Sei sulla pagina 1di 249

Prologo

Un immenso castello fatto di pietra e acciaio fluttuante in un cielo senza fine.


Era tutto quello che c’era in quel mondo.
Ad un gruppo molto variegato di artigiani ci volle un mese per esplorare completamente il posto; il
diametro del piano basale era circa di 10 km—largo abbastanza per farci entrare l’intera Setagaya-
ku. Sopra, c’erano 100 piani posti direttamente l’uno sull’altro; la sua vastità era inconcepibile. Era
impossibile anche solo immaginare la mole di dati di cui era composto.
Dentro c’erano un paio di grandi città, una marea d i piccole cittadine e villaggi, foreste, pianure, e
persino dei laghi. Solo una rampa di scale collegava un piano all’altro, e queste scale si trovavano
in dei dungeons brulicanti di creature mostruose, perciò trovarle e salire non era un’impresa
semplice. Tuttavia, ogni volta che qualcuno riusciva a salire per la prima volta al piano successivo, i
«Portali del Teletrasporto» ivi presenti e quelli di tutte le città dei livelli sottostanti si connettevano
tra loro, rendendo possibile a tutti di spostarsi in sicurezza da un livello all’altro.
L’immenso castello veniva esplorato in questo modo da oltre due anni. La frontiera attuale era il
74esimo piano.
Il nome del castello era «Aincrad», un mondo galleggiante di battaglie a colpi di spada che aveva
inglobato approssimativamente seimila persone. Era altresì noto come...
«Sword Art Online» .
"Per favore...... Non lasciarmi sola...... Pina......"

Due lacrime sottili scesero sulle guance di Silica, mentre piccoli lampi di luce si diffondevano dalla
piuma che si trovava per terra.

Quella piuma blu pallido era tutto quello che rimaneva della sua unica amica e partner da molto
tempo, il famiglio «Pina». Pochi minuti fa, Pina era morta difendendo Silica. Subendo una ferita
mortale dall’arma del mostro, aveva emesso un grido straziante e triste prima di finire in mille
frammenti. Aveva lasciato solo la sua grossa piuma caudale che sventolava allegramente ogni volta
che veniva chiamata per nome——
Parte 1

Silica è uno dei rari «Domatori di bestie» in SAO, o forse è più corretto dire 'era'. Il suo famiglio
femmina, simbolo dei domatori, non c’era più ormai.

Domatore non era una classe o un’abilità data dal sistema, piuttosto un termine usato dai giocatori.

In rare occasioni, mostri aggressivi potevano mostrare interesse verso i giocatori. Se non ti lasciavi
sfuggire l’occasione, potevi addomesticare la bestia con successo dandogli qualcosa da mangiare. A
quel punto, il mostro sarebbe diventato il «Famiglio» del giocatore, cioè un valido alleato che
avrebbe servito il giocatore in molti modi utili. Chi ci riusciva veniva chiamato domatore, con un
misto di ammirazione ed invidia.

Ovviamente non tutti i mostri erano adatti; solo una limitatissima varietà di piccoli mostri si
prestava allo scopo. Le condizioni per sbloccare l’evento non erano del tutto chiare, ma l’unica
condizione sicura era che l’evento non si sarebbe verificato se il giocatore avesse ammazzato troppi
mostri dello stesso tipo.

Si trattava una condizione molto difficile. Anche se qualcuno provasse ad addomesticarne uno
ripetutamente, i mostri erano pur sempre aggressivi e non si poteva evitare di combatterli. In altre
parole, se si desiderava diventare un domatore, bisognava continuare ad incontrare il mostro, e se
l’evento non si verificava bisognava scappare senza ucciderlo. Non era difficile immaginare quanto
fosse seccante l’intera faccenda.

Si può dire che Silica era stata molto fortunata a riguardo.

Senza alcuna conoscenza di tutto ciò, era entrata in una foresta senza alcuna ragione specifica, in un
piano che aveva deciso di esplorare perché le andava. Il primo mostro che aveva incontrato non
l’aveva attaccata, anzi, si era a malapena avvicinato. Lei gli diede una nocciolina che aveva
comprato il giorno prima senza pensarci troppo, e per caso si trattò di un cibo che piaceva al
mostro.

Il mostro era un «Drago Piumato». Il suo corpo era coperto interamente da piume blu chiare e
soffici, e al posto della coda aveva due lunghe piume. Il piccolo drago era un mostro raro da
incontrare. Forse Silica era stata la prima riuscire ad addomesticarlo, dato che divenne
immediatamente una celebrità quando ritornò a casa sua a «Friben», all’ottavo piano, con il mostro
appollaiato sopra la spalla. Il giorno successivo, innumerevoli giocatori hanno tentato di domare un
Drago Piumato dopo aver ascoltato le spiegazioni Silica, ma tutti senza successo.

Silica aveva chiamato il piccolo drago «Pina». Era lo stesso nome che aveva dato al gatto che
possedeva nel mondo reale.

I Famigli erano noti per possedere caratteristiche molto basse per quanto riguardava il
combattimento e Pina non faceva eccezione. Però possedevano un sacco di abilità speciali: uno
scanner di nemici che allertava il giocatore sulla presenza di mostri, una che permetteva di curare
un po’ il giocatore, e così via. Erano tutti molto utili e rendevano la vita quotidiana più sopportabile.

Ma la cosa che rendeva Silica felice era il calore ed il conforto che gli portavano la sola esistenza di
Pina.

L’IA di un famiglio non era un granché. Ovviamente non poteva parlare, e poteva comprendere solo
comandi molto semplici. Ma per Silica, che era entrata nel gioco quando aveva solo 12 anni e ne era
rimasta schiacciata psicologicamente, Pina era stata una salvatrice nel vero senso della parola. Non
era esagerato dire che «L’Avventura» di Silica — che si traduceva in «Vivere» qui — era iniziata
insieme a Pina.

Dopo un anno, Silica e Pina avevano livellato alla grande e le sue abilità con la daga si erano
affinate parecchio. Era diventata famosa come una delle migliori tra i giocatori di medio livello.

Ovviamente, era ancora lontana anni luce dai migliori giocatori che combattevano lungo la linea del
fronte; ma, in un certo senso, quelle poche migliaia di giocatori che penavano ai piani erano anche
più difficili da incontrare rispetto ai domatori. Quindi diventare famoso tra i giocatori di medio
livello portava la stessa notorietà che avevano i giocatori migliori.

Dato che le giocatrici erano piuttosto rare, specialmente della sua età, non ci volle molto prima che
la «Maestra del Drago Silica» diventasse una celebrità con numerosi fan. Ricevette un’infinità di
inviti da parte di squadre e gilde che volevano accaparrarsi una mascotte ed era inevitabile che la
tredicenne Silica cominciasse a diventare fin troppo fiera di sé. Ma alla fine, il suo orgoglio le fece
commettere un errore fatale, e non importa quanto fosse grande il rimorso, indietro non si torna
mai.

Un semplice litigio fu la causa di tutto.

Silica si trovava in una vasta foresta del 35esimo piano, nota come «Foresta della Peregrinazione»,
con un party che aveva conosciuto due settimane prima. A quel tempo, il fronte era ormai al
55esimo piano, quindi il 35esimo era già stato liberato. Ma ai giocatori di prim’ordine non
interessava che liberare i labirinti che collegavano i vari piani, quindi i sotto-dungeon quali la
«Foresta della Peregrinazione» erano un target molto ambito dai giocatori di medio livello.

Il party da sei giocatori di cui faceva parte Silica era formato da validi elementi, aveva lottato fin
dalla mattina trovando un sacco di oggetti interessanti, incluso un buon numero di casse del tesoro.
Ma quando il sole cominciò a calare e cominciarono a scarseggiare le pozioni curative,
cominciarono a tornare sulla via di casa. A quel punto, una ragazza magra che reggeva una lancia
disse qualcosa, forse per stuzzicare Silica.

"Una volta tornati ci spartiremo gli oggetti. Ma dato che la tua lucertola può curarti, non avrai
bisogno dei cristalli, giusto?"
Silica si offese e rispose immediatamente.

"Tu nemmeno hai avuto il coraggio di venire in prima linea, quindi i cristalli non serviranno
nemmeno a te."

Dopodiché la lite si fece sempre più accesa, e ogni tentativo del leader, un tipo con spada e scudo,
di farle ragionare venne ignorato. Alla fine, Silica sbottò infuriata:

"Non mi servono gli oggetti. Non farò mai più squadra con voi. Tanto è pieno di gente che vuole
fare squadra con me!"

Ignorando la raccomandazione del leader di rimanere con gli altri almeno fino all’area abitata,
abbandonò il gruppo e si diresse per un altro sentiero, senza una meta precisa.

Anche se ora era un solo player, ormai aveva padroneggiato il 70% delle sue abilità e aveva Pina
con sé, quindi i mostri di quel piano non erano un problema per lei. Sarebbe stata perfettamente in
grado di cavarsela da sola fino all’area abitata. O almeno se non si fosse persa.

Non la chiamavano «Foresta della Peregrinazione» per nulla.

L’immensa boscaglia era composta da alberi alti e torreggianti, ed era divisa in sezioni, come
un’immensa scacchiera; entrando in una delle sezioni, questa sarebbe stata collegata a random con
una sorta di teletrasporto ad un nuovo set di aree. Se volevi uscire dalla foresta dovevi attraversare
ogni area entro un minuto dall’esserci entrato, o comprare una mappa molto costosa nel centro
abitato.

Ma l’unico a possedere la mappa era il leader. Dato che usare un cristallo del teletrasporto in quella
foresta ti avrebbe solamente portato in un’area random invece che a casa, Silica non aveva scelta
che provare ad uscire da sola. Ma correre per la foresta si rivelò essere più difficile del previsto.

Silica decise di puntare dritto a nord, ma non riusciva mai ad attraversare le aree in meno di un
minuto, e quindi vagava in un loop di aree. Presto si ritrovò ad essere troppo stanca per proseguire.

La luce del sole era davvero fioca adesso, e l’ansia di non riuscire ad uscire in tempo dalla foresta le
calò addosso come una mannaia.

Infine, Silica smise di correre e cominciò a camminare lentamente, sperando di arrivare per caso
nelle aree al limitare della foresta. Ma non ebbe fortuna, e molti mostri la attaccarono mentre
cercava di uscire. Anche con il vantaggio del suo livello, man mano che faceva buio non riusciva
più a vedere bene. Sebbene avesse Pina con sé, non riusciva più ad uscire indenne dagli scontri e
dovette ricorrere a tutte le pozioni e ai cristalli d’emergenza.
Come avvertendo l’ansia di Silica, Pina si strofinò contro la sua guancia per distrarla. Silica si pentì
del suo moto d’orgoglio che l’aveva cacciata in quella situazione, mentre accarezzava la sua amica
per confortarsi.

Mentre camminava pensò:

"Mi spiace. Non penserò mai più che sono speciale. Ma ti prego, fa che la prossima area sia anche
l’ultima."

Entrò in un’altra area distorta dal varco del teletrasporto, pregando. Dopo un lieve moto di
confusione, quello che le apparve di fronte fu ancora la stessa foresta di prima. Non c’era nemmeno
l’ombra delle pianure tra gli alberi davanti a sé.

Una scoraggiata Silica riprese a camminare, mentre Pina sollevò la testa ed emise un grido acuto.
Era un allarme. Silica estrasse immediatamente la daga e la puntò nella direzione indicatale da Pina.

Poco dopo, si sentì un ringhio basso dietro un albero coperto di muschio. Mentre Silica si
preparava, apparve un cursore giallo. Ce n’era più di uno. Due, no... tre. Il nome dei mostri era
«Scimmia

Ubriaca». Erano tra i mostri più forti della Foresta della Peregrinazione. Silica si morse il labbro. E
sia—

Dato il loro livello,-- non erano poi molto pericolosi.

Quando giocatori di medio livello come Silica scendevano in campo, avevano il buon senso di
avere almeno un paio di livelli in più dei mostri che affrontavano. Di norma, c’è bisogno di un
livello molto alto per sconfiggere 5 mostri di fila senza aver bisogno di curarti.

Il motivo era che a differenza dei giocatori migliori, i giocatori di medio livello combattevano
giusto per ottenere abbastanza Col per sopravvivere, guadagnare abbastanza esperienza per
rimanere nella media, e infine per spezzare la monotonia. Per nessuna di queste ragioni valeva la
pena di rischiare la vita. Infatti c’era ancora un migliaio di persone nella «Starting City» che si
rifiutavano di andare avanti per paura di morire.

Ma era necessaria una fonte di entrate regolari per poter mangiare e dormire. Quindi, tutti i
giocatori di MMORPG avevano questa specie di ossessione che li faceva sentire insicuri se non
avevano un livello decente. Per questo motivo, dopo circa un anno e mezzo dall’inizio del gioco, la
maggior parte dei giocatori scendeva in campo con un grosso vantaggio in termini di livello per
stare sicuri.

Quindi, le Scimmie Ubriache, che erano tra i mostri più potenti del 35esimo piano, in realtà non
erano niente di che per Silica; o perlomeno così avrebbe dovuto essere.

Silica sollevò la daga e cercò di concentrarsi. Pina si preparò anch’essa alla battaglia.

I mostri che apparvero erano antropomorfi e coperti da una peluria rossa. Reggevano una clava
molto rozza nella mano destra ed una sorta di zucca con una corda legata intorno nella mano
sinistra.

Mentre le scimmie sollevavano le clave e ruggivano, Silica scattò verso la più vicina per colpire di
sorpresa. Colpì velocissima e gli portò via un bel po’ di HP con la mossa «Rapid Bite», un’abilità
con la daga di medio livello, e poi partì con una combo velocissima, che era uno dei vantaggi
dell’usare una daga.

Le Scimmie Ubriache usavano abilità scadenti con le clave, e siccome ogni colpo aveva un potere
formidabile, mancavano di velocità e della capacità di fare combo. Silica bombardò il mostro e poi
si fece indietro, pronta ad attaccare di nuovo. Dopo averlo fatto diverse volte, gli HP del mostro
calarono drasticamente. Di tanto in tanto, utilizzava il suo soffio a bollicine per stordire
l’avversario.

Ma proprio prima che potesse lanciare la quarta abilità «Fad Edge» ed uccidere la prima scimmia...

Arrivò un nuovo avversario da dietro, scambiandosi con l’altra scimmia in un attimo. Silica non
ebbe altra scelta che attaccare la nuova scimmia. La prima quindi sollevò la mano sinistra facendo
dondolare lo zuccotto—

Silica fu scioccata nel vedere la barra degli HP della prima scimmia. Si stava riempiendo di nuovo a
gran velocità. Sembrava che la zucca contenesse qualche sostanza curativa.

Prima d’ora aveva già combattuto le Scimmie Ubriache ma al massimo due alla volta, e non
avevano mai avuto la possibilità di scambiarsi, quindi era all’oscuro di questa loro abilità. Silica
strinse i denti e si preparò ad affrontare al meglio la seconda.

Ma proprio quando aveva portato gli HP della bestia nella zona rossa e si preparava per una nuova
combo, questa si scambiò con un’altra. Era la terza Scimmia Ubriaca. A quel punto la prima aveva
quasi riempito la sua barra degli HP.

Di questo passo sarebbe stata una lotta interminabile. Per la paura le si seccò la bocca.

Silica aveva pochissima esperienza di combattimento in solitario. Anche se aveva un vantaggio di


livello schiacciante, alla fine si trattava solo di un numero; l’abilità invece è tutt’altra cosa. L’ansia
nella mente di Silica cominciò a diventare confusione. Cominciò a sbagliare sempre più spesso,
dando spazio ai contrattacchi nemici.
Ad un certo punto, quando aveva portato gli HP della terza scimmia a metà, la sua capacità di
mantenere le combo raggiunse il limite. La scimmia non si lasciò sfuggire questa chance e lanciò un
colpo critico.

La clava di legno era rozza, ma il danno base dovuto al suo peso, combinato con la forza delle
Scimmia Ubriaca, fece calare gli HP di Silica del 30%. Sentì un brivido correrle lungo la schiena.

Il fatto che non aveva più pozioni la fece diventare ancora più nervosa. Pina le fece riavere circa il
10% di HP, ma non era una cosa che poteva fare molto spesso. Se fosse stata colpita altre tre volte
da un attacco simile — sarebbe morta.

Morte. Silica si pietrificò quando quella possibilità le balzò alla mente. Il suo braccio era immobile.
Così come le sue gambe.

Finora combattere era sempre stato eccitante, ma era sempre stata lontanissima dal rischio vero.
Non aveva mai pensato di poter essere prossima alla vera «Morte» prima di quel momento—

Mentre era immobile di fronte alla Scimmia Ubriaca che ruggiva brandendo di nuovo la sua clava,
Silica capì per la prima volta cosa volesse dire combattere i mostri in SAO. Era una contraddizione
di termini: SAO era un gioco, ma allo stesso tempo non era qualcosa con cui giocare.

Con il suono cupo della clava che tagliava l’aria, venne colpita mentre era ancora immobile. Non
riuscì a reggere il colpo e finì distesa per terra. I suoi HP diminuirono ed arrivarono nella zona
arancione.

Non riusciva più a pensare a niente. Poteva fuggire. Poteva usare un cristallo del teletrasporto.
Poteva fare altre scelte, ma si limitò a fissare la clava che la scimmia sollevò per la terza volta.

L’arma rozza cominciò a brillare di rosso, e proprio quando lei chiuse gli occhi—

Una piccola figura si frappose tra lei e la clava. Risuonò un forte rumore di impatto. Le piume color
cielo si sparpagliarono ovunque mentre quella piccola barra degli HP calò rapidamente a 0.

Pina osservò Silica con i suoi grandi occhi blu e rotondi mentre crollava al suolo. Emise un debole
lamento e poi si frantumò in mille poligoni. Una delle sue lunghe piume caudali fluttuò lentamente
al suolo come se stesse danzando.

Qualcosa si ruppe dentro Silica. Quello che la manteneva lucida si ruppe. Prima della tristezza,
arrivò la rabbia: rabbia verso di sé che non era stata capace di muoversi dopo aver subito un colpo;
ma prima di tutto rabbia verso di sé e la sua stupidità, che l’aveva fatta avventurare da sola per la
foresta dopo una stupida discussione.
Silica fece un passò indietro con leggerezza, per evitare il colpo diretto a lei. Poi caricò con un
grido. La daga nella sua mano si illuminò mentre colpiva la Scimmia.

Non si preoccupò neppure di schivare la clava della Scimmia che aveva preso il posto della prima
quando questa aveva perso troppi HP, piuttosto la bloccò con la mano sinistra, e perse alcuni HP,
anche se non molti. Ma lei ignorò la cosa e si diresse verso la scimmia che aveva ucciso Pina.

Usò la sua piccola statura a suo vantaggio, caricò la Scimmia, ed affondò la daga nel suo petto con
tutte le forze. Con un luminoso effetto di colpo critico, gli HP del nemico calarono a zero. Prima
arrivò un urlo e poi il rumore del disfacimento in poligoni.

Silica si voltò e caricò il nuovo bersaglio. I suoi HP erano già finiti nella zona rossa, ma a lei non
importava più. Ora vedeva solo il prossimo nemico da abbattere, come se si fosse ingrandito fino a
riempire tutto il suo campo visivo.

Dimenticò pure la paura di morire mentre azzardò una carica fatale contro la clava che si abbassava
su di lei.

Una luce bianca purissima attraversò le scimmie che si trovavano vicine.

In un attimo i loro corpi si divisero a metà; poi finirono in pezzi e svanirono.

Silica rimase lì immobile, circondato dai frammenti dei mostri appena morti. Aveva i capelli e il
cappotto neri. Non era molto alto, ma emanava una presenza opprimente. Silica fece un passo
indietro, vinta da una paura istintiva. I loro occhi si incontrarono.

Ma i suoi occhi erano silenziosi e neri come la notte. Il ragazzo rinfoderò la sua spada ad una mano
nel fodero che portava dietro la schiena con un rumore secco e poi parlò.

"Mi spiace. Non ho potuto salvare il tuo amico."

Non appena sentì quelle parole, perse le forze. Non riuscì a frenare le lacrime. Non si accorse
nemmeno che la daga che stringeva era caduta per terra. Quando vide la piuma per terra cadde in
ginocchio davanti ad essa.

L’ira lasciò immediatamente il posto ad una tristezza senza eguali. Prese la forma di lacrimoni
rotondi che scesero copiosi lungo le sue guance.

I Famigli non erano programmati per sacrificarsi. Pina aveva agito di sua spontanea volontà —
poteva essere per l’amore verso Silica, con cui aveva passato un anno.
Mentre Silica si stringeva, mormorò.

"Per favore... non lasciarmi da sola... Pina..."

Ma la piuma azzurro chiaro non diede alcuna risposta.


Parte 2

“...Mi dispiace.”

Disse di nuovo il ragazzo in nero. Silica scosse la testa e cercò disperatamente di fermare le
lacrime.

“...No... Sono stata io... la stupida... Grazie...per avermi salvata...”

Disse prima di scoppiare di nuovo a piangere.

Il ragazzo si abbassò davanti a lei prima di chiedere con esitazione.

“...Per caso, questa piuma ha un nome particolare?”

Sorpresa dalla domanda strana, Silica sollevò lo sguardo. Si asciugò le lacrime e poi guardò di
nuovo la piuma.

Ora che ci pensava, era strano che fosse rimasta solo la piuma. Sia mostri che umani, una volta
morti, non lasciavano niente di sé in questo mondo, neppure il loro equipaggiamento. Silica allungò
la mano con esitazione e toccò la piuma con il suo indice destro. La finestra semitrasparente che
apparve mostrò subito il suo nome ed il peso.

«Cuore di Pina»

Proprio quando Silica stava per scoppiare di nuovo a piangere, il ragazzo la interruppe. “A-A-
Aspetta. Se rimane il cuore, puoi resuscitarla.”

“Come!?”

Silica sollevò la testa di scatto. Fissò il ragazzo con la bocca spalancata.

“E’ una cosa che è stata scoperta da poco, e quindi non molti ne sono a conoscenza. C’è un dungeon
nella zona settentrionale del 47esimo piano chiamato «La Collina dei Ricordi». Nonostante il nome
è un posto molto ostico... ma dicono che il fiore che cresce sulla sua sommità serva a far rivivere i
fami—.”

“Da-Davvero!?”
Silica balzò su gridando, prima che il ragazzo ebbe modo di finire. Si sentì il petto gonfio di
speranza, come un palloncino gonfio. Però—

“...Il 47esimo piano...”

Mormorò lasciando cadere le spalle. Era 12 piani più in alto di questo, il piano 35. Non era
decisamente un luogo alla sua portata.

Proprio quando abbassò gli occhi scoraggiata.

“Mmm—”

Il ragazzo di fronte a lei parlò con voce preoccupata.

“Posso andarci io se mi paghi le spese, ma dicono che il fiore appaia solo se ci va il domatore
stesso...”

Silica sorrise allo spadaccino gentile e rispose:

“No... Grazie mille delle informazioni che mi hai dato. Se lavoro sul mio livello, un giorno sarò in
grado di...”

“No, mi dispiace, pare si possa resuscitare il famiglio solo entro 4 giorni dalla sua morte. Dopo, il
nome dell’oggetto cambierà da «Cuore» a «Resti»...”

“Cosa...!”

Silica non riuscì a trattenersi dal gridare.

Il suo livello era 44. Se SAO fosse stato un comune RPG, per potersi avventurare in sicurezza per
un livello, avrebbe dovuto avere almeno un livello numericamente uguale al livello del piano. Ma
dato che ormai era un folle gioco di morte, bisognava avere almeno dieci livelli in più se non si
volevano correre rischi.

In altre parole, per poter esplorare il 47esimo piano doveva raggiungere almeno il livello 55. Ma era
assolutamente inconcepibile salire di dieci livelli in tre giorni... no, due se si considerava anche il
tempo che le serviva per esplorare il dungeon. Era arrivata dov’era con molti sacrifici e
combattimenti.

Silica chinò il capo mentre la disperazione la coglieva nuovamente. Prese la piuma di Pina e la
strinse gentilmente al petto. Mentre scorrevano le lacrime si sentì stupida e impotente.

Si accorse che il ragazzo si era alzato in piedi. Pensò che stesse andando via e che dovesse almeno
salutarlo, ma non aveva più le forze per aprire la bocca—

Ma all’improvviso, le apparve davanti una finestra del sistema. Era una finestra di scambio. Quando
alzò lo sguardo, il ragazzo stava manipolando un altro menù. Gli oggetti cominciarono ad apparire
uno dopo l’altro nella sezione degli scambi. «Armatura di Filo Argentato», «Daga d’Ebano»...

Erano tutte cose che non aveva mai visto prima.

“Ehm...”

Quando aprì la bocca esitante, il ragazzo spiegò:

“Questi dovrebbero mettere le pezze per cinque, sei livelli. Se vengo con te credo che andrà tutto
bene.”

“Cosa...?”

Silica si alzò con la bocca spalancata. Non riusciva a capire cosa gli passasse per la testa e quindi lo
guardò in faccia. Ma a causa del sistema di SAO, tutto quello che riusciva a carpire era la sua barra
degli HP; non poteva vedere né il suo nome né il livello.

Era difficile dire quanti anni avesse. Il suo equipaggiamento era tutto nero. La forza e la calma che
sembrava emanare suggerivano che avesse qualche anno più di lei, ma gli occhi che erano coperti
dalle lunghe frange sembravano stranamente innocenti, e i suoi tratti lisci e delicati gli davano un
lieve aspetto femminile. Silica chiese con cautela:

“Perché... sei così gentile con me...?”

A dire il vero era preoccupata.

Finora, più di un ragazzo molto più grande di lei aveva cercato di conquistare il suo cuore; una
volta le avevano chiesto persino la mano. Per Silica, che aveva solo tredici anni, certe cose
facevano solo paura. Nel mondo reale non le avevano mai detto certe cose.

Inevitabilmente, Silica aveva iniziato ad evitare i giocatori maschi che mostravano quel tipo di
interesse nei suoi confronti. E poi, ad Aincrad era risaputo che «c’è sempre un guadagno dietro le
parole dolci».
Il ragazzo si grattò la testa, come se non sapesse cosa rispondere. Aprì la bocca per parlare ma poi
la richiuse, senza saper cosa dire. Poi spostò lo sguardo altrove e parlò:

“...Beh, questo non è mica un manga... Te lo dico se prometti di non ridere.” “Ok.”

“E’ perché... assomigli a mia sorella.”

A quella risposta da manga, Silica non poté trattenersi dalle risate. Si coprì la mano con la bocca ma
non riuscì comunque a frenare le risate.

“Hai detto che non ti saresti messa a ridere...”

Il ragazzo sembrava enormemente imbarazzato e non sapeva dove volgere lo sguardo. Questo la
fece ridere ancora più forte.

—Non è una cattiva persona...

Mentre rideva, Silica decise di fidarsi della gentilezza di questo ragazzo. Aveva già accettato la
morte una volta. Se si trattava di salvare Pina, non aveva altra scelta comunque.

Silica si inchinò e disse:

“Spero che andremo d’accordo. Mi hai salvata, e ti sei persino offerto di fare questo per me...”
Fissò la finestra di scambio e poi ci mise tutti i Col che aveva con sé. Il ragazzo le aveva offerto più
di dieci pezzi di equipaggiamento, e sembravano tutti pezzi rari che non si trovavano nei negozi.

“Bene... Immagino sia troppo poco, però...”

“No, non devi pagarmi. Erano in più e comunque li ho portati per lo stesso motivo per il quale sono
venuto...”

Mentre parlava di quelle cose che lei non riusciva a capire, il ragazzo premette il tasto OK senza
accettare il suo denaro.

“Grazie. Davvero.... Oh, Io sono Silica.”

Mentre pronunciava il suo nome, si aspettava che il ragazzo la riconoscesse subito, ma sembrava
che non lo avesse mai sentito. Per un attimo si irritò, ma poi ricordò che era stato proprio quel suo
lato a metterla in quella situazione.

Il ragazzo annuì con aria solenne e tese la mano.

“Io sono Kirito. Spero che andremo d’accordo.”

Si strinsero la mano.

Il giocatore chiamato Kirito estrasse una mappa della Foresta della Peregrinazione dalla bisaccia
che era appesa alla sua cintura. Cercò un’area collegata all’entrata e poi prese a camminare.

Seguendolo, baciò la piuma di Pina e pensò fra sé. Aspettami, Pina. Presto ci rivedremo...

La cittadina sul 35esimo piano sembrava un’area di pastorizia e di fattoria, con i suoi edifici di
calce bianca e i tetti rossi. Il villaggio non era molto grande, ma era il posto di soggiorno più grande
disponibile al momento per i giocatori di medio livello, quindi c’era un bel po’ di gente in giro.

La casa di Silica era il Villaggio di Friben, situato all’ottavo piano; ma dato che non possedeva una
casa, stare in una locanda qualsiasi non faceva alcuna differenza. L’unica cosa che le importava era
il sapore del cibo che le veniva servito. Silica adorava il cheesecake che preparava l’NPC della
locanda di questo piano, quindi ci era rimasta da due settimane, cioè da quando aveva preso ad
esplorare la Foresta della Peregrinazione.

Mentre guidava Kirito, che stava guardando tutto con aria affascinata, due giocatori di sua
conoscenza presero ad attaccar bottone con lei. Cercavano di convincere Silica ad unirsi a loro dopo
che avevano saputo che lei aveva lasciato il suo vecchio gruppo.

“Ehm, ecco... grazie mille per l’offerta, però...”

Si inchinò e si scuso per non farli offendere. Poi osservò Kirito che era accanto a lei in silenzio e
continuò:

“...Ho intenzione di far squadra con lui per un po’...”

Cosa!? Davvero!? La gente intorno a Silica cominciò immediatamente a guardare Kirito con
sospetto.

Silica aveva ammirato un po’ della forza di Kirito; ma ad uno sconosciuto, questo spadaccino nero
non sembrava poi tutto questo granché.

Non indossava alcun equipaggiamento costoso —non indossava alcuna armatura e al suo posto
portava solo un vecchio e logoro cappotto nero sopra la maglietta— tutto quello che possedeva era
una semplice spada ad una mano; non aveva neppure uno scudo.

“Ehi, tu—”

Il tipo grosso con uno spadone a due mani che ci aveva provato sfacciatamente con Silica si
avvicinò a Kirito. Lo guardò dall’alto in basso e disse:

“Sei una faccia nuova, quindi fuori dai piedi. Noi abbiamo messo gli occhi su Silica da prima che
arrivassi tu.”

“Boh, non so che dirti; le cose sono andate così...”

Kirito si grattò la testa con aria preoccupata.

Perlomeno poteva controbattere più convinto, pensò Silica un po’ piccata, e poi rispose al tipo con
lo spadone:

“Ehm, è stata una mia richiesta. Scusami!”

Silica si inchinò un'ultima volta e poi trascinò via Kirito per la giacca.
“Vi manderò un messaggio la prossima volta~.”

Silica camminava svelta, desiderosa di sfuggire alla massa che ancora non rinunciava a lei, il più in
fretta possibile. Lasciò la piazza principale e si infilò in un vicolo.

Quando infine non si vedeva più un’anima, Silica sospirò e guardò Kirito. “...S-Scusami. Scusami
per tutte queste lagne.”

“Tranquilla.”

Kirito rispose con un sorriso come se non fosse successo nulla.

“Silica-san è davvero popolare da queste parti.”

“Oh puoi chiamarmi solo Silica... Non è perché sono popolare; vogliono che entri nel loro party
come se fossi la loro mascotte. Però... Pensavo di essere speciale... e sono andata nella foresta da
sola... e alla fine...”

Al ricordo di Pina cominciò a piangere di nuovo.

“Va tutto bene.”

Disse Kirito con voce calma.

“Riporteremo Pina indietro, quindi non preoccuparti.”

Silica si asciugò le lacrime e sorrise a Kirito. Stranamente, sentiva di potersi fidare delle parole di
questo tipo.

Alla fine videro due edifici storici alla loro destra. Era la locanda che usava spesso Silica: «Taverna
della Banderuola». Quando arrivarono, Silica si rese conto che ci aveva portato Kirito senza avergli
detto nulla.

“Ah, dov’è casa tua, Kirito-san?”

“Oh, è al cinquantesimo piano.... Ma andarci ora è una noia, quindi penso che rimarrò qui per la
notte.”

“Ah, ok!”
Silica era felice per qualche motivo e batté le mani.

“Qui fanno un cheesecake buonissimo.”

Stava giusto per farlo entrare dentro tirandolo per il cappotto, quando quattro giocatori uscirono dal
negozio adiacente. Erano i compagni con cui aveva esplorato il piano per due settimane. I giocatori
maschi che uscirono per primi non videro e si diressero semplicemente per la piazza, ma le
femmine alla fine si girarono e incrociarono lo sguardo con Silica.

“...!”

Era proprio la faccia che avrebbe voluto vedere di meno in quel momento. Era la donna con la
lancia che aveva fatto scappare Silica dal gruppo. Aveva intenzione di entrare nella locanda a testa
bassa, però..

“Oh, sbaglio o sei Silica?”

Disse la donna, quindi Silica non ebbe altra scelta che voltarsi.

“...Già.”

“Ho~, allora sei riuscita ad uscire dalla foresta. Meno male.”

La giocatrice, di nome Rosalia, dai capelli rossi e ricci, aggiunse con un sorriso maligno.

“Ma sei arrivata tardi. Ci siamo già spartiti gli oggetti.”

“Ho detto che non mi servono! —Ora ho da fare quindi arrivederci!”

Silica cercò di tagliar corto, ma l’altra interlocutrice non sembrava dello stesso avviso. “Oh? Che è
successo alla tua lucertola?”

Silica si morse il labbro. Non poteva mettere il famiglio nell’inventario o affidarlo ad un’altra
persona. Quindi, se non c’era poteva voler dire solo una cosa. Rosalia probabilmente lo sapeva
benissimo, ma continuò con un sorriso lieve.

“Oh, che per caso...?” “E’ morto.... Però!”

Silica fissò la donna.


“Io farò resuscitare Pina!”

Rosalia, che stava sorridendo con gran soddisfazione, spalancò gli occhi. Fece anche un fischio.

“Oh, allora hai intenzione di andare alla «Collina dei Ricordi»? Ma con il tuo livello puoi
permettertelo?”

“Sì.”

Disse Kirito prima che Silica potesse rispondere. Coprì Silica con la giacca come a proteggerla.

“Non è un dungeon così pericoloso dopotutto.”

Rosalia squadrò Kirito dalla testa ai piedi e poi disse:

“Tu sei un altro di quelli che le muoiono dietro? Sembri anche un pappamolle.”

Silica stava tremando dalla rabbia. Abbassò lo sguardo, cercando di trattenere le lacrime.

“Andiamo.”

Kirito le posò una mano sulla spalla, e guidò Silica nella locanda.

“Beh, buona fortuna.”

Sentì Rosalia sghignazzare alle sue spalle, ma non si voltò.

Il primo piano della «Taverna della Banderuola» era un enorme ristorante. Kirito fece sedere Silica
ad un tavolo e si diresse al bancone dove c’era un NPC. Dopo aver controllato in fretta, operò nel
menù e tornò al tavolo.

Non appena Kirito si fu seduto davanti a lei, Silica si scusò per aver messo Kirito nei pasticci per
colpa sua. Ma Kirito la zittì alzando la mano e sorridendo.

“Pensiamo a mangiare.”
Il cameriere portò due calici fumanti appena in tempo. Erano pieni di un liquido rossastro;
emanavano un aroma decisamente misterioso.

“Alla nascita del nostro party.”

Brindarono con i calici. Silica a quel punto assaggiò quel liquido caldo.

“...Buono...”

L’odore e l’aroma dolciastro erano simili al vino che un tempo le aveva fatto assaggiare il suo papà.
Silica aveva provato praticamente tutti i drink serviti in questo locale, ma non si ricordava di
quest’ultimo.

“Ehm, cos’è...?”

Kirito sorrise prima di rispondere:

“Puoi portarti i drink che vuoi ai locali gestiti da NPC. Si tratta di una bevanda che ho chiamato
«Icore Rubicondo». Se ne bevi un sorso, ti aumenta la destrezza di un punto.”

“E’-E’ davvero prezioso allora...!”

“Beh, non è che l’alcool serva a qualcosa se me lo tengo nell’inventario, e non conosco molta gente,
quindi non ho molte occasioni per bere in compagnia...”

Kirito scosse le spalle, Silica rise e bevve un altro sorso. Quel sapore nostalgico le addolcì il cuore,
che le si era indurito a causa delle cose brutte che erano successe quel giorno.

Dopo aver finito di bere, Silica si portò la coppa al petto come per assorbirne il calore residuo. Poi
abbassò lo sguardo sul tavolo e disse:

“...Perché... hanno detto cose tanto cattive...”

Kirito si fece serio e posò il suo boccale.

“SAO è il tuo primo MMORPG?” “Sì.”

“Ah giusto — Nei giochi online, molti tipi cambiano personalità quando indossano la maschera del
loro personaggio. Alcuni diventano buoni e altri cattivi... In passato veniva chiamato gioco di ruolo,
ma penso che con SAO sia cambiato tutto.”

Lo sguardo di Kirito si fece serio.

“E pensare che siamo in questa situazione disperata... Capisco che è impossibile che tutti cooperino
per finire il gioco. Ma ci sono troppe persone che si divertono a vedere gli altri soffrire, che rubano
— e persino gente che ammazza altri giocatori.”

Kirito fissò Silica negli occhi. Sembrava esserci una rabbia silenziosa dietro la tristezza dei suoi
occhi.

“Sono convinto che chi commette crimini qui è immondizia anche nel mondo reale.”

Lo disse quasi sputando. Ma poi si accorse che Silica era spaventata, quindi sorrise e si scusò:

“Scusa... Non sono nella posizione di poter giudicare nessuno. A stento aiuto qualcuno. Ho persino
— causato la morte dei miei compagni...”

“Kirito-san...”

Silica capì che lo spadaccino di fronte a lei si portava una ferita ancora sanguinante nel cuore.
Avrebbe voluto consolarlo, ma sapeva che le sue parole non ne sarebbero mai state in grado. Invece
afferrò d’istinto la mano di Kirito, chiusa a pugno sul tavolo, con entrambe le sue.

“Kirito-san è una brava persona. Mi hai salvato.”

All’inizio Kirito fu sorpreso e provò a ritrarre la mano, ma poi si rilassò. Un sorriso tenero apparve
sulle sue labbra.

“...Pare che sono io quello ad essere stato consolato. Grazie, Silica.”

In quel momento, Silica avvertì una sensazione dolorosa, come una stretta al cuore. Il suo battito
divenne più veloce senza motivo. La sua faccia avvampò.

Ritrasse in fretta le mani e se le portò al petto. Ma la sofferenza non si fermava.

“Che stai facendo...?”

Mentre Kirito si chinava in avanti, Silica scosse la testa sorridendo.


“N-Non è nulla! Ah, ho solo fame!”

Dopo che ebbero mangiato del pane e un po’ di minestra, con del cheesecake per dessert, erano già
le otto e mezza. Decisero di ritirarsi presto per prepararsi a partire l’indomani alla volta del 47esimo
piano. Salirono al secondo piano, dove c’erano innumerevoli porte ai lati del corridoio.

La stanza in cui era entrato Kirito era, per caso, accanto a quella di Silica. Si salutarono entrambi
con un sorriso.

Appena entrata nella stanza, Silica decise che prima di cambiarsi voleva fare un po’ di pratica per
familiarizzare con la nuova daga datagli da Kirito. Cercò di concentrarsi sulla lama, leggermente
più leggera di quella che aveva prima, ma quella sofferenza al petto glielo impediva.

Dopo esser riuscita a concatenare in qualche modo cinque colpi, aprì la finestra del menù, si tolse i
vestiti, e si mise a letto in biancheria. Poi toccò le pareti, fece comparire un menù e spense le luci.

Si sentiva sfinita, perciò pensava che sarebbe riuscita ad addormentarsi subito. Ma per qualche
motivo, si sentiva meno assonnata del dovuto.

Fin da quando erano diventati amici, si era sempre addormentata con Pina tra le braccia, quindi ora
quel letto sembrava vuoto. Si rigirò per un po’ prima di mettersi seduta. Continuò a guardare alla
sua sinistra— dove c’era il muro che separava la stanza di Kirito dalla sua.

Voleva parlare ancora un po’ con lui.

Si sorprese a quel pensiero improvviso. Era un giocatore che conosceva da meno di un giorno.
Finora aveva sempre evitato i maschi, ma perché questo spadaccino di cui non sapeva nulla
continuava ad apparirle nella mente?

Non riusciva a capire i suoi sentimenti. Guardando l’orologio, si accorse che erano già le dieci. Non
si sentiva più nemmeno un passo fuori dalla finestra, solo un cane abbaiare in lontananza.

Non ha alcun senso, quindi pensiamo a dormire.

Pensò tra sé. Invece per qualche motivo scese dal letto. Dopo essersi detta che avrebbe solo bussato
per salutarlo, aprì il menù e indossò la tunica più carina che aveva.

Fece alcuni passi nel corridoio illuminato dalle candele. Poi dopo aver esitato per una ventina di
secondi davanti alla sua porta, bussò due volte.
Di norma, tutte le porte avrebbero dovuto fare da schermo per i rumori, per evitare di poter
origliare. Tuttavia, dopo aver bussato si poteva aggirare la restrizione, per 30 secondi, e rispose
immediatamente aprendo la porta.

Kirito, con una semplice maglietta addosso, si rivolse a Silica leggermente meravigliato.

“Eh? Qualcosa non va?” “Ecco—”

Silica si rese conto solo allora di non aver pensato a niente da dirgli. 'Volevo solo parlare' suonava
troppo infantile.

“Beh, ecco ehm— Ah, volevo sapere di più del 47esimo piano!”

Fortunatamente, Kirito non sospettò nulla e annuì.

“Ok. Vuoi scendere di sotto?”

“No, fa nulla— Va bene anche la tua stanza...”

Rispose senza pensare e poi aggiunse:

“Pe-Perché, non dovremmo lasciare che nessun altro senta queste informazioni preziose!” “Ehm...
beh... sì hai ragione. Però...”

Kirito si grattò la testa leggermente imbarazzato, poi...

“Ma sì, cosa vuoi che succeda.”

Quindi aprì la porta e fece un passo indietro.

Ovviamente, la stanza di Kirito era uguale alla sua: un letto sulla sinistra, e un tavolino con una
sedia più avanti. Era tutta la mobilia presente. Una lanterna montata sulla parete sinistra emanava
una luce arancione.

Kirito le offrì la sedia e si sedette sul letto dopo aver aperto il menù. Lo manipolò in fretta e
richiamò una scatolina.

La scatola poggiata sul tavolo aveva una piccola palla di cristallo al suo interno. Brillava alla luce
della lanterna.
“Carina... Cos’è?”

“Un oggetto chiamato «Sfera del Miraggio».”

Quando Kirito cliccò sulla sfera, apparve un menù. Lo operò in fretta e premette il tasto OK.

Non appena lo fece, la sfera prese ad emanare una luce blu intensa, e apparve un grosso ologramma
sferico. L’immagine restituiva per intero uno dei piani di Aincrad. Mostrava i villaggi ed ogni
singolo albero in dettaglio, ed era completamente differente dalla mappa che era possibile trovare in
ogni menù.

“Uwaa...!”

Silica fissava meravigliata la mappa semi-trasparente. Sembrava quasi di riuscire a vedere anche le
persone passeggiare.

“Questa è l’area abitata, e questa è la Collina dei Ricordi. Devi andare per di qua, però... ci sono dei
mostri piuttosto forti da quelle parti...”

Kirito indicava qua e là e descriveva la geografia del 47esimo livello. Silica si sentiva tranquilla
solo ascoltando la sua voce.

“E se passi questo ponte puoi vedere la co...” All’improvviso Kirito smise di parlare. “...?”

“Shh...”

Quando alzò la testa, si accorse che Kirito era serio e si era passato un dito sulle labbra. Fissava la
porta con espressione seria.

Kirito si lanciò all’attacco. Saltò giù dal letto e aprì la porta.

“Chi va là...!?”

Silica sentì il rumore di passi che correvano. Accorse e spiò da dietro il corpo di Kirito, e vide
l’ombra di qualcuno che correva giù per le scale.

“Ch-Chi è!!?”

“...Penso stesse origliando.” “Come...? Ma non si può fare, no?”


“Puoi farlo se la tua abilità nell’origliare è abbastanza alta. Anche se... non ci sono... molti che
affinerebbero un’abilità del genere...”

Kirito chiuse la porta e tornò dentro. Si sedette sul letto con espressione pensierosa. Silica si sedette
accanto a lui a braccia conserte. Aveva una paura matta.

“Perché mai stava origliando...?”

“Probabilmente lo scopriremo presto. Devo inviare un messaggio, puoi aspettare un attimo?”

Kirito sorrise mentre metteva via il cristallo e apriva un menù. Cominciò a muovere le dita sulla
tastiera olografica.

Silica si raggomitolò sul suo letto. Le tornò alla mente un ricordo lontano del mondo reale. Suo
padre era un reporter. Era sempre davanti ad un vecchio PC, a scrivere qualcosa con espressione
seria. Silica adorava osservava la schiena di suo padre mentre era all’opera.

Non aveva più paura. Mentre osservava la schiena di Kirito da dietro, si sentì come avvolta da un
calore che non provava da secoli. Prima di rendersene conto, i suoi occhi si erano chiusi da soli.
Parte 3

Silica fu svegliata da un suono squillante nell’orecchio. Era una sveglia che poteva sentire solo lei.
Era impostata alle sette del mattino.

Si tolse la coperta e si sedette. Di solito le riusciva difficile, ma quella mattina era pure di buon
umore. Si sentiva la mente fresca, come se tutto fosse stato lavato dal sonno profondo.

Dopo essersi stiracchiata, Silica stava per scendere dal letto quando si immobilizzò.

C’era una persona che dormiva nella stessa stanza; la luce mattutina lo illuminava chiaramente.
Proprio quando Silica prese fiato per strillare, pensando che fosse un pervertito, si ricordò dove si
era addormentata la sera prima.

—Nella stanza di Kirito-san...

Non appena se ne rese conto, si sentì il viso in fiamme come se fosse stata colpita da un attacco di
fuoco. Dato che le emozioni erano un po’ esagerate in SAO, non era impossibile che le spuntasse
del vapore dalla faccia in quel momento. Sembrava che Kirito avesse lasciato dormire lei sul letto e
si fosse steso sul pavimento. Silica emise un mugugno di imbarazzo e si passò una mano sul viso.

Dopo essersi presa un paio di attimi per calmarsi, Silica si alzò in silenzio dal letto. Poi andò vicino
a Kirito e lo osservò in silenzio.

Il volto addormentato dello spadaccino sembrava così innocente che Silica non poté fare a meno di
sorridere. Pensava fosse molto più grande di lei per via dello sguardo penetrante. Ma ora che lo
vedeva così, non sembrava poi tanto più grande.

Era divertente osservarlo; ma Silica non poteva restare così per sempre, quindi prese a scuoterlo
gentilmente e lo chiamò.

"Kirito-san, è mattino~."

Kirito aprì gli occhi e sbatté le palpebre un paio di volte, per poi fissare il viso di Silica. Poi mostrò
un’espressione di puro imbarazzo.

"Ah... Sc-Scusami!"

All’improvviso abbassò la testa.


"Pensavo di riportarti in camera tua... ma non potevo aprire la porta della tua stanza e..."

Le stanze prese in affitto erano impenetrabili, quindi era impossibile entrare a meno che non si fosse
amici dell’inquilino. Silica disse subito:

"No, no, la colpa è mia! Per aver dormito nel tuo letto... "

"No, tutto ok. Qui puoi dormire dovunque senza avvertire alcun dolore."

Dopo essersi alzato, Kirito fece scrocchiare il suo collo, che fece rumori sinistri molto contraddittori
con quanto aveva appena detto. Poi fu la volta delle braccia. Guardò Silica e disse di nuovo
qualcosa:

"...Comunque, buongiorno."

