Sei sulla pagina 1di 382

La Casa Editrice è certificata da

In conformità alla norma UNI EN ISO 9001:2008


per l’attività di «Progettazione e realizzazione
internet: www.petrini.it di prodotti per l’editoria scolastica»
(certificato n. 02.565)
e-mail: scrivi@scuola.com

Redattore responsabile: Rebecca Regli


Revisione didattica: Attilio Dughera
Tecnico responsabile: Stefano Garzaro
Progetto grafico e copertina: Simona Speranza
Realizzazione: Cabodigraf

Art Director: Nadia Maestri

Proprietà letteraria riservata


© 2012 De Agostini Scuola SpA – Novara
1ª edizione: gennaio 2012
Printed in Italy

Foto di copertina: iStockphoto

L’Editore dichiara la propria disponibilità a regolarizzare eventuali omissioni o errori di attribuzione.

Nel rispetto del DL 74/92 sulla trasparenza nella pubblicità, le immagini escludono, ogni e qualsiasi possi-
bile intenzione o effetto promozionale verso i lettori.

Tutti i diritti riservati. Nessuna parte del materiale protetto da questo copyright potrà essere riprodotta in
alcuna forma senza l’autorizzazione scritta dell’Editore.

Fotocopie per uso personale del lettore possono essere effettuate nei limiti del 15% di ciascun volu-
me/fascicolo di periodico dietro pagamento alla SIAE del compenso previsto dall’art. 68, comma 4, della
legge 22 aprile 1941 n.633. Le riproduzioni ad uso differente da quello personale potranno avvenire, per
un numero di pagine non superiore al 15% del presente volume/fascicolo, solo a seguito di specifica auto-
rizzazione rilasciata da AIDRO – Corso di Porta Romana, 108 – 20121 Milano – e-mail aidro@iol.it;
www.aidro.org

Eventuali segnalazioni di errori, refusi, richieste di chiarimento di funzionamento tecnico dei supporti mul-
timediali del corso o spiegazioni sulle scelte operate dagli autori e della Casa Editrice possono essere
inviate all’indirizzo di posta elettronica scrivi@scuola.com

Stampa: Grafica Veneta – Trebaseleghe (PD)

Ristampa: 0 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11

Anno: 2012 2013 2014 2015 2016 2017


Indice
PARTE 1 • Fonologia ............................................................................................................................................................ 1
SCHEDA 1 Ortografia: la consonante h e le consonanti doppie ......................... 2
La consonante h • Le consonanti doppie ............................................................ 2
Per una corretta scrittura La regola del raddoppiamento sintattico ......................... 2
SCHEDA 2 Ortografia: i gruppi cu, qu e cqu e i gruppi ce-cie,
ge-gie, sce-scie ...................................................................................................................... 4
I gruppi cu, qu e cqu • I gruppi ce-cie, ge-gie, sce-scie ............................... 4
SCHEDA 3 Ortografia: i gruppi gn-gni-ni e i gruppi li-lli-gli ................................. 6
I gruppi gn-gni-ni • I gruppi li-lli-gli ..................................................................... 6
SCHEDA 4 Riepilogo. Ortografia .................................................................................................... 8
SCHEDA 5 Le sillabe .................................................................................................................................. 10
Dittondo • Trittongo • Iato • La divisione in sillabe ................................ 10
SCHEDA 6 L’accento .................................................................................................................................. 12
L’accento acuto e l’accento grave ............................................................................. 12
SCHEDA 7 L’uso dell’accento ............................................................................................................. 14
Per non commettere errori Parole con accento dubbio ........................................................ 14
SCHEDA 8 L’elisione .................................................................................................................................. 16
Quando si fa l’elisione ...................................................................................................... 16
SCHEDA 9 Il troncamento .................................................................................................................... 18
Quando si fa il troncamento ........................................................................................ 18
Per non commettere errori Dubbi nell’uso dell’apostrofo .................................................. 18
SCHEDA 10 La punteggiatura ............................................................................................................... 20
I segni di punteggiatura • La punteggiatura nella frase ....................... 20
SCHEDA 11 La maiuscola e il discorso diretto ..................................................................... 22
Il discorso diretto ................................................................................................................. 22
SCHEDA 12 Riepilogo. Fonologia ..................................................................................................... 24
PARTE 2 • Lessico ............................................................................................................................................................ 27
SCHEDA 13 Che cos’è il lessico .......................................................................................................... 28
SCHEDA 14 Come si usa il dizionario .......................................................................................... 30
SCHEDA 15 I sinonimi, gli iponimi e gli iperonimi ......................................................... 32
Sinonimi • Iponimi e iperonimi ................................................................................ 32
Per una corretta scrittura La solidarietà lessicale nell’uso dei sinonimi
e dei paronimi ....................................................................................................................... 32
SCHEDA 16 I contrari ................................................................................................................................... 34
SCHEDA 17 Riepilogo. Sinonimi e contrari ............................................................................. 36
SCHEDA 18 Parole primitive e derivate ....................................................................................... 38
SCHEDA 19 I prefissi .................................................................................................................................... 40
Per una corretta scrittura Come di modificano alcuni prefissi ..................................... 40
SCHEDA 20 I suffissi ..................................................................................................................................... 42
Per non commettere errori L’uso dei suffissi ................................................................................ 42
SCHEDA 21 Riepilogo. Prefissi e suffissi .................................................................................... 44
SCHEDA 22 Gli alterati ............................................................................................................................... 46
Quali sufissi si usano con nomi e aggettivi • Quali sufissi si
usano con i verbi • Gli avverbi alterati ................................................................ 46
SCHEDA 23 Le parole composte ......................................................................................................... 48
Composti con preissoidi e sufissoidi .................................................................. 48
SCHEDA 24 Riepilogo. Lessico ............................................................................................................ 50

III
INDICE

PARTE 3 • Morfologia ........................................................................................................................................................ 53


SCHEDA 25 Nome: funzione e classificazione ....................................................................... 54
Nomi comuni e propri • Nomi concreti • Nomi astratti •
Nomi collettivi ....................................................................................................................... 54
Per una corretta scrittura Quali parole si scrivono con la lettera maiuscola ........ 54
SCHEDA 26 Nome: genere e variazione di genere .............................................................. 56
Per non commettere errori Falsi cambiamenti di genere ......................................................... 57
SCHEDA 27 Nome: numero e variazione di numero ........................................................ 58
Nomi invariabili • Nomi difettivi • Nomi sovrabbondanti .................. 58
SCHEDA 28 Nome: plurale dei nomi composti ..................................................................... 60
Nomi composti • Nomi composti da capo- ...................................................... 60
SCHEDA 29 Nome: plurale dei nomi che terminano in -ca, -ga, -cia, -gia,
-co, -go, -io, -logo, -scia .................................................................................................. 62
SCHEDA 30 Riepilogo. Il nome ........................................................................................................... 64
SCHEDA 31 Articolo: funzione e classificazione. .................................................................. 66
Articoli determinativi • Articoli indeterminativi • Articoli partitivi ... 66
SCHEDA 32 Articolo: uso degli indeterminativi e partitivi ........................................ 68
Gli articoli indeterminativi • Gli articoli partitivi ....................................... 68
Per non commettere errori Quando si apostrofa un ................................................................. 68
SCHEDA 33 Riepilogo. L’articolo ...................................................................................................... 70
SCHEDA 34 Aggettivo: funzione e classificazione .............................................................. 72
Aggettivi qualiicativi • Aggettivi determinativi ............................................ 72
SCHEDA 35 Aggettivi qualificativi .................................................................................................... 74
Per non commettere errori Eccezioni e forme varie di aggettivi ....................................... 74
SCHEDA 36 Aggettivo: concordanza e posizione ................................................................ 76
Concordanza con più nomi • Concordanze particolari •
La posizione ............................................................................................................................. 76
SCHEDA 37 Gli aggettivi possessivi ................................................................................................ 78
SCHEDA 38 Gli aggettivi dimostrativi .......................................................................................... 80
Per non commettere errori Questo o quello .................................................................................... 80
SCHEDA 39 Gli aggettivi numerali ................................................................................................... 82
Numerali cardinali • Numerali ordinali • Aggettivi moltiplicativi •
Aggettivi distributivi • Aggettivi collettivi ........................................................ 82
SCHEDA 40 Gli aggettivi indefiniti .................................................................................................. 84
SCHEDA 41 Gli aggettivi interrogativi, esclamativi, sostantivati ......................... 86
Aggettivi interrogativi ed esclamativi • Aggettivi sostantivati ............ 86
SCHEDA 42 I gradi dell’aggettivo qualificativo ..................................................................... 88
Il grado positivo • Il grado comparativo • Il grado superlativo ........ 88
SCHEDA 43 Comparativi e superlativi particolari ............................................................. 90
Buono, cattivo, grande, piccolo • Superlativi in -errimo e
in -entissimo • Aggettivi senza grado positivo • Aggettivi
senza comparativo e superlativo ............................................................................... 90
SCHEDA 44 Riepilogo. L’aggettivo ................................................................................................... 92
SCHEDA 45 Pronome: funzione e classificazione ................................................................ 94
SCHEDA 46 I pronomi personali soggetto ................................................................................. 96
SCHEDA 47 I pronomi personali complemento e di cortesia ................................... 98
Pronomi personali complemento • Pronomi personali «di cortesia» .. 98
SCHEDA 48 I pronomi relativi .............................................................................................................. 100
Per non commettere errori L’uso di che pronome relativo ................................................... 100
SCHEDA 49 I pronomi relativi doppi ............................................................................................. 102
SCHEDA 50 I pronomi determinativi: i possessivi ............................................................. 104
I pronomi possessivi .......................................................................................................... 104

IV
INDICE

Per non commettere errori Pronomi e aggettivi sostantivati ............................................. 104


SCHEDA 51 Pronomi determinativi: i dimostrativi ........................................................... 106
SCHEDA 52 Pronomi determinativi: gli indefiniti, gli interrogativi
ed esclamativi ....................................................................................................................... 108
Pronomi indeiniti • Pronomi interrogativi ed esclamativi .................. 108
SCHEDA 53 Riepilogo. Il pronome .................................................................................................. 110
SCHEDA 54 Verbo: la funzione ............................................................................................................ 112
SCHEDA 55 Verbo: coniugazioni ........................................................................................................ 114
Radice e desinenza • La coniugazione • I modi • I tempi ..................... 114
Per non commettere errori Particolarità ortograiche dei verbi .......................................... 114
Tavola delle coniugazioni ......................................................................................... 116
SCHEDA 56 Verbo: modi e tempi ...................................................................................................... 122
I tempi semplici (le desinenze) • I tempi composti
(gli ausiliari essere, avere) .............................................................................................. 122
SCHEDA 57 I verbi irregolari ................................................................................................................. 124
Per non commettere errori Errori nel coniugare i verbi ........................................................... 124
I verbi difettivi 124 • I verbi sovrabbondanti 125
I principali verbi irregolari ...................................................................................... 126
SCHEDA 58 Verbo: modo indicativo ............................................................................................... 134
SCHEDA 59 Verbo: modo congiuntivo .......................................................................................... 136
Per non commettere errori Dificoltà nell’uso del congiuntivo .......................................... 136
SCHEDA 60 Verbo: modo condizionale ........................................................................................ 138
Per non commettere errori Condizionale o congiuntivo? ...................................................... 138
SCHEDA 61 Verbo: modo imperativo ............................................................................................ 140
SCHEDA 62 Verbo: modo infinito ..................................................................................................... 142
SCHEDA 63 Verbo: modo gerundio ................................................................................................. 144
SCHEDA 64 Verbo: modo participio ............................................................................................... 146
SCHEDA 65 Riepilogo. Il verbo (1) .................................................................................................. 148
SCHEDA 66 Verbi transitivi e intransitivi .................................................................................. 150
I verbi transitivi • I verbi intransitivi .................................................................... 150
SCHEDA 67 Verbo: forma attiva e passiva ................................................................................. 152
Forma attiva e passiva • Come si volge una frase dall’attivo
al passivo • Come si presenta la forma passiva • Altri modi
per formare il passivo ....................................................................................................... 152
SCHEDA 68 Verbo: forma riflessiva, pronominale e impersonale ....................... 154
Forma rilessiva • Forma pronominale • Forma impersonale •
Come si presenta la forma rilessiva • Come si presenta la forma
pronominale • Come si presenta la forma impersonale .......................... 154
Tavola delle coniugazioni ......................................................................................... 156
SCHEDA 69 Riepilogo. Il verbo (2) .................................................................................................. 158
SCHEDA 70 Verbo: ausiliari, servili, fraseologici ................................................................ 160
Verbi ausiliari • Verbi servili • Verbi fraseologici • Quale ausiliare si
usa con i verbi servili • Quale ausiliare si usa con i verbi fraseologici ... 160
SCHEDA 71 Riepilogo. Il verbo (3) .................................................................................................. 162
SCHEDA 72 Avverbio: funzione e classificazione ............................................................... 164
Tipi di avverbi in base al signiicato ....................................................................... 164
Per una corretta scrittura Accento ed elisione negli avverbi .............................................. 164
SCHEDA 73 Avverbio: gradi e locuzione avverbiali .......................................................... 166
Il comparativo • Il superlativo assoluto • Il superlativo relativo •
Comparativi e superlativi particolari • Locuzioni avverbiali .............. 166
SCHEDA 74 Riepilogo. L’avverbio .................................................................................................... 168
SCHEDA 75 Preposizione: funzione e classificazione ..................................................... 170

V
INDICE

Per non commettere errori A oppure ha? .......................................................................................... 170


SCHEDA 76 La preposizione: preposizioni improprie
e locuzioni prepositive ................................................................................................. 172
Preposizioni improprie • Locuzioni prepositive ........................................... 172
Per non commettere errori Come si usano le preposizioni improprie .......................... 172
SCHEDA 77 Congiunzione: funzione e classificazione ................................................... 174
SCHEDA 78 Congiunzioni coordinanti ......................................................................................... 176
SCHEDA 79 Congiunzioni subordinanti e locuzioni congiuntive ........................ 178
SCHEDA 80 Riepilogo. Preposizioni e congiunzioni ....................................................... 180
SCHEDA 81 Esclamazione o interiezione ................................................................................... 182
Per una corretta scrittura Dove mettiamo l’h nelle esclamazioni? ................................. 182
PARTE 4 • Sintassi della frase semplice .......................................................................................... 185
SCHEDA 82 La frase semplice o proposizione ....................................................................... 186
SCHEDA 83 Il soggetto e le sue caratteristiche ..................................................................... 188
Il soggetto sottinteso ......................................................................................................... 188
Per non commettere errori L’uso come soggetto di io/me, tu/te ..................................... 188
SCHEDA 84 Il predicato verbale e nominale ........................................................................... 190
Il predicato verbale • Il predicato nominale • Il predicato
sottinteso e le frasi nominali ........................................................................................ 190
SCHEDA 85 Concordanza tra soggetto e predicato ........................................................... 192
SCHEDA 86 I complementi: la funzione ...................................................................................... 194
Per non commettere errori L’uso dei funzionali ............................................................................. 194
SCHEDA 87 Attributo e apposizione .............................................................................................. 196
Per non commettere errori Analisi dell’attributo e dell’apposizione ................................ 196
SCHEDA 88 Il complemento oggetto .............................................................................................. 198
Per non commettere errori La concordanza del predicato
con il complemento oggetto ....................................................................................... 198
SCHEDA 89 I complementi predicativi ......................................................................................... 200
Complemento predicativo del soggetto • Complemento
predicativo dell’oggetto ................................................................................................... 200
SCHEDA 90 Riepilogo. Predicati e predicativi ...................................................................... 202
SCHEDA 91 Come si fa l’analisi logica della frase .............................................................. 204
SCHEDA 92 Il complemento di termine ...................................................................................... 206
Per non commettere errori Dubbi nell’uso del complemento di termine ................... 206
SCHEDA 93 Riepilogo. Il complemento di termine .......................................................... 208
SCHEDA 94 Il complemento di specificazione ....................................................................... 210
Per non commettere errori Dubbi e osservazioni sul complemento
di speciicazione .................................................................................................................... 210
SCHEDA 95 I complementi d’agente e di causa efficiente ........................................... 212
Per non commettere errori L’uso del pronome relativo che come
complemento d’agente o di causa eficiente ................................................... 212
SCHEDA 96 Riepilogo. Analisi logica ............................................................................................ 214
SCHEDA 97 I complementi di tempo determinato e continuato ........................... 216
Il complemento di tempo determinato • Il complemento di
tempo continuato • I complementi avverbiali di tempo ........................ 216
Per non commettere errori Complementi di tempo, avverbi temporali e altro ...... 216
SCHEDA 98 I complementi di luogo ............................................................................................... 218
Il complemento di stato in luogo • Il complemento di moto a luogo •
Il complemento di moto da luogo • Il complemento di moto per luogo •
I complementi avverbiali di luogo • I complementi di luogo igurati ...... 218
Per non commettere errori Casi dubbi con i complementi e gli avverbi di luogo .... 218
SCHEDA 99 Riepilogo. Complementi di tempo e di luogo ........................................ 220

VI
INDICE

SCHEDA 100 I complementi di causa e di fine (o scopo) ............................................... 222


Il complemento di causa • Il complemento di scopo ................................ 222
SCHEDA 101 I complementi di mezzo e di modo .................................................................. 224
Il complemento di mezzo • Il complemento di modo .............................. 224
SCHEDA 102 I complementi di paragone e partitivo .......................................................... 226
Il complemento di paragone • Il complemento partitivo ....................... 226
SCHEDA 103 I complementi di argomento e di vocazione ............................................ 228
Il complemento di argomento • Il complemento di vocazione ......... 228
SCHEDA 104 Altri complementi ............................................................................................................ 230
SCHEDA 105 Complementi introdotti dalla preposizione di (semplice o articolata) ...... 232
SCHEDA 106 Complementi introdotti dalla preposizione a (semplice o articolata) ........ 234
SCHEDA 107 Complementi introdotti dalla preposizione da (semplice o articolata) ..... 236
SCHEDA 108 Complementi introdotti dalle preposizioni in (semplice o articolata)
e tra (fra) .................................................................................................................................. 238
SCHEDA 109 Complementi introdotti dalla preposizione con ....................................... 240
SCHEDA 110 Complementi introdotti dalla preposizione su (semplice o articolata) ..... 242
SCHEDA 111 Complementi introdotti dalla preposizione per ........................................ 244
SCHEDA 112 Riepilogo. Analisi logica ............................................................................................ 246
PARTE 5 • Sintassi del periodo .......................................................................................................................... 249
SCHEDA 113 Il periodo e la proposizione principale ............................................................. 250
INSERTO Scrittura La principale espressa e la frase nominale ............................ 252
La principale va espressa • La frase nominale ............................................... 252
SCHEDA 114 La proposizione coordinata ..................................................................................... 254
Per non commettere errori Errori nell’uso dei funzionali coordinanti ........................... 254
SCHEDA 115 La proposizione subordinata e la proposizione incidentale ...... 256
La proposizione subordinata • La proposizione incidentale ............... 256
INSERTO Scrittura Impariamo a subordinare ...................................................................... 258
INSERTO Scrittura La punteggiatura nel periodo ............................................................ 260
Uso della virgola • Uso dei due punti ................................................................... 260
SCHEDA 116 Come si fa l’analisi del periodo ........................................................................... 262
SCHEDA 117 Riepilogo. Il periodo ..................................................................................................... 264
SCHEDA 118 La proposizione soggettiva e la proposizione oggettiva ................ 266
INSERTO Scrittura L’uso delle soggettive e delle oggettive ..................................... 268
SCHEDA 119 La proposizione dichiarativa .................................................................................. 270
SCHEDA 120 La proposizione interrogativa indiretta ........................................................ 272
SCHEDA 121 La proposizione relativa (1) .................................................................................... 274
SCHEDA 122 La proposizione relativa (2) .................................................................................... 276
L’uso colloquiale del pronome relativo che nella subordinata
relativa • La costruzione del periodo con la subordinata relativa ... 276
SCHEDA 123 Riepilogo. Le proposizioni subordinate ...................................................... 278
SCHEDA 124 La proposizione temporale ...................................................................................... 280
INSERTO Scrittura L’uso della proposizione temporale ............................................. 282
L’uso del congiuntivo nella subordinata temporale • L’uso
colloquiale di quando che, appena che, prima da • La costruzione
del periodo con la subordinata temporale ......................................................... 282
SCHEDA 125 La proposizione causale ............................................................................................. 284
SCHEDA 126 La proposizione finale .................................................................................................. 286
INSERTO Scrittura L’uso della proposizione causale e finale ................................ 288
L’uso del congiuntivo nella subordinata causale • L’uso colloquiale di che,
in quanto che, siccome che, per il fatto da • La costruzione del periodo con la

VII
INDICE

subordinata causale implicita • L’uso del congiuntivo nella subordinata


inale • La costruzione del periodo con la subordinata inale ....................... 288
SCHEDA 127 Riepilogo. Le proposizioni subordinate ...................................................... 290
SCHEDA 128 La proposizione condizionale e il periodo ipotetico ........................ 292
La proposizione condizionale • Il periodo ipotetico ........................... 292
INSERTO Scrittura L’uso della proposizione condizionale
e del periodo ipotetico ................................................................................................. 294
L’uso del congiuntivo (non del condizionale) nella subordinata condi-
zionale • L’uso del congiuntivo e del condizionale (non dell’indicativo
imperfetto) • L’uso del congiuntivo (non dell’indicativo) ............................... 294
SCHEDA 129 La proposizione concessiva ..................................................................................... 296
SCHEDA 130 La proposizione consecutiva, comparativa e modale ....................... 298
La proposizione consecutiva • La proposizione comparativa •
La proposizione modale .................................................................................................. 298
SCHEDA 131 Le proposizioni avversativa, esclusiva ed eccettuativa .................. 300
La proposizione avversativa • La proposizione esclusiva •
La proposizione eccettuativa ....................................................................................... 300
SCHEDA 132 La proposizione aggiuntiva e la proposizione limitativa .............. 302
La proposizione aggiuntiva • La proposizione limitativa ...................... 302
INSERTO Scrittura Concordanza dei modi e dei tempi nel periodo ............... 304
SCHEDA 133 Riepilogo. Le proposizioni subordinate ...................................................... 306

DOSSIER SCRITTURA ............................................................................................................................................................ 309


Come si progetta un testo scritto .......................................................................................................... 310
Trovare le idee ........................................................................................................................................................ 312
Leggere il titolo per far nascere le idee 312 •
Tecniche per produrre idee 313 • Titoli particolari 313
Completezza e chiarezza ............................................................................................................................... 317
La stesura 317 • Ho messo tutto? 317 • Mi sono spiegato? 318
Ordine delle informazioni e coerenza ............................................................................................... 323
Il racconto 323 • La descrizione 324 • L’esposizione 324
• L’argomentazione 324 • Ho messo in ordine le informazioni? 325
Le parti del testo ................................................................................................................................................... 329
Vari tipi di introduzione 329 • Vari tipi di conclusione 330
La coesione ........................................................................................................................................................... 334
La ripetizione sì o no? 334 • I connettivi 336 • I connettivi che
segnalano le parti del testo 336 • Le «dichiarazioni di percorso» 337
La proprietà lessicale ........................................................................................................................................ 344
Usare il registro appropriato 344
La correttezza morfosintattica .................................................................................................................. 347
Ho commesso errori di morfologia? 347 • Costruire le frasi in
modo corretto 348
La correttezza nell’ortografia e nella punteggiatura ............................................................. 354

INVALSI PALESTRA ............................................................................................................................................................ 357


Prova 1 ............................................................................................................................................................ 358
Prova 2 ............................................................................................................................................................ 360
Prova 3 ............................................................................................................................................................ 362
Prova 4 ............................................................................................................................................................ 365
Prova 5 ............................................................................................................................................................ 367
Prova 6 ............................................................................................................................................................ 370

VIII
PARTE 1 • Fonologia

SCHEDA

1 ortografia: la consonante h
e le consonanti doppie
La consonante h La consonante h non si pronuncia, ma si deve scrivere:
– nelle voci del verbo avere: ho, hai, ha, hanno;
– nelle esclamazioni: oh, ah, ahi, ohi, ahimè...;
– per distinguere i suoni che, chi, ghe, ghi, sche, schi dai suoni ce, ci, ge, gi, sce,
sci: baci, bachi;
– in alcune parole straniere o latine: hotel, homo sapiens.
Le consonanti doppie Il raddoppiamento delle consonanti non segue regole
precise, tuttavia possiamo tenere presenti alcune indicazioni generali.
Non raddoppiano mai le consonanti:
– b, seguita da -ile: nobile, sensibile;
– g e z, seguite da -ione: ragione, stazione;
– z seguita da -ia, -ie, -io: polizia, grazie, ozio.

Per una corretta scrittura La regola del raddoppiamento sintattico


Va ricordata inoltre la regola del raddoppiamento sintattico: quando una parola che finisce per voca-
le si unisce con un’altra che inizia per consonante, la seconda raddoppia la consonante iniziale.
P Questo avviene soprattutto con la congiunzione se e con i prefissi a, da, su, fra, sopra, contra, così,
là, più...: da capo o daccapo, ma non dacapo.
In alcuni casi esiste anche la forma senza raddoppiamento o quella con le due parole separate:
sopra detto o sopraddetto, ma anche sopradetto.

1 Sottolinea la forma corretta.


1. È passato già un hanno / anno da quando è partito e non è ancora tornato ha / a casa.
2. Quest’ hanno / anno nel parco comunale hanno / anno potato i tigli.
3. Per alcuni giovani la violenza a / ha un notevole fascino di attrazione.
4. Mi hanno / anno detto che domani ci sarà uno sciopero dei giornalisti perché il loro contratto è scadu-
to da un hanno / anno.
5. Mio fratello è andato a scuola e non so quando tornerà ha / a casa.
6. Questo film non mi piace e non è adatto hai / ai ragazzi: ha / a troppe scene violente.
7. L’hanno / anno scorso i miei zii hanno / anno avuto un grave incidente.
8. Ciascuno è responsabile delle sue azioni: non lo sai ho / o l’ha / ai dimenticato?
9. I nostri insegnanti hanno / anno deciso di organizzare una visita hai / ai Piombi di Venezia per la fine
dell’hanno / anno.

2 Completa le frasi inserendo o/ho in maniera corretta.


1. Non .......... ancora capito se preferisce l’inglese ........... la matematica. 2. Mi brucia la gola e .......... anche
il naso chiuso: non so se .......... preso l’influenza .......... se si tratta solo di un forte raffreddore. 3. Si è fatto

2
ortografia

tardi e .......... finito ancora il lavoro: non so se devo continuare .......... no. 4. ...... scritto solo due .......... tre
pagine: vuoi controllarle ora .......... preferisci leggere tutto quando .......... finito?

3 Completa le frasi inserendo hai/ai in maniera corretta.


1. Marco, .......... consegnato la lettera dell’amministratore .......... vicini di casa? 2. Gli anziani dicono spes-
so .......... giovani: «.......... nostri tempi non c’erano tante comodità!» 3. .......... risposto bene .......... due questio-
nari, ma non .......... completato il disegno. 4. Devo portare i giornali .......... nonni, li .......... preparati?

4 Completa le frasi inserendo ha/a in maniera corretta.


1. Non .......... ancora capito che vogliamo solo aiutarlo. 2. Luisa .......... una voce così bassa che .......... volte
quando parla non riusciamo .......... sentirla. 3. Carlo .......... prestato .......... Stefania il suo pullover .......... scacchi.
4. Luca .......... dimenticato di nuovo il tesserino dell’abbonamento e ora deve tornare .......... casa .......... piedi.
5. Il nonno .......... ottant’anni andava ancora .......... lavorare nell’orto.

5 Scrivi una frase per ciascuna delle seguenti parole.


a – ha – ah – o – ho – oh – ai – hai – ahi – anno – hanno

6 Sottolinea gli errori nell’uso dell’h e sul quaderno scrivi le forme corrette.
1. O che sollievo! O terminato di studiare e potrò andare a casa di Luisa. 2. A che meraviglia! Sono
venuto a prenderti e o visto l’auto nuova. 3. Ai, mi ai fatto male! Non riesci a stare più attento? 4. O
mangi questa minestra o salti questa finestra. O, che proverbio! 5. O, che bella notizia! O vinto alla
lotteria! 6. O, che spettacolo! Il domatore a messo la testa nella bocca della tigre. 7. A, sei tu! Perché
sei tornato a casa? Ai dimenticato le chiavi?

7 Riscrivi le seguenti parole in modo corretto. In caso di dubbio consulta il vocabolario.


1. accellerare ............................................................................ 10. scorazzare ...................................................................................
2. anedottico ............................................................................ 11. aggitazione .................................................................................
3. aviare ....................................................................................... 12. tribbunale ...................................................................................
4. biricchino ............................................................................. 13. aggire .............................................................................................
5. collutazione ........................................................................ 14. rabia ................................................................................................
6. colluttorio ............................................................................ 15. legero .............................................................................................
7. eccezzionale ........................................................................ 16. sabbato .........................................................................................
8. essicare ................................................................................... 17. fabrica ...........................................................................................
9. esterefatto ............................................................................. 18. ciottola ..........................................................................................

8 Completa inserendo le consonanti semplici o doppie.


1. b o bb insosteni.........ile, sa.........ia, impermea.........ile, tre.........iatrice, dirigi.........ile, ra.........ioso, a.........ile,
leggi.........ile, ga.........iano.
2. g o gg sta.........ione, ra.........io, pri.........ione, sa.........ia, caccia.........ione, a.........uato, pomeri.........io, a.........itato,
a.........iungere.
3. z o zz illumina.........ione, dispre.........o, promo.........ione, noti.........ia, carro.........a, se.........ione, giudi.........io,
ra.........o, valuta.........ione.

3
PARTE 1 • fonologia

SCHEDA

2 ortografia: i gruppi cu, qu e cqu e i


gruppi ce – cie, ge – gie, sce – scie
I gruppi cu, qu e cqu Cu, qu e cqu seguite da vocale hanno lo stesso suono, per
questo è facile incorrere in errori ortografici. Ricorda che si usa:
P cu quando sulla u cade l’accento tonico, come in cùi, circùito...;
– nei nomi: scuola, cuore, cuoio, cuoco e i loro derivati;
– negli aggettivi: innocuo, promiscuo, cospicuo, vacuo...;
– nei verbi: scuotere, percuotere, riscuotere, evacuare, arcuare.
P qu in tutti gli altri casi: Pasqua, questo, squadra.
P cqu per segnalare il suono doppio: acqua, acquazzone, acquistare, nacque.
Fanno eccezione solo due parole: soqquadro e taccuino.
I gruppi ce - cie, ge - gie, sce - scie La maggior parte delle parole italiane che
contengono i suoni ce, ge, sce si scrivono senza la i: cesta, frange, lasceremo.
Fanno eccezione poche parole che si scrivono con:
– cie: cielo, cieco, specie, superficie, società, socievole; sufficienza, insufficienza,
deficiente, deficienza, coefficiente; pasticciere, arciere, artificiere, crociera...;
– gie: igiene, igienico, effigie, formaggiera...;
– scie: scienza, coscienza con i loro derivati (scientifico, scienziato, scientifica-
mente, fantascienza, incosciente, coscienzioso...) e usciere.
Ci sono poi le parole terminanti in -cia e -gia che al plurale conservano la i quan-
do il gruppo -cia, -gia:
– è preceduto da vocale: cam i -cia, cam i- cie;
– ha la i accentata: farma-c ì a, farma-c ì e.

1 Inserisci la c o la q.
1. .........uoziente 6. ar.........uato 11. a.........uila 16. eva.........uato 21. e.........uo
2. .........uocere 7. fre.........uente 12. s.........uadrare 17. rin.........uorare 22. .........uaranta
3. s.........uotere 8. collo.........uio 13. anti.........uato 18. s.........uoiare 23. .........ui
4. .........ùi 9. s.........uallido 14. .........uestione 19. profi.........uo 24. rin.........uorato
5. s.........uillare 10. promis.........uità 15. in.........uirente 20. e.........librio 25. se...........uenza

2 Inserisci cq, cc, qq, c oppure q.


1. a...........uerello 4. a...........uisto 7. ta...........uino 10. so...........uadro 13. a...........uito
2. anna...........uare 5. a...........uilotto 8. a...........uolina 11. a...........uilone 14. a...........uietare
3. a...........uedotto 6. a...........uirente 9. scia...........uio 12. perspi...........uo 15. pas...........uale

3 Inserisci in modo opportuno il pronome relativo cui o l’avverbio di luogo qui.


1. Da .................. a là ci saranno cinquanta metri. 2. Il Senegal da .................. provengono alcuni miei amici è uno
stato dell’Africa. 3. Non posso rivelarti ciò di .................. abbiamo parlato. 4. È inutile insistere: di ..................
non si passa. 5. Abito .................. da alcuni anni. 6. Non sono informato, per .................. preferisco tacere.

4
ortografia

7. Alcune assi del ponte su .................. abbiamo camminato erano rotte. 8. Da .................. è partita la maratona.
9. Non conosco le persone da .................. sono stato aiutato. 10. L’edicola si trova .................. vicino.

4 Correggi gli errori nell’uso di ce-cie, ge-gie, sce-scie e poi riscrivi la parola esatta nello spazio a
ine riga.
1. Oggi è molto in voga il mito dell’efficenza, soprattutto in ambito lavorativo. ………………..
2. Spesso le lacune e le deficenze si possono recuperare a patto che ci si renda conto di averle.
………………..
3. Le nozze sono state celebrate con magnificienza e alla presenza di molti invitati. …………
4. Con questo professore si deve sudare per arrivare alla sufficenza. ………………..
5. In tutta coscenza, posso dire di avere fatto il mio dovere. ………………..
6. La conoscenza delle lingue è oggi indispensabile sia per comunicare, sia per il lavoro e sia per
il turismo. ………………..
7. I film di fantascenza non mi appassionano molto. ………………..
8. Sono ruzzolato perché la strada era una lastra gielata. ………………..
9. Mi ha aperto un uscere molto garbato e mi ha dato indicazioni precise. ………………..
10. Sul francobollo c’è l’effige del presidente della Repubblica. ………………..

5 Inserisci al posto dei puntini uno dei gruppi di lettere dati.


1. ce-cie lu..............., ac...............cante, so...............tà, fa.............ndo, stupefa..............nte, insuffi.............nte, de..............nte,
so..............vole, benefi.............nza.
2. ge-gie messag...............ro, formag...............ra, i...............nicamente, con...............lato, bu............., ...............ntile,
fug...............vole, aller..............., ...............losia
3. sce-scie na..............rà, ............gliere, .............nziato, cono.............nte, fa............., inco.............nte, ...............nografo,
sco...............so, u...............ri

6 Cancella la forma errata.


1. Oggi è una bella giornata e il cielo / celo è limpido. 2. Sono una persona schietta e non cielo / celo nul-
la. 3. I ciechi / cechi sono gli abitanti della Repubblica Ceca. 4. I libri per i ciechi / cechi sono scritti in
braille. 5. Rispettando le norme igieniche / igeniche ci si mantiene in buona salute. 6. In vacanza ho
fatto conoscienza / coscenza con un gruppo di ragazzi austriaci. 7. Una regolare revisione della caldaia
mantiene efficiente / efficente l’impianto di riscaldamento e contribuisce alla tutela dell’ambiente natura-
le. 8. In questo secolo il progresso scentifico / scientifico ha modificato profondamente il modo di vivere
nei paesi industrializzati. 9. Non lascieremo / lasceremo solo il nonno il giorno di Pasqua! 10. È stato
proprio un comportamento da incosciente / incoscente il tuo!

7 Individua gli errori nell’uso delle doppie e di c-cq-q.


L’aqua è destinata a rivestire un’importanza sempre più rilevante nei raporti tra gli Stati, con il rischio di
dare origine a violenti confliti.
In alqune regioni del mondo, la scarsità di acqua potrebe diventare quello che la crisi dei prezi del petro-
lio è stata, negli anni settanta: una fonte importante di instabilità economica e politica.
Quasi il 40% della popolazione mondiale dipende da sistemi fluvviali comuni a due o più paesi. L’India e
il Bangladesh disputano sul Gange, il Messico e gli Stati Uniti sul Colorado, la Cecoslovachia e l’Ungheria
sul Danubio. Una zona calda emergente è l’Asia centrale, dove 5 ex republiche sovietiche, da poco indi-
pendenti, si dividono due fiumi già troppo sfruttati, l’Amu Darja e il Sjr Darja. È soprattutto nel Medio
Oriente tuttavia che le disputte sull’aqua stanno modellando gli scenari politici e i futuri economici.

5
PARTE 1 • fonologia

SCHEDA

3 ortografia: i gruppi gn - gni – ni


e i gruppi li – lli – gli
I gruppi gn – gni – ni I gruppi formati da gn (gna, gne, gno, gnu) non vogliono la
i: spugna, ingegnere, pegno, ognuno.
Fanno eccezione:
– le parole con la i accentata: compagnìa;
– le voci dei verbi che terminano in -gnare, -gnere con la desinenza -iamo, -iate:
spegniamo, che voi bagniate.
Bisogna inoltre fare attenzione a non confondere il suono gn con quello dei grup-
pi formati da ni (nia, nie, nio, niu): emicrania, niente, genio, coniuge.
I gruppi li – lli – gli Si usa il gruppo li:
– all’inizio di parola (tranne glielo, gliela...): liana, lievito;
– se l’accento cade sulla i: cigolìo, regalìa;
– nei nomi propri di persona (tranne Guglielmo, Gigliola): Attilio, Emilia;
– in alcune parole che hanno conservato l’antica grafia latina come: cavaliere,
concilio, esilio, olio, milione, miliardo, umiliare, balia, palio...;
– quando c’è il suono doppio: allievo, follia.

In tutti gli altri casi si scrive gli, anche prima della e: figlia, giglio, pagliuzza,
tagliere.

1 Inserisci il gruppo gn o gni.


1. a.............ello 13. compa.............a
2. accompa.............are 14. compa.............a
3. spu.............oso 15. so.............amo
4. inge.............eria 16. casta.............e
5. comi.............olo 17. vergo.............oso
6. conse.............amo 18. ca.............esco
7. guada.............are 19. scampa.............ata
8. vergo.............amoci 20. le.............oso
9. vergo.............a 21. i.............orante
10. campa.............a 22. spe.............amo
11. inse.............amo 23. conse.............eremo
12. menzo.............a 24. inse.............erai

2 Inserisci il gruppo ni o gn.


1. ba.............ato 8. soste.............o
2. calun.............ato 9. infortu.............o
3. scruti.............o 10. co.............uge
4. se.............ato 11. campa.............olo
5. co.............ugazione 12. ragio.............ere
6. impe.............o 13. monta.............e
7. matrimo.............o 14. mi.............atura

6
ortografia

15. colo.............a 20. plenilu.............o


16. giu.............o 21. conse.............e
17. conge.............o 22. .............ente
18. patrimo.............o 23. co.............ato
19. cra.............o 24. co.............are

3 Inserisci i gruppi li, gli o lli.


1. fo...........o 17. batta...........e
2. mi...........ardo 18. petro...........o
3. pasti...........e 19. esi...........are
4. dormi...........one 20. vo...........era
5. pa...........a 21. esi...........o
6. mo...........e 22. cappe...........era
7. ta...........ere 23. coni...........etto
8. ma...........etta 24. a...........evo
9. botti...........a 25. o...........o
10. cava...........ere 26. ma...........a
11. orgo...........oso 27. sco...........era
12. bosca...........a 28. consi...........o
13............eto 29. bi...........ardo
14. sta...........ere 30. fo...........etto
15. consi...........era 31. so...........evo
16. idi...........o 32. a...........o

4 Completa inserendo le lettere mancanti, quando sono necessarie.


1. Mi ............a detto che ............a sentito un dolore intollera............ile ............ando gli è entrata una s..........eggia
in .......... oc..........io durante l’esecu..........ne di un lavoretto di fale...........ameria.
2. Nel conve..........o di architettura e inge..........eria il ministro si è impe.........ato a realizzare in te..........i
brevi la costru.........ne di ........... importante opera pu.......lica in Sici.......a: l’a.........edotto che convo..........erà
le acque del Belice.

7
PARTE 1 • fonologia

SCHEDA

4 Riepilogo. ortografia
1 Completa le frasi usando in modo opportuno le parole date.
1. hanno - anno
a. Investire in azioni l’........................... passato è risultato conveniente.
b. Fatto il compito, l’........................... passato ai compagni.
2. ha - a
a. Ricopre una carica importante, ma non ........................... potere politico.
b. Molti turisti sono rimasti un’ora ........................... guardare i delfini.
3. hai - ai
a. Pensa ........................... fatti tuoi e non intrometterti negli affari degli altri!
b. Io ho finito gli esercizi di matematica, quanti ne ........................... fatti tu?
4. ghiaccio - giaccio
a. Neve, ..........................., vento: che giornata terribile!
b. Quando mi risveglio da un incubo ........................... immobile per calmarmi.
5. schema - scema
a. La pioggia ..........................., tra poco potremo riprendere il cammino.
b. Ecco la dichiarazione di conformità e lo ....................... dell’impianto elettrico.
6. ricchi - ricci
a. I trucioli sono detti anche ........................... di legno.
b. I legumi sono alimenti ........................... di proteine vegetali.
7. che - ce
a. Il suo viso era così bello ........................... ne conservo ancora il ricordo.
b. Solo dopo molto tempo ........................... ne siamo ricordati.
8. chi - ci
a. Perché ........................... avete fatto preoccupare tanto?
b. Vorremmo sapere ........................... avete fatto intervenire in vostro aiuto.
9. pesche - pesce
a. Prendete ........................... dalla pelle liscia per la macedonia.
b. Chimera: ........................... dalla pelle liscia, nuda e di consistenza molle.
10. foche - foce
a. Alcuni fiumi si gettano nel mare con la .......................... a delta, altri a estuario.
b. Nel Mediterraneo vivono alcune ........................... monache.

2 Completa le frasi usando in modo opportuno le parole date.


1. feste - veste
a. Il sindaco parteciperà alla manifestazione in ........................... ufficiale.
b. I giorni da Natale a capodanno sono le ........................... per antonomasia.
2. fino - vino
a. Rimarremo in classe ........................... al suono della campanella.
b. È finito il ........................... al tavolo numero quattro.

8
ortografia

3. bollo - pollo
a. Consigliano il brodo di ........................... per il raffreddore.
b. Entro la fine del mese va pagato il ........................... dell’auto.
4. rompo - rombo
a. Il ........................... è un pesce marino simile alla sogliola.
b. Stai tranquillo: se la ..........................., te la pago.
5. quando - quanto
a. Si conosceranno i dettagli ........................... arriverà il rapporto.
b. Ha fatto ........................... poteva, ma non ha risolto il problema.
6. guanti - quanti
a. Qualcuno sa ........................... giorni durerà il corso?
b. È una sostanza nociva: usate i ........................... di gomma.
7. tono - tonno
a. I banchi di .......................... entrano nel mar Mediterraneo per la riproduzione.
b. Da qualche giorno mi sento giù di ...........................: che sia la primavera?
8. ceno - cenno
a. Il sabato ........................... volentieri con gli amici in pizzeria.
b. Al mio ..........................., alzatevi e uscite senza disturbare troppo.
9. caro - carro
a. Quando un’auto si rompe, interviene il ........................... attrezzi.
b. Senza il suo aiuto, ........................... mio, non saresti riuscito!
10. rena - renna
a. La sabbia, detta anche .........................., proviene dalla demolizione delle rocce.
b. Il tuo giubbetto di ........................... nuovo è veramente bello.

3 Sottolinea le parole che contengono errori di ortograia e scrivi la forma corretta nella tabella del-
le principali dificoltà ortograiche.
Al matino cuando ci sveglammo havevamo tuttedue li occi gonfi ed erano già le undici. Eravammo
sbalorditi: disolito ci sveliavamo alle sete. Senbrava inpossibile. Si capiva ce dovevamo essere davero di
strutti. Restai per un po’ inbanbolata come se fossi stata abandonata lì da cualcosa. Il tenpo era belo così
riscaldai l’aqua nella veccia vasca della casa e feci il bagnio nella lucie del giorno.
uso dell’h
le doppie
cu - qu - cqu
ce / cie - ge / gie - sce / scie
gn - gni - ni
li - lli - gli
altro

9
PARTE 1 • fonologia

SCHEDA

5 le sillabe
Una parola può essere formata da una o più sillabe.
La sillaba è un gruppo di suoni che si pronuncia con un’unica emissione di voce.
A seconda del numero di sillabe che la compongono, una parola può essere:
– monosillaba (una sillaba): no, si, mai;
– bisillaba (due sillabe): pa-ne, ven-to, tre-no;
– trisillaba (tre sillabe): ron-di-ne, pro-fu-mo, o-stag-gio;
– polisillaba (più sillabe): mia-go-la-re, te-le-vi-so-re, pe-ri-co-lo-sa-men-te.
In una sillaba c’è sempre una vocale.
Due o più vocali possono essere pronunciate con un’unica emissione di voce e far
parte della stessa sillaba (dittongo o trittongo) oppure le vocali possono essere
pronunciate separatamente e far parte di due sillabe diverse (iato).
Dittongo Si ha un dittongo quando si incontrano:
– una vocale forte (a, e, o) e una debole (i, u): buo-no, pia-no, pie-de;
– due vocali deboli, di cui una accentata: fiù-to, guì-da.
Trittongo Si ha un trittongo quando:
– le vocali deboli (i, u) si uniscono a un’altra vocale: suoi, guai.
Iato Si ha uno iato quando si incontrano:
– due vocali forti: pa-e-se, bo-a-to;
– una vocale forte e una debole accentata: spì-a, pa-ù-ra.
La divisione in sillabe La divisione in sillabe serve nella scrittura quando si
deve spezzare una parola e andare a capo correttamente. Per evitare errori occorre
ricordare che:
– una vocale iniziale di parola, seguita da una consonante semplice, forma una
sillaba da sola: a-mi-co, i-so-la;
– una consonante semplice forma la sillaba con la vocale che la segue: ca-sa, ta-
vo-lo;
– le consonanti doppie si dividono a metà: pal-la, ros-so.
I gruppi di due o tre consonanti diverse tra loro si comportano in due modi:
– tutto il gruppo si unisce alla vocale che segue: ca-tra-me, co-strut-to-re, ri-ghe;
– il gruppo si spezza e la prima consonante si lega alla vocale della sillaba che
la precede, l’altra o le altre alla vocale della sillaba che segue: ac-qua, com-ple-
men-to, in-col-to.
Il primo caso si verifica quando il gruppo di consonanti si può trovare anche all’i-
nizio di parola: tr- (tragedia, tromba), str- (strada, stretto), gh- (ghiro, ghetto)...
Il secondo caso si verifica quando il gruppo di consonanti non si può trovare all’i-
nizio di parola: non esistono parole che cominciano per cq-, mpl-, ncr-.
I gruppi di due o tre vocali si comportano così:
– le vocali di un dittongo o di un trittongo non si dividono: fiù-to, suoi;
– le vocali che formano uno iato si dividono: su-o, le-o-ne.
Tuttavia, poiché le combinazioni di vocali sono molto varie e non è facile distin-
guere un dittongo da uno iato, è preferibile non dividere questi gruppi di vocali e
non andare mai a capo con una vocale.

10
Sillabe

1 Completa la tabella delle parole che contengono un dittongo, inserendo nello spazio opportuno
le parole date. Osserva l’esempio.
familiare, cauto, dizionario, piede, mai, fiume, piume, piano, duello, uomo, scudiero, piolo, autista, euro,
dieci, fui, ruota, viene, riflessione, auguri, lieto, suino, guadagno, dei, spazio, guerra, neurologo, buono, sei,
cuore, guelfo, auto, chiudi, guida, stazione, guizzo, piove, ieri, lui, autore, muovere, fuori, guado, suono,
tuono
ià / ài .. familiare ............................................................................................................................................................................................
iè / éi ...................................................................................................................................................................................................................

iò / òi ...................................................................................................................................................................................................................

iù / ùi / ìu / uì ...................................................................................................................................................................................................................

uà / àu ...................................................................................................................................................................................................................

ué / éu ...................................................................................................................................................................................................................

uò / òu ...................................................................................................................................................................................................................

2 Completa la tabella delle parole che contengono un trittongo, inserendo nello spazio opportuno
le parole date.
rimediai, guai, tuoi, miei, aiuola, cambiai, mariuolo, suoi, soffia, continuiamo, paiuolo
iài / ièi ...................................................................................................................................................................................................................

uài / uòi / uia ...................................................................................................................................................................................................................

iuò ...................................................................................................................................................................................................................

3 Completa la tabella delle parole che contengono uno iato, inserendo nello spazio opportuno le
parole date.
cacao, tuo, maestro, zìa, zio, zie, zii, koala, agenzia, sua, poema, teorema, reato, cortesia, ateo, aorta, sia,
tue, pazzia
ae / ea ...................................................................................................................................................................................................................

oe / eo ...................................................................................................................................................................................................................

ao / oa ...................................................................................................................................................................................................................

ìa / ìo / ìe ...................................................................................................................................................................................................................

ùo / ùa / ùe ...................................................................................................................................................................................................................

4 Dividi in sillabe le parole.


1. anima, abito, elica, inutile, oracolo, oliva, udito 2. natura, laterale, domani, vino, fusibili, pila,
dinamo 3. palla, accusa, orecchio, ubbidire, pannello, casacca, accesso 4. stranamente, lavatrice,
ostacolo, estremità, vista, castello, stufa 5. salto, ordine, ombra, ultimo, universale, contatore, concorso

5 Dividi in sillabe le parole.


umido, albero, sapore, villano, somma, retta, discorso, estate, lamento, antico, isola, udibile, casella,
sillaba, saturo, freddo, burrone, impari, stagno, uva, unisono, litigare, compatto, lessate, moscato,
importanza

11
PARTE 1 • fonologia

SCHEDA

6 l’accento
Quando pronunciamo una parola l’accento cade su una sillaba, cioè la voce vi
si posa con maggior risalto. Quasi tutte le parole hanno l’accento, detto accento
tonico, che di solito non viene indicato da alcun segno speciale.
Le parole si distinguono in base alla posizione dell’accento indipendentemente
dalla loro lunghezza. Se l’accento cade:
– sull’ultima sillaba la parola è tronca: città, però, lassù, partirò, ritornerò;
– sulla penultima la parola è piana: mònte, bàrca, cattìvo, salùto, camminàre;
– sulla terzultima la parola è sdrucciola: vìgile, àttimo, tàvolo, ùtile, inùtile;
– sulla quartultima la parola è bisdrucciola: andàndosene, còllocano, dìtemelo.
È utile sapere dove cade l’accento tonico di una parola quando si deve formare il
plurale di alcuni nomi e aggettivi.
Alcune parole, dette omografe, si scrivono allo stesso modo ma hanno significato
e pronuncia diversi:
– se l’accento cade sull’una o sull’altra sillaba: capitàno (nome) - càpitano (verbo);
– se il suono delle vocali e, o è chiuso o aperto.
L’accento acuto e l’accento grave Questa differenza di pronuncia è segnalata
dall’accento acuto ´ per i suoni chiusi, oppure grave ` per i suoni aperti. Il vocabo-
lario la registra:
pésca (prendere pesci) - pèsca (il frutto);
bótte (recipiente) - bòtte (percosse).
Sono invece privi di accento, e per questo sono detti atoni, alcuni monosillabi che
vengono pronunciati appoggiando la voce alla parola che li segue o alla quale ven-
gono aggiunti come mi, ti, lo, la, gli, le, ci, vi, li, le:
Mi ha scritto. Fagli un saluto.

1 In ciascuna coppia di parole sottolinea quella accentata in modo corretto.


castàgna / càstagna scaffàle / scàffale terrèmoto / terremòto
scàrponi / scarpòni ràgazzo / ragàzzo àttore / attòre
famìglia / famiglìa calcòlatrice / calcolatrìce tavòlo / tàvolo
Ettòre / Èttore nostàlgia / nostalgìa cantautòre / càntautore

2 Segna l’accento tonico sulle parole e accanto a ciascun gruppo indica se sono parole tronche,
piane, sdrucciole o bisdrucciole.
.................................................................. agile, spazzola, rapido, fabbrica, manico, condomino, discolo, splendido
.................................................................. neve, pesante, grandezza, balcone, bassopiano, strattone, catamarano
.................................................................. portamelo, abitano, andandosene, liberatene, considerano, educano
.................................................................. citta, felicita, perche, canto, fuggi, lassu, verita, sommita, pero, orsu

3 Completa le frasi usando in modo opportuno le parole date con il loro accento.
1. àncora - ancòra a. La nave non è ......................................... arrivata nel porto.
b. La nave passeggeri ha gettato l’......................................... nel porto.

12
accento

2. pèrdono - perdòno a. Con il loro metodo di studio ......................................... troppo tempo.


b. È sempre molto difficile chiedere ..........................................
3. ìmpari - impàri a. Ma quando ......................................... a non comportarti come uno scimmione!
b. È sempre una lotta ......................................... avere a che fare con questi ragazzi!
4. vìola - viòla a. Quest’aggressione ......................................... il trattato di pace firmato tre giorni fa.
b. Aveva il viso livido e le labbra ......................................... per il freddo.
5. sùbito - subìto a. Ho capito ......................................... che aveva bisogno di riscaldarsi.
b. Hanno ......................................... per tanti anni, ma ora si sono ribellati.

4 Usando il dizionario, segna l’accento tonico sulle parole.


alacre, alice, amaca, appendice, autodromo, baule, bocciodromo, concavo, cosmopolita, deviare, duttile,
edile, elettrodo, fortuito, giacere, gomena, gratuito, guaina, ilare, incavo, infido, leccornia, microbo, mol-
lica, persuadere, prelevo, regime, rubrica, salubre, termiti, zaffiro

5 Usando il dizionario, stabilisci il signiicato delle parole date in cui la e e la o si pronunciano


chiuse o aperte. Poi inserisci nelle frasi la parola richiesta dal contesto.
1. affétto - affètto a. Ho sempre paura di tagliarmi quando ................................... il salame.
b. Li ricordo tutti con grande .....................................
2. légge - lègge a. Tutti sono uguali davanti alla ..........................................
b. Quando ................................... deve mettere gli occhiali.
3. vénti - vènti a. Soffiavano ................................... gelidi a 40 km all’ora.
b. Ho messo l’annuncio sul giornale e mi hanno telefonato ..................... persone.
4. cólto - còlto a. Non ha ................................... il significato di quella battuta e non ha riso.
b. È un tipo intelligente, spiritoso e anche molto .....................................
5. vólgo - vòlgo a. Alla fine ................................... gli occhi verso l’ingresso e lo vedo arrivare.
b. D’un ................................... disperso che nome non ha.
6. scórse - scòrse a. Afferrò il giornale e ................................... in fretta le pagine cercando la notizia.
b. Sentì un rombo e ................................... nel cielo l’elicottero che si avvicinava.

6 Completa con la parola richiesta dal contesto, scegliendola tra quelle date.
1. volo - volò a. Non è facile vedere in primavera un ........................ di rondini.
b. L’aquilone ........................ alto nel cielo sfuggendo di mano ai ragazzi.
2. onesta - onestà a. È stata apprezzata la sua ........................ nel non prendersi i meriti altrui.
b. Voglio essere ........................ con te e non mentirti.
3. teme - temé a. Il poveretto ........................ di essere deriso.
b. È ansioso e ........................ sempre che qualcuno si faccia male.
4. pesco - pescò a. Vado al fiume e, se ........................ qualcosa, stasera mangiamo pesce fresco.
b. Volle vedere se aveva fortuna e ........................ una busta a caso.
5. foro - forò a. Prese il trapano e ....................... le mattonelle per appendere la mensola.
b. L’acqua continuava a filtrare e il ........................ si allargava sempre.
6. para - parà a. Oggi è in forma e ........................ tutti i calci di rigore.
b. È un ........................ e ha già fatto tre lanci con il paracadute.
7. forni - fornì a. Lavorare ai ........................ è dannoso per chi ha dei problemi di circolazione.
b. Riuscì a convincere i giudici perché ........................ tutte le prove.

13
PARTE 1 • fonologia

SCHEDA

7 l’uso dell’accento
P L’accento è obbligatorio:
– sulle parole tronche non monosillabe come virtù, però, chissà, caffè, cioè;
– sui monosillabi ciò, già, giù, più, può;
– sui seguenti monosillabi che, se non accentati, hanno significato diverso:
è (verbo) e (congiunzione)
dà (verbo) da (preposizione)
dì (nome: giorno) di (preposizione)
sé (pronome) se (congiunzione)
sì (avverbio) si (pronome)
là (avverbio) la (articolo e pronome)
lì (avverbio) li (pronome)
né (congiunzione) ne (pronome)
ché (congiunzione: perché) che (pronome e congiunzione)
tè (nome di bevanda) te (pronome)
– sui composti di tre, re, blu, su (trentatré, viceré, gialloblù, lassù...);
– sui composti di che (perché, benché, giacché, affinché...).
P L’accento non si deve usare:
– sui monosillabi con una sola vocale tranne che per i casi elencati sopra: me, te,
fa, va, fu, so, sto, re, no, ma, su;
– su qui e qua;
– sulle note musicali: do, re, mi, fa, sol, la, si.
P L’accento si può usare:
– per indicare la pronuncia delle parole omografe (ovvero che sono scritte in
modo identico, ma hanno diverso significato): prìncipi / princìpi.

Per non commettere errori Parole con accento dubbio


Alcune parole suscitano dubbi sulla posizione dell’accento perché vengono pronunciate in due modi,
uno corretto e uno errato.
P L’accento tonico cade sulla penultima sillaba in: abbaìno, adùlo, amàca, appendìce, baùle, bocciòlo,
cadùco, carìsma, codardìa, cosmopolìta, cucùlo, dissuadére, edìle, Friùli, gratùito, guaìna, infìdo, lec-
cornìa, mollìca, persuadére, picciòlo, pudìco, rubrìca, salùbre, zaffìro.
P Cade sulla terzultima sillaba in: àbrogo, èureka, ìlare, medìceo, mulìebre, tèrmite, transìgere, ùpupa.

Per evitare errori, basta consultare il dizionario che su ciascuna parola segna anche l’accento.

Quando scriviamo con il computer vediamo che sulla tastiera la lettera e accentata ha due forme è
(per il suono aperto) ed é (per il suono chiuso), mentre le altre vocali hanno solo l’accento grave.
Per evitare errori bisogna ricordare che:
P la e ha l’accento grave in è (verbo) e cioè, nei nomi tronchi di origine straniera come caffè, tè...;
P la e ha l’accento acuto in sé (pronome), né (congiunzione); nei composti di che (perché, poiché,
benché, affinché, nonché, purché...), di tre (ventitré, centotré...) e di re (viceré); nelle forme batté,
poté, ripeté... del passato remoto dei verbi battere, potere, ripetere...

14
accento

1 Metti l’accento sulle parole in corsivo, quando è necessario.


1. Ho saputo che sei arrivato. - Copriti che fa freddo. 2. Tornerà da voi. - Non mi da alcuna soddi-
sfazione. 3. Non guido volentieri di sera. - Il buon di si vede dal mattino. 4. Luca e entrato e uscito
subito. 5. È già stata ordinata la torta: occorre che qualcuno vada la e la ritiri. 6. Guarda quei rami:
qualcuno li ha tagliati per passare di li. 7. Non ne ha voluto parlare ne ha voluto che ne parlassimo
noi. 8. Se ci avesse ascoltato avrebbe portato con se abiti più adatti a quel clima. 9. Non ha capito
che quel giorno ha detto si e si è impegnato con un contratto ufficiale. 10. Se gradisci un te, te lo posso
preparare.

2 Sottolinea le parole scritte erroneamente con l’accento.


già, rè, fà, fù, mè, sò, dò, mì, giù, nò, quì, trè, ventitrè, sù, quassù, blù, orsù, rossoblù, stà, quà

3 Sottolinea le forme errate e riscrivile in modo corretto.


1. Quanto vorrei non aver detto si! .....................................
2. Fino a poco tempo fà i panni si lavavano al lavatoio pubblico. .....................................
3. È arrivata la mercé che avete ordinato. .....................................
4. L’onesta è la virtù che stà alla base della convivenza civile. ..................................... - .....................................
5. Chissà se sara vero o nò? Nessuno lo sà ancora. ..................................... - ..................................... - .....................................
6. Preferisco quello blù, perche di altri colori né ho gia trè. ..................................... - ..................................... -
.....................................- .....................................
7. Non verro piu con tè; preferisco stare con lui perché mi da sempre retta. ..................................... -
..................................... - ..................................... - .....................................

8. Mi ha detto ché avrebbe cercato di essere quì al piu presto, ma non si e visto. ..................................... -
..................................... - ..................................... - .....................................

9. Si da molto da fare nel volontariato e fà parte di un gruppo musicale. ..................................... - .....................................


10. Buon di! Dimmi qualcosa di carino stamani! ..................................... - .....................................

4 Segna l’accento acuto o grave sulle parole che si devono scrivere obbligatoriamente con l’ac-
cento.
perche, caffe, e (verbo essere), cioe, pure (passato di patate), teme (passato remoto del verbo temere),
benche, ne (congiunzione), merce (aiuto, grazia), ohime, affinche, trentatre

5 Cancella la forma errata.


1. In centro l’aria è / e inquinata è / e il traffico è / e caotico. 2. Coltivare gli alberi da / dà frutta da / dà tan-
ta soddisfazione. 3. Dimmi di si / sì e la questione si / sì risolve in un attimo. 4. La cosa in se / sé non
avrebbe molta importanza se / sé non avesse arrecato danno. 5. Non lo voglio: non ne / né ho bisogno
ne / né saprei dove metterlo. 6. Tre anni fa il pesco fiori / fiorì in anticipo, ma la grandine rovinò tutti i fio-
ri / fiorì. 7. Quando nel bosco risuonarono gli spari / sparì, tutta la selvaggina spari / sparì. 8. Nessuno
li / lì ha visti passare di li / lì. 9. Non la / là trovo; eppure sono sicuro d’averla messa la / là accanto a quei
libri. 10. Un di / dì, s’io non andrò sempre fuggendo di / dì gente in gente...

15
PARTE 1 • fonologia

SCHEDA

8 l’elisione
Quando l’incontro di due parole determina un cattivo suono, la prima di esse
perde la vocale o la sillaba finale dando luogo così o all’elisione o al troncamento.
Si fa l’elisione quando si toglie la vocale finale di una parola davanti a un’altra che
comincia per vocale e la si sostituisce con l’apostrofo: l’aquila.
Quando si fa l’elisione Innanzitutto si può fare l’elisione solo quando la prima
parola termina per vocale non accentata e la seconda parola inizia per vocale; ma
non si può fare se la seconda parola inizia per vocale i semiconsonantica, cioè
seguita da un’altra vocale: l’istrice ma non l’iato.
P Si devono elidere sempre e di conseguenza devono avere l’apostrofo:
– gli articoli lo, la e le preposizioni articolate formate da essi: l’uomo, dell’uomo;
– l’articolo una davanti a parole che cominciano con vocale tonica: un’èlica,
un’òmbra;
– l’avverbio di luogo ci davanti a:
è, ero, eri, era...: C’eravamo anche noi.
entra, entrava... nel significato di «avere attinenza»: Questo non c’entra.
– la preposizione di in alcune espressioni come d’amore, d’accordo, d’oro, d’argen-
to, d’estate, d’inverno, d’Italia, d’epoca, d’astuzia, pelle d’oca.
P Non si elidono mai:
– le, articolo e pronome (ma anche alle, delle e dalle): le amiche, le ho parlato;
– gli, articolo e pronome (ma anche degli, agli e dagli), davanti a parole che non
cominciano per i: gli amici;
– il pronome li: li invidiai;
– la particella ci davanti a parole che cominciano per a, o, u: ci andai.
– la preposizione da: da oggi, da amici. Fanno eccezione alcune espressioni come
d’altronde, d’altra parte, d’ora in poi, d’ora in avanti, fin d’allora...
Negli altri casi l’elisione è facoltativa: un’amica e una amica, gl’Inglesi e gli Inglesi.

1 Sottolinea le parole che, incontrandosi, determinano un suono sgradevole.


1. lo orso bruno 2. lo uomo prudente 3. una attesa snervante 4. andrà allo asilo 5. il risul-
tato della operazione 6. attenzione nella uscita 7. la statua di santo Onofrio 8. la festa di santa
Agata 9. ti auguro buono onomastico 10. il professore Bianchi 11. il signore preside 12. piaz-
za santo Marco 13. sulla mensola ci è una chiave 14. ci erano tre ragazzi 15. è proprio un bello
affresco 16. che bello ragazzo 17. lavora nella industria della carta 18. quella avventura terribile
19. buono pomeriggio a tutti 20. dammi quello libro.

2 Scrivi la forma intera della parola che ha subito l’elisione.


1. l’ostacolo ......................................... 6. c’erano ................................................ 11. bell’idea ......................................................
2. l’argilla ............................................. 7. se n’andò ............................................ 12. quell’insetto ............................................
3. l’auto .................................................. 8. s’alzò ..................................................... 13. quest’esempio .........................................
4. un’eclissi ......................................... 9. l’ho amata ......................................... 14. d’insalata ...................................................
5. un’ora ................................................ 10. l’ho amato ......................................... 15. d’autunno .................................................

