,57 567 10.000 29,04% 2.904 142.114
material
Industrial
Europa Long 06/08/12 313,41 14/07/14 401,39 707 10.000 28,07% 2.807 144.921
Goods
Automobilie
Europa Long 13/05/13 367,49 04/08/14 472,36 448 10.000 28,54% 2.854 147.775
s & parts
Food and
Europa Long 19/05/14 529,27 04/08/14 512,72 77 10.000 -3,13% 313 147.462
beverages
Europa Oil & Gas Long 14/04/14 334,63 04/08/14 349,76 112 10.000 4,52% 452 147.915
Europa Utilities Long 24/03/14 302,05 04/08/14 310,13 133 10.000 2,68% 268 148.182
Europa Insurance Long 06/08/12 150,23 11/08/14 222,82 735 10.000 48,32% 4.832 153.014
Europa Telecom Long 09/09/13 262,99 11/08/14 283,15 336 10.000 7,67% 767 153.781
Europa Technology Long 01/09/14 295,27 13/10/14 272,29 42 10.000 -7,78% 778 153.002
Europa Utilities Long 08/09/14 326,44 13/10/14 304,12 35 10.000 -6,84% 684 152.319
Europa Technology Long 08/12/14 308,17 06/07/15 336,31 210 10.000 9,13% 913 153.232
Automobilie
Europa Long 08/12/14 514,43 17/08/15 567,93 252 10.000 10,40% 1.040 154.272
s & parts
Europa Utilities Long 01/12/14 322,69 17/08/15 319,66 259 10.000 -0,94% 94 154.178
Food and
Europa Long 01/09/14 534,22 24/08/15 567,28 357 10.000 6,19% 619 154.797
beverages
Industrial
Europa Long 23/02/15 461,41 24/08/15 416,50 182 10.000 -9,73% 973 153.823
Goods
Europa Telecom Long 17/11/14 310,46 24/08/15 344,97 280 10.000 11,12% 1.112 154.935

! 14!
Construction
Europa Long 09/02/15 366,97 11/01/16 365,17 336 10.000 -0,49% 49 154.886
material
Food and
Europa Long 19/10/15 618,31 11/01/16 611,08 84 10.000 -1,17% 117 154.769
beverages
Industrial
Europa Long 30/12/15 453,41 11/01/16 399,62 12 10.000 -11,86% 1.186 153.583
Goods
Europa Insurance Long 08/09/14 238,85 11/01/16 263,23 490 10.000 10,21% 1.021 154.603
Europa Technology Long 19/10/15 329,71 11/01/16 335,55 84 10.000 1,77% 177 154.780
Food and
Europa Long 27/06/16 611,27 30/06/16 640,60 3 10.000 4,80% 480 155.260
beverages
Industrial
Europa Long 25/04/16 433,00 30/06/16 409,40 66 10.000 -5,45% 545 154.715
Goods
Europa Oil & Gas Long 29/02/16 254,89 30/06/16 288,20 122 10.000 13,07% 1.307 156.022

3.3. STATISTICHE

Tabella 3: STATISTICHE DELLE 2 STRATEGIE PRESENTATE

STOXX EUROPE 600


DATI STRATEGIA 1 STRATEGIA 2
BUY & HOLD
Inizio 01/01/05 01/01/05 01/01/05
Fine 30/06/16 30/06/16 30/06/16
Numero trade 1 10 97
Trade vincenti 1 7 59
Trade perdenti 0 3 38
Trade vincenti 100,00% 70,00% 60,82%
Trade perdenti 0,00% 30,00% 39,18%
Guadagno massimo 31.330,00 € 17.664,00 € 6.875 €
Guadagno massimo % sul capitale
31,33% 17,66% 68,75%
investito
Guadagno massimo % sul capitale iniziale 31,33% 17,66% 6,88%
Perdita massima 0 8.220 € 2.193 €
Perdita massima % sul capitale investito 0,00% 8,22% 21,93%
Perdita massima % sul capitale iniziale 0,00% 8,22% 2,19%
Guadagno medio 31.330,00 € 7.275 € 1.441 €
Perdita media 0,00 € 5.097€ 707 €
Numero di vittorie consecutive 1 3 22
Numero di perdite consecutive 0 2 9
Max drawdown 61,62% 8,69% 8,85%
Durata drowndown 651 giorni 266 1001 giorni
Recupero del drawdown 6 anni 2,5 anni 10 mesi
Capitale medio investito 100.000,00 € 44.553 € 50.800,00 €
Profitto 31.330,00 € 35.638 € 56.022,00 €

