Sei sulla pagina 1di 8

Sulla letteratura migrante e il soggetto multiplo

Sempre si scrive da un'assenza: la scelta


di una lingua significa automaticamente
l'afantasmamento dell'altro ma mai la sua scomparsa
Silvia Molloy, en “Vivir entre lenguas”1

1. Pensare alla scrittura dei migranti dalla prospettiva della letteratura comparata
e della sociologia

La proposta iniziale del teorico italiano Armando Gnisci (2002) è stata quella di
concepire una disciplina che pensasse e trattasse la letteratura / le letterature come un
fenomeno culturale mondiale. In un secondo momento, estende questa definizione, che
riteniamo opportuno menzionare poiché su questa base svilupperemo le nozioni che
verranno presentate in seguito:

La letteratura comparata è offerta come lo studio e il discorso che tenta di


corrispondere a questo potere della letteratura / le letterature come sua compagna e
uguale, come la conoscenza che traduce i valori della letteratura in un discorso
aperto alla pluralità, il discorso che possiamo fare tutti insieme e tradurli in modo
paritetico, nonostante e grazie alla rete infinita di reciprocità e differenze. (Gnisci,
2002:13)2

Citando il termine "pluralità", l'autore stabilisce il punto di partenza e il focus


essenziale della letteratura comparata: l'incontro con l'altro, con testi letterari stranieri o
con culture diverse.
Ci sono due nozioni - argomenti che vogliamo salvare poiché diventano punti di
contatto e sono trasversali nel pensare questo incontro con l'alterità. Il primo è il
viaggio, che non è solo un asse teorico profondamente studiato nel comparatismo, ma è
anche centrale nello studio della migrazione, poiché i viaggi e le migrazioni sono due
nozioni intrinseche. La letteratura di viaggio, secondo Doménico Nucera (2002) è
abituata ad attraversare i confini, è una forma concreta di approccio all'alterità,
dobbiamo attraversare i confini per trovare ciò che c’è dall'altra parte, e questo è il
punto del contatto più prezioso con il comparatismo letterario, poiché in quell'incontro
si inizia a confrontare il luogo stesso con l'altro luogo.

1 La traduzione è nostra
2 La traduzione è nostra
1
Questo incontro con l'altro e con l'altro luogo è l'aspetto che costituisce il motivo
per cui il viaggio si effettua, così come il motivo per cui questo incontro viene narrato.
Lo studio della letteratura di viaggio è correlato ad altre aree di studio come gli studi
postcoloniali, studi di genere, traduzione, l’immagologia e anche allo studio di
letterature migranti e scrittori migranti. Ora, quale scrittore si potrebbe considerare
migrante? Tornando ad alcune domande sul viaggio per problematizzare questo
percorso è utile iniziare a indagare nel campo della sociologia.
Il viaggio ha nella sua etimologia il viaticum latino, che indicava l'insieme degli
elementi necessari per il percorso, quindi "viaggiare" è ciò che viene consumato durante
il viaggio.Possiamo pensare, non solo a uno spostamento da un luogo all'altro, ma anche
a ciò che ha alimentato il viaggio nel quale lo scambio si è prodotto, pensare a come è
stata trasformata la propria esperienza dopo la scoperta di un altro luogo.
Dal punto di vista degli studi comparati, pensare al viaggio é pensare alla
configurazione della propria identità e a tutto ciò che traspare attraversando un confine.
Il viaggio non ha importanza per quanto riguarda il movimento reale o immaginario, ma
per quanto riguarda la descrizione di un incontro con l'altro, che si unisce nella
trasformazione di se stessi durante e dopo tale incontro.
A proposito delle migrazioni e della letteratura, Franca Sinopoli concepisce due
linee di ricerca critica: la prima è legata alla sua corrispondenza con il viaggio e la
seconda a una poetica della migranza. Con quest'ultima Sinopoli fa riferimento a tutti i
testi prodotti da chi ha vissuto e vive l'esperienza migratoria in prima persona,
assumendo questa come una crisi di identità e un senso di appartenenza da parte dell’io
scrittore.
Per cominciare a pensare a una definizione dello scrittore migrante (migrant writer),
inizieremo lo sviluppo di nozioni sulla migrazione nel campo degli studi sociologici di
A. Sayad. La sua proposta del 1973 sostiene che l'immigrazione deve essere pensata
come un processo dal suo inizio, e deve mettere in discussione la posizione riduzionista
del pensiero lógico-statale, che concepiva tale fenomeno da un punto di vista
amministrativo e statistico, sostenendo che era necessario prendere in considerazione i
contesti di origine e situazione del migrante. Così è concepita da lui la migrazione, in
termini di esperienza sociale degli immigrati nel loro complesso e nelle condizioni di
vita che gli si prospettano in quanto tale.
Per Sayad, la riflessione sociologica sull'immigrazione è diventata un problema
sociale e politico. Questa riflessione dovrebbe configurarsi inseparabilmente di un