16
Elisione

3 Effettua l’elisione nei casi in cui è richiesta oppure è possibile.


1. dello uomo ........................................................................... 7. le invidio ............................................................................................
2. una amica .............................................................................. 8. la invidio ............................................................................................
3. questo angolo ..................................................................... 9. sulle Alpi ...........................................................................................
4. ci amiamo ............................................................................. 10. gli atleti ...............................................................................................
5. ci entrava ............................................................................... 11. gli Italiani ..........................................................................................
6. ci odiava ................................................................................. 12. di estate ..............................................................................................

4 Cancella la forma errata.


1. Gridammo, ma nessuno ci udì / c’udì. 2. Abbatteranno gl’edifici / gli edifici costruiti abusivamente.
3. Appena lo vedemmo, gli andammo / gl’andammo incontro. 4. Non prendertela con lei, perché lei
non ci entra / c’entra. 5. Abbiamo preparato le frittelle ma le abbiamo / l’abbiamo dimenticate a casa.
6. Avevano perso l’ultimo treno, perciò l’invitai / li invitai a casa mia. 7. Non ci è / c’è nessuno? 8. Gli
indicai / gl’indicai l’uscita, ma non gli aprii / gl’aprii la porta.

5 Scrivi una frase per ciascuna delle parole dell’elenco.


lode .......................................................................................................................................................................................................................................
l’ode ......................................................................................................................................................................................................................................
lotto ......................................................................................................................................................................................................................................
l’otto .....................................................................................................................................................................................................................................
lira ..........................................................................................................................................................................................................................................
l’ira .........................................................................................................................................................................................................................................
centra ...................................................................................................................................................................................................................................
c’entra ..................................................................................................................................................................................................................................
sera ........................................................................................................................................................................................................................................
s’era .......................................................................................................................................................................................................................................
letto .......................................................................................................................................................................................................................................
l’etto ......................................................................................................................................................................................................................................
lago ........................................................................................................................................................................................................................................
l’ago .......................................................................................................................................................................................................................................

17
PARTE 1 • fonologia

SCHEDA

9 il troncamento
Si fa il troncamento quando si toglie la vocale o la sillaba finale di una parola e
non si mette l’apostrofo: signor Luigi.
Ci sono parole che terminano per consonante, ma non hanno subito il tronca-
mento. Si tratta dei nomi di origine straniera (bar, film, goal...) e delle preposizio-
ni articolate formate con l’articolo il (del, al, dal, nel, sul).
Quando si fa il troncamento Si può fare il troncamento quando la prima parola
non è accentata, è al singolare e, dopo aver subito il troncamento, termina con l,
r, n (e raramente m).
In genere si ha troncamento con le parole:
– uno e composti (alcuno, ciascuno, ...) ma non davanti a parole che iniziano per
s impura, z, gn, x: nessun dorma, ma nessuno scrittore;
– signore seguito da nomi propri o titoli: signor Speroni, signor preside;
– professore, dottore, ingegnere... seguiti da nomi propri: professor Chiari;
– suora e frate seguiti da nomi propri: suor Teresa, fra Martino;
– quale seguito da parole che cominciano con la vocale e, soprattutto le voci del
verbo essere: Qual è.
Il troncamento è frequente anche con altre parole, in particolare in testi poetici:
vuol, dir, far, stan, van, mal, cuor, fin, suol...
In alcune parole, che dopo avere subìto il troncamento finiscono per vocale, è
necessario l’apostrofo e il troncamento avviene indipendentemente dall’incontro
con un’altra parola: Ti stanno aspettando, va’.
I casi più comuni sono:
– gli imperativi dei verbi dire, dare, fare, stare, andare: di’, da’, fa’, sta’, va’;
– le parole poco, modo nelle espressioni un po’ di..., a mo’ di...

La d eufonica Un fenomeno contrario all’elisione e al troncamento è la d eufoni-


ca, cioè l’inserimento della lettera d nell’incontro tra due vocali uguali per evitare
un «cattivo» suono. La congiunzione e può diventare ed davanti a una parola che
comincia con la vocale e. Lo stesso vale per la preposizione a e per la congiunzio-
ne o che diventano ad, od quando precedono una parola che inizia per a oppure
per o:
Mio padre ha molti impegni ed esce spesso la sera dopo cena e al sabato mattina.

Per non commettere errori Dubbi nell’uso dell’apostrofo


Si commettono numerosi errori di ortografia nell’uso dell’apostrofo.
P Innanzitutto facciamo attenzione alle parole che hanno sia l’elisione sia il troncamento: uno, ciascu-
no, nessuno, buono...
In questi casi bisogna ricordare che non si deve mettere l’apostrofo quando queste parole pos-
sono avere la forma tronca anche davanti a parole dello stesso genere inizianti per consonante.
Così si scriverà un arancio (perché si scrive anche un muro), ma si scriverà un’arancia (perché non
si scrive un’donna).
Come mostrano gli esempi, con i nomi di genere maschile si ha il troncamento, con i nomi di gene-
re femminile si ha l’elisione.

18
Troncamento

P Hanno, invece, il troncamento anche al femminile, quindi non hanno mai l’apostrofo, le parole
tale, quale, suora: qual incanto, qual idea, suor Angela.
P Un altro errore consiste nell’usare l’accento nelle parole che devono avere l’apostrofo per segnalare
il troncamento.
È errato scrivere pò, mò, dì, dà, fà, stà, và.
Le forme corrette sono po’, mo’, di’, da’, fa’, sta’, va’.
Inoltre occorre ricordare che:
P si scrivono con l’apostrofo d’accordo, d’altronde, l’altr’anno, quant’altro, senz’altro, tutt’altro, tutt’e
due, tutt’oggi, tutt’uno;
P si scrivono attaccate dovunque, finora, davanti.
Qualche incertezza può sorgere nel dividere in fin di riga una parola che ha l’apostrofo. In questi casi
si usano tre modalità:
P scrivere la parola intera e andare a capo con la seconda: nello / uovo;
P spezzare la prima parola: nel- / l’uovo;
P lasciare l’apostrofo in fin di riga: nell’ / uovo.
Quest’ultima è la forma che si sta diffondendo.

1 Stabilisci quale vocale o sillaba ha subito il troncamento.


1. signor Vespa 5. mar Baltico 9. ancor oggi 13. bel tempo
2. professor Guidi 6. amor mio 10. tal offesa 14. gran coraggio
3. qual azione 7. ben fatto 11. ventun anni 15. far presto
4. nasceran qui 8. andiam via 12. gentil sesso 16. tornar tardi

2 Effettua il troncamento quando è possibile.


1. buono gusto ........................................................................ 6. mari agitati .......................................................................................
2. buoni gusti ........................................................................... 7. un signore milanese ...................................................................
3. signore Scotti ...................................................................... 8. signore ministro ...........................................................................
4. signori Scotti ....................................................................... 9. ciascuno strumento ...................................................................
5. mare Egeo ............................................................................. 10. ciascuno amico .............................................................................

3 Trascrivi nello spazio opportuno le parole che hanno subito l’elisione e quelle che hanno subito
il troncamento.
1. Il paese del Sol Levante è il Giappone. 2. Quel giorno sulla spiaggia del mar Tirreno vidi un’alga di
un color rosso scuro. 3. «Qual buon vento ti porta? » chiese l’oste al viaggiator. 4. Sul far della sera
l’orchestra suonava nel bar del molo. 5. Che bel cappello, c’è nel negozio all’angolo vicino a Castel
Sant’Angelo! 6. Se l’impianto elettrico è ben fatto, non ci sarà nessun rischio.

Elisione ..........................................................................................................................................................................................................

..........................................................................................................................................................................................................

Troncamento ..........................................................................................................................................................................................................

..........................................................................................................................................................................................................

19
PARTE 1 • fonologia

SCHEDA

10 la punteggiatura
La punteggiatura serve a segnalare nello scritto le pause e l’intonazione del par-
lato.
I segni di punteggiatura I segni di punteggiatura sono:
– la virgola, che indica una pausa breve tra parole e frasi;
– il punto e virgola, che indica una pausa più lunga della semplice virgola, ma
più corta del punto;
– i due punti, che indicano una pausa breve, introducono un elenco, una spiega-
zione, il discorso diretto;
– il punto, che chiude una frase di senso compiuto;
– il punto esclamativo e il punto interrogativo, che chiudono una frase esclama-
tiva o interrogativa e indicano l’intonazione con cui va letta la frase;
– i punti di sospensione, che sono tre punti con i quali si segnala che la frase
rimane interrotta;
– le virgolette, che segnalano l’inizio e la fine del discorso diretto;
– le parentesi, che indicano un inciso e racchiudono spiegazioni o commenti.
Il punto fermo si usa anche nelle abbreviazioni, come in es. (esempio), ecc. e etc.
(eccetera), prof. (professore), dott. (dottore), sig. (signore)...
L’uso dei segni di punteggiatura non è legato a molte regole rigide, perché la scelta
dei diversi tipi di pausa dipende dal modo diverso in cui ciascuno di noi le perce-
pisce o le vuole esprimere.
Tuttavia è importante imparare a usare la punteggiatura con logica e misura per-
ché essa ci permette di esprimere con maggiore efficacia il nostro pensiero.
La punteggiatura nella frase La frase si può concludere con il punto fermo, il
punto interrogativo, il punto esclamativo seguiti dalla lettera maiuscola:
Hai preso nove in storia? Sei proprio bravo!
All’interno della frase si possono usare la virgola e i due punti.
La virgola si deve mettere:
– negli elenchi: Ho preparato le relazioni di italiano, storia, diritto e tecnologia
delle costruzioni.
– prima e dopo l’apposizione, quando questa segue il nome a cui si riferisce: Il
professor Neri, l’insegnate di inglese, è troppo severo.
– prima e dopo il complemento di vocazione: Mi raccomando, ragazzi, non fate
tardi! Cara Luisa, ti scrivo da Roma...
I due punti si devono mettere quando introducono:
– un elenco: Le dimensioni fondamentali sono tre: altezza, larghezza e lunghezza.
– una spiegazione o un esempio: Ho una sola preoccupazione: l’esame finale.

1 Nelle frasi la virgola è inserita in modo errato: inseriscila nella posizione corretta.
1. Mentre il minestrone cuoce nella pentola a pressione l’arrosto, è nel forno con le patatine. 2. Da
molte ore la pioggia cadeva, a dirotto i bambini la guardavano tristi e malinconici. 3. Ha grandinato,

20
Punteggiatura

per dieci minuti l’auto si è ammaccata e l’ho portata dal carrozziere. 4. I rapinatori hanno minacciato, i
clienti del ristorante poi hanno sparato alcuni colpi e quindi sono fuggiti. 5. Luca ha aperto strofinan-
do il muso contro le gambe, il gatto è entrato e si è diretto verso la sua ciotola.

2 In ciascuna coppia di frasi inserisci la virgola in due punti diversi in modo che il signiicato cambi.
1. a. Mentre Fausto usciva dall’ufficio gli è arrivata una telefonata importante.
b. Mentre Fausto usciva dall’ufficio gli è arrivata una telefonata importante.
2. a. Ho conosciuto un ragazzo tedesco quando sono stata al mare gli ho mandato un SMS e mi ha risposto.
b. Ho conosciuto un ragazzo tedesco quando sono stata al mare gli ho mandato un SMS e mi ha risposto.
3. a. Una raccolta di stampe antiche sarebbe un bel regalo anche per Luca è una buona idea!
b. Una raccolta di stampe antiche sarebbe un bel regalo anche per Luca è una buona idea!

3 Inserisci la punteggiatura opportuna.


1. «Sei tornato tardi ieri sera…» mi ha chiesto mia madre mentre facevo colazione… 2. Andrete col tre-
no o con l’aereo… 3. Rimetti tutto a posto immediatamente.… 4. «Sono già rientrati tutti…» garantì
l’allenatore… 5. «Siamo già in ritardo di cinque ore…» protestavano i viaggiatori dell’Eurostar… 6.
«Hai vinto tu la corsa a ostacoli…» esclamò incredulo mio fratello… 7. Oh, se Giorgio spegnesse la
radio… 8. Vai al cinema o al pub sabato…

4 Metti la virgola dove occorre.


1. Corti il nuovo allenatore arriverà domani. 2. Signore può dirmi dove vendono i biglietti per la metro-
politana? 3. Le lasagne si preparano con pasta ragù besciamella e formaggio. 4. Ricordi Matteo quanto
ci siamo divertiti a Rimini l’estate scorsa? 5. Vado in cortile a giocare con Luigi il figlio del portiere.
6. Hanno trovato un motorino un Booster viola dietro una siepe lungo il fiume. 7. Per la lezione di
sabato portate: fogli da disegno tempere acriliche pennelli matite e una gomma morbida. 8. Cara Luisa
posso raccontare solo a te la mia migliore amica le cose strane che mi sono capitate. 9. Ero emozionato
durante la visita ad Amalfi l’antica repubblica marinara. 10. Definizioni formule soluzioni dimostrazio-
ni sono tutti passaggi essenziali.

5 Metti i due punti dove occorrono, poi indica se introducono un elenco (El), una spiegazione (S),
un esempio (Es).
El S Es
1. I casi sono due o ti comporti bene o rimani a casa. w w w
2. Questo incrocio è pericoloso ci sono già stati tre incidenti. w w w
3. Questo vestito non ti sta bene è troppo corto e troppo stretto sui fianchi. w w w
4. La mucillagine ha danneggiato il turismo in tre regioni Veneto, Emilia-Romagna
e Marche. w w w
5. Paolo ha preso una decisione importante per la sua carriera andrà per sei mesi
in Inghilterra per perfezionare il suo inglese. w w w
6. La classe dei mammiferi si suddivide in ordini roditori, carnivori e primati. w w w
7. Alcuni nomi propri sono diventati comuni cicerone, mecenate, cerbero, ecc. w w w
8. Anche con Luca dobbiamo comportarci come con gli altri amici quando è in
difficoltà dobbiamo aiutarlo. w w w

21
PARTE 1 • fonologia

SCHEDA

11 la maiuscola e il discorso diretto


Legato alla punteggiatura è l’uso della lettera maiuscola; infatti essa si usa:
– dopo il punto fermo, il punto interrogativo, il punto esclamativo;
– all’inizio di una frase o di un periodo.
La punteggiatura serve anche a riportare in modo diretto le parole pronunciate da
qualcuno.
Per l’uso della lettera maiuscola con i nomi, vedi scheda 25.
Il discorso diretto Il discorso diretto deve sempre essere segnalato con i due
punti, le virgolette e la lettera maiuscola:
Un pessimista dice: «Niente tornerà come prima».
Per passare dal discorso diretto al discorso indiretto occorre togliere i due punti e
le virgolette e aggiungere l’elemento di raccordo che:
Un pessimista dice che niente tornerà come prima.
In altri casi, invece, si devono cambiare i verbi, i pronomi personali, i pronomi e
gli aggettivi possessivi, le espressioni che indicano il tempo e il luogo:
Matteo mi aveva confidato: «Domani partirò per Londra, la mia città preferita».
Matteo mi aveva confidato che il giorno dopo sarebbe partito per Londra, la sua
città preferita.

1 Riscrivi le frasi inserendo le maiuscole che mancano.


1. la prossima domenica giocheremo contro la vercellese che è prima in classifica.
...................................................................................................................................................................................................................................................

2. carlo magno era figlio di pipino il breve.


...................................................................................................................................................................................................................................................

3. il sole d’estate è molto forte.


...................................................................................................................................................................................................................................................

4. con antonio siamo stati in vacanza nell’isola di ischia.


...................................................................................................................................................................................................................................................

5. il po si getta nel mar adriatico.


...................................................................................................................................................................................................................................................

6. ci incontriamo in piazza cavour, alle 17 in punto.


...................................................................................................................................................................................................................................................

7. il professore di inglese ci ha dato da leggere orgoglio e pregiudizio di jane austen?


...................................................................................................................................................................................................................................................

8. gli italiani sono un popolo di navigatori e di poeti.


...................................................................................................................................................................................................................................................

22
Maiuscola

2 Completa le frasi inserendo una parola che inizi con la lettera maiuscola.
1. Mio fratello ....................................................... è andato in vacanza a ........................................................
2. Vado sempre molto volentieri a trovare mio nonno ................................................................. che abita a
........................................................

3. Il mio amico .......................................... si è trasferito a .......................................... così non possiamo più frequentarci.
4. Il mio cantante preferito è ...................................................
5. Io abito in via .............................................., al numero 1.

3 Segnala il discorso diretto con la punteggiatura e la lettera maiuscola.


1. Mi ha assicurato il suo pacco le sarà consegnato nel pomeriggio.
2. Dove saranno finite le chiavi urlava tutte le mattine mio padre.
3. Mi ha sussurrato ci vediamo oggi pomeriggio nel parco.
4. Gentilmente mi ha suggerito prenda la prima strada a destra dopo il semaforo.
5. Stai attento con quel motorino mi ripete continuamente la nonna.
6. Mi mostri la patente intimò il vigile.
7. Continuava a ripetere fate silenzio, fate silenzio, ma nessuno l’ascoltava.
8. Chi sarà a quest’ora chiese mia madre con tono sospettoso.
9. Rivolgendosi ai ragazzi della prima fila il professore si congratulò siete alunni diligenti.
10. Luisa, guardandolo preoccupata, chiese perché sei uscito con la febbre.

4 Volgi il discorso indiretto nel discorso diretto, segnalandolo con la punteggiatura e operando le
opportune modiiche.
1. La madre lo chiama e gli dice con voce decisa di tornare subito indietro e di non riprovarci più.
2. L’amministratore del condominio ripeté che tutti dovevano pulire a turno le parti comuni. 3. Angelo
ha replicato che, anche quel giorno, non era convinto di quella soluzione. 4. La vecchietta gridava scon-
volta di aiutarla, per l’amor di Dio. 5. Le ragazze hanno confessato di essere state loro per un atto di sfi-
da. 6. Dopo averci salutato ci dissero che cercavano un alloggio grande e luminoso per poter dipingere.
7. Mormorava tra sé di essersi trovata sola e di aver fatto tutto con quelle mani. 8. Risposi che non avevo
studiato. 9. Il giornale scrive che le scuole riprenderanno il 13 settembre. 10. Sedendosi la mamma
disse di essere stanchissima, perché aveva lavorato tutto il giorno. 11. Il dermatologo mi ha rassicurato
dicendo che questo è soltanto un eritema da sole.

5 Inserisci la punteggiatura e le maiuscole nel brano che segue.


natale era vicino e mia madre volle comprarmi una collana molto costosa il suo gesto nel momento in
cui tirò fuori i soldi dal portafogli era così simile al mio che rimasi incantata a guardarla si parla tanto di
ereditarietà ma è più facile capirla se la si può osservare con i propri occhi ah realizzai le cellule di questa
persona vivono dentro di me e cercando di riprodurre lo stesso movimento si manifestano all’esterno
anche il negoziante nel vedere mia madre che comprava un gioiello costoso a una ragazza con l’unifor-
me alla marinara del liceo mi disse com’è gentile la sua mamma siete proprio due gocce d’acqua noi due
ridacchiammo

23
PARTE 1 • fonologia

SCHEDA

12 Riepilogo. fonologia
1 Dividi in sillabe le parole.
stambecco, astuta, imbianchino, costrutto, ambidestro, costringere, arrendersi, cosmopolita, costoro,
crepuscolo, segmento, scosceso, cospiratori, fattispecie, combattimento, dattiloscritto, molteplice,
dappertutto, castagna
...................................................................................................................................................................................................................................................

...................................................................................................................................................................................................................................................

...................................................................................................................................................................................................................................................

2 Dividi in sillabe le parole e scrivi se sono monosillabe (Mo), bisillabe (Bi), trisillabe (Tri) oppure
polisillabe (Poli).
con , bomba , bastone , isola , certo , qua , cesto ,
lambire , interessante , compito , bel , catamarano , colto , villanzone
, ostessa , tu , improvvisamente ,o , attestato , rullo

3 Quando è possibile, dividi in sillabe le parole, segna l’accento tonico e scrivi se sono tronche (Tro),
piane (Pi), sdrucciole (Sdru) oppure bisdrucciole (Bis).
banana , parlategliene , falò , catena , laggiù , prendere ,
andatevene , perché , indice , saluto , lanciò , difendere , fatemelo ,
pulito , parlò , console , tornandosene , cinese , dettano , teneteveli

4 Segna gli accenti sui monosillabi che lo richiedono.


e (verbo), da (preposizione), se (pronome), la (avverbio), e (congiunzione), se (congiunzione), da (ver-
bo), la (articolo e pronome), che (= perché), te (bevanda), di (preposizione), si (avverbio), ne (prono-
me), di (nome: giorno), si (pronome), li (pronome), che (pronome e congiunzione), ne (congiunzione),
li (avverbio), te (pronome)

5 Nelle espressioni cancella l’elisione e il troncamento errati.


1. un / un’ ospite attesa 2. un / un’ ospite noioso 3. San / Sant’ Anna 4. San / Sant’ Abbondio
5. San / Sant’ Giorgio 6. buon / buon’ appetito 7. buon / buon’ ora 8. tal / tal’ ignoranza 9. tal / tal’
incomodo 10. qual / qual’ è il mio? 11. qual / qual’ è la mia? 12. la / l’ ostrica 13. le / l’ eliche
14. ci / c’ erano 15. ci / c’ obbligò

6 Completa la tabella con la forma opportuna della parola data.

Davanti a nome maschile Davanti a nome femminile


che comincia che comincia che comincia che comincia
per consonante per vocale per consonante per vocale

uno .......................... mulo .......................... asino .......................... donna .......................... anfora


nessuno .......................... libro .......................... altro .......................... fiaba .......................... altra
buono .......................... caffè .......................... anno .......................... notte .......................... ora

24
fonologia

7 Cancella la forma errata.


1. un / un’ attimo 2. un / un’ occhiata 3. ciascun / ciascun’ opera 4. ciascun / ciascun’ abito 5. tal / tal’
oca 6. tal / tal’ odio 7. nessun / nessun’ oasi 8. nessun / nessun’ angolo 9. qual / qual’ era 10. qua-
le / qual’ estasi 11. buon / buon’ idea 12. buon / buon’ inizio.

8 Effettua il troncamento o l’elisione.


1. potere cantare .................................................................... 7. quando ecco ....................................................................................
2. grande attore ...................................................................... 8. quale esempio ................................................................................
3. pure tuttavia ....................................................................... 9. nessuno progresso .....................................................................
4. allo improvviso ................................................................. 10. tale proposito .................................................................................
5. siamo pronti ........................................................................ 11. anche io .............................................................................................
6. senza altro ............................................................................ 12. ciascuno amico .............................................................................

9 Cancella la forma errata.


1. Hanno bisogno ancora di un po’ / pò di tempo. 2. È il Po / Po’ il fiume più lungo d’Italia. 3. Gli disse
con aria triste: «Và / va’ in pace, ma non tornare più!» 4. Va’ / va dicendo in giro che è colpa mia, ma
non è vero. 5. Fà / fa’ pure come vuoi, poi te ne pentirai. 6. Il mio Lupo fa / fa’ tutto quello che dico io
e obbedisce solo a me. 7. Non vi siete più fatti vivi da’ / da Natale scorso. 8. Se hai finito, dà / da’ una
mano a Leo che domani ha la verifica di storia. 9. Questa volta dì / di’ la verità, perché almeno fai una
figura migliore. 10. Di’ / di chi è questo ombrello?

10 Alcune delle parole sono scritte in modo errato: scrivi la forma corretta (o le forme corrette) ricor-
rendo al dizionario. Non segnare le forme letterarie, antiche o non comuni.
1. qualc’osa ......................... 2. qualcosaltro ......................... 3. qualcun’altro ......................... 4. tuttaltro .........................
5. senzaltro ......................... 6. questaltro ......................... 7. tutt’ora ......................... 8. tal’ora ......................... 9. tal’uno
......................... 10. tal’altro ......................... 11. dacc’apo ......................... 12. d’accanto ......................... 13. dapprima

......................... 14. dappertutto ......................... 15. nientaffatto ......................... 16. nientaltro ......................... 17. in

fatti ......................... 18. allindietro .........................

11 Con l’aiuto del vocabolario veriica se le parole date si possono scrivere in altri modi e, in questo
caso, trascrivile sul quaderno e speciica se le altre forme sono meno comuni, letterarie, antiche,
ecc. Osserva l’esempio.
dabbasso: o da basso, dacché, dappertutto, dappoco, dappresso, dapprima, dapprincipio, dattorno, dav-
vero, soprattutto, soprappiù, soprattassa, sopraccitato, soprannome, sopracciglio, sopralluogo, sopra-
mobile, cosicché, cosiddetto, cosiffatto, laddove, laggiù, lassù, oppure, piuccheperfetto, piuttosto, seb-
bene, semmai, sennò, sennonché, seppure, suddetto, suppergiù, suvvia

25
PARTE 2 • lessico

SCHEDA

13 che cos’ il lessico


I messaggi linguistici sono fatti di parole: l’insieme delle parole costituisce il les-
sico di una lingua che permette di scegliere i termini più adatti a una data situa-
zione comunicativa evitando così incomprensioni o malintesi.
Ogni vocabolo, infatti, esprime uno o più significati, ma uno stesso significato
può essere espresso con più vocaboli.
All’interno del lessico di una lingua, quindi, le singole parole sono collegate tra
loro sulla base del significato. L’insieme dei vocaboli che riguardano un certo
argomento costituisce un campo di significati o campo semantico:
compito, svolgere, scolastico, elaborato, sufficiente, materia, insegnante, scuola...
automobile, strada, velocità, benzina, asfalto, stop, semaforo...
I principali rapporti di significato tra le parole sono sei:
P l’omonimia si ha quando due parole sono identiche nella forma, ma diverse nei
significati: lama del coltello e lama inteso come animale;
P la polisemia è propria di una parola dai molteplici significati: linea può signifi-
care figura geometrica, foggia di un abito, limite;
P la sinonimia indica parole diverse che hanno significato uguale o simile: pro-
teggere, difendere, preservare, salvaguardare, tutelare;
P l’iponimia e l’iperonimia si hanno nel caso di due parole che si riferiscono allo
stesso oggetto in modo più preciso o più generico: mela e frutto;
P l’opposizione è propria di parole diverse che hanno significato opposto: bello e
brutto, caldo e freddo.
Conoscere il lessico e riflettere sull’uso dei vocaboli serve ad acquisire proprietà
e ricchezza lessicale: conoscere il significato di un maggior numero di parole è la
base di partenza per esprimere meglio il proprio pensiero.

1 Inserisci nello spazio opportuno le parole che hanno un rapporto di signiicato con il vocabolo
musica, cioè fanno parte del suo campo semantico.
accordare, arrangiare, basso, batteria, chitarra, chitarrista, classica, comporre, compositore, concertare,
direttore d’orchestra, disc-jockey, elettronica, flauto, leggera, musicista, orchestrare, pianoforte, rap,
rapper, rock, rocker, sinfonica, stonare, suonare, tamburo, tromba, violino

Tipi di musica ................................................................................................................................................................................................................


................................................................................................................................................................................................................

Strumenti ................................................................................................................................................................................................................

................................................................................................................................................................................................................

Azioni ................................................................................................................................................................................................................

................................................................................................................................................................................................................

Persone ................................................................................................................................................................................................................

................................................................................................................................................................................................................

28
lessico

2 Quali parole ti vengono in mente quando pensi al vocabolo sport? Inseriscine almeno cinque in
ciascuno spazio.

Tipi ................................................................................................................................................................................................................

................................................................................................................................................................................................................

Luoghi ................................................................................................................................................................................................................

................................................................................................................................................................................................................

Gare ................................................................................................................................................................................................................

................................................................................................................................................................................................................

Azioni ................................................................................................................................................................................................................

................................................................................................................................................................................................................

Persone ................................................................................................................................................................................................................

................................................................................................................................................................................................................

3 In ciascun gruppo di vocaboli riconosci due diversi campi semantici.


a. crostata, formaggio, gelato, insalata, macedonia, marmellata, meringa, patatine, pizza, pollo
b. giornale, libro, manuale, opuscolo, quotidiano, rivista, settimanale, tomo, trattato, volume
c. bosco, foresta, frutteto, giardino, orto, parco, piantagione, vigna
d. abbaiare, barrire, belare, bramire, gufare, muggire, nitrire, ragliare, ruggire
e. ammarare, ancorare, atterrare, attraccare, costeggiare, decollare, librarsi, salpare

4 Sostituisci il sostantivo cosa con un vocabolo più appropriato.


1. A tavola Carlo preferisce le cose molto piccanti. ............................................................... 2. Il computer ormai è
una cosa molto usata dalle famiglie italiane. ............................................................... 3. Ho visto una cosa molto bella
ieri sera al cinema. ............................................................... 4. Sono molto efficaci le cose di questa linea di cosmetici.
............................................................... 5. Non credere alle cose che dice Giorgio. ...............................................................

5 Sostituisci il verbo in corsivo con un altro più appropriato, scegliendolo tra quelli dati.
1. dare: concedere, organizzare, prescrivere, provocare, volgere
a. Il preside ci ha dato il permesso di organizzare un’assemblea sabato. ......................................................................
b. Quell’odore le dava la nausea. ...............................................................................................................................................................
c. Secondo me, il tuo medico dà troppe medicine. .......................................................................................................................
d. Non l’ha visto perché gli dava le spalle. ..........................................................................................................................................
e. Avete saputo che daremo una festa alla fine dell’anno? .......................................................................................................
2. dire: annunciare, esporre, premettere, rifiutare, rivelare
a. È andato a dire a tutti i miei segreti. ..................................................................................................................................................
b. Due scienziati italo-americani hanno detto di aver scoperto una nuova cura contro il cancro.
............................................................................................................................................................................................................................................

c. Posso venire io a dire la mia ricerca su Napoleone? ...............................................................................................................


d. Me l’hanno chiesto molte volte, ma io ho sempre detto di no. ........................................................................................
e. Prima di entrare nei particolari, devo dire innanzitutto che ero lì per puro caso. ...........................................

29
PARTE 2 • lessico

SCHEDA

14 come si usa il dizionario


Lo strumento a cui possiamo ricorrere per accrescere la competenza lessicale è il
dizionario che, oltre al significato fondamentale di un vocabolo, mostra i rapporti
di forma e di significato che esistono tra le parole. Infatti:
P elenca in voci distinte le parole che hanno la stessa forma, ma significati diversi
(omonimi);
P elenca nella stessa voce i vari significati di una parola (polisemi);
P a volte registra i vocaboli di significato affine (sinonimi);
P a volte elenca i vocaboli che hanno un significato più ristretto (iponimi).

collo1 [cól-lo] prep.art.m.sing. composta da con e lo: è meno usata


della grafia separata con lo.
collo2 [còl-lo] s.m. 1 nell’uomo e in altri vertebrati, parte del corpo signiicato 1
di forma generalmente cilindrica, che unisce la testa al torace: — gros-
so, sottile, lungo, corto; alzare, abbassare il —; mettersi ql.co. al —
[ill. Corpo umano] | — di cigno, (fig.) flessuoso ed elegante | — di
giraffa, (fig.) molto lungo | — taurino, (fig.) forte e muscoloso | in —,
sulle spalle, in braccio: portare qlcu., ql.co. in — | buttare le braccia
al — di qlcu., abbracciarlo — portare un braccio al —, sostenuto median-
te una fascia che gira intorno al collo | piegare il —, (fig.) sottomet-
tersi | allungare il —, (fig.) cercare di vedere, curiosare | fare allunga-
re il —, (fig.) fare attendere molto | prendere qlcu. per il —, (fig.)
imporgli condizioni gravose | mettere i piedi sul — a qlcu., (fig.) op-
primerlo, vessarlo | a rotta di —, (fig.) a precipizio; anche, in modo
disastroso: correva a rotta di —; gli affari vanno a rotta di — | rom-
persi il —, l’osso del —, (iperb.) farsi molto male | rimetterci l’osso del
OMONIMI

—, (fig.) subire una grave perdita economica; fallire totalmente in


un’impresa | scommettere, giocarsi l’osso del —, (fig.) essere così sicu-
ro da giocarsi tutto | tra capo e —, (fig.) all’improvviso, inaspettata-
mente, per lo più riferito a fatti spiacevoli: la brutta notizia gli arrivò
tra capo e — | essere indebitato fin al —, (fig.) essere oberato di
debiti | avere l’acqua al —, (fig.) essere in gravi difficoltà. DIM. (rar.)
collino 2 parte di un indumento che cinge il collo; colletto: una signiicato 2
camicia con il — troppo stretto 3 parte allungata e ristretta di un signiicato 3
recipiente: il — di una bottiglia, di un’anfora | — di bottiglia, (fig.)
strozzatura, impedimento che ostacola un processo di sviluppo
4 (anat.) parte ristretta e cilindrica di un organo o di un arto: il — signiicato 4
del piede; — dell’utero, cervice 5 — d’oca (mecc.) albero a gomiti signiicato 5
6 (ant.) cima valicabile (di un monte) 7 (mar.) giro completo di un signiicato 6 e 7
cavo intorno a ql.co | a —, si dice delle vele quando ricevono il
vento sulla faccia volta verso prua 8 nell’armatura del cavallo (bar- signiicato 8
da), la parte che protegge dalle orecchie al garrese e dalla gola al
petto ¶ Lat. collu(m).
collo3 s.m. qualunque oggetto di considerevoli dimensioni (involto, iponimi dell’iperonimo collo3
pacco, valigia, baule ecc.) che si trasporta o si spedisca | Da collo 2,
per metonimia; prop. ‘ciò che si porta sul collo’.

1 Osserva come il dizionario registra la parola leva e completa.


leva1 [lè-va] s.f. 1 (fis.) macchina semplice, consistente | — di comando, (aer.) cloche. DIM. levetta 4 (fig.) stru-
in una barra che può ruotare attorno a un punto fisso mento, mezzo con cui si dirige, si comanda: le leve del
(fulcro) e soggetto all’azione di due forze contrastanti potere ¶ Deriv. di levare, nel senso di alzare.
(potenza e resistenza): — di primo, di secondo, di ter- leva2 s.f. 1 il complesso delle operazioni per la chiamata
zo genere, a seconda che il fulcro sia, rispettivamente, alle armi dei giovani che hanno raggiunto l’età prescrit-
interno fra potenza e resistenza (p.e. tenaglie), esterno ta; coscrizione obbligatoria: lista di —; servizio di —, il
dalla parte della resistenza (p.e. schiaccianoci), esterno servizio militare obbligatorio; essere di —; avere l’età e i
dalla parte della potenza (p.e. pinze per ghiaccio) | siste- requisiti per il servizio militare; visita di —, visita medi-
ma di leve, leveraggio | far — su un punto, applicarvi la ca che ha lo scopo di determinare l’idoneità al servizio
resistenza o il fulcro di una leva per spostarlo o per spo- militare | (fam.) il servizio militare stesso: ha finito la —
stare un altro oggetto; (fig.) agire su ql.co. per raggiun- 2 l’insieme dei giovani chiamati alle armi in un anno:
gere un fine: far — sui sentimenti, su un punto debole di la — del 1970 3 (estens.) gruppo di persone della stessa
qlcu. 2 (fig.) stimolo, incentivo: il denaro è una — potente generazione, che subentra a un altro della generazione
3 (mecc.) asta di comando di un dispositivo meccanico: precedente in un determinato campo d’attività: le nuo-
— del cambio, organo di manovra del cambio di velocità, ve leve del cinema ¶ Deriv. di levare, nel senso ant. di
gener. a forma di asta metallica munita di impugnatura ‘arruolare’.

30
Dizionario

Il dizionario riporta la parola leva e distingue due ...................................., cioè vocaboli identici nella forma ma
diversi nei significati. Entrambi sono ...................................., cioè hanno più significati.
In particolare per leva1
– il 1° significato, che riguarda la fisica, è ...macchina semplice................;
– il 2° significato, che riguarda un uso figurato del termine, è ............................................;
– il 3° significato, che riguarda la meccanica, è ............................................;
– il 4° significato, che riguarda di nuovo un ........................................ è ..............................................
Per leva2
– il 1° significato è .................................................;
– il 2° significato è .................................................;
– il 3° significato, che riguarda un uso estensivo del termine, è .................................................

2 Stabilisci il signiicato della parola corte in ciascuna frase e scrivi la lettera corrispondente alle
deinizioni date.
a. cortile b. nel Medioevo l’insieme degli edifici e dei territori appartenenti a un signore feudale
c. complesso di fabbricati rurali d. residenza di un sovrano e complesso delle persone addette al sovrano
e. gruppo di persone che mostra devozione a qualcuno f. organo collegiale con funzione giurisdizionale

1. Luigi XIV, il Re Sole, trasferì la corte da Parigi a Versailles. 2. La finestra della cucina dà sulla cor-
te. 3. È sempre circondata da una corte di fan e spasimanti. 4. La Corte di Cassazione è l’or-
gano supremo della giustizia, che verifica l’esatta applicazione della legge da parte degli altri giudici.
5. La casa a corte era un’abitazione tipica della pianura lombarda, costituita da un edifico, o più edifici,
abitati da diverse famiglie di agricoltori. 6. La corte dell’Alto Medioevo era un’unità aziendale divi-
sa in pars dominica, cioè padronale, e pars massaricia, cioè dei coloni.

3 Scrivi due o più frasi in cui ciascuna delle seguenti parole abbia signiicati diversi: contratto,
radio, insegna, volume, saggio. Osserva l’esempio.
1. Contratto: a. Hanno firmato il contratto d’acquisto dell’automobile.........................................................................................
b. Aveva il viso contratto in una smorfia di dolore. ..................................................................................................

2. radio: a. ..........................................................................................................................................................................................................

b. ..........................................................................................................................................................................................................

3. insegna: a. ..........................................................................................................................................................................................................

b. ..........................................................................................................................................................................................................

4. volume: a. ..........................................................................................................................................................................................................

b. ..........................................................................................................................................................................................................

5. saggio: a. ..........................................................................................................................................................................................................

b. ..........................................................................................................................................................................................................

31
PARTE 2 • lessico

SCHEDA

15 i sinonimi, gli iponimi e gli iperonimi


Sinonimi I sinonimi sono parole che hanno forme diverse ma un significato
uguale o simile. Questi termini ci permettono di non ripetere più volte lo stesso
vocabolo e di esprimere con maggiore efficacia il nostro pensiero:
Quell’armadio è pieno di cianfrusaglie.
Quell’armadio è stipato di cianfrusaglie.
I sinonimi non sono, però, completamente intercambiabili tra loro perché si diffe-
renziano per sfumature di significato o di registro, tanto da costituire a volte delle
vere e proprie «scale di significati»: piccolo, minuto, esile, minuscolo, microscopico,
impercettibile.
Tra i sinonimi di un vocabolo possiamo distinguere termini di vario tipo:
P termini più formali: infastidire invece di scocciare;
P termini più espressivi, tipici spesso del linguaggio letterario o poetico: vanesio
invece di vanitoso;
P termini che esprimono una connotazione positiva o negativa: originale (conno-
tazione positiva), strampalato (connotazione negativa);
P termini tecnici, tipici dei linguaggi settoriali relativi alle varie attività umane
(medicina, sport, informatica, ecc.): rinite invece di raffreddore.
Come abbiamo già detto, in famiglia e con gli amici usiamo abitualmente vocaboli
colloquiali e «generici». Al contrario, quando ci rivolgiamo a persone con cui non
abbiamo un rapporto di confidenza, come gli estranei o i superiori, cerchiamo
sempre di usare un registro più formale.
Iponimi e iperonimi Gli iponimi e gli iperonimi sono un tipo particolare di sino-
nimi:
P gli iponimi sono i vocaboli specifici che indicano un elemento che fa parte di
una categoria: tavolo, lavatrice, pioppo;
P gli iperonimi sono i vocaboli generici che indicano una categoria che com-
prende vari elementi: mobile, elettrodomestico, albero.
Un iperonimo (mobile) include due o più iponimi (tavolo, sedia, armadio, letto...).

Per una corretta scrittura La solidarietà lessicale nell’uso dei sinonimi e dei paronimi
Il più frequente errore di lessico consiste nell’accostare vocaboli tra i quali non c’è solidarietà lessica-
le. Questo si verifica soprattutto in due casi.
P Quando si usa un sinonimo che non si adatta al contesto; tra i sinonimi di un vocabolo, infatti,
spesso ci sono termini che possono riferirsi ad alcuni elementi e non ad altri:
– termini adatti a persone, ma non a cose: il nonno è anziano o vecchio, ma non antico; il mobile è
vecchio o antico, ma non anziano;
– termini adatti ad alcune cose, ma non ad altre: la parte esterna della noce si chiama guscio, quella
della mela buccia, quella dell’arancia scorza, quella del pane e del formaggio si chiama crosta;
– termini riferibili a fenomeni, ma non all’animo umano: il tempo è variabile o instabile, il rendi-
mento è discontinuo o irregolare, ma il carattere è incostante, volubile o capriccioso.
P Quando si usa un paronimo, ossia un vocabolo simile nella forma a quello che si dovrebbe usare,
ma diverso nel significato: allevare invece di alleviare, collusione invece di collisione, traditore inve-
ce di traduttore ecc.

32
sinonimi, iponimi, iperonimi

1 Trascrivi i sinonimi della parola data nello spazio opportuno.


tremarella, contento, ira, apprensione, calmo, quieto, inquietudine, irritazione, lieto, allegro, tranquillo,
spavento, terrore, raggiante, stizza, collera, sgomento, pacifico, esultante, incertezza, trepidazione, furia,
rilassato, orrore, furore, tensione, panico
felice: ........................................................................................................................................................................................................

sereno: ........................................................................................................................................................................................................

preoccupazione: ........................................................................................................................................................................................................

paura: ........................................................................................................................................................................................................

rabbia: ........................................................................................................................................................................................................

2 Trascrivi ciascun vocabolo delle seguenti coppie nello spazio opportuno.


pesante / greve cedere / desistere ameno / piacevole stretto / angusto
scherzo / celia esternare / esprimere frode / imbroglio bizza / capriccio
arduo / difficile cavare / estrarre ricco / facoltoso chiaro / manifesto
intimazione / ordine deridere / schernire tavola / desco prode / coraggioso
Termine comune: ............................................................................................................................................................................................

............................................................................................................................................................................................

Termine formale: ............................................................................................................................................................................................

............................................................................................................................................................................................

3 Sostituisci le parole in corsivo con un iperonimo o un iponimo a seconda dei casi.


1. Non si può andare in moto senza copricapo. ......................................... 2. Mi prendi lo strumento per annaf-
fiare le piantine che ho appena interrato? ............................................... 3. Quest’anno le piante sono cariche di
grappoli: probabilmente farò molto vino. ......................................... 4. Per il suo matrimonio regaleremo a Silvia
un elettrodomestico per stirare. ......................................... 5. Questi sono i pantaloni e le giacche da portare in
lavanderia. ......................................... 6. Il medico gli ha vietato di mangiare salame, prosciutto, ecc. ........................
................. 7. Credo che porterò dei fiori alla signora Rita. ......................................... 8. Devi comprare un po’ di
lattuga, carote e pomodori per l’insalata. .........................................

4 In ciascuna coppia di frasi sottolinea il termine che non si adatta al contesto.


1. a. Non dire niente a loro: non sono capaci di tenere / possedere un segreto. b. La Spagna e il
Portogallo tenevano / possedevano colonie molto estese nell’America centrale e meridionale.
2. a. Mi sembra che il latte si sia inacerbito / inacidito. b. Le incomprensioni e i litigi sono durati
troppo e ormai hanno inacerbito / inacidito gli animi.
3. a. Impartiva / elargiva gli ordini con assoluta freddezza. b. Impartiva / elargiva sorrisi a destra e a
manca.
4. a. La notizia è stata tramandata / trasmessa da tutti i telegiornali. b. Questa è un’usanza che si
tramanda / trasmette da tempi antichissimi.
5. a. Dopo quel litigio non c’è più stato tra noi alcun chiarore / chiarimento. b. Si vedeva lontano
un chiarore / chiarimento, come per un incendio.
6. a. L’avverbio è una delle parti inalterabili / invariabili del discorso. b. Per la tenda della veranda
occorre una stoffa dai colori inalterabili / invariabili.
7. a. Un contratto di assicurazione è un tipico contratto aleatorio / imprevedibile, in cui cioè il rischio è
un elemento determinante. b. Ha un carattere aleatorio / imprevedibile: di lui non ti puoi fidare.

33
PARTE 2 • lessico

SCHEDA

16 i contrari
I contrari sono parole che hanno significato opposto tra loro e, come avviene per
i sinonimi, sono utili per una maggiore efficacia espressiva: piccolo e grande.
In genere, quando vogliamo dire il contrario di qualcosa usiamo un termine pre-
ceduto dal non, mentre saremmo più precisi se ricorressimo a termini che espri-
mono significati contrari. Quindi invece di dire: Attenti, qui l’acqua non è bassa!
sarebbe meglio dire: Attenti, qui l’acqua è profonda!
I contrari si dividono in tre gruppi fondamentali:
P contrari graduabili (detti anche opposti o antonimi), che consentono un con-
fronto o ammettono situazioni intermedie: caldo e freddo (ma anche tiepido, fre-
sco...);
P contrari che si contraddicono (complementari), cioè non ammettono situa-
zioni intermedie e sono effettivamente l’uno il contrario dell’altro: presente e
assente;
P contrari inversi, che presentano un concetto o un rapporto da due punti di
vista opposti: vendere e comprare; insegnante e alunno.
Come per i sinonimi, anche per i contrari vale il discorso della solidarietà di signi-
ficato: il dolore è acuto o lieve ma l’angolo è acuto o ottuso.

1 Sottolinea le coppie di contrari per distinguerle da quelle di sinonimi.


1. affermare /negare 7. osare / tentare 13. rapido / lento
2. complesso /semplice 8. assoluto / relativo 14. ricco /povero
3. complesso /complicato 9. eterno /permanente 15. provvisorio / definitivo
4. rattristarsi / rallegrarsi 10. negare / respingere 16. variabile /mutevole
5. abituale / raro 11. preciso /vago 17. togliere / sottrarre
6. sempre /mai 12. gracile / robusto 18. aggiungere /sommare

2 Volgi le seguenti frasi da negative a positive senza mutare il signiicato, sostituendo le parole in
corsivo. Osserva l’esempio.
1. Il professore non ci ha negato il permesso di andare a teatro. .. ci ha permesso ........ 2. Nessuno ignora che
la terra è rotonda. ........................................................... 3. In questa zona non c’è assenza di sostanze contaminanti.
................................................................................ 4. Abbiamo offerto una ricompensa che riteniamo non sia incongrua.

...................................................... 5. La situazione giovanile è un problema di non poco conto. ......................................................

6. Durante il processo il testimone non ha smentito la sua versione dei fatti. ................................................. 7. Non
è indifferente che tu prenda la sufficienza nel prossimo compito. ...........................................................

3 Scrivi accanto a ciascun termine o espressione il suo contrario (complementare).


1. vivo / ............................................................. 6. nome concreto / ......................... 11. dentro / ............................................
2. acceso / ....................................................... 7. maschile / ....................................... 12. verità / ..............................................
3. plurale / ...................................................... 8. aperto / ............................................. 13. permettere / ..................................
4. posto occupato / ................................... 9. sopra / ............................................... 14. proprio / ..........................................
5. nome comune / ..................................... 10. polo positivo / ............................. 15. con / ...................................................

34
contrari

4 Scrivi accanto a ciascun termine o espressione il suo inverso.


1. moglie / ............................ 4. dare / .................................. 7. genitore / ......................... 10. venditore / .........................
2. benefattore / ................. 5. maestro / ......................... 8. insegnare / ..................... 11. domanda / .........................
3. sovrano / ......................... 6. comandare / .................. 9. mittente / ........................ 12. zio / ........................................

5 Per ciascun aggettivo ti diamo varie coppie di sinonimi e contrari: accanto a ogni nome trascrivi
quello che si adatta al suo signiicato e concordalo. Osserva l’esempio.
– affermativo / negativo, concreto / idealista, favorevole / sfavorevole
– appena colto / appassito, riposato / stanco, appena fatto / raffermo, liscio /rugoso
– invidiabile / detestabile, esultante / mesto, propizio / avverso
positivo
Sinonimi notizia ... accertata ........................................... persona ..........................................................................................
esito ......................................................................... situazione ....................................................................................
Contrari notizia ...dubbia ................................................. persona ..........................................................................................
esito .......................................................................... situazione ....................................................................................
fresco
Sinonimi pane ......................................................................... fiore ..................................................................................................
pelle ......................................................................... mente ..............................................................................................
Contrari pane ......................................................................... fiore ..................................................................................................
pelle .......................................................................... mente ..............................................................................................
felice
Sinonimi persona .................................................................. situazione ....................................................................................

giorno .....................................................................
Contrari persona .................................................................. situazione ....................................................................................

giorno ......................................................................

6 Sottolinea le parole che possono avere un loro contrario e poi scrivilo nello spazio accanto.
1. liscio .............................................................................................. 11. prendere ...............................................................................
2. amore ............................................................................................ 12. chiaro .....................................................................................
3. tetto ................................................................................................ 13. diligente ...............................................................................
4. attento .......................................................................................... 14. omogeneo ...........................................................................
5. segretario .................................................................................... 15. allievo ....................................................................................
6. amico ............................................................................................ 16. scuola .....................................................................................
7. andare ........................................................................................... 17. laguna ....................................................................................
8. gatto ............................................................................................... 18. onestà .....................................................................................
9. forbici ........................................................................................... 19. loquace ..................................................................................
10. assoluto ....................................................................................... 20. sottomesso ..........................................................................

35
PARTE 2 • lessico

SCHEDA

17 Riepilogo. sinonimi e contrari


1 Trascrivi accanto a ciascun termine il sinonimo più formale ed elegante corrispondente, sceglien-
dolo tra quelli dati.
acquisire, avo, azzardare, convergere, detrarre, disdegnare, espellere, fiscale, gretto, intridere, osare,
perpetuo
1. avaro .......................................................... 5. ottenere ........................................... 9. antenato ................................................
2. cacciare .................................................... 6. disprezzare .................................... 10. rischiare ................................................
3. tentare ...................................................... 7. eterno ................................................ 11. avvicinarsi ...........................................
4. sottrarre ................................................... 8. inzuppare ....................................... 12. intransigente ......................................

2 Sottolinea i vocaboli che non si adattano al tono colloquiale o formale della frase.
1. a. Non l’ho fatto apposta ma lui si è incavolato / adirato con me.
b. Signor preside, non sia incavolato / adirato con noi, perché non l’abbiamo fatto intenzionalmente.
2. a. È tutto blu: l’hanno menato / percosso ben bene.
b. È coperto di lividi: è stato menato / percosso duramente.
3. a. Ha agito con prontezza e intuizione: è proprio dritto / scaltro.
b. Non lo fregheranno: è troppo dritto / scaltro.
4. a. Ha recato molestia a tutti e si è comportato da importuno / guastafeste / scocciatore.
b. In quell’occasione è stato proprio un guastafeste / scocciatore / importuno.
c. E smettila! Che guastafeste / scocciatore / importuno che sei!
5. a. Per l’uscita anticipata occorre la firma del papà / padre / capofamiglia o di chi ne fa le veci.
b. Chi ha a carico i familiari è detto papà / padre / capofamiglia.
c. Ho sentito qualcuno aprire il garage, dev’essere arrivato papà / padre / capofamiglia.

3 Accanto a ciascun termine trascrivi il sinonimo più espressivo corrispondente, scegliendolo tra
quelli dati.
meraviglioso, orribile, decrepito, gelido, spalancato, diluviare, serrato, microscopico, inzuppato, affranto,
smisurato, esultanza, bollente, saggio, disgustoso
1. bello ........................................................... 6. brutto ............................................. 11. piovere ...................................................
2. aperto ........................................................ 7. gioia ................................................ 12. piccolo ....................................................
3. bagnato .................................................... 8. caldo ............................................... 13. amaro ......................................................
4. vecchio ..................................................... 9. freddo ............................................ 14. grande .....................................................
5. chiuso ....................................................... 10. triste ................................................ 15. giudizioso ............................................

4 Nelle seguenti coppie di vocaboli sottolinea quello che esprime una connotazione negativa.
1. tenace / ostinato 8. zitella / nubile
2. chiudere / sbattere 9. animale / bestia
3. tirchio / avaro 10. partigiano / fazioso
4. riposare / poltrire 11. trucidare / uccidere
5. disinvoltura / sfacciataggine 12. mangiare / ingozzarsi
6. ingordo / goloso 13. severo / spietato
7. disinteressato / noncurante 14. interessarsi / immischiarsi

36
sinonimi e contrari

5 Per una sola frase i vocaboli dati sono effettivamente sinonimi, e in questo caso scrivili tutti, invece
nelle altre inserisci solo il vocabolo adatto. Quando è necessario, modiica la frase in modo oppor-
tuno.
1. motivo, causa, ragione
a. L’amministratore gli ha fatto .................................... perché non ha pagato le spese condominiali.
b. Quando è arrabbiato non sente .....................................
c. Non riesco a ricordare .................................... della canzone che ha vinto il Festival.
d. Non capisco per quale .................................... abbia fatto tutto questo.
2. momento, occasione, circostanza
a. Volevo venire a trovarti ma non ne ho avuto ......................................
b. Ha chiamato Paolo .................................... fa.
c. È stata considerata .................................... attenuante del delitto.
d. Fidati di lui: ti sarà d’aiuto in qualsiasi ......................................
3. limite, confine, termine
a. Un muro ricoperto di edera divide le due proprietà lungo tutto il ...............................
b. Sai qual è il ............................. di velocità in autostrada?
c. Siamo arrivati al ............................. di questo lungo viaggio.
d. Nell’antichità si credeva che nello stretto di Gibilterra Ercole avesse piantato le colonne che segna-
vano ............................. estremo del mondo.

6 Nelle seguenti coppie, individua quelle che non sono contrari.


1. stringere / allargare 9. fare / disfare
2. mano / piede 10. riso / pianto
3. lavorare / sudare 11. deciso / sicuro
4. luce / tenebra 12. cielo / aurora
5. entrate / uscite 13. comprare / vendere
6. esule / esiliato 14. strada / carreggiata
7. montagna / pianura 15. ruscello / torrente
8. fumo / nebbia 16. bruno / chiaro

7 Nelle seguenti coppie di frasi sottolinea le espressioni errate che presentano un errore di solida-
rietà lessicale oppure di non adeguatezza al contesto.
1. Entro in casa ed espongo il caso a mia madre / ... e racconto alla mia mamma che cosa è successo. 2.
Le pagelle hanno informato sul bilancio di questo quadrimestre. / Le pagelle hanno presentato il risultato
... 3. La pagella ha il potere di far sì che chi ha ottenuto dei risultati molto insoddisfacenti, sia rimprove-
rato aspramente / ... chi ha un bilancio molto basso, sia perseguitato dai propri genitori. 4. Credo proprio
che mi dovrò dar da fare se non vorrò essere bocciato un’altra volta / Mi sa tanto che mi dovrò mettere
sotto ... 5. Sapevo i miei voti ma destavo qualche dubbio su un paio di materie / ... nutrivo qualche dubbio
... 6. Erano tutti sconvolti avendo saputo la notizia / ... all’insaputa della notizia. 7. Sono lusingati alla
notizia della morte della figlia. / Sono dispiaciuti ... 8. Gli attori sono stati molto bravi ad assimilare
quello che era il carattere e il modo di fare dei personaggi. / ... a interpretare ...

37
PARTE 2 • lessico

SCHEDA

18 Parole primitive e derivate


Le parole del lessico non sono collegate soltanto dal punto di vista del significato,
ma si raggruppano in famiglie, cioè insiemi di parole derivate tutte da un’unica
parola detta primitiva. In tutte è presente la radice, cioè la parte che esprime il
significato fondamentale:
➝ sfiorire ➝ sfiorito ➝ sfioritura
➝ rifiorire ➝ rifiorito ➝ rifioritura
➝ fiorente
➝ fiorire ➝ fiorito ➝ fioritura
➝ infiorare ➝ infiorata
fiore ➝ fioraio
➝ fiorista
➝ fioriera
➝ fioretto ➝ infiorettare ➝ infiorettatura
➝ fiorino
➝ fiorellino
➝ fiorfiore
➝ fiorrancio ➝ fiorrancino
Da una parola base derivano altre parole mediante i meccanismi della:
P prefissazione: fiorire ➝ s-fiorire
parola base preisso
P suffissazione: fior-e ➝ fior-aio
radice desinenza radice sufisso
P alterazione, che è un tipo particolare di suffissazione: fior-e ➝ fior-ellino
P composizione: fior-e ➝ fior-fiore
Una parola derivata può formarsi anche in altri modi:
– usando come base una parola già derivata:
mare ➝ marino ➝ marina ➝ marinaro ➝ marinaresco;
– aggiungendo contemporaneamente alla forma base sia un prefisso, sia un suf-
fisso:
scatola ➝ inscatolare;
– aggiungendo successivamente più suffissi e prefissi:
eleggere ➝ eleggibile ➝ ineleggibile ➝ ineleggibilità.

1 Nelle seguenti famiglie di parole sottolinea l’intruso.


1. mulo, mulattiere, muletto, mulino, mulesco, mulaggine, mulattiera 2. barca, imbarcare, imbarca-
mento, imbarcatoio, sbarcare, sbancare, barchetta, barcaiolo, sbarco 3. tappo, tappare, tappabuchi, tap-
pa, tapparella, tapparellista, tappeto, tappatrice 4. somma, sommario, sommariamente, sommo, som-
matoria 5. sole, soleggiato, assolare, assolato, assoluto, soleggiare, soleggiamento

38
Parole primitive e derivate

2 Individua la parola primitiva da cui si sono formati i seguenti derivati. Osserva l’esempio.
1. abbellire ...... bello ........ 6. allargare ........................ 11. dissociare ..................... 16. innamorare .......................
2. abbottonare ................... 7. appuntire ..................... 12. imbalsamare .............. 17. sbandierare .......................
3. accasare ........................... 8. decaffeinare ................ 13. imbottigliare .............. 18. sbocciare ............................
4. accorpare ........................ 9. diramare ....................... 14. imbruttire .................... 19. travasare .............................
5. affettare ............................ 10. disboscare ................... 15. incolpare ...................... 20. tramortire ..........................

3 Sottolinea una volta le parole alterate.


capoletto, giornaletto, stanzone, portasapone, biancospino, tappetino, bestiaccia, cartastraccia, portaros-
setto, orsetto, portaborracce, manacce, guardacaccia, nottataccia

4 Con l’aiuto del vocabolario sottolinea le parole derivate dai vocaboli indicati.
foglio (non foglia): fogliame, sfoglia, foglione, fogliona
velo (non vela): velare, veleggiare, velaio, svelare, velario
porto (non porta): portuale, portale, portone, portiera, antiporta, boccaporto
colpo (non colpa): colposo, colpire, colpitore, discolpare, colpevole, colpaccio
molla (non mola): molare, molletta, molatore, molleggiarsi, molatura
pane (non panna): panino, spannare, impanare, panpepato, spannatura

5 Scrivi la forma base di ciascuno dei seguenti verbi, derivati tutti dal nome di un animale, e sotto-
linea quelli che sono formati per mezzo di un sufisso e di un preisso. Osserva l’esempio.
forma base verbo derivato forma base verbo derivato
... cane ............................................. 1. ac-can-irsi .................................................... 8. im-bufal-irsi
............................................................ 2. ac-cappon-arsi .................................................... 9. im-paper-arsi
............................................................ 3. al-lup-are .................................................... 10. pavon-eggiarsi
............................................................ 4. ar-ricci-arsi .................................................... 11. r-in-gall-uzzirsi
............................................................ 5. bracc-are .................................................... 12. scimmiott-are
............................................................ 6. civett-are .................................................... 13. serp-eggiare
............................................................ 7. gatton-are .................................................... 14. s-granch-irsi

6 Inserisci le parole degli elenchi che seguono nella colonna dove viene indicato il meccanismo
dell’alterazione.
1. panettiere, panino, panificio, panetto, pane, pandolce, tostapane
2. medico, medicina, medicare, medicamento, medicabili, medicastro, medicinale, paramedico
3. disavventura, avventuriero, avventurarsi, avventuroso, avventura, avventuretta
parola primitiva preissazione sufissazione alterazione composizione
.......................................... .......................................... .......................................... .......................................... ..........................................

.......................................... .......................................... .......................................... .......................................... ..........................................

.......................................... .......................................... .......................................... .......................................... ..........................................

.......................................... .......................................... .......................................... .......................................... ..........................................

.......................................... .......................................... .......................................... .......................................... ..........................................

39
PARTE 2 • lessico

SCHEDA

19 i prefissi
I prefissi sono particelle che si aggiungono davanti alla parola:
fare ➝ disfare.
In base al significato:
P indicano negazione i prefissi a-, in-, s-, dis-, ...: asociale, incapace, slegare,
disonore;
P indicano ripetizione i prefissi ri-, re-: rileggere, reinserire;
P hanno valore intensivo, cioè di rafforzamento espressivo: ri-, super-, arci-, stra-
, ...: rassicurare, arcicontento, supermercato, stracarico;
P indicano la posizione nello spazio e/o nel tempo i prefissi ante-, pre-, post-,
inter-, ...: anteprima, preallarme, postoperatorio, internazionale.
Si possono aggiungere a nomi, aggettivi e verbi e, in genere, non fanno cambiare
la categoria della parola. Infatti, se aggiungiamo un prefisso:
– a un nome, otteniamo un altro nome: ubbidienza ➝ disubbidienza;
– a un verbo, otteniamo un altro verbo: scrivere ➝ sottoscrivere;
– a un aggettivo, otteniamo un altro aggettivo: formale ➝ informale.
I prefissi che si adoperano maggiormente sono s- e re-/ri-.

Per una corretta scrittura Come si modificano alcuni prefissi


Alcuni prefissi si modificano per adattarsi alla parola a cui si collegano:
P a- negativo davanti a vocale diventa an-: anabbagliante;
P a- intensivo davanti a vocale diventa ad-: adescare, adirarsi; quando è seguito da consonante,
quest’ultima raddoppia: affiancare, appagare;
P in- e con- presentano modifiche più particolari e diventano:
– im-, com- davanti a m, p e b: immortale, imberbe, compaesano;
– il-, col- davanti a l: illimitato, collaterale;
– ir-, cor- davanti a r: irrobustire, corresponsabile; co- davanti a vocale: coabitare.
P Altri prefissi, come sopra, sovra, contra... davanti a consonante semplice la fanno raddoppiare:
sopravvalutare, sovraccaricare, contraccolpo.

1 Sottolinea il preisso di ciascuna parola.


anteguerra, retromarcia, disgelo, circumnavigare, connazionale, controsenso, antifurto, transalpino,
supervalutare, extraparlamentare, subaffitto, proconsole, pronipote, arciricco, supermercato,
ipersensibile, strafare, subacqueo, ipernutrizione, controvento, extravergine

2 Sottolinea il preisso anti- una volta quando signiica «prima e davanti», due volte quando signii-
ca «contro».
antidemocratico, antidiluviano, antisismico, antinfluenzale, antibagno, antidroga, antinfiammatorio,
antimeridiano, anticlericale, antidoping, antimuffa, antipasto, antinebbia, antifurto, antiproiettile,
antitrust, antiporta, antiurto, antidepressivo, antiveggenza, antitetanica, antimafia

40
Prefissi

3 Per ciascuna delle seguenti parole forma il contrario aggiungendo un preisso.


1. .................................capace 5. ............................................ fare 9. ...........................coprire 13. .......................................gelo
2. ................................ armare 6. ......................................... certo 10. ............................ gonfio 14. ............................ pareggio
3. ............................. infettare 7. ........................................... agio 11. ................................. utile 15. ........................... contento
4. ................................ fiducia 8. ............................ intossicare 12. ........................... unione 16. ............................. giustizia

4 Accanto a ciascuna parola scrivi il derivato formato con il preisso a-.


1. correre ................................................. 5. rischiare ............................................ 9. trarre ...........................................................
2. ornare .................................................. 6. porre .................................................... 10. battere ........................................................
3. fluire ..................................................... 7. tirare .................................................... 11. consentire ...............................................
4. giungere ............................................. 8. operare ............................................... 12. crescere .....................................................

5 Accanto a ciascuna parola scrivi il derivato formato con il preisso con-.


1. legare .................................................... 5. mettere ............................................... 9. rispondere ...............................................
2. piangere .............................................. 6. mittente ............................................. 10. autore .........................................................
3. misurare ............................................. 7. responsabile ................................... 11. rodere .........................................................
4. baciare ................................................. 8. inquilino ........................................... 12. mutare .......................................................

6 Accanto a ciascuna parola scrivi il contrario formato con il preisso opportuno.


1. legale .................................................... 5. possibile ............................................ 9. logico .........................................................
2. rilevante ............................................. 6. alfabeta .............................................. 10. mangiabile ..............................................
3. mangiabile ........................................ 7. paziente ............................................. 11. responsabile ..........................................
4. bevibile ............................................... 8. rimediabile ...................................... 12. maturo .......................................................

7 Forma i derivati premettendo i preissi dati.


sopra- vivere ........................... mobile ................................ giungere .......................... nome .................................
sovra- peso ............................... popolare ........................... porre ................................. prezzo ..............................
contra- dire ................................ porre ................................... tempo ............................... peso ...................................