"B-Buongiorno."

I due si guardarono e sorrisero.

Il sole era già alto quando uscirono dopo aver fatto un’abbondante colazione per arrivare preparati a

«La Collina dei Ricordi» su al 47esimo piano. I giocatori in giro si preparavano ad affrontare le loro
giornate, mentre quelli che tornavano dalle avventure notturne erano meno entusiasti e decisamente
più stanchi.

Dopo aver fatto scorta di pozioni e cristalli al negozio accanto alla locanda, si diressero alla piazza
centrale. Fortunatamente arrivarono al teletrasporto senza incontrare nuovamente i bellimbusti che
volevano Silica nel proprio party. Proprio prima di entrare nel varco, Silica si fermò.

"Ah... Io, non conosco il nome del villaggio al 47esimo piano..."

Stava giusto per controllare sulla mappa quando Kirito le offrì la mano destra. "Tranquilla. Faccio
io."

Silica si sentì molto sollevata. "Teletrasporto! Floria!"

Non appena lo disse, vennero circondati dalla luce bluastra.


Gli occhi di Silica vennero inondati dal familiare collage psicopatico di colori tipico del
teletrasporto.

"Uwa..."

Strillò senza volerlo.

La piazza al 47esimo piano era straripante di fiori. Due stradine la tagliavano formando una croce.
Tutto il resto era un immenso letto di fiori, delimitato da mattoni rossi, ma non ne conosceva
nemmeno uno.

"Fantastico..."

"Questo piano si chiama anche «Giardino Fiorito», perché tutto il piano, non solo il villaggio, è
coperto di fiori. Se ne abbiamo il tempo possiamo andare a vedere la «Foresta dei Fiori Giganti» su
a nord..."

"Non vedo l’ora."

Silica sorrise a Kirito prima di accucciarsi davanti ad un letto di fiori. Avvicinò il viso a quello che
pareva essere un fiordaliso bluastro e lo annusò.

Il fiore aveva un dettaglio sorprendente: le nervature, i suoi cinque petali, gli stami bianchi, e
persino lo stelo verde.

Ovviamente, in SAO non era possibile trovare dappertutto fiori ed alberi con lo stesso livello di
dettaglio. Se così non fosse, il mainframe di SAO, già sotto sforzo, avrebbe esaurito presto le
risorse.

Per evitare quello e dare ai giocatori un ambiente il più possibile vicino a quello reale, SAO
utilizzava il «Digital Focusing System». Si trattava di un sistema che restituiva l’immagine di un
oggetto nel massimo del dettaglio solo quando il giocatore si concentrava su di esso.

Dopo aver saputo di questo sistema, Silica ebbe timore che interessarsi alle cose avrebbe messo il
sistema sotto sforzo; ma ormai non poteva trattenersi e stava fissando quei fiori estasiata.

Quando riuscì finalmente a darsi un contegno e a smettere di annusarli, Silica si guardò intorno.

La maggior parte delle persone consisteva in coppie di maschi e femmine. Erano tutti a conversare
allegri, tutti mano nella mano o a braccetto. Sembrava proprio uno di quei posti. Silica osservò
Kirito, che era accanto a lei sovrappensiero.

—Anche noi sembriamo così...?

A quel pensiero, Silica avvampò e disse ad alta voce: "U-Usciamo alla svelta da qui!"

"Eh? Ah sì."

Kirito era lì impalato, senza capire l’agitazione di Silica.

Uscirono dalla piazza solo per rendersi conto che tutto il villaggio era un prato fiorito. Mentre i due
passeggiavano uno accanto all’altro, Silica pensò al suo primo incontro con Kirito. Non riusciva a
credere che fosse passato solo un giorno. Lo spadaccino ormai era diventato una presenza speciale
nel suo cuore

Guardò verso di lui chiedendosi come si sentisse, ma Kirito era praticamente un mistero ed era
impossibile dire cosa pensasse. Silica esitò un bel po’, prima di trovare le parole e chiedere:

"Ehm... Kirito-san. Posso chiederti della tua sorellina..." "C-Come mai proprio ora?"

"Hai detto che ti ricordavo lei. Quindi ero solo curiosa..."

Parlare del mondo reale era uno dei più grandi tabù di Aincrad. C’erano molte ragioni, ma la
principale era che se si pensava troppo che questo mondo non era reale e i giocatori non lo
avrebbero preso abbastanza sul serio, a quel punto non sarebbero nemmeno stati in grado di
accettare come reale la «morte» in SAO.

Ma a lei interessava la sorella di Kirito, dato che lui le aveva detto che erano simili. Voleva sapere
se Kirito volesse qualcosa da lei come sorella minore.

"...Non eravamo... molto uniti..." Iniziò a raccontare Kirito.

"Ho detto che era mia sorella minore, ma in realtà è mia cugina. Abbiamo sempre vissuto insieme a
causa di alcune circostanze, ma lei non sa la verità perché era troppo piccola per ricordare. Forse è
per questo motivo... ma ho continuato a tenermi a distanza da lei senza alcuna ragione particolare.
Evitavo persino di imbattermi in lei per casa."

Kirito fece un sospiro.

"...E poi avevamo un nonno davvero severo. Quando avevo otto anni mi ha obbligato a frequentare
un dojo di kendo ma a me non piaceva e ho mollato dopo due anni. Mio nonno me le diede come si
deve... ma quando lo fece mia sorella si intromise piangendo, dicendo che avrebbe fatto anche la
mia parte se avesse smesso di picchiarmi. Dopo, ho cominciato a giocare al computer e ho perso me
stesso, ma mia sorella si è impegnata con il kendo ed ha raggiunto notevoli risultati a livello
nazionale, prima che nostro nonno morisse. Era abbastanza per rendere soddisfatto persino lui...

Però mi sono sempre sentito in colpa; Mi sono sempre chiesto come si sentisse mia sorella o se ce
l’avesse con me. Continuavo ad evitarla per questo motivo... e ora eccoci qui."

Kirito smise di parlare e osservò Silica.

"Quindi potrei averti salvata per mettermi a posto con la coscienza... Scusami."

Silica era figlia unica quindi non poteva capire tutto quello che le diceva Kirito. Ma per qualche
motivo sentiva di capire benissimo come si sentisse la sorella di Kirito.

"...Non penso che lei ti odia, Kirito-san. Se non le piacesse non sarebbe mai arrivata così lontano.
Probabilmente il kendo le piace tantissimo."

Alle parole scelte con cura da parte di Silica, Kirito sorrise.

"Sembra che sia io quello che continua ad essere consolato... Lo pensi davvero? ...Se così fosse
sarebbe splendido."

Silica sentì qualcosa di caldo allargarsi nel suo petto. Era felice che Kirito si fosse aperta con lei.

Arrivarono all’entrata nord del villaggio. Innumerevoli fiori bianchi crescevano sulla vite
attorcigliata intorno al sottile arco d’argento posto all’entrata. La strada principale ci passava sotto e
si stringeva per diventare una lunga via tra le colline che si perdeva all’orizzonte.

"Bene... La nostra avventura ha finalmente inizio." "Sì."

Silica si staccò dal braccio di Kirito, e annuì.

"Con il tuo nuovo equipaggiamento non dovresti avere problemi qui con i mostri. Però..."

Kirito cercò qualcosa nella bisaccia che portava alla cintura, prese un cristallo azzurro, e lo diede a
Silica. Era un Cristallo del Teletrasporto.

"Non sappiamo cosa potrebbe succedere lì fuori, quindi tieni questo. Se dovesse succedere qualcosa
usa questo cristallo e scappa via. Va bene qualsiasi villaggio, non preoccuparti per me."

"Ma..."

"Promettimelo. Io ho... ho annientato un intero party in passato. Non voglio commettere gli stessi
errori."

Kirito era così serio che Silica non poté fare altro che annuire. Kirito a quel punto sorrise gentile.
"Allora andiamo!"

"Ok!"

Silica si assicurò di aver equipaggiato la daga e partì risoluta; stavolta non si sarebbe arresa e
avrebbe combattuto al meglio delle sue capacità.

Però—

"Kya-aaaaaah!? Ma cosa—!? E’ orribile———!!"

Avevano incontrato il loro primo mostro solo pochi minuti dopo essersi incamminati per le colline
del 47esimo piano.

"U-Uwaa!! Vai via——!"

Il mostro che si stava facendo largo tra gli arbusti andava oltre ogni immaginazione di Silica. «Un
fiore ambulante» sarebbe la descrizione più appropriata. Lo stelo verde scuro era spesso quanto un
braccio e si reggeva su radici poderose, che si diramavano in tutte le direzione. Lo stelo sorreggeva
un enorme fiore giallo simile ad un girasole. Sembrava una bocca, ed era persino munito di denti, e
l’interno era rosso scuro.

Aveva due tentacoli che si dipartivano dalla metà dello stelo, che sembravano due braccia senza
mani. Sembrava che quei tentacoli e la bocca fossero le parti del corpo che usava per attaccare. La
creatura correva ghignando verso Silica agitando quelle sue ridicole appendici. Quella creatura
grottesca e persino ridicola aveva dato la nausea a Silica.

"Ho detto vattene—!"

Silica agitò la sua daga selvaggiamente, ad occhi quasi chiusi. Kirito, che stava lì vicino, disse
scoraggiato:
"Va tutto bene. Quel mostro è davvero debole. Colpisci appena sotto il fiore, così è tutto più
semplice..."

"M-Ma è disgustoso—!"

"Se una cosa ti pare brutta, allora sono guai. C’è persino un mostro con tanti fiori addosso, uno che
pare una pianta carnivora, e persino uno pieno zeppo di tentacoli viscidi...

"Kya——!!"

Strillando alle parole di Kirito, Silica attivò un’abilità con la daga; ovviamente andò a vuoto.
Durante il breve sbilanciamento conseguente all’attacco, i due tentacoli della bestia presero Silica
per le gambe e la sollevarono con una forza incredibile.

"Uwah!?"

Silica si trovò a testa in giù, con la vista capovolta mentre la gonna, fedele alla gravità virtuale,
scese giù.

"Uaaa!?"

Si affrettò a tenerla ferma e a tagliare i viticci. Ma dato che si trovava in una posizione
imbarazzante non le riuscì molto bene. Silica strillò con la faccia tutta rossa:

"Ki-Kirito-san, aiutami! Non guardare ma aiutami!!"

"La vedo un po’ difficile."

Con la mano sinistra sugli occhi, Kirito si diresse verso l’enorme fiore che teneva Silica a testa in
giù.

"Fermo!"

Silica non ebbe altra scelta che lasciar andare la gonna, afferrare un tentacolo e tagliarlo. Quando
cadde a terra, iniziò una combo per puntare alla nuca della bestia. Questa volta andò a segno e la
testa del fiore cadde, il resto del corpo esplose e svanì. Silica, che atterrò egregiamente tra una
pioggia di poligoni, chiese a Kirito ancora imbarazzatissimo.

"...Hai visto?"
Lo spadaccino nero guardò Silica Silica tra le dita che aveva sul viso e disse:

"...No, nulla."

Affrontarono altre cinque battaglie per fare pratica prima di affrettare il passo; sebbene Silica quasi
svenne quando un mostro simile ad un anemone di mare l’afferrò con i suoi tentacoli.

Kirito non partecipò granché, limitandosi a dare supporto a Silica, bloccando di tanto in tanto gli
attacchi più pericolosi. L’esperienza viene ripartita in base al numero di danni inferti ad un mostro.

Dato che stava affrontando mostri forti tutta da sola, guadagnò un mucchio di punti esperienza e salì
di un livello.

Mentre seguivano l’interminabile strada di mattoni rossi, apparve un ponte che valicava un piccolo
ruscello. Oltre il ponte si vedeva una grossa collina, ed il sentiero pareva salirvi in cima.

"Quella è la «Collina dei Ricordi»." "Non sembrano esserci deviazioni."

"Sì. Dobbiamo solo continuare a salire, è impossibile perdersi. Ma dicono che ci siano un sacco di
mostri. Stiamo attenti."

"Ok!"

Presto avrebbe potuto far rivivere Pina. Al solo pensiero, aumentò la falcata d’istinto.

Quando cominciarono a salire sul sentiero, incontrarono un mucchio di mostri proprio come aveva
predetto Kirito. I mosti di tipo vegetale erano anche più grossi, ma la daga nera di Silica era molto
più potente di quanto immaginasse, permettendole di sconfiggerli facilmente.

Ma l’abilità di Kirito era molto più sorprendente.

Sapeva già che era uno spadaccino formidabile dopo averlo visto spazzare via due scimmie
ubriache con un solo fendente. Ma anche dopo essere salito di dodici piani, non aveva perso un
briciolo della sua freddezza. Quando apparvero un gran numero di mostri, aiutò Silica
sconfiggendoli tutti tranne uno.

Mentre continuavano ad avanzare, Silica non riusciva a capire cosa ci facesse un giocatore di così
alto livello al trentacinquesimo piano.
Secondo quello che aveva raccontato lui, aveva una cosa da fare nella «Foresta della
Peregrinazione». Ma lei non aveva mai sentito di oggetti o mostri rari in quella foresta.

Glielo chiederò quando tutto sarà finito— pensò Silica mentre agitava la sua lama; mano a mano il
sentiero si faceva sempre più impervio. Mano a mano che abbattevano mostri sempre più aggressivi
e si addentravano per la zona ricca di alberi—

Arrivarono in cima alla collina. "Uwa—!"

Silica rimase senza fiato e poi scattò verso il centro della radura.

Giardino Celeste— mai un nome fu più azzeccato. La radura circondata da alberi era praticamente
coperta di fiori sbocciati.

"Siamo arrivati finalmente."

Rispose Kirito mentre si avvicinava a Silica infoderando la spada. "Il fiore... Sarà qui...?"

"Si. C’è una pietra nel mezzo, e su di essa..."

Silica stava già correndo prima che Kirito avesse finito di parlare. Vedeva chiaramente una pietra
bianca brillante in mezzo al letto di fiori. Corse verso di essa, ansimante, e poi osservò la superficie
della pietra, che le arrivava al petto.

"Eh......?"

Ma non c’era nulla. C’era solo un piccolo ciuffo d’erba in una fessura al centro della roccia; ma non
c’era niente che rassomigliasse ad un fiore.

"Non... Non c’è, Kirito-san!"

Gridò a Kirito, che era arrivato vicino a lei. I suoi occhi presero a riempirsi di lacrime.
"Impossibile... —Ah, guarda."

Silica seguì lo sguardo di Kirito e tornò a guardare la pietra. In quel momento— "Ah..."

Un piccolo germoglio crebbe tra l’erba. Mentre lo fissava, il sistema di autofocus del sistema si
attivò e il dettaglio della piantina aumentò a dismisura. Due foglioline bianche si aprirono come una
conchiglia ed apparve immediatamente uno stelo.
Lo stelo crebbe in un batter d’occhio, proprio come in quel video che aveva visto a lezione di
scienze tanto tempo prima, e poi apparve un piccolo bocciolo in cima. Il piccolo bocciolo a forma
di goccia emanava una lieve luce perlata dal suo interno.

Mentre Kirito e Silica osservavano la scena col fiato sospeso, il bocciolo prese a schiudersi; poi—
con un tintinnio da campanellino, si aprì. Ci fu un piccolo lampo di luce.

I due osservarono il fiore crescere senza muovere un dito. Sette petali sbucarono fuori come una
stella, e dal centro proveniva una luce tenue, che si mischiava a quella del cielo.

Silica guardò Kirito, timorosa di toccare quel fiore. Kirito fece un sorriso e annuì.

Silica annuì e avvicinò la mano destra al fiore. Nel momento in cui lo toccò, lo stelo si spezzò come
se fosse fatto di ghiaccio, ed in mano le restò solamente il fiore. Lo accarezzò gentilmente. La
finestrella del nome apparve senza emettere alcun suono. «Fiore di Pneuma»—

"Ora... possiamo resuscitare Pina..."

"Già. Devi solo versare la goccia al suo interno sul Cuore di Pina. Ma qui ci sono un sacco di mostri
pericolosi, sarà meglio se lo facciamo al villaggio. Torniamo indietro dai."

"Ok!"

Silica aprì il menù principale e vi posizionò il fiore. Prima di chiudere la finestra controllò che fosse
nell’elenco degli oggetti.

A dire il vero, avrebbe voluto usare un cristallo del teletrasporto per tornare immediatamente al
villaggio, ma Silica si trattenne e cominciò a camminare. Era quasi una legge non usare quei
costosissimi cristalli a meno che non si fosse in pericolo.

Fortunatamente non incontrarono troppi mostri sulla via del ritorno. Raggiunsero in fretta il
ruscello.

Potrò rivedere Pina tra un’ora o poco più—

Si strinse le mani al petto, che stava per esplodere dall’emozione, quando—

All’improvviso Kirito l’afferrò per una spalla. Si voltò con il cuore in gola, e vide Kirito che
osservava un gruppo di alberi con un’espressione spaventosa. A quel punto aprì la bocca e parlò con
una voce calma ma fredda:
"—Voi lì in agguato, potete uscire allo scoperto." "Cosa...!?"

Silica si voltò subito dall’altra parte, ma non riuscì a vedere nessuno. Dopo qualche secondo di
tensione, le foglie presero a muoversi con un fruscio. Apparvero i cursori tipici dei giocatori. Erano
verdi, quindi non si trattava di criminali.

Sorprendentemente — la persona che venne loro incontro era una vecchia conoscenza di Silica.

Capelli rosso fuoco, con labbra del medesimo colore; la donna reggeva una sottile lancia crociata ed
un’armatura nera, lucida come smalto.

“Ro-Rosalia-san...!? Che ci fai in un posto simile...”

Rosalia sorrise e ignorò la domanda di Silica, i cui occhi erano spalancati per la sorpresa.

“E pensare che mi hai vista; sembra che la tua abilità scan sia piuttosto potente, spadaccino. Che ti
abbia sottovalutato un pochino?”

Poi si rivolse a Silica:

“Sembra che tu sia riuscita ad ottenere il «Fiore di Pneuma». Congratulazioni, Silica.”

Silica, che non poteva immaginare le vere intenzioni di Rosalia, fece un paio di passi indietro. Capì
che la situazione non era per niente allegra.

Rosalia non tradì le sue aspettative e aggiunse:

“Adesso dammi quel fiore.”

Silica non sapeva cosa dire.

“...!? Cosa... Cosa stai dicendo...?”

Poi, Kirito, che era rimasto in silenzio finora, si fece avanti e parlò:

“Non posso permettertelo, Rosalia-san. No— forse è meglio se ti chiamo capo della gilda arancione
«Titan's Hand».”
Rosalia smise di sorridere e sollevò un sopracciglio.

In SAO, i giocatori che commettevano dei crimini, come rubare, ferire altri giocatori, o ucciderli,
avevano i cursori di colore arancione invece che verde. Quindi, per indicare questa gente spesso
venivano chiamati giocatori arancioni, e le loro gilde erano le gilde arancioni ovviamente. Silica lo
sapeva, ma non ne aveva mai visto uno prima d’ora.

Eppure il cursore di Rosaria era verde. Silica guardò Kirito, che era accanto a lei, e chiese con voce
asciutta:

“Ehi... ma... guarda... Rosalia-san, è verde...”

“Anche nelle gilde arancioni ci sono molte persone il cui cursore rimane verde. I verdi fanno da
talpe, ad esempio adescano party ignari in imboscate. Anche la persona che origliava ieri sera è
così.”

“Co-Cosa...”

Silica guardò Rosalia con smarrimento.

“A—Allora il motivo per cui hai fatto squadra con noi per due settimane era...”

Rosalia sorrise acida e rispose:

“Sì~ Controllavo quanto fosse forte quel party, e avevo deciso di aspettare che si caricassero di
soldi per poi derubarli. Infatti, avrei dovuto sistemarli oggi.”

Si leccò le labbra e osservò Silica.

“Mi sono chiesta per quale motivo il mio bersaglio prediletto ad un certo punto se ne fosse andato, e
poi scopro che cercavi un oggetto raro. Il «Fiore di Pneuma» è molto costoso. Dopotutto,
raccogliere informazioni paga sempre~”

Poi rimase un attimo in silenzio, osservò Kirito, e scosse le spalle.

“Ma spadaccino, tu continui ad andare dietro questa mocciosa anche sapendo tutte queste cose? Sei
un idiota per caso? O ti piace davvero così tanto quella mocciosa?”

Agli insulti di Rosalia, Silica avvampò di rabbia. La sua mano corse alla daga. Ma Kirito la prese di
nuovo per una spalla.
“No, nessuna delle due.”

Rispose Kirito, con voce fredda.

“Anch’io ti stavo cercando, Rosalia-san.” “—Cosa intendi?”

“Hai attaccato la gilda «Bandiera Argentea» dieci giorni fa al trentottesimo piano, giusto? Quella di
cui hai ucciso quattro membri ed è sopravvissuto solo il leader.”

“Ah~, quei mendicanti?”

Rosalia non si scompose minimamente.

“Quel leader... stava cercando qualcuno che vendicasse i suoi compagni, così è salito ai piani alti,
lungo la linea del fronte, piangendo nella piazza centrale dalla mattina alla sera.”

Si sentiva una freddezza terrificante provenire dalle parole di Kirito. Sembrava come se uno stiletto
ghiacciato avesse tagliato a metà tutto quello che si trovava nei paraggi.

“Ma quando ho accolto la sua richiesta, mi ha chiesto di non ucciderti. Mi ha chiesto solo di
buttarvi tutti nelle segrete del Castello di Ferro Nero — hai una vaga idea di come si sentisse?”

“No.”

Rosalia rispose come se non gliene potesse fregare di meno.

“Che vuoi? Perché fai tanto il gradasso? Sei stupido? Non c’è nessuna prova che le persone che
uccidiamo qui siano morte anche nella vita reale. E poi non ci possono mica incolpare una volta
tornati nel mondo reale. Non sappiamo nemmeno se potremo mai tornare e tu parli di regole e di
giustizia; non è divertente. I tipi come te sono quelli che odio più di tutti — gente che si porta dietro
la sua sciocca logica anche dopo essere venuti in questo mondo.”

L’espressione di Rosalia si indurì dalla rabbia.

“Quindi mi stai dicendo che hai preso sul serio le parole di uno che non è stato neppure capace di
morire come si deve e sei venuto a cercarci? Allora non hai proprio niente di meglio da fare. Bene,
riconosco di essere caduto nella tua trappola. Però... cosa pensi di fare se siete solo in due...?”

Le apparve un sorriso sadico quando agitò la mano due volte.


In quel momento gli alberi dietro di lei tremarono vistosamente, ed apparve altra gente. Apparve un
cursore dopo l’altro nel campo visivo di Silica. La maggior parte era arancione. Erano in dieci
adesso. Se avessero oltrepassato il ponte senza notare l’imboscata, a quest’ora sarebbero stati
circondati. C’era un altro verde tra loro— i suoi capelli a punta, era senza alcun dubbio il tipo che
avevano visto ieri sera alla locanda.

I banditi che erano arrivati erano tutti maschi vestiti in malo modo. Avevano ornamenti e armature
raffazzonate messe malamente.

Silica si nascose dietro Kirito per non vedere quella scena schifosa. Sussurrò a voce bassissima:

“Ki-Kirito-san... ce ne sono troppi. Dobbiamo scappare...!” “Giusto. Prendi il tuo cristallo e scappa
quando te lo dico.”

Kirito rispose con voce calma, arruffò i capelli di Silica, e poi si diresse dall’altra parte del ponte.
Silica era rimasta sconvolta. Era fin troppo da sconsiderati. Lo chiamò immediatamente:

“Kirito-san...!”

Non appena la sua voce risuonò per il bosco—

“Kirito...?”

A sussurrare il suo nome fu uno dei banditi. Il suo ghigno svanì e divenne pallido; i suoi occhi si
mossero da una parte all’altra mentre cercava di ricordare chissà cosa.

“Quei vestiti... la spada ad una mano e nemmeno uno scudo... «Lo spadaccino nero»...?”

Impallidì di colpo e fece un passo indietro.

“N-Non va bene per nulla Rosalia-san! Quel bastardo... è un beater... e un clearer...!”

Alle sue parole, le espressioni di tutti i presenti si raggelarono. Anche Silica era sorpresa. Fissava la
schiena di Kirito, completamente spiazzata.

Sapeva che era un giocatore di prim’ordine dal modo in cui combatteva. Ma non avrebbe mai
immaginato che fosse uno dei «Clearers», l'élite di giocatori di primo livello che scendevano nei
dungeon della linea del fronte, dove nessuno aveva mai messo piede prima, per sconfiggere i boss
di ogni livello. Si diceva che si occupassero esclusivamente di concludere SAO, e che non si
allontanassero mai dalla linea del fronte—
Persino Rosalia rimase a bocca asciutta per un bel po’ prima di ritornare in sé e strillare:

“C-Che ci fa un clearer da queste parti!? Probabilmente se l’è inventato per spaventarci! Sta solo
facendo un cosplay. E— anche se fosse sul serio «Lo Spadaccino Nero», sarà un gioco da ragazzi se
siamo così in tanti!!”

Ritrovando il coraggio, l’immenso utilizzatore di ascia che sembrava essere il capogruppo degli
arancioni disse:

“S-Sì! E se è un clearer dovrebbe avere anche un sacco di soldi giusto!? Questa sì che è la nostra
occasione!”

Tutti gli altri estrassero le armi. Le numerose lame scintillarono cupamente.

“Kirito-san... è impossibile vincere, scappa!!”

Silica strillò disperata con il cristallo in mano. Rosalia aveva ragione, non poteva vincere nemmeno
lui contro tutti quei nemici. Ma Kirito non si muoveva. Non aveva neppure estratto la sua spada.

Sembrarono interpretare il suo gesto come rassegnazione; i nove giocatori, esclusi Rosalia e l’altro
verde, scattarono per fare a gara per chi avrebbe colpito Kirito per primo. Saltarono sul ponte con le
bocche spalancate— “Yiaaa!!”

“Muoriiii!”

Circondarono Kirito, che era fermo a capo chino, in un semicerchio, prima di colpirlo tutti
contemporaneamente. Il corpo di Kirito si scosse terribilmente sotto quei 9 terribili attacchi.

“No—!!”

Silica strillò coprendosi gli occhi con le mani.

“No! Fermo! Kirito-san, m…morirà!!” Ma non l’ascoltarono.

Alcuni ridevano come impazziti, mentre altri continuavano a gridare mentre menavano colpi.

Rosalia, rimasta al centro del ponte, si leccava il dito incapace di trattenere l’eccitazione per tutte
quelle barbarie.
Silica si asciugò le lacrime e afferrò l’elsa della sua daga. Sapeva che non c’era nulla che potesse
fare, ma non sopportava di rimanere a guardare un minuto di più. Quando stava per correre verso
Kirito— si accorse di una cosa e si fermò.

Gli HP di Kirito non decrescevano.

No, scendeva appena un pochino, a scapito di quella pioggia di colpi che riceveva. Eppure dopo
qualche secondo risalivano al massimo.

I banditi alla fine capirono che qualcosa non andava e le loro espressioni divennero perplesse.

“Che diavolo state facendo!? Uccidetelo!!”

All’ordine isterico di Rosalia, i colpi ripresero per qualche secondo. Ma non c’era alcun
cambiamento.

“Ehi... ma che succede...?”

A dirlo fu un bandito che aveva notato qualcosa e sul cui volto si tinse uno strano terrore prima di
fare un passo indietro. La sua sorpresa si sparse tra gli altri banditi che presero subito le distanze da
Kirito.

Cadde il silenzio in quella radura, e Kirito sollevò finalmente la testa. Parlò con voce tranquilla:

“—Circa 400 punti danno ogni 10 secondi? E’ l’ammontare di danni che voi 9 mi avete arrecato.

Sono al livello 78, i miei HP ammontano a 14,500... aggiungeteci che recupero 600 HP ogni 10
secondi con il «Battle Healing». Non potreste sconfiggermi neppure se mi attaccaste per ore.”

I banditi rimasero lì con le bocche spalancate, evidentemente scioccati. Alla fine, il tipo con l’ascia,
che sembrava il secondo in carica, disse con voce asciutta.

“Ma... ma è possibile...? Non ha alcun senso...” “Già.”

Kirito parlò chiaro e tondo:

“Una semplice differenza di numeri genera una ridicola disparità di forze; è l’irragionevole sistema
dei livelli su cui si basa un MMORPG!”
I banditi fecero un passo indietro, come fossero intimiditi dalla voce di Kirito, che sembrava
nascondere qualcosa. Le espressioni sorprese lasciarono spazio al terrore.

“Tsk.”

Rosalia sputò ed estrasse un cristallo del teletrasporto. Lo sollevò e aprì la bocca per parlare:
“Teletrasporto—”

Ma prima che potesse finire la frase, l’aria si tese e vibrò come una corda, ci fu uno spostamento
d’aria terribile e Kirito svanì per riapparire di fronte a lei.

“Aah...”

Nell’attimo in cui Rosalia esitò, lui le strappò di mano il cristallo e la prese per il bavero,
trascinandola di fronte agli altri.

“L-Lasciami andare!! Che vuoi fare, bastardo!!”

Kirito la lanciò in mezzo ai banditi, che erano rimasti a bocca aperta, e prese a cercare nelle tasche
senza dire una sola parola. Il cristallo che prese era anch’esso blu. Ma di una tonalità più intensa del
solito.

“La persona che mi ha ingaggiato mi ha dato questo cristallo comprandolo con tutti i soldi che
aveva. Ha detto che ha impostato il varco di uscita alla prigione del Castello di Ferro Nero. Quindi
vi manderò tutti lì, e «L’Armata» si occuperà del resto.”

Rosalia, seduta per terra, rimase in silenzio e poi sorrise come se fosse tutto un bluff.

“—E se dicessi che non mi va?” “Allora vi ucciderò tutti.”

Il suo sorriso svanì alla risposta secca di Kirito.

“—E’ quello che farei... ma stavolta farò semplicemente questo.”

Kirito prese una piccola daga da sotto il suo cappotto. Osservando attentamente la lama si poteva
notare che era impregnata di un liquido verdino.

“Veleno paralizzante; è un veleno di livello cinque, quindi nessuno di voi dovrebbe essere in grado
di muoversi per almeno dieci minuti. Più che sufficiente per spedirvi tutti in galera... Andateci da
soli, o ci andrete a forza; a voi la scelta.”
Adesso non bluffava più nessuno. Dopo averli visti tutti chinare il capo rassegnati, Kirito mise via
la daga, alzò il cristallo e urlò.

“Apriti corridoio!”

Il cristallo si infranse e apparve un turbine blu.

“Dannazione...”

Il tipo con l’ascia fu il primo ad entrare nel varco con le spalle basse. Il resto entrò uno dopo l’altro,
alcuni in silenzio, altri maledicendo la sorte. Dopo che anche il tipo col cursore verde fu entrato,
l’unica persona rimasta fu Rosalia.

La bandita dai capelli rossi non fece neppure un passo dopo che tutti i suoi compagni erano già
svaniti nel varco. Rimase seduta a gambe incrociate, guardando Kirito come se volesse sfidarlo.

“...Provaci pure. Se ferisci un verde diventerai arancione...”

Kirito la prese per il colletto prima che finisse di parlare.

“Lascia che ti dica questo: Sono un solo player; diventare arancione per un paio di giorni non
significa nulla per me.”

Disse Kirito freddamente prima di trascinarla verso il turbine. Rosalia tentò di resistere agitando le
gambe e le braccia.

“Aspetta, ti prego, fermo! Perdonami! Eh?! ...Ah, sì, perché non lavoriamo insieme? Con le tue
abilità potremmo abbattere qualsiasi gilda...”

Non finì mai di dire quello che stava dicendo. Kirito lanciò Rosalia di testa nel varco. Dopo che fu
scomparsa, il corridoio svanì.

Era di nuovo tornata la calma.

Quel posto primaverile pieno di suoni e rumori, del cinguettio e dell’acqua corrente, tornò
silenzioso e pacifico come se gli avvenimenti di prima fossero stati solo un sogno. Ma Silica non
riusciva a muoversi. La sorpresa per la vera identità di Kirito, il suo sollievo per la sparizione dei
banditi, tutte queste emozioni all’improvviso, la lasciarono incapace persino di parlare.

Kirito si limitò ad osservare la silenziosa Silica per un po’ prima di dire finalmente qualcosa quasi
sussurrando:

“...Perdonami, Silica. Sembra che alla fine ti abbia usata come esca. Avevo intenzione di dirtelo fin
dall’inizio... ma pensavo che ti saresti spaventata e ho preferito non dirtelo.”

Silica cercò disperatamente di scuotere la testa, ma non poteva; aveva così tanti pensieri per la testa
da non capire nemmeno più dove si trovasse.

“Ti riaccompagno al villaggio.”

Disse Kirito iniziando a camminare. Silica riuscì in qualche modo a far sentire la sua voce.

“Le—Le mie gambe non si muovono.”

Kirito si voltò e le offrì la mano destra con un sorriso; afferrando la sua mano, anche Silica riuscì
finalmente a sorridere.

I due rimasero praticamente in silenzio finché non raggiunsero la Taverna del Banderuola al
trentacinquesimo piano. C’erano molte cose che Silica avrebbe voluto dire, ma non riusciva a
parlare, come se le fossero rimaste bloccate nella gola.

Quando salirono al secondo piano nella stanza di Kirito, la luce rossa del tramonto filtrava già dalla
finestra. Silica riuscì finalmente a rivolgere la parola a Kirito, che sembrava essere diventato una
figura nera per via della luce.

“Kirito-san... te ne andrai...?”

Dopo un lungo silenzio, la figura annuì in silenzio.

“Sì... Sono stato lontano dalla prima linea per cinque giorni ormai. Devo tornare a dare una mano il
prima possibile...”

“...Immagino tu abbia ragione...”

A dire il vero, Silica voleva chiedergli di portarla via con sé. Ma non poteva.

Kirito era al livello78. Lei al 45. Con un divario di 33 livelli— la differenza che li separava era
dolorosamente chiara. Se avesse seguito Kirito sulla linea del fronte, Silica sarebbe stata uccisa in
un attimo. Sebbene giocassero allo stesso gioco, li divideva un muro più alto di qualsiasi altro nella
vita reale.

“...Io...Io...”

Silica si morse le labbra e cercò disperatamente di ricacciare le emozioni che stavano per straripare;
due piccole lacrime presero a scenderle sulle guance, a dimostrazione dei suoi sentimenti infranti.

All’improvviso sentì le mani di Kirito sulle sue piccole spalle. Una voce bassa e gentile le sussurrò:

“I livelli sono solo numeri. In questo mondo la forza è poco più che un’illusione. Ci sono cose
molto più importanti. Perciò incontriamoci ancora nel mondo reale. Così potremo di nuovo
diventare amici.”

A dire la verità, Silica avrebbe voluto stringersi a quel petto davanti a sé. Ma alle parole gentili di

Kirito, capì che non avrebbe dovuto aspettarsi nient’altro da lui. Chiuse gli occhi e sussurrò: “Ok.
E’—E' una promessa.”

Si staccò da Kirito, lo guardò e riuscì a sorridergli. Kirito sorrise a sua volta e disse:

“Allora rianimiamo Pina.” “Ok!”

Silica sorrise e richiamò il menù. Cercò e tirò fuori dall’inventario l’oggetto «Cuore di Pina».
Poggiò la penna blu sul tavolino e poi prese anche il «Fiore di Pneuma».

Con l’oggetto bianco nella mano, chiuse la finestra e guardò Kirito.

“Tutto quello che devi fare è versare la gocciolina che sta nel fiore sopra la piuma. Una volta fatto,
Pina tornerà.”

“Ok...”

Mentre osservava la piuma blu, Silica pensò fra sé.

Pina... ho tanto da raccontarti; sulle fantastiche avventure che ho avuto oggi... e sulla persona che ti
ha salvata, che è diventata mio fratello giusto per un giorno.

Con le lacrime agli occhi, Silica fece scorrere la goccia sulla piuma.
Il gigantesco mulino ad acqua ruota costantemente, riempiendo il negozio di un dolce suono.

Sebbene fosse solo una piccola casa per le classi di supporto ad uso esclusivo dei giocatori, il suo
prezzo è salito come la marea a causa di quella ruota idraulica. Quando ho trovato per la prima
volta questa casa nel distretto principale del 48° Piano, Lindus, la mia mente ha subito pensato
‘eccola qui!’, giusto prima che il prezzo mi sconvolgesse.

Fin da quel momento, ho cominciato a lavorare come una matta, prendendo soldi da varie fonti, e
gestendoli in modo da accumulare 3 milioni di Col nel giro di due mesi. Se questo fosse il mondo
reale, il mio corpo sarebbe ricoperto di muscoli a causa dei continui colpi del mio martello, e la
mia mano destra sarebbe piena zeppa di calli.

Ma ogni cosa è stata saldata, ho acquisito l’atto prima degli altri pretendenti e aperto lo «Special
Shop di Lisbeth» in questa casa con la ruota idraulica. Ciò è accaduto 3 mesi fa durante la
primavera.
Parte 1

Dopo aver bevuto in fretta il mio caffè mattutino — grazie a Dio è Aincrad — mentre ascoltavo la
ruota idraulica che girava come se il suono fosse un BGM, indossai la mia uniforme da fabbro e
guardai la mia immagine riflessa nello specchio appeso alla parete.

Anche se l’ho chiamata uniforme da fabbro, non assomiglia per niente a quelle tute da lavoro con
salopette, ma a dire il vero assomiglia a una di quelle tenute da cameriera: una maglietta rosso
scuro con le maniche a sbuffo e una gonna a campana dello stesso colore, più un grembiule bianco
sopra e un nastro rosso sul petto.

Non sono stata io a scegliere questi vestiti; è stata una mia amica, che tra l’altro è un mio cliente
abituale. Secondo lei, ‘hai un viso da bambina, non ti stanno bene i vestiti seri.'

Beh, è quello che ha detto, ed io ‘pensa agli affari tuoi!' Ma le vendite raddoppiarono una volta che
iniziai ad indossare questa uniforme, così decisi di continuare a metterla.

Il suo consiglio non si fermò solo all’abbigliamento, ma andò anche ai capelli; sono sempre più
rosa e vaporosi.

Ma basandomi sul responso dei miei clienti, pare che questo look mi doni.

Io, maniscalco Lisbeth, avevo solo 15 anni quando sono stata catapultata in SAO. Ho riscontrato
che nel mondo reale sembro essere più giovane della mia vera età, ma ciò è diventato ancora più
pronunciato in questo mondo. Quando i miei capelli rosa, i miei grossi occhi blu, e le mie labbra
sottili si sono uniti con il grembiule vintage, la mia immagine riflessa nello specchio assomigliava
sempre più a quella di una bambola.

Fin da quando ero una studentessa delle medie a cui non interessava la moda, il divario è cresciuto
ancora di più.

In qualche modo ho accettato questo mio aspetto, ma dal momento che la mia personalità non
cambierà facilmente, di tanto in tanto spavento i clienti con le mie crisi nervose.

Controllai che non ci fosse più niente da sistemare nel negozio e girai l’insegna ‘CHIUSO’. Subito
vidi alcune persone che stavano attendendo che aprissi il negozio, così mostrai il mio sorriso
migliore e le accolsi.

"Buongiorno! Prego, entrate!"

A dire il vero, è dovuto passare molto tempo prima che riuscissi a fare questo con naturalezza.
Gestire un negozio è stato da sempre uno dei miei sogni, ma farlo in un gioco del genere è una cosa
diversa rispetto al mondo reale. Ho già provato sulla mia pelle come sia difficile ricevere e servire
già quando facevo il venditore ambulante utilizzando una pensione come magazzino.

Visto che mantenere il sorriso era troppo difficile, decisi di conquistarli con la qualità, e mostrare le
mie abilità da armaiolo pazzo sembrò funzionare, visto che parecchi dei miei clienti abituali
continuarono ad esaminare a fondo le mie armi anche dopo aver aperto questo negozio.

Dopo averli accolti, lasciai che il mio commesso NPC se ne occupasse e mi rifugiai nel laboratorio
nel retro del negozio. Avrei dovuto completare almeno 10 ordinazioni quel giorno.

Appena tirai la leva nel muro, i mantici iniziarono ad utilizzare la forza meccanica derivata dalla
ruota idraulica per soffiare l’aria nella fornace, e il lucidatore iniziò a girare. Tirai fuori un grosso
pezzo di metallo e lo introdussi nella fornace, la quale aveva già iniziato a riscaldarsi. Dopo aver
arroventato abbastanza il metallo, lo spostai su un’incudine con un paio di pinze. Mi piegai sulle
ginocchia e impugnai il martello, quindi cliccai sulla finestra del menù e scelsi un oggetto da
forgiare. Tutto ciò che mi restava da fare era colpire quel pezzo di metallo per un determinato
numero di volte e l’oggetto avrebbe preso forma. Non c’è alcuna tecnica richiesta per questo e la
qualità delle armi che ne risultano è casuale; ma io pensai che il risultato finale dipendesse dalla
concentrazione, perciò misi in tensione tutti i miei muscoli e sollevai lentamente il martello. E non
appena feci per colpire il pezzo di metallo—

"Ehi, Liz!"

"Ahh!"

La porta si aprì violentemente e lo mancai; al posto del metallo, colpii l’incudine con un patetico
fragore ed uno spruzzo di scintille.

Appena sollevai la testa, l’intruso scuoteva la testa e sorrideva tenendo la lingua fra i denti.

"Scusa~ Starò attenta la prossima volta."

"Mi domando quante volte abbia sentito quella frase— ...Beh, almeno è stato quando stavo per
iniziare."

Mi rialzai e misi il pezzo di metallo nuovamente nella fornace prima di poggiare le mani sulle
gambe e girarmi. Così guardai la ragazza poco più alta di me.

"...Ehi, Asuna."
Mia amica e cliente abituale, la spadaccina Asuna, attraversò la stanza passandomi vicino e si
sedette su una panca di legno. Si spostò all’indietro i capelli marroni nocciola e si mise a braccia
conserte. Ogni suo movimento sembrava fluente e radioso, come quello di un’attrice, e ogni volta
mi meravigliavo nonostante la conoscessi da secoli.

Mi sedetti sulla sedia di fronte alla panca di legno poggiando il martello contro il muro.

"...Quindi, cos’è oggi? Sei piuttosto mattiniera."

"Ah, vorrei che ti prendessi cura di una cosa."

Asuna si tolse lo stocco, con ancora la lama nella guaina, e me lo lanciò. Lo afferrai con una mano
e sguainai la spada. Lo stocco era un po’ consumato dall’usura, ma non da limitare alla lama un
taglio preciso.

"Non è che è deformata? E’ un po’ presto per la lucidatura."

"Già, hai ragione. Ma la voglio sempre brillante."

"Hmmm?"

Guardai Asuna attentamente. La sua tenuta da spadaccina con le croci rosse e bianche e la sua
minigonna erano quelle di sempre, ma i suoi scarponi scintillanti sembravano nuovi e indossava
anche un paio di orecchini d’argento.

"Sei strana~ Ora che ci penso, è il fine settimana. Che ne è dei tuoi doveri nella Gilda? Non avevi
detto che i ragazzi avevano dei grossi problemi col 63° piano?"

Dopo aver detto ciò, Asuna sorrise con imbarazzo:

"Già— Ho il giorno libero oggi. Perché ho fatto una promessa ad una persona..."

"Ohh~!"

Mi avvicinai ad Asuna mentre ero ancora seduta sulla sedia.

"Raccontami. Chi devi incontrare?"

"Se-Segreto!"
Asuna arrossì e rifiutò la mia provocazione. Incrociai le braccia, ciondolai il capo e dissi:

"Ah~ Mi sembrava che fossi un po’ più radiosa in questi giorni. Così finalmente hai trovato un
ragazzo."

"N-Non è così!!"

Asuna arrossì nuovamente. Tossì e mi chiese:

"...ehm, davvero mi trovi diversa in questi giorni...?"

"Certo~ Quando ti ho conosciuta, eri concentrata solo nel ripulire i dungeon sotterranei! Pensavo
che fossi un po’ troppo puntigliosa, ma poi, con l’inizio della primavera, sei un po’ cambiata; ad
esempio, prenderti una pausa dal completare il gioco nei fine settimana — è qualcosa che prima
non avresti mai fatto."

"Gi-Giusto... forse sono stata davvero influenzata..."

"Quindi, chi è? Qualcuno che conosco?"

"Io... non credo... molto probabilmente."

"Portalo la prossima volta."

"Non è ancora così! E’ ancora, beh... in un certo modo..."

"Hmm...?"

A quel punto fui davvero sorpresa. Asuna era il vice comandante della gilda più forte, CdS, ed una
dei migliori combattenti in Aincrad. C’erano più ragazzi che volevano catturare le attenzioni di
Asuna che stelle nel cielo, ma non avrei mai pensato che potesse succedere il contrario.

"Beh, sai, lui è davvero strano."

Asuna lo disse fissando l’orizzonte. Aveva un tenero sorriso sulle labbra. Se questo fosse stato un
manga romantico, sarebbero apparsi dei petali di fiori sullo sfondo.

"Dovrei dire imprevedibile, o che fa ogni cosa a modo suo... nonostante ciò, è davvero forte."
"Oh, più forte di te?"

"Sì, davvero; se ci sfidassimo, non durerei un solo minuto."

"Ohh~ E le persone che possono fare ciò, posso contarle sulle dita di una mano."

Appena cominciai a fantasticare, Asuna iniziò a scuotere le braccia.

"Ah, non immaginartelo~!"

"Beh, non vedo l’ora di conoscerlo. E se ne avrai bisogno ti darò i consigli migliori!"

"Non mi lasci altra scelta. Te lo presenterò —Ah, oh! Lucidala presto!"

"Giusto, giusto. Lo faro adesso per cui aspetta un attimo."

Mi alzai con lo stocco di Asuna nella mano e andai vicino alla lucidatrice all’angolo della stanza.

Estrassi la lama dal suo fodero rosso. L’arma ha il nome «Luce Lambente». E’ una delle migliori
spade che abbia mai fatto. Anche se utilizzo i migliori materiali, il martello migliore, l’incudine
migliore, e tutto quanto, la qualità dell’arma dipende comunque dal fattore casualità. Tuttavia,
vorrei solo essere in grado di fare una spada di questa qualità ogni 3 mesi o giù di lì.

Avvicinai la spada alla lucidatrice mantenendola con entrambe le mani. Non c’era alcuna tecnica in
questo, ma non ho intenzione di ignorarla.

Feci scivolare sulla lucidatrice la lama della spada dalla base fino alla punta. Vennero fuori
scintille, e un suono metallico, e allo stesso tempo la lama riprendeva lucentezza. Quando il
processo di lucidatura fu completato, la spade tornò a brillare argentea, brillante come la luce del
mattino.

La riposi nell’apposito fodero e la rilanciai ad Asuna. Poi presi 100 col d’argento che lei mi lanciò
allo stesso modo fra le mani.

"Grazie!"

"Tornerò per farmi aggiustare l’armatura un’altra volta... adesso sono in ritardo, ciao!"

Asuna si alzò e infilò la custodia della spada nel supporto della cintura.
"Mi chiedo come sia fatto~ Forse dovrei andare io."

"Ehh, n-no!"

"Hahaha, scherzo. Ma portalo qui la prossima volta."

"P-Presto."

Asuna salutò con la mano e corse via dal laboratorio. Sospirai pesantemente e collassai di nuovo
sulla sedia.

"...Dev'essere bello."

Sorrisi amaramente per le parole appena dette.

E’ passato un mese e mezzo da quando venni in questo mondo. Grazie alla mia personalità, non mi
ero ciondolata e invece ho dato tutto quanto per rendere il mio negozio prospero, e sono arrivata fin
qui.

Ma dovendo gestire un negozio e completare la mia abilità da armaiolo, iniziò presto a mancarmi la
compagnia delle persone, molto probabilmente perché non avevo ancora un obbiettivo preciso in
mente.

