Sei sulla pagina 1di 63

Università degli Studi di Trieste

Dipartimento di Ingegneria e Architettura


Laurea Magistrale: Ingegneria Civile
Corso : Progettazione ed Adeguamento delle
Infrastrutture Viarie (cod. 143MI)

Lezione 09-10: Barriere di sicurezza stradale


D.M. 21.06.2004 (Ministero Infrastrutture e dei Trasporti)
Istruzioni tecniche per la progettazione, l'omologazione e l'impiego dei dispositivi di ritenuta
nelle costruzioni stradali
PERCHÈ VI È L’ESIGENZA DI UTILIZZARE LE BARRIERE DI SICUREZZA?

PER PROTEGGERE I VEICOLI DAI RISCHI DI UNA FUORIUSCITA…..

2
D.M. 21.06.2004 (Ministero Infrastrutture e dei Trasporti)
Istruzioni tecniche per la progettazione, l'omologazione e l'impiego dei dispositivi di ritenuta
nelle costruzioni stradali

….E PER PROTEGGERE ELEMENTI ESTERNI DA UNA FUORIUSCITA

3
QUADRO NORMATIVO SULLE BARRIERE DI SICUREZZA STRADALI
• D.M. 18.02.92 n. 223 – Recante le Istruzioni tecniche sulla progettazione, omologazione ed
impiego delle barriere di sicurezza stradale;
• D.M. 03.06.98 Recante le Istruzioni tecniche sulla progettazione, omologazione ed impiego
delle barriere di sicurezza stradale (con esclusione delle istruzioni tecniche sostituite dalle
istruzioni tecniche allegate al D.M. 21.6.2004 n. 2367);
• D.M. 21.06.04 n. 2367 Recante le Istruzioni tecniche per la progettazione, l’omologazione e
l’impiego dei dispositivi di ritenuta nelle costruzioni stradali;
• UNI EN 1317 – Barriere di sicurezza stradali: parti 1, 2, 3 e 4;
• D.M. 05.11.2001 – Norme funzionali e geometriche per la costruzione delle strade e s.m.i.;
• D.M. 19.04.06 – Norme funzionali e geometriche per la costruzione delle intersezioni
stradali.
• Circolare 25.08.2004 n. 3065 - Direttiva sui criteri di progettazione, installazione, verifica e
manutenzione dei dispositivi di ritenuta nelle costruzioni stradali (per quanto ancora
applicabile);
• Circolare 20.09.2005 n. 3533 – Direttive inerenti le procedure ed i documenti necessari per
le domande di omologazione dei dispositivi di ritenuta nelle costruzioni stradali ai sensi del
D.M. 21.06.04 (per quanto ancora applicabile)
• Circolare 15.11.2007 n. 104862- Scadenza della validità delle omologazioni delle barriere di
sicurezza rilasciate ai sensi delle norme antecedenti il D.M. 1.06.2004 (per quanto ancora
applicabile).

4
D.M. 18.02.1992 (Ministero dei Lavori Pubblici)
Regolamento recante istruzioni tecniche per la progettazione, l’omologazione e l’impiego di barriere
stradali di sicurezza

Art. 1
Si definiscono barriere stradali di sicurezza i dispositivi aventi lo
scopo di realizzare il contenimento dei veicoli che dovessero
tendere alla fuoriuscita dalla carreggiata stradale, nelle migliori
condizioni di sicurezza possibili

5
D.M. 18.02.1992 (Ministero dei Lavori Pubblici)
Regolamento recante istruzioni tecniche per la progettazione, l’omologazione e l’impiego di barriere
stradali di sicurezza
Art. 2
C1. I progetti esecutivi relativi alle strade ad uso pubblico extraurbane ed urbane che
hanno velocità di progetto maggiore o uguale a 70 km/h devono comprendere un
apposito allegato progettuale, completo di relazione motivata sulle scelte, redatto da
un ingegnere, riguardante i tipi di barriere di sicurezza da adottare, la loro ubicazione e
le opere complementari connesse (fondazioni, supporti, dispositivi di smaltimento
delle acque) nell’ambito della sicurezza stradale.

C2. I progetti relativi alla costruzione di nuovi tronchi stradali dovranno prevedere la
protezione delle zone precisate nelle istruzioni tecniche di cui al successivo art. 8

C3. Analoga progettazione dovrà essere svolta in occasione dell’adeguamento di tratti


significativi di tronchi stradali esistenti, oppure nella ricostruzione e riqualificazione di
parapetti di ponti e viadotti situati in posizione pericolosa per l’ambiente esterno alla
strada o per l’utente stradale; i ripristini di danni localizzati potranno invece essere
eseguiti con le tipologie preesistenti.

