Sei sulla pagina 1di 5

SABATO 1 DICEMBRE 2018 LA GAZZETTA DELLO SPORT 31

14a GIORNATA

L’ANTICIPO LE ULTIME LA SFIDA L’INTERVISTA


TRAJKOVSKI ARDEMAGNI PALEARI & MICAI FALCO-GOL,
GRAZIA BUCCHI PUNTA QUOTA 100 CITTADELLA- E LECCE SOGNA
BENEVENTO, FOGGIA: CONTRATTI SALERNITANA «MERITO DELL’AUTO
PARI AL BARBERA PILOTATI DAI CLAN IN BUONE MANI DI MIO NONNO»
Pag. 32 Pag. 34 e 35 Pag. 35 Pag. 33
il Punto

Come turisti Classifica


in cordata SQUADRE PT PARTITE RETI

verso l’Everest
G V N P F S

PALERMO 26 13 7 5 1 22 10
PESCARA 23 13 6 5 2 20 16
LECCE 22 13 6 4 3 24 18
di ANDREA FANÌ BENEVENTO 21 13 6 3 4 22 19
CITTADELLA 20 12 5 5 2 14 8

A
desso dovete darci i SALERNITANA 20 12 5 5 2 14 11
nomi. Vogliamo i nomi VERONA 19 13 5 4 4 19 16
degli sceneggiatori del BRESCIA 18 12 4 6 2 23 18
campionato più incerto degli SPEZIA 17 12 5 2 5 14 14
ultimi anni: il pareggio di ieri PERUGIA 17 12 5 2 5 17 18
sera tra Palermo e Benevento ASCOLI 16 12 4 4 4 12 13
finirà per comprimere ancora CREMONESE 15 12 3 6 3 11 10
di più una classifica già VENEZIA 15 12 4 3 5 13 14
sottovuoto nella parte alta. CROTONE 12 13 3 3 7 14 18
Trajkovski ha «graziato» i COSENZA 11 13 2 5 6 11 18
campani di Bucchi buttando PADOVA 11 13 2 5 6 13 21
alle stelle la comoda palla del CARPI 10 12 2 4 6 11 20
k.o.; risultato, un coro di FOGGIA (-8) 8 12 4 4 4 19 20
grazie: dal riposante Verona LIVORNO 6 12 1 3 8 8 19
— che dipende sempre da se SERIE A PLAYOFF PLAYOUT RETROCESSIONI
stesso ma trae vantaggio dal
pari del Barbera — a Pescara e
Lecce che domani vanno a
Perugia e Carpi con l’obiettivo
di agganciare/avvicinare i
rosanero. Se gli sceneggiatori
hanno scritto bene la storia —
poi si sa, bisogna considerare IL PROGRAMMA
le bizze degli attori — lunedì
sera potremmo avere una PALERMO-BENEVENTO 0-0
classifica spaccata in due tra CITTADELLA-SALERNITANA OGGI ORE 15
chi lotta per volare in Serie A COSENZA-PADOVA OGGI ORE 15
e chi per restare in B. Con la CREMONESE-CROTONE OGGI ORE 15
cima che somiglierebbe a Duello tra il palermitano Ilija Nestorovski, 28, e Christian Maggio, 36, difensore del Benevento. Per i campani è il primo 0-0 del torneo GETTY ASCOLI-SPEZIA OGGI ORE 18

IL PARADISO
BRESCIA-LIVORNO DOMANI ORE 15
certe giornate di primavera­
CARPI-LECCE DOMANI ORE 15
estate sull’Everest, con una
PERUGIA-PESCARA DOMANI ORE 21
fila ininterrotta di alpinisti
FOGGIA-VENEZIA LUNEDÌ ORE 21
amatoriali, a un passo di RIPOSA: VERONA
distanza l’uno dall’altro a
marciare in direzione della

PUÒ ATTENDERE
vetta. Oggi Cittadella e MARCATORI
Salernitana possono essere le 10 RETI: Donnarumma (Brescia, 2)
7 RETI: Coda (Benevento, 3), Mancuso
prime a farsi più vicine a (Pescara, 1)
Stellone&co., mentre Cosenza­ 6 RETI: Palombi (Lecce)
Padova e Cremonese­Crotone 5 RETI: Finotto (Cittadella), Tutino
somigliano già a spareggi per (Cosenza), Mancosu (Lecce, 1), Nestorovski
(Palermo, 1), Vido (Perugia, 3), Bocalon
non precipitare. E se Zenga
lunedì vincesse anche a Bucchi frena il Palermo, le altre pretendenti alla A possono già cancellare (Salernitana), Di Mariano (Venezia)
4 RETI: Morosini (Brescia), Falco, La
Foggia? Sai che dicembre...
No, dai, vogliamo i nomi.
il mini­allungo della squadra di Stellone. Il Cittadella aspetta la Salernitana, Mantia (Lecce), Verre (Perugia), Pazzini
(Verona, 2)
© RIPRODUZIONE RISERVATA domani trappole per Pescara e Lecce. Sfide salvezza per Cremonese e Padova
32 SABATO 1 DICEMBRE 2018 LA GAZZETTA DELLO SPORT

SerieB LA PARTITA

Già tempo di regali


Trajkovski spreca
2

Bucchi non morde


Le big al risparmio
1L’attaccante del Palermo sciupa il k.o. nel finale,
il Benevento tiene ma affonda poco: è pari tattico
1
BENEVENTO 0
PALERMO 0
PALERMO (4-3-1-2) Brignoli;
Salvi (dal 37’ s.t. Rispoli), Bellusci,
Rajkovic, Aleesami; Murawski
(dal 20’ s.t. Falletti), Jajalo, Haas;
Trajkovski; Nestorovski, Puscas
(dal 44’ s.t. Moreo)
PANCHINA Pomini, Accardi,
Embalo, Ingegneri, Chochev,
● 1 L'intervento in area di Raul Asencio al 5' di recupero del secondo tempo: il tocco con il braccio sul
Fiordilino, Szyminski, Mazzotta,
Pirrello calcio di punizione calciato da Nestorovski ha suscitato molte polemiche tra i giocatori di Stellone LAPRESSE
ALLENATORE Stellone ● 2 L'errore di Trajkovski davanti alla porta del Benevento al 38' del secondo tempo LAPRESSE

tutto giocare in uno stadio vuo- BENEVENTO (3-5-2) Montipò;


