Sei sulla pagina 1di 90

1

2
Rivista Italiana di
Medicina Tradizionale Cinese
edizione italiana del

Journal of Traditional Chinese Medicine


18 Beixincang Dongzhimen Nei, Beijing People's Republic of China
Direttore: Prof. Niu Si Yuan Editore: Wei Yuanping
Associato USPI
Unione Stampa interventi da: Pacific Journal of Oriental Medicine, Journal of Chinese
Periodica Italiana Medicine, Folia Sinotherapeutica.

Numero 58 - Anno X n. 4 Fotocomposizione Center Service, Pollenza Stampa Grafiche Fioroni, S.Elpidio a
Ottobre-Dicembre 1994 Mare. Collaboratori di questo numero L. Sotte, Ettore De Giacomo, L. Pippa Cura
Direttore Responsabile delle Traduzioni Camilla Bertoni, Piergiorgio Biolchi, Manuela Di Chiara, Anna Maria
Giorgio Di Concetto Seghetti, Angelo Sprea. Corrispondenti Esteri Dai Lian Yi - Guangzhou - Cina;
Francesca Gentile Sievert - Santa Cruz - U.S.A.; Harley Gale - Australian Journal of
Direttore Acupuncture - Australia; Luc Vangermeersch - Dutch Folia Sinotherapeutica - Gent -
Lucio Sotte Belgio; Wei Yuan Ping - Journal of Traditional Chinese Medicine - Beijing - Cina;
Laurentin Dumitrescu - Svezia; Gabriela Hegyi - Budapest - Ungheria; Primoz Rozman,
Comitato Editoriale Ljubljana - Slovenia; M. S. Khan - Dublin - Ireland; Cedric K.T. Cheung - London -
Ettore De Giacomo: didattica Canada.
Carlo Fiocca: relazioni ospedali Norme Redazionali e Pubblicazione di Articoli Originali
Nunzio Matrà: medicina di base La Rivista Italiana di Medicina Tradizionale Cinese pubblica articoli di didattica, ricerca,
Massimo Muccioli: bibliografia aggiornamento, clinica ecc. secondo un piano redazionale che prevede due categorie di
Lucio Pippa: università Autori: quelli espressamente incaricati dalla redazione e quelli episodici. Dei lavori
Camillo Schiantarelli: ricerca originali, sia didattici che clinici, possono essere inviati alla Redazione, anche in assenza
scientifica di uno specifico invito; la loro accettazione è subordinata al giudizio dei Refeers. I lavori
Membri onorari debbono pervenire in Redazione dattiloscritti a doppio spazio su una sola facciata,
Wei Yuan Ping - Cina riveduti e corretti in modo definitivo. Ogni articolo deve essere corredato da un riassunto
Jean-Marc Kespi - Francia in inglese ed in italiano di non oltre 15 righe di 50 battute. Sulla prima pagina debbono
G. Maciocia - Gran Bretagna figurare, di ciascun autore, i seguenti dati: nome e cognome, qualifica, istituto di
Ted Kaptchuk - U.S.A. appartenenza, indirizzo privato. Le annotazioni bibliografiche vanno riportate in ordine
Qiu Zhuo Yi - Cina alfabetico, numerate e compilate come segue: cognome di ciascun autore, iniziale del
François Beyens - Belgio nome, titolo completo del lavoro, citazione abbreviata ufficiale della rivista, numero del
volume, pagina di inizio, anno. Se l’annotazione bibliografica si riferisce ad un libro,
Direzione e redazione occorrono il cognome di ciascun autore, l’iniziale del nome, il titolo dell’opera per esteso,
Corso Garibaldi, 160, 62012 l’indicazione dell’edizione (dalla 2° in poi), quella dell’editore e della città in cui questi
Civitanova Marche ha sede, l’anno, il volume e la pagina. Grafici, disegni e fotografie vanno allegati, su fogli
Tel. 0733/770654 separati, già pronti per la riproduzione fotografica, numerati e provvisti di chiare
Amministrazione didascalie, anche le tabelle (da limitare all’essenziale) vanno allegate su fogli separati,
Via Mazzini, 148, Bologna numerate e provviste di chiare titolazioni.
Tel. 051/348842 Cura dell'immagine El Cito. In Copertina Dame della corte dell’Imperatore, partico-
Trimestrale scientifico a cura lare, dinastia Tang (619-907 d.C.).Prezzo di Copertina Italia, lire 30.000
della Scuola Italiana di Medi- Nessuna parte può essere duplicata o riprodotta senza l'autorizzazione scritta della Rivista
cina Cinese Gruppo di Studio Italiana di Medicina Tradizionale Cinese, Gruppo di Studio "Società e Salute"
“Società e Salute”
Via Mazzini, 148, Bologna
Abbonamento Tariffa abbonamento annuo (4 numeri + due supplemen-
Iscritto nel Registro della Stam- ti) Italia, lire 140.000.
pa del Tribunale di Forlì con il Modalità di Versamento Conto corrente postale n° 11813474 o assegno
n° 667 in data 28-12-1984 non trasferibile (spedito in busta chiusa, indicando chiaramente nome,
cognome, indirizzo, codice fiscale e partita I.V.A. per eventuale fattura-
Spedizione in abbonamento
postale . Pubblicità inferiore al zione) intestato a: Gruppo di Studio “Società e Salute” c/o dott. Lucio
50% Sotte, corso Garibaldi 160, 62012 Civitanova Marche MC Italy.

3
Numero 58 - Anno Decimo n. 4 - Ottobre-Dicembre 1994

Sommario
Editoriale
Basi della medicina cinese
Semeiologia
8 Lucio Pippa I 28 polsi della medicina tradizionale cinese, bing mai: polso lao, polso
dong, polso san
Ginnastica medica cinese
10 Lucio Sotte Ginnastica per le patologie dell’anca
Ricette famose
14 Lucio Sotte Xiao yao san
Tesi di diploma
19 Paola Andrazi I disturbi d’ansia
27 Ruggero Giannetti Le cefalee in medicina tradizionale cinese
31 Paola Oneto Personalità bordeline ed agopuntura
Contributi italiani
34 Sergio Perini Medicina psicosomatica e agopuntura: vissuto psicosomatico

dal Journal of Traditional Chinese Medicine vol. 13 n° 4 '93


Osservazioni cliniche
38 Lai Xinsheng Osservazioni sugli effetti terapeutici dell’agopuntura nelle allergie di tipo I
43 Kang Ziqi ed altri Osservazioni sugli effetti terapeutici in 50 casi di insufficienza renale
cronica trattati con rabarbaro e altri fitofarmaci
46 Zhu Haihong ed altri Trattamento delle complicazioni stomatologiche in 31 casi di leucemia
acuta con erbe medicinali cinesi
49 Li Yonghao ed altri Studio clinico comparato sulla prevenzione ed il trattamento con cronoterapia
selezionata della leucopenia provocata dalla chemioterapia
52 Wang Jun ed altri Trattamento della periartrite scaopolo-omerale con agopuntura e
neutralizzazione dei punti
54 Hu Runshu Trattamento della lombalgia acuta con agopuntura nel punto fuyang
(UB59)
55 Liu Guoliang Trattamento della colica renale con agopuntura nel punto zusanli (ST36)
56 Huang Ximei ed altri Trattamento con i coni di moxa della leucocitopenia nella chemioterapia in
114 casi
58 Bao Liling ed altri Trattamento combinato con MTC e medicina occidentale della coroidopatia
posteriore acuta multifocale a chiazze
63 Zhou Yiping ed altri Ricerca sperimentale sul trattamento dell’ipertensione con agopuntura
66 Guo Qing ed altri Effetto di qingyangsheng sull’espressione del gene per alfa e beta tubulina
nell’ippocampo in corso di epilettogenesi indotta con acido kainico

4
69 Wei Min ed altri Studi sugli effetti terapeutici dei farmaci tradizionali cinesi nella
glomerulonefrite sperimentale
Massoterapia
75 Guo Xiaodong Trattamento dello stiramento del cuscinetto adiposo infrapatellare per
mezzo della manipolazione
79 Wu Linsheng ed altri Applicazione della digitopressione per distorsioni di caviglia

Notizie
82 Chen Keji ed altri Recenti studi sulla materia medica tradizionale cinese inerente
l’invecchiamento - continua -
Letture
86 Gao Xuemin Lezioni di farmacologia cinese

Domande e risposte
89 Hu Jinsheng Come si tratta la cefalea con agopuntura

Rubriche
91 Biblioteca

Il vostro abbonamento è scaduto da questo


numero della rivista

vi invitiamo dunque a rinnovarlo, compilando


correttamente il conto corrente postale allegato, che dà diritto a ricevere i
6 numeri annuali
la quota di abbonamento per il 1995 è di £140.000 comprensiva di 4
numeri normali e di 2 numeri monografici speciali

Informiamo inoltre che tutti coloro che rinnoveranno o sottoscriveranno l’abbonamento in


ritardo, riceveranno in normale abbonamento postale (gratuito) le Riviste pubblicate successi-
vamente al pagamento; quelle pubblicate prima di questa data verranno spedite con spese
postali a carico del sottoscrittore ritardatario

5
NOTIZIE PER I NOSTRI ABBONATI VECCHI E NUOVI
E PER GLI EX ALLIEVI DELLA SCUOLA ITALIANA DI MEDICINA CINESE

Il vostro abbonamento è scaduto


da questo numero della Rivista
Informiamo tutti i
lettori che l'annata vi invitiamo la Rivista Italiana
di Medicina Cinese
’91 della Rivista è
ormai esaurita.
dunque a vi propone una nuova serie di
iniziative per l’anno 1995
rinnovarlo
Informiamo inoltre
che tutti coloro che
sottoscriveranno
l'abbonamento
in ritardo compilando alcune rubriche didattiche
iniziate nell’anno 1994
riceveranno in
normale correttamente continueranno nel 1995

abbonamento il conto corrente


postale (gratuito)
le Riviste postale
pubblicate
successivamente al
allegato
pagamento; quelle
precedenti questa
data verranno la quota di nuove rubriche didattiche
inizieranno nel 1995
spedite con spese
postali a carico del abbonamento per il continua la collaborazione con il
Journal of Traditional Chinese
sottoscrittore
ritardatario.
1995 Medicine di Pechino
e con molte altre riviste straniere
INVIARE TUTTE LE è di £ 140.000
COMUNICAZIONI ALLA
DIREZIONE
DELLA RIVISTA e dà diritto a ricevere 6
c/o dott. Lucio Sotte
corso Garibaldi, 160 numeri annuali, compresi i 2 volumi
62012 Civitanova Marche
tel. 0733/816891
monografici speciali

22
editoriale

Nuovi programmi editoriali per una medicina antica

Alla fine del decimo anno di pubblicazione della Rivista Italiana di Medicina Tradizionale Cinese è
d’obbligo un bilancio del lavoro passato e la formulazione di un progetto per quello futuro.
L’ultimo decennio ha permesso un enorme passo in avanti nella conoscenza della medicina cinese in Italia,
attraverso l’approfondimento delle varie discipline già diffuse in precedenza (agopuntura, massaggio e
ginnastiche mediche) e l’introduzione della dietetica e della farmacologia.
Esistono ora delle fondamenta solide su cui edificare il lavoro dei prossimi anni, che ritengo debba
svilupparsi soprattutto in due settori: la messa a confronto della medicina cinese con la moderna scienza
occidentale e, contemporaneamente con la medicina ippocratica-galenica di antica tradizione.
La nostra rivista si muoverà secondo quest’ottica, favorendo questo confronto attraverso la pubblicazione
di lavori scientifici di stampo occidentale sulle varie discipline della medicina cinese e tramite il
suggerimento di itinerari di ricerca sulle nostre antiche tradizioni alla luce della teoria medica cinese.
Sono sicuro che i risultati saranno brillanti e superiori alle nostre stesse aspettative.

7
semeiologia

I 28 polsi patologici della medicina


tradizionale cinese, bing mai:
polso lao, polso dong, polso san
Lucio Pippa *

polso laborioso lao polso turbolento dong


Denominato con frequenza “polso imprigionato” È un polso corto che viene percepito unicamente
è un polso molto profondo, forte, lungo e teso. È alla barriera, cioè alla seconda posizione (guan).
un polso stabile e ben percepibile. Il polso dong è teso, forte, rapido, ha una natura
“precipitosa” e viene descritto come “grosso, agi-
tato da sobbalzi, incompleto, senza testa né coda,
come un fagiolo” e suscita la sensazione di
“piselli che rimbalzano sotto le dita”.

Analisi del significato


Il polso lao esprime eccesso di freddo all’interno
ed è un polso classificato “yang nello yin”.
Il polso laborioso o imprigionato è con particolare
frequenza associato a sintomi quali dolore Analisi e significato
precordiale o addominale, a presenza di masse
addominali fisse o mobili, causate dalla stasi È un polso yang di raro riscontro. Lo si apprezza
dovuta al freddo, alla stagnazione del qi del fegato per lo più in condizioni estreme caratterizzate da
ed alla compromissione delle funzioni proprie deficit di rong qi (energia nutritiva) e di wei qi
della milza. (energia difensiva), clinicamente associate a pal-
pitazioni, dolore, febbre o spavento intenso.

Pulsologia differenziale
Polsi associati al polso turbolento
Polso ge a pelle di tamburo: la sensazione che
fornisce il polso ge è per certi aspetti simile a Polso dong fu (turbolento e superficiale)
quella suscitata dal polso lao, ma è necessario non Aggressione cosmopatogena.
dimenticare che mentre il polso ge è superficiale, Polso dong kong (turbolento e cavo)
quello lao è sempre profondo. Perdita di jing.
Polso dong shi (turbolento e pieno)
Ostruzione.

Pulsologia differenziale
* Scuola Italiana di Medicina Cinese, Gruppo di Studio
“Società e Salute” Polso shuo rapido: si apprezza nelle tre posizioni

8
(pollice, barriera, piede).
Polso xian a corda: si apprezza nelle tre posizioni.
Polso duan corto: si avverte in una sola posizione,
non è necessariamente rapido, né appare agitato
da sobbalzi.

polso diffuso san


Il polso diffuso o disperso è un polso superficiale,
e non distinto: è ben apprezzabile esercitando una
lieve pressione, ma svanisce se l’esaminatore
aumenta la pressione delle dita sul polso. Questo
polso viene percepito meglio nel momento in cui
l’onda sfigmica si ritira; si afferma che esso “talo-
ra appare rapidamente per ripartire poi lentamen-
te, talaltra appare lentamente e scompare rapida-
mente: è come il fiore del pioppo che vola e non
lascia tracce”.

Analisi del significato


La presenza di un polso san è sempre segno di una
disarmonia grave associata all’esaurimento del-
l’energia yang che “scorre via”: si tratta in parti-
colare di una compromissione dello yang del rene,
ma, se tale polso viene percepito in condizioni
patologiche croniche, anche dello yang della mil-
za e talora degli altri organi.
Se il polso san viene percepito in gravidanza, ciò
significa imminenza di parto o aborto.

Pulsologia differenziale
Polso xu vuoto: perde anch’esso consistenza qua-
lora si eserciti con le dita una pressione maggiore,
ma l’onda sfigmica si presenta più costante e non
viene avvertita in modo diverso nel suo andare e
venire.
Polso kuo (o kong) cavo: è vuoto al centro, ma
grande e solido in superficie.
Polso ru molle: è superficiale, ma fine e debole
anche alla più lieve pressione esercitata.

9
ginnastica medica cinese

ginnastica per le patologie dell’anca


Lucio Sotte *

1. “la farfalla” “scuotendo la testa ed agitando la coda”


Paziente supino, ginocchia flesse al massimo,
piedi uniti e portati il più possibile verso il tronco.
Aprire gradualmente le gambe e le ginocchia, fino
a toccare il lettino con la loro superficie laterale.
Riunire successivamente le ginocchia al centro.
Ripetere 20-30 volte.

“pestare il piede”

2. “scuotendo la testa ed agitando la coda”


In piedi, ginocchia leggermente flesse e mani
appoggiate alle gambe, poco al di sopra delle
ginocchia, dalla parte della superficie palmare,
con i pollici all’esterno e le altre dita all’interno.
Fare perno sul polso sinistro, portando a sinistra la
spalla e la testa, scuotere la testa con un movimen-
to circolare a sinistra e contemporaneamente agi-
tare la regione glutea.
Ripetere da entrambi i lati per 20-30 volte.

* direttore scientifico della Rivista Italiana di Medicina


Tradizionale Cinese

10
3. “pestare il piede” ”arco e freccia”
In piedi, mani ai fianchi.
Fare uno o due passi indietro con entrambi i piedi
sulle punte, poi flettere leggermente ginocchia ed
anche e pestare il piede destro all’indietro esten-
dendo la caviglia e raddrizzando la regione lom-
bare.
Eseguire il movimento da entrambi i lati, 30 volte.

4. “scavalcare le gambe”
Paziente supino, gambe distese e separate. “il pugno della fenice”
Tenendo ferma la gamba destra, sollevare gra-
dualmente la sinistra e portarla sopra la destra,
come se si volesse scavalcarla, ritornare poi alla
posizione di partenza.
Ripetere 20-30 volte.

5. “arco e freccia”
In piedi, mani ai fianchi.
Muovere il piede sinistro in avanti, quindi, man-
tenendo il dorso eretto, accucciarsi, flettendo la
gamba sinistra e mantenendo distesa la destra.
Ripetere 20-30 volte.
velocemente e estendere le braccia in alto e al-
6. “il pugno della fenice” l’esterno, aprendo contemporaneamente le mani.
Posizione eretta, piedi uniti. Ripetere 20-30 volte.
Accucciarsi velocemente, piegando i gomiti e
congiungendo le mani serrate a pugno dalla parte 7. “spingere e sollevare le spalle”
ulnare, talloni al suolo ed avambracci compressi In posizione eretta, piedi divaricati tra loro di una
tra le gambe ed il torace. Poi, alzarsi in piedi distanza superiore a quella delle spalle, mani

11
serrate ai fianchi. te il braccio destro, atteggiando la mano a pugno
Aprire gradualmente le mani e portare il palmo in vuoto, come se si stesse trascinando un oggetto
avanti, all’altezza delle spalle; girare il palmo pesante, e portare la mano sinistra davanti al
verso il basso ed accucciarsi gradualmente fino a torace, flettendo il gomito, abducendo la spalla e
piegare le ginocchia a 90°, contemporaneamente, portando l’avambraccio in posizione orizzontale.
spingere con le mani aperte verso il basso. Alla Nel frattempo girare lentamente la testa verso
fine le mani sembrano sospese sopra le ginocchia. sinistra.
Il tronco e la testa debbono rimanere eretti. Ripetere da ogni lato per 20-30 volte.
Dopo qualche secondo, girare il palmo verso
l’alto e raddrizzarsi gradualmente, facendo finta 9. “risveglio”
di sollevare un grosso peso fino al torace. Supini, gambe distese e unite, mani incrociate al
Ripetere 20-30 volte. di sotto della testa.
Inspirando, sollevare il tronco mantenendo le
gambe immobili, espirando, ritornare alla posi-
zione di partenza.
Ripetere 20-30 volte.

8. “tirare la coda di nove buoi”


10. “dentro e fuori”
In piedi, mani ai fianchi.
Supini, gambe distese e divaricate.
Fare di scatto un passo in avanti, con il piede
Portare i piedi all’interno e cercare di toccare e
sinistro, contemporaneamente piegare leggermen-
premere sul lato con il bordo interno, poi girare i
piedi all’esterno e premere sul letto con il lato
esterno.
Ripetere per 20-30 volte.

11. “la ruota”


In piedi, mani aperte ai fianchi.
Sollevare il piede destro ed estenderlo in avanti,
estendendo caviglia e dita, portare poi il piede
sempre sollevato al lato destro ed indietro.
Ripetere 20-30 volte per lato, aumentando gra-
dualmente l’ampiezza del movimento.

12. “il ventaglio”


Supini, gambe unite o divaricate.
Sollevare lentamente la gamba destra il più possi-
bile, mantenendo il ginocchio esteso. Flettere
dorsalmente il piede e la caviglia. Dopo alcuni
secondi, estendere la caviglia ed il piede e ritorna-
re alla posizione di partenza.20-30 volte.

12
“dentro e fuori” “il ventaglio”

“la ruota”

13
ricette famose

Xiao yao san

Lucio Sotte*

La polvere del gironzolone xiao yao san è la sguardo alle strade infinite della vita. Secondo
risposta terapeutica cinese alla vita dell’uomo altri autori la spiegazione del nome è assai più
moderno del XX secolo: si tratta della ricetta semplice: xiao equivale a ridurre, a disostruire
principe per il trattamento dello stress, della l’energia che non riesce a circolare liberamente,
nevrastenia e del loro corteo sintomatologico di yao significa scuotere, per rivitalizzare la circola-
accompagnamento. zione del sangue ristagnante.
Xiao yao san compare per la prima volta nel Tai La polvere del gironzolone tratta lo stress e la
ping hui min he ji ju fang, il “Formulario imperiale nevrastenia perché è in grado, inoltre, di “armo-
dell’era Tai Ping”, dato alle stampe dal diparti- nizzare le funzioni del fegato e della milza”.
mento medico imperiale in epoca Song, quasi
mille anni or sono. Sembra che la data esatta di
pubblicazione di questo testo sia il 1078 (ricordia- LA REGOLA TERAPEUTICA
mo che in Cina la stampa è stata “scoperta” con DELL’ARMONIZZAZIONE
diversi secoli di anticipo rispetto all’Occidente e
che i Gutemberg cinesi editavano libri già in L’armonizzazione he fa consiste nel regolare ed
epoca Tang, cioè nell’ottavo secolo d.C.). Questa equilibrare le funzioni di differenti organi e visce-
formula, tuttavia, è la rivisitazione di una ricetta ri; il termine cinese he fa esprime anche l’idea del
assai più antica, il si ni san o polvere dei quattro collegamento e della mediazione tra le varie fun-
arti freddi, che compare per la prima volta nello zioni.
Shang han lun, le “Discussioni sulle patologie Secondo i canoni dell’antica medicina cinese, i
indotte dal freddo” compilato da Zhang Zhongjing, campi di applicazione di questa regola terapeutica
il Galeno della medicina cinese, durante il regno sono quattro:
della dinastia degli Han orientali, cioè nel secon- – l’armonizzazione del livello energetico shao
do secolo d.C. yang;
È interessante ricordare anche la storia del nome – l’armonizzazione delle funzioni del fegato e
stravagante dato alla prescrizione. Secondo alcu- della milza;
ni questa denominazione deriva dal primo capito- – l’armonizzazione dello stomaco e dell’intesti-
lo dello Zhuang zi, un classico dell’epoca di no;
compilazione, il cui titolo in italiano suonerebbe – l’armonizzazione nei casi di malaria.
“vagabondando e girovagando senza meta”. Si Armonizzare lo shao yang significa agire
tratta di una raccolta di racconti di fantasia, che terapeuticamente sulla sindrome di questo livello
tentano di allargare gli orizzonti ristretti dell’uo- energetico, definita anche shao yang bing. Si
mo facendolo “volare e girovagare” al di sopra ed tratta della patologia del livello cerniera tra tai
al di là del reale. Alla stessa maniera la nostra yang e yang ming, del livello che collega l’esterno
ricetta, “disostruendo il ristagno dell’energia del tai yang con l’interno yang ming. I farmaci che si
fegato”, spezza le catene della frustrazione, dello applicano a questa sindrome si indirizzano alle
stress e della chiusura dello spirito e apre lo patologie della colecisti, in particolare a quelle
flogistiche, caratterizzate da segni di “calore ed
umidità-calore”, che tuttavia sono generate da un
direttore del Corso di Farmacologia Cinese, Scuola Italiana
difetto della circolazione energetica del viscere.
di Medicina Cinese, Gruppo di Studio “Società e Salute” - In alcuni casi la tecnica dell’armonizzazione è
Ospedale Maggiore, Bologna supportata da quella della purgazione, ciò accade

14
quando si vogliono trattare delle sindromi miste bai shao
shao yang-yang ming. radix Paeoniae lactiflorae 9-12
Le formule che armonizzano lo shao yang fu ling
trattano delle patologie complesse che in sclerotium Poriae cocos 12-15
medicina occidentale si potrebbero inqua- bai zhu
drare come colecistiti, colangiti, itteri bilia- rhizoma Atractylodis macrocephalae 12
ri, ma anche come epatiti, pancreatiti; an- bo he
che alcune emicranie possono essere af- herba Menthae 1-3
frontate con queste prescrizioni. sheng jiang
Armonizzare il fegato e la milza equivale a favo- rhizoma Zingiberis officinalis recens 1-3
gan cao
rire i normali fenomeni di “inibizione del movi-
radix Glycyrrhizae uralensis 6
mento legno sul movimento terra” e trattare, in
particolare, i fenomeni di superinibizione, sia
Patent Medicine
quelli causati da un eccesso reale del legno, sia
Xiao yao wan
quelli determinati da un eccesso relativo, collega- Free Wanderer Pills
to ad un deficit reale della milza. La regola di
armonizzare il fegato e la milza viene utilizzata chai hu
anche nella sindrome jue yin che si manifesta con radix Bupleuri - 14.28%
segni di squilibrio legno-terra e di calore interno. dang gui
Armonizzare significa, inoltre, “disostruire il ri- radix Angelicae sinensis - 14.28%
stagno dell’energia del fegato” che si manifesta bai shao
con la distensione ipocondriaca, gastrica, con radix Paeoniae lactiflorae - 14.28%
alterazioni psichiche come la collera, il risenti- fu ling
mento e con alterazioni del ciclo mestruale. sclerotium Poriae cocos - 14.28%
L’esempio occidentale più chiaro delle bai zhu
disarmonie trattabili “armonizzando fega- rhizoma Atractylodis macroceph.- 14.28%
to e milza” è la sindrome premestruale, un bo he
quadro clinico complesso, che mescola sin- herba Menthae - 2.85%
tomi urogenitali a disturbi gastrointestina- sheng jiang
li, mammari, cefalici (cefalea catameniale) rhizoma Zingiberis off. rec. - 14.28%
e psichici. gan cao
Armonizzare lo stomaco e l’intestino significa radix Glycyrrhizae uralensis - 11.42%.
promuovere le funzioni di questi due visceri, che
possono essere alterate per motivi flogistici di
origine batterica e parassitaria e per un’eccessiva Origine
superinibizione del fegato sullo stomaco e Tai ping hui min he ji ju fang o Formulario
controinibizione del fegato sul grosso intestino. imperiale dell’era Tai Ping.
Molte gastriti e gastroenteriti della medici-
na occidentale vanno trattate secondo que- Modalità di assunzione
sta regola terapeutica. Secondo il testo originale, gli ingredienti debbo-
L’armonizzazione si utilizza anche nei casi di no essere macinati e ridotti in polvere, 6-9 g della
malaria, sia perché questa patologia colpisce a polvere così ottenuta vanno assunti con un decotto
fondo sia il fegato che la milza, sia perché si confezionato con zenzero (sheng jiang - rhizoma
manifesta con un andamento febbrile simile a Zingiberis officinalis recens) e menta (bo he -
quello delle sindromi shao yang e jue yin e cioè herba Menthae aplocalicis).
con l’alternarsi della sensazione del caldo e del Attualmente, la prescrizione viene generalmente
freddo. assunta anche come decotto, avendo l’accortezza
di aggiungere la Mentha soltanto alla fine della
decozione, per evitare di disperdere, attraverso
FORMULAZIONE, AZIONI, INDICAZIONI E un’ebollizione troppo prolungata, le sue essenze
CONTROINDICAZIONI DELLO XIAO YAO volatili.
SAN
Azioni ed indicazioni tradizionali cinesi
chai hu La ricetta armonizza il fegato e la milza, libera
radix Bupleuri 12 l’ostruzione dell’energia del fegato, fortifica la
dang gui milza e nutre il sangue; è indicata nella sindrome
radix Angelicae sinensis 9-12 da ostruzione dell’energia del fegato e nella con-

15
seguente disarmonia tra fegato e milza. vari livelli che didatticamente possono essere
esaminate pensando al percorso del suo meridia-
Azioni ed indicazioni secondo la nosografia no principale.
occidentale Il meridiano principale del fegato si collega trami-
Nevrosi ansiosa e depressiva e sue somatizzazioni, te i punti 3 e 4CV all’utero ed ai meridiani curiosi
vari quadri clinici “psicosomatici” come, ad esem- ren mai e chong mai. Il blocco energetico a questo
pio, molte gastriti e coliti da stress, epatite croni- livello si manifesta con disturbi mestruali che
ca, gastrite cronica, ulcera peptica, irregolarità determinano irregolarità del ciclo, dismenorrea o
mestruali, sindrome menopausale, dismenorrea sindrome premestruale caratterizzata da irritabili-
ed algomenorrea, sindrome premestruale, cefalea, tà e tensione psichica, distensione addominale,
emicrania, atrofia del nervo ottico, retinite, pato- gonfiore e dolore mammario.
logia fibrocistica del seno. Attraverso i punti 10CV e 13LR, il fegato si
collega al riscaldatore medio, alla milza ed allo
Sintomatologia stomaco. La stasi dell’energia di fegato “invade in
– ansia, frustrazione, depressione, tensione questa maniera la terra”, determinando un rallen-
emotiva, cattivo umore; tamento, un blocco e, alla fine, l’inversione della
– cefalea; normale direzione di circolazione dell’energia di
– difficoltà alla digestione; stomaco e di milza. L’energia dello stomaco rista-
– sensazione di nodo in gola; gna e sale, invece di scendere: ciò si esprime con
– oppressione o ansia faringea e toracica; vari disturbi dispeptici come la nausea, l’anoressia,
– sensazione di tensione o distensione i rigurgiti acidi, le eruttazioni, il vomito,
ipocondriaca e costale laterale; l’epigastralgia. L’energia della milza si blocca e
– astenia; poi scende invece di salire; ciò si esprime con la
– ipocondralgia; diarrea e la distensione addominale. I borborigmi
– bocca secca; sono la conseguenza della stasi di fegato a livello
– oppressione toracica e desiderio di sospirare; intestinale. Il singhiozzo è un tentativo di sblocca-
– anoressia, nausea; re l’energia di fegato che ristagna a livello del
– rigurgiti acidi, eruttazioni, vomito; diaframma.
– bocca amara; Il meridiano del fegato è collegato alla vescicola
– epigastralgie; biliare ed alla regione costale laterale. Il blocco a
– distensione addominale, borborigmi; questo livello produce distensione costale latera-
– diarrea; le, ipocondralgia, distensione ipocondriaca e di-
– irregolarità mestruali, sindrome premestruale; sturbi colitici.
– distensione mammaria premestruale; Il punto 18CV yu tang è il punto nodo del livello
– dismenorrea, tensione ed irritabilità; energetico jue yin. Quando l’energia di fegato si
– lingua generalmente normale; concentra in questa zona, determina oppressione
– polso a corda, talora teso, soprattutto alla ed ansia toracica, che sembrano migliorare quan-
barriera di sinistra e leggermente in deficit. do il paziente fa un respiro profondo o sospira. Il
sospiro profondo è dunque il tentativo di
Eziopatogenesi orientale della sindrome mobilizzare la stasi energetica al punto yu tang.
La sindrome cui si rivolge la prescrizione è quasi Il meridiano del fegato attraversa la gola: l’ostru-
costantemente la conseguenza di disturbi correlati zione a questo livello determina ansia faringea,
a fattori psichici come frustrazione, collera re- sensazione di difficoltà alla deglutizione, sensa-
pressa, risentimento. Il cattivo umore che si zione di “seme di prugna in gola” descritta dagli
mantiene nel tempo disturba la funzione del fega- antichi testi.
to di “dinamizzare e rendere fluida la circolazione La sintomatologia psichica di questo quadro clini-
dell’energia”. Alla lunga ciò produce “prima ral- co è tipicamente fluttuante; i momenti di miglio-
lentamento della circolazione e poi ristagno del- ramento ed aggravamento determinano
l’energia”. Il fegato, in condizioni normali, garan- consensuale diminuzione o peggioramento del
tisce la salita, l’esteriorizzazione, la circolazione quadro clinico generale.
dell’energia in tutte le direzioni. Quest’organo ha In questo caso la sindrome è complicata dalla
il compito di permettere che l’energia si muova presenza di un “deficit del sangue di fegato e
liberamente e cioè senza ostacoli, senza impedi- milza” e dalla “superinibizione che l’energia sta-
menti; l’energia può così nutrire i tessuti dell’or- gnante del fegato esercita sul movimento terra” e
ganismo attraverso un movimento di espansione sul suo organo. Oltre ai segni della stasi di fegato
in tutte le direzioni. Quando l’energia del fegato osserviamo segni di deficit delle funzioni digesti-
rallenta e poi ristagna, determina conseguenze a ve correlati alla milza e sintomi da deficit del

16
sangue: bocca secca, astenia, lingua un pò pallida, Zingiberis officinalis recens “armonizza lo sto-
polso in deficit. maco” e previene la nausea ed il vomito (che i
cinesi definiscono circolazione di energia
Analisi tradizionale cinese ed occidentale della controcorrente ribelle), mentre herba Menthae
formula aplocalicis “libera la stasi del fegato” e, essendo
Questa prescrizione può essere considerata una un farmaco fresco, previene i segni di eventuale
modificazione dell’antica ricetta si ni san, con calore generato dall’ostruzione.
una sottrazione, quella del fructus Citri, e molte È interessante fare un paragone tra questa ricetta
aggiunte. ed altre due formule con azione di “disostruzione
La radix Bupleuri è il farmaco “imperatore”,, del fegato”: il si ni san e lo yi guan jian. Il si ni san
deputato ad “alleviare la stasi del fegato”. Questo appartiene alla categoria dei farmaci armonizzan-
rimedio ha dimostrato di possedere molte impor- ti come lo xiao yao san, mentre lo yi guan jian è
tanti azioni farmacologiche (antipiretica, inibitrice inserito tra le ricette toniche dello yin.
della permeabilità capillare indotta da istamina e Tutte e tre le prescrizioni trattano l’ostruzione del
5-idrossi-triptamina, batteriostatica su Myco fegato, tuttavia, il si ni san si utilizza nei casi più
bacterium tuberculosis, inotropa negativa non gravi, in cui l’ipocondralgia si associa alla presen-
antagonizzata dall’atropina) in particolare, per za di estremità fredde a causa dell’incapacità
quel che riguarda la nostra prescrizione, è stato dell’energia ostruita di circolare. Lo xiao yao san
evidenziato un effetto sedativo negli animali da è una prescrizione meno potente e più adatta a
esperimento ed un buon effetto coleretico. trattare le forme di ostruzione del fegato che
Abbiamo poi quattro “ministri”: due di questi, insorgono come complicanza di disturbi emotivi
radix Paeoniae lactiflorae e radix Angelicae si- e di disarmonie tra fegato e milza e che si manife-
nensis, sono “tonici del sangue e soprattutto del stano con astenia, sonnolenza, anoressia. Lo yi
sangue del fegato”. La radix Paeonia lactiflorae guan jian tratta le ostruzioni che si associano a
inoltre “nutre lo yin di fegato e pacifica l’organo”, segni di deficit dello yin ed eccesso del fuoco con
è indicata nei disturbi mestruali e possiede azione compromissione del polmone e dello stomaco.
spasmolitica ed analgesica. È particolarmente uti-
lizzata per trattare gli spasmi ed i dolori addominali Modifiche
da stasi, cura inoltre le cefalee e vertigini da In caso di epatite cronica, completare la prescri-
liberazione dello yang del fegato. Nella ricerca zione con:
occidentale, la radix Angelicae sinensis, uno dei qian cao gen
rimedi più famosi della medicina cinese, presenta radix Rubiae Cordifoliae 6-9
un’interessante azione regolatrice della motilità hai piao xiao
uterina (in parte tocostimolante e, contemporane- os Sepiae seu sepiellae 4.5-12
amente, tocolitica) che potrebbe spiegare alcune dang shen
delle azioni dello xiao yao san a livello ginecolo- radix Codonopsis pilosulae 3-9
gico: il suo estratto liquido nella porzione non se compaiono dolori correlabili anche alla stasi
volatile possiede azione stimolante le contrazioni del sangue, aggiungere:
uterine, che vengono invece inibite dalla compo- san leng
nente volatile. La radix Paeoniae lactiflorae pre- rhizoma Sparganii 3-9
senta anch’essa un effetto antispastico sulla mu dan pi
muscolatura liscia uterina e gastrica, possiede cortex Mountan radicis 6-12
yu jin
inoltre azione sedativa ed analgesica,
tuber Curcumae 4.5-9
antiipertensiva ed antiulcera. Altri due “ministri”,
in caso di mastopatia fibrocistica, aggiungere:
sclerotium Poriae cocos e rhizoma Atractylodis wang bu liu xing
macrocephalae, sono deputati a “tonificare l’ener- semen Vaccariae 3-9
gia, ma soprattutto la milza”, ed a promuovere le ji xue teng
sue funzioni di trasporto e trasformazione. Lo radix et Caulis Jixueteng 9-15
sclerotium Poriae cocos possiede azione diuretica, dan shen
tuttavia è anche dimostrato il suo effetto radix Salviae miltiorrhizae 6-15
ipoglicemizzante, sedativo ed ansiolitico. Il rhi- xiang fu
zoma Atractylodis macrocephalae promuove la rhizoma Cyperi rotundi 4.5-12
secrezione del succo gastrico, esercita anch’esso ed eliminare:
effetto diuretico, ipoglicemizzante e sedativo. gan cao
Radix Glycyrrhizae, il “consigliere”, “tonifica la radix Glycyrrhizae uralensis 3-12.
milza” e tratta, in associazione con la radix Pae-
oniae lactiflorae, i dolori addominali. Rhizoma

17
BIBLIOGRAFIA

1. SOTTE L., La Farmacoterapia Cinese, Manuale


delle Prescrizioni, Qiu Tian, San Marino, 1990.
2. SOTTE L., MUCCIOLI M., Diagnosi e Terapia in
Agopuntura e Medicina Cinese, Tecniche Nuove,
Milano, 1992.
3. SOTTE L., Farmacologia Cinese: la fitoterapia:
principi, preparazioni ed uso dei rimedi vegetali,
Red, Como, 1992.
4. DI CONCETTO G., SOTTE L., PIPPA L., MUCCIOLI
M., Trattato di Agopuntura e Medicina Cinese,
UTET, Torino, 1992.
5. MUCCIOLI M., PIPPA L., La Farmacologia Cine-
se, sostanze e rimedi naturali della medicina
tradizionale cinese, Qiu Tian, San Marino, 1992.
6. SOTTE L., MUCCIOLI M., Dispense del Corso di
Farmacologia Cinese, Scuola Italiana di Medici-
na Cinese, Qiu Tian, San Marino, 1989.
7. HUMBART S., Natural Healing with Herbs, Hohm
Press, Arizona, 1989.
8. CHAMFRAULT A., Traité de Médecine Chinoise,
Tome III, Chamfrault ed., Angouleume, 1961.
9. CHAMFRAULT A., Traité de Médecine Chinoise,
Tome IV, Chamfrault ed., Angouleume, 1961.
10. CHANG H., BUT P.P., Pharmacology and
Applications of Chinese Materia Medica, World
Scientific, Singapore, 1987.
11. MARTUCCI C., ROTOLO G., Fondamenti di
Farmacoterapia Cinese, ed. Li Shi Zhen, Milano,
1988.
12. ACCADEMIA MEDICINA CINESE, Piante Medici-
nali Cinesi, Organizzazione Mondiale della Sani-
tà, Red, Como, 1993.
13. S OTTE L., L’epatite, inquadramento
eziopatogenetico e terapia farmacologica, Rivi-
sta Italiana di Medicina Tradizionale Cinese, n. 3,
1991, pgg. 26-31.