2
atteggiamento interrogativo e problematico di tutti gli aspetti che costituiscono l'oggetto
di studio. A questo proposito, Sandra Gil Araujo esprime:

"Non c'è nessun altro oggetto in relazione al quale una problematica venga così
decisamente imposta in anticipo come questo e non si può ignorare il modo in cui
ci raggiunge perché è così che esiste nella società. Quindi, non si tratta di
descrivere l'immigrazione così com'è, ma di investigare i processi che la
istituiscono come oggetto di discorso, governo e conoscenza. "(Gil Araujo, 2010:
244)3

In sintesi, Sayad rifiuta che gli studi sui problemi degli immigrati si concentrino sui
problemi delle società verso cui migrano e non sui problemi che la loro esistenza
comporta in una nuova società:

"Ciò che conferisce unicità all'immigrazione è il fatto di (...) avere un potere


speciale, perché la società lo costruisce come un problema al crocevia di tutti gli
altri: è al centro. L'immigrazione è, prima di tutto, un problema che ha l'effetto
reale di scoprire i problemi. (...) In altre parole: è l'esistenza stessa della cosa,
dell'immigrato, che è, nella visione dell'ortodossia nazionale, il problema in
relazione al quale altri problemi sono solo questioni secondarie. Quindi, una
specificità della questione dell'immigrazione è che consente e, in una certa misura,
ci costringe a riflettere sulla relazione tra nazionale e non nazionale. Una divisione
che appartiene totalmente all'ordine dell'arbitrario e dell'arbitrario nel senso
strettamente logico del termine, il che implica che il contrario può essere
altrettanto vero. "(Sayad, 1996)4

2. La letteratura e la voce migrante

La letteratura della migrazione è incorniciata tra i testi il cui argomento gira intorno
al topos del viaggio e il trasferimento in un luogo diverso dal luogo di origine. Di fronte
alle rotture prodotte dalla migrazione, la scrittura viene introdotta come una nuova casa
per il migrante, come l’unica forma di mostrare al mondo com’è la realtà vissuta
dall’altra parte del fenomeno.

“La voce migrante ci dice cosa vuol dire sentirsi strano seppure a casa, vivere
contemporaneamente dentro e fuori la propria situazione immediata, essere
permanentemente in fuga, pensare di ritornare ma rendersi conto allo stesso tempo
dell'impossibilità di farlo, dal momento che il passato non è solo un altro paese ma
anche un'altra volta, fuori dal presente. Ci dice com'è attraversare i confini e

3 La traduzione è nostra
4 In Gil Araujo, Sandra (2010) “Abdelmalek Sayad. Una sociología (de las migraciones) para la
resistencia”, Empiria. Revista de Metodología en Ciencias Sociales, nº 19