Volta, Billong, Di Chiara; Maggio,
di quest’ultimo, che però non giocato di più e ha anche cam- la Moviola
Nicola Binda to e per nulla coinvolgente. Il era nella serata giusta: nel re- biato pelle. È successo per ne-
grande pubblico è rimasto an- Tello, Viola (dal 2’ s.t. Buonaiuto), cupero ha prima centrato la cessità, visti gli infortuni in av-
INVIATO A PALERMO
Bandinelli, Letizia (dall’8’ s.t. Ricci);
cora una volta a casa (e fuori barriera su punizione da ottima vio di ripresa a Viola e Letizia.

C
Coda, Asencio
i si aspettava molto di più dallo stadio è andata in scena PANCHINA Puggioni, Gori, posizione, poi ha girato a lato diBucchi è passato al 4-2-4 con
dal confronto tra due big una protesta contro Zampari- Sperandeo, Antei, Gyamfi, sinistro all’altezza del primo Buonaiuto a sinistra (ottimo in-
della categoria, ma evi- ni) e alla squadra manca un Cuccurullo, Volpicelli, Filogamo palo. gresso) e Ricci a destra, costrin-
dentemente il gelo e l’umidità traino per lanciarsi in avanti. ALLENATORE Bucchi gendo Stellone a passare prima

Finale «caldo»
hanno bloccato gli ingranaggi Perlomeno è stata mantenuta BENEVENTO IN... CODA Se non alla difesa a 5 abbassando Haas
ARBITRO Abbattista di Molfetta
offensivi rendendo molto rare l’imbattibilità: quella del tecni- ESPULSI nessuno è stata la serata di Nestorovski, a destra, per poi vederlo punta-

Maggio rischia
le incursioni a rete. Il Palermo co, all’ottava gara dopo il suo ri- AMMONITI Jajalo (P), Rajkovic non lo è stata re anche lui sul
capolista è sembrato acconten- torno, e quella casalinga della (P), Billong (B), Salvi (P), Maggio nemmeno dal- 4-2-4 con Falletti
LA SERATA
Asencio pure
tarsi del pareggio, come nella squadra, che al Barbera non (B) per gioco scorretto l’altra parte per per giocarsela a
partita precedente a Verona, perde da febbraio. Il rischio c’è NOTE paganti 5.504, incasso non Coda, che però si Un punto può essere specchio. Solo
cercando solo nel finale la stato. Però è vero che nel finale comunicato; abbonati 2.210, quota è dannato e ci ha nel finale il Be-
provato in tutti i un piccolo tesoro
non comunicata. Tiri in porta 1-2.
fiammata vincente. Meglio ha con un pizzico di fortuna sareb- Tiri fuori 3-3. In fuorigioco 2-0. nevento ha vacil-
fatto il Benevento, che però è be pure potuto arrivare il gol, Angoli 5-5. Recuperi: p.t. 0’; s.t. 5’ modi senza riu- per entrambe lato e non avreb- ● (m.b.) I casi più discussi
parso troppo timido nel cercare nell’unico frangente della sera- scire a battere le squadre be meritato di spuntano tutti nel finale di
il gol. Scontato lo 0-0, che rara- ta in cui anche il pubblico s’è l’ex compagno perdere, sfioran- partita, in pieno recupero.
mente è stato messo in discus- destato. Pensate: il primo tiro Brignoli. Un col- Prima della gara do il colpaccio Prima, al 48’, il fallo di Maggio
sione. E la soddisfazione dei in porta del Palermo è arrivato po di testa a lato ancora con Buo- su Nestorovski è fuori area ma il
tecnici va compresa: perdere solo dopo 39’ (Nestorovski a la- al 26’, un tiro alcuni tifosi naiuto (provvi- difensore del Benevento ha
una gara così avrebbe portato a to), seguito da un diagonale di fuori 10’ dopo a rosanero hanno denziale uscita rischiato il giallo e sarebbe stata
conseguenze pesanti. Questo Haas deviato bene da Montipò. tu per tu con il criticato Zamparini di Brignoli). Per quindi espulsione. A seguire,
punto è un piccolo tesoro. Solo dopo l’ingresso di Falletti e portiere, poi nel- una squadra ma- minuto 50, sulla punizione
il ritorno al fortunato 4-2-4 la la ripresa due colpi di testa lata era importante dare segui- calciata da Nestorovski c’è un
PALERMO D’ATTESA Non è pen- squadra di casa ha messo in dif- (uno alto, l’altro parato) attor- to alla vittoria sul Perugia. La intervento con la mano in
sabile che i guai societari abbia- ficoltà il Benevento, ma Trajko- no al quarto d’ora, prima della risposta è stata positiva e met- barriera di Asencio che rischia il
no inciso sulla prova del Paler- vski ha commesso un clamoro- grande parata di Brignoli che tere in discussione la panchina rigore. In tutto sono cinque gli
mo. Però non è bello per la so errore sparando alto dal di- ha detto di no alla sventola di di Bucchi a questo punto sareb- ammoniti da Abbattista, quattro
squadra di Stellone vivere una schetto dopo ottimo assist di Buonaiuto. Il Benevento, che be veramente ingiusto. dei quali nel corso
situazione del genere, soprat- Nestorovski. Poi è stata la volta lamentava diverse assenze, ha © RIPRODUZIONE RISERVATA del secondo tempo.