6
D.M. 18.02.1992 (Ministero dei Lavori Pubblici)
Regolamento recante istruzioni tecniche per la progettazione, l’omologazione e l’impiego di barriere
stradali di sicurezza

Art. 3
C1. La protezione indicata all’art. 2 dovrà essere attuata con
dispositivi che abbiano conseguito il certificato di idoneità
tecnica, nel proseguio indicato per brevità “omologazione”,
rilasciato dal Ministero dei lavori pubblici – Ispettorato
circolazione e traffico

7
D.M. 18.02.1992 (Ministero dei Lavori Pubblici)
Regolamento recante istruzioni tecniche per la progettazione, l’omologazione e l’impiego di barriere
stradali di sicurezza

Art. 4
C1. Possono essere omologati solo i dispositivi che rispondono alle istruzioni
tecniche di cui al successivo art. 8.

C2. Il produttore è responsabile della rispondenza del prodotto fornito alle


norme di omologazione, ed il progettista deve curare il corretto inserimento
del manufatto nel tessuto viario.

C3. Il direttore dei lavori ed il costruttore, ciascuno per la parte di propria


competenza, hanno la responsabilità della rispondenza dell’opera al progetto,
alle prescrizioni di esecuzioni e/o alle modalità di posa in opera.

C4. Non possono essere aperte al traffico le strade per le quali non siano
state realizzate le protezioni previste nel progetto approvato.

8
CAMPO DI APPLICAZIONE DELLA NORMATIVA

la Circolare Min. Infr. e Trasp. prot. 0062032-21 del 21.07.10 recita


testualmente:
Il campo di applicazione della normativa in materia di progettazione,
omologazione e impiego dei dispositivi di ritenuta nelle costruzioni stradali è
definito dall’art. 2 comma 1 del D.M. 223/1992 e riguarda i progetti esecutivi
relativi alle strade ad uso pubblico extraurbane ed urbane che hanno velocità di
progetto maggiore o uguale a 70 km/h. Sono espressamente escluse dal campo
di applicazione della norma in argomento le progettazioni inerenti le strade
extraurbane ed urbane con velocità di progetto inferiore a 70 km/h.
Si rammenta che sotto il profilo regolamentare la velocità di progetto di un arco
stradale deve essere determinata in relazione alla classe funzionale, riportata
all’art. 2 comma 2 del D.Lgs. 285/1992 “Nuovo Codice della Strada” ed alle sue
caratteristiche planimetriche (raggio di curvatura), indipendentemente dalla
eventuale imposizione di un limite di velocità sul tratto stradale oggetto di
intervento.

9
D.M. 21.06.2004 (Ministero Infrastrutture e dei Trasporti)
Istruzioni tecniche per la progettazione, l'omologazione e l'impiego dei dispositivi di ritenuta
nelle costruzioni stradali

Art. 1 (allegato) Oggetto delle istruzioni


Classificazione dei dispositivi di ritenuta nelle costruzioni stradali.

Le presenti istruzioni tecniche disciplinano la progettazione, l'omologazione, la


realizzazione e l'impiego delle barriere di sicurezza stradale e degli altri dispositivi
di ritenuta nelle costruzioni stradali.
A seconda della loro destinazione ed ubicazione, le barriere e gli altri dispositivi si
dividono nei seguenti tipi:
a) barriere centrali da spartitraffico;
b) barriere laterali;
c) barriere per opere d'arte, quali ponti, viadotti, sottovia, muri, ecc.;
d) barriere o dispositivi per punti singolari, quali barriere per chiusura varchi,
attenuatori d'urto per ostacoli fissi, letti di arresto o simili, terminali speciali,
dispositivi per zone di approccio ad opere d'arte, dispositivi per zone di
transizione e simili.

