Sei sulla pagina 1di 325

Corso di Elettrotecnica

(Ing. Meccanica, Ing. Gestionale)

A.A. 2011/2012

Dispense di Elettrotecnica

Prof. Giulio Antonini


Dipartimento di Ingegneria Elettrica e dell’Informazione
Università degli Studi dell’Aquila
Via G. Gronchi 18, I-67100, L’Aquila
e-mail: giulio.antonini@univaq.it

10 giugno 2012
Indice

1 Reti in corrente continua 1


1.1 La carica elettrica e la legge di Coulomb . . . . . . . . . . . . 1
1.2 Il campo elettrico coulombiano . . . . . . . . . . . . . . . . . 3
1.2.1 Proprietà fondamentale del campo elettrico coulombiano 4
1.3 Il potenziale elettrico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5
1.4 La corrente elettrica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 6
1.5 Legge di Ohm . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8
1.5.1 Dipendenza dalla temperatura della resistenza elettri-
ca dei conduttori . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10
1.7.1 Caratteristica volt-amperometrica di un generatore ide-
ale di tensione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 13
1.7.2 Caratteristica volt-amperometrica di un generatore ide-
ale di corrente . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 14
1.7.3 Nozioni topologiche dei circuiti . . . . . . . . . . . . . 14
1.8 Interconnessione di resistenze e generatori ideali . . . . . . . . 17
1.8.1 Partitore di corrente . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 18
1.8.2 Shunt . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 18
1.8.3 Reostato a cursore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 20
1.8.4 Partitore di tensione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 20
1.8.5 Resistenza equivalente di una rete resistiva . . . . . . 22
1.9 Generatore reale di tensione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 23
1.10 Generatore reale di corrente . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 24
1.10.1 Trasformazione di equivalenza tra un generatore reale
di tensione ed un generatore reale di corrente . . . . . 26
1.10.2 Adattamento e rendimento di un generatore reale di
tensione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 33

i
ii INDICE

1.10.3 Dimensionamento termico dei conduttori . . . . . . . 36


1.11 Teoremi e metodi di soluzione delle reti elettriche lineari . . . 38
1.11.1 Analisi delle reti elettriche lineari . . . . . . . . . . . . 38
1.11.2 Metodo di tableau . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 39
1.11.3 Formule di Millmann . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 43
1.11.4 Principio di Sovrapposizione degli Effetti . . . . . . . 45
1.11.5 Teorema di Thevènin . . . . . . . . . . . . . . . . . . 47
1.11.6 Teorema di Norton . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 49
1.11.7 Teorema di Tellegen-Principio di conservazione delle
potenze . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 55
1.12 Concetti topologici: grafo, albero e coalbero di una rete . . . 57
1.13 Metodi di Maxwell . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 57
1.14 Il metodo dei nodi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 58
1.14.1 Esempio di applicazione del metodo dei nodi . . . . . 58
1.14.2 Regola di scrittura rapida del sistema risolvente il cir-
cuito mediante il metodo dei nodi . . . . . . . . . . . 65
1.15 Il metodo delle maglie . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 69
1.15.1 Esempio di applicazione del metodo delle maglie . . . 70
1.15.2 Regola di scrittura rapida del sistema risolvente me-
diante il metodo delle maglie . . . . . . . . . . . . . . 78
1.16 Trasformazione triangolo-stella . . . . . . . . . . . . . . . . . 80
1.17 Dispersore semisferico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 82

2 Fenomeni dielettrici e capacità 89


2.1 Effetti del campo elettrico nei materiali isolanti . . . . . . . . 89
2.1.1 Relazione costitutiva . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 90
2.1.2 Dielettrici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 91
2.2 Fenomeni dielettrici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 91
2.2.1 Teorema di Gauss . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 93
2.2.2 Condensatore con armature piane e parallele . . . . . 94
2.2.3 Connessione di condensatori . . . . . . . . . . . . . . . 97
2.2.4 Cilindro rettilineo indefinito . . . . . . . . . . . . . . . 100
2.2.5 Cilindri coassiali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 102
2.2.6 Cilindri paralleli indefiniti . . . . . . . . . . . . . . . . 111
2.2.7 Principio delle immagini . . . . . . . . . . . . . . . . . 115
2.2.8 Cilindro indefinito in presenza del terreno . . . . . . . 118
2.2.9 Capacità parziali di un sistema di n conduttori . . . . 120
2.2.10 Linea bifilare in aria su terreno . . . . . . . . . . . . . 123
2.3 Analisi transitoria di un circuito RC . . . . . . . . . . . . . . 130
2.3.1 Transitorio di carica di un condensatore . . . . . . . . 131
INDICE iii

2.3.2 Transitorio di scarica di un condensatore . . . . . . . 131


2.3.3 Energia immagazzinata in un condensatore . . . . . . 136
2.3.4 Forza di attrazione tra le armature di un condensatore 140

3 I fenomeni magnetici 143


3.1 Introduzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 143
3.1.1 Legge della circuitazione di Ampere . . . . . . . . . . 143
3.1.2 Legge della circuitazione di Ampere in presenza di più
correnti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 145
3.1.3 Campo magnetico generato da un conduttore rettili-
neo indefinito . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 145
3.1.4 Teorema di Gauss per il campo di induzione . . . . . . 147
3.1.5 Campo di induzione: legge di Faraday-Neumann . . . 148
3.1.6 Proprietà fondamentali di B . . . . . . . . . . . . . . 149
3.1.7 Legge di Lenz . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 150
3.2 Relazione costitutiva dei mezzi magnetici . . . . . . . . . . . 153
3.2.1 Materiali ferromagnetici . . . . . . . . . . . . . . . . . 153
3.3 Modelli circuitali per i fenomeni magnetici . . . . . . . . . . . 160
3.3.1 Tubi di flusso del campo di induzione B . . . . . . . . 160
3.3.2 Induttanza magnetica di un circuito . . . . . . . . . . 166
3.3.3 Induttanza magnetica e riluttanza . . . . . . . . . . . 168
3.3.4 Circuiti magnetici in presenza di due circuiti elettrici
accoppiati . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 169
3.3.5 Modello 2-bipolare di due induttori mutuamente ac-
coppiati . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 172
3.3.6 Coefficienti di accoppiamento e dispersione . . . . . . 173

4 Reti in regime alternativo sinusoidale 195


4.1 Circuiti in regime alternativo sinusoidale . . . . . . . . . . . . 195
4.1.1 Funzioni periodiche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 195
4.1.2 Il metodo dei fasori . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 196
4.1.3 Trasformazione della derivata temporale di una fun-
zione sinusoidale y(t) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 197
4.1.4 Trasformazione dell’integrale indefinito di una funzione
sinusoidale y(t) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 198
4.1.5 Trasformazione inversa dal dominio dei fasori a quello
del tempo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 198
4.2 Bipoli in regime alternativo sinusoidale . . . . . . . . . . . . . 199
4.2.1 Componenti della corrente in fase ed in quadratura
con la tensione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 200
iv INDICE

4.2.2 Potenza istantanea, potenza media (attiva) . . . . . . 201


4.3 Potenze nei bipoli elementari . . . . . . . . . . . . . . . . . . 204
4.3.1 Circuito puramente resistivo . . . . . . . . . . . . . . . 204
4.3.2 Circuito puramente induttivo . . . . . . . . . . . . . . 206
4.3.3 Circuito puramente capacitivo . . . . . . . . . . . . . 208
4.3.4 Generico bipolo in regime alternativo sinusoidale . . . 212
4.3.5 Potenza complessa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 212
4.3.6 Circuito RLC serie . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 218
4.3.7 Diagrammi fasoriali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 219
4.4 Teorema di Tellegen in regime sinusoidale . . . . . . . . . . . 227
4.5 Teorema di Thevenin e di Norton in regime alternativo sinu-
soidale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 228
4.5.1 Metodo dei nodi e delle maglie in regime alternativo
sinusoidale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 237
4.5.2 Regola di scrittura rapida del sistema risolvente il cir-
cuito mediante il metodo dei nodi . . . . . . . . . . . 237
4.5.3 Regola di scrittura rapida del sistema risolvente me-
diante il metodo delle maglie . . . . . . . . . . . . . . 238

5 Sistemi trifase in regime alternativo sinusoidale 261


5.1 Sistemi polifase . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 261
5.1.1 Tensioni di fase stellate e tensioni concatenate . . . . 266
5.1.2 Caso di centro stella dell’utenza isolato . . . . . . . . 268
5.1.3 Circuito trifase simmetrico nelle tensioni di alimen-
tazione e squilibrato nelle correnti . . . . . . . . . . . 269
5.1.4 Collegamento a triangolo . . . . . . . . . . . . . . . . 270
5.1.5 Analisi di una rete trifase simmetrica nelle tensioni ed
equilibrata nei carichi . . . . . . . . . . . . . . . . . . 275
5.2 Potenza nei sistemi polifase . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 277
5.2.1 Potenza nei sistemi trifase simmetrici ed equilibrati . . 277
5.3 Caduta di tensione lungo una linea . . . . . . . . . . . . . . . 285
5.3.1 Rifasamento del carico . . . . . . . . . . . . . . . . . . 287
Elenco delle figure

1.1 Le legge di Coulomb. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2


1.2 Somma vettoriale delle forze di Coulomb agenti su una carica. . . . 3
1.3 Forza di Coulomb su una carica esploratrice. . . . . . . . . . 4
1.4 Circuitazione del campo elettrico coulombiano. . . . . . . . . 4
1.5 Integrali di linea del campo elettrico coulombiano lungo due
diverse linee congiungenti gli stessi punto A e B. . . . . . . . 5
1.6 Intensità di corrente. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 6
1.7 La legge di Ohm. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8
1.8 Caratteristiche volt-amperometriche di resistori lineari e non
lineari. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10
1.9 Resistività e coefficiente di temperatura di alcuni materiali. . 11
1.10 Generatore ideale di tensione. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 12
1.11 Caratteristica volt-amperometrica (a) e simbolo circuitale di un
generatore ideale di tensione continua Vg (b). . . . . . . . . . . . 13
1.12 Caratteristica volt-amperometrica (a) e simbolo circuitale di un
generatore ideale di corrente Ig (b). . . . . . . . . . . . . . . . . 14
1.13 Versi di misura di tensione e corrente di un lato. . . . . . . . . . . 15
1.14 I Principio di Kirchhoff. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 15
1.15 II Principio di Kirchhoff. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 16
1.16 Collegamento in serie di n generatori ideali di tensione. . . . 17
1.17 Collegamento in parallelo di n generatori ideali di corrente. . 18
1.18 Partitore di corrente. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 19
1.19 Shunt. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 19
1.20 Reostato a cursore. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 20
1.21 Partitore di tensione. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 20

v
vi ELENCO DELLE FIGURE

1.22 Andamenti delle correnti Ip e Iu al variare del parametro k


(in alto) e Rendimento del partitore (in basso). . . . . . . . . 22
1.23 Resistenza equivalente di una rete vista da due suoi nodi. . . . . . 23
1.24 Circuito equivalente di un generatore reale di tensione. . . . . . . 24
1.25 Caratteristica volt-amperometrica di un generatore reale di tensione. 24
1.26 Circuito equivalente di un generatore reale di corrente. . . . . . . 25
1.27 Caratteristica volt-amperometrica di un generatore reale di corrente. 25
1.28 Trasformazione di equivalenza tra un generatore reale di ten-
sione ed un generatore reale di corrente. . . . . . . . . . . . . 26
1.29 Bipolo elettrico con versi di misura di tensione e corrente
secondo la convenzione dei generatori. . . . . . . . . . . . . . 27
1.30 Bipolo elettrico con versi di misura di tensione e corrente
secondo la convenzione degli utilizzatori. . . . . . . . . . . . . 28
1.31 Convenzione dei generatori e interpretazione del segno della
potenza. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 29
1.32 Convenzione degli utilizzatori e interpretazione del segno della
potenza. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 29
1.33 Legge di Ohm: convenzioni degli utilizzatori e dei generatori
per una resistenza ohmica. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 30
1.34 Circuito costituito da due generatori reali in parallelo. . . . . 31
1.35 Generatore reale di tensione Vg , di resistenza interna Rg , che
alimenta un utilizzatore di resistenza Ru . . . . . . . . . . . . 33
1.36 Rapporto Pu /Pmax (in alto), rendimento η (in basso). . . . . 34
1.37 Esempio di applicazione del metodo di tableau. . . . . . . . . 40
1.38 Convenzioni per il circuito analizzato con il metodo di tableau. 40
1.39 n generatori reali di tensione in parallelo. . . . . . . . . . . . 43
1.40 Circuito di Fig. 1.39 trasformato. . . . . . . . . . . . . . . . . 44
1.41 Circuiti da analizzare con il Principio di Sovrapposizione degli
Effetti. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 45
1.42 Rete lineare attiva. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 47
1.43 Dimostrazione del Teorema di Thevènin. . . . . . . . . . . . . 48
1.44 Circuito semplificato in seguito all’applicazione del teorema
di Thevènin. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 48
1.45 Circuito equivalente secondo Norton. . . . . . . . . . . . . . . 49
1.46 Esercizio proposto. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 50
1.47 Circuito con il solo generatore Is2 attivo. . . . . . . . . . . . . 51
1.48 Circuito semplificato con il solo generatore Is2 attivo. . . . . . 51
1.49 Circuito con il solo generatore Vs1 attivo. . . . . . . . . . . . 52
1.50 Circuito dopo l’eliminazione della resistenza R3 . . . . . . . . . 52
ELENCO DELLE FIGURE vii

1.51 Circuito dopo l’eliminazione della resistenza R3 e la trasfor-


mazione reale di tensione nell’equivalente generatore reale di
corrente. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 53
1.52 Trasformazioni di equivalenza del circuito. . . . . . . . . . . . 53
1.53 Calcolo della resistenza a vuoto vista dai morsetti AB della
rete resa passiva. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 54
1.54 Circuito finale. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 55
1.55 Lato generico della rete. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 55
1.56 Esercizio proposto per l’applicazione del metodo dei nodi. . . 59
1.57 Trasformazioni di equivalenza del circuito di Fig. 1.56. . . . . 60
1.58 Trasformazione dei generatori reali di tensione in generatori
reali di corrente per il circuito di Fig. 1.56. . . . . . . . . . . 61
1.59 Esercizio proposto. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 65
1.60 Esercizio proposto per l’applicazione del metodo delle maglie. 70
1.61 Trasformazione dell’esercizio proposto per l’applicazione del
metodo delle maglie. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 71
1.62 Grafo, albero e co-albero orientati per il circuito di Fig. 1.60. 76
1.63 Maglie indipendenti per il circuito di Fig. 1.60. . . . . . . . . 77
1.64 Esercizio proposto. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 79
1.65 Trasformazione triangolo-stella. . . . . . . . . . . . . . . . . . 80
1.66 Dispersore semisferico. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 82
1.67 Campo elettrico E (in alto) e potenziale V (in basso) generati
nel terreno da un elettrodo semisferico. . . . . . . . . . . . . . 84
1.68 Dispersore cilindrico. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 85
1.69 Connessione all’impianto di terra delle carcasse metalliche di
utilizzatori elettrici. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 86

2.1 Teorema di Gauss. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 93


2.2 Condensatore a facce piane e parallele. . . . . . . . . . . . . . 94
2.3 Connessione in serie di n condensatori. . . . . . . . . . . . . . 97
2.4 Connessione in parallelo di n condensatori. . . . . . . . . . . 98
2.5 Condensatore con armature piane e parallele con più dielettrici. 99
2.6 Cilindro indefinito sede di carica uniformemente distribuita
sulla sua superficie: calcolo del potenziale prodotto in un
punto P dello spazio. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 100
2.7 Cilindri coassiali di diverso potenziale elettrico. . . . . . . . . . . 102
2.8 Condensatore cilindrico. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 104
2.9 Condensatore cilindrico a tre strati. . . . . . . . . . . . . . . . 106
2.10 Sfere concentriche. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 109
2.11 Distribuzione del campo elettrico tra due sfere concentriche. . 110
viii ELENCO DELLE FIGURE

2.12 Mappa del campo elettrico tra due sfere concentriche. . . . . 110
2.13 Conduttori paralleli di diverso potenziale elettrico. . . . . . . 112
2.14 Mappa del campo elettrico e del potenziale nel caso di due
conduttori cilindrici paralleli e indefiniti. . . . . . . . . . . . . 114
2.15 Carica puntiforme nel mezzo dielettrico 1 separato da una
superficie piana dal mezzo dielettrico 2. . . . . . . . . . . . . 115
2.16 Cariche puntiformi per l’analisi del campo elettrico nel mezzo
dielettrico 1. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 116
2.17 Carica puntiforme per l’analisi del campo elettrico nel mezzo
dielettrico 2. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 116
2.18 Conduttore in presenza del terreno. . . . . . . . . . . . . . . . 118
2.19 Conduttori paralleli su terreno. . . . . . . . . . . . . . . . . . 120
2.20 Rete di capacità parziali di una linea trifilare. . . . . . . . . . 122
2.21 Linea bifilare in presenza del terreno. . . . . . . . . . . . . . . 123
2.22 Capacità parziali di una linea bifilare. . . . . . . . . . . . . . 125
2.23 Linea di trasmissione a 2 conduttori su terreno. . . . . . . . . 125
2.24 Rete capacitiva equivalente alla linea a due conduttori su
terreno. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 126
2.25 Calcolo del campo elettrico coulombiano prodotto da due
conduttori sul terreno. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 127
2.26 Campo elettrico prodotto da una linea bifilare sulla superficie
del terreno. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 128
2.27 Campo elettrico prodotto da una linea bifilare ad un’altezza
y = 1.75 m dalla superficie del terreno. . . . . . . . . . . . . . 129
2.28 Circuito RC e tensione di alimentazione E(t). . . . . . . . . . 130
2.29 Tensione e corrente di carica di un condensatore. . . . . . . . 132
2.30 Tensione e corrente di scarica di un condensatore. . . . . . . . 133
2.31 Carica di un condensatore. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 136
2.32 Potenza ed energia assorbita da un condensatore alimentato
da un generatore di corrente continua. . . . . . . . . . . . . . 137
2.33 Condensatore cilindrico a 3 strati. . . . . . . . . . . . . . . . 138

3.1 Legge della circuitazione di Ampere. . . . . . . . . . . . . . . 144


3.2 Concatenamento di N = 4 spire con la linea di circuitazione lc . . . 145
3.3 Legge della circuitazione di Ampere in presenza di più correnti. . . 145
3.4 Avvolgimento toroidale. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 147
3.5 Calcolo del flusso concatenato con la superficie S. . . . . . . . . . 149
3.6 Legge di Lenz. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 150
3.7 Illustrazione delle sorgenti di tensione indotta dalla legge di Faraday-
Neumann e le correnti indotte in una spira per la legge di Lenz. . . 151
ELENCO DELLE FIGURE ix

3.8 Generazione di una tensione indotta vF alle estremità di una spira


interrotta in un punto. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 151
3.9 Cavo elettrico coassiale. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 152
3.10 Curva di prima magnetizzazione (sopra), permeabilità magnetica
assoluta (sotto). . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 154
3.11 Caratteristica di un materiale ferromagnetico non lineare(sopra)
e corrispondenti permeabilità magnetiche (assoluta, incrementale,
differenziale). . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 156
3.12 Ciclo di isteresi di materiali ferromagnetici. a) materiale ferromag-
netico duro, b) materiale ferromagnetico dolce, c) ferrite. . . . . . 157
3.13 Tronco di tubo di flusso del campo di induzione B. . . . . . . . . 160
3.14 Tubo di flusso toroidale. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 161
3.15 Tubi di tubo di flusso del campo di induzione B. . . . . . . . . . 163
3.16 I legge di Kirchhoff per i circuiti magnetici. . . . . . . . . . . . . 165
3.17 II legge di Kirchhoff per i circuiti magnetici. . . . . . . . . . . . . 165
3.18 Esempio di circuito magnetico. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 166
3.19 Induttanza di un circuito avvolto su un nucleo toroidale ad elevata
permeabilità magnetica. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 167
3.20 Convenzioni per l’induttore. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 168
3.21 Relazione tra induttanza magnetica e riluttanza di un circuito mag-
netico. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 168
3.22 Circuiti magnetici in presenza di due circuiti elettrici accoppiati. . 169
3.23 Circuiti induttori mutuamente accoppiati. . . . . . . . . . . . . . 170
3.24 Flussi proprio e mutui generati da due circuiti induttori mutua-
mente accoppiati. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 171
3.25 Circuito equivalente a due circuiti induttori mutuamente accoppiati. 173
3.26 Avvolgimenti accoppiati attraverso un nucleo ferromagnetico lineare. 176
3.27 Circuito elettrico equivalente al circuito magnetico per il calcolo di
L1 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 177
3.28 Circuito elettrico semplificato equivalente al circuito magnetico per
il calcolo di L1 e M21 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 177
3.29 Circuito elettrico semplificato equivalente al circuito magnetico per
il calcolo di L2 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 179
3.30 Elettromagnete. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 180
3.31 Caratteristica B − H (sopra), caratteristica (F mm − ϕ) sotto. . . 183
3.32 Nucleo magnetico a tre colonne. . . . . . . . . . . . . . . . . . 184
3.33 magnetico per il calcolo di L1 . . . . . . . .
Circuito . . . . . . . 185
3.34 elettrico equivalente per il calcolo di L1 . . .
Circuito . . . . . . . 185
3.35 magnetico per il calcolo di L2 . . . . . . . .
Circuito . . . . . . . 186
3.36 elettrico equivalente per il calcolo di L2 . . .
Circuito . . . . . . . 187
x ELENCO DELLE FIGURE

3.37 Circuito magnetico per il calcolo di L3 . . . . . . . . . . . . . . . 188


3.38 Circuito elettrico equivalente per il calcolo di L3 . . . . . . . . . . 188

4.1 Vettore rappresentativo (fasore) di una grandezza sinusoidale nel


piano complesso (di Gauss). . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 197
4.2 Vettore rappresentativo (fasore) della derivata di una funzione si-
nusoidale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 198
4.3 Trasformazione dell’integrale indefinito di una funzione sinusoidale
y(t). . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 199
4.4 Bipolo in regime alternativo sinusoidale. . . . . . . . . . . . . . . 200
4.5 Fasori nel piano complesso. Sinistra: caso della corrente sfasata in
ritardo rispetto alla tensione; destra: caso della corrente sfasata in
anticipo rispetto alla tensione. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 201
4.6 Circuito puramente resistivo. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 204
4.7 Tensione vR (t) ai capi della resistenza R (in alto) e potenza istan-
tanea pR (t) in essa dissipata (in basso). . . . . . . . . . . . . . . 205
4.8 Circuito puramente induttivo. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 206
4.9 Tensione vL (t) ai capi dell’induttanza L (in alto) e potenza istan-
tanea pL (t) (in basso). . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 207
4.10 Circuito puramente capacitivo. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 208
4.11 Tensione vC (t) ai capi del condensatore (in alto) e potenza istanta-
nea pC (t) (in basso). . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 209
4.12 Circuito RLC serie. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 218
4.13 Ampiezza della corrente I e dell’impedenza Z di un circuito RLC
serie. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 220
4.14 Diagramma fasoriale per il circuito RLC serie. . . . . . . . . . . . 221
4.15 Trasformazione triangolo-stella in regime alternativo sinusoidale. . 225
4.16 Rete lineare attiva in regime alternativo sinusoidale. . . . . . . . . 228
4.17 Circuito semplificato a valle dell’applicazione del teorema di Thevenin. 229
4.18 Circuito equivalente secondo Norton in regime alternativo sinusoidale. 229
4.19 Circuito RL. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 230
4.20 Circuito RLC. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 233
4.21 Circuito RLC trasformato. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 234
4.22 Esempio di applicazione del metodo dei nodi in regime alternativo
sinusoidale. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 240
4.23 Rete trasformata. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 242
4.24 Esercizio proposto sull’applicazione del metodo dei nodi. . . . 248
4.25 Esempio di applicazione del metodo delle maglie in regime alterna-
tivo sinusoidale. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 251
4.26 Circuito trasformato. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 253
ELENCO DELLE FIGURE xi

5.1 Vettori rappresentativi delle grandezze elettriche di un sis-


tema trifase di sequenza diretta (a), di sequenza inversa (b)
e di un sistema esafase (c). . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 262
5.2 Origine di un sistema trifase. . . . . . . . . . . . . . . . . . . 263
5.3 Sistema trifase interconnesso a stella. . . . . . . . . . . . . . . 264
5.4 Circuito monofase equivalente. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 266
5.5 Tensioni di fase stellate (V 1 , V 2 , V 3 ) e tensioni concatenate
(V 12 , V 23 , V 31 ). . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 267
5.6 Sistema trifase con il centro stella dell’utenza isolato. . . . . . 268
5.7 Sistema trifase simmetrico nelle tensioni di alimentazione e
squilibrato nelle correnti. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 269
5.8 Trasformazione di un generatore di tensione trifase con collegamen-
to a triangolo in uno equivalente con collegamento a stella. . . . . 271
5.9 Sistema trifase simmetrico nelle tensioni ed equilibrato nei
carichi caratterizzato da collegamento a stella equivalente a
quello con collegamento a triangolo. . . . . . . . . . . . . . . 272
5.10 Circuito monofase equivalente al sistema interconnesso a triangolo. 273
5.11 Correnti di fase J 12 , J 23 , J 31 e correnti di linea I 1 , I 2 , I 3 . . . . . . 274
5.12 Sistema trifase simmetrico nelle tensioni ed equilibrato nelle correnti. 275
5.13 Circuito monofase equivalente del sistema trifase in Fig. 5.12. 275
5.14 Utenza alimentata mediante un sistema polifase di tensioni. . 277
5.15 Utenza trifase con neutro accessibile. . . . . . . . . . . . . . . 279
5.16 Sistema monofase equivalente ad un sistema costituito da una
linea trifase ed un carico trifase equilibrato. . . . . . . . . . . 285
5.17 Diagramma fasoriale per lo studio della caduta di tensione su
una linea che alimenta un carico ohmico-induttivo. . . . . . . 286
5.18 Diagramma fasoriale per lo studio della caduta di tensione su
una linea che alimenta un carico ohmico-capacitivo. . . . . . . 287
5.19 Rifasamento del carico di impedenza Z C . . . . . . . . . . . . 287
5.20 Rifasamento del carico di impedenza Z C : inserimento di un
banco di condensatori in parallelo al carico. . . . . . . . . . . 288
5.21 Rifasamento del carico di impedenza Z C : diagramma fasori-
ale per il calcolo della corrente di linea. . . . . . . . . . . . . 289
5.22 Rifasamento di un carico trifase. . . . . . . . . . . . . . . . . 290
5.23 Schema unifilare di un sistema trifase. . . . . . . . . . . . . . 294
5.24 Schema monofase equivalente del sistema trifase. . . . . . . . 296
xii ELENCO DELLE FIGURE
Elenco delle tabelle

2.1 Permittività e rigidità elettrica di mezzi gassosi, liquidi e solidi. 96

xiii
xiv ELENCO DELLE TABELLE
Prefazione

Queste dispense raccolgono le lezioni di Elettrotecnica generale tenute nel-


l’ambito del corso di Elettrotecnica per Ingegneria Meccanica, Ingegneria
Gestionale ed Ingegneria Civile, della Facoltà di Ingegneria dell’ Università
degli Studi dell’Aquila. Ogni capitolo è arricchito da esercizi e dai listati dei
codici Matlab che implementano gli studi condotti o la soluzione di esercizi
proposti.

Giulio Antonini
L’Aquila, 10 giugno 2012

xv
xvi ELENCO DELLE TABELLE
Capitolo 1
Reti in corrente continua

1.1 La carica elettrica e la legge di Coulomb


Dallo studio della Fisica è noto che i corpi materiali possono presentare
proprietà particolari che danno luogo alle cosiddette interazioni elettriche e
magnetiche. L’elemento chiave di queste interazioni è la carica elettrica che
è una delle quantità fondamentali in fisica che, in quanto tale, non può essere
definita, ma solo descritta. E’ una proprietà che si manifesta con la cosid-
detta interazione elettromagnetica, cioè con un’interazione a distanza tra
particella cariche senza il reale contatto che presuppone l’interazione mec-
canica. Il risultato dell’interazione elettromagnetica è la comparsa di forze
che agiscono sulle particelle cariche. In particolare esistono due diversi tipi
di cariche, che chiameremo positive e negative, per cui cariche dello stesso
tipo si respingono e cariche di segno opposto si attraggono. L’elettrone, uno
dei componenti dell’atomo ha carica negativa, mentre nel nucleo dell’atomo
sono presenti i protoni, dotati di una carica positiva. La carica elettrica, nel
Sistema Internazionale (SI), si misura in coulomb (C); la carica dell’elettrone
è pari a
e = −1.60210 · 10−19 C
L’interazione elettrica tra i corpi materiali può essere ricondotta ad una
legge elementare che prende il nome di legge di Coulomb che assume che i
corpi materiali portatori di cariche si possano ridurre a punti geometrici. Si
introduce in tal modo il concetto di carica puntiforme: un corpo che occupa
un volume infinitamente piccolo individuato dalle coordinate di un punto, di
massa non nulla e portatore di una carica elettrica, positiva o negativa. In
effetti i volumi dei portatori elementari di carica, protoni ed elettroni, sono

1
2 CAPITOLO 1. RETI IN CORRENTE CONTINUA

molto piccoli rispetto alle dimensioni che caratterizzano i fenomeni elettrici


che essi generano. Gli esperimenti dicono che, per esempio, la carica di un
protone può essere immaginata concentrata in una sfera di circa 10−13 cm di
raggio.
Legge di Coulomb La legge di Coulomb afferma che, se due cariche puntiformi, q1 e q2 ,
fossero poste (ferme) alla distanza r l’una dall’altra, su ciascuna delle cariche
agirebbe una forza; quella esercitata dalla carica 1 sulla carica 2 è espressa
dalla formula

1 q1 q2
F 12 = û12 (1.1.1)
4πε r 2
dove il parametro ε, caratteristico del mezzo in cui il fenomeno elettrico
si manifesta, è detto permittività elettrica e si misura in farad su metro
[F/m]=[C2 /J]. Nel vuoto la permittività è ε0 = 8.8564 · 10−12 F/m. Dunque,
tale forza è diretta lungo la congiungente tra le due cariche, proporzionale al
loro prodotto, inversamente proporzionale al quadrato della distanza che le
separa. Tale forza è repulsiva o attrattiva a seconda che le cariche abbiano
lo stesso segno o segno opposto, come illustrato in Fig. 1.1.

Figura 1.1: Le legge di Coulomb.

Una forza uguale ed opposta F 21 = −F 12 viene esercitata dalla carica 2


sulla carica 1. In presenza di più cariche la forza agente su ognuna di esse è
la somma vettoriale delle forze che ogni altra carica produrrebbe sulla stessa
carica, in assenza delle altre. Si può affermare che l’effetto complessivo in
termini di forza esercitata sulla singola carica è la somma degli effetti (forze)
prodotti dalle singole cariche agenti in assenza delle altre. Se le cariche si
muovono la legge di Coulomb deve essere modificata per tener conto anche
di questo fatto.
1.2. IL CAMPO ELETTRICO COULOMBIANO 3

Figura 1.2: Somma vettoriale delle forze di Coulomb agenti su una carica.

Il principio della conservazione della carica elettrica, proprietà fonda-


mentale della natura, sancisce che in un sistema chiuso la carica totale non
varia nel tempo. Tuttavia uguali quantità di carica positive e negative pos-
sono essere simultaneamente create o annullate senza alterare l’equilibrio
totale delle cariche elettriche.

1.2 Il campo elettrico coulombiano


L’esperienza di Coulomb dimostra che, in un mezzo uniforme di permittività
ε, una carica libera puntiforme q, posta nel punto Q, esercita su una carica
di prova (anche detta esploratrice) ∆q posta in un generico punto P posto
a distanza rQP da Q la forza ∆F c esprimibile con la legge di Coulomb (Fig.
1.3)

1 q∆q
∆F c (P ) = 2 uQP (1.2.1)
4πε rQP
Piuttosto che la forza ∆F c conviene considerare il campo elettrico coulom-
biano definito come:
∆F c (P ) dF c
E c (P ) , lim = (1.2.2)
∆q→0 ∆q dq
che risulta pari a:
q
E c (P ) = 2 uQP (1.2.3)
4πεrQP
Il vettore E c (P ) è indipendente dalla carica esploratrice ∆q; essendo fun-
zione del punto P costituisce un campo vettoriale detto campo elettrico
4 CAPITOLO 1. RETI IN CORRENTE CONTINUA

Figura 1.3: Forza di Coulomb su una carica esploratrice.

coulombiano. Il campo elettrico ha dimensione fisica di newton su coulomb


[N/C], unità di misura che viene più spesso espressa come volt su metro
[V/m] (ove si pone volt: [V]=[J/C]).

1.2.1 Proprietà fondamentale del campo elettrico coulom-


biano
La proprietà fondamentale del campo elettrico coulombiano è quello di essere
conservativo: la sua circuitazione (integrale di linea) su qualsiasi linea chiusa
è sempre nulla (Fig. 1.4)
Z
E c · t dl = 0 (1.2.4)
lc
Il campo elettri-
co coulombiano è
conservativo

Ec

lc t

Figura 1.4: Circuitazione del campo elettrico coulombiano.

Di conseguenza, l’integrale di linea su qualsiasi linea aperta dipende solo


dalla posizione degli estremi della linea e mai dal percorso su cui esso si
sviluppa (Fig. 1.5).
1.3. IL POTENZIALE ELETTRICO 5

Ec t2
B

t1
l2
Ec
A l1

Figura 1.5: Integrali di linea del campo elettrico coulombiano lungo due
diverse linee congiungenti gli stessi punto A e B.

E’ dunque possibile scrivere:


Z B Z B
E c · t1 dl = E c · t2 dl (1.2.5)
l1 ,A l2 ,A

1.3 Il potenziale elettrico


Dunque, l’integrale di linea di E c lungo una qualsiasi linea che si sviluppa
tra i punti A e B non dipende dalla particolare linea scelta, ma soltanto dal
punto iniziale A e da quello finale B. Questa proprietà, matematicamente,
consente di esprimere il campo elettrico coulombiano in termini di una fun-
zione scalare, detta potenziale elettrico, funzione solo di punto, attraverso
la relazione Legame tra il campo
E c = −grad V = −∇ V (1.3.1) elettrico coulombiano ed
il potenziale elettrico
dove grad è un operatore differenziale noto come gradiente. Assumendo un
sistema di coordinate cartesiane è possibile riscrivere la (1.3.1) come
 
∂V ∂V ∂V
Ec = − ux + uy + uz (1.3.2)
∂x ∂y ∂z
dove il campo elettrico E c è espresso in coordinate cartesiane come:

E c = (Ecx , Ecy , Ecz ) (1.3.3)


e l’operatore gradiente è rappresentato da:
 
∂ ∂ ∂
grad = , , (1.3.4)
∂x ∂y ∂z
6 CAPITOLO 1. RETI IN CORRENTE CONTINUA

Si dimostra che l’integrale di linea del campo elettrico coulombiano (1.2.5),


che si è detto non dipende dalla linea di integrazione, può essere calcolato
come
Z B Z B
E c · t dl = −grad V · t dl = V (A) − V (B) = VAB (1.3.5)
A A

e cioè è pari alla differenza di potenziale elettrico tra i punti A e B. Tale


d.d.p. viene anche detta tensione elettrica VAB .

Potenziale elettrico di una carica puntiforme


Il potenziale elettrico prodotto nel punto P di un mezzo omogeneo di
permittività ε da una carica puntiforme q posta nel punto Q vale:
q
V (P ) = (1.3.6)
4πεrQP

1.4 La corrente elettrica


Per definizione, le cariche elettriche in movimento costituiscono una cor-
rente elettrica. Per caratterizzare quantitativamente la corrente elettrica, si
assume che una carica netta q(t) passi attraverso una superficie arbitraria
S.

i(t)

Figura 1.6: Intensità di corrente.

L’intensità di corrente che attraversa la superficie S aperta può essere


definita come (Fig. 1.6):
dq
i(t) = (1.4.1)
dt
1.4. LA CORRENTE ELETTRICA 7

Se si assume che al tempo t0 sia già passata una carica q(t0 ) attraverso la
superficie S, nella direzione della normale orientata n (Fig. 1.6), la carica
totale al tempo t che è passata attraverso S è:
Z t
q(t) = q(t0 ) + i(τ )dτ (1.4.2)
t0

Nel Sistema Internazionale (SI) l’unità di misura dell’intensità di corrente è


l’ampere [A], definito come coulomb su secondo [Cs−1 ].
Nella teoria dei circuiti, la corrente elettrica normalmente fluisce in con-
duttori metallici, sicchè la superficie cui si applica la precedente definizione
è il risultato del taglio del conduttore, denominato sezione trasversale. Il
flusso delle cariche elettriche in un conduttore è descritto da una grandezza
vettoriale, nota come densità di corrente J . Dal corso di Fisica II è noto che
l’intensità di corrente attraverso una superficie aperta S può essere espressa
come flusso della densità di corrente attraverso la stessa superficie S (Fig.
1.6): Z
i(t) = J (t) · ndS (1.4.3)
S
dove n è la normale orientata alla superficie S.
Oltre al campo elettrico coulombiano esiste anche un campo elettrico
indotto E i generato dalle correnti variabili nel tempo. E’ possibile dunque
introdurre un campo elettrico totale:
E = Ec + Ei (1.4.4)
Il campo elettrico indotto gioca un ruolo importante nei circuiti in regime
alternativo sinusoidale che verranno studiati nel seguito. Nelle reti in regime
stazionario (caratterizzate da grandezze elettriche non variabili nel tempo)
l’unico campo elettrico esistente è quello coulombiano.
Oltre alla corrente elettrica appena descritta, esiste un altro tipo di cor-
rente elettrica che non è associata ad un flusso di cariche elettriche ed è
nota come corrente di spostamento. Le correnti di spostamento sono dovute
a variazioni nel tempo del campo elettrico e anche esse, come le correnti
elettriche dovute al flusso di cariche elettriche, generano campi magnetici.
Come si vedrà più avanti, un esempio rilevante di corrente di spostamento
è rappresentato dalla corrente in un condensatore. Le correnti di spostamen-
to sono anche responsabili della propagazione delle onde elettromagnetiche
nel vuoto. Analogamente a prima, è possibile definire una densità di corrente
di spostamento che, come si vedrà, è esprimibile come:
∂E(t)
Js = ε (1.4.5)
∂t
8 CAPITOLO 1. RETI IN CORRENTE CONTINUA

1.5 Legge di Ohm

Figura 1.7: La legge di Ohm.

Se in un conduttore si manifesta la presenza di un campo elettrico E,


contestualmente si manifesta un moto ordinato di cariche elettriche, cui
corrisponde una densità di corrente elettrica J, legate tra loro dalla legge di
Ohm per le grandezze specifiche [1].

J = γE (1.5.1)

dove γ rappresenta un coefficiente di proporzionalità noto come conducibilità


elettrica del materiale sede del campo di corrente. E’ in generale dipendente
dalle condizioni fisiche di esercizio del materiale (densità di corrente) e dalla
temperatura. La sua unità di misura è siemens su metro (S/m). Talvolta si
usa il suo inverso, la resistività elettrica ̺ che si misura in ohm·metro (Ωm,
ma anche Ω· mm2 /m o Ω· mm2 /Km). Se il conduttore è caratterizzato da
una sezione trasversale molto piccola rispetto alla dimensione assiale, come
in Fig. 1.7, i vettori J ed E sono paralleli all’asse del conduttore e possono
essere ritenuti costanti in modulo sia nella sezione trasversale del conduttore
che nella sua lunghezza.
Nel regime stazionario che caratterizza le reti in corrente continua, l’u-
nico campo elettrico che si manifesta è quello coulombiano che, in quanto
conservativo può essere espresso come:

E c = −gradV = −∇V (1.5.2)

Questa equazione vettoriale, in coordinate cartesiane, diventa:

∂V ∂V ∂V
Ecx = − Ecy = − Ecz = − (1.5.3)
∂x ∂y ∂z
1.5. LEGGE DI OHM 9

Nel caso considerato esiste una sola componente del campo coulombiano,
quella lungo l’asse x e dunque si ha
∂V
Ecx = − Ecy = Ecz = 0 (1.5.4)
∂x
Integrando lungo l’asse x a partire dalla superficie posta all’ascissa x = xA
fino a quella posta in x = xB si ottiene:
B xB xB
∂V
Z Z Z
E c · dl = Ecx dx = El = − dx = VA − VB (1.5.5)
A xA xA ∂x

dove VA −VB = V è la differenza di potenziale (d.d.p.) ai capi del conduttore.


Inoltre, essendo E = J/γ, si può scrivere:

VA − VB
J =γ (1.5.6)
l
Si può inoltre calcolare l’intensità di corrente totale che attraversa la sezione
trasversale del conduttore:
VA − VB
Z
I= J · ndS = JS = γS (1.5.7)
S l

da cui si ricava:
l ̺l
VA − VB = V = I = I = RI (1.5.8)
γS S
La legge di Ohm V = RI afferma che, a temperatura costante, esiste una
proporzionalità tra la differenza di potenziale agli estremi di un conduttore
filiforme e l’intensità di corrente che attraversa il conduttore stesso.
Il coefficiente di proporzionalità è detto resistenza ohmica del con-
duttore. Si misura in ohm (Ω). E’ possibile anche scrivere la relazione
inversa:
γS
I= (VA − VB ) = G (VA − VB ) = GV (1.5.9)
l
Il coefficiente di proporzionalità è detto conduttanza del conduttore e si
misura in siemens (S). Esistono materiali per i quali non è possibile trovare
una proporzionalità tra d.d.p. e intensità di corrente e per i quali vale
invece un legame più generale del tipo V = f (I) dove f (I) esprime una
dipendenza non lineare da I. In questo caso si parla di resistori non lineari.
La corrispondente resistenza è f (I)/I e, al contrario dei resistori ohmici,
dipende dall’intensità di corrente I. La Fig. 1.8 illustra alcune possibili
caratteristiche volt-amperometriche di resistori lineari e non lineari.
10 CAPITOLO 1. RETI IN CORRENTE CONTINUA

V V

I I

V V V

I I I

Figura 1.8: Caratteristiche volt-amperometriche di resistori lineari e non


lineari.

1.5.1 Dipendenza dalla temperatura della resistenza elettri-


ca dei conduttori
La resistività ̺ dei materiali dipende dalla temperatura T del materiale. Per
i metalli e le leghe metalliche, per intervalli di temperatura non molto ampi,
si può approssimare tale dipendenza con una legge lineare:

̺(T ) = ̺0 (1 + αT ) (1.5.10)

dove ̺0 è la resistività del materiale a 0 0 C e α il coefficiente di temperatura.

• Resistività bassa o bassissima: realizzazione di conduttori (rame elet-


trolitico e alluminio);

• resistività intermedie: realizzazione di resistori;

• resistività elevata: realizzazione di isolanti.

I metalli hanno un coefficiente di temperatura positivo e dunque una resis-


tività che cresce con T , altri materiali, come il carbone, hanno un coefficiente
di temperatura negativo e dunque una resistività che decresce con T , altri,
come alcune leghe (manganina e costantana usate per costruire strumenti
di misura) hanno α = 0 e quindi resistività costante con T .
1.5. LEGGE DI OHM 11

Data la proporzionalità tra resistività e resistenza ohmica si può anche


scrivere:
R(T ) = R0 (1 + αT ) (1.5.11)
dove R0 è la resistenza a 0 0 C e R(T ) è la resistenza alla temperatura T .

Figura 1.9: Resistività e coefficiente di temperatura di alcuni materiali.

Indipendentemente da Ohm, Joule condusse degli esperimenti volti a


determinare l’energia dissipata in un conduttore percorso da una corrente I
per un tempo ∆t; trovò la seguente legge sperimentale:
WJ = kI 2 ∆t (1.5.12)
La costante di proporzionalità è proprio le resistenza ohmica, k = R.
Alla (1.5.12) corrisponde una potenza dissipata
WJ
PJ = = kI 2 = RI 2 (1.5.13)
∆t
12 CAPITOLO 1. RETI IN CORRENTE CONTINUA

Affinchè ci sia passaggio continuo di corrente in un conduttore e quindi si


manifesti la dissipazione di potenza PJ è necessario che ci sia una tensione
V ai capi del conduttore stesso e, dunque, che ci sia un dispositivo a due
morsetti, detto generatore ideale di tensione, che sia in grado di generare
una d.d.p. ai suoi capi, per il momento supposta costante, indipendente
dalla corrente che lo attraversa.

A I

Generatore
ideale Vg R
di tensione

Figura 1.10: Generatore ideale di tensione.

Il generatore ideale di tensione prende delle cariche positive dal morset-


to B e le porta al morsetto A. Al suo interno ci sono forze, di varia natura
(chimica, meccanica) che compiono un lavoro per realizzare questo sposta-
mento. A tali forze corrisponde una forza elettrica specifica E g . La forza
elementare che si esercita su una carica dq è:
dF = E g dq (1.5.14)
In corrispondenza di uno spostamento dl della carica il lavoro sviluppato da
tale forza è:
d2 L = dF · dl = E g · dl dq (1.5.15)
La carica dq può essere espressa in termini di intensità di corrente I = dq/dt
e dunque risulta:
d2 L = dF · dl = E g · dl I dt (1.5.16)
Assumiamo per semplicità che E g sia uniforme all’interno del generatore
ideale supposto di lunghezza l e si integri tra i due morsetti A e B. Si
ottiene:
dL = Eg l I dt = Vg I dt (1.5.17)
La potenza sviluppata è:
dL
Pg = = Vg I (1.5.18)
dt
1.5. LEGGE DI OHM 13

Per la legge di Ohm V = RI e dunque si ha:


dL
Pg = = Vg I = RI 2 = PJ (1.5.19)
dt
Si può quindi affermare che:
Osservazione 1.6. la potenza Pg sviluppata da un generatore ideale di
tensione sulle cariche per spostarle dal morsetto B al morsetto A è uguale
alla potenza PJ dissipata per effetto Joule nel resistore lineare alimentato
dal generatore ideale stesso.
In generale, senza ipotizzare che il generatore alimenti un resistore lin-
eare, si può affermare che:
Osservazione 1.7. la potenza Pg sviluppata da un generatore ideale di
tensione sulle cariche per spostarle dal morsetto B al morsetto A è uguale
alla potenza Pu trasferita all’utilizzatore alimentato dal generatore ideale
stesso.
Pg = Vg I = Pu (1.7.1)

1.7.1 Caratteristica volt-amperometrica di un generatore ide-


ale di tensione
In Fig. 1.11 è mostrata la caratteristica volt-amperometrica (V − I) di un
generatore ideale di tensione continua e il simbolo che viene utilizzato per
rappresentarlo nei circuiti.

Vg
Vg

(a) (b)

Figura 1.11: Caratteristica volt-amperometrica (a) e simbolo circuitale di un


generatore ideale di tensione continua Vg (b).

Il generatore ideale di tensione continua Vg è detto anche generatore di


potenza infinita; infatti si ha:
14 CAPITOLO 1. RETI IN CORRENTE CONTINUA

• Pg → ∞ quando I → ∞, per esempio al ridursi della resistenza del


carico alimentato, per un assegnato valore della tensione erogata V .

1.7.2 Caratteristica volt-amperometrica di un generatore ide-


ale di corrente

Ig V

Ig
I

(a) (b)

Figura 1.12: Caratteristica volt-amperometrica (a) e simbolo circuitale di un


generatore ideale di corrente Ig (b).

Il generatore ideale di corrente eroga una corrente Ig indipendentemente


dalla d.d.p. V ai suoi capi. E’ anch’esso dunque un generatore di potenza
infinita.

1.7.3 Nozioni topologiche dei circuiti


Passiamo ora da un singolo conduttore alimentato da un generatore ideale
di tensione ad una rete più complessa costituita da più resistenze e gener-
atori ideali di tensione, collegati tra loro. In una rete elettrica è possibile
individuare alcune entità fondamentali, di natura topologica:

• il nodo: un punto in cui sono collegati almeno tre componenti (per


ora resistenze e generatori ideali di tensione);

• il lato: un circuito che collega due nodi;

• la maglia: un insieme di lati che costituisce un percorso chiuso;

Vedremo in seguito che è possibile individuare un lato standard e definire


quindi il nodo come un punto in cui sono collegati almeno tre lati standard.
Un altro concetto molto importante nello studio delle reti, di qualunque tipo,
1.5. LEGGE DI OHM 15

è quello di verso di misura delle grandezze elettriche, tensione e corrente,


che caratterizzano un lato, come illustrato in Fig. 1.13. La scelta dei versi

nodo A

I
verso di misura di I
verso di misura di VAB
VAB

nodo B

Figura 1.13: Versi di misura di tensione e corrente di un lato.

di misura di tensione e di corrente è del tutto arbitraria e quella di V è


indipendente da quella di I. Per lo studio di una qualsiasi rete non banale
(n nodi e l lati) è necessario ricorrere a Principi generali, noti come Principi
di Kirchhoff, di seguito enunciati.
I Principio di Kirchhoff : la somma algebrica delle correnti in un nodo
di un circuito è uguale a zero. E’ conseguenza della legge divJ = ∇ · J = 0,
valida in regime stazionario (campo di corrente solenoidale).

I1
I2
I5

I4

I3

Figura 1.14: I Principio di Kirchhoff.

Nn
X
±Ik = 0 (1.7.2)
k=1
16 CAPITOLO 1. RETI IN CORRENTE CONTINUA

Il segno della somma algebrica tiene conto dei versi di misura sui lati che
si toccano nel nodo: ad esempio positivo se entrante, negativo se uscente
(oppure il contrario). Nell’esempio: I1 − I2 + I3 − I4 − I5 = 0.
II Principio di Kirchhoff : la somma algebrica delle tensioni dei
lati appartenenti ad una maglia è uguale a zero. E’ conseguenza della
legge rotE = ∇ × E = 0 valida in regime stazionario (campo elettrico
conservativo).

R1

I1 I2
VR1
VR 2
V g1 R2

VR3 V g2

I3
R3
V g3

Figura 1.15: II Principio di Kirchhoff.

Nl
X
±Vk = 0 (1.7.3)
k=1

Si scelga un verso di percorrenza della maglia (orario o antiorario). Il segno


della somma algebrica tiene conto dei versi di misura dei lati rispetto al
verso di percorrenza scelto: il segno sarà positivo se sono concordi, negativo
altrimenti (oppure il contrario).
Nell’esempio: Vg1 − VR1 − Vg2 + VR2 − Vg3 + VR3 = 0.
Per la legge di Ohm diventa: Vg1 − R1 I1 − Vg2 + R2 I2 − Vg3 + R3 I3 = 0
1.8. INTERCONNESSIONE DI RESISTENZE E GENERATORI IDEALI17

Vg1
A

Vg2 = Vg,eq=V g1-Vg2+Vg3

B
Vg3

Figura 1.16: Collegamento in serie di n generatori ideali di tensione.

1.8 Interconnessione di resistenze e generatori ide-


ali
Collegamento in serie di n resistenze
n
X
Req = Rk (1.8.1)
k=1

Collegamento in parallelo di n resistenze


n n
1 X 1 X
= ⇒ Geq = Gk (1.8.2)
Req Rk
k=1 k=1

Collegamento in serie di n generatori ideali di tensione


n
X
Vg,eq = ±Vgk (1.8.3)
k=1

dove il segno meno tiene conto della polarità dei singoli generatori di tensione
rispetto a quella assunta per il generatore equivalente Vg,eq .
18 CAPITOLO 1. RETI IN CORRENTE CONTINUA

= Ig,eq =I g1 -I g2 +I g3
I g1 Ig2 Ig3
B

Figura 1.17: Collegamento in parallelo di n generatori ideali di corrente.

Interconnessione in parallelo di n generatori ideali di corrente


n
X
Ig,eq = ±Igk (1.8.4)
k=1

dove il segno meno tiene conto della polarità dei singoli generatori di corrente
rispetto a quella assunta per il generatore equivalente Ig,eq .

Casi patologici
Non ha significato fisico il collegamento in parallelo di generatori ideali di
tensione nè il collegamento in serie di generatori ideali di corrente.

1.8.1 Partitore di corrente

I − I1 − I2 = 0 VA − VB = R1 I1 = R2 I2 (1.8.5)

R2 R1
I1 = I I2 = I (1.8.6)
R1 + R2 R1 + R2

1.8.2 Shunt
Se la corrente che percorre un circuito è cosı̀ intensa da non essere toller-
ata da uno strumento di misura (amperometro o galvanometro) si usa il
deviatore di corrente o shunt.
Si genera cosı̀ un percorso ad elevata conducibilità, bassa resistenza, in
parallelo allo strumento di misura che viene cosı̀ attraversato da una corrente
1.8. INTERCONNESSIONE DI RESISTENZE E GENERATORI IDEALI19

R1
I1

I I2
R2
V A -VB

Figura 1.18: Partitore di corrente.

Figura 1.19: Shunt.

di intensità ridotta. Se la resistenza dello shunt è K volte minore di quella


dello strumento di misura si ha:

Rs RA /K
IA = I= I
Rs + RA RA /K + RA
1
= I (1.8.7)
K +1

Ciò permette di misurare correnti di intensità K+1 volte maggiori rispetto al


fondo scala dello strumento di misura posto in parallelo allo shunt. L’impiego
di uno shunt avente resistenza 1/9, 1/49, 1/499 di quella dell’amperometro
con il quale è posto in parallelo consente la misura di correnti 10,50,500 volte
maggiori di quelle che attraversano lo strumento di misura.
20 CAPITOLO 1. RETI IN CORRENTE CONTINUA

Figura 1.20: Reostato a cursore.