LE PAGELLE di N.BIN.
l’uomo e non crossa. Però almeno tre centrali, è costretto a snaturarsi
non concede spazi a Ricci. IL MIGLIORE rinunciando alla spinta. IL MIGLIORE
MURAWSKI 5 Scelto per rinforzare ALBERTO MAGGIO 6,5 Il Palermo attacca solo MASSIMO
la mediana, non ne azzecca una. dalla sua parte e lui non si fa mai
FALLETTI 6,5 Ingresso che porta 6,5 BRIGNOLI cogliere impreparato. 6,5 CODA
molta vivacità: con lui il Palermo Nella storia del Benevento TELLO 5 Solo copertura, con grossi Diversi tentativi in zona gol,
si rianima. per il gol al Milan, da avversario problemi quando si tratta ma la palla non vuole entrare.
PALERMO 5,5 JAJALO 5,5 Più pasticcione
del solito, lamenta qualche acciacco.
Ammonito, salterà la prossima:
gli nega la rete con una difficile
parata su Coda e con un’uscita BENEVENTO 6 di fare l’ultimo passaggio.
VIOLA 6,5 Un primo tempo
da padrone del centrocampo,
E non si limita ad aspettare
il pallone, ma lo va a prendere
su Buonaiuto nel recupero. abbassandosi molto,
gli farà bene. esce in avvio di ripresa
BRIGNOLI, EX AL TOP HAAS 6,5 Un’altra prova positiva,
Da rivedere solo i rilanci di piede.
CODA C’È SEMPRE per un problema fisico.
aiutando anche la squadra.

NESTOROVSKI-PUSCAS con il gol sfiorato nel primo tempo


e poi tanto sacrificio. VOLTA, PROVA SICURA BUONAIUTO 6,5 Il suo ingresso
porta accelerazioni che mettono
IN SERATA NO TRAJKOVSKI 5,5 Stavolta al centro
e dietro alle punte, si allarga L’ALLENATORE TELLO COPRE SOLTANTO in difficoltà il Palermo.
BANDINELLI 6 Una prova L’ALLENATORE
SALVI 6 Preferito a Rispoli, si limita a sinistra ma non trova mai ROBERTO MONTIPO’ 6,5 Altra prestazione di di sostanza. Fa la mezzala e, quando CRISTIAN
a coprire facendo per una ventina la giocata vincente. grande maturità, non fa rimpiangere esce Viola, diventa regista.
di minuti anche il centrale. NESTOROVSKI 6 Tanto movimento 6 STELLONE il più esperto Puggioni. LETIZIA 6 Spinge, certo, ma con poca 6,5 BUCCHI
(Rispoli s.v.) e impegno, due occasioni solo nel Torna al centrocampo a tre VOLTA 6 Prova sicura, gagliarda, lucidità. In avvio di ripresa prende Torna al 3-5-2 in trasferta
BELLUSCI 6,5 Fisicamente cede recupero: una punizione sulla per fronteggiare il Benevento, grazie anche allo schermo di Maggio una botta e deve uscire. dopo il flop di La Spezia,
qualcosa alle due punte barriera e una girata a lato. poi cambia per rispondere da quella parte del campo. RICCI 5,5 Entra per spingere poi cambia e cerca la vittoria.
del Benevento, ma col mestiere PUSCAS 5 Altro ex, protagonista alle mosse di Bucchi. BILLONG 5,5 Eccessivamente falloso, sulla destra, ma non trova mai Il coraggio va premiato
se la cava sempre. della promozione in Serie A Solo nel finale però la sua squadra rischia troppo cercando la giocata interessante. e le assenze sono un alibi
RAJKOVIC 6 Più rude di Bellusci, si del Benevento con 8 gol, infila crea qualche pericolo in avanti. di far prevalere a ogni costo ASENCIO 5 Tanto movimento fine a che regge.
perde qualche palla aerea di troppo. una serata no. la sua prestanza fisica. se stesso. L’unica volta in cui arriva in
ALEESAMI 5 Solita storia: non salta (Moreo s.v.) DI CHIARA 6 Ancora schierato nei zona gol va a sbattere su un difensore.

GLI ARBITRI 6
ABBATTISTA Partita velenosa ma non complicata, che conduce in porto senza errori. Non era rigore il mani di
Jajalo. Prosegue nella sua scia senza cartellini rossi.
ROBILOTTA 6,5
RASPOLLINI 6,5
SABATO 1 DICEMBRE 2018 LA GAZZETTA DELLO SPORT 33

SerieB L’INTERVISTA
TU 1 2 3
R
PE C
O
U

N..
A T

Filippo Falco

F
● 1 Filippo Falco, 26 anni, su
corso Vittorio Emanuele, a Lecce
● 2 Davanti all’anfiteatro romano,
con le dita a L «dedicate alla mia
fidanzata Liviana» ● 3 Sotto
i portici del Comune FOTO LEZZI

A «Sacrifici e lacrime
«In famiglia tutti abbiamo un fal-

L'IDENTIKIT
co sulla pelle. Continuerò a fe-
steggiare i miei gol con il volo sul-
l’erba, per lanciarmi sulla preda.
NATO A PULSANO (TARANTO)
IL 11 FEBBRAIO 1992
Contro Cosenza e Cremonese,

Stavo per mollare


RUOLO TREQUARTISTA dopo le mie reti, mi sono tuffato
sul terreno bagnato. Rivedendo

L
ALTEZZA 171 CM PESO 70 KG
le immagini, viene da pensare
Cresciuto nelle giovanili del proprio al falco».
Lecce, ha vestito già le maglie di

ora sono un rapace


Pavia, Reggina, Juve Stabia e La lettera L con due dita della ma-
Trapani. Nell’estate del 2015 no, nell’ultima esultanza, quale si-
approda al Bologna: con la gnificato ha?
maglia rossoblù colleziona 9 «Ho dedicato il gol alla mia fidan-

C
presenze in Serie A. Nelle ultime zata Liviana, tarantina».