Dal momento che non ci sono molte ragazze in Aincrad, più di un ragazzo ha tentato di avvicinarsi,
ma per qualche ragione non ho mai ricambiato. Così quando si trattava di questo mi sentivo un po’
invidiosa di Asuna.

"Toccherà anche a me questo «Fabulous Meeting» prima o poi, mi chiedo~"

Biascicai, quindi scrollai quei pensieri strani di mente e mi alzai. Presi il pezzo di metallo, che
intanto si era arroventato, lo tolsi dalla fornace e lo adagiai sull’incudine. Ritenni che questo tizio
potesse essere il mio partner temporaneo. Con tutti quei pensieri in testa, sollevai il martello e
colpii. Hiiyaa.

Il suono ritmico del metallo che echeggia all’interno del laboratorio di solito mi avrebbe rischiarato
la mente, ma quel giorno l’abnegazione che tenevo nel cuore non sarebbe andata via.

Era mezzogiorno del giorno dopo quando lui arrivò al mio negozio.

Finii tutte le armi prenotate ed ero penzolante sulla panchina di pietra sul terrazzo di fronte al
negozio.

Stavo sognando. Era un sogno che riguardava i tempi delle elementari. Ero una bambina silenziosa
e diligente, ma presi il vizio di addormentarmi durante le lezioni pomeridiane. Le insegnanti mi
rimproveravano spesso per questo.

Poi guardai un insegnante maschio che aveva appeno finito gli studi all’università. Mi sentivo così
in imbarazzo, ma per qualche ragione ho apprezzato molto il modo in cui mi svegliò. Mi scosse
leggermente le spalle e con voce fioca, disse—

“Ehm, Scusa ma...”

“S-Sì, mi scusi!”

“Co?!”

Mi spaventai e saltai su come una molla. Di fronte a me c’era un uomo con l’espressione sorpresa
sul viso.

“Eh...?”

Mi guardai attorno.

Non c’era la classe piena di file di banchi. Gli alberi piantati intorno alla strada, il fiume che
scorreva vicino alla grossa strada rocciosa, il cortile col prato; era la mia seconda casa, a Lindus.

Sembrava che stessi fantasticando un po’. Tossii per schiarirmi la voce, nascondendo il mio
imbarazzo e sorridendo alla persona che sembrava essere un cliente.

“Ben-Benvenuto. Ha bisogno di un’arma?”

“Ehm, sì.”

Il ragazzo annuì.

Non sembrava qualcuno di alto livello. Sembrava solamente un po’ più grande di me; capelli neri e
maglietta semplice, pantaloni e scarponi. L’unico arma che aveva era una spada a una mano che
teneva dietro la schiena.
Le armi del mio negozio richiedevano un alto livello ad ero preoccupata che lui non potesse esserlo
abbastanza, ma non lo diedi a vedere e lo lasciai girare nel negozio.

“La zona delle spade a una mano è da questa parte.”

Come indicai la zona delle armi base, mi sorrise un po’ imbarazzato e parlò.

“Ah, beh, volevo ordinarne una su misura...”

Divenni ancora più preoccupata. Anche le più economiche armi su misura, che richiedono speciali
ingredienti per la forgiatura, stavano oltre i centomila Col. Se lui si fosse spaventato del prezzo, mi
sarei imbarazzata molto, così cercai di prevenire tale situazione.

“Il prezzo dei metalli è molto alto al momento, perciò credo che ti verrà a costare molto…”

Dissi, ma il ragazzo vestito di nero disse qualcosa di totalmente incredibile con una espressione
incurante.

“Non preoccuparti del prezzo. Per favore, forgia la spade migliore che puoi.”

“...”

Lo fissai per un momento e cercai di mettere insieme qualche parola per aprir bocca.

“...Bene, se è così... Dovrei sapere qualcosa sulla qualità della spada...”

Il mio tono di voce fu leggermente più rauco del normale, ma lui non sembrò preoccuparsene e
annuì soltanto.

“Beh, suppongo di sì. Ecco...”

Si tolse la spade che teneva sulle spalle, e, ancora nel fodero, me la passò.

“Che ne dici di una spada di qualità simile o migliore a questa?”

Non sembrava davvero una spada speciale. Un manico in cuoio con del filo attorcigliato; un’elsa
dello stesso colore. Ma quando la presi con la mia mano destra—
È pesante!!

La feci quasi cadere. Il livello prerequisito di forza era incredibilmente alto. Da armaiola e
mazziere, ero piuttosto a mio agio con le spade forti. Ma non avrei mai potuto brandire quella
spada.

La tolsi esitante dal fodero e la lama quasi nero pece brillò. Avrei potuto dire che fosse di alta
qualità solo guardandola un po’. Cliccai con un dito scegliendo la finestra di popup: categoria
«Spade Lunghe/A una mano», nome «Elucidator». Non si sapeva il nome del fabbricatore, ciò
significava che l’arma non era stata fatta da un armaiolo qualsiasi.

Si possono separare tutte le armi di Aincrad in due gruppi.

Uno è «Player-Made», cioè le armi fatte da noi armaioli. L’altro include le armi che si trovano
nell’avventurarsi come «Monster Drops». Ovviamente, gli armaioli non amano lasciare le loro
armi. Non potrei mai contare tutti i nomi come ‘Senza Nome’ oppure ‘Senza Marchio’ che ho
dovuto dare alle spade.

Ma quest’arma sembrava essere una vera rarità nel Monster Drops. Comparata al livello di qualità
delle armi del Player-Made e del Monster Drops, era senza dubbio la migliore. Ma una volta, una
Demon Swords» era apparsa— ecco cosa sentii.

Comunque, il mio orgoglio si era riacceso. Da armaiola, non avrei dovuto assolutamente perdere.

Restituii la spada e ne portai una lunga che avevo appeso nel retro del negozio.

Forgiai quella spada un mese prima ed era senza dubbio la migliore che avessi mai fatto.

La lama che tirai fuori dal fodero aveva una sfumatura rossastra, come se fosse avvolta dalle
fiamme.

“Questa è la migliore spada che ho nel negozio al momento. Molto probabilmente non te la lascerai
sfuggire.”

Afferrò la spada sbigottito, impugnandola con una mano, e poi scosse il capo.

“E’ un po’ leggera.”

“...ho utilizzato una lega diversa...”


“Hmm...”

Fece un’espressione dubbiosa e menò più volte dei fendenti con la spada dopodiché fissò lo
sguardo su di me e chiese.

“Posso provarla per un po’?”

“Provare cosa...?”

“La resistenza.”

Il ragazzo sfilò la sua spada, che teneva fino a poco prima nella sua mano sinistra, e la poggiò sul
bancone. Poi si fermò davanti e lentamente alzò la spada rossa con il braccio destro.

Realizzai cosa volesse fare e lo fermai.

“A-Aspetta! Se lo farai, la tua spada si romperà!”

“Se fosse una spada così poco resistente sarebbe inutile. Se accade sarà un mio problema.”

“E’...”

E’ completamente pazzo, ecco cosa avrei detto, ma mi fermai. Tenne la spada sopra il capo e i suoi
occhi brillarono intensamente. Ben presto, la spada cominciò a brillare di una luce blu.

“Hyah!”

Con un colpo, la spada oscillò verso il basso ad una velocità sorprendente. Le due lame si
scontrarono prima che reagissi, e l'impatto echeggiò fortemente all'interno del negozio. A causa
della luce così luminosa, strizzai gli occhi per dare un'occhiata, e poi involontariamente feci un
passo indietro ...

La lama era rotta in due pezzi ed era stata completamente distrutta.

—La lama del mio miglior prodotto.

“AHHHHHH!!”
Gridai e scattai contro la sua mano destra. Afferrai la metà rimanente e la esaminai attentamente da
ogni angolazione.

...Ripararla... era impossibile.

Appena giunsi a quella conclusione e abbassai le spalle, la restante metà si animò e divenne
frammenti poligonali. Dopo alcuni secondi di silenzio, sollevai lentamente la testa.

“Co...Cos...”

Afferrai il ragazzo dal colletto e dissi:

“Che cosa hai intenzione di fare—!! L’hai rotta—!!”

“M-Mi dispiace! Non avrei mai immaginato che si sarebbe rotta...”

...*Snap*.

“In altre parole, stai dicendo che la mia spada era più debole di quanto pensassi!?”

“Ehmm— ummm— beh, esatto.”

“Ah!! Adesso hai intenzione di andartene così?!!?”

Lo lasciai, misi le mani sui fianchi e mi raddrizzai.

“T— Te lo sto dicendo! Se avessi i giusti materiali creerei delle spade in grado di spezzare anche la
tua nello stesso modo!”

“—Oh?”

Rise alle mie parole dette con rabbia.

“Allora ti chiederei di farla per me; qualcosa in grado di spezzare una spada proprio in questo
modo.”

Prese la spada sul bancone e la rimise nel suo fodero. All'improvviso mi andò il sangue alla testa e

“E quindi come dovrebbe essere!? Bene! Allora aiutami! Inizia a procurarmi i materiali adatti!”

Sapevo di aver fatto un guaio, ma il latte ormai era stato versato. Non c’era modo di tornare
indietro. Eppure non fu scosso del tutto e sgarbatamente mi scrutò.

“...Ok, non importa, ma non sarebbe meglio se me la facessi da solo? Sarebbe un problema averti
fra i piedi.”

“Argh—!!”

E pensare che lì c’era una persona davvero brava a far saltare i nervi agli altri. Mossi le braccia
selvaggiamente e protestai come una ragazzina.

“No-Non sottovalutarmi! Anche se mi vedi così, sono un Maestro Armaiolo!”

“Viuuu~”

Il ragazzo fischiò. Si stava proprio divertendo.

“Beh allora, non vedo l’ora—Comunque, pagherò la spada che ho distrutto.”

“Non ce n’è alcun bisogno!! Solo ricordati che se creerò una spada migliore della tua, dovrai
pagare un mucchio di soldi!”

“Bene, quanto vuoi. —Sono Kirito. Spero che staremo a lungo insieme fin quando non sarà pronta
la mia spada.”

Incrociai le braccia e guardai lontano.

“Lo spero anch’io, Kirito.”

“Uwa, già mi chiami per nome in quel modo? Bene, sono d’accordo. Ok, Lisbeth.”

“Kaaah—!!”

—Era stata la peggiore prima impressione per formare una squadra.


Parte 2

Voci riguardo «Quel Metallo» iniziarono a circolare tra gli armaioli circa 10 anni orsono. Di certo,
l’ultimo obbiettivo di SAO era la conquista dell’ultimo piano e la risoluzione del gioco. Ma oltre
ciò, c’era una grande varietà di altre missioni: quest da parte di NPC, missioni di sorveglianza,
ricerca di tesori e molto altro. Ma a causa delle ricompense che spesso includevano
equipaggiamenti ricercati, la maggior parte delle missioni avevano un tempo di ricarica dopo che
erano stati completati e prima che potessero diventare di nuovo disponibili. Ci sono state anche
quest che potevano essere eseguite solo una volta, ma che davvero hanno attirato l'attenzione da
parte dei giocatori.

Una di queste era stata scoperta nel borgo di un angolo nel 55° piano. Un certo capo del villaggio
NPC dalla barba bianca direbbe- C'era un drago bianco che viveva sulle montagne a ovest, che
mangiava ogni giorno cristalli come cibo e ne accumulava grandi quantità per creare un metallo
estremamente prezioso e raro all'interno del suo stomaco.

Questa era, ovviamente, una missione che procurava dei materiali sorprendenti, quindi un gran
numero di persone formò immediatamente una squadra d’assalto che sarebbe stata in grado di
sconfiggere facilmente il drago.

— Ma non hanno ottenuto nulla. Il drago ha lasciato solo una piccola quantità di Col e alcune
attrezzature di scarsa qualità, che non hanno nemmeno rimborsato il costo delle pozioni di
guarigione e dei cristalli utilizzati.

Dopodiché, tutti pensarono che il metallo avesse solo una possibilità di apparire, quindi molte parti
parlarono al saggio e poi uccisero il drago, ma nessuno trovò il metallo. In una settimana,
innumerevoli draghi bianchi furono uccisi, ma nessuna squadra d’assalto riuscì a trovare un pezzo
di quel metallo. Ma qualcuno alla fine suggerì che esistevano speciali requisiti da soddisfare, così
tutti cercarono duramente di scoprire quali fossero.

Dopo aver ascoltato la mia spiegazione, quel tale, Kirito, che sorseggiava il tè che non volevo
nemmeno preparare, che sedeva sulla mia solita sedia del laboratorio con le gambe incrociate come
al solito, rispose 'Ah...' e annuì leggermente.

"L’ho sentito anch’io. Sembra che ci sia una possibilità di ottenere ingredienti così rari. Ma
nessuno è riuscito a trovarne, giusto? Troveremmo qualcosa se andassimo noi adesso?"

" Tra tutte le teorie che circolano, una di loro sostiene che 'la squadra deve includere un fabbro',
perché non ci sono molti fabbri adeguatamente formati per le loro abilità di combattimento."

"Ecco perché; a dire il vero sembra giusto — se è così, allora dovremmo andarci subito."
"......"

Fissai arrabbiata il volto di Kirito.

"Mi sorprende che tu sia riuscito a vivere fino ad oggi con una tale mancanza di buon senso. Non è
la ricerca di un folletto! Bisogna formare una buona squadra..."

"Ma se lo facciamo, e anche se riuscissimo a trovare il materiale, c'è la possibilità di non riuscire a
prenderlo, giusto? In quale piano si trova il drago bianco?”

"...55° piano."

"Heh— Allora è tutto apposto; non ho bisogno di aiuto."

"...Sei dannatamente forte, o solo dannatamente stupido? Comunque, non importa, vederti piangere
mentre ti teletrasporti suona comunque interessante.."

Kirito ridacchiò semplicemente, finì il suo tè senza rispondere e mise la tazza sul tavolo.

"Io sono pronto in qualsiasi momento, e tu, Lisbeth?"

"Ah— Lascia stare, visto che non vuoi aggiungere l’onorifico al mio nome, chiamami Liz... la
montagna del drago bianco non è molto grande, quindi potremmo tornare in giornata. Fammi solo
preparare qualcosina."

Dopo aver aperto una finestra della console, attaccai qualche semplice armatura alla gonna, poi mi
accertai che la mazza fosse nel mio inventario e feci in modo di avere abbastanza pozioni e
cristalli.

Chiusi la finestra e dissi ok, allora Kirito si alzò. Per fortuna, non c'erano clienti ne negozio. Subito
capovolsi il cartello sulla porta.

Alzai la testa e guardai fuori, la luce del sole che passava attraverso la finestra era ancora intensa,
perciò c'era ancora un bel po' di tempo prima che facesse buio. Se recuperiamo il metallo o no - è
più probabile quest'ultima, non importa quanto ci abbia pensato - non vorrei fare troppo tardi. Dissi
così.

— Come ho fatto a finire in questa situazione ...

Dopo aver lasciato il negozio, camminai verso il cancello della piazza, mentre la mente vagava
profondamente.

Avevo assolutamente una brutta impressione dell’uomo vestito di nero che camminava accanto a
me— come dovrebbe essere. Non solo tutto quello che ha detto e fatto mi ha fatto arrabbiare, è
stato anche un po' megalomane e arrogante, e più di tutto, ha distrutto il mio capolavoro.

Comunque, stavo camminando accanto ad un uomo appena conosciuto. Ci siamo alleati per
distruggere e cercare dei mostri di altri piani; era come— come un...

Arrivando a questo punto, forzai immediatamente il pensiero. Non avevo mai avuto esperienze del
genere prima d’ora. Anche se ero stata molto a contatto con altri giocatori maschi, ho sempre
cercato di evitare di uscirci da sola. Volevo che la prima persona con cui sarei uscita, fosse quella
che mi piaceva, almeno pensavo.

Ma stando ai fatti, con quest'uomo le cose sono talmente strane... Com’è potuta andare così!

Completamente ignaro del mio turbamento interiore, Kirito vide un venditore ambulante di cibo di
strada e si precipitò da lui. Non appena riapparse, lo vidi con un enorme hot dog nella bocca.

"Ne uoi pue u?"

... I miei pensieri interiori sono stati immediatamente interrotti con un senso di impotenza e mi
sentivo un'idiota per essere stata l'unica a preoccuparsi. Così gli risposi:

"Sì!"

Il gusto fresco dell’hot dog - più precisamente, un cibo misterioso che sembrava un hot dog -
indugiava ancora nella mia bocca quando arrivammo al villaggio del 55° piano.

Non fummo neanche bloccati da mostri o cos’altro nel tragitto fin lì.

I mostri erano piuttosto forti. Ma il mio livello era 65, e quel millantatore di Kirito avrebbe dovuto
essere altrettanto forte, quindi entrambi fummo coinvolti in battaglie senza riportare quasi nessun
danno.

L'unico errore era il tema di quel piano, che comprendeva distese di neve e di ghiaccio —

"Etciù!"

Starnutii rumorosamente non appena entrammo nel piccolo villaggio e mi calmai. Poiché tutti gli
altri piani erano in una stagione estiva precoce, ero troppo distratta. Non solo lì c'era uno strato di
neve sul terreno, ma ogni edificio aveva degli enormi ghiaccioli appesi sui tetti.

Quel freddo inverno fece tremare subito il mio corpo come una foglia. Kirito, che stava accanto a
me, mi fece un'espressione esasperata e disse:

"...Non ti sei portata altri vestiti?"

"...No."

Poi, Kirito, apparentemente poco vestito accese la sua finestra. Un mantello di cuoio nero si
materializzò, il quale si posò sopra la mia testa.

"...Stai bene?"

" E' tutta una questione di forza di volontà."

Ogni cosa che dice quest'uomo mi dà sui nervi. Ma il mantello foderato di pelliccia sembrava
abbastanza caldo, quindi non riuscii a resistere e lo indossai rapidamente. Mi lasciai sfuggire un
sospiro di sollievo: il freddo gelido scomparve immediatamente.

"Umm ... quale pensi che sia la casa del più anziano?"

Come Kirito disse ciò, mi guardai intorno al piccolo villaggio, e trovai una particolare casa di
fronte alla piazza centrale.

"Potrà essere quella lì?"

"Giusto."

Entrambi d’accordo, ricominciammo a camminare.

—Parecchi minuti dopo.

Come avevamo previsto, trovammo l’anziano NPC dalla barba bianca e avviammo con successo
una conversazione. La sua storia era piena di dettagli inutili che partivano dalla sua lunga e noiosa
infanzia, alla sua adolescenza, passando poi ai suoi giorni difficili dell’età adulta, e poi
improvvisamente si ricordò di un drago bianco nelle montagne a ovest. Quando il vecchio finì di
parlare, la luce arancione del sole del tramonto aveva già coperto l'intero villaggio.
Lasciammo la casa dell'anziano del villaggio completamente senza pensieri. La neve che copriva le
case era colorata dall’arancione del sole al tramonto. Fu una bella immagine, ma—

"...Non mi sarei mai aspettato che questa missione ci avrebbe rubato così tanto tempo..."

"Incredibile... beh, allora? Dobbiamo aspettare domani?"

Mi volsi con la testa verso Kirito.

"Hmmm— Ho sentito che il drago bianco è notturno. E’ quella la montagna?"

Guardando verso la direzione che Kirito puntava, vidi un picco bianco toccare il cielo. I limiti
strutturali di Aincrad dicevano che l'altezza non poteva superare i 100 metri, quindi per noi scalare
la montagna non avrebbe dovuto essere difficile.

"Va bene, andiamo. Voglio vederti piagnucolare il più presto possibile."

"Basta non essere sopraffatti dalla mie magnifiche abilità con la spada."

Entrambi ci girammo dall’altra parte con un 'Hmph'. Ma in qualche modo, come dire, anche se
stavo discutendo con Kirito, il mio cuore cominciava a sentirsi un po' traballante—

Io scossi la testa per liberarmi di questi pensieri stupidi e quindi cominciai a percorrere la mia
strada attraverso la neve.

Sebbene la montagna del drago bianco sembrava pericolosamente ripida da lontano, scoprimmo
che in realtà era molto facile da scalare.

Quando pensai a questo, molte squadre improvvisate erano riuscite a raggiungere questo punto
senza alcun problema, quindi non doveva essere così dura.

Anche se era già sera, che colpisce la forza dei mostri generati, il più forte che appariva in questo
momento era lo scheletro di ghiaccio chiamato «Frost Bone». Inoltre, questo tipo di mostri non
poteva competere con la mia mazza. Ho semplicemente continuato a distruggerli e spezzarli con
forza.

Dopo aver camminato su strade innevate per diverse decine di minuti e girando verso le scogliere a
strapiombo di ghiaccio, arrivammo alla cima della montagna.

La parte inferiore del piano successivo era estremamente vicina. Enormi colonne di cristallo rotte si
distinguevano dalla spessa coltre di neve. La luce viola del tramonto rifletteva attraverso queste
colonne e si spargeva nei colori dell'arcobaleno, dipingendo una scena da sogno.

"Oooh...!"

Mentre guardavo rapita quello spettacolo stavo per andare di sotto, ma Kirito afferrò il colletto per
fermarmi.

"Oi... Cosa stai facendo?!"

"Ehi, preparati ad usare i cristalli prima."

Contro quella espressione estremamente seria, potevo solo annuire docilmente. Materializzai i
cristalli e poi li misi nella tasca del grembiule.

"Inoltre, sarà pericoloso da qui in avanti, forse sarebbe stato meglio se avessi continuato da solo.
Una volta che apparirà il drago bianco, nasconditi dietro quel pilastro di cristallo laggiù e non
uscire assolutamente."

"...Perché? Il mio livello è alto! Voglio aiutare!"

"No!"

Le pupille nere di Kirito fissarono direttamente i miei occhi. Nel momento in cui i nostri occhi si
incontrarono, ho capito che questa persona era veramente preoccupata per la mia sicurezza dal
profondo del cuore, così sospirai e mi tirai indietro. Non dissi nulla e mi limitai ad annuire
leggermente.

Un sorriso si diffuse sul volto di Kirito e mi accarezzò la testa dicendo: "Va bene, andiamo."
Mentre io continuavo ad annuire.

Si sentì l'atmosfera cambiare improvvisamente.

Dopo aver viaggiato fino a qui con Kirito, i miei sentimenti erano cambiati? Oppure mi ero
affezionata? Ad ogni modo, non riconobbi quello come l’incontro della mia vita.

Oltre la metà della mia esperienza comprendeva forgiare armi, quindi non mi ero mai trovata in
qualche battaglia spietata.

Ma sentivo che questa persona era diversa. Aveva lo sguardo di chi combatteva ogni giorno nei
luoghi più pericolosi in assoluto.

Continuai a camminare con le mie emozioni quando arrivammo al centro del picco.

Ci siamo subito guardati attorno, ma non abbiamo trovato nessun segno del drago bianco. Tuttavia,
scoprimmo una zona sigillata da pilastri di cristallo-

"Wow..."

C'era una gigantesca caverna di almeno dieci metri di diametro. La luce riflessa dalle pareti
raggiungeva il profondo, mentre l'oscurità ricopriva tutto il resto.

"E’ davvero profondo..."

Kirito calciò un piccolo pezzo di cristallo all’interno. Il cristallo che cadde scintillava prima di
scomparire del tutto senza nemmeno un suono.

"Non ci cadere."

"Come se volessi!"

Non molto tempo dopo, rispose un urlo feroce fuori dalla grotta e si diffuse in tutta la montagna
attraverso l'aria che era stata “macchiata” dal blu del tramonto.

"Nasconditi là dietro!"

Kirito puntò il dito su una grossa colonna di cristallo posta lì vicino e mi parlò in tono di comando.
Seguii in fretta le sue istruzioni, mentre vedevo sventolare l’ombra di Kirito che gridava:

" Ehi ... Gli attacchi del drago bianco sono colpo d’artigli, respiro congelante e assalto bufera di
neve ... A-Attenzione!"

Dopo aver aggiunto velocemente quell'ultima frase, vidi Kirito, che teneva la schiena rivolta verso
di me facendo finta di essere figo, alzando il pollice in su col pugno sinistro. Lo spazio di fronte a
lui cominciò a tremare, e una sagoma enorme esplose verso l'esterno della caverna.

Diversi grandi poligoni apparirono in un flusso continuo. Mentre apparivano – iniziarono a legarsi
tra loro e l'identità della sagoma enorme divenne più evidente. L'urlo fece tremare
incontrollabilmente tutto quanto e risuonò ancora una volta. Innumerevoli cocci sparsi in ogni
direzione scomparirono in raggi di luce.
Era apparso un drago bianco coperto da schegge di ghiaccio. Lentamente battè le sue ali
gigantesche librandosi nel cielo. La situazione era spaventosa - o potrebbe essere più propriamente
descritta come estremamente bella. Esso aveva dei grandi occhi color rubino, e gettava uno
sguardo sprezzante su noi due.

Kirito raggiunse con la sua mano la schiena e sfoderò la spada jet-black con un perfetto scampanio.
Poi, come se il suono avesse scatenato un segnale, il drago bianco aprì la sua enorme mascella - e
con uno strepito fortissimo, spruzzò fuori un'ondata di polvere bianca.

"E’ il respiro! Vattene da lì!"

Nonostante gliel’avessi urlato, Kirito non si mosse di un solo centimetro. Rimase perfettamente
immobile e mantenne verso l'alto la spada tenendola nella mano destra.

Non c’era alcuna possibilità che quell’arma così sottile potesse fermare quell’attacco—

Appena pensai questo, la spada cominciò a girare velocemente in mano a Kirito. Si vide una luce
verde, era un'abilità della spada. In un attimo, la spada raggiunse una velocità invisibile all'occhio
umano e sembrava che fosse diventata uno scudo di luce.

Il respiro gelido andò verso lo scudo di luce mentre emetteva una luce bianca incredibile, che mi
costrinse a distogliere lo sguardo. Ma, quando l'aria fredda colpì la spada-scudo di Kirito, si
disperse come fumo.

Mi concentrai subito su Kirito e sul suo HP.

Forse non era stato possibile bloccare completamente il respiro, perché la sua barra della vita si
stava lentamente esaurendo. Ma la parte scioccante è stata che nel giro di pochi secondi aveva
recuperate tutto. Questa deve essere l’abilità di alto livello «Battle Healing» - per allenare e
padroneggiare questa abilità, si devono incassare enormi quantità di danni in battaglia.
Considerando i piani attuali, era impossibile farlo senza mettere in pericolo se stessi.

Kirito — chi è davvero...?

Solo ora cominciai a chiedermi seriamente l'identità di questo spadaccino nero. Il suo potere lo
faceva sembrare un giocatore strategico di fondamentale importanza. Ma il suo nome non era tra la
lista dei giocatori della Gilda dei CdS.

In quel momento, Kirito, che aveva previsto con precisione la fine dell'assalto gelido, fece la sua
mossa. Attraversò la coltre di neve e saltò verso il drago che si librava a mezz'aria.
Di norma, quando si combatte un nemico, bisogna attaccare prima con un’alabarda o qualche arma
a distanza; solo dopo aver abbattuto il nemico al suolo con armi a lungo raggio era possibile
assalirlo con le armi a corto e medio raggio. Ma sorprendentemente, Kirito saltò quasi a
raggiungere la testa del drago, dove cominciò a comporre numerose combo con la sua spade a
mezz’aria.

Con un suono assordante, Kirito colpì il torso della bestia ad una velocità tale da non poter essere
percepita dall’occhio umano. Sebbene il drago bianco contrattaccasse con Ii suoi artigli, la disparità
di forze era semplicemente troppa.

Quando Kirito fu disceso lentamente al suolo, gli HP del drago erano già diminuiti di un terzo.

—Era un massacro a senso unico. Guardare quella battaglia incredibile mi faceva venire I brividi
lungo la schiena.

All’improvviso il drago bianco puntò Kirito e soffiò il suo respiro gelido, ma stavolta lui si limitò a
schivarlo e saltò di nuovo. Con un suono cupo e potente, un solo attacco poderoso, colpì il nemico,
e la salute del drago calò considerevolmente.

La barra degli HP cambiò immediatamente da gialla a rossa, e la battaglia si sarebbe conclusa con
uno o massimo due altri attacchi. Decisi a quel punto di lodare le abilità di Kirito e mossi un passo
per uscire dal mio nascondiglio.

In quel momento, come se lo avesse saputo :

"Idiota! Non uscire ancora!"

"Cosa? Stai per vincere no? Sbrigati e finiscilo..."

Non appena risposi ad alta voce—

Il drago volò più in alto di prima, espandendo a pieno le ali. Mentre le ali sbattevano in avanti, la
neve che batteva contro il drago fece un *bang*.

"......?"

Ero completamente scioccata dalla scena di fronte a me. Kirito affondò la sua spade nel terreno a
qualche metro da me e mosse le labbra come se volesse dirmi qualcosa, ma la sua figura venne
presto coperta dalla neve. Immediatamente dopo, una pressione incontenibile, simile ad un muro
d’aria, mi colpì e mi sollevò da terra.
Merda... L'attacco bufera!

Mentre mi rotolavo per aria, mi ricordai quello che avevo sentito degli attacchi dei draghi bianchi.
Per fortuna questo attacco non era molto potente, quindi virtualmente non subii alcun danno.
Allargai entrambe le braccia e assunsi una posizione adatta all’atterraggio.

Ma quando la neve si disperse — non trovai alcun terreno su cui atterrare.

C’era solo l’enorme strapiombo che si apriva dalla cima della montagna. Ero stata spedita
direttamente oltre il lembo della montagna.

I miei pensieri si fermarono; il mio corpo si irrigidì completamente.

"Non può essere vero, no..."

Riuscii a borbottare solo quelle parole pietose, mentre allungavo impotente la mano destra—

—Una mano coperta da un guanto nero afferrò improvvisamente le mie dita.

I miei occhi si spalancarono improvvisamente.

...!

Kirito, che stava affrontando il drago, era scattato ad una velocità impressionante e si era tuffato
per prendermi. Aveva allungato il braccio per afferrarmi e mi aveva tirato a sé. Mi strinse il braccio
intorno e mi strinse con tutte le sue forze.

"Stringiti forte!"

Sentendo la voce di Kirito rimbombare nelle mie orecchie, dimenticai tutto e lo abbracciai con
entrambe le braccia. Cominciammo a cadere immediatamente dopo.

Nel bel mezzo dell’apertura della caverna, cominciammo a cadere abbracciati. Il vento ci ringhiava
nelle orecchie e i nostri abiti facevano un rumore assordante.

Se quel buco si estendeva anche sotto la superficie del piano, allora eravamo morti. Anche se avevo
quel pensiero nella mente, non sentivo come se stesse succedendo davvero a me. Tutto quello che
potevo fare era osservare stupidamente.
Ad un certo punto Kirito mosse la spada che aveva nella mano destra. La sollevò e la vibrò con
forza terribile. Una luce abbagliante la illuminò ed un *clang* metallico quasi mi spaccò I timpani.

Il forte contraccolpo contro la parete ci fece cambiare traiettoria, e finimmo oltre il bordo della
caverna. Le pareti di ghiaccio si avvicinarono e non potei fare a meno di stringere I denti. Stavamo
per schiantarci—!

Proprio quando stavamo per impattare contro la parete, Kirito sollevò di nuovo la spada e colpì la
parete con tutta la forza. Quando la lama colpì la parete volarono scintilla da tutte le parti. Il colpo
rallentò la nostra caduta, ma non abbastanza da farci fermare.

Il rumore stridente continuò per tutto il tempo della nostra discesa. Abbassai lo sguardo e notai che
si poteva già vedere il fondo coperto di neve. Lo guardai avvicinarsi sempre di più, finché
mancarono pochi secondi all’impatto.

Volevo evitare almeno di gridare, così mi morsi il labbro e mi strinsi a Kirito.

Kirito lasciò andare la spada, usò entrambe le braccia per stringermi e si rotolò a mezz’aria per
mettersi sotto di me. Poi—

Un impatto. Rumoroso.

I fiocchi di neve sollevati dall’impatto cominciarono a ricadere prima di sciogliersi sulle mie
guance.

La sensazione di freddo mi fece presto riavere. Aprii gli occhi, e mi resi conto che le pupille nere di
Kirito erano vicinissime alle mie.

Kirito mi stava ancora tenendo stretta; sorrideva debolmente.

"...Ancora viva?"

Annuii appena e risposi:

"Sì, ancora viva."

Per una dozzina di secondi — o forse alcuni minuti, ci limitammo a rimanere così. Il calore di
Kirito mi permise di rilassarmi e alla mia mente di sgomberarsi.

Dopo un po’ Kirito mi lasciò andare e si rialzò. Per prima cosa riprese la spada e la ripose
nell’inventario, e poi prese dalla tasca quella che sembrava essere una pozione curativa di alto
livello, insieme ad un’altra che era per me.

"Dai, bevila."

"...Ok."

Annuii e mi misi a sedere prendendo la boccetta mentre controllavo i miei HP. Me ne rimanevano
ancora un terzo, ma Kirito, che aveva impattato direttamente era già nella zona rossa.

Tolsi il tappo e bevvi il liquido dolce in un solo sorso, poi mi voltai verso Kirito. Ancora seduta,
ebbi serie difficoltà a pronunciare finalmente qualcosa di carino.

"Ummm... G-Grazie per avermi salvata..."

Kirito mostrò il suo solito ghigno e rispose:

"E’ ancora troppo presto per ringraziarmi."

Diede una rapida occhiata al cielo.

"...Grazie al cielo il drago non ci ha inseguiti, ma ora dobbiamo uscire di qui..."

"Eh...? Non possiamo teletrasportarci?"

Misi la mano in tasca per mostrare un cristallo splendente a Kirito. Però—

"Probabilmente non funzionerà, dato che questa è di sicuro una trappola per i giocatori, dubito
quindi che ne usciremo tanto facilmente."

"Ma come...?"

Kirito mi suggerì con lo sguardo di provarci, così strinsi il cristallo e parlai:

"Teletrasporto! Lindus!"

—Il mio grido rimbombò per le pareti prima di dissolversi. Il cristallo si limitò a brillare silenzioso.
Kirito mi posò una mano sulla spalla senza dire nulla.

"Se pensavo fosse possibile usare i cristalli, lo avrei già fatto mentre stavamo cadendo. Ma questo
posto aveva tutta l’area di essere un’area anti-cristallo..."

"..."

Abbassai la testa disperata; Kirito mi poggiò la mano sulla testa con un *pat* e mi scarmigliò i
capelli.

"Suvvia, non piangere. Se non possiamo usare i cristalli dev’esserci un altro modo per uscire da
qui."

"...Forse no, forse questa sarà la nostra tomba... O forse dovrei dire che siamo già morti!"

"Hmmm, forse hai ragione."

Vedere Kirito annuire mi fece di nuovo perdere tutte le energie.

"Che...Ma che atteggiamento è!? Non puoi essere un po’ più positivo?"

Dopodiché Kirito sorrise e disse:

“Quell’espressione furiosa ti si addice di più, vai così!”

“Che......?”

Le mie guance avvamparono e rimasi immobile. Kirito mi tolse la mano dalla testa e si rialzò.

“Bene, proviamo con qualcosa. Qualche idea?”

“...”

Sorrisi amaramente a Kirito, che chiaramente non era per nulla turbato dalla situazione ed agiva
come al solito. Sentendomi rinfrancata, mi diedi degli schiaffetti e mi tirai in piedi.

Mi diedi un’occhiata intorno; il fondo della cava era una distesa piatta di ghiaccio con qualche
traccia di neve. Il diametro doveva essere di circa dieci metri, come la sua apertura più in alto. Le
pareti di ghiaccio continuavano a riflettere la luce del sole morente, presto però saremmo stati
inghiottiti dall’oscurità.

Mi guardai intorno, ma non c’era alcuna via d’uscita lungo quelle pareti. Mi misi le mani lungo i
fianchi, mi spremetti il cervello al massimo, e dissi a Kirito la prima idea che mi venne in mente.

“Mm... Possiamo chiedere aiuto a qualcuno?”

Kirito negò all’istante:

“Uh—— Immagino che questo posto sia considerato un dungeon.”

I giocatori registrati come 'amici,' come Asuna nel mio caso, potevano comunicare con un tipo di
messaggio chiamato 'messaggio privato.' Tuttavia quella funzione non si poteva usare nei dungeon,
e neppure il 'sistema di rintracciabilità' poteva localizzarli.

Aprii la finestra spinta dalla cieca speranza, ma come aveva detto Kirito fu tutto inutile.

“Bene... Che ne dici se strilliamo per attirare l’attenzione di altri giocatori venuti nel dungeon?”

“Credo che la cima sia ad 80 metri di altezza, non penso che le nostre voci arrivino fin lassù.”

“Penso di no... Momento! Ora dilla tu qualche idea!”

Quando risposi così a Kirito, arrabbiata per come lasciava cadere le mie idee, lui rispose con
qualcosa di incredibile:

“Corriamo lungo le pareti.”

“......Sei stupido o cosa?”

“Beh, proviamoci.”

Mentre lo fissavo con espressione sconcertata, Kirito si diresse verso una parete e poi scattò verso
quella opposta a velocità innaturale. La neve per terra schizzò via e mi finì in faccia. Proprio
quando stava per schiantarsi lungo il muro, Kirito si abbassò e saltò con inaudita violenza. Saltò ad
un’altezza considerevole e poi prese a correre in diagonale lungo le pareti.

“Oh mio dio...”


Mentre lo osservavo rapita, Kirito era già molto più in alto di me e correva a spirale lungo la cima,
come uno di quei ninja in quei film di serie b. La sua figura si faceva sempre più piccola—

Poi a meno di un terzo dalla superficie, scivolò.

“Ahhhhhhhh!!!”

Kirito mi rovinò letteralmente addosso.

“Kyaaaaa!!!”

Facendomi indietro con un grido, proprio dov’ero poco prima apparve una buca dalla forma
umana. Un minuto dopo, Kirito bevve la sua seconda pozione, ed io sospirai accanto a lui.

"Ho sempre pensato che tu fossi un idiota, ma non avrei mai pensato che fossi tanto stupido..."

“Ci sarei riuscito se avessi avuto più spazio per la rincorsa.”

“Ma smettila.”

Buttai lì sicurissima.

Kirito ignorò le mie proteste e rimise la bottiglietta vuota nel taschino. Dopo essersi stirato le
braccia disse:

“Si sta facendo tardi, direi di accamparci qui per ora. Fortunatamente non penso che si faccia vivo
alcun mostro in questa buca.”

Il sole era già tramontato e lì dentro stava diventando buio.

“Immagino di sì...”

“Bene allora...”

Kirito aprì una finestra e fece comparire un po’ di cose. Un fornello da campo, una pentola, diversi
sacchetti che non si capiva a cosa servissero, e due boccali.

“...Te li porti sempre appresso?”


“Tendo a dormire fuori molto spesso.”

Lo disse con espressione seria, quindi dubito che stesse mentendo.

Cliccò sul fornello; si accese con un *fwoosh* ed illuminò i paraggi con la sua luce arancio. Kirito
mise la pentola sul fuoco e ci buttò dentro delle manciate di neve prima di rovesciargli dentro il
contenuto dei sacchetti. Chiuse la pentola con un coperchio e la cliccò due volte; apparve un timer
per la cottura.

Presto cominciai a sentire un aroma erbaceo. Ora che ci pensavo, non avevo mangiato nulla oltre
allo hot dog di quella mattina. Non appena ricordai di avere fame, il mio stomaco cominciò a
pretendere dolorosamente del cibo.

Il timer scomparve con un *pin pon*, e Kirito divise il contenuto della pentola in due ciotole.

“Non aspettarti troppo, le mie capacità culinarie sono pari a zero.”

“Grazie...”

Il calore si trasferì dalla ciotola alle mie mani. Si trattava di una semplice zuppa di carne secca ed
erbe, ma il livello degli ingredienti sembrava alto, quindi risultò comunque deliziosa. Inoltre
contribuì a riscaldare il mio corpo congelato.

“Che sensazione misteriosa... Non penso sia reale.”

Mormorai mentre bevevo la zuppa.

“Voglio dire questa situazione, stare accampato e mangiare con uno sconosciuto...”

“Ah, immagino... dato che tu sei un artigiana. Io vado a caccia e faccio campo con altri giocatori
piuttosto spesso.”

“Hmm, davvero? ...Dimmi di più, riguardo i dungeon e simili.”

“Eh? Mmm... ok. Non penso sia tanto interessante però... oh aspetta, prima che inizi......”

Kirito raccolse le ciotole e la pentola vuota, e li ripose nel suo inventario. Aprì di nuovo il menù e
prese quelli che sembravano due pezzi di tessuto arrotolati.
Dopo che li ebbe srotolati si rivelarono essere dei sacchi a pelo. Sembravano del tutto simili agli
equivalenti del mondo reale, solo molto più grandi.

“Questi durano parecchio. Sono comodi e caldi, inoltre incrementano le probabilità di non essere
notati dai mostri aggressivi.”

Me ne lanciò uno e sorrise. Quando lo stesi per terra mi parve tre volte la mia taglia. Sconcertata
dalle dimensioni, mi rivolsi a Kirito:

“E’ incredibile che tu ne abbia di così grandi, e persino due......”

“Beh, devo pur impiegare in qualche modo lo spazio dell’inventario.”

Kirito si svestì in fretta e si stese sul sacco a pelo alla sinistra. Anche io mi tolsi mazza e armatura e
mi stesi sul mio giaciglio. Era comodo davvero; l’interno era molto caldo e decisamente più
morbido di quanto apparisse all’esterno. Tra di noi c’era un metro buono di spazio. Ma era un po’...
imbarazzante, così parlai per liberarmi di quel silenzio:

“Mmm... ah già, stavi raccontando...”

“Oh, vero...”

Kirito cominciò a parlare dopo essersi poggiato con la testa sulle mani.

Mi ha parlato di quando è finito in una trappola dei MPK —— criminali che catturavano mostri da
usare per tendere imboscate ad altri giocatori —— in un dungeon. Mi ha raccontato di quando ha
affrontato un boss molto debole, ma dall’osceno numero di HP, contro il quale ha combattuto due
giorni facendo a turno con altri giocatori per poter dormire. Una volta aveva giocato a dadi con
altri 100 giocatori per vincere un oggetto raro. Tutte le sue storie erano esaltanti, deliziose e per
qualche motivo interessantissime. Inoltre le sue storie confermarono una cosa—— era uno dei
Clearers, quelli che rischiavano le loro vite al fronte. Ma allo stesso tempo voleva dire che si
portava addosso il peso di migliaia di vite. Non era il tipo di persona che avrebbe rischiato la sua
vita solo per salvare la mia.

Mi voltai verso Kirito e lo guardai in faccia. Le sue pupille nere riflettevano la luce che scendeva
dall’alto.

“Ehi... Kirito, posso chiederti una cosa...?”

“—Come mai tanto seria?”


“Perché mi hai salvata...? Non c'erano garanzie che saresti sopravvissuto. In effetti era molto
probabile che saresti morto con me, quindi... Perché...?”

L’espressione di Kirito si fece dura per un momento, ma poi si rilassò e rispose con il suo solito
tono:

“...Preferirei morire con chi è nei guai piuttosto che stare fermo senza far niente. Specialmente se si
tratta di una ragazza come te, Liz.”

“...Sei davvero un’idiota. Probabilmente sei l’unico che direbbe una cosa del genere.”

Anche se avevo risposto con sarcasmo, i miei occhi si erano inumiditi. Una parte del mio cuore
piangeva, ma feci del mio meglio per tenerlo a bada. Non avevo mai sentito parole tanto testarde,
giuste e calde da quando ero arrivata in questo mondo. No, non le avevo sentite nemmeno nel
mondo reale.

Il desiderio doloroso di voler condividere tempo ed emozioni con qualcuno, sepolto da così tanto
tempo nel mio cuore era esploso come una tempesta. Volevo che il calore di Kirito penetrasse nel
mio cuore—

Senza che me ne rendessi conto, pronunciai le parole:

“Terresti... la mia mano?”

Mi voltai verso Kirito, estrassi la mano dal sacco a pelo, e la allungai.

Kirito sgranò un pochino gli occhi ma disse 'Sì' e allungò la mano sinistra. Quando le nostre dita si
toccarono, per un attimo ritraemmo le mani, ma poi le unimmo nuovamente.

Strinsi forte la sua mano, ed era molto più calda della zuppa che avevo mangiato. Sebbene fossimo
stesi sul ghiaccio, non avvertivo alcun freddo. Sentivo calore umano. Sentii per la prima volta
quello che desiderava il mio cuore da quando ero arrivata in questo mondo.

Avevo paura di scoprire che tutto questo fosse solo un’illusione— che il mio vero corpo fosse da
qualche parte lontana, irraggiungibile, per questo mi ero data degli obiettivi e mi ero immersa nel
lavoro. Mi ero convinta che migliorare le mie abilità e far crescere la mia bottega fossero la mia
realtà.

Ma una parte di me aveva sempre saputo che era tutto finto, nient’altro che dati digitali. Quello che
volevo davvero era calore umano.
Ovviamente anche il corpo di Kirito era fatto di dati. Il calore che avvertivo adesso era dovuto solo
a segnali elettrici inviati al mio cervello. Ma finalmente avevo capito che non importava. Potevo
sentire che il suo cuore —— che fosse nel mondo vero o in questo, non era finto come tutto il
resto.

Stringendo la mano di Kirito, sorrisi e chiusi gli occhi. Sebbene il mio cuore battesse più forte che
mai, il sonno arrivò dannatamente in fretta e mi portò in una pesante oscurità.
Parte 3

Un gradevole aroma mi solleticò il naso; aprii gli occhi lentamente e vidi che il mondo era tutto
bianco. La luce dell’alba, riflessa più volte dalle pareti di ghiaccio, faceva brillare la neve sul fondo
della caverna.

Spostai lo sguardo e vidi una tazza di té sulla lanterna, mentre saliva del vapore. Ecco da dove
veniva quel profumo. Di fronte alla lampada era seduta una persona dai vestiti neri di cui potevo
vedere solo il profilo. Ma non appena lo vidi, sembrò divamparmi un incendio nel petto.

Kirito si voltò, sorrise e disse:

"Buongiorno."

"......Buongiorno."

Risposi. Mentre facevo per alzarmi, mi resi conto che la mano destra con la quale avevo stretto la
sua, adesso era riposta con cura sotto le coltri. Me la portai alle labbra e poi saltai su
all’improvviso.

Kirito mi passò una ciotola fumante. Dopo averlo ringraziato, mi sedetti accanto a lui. Dentro c’era
un té floreale all’aroma di menta che non avevo mai provato prima. Lo bevvi lentamente, per
permetter al suo calore di diffondersi gradualmente in me. Il mio cuore si riscaldò piacevolmente.

Mi appoggiai a Kirito. Voltandomi, i nostri occhi si incrociarono per un attimo prima di separarsi di
nuovo. Per un po’ si sentì solo il suono di due persone che bevevano.

"Ehi......"

Alla fine parlai, con gli occhi fissi sulla mia tazza di té.

"Hmmm?"

"......Se non riusciamo ad uscire di qui, che facciamo?"

"Passeremo le giornate a dormire."

"Una risposta rapida. Pensa un po’ di più!"


Ridacchiai e diedi una gomitata amichevole a Kirito.

"......Però non sarebbe male......"

Dopo aver detto quello, cominciai ad abbassare la testa verso la spalla di Kirito—

"Ah......!?"

Kirito emise un verso e saltò su. Io, perso il mio appoggio, rovinai sulla neve con un *plop*.

"Uffa, ma che ti prende!"

Mi lamentai furiosa mentre mi tiravo su, ma Kirito non si muoveva. Si diresse al centro di quella
cava circolare.

Mi alzai e lo seguii anche io.

"Cosa c’è?"

"Oh, solo......"

Kirito si inginocchiò e cominciò a spostare la neve accumulatasi, con entrambe le mani. Presto fece
una buca e si sentiva il rumore di neve spostata. E poi—

"Ah!?"