La tabella 1 mostra un confronto tra le 2 strategie presentate e la classica operazione di

buy & hold sull’indice Stoxx Europe 600. Di seguito un breve commento per ciascuna

metodologia:

! 15!
• Strategia Buy & Hold: ha prodotto 1 solo trade chiuso con un profitto di 31.330

€ pari al 31,33% del capitale iniziale e del capitale medio investito in tutto

l’orizzonte temporale. L’investitore che avesse seguito tale strategia avrebbe

dovuto sostenere un drawdown potenziale del 61,62% dal punto di massimo

guadagno, durato 651 giorni e recuperato in 6 anni. Avrebbe dovuto tenere

investito il capitale per tutto il periodo di analisi.

• Strategia1: ha prodotto 10 operazioni di cui 7 chiuse in profitto e 3 in perdita. Il

guadagno medio delle operazioni chiuse in profitto è stato di 7.275 €, mentre la

perdita media delle operazioni chiuse in negativo è stato di 5.097 €. Tali

informazioni permettono di osservare come il sistema tenda a lasciar correre i

profitti mentre è in grado di tagliare più rapidamente le perdite. Il profitto

realizzato è stato di 35.638 € pari al 35,64% del capitale inziale. Se si considera

però che il capitale medio investito nell’orizzonte temporale è stato di 44.553 €, il

profitto ottenuto sarebbe stato pari al 79,99% del capitale medio investito. Il

drawdown massimo è stato dell’8,69% realizzato in 266 giorni e recuperato in 2,5

anni. Rispetto alla strategia buy & hold, si sarebbe quindi ottenuto un rendimento

maggiore con un drawdown nettamente inferiore. Inoltre nell’arco temporale

oggetto di studio si sarebbe anche impiegato mediamente meno del 50% del

capitale a disposizione. La liquidità sarebbe potuta essere ad esempio reinvestita

in mercati monetari per ottenere dei rendimenti aggiuntivi. Tale strategia è molto

semplice da seguire e affatto impegnativa in quanto produce in media poco meno

di un segnale l’anno. Inoltre permette all’investitore di ridurre drasticamente i

drawdown a fronte di rendimenti leggermente superiori al benchmark. La

! 16!
significativa riduzione del drawdown è dovuta al fatto che durante i ribassi del

mercato, il sistema permette di uscire molto rapidamente e di rimanere

disinvestito fin quando l’indice non torna a salire con maggiore forza rispetto al

mercato azionario globale.

• Strategia 2: è la più complessa ed impegnativa da seguire delle 3 strategie. Ha

prodotto 97 operazioni di cui quasi il 61% chiuse in profitto e le restanti in

perdita. Il guadagno medio delle operazioni profittevoli è stato di 1.441 €, mentre

la perdita media delle operazioni chiuse in negativo è stata di 707€. Questa

strategia, grazie alla forte diversificazione settoriale, permette di avere delle

perdite medie sensibilmente più basse rispetto alla strategia 1. Anche il rapporto

tra perdite medie e profitti medi è superiore rispetto alla precedente strategia. In

questo caso infatti permette di raggiungere un rapporto di 1 a 2. I profitti totali

sono stati di 56.022 € pari al 56% del capitale iniziale e al 110% del capitale

medio investito che è stato di 50.800€. Il drawdown massimo è stato dell’8,85%

durato 1001 giorni e recuperato in appena 10 mesi. Rispetto alla strategia 1, si

sarebbe quindi ottenuto un profitto maggiore di circa il 57% a fronte di un

drawdown praticamente identico ed un capitale medio investito leggermente

superiore. C’è da sottolineare che il tempo necessario per recuperare il drawdown,

in questa strategia, è stato di soli 10 mesi e cioè meno della metà rispetto alla

strategia 1 e inferiore ad 1/7 rispetto alla strategia buy & hold.

