Sei sulla pagina 1di 4

42 43

sentirsi liberi, non sotto giudizio, superare


la paura del fallimento, ridurre le inibizioni
sono aspetti di grande attualità e che
di improvvisazione valorizza le strategie
per valutare le abilità e le competenze,
offrendo strumenti di giudizio adeguati.
ASPETTI MODALI
possono essere particolarmente utili in
ambito musicale. Anche gli svantaggi
Questi aspetti potrebbero essere utilizzati per
lo sviluppo di un modello di insegnamento NELL’IMPROVVISAZIONE
MUSICOTERAPICA
sono condivisibili con il campo musicale riflessivo, dal momento che la didattica 1
poiché elementi quali l’improvvisazione dell’improvvisazione coinvolge abilità
che diventa banale e ripetitiva con formule cognitive complesse che vanno al di là di un
stereotipate, che riduce gli stimoli se abusata semplice livello istruttivo e addestrativo.
ed è impossibile da modificare sono aspetti
condivisi. Stefano Navone Musicoterapista, Coordinatore Centro Studi
Musicoterapia Alto Vicentino
Implicazioni educative
Le interviste hanno fornito un quadro ricco e
completo di come gli insegnanti considerano
The author in his paper aims to L’invito a presentare una relazione
l’improvvisazione, offrendo una panoramica
illustrate the expressive potential of al Convegno di Genova dello scorso
vasta delle loro prospettive. I risultati hanno
certain aspects of modal improvisation giugno intitolato “L’incontro improvviso:
evidenziato i diversi approcci utilizzati dai
in Music Therapy. l’estemporaneità nei processi creativi e
docenti, a dimostrazione della rilevanza
A more conscious use of modal scales, pentatonic nei percorsi di cura” è stata l’occasione per
delle tecniche di improvvisazione in accordo
scales, variations and harmonic substitutions una personale riflessione metodologica su
con altre ricerche sull’improvvisazione nella
fully corresponds to a real need to build effective alcuni aspetti esclusivamente musicali della
danza (Blom e Chaplin, 1988; Chappell, 2007;
strategies to facilitate and induce, in a non- mia prassi musicoterapica; da molti anni
Connell, 2009; Kloppenberg, 2010; Lavender
segue Bibliografia directive way, modification within the relational svolgo questa attività prevalentemente
e Predock-Linnel, 2001; Lord, 2001).
dimension with specific types of patients. Recent nell’ambito della riabilitazione psichiatrica
I risultati della ricerca sono di supporto alla
Lord M. acquisitions of neuroscience show an important e la mia professionalità è costantemente
didattica dell’improvvisazione e aspirano ad
Fostering the Growth of Beginners neuro-affective potential evoked by the sound maturata soprattutto in relazione
attivare un ulteriore miglioramento, poiché
‘Improvisational Skills: a study of dance teaching stimulation and interaction, with specific reference all’ambiente lavorativo in cui mi trovo
le attività di improvvisazione possono essere
practices in the high school setting’, Research in to the sense of the change in the perception of quotidianamente immerso. Nel corso degli
applicate non solo con ballerini o musicisti
Dance Education 2 (1), 19–40, 2001. novelty inside a cognitively recognizable context, anni infatti ho dovuto assimilare nozioni
professionisti, ma in un ambito più ampio che
opening a suggestive scenery in applied research sempre più specifiche attinenti al mondo
coinvolge la formazione di base anche al di
Morgenroth J. and in the relationship between organized sounds della Psicopatologia, della riabilitazione
fuori del mondo della danza e della musica.
Dance Improvisation, University of Pittsburgh and emotions subjectively perceived. e dello studio dei disturbi del pensiero,
Tra i punti cruciali da affrontare, appaiono
Press, Pittsburgh, 1987. dando per scontata la quota sonora delle
lo sviluppo di strategie di valutazione e
mie competenze e trascurando a volte i
di attività didattiche basate su processi
Smith–Autard J.M. contenuti più precisamente musicali che
piuttosto che sui prodotti. I risultati della
Dance composition: A practical guide to contraddistinguono il bagaglio tecnico e
ricerca forniscono stimoli per lo sviluppo
creative success in dance making, Sixth teorico di ogni musicoterapista. In questo
di un’analisi dei processi più importanti
edition, Methuen, drama, London, 2010. mio contributo vorrei quindi compiere
coinvolti nell’improvvisazione che potrebbero
idealmente qualche passo indietro e
essere utilizzati per riflettere sul livello
Warburton E.C. focalizzare l’attenzione su alcuni concetti
implicito presente nell’insegnamento
Knowing what it takes: The effect of che ritengo basilari per l’improvvisazione in
dell’improvvisazione come fattore per
perceived learner advantages on dance Musicoterapia ovvero l’uso delle scale modali,
promuovere lo sviluppo di strategie meta-
teachers’ use of critical-thinking activities, le scale pentatoniche e la loro intonazione e
cognitive nell’improvvisazione (Biasutti
Research in Dance Education, 5 (1), 69-82, alcune riflessioni sulle potenzialità espressive
e Frezza, 2009). Imparare a improvvisare
2004. relative alle variazioni armoniche.
potrebbe essere facilitato da un approccio
didattico sui processi: sviluppare la 1 Relazione al Convegno L’incontro improvviso. L’estemporaneità nei processi creativi e nei percorsi di cura, Genova,