1.8.3 Reostato a cursore


Quando è necessario variare la corrente di un circuito si ricorre ai reostati.
Sono conduttori a forma di fili lunghi e sottili, avvolti a spire su un
materiale isolante. Sono generalmente realizzati in manganina, costantana,
argentana, nichel-cromo.
Possono essere:

• a cursore (come in Fig. 1.20);

• a cassetta;

• a tastiera.

In quelli a cursore lo spostamento del cursore inserisce un tratto più o


meno lungo di conduttore, variando la resistenza inserita e, quindi, anche
l’intensità della corrente erogata dall’alimentazione.

1.8.4 Partitore di tensione

Vu

Ru
Iu

Rp Rp Rp Rp Rp
Ip I p +I u
n
1 2 k n-1
I

Figura 1.21: Partitore di tensione.


1.8. INTERCONNESSIONE DI RESISTENZE E GENERATORI IDEALI21

Per la rete in Fig. 1.21 valgono le seguenti relazioni:

kRp Ip + (n − k) Rp (Iu + Ip ) = V (1.8.8)


kRp Ip = Ru Iu (1.8.9)

Dalle (1.8.8-1.8.9) si ricava:

V
Ip = R2
(1.8.10)
nRp + (n − k) k Rup
kRp
Iu = Ip (1.8.11)
Ru
Il partitore di tensione permette di alimentare con una tensione continua Vu
l’utilizzatore avendo a disposizione una tensione di alimentazione V > Vu .
Indichiamo m = Vu /V il rapporto di trasformazione del partitore e con
η il rendimento di trasformazione, uguale al rapporto tra la potenza fornita
all’utilizzatore e quella assorbita dal partitore:
Vu Iu Iu
η= =m (1.8.12)
V (Iu + Ip ) Iu + Ip

Parametri: Rp = 1 Ω, Ru = 2 Ω, V = 1 V , n = 20.
Si evince che, onde mantenere il rendimento di trasformazione entro valori
accettabili da un punto di vista economico, il partitore va utilizzato per
valori di m superiori a 0.85.

% Partitore_tensione.m
clear, clc, close all
Rp=1; Ru=2; n=20; k=[1:n];V=1;
Ip=V./(n*Rp+(n-k).*k*Rp^2/Ru);
Iu=k.*Rp/Ru.*Ip;
Vu=Ru*Iu;
m=Vu./V;
eta=m.*Iu./(Iu+Ip);
figure plot(k,Ip,k,Iu,’--’,’linewidth’,2)
xlabel(’k partitore’)
ylabel(’I [A]’)
legend(’I_p’,’I_u’)
figure
plot(m,eta,’--’,’linewidth’,2)
22 CAPITOLO 1. RETI IN CORRENTE CONTINUA

0.5
Ip
Iu
0.45

0.4

0.35

0.3

I [A]
0.25

0.2

0.15

0.1

0.05

0
0 2 4 6 8 10 12 14 16 18 20
k partitore

0.9

0.8

0.7
Rendimento del partitore η

0.6

0.5

0.4

0.3

0.2

0.1

0
0 0.1 0.2 0.3 0.4 0.5 0.6 0.7 0.8 0.9 1
m

Figura 1.22: Andamenti delle correnti Ip e Iu al variare del parametro k (in


alto) e Rendimento del partitore (in basso).

xlabel(’m’)

ylabel(’Rendimento del partitore \eta’)

1.8.5 Resistenza equivalente di una rete resistiva

Si consideri una rete resistiva comunque complessa.


Si definisce resistenza equivalente della rete vista da due suoi nodi A e
B, RAB , il rapporto tra la tensione applicata VAB tra gli stessi nodi e la
corrente I che entra (esce), nella rete attraverso il nodo A (B):
1.9. GENERATORE REALE DI TENSIONE 23

VAB
RAB = (1.8.13)
I

Figura 1.23: Resistenza equivalente di una rete vista da due suoi nodi.

Nell’esempio si trova:
 −1
1 1 1 1 1 1 1
= + + ⇒ RAB = + + (1.8.14)
RAB R1 R2 R3 + R4 R1 R2 R3 + R4

1.9 Generatore reale di tensione


Un qualsiasi generatore di tensione presenta sempre dei fenomeni dissipativi
non trascurabili che vengono modellizzati mediante l’inserimento, in serie al
generatore ideale di tensione Vg , di un resistore di resistenza Rg .
I due funzionamenti limite sono:

• funzionamento a vuoto vg = Vg I=0


Vg
• funzionamento in corto circuito vg = 0 I = Icc = Rg

Il progetto del generatore, in particolare il dimensionamento degli avvol-


gimenti ed il sistema di raffreddamento, limitano il valore della corrente
erogata I a valori inferiori o al più uguali ad un valore caratteristico noto
come corrente nominale In del generatore.
La legge di Ohm applicata al circuito equivalente di un generatore reale
di tensione fornisce:
vg = Vg − Rg I (1.9.1)
che prende il nome di legge di Ohm generalizzata.
24 CAPITOLO 1. RETI IN CORRENTE CONTINUA

I
Rg
vg

Vg

Figura 1.24: Circuito equivalente di un generatore reale di tensione.

Figura 1.25: Caratteristica volt-amperometrica di un generatore reale di tensione.

1.10 Generatore reale di corrente


Analogamente è definibile un generatore reale di corrente, illustrato in Fig.
1.26, la cui caratteristica volt-amperometrica è riportata in Fig. 1.27.
1.10. GENERATORE REALE DI CORRENTE 25

I
I’
Ig vg
R g*

Figura 1.26: Circuito equivalente di un generatore reale di corrente.

Figura 1.27: Caratteristica volt-amperometrica di un generatore reale di corrente.


26 CAPITOLO 1. RETI IN CORRENTE CONTINUA

1.10.1 Trasformazione di equivalenza tra un generatore reale


di tensione ed un generatore reale di corrente
E’ sempre possibile trasformare un generatore reale di tensione in uno reale
di corrente e viceversa. Le condizioni di trasformazione si trovano imponen-
do che, a parità di corrente I, qualunque essa sia, la tensione ai morsetti dei
due generatori sia la stessa.
Si trova
vg = Vg − Rg I = Rg∗ I ′ = Rg∗ (Ig − I) (1.10.1)
Dovendo valere qualunque sia la corrente si può porre I = 0 e si trova dunque
una prima condizione:
Vg = Rg∗ Ig (1.10.2)
Sostituendo questa nella (1.10.1) si ottiene anche la seconda condizione:

Rg∗ = Rg (1.10.3)

Queste condizioni consentono di trasformare tutti i generatori reali di cor-


rente di una rete in generatori reali di tensione e viceversa. Ciò risulterà
utile nell’applicazione di alcuni metodi di analisi delle reti (metodo dei nodi
e metodo delle maglie). E’ dunque possibile stabilire la trasformazione di
equivalenza illustrata in Fig. 1.28.

I I

Rg I’
Rg vg
vg =
Ig=Vg/R g
Vg

Figura 1.28: Trasformazione di equivalenza tra un generatore reale di


tensione ed un generatore reale di corrente.

Definiamo bipolo elettrico un elemento di circuito caratterizzato da


due morsetti A e B, tra i quali esiste una d.d.p. V e che è attraversato dalla
corrente I.
1.10. GENERATORE REALE DI CORRENTE 27

Una qualsiasi rete elettrica vista tra una coppia di suoi nodi può essere
considerata un bipolo elettrico.
La relazione che intercorre tra la d.d.p. V e la corrente I prende il nome
di caratteristica del bipolo e può essere tracciata solo dopo aver fissato
le convenzioni di segno (verso di misura) per le suddette grandezze.
Sia V che I sono individuate da un valore (in volt ed in ampere), da una
polarità per la tensione ed un verso per la corrente. Assumiamo di misurare
la tensione V come VAB = VA − VB .
A questo punto sono possibili due scelte per il verso di misura della
corrente che, insieme a quello della tensione, determina la convenzione per
le potenze.

1. Verso di misura di I concorde con VAB : convenzione dei generatori


(C.d.G.);

2. Verso di misura di I discorde con VAB : convenzione degli utilizzatori


(C.d.U.);

A
I

VAB

Figura 1.29: Bipolo elettrico con versi di misura di tensione e corrente


secondo la convenzione dei generatori.

La convenzione dei generatori (utilizzatori) deriva il suo nome dal fatto


che i versi di misura corrispondono ai versi che tensione e corrente avreb-
bero in regime stazionario se il bipolo elettrico si comporta come generatore
(utilizzatore) rispetto al mondo elettrico collegato ai morsetti A e B.
Per la (1.7.1) è possibile associare ad ogni bipolo elettrico una potenza
espressa come
P =VI (1.10.4)
28 CAPITOLO 1. RETI IN CORRENTE CONTINUA

A
I

VAB

Figura 1.30: Bipolo elettrico con versi di misura di tensione e corrente


secondo la convenzione degli utilizzatori.

Le due convenzioni danno luogo ad una diversa interpretazione del segno di


tale potenza.
Per semplicità si assuma che il bipolo elettrico abbia le caratteristiche
di generatore reale di tensione che, d’ora in poi, sarà assunto come lato
standard nelle nostre valutazioni.
Si assuma di conoscere le grandezze di tensione V = VAB e corrente I
in intensità e segno (verso) cosicchè anche la potenza è nota come grandez-
za scalare con segno. Per ogni convenzione sono possibili due sotto-casi a
seconda dell’orientamento di Vg .
1.10. GENERATORE REALE DI CORRENTE 29

P>0 potenza erogata


Convenzione dei generatori P<0 potenza assorbita

I I
Rg Rg
V V

Vg Vg

V = V g-RgI V = -V g-RgI

Figura 1.31: Convenzione dei generatori e interpretazione del segno della


potenza.

P>0 potenza assorbita


Convenzione degli utilizzatori P<0 potenza erogata

I I
Rg Rg
V V

Vg Vg

V = V g+R gI V = -V g+R gI

Figura 1.32: Convenzione degli utilizzatori e interpretazione del segno della


potenza.
30 CAPITOLO 1. RETI IN CORRENTE CONTINUA

Si osservi che la legge di Ohm per una resistenza ohmica R può essere
ottenuta come caso particolare della legge di Ohm generalizzata nel caso
Vg = 0.

Convenzione degli utilizzatori Convenzione dei generatori

I I
R V R V

V = RI V = -RI

Figura 1.33: Legge di Ohm: convenzioni degli utilizzatori e dei generatori


per una resistenza ohmica.
1.10. GENERATORE REALE DI CORRENTE 31

Esempio
Per il circuito in Fig. 1.34:

• calcolare la corrente I e le tensioni V1 e V2 ;

• calcolare la potenza associata al bipolo elettrico 1 e al bipolo elettrico


2;

• calcolare la potenza dissipata nelle resistenze R1 e R2 per effetto Joule;

• calcolare la potenza associata ai generatori ideali Vg1 e Vg2 ;

• interpretare il segno della corrente e delle potenze.

R1 R2
V1 V2

Vg1 Vg2

Figura 1.34: Circuito costituito da due generatori reali in parallelo.

Dati: R1 = 1 Ω, R2 = 0.5 Ω, Vg1 = 2 V, Vg2 = 5 V .


Ripetere tutti i calcoli invertendo il verso di misura della corrente I assunto
nella Fig. 1.34.
Imponendo il II Principio di Kirchhoff alla maglia individuata dal parallelo
dei due generatori reali di tensione si ottiene:

Vg1 − R1 I − R2 I − Vg2 = 0

da cui è immediato ricavare la corrente


Vg1 − Vg2
I= = −2 A
R1 + R2
Il segno meno ha un’interpretazione fisica: la corrente I fisicamente circola
in verso opposto a quello assunto come verso (positivo) di misura.
32 CAPITOLO 1. RETI IN CORRENTE CONTINUA

Sul ato 1 si è assunta la convenzione dei generatori (C.d.G.), sul lato 2 la


convenzione degli utilizzatori (C.d.U.); le tensioni di lato sono:

V1 = Vg1 − R1 I = 4 V V2 = Vg2 + R2 I = 4 V

e naturalmente coincidono.
La potenza dissipata nelle resistenze per effetto Joule è:

PR1 = R1 I 2 = 4 W PR2 = R2 I 2 = 2 W

Tali potenze sono sempre positive essendo valutate con la C.d.U. e rappre-
sentano le potenze dissipate nelle resistenze.
La potenza associata ai generatori è:

Pg1 = Vg1 I = −4 W Pg2 = Vg2 I = −10 W

La prima potenza è da interpretarsi con la C.d.G. e dunque rappresenta


fisicamente una potenza assorbita dal generatore Vg1 . La seconda potenza è
da interpretarsi con la C.d.U. e dunque rappresenta fisicamente una potenza
erogata dal generatore Vg2 . Dunque, il generatore Vg2 eroga una potenza
che in parte è dissipata nelle resistenze R1 e R2 per effetto Joule e in parte
assorbita dal generatore Vg1 . E’ interessante anche osservare che la somma
delle potenze dei bipoli per i quali è stata assunta la C.d.G. è uguale alla
somma delle potenze dei bipoli per i quali è stata assunta la C.d.U. Infatti
risulta:

Pg1 = −4 W = Pg2 + PR1 + PR2 = (−10 + 4 + 2) W

che, come si vedrà, è una verifica del principio di conservazione delle potenze.
1.10. GENERATORE REALE DI CORRENTE 33

1.10.2 Adattamento e rendimento di un generatore reale di


tensione
Si consideri il circuito di Fig. 1.35 che rappresenta un generatore reale
di tensione Vg , di resistenza interna Rg , che alimenta un utilizzatore di
resistenza Ru .

Rg
Ru

Vg

Figura 1.35: Generatore reale di tensione Vg , di resistenza interna Rg , che


alimenta un utilizzatore di resistenza Ru .

La corrente I che circola nel generatore e nell’utilizzatore è:


Vg
I= (1.10.5)
Rg + Ru
La potenza elettrica che il generatore reale fornisce al carico Ru è dunque:

2 Vg2
Pu = Ru I = Ru (1.10.6)
(Rg + Ru )2
Il valore di Ru che permette di massimizzare il valore di Pu si ottiene
imponendo ∂Pu /∂Ru = 0 e dunque:

Vg2 (Rg + Ru )2 − 2 (Rg + Ru ) Ru Vg2


=0 da cui si ricava (1.10.7)
(Rg + Ru )4

Vg2
Rg + Ru − 2Ru = 0 ⇒ Ru = Rg ⇒ Pu,max = (1.10.8)
4Rg
2
Pu Vg2 4Rg 4Ru Rg 4α
= Ru = 2 = 2 (1.10.9)
Pu,max Rg + Ru Vg2 Rg + 2Ru Rg + Ru2 α + 2α + 1
essendo α = Ru /Rg .
34 CAPITOLO 1. RETI IN CORRENTE CONTINUA

Il rendimento del generatore è pari al rapporto fra la potenza fornita dal


generatore all’utilizzatore e quella prodotta dal generatore:
Pu
η= (1.10.10)
Pu + Pg

essendo Pg = Rg I 2 la potenza dissipata nella resistenza interna del genera-


tore e Pu = Ru I 2 . Dunque η = α/ (1 + α).
Nel caso che Rg = 2 Ω, Vg = 1 V si ottengono le curve rappresentate in Fig.
1.36.
1

0.9

0.8

0.7

0.6
Pu/Pmax

0.5

0.4

0.3

0.2

0.1
0 0.5 1 1.5 2 2.5 3 3.5 4 4.5 5
α=Ru/Rg

0.9

0.8

0.7

0.6
Rendimento generatore η

0.5

0.4

0.3

0.2

0.1

0
0 0.5 1 1.5 2 2.5 3 3.5 4 4.5 5
α=R /R
u g

Figura 1.36: Rapporto Pu /Pmax (in alto), rendimento η (in basso).

Per α = 1 si ha il massimo trasferimento di potenza al carico, ma il rendi-


mento è solo 0.5. Tale condizione non è dunque economicamente ottimale.
1.10. GENERATORE REALE DI CORRENTE 35

Implementazione Matlab dello studio dell’adattamento di un gen-


eratore reale di tensione

% Adattamento.m
clear, clc, close all;
Ru=[0.1:0.3:10];
Rg=2;
Vg=1;
Pmax=Vg^2/(4*Rg);
alpha=Ru./Rg;
Pu_over_Pmax=4*alpha./(alpha.^2+2*alpha+1);
eta=alpha./(alpha+1);
figure
plot(Ru/Rg,Pu_over_Pmax,’linewidth’,2)
xlabel(’\alpha=R_u/R_g’)
ylabel(’P_u/P_max’)
figure
plot(Ru/Rg,eta,’linewidth’,2)
xlabel(’\alpha=R_u/R_g’)
ylabel(’Rendimento generatore \eta’)
36 CAPITOLO 1. RETI IN CORRENTE CONTINUA

1.10.3 Dimensionamento termico dei conduttori


Le calorie prodotte per effetto Joule in un intervallo di tempo ∆t si ottengono
da:
Q = 0.24PJ ∆t1 (1.10.11)
dove PJ è la potenza elettrica trasformata in calore, espressa in watt (W )
e Q è il calore prodotto espresso in calorie. L’effetto Joule rappresenta
normalmente un effetto, collaterale al passaggio di corrente, che si cerca
di ridurre al minimo essendo causa di perdita. Il calore prodotto infatti
provoca nei conduttori un aumento di temperatura che deve essere limitato
allo scopo di non danneggiare i materiali isolanti.
I
J= densità di corrente espressa usualmente in A/mm2 (1.10.12)
S
Per contenere l’aumento di temperatura nei conduttori è necessario limitare
la densità di corrente al di sotto di determinati valori, per valutare i quali è
utile definire le seguenti grandezze.

1. Resistenza termica: rapporto tra la sovratemperatura ∆t del condut-


tore rispetto all’ambiente e la potenza trasformata in calore;
∆t
Rterm = (1.10.13)
PJ
Normalmente Rterm è valutata sperimentalmente. E’ comunque inver-
samente proporzionale alla superficie del conduttore in contatto con
l’ambiente;

2. Potenza trasformata in calore per unità di volume p:

PJ RI 2
p= = = ρJ 2 (1.10.14)
v v
Utilizzando le unità di misura del sistema internazionale (SI) p è
espressa in W/m3 .

Assegnata la massima sovratemperatura ammessa dal conduttore, ∆tmax ,


la massima potenza dissipabile per effetto Joule PJ è:
∆tmax
PJ,max = (1.10.15)
Rterm
1
Si ricorda che 1kcal = 4186Joule
1.10. GENERATORE REALE DI CORRENTE 37

Essendo inoltre:
2
PJ,max = pv = ρJmax v (1.10.16)
la (1.10.15) consente di di ottenere:
s
∆tmax
Jmax = (1.10.17)
Rterm ρv

Per sfruttare al meglio i conduttori disponibili si adottano valori di densità


di corrente J elevati. Ciò implica che:

1. si utilizzano materiali isolanti resistenti ad alta temperatura, in modo


da aumentare la sovratemperatura massima ammessa ∆tmax ;

2. si mantiene bassa la resistività elettrica adottando conduttori in rame


o in alluminio;

3. si riduce la resistenza termica Rterm aumentando la superficie di scam-


bio con l’ambiente.

Si osservi che, a parità di sezione, i conduttori a sezione rettangolare


presentano una superficie esterna maggiore rispetto a quelli circolari; per
questo motivo i conduttori dei circuiti stampati sono di sezione rettangolare
e sono pertanto in grado di sopportare densità di corrente superiori a quelle
tollerate dai conduttori di sezione circolare.
Quando la dissipazione per convezione naturale del calore prodotto per
effetto Joule non è più sufficiente, al fine di ridurre ulteriormente la resistenza
termica Rterm , si ricorre alla ventilazione forzata o anche al raffreddamento
in olio o in acqua.

Valori tipici di densità di corrente di esercizio dei conduttori

1. conduttori in impianti civili 3 ÷ 5 A/mm2

2. avvolgimenti in macchine elettriche 6÷ 10 A/mm2

3. piste di circuiti stampati 10 ÷ 20 A/mm2

I valori minimi vengono adottati per i conduttori di maggiore sezione o per


le macchine di maggiori dimensioni, poichè in queste ultime si ha un minor
valore del rapporto superficie/volume.
38 CAPITOLO 1. RETI IN CORRENTE CONTINUA

1.11 Teoremi e metodi di soluzione delle reti elet-


triche lineari
Nel seguito vedremo i seguenti metodi e teoremi per lo studio di reti elet-
triche lineari:

1. Metodo di Tableau

2. Formule di Millmann

3. Principio di Sovrapposizione degli Effetti

4. Teorema di Thevènin

5. Teorema di Tellegen

6. Metodo dei nodi

7. Metodo delle maglie

Nota bene!! Tutti i metodi e teoremi qui elencati possono essere applicati
con le stesse modalità sia a circuiti lineari in corrente continua che in regime
alternativo sinusoidale.

1.11.1 Analisi delle reti elettriche lineari


Una rete elettrica è rappresentata dall’interconnessione di bipoli che in gen-
erale possiamo pensare essere del tipo generatore reale di tensione (il lato
standard precedentemente introdotto) o, equivalentemente, generatore reale
di corrente.
L’analisi di una rete richiede:

1. la conoscenza della topologia della rete (l lati, n nodi e come sono


interconnessi);

2. la conoscenza della natura fisica dei lati (gen.reale di tensione, gen.


reale di corrente, resistenze , capacità, induttanze);

3. la conoscenza dei valori degli elementi passivi (resistenze , capac-


ità, induttanze);

4. la conoscenza dei valori degli elementi attivi (gen. ideali di tensione


e di corrente).

L’obiettivo finale è quello di determinare:


1.11. TEOREMI E METODI DI SOLUZIONE DELLE RETI ELETTRICHE LINEARI39

1. la corrente in ogni lato l;

2. il potenziale degli n−1 nodi rispetto ad un nodo di riferimento che può


essere assunto a potenziale zero (e che può essere scelto come meglio
si crede).

La d.d.p. esistente su ogni lato è calcolabile quando siano noti i potenziali


dei nodi.
Cose da tenere a mente

• un lato è da identificarsi con il lato standard;

• un nodo è un punto in cui si toccano almeno tre lati;

• un nodo è un punto in cui si toccano almeno tre lati standard; se essi


sono solo due, possono essere posti in serie permettendo l’eliminazione
del nodo.

Se la rete ha l lati e n nodi, la sua analisi richiede la determinazione di


l correnti di lato e p = n − 1 potenziali dei nodi indipendenti. Complessiva-
mente le incognite sono dunque l + p = l + n − 1.

1.11.2 Metodo di tableau


Consiste nell’imporre il I Principio di Kirchhoff ad ogni nodo indipendente
(p = n − 1 equazioni) e scrivere la legge di Ohm generalizzata per ognuno
degli l lati della rete (l equazioni). Complessivamente si hanno dunque l + p
equazioni ed il problema è risolvibile.

Esempio di applicazione del metodo di tableau


Si consideri il circuito di Fig. 1.37.
Dati:
Vs1 = 2 V, Vs3 = 1 V
R1 = 1 Ω, R2 = 3 Ω, R3 = 2 Ω
Esso è costituito da l = 3 lati, n = 2 nodi, p = n − 1 = 1 nodi indipendenti,
m = l − p = 2 maglie indipendenti. Volendo applicare il metodo di tableau,
si assumano i versi di misura delle correnti e delle tensioni di lato, come in
Fig. 1.38. Il nodo 0 è assunto come nodo di riferimento dei potenziali.
Il I Principio di Kirchhoff applicato al nodo 1 fornisce:

I1 − I2 − I3 = 0
40 CAPITOLO 1. RETI IN CORRENTE CONTINUA

R1 R2 R3

Vs1 Vs3

Figura 1.37: Esempio di applicazione del metodo di tableau.

1
I1 I2 I3
Vl1
Vl3
R1 R2 R3
Vl2
Vs1 Vs3

Figura 1.38: Convenzioni per il circuito analizzato con il metodo di tableau.

La legge di Ohm generalizzata applicata ai tre lati consente di scrivere:

Vl1 = V1 − V0 = V1 = −Vs1 − R1 I1

Vl2 = V1 − V0 = V1 = R2 I2
Vl3 = V1 − V0 = V1 = −Vs3 + R3 I3
In forma matriciale le precedenti equazioni possono essere riscritte come
     
1 −1 −1 0 I1 0
 R1 0 0 1 
 ·  I2  =  −Vs1 
   

 0 −R2 0 1   I3   0 
0 0 −R3 1 V1 −Vs3
1.11. TEOREMI E METODI DI SOLUZIONE DELLE RETI ELETTRICHE LINEARI41

La soluzione fornisce:

I1 = −0.6364 A
I2 = −0.4545 A
I3 = −0.1818 A
V1 = −1.3636 V

Le tre tensioni di lato, coincidenti sono

Vl1 = Vl2 = Vl3 = V1

La potenza associata ai tre lati è:

Pl1 = Vl1 I1 = 0.8678 W, C.d.G., potenza erogata


Pl2 = Vl2 I2 = 0.6198 W, C.d.U., potenza assorbita
Pl3 = Vl2 I3 = 0.2479 W, C.d.U., potenza assorbita
42 CAPITOLO 1. RETI IN CORRENTE CONTINUA

Esempio di implementazione Matlab del circuito di Fig. 1.37

%Esempio_tableau.m
clear
Vs1=2; Vs3=1;
R1=1; R2=3;, R3=2;

mat_tableau=[1 -1 -1 0; R1 0 0 1; 0 -R2 0 1; 0 0 -R3 1];


termine_noto=[0;-Vs1;0;-Vs3];

x=mat_tableau\termine_noto;

I1=x(1);
I2=x(2);
I3=x(3);
V1=x(4);
Vl1=V1;
Vl2=V1;
Vl3=V1;

Pl1=Vl1*I1;
Pl2=Vl2*I2;
Pl3=Vl3*I3;

% Verifica della conservazione delle potenze (Bilancio di Tellegen, vedi dopo)


Pl1-Pl2-Pl3

% la somma algebrica è praticamente nulla,


% come il principio di conservazione delle potenze richiede
% (si veda dopo il Teorema di Tellegen)
1.11. TEOREMI E METODI DI SOLUZIONE DELLE RETI ELETTRICHE LINEARI43

1.11.3 Formule di Millmann


Nel caso di una rete con due soli nodi e un numero comunque grande di
lati tra i due nodi, si può pervenire ad una formulazione sintetica per la
valutazione dell’unico potenziale incognito. Si faccia riferimento alla Fig.
1.39.

I1 I2 Il

R1 R2 Vl2 Rl Vll
Vl1 …………

Vs1 Vs2 Vsl

Figura 1.39: n generatori reali di tensione in parallelo.

Per ogni lato della rete si può scrivere:

Vl1 = VA − V0 = Vs1 − R1 I1
Vl2 = VA − V0 = Vs2 − R2 I2 (1.11.1)
··· = ··· = ···
Vll = VA − V0 = Vsl − Rl Il

da cui si possono ricavare le correnti di lato. Tali correnti devono soddisfare


al I Principio di Kirchhoff
X l
Ik = 0 (1.11.2)
k=1
Tale equazione diventa dunque:
(Vs1 − VA ) (Vs2 − VA ) (Vsl − VA )
+ + ··· =0 (1.11.3)
R1 R2 Rl
che può essere riscritta come
 
Vs1 Vs2 Vsl 1 1 1
+ + ··· + = VA + + ··· + (1.11.4)
R1 R2 Rl R1 R2 Rl
G1 Vs1 + G2 Vs2 + · · · + Gl Vsl = VA (G1 + G2 + · · · + Gl ) (1.11.5)
44 CAPITOLO 1. RETI IN CORRENTE CONTINUA

e infine
Pl
G1 Vs1 + G2 Vs2 + · · · + Gl Vsl k=1 Gk Vsk
VA = = l
(1.11.6)
G1 + G2 + · · · + Gl
P
k=1 Gk

che rappresenta la media delle tensioni dei generatori ideali pesata con le
conduttanze dei vari lati.
La stessa rete può essere ridisegnata trasformando ogni generatore reale
di tensione nel corrispondente generatore reale di corrente equivalente

A
A

R1 Is1 R 2 Is2
…….
Rl Isl Ise Re

0 0

Figura 1.40: Circuito di Fig. 1.39 trasformato.

Per il circuito a destra si può scrivere VA = Re Ise dove:


 −1 l
!−1
1 1 1 X
Re = + + ··· + = Gk (1.11.7)
R1 R2 Rl
k=1
l
X
Ise = Gk Vsk (1.11.8)
k=1

che fornisce la stessa formula precedentemente ottenuta.


Pl
k=1 Gk Vsk
VA = Re Ise = P l
(1.11.9)
k=1 Gk
1.11. TEOREMI E METODI DI SOLUZIONE DELLE RETI ELETTRICHE LINEARI45

1.11.4 Principio di Sovrapposizione degli Effetti


L’effetto di più generatori agenti in una rete elettrica lineare è
uguale alla somma degli effetti di ciascun generatore agente sepa-
ratamente.

• Si dice lineare una rete elettrica i cui elementi passivi (resistenze (in
futuro capacità ed induttanze)) sono quantità che non dipendono dalle
grandezze elettriche (tensioni e correnti);

• Per far agire separatamente i generatori ideali di tensione e di corrente


si devono cortocircuitare i primi e aprire i secondi, lasciando attivo solo
un generatore alla volta.

• Se la rete contiene Ngv generatori ideali di tensione e Ngi generatori


ideali di corrente si devono risolvere Ngv + Ngi problemi elementari
in ciascuno dei quali agisce un solo generatore ideale (di tensione o di
corrente).

• Ciascuno di tali problemi può essere risolto, oltre che con metodi gen-
erali di analisi delle reti, anche attraverso trasformazioni di equivalenza
(serie, parallelo, triangolo-stella, stella-triangolo).

A
I0

I2
I R0
I R2 I3 R1
R1
R2
I1 Ig0 R0
R3
I g2 R2 I1
V g1
Vg2
V g1

Figura 1.41: Circuiti da analizzare con il Principio di Sovrapposizione degli


Effetti.

Esercizi proposti sul Principio di Sovrapposizione degli Effetti


Dati circuito 1: Vg1 = 10 V, R1 = 1 Ω, Ig2 = 1 A, R2 = 2 Ω, R3 = 3 Ω.
Dati circuito 2: Vg1 = 8 V, R1 = 2 Ω, Ig0 = 1 A, R0 = 2 Ω, Vg2 = 10 V, R2 =
4 Ω.
46 CAPITOLO 1. RETI IN CORRENTE CONTINUA

Per i due circuiti illustrati calcolare potenziali nodali, correnti di lato,


tensioni di lato, potenze dissipate nelle resistenze e potenze generate dai
generatori utilizzando il Principio di Sovrapposizione degli Effetti.
1.11. TEOREMI E METODI DI SOLUZIONE DELLE RETI ELETTRICHE LINEARI47

1.11.5 Teorema di Thevènin


Si consideri una rete resistiva lineare attiva; dunque i suoi elementi pas-
sivi (resistenze) sono quantità che non dipendono dalle grandezze elettriche
(tensioni e correnti); inoltre essa contiene generatori ideali di tensione e di
corrente che la rendono attiva.
Si supponga di considerare una coppia di nodi tra i quali sia inserita una
resistenza R (impedenza Z in futuro).

Rete lineare attiva R VAB

Figura 1.42: Rete lineare attiva.

Il Teorema di Thevènin dimostra che la rete lineare attiva collegata alla


resistenza R attraverso i nodi A e B può essere modellizzata come un gen-
eratore reale di tensione di valori e polarità calcolabili a partire dalla rete
lineare attiva privata della resistenza R.
I parametri del circuito equivalente secondo Thevènin della rete lineare
attiva sono:

• la tensione (VA − VB )0 = VAB


0 esistente tra i nodi A e B della rete a

vuoto (dopo aver staccato la resistenza R); la polarità del generatore


corrispondente nel circuito equivalente finale è uguale a quella della
tensione cosı̀ calcolata;

• la resistenza RAB vista dai nodi A e B della rete lineare resa passiva,
cioè dopo aver cortocircuitato tutti i generatori ideali di tensione e
aperto tutti i generatori ideali di corrente.

La rete lineare attiva è dunque equivalente ad un generatore reale di


tensione con parametri VAB0 eR
AB , come illustrato in Fig. 1.44. La corrente
che passa nella resistenza R è facilmente calcolabile come:

(VA − VB )0 0
VAB
I= = (1.11.10)
RAB + R RAB + R
48 CAPITOLO 1. RETI IN CORRENTE CONTINUA

Figura 1.43: Dimostrazione del Teorema di Thevènin.

I
A

RAB
VAB R
VAB0

Figura 1.44: Circuito semplificato in seguito all’applicazione del teorema di


Thevènin.
1.11. TEOREMI E METODI DI SOLUZIONE DELLE RETI ELETTRICHE LINEARI49

1.11.6 Teorema di Norton


Il teorema di Norton dimostra, in modo analogo al Teorema di Thevènin,
che una rete lineare attiva collegata alla resistenza R attraverso i nodi A e
B può essere modellizzata come un generatore reale di corrente di valori e
polarità calcolabili a partire dalla rete lineare attiva privata della resistenza
R. I parametri del circuito equivalente secondo Norton della rete lineare
attiva sono:
cc che circola tra i nodi A eB della rete messa in corto-
• la corrente IAB
circuito (dopo aver staccato la resistenza R e mettendo in contatto i
due nodi A e B); la polarità del generatore corrispondente nel circuito
equivalente finale è uguale a quella della corrente cosı̀ calcolata;

• la resistenza RAB vista dai nodi A e B della rete lineare resa passiva,
cioè dopo aver cortocircuitato tutti i generatori ideali di tensione e
aperto tutti i generatori ideali di corrente.

Il circuito equivalente second Norton della rete lineare attiva diventa quello
rappresentato in Fig. 1.45:

I
A

IABcc RAB VAB R

Figura 1.45: Circuito equivalente secondo Norton.

Per l’equivalenza tra generatori reali di tensione e di corrente è immediato


0 e I cc esiste la seguente relazione:
verificare che tra i parametri VAB AB

0
VAB
cc
IAB = (1.11.11)
RAB

Esempio di applicazione del Principio di Sovrapposizione degli Ef-


fetti e del teorema di Thevènin
50 CAPITOLO 1. RETI IN CORRENTE CONTINUA

Per il circuito in Fig. 1.46 calcolare la corrente che circola nella resistenza
R3 utilizzando:
• il Principio di Sovrapposizione degli Effetti;
• il teorema di Thevènin.

R2

R1 Is2 R3 R4

Vs1

Figura 1.46: Esercizio proposto.

Dati:
• Vs1 = 10 V, Is2 = 3 A
• R1 = 1 Ω, R2 = 3 Ω, R3 = 2.5 Ω, R4 = 2 Ω
Risultato: IR3 = 1.13 A.

Soluzione con il Principio di Sovrapposizione degli Effetti


Volendo applicare il Principio di Sovrapposizione degli Effetti è necessario
decomporre il problema in tanti problemi, più elementari, in ciascuno dei
quali agisce un solo generatore ideale di tensione o di corrente, avendo cura
di cortocircuitare tutti gli altri generatori ideali di tensione e aprire tutti gli
altri generatori ideali di corrente.
Circuito 1
Si lascia attivo solo il generatore di corrente Is2 e si disattiva il generatore
di tensione Vs1 cortocircuitandolo. Il circuito può essere semplificato come
in Fig. 1.48 dove

R3 R4
Req = R2 +
R3 + R4
Applicando la regola del partitore di corrente si può scrivere:
R1
Ieq = Is2
R1 + Req
1.11. TEOREMI E METODI DI SOLUZIONE DELLE RETI ELETTRICHE LINEARI51

R2

I3'

R1 Is2 R3 R4

Figura 1.47: Circuito con il solo generatore Is2 attivo.

Ieq

R1 Is2 Req

Figura 1.48: Circuito semplificato con il solo generatore Is2 attivo.

Nota la corrente Ieq si applica di nuovo la regola del partitore di corrente al


parallelo tra le resistenze R3 e R4 , ottenendo:

R4
I3′ = Ieq = 0.261 A
R3 + R4

Circuito 2
Ora si lascia attivo il generatore di tensione Vs1 e si disattiva il generatore
di corrente 2 aprendolo (Fig. 1.49).
La corrente che circola nel generatore Vs1 è:

Vs1
I1 = R3 R4
R1 + R2 + R3 +R4

Applicando la regola del partitore di corrente si ottiene:

R4
I3′′ = I1 = 0.869 A
R3 + R4
52 CAPITOLO 1. RETI IN CORRENTE CONTINUA

R2

I3'
R1
R3 R4

Vs1

Figura 1.49: Circuito con il solo generatore Vs1 attivo.

Avendo assunto nei due problemi lo stesso verso di misura per le correnti
I3′ e I3′′ , la corrente totale che attraversa la resistenza R3 è:

I3 = I3′ + I3′′ = 1.13 A

Soluzione con il teorema di Thevènin


Volendo applicare il teorema di Thevènin al lato R3 , come primo passo si
procede a staccare dal circuito la resistenza R3 , come illustrato in Fig. 1.50.

R2

R1 Is2 VAB0 R4

Vs1
B

Figura 1.50: Circuito dopo l’eliminazione della resistenza R3 .

L’obiettivo è quello di valutare i parametri del generatore equivalente di


Thevènin, VAB 0 e R 0
AB . Per il calcolo di VAB si può utilizzare una qualsiasi
delle tecniche di analisi dei circuiti. Volendo procedere attraverso sempli-
ficazioni della rete è opportuno trasformare il generatore reale di tensione
(Vs1 , R1 ) nell’equivalente generatore reale di corrente (Is1 = Vs1 /R1 , R1 ),
come illustrato nella Fig. 1.51. Essendo i due generatori ideali di corrente
in parallelo, essi possono essere sostituiti dal generatore ideale di corrente
1.11. TEOREMI E METODI DI SOLUZIONE DELLE RETI ELETTRICHE LINEARI53

R2

Is1 R1 Is2 VAB0 R4

Figura 1.51: Circuito dopo l’eliminazione della resistenza R3 e la


trasformazione reale di tensione nell’equivalente generatore reale di corrente.

equivalente
Vs1
Ieq = Is1 + Is2 = + Is2
R1
come illustrato in Fig. 1.52. Inoltre, il generatore reale di corrente cosı̀ gen-

R2

R1 Ieq VAB0 R4

R2

I1 A

R1
VAB0 R4

Veq
B

Figura 1.52: Trasformazioni di equivalenza del circuito.

erato (Ieq , R1 ) può essere ulteriormente trasformato nell’equivalente gener-


54 CAPITOLO 1. RETI IN CORRENTE CONTINUA

atore reale di tensione, ottenendo il secondo circuito mostrato in Fig. 1.52,


dove Veq = R1 Ieq = Vs1 +R1 Is2 ed è stato introdotto anche il verso di misura
della corrente nella resistenza R2 . Imponendo il II Principio di Kirchhoff alla
maglia si ottiene:
Veq − (R1 + R2 + R4 ) I1 = 0
che fornisce
Veq
I1 = = 2.16 A
R1 + R2 + R4
0 coincide con la tensione sulla resistenza R e dunque
La tensione a vuoto VAB 4
si ottiene.
0
VAB = VR4 = R4 I1 = 4.33 V
La resistenza a vuoto vista dai morsetti AB della rete resa passiva si può
valutare facilmente dalla Fig. 1.53.

R2

R1 RAB R4

Figura 1.53: Calcolo della resistenza a vuoto vista dai morsetti AB della
rete resa passiva.

Rispetto ai morsetti AB la serie delle resistenze R1 + R2 è in parallelo con


la resistenza R4 . Dunque la resistenza RAB è:
(R1 + R2 )R4
RAB = = 1.333 Ω
R1 + R2 + R4
Il circuito finale che si ottiene collegando la resistenza R3 al circuito equiv-
alente di Thevènin attraverso i morsetti AB è mostrato in Fig. 1.54.
E’ immediato calcolare la corrente I3 come:
0
VAB
I3 = = 1.13 A
Req + R3
come già ottenuto attraverso il Principio di Sovrapposizione degli Effetti.
1.11. TEOREMI E METODI DI SOLUZIONE DELLE RETI ELETTRICHE LINEARI55

I3
A

R3
VAB 0

Figura 1.54: Circuito finale.

1.11.7 Teorema di Tellegen-Principio di conservazione delle


potenze
Si consideri una rete costituita da l lati e n nodi per la quale valgano i due
Principi di Kirchhoff. Si assuma la convenzione degli utilizzatori (C.d.U.)
per tutti i lati della rete. Per il generico lato k della rete, qui di seguito
illustrato, si può scrivere:

i Ik j

Vlk =(Vi-V j ) k

Figura 1.55: Lato generico della rete.

Se i e j sono i nodi tra i quali si sviluppa il lato k si può scrivere:


Plk = Vlk Ik = (Vi − Vj )k Ik
La potenza totale associata a tutti i lati della rete, nell’ipotesi che per tutti
sia stata fatta la stessa convenzione (C.d.U.), ha l’espressione:
l
X l
X l
X
Plk = Vlk Ik = (Vi − Vj )k Ik
k=1 k=1 k=1

che può essere riscritta nella seguente forma:


l n lj
X X X
Plk = Vj ±Ik
k=1 j=1 k=1
56 CAPITOLO 1. RETI IN CORRENTE CONTINUA

in cui lj è il numero dei lati che interessano il nodo j. In tale espressione la


sommatoria delle correnti in ciascuno degli n nodi è identicamente nulla e
quindi risulta:
Xl
Plk = 0
k=1

Tale equazione proposta da Tellegen esprime il principio di conservazione


delle potenze.

• La precedente relazione può essere riscritta come

[Vl ]T [Il ] = 0

dove [Vl ] e [Il ] sono i vettori contenenti le tensioni e le correnti di lato


rispettivamente;

• il teorema di Tellegen vale anche in regime alternativo sinusoidale e


per qualunque andamento temporale delle tensioni e delle correnti di
lato, fermo restando il soddisfacimento dei Principi di Kirchhoff.
1.12. CONCETTI TOPOLOGICI: GRAFO, ALBERO E COALBERO DI UNA RETE57

1.12 Concetti topologici: grafo, albero e coalbero


di una rete
Si consideri una rete caratterizzata da n nodi e l lati).
• Il grafo della rete si ottiene dalla rete stessa sostituendo al suo generico
lato un segmento;
• un albero di un grafo è un suo sottografo costituito dagli n nodi di
partenza e da p = n − 1 lati del grafo necessari e sufficienti a collegare
tutti i suoi nodi senza costituire percorsi chiusi;
• si definisce coalbero il sottografo costituito dai restanti lati del grafo
(detti corde).
Come si è detto nelle pagine precedenti l’analisi della rete comporta la deter-
minazione dei valori dei potenziali dei p nodi indipendenti e delle l correnti
di lato. In ogni caso è necessario ricorrere ai Principi di Kirchhoff e alla
legge di Ohm generalizzata. Tuttavia è concettualmente possibile pensare
di:
• valutare i potenziali dei p nodi indipendenti e in un secondo momento
calcolare le correnti di lato in funzione dei potenziali nodali (Metodo
dei Nodi);
• valutare prima le correnti delle m maglie indipendenti (e quindi degli
l lati) e successivamente calcolare i potenziali nodali (metodo delle
Maglie).

1.13 Metodi di Maxwell


• Metodo dei nodi: Si ottiene imponendo il I Principio di Kirchhoff
ad ognuno dei nodi indipendenti ed esprimendo le correnti incognite in
funzione dei potenziali nodali sfruttando la legge di Ohm generalizzata.
Numero delle incognite: p = n − 1
• Metodo delle maglie: Si ottiene imponendo il II Principio di Kirch-
hoff ad ognuna delle maglie indipendenti (come si individuano sarà
esposto nel seguito) ed esprimendo tutte le correnti di lato (preliminar-
mente orientate) in funzione delle correnti di maglia (che si dimostrerà
essere in numero di m = l − p = l − n + 1).
Numero delle incognite: m = l − p = l − n + 1.
58 CAPITOLO 1. RETI IN CORRENTE CONTINUA

La convenienza di usare l’uno o l’altro metodo è legata al numero minimo


di incognite. Il metodo dei nodi risulta conveniente quando:

p<m=l−p → p < l/2 (1.13.1)

In tal caso conviene, come si vedrà, trasformare tutti i generatori reali di


tensione in generatori reali di corrente; se invece risulta p > m, è conveniente
adottare il metodo delle maglie.

1.14 Il metodo dei nodi


Il metodo dei nodi assume come incognite i potenziali dei p nodi indipen-
denti.
In generale i passi da compiere sono:

1. operare trasformazioni di equivalenza per semplificare la rete;

2. trasformare tutti i generatori reali di tensione presenti nella rete sem-


plificata in generatori reali di corrente;

3. scegliere un nodo di riferimento (a potenziale nullo);

4. imporre il I Principio di Kirchhoff per ciascuno dei p = n − 1 nodi


indipendenti facendo intervenire le correnti di lato;

5. esprimere le correnti di lato in funzione dei potenziali nodali e dei gen-


eratori ideali di corrente (utilizzando la legge di Ohm generalizzata);

6. risolvere il sistema risolvente avente come incognite i potenziali nodali.

1.14.1 Esempio di applicazione del metodo dei nodi


Con riferimento al circuito di Fig. 1.56 calcolare la potenza dissipata in R3 .
Dati:
Is1 = 2 A, Is5 = 1 A, Vs4 = 1 V,
R1′ = 2 Ω, R1′′ = 3 Ω, R1′′′ = 7 Ω,
R2 = 2 Ω, R3 = 5 Ω, R4 = 1 Ω,
R5′ = 6 Ω, R5′′ = 2 Ω, R5′′′ = 1 Ω.

[ Risp. PR3 = 5.4 mW, VnA = 0.807 V, VnB = 0.644 V, VnC = 0 ].


1.14. IL METODO DEI NODI 59

Vs4 R4

R1 ''
E A B
R3
R 1' R2 R5' R 5'''
Is5
Is1

F C D
R1 ''' R 5'

Figura 1.56: Esercizio proposto per l’applicazione del metodo dei nodi.

Dall’analisi del circuito in Fig. 1.57, è opportuno trasformare prelimin-


armente i generatori reali di corrente in generatori reali di tensione in modo
da poter operare trasformazioni di equivalenza che coinvolgono le resistenze,
come illustrato in Fig. 1.57.
I valori dei componenti del circuito finale sono:

Vs1 = R1′ Is1 , Vs5 = R5′ Is5 , R1 = R1′ + R1′′ + R1′′′ = 12 Ω

R5 = R5′ + R5′′ · R5′′′ /(R5′′ + R5′′′ ) = 6.667 Ω


A questo punto è opportuno trasformare i generatori reali di tensione in
generatori reali di corrente, come illustrato nella Fig. 1.58 dove sono stati
indicati anche i versi di misura di tutte le correnti e di tutte le tensioni di
lato.
A valle delle trasformazioni di equivalenza si ha: n = 3, p = n − 1 = 2, l =
5, m = l − p = 3; se non si operano ulteriori trasformazioni di equivalenza
risulta m > p e, dunque, conviene adottare il metodo dei nodi.
Si assume come riferimento dei potenziali il nodo C. I valori dei due nuovi
generatori di corrente sono
R′

Is1 = 1 Is1
R1
Vs4
Is4 =
R4
60 CAPITOLO 1. RETI IN CORRENTE CONTINUA

Vs4 R4

R1''
A B
R3
R1 '
R2 R5' R 5'''

Vs1

C
R1''' R5 ' Vs5

Vs4 R4

A
B
R3 Vs5
R1
R2
R5
Vs1

Figura 1.57: Trasformazioni di equivalenza del circuito di Fig. 1.56.

R5′

Is5 =
Is5
R5
Il passo successivo consiste nell’imporre il I Principio di Kirchhoff nei
nodi indipendenti A e B.

−Is1 + IR1 + I2 + I3 − IR4 + Is4 = 0

−I3 − IR5 + Is5 + IR4 − Is4 = 0
Tenendo conto delle convenzioni assunte in Fig. 1.58, le correnti incognite
possono essere espresse in funzione dei potenziali nodali come:
Vl1 (VC − VA ) VA
IR1 = = =−
R1 R1 R1
1.14. IL METODO DEI NODI 61

Vl4
R4
IR4

Is4 I4
I1 A R3 B I5
Vl1 I3 I
Vl3 R5

R1 R2 Vl2 R5
Vl5
Is1'
IR1 I2 Is5'

I1 C I5

Figura 1.58: Trasformazione dei generatori reali di tensione in generatori


reali di corrente per il circuito di Fig. 1.56.

Vl2 (VC − VA ) VA
I2 = = =−
R2 R2 R2
Vl3 VB − VA
I3 = =
R3 R3
Vl4 VA − VB
IR4 = =
R4 R4
Vl5 VB − VC VB
IR5 = = =
R5 R5 R5
Sostituendo nelle equazioni ottenute imponendo il I Principio di Kirchhoff
nei nodi indipendenti, si ottiene:

VA VA VA VB VA VB ′
+ + − + − = −Is1 + Is4
R1 R2 R3 R3 R4 R4
VB VA VB VA VB ′
− + − + = −Is4 + Is5
R3 R3 R4 R4 R5
Le precedenti equazioni possono essere riscritte in forma matriciale come:

[Gn ] · [Vn ] = [Isn ]


62 CAPITOLO 1. RETI IN CORRENTE CONTINUA

dove Gn è la matrice delle conduttanze nodali, Isn è il vettore delle sorgenti


di corrente nodali. In questo caso il sistema risolvente è:
 1 1 1 1
− R13 − R14
    
R1 + R2 + R3 + R4 VA ′ +I
−Is1 s4
· =
− R13 − R14 1 1
R3 + R4 + R5
1
VB ′
−Is4 + Is5

I potenziali nodali sono:

VA = 0.807 V, VB = 0.644 V

Si possono ora ricavare le tensioni di lato:

Vl1 = −VA = −0.807 V

Vl2 = −VA = −0.807 V


Vl3 = VB − VA = −0.163 V
Vl4 = VA − VB = 0.163 V
Vl5 = VB = 0.644 V
e le correnti in ciascuna resistenza:
Vl1
IR1 = = −0.067 A
R1
Vl2
I2 = = −0.403 A
R2
Vl3
I3 = = −0.033 A
R3
Vl4
IR4 = = 0.163 A
R4
Vl5
IR5 = = 0.099 A
R5
Attraverso il I Principio di Kirchhoff è possibile ricavare le correnti di lato:
′ ′
I1 + IR1 − Is1 = 0 → I1 = Is1 − IR1 = 0.4 A

I4 + IR4 − Is4 = 0 → I4 = Is4 − IR4 = 0.837 A


′ ′
I5 + IR5 − Is5 = 0 → I5 = Is5 − IR5 = 0.801 A
Infine, è possibile calcolare la potenza di ogni lato ed effettuare la verifica del
teorema di Tellegen. Si riportano si seguito le potenze, la convenzione adot-
tata e l’interpretazione fisica del risultato. La convenzione (degli utilizzatori
1.14. IL METODO DEI NODI 63

o dei generatori è valutata considerando i versi di misura delle tensioni di


lato Vli e delle correnti di lato Ii .

Pl1 = Vl1 I1 = −0.322 W C.d.G. potenza assorbita


Pl2 = Vl2 I2 = 0.325 W C.d.U. potenza assorbita
Pl3 = Vl3 I3 = 0.005 W C.d.U. potenza assorbita
Pl4 = Vl4 I4 = 0.136 W C.d.G. potenza erogata
Pl5 = Vl5 I5 = 0.516 W C.d.G. potenza erogata

Il bilancio imposto dal teorema di Tellegen richiede che:

Pl1 − Pl2 − Pl3 + Pl4 + Pl5 = 0

che è effettivamente verificato numericamente.


E’ possibile anche verificare il bilancio calcolando separatamente le potenze
associate ai generatori ideali di tensione e alle resistenze. In questo caso si
ottiene:
R1′
Ps1 = Vl1 Is1 = −0.269 W C.d.G. potenza assorbita
R1
Vs4
Ps4 = Vl4 = 0.163 W C.d.G. potenza erogata
R4
R′
Ps5 = Vl5 5 Is5 = 0.597 W C.d.G. potenza erogata
R5
Si può calcolare una potenza Pg associata ai generatori ideali, valutata con
la C.d.G., come:
Pg = Ps1 + Ps4 + Ps5 = 0.491 W
La potenza dissipata nelle resistenze, assumendo la C.d.U. per ciascuna di
esse, è:
2
PR1 = R1 IR 1
= 0.054 W C.d.U. potenza assorbita
PR2 = R2 I22 = 0.325 W C.d.U. potenza assorbita
PR3 = R3 I32 = 0.0054 W C.d.U. potenza assorbita
2
PR4 = R4 IR 4
= 0.026 W C.d.U. potenza assorbita
2
PR5 = R5 IR5 = 0.065 W C.d.U. potenza assorbita

La potenza PR complessivamente dissipata nelle resistenze, valutata con la


C.d.U., risulta:

PR = PR1 + PR2 + PR3 + PR4 + PR5 = 0.491 W


64 CAPITOLO 1. RETI IN CORRENTE CONTINUA

Dunque si ha:
Pg = PR
Tale risultato fornisce un ulteriore verifica del teorema di Tellegen.

