Sei sulla pagina 1di 2

Italiano.

Prima lezione
Boccaccio
toscana- patria della lingua italiana nei primi secoli. La letteratura nasce intorno al 1200(con il
cantico delle creature) in Umbria con la letteratura religiosa, francesco d'assisi x esempio,poi si
sviluppa anche all'interno della corte di Federico
II(Oltre alla sicilia la letteratura sisviluppa in puglia, napoli, melfi anche in germania)=corte di
nerante, che utilizza il volgare illustre siciliano da cui il nome scuola siciliana, rappresenta uno
scatto rispetto alla letteratura religiosa, in cui i letterati non svolgono il compito di letterati, non
svolgono la loro professione in se per se ma hanno uno status diverso: sono funzionari alla corte di
federico,come jacopo da lentini -autore del sonetto italiano-era un notaio della corte.
La letteratura si sviluppa pure in toscana, con il passaggio allo stil novo dal quale fa riferimento
Dante, vi segue Petrarca, poi Boccaccio arrivando al 300 con 3 nuovi movimenti letterari
utilizzando sempre la lingua volgare come riferimento.
E proprio nel 300 figura di relativa imprtanza è quella di Boccaccio(1313-1375?).
Durante questo periodo siafferma una nuova clase sociale: la BORGHESIA.
Boccaccio si trasferì a Napoli nel 1327 non appena 14 anni. Fu mandato dal padre per svolgere un
tirocinio di affari economici di una banca toscana=compagnia dei bardi.
Venendo a napoli boccaccio entra in contatto sia conilpopolo sia conla classe aristocratica, cosi
come rappresentante e figlio del rappresentante della compgnia dei bardi può accedere alla corte di
pier roberto di angiò. Dopo alcuni anni dal suo arrivo a napoli e potendofrequentare la corte di pier
roberto lui si innamora della figlia del re. (Filocolo )
questa esperienza di soggiorno a napoli sarà utile soprattutto per la sua carriera di scrittore di cui ne
parlerà nel decameron iniziato nel 1348 ( pubblicato nel 1351) anno di cui tornerà a firenze.
Boccaccio èil primo grande estimatore di dante e i canti della divina commedia di Dante sono
riprese dalle 100 novelle del decameron di boccaccio.
• Cornice: 10giovani- 7ragazzi e 3 ragazze- che si incontrano nella chiesa di santa maria
novella per sfuggire alla peste e x sfuggire al contagio sirifugiano in una villa di campagna e
li cominciano a raccontare queste novelle. La cornice racchiude le 100 novelle, ma anche il
luogo dove boccacciointerviene solo in alcuni punti, dando luogo al parlato di ogni singolo
personaggio. Punti : conrnice, nei riassunti che vengono anteposti ad ogni novella,
nell'introduzione alla quarta giornata, di relativa importanza perchèboccaccio quasi si
giustifica per la grande importanza che ha dato all'amore-donne.
• Ogni giorno viene eletto un re o una regina che stabilisce il tema della giornata tranne nella
prime e nella nona giornata in cui il tema è libero.una seconda eccezione in cui uno di loro
ogni giorno è esentato dal seguire la regola e ogni giorni sceglie il suo argomento a suo
piacimento.
• Struttura del decameron:complessa. Pluralita di modelli in cui all'interno dei testi vi sono
modellidi vario genere che vengono ripresi e rielaborati da boccaccio:degli exempla, novelle
orientali.
• Boccaccio nella cornice parla della peste e la società contemporaneo che lui rappresenta è
per cosi dire una novità poiché non si parlava di questi fatti storici contemporanei=
introduzione prepotente della contemporaneità.
• Il decameron non ha una morale come gli exempla medievali, non c'è un intento etico, ma
viene proposta come un divertimento, passatempo, come un piacere.
• Il decameron è dedicato alle donne: soltanto alle donne che soffrono per amore, poiche nella
società del tempo le donne non possono distrarsi per colmare le loro soferrenze amore: non
hanno elementi di distrazioni e tramite la lettura offre un sollievo per distrarsi dall'amore.
Boccaccio viene colpito dagli effetti che la peste ha sulla società. Società sconvolta, allontanamento
dei giovani;quindic'èuna volonta di riicreare una società cortese con delle regole che erano state
spazzate via: regole civili,religiose.
La novella con b. diventa una forma narrativa autonoma, un vero e proprio genere letterario che si
non segue i soliti classici schemi di novelle, ma si allontana per esempio dalla brevitas con la
novella di andreuccio, quindi vi è un superamento .
Boccaccio nella cornice preferisce molto la contemporaneità di cui i ragazzi ogni giorno
raccontando le varie novelle, fnno riferimento a dei personaggi realmente esistiti.

TEMI
1. AMORE. Questo tema occupa ben 2 giornate<--- 4°(amori che non hanno un buon esito:
elisabetta da messina) e 5° giornata(amori che hanno un felice esito: federico degli
alberighi)
2. FORTUNA E INTELLIGENZA(<---andreuccio da perugia). Sono i temi che più sente vicini
e che appartengono alla classe sociale di cui lui fa parte=borghesia, soprattutto il tema
dell'intelligenza: il saper fare, essere in grado di. Il tema della fortuna nel decameron no
assume un carattere religioso-divina, ma è una fortuna irrazionale, che irrompe nel reale.
3. SATIRA CONTRO GLI ECCLESIASTICI(<---1°GIORNATA). Le novelle della prima
giornata mettono in evidenza la corruzione della chiesa(tema presente anche in Dante).
Machiavelli ce l'aveva con la chiesa xk aveva impedito l'unita d'italia.
STILE:alto tragico e piu basso.
A differenza del decameron di petrarcain cui ce l esaltazione della borghesia, nel boccaccio nel5
novella è presente il rovesciamento degli aspetti positivi della borghesia.
1:12