Il Lecce? Fa paura»
tre stagioni ha giocato a Cesena,
Benevento, Perugia e Pescara. In Il Lecce può lottare sino in fondo
estate il «Messi del Salento» è per la promozione?
tornato a Lecce: con i giallorossi «Sarà fondamentale continuare a
ha già segnato 4 gol in 8 gare proporre il nostro gioco, in modo
spensierato. Liverani ha creato
un’organizzazione tattica perfet-
1L’attaccante si racconta: «Zeman è un rammarico

O
ta; possiamo essere una mina va-
gante».
Se sono qui lo devo a papà e alle auto di nonno e zio» Più trequartista lei o Mancosu?
«Con caratteristiche diverse, ci
Walter, nel mio paese. A 9 anni caliamo nel ruolo. Marco ha più
Giuseppe Calvi fui preso dal Bari, voluto da Ni- gamba, gioca palla al piede; io
LECCE cassio. A 12 anni lasciai la fami- prediligo dribbling e scatti e mi
gcalvi@rcs.it glia per trasferirmi nel convitto a adatto da seconda punta. Fu Co-

L
Poggio delle Ginestre, dove il Ba- smi a Trapani a schierarmi tre-
a preda sembra ancora ri faceva alloggiare i ragazzi fuori quartista: “quando hai palla, fai
lontana, però il Falco è sede. Furono momenti difficilis- quello che vuoi”».
in agguato, pronto a lan- simi».
ciarsi in volo. Filippo Ha perso un treno importante?
Falco non nasconde le Nostalgia di casa?
sue ambizioni, si è calato nella «Una notte, in preda a una crisi di
A PESCARA MI FECI «Ho il rammarico di non essermi
goduto Zeman. Arrivato a Pesca-
parte che Liverani gli ha assegna- pianto, telefonai a papà: “vieni a MALE, AL MIO ra, mi sono infortunato; quan-
to. Non solo genietto, sempre abi- prendermi, non ce la faccio a sta-
le nell’inventare gioco, ma anche re lontano da voi”. Mio padre ar-
RITORNO ZEMAN d’ero pronto, lui fu esonerato. In
un mese e mezzo, ho appreso tan-
goleador di complemento: 4 reti rivò subito a Bari: mi misi in auto, VENNE ESONERATO to da Zeman. E ho “tremato” ogni
in 8 presenze, nella squadra più però, percorsi pochi metri dal volta che, alle ore 8, prima del-
prolifica della B, con 24 centri, convitto, dissi a papà di riportar- FILIPPO FALCO l’allenamento c’era il controllo-
balzata al terzo posto in classifi- mi indietro. “Resto qui, voglio fa- E L’INCROCIO MANCATO peso. Vado pazzo per i dolci, mi
ca. «Dopo poche giornate di cam- re il calciatore”, fu la scossa che mangerei un’intera cheesecake».
pionato, Liverani mi ha cambiato la
mi ha trasmesso vita». L’emozione più forte nella sua av-
segnali importan- LA SVOLTA ventura calcistica?
ti — dice Falco, 26 «In convitto a Bari Come è finito dal «La promozione in A col Bene-
anni, nato a Pul- Bari al Lecce? vento e la gara col Bologna in ca-
sano, in provincia una notte chiamai «A sorpresa, a 15 sa Juve, per la quale simpatizzo.
di Taranto, suo casa: “non resisto, anni il Bari mi Entrai nel finale: io contro Chiel-
miglior bottino in venite a prendermi” svincolò. E Beppe lini, da non crederci».
B con 6 reti nel Be- Materazzi, che
nevento — “Filip- Salii in auto ma dissi
po deve alzare
aveva il figlio Si-
mone nel gruppo
CON I PRIMI SOLDI Nel vivaio del Lecce, le fu dato il
soprannome «Messi del Salento».
l’asticella dell’am- “No, resto: voglio della mia catego- DA PRO HO PRESO E’ il suo idolo?
bizione, mi aspet- fare il calciatore”.
to che arrivi in È stata la svolta...»
ria, mi propose un
provino con il Lec-
CASA AI FAMILIARI. «Il mio mito. Pur di conoscerlo,
andrei in bici a Barcellona. A par-
doppia cifra”, così ce. Dopo due gior- E UNA PORSCHE... te Messi, ho apprezzato tanto
l’allenatore mi ha stimolato. E’ ni, ero già in giallorosso. Mio pa- Miccoli. Sono piccoletto...».
stato un grande giocatore, seguo dre per i primi due anni a Bari in FILIPPO FALCO
i suoi consigli». macchina faceva circa 250 km al E LO SFIZIO PERSONALE Il prossimo impegno a Carpi ri-
giorno, casa-allenamento, cin- porta alla mente l’eliminazione del
Dopo 5 anni, è tornato al Lecce: il que volte a settimana. Devo rin- Lecce in finale playoff di Lega Pro
suo obiettivo è il ritorno in A? graziare tanto nonno Filippo e contro gli emiliani, con invasione
«Ho firmato un triennale, speran- zio Tonino: prestavano le loro au- di campo al Via del Mare. Sarà un
do di contribuire al grande salto; to a papà, che aveva una vecchia incrocio particolare?
sono tornato per vincere la scom- macchina». «Che mazzata, quel giorno! Nella
messa. Ho chiuso l’avventura con stagione a Benevento, però, ho
il Bologna, dopo essermi illuso di Con i primi ingaggi da professioni- segnato al Carpi sia all’andata
avere uno spazio in A. Credevo di sta ha aiutato la famiglia e si è tol- che al ritorno. Magari riuscissi a
meritare una chance nel Bene- to qualche sfizio? ripetermi…».
vento, dopo la promozione; ma «Sì, ho acquistato una casa a Pul-
HO UN FRATELLO © RIPRODUZIONE RISERVATA