8 Per ogni parola, scrivi il suo signiicato partendo dal preisso da cui è formata. Segui l’esempio.
1. amorale: ... prefisso: a=senza; significato: persona che non ha nessuna morale ..............................................................
2. anteporre: ................................................................................................................................................................................................................
3. sovrapposizione: .................................................................................................................................................................................................
4. posporre: ..................................................................................................................................................................................................................
5. inamovibile: ...........................................................................................................................................................................................................
6. scomposto: ..............................................................................................................................................................................................................
7. anteprima: ................................................................................................................................................................................................................
8. antincendio: ...........................................................................................................................................................................................................
9. rigirare: ......................................................................................................................................................................................................................

10. scucito: ......................................................................................................................................................................................................................

41
PARTE 2 • lessico

SCHEDA

20 i suffissi
I suffissi sono particelle che si aggiungono alla fine di una parola, dopo aver tolto
la desinenza:
seta ➝ setificio
I suffissi si possono aggiungere a nomi, aggettivi e verbi e formano sia parole che
appartengono alla stessa categoria grammaticale sia parole che appartengono a
categorie diverse.
I suffissi non hanno un senso per sé e non sono mai autonomi, ma possono espri-
mere un particolare significato:
P mestieri: fornaio, bibliotecario, ragioniere, insegnante, storico;
P luoghi in cui si svolge un’attività: acciaieria, pastificio;
P azioni: insegnamento, esportazione, atterraggio, chiusura, calpestio;
P oggetti: schienale, lampadario, candeliere, teiera;
P concetti astratti: bellezza, cortesia, giustizia, felicità, gonfiore, eleganza;
P provenienza: italiano, francese, tunisino;
P modo in cui si compie l’azione (avverbi): ardentemente, dolcemente.

Per quanto riguarda la forma possiamo notare che:


– il suffisso -mente, con il quale si ottengono gli avverbi di modo, si collega alla
forma completa del femminile: assidu-a-mente, felic-e-mente; alla radice dell’ag-
gettivo quando questo termina in -le e -re preceduti da vocale; facil-mente,
celer-mente;
– alcuni suffissi si collegano al participio passato del verbo:
dividere ➝ divisione (da diviso);
– alcuni suffissi si collegano alla radice latina o greca, non a quella italiana:
mese ➝ mensile (dal lat. mensem); crisi ➝ critico;
– in alcuni casi si modifica la radice:
i dittonghi iè, uò diventano e, o (e per questo sono detti dittonghi mobili):
lieto ➝ letizia, suono ➝ sonoro;
– le consonanti c e g prendono la h o la i per conservare il suono duro o dolce:
banca ➝ banchiere, pesce ➝ pesciolino.

Per non commettere errori L’uso dei suffissi


Gli errori nell’uso dei suffissi sono molto frequenti e vari. I principali sono di due tipi:
P si usano derivati che sono molto simili nella forma ma esprimono significati diversi (bravura,
bravata) o adatti a contesti diversi (altezza, altitudine, altura);
P si usano parole che non esistono perché si aggiunge un suffisso al posto di un altro: demolimento
invece di demolizione; brevitezza invece di brevità.

42
suffissi

1 Completa la tabella formando le parole richieste con i sufissi opportuni. Osserva gli esempi.

Verbo Azione Persona che agisce Oggetto o luogo


lavare lavaggio lavatore lavatoio, lavatrice
.......................................................... .......................................................... .......................................................... montatoio
.......................................................... insegnamento .......................................................... ..........................................................

distillare .......................................................... .......................................................... ..........................................................

.......................................................... dipendenza .......................................................... ..........................................................

.......................................................... .......................................................... .......................................................... telefono


.......................................................... esportazione .......................................................... ..........................................................

pianificare .......................................................... .......................................................... ..........................................................

2 In ciascun gruppo sottolinea le parole in cui i sufissi esprimono il signiicato indicato.

Sufisso Signiicato Parole derivate


1. -aio, -aia luogo benzinaio, bagagliaio, magliaia, formicaio, legnaia, ghiacciaio,
operaio, vespaio, giornalaio
2. -iere, -iera oggetto carabiniere, infermiera, zuccheriera, tagliere, ragioniere, paniere,
scacchiera, parrucchiera
3. -ista mestiere sindacalista, interista, regista, altruista, autista, ferrarista,
vetrinista, buddista, dentista
4. -tore, -trice oggetto annunciatore, calcolatrice, pittrice, ventilatore, ricercatrice,
friggitrice, calciatore, amplificatore, imprenditore

3 Per ciascun termine scrivi l’aggettivo derivato che si forma utilizzando la radice latina. Osserva
gli esempi.

Italiano Latino Derivato Italiano Latino Derivato


giglio lilium ... liliale ..................................... esempio exemplum .......................................................

figlio filius ...................................................... mano manus .......................................................

madre mater ... materno ............................... anno annus .......................................................

padre pater ...................................................... lago lacus .......................................................

famiglia familia ...................................................... fiume fluvius .......................................................

consiglio consilium ...................................................... cuore cordis .......................................................

4 Con una barretta dividi il sufisso dalla radice.


amicizia, giustizia, pigrizia, allegria, concordia, miseria, insonnia, gonfiore, benevolenza, bravura, coc-
ciutaggine, sfacciataggine, fratellanza, fedeltà, altura, gaiezza, gentilezza, stranezza, tristezza, leggerezza,
gratitudine, solitudine, nobiltà, lealtà, freddura

5 Con l’aiuto del dizionario stabilisci quali parole derivano dai seguenti vocaboli con l’aggiunta dei
sufissi -zione, -mento, -aggio.
1. fissare 2. atterrare 3. salvare 4. ingranare 5. concentrare 6. ammonire 7. regolare 8. medi-
care 9. collocare 10. montare

43
PARTE 2 • lessico

SCHEDA

21 Riepilogo. Prefissi e suffissi


1 Sostituisci le seguenti espressioni con un derivato della parola in corsivo.
aereo più veloce del suono ....................................; vaccinazione contro la poliomielite ....................................; non fa
parte del territorio di uno stato ....................................; valutare meno del valore reale ....................................; cuocere
troppo ....................................; vincere con ampio vantaggio ....................................; non fa parte della Comunità Europea
....................................; disposto in precedenza ....................................; fari che non abbagliano ....................................; passare

da parte a parte ....................................; dolore localizzato tra due costole ....................................

2 Scrivi accanto a ciascun derivato la parola primitiva. Osserva l’esempio.


1. problematico ...problema ................ 6. finanziario ................................... 11. redditizio ..............................................
2. caprino ..................................................... 7. unitario ......................................... 12. erbaceo ...................................................
3. vellutato .................................................. 8. commerciale .............................. 13. cutaneo ..................................................
4. panciuto .................................................. 9. pedonale ...................................... 14. istantaneo ............................................
5. salutare .................................................... 10. febbrile .......................................... 15. abusivo ...................................................

3 Con le seguenti parole forma dei verbi utilizzando i sufissi -eggiare, -izzare, -ificare.
1. attuale ....................................................... 8. indietro ......................................... 15. polvere ...................................................
2. canale ........................................................ 9. lotto ................................................. 16. primo ......................................................
3. corte ........................................................... 10. nazionale ..................................... 17. rumore ...................................................
4. fertile ......................................................... 11. nido ................................................. 18. schiaffo ..................................................
5. fossile ........................................................ 12. padrone ........................................ 19. solido ......................................................
6. gigante ...................................................... 13. pane ................................................. 20. simbolo ...................................................
7. guerra ........................................................ 14. pietra .............................................. 21. verbale ....................................................

4 Trasforma le espressioni in corsivo in aggettivi con i sufissi -bile (-abile, -ibile ), -evole.
un bene che può durare ...........................; una persona che ha commesso una colpa ...........................; un libro che
può stare in tasca ...........................; un canotto che si può gonfiare ...........................; un’opinione che è a favore
...........................; un liquido che si può infiammare ...........................; una porta che può scorrere ...........................; paro-

le che dimostrano amore ...........................; tempo che può variare ...........................; progetto che si può realizzare
...........................; strada che può essere percorsa con carri ...........................; materiale che cede facilmente ...........................;

biglietto che può essere ceduto ............................

5 Scrivi l’ininito e il participio passato dei verbi da cui derivano i seguenti vocaboli. Osserva gli
esempi.
1. lettura ...leggere, letto .............................................................. 7. fuggitivo .......................................................................................
2. chiusura ...chiudere, chiuso .................................................. 8. detersivo ......................................................................................
3. fattura .............................................................................................. 9. elusivo ...........................................................................................
4. fornitura ......................................................................................... 10. oppressore ..................................................................................
5. apertura .......................................................................................... 11. compressore ..............................................................................
6. trapanatura ................................................................................... 12. invasore ........................................................................................

44
Prefissi e suffissi

13. imbastitura ................................................................................ 16. persuasione ................................................................................


14. arsura ............................................................................................ 17. riscossione ..................................................................................
15. cottura .......................................................................................... 18. immersione ................................................................................

6 Per ciascun gruppo stabilisci quale sufisso si utilizza per trasformare i verbi in nomi, poi scrivilo
nella prima colonna.

1. ....................................................... osservare, circolare, esportare, lavorare, manifestare, navigare


2. ....................................................... atterrare, drenare, lavare, montare, riciclare, vagabondare
3. ....................................................... concentrare, arredare, ragionare, apprezzare, ornare, riscaldare
4. ....................................................... abbondare, conoscere, dimenticare, ignorare, precedere
5. ....................................................... mormorare, borbottare, cigolare, ronzare, frusciare, pigolare

7 Forma un derivato con ciascuna delle seguenti parole che presentano nella radice il dittongo mobile.
luogo ➝ .................ale; piede ➝ .................ale; buono ➝ .................tà; nuovo ➝ .................ità; suono ➝ .................oro;
scuola ➝ .................aro; lieto ➝ .................izia; cielo ➝ .................este; uovo ➝ .................ale; Siena ➝ .................ese.

8 Forma i derivati inserendo una h o una i quando sono richieste per conservare il suono della radice.
1. stanco: .....................ezza, .....................ata
2. fantastico: .....................are, .....................eria 3. droga: .....................iere,
.....................eria 4. dolce: .....................ario, .....................ezza 5. piegare: .....................evole, .....................atura 6. falce:
.....................are, .....................etto 7. fresco: .....................ura, .....................ezza.

9 Sottolinea il derivato non adatto al contesto.


1. L’imputato è stato sottoposto a interrogatorio / interrogazione dal magistrato. 2. Gli hanno rivolto
accuse senza fondazione / fondamento. 3. Uscire di minorità / minoranza significa diventare maggioren-
ni. 4. Nello sbarco in Normandia gli alleati impiegarono una spiegazione / uno spiegamento di forze
notevole. 5. Mi sono appoggiato alla spallata / spalliera della sedia e ... si è rotta. 6. Bravo, è proprio
un bel tema: il trattamento / la trattazione risulta esauriente e originale!

10 Inserisci le parole date negli schemi che mostrano i vari passaggi attraverso i quali si sono formati
i derivati.
a. urbano, urbanesimo, urbanisticamente, urbanizzazione, urbanità, urbanista

urbanizzare
urbe urbanesimo

b. idealista, idealizzazione, ideale, idealità, idealizzabile, ideare, idealizzazione

idealismo

idea idealizzare

45
PARTE 2 • lessico

SCHEDA

22 Gli alterati
Gli alterati sono un tipo particolare di parole derivate mediante suffisso.
L’alterazione modifica il significato della parola nella qualità, quantità e tono, ma
non fa cambiare la categoria a cui la parola appartiene, quindi il nome resta nome,
l’aggettivo resta aggettivo, il verbo resta verbo:
gatto ➝ gattino, gattone, gattaccio.
Frequentemente il nome, alterandosi, cambia di genere:
palazzo ➝ palazzina
spazzola ➝ spazzolone
Quali sufissi si usano con nomi e aggettivi Sono molto numerosi i suffissi che
si usano per formare gli alterati, ma con i nomi e gli aggettivi i principali sono:
P -one (accrescitivo): tavol-one;
P -ino, -etto, -ello, -uccio (diminutivi/vezzeggiativi): tavol-ino;
P -accio, -astro (dispregiativi): tavol-accio.
A volte ne usiamo più d’uno: tavol-in-etto.
Indicano sfumature di significato che dipendono dal contesto in cui sono inseriti
soprattutto quando sono riferiti a persone.
Lascialo perdere: è proprio un poveraccio! (esprime disprezzo)
Non se lo merita, poveraccio! (esprime compassione)
Quali sufissi si usano con i verbi Con i verbi si usano i suffissi:
P -ellare, -erellare: salt-ellare, cant-erellare;
P -ettare, -ottare: fischi-ettare, parl-ottare;
P -icchiare, -acchiare, -ucchiare: cant-icchiare, rid-acchiare, mangi-ucchiare.
Tali suffissi esprimono discontinuità, ripetizione e svogliatezza.
Gli avverbi alterati Anche alcuni avverbi (bene, male, presto, tardi, poco) presen-
tano forme alterate: benone, maluccio, prestino, tantino, pochino.
P Bisogna fare attenzione ai falsi alterati che sono:
– parole in origine alterate, ma ora autonome: forchetta, fratello;
– parole derivate con i suffissi di alterazione: capellone non significa grande capello;
– parole che hanno una somiglianza solo nella forma: mattone non significa gran-
de matto.

1 Ti diamo parole alterate con sufissi poco usati: trascrivi ciascuna davanti alla propria deinizione
che devi completare con la parola di base. Osserva l’esempio.
amarognola, bonaccione, faccenduola, febbricola, fegataccio, fiumiciattolo, furbastro, grassoccio, mattacchione,
pioggerella, orsacchiotto, sudaticce
1. giornataccia: una ...giornata... faticosa e negativa
2. ................................................: un ................................................. di breve corso e di scarsa portata
3. ...............................................: una ............................................... leggera e sottile
4. ...............................................: un individuo allegro e burlone un po’ ..............................................

46
Alterati

5. ...............................................: un individuo che vuol fare il ............................................... ma non ci riesce


6. ...............................................: una ............................................... non alta, ma che dura da alcuni giorni
7. ...............................................: piccolo pupazzo a forma di ..............................................
8. ...............................................: una medicina un po’ ................................................, ma non del tutto
9. ...............................................: un individuo dotato di ................................................., cioè coraggioso e capace di qualun-
que audacia
10. ...............................................: un individuo che è semplice e di ............................................ cuore
11. ...............................................: mani piuttosto ...............................................
12. ...............................................: una ................................................ di poca importanza

2 Completa la tabella formando le parole richieste con i sufissi opportuni. Osserva gli esempi.

Parola base Accrescitivo Diminutivo / Vezzeggiativo Dispregiativo

cattivo ........................................................... ........................................................... ...........................................................

paese ........................................................... ........................................................... ...........................................................

scarpa ........................................................... ........................................................... ...........................................................

somaro ........................................................... ........................................................... ...........................................................

ragazzo ........................................................... ........................................................... ...........................................................

3 Completa le seguenti frasi con gli alterati dei verbi dati.


1. Quando siamo arrivati, la zia .................................. (dormire) sul divano.
2. Quando è agitata, Luisa .................................. (mordere) la penna.
3. Senti come .................................. (scoppiare) la legna bruciando nel camino.
4. Ha appena imparato a camminare e già .................................. (trottare) per tutta la casa.
5. Ho imparato a .................................. (piegare) la carta per ottenere svariati oggetti secondo l’antica arte giap-
ponese dell’origàmi.

4 Sottolinea solo le parole alterate per distinguerle dai falsi alterati.


contadino, lettino, spazzolino, cavalletta, lavandino, accendino, nonnina, sassolino, pensierino, collet-
to, ballerino, cappellino, postino, parigino, caminetto, giardinetto, manette, pecorino, zainetto, coltello,
cestello, cappello, bovino, finestrella, fontanella, triestino, alpino, pioggerella, sorella

5 In ciascun gruppo sottolinea una volta i derivati e due volte gli alterati, poi scrivi la parola primitiva.
1. murare, muretto, muraglia, murario, morettino .............................................................................................................................
2. ombrellaio, ombrelluccio, ombrellino, ombrellata, ombrellaccio .......................................................................................
3. acquaio, acquetta, acquolina, acquerello, acquaccia .....................................................................................................................
4. libretto, libraio, libraccio, libreria, librone ...........................................................................................................................................
5. casetta, caseggiato, casina, casereccio, casamento ..........................................................................................................................

47
PARTE 2 • lessico

SCHEDA

23 le parole composte
Le parole composte risultano dall’unione di due o più parole ed esprimono un
nuovo significato:
francobollo, calzamaglia.
Le parole composte possono essere costitute da nome + nome (pescespada), nome
+ aggettivo o viceversa (cartapesta, mezzogiorno), verbo + nome (aspirapolvere),
ecc. Esse presentano difficoltà nella formazione del plurale.
Fra le parole composte vi sono anche espressioni formate da parole staccate (che
possono essere unite da un trattino), ma che funzionano come un’unica parola:
cane poliziotto, anglo-tedesco.
Composti con preissoidi e sufissoidi Sono molto numerose le parole com-
poste con elementi colti, cioè con parole latine e greche o parti di esse, perché
si ricorre a questo meccanismo di formazione delle parole per dare un nome alle
nuove invenzioni e scoperte soprattutto nel linguaggio tecnico-scientifico: eco-
cardiogramma, biotecnologia.
Questi elementi funzionano come prefissi e suffissi, per questo si chiamano pre-
fissoidi e suffissoidi e sono riportati dal vocabolario.

1 Completa formando una parola composta.


porta ................................ lava ................................... carta ..................................
batti .................................. senza ................................ capo ..................................
taglia ................................ giro ................................... alto ....................................
cerca ................................ leva ................................... mare .................................
................................... carte segna ................................ butta .................................
para .................................. apri .................................... posa ..................................
pesce ............................... salva ................................. sali .....................................
terra ................................. lancia ............................... tosa ....................................

2 Con l’aiuto del dizionario completa.


1. termometro, tassametro, tachimetro, manometro, anemometro, barometro, audiometro
comprendono -metro che significa ...........................................................................................................................................................
2. geometra, geometria, geologo, geologia, geografo, geografia, geotermico, geocentrico
comprendono geo- che significa .................................................................................................................................................................
3. disacusia, disfonia, disfunzione, disgrafia, dislalia, distrofia, dispepsia
comprendono dis- che significa ..................................................................................................................................................................
4. biologia, biografia, biodegradabile, biometria, biogenetica, bioelettronica
comprendono bio- che significa ..................................................................................................................................................................
5. frigorifero, calorifero, sonnifero, conifera, fruttifero, aurifero
comprendono -fero che significa ................................................................................................................................................................
6. cronometro, cronologico, cronoscalata, cronotappa
comprendono crono- che significa ............................................................................................................................................................

48
Parole composte

3 Per ciascun termine stabilisci il signiicato della parte in corsivo, poi trascrivilo nello spazio
opportuno.
a. autoadesivo, autocontrollo, autodidatta, autodisciplina, autodromo, autogoal, autogrill, autonomia,
autoradio, autorimessa, autosalone, autoscuola, autostrada, autosufficiente
b. filoamericano, filobus, filocomunista, filodiffusione, filodrammatica, filologia, filosofia, filovia
c. fotoallergia, fotoamatore, fotocamera, fotocellula, fotocopia, fotogenico, fotografo, fotogramma,
fotomodello, fotomontaggio, fotosensibile, fotosintesi
d. telecamera, telecronaca, telefilm, telefono, telegenico, telegiornale, telegrafo, telegramma, telematica,
telenovela, telescopio
e. aerobus, aeroclub, aerodinamica, aerofagia, aerofobia, aerografo, aerometro, aeromodellismo,
aeronautica, aeroporto, aerosol, aerospaziale
1. auto- (da solo) .........................................................................................................................................................................................................
auto- (abbr. di automobile) ...........................................................................................................................................................................
2. filo- (amico) ..............................................................................................................................................................................................................
filo- (cavo) .................................................................................................................................................................................................................
3. foto- (luce) ................................................................................................................................................................................................................
foto- (abbr. di fotografia) .................................................................................................................................................................................
4. tele- (lontano) .........................................................................................................................................................................................................
tele- (abbr. di televisione) ...............................................................................................................................................................................
5. aero- (aria) .................................................................................................................................................................................................................
aero- (abbr. di aeroplano) ...............................................................................................................................................................................

4 Inserisci nella casella opportuna le parole date.


– biancastro, bianchetto, bianco, biancospino, imbiancare, superbianco
– belpaese, compaesano, paesano, paese, paesello, strapaese
– colorare, colore, colorimetro, colorino, incolore, scolorire
– interrare, sottoterra, terra, terramare, terreo
– parlamento, parlare, parlottare, sparlare, sparlatore
– dire, disdicevole, disdire, dizione, maledire

Parole primitive ....................................................................................................................................................................

Parole derivate con prefisso ....................................................................................................................................................................

con suffisso ....................................................................................................................................................................

con entrambi ....................................................................................................................................................................

Parole alterate ....................................................................................................................................................................

Parole composte ....................................................................................................................................................................

49
PARTE 2 • lessico

SCHEDA

24 Riepilogo. lessico
1 Sostituisci il verbo fare con un altro più appropriato tra i verbi dati.
coniare, frequentare, giudicare, impersonare, importare, praticare, proiettare, realizzare, sostenere,
stipulare
1. Non ti preoccupare, anche se hai dimenticato di telefonare, non fa nulla. ................................... 2. Nella com-
media c’è l’attore che ha fatto la parte di Giulio Cesare nel film di ieri sera. ................................. 3. È sempre
allenato perché fa molti sport. .................................... 4. L’ho conosciuta ieri sera, fa il terzo anno delle supe-
riori. .................................... 5. Che modo stupido di comportarsi: lo facevo più intelligente. ......................................
6. Che film fanno stasera al cinema all’aperto? .................................... 7. Il regista Ermanno Olmi ha fatto un
film che bisserà il successo dell’Albero degli zoccoli. .......................................... 8. Quest’anno devo fare gli esami:
non so quando, e se, potrò andare al mare. ........................................... 9. L’azienda l’ha tenuta in prova per tre
mesi e poi hanno fatto il contratto. ................................................. 10. La Zecca, al posto delle lire, ora fa gli euro.
................................................

2 Per ciascun aggettivo ti diamo vari sinonimi: accanto a ogni vocabolo trascrivi quello più adatto.
a. solenne, lodevole, profonda, violento, avvenente b. maiuscola, alta, rigoglioso, famoso, intensa c. sod-
disfacente, valido, caritatevole, gustosa, abile d. fragoroso, resistente, impetuoso, robusto, acre
a. bello temporale ..........., dormita ......... , gesto ................, persona ......................... , cerimonia .................... .
b. grande persona ................, poeta ............... , emozione ......, lettera ............................. , albero ..............................
c. buono artigiano .............., opera ............... , risultato ........., pizza ................................ , motivo ............................
d. forte fisico ......................, vento ............... , rumore ..........., materiale ...................... , sapore .............................

3 Per ciascun aggettivo ti diamo vari contrari: accanto a ogni vocabolo trascrivi quello più adatto.
a. indulgente, mite, flessibile, morbido b. calorosa, affettuoso, calda, impulsivo c. sgarbato, indigesta,
aspro, vigorosa d. sobria, bisognosa, stentata, sterile e. parziale, scarsa, sgombro, nuova
a. rigido materiale ...................... , giudice ....................... , clima ......................................, materasso ...........................
b. freddo acqua .............................. , accoglienza ............. , temperamento ................, saluto ....................................
c. delicato pietanza ........................ , salute ........................... , sapore ..................................., comportamento .............
d. ricco persona ......................... , terreno ....................... , cerimonia ..........................., vegetazione .......................
e. pieno locale .............................. , luna .............................. , guarigione ........................., efficienza ............................

4 Trasforma le seguenti parole nel loro contrario utilizzando un preisso.


1. responsabile ...................................... 6. battibile ............................................. 11. consapevole .........................................
2. successo ............................................... 7. caricare ............................................... 12. logico ........................................................
3. prudente .............................................. 8. fare ....................................................... 13. mobile ......................................................
4. attento ................................................... 9. alfabeta .............................................. 14. cortese .....................................................
5. congelare ............................................. 10. economico ...................................... 15. conformista .........................................

50
lessico

5 In ciascun gruppo sottolinea le parole in cui il preisso ha il signiicato indicato.

Preisso Signiicato Parole derivate


a- avvicinamento anormale, accorrere, analcolico, avviare, aggiungere, accostare,
analfabetismo, addentrarsi
in- divenire infelice, invecchiare, incarcerare, innervosirsi, insabbiare,
indipendente, invasare, ingiallire, ingiusto, inaridire, ingrandirsi
s- maggiore scongelare, svolazzare, sparlare, sgonfiare, spremere, smuovere,
intensità sfiducia, sleale, scalciare, spareggio, svenire

6 Trascrivi le parole date nello spazio opportuno.


accrescere, altezza, apribottiglia, aranciata, asocialità, benzinaio, bucherellare, canile, capobranco,
concittadino, disonore, festicciola, impostazione, insicuro, macchinone, maltese, mezzogiorno, muretto,
quadernone, reagire, rifare, straordinariamente, sturalavandini, svalorizzare, terremoto

Derivate con prefisso ....................................................................................................................................................................

Derivate con suffisso ....................................................................................................................................................................

Derivate con entrambi ....................................................................................................................................................................

Alterate ....................................................................................................................................................................

Composte ....................................................................................................................................................................

7 Dividi con una barretta le due parole che formano i composti.


bassorilevo, altopiano, fuoristrada, scaldavivande, autopulente, mezzosoprano, caporedattore, autoradio,
spremiagrumi, microscopio, autoraduno, aeromodellismo, bisnonno, vicepreside, benestare, alzacristal-
lo, buttafuori, camposanto, sfollagente, passaverdura

8 Per ciascun gruppo scrivi tra parentesi l’elemento che i composti hanno in comune e il suo signiica-
to, che sceglierai tra: medico, sei, uno solo, molti, scrittura, anziano, calore /temperatura, che ama,
raccolta di /luogo, terra.
1. monosillabo, monoteista, monologo, monotono (............................ significa ............................)
2. biblioteca, discoteca, pinacoteca, enoteca (............................ significa ............................)
3. psichiatra, fisiatra, odontoiatra, pediatra (............................ significa ............................)
4. biografia, stenografia, ortografia, calligrafia (............................ significa ............................)
5. termometro, termoelettrico, termostato, termocoperta (............................ significa ............................)
6. geografia, geologia, geometria, geocentrico (............................ significa ............................)
7. filosofo, filantropo, filarmonica, filologia (............................ significa ............................)
8. senile, senato, senescenza, seniore (............................ significa ............................)
9. esametro, esacordo, esaedro (............................ significa ............................)
10. multinazionale, multicolore, multipiano, multirazziale (............................ significa ............................)

51
PARTE 3 • Morfologia

SCHEDA

25 Nome: funzione e classificazione


Il nome è la parola che indica persone, animali, cose, fatti, idee, sentimenti, cioè
tutte le entità materiali o astratte che possiamo identificare: donna, tigre, lampione,
guerra, invenzione, rabbia.
In base a ciò che significano, i nomi si possono suddividere in vari tipi: comuni o
propri; concreti o astratti; collettivi.
Nomi comuni e propri I nomi sono detti comuni quando indicano in modo
generico persone, animali o cose, mentre sono detti propri quando indicano come
si chiama una persona o un animale o una cosa o un luogo. In questo caso si scri-
vono con la lettera maiuscola:
Ho visto un ragazzo. Ho visto Paolo.
Nomi concreti I nomi sono detti concreti quando indicano qualcosa che fa parte
della realtà esterna e che possiamo percepire con i sensi:
I fiori che sono sul tavolo hanno un profumo e un colore particolari.
Nomi astratti Sono detti astratti quando indicano idee, concetti, qualità, stati
d’animo che non possiamo percepire con i sensi, ma che possiamo pensare, imma-
ginare o provare dentro di noi, oppure quando indicano qualità, azioni o avveni-
menti: idea, sogno, felicità, corsa, compleanno...:
Il tuo arrivo suscita in me una viva emozione.
Nomi collettivi I nomi sono detti collettivi quando, pur essendo al singolare, indi-
cano un insieme di più elementi come nei termini classe, popolo, coppia, dozzina:
La classe ha vinto un premio.

Per una corretta scrittura Quali parole si scrivono con la lettera maiuscola
P Si scrivono con la lettera maiuscola, oltre ai nomi propri, ai cognomi e ai soprannomi, anche
– i nomi dei popoli antichi: i Fenici, gli Incas, i Vichinghi;
– i nomi delle festività civili e religiose: Natale, Pasqua, Capodanno;
– i nomi comuni usati come nomi propri: la Terra, la costellazione dei Pesci;
– i nomi di persone sacre o di divinità: Dio, la Madonna, Cristo, Buddha...;
– i nomi di enti, associazioni, società: la Cassa di Risparmio, la Croce Rossa, il Totocalcio;
– le sigle: ONU, NATO, FIAT, ENEL (ma anche Onu, Nato, Fiat, Enel);
– le testate dei giornali, i titoli di libri, film, opere d’arte, enti, associazioni (ma in genere solo la pri-
ma parola se il titolo è formato da più parole): Corriere della Sera;
– i nomi dei secoli: il Seicento, il Novecento;
– i nomi di periodi e avvenimenti storici: il Rinascimento, la Rivoluzione francese.
P Si possono scrivere sia con la lettera maiuscola che con la minuscola i nomi che indicano
– gli abitanti di uno Stato: gli Olandesi (ma anche gli olandesi);
– le cariche pubbliche e le istituzioni civili e religiose: il Papa, il Presidente, il Parlamento (ma anche il
papa Pio IX, il presidente Kennedy).
P Il nome proprio di una persona va collocato prima del cognome: si dirà Paolo Rossi e non Rossi Paolo.
Il cognome precede il nome solo negli elenchi, nelle rubriche telefoniche, nelle enciclopedie, ecc.

54
Nome

1 Accanto ai seguenti nomi comuni scrivi un nome proprio adeguato e viceversa. Osserva l’esempio.
nome comune nome proprio
pittore Raffaello
............................................................................................................. Danubio
regione .....................................................................................................................

............................................................................................................. Capri
squadra .....................................................................................................................

............................................................................................................. Coca Cola


............................................................................................................. Mediterraneo
nazione .....................................................................................................................

capitale .....................................................................................................................

2 Sottolinea i nomi in corsivo, una volta se sono usati come nomi concreti, due volte se sono usati
come nomi astratti.
1. In questi anni la medicina ha fatto passi da gigante. 2. Ricordati di prendere la medicina ogni otto
ore. 3. Pelè è una celebrità del calcio mondiale. 4. Alcuni scrittori raggiungono la celebrità dopo anni
di lavoro e sacrificio. 5. Abbiamo cambiato l’arredamento dello studio. 6. Tutti possono imparare
con lo studio e l’impegno costante. 7. Il ricordo di alcune esperienze non si cancella con il passare degli
anni. 8. Questo soprammobile è un ricordo del mio viaggio in Spagna. 9. Tutti riconoscono l’autorità
delle leggi. 10. Alla cerimonia erano presenti anche le autorità. 11. Per i regali di Natale ho speso
gran parte dei miei risparmi. 12. È una persona molto generosa e si prodiga senza risparmio.

3 Sottolinea i nomi collettivi nelle seguenti frasi.


1. Il pubblico ha applaudito a lungo il film di Leonardo Pieraccioni. 2. Allo stadio ci sarà una grande fol-
la domenica prossima. 3. L’isola d’Elba fa parte dell’arcipelago Toscano. 4. Sulle pendici del Vesuvio si
stendeva una fitta pineta. 5. L’estate scorsa abbiamo montato la tenda in un uliveto. 6. I cow-boy gui-
dano la mandria nelle praterie americane. 7. Un branco di lupi si aggira nella foresta in cerca di qualcosa
da mangiare. 8. Il frutteto del nonno è fiorito in questa stagione. 9. La clientela dell’albergo protestò per
la scarsa pulizia delle stanze. 10. L’esercito di leva non esiste più in Italia.

4 Metti la maiuscola ai nomi propri.


1. Mio cugino marco gioca spesso con i mattoncini lego. 2. A verbania, sul lago maggiore, si possono
visitare dei bellissimi giardini. 3. Luca va a scuola in bicicletta, mentre sua sorella luisa guida la cin-
quecento. 4. Il fiume rodano attraversa la città di lione e poi sfocia nel mediterraneo. 5. Il milan e
l’inter sono due squadre di milano, il genoa e la sampdoria sono di genova. 6. L’imperatore federico
di svevia, detto il barbarossa, è stato sconfitto nella battaglia di legnano. 7. È sbagliato firmare con il
cognome prima del nome: devi scrivere marco bianchi e non bianchi marco.

5 Metti la maiuscola dove occorre.


1. I franchi fermarono l’avanzata degli arabi. 2. Durante le vacanze di natale siamo andati in montagna,
a pasqua resteremo a casa. 3. La luna è il satellite della terra e insieme girano intorno al sole. 4. Io
sono della bilancia, mia sorella è del cancro; tu di che segno zodiacale sei? 5. Agli inizi del novecento
molti percepivano uno stipendio di novecento lire. 6. Sono andato a pagare le bollette dell’enel e della
telecom. 7. L’opec è l’organizzazione dei paesi produttori di petrolio. 8. Il film titanic ha avuto un
grande successo e ha ottenuto numerosi oscar. 9. La gioconda è un’opera di leonardo che si trova al
museo del louvre di parigi. 10. La repubblica italiana è nata nel 1946. 11. Il presidente degli usa è
stato ricevuto dal papa benedetto XVI in vaticano.

55
PARTE 3 • Morfologia

SCHEDA

26 Nome: genere e variazione di genere


I nomi possono essere di due generi, maschile o femminile: il libraio, la pietra.
Osservando la desinenza, cioè il modo in cui terminano, possiamo notare che di
solito:
P sono maschili i nomi che terminano in -o, oppure in consonante: il muro, il
libro, il bar, il film;
P sono femminili i nomi che terminano in -a, in -i, in -à, in -ù: la casa, la crisi, la
verità, la virtù;
P possono essere sia maschili sia femminili i nomi che terminano in -e: il mese, la
rete.
Ci sono tuttavia alcune eccezioni: la mano, la star, il tema, il brindisi, il bambù, il
caucciù, ecc.
I nomi di persona e di animale sono di genere maschile o femminile in relazione al
sesso. Confrontando le forme del maschile con quelle del femminile riconosciamo
i seguenti gruppi:
P nomi mobili, hanno per il maschile e per il femminile forme parzialmente
diverse, cioè cambiano la desinenza: figlio/figlia, poeta/poetessa, infermiere/
infermiera, scrittore/scrittrice;
P nomi indipendenti, hanno per il maschile e per il femminile forme completa-
mente diverse: uomo/donna, toro/vacca;
P nomi di genere comune, nomi di persona che hanno per il maschile e per il
femminile la stessa forma e quindi si distinguono solo per l’articolo: il nipote/la
nipote;
P nomi di genere promiscuo, i nomi di animale che hanno un’unica forma o
maschile o femminile: la balena, il delfino, l’aquila, il serpente, il gorilla.
Per precisare se si tratta di un maschio o di una femmina si possono aggiungere le
parole «maschio» o «femmina»:
La cicogna femmina non si distingue dal maschio.
I giovani maschi delle zebre formano branchi separati.
Vi sono alcuni nomi di genere femminile che indicano per lo più uomini: la reclu-
ta, la sentinella, la vedetta, la guardia, la guida, la spia:
La guardia è armata.
Viceversa vi sono nomi di genere maschile che indicano donne: il soprano, il
mezzosoprano, il contralto:
Il soprano Daniela Borghi è stato applaudito a lungo.
Tutti i nomi propri di città sono femminili: Bergamo alta, l’antica Pompei. L’unico
nome di città al maschile è Il Cairo.
I nomi stranieri provenienti da lingue che hanno i generi – come il greco, il lati-
no, il tedesco, il francese, lo spagnolo e il russo – se acquisite o di uso corrente
nella lingua italiana mantengono il genere maschile o femminile della lingua d’o-
rigine: l’agorà, il lapsus e la fabula, il Lager, la Bundesbank, il cabaret e la brioche, il
golpe e la siesta, il gulag e la perestrojka.
I nomi di genere neutro passano in italiano al maschile.

56
Nome

Per non commettere errori Falsi cambiamenti di genere


Dal momento che i nomi di cosa sono per convenzione di genere maschile o femminile, quando
dobbiamo usare un nome di cosa poco conosciuto possiamo non sapere se è maschile o femmi-
nile e di conseguenza quale articolo si debba usare o come concordare l’aggettivo o il verbo: alibi,
scisma. In questo caso occorre usare il vocabolario.

Occorre poi fare attenzione ad alcuni casi particolari che possono creare confusione, perché alcuni
nomi sembrano avere sia la forma maschile, sia la forma femminile. Si tratta, invece, di nomi diver-
si che al maschile hanno un significato, mentre al femminile ne hanno un altro. Possono essere,
per esempio:
P i nomi che terminano in due modi diversi, come il porto, la porta;
P i nomi delle piante da frutto e il corrispondente frutto, come il melo, la mela;
P i nomi che hanno la forma identica: il capitale, la capitale.

1 Sottolinea una volta i nomi maschili e due volte quelli femminili: in caso di dubbio, anteponi
mentalmente l’articolo determinativo (il, lo, la, i, gli, le).
a. scuola, gatta, tema, prova, esperienza, fama, paura, problema, commedia, sentinella, vendetta, vedetta,
pasta, teorema, arancia, mula, nuvola, razza, programma, macchia, steppa, vipera, telegramma.
b. analisi, oasi, brindisi, crisi, alibi, tesi, ipotesi, bisturi, protesi, diagnosi, metropoli, safari, sci, bici.
c. carità, lealtà, podestà, baccalà, città, novità, babà, onestà, papà, tribù, caucciù, gioventù, tutù, bambù.
d. cane, fame, pane, intenzione, sale, rete, peperone, sete, estrazione, parete, parere, cantiere, collezione,
dente, lezione, lente, finzione, emozione, abete, canzone, estate, ponte, monte, ispezione, limone.

2 Scrivi accanto a ciascun nome la forma del femminile.


duca ......................................... signore ...................................... scrittore ....................................

poeta ......................................... figlio ...................................... attore ....................................

professore ......................................... gatto ...................................... traditore ....................................

principe ......................................... infermiere ...................................... lettore ....................................

barone ......................................... cameriere ...................................... spettatore ....................................

3 Scrivi accanto a ciascun nome femminile la forma del maschile.


dottoressa ......................................... lupa ...................................... pastora ....................................

alunna ......................................... commessa ...................................... canarina ....................................

puledra ......................................... protettrice ...................................... scultrice ....................................

istruttrice ......................................... diavolessa ...................................... elefantessa ....................................

4 Scrivi accanto a ciascun nome la forma del femminile.


uomo ......................................... genero ...................................... toro ....................................

padre ......................................... abate ...................................... maiale ....................................

fratello ......................................... montone ...................................... maschio ....................................

5 Scrivi una breve frase per ciascuno dei nomi delle seguenti coppie.
1. il foglio / la foglia 2. il pianto / la pianta 3. il porto / la porta 4. il panno / la panna 5. il collo / la
colla 6. il gambo / la gamba 7. il boa / la boa 8. il lama / la lama 9. il ciliegio / la ciliegia

57
PARTE 3 • Morfologia

SCHEDA

27 Nome: numero e variazione di numero


La maggior parte dei nomi è variabile, cioè forma il plurale cambiando la desi-
nenza del singolare. Di solito i nomi femminili in -a hanno il plurale in -e; tutti
gli altri in -i: casa / case; poeta / poeti; libro / libri; nipote / nipoti.
Non seguono la regola generale: arma e ala che al plurale diventano armi e ali;
uomo, dio, tempio, bue che al plurale diventano uomini, dèi, templi, buoi.
Oltre a non seguire la regola generale, alcuni nomi al singolare sono maschili e al
plurale femminili: il paio / le paia; il centinaio / le centinaia; il carcere / le carceri.
Nomi invariabili I nomi invariabili hanno un’unica forma per il singolare e per
il plurale. Sono invariabili:
P i nomi monosillabi: il re / i re, lo sci / gli sci, la gru / le gru;
P i nomi accentati: il caffè / i caffè, la città / le città, l’età / le età;
P i nomi che terminano
– in consonante: nomi stranieri di uso corrente in italiano come il film / i film,
il goal / i goal;
– in -i: l’alibi / gli alibi, il brindisi / i brindisi;
– in -ie: la serie / le serie, la specie / le specie, la barbarie / le barbarie (tranne
moglie / mogli, superficie / superfici, effige / effigi);
P alcuni nomi
– in -a maschili: cinema, vaglia, sosia, gorilla, fantasma, ...;
– in -o sia maschili (euro, zoo, ufo, audio, video, ...) sia femminili (moto, foto, ...).
Nomi difettivi I nomi difettivi non hanno la forma del singolare o del plurale,
cioè mancano di una forma. Sono difettivi del singolare, cioè hanno solo il plu-
rale, alcuni nomi come gli occhiali, le nozze, le ferie, le esequie. Sono difettivi del
plurale, cioè hanno solo il singolare, alcuni nomi come il coraggio, la calma, l’ossi-
geno, l’idrogeno, il burro, il sangue, l’equatore, il morbillo.
Nomi sovrabbondanti I nomi sovrabbondanti hanno due forme di singolare o
di plurale. Sono sovrabbondanti al singolare, cioè hanno due forme di singolare,
pochi nomi come presepio / presepe. Sono sovrabbondanti al plurale, cioè hanno
due forme di plurale, pochi nomi come ginocchio (ginocchi / ginocchia) e sopracci-
glio (sopraccigli / sopracciglia).
La maggior parte presenta due forme di plurale con significato diverso:
il braccio – i bracci (di mare, della croce) – le braccia (del corpo)
il ciglio – i cigli (della strada, del fossato) – le ciglia (dell’occhio)
il corno – i corni (strumento musicale) – le corna (degli animali)
il filo – i fili (dell’erba, della luce) – le fila (di una congiura, dell’ordito)
il fondamento – i fondamenti (di una scienza) – le fondamenta (di un edificio)
il gesto – i gesti (i movimenti) – le gesta (azioni gloriose)
il grido – i gridi (singolarmente o degli animali) – le grida (degli uomini)
il labbro – i labbri (di una ferita) – le labbra (della bocca)
il muro – i muri (della casa) – le mura (della città, del castello)
l’osso – gli ossi (singolarmente – le ossa (come insieme,
o dell’animale macellato) nell’ossatura umana)
l’urlo – gli urli (singolarmente o degli animali) – le urla (degli uomini).

58
Nome

1 Sottolinea i nomi di numero singolare per distinguerli da quelli di numero plurale: in caso di
dubbio anteponi mentalmente l’articolo determinativo (il, lo, la, i, gli, le).
telefonata, quadri, aiuola, eliche, agenda, nuvole, gemme, fogli, superfici, laghi, pino, pesce, rocce,
pineta, gabbiani, compagnìe, compagne, tartaruga, psicologi, colori, aiuto, metri, onde, bisonte, spiaggia,
uova, acqua, mare, tane, ostacoli, volpe, allievi, pasto, sacchetti, terraferma, inverno, coppie, argomento,
occasione, soste, ricchezza, gente, salute, salite.

2 Aggiungi a ogni parola l’articolo determinativo opportuno e poi volgi al plurale.


1. ........ signora ........................................................................... 10. ........ classe ........................................................................................
2. ........ mano ............................................................................... 11. ........ muro .........................................................................................
3. ........ piede ................................................................................ 12. ........ tenda ........................................................................................
4. ........ madre ............................................................................. 13. ........ geometra ................................................................................
5. ........ pino .................................................................................. 14. ........ capitale ...................................................................................
6. ........ soldato ........................................................................... 15. ........ fantasma ................................................................................
7. ........ sacerdote ...................................................................... 16. ........ castello ....................................................................................
8. ........ problema ...................................................................... 17. ........ cavaliere .................................................................................
9. ........ erra ................................................................................... 18. ........ cappella ..................................................................................

3 Volgi al plurale le seguenti frasi, poi sottolinea i nomi che al plurale non variano. Osserva l’e-
sempio.
1. Il re governava la città. I re governavano le città.
2. Oggi il bar è chiuso. 3. Questo sport è divertente. 4. Avete saputo la novità? 5. Quel ragazzo è
socievole. 6. Il camping è attrezzato molto bene. 7. Questo yogurt è già scaduto. 8. L’oasi si trova
nel deserto. 9. Si è sganciato lo sci. 10. L’album serve per disegnare. 11. L’accusa è offensiva. 12. Il
computer è indispensabile.

4 Raggruppa i nomi in difettivi del singolare e del plurale.


forbici, carità, azoto, occhiali, ozono, nord, sangue, ferie, varicella, manette, fame, sete, nozze
1. ............................................................................................................................................................................................................................................

2. ............................................................................................................................................................................................................................................

5 Inserisci la forma corretta dei nomi sovrabbondanti.

1. i bracci / le braccia Non state con ............................................... ciondoloni.


Stanno restaurando ............................................... del crocifisso ligneo.
2. i cigli / le ciglia Ha dei begli occhi con ............................................... lunghe.
Non ci sono marciapiedi lungo ............................................... di quella strada.
3. i corni / le corna sono strumenti musicali della famiglia degli ottoni.
...............................................

Non è educato il gesto di «fare ...............................................».


4. i muri/le mura delle vie sono pieni di scritte.
...............................................

Le città medioevali erano difese da ............................................... possenti.


5. i labbri / le labbra Il vento fa screpolare ...............................................
Servono molti punti per unire ............................................... della ferita.
6. gli urli / le urla Avete vinto? Ho sentito ............................................... di gioia.
............................................... degli animali feroci fanno spavento.

59
PARTE 3 • Morfologia

SCHEDA

28 Nome: plurale dei nomi composti


Nomi composti I nomi composti, cioè originati da due o più parole, formano il
plurale in tre modi:
P modificano la desinenza finale: l’arcobaleno / gli arcobaleni (nome + nome),
il grigioverde / i grigioverdi (aggettivo + aggettivo), l’altorilievo / gli altorilievi
(aggettivo + nome);
P modificano la desinenza di entrambe le parole: la cassaforte / le casseforti (nome
+ aggettivo); la mezzaluna / le mezzelune, l’altopiano / gli altipiani (aggettivo +
nome);
P non variano: il portacenere / i portacenere; il doposcuola / i doposcuola (verbo,
avverbio o preposizione + nome); il dormiveglia / i dormiveglia; il benestare / i
benestare (verbo + verbo o avverbio); il nontiscordardimé / i nontiscordardimé
(più di due elementi o un’intera frase).
Queste regole hanno, però, molte eccezioni e spesso sorgono dei dubbi che si pos-
sono risolvere solo con l’aiuto del dizionario.

Nomi composti da capo- I nomi composti da capo + nome formano il plurale in


modo diverso perché capo può avere significati diversi:
P si fa il plurale del primo elemento quando significa chi è a capo di qualcosa:
il capoclasse = il capo della classe (plurale: i capiclasse = i capi della classe).
Se la parola composta da capo- si riferisce a una donna, resta invariata quando
significa chi è a capo di qualcosa: la capofamiglia / le capofamiglia.
P Si fa il plurale del secondo elemento quando significa:
– chi è a capo di un gruppo di persone che fanno lo stesso lavoro:
il capocuoco = il cuoco a capo di altri cuochi (plurale: i capocuochi = i cuochi
capo, ma anche i capicuochi);
la capocronista = la cronista che sta a capo di una équipe di cronisti (plurale:
le capocroniste = le croniste «capo»);
– qualcosa che è superiore o sta all’inizio, all’origine:
il capolavoro = la migliore opera di un artista (plurale: i capolavori = le miglio-
ri opere artistiche).
Anche in questi casi ci sono molte eccezioni che il vocabolario registra.

1 Sottolinea i nomi composti e separa con una barretta le parti che li compongono.
1. Per produrre la ghisa serve un altoforno. 2. Mi serve un francobollo per la mia collezione. 3. Nel
corridoio ci sono uno specchio, una cassapanca antica e un portaombrelli. 4. Ho pulito il portasapone
e ho cambiato l’asciugamano. 5. Le parole rossonero, bianconero, nerazzurro, blucerchiato indicano
rispettivamente un giocatore del Milan, della Juventus, dell’Inter e della Sampdoria. 6. Servono un
apriscatole, un cavatappi e un tritatutto. 7. Arrivati sull’altopiano abbiamo visto l’arcobaleno. 8. Il
mio cane è un rompiscatole e ha rovinato il biancospino. 9. Quando il terremoto si verifica sul fondo
del mare dà origine a un maremoto.

60
Nome

2 Completa le frasi con le forme del plurale.


1. Ho visto un arcobaleno. - Ho visto due ....................................................... 2. È una cassapanca antica. - Sono
delle ....................................................... antiche. 3. La città si trova in un bassopiano. - La città si trova tra due
.............................................................. 4. La divisa è grigioverde. - Le divise sono ......................................................... 5. È
un’attrice sordomuta. - Sono attrici ...................................................... 6. Compra un francobollo. - Compra tre
.................................................... 7. È fiorito il biancospino. - Sono fioriti .......................................................... 8. Il terremoto

può essere molto distruttivo. - ................................................................ possono essere molto distruttivi. 9. È un vero
gentiluomo. - Sono veri .................................................... 10. Era un granducato molto esteso. - Erano ...........................
................................... molto estesi.

3 Volgi le frasi al plurale e sottolinea i nomi composti invariabili. Osserva l’esempio.


1. È stato organizzato il doposcuola. Sono stai organizzati i doposcuola
2. Questo apriscatole non funziona. .............................................................................................................................

3. Il paracadute è fatto con tessuto speciale, leggero e resistente.


.........................................................................................................................................................................................................................................

4. Il guardiacaccia fa rispettare le leggi sulla caccia.


.........................................................................................................................................................................................................................................

5. Questa lavastoviglie costa troppo. .............................................................................................................................

6. Hanno recuperato il sottomarino. .............................................................................................................................

7. Occorre il portacenere. .............................................................................................................................

8. Come funziona quel tostapane? .............................................................................................................................

9. L’altoforno è sempre in funzione. .............................................................................................................................

10. Il nontiscordardimè è un fiore. .............................................................................................................................

11. Il senzatetto è colui che è privo di una casa. .............................................................................................................................

12. Serve il lasciapassare. .............................................................................................................................

4 Dividi i nomi composti nelle due parti che li compongono e volgili al plurale. Osserva l’esempio.
cassa- forte - casseforti terracotta - ...................................................................................
mezzatinta - ................................................................................ caposaldo - ...................................................................................
acquaforte - ................................................................................ mezzaluna - ...................................................................................
bassopiano - ................................................................................ bassofondo - ...................................................................................

5 Riscrivi i seguenti nomi composti dividendoli nei tre gruppi e volgendoli al plurale.
capoclasse, capocameriere, capolavoro, capobanda, caporeparto, capomastro, caposquadra, capoluogo,
capoverso, capofficina, capocuoco, capocomico, capocannoniere, capodanno, capofamiglia, capogruppo,
capostipite, capostazione, capotecnico, capocronista, capotribù
1. Chi è a capo di qualcosa ..................................................................................................................................................................................

............................................................................................................................................................................................................................................

2. Chi è a capo di un gruppo di persone che fanno lo stesso lavoro ......................................................................................

............................................................................................................................................................................................................................................

3. Qualcosa che è superiore o sta all’inizio, all’origine ....................................................................................................................

............................................................................................................................................................................................................................................

61
PARTE 3 • Morfologia

SCHEDA

29 Nome: plurale dei nomi che


terminano in -ca, -ga, -cia, -gia,
-co, -go, -io, -logo, -scia
Molte incertezze sorgono quando dobbiamo fare il plurale di alcuni gruppi di
nomi, sia perché le regole hanno molte eccezioni, sia perché nell’uso si sono diffu-
se anche forme non regolari, che ormai vengono accettate dai linguisti e registrate
nei vocabolari: provincia o province/provincie.
Queste sono le regole principali. Nomi terminanti con la desinenza in:
-ca, -ga maschili hanno il plurale in -chi, -ghi monarca – monarchi
femminili hanno il plurale in -che, -ghe barca – barche
-cia, -gia con la ì tonica hanno il plurale in -cìe, -gìe farmacìa – farmacìe
precedute da vocale hanno il plurale in -cie, -gie camicia – camicie
precedute da consonante hanno il plurale in -ce, -ge frangia – frange
-co, -go se sono parole piane hanno il plurale in -chi, -ghi fuoco – fuochi
se sono parole sdrucciole hanno il plurale in -ci, -gi medico – medici
-io se la ì è tonica hanno il plurale in -ìi zìo – zìi
se la i è atona hanno il plurale in -i operaio – operai
-logo se sono nomi di persona hanno il plurale in -gi psicologo – psicologi
se sono nomi di cose hanno il plurale in -ghi catalogo – cataloghi
-scia hanno sempre il plurale in -sce fascia – fasce
Tutto questo può creare molti dubbi che si possono risolvere solo con l’aiuto del
vocabolario.

1 Volgi al plurale i seguenti nomi terminanti in -ca, -ga.


nomi femminili barca, strega, riga, vanga, spiga, stanga, collega
...................................................................................................................................................................................................................................................
nomi maschili collega, duca, monarca, stratega, auriga
...................................................................................................................................................................................................................................................

2 Sottolinea i nomi che terminano in -cia, -gia con la i tonica, cioè accentata, poi volgili al plurale.
farmacia, bilancia, pancia, mancia, miccia, guancia, spiaggia, bugia, allergia, frangia, magia, energia,
bolgia, analogia
...................................................................................................................................................................................................................................................

...................................................................................................................................................................................................................................................

3 Nei seguenti nomi sottolinea la lettera che precede il gruppo -cia, -gia e scrivi se si tratta di
vocale o consonante; poi volgi al plurale.
sono precedute da .................................. camicia, valigia, ciliegia, socia, acacia, grattugia
...................................................................................................................................................................................................................................................

62
Nome

sono precedute da .................................. lancia, roccia, pioggia, arancia, buccia, provincia, pronuncia, reggia,
doccia, denuncia, freccia, minaccia, fascia, striscia, ascia, coscia
...................................................................................................................................................................................................................................................

...................................................................................................................................................................................................................................................

4 Volgi al plurale i seguenti nomi terminanti in -co, -go.


sono parole piane fuòco, fùngo, albèrgo, àgo, làgo, dràgo, cuòco, bànco, àrco, chirùrgo
...................................................................................................................................................................................................................................................
fanno eccezione amìco, nemìco, grèco
...................................................................................................................................................................................................................................................
sono parole sdrucciole pàrroco, aspàrago, meccànico, mànico, mèdico, àttico
...................................................................................................................................................................................................................................................
fanno eccezione càrico, òbbligo, vàlico, pìzzico, incàrico, arcipélago
...................................................................................................................................................................................................................................................

5 Volgi al plurale i seguenti nomi terminanti in -logo.


indicano cose dialogo, catalogo, riepilogo, monologo, epilogo, prologo
...................................................................................................................................................................................................................................................
indicano persone psicologo, dermatologo, archeologo, geologo, sociologo, teologo, astrologo,
biologo
...................................................................................................................................................................................................................................................

6 Volgi al plurale i seguenti nomi terminanti in -io.


con la i tonica zìo, fruscìo, miagolìo, pigolìo, rinvìo, pendìo, mormorìo, brusìo
...................................................................................................................................................................................................................................................
con la i atona esempio, operaio, fischio, bacio, uscio, figlio, giglio, viaggio, coccio
...................................................................................................................................................................................................................................................
nelle coppie osservatorio /osservatore, principio /principe, condominio /condomino
osservatorii / osservatori ............................................................................................................................................................................................

7 Individua l’errore nelle frasi che seguono e correggilo.


1. Molte speci di insetti sono ancora sconosciute. ..................................................................

2. Le frangie del mantello toccano per terra. ..................................................................

3. Gli asparaghi nascono in primavera. ..................................................................

4. Le spiaggie durante i mesi estivi sono affollatissime. ..................................................................

5. I tuoi discorsi sono spesso dei veri e propri monologi. ..................................................................

6. La verità ha molte faccie. ..................................................................

7. Il traffico automobilistico trasforma le strade in bolgie infernali. ..................................................................

8. I dermatologhi sono specialisti di malattie della pelle. ..................................................................

9. Sulle pareti della chiesa sono rappresentati le effigie dei santi protettori. ..................................................................

10. Il profumo dei fiori delle acace è molto dolce e intenso. ..................................................................

63
PARTE 3 • Morfologia

SCHEDA

30 Riepilogo. Il nome
1 Nel seguente brano sottolinea i nomi e trascrivili negli spazi opportuni.
Il primo cucciolo di panda fu visto tra le braccia di una signora che scendeva da un aereo atterrato a New
York, proveniente dalla Cina. Molta gente si recò allo zoo per ammirarlo. Quando poi il cucciolo morì, si
scoprì che i panda sono creature fragili e delicate. Infatti il Panda Gigante è uno dei più rari e misteriosi
mammiferi viventi sulla Terra. I primi ricercatori che si inoltrarono nelle foreste del Sichuan scoprirono
che questo animale si nutre quasi esclusivamente di bambù e fa un unico, minuscolo cucciolo di colore
rosa. Queste caratteristiche spiegano perché questa specie rischia l’estinzione.
Sono nomi comuni di persona: .........................................................................................................................................................................
Sono nomi comuni di animale: .........................................................................................................................................................................
Sono nomi comuni di cosa: .................................................................................................................................................................................
Sono nomi collettivi: ................................................................................................................................................................................................
Sono nomi astratti: ....................................................................................................................................................................................................
Sono nomi propri: .......................................................................................................................................................................................................

2 Trascrivi i nomi che seguono nella categoria opportuna.


alunno, insegnante, fratello, sacerdote, aquila, orso, celibe, profeta, delfino, pediatra, trota, artista, rospo,
giornalista, suocero, custode, suora
nomi mobili: ...................................................................................................................................................................................................................
nomi indipendenti: ....................................................................................................................................................................................................
nomi di genere comune: ........................................................................................................................................................................................
nomi promiscui: ..........................................................................................................................................................................................................

3 Volgi i nomi al plurale.


1. arma ........................................... 5. ala .......................................... 9. uomo ..........................................

2. dio ........................................... 6. tempio .......................................... 10. bue ..........................................

3. paio ........................................... 7. uovo .......................................... 11. riso ..........................................

4. centinaio ........................................... 8. migliaio .......................................... 12. miglio ..........................................

4 Completa le espressioni al plurale.


1. un uovo - due pai........ di uov........ 2. un filo - due migliai........ di fil........ 3. un’arma - due centinai........
di arm........ 4. l’urlo dell’uomo - ...................... degli ........................... 5. il corno e l’ala del drago - ......................... e
...................... dei .............................. 6. una briciola sul labbro - delle ............................................................ 7. il grido del

falco - ............................... dei falc........ 8. il tempio greco antico - .......................................................... 9. il fondamento


scientifico - .....................................................................................

5 Forma il plurale dei nomi composti.


1. scaldabagno ............................................................... 4. capocordata ..............................................................................

2. pescecane ............................................................... 5. capodipartimento ..............................................................................


3. telecomando ............................................................... 6. capofabbrica ..............................................................................

64
Nome

7. soprannome ............................................................... 14. capogiro ..............................................................................

8. malalingua ............................................................... 15. capogruppo ..............................................................................

9. sottopassaggio ............................................................. 16. caposaldo ..............................................................................

10. purosangue ............................................................... 17. caposezione ..............................................................................

11. biancospino ............................................................... 18. capofila ..............................................................................

12. videocassetta ............................................................... 19. capocarceriere ..............................................................................

13. parafango ............................................................... 20. capobrigante ..............................................................................

6 Completa le frasi, volgendo al plurale i nomi tra le parentesi.


1. Andrà a cena con due (amica) ....................................... e tre nuovi (collega) ........................................
2. Furono trovate due (valigia) ....................................... abbandonate.
3. Dai ai più piccoli le (coscia) ....................................... di pollo.
4. Non mi piacciono gli (asparago) ....................................... selvatici.
5. Nei nuovi (catalogo) ....................................... i prodotti sono divisi in (fascia) ....................................... colorate.

L’analisi grammaticale
Per fare l’analisi grammaticale del nome occorre indicare se si tratta di un nome:
1. comune o proprio;
2. di persona, di animale o di cosa;
3. maschile o femminile;
4. singolare, plurale, difettivo o sovrabbondante;
5. concreto o astratto;
6. individuale o collettivo.

Esempi:
campana: nome comune di cosa, femminle, singolare, concreto, individuale.
stormo: nome comune di cosa, maschile, singolare, concreto, collettivo.

Esercizio. Trascrivi sul quaderno i nomi del brano e fai l’analisi grammaticale come nell’esempio.
In America latina e in tutto il mondo esistono moltissime tribù, gruppi di persone con una storia
antichissima, che abitano un territorio preciso a cui sono legati. La loro vita è continuamente minac-
ciata dai governi che vogliono impossessarsi dei territori per costruire autostrade oppure per ingran-
dire le città. La terra per loro è sacra e lasciarla significa disperdere le proprie radici. Per la loro soprav-
vivenza è nata un’organizzazione mondiale che si chiama Survival. Promuove campagne di conoscenza
di queste situazioni e lavora per il rispetto dei diritti di questi uomini.
America: nome proprio di cosa, femm., sing.

65
PARTE 3 • Morfologia

SCHEDA

31 Articolo: funzione e classificazione


L’articolo è una parola che precede il nome e ne indica il genere e il numero:
il nipote, una nipote.
Articoli determinativi Gli articoli determinativi indicano persone, animali,
cose precise e ben determinate. Essi sono:
maschili femminili
singolare il, lo (l’) la (l’)
plurale i, gli le
Articoli indeterminativi Gli articoli indeterminativi indicano qualcuno o qual-
cosa in modo generico, indeterminato. Essi sono:
maschili femminili
singolare un, uno una (un’)
Articoli partitivi Gli articoli partitivi indicano una parte di qualcosa, una quantità
indeterminata. Sono formati dalla preposizione di + articolo determinativo e sono:
maschili femminili
singolare del, dello (dell’) della (dell’)
plurale dei, degli delle

Gli articoli determinativi in particolare indicano qualcuno o qualcosa:


P che si presuppone già noto: Mamma, sei andata a parlare con il professore?
P di cui si è già parlato: ... Allora il re disse al figlio...
P che è precisato nella frase: Ho letto il libro che ha vinto il premio Strega.
P che è unico in natura: Il Sole illumina la Terra.
P che rappresenta un’intera categoria: Il cane è l’amico dell’uomo.
P che rappresenta un concetto astratto: La pazienza è una gran virtù.

Gli articoli determinativi presentano forme diverse sia per concordare con il nome
nel genere e nel numero, sia per adattarsi alle lettere iniziali dei nomi.
Le forme del maschile si usano in questo modo:
P il, i precedono i nomi che iniziano per consonante; il muro, i muri (fa eccezione
il dio, gli dèi);
P lo, gli si usano con i nomi che iniziano per:
– s + consonante (detta s impura): lo scienziato/gli scienziati, lo stagno/gli stagni;
– z: lo zio/gli zii, lo zucchero;
– gn, pn, ps: lo gnocco/gli gnocchi, lo pneumatico (ma anche il pneumatico), gli
pneumatici (ma anche i pneumatici), lo psicologo/gli psicologi;
– i + vocale (in questo caso lo non si elide): lo iato;
– vocale (in questo caso lo si elide, cioè diventa l’): l’orologio, l’impegno.
Le forme del femminile la, le si usano con tutti i nomi femminili: la dama, le dame.
L’articolo la si elide, cioè diventa l’ con i nomi che iniziano per vocale (l’idea, l’au-
to); non si elide con i nomi che iniziano per i seguita da vocale (la iena).

66
Articolo

1 Riconosci e sottolinea gli articoli determinativi.


1. Il libro che mi hanno regalato è interessantissimo. 2. È arrivata stamattina la lettera del preside
con la convocazione dell’assemblea. 3. Mi dia lo straccio per pulire il pavimento. 4. In giardino sta
fiorendo l’azalea. 5. L’allenatore di questa squadra è in gamba. 6. Il ragazzo che è appena passato è
l’amico di Alberto.

2 Indica con una X il motivo per cui è stato usato l’articolo determinativo.

È già È precisato È unico Rappresenta Esprime un


noto nella frase in natura una categoria concetto astratto

1. Il sole riscalda. w w w w w
2. Il medico verrà w w w w w
nel pomeriggio.
3. L’odio porta w w w w w
distruzione.
4. Hai letto il libro w w w w w
che ti ho prestato?
5. I canguri vivono w w w w w
in Australia.

3 Copia i nomi nella colonna opportuna, in base all’articolo che richiedono.


cavallo, scoiattolo, albergo, studente, drago, imbuto, alieno, ingegnere, sci, psicologo, programma, equivoco,
sacerdote, uso, profeta, gesso, fantasma, zigomo, spirito, indugio, sconto, zaino, delfino, gnomo, usignolo,
zampone, arco, cielo, prezzo, elefante.

Singolare il Plurale i Singolare lo Plurale gli Singolare l’ Plurale gli

............................................................................. ............................................................................. .............................................................................

............................................................................. ............................................................................. .............................................................................

............................................................................. ............................................................................. .............................................................................

............................................................................. ............................................................................. .............................................................................

............................................................................. ............................................................................. .............................................................................

............................................................................. ............................................................................. .............................................................................

............................................................................. ............................................................................. .............................................................................