18
tesi di diploma

I disturbi d’ansia *
Paola Andrazi

Vengono classificati qui di seguito: – ansia con crisi d’angoscia: definita dalla pre-
1. I criteri diagnostici e classificativi dei disturbi senza di tre crisi d’angoscia in tre settimane,
d’ansia, con particolare riguardo al DSM - III; dispnea, palpitazioni, dolori toracici;
2. I problemi della standardizzazione con la pre- – ansia fobica: agorafobia, fobia sociale, fobia
sentazione di alcune scale di valutazione dell’an- semplice;
sia tra le più usate; – ansia ossessivo compulsiva: presenza di com-
3. Gli approcci terapeutici della psichiatria con portamenti ripetitivi;
accenni alle terapie non farmacologiche e – ansia post-traumatica: compare a seguito di un
farmacologiche, con particolare riguardo per le avvenimento stressante.
benzodiazepine ed i loro effetti collaterali; Il primo problema è stabilire sino a che punto lo
4. Alcuni casi clinici valutati con l’indice di S.A.S. stato ansioso che si sta osservando rappresenti una
reazione normale o sia invece patologico.
Le forme morbose in cui l’ansia costituisce il
sintomo fondamentale del quadro clinico sono
I DISTURBI ANSIOSI: divise secondo i criteri operativi del DSM III - R
CRITERI DIAGNOSTICI E CLASSIFICATIVI (Diagnostic and Statistical Manual of Mental
Disorders, third Edition Revised) in precise cate-
I disturbi legati all’ansia sono in continuo aumen- gorie diagnostiche.
to e rappresentano un problema che ogni medico
deve quotidianamente affrontare nella pratica Tabella 1. Disturbi d’ansia secondo il DSM III-R
ambulatoriale.
I problemi concernono la diagnosi, la terapia e la Disturbi di panico (con o senza agorafobia)
valutazione dei risultati ottenuti con i diversi Agorafobia senza storia di attacchi di panico
metodi terapeutici. Fobia sociale
Fobia semplice
Disturbo ossessivo-compulsivo (nevrosi ossessivo-comp.)
Inquadramento diagnostico
Disturbo post-traumatico da stress
L’ansia è un disturbo ubiquitario: può accompa- Disturbo d’ansia generalizzato
gnarsi in forma reattiva a molte malattie somatiche, Disturbo d’ansia non specificato
può costituire un fattore importante in vari distur-
bi psicopatologici (forme depressive, demenza,
delirio, schizofrenia...), può infine delinearsi come
entità nosografica a sé stante e configurarsi come: Manifestazioni cliniche
– ansia generalizzata: si manifesta con tensione All’esperienza emozionale dell’ansia si accom-
motoria, turbe neuro-vegetative, ipercriticismo pagnano fenomeni neurovegetativi e disturbi
verso l’ambiente; comportamentali tali che lo stato ansioso presenta
un’estrema eterogeneità nell’espressione clinica;
i correlati somatici si ripercuotono sul vissuto
emozionale esacerbandolo ulteriormente.
* tesi di Diploma al Corso di Agopuntura e Medicina Cinese
È più facile che il paziente riferisca al medico i soli
della Scuola Italiana di Medicina Cinese del Gruppo di sintomi somatici, in quanto può risultare difficile
Studio ”Società e Salute“ spiegare in termini precisi il disagio psichico

19
proprio di uno stato ansioso. – attesa con apprensione
– iperattività autonoma
Sintomatologia dello stato ansioso – iperattività psichica.
1. Disturbi psichici: tensione psichica, inquietu- Umore: l’umore ansioso deve perdurare da alme-
dine, preoccupazione eccessiva ed immotivata, no un mese.
difficoltà di concentrazione, deficit della memo- Indipendenza da altre patologie: non è dovuta ad
ria a breve termine, incapacità di applicarsi. altri disordini mentali o a depressione o a schizo-
2. Disturbi somatici: a carico dell’apparato frenia.
cardiocircolatorio: tachicardia, extrasistoli, senso Età: l’età minima è di 18 anni.
di costrizione, aumento della PA; a carico dell’ap- Secondo i criteri del DSM III - R, per diagnostica-
parato respiratorio: tachipnea, crisi dispnoiche, re il disturbo d’ansia generalizzato è necessario
senso di soffocamento; a carico dell’apparato che siano presenti almeno 6 sintomi su 18 della
gastroenterico: diarrea o stipsi, spasmi faringei, lista seguente, da almeno 6 mesi, (vedi tabella 2).
nausea, vomito; a carico dell’apparato genito-
urinario: pollachiuria, impotenza, dismenorrea;
altro: tremori, astenia, mialgie, sudorazione.
3. Disturbi comportamentali: irritabilità, irrequie- Il problema della standardizzazione
tezza motoria, disturbi del sonno, disturbi dell’ali- L’adozione di un sistema diagnostico standardiz-
mentazione. zato ha apportato sicuramente dei vantaggi; tutta-
via, esiste uno “spettro” dei disturbi d’ansia all’in-
L’Uso delle scale di valutazione nel disturbo terno del quale esiste un’ampia gamma di situa-
d’ansia generalizzato zioni cliniche, a volte non distinguibili tra loro per
Il disturbo d’ansia generalizzato è un quadro la sovrapposizione dei sintomi, e che presentano
clinico di frequente riscontro ed è caratterizzato un range molto ampio di gravità.
da uno stato di eccessiva preoccupazione, da una Le maggiori difficoltà di ordine diagnostico sono
attesa apprensiva, da inquietudine e da una gene- spesso date dalle forme borderline e, dai casi a
rica aspettativa in termini negativi, nei confronti limite tra fisiologico e patologico. Sebbene il
dell’esistenza. Il soggetto è in uno stato di allarme colloquio e l’osservazione rimangano i mezzi
e di tensione continui, incapace di rilassarsi: la sua insostituibili e indispensabili dell’indagine clini-
soglia di irritabilità è molto bassa e reagisce con ca, da diversi anni è stato introdotto, soprattutto
manifestazioni emotive esagerate a banali nella ricerca, ma anche nella pratica psichiatrica,
stimolazioni; lo stato apprensivo ostacola la con- l’uso di scale di valutazione (rating scale) che
centrazione e l’apprendimento e porta il soggetto rappresentano un metodo di registrazione e di
ad una perdita dell’autostima, ad un senso di codificazione dei fenomeni osservati all’esame
insicurezza ed all’incapacità di prendere decisio- clinico. Le rating scale possono costituire impor-
ni. tanti mezzi ausiliari e complementari, atti a dare
Frequenti sono i disturbi del sonno, in particolare una dimensione quantitativa e riproducibile dei
difficoltà all’addormentamento, risvegli frequen- sintomi presentati dal paziente. Tali scale consi-
ti con eccessiva frammentazione del riposo not- stono in una serie di domande, raggruppabili in
turno. set, ognuno dei quali esamina un particolare aspetto
A volte possono risultare prevalenti i sintomi dell’elemento che si vuole indagare (es.: ansia
somatici: tachicardia, nausea, astenia, dolori somatica, ansia psichica, senso di inadeguatezza).
addominali, cefalea. Per alcune è prevista la risposta in forma binaria,
Si possono riscontrare condotte alimentari impro- per esempio, presenza/assenza del sintomo e la
prie quali crisi bulimiche o, al contrario, quantificazione viene effettuata considerando sem-
inappetenza. Frequenti sono l’uso di alcoolici plicemente il numero dei sintomi di cui il paziente
ricercati per il loro effetto ansiolitico e l’auto- soffre. In tal caso la gravità del sintomo non è
medicazione con ricorso a svariati tipi di psicofar- considerata: per esempio, una leggera dispnea
maci. avvertita occasionalmente dal soggetto in stato di
L’età di insorgenza del disturbo è variabile, ma tensione ha lo stesso valore di una oppressione del
più frequente tra i 18 e i 30 anni, senza differenze respiro con senso di soffocamento. Per ovviare a
particolari tra i due sessi. questo inconveniente o vengono predisposti items
diversi per uno stesso sintomo, oppure vengono
Criteri diagnostici dell’ansia generalizzata differenziati livelli diversi di gravità: general-
Sintomi: si manifesta con almeno tre dei seguenti mente viene attribuito 1 punto ad un sintomo che
sintomi: è lieve, 2 quando è moderato, 3 se è grave, 4 se è
– tensione motoria gravissimo. In tal modo nel punteggio finale il

20
sintomo grave ha maggior peso del sintomo mo- gio totale, ma anche quello dei sottogruppi di
derato. È chiaro che il giudizio di gravità è sempre items.
un giudizio soggettivo dato dal paziente nel caso Le prime indicazioni all’utilizzo delle rating scale
delle scale ad autosomministrazione, o dal medi- sono venute dalla ricerca psicofarmacologica,
co, nel caso di quelle ad eterosom-ministrazione, dettate dall’esigenza di ottenere delle valutazioni
e che pazienti con sintomi differenti possono attendibili, accurate e riproducibili dello stato
raggiungere lo stesso punteggio. Per questo a psichico dei pazienti e soprattutto per misurare le
volte è importante considerare non solo il punteg- modificazioni indotte dall’intervento farma-

Tabella 2. Criteri diagnostici e per il disturbo d’ansia generalizzata (DSM III R)

1. Ansia e preoccupazione (attesa apprensiva) irrealistiche ed eccessive, concernenti due o più situazioni della vita, ad esempio,
preoccupazione che qualche sventura possa accadere al proprio figlio (che non è in pericolo), preoccupazioni economiche (per
motivi futili), per un periodo di 6 mesi o più, durante i quali il soggetto è stato afflitto per la maggior parte del tempo da questi
pensieri. Nei bambini e negli adolescenti ciò può assumere l’aspetto di ansia e preoccupazioni relative alle prestazioni scolastiche,
sportive, sociali.
2. Se è presente un altro disturbo dell’asse I, il centro focale dell’ansia e della preoccupazione riferite nel criterio I non è correlato
a questo; ad esempio, l’ansia e la preoccupazione non sono quelle di avere un attacco di panico (come nel disturbo da attacchi di
panico), di sentirsi imbarazzato in pubblico (come nella fobia sociale), di essere contaminato (come nel disturbo ossessivo-
compulsivo) o di aumentare di peso (come nell’anoressia mentale).
3. Il disturbo non si manifesta solamente durante il decorso di un disturbo dell’umore o di un disturbo psicotico.
4. Sono spesso presenti almeno sei dei seguenti diciotto sintomi, quando il paziente è ansioso (non includere i sintomi presenti
soltanto durante gli attacchi di panico).
5. Non può essere stabilito alcun fattore organico che abbia scatenato o mantenuto il disturbo, ad esempio, ipertiroidismo,
intossicazione da caffeina.

Tensione motoria Iperattività neurovegetativa Vigilanza e attenzione

1. tremori, contrazioni 5. polipnea o sensazione 14. sentirsi nervoso o sul


muscolari, o sensazione di soffocamento filo del rasoio
di tremore 6. palpitazioni o accelerazione 15. risposte esagerate
2. tensioni, dolori, o dolenzia del ritmo cardiaco (tachicardia) di allarme
muscolare 7. sudorazione o mani 16. difficoltà di concetrazione
3. irrequietezza fredde e bagnate o sensazione di testa vuota
4. facile affaticabilità 8. bocca asciutta a causa dell’ansia
9. vertigini o sensazione 17. difficoltà nell’addormentamento
di sbandamento o nel mantenere il sonno
10. nausea, diarrea, o altri 18. irritabilità
disturbi addominali
11. caldane (vampate di calore)
o brividi
12. pollachiuria
13. disfagia o nodo alla gola

cologico. per eterosomministrazione. Per quanto riguarda


Esistono diversi tipi di rating scale: alcune danno l’ansia, esistono due aspetti che possono essere
una valutazione globale del disturbo psicopato- valutati:
logico presentato dal paziente, altre esplorano le – l’ansia-tratto, che è riferita alla condizione
diverse funzioni psichiche ed i singoli sintomi o abituale del soggetto, al suo essere più o meno
aspetti della vita sociale e relazionale del sogget- ansioso in varie situazioni come caratteristica
to. stabile della personalità;
Le più usate sono quelle che indagano sui sintomi – l’ansia-stato, che invece indica lo stato emoti-
ansiosi o depressivi del soggetto, sia per auto che vo del soggetto in una fase particolare, limitata al

21
periodo in cui viene effettuata la misurazione, Essa consente al paziente un’autovalutazione del
indipendentemente dalle condizioni abituali. proprio “stato ansioso” compilando, mediante
Tra queste una delle più note è la TMAS, ideata da una scala a 4 punti, una griglia contenente 20
Taylor per selezionare, a scopi di ricerca, soggetti items. Verrà chiesto al paziente di apporre una
abitualmente ansiosi da quelli solitamente calmi. croce in corrispondenza di una delle quattro casel-
La SAS è opera di due psichiatri del gruppo Leeds le di scelta disponibili per ogni item, equivalenti
Wakefield che hanno adattato la diffusissima alle quattro valutazioni: mai o raramente = 0,
“anxiety rating scale” di Hamilton, estraendone le qualche volta = 1, spesso = 2, quasi sempre o
caratterizzazioni riguardanti la pura sintomatologia sempre = 3.
ansiosa. Dalla somma dei singoli punteggi si otterrà il

Tabella 3. Alcune scale di valutazione dell’ansia

Scala N° items Modalità di compilazione

Taylor manifest anxiety


scale (TMAS) 50 autovalut+intervista

Midolexes hospital
questionnaire (MHQ) 48 autovalutazione

Self-rating anxiety
scale (SAS) 20 autovalutazione

Physician’s rating
list (PRL-newPRL) 19 intervista

Hamilton anxiety
rating scale (HSA) 13 intervista

punteggio globale, espressione dello stato ansioso indifferente (vedi le terapie analitiche).
del soggetto in quella fase temporale della propria Il trattamento farmacologico dei disturbi di ansia
sindrome ansiosa. prevede principalmente l’uso di tranquillanti mi-
Infatti ogni valutazione va considerata nella pro- nori (ansiolitici). Sono farmaci ad azione
pria collocazione momentanea, dal momento che ansiolitica, sedativa e miorilassante. Le
è possibile assistere ad una variazione del punteg- benzodiazepine costituiscono i membri più im-
gio totale nel tempo, in relazione a fenomeni portanti di questo gruppo. Si tratta di farmaci la
contingenti, o in seguito ad opportuna terapia. cui diffusione è attualmente enorme e costituisce
È da considerarsi espressione di ansia un punteg- un rilevante fenomeno socio-culturale della no-
gio globale superiore a 20. stra epoca.
È a questa classe di farmaci che sono attribuibili
Approcci terapeutici con maggiore frequenza i fenomeni di abuso e di
uso improprio, in relazione alla loro indicazione
Trattamento non farmacologico: si basa sull’uti- terapeutica per un sintomo che costituisce una
lizzo di diverse metodiche, tra cui: dimensione fondamentale dell’esistenza umana,
– psicoterapia ed orientamento analitico; l’ansia, e alla loro pericolosità, generalmente rite-
– psicoterapia ed indirizzo cognitivo comporta- nuta scarsa.
mentale; È da ricordare che il trattamento con questi farma-
– tecniche di rilassamento: training autogeno, ci dovrebbe essere attuato solo per tempi brevi
biofeedback, rilassamento progressivo, ipnosi. (non superiore ai tre mesi), mentre si assiste a
Questi tipi di trattamento sono riservati ad un terapie all’infinito, con l’insorgere di gravi pro-
piccolo numero di pazienti per l’alto costo, la blemi.
lunga durata, la necessità di una partecipazione
attiva e di un livello intellettivo culturale non

22
Tabella 4. BDZ presenti sul mercato italiano Sostanza attiva Nome commerciale

Sostanza attiva Nome commerciale Oxazepam Adumbran


Isodin
Alprazolam Valeans Limbial
Xanax Quen
Bromazepam Compnedium Quilibrex
Lexotan Sedokin
Lexotan plus Sedokin forte
Camazepam Albego Serpax/WYeth
Clobazam Frisium Pinazepam Domar
Clorazepato di potassio Transene Prazepam Prazene
Clordemetildiazepam EN Trepidan
Clordiazepossido Librium Quazepam Quazium
Clotiazepam Rizen Oniria
Tienor Temazepam Levanxol
Desmetildiazepam Madar Triazolam Halcion
Madar notte Songar
Diazepam Aliseum
Ansiolin
Avex
Diazepam FARMACI PER IL SISTEMA NERVOSO
Eridan
Noan Dipendenza fisica: sintomi di astinenza (simili a
Quetinil quelli osservati per alcool e barbiturici) sono stati
Quievita osservati dopo cessazione brusca della terapia, in
Tranquirit particolare in pazienti che avevano assunto dosi
Valitran elevate per lunghi periodi di tempo. I sintomi
Valium caratteristici sono convulsioni, tremori, crampi
Vatran addominali e muscolari, sudorazione e vomito.
Doxefazepam Doxans Sono stati descritti casi di psicosi da astinenza con
Estazolam Esilgan agitazione, confusione e disorientamento. Più co-
Flunitrazepam Darkene muni sono, dopo la cessazione di terapie a lungo
Libelius termine con dosi elevate: nervosismo, ansia, agi-
Roipnol tazione, insonnia, irritabilità, diarrea, talora con-
Valsera vulsioni e disturbi della memoria.
Flurazepam Dalmadorm I soggetti a rischio per la dipendenza (alcoolisti,
Felison tossicomani) vanno sorvegliati.
Flunox
Midorm A. R. Interazioni farmacologiche: alcool, farmaci de-
Remdue primenti il sistema nervoso centrale, agenti
Valdorm psicotropi o anticonvulsivanti come fenotiazine,
Ketazolam Anseren barbiturici, anti-MAO e altri antidepressivi pos-
Lorazepam Control sono potenziare gli effetti delle benzodiazepine.
Lorans Il disulfiram può interferire con l’eliminazione
Quait delle benzodiazepine che hanno dei metaboliti
Securit farmacologicamente attivi: non dovrebbe quindi
Tavor/Wyeth interferire con oxazepam e lorazepam.
Lormetazepam Minias Sebbene non esistano dati sicuri, va tenuto pre-
Medazepam Benson sente che molto raramente sono stati descritti
Lerisum effetti variabili sulla coagulazione in pazienti che
Nobrium assumevano contemporaneamente anticoagulanti
Nitrazepam Ipersed orali e clordiazepossido.
Mitidin Il fumo di sigaretta può alterare gli effetti clinici
Mogadon delle benzodiazepine. L’incidenza di sedazione e
Persopir stordimento è minore nei forti fumatori (3%) nei
TRI confronti di chi fuma meno (7%) e dei non fuma-

23
tori (9%). – 3extra - yintang
Non è chiaro se questo effetto sia dovuto a indu- – 17CV - shanzhong (23CV - lianquan)
zione degli enzimi epatici o ad altri effetti centrali. Sindrome prevalentemente yi
Un prolungamento dell’emivita di derivati – 20BL* - pishu
benzodiazepinici è stato riscontrato in pazienti – 36ST - zusanli
che assumevano cimetidina. Il significato clinico – 6SP - sanyinjiao (8SP - diji)
non è chiaro. – 12CV - zhongwan
Sindrome prevalentemente po
Avvertenze ai pazienti – 13BL* - feishu
1. Possono dare sonnolenza: evitare di guidare o – 17CV - shanzhong
svolgere altre attività che richiedano prontezza. – (6LU - kongzhui)
2. Evitare l’alcool o altre sostanze che deprimano – (10BL - tianzhu)
il SNC; non superare la dose consigliata; se vi è - (43BL* - gaohuangshu)
fastidio allo stomaco, assumere il farmaco con I punti con asterisco sono stati trattati in moxa, i
cibo e acqua. punti tra parentesi sono stati inseriti in presenza di
3. I pazienti in terapia cronica o con alti dosaggi particolari sintomi; le sedute hanno avuto cadenza
possono avere sintomi di astinenza, se sospendo- prima di due a settimana, quindi settimanale sino
no bruscamente l’assunzione del farmaco. a risoluzione del quadro. Il S.A.S è stato effettuato
4. L’assunzione contemporanea di antiacidi può alla prima seduta, dopo otto sedute (un mese di
alterare l’assorbimento del farmaco. terapia) e a sei mesi di terapia, per valutare l’anda-
mento della sintomatologia e quindi l’efficacia o
meno della terapia.
CASI CLINICI I casi in questo lavoro sono troppo pochi per
permettere una valutazione statistica, ma è signi-
Criteri di scelta ficativo come dopo le prime sedute la sinto-
Sono stati inseriti nello studio soggetti che presen- matologia ansiosa si sia notevolmente ridotta con
tavano esclusivamente disturbi di tipo ansioso, un rientro del S.A.S. in valori non patologici, e
esenti da altre patologie conclamate e che non come il miglioramento sia stato progressivo nel
presentavano nell’anamnesi familiare, fisiologi- corso della terapia, per mantenersi poi a distanza
ca o patologica, elementi degni di nota. di tempo.
Per poter operare con criteri diagnostici e È da notare, inoltre, che tutti i soggetti avevano
terapeutici comuni e per poter valutare nel tempo interrotto le terapie farmacologiche di loro inizia-
i risultati delle terapie, si è pensato di sottoporre i tiva, prima di iniziare la terapia con agopuntura.
pazienti alla scala di Leeds Wakefield, prima
descritta; la scala permette, inoltre, di evidenziare Caso n°1
il disturbo prevalente di una o più delle valenze O.C. maschio, 23 anni.
psichiche, a seconda dei sintomi prevalenti, (vedi Problema di ansia e nervosismo, difficoltà al
tabella 5). risveglio; soffre di dolori al collo ed alla testa, con
È stato, inoltre, concordato un protocollo sensazione di sbandamento e vertigine, senso di
terapeutico comune a seconda della sindrome calore al volto con rossore; blocco alla gola. La
prevalente. sintomatologia è insorta da circa 2 anni ed è più
grave in primavera.
Sindrome prevalentemente zhi Sindrome prevalente hun.
– 23BL* - shenshu – 11.10.’89 prima seduta, indice S.A.S. di 28
– 3CV* - taixi Terapia: 3extra, 23BL*, 3LR, 20GB, 18BL*
– 4CV* - guanyuan Quattro sedute ravvicinate, quindi sedute settima-
– (23CV - lianquan) nali.
Sindrome prevalentemente hun – 8.11.’89: netto miglioramento soggettivo, S.A.S.
– 18BL* - ganshu di 18.
– 3LR - taichong (8LR - ququan) – 10.4.’90: benessere soggettivo, S.A.S. di 5.
– (20GB - fengchi)
- (20GV - baihui)
– (18CV - yutang) Caso n°2
Sindrome prevalentemente shen P.M. femmina, 26 anni
– 15BL* - xinshu Dall’età di 17 anni (dopo un episodio di intensa
– (7HT - shenmen) cefalea e formicolio degli arti durato due giorni)
– 6PC - neiguan (5PC - jianshi) presenta: ansia ed attacchi di panico, blocco

24
precordiale con tachicardia, difficoltà nell’ad- stress, S.A.S. di 10.
dormentamento con incubi. – 23.3.’90: benessere soggettivo, S.A.S. di 5.
Sindrome prevalente zhi e shen
– 8.11.’89: prima seduta, S.A.S. di 32 Caso n°3
terapia: 3KI*, 23BL*, 15BL*, 6PC, 3extra, 17CV. M. M. femmina, 24 anni.
Tre sedute la prima settimana poi ogni cinque Dall’adolescenza presenta crisi d’ansia e panico;
giorni. ha dolori alla testa ed alla schiena, astenia.
– 14.12.’89: gli attacchi di panico sono quasi In diverse occasioni ha blocco alla gola con senso
scomparsi; rimane cardiopalmo in occasione di di soffocamento, mani fredde e sudate, minzione

Tabella 5. Indice SAS (Symptoms of anxiety scale da leeds - Wakefield

Nome e cognome
Data mai o qualche spesso quasi sempre
raramente volta o sempre
0 1 2 3

1. Mi sento più nervoso e ansioso del solito (Hun+Shen)


2. Ho paura senza motivo (Zhi)
3. Facilmente mi sento sconvolto o in preda al panico (Shen +Zhi)
4. Ho la sensazione di crollare e andare in pezzi (Zhi)
5. Sento che tutto va male e che non accadrà nulla di buono (Po)
6. Mi tremano le gambe e le braccia (Hun)
7. Soffro di mal di testa o dolori al collo o alla schiena (Hun+Zhi)
8 Mi sento debole e mi stanco facilmente (Zhi+Yi)
9. Mi sento agitato e non riesco a stare seduto (Hun)
10. Sento il cuore battere forte (Shen+Zhi)
11. Mi gira la testa (soffro di capogiri) (Hun)
12. Ho svenimenti o mi sento svenire (Hun)
13. Respiro con difficoltà (Po)
14. Sento intorpidimento e formicolio alle dita (Shen)
15. Soffro di mal di stomaco e cattiva digestione (Yi)
16. Devo urinare freuqentemente (Zhi)
17. Ho le mani fredde e umide (Shen)
18. Arrossisco (Shen)
19. Mi addormento con difficoltà e riposo male (Shen)
20. Ho gli incubi (Shen)

Indirizzo terapeutico
Sindrome Zhi: 23BL - 3KI - 4CV - (23CV)
Sindrome Hun: 18BL - 3LR - (8LR) - (20GB) - (20GV) - (18CV)
Sindrome Shen: 15BL - (7HT) - 6PC - (5PC) - 3extra - 17CV - (23CV)
Sindrome Yi: 20BL - 36ST - 6SP - (8SP) - 12CV
Sindrome PO: 13BL - 17CV - (6LU) - (10BL) - (43BL)

frequente; è, inoltre, presente difficoltà all’addor- conosciute; S.A.S. di 8.


mentamento con incubi. – 20.8.’90: benessere soggettivo, S.A.S. di 5.
Sindrome prevalentemente shen e zhi
– 16.2.’90: prima seduta, S.A.S. di 29. Caso n° 4
Terapia: 23BL, 3KI, 23CV, 15BL, 6PC, 3extra. B.C. femmina, 42 anni.
Tre sedute la prima settimana, poi due sedute a Da circa dieci anni lamenta cefalea mal localizza-
settimana. ta, tremori e contrattura alle braccia, agitazione
– 20.3’90: i disturbi si presentano solo prima di con bisogno di muoversi, sbandamenti con verti-
esami universitari o incontri con persone poco gini, ansia con blocco toracico.

25
Sindrome prevalentemente hun. Da due anni circa ha cardiopalmo con blocco
– 3.2.’90: prima seduta, S.A.S. di 26. faringeo, mani fredde e sudate, minzione frequen-
Terapia: 18BL, 3LR, 20GB, 20GV, 18CV. te, parestesia alle dita, dolore alla testa con verti-
Due sedute a settimana. gini.
– 4.3.’90: cefalea e tremori sono scomparsi, ri- Sindrome prevalentemente shen, hun, zhi.
mane ansia collegata a problemi di lavoro, S.A.S. – 4.5.’90: prima seduta, S.A.S. di 37.
di 6. Terapia: 23BL, 3KI, 4CV, 6PC, 23CV, 3extra,
– 3.9.’90: dichiara benessere, S.A.S. di 6. 3LR, 20GB due sedute a settimana.
– 6.6.’90: notevole miglioramento soggettivo,
Caso n° 5 S.A.S. di 12.
V.B. femmina, 24 anni. – 8.11.’90: benessere soggettivo, ha iniziato un
Da due anni presenta cervicalgia con vertigini, nuovo lavoro, S.A.S. di 7.
sbandamenti e sensazione di svenimento, ansia,
disturbi visivi in occasione degli sbandamenti. Caso n° 9
Sindrome prevalentemente hun. C.S. femmina, 21 anni.
– 6.3.’90: prima seduta, S.A.S. di 25. Da un anno presenta ansia, umore variabile, astenia,
Terapia: 18BL, 3LR, 20GB, 20GV, 3extra, 34GB cefalea con sensazione di svenimento; è dimagrita
due sedute a settimana. di sei chili per disturbi digestivi e gastralgia.
– 8.4. ’90: persiste lo sbandamento, S.A.S. di 15. Sindrome hun, shen, yi.
– 8.10.’90: dichiara benessere, S.A.S. di 8. – 6.5.’90: prima seduta, S.A.S. di 24.
Terapia: 23BL, 3KI, 18BL, 3LR, 20GB, 20BL,
Caso n° 6 36ST, 6SP, 12CV.
B.G. femmina, 26 anni. – 8.6.’90: ha ripreso un’alimentazione normale,
Da due anni (dopo trauma cranico non commotivo) permane sensazione di svenimento quando è sola
presenta intensa paura, agorafobia e crisi di pani- in mezzo alla gente, S.A.S. di 8.
co, che hanno ridotto le sue attività; sono presenti – 5.11.’90: dichiara benessere, S.A.S. di 7.
vertigini con sensazione di caduta, blocco faringeo
con gola secca, cardiopalmo, mani fredde e sudate Caso n° 10
con formicolii, rossore al volto. P.O. maschio, 40 anni.
Sindrome zhi, hun, shen Da due anni dolore al collo, nervosismo, vive in
– 6.3.’90: prima seduta, S.A.S. di 39. uno stato di paura; urina frequentemente, ha sen-
Terapia: 23BL, 3KI, 18BL, 3LR, 20GV, 3extra, sazione di freddo alla schiena e dolore, se rimane
6PC, 23CV, due sedute a settimana. in piedi a lungo.
– 7.4.’90: diminuzione della sintomatologia, si è Sindrome prevalentemente zhi e hun.
allargato il campo di attività, S.A.S. di 18. – 6.12.’89: prima seduta, S.A.S. di 32
– 2.10.’90: con sedute quindicinali di manteni- Terapia: 23BL, 3KI, 4CV, 18BL, 3LR, 20GB.
mento, rimane la sensazione di vertigine in situa- – 10.1.’90: non ha più avuto dolori al collo e
zioni stressanti, S.A.S. di 10. riesce a dominare la paura, S.A.S. di 10.
– 10.6.’90: dichiara benessere S.A.S. di 8.
Caso n° 7
P.F. maschio, 46 anni.
Da circa quattro anni presenta dolori mal localiz-
zati al collo ed al capo, nervosismo ed agitazione,
non riesce a stare fermo e ha senso di vertigine; si
addormenta con difficoltà ed ha la sensazione di
non riposare; frequenti incubi.
Sindrome prevalentemente hun e shen
– 6.4.’90: prima seduta, S.A.S. di 27.
Terapia: 18BL, 15BL, 3LR, 20GB, 6PC, 3extra
due sedute a settimana.
– 8.5.’90: è migliorato il sonno, rimane l’agita-
zione, S.A.S. di 19.
– 4.11.’90: con sedute quindicinali di manteni-
mento, si dichiara migliorato, S.A.S. di 12.

Caso n° 8
C.C. femmina, 20 anni.

26
Le cefalee in medicina tradizionale cinese *
Ruggero Giannetti *

Classificazione, eziopatogenesi e terapia sordo, dovuto al deficit del qi del sangue che
delle cefalee in medicina tradizionale impedisce la libera circolazione dello yin e dello
cinese yang, aggravato da sforzi eccessivi e prolungati e
dallo stress che favoriscono un ulteriore consumo
La cefalea può essere il sintomo di molte malattie, del qi. Il sangue nutre il qi ed il qi mobilizza il
come accade nel caso delle cefalee secondarie. sangue: un deficit di sangue può portare ad un
Verranno prese qui in considerazione le cefalee deficit di qi (quindi il quadro peggiora sotto sfor-
che insorgono come entità nosologiche a sé stanti, zo) che, a sua volta, indica una cattiva
cioè le cosiddette cefalee primitive. mobilizzazione del sangue, con conseguenti rista-
In medicina tradizionale cinese le cefalee possono gni ed ostruzioni al flusso energetico dei jing luo.
essere suddivise, dal punto di vista clinico, in due Sono presenti anche vertigini e visione offuscata,
gruppi fondamentali: cefalee da deficit e cefalee che indicano una cattiva nutrizione della faccia e
da eccesso. della testa a causa del deficit di sangue. La lingua
Al primo gruppo appartengono le cefalee di tipo è pallida con induito sottile e bianco. Il polso è
endogeno che a loro volta possono essere suddivi- debole e filiforme.
se in: cefalee da deficit di sangue e cefalee da Il trattamento in medicina tradizionale cinese con-
deficit di energia ancestrale o deficit di rene nella siste nella tonificazione del sangue che si può
sua componente yin (cefalee legno, le più fre- effettuare con gli aghi e con i decotti a base di
quenti) o nella sua componente yang. farmaci della medicina tradizionale cinese, inol-
Al secondo gruppo (cefalee da eccesso) apparten- tre, in base alla localizzazione della cefalea, si
gono le cosiddette cefalee di origine esogena, cioè agopungono i meridiani corrispondenti.
dovute ad invasione dei meridiani della testa da Le cefalee da insufficienza di energia ancestrale
parte delle energie cosmopatogene. possono essere provocate da un deficit di rene yin,
Nella maggior parte dei casi è in causa il vento, per che causa una liberazione di yang di fegato e del
un concomitante deficit relativo di energia vento del fegato verso l’alto; oppure da un attacco
ancestrale . primitivo di collera che danneggia il fegato nella
La cefalea più frequente nella pratica clinica è sua componente yin ne libera lo yang. Queste
quella dovuta a deficit della radice yin del rene, cefalee possono manifestarsi anche in pazienti
con conseguente malnutrizione del movimento con una costituzione fisica eccessivamente yang,
legno, la cosiddetta “cefalea legno”. sempre per un deficit di yin originario.
Le cefalee da deficit di sangue possono essere In questi casi si ha cefalea e visione offuscata che
provocate da una debolezza organica insorta dopo sono dovute al crescente aumento dello yang di
malattie croniche prolungate oppure da emorra- fegato che attacca la testa; la bocca amara è
gie intense, oppure da una alimentazione carente causata da un accumulo di calore nel meridiano
o irregolare, sforzi fisici eccessivi e prolungati. della vescicola biliare che deriva dallo yang di
Per il deficit di sangue a carico dei meridiani della fegato; il dolore intermittente alla regione temporo-
testa si possono manifestare i seguenti sintomi: parieto-nucale si localizza sul percorso del meri-
dolore a varia localizzazione cefalica, continuo e diano principale della VB. La lingua è rossa con
induito giallo; il polso è teso e rapido.
* tesi di diploma del Corso di Agopuntura e Medicina
Il trattamento in medicina tradizionale cinese con-
Cinese della Scuola Italiana di Medicina Cinese del Gruppo siste nel purificare lo yang di fegato e nella disper-
di Studio “Società e Salute” sione del vento di fegato, pungendo i punti dello

27
shao yang, del jue yin e dello shao yin del piede. intensità nei due giorni precedenti il flusso me-
Nei casi previsti si tonifica la radice yin del rene. struale, per poi attenuarsi verso la fine del flusso.
Le cefalee da cause cosmopatogene sono dovute La cefalea è molto intensa nei periodi di
ad invasione dei meridiani della regione cefalica superlavoro; inoltre, aumenta in caso di stress
da parte del vento patogeno esogeno più frequen- emotivo di qualsiasi natura; non è preceduta da
temente, oppure del freddo o dell’umidità, fattori manifestazioni premonitorie particolari.
questi che causano la cefalea per blocco della Anamnesi patologica remota: lombalgie ricorren-
circolazione del qi e del sangue. ti in colonna dorso-lombare scoliotica; ricordo di
In causa nella patogenesi di questo tipo di cefalee otiti medie acute da bambina; alcuni episodi di
è più frequentemente il vento perché elemento cistite, batteriuria.
yang e per questo a spiccato tropismo per la parte Anamnesi fisiologica energetica: paziente ten-
yang dell’organismo umano che è la testa (es.: la denzialmente ansiosa, collerica, lamenta stipsi
localizzazione dei punti vento nel corpo umano). occasionale, dispepsia e nausea associate, bocca
Inoltre, il vento funge da veicolo alle energie più amara, in special modo durante le crisi cefalalgiche
yin, più “statiche”, cioè il freddo e l’umidità, che molto intense, piedi freddi, dolenzia (peso) al
per la loro natura tenderebbero a scendere in punto colecistico, soffre il freddo. Lamenta, inol-
basso. tre, dismenorrea e lombalgia bassa, specie alla
I sintomi possono essere intermittenti o continui sera dopo il lavoro.
in base al tipo di risposta del qi antipatogeno Anamnesi familiare: madre sofferente da sempre
dell’organismo; il dolore può essere di tipo pul- di emicrania comune.
sante, con senso di gonfiore sul cuoio capelluto, Lingua: punta rossa, tremula; per il resto normale.
oppure a tipo puntura localizzata. Polsi: vuoto il piede sinistro.
La localizzazione del dolore varia a seconda del Diagnosi energetica: cefalea di tipo legno da de-
livello energetico colpito (tai yang, shao yang, ficit del movimento acqua, favorita da cause
yang ming), e così pure la sintomatologia varia e psichiche di origine ambientale (tipo di lavoro).
si differenzia in base all’energia cosmopatogena Diagnosi dal punto di vista occidentale: cefalea di
coinvolta nell’insorgenza della cefalea. tipo emicranico comune, senza aura.
Nella cefalea causata dal vento si rileva una lingua
con induito bianco e sottile e un polso superficiale Terapia
e teso, il dolore si può localizzare alla regione – 23BL - shenshu, in moxibustione, per tonifi-
della nuca prevalentemente, oppure alla regione care il rene;
facciale, a seconda della zona di penetrazione del – 20GB - fengchi, disperde il meridiano princi-
vento patogeno (punti vento o yang ming della pale GB in alto, dolente;
faccia). – 26BL - guanyuanshu, per la lombalgia;
Il trattamento in medicina tradizionale cinese con- – 6PC - neiguan, per l’ansia;
siste nel disperdere il vento, risolvere l’ostruzione – 12CV - zhongwan, per la dispepsia;
alla circolazione energetica nei meridiani interes- – 4CV -guanyuan, in moxibustione, tonifica il
sati e nei collaterali, regolare il sangue e l’energia, rene;
controllare il dolore, pungendo i punti dolorosi – 3LR - taichong, punto terra del meridiano prin-
locali in combinazione con i punti lungo i meri- cipale del fegato;
diani relativi distali. – 34GB - yanglingquan, punto terra del meridia-
no principale della vescicola biliare;
– 14GB - yangbai, dolente;
– extra - taiyang, dolente;
Caso clinico n °1 – 15BL - xinshu, shu del cuore, per l’ansia,
Paziente di sesso femminile, P. G., anni 25, di – 18BL - ganshu, shu del fegato, per l’ansia;
professione impiegata di concetto presso una ditta Questi ultimi due punti stimolati in coppettazione.
privata (lavora al computer), coniugata, affetta La paziente ha eseguito 15 sedute di agopuntura a
dall’età di 12 anni da cefalea fronto-temporo- cadenza bisettimanale, ottenendo notevole bene-
parietale sinistra. ficio, ed attualmente esegue delle sedute di richia-
La cefalea ha insorgenza giornaliera e dalla regio- mo ai primi sintomi di ricaduta, peraltro con
ne frontale sinistra si irradia alla nuca, lungo il frequenza molto diluita nel tempo.
percorso del meridiano della VB; è accompagnata La paziente ha avuto delle crisi cefalalgiche rav-
da rigidità nucale, da nausea con successivo vo- vicinate all’inizio del periodo primaverile (è in
mito, leggera sindrome vertiginosa, migliora col cura da circa due anni), per cui ha dovuto effettua-
freddo (gradevole il contatto con la parte fresca re sedute bisettimanali che hanno dato esito posi-
del cuscino, ad esempio). La cefalea aumenta di tivo.