! 17!
Tabella 4: EXTRARENDIMENTO DELLA STRATEGIA 1 CONTRO LO STOXX EUROPE 600

ANNO STOXX EUROPE 600 STRATEGIA 1 EXTRARENDIMENTO


2005 23,49% 4,33% -19,16%
2006 17,66% 16,54% -1,12%
2007 -0,32% 7,88% 8,20%
2008 -45,34% -4,65% 40,69%
2009 26,88% -2,59% -29,47%
2010 9,10% -1,00% -10,10%
2011 -11,48% 10,40% 21,88%
2012 14,51% -1,55% -16,06%
2013 16,52% 8,31% -8,21%
2014 4,15% 14,64% 10,49%
2015 6,36% 2,62% -3,74%
2016 -9,75% 0,07% 9,82%

La tabella 5 confronta i rendimenti annuali dell’indice Stoxx Europe 600 con quelli della

strategia 1. Un dato importante che ne viene fuori è che in tutti gli anni in cui lo Stoxx ha

registrato delle performance negative, la strategia 1 ha permesso di ottenere delle

performance positive. Il caso più eclatante è il 2008, in cui l’indice ha perso il 45% del

suo valore, mentre la strategia 1 ha ottenuto una perdita di solo il 5%, generando così un

extrarendimento del 40%. Ciò è dovuto al fatto che quando il mercato inverte il suo trend

ed inizia a scendere, la strategia 1 permette di chiudere rapidamente tutte le operazioni

aperte durante il precedente rialzo e di rimanere flat per tutto il trend ribassista. In questo

modo si possono ridurre drasticamente i forti drawdown conseguiti dall’indice durante i

trend ribassisti. E’ stato possibile ottenere tale risultato proprio grazie alla combinazione

tra la forza relativa ed i breakout del canale di Donchian. Durante i periodi di forti rialzi

dell’indice invece, la strategia 1 non riesce a seguirlo di pari passo ed ottiene così dei

rendimenti più bassi oppure leggermente negativi.

! 18!
Tabella 5: EXTRARENDIMENTO DELLA STRATEGIA 2 DAL 2005 AL 2016

INDICE
SETTORE STRATEGIA 2 EXTRARENDIMENTO
SETTORIALE
Automobilies & parts 119,79% 74,52% -45,27%
Banks -64,75% 62,00% 126,75%
Construction material 66,55% 38,92% -27,63%
Food and beverages 208,08% 83,26% -124,82%
Industrial Goods 117,66% 130,06% 12,40%
Insurance 17,93% 49,01% 31,08%
Oil & Gas -5,20% 24,53% 29,73%
Technology 31,23% 16,16% -15,07%
Telecom 7,52% 28,12% 20,60%
Utilities 7,96% 43,43% 35,47%

La tabella 6 mostra i rendimenti della strategia 2 ottenuti per ciascun settore e li confronta

con i rendimenti dei rispettivi indici settoriali dello Stoxx. Un dato che salta

immediatamente all’occhio è che la strategia 2 ha permesso di ottenere rendimenti

positivi su tutti i singoli settori su cui è stata applicata. Il dato più importante appare sul

settore bancario dove, sebbene l’indice abbia perso il 64%, la strategia ha fatto registrare

un rendimento del 62% ottenendo così un extrarendimento del 126%. Anche riguardo al

settore Oil & Gas, mentre l’indice settoriale dello Stoxx ha perso il 5,20%, la strategia 2

ha ottenuto un rendimento del 24,5% che corrisponde ad un extrarendimento del 29,7%.