4 Copia i nomi nella colonna opportuna, in base all’articolo che richiedono, poi volgili al plurale.
nave, scoperta, amica, estate, studentessa, ombra, zuccheriera, acca, caffettiera, scienza, orsa, idea, farfalla,
spalla, spiga, oca, entrata, psicologa, elica, scelta, esercitazione, aula, istrice, iena.

Singolare la Plurale le Singolare l’ Plurale le

...................................................... ...................................................... ...................................................... ......................................................

...................................................... ...................................................... ...................................................... ......................................................

...................................................... ...................................................... ...................................................... ......................................................

...................................................... ...................................................... ...................................................... ......................................................

67
PARTE 3 • Morfologia

SCHEDA

32 Articolo: uso degli indeterminativi


e partitivi
Gli articoli indeterminativi Gli articoli indeterminativi indicano qualcuno o
qualcosa in modo generico, non specificato:
Metti un maglione perché fa freddo.
C’era una volta un re che...
Gli articoli indeterminativi concordano con il nome nel genere, ma hanno solo le
forme del singolare.
Le forme del maschile un e uno si usano in questo modo:
P un si usa con i nomi che iniziano per consonante e per vocale: un muro, un uomo;
P uno si usa con i nomi che iniziano per:
– s + consonante (detta s impura): uno stagno, uno scienziato;
– z: uno zoo, uno zaino;
– gn, pn, ps: uno gnocco, uno pneumatico (ma anche un pneumatico), uno psicologo;
– i + vocale: uno iato.
La forma del femminile una si usa con tutti i nomi femminili: una dama, una scoperta.
Si elide, cioè diventa un’, con i nomi che iniziano per vocale: un’idea, un’amica;
mentre non si elide se la i è seguita da vocale: una iena.
Gli articoli partitivi Gli articoli partitivi indicano una parte di qualcosa, una
quantità indeterminata. In particolare si usano per indicare:
P al singolare, un po’ di..., una parte di..., e si usano con alcuni nomi, che non
indicano un singolo oggetto, ma una certa quantità di qualcosa: del burro,
dell’acqua, del pane, del fumo, della sabbia, del sangue.
Non si dirà: Dammi uno zucchero. Ma si dirà: Dammi dello zucchero.
P al plurale, un certo numero di..., alcuni, qualche e si usano, come già detto, per il
plurale dell’articolo indeterminativo:
Ho incontrato un amico / Ho incontrato degli amici.
È preferibile non usare l’articolo partitivo quando il nome:
– è preceduto da una preposizione: Partiremo con degli amici (alcuni) amici.
– indica una quantità definita: Ha degli occhi bellissimi
– si riferisce a una totalità di elementi: Ha dei capelli biondi e ricciuti.

Per non commettere errori Quando si apostrofa un


Uno degli errori ortografici più diffusi e gravi riguarda l’uso delle forme un e un’ con le parole che
iniziano per vocale. Bisogna ricordare che:
P la forma un senza apostrofo si usa con i nomi maschili: un orso, un incantevole scenario;
P la forma un’ con l’apostrofo si usa con i nomi femminili: un’orsa, un’incantevole scena.
Particolare attenzione richiedono i nomi di genere comune come assistente, insegnante, agente, artista,
atleta, ipocrita, che presentano una unica forma per maschile e femminile.
Per sapere se usare l’articolo un o un’ bisogna affidarsi al contesto della frase e distinguere se si tratta
di un uomo (un insegnante) o di una donna (un’insegnante).

68
Articolo

1 Davanti a ciascun nome scrivi l’articolo indeterminativo.


1. .......... libro 4. .......... disco 7. .......... stivale 10. .......... psichiatra 13. .......... delusione
2. .......... bullone 5. .......... fandonia 8. .......... spiegazione 11. .......... possibilità 14. .......... stupidaggine
3. .......... spintone 6. .......... genitore 9. .......... mulo 12. .......... studio 15. .......... zigzag

2 Completa con l’articolo indeterminativo oppure con l’articolo partitivo.


1. Vuoi ........................acqua? 2. Prendi ........................ cavolfiore e ........................ prezzemolo. 3. Mi è entrata
....................... sabbia in ....................... scarpa. 4. C’è ....................... fumo laggiù: ci dev’essere ....................... principio

d’incendio! 5. C’è ................... vento fortissimo! Prendete ...................... sciarpe! 6. Ho ...................... gran sete:
dammi ...................... bicchiere d’acqua! 7. Preferisci .......................... miele per addolcire il tè? 8. Bastano solo
............................. farina, ............................. latte, ............................. zucchero e due uova per fare ........................ crema squisita!

3 In ciascuna coppia di frasi sottolinea dei, degli, delle quando sono articoli partitivi.
1. Ieri al supermercato ho comperato dei biscotti molto buoni.
La scatola dei biscotti è sulla mensola.
2. Delle ragazze giocano nel cortile a pallavolo con grande abilità.
La squadra delle ragazze è proprio in gamba.
3. Non mi ero accorta che il cestino del pane è vuoto.
Compra del pane per la cena quando torni dall’ufficio.
4. In autunno le foglie delle piante assumono colori fantastici.
L’altra notte il vento ha abbattuto delle piante nel parco.
5. Le unghie dei gatti sono retrattili.
Dei gatti randagi si sono rifugiati in cantina.
6. Ho preparato della crema pasticciera per la torta.
Il profumo della crema è delizioso.
7. Compra dei palloncini colorati e delle stelle filanti per addobbare la sala.
Lo scatolone dei palloncini e delle stelle filanti è in quell’angolo.

4 Davanti a ciascun nome scrivi l’articolo indeterminativo.


1. ............. orologio 9. ............. uovo 17. .......... attore
2. ............. esame 10. ............. occhio 18. .......... attrice
3. ............. involucro 11. ............. incidente 19. .......... ostacolo
4. ............. asino 12. ............. unghia 20. .......... insuccesso
5. ............. asina 13. ............. insegnante simpatico 21. .......... onda
6. ............. operaia 14. ............. insegnante simpatica 22. .......... abile sarta
7. ............. operaio 15. ............. alunna 23. .......... abile sarto
8. ............. urlo 16. ............. alunno 24. .......... olio extravergine

5 Alcune frasi contengono errori nell’uso dell’articolo indeterminativo: sottolineali e correggili.


1. Agli esploratori stanchi e assetati parve finalmente di vedere in lontananza un oasi. 2. Ho visto
un’interessante documentario su un’aquila e un’aquilotto. 3. Un albero è stato abbattuto dal vento e ha
invaso un intera corsia dell’autostrada. 4. Un ape è entrata oggi in un’aula della scuola e ha provocato
un gran caos. 5. Nella corsa con l’asta hanno vinto un atleta italiano e un atleta americana. 6. Un
amico di un’amica di mia sorella ha dimenticato un’ombrello a casa mia.

69
PARTE 3 • Morfologia

SCHEDA

33 Riepilogo. L’articolo
1 Inserisci in modo opportuno l’articolo determinativo o indeterminativo nelle seguenti frasi.
1. Prendi bici di Roberto e vai a chiamare Stefania. / Prendi .............. bici di quelle che sono in
..............

garage. 2. La sua scuola ha .............. laboratorio di informatica molto grande. / È grande .............. laboratorio
di informatica che c’è nella sua scuola. 3. Portami .............. zaino che ti hanno regalato a Natale. / Portami
.............. zaino qualsiasi. 4. Accendi .............. lampada vicina al telefono. / Accendi .............. lampada di quelle

lungo il corridoio. 5. È venuto .............. medico che non conosco. / È venuto .............. medico che mi ha
operato alle tonsille. 6. Ha telefonato .............. amico di Luigi, ma non so come si chiama. / Ha telefonato
.............. tuo amico che abita a Milano.

2 Inserisci gli articoli opportuni.


Sulla riva di .............. fiume .............. cane giocava con .............. ragazzo. .............. ragazzo lanciava lontano ................
bastone e ................ cane correva a prenderlo. Ad ................ certo punto .............. bastone finì in acqua e anche
.............. cane si tuffò, ma .............. ragazzo spaventato lo chiamò con .............. fischio, perché .............. corrente era

troppo forte. Immediatamente .............. cane, sentendo .............. fischio, tornò a riva. Ma mentre .............. cane si
scrollava .............. acqua di dosso, .............. ragazzo lo abbracciò felice e così si bagnò da capo a piedi.

3 Sottolinea l’articolo indeterminativo nella prima frase e l’articolo partitivo nella seconda.
1. Ho visto un cavallo nel prato. / Ho visto dei cavalli nel prato.
2. Un albero è stato colpito dal fulmine. / Degli alberi furono colpiti dal fulmine.
3. È arrivata un’onda improvvisa. / Sono arrivate delle onde improvvise.
4. È stata una gara emozionante. / Sono state delle gare emozionanti.
5. Vorrei un succo di frutta. / Vorrei dei succhi di frutta.
6. Al congresso partecipa uno scienziato. / Al congresso partecipano degli scienziati.

4 Scrivi gli articoli opportuni.

Determinativo Indet. Partitivo Determinativo Indet. Partitivo


sing. plur. sing. plur. sing. plur. sing. plur.

1. colore ................ ................ ................ ................ 11. jumbo ................ ................ ................ ................

2. spazio ................ ................ ................ ................ 12. hobby ................ ................ ................ ................

3. soglia ................ ................ ................ ................ 13. jazzista ................ ................ ................ ................

4. ostrica ................ ................ ................ ................ 14. hamburger ................ ................ ................ ................

5. iato ................ ................ ................ ................ 15. scanner ................ ................ ................ ................

6. ululato ................ ................ ................ ................ 16. attrice ................ ................ ................ ................

7. scalino ................ ................ ................ ................ 17. ospedale ................ ................ ................ ................

8. zucca ................ ................ ................ ................ 18. estremità ................ ................ ................ ................

9. ione ................ ................ ................ ................ 19. attacco ................ ................ ................ ................

10. mouse ................ ................ ................ ................ 20. gnocco ................ ................ ................ ................

70
Articolo

5 Cancella l’articolo partitivo nei casi in cui è preferibile non usarlo.


1. Abbiamo raggiunto la vetta salendo per dei sentieri ripidi. 2. A mio padre cominciano a spuntare
dei capelli grigi. 3. In biblioteca ho trovato dei libri molto interessanti. 4. Hanno formato un lungo
corteo rallegrato da delle bandiere e degli striscioni. 5. Nel compito di inglese c’erano delle frasi parti-
colarmente difficili. 6. Isabella ha delle dita lunghe e affusolate. 7. Ci sono ancora tracce di neve su
dei tetti. 8. In quel negozio vendono solo dei prodotti molto costosi. 9. Anche se è molto tardi per
strada ci sono ancora dei passanti. 10. Non bisogna rispondere a delle domande indiscrete.

6 Sottolinea gli articoli e i nomi che accompagnano, poi fai l’analisi grammaticale. Segui l’esempio.
Come si realizza una pianta geneticamente modificata? Per dare una risposta è bene partire dal gene, il
frammento del Dna che si trova nel nucleo delle cellule di tutti gli esseri viventi. Ogni gene è come un
brandello di memoria, cioè è depositario di informazioni precise ed essenziali per l’individuo; i geni,
uniti, formano i cromosomi e forniscono il collegamento chimico da una generazione a quella succes-
siva, trasmettendo particolari proprietà o caratteri ai discendenti. L’immissione di un gene da una specie
ad un’altra consente di trasferirvi particolari proprietà. La manipolazione genetica è proprio questo:
l’inserimento di un carattere ereditario estraneo al Dna del ricevente.
Un esempio: identificando e isolando il gene di un batterio che produce una proteina «insetticida»
e inserendolo nel patrimonio genetico di un vegetale, si trasferisce la proprietà insetticida anche alla
pianta.
una pianta: art. indet. femm. sing. + nome com. di cosa, femm. sing.

L’analisi grammaticale
Per fare l’analisi grammaticale dell’articolo occorre indicare: il tipo (determinativo, indeterminativo,
partitivo), il genere (maschile, femminile), il numero (singolare, plurale).
Esempi:
la: articolo determinativo, femminile, singolare.
un: articolo indeterminativo, maschile, singolare.
delle: articolo partitivo, femminile, plurale.

Esercizio. Sottolinea gli articoli contenuti nel brano che segue e poi fai l’analisi grammaticale.
Finalmente la porta della camera di Giulia si era aperta e la ragazza era comparsa, illuminata dalla lam-
pada del corridoio, il volto pallido e le mani protese in avanti. Barcollava e, quando Helen si era fatta
avanti per sostenerla, era caduta a terra in preda a furiose convulsioni. La sua faccia contratta aveva
cercato lo sguardo della sorella e dalle sue labbra era uscita una frase inspiegabile: «La banda macu-
lata.» Holmes si bilanciò verso la ragazza e si accertò di aver inteso bene.
«Con il termine “banda” vostra sorella alludeva per caso a un nastro, a una fascia maculata? E non
immaginate che cosa volesse indicare?»
La giovane donna scosse il capo e proseguì il suo sconvolgente racconto.

(A. C. Doyle, La banda maculata, Feltrinelli 2009)

71
PARTE 3 • Morfologia

SCHEDA

34 Aggettivo: funzione e classificazione


L’aggettivo è una parola che «si aggiunge» al nome per qualificarlo o specificarlo:
Il tuo maglione rosa si è ristretto in lavatrice.
L’aggettivo può essere unito al nome anche mediante un verbo come essere, sem-
brare, diventare:
Questa foto è suggestiva.
Gli aggettivi variano e concordano nel genere e nel numero con il nome al quale
si riferiscono. Si dividono in due tipi: qualificativi e determinativi.

Aggettivi qualiicativi Gli aggettivi qualificativi esprimono qualità o caratteri-


stiche del nome, ossia della persona, dell’animale, della cosa o del concetto a cui
si riferiscono:
un amico fidato, nuovo, simpatico, aggressivo, biondo;
un’emozione intensa, piacevole, nuova, sgradevole.

Aggettivi determinativi Gli aggettivi determinativi si dividono a loro volta in


sottogruppi perché aggiungono al nome informazioni di vario tipo:
P i possessivi (mio, tuo, suo, ecc.) indicano l’appartenenza;
P i dimostrativi (questo, quello, ecc.) indicano la posizione o l’identità;
P i numerali cardinali (uno, due, tre, ecc.) indicano la quantità numerica esatta;
P i numerali ordinali (primo, secondo, ecc.) indicano l’ordine di successione in
una serie;
P gli indefiniti (poco, molto, ecc.) indicano la quantità in modo indefinito;
P gli interrogativi ed esclamativi (che, quale, quanto) «chiedono» informazioni
sulla quantità e l’identità o le mettono in risalto.

1 Sottolinea gli aggettivi e collegali con una freccia al nome a cui si riferiscono.
1. La tua nuova tuta è certamente comoda.
2. Il calendario di quest’anno è ricco di illustrazioni suggestive.
3. Mi piacciono le sue battute ironiche e divertenti.
4. Nella calda notte estiva scoppiò un temporale terribile e improvviso.
5. L’ultima inondazione ha causato danni gravi all’agricoltura locale.
6. Questi scarponi sembrano resistenti!
7. Il Natale scorso ho rivisto alcuni cari amici: sono diventati esperti in canottaggio.
8. Molti ragazzi della vostra età amano le attività sportive e di tipo competitivo.
9. Sistema quello scaffale: è pieno di cose inutili!
10. Quanta gente e che confusione in quel centro commerciale!

72
Aggettivo

2 Nelle frasi sottolinea l’aggettivo, poi scrivi che tipo di aggettivo è e se esprime qualità, apparte-
nenza, posizione, numero, posto occupato nella serie, quantità indefinita, oppure serve per doman-
dare o per esclamare.
tipo di aggettivo esprime
1. È una strada larga. ................................................................... ...........................................................................

2. Mi piace la tua penna. ................................................................... ...........................................................................

3. Questa casa costa troppo. ................................................................... ...........................................................................

4. Ho letto molti libri. ................................................................... ...........................................................................

5. Quale auto preferisci? ................................................................... ...........................................................................

6. Quanti libri hai! ................................................................... ...........................................................................

7. Ti rivelerò i miei sogni. ................................................................... ...........................................................................

8. Mi servono dodici uova. ................................................................... ...........................................................................

9. Ricordi quel giorno? ................................................................... ...........................................................................

10. La scuola ha un vasto cortile. ................................................................... ...........................................................................

11. Siamo nel terzo millennio. ................................................................... ...........................................................................

12. Vi assegno alcuni esercizi. ................................................................... ...........................................................................

13. Nell’anno 79 d.C. ................................................................... ...........................................................................

14. I nostri progetti si realizzeranno. ................................................................... ...........................................................................

15. Riceverai un’offerta interessante. ................................................................... ...........................................................................

3 Riscrivi le frasi aggiungendo almeno un aggettivo in ciascuna frase e operando le eventuali


modiiche in modo opportuno. Poi sottolinea gli aggettivi che hai aggiunto.
1. Sabato sono andato in discoteca.
.........................................................................................................................................................................................................................................

2. Mi fai vedere l’auto di tuo fratello?


.........................................................................................................................................................................................................................................

3. Avrei proprio bisogno di un panino!


.........................................................................................................................................................................................................................................

4. Ha un negozio di quadri nel centro commerciale «Le Meridiane».


.........................................................................................................................................................................................................................................

5. All’aeroporto giorni fa mio padre ha incontrato un calciatore.


.........................................................................................................................................................................................................................................

6. Preferisco il cinema e la musica al teatro.


.........................................................................................................................................................................................................................................

7. In casa di mia nonna ci sono cani, gatti, canarini e pesciolini.


.........................................................................................................................................................................................................................................

8. La piscina comunale ha vetrate che danno sul giardino.


.........................................................................................................................................................................................................................................

9. Indossa sempre jeans e pullover.


.........................................................................................................................................................................................................................................

73
PARTE 3 • Morfologia

SCHEDA

35 Aggettivi qualificativi
Gli aggettivi qualificativi, come i nomi, sono innumerevoli e costituiscono una
classe aperta di elementi che può essere sempre accresciuta.
Essi esprimono le caratteristiche di esseri viventi, oggetti, luoghi, eventi naturali,
situazioni, concetti; in particolare possono riguardare l’aspetto esteriore (che per-
cepiamo con i sensi), le proprietà intrinseche, gli atteggiamenti, le sensazioni che
provocano in noi:
Antonio fa un lavoro molto gratificante e redditizio.
La squadra rossonera ha vinto la partita decisiva del campionato.

Per non commettere errori Eccezioni e forme varie di aggettivi


Gli aggettivi bello, buono, grande, santo presentano più forme di singolare e di plurale secondo la lette-
ra con cui inizia il nome che li segue. In particolare:
P bello si comporta come l’articolo determinativo il, lo:
il ragazzo bel ragazzo i ragazzi bei ragazzi
lo zaino bello zaino gli zaini begli zaini
l’uomo bell’uomo gli uomini begli uomini
P buono si comporta come l’articolo indeterminativo un, uno, una:
un ragazzo buon ragazzo una notte buona notte
un uomo buon uomo un’anima buon’anima
uno zaino buono zaino
P grande e santo al singolare presentano:
– l’elisione davanti a vocale: grand’uomo, sant’Antonio;
– il troncamento davanti a consonante: gran premio (ma anche grande), san Pietro;
– la forma intera davanti a s impura: grande studio, santo Stefano.
Davanti a z, gn, ps conserva la forma intera soltanto grande: grande zaino, san Zeno.

Plurale degli aggettivi in -co, -go, -cio, -gio, -io


Per il plurale degli aggettivi che terminano in -co, -go, -cio, -gio, -io valgono le stesse osservazioni
esposte per i nomi a pag. 62: numerose sono le regole e le eccezioni. Queste sono le regole principali.
Aggettivi terminanti in:
-co se sono parole piane hanno il plurale in -chi, -che: bianco bianchi / bianche
se sono parole sdrucciole hanno il plurale in -ci, -che: simbolico simbolici / simboliche
-go hanno il plurale in -ghi, -ghe: largo larghi / larghe
-cio hanno il plurale in -ci, -ce: riccio ricci / ricce
-gio hanno il plurale in -gi, -ge: saggio saggi / sagge
-io se la i è tonica hanno il plurale in -ii, -ie: restio restii / restie
se la i è atona hanno il plurale in -i, -ie: vario vari / varie

74
Aggettivo

1 Individua e sottolinea gli aggettivi qualiicativi nel brano che segue.


Isaac ci invitò a entrare con un lieve cenno del capo. Dall’atrio, immerso in una penombra azzurrina, si
intravedevano uno scalone di marmo e un corridoio affrescato con figure di angeli e di creature fantasti-
che. Seguimmo il guardiano fino a un ampio scalone circolare sovrastato da una cupola da cui scendeva-
no lame di luce. Era un tempio tenebroso, un labirinto di ballatoi con scaffali altissimi zeppi di libri, un
enorme alveare percorso da tunnel, scalinate, piattaforme e impalcature: una gigantesca biblioteca dalla
geometria impossibile. Guardai mio padre a bocca aperta e lui mi sorrise ammiccando.
(C. Ruiz Zafón, L’ombra del vento, Mondadori)

2 Completa scrivendo gli aggettivi richiesti nella forma corretta.


Bello 1. Una .................... attrice. 2. Alcuni .................... ragazzi. 3. Un .................... albero di Natale. 4. Le nostre
..................... escursioni. 5. Un ..................... programma. 6. Un programma .......................... 7. Che ........................

occhi! 8. Tanti ...................... regali 9. Che ...................... stivali! 10. Stivali comodi e ........................
Buono 1. Auguri di ........................ compleanno! 2. Abbiamo fatto un ........................ affare. 3. Mi alzo sempre di
...................... ora. 4. Sono dei ...................... amici. 5. Che ........................ odore ha il pane fresco! 6. Le ........................

letture sono utili. 7. È proprio una ........................ idea! 8. Sono dei ........................ strumenti di lavoro questi!

3 Completa scrivendo l’aggettivo grande nella forma corretta.


1. Il Parco Nazionale del Paradiso si trova nelle Alpi Occidentali. 2. La ...............................
..........................

Bretagna e l’Irlanda del Nord costituiscono il Regno Unito. 3. Credo proprio di aver commesso un
............................ sbaglio: non ho partecipato a quel concorso. 4. Avevano ........................... speranze di vin-

cere il ........................... premio di Formula Uno e invece sono rimasti delusi. 5. La ......................... Barriera
Corallina, lungo la costa orientale dell’Australia, è la più .................................. scogliera formata da coralli del
mondo. 6. Crede di essere un .......................... uomo e invece è un ........................ bugiardo. 7. Ci ho messo un
.......................... impegno e ho provato una ........................... emozione: per fortuna è andata bene! 8. Percorrendo

il Canal .......................... a Venezia si possono ammirare i bellissimi palazzi che sorgono sulle sue rive.

4 Completa scrivendo l’aggettivo santo nella forma corretta.


1. Il 13 dicembre è .......................... Lucia. 2. .......................... Antonio da Padova è detto il ........................... dei
miracoli. 3. Al veglione di ........................... Silvestro ho ballato fino alle quattro del mattino. 4. ..........................
Valentino è la festa degli innamorati. 5. Ho avuto questo regalo non il giorno di Natale ma a ..........................
Stefano. 6. Vorrei restare per qualche giorno a dormire in .......................... pace. 7. Le Confessioni è un’ap-
passionata biografia del filosofo ................................ Agostino vissuto nel IV secolo. 8. Napoleone Bonaparte
morì nell’isola di .......................... Elena nel 1821. 9. .......................... Margherita Ligure è una bellissima località
della Riviera di Ponente. 10. Con voi ci vuole proprio una .......................... pazienza.

5 Riscrivi gli aggetivi dividendoli nei gruppi in modo opportuno e volgendoli al plurale.
ricco, pratico, magnifico, opaco, benefico, bianco, comico, tragico, stanco, magico, pacifico, chirurgico, perife-
rico, franco, laico, civico, antico, domestico, selvatico, simpatico, fioco, elettrico, meccanico, plastico, elastico
a. Hanno il plurale in -ci .......................................................................................................................................................................................
............................................................................................................................................................................................................................................

b. Hanno il plurale in -chi .....................................................................................................................................................................................


............................................................................................................................................................................................................................................

75
PARTE 3 • Morfologia

SCHEDA

36 Aggettivo: concordanza e posizione


Quando l’aggettivo si riferisce a un solo nome concorda con questo nel genere e
nel numero.

Concordanza con più nomi Quando, invece, l’aggettivo è riferito a più nomi,
rispetto al numero si volge al plurale, rispetto al genere si comporta in questo
modo:
P concorda nel genere, se i nomi sono tutti dello stesso genere:
giacca e gonna nuove;
golfino e maglione nuovi;
P prende la desinenza del maschile plurale, se i nomi sono di genere diverso:
maglione e giacca nuovi;
maglioni e giacche nuovi.
In quest’ultimo caso può concordare con il nome più vicino, ma l’espressione può
risultare poco chiara:
maglioni e giacche nuove (sono nuove solo le giacche?);
giacche e maglioni nuovi (sono nuovi solo i maglioni?).

Concordanze particolari Quando l’aggettivo si riferisce a un nome collettivo


seguito da un complemento che indica una pluralità di elementi concorda con
quest’ultimo: un gruppo di ragazzi agitati (non un gruppo di ragazzi agitato).

La posizione Molti aggettivi possono indifferentemente precedere o seguire il


nome. In particolare però:
P se precedono il nome, danno più importanza a quest’ultimo (funzione descritti-
va):
Quella dei De Benedetti è una grande casa.
P se seguono il nome, assume maggiore importanza l’aggettivo (funzione distintiva):
Abbiamo affittato una casa grande.
Devono seguire il nome quando reggono altre specificazioni:
È un ragazzo grande di statura.
Alcuni aggettivi, invece, assumono un significato completamente diverso a
seconda della posizione: certe notizie (= alcune notizie), notizie certe (= notizie
sicure, verificate).

Infine ci sono degli aggettivi che devono necessariamente seguire il nome perché
hanno un valore distintivo, cioè aggiungono un’informazione che identifica l’og-
getto e lo distingue da altri: il biglietto ferroviario, la palla ovale, la statua lignea, il
turista americano, la scuola superiore, il cappotto rosso.
Devono, invece, precedere il nome:
– gli aggettivi povero, beato, fortunato nelle esclamazioni: Povero Luca!
– l’aggettivo caro adoperato all’inizio di una lettera o di un discorso: Caro Michele...

76
Aggettivo

1 Concorda ciascun aggettivo con i nomi che lo seguono. Osserva l’esempio.


1. Acuto voce .. acuta .................. angolo .. acuto ..................... strilli .. acuti ..................

2. Mite compagne .................................. occhi ..................................... clima .................................

3. Sereno giornata .................................. sguardo ..................................... volti .................................

4. Questo brani .................................. strumento ..................................... nota .................................

5. Amaro medicina .................................. lacrime ..................................... ricordo .................................


6. Elegante giacca .................................. quartiere ..................................... abiti .................................

7. Molto giochi .................................. panna ..................................... ore .................................

8. Secondo piano .................................. guerra ..................................... minuti .................................


9. Quale ospiti .................................. cielo ..................................... scatola .................................
10. Caldo estate .................................. pizze ..................................... ambienti .................................

2 Volgi al plurale le seguenti espressioni.


1. Numero pari ......................................................... 7. Perla rara ..............................................................

2. Caffè amaro ......................................................... 8. Faro antinebbia ..............................................................

3. Drappo viola ......................................................... 9. Tuta blu ..............................................................

4. Vernice antiruggine ......................................................... 10. Impianto antifurto ..............................................................

5. Esame difficile ......................................................... 11. Uomo perbene ..............................................................

6. Lotta impari ......................................................... 12. Tipo snob ..............................................................

3 Concorda l’aggettivo tra parentesi con i nomi a cui si riferisce.


1. Da qualche giorno l’orologio e il telefono sono (guasto) .............................. 2. Per questo documento dove-
vi usare la penna e l’inchiostro (nero) ......................... 3. Per il matrimonio di mia sorella indosserò gonna e
giacca (nuovo) ...................................... 4. Questi fogli da disegno, questo compasso e quelle squadrette sono
(mio) ............ 5. (molto) ....................... scienziati e scienziate erano presenti al dibattito sugli UFO. 6. Suo
zio ha una raccolta di stampe e fotografie (antico) .......................... 7. Il rumore oltre gli 80 decibel e alcuni
agenti chimici sono (pericoloso) ..........................................

4 Completa ogni coppia di frasi inserendo gli aggettivi dati nella giusta posizione.
alto 1. Era un ..................................... dirigente .....................................: rischiava sempre di urtare il lampadario.
Era un .................................... dirigente ...................................: ormai era ai vertici dell’azienda.
diverso 2. Ho chiesto il parere a ..................................... amici ..................................... e tutti erano d’accordo con me.
Ho ascoltato .................................... opinioni ..................................... dalla tua.
semplice 3. Convincerlo non sarà una ..................................... cosa .......................................
Te lo domando per ..................................... curiosità .......................................
grande 4. Oggi fa un ..................................... freddo .....................................: copriti bene!
Ha un ................................. figlio ormai ................................. e uno che va alla scuola materna.
buono 5. È proprio una ....................................... idea ....................................... Complimenti!
Ha un ..................................... animo ..................................... e generoso.
bravo 6. Tutti dicono che è un ..................................... artigiano ..................................... nel restaurare mobili antichi.
Secondo me è un .................................. ragazzo .................................. anche se mi fa disperare.
tale 7. Pronunziate ................................. parole ................................. scoppiò in lacrime.
Davvero lo credi capace di una ............................ azione ............................ da rovinare la vostra amicizia?

77
PARTE 3 • Morfologia

SCHEDA

37 Gli aggettivi possessivi


Gli aggettivi possessivi sono in numero determinato e si dicono di prima, secon-
da o terza persona, singolare o plurale (perché indicano la persona che possiede,
così come il verbo indica la persona che agisce).
singolare plurale
I persona sing. mio, mia miei, mie
II persona sing. tuo, tua tuoi, tue
III persona sing. suo, sua suoi, sue
I persona pl. nostro, nostra nostri, nostre
II persona pl. vostro, vostra vostri, vostre
III persona pl. loro, altrui
III persona (riflessivo) proprio, propria propri, proprie

P Altrui indica un possessore non ben definito e si usa soltanto riferito a persone:
Bisogna rispettare le cose altrui. (= degli altri)
P Proprio può sostituire suo e loro quando il possessore è il soggetto della frase:
Luca ha portato la sua bicicletta. Oppure: Luca ha portato la propria bicicletta.
Le ragazze consegnano i loro compiti. Oppure: Le ragazze consegnano i propri
compiti.
Deve essere usato:
– quando suo e loro possono creare equivoci:
Luca ha portato a Carlo la sua bicicletta.
È la bicicletta di Carlo o di Luca? Se è la bicicletta di Luca si deve dire:
Luca ha portato a Carlo la propria bicicletta.
– con i verbi impersonali: Si deve stare al proprio posto. (È errata la forma: Si deve
stare al suo posto).

L’aggettivo possessivo di solito precede il nome; lo segue, invece, quando:


P ci si rivolge a qualcuno: amico mio, Padre nostro;
P si vuole dare più rilievo all’aggettivo (valore distintivo): colpa tua, fatti miei.

L’aggettivo possessivo di solito è preceduto dall’articolo, quando però accom-


pagna nomi di parentela (padre, madre, figlio, fratello, sorella, nonno, zio, nipote,
ecc.) bisogna fare attenzione.
L’articolo non si usa quando questi nomi sono al singolare: mio padre.
L’articolo si usa quando questi nomi:
– sono plurali: i miei fratelli (non miei fratelli);
– sono alterati: la mia sorellina;
– sono costituiti dalle forme familiari: papà, babbo, mamma, figliolo: il mio papà;
– sono seguiti da altre specificazioni: il tuo fratello maggiore.

78
Aggettivo

1 Inserisci l’aggettivo possessivo opportuno.


1. Sono preoccupata perché figlio è in ritardo. 2. Siete maggiorenni e quindi responsa-
..............................

bili delle .......................... azioni. 3. Luca mi ha presentato un .......................... amico. 4. Avevamo messo tutto
il .......................... impegno per vincere. 5. Sei noioso, le ..................... battute non sono per niente diverten-
ti. 6. Luisa non si vanta mai dei ...................... successi sportivi. 7. Dite pure, vi ascoltiamo: le ......................
opinioni saranno certamente utili al .......................... dibattito. 8. I .......................... ruggiti spaventarono tutti i
visitatori dello zoo. 9. Potrei venire a casa .......................... per usare il .......................... computer?

2 Inserisci l’aggettivo possessivo di 3a persona (suo, loro, proprio ) opportuno.


1. Pensano solo ai fatti ............................. e non si preoccupano del nonno e dei ............................. proble-
mi. 2. Nell’incontro con l’assessore i cittadini hanno esposto le ..................... esigenze e hanno chiesto il
..................... interessamento. 3. Il postino consegna a ciascuno la .......................... posta. 4. Gli alunni sono
preoccupati: oggi il professore ha corretto i .......................... compiti. 5. Tutti sanno che si dorme meglio
nel .......................... letto. 6. I miei cugini sono in viaggio con i .......................... amici. 7. Si deve compiere il
.......................... dovere. 8. Andrea ha detto a Carlo che era assente il ......................... insegnante (l’insegnante

di Andrea). 9. Andrea ha detto a Carlo che era assente il ........................... insegnante (l’insegnante di
Carlo). 10. I clienti ricevono uno scontrino quando ritirano la .......................... merce. 11. Non ficcare il
naso nei .......................... affari: potrebbero offendersi.

3 Colloca l’aggettivo possessivo nella posizione opportuna.


1. Ti consiglio il ............................. meccanico ............................. perché è molto bravo. 2. ......................... Padre
......................... che sei nei cieli. 3. È ......................... colpa ......................... se sei in ritardo. 4. Di’ a Marta di bada-

re ai ......................... fatti .........................! 5. Tu non puoi fare quello che vuoi perché questa è .......................... casa
..........................! 6. Sei proprio insopportabile, .......................... figlio ..........................! 7. Ciascuno deve aver cura

delle ........................... cose ........................... e rispettare l’........................... esigenza ........................... 8. È importante fare il
.......................... interesse .......................... in un’azienda, ma anche rispettare le .......................... necessità ............................

4 Completa scrivendo l’aggettivo possessivo preceduto o no dall’articolo.


1. I nonni spesso sono troppo indulgenti con .................... nipoti. 2. Che classe frequenta .................... sorella?
3. .................... papà è venuto a parlare con gli insegnanti. 4. Andrò in vacanza con .......................... fratelli.
5. Ho conosciuto .......................... zio che gioca a tennis con ...................... cognato. 6. È veramente una peste
...................... sorellina! 7. Ho conosciuto ........................ madre perché stava parlando con ........................ mamma.

8. .......................... cugino Giorgio mi è antipatico ma gioco volentieri con .......................... cugini milanesi.

5 Sottolinea gli aggettivi possessivi usati in modo errato o in modo da creare equivoci, poi scrivi la
forma corretta.
1. Tutti i genitori amano i suoi figli. .......................................... 2. Luca chiese a Carlo il suo trapano nuovo:
voleva provarlo. .......................................... 3. Luca chiese a Carlo il suo trapano nuovo: glielo aveva pre-
stato il giorno prima. .......................................... 4. Sarebbe bello se tutti facessero con piacere il suo lavoro.
......................................... 5. Mio papà arriverà domani sera dopo cena. ....................................... 6. Si deve riconoscere

il proprio errore con umiltà. ........................................

79
PARTE 3 • Morfologia

SCHEDA

38 Gli aggettivi dimostrativi


Gli aggettivi dimostrativi sono in numero limitato: alcuni indicano la posizione
nello spazio, nel tempo o nel discorso di persone, animali, cose o fatti, altri ne
indicano identità o uguaglianza.
Gli aggettivi dimostrativi sono:
signiicato singolare plurale
vicino a chi parla questo, questa questi, queste
lontano da chi parla, vicino a chi ascolta codesto, codesta codesti, codeste
lontano da chi parla e da chi ascolta quello, quella quelli, quelle
stesso, stessa stessi, stesse
medesimo, medesima medesimi, medesime

P Stesso e medesimo indicano che persone, cose o fatti:


– sono uguali, identici:
Dovete avere tutti lo stesso libro.
– sono proprio la stessa cosa:
Laura e Marta frequentano la stessa palestra.
P Stesso si usa anche dopo il nome per rafforzarlo e in questo caso significa «pro-
prio lui», «in persona»:
Il preside stesso ha consegnato le medaglie.
P Codesto viene usato oggi comunemente solo in Toscana. Si trova inoltre nel
linguaggio burocratico o commerciale:
Invio a codesto Ministero la documentazione richiesta.
P Sono aggettivi dimostrativi anche tale, certo, simile, quando significano «que-
sto, quello»; in altri casi sono aggettivi indefiniti:
Tali fatti suscitano indignazione.

Per non commettere errori Questo o quello


P L’aggettivo quello forma il maschile singolare e plurale, come l’articolo determinativo il, lo:
il ragazzo quel ragazzo i ragazzi quei ragazzi
l’uomo quell’uomo gli uomini quegli uomini
lo spazio quello spazio gli spazi quegli spazi
P L’aggettivo questo si può elidere davanti a vocale solo al singolare, mai al plurale:
quest’anno questi anni quest’estate queste estati

1 Sottolinea gli aggettivi dimostrativi.


1. Non mi piacciono quei pantaloni! 2. Quando vado in centro, parcheggio sempre nel medesimo
posto. 3. Mi parli pure di codesto libro che tanto l’ha appassionata, signorina! 4. Vi aspetto domani
alla stessa ora in quest’aula. 5. Egregio Direttore, mi rivolgo a codesto ufficio per presentare formale
ricorso. 6. Quelle viole hanno sofferto per il gelo di quest’inverno. 7. La strega disse: «Dammi code-
sto anello e ti farò principe!» 8. Il Papa stesso confessa i fedeli il Venerdì Santo.

80
Aggettivo

2 Sottolinea gli aggettivi dimostrativi e indica se esprimono la posizione nello spazio (S) o nel
tempo (T).
1. Questa settimana 2. Questo libro 3. Quel mattino 4. Quelle ragazze
5. Quegli alberi 6. Codesto ufficio 7. Quei giorni 8. Queste sere 9. Quest’anno
10. Quella lampada 11. Questa città 12. Quel sogno 13. Questi quaderni
14. Questa mattina 15. Quei quadri 16. Quell’incidente 17. Quei documenti

3 Sottolinea gli aggettivi dimostrativi e indica con una x il loro signiicato.

Cosa Proprio la stessa Proprio lui/lei in


uguale cosa o persona persona

1. Abbiamo comprato lo stesso pullover. w w w


2. Porta sempre la stessa giacca. w w w
3. Il farmacista stesso mi ha consigliato queste gocce. w w w
4. È la stessa persona che ha già telefonato ieri. w w w
5. Abbiamo i medesimi gusti in fatto di profumi. w w w
6. La professoressa stessa si è congratulata con me. w w w
7. È la medesima auto che ho visto ieri. w w w
8. Lo stesso autore era in libreria per presentare il libro. w w w
9. Abbiamo ricevuto lo stesso avviso tramite la posta. w w w
10. Non si accorgono di avere gli stessi problemi. w w w

4 Inserisci l’aggettivo quello nella forma corretta.


1. ....................... stanza è tutta in disordine. 2. Comprerò ...................... liquori che sono in vetrina. 3. Hai visto
........................ uomo con .......................... occhiali strani? 4. Ricordo volentieri .......................... anno e ..........................

esperienze in campeggio. 5. Con tutti .......................... scrupoli non concluderà niente. 6. Ricordate
.......................... eccezioni di cui abbiamo parlato ieri? 7. .......................... francobollo è proprio da collezione.

8. Non so di chi sia .......................... auto parcheggiata così male. 9. Riuscite a vedere .......................... stambecco
lassù a mezza costa? 10. .......................... studenti e .......................... lavoratori pendolari stanno manifestando per
avere un servizio ferroviario migliore.

5 Inserisci l’aggettivo questo nella forma corretta.


1. In .......................... albergo non mi trovo per niente bene. 2. È proprio divertente .......................... libro. 3. Il
professore ha preparato con cura .......................... esperimenti. 4. Da quando mi è venuta .......................... idea
non dormo più la notte. 5. Ti auguro di riuscire a realizzare .......................... aspirazioni così ambiziose.
6. Con tutti .......................... impegni non ho un momento libero.

81
PARTE 3 • Morfologia

SCHEDA

39 Gli aggettivi numerali


Gli aggettivi numerali sono infiniti, così come infiniti sono i numeri e si distin-
guono in numerali cardinali (uno, due, ...) e ordinali (primo, secondo, ...).
Di solito precedono il nome e sono introdotti dall’articolo: le tre classi, il terzo
piano...; seguono il nome quando hanno valore distintivo, cioè aggiungono un’in-
formazione che serve per identificare l’oggetto, distinguendolo da altri:
Leggete dieci pagine. Leggete la pagina dieci.
Numerali cardinali I numerali cardinali sono tutti plurali e invariabili (tran-
ne uno, che non ha il plurale e varia al femminile, e mille che ha come plurale la
forma -mila con cui dà origine a composti come duemila, tremila). Possono essere
scritti in cifre o in lettere, seguendo queste indicazioni:
P i numeri in cifre si usano nei testi di tipo scientifico o tecnico;
P i numeri in lettere si usano nei testi di tipo narrativo (cronache, racconti, lette-
re, ecc.).
In tutti i tipi di testo si usano le cifre quando si elenca una serie di punti, si fa
riferimento a pagine, articoli di legge, si scrive la data, il numero è alto e la parola
sarebbe troppo lunga.
Numerali ordinali Gli aggettivi numerali ordinali sono tutti variabili e con-
cordano con il nome nel genere e nel numero: il primo premio, i primi premi, la
seconda casa, le seconde case.
Possono essere scritti:
– in lettere: il terzo candidato;
– in cifre arabe (seguite da una o oppure a in apice): il 14° capitolo;
– in numeri romani (soprattutto per indicare i secoli, i sovrani e i pontefici):
XIV secolo, III secolo, Carlo V, Elisabetta II, Giovanni XXIII.
I secoli dal XIII al XX si scrivono anche in lettere con l’iniziale maiuscola: il
Duecento, il Trecento, il Novecento.

Tra gli aggettivi numerali ci sono anche i moltiplicativi, i distributivi, i collettivi.


Aggettivi moltiplicativi Gli aggettivi moltiplicativi indicano una quantità due,
tre o più volte maggiore di un’altra. Hanno due forme:
– doppio, triplo, quadruplo... (indicano quante volte una cosa è maggiore di un’al-
tra): Non bisogna parcheggiare in doppia fila.
– duplice, triplice, quadruplice... (indicano di quante parti una cosa è costituita):
Italia, Germania e Austria stipularono la Triplice Alleanza.
Aggettivi distributivi Gli aggettivi distributivi sono formati dagli aggettivi car-
dinali accompagnati dalle espressioni per ciascuno, alla volta...: Ho calcolato tre
pasticcini per ciascuno; Entreranno quattro ragazzi alla volta.
Aggettivi collettivi Gli aggettivi collettivi indicano una quantità formata da più
cose: incarico semestrale; corso triennale.
Sono aggettivi collettivi anche entrambi e ambedue.

82
Aggettivo

1 Sottolinea gli aggettivi numerali una volta se sono cardinali, due volte se sono ordinali.
1. Abbiamo letto quattro capitoli in due libri e solo due capitoli in tutti gli altri. 2. La prima fila è riser-
vata alle autorità, noi possiamo sederci nella seconda fila. 3. Devo preparare venticinque fotocopie di
quattro pagine: in tutto sono cento fogli. 4. Abita al quinto piano e l’ascensore è bloccato al terzo piano.
5. Sono arrivato primo. 6. Hai mangiato due gelati? 7. Dobbiamo pagare cinque euro. 8. Tra due setti-
mane la mamma compirà quarant’anni. 9. Alla terza ora avremo la prima lezione di fotografia. 10. La
Seconda Guerra Mondiale è iniziata nell’anno 1939 ed è durata sei anni. 11. Il primo maschio dei sette
fratelli si chiamava Giacobbe. 12. Il XX secolo è terminato alle ore ventiquattro del 31 dicembre dell’an-
no 1999 o dell’anno 2000?

2 Trascrivi le cifre arabe nell’ordinale corrispondente prima in lettere e poi in numeri romani.

Numero ordinale in Numero Numero ordinale in Numero


lettere romano lettere romano

12 ...................................................... ............................... 14 ...................................................... ...............................

17 ...................................................... ............................... 19 ...................................................... ...............................

24 ...................................................... ............................... 33 ...................................................... ...............................

55 ...................................................... ............................... 79 ...................................................... ...............................

100 ...................................................... ............................... 150 ...................................................... ...............................

560 ...................................................... ............................... 1000 ...................................................... ...............................

1232 ...................................................... ............................... 2358 ...................................................... ...............................

3 Scegli la forma più opportuna del numerale mettendo una x nella casella corrispondente.
w seconda / w II volta volta.
1. Marco frequenta la stessa classe per la
2. Il papa Giovanni w 23° / w XXIII è morto nel w 1963 / w millenovecentosessantatré.
3. Il Lunedì è il w I / w primo giorno della settimana.
4. Di cosa parla l’articolo w 3 / w tre della Costituzione?

4 Inserisci gli aggettivi numerali cardinali o ordinali nella forma più opportuna (lettere, cifre ara-
be o numeri romani). Segui l’esempio.
1. Se fossi un re mi chiamerei .. Archibald I.. , se fossi una regina mi chiamerei ..Cassandra I.. 2. Completate
con la vostra data di nascita: Sono nato ................................... 3. Se moltiplichi ............................ per ............................
ottieni ............................. 4. Siamo una generazione vissuta a cavallo tra ........................ secoli: il .......................
e il ..................... 5. Il Papa attuale si chiama Benedetto ....................... 6. Leggete il ........................ capito-
lo, da pagina ............................. a pagina ............................. e poi svolgete gli esercizi n. ......................., n. ......................... e
n. .......................... 7. Se prendi l’autobus ........................... arriverai in ritardo all’appuntamento che è fissato per
le ore ......................... 8. Partirò il giorno .......................... alle ore ...........................

5 Sottolinea gli aggettivi numerali moltiplicativi.


1. Ecco due compassi: questo ha un prezzo doppio dell’altro. 2. La relazione va consegnata il giorno 11
in duplice copia. 3. In questi tre appartamenti ci sono i doppi servizi. 4. Raggiungeremo un triplice
scopo: 1) conoscere un paese diverso dal nostro; 2) imparare una nuova lingua; 3) avviare una corri-
spondenza con ragazzi stranieri. 5. Ho conosciuto un campione di salto triplo. 6. Non mi piacciono
le giacche a doppio petto.

83
PARTE 3 • Morfologia

SCHEDA

40 Gli aggettivi indefiniti


Gli aggettivi indefiniti sono molto numerosi e indicano in modo indefinito vari
aspetti di un nome.
signiicato singolare plurale
quantità poco poca pochi poche
tanto tanta tanti tante
molto molta molti molte
parecchio parecchia parecchi parecchie
troppo troppa troppi troppe
altrettanto altrettanta altrettanti altrettante
alcuno alcuna alcuni alcune
qualche —
diverso diversa diversi diverse
vario varia vari varie
totalità tutto tutta tutti tutte
nessuno nessuna — —
qualità qualsiasi —
qualunque —
unità ogni —
ciascuno ciascuna — —
altro altra altri altre
certo certa certi certe
tale tali

P Ogni e qualche sono invariabili e si usano solo al singolare: ogni ragazza, ogni
libro, qualche gioco, qualche medicina.
Al plurale al posto di ogni si può usare tutti (e tutte), al posto di qualche si può
usare alcuni (o alcune): ogni ragazzo – tutti i ragazzi; qualche amico – alcuni amici.
P Qualunque e qualsiasi sono invariabili e hanno significato diverso in base alla
posizione: se si trovano prima del nome significano di qualsiasi tipo (Farei qua-
lunque cosa per te.), se si trovano dopo il nome significano ordinario, banale
(Non voglio una cosa qualsiasi.).
P Ciascuno e nessuno concordano con il nome, ma hanno solo le forme del singo-
lare: ciascun ragazzo, ciascuna ragazza, nessun uomo, nessuna donna.
Nessuno richiede il non solo quando segue il verbo: Nessun amico verrà. Non
verrà nessun amico.
P Alcuno al singolare si usa solo preceduto da negazione e assume il significato di
nessuno: Non verrà alcuno studente. (= Non verrà nessuno studente.)
P Altro, certo, diverso, vario, tale possono anche aver valore di aggettivi qualifica-
tivi o dimostrativi. Bisogna fare attenzione al significato nel contesto della frase.

84
Aggettivo

1 Sottolinea gli aggettivi indeiniti.


1. Non ho alcuna voglia di rifare tutto quel lavoro. 2. Non sto bene: ho mangiato troppe patatine.
3. Non ho avuto nessun aiuto, ho dovuto spalare io tutta la neve. 4. Qualche volta ho sentito dire
che ciascun uomo è artefice del proprio destino. 5. Hai tanta buona volontà, ma altrettanta facilità a
distrarti. 6. Ogni persona è responsabile di tutte le sue azioni. 7. Ha molti difetti, perciò ha pochi
amici. 8. Qualsiasi cosa dica, non ricevo alcun segnale positivo da parte tua. 9. Parecchie persone
aspettavano il passaggio del Giro d’Italia con molto entusiasmo e tanta voglia di riuscire a vedere i cicli-
sti più famosi.

2 Inserisci l’aggettivo indeinito opportuno evitando le ripetizioni.


1. .......................................... mattina vado a scuola con il mio amico Fabio. 2. Quando leggiamo l’antologia ci
annoiamo perché ci sono ........................................ brani interessanti. 3. In discoteca eravamo venti maschi e
.................................... femmine. 4. Nei vostri compiti di matematica ho trovato .................................... errori. 5. Scegli

pure un cd ...................................., te lo regalo io! 6. È un tipo presuntuoso e arrogante: mostra sempre ....................
............... sicurezza. 7. Al lunedì non è aperto .................................. negozio di parrucchiere. 8. Quando il papà è

nervoso, è meglio evitare ................................... discussione. 9. ....................................... i negozi sono chiusi.

3 Sostituisci l’aggettivo indeinito alcuno con nessuno o qualche e riscrivi le frasi operando le
opportune modiiche.
1. Non voglio alcuna ricompensa. 2. Abbiamo alcuni suggerimenti da darti. 3. Non conosco alcun
uomo più ostinato di lui. 4. Non è arrivata alcuna lettera. 5. Avevano alcune domande da fare.
6. Non concludere alcun accordo senza aver consultato l’avvocato. 7. Si è preparato senza alcuna fretta
benché fosse in ritardo. 8. Alcuni compagni si sono ricordati del mio compleanno.

4 Sostituisci l’aggettivo indeinito tutto con ogni e riscrivi le frasi modiicandole in modo opportuno.
1. Tutti gli alunni devono passare in segreteria. ............................................................. 2. Mi saluta tutte le volte che
la incontro. ............................................................ 3. Tutte le squadre hanno divise diverse. ..........................................................
4. Il lavoro è un diritto di tutti gli uomini. ............................................................ 5. Tutti gli scolari hanno ricevuto un
libro. ............................................................

5 Sostituisci le espressioni in corsivo con altre contenenti un sinonimo dell’aggettivo altro. Scegli
in modo opportuno tra diverso, rimanente, in più, scorso, prossimo.
1. L’altr’anno (.......................................) ho fatto un bel viaggio. 2. Il corso continuerà ancora per quest’altro
mese (...........................................). 3. Ma questa è tutta un’altra storia (...........................................)! 4. E adesso che
hai finito il pullover che cosa ne fai dell’altra lana che ti è avanzata (.................................... ..................................)?
5. Se non la smettete, vi assegnerò altre pagine (..........................................) da studiare.

6 Nelle frasi sostituisci l’aggettivo certo con un sinonimo scegliendo in modo opportuno tra così
grave, alcuno, tale, di poco valore, di questo tipo, abbastanza grande, sicuro.
1. La discussione deve basarsi su fatti certi (.............................................). 2. Certe volte (.............................................) è
proprio nervoso. 3. Certi ragazzi (.............................................) vanno a scuola in bicicletta. 4. È arrivata una
cartolina per te da un certo Marco (...........................................). 5. Certi atteggiamenti (...........................................) mi
fanno proprio ridere. 6. Fare questo lavoro mi procura una certa soddisfazione (...........................................).
7. La giuria non era certa (...........................................) della sua innocenza. 8. Sono preoccupata perché fre-
quenti certi ragazzi (...........................................)! 9. Hai fatto certi errori (...........................................) nel compito!

85
PARTE 3 • Morfologia

SCHEDA

41 Gli aggettivi interrogativi,


esclamativi, sostantivati
Aggettivi interrogativi ed esclamativi Gli aggettivi interrogativi ed esclamati-
vi sono:
singolare plurale
quanto quanta quanti quante
che che
quale quali

P Quanto si usa per chiedere la quantità o metterla in risalto:


Quanti anni hai? Quante persone!
P Che e quale si usano per:
– chiedere informazioni sull’identità:
Che cosa desidera? Quale cd hai comprato?
– mettere in risalto la qualità:
Che tramonto spettacolare! Quale onore!
P Che è invariabile e nell’uso parlato tende a sostituire quale; spesso nelle escla-
mazioni non accompagna un nome, ma un aggettivo:
Che film hai visto? Che persone interessanti! Che bello!
P Quale diventa qual davanti alle voci del verbo essere e non vuole mai l’apostrofo:
Qual è l’area del trapezio...
Per quanto riguarda gli aggettivi interrogativi, bisogna tenere presente che una
domanda può essere fatta in modo diretto o in modo indiretto e, in questo caso,
non si usa il punto interrogativo.
domanda diretta domanda indiretta
Quanti anni hai? Dimmi quanti anni hai.
Che cosa desidera? Mi dica che cosa desidera.
Quale libro hai letto? Ti ho chiesto quale libro hai letto.

Aggettivi sostantivati Anche gli aggettivi, come tutte le parti del discorso, pos-
sono essere sostantivati, cioè possono avere funzione di nome. In questo caso
non accompagnano il nome, sono preceduti dall’articolo e possono essere accom-
pagnati da un aggettivo: Ho letto un giallo avvincente.
Possono essere sostantivati gli aggettivi qualificativi, possessivi e numerali.
Gli aggettivi qualificativi sostantivati indicano:
– concetti astratti: il bello (= la bellezza), il vero (la verità);
– i colori: il grigio, il nero, il marrone;
– gli abitanti di una città, di una nazione...: un milanese, i siciliani, gli spagnoli;
– il carattere morale di una persona, oppure altre caratteristiche come l’età: un
prepotente, gli anziani;
– le lingue o i dialetti (solo al singolare): l’inglese, il piemontese.

86
Aggettivo

Gli aggettivi possessivi e numerali sostantivati assumono significati particolari


ricavabili dal contesto:
– i miei, i tuoi... (i miei genitori); la mia, la tua... (opinione), ne ho fatta una delle
mie, ne hai combinata una delle tue... (sciocchezze);
– si usano per indicare i numeri, le ore, i giorni e gli anni: il sette marzo del 2012
alle nove.

1 Sottolinea una volta gli aggettivi interrogativi e due volte quelli esclamativi.
1. Quanti giorni di assenza hai fatto nell’ultimo mese? 2. Quanti giorni di assenza hai fatto in poche set-
timane! 3. Che proposta interessante è stata fatta da quell’avvocato! 4. Mi ha chiesto quali programmi
preferisco e sono gli stessi che preferisce lei. 5. Di che colore vuoi quest’altra sciarpa? 6. Durante l’ul-
timo weekend quanti incidenti per la nebbia! Sono veramente troppi! 7. «Quale orrore! » esclamò con
la stessa aria indignata che ha sempre. 8. Scrivete in pochi minuti in quale via abitate e che professione
svolgono i vostri genitori. 9. Sembrano strade identiche: in quale direzione devo andare? 10. Mia
sorella guardava il cielo stellato e non faceva altro che ripetere: «Che panorama si gode da quassù!»

2 Sottolinea gli aggettivi interrogativi nelle domande espresse nella forma indiretta.
1. Mi dica quale posto mi è stato assegnato. 2. Dimmi quanti ragazzi verranno. 3. Ti ho chiesto che
gusto preferisci. 4. Tutti si domandavano quanto tempo avrebbe potuto resistere ancora. 5. Sono
incerta su quale libro scegliere. 6. Domandagli quanta febbre ha. 7. Indovina che numero è uscito.
8. Spiegami quali fattori determinano il clima. 9. Non sappiamo che cosa sia successo.

3 Nelle frasi abbiamo inserito la parola che con varie funzioni: sottolineala quando è un aggettivo
interrogativo o esclamativo insieme con il nome a cui si riferisce.
1. Non so che decisione abbia preso. 2. Io credo che tu sia troppo imprudente. 3. Che gioia ritrovarti!
4. Le ragazze che ho incontrato sono studentesse del conservatorio. 5. Ascolta un po’ che razza di
domande! 6. Che materie preferisci? 7. È tanto stanco che non si regge in piedi. 8. Dimmi di che
segno sei. 9. Che ore sono? 10. Che antipatico!

4 Completa le frasi con la forma opportuna dell’aggettivo quale.


1. ........................ è l’area del quadrato? 2. ........................ buon vento! 3. ........................ anno frequenti?
4. ............................. è la superficie dell’Italia? 5. ........................ novità porti? 6. ........................ è il programma che
preferisci? 7. ................................. era la capitale dell’URSS? 8. Ricordo ................................. emozione provavo
nell’attesa dei doni di Natale!

5 Nelle coppie di frasi sottolinea le parole in corsivo, una volta quando sono aggettivi, due volte
quando sono aggettivi sostantivati.
1. I Romani e i Cartaginesi si combatterono in lunghe guerre. / Tutti sanno che i soldati romani erano
ben addestrati. 2. Vorrei conoscere i tuoi compagni. / I tuoi sono troppo severi con te! 3. Spesso i
giovani sono criticati per la loro eccessiva imprudenza. / I giardinieri sostengono i giovani alberi con
dei bastoni affinché crescano diritti. 4. Credo che sia giusto adesso dire la mia, dopo aver sentito tante
stupidaggini. / Chi ha visto la mia giacca? 5. Alcuni credono che un gatto nero porti sfortuna. / Il nero
non mi sta bene. 6. I miei mi spingono a studiare l’inglese e il francese. / Ho bisogno di una persona
con cui parlare dei miei problemi. 7. Partirò il 15 con il rapido delle venti. / Soltanto 15 alunni verran-
no in gita a Firenze. 8. Nessuno conosceva né il vero motivo della sua visita, né perché viaggiasse sotto
falso nome. / A volte è difficile distinguere il vero dal falso. 9. Divise il poco che aveva con i poveri. /
Dedicava il poco tempo che aveva alla raccolta di fondi per i paesi poveri.

87
PARTE 3 • Morfologia

SCHEDA

42 I gradi dell’aggettivo qualificativo


L’aggettivo qualificativo, oltre a esprimere una qualità, può esprimere anche il
grado in cui una qualità è posseduta oppure stabilire un confronto. Per questo si
dice che l’aggettivo ha tre gradi: positivo, comparativo, superlativo.
Il grado positivo Il grado positivo esprime una qualità pura e semplice, senza
stabilire alcun confronto:
Le fragole sono dolci.

Il grado comparativo Il grado comparativo paragona, cioè mette a confronto,


due elementi. Può essere di tre tipi:
P comparativo di maggioranza: più ... di:
Luisa è più alta di Claudio.
P comparativo di minoranza: meno ... di:
Luisa è meno alta di Claudio.
P comparativo di uguaglianza: tanto ... quanto, così ... come:
Luisa è alta tanto quanto Claudio.
I due elementi tra i quali si stabilisce un confronto si chiamano primo e secondo
termine di paragone.

Il grado superlativo Il grado superlativo può essere di due tipi: assoluto e relativo.
P Il superlativo assoluto esprime una qualità posseduta al massimo grado senza
stabilire alcun confronto:
Questa casa è bellissima.
Il superlativo assoluto si può formare:
– aggiungendo alla radice dell’aggettivo il suffisso -issimo:
Il vento è fortissimo.
– premettendo all’aggettivo molto, assai, estremamente, oltremodo, sommamente...:
Questo cappotto è molto pesante.
– aggiungendo alla radice dell’aggettivo il prefisso extra-, super-, stra-, iper-, arci-,
ultra-, sopra-, sovra-: Sono arcistufo delle tue pretese.
– ripetendo due volte l’aggettivo: Camminava mogio mogio.
– facendolo seguire da un aggettivo che lo rafforza: Sono stanco morto.
P Il superlativo relativo esprime la qualità al massimo e al minimo grado rispetto
a un gruppo:
Questa casa è la più bella del quartiere.
Ha due forme: il più ... di (tra / fra) e il meno ... di (tra / fra):
Il Pacifico è il più profondo, l’Atlantico è il meno profondo tra gli oceani.

88
Aggettivo

1 Sottolinea il comparativo e indica se è di maggioranza (MA), di minoranza (MI) oppure di ugua-


glianza (U).
1. Secondo me, Laura è più carina di Cinzia. 2. L’ora di matematica è meno divertente dell’ora
di educazione fisica. 3. Lo sci è uno sport impegnativo quanto il nuoto. 4. L’orso fa pau-
ra a molti, ma a me sembra un animale buffo come la scimmia. 5. Per i denti una mela è meno
dannosa di hamburger e patatine. 6. La strada provinciale è più pericolosa della strada interna
a causa del traffico. 7. Durante la trasmissione il presentatore è stato meno brillante dell’ospite
d’onore. 8. Quando il nonno mi parla della guerra, i suoi racconti sono interessanti come un film.
9. Il computer del mio papà è meno potente di quello che usiamo a scuola. 10. Sono arri-
vato in anticipo perché in città il motorino è più veloce dell’auto.

2 Sottolinea gli aggettivi al grado superlativo.


1. Il cappotto del nonno è molto pesante. 2. La scalata è stata impegnativa. 3. È una persona estre-
mamente colta e oltremodo cordiale. 4. Questo sciroppo ha un sapore più sgradevole. 5. Questo
esercizio è facilissimo, ma è più lungo del precedente ed è meno utile. 6. I tuoi amici sono più sim-
patici dei miei perché sono molto spiritosi. 7. È superimpegnato in questo periodo e per questo è
intrattabile. 8. Siamo arrivati al rifugio stanchi morti e bagnati fradici. 9. È stato più affettuoso che
efficiente. 10. È diventato pallido pallido quando ha sentito la triste notizia. 11. Essendo ricco sfon-
dato si può permettere auto potenti e assai costose, ma è il più generoso degli uomini. 12. Nella stanza
sovraffollata mancava l’aria ed eravamo tutti oltremodo accaldati.

3 Sottolinea il superlativo relativo e indica se è di maggioranza (MA) o di minoranza (MI).


1. Roberto è il meno diligente della classe. 2. Questo esercizio è il più difficile tra tutti quelli del
secondo capitolo. 3. Il più veloce degli animali della savana è il ghepardo. 4. È il meno
famoso tra i vincitori del premio Nobel. 5. È il farmaco più efficace per la tosse. 6. Di tutti
i miei cd questo per me è il più caro. 7. I tuoni sono stati fortissimi e il gatto era il più spaventato
di tutti. 8. Questo è il più bello tra i tantissimi disegni che sono stati presentati al concorso.

4 Per ciascuno dei seguenti aggettivi forma il superlativo assoluto in tutti i modi possibili.
breve ........................................................................................................................................................................................................................

dannoso ........................................................................................................................................................................................................................

moderno ........................................................................................................................................................................................................................

bianco ........................................................................................................................................................................................................................

fine ........................................................................................................................................................................................................................

pieno ........................................................................................................................................................................................................................

5 Sottolinea una volta il comparativo, due volte il superlativo.


1. Il Po è il più lungo dei fiumi italiani, il Fiumelatte il meno lungo. 2. Il Po è meno lungo del
Danubio. 3. La Sicilia è la più estesa delle isole italiane. 4. L’isola d’Elba è la più grande delle isole
toscane. 5. Venezia è la più caratteristica tra le città italiane. 6. Il lago di Como è il più profondo dei
laghi italiani. 7. Il lago di Garda è il più esteso dei laghi italiani. 8. Il lago di Pusiano è meno vasto del
lago di Como. 9. Roma è stata la più importante fra le città dell’impero romano. 10. La Valle d’Aosta
è la meno estesa tra le regioni italiane, la Sicilia la più estesa.