consapevolezza sugli obiettivi delle attività 1 giugno 2013.

musica&terapia Numero 28, Luglio 2013


44 45

Le scale modali varie che possono emergere durante una scalari che rimandano non solo a centri
Per scale modali intendo quel sistema scalare seduta, a riprodurre spunti melodici inusuali, tonali differenti ma ad atmosfere emotive
di disposizione delle note che, partendo non codificabili in schemi riconducibili completamente nuove per il paziente. In
dalla scala maggiore esclusivamente alla questo particolare contesto relazionale il
o meglio da un centro Il paziente ossessivo si trova tradizione colta. paziente ossessivo si trova quindi nella Es. 3: risposta del terapista con variazione
tonale o tonica, prevede L’uso del modale condizione di sperimentare prospettive utilizzando un’idea melodica sviluppata
una distribuzione diatonica
quindi nella condizione risulta ancor multiple nell’interazione sonoro-musicale sulla scala di D minore frigio e quindi
di ogni grado della scala di sperimentare prospettive più significativo con il terapista, prospettive multiple che con riferimento ad un’area tonale di Bb
secondo lo schema multiple nell’interazione ed efficace se hanno il pregio di essere maggiormente maggiore.
seguente: allarghiamo la incisive rispetto alle sole variazioni timbriche,
sonoro-musicale nostra visione ritmiche e di intensità poiché possiedono da
•CDEFGABC= anche all’orizzonte una parte quella dose di specularità sonora
Cmaj7 Ionica emotivo della rassicurante la quota ansiogena del paziente
• D E F G A B C D = D–7 Dorica dimensione improvvisativa, dimensione che e dall’altra consentono al musicoterapista la
• E F G A B D C E = E–7 Frigia va a plasmare progressivamente, seduta possibilità di sperimentare delle variazioni Es 4: risposta del terapista con variazione
• F G A B C D E F = Fmaj7 Lidia dopo seduta, la relazione con il paziente. melodiche potenzialmente ricostruttive e utilizzando un’idea melodica sviluppata
• G A B C D E F G = G7 Misolidia Recenti studi (Straehley, Loebach, 2013) di poter offrire così quello scarto evolutivo sulla scala di D minore eolio e quindi
• A B C D E F G A = A–7 Eolia dimostrano come le singole scale modali fondamentale nell’accompagnare il nostro con riferimento ad un’area tonale di F
• B C D E F G A B = B-7b5 Locria possano presentare degli specifici profili nelle interlocutore verso un minimo cambiamento. maggiore.
risposte emozionali con particolare rilevanza La variazione modale mi consente dunque di
L’accordo risultante costruito sulla tonica di per i modi misolidio e frigio (Tizon, Gomez, rimanere, con un certo equilibrio, in quella
ogni grado di quest’ordine scalare è riportato Oramas, 2013), superando definitivamente zona promiscua tra riconoscimento-attesa
alla fine della serie con la denominazione che l’annosa e consueta ripartizione dicotomica del noto e novità-sorpresa per l’incerto che
abitualmente viene attribuita ad ogni nuova tra modo maggiore/gioia e modo minore/ tende a caratterizzare la sottile gamma delle
scala così derivata; per convenzione la scala tristezza. Ancora Philipp Tagg (Tagg, 2011) ci differenziazioni affettive rispetto all’elemento Tali strategie improvvisative possono
maggiore di partenza viene definita Ionica, propone un singolare parallelismo etimologico inaspettato, all’evento imprevedibile dunque essere messe in atto con efficacia