28
Caso clinico n °2 dere il vento ed il freddo e rimuovere l’ostruzione
dei meridiani interessati. Si disperdono i punti
Paziente di sesso maschile, M. M., di anni 31, di
dolorosi locali, inoltre si tonifica il movimento
professione portalettere, affetto da circa 5 anni da
acqua.
cefalea fronto-temporale bilaterale, accompagna-
I risultati sono positivi in quanto il paziente da tre
ta da nausea e da vomito se intensa. La cefalea
anni non accusa cefalea e pratica delle sedute di
peggiora con il freddo, il paziente lamenta fotofobia
richiamo in autunno e al bisogno.
durante l’attacco. La frequenza delle crisi è molto
maggiore nella stagione fredda, in relazione an-
che al tipo di lavoro che svolge il paziente (utilizza Caso clinico n° 3
la motoretta per il suo lavoro).
La cefalea è iniziata dopo un forte raffreddore, Paziente di sesso femminile, I. C., anni 39, di
seguito da una sinusite purulenta acuta febbrile; professione cameriera, affetta dall’età di 8 anni da
da allora il paziente soffre molto spesso di ostru- cefalea diffusa, ma più intensa alla regione tem-
zione nasale. porale bilateralmente, ma anche da un solo lato a
Anamnesi patologica remota: all’età di 16 anni volte.
glomerulonefrite; ricorda, inoltre, un episodio La cefalea è continua anche se di modesta inten-
bronchitico da ragazzo; da alcuni anni lamenta sità, ma presenta delle riacutizzazioni molto ac-
ostruzione nasale con frequenti riacutizzazioni centuate della durata anche di 8 giorni; lo stress
rinitiche. fisico e mentale, il dolore di altra natura, l’ansia,
Anamnesi fisiologica energetica: soffre il freddo, la gioia hanno la capacità di riacutizzare o di
bocca impastata ed asciutta, specie durante gli scatenare l’attacco cefalalgico. La cefalea è ac-
attacchi cefalalgici, lombalgie ricorrenti con rigi- compagnata da nausea e vomito, meteorismo,
dità della colonna, lamenta sonno agitato e risve- stipsi, aumenta nella stagione estiva, è indifferen-
glio precoce. te all’applicazione di caldo o freddo localmente.
Ha avuto due episodi di ansia con depressione Anamnesi patologica remota: non malattie degne
negli ultimi tre anni, lamenta frequente senso di di nota.
stanchezza e poca voglia di fare; accusa un certo Anamnesi familiare: negativa per la cefalea.
“nervosismo” a livello epigastrico. Anamnesi fisiologica energetica: paziente di co-
Anamnesi familiare: negativa per malattie parti- lorito pallido, lamenta astenia continua, sudo-
colari. razione facile alle estremità, che sono anche piut-
Lingua: sottile, con patina bianca e sottile. tosto gonfie, accusa inoltre ansia, insonnia, palpi-
Polso: teso a tutti i livelli. tazioni. Le mestruazioni sono normali come dura-
Diagnosi energetica: cefalea da vento-freddo su ta, quantità, ritmo; il sangue è scuro, senza coagu-
di un terreno costituzionalmente predisposto (de- li.
ficit di yin di rene). Lingua: gonfia, con impronte, di colorito norma-
le, tendente al pallido.
Terapia Polso: profondo chen e rugoso se bilateralmente.
– extra - taiyang, dolente; Diagnosi energetica: cefalea da deficit di qi e di
– 20LI - yingxiang, per l’ostruzione nasale; sangue.
– 2BL - zanzhu, fatto sanguinare, per l’ostruzio- Diagnosi dal punto di vista occidentale: alla pa-
ne nasale; ziente era stata diagnosticata una cefalea
– 23GV - shangxing, doloroso; emicranica comune senza aura. Le varie terapie
– extra - yintang, doloroso; effettuate non avevano dato esito positivo.
– 5TE - waiguan;
– 14GB - yangbai; Terapia
– 4LI - hegu; Sono state eseguite otto sedute di agopuntura,
– 8St - touwei, doloroso; utilizzando i seguenti punti con ago e moxa:
– 44ST - neiting; – 13GB - feishu;
– 12CV - zhongwan, in moxibustione, per la – 15GB - xinshu;
stipsi; – 20GB - pishu;
– 25ST - tianshu, in moxibustione, per la stipsi; – 23GB - shenshu.
– 4CV - guanyuan, in moxibustione, tonifica il I punti shu del dorso sono stati utilizzati in questo
movimento acqua; caso per tonificare tutti gli organi.
– 23KI - shenshu, in moxibustione, tonifica il È stato prescritto contemporaneamente un decotto
movimento acqua. delle seguenti erbe:
Analisi: si utilizzano i punti dello shao yang e dang gui 9
dello yang ming delle mani e dei piedi per disper- bai shao yao 9

29
chuan xiong 9 – 6PC - neiguan, per l’ansia, l’insonnia in asso-
shu di huang 9 ciazione con 6SP;
zhi ke 9 – 4LI - hegu;
bai zhi 9 – 11LI - quchi;
huang qi 9. – 14GV - dazhui.
In pratica è stato prescritto il classico decotto Questi ultimi tre punti sono utilizzati per l’iper-
tonico del sangue, il si wu tang, con altre erbe tensione arteriosa.
idonee al caso specifico: zhi ke regolarizza e Il paziente ha effettuato un ciclo di dieci sedute, a
muove il qi; bai zhi è un’erba tiepida e piccante cadenza bisettimanale all’inizio, poi una volta la
che libera l’esterno; huang qi tonifica il qi. settimana, con beneficio sia per quanto riguarda la
La paziente è praticamente guarita nel giro di due cefalea che per il resto della sintomatologia.
mesi. Effettua sedute di richiamo saltuarie e pre- La pressione arteriosa, che si era pressoché nor-
ventive. malizzata dopo l’agopuntura, dopo circa sei mesi
ha cominciato a risalire, dopo lo stesso periodo
anche la cefalea ha dato ancora segno di sé, e così
Caso clinico n° 4
la stipsi. Questa situazione ha indotto il paziente a
Paziente di sesso maschile, F. D., anni 27, operaio, praticare delle sedute mensili di richiamo, ma a
affetto dall’età di 16 anni da cefalea temporo- cadenza non proprio regolare, che mantengono un
frontale e retrooculare bilaterale. ottimo controllo della patologia di cui era affetto.
La cefalea è pressoché continua, anche se di
intensità non grave, ma con riacutizzazioni, e con
intervalli di remissione brevi. Bibliografia
È accompagnata da vomito biliare, da fotofobia, – DI CONCETTO G., Corso di Agopuntura Tradi-
migliora con il freddo, è favorita dalla tensione zionale Cinese, Appunti.
emotiva e dallo stress fisico; il paziente ha notato – A UTORI VARI , Chinese Acupuncture and
che i turni lavorativi notturni favorivano la cefalea Moxibustion, Foreign Languages Press, Beijing,
(attualmente non fa turni notturni, e questo ha 1990.
portato un certo beneficio al paziente). – AUTORI VARI, Practical Traditional Chinese Me-
Anamnesi patologica remota: il paziente è porta- dicine & Pharmacology, Acupuncture and Moxi-
tore di ectopia renale destra con disfmorfismo e bustion, New World Press, Beijing, 1991.
malrotazione. È inoltre affetto da ipertensione
arteriosa essenziale di lieve entità.
Anamnesi fisiologica energetica: costituzional-
mente molto emotivo, lamenta stipsi, piedi freddi,
periodi ricorrenti di insonnia, soffre spesso di
raffreddori.
Lingua grossa, rossa, con induito giallo e spesso.
Polso rapido e teso.
Diagnosi: siamo di fronte ad una cefalea legno
dovuta a deficit di energia ancestrale con libera-
zione del fuoco del fegato.
Diagnosi dal punto di vista occidentale: cefalea
emicranica comune con aura.

Terapia
– yintang extra, per l’insonnia;
– 14GB - yangbai, doloroso;
– 4CV - guanyuan, in moxibustione, tonifica il
movimento acqua;
– 23BL - shenshu, in moxibustione, tonifica il
movimento acqua;
– 25St - tianshu, in moxibustione, per la stipsi;
– 8LR - ququan, punto acqua del meridiano prin-
cipale del fegato;
– 20GB - fengchi, disperde lo yang in alto;
– 6SP - sanyinjiao, per equilibrare lo yin e lo
yang;

30
Personalità bordeline ed agopuntura
considerazioni su un caso clinico
Paola Oneto *

INTRODUZIONE Anamnesi patologica prossima


Sindrome ansioso-depressiva con tendenza al-
Dopo alcuni anni di lavoro in agopuntura, ritengo l’isolamento e senso di estraniazione dalla realtà
interessante proporre il caso clinico che segue. La da 10 anni, essendo insorta la sindrome con questa
diagnosi di tipo occidentale è stata posta dall’uni- gravità subito dopo il parto del primo figlio. La
tà sanitaria locale di Trento: La signora S. L. è paziente però ricorda di essere fin da bambina
stata seguita presso questo centro di salute menta- tendente alla tristezza e all’isolamento, cercando
le dal 9 agosto 1987 al 3 marzo 1988 per un quadro di sfuggire alla realtà di una famiglia numerosa (è
clinico di personalità bordeline. Durante il perio- la penultima di 8 figli) con un padre percepito
do suindicato, la paziente ha presentato alcuni come troppo violento. Si rivolge all’agopuntura
episodi di scompenso psicotico acuto che hanno per uscire da una terapia farmacologica che, oltre
richiesto il ricovero in ambiente psichiatrico (casa che avere spiacevoli effetti collaterali, non dà
di cura di Verona e servizio psichiatrico di diagno- comunque alla paziente lo stato di benessere
si e cura di Trento). Al di fuori delle fasi critiche psichico sperato.
è stata seguita per lunghi periodi a livello ambula- Al momento della prima visita la paziente soffre
toriale, con colloqui individuali di sostegno, in- di una lieve anemia (Hg 11.3) con lieve ipocromia
contri con il gruppo familiare e una terapia e anisocitosi; l’alvo è tendenzialmente stitico.
psicofarmacologica con neurolettici e antide- Astenia e sonnolenza.
pressivi.
Dal febbraio 1988 la paziente ha cominciato ad Anamnesi familiare
essere seguita con agopuntura. Padre vivente, diabetico. Madre vivente, in appa-
Ritengo interessante proporre il suo caso: rente buona salute. Due sorelle e un fratello con
– sia per la soluzione positiva di una tale sindro- sindrome ansioso-depressiva.
me bordeline;
– sia perché l’aver seguito la paziente continuati- Anamnesi patologica remota
vamente in questi anni (con più di cento sedute in Otite cronica bilaterale con timpanoplastica a
totale) mi ha permesso di raccogliere materiale sinistra, intervento al setto nasale, tonsillectomia;
sufficiente per verificare, seguire il miglioramen- quattro gravidanze a termine tutte concluse con
to e quindi la stabilizzazione dell’habitus parto cesareo per evitare che un eventuale trauma
psicofisico della paziente. da parto peggiorasse la sindrome ansioso-
depressiva. Da circa 10 anni è stata riscontrata
un’ernia iatale.
Descrizione del caso clinico
Anamnesi personale Anamnesi fisiologico-energetica
S. L. anni 31. Casalinga, sposata. Menarca a 13 Di particolare nota sono i dati seguenti: bradicardia,
anni con cicli regolari per intensità, ritmo, durata. appetito buono con alvo stitico, la paziente dorme
Quattro gravidanze a termine con parto cesareo. molto, preferisce l’estate, preferisce il colore ver-
de.
Esame obbiettivo
* Tesi di Diploma del Corso di Agopuntura e Medicina
Cinese della Scuola Italiana di Medicina Cinese del Gruppo – Lingua: gonfia con impronte dentarie, induito
di Studio ”Società e Salute”. bianco, punta rossa.

31
– Polso: profondo, teso, lento da entrambe le yang di tutti gli organi, sia al fatto che la milza,
parti, con prevalenza del polso destro. I polsi dei secondo la legge dei cinque movimenti, sottrae
piedi sono profondi, deboli, lenti. energia al cuore.
– Colorito: pallido. In conclusione, siamo in presenza di un deficit
– Sguardo: assente primitivo di yang riconducibile ad un deficit com-
– Mani e piedi: gelati con sudorazione fredda. binato di energia del rene e della milza.
Questo comporta anche un eccesso relativo del-
l’energia del fegato e del cuore.

DIAGNOSI ENERGETICA

La lingua gonfia con impronte dentarie è segno STRATEGIA TERAPEUTICA


obiettivo di deficit di yang. È il deficit di yang che
determina l’accumulo di yin: ecco perché la lin- Data questa diagnosi energetica mi è sembrata
gua è gonfia. Anche l’induito bianco è segno di opportuna la seguente strategia terapeutica.
uno yin non mobilizzato che si accumula (yin-
freddo-bianco). Terapia di radice
La punta rossa ci indica essa pure che una scarsa Fin dall’inizio, per trattare direttamente il deficit
mobilizzazione dello yin-sangue determinerà an- di yang a livello di tutti gli organi, ho usato i punti
che una cattiva nutrizione del cuore con un ecces- shu di tutti gli organi:
so relativo dello yang del cuore: questo eccesso – 13BL - feishu, shu del polmone
relativo dà la punta rossa. – 15BL - xinshu, shu del cuore
Altri segni obiettivi del deficit di yang sono le – 18BL - ganshu, shu del fegato
estremità fredde e la sudorazione spontanea. – 20BL - pishu, shu della milza-pancreas
Constatato senz’altro un deficit di yang, ci chie- – 23BL - shenshu, shu del rene
diamo da cosa possa derivare: se sia secondario a Tutti i punti sono stati trattati in moxa, con l’ag-
una cronica penetrazione del freddo o se sia un giunta di:
deficit primitivo. È la profondità del polso che ci – 3extra - yintang, traccia della fronte, come
indirizza verso un deficit primitivo (polso profon- punto antiansia: disperde l’eccesso di energia in
do = malattia in profondità). Ci chiediamo allora alto
di quale organo sia questo deficit primitivo. Qui – 4LI - hegu, fondo della vallata, in moxa per
ad indirizzarci è l’anamesi: ci sono le otiti ricor- sostenere l’energia in generale.
renti, l’intervento sul setto nasale (come osso è
sempre sotto il controllo dei reni) che indirizzano Terapia della cima
verso un deficit di rene; ci sono pure l’ernia iatale, Poiché ho seguito la paziente per molto tempo e
l’astenia, la sonnolenza, il pallore, l’astenia ho potuto vedere l’evolversi del suo stato
psichica, la depressione, che ci indirizzano ad un energetico, aggiungevo di volta in volta nuovi
deficit di milza. Anche la lingua gonfia che, come punti a seconda dei nuovi sintomi che mi si
corpo linguale in toto è l’organo periferico della presentavano.
milza, ci riconferma un deficit di milza. La stipsi Quando riscontravo un polso particolarmente teso,
(in altri casi segno di calore) è qui pure riconduci- a corda:
bile ad un deficit di yang: non c’è energia suffi- – 3LR - taichong, grande assalto, punto terra per
ciente per espellere le feci. regolarizzare il movimento legno.
Inoltre, i segni di un eccesso relativo dello yang Quando nella paziente si è riacutizzata la gastralgia,
del fegato sono: l’irritabilità ed il carattere di dovuta all’ernia iatale, caratterizzandosi con pirosi,
tensione del polso, che trovo particolarmente in- scialorrea, irregolarità dell’alvo:
tensi in talune sedute. Infatti, se l’energia del rene – 12CV - zhongwan, centro dello stomaco, in
è in deficit, non sarà nutrito bene il movimento moxa come punto mo dello stomaco;
legno, con un eccesso relativo dello yang del – 36ST - zusanli, tre distanze, in moxa, punto
fegato. Per di più, questo eccesso relativo del terra;
legno, secondo la legge dei cinque movimenti, – 6SP - sanyinjiao, riunione dei tre yin, in moxa
superinibisce la milza, aggravando maggiormen- con il 36ST dà energia al movimento terra.
te il deficit primitivo di milza; ci sono anche i Quando la paziente era particolarmente astenica,
segni di un eccesso relativo di energia del cuore. tanto da rendere sconveniente l’utilizzo dei punti
Sono la punta rossa della lingua, i sintomi ansiosi shu del dorso:
e perfino euforici riscontrati in altre sedute. Que- – 4CV - guanyuan, barriera della sorgente, in
sto eccesso relativo è riconducibile sia al deficit di moxa tonifica l’energia generale e il sangue;

32
– 3KI - taixi, grande torrente, in moxa, punto è coinvolto lo “psichico”, un grosso vantaggio: la
terra, quindi con azione di equilibrio e nutrizione possibilità di dati obiettivabili (il polso, la lingua,
sul rene; le estremità, il colorito) su cui poter sviluppare
– 6CV - qihai, mare dell’energia, in moxa, per una diagnosi e quindi una conseguente terapia
sostenere l’energia in generale; energetica.
– 17CV - shanzhong, centro del torace, in moxa, La medicina occidentale, dal canto suo, negli
punto mu del TR superiore, oltreché maestro stessi casi, può muoversi in una terapia (specie se
dell’energia. farmacologica) basandosi prevalentemente su sin-
Questi punti non sono mai stati utilizzati tutti tomi soggettivi (ansia, tristezza, euforia, assenza
insieme: nel tempo vi è stato un continuo di desideri) o addirittura senza sintomi soggettivi
riaggiustamento terapeutico finalizzato ad inter- (quando il paziente, fortemente depresso, non
venire ogni volta in modo tempestivo rispetto allo comunica più): in questo dunque è certo
stato del momento energetico. Alla quinta seduta svantaggiata.
la paziente ha affermato di sentirsi meglio; dira- Da questa più ampia possibilità (ricerca ed evi-
dando le sedute, però mi sono accorta della pre- denza di dati obiettivi, ricerca ed evidenza di
senza di un pericolo di riaggravamento. Allora, sintomi soggettivi) deriva, a mio parere, la miglio-
dopo le prime sedute bisettimanali ho seguito la re elasticità terapeutica della medicina cinese che
paziente con sedute a ritmo settimanale e quindi, può, di volta in volta, indirizzare una diagnosi
più lentamente, quindicinale. Dopo due anni sono energetica in base allo stato del paziente.
arrivata a sedute mensili di mantenimento. Dal confronto fra le due medicine, quella cinese
risulta dunque più dinamica, vantaggio che pro-
prio a riguardo dello “psichico” è di estrema
importanza.
RISULTATI OTTENUTI

Da quando è in trattamento con agopuntura la


paziente riferisce: una maggior capacità ed ener-
gia nel rispondere agli stimoli esterni, venendo
gradatamente meno il suo senso di isolamento
dalla realtà, una maggior capacità di reagire e
rispondere con comportamenti costruttivi per sé e
per gli altri agli episodi di tristezza o alle situazio-
ni stressanti (non si dimentichi che ha quattro figli
e una suocera anziana e malata in casa).
I neurolettici non vengono più assunti; saltuaria-
mente poche gocce di ansiolitici. Rispetto alla sua
vita passata, la paziente si sente molto bene,
riscoprendo come positiva per sé questa capacità
in più di riuscire a reagire nelle situazioni in
genere, e anche in quelle stressanti, piuttosto che
isolarsi come le era consono fin dall’infanzia.
Ritengo un discreto successo che, un caso del
genere, così radicato nella costituzione della pa-
ziente e della sua famiglia, possa essere oggi
contenuto con una seduta mensile.

CONSIDERAZIONI FINALI

L’elasticità terapeutica che ho potuto attuare e la


sua validità, che ho potuto verificare grazie ad una
continuità di rapporto con la paziente in questi
anni, sono per me uno spunto interessante di
confronto fra la medicina cinese e la medicina
occidentale.
La medicina cinese ha in casi come questi, in cui

33
contributi italiani

Medicina psicosomatica e agopuntura:


vissuto psicosomatico
Sergio Perini *

Grande è stato il merito della medicina gine del sé corporeo, vale a dire dai due agli otto
psicosomatica, poiché, superando la dicotomia mesi. In particolare, il bambino, dai due ai quattro
cartesiana tra “rex extensa” e “res cogitans”, ha mesi, esprime un interesse spiccato verso il corpo
permesso di ritrovare il denominatore comune tra materno sul quale proietta ogni suo bisogno pri-
le varie culture mediche ed in particolare con la mario, mentre, dai quattro agli otto mesi, viene a
medicina tradizionale cinese, di cui l’agopuntura strutturare l’immagine del proprio corpo e del-
è uno degli aspetti. È sorprendente constatare l’unità delle sue varie componeneti, anche grazie
come, pur con una metodologia e terminologia all’utilizzo dello specchio. Come scrive Dotti (2),
diverse, la medicina tradizionale cinese, in cui il il paziente psicosomatico presenta dei sintomi
principio fondamentale risulta essere l’armonia nevrotici intesi come un compromesso tra le di-
tra i due opposti yin e yang eternamente comple- stanze dell’ES, del Super-Io e dell’Io, e, alla base
mentari ed in divenire, affermi gli stessi concetti del disturbo, sta il conflitto tra il desiderio incon-
della moderna medicina psicosomatica, vale a scio, l’ansia che ciò determina all’Io e l’ansia
dire il primato dell’unità mente-corpo. Non solo ancor maggiore che emerge per la minaccia in-
nella diagnosi, ma anche nella terapia, l’agopun- conscia del Super-Io. Il sintomo, in questo tipo di
tura prevede un continuo intreccio di elementi paziente, può esprimersi come una conversione
psichici e somatici, non esistendo per il medico simbolica con la trasposizione dei conflitti psichici
agopuntore una mente o un corpo, ma solo una in sintomi somatici o motori (paralisi) o sensori
persona ammalata in cui le energie hanno perso il (anestesia) oppure come una regressione: in tal
loro equilibrio (5). caso l’Io tende a ricorrere a modalità di rapporto
Addentrandoci ora nello specifico del tema, cer- oggettuale tipiche degli stadi evolutivi pre-geni-
chiamo di definire chi è il paziente psicosomatico. tali.
Molti AA ne hanno scritto ma, in sintesi, ritengo A fronte di tale analisi, questo Autore (2) esprime
si possa definire come un paziente che presenta la difficoltà del paziente psicosomatico ad affron-
sintomi di conversione somatica per la incapacità tare una terapia di tipo analitico perché può vedere
di “insight” del medesimo, con ciò intendendosi l’analista come un pericoloso fantasista che vuole
la mancata capacità di comprendere la complicargli la vita, dall’altro, Dotti esprime la
etiopatogenesi e psichica e conflittuale della sfera difficoltà dell’analista che trova il paziente
emozionale rispetto ai disturbi somatici (5-9). Il psicosomatico di una ottusità desolante che lo fa
paziente psicosomatico è una persona che non può sentire impotente. A fronte di queste difficoltà nel
permettersi di ridiscutere il proprio sé intrapsichico, gestire il “controtransfert”, Buffa (1) sottolinea la
pena il crollo del proprio precario equilibrio (6). necessità di modificare certe caratteristiche del
Pasini (4) ricorda come molti AA (Bion, Maltzer, paziente mediante appropriati processi maturati-
Winnicott, Ammon, Pankof) individuino come vi, quali terapie di rilassamento o terapie di grup-
etiopatogenesi della malattia psicosomatica una po o terapie somatiche come l’agopuntura.
alterazione nella rappresentazione incoscia del Secondo elemento del tema proposto è la defini-
proprio corpo, dovuta ad un rapporto deficitario zione di agopuntura in relazione al vissuto del
con la madre, nel periodo in cui si forma l’imma- paziente psicosomatico. Ovviamente, limiteremo
la nostra attenzione alla valenza psicodinamica di
questo approccio terapeutico.
Tutti i medici agopuntori sanno perfettamente che
* presidente U.M.A.B., Unione Medici Agopuntori Bresciani all’agopuntura sottende un modello metodologico

34
unitario ed è giocoforza che la triade comunicati- mentale nella dialettica tra “Transfert” e
va medico-ago-paziente si occupi ed agisca sul- “Controtransfert”.
l’unità psicosomatica. È ovvio ritenere dunque che l’agopuntura non è
Il corpo esprime un linguaggio extra-verbale che solo e semplice infissione di aghi, ma permette,
è collegato sia con i vissuti ed i conflitti intra- grazie alla relazione e alla comunicazione analo-
psichici, sia con manifestazioni somatiche vere e gica ed extraverbale, di agire dal soma alla psiche.
proprie e, considerando la valenza emozionale del Dalla mia esperienza, sia di agopuntore, sia di
tutto peculiare del paziente, è ovvio che il contatto psicoterapeuta, riconosco che, una volta imposta-
del terapeuta col corpo del paziente favorisca il to il contratto terapeutico in una direzione, è
dialogo psicologico ed il rapporto fiduciario che, teoricamente logico perseguire una modalità coe-
in sostanza, crea l’empatia tra medico e paziente. rente di intervento. Ma ormai è chiaro che, lavo-
Rogora (7-8) ci ricorda che l’agopuntura può rando sul somatico, possano emergere dei vissuti
essere spesso vissuta dal paziente come un occu- psichici anche profondi e, perciò, è prioritario che
parsi del proprio corpo analogamente un medico agopuntore abbia una formazione suf-
all’accudimento materno, e la terapia serve, se ficiente anche in campo psicodinamico, almeno
non altro, ad eliminare il dolore. per leggere ciò che emerge dallo psichico, invian-
Il “setting” agopunturale vede il paziente in una do al paziente, qualora si ritenga opportuno, anche
situazione di passività nella quale subisce l’ago, un socioterapeuta.
viene penetrato, e, in fondo, prova un dolore, il de A tal guisa riferisco di alcune situazioni tera-
qi. Ciò può favorire una “regressione” del pazien- peutiche, abbastanza analoghe, in 5 donne con
te che può vivere l’agopuntura secondo valenze manifestazioni psicosomatiche, trattate con ago-
psicodinamiche relative alle sue esperienze puntura. Dopo l’infissione di aghi, soprattutto
libidiche della prima infanzia. durante le prime sedute, queste pazienti hanno
1. Nella valenza orale l’ago può essere vissuto avuto una reazione psicodinamica estremamente
come l’analogo inconscio del capezzolo del seno regressiva con pianto angosciante, con singhiozzi
materno che viene a soddisfare il bisogno prima- e/o tremori diffusi.
rio della fame e della sete. In tal modo il paziente Subito dopo aver tolto gli aghi, per ovvii motivi,
si vive in un ruolo filiale rispetto al medico vissuto ho inviato le pazienti ad assumere una posizione
come una figura materna. fetale a “cane di fucile”, le ho ricoperte con una
2. Nella valenza sadico-anale il paziente vive l’ago coperta disponibile nello studio, ho accarezzato
come una aggressione sadizzante da cui nasce il loro la fronte ed il viso, abbracciandole e rassicu-
bisogno di espiazione della colpa: in tal modo il randole, assumendo di fatto un ruolo dichia-
paziente può vivere il medico come un suo stru- ratamente materno ed emozionalmente molto ca-
mento superegoico che dà dolore finalizzato, co- rico.
munque, alla salute. Si è creata, in questi frangenti, una situazione
3. Nella valenza fallica l’ago può essere vissuto psicodinamica estremamente regressiva, in cui
come una ‘“appendice” del medico che penetra sono emerse angosce profonde. Dopo la prima
nella microferita traumatica della cute. fase di rassicurazione, volutamente non ho
4. Altro elemento che giuoca un ruolo importante verbalizzato o razionalizzato ciò che era accadu-
è la pelle, involucro che definisce la forma di sé to, nella consapevolezza dei limiti di queste pa-
ma che, per ovvii motivi embriologici, rappresen- zienti. Solo nelle sedute successive ho valutato se
ta un tramite continuo e bidirezionale tra SNC e vi fosse margine per un eventuale intervento
SNP. Da recenti acquisizioni (3) la cute viene psicoterapico ma, in sostanza, hanno preferito
inoltre studiata come sede di complesse interazioni, continuare con la terapia somatica dell’agopuntu-
dove vengono coinvolti diversi sistemi: SNC, ra.
sistema neuroendocrino, sistema immunologico. Il dato positivo è stato comunque il miglioramen-
Elementi questi di una moderna interpretazione to sintomatologico di questi pazienti, obiettivo
integrata di psiconeuroimmunologia dermatolo- del contratto terapeutico. Quanto detto, sta a si-
gica. gnificare come l’agopuntura possa agire dal soma
Inoltre, grazie allo sviluppo psicosessuale del alla psiche, senza per altro dover forzatamente
bambino, in relazione alle cure o alle non cure affrontare una psicoterapia, cortocircuitando in
materne, la pelle diviene la sede di valenze emo- tal modo le resistenze del paziente.
zionali particolari ed estremamente soggettive. Dopo quanto affermato, si può concludere che,
Dunque, nella relazione triadica medico-ago-pa- per affrontare il paziente psicosomatico necessiti
ziente, giuocano fattori simbolici e comunica- una formazione professionale di largo respiro che
zionali, investimenti libidici sull’ago che, inteso tenga sempre più conto dell’interazione terapeuta-
come “medium” tecnico giuoca un ruolo fonda- paziente come elemento prioritario del sapere e

35
del vivere medico.
Solo quindi dall’intelligenza del medico, ma, so-
prattutto, dalla sua formazione intesa come un
“continuum”, può giungere una risposta efficace
per ricomporre la disarmonia e lo squilibrio del
paziente riportandolo al suo Tao, inteso come
stato di benessere psico-fisico che permetta di
vivere appieno le qualità della vita.

BIBLIOGRAFIA

1. BUFFA E., Il controtransfert nel trattamento


psicoterapeutico nel paziente psicosomatico, Me-
dicina psicosomatica 3Ed. SEU vol. 30 n°4 (1985)
373-386
2. DOTTI A., Le terapie psicanalitiche, in Trattato
di medicina psicosomatica di P. Pancheri Ed.
USES Firenze (1984) 1063-1081
3. P ANCONESI E., Cute immunologica e
psiconeuroimmunologica, in Doctor Ed. Arieti n°
18 (1991) 51-53
4. PASINI A., Ricerche sulla formazione della im-
magine del corpo e la patologia psicosomatica, in
Medicina psicosomatica SEU Ed. vol 28 n° 1
(1983) 73-91
5. P ERINI S. M IGNOGNA R., La medicina
psicosomatica e l’agopuntura, Abstracts XIII
Congresso SIMP Bologna 2-4/5/91 Ed. O. S.
Firenze 1991 pag. 74
6. PERINI S. MIGNOGNA R., Relazione medico-pa-
ziente in agopuntura, in Atti 1° Congresso Nazio-
nale UMAB Brescia 1/6/91
7. ROGORA A., Il rapporto medico-paziente in ago-
puntura: caratteristiche, rilievi statistici e pro-
spettive future, Giornale Italiano di riflessoterapia
e agopuntura Ed. Libreria Cortina TO anno 2 n° 2
(1990) 9-14
8. ROGORA A., La medicina cinese: un modello
psicosomatico, Ed. Riza-Endas Milano (1984)
236-255
9. T ROMBINI G., Agopuntura e tecniche
riflessoterapiche in medicina psicosomatica: let-
tura introduttiva, Il Giornale Italiano di
Riflessoterapia e agopuntura Ed. Libreria Cortina
To anno 2 n° 2 (1990) 3-7

36
journal of traditional chinese medicine

vol 13 n. 4 dicembre 1993

37
osservazioni cliniche

Osservazioni sugli effetti terapeutici dell’agopuntura


nelle allergie di tipo I
Lai Xinsheng *

In uno studio comparato sul trattamento pazienti con asma allergica, rinite allergica e
delle allergie di tipo 1 sono state effettuate orticaria cronica era, rispettivamente, di 49, 23 e
terapie di agopuntura e desensibilizzazione 15 nel gruppo sottoposto ad agopuntura e di 22, 19
a 143 pazienti. I risultati hanno dimostrato e 15 nel gruppo di controllo. La durata della
che la terapia con agopuntura ha un’azione patologia variava da 1 a 40 anni e l’età dei pazienti
spiccata contro le reazioni allergiche di tipo era compresa tra 17 e 56 anni in entrambi i gruppi,
1. I risultati terapeutici sono stati migliori senza che vi fossero differenze significative nel
nel gruppo trattato con agopuntura rispetto decorso della malattia e nell’età dei pazienti tra i
a quelli del gruppo sottoposto a 2 gruppi (P>0.05).
desensibilizzazione sia nell’asma allergica Su tutti i 143 pazienti sono stati effettuati dei test
che nella rinite allergica e nell’orticaria allergici intradermici tramite sostanze inalanti,
cronica. cibi e batteri, con risultati altamente positivi per:
gli acari della polvere (115 casi), la polvere di casa
Nella reazione allergica di tipo 1, è l’antigene (74 casi), il polline di Amaranthus viridis L. (74
specifico (allergene) che attiva i mastociti e i casi), l’estratto di blatta o scarafaggio (65 casi),
leucociti basofili sensibilizzati dalle IgE, provo- per quanto riguarda i test con inalanti; per: E.coli
cando il rilascio di sostanze farmacologicamente (61 casi) e Proteus (68 casi), per quanto riguarda
attive che agiscono su organi bersaglio causando i test batterici; per: gamberetti (94 casi), granchi
segni e sintomi clinici. Le allergie di tipo 1 com- (70 casi) e funghi essicati (46 casi) per i test
prendono principalmente l’asma allergica, la rinite alimentari.
allergica, l’orticaria cronica, la dermatite atopica
e le allergie alimentari. In questo articolo vengono
illustrati gli studi effettuati sugli effetti terapeutici
dell’agopuntura nelle allergie di tipo 1 rispetto a METODI DI OSSERVAZIONE
quelli ottenuti con la terapia di desensibilizzazione.
1. Criteri diagnostici
1. Asma allergica: secondo i “Criteri per la dia-
gnosi, la definizione dello stadio e la valutazione
PAZIENTI STUDIATI degli effetti terapeutici nell’asma bronchiale” for-
mulata dall’Associazione Medica Cinese, tale dia-
143 pazienti con asma allergica, rinite allergica e gnosi è stata fatta nei casi con evidente storia
orticaria cronica sono stati studiati presso il Di- personale o familiare di allergie e notevole fre-
partimento di Allergologia del Secondo Ospedale quenza di attacchi stagionali (sono state escluse le
dell’Università di Medicina di Guangzhou, tra altre patologie che potrebbero generare asma o
l’ottobre del 1988 e l’ottobre del 1989. Il gruppo dispnea).
sottoposto ad agopuntura comprendeva 87 pa- 2. Rinite allergica: questa diagnosi è stata fatta
zienti, scelti a caso, e il gruppo (di controllo) con il sistema di punteggio proposto da Mularkey
sottoposto a desensibilizzazione 56. Il numero di e altri. Ai pazienti con punteggio 5-6 è stata
diagnosticata una rinite allergica (AR), a quelli
con 3-4 punti una possibile rinite allergica (PAR)
e a quelli con 0-2 punti una rinite non allergica
* Guangzhou College of TCM, Guangdong Province (pazienti esclusi da questo studio).

