Sei sulla pagina 1di 18

Corso  di  Topografia

Modulo  di  Cartografia


Lezione  2
Classificazione  delle  deformazioni
Cartografia:   rappresentazione   di   una   superficie   fisica   (non  
piana)  su  un  supporto  piano  (piano  della  rappresentazione)
Qualsiasi   rappresentazione   cartografica   dell’ellissoide   sul  
piano  introduce  sempre  delle  deformazioni
Le  deformazioni  possono  essere  di  tre  tipi:  
!
✓ deformazioni  lineari  
✓ deformazioni  superficiali  (o  areali)  
✓ deformazioni  angolari

Le  carte  si  possono  classificare  in  base  al  tipo  di  deformazione  
✓ rappresentazioni  conformi  
✓ rappresentazioni  equivalenti  
✓ rappresentazioni  afilattiche
Deformazioni  lineari
Per   valutare   la   deformazione   lineare   introduco   il   MODULO  
di  DEFORMAZIONE  LINEARE

dsc
m=
dse
è   il   rapporto   tra   un   elemento   infinitesimo   di   curva   dsc   sul  
piano  della  rappresentazione  cartografica  ed  il  corrispondente  
elemento  infinitesimo  dse  sulla  superficie  di  riferimento    
!
✓ m   varia   in   funzione   della   posizione   del   punto   e   della  
direzione  in  cui  ci  si  sposta  
✓ in   assenza   di   deformazioni   lineari   si   avrà   un   modulo   di  
deformazione  lineare  unitario
Deformazioni  Superficiali
MODULO  di  DEFORMAZIONE  SUPERFICIALE  (o  areale)
d c
M=
d e
è  il  rapporto  tra  un  elemento  infinitesimo  di  area  dσc  sul  piano  
della   rappresentazione   cartografica   ed   il   corrispondente  
elemento  infinitesimo  dσe  sulla  superficie  di  riferimento  

MODULO  di  DEFORMAZIONE  ANGOLARE

d↵ = d↵c d↵e
è   la   differenza   tra   l’angolo   sull’ellissoide   αe,   formato   da   due  
linee   qualsiasi   uscenti   da   un   punto   P,   e   l’angolo   αc   formato  
dalle  corrispettive  trasformate  piane  delle  due  linee
Rappresentazioni  conformi
Classificazione  delle  carte  in  funzione  del  tipo  di  deformazioni  presenti
Rappresentazioni  conformi  o  isogoniche:    
sono   rappresentazioni   cartografiche   senza   deformazioni  
angolari  dα=0

✓ Il   modulo   di   deformazione   lineare   è   indipendente  


dall’azimut  
✓ si  ottiene  la  similitudine  tra  le  figure  geometriche  
✓ si   possono   direttamente   trasferire   sulla   carta   gli   angoli  
misurati  con  gli  strumenti  topografici  (teodolite)  
✓ le  trasformate  piane  di  meridiani  e  paralleli  sono  ortogonali  
tra  loro  
✓ sono  carte  molto  usate  per  la  navigazione  aerea  e  marittima  
e  per  scopi  militari
Rappresentazioni  equivalenti
Classificazione  delle  carte  in  funzione  del  tipo  di  deformazioni  presenti

Rappresentazioni  equivalenti:    
sono   rappresentazioni   cartografiche   senza   deformazioni  
superficiali  (o  areali)  M=1
Sono   rappresentazioni   utili   per   la   cartografia   catastale   perché  
permettono  una  corretta  valutazione  delle  aree  delle  proprietà  

Osservazioni:  
✓ non  si  possono  ottenere  carte  che  siano  contemporaneamente  
equivalenti  e  conformi  
✓ tutti   i   tipi   di   deformazione   possono   essere   contenuti   se   si  
limita   l’ampiezza   della   zona   rappresentata   in   funzione   della  
scala   della   carta   (deformazioni   lineari   inferiori   all’errore   di  
graficismo)
Rappresentazioni  afilattiche
Classificazione  delle  carte  in  funzione  del  tipo  di  deformazioni  presenti

Rappresentazioni  afilattiche:    
sono   rappresentazioni   cartografiche   che   presentano   tutti   i   tipi  
di   deformazioni,   sia   angolari   che   areali,   ma   si   cerca   di  
mantenere  entro  limiti  accettabili  tutte  le  deformazioni  
dα≠0,  M≠1

Cartografia  ufficiale  italiana  


IGM

Carte  conformi
La  rappresentazione  di  GAUSS
È  una  rappresentazione  cartografica:  
✓ conforme  (non  sono  presenti  deformazioni  angolari)  
✓ proiezione  per  sviluppo  cilindrica  trasversa

✓ Messa  a  punto  dal  matematico  tedesco  Karl  Friederich  Gauss  


(1777-­‐‑1855)  
✓ Modificata  da  Krüger  nel  1912  (proiezione  di  Gauss-­‐‑  Krüger)    
✓ Adottata  in  Italia  dal  Prof.Giovanni  Boaga  (proiezione  Gauss-­‐‑  
Boaga)  
✓ Adottata  come  proiezione  standard  per  la  cartografia  europea  
e  internazionale:  Universal  Transverse  Mercator  (UTM  )
La  rappresentazione  di  GAUSS
Proiezione   per   sviluppo   cilindrica   trasversa   (o   inversa):   il  
cilindro   è   tangente   all’ellissoide   lungo   un   meridiano   detto  
meridiano  di  tangenza  (o  meridiano  centrale)
Il  meridiano  di  tangenza  e  l’equatore  si  
t r a s f o r m a n o   s u l   p i a n o   d e l l a  
rappresentazione  in  due  assi  ortogonali