la scala del secondo grado Dorica e così via tra modo e mood (nell’accezione di stato (Margulis, 2013). con tutti quei pazienti che presentano le
per gli altri gradi con Frigia, Lidia, Misolidia, d’animo) stimolando la riflessione sulla Vorrei riportare di seguito, a titolo seguenti caratteristiche sintomatologiche e
Eolia e Locria. Questa disposizione del sistema corrispondenza non solo tra modi e stati dimostrativo, alcuni esempi di variazione comportamentali:
scalare ci introduce ad una visione più d’animo ma anche tra modi e una certa sfruttando alcune scale modali rispetto
propriamente modale della tonalità ovvero connotazione culturale e spaziale determinata ad un’idea melodica in minore proposta 1. un’evidente rigidità espressiva;
al concetto di Modalità, che, riprendendo dall’uso specifico di alcune scale modali che in ripetutamente da un mio paziente G. di 54 2. un alto grado di inibizione;
una recente descrizione di Phlipp Tagg, può questa logica funzionano in modo altrettanto anni affetto da una psicosi di tipo cronico e 3. una certa coartazione del pensiero;
essere propriamente definita come “termine efficace rispetto al parametro timbrico. da forte coartazione del pensiero. 4. una generale sintomatologia ossessiva.
per indicare alcuni tipi di vocabolario tonale L’utilità e la praticità dell’utilizzo delle scale
che divergono dal dualismo maggiore/minore modali, o di frammenti melodici riferibili a Es 1: spunto melodico proposto dal paziente Uno schema riassuntivo utile, a mio parere, per
operante nella musica d’arte centroeuropea parte di esse, mi risulta sempre evidente in in modo ripetitivo riconducibile ad esercitarsi allo sviluppo del pensiero modale
(ca. 1730-1910) e nelle forme di popular ambito lavorativo ogniqualvolta mi viene un’area tonale di D minore. all’interno dell’improvvisazione musicoterapica
music che utilizzano l’idioma tonale (come affidato un paziente che presenta particolari potrebbe risultare la classificazione seguente
inni nazionali e religiosi, marce, valzer, rigidità nella sfera comunicativa e spunti (tabella 1) nella quale riassumo in forma
polka, evergreen)”. (Tagg, 2011). Per quanto ossessivi del comportamento quotidiano che sintetica le possibilità di sviluppo di una risposta
riguarda l’ambito musicoterapico ritengo si traducono inevitabilmente in espressioni con variazione rispetto ad una traccia melodica
sia fondamentale impostare il proprio sonore rigide e stereotipate all’interno del del paziente eventualmente riconducibile a
approccio improvvisativo su un principio di setting musicoterapico. Le strutture scalari Es 2: risposta del terapista con variazione precise caratteristiche di accordo.
organizzazione delle scale e degli intervalli modali mi consentono da subito non solo utilizzando un’idea melodica sviluppata
che non conduca necessariamente alla visione di accogliere eventuali proposte melodiche sulla scala di D minore dorico e quindi Le scale pentatoniche
tonale e al dualismo maggiore-minore ma ripetitive ma di restituirle al paziente con riferimento ad un’area tonale di C Un secondo versante teorico ricco di
che sia aperto a ricreare le sonorità più sfruttando un’ampia gamma di variazioni maggiore. potenzialità e risorse per l’improvvisazione