89
PARTE 3 • Morfologia

SCHEDA

43 Comparativi e superlativi particolari


Buono, cattivo, grande, piccolo Gli aggettivi buono, cattivo, grande, piccolo pre-
sentano forme particolari per il comparativo di maggioranza, il superlativo relati-
vo e il superlativo assoluto. Queste forme, derivate dal latino, sono usate in alter-
nativa alle forme regolari.
positivo comparativo superlativo superlativo
di maggioranza relativo assoluto
buono migliore il migliore ottimo
(più buono) (il più buono) (buonissimo)
cattivo peggiore il peggiore pessimo
(più cattivo) (il più cattivo) (cattivissimo)
grande maggiore il maggiore massimo
(più grande) (il più grande) (grandissimo)
piccolo minore il minore minimo
(più piccolo) (il più piccolo) (piccolissimo)
È quindi un grave errore dire più migliore, più peggiore, ecc., perché migliore e peg-
giore sono già comparativi.
Superlativi in -errimo e in -entissimo Dal latino derivano anche le forme di
superlativo assoluto, ormai poco usate:
P in -errimo degli aggettivi che in latino terminavano in -er: celebre (celeberrimo),
integro (integerrimo), acre (acerrimo), aspro (asperrimo o asprissimo), salubre
(saluberrimo), misero (miserrimo o miserissimo);
P in -entissimo degli aggettivi che terminano in -dico, -fico, -volo: maledico (male-
dicentissimo), benefico (beneficentissimo), malefico (maleficentissimo), benevolo
(benevolentissimo), malevolo (malevolentissimo).
Aggettivi senza grado positivo Dal latino derivano infine alcuni aggettivi nelle
forme del comparativo e del superlativo. Sono usati come dei semplici aggettivi
positivi e in alcuni casi formano anche il comparativo e il superlativo (l’amica più
intima, i primissimi istanti, i parenti più prossimi, ecc.).
comparativo superlativo
superiore sommo o supremo
inferiore infimo
interiore intimo
esteriore estremo
ulteriore ultimo
anteriore —
posteriore postumo
— prossimo
Aggettivi senza comparativo e superlativo Non hanno, in genere, il compara-
tivo e il superlativo alcuni aggettivi che indicano una caratteristica che non si può
possedere in misura più o meno elevata (quadrato, rotondo, cilindrico..., giornaliero,
settimanale, annuale..., romano, francese, americano..., bronzeo, aureo, scolastico...) e
gli aggettivi che hanno già un significato superlativo (enorme, immenso, eterno...).

90
Aggettivo

1 Scrivi la forma regolare dei comparativi e dei superlativi in corsivo.


1. Verrà a prenderlo il fratello maggiore (..................................) con l’auto. 2. Hai fatto proprio un ottimo
(..................................) risotto. 3. Con il minimo (.............................) sforzo hai ottenuto il massimo (.............................)
risultato. 4. In una notte stellata puoi vedere facilmente l’Orsa maggiore (......................................) e l’Orsa
minore (.....................................). 5. Un dolce fatto in casa è migliore (..........................................) di uno acquistato.
6. È il peggior (.......................................) individuo che conosca e ha una pessima (.......................................)
influenza su tutti.

2 Sottolinea i superlativi assoluti e scrivi tra parentesi il corrispondente grado positivo concorda-
to al nome a cui si riferisce.
1. È uno scienziato celeberrimo perché ha fatto una scoperta importante ed ha vinto vari premi.
(..................................) 2. Stiamo ripassando il massimo comun divisore e il minimo comune multiplo.
(..............................-..............................) 3. Il clima di questa zona è saluberrimo e quindi la vostra salute ne avrà
beneficio. (.....................................) 4. Il gusto asperrimo del limone acerbo ha rovinato l’insalata che ave-
vo preparato con cura. (..................................) 5. Presso Signori munificentissimi vissero i grandi artisti del
Rinascimento. (..................................) 6. È considerato un funzionario onesto ed integerrimo e per questo è
stimato molto da tutti. (..................................)

3 Sostituisci le parole in corsivo con le forme dei comparativi e dei superlativi che non hanno il
grado positivo e che trovi opportunamente concordati.
superiore, somma, supremo, inferiore, esteriore, estremo, interiore, intima, intimi, ulteriore, ultimi,
anteriore, posteriore, prossimo
1. Devo andare dal gommista per cambiare le ruote davanti (..................................), mentre quelle di dietro
(..................................) sono ancora in ottimo stato. 2. Mio cugino abita al piano di sopra (.................................) e
mio nonno al piano di sotto (..................................). 3. Il Presidente della Repubblica ha il Comando più alto
e importante (..................................) delle Forze Armate. 4. È veramente una questione di (..................................)
importanza massima e per questo voglio fare ancora un altro (..................................) tentativo per cercare di
risolverla. 5. Spesso ci lasciamo ingannare dall’aspetto più esterno (..................................) di una persona e
non ci rendiamo conto che tutti nascondiamo i sentimenti più profondi (...............................). 6. La coscienza
è come una voce che è dentro (..................................) che ci suggerisce come comportarci. 7. Preferisco che
la biancheria che si tiene a contatto della pelle (......................................) sia bianca. 8. Natale è ormai vicino
(..................................) e già si vedono per le strade gli addobbi luminosi. 9. Gli (..................................) avvenimenti
più recenti che si sono verificati nell’(..................................) Oriente più lontano hanno causato gravi danni.

4 Sottolinea gli errori nell’uso dei comparativi e dei superlativi presenti nelle frasi e scrivi la forma
corretta.
1. Il mio nuovo casco è più migliore di quello che avevo prima. .............................................................................................
2. È veramente il più peggiore di tutti. ........................................................................................................................................................
3. Le ruote più anteriori sono sgonfie. ........................................................................................................................................................
4. Questo tramezzino, farcito con salsine varie, è proprio ottimo, anzi ottimissimo. ...............................................
5. La torre di Pisa è un monumento celebrissimo che richiama molti turisti. ................................................................
6. Gli voglio un bene più immenso di prima. .........................................................................................................................................
7. Questo yogurt deve essere andato a male perché ha un gusto molto pessimo. ........................................................
8. Crede di essere più superiore lui! .............................................................................................................................................................

91
PARTE 3 • Morfologia

SCHEDA

44 Riepilogo. L’aggettivo
1 Sottolinea gli aggettivi e indica se sono indeiniti (I ), qualiicativi (Q), possessivi (P), dimostrativi (D)
o numerali (N).
1. Nel vostro giardino molte piante sono in fiore. ........ - ........
2. In questo viaggio abbiamo programmato alcune soste piacevoli. ........ - ........ - ........
3. Ogni giorno incontro le stesse persone su questo autobus. ........ - ........ - ........
4. Nei primi mesi di questo anno scolastico ho avuto molte difficoltà in tre materie. ........ - ........ - ........ - ........
5. Non ho alcun bisogno di rifare il lavoro per ottenere la sua approvazione. ........ - ........
6. Ho poca fame: ho mangiato troppo gelato. ........ - ........
7. Non ho nessun dubbio: ho risposto a tutte le domande. ........ - ........
8. Molte volte ho detto che ciascun ragazzo deve badare alle proprie cose. ........ - ........ - ........
9. Hai tanta pazienza e altrettanta gentilezza. ........ - ........
10. Ogni individuo risponde di tutte le sue azioni. ........ - ........ - ........
11. Qualsiasi cosa chieda, non mi dà alcuna risposta. ........ - ........
12. Parecchi spettatori applaudirono con grande entusiasmo il nuovo brano del loro idolo.
......... - ........ - ........ - ........

2 Sottolinea una volta tutti gli aggettivi e due volte quelli che devono necessariamente seguire il
nome.
1. Nell’ufficio postale nuovo c’era un bel ragazzo americano. 2. Da alcuni anni ho un gatto soriano
grosso e simpatico. 3. Il nonno preferisce il formaggio pecorino sardo. 4. Nella grande casa c’erano
tappeti persiani preziosi. 5. Fa molto bene la carne equina a chi ha bisogno di ferro. 6. Oggi si è
conclusa una lunga e vivace campagna elettorale. 7. Lo notano tutti per il naso aquilino e per i capelli
lunghi e ricci. 8. Osserva con grande attenzione la forma geometrica dei solidi. 9. La corona ferrea
longobarda si trova nel duomo di Monza. 10. Nell’ultima corsa campestre a livello nazionale ha vinto
un alunno delle scuole superiori umbre.

3 Completa le frasi usando in modo corretto l’aggettivo indicato.


1. Ho visto un (bello) ............................ orologio nella vetrina di (quello) ............................. orologiaio che è in
piazza. 2. Non credo che sia un (buono) ................................ investimento comprare un nuovo computer in
questo momento. 3. Mi è stato di (grande) ............................ conforto sapere che non era successo niente di
irreparabile! 4. È proprio un (santo) ................................. uomo se ti ha perdonato. 5. (Questo) ...............................
ultimo compito è andato malissimo! 6. La tua proposta non solo è stata solo una (buono) ...........................
idea, ma è stata proprio un (bello) ........................... aiuto per tutti.

4 Inserisci l’aggettivo dimostrativo opportuno.


1. .......................... dolce è proprio buono. 2. .......................... posto in fondo alla fila è il tuo. 3. Vedi ..........................
campanile in cima alla collina? 4. Il sottoscritto, genitore dell’alunno Marco Rossi frequentante
.......................... Istituto, chiede di giustificare l’assenza del figlio. 5. Per le vacanze di ............................. anno

abbiamo prenotato lo ............................. albergo dell’anno scorso. 6. Hai fatto ancora il .............................. errore.
7. Ti ricordi ............................ gita a Venezia? 8. Prenderemo lo ............................ treno che prendete voi.

92
Aggettivo

5 Sottolinea gli aggettivi di grado superlativo.


1. La bicicletta di Luca è nuova. 2. La casa di Luisa è grandissima. 3. Stefano è un ragazzo pigro ed
è anche disordinatissimo. 4. Il monte Bianco è il più alto delle Alpi. 5. Oggi è una giornata meno
fredda di ieri. 6. Carlo è il meno simpatico tra i miei amici. 7. Il compito di matematica era difficilis-
simo. 8. La prima scossa di terremoto è stata la più violenta di tutte. 9. L’isola di Capri è più piccola
di Ischia. 10. Con uno sforzo intensissimo e prolungato ha superato il test.

6 Scrivi la forma particolare derivata dal latino dei comparativi e superlativi in corsivo.
1. Il costo è stato più grande (........................................) del previsto. 2. Una carta geografica con una scala più
piccola (........................................) ti mostra anche i dettagli piccolissimi (...........................................). 3. I più buoni
(.........................................), non i più cattivi (.....................................) devono esserti d’esempio. 4. I nostri rapporti,
prima buoni, ora sono cattivissimi (........................................): non ci parliamo più. 5. Questo tessuto è di buona
qualità, ma quest’altro è di qualità più buona (.................................), anzi buonissima (....................................). 6. L’area
del giardino è più grande (....................................) di quella della casa. 7. Ho seguito la gara con grandissima
(..................................) attenzione.

7 Sottolinea gli aggettivi che non sono graduabili.


bravo, eccezionale, madornale, banale, geometrico, sporco, mensile, gentile, marmoreo, europeo,
immenso, bollente, caldo, pieno, poliziesco, juventino, divino, sferico.

L’analisi grammaticale
Per fare l’analisi grammaticale dell’aggettivo occorre indicare:
– la specie: aggettivo qualificativo;
– il grado: positivo, comparativo (di minoranza, di uguaglianza, di maggioranza); superlativo (asso-
luto, relativo);
– il genere (maschile, femminile);
– il numero (singolare, plurale);
Esempi:
mostruoso: agg. qualif. di grado pos. masch. sing.
più nuovo: agg. qualif. di grado comp. di magg. masch. sing.
intelligentissima: agg. qualif. di grado superl. ass. femm. sing.

Esercizio. Sottolinea gli articoli, i nomi e gli aggettivi e fai l’analisi grammaticale.
1. In soffitta ho trovato un quaderno più vecchio di me. 2. In autunno le foglie dell’acero diventano
rosse. 3. Il temporale della notte scorsa è stato violento come un uragano. 4. Probabilmente il
mio videogioco è meno divertente del tuo libro. 5. Da alcuni giorni il vento è molto violento. 6.
Le domande, in duplice copia, vanno consegnate alla segretaria il primo giorno di scuola. 7. Per un
banale raffreddore sono stato il meno veloce dei corridori nella corsa campestre.

93
PARTE 3 • Morfologia

SCHEDA

45 Pronome: funzione e classificazione


Il pronome sostituisce il nome per evitare sgradevoli ripetizioni:
Conosco Firenze, ma non la visito da anni.
Il pronome è chiamato anche sostituente perché può sostituire altre parti del discorso:
– un aggettivo: Credevo che Luisa fosse sincera, invece non lo è.
– un altro pronome: A quel vestito preferisco questo, che è più elegante.
– un verbo: Aveva sbagliato e non lo sapeva.
– un’intera frase: Dobbiamo pagare noi i danni; non lo trovo giusto!
Con il pronome, oltre a richiamare un elemento già espresso, possiamo anticipare
un elemento che verrà nominato in seguito:
Lo sappiamo: parteciperai alla spedizione.
La maggior parte dei pronomi è variabile e assume il genere e il numero del nome
che sostituisce.
Sono tutte belle, ma quante sono realizzabili?
I pronomi svolgono anche altre funzioni e si distinguono in vari gruppi:
P pronomi personali: io, tu, egli, noi, voi, essi...;
P pronomi relativi: che, il quale, cui...;
P pronomi determinativi che, come gli aggettivi, a loro volta si suddividono in:
– possessivi (mio, tuo, suo, nostro, vostro, loro...),
– dimostrativi (questo, codesto, quello, ciò...),
– indefiniti (poco, molto, troppo...),
– interrogativi ed esclamativi (che?, quale?, quanto!...)

1 Indica se le parole in corsivo sono aggettivi (A) o pronomi (P). Se sono aggettivi, sottolinea la
parola che accompagnano.
Quando Bilbo aprì gli occhi, si chiese se li avesse veramente aperti; infatti il buio non era meno fitto di
quando li teneva chiusi. Non c’era nessuno (.....) vicino a lui. Immaginate la sua (.....) paura! non poteva
udire niente (.....), vedere niente (.....) e sentire niente (.....), tranne il suolo roccioso.
Molto lentamente si mise carponi e andò attorno barcollando, finché toccò la parete di quel (.....) tunnel;
ma non poté scoprire niente (.....) né sopra né sotto: nulla (.....), nessuna (.....) traccia degli orchi, nessuna
(.....) traccia dei nani. La testa gli girava, ed era ben lontano dal sapere con un minimo di sicurezza in
quale (.....) direzione stessero andando quando era caduto. Tirò a indovinare, e avanzò strisciando per un
po’, finché improvvisamente la mano andò a sfiorare per caso qualcosa (.....) che (.....) al tatto sembrava un
sottile anello di metallo freddo, giacente sul fondo del tunnel. Bilbo era a un punto cruciale della sua (.....)
carriera. Si mise in tasca l’anello quasi senza pensarci; in quel (.....) momento sembrava che non potesse
servire a niente (.....) di particolare. Non andò molto avanti, ma si sedette sul pavimento freddo abbando-
nandosi alla più completa disperazione. Pensò al Bilbo che friggeva uova e pancetta nella sua (.....) bella
cucina a casa, perché poteva sentire dentro di sé che era ampiamente ora di mangiare qualcosa (.....); ma
questo (.....) lo rese soltanto più infelice.
(J.R.R. Tolkien, Lo hobbit, Adelphi, Milano)

94
Pronome

2 Collega i pronomi scritti in corsivo con i nomi che sostituiscono.


1. Marco e Luca sono bugiardi e non possiamo fidarci di loro.
2. Quel dipinto è più famoso di questo.
3. È più facile vedere i difetti altrui che non i propri.
4. Durante le vacanze di Natale alcune persone sono partite, ma altre sono rimaste in città.
5. Non la trovo più! Avete visto la mia penna?
6. Nella vetrina del fioraio c’erano fiori di ogni colore; ne ho comprato un mazzo per la mamma.
7. È un rifugio accogliente, per questo ci andiamo spesso.
8. Questo libro presenta le religioni del mondo attraverso la storia, i personaggi e i riti che le caratte-
rizzano.
9. Molti animali sono in via di estinzione: dobbiamo salvarli per conservare la « biodiversità ».
10. Le diverse specie animali sono come tanti pezzi collegati tra loro e formano un grande sistema che vive
e funziona misteriosamente.

3 Sottolinea i pronomi che sostituiscono la frase scritta in corsivo.


1. Anche domani non potrò venire a lezione; lo dici tu al professore?
2. Stamattina hanno rubato il motorino a Stefania: ne è rimasta sconvolta.
3. Mi hanno riferito che Maria ha parlato male di me, ma non ci credo.
4. In Honduras un grave terremoto ha portato morte e distruzione: ne parlano tutti i mezzi d’informazione.
5. Molte persone abbandonano i propri animali, ciò è crudele.
6. Potremmo andare a Praga durante le vacanze pasquali; che ne pensate?
7. Tutte le volte che fate di testa vostra sbagliate: questo dimostra che conviene dare ascolto a chi ha più
esperienza.
8. Nella piazza hanno messo il divieto di sosta, ma nessuno se ne è accorto e fioccano le multe.

4 Elimina le ripetizioni utilizzando i pronomi. Osserva l’esempio.


1. Luca è un allievo in gamba: fate come Luca. ......come lui......
2. Siamo andati da Marisa per invitare Marisa a venire all’isola d’Elba con noi, perché viaggiamo volen-
tieri con Marisa. ................................................
3. Uno spettatore urtò un ciclista e fece cadere il ciclista; fortunatamente causò al ciclista soltanto lievi
ferite. ................................................
4. La madre disse alla figlia di rincasare presto, altrimenti sarebbe stata in pensiero per la figlia; la figlia,
per rassicurare la madre, rispose alla madre che non avrebbe fatto tardi. ................................................
5. Carlo disse a Luigi che piuttosto che dare la barca a Luigi, avrebbe affondato la barca. ......................................
6. Giulia è stata ricoverata in ospedale, domani andremo a trovare Giulia. ................................................
7. Quando riceviamo dei reclami, facciamo tesoro dei reclami per migliorare. ................................................
8. Ho avuto una discussione con Luigi e non parlo più con Luigi. ................................................
9. Quando Luca è entrato in classe, nessuno ha salutato Luca. ................................................
10. Ho letto un bel libro e vorrei consigliare il libro a tutti, ma non ricordo il titolo del libro. ...............................
......................................................................

95
PARTE 3 • Morfologia

SCHEDA

46 I pronomi personali soggetto


I pronomi personali indicano chi parla, chi ascolta e colui di cui si parla, sono
cioè le parole che usiamo per parlare di noi (io, noi), rivolgerci ad altri (tu, voi) e
per indicare la persona, l’animale, la cosa di cui parliamo (lui, lei, esso, essi).
In genere sono seguiti o preceduti da un verbo:
Porto io i panini, tu pensa alle bibite.
I pronomi personali presentano forme diverse a seconda della persona che indi-
cano, del genere, del numero e della funzione: In base alla funzione, i pronomi
personali possono essere soggetto o complemento.
I pronomi personali che possiamo usare in funzione di soggetto sono:
singolare plurale
1a persona io noi
2a persona tu voi
3a persona maschile egli, esso, lui essi, loro
femminile ella, essa, lei esse, loro
In particolare:
P io, in presenza di tu oppure di uno o più nomi di persona, li accompagna e segue:
Tu e io siamo nella stessa classe.
Claudio, Giulio e io andremo al cinema.
P egli, ella, lui, lei si riferiscono solo a persone: Quando egli entrò, tacemmo.
P esso, essa si riferiscono solo a cose o animali: Rinuncerà a quell’affare, benché
esso sia importante.
P egli, essi, esse appartengono al registro medio o colto: Essi scossero il capo e si
allontanarono in silenzio.
P ella appartiene ormai solo al registro alto o formale dei testi di tipo letterario o
burocratico: Cleopatra fu regina d’Egitto; ella andò sposa al romano Antonio.
P lui, lei, loro sostituiscono gli altri pronomi di III persona nella lingua parlata o
informale, ma spesso anche nella lingua di livello medio.
Nell’uso i pronomi personali soggetto vengono generalmente sottintesi perché il
verbo da solo, in genere, rimanda chiaramente alla persona:
Verrete con noi. (soggetto sottinteso voi)
Sono invece espressi quando si vuol dare particolare rilievo al soggetto e cioè
quando:
– si esprime una contrapposizione: Io lavo e tu asciughi.
– il soggetto segue il verbo: Ci penserà lui, oppure lei (non egli o ella).
– il soggetto è seguito da altre specificazioni: Porto i compiti io che abito vicino.
– il soggetto è preceduto da anche, neanche, nemmeno, neppure...: Sono venuti
anche loro (non essi o esse).
– il verbo è al congiuntivo nelle voci che presentano forme uguali e quindi non
indicano la persona in modo chiaro: Tutti pensano che egli sia gentile.
Senza il pronome personale espresso, la frase può significare: che io sia gentile, che
tu sia gentile, che egli sia gentile o che ella sia gentile.

96
Pronome

1 Inserisci il pronome personale soggetto richiesto dal predicato.


1. Ieri sera .......................... siete tornati troppo tardi. 2. .......................... lo dirò a Paolo, quando .......................... tor-
nerà. 3. .......................... non conoscono le nostre abitudini. 4. .......................... ti ammiro perché ..........................
sei molto paziente. 5. .......................... si è trasferita nella casa di fronte: .......................... la vediamo spesso.
6. .......................... siamo arrivati quando .......................... eravate già usciti. 7. .......................... si è sempre occupato
di me, prima che di se stesso. 8. Dopo che .......................... saranno tornate, .......................... andremo a trovarle.

2 Scrivi il pronome personale soggetto che è stato sottinteso.


1. Non so se ................. sia ancora malata, o se arriverà più tardi. 2. Credo che ................. abbia ancora il mio
cd, me lo restituisci? 3. Mia madre pensa che ................. abbia avuto dei brutti voti perché mi vede di catti-
vo umore. 4. Se ................. fossi un re, ................. saresti la mia regina. 5. Se ................. fossi un vero amico, mi
diresti cosa è successo l’altra sera. 6. Avrei letto quell’articolo se ................. avessi avuto tempo. 7. Avresti
letto quell’articolo se ................. avessi avuto tempo? 8. Credo che avrebbe letto quell’articolo se .................
avesse avuto tempo. 9. ................. faccia pure quello che vuole, io non lo appoggerò. 10. Mi auguro che
................. vinca la tua gara più importante e che anche ................. vinca perché è un’ottima atleta.

3 Nelle frasi proposte il pronome personale soggetto non può essere sottinteso; inseriscilo.
1. Non preoccuparti, ci pensiamo .......................... 2. Nemmeno .......................... sono d’accordo con noi.
3. Neppure ................... sono d’accordo con voi. 4. ..................., alunni della 2a, abbiamo vinto il campionato.
5. Telefona a Luisa ................... che la conosci bene. 6. .................. siete già alla frutta, invece ................... dobbia-
mo ancora cominciare. 7. Devo fare tutto ..................... perché ..................... pensi solo a divertirti. 8. .....................
farò la spesa, ................... penserai agli inviti, ................... prepareranno la sala; chi porterà i cd?

4 Inserisci i pronomi personali soggetto che il verbo e il contesto richiedono.


1. Temono che ...................... sia rimasta coinvolta nell’incidente. 2. Come potete pensare che .......................
abbia fatto questo? 3. Se ................ non avessi fretta, potrebbero rimanere un po’ qui. 4. Se ................ avessi
fatto goal, la nostra squadra avrebbe vinto. 5. Magari ................... potessi andare a Londra! 6. Mi auguro
che ................ possa realizzare i loro desideri. 7. Quanto tempo risparmiato, se ............... usassi il computer!
8. Credo che ............. abbia ragione.

5 Riscrivi le frasi della prima colonna usando il congiuntivo e il pronome personale opportuno.
1. Mi pare che hai capito. Mi pare che ...tu abbia capito.
2. Credevo che avevi finito. Credevo che ...................................................................................................................
3. Pensi che parla per invidia? Pensi che ..........................................................................................................................
4. Si chiedono se puoi riuscirci. Si chiedono se ..............................................................................................................
5. Era meglio che seguivi il corso. Sarebbe stato meglio che ......................................................................................
6. Mi auguro che guarisce presto. Mi auguro che ..............................................................................................................
7. Qualunque cosa fa, mi va bene. Qualunque cosa ......................... mi va bene.
8. Andremo lo stesso in vacanza Andremo lo stesso in vacanza sebbene ......................................................
sebbene sono stato bocciato. ..................................................................................................................................................

9. Andranno lo stesso in vacanza Andranno lo stesso in vacanza sebbene .....................................................


sebbene è stato bocciato. ..................................................................................................................................................

97
PARTE 3 • Morfologia

SCHEDA

47 I pronomi personali complemento


e di cortesia
Pronomi personali complemento I pronomi personali più usati in funzione di
complemento si dividono in due gruppi: forme toniche e atone.
singolare plurale
toniche atone toniche atone
1a persona me mi noi ci
2a persona te ti voi vi
3a persona maschile lui, esso lo, gli loro, essi li
3a persona femminile lei, essa la, le loro, esse le
maschili e femminili sé si, ne sé si, ne
Le forme toniche, cioè forti, si usano quando:
– il pronome è preceduto da preposizione: Verrà con noi.
– si vuol dare al pronome un particolare rilievo: Cercavano noi.
In tutti gli altri casi si usano le forme atone, cioè deboli, che sono dette anche
particelle pronominali.
Sono prive di accento e vengono pronunciate appoggiando la voce al verbo.
Possono precederlo, e in questo caso sono dette proclitiche: La raggiunse.
Quando il verbo è al modo imperativo, infinito, gerundio e participio, lo seguono
unendosi ad esso e per questo sono dette enclitiche:
Raggiuntala, continuò la strada in sua compagnia.
P Mi, ti, ci, vi, si sono usate con lo, la, li, le, ne e in questo caso diventano me, te,
ce, ve, se: Me lo presenti?
Gli unito a lo, la, li, le, ne, diventa glielo, gliela, glieli, gliele, gliene: Glieli abbia-
mo presentati.
P Le forme mi, ti, si, ci, vi si usano anche come riflessive, cioè per indicare la stes-
sa persona del soggetto:
Tutti ti lodano, e tu, invece, ti rimproveri (riflessivo = te stesso).
P Le forme sé, si possono essere usate solo come riflessive, negli altri casi si devo-
no usare le altre forme di III persona:
Luca ha fiducia in sé (= se stesso). Luca ha fiducia in lui (= un’altra persona).
P La forma ne significa di lui, di lei, di loro, da lui, da lei, da loro:
Avete visto Mario? Non ne (= di lui) ho saputo più niente.
Pronomi personali «di cortesia» Quando ci rivolgiamo a qualcuno con cui siamo
in confidenza usiamo il tu, ma quando ci rivolgiamo a persone di riguardo o con cui
non siamo in confidenza dobbiamo «dare del lei» e scegliere un registro formale, cioè:
P usare il verbo alla terza persona singolare o plurale: Lei verrà in gita, professore?
Si accomodino pure.
P concordare gli aggettivi e i participi passati al maschile, se ci stiamo rivolgendo
a un uomo: Signor Mario, la vedo stanco. Signora Maria, la vedo stanca.
P usare il congiuntivo presente e non l’imperativo: Mi dia un francobollo per lettera.

98
Pronome

1 Inserisci il pronome personale complemento.


1. Il suo nome è Massimiliano ma tutti chiamano Massi. 2. Puoi venire con ............. c’è posto
................

anche per ............. sulla nostra macchina. 3. Nella nostra zona vi sono numerose ditte che estraggono la
ghiaia dai fiumi e poi ............. utilizzano in vari modi. 4. Ragazzi, non riesco a trovare i miei documenti:
qualcuno di .......... ........... ha visti? 5. È un personaggio famoso: ........... parlano tutti i giornali. 6. Gino e
Luigi sono in collera con ............. perché ............. ho offesi. 7. Andrà a Berlino e un servizio navetta .............
permetterà di assistere ai molti eventi organizzati. 8. Vittoria ............. trasferirà a Roma: sarà per .............
l’inizio di una nuova vita. 9. Ian Fleming ha inventato il personaggio di James Bond e ............. ha fatto un
personaggio mitico.

2 Sottolinea le forme atone e scrivi le forme toniche corrispondenti.


1. Mi piace ballare. ............................... 2. Luca ha parlato con Sandra e le ha chiesto di prestargli gli sci. ..........................
3. Ci chiedono spesso tue notizie. .......................... 4. Ascoltandola capirai. .......................... 5. Li
..........................

avete chiamati, ma non vi hanno risposto. ............................ ............................ 6. Ringrazialo perché ti ha fatto un
favore e ti ha aiutato. ......................... ......................... ........................ 7. Ditegli che è tardi. .......................... 8. Non voglio
vederli. .......................... 9. Mancano tre relazioni: chi non le ha portate? .......................... 10. È arrivata l’auto
nuova: ce la consegneranno domani. .......................... ..........................

3 Sottolinea una volta ne quando è un pronome personale (di lui, di lei, di loro ) e due volte quando
signiica da lì, da quel luogo.
1. Vi è piaciuta la torta? Ne volete ancora? 2. L’ho conosciuto al mare e me ne sono innamorata. 3. Si
è imbattuto in un nido di vespe e se ne è allontanato subito. 4. Hanno esaminato il tuo disegno e ne
hanno sottolineato i pregi. 5. Ho conosciuto tuo nonno e ne ricordo l’affabilità. 6. Sono già andato in
farmacia: ne torno ora. 7. Ricordati di comprare il miele; ne serve un vasetto. 8. Non sono ancora arri-
vati i ragazzi: ne sapete qualcosa? 9. Si è infilato nel labirinto e non riesce a uscirne. 10. Lo frequentò
e ne divenne amico.

4 In ciascuna coppia cancella la forma errata.


1. Chi fa da sé/lui, fa per tre. 2. Tornò da sé/lui per chiedere scusa. 3. La zia era nervosa: non stava più
in sé/lei dalla preoccupazione. 4. Ha creduto in sé/lui e gli ha fornito i mezzi per l’impresa. 5. Il nuovo
presidente della società ha raccolto intorno a sé/lui un team di professionisti. 6. Marta ha ringraziato
Luca e gli ha detto che è soddisfatta di sé/lui per l’aiuto che le ha dato. 7. È una ragazza molto estrover-
sa che attira a sé/lei le simpatie del gruppo. 8. La carenza di vitamina PP portò con sé/essa la pellagra.
9. Chiese se l’avvocato era in ufficio volendo consegnare a sé/lui personalmente il documento e tenere
per sé/lui la copia. 10. Cristina non va mai dal medico, ma agendo così danneggia soltanto sé/lei stessa.

5 Modiica le battute del dialogo usando il lei al posto del tu.


1. Ciao, Maria, come stai? . Buongiorno, signora Maria, come sta?
2. È una settimana che non ti vedo. ....................................................................................................................................

3. Dove sei stata tutto questo tempo? ....................................................................................................................................

4. Ti ho telefonato e il tuo telefono risultava ....................................................................................................................................


libero, ma tu non rispondevi. ....................................................................................................................................

5. Volevo farti sapere che ho ritirato il tuo ....................................................................................................................................

certificato e puoi venirlo a prendere ....................................................................................................................................

quando vuoi. ....................................................................................................................................

99
PARTE 3 • Morfologia

SCHEDA

48 I pronomi relativi
I pronomi relativi sono parole che, oltre a sostituire il nome, mettono in relazio-
ne, cioè collegano, due frasi, e, in genere, seguono immediatamente il nome a cui
si riferiscono:
Ascolta il cd che mi hanno regalato.
Essi presentano quattro forme diverse a seconda del genere e del numero e due
forme invariabili.
singolare plurale
maschile il quale i quali
femminile la quale le quali
maschili e femminili, singolari e plurali che, cui
P Che è invariabile ed è usato solo come soggetto o complemento oggetto:
La chimica è una materia che richiede molto impegno.
La chimica è una materia che studio volentieri.
P Cui è invariabile ed è usato come complemento indiretto; deve essere precedu-
to da una preposizione semplice:
Il ragazzo con cui stavo parlando frequenta l’Università.
Che e cui possono sostituire anche un’intera frase nelle espressioni il che e per cui
che significano la qual cosa, per la qual cosa:
La gita è stata rimandata, il che significa: compito in classe.
La gita è stata rimandata, per cui ci sarà il compito in classe.
P Il quale è il pronome relativo più preciso in quanto è variabile e, quindi, indica
chiaramente il genere e il numero del nome che sostituisce.
È usato come soggetto e come complemento preceduto da preposizione:
Ho parlato con l’avvocato Pagano, il quale si occuperà della tua causa e del
quale ho sentito parlare molto bene.

Per non commettere errori L’uso di che pronome relativo


Il pronome relativo deve seguire la parola che sostituisce per evitare frasi poco chiare o con effetto
umoristico.
P Non si dirà: Il cane è di Luisa che ha abbaiato tutta la notte. Ma si dirà: Il cane, che ha abbaiato tutta la
notte, è di Luisa.
Nel caso di periodi lunghi e complessi nei quali la parola a cui il pronome si riferisce è distante, è
necessario ripeterla prima del relativo:
Guardò con stupore le mura che cingevano il castello dimora degli antichi feudatari, mura che lo cinge-
vano da ogni lato.
P Il pronome che è usato talvolta nella lingua parlata al posto di a cui, di cui, con cui, in cui, al quale,
nel quale... Quest’uso è errato perché che pronome ha solo la funzione di complemento diretto.
Perciò non si dirà La classe che siamo andati in gita, ma si dirà La classe con cui siamo andati in gita.
P Sono errate le forme dove che, chiunque che, in dove al posto di dove e chiunque perché presentano
una ripetizione. Non si dirà: Ci troveremo dove che vuoi. Ma si dirà: Ci troveremo dove vuoi.

100
Pronome

1 Sottolinea il pronome relativo e collegalo con una freccia al nome che sostituisce.
1. Ti ho riportato il libro che mi hai prestato. 2. Ho letto l’articolo sull’incidente nel quale sono rimasti
feriti tre conoscenti. 3. I ragazzi, a cui hanno già consegnato il certificato, possono uscire. 4. Le tazzine,
che sono sul tavolo, serviranno per la colazione. 5. Il film di cui ti ho parlato non è più in programma-
zione. 6. Il giorno in cui siete partiti voi sono arrivati Carlo e Luisa. 7. Mi ha risposto finalmente la dit-
ta, cui avevo scritto tempo fa. 8. Non era grave l’incidente che ha bloccato l’autostrada. 9. È una signora
con la quale abbiamo tutti un ottimo rapporto. 10. Abbiamo studiato una poesia che è molto bella.

2 Sottolinea il che quando è un pronome relativo.


1. Si chiama Teresa la ragazza che ha telefonato. 2. Teresa mi ha detto che non verrà con noi. 3. Ricordati
che devi comprare tu il giornale. 4. La partita che ho visto ieri sera è stata appassionante. 5. I fiori che
stanno spuntando sono le pratoline. 6. Poche sono le persone che si impegnano nel loro lavoro solo per
il gusto di farlo. 7. Ai nostri giorni ci sono nel mondo milioni di bambini che sono trattati come schia-
vi. 8. Mi sembra che domenica arriverà l’ora legale. 9. Ero tanto stanco che non sono uscito.

3 Metti al posto del pronome relativo cui i pronomi relativi il quale, la quale, i quali, le quali.
1. Mi ha telefonato Beatrice a cui (....alla quale....) avevo lasciato un messaggio. 2. L’amico a cui (................
ho prestato il libro è partito. 3. Erano finiti i pasticcini di cui (....................................) siamo tutti
...........................)

golosi. 4. Non presto volentieri le cose a cui (.....................................) tengo molto. 5. Faccio collezione di
francobolli con cui (.....................................) ho riempito quattro album. 6. Le medicine a cui (................................)
sono allergico possono farmi molto male. 7. La nazione su cui (...........................................) farò la ricerca è la
Finlandia. 8. Lo sport in cui (...................................) eccelle è il tennis. 9. Sono atleti tra cui (.............................) c’è
un grande affiatamento. 10. Il fiorista ti mostrerà molte piante fra cui (................................) scegliere.

4 Il che è usato in modo errato: indica con una x le due forme corrette.
1. Questa è la chiesa che si è sposata mia sorella. w in cui w nella quale
w a cui w alla quale
2. Gioco spesso con Luisa e Clara che vado d’accordo. w di cui w delle quali
w con cui w con le quali
3. Vorrei sapere il motivo che sei arrivato in ritardo w per cui w per il quale
w su cui w sul quale
4. Il paese che trascorro le vacanze si trova in Romagna. w in cui w nel quale
w per cui w per il quale
5. I giochi che parteciperemo cominceranno domani. w in cui w nei quali
w a cui w ai quali

5 Correggi l’espressione scritta in corsivo nello spazio predisposto.


1. Chiunque che avrà i requisiti parteciperà alla gara. (.........................................) 2. Voglio comprare quel panno
magico che fanno la pubblicità alla televisione. (.........................................) 3. Non ho trovato quello che cer-
cavo nel negozio dove che mi avevi detto di andare. (.........................................) 4. Il motivo per ciò che è stato
denunciato non si conosce. (.........................................) 5. Noi ragazzi non abbiamo un posto in dove riunirci
quando fa freddo. (.........................................) 6. È la fisioterapista che ne abbiamo parlato l’altra sera. (.....................
....................) 7. Stai attento a dove che metti i piedi. (.........................................) 8. Ti voglio spiegare il motivo per

la quale non devi più insistere. (.........................................)

101
PARTE 3 • Morfologia

SCHEDA

49 I pronomi relativi doppi


Sono pronomi relativi anche chi, quanto, chiunque quando sono pronomi doppi,
cioè hanno due significati, di cui uno relativo.
Infatti:
P chi significa colui che, colei che...: Chi rompe paga.
P quanto significa quello che, quelli che: Farò quanto è necessario.
P chiunque significa qualunque persona che, qualsiasi persona che: Chiunque uti-
lizza il laboratorio deve lasciarlo in ordine.
Chi e chiunque sono invariabili, si riferiscono solo a persone, sono solo singolari e
quindi hanno il verbo al singolare.
Hanno valore relativo anche altre parole come dove e dovunque. Infatti:
P dove significa in cui, nel quale... oppure il luogo in cui...: Il paese dove abito è in
collina. Stai fermo dove sei!
P dovunque significa in qualunque luogo in cui...: Verrò a trovarti dovunque andrai
ad abitare.

1 Sottolinea i relativi doppi e scrivi tra parentesi il loro signiicato come nell’esempio.
1. Chi ha finito il disegno può uscire e aspettare fuori i compagni. (...quelli che...) 2. Procurate quanto
serve per la recita di febbraio all’Auditorium. (....................................................) 3. Sarà punito chiunque danneg-
gerà in qualsiasi modo il bosco. (....................................................) 4. Riprendiamo da dove eravamo rimasti ieri
mattina. (................................................) 5. Sono preoccupato per quanto è successo nell’ora di educazione fisica.
(.............................................) 6. Sarà dato un omaggio a quanti presenteranno il tagliando. (...........................................)
7. Aiuta sempre chi è nel bisogno e ne riceverai solo soddisfazione. (................................................) 8. Mi sono
fermato dove hanno iniziato i lavori per il metanodotto. (................................................) 9. Quante arriveranno
al traguardo riceveranno una medaglia ricordo. (.................................................) 10. Dovete rispondere in modo
gentile a chiunque vi chieda informazioni. (.................................................) 11. Il suo cane è meraviglioso: dovun-
que vada gli è sempre dietro. (.................................................)

2 Riscrivi le frasi utilizzando il pronome relativo chi e apportando le modiiche che si rendessero
necessarie.
1. Coloro che non hanno ancora consegnato il compito devono affrettarsi.
Chi non ha ancora consegnato il compito deve affrettarsi
... ...........................................................................................................

2. Ricordiamo con affetto coloro che ci hanno aiutato.


............................................................................................................................................................................................................................................

3. Colui che getta cartacce per terra è maleducato.


............................................................................................................................................................................................................................................

4. Coloro che sono allergici alla lana possono usare solo il cotone.
............................................................................................................................................................................................................................................

5. Alzeranno la mano solo coloro che vogliono partecipare.


............................................................................................................................................................................................................................................

102
Pronome

3 Nelle frasi chi svolge numerose funzioni, sottolinealo solo quando è pronome doppio, cioè quan-
do può essere sostituito da colui che, coloro che.
1. Chi parcheggia sul marciapiede è un irresponsabile. 2. Chi ha parcheggiato sul marciapiede? 3. Non
sappiamo chi parteciperà alla riunione che si terrà domani sera. 4. Riceverà un libro in omaggio chi
parteciperà alla riunione nel teatro Sociale. 5. Siamo stati trattati bene proprio da chi credevamo
ostile. 6. Mi chiedo da chi sarò trattato altrettanto bene. 7. Ma chi ti ha dato la patente? 8. Vorrei
proprio sapere chi ti ha dato la patente! 9. Vorrei proprio conoscere chi ti ha dato la patente!

4 Riscrivi le frasi sostituendo al posto dei pronomi doppi le forme corrispondenti.


1. Chi fa da sé fa per tre.
............................................................................................................................................................................................................................................

2. La patria è dove si sta bene.


............................................................................................................................................................................................................................................

3. Quanto abbiamo deciso adesso è frutto di un lungo ripensamento.


............................................................................................................................................................................................................................................

4. Chiunque voglia aderire all’iniziativa è ben accetto.


............................................................................................................................................................................................................................................

5. Chi ha perduto la borsa è pregato di recarsi all’ufficio oggetti smarriti.


............................................................................................................................................................................................................................................

6. Dovunque mi trovi incontro sempre degli amici sinceri.


............................................................................................................................................................................................................................................

7. Non esito a fare quanto è nelle mie possibilità.


............................................................................................................................................................................................................................................

8. Chi è senza peccato scagli la prima pietra.


............................................................................................................................................................................................................................................

5 Riscrivi le frasi inserendo il pronome doppio al posto delle forme che lo sostituiscono.
1. Nel luogo in cui sono nato adesso hanno costruito un grande capannone industriale.
............................................................................................................................................................................................................................................

2. In qualunque luogo io vada, ho sempre nostalgia del mio paese.


............................................................................................................................................................................................................................................

3. Colui che vuole emergere deve imparare a lottare duramente.


............................................................................................................................................................................................................................................

4. Quelli che sostengono il contrario non hanno capito come stanno realmente le cose.
............................................................................................................................................................................................................................................

5. È stato premiato colui che si è distinto durante tutto l’arco della vita per impegno e fedeltà all’azienda.
............................................................................................................................................................................................................................................

6. Quello che ho fatto, l’ho fatto solo per te.


............................................................................................................................................................................................................................................

103
PARTE 3 • Morfologia

SCHEDA

50 Pronomi determinativi: i possessivi


I pronomi determinativi sono parole che danno le stesse informazioni degli
aggettivi determinativi, ma mentre gli aggettivi accompagnano i nomi, i prono-
mi li sostituiscono:
La mia casa è vicina alla tua, la loro è in collina.
Questo quadro è più antico di quello.
Si suddividono negli stessi gruppi dell’aggettivo, però alcune forme servono sia
per l’aggettivo, sia per il pronome, mentre altre sono esclusivamente pronomi.
In particolare abbiamo i pronomi:
P possessivi: mio, tuo, suo, nostro, vostro, loro, proprio, altrui;
P dimostrativi: questo, codesto, quello, stesso, medesimo, questi, costui, costei, ciò,
lo, ci, vi, ne...
P indefiniti: poco, parecchio, altro, nessuno, tutto, qualcuno, altrettanti, niente...
P interrogativi ed esclamativi: quale, quanto, che, chi.
Tra i pronomi determinativi non ci sono i numerali, perché gli aggettivi numerali
si comportano come gli aggettivi qualificativi, cioè non hanno funzione pronomi-
nale, ma possono essere sostantivati, con o senza l’uso dell’articolo.
I pronomi possessivi I pronomi possessivi indicano a chi appartiene ciò che è
indicato dal nome che sottintendono. Corrispondono esattamente agli aggettivi
possessivi: mio, tuo, suo, nostro, vostro, loro.
Il loro uso corrisponde a quello degli aggettivi, ma sono sempre preceduti dall’ar-
ticolo determinativo:
Hanno ricevuto la mia lettera ma non la tua.

Per non commettere errori Pronomi e aggettivi sostantivati


I pronomi possessivi vengono confusi con gli aggettivi sostantivati, perché sia gli uni che gli altri sot-
tintendono un nome.
Però il pronome sottintende, per evitare una ripetizione, un nome che è già stato detto; invece l’ag-
gettivo sostantivato sottintende un nome che non è stato detto, ma che è facilmente ricavabile dal
contesto:
Usiamo i tuoi pastelli o i miei? (pronome)
I miei sono partiti ieri. (aggettivo sostantivato)

1 Collega i pronomi dimostrativi scritti in corsivo al nome che sottintendono.


1. Non si trovano più il mio ombrello e il tuo. 2. Dammi quei libri, non questi. 3. Scegli pure il
programma che preferisci tra quello sulla prima rete e quello sulla terza. 4. Prima di partire ho dato
ai Bianchi il mio indirizzo e ho preso il loro. 5. Tutte le classi hanno consegnato i disegni per il con-
corso, mancano solo i vostri. 6. È incredibile: abbiamo scelto le stesse cose, ma proprio le stesse!
7. Ho rotto la calcolatrice e mia sorella mi ha prestato la sua. 8. I miei cani sono bastardini, i loro sono
di razza. 9. La nostra casa e la vostra sono nella stessa strada. 10. Non è una situazione diversa oggi,
è la stessa di sempre e tu reagisci sempre nel medesimo modo.

104
Pronome

2 Inserisci il pronome possessivo adatto.


1. Preferisco la tua bicicletta alla ................... 2. Il nostro quartiere è meno rumoroso del ................... 3. Questi
sono i miei scarponi, non i ................... 4. In biblioteca c’è molto materiale per la vostra ricerca, ma non per
la ................... 5. La sua stanza è molto ordinata, la .................. è un vero disastro! 6. Michele ha mostrato a
Matteo i propri francobolli e gli ha chiesto di vedere i ................... 7. Questi sono i loro disegni per il con-
corso, dove sono i ..................? 8. Mi scusi, questo è il mio giornale non il ................... 9. Bisogna rispettare le
cose altrui come le ................... 10. Noi porteremo le nostre chitarre, Fabio e Paola le ...................

3 Completa scrivendo il pronome possessivo di III persona (suo, loro, proprio ) opportuno.
1. Spesso Fred torna a casa con un altro giubbotto perché presta il ................. a un amico e gli chiede il .................
in cambio. 2. Tutti hanno dei problemi ed è causa di grande infelicità pensare solo ai ................... 3. Il
professore ha ritirato tutti compiti ma si è dimenticato di chiedere a Silvia e a Sofia i ................... 4. Sembra
che tutti offrano affari eccezionali, ma non rinunciano certo ai ................... 5. Mia sorella ficca sempre il
naso nei miei affari e non vuole che io le chieda niente dei ................... 6. Sono grandi abbastanza per cavar-
sela: tu pensa ai tuoi problemi e lascia perdere i ...................

4 Le parole in corsivo sono possessivi usati con funzioni diverse. Indica se sono aggettivi, prono-
mi, sostantivi.

aggettivo pronome sostantivo

1. Non si cura abbastanza della sua salute. w w w


2. Sta sempre sulle sue. w w w
3. Tu hai le tue manie e lui ha le sue. w w w
4. Non dargli ascolto: è dei loro. w w w
5. Ci siamo scambiati gli indirizzi della posta elettronica: w w w
i loro sono davvero originali.
6. Devi aver fiducia: l’hanno visto con i loro occhi! w w w

5 Stabilisci se la parola in corsivo è un pronome o un aggettivo sostantivato; nel primo caso colle-
gala con una freccia al nome che sottintende.
1. Sei un imprudente: sei passato con il rosso! 2. Il tuo cane sta giocando con il mio. 3. I miei non mi
permettono di uscire di sera. 4. Quanti cambiamenti! È il nuovo che avanza. 5. Arrivano i nostri! 6.
La loro squadra si incontrerà con la nostra giovedì prossimo. 7. L’appuntamento è fissato per il 13 di
questo mese. 8. Ci ha rimesso del suo per aiutare l’amico. 9. Ha messo il motorino nel mio garage
perché nel suo non c’era posto. 10. Invio quanto richiesto nella Vostra del 5 gennaio.

105
PARTE 3 • Morfologia

SCHEDA

51 Pronomi determinativi: i dimostrativi


I pronomi dimostrativi indicano la posizione – nello spazio, nel tempo o nel
discorso – del nome che sottintendono.
Corrispondono agli aggettivi dimostrativi: questo, codesto, quello, stesso, medesimo.
Possiamo osservare che:
P questo e quello:
– quando si usano per indicare due elementi di una frase precedente, questo si
riferisce al più vicino, quello al più lontano:
Marta e Luisa sono mie compagne di classe: questa (cioè Luisa) è brava in
inglese, quella (cioè Marta) è brava in italiano.
– possono significare questa cosa, quella cosa o riferirsi a un’intera frase:
Ho deciso e partirò: questo è tutto.
– riferiti a persona assumono un valore dispregiativo (soprattutto quando nella
lingua parlata sono seguiti da lì, là, qui, qua); non si dirà:
Conoscete questa qua?
ma si userà l’aggettivo e si dirà: Conoscete questa signora?
P stesso può significare la stessa cosa o riferirsi a un’intera frase:
Non mi ha invitato alla sua festa e io ho fatto lo stesso.
Hanno soltanto la funzione di pronomi: questi, costui, costei, costoro, quegli, colui,
colei, coloro, ciò.
Possiamo osservare che:
P questi, quegli, colui, colei, coloro, costui, costei, costoro sono forme di uso let-
terario e gli ultimi tre hanno una sfumatura dispregiativa; sono in genere sosti-
tuite da questo, quello: All’assemblea sono arrivati il ministro e l’ambasciatore:
questi (cioè l’ambasciatore) ha tenuto un discorso, quegli (cioè il ministro) ha
solo rivolto un saluto.
P ciò, lo, ci, vi, ne sono invariabili, non sottintendono un nome, ma significano
questa cosa, quella cosa: Ciò che ha detto è interessante.
Lo (= ciò) ripeto spesso. Non ci (= a ciò) credo. Ne (= di ciò) sento parlare.

1 Sottolinea la ripetizione e sostituiscila con un pronome dimostrativo. Osserva l’esempio.


1. Passami quei disegni: voglio mostrarti il disegno (...quello...) che ha fatto Luca.
2. Portami un altro cacciavite perché questo cacciavite (......................) è troppo piccolo.
3. Il gatto nero è sul cofano dell’auto, il gatto (......................) tigrato è sull’albero.
4. Questi panini sono al prosciutto, quei panini (......................) sono al formaggio.
5. Il videogioco che mi ha regalato il nonno è più divertente del videogioco (......................) che mi ha pre-
stato Luca.
6. Non riesco a studiare con questi bambini che giocano e quei bambini (......................) che litigano.

106
Pronome

2 Scrivi tra parentesi il nome a cui si riferisce ciascun pronome.


1. Abbiamo scelto Carla e Marta: questa (.................) per la parte della principessa, quella (.................) per la
parte della fata.
2. Nicolò e Michele sono gemelli, ma quello (.................) è biondo e questo (.................) è castano.
3. Mi piacciono le primule e le viole, ma quelle (.................) sono più delicate di queste. (.................)
4. Abbiamo studiato gli Egizi e i Fenici: questi (.................) si dedicavano alla navigazione, quelli (.................)
all’agricoltura.
5. Mi piacciono sia i cani che i gatti, ma preferisco questi (.................) perché hanno bisogno di meno cure.

3 Sottolinea le parole a cui si riferisce il pronome scritto in corsivo.


1. È stato rimproverato ingiustamente e ciò lo ha offeso.
2. Marta ha di nuovo la febbre e questo mi preoccupa.
3. Ne abbiamo già parlato, non puoi usare la moto.
4. Il vento ha cambiato direzione, da ciò deduco che arriverà la pioggia.
5. Mi hanno detto che Marco partirà presto, e Roberto farà lo stesso.
6. Ascoltate bene perché non ve lo ripeterò: domani è l’ultimo giorno per consegnare il modulo firmato.

4 Sottolinea i pronomi e sostituiscili con il pronome ciò, modiicando le frasi in modo opportuno.
1. Lo ripete sempre. .....................................................................................................................................................

2. Ne sei sicuro? .....................................................................................................................................................

3. Non ci pensare. .....................................................................................................................................................

4. Non ne voglio parlare. .....................................................................................................................................................

5. Vi ho riflettuto a lungo. .....................................................................................................................................................

6. Non vi badare! .....................................................................................................................................................

7. Ci puoi contare. .....................................................................................................................................................

8. Lo abbiamo letto sul giornale. .....................................................................................................................................................

9. Non vi trovo nessuna differenza. .....................................................................................................................................................

5 Scrivi tra parentesi il signiicato di lo, ci, vi, ne e sottolineali quando sono pronomi dimostrativi.
1. Marco ci (.................) ha telefonato ieri - Marco ci (.................) ha riflettuto molto, prima di decidere.
2. Luigi è un bravo ragazzo, ne (.................) parlano tutti bene - Mi sono comportato male e me ne (.................)
pento.
3. È stata una brutta caduta, non vi (.................) trovo niente da ridere - Vi (.................) vedrò volentieri alla
festa di Clara.
4. È una vicenda dolorosa, non ne (.................) voglio sentir parlare - Questa chiave non entra, provane
(.................) un’altra.
5. Non ci (.................) sei riuscito - Non ci (.................) sei simpatico.

6 Sottolinea i pronomi dimostrativi.


1. Vi presento colui che mi sostituirà. 2. Non voglio nessun consiglio da costui. 3. Che cosa potrà
fare di utile costei? 4. Che cosa potevamo aspettarci da costoro? 5. Coloro che intendono continua-
re gli studi, devono iscriversi entro il termine stabilito. 6. Apriranno il convegno un astronomo e un
astronauta: questi parlerà della sua recente missione spaziale, quegli illustrerà i risultati dei suoi studi
sullo spazio interstellare. 7. Non è noto il nome di colei che ha ispirato il poeta.

107
PARTE 3 • Morfologia

SCHEDA

52 Pronomi determinativi: gli indefiniti,


gli interrogativi ed esclamativi
Pronomi indeiniti I pronomi indefiniti indicano in modo approssimativo la
quantità del nome che sottintendono.
La maggior parte corrisponde agli aggettivi indefiniti e presenta le stesse partico-
larità: poco, tanto, molto, parecchio, troppo, altrettanto, alcuno, tutto, nessuno, cia-
scuno, altro, certo, tale, diverso, vario.
Sono soltanto pronomi: uno, qualcuno, ognuno, chiunque, chi, qualcosa, niente, nulla.
Per quanto riguarda gli indefiniti che sono soltanto pronomi possiamo osservare
che:
P uno, qualcuno, ognuno si riferiscono a persone, animali o cose e si usano solo al
singolare:
È uno che ho conosciuto a scuola.
Hai molte amiche: presentamene qualcuna.
P qualcosa, niente, nulla si riferiscono a cose e sono invariabili:
– niente e nulla possono significare nessuna cosa (e sono accompagnati dal non
se seguono il verbo), oppure significano qualcosa:
Non voglio niente (ma Niente lo diverte). Hai niente da dirmi?
P chiunque si riferisce a persona ed è invariabile; significa:
– qualunque persona: Può entrare chiunque.
– qualunque persona che (pronome misto): Può entrare chiunque lo desideri.
P chi è pronome indefinito solo nelle correlazioni chi... chi... in cui significa l’u-
no... l’altro, alcuni... altri:
Chi dice una cosa, chi un’altra.
Pronomi interrogativi ed esclamativi I pronomi interrogativi esprimono una
richiesta di informazioni su quantità, qualità e identità del nome a cui si riferiscono;
i pronomi esclamativi introducono un’esclamazione. Corrispondono agli aggettivi
e hanno gli stessi usi e significati: quanto, che, quale. Chi ha soltanto la funzione di
pronome.
In particolare:
P che significa quale cosa ed è spesso sostituito da che cosa o cosa:
Che vuoi? Che cosa vuoi? Cosa vuoi?
Che dite! Che cosa dite!
P chi è invariabile e si usa solo per indicare persone:
Chi siete? Guarda chi si vede!

1 Sottolinea i pronomi indeiniti.


1. Qualcuno tra voi ha mentito ma prima o poi si tradirà. 2. La nonna ha portato i cioccolatini e io ne ho
mangiati troppi. 3. La porta non si può chiudere a chiave e quindi può entrare chiunque. 4. Gradisce
qualcosa da bere? Sarei lieto di offrirle un aperitivo! 5. Oggi mi sto proprio annoiando perché non ho

108
Pronome

niente da fare. 6. Tra pochi giorni molti torneranno dalle vacanze. 7. Ognuno di voi riceverà alcuni
moduli da compilare. 8. Tutto è perduto, ormai: non c’è più nulla da fare. 9. Come al solito tutti
parlano, nessuno ascolta e non si decide nulla. 10. È un rebus molto facile da risolvere: chiunque può
capirlo. 11. Chi preferisce il mare, chi la montagna.

2 Volgi le frasi alla forma negativa usando i pronomi nessuno, alcuno, niente, nulla. Segui l’esempio.
1. Hai visto qualcuno? ...Non hai visto nessuno? ...............................................................................................
2. Qualcuno si è opposto. .....................................................................................................................................................

3. Verranno iscritti tutti. .....................................................................................................................................................

4. Qualcosa è cambiato. .....................................................................................................................................................

5. Può entrare chiunque. .....................................................................................................................................................

6. Vorrei qualcosa di tuo. .....................................................................................................................................................

7. Qualcosa di fresco è rimasto. .....................................................................................................................................................

8. Lo credono alcuni. .....................................................................................................................................................

3 Modiica la frase utilizzando il pronome dato.


1. Ognuno deve fare il proprio dovere. Tutti ........................................................................................................................................
2. Alcuni sono arrivati in ritardo. Qualcuno .............................................................................................................................
3. Alcune cose non sono arrivate. Qualcosa ..............................................................................................................................
4. Tutti potrebbero vincere. Chiunque .............................................................................................................................
5. Tutte saranno premiate. Ognuna .................................................................................................................................
6. Alcune sono rimaste fuori. Qualcuna .............................................................................................................................

4 Evidenzia l’errore, sottolineandolo o indicando che manca qualcosa, e scrivi la forma corretta.
1. Abbiamo visto niente. ..........................
2. Certamente qualcuno verranno. ......................... 3. Ognuna persona
deve indossare la cintura di sicurezza. ........................ 4. Nessuno non è venuto a cercarti. ........................ 5. Ti ho
preparato nulla. ........................ 6. Qualcuni dei miei compagni cambieranno scuola. ........................ 7. Niente
cosa potrà impedirmi di partire. .......................... 8. Qualsiasi sarebbe capace di farlo. ..........................

5 Sottolinea i pronomi interrogativi ed esclamativi.


1. Rispondimi e dimmi la verità: quale vuoi? 2. È stato molto sfortunato quel concorrente: quanto ha
perso per una sola risposta sbagliata! 3. Quali di queste riviste leggi? 4. Chi sarà il primo a essere chia-
mato? 5. Non capisco di che ti lamenti. 6. Sono proprio belle queste foto antiche e quante ne hai col-
lezionate! 7. Che state complottando contro di lui? 8. A chi ti riferisci? 9. Non capisco proprio né a
chi giovi imbrogliare né quanto. 10. Di che vi preoccupate? 11. Non sapevamo che fare. 12. Quanti
hanno risposto al questionario? 13. Quanto costa!

6 Inserisci il pronome interrogativo o esclamativo adatto.


1. .......................... succede? 2. .......................... ne hai presi! 3. .......................... vuoi tra queste foto? 4. Hai visto la
pioggia? .......................... ne viene giù! 5. Ti piacciono questi zaini? .......................... scegli? 6. .......................... cucini
oggi per pranzo? 7. ............................. ne ho mangiato! Mi fa male lo stomaco! 8. ............................. verranno?
9. .......................... si vede! 10. .......................... è entrato in ritardo?

109
PARTE 3 • Morfologia

SCHEDA

53 Riepilogo. Il pronome
1 Sottolinea i pronomi personali.
1. Tu mi devi raccontare quello che ti è successo, perché io sono molto curioso. 2. Voi ripetete sem-
pre che noi non vi capiamo, ma a noi sembra che vi sbagliate. 3. Marco ha detto che porterà con sé la
macchina fotografica, ma di lui non mi fido. 4. A me sembra inutile continuare a ripetere queste cose.
5. Siete partiti e non ci avete salutato. 6. Gli eserciti romani portavano con sé tutto l’occorrente per la
campagna militare. 7. Sto aspettando Michele, perché gli devo dire una cosa, e Gianna, perché le voglio
chiedere un consiglio: essi sono i miei migliori amici. 8. L’ape è instancabile: essa è sempre alla ricerca
del nettare di cui si ciba. 9. Il leone è un felino: esso vive nella savana e si nutre di carne. 10. Sono in
collera con Laura e Luisa e non le saluto perché mi prendono in giro e si danno un sacco di arie.

2 Inserisci i pronomi personali di III persona singolare e plurale.


1. Appena vedrò Laura, ................. chiamerò e ................. andrò incontro. 2. Sono molto affezionata ai miei
nonni, ................. vado a trovare spesso e sto volentieri con ................... 3. Anche se ................. abbiamo seguito,
................. non ................. è accorto di nulla. 4. Ho due gattine: ................. sono molto divertenti quando .................

rincorrono. 5. Serena porta sempre con ................. l’agenda con gli indirizzi che ................. possono servire.
6. Carlo è molto dispettoso perciò non ........... rende simpatico a nessuno, anzi tutti ........... evitano. 7. ............
sono arrivati molto tardi perché non ............... erano accorti dell’ora. 8. Anche se Chiara è golosa so che
a ............... non piacciono le crostate di mele, così .............. ho offerto un gelato. 9. Gli egoisti pensano solo
a ................., per questo nessuno ................. trova simpatici e pochi si rivolgono a ................... 10. Ho chiamato
Luca e ................. ho chiesto gli sci e poi ho telefonato a Stefania e ................. ho detto che potevo andare con
................. a sciare.

3 Cancella le forme errate.


1. Ho visto Arturo e gli / le ho dato il libro. 2. Vado dalla nonna e gli / le porto il giornale. 3. Sara è
convinta che Bruno gli / le telefonerà. 4. A me mi / mi piace giocare al pallone. 5. Ho visto Fausto e
Anna e gli ho detto / ho detto loro di venire. 6. Anche Roberto me l’ha chiesto e gli / le ho risposto di
no. 7. Erano anziani e Sergio ha portato loro /gli ha portato la valigia. 8. Quando arrivano Andrea e
Mara, digli /di’ loro che li ho cercati e pregali di telefonarmi. 9. Claudia è sempre allegra e gli / le piace
scherzare. 10. Spesso a me mi /a me sembra che il tempo non passi mai.

4 Nelle frasi proposte il pronome relativo che può essere riferito a due nomi. Sostituiscilo con il
quale, la quale, i quali, le quali in modo da dare l’informazione indicata tra parentesi. Osserva
l’esempio.

1. Ho incontrato il papà di Beatrice che (...la quale...) lavora in banca. (Beatrice lavora in banca)
Ho incontrato il papà di Beatrice che (...il quale...) lavora in banca. (il papà lavora in banca)
2. Sono andato in montagna con la sorella di Luca che (..........................) frequenta l’università.
(la sorella frequenta l’Università)
3. Togli i libri dalla scrivania dello studio che (..........................) è in disordine. (la scrivania è in disordine)
4. Ho dato da mangiare alla gattina dello zio che (..........................) ha la febbre. (lo zio ha la febbre)
5. Mi piace molto il cane dei miei cugini con cui (..........................) faccio lunghe passeggiate.
(con i cugini faccio lunghe passeggiate)

110
Pronome

5 Nelle frasi è stata inserita la parola che con varie funzioni, creando delle sgradevoli ripetizioni.
Sostituiscila, quando è un pronome relativo, con le forme il quale, la quale, ecc.
1. Speriamo che (..........................) abbiano rintracciato quel signore che (..........................) ha dimenticato in tre-
no sia il portafogli sia il telefono cellulare. 2. Ho saputo che (..........................) questa associazione, che
(..........................) ha aperto molte missioni in America Latina, ha bisogno di fondi. 3. Sai che (..........................)
quel ragazzo che (..........................) mi ha salutato poco fa è un campione di canottaggio? 4. Mi hanno detto
che (..........................) con un piccolo aiuto potremo sostenere tanti bambini che (..........................) nasceranno
nei luoghi più poveri del mondo. 5. Ho saputo da Chiara che (..........................) suo fratello Filippo, che
(..........................) è molto amante degli animali, svolgerà il servizio civile presso il canile della nostra città.
6. Ti ho già detto che (..........................) questo problema che (..........................) ci fa litigare non ha alcuna soluzione.

6 Sottolinea il pronome indeinito e collegalo al nome che sottintende.


1. La mamma ha piantato molti bulbi di tulipani, ma pochi sono fioriti. 2. Alcuni ragazzi giocano in
cortile, altri in palestra. 3. Ci sono molti errori, alcuni lievi, altri molto gravi. 4. C’è poco pane anche
se ne è stato comprato parecchio. 5. Sono arrivate molte notizie, ma nessuna importante. 6. Abbiamo
posto tante domande e il professore ha risposto a tutte. 7. Tante persone leggono l’oroscopo, ma poche
ci credono. 8. Luisa ha ricevuto parecchi regali, Marco altrettanti.

7 Sottolinea una volta gli aggettivi interrogativi ed esclamativi, due volte i pronomi.
1. Che giornaletto vuoi? Quale ti piace tra questi? 2. Quanto pane devo comprare? Non so quanto
ne occorra! 3. Quale spettacolo preferisci? 4. Che stupidaggini dici! 5. Quanti hanno scelto ques-
to modello di auto! 6. Quale sensazione hai provato in quel momento? 7. Che emozione! 8. Che
dici? 9. Quanta gente c’era? 10. Quanti fiori! 11. Che bravi giocatori! Quali hanno giocato meglio?