Asse   y:   trasformata   piana  


y del  meridiano  centrale
Assi   di   riferimento   per   il  
sistema  di  coordinate  piane
x

Asse  x:  trasformata  piana  dell’equatore


La  rappresentazione  di  GAUSS
Lungo   il   meridiano   di   tangenza   il   modulo   di   deformazione  
lineare  è  m=1  (il  meridiano  di  “tangenza  è  in  vera  lunghezza”)  
!
Tutti  gli  altri  meridiani  sono  rappresentati  da  linee  curve  
La  rappresentazione  di  GAUSS
Trasformate  piane  di  meridiani  e  paralleli
Le  trasformate  piane  dei  meridiani  (escluso  quella  di  tangenza):  
✓ sono  rappresentati  da  linee  curve    
✓ devono  passare  per  le  immagini  dei  due  poli

Simmetriche  rispetto  alla  


trasformata  piana  
dell’equatore  
!
eccezione:   i   due   meridiani  
estremi  sono  rappresentati  
da   una   coppia   di   rette  
parallele   all’equatore   e  
passanti  per  i  due  poli.
La  rappresentazione  di  GAUSS
Trasformate  piane  di  meridiani  e  paralleli
Le  trasformate  piane  dei  paralleli  devono  essere  ortogonali  alle  
trasformate   piane   dei   meridiani   per   rispettare   la   condizione   di  
conformità  della  rappresentazione

curve  con  concavità  rivolta  


verso   i   poli   e   simmetriche  
rispetto   al   meridiano   di  
tangenza
La  rappresentazione  di  GAUSS
Deformazioni   della   proiezione   di   Gauss:   lungo   il   meridiano   di  
tangenza  il  modulo  di  deformazione  lineare  è  unitario  m=1    
Allontanandomi   dal   meridiano   di   tangenza   le   distanze   sono  
deformate  in  dilatazione:  il  modulo  di  deformazione  lineare  m  è  
sempre  maggiore  di  1  (m>1)

la   deformazione   aumenta  
allontanandosi  dal  meridiano  
di  tangenza
I  fusi
Per   contenere   l’entità   delle   deformazioni   è   necessario  
selezionare  una  porzione  di  territorio  limitata  da  rappresentare  
(denominata  fuso)
Meridiano  
centrale  del  
fuso  BC

Meridiano  centrale  del  fuso  AB


FUSO  AB  
✓ porzione  di  ellissoide  compresa  tra  i  meridiani  A  e  B  
✓ ampiezza  del  fuso  Δλ=λA-­‐‑λB  
✓ meridiani  A  e  B  simmetrici  rispetto  al  meridiano  centrale  o  
di  tangenza
I  fusi Meridiano  
Utilizzando  più  fusi  contigui,  l'ʹintera   centrale  del  
superficie   terrestre   può   essere   fuso  BC
rappresentata  in  proiezione  di  Gauss

Considero  i  fusi  adiacenti  AB  e  BC  


(meridiano  B  in  comune)
Meridiano  centrale  del  fuso  AB

Per  il  meridiano  B  si  otterranno  2  trasformate  piane  differenti:  


✓ una   trasformata   piana   ottenuta   sviluppando   in   cilindro  
tangente   all’ellissoide   lungo   il   meridiano   centrale   del   fuso  
AB  
✓ una   trasformata   piana   ottenuta   sviluppando   in   cilindro  
tangente   all’ellissoide   lungo   il   meridiano   centrale   del   fuso  
BC
I  fusi
Per  ogni  fuso  si  definisce  un  sistema  di  riferimento  
Le   coordinate   x   di   un   punto   sono   contate   a   partire   dalla  
trasformata  piana  del  meridiano  centrale  del  fuso

P P

Un   punto   generico   P   appartenete   al   meridiano   B   presenterà  


coordinate   sia   coordinate   espresse   nel   sistema   di   riferimento  
del  fuso  AB  che  del  fuso  BC,  ovviamente    
coordinate  di  P  fuso  AB≠coordinate  di  P  fuso  BC  
Equazioni  della  carta
Le   formule   di   corrispondenza,   nella   forma   classica,   sono  
costituite  da  sviluppi  in  serie:

x = B(') + a2 ! 2 + a4 ! 4 + a6 ! 6 + ... con
y = a1 ! + a3 ! 3 + a5 ! 5 + ... != MC

λMC:  è  la  longitudine  del  meridiano  centrale  


ω:  è  quindi  la  longitudine  di  un  punto  rispetto  al  meridiano  centrale  
del  fuso  
B(ϕ):   rappresenta   la   lunghezza   dell'ʹarco   di   meridiano   dall'ʹorigine  
alla  latitudine  ϕ  (è  ricavabile  da  tabelle  o  espressioni  approssimate)  
ai:  ai(Rn,  ϕ,  e2)
Moduli  di  deformazione
Modulo  di  deformazione  lineare
2
e 2 x2
m=1+ 2
cos '(1 + ) m=1+
2 1 e2 2⇢Rn
Modulo  di  deformazione  lineare  per  elementi  finiti  
Considero  due  punti  A,B  su  piano  di  Gauss  con  coordinate  note
ρm,   Rn,m   sono   i   raggi   di  
x2A + xA xB + x2B
mAB = 1 + curvatura   calcolati   con   la  
6⇢m Rn,m
latitudine  media  tra  A  e  B

Modulo  di  deformazione  areale  


e 2 x2
M = 1 + 2 cos2 '(1 + 2
) M =1+
1 e ⇢Rn