musica&terapia Numero 28, Luglio 2013


46 47

Tabella 1

Tipologia di accordo identificato Grado della tonalità ipotizzata Possibili scale per lo sonore distribuite secondo una disposizione
sviluppo della variazione pentatonica, quale quella esposta in Bibliografia
precedenza, è possibile la creazione di
Minore (-7) II – III - VI Dorica, Frigia, Eolia
sonorità facilmente sovrapponibili a livello Colombo G.
Maggiore (maj7) I – IV Ionica, Lidia armonico e non discordanti sia dal punto di Manuale di Psicopatologia generale, Cleup,
Maggiore (7) V Misolidia vista timbrico e sia soprattutto dal punto di Padova, 1999.
vista melodico. Dettore D.
Diminuito e Semidiminuito (-7b5) VII Locria
Riassumendo mi sento di poter affermare, Il disturbo ossessivo-compulsivo, McGraw-
alla luce di molti anni di esperienza sul Hill, Milano, 1998.
all’interno del contesto musicoterapico è III grado: E G A C D = C campo, che il sistema modale pentatonico Koelsch S.
senza dubbio lo studio e l’utilizzo delle scale V grado: G A C D E = C utilizzato in un contesto musicoterapico offre i Brain correlates of music-induced emotions,
pentatoniche. VI grado: A C D E G = A-7 seguenti vantaggi: 3rd International Conference Music &
Come riferimento generale per scala Emotion, a cura di Geoff Luck e Olivier
pentatonica intendo quella serie scalare di 5 Rispetto allo schema proposto notiamo allora • non consente modulazioni; Brabant, University Press, University of
suoni ottenuti togliendo il IV e il VII grado della che allargando la costruzione della triade di • permette maggiore circolarità del Jyvaskila, Finland, 2013.
scala maggiore come evidenziato di seguito: base possiamo avere le seguenti equivalenze fraseggio; Lahdelma I., Eerola T.
su un piano armonico: • facilita l’interazione sonora escludendo le Single chords convey distinct emotional
I II III (IV) V VI (VII) • C = A-7 poiché all’interno alterazioni cromatiche; qualities to both naïve and expert listeners,
C D E (F) G A (B) dell’accordo di A - con la • orienta verso la dimensione espressiva 3rd International Conference Music &
settima minore è presente mettendo in primo piano la variazione di Emotion, a cura di Geoff Luck e Olivier
Il senso dell’utilizzo di questa scala consiste la triade di C in modo intensità, ritmo e agogica; Brabant, University Press, University of
proprio nella sua riconosciuta universalità e completo (C, E, G); • facilita una reale dimensione Jyvaskila, Finland, 2013.
trasversalità all’interno dei repertori musicali • C6 = A-7 aggiungendo la sesta improvvisativa gruppale. Manarolo G.
di più parti del mondo e come ricorda ancora al C i due accordi sono Manuale di Musicoterapia, edizioni
Tagg “i modi più ampiamente utilizzati fuori praticamente equivalenti; Le sostituzioni e variazioni Cosmopolis, Torino, 2006
dalla sfera classica europea sono quasi • C6/9 = A-7/11 inserendo anche l’ultimo armoniche Margulis E.
certamente i pentatonici…, questi modi grado presente nella Un’ultima riflessione nel merito di strategie Musical topics and the affective