Gli unici extrarendimenti negativi ottenuti dalla strategia 2 rispetto agli indici settoriali

sono stati sul settore Auto & Parts, Construction material, Food & Beverages e

Technology. Non a caso sono stati i settori che hanno registrato le performance migliori

nel periodo di analisi. Tali dati confermano che le strategie ottenute combinando forza

relativa e breakouts del canale di Donchian permettono di attenuare gli effetti negativi dei

trend ribassisti e neutrali; a scapito però di rendimenti più contenuti nelle fasi positive del

mercato. Ciò comunque si traduce, nel luno termine, in rendimenti complessivi maggiori

e drawdown minori come visto nelle tabelle precedenti.

! 19!
3.4. EQUITY LINE

Di seguito vengono mostrate le Equity line relative alle strategie 1 e 2.

STRATEGIA(1(
$140.000!
$135.000!
$130.000!
$125.000!
$120.000!
$115.000!
$110.000!
$105.000!
$100.000!
01/01/05!
01/06/05!
01/11/05!

01/02/07!
01/07/07!
01/12/07!

01/03/09!
01/08/09!
01/01/10!
01/06/10!
01/11/10!
01/04/11!
01/09/11!
01/02/12!
01/07/12!
01/12/12!
01/05/13!
01/10/13!
01/03/14!
01/08/14!
01/04/06!
01/09/06!

01/05/08!
01/10/08!

Immagine 6: EQUITY LINE DELLA STRATEGIA 1

STRATEGIA(2(
160.000!$!

150.000!$!

140.000!$!

130.000!$!

120.000!$!

110.000!$!

100.000!$!

Immagine 7: EQUITY LINE DELLA STATEGIA 2

! 20!
Con riguardo alla strategia 2 è possibile scomporre l’equity line generale in 10 equity line

suddivise settore per settore. Di seguito sono riportati i risultati:

AUTO(&(PARTS(
10.800!$!
10.700!$!
10.600!$!
10.500!$!
10.400!$!
10.300!$!
10.200!$!
10.100!$!
10.000!$!
01/01/05!
01/07/05!

01/01/07!
01/07/07!

01/01/09!
01/07/09!
01/01/10!
01/07/10!
01/01/11!
01/07/11!
01/01/12!
01/07/12!
01/01/13!
01/07/13!
01/01/14!
01/07/14!
01/01/15!
01/07/15!
01/01/06!
01/07/06!

01/01/08!
01/07/08!

Immagine 8: EQUITY LINE SETTORE AUTO & PARTS

BANKS(
10.700!$!

10.600!$!

10.500!$!

10.400!$!

10.300!$!

10.200!$!

10.100!$!

10.000!$!
01/01/05!
01/06/05!
01/11/05!

01/02/07!
01/07/07!
01/12/07!

01/03/09!
01/08/09!
01/01/10!
01/06/10!
01/11/10!
01/04/11!
01/09/11!
01/02/12!
01/07/12!
01/12/12!
01/05/13!
01/10/13!
01/03/14!
01/04/06!
01/09/06!

01/05/08!
01/10/08!

Immagine 9: EQUITY LINE SETTORE BANKS

! 21!
9.000!$!
10.000!$!
11.000!$!
12.000!$!
13.000!$!
14.000!$!
15.000!$!
16.000!$!
17.000!$!
18.000!$!
19.000!$!
10.000!$!
11.000!$!
12.000!$!
13.000!$!
14.000!$!
15.000!$!
16.000!$!

01/01/05! 01/01/05!
01/07/05! 01/07/05!
01/01/06! 01/01/06!
01/07/06! 01/07/06!
01/01/07! 01/01/07!
01/07/07! 01/07/07!
01/01/08! 01/01/08!
01/07/08! 01/07/08!
01/01/09! 01/01/09!
01/07/09!
01/07/09!
01/01/10!
01/01/10!
01/07/10!
01/07/10!
01/01/11!
01/01/11!
01/07/11!