Osservazione Si consideri che la potenza associata ad una resistenza scrit-


ta come PR = RIR 2 è sempre positiva e corrisponde sempre ad una potenza

assorbita essendo derivata dalla legge di Ohm scritta con la C.d.U.:


2
VR = RIR → PR = VR IR = RIR

Soluzione dell’esercizio tramite Matlab

%
clear all
Is1=2; Is5=1; Vs4=1;
R11=2; R12=3; R13=8;
R2=2;
R3=5;
R4=1;
R51=6; R52=2; R53=1;

R6=R52*R53/(R52+R53);
R7=R11+R12+R13;
R8=R6+R51;

% Metodo dei nodi

Gn=[1/R2+1/R7+1/R3+1/R4 -1/R3-1/R4;
-1/R3-1/R4 1/R3+1/R4+1/R8];
Isn=[Vs4/R4-R11/R7*Is1;
-Vs4/R4+R51/R8*Is5];

Vn=Gn\Isn;
IR3n=(Vn(1)-Vn(2))/R3;
PR3n=R3*IR3n^2;
%
1.14. IL METODO DEI NODI 65

Esercizio proposto da risolversi con il metodo dei nodi


Per il circuito in Fig. 1.59, utilizzando il metodo dei nodi, si calcolino
i potenziali nodali, le correnti nelle resistenze e nei generatori, le potenze
dissipate nelle resistenze e quelle associate ai generatori di tensione e di
corrente.

R2 Vs2
A B Is5 C

R5
R7 R6
R1 R3 R4
R8
Vs6
Vs1

D V =0
D

Figura 1.59: Esercizio proposto.

Dati:
Vs1 = 1 V, Vs2 = 3 V, Is5 = 1 A, Vs6 = 2 V,
R1 = 1 Ω, R2 = 5 Ω, R3 = 2 Ω, R4 = 1 Ω
R5 = 3 Ω, R6 = 1 Ω, R7 = 2 Ω, R8 = 3 Ω
[Risp: VA = −0.9887 V, VB = −0.4036 V, VC = −0.6807 V].

1.14.2 Regola di scrittura rapida del sistema risolvente il


circuito mediante il metodo dei nodi
Il sistema lineare da risolvere quando si utilizza il metodo dei nodi è:

[Gn ] · [Vn ] = [Isn ]

Nel caso che nella rete non ci siano lati che risultino generatori ideali di
tensione è possibile costruire per ispezione diretta sia la matrice delle con-
duttanze nodali Gn che il vettore dei termini noti, detto anche delle sorgenti
di corrente nodali Isn .
66 CAPITOLO 1. RETI IN CORRENTE CONTINUA

Gli elementi della matrice delle conduttanze nodali Gn sono determinabili


in funzione delle conduttanze dei vari lati della rete elettrica in esame
secondo le seguenti regole:

• ciascun elemento sulla diagonale principale Gn (i, i), detto auto-conduttanza


del nodo i, è uguale alla somma delle conduttanze di tutti i lati collegati
al nodo i;

• il generico elemento al di fuori della diagonale principale Gn (i, j), detto


conduttanza mutua tra il nodo i ed il nodo j, è invece uguale alla
somma, sempre cambiata di segno, delle conduttanze di tutti i lati che
collegano il nodo i ed il nodo j direttamente (senza passare per altri
nodi).

E’ altrettanto rapida la determinazione degli elementi del vettore delle sor-


genti di corrente nodali Isn , secondo la seguente regola:

• ciascun elemento del vettore Isn è pari alla somma algebrica delle cor-
renti erogate dai generatori ideali di corrente che hanno nel nodo i un
proprio estremo; sono da considerarsi positive quelle entranti nel nodo
i, negative quelle uscenti dal nodo i.

Matrice di interconnessione nodi-lati A


Determinati i potenziali nodali può essere utile determinare in modo au-
tomatico le tensioni di lato. A questo scopo è necessario caratterizzare l’in-
terconnessione tra i vari lati della rete mediante una matrice, detta matrice
di interconnessione nodi-lati A. Tale matrice è cosı̀ definita:

 +1 se il lato j esce dal nodo i
Aij = −1 se il lato j entra nel nodo i
0 se il lato j non esce nè entra nel nodo i

Le tensioni di lato possono essere calcolate in funzione dei potenziali nodali


come:
[Vl ] = − [A]T [Vn ]

se si usa la C.d.G. su tutti i lati;

[Vl ] = [A]T [Vn ]

se si usa la C.d.U. su tutti i lati;


1.14. IL METODO DEI NODI 67

Esempio di implementazione Matlab del metodo dei nodi

Esercizio_nodi.m
% Esercizio proposto a pag. 65 del libro
% "Appunti di Elettrotecnica", S. Cristina,
% Edizioni Progetto Leonardo, Bologna"
clear

Vg1=8; Vg3=16; Vg4=6; Ig6=2; R1=1; R2=2; R3=2; R4=1; R5=2; R6=1;

Ig1=Vg1/R1; Ig3=Vg3/R3; Ig4=Vg4/R4;

Gn=[1/R1+1/R2+1/R3 -1/R3 -1/R1-1/R2;


-1/R3 1/R3+1/R4+1/R6 -1/R4; -1/R1-1/R2 -1/R4 1/R1+1/R2+1/R4+1/R5];

Ign=[Ig1+Ig3;-Ig3-Ig4+Ig6;-Ig1+Ig4];

% Potenziali nodali
Vn=Gn\Ign;

Va=Vn(1); Vb=Vn(2); Vc=Vn(3);

% Tensioni di lato
Vl1=Va-Vc;
Vl2=Vl1;
Vl3=Va-Vb;
Vl4=Vb-Vc;
Vl5=Vc;
Vl6=Vb;

% Correnti di lato
I1=(Vg1-Vl1)/R1;
I2=Vl2/R2;
I3=(Vg3-Vl3)/R3;
I4=(Vl4+Vg4)/R4;
I5=Vl5/R5;
I6=-Vb/R6;

% Potenze
68 CAPITOLO 1. RETI IN CORRENTE CONTINUA

Pg1=Vg1*I1;
Pg3=Vg3*I3;
Pg4=Vg4*I4;
Pg6=Vb*Ig6;

PR1=R1*I1^2;
PR2=R2*I2^2;
PR3=R3*I3^2;
PR4=R4*I4^2;
PR5=R5*I5^2;
PR6=R6*I6^2;
Pg=Pg1+Pg3+Pg4+Pg6;
PR=PR1+PR2+PR3+PR4+PR5+PR6;
1.15. IL METODO DELLE MAGLIE 69

1.15 Il metodo delle maglie


Per applicare il metodo delle maglie è opportuno introdurre il concetto
topologico di maglia:

• la maglia è un sottoinsieme del grafo costituito da nodi e lati


del grafo tali da definire un percorso chiuso.

Il metodo delle maglie impone il II Principio di Kirchhoff ad un insieme ben


definito di maglie note come maglie indipendenti ed assume come incognite le
correnti di maglia che caratterizzano in modo univoco le maglie indipendenti.
Dunque, tra tutte le maglie che è possibile associare ad una rete, è nec-
essario individuare un insieme di maglie indipendenti nel senso che ciascuna
di esse contiene almeno un lato che non è contenuto in alcuna delle altre.
L’individuazione sistematica delle maglie indipendenti richiede l’utilizzo
del concetto topologico di albero. Infatti un insieme di maglie indipendenti
si ottiene aggiungendo ad un albero della rete, una alla volta, i lati del
coalbero o corde (in numero di m = l − (n − 1) = l − p). In questa maniera
ciascuna corda appartiene ad una sola maglia rendendola cosı̀ indipendente
da tutte le altre. Le correnti di maglia possono essere identificate con le
correnti di lato delle corde.
Nell’applicare il metodo delle maglie è opportuno seguire i passi di se-
guito elencati:

1. operare trasformazioni di equivalenza per semplificare la rete;

2. trasformare tutti i generatori reali di corrente presenti nella rete sem-


plificata in generatori reali di tensione;

3. individuare il grafo della rete e costruire un albero associato;

4. individuare le m = l − p maglie indipendenti;

5. imporre il II Principio di Kirchhoff a ciascuna maglia indipendente


facendo intervenire le tensioni di lato;

6. esprimere le tensioni di lato in funzione delle correnti di maglia e dei


generatori ideali di tensione (utilizzando la legge di Ohm generalizza-
ta);

7. risolvere il sistema risolvente avente come incognite le correnti di maglia.


70 CAPITOLO 1. RETI IN CORRENTE CONTINUA

R2
R1
1 2

Vs1 Vs3 R3
R6 R5 Is5

R4

4 3

Figura 1.60: Esercizio proposto per l’applicazione del metodo delle maglie.

1.15.1 Esempio di applicazione del metodo delle maglie

Con riferimento al circuito di Fig. 1.60 calcolare i potenziali dei nodi 1, 2, 3


rispetto al nodo 4, le correnti che scorrono nei generatori e nelle resistenze, le
potenze associate ai generatori e quelle dissipate nelle resistenze, utilizzando
il metodo delle maglie; verificare infine il bilancio delle potenze (Teorema di
Tellegen).

Dati: Vs1 = 1 V, Vs3 = 2 V, Is5 = 2 A


R1 = 1 Ω, R2 = 3 Ω, R3 = 1.5 Ω, R4 = 2.5 Ω, R5 = 4 Ω, R6 = 1 Ω,

[Risp.: V1 = R6 IR6 = 1.05 V, IR6 = 1.05 A].


Nel caso del circuito in esame si ha n = 4, p = n − 1 = 3, l = 6, m =
l − p = 3. Volendo utilizzare il metodo delle maglie è necessario trasformare
il generatori reale di corrente Is5 , R5 nel corrispondente generatore reale di
tensione, come illustrato nella Fig. 1.61, dove sono indicati anche i versi di
misura per le correnti e le tensioni di lato.
Il generatore di tensione trasformato è Vs5 = R5 Is5 ; nel circuito trasformato
le resistenze R4 e R5 sono state messe in serie, eliminando cosı̀ il nodo 3. Il
grafo, l’albero ed il co-albero orientati sono illustrati in Fig. 1.62.
Le maglie indipendenti sono illustrate in Fig. 1.63.
Come passo successivo si applica il II Principio di Kirchhoff a ciascuna maglia
1.15. IL METODO DELLE MAGLIE 71

Vl2
I2 R2
R1 Vl3
1 2
I6
I1 I3 R4+R 5
Vs1 Vs3 R3
Vl1 I4
Vl6
R6 Vs5
R4

4 Vl4

Figura 1.61: Trasformazione dell’esercizio proposto per l’applicazione del


metodo delle maglie.

indipendente in termini di tensioni di lato:

Vl1 − Vl6 = 0
−Vl2 + Vl3 = 0
Vl6 − Vl2 − Vl4 = 0

Le singole tensioni di lato possono essere espresse in funzione delle corren-


ti di lato e dei generatori ideali di tensione utilizzando la legge di Ohm
generalizzata:

Vl1 = Vs1 − R1 I1
Vl2 = R2 I2
Vl3 = Vs3 − R3 I3
Vl4 = Vs5 − (R4 + R5 ) I4
Vl6 = R6 I6

Le correnti di lato possono essere relazionate alle correnti di maglia (le cor-
renti nei lati del co-albero (corde)) attraverso il I Principio di Kirchhoff; nel
72 CAPITOLO 1. RETI IN CORRENTE CONTINUA

caso in esame risulta:

I1 = Im1
I2 = Im2 + Im3
I3 = Im2
I4 = −Im3
I6 = Im1 − Im3

Le equazioni derivanti dal II Principio di Kirchhoff a ciascuna maglia in-


dipendente applicato alle maglie indipendenti diventano:

Vs1 − R1 Im1 − R6 (Im1 − Im3 ) = 0


−R2 (Im2 + Im3 ) + Vs3 − R3 Im2 = 0
R6 (Im1 − Im3 ) − R2 (Im2 + Im3 ) − Vs5 + (R4 + R5 ) (−Im3 ) = 0

che possono essere riscritte come:

(R1 + R6 ) Im1 − R6 Im3 = Vs1


(R2 + R3 ) Im2 + R2 Im3 = Vs3
(R2 + R4 + R5 + R6 ) Im3 − R6 Im1 + R2 Im2 = −Vs5

In forma matriciale si può scrivere:


     
R1 + R6 0 −R6 Im1 Vs1
 0 R2 + R3 R2  ·  Im2  =  Vs3 
−R6 R2 R2 + R4 + R5 + R6 Im3 −Vs5

Si trova

Im1 = −0.0521 A
Im2 = 1.1806 A
Im3 = −1.1042 A

Le correnti di lato risultano:

I1 = Im1 = −0.0521 A
I2 = Im2 + Im3 = 0.0764 A
I3 = Im2 = 1.1806 A
I4 = −Im3 = 1.1042 A
I6 = Im1 − Im3 = 1.0521 A
1.15. IL METODO DELLE MAGLIE 73

Le tensioni di lato sono:

Vl1 = Vs1 − R1 I1 = 1.0521 V


Vl2 = R2 I2 = 0.2292 V
Vl3 = Vs3 − R3 I3 = 0.2292 V
Vl4 = Vs5 − (R4 + R5 ) I4 = 0.8229 V
Vl6 = R6 I6 = 1.0521 V

I potenziali dei nodi 1,2 e 3 rispetto al nodo 4 sono:

V1 = Vl1 = 1.0521 V
V2 = Vl4 = 0.8229 V
V3 = −R4 I4 = −2.7604 V

Con riferimento al generatore reale di corrente del circuito di partenza si


può calcolare la corrente nella resistenza R5 .
(V2 − V3 )
IR5 = = 0.8958 A
R5
Le potenze associate ai generatori e alle resistenze nel circuito di partenza
sono:

Pg1 = Vs1 I1 = −0.0521 W C.d.G.


Pg3 = Vs3 I3 = 2.3611 W C.d.G.
Pg5 = (V2 − V3 ) Is5 = 7.1667 W C.d.G.
PR1 = R1 I12 = 0.0027 W C.d.U.
PR2 = R2 I22 = 0.0175 W C.d.U.
PR3 = R3 I32 = 2.0906 W C.d.U.
PR4 = R4 I42 = 3.0480 W C.d.U.
2
PR5 = R5 IR 5
= 3.2101 W C.d.U.
PR6 = R6 I62 = 1.1069 W C.d.U.

La totale potenza associata ai generatori è:

Pg = Pg1 + Pg3 + Pg5 = 9.4757 W

La totale potenza dissipata nelle resistenze è:

PR = PR1 + PR2 + PR3 + PR4 + PR5 + PR6 = 9.4757 W


74 CAPITOLO 1. RETI IN CORRENTE CONTINUA

Tenendo conto delle convenzioni assunte il teorema di Tellegen richiede che


sia verificata la seguente condizione:

Pg1 + Pg3 + Pg5 − PR1 − PR2 − PR3 − PR4 − PR5 − PR6 = 0

che è effettivamente soddisfatta.

Esempio di implementazione Matlab del metodo delle maglie

clear clc,
close all

Vs1=1; Vs3=2; Is5=2;

Vs5=R5*Is5;

R1=1; R2=3; R3=1.5; R4=2.5; R5=4; R6=1;

Rm=[R1+R6 0 -R6; 0 R2+R3 R2; -R6 R2 R2+R4+R5+R6]; Vsm=[Vs1;


Vs3;-Vs5];
Im=Rm\Vsm;

I1=Im(1);
I2=Im(2)+Im(3);
I3=Im(2);
I4=-Im(3);
I6=Im(1)-Im(3);

Vl1=Vs1-R1*I1;
Vl2=R2*I2;
Vl3=Vs3-R3*I3;
Vl4=Vs5-(R4+R5)*I4;
Vl6=R6*I6;

V1=Vl1;
V2=Vl4;
V3=-R4*I4;

IR5=(V2-V3)/R5;
1.15. IL METODO DELLE MAGLIE 75

% Bilancio delle potenze


Pg1=Vs1*I1; Pg3=Vs3*I3; Pg5=(V2-V3)*Is5;
PR1=R1*I1^2;
PR2=R2*I2^2;
PR3=R3*I3^2;
PR4=R4*I4^2;
PR5=R5*IR5^2;
PR6=R6*I6^2;

Pg=Pg1+Pg3+Pg5;
PR=PR1+PR2+PR3+PR4+PR5+PR6;
76 CAPITOLO 1. RETI IN CORRENTE CONTINUA

l2
Grafo
1 2

l3
l1 l6
l4

4
l2
Albero
1 2

l6

Coalbero
1 2

l3
l1 l4

Figura 1.62: Grafo, albero e co-albero orientati per il circuito di Fig. 1.60.
1.15. IL METODO DELLE MAGLIE 77

l2
1 2

m1
l1 l6

4
l2
1 2
m2

l3
l6

l2
1 2

l6 m3 l4

4
Figura 1.63: Maglie indipendenti per il circuito di Fig. 1.60.
78 CAPITOLO 1. RETI IN CORRENTE CONTINUA

1.15.2 Regola di scrittura rapida del sistema risolvente me-


diante il metodo delle maglie
Il sistema lineare da risolvere quando si utilizza il metodo delle maglie è:

[Rm ] · [Im ] = [Vsm ]

Nel caso che nella rete non ci siano lati che risultino generatori ideali di cor-
rente è possibile costruire per ispezione diretta sia la matrice delle resistenze
di maglia Rm che il vettore dei termini noti, detto anche delle sorgenti di
tensione di maglia Vsm .
Gli elementi della matrice delle resistenze di maglia Rm sono deter-
minabili in funzione delle resistenze dei vari lati della rete elettrica in esame
secondo le seguenti regole:
• ciascun elemento sulla diagonale principale Rm (i, i), detto auto-resistenza
della maglia i, è uguale alla somma delle resistenze di tutti i lati
appartenenti alla maglia i;

• il generico elemento al di fuori della diagonale principale Rm (i, j), det-


to resistenza mutua tra la maglia i e la maglia j, è invece uguale alla
somma algebrica delle resistenze di tutti i lati comuni alla maglia i
e alla maglia j; la somma è da considerarsi con il segno positivo o
negativo a seconda che le correnti di maglia assunte per le due maglie
risultino concordi o discordi sul lato comune alle due maglie.
E’ altrettanto rapida la determinazione degli elementi del vettore delle sor-
genti di tensione di maglia Vsm , secondo la seguente regola:
• ciascun elemento del vettore Vsm è pari alla somma algebrica delle
tensioni erogate dai generatori ideali di tensione che si trovano sulla
maglia i; sono da considerarsi positive o negative a seconda che agis-
cono nello stesso verso o in quello opposto rispetto all’orientamento
della corrente di maglia.

Esercizio proposto da risolversi con il metodo delle maglie


Si calcoli la potenza assorbita complessivamente dal lato 6 del circuito di
Fig. 1.64 utilizzando il metodo delle maglie. Effettuare infine il bilancio
delle potenze.
Dati:
Vs1 = 2 V, Vs2 = 3 V, Is2 = −1 A, Vs4 = 1 V, Is5 = 2 A, Vs6 = 3 V,
R1 = 2 Ω, R2 = 1 Ω, R3 = 0.5 Ω, R4 = 1.5 Ω, R5 = 2 Ω, R6 = 4 Ω
1.15. IL METODO DELLE MAGLIE 79

R4 Vs4
Is2

Vs2 Vs6
R1 R2
R3 R5 Is5
Vs1 R6

Figura 1.64: Esercizio proposto.

[Risp.: Pl6 = Vl6 · I6 = Vs6 · I6 − R6 I62 = 0.342 W (C.d.G.) con la corrente


I6 orientata verso l’alto].
80 CAPITOLO 1. RETI IN CORRENTE CONTINUA

1.16 Trasformazione triangolo-stella


Si considerino due sistemi costituiti il primo da tre resistenze intercon-
nesse a triangolo ed il secondo da tre resistenze interconnesse a stella: Si
A

A
RA

RAB RCA
O
RB RC
B
RBC
C B

Figura 1.65: Trasformazione triangolo-stella.

vogliono trovare le condizioni perchè il primo sistema sia equivalente al sec-


ondo e viceversa. L’equivalenza dei due sistemi è garantita se sono uguali le
resistenze viste tra i nodi AB, BC e CA.
Imponendo tali condizioni si ottengono le seguenti espressioni per la
trasformazione triangolo-stella:
RAB RCA
RA = (1.16.1)
RAB + RCA + RBC
RAB RBC
RB = (1.16.2)
RAB + RCA + RBC
RCA RBC
RC = (1.16.3)
RAB + RCA + RBC
Per la trasformazione stella-triangolo si ottiene:
RA RB + RB RC + RC RA
RAB = (1.16.4)
RC
RA RB + RB RC + RC RA
RBC = (1.16.5)
RA
RA RB + RB RC + RC RA
RCA = (1.16.6)
RB
Nel caso particolare in cui le tre resistenze a stella o le tre a triangolo
siano tra loro uguali si ha:

RA = RB = RC = RS (1.16.7)
1.16. TRASFORMAZIONE TRIANGOLO-STELLA 81

RAB = RCA = RBC = RT (1.16.8)


e dunque
RT
RS = (1.16.9)
3
Questa trasformazione risulta particolarmente utile nei sistemi trifase che
verranno studiati in seguito.
82 CAPITOLO 1. RETI IN CORRENTE CONTINUA

1.17 Dispersore semisferico

Mezzo conduttore

Elettrodi semisferici

Figura 1.66: Dispersore semisferico.

• Sistema elettrico caratterizzato da geometria non filiforme, di sezione


non costante;

• due elettrodi metallici semisferici di raggio r1 e r2 ;

• tra i due elettrodi è interposto un mezzo conduttore di resistività ρ


molto maggiore di quella del metallo costituente gli elettrodi; in tale
mezzo risulta J = γE = E/ρ;

• Un generatore ideale di tensione mantiene tra le due semisfere una


d.d.p. V .

Sia I la corrente che circola nel generatore ideale di tensione. Per la


simmetria sferica del problema si può assumere che la corrente si distribuisca
nel mezzo conduttore con la stessa simmetria sferica e dunque risulta:

I E ρI
J(r) = 2
= →E= (1.17.1)
2πr ρ 2πr 2
1.17. DISPERSORE SEMISFERICO 83

In coordinate sferiche, data la simmetria sferica del problema, si ha:

dV dV ρI ρI
E(r) = − r̂ → E = − = 2
→ −dV = dr (1.17.2)
dr dr 2πr 2πr 2
Integrando tra r1 e r2 si ottiene:
V2 r2
ρI
Z Z
− dV = dr (1.17.3)
V1 r1 2πr 2
 
ρI 1 1
V1 − V2 = V = − (1.17.4)
2π r1 r2
Se si calcola il limite della (1.17.4) per r2 → ∞ si ottiene:

ρI
V = (1.17.5)
2πr1

A tale limite corrisponde il caso di un elettrodo semisferico di raggio r1


immerso in un semispazio indefinito di resistività ρ. Nella (1.17.5) V rapp-
resenta il potenziale elettrico dell’elettrodo semisferico calcolato rispetto a
punti sufficientemente lontani da esso, nei quali si ritiene il campo elettri-
co nullo, allorchè l’elettrodo disperde la corrente I nel mezzo di resistività
ρ (terreno: ρ = 100Ωm). Il dispositivo ora illustrato prende il nome di
impianto di terra ed è impiegato negli impianti elettrici per la protezione
dai pericoli da elettricità per le persone.

Resistenza di terra dell’impianto di terra

V ρ
Rt = = (1.17.6)
I 2πr1

Dunque bassi valori della resistenza di terra Rt (5 − 20Ω) consentono di


limitare il valore del potenziale del dispersore (rispetto a punti lontani), a
parità di corrente dispersa I.

• Influenza della resistività ρ del terreno;

• potenziale di un generico punto a distanza r rispetto a ∞: V (r) =


ρI/(2πr)

Parametri: I = 20 A, r1 = 2 m, ρ = 100Ω m.
84 CAPITOLO 1. RETI IN CORRENTE CONTINUA

40

35

30

25

E [V/m]
20

15

10

0
0 10 20 30 40 50 60 70 80 90 100
distanza dal dispersore [m]
80

70

60

50
V [V]

40

30

20

10

0
0 10 20 30 40 50 60 70 80 90 100
distanza dal dispersore [m]

Figura 1.67: Campo elettrico E (in alto) e potenziale V (in basso) generati
nel terreno da un elettrodo semisferico.

Codice Matlab
% Dispersore_semisferico.m
clear, close all, clc;
I=10;
rho=100;
r1=2;
r=[r1:0.5*r1:50*r1];
E=rho*I./(2*pi*r.^2);
1.17. DISPERSORE SEMISFERICO 85

V=rho*I./(2*pi*r);
figure
plot(r,E,’linewidth’,2)
xlabel(’distanza dal dispersore [m]’)
ylabel(’E [V/m]’)
figure plot(r,V,’linewidth’,2);
xlabel(’distanza
dal dispersore[m]’)
ylabel(’V [V]’)

Dispersore cilindrico
Un dispersore semisferico ha elevati costi di realizzazione e di manuten-
zione. Normalmente si preferisce ricorrere a dispersori di forma diversa. Il
dispersore più comune è quello cilindrico. Nel caso di un dispersore cilindri-

Figura 1.68: Dispersore cilindrico.

co di diametro d ed immerso nel terreno per una profondità h la resistenza


di terra è data da:
ρ 3h
Rt = log (1.17.7)
2πh d
Per realizzare un impianto di terra con Rt = 10 Ω con un dispersore sem-
isferico è necessario un diametro di 3 m, mentre invece, se si utilizza un
dispersore cilindrico, questo valore di resistenza di terra di terra si ottiene
per una lunghezza di 3 m ed un diametro di 10 cm.
In Fig. 1.69 è rappresentato il collegamento elettrico tra la carcassa
di un utilizzatore elettrico e l’impianto di terra realizzato da un dispersore
cilindrico.
86 CAPITOLO 1. RETI IN CORRENTE CONTINUA

Figura 1.69: Connessione all’impianto di terra delle carcasse metalliche di


utilizzatori elettrici.

Un guasto nell’isolamento del dispositivo elettrico contenuto all’inter-


no della carcassa metallica porterebbe quest’ultima ad un potenziale peri-
coloso per le persone (220 V nelle utenze domestiche, 3-10 kV in ambiente
industriale).
Il collegamento all’impianto di terra consente invece di contenere il valore
della tensione verso terra della carcassa ad un valore non pericoloso, anche
in presenza di intense correnti di guasto. Poichè V = Rt I, tale risultato
è conseguito realizzando impianti di terra caratterizzati da un basso valore
della resistenza di terra Rt .
Bibliografia

[1] T. Scozzafava. Corso di Elettrotecnica. Edizioni Japadre, 1976.

[2] S. Cristina. Appunti di Elettrotecnica, Volume I. Edizioni Progetto


Leonardo, Bologna, 1998.

[3] S. Cristina. Appunti di Elettrotecnica, Volume II. Edizioni Progetto


Leonardo, Bologna, 1998.

[4] M. D’Amore. Elettrotecnica, Volume I. Edizioni Scientifiche Siderea,


1994.

[5] M. Guarnieri, A. Stella. Principi ed Applicazioni di Elettrotecnica,


Volume I. Edizioni Progetto Padova, 1998.

[6] M. Guarnieri, A. Stella. Principi ed Applicazioni di Elettrotecnica,


Volume II. Edizioni Progetto Padova, 1998.

[7] M. D’Amore. Elettrotecnica, Volume II. Edizioni Scientifiche Siderea,


1994.

87
88 BIBLIOGRAFIA
Capitolo 2
Fenomeni dielettrici e
capacità

2.1 Effetti del campo elettrico nei materiali isolan-


ti
La presenza di un campo elettrico in un materiale isolante non genera alcun
flusso ordinato di cariche elettriche (corrente di conduzione) come avviene
nei mezzi conduttori, ma fenomeni di polarizzazione del materiale. Ciò non
significa che esso non possa essere sede di una corrente.
Il più semplice sistema sede di fenomeni dielettrici è quello costituito da
due piastre di materiale conduttore separate da un mezzo dielettrico. Tale
sistema prende il nome di condensatore.
Le esperienze compiute da Maxwell hanno evidenziato che:

1. l’applicazione di una d.d.p. tra le piastre (armature del condensatore)


è causa di un campo elettrico E e dunque di immagazzinamento in
esso di energia (densità di energia di tipo elettrico WE = 12 εE 2 );

2. l’applicazione di una d.d.p. variabile nel tempo tra le piastre del con-
densatore è causa del passaggio di una corrente attraverso il circuito;
tale corrente è detta corrente di spostamento.

Se al condensatore, illustrato in Fig. 2.1, è applicata una differenza di


potenziale (d.d.p.) variabile nel tempo v(t), tra i due conduttori si genera
un campo elettrico E(t) variabile nel tempo. Maxwell per primo osservò che
in tali condizioni si ha ugualmente passaggio di corrente anche se tra le due

89
90 CAPITOLO 2. FENOMENI DIELETTRICI E CAPACITÀ

armature è interposto un mezzo con bassissima conducibilità elettrica. Tale


corrente, detta corrente di spostamento, non nasce dal flusso delle cariche,
ma si manifesta ogni qualvolta esiste un campo elettrico variabile nel tempo.

+Q(t) -Q(t)
E(t)

Js(t)

+
v(t)

Maxwell provò che è possibile definire una densità di corrente di spostamento


che è esprimibile come:
∂E(t)
Js = ε (2.1.1)
∂t
Ai fini della corrente di spostamento non è importante solo la variazione
temporale del campo elettrico E(t), ma anche un parametro caratteristico
del mezzo in cui il campo si manifesta, detto permittività elettrica, ε. Ciò
porta ad introdurre un ulteriore campo, detto spostamento elettrico D,
legato al campo elettrico dalla relazione costitutiva descritta nel prossimo
paragrafo.

2.1.1 Relazione costitutiva


La relazione costitutiva che lega lo spostamento elettrico al campo elettrico
Relazione costitutiva dei è:
dielettrici D(P, t) = ε(P )E(P, t) (2.1.2)
E’ noto dalla Fisica che il campo elettrico può essere generato dalle cariche
elettriche (campo coulombiano E c (P, t)) o dalle correnti variabili nel tem-
po (campo elettrico indotto E i (P, t)). Nell’ipotesi che le correnti vari-
no lentamente nel tempo si può considerare solo il campo coulombiano e
scrivere:

D(P, t) = ε(P )E(P, t) = ε(P ) [E c (P, t) + E i (P, t)] ≃ ε(P )E c (P, t) (2.1.3)
2.2. FENOMENI DIELETTRICI 91

Il parametro ε(P ), caratteristico del mezzo, è chiamato permittività dielet-


trica ed ha dimensioni di farad su metro [Fm−1 ].
Sapendo che per il vuoto la permittività dielettrica è

ε0 = 8.85419 · 10−12 Fm−1

per un generico mezzo si può porre ε(P ) = ε0 εr (P ) dove εr (P ) è un parametro


adimensionale detto permittività dielettrica relativa.

2.1.2 Dielettrici
I dielettrici possono essere classificati in base alle loro caratteristiche di
omogeneità, isotropia, linearità.
• omogenei e non omogenei: la permittività può variare all’interno del
mezzo, al variare dunque del punto P di valutazione;

• isotropi e anisotropi: la permittività può dipendere dalla direzione in


cui il campo elettrico agisce all’interno del mezzo;

• lineari e non lineari (isteretici): la permittività può dipendere dall’in-


tensità del campo elettrico.

Inoltre, in condizioni stazionarie (elettrostatiche), le espressioni di D in


mezzo uniforme si ottengono da quelle del campo coulombiano E c facendo
uso della relazione costitutiva.

2.2 Fenomeni dielettrici


Nel caso che il dominio del campo vettoriale sia connesso ed inoltre sia
a connessione lineare semplice, il campo elettrico coulombiano può essere
espresso in funzione del potenziale elettrico scalare dalla relazione

E c (P, t) = −∇V (P, t) (2.2.1)

che è conseguenza della irrotazionalità del campo elettrostatico. D’altra


parte deve comunque valere l’equazione

∇ · D = ̺cl (2.2.2)

Combinando le due equazioni si ottiene:


̺cl
∆V (P, t) = div (gradV (P, t)) = ∇ · ∇V (P, t) = − (2.2.3)
ε
92 CAPITOLO 2. FENOMENI DIELETTRICI E CAPACITÀ

dove ∆V (P, t) rappresenta il laplaciano del potenziale elettrico 1 .


Tale equazione prende il nome di equazione di Poisson per il potenziale
elettrico. Se la densità di carica è ovunque nulla nel dominio considerato
l’equazione (2.2.3) si riduce a:

∆V (P, t) = ∇2 V (P, t) = div (gradV (P, t)) = 0 (2.2.5)

che prende il nome di equazione di Laplace per il potenziale elettrico. Tale


equazione ammette soluzione unica, cioè V (P, t) è determinabile in tutto il
dominio, quando, oltre alla distribuzione della densità di carica libera, è noto
l’andamento di V (P, t) sul contorno del dominio. La determinazione della
soluzione prende il nome di problema di Dirichlet . Quando invece, oltre alla
distribuzione della densità di carica libera, è noto l’andamento della derivata
di V (P, t) normale al contorno, il campo V (P, t) nel dominio è determinabile
a meno di una costante. La determinazione della soluzione prende il nome
di problema di Neumann. Esiste una terza possibilità. E’ noto l’andamento
di V (P, t) su una parte del contorno e della sua derivata normale sulla parte
rimanente. In questo caso la determinazione della soluzione è nota come
problema misto o problema di Robin.
Le soluzioni di (2.2.5) sono dette funzioni armoniche e godono di notevoli
proprietà.

1. l’integrale della derivata normale Rdi V (P, t) sul contorno del dominio
esteso a tutto il contorno è nullo: S ∂V /∂ndS = 0;
2. il valore di una funzione armonica V (P, t) in un punto P è pari alla
media dei suoi valori su qualsiasi superficie sferica centrata in P ;
3. i massimi e i minimi di una funzione armonica V sono localizzati sul
contorno del dominio;
4. se una funzione armonica V (P, t) è costante sul contorno, lo è in tutto
il dominio.

Una volta determinato il potenziale elettrico V (P, t), dal gradiente di questo
(2.2.1) si determina il campo coulombiano E c ed il corrispondente vettore
spostamento D.
1
In coordinate cartesiane l’equazione (2.2.3) si scrive come
∂ 2 V (P, t) ∂ 2 V (P, t) ∂ 2 V (P, t) ̺cl
2
+ 2
+ =− (2.2.4)
∂ x ∂ y ∂2z ε
che costituisce un’equazione differenziale alle derivate parziali che lega le derivate parziali
seconde del potenziale elettrico e la densità di carica libera.
2.2. FENOMENI DIELETTRICI 93

Se l’equazione di Poisson (2.2.1) è estesa a tutto lo spazio e questo è


costituito da un mezzo omogeneo caratterizzato dalla costante dielettrica ε,
essa ammette come soluzione l’espressione
1 ̺cl (Q)
Z
V (P ) = dτ (2.2.6)
4πε τ rQP
In generale però l’integrazione delle equazioni (2.2.3) e (2.2.5) puó essere
svolta analiticamente solo in un numero limitato di casi che presentano
particolari proprietà di simmetria.
Negli altri casi la soluzione viene generalmente affrontata con programmi
di calcolo numerico ricorrendo a metodi quali quello delle differenze finite
(Finite Difference:FD), degli elementi finiti (Finite Element Method:FEM).

2.2.1 Teorema di Gauss

qcl

Figura 2.1: Teorema di Gauss.

Il teorema di Gauss stabilisce il legame tra il flusso del vettore sposta- Teorema di Gauss
mento elettrico D = εE attraverso una superficie chiusa Sc e la carica
elettrica (carica libera) contenuta nel volume τ racchiuso da Sc .
Il teorema afferma che il flusso del vettore spostamento elettrico D = εE
attraverso una superficie chiusa Sc è uguale alla carica elettrica racchiusa
nella superficie stessa.
I Z
D(P, t) · nest dS = qcl (t) = ̺cl (P, t) dτ (2.2.7)
Sc τ

Per il teorema della divergenza si ottiene


I Z Z
D(P, t) · nest dS = divD (P, t) dτ = ̺cl (P, t) dτ (2.2.8)
Sc τ τ
94 CAPITOLO 2. FENOMENI DIELETTRICI E CAPACITÀ

e dunque
divD (P, t) = ̺cl (P, t) (2.2.9)
In coordinate cartesiane la (2.2.9) si scrive come:

∂Dx (P, t) ∂Dy (P, t) ∂Dz (P, t)


+ + = ̺cl (P, t) (2.2.10)
∂x ∂y ∂z

Dunque il campo spostamento elettrico D non è solenoidale. Il campo


spostamento elettrico nasce o muore in corrispondenza dei punti dove la
densità di carica è diversa da zero. Si definiscono a questo proposito:

• sorgenti: ̺cl (P, t) > 0;

• pozzi: ̺cl (P, t) < 0.

2.2.2 Condensatore con armature piane e parallele

+Q -Q
E

Figura 2.2: Condensatore a facce piane e parallele.

Il Teorema di Gauss, nell’ipotesi di campo elettrico costante nello spazio


inter-elettrodico e ortogonale alle armature, consente di scrivere:

DS = Q (2.2.11)

in cui S è la superficie di ciascuna delle armature del condensatore e Q la


carica su ciascuna di esse localizzata. Inoltre risulta:
V
Ed = V ⇒ D = ε (2.2.12)
d
V Q S
ε S=Q⇒C= =ε (2.2.13)
d V d
2.2. FENOMENI DIELETTRICI 95

Corrente di spostamento
Calcoliamo la corrente di spostamento che attraversa il condensatore piano
(con armature piane e parallele). Assumendo il campo elettrico uniforme
e perpendicolare alla armature in ogni punto interno al condensatore, la
densità di corrente di spostamento in tale struttura può essere espressa come:

∂D(t) ε dV (t) C dV (t)


JS (t) = = = (2.2.14)
∂t d dt S dt
La corrente di spostamento può essere calcolata come:
Z
iS (t) = J S (t) · ndS (2.2.15)
S

La totale corrente che attraversa il condensatore piano è dunque:

dV (t)
iS = JS (t)S = C (2.2.16)
dt

La relazione is = CdV (t)/dt ha una validità generale, per ogni tipologia di


condensatori di capacità C.

Rigidità dielettrica
Qualunque dielettrico reale perde le sue proprietà isolanti risultando di con-
seguenza sede di corrente di conduzione, allorchè il campo elettrico cui è
sottoposto supera un determinato valore massimo, detto rigidità dielettrica,
caratteristico del dielettrico stesso.
La tabella 2.1 riporta, per i dielettrici più comuni, il valore della permit-
tività dielettrica relativa ed il valore della rigidità dielettrica.
96 CAPITOLO 2. FENOMENI DIELETTRICI E CAPACITÀ

Tabella 2.1: Permittività e rigidità elettrica di mezzi gassosi, liquidi e solidi.


Gas εr Rd [kV/cm]
Aria (1 atm, 20◦ C) 1.0005558 30
Idrogeno (1 atm, 0◦ C) 1.000264 –
Liquidi
Acqua distillata 80 50 ÷ 100
Olio minerale 2.2 150 ÷ 300
Solidi
Carta 2.2 100
Carta impregnata in olio 3.5 200 ÷ 1200
Mica 5.7 ÷6.5 500 ÷ 3000
Polietilene 2.2 ÷ 2.4 –
Resine epossidiche 4.4 ÷ 5.6 –
Vetro 6 300 ÷ 1000
2.2. FENOMENI DIELETTRICI 97

2.2.3 Connessione di condensatori

C1 C2 Cn-1 Cn
+Q -Q +Q -Q +Q -Q +Q -Q

V1 V2 Vn-1 Vn

Cs
+Q -Q

Figura 2.3: Connessione in serie di n condensatori.

Connessione in serie di n condensatori

Q = C1 V1 = C2 V2 = · · · Cn−1 Vn−1 = Cn Vn (2.2.17)


V = V1 + V2 + · · · Vn−1 + Vn (2.2.18)

n
!−1
X 1
Cs = (2.2.19)
Ci
i=1

Connessione in parallelo di n condensatori

Q1 = C1 V Q 2 = C2 V · · ·
· · · Qn−1 = Cn−1 V Q n = Cn V (2.2.20)
Q = Q1 + Q2 + · · · Qn−1 + Qn (2.2.21)

n
X
Cp = Ci (2.2.22)
i=1
98 CAPITOLO 2. FENOMENI DIELETTRICI E CAPACITÀ

C1
+Q 1 -Q 1
C2
+Q 2 -Q 2 Cp

+Q -Q
Cn-1
+Q n-1 -Q n-1 V
Cn
+Q n -Q n

Figura 2.4: Connessione in parallelo di n condensatori.

Condensatore con armature piane e parallele con più dielettrici


Il condensatore equivale alla serie di tre condensatori:

V = V1 + V2 + V3 = E1 d1 + E2 d2 + E3 d3 (2.2.23)
1 1 1 1
= + + (2.2.24)
C C1 C2 C3
1
C = d1 d2 d3
(2.2.25)
ε1 S + ε2 S + ε3 S
2.2. FENOMENI DIELETTRICI 99

Figura 2.5: Condensatore con armature piane e parallele con più dielettrici.
100 CAPITOLO 2. FENOMENI DIELETTRICI E CAPACITÀ

2.2.4 Cilindro rettilineo indefinito


Sia Q′ la carica per unità di lunghezza [C/m] sulla superficie di un cilindro
di raggio r0 , come illustrato in Fig. 2.6a. Ci proponiamo di calcolare il
potenziale nel punto P , assumendo noto e pari a 0 il potenziale nel punto
O (Fig. 2.6b).

r P
V=0
O
r0 r0 R
Q’ Q’

(a) (b)

r0

(c)

Figura 2.6: Cilindro indefinito sede di carica uniformemente distribuita sulla


sua superficie: calcolo del potenziale prodotto in un punto P dello spazio.

Al fine di applicare il Teorema di Gauss, si consideri una superficie cilindrica


Sc , di altezza unitaria, di raggio r, coassiale con il cilindro (Fig. 2.6c). Si
possono fare le seguenti ipotesi:
• si assume il cilindro infinitamente lungo in modo da poter trascurare
gli effetti di bordo;

• per l’ipotesi precedente ed essendo la carica distribuita uniformemente


sulla superficie del cilindro è ragionevole assumere il campo elettrico
coulombiano da essa prodotto sia caratterizzato da simmetria cilindri-
ca, rispetto al cilindro sede della carica;

• il flusso attraverso la superficie chiusa Sc , coassiale al cilindro, è solo


quello attraverso la superficie laterale poichè il campo elettrico, es-
sendo radiale, non dà luogo a flusso attraverso le superfici di base del
cilindro di superficie Sc .
Per il teorema di Gauss applicato a detta superficie chiusa Sc risulta:

Q′ = DS ′ = D2πr (2.2.26)
2.2. FENOMENI DIELETTRICI 101

dove S ′ è la superficie laterale per unità di lunghezza della superficie chiusa


Sc di raggio r. Pertanto si ottiene:

D Q′
Er = = (2.2.27)
ε 2πεr
Il campo coulombiano ha dunque la sola componente radiale Er che può
essere espressa come:
dV
Er = − (2.2.28)
dr
La differenza di potenziale tra il generico punto a distanza r ed un punto a
distanza R è data dall’espressione:
Z r
Q′ R
V (r) − V (R) = − Er dr = ln (2.2.29)
R 2πε r

Se si assume V (R) = 0, il potenziale nel punto a distanza r è dato da


Z r
Q′ R
V (r) = − Er dr = ln (2.2.30)
R 2πε r

Esercizio 2.2.1

Scrivere il codice Matlab che calcoli la distribuzione del campo elettrico e


tracci le curve equipotenziali nel caso di cilindro rettilineo indefinito.
102 CAPITOLO 2. FENOMENI DIELETTRICI E CAPACITÀ

2.2.5 Cilindri coassiali


Si consideri la configurazione di Fig. 2.7 costituita da due cilindri di raggio r1
e r2 rispettivamente, separati da materiale isolante con permittività elettrica
ε. Tale configurazione è tipica di un cavo coassiale per telecomunicazioni
(cavo antenna televisiva) o di un condensatore cilindrico.

V0 r1

r2

V=0

Figura 2.7: Cilindri coassiali di diverso potenziale elettrico.

Si ipotizzi che il cilindro interno sia al potenziale V0 rispetto a quello esterno,


assunto come riferimento. Si assuma che sulla superficie del conduttore
interno sia presente una carica per unità di lunghezza Q′ e su quello più
esterno −Q′ , per soddisfare il principio di conservazione della carica. Si
possono fare alcune ipotesi semplificative:

• la carica Q′ è distribuita uniformemente sulla superficie dei conduttori


interno ed esterno;

• considerata la simmetria cilindrica e la distribuzione uniforme della


carica il campo elettrico può essere assunto di tipo radiale, con ampiez-
za costante su cilindri di raggio r concentrici con i due conduttori.

Per calcolare la capacità per unità di lunghezza è conveniente applicare la


legge di Gauss. A questo scopo si consideri una superficie chiusa Sc cilindrica
concentrica con i due conduttori; procedendo come prima si ottiene:

Q′ = DS ′ = εEr 2πr (2.2.31)

dove S ′ è, come prima, la superficie laterale per unità di lunghezza. Si può
dunque scrivere:

Q′
Er = (2.2.32)
2πεr
2.2. FENOMENI DIELETTRICI 103

Integrando il campo elettrico E tra il raggio interno r1 e quello esterno r2


si ottiene: Z r2
Q′ Q′ r2
V1 − V2 = V0 = dr = ln (2.2.33)
r1 2πεr 2πε r1
La capacità per unità di lunghezza vale dunque:
Q′ 2πε
C′ = = (2.2.34)
V0 ln (r2 /r1 )
Se tra le due armature sono interposti più strati di diversa permittività
l’equazione (2.2.32) esprime ancora il campo in ogni strato. La tensione V0
può essere espressa come:
Z r2 Z r3 Z r4
Q′ Q′ Q′
V0 = dr + dr + dr + · · · (2.2.35)
r1 2πε1 r r2 2πε2 r r3 2πε3 r

da cui si ottiene:
 
Q′ 1 r2 1 r3 1 r4
V0 = ln + ln + ln + ··· (2.2.36)
2π ε1 r1 ε2 r2 ε3 r3
Si può cosı̀ calcolare la capacità per unità di lunghezza:
!−1
X 2π
C′ = 1/Ci′ =P (2.2.37)
i i 1/εi ln (ri+1 /ri )

e da questa, la carica Q′ = C ′ V0 , per una tensione assegnata V0 . Dal valore


di Q′ si deduce l’intensità del campo nello strato i -esimo:
Q′
Er,i = (2.2.38)
2πεi r
Se gli strati di raggio minore sono caratterizzati dai valori maggiori della
costante dielettrica, si può realizzare una distribuzione di campo approssi-
mativamente uniforme.
Esercizio 2.2.2
Il dielettrico di un condensatore cilindrico (vedi Fig. 2.8) non è omogeneo.
ma costituito da due strati di materiali diversi aventi permettività relative
ε1 = 3ε0 e ε2 = 5ε0 . I raggi dell’armatura interna, della superficie di sep-
arazione dei due dielettrici e di quella esterna sono: r1 = 14 mm, r2 = 24
mm, r3 = 30 mm. Calcolare la capacità del condensatore. Si assuma di
applicare una tensione Vs = 5 V tra l’armatura interna e quella esterna:
calcolare il campo elettrico sulla superficie dell’armatura interna e su quella
di separazione dei due dielettrici.
104 CAPITOLO 2. FENOMENI DIELETTRICI E CAPACITÀ

Soluzione I due strati di dielettrico danno luogo a due condensatori cilin-


drici concentrici e posti in serie. Per la simmetria cilindrica, trascurando
effetti di bordo, si può ritenere il campo elettrico coulombiano radiale e per-
tanto risulta E c = Er r̂. Sull’armatura interna del condensatore si ritiene
localizzata la carica Q′ per unità di lunghezza. L’applicazione del teorema
di Gauss a una generica superficie cilindrica concentrica con le armature e
di raggio r e di lunghezza unitaria fornisce
Z
D · ndS = Q′ (2.2.39)
S

Risulta quindi calcolabile il campo elettrico in ciascuno dei due dielettrici

Q′
E c,1 = (2.2.40)
2πε1 r
Q′
E c,2 = (2.2.41)
2πε2 r

Ricordando che E c = −∇V e tenendo presente che l’unica componente non


nulla del campo elettrico e del suo gradiente è quella radiale, si può integrare
il campo elettrico lungo una qualsiasi linea che congiunge l’armatura interna

r3
r2
r1

Figura 2.8: Condensatore cilindrico.


2.2. FENOMENI DIELETTRICI 105

a quella esterna, ottenendo:


Z r2 Z r3 
V3 − V1 = V31 = V21 + V32 = − Ec,1 dr + Ec,2 dr (2.2.42)
r1 r2

Indicando con Vs = V1 − V3 la tensione di alimentazione del condensatore e


operando l’integrazione in (2.2.42) si ottiene

Q′ 1
 
r2 1 r3
Vs = ln + ln (2.2.43)
2π ε1 r1 ε2 r2

La capacità per unità di lunghezza è pertanto

Q′ 2π
C′ = = r2 = 249 pF/m (2.2.44)
Vs 1
ε1 ln r1 + ε12 ln rr32

Se si alimenta il condensatore con una tensione Vs = 5 V la carica per unità


di lunghezza sulle armature, in modulo, è

Q′ = C ′ Vs = 1.250 nC/m (2.2.45)

Il campo elettrico sull’armatura interna e sulla superficie di separazione tra


i due dielettrici è
Q′
E c,1 = ur1 = 532.8 V/m (2.2.46)
2πε1 r1
Q′
E c,2 = ur2 = 186.5 V/m (2.2.47)
2πε2 r2

Esercizio 2.2.3

Si consideri il condensatore cilindrico a 3 strati illustrato in Fig. 2.9).


Dati: R0 = 1 mm, R1 = 2 mm, R2 = 3 mm, R3 = 5 mm, ε1 = 5.5 ε0
(porcellana), ε2 = 5 ε0 (mica), ε3 = 3.2 ε0 (bakelite), Vs = 200 kV, Rd1 =
600 kV/cm, Rd2 = 1000 kV/cm, Rd3 = 1400 kV/cm.

1. Calcolare la capacità del condensatore;

2. stabilire se il condensatore tollera una tensione di alimentazione Vs =


200 kV, nota la rigidità dielettrica dei tre dielettrici;

3. calcolare la tensione di scarica Vsca del condensatore.


106 CAPITOLO 2. FENOMENI DIELETTRICI E CAPACITÀ

Vs

R0
R3
R1
e3 R2 e1
e2

Figura 2.9: Condensatore cilindrico a tre strati.

Data la simmetria cilindrica del sistema, trascurando gli effetti di bordo, è


opportuno adottare un sistema di coordinate cilindrico r, ϕ, z. Per le stesse
ipotesi appena fatte è ragionevole ritenere il campo elettrico coulombiano di
tipo radiale
E c = −∇V = Ec (r) r (2.2.48)

Per la rappresentazione dell’operatore gradiente in coordinate cilindriche si


può scrivere:
dV
E c = −∇V = − r = Ec (r) r (2.2.49)
dr
e dunque
dV
Ec (r) = − (2.2.50)
dr
Applicando la legge di Gauss alla superficie di un cilindro di altezza unitaria
e concentrico con il condensatore si ottiene, per il generico mezzo dielettrico
i-esimo, a distanza r dall’origine delle coordinate:

Q′
Ec,i (r) = (2.2.51)
2πεi r

dove Q′ è la carica per unità di lunghezza presente sul conduttore interno


(uguale ed opposta a quella sull’armatura esterna)).
Per calcolare la d.d.p. tra l’armatura esterna ed il conduttore interno si
deve integrare il campo elettrico coulombiano lungo una generica linea che
parte dall’armatura esterna e arriva al conduttore interno. Il risultato è una
d.d.p.
2.2. FENOMENI DIELETTRICI 107

E’ opportuno scegliere la linea di integrazione nel modo più conveniente


ai fini del calcolo; in questo caso, risulta essere una qualunque linea radiale.
In tale casi si ottiene:
Z R1 Z R2 Z R3 
Q′ Q′ Q′
V (R3 ) − V (R0 ) = − dr + dr + dr
R0 2πε1 r R1 2πε2 r R2 2πε3 r

Se si assume l’armatura esterna come riferimento V (R3 ) = 0 (ragioni di


sicurezza) si ottiene:

Q′ R1 Q′ R2 Q′ R3
V (R0 ) = Vs = ln + ln + ln
2πε1 R0 2πε2 R1 2πε3 R2
La capacità per unità di lunghezza è pertanto:

Q′ 2π
C′ = = P3 1 ri
= 151.69 pF/m
Vs i=1 ε ln r
i i−1

Vogliamo ora sapere se, alimentando il condensatore con una tensione Vs =


200 kV qualcuno dei dielettrici perde le sue caratteristiche di isolante, per-
forandosi. Come primo passo ci calcoliamo la carica per unità di lunghezza
(p.u.l.) che si deposita sulle armature del condensatore in queste condizioni.