10
D.M. 21.06.2004 (Ministero Infrastrutture e dei Trasporti)
Istruzioni tecniche per la progettazione, l'omologazione e l'impiego dei dispositivi di ritenuta
nelle costruzioni stradali
BARRIERA BORDO PONTE PROFILO NEW JERSEY IN ACCIAIO

11
D.M. 21.06.2004 (Ministero Infrastrutture e dei Trasporti)
Istruzioni tecniche per la progettazione, l'omologazione e l'impiego dei dispositivi di ritenuta
nelle costruzioni stradali

Art. 2 (allegato)
Finalita' dei dispositivi di ritenuta nelle costruzioni stradali

Le barriere di sicurezza stradale e gli altri dispositivi di ritenuta sono


posti in opera essenzialmente al fine di realizzare per gli utenti della
strada e per gli esterni eventualmente presenti, accettabili condizioni
di sicurezza in rapporto alla configurazione della strada, garantendo,
entro certi limiti, il contenimento dei veicoli che dovessero tendere
alla fuoriuscita dalla carreggiata Stradale
Le barriere di sicurezza stradale e gli altri dispositivi di ritenuta devono
quindi essere idonei ad assorbire parte dell'energia di cui è dotato il
veicolo in movimento, limitando contemporaneamente gli effetti
d'urto sui passeggeri.

12
D.M. 21.06.2004 (Ministero Infrastrutture e dei Trasporti)
Istruzioni tecniche per la progettazione, l'omologazione e l'impiego dei dispositivi di ritenuta
nelle costruzioni stradali

Disciplina la progettazione, l’omologazione, l’impiego delle barriere stradali

Le barriere stradali si dividono nei seguenti TIPI:


• centrali spartitraffico
• laterali
• per opere d’arte
• per punti singolari

Le barriere si classificano in funzione del livello di contenimento così come


definito nel D.M. (N1, N2, H1, H2, H3, H4)

La scelta della classe dipende dalla categoria di strada (D.Lgs. 285/1992) e dal
traffico della strada (TGM e % veicoli pesanti) possono essere installate solo
barriere OMOLOGATE o, in assenza della circolare di avvenuta omologazione,
barriere che abbiano tutta la documentazione di crash test e sia stata
presentata domanda di omologazione

13
D.M. 21.06.2004 (Ministero Infrastrutture e dei Trasporti)
Istruzioni tecniche per la progettazione, l'omologazione e l'impiego dei dispositivi di ritenuta
nelle costruzioni stradali

Art. 3 (allegato) Individuazione delle zone da proteggere

Le zone da proteggere per le finalità di cui all'art. 2, definite, come previsto


dal D.M. 18 febbraio 1992, n. 223, e successivi aggiornamenti e modifiche,
dal progettista della sistemazione dei dispositivi di ritenuta, devono
riguardare almeno:
i margini di tutte le opere d'arte all'aperto quali ponti, viadotti, ponticelli,
sovrappassi e muri di sostegno della carreggiata, indipendentemente dalla
loro estensione longitudinale e dall'altezza dal piano di campagna;la
protezione dovrà estendersi opportunamente oltre lo sviluppo longitudinale
strettamente corrispondente all'opera sino a raggiungere punti (prima e
dopo l'opera) per i quali possa essere ragionevolmente ritenuto che il
comportamento delle barriere in opera sia paragonabile a quello delle
barriere sottoposte a prova d'urto e comunque fino a dove cessi la
sussistenza delle condizioni che richiedono la protezione;

14
D.M. 21.06.2004 (Ministero Infrastrutture e dei Trasporti)
Istruzioni tecniche per la progettazione, l'omologazione e l'impiego dei dispositivi di ritenuta
nelle costruzioni stradali

Art. 3 (allegato) Individuazione delle zone da proteggere

lo spartitraffico ove presente;


il margine laterale stradale nelle sezioni in rilevato dove il dislivello tra il
colmo dell'arginello ed il piano di campagna e’ maggiore o uguale a 1 m; la
protezione e' necessaria per tutte le scarpate aventi pendenza maggiore o
uguale a 2/3. Nei casi in cui la pendenza della scarpata sia inferiore a 2/3, la
necessità di protezione dipende dalla combinazione della pendenza e
dell'altezza della scarpata, tenendo conto delle situazioni di potenziale
pericolosità a valle della scarpata (presenza di edifici, strade, ferrovie,
depositi di materiale pericoloso o simili).