38
3. Orticaria cronica: questa diagnosi è stata for- scomparsa dei sintomi e dei segni senza che si sia
mulata usando il sistema di punteggio di Monroe, registrata alcuna ricaduta durante i controlli suc-
in cui al paziente viene assegnato un punteggio a cessivi.
seconda della frequenza delle eruzioni, del nume- Notevolmente efficace significa che non ci sono
ro di bolle, dell’intensità del prurito e della durata stati attacchi manifesti oppure che si sono avuti
della manifestazione bollosa. Ai pazienti con pun- dei leggeri attacchi di tanto in tanto nelle stagioni
teggio >7 è stata diagnosticata una orticaria croni- più a rischio, senza compromettere tuttavia le
ca; l’allergia è stata considerata grave nei pazienti attività e la vita quotidiana.
con 12-15 punti, moderata in quelli con 8-11 punti Miglioramento significa che gli attacchi si sono
e leggera in quelli con 4-7 punti. ridotti, i sintomi ed i segni sono stati alleviati
oppure è stato diminuito il dosaggio di medicinali.
Inefficacia significa che non si è avuto alcun
2. Test di reazione allergica miglioramento dei sintomi e dei segni.
Tutti i pazienti sono stati sottoposti ad un numero 2. Rinite allergica
complessivo di 41 tipi di test allergici con iniezio- Guarigione a breve termine significa la completa
ni intradermiche di sostanze inalanti, cibi e batte- scomparsa dei sintomi e dei segni senza che si sia
ri. Gli allergeni sono stati preparati e forniti dal registrata alcuna ricaduta durante i controlli suc-
Dipartimento di Allergologia del Secondo Ospe- cessivi.
dale Affiliato dell’Università di Medicina di Notevole efficacia significa una riduzione del
Guangzhou. I pazienti che avevano avuto una punteggio ottenuto in precedenza di 5-10 punti.
reazione positiva a più di 2 tipi di allergeni sono Miglioramento significa una riduzione del pun-
stati selezionati per uno studio ulteriore. La dia- teggio di 2-4 punti.
gnosi è stata confermata con il test del siero, il Inefficacia significa un alleviamento dei sintomi
conteggio dei granulociti eosinofili delle secre- e dei segni o una riduzione del punteggio prece-
zioni nasali ed il test della degranulazione dei dente di meno di 2 punti.
basofili in alcuni pazienti. 3. Orticaria cronica
Guarigione a breve termine significa la completa
scomparsa dei sintomi e dei segni senza che si sia
3. Criteri per la classificazione basata registrata alcuna ricaduta durante i controlli suc-
sulla differenziazione dei sintomi e dei cessivi.
segni Notevolmente efficace significa una riduzione
del punteggio ottenuto in precedenza di ≥ 4-5
Tutti i sintomi ed i segni sono stati differenziati, punti.
secondo la medicina tradizionale cinese, in tipi Miglioramento significa una riduzione del pun-
con sindrome da eccesso o da deficit. La teggio di 2-3 punti.
differenziazione della sindrome da deficit è stata Inefficacia significa che non si è avuto alcun
effettuata riferendosi ai «criteri di riferimento per alleviamento dei sintomi e dei segni o che la
la differenziazione dei sintomi della sindrome da riduzione del punteggio è stata di meno di 2 punti.
deficit nella medicina tradizionale cinese» propo-
sti dalla Conferenza Nazionale Cinese allo scopo
di affiancare la medicina tradizionale cinese alla
medicina occidentale riguardo alla sindrome da STRATEGIA TERAPEUTICA
deficit che si è svolta nel novembre 1982. La
differenziazione della sindrome da eccesso è stata 1. Gruppo sottoposto ad agopuntura
effettuata secondo le descrizioni contenute nei Come punti principali comuni ai tre tipi di allergia
libri «Agopuntura e Moxibustione» e «Terapia sono stati selezionati: feishu bilaterale (BL 13),
con agopuntura cinese» che dividono tutti i sinto- pishu (BL 20) e shenshu (BL 23). Nell’asma
mi ed i segni in 3 tipi: vento-freddo, vento-caldo allergica sono stati aggiunti i punti dazhui (GV
e mucosità. 14), tiantu (CV 22) e jiuwei (CV 15); nella rinite
allergica, i punti fengchi (GB 20) e yingxiang (LI
20); nell’orticaria cronica, i punti xuehai (SP 10)
4. Criteri per la valutazione dei risultati e sanyinjiao (SP 6). Il trattamento comprendeva
I risultati sono stati estrapolati in entrambi i gruppi un punto principale e 2 aggiunti, oppure un punto
dopo 6 mesi di trattamento, con una ulteriore principale e punti aggiunti selezionati a seconda
visita di controllo effettuata dopo altri 6 mesi. dei sintomi e dei segni.
1. Asma allergica Per la sindrome di asma allergica da eccesso sono
Guarigione a breve termine significa la completa stati stimolati in profondità sia i punti principali

39
che quelli aggiunti, usando il metodo della disper- 2. Gruppo di controllo
sione su dingchuan (Extra 17) oppure su fenglong Ai pazienti sono state effettuate delle iniezioni
(ST 40) nei pazienti con abbondante espettorato. sottocutanee con una soluzione diluita composta
Per la sindrome da deficit sono stati utilizzati aghi da un misto di estratti di ogni tipo di antigeni
filiformi con il metodo della tonificazione con inalanti o batterici. L’iniezione è stata effettuata 2
eventuale rinforzo tramite moxibustione su volte la settimana. All’inizio è stata iniettata una
gaohuang (BL 43) e guanyuan (CV 4) con 3-5 soluzione di 0.1 ml a concentrazioni di 1:10,
coni di moxa ogni volta. seguita da un aumento di dosaggio di 0.1 ml ogni
Per le riniti e orticarie allergiche da eccesso, i volta. Anche la concentrazione è stata aumentata
punti principali sono stati stimolati in profondità, gradualmente da 10 a 10 due volte la settimana.
mentre quelli aggiunti sono stati infissi come di L’ultima iniezione è stata, dunque, una soluzione
routine. Nel tipo vento-caldo sono stati aggiunti di 0.5 ml con una concentrazione di 1:10, seguita
fengchi (GB 20) e hegu (LI 4) con il metodo della da una dose di mantenimento con la stessa quan-
dispersione, mentre nel tipo vento-freddo è stato tità e la stessa concentrazione una volta la settima-
aggiunto il punto zusanli (ST 36) moxato. Nelle na. Considerando il fatto che la desensibilizzazione
riniti e orticarie allergiche da deficit è stato effet- non sarebbe stata forse efficace immediatamente,
tuato lo stesso trattamento utilizzato nell’asma. è stata lasciata la terapia coadiuvante di routine
Durante la stimolazione in profondità con gli Astomizole, Ketotifen e Salbutamol.
aghi, il paziente ha assunto posizione seduta o
supina. Dopo la disinfezione di routine, la pelle, in
corrispondenza dei punti selezionati, è stata sti- RISULTATI TERAPEUTICI
molata in profondità con gli aghi, poi questi punti
sono stati coperti con garza sterilizzata. Nell’ago- 1. Confronto dei risultati terapeutici dei 2 gruppi
puntura classica, gli aghi sono stati infissi perpen- La Tabella 1 mostra che il gruppo sottoposto ad
dicolarmente o obliquamente ad una profondità di agopuntura ha ottenuto risultati migliori rispetto
circa 1.5 cun, poi sono stati lasciati in sede per 15 al gruppo di controllo per quanto riguarda tutte e
minuti e manipolati una sola volta. La stimolazione 3 le sindromi allergiche di tipo 1. Facendo un’ana-
in profondità con gli aghi è stata effettuata a giorni lisi statistica, le percentuali di notevolmente effi-
alterni, con cicli di 5 sedute ciascuno. L’agopun- cace (guarigione a breve termine + notevolmente
tura classica è stata invece effettuata tutti i giorni, efficace) nell’asma allergica, nella rinite allergica
con cicli di 10 sedute ciascuno. Il ciclo successivo e nell’orticaria cronica erano tutte superiori nel
è iniziato una settimana dopo la fine del primo. gruppo sottoposto ad agopuntura rispetto al grup-
Durante la terapia con agopuntura sono state po di controllo (P<0.001, P<0.01, P<0.05 rispet-
sospese tutte le medicine cinesi o occidentali. tivamente).

Tabella 1. Confronto dei risultati terapeutici tra il gruppo sottoposto ad agopuntura e quello di controllo

Tipo di allergia Gruppo con agountura (n = 81) Gruppo di controllo (n = 56)

S-TC ME IP IE S-TC ME IP IE

asma allergica 38 6 4 1 7 3 8 4
rinite allergica 16 4 1 2 4 5 8 2
orticaria cronica 11 2 1 1 4 3 7 1

2. Miglioramento dei sintomi e dei segni nei 2 puntura mentre erano tra 57.14% e 78.57% nel
gruppi gruppo di controllo.
Per l’asma allergica sono stati presi in considera- Per la rinite allergica sono stati presi in considera-
zione 7 sintomi: asma, dolore al petto, dispnea, zione 5 sintomi: ostruzione nasale, starnuti,
tosse, espettorazione, respiro affannoso e cianosi. rinorrea, gonfiore delle coane nasali e pallore
Nei pazienti notevolmente migliorati e migliorati della mucosa nasale. I risultati hanno evidenziato
le percentuali per questi sintomi variavano da che la guarigione è stata maggiore per il gruppo
81.82% a 91.83% nel gruppo sottoposto ad ago- sottoposto ad agopuntura che nel gruppo di con-

40
trollo e che i punteggi medi dopo il trattamento Questo studio ha dimostrato inoltre che, combi-
mostravano delle differenze significative tra i 2 nando i diversi sintomi e segni con i due tipi di
gruppi (P<0.01 o P<0.05). sindrome, si migliorano gli effetti terapeutici.
Per l’orticaria cronica sono stati presi in conside-
razione 4 sintomi: frequenza di eruzione, gravità
del prurito, quantità e durata delle lesioni 2. Azione dei punti shu del dorso sui
vescicolari stesse. Frequenza di eruzione e quan- cinque organi zang
tità di lesioni vescicolari erano migliorate mag- Il qi degli organi scorre verso il dorso mentre i
giormente nel gruppo sottoposto ad agopuntura punti shu del dorso sono sulle branche interne del
che in quello di controllo ed i punteggi medi dopo meridiano della vescica urinaria (che fa parte del
il trattamento differivano significativamente tra i taiyang del piede), con al centro il meridiano Du
2 gruppi (P<0.01). Per quanto riguarda il miglio- e in collegamento con il meridiano Ren. I punti
ramento nella durata delle lesioni vescicolari e la shu del dorso sono dunque il centro della
gravità del prurito, i punteggi medi dopo il tratta- regolazione dello yin e dello yang del corpo e sono
mento non differivano significativamente tra i 2 i punti più importanti da utilizzare nel trattamento
gruppi (P>0.05). delle malattie dei vari organi interni. In base a
questo principio i punti shu del dorso vanno
3. Rapporto tra differenziazione di sintomi e segni utilizzati come punti principali nel trattamento dei
ed effetti terapeutici disturbi allergici di tipo 1.
Degli 87 pazienti sottoposti ad agopuntura, 31
soffrivano di sindrome da eccesso e 56 di sindro-
me da deficit. Dei 56 pazienti del gruppo di 3. Il metodo della stimolazione
controllo, 19 avevano sindrome da eccesso e 37 da in profondità
deficit. La percentuale di efficacia per la sindrome
da eccesso è stata 93.55% (29 casi su 31) nel Abbiamo osservato che la stimolazione in profon-
gruppo sottoposto ad agopuntura e 63.16% (12 dità concentra maggiormente l’energia, dando
casi su 19) nel gruppo di controllo, con una maggiore efficacia. È di facile attuazione, non ha
differenza significativa tra loro (P<0.05). La per- effetti collaterali ed è notevolmente efficace nel-
centuale di efficacia per la sindrome da deficit è l’inibire gli attacchi acuti di asma allergica. Spes-
stata 85.71% (48 casi su 56) nel gruppo sottoposto so sono bastate un paio di sedute per alleviare i
ad agopuntura e 37.84% (14 casi su 37) nel gruppo sintomi. Questo metodo, però, richiede una loca-
di controllo, con una differenza molto significati- lizzazione accurata dei punti ed un giusto dosaggio
va tra loro (P<0.001). di forza. Si consiglia di stimolare con l’ago fino a
sfaldare la zona sottocutanea.

DISCUSSIONE 4. Selezione dei punti e indicazioni


1. Effetti terapeutici dell’agopuntura Sono stati selezionati soprattutto i punti shu del
dorso. Sono stati poi utilizzati i metodi di
sulle patologie allergiche di tipo 1 tonificazione e dispersione, per regolare lo yin e lo
Non c’è mai stato uno studio sistematico sul yang del corpo e per inibire l’iperfunzionalità del
trattamento delle allergie di tipo 1 con agopuntura sistema immunitario.
applicata principalmente sui punti Shu del dorso. Asma allergica, rinite e orticaria sono tutte colle-
Qualche tempo fa abbiamo riferito del trattamen- gate ai polmoni che hanno il naso come orifizio
to abbastanza efficace dell’asma allergica princi- esterno e sono responsabili della pelle. Milza e
palmente con la stimolazione in profondità dei rene sono indeboliti se il disturbo dura a lungo e
punti feishu. In questo studio abbiamo utilizzato perciò dovrebbero essere trattati contemporanea-
la moderna e diffusa terapia di desensibilizzazione, mente.
che ha evidenti effetti terapeutici nelle allergie di Si dovrebbe tener conto sia delle diverse patologie
tipo 1, sul gruppo di controllo. La maggior parte che dei diversi segni e sintomi per selezionare i
dei sintomi e dei segni sono migliorati in modo punti, in modo da drenare i meridiani principali e
alquanto differenziato nel gruppo sottoposto ad secondari, aumentare le difese del corpo, elimina-
agopuntura rispetto a quello sottoposto a re i fattori patogeni, liberare e regolare gli organi,
desensibilizzazione. I diversi sintomi e segni sono armonizzare lo yin e lo yang.
in qualche modo collegati agli effetti terapeutici,
dimostrando l’efficacia dell’agopuntura in en-
trambe le sindromi (da eccesso e da deficit).

41
5. Terapia di desensibilizzazione desensibilizzazione, oggigiorno gli effetti
terapeutici vengono valutati generalmente 3 o 6
Viene chiamata anche terapia immunologica o
mesi dopo la desensibilizzazione rapida nella
terapia di riduzione dell’allergia. È stata impiega-
maggior parte degli ospedali cinesi. I risultati
ta per la prima volta nel 1911 da Noon e Freeman
riportati, tuttavia, differiscono notevolmente. In
e viene oggigiorno diffusa per il trattamento di
questo studio, la terapia di desensibilizzazione è
varie allergie di tipo 1. Gli effetti terapeutici della
stata continuata solo per 6 mesi con risultati
desensibilizzazione si possono vedere in tre mesi.
inferiori a quelli ottenuti con l’agopuntura. Resta
Warner (nota 8) ha proposto di proseguire per
da vedere se gli effetti terapeutici della
oltre un anno la terapia di desensibilizzazione
desensibilizzazione possano essere migliorati ap-
nell’asma. Dato che la maggior parte dei pazienti
plicando la terapia a lungo termine.
non riesce a seguire per lungo tempo la terapia di

42
Osservazioni sugli effetti terapeutici in 50 casi
di insufficienza renale cronica trattati con rabarbaro
e altri fitofarmaci
Kang Ziqi, Bi Zengqi * Ji Wenqing ** Zaho Conglu *** Xie Yaofang****

L’insufficienza renale è una condizione prurito, torpore a mani e piedi, apatia, risposta
frequente in molti pazienti. L’esito finale in ritardata agli stimoli, sonnolenza, palpitazioni,
quasi tutte le persone afflitte da insufficien- respiro corto ed epistassi. La maggior parte soffri-
za renale cronica persistente è il progressi- va di costipazione.
vo deterioramento della funzione renale. Si Prima del trattamento, l’azotemia del sangue va-
valuta che ci siano circa 600.000 persone al riava da 17.85 a 82 mmol/l (36.4 mmol/l in me-
mondo in dialisi e circa 200.000 che hanno dia), la creatinina del sangue da 530.4 a 2.254
subito l’intervento di trapianto renale. La µmol/l (1.016,6 µmol/l in media) ed il
terapia sostitutiva permette ad alcuni pa- nefrogramma di tutti i 41 pazienti esaminati mo-
zienti la sopravvivenza, ma è molto costo- strava una funzionalità estremamente ridotta di
sa; d’altra parte, c’è carenza cronica di reni entrambi i reni o la totale assenza di funzionalità
disponibili e in Cina pochissimi pazienti renale.
possono essere sottoposti a trapianto. Negli
ultimi 10 anni il nostro ospedale ha trattato
casi di insufficienza renale cronica con
metodi diversi dalla dialisi, ottenendo buo- MODALITÀ DI TRATTAMENTO
ni risultati nel ritardare il processo
involutivo. Questo articolo riporta gli ef- Sono stati ridotti in polvere finissima e messi in
fetti terapeutici del rabarbaro nel tratta- una bustina (alcuni pazienti ne hanno bevuto un
mento di 50 casi di insufficienza renale per decotto) 10g di radix e rhizoma Rhei (rabarbaro),
dimostrare ulteriormente la sua efficacia e 20g di herba Taraxaci (dente di leone) e 30g di
per comprendere meglio il suo possibile concha Ostreae calcinato (conchiglia d’ostrica). Il
meccanismo d’azione. dosaggio del trattamento è stato di una bustina al
giorno messa in infusione in 600-800 ml di acqua
bollente per 30 minuti, mescolata uniformemente
e raffreddata fino a circa 38°C. Il composto è stato
DATI CLINICI quindi utilizzato come clistere (a bassa ritenzione)
ed effettuato una volta al giorno. Il dosaggio per la
Dei 50 pazienti ospedalizzati affetti da insuffi- somministrazione orale è stato anch’esso di una
cienza renale cronica, 32 erano maschi e 18 fem- bustina una volta al giorno. È stato considerato
mine, con età variabile da 16 a 75 anni (età media appropriato che ciascun paziente avesse 2 o 3
41.5 anni). 30 pazienti soffrivano di movimenti intestinali al giorno. Un periodo di 3
glomerulonefrite cronica, 14 di pielonefrite croni- mesi è stato preso come ciclo di trattamento. Tutti
ca, 5 di arteriosclerosi renale ed 1 di lupus i 50 pazienti erano ospedalizzati. L’assunzione
eritematosus sistemico. Tutti i pazienti avevano quotidiana di proteine è stata fissata a 0.5-0.7g per
sintomi quali astenia, perdita dell’appetito e gradi kg di peso corporeo. Prima del trattamento (e poi
variabili di nausea e vomito. Alcuni avevano ogni settimana durante il trattamento stesso) sono
stati determinati: azotemia, creatinina, potassio,
sodio, cloro, calcio, fosforo, sieroalbumina ed
* Department of Internal Medicine, Union Hospital, Beijing emoglobina dell’urea del sangue. Sono state man-
** First Municipal Hospital, Manzhouli, Inner Mongolia
*** Municipal Yan’an Hospital, Kunming, Yuannan Province tenute piccole dosi di medicine occidentali sinto-
**** Longfu Hospital, Beijing matiche come diuretici e altri preparati contro

43
l’ipertensione. Ad alcuni pazienti con assunzione pio: in circostanze normali, parte dell’urea pre-
di cibo troppo ridotta sono stati somministrati sente nell’intestino viene espulsa insieme alle feci
idonei quantitativi di glucosio per infusione. mentre l’urea rimanente viene decomposta
dall’ureasi prodotta dai batteri nel colon e ridotta
in ammoniaca e diossido di carbonio. L’ammoni-
aca viene riassorbita dalla vena porta per essere
RISULTATI utilizzata e viene espulsa con le urine dopo la
trasformazione. Se l’assunzione giornaliera di
Dopo il trattamento, 37 pazienti su 50 hanno proteine è 22g in condizioni di insufficienza renale,
registrato un miglioramento dei sintomi, special- la quantità di urea espulsa attraverso il tratto
mente quelli con stipsi che hanno avuto, ovvia- gastrointestinale può essere più di 3g. Attraverso
mente, un miglioramento dell’alvo. Sintomi quali la dispersione intestinale nel dializzato, almeno
astenia, scarso appetito e vomito sono scomparsi 6g di urea possono essere eliminati dal tratto
completamente, rapidamente e, di solito, in 2-7 intestinale. Il rabarbaro ha una considerevole azio-
giorni. Prurito, torpore a mani e piedi ed apatia ne lassativa. I suoi principi attivi sono derivati di
sono diminuiti in 3-4 settimane. I pazienti con antrachinonici nelle loro forme combinate e, tra
tendenze emorragiche sono migliorati, oppure questi, il più potente è il sennoside. Secondo la
hanno eliminato il sintomo. Non sono, tuttavia, letteratura straniera, il tannide del rabarbaro ab-
migliorati l’anemia e la condizione nutrizionale bassa l’azotemia del sangue nel topo sano, in-
generale. fluenza il pH del plasma, inibisce la sintesi dell’urea
Nei 37 pazienti che hanno registrato un migliora- nel fegato e nel rene, abbassa l’ammoniaca del
mento dei sintomi, l’azotemia del sangue è calata sangue, aumenta l’attività di sintetizzazione della
da 35 mmol/l in media prima del trattamento a glutammina e favorisce il processo di
17.56 mmol/l in media dopo il trattamento, con un riutilizzazione dei composti azotati nell’organi-
calo di 17,4 ± 1.47 mmol/l (P<0.001); la creatinina smo, abbassando così l’azotemia e mitigando i
del sangue è calata da 680.68 µmol/l in media sintomi dell’uremia. Si ritiene che il suo effetto
prima del trattamento a 477.36 µmol/l in media benefico nell’insufficienza renale cronica sia do-
dopo il trattamento, con un calo di 203.32 ± 61.88 vuto principalmente alla sua influenza sul meta-
µmol/l (P<0.01). Gli altri parametri non hanno bolismo dei composti azotati dell’organismo.
mostrato alcuna variazione significativa. I pa- Gli Autori di questo articolo hanno somministrato
zienti sono stati curati nel day hospital dopo la estratto liquido di rabarbaro a dei topi affetti da
loro dimissione dall’ospedale. Il periodo di con- insufficienza renale cronica e hanno notato che il
trollo è stato, di solito, di 1-3 anni e, in alcuni casi, prodotto faceva abbassare l’azotemia e influenza-
è durato perfino 5 anni, con una percentuale totale va il metabolismo di certi aminoacidi, ottenendo
di miglioramento del 74%. risultati simili a quelli riscontrabili nella letteratu-
Tra i pazienti trattati con clistere, 13 hanno avuto ra straniera.
un’attenuazione dei sintomi, ma senza alcun mi- Nel nostro ospedale abbiamo somministrato ai
glioramento dei parametri biochimici del sangue. pazienti gli aminoacidi utilizzati nelle insuffi-
Di questi, 4 sono passati alla dialisi e 3 alla dialisi cienze renali come supplemento al trattamento
peritoneale. Un caso di cerebropatia uremica e 3 summenzionato con risultati soddisfacenti: alcuni
casi di grave infezione polmonare con insuffi- pazienti hanno riequilibrato il bilancio negativo di
cienza cardiaca non sono stati presi in considera- azoto, aumentato la sieroalbumina, migliorata
zione, mentre un’aritmia cardiaca (III° AVB) in 2 l’anemia e aumentato un pò il peso corporeo.
casi è stata fatale nonostante tutti gli sforzi Nel nostro esperimento con culture di cellule
terapeutici. La percentuale di mortalità è stata del renali di embrione umano abbiamo notato che
12%. concentrazioni diverse di estratto liquido di rabar-
baro a gradi diversi inibivano la proliferazione
delle cellule del mesentere renale e dello stroma
mesenterico, fornendo una prova ulteriore del-
DISCUSSIONE l’azione ostacolante o ritardante del rabarbaro
sulla fibrosi glomerulare rallentando, in tal modo,
Quando insorge un’insufficienza renale cronica, il decorso verso l’insufficienza renale cronica e
la capacità del rene di eliminare le tossine si raggiungendo lo scopo di trattare la malattia clini-
abbassa in modo irreversibile. Occorrono, pertan- camente. Le osservazioni fatte concordano, an-
to, altre vie di eliminazione per queste sostanze ch’esse, con quanto riferito in letteratura.
tossiche, tra cui è importante il tratto I meccanismi del rabarbaro e delle sostanze
gastrointestinale. Prendiamo l’urea come esem- coadiuvanti nel trattamento dell’insufficienza cro-

44
nica renale possono essere molteplici. portante nel ritardare il decorso dell’insufficienza
1. Quando usato come clistere, il composto agisce renale cronica.
direttamente sul colon: rafforza la peristasi e ne 4. Il rabarbaro ha proprietà antisettica e combatte
aumenta la frequenza aiutando, così, ad eliminare le infiammazioni, migliora la circolazione del
le tossine e ad alleviare i sintomi del tratto digesti- sangue e favorisce l’emostasi, migliora la dige-
vo. stione, abbassa la pressione del sangue e promuo-
2. Dopo che i medicinali sono stati assorbiti nel ve la diuresi, il che soddisfa le richieste del pazien-
tratto intestinale possono inibire il catabolismo te affetto da insufficienza renale cronica.
proteico e il metabolismo di certi aminoacidi, 5. L’ “herba Taraxaci” usata assieme al rabarbaro
accelerare la riutilizzazione dell’ammoniaca e rafforza l’azione lassativa di quest’ultimo. La
abbassare l’azotemia e l’ammoniaca del sangue, “concha Ostrae” può favorire la coagulazione del
costituendo uno dei meccanismi di trattamento sangue ed ha un effetto astringente; usata insieme
del coma epatico. al rabarbaro aumenta l’azione emostatica di que-
3. La somministrazione orale dei composti al st’ultimo e questo può spiegare il fatto che certi
rabarbaro può abbassare il livello di metilguanidine pazienti inclusi in questo studio abbiano avuto
nel sangue e ridurre la formazione di radicali relativamente poche complicazioni emorragiche,
liberi, suggerendo che il rabarbaro può fungere da mentre quelli con emorragie gastrointestinali sono
inibitore dell’alto metabolismo dei tubuli renali o migliorati in un periodo relativamente breve.
da antiossidante, giocando dunque un ruolo im-

45
Trattamento delle complicazioni stomatologiche in 31
casi di leucemia acuta con erbe medicinali cinesi
Zhu Haihong, Zhang Juan *

Gli Autori hanno trattato 31 casi di compli- secondo quanto riferito da Lynch, è del 75%.
cazioni stomatologiche da leucemia acuta Secondo Peterson, la febbre nel 32% dei pazienti
con erbe medicinali cinesi. Si è scoperto con leucemia acuta non linfocitica è dovuta ad
che la prevalenza di ulcere della mucosa infezioni del cavo orale. Secondo Glickman, la
orale era più elevata (80%) nella leucemia stimolazione locale per togliere il tartaro aumen-
linfocitica acuta mentre la prevalenza di tava l’infiltrazione di cellule leucemiche. Pertan-
tumefazione gengivale era più alta (44%) to, la prevenzione ed il trattamento delle lesioni
nella leucemia monocitica acuta. A secon- orali aiuta a controllare le infezioni ed a migliora-
da della differenziazione dei sintomi, è re le condizioni generali. Gli Autori hanno utiliz-
stato somministrato Qing wei san (polvere zato con buoni risultati piante medicinali cinesi
per liberare il calore dallo stomaco) con per il trattamento delle complicazioni nel cavo
alcune modifiche nei casi da eccesso e Yu orale provocate dalla leucemia, come riportato
nu jian (decotto di gesso) con alcune modi- qui di seguito.
fiche nei casi da deficit, con l’aggiunta di
una soluzione per gargarismi e di una pol-
vere emostatica per uso esterno. Come ri-
sultato, 7 pazienti (22.6%) sono notevol- Dati clinici
mente migliorati e 19 (61.3%) sono miglio- I 31 pazienti qui analizzati erano tutti ospedalizzati;
rati, con una percentuale totale di efficacia 17 erano di sesso maschile e 14 di sesso femmini-
dell’83.9%. Gli Autori pensano che le com- le, con età variabile da 11 a 64 anni. Tra questi, 15
plicazioni stomatologiche della leucemia (48.4%) soffrivano di leucemia linfocitica acuta
siano dovute all’insufficienza di yin e di (ALL), 9 (29%) di leucemia monocitica acuta
sangue nel corpo oppure alla tossicità e al (AML), 6 (19.4%) di leucemia promielocitica
calore della cura antineoplastica e che le acuta (APL) ed uno (3.2%) di leucemia non
erbe medicinali cinesi debbano reintegrare linfocitica indifferenziata.
lo yin e liberare il calore.
Manifestazioni cliniche
La somministrazione per lungo tempo di medici- In tutti i pazienti analizzati in questo studio erano
nali immunosoppressori o citotossici nei pazienti presenti complicazioni di vario grado al cavo
con leucemia porta al deficit del sistema orale, come ulcere dolorose di varia misura sulla
emopoietico del midollo osseo e all’indebolimen- mucosa, comprese le zone del palato e della farin-
to della capacità immunitaria. Questo indeboli- ge, e tumefazione gengivale con erosione e/o
mento si manifesta con varie infezioni, in partico- emorragia accompagnata da febbre più o meno
lare con lesioni della mucosa del cavo orale: alta.
ulcere, periodontiti, erosioni o emorragie gengivali. 1. Dei 15 pazienti affetti da ALL, 13 (86.7%)
La prevalenza di complicazioni del cavo orale presentavano ulcere al cavo orale come principale
nella leucemia acuta si aggira, secondo le statisti- complicazione e di questi 4 (26.7%) erano molto
che, tra il 55% e il 65% in Cina, mentre all’estero, gravi; dei 9 pazienti affetti da AML, 8 (88.9%)
presentavano tumefazione gengivale ed emorra-
gia come principale complicazione, e di questi 3
* Department of Hematology, Teaching Hospital of (33.3%) erano gravi, similmente a quanto riferito
Shandong College of TCM, Jinan da Stafford e altri (1980).

46
2. Dei pazienti analizzati, 29 (93.6%) avevano Taraxaci.
febbre più o meno intensa, e in 6 casi (19.4%) la I 17 pazienti con deficit presentavano ulcere alla
temperatura era superiore a 38.5°C. mucosa della cavità orale, emorragia gengivale
3. Tre pazienti (9.6%), di cui 2 affetti da ALL e 1 che aumentava durante la notte, sudorazione spon-
da AML, presentavano come complicanza una tanea, lingua secca con scarsa patina in
glossite micotica. esfoliazione. Il polso era filiforme e rapido. È
4. La lingua era rossastra con una patina giallognola stato somministrato loro dello Yu nu jian con
in 18 pazienti (58.1%), di colore chiaro con una alcune modifiche, cioè composto da: 24g di radix
patina biancastra untuosa in 4 pazienti (12.9%) e Rehmanniae, 24g di radix Rehmanniae preparata,
con esfoliazione in 9 pazienti (29%). 18g di Gypsum fibrosum, 12g di radix
Ophiopogonis, 12g di rhizoma Anemarrhenae,
Esami di laboratorio 30g di radix Pseudostellariae, 9g di radix
L’emoglobina periferica era al di sotto di 50g/L in Achyranthis bidentatae, 12g di radix
4 pazienti, tra 50 e 90g/L in 19, e tra 90 e 110g/L Scrophulariae, 15g di radix Trichosanthis e 12g di
in 8. I globuli bianchi erano al di sotto di 18x10 / cortex Lycii radicis. Nei pazienti che presentava-
L in 6 pazienti, al di sotto di 40x10 /L in 18, tra 40 no forte sanguinamento gengivale sono stati ag-
e 100x10 /L in 4 e superiore a 100x10 /L in 3. Il giunti 30g di rhizoma Imperatae e 30g di herba
numero delle piastrine era al di sotto di 30x10 /L Agrimoniae.
in 4 pazienti, tra 30 e 60x10 /L in 9, tra 60 e 100x10
/L in 15 e, infine, tra 100 e 150x10 /L in 3. La 2. Medicine Occidentali moderne
percentuale di cariociti del midollo osseo supera- A seconda delle manifestazioni cliniche, nei casi
va il 90% in 4 pazienti, era tra il 30 e il 60% in 16, di infezioni gravi sono stati utilizzati degli anti-
tra il 5 e il 20% in 9 e, infine, inferiore al 5% in 2. biotici tipo penicillina, gentamicina, lincomicina,
cefazolina e amoxicillina. Ai pazienti con
pancitopenia o granulocitopenia con infezioni
Modalità di trattamento gravi è stato necessario somministrare, rispettiva-
1. Erbe medicinali cinesi mente, trasfusioni di sangue fresco o sospensione
1. Ricetta per i gargarismi: 12g di radix di globuli bianchi.
Scutellariae, 6g di Catechu (o 9g di Indigo
naturalis), 30g di flos Lonicerae e 9g di Borax
bolliti in 500ml di acqua, fino ad ottenere un Risultati del trattamento
decotto di 350-400ml; filtrare in un recipiente 1. Criteri per la valutazione degli effetti terapeutici
mentre è ancora caldo per sciogliere 2g di 1. Notevole efficacia: le ulcere della mucosa si
Borneolum syntheticum, poi raffreddare prima di sono notevolmente ridotte o sono guarite 5 giorni
utilizzarlo. Uso: Mescolare bene il liquido prima dopo l’inizio del trattamento, con miglioramento
di utilizzarlo per fare gargarismi al mattino, alla o guarigione completa del gonfiore gengivale,
sera e dopo i pasti (3-4 boccate per volta). delle emorragie e del dolore e, contemporanea-
2. Polveri emostatiche: Si sparge della polvere di mente, con calo significativo o normalizzazione
rhizoma Bletillae o radix Notoginseng, o pulvis della temperatura.
Medicinalis albus sopra la gengiva sanguinante in 2. Efficacia: Le ulcere della mucosa si sono ridot-
piccole quantità dopo aver effettuato i gargarismi, te, il gonfiore gengivale, l’emorragia ed il dolore
2 o 3 volte al giorno. sono migliorati, la temperatura corporea è calata
3. Medicazioni interne: Sono stati differenziati i entro 5 giorni dopo l’inizio del trattamento.
pazienti con eccesso da quelli con deficit, a secon- 3. Inefficacia: Durante i 5 giorni del trattamento,
da delle manifestazioni cliniche, dell’induito le ulcere alla mucosa, il doloroso gonfiore
linguale e del polso. gengivale, l’emorragia e la febbre sono ulterior-
I 14 pazienti con eccesso presentavano ulcere alla mente peggiorate.
mucosa del cavo orale, erosioni gengivali, alito
cattivo, lingua rossa con induito giallastro e bocca 2. Risultati del trattamento
secca, accompagnati da febbre più o meno inten- Dei 15 pazienti con leucemia linfocitica acuta, 3
sa; il polso era scivoloso, oppure rapido o teso. È sono notevolmente migliorati, 9 sono migliorati,
stato somministrato loro del Qing wei san con mentre per gli altri 3 la cura è stata inefficace. Dei
alcune modifiche che consisteva di: 15g di radix 9 pazienti con leucemia monocitica acuta, 3 sono
Rehmanniae, 9g di radix Angelicae sinensis, 6g di decisamente migliorati, 5 sono migliorati, mentre
rhizoma Coptidis, 9g di cortex Moutan radicis, 6g per 1 la cura è stata inefficace. Dei 6 pazienti con
di rhizoma Cimicifugae, 18g di Gypsum fibrosum, leucemia promielocitica acuta, 1 è decisamente
12g di rhizoma Anemarrhenae e 18g di herba migliorato, 4 sono migliorati, mentre per 1 la cura

47
è stata inefficace. Anche l’unico caso di leucemia Commenti
indifferenziata non linfocitica ha mostrato un
Le complicazioni alla mucosa del cavo orale in
miglioramento. Nel complesso, dei 31 pazienti, 7
corso di leucemia acuta sono refrattarie al tratta-
sono notevolmente migliorati, 19 sono migliorati,
mento. Possono persistere per settimane oppure
mentre per 5 la cura è stata inefficace. La percen-
portare alla setticemia o a gravi emorragie morta-
tuale totale di efficacia è stata dell’83.9%.
li. I gargarismi con erbe medicinali cinesi elimi-
Dei 14 pazienti con patologie da eccesso, secondo
nano il calore e disintossicano, favorendo così la
la differenziazione dei sintomi, 3 sono notevol-
guarigione delle lesioni alla mucosa del cavo
mente migliorati e 9 sono migliorati, mentre per i
orale. Borax, Indigo naturalis, Catechu e
17 pazienti con patologie da deficit, 4 sono note-
Borneolum syntheticum hanno effetti astringenti
volmente migliorati e 10 sono migliorati. Non si
e inibitori verso il Bacterium coli e
sono registrate differenze significative nei risulta-
loStaphylococcus aureus. Formano una sottile
ti ottenuti tra i pazienti con patologie rispettiva-
membrana sulle lesioni della mucosa che funge da
mente da eccesso e da deficit.
protezione contro gli agenti nocivi esterni e in più
sopprimono la proliferazione batterica. I decotti
Caso illustrativo (n °di ospedale 39470) di Qing wei san e Yu nu jian, per uso per os,
servono per nutrire lo yin e per eliminare il calore.
Yu XX, maschio, anni 39, è stato ricoverato il Con il rifornimento di yin e sangue si ottiene
21.03.1986 per malessere generale, sudorazione l’espulsione del calore tossico e la guarigione
spontanea e pancitopenia; è stata fatta diagnosi di delle ulcere. Studi farmacologici hanno dimostra-
leucemia monocitica acuta. Il paziente è stato to che entrambe le ricette hanno effetti
sottoposto a chemioterapia e la patologia si è antiinfiammatori, emostatici, antipiretici e
stabilizzata. Nel 1987, ai primi di maggio, il analgesici e, al tempo stesso, migliorano la circo-
paziente accusava dolore alle gengive, alla lingua lazione ed il nutrimento del sangue.
e al palato. Dagli esami di laboratorio risultava:
emoglobina 65g/L, globuli bianchi 116x10 /L,
piastrine 48x10 /L; la capacità proliferatrice del
midollo osseo era buona e la percentuale di
promonociti era del 36,5%. La temperatura cor-
porea era 37.8°C. L’esame obiettivo
otorinolaringoiatrico ha mostrato iperemia della
mucosa faringea, ulcerazioni al palato, echimosi
sparse sul lato destro della faringe ed ulcere
puntiformi nel palato molle. La lingua era legger-
mente rossa, con una patina biancastra, e il polso
era rapido e filiforme. Non si è avuto alcun risul-
tato effettuando gargarismi all’1% di perossido
idrogenato e iniezioni intramuscolari di antibioti-
ci. Si è passati ai gargarismi con erbe medicinali
cinesi per 5-6 volte al giorno, con somministrazione
per os di Yu nu jian (15g di radix Rehmanniae, 15g
di radix Rehmanniae preparata, 12g di cortex
Moutan radicis, 18g di Gypsum fibrosum, 12g di
radix Scrophulariae, 30g di radix Pseudostellariae,
12g di rhizoma Anemarrhenae, 12g di radix
Ophiopogonis e 18g di herba Taraxaci). Il pazien-
te ha registrato un notevole miglioramento del
dolore nella cavità orale 4 giorni dopo l’inizio del
trattamento e la temperatura corporea è scesa a
37.2°C. Le ulcere si sono notevolmente ridotte e
le emorragie sono scomparse. Il trattamento è
stato continuato per altri 2 giorni dando come
risultato la guarigione di tutte le ulcere e la com-
pleta scomparsa del dolore, anche se la tempera-
tura corporea è rimasta tra 37°C e 37.1°C.