6
non sono stato confermato. Mi è sano per i miei familiari: ho tre
rimasto un retrogusto amaro del- fratelli, Marco, Roberto e Maria TATUATORE: TUTTI A
la A, 9 presenze a Bologna, 3 anni Perla. Mi sono concesso una Por-
fa». sche e spero di comprare casa a
CASA ABBIAMO UN
Lecce. Roberto, 23 anni, è il mio FALCO SULLA PELLE
Prima Bari, poi Lecce: quanti sa- primo tifoso; Marco, 25, fa il ta-
crifici ha sopportato la sua fami- tuatore. Ho più di venti tatuaggi, L’ATTACCANTE GIALLOROSSO
glia in giro per la Puglia? alcuni fatti da lui. Se andremo in E LA PASSIONE PER I TATTOO
«Tanti. Papà Piero e mamma Car- A, gli chiederò qualcosa di parti- ● Il record di gol in una
men sono stati sempre al mio colare...». stagione di B per Filippo Falco:
fianco. Cominciai a giocare, da nel Benevento 2016-17, chiusa
terzino, nella scuola calcio di Sulla coscia destra si è fatto tatua- con la promozione in A. In
Giuseppe Novellino, fratello di re un falco. questo torneo è già a quota 4
34

SerieB COSÌ IN CAMPO


occhio a... COSENZA (4-3-3) CITTADELLA (4-3-1-2)
PADOVA (4-3-1-2) SALERNITANA (3-5-2)
OGGI Ore 15 ARBITRO Marini di Roma OGGI Ore 15 ARBITRO Giua di Olbia
PREZZI 13-40 euro TV Dazn PREZZI 14-50 euro TV Dazn

Ardemagni vicino a quota 100 33


PERINA
1
PALEARI

Diamanti e Brescia, tristi ricordi


2 5 3 18 24 15 13 26
CORSI IDDA DERMAKU LEGITTIMO GHIRINGHELLI FRARE CAMIGLIANO RIZZO

21 7 24 8 4 23
BRUCCINI MUNGO GARRITANO SETTEMBRINI IORI BRANCA

32 16 25 7
DI GUGLIELMO LONGHI BAEZ BACLET TUTINO 19 SCHENETTI 9
SCAPPINI STRIZZOLO
27 34 11 24

O
rmai per i tifosi era vivo per segnare. Un gol per IL RITORNO Storia di un altro BONAZZOLI 8 CHINELLATO DJURIC BOCALON
MINESSO
diventato un simpatico me è meglio di mille donne. attaccante e di un ritorno non CASTIGLIA AKPA AKPRO
7 11 18 3 23 14 18 15
ritornello: «Non è certo Sono single e da quel punto di si sa quanto apprezzato. PULZETTI PINZI MAZZOCCO VITALE DI TACCHIO CASASOLA
un fatto strano che segni il vista non mi lamento». Sei Alessandro Diamanti, leader e
bomber di Milano», urlava lo anni e molti gol più tardi, di un annaspante Livorno, 14 13 5 23 13 21 5
ZAMBATARO CAPELLI TREVISAN CAPPELLETTI GIGLIOTTI SCHIAVI MANTOVANI
speaker del Braglia dopo ogni Ardemagni sta per torna dove ha giocato nel
1 12
gol di Matteo Ardemagni. A raggiungere un traguardo non 2010-11, ultimo anno in A del PERISAN MICAI
Modena ha firmato il record banale: 100 reti in Serie B. Lo Brescia. Autore di 6 gol
PANCHINA 1 Cerofolini, 22 Saracco, PANCHINA 22 L. Maniero I, 21 Proia,
personale, 23 gol contro i 22 splendido pallonetto contro il (quello alla Juve, segnato 29 Pascali, 14 Tiritiello, 11 D’Orazio, 29 Cancellotti, 27 Dalla Bernardina,
di Cittadella. Era la stagione Pescara gli ha fatto capire che davanti al c.t. Prandelli, gli 27 Bearzotti, 30 Verna, 15 Schetino, 17 Panico, 11 Siega, 20 Pasa, 5 Adorni,
2012-13 e l’attaccante la tripla cifra è possibile. regalò la prima convocazione 6 Palmiero, 17 Varone, 10 Di Piazza, 28 Bussaglia, 10 Malcore, 25 L. Maniero II
9 Perez ALLENATORE Braglia ALLENATORE Venturato
dell’Ascoli, cresciuto nelle Leader in campo e fuori, in Nazionale), Diamanti non SQUALIFICATI Maniero DIFFIDATI SQUALIFICATI Finotto (3) DIFFIDATI
giovanili milaniste, l’importanza di Ardemagni si riuscì a evitare la nessuno INDISPONIBILI Capela, Trovato Ghiringhelli, Siega, Branca, Settembrini
raccontava così il suo è capita quando ha saltato 6 retrocessione con due INDISPONIBILI Drudi, Benedetti
PANCHINA 22 Merelli, 12 Favaro,
maestro, Pippo Inzaghi: «Mi gare per la frattura scomposta giornate d’anticipo. Oggi si Matteo 29 Vogliacco, 6 Ceccaroni, 32 Della Rocca, PANCHINA 1 Vannucchi, 29 Perticone,
ha dato tantissimo. Si fermava di ulna e radio del braccio trova in una situazione Ardemagni, 25 Belingheri, 4 Serena, 38 Clemenza, 2 Pucino, 25 Migliorini, 6 Odjer,
a fine allenamento per darmi sinistro. Rientrato, ha subito altrettanto complicata: a 35 31 anni, 9 Guidone, 21 Marcandella, 10 Sarno, 7 D. Anderson, 32 Mazzarani, 20 Palumbo,
26 Cisco ALLENATORE Foscarini 10 Rosina, 28 A. Anderson, 9 Vuletich,
consigli, mi insegnava a cambiato volto all’attacco, anni, dopo aver girato a milanese, SQUAL. Capello DIFF. Cappelletti, Trevisan 30 Jallow ALLENATORE Colantuono
muovermi sul filo del dimostrando che i playoff lungo, si è rimesso in attaccante INDISPONIBILI Madonna, Mandorlini, SQUALIFICATI nessuno DIFFIDATI Di
fuorigioco. Ho preso da lui: sono un obiettivo possibile. discussione. Ascoli LAPRESSE Broh, Ravanelli, Contessa, Salviato Tacchio INDISP. Bernardini, Di Gennaro