All’improvviso brillò un raggio di luce argentea. Qualcosa che stava seppellita sotto la neve
rifletteva la luce del sole.

Kirito afferrò quella cosa con le mai e la sollevò. Incapace di rimanere da parte, la osservai da
vicino.

Era un oggetto rettangolare, trasparente, color argento. Appena un po’ più grande delle mani di
Kirito. Aveva una forma familiare, così come le dimensioni — un metallo. Ma non ne avevo mai
visti di quel colore.

Toccai il metallo con l’indice destro. Apparve automaticamente una finestra. L’oggetto si chiamava
«Lingotto di Cristallite».
"Questo— Non è per caso..."

Guardando il volto di Kirito, annuì anch’egli con espressione confusa.

"Già... Questo è il metallo che stavamo cercando... Mi chiedo perché sia qui..." "Ma perché mai era
sepolto qui?"

"Hmm......"

Kirito continuò a fissare il lingotto tra le sue mani, sovrappensiero, prima di emettere un leggero,
"Ah..."

"...Il drago bianco mangia cristalli...... i quali vengono digeriti dal suo stomaco per diventare......
Hehe, allora è così che funziona!"

Sembrava aver capito perché sorrideva, quindi mi lanciò quel lingotto. Lo afferai con entrambe le
mani e lo strinsi al petto.

"Ehi, che ti prende! Fai capire anche a me!"

"Questa cava non è una trappola. E’ il nido del drago."

"Eh-? Eeeh?"

"In altre parole, questi lingotti sono i suoi escrementi. Le sue feci." "Fe..."

Con le guance scosse da un tic, osservai il lingotto che avevo al petto. "Geeee"

Senza pensarci lo rilanciai a Kirito. "Woah"

Lui me lo ritirò subito. Dopo essercelo lanciato un bel po’ di volte come dei bambini, alla fine lo
riponemmo senza troppe cerimonie nel menù.

"Beh, fa nulla, abbiamo raggiunto il nostro obiettivo. Ora non ci resta che......" "Se solo potessimo
uscire di qui..."

Sospirammo entrambi dopo esserci scambiati uno sguardo. "Per il momento, possiamo solo provare
ogni idea che ci viene." "Immagino di si. Aah, se solo avessi le ali come un drago..."
Fu nel momento in cui lo dissi. Realizzando una cosa, rimasi a bocca aperta senza parole.

"...Che c’è, Liz?"

Mi voltai verso Kirito che mi stava osservando con la testa piegata di lato. "Ehi. Hai detto che
questo è il nido del drago, giusto?"

"Ah. Se ci sono le sue feci, penso di sì..."

"Non è importante! I draghi sono notturni, quindi ora che è giorno dovrebbe tornare qui..." "..."

Per un attimo, il mio sguardo incontrò Kirito, che rimase in silenzio, e poi osservammo entrambi in
alto verso

l’apertura. Esattamente in quel momento...

Su in alto, dove c’era quell’apertura circolare e luminosa, apparve un’ombra nera e confusa.
L’ombra diventava sempre più grande. Ci volle solo un attimo prima che riconoscemmo due ali,
una coda e quattro zampe artigliate.

"E’...E’..."

Ci ritraemmo insieme. Ma ovviamente non c’era posto in cui scappare.

"E’ qui———"

Gridammo entrambi estraendo le armi.

Il drago si accorse di noi ed emise un verso acuto, fermandosi prima di raggiungere il suolo. I suoi
occhi rossi dalle pupille verticali erano pieni di ostilità verso gli intrusi del suo nido. Ma non c’era
posto in cui nascondersi in quel buco stretto. Preparai la mia mazza sopprimendo il nervosismo.

In modo simile, Kirito estrasse la sua spada e si parò davanti a me dicendo:

"Ascolta, resta dietro di me. Bevi una pozione anche se perdi pochi HP."

"S-Sì..."
Stavolta annuii obbediente.

Il drago aprì le fauci e ringhiò ancora. Le ali sollevarono una folata e tanta neve.

*Bitan!* *Bitan!* La lunga coda del mostro flagellava il suolo, scavando buche profonde ad ogni
colpo.

Brandendo la spada nella mano destra, Kirito aspettava il momento giusto per partire.

"...Ah... Forse..."

Emise a bassa voce.

"C-Che problema c’è?"

"No..."

Senza rispondere alla mia domanda, Kirito ripose la spada nel fodero, si voltò e mi strinse forte col
braccio sinistro.

"Ehh!?"

Senza capire niente, mi ritrovai sulla spalla sinistra di Kirito.

"E-Ehi, ma che stai— Wahh!!"

Si udì un suono forte e tutto divenne confuso. Kirito corse verso la parete con forza inumana.
Proprio prima di schiantarci fece un salto e come il giorno prima, cominciò a correre lungo le
pareti. Tuttavia, non aveva intenzione di salire, perché correva in orizzontale. Il drago continuava a
seguirci con la testa, ma Kirito era troppo veloce per lui.

Qualche secondo dopo, quando scendemmo di nuovo a terra, mi girava tutto. Quando riuscii a
riprendermi, mi accorsi che davanti a me c’era il retro della bestia. Ci aveva perso di vista e si
guardava animatamente a destra e sinistra.

Proprio come pensavo, Kirito voleva prenderlo da dietro e infatti si stava avvicinando
silenziosamente— Allungando la mano, afferrò la punta della lunga coda del drago.
In quel momento, il drago emise un ruggito acuto. Un ruggito di sorpresa— o forse fu solo la mia
immaginazione. Incapace di predire le mosse di Kirito, anche io stavo per strillare stizzita.

All’improvviso, il dragò spiegò le ali e cominciò a salire a velocità terrificante.

"Oof!"

L’aria mi colpì il volto. Senza neppure un attimo per pensare, i nostri corpi vennero trascinati con la
stessa forza di una palla di cannone. Eravamo aggrappati alla coda del drago. La cima del crepaccio
si avvicinava velocemente.

"Liz! Resisti!!"

Per rispondere a Kirito, mi limitai a fissarlo come in trance. La luce del sole riflessa sulle pareti
diventava sempre più chiara e quando ci fu un’esplosione di luminosità, capimmo di essere usciti
fuori da quel buco.

Quando mi fui abituata alla luce del sole, sotto di noi si stendeva una visuale aerea e completa del
55esimo piano.

Sotto di me c’era una montagna conica ricoperta di neve. Poco più lontano un piccolo villaggio.
Oltre l’immenso campo innevato e le foreste, i tetti a punta delle case della città principale erano
piccini e vicinissimi tra loro. La scena era così bella e incantevole che mi fece dimenticare il terrore
della situazione, riuscendo persino a rallegrarmi.

"Waa..."

"Yeah—!!"

Anche Kirito gridò con me e lasciò andare la coda del drago con la mano destra. Mi afferrò come
una bambina e si affidò all’inerzia, danzando nell’aria.

Il volo durò solo pochi secondi, ma parve molto più lungo. Credo che stessi ridendo. La luce e il
vento soverchianti mi stavano lavando l’anima. Le mie emozioni stavano sublimando.

"Kirito— Lo sai, tu…!!"

Strillai con tutta la voce che avevo.


"Cosa c’è!?"

"M-Mi piaci!!"

"Come!? Non ti sento!!"

"Non è nulla!!"

Afferrandolo saldamente, scoppiai a ridere di cuore. Alla fine, questo momento che sembrava un
miracolo, ebbe fine, e raggiungemmo il suolo. Voltandosi un’ultima volta, Kirito allargò le gambe
per assumere una postura adatta all’atterraggio.

La neve fece, *Bafun!*, e saltò per aria in tutte le direzioni. Una bella buca. Farci strada in quella
coltre bianca e fredda fu un massacro, ma alla fine riuscimmo a raggiungere di nuovo la sommità.

"...Fuu."

Kirito prese aria e mi posò per terra. Riluttante, sciolsi il mio abbraccio con lui.

Entrambi guardammo verso la grande buca; Il drago, che sembrava averci perso di vista, volava in
cielo a grandi cerchi.

Kirito mise la mano sulla spada che aveva dietro la schiena, estraendola appena, ma poi la ripose
nuovamente nel fodero con un *cling*. Con un sorriso lieve affrontò il drago e disse.

"...Probabilmente sarai stanco di tutti quelli che ti hanno dato la caccia. Una volta che il metodo con
cui procurarsi il metallo diverrà noto, la gente dovrebbe smettere di cercare di ucciderti. Quindi
d’ora in avanti, vivi senza preoccupazioni."

—Affrontare così un mostro, sapendo che il suo comportamento era dettato solo dall’algoritmo del
sistema, e fare una cosa del genere; fino al giorno prima avrei pensato che fosse una stupidaggine.
Ma in qualche modo, adesso sentivo di poter accogliere anche io le parole di Kirito nel mio cuore.
Sollevando la mano destra, afferrai gentilmente la mano di Kirito.

Guardammo entrambi in silenzio la scena del drago che si voltava verso di noi, il quale levò un alto
ruggito e poi scese nel suo nido. Calò il silenzio.

Kirito guardò verso di me e parlò.


"Bene, allora torniamo?"

"Sarebbe pure ora."

"Vuoi usare un cristallo?"

"...No, preferirei camminare."

Risposi sorridendo, iniziando a camminare tenendo stretta la mano di Kirito. Poi mi accorsi di una
cosa e mi voltai di nuovo.

"Ah... La lanterna, i sacchi a pelo e tutto il resto, li abbiamo lasciati lì sotto."

"Ora che mi ci fai pensare... Vabbè. Potrebbero tornare utili a qualcuno."

Ci scambiammo uno sguardo e scoppiammo a ridere, questa volta per davvero, cominciammo a
scendere per il sentiero montano, verso casa. Diedi una rapida occhiata intorno, il cielo era limpido,
senza neppure una nuvola all’orizzonte.

"Sono tornata!"

Aprii vigorosamente la porta della mia casa.

"Bentornata."

La cassiera NPC mi salutò appena io la salutai di rimando con la mano e mi guardai intorno. Ero
stata via solo per un giorno, eppure mi sembrava passata una vita.

Kirito, che aveva fatto compere dalla stessa bancarella del giorno prima, entrò nel locale con un hot
dog in bocca.

"E’ quasi mezzogiorno, avresti fatto meglio a rimanere lì a mangiare."

Mentre esprimevo il mio disappunto, Kirito ghignò agitando la mano sinistra, richiamando un
menù.

"Prima di quello, facciamo prima la spada."


Manipolando alla svelta il menù, materializzò il lingotto. Prendendolo con cautela — ignorando
momentaneamente l’origine di quell’oggetto— annuii.

"Giusto, facciamolo dai. Vieni nel laboratorio."

Aprendo la porta dietro il bancone, il rumore della ruota ad acqua divenne decisamente più intenso.
Spingendo la leva sul muro, il mantice cominciò a muoversi, incamerando aria. La fornace
cominciò immediatamente a brillare rossa.

Gettai il lingotto nella fornace, e mi girai verso Kirito.

"Una spada una mano, giusto?"

"Sì. Conto su di te."

Kirito annuì e si sedette sulla sedia degli ospiti.

"Chiaro. —Giusto per chiarezza, il risultato finale è assolutamente casuale, quindi non aspettarti
troppo, intesi?"

"Possiamo andare a prenderlo di nuovo se fallisce. Questa volta con una corda."

"...Sì, una lunga per favore."

Ricordando la lunga caduta, sorrisi senza volerlo. Gettando uno sguardo alla fornace, mi resi conto
che il lingotto si era riscaldato a dovere. Prendendolo con delle tenaglie apposite, lo posai
sull’incudine.

Presi dal muro il mio martello da fabbro preferito, impostai il set up, e diedi un altro sguardo al
volto di Kirito. In rispost al sui annuire silenzioso, sorrisi e sollevai in alto il martello.

Misi tutta me stessa nel colpo che inflissi al metallo incandescente; insieme ad un chiaro *Kan!*
volarono scintille roventi in tutte le direzioni.

C’era una sezione nei Suggerimenti, riguardo il processo di forgiatura, "Secondo il tipo di arma che
si desidera forgiare, e dal livello del materiale impiegato, il lingotto dovrà essere colpito un certo
numero di volte." Questo era tutto quello che c’era scritto.

In altre parole, le abilità del giocatore non influenzavano in alcun modo l’esito del risultato, almeno
così doveva essere interpretato, ma c’erano un sacco di voci e teorie riguardo SAO, riguardo la
precisione e il ritmo delle battute e lo spirito combattivo del fabbro potevano influenzare eccome il
risultato e così via.

Mi sono sempre ritenuta una persona razionale, ma l’esperienza mi suggeriva di fidarmi di queste
voci. Quindi ogni volta che producevo un’arma sgombravo la mente dai pensieri, concentrandomi
unicamente sul martello, colpendo a mente vuota— questa ero io.

Però.

Mentre colpivo il lingotto, nella mia mente c’erano vari pensieri, e non riuscivo a liberarmene.

Se la spada fosse venuta bene, e l’avessi consegnata— Kirito sarebbe tornato certamente alla linea
del fronte, e non ci sarebbero state più molte occasioni per rivederci. Anche se fosse tornato per la
manutenzione alla sua spada, sarebbe stato al massimo ogni dieci giorni.

Qualcosa del genere— Non potrei sopportarla. Sentii una voce dentro di me che lo gridava.

Eppure avevo sempre evitato la compagnia di qualcun altro— No, era proprio questo in fondo, il
motivo per cui avevo esitato ad affezionarmi ai giocatori maschi di questo mondo. Avevo paura che
l’inverno dentro di me potesse diventare amore. Quello non era vero amore, solo una delusione
creata da questo mondo illusorio; era questo quello che pensavo.

Ma la scorsa notte, sentendo il calore delle mani di Kirito, capii che quei pensieri erano solo le
spine illusorie che mi frenavano. Io sono io— Il fabbro, Lisbeth, e allo stesso tempo, Shinozaki
Rika. Kirito era lo stesso. Non un personaggio di questo gioco, ma un vero essere umano come me.
Quindi anche il mio amore per lui; anche questi sentimenti dovevano essere reali.

Se fossi riuscita a creare una buona spada, gli avrei confessato i miei sentimenti. Che lo volevo al
mio fianco, che vorrei che tornasse qui ogni giorno dopo aver esplorato i labirinti, questo gli avrei
detto.

Mano a mano che il lingotto diventava più brillante, di pari passo brillavano i miei sentimenti per
lui. Sentivo i miei sentimenti fluire nella mano, imprimendosi nell’arma grazie al martello.

—E così, il momento infine arrivò.

Non so quante martellate ci siano volute — probabilmente cento o centocinquanta — ma ad un


certo punto, dopo l’ultima martellata, apparve una luce fortissima.

L’oggetto rettangolare cominciò a cambiare forma..


"Ohh..."

Emettendo un debole mormorio, Kirito si alzò dalla sedia, e si avvicinò. Mentre osservavamo rapiti,
la spada prese finalmente forma, davanti ai nostri occhi.

Bellissima; era davvero una spada bellissima. Come spada ad una mano era perfetta. La lama era
pallida, ed era sottile, anche se non quanto quella di uno stocco. Proprio come il lingotto, appariva
lievemente trasparente. La lama era di un bianco pallido. L’elsa era di un argento con sfumature
bluastre.

«Un Mondo Dove La Spada Simboleggia il Giocatore»; come a enfatizzare questa frase, in SAO
esisteva un numero spaventoso di armi. Se qualcuno si fosse preso la briga di elencare i nomi di
tutte le armi apparse sin dall’inizio, ci sarebbero voluti anni.

Diversamente da un comune RPG, la diversità dei nomi aumentava all’aumentare del livello
dell’arma. Le armi di basso livello, come le lunghe spade ad una mano sola, «Spade di Bronzo»,
«Spade D’Acciaio»; esistevano un’infinità di armi del genere in questo mondo; ma per quelle rare e
potenti come quella di Asuna «Luce Lambente» ad esempio, ne esisteva praticamente solo una, a
testimoniare la rarità della categoria.

Ovviamente, esistevano stocchi dello steso livello indipendentemente che fossero forgiati o lasciati
cadere da un mostro. Ma ognuno di esse possedeva un nome diverso, così come l’aspetto era unico.
Le armi di un certo livello avevano un certo fascino, diventando una specie di partner con cui
condividere lo spirito.

Dato che il nome e l’aspetto venivano decise dal sistema, persino noi, gli artigiani, non
comprendevamo appieno la faccenda. Sollevai la spada brillante dall’incudine— o almeno ci
provai; Rimasi sorpresa dal peso, in aperto contrasto con l’aspetto elegante di quell’arma. Aveva un
requisito fisico non inferiore alla spada nera posseduta da Kirito, «Elucidator». Irrigidendo la
schiena, feci forza con le braccia ed il petto gridando.

Allungando la mano verso la spada, la cliccai una volta. Osservai la finestrella che apparve
immediatamente.

"Beh, il suo nome sembra esseere «Dark Repulser». E’ la prima volta che lo sento, quindi penso che
non troveremo niente per ora nei registri della bottega. —Ecco, provala."

"Ok."

Kirito annuì, allungando la mano destra, afferrando la spada per l’elsa. La sollevò come se non
avesse peso per lui. Muovendo la mano sinistra aprì un menù, manipolò l’area
dell’equipaggiamento, selezionando la spada bianca.
In quel modo, il sistema permetteva a Kirito di usare la spada e di confermare il suo potenziale
numerico rispetto alle capacità dello spadaccino.

Ma Kirito chiuse immediatamente il menù, e dopo aver fatto diversi passi indietro, la passò alla
mano sinistra, agitandola un paio di volta con dei sibili feroci.

"—Com’è?"

Chiesi senza esitazione. Kirito fissò la spada in silenzio, per un po’— Presto però fece un gran
sorriso.

"E’ davvero pesante. ...E’ un’ottima spada."

"Davvero!? ...Evvai!"

Assunsi una posa trionfale senza pensarci. Con la mano tesa in avanti, balzai verso la mano destra
di Kirito.

Era passato un po’ da quando mi sentivo così.

Tempo addietro— Nel periodo in cui vendevo per strada, nel corso principale giù al decimo piano,
mi sentivo così quando i giocatori mi facevano complimenti per le mie armi di qualità. Ero felice di
essere diventata un fabbro, in quel momento il mio cuore non poteva mentirmi. Quando partii per
affinare le mie abilità, e per affari, salendo dove potevano arrivare solo i giocatori più forti, senza
rendermene conto avevo dimenticato questo fatto.

"...E’ un problema con il mio cuore, eh... tutto..."

Alle parole che mi lasciai sfuggire per caso, Kirito inclinò la testa con espressione curiosa.

"N-No, non è nulla. —Lascia stare, andiamo a prendere qualcosa. Ho fame."

Alzando la voce per coprire il mio imbarazzo, spinsi Kirito da dietro per affrettarci. Pensavo di
uscire così dal negozio, però— mi feci una domanda.

"...Ehi."

"Hm?"
Kirito si guardò indietro. Quella che aveva dietro la schiena era la sua spada; la spada nera.

"A proposito— All’inizio mi avevi chiesto una spada uguale alla tua. Penso che quella bianca sia
anch’essa un’ottima spada, ma non so se sia al livello di quella che hai tu ora. Perché desideri così
tanto due spade così simili?"

"Aah..."

Kirito si voltò, con l’espressione lievemente esitante.

"Beh, non posso spiegare tutto. Se non chiederai altro, prometto di dirtelo."

"Cos’era quello? Fai il figo adesso."

"Fai un passo indietro."

Dopo essermi ritratta contro una parete, Kirito estrasse la spada nera dal fodero che teneva dietro la
schiena con un solo movimento, mentre con la sinistra teneva ancora la spada bianca.

"...?"

Non capivo le sue intenzioni. Dopo aver manipolato il suo menù in precedenza, doveva poter
reggere solo la sua spada nella mano sinistra; tenere un’altra spada con la destra non gli sarebbe
stato di alcun aiuto. Infatti, con un’azione tanto irregolare non sarebbe mai riuscito ad attivare
un’abilità con la spada.
Osservando la mia espressione confusa per un attimo, Kirito assunse subito una posa con entrambe
le spade. La spada destra davanti, quella sinistra dietro. Abbassando leggermente le anche, fu un
attimo.

Apparve un effetto luminoso scarlatto, colorando il laboratorio del medesimo colore.

Le spade nelle mani di Kirito si alternavano, menando fendenti impossibili da seguire con lo
sguardo.

*Kyubabababa!*, con questo suono l’aria veniva tagliata, e anche se non erano attacchi rivolti
verso qualcosa, gli oggetti nella stanza tremavano come foglie.

Si trattava ovviamente di una tecnica alimentata dal sistema. Però— Non avevo mai sentito di una
tecnica che richiedesse due spade!
Di fronte a me, immobile e senza fiato, Kirito si rilassò in silenzio, avendo finalmente completato i
suoi attacchi a catena da decine di colpi.

Riponendo entrambe le spade— si voltò verso di me e disse.

"Ed è così che stanno le cose. —Mi servirà una custodia per questa spada. Posso sceglierne una?"

"Ah... S-Sì."

Chissà quante volte ero rimasta spiazzata da Kirito. Anche se morivo dalla curiosità, decisi che per
adesso avrei evitato di fare domande, allungando le mani verso una parete, apparve un menù.

Cercando nell’inventario, diedi un’occhiata alla mia varietà di custodie che avevo reperito da un
artigiano mio amico. Scegliendone una simile a quella che portava Kirito, fatta di pelle nera, la
materializzai. Dopo averci apposto un piccolo logo del mio negozio, la diedi a Kirito. Kirito, dopo
aver riposto la spada nel fodero , aprì un menù e vi ripose tutto. Credevo che avrebbe indossato
entrambe le spade dietro la schiena, ma mi sbagliavo.

"...Quindi è un segreto? Quello di prima."

"Nn, beh sì. Non dirlo a nessuno, ok?"


"Ok."

Le informazioni sulle abilità erano un’ipoteca sulla propria vita, quindi se mi stava chiedendo di
non domandare, non avrei insistito sulla faccenda. E comunque ero felice che mi avesse permesso
già di dare uno sguardo al suo segreto, quindi sorrisi felice.

"...Bene allora."

Kirito si mise le mani sui fianchi e cambiò espressione.

"Questa è la fine delle mie richieste. E’ ora di pagare la spada. Quanto viene?"

"Aah, ecco..."

Per un attimo mi morsi il labbro— Verbalizzai la risposta che ormai mi portavo dentro da
parecchio.

"Non mi serve alcun pagamento."

"...Eeh?"

"In cambio però, vorrei che Kirito mi considerasse come suo unico fabbro."

Kirito mostrò evidente sorpresa.

"...Cosa intendi con questo...?"

"Ogni volta che hai smesso di fare quello che devi, vieni qui e lasciami fare la manutenzione al tuo
equipaggiamento... —Ogni giorno, da adesso, senza scuse."

Il mio battito aumentò a dismisura. Che fosse del mio corpo virtuale o di quello reale, penso che
stessero battendo allo stesso modo— O almeno questo mi chiedevo in un angolino dei miei
pensieri. Le mie guance erano in fiamme. In quel momento dovevo avere un viso rosso come un
pomodoro.

Persino Kirito, che manteneva sempre la sua compostezza, sembrava aver capito il significato
dietro le mie parole, e aveva spostato lo sguardo per la timidezza. Avevo sempre pensato che fosse
più grande, ma dopo averlo visto in quello stato, capii che aveva la mia stessa età, o magari era
anche più giovane.
Raccolsi tutto il mio coraggio e mi avvicinai prendendogli un braccio.

"Kirito... Io..."

Quando scappammo dal nido del drago avevo gridato quelle parole, ma adesso la mia lingua non
voleva saperne di muoversi. Continuai a fissare Kirito negli occhi incapace di parlare— Accadde
allora.

La porta del negozio si aprì a forza. Lasciai la mano di Kirito e feci un salto.

"Liz, ero così preoccupata!!"

La persona ad aver parlato corse verso di me e mi abbracciò con tutte le sue forze. I suoi capelli
castani danzarono nell’aria.

"Ah, Asuna..."

Asuna continuò a parlare senza fermarsi, fissandomi.

"Non ti arrivavano i miei messaggi; non potevo localizzarti sulla mappa; senza contare che i tuoi
clienti non sapevano nulla, dove sei finita stanotte!? Sono andata persino al Castello di Ferro Nero
per controllare, sai!"

"S-Scusa, sono rimasta in un dungeon per un po’..."

"Un dungeon!? Liz, ci sei andata da sola!?"

"Nah, con una persona..."

Indicai dietro di lei con lo sguardo. Asuna si voltò, e dopo aver notato lo spadaccino in nero,
annoiata, rimase stupita e con la bocca spalancata. Subito dopo, con una voce di un’ottava più alta

"Ki-Kirito-kun!?"

"Eeh!?"

Stavolta toccava a me essere sorpresa. Guardai Kirito, che era rimasto sorpresa quanto Asuna.
Fece un leggero colpo di tosse e parlò sollevando la mano destra.

"Beh, Asuna, è passato un po’ di tempo... o forse no. Un paio di giorni al massimo."

"G-Già. ...Che sorpresa. Vedo che sei venuto direttamente qui. Se me lo avessi detto sarei venuta
con te."

Asuna si nascose le mani dietro e rise nervosa, calpestando più volte il pavimento con le suole dei
suoi stivali. Notai che le sue guance si tinsero lievemente di un alone roseo.

E compresi la situazione per intero.

Non era la semplice coincidenza che le aveva fatto portare Kirito in questo negozio. Per mantenere
una promessa fatta a me, Asuna aveva raccomandato questo posto... alla persona nel suo cuore.

—Cosa dovrei fare...? Ditemi cosa dovrei fare?

Tutto quello che riuscivo a pensare erano quelle parole. Sentivo come se il calore del mio corpo
stesse lentamente fluendo via attraverso i piedi. Non sentivo niente. Non riuscivo a respirare. Le
emozioni arrivavano forti, ma non avevo alcun modo di farle uscire...

Voltandosi per rivolgersi a me, Asuna disse.

"Questo tipo, per caso ti ha detto qualche cattiveria Liz? Di sicuro ti ha chiesto l’impossibile,
vero?"

Disse inclinando la testa di lato.

"Eh... Ma quindi questo vuol dire che la scorsa notte sei stata con Kirito-kun?"

"B...Beh..."

Presi Asuna per una mano e la trascinai verso la porta del negozio. Guardai Kirito per un attimo e
gli parlai cercando di non guardarlo in faccia.

"Per favore aspetta per un po’. Torneremo subito, perciò..."

Tirai Asuna ed uscimmo.


"Aspetta Liz, che succede?"

Ignorai le proteste di Asuna, continuando a camminare verso la piazza centrale. Non riuscivo a
stare un attimo di più di fonte a Kirito. Se non fossi scappata, avrei dovuto accettare il fatto di aver
perso di nuovo la mia strada.

Come se avesse intuito il mio stato confusionario, Asuna mi seguì in silenzio senza dire un’altra
parola. Lasciai delicatamente la mano di quella ragazza.

Camminammo verso est, per i vicoli, e ci fermammo ad un localino che sembrava essere nascosto
in una parete di pietra. Non c’era neppure un cliente. Scelsi un tavolino isolato e mi sedetti su di
una sedia bianca.

Asuna mi fissava, seduta in fronte a me, inespressiva.

"...Qual è il problema, Liz...?"

Mi feci forza per riguadagnare la mia flemma, facendo un largo sorriso. Lo stesso sorriso di
sempre, quello che mettevo su quando ci scambiavamo dei pettegolezzi.

"...Beh, è quella persona, non è vero...?"

Incrociando le braccia, mi avvicinai per vedere meglio il volto di Asuna.

"E-Eeh?"

"Quello che ti piace!"

"Ah..."

Asuna abbassò lo sguardo, sembrò stringersi nelle spalle. Annuì con le guance tutte rosse.

"...Si."

*Throb*; ignorando il dolore acuto che sentivo nel petto, mostrai di nuovo un largo ghigno.

"Beh, è di sicuro un tipo strano; uno strano forte direi."


"...Kirito-kun ha fatto qualcosa...?"

Raccolsi tutto il mio coraggio ed annuì per rispondere ad Asuna.

"E’ venuto ed ha distrutto la migliore spada del mio negozio."

"Wah... S-Scusami..."

"Non è mica una cosa di cui devi scusarti tu."

Guardando Asuna che si tormentava come se fosse stata lei, qualcosa nel mio petto si fermò per un
attimo.

Solo un po’... Solo un altro po’, vai così, Lisbeth.

Sussurrando dentro di me, in qualche modo riuscii a mantenere il mio sorriso intatto.

"Beh comunque, per realizzare la spada che mi ha chiesto, serviva un metallo raro, quindi siamo
saliti ai piani alti per reperirlo. E nel farlo siamo incappati in una trappola; abbiamo avuto difficoltà
per scappare, per questo non mi riuscivi a contattare."

"Allora è così... Avresti dovuto contattarmi, o non si potevano inviare nemmeno i messaggi, eh...?"

"Avrei dovuto invitare anche te Asuna, scusami tanto."

"No, ieri la gilda era impegnata.... Allora, siete riusciti a fare la spada alla fine?"

"Ah, sì. Uffa, mai più una cosa del genere."

"Dovresti fartela pagare come si deve."

Iniziammo a ridere a crepapelle.

Mantenni il mio sorriso e feci un ultimo commento.

"Beh, è strano, ma non una cattiva persona. Farò il tifo per te, quindi fai del tuo meglio, Asuna."
Quello fu il limite. Le mie ultime parole furono tremolanti.

"S-Sì grazie..."

Asuna inclinò la testa di lato per guardarmi meglio. Prima che potesse vedere le mie lacrime, mi
alzai in piedi e parlai di nuovo.

"Ah, oh no! Ho un appuntamento per comprare del materiale. Ci vediamo dopo!"

"Eh, ma il negozio... E Kirito-kun?"

"Vai a fargli compagnia, Asuna! Conto su di te!"

Mi voltai e iniziai a correre. Mi voltai per salutare Asuna e poi continuai. Non potevo tornare più
indietro.

Corsi fino in piazza, e quando fui certa di essermi lasciata alle spalle quel locale, mi voltai
finalmente indietro. Mi diressi al limitare della città, in un’area senza giocatori, senza una meta
precisa.

Quando mi si annebbiò la vista, mi asciugai gli occhi con la mano destra. Li asciugai ancora e
ancora mentre continuavo a correre.

Prima di accorgermene, ero arrivata alle mura che circondavano la città. Davanti alle mura erano
piantate delle enormi piante ad intervalli regolari. Mi appoggiai al tronco di una di esse,
nascondendomi nella sua ombra.

"Uguu... Uu..."

La mia voce fece finalmente capolino ed io non feci nulla per trattenerla. Le lacrime che avevo
trattenuto, adesso cadevano impetuose, svanendo non appena lasciavano le mie guance.

Era la seconda volta che piangevo da quando ero arrivata in questo mondo. La prima volta fu il
primo giorno, e da allora mi ripromisi di non piangere più. Pensavo che non avevo bisogno di
queste lacrime, che scorrevano per volontà del sistema. Ma non avevo mai sentito lacrime più
febbrili, più dolorose di quelle che mi scorrevano adesso, neppure quelle che avevo versato nel
mondo reale.

Avrei dovuto dire un’altra cosa ad Asuna, ma non ce l’avevo fatta. "Quella persona piace anche a
me". Ma non avrei mai potuto dirlo.
Al laboratorio, quando vidi Asuna e Kirito parlare, capii subito che non c’era posto per me accanto
a Kirito. Questo perché— Su quella montagna avevo messo Kirito in pericolo di vita. Nessuno
avrebbe potuto stare al suo fianco senza il suo medesimo cuore saldo. Proprio così... Come ad
esempio, una persona come Asuna...

Quei due erano uniti da una forza misteriosa, proprio come quella che tiene insieme una buona
spada ed il suo fodero. Era questo quello che avevo capito. E dopotutto, Asuna pensava
costantemente a Kirito da chissà quanti mesi, e con tutto il duro lavoro che aveva fatto per
accorciare le distanza fra loro due, giorno dopo giorno, non sarebbe stato giusto intromettermi così
all’improvviso nella loro relazione.

Proprio così... Io conoscevo Kirito sì e no da un giorno appena. Andare all’avventura con una
persona a me sconosciuta, il mio cuore doveva essersi semplicemente sorpreso. Ma non era vero.
Questi non erano i miei veri sentimenti. Se mi fossi innamorata, non sarei dovuta andare di fretta;
ci avrei pensato con calma— Avrei dovuto fare sempre così.

Ma allora cos’erano queste lacrime?

La voce di Kirito, ogni sua singola azione o attenzione nei miei riguardi che aveva mostrato nelle
ultime ventiquattro ore adesso mi aleggiavano davanti agli occhi socchiusi. La sensazione di lui
che mi toccava i capelli, mi stringeva il braccio, la mia mano nella sua. Il suo calore, e la sua forza
— Ad ogni pensiero del genere sentivo che il mio cuore faceva sempre più male.

Dimenticalo. E’ tutto un sogno. Lava via tutto con queste lacrime.

Stretta ad un albero al lato della strada, continuai a piangere. Guardando in basso, ancora rigida e
singhiozzante, continuai a piangere. Queste lacrime prima o poi si sarebbero asciugate nel mondo
reale, ma qui sembrava proprio che non volessero smetterla di scendere.

E poi— dietro di me, arrivò quella voce.

"Lisbeth."

Tremai tutta quando sentii chiamare il mio nome. Quella voce gentile, eppure così dannatamente
virile per me.

Doveva essere un sogno. Era impossibile che potesse essere qui. Pensando questo, sollevai lo
sguardo, senza neppure preoccuparmi di asciugare le lacrime.

Kirito era lì. I suoi occhi mostravano un dolore insolito per quel viso. Lo fissai e ben presto
mormorai con voce rotta.
"...Non va bene, se vieni qui adesso. Sarei tornata la solita Lisbeth a momenti."

"..."

Kirito fece un passo in avanti, silenzioso; cercò di allungare la mano destra verso di me. Scossi
leggermente la testa, per fermarlo.

"...Come hai fatto a trovarmi?"

Dopo avermi sentita, Kirito ci pensò e poi indicò il centro della città.

"Da lì..."

Nella direzione in cui indicava, c’era il campanile della chiesa costruita nei pressi del centro
cittadino, che svettava alto sopra gli altri edifici.

"Ho osservato tutta la città e ti ho trovata."

"He, he."

Le mie lacrime cominciarono a scendere silenziose, ma dopo aver sentito la risposta di Kirito, non
potei fare a meno di sorridere.

"Sei ridicolo come sempre, eh?"

Persino quella parte di lui... mi piaceva. Ad un livello senza speranze.

Sentii di nuovo il dolore montarmi dentro. Lo tenni a bada con la forza della disperazione.

"Scusami, io sto... bene, come puoi vedere. Sbrigati e torna da Asuna."

Quando mi voltai, Kirito era ancora lì e continuò a parlare.

"Io—Volevo darti questo Liz."

"Eh...?"
Sorpresa da quella risposta, mi voltai di nuovo a guardarlo.

"...In passato, i miei compagni di gilda sono stati spazzati via tutti... Da allora, ho deciso che mai
più mi sarei affezionato a qualcuno."

Kirito fece un’espressione dura, mordendosi il labbro.

“ Ecco perché solitamente non accetto di far squadra con qualcuno. Però quando ieri mi hai invitato
a fare squadra, per qualche motivo è stato bello. E’ tutto il giorno che ci penso. Credo sia perché
c’eri tu con me..."

Per un attimo dimenticai il dolore che provavo.

Questo vuol dire— Questo vuol dire, che ero...

"Finora, a tutti quelli che mi avevo chiesto di fare squadra, avevo detto di no. Quando quelli che
conoscevo... No, persino quelli di cui ignoravo i nomi, se vedevo uno di loro combattere, mi
sentivo perso per la paura. Non riuscivo a fare a meno di darmela a gambe. Non sopporterei di
veder morire altri amici. Ecco perché mi sono inoltrato nel cuore delle linee del fronte, nella
solitudine assoluta, dove viene pochissima gente. —Quando siamo caduti in quella buca, ho
pensato che se dovevamo morire, sarebbe stato meglio morire entrambi, piuttosto che essere di
nuovo l’unico a sopravvivere; e non sto mentendo."

Mostrò un sorriso debole. Mi mancò il respiro quando finalmente capii il peso della condanna che
Kirito stesso si era caricato sulle spalle.

"Ma sei sopravvissuta. E’ stato inaspettato, ma il fatto di essere sopravvissuto insieme a te Liz, mi
ha reso immensamente felice. E quella notte... Quando mi hai dato la mano, mi sono sentito così
sereno. La tua mano era così calda... Questa persona è ancora viva, mi sono detto. Io, e chiunque
altro, non esistiamo solo per morire un giorno; Io credo che noi tutti sopravviviamo per un motivo.
Quindi... Grazie, Liz."

"..."

Questa volta nel mio cuore si accese di nuovo il calore. Guidata da emozioni misteriose, aprii di
nuovo le labbra.

"Anche per me era così... anche per me; ho sempre cercato questo conforto. Qualcosa di vero e
speciale in questo mondo. Per me, quel qualcosa era il calore della tua mano."

All’improvviso, la parte di ghiaccio che stringeva da due anni il mio cuore finalmente si ruppe e
cominciò a sciogliersi. Anche le mie lacrime si erano fermate. Per un po’ ci limitammo a fissarci in
silenzio. La sensazione che provammo durante la caduta dalla montagna si ripresentò di nuovo,
lambendo il mio cuore per un attimo, e poi svanì.

Ero stata ricompensata. Questo era quello che volevo.

Le parole di Kirito avevano cancellato i frammenti del mio amore spezzato, e sentii tutto
inabissarsi da qualche parte dentro di me

Feci un rapido occhiolino, mi asciugai per l’ultima volta gli occhi e parlai col mio miglior sorriso.

"Le parole di prima, assicurati di farle sentire anche ad Asuna. Anche lei sta soffrendo. Desidera il
calore di Kirito dopo tutto."

"Liz..."

"Sto bene."

Annuii e mi portai le mani al petto.

"Questo dolore durerà ancora per poco. Quindi... Ti prego, Kirito, poni fine a questo mondo.
Lavorerò duramente fino ad allora. Ma quando torneremo nel mondo reale..."

Feci un ghigno malefico.

"A quel punto ci daremo sotto con il secondo round."

"..."

Kirito sorrise a sua volta, annuendo profondamente. Poi agitò la mano sinistra aprendo un menù.
Proprio mentre mi chiedevo cosa stesse facendo, «Elucidator» venne rimossa dal suo inventario.
Dopodiché manipolò il suo inventario cambiando la spada che portava con «Dark Repulser», la
spada albina che avevo creato con le mie emozioni.

"Da oggi, questa spada sarà la mia compagna. Il conto sarà... sarà saldato nell’altro mondo."

"Oh, adesso l’hai detto. Ti giuro che sarà assai salato."

Mentre ridevamo di cuore, unimmo i nostri pugni.


"Bene, torniamo al negozio. Asuna dev’essere stufa di aspettare... E poi sto morendo di fame."

Dissi questo, e cominciai a camminare precedendo Kirito. Per un’ultima volta mi asciugai le
lacrime, ricacciandole indietro, e svanirono in piccoli lampi di luce.
Parte 4

Quel giorno il freddo era più feroce del solito,

Entrai nel mio negozio strofinandomi le mani. Tirando la leva sulla parete, mi riscaldai le mani
vicino alla fornace che avevo acceso. Perlomeno il suono sordo della ruota ad acqua era rimasto lo
stesso, eppure l’inverno era finalmente arrivato. Se con l’avanzare dell’inverno avesse comportato
il congelamento del fiume, temevo di non riuscire a lavorare.

Il freddo mi aiutò a distrarmi, così controllai la mia agenda. Quel giorno dovevo completare altri
otto oggetti. Se non mi fossi sbrigata, la giornata sarebbe finita prima di aver completato il mio
lavoro.

Il primo ordine era una semplice spada ad una mano a lama unica. Cercai tra la mia lista di lingotti,
scegliendone uno che era un buon compromesso tra costo e qualità, e lo lanciai nella fornace.

A quel punto, la mia maestria era aumentata, e avevo messo le mani su nuovi metalli, quindi ero
stata in grado di costruire costantemente ottime armi. Scegliendo il momento adatto per togliere il
metallo dalla fornace, lo misi sull’incudine. Presi il martello e lo usai con vigore.

Ma quando si parlava di spade ad una mano— Nessuna di esse sarebbe stata in grado di competere
con quella che avevo forgiato quell’anno. Quel fatto era allo stesso tempo frustrante e un sollievo.

Quella spada in cui avevo infuso i frammenti dei miei sentimenti probabilmente adesso viaggiava
negli angoli più remoti della linea del fronte. Una cosa strana, era che la trasparenza di quella spada
sembrava aumentare man mano che veniva utilizzata. Per qualche motivo, questo fatto sembrava
essere legato alla vita stessa della spada, che probabilmente si sarebbe spezzata quando sarebbe
diventata del tutto trasparente, questo era quello che pensavo.

Comunque si trattava di un futuro piuttosto lontano. Il fronte era ormai al settantacinquesimo


piano. Quella spada avrebbe dovuto lavorare ancora per poco. Nella mano destra di quella persona
— Kirito.

Senza accorgermene l’arma fu pronta; il lingotto cominciò a brillare di rosso e a cambiare forma.
Osservai quell’attimo irripetibile trattenendo il fiato, e presi la spada che comparve per esaminarla.

"...Nella media, immagino."

La posai sul tavolo. Senza indugiare presi il lingotto successivo. Questa volta si trattava di un’ascia
a due mani...
Dopo mezzogiorno riuscii a completare tutti gli ordini, così decisi di riposarmi un po’. Muovendo la
testa con movimenti circolari, cominciai a stiracchiarmi. Una piccola foto appesa al muro catturò
presto la mia attenzione.

Ritraeva me ed Asuna che facevamo un segno di pace. Poco lontano da Asuna, c’era Kirito con un
sorriso timido. Era stata scattata di fronte questo edificio. Ormai era passato più di un mese—
quando mi era pervenuta la notizia del loro matrimonio.

Sebbene quei due fossero fatti l’uno per l’altra, solitamente per un passo del genere serviva molto
più tempo. Io stavo diventando impaziente, e cercavo in tutti i modi di ficcare il naso nella loro
relazione, e quando alla fine seppi del loro matrimonio, fui felice per loro. Eppure— Non potei fare
a meno di soffrirne.

Ancora adesso rivivevo quella notte nei miei sogni. Quel ricordo brillava come una gemma in quei
due anni ricchi di alti e bassi. Persino adesso, dopo che erano passati tre mesi, brillava come se
fosse stato un diamante.

"...Eppure..."

Era davvero incredibile, mi dissi mentre accarezzavo quella foto con l’indice.

"Ti ho sempre amato, fino alla fine."

Dando un colpetto deciso in un certo punto della foto, spostai altrove i miei pensieri. Chiedendomi
se era il caso di prepararmi qualcosa o mangiare fuori per la prima volta dopo un bel po’ di tempo,
uscii dal laboratorio— fu allora che accadde.

Un effetto sonoro che non avevo mai sentito cominciò a risuonare dall’alto. *Ding*, *ding*,
sembrava una campanella... Alzai lo sguardo al cielo, ma sembrava che il suono venisse da molto
più in alto.

Stavo per mettermi a correre quando qualcosa mi stupì oltremisura. Il mio cassiere NPC, che era
sempre lì senza mai riposare fin dal primo giorno di apertura, era svanito senza lasciare traccia.

"...!?"

Rimasi lì, ma della ragazza inanimata non c’era più alcuna traccia. La situazione diventava sempre
più inesplicabile.

Sotto la superficie del tetto posto ad un centinaio di metri sopra di noi—erano sospese enormi
lettere rosse. Le fissai senza capire; le due frasi in Inglese, "Allarme", e, "Annuncio dal Sistema",
comparivano minacciose.

"Annuncio... dal Sistema..."

Era una scena che avevo già visto. E chi se la dimenticava. Due anni fa, il giorno in cui era iniziato
tutto, l’esatto annuncio apparve, insieme all’avatar vuoto del pazzo che condannò diecimila persone
al suo gioco di morte.

Guardandomi intorno mi resi conto che molti altri giocatori, proprio come me, erano impegnati a
fissare quell’annuncio. Immediatamente capii che doveva esserci sotto qualcosa di serio.

Di solito, camminando per strada, si incrociavano un sacco di NPC; ora erano svaniti. Capii che
erano spariti proprio come quello che badava al mio negozio... ma perché—

All’improvviso l’allarme si fermò. Dopo un attimo di silenzio, sentimmo una calma voce
femminile.

[Annuncio a tutti i giocatori ancora in vita.]

Era del tutto differente dalla voce del Game Master, Kayaba Akihiko, di due anni prima, dato che
era una voce sintetica completamente inanimata. Si trattava chiaramente di un annuncio automatico,
ma data l’assoluta assenza di moderatori in SAO, questa era la prima volta che capitava una cosa
simile. Trattenni il fiato e divenni tutta orecchie.

[Il gioco sta per entrare in modalità amministrazione forzata. Tutti i mostri e gli oggetti lasciati in
sospeso saranno messi in stand-by. Tutti gli NPC saranno dismessi. I punti danno di tutti i giocatori
verranno fissati al massimo.]

Un errore di sistema? Che sia un bug...?

Fu quello che pensai per un momento. Ma poi—

[Aincrad Standard Time, sette Novembre, quattordici e quindici, il gioco è stato completato.]

—La voce sintetica riportò quella notizia.

Il gioco è finito?

[Tutti i giocatori verranno disconnessi in sequenza. Aspettate cortesemente al vostro posto.


Ripeto...]

Improvvisamente, "Wooah!", ed altre urla di gioia risuonarono dappertutto. Il suolo, no l’intero


Castello Fluttuante di Aincrad tremò. Tutti si abbracciavano e alzavano le mani al cielo per
esprimere la loro gioia.

Io non mi mossi, non dissi una parola, rimasi ferma davanti al mio negozio. Riuscii a sollevare le
mani e coprirmi la bocca.

Allora ce l’aveva fatta. Lui— Kirito aveva vinto. Con la sua solita testardaggine...

Sentii come un mormorio alle mie orecchie.

—Ho mantenuto la mia parola...

"Sì... Sì... Alla fine ce l’hai fatta..."

Con quello sentii lacrime calde scendermi sulle guance. Senza preoccuparmi di farle smettere, alzai
la mano destra e saltai con tutte le forze.

"O—Oh!!"

Mettendo le mani a coppa davanti alla bocca per amplificare la mia voce, gridai fino a sentire i
polmoni in fiamme.

"Ci rivedremo di nuovo, Kirito—!! ...Io ti amo!!"


Parte 1

Asuna ha sempre impostato la sua sveglia alle sette e cinquanta.

Se vi chiedete come mai un orario tanto insolito, è perché Kirito si sveglia sempre alle otto in punto.
Svegliarsi dieci minuti prima di lui ed osservarlo, addormentato accanto a lei ancora assopito, è uno
dei suoi hobby.

Quella mattina, Asuna si svegliò e si mise su un fianco per osservare Kirito ancora profondamente
addormentato.

Si era innamorata di lui da sei mesi. Avevano fatto squadra due settimane prima. Ed erano passati
solo sei giorni da quando si erano sposati e si erano trasferiti lì, nel mezzo della foresta del 22esimo
piano. Sebbene fosse il suo amato, c’erano ancora molte cose di cui era all’oscuro su Kirito. Ad
esempio, man mano che lo osservava, diventava sempre più insicura riguardo alla sua età.

Tempo prima, a causa della sua natura solitaria e rude, aveva pensato che fosse un po’ più grande di
lei. Tuttavia, la vista di Kirito, addormentato profondamente, emanava un’innocenza così pura,
possibile solo ad un ragazzo più piccolo di lei.