pentatonici ricorrono anche oggi in ogni pentatonica ovvero il D la improvvisative in ambito musicoterapico, differentiation of surprise, 3rd International
continente e costituiscono l’intero vocabolario composizione accordale ricavate dallo studio del sistema modale, Conference Music & Emotion, a cura di Geoff
tonale di melodie in molte culture musicali” sarà molto aperta ma la vorrei dedicare alle variazioni armoniche Luck e Olivier Brabant, University Press,
(Tagg, 2011). ancora completamente e quindi all’utilizzo della visione modale University of Jyvaskila, Finland, 2013.
La particolarità di una sequenza modale di sovrapponibile. rovesciando i termini dell’approccio, partendo Navone S., Goldwurm. G.
questo tipo consiste, a mio avviso, in una Ho riscontrato nel corso degli anni la grande non più dalle sequenze scalari ma dagli Gli studi in ambito psichiatrico, Musicoterapia
sorta di invarianza accordale che ci può utilità pratica di questo semplice sistema accordi risultanti. e scientificità: dalla clinica alla ricerca, a cura
permettere di improvvisare partendo da quando mi trovo ad organizzare delle sedute è evidente che la mia proposta va di A. Raglio, Franco Angeli, Milano, 2008.
gradi diversi pur rimanendo all’interno della per piccoli gruppi di pazienti psichiatrici, contestualizzata per quelle situazioni Navone S.
stessa area tonale; con l’esclusione del IV magari non particolarmente omogenei nella in cui è il musicoterapista a proporre Musica tra le Menti, edizioni La Casa,
e del VII grado infatti ogni modulo scalare loro composizione, o viceversa quando consapevolmente delle variazioni armoniche Schio, 2009.
produrrà comunque la sonorità della triade devo organizzare delle improvvisazioni accompagnando degli spunti melodici Navone S.
di base con l’unica eccezione per l’accordo con adolescenti con problemi di del paziente molto rigidi e ripetitivi ma Improvisational music therapy in long-term
costruito sul VI grado che invece mantiene la tossicodipendenza, persone queste, che, pur sufficientemente connotati da un punto di psychiatric treatment: a comparison between
caratteristica del rivolto minore. Nell’esempio se in un’ottica di massima libertà espressiva, vista formale. symptoms and rehabilitation strategies,
seguente, costruito sullo sviluppo della risultano assolutamente in grado di suonare Rispetto ad un’idea melodica molto 7th Nordic Music Therapy Congress; Music
pentatonica di C maggiore, questa idea è mantenendo una prospettiva musicale legata semplice e riferibile per esempio all’accordo Therapy Models, Methods and Techniques,
facilmente intuibile: alla precisione esecutiva e alla ricerca di un di C maggiore, composta da due minime University Press, University of Jyvaskila,
senso estetico-formale del risultato finale. discendenti E e C mi sembra opportuno Finland, 2012.
I grado: C D E G A = C In entrambi i contesti, utilizzando un pensare agli accordi costruiti sul sistema
II grado: D E G A C = C setting composto in prevalenza di piastre modale non tanto seguendo una logica