Q′ = C ′ Vs = 30.338µC/m

Tale carica p.u.l. genererà un campo elettrico in ciascun dielettrico. In


ognuno di essi i punti più sollecitati sono quelli più interni, a raggio minore.
Individuiamo pertanto i campi massimi in ogni dielettrico:

Q′
Ec1,max = = 991.50kV/cm
2πε1 R0
Q′
Ec2,max = = 545.32kV/cm
2πε2 R1
Q′
Ec3,max = = 568.04kV/cm
2πε3 R2
Dunque il campo massimo presente nel primo mezzo è maggiore della sua
rigidità dielettrica Rd1 e pertanto cede dando luogo a perforazione. E’ impor-
tante quindi per un condensatore valutare la massima tensione applicabile
senza che alcuno dei dielettrici perda le sue caratteristiche dielettriche. Si
definisce tensione di scarica del condensatore tale tensione. Ci poniamo
ora il problema di calcolarla.
108 CAPITOLO 2. FENOMENI DIELETTRICI E CAPACITÀ

Per ogni dielettrico possiamo calcolare una tensione di scarica come quel-
la tensione che realizza nei punti più critici un campo pari alla rigidità
dielettrica:
Q′ C ′ Vsca1 2πε1 R0
Rd1 = = → Vsca1 = Rd1 = 121kV
2πε1 R0 2πε1 R0 C′
Q′ C ′ Vsca2 2πε2 R1
Rd2 = = → Vsca2 = Rd2 = 366.7kV
2πε2 R1 2πε2 R1 C′
Q′ C ′ Vsca3 2πε3 R2
Rd3 = = → Vsca3 = Rd3 = 492.8kV
2πε3 R2 2πε3 R2 C′
La tensione di scarica corrisponde alla minima delle tre tensioni in quanto
corrisponde alla condizione più restrittiva. Dunque, per il condensatore in
esame, si ha:
Vsca = 121kV
E’ confermato che la tensione applicata Vs = 200 kV causa il cedimento del
condensatore (in corrispondenza del raggio minore del primo dielettrico).

Esercizio 2.2.4

Si veda il codice Matlab Cilindri_coassiali.m disponibile in rete per il


calcolo del campo elettrico massimo al variare del raggio interno r1 , per
assegnati valori del raggio esterno r2 e del potenziale V0 del cilindro interno.

Esercizio 2.2.5

Scrivere il codice Matlab che calcoli la distribuzione del campo elettrico e


tracci le curve equipotenziali nel caso di cilindri coassiali.

Esercizio 2.2.6

In Fig. 2.10 sono rappresentate due sfere concentriche di raggi r1 ed r2


separate da materiale isolante con permittività elettrica ε. Si vuole val-
utare la distribuzione del campo elettrico nella regione inter-elettrodica e
successivamente calcolarne la capacità.

Soluzione Considerata la geometria sferica del problema elettrostatico è


opportuno utilizzare l’equazione di Laplace in coordinate sferiche. Poichè il
campo elettrico coulombiano è diretto radialmente il potenziale V varia solo
con r e l’equazione di Laplace assume la forma:
 
1 d 2 dV
r =0 (2.2.52)
r 2 dr dr
2.2. FENOMENI DIELETTRICI 109

V0

r1

r2

V=0

Figura 2.10: Sfere concentriche.

La soluzione generale di tale equazione è

K1
V =− + K2 (2.2.53)
r
in cui le costanti di integrazione si determinano imponendo i valori del poten-
ziale sulla sfera interna, V = V0 , e su quella esterna V = 0. Si ottiene, per
r = r1
K1
V0 = − + K2 (2.2.54)
r1
e per r = r2
K1
0=− + K2 (2.2.55)
r2
da cui si ricava
r1 r2 K1
K1 = V0 K2 = (2.2.56)
r1 − r2 r2
Il potenziale, come funzione della variabile radiale r, ha la seguente espres-
sione:  
r1 r2
V = V0 1− (2.2.57)
r1 − r2 r1
Il campo elettrico, come grandezza scalare con segno, vale:

dV V0 r1 r2
E=− = 2 (2.2.58)
dr r (r2 − r1 )

e presenta l’andamento riportato in Fig. 2.11 Per r = r1 si ha il campo sulla


sfera interna:
V0 r2
E0 = (2.2.59)
r1 (r2 − r1 )
110 CAPITOLO 2. FENOMENI DIELETTRICI E CAPACITÀ

160

140

120

100

E [V/m]
80

60

40

20

0
1 1.2 1.4 1.6 1.8 2 2.2 2.4 2.6 2.8 3
Raggio [cm]

Figura 2.11: Distribuzione del campo elettrico tra due sfere concentriche.
140
20
0.025
20

0.02 40 120

0.015 60

20
80
0.01 140 10 100
20
40

40
60

00 1 0
20

80

1
0.005
120

0 80
60

101020

−0.005
0

60

40
14
14
0

80

20

120
−0.01 1 60
80 00
40
20

−0.015 60
40
−0.02 40

−0.025 20
20

20
−0.025 −0.02 −0.015 −0.01 −0.005 0 0.005 0.01 0.015 0.02 0.025

Figura 2.12: Mappa del campo elettrico tra due sfere concentriche.

In Fig. 2.12 è rappresentata la mappa del campo. I valori numerici si


riferiscono al caso numerico in cui r1 = 1 cm, r2 = 3 cm, ε = 3.4ε0 e la
differenza di potenziale tra i due elettrodi è di 1 V.
Il campo E0 tende ad infinito per r1 che tende a zero o a r2 ; per r1 =
r10 = r2 /2 assume il valore minimo E0,min = 4V0 /r2 .
Ci si pone infine il problema della determinazione della capacità esistente
tra le due sfere concentriche. Sia Q la carica distribuita sulla superficie della
2.2. FENOMENI DIELETTRICI 111

sfera interna ed r il raggio della generica sfera. Per il principio di conser-


vazione della carica, sulla sfera esterna sarà presente una carica −Q. Per
la legge di Gauss applicata ad una superficie sferica di raggio r, concentrica
con le due sfere, risulta
Q = DS = εES (2.2.60)
e quindi, tenendo conto della (2.2.58)
r1 r2
Q = 4πεV0 (2.2.61)
(r2 − r1 )

La capacità vale dunque:

Q r1 r2
C= = 4πε (2.2.62)
V0 (r2 − r1 )

Codice Matlab

% Sfere_concentriche.m
clear,clc,close all

r1=1e-2; r2=3e-2; V1=0; V2=1; V0=V2-V1; epsilon=3.4;


eps0=8.854e-12; r=linspace(r1,r2,20); V=V0*r1/(r1-2).*(1-r2./r);
E=V0./r.^2*r1*r2/(r2-r1); figure plot(r*1e2,E,’linewidth’,2)
xlabel(’Raggio [cm]’) ylabel(’E [V/m]’)

% Visualizzazione mappa del campo elettrico


theta=linspace(0,2*pi,30); for n=1:length(theta)
for m=1:length(r)
X(m,n)=r(m).*cos(theta(n));
Y(m,n)=r(m).*sin(theta(n));
R(m,n)=sqrt(X(m,n)^2+Y(m,n)^2);
Emappa(m,n)=V0./R(m,n).^2*r1*r2/(r2-r1);
end
end figure [c,h]=contour(X,Y,Emappa); clabel(c,h); colorbar
% Calcolo capacità
Q=4*pi*epsilon*V0*r1*r2/(r2-r1); C=Q/V0;

2.2.6 Cilindri paralleli indefiniti


Si considerino i due conduttori rappresentati in Fig. 2.13 di raggio r0 , aventi
cariche per unità di lunghezza Q′1 e Q′2 . Sia d la distanza tra gli assi dei due
112 CAPITOLO 2. FENOMENI DIELETTRICI E CAPACITÀ

y
P

r2 r1
2r0

2 1 x
d/2 d/2

Figura 2.13: Conduttori paralleli di diverso potenziale elettrico.

conduttori.
Il potenziale nel generico punto P dovuto al primo conduttore è calcolato
mediante la relazione (2.2.30):
Q′1 R1
V(1) (P ) = ln (2.2.63)
2πε r1
in cui R1 è la distanza tra il conduttore e un generico punto di riferimento
per il quale si fissa il potenziale nullo, ed r1 la distanza di P dal conduttore 1.
Il potenziale in P dovuto al secondo conduttore ha un’espressione analoga.
Il potenziale risultante è quindi:
Q′1 R1 Q′ R2
V (P ) = V(1) (P ) + V(2) (P ) = ln + 2 ln (2.2.64)
2πε r1 2πε r2
Se risulta Q′1 = −Q′2 = Q′ la relazione (2.2.64) diventa
   
Q′ R1 R2 Q′ R1 r2
V (P ) = V(1) (P ) + V(2) (P ) = ln − ln = ln
2πε r1 r2 2πε r1 R2
(2.2.65)
Se si sceglie il punto a potenziale nullo sull’asse y di simmetria si ha R1 = R2
e dunque risulta:
Q′ r2
V (P ) = ln (2.2.66)
2πε r1
Il potenziale sul conduttore 1 ha l’espressione:
Q′ d − r0
V01 = ln (2.2.67)
2πε r0
che diventa, per r0 ≪ d:
Q′ d
V01 = ln (2.2.68)
2πε r0
2.2. FENOMENI DIELETTRICI 113

Analogamente il potenziale sul conduttore 2 è:

Q′ r0 Q′ r0
V02 = ln ≃ ln = −V01 (2.2.69)
2πε d − r0 2πε d

Dunque risulta:

Q′ d − r0 Q′ d
V01 − V02 = V0 = ln ≃ ln (2.2.70)
πε r0 πε r0

da cui si può ricavare la capacità per unità di lunghezza:

Q′ πε
C′ = = (2.2.71)
V01 − V02 ln d/r0

Per una linea bipolare in aria risulta ε = ε0 e dunque

27.8
C′ = nF/Km (2.2.72)
ln d/r0

Dalla (2.2.67) si può ricavare

2πε
Q′ = V0 (2.2.73)
ln d/r0

Questa stessa relazione può essere riscritta come

ln (r1 /r2 ) r1  r0 V /V0


V = V0 da cui si ottiene = (2.2.74)
ln (r0 /d) r2 d

Le linee equipotenziali si ricavano imponendo V = K e soddisfano pertanto


la seguente condizione:
n o1/2
y 2 + [(d/2) − x]2
r1
=K= n o1/2 (2.2.75)
r2
y 2 + [(d/2) + x]2

ovvero:
2 2
1 + K2 d
 
2 2K d
x− +y = (2.2.76)
1 − K2 2 1 − K2 2
che descrive una famiglia di circonferenze con centri sull’asse x e simmetri-
camente disposte rispetto all’asse y.
114 CAPITOLO 2. FENOMENI DIELETTRICI E CAPACITÀ

Le componenti del campo elettrico secondo gli assi x e y sono:


 
dV V0 x − (d/2) x + (d/2)
Ex = − = − (2.2.77)
dx ln (d/r0 ) r2 r22
 1 
dV V0 1 1
Ey = − = y 2 − 2 (2.2.78)
dy ln (d/r0 ) r1 r2

Le linee di campo elettrostatico, ortogonali alle linee equipotenziali, sono


circonferenze con centri sull’asse y.
L’intensità del campo è più elevata nei punti dei due conduttori separati
dalla minima distanza d.

Esercizio 2.2.7

Scrivere un programma che tracci le linee equipotenziali ed equiflusso nel


caso della configurazione della sezione precedente. In Fig. 2.14 è indicata la
mappa che si ottiene; in rete è disponibile il codice Matlab Genera_equipotenziali.m
che consente di ottenere le mappe richieste.

−1

−2

−3
−3 −2 −1 0 1 2

Figura 2.14: Mappa del campo elettrico e del potenziale nel caso di due
conduttori cilindrici paralleli e indefiniti.
2.2. FENOMENI DIELETTRICI 115

2.2.7 Principio delle immagini


Si è detto nella sezione precedente che l’equazione di Poisson può essere Principio delle immagini
risolta in modo analitico solo in un numero limitato di casi che presentano
particolari proprietà di simmetria. Uno di questi è quello di una carica
puntiforme Q posta nel punto P di un mezzo con permittività ε1 , separato
dalla superficie Σ da un mezzo caratterizzato da permittività ε2 . Sia h la
distanza di P da Σ come mostrato in Fig. 2.15.

P Q

e1
S
e2

Figura 2.15: Carica puntiforme nel mezzo dielettrico 1 separato da una


superficie piana dal mezzo dielettrico 2.

Si vuole determinare la distribuzione del campo nel mezzo 1. Si immagini


che il mezzo 1 occupi tutto lo spazio e che un’opportuna carica fittizia Q′
sia posta nel punto P ′ , immagine di P rispetto al piano Σ (vedi Fig. 2.16).
Per determinare il campo nel mezzo 2 si immagini presente soltanto la carica
fittizia Q′′ in P nel mezzo di permittività ε2 . Si supponga che le cariche
Q, Q′ e Q′′ siano positive. Nel generico punto A del piano Σ, nella prima
configurazione (Fig.2.16), il campo elettrico dovuto a Q e Q′ ha le seguenti
componenti normale e tangenziale:
Q Q′ Kn 
En1 = 2
cos α − 2
cos α = Q − Q′ (2.2.79)
4πε1 r 4πε1 r ε1
Q Q′ Kt 
Et1 = 2
sin α + 2
sin α = Q + Q′ (2.2.80)
4πε1 r 4πε1 r ε1
La componente normale di D1 vale:

Dn1 = ε1 En1 = Kn Q − Q′ (2.2.81)

Si consideri ora lo stesso punto A nella seconda configurazione (Fig.2.17)


in cui è presente la sola carica Q′′ . Si ha:
116 CAPITOLO 2. FENOMENI DIELETTRICI E CAPACITÀ

P Q

h r

E1(Q’)
e1 a
A
S e1 a

E1(Q)
h r

P’ Q’

Figura 2.16: Cariche puntiformi per l’analisi del campo elettrico nel mezzo
dielettrico 1.

P Q’’

h r

e2
A
S e2 a

E2(Q’’)

Figura 2.17: Carica puntiforme per l’analisi del campo elettrico nel mezzo
dielettrico 2.

Q′′ Kn 
En2 = 2
cos α = Q′′ (2.2.82)
4πε2 r ε2

Q′′ Kt ′′

Et2 = sin α = Q (2.2.83)
4πε2 r 2 ε2

Dn2 = ε2 En2 = Kn Q′′ (2.2.84)
Le cariche Q′ e Q′′ devono soddisfare le leggi della rifrazione e cioé devono
essere tali da rendere uguali le componenti tangenziali del campo elettrico E
sulla superficie di separazione Σ dei 2 mezzi e delle componenti normali del
2.2. FENOMENI DIELETTRICI 117

vettore spostamento D sulla stessa superficie. Pertanto si ottiene il seguente


sistema:
Kt  Kt ′′
Q + Q′ = Q (2.2.85)
ε1 ε2

Kn Q − Q′ = Kn Q′′ (2.2.86)

Risolvendo tale sistema si ottiene:


ε1 − ε2
Q′ = Q (2.2.87)
ε1 + ε2
2ε2
Q′′ = Q (2.2.88)
ε1 + ε2
Nel caso particolare che risulti ε1 ≪ ε2 il piano Σ è equipotenziale in quanto
E 1 è ad esso ortogonale (Et1 ≃ 0) ed inoltre si ha:

Q′ = −Q (2.2.89)
′′
Q = 2Q (2.2.90)

Se invece risulta ε1 ≫ ε2 il vettore E 1 è tangente a Σ (En1 ≃ 0) che pertanto


è equiflusso e si ha:

Q′ = Q (2.2.91)
′′
Q = 0 (2.2.92)

Alle stesse conclusioni si giunge quando la carica Q, invece di essere pun-


tiforme è uniformemente distribuita sull’unità di lunghezza di una retta par-
allela a Σ o di una superficie con generatrici parallele a Σ. Infatti in questi
casi variano solo i coefficienti Kn e Kt che non appaiono nelle relazioni finali.
118 CAPITOLO 2. FENOMENI DIELETTRICI E CAPACITÀ

2.2.8 Cilindro indefinito in presenza del terreno

Cilindro indefinito in Un’altra configurazione di cui è possibile trovare la soluzione in forma ana-
presenza del terreno litica e di grande importanza applicativa è quella rappresentata in Fig. 2.18
costituita da un conduttore di raggio r0 sul terreno. Si assuma che il condut-

Q’

(a)

Q’ 1
r1
P
h

r2

Q’imm 1’
(b)

Figura 2.18: Conduttore in presenza del terreno.

tore abbia raggio r0 , si trovi a distanza h dal terreno, abbia il potenziale V0 e


che sulla sua superficie sia distribuita uniformemente la carica Q′ per unità
di lunghezza. La distribuzione del potenziale in aria è determinata appli-
cando il principio delle immagini elettriche. Poiché la permittività dell’aria
è circa uguale a quella del vuoto, ε1 = ε0 e questa è nettamente inferiore
rispetto a quella del terreno, ε2 = 70 ÷ 200 ε0 , il conduttore immagine ha
carica per unità di lunghezza Q′imm = −Q′ . Si scelga il punto di riferimento
a potenziale nullo sulla superficie di separazione aria-terreno. In virtú di
questa scelta il potenziale nel generico punto P distante r1 dal conduttore
2.2. FENOMENI DIELETTRICI 119

1 e r2 dal conduttore immagine 1′ assume la seguente espressione:

Q′ r2
V (P ) = ln (2.2.93)
2πε0 r1
Volendo calcolare il potenziale V0 sul conduttore 1 si porti il punto di calcolo
P sulla superficie del conduttore 1. La relazione (2.2.93) diventa

Q′ 2h − r0 Q′ 2h
V0 = ln ≃ ln (2.2.94)
2πε0 r0 2πε0 r0
Il potenziale V nel punto P in funzione di V0 ha la seguente forma

ln (r1 /r2 )
V (P ) = V0 (2.2.95)
ln (r0 /2h)

In coordinate cartesiane x, y essa assume la forma


nh i h io
ln x 2 + (y − h)2 / x2 + (y + h)2
V0
V (P ) = (2.2.96)
2 ln (r0 /2h)

Le espressioni delle componenti del campo elettrico si possono ottenere da


quelle ricavate per i due conduttori cilindrici (2.2.77) ponendo d = 2h. In-
oltre è possibile ottenere anche la capacità per unità di lunghezza, data
da:
Q′ 2πε0
C′ = = (2.2.97)
V0 ln (2h/r0 )
che risulta doppia rispetto a quella ottenuta nel casi di due conduttori
cilindrici indefiniti.
Se il conduttore è in aria, la capacità assume l’espressione:

Q′ 55.6
C′ = = nF/Km (2.2.98)
V0 ln (2h/r0 )
120 CAPITOLO 2. FENOMENI DIELETTRICI E CAPACITÀ

2.2.9 Capacità parziali di un sistema di n conduttori


Si consideri un sistema di n conduttori cilindrici indefiniti in presenza del
terreno caratterizzato da una permittività ε ≫ ε0 . Il potenziale nel generico

Q’2
Q’3
Q’1

h2
h1 h3

e0
?
et (a)

Q’2
2

Q’1 3 Q’3
1

h2
h3
h1
e0
?
e0
h1 h3
h2

-Q’1 -Q’3
-Q’2
(b)

Figura 2.19: Conduttori paralleli su terreno.

punto P del semispazio superiore può essere calcolato mediante il principio


di sovrapposizione degli effetti:

V = V1 + V2 + · · · + Vi + · · · + Vn (2.2.99)

in cui Vi è il potenziale in P dovuto alla generica coppia di conduttori


costituita dal conduttore i e dalla sua immagine i′ :

Q′i r′
Vi = ln i (2.2.100)
2πε0 ri
2.2. FENOMENI DIELETTRICI 121

dove ri e ri′ sono le distanze da P del conduttore i e della sua immagine i′ .


La somma degli n contributi è pertanto
n
X Q′i r′
V = ln i (2.2.101)
2πε0 ri
i=1

Se si pone il punto di calcolo sulla superficie del conduttore 1 si ottiene:


 
1 2h1 D′ D′
V1 = Q′1 ln + Q′2 ln 12 + · · · + Q′n ln 1n (2.2.102)
2πε0 r01 D12 D1n

avendo assunto r1′ ≪ 2h1 ed avendo indicato con D12 e D12 ′ rispettivamente

le distanze tra il conduttore i e il conduttore j e tra il conduttore i e il


conduttore j ′ , immagine di j. Calcolando il potenziale degli altri conduttori
si perviene al seguente sistema di equazioni lineari:

Q′1
    
V1 a11 a12 · · · a1n

 V2  
  a21 a22 · · · a2n 
 Q′2 


 · =
  · · · · 
 · 
 (2.2.103)
 ·   · · · ·  · 
Vn an1 an2 · · · ann Q′n

I coefficienti di potenziale sono espressi come [m F−1 ]:

1 2hi
aii = ln (2.2.104)
2πε0 r0i
D ′
1 ij
aij = ln (2.2.105)
2πε0 Dij

In forma matriciale risulta:


 
[V ] = [A] Q′ (2.2.106)

La matrice A è detta matrice dei coefficienti di potenziale.


Tale equazione matriciale può essere risolta rispetto alle cariche per unità
di lunghezza:
Q = [A]−1 [V ] = [B] [V ]
 ′
(2.2.107)

La matrice B è detta matrice dei coefficienti di capacità. Entrambe le matrici


A e B sono simmetriche.
122 CAPITOLO 2. FENOMENI DIELETTRICI E CAPACITÀ

Rete capacitiva equivalente alla relazione (2.2.107)


Allo scopo di ottenere una rete di capacità si consideri la i -esima equazione:

Q′i = bi1 V1 + bi2 V2 + · · · + bii Vi + · · · + bin Vn (2.2.108)

Se a questa equazione si aggiunge e toglie la quantità

bi1 Vi + bi2 Vi + · · · + bin Vi (2.2.109)

escludendo il termine bii Vi , si ottiene:

Q′i = −bi1 (Vi − V1 ) − bi2 (Vi − V2 ) + · · · − bin (Vi − Vn )


+ (bi1 + bi2 + · · · + bii + · · · + bin ) Vi (2.2.110)

Si definisce capacità parziale propria (F/m) dell’i-esimo conduttore la quan-


tità
Cii′ = bi1 + bi2 + · · · + bii + · · · + bin (2.2.111)
Le capacità parziali mutue (F/m) tra i vari conduttori sono date da:

Cij = −bij (2.2.112)

Dunque la relazione (2.2.110) può essere riscritta come:

Q′i = Ci1
′ ′
(Vi − V1 ) + Ci2 (Vi − V2 ) + · · · + Cii′ Vi + · · · + Cin

(Vi − Vn )
3
X
Cii′ = ′
bij , Cij = −bij per i = 1 · · · 3, j = 1 · · · 3 (2.2.113)
j=1

La rete equivalente capacitiva è dunque:


C13’
3

1
C12’

C23’
2
C11’ C33’
C22’

Figura 2.20: Rete di capacità parziali di una linea trifilare.


2.2. FENOMENI DIELETTRICI 123

2.2.10 Linea bifilare in aria su terreno

2 Q’2
D
Q’1
1

D’ h2
h1

h1
D’ h2

-Q’1
D
-Q’2

Figura 2.21: Linea bifilare in presenza del terreno.

    
V1 a11 a12 Q′1
= (2.2.114)
V2 a21 a22 Q′2

Posto
′ ′
D12 = D21 = D , D12 = D21 = D′ (2.2.115)

si ha

1 2h1
a11 = ln
2πε0 r01
1 D′
a12 = a21 = ln (2.2.116)
2πε0 D
1 2h2
a22 = ln
2πε0 r02

L’equazione (2.2.114) può essere risolta rispetto alle incognite Q′1 e Q′2
invertendo la matrice dei coefficienti di potenziale.
    
Q′1 b11 b12 V1
= (2.2.117)
Q′2 b21 b22 V2
124 CAPITOLO 2. FENOMENI DIELETTRICI E CAPACITÀ

In modo analogo a quanto descritto precedentemente è possibile ricavare la


matrice delle capacità parziali per unità di lunghezza:


C11 = b11 + b12
′ ′
C12 = C21 = −b21 (2.2.118)

C22 = b22 + b21

I coefficienti di capacità sono:


 
1 a22 −a12
[B] = (2.2.119)
a11 a22 − a212 −a21 a11

I coefficienti di capacità propria e mutua valgono:


a22 a12 a11
b11 = b12 = b21 = − b22 =
a11 a22 − a212 a11 a22 − a212
a11 a22 − a212
(2.2.120)
Se i due conduttori hanno uguale raggio r0 e uguale altezza h rispetto al
terreno le capacità parziali si esplicitano nella seguente forma:

′ ′ 2πε0
C11 = C22 = C0′ =
ln [(2h/r0 ) Γ]
′ ′ ′ 2πε0 ln Γ
C12 = C21 = Cm =
ln [(2h/r0 ) Γ] ln [(2h/r0 ) /Γ]

in cui:
h i1
Γ = 1 + (2h/D)2
2
(2.2.121)

Rete capacitiva equivalente


La rete capacitiva corrispondente alle capacità parziali di una linea bifilare
è rappresentata in Fig. 2.22.

Esercizio 2.2.8

Si consideri la linea di trasmissione a due conduttori in Figura 2.23. Si


assuma che i parametri geometrici della linea siano h = 4 m, d = 1 m, r0 = 5
mm e che i due conduttori siano eserciti da tensioni uguali ed opposte V1 =
−V2 = 190 V. Si calcoli il sistema delle capacità parziali del sistema dei due
conduttori ed il campo elettrico coulombiano prodotto in un generico punto
P (x, y) del semispazio sopra il terreno dalle cariche presenti sui conduttori.
2.2. FENOMENI DIELETTRICI 125

1
C12’

2
C11’
C22’

Figura 2.22: Capacità parziali di una linea bifilare.

r0

1 2

Figura 2.23: Linea di trasmissione a 2 conduttori su terreno.

Soluzione Come primo passo si calcolino i coefficienti di potenziale P ; i


termini propri aii , i = 1, 2 sono uguali per la simmetria del sistema; anche
i termini mutui aij = aji , i, j = 1, 2 sono tra loro uguali poichè il sistema è
reciproco (lineare)
1 2h 1 D′
a11 = a22 = ln a12 = a21 = ln 12
2πε0 r0 2πε0 D12
′ rappresenta la distanza
dove D12 = d è la distanza tra i conduttori e D12
tra un conduttore e l’immagine dell’altro. Sostituendo i valori numerici si
ottiene  
1.3262 0.3752
P = 1011 · [F/m]− 1
0.3752 1.3262
La matrice dei coefficienti di capacità C può essere calcolata come inversa
della matrice dei coefficienti di potenziale P .
 
−11 0.8196 −0.2319
C = 10 · [F/m]
−0.2319 0.8196
126 CAPITOLO 2. FENOMENI DIELETTRICI E CAPACITÀ

E’ ora possibile calcolare le capacità parziali come

Cp,10 = Cp,20 = C11 + C12 = C21 + C22 = 5.8776 pF/m


Cp,12 = Cp,21 = −C12 = −C21 = 2.319 pF/m

La corrispondente rete capacitiva è mostrata in Figura 2.24 La capacità vista

C p,12

C p,10 C p,20

Figura 2.24: Rete capacitiva equivalente alla linea a due conduttori su


terreno.

dalla sorgente di tensione che alimenta i due conduttori è pari a


Cp,10 Cp,20
Csorg = + = 5.257 pF/m
Cp,10 + Cp,20

E’ possibile ora calcolare il campo elettrico prodotto in un generico punto


P del semispazio sopra il terreno dalle cariche presenti sui conduttori. Tali
cariche sono:  ′ 
′ Q1
Q = = CV [C/m]
Q′2
La linea è esercita con tensioni V2 = −V1 ; inoltre i conduttori sono alla
stessa altezza sul terreno e quindi C11 = C22 ; tali ipotesi rendono verificata
la seguente uguaglianza: Q′2 = −Q′1 = −Q′ . Nel caso in esame si ottiene
Q = 2′ nC/m.
Si faccia ora riferimento alla Fig. 2.25 per il calcolo del campo elettrico
coulombiano. Sebbene i conduttori siano in posizione speculare rispetto al
2.2. FENOMENI DIELETTRICI 127

1 3
(x1,y1) Q 1’ (x3,y3) Q 3’
y

e0
? e0 x

(x2,y2) Q 2’ (x4,y4) Q4’


2 4

Figura 2.25: Calcolo del campo elettrico coulombiano prodotto da due


conduttori sul terreno.

terreno e quindi le loro coordinate siano facilmente deducibili per il caso


considerato, è preferibile procedere in modo generale indicando con Q′i e
xi , yi , zi , per i = 1 · · · 4, rispettivamente le loro cariche e le loro coordinate
rispetto ad un generico sistema di riferimento. Le componenti Ei,x , Ei,y del
campo elettrico coulombiano in un generico punto P (x, y), per l’i-esimo
conduttore possono essere espresse come
Q′i (x − xi )
Ei,x (x, y) = h i i = 1···4
2πε0 (x − x )2 + (y − y )2
i i

Q′i (y − yi )
Ei,y (x, y) = h i i = 1···4
2πε0 (x − x )2 + (y − y )2
i i

Il campo coulombiano totale è:


4
X Q′i (x − xi )
Ex = h i
2πε0 (x − x )2 + (y − y )2
i=1 i i
4
X Q′i (y − yi )
Ey = h i
2πε0 (x − x )2 + (y − y )2
i=1 i i

L’intensità del campo risultante è pertanto


q
Etot = Ex2 + Ey2

Se, nel caso considerato, si calcola il campo elettrico sul terreno, nell’in-
tervallo −10 ≤ x ≤ 10, y = 0 si ottengono gli andamenti del campo elettrico
128 CAPITOLO 2. FENOMENI DIELETTRICI E CAPACITÀ

3
Ex
Ey

Campo elettrico [V/m]


0

−1

−2

−3
−10 −8 −6 −4 −2 0 2 4 6 8 10
x [m]

Figura 2.26: Campo elettrico prodotto da una linea bifilare sulla superficie
del terreno.

riportati in Fig. 2.26. Come era da aspettarsi il campo elettrico ha una sola
componente ortogonale al terreno poichè si è assunto che la permettività del
terreno εt sia molto maggiore di quella dell’aria ε0 . Se si ripete il calcolo ad
un’altezza y = 1.75 m si ottiene la distribuzione di campo illustrata in Fig.
2.27.
2.2. FENOMENI DIELETTRICI 129

6
Ex
Ey

2
Campo elettrico [V/m]

−2

−4

−6
−10 −8 −6 −4 −2 0 2 4 6 8 10
x [m]

Figura 2.27: Campo elettrico prodotto da una linea bifilare ad un’altezza


y = 1.75 m dalla superficie del terreno.
130 CAPITOLO 2. FENOMENI DIELETTRICI E CAPACITÀ

2.3 Analisi transitoria di un circuito RC

R i(t)

vR(t)
+
C vC(t)
E(t)
-

0.8
Voltage [V]

0.6

0.4

0.2

0
0 0.1 0.2 0.3 0.4 0.5 0.6 0.7 0.8 0.9 1
Time [s] −9
x 10

Figura 2.28: Circuito RC e tensione di alimentazione E(t).

Per il II Principio di Kirchhoff applicato alla maglia si ha:

E(t) − vR (t) − vC (t) = 0 (2.3.1)

dove
dvC (t)
vR (t) = Ri(t); i(t) = C (2.3.2)
dt
dvC (t)
+ vC E(t) = RC (2.3.3)
dt
che rappresenta un’equazione differenziale ordinaria del primo ordine. In
generale le condizioni iniziali per questo circuito sono rappresentate dalla
tensione iniziale sul condensatore, vC (0) = V0 . L’integrale generale del-
l’equazioni (2.3.3) è dato dalla somma dell’integrale generale dell’omoge-
nea associata e di un integrale particolare dell’equazione non omogenea;
quest’ultimo, si verifica immediatamente essere pari a E.

vC (t) = Aeλt + E (2.3.4)


2.3. ANALISI TRANSITORIA DI UN CIRCUITO RC 131

dove λ = −1/RC e τ = RC viene definita come costante di tempo del


circuito. La costante di integrazione A si ottiene imponendo la condizione
iniziale su vC (t):
vC (0) = A + E = V0 ⇒ A = V0 − E (2.3.5)
La soluzione può essere dunque riscritta come:
 
vC (t) = (V0 − E) e−t/RC + E = V0 e−t/RC + E 1 − e−t/RC (2.3.6)

t
vC (t) = (V0 − E) e−t/RC (2.3.7)
r
vC (t) = E (2.3.8)
el −t/RC
vC (t) = V0 e (2.3.9)
 
ef
vC (t) = E 1 − e−t/RC (2.3.10)
Osservazione: se V0 ≡ E la soluzione transitoria è assente; se V0 = 0
manca il termine di evoluzione libera ed esiste solo la risposta forzata.
La corrente nel circuito è:
dvc (t) (E − V0 ) −t/RC
i(t) = C = e (2.3.11)
dt R

2.3.1 Transitorio di carica di un condensatore


Si ipotizzi V0 = 0; l’andamento temporale della tensione sul condensatore è
descritta da:  
vc (t) = E 1 − e−t/RC (2.3.12)
La corrente erogata dal generatore ed assorbita dal condensatore è
dvc (t) E
i(t) = C = e−t/RC (2.3.13)
dt R

2.3.2 Transitorio di scarica di un condensatore


Si ipotizzi vC (0) = E; l’andamento temporale della tensione sul conden-
satore è ora descritta da:
vc (t) = Ee−t/RC (2.3.14)
La corrente erogata dal generatore ed assorbita dal condensatore è
CE −t/RC E
i(t) = − e = − e−t/RC (2.3.15)
τ R
132 CAPITOLO 2. FENOMENI DIELETTRICI E CAPACITÀ

1
τ=0.1ns

0.8
Voltage [V]

0.6

0.4

0.2

0
0 0.1 0.2 0.3 0.4 0.5 0.6 0.7 0.8 0.9 1
Time [s] −9
x 10
0.1

0.09

0.08

0.07

0.06
Current [A]

0.05

0.04

0.03

0.02

0.01
τ=0.1ns

0
0 0.1 0.2 0.3 0.4 0.5 0.6 0.7 0.8 0.9 1
Time [s] x 10
−9

Figura 2.29: Tensione e corrente di carica di un condensatore.


2.3. ANALISI TRANSITORIA DI UN CIRCUITO RC 133

0.8
Voltage [V]

0.6

0.4

0.2

0
0 0.1 0.2 0.3 0.4 0.5 0.6 0.7 0.8 0.9 1
Time [s] −9
x 10
0

−0.01

−0.02

−0.03

−0.04
Current [A]

−0.05

−0.06

−0.07

−0.08

−0.09

−0.1
0 0.1 0.2 0.3 0.4 0.5 0.6 0.7 0.8 0.9 1
Time [s] x 10
−9

Figura 2.30: Tensione e corrente di scarica di un condensatore.


134 CAPITOLO 2. FENOMENI DIELETTRICI E CAPACITÀ

Programma Matlab

% Analisi_transitoria_RC.m
clear, clc, close all

C=10e-12; R=10; nt=3000;


time=linspace(0,1e-9,nt); V0=0;

% Carica del condensatore con V_0=0


E=zeros(1,length(time));
n_start=0; %ceil(0.1*nt);
n_end=nt; %ceil(nt/2);
E(n_start+1:n_end)=ones(n_end-n_start,1);

figure plot(time,E,’linewidth’,2)

xlabel(’Time [s]’)
ylabel(’Voltage [V]’)
axis([0 time(end) 0 1.1])

vc_t=(V0-E).*exp(-time/(R*C)); vc_r=E;

vc=vc_t+vc_r; i=E/R.*exp(-time/(R*C));

figure plot(time,vc,’linewidth’,2)
xlabel(’Time [s]’)
ylabel(’Voltage [V]’)
axis([0 time(end) 0 1.1])

figure plot(time,i,’linewidth’,2)
xlabel(’Time [s]’)

ylabel(’Current [A]’)
%axis([0 time(end) 0 1.1])

% Scarica del condensatore con V_0=0


E=zeros(1,length(time));
n_start=0; %ceil(0.1*nt);
n_end=nt; %ceil(nt/2);
V0=1;
2.3. ANALISI TRANSITORIA DI UN CIRCUITO RC 135

vc_t=(V0-E).*exp(-time/(R*C)); vc_r=E;

vc=vc_t+vc_r;
i=-(V0-E)/R.*exp(-time/(R*C));

figure plot(time,vc,’linewidth’,2)
xlabel(’Time [s]’)
ylabel(’Voltage [V]’)
axis([0 time(end) 0 1.1])

figure plot(time,i,’linewidth’,2)
xlabel(’Time [s]’)
ylabel(’Current[A]’)
%axis([0 time(end) 0 1.1])
136 CAPITOLO 2. FENOMENI DIELETTRICI E CAPACITÀ

2.3.3 Energia immagazzinata in un condensatore

-q

Figura 2.31: Carica di un condensatore.

Si ipotizzi che il condensatore sia inizialmente scarico (q(0) = 0, vC (0) =


0) e che sia alimentato da un generatore ideale di corrente I costante. Al
tempo t la carica accumulata sulle armature del condensatore è:
Z t
q(t) = I(τ )dτ = It (2.3.16)
0

Ad essa corrisponde una tensione sul condensatore pari a:

q(t) I
v(t) = = t (2.3.17)
C C
La potenza istantanea erogata dal generatore ideale di corrente e assorbita
dal condensatore è:
I2
p(t) = v(t)I = t (2.3.18)
C
In questo caso la potenza cresce linearmente nel tempo, come illustrato
in Fig. 2.32. L’energia fornita dal generatore al condensatore nell’intervallo
di tempo 0 − t è:
Z t Z t 2
I I 2 t2 1 q(t)2 1
W (t) = p(τ )dτ = τ dτ = = = Cv(t)2 (2.3.19)
0 0 C C 2 2 C 2
2.3. ANALISI TRANSITORIA DI UN CIRCUITO RC 137

Figura 2.32: Potenza ed energia assorbita da un condensatore alimentato da


un generatore di corrente continua.
138 CAPITOLO 2. FENOMENI DIELETTRICI E CAPACITÀ

Esercizio sul calcolo della capacità di un condensatore cilindrico a


più strati
Si calcoli la capacità del condensatore cilindrico a tre strati di Fig. 2.33.

V0

r2 r1 e1
r3 e2
r4 e3

V=0

Figura 2.33: Condensatore cilindrico a 3 strati.

Dati: r1 = 1 mm, r2 = 2 mm, r3 = 3 mm, r4 = 5 mm, Rd1 = 600 kV/cm,


Rd2 = 1000 kV/cm, Rd3 = 1400 kV/cm, ε1 = 5.5 ε0 , ε2 = 5 ε0 , ε3 = 3.2 ε0 .

Programma Matlab per l’analisi di condensatori cilindrici a 3 strati

% Condensatore_cilindrico.m
% Analisi di condensatori cilindrici a 3 strati
clear;
% Rigidità dielettriche
r1=1e-3; r2=2e-3; r3=3e-3; r4=5e-3; eps0=8.854e-12; eps1=5.5*eps0;
eps2=5*eps0; eps3=3.2*eps0; rd1=600e5; rd2=1000e5; rd3=1400e5;

c1=2*pi*eps1/log(r2/r1); c2=2*pi*eps2/log(r3/r2);
c3=2*pi*eps3/log(r4/r3);

ceq=1/(1/c1+1/c2+1/c3);

vs1=rd1*2*pi*eps1*r1/ceq; vs2=rd2*2*pi*eps2*r2/ceq;
vs3=rd3*2*pi*eps3*r3/ceq;

vscarica=min([vs1,vs2,vs3]);
2.3. ANALISI TRANSITORIA DI UN CIRCUITO RC 139

e1s=ceq*min([vs1,vs2,vs3])/(2*pi*eps1*r1);
e2s=ceq*min([vs1,vs2,vs3])/(2*pi*eps2*r2);
e3s=ceq*min([vs1,vs2,vs3])/(2*pi*eps3*r3);

% Nel caso che si assegni la tensione di alimentazione del condensatore


v=200e3; % in volt
e1=ceq*v/(2*pi*eps1*r1); e2=ceq*v/(2*pi*eps2*r2);
e3=ceq*v/(2*pi*eps3*r3);

qtot=ceq*v;
140 CAPITOLO 2. FENOMENI DIELETTRICI E CAPACITÀ

2.3.4 Forza di attrazione tra le armature di un condensatore

d Dx

Q -Q

Si applica il Principio dei Lavori Virtuali:


W2 − W1
F = (2.3.20)
∆x

1 Q2 1 Q2
 
1 2 1 1
W2 − W1 = − = Q − (2.3.21)
2 C2 2 C1 2 C2 C1
 
1 2 d + ∆x d 1 ∆x
= Q − = Q2 (2.3.22)
2 εS εS 2 εS

La forza esterna che è necessario applicare per realizzare lo spostamento


risulterà:
W2 − W1 1 Q2
Fe = = (2.3.23)
∆x 2 εS
Quella che le forze interne del campo elettrico producono sull’armatura che
subisce lo spostamento è uguale ed opposta:

1 Q2
Fi = −Fe = − (2.3.24)
2 εS
Ha spesso interesse determinare la cosiddetta pressione elettrostatica, espres-
sa come forza associata al campo elettrico per unità di superficie:

F 1 V2 1
p= = C = εE 2 (2.3.25)
S 2 Sd 2
Bibliografia

[1] S. Cristina. Appunti di Elettrotecnica, Volume I. Edizioni Progetto


Leonardo, Bologna, 1998.

[2] T. Scozzafava. Corso di Elettrotecnica. Edizioni Japadre, 1976.

[3] M. D’Amore. Elettrotecnica, Volume I. Edizioni Scientifiche Siderea,


1994.

141
142 BIBLIOGRAFIA
Capitolo 3
I fenomeni magnetici

3.1 Introduzione
Le prime osservazioni dei fenomeni magnetici riguardano:

a) i magneti permanenti;

b) le interazioni che si manifestano tra le correnti (cariche elettriche in


movimento, esperienza di Ampere).

Sono descritti in termini dei seguenti campi vettoriali e quantità integrali:

• H campo magnetico [A/m]

• B campo di induzione [T]=[Wb/m2 ]

B = µH ⇒ µ = µr µ0 µ0 = 4π · 10−7 H/m (3.1.1)

• ϕ flusso del campo di induzione B


Z
ϕ= B · n̂est dS Wb (3.1.2)
S

3.1.1 Legge della circuitazione di Ampere


Si consideri una linea chiusa lc in una regione di spazio in cui è presente un
campo magnetico H. La linea chiusa è orientata secondo il versore tangente
t e sia n il versore normale ad una qualsiasi superficie che ha lc come orlo,
orientato secondo la regola della mano destra rispetto al versore t.

143
144 CAPITOLO 3. I FENOMENI MAGNETICI

Figura 3.1: Legge della circuitazione di Ampere.

I
H(P, t) · tdl = i(t) (3.1.3)
lc

In condizioni magnetostatiche la circuitazione di H(P, t) lungo una qualsiasi


linea chiusa lc è pari alla corrente di conduzione i(t) con cui lc si concatena.
Si misura in ampere [A]. Più in generale si ha:
I Z
H(P, t) · tdl = J (P, t) · ndS (3.1.4)
lc S

Perchè non ci siano ambiguità i(t) deve assumere un unico valore per qualsi-
asi superficie S che abbia lc come orlo. Pertanto il campo di corrente deve es-
sere conservativo del flusso e dunque solenoidale in una regione a connessione
superficiale semplice: divJ (P, t) = 0. La legge di Ampere vale sicuramente
in condizione magnetostatica, ma anche in condizione quasi-magnetostatica
(densità di corrente di spostamento trascurabile).
Per il teorema di Stokes si ottiene:

rotH(P, t) = J(P, t) (3.1.5)

dove J è la densità di corrente associata alla corrente i(t).


Il campo magnetico ha dunque dei vortici ove J(P, t) 6= 0.
Se un conduttore filiforme percorso dalla corrente i(t) forma delle spire che
attraversano N volte una superficie S orlata dal percorso di circuitazione lc ,
la legge di Ampere diventa (vedi Fig. 3.2):
I
H(P, t) · tdl = ±N i(t) (3.1.6)
lc

Il prodotto N i(t) è generalmente espresso in amperspire [As] (equivalente


all’ampere [A]) e prende il nome di forza magnetomotrice (fmm).
3.1. INTRODUZIONE 145

Figura 3.2: Concatenamento di N = 4 spire con la linea di circuitazione lc .

3.1.2 Legge della circuitazione di Ampere in presenza di più


correnti
Nel caso che con la linea lc si concatenino n diverse correnti la legge della
circuitazione di Ampere diventa:

i1 i2 i3 i5
i4

lc S

t
H

Figura 3.3: Legge della circuitazione di Ampere in presenza di più correnti.

I n
X
H · tdl = ±ik (t) (±N i(t) caso particolare di N spire) (3.1.7)
lc k=1

3.1.3 Campo magnetico generato da un conduttore rettilineo


indefinito
Applicando la legge della circuitazione di Ampere si ottengono le seguenti
espressioni del campo magnetico:
i(t)
fuori il conduttore (r > r0 ) H = 2πr (Legge di Biot-Savart)
i(t)r
dentro il conduttore (r ≤ r0 ) H = 2πr02
146 CAPITOLO 3. I FENOMENI MAGNETICI

H3
i1
i3 H1
r1 uj3
r3 uj1
r2 P uj2
i2
H2

Nel caso di n conduttori filiformi paralleli ed indefiniti, percorsi da correnti,


il campo magnetico in un generico punto P dello spazio si ottiene come
somma vettoriale dei campi prodotti dalle singole correnti.
n n
X X i(t)
H(P, t) = H k (P, t) = uϕ (3.1.8)
2πrk k
k=1 k=1

dove rk è la distanza del punto P dal conduttore k−esimo e uϕk è il ver-


sore azimutale riferito al conduttore k−esimo, come illustrato nella seguente
figura, nel caso di tre conduttori indefiniti paralleli.
i1 i2 i3
H(P ) = uϕ + uϕ + uϕ (3.1.9)
2πr1 1 2πr2 2 2πr3 3
3.1. INTRODUZIONE 147

3.1.4 Teorema di Gauss per il campo di induzione


Sperimentalmente non si sono mai osservate cariche magnetiche. Questo ci Teorema di Gauss
autorizza a considerare le linee del campo di induzione B sempre chiuse e a
scrivere:
Z Z
B · n̂est dSc = 0 = divBdτ per il teorema della divergenza (3.1.10)
Sc τ

Dovendo essere l’uguaglianza vera comunque si consideri la superficie Sc , si


deduce che risulta anche:

divB = ∇ · B = 0 (3.1.11)

che rappresenta un’altra delle equazioni di Maxwell.


In un generico punto P dello spazio sede di un campo vettoriale di induzione
B non nasce né muore alcuna linea del campo B; tali linee risultano essere
pertanto sempre chiuse.

r H
t R
x n
nt

H H

i(t)

Figura 3.4: Avvolgimento toroidale.

Avvolgimento toroidale
L’avvolgimento percorso dalla corrente i(t) è costituito da N spire, dis-
tribuite uniformemente su un anello toroidale di raggio R. Si ipotizzi che
la permeabilità magnetica del materiale che costituisce il toroide sia molto
maggiore di quella del vuoto, µ ≫ µ0 , e che il raggio interno r del toroide
sia piccolo rispetto alla distanza R tra la linea mediana e il centro (r ≪ R).
A causa dell’elevata permeabilità magnetica si può pertanto ritenere che le
148 CAPITOLO 3. I FENOMENI MAGNETICI

linee vettoriali di H siano tutte confinate all’interno del toroide e di uguale


lunghezza l = 2πR. Sia t il versore tangente alla linea chiusa che si sceglie
per applicare il teorema della circuitazione e sia nt il versore normale alla
superficie che si appoggia a tale linea chiusa, associato al versore t dalla
regola della mano destra. In Fig. 3.4 è indicato anche il versore n normale
alla superficie attraverso la quale si calcola il flusso del campo di induzione
B.
Applicando la legge di Ampere a tale linea di circuitazione interna al
toroide si ottiene: Z
H · tdl = N i(t) (3.1.12)
lc

Se si sceglie come linea di circuitazione la linea media del toroide, come


illustrato in Fig. 3.4, si può ritenere il campo magnetico H tangente in ogni
punto alla linea stessa. Si ottiene dunque:

N i(t) N i(t)
H= = (3.1.13)
2πR l

Si può ritenere che il toroide di permabilità magnetica µ ≫ µ0 individui un


tubo di flusso. Il campo magnetico H ed il campo di induzione B possono
ritenersi nulli al di fuori di esso. Il toroide è interessato dal flusso del campo
di induzione B: Z
ϕt = B · ndS (3.1.14)
S

dove S è la sezione trasversale del toroide che può essere assimilato a un


tubo di flusso, per quanto detto prima. Il flusso si misura in Weber (Wb).

3.1.5 Campo di induzione: legge di Faraday-Neumann


Dal Corso di Fisica II è noto che, lungo la linea chiusa lc , si manifesta una
forza elettromotrice elc che, per la legge di Faraday-Neumann, è data da:

dϕc (t) d
Z
elc (t) = − =− B (P, t) · ndS (3.1.15)
dt dt S(t)

Il flusso ϕc (t) concatenato con lc è il flusso di B(P, t) valutato attraverso


qualsiasi superficie aperta S(t) che ha per orlo lc . La superficie S(t) è ori-
entata dal versore normale n associato al versore t dalla regola della mano
destra.
3.1. INTRODUZIONE 149

B(P, t)

n S(t)

lc

t
Figura 3.5: Calcolo del flusso concatenato con la superficie S.

3.1.6 Proprietà fondamentali di B


• Flusso di B attraverso superfici chiuse.
I
B(P, t) · nest = 0 (3.1.16)
Sc

⇒ B è conservativo del flusso ⇒ ∇ · B = 0. Implicazioni sulle linee


vettoriali di B(P, t): sono sempre linee chiuse.
• Flusso di B attraverso superfici aperte. La f.e.m. indotta elc (t) ottenu-
ta dalla (3.1.15) è univoca solo se ϕc (t) ha lo stesso valore attraverso
tutte le infinite superfici aperte S che ammettono lc come bordo e che
sono orientate dal versore n associato al versore t secondo la regola
della mano destra (vite destrogira). Per la (3.1.16) è facile dimostrare
che risulta:
Z Z
ϕc (t) , B(P, t) · n1 dS = B(P, t) · n2 dS (3.1.17)
S1 S2

• Flusso concatenato. Il flusso ϕc (t) va dunque riferito alla linea chiusa lc


piuttosto che alle superfici S che ammettono lc come contorno. Calcolo
di ϕc (t): semplice nel caso di linee piane; complicato per linee con
sviluppo tridimensionale.
• Flusso concatenato con un circuito elettrico. Calcolo di ϕc (t): sem-
plice nel caso di conduttori filiformi; complicato nel caso di conduttori
massicci (sezione normale rilevante) perchè si possono individuare in-
finite linee chiuse che percorrono il circuito elettrico caratterizzate da
diversi flussi concatenati. E’ necessaria una generalizzazione di flusso
concatenato.
150 CAPITOLO 3. I FENOMENI MAGNETICI

Be(P, t)

Bi(P,t) n

Ei(P,t)
t

Figura 3.6: Legge di Lenz.

• Flusso concatenato con N spire. La linea chiusa lc è avvolta in più


spire. Il flusso si può ottenere come somma algebrica dei flussi associati
alle superfici orlate dalla linea lc , ciascuna calcolata con il suo segno.
Se i collegamenti tra le spire danno contributi trascurabili si può porre:
N
X
ϕc (t) = ϕci (t) (3.1.18)
i=1

in cui la somma è estesa solo ai flussi attraverso le N spire che costi-


tuiscono la parte rilevante della linea chiusa lc .
• Flusso concatenato con N spire perfettamente impaccate. Se le spire
sono impaccate e tutte avvolte nello stesso senso si può ritenere che
ϕci (t) = k(t) ∀i e dunque risulta:

ϕc (t) = N ϕ(t) (3.1.19)

3.1.7 Legge di Lenz


Si consideri una spira conduttrice filiforme lc immersa in un campo di in-
duzione esterno B e (P, t) variabile nel tempo, per ipotesi crescente (decres-
cente) nel tempo. Per la legge di Faraday-Neumann la f.e.m. indotta elc (t)
è negativa (positiva) cioè diretta in verso opposto (coincidente) all’orienta-
mento di lc . Nasce un campo elettrico indotto E i (t) che produce nella spira
una corrente di conduzione negativa (positiva), se riferita al versore t, che
genera un campo di induzione B i (P, t).
La legge di Lenz afferma che: ogni variazione di flusso produce un
effetto che si oppone alla propria causa, tale cioè da ridurre la
variazione di flusso che lo ha generato.
3.1. INTRODUZIONE 151

Be Be

t Bi
Bi
iindotta t
iindotta
vF=dj/dt
vF=dj/dt

Figura 3.7: Illustrazione delle sorgenti di tensione indotta dalla legge di Faraday-
Neumann e le correnti indotte in una spira per la legge di Lenz.

Be Be

vF vF

vF=dj/dt vF=dj/dt

Figura 3.8: Generazione di una tensione indotta vF alle estremità di una spira
interrotta in un punto.

Il campo elettrico indotto E i è distribuito lungo la spira, ma si può pen-


sare concentrato in una sorgente di tensione vF (t) = dϕ(t)/dt = −elc (t)
agente in verso opposto all’orientamento della linea lc , dato dal versore tan-
gente t, come illustrato in Fig. 3.7, scelto coerentemente con la direzione
della normale n alla superficie attraverso la quale è calcolato il flusso ϕ.
Se ora si immagina che la spira sia interrotta in un punto, tra le due
estremità si manifesta la tensione vF (t), come illustrato in Fig. 3.8.
152 CAPITOLO 3. I FENOMENI MAGNETICI

Cavo elettrico coassiale


Si consideri il cavo coassiale in Fig. 3.9.
i1(t) i1(t)
i2(t) i2(t)

H=0
H
r1
?

r2

r1
r2

Figura 3.9: Cavo elettrico coassiale.