Chiedere la sua età—probabilmente non sarebbe stato un problema. Però, immischiarsi negli affari
della vita privata era considerato un grande tabù, e comunque ormai erano già marito e moglie.
Piuttosto che la vera età, per potersi incontrare anche nel mondo reale, era meglio scambiarsi i veri
nomi, gli indirizzi, e quant’altro.

Tuttavia, Asuna non riusciva ad esprimere quei pensieri ad alta voce.

Aveva paura che dopo aver chiarito alcuni aspetti della vita reale, questa «vita di coppia» sarebbe
sembrata null’altro che un flebile sogno. Per l’attuale Asuna, la realtà più importante era quella che
viveva giorno dopo giorno in quella foresta; anche se fosse diventato impossibile scappare da quel
mondo, con i loro veri corpi accolti dalla morte, sarebbe stata soddisfatta lo stesso, e avrebbe
accolto la fine senza rimpianti.

Ecco perché non voleva ancora interrompere questo sogno— Con quei pensieri, Asuna allungò la
mano ed accarezzò la fronte di Kirito.

Certo che sembrava davvero un bambino addormentato.


Non c’era motivo di dubitare della forza di Kirito. Aveva accumulato una grossa mole di esperienza
durante il periodo di beta testing, insieme all’aumento numerico degli status grazie a tutti i
combattimenti e la sua innata determinazione e il suo giudizio. Magari era stato sconfitto dal
Capitano dei Cavalieri del Sangue, «La Spada Sacra» Heathcliff, ma Kirito rimaneva il giocatore
più forte che Asuna conoscesse. Indipendentemente dal timore che poteva incutere il campo di
battaglia, non avrebbe mai avuto paura al suo fianco.

Tuttavia, osservando Kirito addormentato, la sensazione che poteva essere solo un fragile fratellino
minore le ribolliva dentro, lottando per esplodere fuori dal suo petto. Le veniva voglia di
proteggerlo.

Respirando piano, Asuna si chinò per stringere Kirito. Sussurrò dolcemente.

"Kirito-kun... Ti amo. Stai con me per sempre, ok?"

In quel momento, Kirito tremò leggermente, aprendo piano le palpebre. I due si scambiarono uno
sguardo, a pochissimi centimetri di distanza.

"Waa!!"

Asuna si allontanò in fretta. Si alzò in ginocchio sul letto, parlò tutta rossa in faccia.

"B-Buongiorno, Kirito-kun. ...Hai... sentito...?"

"Buongiorno. Poco fa... Eh, è successo qualcosa?"

Kirito si alzò stiracchiandosi e sbadigliando, mentre Asuna agitava freneticamente le braccia.

"N-No, non è successo niente!"

Fecero colazione con uova all’occhio di bue, pane di segale, insalata, caffè, e pulirono tutto in pochi
secondi. Asuna batté le mani soddisfatta e disse.

"Bene! Dove si va a giocare oggi?"


"Oh, cielo."

E Kirito le rivolse un sorriso.

"Non parlare di cose del genere in maniera tanto sfacciata."

"Ma finora, ogni giorno è stato così divertente."

Erano i pensieri puri e sinceri di Asuna.

Il solo pensare al passato le rievocava brutti ricordi, ma da circa un anno e mezzo, da quando cioè
era diventata una prigioniera di SAO a quando si era innamorata di Kirito, Asuna aveva forgiato e
rafforzato il suo cuore.

Sacrificando ore di sonno preziose per livellare, era stata scelta come luogotenente della gilda più
potente, i Cavalieri del Sangue, si era gettata a capofitto nella lotta, incutendo un terrore
reverenziale persino fra gli altri membri.

Nel suo cuore non desiderava altro che finire il gioco e scappare; quindi, aveva mollato tutto il
resto, considerandole attività che l’avrebbero distratta dal suo obiettivo.

Con quei pensieri per la testa, Asuna non poteva fare a meno di rimpiangere di non aver conosciuto
prima Kirito. I giorni successivi al loro incontro erano stati così vibranti, così pieni di sorpresa da
superare persino quelli nella vita reale. Se si trattava di lui, il tempo speso insieme era prezioso,
anche se non era reale.

Ecco perché per Asuna, essere in grado di passare un giorno in cui sarebbero stati insieme,
comportava che ogni singolo secondo era come un gioiello prezioso. Voleva andare in giro, come
una coppia, e parlare di ogni possibile argomento.

Asuna si mise le mani ai fianchi e mise il broncio.

"Allora Kirito-kun non vuole uscire oggi?"

In risposta a quello Kirito sorrise e agitò la mano sinistra, richiamando una mappa. La rese visibile
anche a lei e la presentò ad Asuna. Sopra erano rappresentati laghi e foreste.
"Proprio qui."

Aveva indicato un angolino di una foresta, non molto lontano da casa loro.

Trovandosi ad uno dei piano più bassi, il 22esimo piano era chiaramente enorme. Il suo diametro
era probabilmente di otto chilometri. Al suo centro c’era un lago enorme, e a sud c’era la città
principale, «Coral» Village. Sulla sponda nord invece, c’era il labirinto. Il resto del piano era
coperto da una splendida foresta di conifere. La casetta di Asuna e Kirito si trovava in un’area al
confine sud del livello, e Kirito stava indicando un punto a circa 2 Km a nord-est da casa loro.

"Beh, ieri ho sentito una voce al villaggio... In questa zona, dove si addensa la foresta... 'Quello'
sembra venire allo scoperto."

"Hah?"

Al sorriso sottile di Kirito, Asuna rispose stupita.

"Quello cosa?"

"...Un fantasma."

Basita per un momento, Asuna chiese timida.

"...Cioè, un mostro del tipo Astrale? Qualcosa come uno spettro o una banshee?"

"No, uno vero. Un giocatore... cioè, uno spirito umano. Pare sia femmina."

"Aah..."

Asuna trasalì. Lei odiava quel genere di cose, e tendeva a reagire molto peggio del resto delle
persone comuni. Era talmente spaventata da certe cose da essersi inventata le scuse più assurde per
evitare di partecipare all’esplorazione del vecchio castello abbandonato che si estendeva tra il
65esimo e il 66esimo piano, dopo aver saputo che era famoso per il suo stile horror.
"M-Ma vedi, questo è il mondo virtuale di un gioco. Qualcosa come — un fantasma, non è proprio
possibile."

Forzandosi di mantenere un sorriso, cominciò a protestare con tutta sé stessa.

"Chissà se è proprio vero, mi domando..."

Ma Kirito, che sapeva della paura di Asuna verso i fantasmi, si lanciò entusiasta verso l’offensiva.

"Ad esempio... Un giocatore morto con dei rimpianti, ha ancora il Nerve Gear attaccato e
funzionante... Vaga per i campi, notte dopo notte..."

"Non dir—!"

"Wahaha, scusami, era solo uno scherzo. Dubito che esista niente del genere, ma se proprio
dobbiamo andare da qualche parte, perché non andare dove ci sono buone probabilità che succeda
qualcosa di interessante?"

"Aaah..."

Arricciando le labbra per il broncio, Asuna spostò lo sguardo fuori dalla finestra.

Sebbene l’inverno fosse alle porte, il clima era piuttosto mite. La luce del sole sembrava calda e
gentile, e filtrava attraverso le imposte. Un tempo decisamente inadatto per la classica apparizione
di un fantasma. A causa della struttura di Aincrad, sebbene fosse impossibile osservare direttamente
il sole se non di mattina o al tramonto, grazie ad una sapiente illuminazione, i campi erano sempre
ben illuminati.

Asuna si voltò verso Kirito e rispose, con la testa leggermente reclinata all’insù.

"Va bene, andiamo. Andiamo a dimostrare che non possono esistere i fantasmi."

"E questo è quanto. —Se non lo troviamo oggi, ci riproveremo di notte, ok?"

"Nossignore!! ...Smettila o non ti preparo più da mangiare."


"Gah, va bene. Fa' finta che non abbia detto nulla."

Sgridando Kirito, Asuna fece un sorriso di trionfo.

"Bene, completiamo i preparativi. Io arrostirò il pesce, quindi Kirito-kun, taglieresti il pane?"

Riempiendo in fretta il cestino con dei fish burgers, uscirono di casa alle nove.

Mettendo piede in giardino, Asuna si voltò verso Kirito e disse.

"Ehi, fammi salire sulle spalle."

"Sulle mie spalle!?"

Kirito rispose confuso.

"Vedere il mondo sempre dalla stessa altezza è noioso. Con gli status di forza fisica di Kirito-kun
dovrebbe essere uno scherzo, no?"

"Beh, potrebbe essere vero, però... Cavolo, quanti anni hai..."

"L’età non conta! Che male c’è? E poi non ci vedrà nessuno."

"E va bene..."

Ancora incredulo, Kirito si accovacciò dando le spalle ad Asuna, scuotendo il capo. Sollevandosi la
gonna, salì a cavalcioni sulle sue spalle.

"Eccoci qua. Ma ti giuro che ti picchio se guardi indietro."

"Non credi di essere irragionevole...?"

Borbottando irritato, Kirito si alzò lentamente, e Asuna cominciò a vedere da più in alto.
"Waa! Guarda, da qui si può vedere anche il lago!"

"Non posso vederlo, io!!"

"Allora dopo facciamo a cambio."

"..."

Poggiando le mani sulla testa di Kirito, esausto dalla piega che avevano preso gli eventi, Asuna
disse.

"E’ ora di partire! Di corsa, a nord-est!"

Ridendo allegra sulle spalle di Kirito che camminava imperterrito, Asuna era in grado di assaporare
a fondo il valore di quei giorni, e del potere stare insieme. Era assolutamente convinta che quelli
erano i momenti in cui si era sentita più «viva» in tutti e diciassette i suoi anni di vita.

Passeggiando lungo il sentiero— beh, Kirito in realtà era l’unico a camminare— Dopo una decina
di minuti, apparve il primo della lunga sequela di laghi che ricoprivano quel piano. Forse allettati
dal bel tempo, c’erano già diversi giocatori a godere della vista, a tuffarsi, e a giocare nell’acqua. Il
sentiero curvava attorno al lago, saliva leggermente, ad una certa distanza dalla riva. Ma non appena
si avvicinarono, tutti gli altri giocatori li notarono e li salutarono con la mano. Sembrava che tutti
sorridessero, e alcuni ridevano persino ad alta voce.

"...Non mi pare affatto che non ci veda nessuno!!"

"Ahahah, allora c’era della gente, dopotutto... Ehi, Kirito-kun, salutali anche tu."

"Te lo puoi scordare."

Nonostante le sue lamentele, Kirito non mostrò di voler posare Asuna. Lei capì che il ragazzo in
realtà era divertito dalla situazione.

Il sentiero cominciò presto a salire, verso destra, dirigendosi nel folto della foresta. Inerpicandosi tra
enormi conifere che assomigliavano stranamente a dei cedri, enormemente alti, passeggiarono a
cuor leggero. Il frusciare delle foglie, il mormorio di un ruscelletto, il cinguettare degli uccelli. Tutti
questi suoni facevano da sottofondo musicale a quella foresta tinta d’autunno.

Asuna voltò lo sguardo verso le cime degli alberi.

"Quell’albero è enorme... Ehi, pensi di poterci salire...?"

"Mh... Mm..."

In risposta alla domanda di Asuna, Kirito ci pensò su per un po’.

"Di sicuro è nelle potenzialità del sistema... Ti va di provare?"

"Nah, sarà per un'altra volta. —Ma ora che mi ci fai pensare."

Asuna si stiracchiò sulle spalle di e guardò oltre il bordo di Aincrad, attraverso un varco fra gli
alberi.

"Quelle cose lungo il bordo, quelli che sembrano dei supporti, partono da terra e arrivano fino al
piano successivo, no? Mi chiedo... cosa succederebbe se li scalassimo fino in cima?"

"Ah, ci ho già provato."

"Eeh!?"

Chinandosi in avanti, fissò Kirito negli occhi.

"E non mi hai invitata."

"Risale a quando non ci frequentavamo ancora."

"Vorrai dire di quando Kirito-kun non faceva che scappare via da me."
"...L-L’ho davvero fatto?"

"Proprio così. Ho sempre cercato di invitarti a uscire, ma tu non volevi neppure venire a prendere
un tè."

"E-Ecco... B-Beh, lasciamo stare."

Interrompendo strategicamente quella conversazione per riportarla su binari più sicuri, Kirito
continuò.

"Se dovessi giudicare solo sui risultati, è stato un fallimento. Salire dalla parte in cui la roccia è più
consumata si rivelò una passeggiata, ma dopo essere salito per circa ottanta metri apparve un
messaggio di errore, che diceva tipo 'Non puoi proseguire oltre', e mi rovinò la festa."

"Ah ha ha, me lo sentivo, non si può barare, eh."

"Non c’è nulla da ridere. Per lo shock lasciai la presa e feci un bel capitombolo..."

"E-Eh!? Ma da un’altezza simile non hai rischiato di morire?"

"Già. Pensavo di essere spacciato. Se avessi usato il Cristallo del Teletrasporto tre secondi più tardi,
a quest’ora il mio nome sarebbe sulla lista dei deceduti in azione."

"Caspita, che rischio. Assicurati di non provarci mai più, capito?"

"Era quello che volevo dire io!"

Passeggiando e chiacchierando, la foresta si faceva sempre più fitta. Persino il canto degli uccelli
era più elusivo, così come la luce del sole, cominciò a farsi sempre più fioca.

Asuna si guardò intorno ancora una volta e poi chiese a Kirito.

"Ehi, quel... posto di cui si parla, da che parte si trova?"


"Beh, è..."

Kirito agitò la mano per controllare la mappa.

"Ah, siamo piuttosto vicino. Tra qualche minuto ci siamo."

"Mmh... Ehi, riguardo questo caso, non c’erano altri dettagli?"

In realtà non voleva saperli, ma non sapere niente la metteva a disagio.

"Beh, circa una settimana fa, un giocatore che realizza oggetti in legno è venuto qui per raccogliere
del legname. In questa foresta pare sia possibile reperire del legname molto pregiato, e mentre era
occupato a raccogliere si è fatto buio... Il giocatore si è affrettato a rientrare, ma nascosta
dall’oscurità degli alberi... c’era una cosa bianca."

"..."

Questo era già troppo per Asuna, ma Kirito continuò spietato.

"Il giocatore pensò subito che si trattasse di un mostro, ma non era così. Era un umano, o meglio
una ragazzina, a detta sua. Lunghi capelli neri, su abiti bianchi. Camminava lentamente verso un
gruppo di alberi. Se non era un mostro, allora era un giocatore, quindi provò ad avvicinarsi."

"..."

"—Ma non aveva il cursore."

"Ee..."

Le sfuggì un piccolo gridolino strozzato.

"Ma non è possibile. Quindi il giocatore si avvicinò. E la chiamò persino. A quel punto, la ragazzina
si fermò... e si voltò gradualmente verso di lui..."
"B-B-B-Basta co..."

"Poi, l’uomo finalmente se ne accorse. Gli alberi illuminati dalla luce della luna— si vedevano
attraverso la ragazza."

"——!!"

Trattenendo un grido, Asuna strinse forte i capelli di Kirito.

"Per me è la fine, meglio scappare, pensò. Alla fine corse fino al villaggio prima di fermarsi... e solo
allora si voltò..."

"——h!?"

"E non c’era nessuno. E da allora vive felice."

"...Ki-Ki-Kirito-kun, brutto idiota—!!"

Saltando giù dalle sue spalle, sollevò il pugno, preparandosi per dargli un pugno nella schiena— ma
poi si bloccò.

Nel profondo della foresta, buia sebbene fosse ancora mezzogiorno, ad una certa distanza da loro,
qualcosa li stava spiando nascosta dietro un grosso tronco.

Assalita da un’atmosfera minacciosa, Asuna rimase paralizzata dalla paura. Anche se non era ai
livelli di Kirito, anche la percezione di Asuna era temprata dall’esperienza. Impostando la
risoluzione della sua abilità, poteva migliorare la visione dell’oggetto che metteva a fuoco.

Apparve qualcosa di bianco che fluttuava nel vento. Non era una pianta. Né una pietra. Era tessuto.
O per essere chiari, un unico grande vestito. Da esso sbucavano due lunghe e sottili— gambe.

La ragazza rimaneva immobile. Come aveva detto Kirito, si trattava di una ragazzina vestita di
bianco che fissava la coppia in silenzio.

Sentendosi mancare, Asuna riuscì in qualche modo a proferir parola. Ma fu solo un sussurro.
"Ki... Kirito-kun, laggiù."

Kirito seguì immediatamente lo sguardo di Asuna. E immediatamente si bloccò anche lui.

"N-Non può essere vero..."

La ragazza non si muoveva. Ferma ad una decina di metri dalla coppia, non toglieva loro gli occhi
di dosso. In quel momento Asuna si decise a fare qualcosa, convinta che sarebbe svenuta se la
ragazzina si fosse avvicinata oltre.

Il corpo della ragazza si mosse per primo però— sgraziatamente. Come una bambola meccanica
senza energie, finendo per terra, con dei movimenti non proprio degni di quelli di un essere vivente.
Si sentì un fioco colpo.

"Ma..."

In quel momento, Kirito socchiuse gli occhi.

"Non è possibile che sia un fantasma!!"

Gridò iniziando a correre.

"A-Aspetta, Kirito-kun!"

Sebbene Asuna fosse terrorizzata, Kirito era corso via senza neppure voltarsi.

"Ma dico io!!"

Asuna si mosse riluttante e lo seguì. Sebbene fosse ancora spaventata, non aveva mai sentito di un
fantasma che cadeva. Quello non poteva che essere un giocatore.

Arrivando con qualche secondo di ritardo, trovò la ragazza già tra le braccia di Kirito. Era ancora
svenuta. I suoi occhi, coperti da lunghe ciglia, erano ancora serrati, e aveva le braccia penzolanti.
Osservando la sua figura, coperta da un vestito intero, Asuna confermò che non era traslucida.
"S-Sta bene?"

"Mmh..."

Kirito le osservò il viso e rispose.

"Beh, ad essere onesti... In questo mondo non c’è bisogno di respirare o del battito cardiaco..."

Dentro SAO potevano essere riprodotte molte delle funzioni fisiologiche umane, ma anche
ometterle. Si poteva respirare e sentire l’aria nelle vie aeree, ma gli avatar non ne avevano alcun
bisogno. Per il battito cardiaco, si avvertiva, e in caso di tensione aumentava anche, ma non era
possibile avvertire quello altrui.

"Eppure, non sta scomparendo... Quindi dovrebbe essere ancora viva, penso. Ma questo... è
certamente strano..."

Finendo il suo commento, Kirito chinò la testa di lato.

"Cosa succede?"

"Non può essere un fantasma, dato che posso toccarla. Eppure il cursore... non si vede da nessuna
parte..."

"Ah..."

Asuna si concentrò di nuovo sulla ragazza. Eppure, il cursore che appariva su tutti gli oggetti
animati di Aincrad: giocatori, mostri, persino gli NPC, questa volta non c’era. Era un fenomeno mai
visto prima.
"Che sia un bug o qualcosa del genere?"

"E’ molto probabile. In una situazione del genere uno si rivolgerebbe subito al GM, ma non ce ne
sono più in SAO... E comunque non è solo il cursore. Sembra troppo piccola per essere un
giocatore."

Era la verità. Il corpicino tra le braccia di Kirito era troppo piccolo. Sembrava avere addirittura
meno di dieci anni. C’era una restrizione nell’indossare il Nerve Gear. Il limite di età era di tredici
anni, per impedire ai bambini di usarlo.

Asuna allungò la mano, toccando la fronte della ragazzina. Al tatto era fredda e liscia.

"Perché mai... c’è una bambina così piccola dentro SAO...?"

Mordendosi le labbra, Kirito si alzò e parlò.

"Per ora non possiamo lasciarla da sola. Quando si sveglierà ne sapremo di più. Portiamola con
noi."

"Sì, hai ragione."

Kirito si era alzato con la ragazza tra le braccia. Asuna si diede un’occhiata intorno, ma non c’era
molto da vedere, quindi non riuscì a comprendere per quale motivo quella ragazzina si trovasse lì.

Fecero tutta la strada di ritorno di corsa, ma la bimba non si svegliò, persino quando furono arrivati
a casa. Stesero la piccola sul letto di Asuna, la coprirono con una coperta e si sedettero sul letto di
Kirito, fianco a fianco, ad osservarla.

Nella stanza c’era un silenzio carico di tensione, finché Kirito parlò.

"Bene, se c’è una cosa di cui possiamo essere certi, è che non è un NPC, dato che siamo riusciti a
spostarla da dove si trovava."

"Già... Hai ragione."


Gli NPC sotto il controllo del sistema avevano una posizione ben designata; inoltre, non potevano
spostarsi secondo i desideri dei giocatori. Se qualcuno avesse provato a toccarli o afferrarli sarebbe
comparso il messaggio di aggressione, avrebbero subito un colpo doloroso e sarebbero stati sbalzati
via.

Annuendo ad Asuna, Kirito continuò con le sue deduzioni.

"E poi, quella non era certo la opening di una quest. Perché non è apparsa alcuna finestra relativa a
missioni secondarie. ...In altre parole, questa qui è una bambina che si è persa... o perlomeno,
dovrebbe essere la conclusione più ovvia."

Spostando lo sguardo verso il letto, continuò.

"Non avendo un cristallo a portata di mano, e forse non avendo neppure i mezzi per orientarsi,
credo non sia mai uscita in campo aperto, e che sia rimasta solo nella «Starting City». Non so
perché sia venuta fin qui, ma nella Starting City potremmo trovare qualcuno che la conosce... Forse
lì ci sono addirittura i suoi genitori o i suoi tutori."

"Sì. Lo penso anch’io. Non penso che una bambina così piccola possa arrivarci da sola. Dev’essere
arrivata con la famiglia o con qualcuno che conosce... Però spero che siano al sicuro."

Apparentemente turbata da quella possibilità, Asuna si voltò verso Kirito.

"Ehi, si riprenderà, vero?"

"Ah. Se non sta scomparendo, vuol dire che è ancora connessa con il Nerve Gear. Dovrebbe essere
in uno stato simile al sonno. Ecco perché prima o poi si sveglierà... Credo."

Annuendo vigorosamente, le parole di Kirito erano tinte di speranza.

Asuna si alzò e si chinò sul letto su cui giaceva la bambina, e le toccò nuovamente la fronte con una
mano. Questa volta però la accarezzò gentilmente.

Era davvero molto carina. Piuttosto che una bambina umana sembrava più una fata. Il suo colorito
era simile a quello dell’alabastro, delicato e bianco come la neve. I suoi lunghi capelli neri
brillavano eleganti, e con i suoi lineamenti esotici sarebbe stata indubbiamente molto affascinante,
se avesse aperto gli occhi e avesse sorriso.

Kirito si avvicinò a sua volta, abbassandosi vicino Asuna. Allungando esitante la sua mano destra,
accarezzò anche lui la ragazza.

"Non sembra avere dieci anni... Forse otto?"

"Siamo lì... E’ la giocatrice più piccola che abbia mai visto."

"Vero. Una volta ho conosciuto una domatrice di bestie, ma lei aveva intorno ai tredici anni."

Reagendo istintivamente a qualcosa che non aveva mai sentito prima, Asuna fissò Kirito.

"Mmh, allora hai una bella amichetta, eh."

"Ah, ci scambiamo solo dei messaggi di tanto in tanto... N-No, questo è tutto, non c’è altro!"

"Chi lo sa. Kirito-kun è tonto, dopotutto."

E si voltò bruscamente.

Avvertendo che la discussione stava prendendo una strana direzione, Kirito si alzò e parlò.

"Ah, è già così tardi. Mangiamo qualcosa."

"Riguardo questa storia, dopo mi spiegherai tutti i dettagli."

Fissando di nuovo Kirito, Asuna si alzò a sua volta, ridacchiando, e decise che per il momento
avrebbe lasciato perdere quella storia.

"Dai, mangiamoci quello che abbiamo preparato stamattina. Io preparo un po’ di tè."
Il pomeriggio autunnale passò veloce, e persino al crepuscolo la bambina non si svegliò.

Quando le tende furono chiuse e le lampade accese, Kirito ritornò dal suo giro al villaggio.
Scuotendo in silenzio la testa comunicò il suo fallimento nel cercare notizie relative alla piccola.

Non essendo dell’umore per godersi una cena come si deve, i due decisero di mangiare una zuppa e
un po’ di pane, e Kirito cominciò a tentare la sorte cercando su alcuni giornali che aveva comprato.

Anche se li chiamavano giornali, erano diversi da quelli del mondo reale, fatti da più fogli tenuti
insieme, ma piuttosto un solo foglio delle dimensioni di un magazine. Era fatto allo stesso modo
delle finestre del sistema, ed editandolo come se fosse un blog era possibile riportarci
quotidianamente delle informazioni.

I contenuti, inoltre, erano simili a quelli di una guida per videogame curata dai giocatori stessi, e
comprendeva vari argomenti: news, un manuale per principianti, FAQs, una lista degli oggetti, etc.
Tra queste, c’era anche una sezione "Chi l’ha Visto", ossia la sezione che al momento interessava la
coppia. Pensavano che qualcuno potesse essere alla ricerca della piccola. Tuttavia—

"...Niente, eh..."

"Niente, eh..."

Ci misero dieci minuti a setacciare tutto il giornale, ma alla fine dovettero ammettere la sconfitta. A
quel punto non potevano fare altro che aspettare il risveglio della bambina e chiedere a lei.

In una sera normale i due sarebbero rimasti svegli fino a tardi per parlare, giocare, a volte a fare
persino delle passeggiate serali o innumerevoli altre attività che facevano più di rado, ma nessuno
dei due era in vena, quella sera.

"Per oggi va bene così."

"Mh. Immagino di si."

Asuna accolse le parole di Kirito annuendo.


Spegnendo le luci, si diressero in camera da letto. Siccome un letto era occupato dalla ragazzina,
loro due avrebbero dovuto dormire insieme nell’altro —Beh, succedeva già tutte le notti, però—
così si cambiarono in fretta per dormire.

Spensero anche la lampada nella stanza e si misero a letto.

Kirito possedeva davvero abilità uniche e stravaganti; dormire bene e a lungo era tra queste. Asuna
avrebbe voluto parlare ancora, ma ben presto sentì il suono regolare e basso del russare del ragazzo.

"Uffa."

Borbottando il suo disappunto, si voltò verso il letto nel quale dormiva la bambina. Nell’oscurità, la
ragazza vestita di bianco era ancora profondamente addormentata. Sebbene non avesse pensato
seriamente al probabile passato della ragazza, i suoi pensieri presero proprio quella direzione.

Se finora aveva vissuto con dei tutori, come genitori e fratelli, allora andava bene. Ma se invece si
fosse trovata in questo mondo tutta da sola— per una bambina di otto o nove anni appena, questi
giorni sarebbero dovuti sembrare insopportabili. C’era la probabilità che avesse perso la ragione.

E se— Asuna saltò alla peggior conclusione possibile. Il motivo per il quale si era avventurata in
quella foresta e si era persa, era proprio a causa dei suoi problemi mentali. Ovviamente non esisteva
alcuno psichiatra ad Aincrad; e non c’era alcun amministratore di sistema a cui rivolgersi. La
previsione più ottimista di completamento del gioco prevedeva ancora un altro anno, e in ogni caso,
il solo sforzo di Asuna e Kirito era ininfluente. Per il fatto che erano entrambi assenti
momentaneamente dal fronte, il numero di giocatori del loro livello era diminuito di due, il che
rendeva difficile creare un party ben bilanciato.

Indipendentemente da quanto stesse soffrendo la bambina, lei non possedeva le abilità per salvarla
— Realizzarlo, fece sentire Asuna malissimo. Si alzò dal letto e andò a stendersi accanto alla
bambina.

Strofinandole i capelli, Asuna si infilò con lei sotto le coperte. Abbracciò il suo piccolo corpicino
con entrambe le braccia. Sebbene non mosse neppure un muscolo, la sua espressione sembrò
distendersi un po’, e Asuna le sussurrò.

"Buonanotte. Sarebbe bello se domani ti svegliassi..."


Parte 2

Innaffiata dalla bianca luce mattutina, un suono gentile irruppe nel sonno di Asuna. Era la sua
sveglia, una melodia suonata con un oboe. Avvolta ancora dal sonno, Asuna si lasciò cullare da
quella melodia, stranamente nostalgica. Non molto dopo, assieme all’oboe si unì il suono del
clarinetto, insieme ad una debole voce che canticchiava—

—Canticchiava?

Di certo non era lei. Asuna aprì gli occhi di scatto.

Tra le sue braccia, la ragazza dai capelli neri aveva gli occhi chiusi... E canticchiava il motivo della
sveglia di Asuna.

La ragazza non sbagliava neppure una nota. Ma era impossibile. Asuna aveva impostato la sua
sveglia in modo che fosse udibile solo a lei, non era possibile che qualcuno sentisse una melodia
che suonava solo nella sua mente.

Ad ogni modo, Asuna decise di non pensarci per il momento. Piuttosto—

"Ki-Kirito-kun, uffa, Kirito-kun!!"

Non muovendo un solo muscolo, chiamò Kirito, che dormiva nell’altro letto. Presto il ragazzo
cominciò a dare segni di vita.

"...Buongiorno. Successo qualcosa?"

"Presto, vieni qui!"

Rumore di passi. Guardando la bambina, anche Kirito spalancò gli occhi.

"Sta cantando...!?"

"S-Sì..."
Asuna scosse leggermente la bambina e la chiamò.

"Ehi, svegliati... Apri gli occhi."

La ragazza smise di muovere le labbra. Le sue palpebre tremarono e infine si sollevarono.

I suoi occhi neri e lucidi fissarono direttamente quelli di Asuna. Poi aprì appena le sue labbra quasi
incolori.

"Aa... uu..."

La voce della ragazzina vibrò metallica, un suono davvero piacevole. Asuna si alzò a sedere,
tenendo ancora stretta la bambina.

"...Grazie al cielo ti sei svegliata. Puoi dirci qualcosa riguardo a quello che ti è successo?"

Interpellata, la ragazza rimase in silenzio e scosse la testa un paio di volte.

"Capisco... Come ti chiami? Puoi dircelo?"

"N... ome... M... Io... Nome..."

Inclinando la testa, una ciocca di capelli neri e lucidi caddero sulla guancia della ragazza.

"Yu...i. Yui. Questo è... nome..."

"Quindi, Yui-chan? E’ un bel nome. Io sono Asuna. E questo qui è Kirito."

La ragazzina chiamata Yui seguì lo sguardo di Asuna.

"A...una. Ki...to."
Parlava emettendo suoni disconnessi. Asuna sentì che le paure della notte scorsa stavano tornando.
Sembrava non avere più di otto anni; considerando però che ormai doveva essere loggata da due
anni, ormai ne doveva avere dieci. Ma le parole incerte della bambina sembravano quelle di chi non
ha coscienza di sé.

"Ehi, Yui-chan. Perché sei al ventiduesimo piano? Tua mamma e tuo papà sono qui, per caso?"

Yui abbassò lo sguardo e rimase in silenzio. Sempre rimanendo in silenzio, scosse la testa.

"Io non... so... Io non... so nulla..."

Dopo averla fatta sedere su una sedia davanti al tavolo, ed averle offerto del latte caldo e dolce, la
bambina prese la tazza con entrambe le mani e cominciò a bere. Tenendola d’occhio, Asuna decise
di discutere della situazione con Kirito ad una certa distanza dalla bambina.

"Ehi, Kirito-kun. Tu cosa ne pensi...?"

Kirito si morse un labbro con espressione seria, e poi rispose abbassando lo sguardo.

"Credo che... non ricordi nulla. Ma le sue reazioni... E' come se la sua mente fosse danneggiata o..."

"Sì... Lo pensi anche tu, eh..."

"Dannazione."

Kirito fece un’espressione triste, come se stesse per piangere.

"In questo mondo... ho visto tante brutte cose... ma questa... è la peggiore. E’ troppo crudele..."

Vedendo i suoi occhi inumidirsi, anche Asuna sentì qualcosa smuoversi nel petto. Abbracciò Kirito
e rispose.

"Andrà tutto bene, Kirito-kun. ...Insieme, c’è sicuramente qualcosa... che possiamo fare."
"...Sì. Hai ragione..."

Kirito sollevò lo sguardo e sorrise, accarezzò la spalla di Asuna e tornò al tavolo. Asuna lo seguì da
vicino.

Spostando una sedia, Kirito si sedette accanto a Yui e cominciò a parlare con voce allegra.

"Aah, Yui-chan. ...Posso chiamarti solo Yui?"

Yui annuì.

"Capito. Allora, Yui, tu puoi chiamarmi solo Kirito."

"Ki... to."

"E’ Kirito. Ki-ri-to."

"..."

Yui fece un’espressione impacciata e rimase zitta per un po’.

"...Kiito."

Kirito fece un sorriso e accarezzò la testa di Yui.

"Forse è un po’ difficile. Puoi chiamarmi come vuoi, se è più facile per te."

Yui ci pensò di nuovo. Non fece una piega nemmeno quando Asuna le prese la tazza vuota per
riempirla di nuovo.

Ben presto Yui sollevò lo sguardo e fissò Kirito, e timidamente aprì bocca per parlare.

"...Papà."
Poi, si voltò verso Asuna.

"Auna è... Mamma."

Asuna ebbe un tremito incontrollato. Non sapeva se la bambina li avesse scambiati per i suoi
genitori o se— o se i suoi genitori non c’erano affatto in questo mondo e considerasse loro come
tali; ma prima di indagare oltre, Asuna combatté disperatamente i sentimenti in subbuglio nel suo
cuore e fece un sorriso.

"Proprio così... Sono la Mamma, Yui-chan."

Sentendo quelle parole, Yui sorrise per la prima volta. Sotto la sua frangetta liscia, i suoi occhi
brillarono luminosi, e in un istante sembrò anche tornare il colore su quel faccino da bambola.

"...Mamma!"

Guardando le braccia spalancate davanti a lei, Asuna sentì una fitta di dolore nel petto.

"Uu..."

Trattenendo le lacrime che sentiva montare, riuscì in qualche modo a mantenere il sorriso. Strinse la
piccola figura di Yui e la sollevò, e Asuna sentì una lacrima, sintomo di mille emozioni, colarle
lungo la guancia.

Finendo il suo latte e la sua brioche, Yui sembrava nuovamente assonnata, e infatti aveva la testa
che ciondolava avanti e indietro.

Osservando la bambina, Asuna si asciugò gli occhi con il dorso di una mano e guardò Kirito.

"I-Io..."

Non riusciva a dire le parole che avrebbe voluto dire.

"Scusami, ma non ho proprio idea di cosa dovrei fare..."


Kirito guardava Asuna con un misto di compassione e tristezza, ma presto corse in suo aiuto.

"...Finché la bambina non ritrova i suoi ricordi, vuoi che rimanga qui per badare a lei, vero?
Comprendo... questi sentimenti. Li provo anch’io. Però... è un vero dilemma... Se lo facessimo,
perderemmo altro tempo per il completamento del gioco, e anche la bambina rimarrebbe qui più a
lungo..."

"Sì... Hai ragione, dopotutto..."

Asuna cominciò a pensare. Kirito era di sicuro un elemento fondamentale tra i clearers, spiccava
sopra tutti e forniva sempre mappe aggiornate sui percorsi migliori, ed era stato a lungo un solo
player. Anche se voleva rimanere da sola con lui, essendosi sposati solo poche settimane,
monopolizzare Kirito le faceva venire spesso i sensi di colpa.

"Per adesso, facciamo quel che possiamo."

Guardando Yui, che sembrava appisolata, Kirito continuò il suo discorso.

"Per prima cosa andiamo alla Starting City e vediamo se possiamo rintracciare dei parenti di questa
bambina. Dopotutto da nell’occhio, quindi credo che ci saranno un bel po’ di persone che la
conoscono."

"..."

Una conclusione del tutto naturale. Ma Asuna sentiva di non volersi separare dalla bambina. Era
vero che voleva stare da sola con Kirito, era il suo sogno; ma in un certo senso non le dispiaceva se
fossero diventati tre. Sentiva come se Yui potesse davvero essere la loro figlia... Facendo quei
pensieri, Asuna ebbe un fremito e divenne tutta rossa.

"...? Cosa ti prende?"

"N-Non è nulla!!"

Asuna si voltò verso Kirito, che sembrava sospettoso, e scosse violentemente il capo.
"V-Va bene. Quando Yui-chan si sveglia, andremo alla Starting City. Sulla strada potremmo anche
mettere un’inserzione nella rubrica "Chi l’ha Visto" dei giornali."

Ancora incapace di guardare il ragazzo negli occhi, Asuna si affrettò a pulire il tavolo. Quando
osservo Yui addormentata sulla sedia, le parve che il suo sonno fosse molto più tranquillo rispetto al
giorno precedente.

Spostata a letto, Yui dormì per tutta la mattina, e temendo che fosse finita di nuovo in coma, Asuna
si preoccupò; ma fortunatamente si svegliò quando i preparativi per il pranzo furono ultimati.

Nonostante avesse preparato una crostata alla frutta, cosa molto rara, proprio per il bene di Yui,
quando quest’ultima si sedette a tavola mostrò più interesse per un sandwich pieno di mostarda che
stava addentando Kirito, suscitando la perplessità di entrambi.

"Ah, Yui, questo è molto piccante."

"Uu... Io voglio la stessa cosa di Papà."

"Capisco. Non ti fermerò se hai già deciso. Tutto fa esperienza."

Prendendo un sandwich, Yui allargò la sua boccuccia cercando di addentare quanto più poteva del
panino, senza esitare.

I due trattennero il fiato, Yui, masticò il panino con espressione indecifrabile, infine lo ingoiò e fece
un sorriso radioso.

"Buono."

"Questa qui ha lo stomaco di ferro."

Anche Kirito sorrise e accarezzò Yui sulla testa.

"Direi che per cena possiamo preparare qualcosa di rovente."

"Uffa, non farti trascinare come sempre! Non preparerò mai niente del genere!"
Ma se avessero trovato i genitori di Yui alla Starting City, gli unici a ritornare a casa sarebbero stati
loro due. A quel pensiero, Asuna sentì un lieve senso di solitudine.

Asuna osservò Yui, che aveva finito il suo panino e ora stava sorseggiando del tè al latte con
espressione soddisfatta, e poi aggiunse.

"Oh, Yui-chan, oggi usciremo per un po’."

"Uscire?"

Osservando l’espressione smarrita di Yui, fece una pausa, chiedendosi come spiegare, quando Kirito
entrò nella discussione.

"Andremo a cercare gli amici di Yui."

"Amici... E cosa sono?"

A quella domanda, i due si scambiarono un’occhiata. La «sindrome» di Yui rivelava un sacco di


tratti particolari. Piuttosto che la recessione della sua età mentale, era più come se determinati
frammenti dei suoi ricordi fossero svaniti.

Per poter migliorare la sua condizione sarebbe stato meglio trovare i suoi guardiani... Decisa a
dirglielo, Asuna si rivolse a Yui ancora una volta.

"Beh, gli amici sono le persone che posso aiutare Yui-chan. Dai, è meglio prepararsi."

Yui sembrava ancora perplessa, ma poi annuì e si alzò.

Il vestito intero bianco della bambina aveva maniche corte, e sembrava fatto di tessuto leggero;
sembrava inadatto a quella stagione, dato che era l’inizio dell’inverno. Ovviamente, sentire freddo,
ammalarsi o subire dei danni non era un problema in SAO— beh, era un discorso diverso se si
sarebbero diretti in zone gelide— Però il senso di disagio era lo stesso anche in questo mondo.

Asuna cercò tra la sua lista degli oggetti, materializzò vestiti pesanti, uno dopo l’altro, e quando
trovò un abito adatto alla taglia della piccola, si fermò di colpo.
Normalmente, quando qualcuno doveva indossare qualcosa, lo faceva dal menù. Vestiti, liquidi e
simili non erano riprodotti molto bene in SAO, e quindi, piuttosto come oggetti separati, i vestiti
venivano considerati come parti del corpo del giocatore.

Notando l’incertezza di Asuna, Kirito chiese a Yui.

"Yui, sai aprire la tua finestra dell’equipaggiamento?"

Come si aspettava, la ragazza scosse la testa ignara.

"Bene allora, prova a muovere le dita della mano destra. Così."

Kirito mosse un dito, e una finestra viola si aprì sotto la sua mano. Vedendo la scena, Yui lo imitò
con esitazione, ma non si aprì alcuna finestra.

"...Come pensavo, ci deve essere un qualche bug. Ma non essere in grado di aprire il menù è grave...
In queste condizioni non puoi fare niente."

Mentre Kirito pensava irritato, Yui, che aveva agitato la mano destra a vuoto decise di provare a
muovere la sinistra. In quel momento, apparve una schermata viola brillante sotto la sua mano.

"Eccolo!"

Sopra Yui, che sorrideva compiaciuta, Asuna guardò Kirito, che era stato colto di sorpresa. Nessuno
dei due aveva più idea di cosa stesse succedendo.

"Yui-chan, fammi guardare."

Asuna si chinò per guardare la finestra del menù della bambina. Tuttavia, normalmente gli status
erano nascosti a tutti eccetto il proprietario, quindi lo schermo rimandava solo una luce e basta.

"Scusami, porgimi la mano."

Asuna prese la mano di Yui, mosse il suo indice destro, cliccando dove pensava dovesse trovarsi il
tasto di visibilità ai terzi.
La sua mira fu precisa e con un suono le apparve il menù di Yui. Normalmente, un’azione del
genere sarebbe stata considerata una violazione della privacy piuttosto grave, ma date le circostanza
Asuna non ci badò, e si mise a cercare nell’inventario della piccola, ma...

"C-Che cos’è questo!?"

Quando osservò la parte in alto dello schermo, non riuscì a trattenersi.

La parte in alto del menù era solitamente divisa in tre sezioni. C’era il nome scritto in caratteri
latini, insieme alla barra degli HP e quella degli EXP, e sotto di essa doveva trovarsi la barra degli
equipaggiamenti, mentre nell’ultima c’era una lista dei comandi di base. Molte cose potevano
essere personalizzate a piacimento, ma il layout di base non poteva essere modificato. E invece,
nella parte in alto del menù di Yui, c’era solo uno strano nome, «Yui-MHCP001», ma niente barra
degli HP o degli EXP, tantomeno il livello. Anche se c’era la barra dell’equipaggiamento, il numero
di comandi era drasticamente ridotto, con solo le sezioni «Oggetti» ed «Opzioni».

Notando che Asuna era perplessa, Kirito si avvicinò e osservò a sua volta il menù, rimanendo a
bocca aperta. Yui, non sapendo niente della storia dei menù, diede a sua volta un’occhiata.

"Anche questo... è un bug nel sistema...?"

Disse Asuna, e Kirito fece un verso gutturale.

"Per qualche motivo... piuttosto che un bug, sembra che sia stato progettato così fin dall’inizio...
Dannazione, non sono mai stato arrabbiato come oggi per l’assenza di uno stramaledetto GM."

"Normalmente, in SAO, non ci sono bug o lag di cui preoccuparsi, quindi non c’è alcun bisogno di
GM... Perciò non ci sarebbero di grande aiuto in ogni caso..."

Scuotendo le spalle, Asuna operò di nuovo il menù, aprendo l’inventario. Prese gli abiti poggiati sul
tavolo e li mise nella lista. Poi trascinò i nomi dei vestiti sulla figura simile ad un manichino.

Insieme ad un effetto simile ad una campanella, il corpo di Yui fu avvolto da frammenti luminosi e
l’oggetto si materializzò sul suo corpo.

"Waah..."
Con espressione oltremodo allegra, Yui allargò le braccia e si guardò per bene. Asuna continuò,
prendendo una gonna dello stesso colore, scarpe rosse e svariati oggetti, uno dopo l’altro, e infine
ripose il vecchio vestito bianco nell’inventario, e lo richiuse.

Finita di vestirsi, Yui sembrava al settimo cielo, e si strofinava le guance contro la stoffa dei nuovi
abiti e si osservava da capo a piedi.

"Bene, adesso possiamo andare."

"Uhm. Papà, portami."

Osservando Yui che allungava le braccia speranzosa, Kirito fece un sorriso timido e sollevò la
bambina. Nel frattempo, guardò Asuna e disse.

"Asuna, tu tieniti pronta alla battaglia, per ogni evenienza. Non dovremmo uscire dalla città, però...
è il territorio de «L’Armata» dopotutto..."

"Mh... Meglio non abbassare la guardia."

Con un cenno, Asuna diede una controllata al suo inventario e seguì Kirito alla porta. Sarebbe stato
meglio trovare i tutori della bambina; e che fossero amorevoli, ma separarsi da Yui la faceva sentire
a disagio per qualche motivo. La conosceva da un giorno appena, ma Yui era riuscita a conquistare
in fretta il cuore di Asuna.

Erano passati mesi da quando non erano scesi giù al primo piano, la «Starting City».

Avvertendo sensazioni contrastanti, Asuna rimase ferma vicino al varco del teletrasporto,
osservando l’enorme piazza e le viuzze che si diramavano da essa.

Ovviamente, questa era la città più grande di tutto Aincrad, comparando il numero di edifici
presenti qui e nelle altre città, non c’era sfida. I prezzi erano bassi, e si trovava ogni sorta di
locanda. In termini di efficienza, era il posto migliore da usare come base.
Tuttavia, finora nessuno dei giocatori di alto livello aveva soggiornato alla Starting City.
L’oppressione della «Armata» era una delle ragioni, in realtà quando si alzava lo sguardo al cielo,
non si poteva fare a meno di ricordare cos’era successo il primo giorno.

L’inizio di tutto era stato solo un capriccio.

Nata da una relazione tra un uomo d’affari ed una studentessa, Asuna— Yuuki Asuna, era cresciuta
succube fin da subito alle alte aspettative dei suoi genitori. Entrambi erano persone inflessibili verso
l’un l’altro, ma egualmente gentili verso Asuna, e per quel motivo aveva paura di scoprire come
sarebbe stato non essere all’altezza delle loro aspettative.

Per suo fratello probabilmente era la stessa cosa. Asuna e suo fratello avevano frequentato scuole
private scelte dai suoi genitori e, senza fallire una volta, hanno sempre portato a casa risultati
brillanti. Quando il fratello entrò all’università e lasciò la casa di famiglia, lei non aveva nient’altro
per cui vivere se non far contenti i suoi genitori. Prendeva lezioni di numerose attività, socializzava
solo con amici approvati dai suoi genitori, ma vivendo una vita del genere alla fine Asuna si accorse
che il suo mondo si stava rattrappendo, sebbene la vita scorresse inesorabile. Se avesse continuato
su quel sentiero già tracciato per lei— procedendo verso scuole e università scelte per lei dai
genitori, sposare una persona scelta per lei dai suoi genitori, sentiva che alla fine sarebbe stata
chiusa in un bozzolo inespugnabile, persino più stretto di quello in cui viveva allora, e non sarebbe
mai stata in grado di scapparne; erano queste le sue paure.

Ecco perché, quando suo fratello, ormai impiegato nella compagnia di suo padre, tornò a casa,
parlava così entusiasta del suo Nerve Gear e di una copia di SAO che aveva avuto grazie ai suoi
contatti, e parlava del primo «VRMMO» del mondo, e persino Asuna, che non aveva mai toccato un
videogame in vita sua, sentì il richiamo irresistibile di quel nuovo e strano mondo.

Ovviamente, se suo fratello avesse usato il Nerve Gear nella sua stanza, lei avrebbe dimenticato ben
presto quella novità. Tuttavia, a causa di un affare, suo fratello era dovuto partire proprio il giorno
del lancio di SAO, e così Asuna finì col chiederlo in prestito a suo fratello, giusto per provarlo—

E poi cambiò tutto.

Persino adesso, ricordava l’eccitazione di quel giorno, in cui passò da Asuna ad "Asuna", trovandosi
per strade sconosciute, fra persone sconosciute.