48
Studio clinico comparato sulla prevenzione
ed il trattamento con cronoterapia selezionata della
leucopenia provocata dalla chemioterapia
Li Yonghao, Yu Guiqing *

Durante il periodo della chemioterapia, la mata patologicamente di tumore maligno, defini-


conseguente leucopenia è stata meno grave zione certa dello stadio clinico, capacità di con-
ed è stata curata più rapidamente nel grup- durre la vita quotidiana senza aiuti, nessuna com-
po sottoposto a cronoterapia selezionata plicazione seria ad altri organi, chemioterapia
(CMG) rispetto al gruppo sottoposto a tera- effettuata per la prima volta oppure chemioterapia
pia di routine (RMG). L’incidenza di ripetuta dopo più di 3 mesi dall’ultimo ciclo,
leucopenia è stata notevolmente inferiore risultati normali negli esami di routine del sangue,
nel gruppo CMG (12.9%) rispetto al grup- delle urine e delle feci come pure normali funzioni
po RMG (48.4%) e la chemioterapia è stata cardiache, epatiche e renali.
completata senza particolari conseguenze
in percentuale superiore nel gruppo CMG
(96.8%) rispetto all’altro. Questi risultati Situazione generale e raggruppamento
suggeriscono che la cronoterapia selezio- dei pazienti
nata può avere effetti positivi su un ciclo Dei 62 pazienti inclusi, 19 erano di sesso maschile
completo di chemioterapia nei pazienti con e 43 di sesso femminile, con età variabile da 25 a
tumori maligni. 73 anni e un’età media di 51 anni. Era stato
diagnosticato un carcinoma al seno a 33 pazienti,
In Cina si è fatto molto per prevenire e trattare la gastrico e intestinale a 15, polmonare a 9 e di altro
leucopenia provocata dalla chemioterapia usando tipo ai restanti 5. I pazienti, suddivisi a caso in 2
medicine ed erbe tradizionali cinesi con buoni gruppi di 31 elementi ciascuno, sono stati sottopo-
risultati terapeutici. Tuttavia, non è mai stato sti rispettivamente a cronomedicazione selezio-
disponibile in letteratura alcun lavoro sui risultati nata (CMG) e a medicazione di routine (RMG).
terapeutici ottenuti tramite la cronoterapia sele- Le differenze di età, sesso, peso corporeo, punteg-
zionata. Abbiamo osservato gli effetti clinici della gio di Karnofsky, tipo di malattia, stadio clinico,
cronoterapia selezionata del decotto Yi qi sheng precedente e attuale medicazione chemioterapica
xue nel prevenire e nel trattare la leucopenia tra i due gruppi non erano molto significative dal
provocata da chemioterapia dall’agosto 1989 fino punto di vista statistico (P>0.05).
al giugno 1990 in 62 pazienti con tumore maligno.
Qui di seguito sono riportati i risultati del tratta-
mento.
Classificazione delle patologie secondo
la differenziazione delle sindromi
MATERIALE CLINICO Secondo la differenziazione delle sindromi, a 34
(54.8%) di questi 62 pazienti è stato diagnosticato
Selezione dei casi un deficit di qi di milza e di stomaco, caratterizza-
Sono stati scelti come candidati ideali per la to da sintomi quali: colorito giallastro, debolezza
cronoterapia selezionata tutti i pazienti che ri- agli arti, appetito scarso, feci molli, lingua pallida
spondevano ai seguenti criteri: diagnosi confer- con induito biancastro, polso vuoto e debole. A 20
pazienti (32.3%) è stato diagnosticato un deficit di
qi e sangue, caratterizzato da sintomi quali: colo-
rito pallido o giallastro, vertigini e palpitazioni,
* Guang’anmen Hospital, China Academy of TCM, Beijing apatia e sudorazione spontanea, poca voglia di

49
parlare (dovuta alla carenza di qi), lingua pallida, con cicli di 6 settimane. Questi schemi compren-
polso filiforme e debole. Ad 8 pazienti (12.9%) devano FM’C (5-Fu, MTX, CTX), FMC, FMV,
sono state diagnosticate delle sindromi diverse. PCV, PFM. Durante il periodo della chemioterapia
non sono state somministrate medicine che stimo-
lino la produzione di leucociti in nessun gruppo e
sono stati effettuati gli esami del sangue una volta
MODALITÀ TERAPEUTICHE la settimana. Quando i globuli bianchi erano meno
di 4x10 /L, la chemioterapia è stata temporanea-
Somministrazione di medicinali cinesi mente sospesa per poi essere ripresa quando il loro
Ad entrambi i gruppi è stato somministrato del numero ritornava normale.
decotto Yi qi sheng xue durante il ciclo di
chemioterapia e fino al suo completamento, con
una dose giornaliera divisa in 2 porzioni uguali,
somministrate appena prima di colazione e pran- RISULTATI OSSERVATI
zo al gruppo CMG e prima di pranzo e cena, come
di routine, al gruppo RMG. Confronto delle variazioni verificatesi nel
La ricetta per il decotto Yi qi sheng xue compren- numero di globuli bianchi tra i due
deva 60g di radix Astragali seu hedysari, 12g di gruppi
radix Angelicae sinensis, 12g di colla corii Asini, Durante il ciclo di chemioterapia è stato osservato
30g di caulis Spatholobi, 30g di folium Pyrrosiae, un calo comparativamente marcato nel numero di
12g di fructus Ziziphi Jujubae, 20g di fructus globuli bianchi solo alla terza e alla quarta setti-
Hordei germinatus fresco, 6g di pericarpium Citri mana nel gruppo CMG (P<0.05). La percentuale
reticulatae e 5g di radix Glycyrrhizae. Si può, di diminuzione era pari a 11.4% nella terza setti-
inoltre, aggiungere: rhizoma Anemarrhenae e radix mana ed era solo del 9.1% nella quarta. Nel
Ophiopogonis, nei pazienti con cavo orale e gola gruppo RMG il numero di globuli bianchi ha
molto asciutti; calix Kaki e caulis Bambusae in cominciato a decrescere a partire dalla seconda
Taeniam oppure rhizoma Pinelliae praeparata e settimana di chemioterapia, mostrando la tenden-
flos Inulae, nei pazienti con nausea e vomito; za a un calo continuo (P<0,001), con una percen-
fructus Aurantii immaturus e cortex Magnoliae tuale tra il 18.4% e il 26.2%. Questi risultati
officinalis, nei pazienti con tensione addominale. indicano che la diminuzione di globuli bianchi è
Va sottolineato che ci si è limitati ad aggiungere 3 meno significativa e insorge dopo nel gruppo
erbe medicinali, evitando altre sostanze rinvigo- CMG rispetto a quello RMG.
renti.
Confronto sull’incidenza di leucopenia
Schema chemioterapeutico tra i 2 gruppi
A seconda del tipo di patologia è stato selezionato Si è considerata leucopenia quando il numero di
uno schema chemioterapico combinato di routine, globuli bianchi era inferiore a 4x10 /L durante o

Tabella. Confronto dei cambiamenti di globuli bianchi (x10 /L) tra i due gruppi

Momento CMG RMG

Prima della chemioterapia 7.45±0.33 (31) 6.90±0.32 (3&)


Durante la chemioterapia
1a settimana 0.19±0.35 (31) 0.03±0.34 (30)
2a settimana -0.13—0.33 (31) -1.27±0.34 (31)**
3a settimana -0.85±0.38 (30)* -1.57±0.30 (31)**
4a settimana -0.68±0.33 (30)* -1.41±0.38 (31)**
5a settimana -0.35±0.41 (30) -1.83±0.32 (30)**
6a settimana -0.48±0.50 (29) -1.70±0.41 (26)**

Note: (1) I valori prima della chemioterapia sono la media ±.lm7


SE (SE = errore standard), tutti gli altri valori sono la differenza media ± SE nell’auto-confronto; (2) I valori tra parentesi si
riferiscono al numero di casi; (3) Quando viene effettuato un auto-confronto con i valori prima della chemioterapia, *P<0,05,
**P<0,001; (4) Quando viene effettuato un confronto tra i 2 gruppi, P<0,05, P<0,01.

50
dopo un ciclo di chemioterapia. Il fenomeno si è Dongyuan sosteneva che il farmaco Yi qi sheng
verificato in 4 pazienti su 31 (12.9%) nel gruppo xue (come il decotto Dang gui bu xue e il decotto
CMG e in 15 pazienti su 31 (48.4%) nell’altro Huang qi dang gui ren shen) andrebbero bevuti al
gruppo. L’incidenza era dunque inferiore nel pri- mattino e prima di mezzogiorno. Seguendo le
mo rispetto al secondo gruppo (P<0.01). esperienze cliniche dei nostri antenati e utilizzan-
do le scoperte fatte ai nostri giorni dalle ricerche
sulla cronofarmacologia, abbiamo provato a som-
Confronto sulla durata della ministrare clinicamente il decotto Yi qi sheng xue
chemioterapia tra i 2 gruppi ai pazienti al mattino e a mezzogiorno con effetti
Soltanto un paziente ha interrotto la chemioterapia terapeutici migliori rispetto a quelli ottenuti con
in anticipo nel gruppo CMG per una persistente la somministrazione di routine al mattino e alla
leucopenia e quindi la percentuale di pazienti che sera.
ha completato la terapia è stata del 96.8%. Sono Durante il ciclo di chemioterapia, oltre alla
stati invece 8 i pazienti che si sono ritirati in leucopenia periferica, nella maggior parte dei
anticipo dalla chemioterapia nel gruppo RMG per pazienti sono stati osservati i seguenti sintomi:
lo stesso motivo e quindi la precentuale di pazienti apatia generale, colorito smorto, respiro affanno-
che ha completato la chemioterapia è stata del so, traspirazione spontanea, appetito scarso, nau-
74.2%. Dunque, la percentuale di pazienti che ha sea e vomito dovuti alla debolezza della milza e
completato la terapia è stata maggiore nel gruppo dello stomaco, come pure vari segni di deficit di qi
CMG rispetto al gruppo RMG (P<0.05). e sangue. Questi sintomi dimostrano che la
chemioterapia, in generale, danneggia milza e
stomaco, qi e sangue. Si consiglia quindi, nel
trattamento clinico, di rinforzare il qi, nutrire il
DISCUSSIONE sangue e rinforzare milza e stomaco. Basandoci
su tale principio abbiamo preparato il decotto Yi qi
Le ricerche compiute sulla cronofarmacologia sheng xue modificando il decotto Dang gui bu
hanno dimostrato che l’azione farmacologica se- xue. La ricetta comprendeva: radix Astragali seu
gue dei ritmi temporali. Tra questi il più importan- Hedysari per tonificare il qi e rinforzare la milza,
te è il ritmo circadiano, che è anche quello mag- generando così sangue dal qi; radix Angelicae
giormente legato ai cambiamenti ritmici nelle sinensis, colla corii Asini e caulis Spatholobi,
funzioni fisiologiche dell’organismo. Pertanto, usati insieme per rinforzare il qi e, al tempo stesso,
nell’applicare la cronoterapia, dobbiamo tener nutrire il sangue; fructus Ziziphi jujubae, fructus
conto del ritmo fisiologico umano circadiano e Hordei germinatus e pericarpium Citri reticulatae,
scegliere il momento ottimale per la usati per tonificare la milza e armonizzare il qi di
somministrazione dei farmaci. stomaco, vale a dire, come mezzo per generare e
Il ritmo circadiano è presente anche nella funzio- trasformare qi e sangue. Inoltre sono stati sommi-
ne emopoietica del midollo osseo. Le cellule del nistrati a grandi dosi radix Astragali seu hedysari
midollo osseo nello stadio della sintesi del DNA e caulis Spatholobi, con l’aggiunta di folium
sono più numerose al mattino che a mezzogiorno, Pyrrosiae (farmaco leucogenico): secondo i mo-
e raggiungono la quantità minima a mezzanotte. derni studi farmacologici, questi farmaci usati
Poiché lo stadio della sintesi del DNA è lo stadio insieme possono avere degli effetti preventivi e
iniziale della proliferazione cellulare, si ritiene curativi sulla leucopenia.
che la sensibilità delle cellule emopoietiche al La nostra ricerca è ancora in una fase preliminare,
fattore di proliferazione sia maggiore durante il in attesa di ulteriori verifiche. Il meccanismo
periodo dal mattino a mezzogiorno rispetto agli rilevante andrà studiato ulteriormente.
altri momenti della giornata. Se i principi
farmacologici tradizionali cinesi per la generazio-
ne del sangue vengono somministrati durante
questo periodo, può aver luogo l’azione sinergica
tra questi farmaci e il fattore di regolazione nel-
l’organismo. Così, con questa azione di regolazione
a seconda delle circostanze, un numero maggiore
di cellule del midollo osseo può iniziare questa
fase proliferativa. Come risultato viene accelerata
la generazione cellulare e viene aumentato l’effet-
to preventivo e terapeutico sulla leucopenia.
Durante la dinastia Jin (1115-1234 d.C.) il Dr. Li

51
Trattamento della periartrite scapolo-omerale con
agopuntura e neutralizzazione dei punti
Wang Jun * Wang Wei ** Wang Shuqin ***

La periartrite scapolo-omerale è nota anche come trambi i casi, soddisfacenti come riferito qui di
capsulite adesiva della spalla, detta comunemente seguito.
spalla congelata, ed è evidentemente collegata a
trasformazioni degenerative senili. Di solito è
dovuta alla frammentazione del colletto rotatore, Criteri di efficacia terapeutica
all’infiammazione cronica dei muscoli 1. Eliminati tutti i sintomi soggettivi
periarticolari, dei tendini, della borsa sinoviale o 2. Ripristinata la normale funzionalità della spalla
della capsula articolare della spalla che, come 3. Nessuna ricaduta registrata al controllo esegui-
risultato, producono delle aderenze esterne e in- to dopo 3 mesi.
terne all’articolazione che limitano in generale la
mobilità e favoriscono, quindi, l’atrofia dei mu-
scoli. Questa patologia è caratterizzata da dolore. Metodologia terapeutica
Nei casi gravi, il paziente non è in grado di lavarsi
Gruppo sottoposto ad agopuntura
al mattino, né di portare le posate alla bocca, in
Un ago filiforme da 1.5 cun è stato infisso nel
breve, non è in grado di provvedere a se stesso. Le
punto yanglingquan (GB 34) e manipolato per
terapie applicate oggigiorno sono spesso doloro-
suscitare la sensazione di scossa. Nel frattempo al
se, richiedono molto tempo al paziente e sono
paziente è stato consigliato di muovere la spalla
raramente efficaci.
interessata in varie direzioni, specialmente verso
Secondo la medicina tradizionale cinese, la spalla
la posizione più dolorosa. Il trattamento è stato
congelata è dovuta a deficit senile di sangue e qi
effettuato quotidianamente oppure a giorni alterni
e ad invasione di vento, freddo e umidità che
ed ogni ciclo è stato di 15 sedute. I pazienti sono
blocca la circolazione di qi e sangue, creando
guariti o con 1 ciclo o al massimo in 3 mesi, con
un’ostruzione che causa sempre dolore. La terapia
una media di 20 giorni di terapia. La percentuale
che regola il qi e il sangue, disperde il vento e
di guarigione è stata dell’84%. Dei 30 pazienti
l’umidità, rimuove il freddo e drena i meridiani
controllati per due anni dopo la terapia solo 2
può portare qualche risultato terapeutico, ma gli
hanno avuto delle ricadute, con una efficacia
Autori hanno scoperto che l’agopuntura o la
terapeutica a lungo termine del 93.3%.
neutralizzazione con novocaina sul punto
Yanglingquan (GB 34) è decisamente più effica-
ce. Gruppo sottoposto a neutralizzazione dei punti
Nei 15 anni dal 1961 al 1976, gli Autori hanno selezionati
trattato 97 pazienti affetti da periartrite alla spalla I pazienti sono stati dapprima testati con iniezioni
con agopuntura nel punto Yanglingquan (GB 34). intradermiche per escludere una ipersensibilità
Nei 15 anni dal 1976 al 1991, ne hanno trattati altri alla novocaina o alla lidocaina. La siringa, riem-
106 con iniezioni di 1ml di novocaina al 5% o di pita con 1ml di novocaina allo 0.5% o 0.5ml di
0.5ml di lidocaina al 2% nel punto yanglingquan lidocaina al 2%, è stata poi infissa nel punto
(GB 34). Gli effetti terapeutici sono stati, in en- yanglingquan (GB 34) e il suo contenuto è stato
iniettato quando si è avuta la sensazione di scossa.
La terapia è stata effettuata a giorni alterni oppure
* Changchun College of TCM, Jilin Province con intervalli di due giorni ed ogni ciclo è stato di
** 37015 Hospital of PLA, Weihai, Shandong Province
*** Third Teaching Hospital, Bethune Medical University, 5 sedute. La maggior parte dei pazienti ha comin-
Changchun, Jilin Province ciato a sentire i primi benefici dopo 1 ciclo di

52
sedute e, di solito, la terapia è stata notevolmente
efficace dopo 5 cicli. Questi pazienti sono stati
trattati con una media di 10 cicli, con una percen-
tuale di guarigione pari al 97.4%. Dei 30 pazienti
seguiti per 2 anni, solo 1 ha avuto una ricaduta,
con una percentuale di guarigione a lungo termine
pari al 96.6% e dunque maggiore rispetto al grup-
po sottoposto ad agopuntura.

Commenti
Sia l’agopuntura che la neutralizzazione nel punto
yanglingquan (GB 34) si sono dimostrate efficaci
nella terapia della spalla congelata. Gli effetti
terapeutici sono stati stabili e la neutralizzazione
del punto si è dimostrata preferibile rispetto all’al-
tra perché di durata inferiore. L’efficacia
terapeutica è dipesa dalla durata della malattia ed
è, quindi, importante iniziare il trattamento al più
presto dopo l’insorgere del male.

53
Trattamento della lombalgia acuta con agopuntura
nel punto fuyang (UB 59)
Hu Runshu *

L’Autore ha trattato 135 casi di lombalgia delle vertebre lombari 3 e 4 era molto sensibile. La
acuta con agopuntura sul punto fuyang (BL diagnosi è stata di lombalgia acuta ed è stata
59) con risultati soddisfacenti come riferito trattata come descritto sopra. Dopo 1 sola seduta
qui di seguito. il dolore era completamente sparito e il paziente è
riuscito a riprendere il lavoro il giorno successivo
come al solito.
Metodo di trattamento
Selezione del punto: fuyang (BL 59) bilaterale.
Manipolazione: Il paziente si mette in posizione Commento
seduta. Dopo la disinfezione di routine con alcol La lombalgia può avvenire in seguito ad una
al 75%, l’ago viene infisso rapidamente nel punto distensione improvvisa dei muscoli lombari quan-
fuyang (BL 59) alla profondità di 1 cun, poi viene do il corpo si trova in una posizione inadatta. In
sollevato, spinto e ruotato per mezzo minuto. Il questo modo si verifica una stagnazione di sangue
procedimento viene ripetuto nel punto dall’altra e qi ed una ostruzione del meridiano che produce
parte. Nel frattempo viene consigliato al paziente un dolore molto forte. Il punto fuyang (BL 59)
di compiere dei movimenti di flesso-estensione appartiene al meridiano della vescica che fa parte
nella regione lombare per 5 volte e di tossire più del taiyang del piede, che passa attraverso la
volte. Gli aghi, dopo essere stati lasciati in situ per regione lombosacrale e la gamba dietro i meridia-
3-5 minuti, vengono tolti con un movimento rapi- ni dello yangming del piede e dello Shaoyang del
do e rotatorio senza poi premere il punto, in modo piede e si avvicina a loro nel punto fuyang (BL
da far uscire un po’ di sangue. 59). Questo punto è dunque efficace nel tratta-
L’Autore ha trattato 135 pazienti con questo me- mento dei disturbi dei muscoli e dei tendini tipo
todo ottenendo 115 guarigioni, 18 notevoli mi- crampi muscolari, dolore lombare, dolore alla
glioramenti e 2 casi in cui la terapia è risultata gamba, ipotonia con incapacità di estensione e
inefficace, con una percentuale totale di efficacia flessione.
del 98%. È stato utilizzato il metodo della dispersione nel
manipolare gli aghi; al paziente viene consigliato
di muovere la parte del corpo interessata durante
Caso esemplificativo l’agopuntura in modo da mobilizzare la stasi di
Li XX, di sesso maschile, contadino, 33 anni, è sangue e di qi per un buon effetto terapeutico.
stato colpito da lombalgia mentre cercava di sol- Inoltre il punto fuyang (BL 59) è facile da trovare
levare un carico pesante in una posizione inadatta. sul bordo tibiale posteriore.
Il conseguente dolore lombare è stato molto forte,
tanto da richiedere il trasporto in clinica in barella.
All’esame obiettivo il paziente presentava un’in-
tensa dolenzia in regione lombare e non riusciva
a muoversi in nessuna direzione. Un punto a lato

* Department of Acupuncture, Fengcheng City People’s


Hospital, Jiangxi Province

54
Trattamento della colica renale con agopuntura nel
punto zusanli (ST 36)
Liu Guoliang *

Di solito la colica renale viene trattata in stimolazione. Il dolore è diminuito immediata-


modo sintomatico con antispastici o mente. I sintomi si sono ripresentati 3 giorni dopo
analgesici tipo atropina o dolantina con il ma sono scomparsi dopo, lo stesso trattamento.
rischio di reazioni gastrointestinali o
assuefazione ai medicinali. L’Autore ha
scoperto che l’agopuntura sui punti zusanli
(ST 36) bilaterale è molto efficace nel dare
sollievo alla colica renale come riferito di
seguito.

Metodo di agopuntura
Con il paziente in posizione seduta viene localiz-
zato il punto zusanli (ST 36) tra la tibia e la fibula,
nella depressione sotto la patella e laterale rispetto
al legamento patellare. Il punto zusanli (ST 36)
appartiene al meridiano dello stomaco dello
yangming del piede ed ha effetti terapeutici sulle
patologie del canale digestivo. L’ago viene infis-
so sul punto bilateralmente a 2 cun di profondità
con rapidi movimenti di torsione e rotazione per
1-2 minuti, per ottenere una forte stimolazione. La
guarigione può avvenire immediatamente.

Caso esemplificativo
Lin XX, di sesso maschile, 38 anni, affetto da
nefrolitiasi, aveva frequenti episodi di coliche
renali che richiedevano iniezioni di dolantin per
avere sollievo, fino a quando il paziente non ha
cominciato a preoccuparsi per il pericolo
dell’assuefazione. Quando ha avuto di nuovo la
colica renale si è sottoposto ad agopuntura. È
stato selezionato il punto zusanli (ST 36)
bilateralmente e l’ago è stato infisso alla profon-
dità di 2.5 cun con rapidi movimenti di torsione e
rotazione per 1 minuto, per ottenere una forte

* Department of TCM, Second People’s Hospital,


Mudanjiang City, Heilongjiang Province

55
Trattamento con i coni di moxa della leucocitopenia
nella chemioterapia in 114 casi
Huang Ximei* Chen Huiling** Guo Xiumei** Ma Yumei***

La leucocitopenia è spesso un effetto bianchi superavano i 4.000/mm3 il trattamento


collaterale della chemioterapia. Gli autori veniva sospeso.
hanno usato la moxibustione per molti anni
con il metodo dei coni, con risultati soddi-
sfacenti.
RISULTATO DEL TRATTAMENTO
Criteri di assegnazione dei risultati
DATI CLINICI Causa la mancanza di criteri standard di riferi-
mento gli autori hanno formulato dei criteri di
I 114 pazienti comprendevano 79 femmine e 35 valutazione propri:
maschi, con età da 15 a 76 anni. Le patologie in – marcata efficacia: innalzamento dei bianchi
trattamento erano carcinoma polmonare in 38 sopra i 4.000/mm3 al terzo giorno di trattamento
casi, carcinoma esofageo in 30 casi, linfoma ma- – buona efficacia: innalzamento dei bianchi so-
ligno in 18 casi e vari nei rimanenti 28 casi. Tutti pra i 4.000/mm3 al sesto giorno di terapia;
i pazienti sono stati sottoposti a 1-3 cicli di – efficacia: innalzamanto dei bianchi sopra i
chemioterapia durante i quali i leucociti erano 4.000/mm3 al nono giorno di terapia;
scesi sotto i 4.000/mm3. – inefficacia: nessuna variazione dopo il nono
giorno di terapia.

METODICA DI TRATTAMENTO Risultati


Si preparavano i coni di moxa, delle dimensioni di Il trattamento è stato:
un mezzo dattero cinese, e le fette di zenzero di 2- – marcatamente efficace per 51 casi (44.7%);
3 cm di diametro e 0.2 -0.3 cm di spessore. – molto efficace per 34 casi (29.8%);
I punti selezionati sono stati: dazhui (14GV), – efficace per 19 casi (16.7%);
geshu (17BL), pishu (20BL), weishu (21BL), – inefficace per 10 casi (8.8%).
shenshu (23BL). Sui punti selezionati venivano Il tasso totale di efficacia è stato 91.2%.
poste le fettine di zenzero su cui venivano fatti
bruciare uno dopo l’altro tre coni di moxa. Si
produceva cosi una sensazione di bruciore tolle- DISCUSSIONE
rata dal paziente senza provocare bolle. Il tratta-
mento era quotidiano per 9 giorni consecutivi. Poiché la chemioterapia non è completamente
Altri farmaci per la stimolazine della linea dei selettiva verso le cellule tumorali, anche le cellule
bianchi venivano sospesi. Il controllo di laborato- normali vengono danneggiate durante il tratta-
rio veniva effettuato ogni 3 giorni. Quando i mento. Tra le altre sono soprattutto coinvolte le
cellule del midollo osseo mitoticamente attive,
con il risultato della leucopenia. I sintomi sono
* Henan College of TCM, Zhengzhou 450003, Henan
Province
vertigini, dispnea, astenia, iperidrosi, inappetenza,
** Henan Provincial Hospital of Oncology pallore, polso filiforme e debole ed indicano una
*** Clinic of the 7th Middle School, Zhengzhou lesione dei qi e dello yin e un deficit di qi e sangue.

56
La moxibustione indiretta attraverso le fettine di
zenzero sui punti pishu (20BL) e weishu (21BL)
regola e tonifica la milza e lo stomaco: si stimola
così l’appetito e si rinvigorisce la fonte diretta del
qi e del sangue. La moxibustine sul punto shenshu
(23BL) riscalda lo yang e rinforza il midollo
osseo. La moxibustione sul punto geshu (17BL)
regola e tonifica il sangue. Dazhui (14GV) è il
punto di incrocio dei 6 meridiani yang. Perciò
regolarizza tutti i meridiani. Di conseguenza la
moxibustione su dazhui (14GV) e geshu (17BL)
innalza sensibilmente i globuli bianchi nel san-
gue. Rispetto al trattamento farmacologico, il
metodo della moxibustione si distingue per sem-
plicità di esecuzione, rapidità dei risultati,
economicità e assenza di effetti collaterali.

57
Trattamento combinato con MTC e medicina
occidentale della coroidopatia posteriore acuta
multifocale a chiazze
Bao Liling, Cheng Xiaoli, Ren Peixian*

SOMMARIO DATI GENERALI

La coroidopatia posteriore acuta multifocale a 1. Sesso: maschi:femmine=6:9=2:3


chiazze (APMPPE) descritta in origine da Gass 2. Insorgenza della malattia: 13-42 aani
nel 1968 è generalmente ritenuta una malattia 13-20 anni 5 casi
autolimitante con prognosi benigna, benché la 21-30 anni 7 casi
progressione cronica possa portare a disturbi visi- 31-40 anni 2 casi
vi severi. Negli ultimi anni è stato riportato un 42 anni 1 caso
caso associato a vasculite cerebrale fatale. Negli 3. Professione
ultimi 20 anni Bao Liling ha posto molta attenzio- studente 5 casi
ne al trattamento combinato con farmaci occiden- lavoratore 4 casi
tali e della tradizione cinese della sindrome di insegnante 2 casi
Vogt-Koyanagi-Harada (VKH). Ha riportato ri- operaio 2 casi
sultati soddisfacenti trattando questa sindrome casalinga 1 caso
dapprima con i presidi della MTC. Molti oculisti agricoltore 1 caso
ritengono che la APMPPE sia di origine virale o 4. Decorso della malattia prima di consultare
autoimmunitaria. Le due patologie sono conside- l’ospedale
rate similari o due entità cliniche vicine, poiché ci 1-2 settimane 2 casi 2 occhi
sono casi che hanno le caratteristiche di entrambe. 2-4 settimane 3 casi 5 occhi
La nostra esperienza clinica ha dimostrato scarsi 1-2 mesi 4 casi 7 occhi
risultati per i pazienti affetti da APMPPE trattati 3-6 mesi 3 casi 3 occhi
con steroidi, specialmente se ad alti dosi negli 8 mesi-1 anno 2 casi 4 occhi
stadi iniziali. Si sono verificate inefficacia del 4-5 anni 2 casi 2 occhi
trattamento, estensione della patologia da unilate- (L’intervallo di insorgenza tra un occhio e l’altro
rale a bilaterale, decorso cronico e recidivante con in un caso è stato molto lungo)
severa distruzione della macula e conseguente 5. Primitivo o recidiva
danno visivo. Un caso ha sviluppato emiparesi e primitivo 9 casi 14 occhi
paralisi del faciale subito dopo la sospensione recidiva 5 casi 7 occhi
della terapia steroidea. Al contrario, i risultati incerto 1 caso 2 occhi
della MTC senza gli steroidi nel trattamento di 6. Sintomi e segni associati
questa patologia sono promettenti: in generale il cefalea e capogiri 7 casi
decorso clinico è breve, la capacità visiva residua tinnitus 2 casi
è buona, non ci sono complicanze sistemiche e il disacusia 1 caso
risultato è stabile nel tempo. In questo articolo emiparesi
sono analizzati 15 casi, di cui 8 seguiti per 1-6 anni e paralisi faciale 1 caso
(in media 2.9 anni). In dettaglio è descritto un caso artralgia 2 casi
associato a vasculite cerebrale. 7. Coinvolgimento oculare
destro 5 casi
sinistro 2 casi
bilaterale 8 casi
* Ophthalmology Department, 1st Teaching Hospital, Shanxi 8. Manifestazioni
Medical College, Taiyuan 030001, Shanxi Province

58
1. Segmento anteriore: normale in 12 casi, 19 caso con lesioni di vecchia data era 2.16 nell’oc-
occhi. Precipitati cheratinici in 3 occhi di 3 casi, chio destro e 2.25 nel sinistro, i tempi di picco di
nei quali erano a grasso di pecora in un occhio e a luce ed intervallo di oscurità erano superiori alla
noduli di Koeppe nell’altro. Un caso aveva una norma di 5 min nell’cchio destro, normali nel
storia di iridociclite e uno di sclerite. sinistro.
2. Segmento posteriore: lesioni a chiazze
nell’epitelio pigmentato della retina al polo poste-
riore e in regione equatoriale in 15 casi, 23 occhi;
edema papillare in 3 casi, 3 occhi; vitrite in 2 casi, TERAPIA
3 occhi; emorragie retiniche in 2 casi, 2 occhi;
occlusione incompleta della vena centrale della I pazienti che all’inizio del trattamento assumeva-
retina in 1 caso, 1 occhio; membrana neovascolare no corticosteroidi riducevano gradualmente la
della coroide subretinica nella macula in 1 caso, 1 dose fino alla sospensione completa del farmaco.
occhio; vasculite retinica 1 caso, 1 occhio; fibrosi Nella fase attiva della malattia veniva prescritta
subretinica maculare 1 caso, 1 occhio. una dose giornaliera in base alla differenziazione
9. Fluorangiografia dei sintomi e dei segni.
La FAG è stata eseguita solo in 7 pazienti (10 Per purificare il calore e le tossine: radix Isatidis,
occhi) poiché alcuni pazienti avevano già esegui- fructus Forsythiae, flos Lonicerae e spica
to l’esame in altri ospedali ed altri erano allergici Prunellae.
alla fluorescina. Sono state riscontrate lesioni a Per promuovere la circolazione del sangue e ri-
chiazze nell’epitelio posteriore della retina in 4 muoverne le stasi: radix Salviae miltiorrhizae,
occhi di 3 casi, alcune isolate, altre confluenti. radix Angelicae sinensis, flos Carthami e semen
Erano presenti lesioni vecchie e in atto, mentre in Persicae.
1 caso, 2 occhi, erano presenti solo lesioni di Per promuovere la diuresi: Poria, rhizoma
vecchia data. C’era il blocco della fluorescenza di Alismatis, semen Plantaginis e caulis Clematidis
fondo nello stadio iniziale della iperfluorescenza armandii.
e nella fase finale della FAG. La FAG ha mostrato Per migliorare la vista: flos Chrysanthemi e semen
dei difetti a finestra e blocchi della fluorescenza di Cassiae.
fondo tramite l’agglutinazione del pigmento sulle Nei casi severi in fase attiva si somministrvano
lesioni di vecchia data. per via iniettiva: radix Isatidis, xue shuan tong,
10. Indagini di elettrofisiologia oculare qing kai ling, radix Salviae miltiorrhizae, Vit. B1,
1. Elettroretinogramma (ERGs) B12, C, E e Rutina.
Sono stati eseguiti ERGs scotopici (S-ERGs) ed Nella fase di quiescenza veniva ridotto il dosaggio
esaminati i potenziali oscillatori in 5 occhi di 4 dei farmaci antipiretici, detossicanti e diuretici,
casi. In 3 di questi sono stati eseguiti ERGs dei mentre veniva aumentato il dosaggio dei farmaci
coni (C-ERGs) su 4 occhi. Negli S-ERGs e nei C- per migliorare la vista e tonificanti quali: fructus
ERGs eseguiti su 2 occhi, 2 casi in fase attiva e su Ligustri lucidi, fructus Lycii, radix Glehniae,
1 occhio, 1 caso con lesioni di vecchia data ed rhizoma Atractylodis macrocephalae, radix
alterazioni visive permanenti, i tempi di picco Astragali seu hedysari.
delle onde a e b erano nel range di normalità, ad Ottenuta la guarigione venivano somministrati
eccezione del tempo di picco di un onda b, che era per un periodo, al fine di consolidare i risultati
prolungato. Tuttavia l’ampiezza delle onde a e b terapeutici, radix Salviae miltiorhizae, radix
era inferiore alla norma e là dove era nel range di Notoginseng, radix Licis pubescentis, vitamine,
normalità, era inferiore rispetto all’occhio Ming mu di huang wan e Qi ju di huang wan.
controlaterale sano. I tempi di picco dei potenziali
oscillatori erano prolungati e le loro ampiezze
inferiori alla norma. I diversi valori di ERGs in 2 RISULTATI
occhi di 1 caso con vecchie lesioni e visus relati-
vamente conservato erano grosso modo nella nor- 12 occhi, 8 pazienti, sono stati seguiti per una
ma. media di 2.9 anni (1-6 anni). Tutti i pazienti hanno
2. Elettrooculogramma (EOGs) ottenuto beneficio per l’acuità visiva.
Il valore di Arden di un EOG di 1 occhio di 1 caso 1. 2 casi, 2 occhi, al primo episodio non hanno
in fase attiva era 1.88 (valore normale 1.8 - 2.2), assunto steroidi. Dopo 2-4 settimane di trattamen-
il tempo di picco di luce 9 min (valore normale 9 to entrambi hanno ottenuto il controllo della pato-
min), ma il solco di oscurità (intervallo di oscuri- logia con il ritorno alla norma dell’acuità visiva
tà) era 1 min (valore normale 9 min). Il valore di (>1.0 includendo le correzioni). I pazienti, seguiti
Arden degli EOGs di entrambi gli occhi di un altro per 2-4 anni, hanno avuto risultati stabili.