15
D.M. 21.06.2004 (Ministero Infrastrutture e dei Trasporti)
Istruzioni tecniche per la progettazione, l'omologazione e l'impiego dei dispositivi di ritenuta
nelle costruzioni stradali

Art. 3 (allegato) Individuazione delle zone da proteggere

gli ostacoli fissi (frontali o laterali) che potrebbero costituire un pericolo per gli
utenti della strada in caso di urto, quali pile di ponti, rocce affioranti, opere di
drenaggio non attraversabili, alberature, pali di illuminazione e supporti per
segnaletica non cedevoli, corsi d'acqua, ecc, ed i manufatti, quali edifici pubblici
o privati, scuole, ospedali, ecc, che in caso di fuoriuscita o urto dei veicoli
potrebbero subire danni comportando quindi pericolo anche per i non utenti
della strada. Occorre proteggere i suddetti ostacoli e manufatti nel caso in cui
non sia possibile o conveniente la loro rimozione e si trovino ad una distanza dal
ciglio esterno della carreggiata, inferiore ad una opportuna distanza di sicurezza;
tale distanza varia, tenendo anche conto dei criteri generali indicati nell'art. 6, in
funzione dei seguenti parametri: velocità di progetto, volume di traffico, raggio
di curvatura dell'asse stradale, pendenza della scarpata, pericolosità
dell'ostacolo.

16
D.M. 21.06.2004 (Ministero Infrastrutture e dei Trasporti)
Istruzioni tecniche per la progettazione, l'omologazione e l'impiego dei dispositivi di ritenuta
nelle costruzioni stradali

Art. 3 (allegato) Individuazione delle zone da proteggere

Le protezioni dovranno in ogni caso essere effettuate per una estensione


almeno pari a quella indicata nel certificato di omologazione, ponendone
circa due terzi prima dell'ostacolo, integrando lo stesso dispositivo con
eventuali ancoraggi e con i terminali semplici indicati nel certificato di
omologazione, salvo diversa prescrizione del progettista secondo i criteri
indicati nell'art. 6; in particolare, ove possibile, per le protezioni isolate di
ostacoli fissi, all'inizio dei tratti del dispositivo di sicurezza, potranno essere
utilizzate integrazioni di terminali speciali appositamente testati.

Per la protezione degli ostacoli frontali dovranno essere usati attenuatori


d'urto, salvo diversa prescrizione del progettista.

17
D.M. 21.06.2004 (Ministero Infrastrutture e dei Trasporti)
Istruzioni tecniche per la progettazione, l'omologazione e l'impiego dei dispositivi di ritenuta
nelle costruzioni stradali
ATTENUATORI D’URTO

18
D.M. 21.06.2004 (Ministero Infrastrutture e dei Trasporti)
Istruzioni tecniche per la progettazione, l'omologazione e l'impiego dei dispositivi di ritenuta
nelle costruzioni stradali
CRASH TEST DI UN TERMINALE SPECIALE

19
D.M. 21.06.2004 (Ministero Infrastrutture e dei Trasporti)
Istruzioni tecniche per la progettazione, l'omologazione e l'impiego dei dispositivi di ritenuta
nelle costruzioni stradali

Art. 5 (allegato) Conformità dei dispositivi di ritenuta nelle


costruzioni stradali e loro installazione

…omissis…
All'atto dell'impiego dei dispositivi di ritenuta nelle costruzioni stradali, le
caratteristiche costitutive dei materiali impiegati dovranno essere certificate mediante
prove di laboratorio. Dovranno inoltre essere allegate le corrispondenti dichiarazioni
di conformità dei produttori alle relative specifiche tecniche di prodotto.
Le barriere e gli altri dispositivi di ritenuta omologati ed installati su strada dovranno
essere identificati attraverso opportuno contrassegno, da apporre sulla barriera
(almeno uno ogni 100 metri di installazione) o sul dispositivo, e riportante la
denominazione della barriera o del dispositivo omologato, il numero di omologazione
ed il nome del produttore. Una volta conseguita l'armonizzazione della norma EN
1317 e divenuta obbligatoria la marcatura CE, le informazioni da apporre sul
contrassegno saranno quelle previste nella stessa norma EN 1317, parte 5.

20
D.M. 21.06.2004 (Ministero Infrastrutture e dei Trasporti)
Istruzioni tecniche per la progettazione, l'omologazione e l'impiego dei dispositivi di ritenuta
nelle costruzioni stradali

Art. 5 (allegato) Conformità dei dispositivi di ritenuta nelle


costruzioni stradali e loro installazione

Nell'installazione sono tollerate piccole variazioni, rispetto a quanto indicato


nei certificati di omologazione, conseguenti alla natura del terreno di
supporto o alla morfologia della strada (ad esempio: infissione ridotta di
qualche paletto o tirafondo; inserimento di parte dei paletti in conglomerati
cementizi di canalette; eliminazione di supporti localizzati conseguente alla
coincidente presenza di caditoie per l'acqua o simili). Altre variazioni di
maggior entità e comunque limitate esclusivamente alle modalità di
ancoraggio del dispositivo di supporto sono possibili solo se previste in
progetto, come riportato nell'art. 6.