CREMONESE (4-3-2-1) ASCOLI (4-3-1-2) CARPI (4-4-1-1) BRESCIA (4-3-1-2) PERUGIA (4-3-1-2) FOGGIA (3-5-2)
CROTONE (4-3-3) SPEZIA (4-3-3) LECCE (4-3-1-2) LIVORNO (3-4-1-2) PESCARA (4-3-3) VENEZIA (4-3-3)
OGGI Ore 15 ARBITRO Nasca di Bari OGGI Ore 18 ARBITRO Illuzzi di DOMANI Ore 15 ARBITRO Guccini di DOMANI Ore 15 ARBITRO Minelli DOMANI Ore 21 ARBITRO Ghersini LUNEDÌ Ore 21 ARBITRO Volpi
PREZZI 10-40 euro TV Dazn Molfetta PREZZI 14-38 euro TV Dazn Albano L. PREZZI 14-50 euro TV Dazn di Varese PREZZI 8-54 euro TV Dazn di Genova PREZZI 14-60 euro TV Dazn di Arezzo PREZZI 16-69 euro TV Dazn
1 1 22 1 22 1
RAVAGLIA LANNI COLOMBI ALFONSO GABRIEL BIZZARRI
14 3 26 33 37 23 2 20 25 13 6 5 2 15 18 16 7 15 4 21 14 31 3
MOGOS DOS SANTOS TERRANOVA RENZETTI LAVERONE BROSCO VALENTINI KUPSIZ PACHONIK POLI BUONGIORNO PEZZI SABELLI CISTANA ROMAGNOLI CURCIO MAZZOCCHI NGAWA EL YAMIQ CREMONESI MARTINELLI CAMPORESE RANIERI

27 18 4 19 5 30 20 24 19 10 14 4 6 14 24 23 BUSELLATO DELI
EMMERS CASTAGNETTI ARINI ADDAE TROIANO FRATTESI JELENIC MBAYE PASCIUTI PISCITELLA DALL’OGLIO TONALI NDOJ KINGSLEY DRAGOMIR MOSCATI 25 30 8 18 11
7 25 5 GERBO CARRARO KRAGL
7 9 11 CONCAS BISOLI VERRE
PICCOLO 8 BRIGHENTI 39 NINKOVIC 32 9 11 10 11 9 19
18
CASTROVILLI NGOMBO ARDEMAGNI DONNARUMMA TORREGROSSA VIDO MELCHIORRI IEMMELLO MAZZEO
ARRIGHINI
20 19 31 11
7 25 11 26 21 11 RAICEVIC MURILO 26 7 19 20 32 28
FALCO LA MANTIA 23
FIRENZE SIMY FARAONI BIDAOUI OKEREKE GYASI 8 ANTONUCCI MANCUSO MARRAS DI MARIANO VRIONI CITRO
MANCOSU DIAMANTI
20 18 6 6 8 16 10 16 8 14 7 8
30 4 23 7 34 8 13
MOLINA BARBERIS ROHDÈN MORA RICCI BARTOLOMEI MACHIN BRUGMAN MEMUSHAJ PINATO BENTIVOGLIO SUCIU
SCAVONE PETRICCIONE TABANELLI VALIANI AGAZZI LUCI FAZZI
19 2 23 31 3 13 19 23 6 3 26 3 23 5 31
27 16 25 24 3 6 13 27
MARCHIZZA CURADO VAISANEN SAMPIRISI AUGELLO CAPRADOSSI TERZI DE COL GASBARRO DAINELLI BOGDAN DEL GROSSO PERROTTA GRAVILLON CIOFANI
CALDERONI MECCARIELLO LUCIONI VENUTI BRUSCAGIN DOMIZZI MODOLO ZAMPANO
1 1 22 22 1 12
CORDAZ LAMANNA VIGORITO MAZZONI FIORILLO VICARIO
PANCHINA 16 Agazzi, 24 Del Fabro, PANCHINA 22 Perucchini, 12 Bacci, PANCHINA 1 Serraiocco, 23 Barnofsky, PANCHINA 22 Andrenacci, 5 Gastaldello, PANCHINA 1 Leali, 12 Perilli, 13 Sgarbi, PANCHINA 22 Noppert, 6 Loaicono,
5 Kresic, 15 Marconi, 17 Migliore, 14 Padella, 4 De Santis, 16 Casarini, 14 Ligi, 3 Frascatore, 2 Suagher, 3 Mateju, 20 Rondanini, 8 Martinelli, 28 Kouan, 26 Terrani, 16 Ranocchia, 27 Boldor, 23 Rubin, 13 Zambelli, 29 Ramè,
34 Boultam, 11 Croce, 19 Greco, 15 Quaranta, 17 Cavion, 21 Beretta, 33 Wilmots, 21 Saric, 27 Machach, 7 Spalek, 23 Morosini, 21 Cortesi 18 Bordin, 20 Bianchimano, 9 Mustacchio, 17 Cicerelli, 20 Chiaretti, 32 Gori,
30 Carretta, 21 Strefezza, 10 Paulinho, 8 Carpani, 10 Rosseti, 18 Parlati, 43 Sarli 32 Di Noia, 15 Vano, 16 Romairone, ALLENATORE Corini 27 Han ALLENATORE Nesta 18 Galano ALLENATORE Grassadonia
12 Volpe ALLENATORE Rastelli ALLENATORE Vivarini SQUAL. D’Elia 9 Mokulu ALLENATORE Castori SQUALIFICATI nessuno SQUALIFICATI Falasco SQUALIFICATI Agnelli
SQUALIFICATI nessuno DIFFIDATI Laverone INDISPONIBILI SQUALIFICATI Sabbione DIFFIDATI DIFFIDATI Torregrossa DIFFIDATI nessuno DIFFIDATI nessuno
DIFFIDATI nessuno INDISPONIBILI Baldini, Coly, Ganz, Ingrosso, Valeau, Zebli nessuno INDISPONIBILI Piu INDISPONIBILI Miracoli, Ferrari, INDISPONILI Bianco, Felicioli, Gyomber INDISPONIBILI Tonucci
Perrulli, Montalto, Radunovic Tremolada
PANCHINA 22 Manfredini, 33 Barone, PANCHINA 1 Bleve, 5 Cosenza, 10 Lepore, PANCHINA 12 Kastrati, 6 Scognamiglio, PANCHINA 22 Lezzerini, 4 Andelkovic,
PANCHINA 22 Festa, 12 Figliuzzi, 3 Cuomo, 4 Crivello, 5 Giani, 24 Vignali, 32 Bachini, 15 Marino, 28 Fiamozzi, 31 Bovo, PANCHINA 38 Zima, 4 Di Gennaro, 13 Fornasier, 15 Elizalde, 25 Crecco, 5 Coppolaro, 25 Cernuto, 26 Garofalo,
5 Golemic, 27 Valietti, 16 Crociata, 18 De Francesco, 20 Bastoni, 6 Arrigoni, 13 Haye, 29 Armellino, 21 Gonnelli, 33 Maicon, 20 Maiorino, 20 Palazzi, 28 Melegoni, 29 Del Sole, 30 Migliorelli, 11 St Clair, 18 Segre,
33 Romero, 21 Zanellato, 17 Budimir, 29 Acampora, 7 Pierini, 17 Gudjohnsen 11 Torromino, 14 Palombi, 18 Dubickas 18 Kozak, 29 Rocca, 10 Giannetti, 9 Monachello, 19 Cocco 21 Schiavone, 17 Marsura, 19 Geijo,
14 Tripicchio, 8 Stoian, 32 Spinelli ALLENATORE Marino SQUALIFICATI ALLENATORE Liverani 9 Pedrelli, 5 Bruno, 15 Iapichino, 30 Parisi ALLENATORE Pillon 29 Litteri ALLENATORE Zenga
ALLENATORE Oddo SQUALIFICATI nessuno DIFFIDATI Crimi, Ricci, Terzi SQUALIFICATI nessuno ALLENATORE Breda SQUALIFICATI nessuno DIFFIDATI Del SQUALIFICATI Falzerano
Martella DIFFIDATI Benali INDISPONIBILI Erlic, Mastinu, Galabinov, DIFFIDATI nessuno SQUALIFICATI nessuno DIFFIDATI Grosso, Memushaj INDISPONIBILI DIFFIDATI Modolo, Domizzi, Di Mariano
INDISPONIBILI Benali, Nalini Crimi, Maggiore INDISPONIBILI Pettinari, Riccardi Diamanti INDISPONIBILI Porcino Kanoutè, Capone, Campagnaro, Balzano INDISPONIBILI Zennaro