3
com’è diventare improvvisamente una persona illegale, un ‘altro’; ci dice cosa
vuol dire vivere su una frontiera che attraversa la tua lingua, la tua religione, la tua
cultura. Racconta di viaggi a lunga distanza e trasferimenti, di perdite,
cambiamenti, conflitti, impotenza e di infinite tristezze che mettono a dura prova
la risoluzione emotiva dei migranti. Racconta di nuove visioni ed esperienze del
familiare e del non familiare. Per quelli che vengono da un altrove e non possono
tornare indietro, forse scrivere diventa un posto in cui vivere.” (King et al. 1995 en
Akaloo, 2012)5

Non è lontano il tempo in cui la critica letteraria italiana ha cominciato a interrogarsi


sul fenomeno degli scrittori migranti, considerati come coloro che lasciano la lingua
madre, cioè, quella del loro paese di origine. Da questa concezione sorge la nostra
problematica: analizzare come si manifesta la voce del soggetto migrante nel romanzo
Scontro di civiltà per un ascensore a Piazza Vittorio di A. Lakhous.
Per questo dobbiamo prima chiederci cosa intendiamo per "migrante". Useremo i
contributi di Mimmo Perrotta (anno), che, tornando all’argomento di Sayad, ha iniziato
la sua presentazione con l'idea di comprendere la migrazione come un "tradimento" che
rompe o delimita un "completo" costruito dall’inizio in un luogo di origine. Secondo
Perrotta “il migrante, in quanto emigrato, tradisce il suo gruppo di provenienza perché
abbandona la sua casa e, cosí facendo, mette in pericolo l’integrità del suo gruppo” (p.
7).
Inoltre, il migrante è anche "colpevole" o, per dire in un altro modo, messo in un
luogo di pericolo sulla terra in cui è arrivato perché è visto come un outsider, cade nella
fossa dell'alterità, dove per essere diverso "non dovrebbe essere lì ma, essendoci,
minaccia anche l'integrità e l'identità del gruppo con cui viene in contatto "(p.7).
Come abbiamo detto prima, il fatto che la migrazione sia trattata dal punto di vista
statistico e logistico fa sì che questo problema cada in un luogo comune quando in realtà
è un processo complesso in sé. Ai fini del nostro lavoro è chiave l'idea che Perrotta
riprende da A. Sayad, quella di concepire il migrante come un doppio soggetto,
"doppiamente presente e doppiamente assente"(p.7), che porta a una domanda
riguardante l'identità. È da qui che possiamo proporre che lo sdoppiamento attraverso
cui passa ogni soggetto che migra, si traduca in un problema di assenza, in uno “stare
nel mezzo”, in cui l'ego non è mai completo, non ha un posto proprio e sicuro.
3. Essere in una pluralità