Ma poi, quando il dio del vuoto discese dal cielo, annunciando questo gioco di morte, con
l’incapacità assoluta di lasciare questo mondo, la prima cosa a cui pensò Asuna era il compito di
matematica a cui non aveva ancora messo mano.
Se non si fosse affrettata a finirlo e consegnarlo, i suoi insegnanti l’avrebbero di certo richiamata.
Per la vita che aveva condotto Asuna fino a quel momento, era un fallimento che non poteva
accettare... Ma ovviamente, ormai si parlava di ben altri problemi.

Una settimana, due settimane, mese dopo mese, non arrivava alcun aiuto dal mondo esterno. Chiusa
nella sua stanza alla Starting City, Asuna sperimentava ogni giorno il terrore assoluto. Strillava e a
volte mordeva persino le pareti per la disperazione. Era l’inverno del suo terzo anno alle scuole
medie. Presto ci sarebbero stati gli esami e poi un nuovo semestre. Per Asuna, non sostenerli
sarebbe stato peggio che morire.

Asuna passava ogni giorno tra mille pensieri, stretta alle sue convinzioni deviate.

Piuttosto che essere preoccupati per il corpo della loro bambina, i suoi genitori sarebbero stati delusi
dal fatto che la figlia non aveva sostenuto gli esami per via di un videogame. I suoi compagni,
piuttosto che essere preoccupati per lei, di sicuro erano disgustati per la sua assenza, e forse la
deridevano.

Quando oltrepassò il punto critico di quei pensieri nefasti, Asuna prese finalmente una decisione—
lasciare la locanda. Non voleva più essere salvata, voleva uscire da lì con le sue forze. Diventare il
salvatore che avrebbe messo fine a quell’incubo. Se non avesse preso quella decisione,
probabilmente non avrebbe resistito a lungo alle presenze che si erano insinuate nella sua mente.

Asuna preparò il suo equipaggiamento, memorizzò l’intero manuale del gioco e uscì nei campi.
Dormiva massimo una o due ore al giorno, e per il resto pensava solo a salire di livello. Con il suo
desiderio di completare il gioco, non ci mise molto a scalare i ranghi dei giocatori più potenti. Fu
così che nacque la spadaccina ardente, Asuna il «Lampo».

E tornando al presente— Erano passati due anni da allora, e ora la diciassettenne Asuna guardava
alla sua versione passata con sommo disprezzo. No, non solo il periodo subito dopo l’inizio del
gioco. Ma anche e soprattutto alla sua vita passata, così simile ad una prigionia sempre più serrata, e
ricordava quella vita con un misto di tristezza e compassione.

Non comprendeva quale fosse il vero significato di «vivere». Lei aveva sempre vissuto in funzione
di un futuro molto ideale, sacrificando il presente. Il presente per lei non era altro che un mezzo per
raggiungere il futuro perfetto, se avesse fallito tanto valeva morire e svanire nel nulla.

In questo mondo non era poi molto diverso. L’unica differenza era che questo mondo si chiamava
SAO.
Chi lottava per la fine del gioco era simile a com’era lei una volta, agiva spinto da un fanatismo
insano, e si aggrappava ad un passato ormai andato. E coloro i quali cercavano solo di godersi il
momento e di soddisfare qualche piacere, molto spesso erano criminali.

Eppure, esistevano anche persone che nonostante fossero intrappolate in questo mondo si godevano
il presente, creando ricordi, giorno dopo giorno. Ad insegnarglielo era stato lo spadaccino dai
capelli neri che aveva conosciuto un anno fa. Il desiderio per il suo stesso stile di vita— dal
momento stesso in cui lo aveva conosciuto, il suo mondo era cambiato.

Adesso, sentiva che sarebbe riuscita a rompere persino la gabbia che la ingabbiava nel mondo reale.
Credeva che sarebbe riuscita a vivere con le sue sole forze. Almeno finché lui sarebbe rimasto al
suo fianco—

Asuna si avvicinò a Kirito, mentre camminavano per le strade. Il dolore che provò quando vide il
tetto in pietra che delimitava il livello fu meno forte di quello che pensava.

Scuotendo la testa per liberare i suoi pensieri, Asuna diede un’occhiata al viso di Yui, che veniva
ancora portata da Kirito.

"Yui-chan, ti ricordi qualche palazzo, o qualcosa di simile?"

"Uu..."

Con espressione confusa, Yui diede un’occhiata agli edifici in pietra, che si stagliavano contro la
piazza, prima di scuotere la testa desolata.

"Non lo so..."

"Bene, la Starting City è enorme, dopotutto."

Kirito accarezzò la testa di Yui.

"Beh, se continuiamo a camminare, prima o poi dovrebbe ricordarsi qualcosa. Per adesso andiamo
al mercato principale della città."
"Penso tu abbia ragione."

D’accordo con la decisione, il trio si diresse verso l’area mercatale.

Eppure— mentre camminavano, Asuna guardò nuovamente la piazza con qualche dubbio. C’erano
meno persone di quanto ricordasse, in giro.

La piazza centrale della Starting City era enorme come ricordava, essendo in grado di contenere
tutti e diecimila i giocatori di due anni fa, all’inaugurazione del server. Nel mezzo di quella piazza
perfettamente circolare, c’era un’enorme torre-orologio, e alla sua base si apriva il varco del
teletrasporto. Alla sua base, si aprivano numerose aiuole concentriche alla torre, con molte panchine
bianche dall’aspetto elegante. Non sarebbe stato strano trovarci una moltitudine di persone sedute
qua e là per godersi quella bella giornata; ma le poche figure umane presenti, o si dirigevano verso
il varco del teletrasporto o lasciavano la piazza immergendosi nelle stradine.

Le piazze e le strade principali dei piani superiori erano sempre piene di persone intente a
chiacchierare, a cercare nuovi compagni di squadra, a vendere e comprare; e di conseguenza erano
spesso piuttosto affollate—

"Ehi, Kirito-kun."

"Mh?"

Asuna chiamò Kirito e lui si voltò.

"Quanti giocatori ci saranno qui, adesso?"

"Mmh, beh... Sono rimasti in vita circa seimila giocatori, e il trenta per cento di essi vive
stabilmente nella Starting City, se contiamo pure «L’Armata»; quindi circa duemila persone,
giusto?"

"Ma allora, non pensi che ci sia un po’ troppa calma in giro?"

"Ora che me lo fai notare... Forse sono tutti al mercato?"


E invece, anche quando imboccarono la strada principale e si avvicinarono al mercato, trovarono
solo negozi e bancarelle allineate, ma quasi nessun giocatore. I richiami casuali ed energici degli
NPC volavano a vuoto per la città.

Trovarono un uomo seduto sotto un grosso albero in una piazza, e Asuna si avvicinò per chiamarlo.

"Ah, mi scusi."

L’uomo, che fissava la cima dell’albero attraverso i rami con espressione seria, rispose chiaramente
infastidito, senza distogliere lo sguardo

"Cosa volete?"

"Beh... Da queste parti non c’è un posto dove poter cercare delle persone?"

Sentendo quelle parole, l’uomo finalmente spostò l’attenzione di Asuna. Fissò il viso della ragazza
senza fare troppi complimenti.

"Quindi siete dei forestieri."

"Ah, sì. Vede... Stiamo cercando di trovare i tutori di questa bambina..."

Indicò Yui, che sonnecchiava tra le braccia di Kirito.

Vestito con una semplice uniforme che ne rendeva difficile stimarne il livello, l’uomo strabuzzò gli
occhi quando vide Yui, ma ben presto ritornò a guardare la cima dell’albero.

"...Una bambina perduta, eh, è una rarità. ...Nella chiesa accanto al fiume, nel settimo distretto ad
est, ci sono un sacco di giocatori ragazzini che vivono lì, provate da quelle parti."

"G-Grazie."

Ricevendo quell’inaspettata ed utile informazione, Asuna fece un rapido inchino. Poi provò a fare
un’altra domanda.
"Ahh... Ma lei cosa sta facendo qui? E poi, come mai ci sono così poche persone in giro?"

Anche se l’uomo sembrava infastidito, rispose, apparentemente non così scocciato come dava a
vedere.

"Questo sarebbe un segreto, o almeno così mi piacerebbe rispondervi. Ma visto che siete di fuori...
Guardate, riuscite a vederlo, no? Quel ramo lì in alto."

Asuna seguì la direzione in cui puntava il dito dell’uomo. I rami di quell’enorme albero erano
dipinti della luce autunnale, ma se ci si impegnava, si notavano dei frutti gialli, seminascosti
all’ombra delle foglie.

"Ovviamente, gli alberi ai lati delle strade in città sono oggetti indistruttibili, quindi anche se vi
arrampicate non potete togliere nemmeno una foglia."

L’uomo continuò a parlare.

"Però di tanto in tanto cadono quei frutti... Rimangono per terra solo pochi minuti prima di marcire
e svanire, ma se li raccogli, puoi venderli agli NPC per una bella sommetta. Per non dire che sono
anche piuttosto buoni."

"Ohhh."

Per Asuna, che aveva allenato la sua abilità in cucina, le discussioni su ingredienti erano
estremamente interessanti.

"E quanto costano più o meno?"

"...Non dirlo in giro. Per ognuno di essi, cinque col."

"..."

Osservando l’espressione fiera dell’uomo, Asuna rimase senza parole. Era sconcertata da quanto
fosse basso in realtà il prezzo. Per come stavano le cose, scalare gli alberi per tutto il giorno
sperando di far cadere i frutti, non valeva assolutamente la pena.
"Ah, bene... In questo caso non ne vale la pena... Se sconfiggeste anche un solo vermiciattolo nei
campi qui intorno, guadagnereste trenta col."

Quando lo disse, fu il turno dell’uomo rimanere in silenzio. Stranamente fissava Asuna come se
avesse detto la cosa più assurda del mondo.

"Dici seriamente? Se esci per combattere i mostri lì fuori... Potresti morire, lo sanno tutti."

"..."

Asuna non sapeva cosa rispondere. Era proprio come aveva detto l’uomo; combattere contro i
mostri comportava sempre il rischio di morire. Ma ormai per Asuna era come attraversare la strada
nel mondo reale; aveva imparato da tempo a non aver paura.

Sia a causa della sua scarsa paura, che dell’eccessiva paura dell’uomo, non essendo in grado di
rispondere, Asuna rimase immobile. Probabilmente, nessuno dei due aveva pienamente ragione.
Nella Starting City, quello che aveva detto quell’uomo era considerato senso comune.

Non notando la perplessità e il conflitto interiore di Asuna, l’uomo continuò.

"E per quale motivo non c’è nessuno in giro? Non è che non ci siano. Saranno tutti rinchiusi nelle
loro stanze nelle locande. Di giorno potrebbero incontrare gli esattori delle imposte dell’Armata,
dopotutto."

"E-Esattori delle imposte... Cosa intendi dire?"

"E’ solo un modo gentile per dire "estorsione". State attenti, perché quelli non risparmiano
nemmeno i forestieri. Oh, sembra che uno stia per cadere... fine della conversazione."

Chiudendo la bocca, l’uomo tornò a fissare il suo albero. Asuna fece un inchino e si voltò verso
Kirito, che era rimasto in silenzio per l’intera discussione.

Kirito osservava l’albero e i frutti con espressione seria, non diversa da quella di quando
combatteva. Sembrava intenzionato a raccogliere il frutto che sarebbe caduto.

"Eddai, lascia perdere!"


"M-Ma non ti interessa il frutto?"

Afferrando Kirito per la collottola, Asuna cominciò a tirarlo via.

"Ah, ahh... e sembrava anche saporito..."

Prese Kirito per l’orecchio, obbligandolo a voltarsi.

"Piuttosto, sai dirmi qual è il settimo distretto ad est? Da quelle parti ci sono dei ragazzini, quindi
dobbiamo andarci."

"...Va beeeene."

Prendendo Yui che si era appisolata, e tenendola stretta, Asuna controllò la mappa mentre seguiva
Kirito.

Sebbene Yui aveva l’aspetto di una bambina di dieci anni, portarla in braccio in quel modo
l’avrebbe distrutta in pochi minuti, ma grazie alla forza acquisita dall’allenamento in quel mondo,
Asuna non avvertiva altro che lo stesso peso di un cuscino di piume.

Camminando per le strade per dieci minuti buoni, incrociando pochissime persone, alla fine
arrivarono in una zona simile ad un vasto giardino. Gli alberi mostravano i segni dell’inverno
imminente.

"Vediamo, questo è il settimo distretto come dice la mappa... Mi chiedo dove sia la chiesa."

"Ah, non è quella lì?"

Oltre gli alberi, alla destra della strada, Asuna vide un edificio particolare e si concentrò. Sulla
sommità di una torre blu c’era un simbolo che combinava una croce e un cerchio. Era il segno
distintivo di una chiesa, e ce n’era una in ogni città. E attraverso gli altari al loro interno era
possibile curarsi dallo status negativo, «Maledizione», ed era possibile benedire le armi per avere
vantaggi contro i non morti. In SAO, dove esisteva appena la magia, erano considerati posti molto
misteriosi. Inoltre, si poteva anche affittare una stanza nelle chiese a cifre molto modiche.

"A-Aspetta un momento."
Asuna fermò Kirito che si stava già dirigendo verso la chiesa.

"Mh? Cosa c’è?"

"Ah, no... Beh... Se dovessimo trovare i tutori di Yui... dovremmo lasciarla lì, vero...?"

"..."

Gli occhi neri di Kirito si addolcirono mentre fissava Asuna. Allargò le braccia e strinse dolcemente
sia Asuna che Yui.

"Nemmeno io voglio separarmi da lei. Come posso spiegarlo... Con la presenza di Yui, quella casa
nella foresta mi sembra davvero casa nostra... o almeno così la vedo io... Ma non è che non vi
rivedrete mai più. Se Yui riavrà i suoi ricordi, potrà tornare a farci visita."

"Mh... Hai ragione."

Annuendo, Asuna accarezzò la guancia di Yui, stringendola di più a sé, prima di cominciare a
camminare risoluta.

La chiesa era minuscola, paragonata agli altri edifici della città. Era composta da due piccoli edifici,
e c’era solo una torre con sopra il simbolo. Ma c’erano molte chiese nella Starting City, una delle
quali era vicinissima alla piazza centrale e aveva le dimensioni di un piccolo castello.

Raggiungendo le doppie porte sul davanti, Asuna ne aprì una con la mano destra. Essendo un
edificio pubblico, ovviamente non era chiuso. L’interno era semibuio, e le uniche fonti di luce erano
le candele disposte un po’ dovunque. A prima vista non c’erano segni di vita.

Facendo capolino nell’edificio, Asuna si rivolse ai presunti inquilini.

"Ahh, c’è qualcuno?"

La sua voce risuonò per l’eco, ma non ci fu alcuna risposta.

"Possibile che non ci sia nessuno...?"


Voltandosi verso Kirito, egli rispose a bassa voce.

"Nah, c’è qualcuno. Tre nella stanza a destra, quattro in quella a sinistra... E altri al secondo piano."

"...Con la tua abilità di scansione puoi contare persino le persone attraverso i muri?"

"Essendo al 98% del totale mi è possibile. E’ davvero utile, quindi dovresti allenarla anche tu."

"No, allenarla è così noioso che potrei morire. ...Però mi chiedo perché si stiano nascondendo..."

Asuna entrò esitante nella chiesetta. Era tutto silenzioso, ma avvertiva che c’era qualcuno che si
sforzava di rimanere in silenzio.

"Ah, scusate, stiamo cercando qualcuno!"

Questa volta provò ad alzare la voce. E poi— la porta sulla destra si aprì un po’, e dall’altra parte
arrivò una flebile voce femminile.

"...Non siete della «Armata», vero?"

"Non lo siamo. Siamo venuti dai piani superiori."

Entrambi Asuna e Kirito non avevano armi, e nessuna armatura da battaglia addosso. Quelli
dell’Armata invece indossavano sempre armature pesanti, quindi solo il loro aspetto bastava a far
capire che non avevano niente a che fare con la gilda.

Ben presto la porta si aprì del tutto, e ne uscì timidamente una sola giocatrice.

Corti capelli blu intenso, con un grosso paio di occhiali con la montatura nera, e dietro di essi, due
grossi occhi verdi erano spalancati, pieni di apprensione. Vestita di semplici abiti blu, aveva una
daga ancora infoderata tra le mani.

"Voi sul serio... non siete quelli dell’Armata che riscuotono le tasse, vero...?"
Asuna fece un sorriso rassicurante alla ragazza e disse.

"Sì, stiamo solo cercando qualcuno e veniamo dai piani alti. Non abbiamo niente a che vedere con
l’Armata."

In quel momento—

"Dall’alto!? Volete dire che siete dei veri spadaccini!?"

Con quel grido fanciullesco, la porta dietro la ragazza si aprì di colpo e nella stanza irruppero
diverse figure. Immediatamente dopo, si aprì anche la porta a sinistra dell’altare e ne uscì un altro
gruppo di persone.

Presi alla sprovvista, Asuna e Kirito osservarono il nugolo di persone accanto alla ragazza con gli
occhiali, e si resero conto che si trattava di ragazzini. Il più piccolo doveva avere dodici anni,
mentre il più grande quattordici. Erano tutti estremamente interessati e stavano osservando Asuna e
Kirito.

"Ehi, tutti quanti, vi avevo detto di stare nascosti!"

Solo la ragazza che si occupava dei ragazzini sembrava essere intorno alla ventina. In ogni caso,
nessun bambino stava a sentire quello che diceva.

Ma subito dopo, il primo a correre fuori dalla stanza fu un bambino dai capelli rossi e scarmigliati,
che esclamò deluso.

"Ma non avete neppure una spada. Ehi, non avete detto che venite da sopra? Tu non dovresti avere
delle armi?"

L’ultima domanda era rivolta a Kirito.

"N-No, non è che non ne abbiamo, però..."

Kirito rispose, e si accorse che gli occhi del bambino si stavano illuminando. Facci vedere,
sembravano dire gli sguardi di tutti quei monelli.
"Andiamo, smettetela di fare gli scostumati e non date fastidio ai signori. —Scusateli, ma è raro per
noi avere dei visitatori..."

Vedendo che la donna con gli occhiali sembrava sinceramente dispiaciuta, Asuna rispose in fretta.

"N-No, non è un problema. —Ehi, Kirito-kun, penso che ne hai un bel po’ nel tuo inventario, perciò
perché non gliene mostri?"

"S-Sì."

Annuendo alla proposta di Asuna, Kirito aprì una finestra col suo dito e cominciò ad allineare le sua
armi sul tavolo lì vicino. Le aveva ottenute da mostri sconfitti in una recente avventura, e non aveva
ancora trovato il tempo per venderle.

Kirito chiuse la finestra, dopo aver esposto tutte le armi e le armature che aveva in più, e i ragazzini
si avvicinarono estasiati. Toccarono e ammirarono ognuna delle spade e delle mazze con un
profluvio di "Pesante" e "Fico". Quella scena avrebbe fatto svenire i genitori iperprotettivi, ma nelle
città, era impossibile farsi del male.

"—Mi spiace tanto..."

Sebbene la ragazza con gli occhiali continuasse a scusarsi, alla vista dei bambini divertiti fece un
sorriso.

"...Ah, venite da questa parte. Preparerò del tè, quindi..."

Guidati attraverso quelle stanzette, Asuna e Kirito bevvero un sorso del tè caldo offerto loro.

"Allora... avete detto che siete venuti per cercare qualcuno...?"

Chiese la ragazza con gli occhiali seduta davanti a loro, inclinando appena la testa.

"Ah, sì. Ehm... Io sono Asuna, e lui sarebbe Kirito."

"Ahh, scusatemi, non mi sono ancora presentata. Io sono Sasha."


E fece un breve inchino.

"E questa bambina si chiama Yui."

Accarezzando i capelli di Yui che dormiva ancora in braccio a lei, Asuna continuò.

"Questa bambina si era persa in una foresta del ventiduesimo piano. Sembra... che abbia perso i suoi
ricordi, quindi..."

"Cielo..."

La donna chiamata Sasha spalancò i suoi occhi verdi, nascosti dietro i suoi occhiali.

"Non aveva equipaggiamenti o armi, quindi non pensiamo che viva ai piani alti... E inoltre, forse i
suoi tutori sono alla Starting City... O forse chiunque la conosca potrebbe essere nelle vicinanze, per
questo siamo venuti fin qui. Poi abbiamo saputo che in questa chiesa vivono un bel po’ di
ragazzini..."

"Ah, ora comincio a capire..."

Sasha prese le tazze dalle loro mani, e abbassò lo sguardo sul tavolo.

"...In questo momento, vivono venti ragazzi in questa chiesa, dalle scuole medie fino alle superiori.
Credo che siano più o meno tutti i ragazzini di questa città. Fin da quando è partito il gioco..."

Sasha cominciò a parlare con tono basso ma chiaro.

"Quasi tutti i ragazzini rimasti intrappolati nel gioco hanno sofferto di crisi d’ansia e attacchi di
panico. Ovviamente, ci sono dei ragazzini che hanno trovato la forza di farsi coraggio e lasciare la
Città per combattere, ma credo che siano una rara eccezione."

Era una cosa che aveva passato anche Asuna, all’inizio. Quando si era rintanata nella sua stanza,
sentiva che la sua mente stava finendo in pezzi.
"E’ una cosa naturale; sono ancora nell’età in cui vogliono essere coccolati dai loro genitori. Se
all’improvviso gli viene detto che sono bloccati qui dentro, e che forse non torneranno mai nel
mondo reale— questi bambini probabilmente perdono la ragione, e tra loro... sembra che ci sia
qualcuno che si sia suicidato."

Sasha serrò le labbra.

"Per un mese dopo l’inizio del gioco, ero decisa a completarlo e sono uscita, però... un giorno, ho
visto uno di questi bambini per strada, e non ho potuto abbandonarlo; così l’ho portato con me e
abbiamo vissuto insieme alla locanda. Poi ho cominciato a girare la città per radunare gli altri
bambini. Prima che me ne rendessi conto, è finita così. Ecco perché... sapere che ci sono persone
che combattono come voi, mi fa sentire come se avessi mollato, e questa cosa è imperdonabile."

"Oh... Questo non—"

Scuotendo la testa, Asuna fece del suo meglio per scegliere le parole più adatte, ma la sua voce era
bloccata nella sua gola. A quel punto, fu Kirito a parlare.

"Non è affatto vero. Stai combattendo egregiamente... Molto meglio di uno come me."

"Ti ringrazio molto. Ma io non lo faccio per senso del dovere. Trovo molto divertente stare con
questi bambini."

Sasha sorrise e osservò Yui preoccupata

"Ecco perché... per due anni di fila siamo entrati in ogni edificio per vedere se ci fossero dei
bambini bisognosi di aiuto. Se ci fosse stata una bambina così piccola, l’avremmo notata di sicuro.
Mi spiace dirlo... ma non penso che questa piccolina abitasse qui alla Starting City."

"Capisco..."

Asuna abbassò il capo, stringendo Yui. Poi si ricompose e guardò di nuovo Sasha.

"Ehm, scusami se mi intrometto nella tua privacy, ma come affrontate le spese quotidiane?"
"Ah, oltre a me ci sono un paio di altri ragazzi più grandi a badare a questo posto... Il loro livello è
abbastanza alto da permettergli di essere completamente al sicuro finché rimangono nei campi
intorno alla città, quindi possiamo guadagnare abbastanza per mangiare. Non possiamo permetterci
dei lussi però."

"Oh, incredibile... A giudicare da quello che ho sentito finora, in questa città uscire per combattere i
mostri è giudicato praticamente un suicidio."

Sasha annuì alle parole di Kirito.

"Credo sia quello che pensano tutti i giocatori rimasti nella Starting City. Non voglio negare che
sono d’accordo; è innegabile quando considerate che ci sono le nostre vite in palio... Però, questo è
anche il motivo per il quale guadagniamo molto di più rispetto a tutti gli altri giocatori della città."

Era vero; per poter alloggiare in quella chiesa probabilmente ci volevano cento col al giorno. Era un
ammontare che eccedeva enormemente le capacità di un raccoglitore di frutti come quello di prima.

"Ecco perché ultimamente li sto tenendo d’occhio..."

"...Chi?"

Lo sguardo gentile di Sasha si indurì di colpo. Ma proprio quando stava per rispondere...

"Maestra! Maestra Sasha! E’ orribile!!"

La porta si aprì di colpo e un gruppo di bambini entrò come una valanga.

"Ehi ehi, che modi sono davanti ai nostri ospiti!"

"Non è il momento per certe cose!!"

Il bambino dai capelli rossi di prima strillò, con gli occhi pieni di paura.

"Il fratellone Ginn e gli altri sono stati catturati dall’Armata!"


"—Dove!?"

Alzandosi con una risolutezza che veniva da chissà dove, Sasha cominciò a interrogare il piccolino.

"Nello spazio dietro il negozio dell’usato del quinto distretto. Stanno bloccando il passaggio con
una decina di persone. Kotta è stato l’unico che è riuscito a scappare."

"Ho capito, vado immediatamente —Scusatemi, ma..."

Voltandosi verso Kirito e Asuna, Sasha fece un breve inchino.

"Non posso abbandonare i bambini. Potremo parlare dopo..."

"Veniamo anche noi, maestra!!"

Al grido del bambino dai capelli rossi, anche tutti gli altri bambini risposero entusiasti. Correndo
verso Kirito, il piccolo lo implorò con espressione disperata.

"Fratello, prestaci quelle armi per un po’! Se le portiamo, i tipi dell’Armata scapperanno!"

"Non posso accettare!"

Sasha rifiutò immediatamente.

"Voi aspetterete tutti qui!"

In quel momento, Kirito, che aveva osservato la scena in silenzio, alzò la mano destra, come a voler
calmare i bambini. Era raro che sapesse cosa fare in situazioni del genere, ma era solo in occasioni
come quelle che manifestava la sua aura misteriosa, e i bambini si calmarono subito.

"—E’ davvero un peccato—"

Kirito cominciò a parlare con tono calmo.


"I parametri richiesti per poter equipaggiare quelle armi sono troppo alti per voi, voi non potete
usarle. Vi aiuteremo noi però. Anche se non sembra, la sorellona qui è molto forte."

Osservando Kirito, anche Asuna annuì convinta. Alzandosi in piedi, si voltò verso Sasha e parlò.

"Ecco, permettici di aiutarti. Con altre persone sarà tutto più facile."

"—Grazie, conto su di voi allora."

Sasha fece un profondo inchino, afferrò gli occhiali e parlò.

"Bene allora, direi che dobbiamo andare di corsa!"

Scattando a correre verso l’uscita, Sasha tirò dritto con la daga che ondeggiava attaccata alla sua
vita. Tenendo stretta Yui, anche Asuna si mise a correre, seguita da Kirito. Quando Asuna si voltò, si
accorse che un gran numero di bambini li stavano seguendo, ma Sasha non sembrava volerli
mandare via.

Correndo tra gli alberi arrivarono al distretto sei e attraversarono i vicoli. Sembrava che Sasha
stesse prendendo scorciatoie per arrivare il prima possibile, e quando passavano davanti ai negozi
degli NPC, giardini di case private e simili, trovarono un gruppo che bloccava uno stretto vicolo.
Probabilmente erano almeno una decina. Vestiti con uniformi grigio-verde e armature nere, erano
senza alcun dubbio membri della «Armata».

Quando Sasha si fermò di colpo, attirò subito l’attenzione dei tizi dell’Armata. Uno di essi si voltò
con un ghigno e parlò.

"Oh, ecco qui la baby-sitter."

"...Per favore, lasciate andare i bambini."

Sasha parlò con voce ferma.

"Non rovinare la nostra reputazione. Li lasceremo andare subito; gli stiamo solo insegnando un po’
di buone maniere."
"Proprio così. E’ dovere dei cittadini pagare le tasse, dopotutto."

L’uomo scoppio in una risata fragorosa e rauca. Il pugno serrato di Sasha tremò.

"Ginn! Kain! Mina!! Siete lì!?"

Quando Sasha chiamò, rispose subito una voce di ragazzina impaurita.

"Maestra! Maestra... aiutaci!"

"Non preoccupatevi dei soldi, dateglieli e basta!"

"Maestra... ma non possiamo...!"

Questa volta fu una voce di ragazzo.

"Nha, ha, ha."

Uno degli uomini che bloccavano la strada emise una risata che sembrava uno spasmo.

"Beh, pare che voialtri non abbiate pagato le tasse ultimamente... I soldi non bastano stavolta, eh."

"Proprio così. Per questo vi confischeremo anche le armature. Tutte... fino all’ultimo pezzo."

Osservando le ammiccate e gli sguardi volgari degli uomini, Asuna capì immediatamente che tipo
di affari si stessero svolgendo nel vicolo. Questa «squadra di esattori delle imposte» aveva senza
dubbio intimato anche ai ragazzini intrappolati, tra cui una ragazzina, di togliersi i vestiti. Una furia
cieca invase Asuna.

Sasha sembrò aver raggiunto le stesse conclusioni, perché si avvicinò agli uomini con ostilità.

"Toglietevi... Toglietevi di mezzo! Altrimenti..."


"Altrimenti cosa, baby-sitter? Pagherai tu per loro?"

L’uomo non fece neppure un passo.

Entro i confini cittadini, era sempre attivo il Codice di Prevenzione dei Crimini, perciò cercare di
infliggere danni a qualcuno o di spostarli contro la loro volontà era assolutamente impossibile. Ma
non era possibile neppure liberarsi di malintenzionati che bloccavano una strada. Sfruttando questa
protezione del sistema era dunque possibile tenere qualcuno intrappolato, anche se non gli si poteva
torcere un solo capello e non lo si poteva spostare. Era una pericolosa falla nel sistema.

Tuttavia, questo valeva solo fin quando ci si spostasse via terra. Asuna osservò Kirito e parlò.

"Andiamo, Kirito-kun."

"Sì."

Annuendo all’unisono, scalciarono violentemente il suolo.

Vedendo che quei due avevano saltato con tutta la loro forza e destrezza, Sasha e i brutti ceffi
poterono solo stare a guardare imbambolati, e i due eroi atterrarono proprio in mezzo allo spazio
bloccato dai tipi dell’Armata.

"Woah!?"

Alcuni di essi saltarono per lo spavento.

In un angolino del vicolo, due ragazzi e una ragazza appena adolescenti si tenevano stretti per la
paura. Avevano rimosso le armature e indossavano solo della semplice biancheria. Asuna si morse il
labbro a quella scena, poi sorrise avvicinandosi a loro.

"Va tutto bene adesso. Potete rimuovere l’equipaggiamento."

I ragazzi annuirono con i loro occhi tondi per lo stupore, raccolsero i pezzi delle loro armature ed
aprirono le finestre.
"Ehi... Ehi, ehi, ehi!!"

In quel momento un membro dell’Armata tornò finalmente in sé e gridò.

"Smettetela di fare stupidaggini!! Non osate interferire negli affari della «Armata»!!"

"Un momento."

Un uomo dall’armatura più imponente fece un passo in avanti. Sembrava essere il leader del
gruppo.

"Non vi abbiamo mai visto da queste parti, ma sapete cosa significa mettersi contro la Forza di
Liberazione? Comunque se proprio ci tenete, possiamo discuterne al quartier generale."

Gli occhi del leader brillavano minacciosi: estraendo il suo enorme spadone, fece qualche passo in
avanti picchiando il lato piatto della lama sul palmo con gesti eloquenti. La lama rifletteva il colore
del sole al tramonto. Il riflesso indicava chiaramente che quella spada non era mai stata riparata o
lucidata, e che quindi non era mai stata in battaglia.

"O volete uscire dai confini cittadini per sistemare la faccenda? Eh!?"

Fu nel momento in cui pronunciò quella frase.

Si sentì chiaramente lo stridio dei denti di Asuna. Aveva cercato di fare del suo meglio per sistemare
la questione in maniera pacifica, ma quando vide i bambini tremare di paura perse la testa.

"...Kirito-kun, ti affido Yui-chan."

Yui fu passata a Kirito, e prima che chiunque potesse capire quello che stava accadendo, Asuna
aveva già materializzato il suo stocco con un movimento fluido della mano. Stringendo lo stocco, si
diresse contro il leader dei lestofanti.

"A.... Ah...?"
Affrontando quell’uomo che ancora non aveva afferrato la situazione, e che stava con la bocca
mezza aperta come un ebete, Asuna colpì immediatamente con una stoccata in cui inflisse tutta la
sua potenza.

Partì un intenso flash violetto che lambì i paraggi. Si udì un impatto fragoroso come un'esplosione.
L’uomo venne respinto immediatamente, ed atterrò di schiena, sbalordito.

"Se ti va così tanto di dar battaglia, non c’è bisogno di uscire fuori dalle mura."

Avvicinandosi all’uomo, Asuna brandì di nuovo la sua lama. Di nuovo un flash e un rumore
assordante. Il leader venne respinto di nuovo indietro.

"Non temere, i tuoi HP non caleranno. Però nemmeno io devo aver paura di fermarmi."

Fu solo quando vide che Asuna continuava ad avanzare con labbra livide, che il leader capì di
essersi cacciato nei guai.

Il Codice di Prevenzione dei Crimini faceva sì che gli attacchi fossero schermati da una barriera
invisibile. Ma questo aveva anche un altro significato: se nessuno si faceva male, l’attaccante non
doveva preoccuparsi che il suo cursore cambiasse nel colore riservato ai criminali.

Spesso si sfruttava questa concessione per allenarsi in città. Il sistema infatti non affliggeva le
statistiche e le abilità dell’attaccante, e non cancellava gli effetti grafici e sonori; inoltre, gli effetti
speciali come stordimento e repulsione funzionavano lo stesso, dato che non facevano calare gli HP.
Per giocatori non abituati, era una condizione comunque difficile da sostenere, anche se i loro HP
non si riducevano.

"Eek... S-Sto..."

Spiaccicato a terra dagli attacchi di Asuna, il leader non sapeva cosa fare.
"Voi altri... non statevene a guardare... Fate qualcosa...!!"

I membri dell’Armata estrassero le armi uno dopo l’altro.

I tipi che bloccavano la strada lasciarono i loro posti e si precipitarono su Asuna.

Affrontando tutti quegli uomini disposti a semicerchio, Asuna li guardava con occhi di fuoco.
Scalciando il pavimento senza dire una parola, falciò il gruppo sulla destra.

Dopo pochi attimi quegli spazi angusti furono riempiti da boati roboanti.

Circa tre minuti dopo.

Quando Asuna fu tornata in sé, ed ebbe abbassato la spada, tutto quello che rimaneva erano i
membri svenuti dell’Armata, sparsi in giro. I pochi superstiti sembravano essersela data a gambe.

"Whew..."

Facendo un lungo sospiro di sollievo, ripose la spada e tornò dagli altri— trovò Sasha e i ragazzini
impietriti e senza parole.

"Ah..."

Asuna fece un passo indietro trattenendo il fiato. Pensava che con la sua furia cieca aveva
sicuramente spaventato a morte i ragazzini, e abbassò lo sguardo sinceramente dispiaciuta.

Ma in quel momento, il solito ragazzino vivace dai capelli rossi strillò con gli occhi tutti luccicanti
per la meraviglia.

"Fichissimo... Sei una cannonata, sorellona!! Era la prima volta che vedevo una cosa simile!!"

"Ve l’ho detto che era fortissima, no?"


Kirito arrivò con un sorriso radioso. Yui era sotto il braccio sinistro, mentre nella mano destra
teneva una spada. Sembrava che si fosse occupato lui degli altri.

"...A-Ahahah."

Asuna rise, a disagio, e i bambini cominciarono a farle le feste, accorrendo verso di lei.

Sasha teneva le mani strette al petto, e sorrideva con occhi lucidi.

"I cuori.... I cuori di tutti sono—"

Una voce chiara e appena udibile. Asuna rimase stupita. Sotto il braccio di Kirito, Yui che si era
svegliata senza che nessuno se ne accorgesse aveva teso una mano con sguardo assente.

Asuna guardò nella direzione che indicava, ma non c’era nulla.

"I cuori di tutti... sono..."

"Yui! Cosa succede, Yui!!"

Gridò Kirito, e Yui batté le palpebre un paio di volte, senza cambiare espressione. Anche Asuna
corse spaventata e prese la mano di Yui.

"Yui-chan... Stai ricordando qualcosa!?"

"...I... Io..."

Tremando, abbassò la testa.

"Io non ero... qui... Sempre stata, sola nel buio..."

Tremava e si mordeva le labbra. E poi all’improvviso...


"Wa... aa... aaah!!"

Reclinando la testa all’indietro, prese a gridare con voce acuta.

"...!?"

Zsh, zsh, un suono simile al ronzio delle apparecchiature elettroniche risuonò nelle orecchie di
Asuna per la prima volta da quando era in SAO. Immediatamente dopo, Yui si afflosciò di nuovo,
come se stesse collassando.

"Yu... Yui-chan...!"

Asuna strillò e la strinse con tutte le forze.

"Mamma... paura... Mamma...!

Prendendo Yui che si lamentava dalle braccia di Kirito, la abbracciò e la tenne al petto. Alcuni
secondi dopo, quello strano fenomeno terminò e Yui svenne di nuovo.

"Ma... Che sta succedendo…?"

Il sussurro di Kirito risuonò in quello spazio silenzioso e si perse tra le mura circostanti.
Parte 3

"Prendete un solo pezzo di pane a testa!"

"Ehi, lo farai cadere se non fai attenzione!"

"Aah, maestra! Ginn ha rubato il mio uovo all’occhio di bue!"

"Ti ho dato le mie carote in cambio!"

"Ma è... sensazionale"

"Già..."

Asuna e Kirito osservavano stupiti quella colazione, che sembrava più una battaglia campale, e
rimasero sconvolti.

Erano nella chiesa del distretto sette della Starting City. Su dei grossi tavoli erano allineati grandi
piatti pieni di uova, pane, salsicce, verdure e altre cose buone, e una ventina di ragazzini li stavano
aggredendo famelici.

"Però pare che si divertano tutti un mondo."

Ad un tavolo circolare poco più lontano, erano seduti Asuna, Kirito, Yui e Sasha, che sorrideva
mentre sorseggiava un tè.

"Ogni giorno è sempre così. Ed è inutile dirgli di fare i bravi e di non fare chiasso."

Sasha guardava quei bambini con espressione amorevole.

"Ti piacciono proprio i bambini, vero?"

Chiese Asuna, e Sasha sorrise imbarazzata.


"D’altro canto, studiavo per diventare insegnante, all’università. Il caos in classe è sempre stato un
problema, no? La possibilità di essere una guida per i giovani mi ha sempre entusiasmato. Ma
quando sono giunta qui e ho cominciato a vivere con i bambini, ho capito che era diverso da come
lo immaginavo... Sembra che sia io a dipendere da loro; come se loro facessero molto di più per me
che viceversa. Ma forse non è del tutto un male... Ho cominciato a pensare che sia solo un esito
naturale."

"Credo di capire."

Asuna annuì accarezzando la testa di Yui, che stava mangiando da un cucchiaio accanto a lei. Il
calore portatole dall’esistenza di Yui l’aveva stupita. Era diverso dal sentimento d’amore che le
provocava Kirito; era come sentirsi toccare da delle piume leggerissime; dava una serenità
misteriosa.

Il giorno prima era svenuta per un malore misterioso, ma fortunatamente si era riavuta pochi minuti
dopo. Asuna però non aveva voluto intraprendere subito il viaggio di ritorno, e aveva accettato
l’invito di Sasha per rimanere in una stanza vuota della chiesa.

Le condizioni di Yui sembravano ottime, quindi Asuna e Kirito non erano preoccupati, ma la sua
condizione originaria non era cambiata. Secondo i pochi ricordi recuperati il giorno prima, Yui non
era mai stata alla Starting City, e non viveva con alcun guardiano. In questo caso, l’origine
dell’amnesia di Yui, il sintomo della sua regressione mentale all’età infantile, rimanevano entrambi
sconosciuti, e non sapevano cosa fare.

Ma Asuna aveva capito di provare un affetto sincero per la bambina.

Da quel giorno avrebbe vissuto con Yui fin quando non le sarebbero tornati i ricordi. Anche se
presto sarebbe dovuta tornare al fronte, ci doveva essere un modo per—

Mentre Asuna si perdeva nei suoi pensieri accarezzando i capelli di Yui, Kirito posò la sua tazza e
cominciò a parlare.

"Sasha-san..."

"Sì?"
"...Riguarda l’Armata. Per quanto ne so io, a parte la prepotenza dei tipi di ieri, so che
l’organizzazione ci tiene a mantenere l’ordine pubblico. Ma guardando i tipi di ieri, pare che siano
diventati loro i criminali... Da quanto le cose sono diventate così?"

Sasha rispose dopo un po’.

"Le cose sono cambiate circa sei mesi fa... Ci sono stati alcuni che hanno cominciato ad estorcere
denaro ed altri che reprimevano tali condotte. Ho anche sorpreso molte volte membri dell’Armata a
discutere piuttosto animatamente. Secondo indiscrezioni, ci sono state aspre lotte ai vertici
dell’organizzazione..."

"Certo... Sono ancora una potente organizzazione di più di mille membri. E capisco che non tutti
abbiano gli stessi ideali... Ma se quello che è successo ieri è una cosa che capita tutti i giorni, allora
vuol dire che sono marci anche i vertici ormai... Asuna."

"Sì?"

"Quel tipo sa di questa situazione?"

Asuna capì subito chi intendeva Kirito con le riluttanti parole, "quel tipo," e rispose trattenendo un
sorriso.

"Penso proprio di sì... Il Leader Heathcliff è informato anche dei movimenti dell’Armata, dopotutto.
Ma lui, come posso dire, non ha molto interesse per i giocatori che non siano clearers di alto
livello... Ha chiesto molte cose su di te, Kirito-kun, in merito alla soggiogazione della gilda di
criminali «Bara Ghignante», ma ha commentato il tutto con una sola frase, "Lascio fare a te".
Quindi non penso che mobiliterebbe i CdS solo per dare una lezione all’Armata."

"Beh se parliamo di lui mi sembra fattibile... Ma noi due da soli non possiamo fare granché."

Inarcando le sopracciglia, Kirito alzò immediatamente lo sguardo per osservare l’entrata della
chiesa.

"C’è qualcuno. Una sola persona..."

"Eh... Che sia un altro ospite..?"


Come a sottolineare i pensieri di Sasha, si sentì un bussare alle porte.

La persona che trovarono Sasha e Kirito quando andarono ad aprire fu una giocatrice di alta statura,
con una daga che le pendeva dal fianco.

Lunghi capelli argentei legati in una coda di cavallo— Il suo aspetto emanava un’area di
intelligenza, e i suoi occhi blu brillavano luminosi incorniciati da lineamenti fini e ben fatti.

Capigliatura, colore dei capelli e persino il colore degli occhi potevano essere modificati a
piacimento in SAO, ma dato che la maggioranza dell’utenza era Giapponese, giocatori che usavano
tali tonalità erano piuttosto rari. Anche Asuna una volta provò a cambiare il colore dei capelli in
rosa; decise di tornare immediatamente al castano, delusa dal risultato.

Era una bella ragazza, ed Asuna invidiava l’aura di maturità che emanava. Asuna diede uno sguardo
all’equipaggiamento della donna e si irrigidì istintivamente.

Sebbene indossasse un mantello grigio ferro, sotto si vedeva una giacca verde acceso e un paio di
leggins che le donavano particolarmente; l’armatura metallica con quel bagliore cupo era il segno
distintivo de «L’Armata». Sul fianco destro aveva una spada corta, e sul sinistro una frusta
annodata.

I bambini che si erano accorti della sua presenza rimasero in silenzio e la tenevano d’occhio.
Tuttavia, Sasha sorrise davanti ai bambini per rasserenarli.

"Va tutto bene, non preoccupatevi per la signora. Continuate pure a mangiare."

I ragazzi le mandarono sguardi incuriositi, ma dato che si fidavano ciecamente di Sasha, ritornarono
al loro pasto e presero ben presto a fare baccano. La donna nel frattempo aveva raggiunto il tavolo
circolare, e dopo un breve inchino si sedette su una sedia indicatale da Sasha.

Non comprendendo la situazione, Asuna guardò Kirito interrogativa, e lui inclinò la testa di lato per
parlare.

"Ehm, ecco, lei è Yulier-san. Sembra che abbia qualcosa da dirci."


La donna dai capelli argentei e con la frusta, di nome Yulier, guardò fisso Asuna per un momento,
prima di fare un breve cenno col capo e parlare.

"Piacere di conoscervi, sono Yulier. Appartengo alla gilda FLA."

"FLA?"

Chiese Asuna che non aveva mai sentito quel nome, provocando l’immediata risposta da parte di
Yulier.

"Ah, perdonatemi. Sarebbe un diminutivo per Forza di Liberazione di Aincrad. Non mi piace molto
il nome ufficiale, perciò..."

La sua voce era calma e profonda. Asuna diventava sempre più invidiosa, dato che considerava la
sua fin troppo infantile.

"Piacere mio. Io sono della gilda dei Cavalieri del Sangue— ah, no, al momento sono in congedo
temporaneo, quindi puoi chiamarmi solo Asuna. E questa bambina è Yui."

Avendo finito la sua zuppa e approcciando un succo di frutta, Yui alzò lo sguardo, guardando Yulier.
Poi fece un sorriso e spostò lo sguardo.

Non appena udì il nome "Cavalieri del Sangue", Yulier spalancò i suoi profondi occhi blu.

"CdB... Allora non mi meraviglia che quei tipi siano finiti male."

Asuna, che poteva ben immaginare chi erano "quei tipi", si mise sulla difensiva e rispose nervosa.

"...In altre parole, sei qui per interrogarci sui fatti di ieri?"

"No, no, non è affatto così. E’ l’opposto; diciamo che voglio congratularmi con voi per l’ottimo
lavoro che avete fatto."

"..."
Rivolta ad Asuna e Kirito che cercavano di capire che diamine stesse succedendo, Yulier si irrigidì
lievemente.

"Oggi, sono venuta fin qui per farvi una richiesta."

"U-Una richiesta...?"

Annuendo mentre la sua coda di cavallo ondeggiava, la spadaccina dell’Armata continuò.

"Sì. Allora, è meglio iniziare dall’inizio. Quella che conoscete come Armata non si chiama più
così... Il motivo per il quale adesso l’Armata si chiama FLA è che un ex luogotenente, un uomo
chiamato Kibaou, ne ha preso il controllo. Inizialmente si chiamava, MTD... Ne avete mai sentito
parlare?"

Asuna non ricordava, ma Kirito rispose subito.

"Probabilmente sta per «MMO Today». Quando è partito SAO, era il sito più famoso nella raccolta
di informazioni sui giochi on-line. Il fondatore di questo gruppo dovrebbe essere l’admin di quel
forum. Se ben ricordo, il suo nome era..."

"Thinker."

Nello stesso momento in cui disse il nome, Yulier si incupì leggermente.

"Lui... non voleva certo creare l’organizzazione prepotente che è adesso. Tutto quello che voleva era
distribuire equamente informazioni e risorse tra quanti più giocatori possibile..."

Persino Asuna sapeva degli ideali e del collasso della «Armata». Gli ideali di cacciare mostri con un
gran numero di giocatori, correre meno rischi possibili, con i quali potevano guadagnare molte
risorse e dividerle equamente. Ma l’essenza degli MMORPG era proprio la lotta tra giocatori per
aggiudicarsi le risorse e le informazioni, e quello non era cambiato neppure sotto le rigide e terribili
implicazioni dettate da SAO. No, anzi, si poteva vedere chiaramente come tali circostanze avessero
solo acuito tale lotta.
Quindi era necessario un approccio molto pragmatico ed una forte leadership per raggiungere tale
scopo, e come se non bastasse, l’Armata era troppo numerosa. Si litigava spesso per la spartizione
dei bottini, e le rivolte si moltiplicavano, e i leader persero gradualmente il controllo della gilda.

"E a quel punto il potere finì nelle mani di Kibaou."

Yulier lo disse con tono disgustato.