Immagine 11: EQUITY LINE SETTORE FOOD AND BEVERAGES


01/07/11!
01/01/12!
01/01/12!
Immagine 10: EQUITY LINE SETTORE CONSTRUCTION MATERIALS

FOOD(&(BEVERAGE(
01/07/12!
01/07/12!
01/01/13!
01/01/13!
01/07/13!
CONSTRUCTION(MATERIALS(

01/07/13!
01/01/14!
01/01/14!
01/07/14!
01/01/15! 01/07/14!

01/07/15! 01/01/15!
01/01/16! 01/07/15!
01/01/16!

! 22!
10.000!$!
11.000!$!
12.000!$!
13.000!$!
14.000!$!
15.000!$!
16.000!$!
17.000!$!
10.000!$!
12.000!$!
14.000!$!
16.000!$!
18.000!$!
20.000!$!
22.000!$!
24.000!$!
26.000!$!
28.000!$!

01/01/05! 01/01/05!
01/07/05! 01/07/05!
01/01/06! 01/01/06!
01/07/06! 01/07/06!
01/01/07! 01/01/07!
01/07/07! 01/07/07!
01/01/08! 01/01/08!

01/07/08! 01/07/08!

01/01/09! 01/01/09!
01/07/09!
01/07/09!

Immagine 13: EQUITY LINE SETTORE INSURANCE


01/01/10!
01/01/10!
01/07/10!
01/07/10!
01/01/11!
Immagine 12: EQUITY LINE SETTORE INDUSTRIAL GOODS

01/01/11!
01/07/11!

INSURANCE(
01/07/11!
01/01/12!
01/01/12!
01/07/12!
INDUSTRIAL(GOODS(

01/07/12!
01/01/13!
01/01/13!
01/07/13!
01/07/13!
01/01/14!
01/01/14!
01/07/14!
01/07/14! 01/01/15!
01/01/15! 01/07/15!
01/07/15! 01/01/16!
01/01/16!

! 23!
OIL(&(GAS(
13.000!$!

12.500!$!

12.000!$!

11.500!$!

11.000!$!

10.500!$!

10.000!$!
01/01/05!
01/07/05!

01/01/07!
01/07/07!

01/01/09!
01/07/09!
01/01/10!
01/07/10!
01/01/11!
01/07/11!
01/01/12!
01/07/12!
01/01/13!
01/07/13!
01/01/14!
01/07/14!
01/01/15!
01/07/15!
01/01/06!
01/07/06!

01/01/08!
01/07/08!

01/01/16!
Immagine 14: EQUITY LINE SETTORE OIL & GAS

TECHNOLOGY(
12.000!$!

11.500!$!

11.000!$!

10.500!$!

10.000!$!

9.500!$!

9.000!$!

Immagine 15: EQUITY LINE SETTORE TECHNOLOGY

! 24!
10.000!$!
11.000!$!
12.000!$!
13.000!$!
14.000!$!
15.000!$!
16.000!$!
10.000!$!
10.500!$!
11.000!$!
11.500!$!
12.000!$!
12.500!$!
13.000!$!

01/01/05! 01/01/05!
01/07/05! 01/07/05!
01/01/06! 01/01/06!
01/07/06! 01/07/06!
01/01/07! 01/01/07!
01/07/07! 01/07/07!
01/01/08! 01/01/08!
01/07/08! 01/07/08!
01/01/09! 01/01/09!

Immagine 16: EQUITY LINE SETTORE TELECOM

Immagine 17: EQUITY LINE SETTORE UTILITIES


01/07/09! 01/07/09!

di analisi e dei drawdown estremamente ridotti.