Si ipotizzi che le correnti siano laminari, cioè scorrano solo sulla superficie
dei conduttori. Applicando la legge della circuitazione a cerchi coassiali con
le superfici cilindriche si ottiene che, per raggi inferiori a r1 , nessuna corrente
è concatenata e il campo è nullo; tra r1 e r2 è concatenata la corrente i1
e il campo vale H = i1 /(2πr); per raggi maggiori di r2 la corrente totale
concatenata è i = i1 − i2 = 0 ed il campo è ancora nullo.
3.2. RELAZIONE COSTITUTIVA DEI MEZZI MAGNETICI 153

3.2 Relazione costitutiva dei mezzi magnetici

B(P, t) = µ(P )H(P, t) (3.2.1)

• Il parametro µ(P ) è chiamato permeabilità magnetica; nel Sistema


Internazionale (SI) si misura in henry su metro [H/m].

• Permeabilità magnetica relativa: µ(P ) = µ0 µr (P ), µ0 = 4π ·10−7 H/m.

La misura di µ non può essere diretta perchè dipende da grandezze locali


quali i campi magnetico H e di induzione B.
Si ricorre pertanto a misure di grandezze macroscopiche quali misure di
corrente e integrale di tensione in modo che esse siano proporzionali ad H
e B. Le misure effettuate su alcuni materiali indicano che µ, inteso come
rapporto B/H, dipende dal campo H applicato (mezzo non-lineare). In altri
materiali le prove sperimentali indicano che µ dipende anche dalle modalità
di variazione di H (materiali isteretici). Nei mezzi anisotropi il legame B−H
dipende anche dalla direzione dei campi ed ha natura tensoriale.
I mezzi magnetici possono essere classificati come:

• materiali diamagnetici: bassa µr , costante, poco minore di uno, in-


dipendente dalla temperatura;

• materiali paramagnetici: bassa µr , costante, poco maggiore di uno,


leggermente dipendente dalla temperatura (µ ↓ quando T ↑);

• materiali anti-ferromagnetici: simili a quelli paramagnetici, ma con µr


molto dipendente dalla temperatura;

• materiali ferromagnetici: µr molto maggiore di uno, non lineari, is-


teretici e spesso anisotropi; µ dipende anche dalla temperatura, nel
senso che al di sopra di una certa temperatura (temperatura di Curie)
il valore di µ crolla e diventano paramagnetici. Molto utilizzati per gli
elevati valori di µr . Sono rappresentati dal ferro e dalle sue leghe.

3.2.1 Materiali ferromagnetici


• Curva di prima magnetizzazione, induzione al ginocchio Bg , curva
µ(H);

1. primo tratto approssimativamente lineare


154 CAPITOLO 3. I FENOMENI MAGNETICI

B
Bg

Hg H

m=B/H

Figura 3.10: Curva di prima magnetizzazione (sopra), permeabilità magnetica


assoluta (sotto).

2. secondo tratto fortemente non lineare (ginocchio)


3. terzo tratto che tende asintoticamente ad un comportamento lineare (µ ∼
=
µ0 zona di saturazione).

Tipologie di permeabilità magnetica

• Permeabilità magnetica assoluta


B
µass = (3.2.2)
H
• Permeabilità magnetica incrementale
∆B
µinc = (3.2.3)
∆H
• Permeabilità magnetica differenziale
dB
µdif f = (3.2.4)
dH
3.2. RELAZIONE COSTITUTIVA DEI MEZZI MAGNETICI 155

Esempio di caratteristica non lineare di materiale ferromagnetico


Permeabilità magnetica differenziale
dB Bs − |H|
µdif f = = µmin + e Hc (3.2.5)
dH Hc
µmin = 1.67 · 10−4 H/m, Bs = 1.53 T, Hc = 120 A/m

Materiali ferromagnetici
• Tipologie di materiali ferromagnetici isteretici:

1. materiali ferromagnetici dolci: cicli di isteresi stretti, perdite per


isteresi ridotte;
2. materiali ferromagnetici duri: cicli di isteresi ampi (maggiori ef-
fetti dissipativi, problemi per il funzionamento in regime periodi-
co ⇒ materiali dolci per limitare le perdite di potenza); vengono
utilizzati per realizzare magneti permanenti;
3. ferriti: ottenute per sinterizzazione di polveri di ossido doppio di
ferro e di un metallo bivalente; hanno un ciclo di isteresi molto
squadrato, allungato nella direzione verticale e di area strettissi-
ma; le ferriti si magnetizzano e si smagnetizzano molto facilmente
e dissipano una potenza molto limitata.

• Ciclo di isteresi: H(P, t) = H(P, t)ux , B(P, t) = B(P, t)ux , cicli di


isteresi simmetrici ed asimmetrici, curva dei vertici dei cicli di isteresi;

• Significato dell’area del ciclo di isteresi: densità di energia dissipata


nel materiale in ogni ciclo;

I materiali ferromagnetici dolci possono avere cicli cosı̀ stretti da poter essere
considerati solo non lineari, ma non-isteretici. Possono essere considerati
lineari se BM << Bg .
Nel secondo e quarto quadrante B ed H hanno segno (verso) discorde
e quindi i campi vettoriali hanno verso opposto e µ < 0. I parametri che
caratterizzano questo tratto del ciclo di isteresi sono:
• la magnetizzazione residua massima Br : valore di B per H = 0 dopo
che il materiale è stato magnetizzato;

• il campo magnetico coercitivo Hc : il campo H che è necessario appli-


care per azzerare l’induzione dopo aver magnetizzato il materiale alla
piena saturazione.
156 CAPITOLO 3. I FENOMENI MAGNETICI

1.5

0.5
B [T]

−0.5

−1

−1.5

−2
−2000 −1500 −1000 −500 0 500 1000 1500 2000
H [A/m]
0.014
µ
ass
µ
inc
µ
diff
0.012

0.01

0.008
µ [H/m]

0.006

0.004

0.002

0
−2000 −1500 −1000 −500 0 500 1000 1500 2000
H [A/m]

Figura 3.11: Caratteristica di un materiale ferromagnetico non lineare(sopra) e


corrispondenti permeabilità magnetiche (assoluta, incrementale, differenziale).

µr,max Bg Br Hc Tc
Materiali dolci
Ferro puro 2 · 105 2.16 1.2 4 770
Ferro-Silicio 4% 7 · 103 2.14 0.8 40 -
Permalloy (Ni-Fe 22%) 5 · 104 1.08 0.6 4 -
Materiali duri
Acciaio al tungesteno - - 1.05 5.6 · 103 -
Alnico 5 (lega Fe-Al-Ni-Co) - - 1.25 50 · 103 -
3.2. RELAZIONE COSTITUTIVA DEI MEZZI MAGNETICI 157

Figura 3.12: Ciclo di isteresi di materiali ferromagnetici. a) materiale


ferromagnetico duro, b) materiale ferromagnetico dolce, c) ferrite.

Formula di Steinmetz per le perdite per isteresi


Per quantificare le perdite per isteresi si considera la potenza mediamente
dissipata in un chilogrammo quando l’induzione varia sinusoidalmente a
frequenza f con ampiezza BM . Una relazione empirica sufficientemente
accurata è la formula di Steinmetz:
κ
pist = ηf BM W/Kg 1.6 ≤ κ ≤ 2 (3.2.6)

dove η è un coefficiente proprio del materiale. Nelle leghe ferro-silicio (3÷4%


di silicio con BM dell’ordine di 1 T e f = 50 Hz) la densità di potenza
dissipata per isteresi è inferiore a 1 W/Kg.

Perdite per correnti parassite


All’interno di un blocco massiccio di metallo, di spessore d, interessato
dal flusso di induzione variabile nel tempo si stabilisce un campo di correnti
indotte per la legge di Faraday-Neumann. Tali correnti parassite, indotte
dal flusso variabile nel tempo, sono accompagnate da fenomeni dissipativi e
prendono il nome di correnti parassite o di Foucault.
La densità volumetrica dissipata per correnti parassite risulta proporzionale
al prodotto γf 2 d2 BM
2 .
158 CAPITOLO 3. I FENOMENI MAGNETICI

Se si rapporta la densità di potenza dissipata per correnti parassite alla


massa piuttosto che al volume si può scrivere:
pcp = β(γ, d)f 2 BM
2
W/Kg (3.2.7)
dove β(γ, d) è un coefficiente proprio della lamina.

Perdite nei lamierini


Nelle lamine o lamierini ferromagnetici sede di induzione magnetica pe-
riodica nel tempo, alle perdite per correnti parassite si devono sommare le
perdite per isteresi, per dare luogo alla densità di potenza totale dissipata
mediamente nel tempo:
pf = pcp + pist = βf 2 BM
2 κ
+ ηf BM 1.6 ≤ κ ≤ 2 (3.2.8)
Cifra di perdita
La cifra di perdita (c.p.): è la densità, rapportata a 1 Kg di materiale, di
potenza mediamente dissipata, con f = 50 Hz, BM = 1 T.
Nelle applicazioni si utilizzano tipicamente leghe ferro-silicio con per-
centuali di silicio comprese tra 0.2% e 5% allo scopo duplice di ridurre le
aree dei cicli di isteresi (e quindi le relative perdite) e di aumentare la re-
sistività (e dunque di ridurre anche le perdite per correnti parassite. Valori
tipici della permeabilità massima e della conducibilità sono µr,max ∼ = 2000
∼ 7
e γ = 10 S/m. Lo spessore delle lamiere, tipicamente d = 0.3 ÷ 0.5 mm è
tale da non superare il triplo dello spessore di penetrazione (d/δ ≤ 3) per
frequenze comprese tra 50 Hz e 1 kHz in modo che il fattore di attenuazione
non scenda mai sotto il 50%.
Valori tipici della cifra di perdita sono c.p. = 1÷ 3 W/Kg che risul-
tano dovute per più della metà alla perdite per isteresi. Perdite più con-
tenute si ottengono con lamierini al silicio con cristalli orientati (materiali
ferromagnetici anisotropi).
3.2. RELAZIONE COSTITUTIVA DEI MEZZI MAGNETICI 159

Per frequenze fino a centinaia di kHz si impiegano materiali speciali quali


le ferriti ed i materiali amorfi che presentano permeabilità elevate accompa-
gnate da perdite limitate (c.p. ∼ = 0.1 W/Kg) grazie all’elevata resistività.
160 CAPITOLO 3. I FENOMENI MAGNETICI

3.3 Modelli circuitali per i fenomeni magnetici


3.3.1 Tubi di flusso del campo di induzione B
Si consideri una regione di spazio caratterizzata da µ ≪ µ0 e sede di un
campo di induzione B. Nel seguito si assume l’ipotesi quasi-magnetostatica

P SnB
B
B
x t=n
A H

SnA Sn(x)

Figura 3.13: Tronco di tubo di flusso del campo di induzione B.

che consente di trascurare la densità di corrente di spostamento rispetto a


quella di conduzione: ∂D/∂t ≪ J(P, t), ovvero J t (P, t) ≡ J (P, t).
Poichè i valori di permeabilità magnetica µ dei materiali ferromagnetici sono
molto maggiori di quelli dei materiali diamagnetici e paramagnetici il confi-
namento delle linee vettoriali di B è in generale buono anche se non garantis-
cono una canalizzazione ottima come succede nel campo di corrente a causa
dell’elevata conducibilità dei materiali conduttori. La geometria delle linee
vettoriali di B può anche dipendere fortemente dalla distribuzione spaziale
delle correnti che generano H. Pertanto tali linee possono rimanere canal-
izzate in regioni delimitate grazie alle geometrie dei mezzi utilizzati o delle
correnti elettriche induttrici. Poichè B(P, t) è sempre solenoidale le sue linee
vettoriali sono sempre chiuse ed è sempre possibile in tali regioni individuare
tubi di flusso di B(P, t). Tali tubi di flusso sono sempre chiusi.
Si definisce portata del tubo di flusso la quantità:
Z
ϕt , B · ndS (3.3.1)
S

Oltre a B è presente nel tubo di flusso anche il campo magnetico H = B/µ


che per l’ipotesi quasi-magnetostatica verifica la legge di Ampere rotH = J .
Si assume che nel tubo di flusso non siano presenti correnti di conduzione e
quindi risulta rotH = 0.
Si consideri un tubo di flusso chiuso del campo di induzione B. Esso può es-
sere identificato con una regione toroidale costituita da materiale ad elevata
permeabilità magnetica µ ≫ µ0 . Si assuma che il flusso sia generato dalla
3.3. MODELLI CIRCUITALI PER I FENOMENI MAGNETICI 161

corrente i(t) che circola in un conduttore avvolto con N spire sul toroide che
realizza la canalizzazione del flusso stesso.
S
n
t H
lc
x
i(t) nt
N

Figura 3.14: Tubo di flusso toroidale.

Per la legge della circuitazione di Ampere risulta;


I I
B(t)
H(t) · tdl = N i(t) = · tdl (3.3.2)
lc lc µ

dove lc è una linea chiusa che si sviluppa all’interno del tubo di flusso e che
si concatena con tutte le N spire.
Si assuma che in tutti i punti della linea lc il campo di induzione B sia ori-
entato come il versore tangente alla linea stessa e dunque la (3.3.2) diventa:
B(t)
I I I
B(t)
H(t) · tdl = · tdl = dl (3.3.3)
lc lc µ lc µ

Se il tubo di flusso è sottile si può ritenere B(t) = ϕ(t)/S dove S è la sezione


trasversale del tubo di flusso nel punto in cui viene valutato B(t).
ϕ(t)
I I
H(t) · tdl = dl = N i(t) (3.3.4)
lc lc Sµ

Il flusso ϕ(t) non varia lungo lc essendo la linea interna ad un tubo di flusso
e dunque risulta:
dl
I I
H(t) · tdl = ϕ(t) = N i(t) (3.3.5)
lc lc Sµ
162 CAPITOLO 3. I FENOMENI MAGNETICI

E’ quindi possibile definire la riluttanza del tubo di flusso chiuso come

dl
I
Rc = (3.3.6)
lc Sµ

e la forza magnetomotrice come

FMM = N i(t) (3.3.7)

E’ dunque possibile riscrivere la (3.3.5) come

Rc ϕ(t) = N i(t) = FMM (3.3.8)

Tale legge prende il nome di Legge di Hopkinson. In tale relazione, che


ricorda formalmente la legge di Ohm per i conduttori, la riluttanza ha una
definizione analoga a quella della resistenza.
Si può pertanto definire la riluttanza di un tubo di flusso di estremità A e
B come:
Z B
dl
RAB = (3.3.9)
A Sµ

Se lungo il tubo di flusso rimangono costanti la sezione trasversale del tubo


di flusso e la permeabilità del mezzo, si ottiene:

LAB
RAB = (3.3.10)

dove LAB è la lunghezza del tronco di tubo di flusso.


In tal caso l’integrale di linea del campo H lungo il tratto A − B può essere
interpretato come differenza di potenziale magnetico ψ(t). Si può pertanto
scrivere per il rronco di tubo di flusso AB:

ψAB (t) = RAB ϕ(t) (3.3.11)

La riluttanza si misura in [As/Wb]=[A/(V s)]=[H−1 ].


Talvolta è conveniente considerare l’inverso della riluttanza del tubo di flusso
chiuso, o di un tronco di tubo di flusso. Tale quantità prende il nome di
permeanza:
Pc = 1/Rc PAB = 1/RAB (3.3.12)
3.3. MODELLI CIRCUITALI PER I FENOMENI MAGNETICI 163

Circuiti magnetici
Si è detto che i materiali ferromagnetici, per la loro elevata permeabilità
magnetica, garantiscono un’ottima canalizzazione delle linee del campo B,
cosı̀ come accade per il campo di corrente di conduzione nei materiali con-
duttori a causa della loro elevata conducibilità. La geometria del campo
vettoriale di induzione, e dei suoi tubi di flusso, è in generale complessa.
Può essere caratterizzata da molteplici tronchi di tubi di flusso interconnessi
in vario modo.
Uno dei problemi fondamentali delle macchine elettriche è la determinazione
del flusso di induzione prodotto in un nucleo ferromagnetico, di assegnate
dimensioni geometriche e caratteristiche fisiche, dalla corrente che circola
entro un conduttore avvolto attorno al nucleo con un numero N di spire.
Per realizzare il confinamento del campo di induzione B, si è detto, si uti-
lizzano materiali ferromagnetici che possono presentare valori molto elevati
di permeabilità. In questo modo il nucleo può essere considerato con buona
approssimazione un tubo di flusso e si può ritenere costante il valore del
flusso di induzione in ogni sezione del circuito magnetico.
In analogia con le reti elettriche si può parlare di reti magnetiche come di
strutture di materiale ferromagnetico che, nei riguardi delle linee di flusso di
B, presentano una geometria caratterizzabile con un certo numero di nodi
e di maglie.

i2(t)

i1(t) N2

N1

Figura 3.15: Tubi di tubo di flusso del campo di induzione B.

• Nuclei ferromagnetici; presenza di traferri;

• Nuclei ferromagnetici lamellati: il nucleo è frazionato in molti ele-


menti affiancati e reciprocamente isolati, ciascuno con piccola sezione
normale alle linee vettoriali. Nei lamierini delle macchine elettriche
l’isolamento è realizzato con vernici o fogli di carta (nuclei lamellati).
164 CAPITOLO 3. I FENOMENI MAGNETICI

Leggi dei circuiti magnetici

• Legge di Ohm per i circuiti magnetici (chiusi o aperti) ψ(t) = Rϕ(t)

• Legge di Hopkinson-forza magnetomotrice Rc ϕ(t) = N i(t); la quantità


N i(t) viene detta forza magnetotomotrice (FMM) del tubo di flusso.
Le forze magnetomotrici tendono a produrre flussi di induzione positivi
riferiti al verso che la regola della vite destrogira associa al riferimento
della forza magnetomotrice.

Ai circuiti magnetici si possono far corrispondere dei circuiti elettrici equiv-


alenti in cui:

• alla corrente i(t) corrisponde il flusso ϕ(t);

• alle tensioni (d.d.p.) elettriche v(t) corrispondono le tensioni mag-


netiche ψ(t);

• ad ogni tronco di tubo di flusso magnetico, di riluttanza R si può


associare un tronco di tubo di flusso di corrente di resistenza R;

• ai generatori di f.m.m. si può associare un corrispondente generatore


ideale di tensione e con una polarità che si deduce da quello della
corrente nelle N spire mediante la regola della vite destrogira;

In definitiva qualsiasi circuito magnetico, nelle ipotesi quasi-magnetostatiche,


può essere rappresentato con un circuito elettrico equivalente.

I Legge di Kirchhoff per i circuiti magnetici


Per la solenoidalità del campo di induzione B deve essere:

n
X
±ϕi (t) = 0 (3.3.13)
i=1

dove n è il numero dei tronchi di tubo di flusso che escono dalla superficie
Sc , ciascuno caratterizzato da un flusso ϕi (t).
Convenzione sull’orientamento dei flussi. Nell’esempio di Fig. 3.16 si scrive
−ϕ1 (t) − ϕ2 (t) − ϕ3 (t) = 0.
3.3. MODELLI CIRCUITALI PER I FENOMENI MAGNETICI 165

Sc
i1(t) i3(t)
?3 (t)
?1 (t )
i2(t)

? 2 (t )

Figura 3.16: I legge di Kirchhoff per i circuiti magnetici.

N2i2(t) v2
R2 N2i2(t)
+ ?2 -
i2 |+
?2 -
?-1 +
N1i1(t)
+|

?3
N1i1(t) ?3 R3 v3
?1 v1 R1
-
+ ?4 R4 i3
- + i1
?4 +
i4
v4

Figura 3.17: II legge di Kirchhoff per i circuiti magnetici.

II Legge di Kirchhoff per i circuiti magnetici


Per ogni lato i si ha una differenza di potenziale magnetico ψi (t). Poichè
lungo la linea lc agiscono in generale anche le f.m.m., per la Legge della
circuitazione di Ampere, risulta
m
X m
X m
X
±ψi = ±Rϕi + ±Ni ii = 0 (3.3.14)
i=1 i=1 i=1

dove m è il numero di tronchi di tubo di flusso appartenenti alla maglia e


ψi è la tensione magnetica del lato i−esimo dell maglia.
Il segno da attribuire al termine Ri ϕi e alla forza magnetomotrice Ni ii
dipende dalla convenzione assunta sul tronco di tubo di flusso i, che può
166 CAPITOLO 3. I FENOMENI MAGNETICI

essere, come per i circuiti elettrici, la Convenzione dei Generatori (C.d.G.)


o degli Utilizzatori (C.d.U.).
La convenzione si stabilisce confrontando i versi di misura della d.d.p.
magnetico e del flusso per il tronco di tubo di flusso.

Figura 3.18: Esempio di circuito magnetico.

Analisi di un circuito magnetico


Si consideri il circuito magnetico di Fig. 3.18. Lo studio del circuito
magnetico si riduce a quello di una rete resistiva. E’ immediato verificare
che, in questo caso, risulta conveniente utilizzare il metodo delle maglie.

3.3.2 Induttanza magnetica di un circuito


Si consideri un circuito costituito da N spire avvolte su un nucleo di mate-
riale ad elevata permeabilità µ e interessato dalla corrente i(t).
Assumendo che il riferimento della corrente sia costituito dal versore
tangente t e sia associato al versore nt dalla regola della vite destrogira si
definisce induttanza magnetica il rapporto:
ϕc (t) N ϕ(t)
L, = (3.3.15)
i(t) i(t)
Se il mezzo in cui si sviluppa B(P, t) è lineare e il circuito è indeformabile tale
parametro è costante; è pertanto stabilita una proporzionalità tra corrente
e flusso. Si osservi che, se il materiale magnetico è non lineare e il circuito
indeformabile, l’induttanza L non dipende nè dalla corrente Inè dal tempo.
Quando la corrente varia nel tempo (rimanendo solenoidale), pure vari-
abile nel tempo è il flusso concatenato e pertanto, nel circuito induttore nasce
3.3. MODELLI CIRCUITALI PER I FENOMENI MAGNETICI 167

S
n
t H
lc
x
i(t) nt
N

Figura 3.19: Induttanza di un circuito avvolto su un nucleo toroidale ad elevata


permeabilità magnetica.

una forza elettromotrice (f.e.m.) descritta dalla legge di Faraday-Neumann;


assumendo la convenzione dei generatori si può scrivere:
di(t)
elc (t) = −L (3.3.16)
dt
dove la f.e.m. elc è orientata secondo il versore t.
La stessa legge può anche essere scritta, assumendo la convenzione degli
utilizzatori, come:
di(t)
vF (t) = L (3.3.17)
dt
dove la tensione vF (t) è orientata in verso opposto al versore t. E’ possi-
bile dunque descrivere il fenomeno di induzione rappresentato dalla legge
di Faraday-Neumann in termini circuitali attraverso il componente definito
come induttore per il quale si possono assumere, analogamente alla resisten-
za e al condensatore, le convenzioni dei generatori e degli utilizzatori, come il-
lustrato nella Fig. 3.20. Una seconda possibile definizione di autoinduttanza
di un circuito induttore è
elc (t)
L = − di(t) (3.3.18)
dt
L’induttanza magnetica si misura in henry [H]. Il suo reciproco è detto
inertanza Γ = L−1 = i(t)/ϕc (t). In assenza di fenomeni isteretici e se si
assumono orientamenti associati secondo la regola della vite destrogira nel
calcolo del flusso concatenato e della corrente, L è sempre maggiore di zero.
168 CAPITOLO 3. I FENOMENI MAGNETICI

i(t) i(t)

e lc (t) L v F (t) L

C.d.G. C.d.U.

Figura 3.20: Convenzioni per l’induttore.

3.3.3 Induttanza magnetica e riluttanza

S
n
t H
lc
x
i(t) nt
N

Figura 3.21: Relazione tra induttanza magnetica e riluttanza di un circuito


magnetico.

Se il circuito induttore è costituito da N spire e si può ritenere che


ciascuna concateni l’intero tubo di flusso sede del flusso ϕ(t), prodotto dallo
stesso circuito induttore, allora il flusso concatenato con l’intero circuito
induttore è ϕc (t) = N ϕ(t). Si può pertanto scrivere:
N ϕ(t) N 2 ϕ(t) N2
L= = = (3.3.19)
i(t) N i(t) Rc
Dunque, per quanto visto per la riluttanza Rc , l’induttanza magnetica L è un
parametro caratteristico della geometria del sistema e dei mezzi interessati
dal tubo di flusso; se i mezzi sono lineari e la geometria è indeformabile L è
costante.
3.3. MODELLI CIRCUITALI PER I FENOMENI MAGNETICI 169

3.3.4 Circuiti magnetici in presenza di due circuiti elettrici


accoppiati

i2(t)=0

N2
i1(t)

N1

?t11 (t ) ?t 21(t)
i2(t)

i1(t)=0
N2

N1

?t12 (t) ?t 22 (t )

Figura 3.22: Circuiti magnetici in presenza di due circuiti elettrici accoppiati.

In presenza delle due correnti i1 (t) e i2 (t) i due tratti di tubo di flusso
delimitati dai due avvolgimenti sono interessati dai flussi ϕt1 (t) e ϕt2 (t) dati
da:
ϕt1 (t) = ϕt11 (t) + ϕt12 (t) (3.3.20)
ϕt2 (t) = ϕt21 (t) + ϕt22 (t) (3.3.21)

Circuiti induttori mutuamente accoppiati


Ora si considerino due circuiti induttori non magneticamente isolati: quan-
do è presente corrente nell’induttore 1 si produce un campo di induzione B 1
le cui linee vettoriali in parte vanno a concatenarsi con il circuito induttore
2. Tale flusso è ϕc21 (t). Vale ovviamente anche il viceversa. Si parla di flussi
concatenati di auto e di mutua induzione ϕc11 (t), ϕc12 (t), ϕc21 (t) e ϕc22 (t).
A ciascun circuito si può associare un’induttanza propria, calcolabile
come in (3.3.19):
N 2 ϕt11 (t) N2

ϕc11 (t) N1 ϕt11 (t)
L1 = = = 1 = 1 (3.3.22)
i1 (t) i2 (t)=0
i1 (t) N1 i1 (t) R11
170 CAPITOLO 3. I FENOMENI MAGNETICI

B1 B2

i1 i2 lc2
t lc1 t

Figura 3.23: Circuiti induttori mutuamente accoppiati.

Dunque, si fa circolare corrente solo nell’induttore 1 e si calcola il flusso


prodotto da tale corrente che si concatena con lo stesso avvolgimento 1.

N 2 ϕt22 (t) N2

ϕc22 (t) N2 ϕt22 (t)
L2 = = = 2 = 2 (3.3.23)
i2 (t) i1 (t)=0
i2 (t) N2 i2 (t) R22

In modo analogo, si fa circolare corrente solo nell’induttore 2 e si calcola il


flusso prodotto da tale corrente che si concatena con lo stesso avvolgimento
2.
Nelle relazioni (3.3.22)-(3.3.23), le quantità R11 e R22 rappresentano le
riluttanze dei tubi di flusso che sono alimentati dalle forze magnetomotrici
N1 i1 e N2 i2 , rispettivamente. Il loro calcolo dipende dal circuito magnetico
che si sta considerando (vedi esercizio svolto nel seguito).
Si definisce mutua induttanza magnetica tra l’induttore 2 e 1 la quantità:

ϕc21 (t)
M21 , (3.3.24)
i1 (t) i2 (t)=0

Dunque, si fa circolare corrente solo nell’induttore 1 e si calcola il flusso


prodotto da tale corrente che si concatena con l’avvolgimento 2.
Si definisce mutua induttanza magnetica tra l’induttore 1 e 2 la quantità:

ϕc12 (t)
M12 , (3.3.25)
i2 (t) i1 (t)=0

In maniera duale rispetto a prima, si fa circolare corrente solo nell’indut-


tore 2 e si calcola il flusso prodotto da tale corrente che si concatena con
l’avvolgimento 1.
3.3. MODELLI CIRCUITALI PER I FENOMENI MAGNETICI 171

Le mutue induttanze magnetiche si misurano in henry [H]. Fissati i rifer-


imenti delle due correnti e dei due flussi concatenati associati a due a due
dalla regola della vite destrogira, le mutue induttanze possono risultare pos-
itive o negative a seconda che, a parità di segno di i1 (t) e i2 (t), i flussi
concatenati di auto e di mutua induzione di ciascun induttore ϕc11 (t) e
ϕc12 (t) oppure ϕc21 (t) e ϕc22 (t) abbiano lo stesso segno o segno opposto.
Se i circuiti induttori sono indeformabili e reciprocamente fissi e i mezzi
in cui si sviluppano i tubi di flusso sono lineari, le mutue induttanze sono
costanti. Inoltre per la linearità assunta vale anche la reciprocità delle mutue
induttanze:
M , M12 = M21 (3.3.26)
Definizioni alternative delle mutue induttanze magnetiche:

M = M12 = −e12 (t)/(di2 (t)/dt) = M21 = −e21 (t)/(di1 (t)/dt) (3.3.27)

i2(t)=0

i1(t)
N2

N1

?t11 (t )
?t 21(t)
i2(t)

i1(t)=0
N2

N1

?t12 (t) ?t 22 (t )

Figura 3.24: Flussi proprio e mutui generati da due circuiti induttori mutuamente
accoppiati.

Mutue induttanze magnetiche e mutue permeanze


Si ipotizzi ora che i due circuiti induttori siano caratterizzati da N1 e
N2 spire. Se ciascuna della N1 spire concatena lo stesso tubo di flusso
172 CAPITOLO 3. I FENOMENI MAGNETICI

generato dall’induttore 2 di portata ϕt12 (t) e cosı̀ pure ciascuna delle N2


spire concatena lo stesso tubo di flusso prodotto dall’induttore 1 avente
portata ϕt21 (t) si ha:
N2 ϕt21 (t) N2 N1 ϕt21 (t)
M21 = = = N2 N1 P21 (3.3.28)
i1 (t) N1 i1 (t)
N1 ϕt12 (t) N1 N2 ϕt12 (t)
M12 = = = N1 N2 P12 (3.3.29)
i2 (t) N2 i2 (t)
in cui i coefficienti P11 , P22 sono detti autopermeanze e i coefficienti P12 e
P21 sono detti mutue permeanze.

Flussi concatenati e f.e.m. indotte totali


Quando entrambi gli induttori sono percorsi da corrente il flusso totale
concatenato da ciascun induttore è dovuto ai contributi di entrambe le
correnti. Nell’ipotesi di linearità dei mezzi si ha:
ϕc1 (t) = ϕc11 (t) + ϕc12 (t) = L1 i1 (t) + M i2 (t) (3.3.30)
ϕc2 (t) = ϕc21 (t) + ϕc22 (t) = M i1 (t) + L2 i2 (t) (3.3.31)
Applicando la legge di Faraday-Neumann si ottengono le f.e.m. totali indotte
nei due induttori:
dϕc1 (t) di1 (t) di2 (t)
e1 (t) = − = e11 (t) + e12 (t) = −L1 −M (3.3.32)
dt dt dt
dϕc2 (t) di1 (t) di2 (t)
e2 (t) = − = e21 (t) + e22 (t) = −M − L2 (3.3.33)
dt dt dt

Estensione a n induttori mutuamente accoppiati


n
X n
X
ϕci (t) = ϕcij (t) = Mij ij (t) (3.3.34)
j=1 j=1

3.3.5 Modello 2-bipolare di due induttori mutuamente ac-


coppiati
Come modello circuitale di due induttori perfetti, ideali e mutuamente ac-
coppiati si assume il doppio bipolo induttivo della figura, con le porte
convenzionate da utilizzatori:
dϕc1 (t) di1 (t) di2 (t)
v1 = = L1 +M (3.3.35)
dt dt dt
dϕc2 (t) di1 (t) di2 (t)
v2 = =M + L2 (3.3.36)
dt dt dt
3.3. MODELLI CIRCUITALI PER I FENOMENI MAGNETICI 173

i1(t) i2(t)

v1(t) L1 M L2 v2(t)

Figura 3.25: Circuito equivalente a due circuiti induttori mutuamente accoppiati.

Posizione dei pallini. Segno del coefficiente di mutua induzione. In


presenza delle due correnti i1 (t) e i2 (t), i flussi ϕc21 (t) e ϕc22 (t) (cosı̀ come
ϕc11 (t) e ϕc12 (t)) possono risultare concordi o meno, dando luogo a f.e.m.
indotte di segno opposto.
Per rendere conto di ciò si ricorre all’uso dei pallini che permettono di
individuare il segno da attribuire alla mutua induttanza M .
Per stabilire la posizione dei pallini è necessario considerare il sistema fisi-
co costituito dai conduttori mutuamente accoppiati. Il primo pallino viene
posizionato in modo arbitrario in uno dei morsetti del circuito 1 (oppure 2).
Il secondo pallino viene posizionato in corrispondenza del morsetto del
circuito 2 (1) in modo tale che il flusso ϕc22 (t) prodotto dalla corrente i2 (t)
quando entra nel circuito 2 in corrispondenza di quel morsetto sia concorde
con quello ϕc21 (t) prodotto dalla corrente i1 (t) quando entra nel circuito 1
in corrispondenza del primo pallino.
La successiva scelta dei versi di misura delle correnti permette di stabilire
il segno da attribuire alla mutua induttanza. Nella Fig. 3.25, per esempio,
il segno da attribuire a M è positivo.

3.3.6 Coefficienti di accoppiamento e dispersione


Per una coppia di induttori accoppiati magneticamente il parametro:
M
k,√ (3.3.37)
L1 L2
prende il nome di coefficiente di accoppiamento. Per quanto visto prima
(L1 L2 ≥ M 2 ) risulta |k| ≤ 1.

• k = ±1 → accoppiamento perfetto;

• k = 0 (M = 0) → i due induttori non sono accoppiati;

• k < 1 → accoppiamento imperfetto.


174 CAPITOLO 3. I FENOMENI MAGNETICI

I flussi concatenati da ciascuna delle N1 spire dell’induttore 1 e da ciascuna


delle N2 spire dell’induttore 2, prodotti dalla corrente i1 , sono:
ϕc11 L1 i1 |ϕc21 | |M |i1
ϕt11 = = ϕt21 = = (3.3.38)
N1 N1 N2 N2
In modo analogo i flussi concatenati da ciascuna delle N1 spire dell’indut-
tore 1 e da ciascuna delle N2 spire dell’induttore 2, prodotti dalla corrente
i2 , sono:
|ϕc12 | |M |i2 ϕc22 L2 i2
ϕt12 = = ϕt22 = = (3.3.39)
N1 N1 N2 N2
Utilizzando tali flussi si può ricavare l’espressione
ϕt21 ϕt12
r
k= (3.3.40)
ϕt11 ϕt22

da cui si deduce che se i flussi concatenati sono uguali a due a due ϕt11 = ϕt21
e ϕt22 = ϕt12 l’accoppiamento è perfetto e risulta |k| = 1. Si può avere
accoppiamento perfetto anche se non è verificata l’uguaglianza a due a due
dei flussi, è sufficiente che sia pari a uno il secondo membro della (3.3.40).
Oltre ai flussi concatenati possono essere considerati anche i flussi di
dispersione espressi come differenza tra i flussi proprio e mutuo di ogni
avvolgimento
ϕd1 = ϕt11 − ϕt21 ϕd2 = ϕt22 − ϕt12 (3.3.41)
Si possono cosı̀ definire i coefficienti di dispersione σ1 e σ2 espressi da:
ϕd1 ϕt21 M N1
σ1 , =1− =1− (3.3.42)
ϕt11 ϕt11 N2 L1
ϕd2 ϕt12 M N2
σ2 , =1− =1− (3.3.43)
ϕt22 ϕt22 N1 L2
da cui si deduce che risulta anche:

k2 = (1 − σ1 ) (1 − σ2 ) (3.3.44)

Dunque nel caso di flussi uguali a due a due sono nulli anche i due flussi
dispersi.
Con riferimento ai flussi di dispersione ϕd1 e ϕd2 si definiscono le indut-
tanze di dispersione:
N1 ϕd1 N2 ϕd2
Ld1 = = σ1 L 1 Ld2 = = σ2 L 2 (3.3.45)
i1 i2
3.3. MODELLI CIRCUITALI PER I FENOMENI MAGNETICI 175

Nel caso di accoppiamento perfetto (ϕt11 = ϕt21 e ϕt22 = ϕt12 ) risulta anche

N1 N2
L1 = M L2 = M (3.3.46)
N2 N1
176 CAPITOLO 3. I FENOMENI MAGNETICI

Esercizio 3.3.9

Calcolo delle induttanze proprie e mutue di due circuiti ac-


coppiati attraverso un nucleo ferromagnetico lineare

Si calcoli il coefficiente di auto-induzione per ciascuno dei due avvolgimen-


ti mostrati in Fig. 3.26 e il coefficiente di mutua induzione tra gli stessi,
sapendo che i due circuiti hanno N1 ed N2 spire ciascuno e che sono ac-
coppiati tramite un nucleo di materiale con permeabilità magnetica relativa
µ = 1000µ0 . Nel calcolo si faccia riferimento alla linea media dei vari tronchi.
Si calcoli inoltre il coefficiente di accoppiamento tra i due circuiti.
Dati: N1 = 10, N2 = 20, a = 1 m, b = 0.5 m, c = 0.3 m, d1 = 1 cm, d2 = 2
cm. La sezione del nucleo magnetico è assunta costante e pari a S = 10 cm2 .

a b

A
N1 d1 d2 c

N2
C D

Figura 3.26: Avvolgimenti accoppiati attraverso un nucleo ferromagnetico lineare.

Soluzione
La rete elettrica equivalente per il calcolo di L1 è illustrata in Fig. 3.27.
Nel calcolo del coefficiente di autoinduzione dell’avvolgimento 1 è necessario
alimentare solo tale avvolgimento. Per comodità si ipotizza che la corrente I1
sia costante nel tempo ed entrante nel morsetto A. Essendo il sistema lineare
il risultato non dipenderà da tale scelta. Di seguito vengono riportati i valori
delle riluttanze associate ai vari tronchi di tubo di flusso. L’orientamento
del generatore di tensione di valore N1 I1 è deciso con la regola della mano
3.3. MODELLI CIRCUITALI PER I FENOMENI MAGNETICI 177

Ra Rb

Rc Rcd 1 R cd 2

N1 I1 Rd 1
Rd 2

Ra Rb

Figura 3.27: Circuito elettrico equivalente al circuito magnetico per il calcolo di


L1 .

destra.

1 0.5 0.29 0.28


Ra = Rb = Rcd1 = Rcd2 =
µ0 µ0 µ0 µ0
0.3 10 20
Rc = Rd1 = Rd2 =
µ0 µ0 µ0

Il circuito precedente può essere semplificato come indicato in Fig. 3.28.

Figura 3.28: Circuito elettrico semplificato equivalente al circuito magnetico per


il calcolo di L1 e M21 .
178 CAPITOLO 3. I FENOMENI MAGNETICI

Le riluttanze che vi compaiono sono:


21.28
Rs2 = 2Rb + Rcd2 + Rd2 =
µ0
10.29
Rs1 = Rcd1 + Rd1 =
µ0
2.3
Rss = 2Ra + Rc =
µ0
Il flusso ϕ11 è, pertanto:
N1 I1 N1 I1 N1 I1 µ0 N1 I1
ϕ11 = = 9.23 = =
Rss + Rs1 Rs2 / (Rs1 + Rs2 ) µ
9.23 R1
0

Il coefficiente di autoinduzione dell’avvolgimento 1 è dunque:


N1 ϕ11 N 2 µ0 N2
L1 = = 1 = 1
I1 9.23 R1
Dunque il coefficiente di autoinduzione dell’avvolgimento 1 è pari al quadra-
to del numero N1 di spire diviso per la riluttanza valutata dai morsetti
dell’avvolgimento stesso R1 = Rss + Rs1 Rs2 / (Rs1 + Rs2 ) = 9.23/µ0 . Per il
calcolo del coefficiente di mutua induzione è necessario determinare il flusso
mutuo ϕ21 , generato dall’avvolgimento 1 e concatenato con l’avvolgimento
2. Dall’analisi del circuito di Fig. 3.28 si determina facilmente con la regola
del partitore di corrente:
Rs1
ϕ21 = ϕ11
Rs1 + Rs2
Il coefficiente di mutua induzione è dato da:
N2 ϕ21 N2 N1 Rs1
M21 = =
I1 R1 (Rs1 + Rs2 )
Per il calcolo del coefficiente di autoinduzione si può procedere in modo
analogo, facendo riferimento al circuito di Fig. 3.29.
Per comodità si ipotizza che la corrente I2 sia costante nel tempo ed en-
trante nel morsetto C. Procedendo come prima si trova che il coefficiente
di autoinduzione dell’avvolgimento 2 è pari al quadrato del numero N2 di
spire diviso per la riluttanza valutata dai morsetti dell’avvolgimento stesso
R2 che in questo caso vale R2 = 23.15/µ0 .

N2 ϕ22 N2
L2 = = 2
I2 R2
3.3. MODELLI CIRCUITALI PER I FENOMENI MAGNETICI 179

Ra Rb

Rcd 1 Rcd 2
Rc
Rd 1
Rd 2

Ra N2 I 2 Rb

Figura 3.29: Circuito elettrico semplificato equivalente al circuito magnetico per


il calcolo di L2 .

Per i valori dei parametri assegnati si trova:

L1 = 13.060 µH
L2 = 21.704 µH
M21 = 8.869 µH

Il coefficiente di accoppiamento è pari a:


M21
k=√ = 0.516
L1 L2
180 CAPITOLO 3. I FENOMENI MAGNETICI

Esercizio 3.3.10

lc
i(t)

N t b

Figura 3.30: Elettromagnete.

Elettromagnete: problema inverso per la determinazione della


caratteristica (F mm − ϕ)
Per ricavare la caratteristica (F mm − ϕ0 ) si risolvono più problemi diret-
ti, imponendo ogni volta il valore dell’induzione al traferro B0 e calcolando
ogni volta la forza magnetomotrice F mm che è necessario applicare per ot-
tenere il valore di induzione B0 al traferro. Il valore di B0 consente anche
di calcolare il valore di flusso al traferro ϕ0 come ϕ0 = B0 S.
3.3. MODELLI CIRCUITALI PER I FENOMENI MAGNETICI 181

Esempio Matlab
Si riporta di seguito il codice Matlab che consente di calcolare la carat-
teristica (F mm − ϕ) di un elettromagnete (spessore del traferro t = 5
cm).

%
% Problema_inverso_elettromagnete.m
%
% Ricava la curva flusso-forza magneto-motrice per risolvere
% il problema inverso
clear; clc close all format long;

mu0=4*pi*1e-7;

% Caratteristica magnetica per punti


b=[0.8 1.03 1.1 1.15 1.18 1.22 1.24 1.26 1.28 1.29 1.31 1.35 1.37
1.47 1.51 1.54 1.57 1.595 1.62 1.64 1.66 1.675 1.69 1.725 1.75
1.77 1.78 1.85 ]; h=[2 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 17 20 40 50 60 70
80 90 100 110 120 130 150 170 190 200 300 ];

% Valori di B al traferro
b_traferro=linspace(min(b),0.97*max(b),2*length(b));
h_traferro=b_traferro/mu0;

% I valori di H sono in Asp/cm

% Per i vari valori di b al traferro ricavo la ffm

% Ci sono tre tratti in cui avro’ diversi valori di b


S_tr=6;

% Coefficiente di stipamento
k=0.95;

S_1=k*S_tr;
%
b1=b_traferro*S_tr/S_1;

% lunghezza dei due tratti,il primo in ferro e il secondo


% ( il traferro ) in aria
182 CAPITOLO 3. I FENOMENI MAGNETICI

l_tr=0.05; l1=20*2; l2=20*2-l_tr;

l12=l1+l2;

% Valore di h nel materiale ferromagnetico


h1=interp1(b,h,b1);

fmm=l_tr*h_traferro+l12*h1;
phi_traferro=b_traferro*S_tr*1e-4;
%ho convertito i cm^2 in m^2 e ho calcolato il flusso

n1=2500; % numero di spire


s=2; % ( in mm2 )
j1=1; %( in A/mm2 )
i1=j1*s; %( corrente )
fmm0=n1*i1; %(fmm)

phi0=interp1(fmm,phi_traferro,fmm0);

figure
plot(h,b,h1,b1,’linewidth’,2);
grid;
xlabel(’H [A/m]’);
ylabel(’B [T]’);

figure
plot(fmm,phi_traferro,’linewidth’,2);
grid;

xlabel(’Fmm [Aspire]’);
ylabel(’\Phi [Wb]’);
%
3.3. MODELLI CIRCUITALI PER I FENOMENI MAGNETICI 183

1.8

1.6
B [T]

1.4

1.2

0.8
0 50 100 150 200 250 300
H [A/m]

−4
x 10
12

11

10

9
φ [Wb]

4
3 4 5 6 7 8 9 10
fmm [Asp] 4
x 10

Figura 3.31: Caratteristica B − H (sopra), caratteristica (F mm − ϕ) sotto.


184 CAPITOLO 3. I FENOMENI MAGNETICI

Esercizio 3.3.11

Si consideri il circuito magnetico illustrato in Fig. 3.32.

N1 N2 N3 b

a a

Figura 3.32: Nucleo magnetico a tre colonne.

Si ipotizzi che il nucleo sia costituito da materiale ferromagnetico di perme-


abilità µ = 5000 µ0 . Siano a = 7 cm, b = 5 cm le dimensioni geometriche,
S = 5 cm2 la sezione trasversale, N1 = 100, N2 = 200, N3 = 250 il numero
di spire dei tre avvolgimenti.

• si calcolino le induttanze proprie e mutue tra i tre avvolgimenti.

Soluzione
Il circuito magnetico per il calcolo di L1 è illustrato in Fig. 3.33. Nel
calcolo del coefficiente di auto induttanza dell’avvolgimento 1 è necessario
alimentare solo tale avvolgimento. Per comodità si ipotizza che la corrente
I1 sia costante nel tempo ed entrante nel morsetto in alto. Essendo il sistema
lineare i coefficienti di auto e mutua induttanza non dipenderanno da tale
scelta.
Il corrispondente circuito elettrico equivalente è illustrato in Fig. 3.34.
Di seguito vengono riportati i valori delle riluttanze associate ai vari tronchi
di tubo di flusso. L’orientamento del generatore di tensione di valore N1 I1
è deciso con la regola della mano destra in base al verso della corrente I1
3.3. MODELLI CIRCUITALI PER I FENOMENI MAGNETICI 185

I1

N1 b

a a

Figura 3.33: Circuito magnetico per il calcolo di L1 .

Figura 3.34: Circuito elettrico equivalente per il calcolo di L1 .

assunto arbitrariamente in Fig. 3.33.

2a + b
R1 = = 60479 H−1 (3.3.47)
µS
b
R2 = = 15915 H−1
µS
R3 = R1 = 60479 H−1

Dalla teoria delle reti è immediato calcolare il flusso magnetico che interessa
la prima colonna.

N1 I1
ϕ11 = = 1.36 · 10−3 Tm2
R1 + R2 · R3 /(R2 + R3 )

Il flusso magnetico che si sviluppa nelle colonne 2 e 3 quando circola la


corrente I1 , con il verso assunto in Fig. 3.33, può essere calcolato con la
186 CAPITOLO 3. I FENOMENI MAGNETICI

regola del partitore di corrente, in questo caso di flusso magnetico:

R3
ϕ21 = ϕ11 = 1.083 · 10−3 Tm2
(R2 + R3 )
R2
ϕ31 = ϕ11 = 0.285 · 10−3 Tm2
(R2 + R3 )

E’ dunque ora possibile calcolare il coefficiente di auto induttanza dell’avvol-


gimento 1 e quelli mutui dell’avvolgimento 1 con gli avvolgimenti 2 e 3. Per
la reciprocità del sistema deve risultare M21 = M12 , M31 = M13 .

N1 ϕ11
L1 = = 0.137 H
I1
N2 ϕ21
M21 = = 0.216 H
I1
N3 ϕ31
M31 = = 0.072 H
I1

Per il calcolo dei coefficienti di auto e mutua induttanza dell’avvolgimento


2 si può procedere facendo riferimento al circuito magnetico di Fig. 3.35,
dove si è assunto un verso arbitrario della corrente I2 , e a quello elettrico
equivalente di Fig. 3.36. L’analisi della rete in Fig. 3.36 consente di

I2
N2 b

a a

Figura 3.35: Circuito magnetico per il calcolo di L2 .


3.3. MODELLI CIRCUITALI PER I FENOMENI MAGNETICI 187

Figura 3.36: Circuito elettrico equivalente per il calcolo di L2 .

scrivere:
N2 I2
ϕ22 = = 4.33 · 10−3 Tm2
R2 + R1 · R3 /(R1 + R3 )
R3
ϕ12 = ϕ22 = 2.16 · 10−3 Tm2
(R1 + R3 )
R1
ϕ32 = ϕ22 = 2.16 · 10−3 Tm2
(R1 + R3 )
E’ dunque ora possibile calcolare il coefficiente di auto induttanza dell’avvol-
gimento 2 e quelli mutui dell’avvolgimento 2 con gli avvolgimenti 1 e 3. Per
la reciprocità del sistema deve risultare M12 = M21 , M23 = M32 .
N2 ϕ22
L2 = = 0.86 H
I2
N1 ϕ12
M12 = = 0.216 H
I2
N3 ϕ32
M32 = = 0.541 H
I2
Per il calcolo dei coefficienti di auto e mutua induttanza dell’avvolgimento
3 si può procedere facendo riferimento al circuito magnetico di Fig. 3.37,
dove si è assunto un verso arbitrario della corrente I3 , e a quello elettrico
equivalente di Fig. 3.38.
Procedendo come prima, si può scrivere:
N3 I3
ϕ33 = = 6.842 · 10−3 Tm2
R3 + R1 · R2 /(R1 + R2 )
R2
ϕ13 = ϕ33 = 1.425 · 10−3 Tm2
(R1 + R2 )
R1
ϕ23 = ϕ33 = 5.416 · 10−3 Tm2
(R1 + R2 )
188 CAPITOLO 3. I FENOMENI MAGNETICI

I3
N3 b

a a

Figura 3.37: Circuito magnetico per il calcolo di L3 .

Figura 3.38: Circuito elettrico equivalente per il calcolo di L3 .

E’ dunque ora possibile calcolare il coefficiente di auto induttanza dell’avvol-


gimento 3 e quelli mutui dell’avvolgimento 3 con gli avvolgimenti 1 e 2. Per
la reciprocità del sistema deve risultare M13 = M31 , M23 = M32 .

N3 ϕ33
L3 = = 0.855 H
I3
N1 ϕ13
M13 = = 0.072 H
I3
N2 ϕ23
M23 = = 0.541 H
I3
3.3. MODELLI CIRCUITALI PER I FENOMENI MAGNETICI 189

I coefficienti di accoppiamento risultano essere:


M12
k12 = √ = 0.63
L1 · L2
M
k23 = √ 23 = 0.21
L2 · L3
M
k31 = √ 31 = 0.63
L3 · L1
190 CAPITOLO 3. I FENOMENI MAGNETICI

Si riporta di seguito il listato del codice Matlab che analizza il circuito sia
con il metodo delle maglie che con il metodo dei nodi:

% Es_circ_magn_22_7_2009.m

clear all
close all
clc

mu0=4*pi*1e-7;
mu=5000*mu0;
a=7e-2;
b=5e-2;
S=5e-4;
N1=100; N2=200; N3=250;

% Correnti (arbitrarie)
I1=1; I2=1; I3=2;

% Forze magnetomotrici (per i versi vedi la dispensa)


Fmm1=N1*I1; Fmm2=N2*I2; Fmm3=N3*I3;

R1=(2*a+b)/(mu*S);
R2=(b)/(mu*S);
R3=R1;

% Calcolo di L1, M21, M31


phi11=Fmm1/(R1+R2*R3/(R2+R3));
phi21=phi11*R3/(R2+R3);
phi31=phi11*R2/(R2+R3);

L1=N1*phi11/I1;
M21=N2*phi21/I1;
M31=N3*phi31/I1;

% Calcolo di L2, M12, M32


phi22=Fmm2/(R2+R1*R3/(R1+R3));
phi12=phi22*R3/(R1+R3);
phi32=phi22*R1/(R1+R3);
3.3. MODELLI CIRCUITALI PER I FENOMENI MAGNETICI 191

L2=N2*phi22/I2;
M12=N1*phi12/I2;
M32=N3*phi32/I2;

% Calcolo di L3, M13, M23


phi33=Fmm3/(R3+R1*R2/(R1+R2));
phi13=phi33*R2/(R1+R2);
phi23=phi33*R1/(R1+R2);

L3=N3*phi33/I3;
M13=N1*phi13/I3;
M23=N2*phi23/I3;

% Calcolo dei coefficienti di accoppiamento


k12=M12/sqrt(L1*L2);
k23=M23/sqrt(L2*L3);
k31=M31/sqrt(L3*L1);
%
192 CAPITOLO 3. I FENOMENI MAGNETICI
Bibliografia

[1] S. Cristina. Appunti di Elettrotecnica, Volume I. Edizioni Progetto


Leonardo, Bologna, 1998.