L’analisi grammaticale
Per fare l’analisi grammaticale del pronome occorre indicare: 1. la specie: personale, relativo, relativo
misto, possessivo, dimostrativo, indefinito, interrogativo, esclamativo; 2. il genere (maschile, femmi-
nile); 3. la persona (per i pronomi personali soggetto); 4. il numero (singolare o plurale).
Nel caso dei pronomi che e cui, per stabilire il genere e il numero, occorre effettuare la trasformazione
in il quale, la quale, al quale, alla quale, ecc.
Se il pronome relativo è misto, è bene separare i due pronomi e analizzarli separatamente.

Esercizio. Analizza i pronomi nel brano che segue.


La nostra parente si trattenne presso di noi quattro o cinque giorni, coricandosi la sera nella stessa
camera di N., in cui aveva trasportato una brandina. Fin da principio, però, dovette convincersi che
sua figlia era assolutamente decisa a non dividersi da mio padre e a non lasciare casa nostra: su questo
punto, alla madre non restò altro da fare che mettersi l’anima in pace. E così, rassegnata al destino,
ritornò a Napoli, dove l’aspettava l’altra sua figlia.
Nei giorni che passò da noi, essa, dopo quell’inizio, si mostrò più trattabile, e anche amena.
Tuttavia la nostra ospite non poteva fare a meno di sfogare ogni tanto la propria amarezza contro mio
padre; e non osando d’insistere su questo soggetto con N., talvolta finì a sfogarsi persino con me! Io
non le davo molta soddisfazione: il massimo segno di attenzione che le concedevo poteva essere una
smorfia noncurante o qualche impaziente brontolio. Però, sebbene controvoglia, la stavo a sentire,
tanto ero assetato di udir parlare di lui!
(E. Morante, L’isola di Arturo, Einaudi, Torino 2001)

111
PARTE 3 • Morfologia

SCHEDA

54 Verbo: la funzione
Il verbo innanzitutto esprime un fatto. Con la parola «fatto» possiamo intendere:
P un’azione: Il ragazzo gioca.
P un avvenimento: Gli esami iniziano domani.
P una situazione: Il libro è sul tavolo.
P un modo di essere: Claudia è simpatica.
P l’esistenza di qualcosa o di qualcuno: Ci sono molte prove.

Altre informazioni riguardano la persona, il tempo e il modo.


La persona a cui il verbo si riferisce, può essere:
io 1ª persona singolare Canto la canzone (chi canta? Io)
tu 2ª persona singolare Canti
egli 3ª persona singolare Canta
noi 1ª persona plurale Cantiamo
voi 2ª persona plurale Cantate
essi 3ª persona plurale Cantano
Alcuni verbi però, detti verbi impersonali, non si riferiscono a nessuna perso-
na, perché indicano fenomeni atmosferici: piovere, grandinare, nevicare, tuonare,
albeggiare, ecc. Si usano solo alla 3a persona singolare: Piove da tre ore.
Il tempo in cui avviene il fatto può essere:
P presente (ora, in questo momento): legge;
P passato (prima): leggeva;
P futuro (dopo): leggerà.

Il modo in cui il fatto è presentato può essere come:


P una semplice informazione (indicativo): Torno.
P una possibilità, un desiderio (congiuntivo): Penso che torni.
P una possibilità «condizionata» (condizionale): Tornerei se potessi.
P un ordine (imperativo): Torna!

1 Sottolinea i verbi che indicano un’azione.


1. Le mie sorelle giocarono a tennis per un’ora. 2. L’auto è in garage. 3. Mio padre ripara la lavatri-
ce. 4. Le rondini volavano basse nel cielo. 5. I fantasmi non esistono. 6. La formica lavorava mentre
la cicala cantava. 7. Il cielo è sereno. 8. Il medico mi ha visitato con attenzione. 9. Non ci sono dubbi.
10. Luca è un ragazzo allegro.

2 Scrivi nello spazio dato il pronome personale a cui il verbo si riferisce; barra quando il verbo è
impersonale.
1. cantiamo volentieri. 2. .................... aprirà la porta. 3. .................... mangiate troppo. 4. ....................
....................

piove da tre giorni. 5. ................... correranno in bici. 6. .................. parlò in fretta. 7. ................. nevicava fitto

112
Verbo

fitto. 8. .................. dimentichi sempre tutto. 9. ................... faccio una telefonata. 10. ................... diluviò per
tutta la notte. 11. ................. disegnate proprio bene. 12. .................. viaggerò in aereo. 13. ................... lottarono
per la pace. 14. .................... arriverà domani. 15. ................... ha grandinato per dieci minuti. 16. ...................
cinguetta sempre quando qualcuno si avvicina alla gabbia.

3 Indica con una x il tempo, cioè il momento in cui si veriica il fatto.


Presente Passato Futuro
in questo momento prima dopo

1. Ho mangiato w w w
2. Pioverà w w w
3. Visse w w w
4. Studiamo w w w
5. Canterete w w w
6. Hanno perso w w w
7. Correvano w w w
8. Splende w w w

4 Inserisci il verbo dato al tempo richiesto dal contesto.


1. Vai a rispondere: il telefono (squillare) ............................. 2. Se mia sorella avrà buoni voti l’anno prossimo
(frequentare) ............................ l’università in Inghilterra. 3. Ieri Leo (festeggiare) ................................... il suo com-
pleanno. 4. Tre anni fa noi (andare) ............................... al mare in Calabria. 5. Ogni giorno il pullman (per-
correre) ............................ lo stesso tragitto per portarci a scuola. 6. Da un anno Claudio (dovere) ............................
andare dal dentista tutte le settimane. 7. Tra qualche settimana (finire ) ............................ le scuole e (iniziare)
............................ le vacanze. 8. Da piccola (dormire) ............................ spesso a casa dei miei nonni. 9. Ad un cer-

to punto (entrare) ............................ un pipistrello nella stanza e tutti noi (fuggire) ............................ via spaventati.
10. All’improvviso la luce (mancare) ............................ e la sala (rimanere) ............................ completamente al buio.

5 Sottolinea il verbo e scrivi la persona a cui si riferisce e il modo in cui il fatto è presentato (l’e-
sercizio è avviato).

Persona Modo in cui


presenta il fatto

1. Cantiamo volentieri. .........1a plur......... ........informazione..........

2. Aprirà la porta. ................................ ................................................

3. Mangiate in fretta! ................................ ................................................

4. Viaggerei in aereo. ................................ ................................................

5. Oh, se mi portasse un regalo! ................................ ................................................

6. Che costi troppo? ................................ ................................................

7. Vinsero la guerra. ................................ ................................................

8. Nuotate come delfini. ................................ ................................................

113
PARTE 3 • Morfologia

SCHEDA

55 Verbo: coniugazioni
Radice e desinenza In ogni verbo abbiamo:
P una parte invariabile, la radice, che esprime il significato del verbo: cant-are;
P una parte variabile, la desinenza, che indica: la persona: cant-o, cant-iamo; il
tempo: cant-avo, cant-erò; il modo: cant-o, cant-erei.
Aggiungendo alla radice le varie desinenze si ottengono le voci del verbo: cant-erei
voce del verbo cantare.
La coniugazione L’insieme di tutte le voci di un verbo, raggruppate in modi e
tempi, si chiama coniugazione del verbo.
I verbi si coniugano seguendo tre modelli di coniugazione:
P 1a coniugazione che comprende i verbi che finiscono in -are: parl-are, am-are;
P 2a coniugazione che comprende i verbi che finiscono in -ere: tem-ere, cred-ere;
P 3a coniugazione che comprende i verbi che finiscono in -ire: dorm-ire, serv-ire.

I modi Ogni coniugazione comprende sette modi:


– quattro modi finiti, così chiamati perché con la desinenza definiscono la perso-
na: l’indicativo, il congiuntivo, il condizionale, l’imperativo;
– tre modi indefiniti che non definiscono la persona: l’infinito, il participio, il
gerundio.
I tempi Ogni modo ha diversi tempi che si distinguono in:
– tempi semplici, quando il verbo è costituito da una sola parola: scrivevo;
– tempi composti, quando il verbo è costituito da due o tre parole (ausiliare e
participio passato): avevo scritto, era stato scritto, siamo andati, ha parlato.

Per non commettere errori Particolarità ortografiche dei verbi


Molti verbi presentano problemi di ortografia perché, per segnalare la pronuncia, bisogna modificare
la radice aggiungendo una h o una i, oppure bisogna togliere una i.
Verbi che come si comportano quando la desinenza Esempi
terminano in comincia per
-care, -gare aggiungono una h -e, -i io caric-o, tu carich-i, noi carich-eremo
io pag-o, tu pagh-i, noi pagh-eremo
-cere, -scere aggiungono una i -u piac-ere, piaci-uto, conosci-uto
-cere, -cire aggiungono una i -o, -a io cuoci-o, che egli cuoci-a
-ciare, -giare, io baci-o, tu bac-i, io bac-erò
-sciare perdono la i -e, -i io mangi-o, tu mang-i, io mang-erei
io lasci-o, tu lasc-i, voi lasc-erete
-iare conservano la i se è tonica -i io invì-o, tu invì-i, che essi invì-ino
perdono la i se è atona -i io invidi-o, tu invid-i, che essi invid-ino
-gliare, -gliere perdono la i solo -i io sbàgli-o, tu sbàgl-i, voi sbàgli-erete
togli-ere, togl-iamo, togli-erete
Ricorda che i verbi in -gnare, -gnere si comportano regolarmente: noi disegn-iamo, noi disegn-eremo.

114
Verbo

1 Completa lo schema seguendo l’esempio.


Forma verbale Verbo Radice Desidenza

1. saltiamo ... saltare ............................... ... salt- ................................... ... iamo ....................................
2. saltando .................................................... .................................................... ....................................................

3. ridesse .................................................... .................................................... ....................................................

4. ridere .................................................... .................................................... ....................................................

5. apre .................................................... .................................................... ....................................................

6. aprirebbe .................................................... .................................................... ....................................................

2 Accanto a ciascun gruppo di forme verbali scrivi a quale verbo e a quale coniugazione esse
appartengono.
Verbo Coniugazione

1. dorme, dormissero, ha dormito, dormendo .................................................... ....................................................

2. arriverà, arriverebbero, sono arrivati, arrivavi .................................................... ....................................................

3. cadeva, era caduto, cadendo, cadrebbero .................................................... ....................................................

3 Completa con le forme opportune dei verbi che terminano in -care, -gare.
1. Mentre tu ......................... (giocare), noi ......................... (caricare) i bagagli sull’auto. 2. Se continuerete a cor-
rere, vi ......................... (stancare) troppo. 3. Tra due ore i turisti ......................... (sbarcare) a Genova. 4. Non
te li presto; non ......................... (pagare) mai i debiti. 5. Se il livello del fiume crescerà ancora, tutta la zona
si ......................... (allagare) e quelle case verranno sommerse. 6. Se la navicella spaziale non riuscirà a rien-
trare nell’atmosfera, ......................... (vagare) a lungo nello spazio.

4 Completa con le forme opportune dei verbi che terminano in -ciare, -giare, -sciare
1. Dopo che saranno entrate in campo le squadre, ......................... (cominciare) la partita. 2. Se avessi fame,
......................... (mangiare) tutto quello che hai nel piatto. 3. Non aver paura, non ti ......................... (lasciare)

solo. 4. Se fossero prudenti, non si ......................... (cacciare) sempre nei guai. 5. Anche se ci sarà lo scio-
pero dei treni, noi non ......................... (rinunciare) al nostro viaggio.

5 Completa con le forme opportune dei verbi che terminano in -gliare, -gliere.
1. Quando il medico ti visiterà, ti .............................. (consigliare) di mangiare meno dolci e di fare più movi-
mento. 2. Quando avremo finito nell’orto, ............................ (tagliare) l’erba del prato. 3. Se andassimo
a letto più presto, ci ..................................... (svegliare) più facilmente. 4. Con questa crema farcirai la torta,
quando la ................................ (togliere) dal forno. 5. Non mi dia la multa! Prometto che non ................................
(cogliere) più i fiori selvatici.

6 Completa con le forme opportune dei verbi che terminano in -gnare, -gnere.
1. Stamattina ti (accompagnare) papà. 2. A noi piace ascoltare la musica mentre .............
...................................

...................... (disegnare). 3. Se farà quel lavoro, ................................... (guadagnare) una bella somma. 4. Non

preoccuparti, ti ................................... (insegnare) noi la strada. 5. Quando eravamo bambini ...................................


(sognare) molto, ora non ................................... (sognare) più. 6. La festa è finita; noi ................................... (spegnere)
il fuoco del camino, voi ................................... (spegnere) tutte le lampade.

115
PARTE 3 • Morfologia

Coniugazione del verbo essere


TAVOLA DELLE CONIUGAZIONI

MODI FINITI

TEMPI SEMPLICI TEMPI COMPOSTI TEMPI SEMPLICI TEMPI COMPOSTI

MODO INDICATIVO MODO CONGIUNTIVO

PRESENTE PASSATO PROSSIMO PRESENTE PASSATO


io sono io sono stato che io sia che io sia stato
tu sei tu sei stato che tu sia che tu sia stato
egli è egli è stato che egli sia che egli sia stato
noi siamo noi siamo stati che noi siamo che noi siamo stati
voi siete voi siete stati che voi siate che voi siate stati
essi sono essi sono stati che essi siano che essi siano stati
IMPERFETTO TRAPASSATO PROSSIMO IMPERFETTO TRAPASSATO
io ero io ero stato che io fossi che io fossi stato
tu eri tu eri stato che tu fossi che tu fossi stato
egli era egli era stato che egli fosse che egli fosse stato
noi eravamo noi eravamo stati che noi fossimo che noi fossimo stati
voi eravate voi eravate stati che voi foste che voi foste stati
essi erano essi erano stati che essi fossero che essi fossero stati
PASSATO REMOTO TRAPASSATO REMOTO
MODO CONDIZIONALE
io fui io fui stato
tu fosti tu fosti stato PRESENTE PASSATO
egli fu egli fu stato io sarei io sarei stato
noi fummo noi fummo stati tu saresti tu saresti stato
voi foste voi foste stati egli sarebbe egli sarebbe stato
essi furono essi furono stati noi saremmo noi saremmo stati
voi sareste voi sareste stati
FUTURO SEMPLICE FUTURO ANTERIORE
essi sarebbero essi sarebbero stati
io sarò io sarò stato
tu sarai tu sarai stato MODO IMPERATIVO
egli sarà egli sarà stato
noi saremo noi saremo stati PRESENTE
voi sarete voi sarete stati sii (tu)
essi saranno essi saranno stati siate (voi)MODI FINITI

MODI INDEFINITI

TEMPO SEMPLICE TEMPO COMPOSTO TEMPI SEMPLICI

MODO INFINITO MODO PARTICIPIO

PRESENTE PASSATO PRESENTE


essere essere stato essente
PASSATO
MODO GERUNDIO
stato
PRESENTE PASSATO
essendo essendo stato

116
Verbo

Coniugazione del verbo avere

TAVOLA DELLE CONIUGAZIONI


MODI FINITI

TEMPI SEMPLICI TEMPI COMPOSTI TEMPI SEMPLICI TEMPI COMPOSTI

MODO INDICATIVO MODO CONGIUNTIVO

PRESENTE PASSATO PROSSIMO PRESENTE PASSATO


io ho io ho avuto che io abbia che io abbia avuto
tu hai tu hai avuto che tu abbia che tu abbia avuto
egli ha egli ha avuto che egli abbia che egli abbia avuto
noi abbiamo noi abbiamo avuto che noi abbiamo che noi abbiamo avuto
voi avete voi avete avuto che voi abbiate che voi abbiate avuto
essi hanno essi hanno avuto che essi abbiano che essi abbiano avuto
IMPERFETTO TRAPASSATO PROSSIMO IMPERFETTO TRAPASSATO
io avevo io avevo avuto che io avessi che io avessi avuto
tu avevi tu avevi avuto che tu avessi che tu avessi avuto
egli aveva egli aveva avuto che egli avesse che egli avesse avuto
noi avevamo noi avevamo avuto che noi avessimo che noi avessimo avuto
voi avevate voi avevate avuto che voi aveste che voi aveste avuto
essi avevano essi avevano avuto che essi avessero che essi avessero avuto
PASSATO REMOTO TRAPASSATO REMOTO
MODO CONDIZIONALE
io ebbi io ebbi avuto
tu avesti tu avesti avuto PRESENTE PASSATO
egli ebbe egli ebbe avuto io avrei io avrei avuto
noi avemmo noi avemmo avuto tu avresti tu avresti avuto
voi avreste voi aveste avuto egli avrebbe egli avrebbe avuto
essi ebbero essi ebbero avuto noi avremmo noi avremmo avuto
voi avreste voi avreste avuto
FUTURO SEMPLICE FUTURO ANTERIORE
essi avrebbero essi avrebbero avuto
io avrò io avrò avuto
tu avrai tu avrai avuto MODO IMPERATIVO
egli avrà egli avrà avuto
noi avremo noi avremo avuto PRESENTE
voi avrete voi avrete avuto abbi (tu)
essi avranno essi avranno avuto abbiate (voi)

MODI INDEFINITI

TEMPO SEMPLICE TEMPO COMPOSTO TEMPI SEMPLICI

MODO INFINITO MODO PARTICIPIO

PRESENTE PASSATO PRESENTE


avere avere avuto avente
PASSATO
MODO GERUNDIO
avuto
PRESENTE PASSATO
avendo avendo avuto

117
PARTE 3 • Morfologia

1a coniugazione: amare
TAVOLA DELLE CONIUGAZIONI

MODI FINITI

TEMPI SEMPLICI TEMPI COMPOSTI TEMPI SEMPLICI TEMPI COMPOSTI

MODO INDICATIVO MODO CONGIUNTIVO

PRESENTE PASSATO PROSSIMO PRESENTE PASSATO


io amo io ho amato che io ami che io abbia amato
tu ami tu hai amato che tu ami che tu abbia amato
egli ama egli ha amato che egli ami che egli abbia amato
noi amiamo noi abbiamo amato che noi amiamo che noi abbiamo amato
voi amate voi avete amato che voi amiate che voi abbiate amato
essi amano essi hanno amato che essi amino che essi abbiano amato
IMPERFETTO TRAPASSATO PROSSIMO IMPERFETTO TRAPASSATO
io amavo io avevo amato che io amassi che io avessi amato
tu amavi tu avevi amato che tu amassi che tu avessi amato
egli amava egli aveva amato che egli amasse che egli avesse amato
noi amavamo noi avevamo amato che noi amassimo che noi avessimo amato
voi amavate voi avevate amato che voi amaste che voi aveste amato
essi amavano essi avevano amato che essi amassero che essi avessero amato
PASSATO REMOTO TRAPASSATO REMOTO
MODO CONDIZIONALE
io amai io ebbi amato
tu amasti tu avesti amato PRESENTE PASSATO
egli amò egli ebbe amato io amerei io avrei amato
noi amammo noi avemmo amato tu ameresti tu avresti amato
voi amaste voi aveste amato egli amerebbe egli avrebbe amato
essi amarono essi ebbero amato noi ameremmo noi avremmo amato
voi amereste voi avreste amato
FUTURO SEMPLICE FUTURO ANTERIORE
essi amerebbero essi avrebbero amato
io amerò io avrò amato
tu amerai tu avrai amato MODO IMPERATIVO
egli amerà egli avrà amato
noi ameremo noi avremo amato PRESENTE
voi amerete voi avrete amato ama (tu)
essi ameranno essi avranno amato amate (voi)

MODI INDEFINITI

TEMPO SEMPLICE TEMPO COMPOSTO TEMPI SEMPLICI

MODO INFINITO MODO PARTICIPIO

PRESENTE PASSATO PRESENTE


amare avere amato amante
PASSATO
MODO GERUNDIO
amato
PRESENTE PASSATO
amando avendo amato

118
Verbo

2a coniugazione: temere

TAVOLA DELLE CONIUGAZIONI


MODI FINITI

TEMPI SEMPLICI TEMPI COMPOSTI TEMPI SEMPLICI TEMPI COMPOSTI

MODO INDICATIVO MODO CONGIUNTIVO

PRESENTE PASSATO PROSSIMO PRESENTE PASSATO


io temo io ho temuto che io tema che io abbia temuto
tu temi tu hai temuto che tu tema che tu abbia temuto
egli teme egli ha temuto che egli tema che egli abbia temuto
noi temiamo noi abbiamo temuto che noi temiamo che noi abbiamo temuto
voi temete voi avete temuto che voi temiate che voi abbiate temuto
essi temono essi hanno temuto che essi temano che essi abbiano temuto
IMPERFETTO TRAPASSATO PROSSIMO IMPERFETTO TRAPASSATO
io temevo io avevo temuto che io temessi che io avessi temuto
tu temevi tu avevi temuto che tu temessi che tu avessi temuto
egli temeva egli aveva temuto che egli temesse che egli avesse temuto
noi temevamo noi avevamo temuto che noi temessimo che noi avessimo temuto
voi temevate voi avevate temuto che voi temeste che voi aveste temuto
essi temevano essi avevano temuto che essi temessero che essi avessero temuto
PASSATO REMOTO TRAPASSATO REMOTO
MODO CONDIZIONALE
io temei io ebbi temuto
tu temesti tu avesti temuto PRESENTE PASSATO
egli temé/temette egli ebbe temuto io temerei io avrei temuto
noi tememmo noi avemmo temuto tu temeresti tu avresti temuto
voi temeste voi aveste temuto egli temerebbe egli avrebbe temuto
essi temerono essi ebbero temuto noi temeremmo noi avremmo temuto
voi temereste voi avreste temuto
FUTURO SEMPLICE FUTURO ANTERIORE
essi temerebbero essi avrebbero temuto
io temerò io avrò temuto
tu temerai tu avrai temuto MODO IMPERATIVO
egli temerà egli avrà temuto
noi temeremo noi avremo temuto PRESENTE
voi temerete voi avrete temuto temi (tu)
essi temeranno essi avranno temuto temete (voi)

MODI INDEFINITI

TEMPO SEMPLICE TEMPO COMPOSTO TEMPI SEMPLICI

MODO INFINITO MODO PARTICIPIO

PRESENTE PASSATO PRESENTE


temere avere temuto temente
PASSATO
MODO GERUNDIO
temuto
PRESENTE PASSATO
temendo avendo temuto

119
PARTE 3 • Morfologia

3a coniugazione: servire (transitivo)


TAVOLA DELLE CONIUGAZIONI

MODI FINITI

TEMPI SEMPLICI TEMPI COMPOSTI TEMPI SEMPLICI TEMPI COMPOSTI

MODO INDICATIVO MODO CONGIUNTIVO

PRESENTE PASSATO PROSSIMO PRESENTE PASSATO


io servo io ho servito che io serva che io abbia servito
tu servi tu hai servito che tu serva che tu abbia servito
egli serve egli ha servito che egli serva che egli abbia servito
noi serviamo noi abbiamo servito che noi serviamo che noi abbiamo servito
voi servite voi avete servito che voi serviate che voi abbiate servito
essi servono essi hanno servito che essi servano che essi abbiano servito
IMPERFETTO TRAPASSATO PROSSIMO IMPERFETTO TRAPASSATO
io servivo io avevo servito che io servissi che io avessi servito
tu servivi tu avevi servito che tu servissi che tu avessi servito
egli serviva egli aveva servito che egli servisse che egli avesse servito
noi servivamo noi avevamo servito che noi servissimo che noi avessimo servito
voi servivate voi avevate servito che voi serviste che voi aveste servito
essi servivano essi avevano servito che essi servissero che essi avessero servito
PASSATO REMOTO TRAPASSATO REMOTO
MODO CONDIZIONALE
io servii io ebbi servito
tu servisti tu avesti servito PRESENTE PASSATO
egli servì egli ebbe servito io servirei io avrei servito
noi servimmo noi avemmo servito tu serviresti tu avresti servito
voi serviste voi aveste servito egli servirebbe egli avrebbe servito
essi servirono essi ebbero servito noi serviremmo noi avremmo servito
voi servireste voi avreste servito
FUTURO SEMPLICE FUTURO ANTERIORE
essi servirebbero essi avrebbero servito
io servirò io avrò servito
tu servirai tu avrai servito MODO IMPERATIVO
egli servirà egli avrà servito
noi serviremo noi avremo servito PRESENTE
voi servirete voi avrete servito servi (tu)
essi serviranno essi avranno servito servite (voi)

MODI INDEFINITI

TEMPO SEMPLICE TEMPO COMPOSTO TEMPI SEMPLICI

MODO INFINITO MODO PARTICIPIO

PRESENTE PASSATO PRESENTE


servire avere servito servente
PASSATO
MODO GERUNDIO
servito
PRESENTE PASSATO
servendo avendo servito

120
Verbo

3a coniugazione: partire (intransitivo)

TAVOLA DELLE CONIUGAZIONI


MODI FINITI

TEMPI SEMPLICI TEMPI COMPOSTI TEMPI SEMPLICI TEMPI COMPOSTI

MODO INDICATIVO MODO CONGIUNTIVO

PRESENTE PASSATO PROSSIMO PRESENTE PASSATO


io parto io sono partito che io parta che io sia partito
tu parti tu sei partito che tu parta che tu sia partito
egli parte egli è partito che egli parta che egli sia partito
noi partiamo noi siamo partiti che noi partiamo che noi siamo partiti
voi partite voi siete partiti che voi partiate che voi siate partiti
essi partono essi sono partiti che essi partano che essi siano partiti
IMPERFETTO TRAPASSATO PROSSIMO IMPERFETTO TRAPASSATO
io partivo io ero partito che io partissi che io fossi partito
tu partivi tu eri partito che tu partissi che tu fossi partito
egli partiva egli era partito che egli partisse che egli fosse partito
noi partivamo noi eravamo partiti che noi partissimo che noi fossimo partiti
voi partivate voi eravate partiti che voi partiste che voi foste partiti
essi partivano essi erano partiti che essi partissero che essi fossero partiti
PASSATO REMOTO TRAPASSATO REMOTO
MODO CONDIZIONALE
io partii io fui partito
tu partisti tu fosti partito PRESENTE PASSATO
egli partì egli fu partito io partirei io sarei partito
noi partimmo noi fummo partiti tu partiresti tu saresti partito
voi partiste voi foste partiti egli partirebbe egli sarebbe partito
essi partirono essi furono partiti noi partiremmo noi saremmo partiti
voi partireste voi sareste partiti
FUTURO SEMPLICE FUTURO ANTERIORE
essi partirebbero essi sarebbero partiti
io partirò io sarò partito
tu partirai tu sarai partito MODO IMPERATIVO
egli partirà egli sarà partito
noi partiremo noi saremo partiti PRESENTE
voi partirete voi sarete partiti parti (tu)
essi partiranno essi saranno partiti partite (voi)

MODI INDEFINITI

TEMPO SEMPLICE TEMPO COMPOSTO TEMPI SEMPLICI

MODO INFINITO MODO PARTICIPIO

PRESENTE PASSATO PRESENTE


partire essere partito partente
PASSATO
MODO GERUNDIO
partito
PRESENTE PASSATO
partendo essendo partito

121
PARTE 3 • Morfologia

SCHEDA

56 Verbo: modi e tempi


Le voci di un verbo sono molto numerose, tuttavia si possono imparare più facil-
mente se si ha ben chiaro in mente il seguente schema che rappresenta in modo
semplificato la coniugazione di un verbo, cioè tutti i modi e i tempi.

MODI FINITI

MODO INDICATIVO MODO CONGIUNTIVO


TEMPI SEMPLICI TEMPI COMPOSTI TEMPI SEMPLICI TEMPI COMPOSTI
presente passato prossimo presente passato
imperfetto trapassato prossimo imperfetto trapassato
passato remoto trapassato remoto
futuro semplice futuro anteriore MODO CONDIZIONALE
TEMPO SEMPLICE TEMPO COMPOSTO
presente passato

MODO IMPERATIVO
TEMPO SEMPLICE TEMPO COMPOSTO
presente –––

MODI INDEFINITI

MODO INFINITO MODO PARTICIPIO


TEMPO SEMPLICE TEMPO COMPOSTO TEMPO SEMPLICE TEMPO COMPOSTO

presente passato presente –––


passato –––
MODO GERUNDIO
TEMPO SEMPLICE TEMPO COMPOSTO

presente passato

I tempi semplici (le desinenze) Per formare i tempi semplici di un verbo rego-
lare basta applicare alla radice le desinenze della sua coniugazione. Infatti i verbi
regolari che appartengono alla stessa coniugazione presentano le stesse desinenze
e per questo nel modello delle tre coniugazioni le desinenze sono segnalate con il
neretto.

I tempi composti (gli ausiliari essere, avere) Per formare i tempi composti
di un verbo si premette al participio passato del verbo il suo ausiliare nel tempo
semplice corrispondente. Ad esempio, il passato prossimo dell’indicativo del ver-
bo amare si forma con il presente del verbo avere seguito dal participio passato
amato: ho amato.

122
Verbo

1 Completa con la I persona singolare di ciascun tempo semplice del verbo parlare. In caso di dub-
bio consulta la tabella del verbo amare a pag. 118.

TEMPI SEMPLICI
Modi initi Modi indeiniti

Indicativo Ininito
presente ..io parl-o........................................................ presente ..............................................................................

imperfetto .............................................................................. Gerundio


passato remoto .............................................................................. presente ..............................................................................

futuro .............................................................................. Participio


Congiuntivo presente ..............................................................................

presente .............................................................................. passato ..............................................................................

imperfetto ..............................................................................

Condizionale
presente ..............................................................................

Imperativo
presente ...parl-a (tu), parl-ate (voi)...............

2 Scrivi la prima persona dei tempi semplici del verbo avere, poi usa queste voci verbali per com-
pletare i tempi composti del verbo parlare.

Ausiliare avere Tempi composti del verbo parlare

Indicativo
presente ..io ho................................................................. passato prossimo ....................................................... parlato

imperfetto .............................................................................. trapassato prossimo ....................................................... parlato

passato remoto .............................................................................. trapassato remoto ....................................................... parlato

futuro .............................................................................. futuro anteriore ....................................................... parlato

Congiuntivo
presente .............................................................................. passato ....................................................... parlato

imperfetto .............................................................................. trapassato ....................................................... parlato

Condizionale
presente .............................................................................. passato ....................................................... parlato

Ininito
presente .............................................................................. passato ....................................................... parlato

Gerundio
presente .............................................................................. passato ....................................................... parlato

3 Osservando le desinenze o il tempo dell’ausiliare indica modo e tempo dei verbi.


canterà ...................................... tornavamo ...................................... eravate partiti ......................................

ammirassero ...................................... che dorma ...................................... avendo realizzato ......................................

precedente ...................................... ha fatto ...................................... sarà accaduto ......................................

occupare ...................................... abbiate realizzato ...................................... avrebbe consegnato ......................................

123
PARTE 3 • Morfologia

SCHEDA

57 I verbi irregolari
I verbi irregolari sono quelli che non seguono il modello della coniugazione a
cui appartengono.
I verbi irregolari possono modificare:
P solo il tema: and-are: vad-o (e non and-o); sap-ere: s-o (e non sap-o);
P solo la desinenza: dov-ere: dov-rò (e non dov-erò); d-are: d-ai (e non d-i);
P entrambi: ved-ere: vid-i (e non ved-ei o ved-etti);
accend-ere: acces-i (e non accend-ei o accend-etti).
Nella maggior parte dei casi un verbo è irregolare solo in alcune voci, altri invece
sono irregolari in utte le voci.
Molti verbi irregolari hanno numerosi composti che si coniugano come il verbo
di base. Per esempio i verbi divenire, intervenire, svenire... hanno la stessa coniu-
gazione di venire.

Per non commettere errori Errori nel coniugare i verbi


Nell’uso dei verbi andare, dare, fare e stare si possono commettere errori di vario tipo.
P È sbagliato scrivere con l’accento i monosillabi do, sto, sta, fa e va.
Non si dirà Stò volentieri con voi, ma Sto volentieri con voi.
Non si dirà Oggi fà freddo, ma Oggi fa freddo.
P Per il verbo andare sono scorrette le forme del congiuntivo presente vadi e vadino invece di vada e
vadano, le forme del passato remoto andiedi, andetti invece di andai.
Non si dirà Vadi via da lì, ma Vada via da lì.
Non si dirà Quell’anno andiedi al mare, ma Quell’anno andai al mare.
P Per i verbi dare e stare sono scorrette le forme del passato remoto dasti, stasti... invece di desti, ste-
sti..., e le forme dell’imperfetto congiuntivo dassi, stassi... anziché dessi, stessi...
Non si dirà Stammo in fila per un’ora, ma Stemmo in fila per un’ora.
Non si dirà Se daste ascolto a chi ha più esperienza, evitereste molti errori, ma Se deste ascolto a chi ha
più esperienza, evitereste molti errori.
Sono molto comuni alcuni errori di coniugazione dovuti soprattutto a influenze dialettali o popolari:

Forme errate Forme corrette


giunsimo giungemmo
morsi morii
venghino, abbino vengano, abbiano
strinto stretto
potiamo possiamo

I verbi difettivi I verbi difettivi sono quelli che mancano di alcune voci, o perché
non sono mai esistite o perché non sono più usate.
Per esempio, nella frase Oggi il sole splende e per tutta la settimana ha ... ci si ren-
de conto che non è possibile usare il verbo splendere al passato prossimo; in casi
come questo si ricorre a un sinonimo, cioè a un verbo con lo stesso significato,
oppure si conclude la frase in modo diverso (... ha illuminato il cielo).

124
Verbo

I verbi sovrabbondanti I verbi sovrabbondanti sono quelli che hanno due


coniugazioni diverse pur avendo la stessa radice.
P Alcuni verbi sovrabbondanti mantengono nelle due forme significati molto
simili e, proprio per questo, alcune di queste forme non sono usate:
-are: Il bambino colorava il disegno. (colorare: 1a coniug.)
color
-ire: Leo coloriva il racconto con descrizioni vivaci. (colorire: 3a coniug.)
P Altri verbi sovrabbondanti cambiando coniugazione mutano il significato:
-are: «Posso aver fallato» rispose Renzo... (sbagliare: 1a coniug.)
fall
-ire: L’impresa fallirà... (far fallimento: 3a coniug.)

1 Coniuga il presente indicativo dei verbi dati.


Andare Io ............................, tu ............................, egli ............................, noi ............................, voi ............................, essi ............................
Fare Io ............................, tu ............................, egli ............................, noi ............................, voi ............................, essi ............................
Dovere Io ............................, tu ............................, egli ............................, noi ............................, voi ............................, essi ............................
Togliere Io ............................, tu ............................, egli ............................, noi ............................, voi ............................, essi ............................
Uscire Io ............................, tu ............................, egli ............................, noi ............................, voi ............................, essi ............................
Venire Io ............................, tu ............................, egli ............................, noi ............................, voi ............................, essi ............................

2 Accanto a ciascun verbo scrivi l’ininito.

1. Vadano ................................................. 6. Costretto ............................................. 11. Discusse ..............................................


2. Fecero ................................................... 7. Bevano .................................................. 12. Fusero ..................................................
3. Ponendo .............................................. 8. Assunto ............................................... 13. Commise ............................................
4. Visse ...................................................... 9. Avevi condotto ............................... 14. Poniamo ..............................................
5. Tinse ...................................................... 10. Diresse ................................................. 15. Ruppero ..............................................

3 Inserisci il verbo dato coniugato in modo opportuno.


1. Io sono fatto così: quando ...................... (andare) da qualche parte, ...................... (dovere) portare con me
tutte le mie cose. 2. Cosa penseresti di me se ti ...................... (dare) uno spintone? 3. È tornato a casa
felice quando gli ...................... (offrire) quel posto. 4. L’anno scorso questo settore industriale si sviluppò e
.................... (produrre) moltissimo. 5. Si accomodino, signori! .................... (venire) pure avanti. 6. Era accu-

sato ingiustamente e il giudice lo ....................... (assolvere). 7. Cesare, parlando delle sue imprese militari,
disse: «Venni, ..................... (vedere), ...................... (vincere)! ».

4 Ti diamo alcune voci verbali dei più comuni verbi difettivi: completa le frasi.
fervono, prude, splendevano, urge, stride
1. Era una notte magica: le stelle ................................ nel cielo sereno. 2. La porta ................................, perché i car-
dini sono arrugginiti. 3. Il braccio ingessato mi ................................ in modo insopportabile. 4. A casa mia
................................ i preparativi per il matrimonio di mia sorella. 5. È scoppiato un incendio: ................................

l’intervento dei vigili del fuoco.

125
PARTE 3 • Morfologia

I verbi irregolari
I PRINCIPALI VERBI IRREGOLARI

1a CONIUGAZIONE PASS. REM. io stetti, tu stesti, egli stette, noi


stemmo, voi steste, essi stettero
I verbi irregolari della 1a coniugazione sono po- FUTURO io starò, tu starai, egli starà, noi stare-
chissimi, i più usati sono: mo, voi starete, essi staranno
andare IND. PR. io vado, tu vai, egli va, noi andia- CONG. PR. che io stia, che tu stia, che egli stia,
mo, voi andate, essi vanno che noi stiamo, che voi stiate, che essi stiano
FUTURO io andrò, tu andrai, egli andrà, noi an- CONG. IMPERF. che io stessi, che tu stessi, che
dremo, voi andrete, essi andranno egli stesse, che noi stessimo, che voi steste, che
CONG. PR. che io vada, che tu vada, che egli va- essi stessero
da, che noi andiamo, che voi andiate, che essi COND. PR. io starei, tu staresti, egli starebbe, noi
vadano staremmo, voi stareste, essi starebbero
COND. PR. io andrei, tu andresti, egli andrebbe, IMPER. PR. stai (sta’)
noi andremmo, voi andreste, essi andrebbero
IMP. PR. vai (va’)
2a CONIUGAZIONE
contraffare vedi fare
dare IND. PR. io do, tu dai, egli dà, noi diamo, voi La maggior parte dei verbi della 2a coniugazione
date, essi danno sono irregolari; i più usati sono:
FUTURO io darò, tu darai egli darà, noi daremo, accadere vedi cadere
voi darete, essi daranno accendere IND. PASS. REM. io accesi, tu accende-
PASS. REM. io diedi (detti), tu desti, egli diede sti, egli accese, noi accendemmo, voi accende-
(dette), noi demmo, voi deste, essi diedero ste, essi accesero
(dettero) PART. PASS. acceso
CONG. PR. che io dia, che tu dia, che egli dia, che accogliere vedi cogliere
noi diamo, che voi diate, che essi diano accondiscendere vedi scendere
CONG. IMPERF. che io dessi, che tu dessi, che egli accorrere vedi correre
desse, che noi dessimo, che voi deste, che essi accrescere vedi crescere
dessero aggiungere vedi giungere
COND. PR. io darei, tu daresti, egli darebbe, noi alludere vedi deludere
daremmo, voi dareste, essi darebbero ammettere vedi mettere
IMPER. PR. dai (da’) anteporre vedi porre
disfare vedi fare appartanere vedi tenere
fare IND. PR. io faccio, tu fai, egli fa, noi facciamo, appendere IND. PASS. REM. io appesi, tu appende-
voi fate, essi fanno sti, egli appese, noi appendemmo, voi appen-
IMPERF. io facevo, tu facevi, egli faceva, noi fa- deste, essi appesero
cevamo, voi facevate, essi facevano PART. PASS. appeso
PASS. REM. io feci, tu facesti, egli fece, noi fa- apprendere vedi prendere
cemmo, voi faceste, essi fecero ardere IND. PASS. REM. io arsi, tu ardesti, egli arse,
FUTURO io farò, tu farai, egli farà, noi faremo, noi ardemmo, voi ardeste, essi arsero
voi farete, essi faranno PART. PASS. arso
CONG. PR. che io faccia, che tu faccia, che egli arrendere vedi rendere
faccia, che noi facciamo, che voi facciate, che assalire vedi salire
essi facciano assistere PART. PASS. assistito
CONG. IMPERF. che io facessi, che tu facessi, che assolvere IND. PASS. REM. io assolsi, tu assolvesti,
egli facesse, che noi facessimo, che voi faceste, egli assolse, noi assolvemmo, voi assolveste,
che essi facessero essi assolsero
COND. PR. io farei, tu faresti, egli farebbe, noi fa- PART. PASS. assolto
remmo, voi fareste, essi farebbero assumere IND. PASS. REM. io assunsi, tu assume-
IMPER. PR. fai (fa’) sti, egli assunse, noi assumemmo, voi assume-
PART. PASS. fatto ste, essi assunsero
GERUNDIO PR. facendo PART. PASS. assunto
soddisfare vedi fare attendere vedi tendere
stare IND. PR. io sto, tu stai, egli sta, noi stiamo, attingere vedi tingere
voi state, essi stanno attrarre vedi trarre

126
Verbo

avvenire vedi venire concorrere vedi correre


condividere vedi dividere

I PRINCIPALI VERBI IRREGOLARI


avvincere vedi vincere
avvolgere vedi volgere condurre IND. PR. io conduco, tu conduci, egli
bere IND. PR. io bevo, tu bevi, egli beve, noi bevia- conduce, noi conduciamo, voi conducete, essi
mo, voi bevete, essi bevono conducono
IMPERF. io bevevo, tu bevevi, egli beveva, noi IMPERF. io conducevo, tu conducevi, egli con-
bevevamo, voi bevevate, essi bevevano duceva, noi conducevamo, voi conducevate,
PASS. REM. io bevvi, tu bevesti, egli bevve, noi essi conducevano.
bevemmo, voi beveste, essi bevvero PASS. REM. io condussi, tu conducesti, egli con-
FUTURO io berrò, tu berrai, egli berrà, noi berre- dusse, noi conducemmo, voi conduceste, essi
mo, voi berrete, essi berranno condussero
CONG. PR. che io beva, che tu beva, che egli beva, FUTURO io condurrò, tu condurrai, egli condur-
che noi beviamo, che voi beviate, che essi bevano rà, noi condurremo, voi condurrete, essi con-
CONG. IMPERF. che io bevessi, che tu bevessi, che durranno
egli bevesse, che noi bevessimo, che voi beve- CONG. PR. che io conduca, che tu conduca, che

ste, che essi bevessero egli conduca, che noi conduciamo, che voi
COND. PR. io berrei, tu berresti, egli berrebbe, conduciate, che essi conducano
CONG. IMPERF. che io conducessi, che tu condu-
noi berremmo, voi berreste, essi berrebbero
IMPER. PR. bevi, bevete
cessi, che egli conducesse, che noi conducessi-
PART. PASS. bevuto
mo, che voi conduceste, che essi conducessero
COND. PR. io condurrei, tu condurresti, egli con-
GERUNDIO PR. bevendo
cadere IND. PASS. REM. io caddi, tu cadesti, egli durrebbe, noi condurremmo, voi condurreste,
cadde, noi cademmo, voi cadeste, essi caddero essi condurrebbero
IMPER. PR. conduci, conducete
FUTURO io cadrò, tu cadrai, egli cadrà, noi ca-
PART. PR. conducente
dremo, voi cadrete, essi cadranno
PART. PASS. condotto
CONDIZ. PR. io cadrei, tu cadresti, egli cadrebbe,
GERUNDIO PR. conducendo
noi cadremmo, voi cadreste, essi cadrebbero
confondere vedi fondere
chiedere IND. PASS. REM. io chiesi, tu chiedesti,
congiungere vedi giungere
egli chiese, noi chiedemmo, voi chiedeste, essi
conoscere IND. PASS. REM. io conobbi, tu cono-
chiesero
scesti, egli conobbe, noi conoscemmo, voi co-
PART. PASS. chiesto
nosceste, essi conobbero
chiudere IND. PASS. REM. io chiusi, tu chiudesti, contendere vedi tendere
egli chiuse, noi chiudemmo, voi chiudeste, es- contenere vedi tenere
si chiusero contorcere vedi torcere
PART. PASS. chiuso
contraddistinguere vedi distinguere
cogliere IND. PR. io colgo, tu cogli, egli coglie, noi contrarre vedi trarre
cogliamo, voi cogliete, essi colgono convincere vedi vincere
PASS. REM. io colsi, tu cogliesti, egli colse, noi
convivere vedi vivere
cogliemmo, voi coglieste, essi colsero correggere vedi reggere
CONG. PR. che io colga, che tu colga, che egli correre IND. PASS. REM. io corsi, tu corresti, egli
colga, che noi cogliamo, che voi cogliate, che corse, noi corremmo, voi correste, essi corsero
essi colgano PART. PASS. corso
PART. PASS. còlto corrispondere vedi rispondere
coincidere vedi decidere corrompere vedi rompere
commettere vedi mettere costringere vedi stringere
commuovere vedi muovere crescere IND. PASS. REM. io crebbi, tu crescesti,
compiacere vedi piacere egli crebbe, noi crescemmo, voi cresceste, essi
compiangere vedi piangere crebbero
comporre vedi porre cuocere (coesistono le forme cuocere e cocere)
comprendere vedi prendere IND. PASS. REM. io cossi, tu cocesti, egli cosse,
comprimere vedi esprimere noi cocemmo, voi coceste, essi cossero
concedere IND. PASS. REM. io concessi, tu conce- PART. PASS. cotto
desti, egli concesse, noi concedemmo, voi con- decidere IND. PASS. REM. io decisi, tu decidesti
cedeste, essi concessero egli decise, noi decidemmo, voi decideste, essi
PART. PASS. concesso decisero

127
PARTE 3 • Morfologia

PART. PASS. deciso COND. PR. io dovrei, tu dovresti, egli dovrebbe,


decorrere vedi correre noi dovremmo, voi dovreste, essi dovrebbero
I PRINCIPALI VERBI IRREGOLARI

decrescere vedi crescere eleggere vedi leggere


dedurre vedi condurre emergere IND. PASS. REM. io emersi, tu emergesti,
deludere IND. PASS. REM. io delusi, tu deludesti, egli emerse, noi emergemmo, voi emergeste,
egli deluse, noi deludemmo, voi deludeste, es- essi emersero
si delusero PART. PASS. emerso
PART. PASS. deluso erigere vedi dirigere
deporre vedi porre escludere vedi chiudere
deridere vedi ridere espellere IND. PASS. REM. io espulsi, tu espellesti,
descrivere vedi scrivere egli espulse, noi espellemmo, voi espelleste,
difendere IND. PASS. REM. io difesi, tu difendesti, essi espulsero
egli difese, noi difendemmo, voi difendeste, es- PART. PASS. espulso

si difesero esplodere IND. PASS. REM. io esplosi, tu esplode-


PART. PASS. difeso sti, egli esplose, noi esplodemmo, voi esplode-
diffondere vedi fondere ste, essi esplosero
dipendere vedi appendere PART. PASS. esploso

dipingere IND. PASS. REM. io dipinsi, tu dipingesti, esporre vedi porre


egli dipinse, noi dipingemmo, voi dipingeste, esprimere IND. PASS. REM. io espressi, tu esprime-
essi dipinsero sti, egli espresse, noi esprimemmo, voi espri-
PART. PASS. dipinto
meste, essi espressero
PART. PASS. espresso
dirigere IND. PASS. REM. io diressi, tu dirigesti,
egli diresse, noi dirigemmo, voi dirigeste, essi estinguere vedi distinguere
diressero estorcere vedi torcere
PART. PASS. diretto
estrarre vedi trarre
evadere vedi invadere
discendere vedi scendere
fingere IND. PASS. REM. io finsi, tu fingesti, egli fin-
discorrere vedi correre
se, noi fingemmo, voi fingeste, essi finsero
discutere IND. PASS. REM. io discussi, tu discute-
PART. PASS. finto
sti, egli discusse, noi discutemmo, voi discute-
flettere IND. PASS. REM. io flettei (flessi), tu flette-
ste, essi discussero
sti, egli flettè (flesse), noi flettemmo, voi flette-
PART. PASS. discusso
ste, essi fletterono (flessero)
dispiacere vedi piacere PART. PASS. flesso
disporre vedi porre fondere IND. PASS. REM. io fusi, tu fondesti, egli
distinguere IND. PASS. REM. io distinsi, tu distin- fuse, noi fondemmo, voi fondeste, essi fusero
guesti, egli distinse, noi distinguemmo, voi di- PART. PASS. fuso
stingueste, essi distinsero friggere IND. PASS. REM. io frissi, tu friggesti, egli
PART. PASS. distinto
frisse, noi friggemmo, voi friggeste, essi frissero
distogliere vedi togliere PART. PASS. fritto
distrarre vedi trarre giacere IND. PRES. io giaccio, tu giaci, egli gia-
distruggere IND. PASS. REM. io distrussi, tu di- ce, noi giacciamo (giaciamo), voi giacete, essi
struggesti, egli distrusse, noi distruggemmo, giacciono
voi distruggeste, essi distrussero PASS. REM. io giacqui, tu giacesti, egli giacque,
PART. PASS. distrutto noi giacemmo, voi giaceste, essi giacquero
dividere IND. PASS. REM. io divisi, tu dividesti, egli CONG. PRES. che io giaccia, che tu giaccia, che
divise, noi dividemmo, voi divideste, essi di- egli giaccia, che noi giacciamo (giaciamo), che
visero voi giacciate (giaciate), che essi giacciano
PART. PASS. diviso PART. PASS. giaciuto
dovere IND. PR. io devo (debbo), tu devi, egli giungere IND. PASS. REM. io giunsi, tu giungesti,
deve, noi dobbiamo, voi dovete, essi devono egli giunse, noi giungemmo, voi giungeste, es-
(debbono) si giunsero
FUTURO io dovrò, tu dovrai, egli dovrà, noi do- PART. PASS. giunto
vremo, voi dovrete, essi dovranno godere IND. FUT. io godrò, tu godrai, egli godrà,
CONG. PR. che io deva o debba, che tu deva o deb- noi godremo, voi godrete, essi godranno
ba, che egli deva o debba, che noi dobbiamo, che COND. PR. io godrei, tu godresti, egli godrebbe,
voi dobbiate, che essi devano o debbano noi godremmo, voi godreste, essi godrebbero

128
Verbo

illudere vedi deludere PART. PASS. nascosto


nuocere (coesistono le forme nuocere e nocere)

I PRINCIPALI VERBI IRREGOLARI


immergere vedi emergere
imprimere vedi esprimere IND. PR. io nuoccio, tu nuoci, egli nuoce, noi
incidere vedi decidere nociamo, voi nocete, essi nuocciono
incorrere vedi correre PASS. REM. io nocqui, tu nocesti, egli nocque,
indurre vedi condurre noi nocemmo, voi noceste, essi nocquero
infliggere IND. PASS. REM. io inflissi, tu infliggesti, CONG. PR. che io nuoccia, che tu nuoccia, che
egli inflisse, noi infliggemmo, voi infliggeste, egli nuoccia, che noi nociamo, che voi nociate,
essi inflissero che essi nuocciano
PART. PASS. inflitto occorrere vedi correre
infondere vedi fondere offendere vedi difendere
infrangere IND. PASS. REM. io infransi, tu infran- opprimere vedi esprimere
gesti, egli infranse, noi infrangemmo, voi in- ottenere vedi tenere
frangeste, essi infransero parere IND. PR. io paio, tu pari, egli pare, noi paia-
PART. PASS. infranto mo, voi parete, essi paiono
ingiungere vedi giungere PASS. REM. io parvi, tu paresti, egli parve, noi

insistere vedi assistere paremmo, voi pareste, essi parvero


FUTURO io parrò, tu parrai, egli parrà, noi parre-
insorgere vedi sorgere
intendere vedi tendere mo, voi parrete, essi parranno
CONG. PR. che io paia, che tu paia, che egli paia,
interrompere vedi rompere
intingere vedi tingere che noi paiamo, che voi paiate, che essi paiano
COND. PR. io parrei, tu parresti, egli parrebbe,
intraprendere vedi prendere
introdurre vedi condurre noi parremmo, voi parreste, essi parrebbero
PART. PR. parvente
invadere IND. PASS. REM. io invasi, tu invadesti,
PASS. parso
egli invase, noi invademmo, voi invadeste, essi
percorrere vedi correre
invasero
percuotere vedi scuotere
PART. PASS. invaso
perdere IND. PASS. REM. io persi, tu perdesti, egli
irrompere vedi rompere
perse, noi perdemmo, voi perdeste, essi persero
iscrivere vedi scrivere
PART. PASS. perso
leggere IND. PASS. REM. io lessi, tu leggesti, egli permettere vedi mettere
lesse, noi leggemmo, voi leggeste, essi lessero persuadere IND. PASS. REM. io persuasi, tu per-
PART. PASS. letto
suadesti, egli persuase, noi persuademmo, voi
mantenere vedi tenere persuadeste, essi persuasero
mettere IND. PASS. REM. io misi, tu mettesti, egli PART. PASS. persuaso
mise, noi mettemmo, voi metteste, essi misero piacere IND. PR. io piaccio, tu piaci, egli piace,
PART. PASS. messo
noi piacciamo, voi piacete, essi piacciono
mordere IND. PASS. REM. io morsi, tu mordesti, PASS. REM. io piacqui, tu piacesti, egli piacque,
egli morse, noi mordemmo, voi mordeste, essi noi piacemmo, voi piaceste, essi piacquero
morsero CONG. PR. che io piaccia, che tu piaccia, che egli
PART. PASS. morso piaccia, che noi piacciamo, che voi piacciate,
mungere IND. PASS. REM. io munsi, tu mungesti, che essi piacciano
egli munse, noi mungemmo, voi mungeste, es- piangere IND. PASS. REM. io piansi, tu piangesti,
si munsero egli pianse, noi piangemmo, voi piangeste, essi
PART. PASS. munto piansero
muovere (coesistono le forme muovere e movere) PART. PASS. pianto
IND. PASS. REM. io mossi, tu movesti, egli mosse, piovere IND. PASS. REM. piovve
noi movemmo, voi moveste, essi mossero porgere IND. PASS. REM. io porsi, tu porgesti, egli
PART. PASS. mosso porse, noi porgemmo, voi porgeste, essi por-
nascere IND. PASS. REM. io nacqui, tu nascesti, egli sero
nacque, noi nascemmo, voi nasceste, essi nac- PART. PASS. porto
quero porre IND. PR. io pongo, tu poni, egli pone, noi
PART. PASS. nato poniamo, voi ponete, essi pongono
nascondere IND. PASS. REM. io nascosi, tu nascon- IMPERF. io ponevo, tu ponevi, egli poneva, noi
desti, egli nascose, noi nascondemmo, voi na- ponevamo, voi ponevate, essi ponevano
scondeste, essi nascosero PASS. REM. io posi, tu ponesti, egli pose, noi po-

129
PARTE 3 • Morfologia

nemmo, voi poneste, essi posero egli redasse, noi redigemmo, voi redigeste, essi
FUTURO io porrò, tu porrai, egli porrà, noi por- redassero
I PRINCIPALI VERBI IRREGOLARI

remo, voi porrete, essi porranno PART. PASS. redatto


CONG. PR. che io ponga, che tu ponga, che egli reggere vedi correggere
ponga, che noi poniamo, che voi poniate, che rendere IND. PASS. REM. io resi, tu rendesti, egli
essi pongano rese, noi rendemmo, voi rendeste, essi resero
CONG. IMPERF. che io ponessi, che tu ponessi, PART. PASS. reso
che egli ponesse, che noi ponessimo, che voi reprimere vedi esprimere
poneste, che essi ponessero resistere PART. PASS. resistito
COND. PR. io porrei, tu porresti, egli porrebbe, respingere vedi spingere
noi porremmo, voi porreste, essi porrebbero restringere vedi stringere
IMPER. PR. poni, ponete riassumere IND. PASS. REM. io riassunsi, tu rias-
PART. PASS. posto sumesti, egli riassunse, noi riassumemmo, voi
GERUNDIO PR. ponendo riassumeste, essi riassunsero
possedere vedi sedere PART. PASS. riassunto

potere IND. PR. io posso, tu puoi, egli può, noi ricadere vedi cadere
possiamo, voi potete, essi possono richiedere vedi chiedere
FUTURO io potrò, tu potrai, egli potrà, noi po-
richiudere vedi chiudere
tremo, voi potrete, essi potranno riconoscere vedi conoscere
CONG. PR. che io possa, che tu possa, che egli
ricorrere vedi correre
possa, che noi possiamo, che voi possiate, che ridere IND. PASS. REM. io risi, tu ridesti, egli rise,
essi possano noi ridemmo, voi rideste, essi risero
PART. PASS. riso
COND. PR. io potrei, tu potresti, egli potrebbe,
noi potremmo, voi potreste, essi potrebbero ridurre vedi condurre
precedere vedi concedere riflettere PART. PASS. riflesso e riflettuto
prediligere IND. PASS. REM. io predilessi, tu predi- rileggere vedi leggere
rimanere IND. PR. io rimango, tu rimani, egli ri-
ligesti, egli predilesse, noi prediligemmo, voi
mane, noi rimaniamo, voi rimanete, essi ri-
prediligeste, essi predilessero
mangono
PART. PASS. prediletto
PASS. REM. io rimasi, tu rimanesti, egli rimase,
prendere IND. PASS. REM. io presi, tu prendesti,
noi rimanemmo, voi rimaneste, essi rimasero
egli prese, noi prendemmo, voi prendeste, essi FUTURO io rimarrò, tu rimarrai, egli rimarrà,
presero noi rimarremo, voi rimarrete, essi rimarranno
PART. PASS. preso
CONG. PR. che io rimanga, che tu rimanga, che
pretendere vedi tendere egli rimanga, che noi rimaniamo, che voi rima-
prevalere vedi valere niate, che essi rimangano
produrre vedi condurre COND. PR. io rimarrei, tu rimarresti, egli rimar-
promettere vedi mettere rebbe, noi rimarremmo, voi rimarreste, essi ri-
promuovere vedi muovere marrebbero
proporre vedi porre PART. PASS. rimasto
proteggere IND. PASS. REM. io protessi, tu proteg- rimordere vedi mordere
gesti, egli protesse, noi proteggemmo, voi pro- rimuovere vedi muovere
teggeste, essi protessero rinascere vedi nascere
PART. PASS. protetto rimpiangere vedi piangere
pungere IND. PASS. REM. io punsi, tu pungesti, egli richiudere vedi chiudere
punse, noi pungemmo, voi pungeste, essi pun- rincrescere vedi crescere
sero riprodurre vedi condurre
PART. PASS. punto riscuotere vedi scuotere
raccogliere vedi cogliere risolvere vedi assolvere
racchiudere vedi chiudere risorgere vedi sorgere
radere IND. PASS. REM. io rasi, tu radesti, egli rase, rispondere IND. PASS. REM. io risposi, tu rispon-
noi rademmo, voi radeste, essi rasero desti, egli rispose, noi rispondemmo, voi ri-
PART. PASS. raso spondeste, essi risposero
raggiungere vedi giungere PART. PASS. risposto
recidere vedi decidere ritenere vedi tenere
redigere IND. PASS. REM. io redassi, tu redigesti, ritrarre vedi trarre

130
Verbo

rivolgere vedi volgere PART. PASS. scorto


rodere IND. PASS. REM. io rosi, tu rodesti, egli rose, scorrere vedi correre

I PRINCIPALI VERBI IRREGOLARI


noi rodemmo, voi rodeste, essi rosero scrivere IND. PASS. REM. io scrissi, tu scrivesti, egli
PART. PASS. roso scrisse, noi scrivemmo, voi scriveste, essi scris-
rompere IND. PASS. REM. io ruppi, tu rompesti, sero
egli ruppe, noi rompemmo, voi rompeste, essi PART. PASS. scritto
ruppero scuotere IND. PASS. REM. io scossi, tu scotesti, egli
PART. PASS. rotto scosse, noi scotemmo, voi scoteste, essi scos-
sapere IND. PR. io so, tu sai, egli sa, noi sappiamo, sero
voi sapete, essi sanno PART. PASS. scosso
PASS. REM. io seppi, tu sapesti, egli seppe, noi sedere IND. PRES. io siedo, tu siedi, egli siede, noi
sapemmo, voi sapeste, essi seppero sediamo, voi sedete, essi siedono
FUTURO io saprò, tu saprai, egli saprà, noi sa- PASS. REM. io sedetti, tu sedesti, egli sedette, noi

premo, voi saprete, essi sapranno sedemmo, voi sedeste, essi sedettero
CONG. PR. che io sappia, che tu sappia, che egli FUTURO io siederò, tu siederai, egli siederà, noi

sappia, che noi sappiamo, che voi sappiate, siederemo, voi siederete, essi siederanno
CONG. PRES. che io sieda, che tu sieda, che egli
che essi sappiano
COND. PR. io saprei, tu sapresti, egli saprebbe,
sieda, che noi sediamo, che voi sediate, che es-
noi sapremmo, voi sapreste, essi saprebbero si siedano
COND. PRES. io siederei, tu siederesti, egli sie-
IMPER. PR. sappi, sappiate
PART. PR. sapiente
derebbe, noi siederemmo, voi siedereste, essi
scadere vedi cadere siederebbero
IMPER. PRES. siedi, sedete
scegliere IND. PR. io scelgo, tu scegli, egli sceglie,
noi scegliamo, voi scegliete, essi scelgono smuovere vedi muovere
PASS. REM. io scelsi, tu scegliesti, egli scelse, noi
socchiudere vedi chiudere
soccorrere vedi correre
scegliemmo, voi sceglieste, essi scelsero
soffriggere vedi friggere
CONG. PR. che io scelga, che tu scelga, che egli
soggiungere vedi giungere
scelga, che noi scegliamo, che voi scegliate,
solere IND. PR. io soglio, tu suoli, egli suole, noi
che essi scelgano
sogliamo, voi solete, essi sogliono
PART. PASS. scelto
CONG. PR. che io soglia, che tu soglia, che egli
scendere IND. PASS. REM. io scesi, tu scendesti, soglia, che noi sogliamo, che voi sogliate, che
egli scese, noi scendemmo, voi scendeste, essi essi sogliano
scesero PART. PASS. solito
PART. PASS. sceso
sopraggiungere vedi giungere
scindere IND. PASS. REM. io scissi, tu scindesti, sopravvivere vedi vivere
egli scisse, noi scindemmo, voi scindeste, essi sopprimere vedi esprimere
scissero sorgere IND. PASS. REM. io sorsi, tu sorgesti, egli
PART. PASS. scisso
sorse, noi sorgemmo, voi sorgeste, essi sorsero
sciogliere IND. PR. io sciolgo, tu sciogli, egli scio- PART. PASS. sorto
glie, noi sciogliamo, voi sciogliete, essi sciolgono sorprendere vedi prendere
PASS. REM. io sciolsi, tu sciogliesti, egli sciolse, sorridere vedi ridere
noi sciogliemmo, voi scioglieste, essi sciolsero sospendere vedi appendere
CONG. PR. che io sciolga, che tu sciolga, che egli sospingere vedi spingere
sciolga, che noi sciogliamo, che voi sciogliate, sottrarre vedi trarre
che essi sciolgano spargere IND. PASS. REM. io sparsi, tu spargesti,
PART. PASS. sciolto egli sparse, noi spargemmo, voi spargeste, essi
scommettere vedi mettere sparsero
sconfiggere IND. PASS. REM. io sconfissi, tu scon- PART. PASS. sparso
figgesti, egli sconfisse, noi sconfiggemmo, voi spegnere IND. PR. io spengo, tu spegni, egli spe-
sconfiggeste, essi sconfissero gne, noi spegniamo, voi spegnete, essi spengono
PART. PASS. sconfitto PASS. REM. io spensi, tu spegnesti, egli spense,
sconvolgere vedi volgere noi spegnemmo, voi spegneste, essi spensero
scorgere IND. PASS. REM. io scorsi, tu scorgesti, CONG. PR. che io spenga, che tu spenga, che egli
egli scorse, noi scorgemmo, voi scorgeste, essi spenga, che noi spegniamo, che voi spegniate,
scorsero che essi spengano

131
PARTE 3 • Morfologia

PART. PASS. spento PART. PASS. torto


spendere vedi appendere tradurre vedi condurre
I PRINCIPALI VERBI IRREGOLARI

spiacere vedi piacere trarre IND. PR. io traggo, tu trai, egli trae, noi tra-
spingere IND. PASS. REM. io spinsi, tu spingesti, iamo, voi traete, essi traggono
egli spinse, noi spingemmo, voi spingeste, essi IMPERF. io traevo, tu traevi, egli traeva, noi trae-
spinsero vamo, voi traevate, essi traevano
PART. PASS. spinto PASS. REM. io trassi, tu traesti, egli trasse, noi
sporgere vedi porgere traemmo, voi traeste, essi trassero
stendere vedi tendere FUTURO io trarrò, tu trarrai, egli trarrà, noi trar-
storcere vedi torcere remo, voi trarrete, essi trarranno
stringere IND. PASS. REM. io strinsi, tu stringesti, CONG. PR. che io tragga, che tu tragga, che egli
egli strinse, noi stringemmo, voi stringeste, es- tragga, che noi traiamo, che voi traiate, che es-
si strinsero si traggano
PART. PASS. stretto IMPERF. che io traessi, che tu traessi, che egli
succedere vedi concedere traesse, che noi traessimo, che voi traeste, che
PART. PASS. succeduto e succcesso essi traessero
suddividere vedi dividere COND. PR. io trarrei, tu trarresti, egli trarrebbe,
supporre vedi porre noi trarremmo, voi trarreste, essi trarrebbero
svolgere vedi volgere IMPER. PR. trai, traete
tacere IND. PR. io taccio, tu taci, egli tace, noi tac- PART. PASS. tratto
ciamo e noi taciamo, voi tacete, essi tacciono GERUNDIO PR. traendo
PASS. REM. io tacqui, tu tacesti, egli tacque, noi trasmettere vedi mettere
tacemmo, voi taceste, essi tacquero uccidere vedi decidere
CONG. PR. che io taccia, che tu taccia, che egli ungere IND. PASS. REM. io unsi, tu ungesti, egli un-
taccia, che noi taciamo, che voi taciate, che es- se, noi ungemmo, voi ungeste, essi unsero
si tacciano PART. PASS. unto
tendere IND. PASS. REM. io tesi, tu tendesti, egli te- valere IND. PR. io valgo, tu vali, egli vale, noi va-
se, noi tendemmo, voi tendeste, essi tesero liamo, voi valete, essi valgono
PART. PASS. teso PASS. REM. io valsi, tu valesti, egli valse, noi va-
tenere IND. PR. io tengo, tu tieni, egli tiene, noi lemmo, voi valeste, essi valsero
teniamo, voi tenete, essi tengono FUTURO io varrò, tu varrai, egli varrà, noi varre-
PASS. REM. io tenni, tu tenesti, egli tenne, noi mo, voi varrete, essi varranno
tenemmo, voi teneste, essi tennero CONG. PR. che io valga, che tu valga, che egli
FUTURO io terrò, tu terrai, egli terrà, noi terre- valga, che noi valiamo, che voi valiate, che essi
mo, voi terrete, essi terranno valgano
CONG. PR. che io tenga, che tu tenga, che egli COND. PR. io varrei, tu varresti, egli varrebbe,
tenga, che noi teniamo, che voi teniate, che es- noi varremmo, voi varreste, essi varrebbero
si tengano PART. PASS. valso
COND. PR. io terrei, tu terresti, egli terrebbe, noi vedere IND. PASS. REM. io vidi, tu vedesti, egli vi-
terremmo, voi terreste, essi terrebbero de, noi vedemmo, voi vedeste, essi videro
tergere IND. PASS. REM. io tersi, tu tergesti, egli FUTURO io vedrò, tu vedrai, egli vedrà, noi ve-
terse, noi tergemmo, voi tergeste, essi tersero dremo, voi vedrete, essi vedranno
PART. PASS. terso COND. PR. io vedrei, tu vedresti, egli vedrebbe,
tingere IND. PASS. REM. io tinsi, tu tingesti, egli noi vedremmo, voi vedreste, essi vedrebbero
tinse, noi tingemmo, voi tingeste, essi tinsero PART. PASS. visto
PART. PASS. tinto vincere IND. PASS. REM. io vinsi, tu vincesti, egli
togliere IND. PR. io tolgo, tu togli, egli toglie, noi vinse, noi vincemmo, voi vinceste, essi vinsero
togliamo, voi togliete, essi tolgono PART. PASS. vinto
PASS. REM. io tolsi, tu togliesti, egli tolse, noi to- vivere IND. PASS. REM. io vissi, tu vivesti, egli visse,
gliemmo, voi toglieste, essi tolsero noi vivemmo, voi viveste, essi vissero
CONG. PR. che io tolga, che tu tolga, che egli tol- FUTURO io vivrò, tu vivrai, egli vivrà, noi vivre-
ga, che noi togliamo, che voi togliate, che essi mo, voi vivrete, essi vivranno
tolgano COND. PR. io vivrei, tu vivresti, egli vivrebbe,
PART. PASS. tolto noi vivremmo, voi vivreste, essi vivrebbero
torcere IND. PASS. REM. io torsi, tu torcesti, egli PART. PASS. vissuto
torse, noi torcemmo, voi torceste, essi torsero volere IND. PR. io voglio, tu vuoi, egli vuole, noi

132
Verbo

vogliamo, voi volete, essi vogliono CONG. PR. che io muoia, che tu muoia, che egli
PASS. REM. io volli, tu volesti, egli volle, noi vo- muoia, che noi moriamo, che voi moriate, che

I PRINCIPALI VERBI IRREGOLARI


lemmo, voi voleste, essi vollero essi muoiano
FUTURO io vorrò, tu vorrai, egli vorrà, noi vor- PART. PASS. morto
remo, voi vorrete, essi vorranno offrire IND. PASS. REM. io offrii, tu offristi, egli of-
CONG. PR. che io voglia, che tu voglia, che egli frì, noi offrimmo, voi offriste, essi offrirono
voglia, che noi vogliamo, che voi vogliate, che PART. PASS. offerto
essi vogliano predire vedi dire (ma IMPER. PR. predici)
COND. PR. io vorrei, tu vorresti, egli vorrebbe, prevenire vedi venire
noi vorremmo, voi vorreste, essi vorrebbero provenire vedi venire
volgere IND. PASS. REM. io volsi, tu volgesti, egli ricoprire vedi coprire
volse, noi volgemmo, voi volgeste, essi volsero rinvenire vedi venire
PART. PASS. volto risalire vedi salire
riuscire vedi uscire
salire IND. PR. io salgo, tu sali, egli sale, noi salia-
3a CONIUGAZIONE mo, voi salite, essi salgono
CONG. PR. che io salga, che tu salga, che egli
I verbi irregolari della 3a coniugazione non sono
molti, i più usati sono: salga, che noi saliamo, che voi saliate, che essi
salgano
apparire IND. PR. io appaio, tu appari, egli appare,
scoprire vedi coprire
noi appariamo, voi apparite, essi appaiono
seppellire PART. PASS. sepolto
PASS. REM. io apparvi, tu apparisti, egli apparve,
socchiudere vedi chiudere
noi apparimmo, voi appariste, essi apparvero
soffrire vedi offrire
CONG. PR. che io appaia, che tu appaia, che egli
svenire vedi venire
appaia, che noi appariamo, che voi appariate, udire IND. PR. io odo, tu odi, egli ode, noi udiamo,
che essi appaiano voi udite, essi odono
PART. PASS. apparso
FUTURO io udrò, tu udrai, egli udrà, noi udre-
aprire PART. PASS. aperto mo, voi udrete, essi udranno (io udirò, ecc.)
assalire vedi salire CONG. PR. che io oda, che tu oda, che egli oda,
avvenire vedi venire che noi udiamo, che voi udiate, che essi odano
benedire vedi dire (ma IMPER. PR. benedici) COND. PR. io udrei, tu udresti, egli udrebbe, noi
comparire vedi apparire udremmo, voi udreste, essi udrebbero (io udi-
contraddirte vedi dire rei, ecc.)
convenire vedi venire IMPER. PR. odi
coprire PART. PASS. coperto uscire IND. PR. io esco, tu esci, egli esce, noi uscia-
dire IND. PR. io dico, tu dici, egli dice, noi dicia- mo, voi uscite, essi escono
mo, voi dite, essi dicono CONG. PR. che io esca, che tu esca, che egli esca,
IMPERF. io dicevo, tu dicevi, egli diceva, noi di- che noi usciamo, che voi usciate, che essi escano
cevamo, voi dicevate, essi dicevano IMPER. PR. esci
PASS. REM. io dissi, tu dicesti, egli disse, noi di- venire IND. PR. io vengo, tu vieni, egli viene, noi
cemmo, voi diceste, essi dissero veniamo, voi venite, essi vengono
CONG. PR. che io dica, che tu dica, che egli dica, PASS. REM. io venni, tu venisti, egli venne, noi
che noi diciamo, che voi diciate, che essi dicano venimmo, voi veniste, essi vennero
IMPERF. che io dicessi, che tu dicessi, che egli FUTURO io verrò, tu verrai, egli verrà, noi verre-
dicesse, che noi dicessimo, che voi diceste, che mo, voi verrete, essi verranno
essi dicessero CONG. PR. che io venga, che tu venga, che egli
IMPER. PR. di’ venga, che noi veniamo, che voi veniate, che
PART. PR. dicente essi vengano
PART. PASS. detto COND. PR. io verrei, tu verresti, egli verrebbe,
GERUNDIO PR. dicendo noi verremmo, voi verreste, essi verrebbero
divenire vedi venire PART. PASS. venuto
intervenire vedi venire
maledire vedi dire
(ma IMPER. PR. maledici)
morire IND. PR. io muoio, tu muori, egli muore,
noi moriamo, voi morite, essi muoiono

133
PARTE 3 • Morfologia

SCHEDA

58 Verbo: modo indicativo


L’indicativo presenta un fatto come una semplice informazione, cioè lo presenta
come certo, reale: Luca scrive bene.
Ha otto tempi: quattro semplici e quattro composti.

