Sei sulla pagina 1di 13

Corso  di  Topografia

Modulo  di  Cartografia


Lezione  3
La  rappresentazione  di  GAUSS
Proiezione   per   sviluppo   cilindrica   trasversa   (o   inversa):   il  
cilindro   è   tangente   all’ellissoide   lungo   un   meridiano   detto  
meridiano  di  tangenza  (o  meridiano  centrale)

Fuso:  porzione  di  territorio  limitata  da  due  meridiani


I  fusi
Deformazioni  della  proiezione  di  Gauss:    
lungo  il  meridiano  di  tangenza  m=1    
Allontanandomi   dal   meridiano   di   tangenza   le   distanze   sono  
deformate  in  dilatazione  (m>1)

Per  un  fuso  di  ampiezza  Δλ=6°  


Il   modulo   di   deformazione   lineare   ai   margini   del   fuso   è  
m=1.0008  

Per  ridurre  il  modulo  di  deformazione  lineare  posso:  


✓ diminuire  l’ampiezza  del  fuso  (NO)  
!
✓ modificare  il  tipo  di  proiezione  cilindrica  (SI)
Rappresentazione  di  Gauss  contratta
Per   ridurre   le   deformazioni   della   carta   è   spesso   utilizzata   la  
stessa   proiezione   di   Gauss   con   un   cilindro   secante   invece   che  
con  il  cilindro  tangente

✓ Le   due   linee   di   secanza   saranno   simmetriche   rispetto   al  


meridiano  centrale  
✓ Le  deformazioni  introdotte  saranno  sia  in  dilatazione  (come  
il  caso  del  cilindro  tangente)  che  in  contrazione
Rappresentazione  di  Gauss  contratta
✓ Lungo   le   due   linee   di   secanza   le   deformazioni   lineari   sono  
nulle  (m=1)  
✓ all’interno   delle   linee   di   secanza   le   distanze   sono   deformate  
in  contrazione  (m<1)  
✓ all’esterno   delle   due   linee   di   secanza   le   distanze   sono  
deformate  in  dilatazione  (m>1)
Rappresentazione  di  Gauss  contratta
In   pratica   si   sta   inserendo   un   coefficiente   di   contrazione   k   che  
per  un  fuso  di  6°  è  k=0.9996  
modulo   di   deformazione   lineare   risulta   compreso   tra   0.9996   e  
1.0004

Piano  di  Gauss   Piano  di  Gauss  contratto  

coordinate  (x,y) coordinate  (x*,y*)



x⇤ = kx k=0.9996  
y⇤ = ky 0.9996<m<1.0004
Uso  geodetico  della  carta  di  Gauss
La   rappresentazione   di   Gauss   è   conforme   quindi   si   presta  
bene  all'ʹesecuzione  di  calcoli  geodetici  sul  piano  della  carta  
!
Vantaggio:   applicando   opportune   correzioni   si   possono  
usare  le  consuete  espressioni  della  trigonometria  piana

Esempio:   considero   tre   punti   sull’ellissoide   ed   i   tre   archi   di  


geodetiche  che  li  uniscono

Ellissoide triangolo  formato  da  archi  di  geodetiche

Piano  di   triangolo   formato   dalle   trasformate   piane  


Gauss delle  geodetiche
Uso  geodetico  della  carta  di  Gauss
Piano  di  
Ellissoide
Gauss
Gli  angoli  fra  le  trasformate  piane  sono  uguali  agli  angoli  tra  le  
geodetiche  (rappresentazione  conforme)*  
!
*gli   angoli   tra   le   geodetiche,   per   i   "ʺteoremi   della   geodesia   operativa"ʺ,  
corrispondono   agli   angoli   misurati   in   campagna   con   gli   strumenti  
topografici

Le   lunghezze   delle   trasformate   piane   delle   geodetiche   si  


ottengono  dalle  lunghezze  delle  geodetiche**  moltiplicandole  
per  il  modulo  di  deformazione  lineare  per  elementi  finiti  
!
**la   lunghezza   della   geodetica   corrisponde   alla   distanza   ridotta   alla  
superficie  di  riferimento
Le  corde
Le  trasformate  piane  delle  geodetiche  sono  delle  linee  curve
CORDA
y Trasf.  Piana  
A
geodetica CORDA  
C
segmento  che  unisce  gli  estremi  
B della   trasformata   piana   di   una  
x geodetica

Procedura:   si   risolve   il   triangolo   alle   corde   (conti   semplici)   e  


in   seguito   calcolo   gli   elementi   che   permettono   il   passaggio  
dalla  corda  alla  trasformata  piana  della  geodetica

definisco  la  “riduzione  alla  corda”


La  riduzione  alla  corda
Riduzione   alla   corda:   scostamento   angolare   fra   la   tangente  
alla  trasformata  piana  della  geodetica  e  la  corda
CORDA
y B Trasf.  Piana  geodetica
Tangente   alla   trasf.  
Piana  geodetica
εAB
A
εAB:  riduzione  alla  corda    
x (angolo  positivo  in  senso  orario)

(yA yB )(2xA + xB ) (yB yA )(2xB + xA )


✏AB = ✏BA =
6⇢Rn 6⇢Rn
xA,yA   e   xA,yA   sono   le   coordinate   sul   piano   di   Gauss   (non  
contratto)
La  riduzione  alla  corda
Casi  particolari
y yA=yB  
εAB=  εBA  =0  
A B La   trasformata   piana   della   geodetica  
x coincide  con  la  corda

B
y εAB:   angolo   che   la   tangente  
xA=xB   alla   trasformata   piana   deve    
εAB<0   compiere  per  sovrapporsi  alla  
εAB corda   (positivo   in   senso  
A
εBA  =-­‐‑εAB>0
orario)
x (yA yB )(2xA + xB )
✏AB =
6⇢Rn
La  riduzione  alla  corda
y B y
yA<yB   εAB yB<yA  
εAB  <0   A εAB  >0  
εBA
εAB
A εBA  >0 B εBA  <0
x x

y y
xA=-­‐‑xB   xA=-­‐‑2xB  
εAB
B εAB>0   εAB B εAB>0  
A εBA εBA  =εAB>0 A εBA  =0
x x
La  riduzione  alla  corda
y Calcolando  i  segni  dell’angolo  
di   riduzione   alla   corda   è  
possibile  capire  la  forma  della  
g e o d e t i c a   r i s p e t t o   a l l a  
x
corrispondente  corda

Regola  del  vento    


Le   trasformate   piane   delle   geodetiche   rispetto   alle   corde   sono  
disposte  come  “vele”  gonfiate  da  un  vento  che  spira  dall’asse  y  
(trasformata  piana  del  meridiano  centrale)