59
2. 2 casi, 3 occhi, (1 caso, 1 occhio, al primo emiparesi sinistra, nistagmo orizzontale durante
episodio e 1 caso, 2 occhi, recidivante) avevano la rotazione sinistra degli occhi, deviazione della
un decorso di malattia di 1 e 8 mesi rispettivamen- lingua a sinistra durante la protrusione, diminu-
te. Entrambi avevano fatto uso di steroidi senza zione dei riflessi addominali a destra, diminuzio-
beneficio. Dopo 1-2 mesi di trattamento le loro ne della sensibilità dolorosa sul lato destro con
condizioni erano marcatamente migliorate: i sin- segno di Kernig negativo. Formulata la diagnosi
tomi sistemici erano scomparsi e l’acuità visiva di vasculite cerebrale è stata intrapresa una terapia
recuperata (>1.0). Seguiti per 2-3.5 anni non han- con desametazone, gentamicina ed eritromicina
no avuto recidive. per via iv, mentre il paziente assumeva per os i
3. 3 casi, 5 occhi (recidive in 4 occhi di 3 casi, farmaci della MTC. Una settimana dopo i sintomi
primo episodio in 1 occhio, 1 caso), avevano fatto e i segni mostravano un notevole miglioramento.
uso di steroidi, 1 per os e 2 per via iv. Il decorso Una concomitante gonalgia non accompagnata
della patologia era di 4 anni, 6 mesi e 4 mesi da arrossamento o gonfiore articolare è stata
rispettivamente. Recidive frequenti avevano por- risolta dopo un settimana di terapia con
tato ad un severo coinvolgimento della macula, indometacina. Le emorragie retiniche e le opacità
con alterazione della visione centrale in 2 occhi in del vitreo si sono lentamente assorbite nell’arco di
2 casi. (<0.1). Durante la terapia con steroidi la 1-2 settimane, mentre le lesioni placoidi di en-
patologia era progredita coinvolgento entrambi trambi gli occhi diventavano vecchie. Tuttavia un
gli occhi. Dopo il trattamento con i farmaci della mese dopo è stata riscontrata al microscopio con
MTC per 4-6 mesi, l’acuità visiva (con la corre- lampada a fessura una membrana triangolare di
zione) era migliorata a 0.05, 0.2, 0.2, 0.3 e 1.0 neovascolarizzazione nella coroide retinica, di
(l’unico paziente al primo episodio) rispettiva- colore giallo-marrone, in corrispondenza dellla
mente. 2 occhi, 2 casi, avevano un ampio scotoma macula di sinistra. Di conseguenza il recupero
centrale e normale visione periferica. Seguiti per visivo a sinistra è stato minore e la cicatrice
2, 2, e 6 anni rispettivamente hanno mostrato presente sulla macula di sinistra causava un’alte-
risultati stabili. razione permanente della visione centrale. L’acu-
4. Caso clinico tipico. Chen, un uomo di 24 anni ità visiva finale è stata corretta a 0.9 a destra e 0.2
lamentava calo dell’acuità visiva in entrambi gli (0.6 con la visione periferica) a sinistra con -4.OS
occhi da più di 20 giorni quando è stato ammesso per entrambi gli occhi. I valori di Arden nei due
il 3 novembre 1989. All’insorgenza della malattia occhi durante la convalescenza erano normali, ma
era stato trattato in un ospedale locale con steroidi. i tempi di picco di luce e di intervallo di oscurità
Causa l’insorgenza di una severa allergia alla dell’occhio destro erano 5 min superiori alla nor-
terapia steroidea è stato ricoverato nel nostro ma, mentre a sinistra erano normali. Il paziente è
ospedale, dove tale terapia è stata immediatamen- stato dimesso nel gennaio 1990 ed ha proseguito
te sospesa. Dal punto di vista sistemico non c’era- la terapia con farmaci della MTC anche dopo la
no anomalie di rilievo. L’acuità visiva era tale da dimissione. Nell’agosto 1991 ha riferito che gli
permettere di contare le dita, i segmenti anteriori occhi e le condizioni generali erano buoni. Gli
erano essenzialmente normali, le opacità picchiet- esami strumentali e di laboratorio eseguiti durante
tate del vitreo erano marcate, i vasi sanguigni la degenza sono risultati nella norma: radiografia
della papilla ottica, della macula e della retina del torace, esami standard delle urine e delle feci,
erano poco distinguibili, molte lesioni placoidi a VES, test di aggregazione piastrinica, fattore
margini sfumati erano visibile sull’epitelio poste- reumatoide, anticorpi antinucleo, immuno com-
riore della retina ai poli posteriori e in regione plessi, agglutinine a freddo, esame del liquido
equatoriale. Formulata la diagnosi di vitreite cerebrospinale, TAC del cranio. Il numero di
bilaterale e di APMPPE è stato intrapreso il trat- globuli bianchi era 13.800%ml con 92% di
tamento già descritto. A 5 giorni dall’ammissione neutrofili. La viscosità del sangue intero era 5.75S-
il paziente ha accusato improvvisamente capogi- l 17.28 mPS, 230S-l 6.59 mPS mentre quella del
ri, difficoltà di equilibrio durante la deambulazione, plasma era 230S-l 3.09mPS. L’indice di
sensazione di intorpidimento del lato destro del stimolazine linfocitaria verso antigeni retinici in
corpo e grave deterioramento dell’acuità visiva soluzione era 2 (normale <1.7).
nell’occhio sinistro. L’esame del fundus in OS
rivelava margini sfumati della papilla ottica,
turgore delle vene retiniche ed emorragie a fiam-
ma, distribuite su tutto il campo. È stata formulata DISCUSSIONE
la diagnosi di ostruzione incompleta della vena
centrale della retina. L’esame neurologico ha rile- La APMPPE può essere spesso accompagnata da
vato la presenza di paralisi faciale a destra con infiammazioni in altre sedi. Per esempio uveiti,

60
episcleriti, vasculite della retina e papillite. Si cemente in circa 3-4 settimane dopo l’insorgenza
possono accompagnare anche malattie sistemiche della malattia. La causa della sospensione era
quali eritema nodoso, vasculite cerebrale, tiroidite, stata una reazione di intolleranza alla terapia a
patologia renale subclinica, ipoacusia transitoria livello oculare. Per il trattamento della vasculite
e sarcoidosi. Sono stati spesso descritti sintomi di cerebrale sono stati usati, su consiglio del
virosi respiratoria precedenti l’insorgenza della neurologo, steroidi per via sistemica, antibiotici e
malattia. Azar e collaboratori hanno descritto un farmaci della MTC. Dopo 42 giorni, il trattamento
caso in cui era presente una concomitante infezio- è proseguito con i soli farmaci della MTC. Il
ne da adenovirus ma non è stata dimostrata una risultato è stato buono e stabile ad un controllo
relazione causale. La maggior parte degli autori dopo 20 mesi. Tuttavia, a livello della macula si
pensa che la patologia di base delle infiammazioni era sviluppata una membrana di
sistemiche associate sia una possibile vasculite. neovascolarizzazione nella coroide subretinica
Essi attribuiscono l’epiteliopatia del pigmentato durante il riassorbimento delle lesioni placoidi e
negli occhi ad una coriocapillarite ma non sono delle emorragie retiniche. La conseguenza è stata
evidenti dimostrazioni istopatologiche. Nel no- un disturbo permanente dell’acuità visiva in un
stro lavoro 1 caso con vasculite cerebrale in 1 occhio. Situazioni simili sono riportate anche in
occhio e 1 caso con vasculite della retina in letteratura non cinese. Altri casi di VKH o
entrambi gli occhi possono supportare queste APMPPE trattati fin da subito con farmaci della
ipotesi. Molti oculisti ritengono che la APMPPE MTC non hanno mai avuto simile complicanze.
e la malattia di Vogt-Koyanagi-Harada (VKH) Solo due casi di VKH trattati a lungo con steroidi
siano patologie simili. Infatti essi hanno caratteri- e con frequenti recidive hanno avuto questa com-
stiche simili: sintomi prodromici di tipo influen- plicanza, ciascuno in un occhio. Riteniamo perciò
zale, aumento delle proteine e linfocitosi nel liqui- che lo sviluppo di membrane di neovascolariz-
do spinale, tinnitus e ipoacusia transitorie, com- zazione sia dovuto a un ritardo di guarigione, cioè
parsa di fundus a tonalità rosso tramonto negli di distruzione della membrana di Bruch, in corso
stadi avanzati e tendenza alle recidive. Tuttavia ci di terapia prolungata con steroidi. In letteratura
sono delle differenze tra le due condizioni patolo- non cinese è riportato un caso di vasculite cerebra-
giche. le associata a APMPPE ad andamento
Wilson et al. hanno riportato un caso di APMPPE autolimitante. È quindi necessario usare steroidi
associato a vasculite cerebrale fatale. L’esame per il trattamento di questo tipo di vasculite? In
istologico ha dimostrato che l’arterite era confina- MTC esistono molti farmaci che hanno azione
ta ai vasi di medio calibro nelle leptomeningi e nei antiinfiammatoria, promuovono la circolazione
vasi più piccoli all’interno del cervello. Una del sangue, ne eliminano le stasi e sono anche
vasculite sistemica non è stata riscontrata. L’in- immunomodulatori. Quindi la MTC è più efficace
fiammazione era di tipo granulomatoso, con inter- e più sicura per il trattamento di questa forma di
ruzioni focali dell’intima e trombosi. Sono stati vasculite? È un quesito che deve essere ulterior-
trovati dei trombi in vasi di calibro più piccolo, mente approfondito. In letteratura è stato riportato
esenti da vasculite. Non sono stati trovati agenti che, durante la fase attiva di APMPPE, il tasso di
causali. Wilson et al., rivedendo la letteratura, agglutinine sieriche a freddo è elevato. Nel nostro
hanno riferito di 4 casi di APMPPE associati a lavoro in questo caso tipico di APMPPE e vasculite
sospetta vasculite cerebrale. Di questi 4, 3 sono cerebrale questo titolo non era significativo, sia
stati trattati con steroidi. In 2 casi la patologia si è nella fase attiva, che nella fase di quiescenza della
arrestata e la terapia corticosteroidea è stata gra- malattia. L’indice di stimolazione linfocitaria verso
dualmente sospesa. Nel terzo caso la sospensione antigeni solubili della retina era 2 (normale <1.7),
della terapia corticosteroidea era accompagnata gli immunocomplessi non erano dosabili e la
da esacerbazione dei sintomi, per cui non è stata viscosità del sangue intero e del plasma era lieve-
possibile la sospensione. L’unico paziente non mente superiore alla norma. L’ostruzione vasale
trattato ha avuto una limitazione spontanea della viene attribuita all’aumentata viscosità del san-
malattia. In un caso ad esito fatale, il decesso è gue. Il modesto incremento dell’indice di
avvenuto durante il trattamento con steroidi. Così stimolazione linfocitaria è probabilmente secon-
Wilson et al. non hanno potuto stabilire l’utilità dario al rilascio di antigeni retinici durante il
degli steroidi nel trattamento di questa forma processo di distruzione della retina. Probabilmen-
morbosa. Nel nostro lavoro c’è stato un caso di te, nella patogenesi della APMPPE è coinvolta
vasculite cerebrale e di occlusione incompleta l’immunità mediata dai linfociti T poiché in
della vena centrale dela retina avvenute improvvi- clinica sono stati riscontrati dei precipitati
samente e simultaneamente subito dopo la so- cheratinici a grasso di pecora e dei noduli di
spensione della terapia steroidea instaurata preco- Koeppe, nonché vasculiti granulomatose. Le no-

61
stre indagini al microscopio elettronico su cam- va di un occhio. Nella fase attiva della malattia si
pioni di iride prelevate da un paziente con le verificavano deterioramenti della funzione
caratteristiche sia di VKH che di APMPPE hanno retinica. Le alterazioni permanenti dell’acuità
mostrato elevate concentrazioni di corpi nucleari visiva erano evidenziate dagli elettroretinogrammi,
o una vera inclusione di corpi nei nuclei di varie mentre le anomalie a carico dell’epitelio posterio-
cellule. Si è visto che la natura dell’infiammazine re della retina erano evidenti negli elet-
è anche granulomatosa. Perciò siamo indotti a trooculogrammi.
pensare che la patogenesi di uno spettro di entità
cliniche che comprende la APMPPE e la VKH sia
probabilmente dovuta ad un processo
autoimmunitario scatenato da un virus. Uno stu-
dio recente ha dimostrato che la APMPPE è
associata all’HLA-B27 (rischio relativo 3.38) e
all’HLA-DR2 (rischio relativo 3.34). I risultati
degli elettroretinogrammi hanno mostrato che gli
elettroretinogrammi scotopici e dei coni erano
significativi durante le fasi attive della malattia o
in caso di danno visivo permanente . Vi era un
prolungmento del tempo di picco delle onde b e
una diminuzione in ampiezza delle onde a e b.
Risultati simili erano presenti per i potenziali
oscillatori, indicando la lesione a carico della
retina. Gli elettroretinogrammi in pazienti con
buona acuità visiva e lesioni di vecchia data erano
pressoché normali. I valori di Arden degli
elettrooculogrammi potevano essere nel range di
normalità nella fasi attive o di quiescenza della
malattia. Di contro, i picchi di luce e gli intervalli
di oscurità erano superiori alla norma, indicando
anomalie a carico dell’epiteli posteriore della re-
tina.

CONCLUSIONI

Vengono riportati 15 casi, 23 occhi, con APMPPE.


Di questi, 8 casi, 12 occhi, sono stati seguiti per 1-
6 anni (2.9 anni di media). La malattia può essere
di lunga durata, recidivante e portare a un serio
coinvolgimento della macula, con alterazione per-
manente della capacità visiva in pazienti trattati
con steroidi, specie se ad alte dosi. È stato propo-
sto l’uso dei presidi della MTC, allo scopo di
evitare il lungo decorso e le recidive. La APMPPE
è spesso associata ad altre malattie sistemiche. Di
queste molto importanti sono quelle in campo
neurologico. È stato descritto e discusso in detta-
glio un caso che simultaneamente presentava,
oltre alla malattia in questione, vasculite cerebrale
ed ostruzione incompleta della vena centrale della
retina in un occhio subito dopo la sospensione
della terapia steroidea. Benché l’uso combinato di
farmaci della MTC e steroidi sia stato prometten-
te, è residuata in questo paziente una membrana
neovascolare nella coroide subretinica che ha
causato un difetto permanente nella capacità visi-

62
Ricerca sperimentale sul trattamento
dell’ipertensione con agopuntura
Zhou Yiping, Chen Qiong, Hou Zhengming, Chen Yinong*

Sono stati studiati gli effetti dell’agopuntu- congiuntiva bulbare e dell’emoreologia. I


ra sulla pressione arteriosa, la risultati indicano che le anomalie
microcircolazione della congiuntiva bulbare microcircolatorie e le variazioni
e l’emoreologia in ratti con ipertensione emoreologiche possono aumentare le resi-
spontanea (SHRs). Il meccanismo d’azio- stenze periferiche e quindi incrementare i
ne dell’agopuntura è trattato dal punto di valori pressori. Il meccanismo dell’ago-
vista della microcircolazione e puntura è ovviamente correlato al miglio-
dell’emoreologia. ramento della microcircolazione, alla cor-
I ratti trattati (SHRs) e ratti Wistar d’ambo rezione della viscosità, della concentrazio-
i sessi, di peso sui 250g sono stati divisi in ne e dell’aggregazione elevate, alla dimi-
tre gruppi: 1: gruppo agopuntura di 15 nuzione delle resistenze periferiche e quin-
SHRs: I punti selezionati sono stati di alla regolarizzazione emodinamica.
quchi(11LI), taichong (3LR), hegu (4LI),
zusanli (36ST). Venivano trattati due volte È già stato dimostrato che l’agopuntura è molto
al giorno, per 15 giorni consecutivi, in efficace nel trattamento dell’ipertensione, ma il
dispersione e con gli aghi lasciati a dimora suo meccanismo è ancora sconosciuto. In altri
per 15 min. 2: gruppo di controllo di 10 lavori questo meccanismo è stato studiato dal
SHRs. 3: gruppo di controllo di 10 ratti punto di vista neurologico, umorale, endocrino. In
Wistar normali. Tutti i ratti dei gruppi 2 e questo lavoro abbiamo studiato gli effetti del-
3 subivano lo stesso trattamento dei ratti l’agopuntura su ratti spontaneamente ipertesi dal
del gruppo 1, ad eccezione dell’agopuntu- punto di vista della microcircolazione e
ra. La morfologia e il flusso nella dell’emoreologia.
microcircolazione della congiuntiva bulbare
erano evidentemente compromessi nei
SHRs: i capillari con flusso erano ridotti di Materiali e metodi
numero, le arteriole erano spastiche e di 1. Animali: 25 SHRs e 10 Wistar, d’ambo i sessi
diametro ridotto, le venule erano dilatate e e di peso sui 250g. I ratti sono stati divisi in tre
mostravano un flusso rallentato, la viscosità gruppi: (1) agopuntura: 15SHRs, (2) controllo: 10
ematica era aumentata, l’ematocrito più SHRs e (3) controllo con 10 Wistar normali. Il
elevato e il tempo per l’elettroforesi degli primo gruppo è stato trattato con i seguenti punti:
eritrociti prolungato. Il sangue mostrava quchi (11LI), taichong (3LR), hegu (4LI) e zusanli
una condizione di elevata viscosità, con- (36ST). Il trattamento era effettuato mattino e
centrazione ed aggregazione. Dopo il trat- pomeriggio. Gli aghi venivano lasciati in sede per
tamento con agopuntura, oltre alla caduta 15 min, durante i quali venivano manipolati in
dei valori pressori si è ottenuto un miglio- dispersione con rapide rotazioni ogni 5 min. 15
ramento sensibile della morfologia e del giorni di trattamento continuato formavano un
flusso della microcircolazione nella ciclo. I ratti del secondo e terzo gruppo erano
trattati come il primo, ad eccezione dell’agopun-
tura, cioè con lo stesso metodo di fissazione,
prelievo di sangue, tempo e metodo di osservazio-
* The Institute of Acupuncture and Moxibustion, Anhui ne.
College of TCM, Hefei 2. Parametri di osservazione. (1) Pressione san-

63
guigna misurata sulla coda dei ratti con un elettro- sono state differenze significative (P>0.05). Vedi
sfigmomamometro tipo SK-50 di costruzione giap- Tabelle 1-3.
ponese modificato e con un registratore RM-85 (a 3. Emoreologia
conduttori isolati multipli sempre di fabbricazio- I valori emoreologici di viscosità ematica e
ne giapponese. (2) Microcircolazione della plasmatica, di potere riducente del sangue intero,
congiuntiva bulbare osservata con il metodo di di ematocrito e di elettroforesi degli eritrociti
Xiu Ruijiuan. (3) Emoreologia con campioni erano molto diversi nei due due gruppi di SHRs e
prelevati dal plesso venoso intraorbitario e trattati ratti normali (P<0.001). Nel gruppo dei trattati la
con eparina. La viscosità ematica, l’ematocrito e viscosità ematica e l’ematocrito sono diminuiti
il tempo di elettroforesi degli eritrociti sono stati mentre l’elettroforesi eritrocitaria ha subito una
misurati con gli emoreometri SDZ-2 e SDX-3 significativa accelerazione rispetto a prima del
costruiti a Wuxi in Cina. trattamento (P<0.01 oppure P<0.05). Nel gruppo
di controllo di SHRs non ci sono state differenze
significative (P>0.05). Vedi Tab. 4.
Risultati
1. Pressione sanguigna
Nel gruppo di SHRs trattati, i valori pressori sono Discussione
scesi da 27.52+-1.27kPa (M+-DS) prima del trat- 1.Effetti dell’agopuntura
tamento a 23.67+-1.34kPa (M+-DS) dopo il trat- Il ratto spontaneamente iperteso (SHR) è un mo-
tamento (P<0.001). Nel gruppo di SHRs non dello animale in cui le modificazioni patologiche
trattati non ci sono state differenze significative sono simili a quelle dell’uomo. La microcircolazio-
(P>0.05). ne della congiuntiva bulbare riflette lo stato fun-
2. Microcircolazione nella congiuntiva bulbare zionale della microcircolazione intracorporea.
Nei SHRs, la morfologia e il flusso della Abbiamo visto nei SHRs la diminuzione della rete
congiuntiva bulbare mostravano delle evidenti capillare, la riduzione di diametro delle arteriole,
anomalie: riduzione del numero dei capillari con la dilatazione della venule con segni di stasi
flusso (bassa densità della rete capillare), spasmo venosa, il rallentamento o l’arresto del flusso. Dal
delle arteriole con riduzione del diametro, dilata- punto di vista emoreologico abbiamo visto l’au-
zione delle venule con segni di stasi venosa (au- mento della viscosità ematica, dell’ematocrito e la
mento del rapporto V/A), rallentamento del flus- riduzione dell’elettroforesi eritrocitaria (il signi-
so. Le differenze erano significative rispetto ai ficato di questo valore è una riduzione delle cari-
ratti sani del gruppo di controllo (P<0.001). Alla che elettriche di superficie dei globuli rossi, con
fine del trattamento nel gruppo dei trattati vi aumento della loro aggregazione). Il sangue quin-
erano delle evidenti modificazioni: aumento della di era nella condizione di aumentata viscosità,
densità della rete capillare, diminuzione del rap- concentrazione ed aggregazione. Dopo il tratta-
porto V/A, cioè diminuzione della stasi venosa e mento con agopuntura, abbiamo assistito alla di-
dello spasmo arteriolare, aumento del valore di minuzione dei valori pressori e al miglioramento
flusso. Nel gruppo di controllo di SHRs non ci della morfologia, del flusso e dei valori

Tabella 1. Densità della rete capillare nei vari gruppi

Gruppo (n) Numero delle reti capillari per mm (M±SD)


2

A 15 152.27±7.74* 165.87±4.69∆∆∆
prima agopuntura dopo agopuntura
B 10 150.00±7.76* 154.60±5.82
C 10 188.50±14.19 189.90±12.57

emoreologici della microcircolazione bulbare. puntura quali la riduzione della viscosità ematica,
2. Meccanismo dell’agopuntura nella diminuzio- la riduzione dello spasmo arteriolare, la riduzione
ne della pressione sanguigna dell’aggregazione eritrocitaria, l’incremento del-
Gli effetti sperimentalmente dimostrati dell’ago- la rete capillare, l’eliminazione della stasi venosa

64
Tabella 2. Rapporto V/A nella microcircolazione della congiuntiva bulbare

Gruppo (n) V/A (M ± SD)

A 15 3.90±0.26* 3.02±0.23∆∆∆
prima agopuntura dopo agopuntura
B 10 3.85±0.22* 3.92±0.16
C 10 1.58±0.13 1.56±0.15

Tabella 3. Valori integrali di flusso nella microcircolazione della congiuntiva bulbare

Gruppo (n) Valore integrale del flusso ematico (M ± SD)

A 15 3.54±0.21 3.94±0.21∆∆∆
prima agopuntura dopo agopuntura
B 10 3.50±0.24* 3.48±0.28
C 10 6.42±0.26 6.48±0.22

Tabella 4. Risultati dell’emoreologia (M+-DS)

Gruppo (n) Trattamento Viscosità del Viscosità del Riduzione delle Ematocrito Tempo di
sangue plasma viscosità del sangue (%) elettroforesi
eritrocitaria
(sec.)

prima 6.34±0.45* 2.21±0.21* 9.01±0.65* 59.36±2.17 15.10±0.33*


A 15
dopo 5.91±0.29∆∆ 1.89±0.13∆∆∆ 8.47±0.52∆ 57.68±1.60∆ 14.83±0.29∆

prima 6.30±0.42* 2.18±0.23* 8.98±0.67* 59.34±2.31* 15.12±0.34*


B 10
dopo 6.32±0.37 2.22±0.22 9.03±0.69 59.37±2.33 15.19±0.24

C 10 dopo 4.31±0.51 1.76±0.14 6.64±0.62 49.63±3.04 13.04±0.47

si traducono nella diminuzione delle resistenze delle resistenze periferiche tramite la correzione
periferiche e quindi della pressione sanguigna. In delle alterazioni morfologiche ed emoreologiche
una parola si può concludere che di fatto, il mec- della microcircolazione.
canismo d’azione dell’agopuntura è la riduzione

65
Effetto di qingyangshen sull’espressione del gene per
alfa e beta tabulina nell’ippocampo in corso di
epilettogenesi indotta con acido kainico
Guo Qing, Kuang Peigen *

Usando sonde con ytratti marcati di DNA antiepilettica.


per alfa e beta tubulina e la tecnica di La sua azione, confrontata con la difenilindantoina
ibridizzazione a chiazze di Northern, ab- (DPH) è di lunga durata e scevra da effetti
biamo analizzato gli effetti dell’iniezione collaterali. Abbiamo riscontrato che QYS può
intraperitoneale di qingyangshen (QYS), influenzare i sistemi di neurotrasmissione cere-
un farmaco della MTC ad azione brale (comprese Ach, monoamine e neuropeptidi)
antiepilettica, e della difenilindantoina senza interferire con la concentrazione plasmatica
(DPH) sull’espressione del gene per alfa e di zinco e rame. È già proposto come particolar-
beta tubulina nell’ippocampo in corso di mente utile per quei pazienti poco sensibili ai
epilessia cronica indotta con acido kainico. farmaci tradizionali quali la DPH. L’acido Kainico,
Abbiamo riscontrato che: 1. 30 giorni dopo analogo strutturale del glutammato, è un potente
l’iniezione intraperitoneale di acido kainico eccitante e convulsivante. L’iniezione
(KA) negli animali che mostravano crisi intraperitoneale di KA nei ratti produce un danno
convulsive croniche gli RNAm per alfa e cerebrale e l’insorgenza di attacchi spontanei e
beta tubulina erano aumentati rispettiva- recidivanti di epilessia limbica. Perciò rappresen-
mente 3.02±1.05 e 4.07±1.32 volte rispetto ta un utile modello di epilessia temporale umana.
ai controlli; 2. QYS (15mg/Kg, qod per 6 L’ippocampo è la struttura più sensibile agli effet-
giorni) somministrati separatamente non ti epilettogeni del KA. Lo sviluppo e la
erano in grado di contrastare gli effetti del generalizzazione degli attacchi indotti dal KA
KA; 3. la somministrazione combinata di sono accompagnate dallo sprouting (gemmazione)
QYS e DPH agli stessi dosaggi del punto 2 di fibre muscoidi e dallo sviluppo di nuove sinapsi
erano in grado di ridurre significativamen- e contatti aberranti. I microtubuli, formati da alfa
te l’aumento dell’espressione del gene per e beta tubulina, sono componenti integranti dei
la tubulina. neuriti in crescita e perciò tappe fondamentali nei
La riduzione degli RNAm per alfa e beta processi di rigenerazione e di sprouting. Come
tubulina diminuiva rispettivamente a abbiamo dimostrato in precedenti lavori, nei pro-
0.44±0.08 e 0.50±0.10 volte rispetto agli cessi di epilettogenesi indotta dal KA e di sprouting
animali trattati solo con KA. I risultati di fibre muscoidi nei ratti è coinvolta, sul piano
indicano che l’azione antiepilettica di QYA della biologia molecolare, una maggior espressio-
è almeno parzialmente, legata all’inibizio- ne ippocampica del gene alfa e beta tubulina.
ne della sintesi di tubulina e conseguente Abbiamo inoltre posto una correlazione tra fre-
riduzione dello sprouting di fibre muscoidi quenza e severità delle crisi convulsive e aumen-
e della neosinaptogenesi. tata espressione del gene per la tubulina, partico-
larmente negli attacchi spontanei ad andamento
Qingyangsheng (QYS), Cynanchum Otophyllum cronico. In questo lavoro abbiamo analizzato l’ef-
Shncid radix, è un farmaco della MTC ad azione fetto del QYS e della DPH sulla espressione
ippocampica del gene per la tubulina alfa e beta,
durante le crisi epilettiche ad andamento cronico
indotta dal KA.
* Neurotrasmitter Laboratory, Department of Neurology,
Chinese PLA General Hospital, PLA Postgraduate Medical
School, Beijing, China

66
MATERIALI E METODI sono stati sviluppati (espansi) mediante trasfezione
in E. choli JM103, purificati con il metodo della
Sono stati usati 61 ratti Wistar maschi del peso di precipitazione PEG e testati per la purezza me-
180-220 g. Tutti i farmaci sono stati somministrati diante l’analisi restrittiva con PstI. I segmenti di
per via intraperitoneale. I ratti sono stati divisi a DNA per alfa e beta tubulina sono stati marcati
random in 5 gruppi: usando il Prime-a-gene labeling system (Promega)
1. gruppo KA (13 ratti): ad ogni ratto è stata contenente P32-citosina-tiamina-fosfato (32P-
somministrata una singola dose di KA (10mg/Kg, CTP) (Furi Biological Engeneering Co.).
Sigma); Uguali quantità di 10 microgrammi di RNA sono
2. gruppo QYS+KA (11 ratti): QYS 15mg/Kg state sottoposte ad elettroforesi su gels denaturanti
quattro volte al giorno x 6 giorni; di formaldeide-agaroso e successivamente assor-
3. gruppo DPH+KA (11 ratti): DPH 50 mg/Kg x bite (strisciate) su membrane di nylon. Dopo
6 giorni; incubazione a 80°C per 2 ore, prebridizzazione e
4. gruppo QYS+DPH+KA (13 ratti): QYS 15 mg/ ibridizzazione con i segmenti del DNA per alfa e
Kg e DPH 50 mg/Kg x 6 giorni; beta tubulina marcati con P32 a 42C per 48 ore, le
5. gruppo di controllo (13 ratti): ad ogni ratto è membrane sono state lavate e autoradiografate. I
stata somministrata una singola dose di egual segnali dell’RNAm sono stati quantificati con
volume di fosfato in soluzione tamponata a pH l’analisi dell’immagine (IBAS2000, Germania). I
7.4. Ai ratti dei gruppi 2,3,4 è stata somministrata, dati densitometrici sono stati espressi come per-
subito dopo l’ultima iniezione, la dose di KA, centuale dei controlli e riferiti come M ± DS.
10mg/Kg. Al termine delle somministrazioni le
risposte comportamentali dei ratti sono state os-
servate in continuazione per 30 giorni.
Estrazione dell’RNA cellulare. Al 30° giorno gli RISULTATI
animali sono stati sacrificati per decapitazione.
Rimossi i cervelli, sono state realizzate le sezioni Dei 13 ratti del gruppo KA, 8 (61.54%) hanno
dell’ippocampo su piastra fredda (al microtomo mostrato crisi epilettiche 2 ore dopo l’iniezione.
congelatore). L’RNA cellulare totale Le crisi acute duravano 1-2 giorni ed erano carat-
dell’ippocampo è stato rimosso con il metodo terizzate da brevi episodi di “sguardo fisso”, da
AGPC e dosato con il metodo fotometrico tramite “scuotimenti a cane bagnato”, movimenti
l’assorbimento a 260 nm. masticatori e faciali, tremori delle zampe anterio-
I plasmidi pBR322, ottenuti mediante ri, sollevamenti sulle zampe, perdita del controllo
ibridizzazione a chiazze di Northern, contenenti il posturale e perfino stato epilettico. 5 ratti (38.46%)
segmento di DNA per alfa e beta tubulina di pollo hanno avuto crisi spontanee senza aggiunta di KA
inserito sul sito PstI, donati dal prof. Gan S-D a distanza di 10-30 giorni dalla prima
dell’Accademia Militare delle Scienze Mediche, somministrazione di KA (tab. 1)

Tabella 1. Effetto di QYS e/o DPH sulle crisi comportamentali indotte dal KA

Gruppo animali Numero animali Numero animali Numero animali


con crisi acute con crisi croniche

Controllo 13 0 (0%) 0 (0%)


KA 13 8 (61.54%) 5 (38.46%)
QYS + KA 11 8 (72.73%) 4 (36.36%)
DPH + KA 11 6 (54.55%) 5 (45.45%)
QYS + DPH + KA 13 3 (23.08%) 1 (7.69%)*

* P < 0.01

Analogamente l’analisi delle chiazze (macchie) 3.02±1.05 e 4.07±1.32 volte rispetto ai controlli
di Northern, ha rivelato l’aumento degli RNAm (per entrambi P<0.01). Vedi fig. 1.
per alfa e beta tubulina, rispettivamente di Negli animali dei gruppi QYS+KA e DPH+KA,

67
malgrado le ripetute somministrazioni di QYS e e DPH somministrate separatamente non sono in
DPH rispettivamente non sono state osservate grado di modificare gli effetti linici e molecolari
modificazioni significative sia nelle crisi del KA. Analogamente all’epilessia temporale il
comportamentali indotte da KA che nell’espres- modello KA è relativamente resistente ai farmaci
sione del gene per la tubulina. Nel gruppo antiepilettici.
QYS+DPH+KA la frequenza delle crisi ad anda- Abbiamo dimostrato, di contro, che la
mento cronico e l’aumento degli RNAm indotti somministrazione contemporanea e ripetuta di
dal KA si sono dimostrati significativamente ri- QYS e DPH è in grado di ridurre significativa-
dotti. Trenta giorni dopo l’iniezione del KA, gli mente le crisi epilettiche e l’aumentata espressio-
RNAm per alfa e beta tubulina nell’ippocampo ne genica delle tubuline nell’ippocampo. I risul-
erano aumentati solo 1.33±0.21 e 2.05±0.47 volte tati suggeriscono, in accordo con nostre prece-
rispetto ai controlli. Rispetto ai valori del gruppo denti osservazioni cliniche, che QYS, usato in
KA la diminuzione è stata significativa). combinazione con altri farmaci tradizionali
antiepilettici, può avere un’efficacia definitiva
nell’epilessia refrattaria. Gli stessi risultati, inol-
tre, forniscono ulteriori basi molecolari per com-
DISCUSSIONE prendere le proprietà antiepilettiche di QYS e la
sua azione sulla ricostruzione morfologica e sulla
Una singola iniezione intraperitoneale di KA nei plasticità durante le crisi ippocampiche. Infatti,
ratti produce non solo delle crisi convulsive acute l’aumentata espressione genica per alfa e beta
a rapida insorgenza (di solito 1-2 ore dalla tubulina, unitamente allo sprouting di fibre
somministrazione) ma anche crisi limbiche muscoidi e alla formazione di nuove sinapsi e
recidivanti ad andamento cronico per un periodo circuiti eccitatori, portano all’incremento dei mec-
relativamente lungo (di solito 8-10 giorni dalla canismi eccitatori. QYS usato in combinazione
somministrazione per durare perfino mesi). Que- con DPH è in grado di ridurre l’espressione genica
sta importante caratteristica dell’azione della tubulina nell’ippocampo e quindi il rag-
epilettogena del KA lo rende un modello ideale di gruppamento di microtubuli, di inibire lo sprouting
crisi epilettiche parziali complesse. La fibra delle fibre muscoidi e la neosinaptogenesi.
muscoide dell’ippocampo è l’assone delle cellule Riteniamo che le sue proprietà antiepilettogene
granulose che stabilisce contatti sinaptici con gli siano legate a questa capacità di modulare l’equi-
interneuroni della regione inferiore e con la parte librio tra eccitazione e inibizione nell’ippocampo.
prossimale dei dentriti apicali dei neuroni Nel nostro laboratorio sono in corso altri studi,
piramidali giganti della regione CA3. Le mediante ibridizzazione in situ, per indagare sulla
terminazioni della fibra muscoide contengono e distribuzione cellulare nell’ippocampo delle
rilasciano glutammato e peptidi oppioidi respon- espressioni del gene per alfa e beta tubulina.
sabili dell’attività epilettogena della regione CA3.
Altri studi sui ratti hanno dimostrato che a 4
settimane dalla somministrazione di KA si verifi-
cano degli sproutings collaterali delle fibre
muscoidi che attraversano lo strato granuloso e
raggiungono il terzo interno dello strato
molecolare. La fibra muscoide forma una nuova
banda (striscia) aberrante infrapiramidale nelle
aree CA3 e una banda complessa nello strato
sopragranulare della fascia dentata unitamente a
nuove sinapsi con i dendriti granulari. In questi
fascicoli aberranti e nelle zone di reinnervazione
si verifica un significativo aumento di siti
recettoriali per il KA. Significativamente è già
stato riscontrato che lo sprouting di fibre muscoidi
è maggiore negli animali dove le crisi croniche
sono più frequenti. Abbiamo già scoperto in pre-
cedenza che una delle basi molecolari dello
sprouting delle fibre muscoidi indotto dal KA e
delle crisi epilettiche è l’aumentata espressione
ippocampica del gene per le alfa e beta tubuline.
Nel presente studio abbiamo dimostrato che QYS

