Sei sulla pagina 1di 1

PREDICATI ESPERIENZIALI E STATIVI IN IRLANDESE ANTICO: ESEMPI

Wb 16a9 na biam i ngorti na nocti 'che non avremo fame e non saremo nudi' (lett. 'che non saremo
in fame né nudità'); verbo di esistenza
Ml 44c6 bá brón di suidib m'aicsin i n-imniud 'era un dolore per (da) loro vedermi in difficoltà'; copula
Wb. 19a9 ished inso romboth dossom 'è per questo che si era arrabbiati con lui' (attá x do y = 'x è
arrabbiato con y', 'x ce l'ha con y')
TBC (testo i, p. 75, r. 3)
'Cid dia tá latsu ón?' 'Is de atá lim... ar... 'Cosa te lo fa venire in mente? Mi viene in mente perché...'
(attá X la Y de Z 'x è presso y da z' = 'a y viene in mente a x per z', 'z fa venire in mente x a y', 'y pensa x per z'
is tol la X Y 'x desidera y'
is doich la X Y 'y è probabile per x', 'x ritiene y (probabile)' 'a x sembra y'
ESISTENZA
Omelia di Cambrai (testo d, r. 1)
filus trechenélæ martre daneu adrímiter ar chruich du duiniu 'Ora, ci sono tre generi di martirio che
valgono come croce per una persona'
Scéla MMD (testo h., r. 1)
Boí rí amrae for Laignib 'C'era un famoso re in Leinster' (lett. 'su')
POSSESSO
Scéla MMD (testo h., r. 1)
Boí cú occo. 'Aveva un cane' ('era un cane presso di lui') (verbo di esistenza)
Scéla MMD (testo h., r. 11)
Is and luid Mac Dathó immach ocus in cú inna láim 'allora Mac Dathó avanzò tenendo/portando il
cane' (lett. 'e il cane nella sua mano')
TBC (testo i, p. 76, rr. 2-3, 5, 9)
Is amlaid boí ind ingen ic figi chorrthairi 7 claideb findruini ina láim deiss 'La ragazza stava tessendo
una frangia e teneva una spoletta di bronzo bianco nella mano destra'
Bratt balla breccúani impi. 'Aveva un mantello punteggiato a macchie verdi' (lett. 'un mantello...
intorno a lei')
Rosc glass gáirectach lé 'Aveva occhi verdi ridenti' ('sguardo verde ridente presso di lei'
Folt findbudi fata forórda furri. 'Aveva lunghi capelli dorati biondo chiaro' (lett. 'capelli... su di lei')
techtaid
Ml 37a18 in son file iarcul indi as sanctis asberr són ducech sainredach 7 rubrigach techtas nech apud
ebreos 'the word which is behind sanctis is applied among the Hebrews to everything particular and excellent
that anyone has'
Ml 37b4 (p. 65) sainretha .i. noiba dintsainriud ingnima inna noibe techtae 'peculiar, .i.e. holy, from
the peculiarity of the deed of the holiness that they have'
Ml 37b8 (p. 65) ... asainred techtas sech cách 'the peculiar property that it has besides others'