21
D.M. 21.06.2004 (Ministero Infrastrutture e dei Trasporti)
Istruzioni tecniche per la progettazione, l'omologazione e l'impiego dei dispositivi di ritenuta
nelle costruzioni stradali

Art. 5 (allegato) Conformità dei dispositivi di ritenuta nelle costruzioni


stradali e loro installazione

Alla fine della posa in opera dei dispositivi, dovrà essere effettuata una
verifica in contraddittorio da parte della ditta installatrice, nella persona del
suo Responsabile Tecnico, e da parte del committente, nella persona del
direttore lavori anche in riferimento ai materiali costituenti il dispositivo. Tale
verifica dovrà risultare da un certificato di corretta posa in opera sottoscritto
dalle parti.

22
D.M. 21.06.2004 (Ministero Infrastrutture e dei Trasporti)
Istruzioni tecniche per la progettazione, l'omologazione e l'impiego dei dispositivi di ritenuta
nelle costruzioni stradali

Art. 6 (allegato)
Criteri di scelta dei dispositivi di sicurezza stradale
…..omissis…..
La scelta dei dispositivi di sicurezza avverrà tenendo conto della loro
destinazione ed ubicazione, del tipo e delle caratteristiche della strada
nonché di quelle del traffico cui la stessa sarà interessata,
…omissis….
Sarà in particolare controllata la compatibilità dei carichi trasmessi dalle
barriere alle opere con le relative resistenze di progetto.
…omissis….
Ai fini applicativi il traffico sarà classificato in ragione dei volumi di traffico
e della prevalenza dei mezzi che lo compongono, distinto nei seguenti
livelli:

23
D.M. 21.06.2004 (Ministero Infrastrutture e dei Trasporti)
Istruzioni tecniche per la progettazione, l'omologazione e l'impiego dei dispositivi di ritenuta
nelle costruzioni stradali

Art. 6 (allegato) Criteri di scelta dei dispositivi di sicurezza stradale


Classi minime da utilizzare

% veicoli pesanti
TRAFFICO TIPO TGM
Massa > 3.000 kg

I < 1.000 qualsiasi

I > 1.000 <5%

II > 1.000 >5% - <15%

III > 1.000 > 15%

24
D.M. 21.06.2004 (Ministero Infrastrutture e dei Trasporti)
Istruzioni tecniche per la progettazione, l'omologazione e l'impiego dei dispositivi di ritenuta
nelle costruzioni stradali

Art. 6 (allegato) Criteri di scelta dei dispositivi di sicurezza stradale


Classi minime da utilizzare
Destinazione delle barriere

Tipo di strade Traffico barriere barriere barriere


spartitraffico bordo laterale bordo ponte

Autostrade (A) e strade I H2 H1 H2


extraurbane principali (B) II H3 H2 H3
III H3-H4 H2-H3 H3-H4
Strade extraurbane I H1 N2 H2
secondarie (C) e Strade II H2 H1 H2
urbane di scorrimento (D) III H2 H2 H3

Strade urbane di quartiere (E) I N2 N1 H2


e Strade locali (F) II H1 N2 H2
III H1 H1 H2

25
D.M. 21.06.2004 (Ministero Infrastrutture e dei Trasporti)
Istruzioni tecniche per la progettazione, l'omologazione e l'impiego dei dispositivi di ritenuta
nelle costruzioni stradali

Art. 6 (allegato)
Criteri di scelta dei dispositivi di sicurezza stradale
Particolare attenzione dovrà essere fatta alle zone di inizio barriere, in
corrispondenza di una cuspide; esse andranno eseguite solo se necessarie in
relazione alla morfologia del sito o degli ostacoli in esso presenti e protette in
questo caso da specifici attenuatori d'urto. (salvo nelle cuspidi di rampe che
vanno percorse a velocità 40 km/h). Ogni qualvolta sia possibile si preferiranno
soluzioni di minore pericolosità quali letti di arresto o simili, da testare con la
sola prova tipo TB11 della norma EN 1317, con ingresso frontale in asse alla
fascia costituita dal letto d'arresto da testare, che potrà poi essere usato con
maggiore larghezza e/o lunghezza dei minimi testati.
I terminali semplici, definiti come normali elementi iniziali e finali di una
barriera di sicurezza, possono essere sostituiti o integrati alle estremità di
barriere laterali con terminali speciali testati secondo UNI EN 1317-4, di tipo
omologato. In questo caso, la scelta avverrà tenendo conto delle loro prestazioni
e della destinazione ed ubicazione, secondo tabella C.