musica&terapia Numero 28, Luglio 2013


48 49

formale nell’accompagnamento armonico ma Se infine, voglio creare le condizioni sonore • stimolare la creatività del paziente
procedendo secondo un principio di stabilità per una massima variabilità o per una totale rispetto ad una rigidità espressiva; segue Bibliografia
o non stabilità dei rapporti accordali. Se interruzione della prevedibilità sonora, userò • accogliere la fissazione melodica
all’interno della seduta voglio mantenere gli accordi costruiti sul V e sul VII grado del del paziente contestualizzandola in Podlipniak P.
una certa omogeneità armonica rispetto alla sistema e dunque il G7 e il B-7b5 rispetto ai ambientazioni armoniche diverse; Specific emotional reactions to tonal
proposta di cui sopra sceglierò gli accordi per quali la triade di base di C a questo punto • predisporre il paziente alla variazione in music: indication of the adaptive character
l’accompagnamento più “stabili” dal punto di appare davvero lontana. modo non direttivo. of tonality recognition, 3rd International
vista accordale rispetto all’accordo di Cmaj7 e Conference Music & Emotion, a cura di Geoff
quindi il E-7 e il A-7. Questi due accordi sono G7 = GBDF Conclusioni Luck e Olivier Brabant, University Press,
quelli che presentano più note in comune B-7b5 = BDFA Le scale modali, le scale pentatoniche e University of Jyvaskila, Finland, 2013.
rispetto alla triade di partenza, infatti rispetto Anche in questo caso va ricordato che i due un utilizzo delle sostituzioni e variazioni Postacchini P.L., Ricciotti A., Borghesi M.
al Cmaj7 (CEGB) abbiamo: accordi sono intercambiabili poiché la triade armoniche dovrebbero, a mio parere, far Lineamenti di musicoterapia, Nuova Italia
base diminuita del B-7b5 è interamente parte integrante delle conoscenze musicali Scientifica, Roma, 1997.
E-7 = EGBD contenuta nell’accordo di G7 (BDF). di base di ogni musicoterapista, soprattutto Postacchini P.L.
A-7 = ACEG Nello schema seguente (tabella 2) riassumo nei contesti clinici in cui si prendano Musicoterapia e Tossicodipendenza,
in carico persone affette da particolare Manuale di Musicoterapia, Teoria, Metodi
ossessività della sfera espressiva. Recenti e Applicazioni, G. Manarolo, Edizioni
Tabella 2
orientamenti delle neuroscienze portano Cosmopolis, Torino, 2006.
Gradi I II III IV V VI VI a riconoscere una valenza terapeutica non Raglio A.
degli solo nell’uso della musica in generale nelle Musicoterapia e Scientificità: dalla clinica alla
accordi situazioni deficitarie ma più precisamente ricerca, Franco Angeli, Milano, 2008.
Area Cmaj7 E-7 A-7 descrivono con evidenza le potenzialità Stern D.N.
stabile della musica e della Musicoterapia in una Il momento presente, Raffaello Cortina,
Area D-7 Fmaj7 dimensione relazionale nella quale la Milano, 2005.
semistabile valenza riattivativa e riabilitativa del suono Straehley I., Loebach J.
Area G7 B–7b5 consiste nell’evocare meccanismi neuronali Conveying emotion via musical scales:
instabile e più precisamente neuroaffettivi di tipo perceived emotional connotations of the
adattivo (Koelsch, 2013). In quest’ottica modes of the diatonic scale in musicians and
Se invece la mia intenzione è variare lo le possibili opzioni nelle variazioni e la variazione, l’elemento di novità nei non-musicians, 3rd International Conference
stile dell’accompagnamento modificando sostituzioni armoniche secondo questo processi cognitivi e percettivi, può essere Music & Emotion, a cura di Geoff Luck e
gli accordi in funzione di un certo grado di principio di stabilità/instabilità rimandando integralmente veicolata attraverso un uso Olivier Brabant, University Press, University
imprevedibilità di tipo armonico potrò usare ad un’altra occasione l’eventuale sempre più consapevole dell’improvvisazione of Jyvaskila, Finland, 2013.
gli accordi costruiti sul secondo e sul quarto approfondimento sulle possibili affinità e e dell’interazione sonoro-musicale con il Tagg P.
grado e quindi il D-7 e il Fmaj7; la scelta correlazioni tra stabilità armonica, stabilità paziente; le conoscenze e le applicazioni La tonalità di tutti i giorni, Il Saggiatore,
di questa soluzione mi colloca su un piano emotivo-affettiva del paziente e stabilità delle vastissime possibilità che il sistema Milano, 2011.
di minore stabilità armonica poiché le due della relazione terapeutica che ogni modale ci offre dovrebbero dunque essere Tizon M., Gomez F., Oramas S.
quadriadi hanno meno note in comune con collega musicoterapista intuitivamente può non solo un aspetto essenziale e strategico Perceived emotion in Phrygian mode in
l’accordo di riferimento rispetto agli accordi verificare all’interno della propria esperienza della formazione musicoterapica ma musically trained children, 3rd International
dell’area stabile, infatti: professionale. potrebbero rivelarsi al contempo, in un futuro Conference Music & Emotion, a cura di Geoff
Anche nell’ottica delle variazioni e sostituzioni molto prossimo, un affascinante settore della Luck e Olivier Brabant, University Press,
D-7 = DFAC armoniche mi sento di affermare che possano ricerca applicata, affiancando il percorso delle University of Jyvaskila, Finland, 2013.
Fmaj7 = FACE corrispondere in linea generale alle seguenti neuroscienze nella scoperta delle infinite
indicazioni: potenzialità del rapporto tra essere umano e
Tra loro però i due accordi sono • consentire una variazione progressiva mondo sonoro.
relativamente intercambiabili in funzione dell’Accompagnamento secondo una
dell’accompagnamento poiché la triade base logica centrata sul paziente e lontana
di F è contenuta interamente nell’accordo di dalla visione armonica tradizionale
D-7 (FAC). (cadenze e modulazioni);

musica&terapia Numero 28, Luglio 2013