5 La traduzione è Nostra.
4
Vincent Decombes in "El idioma de la identidad" (2013) propone di pensare la
nozione di identità come un insieme di identità, ossia "una diversità per noi stessi"
(p.48). Per Decombes, l'identità è necessariamente plurale, in ogni momento, dato che
non siamo irriducibili a una qualità sola e unica. Secondo le sue parole, non è possibile
fissare (felicemente) un solo personaggio.
L'identità plurale è percepibile in un singolo e stesso individuo a cui è richiesta
un'esistenza in modo plurale, come se una singola persona avesse il privilegio di vivere
ed esistere come se non fosse solo se stessa ma molte altre persone.
Possiamo pensare che questo è ciò che accade all'arrivo di un soggetto in un altro
paese. Questo paese, se seguiamo l'idea di Decombes, è esso stesso un'identità plurale e
non è in un dato momento lo stesso paese che esisteva in un momento precedente. Forse
un paese non comprende solo l'idea della propria nazionalità, anche perché non è in
nessun momento un paese con una sola cultura. L'identità plurale del paese è viva in
ogni momento perché è sempre e per qualcuno "un altro paese", cioè un paese straniero.
A questo punto la presenza di un soggetto migrante è chiave, e non dovremmo
dimenticare quando studiamo l'identità plurale che, in questo caso, sarebbe potenziata:
se è plurale nella terra madre, non si dimenticheranno mai tutti gli elementi che
costituiscono quella pluralità e che continueranno ad avere una lingua nonostante ne
acquisiscano un'altra e con una nuova lingua si produce una nuova concezione del
mondo e una nuova concezione dell'esistenza, pertanto, una nuova esistenza.
Possiamo dire che intendiamo come "letteratura dei migranti" quella letteratura
legata al tema esperienziale dei personaggi che si spostano da un paese all'altro come
migranti. Ma il problema nel romanzo di Amara Lakhous va oltre il tema del viaggio e
degli immigrati. Secondo prospettiva che regge la nostra lettura, il punto problematico è
l'identità del protagonista, che in qualità di migrante è pluralizzato in quello che
possiamo chiamare un "territorio nazionale" che gli è estraneo, causando così un
ostacolo nella lettura che è legato alle questioni di origine e di memoria.
L'interrogatorio sull'identità del protagonista Ahmed inizia con l'omicidio del
personaggio conosciuto come "Il Gladiatore", che appare morto in un ascensore. Da
quel momento tutti gli indizi durante la lettura indicano come colpevole Ahmed, che
scompare subito dopo il crimine. Questo omicidio è la chiave nella struttura del
romanzo poiché rivelerà le "verità" degli altri personaggi su Ahmed / Amedeo. Ognuno
svilupperà la propria visione di una possibile verità che ruota attorno al fatto che un
italiano sia stato ucciso da un immigrato.

5
Queste domande ci portano a pensare alla costruzione delle diverse spazialità che
vengono create dalle molteplici visioni dei fatti. Un caso speciale che consente molte
riflessioni sui molteplici punti focali da cui il migrante viene guardato è il caso di
Benedetta, la portiera napoletana. Lei è il punto in cui convergono tutte le
rappresentazioni razziste sugli immigrati africani in Europa . Nel capitolo "La verità di
Benedetta Esposito", il personaggio dichiara:

“Io sono sicura che l’assassino di Lorenzo Manfredini è uno degli immigrati. (…).
Basta che fai un giro di pomeriggio nei giardini di Piazza Vittorio per vedere che
la stragrande maggioranza della gente sono forestieri: chi viene dal Marocco, chi
dalla Romania, dalla Cina, dall’India, dalla Polonia, dal Senegal, dall’Albania.
Vivere con loro è impossibile. Tengono religioni, abitudini e tradizioni diverse
dalle nostre. Nei loro paesi vivono all’aperto o dentro le tende, mangiano con le
mani, si spostano con i ciucci e cammelli e trattano le donne come schiave”.
(Lakhous, 2006: 36-37)

In questo modo vediamo come la distanza e la profonda non-conoscenza di una


cultura sono trasmesse in chiave umoristica attraverso uno dei personaggi più grotteschi
e rappresentativi della realtà, che può essere letto come una critica a diversi attori sociali
che sfuggono a rappresentazioni inappropriate (come il razzismo, per esempio) che
affermano di avere un vero discorso. "Io non sono razzista" - dice Benedetta - "ma
questa è la verità" (Lakhous, 2006: 36-37). Questo tipo di discorso può essere visto
anche intorno alla figura di Elisabetta Fabbiani che fa dichiarazioni razziste contro i
cinesi, manifestando il cliché della reputazione di nutrirsi di carne di cane: “la legge
punisce chi mangia carne di cane?” (Lakhous, 2006:. 55). Oltre a ciò, altri interventi
razzisti sono attivati attraverso Elisabetta, che forse costituisce una critica alla xenofobia
nazionalista:

“Ogni tanto assistiamo alle manifestazioni in piazza Vittorio per i diritti degli
immigrati: diritto al lavoro, all’alloggio, alla salute, al voto ecc. Io dico che prima
vengono i diritti degli autoctoni, e i cani sono figli di questo paese. Io non mi Fido
degli immigrati” (Lakhous, 2006: 57).