"Supportò lo stesso concetto di individualismo di Thinker, cominciò a rafforzare l’ossatura della


gilda con i giocatori di livello più elevato, e ne cambiò il nome in Forza di Liberazione di Aincrad.
Inoltre diede inizio alla caccia ai criminali e monopolizzò la caccia nei campi. All’inizio pensò di
condividere la caccia con altre gilde, ma poi cominciò a monopolizzarla con vere e proprie
dimostrazioni di forza, aumentando di molto i guadagni della gilda, e l’ala di Kibaou guadagnò ben
presto il potere. Recentemente, Thinker è stato relegato al rango di mero rappresentante... mentre i
lacché di Kibaou si sono lasciati trasportare e hanno cominciato ad estorcere soldi con la scusa di
raccogliere tasse…. Ieri, quelli che vi hanno dato noia facevano parte di tale fazione."

Yulier fece un sospiro, bevve il tè offertole da Sasha e continuò.

"Tuttavia, anche il gruppo di Kibaou aveva una debolezza. Pensavano solo a far cassa e a fare la
bella vita, ormai non si interessavano più a completare il gioco. Alla fine il resto della gilda
cominciò a pensare che si stesse perdendo di vista l’obiettivo originale della gilda... Per contenere
tale scontento, Kibaou ha fatto una scommessa molto azzardata poco tempo fa. Tra i suoi
subordinati, ha composto un party con i dieci migliori combattenti, mandandoli a combattere contro
il boss più potente."

Asuna si scambiò uno sguardo con Kirito. Stava parlando di quel giocatore dell’Armata, Colbert,
che aveva sfidato il boss al settantaquattresimo livello, «Il Gleameyes», senza la giusta preparazione
ed era morto miseramente.

"Indipendentemente da quanto fossero alti i loro livelli, se comparati a quelli dei veri clearers
oggigiorno, non possiamo che ammettere la nostra mancanza di competenze. ...Alla fine il party è
stato annientato, e peggio ancora con la morte del comandante. Kibaou è stato enormemente
criticato per la sua mancanza di giudizio. Eravamo ad un passo dall’esiliarlo, però..."

Yulier si morse il labbro e sul naso si formarono delle rughe.


"Tre giorni fa, Kibaou ha preso una decisione drastica dopo essere stato messo alle corde da
Thinker. Ha usato un cristallo per scappare nei pressi di un dungeon, ma al suo posto ci è finito
Thinker, disarmato, e in tali condizioni nessuno può attraversare indenne le orde di mostri e tornare
vivo. Sembra che non avesse neppure un cristallo del teletrasporto con sé..."

"S-Sono già passati tre giorni...!? Ma allora, Thinker-san è...?"

Yulier rispose alla domanda di Asuna con un breve cenno di assenso.

"Il suo nome sul «Monumento della Vita» è ancora inalterato, quindi in qualche modo deve aver
raggiunto la zona sicura del dungeon. Tuttavia, dato che si trova nelle profondità di un dungeon
molto pericoloso, riteniamo di non essere nella condizione di fare alcunché... Come sapete, non si
possono mandare messaggi dai dungeon, né si può accedere all’inventario della gilda, e non
possiamo spedirgli cristalli."

Dato che usare un cristallo per liberarsi di qualcuno era una prassi molto comune, nota come
«Portale PK», Thinker avrebbe dovuto capire la situazione in cui si trovava. Evidentemente non
aveva considerato che il suo luogotenente arrivasse a tanto, persino con i contrasti tra loro due. O
magari non voleva credere che sarebbe arrivato a tanto.

Come se avesse letto nei pensieri di Asuna, Yulier aggiunse "Lui è una persona troppo buona", e
continuò con un sospiro.

"...Gli unici a poter usare la prova che garantisce di essere i leader della gilda, cioè la «Pergamena
dei Contratti», sono Thinker e Kibaou, e se Thinker non torna, l’unico a poter gestire tutte le
operazioni della gilda, persino le sue finanze; sarà solo Kibaou. La responsabilità di evitare che
Thinker non finisse in trappola spettava alla sua assistente, cioè io, quindi non ho altra scelta che
andare a salvarlo. Ma col mio livello non ho speranze di farcela da sola; e nemmeno posso chiedere
aiuto agli altri membri della «Armata»."

Si morse forte il labbro e poi guardo prima Asuna e poi Kirito.

"E proprio allora ho saputo che una coppia di spadaccini potentissimi era apparsa in città, e quindi
sono venuta con l’intenzione di chiedere aiuto, dato che so che non ignorerete tale situazione.
Kirito-san— Asuna-san."

Yulier fece un profondo inchino e parlò.


"So che è da maleducati chiederlo ora che ci siamo appena conosciuti, ma vi andrebbe di aiutarmi a
salvare Thinker?"

Asuna fissò immediatamente Yulier, che aveva terminato la sua lunga storia e ora taceva.

Poteva sembrare deprimente, ma in SAO non ci si poteva fidare tanto facilmente delle parole di
qualcuno. Anche in una tale circostanza, la probabilità di voler attirare Kirito e Asuna fuori dalla
città, per poi far loro del male, non era da escludere. Normalmente, se qualcuno conosceva per bene
il gioco, avrebbe facilmente scoperto qualche cosa che non andava nelle storielle messe su dai
malintenzionati, ma sfortunatamente Asuna e gli altri non sapevano niente di cosa succedesse tra le
fila della «Armata».

Scambiando uno sguardo con Kirito, Asuna rispose con cautela.

"—Se c’è qualcosa che possiamo fare, dovremmo prestare la nostra forza— così la penso io. Ma
dovresti permetterci di fare delle ricerche, per confermare la tua versione..."

"Questo— è comprensibile, immagino..."

Yulier annuì brevemente.

"Capisco che sia una richiesta irragionevole... Tuttavia niente ci garantisce che in questo momento il
nome di Thinker non sia attraversato da una linea orizzontale sul Monumento della Vita..."

Gli occhi acuti della spadaccina grigia sembrarono incupirsi, confermando i sentimenti di Asuna.
Lei voleva tanto crederle. Ma allo stesso tempo l’esperienza accumulata in quei due anni la metteva
in guardia, impedendole di prendere decisioni troppo a cuor leggero.

Anche Kirito sembrava perso nei suoi pensieri. Quegli occhi neri brillavano e riflettevano il suo
tormento interiore, ossia scegliere tra l’aiutare Yulier e proteggere Asuna.

—Fu allora. Yui, che era rimasta in silenzio finora, sollevò lo sguardo dalla sua tazza e parlò.

"Va tutto bene, Mamma. Quella signora non sta mentendo."


Asuna fu presa alla sprovvista e fissò Yui. Mettendo da parte il contenuto della sua affermazione,
aveva parlato in un Giapponese corretto, come se il modo in cui avesse farfugliato fino al giorno
prima fosse tutto una finzione.

"Yu... Yui-chan, sei capace di comprendere una cosa del genere...?"

Alla domanda e all’espressione interrogativa di Asuna, Yui rispose annuendo.

"Un. Io… non so come spiegarlo a parole, ma posso..."

Sentendo quelle parole, Kirito scarmigliò i capelli di Yui con la mano destra. Poi osservò Asuna e
sorrise.

"Meglio rimpiangerle di averle creduto, che rimpiangere di aver dubitato di lei. Andiamo. Ce la
caveremo."

"Spericolato come sempre, eh."

Scuotendo la testa, anche Asuna prese ad accarezzare Yui.

"Scusaci, Yui-chan. Per un po’ non potremo cercare i tuoi amici, ma adesso dobbiamo aiutare questa
signora."

Sussurrò a bassa voce, ma non sapeva se la piccola potesse capirla. Yui fece un gran sorriso e annuì.
Accarezzando di nuovo quei luminosi capelli corvini, Asuna tornò a guardare Yulier e disse,
sorridendo.

"...Magari non saremo di grande aiuto, ma permettici di aiutarti. Il desiderio di aiutare una persona
importante per te; conosco anch’io questo sentimento..."

Yulier fece un inchino con gli occhi umidi.

"Grazie... Grazie infinite..."

"Ci ringrazierai dopo aver salvato Thinker-san."


Asuna fece un altro sorriso, e Sasha, che finora era rimasta in silenzio, batté le mani allegra.

"In questo caso, io penserò ai vostri stomaci! E’ rimasto ancora qualcosa, quindi mangia anche tu,
Yulier-san."

La flebile luce dell’autunno appena iniziato filtrava attraverso i rami degli alberi con una tonalità
cremisi, disegnando ombre sul pavimento di pietra. Pochissime persone camminavano per i vicoli
della Starting City, e insieme alla poca luce e al senso di vuoto, non si poteva negare che la città era
piuttosto cupa.

Asuna, armata ed equipaggiata a dovere, si affrettò per le strade insieme a Kirito, portando in
braccio Yui, seguendo la guida di Yulier.

Asuna aveva provato a lasciare Yui alle cure di Sasha, ma dato che la ragazzina aveva fatto storie,
alla fine avevano dovuto portarla con sé. Ovviamente, aveva un cristallo del teletrasporto pronto per
lei nel taschino. Se le cose si fossero messe male—anche se questo aveva preoccupato non poco
Sasha—avevano preparato tutto affinché il cristallo la riportasse in chiesa.

"Ah, ora che ci penso, non ci hai ancora detto una cosa molto importante."

Kirito si era rivolto a Yulier, che guidava il gruppo.

"Su che piano si trova il dungeon in questione?"

Yulier diede una semplice risposta.

"E’ qui."

"...?"

Asuna chinò istintivamente la testa di lato.

"Qui... eh?"
"Ecco, su questo piano... c’è un grande dungeon proprio sotto la città. Thinker è... probabilmente,
nella parte più profonda..."

"Seriamente?"

Chiese Kirito con voce lamentosa.

"Ma durante il beta test non c’era niente del genere. Guarda cosa mi sono perso..."

"L’entrata di questo dungeon è nel Castello di Ferro Nero— in altre parole, è al quartier generale
dell’Armata. Sembra essere uno di quei dungeon che si sbloccano solo quando vengono completati
livelli molto più in alto, ed è stato scoperto quando Kibaou è salito al potere, e lui l’ha esplorato
insieme ai suoi leccapiedi. Per un bel po’ di tempo è stato tenuto nascosto anche a me e Thinker..."

"Ah, capisco. Ci sono un sacco di oggetti rari che si possono trovare nei dungeon segreti, dopotutto.
Devono averne tratto profitto insomma."

"Beh, le cose non stanno proprio così."

Il tono di voce di Yulier sembrava stranamente divertito.

"Sebbene sia al primo piano, il livello di difficoltà di questo dungeon è spaventoso... Il livello dei
mostri è vicino a quelli del settantesimo piano. Sembra che persino Kibaou e i suoi tirapiedi sono
dovuti scappare e si sono salvati a malapena usando dei cristalli. E grazie a quei cristalli abbiamo
scoperto anche noi quel dungeon."

"Hahaha, capisco."

Yulier rispose con un sorriso alla risata di Kirito, ma tornò presto ad essere triste.

"Questa è anche la ragione per la quale salvare Thinker è così difficile. Il cristallo che ha usato
Kibaou ha spedito Thinker proprio nel bel mezzo del labirinto... Thinker probabilmente è nello
stesso punto da cui si teletrasportò Kibaou quando fu rincorso dai mostri. Per me non è difficile
affrontare i mostri uno contro uno, ma se sono troppi non posso farcela. —Mi spiace tanto, ma voi
due dovrete..."
"Ah, beh, se il livello è quello del settantesimo piano..."

"Dovremmo farcela."

Asuna annuì alle parole di Kirito. Per poter combattere al settantesimo piano, bisognava essere
almeno al livello 70, e Asuna attualmente aveva raggiunto il livello 87, mentre Kirito aveva già
sorpassato il 90. Per questo sarebbero stati in grado di proteggere Yulier e Yui. Ma Yulier continuò a
parlare senza mostrare sollievo.

"...Inoltre, c’è anche un problema. Il gruppo che ha esplorato il dungeon ha riferito che nelle
profondità del dungeon... è stato avvistato un mostro terribile; qualcosa simile ad un boss..."

"..."

Asuna e Kirito si guardarono.

"Il boss potrebbe essere lo stesso del settantesimo piano... Com’era fatto, quello?"

"Eh, se ben ricordo... era qualcosa simile ad un guerriero di pietra."

"Ah, quello, eh. ...Se non ricordo male non era molto difficile..."

Osservando Yulier, lei annuì nuovamente

"Se è così, allora dovremmo cavarcela facilmente."

"In questo caso sono sollevata!"

Yulier finalmente sembrò rilassarsi, anche se c’era qualcosa che la metteva ancora in agitazione.

"A proposito... Voi due avete già combattuto numerosi boss... Mi spiace avervi sottratto ai piani
alti..."

"No, in questo momento siamo in pausa."


Asuna agitò la mano per far capire che non c’era problema.

Mentre camminavano e chiacchieravano, apparve la sagoma di un enorme edificio nero e lucido. Si


trattava del più grande edificio della Starting City, il «Castello di Ferro Nero». Nella hall a destra
subito dopo l’entrata, c’era il «Monumento della Vita», sul quale erano incisi i nomi di tutti i
giocatori, ed era l’unico punto accessibile ai visitatori, dato che il resto era controllato dall’Armata.

Yulier non si diresse all’entrata anteriore, bensì a quella sul retro. Le alte mura e il fossato che le
circondavano sembravano infinite, e tenevano alla larga qualsiasi visitatore. Non c’era comunque
nessuno intenzionato ad avvicinarsi.

Il punto in cui si stava dirigendo Yulier era una scala che scendeva dalla strada fino ad un punto
vicinissimo alla superficie dell’acqua del fossato. Osservando bene, c’era un passaggio buio
seminascosto.

"Entreremo nelle fogne del castello ed usciremo nei pressi dell’entrata. Sarà un po’ buio e stretto..."

Yulier fissò Yui con aria preoccupata. Yui la guardò stizzita e disse.

"Yui non ha paura!"

Ed insistette a voler proseguire. Asuna sorrise a quella scena.

A Yulier aveva spiegato solo che "Vivevano insieme". Non aveva voluto impicciarsi dei loro affari,
ma era chiaro che aveva delle riserve a farla venire con loro.

Asuna decise di dire qualcosa per farla tranquillizzare.

"Va tutto bene, questa bambina non è inerme come sembra."

"Già. In futuro diventerà un’ottima spadaccina."

Alla risposta di Kirito, Asuna sorrise radiosa, e anche Yulier annuì.

"Bene allora, andiamo!"


"Nuooooo"

E la spada affondò nel mostro con un colpo solo.

"Ryaaaaaaa"

Mentre la spada sinistra lo spazzò via.

Equipaggiando due spade per la prima volta dopo tanto tempo, Kirito rilasciò tutta l’energia tenuta a
bada durante le vacanze, spazzando via un mostro dopo l’altro. Asuna, tenendo Yui per mano, e
Yulier che aveva estratto la sua frusta di metallo, non avevano dovuto fare niente finora. Ogni volta
che appariva un gruppo di mostri, cioè enormi rane ricoperte di muco, Kirito li assaliva con furia e
li spazzava via dal campo.

Asuna cominciò a pensare, "Oh, uffa", mentre Yulier osservava ammirata lo stile barbarico di
Kirito, con la bocca spalancata. Probabilmente combatteva in un modo assai diverso a quello a cui
era abituata lei. Yui invece faceva il tifo: "Papà, metticela tutta", e la tensione si sciolse fin da
subito.

Erano passati molti minuti da quando avevano messo piede in quel labirinto di acqua e pietra. Era
decisamente più grande e infestato di mostri di quanto credessero, ma la presenza di Kirito e delle
sue due spade aveva fatto sì che la traversata fosse decisamente agevole.

"Beh... Beh, mi spiace lasciare tutto a te..."

Osservando lo sguardo mortificato di Yulier, con il capo chino, Asuna rispose con un sorriso.

"No, ormai quel tipo si è fatto prendere la mano... E’ più che felice di fare tutto lui."

"Ehi, ma che dici, è una cosa brutta da dire."

Kirito aveva sentito Asuna, e si era sinceramente offeso.

"Allora vogliamo fare a cambio?"


"...T-Tra poco."

Asuna e Yulier sorrisero scambiandosi uno sguardo.

Dopo che la ragazza con la frusta ebbe richiamato la mappa con un cenno della mano, indicò un
punto luminoso che marcava la presenza del compagno. Siccome nessuno aveva ancora esplorato
tutto il dungeon, la strada fino a quel punto luminoso era oscurata, ma avevano già percorso circa il
settanta per cento della strada.

"Thinker non si è spostato per un paio di giorni. Probabilmente si trova in una zona sicura. Se
riusciamo a raggiungerlo, possiamo usare i cristalli per scappare poi... Scusatemi ancora, mi servirà
il vostro aiuto solo per un altro po’."

Yulier fece un inchino, e Kirito agitò la mano allarmato.

"N-No, lo stiamo facendo per nostra scelta, e poi sto anche trovando tanti begli oggetti, quindi..."

"Oh?"

Asuna chiese sinceramente interessata.

"I mostri hanno droppato qualcosa di interessante?"

"Già."

Kirito operò un menù ed apparve della carne rosso scuro con un suono umidiccio. Asuna rimase
imbambolata alla vista di quella roba.

"Ma cos’è quella?"

"Carne di rana! Il suo sapore è paragonabile solo alla sua stramberia, quindi devi assolutamente
cucinarla più tardi."

"Te lo puoi anche sognare!!"


Gridò Asuna, ed aprì anche lei il menù. Entrò nel menù che condivideva con il ragazzo e cercò
l’oggetto incriminato, «Carne di Scavenger x24», e la gettò senza pietà nel cestino.

"Ah! Aaaaaa..."

Kirito reagì malissimo e cominciò a piagnucolare, a quella vista Yulier scoppiò a ridere reggendosi
lo stomaco. Poi successe qualcosa,

"Sorellona, finalmente stai ridendo!"

Disse Yui tutta contenta.

A quella scena, Asuna ripensò a quello che era successo il giorno prima. Il giorno prima, Yui si era
sentita male dopo che aveva iniziato a divertirsi insieme agli altri bambini, dopo aver spazzato via i
delinquenti dell’Armata. Sembrava che la bambina possedesse un’insolita sensibilità ai sorrisi della
gente intorno a lei. Che fosse la sua personalità originaria, o che fosse dovuto ai suoi patimenti—
Asuna sentiva il bisogno di stringere Yui a sé. Aveva giurato a sé stessa che non avrebbe mai
abbandonato quella piccolina.

"Bene, andiamo!"

Alle parole di Asuna, il gruppo si rimise in marcia.

I mostri di tipo acquatico lasciarono presto il campo a quelli di tipo non-morto, come zombie e
spettri, spaventando seriamente Asuna, ma Kirito continuò a trucidare mostri dopo mostri senza
mostrare la minima esitazione.

Normalmente se un giocatore dei piani alti scendeva per combattere i mostri di un piano di basso
livello era considerato da maleducati, ma vista la situazione non c’era da preoccuparsi, e poi non
c’era nessun altro nei paraggi. Piuttosto, era una buona chance per far livellare Yulier, ma lei era
interessata solo a salvare Thinker al momento.

Due ore erano passate in un batter di ciglia, e la strada tra il gruppo e la presunta posizione di
Thinker si era ridotta parecchio.
Non era possibile tenere il conto di quanti mostri avessero abbattuto, quando finalmente videro un
bagliore davanti a loro.

"Ah, è la zona sicura!"

Alle parole di Asuna, anche Kirito annuì, avendo controllato con la sua abilità di scansione.

"C’è un solo giocatore dentro. Ed è vivo."

"Thinker!"

Yulier gridò e prese a correre, incapace di aspettare oltre, con l’armatura che cigolava ad ogni passo.
Kirito abbassò le spade e la seguì insieme ad Asuna che reggeva Yui.

Corsero verso la luce. Ad un certo punto raggiunsero un bivio, e dopo di esso raggiunsero presto
una piccola stanza.

Ai loro occhi ormai abituati all’oscurità, quella flebile luce era dolorosissima per gli occhi, e c’era
un solo uomo lì dentro. Il suo volto era sfalsato dalla luce, ma stava agitando la mano verso di loro.

"Yurieeel!!"

Non appena si fu accertato di chi fossero i visitatori, urlò il nome della compagna. Yulier agitò la
mano a sua volta, riprendendo a correre.

"Thinkeeer!!"

Con la voce rotta dal pianto, l’uomo gridò—

"Non avvicinateviiii!! Quella strada è...!!"

A quell’avvertimento, Asuna si fermò allarmata. Ma Yulier non sembrò farci caso e continuò
imperterrita a correre.
In quel momento.

Alcuni metri a destra rispetto all’apertura della stanza, nel buio comparve un cursore giallo. Asuna
controllò in fretta il nome. L’etichetta recitava «La Falce Fatale»—

La falce simboleggiava il fato, e poi c’era l’articolo prima del nome. La prova che si trattava di un
boss.

"Nooo!! Yulier-san, stai indietro!!"

Asuna gridò. Il cursore giallo si mosse in fretta, frapponendosi tra la stanza e il gruppo. Di quel
passo Yulier se lo sarebbe ritrovato davanti. Non c’era più molto tempo.

"Ku-!!"

All’improvviso, Kirito sparì dal fianco di Asuna. In realtà era scattato a gran velocità. Tutt’intorno
risuonò il suono di un impatto.

Era schizzato di molti metri in avanti in un istante, aveva afferrato Yulier con un braccio e aveva
affondato una spada in un muro con tutte le sue forze. Un terribile suono metallico. Innumerevole
scintille si sparsero intorno. Una frenata d’emergenza per niente piacevole, Nello spazio di fronte a
loro, si parò ben presto un’ombra tutt’altro che amichevole.

Il cursore giallo era sì e no a dieci metri da loro. Il mostro, dalle dimensioni sconosciute, sembrò
prepararsi a caricare.

Kirito lasciò andare Yulier, e ritraendo la spada conficcata, saltò nel passaggio a sinistra. Asuna lo
seguì.

Scuotendo Yulier per farla riavere dallo shock, si sporse dall’apertura in cui si erano nascosti.
Posando Yui accanto a Yulier, Asuna disse.

"Per favore, corri nella zona sicura con la bambina!"

La ragazza con la frusta annuì, e controllando che portasse Yui con sé, Asuna estrasse il suo stocco e
si voltò a sinistra.
C’era Kirito, con le spade sguainate. Più avanti invece— c’era una creatura umanoide di due metri e
mezzo, avvolta in un manto svolazzante.

Dalle pieghe spuntavano mani rattrappite e nere. La faccia scarna era occupata in gran parte da due
occhi enormi ed iniettati di sangue, fissi sulla coppia. Nella mano destra reggeva un’enorme falce
nera. Sull’estremità di quella lama crudele colavano viscidi rivoli rossi, goccia dopo goccia. Il suo
aspetto era del tutto simile al classico cupo mietitore.

Gli occhi del mietitore puntarono dritto su Asuna. In quel momento lei si sentì montare una paura
tremenda, e sentì brividi freddi lungo la schiena.

Ma il suo livello non doveva essere molto alto.

Con quel pensiero brandì di nuovo la sua lama, ma Kirito parlò visibilmente turbato.

"Asuna, vai nella zona sicura, porta con te tutti e scappate con un cristallo, adesso."

"Eh...?"

"Questo qui è forte. Persino la mia abilità non mi fornisce alcuna informazione su di lui. In termini
di potenza, dev’essere equiparabile ai mostri del novantesimo livello."

"...?"

Asuna rimase senza parole. Il mietitore intanto continuava ad avanzare verso di loro, levitando.

"Io lo trattengo per un po’, quindi vai!!"

"Ki-Kirito devi venire anche tu..."

"Verrò dopo di te! Presto...!!"

Sebbene il cristallo fosse una manna dal cielo, non era certo onnipotente. Tra il prendere il cristallo,
scegliere la destinazione, ed usarlo c’era un tempo di attesa di diversi secondi. Se qualcuno venisse
attaccato durante quell’intervallo di tempo, il teletrasporto verrebbe annullato. Era per questo che
quando in un party veniva meno la linea di comando, e i membri si davano alla fuga usando i
cristalli, le vittime solitamente erano sempre quelli che non avevano il tempo di usare i cristalli.

Asuna non sapeva cosa fare. Kirito era abbastanza forte da sopravvivere e scappare. Tuttavia la
velocità mostrata dal boss si era rivelata terrificante. Se lei fosse scappata, e lui non sarebbe
comparso poi. Non se lo sarebbe mai perdonato.

Asuna diede un’occhiata in fondo alla strada a destra.

—Perdonami, Yui-chan. Avevo detto che saremmo stati insieme...

Lo disse sussurrando, poi gridò.

"Yulier-san, lascio a te Yui! Voi tre scappate tutti insieme!"

Yulier scosse la testa, la sua espressione gelida.

"Non permetterò mai una cosa del genere..."

"Presto!!"

Fu allora. Il mietitore caricò con la falce alzata, con i miasmi che spuntavano dal suo manto.

Kirito incrociò le lame e si impose di fronte ad Asuna. Lei afferrò disperata la sua schiena, unendo
la sua lama a quella di Kirito. Il mietitore, per niente intimorito dalle loro tre spade, calò la sua
falce.

Un lampo rosso. Un impatto.

Asuna si sentì girare la testa. Prima venne spinta per terra, poi rimbalzò e ricadde per terra. Il suo
respiro si fermò, e la sua vista si fece buia.

Controllò la sua barra degli HP e quella di Kirito, ed entrambe erano ridotte a metà con quel singolo
colpo. Non sarebbero sopravvissuti al prossimo attacco. Doveva alzarsi al più presto. Ma non
riusciva a muoversi—
—E in quel momento.

Sentì un passo dopo l’altro venire verso di lei. Impietrita, riconobbe i passi infantili che correvano
verso di lei, noncuranti del pericolo.

Braccia e gambe sottili. Lunghi capelli neri. Era Yui, che era scappata dalla zona sicura. Per niente
spaventata, stava correndo verso il mietitore.

"Idiota!! Scappa via!!"

Gridò Kirito cercando di tirarsi su. Il mostro sollevò di nuovo la falce, pronto a colpire. Se fosse
stata colpita, gli HP di Yui sarebbero certamente calati a zero. Anche Asuna provò a parlare. Ma non
riuscì a dire una sola parola.

Ma in quel momento, accadde qualcosa di incredibile.

"Va tutto bene, Mamma, Papà."

Yui cominciò a galleggiare delicatamente.

Non aveva saltato. Muovendosi come se avesse le ali, si fermò a due metri circa da terra. Poi stese
in avanti il suo braccio destro fin troppo corto.

"Nooo...! Togliti di lì!! Scappa, Yui-chan!!"

Come a voler zittire le grida di Asuna, la falce calò sul corpicino di Yui. L’atroce punta della falce
colpì il palmo di Yui—

Poco prima di colpirlo, apparve una barriera violacea e la falce fu respinta. L’avviso di sistema che
spuntò intorno a Yui fece rimanere Asuna a bocca aperta.

[Oggetto Indistruttibile], c’era scritto. Indistruttibile— un attributo che non poteva possedere nessun
giocatore.

Il mietitore fissò Yui visibilmente confuso. Subito dopo accadde qualcos'altro che sorprese Asuna.
"Gouu!!". Insieme a quel suono, un’ondata di fiamme si avvolse nel palmo aperto della mano di
Yui. Le fiamme si unirono e si allungarono, e infine presero una forma familiare. Guardando, era
impossibile non notare una spada enorme di fiamme. Una lama che sembrava estendersi all’infinito.

Quella spada enorme era parecchie volte più lunga della stessa Yui. Il metallo incandescente di cui
era fatta illuminava l’intero corridoio. A contatto con il tremendo calore della lama, i vestiti di Yui
cominciarono a bruciare all’istante. Al di sotto di essi apparve di nuovo il completo intero bianco
che la bambina indossava il primo giorno. Stranamente però, le fiamme non sembravano avere
alcun effetto sul vestito, sui capelli o sulla stessa Yui.

Mosse appena appena la spada che aveva evocato—

E senza esitare, Yui sfidò il mostro di fronte a sé.

Sebbene le sue azioni non fossero altro che il frutto degli algoritmi del sistema, Asuna poté giurare
di vedere la paura negli occhi del mietitore.

Avvolta dalle fiamme, Yui caricò la bestia con un rumore assordante. Il mostro alzò la falce per
difendersi, come se fosse spaventato dalla bambina, molto più piccola di lui. E avanzando, Yui agitò
la spada con tutte le sue forze.

La spada colpì la falce proprio nel mezzo, e per un istante, il mondo sembrò fermarsi.

Poi la spada di Yui prese ad avanzare lentamente, ma inarrestabile, facendo uno stridio terribile. Le
fiamme polverizzavano qualsiasi cosa a parte Yui e il mietitore stesso.

Non ci volle molto per—

Insieme ad un suono tremendo, la falce del mostro si spezzò finalmente a metà. Immediatamente
dopo, la spada si trasformò in un turbine di fiamme che colpì il mostro dritto in faccia.
"—h...!!"

Asuna e Kirito sobbalzarono istintivamente, reagendo all’impressionante spettacolo che si stava


parando di fronte ai loro occhi. In quel momento, risuonò un terribile grido di agonia per tutto il
corridoio.

Quando riaprirono gli occhi, dovettero riabituarsi a tutta quella luce. Il boss non c’era più. Piccoli
fuochi continuavano a bruciare qua e là, con un suono crepitante. E al centro di tutto Yui era sola, e
guardava verso il basso. La fiamma cadde dalle sua mani, al suolo, e svanì in un turbine di fiamme
proprio come quando era apparsa.

Asuna si alzò, usando il suo stocco come sostegno. Anche Kirito si rialzò poco dopo. La coppia si
avvicinò a Yui con passi malfermi.

"Yui... chan..."

Asuna la chiamò con voce roca, e la bambina si voltò senza fare alcun rumore. Le sue labbra
sorridevano, ma i suoi occhi erano pieni di lacrime.

Yui guardò Asuna e Kirito e parlò.

"Papà... Mamma... Adesso mi ricordo tutto..."

La zona sicura del labirinto sotto la Starting City era perfettamente quadrata. C’era una sola entrata,
e al centro di essa c’era un tavolo di pietra liscio e nero.

Asuna e Kirito osservavano Yui seduta su quel tavolo, in silenzio. Yulier e Thinker erano già andati
via, e ora erano rimasti solo loro tre.

"I miei ricordi sono tornati"; con quelle parole, Yui aveva iniziato a spiegare, ma erano passati
diversi minuti senza dire nulla. La sua espressione sembrava esitante e sofferente, ma ben presto
Asuna le chiese di continuare.

"Yui-chan... Ti ricordi...? Tutto adesso..."


Yui teneva ancora lo sguardo basso, ma poi rispose. Parlò con un’espressione a metà strada tra il
sorriso e le lacrime.

"Sì... Vi spiegherò tutto— Kirito-san, Asuna-san."

Nel momento in cui la sentì parlare in maniera tanto formale, Asuna sentì qualcosa rompersi dentro
di lei. Sentiva che qualcosa sarebbe finito presto.

In quella stanza quadrata, Yui continuò a parlare.

"Questo mondo, «Sword Art Online», è controllato da un singolo, enorme programma. Il sistema si
chiama «Cardinal». Questo mondo funziona secondo il suo giudizio. In primo luogo, Cardinal è
stato concepito in maniera da non necessitare di manutenzione da parte dell’uomo. Con due
programmi che correggono in parallelo gli errori dell’altro, ed inoltre innumerevoli programmi
minori a sua disposizione regolano questo mondo in toto... L’IA di mostri ed NPC, il bilancio degli
oggetti e della valuta, tutto viene controllato dalla serie di programmi sotto il controllo di Cardinal.
—Tuttavia, c’era una cosa che doveva per forza essere affidata al controllo umano. Problemi
derivanti dagli stati emotivi dei giocatori; si trattava di una cosa che potevano risolvere solo gli
umani stessi... e a tale scopo sarebbero dovuti entrare in gioco dozzine di membri dello staff."

"GM..."

Kirito rispose con un sospiro.

"Yui, in pratica, ci stai dicendo che sei un game master...? Un membro dello staff della Argus...?"

Yui scosse la testa, rimanendo in silenzio per qualche momento.

"...Quando i creatori di Cardinal hanno affidato persino le vite dei giocatori al sistema, hanno
lanciato anche un trial di un certo programma. Usando una caratteristica tipica del Nerve Gear, esso
ha scansionato in lungo e in largo le emozioni dei giocatori, e si mostrava ai giocatori bisognosi di
supporto emotivo con il nome... «Mental Health — Counselling Program», MHCP versione 1,
nome in codice, «Yui». Questa sono io."

Asuna rimase senza parole per lo shock. Non fu in grado di comprendere subito quello che aveva
sentito.
"Programma...? Intendi un’IA...?"

Chiese con un filo di voce. Yui annuì con un sorriso amaro.

"Per poter meglio interagire con i giocatori, mi è stata fornita una personalità molto simile a quella
umana. —E’ tutto fasullo però... anche queste lacrime... Mi dispiace, Asuna-san..."

Grosse lacrime colavano dagli occhi di Yui, per poi evaporare in lampi di luce. Asuna fece un solo
passo verso Yui. Allungò una mano, ma Yui scosse la testa. Era come— come se si sentisse indegna
di ricevere ulteriori abbracci da Asuna.

Ancora incapace di capire la situazione, Asuna le rivolse una domanda.

"Ma... Come hai fatto a perdere i ricordi...? Una cosa del genere può succedere anche ad un’IA...?"

"...Due anni fa... Il primo giorno di servizio di SAO..."

Yui continuò la sua spiegazione con lo sguardo basso.

"Sebbene anche io non conoscevo bene i dettagli, Cardinal mi ha dato un ordine insolito. Il divieto
assoluto di interagire con i giocatori... Impossibilitata a stabilire contatti con qualcuno, non mi
restava che controllare gli stati mentali dei giocatori."

Asuna reagì d’istinto; immaginò che quell’ordine assurdo le fosse stato impartito direttamente
dall’unico GM di SAO ancora operativo, Kayaba Akihiko. Yui, che probabilmente era all’oscuro di
tutti gli avvenimenti passati, scuoteva la testa tristemente.

"Quella situazione— era insostenibile per me... Praticamente tutti i giocatori erano flagellati da
tristezza, disperazione e rabbia; a volte, qualcuno cedeva persino alla pazzia. Ho continuato a
guardare nei loro cuori. Se avessi potuto, sarei corsa subito da quei giocatori bisognosi, avrei
ascoltato i loro problemi e li avrei aiutati... ma mi era stato espressamente vietato... Il conflitto tra il
dover intervenire e l’ordine che me lo impediva mi ha ben presto riempito di errori, e il mio sistema
è crashato..."

Nel cuore di quel labirinto silenzioso, la voce delicata di Yui risuonava argentea. Asuna e Kirito non
potevano far altro che ascoltare senza pronunciare una sola parola.
"Un giorno, mentre effettuavo il mio solito monitoraggio, ho rilevato due persone i cui parametri
mentali erano molto diversi da quelli degli altri giocatori. Finora non avevo mai incontrati simili
pattern mentali. Gioia... pace... ma non solo questo... molte emozioni nuove, che mi spingevano a
studiarli sempre di più. Dentro di me sono fioriti desideri sconosciuti, mentre osservavo le loro
interazioni. Ad un certo punto non stavo più svolgendo la mia funzione... Volevo avvicinarmi di più
a loro due... in modo intimo, volevo conversare con loro... Con il desiderio di avvicinarmi a loro,
anche solo di poco, ho vagato per giorni, arrivando a trovare la casa in cui vivevano. Credo di
essere collassata intorno a quel periodo..."

"Ed è successo nella foresta del ventiduesimo piano...?"

Yui annuì gentilmente.

"Sì. Kirito-san, Asuna-san... Io ho sempre desiderato... incontrare voi due... In quella foresta, nel
momento in cui vi ho visti... sono scoppiata di gioia... E’ stato strano, non credevo di poter provare
simili emozioni... Io non sono altro che un programma..."

Piangendo copiosamente, Yui chiuse la bocca. Asuna era afflitta da sentimenti contrastanti, con le
mani giunte al petto.

"Yui-chan... sei una vera IA, vero? Quindi possiedi una vera intelligenza... "

A quelle parole, Yui reclinò la testa e rispose.

"Io.. non capisco... Cosa mi sia successo esattamente..."

In quel momento, Kirito fece un passo in avanti rompendo il suo silenzio.

"Yui, non sei più un programma sotto il controllo del sistema. Quindi dovresti esprimere
liberamente quali sono i tuoi desideri."

Disse con voce gentile.

"Che cosa desideri, Yui?"

"Io... Io voglio..."
Yui allungò in avanti le sue braccia sottili.

"Stare per sempre insieme... Papà... Mamma...!"

Senza neppur degnarsi di asciugarsi le lacrime sul viso, Asuna corse ad abbracciare Yui.

"Staremo sempre insieme, Yui-chan."

Poco dopo, anche Kirito, strinse tra le braccia sia Yui che Asuna.

"Aah... Yui è nostra figlia. Andiamo a casa. Vivremo tutti insieme... per sempre..."

Tuttavia, Yui scosse la testa.

"Eh..."

"E’... troppo tardi..."

Kirito chiese sorpreso.

"Ma che... Come troppo tardi..."

"Il motivo per il quale ho riavuto i miei ricordi... è perché ho trovato quella pietra."

Yui indicò il tavolo di pietra liscio al centro della stanza.

"Quando prima Asuna-san mi ha spedito in questa stanza, ho toccato quella pietra per caso, e ho
capito. Questo non è solo un oggetto decorativo... Si tratta di un pannello di controllo d’emergenza
installato per i GM."

Come se Yui avesse impartito un ordine silenzioso, la stele di pietra cominciò ad illuminarsi. Con
un suono elettronico, comparve una tastiera olografica sulla sua superficie.
"Credo che il mostro di prima sia stato messo qui per tenere via i giocatori. Ho avuto accesso al
sistema tramite questo pannello e ho eliminato il mostro con «Cancella Oggetti» . In quel momento,
Cardinal ha corretto gli errori nel mio registro... ma allo stesso tempo, Cardinal mi ha anche
scoperta. In questo momento il sistema sta scansionando il mio programma. Concluderà che sono
diventata un’entità estranea, e finirà col cancellarmi. Ormai... non mi rimane molto tempo..."

"Ma... Ma è..."

"Non c’è nulla che possiamo fare? Se andiamo via da qui..."

Yui rivolse un sorriso triste alle parole dei due. Ricominciò a piangere poco dopo.

"Papà, Mamma, grazie mille. Credo sia arrivato il momento di salutarci."

"Ma no! Io non voglio!!"

Asuna strillò disperata.

"Questo è solo l’inizio!! D’ora in poi staremo tutti felici e insieme... vivremo in pace..."

"In quell’oscurità... Durante quel periodo buio in cui non sapevo neppure chi fossi, Papà e Mamma
sono stati la mia unica gioia."

Yui guardò Asuna negli occhi. Il suo corpo cominciò ad essere avvolto da una debole luce.

"Yui, non andare!!"

Kirito prese Yui per le mani. Lei strinse le sue mani con le sue dita sottili.

"Quando sono con Mamma e Papà, tutto sembra bello... Questo mi ha resa felice. Questa sarà la mia
richiesta d’ora in poi... Quando non ci sarò più... aiutate tutti... portate loro la gioia..."

I capelli e il vestito di Yui cominciarono a disintegrarsi in frammenti di luce. Il suo volto sorridente
divenne trasparente. La sua presenza stava svanendo.
"No! Non voglio!! Se Yui-chan va via non sarò più in grado di sorridere!!"

Coperta da quella luce, Yui sorrise. Accarezzò Asuna poco prima di svanire.

—Mamma, devi sorridere...

Con quelle parole riecheggianti, ci fu un’ultima luce, e poi nulla più; dopo che la luce si fu spenta,
non rimaneva niente fra le braccia di Asuna.

"Uwaaaaaa!!"

Gridando senza trattenersi, Asuna cadde in ginocchio. Inginocchiandosi sul tavolo in pietra, pianse
come una bambina. Le lacrime caddero una dopo l’altra, sul terreno dove poco prima stava Yui,
mescolandosi alla polvere di dati di cui era composto quel mondo.
Parte 4

Sul giardino soffiava una brezza calda e gentile. Forse attratti dalle voci allegre, un bel po’ di uccelli
stavano sui rami degli alberi, osservando i bizzarri umani sottostanti.

Una festa si stava celebrando nel grande giardino di fronte alla chiesa di Sasha, e avevano spostato
il grande tavolo per poter mangiare fuori. Il cibo veniva preparato con una griglia enorme, per la
gioia di tutti i bambini.

"Pensare che una cosa tanto deliziosa... in realtà non esiste..."

Il capo dell’Armata che era stato salvato appena il giorno prima, Thinker, assaggiò l’arrosto
preparato con dovizia da Asuna, tessendone le lodi estasiato. Accanto a lui, Yulier osservava
divertita. All’inizio sembrava una guerriera impassibile, ma accanto a Thinker non sembrava altro
che una moglie gentile.

Per quanto riguardava Thinker invece, si vedeva chiaramente che si trattava di una persona che
emanava un’aura di gentilezza, decisamente in contrasto con il ruolo di chi comanda una gilda del
genere.

Leggermente più alto di Asuna, era visibilmente più basso di Yulier. La sua corporatura
assolutamente comune non era quella di un guerriero, e non aveva neppure un’arma. Accanto a lei,
anche Yulier per l’occasione non era in uniforme.

Thinker accettò il vino offertogli da Kirito, e fece un cenno col capo. Non era la prima volta, quel
giorno.

"Asuna-san, Kirito-san. Vi siamo davvero debitori. Ditemi come posso sdebitarmi..."

"No, io devo molto a «MMO Today» dopotutto."

Kirito rispose con un sorriso.

"Un nome molto nostalgico."


Al sentirlo, il volto tondo di Thinker si illuminò con un sorriso.

"All’epoca, viste le difficoltà inerenti all’aggiornare il sito giorno dopo giorno, pensai che non
potessi fare molto altro, ma paragonandolo all’essere il capo di una gilda, era una passeggiata. Avrei
fatto meglio a dirigere un giornale anche qui, eh."

Dal tavolo si levarono le risate.

"Ed ecco… Come vanno adesso le cose con l’Armata...?"

Asuna chiese esitante, e Thinker cambiò espressione.

"Kibaou e i suoi sostenitori sono stati espulsi. Avrei dovuto farlo molto tempo fa... Io non sono
bravo a litigare, e la situazione è degenerata subito... —Ho anche pensato di sciogliere la gilda."

Asuna e Kirito si guardarono meravigliati.

"Devi…averci riflettuto per un bel po’."

"L’Armata è cresciuta troppo... Demolirò la gilda, e dalle sue ceneri creerò nuovamente
un’organizzazione per il bene di tutti. Demolirla e abbandonare tutti è da irresponsabili dopotutto."

Yulier strinse gentilmente la mano di Thinker e continuò al suo posto.

"—Ridistribuiremo equamente le ricchezze accumulate dall’Armata tra i membri e anche tra gli
abitanti di questa città. Dopotutto, abbiamo causato non pochi disagi... Sasha-san, ci dispiace tanto."

Yulier e Thinker fecero un profondo inchino, provocando la sorpresa di Sasha. La poveretta


cominciò ad agitare le mani commossa.

"No, questo è troppo. I bambini hanno ricevuto aiuto anche dai membri onesti dell’Armata
dopotutto."

La reazione di Sasha causò un’altra ondata di risate.


"Mettendo questo da parte..."

Yulier si rivolse ai due spadaccini.

"La bambina di ieri, Yui-chan... come se la passa...?"

Asuna e Kirito si scambiarono uno sguardo, e la ragazza rispose con un sorriso.

"Yui è... tornata a casa sua..."

Portò il suo indice al petto. Lì brillava un ciondolo che fino al giorno prima non c’era. Lì,
incastonata in una fine catena d’argento, c’era una gemma brillante. Accarezzando quella gemma a
forma di lacrima, sentì un calore vivo sulla punta delle dita.

In quel momento—

Poco dopo la scomparsa di Yui, quando Asuna piangeva disperata, Kirito gridò all’improvviso.

"Cardinal!!"

Alzando lo sguardo al cielo, Kirito fissò il soffitto della stanza e gridò.

"Non pensare che... andrà come vuoi tu!!"

Poi saltò improvvisamente sulla console al centro della stanza. Colpì rapidamente la tastiera
olografica. A quella scena Asuna dimenticò la sua tristezza e chiese con voce tremante.

"Ki-Kirito-kun... Ma che...!?"

"Se è ancora... Se è ancora qui, potrei introdurmi nel sistema con l’account di un GM..."

Davanti a Kirito che borbottava a bassa voce comparve una finestra luminosa che irradiava di luce
l’intera stanza. Mentre Asuna lo osservava stupita, Kirito inserì diversi comandi uno dopo l’altro.
Apparve una piccola barra di progresso, e nell’istante in cui la barra raggiunse l’estremità che
indicava il completamento—

La console lampeggiò con una luce bianca, e immediatamente dopo Kirito fu mandato a gambe
all’aria con un suono tremendo.

"Ki-Kirito-kun!!"

Spaventata, accorse da lui steso per terra.

Scuotendo la testa mentre si rialzava, Kirito sorrise con espressione dolorante; poi porse ad Asuna il
pugno chiuso. Non capendo cosa stesse succedendo, Asuna allungò a sua volta la mano.

Quello che Kirito fece cadere nella mano aperta di Asuna era un gioiello a forma di lacrima. Al
centro della gemma finemente elaborata brillava una luce intermittente, come se fossero dei battiti.

"Questo è...?"

"...La connessione che ha usato Yui per connettersi al sistema era ancora attiva, e l’ho sfruttata per
scaricare il suo programma, e poi l’ho convertito in oggetto... Qui dentro c’è il cuore di Yui..."

Dopo aver detto questo, Kirito rovinò al suolo, come se fosse a corto di energie.

"Yui-chan... allora sei... qui dentro, eh... La mia... Yui-chan..."

Ancora una volta riprese a piangere disperata. La gemma, come a rispondere alle parole di Asuna,
brillò una volta più intensamente delle altre.

Salutarono riluttanti Sasha, Yulier, Thinker, e i bambini, e il vento infuso dei profumi della foresta, e
tornarono al ventiduesimo piano. Sebbene fossero stati via solo tre giorni, a loro pareva essere
trascorso molto più tempo.

Che mondo vasto—


Asuna ripensò ancora una volta a quel misterioso mondo fluttuante. Ogni giorno, su quel mondo a
strati c’erano persone che ridevano o che piangevano. No, per la maggior parte delle persone erano
più comuni gli avvenimenti tristi; eppure, tutti quanti continuavano le loro battaglie, giorno dopo
giorno.

Il posto in cui dovrei essere...

Asuna osservò la strada davanti casa sua, e poi il soffitto sopra di lei.

—Torniamo presto a fronte, pensò all’improvviso.

Ho bisogno di tornare al mio posto e di usare ancora la mia spada. Non so quanto mi ci vorrà, ma
intendo demolire questo mondo fasullo e restituire a tutti il vero sorriso. Per garantire a tutti la vera
felicità— Era questa la richiesta di Yui.

"Ehi, Kirito-kun."

"Mmh?"

"Se il gioco finirà e questo mondo sparisse, cosa succederebbe a Yui-chan?"

"Aah... Beh, non credo ci siano rischi. Ho convertito i suoi dati in modo da essere compatibili per
alcune applicazioni installate nella memoria del mio Nerve Gear. Però potrebbe essere difficile
decomprimerli sottoforma di Yui... Ma ritengo sia possibile."

"Capisco."

Asuna abbracciò Kirito gentilmente.

"Bene, allora incontreremo Yui dall’altra parte. La nostra prima bambina."

"Certo."

Asuna osservò il cristallo che teneva in mano. "Mamma, fa del tuo meglio"... Le sembrava di
sentire nelle sue orecchie.
Parte 1

«Vorpal Strike» brillò nell’oscurità, e con la sua luce rosso sangue gli HP di due mostri insettiformi
andarono a zero.