[2] S. Cristina. Appunti di Elettrotecnica, Volume II. Edizioni Progetto


Leonardo, Bologna, 1998.

[3] T. Scozzafava. Corso di Elettrotecnica. Edizioni Japadre, 1976.

[4] M. D’Amore. Elettrotecnica, Volume I. Edizioni Scientifiche Siderea,


1994.

193
194 BIBLIOGRAFIA
Capitolo 4
Reti in regime alternativo
sinusoidale

4.1 Circuiti in regime alternativo sinusoidale


4.1.1 Funzioni periodiche
Si definiscono funzioni periodiche del tempo t le funzioni y(t) che assumono
lo stesso valore ad intervalli regolari che ne definiscono il periodo T .
y(t) = y(t + T ) (4.1.1)
L’inverso del periodo rappresenta la frequenza della funzione periodica, f =
1/T . L’unità di misura della frequenza è l’hertz [Hz]. Il valore medio nel
periodo di una funzione periodica è definito come:
1 T
Z
Ym = y(t)dt (4.1.2)
T 0
Una funzione alternativa è una funzione periodica a valore medio nullo. Il
valore efficace di una funzione periodica è definito come:
s
1 T 2
Z
Y = y (t)dt (4.1.3)
T 0
Le funzioni alternative hanno ovviamente valore medio nullo nel periodo.
Con riferimento ad esse si definisce il valore medio sul semiperiodo:
2 T /2
Z
Ym(T /2 ) = y(t)dt (4.1.4)
T 0

195
196 CAPITOLO 4. RETI IN REGIME ALTERNATIVO SINUSOIDALE

Tra tutte le funzioni alternative particolare importanza hanno le funzioni


sinusoidali:
y(t) = YM sin (ωt + φ) (4.1.5)
in cui

• YM è l’ampiezza della funzione sinusoidale

• φ è la fase iniziale

• ω = 2πf = T è la pulsazione.

Nel caso particolare delle funzioni sinusoidali il valore efficace ed il val-


ore medio nel semiperiodo assumono i seguenti valori, espressi in funzione
dell’ampiezza YM :
YM
Y = √ = 0.707 YM (4.1.6)
2
2YM
Ym(T /2 ) = = 0.636 YM (4.1.7)
π
Si definisce fattore di forma di una grandezza alternativa Kf il rapporto tra
il valore efficace ed il valore medio nel semiperiodo. Nel caso delle funzioni
sinusoidali esso risulta pari a:
Y π
Kf = = √ = 1.11 (4.1.8)
Ym(T /2 ) 2 2

4.1.2 Il metodo dei fasori


L’espressione delle funzioni sinusoidali mostra che, una volta fissata la pul-
sazione ω, una funzione sinusoidale è completamente individuata dalla sua
ampiezza YM e dalla sua fase iniziale φ.
E’ pertanto possibile stabilire una corrispondenza biunivoca tra l’insieme
S delle funzioni sinusoidali del tempo e l’insieme dei numeri complessi C
(rappresentabili nel piano di Gauss).

y(t) = YM sin (ωt + φ) ⇒ Y = Y ejφ = Y cos φ + jY sin φ = a + jb (4.1.9)

dove si è utilizzata la forma polare e quella cartesiana del numero complesso


Y . Le relazioni che consentono di passare da una rappresentazione all’altra
sono: √
Y = a2 + b2
Y = Y ejφ = a + jb ⇒ φ = arctan √ b/a (4.1.10)
YM = 2Y
4.1. CIRCUITI IN REGIME ALTERNATIVO SINUSOIDALE 197

La corrispondenza tra le funzioni sinusoidali e l’insieme dei punti del piano


complesso C giustifica la possibilità di rappresentare una funzione sinusoidale
mediante il vettore OP della seguente figura, avente un estremo nell’origine
del riferimento e l’altro estremo nel punto P . Tale vettore è detto fasore.
La trasformazione delle funzioni sinusoidali nei punti del piano complesso C

Im

b P
Y

O a
Re

Figura 4.1: Vettore rappresentativo (fasore) di una grandezza sinusoidale nel piano
complesso (di Gauss).

è lineare e dunque soddisfa le seguenti condizioni (di linearità):

y1 (t) + y2 (t) → Y 1 + Y 2 (4.1.11)


ky(t) → kY (4.1.12)

dove y1 (t) e y2 (t) sono due funzioni sinusoidali aventi la stessa frequenza.

4.1.3 Trasformazione della derivata temporale di una fun-


zione sinusoidale y(t)

dy(t) d  π
= [YM sin (ωt + φ)] = ωYM cos (ωt + φ) = ωYM sin ωt + φ +
dt dt 2
(4.1.13)
La derivata è anche essa una funzione sinusoidale.
E’ possibile associare anche ad essa un numero complesso (fasore).

Y ′ = ωY ej(φ+π/2) = jωY ejφ = jωY (4.1.14)


198 CAPITOLO 4. RETI IN REGIME ALTERNATIVO SINUSOIDALE

Figura 4.2: Vettore rappresentativo (fasore) della derivata di una funzione


sinusoidale

4.1.4 Trasformazione dell’integrale indefinito di una funzione


sinusoidale y(t)

YM YM π
Z Z 
y(t)dt = YM sin (ωt + φ) dt = − cos (ωt + φ) = sin ωt + φ −
ω ω 2
(4.1.15)
L’integrale indefinito è anche esso una funzione sinusoidale.
E’ possibile associare anche a questa funzione un numero complesso (fasore).
Y j(φ−π/2) 1 Y Y
Y −1 = e = −j Y ejφ = −j = (4.1.16)
ω ω ω jω

4.1.5 Trasformazione inversa dal dominio dei fasori a quello


del tempo
Noto un fasore Y , inteso come numero complesso corrispondente ad una fun-
zione sinusoidale y(t) di pulsazione ω, è possibile operare la trasformazione
inversa dal dominio dei fasori a quello del tempo attraverso la seguente
operazione:
√ √
y(t) = 2 Im(Y ejωt ) = 2 Im(Y ejφ+jωt ) = YM sin(ωt + φ)

dove Im è l’operatore che estrae la parte immaginaria del numero complesso


che è suo argomento.
4.2. BIPOLI IN REGIME ALTERNATIVO SINUSOIDALE 199

Figura 4.3: Trasformazione dell’integrale indefinito di una funzione sinusoidale


y(t).

4.2 Bipoli in regime alternativo sinusoidale


Si ipotizzi che un generatore ideale di tensione mantenga tra i morsetti A e
B una d.d.p. v(t) sinusoidale:

v(t) = 2V sin (ωt + φV ) (4.2.1)

A regime, quando si sono esauriti tutti i transitori, nell’ipotesi che il sistema


alimentato sia lineare, la corrente assorbita (risposta del sistema) risulterà
caratterizzata anch’essa da un andamento sinusoidale:

i(t) = 2I sin (ωt + φI ) (4.2.2)

Nelle valutazioni seguenti si utilizza la Convenzione degli Utilizzatori per il


bipolo utilizzatore e quella dei Generatori per il generatore di tensione.
Applicando il metodo dei fasori ad entrambe le sinusoidi si ottiene:

v(t) ⇒ V = V ejφV (4.2.3)


jφI
i(t) ⇒ I = Ie (4.2.4)
200 CAPITOLO 4. RETI IN REGIME ALTERNATIVO SINUSOIDALE

A Bipolo B
i(t)

v(t)
i(t)
+

Figura 4.4: Bipolo in regime alternativo sinusoidale.

Interpretazione nel piano di Gauss


La fase iniziale della generica grandezza sinusoidale è rappresentata da un
numero reale che misura il minore degli angoli che il fasore forma con l’asse
reale, assumendo il segno + o il segno − a seconda che , per sovrapporsi
con l’asse reale, descrivendo tale angolo, il vettore debba ruotare nel verso
orario o in quello anti-orario.
Lo sfasamento di una grandezza sinusoidale rispetto ad un’altra è dato
dalla differenza tra la fase iniziale della prima grandezza e la fase iniziale
della seconda. In figura 4.5 sono riportati i due possibili casi di sfasamento
tra una tensione ed una corrente sinusoidali: nel primo caso (a sinistra) la
fase iniziale della tensione ΦV è espressa da un numero positivo, quella P hiI
della corrente da un numero negativo ed essendo ΦV > ΦI si dice che la
tensione V è sfasata in anticipo rispetto alla corrente I; nel secondo caso (a
destra) sono entrambi espressi da numeri positivi, ma essendo

ΦI > ΦV

si dice che la tensione V è sfasata in ritardo rispetto alla corrente I.

4.2.1 Componenti della corrente in fase ed in quadratura con


la tensione
Il modulo del fasore I f è:

|I f | = I cos(φV − φI ) = I cos(φI − φV ) (4.2.5)

Il fasore corrispondente ha la stessa fase di V e dunque

I f = I cos(φV − φI )ejφV (4.2.6)


4.2. BIPOLI IN REGIME ALTERNATIVO SINUSOIDALE 201

Figura 4.5: Fasori nel piano complesso. Sinistra: caso della corrente sfasata in
ritardo rispetto alla tensione; destra: caso della corrente sfasata in anticipo rispetto
alla tensione.

cui corrisponde una funzione del tempo data da:



if (t) = 2I cos(φV − φI ) sin(ωt + φV ) (4.2.7)

Il modulo della componente in quadratura I q è:

|I q | = I| sin(φV − φI )| (4.2.8)

Se si fa riferimento al caso di corrente in ritardo rispetto alla tensione, il


fasore associato alla componente della corrente in quadratura con la tensione
è:

I q = I sin(φV − φI )ejφV e−jπ/2 = −jI sin(φV − φI )ejφV


= jI sin(φI − φV )ejφV = I sin(φI − φV )ejφV ejπ/2 (4.2.9)

Questa rappresentazione è valida in generale, anche nel caso di corrente


in anticipo rispetto alla tensione. La corrente in quadratura nel dominio del
tempo è

iq (t) = 2I sin(φV − φI ) sin(ωt + φV − π/2)

= 2I sin(φI − φV ) sin(ωt + φV + π/2) (4.2.10)

4.2.2 Potenza istantanea, potenza media (attiva)


Si definisce potenza istantanea per il bipolo la quantità:
√ √
p(t) = v(t)i(t) = 2V sin (ωt + φV ) 2I sin (ωt + φI ) (4.2.11)
202 CAPITOLO 4. RETI IN REGIME ALTERNATIVO SINUSOIDALE

Per una delle formule di Werner


1
sin α sin β = [cos (α − β) − cos(α + β)] (4.2.12)
2
si ottiene:
p(t) = V I [cos(φV − φI ) − cos(2ωt + φV + φI )] (4.2.13)
Si definisce potenza attiva P il valore medio in un periodo della potenza
Potenza attiva istantanea:
1 T
Z
P = Pm = p(t)dt = V I cos(φV − φI ) [W] (4.2.14)
T 0
Si può calcolare una potenza istantanea associata alle due componenti della
corrente in fase ed in quadratura rispetto alla tensione:
√ √
pf (t) = v(t)if (t) = 2V sin (ωt + φV ) 2I cos(φV − φI ) sin(ωt + φV )
= V I cos(φV − φI ) cos 0 − V I cos(φV − φI ) cos(2ωt + 2φV ()4.2.15)
Il suo valore medio in un periodo T è:
1 T
Z
Pf = pf (t)dt = V I cos(φV − φI ) = P [W] (4.2.16)
T 0
cioè è uguale alla potenza attiva.
La potenza istantanea associata alla componente della corrente in quadratu-
ra è:
pq (t) = v(t)iq (t)
√ √  π
= 2V sin (ωt + φV ) 2I sin(φV − φI ) sin ωt + φV −
π 2
  π 
= V I sin (φV − φI ) cos − cos 2ωt + 2φV −
2 π
2
= −V I sin (φV − φI ) cos 2ωt + 2φV − (4.2.17)
2
Si definisce potenza reattiva l’ampiezza della potenza istantanea pq (t) asso-
Potenza reattiva ciata alla componente della corrente in quadratura con la tensione.
Q = V I sin (φV − φI ) [VAr] (volt-ampere reattivi) (4.2.18)
La potenza pq (t) può essere riscritta come:
pq (t) = v(t)iq (t)
 π π 
= −Q cos 2ωt + 2φV − = −Q cos − 2ωt − 2φV
2 2
= −Q sin (2ωt + 2φV ) (4.2.19)
4.2. BIPOLI IN REGIME ALTERNATIVO SINUSOIDALE 203

La potenza reattiva rappresenta l’ampiezza della potenza istantanea scam-


biata tra il generatore che alimenta il bipolo ed il bipolo stesso per effetto
della corrente iq (t), componente in quadratura della corrente i(t) rispetto
alla tensione v(t).
Si osservi che il suo valore medio sul periodo T è sempre nullo. L’interpre-
tazione del segno della potenza attiva P è quella usuale:

a) P > 0 (−π/2 < φV − φI < π/2) ⇒ potenza attiva assorbita dal bipolo

b) P < 0 (π/2 < φV − φI < 3π/2) ⇒ potenza attiva erogata dal bipolo

Analogamente per la potenza reattiva Q, anche se fisicamente essa è solo


l’ampiezza di una potenza oscillante.

a) Q > 0 (0 < φV − φI < π) ⇒ potenza reattiva assorbita dal bipolo

b) Q < 0 (−π < φV − φI < 0) ⇒ potenza reattiva erogata dal bipolo

In realtà il segno della potenza reattiva è solo indice del comportamento reat-
tivo del bipolo, come si vedrà nel seguito. In effetti il bipolo è interessato da
entrambe le correnti; il suo dimensionamento e quello del sistema di alimen-
tazione va condotto considerando la corrente totale (corrente che interessa
l’utilizzatore e i conduttori di alimentazione) e la tensione di alimentazione
del bipolo.
Si definisce pertanto la potenza apparente come: Potenza apparente
p
Pa = P 2 + Q2 = V I [VA] (volt-ampere ) (4.2.20)
204 CAPITOLO 4. RETI IN REGIME ALTERNATIVO SINUSOIDALE

4.3 Potenze nei bipoli elementari


4.3.1 Circuito puramente resistivo

i R (t) R IR R

VR
IR

+ +
v R (t) VR

Figura 4.6: Circuito puramente resistivo.

Si ipotizzi
√ nota la tensione imposta dal generatore di tensione e pari a
vR (t) = 2VR sin (ωt + φR ) cui corrisponde il fasore V R = VR ejφR . Per il II
Principio di Kirchhoff applicato alla maglia costituita dal generatore vR (t)
e dalla resistenza R si può scrivere:

vR (t) = 2VR sin (ωt + φR ) = RiR (t) (4.3.1)

Se si trasformano le grandezze nel dominio dei fasori si ottiene:

V R = RI R I R = V R /R (4.3.2)

Dunque il fasore della tensione applicata al bipolo resistivo e quello della


corrente che lo interessa sono in fase essendo legati da una relazione di
proporzionalità.
Si osservi che sussistono le seguenti relazioni:

|V R | = VR = R |I R | = RIR φVR = φIR (4.3.3)

Si definisce impedenza Z il rapporto tra il fasore della tensione e quello della


corrente che caratterizzano il bipolo. Nel caso di un bipolo resistivo, puro
tale quantità è pari a Z R = R. Si misura in Ω.
Potenza istantanea pR (t):

pR (t) = vR (t)iR (t) = Ri2R (t) = GvR


2
(t) = 2GVR2 sin2 (ωt + φR )
 
1 − cos 2 (ωt + φR )
= 2GVR2 = GVR2 − GVR2 cos 2 (ωt + (4.3.4)
φR )
2

La potenza istantanea pR (t) ha un valore medio diverso da zero e una


4.3. POTENZE NEI BIPOLI ELEMENTARI 205

1.5

0.5
v (t) [V]

0
R

−0.5

−1

−1.5
0 0.01 0.02 0.03 0.04 0.05 0.06 0.07 0.08
Time [s]

0.9

0.8

0.7

0.6
pR [W]

0.5

0.4

0.3

0.2

0.1

0
0 0.01 0.02 0.03 0.04 0.05 0.06 0.07 0.08
Time [s]

Figura 4.7: Tensione vR (t) ai capi della resistenza R (in alto) e potenza istantanea
pR (t) in essa dissipata (in basso).

frequenza doppia e dunque un periodo metà di quello della tensione vR (t) e


della corrente iR (t).

Potenza attiva: PR = GVR2 = RIR


2.

Potenza reattiva: QR = VR IR sin (φVR − φIR ) = 0.

Potenza apparente: PaR = P = GVR2 = RIR


2.
206 CAPITOLO 4. RETI IN REGIME ALTERNATIVO SINUSOIDALE

iL (t) L ZL
IL VL

+ + IL
v L (t) VL

Figura 4.8: Circuito puramente induttivo.

4.3.2 Circuito puramente induttivo


Si ipotizzi √
ancora nota la tensione imposta dal generatore di tensione e pari
a vL (t) = 2VL sin (ωt + φVL ) cui corrisponde il fasore V L = VL ejφVL .
Per il II Principio di Kirchhoff applicato alla maglia si può scrivere:
√ diL (t)
vL (t) = 2VL sin (ωt + φL ) = L (4.3.5)
dt
Se si trasformano le quantità nel dominio dei fasori si ottiene:
VL VL V L −jπ/2
V L = jωLI L IL = = −j = e (4.3.6)
jωL ωL ωL
Si osservi che sussistono le seguenti relazioni:
π
|V L | = VL = |jωLI L | = ωLIL φVL = φIL + (4.3.7)
2
Nel caso di un bipolo induttivo puro l’impedenza è un numero immaginario
Z L = jωL.
Ciò comporta che i fasori di tensione e della corrente siano, nel piano di
Gauss, tra loro ortogonali, con il fasore della corrente in ritardo di π/2
rispetto a quello della tensione.
Si definisce reattanza X del bipolo la parte immaginaria della sua impedenza;
in questo caso XL = Im(jωL) = ωL.
Potenza istantanea pL (t):

pL (t) = vL (t)iL (t) = VL IL cos (φVL − φIL ) − VL IL cos (2ωt + φVL + φIL )
= −VL IL cos (2ωt + φVL + φIL )
 π
= −VL IL cos 2ωt + 2φVL − (4.3.8)
2
Infatti, in questo caso, risulta φVL − φIL = π/2 e, dunque, φIL = φVL − π/2.
4.3. POTENZE NEI BIPOLI ELEMENTARI 207

1.5

0.5
v (t) [V]

0
L

−0.5

−1

−1.5
0 0.01 0.02 0.03 0.04 0.05 0.06 0.07 0.08
Time [s]
4000

3000

2000

1000
p [W]

0
L

−1000

−2000

−3000

−4000
0 0.01 0.02 0.03 0.04 0.05 0.06 0.07 0.08
Time [s]

Figura 4.9: Tensione vL (t) ai capi dell’induttanza L (in alto) e potenza istantanea
pL (t) (in basso).

La potenza istantanea pL (t) ha un valore medio nullo e una frequenza doppia


e dunque un periodo metà di quello della tensione vL (t) e della corrente iL (t).

Potenza attiva: PL = VL IL cos (φVL − φIL ) = 0.

Potenza reattiva: QL = VL IL sin (φVL − φIL ) = VL IL = ωLIL2 = XL IL2 .

Potenza apparente: PaL = VL IL = ωLIL2 = QL .


208 CAPITOLO 4. RETI IN REGIME ALTERNATIVO SINUSOIDALE

C ZC
iC (t) IC
IC VC

+ +
vC (t) VC

Figura 4.10: Circuito puramente capacitivo.

4.3.3 Circuito puramente capacitivo


Si ipotizzi √
ancora nota la tensione imposta dal generatore di tensione e pari
a vC (t) = 2VC sin (ωt + φVC ) cui corrisponde il fasore V C = VC ejφVC .
La relazione che lega corrente iC (t) e tensione vC (t) in un condensatore
è:
dvC (t)
iC (t) = C (4.3.9)
dt
Se si trasformano le funzioni sinusoidali nel dominio dei fasori si ottiene:
IC IC I C −jπ/2
I C = jωCV C VC = = −j = e (4.3.10)
jωC ωC ωC
Si osservi che sussistono le seguenti relazioni:

= IC π
IC
|V C | = VC =
φVC = φIC − (4.3.11)
jωC ωC 2

L’impedenza del bipolo puramente capacitivo è dunque Z C = 1/ (jωC) =


−j/ (ωC).
I due fasori, rappresentati nel piano di Gauss, sono tra loro ortogonali, con
il fasore della corrente in anticipo rispetto a quello della tensione di π/2
radianti.
La reattanza del bipolo puramente capacitivo è XC = −1/(ωC).

pC (t) = vC (t)iC (t) = V IC cos (φVC − φIC ) − VC IC cos (2ωt + φVC + φIC )
 π
= −VC IC cos (2ωt + φVC + φIC ) = −VC IC cos 2ωt + 2φVC +
2
(4.3.12)

perchè, in questo caso, risulta φVC −φIC = −π/2 e, dunque, φIC = φVC +π/2.
4.3. POTENZE NEI BIPOLI ELEMENTARI 209

1.5

0.5
v (t) [V]

0
C

−0.5

−1

−1.5
0 0.01 0.02 0.03 0.04 0.05 0.06 0.07 0.08
Time [s]
−7
x 10
4

1
p [W]

0
C

−1

−2

−3

−4
0 0.01 0.02 0.03 0.04 0.05 0.06 0.07 0.08
Time [s]

Figura 4.11: Tensione vC (t) ai capi del condensatore (in alto) e potenza istantanea
pC (t) (in basso).

Potenza attiva: PC = VC IC cos (φVC − φIC ) = 0.


1 2
Potenza reattiva: QC = VC IC sin (φVC − φIC ) = −VC IC = − ωC IC =
2
XC IC .
Potenza apparente: PaC = VC IC = |QC |.
210 CAPITOLO 4. RETI IN REGIME ALTERNATIVO SINUSOIDALE

Esempi

1. Si associ il fasore alla tensione sinusoidale v(t) = 10 sin (ωt + π/6) V


Il fasore è un numero complesso che ha un modulo pari al valore efficace
della funzione sinusoidale e un argomento pari alla sua fase iniziale; in
questo caso risulta:
10
V = √ ejπ/6 = 6.124 + j3.54 V
2

2. Si associ ora il fasore alla corrente sinusoidale i(t) = 3 cos (ωt + π/3) A
Se si è deciso di associare i fasori alle funzioni sinusoidali, cioè si è
assunta la funzione sinusoidale come funzione di riferimento, in questo
caso è necessario prima trasformare la funzione cosinusoidale in fun-
zione sinusoidale

i(t) = 3 cos (ωt + π/3) A = 3 sin (ωt + π/3 + π/2) A = 3 sin (ωt + 5π/6) A

Il fasore associato è
3
I = √ ej5π/6 A = −1.8371 + j1.0607 A
2

Lo sfasamento tra il fasore della tensione V e quello della corrente I


è pari a
φV − φI = π/6 − 5/6π = −2/3π

3. Si ipotizzi che ai capi di un’induttanza L sia presente la tensione

v(t) = 4 sin (−ωt + π/3) V

Si vuole calcolare il fasore associato alla corrente che lo attraversa.


Come primo passo è necessario trasformare la funzione sinusoidale
assegnata nella forma che prevede la dipendenza da ωt:

v(t) = 4 sin (−ωt + π/3) V = 4 sin (π − (−ωt + π/3)) V = 4 sin (ωt + 2/3π) V

Il fasore associato è
4
V = √ ej2/3π V
2
4.3. POTENZE NEI BIPOLI ELEMENTARI 211

Il fasore associato alla corrente che scorre nell’induttanza è


V 4 4 4
I= =√ ej2/3π A = √ e2/3π (−j) A = √ ej2/3π e−jπ/2 A
jωL 2jωL 2ωL 2ωL

Dunque il fasore è
V 4
I= =√ ejπ/6 A
jωL 2ωL

La funzione del tempo corrispondente è


√ 4
2 Im Iejωt =

i(t) = sin(ωt + π/6) A
ωL

4. Si ipotizzi di conoscere la tensione sinusoidale vC (t)ai capi di un con-


densatore C
vC (t) = 3 cos(π/6 − ωt)

Si calcoli il fasore associato alla corrente che attraversa il condensatore.


La tensione sinusoidale vC (t) può essere riscritta come

vC (t) = 3 sin(π/2 − (π/6 − ωt)) = 3 sin(ωt + π/3)

Il fasore associato è
3
V C = √ ejπ/3
2
Il fasore associato alla corrente che attraversa il condensatore è dunque
3 3ωC
I C = jωCV C = ωCV C ejπ/2 = ωC √ ejπ/3+jπ/2 = √ ej5/6π A
2 2

Lo sfasamento tra il fasore della tensione e quello della corrente è in


ogni caso φV − φI = −π/2.
Infine la funzione sinusoidale della corrente può essere ottenuta at-
traverso la trasformazione inversa

iC (t) = 3ωC sin(ωt + 5/6π) A


212 CAPITOLO 4. RETI IN REGIME ALTERNATIVO SINUSOIDALE

4.3.4 Generico bipolo in regime alternativo sinusoidale


In generale, per un bipolo (di natura ohmica, induttiva, capacitiva, ohmico-
induttiva, ohmico capacitiva) si può scrivere:

V = V ejφV = ZI dove Z = ZejφZ è l’impedenza (4.3.13)


V V ejφV V
I = = jφ
= ej(φV −φZ ) (4.3.14)
Z Ze Z Z
Dunque, il fasore della corrente I ha un modulo ed una fase date da:
V
I = (4.3.15)
Z
φI = φV − φZ (4.3.16)

L’inverso dell’impedenza prende il nome di ammettenza:


I 1 1 I
Y = = = Y ejφY = e−jφZ = e−j(φI −φV ) (4.3.17)
V Z Z V
Dunque risulta:
1
Y = (4.3.18)
Z
φY = −φZ = φI − φV (4.3.19)

4.3.5 Potenza complessa


Si definisce potenza complessa P c il prodotto tra il fasore della tensione V
e il coniugato I ∗ del fasore della corrente I; essa vale:

P c = V I ∗ = V Iej(φV −φI ) (4.3.20)

Tenendo presente che Pa = V I, si ottiene:

P c = Pa ej(φV −φI ) = V I [cos(φV − φI ) + j sin(φV − φI )] = P + jQ (4.3.21)

Dunque il modulo della potenza complessa è pari alla potenza apparente e


l’argomento è pari allo sfasamento φ tra tensione e corrente. La parte reale
e la parte immaginaria sono rispettivamente pari alla potenza attiva P e alla
potenza reattiva Q.
4.3. POTENZE NEI BIPOLI ELEMENTARI 213

Esempio Matlab

% Bipoli_puri.m
clear, clc, close all

f=50; omega=2*pi*f;

time=linspace(0,4/f,1000);
V=1;
vR=sqrt(2)*V*sin(omega*time);
Vf=V;

% Resistenza
R=2; G=1/R;
IR=Vf/R;
pR=G*V^2-G*V^2*cos(2*omega*time);
figure
plot(time,vR,’linewidth’,2)
xlabel(’Time [s]’)
ylabel(’v_R(t) [V]’)
figure
plot(time,pR,’linewidth’,2)
xlabel(’Time [s]’)
ylabel(’p_R [W]’)

% Induttanza
L=1e-6;
ZL=j*omega*L;
phiV=pi/3;
vL=sqrt(2)*V*sin(omega*time+phiV);
VL=V*exp(j*phiV);
IL=VL/(ZL);
pL=-abs(VL)*abs(IL)*sin(2*omega*time+2*phiV-pi/2);
figure
plot(time,vL,’linewidth’,2)
xlabel(’Time [s]’)
ylabel(’v_L(t) [V]’)
figure
plot(time,pL,’linewidth’,2)
xlabel(’Time [s]’)
214 CAPITOLO 4. RETI IN REGIME ALTERNATIVO SINUSOIDALE

ylabel(’p_L [W]’)

% Capacità
C=1e-9;
ZC=1/(j*omega*C);
phiV=pi/3;
vC=sqrt(2)*V*sin(omega*time+phiV);
VC=V*exp(j*phiV);
IC=VC/(ZC);
pC=-abs(VC)*abs(IC)*sin(2*omega*time+2*phiV+pi/2);
figure
plot(time,vC,’linewidth’,2)
xlabel(’Time [s]’)
ylabel(’v_C(t) [V]’)
figure
plot(time,pC,’linewidth’,2)
xlabel(’Time [s]’)
ylabel(’p_C [W]’)
4.3. POTENZE NEI BIPOLI ELEMENTARI 215

Esercizio 4.3.12

Un’impedenza, alimentata dalla tensione il cui fasore rappresentativo è V =


3−4j V, assorbe la corrente il cui fasore è I = −2−4j A. Si disegnino i fasori
nel piano di Gauss e si calcolino numericamente la potenza attiva, reattiva e
apparente assorbite dall’impedenza, dando un’interpretazione fisica ai segni
di tali potenze.
Soluzione
E’ immediato calcolare modulo e argomento dei due fasori

|V | = 5 V
|I| = 4.47 A
φV = −0.9273 rad
φI = −2.0344 rad

La potenza attiva, reattiva ed apparente risultano dunque:

P = |V ||I| cos (φV − φI ) = 10 W


Q = |V ||I| sin (φV − φI ) = 20 VAr
p
Pa = P 2 + Q2 = 22.36 VA

Di seguito viene riportato il listato Matlab che risolve l’esercizio preceden-


temente illustrato.
% % Esercizio1_25_6_09
clear
close all

V=3-4*j;
I=-2-4*j;
P=abs(V)*abs(I)*cos(angle(V)-angle(I));
Q=abs(V)*abs(I)*sin(angle(V)-angle(I));
Pa=sqrt(P^2+Q^2);
%

Esercizio 4.3.13

Con riferimento alla seguente figura, un’impedenza, alimentata dalla ten-


sione il cui fasore rappresentativo è V = 4 − j5 V, assorbe la potenza attiva
P = 3 W e la potenza reattiva Q = 2 VAr. Si determini il fasore della
corrente.
216 CAPITOLO 4. RETI IN REGIME ALTERNATIVO SINUSOIDALE

Soluzione
Il modulo e l’argomento del fasore della tensione V sono:

|V | = 6.403 V
φV = −0.896 rad

Sapendo che

P = |V ||I| cos (φV − φI ) = 3 W


Q = |V ||I| sin (φV − φI ) = 2 VAr

dal rapporto Q/P è possibile ricavare lo sfasamento φV − φI :


Q 2 Q
= = tan (φV − φI ) ⇒ φV − φI = arctan = 0.588 rad
P 3 P
Dei due possibili valori della funzione arctan corrispondenti al valore 2/3, è
stato assunto 0.588 (e non 0.588 + π) in quanto sia la potenza attiva P che
quella reattiva Q sono positive.
Dunque, il modulo e l’argomento del fasore della corrente I risultano:
P
|I| = = 0.5631 A
|V | cos (φV − φI )
Q
φI = φV − arctan = −1.4841 rad
P
Il fasore della corrente I, risulta:

I = |I|ejφI = 0.0488 − 0.5610j A

Essendo la tensione V e la corrente I del bipolo orientate secondo la con-


venzione degli utilizzatori si può asserire che il bipolo sta assorbendo sia
potenza attiva che reattiva e che, dunque, ha natura ohmico induttiva.
Si riporta di seguito il codice Matlab che risolve l’esercizio precedente.
4.3. POTENZE NEI BIPOLI ELEMENTARI 217

% % Esercizio1_6_7_2009.m
clear

V=4-j*5;
P=3; Q=2;
phi=atan(Q/P);
cosphi=cos(phi);
Im=P/(abs(V)*cosphi);
Ip=angle(V)-phi;
I=Im*exp(j*Ip); %
218 CAPITOLO 4. RETI IN REGIME ALTERNATIVO SINUSOIDALE

4.3.6 Circuito RLC serie

i(t) R L C I R ZL ZC

vR (t) v L( t) vC (t) VR VL VC

+ +
v(t) V

Figura 4.12: Circuito RLC serie.

Si ipotizzi
√ nota la d.d.p. imposta dal generatore di tensione e pari a
v(t) = 2V sin (ωt + φV ) cui corrisponde il fasore V = V ejφV . Applicando
il II Principio di Kirchhoff alla maglia si ottiene:

v(t) = vR (t) + vL (t) + vC (t) (4.3.22)

Se si considera il funzionamento a regime, tutte le grandezze elettriche,


tensioni e correnti, avranno assunto un andamento temporale di tipo sinu-
soidale, essendo sinusoidale il generatore di tensione che alimenta il circuito.
Per i tre bipoli si potrà operare la trasformazione nel dominio dei fasori
e scrivere:
I
V R = Z R I = RI V L = Z L I = jωLI V C = ZC I = (4.3.23)
jωC
L’equazione (4.3.22) può essere pertanto riscritta nel dominio dei fasori
come:
 
1
V = V R + V L + V c = R + jωL + I
jωC
  
1
= R + j ωL − I
ωC
= (R + jX) I = ZI (4.3.24)

La corrente sarà dunque:


V V
I= = (4.3.25)
Z R + jX
Il modulo della corrente è:
|V | |V |
|I| = =√ (4.3.26)
|Z| R2 + X 2
4.3. POTENZE NEI BIPOLI ELEMENTARI 219

e la fase
X
φI = φV /Z = φV − φZ = φV − arctan (4.3.27)
R
1

Si osservi che la reattanza del circuito RLC, X = ωL − ωC , ha un segno
che dipende dai valori di L, C e della pulsazione ω.
Si definisce pulsazione di risonanza quel valore di pulsazione che annulla la
reattanza del circuito RLC.
1
ωR = √ (4.3.28)
LC
cui corrisponde la frequenza di risonanza fR = ωR /2π. In Fig. 4.13 è
riportata l’ampiezza della corrente I e dell’impedenza Z nel circuito RLC
serie al variare della frequenza.
Il circuito ha prevalentemente comportamento capacitivo a frequenze inferi-
ori rispetto a ωR , di tipo induttivo a frequenze superiori a ωR .
Ad una data frequenza f e pulsazione ω il circuito ha natura ohmico-
induttiva se ωL − 1/ωC > 0, ohmico-capacitiva se risulta ωL − 1/ωC <
0.

4.3.7 Diagrammi fasoriali


La relazione fasoriale (4.3.24) può essere rappresentata nel piano di Gauss
come illustrato in Fig. 4.14, nel caso di natura ohmica induttiva (a sinistra)
e ohmico capacitiva (a destra).
220 CAPITOLO 4. RETI IN REGIME ALTERNATIVO SINUSOIDALE

0.1

0.09

0.08

0.07

0.06
|I| [A]

0.05

0.04

0.03

0.02

0.01

0
0 0.5 1 1.5 2 2.5 3 3.5 4
Frequency [Hz] 8
x 10

300

250 R
X
L
200
X
C
150 |Z|
100
[Ω]

50

−50

−100

−150

−200
0 0.5 1 1.5 2 2.5 3 3.5 4
Frequency [Hz] 8
x 10

Figura 4.13: Ampiezza della corrente I e dell’impedenza Z di un circuito RLC


serie.
4.3. POTENZE NEI BIPOLI ELEMENTARI 221

Figura 4.14: Diagramma fasoriale per il circuito RLC serie.


222 CAPITOLO 4. RETI IN REGIME ALTERNATIVO SINUSOIDALE

Codice Matlab per il circuito RLC serie

% RLC_fasori.m
clear, clc, close all;

R=10; L=1e-7; C=1e-9;


f=linspace(1e6,4e7,3000);
omega=2*pi*f;
R_vett=R*ones(1,length(f));
ZL=j*omega*L;
ZC=1./(j*omega*C);
XL=imag(ZL);
XC=imag(ZC);

omega_R=1/sqrt(L*C);
f_R=omega_R/(2*pi);

VG=1;

Z=R+j*omega*L+1./(j*omega*C);
I=VG./Z;

figure
plot(f,abs(I),’linewidth’,2)
xlabel(’Frequency [Hz]’)
ylabel(’|I| [A]’)

figure
%semilogx(f,R_vett,f,XL,’r--’,f,XC,’-.’,f,abs(Z),’r.-’,’linewidth’,2)
plot(f,R_vett,f,XL,’r--’,f,XC,’-.’,f,abs(Z),’b--’,’linewidth’,2)
xlabel(’Frequency [Hz]’)
ylabel(’[\Omega]’)
legend(’R’,’X_L’,’X_C’,’|Z|’)
4.3. POTENZE NEI BIPOLI ELEMENTARI 223

Esercizio 4.3.14

Si consideri il circuito RLC della seguente figura. Sapendo che v(t) =


2 cos(ωt + π/3), R = 1 Ω, L = 1 µH, C = 1 nF, calcolare la corrente (il
fasore e la funzione del tempo) alla frequenza f = 10 kHz e il massimo
valore che essa assume al variare della frequenza.

R L C
i(t)

v R(t) vL(t) vC (t)

+
v(t)

Soluzione Il fasore associato al generatore di tensione è:


2
V = √ ejπ/3 V
2
La corrente che circola nel circuito è
V
I= = −7.7 · 10−5 + 4.44 · 10−5 j A
R + j (ωL − 1/(ωC))

dove ω = 2πf = 62.83 · 103 rad/s.


La massima intensità di corrente al variare della frequenza si ottiene in
condizioni di risonanza in cui il circuito è puramente resistivo:
V
I max = = 0.707 + 1.225j A
R
|I max | = 1.414 A

%
% Esercizio_RLC_11_9_2009

close all
clc

R=1; L=1e-6; C=1e-9;


f=10e3;
224 CAPITOLO 4. RETI IN REGIME ALTERNATIVO SINUSOIDALE

V=2/sqrt(2)*exp(j*pi/3);
w=2*pi*f;
Z=R+j*(w*L-1/(w*C));
I=V/Z;

wr=1/sqrt(L*C);

Zmin=R;
Imax=V/R;

freq=linspace(1e5,50e6,100);
w=2*pi*freq;
Z=R+j*(w*L-1./(w*C));
I=V./Z;
figure
loglog(w,abs(I),’linewidth’,2)
xlabel(’Pulsazione [rad/s]’)
ylabel(’Corrente [A]’)
%
4.3. POTENZE NEI BIPOLI ELEMENTARI 225

Legge di Ohm generalizzata

Collegamento in serie di n impedenze

n
X
Z eq = Zk (4.3.29)
k=1

Collegamento in parallelo di n impedenze

n n
1 X 1 X
= ⇒ Y eq = Yk (4.3.30)
Z eq Zk
k=1 k=1

Trasformazioni triangolo-stella e stella-triangolo


Si vogliono trovare le condizioni perchè il primo sistema sia equivalente al
secondo e viceversa. L’equivalenza dei due sistemi è garantita se sono uguali
le impedenze viste tra i nodi AB, BC e CA.

A B C A B C

ZA ZB ZC Z CA ZAB ZBC

Figura 4.15: Trasformazione triangolo-stella in regime alternativo sinusoidale.

Imponendo tali condizioni si ottengono le seguenti espressioni per la


trasformazione triangolo-stella:

Z AB Z CA
ZA = (4.3.31a)
Z AB + Z CA + Z BC
Z AB Z BC
ZB = (4.3.31b)
Z AB + Z CA + Z BC
Z CA Z BC
ZC = (4.3.31c)
Z AB + Z CA + Z BC
226 CAPITOLO 4. RETI IN REGIME ALTERNATIVO SINUSOIDALE

Per la trasformazione stella-triangolo si ottiene:


Z AZ B + Z B Z C + Z C Z A
Z AB = (4.3.32a)
ZC
Z AZ B + Z B Z C + Z C Z A
Z BC = (4.3.32b)
ZA
Z AZ B + Z B Z C + Z C Z A
Z CA = (4.3.32c)
ZB
Nel caso particolare in cui le tre resistenze a stella o le tre a triangolo siano
tra loro uguali, si ha:
ZA = ZB = ZC = ZS (4.3.33)
Z AB = Z CA = Z BC = Z T (4.3.34)
e dunque
ZT
ZS = (4.3.35)
3

I1 I2 Il

Z1 Z2 Zl
V l1 Vl2 V ll

+ + +

Vs1 V s2 V sl

Teorema di Millmann in regime alternativo sinusoidale.

Formula di Millmann
Pl
Y 1 V s1 + Y 2 V s2 + · · · + Y l V sl k=1 Y k V sk
VA = = l
(4.3.36)
Y 1 + Y 2 + ··· + Y l
P
k=1 Y k
4.4. TEOREMA DI TELLEGEN IN REGIME SINUSOIDALE 227

4.4 Teorema di Tellegen in regime sinusoidale


Il teorema di Tellegen in regime alternativo sinusoidale (noto come Teorema
di Boucherot) richiede che, separatamente, sia la somma algebrica di tutte
le potenze attive che quella di tutte le potenze reattive dei bipoli della rete,
siano nulle:
Xnb Xnb
±Pk = 0 ±Qk = 0 (4.4.1)
k=1 k=1

dove nb è numero dei bipoli nella rete ed il segno + o − è deciso in base


alla convenzione assunta sul singolo bipolo. Ad esempio si possono consid-
erare positive tutte le potenze valutate con la Convenzione dei Generatori
e negative quelle valutate con la Convenzione degli Utilizzatori (oppure il
viceversa).
Tale bilancio può essere applicato anche ai lati della rete:
l
X l
X
±Plk = 0 ±Qlk = 0 (4.4.2)
k=1 k=1

dove l è il numero di lati nella rete ed il segno + o − è stabilito in base alla


convenzione assunta sul lato.
228 CAPITOLO 4. RETI IN REGIME ALTERNATIVO SINUSOIDALE

4.5 Teorema di Thevenin e di Norton in regime


alternativo sinusoidale
Come nel caso delle reti in corrente continua i teoremi di Thevenin e di
Norton in regime alternativo sinusoidale si applicano a reti lineari attive (in
presenza di generatori di tensione e di corrente), come in Fig. 4.16.

A I

Rete RLC
lineare attiva Z V

Figura 4.16: Rete lineare attiva in regime alternativo sinusoidale.

La rete lineare attiva è dunque equivalente ad un generatore reale di tensione


con parametri V 0AB e Z AB .
La corrente che passa nell’impedenza Z è facilmente calcolabile come:

(V A − V B )0 V 0AB
I= = (4.5.1)
Z AB + Z Z AB + Z

dove (V A − V B )0 è la tensione della rete a vuoto (privata dell’impedenza


Z) e Z AB è l’impedenza vista dai morsetti AB nella rete resa passiva.
In maniera del tutto analoga, il teorema di Norton consente di semplificare
la rete lineare attiva e di sostituirla con un generatore reale di corrente, come
in Fig. 4.18. Dal circuito equivalente di Thevenin, è immediato calcolare la
corrente I cc
AB :
V 0AB
I cc
AB = (4.5.2)
Z AB
4.5. TEOREMA DI THEVENIN E DI NORTON IN REGIME ALTERNATIVO SINUSOIDALE229

A I

Z AB
VAB
Z
+
V0AB

B
Figura 4.17: Circuito semplificato a valle dell’applicazione del teorema di
Thevenin.

A I

I ccAB ZAB VAB Z

Figura 4.18: Circuito equivalente secondo Norton in regime alternativo sinusoidale.


230 CAPITOLO 4. RETI IN REGIME ALTERNATIVO SINUSOIDALE

Esercizio 4.5.15

Si consideri il circuito RL illustrato in Fig. 4.19.

Rg L Rg L

+ +
v g(t) R Vg R

Figura 4.19: Circuito RL.

Si calcolino numericamente la potenza attiva, reattiva, apparente di tutti i


bipoli e si verifichi il Teorema di Boucherot.
Dati: vg (t) = 2 cos(ωt + π/3), Rg = 1 Ω, L = 10 µH, R = 2 Ω, ω =
314 rad/s.

Soluzione
La pulsazione è:
ω = 2πf = 314 rad/s

Il fasore associato alla sorgente di tensione, nella forma polare e carte-


siana, è:

• V g = 2/ (2)ejπ/3 = 0.7071 + 1.2247j V


p

Le impedenze associate ai bipoli sono:

• Z Rg = Rg = 1 Ω

• ZR = R = 2 Ω

• Z L = jωL = 10 · 314 · 10−6 j = 0.0031j Ω


4.5. TEOREMA DI THEVENIN E DI NORTON IN REGIME ALTERNATIVO SINUSOIDALE231

L’impedenza complessiva della maglia si calcola facilmente come:

Z = Z Rg + Z R + Z L = 3.0000 + 0.0031j

La corrente nella maglia si ottiene imponendo il II Principio di Kirchhoff alla


maglia, avendo assunto un verso di misura della corrente come illustrato in
Fig. 4.19.
V g − Z Rg I − Z R I − Z L I = 0
da cui si ricava
Vg
I= = 0.2361 + 0.4080j
Z
Le potenze attive e reattive associate ai bipoli sono:
• Pg = |V g | · |I| cos(φVg − φI ) = 0.6667 W (C.d.G.)

• Qg = |V g | · |I| sin(φVg − φI ) = 0.698 mVar (C.d.G.)

• PRg = Rg |I|2 = 0.222 W (C.d.U.)

• PR = R|I|2 = 0.4444 W (C.d.U.)

• QL = ωL|I|2 = 0.698 mVar (C.d.U.)

E’ immediato constatare che


• Pg = PRg + PR

• Qg = QL

come richiesto dal Teorema di Boucherot.

Codice Matlab per il circuito RL


%
clear,clean

Vg=2/sqrt(2)*exp(j*pi/3);
232 CAPITOLO 4. RETI IN REGIME ALTERNATIVO SINUSOIDALE

Rg=1; R=2; L=10e-6;

freq=50; w=2*pi*freq;

Z=Rg+R+j*w*L;
I=Vg/Z;

XL=w*L;

Pg=abs(Vg)*abs(I)*cos(angle(Vg)-angle(I)); %C.d.G.
Qg=abs(Vg)*abs(I)*sin(angle(Vg)-angle(I)); %C.d.G.

PRg=Rg*abs(I)^2; %C.d.U.
PR=R*abs(I)^2; %C.d.U.
QL=XL*abs(I)^2; %C.d.U.
4.5. TEOREMA DI THEVENIN E DI NORTON IN REGIME ALTERNATIVO SINUSOIDALE233

Esercizio 4.5.16

Si studi il circuito RLC illustrato in Fig. 4.20 con il metodo di tableau.

R3
R1
L2 C3 ig3(t)
+
vg1(t)

Figura 4.20: Circuito RLC.

Dati: vg1 (t) = 2 cos(ωt + π/3), ig3 (t) = 2 sin(ωt − π/4), R1 = R3 =


1 Ω, L2 = 10 µH, C3 = 3nF, f = 50 Hz.
La pulsazione è:
ω = 2πf = 314 rad/s
Il generatore di tensione può essere riscritto come:

vg1 (t) = 2 cos(ωt + π/3) = 2 sin(ωt + π/3 + π/2) = 2 sin(ωt + 5/6π)

I fasori associati alle due sorgenti sono:

2
I g3 = √ e−j∗π/4 = 1 − j A
2
2 j∗5π/6
V g1 = √ e = −1.2247 + j0.7071 V
2

Ai componenti passivi possono essere associate le seguenti impedenze:

Z R1 = R1 = 1 Ω
Z R3 = R3 = 1 Ω
Z L2 = jωL2 = j3.1415 mΩ
Z C3 = 1/(jωC3 ) = −j1.06 · 106 Ω

Il circuito può essere ridisegnato come in Fig. 4.21 dove si è operata una
trasformazione di equivalenza, si sono introdotti i versi di misura di tensioni
e correnti di lato e si è indicato il nodo assunto come riferimento. Imponendo
234 CAPITOLO 4. RETI IN REGIME ALTERNATIVO SINUSOIDALE

I1 A I3 R3

I2
R1 1/(jwC 3)
Vl1 V l3
jwL 2 Vl2
+
V g1 Vg3
+

Figura 4.21: Circuito RLC trasformato.

il I Principio di Kirchhoff al nodo A si ottiene:

I1 − I2 − I3 = 0

La legge di Ohm generalizzata applicata ai tre lati permette di scrivere:

V l1 = V g1 − Z 1 I 1 = V A − 0
V l2 = Z L2 I 2 = V A − 0
V l3 = V g3 − (Z 3 + Z C3 ) I 3 = 0 − V A

Le precedenti equazioni possono essere riscritte in forma matriciale come:


     
1 −1 −1 0 I1 0
 Z1 0 0 1   I2
    V g1 

 0 −Z L2 · = 
0 1   I3   0 
0 0 Z R3 + Z C3 −1 VA V g3

La soluzione numerica fornisce:

I 1 = −1.2194 + j0.7141 A
I 2 = −2.2194 + j1.7141 A
I 3 = 1.0000 − j1.0000 A
V A = −0.0054 − j0.0070 V
4.5. TEOREMA DI THEVENIN E DI NORTON IN REGIME ALTERNATIVO SINUSOIDALE235

La potenza attiva e reattiva associate a ciascun bipolo sono di seguito


elencate con le rispettive convenzioni

PV g1 = |V g1 | · |I 1 | cos (φV g1 − φI1 ) = 1.9983 W C.d.G.


QV g1 = |V g1 | · |I 1 | sin (φV g1 − φI1 ) = 0.0123 Var C.d.G.
PV g3 = |V g3 | · |I 3 | cos (φV g3 − φI3 ) = 1.9984 W C.d.G.
QV g3 = |V g3 | · |I 3 | sin (φV g3 − φI3 ) = −2.122 · 106 Var C.d.G.
2
PR1 = R1 |I 1 | = 1.9967 W C.d.U.
PR3 = R3 |I 3 |2 = 2.000 W C.d.U.
2
QL2 = ωL2 |I 2 | = 0.0247 Var C.d.U.
1
QC3 = − |I 3 |2 = −2.1221 · 106 Var C.d.U.
ωC3

E’ immediato verificare che risulta verificato il Teorema di Boucherot:

PV g1 + PV g3 = PR1 + PR3 ∼
= 3.9967 W
QV g1 + QV g3 = QL2 + QC3 ∼
= −2.1221 · 106 Var

Codice Matlab per la soluzione del circuito

%
%Esercizio_AC_Tableau.m
% 1/4/2008
%
clean clear
Vg1=sqrt(2)*exp(j*pi*5/6);
Ig3=sqrt(2)*exp(-j*pi/4);

R1=1; R3=1;
L2=10*1e-6;
C3=3*1e-9;

freq=50;
w=2*pi*freq;

Z1=R1; ZR3=R3; ZC3=1/(j*w*C3); ZL2=j*w*L2;

% Metodo di Tableau
Vg3=ZC3*Ig3;
236 CAPITOLO 4. RETI IN REGIME ALTERNATIVO SINUSOIDALE

Zeq=R3+ZC3; A=[1 -1 -1 0;...


R1 0 0 1;...
0 -ZL2 0 1;...
0 0 Zeq -1];

B=[0;Vg1;0;Vg3];

X=A\B; I1=X(1); I2=X(2); I3=X(3); VA=X(4);

PVg1=abs(Vg1)*abs(I1)*cos(angle(Vg1)-angle(I1)); %C.d.G.
QVg1=abs(Vg1)*abs(I1)*sin(angle(Vg1)-angle(I1)); %C.d.G.
PVg3=abs(Vg3)*abs(I3)*cos(angle(Vg3)-angle(I3)); %C.d.G.
QVg3=abs(Vg3)*abs(I3)*sin(angle(Vg3)-angle(I3)); %C.d.G.

PR1=R1*abs(I1)^2; %C.d.U.
PR3=R3*abs(I3)^2; %C.d.U.
QL2=w*L2*abs(I2)^2; %C.d.U.
QC3=-1/(w*C3)*abs(I3)^2; %C.d.U.

Pg=PVg1+PVg3;
Qg=QVg1+QVg3;

Pu=PR1+PR3; Qu=QL2+QC3;

% Teorema di Boucherot
% Pg=Pu
% Qg=Qu
4.5. TEOREMA DI THEVENIN E DI NORTON IN REGIME ALTERNATIVO SINUSOIDALE237

4.5.1 Metodo dei nodi e delle maglie in regime alternativo


sinusoidale
I metodi dei nodi e delle maglie in regime alternativo sinusoidale hanno la
stessa impostazione vista in regime stazionario, nelle reti in corrente contin-
ua, tenendo presente che non si parlerà più di conduttanze nodali e resisten-
ze di maglia, ma di ammettenze nodali e impedenze di maglia; inoltre le
incognite saranno rappresentate dai fasori (numeri complessi) dei potenziali
nodali rispetto al nodo di riferimento e dalle correnti di maglia.
Il metodo dei nodi richiede dunque la soluzione del sistema: Il metodo dei nodi in
regime alternativo sinu-
[Y n ] · [V n ] = [I sn ] (4.5.3) soidale

Nel caso di reti prive di generatori ideali di tensione la matrice delle ammet-
tenze nodali Y n ed il vettore delle sorgenti di corrente di nodo I sn possono
essere costruiti per ispezione diretta della rete come visto nel Capitolo 1.
Il metodo delle maglie richiede dunque la soluzione del sistema: Il metodo delle maglie in
regime alternativo sinu-
[Z m ] · [I m ] = [V sm ] (4.5.4) soidale
Analogamente al metodo dei nodi, nel caso di reti prive di generatori ideali di
corrente la matrice delle impedenze di maglia Z m ed il vettore delle sorgenti
di tensione di maglia V sm possono essere costruiti per ispezione diretta della
rete come visto nel Capitolo 1.