26
D.M. 21.06.2004 (Ministero Infrastrutture e dei Trasporti)
Istruzioni tecniche per la progettazione, l'omologazione e l'impiego dei dispositivi di ritenuta
nelle costruzioni stradali
ERRATO INIZIO DELLA BARRIERA BORDO PONTE

27
D.M. 21.06.2004 (Ministero Infrastrutture e dei Trasporti)
Istruzioni tecniche per la progettazione, l'omologazione e l'impiego dei dispositivi di ritenuta
nelle costruzioni stradali
ERRATO INIZIO/TRANSIZIONE

28
D.M. 21.06.2004 (Ministero Infrastrutture e dei Trasporti)
Istruzioni tecniche per la progettazione, l'omologazione e l'impiego dei dispositivi di ritenuta
nelle costruzioni stradali
INCIDENTE CONTRO UN AVVIO BARRIERA

29
D.M. 21.06.2004 (Ministero Infrastrutture e dei Trasporti)
Istruzioni tecniche per la progettazione, l'omologazione e l'impiego dei dispositivi di ritenuta
nelle costruzioni stradali

Art. 6 (allegato)
Criteri di scelta dei dispositivi di sicurezza stradale

Il progettista delle applicazioni dei dispositivi di sicurezza di cui all'art. 2 del


D.M. n. 223/1992 nel prevedere la protezione dei punti previsti nell'art. 3
definirà le caratteristiche prestazionali dei dispositivi da adottare secondo
quanto indicato nelle presenti istruzioni e in particolare la tipologia, la classe,
il livello di contenimento, l'indice di severità, i materiali, le dimensioni, il
peso massimo, i vincoli, la larghezza di lavoro, ecc., tenendo conto della loro
congruenza con, il tipo di supporto, il tipo di strada, le manovre ed il traffico
prevedibile su di essa e le condizioni geometriche esistenti.
Le barriere di sicurezza dovranno avere la lunghezza minima di cui all'art. 3,
escludendo dal computo della stessa i terminali semplici o speciali, sia in
ingresso che in uscita.

30
CLASSIFICAZIONE DEI SISTEMI DI RITENUTA

Le diverse tipologie di barriere vengono classificate dalla norma UNI EN1317-


2 in relazione al livello di contenimento.
Esso rappresenta l’energia cinetica posseduta dal mezzo all’atto dell’impatto
ed è definito dalla relazione:

Lc =1/2 x M x (V x senθ)2

Dove:
Lc = livello di contenimento [kJ]
M = massa del veicolo [t]
V = velocità di impatto [m/s]
θ = angolo di impatto

31
CLASSIFICAZIONE DEI SISTEMI DI RITENUTA
Il livello di contenimento (Lc) è definito attraverso delle prove di accettazione
che utilizzano crash test (UNI EN1317- 2)

32
CLASSIFICAZIONE DEI SISTEMI DI RITENUTA
Descrizione delle prove d’urto dei veicoli (UNI EN1317- 2):

La classe degli attenuatori è definita in base alle prove d’urto normate dalla UNI EN1317- 3.
La classe degli terminali è definita in base alle prove d’urto normate dalla UNI EN1317- 4:

33
INDICI DI SEVERITA’

Rappresentano qualitativamente il concetto di:

CEDEVOLEZZA e PLASTICITA’ della barriera si sicurezza

La barriera deve:

CONTENERE IL VEICOLO

RIDURRE LE AZIONI D’URTO SULLE PERSONE

34
ASI – Indice di severità dell’accelerazione
(Acceleration Severity Index)

È un indice che fornisce una valutazione sulle accelerazioni a cui sono soggetti
gli occupanti di un veicolo.
È dato dalla seguente espressione:

Dove:
X, Y, Z : componenti dell’accelerazione applicata al baricentro del veicolo
misurata durante l’urto
X0, Y0, Z0 : valori limite delle componenti dell’accelerazione.
Secondo UNI EN 1317: X0 = 12g Y0 = 9g Z0 = 10g

35
THIV – Velocità teorica d’urto della testa
(Theoretical Head Impact Velocity)

Rappresenta la velocità alla quale un corpo libero di muoversi impatta su una


superficie interna dell’abitacolo del veicolo coinvolto nell’urto contro la
barriera.