Tempi semplici Tempi composti


presente io scrivo passato prossimo io ho scritto
imperfetto io scrivevo trapassato prossimo io avevo scritto
passato remoto io scrissi trapassato remoto io ebbi scritto
futuro io scriverò futuro anteriore io avrò scritto

P Il presente indica che il fatto si svolge nel momento stesso in cui si parla:
Apro la finestra
oppure eventi che si ripetono:
Il medico riceve alle 9.
P L’imperfetto indica un fatto passato nel suo svolgersi o nel suo ripetersi, senza
precisarne l’inizio e la fine:
I ragazzi cantavano allegramente.
Luca prendeva il treno tutti i giorni.
P Il passato prossimo indica che il fatto è avvenuto da poco tempo:
È uscito tre ore fa.
oppure che è avvenuto da molto tempo, ma i suoi effetti si sentono ancora:
Sono nato nel 1990.
P Il passato remoto indica che il fatto è avvenuto da molto tempo:
I dinosauri si estinsero per cause ancora ignote.
oppure che è avvenuto da poco tempo, ma che è sentito come concluso, a sé
stante, senza relazione con il presente:
In quel momento ebbi paura.
P Il trapassato prossimo e il trapassato remoto indicano un fatto avvenuto nel
passato prima di un altro anch’esso passato:
Avevamo finito di cenare, quando è arrivata quella telefonata.
Non appena ebbe finito, uscì.
P Il futuro semplice indica che il fatto si realizzerà nel futuro:
Partiremo domani.
P Il futuro anteriore indica che un fatto si realizzerà nel futuro prima di un altro
anch’esso futuro:
Ti chiamerò quando avrò finito.

134
Verbo

1 Modiica le frasi così da esprimere il fatto come certo, reale, usando il modo indicativo.
1. Penso che Marco studi l’inglese. Marco ..... studia l’inglese ......................................................................
2. Credo che il pacco sia arrivato. Il pacco ..........................................................................................................
3. Spero che Luca rifletta su questo problema. Luca .................................................................................................................
4. Cammina in modo disinvolto! Tu .....................................................................................................................
5. Berrei un’aranciata. Io .......................................................................................................................
6. Mi sembra che la finestra sia aperta. La finestra ....................................................................................................

2 Sottolinea le forme composte dei verbi, poi indica il tempo.


1. Ieri sera abbiamo visto l’eclisse di luna. ................................ 2. Telefonami quando avrai sostenuto l’esame.
................................ 3. Il giardiniere rimproverò i ragazzi perché avevano calpestato le aiuole. ................................

4. Dopo che ebbe trovato la causa dei suoi disturbi, poté curarsi. ................................ 5. Bravi! Avete servito
un ottimo dolce alla fine del pranzo. .............................. 6. Uscirò quando avrò finito di studiare. .............................
7. Dimmi a che ora sei tornato. ................................ 8. Quest’albero darà molti frutti quando sarà cresciuto
abbastanza. ................................ 9. Ci spiegò perché era venuto a trovarci. ............................. 10. Dopo che se ne fu
andato trovammo le sue chiavi. ................................ 11. Penso che siamo giunti appena in tempo. ...............................

3 Di ciascun verbo indica il tempo e la persona. Usa il quaderno.


1. gioca, puliranno, portarono, scrivevamo, volò, taceva, leggi, costruirà, tagliammo, penso 2. hanno
detto, avevate parlato, ebbe dormito, ebbero cantato, abbiamo camminato, avranno saltato, aveva scritto,
ho nuotato, hai scritto, avrete visto 3. sono vissuti, eravate partiti, fu tornato, furono giunti, eravamo
saliti, saranno nati, è cresciuto, sono rimasti, sei salito, sarete partiti

4 Completa coniugando all’imperfetto o al passato remoto i verbi tra parentesi.


1. Per un attimo ........................................... (pensare) che non ce l’avrei fatta. 2. Nel corridoio ho visto Luca che
......................................... (discutere) animatamente con Luisa. 3. Mi svegliai quando .................................. (sentire) il

campanello che .................................. (suonare). 4. Ogni giorno prima ................................. (terminare) il suo lavoro,
poi ............................ (giocare) con il computer. 5. Entrando in pizzeria, noi .................................... (accorgersi ) che
................................ (essere) i primi. 6. Quel giorno Marta .................................. (incontrare) Marco e Teo, due ragazzi

che .................................. (venire) dalla Toscana.

5 Sottolinea una volta i verbi al trapassato prossimo, due volte i verbi al trapassato remoto.
1. Luca aveva studiato molto, perciò l’insegnante lo lodò. 2. Il sole era appena tramontato, quando arri-
vammo al rifugio. 3. Riordinarono quando ebbero finito. 4. Laura era contenta perché erano arrivati i
suoi amici. 5. Non appena ebbe detto quelle parole, si pentì. 6. Eravamo stanchi perché avevamo cam-
minato per tre ore. 7. Quando fu arrivato, ci chiamò. 8. Appena tutti furono entrati, la lezione comin-
ciò. 9. Uscii dopo che ebbi cenato. 10. Poiché gli altri avevano già finito, dovetti consegnare il compito.

6 Completa coniugando al futuro anteriore il verbo tra parentesi.


1. Dopo che ...................................................... (comperare) la frutta, tornerò a casa e preparerò la cena. 2. Partiremo
quando il meccanico ............................................ (fare) il controllo dei freni. 3. Mangeremo dopo che ..........................
(arrivare) papà. 4. Solo se ..................................................................... (sistemare) la tua stanza, la mam-
................................

ma ti darà le chiavi del motorino. 5. Quando tutti ............................................................... (salire) il pullman partirà.
6. Prenderò la patente dopo che ............................................................. (compiere) diciotto anni.

135
PARTE 3 • Morfologia

SCHEDA

59 Verbo: modo congiuntivo


Il congiuntivo presenta un fatto non come certo e reale, ma come una possibili-
tà, un dubbio, un desiderio:
Che abbia la febbre?
Il congiuntivo ha quattro tempi: due semplici e due composti.
Tempi semplici Tempi composti
presente che io scriva passato che io abbia scritto
imperfetto che io scrivessi trapassato che io avessi scritto

Si usa per esprimere:


P una possibilità:
Mi sembra che Laura arrivi oggi e che Marco e Luca siano arrivati ieri.
P un dubbio riferito al presente: Che abbia ragione mia madre?
o al passato: Che avesse ragione mia madre?
P un desiderio, un augurio: Magari vincessi alla lotteria!
P un ordine o un’esortazione: Vada via di qua! Abbiate fiducia.

Per non commettere errori Difficoltà nell’uso del congiuntivo


Le seguenti frasi mostrano gli errori più frequenti nell’uso del congiuntivo.
P Nel coniugare al congiuntivo verbi irregolari:

Forme errate Forme corrette


Vadino pure dove vogliono. Vadano pure dove vogliono.
Vorrei che mi dassi una mano. Vorrei che mi dessi una mano.
Mi facci il piacere! Mi faccia il piacere!

P Nell’uso dell’indicativo al posto del congiuntivo:

Forme errate Forme corrette


Mi piacerebbe che vieni anche tu. Mi piacerebbe che venissi anche tu.
Non andrò, benché mi hanno invitato. Non andrò, benché mi abbiano invitato.
Non sono sicuro che è giusto. Non sono sicuro che sia giusto.
Finiremo prima che torna Luisa. Finiremo prima che torni Luisa.
È inutile che suona! È inutile che suoni!
Andrò anch’io, a meno che piove. Andrò anch’io, a meno che piova.
Bisogna che tu mi dici la verità. Bisogna che tu mi dica la verità.
Spero che Marta mi telefona. Spero che Marta mi telefoni.

136
Verbo

1 Completa coniugando al congiuntivo presente il verbo dato.


a. 1a coniugazione: verbi in -are
1. Penso che tu (cantare) ........................ molto bene. 2. È necessario che due insegnanti (accompagnare)
........................ i ragazzi in gita. 3. È meglio che voi (portare) ........................ l’ombrello. 4. Mettete in ordine

prima che io (ritornare) ......................... 5. Credo che Paola (mangiare) ........................ troppi dolci.
b. 2a coniugazione: verbi in -ere
1. Mi sembra che tu (piangere) ........................ troppo spesso. 2. Non è possibile che io (credere) ........................ a
queste sciocchezze. 3. È meglio che voi (leggere) ........................ di più. 4. È necessario che Luca e Roberto
(chiedere) ........................ il permesso per uscire prima. 5. Mi auguro che Laura (riflettere) ........................ bene
prima di decidere.
c. 3a coniugazione: verbi in -ire
1. Non è possibile che io (partire) ........................ tra dieci minuti. 2. È meglio che tu non (aprire) ........................
la porta quando sei solo in casa. 3. È importante che i ragazzi (dormire) ........................ almeno otto ore.
4. Mi sembra che Cinzia (soffrire) ....................... poco il solletico. 5. Pretendo che voi (pulire) ........................
tutto e subito.

2 Completa coniugando al congiuntivo passato il verbo dato.


1. Temo che tu (mangiare) ................................ troppo. 2. Non so che cosa voi (fare) ............................... a Fido
per farlo abbaiare tanto. 3. Non credo che Marta (dire) ............................. la verità. 4. Speriamo che questa
volta i ragazzi (imparare) ............................. la lezione. 5. Nessuno crede che io (montare) ............................... da
solo questo modellino. 6. Penso che Michele (partire) ................................ un’ora fa. 7. Temo che tu (uscire)
.............................. troppo presto. 8. Non credono che io (riuscire) ............................... a rispondere correttamente

a tutti i quiz. 9. È possibile che voi (capitare) ............................. qui per caso? 10. Penso che questi alberi
(crescere) ............................ troppo.

3 Completa le espressioni passando dal congiuntivo imperfetto al trapassato.


1. Pensavi che io parlassi bene l’inglese? - Pensavi che io ......avessi parlato......... in modo chiaro?
2. Marta temeva che io credessi a questa bugia. - Marta temeva che io ........................................... a questa bugia.
3. La mamma voleva che io dormissi otto ore. - La mamma temeva che io non ......................................... abbastanza.
4. Tu pensavi che io arrivassi in ritardo. - Tu pensavi che io ......................................... in ritardo.
5. Temevano che io cadessi. - Temevano che io ...............................................
6. Pensavano che io partissi. - Pensavano che ormai io ...............................................

4 Sottolinea i congiuntivi e indicane il tempo e la persona.


1. Vorrei che Gina venisse con noi in montagna. ........................................................
2. Gina si sarebbe divertita se fosse venuta con noi in montagna. ........................................................
3. La mamma temeva che io cadessi dalla scala. ........................................................
4. La mamma pensava che io fossi caduto dalla scala. ........................................................
5. Non avrebbero fatto indigestione se avessero mangiato meno dolciumi. ........................................................
6. Vorrebbe che lo chiamaste a far parte della squadra. ........................................................
7. Se tu li avessi invitati, sarebbero venuti. ........................................................

137
PARTE 3 • Morfologia

SCHEDA

60 Verbo: modo condizionale


Il condizionale presenta un fatto come una possibilità che può verificarsi a con-
dizione che se ne verifichi un altro:
Verrei se potessi.
Il condizionale ha due tempi: uno semplice e uno composto.

Tempo semplice Tempo composto


presente io scriverei passato io avrei scritto

Si usa per esprimere:


P una possibilità «condizionata», ossia:
– ciò che avverrebbe se si verificasse una certa condizione:
Se piovesse, ci bagneremmo.
– ciò che sarebbe avvenuto se si fosse verificata una certa condizione:
Se fosse piovuto, ci saremmo bagnati.
P un dubbio riferito al presente o al futuro o al passato:
Che cosa potrei (avrei potuto) fare?
P un desiderio riferito al presente o al passato:
Mangerei (avrei mangiato) volentieri un panino.
P una richiesta cortese: Mi passeresti l’acqua?
P una notizia non data per certa: Napoleone sarebbe stato avvelenato.
La congiunzione se deve essere seguita in genere dal congiuntivo, non dal condi-
zionale. Si dirà: Verrei se potessi. Ma non si dirà ... se potrei.

Per non commettere errori Condizionale o congiuntivo?


P È un errore grave usare il condizionale dopo la congiunzione se quando esprimiamo un’ipotesi: si
deve usare il congiuntivo.

Forme errate Forme corrette


Anche se lo saprei, non te lo direi. Anche se lo sapessi, non te lo direi.
Andremmo volentieri a trovarli, se potremmo. Andremmo volentieri a trovarli, se potessimo.
Non temerebbe l’esame, se avrebbe studiato. Non temerebbe l’esame, se avesse studiato.

P È corretto usare il condizionale dopo la congiunzione se quando esprimiamo una domanda in for-
ma indiretta: Mi chiedo se sarei in grado di superare anch’io questo esame.

P Ricorda che i verbi volere, desiderare, preferire, pretendere... al condizionale presente sono seguiti
da una frase al congiuntivo imperfetto perché esprimono un fatto che può realizzarsi.
Non si dirà: Vorrei che tu vieni. (o venga)
Ma si dirà: Vorrei che tu venissi.

138
Verbo

1 Sottolinea i condizionali e indicane il tempo e la persona.


1. Come sarebbe contenta la nonna, se avesse un canarino! ...................................... 2. Anche noi, se fossimo
soli al buio, avremmo paura! ......................................... 3. Anche loro avrebbero avuto bisogno di una vacanza
al mare. ..................................... 4. Se foste stati più prudenti, non avreste avuto quell’incidente. ....................................
5. Anch’io avrei piacere di conoscere i tuoi amici. ................................... 6. Secondo te, questi sarebbero dei
buoni risultati? ................................... 7. Voi sareste dei campioni, se vi allenaste di più. ................................... 8. Se
non avessimo finito i soldi, saremmo stati in vacanza più a lungo. ...................................

2 Completa coniugando al condizionale presente il verbo dato.


a. 1 coniugazione: verbi in -are 1. Mamma, mi (chiamare) ........................... alle sette, domani? 2. Secondo
a

lui, noi (meritare) ........................... un voto più alto. 3. Per piacere, ragazzi, mi (portare) ........................... un bic-
chiere d’acqua? 4. Se potessero, (aiutare) ........................... tutti. 5. Se io avessi i pattini, te li (prestare)
............................

b. 2a coniugazione: verbi in -ere 1. Mi (piacere) ........................... un gelato alla fragola. 2. Signora, (pren-
dere) ........................... volentieri un tè freddo? 3. Luisa, (correre) ........................... a comprare il pane, prima
che chiuda il negozio? 4. Ragazzi, (accendere) ........................... il fuoco nel camino? 5. Se si esercitassero
costantemente, (leggere) ........................... in modo più scorrevole.
c. 3a coniugazione: verbi in -ire 1. Se conoscessi la lingua, anche tu (capire) ......................... le battute. 2. Se
ci impegnassimo, (riuscire) ........................... a farlo. 3. I ragazzi si (divertire) ........................... di più, se ci fosse
una musica diversa. 4. (finire) ........................... voi questo lavoro al posto mio?

3 Completa coniugando al condizionale passato il verbo dato.


1. Se tu mi avessi portato la valigia, mi (fare) un favore. 2. Se avessi potuto scegliere,
.....................................

(preferire) .............................................. un gelato alla fragola. 3. Secondo lui, in quell’occasione noi (meritare)
............................................ un voto più alto. 4. Se me li avessi chiesti, te li (dare) .......................................... certamente.

5. Se non avessero perso il treno, (arrivare) ............................................. prima. 6. Se vi avessero invitati alla festa,
(andare) .................................................. anche voi? 7. Se ci fossimo impegnati di più, (riuscire) .............................................

4 Completa usando in modo corretto il condizionale e il congiuntivo dei verbi dati.


1. Se Carla (potere) ..........................., (venire) ........................... con noi al mare. 2. Se tu (avere) ........................... queste
tre figurine, (completare) ........................... la raccolta. 3. Gli (telefonare) ..........................., se (trovare) ...........................
il suo numero. 4. Vai a letto: (dovere) ........................... svolgere molti compiti, ma hai la febbre. 5. Se voi
(portare) ........................... l’ombrello, non vi (bagnare) ........................... sempre. 6. Se stamattina voi (portare)
........................... l’ombrello, non vi (bagnare) ........................... così tanto. 7. Se domenica prossima noi (andare)

........................... al luna park tutti insieme, (divertirsi ) ........................... moltissimo.

5 Sottolinea e correggi gli errori nell’uso del congiuntivo.


1. Verrei anch’io con voi se potrei. ................................. 2. Se avrebbero raccontato subito quello che era suc-
cesso, ora non sarebbero nei pasticci. ................................ 3. Se tu credessi alle sue parole, saresti un ingenuo.
.................................. 4. Potresti andare anche tu con loro, se avresti già finito di studiare storia. .............................

5. Se potrebbe andare al mare, farebbe il bagno tutti i giorni. ................................. 6. Anche noi staremmo male,
se avremmo mangiato tutto quel gelato. ...................................... 7. Se studiassi di più la grammatica, parlerei
meglio. ......................................

139
PARTE 3 • Morfologia

SCHEDA

61 Verbo: modo imperativo


Il modo imperativo presenta il fatto come un ordine:
Scrivi, Luca! Scrivete, ragazzi!
L’imperativo ha un solo tempo, il presente, e solo due persone (la 2a sing. e la 2a
plur.)

Tempo semplice Tempo composto


presente scrivi ––
scrivete ––

Si usa per esprimere:


P un ordine: Esci subito di lì!
P un augurio: Sii felice!
P una preghiera: Aiutami!
Quando si deve esprimere un ordine in forma negativa, cioè un divieto, alla 2a
pers. sing. si usa il non seguito dall’infinito: Non scrivere!
Poiché ha solo la 2a persona, l’imperativo si può usare unicamente per rivolgersi a
persone alle quali si dà del tu (al plurale voi) perché si è in confidenza.
Quando invece ci si rivolge a una persona a cui si dà del lei (al plurale loro) e
alla quale si vuole fare una richiesta o intimare un ordine si usano modi diversi
dall’imperativo.
Nell’esprimere un ordine si usano la 3a persona singolare e plurale del congiunti-
vo presente:
Scriva in stampatello! Scrivano in stampatello!
Nell’esprimere una richiesta o un ordine in forma cortese e garbata si usano la 3a
persona singolare e plurale del condizionale presente:
Scriverebbe in stampatello, per cortesia?
Scriverebbero in stampatello, per cortesia?

1 Sottolinea l’imperativo e scrivi a quale verbo appartiene.


1. Scendi da lì perché ti fai male! ................................. 2. Siate più puntuali! ................................. 3. Inizia a piovere:
esci immediatamente dall’acqua! ................................. 4. Riponete i libri nello scaffale, prima di uscire dalla
classe! ................................. 5. Vieni subito ad apparecchiare, perché io devo badare al risotto! .................................
6. Bevi la medicina, anche se è amara! ............................ 7. Abbiate pazienza, è un po’ maldestro! ..............................
8. Di’ la verità per una volta almeno! .................................... 9. Per non creare confusione state al vostro posto!
............................. 10. Sii più preciso. ................................. 11. Abbi cura del casco! .................................

2 Completa coniugando all’imperativo il verbo dato.


1. Vorrei dello zucchero, (essere) ..................... così gentile da passarmelo. 2. Non ti preoccupare, (ave-
re) .................. fiducia in me! 3. Mi raccomando, (essere) ........................ prudenti! 4. Ragazzi, (avere)

140
Verbo

........................... la cortesia di tacere. 5. (spegnere) ........................... la luce quando esci dalla stanza! 6. (inserire)
.............................. il dischetto dopo che hai acceso il computer. 7. (dare) ...................... tutti una mano a papà!

8. Avete finito? Allora (consegnare) ...........................! 9. Appena arrivi, (telefonare) ...........................! 10. Guidi
tu? (stare) ........................... attento!

3 Sottolinea i verbi all’imperativo e indica se esprimono comando (C), augurio (A) o preghiera (P).
1. Dammi un gelato! 2. Torna sano e salvo! 3. Proteggi i miei genitori! 4. Fai un buon
viaggio! 5. Fa freddo: copritevi! 6. Ricordati di me!

4 Trasforma gli ordini in divieti, cioè esprimili in forma negativa, e viceversa.


1. Entra! - .....................................! 2. Chiudete! - ..........................................! 3. Fuggi! - ........................................! 4. Apri!
- ......................................! 5. ...................................! - Non prendere! 6. Esci! - ......................................! 7. .....................................! -
Non parlate! 8. Scrivete! - .........................................! 9. Guarda! - ........................................!

5 Modiica i comandi passando dal tu al lei, usando quindi il modo congiuntivo.


1. Entra pure! - ...Entri... pure, signora! 2. Racconta tutto dall’inizio. - Signor Rossi, ................................ tutto
dall’inizio! 3. Torna a trovarmi! - Dottoressa, ........................... a trovarmi! 4. Aiutami! - Professore, mi
...........................! 5. Scrivi in stampatello! - ........................... in stampatello! 6. Chiudi la porta! - ...........................

la porta! 7. Metti una firma qui! - ........................... una firma qui! 8. Dormi ora: è tardi! - ........................... ora,
signora: è tardi! 9. Offri a tutti la torta! - Signora Germana, ........................... a tutti la torta! 10. Sii più pre-
ciso! - Dottore, ........................... più preciso!

6 Modiica le frasi passando dal comando o da una richiesta espressa in forma diretta e decisa a
una richiesta espressa in forma cortese e garbata, usando quindi il condizionale.
1. Voglio il gelato. - .............................. il gelato. 2. Voglio uscire con i miei amici. - .............................. uscire con
i miei amici. 3. Racconta tutto dall’inizio. - Mi ................................ tutto dall’inizio? 4. Torna a trovarmi! -
.............................. a trovarmi? 5. Passami il giornale! Mi ................................... il giornale? 6. Devi restituirmi il

berretto. - .................................... restituirmi il berretto. 7. Deve aspettare fuori. - .................................. aspettare fuori.
8. Mi presti la tua bici? - Mi ...................................... la tua bici? 9. Mi indica la strada? - Mi .................................... la
strada? 10. Mi servono i soldi per il cinema. - Mi .............................. i soldi per il cinema.

7 Nelle seguenti frasi gli ordini e le richieste non sono espressi con l’imperativo, ma con altri
modi: speciica se con l’indicativo (I), il congiuntivo (Cong) o il condizionale (Cond).
1. Non uscirai fino a domenica! 2. Mi dia delle arance. 3. Ci prestereste i pennarelli?
4. Tu ora confessi tutto! 5. Mi daresti un bicchiere d’acqua? 6. Vengano avan-
ti, c’è posto! 7. Pulirete tutto quanto prima di uscire!

141
PARTE 3 • Morfologia

SCHEDA

62 Verbo: modo infinito


L’infinito indica il significato fondamentale del verbo ed è la forma riportata dal
vocabolario: tornare, sorridere, uscire...
Ha due tempi: uno semplice e uno composto. Essendo un modo indefinito, non
segnala la persona e, solo in alcuni casi, il genere e il numero: essere usciti.
Tempo semplice Tempo composto
presente scrivere passato avere scritto

Si usa per esprimere:


P un ordine negativo alla 2a pers. sing.: Non gridare!
P un’istruzione data in modo impersonale: Leggere attentamente le istruzioni.
P un dubbio: Che fare?
P immediatezza e vivacità in una narrazione: Ecco comparire il preside.
Si usa infine per riferire le parole pronunciate da qualcuno (discorso indiretto):
Il medico mi ha detto di mangiare meno dolci.
Spesso è usato anche come nome: Il crescere porta molti cambiamenti.
L’infinito presente si usa quando l’azione è contemporanea o posteriore a quella
del verbo da cui dipende:
– contemporaneità Decido
Ho deciso di partire.
Deciderò
– posteriorità Mi chiedono
Mi hanno chiesto di tornare nel pomeriggio.
Mi chiederanno
L’infinito passato si usa quando l’azione è anteriore a quella del verbo da cui dipende:
– anteriorità Sono sicuro
Ero sicuro di aver capito.
Solo così sarò sicuro

1 Raggruppa le voci verbali che appartengono allo stesso verbo e scrivi accanto la forma che cerche-
resti sul vocabolario, cioè l’ininito presente.
arrivava, partiremo, ho sentito, vedesse, temo, siamo arrivati, sentiremmo, avrei temuto, sentiste, vedi
Voci verbali Ininito presente

........................................................................................................................................................................ ...........................................................................

........................................................................................................................................................................ ...........................................................................

........................................................................................................................................................................ ...........................................................................

........................................................................................................................................................................ ...........................................................................

........................................................................................................................................................................ ...........................................................................

........................................................................................................................................................................ ...........................................................................

........................................................................................................................................................................ ...........................................................................

142
Verbo

2 Sottolinea una volta i verbi all’ininito presente, due volte quelli all’ininito passato.
1. Voglio essere in stazione prima di Paola. 2. Dopo aver comperato le medicine, torna subito. 3. Io
non posso credere alle tue parole. 4. Non vuole studiare con me. 5. È sicuro di aver ottenuto ciò che
voleva. 6. Io penso di avere la febbre. 7. Tu preferisci parlare con i tuoi amici. 8. Ho il torcicollo per
aver dormito con la finestra aperta. 9. Prima di preparare la valigia per partire, devo fare una telefonata.
10. Agitare prima dell’uso!

3 Nelle coppie di frasi l’ininito è usato una volta al presente, una volta al passato: completa con le
forme mancanti.
1. Temo di parlare troppo oggi. - Temo di ................................... troppo ieri. 2. Non ti sembra di dormire trop-
po? - Non ti sembra di .................................. troppo ieri? 3. Speriamo di ................................... bene questa sera. -
Speriamo di aver recitato bene ieri. 4. Dice di conoscere bene quel tale. - Dice di ................................... bene
quel tale durante le vacanze. 5. Pensa di ................................... presto domani pomeriggio. - Pensa di essere par-
tito troppo presto. 6. Vorrei essere al suo posto in questo momento. - Vorrei ................................... al suo posto
in quell’occasione. 7. Penso di avere spesso fortuna. - Penso di ................................... spesso fortuna.

4 Sostituisci gli ordini con istruzioni, date in modo impersonale. Osserva l’esempio.
1. Per le macchie di catrame sulla pelle evita (...evitare...) i detersivi: passa (.......................) un batuffolo imbe-
vuto di olio d’oliva; se non basta una sola passata ripeti (.......................) il massaggio. 2. Non prendete
(.......................) il sole nelle ore più calde della giornata (dalle 11 alle 16) e tenete (.......................) sempre addosso
una maglietta di cotone bianca. 3. Dopo il bagno in mare, fa’ (.......................) la doccia e metti (.......................) il
costume asciutto: usa (.......................) i sandali, perché docce e cabine nascondono funghi e parassiti.

5 Sottolinea i verbi all’ininito e indica se esprimono divieto (Di), istruzione (I), dubbio (D).
1. Non correre nel corridoio! 2. Lavare la ferita con acqua e sapone. 3. Che dire per-
ché la smetta? 4. A chi chiedere questa informazione? 5. Non disturbare i vicini!
6. Cancellare tutti i messaggi già ascoltati.

6 Trasforma il discorso diretto in indiretto.


1. La zia mi ha chiesto: «Mi porti un bicchiere d’acqua?» - La zia mi ha chiesto ...di portarle... un bicchiere
d’acqua. 2. La mamma mi ha detto: «Vai dalla nonna! » - La mamma mi ha detto .............................. dalla
nonna. 3. Il giudice ordinò: «Uscite tutti! » - Il giudice ordinò .............................. a tutti. 4. Mio fratello ha
promesso: «Tornerò presto» - Mio fratello ha promesso .............................. presto. 5. Il medico mi ha racco-
mandato: «Stai a riposo per una settimana! » - Il medico mi ha raccomandato .............................. a riposo per
una settimana.

7 Sostituisci le espressioni in corsivo con un verbo al modo ininito eventualmente preceduto da


una preposizione.
1. Abbiamo deciso che trascorreremo (...............................................) le vacanze pasquali a San Marino. 2. Dopo
che avrai finito (................................................) i compiti farai merenda. 3. Deve sistemare tutto prima che parta
(...................................................) 4. Era tanto stanco che non riusciva (..........................................................) a stare sveglio.
5. Ritirerete il pettorale con il numero dopo che avrete compilato (.....................................................) il modulo d’i-
scrizione. 6. Siamo passati con il rosso senza che ce ne accorgessimo (...................................................).

143
PARTE 3 • Morfologia

SCHEDA

63 Verbo: modo gerundio


Il gerundio indica le circostanze in cui si svolge il fatto espresso dal verbo da
cui dipende.
Sbagliando s’impara.
Ha due tempi: uno semplice e uno composto. Essendo un modo indefinito, non
segnala la persona e, solo in alcuni casi, segnala il genere e il numero:

Tempo semplice Tempo composto


presente scrivendo passato avendo scritto

In particolare si usa per esprimere:


P il tempo (quando?): Sono caduto giocando.
P la causa (perché?): Sono stanco avendo giocato a lungo.
P il modo e il mezzo (come? per mezzo di che cosa?): Un bimbo impara giocando.
P la condizione (a quale condizione?): Svilupperebbe la socialità giocando in gruppo.
Si usa inoltre frequentemente con i verbi stare e andare per esprimere lo svolgi-
mento o lo sviluppo di un’azione: Sta leggendo. Il tempo va peggiorando.
Il gerundio presente esprime un’azione contemporanea a quella del verbo da cui
dipende:
Arriva
È arrivato correndo.
Arriverà
Il gerundio passato indica un’azione anteriore a quella espressa dal verbo da cui
dipende:
li arresta.
La polizia, avendo le prove, li ha arrestati.
li arresterà.
Il gerundio passato non è molto usato e spesso è sostituito da una frase:
Avendo cantato bene, fu applaudito.
Poiché aveva cantato bene, fu applaudito.

1 Sottolinea una volta i verbi al gerundio presente, due volte al gerundio passato.
1. Mi rilasso preparando un dolce. 2. Se ti punge un’ape, sentirai un grande sollievo mettendo sul-
la pelle alcune foglie di prezzemolo. 3. Non avendo mescolato in continuazione, ha lasciato che il
risotto si attaccasse al fondo della pentola. 4. Ha trascorso tutto il pomeriggio lavorando in giardino.
5. Non avendo usato la crema solare, mi sono scottato. 6. I gatti manifestano il loro affetto sten-
dendosi con il pancino all’aria. 7. Essendo saliti sulla torre, abbiamo visto tutta la cinta delle mura.
8. Quando torno da scuola, Bobi mi viene incontro scodinzolando. 9. Curando con costanza il giardi-
no, avrete una fioritura migliore. 10. Avendo preso la funicolare, abbiamo visitato la parte alta della
città.

144
Verbo

2 Completa coniugando il verbo essere o avere al gerundio.


1. ........................... molto appetito, ho chiesto un panino alla zia. 2. Si è abbronzata poco, ........................... di pelle
chiara. 3. Non viene volentieri a casa mia, ........................... una brutta esperienza con i miei cani. 4. Tiene
tutti allegri, ........................... una persona molto simpatica e cordiale. 5. È una città frequentata da molti
turisti .......................... in riva al mare e .......................... un clima molto mite. 6. Non ........................... mai in Germania,
Marco è partito per raggiungerti.

3 Modiica le frasi sostituendo il gerundio.


1. Tu fai molti errori, scrivendo (...quando scrivi...). 2. Io mangiavo spesso, avendo (..........................................)
molto appetito. 3. Tornando (..........................................) da scuola, ho incontrato mio cugino. 4. Sono scivo-
lato in bagno, facendo (....................................................) la doccia. 5. La mamma è stanca, avendo lavorato (.........
.................................) tutto il giorno. 6. Essendoti impegnato (..........................................) di più hai raggiunto la
sufficienza. 7. Ci scambieremo gli indirizzi, partendo (..........................................). 8. Il mio gatto, dormendo
(..........................................), assume posizioni buffe. 9. Non sapendo (..........................................) le tabelline sbaglio
spesso i calcoli. 10. Potendo (..........................................) andrei più spesso in piscina.

4 Sostituisci le espressioni in corsivo coniugando il verbo al gerundio presente o passato.


1. È caduto mentre giocava (.....................................................) in cortile. 2. Sono tornato indietro perché ho dimen-
ticato (......................................................) il casco. 3. Mentre uscivamo (........................................................) abbiamo sentito
squillare il telefono. 4. Si è punto mentre coglieva (........................................................) le rose. 5. Sono contento
perché ho avuto (.......................................................) un passaggio in auto dalla mia vicina. 6. Stanno tranquilli solo
quando guardano (.......................................................) i cartoni animati. 7. Si ottengono dei buoni risultati se ci si
impegna (......................................................).

5 Sottolinea i verbi al gerundio e indica se esprimono tempo (T), la causa (Ca), il modo o il mezzo
(M), oppure una condizione (Co).

T Ca M Co

1. Tornando a casa prima, avrei incontrato Luisa. w w w w


2. Avendo dimenticato i fari accesi, ha fatto scaricare la batteria. w w w w
3. Puoi togliere questa macchia insaponandola, prima di lavarla. w w w w
4. Guardando attentamente, scorgeresti un capriolo su quel masso. w w w w
5. Mi sono rotto una gamba sciando con imprudenza. w w w w
6. Avendo trovato molte notizie, ho preparato una bella ricerca. w w w w
7. Papà legge il giornale ascoltando la musica. w w w w
8. Non ascoltare la musica tenendo così alto il volume. w w w w
9. Agitando a lungo la panna si ottiene il burro. w w w w
10. Tutte le sere, cenando, raccontiamo ciò che è successo durante la giornata. w w w w

145
PARTE 3 • Morfologia

SCHEDA

64 Verbo: modo participio


Il participio è un modo indefinito e perciò non segnala la persona, ma ha una
qualità particolare: dà informazioni sul genere e sul numero, cioè concorda con
il nome (o il pronome) a cui si riferisce. Quindi «partecipa» delle caratteristiche
sia del verbo sia dell’aggettivo:
Sono uscito. Sono uscita. Sono usciti. Sono uscite.
Il participio ha solo due tempi semplici.
Tempo semplice Tempo composto
presente scrivente ––
passato scritto ––

Il presente è usato:
P soprattutto con valore di aggettivo: Il colonnello comandante della caserma è mio zio.
P spesso come nome: Il comandante della caserma è mio zio.
P raramente come verbo: Il colonnello comandante (che comanda) la caserma è
mio zio.
Il passato è usato:
P come verbo per formare i tempi composti dei verbi con gli ausiliari: Sono anda-
to in cucina e ho fritto le patate.
P come aggettivo: Ai ragazzi piacciono le patatine fritte.
P come nome: Il fritto misto era buonissimo.

Per quanto riguarda i tempi composti dei verbi ricordiamo che il participio passato:
– quando accompagna l’ausiliare essere, concorda nel genere e nel numero con il
soggetto:
Luca è rientrato, Marta è uscita, Gianni e Maria sono rimasti in casa.
– quando accompagna l’ausiliare avere, resta di solito invariato (cioè al maschile
singolare):
Maria ha comprato dei libri.
Tuttavia, deve concordare con il complemento oggetto quando questo precede il
verbo ed è costituito dai pronomi lo, la, li, le e ne:
Gianni ha comprato le cartoline e le ha spedite.

1 Sottolinea i participi passati e scrivi a quale verbo appartengono.


1. Quest’estate siamo andati al mare. ...................................... 2. La mamma a volte compra il pesce surgelato.
...................................... 3. È divertente usare i gessetti colorati. ...................................... 4. I bambini hanno colorato

con i pastelli i loro disegni. ...................................... 5. Non lasciare la luce accesa! ...................................... 6. Avrei
mangiato volentieri le patatine fritte. ...................................... 7. Hai detto la verità e hai fatto una bella figura.
........................................ 8. Quando avrò finito di studiare preparerò la panna montata. ........................................

9. Hai preparato un minestrone troppo salato. ...................................... 10. Non ho letto l’articolo, che riguar-
da la nostra scuola, pubblicato sul giornale locale. ......................................

146
Verbo

2 Sottolinea i participi presenti e scrivi tra parentesi a quale verbo appartengono.


1. Pinocchio non ascoltava i consigli del Grillo parlante. (...............................) 2. Nella pagina seguente trove-
rete la conclusione della storia. (...............................) 3. Il quadro raffigurante un campo di grano è il più bello,
secondo me. (...............................) 4. Tutti preferiscono i ragazzi obbedienti. (...............................) 5. Secondo te,
questa sera la luna è calante o crescente? (...............................; ...............................) 6. È caduto il cartello indicante
il divieto di sosta. (...............................) 7. Hanno trovato una tomba risalente al I secolo a.C. (...............................)
8. Ha pianto quando ha visto quel film così commovente. (...............................)

3 Sottolinea i participi passati e sostituiscili con il verbo introdotto da dopo, perché, poiché.
1. Luca, cresciuto di cinque centimetri, ha bisogno di pantaloni nuovi. ................................................. 2. Chiuso
il libro, rispondete alle domande. ................................................ 3. Presa la rincorsa, riuscì a superare l’ostacolo.
................................................ 4. Saputo l’indirizzo, trovammo facilmente il numero di telefono. ....................................

5. Presa dall’ira, cominciò a gridare. ..................................... 6. Messa la pentola sul fuoco, apparecchiò la tavola.
............................................... 7. Scoppiò a piangere, ferito nell’orgoglio. ................................................ 8. Visti i risultati,

decise di riprovare. ................................................

4 Sottolinea una volta gli aggettivi qualiicativi e due volte quelli che sono anche participi presenti.
1. È un film strano e divertente. 2. È un colore brillante e intenso. 3. L’attesa è stata lunga e snervante.
4. Quest’estate ho visto molte stelle cadenti la notte di San Lorenzo. 5. L’acqua bollente è dannosa per la
pelle. 6. Guardo con piacere i tre salici piangenti del mio giardino. 7. È un argomento interessante, ma
difficile. 8. L’alcool ha un buon potere disinfettante. 9. Un boato improvviso e assordante ha svegliato
il quartiere. 10. Sono stati comprati a Roma dieci biglietti vincenti della lotteria.

5 Sottolinea i participi presenti e indica se sono usati come aggettivi (A) o come nomi (N).
1. a. Hai avuto proprio un’idea brillante!
b. Ha ricevuto un anello con un brillante.
2. a. I miei nonni sono molto credenti.
b. I credenti erano raccolti in preghiera.
3. a. In questo tratto del fiume la corrente è molto veloce.
b. L’acqua corrente è un bene prezioso che non va sprecato.
4. a. L’alcool ha un buon potere disinfettante.
b. Il disinfettante è nell’armadietto dei medicinali.
5. a. Il solvente serve per togliere le macchie di vernice.
b. L’acquaragia ha un forte potere solvente.

6 Sottolinea una volta i participi passati usati come aggettivi e due volte quelli usati nelle forme
composte dei verbi.
1. Ho acceso la luce. 2. Gli alberi di Natale con le luci accese sono belli. 3. Il mio amico preferito è
Marco. 4. Ho preferito rimanere in casa. 5. I miei genitori hanno deciso che posso uscire il sabato
pomeriggio. 6. Ha passato dei brutti momenti. 7. Ho cotto nel forno a microonde la pizza surgelata.
8. È caduto e quasi si slogava una caviglia.

147
PARTE 3 • Morfologia

SCHEDA

65 Riepilogo. Il verbo ( 1 )
1 Scrivi accanto a ciascun verbo la 3a persona del passato remoto.
1. avere ...................................................... 8. leggere .................................................. 15. rimanere .............................................
2. dire ......................................................... 9. nascere ................................................. 16. sapere ....................................................
3. distruggere ........................................ 10. persuadere ......................................... 17. scegliere ..............................................
4. esprimere ........................................... 11. piacere .................................................. 18. scrivere ................................................
5. essere .................................................... 12. piangere .............................................. 19. sporgere ..............................................
6. fare .......................................................... 13. proteggere .......................................... 20. stare .......................................................
7. giungere .............................................. 14. ridere ..................................................... 21. volere ....................................................

2 Sottolinea i congiuntivi e indicane il tempo e la persona.


1. Vorrei che domani fosse già vacanza. .................................................... 2. Credi che Leo sia in casa a quest’ora?
.................................................... 3. Se io fossi più severo, tu saresti meno libero. .................................................... 4. Se non

fossimo stati così sfortunati, saremmo i primi in classifica. .................................................... 5. Pensa che tu sia
stato tutto questo tempo ad aspettare alla stazione? .................................................... 6. Credete che ci siano altri
esseri viventi nell’universo? .................................................... 7. Sarei stato più contento se voi foste stati più cor-
retti nei suoi confronti. ....................................................

3 Completa coniugando al congiuntivo il verbo avere.


1. Credo che tu torto. 2. Mi sembra che voi ................................. paura dei cani. 3. Mi pare che
........................

da piccolo Gigi ............................ il morbillo, quindi non credo che lo ........................ ora. 4. È possibile che quei
gattini ............................. fame? 5. Mi sembra che l’anno scorso solo tre ragazzi .............................................. il pre-
mio. 6. Che bello se ........................... un gattino! 7. Chiamerei il medico se Luca ......................... la febbre.
8. L’avrebbero chiamato se ............................................ il suo numero di telefono. 9. Ci darebbero una mano se
noi ne .............................. bisogno. 10. Vorrei che voi ........................... più rispetto delle cose altrui.

4 Completa coniugando al congiuntivo trapassato il verbo dato.


1. Temevano che noi (mangiare) troppo. 2. Non sapevo che cosa voi
.........................................................................

(fare) ................................................................ a Fido per farlo abbaiare tanto. 3. Le avrebbero creduto se lei (dire)
........................................................ la verità. 4. Non l’avrebbero fatto se (sapere) ................................................................. che

era vietato. 5. Nessuno credeva che io (montare) ............................................................. da solo questo modellino.
6. Pensavo che Michele (partire) ........................................... un’ora fa. 7. Temevo che tu (uscire) ................................
troppo presto. 8. Sarei stato ammesso se (riuscire) .................................................... a rispondere correttamente a
tutte le domande. 9. Non era possibile che essi (capitare) ........................................................ qui per caso. 10. Ho
potato gli alberi perché pensavo che (crescere) .............................................. troppo.

5 Sottolinea i condizionali e indicane il tempo e la persona.


1. Se Mario fosse più leale, mi fiderei di lui. ............................................................................................................................................
2. Se Mario fosse stato più leale, mi sarei fidato di lui. ....................................................................................................................

148
Verbo

3. Dove andresti in vacanza, se potessi scegliere tu? .........................................................................................................................


4. Dove saresti andato in vacanza, se avessi potuto scegliere tu? .............................................................................................
5. Servirebbero a tutti questi esercizi di rilassamento. .....................................................................................................................
6. Saremmo state contente, se fosse venuto Leonardo .....................................................................................................................
7. Secondo loro, voi meritereste un bel castigo! ...................................................................................................................................

6 Sottolinea i participi passati e indica se sono usati come aggettivi (A) o come nomi (N).
1. a. L’anno passato sono andato al mare in Sardegna.
b. La storia ci fa conoscere il passato.
2. a. Preferisco il pane ben cotto, mi sembra più digeribile.
b. È una bella chiesa col pavimento di cotto.
3. a. Una sconosciuta mi ha chiesto l’ora.
b. Giunsero in terre sconosciute e le esplorarono.
4. a. Hai buttato via la tazzina rotta?
b. Seguirono la rotta di Cristoforo Colombo.
5. a. Aggiungete al minestrone un battuto di aglio e basilico.
b. Guarda che bel cancello in ferro battuto!

L’analisi grammaticale
Per fare l’analisi grammaticale (senza stabilire la forma, il genere e altre caratteristiche) del verbo
occorre indicare:
1. la voce del verbo all’infinito;
2. la coniugazione (1ª, 2ª, 3ª, oppure coniugazione propria per i verbi essere e avere);
3. il modo (indicativo, congiuntivo, condizionale...);
4. il tempo (passato, presente, futuro...);
5. la persona (1ª, 2ª, 3ª);
6. il numero (singolare, plurale).

Esempi:
erano: voce del verbo essere, coniugazione propria, indicativo, imperfetto, 3 ª persona plurale.
vide: voce del verbo vedere, 2 ª coniugazione, indicativo, passato remoto, 3 ª persona singolare.

Esercizio. Sottolinea i verbi e analizzali sul quaderno.


Il marchese [...] spartì minute elemosine fra i gruppi di mendicanti che si trascinavano nell’atrio ed
entrò nella penombra fresca della casa nel momento in cui suonarono nella cattedrale [...] i rintocchi
enormi delle quattro del pomeriggio. Il corridoio centrale era così buio che lui seguiva il diacono senza
vederlo, meditando ogni passo per non inciampare in statue mal disposte e macerie che sbarravano il
percorso. [...] «Sua Signoria illustrissima saprà che mi trascino appresso la maggiore disgrazia di cui
può soffrire una creatura umana», disse con un’umiltà disarmante. [...]
« Lo sappiamo, figliolo » replicò il vescovo senza stupore. «Come potremmo non saperlo! »
(da G. G. Marquez, Dell’amore e di altri demoni, Mondadori 2004)

149
PARTE 3 • Morfologia

SCHEDA

66 Verbi transitivi e intransitivi


I verbi transitivi I verbi transitivi sono quelli che possono essere seguiti dal
complemento oggetto:
Paolo compra il giornale.
Alcuni hanno bisogno del complemento oggetto espresso per completare il loro
significato: portare, mostrare, consigliare, preferire, accarezzare, collezionare, rac-
cogliere, ecc.:
Marco porta le valigie.
Non si può dire: Marco porta.
Altri possono sottintendere il complemento oggetto, essere usati, cioè in senso
assoluto: leggere, scrivere, mangiare, recitare, rubare, ecc.:
Claudia recita (una parte) nella commedia.
Alcuni di questi verbi, quando sono usati in modo assoluto, esprimono un significa-
to leggermente diverso: leggere (dedicarsi alla lettura), scrivere (scrivere libri), reci-
tare (assumere atteggiamenti non spontanei, posare), vedere (avere la vista), ecc.:
Che antipatica! Guarda come recita!
I verbi intransitivi I verbi intransitivi sono quelli che non possono essere segui-
ti dal complemento oggetto:
Franca tossisce.
Alcuni hanno un significato già completo: correre, ridere, dormire, arrossire, sbadi-
gliare, uscire, tossire, abbaiare, miagolare, ecc.:
Laura corre.
Altri hanno bisogno di un complemento indiretto, cioè preceduto da una prepo-
sizione, per completare il significato: derivare (da qualcosa), approfittare (di qual-
cuno, di qualcosa), giovare (a qualcuno, a qualcosa), rinunciare (a qualcosa), ecc.:
Hai approfittato della mia pazienza.
Non si può dire: Hai approfittato.
I verbi transitivi formano i tempi composti sempre con l’ausiliare avere: ho porta-
to, avevano detto.
Per quanto riguarda i verbi intransitivi, invece:
P alcuni hanno l’ausiliare essere, altri hanno l’ausiliare avere: sono partito, ho cam-
minato;
P altri infine possono avere l’uno o l’altro a seconda del significato: Sono corso in
piazza. Ho corso a lungo.
Per questo, in caso di dubbio, è necessario consultare il dizionario.
Vi sono alcuni verbi intransitivi che diventano transitivi quando:
P sono usati in senso figurato, per esprimere immagini particolari: correre un
rischio, sudare sette camicie, ecc.;
P sono seguiti dal complemento oggetto interno, cioè da un nome che ha la stessa
radice del verbo o appartiene alla sua area di significato: vivere una vita tranquil-
la, piangere lacrime amare, dormire sonni tranquilli, ecc.

150
Verbo

1 Completa le frasi e scrivi se il verbo è transitivo (Tr) oppure intransitivo (Intr).


1. Luisa ha comprato ..................................... . 2. Il gatto è salito ..................................... . 3. La mamma si
rivolge ..................................... . 4. La neve imbianca ..................................... . 5. Il canarino è fuggito .............
........................ . 6. Ieri abbiamo incontrato ..................................... . 7. Spesso con i miei amici parliamo
..................................... . 8. Alle otto siamo entrati ..................................... .

2 Cancella il complemento oggetto scritto in corsivo quando è possibile.


1. Lucia accende la lampada. 2. L’insegnante interroga l’alunno. 3. Un aereo sorvola la città. 4. Il
giornalaio vende giornali e riviste. 5. Il pilota guida la nuova vettura. 6. In tribunale l’avvocato procla-
ma la tua innocenza. 7. In primavera il sole scioglie la neve. 8. Domani comprerò la torta. 9. Ogni
giorno leggo il giornale. 10. Al pomeriggio guardo la televisione.

3 Cancella il complemento indiretto scritto in corsivo quando è possibile, cioè non è indispensabile.
1. L’atleta corre sulla pista. 2. Questo compito spetta a te. 3. Ogni giorno telefono alla nonna. 4.
L’italiano deriva dal latino. 5. Il cane abbaia in giardino. 6. Mio fratello assomiglia al nonno. 7. Non
ubbidiscono a nessuno. 8. Le api ronzano sui fiori. 9. Questa terra appartiene a mio zio. 10. L’Adda
confluisce nel Po. 11. L’altalena dondola per il vento.

4 Completa le frasi con l’ausiliare opportuno.


1. Gli zii mi ..................... regalato un libro. 2. Dopo che Luisa ..................... chiamato Marta, ci incontreremo in
piazza. 3. Ieri Laura ..................... rimasta in casa tutto il giorno. 4. Il giardino sembrava abbandonato per-
ché nessuno ..................... tagliato l’erba. 5. Tu ..................... venuto a prendermi ma io ..................... andato già via
con Leo. 6. I miei nipotini ..................... disegnato tutto il pomeriggio. 7. Mi daranno i libri della bibliote-
ca solo dopo che ..................... restituito quelli che ..................... preso la settimana scorsa. 8. Non ci sono più,
..................... usciti alle tre. 9. La nonna ..................... telefonato per fare gli auguri. 10. Ragazzi, perché non mi

..................... ubbidito e ..................... usciti senza ombrello?

5 Sottolinea il verbo e indica se è transitivo (T) oppure intransitivo (I).


1. a. Tutti i giorni passo per via Marconi. b. Mia sorella ha passato l’esame di guida.
2. a. Alla festa di Luca ho suonato la chitarra. b. Il telefono suona con insistenza.
3. a. Luisa balla al suono del saxofono. b. Alcuni ballavano il valzer.
4. a. Ho cambiato scuola. b. Il tempo è cambiato.
5. a. L’arbitro ha fischiato la fine della partita. b. La pentola a pressione fischia.

6 Sottolinea una volta i verbi transitivi, due volte quelli intransitivi.


Il romanzo Robinson Crusoe racconta una storia vera: l’esperienza che visse un marinaio inglese, Selkirk.
Robinson Crusoe, smanioso di avventure, fugge di casa a diciotto anni e va per il mondo, ma un pirata
lo cattura. Dopo molte peripezie, il Robinson fa naufragio su un’isoletta deserta, dove riesce a procurar-
si tutto ciò che gli serve per sopravvivere, restando in completa solitudine fino a quando non salva la
vita a Venerdì, un selvaggio che fugge dai cannibali. Dopo ventotto anni una nave inglese lo avvisterà e
lo riporterà in salvo in Inghilterra.

151
PARTE 3 • Morfologia

SCHEDA

67 Verbo: forma attiva e passiva


Forma attiva e passiva Il verbo può assumere due forme fondamentali: attiva e
passiva.
Ha forma attiva quando il soggetto compie l’azione espressa dal verbo:
Luca lava il motorino.
Ha forma passiva quando il soggetto subisce l’azione espressa dal verbo:
Il motorino è lavato da Luca.
Le frasi Luca lava il motorino e Il motorino è lavato da Luca esprimono lo stesso fat-
to, ma nella prima è «messo a fuoco» Luca, nella seconda il motorino.
Come si volge una frase dall’attivo al passivo Tutti i verbi hanno la forma atti-
va, ma solo i verbi transitivi hanno anche la forma passiva.
Il seguente schema mostra come cambiano la forma del verbo e i ruoli del sogget-
to e del complemento oggetto nelle due forme.

forma attiva Luca lava il motorino


soggetto forma attiva c. oggetto
forma passiva Il motorino è lavato da Luca
soggetto forma passiva c. d’agente
– il complemento oggetto della frase attiva diventa soggetto nella frase passiva;
– il verbo si volge al passivo (cioè si coniuga l’ausiliare essere nello stesso tempo e
modo, quindi si aggiunge il participio passato) e si concorda con il nuovo sog-
getto;
– il soggetto della frase attiva diventa complemento d’agente (oppure comple-
mento di causa efficiente se è un nome di cosa). Questi complementi si chiama-
no così perché sono quelli che «agiscono» in un frase passiva.
Se manca il complemento oggetto, la frase non può essere volta al passivo.
Come si presenta la forma passiva La forma passiva è costituita dalle voci del
verbo essere seguite dal participio passato del verbo. Può essere usato anche il ver-
bo venire, ma soltanto nei tempi semplici.
Forma attiva Forma passiva
ama è amato (viene amato)
hanno rimproverato sono stati rimproverati
Come si può vedere dall’esempio, i tempi semplici del passivo sono costituiti da
due parole, i composti da tre.
Altri modi per formare il passivo Oltre che con il verbo essere e il verbo venire,
la forma passiva può essere espressa anche:
– con i verbi andare, rimanere, restare, finire:
Il libro andò perduto.
Molti restano colpiti dal suo modo di fare.

152
Verbo

– con la particella pronominale si, detta si passivante, preposta alla 3a persona


singolare e plurale dei verbi transitivi:
Si dice la verità. (= La verità è detta.)
Si dicono le bugie. (= Le bugie sono dette.)

1 In ciascuna frase sottolinea una volta il verbo, due volte il soggetto e indica se il soggetto compie
(C) oppure subisce (S) l’azione.
1. La mamma veste il bambino. 2. Il bambino è vestito dalla mamma. 3. Lia è stata svegliata
da un rumore improvviso. 4. Noi andiamo in palestra. 5. Rosanna mi è stata presentata alla
festa. 6. La lepre è inseguita dai cani. 7. Leonardo ha dipinto la Gioconda.

2 Sottolinea il verbo e rispondi alle domande.


Chi compie Su chi passa Sono la stessa
l’azione? l’azione? persona?

1. Io mi pettino con cura. ............... io ............... .............. me .............. ............... sì ...............

2. Il parrucchiere mi pettina con cura. .................................... .................................... ....................................

3. Tu ti vesti in modo elegante. .................................... .................................... ....................................

4. Ti ha vestito la mamma? .................................... .................................... ....................................

5. Lei si guarda allo specchio. .................................... .................................... ....................................

6. Noi ci trucchiamo per il carnevale. .................................... .................................... ....................................

7. Laura ci trucca per il carnevale. .................................... .................................... ....................................

3 Sottolinea i verbi e scrivi se sono di forma attiva (A) o di forma passiva (P).
1. La legge è stata approvata dal Parlamento. 2. La tempesta ha distrutto il raccol-
to. 3. D’estate molti animali sono abbandonati dai padroni. 4. Abbiamo studia-
to tutto il pomeriggio da Roberto. 5. È stata scoperta una nuova cura. 6. Siamo
conosciuti da tutti. 7. Il postino ha portato un espresso. 8. Secondo te, que-
sto compito sarebbe stato fatto bene? 9. Molti sport sono praticati in modo agonistico.
10. Bene, finalmente ho finito!

4 Volgi le frasi nella forma passiva.


1. Ho svolto gli esercizi di matematica. ... Gli esercizi di matematica sono stati svolti da me. .............................

2. Luigi ha cancellato la lavagna. ..............................................................................................................................................

3. I miei compagni aprono la finestra. ..............................................................................................................................................

4. Leggerete questo brano. ..............................................................................................................................................

5. Seguimmo la trasmissione. ..............................................................................................................................................

5 Sottolinea il verbo e indica se è intransitivo (I) o passivo (P).


1. a. L’automobilista è stato fermato dalla polizia. b. L’automobilista è passato con il rosso.
2. a. La mia cuginetta è curata da un bravo medico. b. La mia cuginetta è caduta dall’albero.
3. a. I miei amici sono andati in palestra. b. I miei amici sono rimproverati spesso.
4. a. Maria è tornata dall’ospedale. b. Maria è stata accolta dalle amiche.
5. a. La rondine è volata sul nido. b. La rondine è ammirata dai bambini.