Ma oltre ai discorsi che ruotano intorno al migrante, ciò che ci interessa di più del
problema dell'identità ricade sul nome del protagonista, che in tutta la storia oscilla tra
Amedeo / Ahmed. Verso la fine della storia, Stefania chiede chi è il vero Amedeo: “non
so chi è Amedeo. Chi era prima di stabilirse a Roma? Cosa nasconde il suo passato?
[...] Un mistero che avvolge la sua vita precedente, forse è questo il segreto della mia

6
passione per lui.” (Lakhous, 2006: 103-104); così come Abdallah: "Perché si è fatto
chiamare Amedeo?"(Lakhous, 2006:11). Questo fraintendimento che riguarda il nome
costituisce il punto in cui si sviluppa l'identità problematica del protagonista, che sarà
risolta verso la fine.
Il momento in cui si presenta il problema dell'origine è negli incubi di Ahmed, dove
Stefania è sorpresa di sentire il nome "Bàgia", di cui non ottiene alcun riferimento e
diventa un mistero verso la fine, un mistero come l’identità del protagonista:

“Stefania mi ha detto questa mattina che ho gridato durante il sonno e che ho


ripetuto molte volte il nome Bàgia. Non ho voluto rivelarle i dettagli. È inutile
farla partecipare al gioco degli incubi. La mia memoria è ferita e sanguina, devo
curare le ferite del passato in solitudine. Peccato, Bàgia si fa viva solo negli incubi
avvolta in un lenzuolo macchiato di sangue” (Lakhous, 2006: 109).

4. Riflessione finale
Possiamo pensare che lo studio della letteratura migrante apra un'entrata alle
produzioni letterarie non occidentali in uno spazio in cui le differenze sono integrate,
che permetta un cambiamento nella percezione della migrazione come fenomeno
personale e comunitario.
L'incorporazione di una letteratura straniera in una cultura potrebbe favorire
l'incorporazione di diversi modi di vedere il mondo e l'accettazione degli stranieri nel
paese, incorporazione che non ricade nel falso discorso di "uguaglianza" che finge che
l’altro è modificato secondo l'immagine dell'io che ha più potere, ma per riconoscere la
diversità come trasversale a qualsiasi desiderio di uguaglianza.

Bibliografia di riferimento

7
- Akaloo, N. (2012) Cruzando fronteras : imágenes literarias de la migración
marroquí a España : una lectura comparatista. Universidad Carlos III de Madrid.
Disponible en https://e-
archivo.uc3m.es/bitstream/handle/10016/15228/tesis_Nasima_Akaloo.pdf?
sequence=1

- Gil Araujo, Sandra (2010) “Abdelmalek Sayad. Una sociología (de las
migraciones) para la resistencia”, Empiria. Revista de Metodología en Ciencias
Sociales, nº 19. Disponible en
www.revistas.uned.es/index.php/empiria/article/download/2025/1905

- Gnisci, A (2002) (comp.) Introducción a la literatura comparada. Ed. Crítica.


Barcelona, España.

- Gnisci, A. (2010). “Escrituras migrantes”. Extravío- Revista electrónica de


literatura comparada, núm. 5. Universitat de València, España. Disponible en
http://www.uv.es/extravio/pdf5/a_gnisci.pdf

- Lakhous, A. (2006) Scontro di civiltà per un ascensore a Piazza Vittorio. Edizioni


e/o. Roma, 2015.

- Molloy, S. (2016) Vivir entre lenguas. Eterna Cadencia Editora. Buenos Aires,
Argentina.

- Nucera, D. (2002) “Los viajes y la literatura” en Gnisci A. (2002) Introducción a


la literatura comparada. Ed. Crítica. Barcelona, España.

- Perrotta, M. (2018) Chi è il migrante? Rivista Hamelin N° 35