68
Studi sugli effetti terapeutici dei farmaci tradizionali
cinesi nella glomerulonefrite sperimentale
Wei Min, Zhu Lingqun, Huang Qifu, Xu Wenzhog, Li Boguang *

La glomerulonefrite, un’importante causa Coli. La settimana successiva vengono iniettati


di patologia renale, è un disturbo su base giornalmente per quattro settimane 25 mg di C-
immunologica. L’anormalità della reazio- BSA ed il dosaggio viene portato a 50 mg, sempre
ne allergica e della coagulazione del san- giornalieri, fino a giungere a 8 settimane, quando
gue giocano un ruolo importante nella sua l’animale è sacrificato.
patogenesi. In terapia clinica vengono spes-
so usati con successo i farmaci tradizionali
cinesi, perciò, riuscire a capire i loro effetti Suddivisioni
terapeutici e i meccanismi tramite controlli I 32 conigli pesano cica 2.5 Kg ciascuno e sono
di laboratorio è un compito molto impor- divisi in modo randomizzato in quattro gruppi:
tante. 1. gruppo patologico di controllo: a questo grup-
In generale, i farmaci della medicina cinese po, composto di 10 conigli, non viene sommini-
sono spesso somministrati sotto forma di strato nessun farmaco, per poter studiare il natura-
prescrizioni complesse e gli effetti le decorso dei mutamenti patologici;
farmacologici non sono semplici da rileva- 2. gruppo GCT: 8 conigli sono trattati con GCT
re, così per questo studio, abbiamo sommi- (ottenuto dalla Casa Farmaceutica Yangzhou), il
nistrato elementi farmacologici presi sin- farmaco è somministrato per via venosa giornal-
golarmente: ganoderma Capens Teng mente ad un dosaggio di 6 ml, dalla
(GCT) e Ligustrazine per una terapia speri- preimmunizzazione fino alla morte;
mentale. 3. gruppo trattato con Ligustrazine: 7 conigli sono
trattati con Ligustrazine (ottenuta dalla Casa Far-
maceutica Beijing n° 4) ad un dosaggio iniettivo di
40 mg giornalieri, dall’immunizzazione fino alla
MATERIALI E METODICA morte;
4. gruppo normale: 7 conigli sono sottoposti ad
Preparazione di un coniglio con una iniezione giornaliera di 4 ml di soluzione
glomerulonefrite salina.
In conigli maschi, bianchi, giapponesi si provoca
una glomerulonefrite con l’iniezione di Analisi
sieroalbumina cationica bovina (C-BSA), in ac-
cordo con la metodica di Border. 1. Funzioni renali
L’originale BSA (ottenuta dall’Istituto Biochimi- A Proteinuria: ogni settimana sono presi campio-
co, CAS) è modificata tramite procedure chimi- ni di urine delle 24 ore e testati per la ricerca
che per giungere al C-BSA con un punto proteica.
isoelettrico PI>9.0. B Creatinina: vengono prelevati campioni di san-
Per una preimmunizzazione i conigli vengono gue dai conigli e testati per la creatinina al termine
trattati con iniezione intravenosa di mg 1 di C- della 4°, 6° e 8° settimana.
BSA abbinata ad 1 mg di endotossina di Bacillus 2. Esame istopatologico del tessuto renale: le
biopsie renali sono eseguite alla 4° e 6° settimana
e l’autopsia alla fine dell’8° settimana.
I campioni per la biopsia/autopsia sono divisi in 3
* Department of Phatology, Beijing College of TCM parti: a. sezioni congelate e colorate con FITC

69
legato a IgA anti-coniglio ed esaminato con mi- alla 7° o 8° settimana. Tutti i sintomi sono inferio-
croscopio a fluorescenza; b. sezioni con paraffina ri nel gruppo terapeutico e non si giunge alla
fissata per mezzo di formalina e colorate con HE, morte.
PAM-HE, PA-Masson e PTAH e lette con un
microscopio luce; c. sezioni con resina, fissate
con gluteraldeide ed acido osmico, colorate con Funzioni renali
uranio ed esaminate per mezzo di un microscopio 1. Proteinuria: il gruppo patologico di controllo
elettronico a trasmissione. mostra una severa proteinuria che persiste per
3. Analisi morfometrica per mezzo del microsco- tutto l’esperimento, toccando un picco di 400 mg
pio ottico ed elettronico giornalieri alla 5° settimana. Nel gruppo
a. Microscopio ottico: sono state osservate le terapeutico la proteinuria diminuisce in maniera
modificazioni morfologiche glomerulari, il nu- ragguardevole e raggiunge un picco di solo 150
mero delle cellule glomerulari, gli spessori della mg giornalieri.
parete capillare glomerulare e l’evoluzione della 2. Creatinina sierica: il gruppo di controllo mo-
patologia. Le sigle usate nell’analisi morfometrica stra una progressiva azotemia, con un aumento
sono: D (diametro medio), V (volume medio), S della creatinina sierica che raggiunge i 450 mol/l
(superficie media), B (perimetro medio), A (pro- all’8° settimana.
filo medio), Ss (superficie specifica), Vv (densità Nel gruppo terapeutico, l’azotemia è diminuita
volumetrica), Sv (densità di superficie), Nv (den- con un valore sierico di creatinina che permane
sità numerica), NA (densità numerica su area). attorno ai 150 mol/l.
Questi rilevamenti sono tutti fatti con l’Image Analisi con il microscopio a fluorescenza
Analysis System (Cambridge Instrument Tutti gli animali testati mostrano un deposito di
QUANTIMET 970); IgG lungo la parete dei capillari glomerulari con
b. Microscopio elettronico: sono state osservate e una diffusione uniforme granulare (fini granuli
misurate le modificazioni morfologiche dei depo- portano a granulazioni grossolane).
siti densi subepiteliali e lo spessore della membra- Nel gruppo di controllo patologico, l’intensità
na basale glomerulare (GBM 9). della fluorescenza è maggiore e al termine della 6°
4. Test sulla trasformazione dei linfociti T settimana lo spazio di Bowman mostra un essudato
Sia nel gruppo patologico che nel gruppo GCT che contiene IgG.
sono preparate, alla fine della 6° settimana, so- Nel gruppo terapeutico l’intensità della fluore-
spensioni di linfociti splenici di coniglio, si usano scenza è debole, i granuli presentano un disegno
fitoemoagglutinine (PHA), incorporate con tritiato inferiore, nello spazio di Bowman non c’è essudato,
timidinico (3HTdR) e contate con oscillometro suggerendo che i farmaci della medicina tradizio-
(Beckman 5801). nale cinese siano in grado di inibire la reazione
5. Aggregazione piastrinica (PAGT) immunitaria umorale nei processi
Sia nel gruppo patologico che nel gruppo trattato immunopatologici.
con Ligustrazine, il sangue di coniglio è esamina-
to alla fine della 4° e 8° settimana, e indotto
dall’acido arachidonico o della trombina, viene Modificazioni immunopatologiche e
poi misurato con un aggregometro.
6. Contenuti di perossidasi lipidica (LPO), attivi- analisi morfometrica
tà della dismutasisuperossido (SOD) e della 1. Microscopio ottico: nel gruppo di controllo
perossidasi glutatione (GSH-px) della corteccia patologico, le differenti lesioni appaiono a diffe-
renale renti stadi. Al termine della 4° settimana si osser-
Al termine dell’8° settimana, la corteccia renale vano la proliferazione mesangiale e alcune punte.
del gruppo trattato con Ligustrazine e del gruppo Alla fine della 6° settimana si notano un
patologico è omogenizzata e testata per la LPO, ispessimento uniforme della parete capillare (tipi-
SOD e GSH-px. ca modificazione membranosa), punte diffuse e
depositi subepiteliali. Nello spazio di Bowman
appare un essudato con proteine. Al termine dell’8°
RISULTATI settimana appaiono alcuni accrescimenti e una
sclerosi glomerulare. Nel gruppo terapeutico tutte
Condizioni generali le manifestazioni appaiono diminuite, l’analisi
Tutti gli animali testati mostrano vari gradi di morfometrica sulle lesioni glomerulari mostra
stanchezza e anoressia. Il gruppo patologico di che tutti i valori nel gruppo patologico aumentano
controllo mostra una severa reazione con forte progressivamente ed i glomeruli iniziano ad au-
edema e tutti muoiono per insufficienza renale mentare di volume giorno dopo giorno.

70
Tabella 1.Analisi morfometrica delle lesioni glomerulari (M±SE)

Settim. Gruppi N° D V S Ss B Vv Nv Sv Na
µm x10 mm x10 mm mm /mm
-4 3 -2 2 2 3
µm % mm -3
mm /mm 2 3
mm -2

N 452 79.74 2.96 2.83 73.16 230.14 1.50 53.13 1.08 4.93
(n=7) ±4.95 ±052 ±0.25 ±5.04 ±15.17 ±0.19 ±7.88 ±0.07 ±0.72

4 P 334 107.58 7.83 4.01 57.63 307.95 3.01 39.85 1.63 3.50
(n=6) ±5.30 ±1.15 ±0.39 ±5.59 ±19.60 ±0.49 ±3.34 ±0.29 ±0.73

T 408 83.55 3.32 2.65 70.17 245.38 1.69 51.18 1.18 4.17
(n=7) ±3.91 ±0.81 ±0.29 ±4.12 ±17.40 ±0.21 ±5.56 ±0.54 ±059

6 P 296 128.74 11.37 5.28 46.65 354.88 5.38 34.16 2.08 2.95
(n=6) ±5.64 ±1.37 ±0.42 ±3.14 ±20.41 ±1.47 ±3.67 ±0.28 ±0.32

T 433 87.84 3.65 2.71 68.30 259.27 2.03 42.45 1.32 3.98
(n=7) ±4.13 ±0.54 ±0.34 ±4.81 ±13.03 ±0.98 ±3.38 ±0.20 ±0.81

8 P 317 116.30 8.67 4.36 53.79 326.96 3.46 35.72 1.77 3.02
(n=6) ±10.69 ±2.32 ±0.79 ±6.12 ±22.15 ±0.67 ±3.89 ±0.20 ±0.34

T 392 98.79 5.85 3.06 64.78 270.44 2.68 41.97 1.42 3.61
(n=7) ±6.01 ±0.99 ±0.18 ±2.27 ±28.91 ±0.33 ±2.37 ±0.26 ±0.29

Tabella 2.Distribuzione delle cellule glomerulari e modifiche dello spessore dalla parte dei capillari

N°di cellule per glomerulo Spessore della parete capillare


Gruppo N°di glom.
4 sett. 6 sett. 8 sett. 4sett. 6 sett. 8 sett.

N (n=7) 175 64.51±1.82* 60.21±2.04* 61.98±1.44* 0.23±0.04* 0.37±0.05* 0.35±0.05*


P (n=6) 150 87.75±2.68 109.23±3.49 94.84±4.96 2.02±0.21 2.69±0.16 3.05±0.18
T (n=7) 200 66.78±5.92* 72.56±9.85* 81.45±8.03* 1.17±0.28* 1.48±0.22* 1.92±0.30**

Note: Confronto con il gruppo P, * P<0.01, ** P<0.05

Tabella 3. Analisi morfometrica sulle formazioni crescenti sviluppate all’8a settimana (X±SD)

Gruppo N° N° animali Percentuale Media Volume Perimetro Differenza Differenza


con form. cresc. delle form. cresc. medio medio in superficie nel volume

P 103 5/5 51.84 5.41±0.10 30.9±5.29 0.48±0.07 25.5±2.70 13.2±0.80


T 2 1/6 0.97 2.03±1.25** 8.27±0.84** 0.26±0.07* 12.3±0.31*** 4.7±0.61**

Note: confronto con il gruppo P, * P< 0.05, ** P < 0.01, *** P < 0.001

Nel gruppo terapeutico, tutti i parametri sore della parete capillare. Le modificazioni sono
morfometrici diminuiscono. Sono significative le diminuite nel gruppo terapeutico, esistono signi-
differenze tra i due gruppi (P<0.01). Nel gruppo ficative differenze fra questi due gruppi (P<0.01).
patologico, il rapporto numero di cellule/glomeruli All’8° settimana si misurano anche la crescita
aumenta progressivamente, come anche lo spes- delle mezzelune: nel gruppo patologico le mezze-

71
lune appaiono in tutti i 6 conigli, per un totale di co, i depositi densi subepiteliali appaiono in pro-
103 ed una percentuale di presenza di formazioni gressivo aumento, come mostrato da un’analisi
di crescita di 51.84%. Nel gruppo terapeutico, le morfometrica (tab. 4). Tutti i parametri
formazioni crescenti appaiono solo in un coniglio morfometrici del gruppo terapeutico si sono al-
e ne appaiono 2, con una percentuale di crescita di leggeriti, si evidenziano così delle sostanziali
formazioni equivalente a solo 0.97%. Il risultato differenze tra i 2 gruppi (P<0.01).
dello studio morfometrico sulle formazioni cre- Lo spessore della GBM nel gruppo di controllo è
scenti è mostrato nella tabella 3. Si possono notare di 149 mm. Anche lo spessore della GBM rag-
le differenze sostanziali tra i due gruppi (P<0.01). giunto al termine dell’8° settimana nel gruppo
2. Microscopio elettronico: nel gruppo patologi- patologico (873 mm) e nel gruppo terapeutico

Tabella 4. Analisi morfometrica dei depositi densi epiteliali TEM (M±SE)

Settim. Gruppi N°di A B V Ss Vv Nv Na Sv


foto µM 2 µM µM 3 µM2/µM3 % µM-3 µM-2 µM2/µM3

4 P 30 0.19 1.68 0.08 13.96 5.16 1.03 0.47 0.52


(N=6) ±0.014 ±0.082 ±0.007 ±0.794 ±0.401 ±0.069 ±0.026 ±0.042

T 35 0.11 1.30 0.03 17.45 0.58 0.29 0.13 0.11


(N=7) ±0.014 ±0.015 ±0.059 ±0.340 ±0.233 ±0.043 ±0.025 ±0.018

6 P 30 0.29 2.27 0.12 11.23 7.89 0.67 0.39 0.77


(N=6) ±0.013 ±0.058 ±0.008 ±0.386 ±0.449 ±0.051 ±0.022 ±0.051

T 35 0.17 1.58 0.06 15.39 1.07 0.21 0.085 0.16


(N=7) ±0.001 ±0.066 ±0.005 ±0.407 ±0.391 ±0.016 ±0.019 ±0.026

8 P 30 0.38 2.64 0.21 10.21 10.93 0.54 0.33 0.94


(N=6) ±0.023 ±0.105 ±0.016 ±0.404 ±0.911 ±0.042 ±0.020 ±0.053

T 35 0.22 1.87 0.14 14.16 1.92 0.18 0.07 0.29


(N=7) ±0.061 ±0.009 ±0.010 ±0.552 ±0.357 ±0.015 ±0.021 ±0.031

Tabella 5. Modifiche nello spessore di GBM (nm) (M±SE)

Gruppo 4 settimane 6 settimane 8 settimane

P (n = 6) 316.38±23.05 568.33±31.22 873.23±50.67


T (n = 7) 181.52±10.63 * 201.47±16.50 * 270.44±3.29 *

(270 mm) evidenzia una significativa differenza dimostra che la percentuale di trasformazione dei
tra i due gruppi (P<0.001, vedi tabella 5). linfociti T è diminuita nella glomerulonefrite ed
anche la funzione immunitaria cellulare è diminu-
ita. La GCT può migliorare la trasformazione dei
Test sulla trasformazione dei linfociti linfociti T, suggerendo che GCT sia in grado di
Il valore medio del conteggio per minuto (cpm) incrementare la funzione dell’immunità cellulare,
nel gruppo di controllo normale è di 2889, è molto inibire l’immunità umorale, diminuire la produ-
inferiore nel gruppo patologico, con 1434 cpm ed zione di anticorpi e diminuire le lesioni
è di 2098 cpm nel gruppo GCT, con una significa- glomerulari.
tiva differenza tra i due gruppi (P<0.05). Questo

72
Tabella 6. Effetti del GCT sul test di trasformazio- evidente raggiungendo il 72% alla 4° settimana, il
ne dei linfociti T in vivo (3HTdR) (M±SE) sangue di coniglio mostra quindi uno stato di
ipercoagulabilità, ma, al termine dell’8° settima-
Gruppo cpm na, scende al 29% (inferiore che nel gruppo di
controllo normale), la funzione piastrinica è quin-
Gruppo patologico (n = 5) 1434±232 di diminuita dall’insufficienza renale.
Gruppo terapeutico (n = 5) 2098±159 ** Nel gruppo trattato con Ligustrazine, il PAGT è
Normale controllo (n = 5) 2889±253 * del 58% alla fine della 4° settimana, significativa-
mente inferiore che nel gruppo patologico
Note: confronto con il gruppo patologico, * P<0.01, ** (P<0.01). Questo dato suggerisce che il
P<0.05. Ligustrazine può indurre una diminuzione del
PAGT, mantenere stabili le piastrine, agire sul
meccanismo della coagulazione sanguigna ed al-
Reazione di aggregazione piastrinica leviare le lesioni glomerulari.
(PAGT)
Contenuti in LPO, attività del SOD e GSH-
La PAGT nel gruppo normale di controllo è del
45% (vedi tabella 7). px della corteccia renale
La PAGT del gruppo patologico aumenta in modo Nel gruppo patologico, il LPO è aumentato in

Tabella 7.Effetto del Ligustrazine su PAGT (%) (M±SE)

Acido arachidonico Trombina


4 settimane 8 settimane 4 settimane 8 settimane

Normale contr. 45.22±2.32 * 46.03±2.14 * 49.15±1.98 * 48.67±1.78 *


(n = 10)

Gruppo patologico 72.76±3.80 29.67±3.87 64.33±3.90 34.30±4.20


(n = 8)

Gruppo terapeutico 58.80±2.60 * 56.86±6.44 * 55.06±2.36 ** 53.95±6.04 **

Note: confronto con il gruppo P, * P<0.01, ** P<0.05

Tabella 8.Effetto del Ligustrazine su LPO, SOD e GSH-px nel tessuto renale (M±SE)

LPO SOD GSH-px


(nmol. mg. proteine) unit/mg pr.) (µmol NADPH/min/mg pr.)

Gruppo patologico 5.27±0.66 12.25±0.94 0.527±0.061


(n = 7)
Gruppo terapeutico 3.41±0.52 * 14.85±0.71 * 0.616±0.056
(n = 8)
Controllo 2.32±0.21 ** 15.58±0.68 * 0.703±0.052 *
(n = 8)

Note: confronto con il gruppo P, * P<0.05, ** P<0.01

modo considerevole, SOD e GSH-px sono dimi- ossigenasica.


nuiti, se paragonati al normale gruppo di controllo Nel gruppo trattato con Ligustrazine, il LPO è
(vedi tabella 8), indicando che il danneggiamento ridotto, mentre sono aumentate sia SOD che GSH-
della perossidasi lipidica nelle glomerulonefriti è px con una significativa differenza tra i due grup-
causato da radicali liberi o dall’attività pi, questo fatto suggerisce che il Ligustrazine può

73
essere efficace nel prevenire il danno da perossidasi
lipidica. Potrebbe giocare un ruolo di spazzino e
pulire i radicali liberi.

CONCLUSIONI

Il tradizionale farmaco cinese GCT può inibire


l’immunità umorale e ridurre il danno
immunologico. Il ligustrazine può migliorare lo
stato di ipercoagulabilità ematica.
Questi due farmaci possono alleviare le lesioni
nella glomerulonefrite.

74
Massoterapia

Trattamento dello stiramento del cuscinetto adiposo


infrapatellare per mezzo della manipolazione
osservazione dell’effetto terapeutico in 117 casi
Guo Xiaodong *

Lo stiramento o infiammazione del cusci- lato sinistro (49.6%) e 32 casi nel lato destro
netto adiposo infrapatellare è una delle (27.3%); 27 casi sono bilaterali (23.1%).
lesioni dell’articolazione del ginocchio che Circa il 10% dei casi ha una storia di evidente
più frequentemente si riscontrano in clini- trauma ed oltre il 90% soffre di stiramento cronico
ca, rappresenta infatti il 3-5% di tutte le o presenza di una artrite proliferativa (artrite trau-
patologie di questa clinica ed oltre il 50% di matica).
tutti i casi che si presentano per dolore al Una parte dei casi presenta una malacia della
ginocchio. I pazienti si rivolgono al medico patella o danneggiamenti delle cartilagini
sia per il dolore che per la limitazione semilunari o dei legamenti collaterali della fibula
funzionale. Dal momento che molti casi di e della tibia.
stiramento del cuscinetto adiposo
infrapatellare sono accompagnati ad un’ar-
trite su base traumatica del ginocchio, al
medico manca spesso una corretta com- MANIFESTAZIONI CLINICHE
prensione delle manifestazioni cliniche del
primo quadro per giungere a buoni risultati Sono preferenzialmente donne di media età che
con il trattamento. camminano molto o si piegano sui talloni, i pa-
Sin dal 1985 gli autori hanno trattato 117 zienti riferiscono un dolore del ginocchio colpito,
casi affetti da questa patologia con le mani- il quale il più delle volte è già dolente e gonfio; il
polazioni ottenendo discreti risultati, come dolore peggiora con l’estensione dell’articolazio-
descritto qui di seguito. ne.
Quando il paziente si piega o sale in autobus, se il
ginocchio colpito fa il movimento per primo,
tende a piegarsi di scatto, in modo da evitare il
DATI CLINICI GENERALI peggioramento del dolore in estensione, causando
al paziente il barcollamento o la caduta.
Sono stati trattati 117 casi e precisamente 99 Il dolore è anche aggravato quando l’articolazio-
pazienti di sesso femminile e 18 di sesso maschile, ne da uno stato di flessione passa ad un certo grado
con una percentuale rispettiva dell’84.6% e 15.4%. di estensione; a volte il paziente ha difficoltà ad
Il più giovane paziente ha 26 anni, mentre il più accovacciarsi o solo a piegarsi. Quando il pazien-
anziano 72, con un età media di 55.3 anni, l’età te si alza dalla posizione di accovacciamento,
maggiormente rappresentata è compresa tra 55 e spesso il dolore è esacerbato, costringendo il
65 anni con il 53.9% dei casi raccolti. paziente ad aiutarsi per compiere l’atto.
I pazienti provengono da differenti ambienti lavo- Il dolore del ginocchio può irradiarsi alla cavità
rativi, ma conducono la lista i pensionati e ancor poplitea e fino al tallone, lungo la regione poste-
di più le casalinghe. riore dell’arto; i sintomi peggiorano con la stan-
La patologia è presente in 90 casi in sede chezza e con il freddo.
monolaterale (76.9%), con 58 casi presenti nel L’esame obiettivo mostra che le due piccole fos-
sette poste al di sotto dell’apice del ginocchio
divengono ripiene e leggermente gonfie, con at-
* Institute of Orthopedics & Traumatology, China Academy
teggiamento in flessione forzata. Spingendo la
of TCM rotula verso il basso o verso il basso e l’esterno, la

75
pressione sulla inserzione della plica infrapatellare volte, in modo da risolvere l’incarceramento della
alla sulla sua inserzione o alla faccia posteriore plica infrapatellare ed anche la tensione delle parti
della rotula provoca una viva dolenzia. molli.
È possibile provocare dolenzia palpando la regio- I massaggi devono essere eseguiti 2 o 3 volte la
ne al di sotto del tendine rotuleo o quelle ad esso settimana.
mediali o laterali, è anche possibile rilevare Il trattamento manipolativo può essere integrato
impastamento e rigidità. Anche i tendini mediali con fumigazione od impacchi di decotti di farmaci
dal cavo popliteo spesso mostrano marcato tradizionali cinesi.
impastamento. La seguente è una prescrizione comunemente
Nei casi lievi non vi è limitazione della normale usata
escursione articolare del ginocchio ma, quando la
malattia si complica, il dolore la limita con un radix Ledebouriellae 12g
deficit di 5° - 10° in estensione e di 20° - 30° in radix Stephaniae tetrandrae 12g
flessione. Nei casi gravi vi può essere deformità di radix paeoniae rubra 12g
contrattura, di solito da 5 a 10°, che impedisce al lignum Sappan 9g
paziente di accovacciarsi completamente e rende flos Carthami 9g
difficoltoso il passaggio dalla stazione assisa a ramulus Cinnamomi 12g
quella eretta, provocando zoppia durante la rhizoma Atractylodis 12g
deambulazione. Luffa cylindrica (L.) Roem 12g
L’esame radiografico non mostra segni importan- Gaultheria yunnanensis Rehd. 12g
ti, tranne rari casi in cui vi è aumento della densità herba Lycopodii 12g
radix Achyranthis bidentatae 10g
della plica infrapatellare, la maggior parte dei casi
mostra i segni di un’artrite proliferativa del ginoc-
chio. Gli esami di laboratorio sono di solito nor-
mali.
RISULTATI DEL TRATTAMENTO

Dopo ciascun trattamento manipolativo, il range


TRATTAMENTO di movimento del ginocchio aumenta, la
sintomatologia dolorosa diminuisce ed il paziente
I principi del trattamento sono quelli di fluidificare può accovacciarsi o alzarsi con minor fatica. Il
la circolazione sanguigna e dell’energia vitale, ginocchio colpito, quando viene esteso nell’atto
risolvendo la stasi e rilassando i muscoli ed i di salire o scendere le scale o nell’atto di salire
tendini. Il trattamento comporta principalmente sull’autobus, è in grado di sostenere meglio il peso
delle manovre manuali. Vengono sottoposti a corporeo, probabilmente per un minor atteggia-
digitopressione i seguenti punti: biguan (ST31), mento barcollante e per una minore azione di
fengshi (GB31), futu (ST32), lianquan (ST34), scatto.
xuehai (SP10), heding (extra 31), xiyan (extra Sono stati ottenuti risultati soddisfacenti in tutti i
32), yanglingquan (GB34) e weizhong (UB40). casi dove è stato applicato il trattamento.
Dato che lo stress interessa il muscolo quadricipite 1. Criteri di inquadramento dei casi
femorale, si procede a massaggio dell’arto affetto Lieve: marcato dolore dell’articolazione e dolenzia
usando le tecniche del rotolamento e sopra il cuscinetto adiposo intrapatellare. L’arti-
dell’impastamento. Per sciogliere le aderenze do- colazione del ginocchio è leggermente gonfia con
vute alla plica infrapatellare, si applicano manipo- una leggera limitazione funzionale.
lazioni di impastamento, di spinta, di grattamento Severo: patologia protratta, severo dolore dell’ar-
e di profondità attorno all’apice del ginocchio e ticolazione e indolenzimento sopra il cuscinetto
lungo il tendine rotuleo. I punti dolenti del cavo adiposo intrapatellare con gonfiore, ispessimenti,
popliteo vengono trattati con massaggi di pressio- aderenze o incarcerazioni. I movimenti del ginoc-
ne, di impastamento, di separazione e riordino chio sono marcatamente limitati o provocano una
delle formazioni muscolo-tendinee. deformità in flessione, con presenza di contratture.
Col paziente a ginocchio semiflesso il medico La maggior parte dei casi è associata ad una artrite
afferra la rotula fra pollice e indice della mano deformante del ginocchio, ad una malacia patellare
destra e la muove verso l’alto diverse volte. Poi e ad un danno della cartilagine semilunare.
spinge la rotula verso il basso con la mano sinistra, 2. Criteri per la valutazione dell’effetto
tirando contemporaneamente la gamba con la terapeutico
mano destra. Guarigione: scomparsa di tutti i sintomi clinici e
Queste manove devono essere ripetute parecchie segni causati dalla modificazione patologica del

76
Tabella. Efficacia terapeutica

Nessuna efficacia Efficacia Forte efficacia Guerigione


Grado di N° casi N° tratt.
malattia N° casi % N° casi % N° casi % N° casi %

Lieve 13 3-5 0 0 0 0 0 0 13 100


Moderata 15 10-12 0 0 0 0 0 0 16 100
Grave 78 >20 0 0 7 8.97 47 60.26 24 30.77

cuscinetto adiposo intrapatellare. mezza età o negli anziani.


Marcato miglioramento: scomparsa del dolore, I sintomi dolorosi e la limitazione sono tuttavia
ma presenza di un leggero indolenzimento e gon- aggravati da traumi o stiramenti che possono
fiore nella regione del cuscinetto adiposo accompagnare uno stato artritico su base trauma-
infrapatellare. tica o occasionalmente possono essere abbinati a
La limitazione dei movimenti è minima ed il malacia della rotula o a danneggiamenti della
paziente può svolgere il suo usuale lavoro e con- cartilagine semilunare e dei legamenti collaterali
durre una vita normale. mediali o laterali, così da determinare un’ulteriore
Miglioramento: il dolore si è molto attenuato, il limitazione dei movimenti.
cuscinetto adiposo presenta ancora un leggero Purtroppo molti clinici si limitano a porre sempli-
gonfiore ed i movimenti dell’articolazione sono cemente diagnosi di artrite traumatica, senza por-
leggermente limitati. re la dovuta attenzione alla presenza di tensione
Inefficacia: non si apprezzano miglioramenti né della plica infrapatellare, sottovaluntando, a cau-
della sintomatologia né dei segni clinici. sa la loro limitatezza diagnostica, l’importanza
della onseguente gonalgia e di altri sintomi. L’espe-
rienza clinica ha dimostrato che molti pazienti
affetti da tensione della plica infrapatellare asso-
DISCUSSIONE ciata ad artrite postraumatica hanno avuto un
miglioramento od una risoluzione della
sintomatologia, ottenendo così risultati soddisfa-
Il cuscinetto adiposo infrapatellare è situato nello
spazio triangolare situato tra la rotula, il femore e centi dopo il trattamento manipolativo della plica
infrapatellare. Il trattamento del presente gruppo
la tibia, sotto il legamento patellare a forma di
di pazienti ha indubbiamente aperto una nuova via
farfalla, con il capo superiore inserito nella regio-
ne postero-inferiore della rotula, in modo da riem- nella cura di affezioni quali l’artrite post-trauma-
tica di ginocchio.
pire lo spazio articolare. È una struttura esterna
Il trattamento con manipolazioni, supportato da
alla membrana sinoviale articolare, che separa il
lato fibroso della capsula della sinovia e, grazie fumigazioni ed impacchi con decotti medicinali
tradizionali cinesi adottato in questo gruppo di
alla componente adiposa, provvede a lubrificare e
pazienti ha lo scopo di aprire le ostruzioni dei
proteggere l’articolazione dal frizionamento e dalla
stimolazione. I traumi e gli stiramenti dovuti ai canali, rinvigorire la circolazione del sangue, eli-
minare l’infiammazione, separare le aderenze,
lavori fisici, le attività sportive pesanti o l’ecces-
risolvere la rigidità, rilassare lo spasmo e facilita-
sivo camminare o piegarsi, se protratti per lungo
tempo, possono provocare emorragie, infiamma- re l’articolarità del ginocchio, così che il dolore in
quella articolazione possa essere mitigato o risol-
zioni croniche, congestioni, edemi, proliferazioni
to e possa essere recuperato il movimento. Il
e aderenze del cuscinetto adiposo, con conse-
guente stimolazione delle terminazioni nervose e metodo è facilmente adottabile, altamente effica-
ce e fornisce risultati immediati. Non ha effetti
dolore; inoltre può presentarsi una limitazione
collaterali, non danneggia il paziente ed è perciò
funzionale articolare quando il cuscinetto risulta
compresso all’interno della cavità articolare o facilmente accettato.
quando si formano aderenze tra il cuscinetto ed il
legamento patellare. Nei casi gravi il tessuto mol-
le circostante l’articolazione del ginocchio può
provocare una deformità con una contrattura tale
da non permettere la completa estensione dell’ar-
to, tale riscontro è molto comune nei soggetti di

77
78
Applicazione della digitopressione
per distorsioni di caviglia
Wu Linsheng *, Jin Yanli **

Nella tecnica della digitopressione si usano 5. Spinta e battuta: con entrambi i pollici prende-
le dita, anziché gli aghi, per praticare le re sul punto e poi spingere e battere con forza nel
manipolazioni ai punti o ai meridiani del senso inverso del corso del meridiano.
paziente. In genere viene usato un solo dito: 6. Pizzicamento: si pizzica e si tira con forza un
il pollice, l’indice o il medio ma, qualche fascio di fibre muscolari poco profonde o un
volta, vengono usate contemporaneamente tendine con il pollice e l’indice per diversi secon-
due, tre o cinque dita. di, poi si lascia all’improvviso. Questa manovra è
seguita da un impastamento, in modo da attenuare
la forte sensazione causata dalla prima manipola-
zione. Il paziente in genere ha una sensazione di
MANIPOLAZIONI COMUNI scossa elettrica o di leggero dolore ma successiva-
mente si sente sicuramente meglio.
1. Pressione: vengono spinti dei punti particolari 7. Percussione: si agisce con 3 o 5 dita, in modo
o delle aree del corpo del paziente con un dito per da percuotere gli agopunti o i meridiani, ritmica-
20-30 secondi, in modo che il paziente avverta mente, 2 volte in modo piuttosto gentile e una
una sensazione di intorpidimento, gonfiore, pe- volta in modo pesante, naturalmente alternativa-
santezza, indolenzimento, scossa elettrica, etc. mente.
2. Pressione circolare fissa: si produce un movi- 8. Spinta o sfregamento: innanzitutto bisogna
mento circolare fisso e lento del dito su punti cercare la zona dolorante, il nodo o la corda sulla
particolari o su dei siti specifici, in modo da quale attuare la manovra. Con il pollice posto
spingere e da mobilizzare il tessuto sottocutaneo, sull’area dolorante e l’indice della stessa mano
ma non la pelle; gradualmente si allarga il movi- chiuso su se stesso si spinge in maniera piuttosto
mento circolare sull’area manipolata che diventa forte il punto. In questa manipolazione la pressio-
sempre più ampia. La frequenza è di circa 120 ne è praticata dalla punta del pollice con l’unghia
volte al minuto. Questa tecnica è utile a ridurre il verso la pelle. Per applicare la manovra di
gonfiore e a lenire il dolore su tutto il corpo. sfregamento, la giuntura del pollice è flessa fino a
3. Pressione modificata: vengono premuti i punti 90° e la punta del pollice spinge in basso l’osso; il
o i meridiani con un dito o con più dita, la forza palmo dell’altra mano è piazzato sopra al pollice
esercitata sul punto si alterna regolarmente in in modo da applicare una certa forza; con questa
modo da avere una pressione leggera ed una manovra si riesce a mobilizzare i tessuti superfi-
pressione più forte, ogni pressione si protrae per ciali dell’osso stesso. Questa manipolazione vie-
10-15 secondi. ne usata per risolvere problemi di aderenze e per
4. Pizzicamento: pizzicare il tendine, il legamen- sedare il dolore.
to, il nervo o un piccolo fascio di fibre muscolari 9. Sollevamento e pizzicamento: sollevare le fibre
perpendicolarmente al loro corso, soprattutto con muscolari, il tendine o il legamento con il pollice,
la punta del pollice o con il pollice e l’indice allo l’indice o il medio o con il pollice e le altre 4 dita.
stesso modo in cui si pizzicano le corde di una Pizzicare poi e strizzare le fibre tissutali soffici
chitarra, 5-6 volte in ogni punto. verso l’interno ritmicamente. La forza dovrebbe
essere esercitata gradualmente, in modo da rilas-
sare il muscolo e da alleviare l’aderenza.
* China Academy of Traditional Chinese Medicine, Beijing
** Acupuncture Department, Beijing College of Acupuncture 10. Sfregamento: usare il pollice in modo da at-
and Orthopedics tuare gentilmente una manovra sulla zona affetta

79
avanti e indietro e da destra a sinistra o con moto laterale e con l’indice la parte mediale della cavi-
circolare. glia, mentre tratteneva con l’altra mano il piede
La distorsione della caviglia è il fastidio più del paziente, in modo da trattarlo. Il dottore poi
comune che si riscontra negli atleti, dal momento premeva con il pollice la parte laterale in modo da
che la caviglia è una giuntura che sostiene il peso ottenere un’inversione del piede stesso; premeva
del corpo ed è soggetta a forze dinamiche. Ap- con l’indice la parte mediale in modo da attuare
prossimativamente il 10% dei traumi atletici sono una estroversione del piede. Spingeva poi con il
proprio distorsioni di caviglie, l’85% di queste pollice e l’indice la caviglia verso il basso, in
distorsioni è di tipo inverso, che consiste in una modo da avere una estensione dorsale del piede e
distorsione laterale del legamento talofibulare sollevava la caviglia per attuare una flessione del
anteriore o del legamento talofibulare anteriore plantare. Infine si ottiene una rotazione del piede
insieme a quello calcaneofibulare. Le lesioni in- in posizione opposta rispetto alla postura affetta.
verse della caviglia non sono dovute in genere a Susseguentemente sono state applicate localmen-
pure inversioni. La forza in genere consiste nel- te alcune medicine a base di erbe.
l’inversione, rotazione interna o flessione plantare Sono stati trattati i casi in stadio subacuto come
del piede in relazione alla gamba, in modo che il segue.
piede è invertito e la caviglia e la gamba sono 1. Si attua una pressione sul punto dolorante e
ruotate verso il lato esterno. Quando il piede si sultaixi (KI3), kunlun (BL60) e changshan (BL57)
inverte rispetto alla gamba, lo stiramento avviene ognuno per circa 20 secondi.
proprio sul legamento collaterale laterale, che è il 2. Spinta da entrambe le estremità del legamento
legamento preposto primariamente a trattenere dolorante fino alla zona malata.
questo movimento. Come risultato di questa in- 3. Pizzicamento e sollevamento dei muscoli del
versione opposta il legamento si lacera legger- piede e della gamba.
mente, parzialmente o in maniera totale, a secon- 5. Mobilizzazione e pressione dei punti doloranti.
da della severità della forza stessa. La maggior 6. Percussione con tre dita dei punti sovra men-
parte di queste lesioni può essere classificata zionati e dei legamenti compromessi.
come lieve (1°grado) senza alcuna particolare 7. Sfregamento dei legamenti compromessi con il
perdita della funzione del legamento. È proprio pollice, con moto circolare dall’alto verso il basso
questo il caso in cui viene applicata la e viceversa.
digitopressione. Infine il piede viene coperto con un bendaggio
elastico e al paziente viene chiesto di praticare
degli esercizi attivi.
PAZIENTI E METODI In caso di situazione cronica i pazienti vengono
trattati come segue.
Negli anni che vanno dal 1988 al 1911 sono stati 1. Pressione delle aree dolorose e degli agopunti
trattati 38 pazienti con distorsione della caviglia. come menzionato sopra.
34 di questi casi (89%) presentavano lievi lesioni 2. Pressione stazionaria e circolare dei punti come
ai legamenti laterali. L’età media era di 31 anni sopra.
(tra i 18 e i 55 anni). Sono state sottoposte a questo 3. Stiramento dei legamenti compromessi per-
trattamento 23 pazienti di sesso femminile e 5 pendicolarmente al loro corso.
pazienti di sesso maschile. 20 di questi casi pre- 4. Spinta e carezzamento con entrambi i pollici
sentavano una distorsione della caviglia destra, dei punti sensibili, nella direzione opposta del
mentre 18 la distorsione di quella sinistra. La corso muscolare.
durata media era di 12 mesi (da 6 a 24). 5. Spinta o sfregamento del punto dolorante, dei
Tutti i pazienti sono stati trattati con la noduli e delle corde anch’essi doloranti, dei lega-
digitopressione nel dipartimento per gli esterni. menti compromessi.
Tutti i pazienti presentavano distorsione della 6. Sfregamento dell’area malata.
caviglia, gonfiore e dolore soprattutto lateralmen- Nel frattempo il lavaggio con una soluzione di
te. 12 pazienti sono venuti in ospedale entro i erbe può far regredire il gonfiore. I trattamenti
primi 3 giorni in (stadio acuto); 13 tra il terzo sovra menzionati venivano praticati una volta
giorno e la terza settimana (stadio subacuto) e 13 ogni due settimane.
dopo 3 settimane (stadio cronico).
I casi nello stadio acuto venivano trattati con il
seguente metodo: il paziente assumeva una posi-
zione seduta, con il ginocchio della gamba malata
ruotato di 30 gradi. La caviglia era in posizione
neutrale. Il dottore spingeva con il pollice la parte

80
RISULTATI

Dopo il trattamento, se non si accusava più dolore


o si avvertiva soltanto un leggero dolore, se non
esisteva più il gonfiore, se la normale funzione era
stata ripristinata, il risultato poteva considerarsi
eccellente. Se rimaneva ancora un leggero dolore
e/o un leggero rigonfiamento senza nessuna re-
strizione circa le attività quotidiane, i risultati
potevano essere considerati buoni. Se persisteva
ancora un dolore e/o gonfiore moderati special-
mente durante la deambulazione e anche dolore
durante la salita delle scale, i risultati potevano
essere considerati scarsi.
In 36 pazienti è stato notato un miglioramento
circa il dolore e circa il ripristino della normale
funzione. In 36 casi (12 casi acuti, 13 casi subacuti
e 11 casi cronici), i sintomi sono scomparsi com-
pletamente; 2 casi cronici presentavano ancora
dolore e timore nel ruotare la caviglia soprattutto
durante la salita delle scale o durante la
deambulazione su una superficie ruvida. Uno di
loro aveva ancora la caviglia distorta, risultato di
una frattura del malleolo laterale; anche dopo la
riduzione e il fissaggio esterno accusava solore.
Dopo il trattamento 8/12 casi acuti, 7/13 casi
subacuti e 6/13 casi cronici presentavano risultati
eccellenti. 4/12, 6/13, 5/13 casi presentavano ri-
sultati buoni. Secondo quanto detto il 95% dei
pazienti ha dato dei risultati soddisfacenti.