153
PARTE 3 • Morfologia

SCHEDA

68 Verbo: forma riflessiva,


pronominale e impersonale
Forma rilessiva Il verbo ha la forma riflessiva quando l’azione compiuta dal
soggetto «si riflette» sul soggetto stesso, quindi il soggetto compie e contempora-
neamente subisce l’azione: Luca si lava. (= lava se stesso)
Forma pronominale Una forma particolare del verbo riflessivo è quella detta
pronominale, che si ha quando il verbo è accompagnato dalle particelle pronomi-
nali che, però, non hanno un significato riflessivo:
Marco si dimenticò di restituire l’ombrello.
Forma impersonale Si ha, infine, la forma impersonale quando non è espresso
un soggetto definito, il verbo è formato dalla terza persona singolare e dalla parti-
cella si: Si va al mare.
Le forme riflessiva e pronominale sono molto simili perché entrambe utilizzano
le particelle pronominali e l’ausiliare essere nei tempi composti, ma presentano
alcune differenze fondamentali.
Come si presenta la forma rilessiva Nella forma riflessiva le particelle pro-
nominali mi, ti, ci, si, vi si riferiscono alla stessa persona del soggetto e i verbi
sono transitivi: Io mi lavo, voi vi lavate.
Possiamo distinguere i seguenti gruppi:
– verbi con forma riflessiva propria, quando le particelle significano me, te, sé,
noi, voi (compl. oggetto): Luca si lava (= lava se stesso).
– verbi con forma riflessiva solo apparente, quando le particelle significano a me,
a te, a sé, a noi, a voi (compl. di termine): Luca si lava le mani (= lava le mani a se
stesso).
– verbi con forma riflessiva reciproca, quando le particelle significano l’un l’altro,
reciprocamente: Luca e Marco si picchiano (= picchiare l’un l’altro, tra di loro).
Come si presenta la forma pronominale Anche nella forma pronominale i
verbi sono accompagnati dalle particelle mi, ti, si, ci, vi, che però non hanno un
significato riflessivo e rendono il verbo intransitivo: alzarsi, allontanarsi, dimenti-
carsi, annoiarsi, fermarsi, addormentarsi, stancarsi...:
La passeggiata ha stancato il nonno. Il nonno si è stancato.
Alcuni verbi hanno solo la forma pronominale: pentirsi, accorgersi, adirarsi, impa-
dronirsi, inginocchiarsi... (non esistono le forme pentire, accorgere...).
Come si presenta la forma impersonale Tutti i verbi assumono la forma
impersonale premettendo alla terza persona singolare la particella si, che in que-
sto caso significa tutti, qualcuno, nessuno, la gente, cioè un soggetto indefinito:
Si corre troppo in autostrada.
Con i verbi riflessivi e pronominali che già richiedono la particella si occorre usare ci:
Nei momenti di difficoltà ci si aiuta l’un l’altro.
Ci si accorge troppo tardi del male fatto.

154
Verbo

1 Sottolinea le forme rilessive.


1. Luca si guarda allo specchio. 2. Noi ci medichiamo con l’acqua ossigenata. 3. La nonna vi preparerà
la merenda. 4. Io mi sono coperto perché c’era un vento freddo. 5. Attenta: il sole ti scotta se non met-
ti la crema! 6. Un’ape mi ha punto. 7. Anche loro si sono punti cogliendo le rose. 8. Cenerentola si
preparò per il ballo.

2 Completa le frasi coniugando nella forma rilessiva il verbo dato.


1. Il mio gatto ................................ (leccare) continuamente. 2. Quando fa freddo devi ................................ (coprire)
di più. 3. Quando è raffreddato, Marco ................................ (curare) con miele e tisane calde. 4. Avete vinto
perché ............................................ (allenare) con impegno e costanza. 5. Devo fare bella figura, perciò prima
del colloquio .................................. (preparare) con cura. 6. Se qualcosa lo irrita non riesce a ..............................
(controllare). 7. Luca è generoso, in tutte le occasioni ....................................... (prestare) volentieri.

3 Sottolinea il verbo e indica con una x che tipo di forma rilessiva è.

Forma rilessiva
vera e propria apparente reciproca

1. Ti cambi troppo spesso. w w w


2. Ti cambi troppo spesso il pullover. w w w
3. Ci vedremo al concerto. w w w
4. I due veicoli si sono scontrati. w w w
5. Si spogliò e andò a letto. w w w
6. Si tolse la camicia. w w w
7. L’imputato si difende senza l’avvocato. w w w
8. Ci siamo preparate con cura. w w w
9. Ci siamo preparate la cena. w w w

4 Completa le frasi coniugando al modo e al tempo opportuni il verbo pronominale dato.


1. Piango perché ....................................... (vergognarsi) per quello che ho fatto. 2. Pensaci bene, perché dopo
potresti ....................................... (pentirsi) di questa scelta. 3. Quando noi ......................................... (accorgersi) di
quello che era successo, era troppo tardi. 4. Ragazzi, non ....................................... (arrendersi), tentate ancora!
5. È un tipo che ..................................... (adirarsi) facilmente. 6. Se continuerete a maltrattarli, certamente quei
poveri cani ....................................... (ribellarsi). 7. Era insopportabile: ogni giorno ....................................... (lagnarsi)
per qualcosa.

5 Modiica le espressioni in corsivo utilizzando la forma impersonale.


1. Nessuno va volentieri dal dentista. .............................................................................................................................................................
2. Era una festa allegra, la gente rideva, ballava, cantava. ...............................................................................................................
3. Signori, in carrozza! Partiamo immediatamente. ............................................................................................................................
4. Il preside è severo: se arriveremo in ritardo andremo in presidenza. .................................................................................
5. Temo che qualcuno parli male di me. ......................................................................................................................................................
6. Dopo questa lunga assenza tutti torneranno a casa con piacere. ...........................................................................................

155
PARTE 3 • Morfologia

Forma passiva del verbo amare


TAVOLA DELLE CONIUGAZIONI

MODI FINITI

TEMPI SEMPLICI TEMPI COMPOSTI TEMPI SEMPLICI TEMPI COMPOSTI

MODO INDICATIVO MODO CONGIUNTIVO

PRESENTE PASSATO PROSSIMO PRESENTE PASSATO


io sono amato io sono stato amato che io sia amato che io sia stato amato
tu sei amato tu sei stato amato che tu sia amato che tu sia stato amato
egli è amato egli è stato amato che egli sia amato che egli sia stato amato
noi siamo amati noi siamo stati amati che noi siamo amati che noi siamo stati amati
voi siete amati voi siete stati amati che voi siate amati che voi siate stati amati
essi sono amati essi sono stati amati che essi siano amati che essi siano stati amati
IMPERFETTO TRAPASSATO PROSSIMO IMPERFETTO TRAPASSATO
io ero amato io ero stato amato che io fossi amato che io fossi stato amato
tu eri amato tu eri stato amato che tu fossi amato che tu fossi stato amato
egli era amato egli era stato amato che egli fosse amato che egli fosse stato amato
noi eravamo amati noi eravamo stati amati che noi fossimo amati che noi fossimo stati amati
voi eravate amati voi eravate stati amati che voi foste amati che voi foste stati amati
essi erano amati essi erano stati amati che essi fossero amati che essi fossero stati amati
PASSATO REMOTO TRAPASSATO REMOTO
MODO CONDIZIONALE
io fui amato io fui stato amato
tu fosti amato tu fosti stato amato PRESENTE PASSATO
egli fu amato egli fu stato amato io sarei amato io sarei stato amato
noi fummo amati noi fummo stati amati tu saresti amato tu saresti stato amato
voi foste amati voi foste stati amati egli sarebbe amato egli sarebbe stato amato
essi furono amati essi furono stati amati noi saremmo amati noi saremmo stati amati
voi sareste amati voi sareste stati amati
FUTURO SEMPLICE FUTURO ANTERIORE
essi sarebbero amati essi sarebbero stati amati
io sarò amato io sarò stato amato
tu sarai amato tu sarai stato amato MODO IMPERATIVO
egli sarà amato egli sarà stato amato
noi saremo amati noi saremo stati amati PRESENTE
voi sarete amati voi sarete stati amati sii amato (tu)
essi saranno amati essi saranno stati amati siate amati (voi)

MODI INDEFINITI

TEMPO SEMPLICE TEMPO COMPOSTO TEMPI SEMPLICI

MODO INFINITO MODO PARTICIPIO

PRESENTE PASSATO PRESENTE


essere amato essere stato amato –
PASSATO
MODO GERUNDIO
amato
PRESENTE PASSATO
essendo amato essendo stato amato

156
Verbo

Forma riflessiva e pronominale del verbo bagnare

TAVOLA DELLE CONIUGAZIONI


MODI FINITI

TEMPI SEMPLICI TEMPI COMPOSTI TEMPI SEMPLICI TEMPI COMPOSTI

MODO INDICATIVO MODO CONGIUNTIVO

PRESENTE PASSATO PROSSIMO PRESENTE PASSATO


io mi bagno io mi sono bagnato che io mi bagni che io mi sia bagnato
tu ti bagni tu ti sei bagnato che tu ti bagni che tu ti sia bagnato
egli si bagna egli si è bagnato che egli si bagni che egli si sia bagnato
noi ci bagniamo noi ci siamo bagnati che noi ci bagniamo che noi ci siamo bagnati
voi vi bagnate voi vi siete bagnati che voi vi bagniate che voi vi siate bagnati
essi si bagnano essi si sono bagnati che essi si bagnino che essi si siano bagnati
IMPERFETTO TRAPASSATO PROSSIMO IMPERFETTO TRAPASSATO
io mi bagnavo io mi ero bagnato che io mi bagnassi che io mi fossi bagnato
tu ti bagnavi tu ti eri bagnato che tu ti bagnassi che tu ti fossi bagnato
egli si bagnava egli si era bagnato che egli si bagnasse che egli si fosse bagnato
noi ci bagnavamo noi ci eravamo bagnati che noi ci bagnassimo che noi ci fossimo bagnati
voi vi bagnavate voi vi eravate bagnati che voi vi bagnaste che voi vi foste bagnati
essi si bagnavano essi si erano bagnati che essi si bagnassero che essi si fossero bagnati
PASSATO REMOTO TRAPASSATO REMOTO
MODO CONDIZIONALE
io mi bagnai io mi fui bagnato
tu ti bagnasti tu ti fosti bagnato PRESENTE PASSATO
egli si bagnò egli si fu bagnato io mi bagnerei io mi sarei bagnato
noi ci bagnammo noi ci fummo bagnati tu ti bagneresti tu ti saresti bagnato
voi vi bagnaste voi vi foste bagnati egli si bagnerebbe egli si sarebbe bagnato
essi si bagnarono essi si furono bagnati noi ci bagneremmo noi ci saremmo bagnati
voi vi bagnereste voi vi sareste bagnati
FUTURO SEMPLICE FUTURO ANTERIORE
essi si bagnerebbero essi si sarebbero bagnati
io mi bagnerò io mi sarò bagnato
tu ti bagnerai tu ti sarai bagnato MODO IMPERATIVO
egli si bagnerà egli si sarà bagnato
noi ci bagneremo noi ci saremo bagnati PRESENTE
voi vi bagnerete voi vi sarete bagnati bagnati
essi si bagneranno essi si saranno bagnati bagnatevi

MODI INDEFINITI

TEMPO SEMPLICE TEMPO COMPOSTO TEMPI SEMPLICI

MODO INFINITO MODO PARTICIPIO

PRESENTE PASSATO PRESENTE


bagnarsi (bagnarmi, ecc.) essersi bagnato (essermi bagnato, ecc.) bagnantesi
PASSATO
MODO GERUNDIO
bagnatosi
PRESENTE PASSATO
bagnandosi (bagnandomi, ecc.) essendosi bagnato (essendomi bagnato, ecc.)

157
PARTE 3 • Morfologia

SCHEDA

69 Riepilogo. Il verbo ( 2 )
1 Scrivi accanto a ciascun verbo se è passivo (Pass) o intransitivo (Intr).
1. Era caduto. 2. Era stato versato. 3. Sarà vinta. 4. Siamo tornati. 5. Saranno
prese. 6. Eravamo amati. 7. Sono partiti. 8. Sono salito. 9. Sono lodato.

2 Completa la tabella.

Forma passiva con il verbo essere o venire Forma passiva con la particella si

1. Sono dette tante cose. ... Si dicono tante cose. ...................................................................

2. Sono state dette tante cose. .....................................................................................................................

3. ............................................................................................................... Si affittano alcuni appartamenti.


4. I figli sono amati. .....................................................................................................................

5. Sono state scritte tante sciocchezze. .....................................................................................................................

6. Un bel libro è letto volentieri. .....................................................................................................................

7. ............................................................................................................... Si dice la verità.

3 Sottolinea una volta il si impersonale, due volte il si passivante.


1. Ricorda ai tuoi amici che si cena alle sette. 2. In questo negozio si riparano scarpe e borse. 3. Si
parte alle tre: cercate di essere puntuali! 4. La posta si ritira ogni giorno alle dieci. 5. Se si ripete l’er-
rore, occorre più esercizio. 6. Si combatté a lungo, poi tornò finalmente la pace. 7. In questa clinica
si tratta il paziente con gentilezza. 8. Quando si risparmia per poter comprare qualcosa che piace mol-
to, non pesa. 9. Quando si parla a vanvera, si dicono sciocchezze.

4 Accanto a ciascuna voce verbale scrivi se è attiva (Att) o passiva (Pass).


1. Era andato 2. Sarei partita 3. Saranno spinte 4. Essendo partiti 5.
Sarebbe lodato 6. Era stato usato 7. Che fosse amato 8. Eravamo arrivati
9. Che siate saliti 10. Saresti stata punta

5 Volgi al passivo usando il verbo venire.


1. Gli zii mi regalano un libro. ..........................................................................................................................................................................
2. Il pasticciere preparerà la torta. ..................................................................................................................................................................
3. La frana travolse il paese. ................................................................................................................................................................................
4. Gli spettatori seguivano il concerto. .......................................................................................................................................................
5. Molti turisti visitano i musei italiani. .....................................................................................................................................................
6. Poche ragazze frequenteranno il corso. ...............................................................................................................................................

6 Nelle coppie di frasi sottolinea il verbo quando è usato nella forma pronominale.
1. Per pulire il lampadario alzò le braccia. - Il sole si alzò alle sette.
2. Si sono allontanati in fretta. - Lo hanno allontanato perché è insopportabile.
3. Avvicina il giornale perché non riesco a leggere. - L’inverno si avvicina.
4. Si erano irritati per il contrattempo. - La polvere irrita gli occhi.
5. Non dimenticare il diario. - Si è dimenticato dell’appuntamento preso.

158
Verbo

7 Sottolinea il verbo quando è usato nella forma impersonale.


1. Laura parla volentieri con i suoi amici. - Si parla troppo in questa classe! 2. Questa estate si va al
mare o in montagna? - Questa estate andiamo al mare o in montagna? 3. A quest’ora non si esce. - A
quest’ora non esce nessuno. 4. Si partirà in aereo. - Partiremo in aereo. 5. Tutti stanno male da soli. -
Soli si sta male. 6. Si dice che sia partito. - Ciascuno dice la sua: sarà difficile trovare un accordo. 7. Si
spende troppo in questa casa! - Spendiamo troppo in questa casa!

8 Stabilisci se la forma del verbo in corsivo è passiva (Pa), rilessiva (R), pronominale (Pr) o imperso-
nale (I).

1. Si disapprovano gli errori, non le persone che sbagliano. 2. Cercò un vigile, quando si accorse di
aver sbagliato strada. 3. Mi sono spaventato, quando Luca si è tagliato. 4. In un ambiente
tranquillo si riposa meglio. 5. I miei amici si ricordano di tutti i miei dispetti. 6. Spesso si
comprano oggetti inutili. 7. Marco si è rinchiuso in camera sua per studiare. 8. Lo sanno per-
ché si sono informati. 9. È una malattia leggera: si guarisce in pochi giorni. 10. La lotteria è
stata un successo: si sono vendute tutte le cartelle.

9 Analizza le seguenti forme verbali.


sarò stato amato, che tu fossi lodato, saremmo venuti, avremo mangiato, fui accusato, essere stato lavo-
rato, che fossero partiti, fu inoltrato, fu lodato, avrete raggiunto, ci svegliammo, che fossero stati sedotti

L’analisi grammaticale
Per fare l’analisi grammaticale del verbo occorre indicare:
1. la voce del verbo all’infinito;
2. la coniugazione (1ª, 2ª, 3ª, oppure coniugazione propria per i verbi essere e avere);
3. il modo (indicativo, congiuntivo, condizionale...);
4. il tempo (passato, presente, futuro...);
5. la persona (1ª, 2ª, 3ª);
6. il numero (singolare, plurale);
7. transitivo, intransitivo;
8. la forma (attiva, passiva, riflessiva).

Esempi:
fu lodato: voce del verbo lodare, 1ª coniugazione, indicativo, passato remoto, 3ª persona singolare,
transitivo, passivo.
piove: voce del verbo piovere, 2ª coniugazione, indicativo, presente, 3ª persona singolare, intransiti-
vo, impersonale.

Esercizio. Fai l’analisi grammaticale sul quaderno tralasciando le parole in corsivo.


«Se succedesse oggi? Stia certa, non succede. Mai è accaduto nella storia che il Vesuvio si sia sveg-
liato all’improvviso. Se si svegliasse oggi, con il monitor continuo dell’Osservatorio, ci sarebbe tutto il
tempo per scappare». Questo dice la gente, ma qualcuno pensa che potrebbe invece essere un disastro.
Il Vesuvio, che dorme da sessant’anni su un letto di magma tre volte più grande della città di Napoli,
è il vulcano più controllato del mondo ma se dovesse tornare a eruttare, la gente verrebbe certamente
avvertita con sufficiente anticipo, ma non saprebbe come scappare. Infatti gli abitanti dei centri ai piedi
del Vesuvio sono oltre 700 mila, mentre le vie di fuga sono poche e sfociano tutte sulla stessa autostra-
da: quindi il piano di evacuazione, che è stato adottato qualche anno fa, dovrebbe essere rivisto.

159
PARTE 3 • Morfologia

SCHEDA

70 Verbo: ausiliari, servili, fraseologici


Alcuni verbi, oltre ad avere un proprio significato, si uniscono ad altri verbi
rispetto ai quali svolgono un compito di appoggio, di aiuto.
I principali sono: gli ausiliari, i servili e i fraseologici.
Verbi ausiliari I verbi ausiliari sono essere e avere: essi «aiutano» tutti i verbi a
formare i tempi composti: ho amato, sono andato, sono stato amato.
Verbi servili I principali verbi servili sono potere, volere, dovere; essi aggiungo-
no l’idea di possibilità, volontà, obbligo o necessità al verbo che accompagnano:
Posso studiare. Voglio studiare. Devo studiare.
Verbi fraseologici I verbi fraseologici servono a completare, senza modificarlo,
il significato del verbo che accompagnano. I più comuni sono: riuscire, lasciarsi,
trovarsi, vedersi, sentirsi.
Non siamo riusciti a finire la traduzione.
Il ragazzo si lasciò convincere.
Alcuni di questi verbi indicano l’aspetto dell’azione, cioè che:
– sta per cominciare (imminenza): Sto per partire. Sono sul punto di partire.
– comincia (inizio): Mi metto a lavorare. Inizio a lavorare.
– si sta svolgendo (svolgimento): Sta piovendo.
– si prolunga nel tempo (durata): Seguita a telefonare. Insiste nel telefonare.
– si conclude (conclusione): Ha finito col litigare.
Altri verbi fraseologici assumono un valore causativo, cioè aggiungono l’idea che
il soggetto:
– fa fare qualcosa a qualcuno: Ha fatto costruire una casa.
– causa il comportamento degli altri: L’ha fatto piangere.
– permette o vieta qualcosa a qualcuno: Non mi lascia uscire.
Quale ausiliare si usa con i verbi servili
P I verbi servili accompagnano un verbo all’infinito e ne prendono l’ausiliare:
Non è potuto venire. Si sono voluti allontanare. Ho dovuto fare tutto io.
Mantengono il proprio ausiliare, cioè avere, se il verbo che accompagnano:
– è sottinteso: Perché non sei venuto? Non ho potuto!
– è il verbo essere: Ho dovuto essere forte.
Quando i servili accompagnano un verbo che ha con sé una particella (mi, ti, si, ci,
vi), bisogna usare:
– l’ausiliare essere se la particella è prima dell’infinito: Si è dovuto lavare con l’acqua
fredda.
– l’ausiliare avere se la particella è dopo l’infinito: Ha dovuto lavarsi con l’acqua fredda.
Quale ausiliare si usa con i verbi fraseologici
P I verbi fraseologici accompagnano un verbo al modo infinito (preceduto o no da
preposizioni), al gerundio o al participio passato e conservano il proprio ausilia-
re: Mi ha lasciato uscire.

160
Verbo

1 Sottolinea il verbo avere quando è usato come ausiliare.


1. Mia sorella ha dieci anni. 2. La mamma ha chiamato l’idraulico. 3. Ho tagliato l’erba del giardino.
4. Piangeva perché aveva paura del buio. 5. Avremo tutti un bel ricordo di questa giornata. 6. Avrà
saputo che abbiamo avuto un guasto all’auto? 7. Aveva i capelli biondi e avrà avuto circa diciassette
anni. 8. Se avesse ricevuto la telefonata in tempo, avrebbe rimandato l’appuntamento. 9. Non credo
che papà abbia il tempo di portarti alla stazione. 10. Avuto l’invito per il ricevimento e avendo deciso di
accettarlo, ho comprato il regalo.

2 Sottolinea il verbo essere quando è usato come ausiliare.


1. Sono andato a teatro. 2. La mamma è al telefono. 3. In quell’occasione furono aiutati da tutti. 4. Ti
sei tagliato con il coltello del pane? 5. I medici sono in sala operatoria. 6. Questi fatti saranno ricordati
a lungo. 7. Fermati! Il semaforo è rosso. 8. Questi fiori sono protetti dalla legge. 9. Non ci siamo
ricordati del suo compleanno. 10. Dove siete stati in vacanza?

3 Sottolinea i verbi potere, volere, dovere quando sono usati come servili.
1. Ci dovete una spiegazione. - Dovete partire subito 2. Lui sì che può! - È un bambino viziato e può
fare quello che vuole. 3. Di’ a Laura che deve ricordarsi dell’appuntamento. - Il monte Bianco deve il suo
nome alle nevi perenni. 4. Non voglio vederlo. - Non vuoi una fetta di torta? 5. L’esempio dell’adulto
può molto sui giovani. - Non possiamo fare nulla per voi. 6. Vorrebbero uscire alle tre. - Vorrei due etti
di prosciutto.

4 Sottolinea i verbi usati come fraseologici.


1. I medici stanno sperimentando nuove cure. - Come stanno i tuoi genitori? 2. Gli esami cominceran-
no il giorno tre alle ore otto. - Mi chiedo quando i ragazzi cominceranno a studiare sul serio. 3. Luca non
ha ancora deciso se continuerà gli studi. - Io, invece, continuerò a studiare. 4. Hai finito di lamentarti?
- Hai finito i compiti? 5. Lo spettacolo inizia alle tre. - Inizierete a lavorare la prossima settimana. 6. Ci
fanno compassione. - Ci fanno piangere. 7. Ti ho lasciato i soldi nel cassetto. - Lascia stare il gatto! 8. Non
mi sento di partire. - Mi sento male. 9. I ragazzi si trovano in giardino. - A volte i ragazzi si trovano a fre-
quentare una scuola che non hanno scelto.

5 Completa con l’ausiliare opportuno, cioè richiesto dal verbo scritto in corsivo.
1. Tu .......................... voluto fare di testa tua ed ecco i risultati. 2. Leo non .......................... voluto rimanere a
cena. 3. Gli abbiamo chiesto di rimanere a cena, ma non ............................ voluto. 4. Laura ............................
dovuto comprare gli occhiali da vista. 5. Oggi vado in biblioteca, perché ieri non ............................ potu-
ta andare, non .......................... proprio potuto. 6. Hanno fatto quello che .......................... potuto. 7. Noi non
............................. potuti uscire, perché ............................ dovuto preparare la relazione. 8. Grazie del regalo, ma

non ti .......................... dovuto disturbare! 9. Perché ti sei disturbato? Non .......................... dovuto!

6 Completa con l’ausiliare opportuno.


1. Poiché era troppo emozionato, non .................... potuto salire sul palcoscenico. 2.Non c’è lavoro in que-
sta regione e i giovani ................ dovuti emigrare. 3. Sono arrivate troppe persone: quello che era stato
preparato non ................... potuto bastare. 4. L’abbiamo invitato a tornare con noi, ma ................... voluto tor-
nare con Teo e Luisa. 5. Se avesse voluto ..................... potuto darmi una mano. 6. Se la frattura fosse
stata più grave Andrea .................... dovuto rimanere in ospedale più a lungo.

161
PARTE 3 • Morfologia

SCHEDA

71 Riepilogo. Il verbo ( 3 )
1 Sottolinea le voci del verbo essere e indicane il tempo e la persona.
1. Gli alunni della terza A sono in palestra. .......................................... 2. Usciremo quando sarete pronti.
.......................................... 3. Quando fummo sulla vetta del monte, vedemmo un panorama magnifico.
.......................................... 4. Sono stato nel bosco a raccogliere le castagne. .............................................. 5. Eri stato già

dal medico quando ti ho incontrato in farmacia? ............................................... 6. Era felice perché aveva vinto
la partita. .......................................... 7. Parleranno meglio l’inglese dopo che saranno stati in Inghilterra.
.......................................... 8. Solo dopo che fu stato per tre ore in attesa al pronto soccorso, venne ricoverato.

..........................................

2 Sottolinea le voci del verbo avere e indicane il tempo e la persona.


1. Che cosa hai in tasca? ............................................. 2. Se sarete promossi, certamente avrete un regalo.
............................................. 3. Una notte, tanto tempo fa, ebbi un incubo terribile e mi svegliai piangendo.

............................................. 4. Alla scuola materna avevamo una maestra che sorrideva sempre. ...................................

5. Due miei compagni hanno avuto il morbillo questo mese. ............................................. 6. Deciderà quando
partire solo dopo che avrà avuto il permesso dalla ditta dove lavora. ............................................. 7. Quella volta
capimmo che avevano avuto ragione loro, ma non lo ammettemmo. ............................................. 8. Dopo che
ebbe avuto la telefonata dal figlio, si tranquillizzò. .............................................

3 Sottolinea il verbo nella prima frase, poi completa la seconda con il corrispondente tempo composto.
1. Parleremo con il tuo insegnante. - Decideremo se andrai in gita dopo che .................................... con i tuoi
insegnanti. 2. Viaggiavo in treno. - Ero stanco perché .................................... in treno. 3. Luisa e Marta
incontrano Paolo alla stazione. - Ieri Luisa e Marta .................................... Paolo alla stazione. 4. Finirono di
mangiare il panettone. - Dopo che .................................... di mangiare il panettone, uscirono. 5. Il sole tra-
monterà verso le sette. - Usciremo dopo che .................................... il sole. 6. Mi arrampicavo sugli alberi. - Mi
punirono perché mi .................................... sugli alberi. 7. Spesso viene da noi. - Ieri non lo trovarono in casa
perché .................................... da noi. 8. Una volta caddi dalle scale. - Dopo che .................................... dalle scale, mi
rialzai tutta dolorante.

4 Completa scrivendo è oppure e al posto dei puntini.

1. Mio fratello ............. andato a scuola ............. non so a che ora tornerà. 2. Questo film non mi piace, .............
pieno di scene violente. 3. Il mio gatto ............. molto affettuoso ............. quando mi vede si rotola a terra per
farsi accarezzare. 4. ............. passato già un anno da quando ............. partito ............. non ............. ancora tornato a
casa. 5. Essere o non essere, questo ............. il problema. 6. Ciascuno ............. responsabile delle sue azioni
............. non credo che tu non lo sappia. 7. Per alcuni giovani la violenza ............. l’unico modo per vincere la

noia ............. sentirsi in gamba.

5 Completa scrivendo hanno oppure anno, al posto dei puntini.

1. ........................ è una voce del verbo avere, mentre ........................ è un nome. 2. L’....................... scorso i miei zii
....................... avuto un grave incidente. 3. Mi ........................ detto che domani ci sarà uno sciopero dei giornalisti.

162
Verbo

4. In che sei nato? 5. Quest’........................ nel parco comunale ........................ potato i tigli. 6. Gli
........................

........................ chiesto in che ........................ è stata scoperta l’America. 7. I nostri insegnanti ........................ deciso di

organizzare una visita al Museo della Scienza e della Tecnica.

6 Nelle frasi che seguono coniuga al modo congiuntivo o condizionale i verbi tra parentesi.

1. .................... (Fare) molti progressi in poco tempo se ti .................... (impegnare) con costanza. 2. Qualora tu
.................... (volere), .................... (potere) riuscire bene in tutti gli sport. 3. Se io .................... (accorgersi) prima

dell’errore, .................... (potere) ai ripari. 4. Se Luca .................... (desiderare) continuare, .................... (desiderare)
farlo senza problemi. 5. Non .................... (essere) la persona che sono diventato se non .................... (lavorare)
molto. 6. Presta molta attenzione, altrimenti .................... (potere) sbagliare. 7. Sebbene .................... (essere)
buio, sono riuscito a tornare senza problemi. 8. Mi ....................... (fare) un grande piacere se tu .........................
(venire) in vacanza con me. 9. In caso di pioggia, noi .......................... (dovere) rimandare la partenza.
10. Chi mai ...................... (dire) che ......................... (giungere) anche tu in tempo alla inaugurazione.

7 Analizza sul quaderno le seguenti voci verbali seguendo le indicazioni di pag. 159.
è temuto, furono aiutati, sareste stati lasciati, era stato servito, essere ricordato, sarà stato scoperto,
saranno amati, fosse stato dato, fu stato trovato, saresti lodato, siano assunti, fossero chiamati, sia colpi-
to, essendo stimato, sei stato punito

8 Sottolinea una volta i verbi nella forma attiva e due volte i verbi nella forma passiva.
1. In estate la frutta è mangiata volentieri. 2. Il gatto è salito sull’albero perché era inseguito da un
cane. 3. Questo programma è iniziato da pochi giorni e già è seguito da milioni di persone. 4. Oggi il
nuovo ospedale è inaugurato dal sindaco anche se è entrato in funzione il mese scorso. 5. I posti saran-
no assegnati dopo che saranno uscite le graduatorie. 6. Anche oggi Claudio e Andrea saranno rimpro-
verati per il ritardo.

9 Stabilisci se la forma del verbo in corsivo è passiva (Pass), rilessiva (R), pronominale (Pr) o imper-
sonale (I).

1. Si preferiscono le materie in cui si riesce meglio. 2. Si entra solo se si è maggiorenni o con


i genitori. 3. Gino si asciuga i capelli. 4. Carlo alla minima contrarietà si infuria.
5. Quando si parla bisogna stare attenti alle cose che si dicono. 6. Quando è agitato si mangia le
unghie. 7. La faccenda si è ingarbugliata talmente che non siamo più in grado di uscirne.
8. Si ritornerà verso le ore venti. 9. Si deve lottare contro le ingiustizie.

10 Fai l’analisi grammaticale sul quaderno tralasciando le parole in corsivo.


Era il 1992 e ci chiesero di organizzare qualcosa per promuovere un gruppo formato da due fratelli gio-
vanissimi (oggi non li ricorda più nessuno). Per la prima volta il nostro programma usciva dalla radio. Per
l’occasione venne scelto un locale di Milano. Con quale risultato? L’intera via venne chiusa, moltissimi
ragazzi si presentarono. Fu il momento in cui capii qual era la mia popolarità. Le cifre delle serate che
seguirono erano impressionanti: quindicimila ragazzi nelle discoteche... eppure non sapevo né ballare né
cantare.

163
PARTE 3 • Morfologia

SCHEDA

72 Avverbio: funzione e classificazione


L’avverbio è una parola che svolge, rispetto al verbo, la stessa funzione che l’ag-
gettivo svolge rispetto al nome.
Infatti, si accompagna al verbo per precisarne o modificarne il significato:
Giorgio viaggia molto.
Inoltre l’avverbio può accompagnare anche:
P un aggettivo: Giorgio è abbastanza simpatico.
P un altro avverbio: Bruno viaggia sempre volentieri.
P un’intera frase: Certamente ci siamo dimenticati qualcosa.

Tipi di avverbi in base al signiicato In base al significato si distinguono vari


tipi di avverbi:
P di modo (informano sul modo in cui si svolge un fatto o si compie un’azione):
bene, male, velocemente, piano, volentieri, faticosamente...;
P di quantità (informano sulla quantità): molto, poco, troppo, abbastanza, circa,
quasi, soprattutto...;
P di tempo (informano sul momento in cui si verifica un fatto): ora, adesso, oggi,
ieri, allora, domani, subito, poi, ancora, sempre, mai, spesso, presto, tardi...;
P di luogo (informano sul luogo in cui si svolge l’azione o si trova qualcosa): qui,
qua, lì, là, sopra, laggiù, lassù, via, ci, vi, ne, dovunque...;
P di affermazione (affermano un fatto): sì, sicuro, certo, certamente, appunto...;
P di negazione (negano un fatto): no, non, neanche, nemmeno, neppure...;
P di dubbio (mettono in dubbio un fatto): forse, quasi, probabilmente...;
P interrogativi (introducono una domanda): perché?, come?, dove?, quando?,
quanto?...;
P esclamativi (introducono una frase esclamativa): come!, dove!, quando!, quanto!...
P di presentazione (segnala l’arrivo di una persona o il verificarsi di un evento):
ecco.

Per una corretta scrittura Accento ed elisione negli avverbi


L’accento sugli avverbi
P Su alcuni avverbi l’accento è obbligatorio per distinguerli da forme non accentate.

Avverbi che devono essere accentati Avverbi che non devono essere accentati
– giù, laggiù, quaggiù – qui, qua
– lassù, quassù – su
– già, più – ne
– sì: Sì, verrò alle tre.
– lì: Lì abita il nonno.
– là: Guarda là!
L’elisione di ci, vi, ne davanti ad alcune voci verbali di essere ed entrare
P Gli avverbi ci, vi, ne si elidono davanti alle voci del verbo che accompagnano se iniziano per e.
In particolare ci e vi si usano frequentemente insieme con il verbo essere (con il significato di trovarsi,
esistere) e con il verbo entrare (con il significato di avere a che fare):

164
Avverbio

Sono avverbi Non sono avverbi


Forme corrette Forme errate
1. C’è Piero? 1. Ce Piero. 1. Ce lo ha promesso. (pronome personale: a noi)
2. C’era la nebbia. 2. Cera la nebbia. 2. Ho comprato la cera per i pavimenti. (sostantivo)
3. Non v’era pace. 3. Non vera pace. 3. Questa non è vera pace. (aggettivo)
4. Se n’era andata. 4. Se nera andata. 4. Era una notte nera e tempestosa. (aggettivo)
5. Questo non c’entra. 5. Questo non centra. 5. L’arciere centra il bersaglio. (verbo: centrare)

1 Sottolinea gli avverbi e indica con una x di che tipo sono.

Modo Quantità Tempo Luogo


come? quanto? quando? dove?

1. Ieri ho comprato la bicicletta. ........................ ........................ ........................ ........................

2. Vieni qui, devo parlarti. ........................ ........................ ........................ ........................

3. Abbiamo camminato molto. ........................ ........................ ........................ ........................

4. Ti sei comportato bene. ........................ ........................ ........................ ........................

5. Ora ti racconto una storia. ........................ ........................ ........................ ........................

6. C’è della neve lassù. ........................ ........................ ........................ ........................

7. Fa abbastanza freddo. ........................ ........................ ........................ ........................

8. Discutono animatamente. ........................ ........................ ........................ ........................

2 Osserva le parole in corsivo e correggi gli errori.


1. Guarda la quanta neve! 2. Si sono incontrati per caso alla stazione. ........................... 3. Il
...........................

marito di Lisa viaggia continuamente quà e là per lavoro. ........................... 4. Quei ragazzi mi hanno salutato
ma non li conosco. ........................... 5. Si, sono stato io, però non l’ho fatto apposta. ........................... 6. Deve
aver cambiato scuola, non là vedo spesso. ........................... 7. Non spostarlo: qui o li per me fa lo stesso.
........................... 8. Si sedeva quì vicino al camino. ...........................

3 Inserisci la forma opportuna.


1. C’è - ce a. Volete del gelato? ................................. l’hanno appena portato.
b. ................................... chi dice che non siamo influenzati dalla pubblicità.
2. C’era - cera a. Con la ................................... si fanno le candele.
b. Al concerto ................................... una folla immensa.
3. V’era - vera a. Pioveva in casa perché ................................... una tegola rotta.
b. La notizia è ..................................., è stata confermata.
4. N’era - nera a. Preferisco l’auto ................................... a quella rossa.
b. L’ho cercato, ma se ................................... già andato.
5. C’entro - centro a. Non guardate me, io non ....................................
b. Andremo in ................................... a cercare i regali per Luca.
6. C’entriamo - a. Abbiamo poca mira: difficilmente ......................... l’obiettivo.
centriamo b. Ci ritengono responsabili, ma noi non .........................................

165
PARTE 3 • Morfologia

SCHEDA

73 Avverbio: gradi e locuzioni avverbiali


Numerosi avverbi hanno il grado comparativo e superlativo, come gli aggettivi
qualificativi.
Si tratta principalmente degli avverbi di modo (tranne quelli in -oni), di luogo
(lontano e vicino), di tempo (presto, tardi, spesso), di quantità (poco, molto), di
dubbio (probabilmente).
Il comparativo Il comparativo si forma con:
P più... di... (maggioranza): Il treno è arrivato più tardi del pullman.
P meno... di... (minoranza): È meno tardi del solito.
P (tanto) ... quanto..., (così)... come... (uguaglianza): Abito (tanto) lontano quanto
Luca.
Il superlativo assoluto Il superlativo assoluto si forma premettendo all’avver-
bio molto e assai, perché non per tutti gli avverbi è possibile coniare forme come
rapidissimamente, velocissimamente, ecc. :
Ho eseguito il disegno molto accuratamente.
Il superlativo relativo Il superlativo relativo si forma con:
P il più ... possibile: Torna il più presto possibile.
P il meno ... possibile: Gliel’ho fatto notare il meno scortesemente possibile.

Comparativi e superlativi particolari Come gli aggettivi (buono, cattivo, molto,


poco, grande), anche gli avverbi bene, male, molto, poco, grandemente presentano
per il comparativo di maggioranza e per il superlativo forme particolari che sono
derivate dal latino.
Positivo Comparativo di maggioranza Superlativo assoluto
bene meglio ottimamente o benissimo
male peggio pessimamente o malissimo
molto più – moltissimo
poco meno minimamente o pochissimo
grandemente maggiormente massimamente o sommamente

Locuzioni avverbiali Svolgono la funzione di avverbi anche le locuzioni avver-


biali, gruppi di parole (preposizioni, nomi, aggettivi, avverbi) che costituiscono
un’unità lessicale, cioè dotata di significato.
Possono essere raggruppate, come gli avverbi, in base al significato:
P di modo (di corsa, in fretta, in fretta e furia, alla svelta, in breve, di buon grado,
per caso, da capo a piedi, a poco a poco, a mano a mano, a stento, contro voglia,
a perdifiato, a più non posso, all’antica, all’impazzata, a casaccio, per filo e per
segno, a puntino, di nascosto, a tentoni, in particolare, per gradi, di male in peggio,
di bene in meglio, di norma, di questo passo, al contrario, a rovescio, a cavalcioni, a
balzelloni, senza dubbio...);
P di quantità (di più, di meno, fin troppo, all’incirca, più o meno, né più né meno, a
bizzeffe, per niente, appena appena ...);
P di tempo (ad un tratto, tutt’a un tratto, all’improvviso, di colpo, d’ora in avanti,
d’ora in poi, fra poco, per sempre, a lungo, di frequente, una volta, di ora in ora, di

166
Avverbio

giorno in giorno, per tempo, di tanto in tanto, di quando in quando, di buon’ora, di


rado, di solito ...);
P di luogo (da lontano, da vicino, dal di dentro, da fuori, di sopra, di sotto, in su, in
giù, per di qua, per di là, da quassù, in disparte ...);
P di affermazione (di sicuro, di certo, per l’appunto, senza dubbio, senz’altro ...);
P di negazione (per nulla, niente affatto, neanche per sogno, neppure per idea...);
P di dubbio (quasi quasi...);
P interrogative (in che modo?, da dove?, da quando?, per quale motivo?).

1 Inserisci l’avverbio dato formando il grado comparativo o superlativo.


1. Vieni ............................ (vicino) così riesci a vedere anche tu. 2. Trattalo ............................ (gentilmente) che
puoi. 3. Trattalo ............................ (cortesemente) possibile. 4. Ti sei comportato ............................ (villana-
mente) del solito. 5. È un film troppo lungo: mi ha annoiato ............................ (molto). 6. Devo telefo-
nargli ............................ (presto) possibile. 7. Posso giocare in cortile ............................ (spesso) di quanto vorrei.
8. Questa verdura mi piace ............................ (poco). 9. Ha corso ............................ (velocemente) di te. 10. Grida
forte, anzi ............................ (forte) perché tutti sentano.

2 Sottolinea le forme errate e scrivi quelle corrette.


1. Questa medicina ha fatto più meglio a me che a te. .............................. 2. Tratti più peggio i tuoi amici che
gli estranei. ................................. 3. In città il caldo si sente più maggiormente che in campagna. ....................................
4. Abbiamo concluso l’affare molto ottimamente. .................................... 5. È andata in Inghilterra e ora parla
l’inglese più pessimamente di prima. ....................................

3 Completa in modo opportuno con le locuzioni avverbiali in corsivo.


di sicuro, per caso, per niente, di buon’ora, contro voglia, per tempo, a bizzeffe, di nascosto, d’ora in avanti,
di tanto in tanto, al solito, a perdifiato, in disparte, a rovescio, neanche per sogno, per filo e per segno
1. Ho sonno perché stamattina mi sono alzato ............................................... per andare in montagna. 2. Sulla zona
infuriava un terribile temporale e ................................................. a lampi abbaglianti seguiva il fragore dei tuoni.
3. Non preoccuparti perché in biblioteca troveremo ......................................................... qualche libro per la nostra
ricerca, anzi probabilmente ne troveremo ........................................................... 4. Avevo perso il mio portafoglio e
ho chiesto ai miei amici se .............................................................. l’avessero trovato. 5. Stamattina avete corso .........
................................................ per non perdere il treno, ma .............................................................. dovete imparare ad arrivare

in stazione ................................................. 6. I miei cugini sono antipatici e vado ................................................. a casa loro.
7. Che sbadato! Come .................................................... ho messo il pullover ....................................................! 8. Ho preso ............
........................................ il tuo berretto perché, se te l’avessi chiesto, non me l’avresti prestato ....................................................

9. Racconta bene, ...................................................., tutto quello che ti è capitato. 10. Luisa non si è divertita ................
................................. alla festa: non conosceva nessuno ed è rimasta sempre ......................................................

167
PARTE 3 • Morfologia

SCHEDA

74 Riepilogo. L’avverbio
1 Sottolinea gli avverbi e indica con una x di che tipo sono.
Affermazione Negazione Dubbio

1. Sì, Luca e Carlo verranno. ............................. ............................. .............................

2. Forse ho sbagliato l’esercizio. ............................. ............................. .............................

3. Non posso venire. ............................. ............................. .............................

4. Certamente sarete ricompensati. ............................. ............................. .............................

5. Probabilmente pioverà. ............................. ............................. .............................

6. No, non te lo dico! ............................. ............................. .............................

7. Non mi guarda neppure! ............................. ............................. .............................

2 Sottolinea una volta gli avverbi interrogativi, due volte gli esclamativi.
1. Perché ti preoccupi tanto per una cosa da nulla? 2. Come sono contenta: è tornata Laura! 3. Dove
vai? Non ti ho dato il permesso di uscire. 4. Quanto mi sei mancato in tutti questi mesi! 5. Come
hai trovato la strada senza la cartina? 6. Oggi non è la festa della donna: perché stanno distribuendo le
mimose? 7. Quando ci daranno i risultati? 8. Poverino, dov’è finito! Dobbiamo aiutarlo a uscire da lì.

3 Collega la parola in corsivo a quella a cui si riferisce, poi indica se è aggettivo (Ag) o avverbio (Av).
1. Preferisco un uovo sodo. 2. Durante la mietitura si lavora sodo. 3. Ha visto molto fumo
e si è spaventato. 4. Siamo molto contenti per il tuo ritorno. 5. Si divertì molto.
6. Parla piano, non devono sentire. 7. È un terreno piano e soleggiato. 8. È un fatto certo,
non ci sono dubbi. 9. Certo, verranno tutti! 10. Bisogna rigare diritto.

4 Scrivi tra parentesi il signiicato di ne, ci, vi, poi sottolineali quando sono avverbi di luogo.
1. Marco ci (...........................) ha telefonato poco fa. - Marco ci (...........................) abita da tre anni. 2. Mi avete
stancato! Me ne (...........................) vado. - Ho saputo del tuo ritorno: me ne (...........................) ha parlato Luisa.
3. Mi piacerebbe visitare il museo, vi (...........................) andrò domani. - Vi (...........................) vedrò dopo le lezio-
ni. 4. Entrò nella botte e non fu più capace di uscirne (...........................). - Questa chiave non entra, provane
(...........................) un’altra. 5. Non insistere, tanto non ci (...........................) credo. - Non ci (...........................) vado.

5 Completa con un avverbio o con una locuzione di uguale signiicato.


Avverbi Locuzioni avverbiali

1. Casualmente .....................................................................................................................

2. ............................................................................................................... di frequente
3. Solitamente .....................................................................................................................

4. ............................................................................................................... di rado
5. ............................................................................................................... di certo
6. lungamente .....................................................................................................................

7. indubbiamente .....................................................................................................................

168
Avverbio

6 Sottolinea gli avverbi e indica se sono comparativi di maggioranza (Ma), di minoranza (Mi) o di
uguaglianza (U).

1. Ho fatto tutto più velocemente di te. 2. La nonna si muove più lentamente di prima.
3. Torna presto come ieri. 4. Il treno è arrivato più tardi del pullman. 5. Abito tanto lon-
tano quanto Luca. 6. Hai eseguito questo esercizio meno correttamente del solito. 7. La
partita di oggi è andata meno bene di quella della settimana scorsa. 8. Ora mi sento bene come
prima.

7 Sottolinea gli avverbi e indica con una x se sono superlativi assoluti o relativi.

Assoluto Relativo

1. Ho eseguito il disegno molto accuratamente. ......................................... .........................................

2. Torna il più presto possibile. ......................................... .........................................

3. Stai benissimo con quel vestito. ......................................... .........................................

4. In vacanza mi alzavo tardissimo. ......................................... .........................................

5. Andò il più lontano possibile. ......................................... .........................................

6. Parlavano pianissimo. ......................................... .........................................

7. Si riprese assai rapidamente. ......................................... .........................................

8. Mi piace pochissimo. ......................................... .........................................

9. È salutare: usane il più possibile. ......................................... .........................................

10. La notizia si diffuse rapidissimamente. ......................................... .........................................

L’analisi grammaticale
Per fare l’analisi grammaticale dell’avverbio occorre indicare:
- la forma: avverbio o locuzione avverbiale;
- il tipo (di modo, di luogo, di tempo, di quantità, di valutazione, interrogativo, esclamativo); nel caso
degli avverbi di valutazione è necessario specificare se di affermazione, di negazione o di dubbio;
- il grado: ma solo se comparativo o superlativo;
Esempi:
oggi: avverbio di luogo.
meno: avverbio di modo di grado comparativo di maggioranza.
pochino: avverbio di quantità.

Esercizio. Sottolinea gli avverbi e fai l’analisi grammaticale di tutte le parole tranne quelle in corsivo.
1. Si è diretto lentamente laggiù. 2. Siamo sinceramente commossi, ma soprattutto pieni di stupo-
re. 3. La volpe agisce più astutamente degli altri animali. 4. Molte persone spesso parlano benissi-
mo, ma si comportano malissimo. 5. Adesso andiamo a salutare Stefania che è appena arrivata. 6.
Non arriva mai puntualmente, è veramente insopportabile. 7. I ragazzi dovrebbero vedere meno spes-
so scene di violenza, per crescere più serenamente. 8. Ora riassumete il brano il più brevemente possi-
bile. 9. Ieri Marco è caduto e ha battuto violentemente la spalla. 10. No, non l’ho visto, ma forse è già
arrivato e certamente ti telefonerà domani.

169
PARTE 3 • Morfologia

SCHEDA

75 Preposizione: funzione
e classificazione
La preposizione è una parola che collega due elementi di una frase o due frasi,
indicando la relazione che esiste tra essi. In base alla forma si divide in due tipi:
preposizioni semplici e preposizioni articolate.
Le preposizioni semplici sono nove: di, a, da, in, con, su, per, tra, fra:
La casa di Marta si trova in centro.
Tornerò da Milano con Teo.
Le preposizioni articolate sono formate dalle preposizioni semplici di, a, da, in,
su, unite all’articolo determinativo:
Partirò alle nove dall’aeroporto.
Sono elencate nel seguente schema:
Preposizioni semplici Articoli determinativi
il lo la i gli le
di del dello della dei degli delle
a al allo alla ai agli alle
da dal dallo dalla dai dagli dalle
in nel nello nella nei negli nelle
su sul sullo sulla sui sugli sulle
Le parole del, dello, della, dei, degli e delle possono svolgere anche la funzione di
articoli partitivi, ma in questo caso significano un po’ di..., alcuni, alcune:
Dammi dello (= un po’ di) zucchero e delle (= alcune) mele (articoli partitivi).
Dammi il barattolo dello zucchero e il cestino delle mele (preposizioni articolate).

Per non commettere errori A oppure ha?


Uno degli errori ortografici più diffusi e gravi riguarda l’uso della preposizione a.
Bisogna ricordare che la a che precede un verbo all’infinito (-are, -ere, -ire) è sempre preposizione e,
quindi si scrive senza l’h. Non si scriverà Vado ha pescare, ma si scriverà vado a pescare.
La forma ha è una voce del verbo avere e spesso è seguita da un verbo al participio passato (-ato, -uto, -ito):
Ha pescato una trota.
Occorre ricordare, inoltre, che le preposizioni articolate si adattano alla lettera iniziale della parola
che segue come gli articoli determinativi da cui sono formate: del gesso, dello zucchero, dell’orologio.
Vedi l’articolo determinativo a pag. 66.

1 Sottolinea una volta le preposizioni semplici e due volte quelle articolate.


1. Ho fatto un disegno sui diari dei miei compagni. 2. Nella città di Firenze ci sono famosi monumenti e
musei visitati dai turisti e dagli studenti. 3. Sono nello studio e sto scrivendo con il computer una ricer-
ca sull’Australia da consegnare fra due giorni. 4. Aspetto con ansia l’arrivo dell’aereo proveniente dal
Brasile. 5. Tra alcuni anni andrò all’università per studiare medicina.

170
Preposizione

2 Sottolinea una volta le preposizioni articolate e due volte gli articoli partitivi.
1. C’erano delle persone che gironzolavano tra i banchi del mercato. 2. Sulla porta era appeso un
avviso dell’Azienda del gas. 3. Mescolando della ricotta con dello zucchero e del cacao si ottiene una
crema leggera. 4. Portava il giubbotto di renna del fratello e degli stivali scamosciati. 5. Alla fine
dell’estate il mare sembra più triste del solito. 6. Ha parlato della faccenda con degli estranei e ora rice-
ve delle telefonate strane. 7. Passerà del tempo ma vedrai che prima o poi tutto tornerà come prima.
8. Hanno preparato in fretta e furia dei documenti dopo una telefonata di una funzionaria della banca.

3 Inserisci la preposizione opportuna (in caso di dubbio, consulta il dizionario).


1. Spesso ho provato .................... fare delle cose che mi sembravano difficilissime e in breve sono diventato
capace .................... farle. 2. Mio fratello mi ha detto: «Ricordati .................... comprare il Corriere domani!»
e io mi sono sforzato .................... ricordarmene ma non ci sono riuscito. 3. Ho deciso .................... prendere
un diploma di scuola superiore e per questo mi sono deciso .................... mettermi a studiare seriamente.
4. Quando i genitori sono lontani .................... casa, ci sentiamo liberi .................... fare tutto ciò che vogliamo
e più sicuri .................... fare quello che facciamo. 5. È un ragazzo in gamba, esperto .................... informatica,
abituato .................... impegnarsi .................... quello che gli interessa, e capace anche .................... accettare gli insuc-
cessi. 6. Non è ancora soddisfatto .................... risultati che ha ottenuto e vuole ancora continuare ....................
allenarsi. 7. Chiedere scusa .................... qualcuno ................... qualcosa, è una cosa più facile ................... dirsi che
.................. farsi.

4 Completa le frasi con a (preposizione) oppure con ha (verbo).


1. Andiamo ......... giocare ......... tennis? 2. Massimo ......... ottenuto degli ottimi risultati nella prova di ingle-
se. 3. Ho comprato un libro da regalare ......... Paolo che è ......... letto ammalato. 4. Devi correre .........
comprare qualcosa prima che chiuda il supermercato. 5. Siamo venuti ......... chiamarti, ma nessuno .........
risposto quando abbiamo suonato il campanello. 6. Qualcuno di voi ......... preso parte alle gare di sci?
7. Il sindaco si è deciso ......... tornare sull’argomento e ......... riunire un altro consiglio comunale per discute-
re sulla chiusura al traffico del centro storico. 8. I miei cugini sono stati invitati ......... partecipare ......... un
gioco televisivo e andranno ......... Roma nei prossimi giorni. 9. L’atleta è tornata ......... gareggiare sei mesi
dopo la nascita della figlia. 10. Non ......... capito le indicazioni del vigile e ......... chiesto ancora una spiega-
zione ......... un’altra persona che ......... incontrato poco dopo.

5 Completa le espressioni con le forme articolate della preposizione data.


1. di : Le onde ................... mare. - Gli animali ................... zoo. - Le stelle ................... Orsa Maggiore. 2. a: Vado

oratorio. - Ci troviamo ................... giardini pubblici. - Assisterò ................... spettacoli musicali. - Mi pia-
...................

ce la marmellata ................... arancia. 3. da: Tornerà .................. Asia. - Lontano .................. scogli. - Piange ..................
gioia. 4. in : Aspetto ................. ingresso. - Resteremo ................... aula. - Parcheggiate .................. spazi stabiliti. - L’ho
trovato ................... elenchi. 5. su: Andiamo ............... terrazzo. - Giocano ................ altalena. - Corrono ................ sci.

6 Completa con le forme articolate della preposizione di.


1. Lo studio .................. psicologo. 2. Il rombo .................. elicottero. 3. Le favole .................. gnomi. 4. La moda
.................. zoccoli. 5. La pronuncia .................. straniero. 6. L’emigrazione .................. iugoslavi. 7. Il sapore

.................. zucchero. 8. Il colore .................. occhi. 9. Le evoluzioni .................. acrobata. 10. Il tronco ..................

ulivo. 11. Il rumore .................. spari. 12. Le piume .................. struzzo.

171
PARTE 3 • Morfologia

SCHEDA

76 La preposizione: preposizioni
improprie e locuzioni prepositive
Preposizioni improprie Sono dette preposizioni improprie altre parole usate
come preposizioni:
P aggettivi: lungo, salvo, secondo, ...:

Un viale lungo (agg.).


Un viale lungo la riva del fiume (prep.).
P avverbi: dopo, dentro, fuori, sopra, sotto, dietro, contro, presso, ...:

Andate fuori! (avv.).


La macchina è andata fuori strada (prep.).
P verbi: durante, mediante, nonostante, eccetto, tranne, ... (parole che, in realtà,
ormai non sono più usate come verbi ma solo come preposizioni):
durante la guerra; mediante il tuo aiuto ; nonostante le difficoltà.
Locuzioni prepositive Ci sono infine locuzioni prepositive, cioè gruppi di paro-
le che costituiscono un’unità lessicale e svolgono la stessa funzione delle prepo-
sizioni: vicino a, fuori di, dopo di, su per, in compagnia di, riguardo a, a causa di,
per mezzo di, allo scopo di, in mezzo a, ...

Per non commettere errori Come si usano le preposizioni improprie


Le preposizioni improprie e le locuzioni prepositive si costruiscono in molti modi e quindi è facile fare
degli errori. Osserva la seguente tabella e ricorda che il dizionario riporta tutte le forme corrette.

Preposizione / a di da con
accanto al fuoco / a me
vicino alla porta / a me
davanti alla televisione / a me
prima di sera / di me
lontano da casa / da lui
insieme all’amico/ a me con l’amico/con me
oltre il confine a questo /a me
dopo la partita di me
contro l’avversario di me
dentro l’armadio di me
dietro l’angolo all’angolo di noi
sopra il tavolo al tavolo di me
sotto il tavolo al tavolo di me
fuori casa di casa / di me dal paese

172
Preposizione

1 Sottolinea le preposizioni improprie e le locuzioni prepositive.


1. È fuori di sé dalla rabbia perché è stato criticato da tutti. 2. Secondo l’opinione corrente, i beni
materiali contano più di tutto. 3. Ha preferito fare di testa sua, nonostante i rimproveri dei genitori.
4. Per mezzo del cellulare, oggi si possono fare cose inimmaginabili poco tempo fa. 5. Sono stati trovati
antichissimi resti fossili durante gli scavi in Turchia. 6. Non ho trovato niente di interessante riguardo
all’argomento della ricerca. 7. Vito ama molto andare a spasso su per i monti in compagnia di amici
quando il tempo è bello. 8. Ho portato l’auto dal meccanico a causa di un rumore strano che ho sentito
durante tutto il viaggio.

2 Stabilisci se le preposizioni improprie in corsivo indicano tempo (T) o luogo (L).


1. È arrivato dopo due ore. 2. Nella fila sono dopo questo signore. 3. Il gatto è nascosto
sotto il tavolo. 4. Sotto l’imperatore Augusto nacque Gesù. 5. Non trattenerti oltre le sette.
6. Oltre il fiume si stendeva una vasta pianura. 7. Trovi l’edicola andando verso la chiesa.
8. Sono uscito verso le tre. 9. Dentro la scatola ci sono i pastelli. 10. Entro domani
dovete portare i soldi per la gita.

3 Individua e sottolinea le preposizioni.


1. Con il suo brutto carattere è rimasto senza amici. 2. C’è una pizzeria in piazza. 3. Per piacere, non
rientrare dopo le sette. 4. Durante il pomeriggio ha ricevuto due telefonate dagli amici. 5. Sopra la
panca la capra campa, sotto la panca la capra crepa. 6. Non nasconderti dietro i tuoi compagni di classe
più alti. 7. Lungo il corso del fiume sugli argini, ci sono alcune barche di pescatori. 8. Presso la chiesa
c’è un convento di frati. 9. Tranne Luca non conoscevo nessuno tra gli invitati. 10. Secondo le previ-
sioni del tempo tornerà la pioggia dopo questo caldo. 11. Dentro un cassetto ho trovato una mia foto
con i miei compagni della scuola materna.

L’analisi grammaticale
Per fare l’analisi grammaticale della preposizione occorre indicare:
- il tipo: propria, impropria, locuzione prepositiva;
- la forma: semplice o articolata (solo per le preposizioni proprie); nel caso di una preposizione arti-
colata si devono indicare la preposizione semplice e l’articolo da cui è formata.
Esempi:
di: preposizione propria, semplice.
dalla: preposizione propria, articolata, formata da da+la.
sopra: preposizione impropria.
al posto di: locuzione prepositiva.

Esercizio. Fai l’analisi grammaticale di tutte le parole tranne quelle in corsivo.


Era accaduto la sera del 5 maggio 1936. Non appena la radio aveva diffuso la notizia che il maresciallo
Badoglio era entrato in Addis Abeba alla testa delle truppe italiane e che l’Italia aveva il suo Impero,
in paese s’era scatenato l’entusiasmo della popolazione. Le campane (...), avevano suonato a festa,
alle finestre erano comparse bandiere tricolore, in piazza s’era riversato quasi tutto il paese. Era una
sera tiepida. S’era formato spontaneamente un corteo che, al suono di marcette suonate da una banda
improvvisata, aveva percorso le contrade e sfilato lungo lo stradone deviando infine sul lungolago.
Deilde era nel corteo. Giunto in piazza (...), il corteo s’era sciolto, ma la gente non aveva voluto saperne
di tornare a casa. Nella piazza gremita i musicisti avevano improvvisato alcuni pezzi ballabili.
(A. Vitali, Il Procuratore, Garzanti, Milano 2006)

173
PARTE 3 • Morfologia

SCHEDA

77 Congiunzione: funzione
e classificazione
La congiunzione, come la preposizione, è una parola invariabile che collega paro-
le o frasi ma, a differenza della preposizione, collega tra loro solo elementi simili
(per esempio nomi con nomi o frasi con frasi), e li mette in relazione ponendoli
sullo stesso piano o su piani diversi.
Sulla base di quest’ultima funzione possiamo distinguere due tipi di congiunzioni:
coordinanti e subordinanti.
Le congiunzioni coordinanti collegano parole o frasi dello stesso tipo o dello
stesso livello d’importanza: e, o, ma, cioè, allora, perciò...:
Devo studiare inglese e matematica per domani.
Le congiunzioni subordinanti collegano due frasi mettendone una alle dipen-
denze dell’altra: quando, appena, perché, se, che...:
Devo studiare perché sarò interrogato.
Come le preposizioni, anche le congiunzioni possono essere chiamate funzionali
perché la loro importanza consiste, più che nel loro significato, nella funzione che
svolgono, cioè quella di mettere in relazione due elementi.

1 Tra le parole scritte in corsivo distingui, sottolineandole, le congiunzioni dalle preposizioni.


Mentre come un lento serpente i nostri pochi soldati (...) salivano e scendevano colline, la notizia del
nostro arrivo ci stava precedendo. (...) Fu in questo modo che (...) gli indios cileni vennero informati
della nostra spedizione e quando arrivammo nel loro territorio (...) erano già pronti per farci la guerra.
(...) ci chiamavano huincas, che nella loro lingua, il mapudungu, significa bugiardi e ladri di terre. Ho
dovuto apprendere quest’idioma perché si parla ovunque in Cile. (...) Loro arrivarono qui prima di noi
e ciò gli conferisce maggiori diritti, ma non potranno mai cacciarci. (...) Si dice che assomiglino a certi
popoli asiatici. Se davvero provengono da lì, non riesco a spiegarmi come abbiano potuto (...) giungere
fino a qui. (...) non conoscono né l’arte, né la scrittura, non costruiscono né città, né templi, non hanno
(...) classi né sacerdoti, ma solo capitani di guerra.
(adattamento da: I. Allende, Inés dell’anima mia, trad. di E. Liverani, Feltrinelli, Milano 2006)

2 Completa in modo opportuno le frasi introdotte dalle congiunzioni in corsivo.


1. Ho invitato Carlo, Luigi e ................................................................................................................................................................................
2. Ieri sera abbiamo ballato e ...............................................................................................................................................................................
3. Non voglio un quaderno a righe ma .........................................................................................................................................................
4. Aspettavo i miei cugini, ma ............................................................................................................................................................................
5. Gli spedirò una lettera o ....................................................................................................................................................................................
6. Oggi uscirete o .........................................................................................................................................................................................................
7. Dura un triennio, cioè .........................................................................................................................................................................................
8. Ricordati di fare quello che ti ho detto, cioè ........................................................................................................................................

174
Congiunzione

3 Indica con una x se la congiunzione in corsivo collega parole dello stesso tipo o frasi.

Collega parole Collega frasi

1. Ho riordinato gli scaffali e la scrivania, come tu mi hai detto. w w


2. Sono arrivati alla stazione con un certo anticipo e hanno comprato il w w
biglietto.
3. Siete pronti per partire oppure devo aspettare ancora? w w
4. Questa sera preferisci accendere il camino o il riscaldamento? w w
5. Hai fatto una grossa sbadataggine, cioè hai dimenticato le chiavi di casa. w w
6. Ti ringrazio ma ho già cenato prima di uscire di casa. w w
7. Possiamo sia fare una partita a carte, sia guardare un bel film in vide- w w
ocassetta.
8. In questi giorni il clima è molto freddo ma secco, quindi si sta meglio. w w
9. È una giornata piovosa, perciò non lavare l’auto: sarebbe proprio w w
inutile!
10. Deve essere arrabbiato, infatti non mi ha telefonato, come mi aveva w w
promesso.
11. Prendete il numero appena arrivate, altrimenti chi arriverà dopo w w
entrerà prima.
12. È una bellissima pianta sempreverde, cioè non perde le foglie durante w w
l’inverno.

4 Completa le frasi introdotte dalle congiunzioni in corsivo.


1. Sono stati puniti quando ...................................................................................................................................................................................

perché .....................................................................................................................................................................................
2. Roberto parla a voce tanto alta che ............................................................................................................................................................
perché .....................................................................................................................................................
3. Andare al cinema mi piace tanto quanto ...............................................................................................................................................
se ..........................................................................................................................................................
4. Sono caduto dalla bicicletta perché ..........................................................................................................................................................
quando .........................................................................................................................................................
5. Ha corso tanto velocemente che .................................................................................................................................................................
quando ........................................................................................................................................................
6. Tutti i ragazzi sanno che ..................................................................................................................................................................................
perché ...........................................................................................................................................................................

175
PARTE 3 • Morfologia

SCHEDA

78 Congiunzioni coordinanti
Le congiunzioni coordinanti si dividono in sei gruppi principali:
P copulative (uniscono affermando o negando): e, anche, pure, inoltre, né, neppu-
re, neanche...:
Ho colto le rose e le peonie, mentre ho innaffiato il giardino.
Le congiunzioni copulative possono essere distinte, a loro volta, in tre gruppi: affer-
mative (e), negative (né, neppure, neanche...), aggiuntive (anche, pure, inoltre...).
P disgiuntive (introducono una scelta o un’esclusione): o, oppure, ovvero...:
Taglia l’erba o innaffia il giardino.
P avversative (introducono una contrapposizione o una restrizione): ma, però,
anzi, eppure, tuttavia...:
Taglia l’erba ma non innaffiare il giardino.