Dove:
VX, VY, : componenti della velocità rispetto al sistema di riferimento del
veicolo;

36
Livelli di severità dell’urto

Questi indici servono a valutare i rischi che gli occupanti del veicolo possano
subire gravi danni, dato che il corpo umano ha resistenza limitata a tempi
molto brevi nei confronti delle violente accelerazioni e che alcune sue parti
sono particolarmente vulnerabili ad impatti contro elementi rigidi.
Infatti le accelerazioni e decelerazioni provocano un movimento relativo tra
veicolo e occupanti, in conseguenza del quale si verificano colpi in varie parti
del corpo, soprattutto la testa, con conseguenti lesioni, a volte mortali.

37
VCDI – Indice di deformazione dell’abitacolo del veicolo
(Vehicle Cockpit Deformation Index)

E’ l’indice che fornisce una descrizione tipo della deformazione dell’interno del
veicolo, stabilendone dei limiti.
Infatti le sole misure dell’accelerazione non sono sufficienti a quantificare il
rischio che gli occupanti del veicolo possono subire, se in seguito all’urto il
veicolo subisce deformazioni tali da ridurre lo spazio vitale necessario agli
occupanti.

L’indice viene determinato esclusivamente per le automobili.

38
Deformazione del sistema di ritenuta

La deformazione del dispositivo di ritenuta durante le prove d’urto è data


dalla:

• Deflessione dinamica

• Larghezza operativa

• Intrusione del veicolo

39
Deformazione del sistema di ritenuta

Deflessione dinamica Dm: massimo spostamento dinamico trasversale del


frontale del sistema di contenimento.
Larghezza operativa Wm: distanza laterale massima fra il lato rivolto verso il
traffico prima dell’urto della barriera di sicurezza e la massima posizione
laterale dinamica di una qualunque parte della barriera

40
Classi larghezza operativa

41
Deformazione del sistema di ritenuta

Intrusione del veicolo Vlm (di autocarri o autobus):


posizione laterale dinamica massima del veicolo misurata a partire dal lato
della barriera, non deformato, rivolto verso il traffico.

42
D.M. 21.06.2004 (Ministero Infrastrutture e dei Trasporti)
Istruzioni tecniche per la progettazione, l'omologazione e l'impiego dei dispositivi di ritenuta
nelle costruzioni stradali

Art. 6 (allegato)
Criteri di scelta dei dispositivi di sicurezza stradale
Laddove non sia possibile installare un dispositivo con una lunghezza minima
pari a quella effettivamente testata (per esempio ponti o ponticelli aventi
lunghezze in alcuni casi sensibilmente inferiori all'estensione minima del
dispositivo), sarà possibile installare una estensione di dispositivo inferiore
a quella effettivamente testata, provvedendo però a raggiungere la
estensione minima attraverso un dispositivo diverso (per esempio testato
con pali infissi nel terreno), ma di pari classe di contenimento (o di classe
ridotta - H3 nel caso di affiancamento a barriere bordo ponte di classe H4)
garantendo inoltre la continuità strutturale. L'estensione minima che il
tratto di dispositivo «misto» dovrà raggiungere sarà costituita dalla maggiore
delle lunghezze prescritte nelle omologazioni dei due tipi di dispositivo da
impiegare.

43
D.M. 21.06.2004 (Ministero Infrastrutture e dei Trasporti)
Istruzioni tecniche per la progettazione, l'omologazione e l'impiego dei dispositivi di ritenuta
nelle costruzioni stradali

Art. 6 (allegato)
Criteri di scelta dei dispositivi di sicurezza stradale

Ove reputato necessario, il progettista potrà utilizzare dispositivi della classe


superiore a quella minima indicata; parimenti potrà utilizzare, solo su strade
esistenti, barriere o dispositivi di classe inferiore da quelli indicati, se le strade hanno
dimensioni trasversali insufficienti, per motivi di riduzione di visibilità al sorpasso o
all'arresto, per punti singolari come pile di ponte senza spazio laterale o simili. In
questo ultimo caso potrà usare dispositivi in parte difformi da quelli indicati, curando
in particolare la protezione dagli urti frontali su detti elementi strutturali.