1Nel Cosenza rientra Dermaku, in attacco 1Corini ha un dubbio per la difesa del Brescia:
Braglia sceglie tra Baclet e Di Piazza la freschezza di Cistana o l’esperienza di Gastaldello
Padova: Ravanelli operato ieri, pronto nel 2019 Pescara in ansia per Fiorillo: elongazione muscolare
SABATO 1 DICEMBRE 2018 LA GAZZETTA DELLO SPORT 35

SerieB LA SFIDA

fCITTADELLA-SALERNITANA PALEARI
PRESENZE
MICAI
PRESENZE ANCHE DE ZERBI PARTE LESA

PALEARI VS MICAI 12 12 Dalla malavita


minacce al Foggia

Qui non si passa


GOL SUBITI GOL SUBITI per due ingaggi
● FOGGIA (em.lo.) C’è anche il
Foggia come parte lesa nelle 286
8 pagine dell’inchiesta «Decima

Roccaforti contro
11 Azione» della Procura della
4 in area e 4 fuori 9 in area e 2 fuori Repubblica, che ieri ha portato
all’arresto di 30 esponenti della
PARTITE SENZA SUBIRE RETI PARTITE SENZA SUBIRE RETI criminalità locale. Sarebbero
state esercitate pressioni sull’ex

con vista Serie A


d.s. Giuseppe Di Bari, sull’ex
6 5 allenatore Roberto De Zerbi
(oggi al Sassuolo) e sul figlio del
PARATE EFFETTUATE PARATE EFFETTUATE patron Antonio Sannella, per
imporre l’ingaggio di un
calciatore in Lega Pro e il pre-

1I due portieri sono tra i meno battuti della B 41 37 contratto da professionista per
un giovane della Berretti. I fatti

In comune hanno Mantova, fallimenti e rinascita risalgono all’estate 2016 quando


fu tesserato e poi girato in
prestito al Melfi l’attaccante
TIRI SUBITI NELLO SPECCHIO TIRI SUBITI NELLO SPECCHIO
Luca Pompilio (già in rossonero
ciatore di Serie B: analisi e mo­ Micai è mantovano, uno di quei nel 2012). Pressioni sarebbero
Matteo Brega delli di consumo». Un’indagine ragazzi esuberanti che a causa state fatte anche per ottenere
proprio sul campionato che lo del suo carattere non si è preso 48 48 un contratto da professionista al