4.5.2 Regola di scrittura rapida del sistema risolvente il cir-


cuito mediante il metodo dei nodi
Il sistema lineare da risolvere quando si utilizza il metodo dei nodi è:

[Y n ] · [V n ] = [I sn ]

Nel caso che nella rete non ci siano lati che risultino generatori ideali di
tensione è possibile costruire per ispezione diretta sia la matrice delle con-
duttanze nodali Y n che il vettore dei termini noti, detto anche delle sorgenti
di corrente nodali I sn .
Gli elementi della matrice delle ammettenze nodali Y n sono determinabili
in funzione delle ammettenze dei vari lati della rete elettrica in esame sec-
ondo le seguenti regole:
• ciascun elemento sulla diagonale principale Y n (i, i), detto auto-ammettenza
del nodo i, è uguale alla somma delle ammettenze di tutti i lati collegati
al nodo i;
238 CAPITOLO 4. RETI IN REGIME ALTERNATIVO SINUSOIDALE

• il generico elemento al di fuori della diagonale principale Y n (i, j), detto


ammettenza mutua tra il nodo i ed il nodo j, è invece uguale alla
somma, sempre cambiata di segno, delle ammettenze di tutti i lati che
collegano il nodo i ed il nodo j direttamente (senza passare per altri
nodi).
E’ altrettanto rapida la determinazione degli elementi del vettore delle sor-
genti di corrente nodali I sn , secondo la seguente regola:
• ciascun elemento del vettore I sn è pari alla somma algebrica delle
correnti erogate dai generatori ideali di corrente che hanno nel nodo
i un proprio estremo; sono da considerarsi positive quelle entranti nel
nodo i, negative quelle uscenti dal nodo i.

Matrice di interconnessione nodi-lati A


Determinati i potenziali nodali può essere utile determinare in modo au-
tomatico le tensioni di lato. A questo scopo è necessario caratterizzare l’in-
terconnessione tra i vari lati della rete mediante una matrice, detta matrice
di interconnessione nodi-lati A. Tale matrice è cosı̀ definita:

 +1 se il lato j esce dal nodo i
Aij = −1 se il lato j entra nel nodo i
0 se il lato j non esce nè entra nel nodo i

Le tensioni di lato possono essere calcolate in funzione dei potenziali nodali


come:
[V l ] = − [A]T [V n ]
se si usa la C.d.G. su tutti i lati;
[V l ] = [A]T [V n ]
se si usa la C.d.U. su tutti i lati;

4.5.3 Regola di scrittura rapida del sistema risolvente medi-


ante il metodo delle maglie
Il sistema lineare da risolvere quando si utilizza il metodo delle maglie è:
[Z m ] · [I m ] = [V sm ]
Nel caso che nella rete non ci siano lati che risultino generatori ideali di
corrente è possibile costruire per ispezione diretta sia la matrice delle impe-
denze di maglia Z m che il vettore dei termini noti, detto anche delle sorgenti
di tensione di maglia V sm .
4.5. TEOREMA DI THEVENIN E DI NORTON IN REGIME ALTERNATIVO SINUSOIDALE239

Gli elementi della matrice delle impedenze di maglia Z m sono deter-


minabili in funzione delle impedenze dei vari lati della rete elettrica in esame
secondo le seguenti regole:

• ciascun elemento sulla diagonale principale Z m (i, i), detto auto-impedenza


della maglia i, è uguale alla somma delle impedenze di tutti i lati
appartenenti alla maglia i;

• il generico elemento al di fuori della diagonale principale Z m (i, j),


detto impedenza mutua tra la maglia i e la maglia j, è invece uguale
alla somma algebrica delle impedenze di tutti i lati comuni alla maglia
i e alla maglia j; la somma è da considerarsi con il segno positivo o
negativo a seconda che le correnti di maglia assunte per le due maglie
risultino concordi o discordi sul lato comune alle due maglie.

E’ altrettanto rapida la determinazione degli elementi del vettore delle sor-


genti di tensione di maglia V sm , secondo la seguente regola:

• ciascun elemento del vettore V sm è pari alla somma algebrica delle


tensioni erogate dai generatori ideali di tensione che si trovano sulla
maglia i; sono da considerarsi positive o negative a seconda che agis-
cono nello stesso verso o in quello opposto rispetto all’orientamento
della corrente di maglia.
240 CAPITOLO 4. RETI IN REGIME ALTERNATIVO SINUSOIDALE

Analisi di una rete in regime alternativo sinusoidale mediante il


metodo dei nodi
Si consideri il circuito illustrato nella Fig. 4.22.

ig2 (t)

R2 L4
L6
L7
+ +
v g1 (t) vg5 (t)
R4
C7 R3 C3
R1 R5

Figura 4.22: Esempio di applicazione del metodo dei nodi in regime alternativo
sinusoidale.

Dati:
vg1 (t) = 4 sin(ωt − π/5) V, R1 = 2 Ω, ig2 (t) = −2 cos(ωt + π/3) A,
R2 = 4 Ω, R3 = 5 Ω, C3 = 4 µF, R4 = 3 Ω, L4 = 0.5 mH, R5 =
2 Ω, vg5 (t) = 3 cos(ωt + π/3) V, L6 = 1 mH, C7 = 2 µF, L7 = 2 mH,
f = 1 MHz.
Utilizzando il metodo dei nodi determinare:
• la pulsazione ω;

• tutte le impedenze e numericamente l’impedenza del lato 3;

• i fasori associati alle sorgenti di tensione e di corrente;

• il potenziale dei nodi indipendenti;

• la corrente nei lati;

• la potenza attiva e reattiva associate ai generatori e a tutti i componen-


ti passivi e verificare il teorema di Boucherot in base alle convenzioni
assunte su ciascun lato.
Soluzione
4.5. TEOREMA DI THEVENIN E DI NORTON IN REGIME ALTERNATIVO SINUSOIDALE241

La pulsazione è immediatamente esprimibile come

ω = 2πf = 6.28 · 106 rad/s

Come primo passo si associano i fasori alle sorgenti di tensione e di cor-


rente, dopo averle espresse tutte nella stessa forma, sinusoidale o cosinu-
soidale. In questo caso si assume di considerare come riferimento la funzione
cosinusoidale.
E’ bene ricordare le relazioni trigonometriche:
 π
cos α = sin α +
2
 π
sin α = cos α −
2
In base alla trasformazione nel dominio dei fasori e alle precedenti re-
lazioni trigonometriche (4.5.5), si può scrivere:
• vg1 (t) = 4 sin(ωt − π/5)
√ V−j7/10π
= 4 cos(ωt − π/5 − π/2) V = 4 cos(ωt −
π7/10) V 7→ V g1 = 4/ 2e V

• ig2 (t) = −2 cos(ωt + π/3) A 7→ I g2 = −2/ 2ejπ/3 A

• vg5 (t) = 3 cos(ωt + π/3) V 7→ V g5 = 3/ 2ejπ/3 V
L’analisi della rete permette di stabilire che, se non si operano trasformazioni
di equivalenza, nella rete ci sono l = 7 lati, n = 4 nodi, p = n − 1 = 3 nodi
indipendenti, m = l − p = 4 maglie indipendenti. E’ dunque conveniente
adottare il metodo dei nodi.
A questo scopo è necessario trasformare i generatori reali di tensione (V g1
e V g5 ) in generatori reali di corrente. Tale trasformazione porta a definire
i seguenti generatori ideali di corrente:
• I g1 = V g1 /R1 = −0.831 − j1.144 A

• I g5 = V g5 /R5 = 0.530 + j0.918 A


Tali generatori ideali di corrente sono da pensarsi in parallelo alle resistenze
R1 e R5 , come indicato nella Fig. 4.23, dove sono anche indicati il nodo
che viene assunto come riferimento dei potenziali, i nodi indipendenti e i
versi di misura di tutte le correnti di lato e di quelle nelle resistenze dei tre
generatori reali di corrente.
Ad ogni lato può essere associata univocamente un’impedenza:
1. Z 1 = R1 = 2 Ω
242 CAPITOLO 4. RETI IN REGIME ALTERNATIVO SINUSOIDALE

Ig2

I2
IR2
1
I7 R2 L4
I6 L6 2 IL4
L7 3
I3
I1 I4 I5
IR3 IC3 IR4 IR5
IR1 R4
C7 R3 C3 Ig1 R5
R1 Ig5

Figura 4.23: Rete trasformata.

2. Z 2 = R2 = 4 Ω
 
1 1
3. Z 3 = R3 jωC 3
/ R3 + jωC3 = 3.16 · 10−4 − j 3.97 · 10−2 Ω

4. Z 4 = R4 · jωL4 / (R4 + jωL4 ) = 2.99 + j 2.86 · 10−3 Ω

5. Z 5 = R5 = 2 Ω

6. Z 6 = jωL6 = j 6.28 · 103 Ω

7. Z 7 = jωL7 + 1/ (jωC7 ) = j 12.56 · 103 Ω

Essendo la rete di tipo canonico, senza generatori ideali di tensione, si può


applicare la regola di scrittura rapida del Metodo dei Nodi.

[Y n ] [V n ] = [I sn ]

dove
 
1/Z 2 + 1/Z 3 + 1/Z 6 + 1/Z 7 −1/Z 6 −1/Z 2
[Y n ] =  −1/Z 6 1/Z 6 + 1/Z 1 + 1/Z 4 −1/Z 4 
−1/Z 2 −1/Z 4 1/Z 2 + 1/Z 4 + 1/Z 5
 
−I g2
[I sn ] =  I g1 
I g2 + I g5
4.5. TEOREMA DI THEVENIN E DI NORTON IN REGIME ALTERNATIVO SINUSOIDALE243

I potenziali dei 3 nodi indipendenti sono pertanto:


   
V n1 0.0412 − j 0.0221
[V n ] = [Y n ]−1 [I sn ] =  V n2  =  −1.206 − j 1.697  V
V n3 −0.525 − j 0.809
Le correnti nei singoli lati possono essere determinate dalla conoscenza dei
potenziali nodali:
• I R1 = V n2 /Z 1 = −0.603 − j 0.848 A
• I R2 = (V n1 − V n3 ) /R2 = 0.141 + j 0.196 A
• I 3 = V n1 /Z 3 = 0.565 + j 1.028 A
• I 4 = (V n2 − V n3 ) /Z 4 = −0.227 − j 0.295 A
• I R5 = V n3 /Z 5 = −0.262 − j 0.404 A
• I 6 = (V n1 − V n2 ) /Z 6 = (2.66 − j 1.98) · 10−4 A
• I 7 = V n1 /Z 7 = (−1.76 − j3.26) · 10−6 A
Le correnti dei lati 1, 2, 5 possono essere calcolate con il I Principio di
Kirchhoff imposto negli opportuni nodi.
• I 1 + I g1 − I R1 = 0 → I 1 = I R1 − I g1 = 0.227 + j0.295 A
• −I 2 + I g2 + I R2 = 0 → I 2 = I g2 + I R2 = −0.565 − j 1.027 A
• I g5 + I 5 − I R5 = 0 → I 5 = −I g5 + I R5 = −0.792 − j 1.323 A
Le correnti I R3 , I C3 , I R4 , I L4 possono essere calcolate con la regola del par-
titore di corrente.
• I R3 = I 3 R31/(jωC3)
+1/(jωC3 ) = 8.21 · 10
−3 − j 4.32 · 10−3 A

R3
• I C3 = I 3 R3 +1/(jωC3)
= 0.557 + j 1.032 A

• I R4 = I 4 R4jωL
+jωL4 = −0.227 − j0.295 A
4

R4
• I L4 = I 4 R4 +jωL 4
= (−2.82 + j 2.16) · 10−4 A

Per il calcolo delle potenze si assume la convenzione degli utilizzatori (C.d.U.)


per tutti i lati; si fa inoltre riferimento alla rete di partenza.

Potenza attiva associata ai generatori (C.d.U.)


244 CAPITOLO 4. RETI IN REGIME ALTERNATIVO SINUSOIDALE


1. Pg1 = |V g1 | · |I 1 | cos φVg1 − φI1 = −1.054 W

2. Pg2 = |V n1 − V n3 | · |I g2 | cos φVn1 −Vn3 − φIg2 = −1.365 W

3. Pg5 = |V g5 | · |I 5 | cos φVg5 − φI5 = −3.272 W

Potenza reattiva associata ai generatori (C.d.U.)



1. Qg1 = |V g1 | · |I 1 | sin φVg1 − φI1 = −0.030 VAR

2. Qg2 = |V n1 − V n3 | · |I g2 | sin φVn1 −Vn3 − φIg2 = 0.136 VAR

3. Qg5 = |V g5 | · |I 5 | sin φVg5 − φI5 = −0.053 VAR

Potenza attiva dissipata nelle resistenze (C.d.U.)

1. PR1 = R1 |I 1 |2 = 0.278 W

2. PR2 = R2 |I R2 |2 = 0.235 W

3. PR3 = R3 |I R3 |2 = 4.35 · 10−4 W

4. PR4 = R4 |I R4 |2 = 0.417 W

5. PR5 = R5 |I 5 |2 = 4.760 W

Potenza reattiva associata alle induttanze e capacità (C.d.U.)


1
1. QC3 = − ωC 3
|I C3 |2 = −0.0547 VAR

2. QL4 = ωL4 |I L4 |2 = 3.98 · 10−4 VAR

3. QL6 = ωL6 |I 6 |2 = 6.945 · 10−4 VAR

4. QL7 = ωL7 |I 7 |2 = 1.733 · 10−7 VAR


1
5. QC7 = − ωC 7
|I 7 |2 = −1.09 · 10−12 VAR

Nel caso in esame è facile verificare il Teorema di Boucherot:

Pg1 + Pg2 + Pg5 + PR1 + PR2 + PR3 + PR5 = 0


Qg1 + Qg2 + Qg5 + QC3 + QL4 + QL6 + QL7 + QC7 = 0

Il segno con cui i vari contributi sono sommati è sempre lo stesso dato che,
in questo caso, si è assunta la convenzione degli utilizzatori in tutti i lati.
4.5. TEOREMA DI THEVENIN E DI NORTON IN REGIME ALTERNATIVO SINUSOIDALE245

Codice Matlab per il circuito risolto con il metodo dei nodi

%
% Es1_nodi_AC.m

clear
clc
close all
format long e

Vg1=4/sqrt(2)*exp(-j*pi/5-j*pi/2);
Ig2=-2/sqrt(2)*exp(j*pi/3);
Vg5=3/sqrt(2)*exp(j*pi/3);
%
R1=2;
R2=4;
R3=5; C3=4e-6;
R4=3; L4=0.5e-3;
R5=2;
L6=1e-3;
C7=2e-6; L7=2e-3;

f=1e6; w=2*pi*f;

Ig1=Vg1/R1;
Ig5=Vg5/R5;

Z1=R1;
Z2=R2;
Z3=R3/(j*w*C3)/(R3+1/(j*w*C3));
Z4=R4*j*w*L4/(R4+j*w*L4);
Z5=R5;
Z6=j*w*L6;
Z7=j*w*L7+1/(j*w*C7);

Y=[1/Z7+1/Z3+1/Z6+1/Z2 -1/Z6 -1/Z2;


-1/Z6 1/Z6+1/Z1+1/Z4 -1/Z4;
-1/Z2 -1/Z4 1/Z2+1/Z4+1/Z5];

Isn=[-Ig2; Ig1; Ig2+Ig5];


246 CAPITOLO 4. RETI IN REGIME ALTERNATIVO SINUSOIDALE

Vn=Y\Isn;

V1=Vn(1); V2=Vn(2); V3=Vn(3);

% Correnti nei singoli bipoli del circuito trasformato


IR1=V2/R1;
IR2=(V1-V3)/R2;
I3=V1/Z3;
I4=(V2-V3)/Z4;
IR5=V3/Z5;
I6=(V1-V2)/Z6;
I7=V1/Z7;

I1=-Ig1+IR1;
I2=Ig2+IR2;
I5=-Ig5+IR5;

IR3=I3*(1/(j*w*C3))/(R3+1/(j*w*C3));
IC3=I3*(R3)/(R3+1/(j*w*C3));
IR4=I4*(j*w*L4)/(R4+j*w*L4);
IL4=I4*(R4)/(R4+j*w*L4);

% Le potenze sono calcolate rispetto al circuito di partenza


Pg1=abs(Vg1)*abs(I1)*cos(angle(Vg1)-angle(I1));
Qg1=abs(Vg1)*abs(I1)*sin(angle(Vg1)-angle(I1));

Pg2=abs(V1-V3)*abs(Ig2)*cos(angle(V1-V3)-angle(Ig2));
Qg2=abs(V1-V3)*abs(Ig2)*sin(angle(V1-V3)-angle(Ig2));

Pg5=abs(Vg5)*abs(I5)*cos(angle(Vg5)-angle(I5));
Qg5=abs(Vg5)*abs(I5)*sin(angle(Vg5)-angle(I5));

PR1=R1*abs(I1)^2;
PR2=R2*abs(IR2)^2;
PR3=R3*abs(IR3)^2;
PR4=R4*abs(IR4)^2;
PR5=R5*abs(I5)^2;

QC3=-1/(w*C3)*abs(IC3)^2;
4.5. TEOREMA DI THEVENIN E DI NORTON IN REGIME ALTERNATIVO SINUSOIDALE247

QL4=w*L4*abs(IL4)^2;
QL6=w*L6*abs(I6)^2;
QL7=w*L7*abs(I7)^2;
QC7=-1/(w*C7)*abs(I7)^2;

P=Pg1+Pg2+Pg5+PR1+PR2+PR3+PR4+PR5;
Q=Qg1+Qg2+Qg5+QL4+QL6+QL7+QC3+QC7;

Q
248 CAPITOLO 4. RETI IN REGIME ALTERNATIVO SINUSOIDALE

Esercizio 4.5.17

Si consideri il circuito illustrato nella Fig. 4.24.

R3

C2
ig3 (t)

L5 R5
i g1 (t) R1
L2

vg4 (t)
R4
+

Figura 4.24: Esercizio proposto sull’applicazione del metodo dei nodi.

Dati: ig1 (t) = −3 sin(ωt + π/5) A, ig3 (t) = −2 cos(−ωt − π/3) A, vg4 (t) =
2 sin(ωt − π/3) V, R1 = 2 Ω, C2 = 1 nF, L2 = 1 µH, R3 = 2 Ω, R4 = 3 Ω,
L5 = 10 µH R5 = 3 Ω, con f = 50 Hz.

• Determinare il numero dei lati, dei nodi indipendenti e delle maglie


indipendenti;

• calcolare numericamente i fasori associati alle sorgenti di tensione e di


corrente;

• calcolare numericamente l’impedenza di tutti i lati della rete;

• calcolare il potenziale dei nodi indipendenti e la corrente che scorre in


tutti i lati;

• calcolare la potenza associata ai generatori e a tutti gli elementi passivi,


verificando il teorema di Boucherot (Tellegen) in base alle convenzioni
assunte su ciascun lato.

Codice Matlab per il circuito risolto con il metodo dei nodi

%
% Esercizio2_25_6_09.m
4.5. TEOREMA DI THEVENIN E DI NORTON IN REGIME ALTERNATIVO SINUSOIDALE249

clear
close all

Ig1=-3/sqrt(2)*exp(j*pi/5);
Ig3=-2/sqrt(2)*exp(j*5*pi/6);
Vg4=2/sqrt(2)*exp(-j*pi/3);
R1=2;
C2=1e-9;
L2=1e-6;
R3=2;
R4=3;
L5=10e-6;
R5=3;
f=50;
w=2*pi*f;
Ig4=Vg4/R4;

Z1=R1;
Z2=j*w*L2 + 1/(j*w*C2);
Z3=R3;
Z4=R4;
Z5=(j*w*L5*R5)/(j*w*L5+R5);

Yn=[1/Z1+1/Z2+1/Z3 -1/Z3 0;
-1/Z3 1/Z5+1/Z3 -1/Z5;
0 -1/Z5 1/Z4+1/Z5];
Isn = [Ig1-Ig3; Ig3; Ig4];
Vn= Yn \ Isn;

Vl1=Vn(1);
Vl2=Vn(1);
Vl3=Vn(2)-Vn(1);
Vl4=Vn(3);
Vl5=Vn(2)-Vn(3);

IR1= Vl1/Z1;
I1=Ig1-IR1;
I2= Vl2/Z2;
IR3= Vl3/Z3;
I3=Ig3-IR3;
250 CAPITOLO 4. RETI IN REGIME ALTERNATIVO SINUSOIDALE

IR4= Vl4/Z4;
I4=Ig4-IR4;
I5 = Vl5/Z5;

Pl1=abs(Vl1)*abs(Ig1)*cos(angle(Vl1)-angle(Ig1));
Ql1=abs(Vl1)*abs(Ig1)*sin(angle(Vl1)-angle(Ig1));
Pl2=abs(Vl2)*abs(I2)*cos(angle(Vl2)-angle(I2));
Ql2=abs(Vl2)*abs(I2)*sin(angle(Vl2)-angle(I2));
Pl3=abs(Vl3)*abs(Ig3)*cos(angle(Vl3)-angle(Ig3));
Ql3=abs(Vl3)*abs(Ig3)*sin(angle(Vl3)-angle(Ig3));
Pl4=abs(Vl4)*abs(Ig4)*cos(angle(Vl4)-angle(Ig4));
Ql4=abs(Vl4)*abs(Ig4)*sin(angle(Vl4)-angle(Ig4));
Pl5=abs(Vl5)*abs(I5)*cos(angle(Vl5)-angle(I5));
Ql5=abs(Vl5)*abs(I5)*sin(angle(Vl5)-angle(I5));
PR1=R1*abs(IR1)^2;
PR3=R3*abs(IR3)^2;
PR4=R4*abs(IR4)^2;
Ptot=Pl1-Pl2+Pl3+Pl4-Pl5-PR1-PR3-PR4
Qtot=Ql1-Ql2+Ql3+Ql4-Ql5

%
4.5. TEOREMA DI THEVENIN E DI NORTON IN REGIME ALTERNATIVO SINUSOIDALE251

Analisi di una rete in regime alternativo sinusoidale mediante il


metodo delle maglie
Si consideri il circuito illustrato nella seguente figura.

R2
1 2

R4
L1 R3 C4

ig1 (t)
L3
R1 L4

vg3 (t)
+

Figura 4.25: Esempio di applicazione del metodo delle maglie in regime alternativo
sinusoidale.

Dati: √
ig1 (t) = 2 · 10 sin(ωt + π/5) A, R1 = 1 Ω, L
√1 = 3 mH
R2 = 10 Ω, R3 = 3 Ω, L3 = 5 mH, vg3 (t) = 2·3 cos(ωt) V, R4 = 4 Ω, L4 =
3 mH, C4 = 3 mF, f = 50 Hz.
Determinare:

• la pulsazione ω;

• tutte le impedenze;

• i fasori associati alle sorgenti di tensione e di corrente;

• il potenziale dei nodi indipendenti;

• la corrente nei lati;

• la potenza attiva e reattiva associate ai generatori e a tutti i componen-


ti passivi e verificare il teorema di Boucherot in base alle convenzioni
assunte su ciascun lato.
252 CAPITOLO 4. RETI IN REGIME ALTERNATIVO SINUSOIDALE

Soluzione
La pulsazione è:
ω = 2πf ∼
= 314 rad/s
Come primo passo associamo i fasori alle sorgenti di corrente e di tensione
prendendo come riferimento delle fasi la funzione sinusoidale:

I g1 = 10ejπ/5
√ √
vg3 (t) = 2 · 3 cos(ωt) = 23 sin(ωt + π/2)
e dunque il fasore corrispondente è

V g3 3ejπ/2 = 3j V

Nella prospettiva di il metodo delle maglie si trasforma il generatore reale


di corrente nel corrispondente generatore reale di tensione:

V g1 = I g1 (R1 + jωL1 )

Le impedenze sono:

Z 1 = R1 + jωL1 , Z 2 = R2

Z 3 = R3 + jωL3
R4 /(jωC4 )
Z 4 = jωL4 +
R4 + 1/(jωC4 )
Il circuito trasformato è illustrato nella figura seguente insieme ai versi di
misura assunti per le correnti e le tensioni di lato.
Osservazioni:

• si è assunto il nodo 3 come nodo di riferimento dei potenziali;

• nel circuito trasformato si è lasciato in evidenza il nod1 perchè siamo


interessati a calcolarne il potenziale;

• la serie di L4 con il parallelo di R4 e C4 è considerato come un unico


lato di impedenza Z 4 ;

• senza operare altre trasformazioni il circuito trasformato ha l = 4 lati


(sebbene il lato 1 e il lato 2 siano in serie e possono essere ridotti ad un
unico lato), n = 3 nodi, p = n−1 = 2 nodi indipendenti, m = l −p = 2
maglie indipendenti.
4.5. TEOREMA DI THEVENIN E DI NORTON IN REGIME ALTERNATIVO SINUSOIDALE253

Vl2
R2
I2 2 I4
1
I R4 I C4
L1
R3 R4 C4
V l1
Vl3 I3
I m1 I m2
R1 L3 Vl4
I1 L4
Vg1 Vg3
I4
+ +
0

Figura 4.26: Circuito trasformato.

Volendo utilizzare il metodo delle maglie è necessario individuare le maglie


m indipendenti. In questo caso è possibile individuare le maglie indipendenti
direttamente guardando il circuito. Nella stessa figura 4.26 sono indicati i
versi assunti per le due correnti di maglia.
Essendo la rete di tipo canonico, cioè costituita da lati che sono generatori
reali di tensione (o di corrente) e da impedenze, è possibile scrivere il sistema
risolvente del metodo delle maglie per ispezione diretta:
[Z m ] [I m ] = [V sm ]
dove
 
R1 + R2 + R3 + jω(L1 + L3 ) −(R3 + jωL3 )
[Z m ] =
−(R3 + jωL3 ) (R3 + jωL3 ) + Z 4
 
14 + j2.5 −3 − j1.57
= Ω
−3 − j1.57 3.26 + j1.52
Il vettore dei termini noti (delle sorgenti di tensione di maglia) è:
   
−V g1 + V g3 −2.55 − j10.49
[V sm ] = = V
−V g3 −j3
La soluzione del sistema è:
 
−0.308 − j1.158
[I m ] = A
−0.591 − j1.857
254 CAPITOLO 4. RETI IN REGIME ALTERNATIVO SINUSOIDALE

Le correnti di lato possono essere ottenute da quelle di maglia come:

I 1 = −I m1 = 0.308 + j1.158 A

I 2 = I m1 = −0.308 − j1.158 A
I 3 = I m1 − I m2 = 0.282 + j0.698 A
I 4 = I m2 = −0.591 − j1.857 A
Le correnti in R4 e C4 possono essere calcolate con la regola del partitore di
corrente:

I C4 = I 4 · R4 /(R4 + 1/(jωC4 )) = −0.092 − j1.882 A

I R4 = I 4 · 1/(jωC4 )/(R4 + 1/(jωC4 )) = −0.499 + j0.024 A


La corrente in R1 e L1 nel circuito di partenza è:

I R1 = I L1 = I 1 − I g1 = −7.7814 − j4.7189 A

Le tensioni di lato e i potenziali nodali sono:

V l1 = V 1 = Z 1 I 1 − V g1 = −3.336 − j12.048 V

V l3 = V l4 = V 2 = Z 3 I 3 − V g3 = −0.248 − j0.459 V
V l2 = V 1 − V 2 = −3.0880 − j11.5890 V
Si procede infine al calcolo delle potenze, specificando anche la convenzione
che si adottata e che deve essere utilizzata per interpretare i risultati.
Potenze erogate dai generatori, nel circuito di partenza:

Pg1 = |V 1 | · |I g1 | cos(φV 1 − φI g ) = −97.81 W C.d.U.


1

Qg1 = |V 1 | · |I g1 | sin(φV 1 − φI g ) = −77.87 Var C.d.U.


1

Pg3 = |V g3 | · |I 3 | cos(φV g − φI 3 ) = 2.09 W C.d.G.


3

Qg3 = |V g3 | · |I 3 | sin(φV g − φI 3 ) = 0.848 Var C.d.G.


3

Potenze associate agli elementi passivi (R,L,C), nel circuito di partenza:

PR1 = R1 |I R1 |2 = 82.81 W C.d.U.

PR2 = R2 |I 2 |2 = 14.38 W C.d.U.


PR3 = R3 |I 3 |2 = 1.704 W C.d.U.
4.5. TEOREMA DI THEVENIN E DI NORTON IN REGIME ALTERNATIVO SINUSOIDALE255

PR4 = R4 |I R4 |2 = 1 W C.d.U.
QL1 = ωL1 |I L1 |2 = 78.01 Var C.d.U.
QL3 = ωL3 |I 3 |2 = 0.89 Var C.d.U.
QC4 = −1/(ωC4 )|I C4 |2 = −3.76 Var C.d.U.
QL4 = ωL4 |I 4 |2 = 3.58 Var C.d.U.
Bilancio delle potenze

Pg,tot = Pg3 − Pg1 = 99.91 W C.d.G.

Qg,tot = Qg3 − Qg1 = 78.72 Var C.d.G.


PR,tot = PR1 + PR2 + PR3 + PR4 = 99.91 W C.d.U.
QLC,tot = QL1 + QL3 + QC4 + QL4 = 78.71 W C.d.U.
Dunque il bilancio delle potenze è verificato come previsto sal Teorema di
Boucherot:
Pg,tot = PR,tot Qg,tot = QLC,tot
Nel verificare questo bilancio si tenga presente che si è assunto che tutte le
potenze associate ai generatori sono state espresse con la Convenzione dei
Generatori e tutte quelle associate a resistenza, induttanze e capacità sono
state espresse con la Convenzione degli Utilizzatori.
256 CAPITOLO 4. RETI IN REGIME ALTERNATIVO SINUSOIDALE

Si riporta di seguito il listato del codice Matlab che analizza il circuito sia
con il metodo delle maglie che con il metodo dei nodi:

% Es1_maglie_ac.m

clear all
close all
clc
w=314;
Ig1=10*exp(j*pi/5);
Vg3=3*exp(j*pi/2);

R1=1; L1=3e-3;
R2=10;
R3=3; L3=5e-3;
R4=4; L4=3e-3; C4=3e-3;

Z1=R1+j*w*L1;
Z2=R2;
Z3=R3+j*w*L3;
Z4=j*w*L4+R4*1/(j*w*C4)/(R4+1/(j*w*C4));

% Generatore ideale di tensione equivalente secondo Thevenin


% al generatore Ig1 in parallelo a Z1
Vg1=Ig1*Z1;

% Applicazione della regola di scrittura rapida del


% sistema risolvente per il metodo delle maglie

Zm=[Z1+Z2+Z3 -Z3;-Z3 Z3+Z4];


Vsm=[-Vg1+Vg3;-Vg3];
Im=Zm\Vsm;

% Correnti di lato
Il1=-Im(1);
Il2=Im(1);
Il3=Im(1)-Im(2);
Il4=Im(2);
IC4=Il4*R4/(R4+1/(j*w*C4));
IR4=Il4*1/(j*w*C4)/(R4+1/(j*w*C4));
4.5. TEOREMA DI THEVENIN E DI NORTON IN REGIME ALTERNATIVO SINUSOIDALE257

% Potenziali nodali
V1=Z1*Il1-Vg1;
V2=Z3*Il3-Vg3;
V22=Z4*Il4;

IRL1=V1/Z1;

% Potenza erogata dai generatori nel circuito di partenza


Pg1=abs(Ig1)*abs(V1)*cos(angle(Ig1)-angle(V1)); % C.d.U.
Qg1=abs(Ig1)*abs(V1)*sin(angle(V1)-angle(Ig1)); % C.d.U.

Pg3=abs(Vg3)*abs(Il3)*cos(angle(Il3)-angle(Vg3)); % C.d.G.
Qg3=abs(Vg3)*abs(Il3)*sin(angle(Vg3)-angle(Il3)); % C.d.G.

% Potenza attiva assorbita dalle resistenze nel circuito di partenza


PR1=R1*abs(IRL1)^2;
PR2=R2*abs(Il2)^2;
PR3=R3*abs(Il3)^2;
PR4=R4*abs(IR4)^2;

% Potenza reattiva assorbita dai componenti reattivi


QL1=w*L1*abs(IRL1)^2;
QL3=w*L3*abs(Il3)^2;
QC4=-1/(w*C4)*abs(IC4)^2;
QL4=w*L4*abs(Il4)^2;

% Bilancio delle potenze attive e reattive


Pg=Pg3-Pg1;
Qg=Qg3-Qg1;
PR=PR1+PR2+PR3+PR4;
QLC=QL1+QL3+QL4+QC4;

% Soluzione con il metodo dei nodi


Ym=[1/Z1+1/Z2 -1/Z2;-1/Z2 1/Z2+1/Z3+1/Z4];
Isn=[-Ig1;-Vg3/Z3];
Vn=Ym\Isn;

IR2=(Vn(1)-Vn(2))/R2;
258 CAPITOLO 4. RETI IN REGIME ALTERNATIVO SINUSOIDALE

% ok, i potenziali nodali coincidono con quelli calcolati


% con il metodo delle maglie
Bibliografia

[1] S. Cristina. Appunti di Elettrotecnica, Volume I. Edizioni Progetto


Leonardo, Bologna, 1998.

[2] A. Liberatore, S. Manetti, M. C. Piccirilli, A. Reatti. Circuiti elettrici


ed elettronici. Esercizi commentati e risolti, vol. 1. Progetto Leonardo,
Bologna, 2003.

[3] S. Cristina. Appunti di Elettrotecnica, Volume II. Edizioni Progetto


Leonardo, Bologna, 1998.

[4] T. Scozzafava. Corso di Elettrotecnica. Edizioni Japadre, 1976.

[5] M. D’Amore. Elettrotecnica, Volume I. Edizioni Scientifiche Siderea,


1994.

[6] M. D’Amore. Elettrotecnica, Volume II. Edizioni Scientifiche Siderea,


1994.

259
260 BIBLIOGRAFIA
Capitolo 5
Sistemi trifase in regime
alternativo sinusoidale

5.1 Sistemi polifase

Definiamo sistema polifase simmetrico un complesso di n circuiti in cui


agiscono n sorgenti di tensione (corrente) caratterizzate da uguale ampiezza
e frequenza e sfasate, una rispetto all’altra di un angolo


α= (5.1.1)
n

 π
e1 (t) = E1M sin ωt +
 2 
π 2π
e2 (t) = E2M sin ωt + −
2 n
 
π 4π
e3 (t) = E3M sin ωt + − (5.1.2)
2 n
.. ..
. = .  
π 2(n − 1)π
en (t) = EnM sin ωt + −
2 n

con E1M = E2M = E3M = · · · = EnM . I corrispondenti fasori sono dunque:

261
262CAPITOLO 5. SISTEMI TRIFASE IN REGIME ALTERNATIVO SINUSOIDALE

E 1 = E1 ejπ/2
E 2 = E2 ej(π/2−2π/n)
E 3 = E3 ej(π/2−4π/n) (5.1.3)
.. .
. = ..
E n = En ej(π/2−2(n−1)π/n)
con E1 = E2 = E3 = · · · = En = E√1M
2
.
La somma degli n fasori costituenti il sistema polifase è sempre uguale
a zero.

E1 E1

120 o 120 o

0 0
E3 E2 E2 E3

(a) (b)

E1
60 o
E6 E2

0
E5 E3
E4

(c)

Figura 5.1: Vettori rappresentativi delle grandezze elettriche di un sistema


trifase di sequenza diretta (a), di sequenza inversa (b) e di un sistema esafase
(c).

Nella Fig. 5.1 sono riportati due sistemi trifase simmetrici di tensioni rapp-
resentati nel piano di Gauss. In tale caso lo sfasamento tra i fasori è di 2π/3
radianti.
Nel caso del sistema trifase simmetrico di tensioni di sequenza di-
retta, Fig. 5.1a, i fasori corrispondenti alle tre tensioni sinusoidali iso-
5.1. SISTEMI POLIFASE 263

frequenziali possono essere espressi in funzione del primo come di seguito


descritto:
E1
E 2 = E 1 e−j2π/3 (5.1.4)
−j4π/3
E3 = E 1e
Per un sistema trifase simmetrico di tensioni di sequenza inversa,
Fig. 5.1b, si ha:
E1
E 2 = E 1 ej2π/3 (5.1.5)
j4π/3
E3 = E1e
In Fig. 5.1c è illustrato un sistema esafase.
Ipotizziamo che le tensioni sinusoidali di un sistema trifase simmetrico di
sequenza diretta siano generate da tre generatori indipendenti che alimen-
tano tre carichi attraverso un sistema di tre+tre conduttori di collegamen-
to, come indicato in Fig. 5.2. I conduttori di linea sono caratterizzati da
Generatore trifase Sistema di interconnessione Carico trifase
generatore-carico

s1 ZL I1 1

s2 ZL I2
2
s3 ZL I3 3
Es1 Es2 Es3

Z3 Z2 Z1

ZL
c c'
ZL
b b'
ZL
a a'

E1
I1
I3
0 E2
E3 I2

Figura 5.2: Origine di un sistema trifase.

un’impedenza di tipo ohmico-induttivo:


Z L = RL + jωLL (5.1.6)
264CAPITOLO 5. SISTEMI TRIFASE IN REGIME ALTERNATIVO SINUSOIDALE

Se le tre impedenze di carico sono uguali tra loro Z 1 = Z 2 = Z 3 = Z


(carico equilibrato) e tali risultano anche le impedenze dei conduttori di
collegamento, le correnti nei tre circuiti sono date da:

E1
I1 =
2Z L + Z
E2 E1
I2 = = e−j2π/3 = I 1 e−j2π/3 (5.1.7)
2Z L + Z 2Z L + Z
E3 E1
I3 = = e−j4π/3 = I 1 e−j4π/3
2Z L + Z 2Z L + Z

Nell’ipotesi di impedenze Z e Z L di tipo ohmico-induttivo, si otterrà un


sistema trifase simmetrico di correnti che, nel piano di Gauss, saranno
rappresentate come in Fig. 5.2.
Ciascun circuito è indipendente dagli altri. Si immagini ora di mettere
in comune i morsetti a,b,c dei tre generatori e i morsetti a’,b’,c’ dei tre
utilizzatori.
Tale operazione genera il circuito, illustrato nella seguente figura 5.3, in cui
i tre generatori e le tre impedenze di carico sono collegate a stella con
morsetti comuni, denotati con 0 e 0′ , chiamati centri stella.

s1 ZL I1 1

s2 ZL I2 2
s3 ZL I3 3
Es1 Es2 Es3

Z3 Z2 Z1

I0 Z0 V1
V3 V2
0 0'

Figura 5.3: Sistema trifase interconnesso a stella.

I tre conduttori che costituiscono il ritorno sono in parallelo e possono essere


sostituiti da un solo conduttore, detto conduttore di neutro, di impedenza
Z 0 . Si scelga il nodo 0 come riferimento dei potenziali. Per tale circuito si
5.1. SISTEMI POLIFASE 265

può scrivere:

E s1 = (Z 1 + Z L ) I 1 + Z 0 I 0 = (Z 1 + Z L ) I 1 + V 0′ 0
E s2 = (Z 2 + Z L ) I 2 + Z 0 I 0 = (Z 2 + Z L ) I 2 + V 0′ 0 (5.1.8)
E s3 = (Z 3 + Z L ) I 3 + Z 0 I 0 = (Z 3 + Z L ) I 3 + V 0′ 0

dove V 0′ 0 = V ′0 − V 0 = V ′0 = Z 0 I 0 avendo assunto il nodo 0 come riferi-


mento dei potenziali. Imponendo il I Principio di Kirchhoff al nodo 0 si può
anche scrivere:
I1 + I2 + I3 = I0 (5.1.9)

Nell’ipotesi assunta che Z 1 = Z 2 = Z 3 = Z, sommando le tre equazioni (5.1.8)


si ottiene:

E s1 + E s2 + E s3 = (Z + Z L ) (I 1 + I 2 + I 3 ) + 3Z 0 I 0 (5.1.10)

Il sistema trifase delle tensioni di alimentazione ha sicuramente risultante


nulla E s1 + E s2 + E s3 = 0 e dunque, in virtù della (5.1.9), si ottiene:

(Z + Z L ) (I 1 + I 2 + I 3 ) + 3Z 0 I 0 → (3Z 0 + Z L + Z) I 0 = 0 (5.1.11)

Tale relazione dimostra che, nelle ipotesi assunte, si ha:

I0 = 0 (5.1.12)

e dunque, se il sistema di alimentazione è simmetrico nelle tensioni ed equi-


librato nei carichi, è possibile eliminare fisicamente il conduttore di neutro
in quanto non è percorso da corrente.
In genere i carichi reali non sono mai completamente equilibrati ed il con-
duttore di neutro è dunque interessato da correnti di intensità comunque
ridotta ed è pertanto progettato di sezione inferiore rispetto ai conduttori
del sistema di interconnessione (conduttori di fase).
In definitiva si possono riscrivere le equazioni (5.1.8) come:

E s1 = (Z 1 + Z L ) I 1 = (Z + Z L ) I 1
E s2 = (Z 2 + Z L ) I 2 = (Z + Z L ) I 2 (5.1.13)
E s3 = (Z 3 + Z L ) I 3 = (Z + Z L ) I 3
266CAPITOLO 5. SISTEMI TRIFASE IN REGIME ALTERNATIVO SINUSOIDALE

Tali relazioni suggeriscono il fatto che il circuito trifase è decomponibile in


tre circuiti monofase. Per essi valgono le seguenti relazioni:
E s1
I1 =
(Z + Z L )
E s2 E s1
I2 = = e−j2π/3 = I 1 e−j2π/3 (5.1.14)
(Z + Z L ) (Z + Z L )
E s3 E s1
I3 = = e−j4π/3 = I 1 e−j4π/3
(Z + Z L ) (Z + Z L )
Non è dunque necessario studiare tre distinti circuiti, ma è sufficiente studi-
are una fase in termini del suo circuito monofase equivalente e poi ottenere
le grandezze elettriche (tensioni e correnti) delle altre due fasi applicando
gli operatori e−j2π/3 e e−j4π/3 .
Il circuito monofase equivalente è illustrato in Fig. 5.4.

s1 ZL I1 1

Es1 V1 Z1

0 0'

Figura 5.4: Circuito monofase equivalente.

Le tensioni che alimentano le tre impedenze di carico risulteranno:

V 1 = Z 1 I 1 = ZI 1
V 2 = Z 2 I 2 = ZI 2 = V 1 e−j2π/3 (5.1.15)
−j4π/3
V 3 = Z 3 I 3 = ZI 3 = V 1 e

5.1.1 Tensioni di fase stellate e tensioni concatenate


Nel sistema trifase fin qui considerato, simmetrico nelle tensioni di alimen-
tazione ed equilibrato nei carichi, le tre impedenze di carico sono interessate
dalle stesse correnti che attraversano i generatori e i conduttori della linea
di interconnessione che prendono il nome di correnti di linea. Le d.d.p. tra i
conduttori di linea sono diverse dalle tensioni ai capi delle singole impedenze
5.1. SISTEMI POLIFASE 267

che costituiscono l’utenza. Le prime vengono chiamate tensioni concate-


nate, le seconde tensioni di fase stellate. La loro rappresentazione nel
piano di Gauss dà luogo al seguente diagramma fasoriale illustrato in Fig.
5.5.

p/6

Figura 5.5: Tensioni di fase stellate (V 1 , V 2 , V 3 ) e tensioni concatenate


(V 12 , V 23 , V 31 ).

Le tensioni concatenate possono essere espresse in funzione delle tensioni


stellate come:

V 12 = V 1 − V 2 V 23 = V 2 − V 3 V 31 = V 3 − V 1 (5.1.16)

Si può facilmente verificare che, assumendo tensioni di sequenza diretta,


la tensione concatenata tra due fasi m e n, V mn , può essere espressa in
funzione della tensione di fase V m attraverso la seguente relazione:

V mn = 3V m ejπ/6 (5.1.17)

da cui discende un’utile relazione che lega i moduli dei fasori delle tensioni
concatenate e di quelle stellate:

|V mn | = 3|V m | (5.1.18)

E’ bene sottolineare che tale relazione vale solo nel caso di un sistema trifase
simmetrico nelle tensioni di alimentazione ed equilibrato nei carichi.
268CAPITOLO 5. SISTEMI TRIFASE IN REGIME ALTERNATIVO SINUSOIDALE

5.1.2 Caso di centro stella dell’utenza isolato


Se si rimuove il conduttore di neutro, il sistema trifase che si ottiene è
illustrato nella Fig. 5.6:

s1 ZL I1 1

s2 ZL I2 V 31
2 V12
s3 ZL I3 3
Es1 Es2 Es3 V23

Z3 Z2 Z1

V3 V2 V1
0 0'

Figura 5.6: Sistema trifase con il centro stella dell’utenza isolato.

Il potenziale del nodo 0′ , centro stella dell’utenza, rispetto al nodo 0, cen-


tro stella dell’alimentazione, assunto come riferimento, può essere calcolato
mediante la formula di Millmann:
P3
i=1 E si Y i
V 0′ 0 = V 0′ = P 3 (5.1.19)
i=1 Y i

avendo assunto con Y i = 1/ (Z L + Z i ).


Tale relazione vale anche se il carico è squilibrato e dunque risulta Z 1 6=
Z 2 6= Z 3 .
Nel caso particolare di carico equilibrato Z 1 = Z 2 = Z 3 , e dunque, Y 1 =
Y 2 = Y 3 = Y , si ottiene:

Y 3i=1 E si
P
V 0′ = =0 (5.1.20)
3Y
5.1. SISTEMI POLIFASE 269

5.1.3 Circuito trifase simmetrico nelle tensioni di alimen-


tazione e squilibrato nelle correnti
Si consideri di nuovo il sistema trifase simmetrico nelle tensioni che alimenta,
attraverso un sistema di interconnessione trifase di impedenza Z L un carico
che si assume squilibrato, di impedenze Z 1 6= Z 2 6= Z 3 . Si ipotizzi presente
il conduttore di neutro.

s1 ZL I1 1

s2 ZL I2 2
s3 ZL I3 3
Es1 Es2 Es3

Z3 Z2 Z1

I0 Z0 V1
V3 V2
0 0'

Figura 5.7: Sistema trifase simmetrico nelle tensioni di alimentazione e


squilibrato nelle correnti.

Il potenziale del centro stella dell’utenza 0′ rispetto a quello 0 del generatore,


assunto come riferimento, può essere calcolato per mezzo della formula di
Millmann:
P3 E s1 + E s2 + E s3
i=1 Y i E si
Z 1 +Z L Z 2 +Z L Z 3 +Z L
V 0′ 0 = V 0′ = 3=
Y 0 + Z +Z + Z +1 Z + Z +1 Z
1
P
i=0 Y i 1 L 2 L 3 L
(5.1.21)
Noto questo potenziale, considerando la Fig. 5.7, è immediato calcolare le
correnti di linea,
E s1 − V 0′ E s2 − V 0′ E s3 − V 0′
I1 = I2 = I3 = (5.1.22)
ZL + Z1 ZL + Z2 ZL + Z3
le tensioni di fase,

V 1 = Z 1I 1 V 2 = Z 2I 2 V 3 = Z3I 3 (5.1.23)

ed infine la corrente nel conduttore di neutro:


V 0′ 0
I0 = = I1 + I2 + I3 (5.1.24)
Z0
270CAPITOLO 5. SISTEMI TRIFASE IN REGIME ALTERNATIVO SINUSOIDALE

La potenza attiva e reattiva assorbite dal carico risultano essere

P = P1 + P2 + P3 (5.1.25)
= |V 1 | · |I 1 | cos (φV1 − φI1 ) + |V 2 | · |I 2 | cos (φV2 − φI2 ) + |V 3 | · |I 3 | cos (φV3 − φI3 )
Q = Q1 + Q2 + Q3 (5.1.26)
= |V 1 | · |I 1 | sin (φV1 − φI1 ) + |V 2 | · |I 2 | sin (φV2 − φI2 ) + |V 3 | · |I 3 | sin (φV3 − φI3 )

La potenza attiva e reattiva assorbite dalla linea sono:

PL = PL1 + PL2 + PL3 = RL |I 1 |2 + RL |I 2 |2 + RL |I 3 |2 (5.1.27)


QL = QL1 + QL2 + QL3 = XL |I 1 |2 + XL |I 2 |2 + XL |I 3 |2
(5.1.28)

avendo indicato con RL = Re(Z L ) e XL = Im(Z L ) = ωLL la resistenza e


la reattanza globali della linea.
La potenza attiva e reattiva erogate dal generatore trifase sono:

Pg = Pg1 + Pg2 + Pg3 (5.1.29)


= |E s1 | · |I 1 | cos (φEs1 − φI1 ) + |E s2 | · |I 2 | cos (φEs2 − φI2 ) + |E s3 | · |I 3 | cos (φE3 − φI3 )
Qg = Qg1 + Qg2 + Qg3 (5.1.30)
= |E s1 | · |I 1 | sin (φEs1 − φI1 ) + |E s2 | · |I 2 | sin (φEs2 − φI2 ) + |E s3 | · |I 3 | sin (φEs3 − φI3 )

Il conduttore di neutro assorbirà una potenza attiva e reattiva pari a:



P0 = |V 0′ 0 | · |I 0 | cos φV0′ 0 − φI0 (5.1.31)

Q0 = |V 0′ 0 | · |I 0 | sin φV0′ 0 − φI0 (5.1.32)

Il teorema di Boucherot applicato al sistema trifase complessivo permette di


scrivere:

Pg − PL − P − P0 = 0 (5.1.33)
Qg − QL − Q − Q0 = 0 (5.1.34)

dove si è tenuto conto che le potenze attiva e reattiva associate al generatore


sono state valutate con la convenzione dei generatori e tutte le altre con
quella degli utilizzatori.

5.1.4 Collegamento a triangolo


I generatori di tensione precedentemente considerati possono essere connessi
a triangolo invece che a stella. In tale caso forniscono le tensioni concatenate
5.1. SISTEMI POLIFASE 271

Vs12 Vs31 V12

Vs23 V23 V31


s1 s2 s3

~ Vs12 ~ Vs23 ~ Vs31

Es1
Es3 Vs31

Vs12 Vs23 0 Vs12

Vs31 Vs23 Es2

Figura 5.8: Trasformazione di un generatore di tensione trifase con collegamento


a triangolo in uno equivalente con collegamento a stella.

V smn , m, n = 1, 2, 3. Analogamente, le tre impedenze di carico possono


essere collegate a triangolo, di valore Z ∆ . Il sistema trifase che ne deriva è
illustrato in Fig. 5.1.4 dove si è assunto il carico equilibrato.
Ai tre generatori di tensione V smn collegati a triangolo possono essere
sostituiti tre generatori di tensione collegati a stella secondo la regola:

V smn
E sm = √ e−jπ/6 (m, n = 1, 2, 3) (5.1.35)
3

Per stabilire la relazione di equivalenza tra le tensioni dei generatori collegati


a triangolo e quelle dei generatori collegati a stella, si deve individuare un
centro stella virtuale che sarà assunto come riferimento dei potenziali del
sistema trifase complessivo. Si faccia riferimento alla Fig. 5.9.
Come potenziale di riferimento viene assunto quello del punto 0 del piano
complesso corrispondente al baricentro del triangolo costruito con le tensioni
concatenate V s12 , V s23 , V s31 .
E’ immediato verificare che tra le tensioni del generatore con collega-
mento a triangolo e quelle equivalenti con collegamento a stella sussistono
272CAPITOLO 5. SISTEMI TRIFASE IN REGIME ALTERNATIVO SINUSOIDALE

s1 I1 1
ZL
s2 I2 2
s3 ZL I3 3
Es1 Es2 Es3
ZL
Z3 Z2 Z1

V3 V2 V1
0 0'

Figura 5.9: Sistema trifase simmetrico nelle tensioni ed equilibrato nei


carichi caratterizzato da collegamento a stella equivalente a quello con
collegamento a triangolo.

le seguenti relazioni:

V s12 −jπ/6
E s1 = √ e (5.1.36a)
3
V s23 −jπ/6
E s2 = √ e (5.1.36b)
3
V s31 −jπ/6
E s3 = √ e (5.1.36c)
3

Vengono cosı̀ individuati univocamente i fasori del sistema trifase sim-


metrico di tensioni stellate E s1 , E s2 , E s3 .
Analogamente, alle tre impedenze Z ∆ collegate a triangolo si sostituiscono
tre impedenze Z=Z ∆ /3 collegate a stella. Il sistema trifase cosı̀ ottenuto,
caratterizzato da collegamenti a stella sia dell’alimentazione che del carico,
è illustrato nella Fig. 5.9 dove si assume Z 1 = Z 2 = Z 3 = Z.
Essendo il sistema trifase simmetrico nelle tensioni di alimentazione ed
equilibrato nei carichi i due centri stella 0 e 0′ sono allo stesso potenziale.
Tale sistema trifase può essere studiato con un circuito monofase equiv-
alente. In modo analogo a prima, dall’analisi del circuito monofase equiv-
alente si determinano le correnti di linea I 1 , I 2 , I 3 , le tensioni delle fasi
trasformate V 1 , V 2 , V 3 che individuano i potenziali dei tre morsetti del
carico, 1,2 e 3 rispetto al riferimento 0, centro stella virtuale del sistema
di alimentazione. Le tensioni di fase del carico interconnesso a triangolo
5.1. SISTEMI POLIFASE 273

s1 ZL I1 1

Es1 V1 Z

0 0'

Figura 5.10: Circuito monofase equivalente al sistema interconnesso a triangolo.

possono essere valutate come:

V 12 = V 1 − V 2 V 23 = V 2 − V 3 V 31 = V 3 − V 1 (5.1.37)

Le tre tensioni di fase in questo caso coincidono con le tensioni concatenate


e sono pari a:
V ij
V ij = Z ∆ J ij → J ij = , i, j = 1, 2, 3 (5.1.38)
Z∆
Dunque, calcolate le tre tensioni concatenate V ij in corrispondenza del
carico, si possono ottenere le correnti di fase:
V 12 V 23 V 31
J 12 = J 23 = J 31 = (5.1.39)
Z∆ Z∆ Z∆
Il I Principio di Kirchhoff applicato ai nodi 1, 2, e 3 della rete, nella
sezione di carico, fornisce il legame tra le correnti di linea e le correnti che
attraversano ciascuna fase (correnti di fase):

I 1 = J 12 − J 31 I 2 = J 23 − J 12 I 3 = J 31 − J 23 (5.1.40)

In termini di fasori si ottiene:


√ √ √
I 1 = 3J 12 e−jπ/6 I 2 = 3J 23 e−jπ/6 I3 = 3J 31 e−jπ/6 (5.1.41)

Nel piano di Gauss è possibile costruire i corrispondenti diagrammi di fasori.