Per le strade esistenti o per allargamenti in sede di strade esistenti il progettista potrà
prevedere la collocazione dei dispositivi con uno spazio di lavoro (inteso come
larghezza del supporto a tergo della barriera) necessario per la deformazione più
probabile negli incidenti abituali della strada da proteggere, indicato come una
frazione del valore della massima deformazione dinamica rilevato nei crash test;

44
D.M. 21.06.2004 (Ministero Infrastrutture e dei Trasporti)
Istruzioni tecniche per la progettazione, l'omologazione e l'impiego dei dispositivi di ritenuta
nelle costruzioni stradali

Art. 6 (allegato)
Criteri di scelta dei dispositivi di sicurezza stradale

Il progettista dovrà inoltre curare con specifici disegni esecutivi e relazioni di


calcolo l'adattamento dei singoli dispositivi alla sede stradale in termini di
supporti, drenaggio delle acque, collegamenti tra diversi tipi di protezione,
zone di approccio alle barriere, punto di inizio e di fine in relazione alla
morfologia della strada per l'adeguato posizionamento dei terminali,
interferenza e/o integrazione con altri tipi di barriere, ecc.

45
D.M. 21.06.2004 (Ministero Infrastrutture e dei Trasporti)
Istruzioni tecniche per la progettazione, l'omologazione e l'impiego dei dispositivi di ritenuta
nelle costruzioni stradali
MANCANZA DELLO SPAZIO DI DEFORMAZIONE

46
D.M. 21.06.2004 (Ministero Infrastrutture e dei Trasporti)
Istruzioni tecniche per la progettazione, l'omologazione e l'impiego dei dispositivi di ritenuta
nelle costruzioni stradali
PRESENZA DELLO SPAZIO DI DEFORMAZIONE

47
D.M. 21.06.2004 (Ministero Infrastrutture e dei Trasporti)
Istruzioni tecniche per la progettazione, l'omologazione e l'impiego dei dispositivi di ritenuta
nelle costruzioni stradali
ERRATA POSIZIONE DELL’IMPIANTO DI ILLUMINAZIONE

48
D.M. 21.06.2004 (Ministero Infrastrutture e dei Trasporti)
Istruzioni tecniche per la progettazione, l'omologazione e l'impiego dei dispositivi di ritenuta
nelle costruzioni stradali
BARRIERA BORDO PONTE IN ACCIAIO RIVESTITA IN LEGNO

49
D.M. 21.06.2004 (Ministero Infrastrutture e dei Trasporti)
Istruzioni tecniche per la progettazione, l'omologazione e l'impiego dei dispositivi di ritenuta
nelle costruzioni stradali
BARRIERA BORDO LATERALE IN ACCIAIO RIVESTITA IN LEGNO

50
D.M. 21.06.2004 (Ministero Infrastrutture e dei Trasporti)
Istruzioni tecniche per la progettazione, l'omologazione e l'impiego dei dispositivi di ritenuta
nelle costruzioni stradali
VARCO IN UNA BARRIERA BORDO LATERALE

51
D.M. 21.06.2004 (Ministero Infrastrutture e dei Trasporti)
Istruzioni tecniche per la progettazione, l'omologazione e l'impiego dei dispositivi di ritenuta
nelle costruzioni stradali
BARRIERA BORDO PONTE CON RETE INTEGRATA

52
D.M. 21.06.2004 (Ministero Infrastrutture e dei Trasporti)
Istruzioni tecniche per la progettazione, l'omologazione e l'impiego dei dispositivi di ritenuta
nelle costruzioni stradali
INSTALLAZIONE DI BARRIERA BORDO PONTE SU CORDOLO

53
D.M. 21.06.2004 (Ministero Infrastrutture e dei Trasporti)
Istruzioni tecniche per la progettazione, l'omologazione e l'impiego dei dispositivi di ritenuta
nelle costruzioni stradali
ERRATA TRANSIZIONE

54
D.M. 21.06.2004 (Ministero Infrastrutture e dei Trasporti)
Istruzioni tecniche per la progettazione, l'omologazione e l'impiego dei dispositivi di ritenuta
nelle costruzioni stradali
LE BARRIERE DI SICUREZZA POSSONO OSTACOLARE LA VISIBILITA’

55
Dettagli barriere di sicurezza stradale
Barriera da bordo opera d’arte

56
Dettagli barriere di sicurezza stradale
Barriera da bordo laterale

57
Dettagli barriere di sicurezza stradale
Barriera da bordo laterale in legno-acciaio

58
Dettagli barriere di sicurezza stradale
Barriera da bordo laterale in legno-acciaio

59
Dettagli barriere di sicurezza stradale
Barriera da bordo laterale in legno-acciaio

60
Installazioni

61
Installazioni

62
Installazioni

63