Sei sulla pagina 1di 2

Prof. Dott.

Diego Cossu
Medico Chirurgo
Specialista in Foniatria - Specialista in Audiologia
Esperto in Deglutologia
Professore a.c. Scuola di Specializzazione in Foniatria, Università degli Studi di Torino

Torino, Via L. Delleani 8


Tel 333.7906156

Norme dietologiche e consigli per soggetti affetti da patologia da reflusso atipico (LPR)

ALIMENTI DA EVITARE:

• Pomodoro cotto e crudo, in quanto acido (comprese salse, sugo della pasta e della pizza, ragù, ketchup…)
• Agrumi e succhi di agrumi (arancia, mandarino,mandarancio, limone…). Evitare anche mirtilli, lamponi,ananas,
pompelmi, kiwi.
• Frutta estiva (uva, albicocca, pesca, susina, prugna…). È tuttavia possibile assumerla se privata della buccia.
• Aromi e spezie piccanti (peperoncino, pepe, curry, zenzero, paprika, cannella, noce moscata…).
• Altri alimenti o sostanze acide o contenenti acidificanti (yogurt acidi, aceto e sottaceti, succhi di frutta industriali,
the al limone).
• Chewing-gum e caramelle (a qualunque gusto), in quanto inducono secrezione di acido gastrico in assenza di bolo
alimentare.
• Cibi che deprimono la pressione del LES (alcool e superalcoolici, grassi, cioccolato in tutte le sue forme, menta,
liquirizia, anice).
• Castagne e frutta secca in generale (noci, nocciole, mandorle, arachidi, anacardi…).
• Verdure agliacee e piante crucifere (cipolla, aglio, erba cipollina, scalogno, porro, cavolfiore, rapa, verza).
• Estratti di carne e dado (sia di carne che vegetale).
• Carni grasse (maiale), affumicate ed insaccati. È possibile consumare carni bianche (tacchino e pollo) o magre
(vitello e coniglio), bresaola e prosciutto (crudo e cotto).
• Pasti troppo grassi o fritti.
• Evitare condimenti tipo strutto, burro e margarina. Utilizzare come condimento solamente l’olio extravergine di
oliva crudo, limitandone la quantità.
• Paste lievitate a lungo (panettone, colomba pasquale, brioche, pane con molta mollica, pan di spagna, pane
bianco).
• Bevande e bibite gassate o frizzanti in quanto aumentano la pressione endogastrica (compresa acqua frizzante e
vini frizzanti).
• Latte intero o suoi derivati (formaggi grassi o fermentati, burro, gorgonzola, taleggio, brie, mascarpone, panna).
Possono essere consumati formaggi freschi, cremosi e senza troppi grassi (ricotta, mozzarella, feta), formaggi di
capra, formaggi di soja.
• Gelato (a qualunque gusto). Evitare inoltre i dolci a base di burro, o contenenti creme al cioccolato, mascarpone o
panna (tiramisu, torte, pasticcini vari).
• Qualunque alimento che, soggettivamente, risulti di lenta digestione.

INOLTRE:
• Ridurre il sale (irrita la mucosa gastrica).
• Evitate i brodi, meglio cibi asciutti.
• Pochi dolci (lo zucchero stimola l’attività gastrica).
• Evitare pasti abbondanti e preferire pasti leggeri e frequenti, consumati lentamente. La cena deve sempre essere
leggera.
• Mangiare lentamente, evitando pasti in piedi (panino, fast-food...).
• Alimenti ricchi di fibre sono protettivi (le fibre assorbono i gas intestinali, tra i quali l’ossido nitrico, responsabile
del rilassamento della muscolatura esofagea).
• Consentito 1 solo caffè (o the) al giorno (anche se decaffeinato o deteinato).
STILE DI VITA DA ADOTTARE:

• Sollevamento della spalliera del letto di almeno 15-20 cm per evitare di dormire in orizzontale.
• Eliminare il fumo di sigaretta, in quanto determina depressione del LES e riduce la salivazione (la saliva è
protettiva perché è basica).
• Abolire, se possibile, farmaci che inducono depressione del LES (nicotina, caffeina, teofillinici, calcio-
antagonisti, progesterone, anticolinergici, benzodiazepine, nitrati, dopamina).
• Evitare farmaci che possono provocare iperacidità e/o flogosi esofagea (FANS, tetracicline, sali di ferro e
potassio).
• Evitare il sovrappeso, in quanto associato ad aumento della pressione gastrica.
• Coricarsi non prima di 2-3 ore dopo il pasto (lo stomaco deve essere assolutamente vuoto) ed impiegare,
eventualmente, farmaci procinetici (Peridon, Motilium…) 20 minuti prima della cena.
• Evitare di chinarsi spesso per raccogliere oggetti o di compiere esercizi fisici che comportino l’abbassamento del
tronco. Mantenere il più possibile la stazione eretta.
• Evitare di indossare abiti o cinture troppo stretti in vita.
• Evitare di fare sforzi fisici o movimenti bruschi a stomaco pieno.
• Consigliata una moderata attività fisica quotidiana.

Consigli stilati dal Centro di Voce e Deglutizione dell’ Ospedale “S.Croce” di Moncalieri
Responsabile Prof. Diego Cossu
con la collaborazione del
Centro di Videoendostroboscopia delle Vie Aerodigestive Superiori “Enrico De Amicis”
Responsabile Dott. Angelo Formenti