01/01/10! 01/01/10!
01/07/10! 01/07/10!
TELECOM(

UTILITIES(
01/01/11! 01/01/11!
01/07/11! 01/07/11!
01/01/12! 01/01/12!
01/07/12! 01/07/12!
01/01/13! 01/01/13!
01/07/13! 01/07/13!
01/01/14! 01/01/14!
01/07/14! 01/07/14!
01/01/15! 01/01/15!
01/07/15! 01/07/15!

Come è possibile notare, ogni grafico presenta dei profitti positivi al termine del periodo

! 25!
3.5. PORTAFOGLIO ATTUALE

Al giorno 29/09/16, il portafoglio creato con la strategia 1 è completamente disinvestito

mentre, il portafoglio costruito con la strategia 2, risulta essere composto come segue:

Tabella 6: PORTAFOGLIO ATTUALE CREATO CON LA STRATEGIA 2

DIREZI DATA DI PREZZO DI DATA ULTIMA ULTIMO CAPITALE GAIN / GAIN /


MERCATO SETTORE ONE INGRESSO INGRESSO RILEVAZIONE PREZZO INVESTITO LOSS % LOSS €
Food and
Europa beverages Long 27/06/16 611,27 29/09/16 647,59 10.000,00 5,94% 594,17
Europa Technology Long 25/07/16 354,88 29/09/16 365,26 10.000,00 2,92% 292,49
Construction
Europa material Long 15/08/16 407,01 29/09/16 410,53 10.000,00 0,86% 86,48
Europa Oil & Gas Long 29/02/16 254,89 29/09/16 283,43 10.000,00 11,20% 1.119
Industrial
Europa Goods Long 25/04/16 433,00 29/09/16 404,2 10.000,00 -6,65% 665,13

Il portafoglio attuale creato con la strategia 2 sta registrando un rendimento del 2,86% del

capitale correntemente investito (pari a 50.000 €). I profitti potenziali sono quindi pari a

1.472 €, ossia l’1,47 % del capitale iniziale (100.000 €).

4. CONCLUSIONI

Le strategie presentate mostrano significativi vantaggi rispetto alla classica strategia buy

and hold, che possono essere così riepilogati:

• profitti maggiori nel lungo termine;

• drawdown massimi minori;

• tempi di recupero dei drawdown più rapidi;

• minore capitale medio investito;

• maggiore diversificazione (solo per la strategia 2);

Gli svantaggi di queste strategie rispetto alla Buy and Hold risultano essere:

• numero maggiore di operazioni;

• maggiori commissioni legate alle diverse operazioni eseguite;

! 26!
• minori rendimenti durante i forti trend rialzisti del mercato;

• elevata complessità di esecuzione e monitoraggio della strategia (solo strategia 2).

Come si è visto, le strategie oggetto di studio hanno permesso di fare meglio dell’indice

Stoxx Europe 600 nel lungo termine grazie ai seguenti punti di forza:

• la forza relativa permette di selezionare solo i mercati e i settori che stanno

sovraperformando i loro indici di confronto;

• la rottura rialzista della banda superiore del canale di Donchian permette di

entrare solo quando le quotazioni si stanno muovendo effettivamente al rialzo;

• la rottura ribassista della banda inferiore del canale di Donchian permette di

uscire rapidamente ai primi segnali di debolezza del trend;

• il segnale di chiusura dell’operazione, non tenendo conto della posizione della

media mobile sulla forza relativa, permette di avere dei segnali di uscita più

rapidi di quelli di ingresso. In questo modo si riesce ad uscire più velocemente,

“dando indietro al mercato” solo una piccola parte dei profitti ottenuti.

Sulla base dei risultati dei test sostenuti, è possibile infine affermare che le strategie

proposte permettono, nel lungo termine, di “battere” l’indice azionario Stoxx Euro 600.

Mediante tali strategie è possibile gestire attivamente parte del proprio patrimonio

utilizzando strumenti a replica passiva (Etf) e senza dover sostenere gli elevati costi di

gestione annui, tipici dei fondi comuni a gestione attiva (che per altro molto spesso non

riescono poi neanche a fare meglio dei loro benchmark nel lungo termine).

! 27!