Sei sulla pagina 1di 1

Povertà fatic'e stenti

A due voci
Libro primo delle Laudi Spirituali Laude di Fra Bastiano da Poggibonsi
Venetia, Giunti di Firenze, 1563

U
I-Bc R.211, RISM 1563/6

Cantus &C ˙ ˙ w ˙ w ˙ w w ˙ ˙ w ˙ w ˙ w w
U
w
Po-ver-tà, fa - ti - che sten - ti san-to fre - no_e ca - sta vi - ta,

˙ w ˙ w ˙ ˙. œ w ˙ ˙ w ˙ w ˙ œ œ
VC ˙
Tenor
œ œ
Po-ver-tà, fa - ti - che sten - ti san-to fre - no_e ca - sta vi - ta,

˙ w ˙
7

& ˙ ˙ w w w ˙ ˙ w w ˙ ˙ w ›\
w w œ œ œ œ ›\
tri - st'e lie - ta no - stra gi - ta fan per ne - ve piog-gie_e ven - ti,

˙ ˙ w ˙ w ˙ ˙ ˙ w w ˙ ˙
V
tri - st'e lie - ta no - stra gi - ta fan per ne - ve piog-gie_e ven - ti,

b
& .. ˙ ˙ w ˙ w w w
13

˙ Ó w ˙ w ˙ ˙ ˙ ˙ w
˙ w w ˙ ˙ œœœœ
Pel - le - grin co - me ve - de - te, cir - con - dia - m'o - gni con - fi -

w w
. ˙ ˙ w ˙ Ó w ˙ ˙ ˙
pa-tiam fa - me fred - do se - te, non ci pia - ce_ac-qua ne vi -

V .
Pel - le - grin co - me ve - de - te, cir - con - dia - m'o - gni con - fi -

b
pa-tiam fa - me fred - do se - te, non ci pia - ce_ac-qua ne vi -

.. ˙ ˙ w ˙. œ
19

& w ˙ ˙ ˙ ˙ ˙ ˙ ˙. œ ˙ ˙ w ›\

.. ˙ ˙ w ˙. œ ˙ ˙ ˙ ˙ ›
- no, in - cer - t'è no - stro ca - mi - no lie - ti sia - m'e mal con-ten - ti.

V w ˙ ˙ ˙. œ ˙ ˙ w
- no

\
- no, in - cer - t'è no - stro ca - mi - no lie - ti sia - m'e mal con-ten - ti.
- no

Povertà, fatiche, stenti Noi andiam sempre cantando, E la nostra vita humana,
Santo freno, e casta vita Perche a noi la mort'è vita; Un conflitto, una battaglia,
Trist'e lieta nostra gita, Benche il verbo seminando, E' l'armarsi cosa vana,
Fan per neve, pioggie, e venti Duole alquanto la partita, Il cuoprirsi a piastra, o maglia,
Pur speranza assai ne aita Chi vuol l'arme che gli vaglia
Pellegrini qual vedere, Di trovarci un di contenti. Di morir, che si ramenti,
Circondiamo ogni confino
Patiam freddo, fame, sete, Morte è vita a chi ben vive, Quant'è stolto ogn'un, che nasce,
Non ci piace acqua, ne vino, Vita è morte a chi mal muore, E mai pensa di morire
Incert'è vostro camino, Vita, e morte di ben prive, In el ventre e nelle fasce,
Lieti siamo, e mal contenti. Pien d'affanni, e di dolore Vediam questo e quel perire;
Ciascun lievi o Dio suo cuore, Però noi nel stare, e gire,
Alla morte ce n'andiamo E sarem sempre guadenti. Al morir siam sempr'intenti.
Morte, morte, è il termin posto
Hor ci siamo, hor non ci siamo,
Hor siam presso, hor siam discosto,
Chi va tardi, e chi va tosto,
Che va in gaudio, e chi'n tormenti.

© CAPPELLA MARCIANA 2011


www.cantoressanctimarci.it