274CAPITOLO 5. SISTEMI TRIFASE IN REGIME ALTERNATIVO SINUSOIDALE

Figura 5.11: Correnti di fase J 12 , J 23 , J 31 e correnti di linea I 1 , I 2 , I 3 .


5.1. SISTEMI POLIFASE 275

5.1.5 Analisi di una rete trifase simmetrica nelle tensioni ed


equilibrata nei carichi

Vs12 Vs31
Vs23
s1 s2 s3

~ Vs12 ~ Vs23 ~ Vs31

Figura 5.12: Sistema trifase simmetrico nelle tensioni ed equilibrato nelle correnti.

Si ipotizzi che il sistema delle tensioni di alimentazione sia simmetrico di


sequenza diretta. In base a quanto visto in precedenza, le tensioni stellate
equivalenti possono essere scritte come:

V s12 V s23 V s31


E s1 = √ e−jπ/6 , E s2 = √ e−jπ/6 , E s3 = √ e−jπ/6 (5.1.42)
3 3 3
Al carico trifase collegato a triangolo se ne può sostituire uno equivalente
collegato a stella con Z Te = 13 Z ∆ . Il circuito monofase equivalente che ne
deriva è illustrato in Fig: 5.13.

s1 ZL I1 1
I 1S I1T
Es1 V1 Zs Z eT

0 0'

Figura 5.13: Circuito monofase equivalente del sistema trifase in Fig. 5.12.

Si osservi che il centro stella virtuale generato dalla trasformazione del secon-
do carico trifase nel passaggio dal collegamento a triangolo al collegamento
a stella si trova allo stesso potenziale del centro stella, reale, del primo cari-
co trifase e che entrambi si trovano allo stesso potenziale del centro stella
276CAPITOLO 5. SISTEMI TRIFASE IN REGIME ALTERNATIVO SINUSOIDALE

generato dall’analoga trasformazione del generatore trifase; ciò è conseguen-


za del fatto che il sistema trifase considerato è simmetrico nelle tensioni di
alimentazione ed equilibrato nei carichi.
La corrente di linea è:
E s1
I1 = T (5.1.43)
ZL + TZ e ZS
Z e +Z S
Le correnti nei due carichi, per la regola del partitotre di corrente, valgono
rispettivamente:

Z Te ZS
I S1 = I1 I T1 = I1 (5.1.44)
Z S + Z Te Z S + Z Te

La tensione della fase 1 nel sistema trasformato è:

V 1 = Z S I S1 = Z Te I T1 (5.1.45)

Le tensioni V 2 e V 3 possono ottenersi da V 1 operando l’opportuno sfasa-


mento di 2/3π e 4/3π in ritardo, rispettivamente.
Note le tensioni stellate V 1 , V 2 e V 3 si possono ottenere le effettive correnti
che circolano nelle fasi dal carico collegato a triangolo.
V ij Vi−Vj
J ij = = (5.1.46)
Z∆ Z∆
per i = 1, 2, 3; j = 1, 2, 3; i 6= j. Naturalmente le altre due correnti di fase
dei due carichi trifase sono caratterizzate dallo stesso modulo e sono sfasate
rispetto a quelle della prima fase di 2/3π rad e 4/3π rad in ritardo, secondo
il diagramma fasoriale nel piano di Gauss illustrato precedentemente.

|I T |
|I S1 | = |I S2 | = |I S3 | = |I S | |J 12 | = |J 23 | = |J 31 | = √
3
φI S = φI S − 2/3π, φI S = φI S − 4/3π
2 1 3 1

φJ23 = φJ12 − 2/3π, φJ31 = φJ12 − 4/3π (5.1.47)


5.2. POTENZA NEI SISTEMI POLIFASE 277

5.2 Potenza nei sistemi polifase

In un sistema polifase la, potenza istantanea p(t) si ottiene sommando le


potenze istantanee relative alle singole fasi:

p(t) = p1 (t) + p2 (t) + · · · + pn−1 (t) + pn (t) (5.2.1)


= v1 (t)i1 (t) + v2 (t)i2 (t) + · · · + vn−1 (t)in−1 (t) + vn (t)in (t)

dove v1 (t), v2 (t) · · · rappresentano i potenziali dei conduttori rispetto al


punto di riferimento assunto a potenziale zero.

Utenza
polifase

i 1(t)
1
i 2(t)
2

v1 (t)
i n-1 (t)
v2 (t) n-1
i n(t)
vn-1 (t) n
vn (t)

Figura 5.14: Utenza alimentata mediante un sistema polifase di tensioni.

5.2.1 Potenza nei sistemi trifase simmetrici ed equilibrati

p(t) = p1 (t) + p2 (t) + p3 (t)


= v1 (t)i1 (t) + v2 (t)i2 (t) + v3 (t)i3 (t)
278CAPITOLO 5. SISTEMI TRIFASE IN REGIME ALTERNATIVO SINUSOIDALE

Si ipotizzi il sistema trifase simmetrico nelle tensioni di alimentazione ed


equilibrato nel carico.

v1 (t) = 2E sin (ωt + φV ) (5.2.2a)

 

v2 (t) = 2E sin ωt + φV − (5.2.2b)
3

 

v3 (t) = 2E sin ωt + φV − (5.2.2c)
3


i1 (t) = 2I sin (ωt + φI ) (5.2.3a)

 

i2 (t) = 2I sin ωt + φI − (5.2.3b)
3

 

i3 (t) = 2I sin ωt + φI − (5.2.3c)
3

Le tensioni v1 (t), v2 (t) e v3 (t) sono le tensioni rispetto al centro stella


dell’alimentazione, assunto come riferimento dei potenziali.
Le correnti i1 (t), i2 (t) e i3 (t) sono le correnti che attraversano i conduttori
di alimentazione del sistema trifase e ciascuna fase del carico se per esso si
è assunto il collegamento a stella.
La potenza istantanea del sistema trifase è:

p(t) = EI [cos (φV − φI ) − cos (2ωt + (φV + φI ))] (5.2.4)


  

+ EI cos (φV − φI ) − cos 2ωt + (φV + φI ) −
3
  

+ EI cos (φV − φI ) − cos 2ωt + (φV + φI ) −
3
V √
= 3EI cos (φV − φI ) = 3 √ cos (φV − φI ) = 3V I cos (φV − φI )
3

dove V = 3E ed E sono i valori efficaci della tensione concatenata e della
tensione stellata rispettivamente, φV − φI rappresenta lo sfasamento tra la
tensione stellata di una fase e la corrente della stessa fase e si è tenuto conto
della relazione che esiste tra tensione stellata e tensione concatenata nei
sistemi simmetrici.
E’ importante osservare che in un sistema trifase simmetrico nelle tensioni
ed equilibrato nelle correnti la potenza istantanea è caratterizzata da un
valore costante nel tempo e pari, di conseguenza, alla potenza attiva P .
5.2. POTENZA NEI SISTEMI POLIFASE 279

Utenza
trifase
i 1(t)
1

i 2(t)
2

v1 (t) i3(t)
3
v2 (t)
v3 (t)

V3

0 V1

V2

Figura 5.15: Utenza trifase con neutro accessibile.


• Potenza attiva P = 3EI cos (φV − φI ) = 3V I cos (φV − φI ) [W]

• Potenza reattiva Q = 3EI sin (φV − φI ) = 3V I sin (φV − φI ) [VAr]

• Potenza apparente Pa = 3EI = 3V I [VA]

Il fattore cos (φV − φI ) è detto fattore di potenza del carico trifase.


280CAPITOLO 5. SISTEMI TRIFASE IN REGIME ALTERNATIVO SINUSOIDALE

Esercizio 5.2.18
Si consideri il circuito illustrato nella seguente figura.

ZL

ZL

+ + + ZL
Z1 Z2 Z3
Eg3 Eg2 Eg1

0 0’

Il generatore trifase eroga un sistema di tensioni di sequenza diretta di valore


efficace 220 V. Si ipotizzi il carico inizialmente equilibrato Z 1 = Z 2 =
Z 3 . Successivamente, la prima impedenza di carico subisce un guasto di
cortocircuito (Z 1 = 0).
Si calcoli numericamente, prima e dopo il guasto:
• la corrente nelle fasi del carico e della linea;
• la tensione sulle fasi del carico;
• la potenza attiva e reattiva assorbite dal carico, dalla linea, dal gener-
atore.
Dati: ZL = 1 + j Ω, Z1 = Z2 = Z3 = 8 + 6j Ω.
Soluzione
Assumendo come riferimento delle tensioni la tensione E g1 del generatore
trifase, la terna delle tensioni erogate dal generatore è descritta dai seguenti
fasori:
E g1 = 220 V E g2 = E g1 e−j2π/3 E g3 = E g1 e−j4π/3
• Caso equilibrato (Z1 = Z2 = Z3 )
Nel caso equilibrato risulta V0 = V0′ = 0 V ed è possibile usare il circuito
monofase equivalente. Le correnti risultano essere:
E g1
I1 = = 15.23 − j11.84 A
ZL + Z1
I 2 = I 1 e−j2π/3 = −17.87 − j7.26 A
I 3 = I 1 e−j4π/3 = 2.64 + j19.11 A
5.2. POTENZA NEI SISTEMI POLIFASE 281

Le tensioni di fase del carico sono:

V 1 = Z 1 I 1 = 192 − j3.38 V
V 2 = V 1 e−j2π/3 = −99.3 − j165.3 V
V 3 = V 1 e−j4π/3 = −93.5 + j168.7

Le potenze attive e reattive assorbite dal carico sono:

Pc = 3|V 1 | · |I 1 | cos (φV1 − φI1 ) = 8.93 kW


Qc = 3|V 1 | · |I 1 | sin (φV1 − φI1 ) = 6.7 kVAR

La potenza attiva e reattiva assorbite dalla linea risultano:

PL = 3Re (Z L ) |I 1 |2 = 1.11 kW
QL = 3Im (Z L ) |I 1 |2 = 1.11 kVAR

La potenza attiva e reattiva erogate dal generatore risultano:



Pg = 3|E g1 | · |I 1 | cos φEg1 − φI1 = 10.04 kW

Qg = 3|E g1 | · |I 1 | sin φEg1 − φI1 = 7.81 kVAR

Per il teorema di Boucherot, avendo assunto la C.d.G. sul generatore e la


C.d.U. sulla linea e sul carico, risulta:

Pg = PL + Pc = 10.04 kW
Qg = QL + Qc = 7.81 kVAR

• Caso squilibrato (Z1 = 0, Z2 = Z3 )

Il potenziale del centro stella 0′ risulta:


P3
k=1 E gk / (Z L + Z k )
V 0′ = P 3 = 154 − j6.53 V
k=1 1/ (Z L + Z k )

Le correnti nelle tre fasi del carico e della linea risultano


E g1 − V 0′
I1 = = 35.94 − j29.40 A
ZL
E g2 − V 0′
I2 = = −28.22 + j1.51 A
ZL + Z2
E g2 − V 0′
I3 = = −7.71 + j27.89 A
ZL + Z3
282CAPITOLO 5. SISTEMI TRIFASE IN REGIME ALTERNATIVO SINUSOIDALE

Essendo il sistema a tre fili, è immediato verificare che, anche nel caso
squilibrato, risulta:
I1 + I2 + I3 = 0
Le tensioni di fase del carico sono:

V 1 = Z 1I 1 = 0 V
V 2 = Z 2 I 2 = −234.91 − j157.2 V
V 3 = Z 3 I 3 = −229.04 + j176.87 V

Le potenze attive e reattive assorbite dal carico sono:

Pc1 = |V 1 | · |I 1 | cos (φV1 − φI1 ) = 0 kW


Qc1 = |V 1 | · |I 1 | sin (φV1 − φI1 ) = 0 kVAR
Pc2 = |V 2 | · |I 2 | cos (φV2 − φI2 ) = 6.39 kW
Qc2 = |V 2 | · |I 2 | sin (φV2 − φI2 ) = 4.79 kVAR
Pc3 = |V 3 | · |I 3 | cos (φV3 − φI3 ) = 6.7 kW
Qc3 = |V 3 | · |I 3 | sin (φV3 − φI3 ) = 5.02 kVAR

Le potenze attive e reattive assorbite complessivamente dalla linea trifase


sono:

PL = Re (Z L ) |I 1 |2 + |I 2 |2 + |I 3 |2 = 3.79 kW


QL = Im (Z L ) |I 1 |2 + |I 2 |2 + |I 3 |2 = 3.79 kVAR


Le potenze attive e reattive assorbite dal generatore sono:



Pg1 = |E g1 | · |I 1 | cos φEg1 − φI1 = 7.9 kW

Qg1 = |E g1 | · |I 1 | sin φEg1 − φI1 = 6.46 kVAR

Pg2 = |E g2 | · |I 2 | cos φEg2 − φI2 = 2.81 kW

Qg2 = |E g2 | · |I 2 | sin φEg2 − φI2 = 5.54 kVAR

Pg3 = |E g3 | · |I 3 | cos φEg3 − φI3 = 6.16 kW

Qg3 = |E g3 | · |I 3 | sin φEg3 − φI3 = 1.6 kVAR

Analogamente a prima, per il teorema di Boucherot, avendo assunto la


C.d.G. sul generatore e la C.d.U. sulla linea e sul carico, risulta:

Pg1 + Pg2 + Pg3 = PL + Pc1 + Pc2 + Pc3 = 16.88 kW


Qg1 + Qg2 + Qg3 = QL + Qc1 + Qc2 + Qc3 = 13.61 kVAR
5.2. POTENZA NEI SISTEMI POLIFASE 283

Di seguito viene riportato il listato Matlab che risolve l’esercizio preceden-


temente illustrato.

% Esercizio_sistemi_trifase.m
clear, close all, clc

format long

w=314;

Eg1=220; Eg2=Eg1*exp(-j*2/3*pi); Eg3=Eg1*exp(-j*4/3*pi);

ZL=1+j; Z1=8+6*j; Z2=Z1; Z3=Z1;

%%
% Caso equilibrato

% Correnti
I1=Eg1/(ZL+Z1); I2=I1*exp(-j*2/3*pi); I3=I1*exp(-j*4/3*pi);

% Tensioni di fase sul carico


V1=Z1*I1; V2=V1*exp(-j*2/3*pi); V3=V1*exp(-j*4/3*pi);

% Potenze
Pc=3*abs(V1)*abs(I1)*cos(angle(V1)-angle(I1));
Qc=3*abs(V1)*abs(I1)*sin(angle(V1)-angle(I1));

PL=3*real(ZL)*abs(I1)^2; QL=3*imag(ZL)*abs(I1)^2;

Pg=3*abs(Eg1)*abs(I1)*cos(angle(Eg1)-angle(I1));
Qg=3*abs(Eg1)*abs(I1)*sin(angle(Eg1)-angle(I1));

Pg-Pc-PL
Qg-Qc-QL

%%

% Caso squilibrato
Z1=0; Y0=0; Ztot1=Z1+ZL; Ztot2=Z2+ZL; Ztot3=Z3+ZL;
284CAPITOLO 5. SISTEMI TRIFASE IN REGIME ALTERNATIVO SINUSOIDALE

V0=(Eg1/Ztot1+Eg2/Ztot2+Eg3/Ztot3)/(Y0+1/Ztot1+1/Ztot2+1/Ztot3);

I1=(Eg1-V0)/Ztot1; I2=(Eg2-V0)/Ztot2; I3=(Eg3-V0)/Ztot3;

V1=Z1*I1; V2=Z2*I2; V3=Z3*I3;

Pc1=abs(V1)*abs(I1)*cos(angle(V1)-angle(I1));
Pc2=abs(V2)*abs(I2)*cos(angle(V2)-angle(I2));
Pc3=abs(V3)*abs(I3)*cos(angle(V3)-angle(I3));
Qc1=abs(V1)*abs(I1)*sin(angle(V1)-angle(I1));
Qc2=abs(V2)*abs(I2)*sin(angle(V2)-angle(I2));
Qc3=abs(V3)*abs(I3)*sin(angle(V3)-angle(I3));

Pc=Pc1+Pc2+Pc3;
Qc=Qc1+Qc2+Qc3;

PL=real(ZL)*(abs(I1)^2+abs(I2)^2+abs(I3)^2);
QL=imag(ZL)*(abs(I1)^2+abs(I2)^2+abs(I3)^2);

Pg1=abs(Eg1)*abs(I1)*cos(angle(Eg1)-angle(I1));
Pg2=abs(Eg2)*abs(I2)*cos(angle(Eg2)-angle(I2));
Pg3=abs(Eg3)*abs(I3)*cos(angle(Eg3)-angle(I3));
Qg1=abs(Eg1)*abs(I1)*sin(angle(Eg1)-angle(I1));
Qg2=abs(Eg2)*abs(I2)*sin(angle(Eg2)-angle(I2));
Qg3=abs(Eg3)*abs(I3)*sin(angle(Eg3)-angle(I3));

Pg=Pg1+Pg2+Pg3; Qg=Qg1+Qg2+Qg3;

Pg-Pc-PL
Qg-Qc-QL
%
5.3. CADUTA DI TENSIONE LUNGO UNA LINEA 285

5.3 Caduta di tensione lungo una linea

I
Z L =rL+jxL
Ep Ea ZC

Figura 5.16: Sistema monofase equivalente ad un sistema costituito da una


linea trifase ed un carico trifase equilibrato.

Si supponga che una linea trifase, di lunghezza L ed impedenza Z L =


(r + jx) L alimenti ad una sua estremità un carico equilibrato di impeden-
za Z C di tipo ohmico induttivo. Nella Fig. 5.16 r ed x rappresentano la
resistenza e la reattanza (induttiva) per unità di lunghezza della linea.
Se la tensione ai morsetti dell’utilizzatore è nota e pari ad E a la corrente
assorbita sarà:
Ea
I= (5.3.1)
ZC
La tensione alla partenza della linea sarà:

Ep = E a + Z LI (5.3.2)

La caduta di tensione sulla linea sarà dunque espressa da un numero com-


plesso:
Ep − E a = Z LI (5.3.3)
Per semplificare i calcoli, evitando i numeri complessi, definiamo caduta di
tensione lungo la linea la differenza tra i valori efficaci delle tensioni ai suoi
estremi:

∆E = Ep − Ea per le tensioni stellate (5.3.4)



∆V = Vp − Va = 3∆E per le tensioni concatenate (5.3.5)

Per la valutazione della caduta di tensione si può ricorrere ad una costruzione


grafica nel piano di Gauss.
Tenendo presente che gli sfasamenti tra la tensione alla partenza della linea
E p e quella all’arrivo E a sono in genere piccoli si può esprimere la caduta
286CAPITOLO 5. SISTEMI TRIFASE IN REGIME ALTERNATIVO SINUSOIDALE

Ea<Ep

Ep
A B
O Ea C

Figura 5.17: Diagramma fasoriale per lo studio della caduta di tensione su


una linea che alimenta un carico ohmico-induttivo.

di tensione, con riferimento al circuito monofase equivalente come:

∆E = Ep − Ea ∼ = OC − OA = AC = AB + BC = (rI cos φ + xI sin φ) L


(5.3.6)
dove r e x rappresentano i parametri per unità di lunghezza della linea di
trasmissione, φ deve intendersi come sfasamento tra la tensione E a e la
corrente I.
Un’analoga espressione vale nel caso delle grandezze concatenate:
√  √  √
∆V = Vp − Va ∼ = 3 OC − OA = 3 AC = 3 (rI cos φ + xI sin φ) L
(5.3.7)
E’ spesso comodo valutare il valore percentuale della caduta di tensione
calcolata rispetto alla tensione nominale della linea (Vn ):

∆V √ IL
∆V % = · 100 = 3 (r cos φ + x sin φ) · 100 (5.3.8)
Vn Vn
E’ immediato verificare che la caduta di tensione percentuale è la stessa sia
se è calcolata in termini di tensioni concatenate che stellate.
Moltiplicando√ e dividendo per Vn e ritenendo che la tensione concatenata
sul carico Va = 3Ea sia poco diversa da quella nominale Va ∼ = Vn si ottiene:

∆V (RL P + XL Q)
∆V % = · 100 ∼= · 100 (5.3.9)
Vn Vn2
√ √
dove RL = rL, XL = xL, P = 3Va I cos φ e Q = 3Va I sin φ sono rispet-
tivamente la potenza attiva e reattiva fornite al carico. Dalla precedente
espressione si evince che, a parità di potenza attiva assorbita dal carico, au-
mentando la potenza reattiva, ossia al ridursi del fattore di potenza del cari-
co, si ha un corrispondente aumento della caduta di tensione lungo la linea.
5.3. CADUTA DI TENSIONE LUNGO UNA LINEA 287

Ea>Ep

Figura 5.18: Diagramma fasoriale per lo studio della caduta di tensione su


una linea che alimenta un carico ohmico-capacitivo.

Se il carico alimentato dalla linea è di tipo ohmico capacitivo il diagramma


dei fasori si modifica come illustrato in Fig. 5.18.
Si può verificare dunque una sopra-elevazione di tensione che comporta Ea >
Ep .

5.3.1 Rifasamento del carico


Si consideri il circuito monofase equivalente di un sistema trifase costitu-
ito da un sistema di tensioni di alimentazione, per ipotesi simmetrico, che
alimenta un carico trifase attraverso una linea di trasmissione.

I
Z L =rL+jxL
Ep Ea ZC

Figura 5.19: Rifasamento del carico di impedenza Z C .

Siano P , Ea e cos φ la potenza attiva richiesta dal carico, la sua tensione di


alimentazione (stellata) ed il suo fattore di potenza.
Il valore efficace della corrente assorbita da Z C è:
P
I= (5.3.10)
Ea cos φ
Tale relazione mostra che all’abbassarsi del fattore di potenza del carico
consegue un aumento dell’intensità della corrente I assorbita dal carico, e
288CAPITOLO 5. SISTEMI TRIFASE IN REGIME ALTERNATIVO SINUSOIDALE

che circola nella linea, per assegnati valori della potenza attiva richiesta dal
carico e della sua tensione di alimentazione.
L’aumento del valore efficace della corrente comporta inoltre:

• una maggiore sezione dei conduttori (al fine di mantenere costante la


densità di corrente) dell’intero sistema elettrico (linea trasformatori,
generatore) con il conseguente aumento del suo costo;

• maggiori perdite per effetto Joule con conseguente aumento del costo
di esercizio dell’intero sistema;

• maggiori cadute di tensione lungo la linea.

Al fine di ridurre questi inconvenienti si ricorre al rifasamento. Si collega in


parallelo al carico Z C una batteria di condensatori C, come illustrato nella
seguente figura:

I’ I IC
Z L =rL+jxL
Ep Ea ZC C

Figura 5.20: Rifasamento del carico di impedenza Z C : inserimento di un


banco di condensatori in parallelo al carico.

Il banco di condensatori assorbe dalla rete di alimentazione una corrente in


quadratura in anticipo rispetto alla tensione di alimentazione E a data da:

I C = jωCE a (5.3.11)

Nell’ipotesi che la tensione sul carico sia rimasta immutata dopo l’inseri-
mento del banco di condensatori, la corrente totale che scorre nella linea
è:
I′ = I + IC (5.3.12)
cui corrisponde il seguente diagramma fasoriale:
L’effetto del rifasamento cioè dell’inserimento del banco di condensatori in
parallelo al carico è quello di ridurre l’intensità della corrente che scorre in
linea con le seguenti conseguenze:
5.3. CADUTA DI TENSIONE LUNGO UNA LINEA 289

IC=jwCEa
Ea

Figura 5.21: Rifasamento del carico di impedenza Z C : diagramma fasoriale


per il calcolo della corrente di linea.

• tutto il sistema elettrico a monte è interessato da correnti di intensità


minore con conseguenti minori perdite;

• si riduce la caduta di tensione lungo la linea;

• è possibile dimensionare i conduttori con sezioni minori, a parità di


densità di corrente con una conseguente riduzione dei costi di impianto.

Se cos φ è il fattore di potenza iniziale del carico, prima del rifasamento, e


cos φ′ il fattore di potenza finale, la corrente IC che il condensatore assorbe
dalla rete di alimentazione è data da:

IC = BC = AC − AB = Ia tan φ − tan φ′ (5.3.13)

dove Ia è la componente della corrente I (o anche I ′ ) in fase con la tensione


di alimentazione. La potenza reattiva (in modulo) associata al condensatore
e scambiata con la rete di alimentazione risulta essere uguale a:
 
|QC | = Ea IC = Ea Ia tan φ − tan φ′ = P tan φ − tan φ′ (5.3.14)

essendo P la potenza attiva assorbita da una fase del carico.


Sempre con riferimento ad una singola fase, è possibile ricavare la capacità
del banco di condensatori:

|QC | = Ea IC = Ea Ia tan φ − tan φ′ = P tan φ − tan φ′ = ωCEa2


 

P (tan φ − tan φ′ )
→ C= (5.3.15)
ωEa2
In effetti il rifasamento di un carico trifase offre la possibilità di collegare
le capacità del banco a stella o a triangolo, come illustrato nella seguente
figura:
290CAPITOLO 5. SISTEMI TRIFASE IN REGIME ALTERNATIVO SINUSOIDALE

Figura 5.22: Rifasamento di un carico trifase.

Il caso del collegamento a stella è stato considerato con il circuito monofase


equivalente.

P (tan φ − tan φ′ ) P (tan φ − tan φ′ )


C⋋ = = (5.3.16)
3ωEa2 ωV 2

Ora P denota la totale potenza attiva assorbita dal carico.


Nel caso di collegamento a triangolo si ottiene:

P (tan φ − tan φ′ )
C∆ = (5.3.17)
3ωV 2
Dalle precedenti relazioni si deduce che C⋋ = 3C∆ .
Per rifasamenti in bassa tensione si privilegia in genere il collegamento a
triangolo perchè garantisce le capacità inferiori; in media ed alta tensione
si ricorre al collegamento a stella perchè consente di adottare mezzi dielet-
trici con proprietà meno buone, e pertanto meno costosi, rispetto a quelli
necessari nel caso di interconnessione a triangolo.

Esercizio 5.3.19

Un’utenza assorbe dalla rete una potenza attiva P = 30 kW quando è


alimentata dalla tensione Ea = 220 V, a frequenza f = 50 Hz. Sapendo che
tale carico ha una natura ohmico-induttiva con fattore di potenza cos φ =
0.5, calcolare la capacità del banco di condensatori necessaria per rifasare il
carico a cos φ′ = 1 e cos φ′ = 0.9.

Soluzione E’ immediato calcolare che tan φ = 1.7321. Nel primo caso,


essendo cos φ′ = 1, si ha tan φ′ = 0 e, dunque, la capacità del banco di
5.3. CADUTA DI TENSIONE LUNGO UNA LINEA 291

condensatori è:
P (tan φ)
C= = 3.42 mF
ωEa2
Nel secondo caso, essendo cos φ′ = 0.9, si ha φ′ = 0.451 rad, tan φ′ = 0.4843
e, dunque, la capacità del banco di condensatori è:

P (tan φ − tan φ′ )
C= = 2.463 mF
ωEa2

Esercizio 5.3.20

Un’utenza industriale è costituita da quattro carichi collegati in parallelo,


alimentati dalla tensione Ea = 220 V, alla frequenza f = 50 Hz. L’assorbi-
mento dei quattro carichi è cosı̀ caratterizzato: P1 = 10 kW, Q1 = 8 kVAr,
Pa2 = 50 kVA, Q2 = 20 kVAr, Pa3 = 40 kVA, cos φ3 = 0.9, P4 = 20 kW,
Q4 = 18 kVAr. I carichi sono tutti di natura ohmico-induttiva.
Calcolare le capacità per rifasare il carico complessivo a cos φ′ = 0.9 (tan φ′ =
0.4843) e cos φ′ = 1 (tan φ′ = 0).

Soluzione Per calcolare la potenza attiva e reattiva globali del carico è


necessario innanzitutto valutare quelle dei singoli carichi, laddove non siano
fornite.
Per il carico 2 si ha:
q
P2 = Pa2 2 − Q2 = 45.82kW
2

Per il carico 3 si ha:

P3 = Pa3 cos φ3 = 36 kW
Q3 = Pa3 sin φ3 = 17.43 kVAr

Dunque, la potenza attiva e reattiva complessivamente assorbite dal carico


sono:

PT = P1 + P2 + P3 + P4 = 111.82 kW
QT = Q1 + Q2 + Q3 + Q4 = 63.43 kVAr

cui corrisponde

QT
tan φ = = 0.5672, cos φ = 0.869
PT
292CAPITOLO 5. SISTEMI TRIFASE IN REGIME ALTERNATIVO SINUSOIDALE

Assumendo che, in seguito all’inserimento del banco di condensatori, la ten-


sione di alimentazione non sia cambiata, la capacità che è necessario inserire
nei due casi (cos φ′ = 0.9 e cos φ′ = 1) è:

P (tan φ − tan φ′ )
C(0.9) = = 0.605 mF
ωEa2
P (tan φ)
C(1) = = 4.2 mF
ωEa2

Esercizio 5.3.21

Una linea trifase, avente lunghezza L = 12 Km, alimenta alla stazione di


arrivo un carico trifase equilibrato, di natura ohmico-induttiva, che assorbe
una potenza attiva P = 4 MW con fattore di potenza cos φ = 0.8 quando è
alimentato da una tensione pari a quella nominale (V = 20 kV concatenata)
alla frequenza di rete (f = 50 Hz).
Calcolare la perdita per effetto Joule in linea e la caduta di tensione lungo
la linea nell’ipotesi di una resistenza e di una reattanza della linea, per unità
di lunghezza, pari rispettivamente a r = 0.3 Ω/Km e x = 0.4 Ω/Km.

Soluzione Si assuma come riferimento delle fasi quello della tensione stel-
lata sul carico che pertanto può essere scritta come
V
E = √ = 11547 V
3
Il modulo della corrente assorbita dal carico è
P
I=√ = 144.3 A
3V cos φ
Lo sfasamento tra il fasore della tensione stellata e quello della corrente di
fase corrispondente può essere calcolato come

φ = φE − φI = −φI = arccos (cos φ) = 0.6435 rad

La corrente che scorre in una delle fasi della linea è

I = IejφI = 144.3e−j0.6435 A

La potenza reattiva Q assorbita dal carico è

Q = 3|E| · |I| sin φ = 3 MVAR


5.3. CADUTA DI TENSIONE LUNGO UNA LINEA 293

L’impedenza totale della linea è

Z L = rL + jxL = 3.6 + j4.8 Ω

La potenza totale dissipata per effetto Joule nella linea è

PJ = 3rLI 2 = 225 kW

La caduta di tensione percentuale esatta e quella approssimata sono rispet-


tivamente √
3|Z L · I|
∆V % = · 100 = 7.5%
V
e
(rLP + xLQ)
∆Va % = · 100 = 7.2%
V2
Si voglia ora rifasare il carico a cos φ′ = 0.9. Il modulo della potenza
reattiva del banco di condensatori che è necessario inserire, sia nel caso
di interconnessione a stella che nel caso di interconnessione a triangolo, è:

|Qc | = P tan φ − tan φ′ = 4 (0.75 − 0.48) = 1.0627 MVAR

La capacità del banco di condensatori, nei due casi, é


|Qc | |Qc |
Cs = = 8.54 µF Ct = = 2.82 µF
ωV 2 3ωV 2
A rifasamento avvenuto, nell’ipotesi che la tensione sul carico rimanga la
stessa, la potenza attiva e reattiva assorbite dal carico globale (quello iniziale
in presenza del banco di condensatori) sono

P ′ = P = 4 MW Q′ = Q + Qc = (3 − 1.062) MVAR = 1.9373 MVAR

L’effetto triplice del rifasamento è evidente sia in termini di corrente di linea


che di perdite per effetto di Joule su di essa che di caduta di tensione; esse
risultano infatti
P′
I′ = √ = 128.3 A
3V cos φ′

PJ′ = 3rLI ′2 = 178 kW

(rLP ′ + xLQ′ )
∆Va′ % = · 100 = 5.92%
V2
Di seguito viene riportato il listato Matlab che risolve l’esercizio preceden-
temente illustrato.
294CAPITOLO 5. SISTEMI TRIFASE IN REGIME ALTERNATIVO SINUSOIDALE

%
clear

L=12; P=4e6; cosphi=0.8; cosphip=0.9; tanphi=tan(acos(cosphi));


tanphip=tan(acos(cosphip)); Q=P*tan(acos(cosphi)); Vn=20e3;
En=Vn/sqrt(3); freq=50; w=2*pi*freq; r=0.3; x=0.4;
Im=P/(sqrt(3)*Vn*cosphi); argI=-acos(0.8); I=Im*exp(1j*argI);

PJ=3*r*L*Im^2; ZL=(r*L+1j*x*L); DeltaE=ZL*I;


DeltaEp=abs(DeltaE)/En*100; DeltaEp2=(r*L*P+x*L*Q)/Vn^2*100;
PJ=3*r*L^I^2; Qcm=P*(tanphi-tanphip); Qc=-Qcm;

Cs=Qcm/(w*Vn^2); Ct=Cs/3;

Pnew=P; Qnew=Q+Qc; DeltaEp3=(r*L*Pnew+x*L*Qnew)/Vn^2*100;


Inew=P/(sqrt(3)*Vn*cosphip); PJ_new=3*r*L*Inew^2;
%

Esercizio 5.3.22

Si consideri il sistema trifase della Fig. 5.23.

C1 C2
l
TR1 TR2 Ec

Figura 5.23: Schema unifilare di un sistema trifase.

Si assumano per i due trasformatori i seguenti dati di targa:

Pn k Vn1 Vn2 vcc % Pcu %


TR1 100 MVA 150000/15000 150000 V 15000 V 4 1.2
TR2 800 kVA 15000/400 15000 V 400 V 4 1.4

La linea ha una lunghezza l = 7 Km e i suoi parametri per unità di lunghezza


sono r = 0.281 Ω/Km, x = 0.3 Ω/Km. La frequenza di rete è f = 50 Hz
cui corrisponde una pulsazione ω = 2πf =314 rad/s. Inoltre la tensione
5.3. CADUTA DI TENSIONE LUNGO UNA LINEA 295

stellata di esercizio in corrispondenza dei carichi è Ec = E22 = 220 V cui


corrisponde una tensione concatenata Vc = 380 V.
I carichi risultano avere la seguente caratterizzazione:

• Carico 1: ha natura ohmico-induttiva. In condizioni di esercizio, quan-


do cioé è alimentato dalla tensione Vc = 380 V, assorbe una poten-
za attiva Pc1 = 400 kW con un fattore di potenza cos ϕ1 = 0.75.
In tali condizioni di funzionamento la potenza reattiva assorbita è
Qc1 = Pc1 tan ϕ1 = 352.76 kVAr.

• Carico 2: ha natura ohmico-induttiva. In condizioni di funzionamento


nominale, quando cioé è alimentato dalla tensione Vcn = 400 V, assorbe
una potenza attiva Pc2n = 175 kW e una potenza reattiva Qc2n = 180
kVAr. E’ immediato calcolare il fattore di potenza nominale pari a
  
Qc2n
cos ϕ2n = cos arctan = 0.697
Pc2n

Per tale sistema trifase:

1. si disegni lo schema monofase equivalente;

2. si calcoli le impedenze da associare ai due carichi;

3. si calcoli la caduta di tensione sulla linea

4. nell’ipotesi di voler rifasare il carico complessivo in modo che risulti


cos ϕ′ = 0.92, si calcoli la capacità del banco di condensatori da inserire
in parallelo al carico.

Nel seguito si assume la tensione stellata di esercizio sul carico come


riferimento. Dunque risulta:

E 22 = 220 V (5.3.18)

Lo schema monofase equivalente è illustrato nella Fig. 5.24 insieme ai versi


di misura assunti per le tensioni e le correnti. Per il carico 1 le potenze
fornite sono già quelle in condizioni di esercizio. L’impedenza del carico può
296CAPITOLO 5. SISTEMI TRIFASE IN REGIME ALTERNATIVO SINUSOIDALE

Zeq 12 ZL Z eq 21
I 11 I 12 I21 I 22

E 11 E 12 E 21 E 22

k1 k2

Figura 5.24: Schema monofase equivalente del sistema trifase.

essere determinata come segue:


Pc1
|I c1 | = √ = 810.31 A
3|V c1 | cos ϕ1
Pc1
Pc1 = 3R1 |I c1 |2 ⇒ R1 = = 0.203 Ω
3|I c1 |2
Qc1
Qc1 = 3X1 |I c1 |2 ⇒ X1 = = 0.179 Ω
3|I c1 |2
Z1 = 0.203 + j0.179 Ω

Per il carico 2 vengono fornite le potenze assorbite in condizioni nominali.


Dunque risulta:
Pc2n
|I c2n | = √ = 362.35 A
3|V c2n | cos ϕ2n
Pc2n
Pc2n = 3R2 |I c2n |2 ⇒ R2 = = 0.444 Ω
3|I c2n |2
Qc2n
Qc2n = 3X2 |I c2n |2 ⇒ X2 = = 0.457 Ω
3|I c2n |2
Z2 = 0.444 + j0.457 Ω

La potenza attiva e reattiva effettivamente assorbite dal carico 2 possono


essere calcolate come di seguito illustrato:
E 22
|I c2 | = = 239.96 − j246.81A
Z2
Pc2 = 3R2 |I c2 |2 = 157.93kW
Qc2 = 3X2 |I c2 |2 = 162.45kVar
5.3. CADUTA DI TENSIONE LUNGO UNA LINEA 297

La potenza attiva, reattiva e apparente complessivamente assorbite dal cari-


co risultano:

Pc = Pc1 + Pc2 = 557.93 kW


Qc = Qc1 + Qc2 = 515.21 kVAr
p
Pac = Pc2 + Q2c = 759.43 kVA

Si osservi che la potenza apparente del carico risulta inferiore a quella nom-
inale del trasformatore TR2, Pac < Pn2 che risulta pertanto ben dimension-
ato.
Per il calcolo dei parametri dei trasformatori si può procedere come
illustrato nel seguito.
2
vcc1 % Vn12
Zeq12 = = 0.09 Ω
100 Pn1
2
Pcu1 % Vn12
Req12 = = 0.027 Ω
100 Pn1
q
Xeq12 = 2
Zeq12 2
− Req12 = 0.085 Ω
Z eq12 = Req12 + jXeq12 = 0.027 + j0.085 Ω

2
vcc2 % Vn21
Zeq21 = = 11.25 Ω
100 Pn2
2
Pcu2 % Vn21
Req21 = = 3.93 Ω
100 Pn2
q
Xeq21 = 2
Zeq21 2
− Req21 = 10.53 Ω
Z eq21 = Req21 + jXeq21 = 3.93 + j10.53 Ω

La corrente totale assorbita dal carico complessivo è:


E 22
I 22 = = 8.47 − j7.82 A
Z 1Z2
(Z 1 +Z 2 )
La corrente al primario del secondo trasformatore è:
I 22
I 21 = = 22.60 − j20.87 A
k2
La caduta di tensione da monte a valle, nella sezione di media tensione, è:

∆E = (Z eq12 + Z L + Z eq21 ) I 21 = 399.7 + j163.82 V


298CAPITOLO 5. SISTEMI TRIFASE IN REGIME ALTERNATIVO SINUSOIDALE

Può essere utile calcolare la caduta di tensione percentuale riferita alla ten-
sione nominale della sezione del sistema trifase presa in considerazione. In
questo caso, essendo la caduta di tensione stata calcolata nella sezione di
media tensione, la tensione nominale da considerarsi risulta:
Vn 15000
En = √ = √ = 8660 V
3 3
La caduta di tensione percentuale è pertanto:

|∆E|
∆v% = · 100 = 4.987
En
La caduta di tensione può essere calcolata anche attraverso la formula ap-
prossimata (5.3.9). A questo scopo è necessario calcolare la resistenza e la
reattanza totali, includendo anche le impedenze dei due trasformatori:

Ztot = Req12 + rl + Req21 + j (Xeq12 + xl + Xeq21 )


= Rtot + jXtot = 5.931 + j12.724 Ω

La caduta di tensione percentuale può pertanto essere calcolata come:

(Rtot Pc + Xtot Qc )
∆ṽ% ∼
= · 100 = 4.384
Vn2

Per operare il rifasamento è necessario calcolare il fattore di potenza iniziale:


  
Qc
cos ϕ = cos arctan = 0.7346
Pc

Sapendo che il fattore di potenza che si vuole ottenere è cos ϕ′ = 0.92,


si ha:

tan ϕ = 0.9234
tan ϕ′ = 0.4260

La potenza reattiva del banco di condensatori da disporre in parallelo al


carico è: 
|QBC | = Pc tan ϕ − tan ϕ′ = 277.53 kVAr
Se i condensatori sono collegati a stella si ha:

|QBC | |QBC |
Cs = 2
= = 6.11 mF
3ω|E22 | ω|V22 |2
5.3. CADUTA DI TENSIONE LUNGO UNA LINEA 299

Se i condensatori sono collegati a stella si ha:


|QBC |
Ct = = 2.03 mF
3ω|V22 |2
Essendo il rifasamento operato in bassa tensione (BT), è preferibile utilizzare
il collegamento a triangolo.
A rifasamento avvenuto la potenza reattiva assorbita dal carico com-
plessivo (includendo il banco di condensatori), ipotizzando inalterata le
tensione di alimentazione E22 , è:
Q′c = Qc − |QBC | = 237.68 kVAr
La corrente assorbita da una fase del banco di condensatori è:
I Cs = jωCs E 22 = j421.67 A
Dunque, a valle del rifasamento, la corrente assorbita dal carico complessivo
è:
I ′22 = I c1 + I c2 + I Cs = 847.69 − j9.623 A
La corrente sul primario del secondo trasformatore è:
I ′22
I ′21 = = 22.6 − j9.623 A
k2
La caduta di tensione da monte a valle, nella sezione di media tensione, è:
∆E ′ = (Z eq12 + Z L + Z eq21 ) I ′21 = 256.61 + j230.51 V
cui corrisponde una caduta di tensione percentuale pari a:
|∆E ′ |
∆v%′ = · 100 = 3.983
En
Se si utilizza la formula approssimata si ottiene:
(Rtot Pc′ + Xtot Q′c )
∆ṽ%′ ∼
= · 100 = 2.815
Vn2
Anche in questo caso la formula approssimata fornisce un’indicazione ab-
bastanza attendibile della caduta di tensione. La tensione stellata E 11 alla
partenza della linea, prima e dopo aver effettuato il rifasamento, è pari a:
E 11 = k1 [E 21 + (Req12 + rl + Req21 + j (Xeq12 + xl + Xeq21 ) I 21 )] = 86269.36 + j1638.195 V
 
E ′11 = k1 E 21 + Req12 + rl + Req21 + j (Xeq12 + xl + Xeq21 ) I ′21 = 84838.57 + j2305.16 V
cui corrispondono i seguenti valori in modulo:

|E 11 | = 86284.9 V |V 11 | = 3|E 11 | = 149449 V

|E ′11 | = 84869.8 V |V ′11 | = 3|E ′11 | = 146998 V
300CAPITOLO 5. SISTEMI TRIFASE IN REGIME ALTERNATIVO SINUSOIDALE

Codice Matlab per la soluzione dell’esercizio proposto

%
% Esercizio_linea_con_senza_rif.m

clear clean

freq=50; w=2*pi*freq; V22=380; E22=V22/sqrt(3);

Pn1=100e6; k1=150e3/15e3; Vn11=150e3; Vn12=15e3; vcc1p=4;


Pcu1p=1.2;

Pn2=800e3; k2=15e3/400; Vn21=15e3; Vn22=400; vcc2p=4;


Pcu2p=1.4;

L=7; r=0.281; x=0.3; VnL=15000; En=VnL/sqrt(3);

Vc1=380; Pc1=400e3; cosfi1=0.75; Qc1=-Pc1*tan(-acos(cosfi1));


Ic1=Pc1/(sqrt(3)*Vc1*cosfi1);

R1=Pc1/(3*Ic1^2); X1=Qc1/(3*Ic1^2); Z1=R1+j*X1;

Vc2n=400; Pc2n=175e3; Qc2n=180e3; cosfi2n=cos(-atan(Qc2n/Pc2n));


Ic2n=Pc2n/(sqrt(3)*Vc2n*cosfi2n);

R2=Pc2n/(3*Ic2n^2); X2=Qc2n/(3*Ic2n^2); Z2=R2+j*X2;

Ic2=E22/Z2; Pc2=3*R2*abs(Ic2)^2; Qc2=3*X2*abs(Ic2)^2;

Pc=Pc1+Pc2; Qc=Qc1+Qc2; Pac=sqrt(Pc^2+Qc^2);

% Parametri trasformatori
Zeq12=vcc1p/100*Vn12^2/Pn1; Req12=Pcu1p/100*Vn12^2/Pn1;
Xeq12=sqrt(Zeq12^2-Req12^2); Zeq12=Req12+j*Xeq12;
Zeq21=vcc2p/100*Vn21^2/Pn2; Req21=Pcu2p/100*Vn21^2/Pn2;
Xeq21=sqrt(Zeq21^2-Req21^2); Zeq21=Req21+j*Xeq21;

% Caduta di tensione sulla linea e sui 2 trasformatori in modo rigoroso


Ic=E22/parallelo(Z1,Z2); IL=Ic/k2;
5.3. CADUTA DI TENSIONE LUNGO UNA LINEA 301

Rtot=r*L+Req12+Req21; Xtot=x*L+Xeq12+Xeq21; Ztot=Rtot+j*Xtot;

DE=Ztot*IL; Dvp=abs(DE)/En*100;

% Caduta di tensione sulla linea e sui 2 trasformatori in modo approssimato


Dvp_appr=(Rtot*Pc+Xtot*Qc)/VnL^2*100;

% Rifasamento
cosfi=cos(-atan(Qc/Pc)); cosfi_new=0.92; tanfi=tan(acos(cosfi));
tanfi_new=tan(acos(cosfi_new)); Qbc=Pc*(tanfi-tanfi_new);

Cstella=Qbc/(w*V22^2); Ctriangolo=Qbc/(3*w*V22^2);

% A rifasamento avvenuto
Qc_new=Qc-Qbc;
Ic_stella=j*w*Cstella*E22; Ic_new=Ic+Ic_stella;
IL_new=Ic_new/k2;

DE_new=Ztot*IL_new; Dvp_new=abs(DE_new)/En*100;
Dvp_appr_new=(Rtot*Pc+Xtot*Qc_new)/VnL^2*100;

% Tensione alla partenza prima e dopo il rifasamento


E11=k1*(k2*E22+((r*L+j*x*L)+Zeq12+Zeq21)*IL);
E11_new=k1*(k2*E22+((r*L+j*x*L)+Zeq12+Zeq21)*IL_new);
%

Esercizio 5.3.23

Si consideri il sistema trifase illustrato nella seguente figura, esercito alla


frequenza f .

L1 L2

C1 C2

Per tale sistema trifase:


302CAPITOLO 5. SISTEMI TRIFASE IN REGIME ALTERNATIVO SINUSOIDALE

1. si disegni lo schema monofase equivalente;

2. si calcoli la caduta di tensione sulle due linee quando il carico C2 è


alimentato da una tensione concatenata Uc2 ;

3. nell’ipotesi di voler rifasare il carico C1 in modo che risulti cos ϕ′1 , si


calcoli la capacità del banco di condensatori da inserire in parallelo al
carico.
Si assuma che i carichi siano collegati a stella e di impedenza nota, Z C1 e
Z C2 . Si assuma come riferimento di fase la tensione stellata sul carico C2
pari a
UC2
E C2 = √
3
A ciascuna delle due linee si può associare un’impedenza di valore, rispetti-
vamente:
Z L1 = (r1 + jx1 ) L1
Z L2 = (r2 + jx2 ) L2
dove r1 , x1 , r2 e x2 sono i parametri per unità di lunghezza delledue linee.
Lo schema monofase equivalente è indicato nella seguente figura, insieme ai
versi di misura di tensioni e correnti.

IP IC2
ZL1 ZL2
IC1

EP Z C1 EC1 EC2 ZC2

La corrente assorbita dal carico C2 è:


E C2
I C2 =
Z C2
La tensione stellata sul carico C1 è

E C1 = E C2 + Z L2 I C2

Il modulo della tensione concatenata sul carico C1 è:



|U C1 | = 3|E C1 |
5.3. CADUTA DI TENSIONE LUNGO UNA LINEA 303

La corrente assorbita dal carico C1 è:


E C1
I C1 =
Z C1
La corrente totale che passa sulla linea 1 è:

I P = I C1 + I C2

La tensione stellata alla partenza della linea 1 è:

E P = E C1 + Z L1 I P

Nell’ipotesi che l’impedenza del carico C1 sia scritta come

Z C1 = RC1 + jXC1

la potenza attiva e reattiva assorbite dal carico C1 sono:

PC1 = 3RC1 |I C1 |2
QC1 = 3XC1 |I C1 |2

Il tgϕ1 iniziale è:


QC1
tgϕ1 =
PC1
Pertanto, la capacità del banco di condensatori da mettere in parallelo al
carico C1 è:
PC1 (tgϕ1 − tgϕ′1 )
Ct =
3ω|UC1 |2
nel caso di collegamento a triangolo (ω = 2πf ).
Se si collegano i condensatori a stella, si ha invece:

PC1 (tgϕ1 − tgϕ′1 ) PC1 (tgϕ1 − tgϕ′1 )


Cs = = = 3Ct
3ω|EC1 |2 ω|UC1 |2
304CAPITOLO 5. SISTEMI TRIFASE IN REGIME ALTERNATIVO SINUSOIDALE
Bibliografia

[1] S. Cristina. Appunti di Elettrotecnica, Volume I. Edizioni Progetto


Leonardo, Bologna, 1998.

[2] M. Guarnieri, A. Stella. Principi ed Applicazioni di Elettrotecnica,


Volume I. Edizioni Progetto Padova, 1998.

[3] M. Guarnieri, A. Stella. Principi ed Applicazioni di Elettrotecnica,


Volume II. Edizioni Progetto Padova, 1998.

[4] A. Liberatore, S. Manetti, M. C. Piccirilli, A. Reatti. Circuiti elettrici


ed elettronici. Esercizi commentati e risolti, vol. 1. Progetto Leonardo,
Bologna, 2003.

[5] T. Scozzafava. Corso di Elettrotecnica. Edizioni Japadre, 1976.

[6] M. D’Amore. Elettrotecnica, Volume I. Edizioni Scientifiche Siderea,


1994.

[7] M. D’Amore. Elettrotecnica, Volume II. Edizioni Scientifiche Siderea,


1994.

305
Indice analitico

equazione di Laplace, 92
equazione di Poisson, 92

legge di Gauss, 111

306
Bibliografia

[1] T. Scozzafava. Corso di Elettrotecnica. Edizioni Japadre, 1976.

[2] S. Cristina. Appunti di Elettrotecnica, Volume I. Edizioni Progetto


Leonardo, Bologna, 1998.

[3] S. Cristina. Appunti di Elettrotecnica, Volume II. Edizioni Progetto


Leonardo, Bologna, 1998.

[4] M. D’Amore. Elettrotecnica, Volume I. Edizioni Scientifiche Siderea,


1994.

[5] M. Guarnieri, A. Stella. Principi ed Applicazioni di Elettrotecnica,


Volume I. Edizioni Progetto Padova, 1998.

[6] M. Guarnieri, A. Stella. Principi ed Applicazioni di Elettrotecnica,


Volume II. Edizioni Progetto Padova, 1998.

[7] M. D’Amore. Elettrotecnica, Volume II. Edizioni Scientifiche Siderea,


1994.

[8] A. Liberatore, S. Manetti, M. C. Piccirilli, A. Reatti. Circuiti elettrici


ed elettronici. Esercizi commentati e risolti, vol. 1. Progetto Leonardo,
Bologna, 2003.

[9] M. Guarnieri, G. Malesani. Elettrotecnica-Elettromagnetismo


Stazionario e Quasi-Stazionario. Edizioni Progetto Padova, 1999.

[10] M. Guarnieri, G. Malesani. Elettrotecnica-Reti Elettriche. Edizioni


Progetto Padova, 1999.

307
308 BIBLIOGRAFIA

[11] J. Vlach, K. Singhal. Computer Methods for Circuit Simulation. Van


Nostrand Reinhold Co, New York, 1983.

[12] L. Pillegi, R. Rohrer, C. Visweswariah. Electronic Circuits and System


Simulation Methods. McGraw-Hill Book Company, 1995.

[13] Matlab User’s Guide,. The Mathworks, Inc., Natick, 2001.