M
antova è il loro punto vede ora protagonista. Alberto tutto ciò che si sarebbe merita­ giovane della Berretti, Antonio
di incontro virtuale: avanzò a 288 giocatori una se­ to nell’immediato. Però il tem­ Bruno. Nelle intercettazioni tra
Alberto Paleari ci ha rie di domande sui beni di con­ po restituisce, è galantuomo: affiliati sono emersi i nomi di Di
giocato, Alessandro Micai non sumo quotidiani, tra macchine Alessandro lo sa bene da buon Bari e De Zerbi. Nell’ordinanza
solo, ci è pure nato. Oggi si sa­ e orologi, per valutare il livello appassionato di orologi. Dopo % PARATE % PARATE sono evidenziate minacce dirette
luteranno prima di sfidarsi in il valore dell’«essere calciato­ il fallimento del Mantova si è ri­ al figlio del patron da parte di
Cittadella­Salernitana speran­ re». Una lunga indagine, un po’ trovato nella Primavera del Va­ uno degli arrestati per imporre i
do, in cuor loro, che i rispettivi anche su stesso, per scoprire rese, quella allenata da Devis calciatori. L’ingaggio, nell’estate
guanti non diventino come il che l’apparire conta parecchio Mangia. La finale scudetto con­ 83,67% 77,08% 2016, di Pompilio, per gli
dolce tipico di Mantova, «sbri­ nell’ambiente del calcio, pure tro la Roma fu una sorpresa e inquirenti sarebbe conseguenza
soloni». Alberto hanno in co­ troppo. «Inutile lui il sorpren­ di richieste estorsive.
mune anche un altissimo ren­ nasconderlo, sia­ dente portiere © RIPRODUZIONE RISERVATA
dimento nella prima 12 partite mo dei privile­ LA FORZA dei lombardi
disputate. Il Cittadella, infatti, giati» — aveva Otto gol subiti sconfitti dai gial­
ha la miglior difesa (solo 8 gol commentato in lorossi solo ai Alberto Alessandro L’ASSEMBLEA DI LEGA B
subiti), la Salernitana la terza una recente in­ dai veneti, undici supplementari. Paleari, Micai, 25 anni
(11). In mezzo Palermo e Cre­ tervista alla Gaz­ dai campani: Dopo Varese, ec­ 26 anni LAPRESSE Crescono i ricavi,
monese (10). zetta. Lui che co­ Venturato c o Pa l e r m o :
munque ora, sta­ e Colantuono un’altra stagione
LAPRESSE
aumenta il valore
DOTTORE Paleari ha chiuso la
metà delle partite senza subire
bile in una realtà puntano sulle difese
solida, ha vissuto
in Primavera e ti­
tolo di miglior
della produzione
gol, Micai quasi (6 a 5). Non è comunque il fal­ portiere della ● MILANO (m.b.) Si è svolta ieri
la presentazione di uno 0­0, è limento della società che lo stagione 2011­12. Il 24 luglio pomeriggio a Milano
solo la spiegazione principale aveva tesserato, la Tritium. La 2012 c’è il test con il Como con­ l’Assemblea della Lega B.
del perché Cittadella e Salerni­ ripartenza alla Virtus Verona, tro l’Inter, i nerazzurri vincono Il passaggio più incisivo della
tana sono in scia ai posti che al minimo salariale, ha rilan­ solo 3­2 perché lui in porta fa il riunione ha riguardato
valgono la A diretta. E la spie­ ciato la sua carriera: Mantova, fenomeno. A Bari ci arriva co­ l’incremento del valore della
gazione principale è proprio la Giana e quindi Cittadella. «Non me terzo, voluto da Mangia. produzione, ai fini del calcolo del
tenuta difensiva. Un pacchetto siamo una favola, ma una Negli anni scala la gerarchia fi­ rapporto E/VP
ciascuno. I due portieri sono i splendida realtà» — disse a set­ no a diventare il titolare. Poi, il (emolumenti/valore di
più felici di questa solidità. Due tembre. E così è ancora. Il Citta­ fallimento dei pugliesi ed ecco produzione), in seguito
anime profondamente diverse della di Venturato — che oggi la Salernitana. Ma lo avevano all’aumento dei diritti tv, degli
con storie differenti e solo quel non avrà Finotto, squalificato cercato anche Valladolid, Cadi­ introiti da sponsor e di
passaggio a Mantova a legarli. per tre turni, ricorso presentato ce, Genk e Frosinone. La A arri­ mutualità, e quindi delle
Paleari si è laureato in Scienze — continua a sognare la A. Pa­ verà. maggiori risorse che si prevede
motorie con 104, tesi su «Il cal­ leari è il terminale al contrario, © RIPRODUZIONE RISERVATA di distribuire alle associate nel

84 89
colui che «termina» le velleità corso della stagione sportive
altrui. Ha incrociato Micai solo 2018-19. Tutto ciò potrebbe
una volta sui campi. Era il 21 portare anche a un aumento del
gennaio del 2017, Cittadella­ margine di manovra delle 19
Bari finita 2­0 per i veneti con i squadre di B sul mercato di
gol di Chiaretti e Schenetti. gennaio. Il presidente Mauro
Balata ha poi iniziato un
RISALITA Gol in rima che Ales­ ragionamento con i club sulla
● La percentuale di parate sandro non avrà gradito. Gio­ ● La percentuale di parate di modifica della struttura della
effettuate da Paleari sui 21 tiri cava con i pugliesi una stagione Micai sui tiri provenienti da fuori rappresentativa della B Italia,
effettuati dall’interno dell’area tra campo e panchina, con il area, per la precisione 89,47%. abbassando il limite d’età
di rigore del Cittadella. La media posto da titolare sempre in pa­ Una media eccellente, superiore dall’Under 21 alla 15 o 17.
dei colleghi è del 61,54%. lio tra lui e Salvador Ichazo. all’81,84% dei colleghi. © RIPRODUZIONE RISERVATA