81
notizie

Recenti studi sulla materia medica tradizionale cinese


inerente l’invecchiamento
continua
Chen Keji, Li Chunsheng *

MODULANTI LA FUNZIONE IMMUNITARIA Phellodendri, fructus Tribuli, Polyporus


umbellatus e la placenta possono attivare il siste-
La diminuzione della funzione immunitaria nel ma immunitario centrale.
corpo umano, rappresenta una delle principali Il rhizoma Polygonati odorati, l’estratto del ce-
cause della senilità e della morte. Questa afferma- triolo di mare (HZMP) e l’estratto del bulbus Allii
zione è confermata sia da uno studio fatto su 213 aumentano significativamente il peso della milza
persone centenarie eseguito dal Collegio Medico di topo, mentre l’estratto della cortex Phellodendri
della Regione Autonoma di Xinjiang e da una è in grado di promuovere l’aumento della coniu-
osservazione fatta su 100 pazienti di età superiore gazione antigenica della milza del ratto. I
ai 90 anni condotta dall’Istituto di Medicina e polisaccaridi del Polyporus umbellatus, iniettati
Farmacologia del Comune di Changsha. Questi in sede peritoneale, possono aumentare la
studi dimostrano che la regolazione ed il miglio- captazione di H3-TdR nelle cellule timiche di
ramento della funzione immunitaria nella persona topo ed accelerare il rilascio linfocitario, c’è un
anziana risultano metodi efficaci nel rallentare il aumento della formazione anticorpale nelle cellu-
processo di invecchiamento. le spleniche e la stessa azione è stata anche osser-
In accordo con gli studi immunologici recenti, vata dopo la somministrazione di fructus Tribuli.
sono stati analizzati tre caratteri di ciascun farma- La preparazione placentare promuove in maniera
co come descritto di seguito. spiccata il recupero timico con aumento dei lobuli,
1. Immunostimolanti ispessimento dello strato corticale ed aumento del
La tabella 1 mostra le sostanze di pertinenza numero dei linfociti in vecchi topi.
medica che posseggono una attività stimolante 1.1 Il Lentinus edodes (Berk) Sing, il bulbus Lilii,
immunitaria. il rhizoma Polygonati, il fructus Lycii, i semi di
La tabella 1 mostra che tra 55 tipi di cotone possono tutti aumentare la percentuale di
immunostimolanti analizzati, 46 sono tonificanti linfociti periferici. Il rhizoma polygonati, il fructus
(83.6%) e 9 sono sintomatici (espellono la malat- Lycii ed il bulbus Lilii possono aumentare la
tia) (16.4%). percentuale di cellule T e stimolare la loro funzio-
Risultati di moderni studi dimostrano che tutte le ne immunitaria.
sostanze che rientrano in questo elenco medico Il polisaccaride del Lentinus edodes (Berk) Sing è
possono migliorare sia l’immunità specifica (ac- un forte stimolatore dei linfociti T e può aumenta-
quisita) che non specifica (naturale): sono in gra- re la percentuale dei linfociti T nel sangue perife-
do di aumentare il numero dei linfociti e macrofagi, rico, promuove inoltre la trasformazione dei
innalzare la percentuale di trasformazione dei linfociti B in plasmacellule: questo depone per
linfociti, aumentare la fagocitosi dei macrofagi, una sua potente azione sia sull’immunità umorale
promuovere la formazione degli anticorpi e pro- che cellulare.
lungare la loro sopravvivenza. Tuttavia è interes- 1.2 Il Ginseng, la radix Astragali seu hedysari, il
sante notare che ciascuna di queste sostanze pos- rhizoma Atractylodis macrocephalae, il fructus
siede una propria caratteristica. Tribuli, la radix Acanthopanacis senticosi, la
Per sempio il cetriolo di mare, bulbus Allii, cortex carapax Trionycis, il frctus Ligustri lucidi, l’herba
Ecliptae, il fructus Actinidiae chinensis e l’herba
Taraxaci sono tutti in grado di aumentare la quota
* Institute of Geriatrics, Xiyuan Hospital, China Academy of di trasformazione linfocitaria nel sangue periferi-
TCM, Beijing co ed attivare i linfociti T. La radix Astragali seu

82
Tabella 1.

Farmacologia Farmaci

Tonici del qi radix Astragali seu hedysari, Ginseng (radix, rhizoma, caulis
e folium), radix Codonopsis pilosulae, radix Acantopanacis
senticosi, rhizoma Atractylodhis macrocephalae, rhizoma
Dioscoreae, Ganoderma lucidum seu japonicum, Lentinus edodes

Tonici del sangue human Placenta, human Milk, colla corii Asini, radix Rehmanniae,
radix Paeoniae alba, caulis Spatholobi, radix Polygoni multiflori
Auricularia auricula

Tonici dello yin radix Panacis quinquefolii, Sea cucumber, radix Asparagi,
radix Ophiopogonis, rhizoma Polygonati, Tremella, fructus
Ligustri lucidi, herba Ecliptae, carapax Trionycis, fructus Mori
radix Actinidiae chinensis, fructus Corni, herba Dendrobii, bulbus
Lilii

Tonici dello yang fructus Lycii, semen Cuscutae, semen Allii tuberosi,
rhizoma Curculiginis, Cordyceps, rhizoma et folium Fici pumilae,
cornu Cervi pantotrichum, herba Epimedii, fructus Psoraleae,
radix Morindae officinalis, herba Cistanchis, ramulus Loranthi,
fructus Tribuli

Purificatori del calore calculus Bovis, cortex Phellodendri, folium Camelliae sinensisa,
herba Taraxaci, bulbus Allii, rhizoma Coptidis

Trasformatori dell’umidità Poria, Polyporus umbellatus

Diaforetici radix Bupleuri

hedysari, la radix Acanthopanacis senticosi e la 3.17 e 1.57 volte, mentre la Poria aumenta questi
radix Actinidiae chinensis possono ache promuo- due parametri rispettivamente di 1.21 e 0.66 volte.
vere la funzione delle cellule killer (NK) con la 1.5 Il rhizoma Dioscoreae, la radix
produzione di tossine cellulari in grado di inibire Acanthopanacis senticosi, il rhizoma Polygonati
la crescita tumorale. odorati e la placenta umana sono in grado di
1.3 Il frutus Lycii, il semen Cuscutae, il latte stimolare la formazione di interferone nel corpo.
umano, la radix Quinquefolii, la radix Asparagi e L’interferone e il lisozima derivato dalla placenta
la radix Bupleuri sono in grado di migliorare la umana possono direttamente prevenire e control-
funzione dei linfociti B, di promuovere la forma- lare l’infezione batterica virale.
zione degli anticorpi e di prolungarne il tempo di 1.6 Il tè, il folium Ginseng, il caulis Ginseng, la
sopravvivenza. Nell’anziano, i livelli di IgG e IgA radix Acanthopanacis senticosi, il Polyporus
nel sangue periferico possono essere significati- umbellatus, la radix Rehmanniae, il Cordyceps, la
vamente aumentati dall’uso di fructus Lycii, men- Tremella e l’Auricularia auricola hanno effetti
tre la secrezione di IgA può essere aumentata anti-radiazioni, possono anche inibire l’assorbi-
dall’uso del latte umano. mento dello Sr90 ed accelerare la sua eliminazio-
1.4 Il Ganoderma lucidum seu japonicum, la Poria, ne dal corpo.
la Tremella, il rhizoma Curculiginis, il Cordyceps L’Auricularia auricula, il folium Ginseng e il
ed il calculus Bovis possono aumentare l’attività caulis Ginseng possono aumentare il tempo d
fagocitaria dei macrofagi e delle cellule sopravvivenza di animali esposti ai raggi gamma
reticoloendoteliali. La Tremella può aumentare del Co60.
l’indice fagocitario e la percentuale di macrofagi la Tremella può aumentare la funzione emopoietica
nella cavità addominale di topo rispettivamente di del midollo osseo ed il contenuto in DNA sia

83
spenico che timico in animali esposti. Alcuni Autori hanno recentemente scoperto che il
Il tempo di sopravvivenza dei topi esposti, trattati principio attivo del radix Astragali seu hedysari
con radix Acanthophanacis senticosi può essere F3 può promuovere il recupero delle attività
raddoppiato, se paragonato ad un gruppo di con- immunologiche dei linfociti e monociti di pazien-
trollo e risulta migliorato anche l’indice ti tumorali ed aumentare l’attività delle cellule
emopoietico. killer linfociti-attivate (LAK) per una maggior
1.7 La radix Asparagi, la radix Ophiopogonis, la produzione di interleuchina II, argomento merite-
pianticella dell’Allium tuberosum e il rhizoma e vole di ulteriori indagini. È possibile osservare
folium di Fici pumilae sembrano possedere effetti una azione similare nell’acido oleanolico conte-
antitumorali, soprattutto si è notato un effetto nuto nel frutto Ligustri lucidi.
antimutazione sulle cellule, dopo la 2. Immunodepressori
somministrazione di radix Asparagi. È possibile osservare effetto inibitorio
Il rhizoma e folium Fici pumilae sono in grado di dell’immuno-risposta nelle seguenti erbe: chonca
attivare il sistema immunologico e negli animali Haliotidis (un farmaco per calmare il fegato-
di distruggere le masse tumorali e i tumori ascitici. fermare il vento), herba Artemisiae chinghao (un
La tabella 2 mostra le sosanze mediche farmaco per purificare il calore), cortex
antiinvecchiamento e i loro effetti antitumorali. Cinnamomi e ramulus Cinnamomi (farmaco per

Tabella 2.

Classificazione Farmaci

Tonici radix, caulis, folium di Ginseng, radix Astragali seu hedysari,


radix Acanthopanacis senticosi, radix Actinidiae chinensis,
radix Asparagi, Mel, radix Ophiopogonis, bulbus Allii
Tunerosi, rhizoma et folium Fici pumilae, rhizoma Atractylodis
macrocephalae, herba Ecliptae, rhizoma Curculiginis, Sea
cucumber, Ganoderma lucidum seu japonicum,
Tremella, fructus Ligustri lucidi, bulbus Lilii, fructus Lycii,
Cordyceps, Lentinus eodes, Auricularia auricula, rhizoma
Dioscoreae, ramulus Loranthi, arillus Longan

Sintomatici Poria, Polyporus umbellatus, rhizoma Atractylodis, rhizoma


Paridis, fructus Trichosanthis, bulbus Allii macrostemi, bulbus
Allii, semen Coicis, radix Gentianae, fructus Crotonis, radix et
rhizoma Rhei, radix Rhapontici seu Echinopsis, radix Arctii,
Phragmites communis Trin, concha Meretricis seu Cyclinae,
Margarita, calculus Bovis, Stalactitum

riscaldare l’interno ed espellere il freddo), pollen del DNA dei linfociti usando il rhizoma Ligustri
Typhae e rhizoma Ligustrici chuanxiong (farma- chuanxiong. Il frutto Ziziphi jujubae non solo
co per aiutare la circolazione ematica e rimuovere inibisce la formazione degli anticorpi, ma possie-
la stasi sanguigna) e fructus Ziziphi jujubae (un de anche effetto antiallergico.
farmaco per tonificare la milza). Tra i suddetti 3. Immunomodulatori
farmaci, la chonca Haliotidis può ridurre la for- Gli effetti immunomodulatori sono stati verificati
mazione di rosette nelle cellule spleniche di ratto; nei seguenti farmaci: nella radix e rhizoma Rhei,
l’herba Artemisiae chinghao inibisce l’immunità radix Angelicae sinensis, nella radix Notoginseng,
umorale, mentre la cortex e ramulus Cinnamomi nella cortex Eucommiae, nei semi di cotone. La
sopprimono la fagocitosi del sistema radix e rhizoma Rhei possono ridurre l’immunità
reticoloendoteliale. Pollen Typhae in dosi mode- umorale umana, mentre aumentano l’immunità
rate può inibire la funzione fagocitaria dei cellulare. La radix Angelicae sinensis, assunta per
macrofagi. Ovviamente è possibile osservare nel- os, può aiutare la proliferazione delle rosette
le culture in vitro l’effetto inibitorio sulla sintesi cellulari, il suo estratto liquido ha un blando

84
effetto inibitorio su queste cellule. La radix di
Notoginseng ha il potere di regolare le
immunorisposte portandole a livelli normali. La
cortex Eucommiae può sopprimere la risposta
ritardata da ipersensibilità indotta dal DNCB ed
aumentare la percentuale di cellule T nel sangue
del gatto con bassa funzionalità immunitaria. Il
Gossypol può aiutare la trasformazione linfocitaria
nei pazienti affetti da cancro e diminuire i livelli di
IgG ematici; l’effetto immunoregolatore del
Gossypol è simile a quello del Rhei.
In più le sostanze immunostimolanti quali il
rhizoma Ginseng, la radix Astragali seu hedysari,
la radix Acanthopanacis senticosi, il bulbus Lilii,
il carapax Trionycis, il fructus Mori e la radix
Actiniadiae chinensis e quelle immunodeprimenti
quali l’herba Artemisiae chinghao e il pollen
Typhae hanno anche effetto regolatore bifasico
dell’immunità. Il rhizoma Ginseng, per esempio,
può aumentare i contenuti di AMPc e di GMPc nei
linfociti negli esseri umani, nel gatto e nel maiale
ed esercitare anche effetto regolatore bifasico sui
nucleosidi ciclici. Ad esempio, aumentando il
contenuto di GMPc e diminuendo il rapporto fra
AMPc e GMPc nei linfociti, viene aiutata la
formazione di Ea-RFC attivi. D’altro canto, au-
mentando il contenuto di AMPc e il rapporto tra
AMPc e GMPc si può inibire la formazione di Ea-
RFC e Et-RFC. Si può anche stimolare la forma-
zione di Ea-RFC e diminuire quella di Ec-RFC
aumentando il contenuto nei linfociti di AMPc e
GMPc, mantenendo così il normale stato
immunitario dell’organismo. Da quanto esposto
si può dedurre che questi effetti regolatori posso-
no avere effetto benefico nel ritardare l’invec-
chiamento.

85
letture

Lezioni di farmacologia cinese


Le origini e le caratteristiche della farmacologia cinese
Gao Xuemin *

Durante il primo stadio delle società primitive in un sistema di medicina e di farmacologia attraver-
Cina, la produttività era estremamente scarsa, dal so lo studio di centinaia di erbe. Istruzioni sul
momento che l’agricoltura era poco sviluppata e Governo di Liu An ci spiega che Shen Nong aveva
la popolazine viveva, raggruppata in gruppi nu- provato l’acqua di varie primavere così come
merosi, una semplice vita di caccia. centinaia di erbe, in modo da poter spiegare alla
Trovavano rifugio nelle caverne e il cibo veniva sua popolazione che cosa doveva evitare di man-
mangiato grezzo. giare. Durante questi studi aveva incontrato tanta
Naturalmente queste popolazioni primitive ave- ottanta sostanze velenose ogni giorno. Queste
vano, senza dubbio, mangiato qualcosa di veleno- descrizioni naturalmente sono soltanto leggenda-
so e qualcosa che aveva provocato in loro vomito, rie, ma sono senza dubbio basate su una realtà di
diarrea ed anche il coma e la morte, visto che si fondo. Si può suggerire che la leggenda di Shen
nutrivano di frutta selvatica, semi o radici di Nong, che aveva trovato centinaia di erbe, riflette
piante. la realtà del processo storico della scoperta dei
D’altronde, alla stessa maniera, sarà loro capitato medicamenti e l’accumulo così di esperienza del
di mangiare certe piante che li avevano guariti da popolo cinese nel corso degli anni che vanno
qualche fastidio. Attraverso errori e tentativi, at- dall’era della caccia e della pesca a quelli delle
traverso l’assaggio e l’osservazione, gradualmen- epoche in cui l’agricoltura e una primitiva forma
te, hanno accumulato esperienze nel distinguere i di pastorizia incominciavano ad essere applicate.
cibi e i medicamenti, arrivando così alla cono- Shen Nong può infatti essere considerato come
scenza delle erbe medicinali. una delle tante persone di quel tempo e le prove
Con l’avvento delle società raggruppate in clan, che aveva fatto su centinaia di erbe riflettono
furono inventati l’arco e la freccia, tutto questo semplicemente il processo di conoscenza attuato
portò l’uomo in un’era in cui la caccia e la pesca dagli uomini, mentre l’incontro con 70 sostanze
furono i principali mezzi di sostentamento. velenose indica il grande prezzo pagato nel corso
Gli uomini gradualmente scoprirono che alcuni di migliaia di anni per la scoperta dei vari medica-
animali avevano anche effetti curativi, arrivando menti. In ogni caso, la leggenda di Shen Nong
così alla scoperta dei medicamenti fatti con parti rappresenta chiaramente la dura lotta contro le
animali. malattie portata avanti dal popolo cinese.
L’ultimo periodo della società raggruppate in clan Le erbe medicinali dell’antica Cina sono le attuali
apre un’era in cui cominciarono comparire l’agri- medicine cinesi. Il testo Annuali Storici della
coltura e una primitiva forma di pastorizia; si Dinastia Han ci spiega la ragione per cui il termi-
scoprirono altri medicamenti e si svilupparono le ne erbe medicinali veniva usato per i medicamenti
conoscenze mediche che altro non sono che una cinesi, inoltre questo viene spiegato anche nel
primitiva forma di farmacologia. testo Note sulle Parole e le Frasi di Xu Shen della
I libri di storia cinese come ad esempio An Outline dinastia Han orientale (25-220 d. C.). Le medicine
of Historical Records, New Instructions, Volume sono naturalmente le erbe che possono essere
One: Basic Principles di Jia Lu e Selecteds Records usate nel trattamento delle malattia. Han Baosheng,
di Ren Fang, descrivono come Shen Nong stabilì uno scrittore del periodo dei 5 regni (aD. 907-979)
dice: «come mai quando si parla di medicine ci si
riferisce solo alle erbe nonostante che tra i medi-
camenti fossero inclusi anche i minerali, insetti e
* Beijing College of TCM animali oltre alle erbe? tutto questo perché le erbe

86
occupano lo spazio più ampio all’interno delle teristiche della storia cinese, della cultura e delle
medicine». Questo naturalmente può soddisfare risorse naturali della Cina. Esse differiscono sia
come spiegazione. Inoltre, in molti dei classici dalle medicine naturali che dalle medicine occi-
medici che trattano della farmacologia cinese dentali.
tradizionale, i medicamenti sono considerati ap- L’applicazione delle medicine tradizionale cinesi
punto le erbe. Solo dall’ultimo secolo il termine data indietro di cinquemila anni.
medicina e farmacologia tradizionale cinese è Nell’antichità, l’esperienza nell’uso della medici-
stato adottato per distinguerla dalla medicina oc- na veniva tramandato solo oralmente, da inse-
cidentale dopo che quest’ultima è stata introdotta gnante a studente. Con l’invenzione dei caratteri
in Cina. cinesi cominciarono ad apparire libri specializzati
Come definire le medicine tradizionali cinesi? sulle medicine. Il testo Materia Medica di Shen
esse si riferiscono al materiale medicinale che è Nong, scritto tra le dinastie Qin (221-206 a.C.) e
raccolto, catalogato e trattato sotto la guida delle Han (206 a.C.- a.D. 23), fu il primo libro specia-
teorie della TCM e la cui azione e il cui meccani- listico sulla medicina tradizionale cinese. Comin-
smo sono spiegati sulla base di queste teorie. ciarono allora ad apparire molti lavori sulle erbe e
Brevemente questi sono materiali usati per la sulle loro caratteristiche. Sono naturalmente la
prevenzione, la diagnosi e il trattamento delle somma delle esperienze e della lotta contro le
malattie sotto la guida delle teorie della TCM. malattie portata avanti dal popolo cinese che
C’è inoltre il termine medicina a base di erbe naturalmente sono un evidenza storica che mostra
“herbal medicine”, per la prima volta trovato in quanto le medicine tradizionali cinesi siano dura-
alcuni libri della dinastia Song (960-1279 d. C.). ture ed abbiano strumenti efficienti alla preven-
Questo termine ora si riferisce alle erbe medicina- zione e al trattamento delle malattie. È inoltre
li usate come rimedi popolari ma che non si evidente che la loro invenzione e la loro applica-
trovano spesso in ospedali veri e propri e il cui zione riflettono certe caratteristiche della storia
processo non è mai standardizzato. Un’altro ter- cinese. Naturalmente, ogni particolare terra pro-
mine è medicina cinese a base di erbe, che si duce i suoi medicamenti, dal momento che la Cina
riferisce sia alla medicina cinese che alle erbe è un vasto territorio, ha quindi una larga riserva di
medicinali. Attualmente non c’è differenza tra risorse medicinali, incluse alcuni medicamenti
questi termini e, per evitare confusione, è utile famosi in tutto il mondo come: radix Ginseng,
considerarli come un unico concetto, quello della cornu Cervi pantotrichum, radix Aconiti
medicina tradizionale cinese. Per quanto riguarda praeparata, radix et rhizoma Rhei, rhizoma
il termine medicina nazionale, esso si riferisce ai Coptidis, radix Angelicae sinensis, radix Astragali
medicamenti tradizionalmente usati nelle aree seu Hedysari, radix Glycyrrhizae e fructus Lycii,
minori, essendo la loro origine simile a quella sufficienti non solo per soddisfare i bisogni della
della medicina tradizionale cinese. Queste medi- Cina, ma anche le richieste di altre parti del mondo
cine nazionali si sono sviluppate attraverso l’assi- come il Sud Est asiatico, l’Europa e le Americhe.
milazione delle teorie e dell’esperienza della me- Secondo il Dizionario di Farmacologia Cinese, ci
dicina tradizionale cinese, acquistando così loro sono 5767 medicamenti per l’uso pubblico e se-
proprie caratteristiche ed avvalendosi della popo- condo le statistiche di alcuni reparti di medicina,
larità regionale.Esempi di queste medicine sono il numero dei medicamenti cinesi usabili per l’uso
la medicina tibetana, quella mongola e quella Dai. clinico e per la sperimentazione è oramai arrivato
Generalmente parlando, le medicine nazionali a oltre gli 8000. L’applicazione dei medicamenti
sono parte della medicina tradizionale cinese. cinesi è basata unicamente su teorie sistematiche
Un’altro termine usato spesso: “chinese patent e su dei metodi precisi. Per trattare le malattie con
medicine”, si riferisce alle medicine che vengono medicamenti cinesi è necessario innanzitutto fare
trattate e confezionate in particolari forme e una precisa diagnosi basata su l’analisi di tutti i
dosaggi usando medicamenti tradizionali cinesi sintomi, i segni, le cause e la natura dei sintomi e
quali materiali grezzi sotto la guida della teoria della malattia, si può poi decidere su un principio
della medicina tradizionale cinese e secondo for- di trattamento e su una ricetta che può essere
mule prefissate e precise azioni, direzioni, indica- formulata correttamente solo seguendo i principi
zioni e dosaggi fissati per l’uso dal dottore e dal del trattamento e della prescrizione. Si possono
paziente. Queste “patent medicine” sono un com- raggiungere risultati soddisfacenti soltanto attra-
ponente importante della medicina cinese. verso il processo sopramenzionato. Inoltre, il modo
L’invenzione e l’applicazione delle medicine tra- di trattare questi medicamenti cinesi è particolare,
dizionali cinesi hanno una lunga storia in Cina. dal momento che medicamenti grezzi debbono
Essi hanno un unico sistema teoretico ed un meto- essere sottoposti a selezione, eliminazione delle
do di applicazione che rispecchia a pieno le carat- impurità e di quelle parti che non sono medica-

87
mentose prima che vengano tagliati in forme Molto successo ha ottenuto la preparazione com-
diverse come ad esempio strisce, bastoncini, fili e posta di calculus Bovis, Borneolum syntethicum
pezzetti; alcuni richiedono un trattamento di cot- e Hippocampus ha quindi segnato la scoperta di
tura al vapore, oppure vengono arrostiti, oppure altri metodi per ottenere rare e costose medicine.
cotti al forno, oppure vengono essiccati prima Il continuo miglioramento nella tecnica di prepa-
dell’uso. Altre forme di trattamento possono esse- razione delle medicine cinesi è quindi un grosso
re la decozione, la preparazione di bevande, di passo avanti verso la preparazione di composti
vini, di distillati, di boli, di polveri, di unguenti, fatti con erbe e la produzione di patent medicine in
pillole e quindi la scelta delle diverse formule un campo prettamente scientifico e in una maniera
dipende dal caso particolare o dalla prescrizione. sempre più standardizzata. In questo modo la
Una caratteristica importante che segna la diffe- produzione delle medicine cinesi prospera e vira
renza tra la farmacopea cinese e quella occidenta- verso una produzione di medicine di alta qualità e
le sta nel fatto che, la preparazione e le forme di verso quantità sempre maggiori, in modo da sod-
dosaggio delle medicine cinesi sono tutte basate disfare la richiesta sia all’interno del paese che
sulle teorie della medicina tradizionale cinese. all’estero. L’applicazione costante e protratta nel
Così, naturalmente, le teorie della medicina cine- tempo della farmacologia cinese con ottimi risul-
se e della farmacopea sono una parte importante tati e pochi effetti collaterali è naturalmente una
del retaggio culturale cinese. La maggior parte delle caratteristiche dell’attività medica cinese.
delle medicine cinesi sono formate da medica- Oggigiorno si è scoperto un sempre più profondo
menti naturali, che hanno un eccellente effetto e crescente interesse in tutto il mondo per la
curativo con lievi effetti collaterali. Tutto questo farmacologia cinese, dovuto alla ricerca in tutto il
in netto contrasto con le medicine che si basano su mondo di tecnici medici per mettere a punto
composti chimici, che hanno una alta incidenza di medicamenti che possano trattare l’angio-
tossici effetti collaterali. Sin dalla fondazione cardiopatia, le malattie cerebrovascolari, il can-
della Repubblica Popolare Cinese, la farmacologia cro e l’AIDS. Naturalmente, si sta portando avanti
cinese non ha solo contribuito in maniera notevole una ricerca di nuove efficaci medicine con bassa
alla prevenzione e al trattamento delle comuni tossicità, per rimpiazzare i composti chimici già
malattie, ma ha anche apportato degli strumeni esistenti e anche la ricerca di nuove medicine per
efficaci nel trattamento di molte malattie gravi ed prolungare la vita. Alcuni studiosi e alcuni ricer-
acute quali: l’addome acuto, le malattie infettive, catori scientifici in numerosi paesi e regioni stan-
l’angiocardiopatia e i tumori. La farmacologia no attivamente conducendo delle ricerche sulla
cinese ha così raggiunto una grossa popolarità. medicina cinese e sulla farmacologia cinese. Na-
Le statistiche dimostrano che la Cina consuma da turalmente, crediamo che grazie al comune sforzo
500 a 600 milioni di chilogrammi di medicine di scienziati sia cinesi che stranieri non è lontano
cinesi per una media di 0.5 Kg a persona. il fatto il giorno in cui la farmacopea cinese sarà applicata
di trovarsi di fronte a notevoli effetti collaterali e diffusa in tutto il mondo.
nell’uso di composti chimici ha stimolato la do-
manda di medicine cinesi, incluse le chinese patent
medicine. Per far fronte alla continua richiesta il
dipartimento interessato ha cercato di incremen-
tare la produzione delle medicine cinesi e la
sperimentazione, soprattutto per diffondere la col-
tura dei medicamenti tipicamente del Sud anche al
Nord e viceversa, ha cercato di diffondere la
coltivazione di erbe selvatiche e di ampliare la
produzione di medicamenti con parti animali.
Così l’area adibita alla coltivazione di erbe medi-
cinali è stata considerevolmente allargata e conti-
nuamente viene incrementata la coltivazione ap-
punto delle erbe. Anche per quanto riguarda le
erbe per le quali la Cina ha delle risorse limitate e
per le quali dipende quindi da importazioni da altri
paesi, si sta ora cercando di aumentare la produ-
zione interna, introducendole su larga scala sul
territorio cinese. Tra queste possiamo ricordare la
resina Olibani, resina Draconis, flos Carthami,
radix Quinquefolii, Moschus e Hippocampus.

88
domande e risposte

Come si tratta la cefalea con l’agopuntura


Hu Jinsheng *

La cefalea è un sintomo molto frequente in molte In rapporto alle differenti sindromi, si selezionano
patologie sia acute che croniche. Chi pratica la punti da aggiungere: nel caso di cefalee esogene
medicina tradizionale cinese ritiene che la cefalea da vento-freddo, si aggiungono dazhui (14GV) e
possa essere causata sia da fattori patogeni esogeni fengmen (12BL) in moxibustione, mentre, nelle
che da cause interne, includendo tra i primi attac- cefalee da vento e calore, si aggiungono dazhui
chi da vento, freddo, umidità, calore e tra le (14GV) e quchi (11LI) in agopuntura. Nelle cefalee
seconde le varie disarmonie esistenti tra fegato e da vento e umidità si aggiunge yinlingquan (9SP)
milza o reni. La cefalea da causa esterna è spesso in infissione. Nei casi da deficit renale si aggiun-
caratterizzata da inizio improvviso e decorso ad gono shenshu (23BL), guanyuan (4CV) e taixi
andamento rapido con sintomi e segni di (3KI); nel caso di liberazione di yang di fegato
dolorabilità esterna, mentre la cefalea da causa sono aggiunti ganshu (18BL) e xingjian (2LR);
interna è caratterizzata da un inizio insidioso ed nel deficit di qi e xue si inseriscono nella terapia
una progressione lenta della patologia con una anche qihai (6CV), zusanli (36ST) e sanyinjiao
sintomatologia caratteristica e segni di disarmo- (6SP).
nia viscerale.
Trattamento con agopuntura: la differenza tra le Note
varie sindromi si basa sulla differente localizza- 1. Nel caso di cefalea grave causata da vento e
zione della cefalea e i punti sono selezionati in freddo, nell’area colpita si può applicare una
base al percorso dei meridiani, con l’aggiunta di intensa moxibustione. I punti Ashi sono cercati ed
punti a distanza. Il principio terapeutico è quello infissi con il metodo della dispersione.
di disperdere il fattore patogeno esterno che ha 2. La cefalea di lunga durata può essere provocata
causato la cefalea di natura esogena; di regolare il da una stasi di sangue: il dolore è trafittivo e a
qi e la funzione del sangue in quei visceri che localizzazione fissa. Per quanto riguarda il tratta-
hanno provocato una cefalea di natura endogena. mento, bisogna far sanguinare il punto dolente.
É usato il metodo di dispersione in quei casi che 3. Fengchi (20GB) può essere selezionato come
presentano segni di eccesso e una metodica di punto di prima scelta in tutti i tipi di cefalea, in
tonificazione nelle sindromi da deficit. particolare per la cefalea temporale bilaterale cau-
Selezione dei punti: sata da patologie del fegato e vescica biliare. Il
– cefalea frontale: yangbai (14GB), zanzhu (2BL), metodo è quello di inserire l’ago obliquamente
touwei (8ST), hegu (4LI) e neiting (44ST); verso l’alto per 1-1.5 cun, quando si è avvertita la
– cefalea temporale: fengchi (20GB), taiyang sensazione dell’ago, questo viene diretto verso la
(2extra), touwei (8ST), shuaigu (8GB), waiguan tempia. Si usa poi il metodo di dispersione o
(5TE) e zulinqi (41GB); tonificazione in accordo con le differenti sindro-
– cefalea occipitale: fengchi (20GB), tianzhu mi e l’ago viene mantenuto in situ per prolungarne
(10BL), yuzhen (9BL), houxi (3SI) e kunlun la sensazione.
(60BL); 4. Per le cefalee da cause interne, dopo aver tolto
– cefalea postero-parietale: baihui (20GV), il dolore con l’agopuntura, bisogna riequilibrare
sinhencong (6extra), fengchi (20BL), taichong le funzioni viscerali, in modo da rimuovere le
(3LR) e yongquan (1KI). cause che hanno provocato la patologia e preveni-
re le ricadute.
* Institute of Acupuncture, China Academy of Traditional
Chinese Medicine, Beijing

89
biblioteca

a cura della redazione

I PUNTI DI AGOPUNTURA ziosa sintesi dei dati salienti relativi ai principali


ed i loro meccanismi d’azione punti di agopuntura.
Zhang Rui Fu, Wu Xiu Fen Per ogni punto vengono evidenziate le principali
Masson, Milano, 1994 caratteristiche:
P.gg. 234 £ 69.000 – specificità del punto nell’ambito del meridiano
di appartenenza e del sistema generale dei meri-
diani;
– localizzazione;
– meccanismo d’azione: analizzato attraverso le
varie modalità di stimolazione del punto stesso
(tonificazione, dispersione, moxibustione,
microsanguinamento);
– trattamento: con elencazione delle patologie e
delle sintomatologia alle quali si indirizza il punto
stesso e delle associazioni più frequentemente
utilizzate in terapia con altri punti;
– tecniche e modalità di stimolazione e di inser-
zione dell’ago.
Si tratta di un buon testo di consultazione per il
medico che già pratica l’agopuntura e di un sinte-
tico testo di studio per lo studente desideroso di
approfondimento.

Per poter praticare convenientemente l’agopuntu-


ra occorrono due presupposti fondamentali: la
conoscenza delle regole diagnostiche e
terapeutiche della medicina tradizionale cinese e
quella delle azioni ed indicazioni dei punti di
agopuntura; la prima ci fornisce il principio di
terapia che dobbiamo utilizzare per trattare il
paziente, la seconda ci aiuta nella scelta dei punti
su cui basare la nostra strategia curativa.
I professori Zhang e Wu, cattedratici dell’Univer-
sità di Pechino, ci offrono, attraverso questo ma-
nuale pubblicato in Italia dalla Masson, una pre-

91