Confermando con la visione laterale che i mostri fossero finiti in frantumi poligonali, riposi la spada
subito dopo essermi sbloccato, e mi voltai per bloccare l’attacco di una mandibola grossa e
acuminata. Poi usai la medesima «Sword Skill» per finirlo; Emise un Giiii prima di morire e
frantumarsi in mille pezzi.

Questa potente abilità per le spade a mano singola era apparsa per la prima volta tre giorni fa,
Quando la mia «Abilità con le Spade ad una mano» aveva raggiunto il livello 950, e si era
dimostrata estremamente utile. Sebbene avesse un tempo di recupero piuttosto lungo, la sua portata
era lunga circa il doppio della lunghezza della lama della spada; ed il fatto che sviluppava la stessa
potenza di un attacco con una lancia a due mani la rendeva davvero interessante. Ovviamente se
l’avessi usata in battaglia contro altri giocatori, loro avrebbero saputo sfruttare il suo punto debole
contro di me in un baleno. Ma l’IA dei mostri non poteva competere con cose come questa. Potevo
usarla e spazzare via i mostri con la sua luce rossa in tutta sicurezza.

Dopo aver lottato per ore sotto la fioca luce delle fiaccole, sentivo che la mia concentrazione stava
scemando. Non riuscivo più a contrattaccare a dovere alle loro mandibole o al loro muco acido.
Sebbene attaccassero in gruppi numerosi, questi mostri non erano uno scherzo. Questo posto si
trovava appena tre piani al di sotto della linea del fronte al 49esimo piano, e questi erano mostri
molto potenti. Sebbene fossi a posto con il mio livello, se mi avessero attaccato in gruppo e mi
avessero colpito, sarei finito ben presto nella zona gialla.

Per affrontare questi rischi e scendere in un livello già conquistato c’era solo una ragione. Questo
era il posto migliore per guadagnare punti esperienza tra le aree di allenamento attualmente
conosciute. Le formiche giganti che spuntavano dalle cave intorno al crepaccio erano forti, ma i
loro HP e le loro difese erano molto bassi. Finché evitavi i loro attacchi potevi spazzarle via con
facilità. Ma come avevo detto prima, quest’area brulicava di questi esseri, ed una volta circondato
non ci sarebbe voluto molto per morire, quindi non era un’area molto adatta ai solo player. Dato che
era un’area molto gettonata per l’allenamento, ad ogni squadra era concessa solo un’ora di
allenamento. Ero l’unico solo player presente. Persino ora riconoscevo volti famosi allineati
all’entrata del dungeon. C’erano un bel po’ di espressioni annoiate che scrutavano da questa parte.
Fosse stata solo impazienza, sarebbe stato normale. Ma quella gente parlava di me come "L’Idiota
più Potente" o "Imbroglione" – ma ovviamente io non ne sapevo niente.

Il mio timer mostrava 57 minuti. Decisi di concludere spazzando via l’ultima ondata di mostri. Feci
un respiro profondo, per attingere alla poca concentrazione che mi era rimasta.

Mentre i mostri si avvicinavano sia da destra che da sinistra, lanciai un pugnale a quella a destra per
rallentarla e uccisi quella a sinistra con la combo a tre colpi «Sharpnail». Voltandomi verso l’altra,
usai «Vorpal Strike» per spazzare via l’altra formica. Durante il periodo di impedimento seguente
all’uso di quell’abilità, usai il mio guanto destro per ripulirmi dell’acido che mi aveva colpito. Con
un suono elettronico, i miei HP calarono leggermente, poi colpii forte il suolo per saltare. In aria
colpii la parte molle del dorso della formica e la uccisi. Per le altre due usai delle catene a sei colpi
per eliminarmi. Prima che apparisse il successivo gruppo di formiche dalle loro tane, me la
squagliai.

Dopo aver percorso i trenta metri di quella vallata in cinque secondi, rotolai fuori dalla piccola
entrata prima di riprendere fiato. Annaspando in cerca d’aria, mi chiesi se quel bisogno fosse solo
mentale o se anche il mio corpo fosse nelle medesime situazioni. In ogni caso mi sentivo lo stomaco
contratto, ed incapace di trattenere i conati, così mi accasciai al suolo come una foglia secca.

Mentre ero steso al suolo, sentii molti passi affrettarsi verso di me. Sebbene fossero tutte persone
che conoscevo, non riuscii neppure a salutarle. Agitando flebilmente la mano per salutarli, sentii
una voce familiare ed infastidita.

"Il mio livello ed il vostro sono già alti a sufficienza, quindi oggi non prenderò parte all’azione.
Ascoltatemi. Non lasciate che la formazione si disgreghi, e prestate sempre attenzione alle persone
intorno a voi. Non vergognatevi se doveste trovarvi nei guai e vi dovesse servire aiuto, gridate e
correrò ad aiutarvi. E inoltre, scappate non appena la regina esce allo scoperto."

Dopo aver ascoltato le direttive del loro leader, cinque o sei risposero con "Si!" oppure "Ho!", e il
rumore di passi si allontanò gradualmente. Respirai pesantemente un paio di volte, e dopo essermi
finalmente riposato, mi alzai in piedi e mi poggiai ad un albero con la mano destra.

"Prendi!"

Afferrai con piacere la pozione curativa, la stappai con il pollice, e la bevvi avido. Sebbene sapesse
leggermente di limone amaro, in quel momento per me era deliziosa. Buttai a terra la bottiglietta
vuota, la osservai svanire in una tenue luce rossa e alzai lo sguardo.

Klein, il leader della gilda «Fuurinkazan» che avevo conosciuto all’inizio di SAO, indossava ancora
la sua sudicia bandana, aprì la bocca e parlò con quel suo volto dalla barba sfatta:

"Kirito, mettila come ti pare, questo è decisamente assurdo. A che ora sei venuto oggi?"

"Eh... alle 8 del mattino."

Dopo aver risposto con voce roca, Klein mostrò un’espressione esagerata di disappunto.

"Ehi ehi, sono già le due del pomeriggio, sei stato qui per sei ore. In un posto del genere poi, vuoi
morire per caso?"
"Tranquillo. Durante l’attesa posso riposarmi per due ore."

"Quindi se non si presenta nessuno saresti disposto a continuare a combattere!"

"Ecco perché ho scelto questo orario per venire. Se fossi venuto durante il giorno avrei dovuto
aspettare per cinque o sei ore."

Klein rimase scioccato e rispose "Idiota". Si tolse quindi la katana dal fianco e si sedette accanto a
me.

"...Riguardo la tua forza, mi è bastato vederti il primo giorno qui in SAO per capirlo... a che livello
sei adesso?"

Mantenere il segreto su certe cose era la chiave per rimanere in vita. Non chiederlo, era quindi una
regola non scritta in SAO. Ma finora non c’era mai stato motivo di tenerlo nascosto a Klein, quindi
risposi onestamente.

"Oggi sono arrivato al livello 69."

La mano con cui si grattava il mento si fermò improvvisamente, e gli occhi seminascosti dalla
bandana si aprirono per lo stupore.

"...Fai sul serio? Da quanto sei a dieci livelli sopra di me – e poi non capisco. Ultimamente stai
livellando molto più di prima. Sicuramente ti stai allenando anche nelle ore del giorno in cui qui
viene poca gente. Perché ti spingi a tanto? Non voglio sentire una risposta come......"per finire il
gioco". Anche se diventi il più forte di tutti, il ritmo di certe cose verrebbe comunque stabilito dalle
gilde più potenti come la CdS."

"Non badarci; Sono diventato un maniaco dei livelli. Guadagnare punti exp mi fa sentire in pace
con me stesso."

Guardandomi rispondere con un sorriso sornione, Klein mise su un’espressione molto severa.

"Non scherzare... lo so anch’io quanto sia faticosa una vita del genere. Giocare da solo è
incredibilmente spossante per la mente...anche se il tuo livello si avvicina a 70, stare da soli in
quest’area è decisamente fuori questione. Vuoi correre il rischio, ma avrai un limite anche tu. Che
senso ha livellare così tanto se poi rischi di morire per la stanchezza?

Fuurinkazan è una gilda composta da Klein e amici che ha conosciuto anche prima di SAO. I suoi
membri sono una cricca che detesta gli sforzi non necessari, e come suo leader, Klein, non fa
eccezione.
E’ una brava persona, ma per una persona del genere, preoccuparsi in questo modo per uno come
me, temo che sia perché deve, affinché io capisca quali siano le sue ragioni. Per aiutare Klein, che
non è molto bravo con le parole, aprii bocca con un sorriso.

"Tranquillo, non devi più fingere di essere preoccupato. Vuoi sapere se il mio obiettivo è la Flag
Mob, giusto?"

Flag Mob è un mostro necessario per completare una quest. Appare sia una volta ogni poche ore che
una volta ogni parecchi giorni, ma tende spesso ad apparire vicino al Boss, quindi non è uno
scherzo. Quindi per abbatterlo, spesso i giocatori devono approntare squadre molto simili a quelle
per sconfiggere i Boss.

Klein mostrò un’espressione dura e si grattò la mascella.

"...Non che mi interessasse scoprirlo..."

"Non devi più nasconderlo. Il fatto che hai pagato per avere informazioni sul Boss di Natale da
Argo...anche io ho comprato le stesse informazioni da lei."

"Cosa?!"

Klein spalancò occhi e bocca.

"Quella Argo... il suo soprannome, Ratto, non è solo per scena allora."

"Quella ragazza venderebbe qualsiasi tipo di informazione, persino i suoi status. Comunque,
sappiamo che il nostro obiettivo è il Boss di Natale, ed io ho comprato tutte le informazioni
reperibili da un NPC. Quindi saprai che è per questo che sto accumulando quanti più punti
esperienza possibili e non ho intenzione di fermarmi."

"Ah... scusami. Ora si che la cosa ha un senso."

Klein si grattò la testa e continuò.

"Mancano 5 giorni alla vigilia di Natale... tutte le gilde stanno cercando di livellare prima che
appaia il Boss di Natale, anche solo di un livello se possibile. Ma gli idioti che si allenano a soli per
tutta la notte sono rari. Fortunatamente la mia gilda ha dieci membri, quindi abbiamo buone chance
di abbattere il Boss. Sai, dato che è un’occasione da «Una Volta L’Anno» questo Flag Mob, non è
ceto una cosa che puoi sperare di cacciare da solo.
"......."

Incapace di rispondere, mi limitai a fissare l’erba secca e marroncina.

Un anno dopo l’inizio di SAO, praticamente intorno al secondo Natale, cominciò a spargersi una
voce per tutto Aincrad. Un mese fa, gli NPC su tutti i piani hanno cominciato a parlare tutti della
stessa quest.

Si mormorava che durante il Mese dell’Agrifoglio, e cioè nella notte del 24 Dicembre, in una
foresta, sotto i rami di un albero immenso, il mostro leggendario «Nicholas il Rinnegato» avrebbe
fatto la sua comparsa. A chiunque fosse riuscito a sconfiggerlo, sarebbero andati tutti i tesori che
portava nella sacca che teneva dietro la schiena.

Persino le gilde che si occupavano solo di completare il gioco stavolta si erano interessate.
Speravano che i tesori quali soldi, armi ed oggetti li avrebbero aiutato durante le loro cacce ai Boss
di livello. Vediamola in questo modo, in un mondo crudele come SAO, questo era visto un po’
come il regalo di Natale, quindi perché non accettarlo?

Ma un solo player come me all’inizio non aveva alcun interesse nella faccenda. Non occorreva che
me lo dicesse Klein che un avversario del genere era fuori dalla portata di un giocatore solo. E con i
soldi che ottenevo con il game clearing, avrei potuto comprarmi una casa se avessi voluto. Ma cosa
più importante, non volevo che come risultato del combattimento contro il Flag Mob, fossi
diventato famoso e finire sulla bocca di tutti.

Ma due settimane fa – presi una decisione a 180 gradi dopo aver sentito le informazioni di un NPC.
Da quel giorno, sono venuto qui a livellare come un pazzo, sotto le risate di scherno di tutti gli altri.
Klein, che era rimasto in silenzio, alla fine disse:

"Quindi ha a che fare con quell’informazione – «L’Oggetto di Resurrezione»."

"...Ah."

Ora che la conversazione era arrivata a questo punto, non c’era più bisogno di nasconderlo. Sospirai
un buon numero di volte e poi risposi.

"Capisco quello che provi...Non avrei mai sognato che ci potesse essere un oggetto simile. «La
borsa di Nicholas contiene un oggetto leggendario che può riportare i morti alla vita.» ...però...come
molte persone, penso fosse solo una bugia. O piuttosto chiamiamola una menzogna, magari si tratta
di una frase di quando SAO era ancora un comune VRMMO...e cioè, questo oggetto avrebbe fatto
resuscitare i giocatori quanto ancora non c’era la «Pena di Morte». Ma SAO è cambiato. C’è una
sola penalità adesso, la morte del giocatore. Non voglio ricordare quei momenti, ma questo è quello
che ci disse quel Kayaba."
Ricordai l’incidente del tutorial il primo giorno, quando il falso GM Akihiko ci parlò del nostro
futuro. Qualsiasi giocatore i cui HP fossero scesi a zero sarebbe sparito dal server e non avrebbe
fatto ritorno a casa.

Non penso che stesse mentendo...però...

"Non c’è nessuno che possa confermare che la morte in questo mondo equivalga alla morte nel
mondo reale."

Dissi quelle parole. Proprio allora, Klein storse il naso e rimarcò:

"Moriamo e torniamo vivi dall’altra parte, e Kayaba ci affronterebbe dicendo «Ho mentito» ? Per
favore, questa questione è chiusa da ani ormai. Se si trattasse di un pessimo scherzo sarebbe bastato
rimuovere il Nerve Gear ai giocatori e sarebbe tutto finito. Ma non possiamo farlo, quindi è tutto
vero. Se gli HP scendono a zero, il Nerve Gear diventa un forno a microonde e ti frigge il cervello.
Se così non fosse, tutte le persone che son ostate uccise dai mostri e che gridavano "Non voglio
morire" mentre finivano in frantumi, che ne è stato di loro allora?"

"Sta zitto!"

Interruppi Klein gridando così forte senza neanche rendermene conto.

"Se pensi che non capisco nemmeno questo genere di cose, allora non ho niente da dirti... Certo,
Kayaba lo ha detto il primo giorno, ma qualche tempo fa il leader dei CdS che combattono al fronte,
Heathcliff disse questo: finché c’è anche solo l’un per cento di probabilità di salvare un compagno,
dobbiamo fare tutto quello che possiamo per salvarli, e chi non è d’accordo non merita di formare
alcun party. Anche se non mi piace quell’uomo, quello che dice è giusto. Sto rincorrendo quella
chance. Supponiamo che i morti non siano tornati nel mondo reale, né siano veramente morti, e che
invece siano stati trasferiti in una sorte di area riservata, ad attendere il risultato finale di questo
gioco. Allora ecco trovata una ragione per cercare «L’Oggetto di Resurrezione»."

Con una risoluzione insolita per me, tirai in ballo lo scenario che avevo messo su solo per
incoraggiare me stesso. Klein mise da parte la sua rabbia e mi guardò con un misto di pietà e
tristezza.

"Davvero?"

La sua voce adesso era calma e pacata.

"Kirito...non l’hai ancora dimenticato, huh, la tua ultima gilda... E sono passati sei mesi ormai da
allora..."
Voltai lo sguardo e dissi qualcosa per proteggermi.

"E come potrei...sono morti tutti tranne me..."

"Si chiamava «Gatti Neri della Luna Piena» vero? Non erano una gilda di quelle che cercano di
completare il gioco, eppure si avventuravano molto vicino alla linea del fronte, e alla fine qualcuno
fece scappare un allarme trappola. Questa non è colpa tua, e nessuno potrebbe biasimarti. Piuttosto
dovresti essere grato di essere sopravvissuto."

"Non è vero...è stata colpa mia. Che fosse impedirgli di avvicinarsi alla linea del fronte, di non
fargli aprire quella cassa o di assicurarmi che fossero scappati; avrei potuto fare una qualsiasi di
queste cose."

—Se non avessi nascosto le mie abilità ai miei compagni. Il dolore che mi provocava non poter dire
questo a Klein mi stava mordendo ferocemente. Prima che potesse dire qualsiasi parola di conforto,
mi forzai a finire quello che avevo iniziato a dire:

"Ovviamente, potrebbe non esistere neppure quell’un per cento di probabilità. Ma che possa esistere
il Boss di Natale, che possa sconfiggerlo da solo, che esiste questo oggetto della Resurrezione, o
che le coscienze dei morti siano state conservate...tutte queste speranze sono come granelli di
sabbia nel deserto. Però...però non è ancora zero. E per questo devo impegnarmi al massimo.
Piuttosto...Klein, non penso che tu ti sia buttato in questa rottura solo per un po’ di soldi no? Quindi
anche tu avrai una ragione come me, no?"

In risposta alla mia domanda, Klein grugnì, e rispose ponendo il fodero a terra:

"Non sono un sognatore come te. E’ solo che...prima, anche io avevo un amico che poi è morto. Se
non faccio tutto quello che posso per aiutarlo, non riuscirei a dormire la notte..."

Rivolsi a Klein un sorriso.

"Allora è lo stesso."

"Non è lo stesso. Il nostro obiettivo principale è ancora il tesoro......ma così in pochi sarebbe
tremendo se sbucasse una formica gigante o chissà cos’altro. Vado a dare una controllata."

"Ah, ah."

Annuendo appena, chiusi gli occhi e mi appoggiai con la schiena al tronco dell’albero. Le parole del
mio amico sembravano lontane, eppure vivide.
"E sono preoccupato per te. Non lo faccio solo per avere informazioni, scemo. Se ti azzardi a
morire in un posto del genere, giuro che non userò quell’oggetto per resuscitarti!"
Parte 2

“Grazie per il tuo aiuto. Lo accetteremo con gioia. Per favore, coprici finché non raggiungiamo
l’uscita.”

Queste furono le prime parole che il leader dei «Gatti Neri della Luna Piena», Keita, mi rivolse.

Erano passati ben cinque mesi da quando era iniziato SAO. Per poter recuperare materiali per
forgiare armi, mi ero avventurato per i labirinti a dieci piani sotto la linea del fronte dell’epoca.

Come Beater, mi ero dato da fare sin dall’inizio, sfruttando l’esperienza accumulata come beta
tester. Adottando un approccio da solo player, mi aveva permesso di accumulare punti esperienza in
maniera molto efficiente. Avevo raggiunto il punto di poter sconfiggere i mostri del fronte anche
tutto da solo. D conseguenza, cacciare ad un livello più basso era diventata una cosa semplice e
noiosa per me. Lungo la strada per uscire dal labirinto, avevo incontrato un party che scappava,
inseguito da un’orda di mostri.

Come solo player, mi resi conto immediatamente che si trattava di un team non bilanciato. In una
squadra di cinque elementi, l’unico che poteva combattere da ariete era un tizio con una mazza e
uno scudo. Poi c’era un ladro armato solo con una daga, uno con una staffa a due mani e due
lancieri. Tuttavia, non appena il tipo con la mazza subiva troppi danni, non c’era nessuno che
potesse dargli il cambio. Come risultato, questo tipo di squadra poteva solo arretrare lentamente.

Per determinare le loro capacità, controllai gli hit points di ognuno di loro. Sembravano più che
sufficienti per permettergli di raggiungere in sicurezza l’uscita. Ma sarebbero stati spacciati se
avessero trovato un altro gruppo di mostri lungo la strada. Dopo aver atteso esitante per un po’,
sbucai dal mio nascondiglio e parlai al tipo con la staffa che sembrava essere il leader.

“Vuoi che vi dia una mano?”

Il tipo con la staffa mi osservò confuso e sorpreso, e dopo un attimo di esitazione annuì.

“Scusa per il disturbo, ma se avverti pericolo scappa immediatamente.”

Annuii e poi estrassi la spada che portavo dietro la schiena, mandando un grido al tipo con la mazza
per dargli il cambio. Poi partii all’assalto contro i mostri.

Il nemico era un gruppo di goblin che avevo sconfitto a vagonate mentre cacciavo per conto mio.
Avrei potuto sconfiggerli facilmente se avessi dato fondo alle mie abilità. Anche se non fossi
riuscito a difendermi da un attacco, sarei durato per un sacco di tempo grazie alla mia abilità «battle
healing» che mi permetteva di recuperare gradualmente gli HP. Però ero preoccupato. Non dei
goblin, ma dei giocatori che stavo aiutando.
In genere, era considerato scortese se un giocatore di alto livello scendesse a cacciare e fare casino
ai livelli inferiori. Se la cosa andava avanti per parecchio, il giocatore veniva ammonito e veniva
mandata un’istanza per prendere provvedimenti alle gilde dei piani alti. Il giocatore sarebbe finito
quindi nella lista di quelli dal comportamento indecoroso e sarebbe stato sottoposto ad una vasta
gamma di punizioni. Anche se questa poteva essere vista come una situazione d’emergenza, ero
comunque preoccupato. Se non avessi fatto attenzione, mi avrebbero bollato come Beater invece di
mostrare gratitudine.

Quindi rallentai di proposito i miei movimenti, impiegando più tempo del necessario per abbattere i
mostri. All’epoca non potevo sapere che la mia decisione avrebbe condotto ad un errore
irreparabile.

Il gruppo di goblin venne finalmente sconfitto dopo aver fatto più volte a cambio con il tipo con la
mazza, dopo che ebbe ripristinato i suoi HP con delle pozioni. Quando questo party di cinque
persone si mise ad esultare rimasi sconcertato. Si scambiarono tutti il cinque per celebrare la
vittoria.

Anche se imbarazzato, sorrisi e strinsi le mani di tutti quelli che me le porgevano. L’unica ragazza
del party, una ragazza dai capelli neri e dalla lunga lancia, mi strinse la mano con entrambe le sue
mentre ripeteva tra le lacrime:

“Grazie...... Grazie mille. Avevo tanta paura...... quando sei venuto ad aiutarci, sono stata molto
felice. Grazie infinite.”

Sentire quelle parole da una ragazza che stava piangendo mi fece sentire un’emozione
indescrivibile. In quel momento fui felice di essere stato abbastanza forte da poterli aiutare.

Anche se ero un solo player dall’inizio del gioco, quella non era la prima volta che aiutavo
qualcuno nei guai. Tuttavia, durante gli attacchi organizzati lungo la linea del fronte, era una regola
tacita aiutarsi a vicenda. Dato che sarebbe arrivato il giorno in cui avrei avuto bisogno di aiuto,
aiutavo tutti quelli che potevo senza pretendere nulla in cambio. E poi di solito chi veniva aiutato,
ringraziava al massimo a parole. Era il modo migliore per gestire il prezioso silenzio tra una
battaglia appena conclusa e quella che sarebbe iniziata subito dopo.

Però, loro – i «Gatti Neri della Luna Piena» erano diversi. Il party era sopraffatto dalla gioia persino
dopo aver vinto un round di una battaglia, e ognuno si complimentava con l’altro per gli sforzi.
Quando mi proposi di accompagnarli all’uscita, per loro fu come se fosse partita una di quelle
ridicole fanfare della vittoria dei vecchi RPG a giocatore singolo. Probabilmente erano un po’ come
una famiglia. In effetti, erano le persone come loro, quelle che stavano affrontando nel migliore dei
modi la follia pura chiamata SAO.

“Ero preoccupato per le poche pozioni rimaste...... Se non è un problema, possiamo tornare insieme
all’uscita.”
Keita annuì e poi rise verso di me.

“Grazie mille per il tuo aiuto.”

No, quando finalmente compresi che l’unico a trovarla un’esperienza rinfrancate ero io, erano
ormai passati sei mesi dalla scomparsa dei «Gatti Neri della Luna Piena». Come giocatore che
aveva scelto la strada del solo player per accumulare potere, difendere qualcuno molto più debole di
me donava l’impagabile sensazione di soddisfazione che si prova quando sai che tutti dipendono da
te..

Lungo la strada del ritorno accettai l’invito di Keita ad un pub per bere qualcosa. Così brindammo
per l’occasione, con del vino rosso che loro consideravano costoso. Quando le mie presentazioni
furono terminate, Keita mi chiese esitante informazioni sul mio livello quando l’atmosfera si fu
calmata.

Mi aspettavo questa domanda. Perciò avevo pensato ad un numero fasullo piuttosto probabile. Il
numero che avevo pensato era tre livelli sopra il loro livello medio...... ma era anche venti livelli al
di sotto del mio vero livello.

“Huh! Puoi giocare da solo da queste parti al tuo livello attuale?”

La mia espressione triste quando risposi a Keita lo sorprese.

“Non c'è bisogno di parlare in questi termini...... Gioco da solo, ma attacco solo i nemici isolati
evitando il loro campo visivo. Però non è un metodo molto efficace.”

“Oh...... Ho capito, allora...... Anche se potrà sembrare improvviso...... ma credo che molte gilde ti
inviteranno ad unirti molto presto...... Quindi, ti andrebbe di unirti alla nostra gilda?”

“Eh......?”

Vedendo che non sapevo cosa rispondere, il volto di Keita, che era tutto rosso per l’emozione, si
mosse per parlare di nuovo.

“Guarda, al nostro livello attuale possiamo esplorare tranquillamente il labirinto in cui eravamo
prima. Per quanto riguarda le abilità per salire sopra...... dovresti aver compreso le nostre
circostanze. L’unica persona che può fungere da ariete è Tetsuo. Ma la sua ripresa non è in grado di
tenere testa ai danni che subisce. Quindi le battaglie diventano man mano più impossibili. Se
avessimo un altro compagno che si unisse a noi, le cose si semplificherebbero di non poco. Poi......
Sachi, vieni qui un momento.”
Keita alzò la mano e chiamò ad alta voce la ragazza corvina che usava la lancia. La piccola ragazza
chiamata Sachi si avvicinò timidamente reggendo un bicchiere di vino rosso e annuì quando la
guardai. Keita poggiò una mano sulla fronte di Sachi prima di continuare e poi disse:

“L’abilità primaria di questa ragazza, come puoi vedere, è di usare la lancia lunga a due mani. Ma la
sua abilità è inferiore rispetto a quella dell’altro utilizzatore di lance del nostro gruppo. Quindi
vorrei sfruttare quest’occasione per convertirla in un’utilizzatrice di spada e scudo. Finora non ne
abbiamo mai avuto l’occasione. E poi non abbiamo molta familiarità con le spade ad . Ti va di farle
da insegnante?”

“Ehi! Mi stai trattando come una ragazzina!”

Sachi fece una linguaccia e sorrise, prima di aggiungere:

“Questo è dovuto tutto al fatto che finora attaccavo il nemico dalla distanza. Se fosse sorta
improvvisamente la necessità di ingaggiare il nemico dalla corta distanza, è ovvio che mi sarei
sentita spaventata.”

“Finché ti riparerai con lo scudo sarai al sicuro. Quante volte devo ripeterlo per fartelo capire......
sul serio. Hai sempre avuto troppa paura.”

Io conoscevo solo la tragica situazione del fronte, dove molti morivano miseramente. No, secondo
la mia opinione, in qualsiasi MMORPG i giocatori competevano incessantemente per le risorse.
Quindi, il loro modo di fare era allo stesso tempo atipico ed affascinante. Quando Keita si accorse
che lo stavo osservando, arrossì timido e aggiunse:
“Ah...... I membri della nostra gilda in realtà sono tutti membri del club di informatica dello steso
istituto scolastico. Infatti lei vive molto vicino a casa mia...... Ah, non preoccuparti se qui sono tutti
troppo gentili a volte. Riuscirai ad integrarti alla perfezione.”

Tutti in quel gruppo, Keita incluso, erano bravi ragazzi. Era una cosa che avevo capito fin dal
viaggio di ritorno fatto insieme. Mi sentii in colpa quando ingannai quei ragazzi e forzai un sorriso.

“Allora...... Permettetemi di unirmi a voi. E inoltre, prendetevi cura di me, per favore.”

Con un secondo ariete, l’equilibrio del team dei Gatti Neri aumentò drasticamente.

No, se qualcuno di loro avesse avuto dei dubbi alla mia unione, avrebbero scoperto che per qualche
strano motivo, i miei HP non calavano mai. Tuttavia, questi ragazzi avevano creduto a quello che
gli avevo detto, e cioè che questo mio cappotto aveva status difensivi e di recupero formidabili, una
vera bugia—e non hanno mai dubitato di me.

Durante le battaglie, io dovevo occuparmi solo di difendere il gruppo, lasciando che i miei
compagni abbattessero i mostri per guadagnare punti. Keita e gli altri livellarono in fretta, e dopo
appena una settimana che mi ero unito a loro, ci stavamo allenando al piano di sopra.

Eravamo seduti in una zona sicura del dungeon. Keita stava mangiando un bento che Sachi gli
aveva preparato mentre mi raccontava il suo sogno tutto eccitato,

“Ovviamente la sicurezza dei nostri alleati è la cosa più importante per noi. Però...se la sicurezza
fosse stata l’unica cosa che ci interessava, avremmo potuto barricarci nella città iniziale. Dato che ci
stiamo allenando così duramente, speriamo di poter entrare tra i clearer un giorno. La linea del
fronte è così fuori la nostra portata che possiamo lasciarla solo alle gilde più forti come i Cavalieri
del Sangue e alla Divina Alleanza dei Draghi...eh, Kirito, qual è la differenza tra noi e loro?”

“Eh...un, le informazioni. Ricevono continuamente informazioni sulle aree in cui l’allenamento è


più efficiente, come ottenere le migliori armi, e così via.”

Questo era il motivo per cui mi trovavo nella squadra d’attacco, ma Keita non sembrava contento
della mia risposta.

“Questa...è chiaramente una motivazione. Ma pensavo si trattasse di forza di volontà. Il loro


desiderio di proteggere i loro compagni e gli altri giocatori insomma. E che fosse a causa di questo
desiderio che riuscissero a vincere le battaglie contro i boss. Noi siamo quelli che vengono protetti,
ma i nostri sentimenti non sono da meno dei loro. Quindi...Sento che se continuiamo ad impegnarci
duramente, riusciremo a raggiungere il loro livello un giorno.”
“Si…Hai ragione.”

Anche se dissi così, non credevo che le motivazioni di cui parlava fossero poi tanto nobili. Il motivo
per cui i clearer spiccavano tra tutti gli altri è che avevano sempre degli spadaccini che spiccavano
tra migliaia di giocatori. Se davvero volessero completare SAO per proteggere gli altri, avrebbero
dovuto condividere informazioni e tutto il resto con i giocatori meno forti. In questo modo
avrebbero fatto aumentare facilmente il livello degli altri, così da far aumentare il numero di
persone che si sarebbero unite alle loro file.

Il motivo per cui non agivano in quel modo è perché speravano di essere i più forti. Ovviamente
questo valeva anche per me. Infatti, avevo l’abitudine di sgusciare via silenziosamente di notte per
andare ad allenarmi da solo lungo la linea del fronte. Questo mi permise di mantenere le distanze
con il livello degli altri membri dei Gatti Neri. Anche se sapevo come sarebbe andata a finire,
continuai a tradirli.

Comunque sia, ero convinto che se il loro livello fosse continuato ad aumentare, saremmo stati in
grado di lottare lungo le il fronte. E pensavo che l’idealismo di Keita avrebbe potuto cambiare gli
altri clearers.

Infatti, i Gatti Neri stavano migliorando con quella che si poteva definire una velocità anomala. Ci
allenavamo in un posto che utilizzavano anche quelli che combattevano al fronte ormai. Sapevo
tutto di quel luogo, sia i posti più pericolosi che quelli più proficui. Continuavo a guidarli con
maestria, scegliendo sempre le soluzioni migliori, facendo salire il livello medio dei Gatti Neri
molto al di sopra di quello della maggior parte degli altri giocatori. Quando mi ero unito eravamo a
dieci piani dalla linea del fronte, ma il distacco era sceso rapidamente a cinque. Continuammo a
guadagnare esperienza e col, e presto riuscimmo a risparmiare abbastanza da costruirci una base.

Tuttavia c’era un problema. La trasformazione in spadaccina di Sachi non poteva andare oltre.

Non c’era nulla da fare. Quando si affrontava un gruppo di mostri selvaggi, una delle cose più
importanti era mantenere la calma ed il coraggio per resistere fino alla fine. Fin da quando era
cominciato SAO, molti giocatori erano morti proprio perché si erano spaventati ed erano andati nel
panico. Se proprio dovevo dirlo, Sachi era la tipica ragazza impaurita che nessuno si sarebbe
sognato di sfruttare come ariete in battaglia.

Non c’era alcun bisogno che Sachi combattesse in quel modo, dato che i miei status superavano di
gran lunga le difese che potevano darle i suo scudo. Ma gli altri membri non erano d’accordo. O
piuttosto, non volevano che io fossi l’unico ariete e che mi stancassi troppo. Anche se non diceva
niente poiché il morale della truppa era ottimo, io sapevo che Sachi cominciava a non sopportare
oltre quella pressione.

Poi una notte, Sachi sparì dal nostro accampamento.


Tutti pensavano che il motivo per il quale non riuscivamo a localizzarla sulla mappa era perché
fosse entrata da sola in un dungeon. Questo fece preoccupare tutti i membri che si misero subito a
cercarla.

Io ero l’unico ad insistere nel cercarla fuori dai dungeon. Il motivo era che esistevano vari luoghi in
cui non era possibile rintracciarla. In realtà possedevo già l’abilità di alto livello 'Tracciatura' che
permetteva di rintracciare persino i nemici. Ma ovviamente non potevo dirlo ai miei amici.

Mentre Keita e gli altri correvano verso il dungeon di quel livello, Io andai nella stanza di Sachi,
attivai la mia abilità, e seguii le orme verde chiaro che erano apparse.

Le piccole impronte si dirigevano in una direzione che tutti, me compreso, non si aspettavano. Era
sparita nei pressi di una fogna abbastanza distante dalla strada principale. Abbassai la testa e ci
entrai, e vidi che in un angolo buio in cui non ci sarebbe dovuto essere altro che acqua, Sachi era
accovacciata con indosso un mantello nuovo, uno di quelli che rendevano invisibili.

“...Sachi.”

Quando la chiamai, ebbe un sussulto e alzò la testa mormorando,

“Kirito...come sapevi che ero qui?”

Esitai su cosa risponderle e alla fine decisi.

“Istinto.”

“...Capisco.”

Sachi sorrise e poi affondò la faccia tra le ginocchia. Mi sforzai per pensare a qualcosa di adeguato
da dire, e dissi qualcosa che mancava terribilmente di creatività,

“...Sono tutti preoccupati per te. Hanno persino mandato delle persone nel dungeon per cercarti.
Sbrighiamoci e torniamo dai.”

Stavolta calò un lungo silenzio. Dopo qualche minuto, stavo per ripetere le stesse cosa, ma la voce
flebile di Sachi mi raggiunse per prima,

“Ehi, Kirito, scappiamo via.”


Risposi d’istinto,

“Scappare...da cosa?”

“Da questa città, dai Gatti Neri, dai mostri...da SAO.”

Non ero abituato a trattare con le ragazze—o altre persone in generale, quindi ci misi un po’ ad
afferrare. Dopo averci pensato su per bene, risposi timidamente,

“Vorresti...che commettessimo un doppio suicidio?”

Dopo un breve silenzio, Sachi sorrise.

“Fufu...si, potrebbe andare bene...no, scusa. Ho mentito. Se avessi avuto il coraggio di suicidarmi
non mi sarei mai nascosta in questa città...né sarei scesa in battaglia. Siedi anche tu.”

Non sapendo cosa fare, mi sedetti accanto a Sachi sul pavimento di pietra. Dall’entrata
semicircolare potevo vedere le luci della città come se fossero delle stelle.

“...Ho paura della morte. Ho così tanta paura da non riuscire più a dormire la notte.”

Alla fine Sachi ammise la realtà.

“Perché è successa una cosa del genere? Perché non possiamo lasciare il gioco? Perché rischiamo la
vita anche se è solo un gioco? Cosa potrebbe guadagnarci quel Kayaba da tutto questo? Che senso
ha tutto questo...”

Potevo dare una risposta a ciascuna di quelle cinque domande. Ma sapevo che Sachi non voleva
realmente sapere la realtà. Feci del mio meglio per pensare e dissi,

“Probabilmente non c’è alcun senso...e nessuno potrebbe guadagnarci qualcosa. Quando le cose
sono diventate così, tutti abbiamo perso le cose a noi più care.”

Trattenni le lacrime mentre raccontavo un’enorme bugia alla ragazza. Avevo mentito a me stesso
per essere più forte, e avevo goduto della soddisfazione di questo segreto quando ero entrato nei
Gatti Neri. In un certo senso, li avevo solo usati.

In quel momento, avrei dovuto dire tutto a Sachi. Se solo avessi avuto un briciolo di sincerità, avrei
dovuto rivelarle la mia terribile vera natura. In quel modo avrei potuto davvero alleviare un po’ del
suo dolore, e si sarebbe potuta anche rilassare.

Tuttavia, l’unica cosa che feci fu mentirle ancora, per difendere solo me stesso.

“...Tu non morirai.”

“Perché dici questo?”

“...Anche allo stato attuale, i Gatti Neri sono una gilda potente. Abbiamo anche raggiunto un livello
piuttosto altro. Se rimani nella gilda, sarai al sicuro. E poi non devi per forza diventare una
spadaccina.”

Sachi alzò lo sguardo e mi mostrò un espressione fiduciosa. Ma non riuscii a guardarla dritto negli
occhi e spostai lo sguardo.

“...Sul serio? Pensi che possa sopravvivere fino alla fine? E tornare alla realtà?”

“Ahh...non morirai. Sopravviverai fino al giorno in cui il gioco verrà completato.”

Erano parole vuote e non avrebbero convinto nessuno. Eppure Sachi si avvicinò a me, adagiò la
testa contro la mia spalla e pianse.

Dopo un po’ mandai un messaggio a Keita e gli altri e riportai Sachi al nostro hotel. Sachi andò in
camera sua per riposare, ed io scesi al bar al primo piano per aspettare il ritorno degli altri. Dissi
loro un paio di cose—Sachi aveva bisogno di molto più tempo per diventare una spadaccina, e se
possibile avrebbe preferito continuare ad usare la lancia. L’ariete avrei continuato a farlo io.

Keita e gli altri si chiedevano cosa fosse successo tra me e Sachi, ma poi accettarono allegramente
la mia proposta. Sospirai per il sollievo, ma questo non risolveva la questione principale.

Dalla notte successiva, Sachi venne a dormire in camera mia. Disse che se fosse rimasta insieme a
me non sarebbe morta, e sarebbe stata in grado di dormire. Così facendo non potevo più sgattaiolare
via nottetempo per allenarmi. E il mio senso di colpa per aver mentito a Sachi e gli altri non
diminuiva affatto.

Per qualche motivo, questi ricordi sono compressi come una palla di neve nella mia mente, quindi
non riesco a ricordare molto bene. Una cosa di cui ero certo è che io e Sachi non abbiamo avuto una
relazione. Non abbiamo mai dormito insieme nello stesso letto, non ci siamo mai accoccolati, non
abbiamo mai parlato d’amore né ci siamo mai guardati.
Eravamo più come due gatti randagi che si leccavano le ferite. Sachi si dimenticava delle sue paure
quando stava con me, ed io mi affidavo a lei per affogare i miei sensi di colpa.

Esatto—Fu grazie a Sachi se per la prima volta mi resi conto in prima persona di questo tipo di
problemi relativi a SAO. Prima di allora non avevo compreso la portata del terrore suscitato dal
gioco. Mi limitavo ad abbattere sistematicamente i mostri come avevo fatto durante il beta test, e mi
premuravo di livellare a dovere. Io non ero il Paladino Heathcliff, ma da quel che potevo ricordare,
i miei HP non erano mai finiti nella zona rossa.

Mi affidavo facilmente alle mie vaste risorse. Una volta capito che c’erano così tante persone
terrorizzate a morte da questo gioco, mi sentii come sollevato dai miei sensi dio colpa. Ovviamente
fu tutto merito del difendere Sachi e gli altri Gatti Neri.

Per mia stessa soddisfazione, dimenticai di aver nascosto il mio livello per entrare nella gilda,
dimenticai di essere stato io a salvarli, facendogli credere che sarebbero potuti diventare una gilda
di alto livello. Tutte le notti, prima di addormentarmi avrei consolato Sachi, dicendole ‘non morirai,
non morirai, ce la farai’ come un mantra. Ogni volta, Sachi mi faceva un sorriso e si addormentava
tranquilla.

Ma alla fine, anche Sachi morì.

Meno di un mese dopo quella notte in cui la trovai, fu uccisa da un mostro avanti ai miei occhi, ed il
suo corpo e la sua anima andarono in frantumi.

Quel giorno, Keita voleva comprare una casetta e farne la nostra base, prese il denaro che avevamo
messo da parte e andò a parlare con i giocatori che ne erano proprietari. Sachi, Io e gli altri membri
stavamo ridendo mentre osservavamo che la lista degli oggetti comuni ai membri della gilda era
praticamente vuota. Ma dopo un po’, Tetsuo, il tipo con la mazza disse,

“Andiamo nel dungeon nel frattempo, proviamo la funzione e facciamo prendere un colpo a quel
tipo.”

Andammo in un dungeon in cui non eravamo mai entrato, che si trovava a soli 3 piani dal fronte.
Ovviamente avevo già combattuto in quel posto, sapevo che si potevano guadagnare tanti soldi e in
fretta, ma anche che era pieno di trappole. Ma non dissi niente a loro.

I nostri livelli erano adeguati, quindi la caccia stava proseguendo bene. Dopo un’ora avevamo
guadagnato la cifra che ci eravamo prefissati, e proprio quando stavamo per tornare e fare acquisti
per rifornirci, il membro della gilda che fungeva da ladro scovò una cesta del tesoro.

Gli dissi di ignorarla. Ma quando mi chiese il perché, non potevo di certo rispondere che da questo
piano in poi le trappole erano quasi impossibili da disinnescare, e quindi potei solo scrollare le
spalle e dire che il mio istinto non si fidava.

L’allarme suonò violento, e i mostri si riversarono in quella stanza come un’onda impetuosa.
Capendo immediatamente che le cose si stavano mettendo male, dissi a tutti di usare i cristalli di
emergenza e di scappare. Ma quella era un’area in cui non si potevano utilizzare cristalli—fu allora
che tutti quanti, me compreso, caddero nel panico.

Il primo a morire fu il ladro che aveva attivato l’allarme. Poi toccò a Tetsuo, e l’uomo con la lancia
lo seguì subito dopo.

Io usai tutte le abilità che avevo tenuto nascoste, sbaragliando ondate di mostri alla volta. Ma ce
n’erano troppi e non riuscii a distruggere la cesta che continuava a suonare.

Quando gli HP di Sachi calarono a zero, lei allungò la mano come se avesse voluto dirmi qualcosa.
Nei suoi occhi lucidi c’era ancora tutta la fiducia che aveva in me, come se non stesse succedendo
per davvero.

Non ricordo come sono sopravvissuto. Quando mi ripresi, nella stanza non c’erano più mostri né i
miei 4 alleati. Ma anche in quella situazione avevo perso solo circa la metà dei miei HP.

Incapace di pensare, tornai all’hotel.

Keita, che aveva poggiato sul tavolo la chiave della nostra nuova casa, ci stava aspettando, ascoltò
la mia storia—di come erano morti i 4 compagni, di come ero sopravvissuto, e rimase in silenzio.
Disse qualcosa riguardo come i “beater” come me non avevano il diritto di unirsi a loro.

Scappò via da quella città, e io lo seguii, e lo vidi saltare giù dalla balaustra del piano, nel vuoto
infinito in cui galleggiava Aincrad.

Quello che aveva detto Keita era vero. Senza appello. Fu la mia arroganza a causare la morte dei 4
membri dei Gatti Neri della Luna Piena—no, di tutti e 5. Se non mi avessero mai incontrato
sarebbero rimasti nelle zone sicure, e non avrebbero mai attivato quella trappola.

Per sopravvivere in SAO, non bisognava affidarsi a statistiche numeriche e livelli, ma avere
informazioni utili. Io avevo fatto aumentare a dismisura i loro livelli ma avevo taciuto sulle
informazioni. Era una tragedia che avevo causato con le mie mani, e avevo ucciso io stesso Sachi,
proprio io che avevo giurato di proteggerla.

Se mi ha maledetto alla fine, non posso certo biasimarla. Il motivo per cui cercavo l’oggetto di
resurrezione, era per poter sentire le ultime parole che non aveva potuto dirmi.
Parte 3

Durante i 4 giorni prima di Natale, il mio livello aumentò ancora, fino a 70.

In quel periodo non avevo dormito per nulla. Sarebbe stato questo il prezzo da pagare. A volte
avevo emicranie terribili, come se mi avessero piantato dei coltelli nel cranio, ma pensavo che
anche se mi fossi steso, non sarei riuscito comunque a dormire.

Dal nostro incontro quel giorno, la gilda di Klein, i Fuurinkazan, non erano più tornati ad allenarsi
lì. Io continuai ad allenarmi insieme ad altre gilde, cacciando da solo le formiche meccaniche. Alla
fine quei giocatori avevano cominciato a guardarmi non più come una cosa ridicola, bensì
disgustosa. Ormai quasi nessuno mi rivolgeva lo sguardo, se osservavo qualcuno, questi distoglieva
rapidamente lo sguardo.

Tra i giocatori in caccia del mostro di Natale, la domanda più frequente era sotto quale abete
sarebbe apparso «Nicholas il Rinnegato» —riguardo questa domanda, avevo approfittato dei tempi
di attesa per il mio turno di allenamento, e avevo ottenuto un’informazione molto attendibile.

Avevo raggiunto il punto indicato dalle coordinate che avevo comprato da vari venditori di
informazioni, ma anche se avevo trovato quelli che sembravano alberi di Natale, essi non erano
abeti, bensì pini. Gli aghi di pino sono differenti. Gli aghi degli abeti erano più affusolati e lunghi.
Lo sapevo perché nel mondo reale avevo entrambe le piante nel mio giardino dietro casa.

Qualche mese fa mi stavo allenando al trentacinquesimo piano in uno stranissimo dungeon


chiamato "Foresta Perduta", ed in un punto particolare avevo trovato un albero enorme e ricurvo.
Pensai che potesse esserci un motivo per quella sua forma insolita, magari il punto di inizio di una
qualche missione secondaria e avevo iniziato ad investigare con cautela, ma non scoprii nulla. In
ogni caso si trattava di un abete. A Natale – cioè quella notte, il mostro speciale «Nicholas il
Rinnegato» sarebbe dovuto apparire sotto quell’albero.

Sentii il suono che mi avvisava che ero arrivato al livello 70 senza alcuna emozione, e dopo che la
formica meccanica di fronte a me fu svanita, estrassi un cristallo del teletrasporto. Senza nemmeno
salutare i giocatori più vicini, andai dritto al piano in cui avevo l’alloggio, cioè nella città più
grande del quarantanovesimo piano.

Alzai lo sguardo per osservare la torre dell’orologio presente nella piazza, e notai che mancavano
tre ore alla mezzanotte. Forse desiderosi di passare insieme la Vigilia, la piazza era piena di
coppiette. Li oltrepassai in fretta per tornare all’albergo.

Entrando in camera mia, aprii immediatamente il baule per l’equipaggiamento presente lì dentro, e
presi tutte i cristalli curativi, disintossicanti, le pozioni e simili.
Non appena presi una spada ad una mano dalla mia scorta, confermando la sua durabilità, la
scambiai con quella che portavo dietro la schiena. Inoltre cambiai anche il mio cappotto e
l’armatura. Quando ebbi finito stavo per chiudere quando vidi qualcosa nell’inventario e la mia
mano si fermò.

Lì, oltre alla scritta «Sé stessi» scritta nella mia parte dell’inventario, c’era anche un’altra etichetta
che recitava «Sachi».

Quello era il risultato di una buona relazione tra due giocatori, ma non al livello di quelli che
avevano stipulato il «Matrimonio» —con la quale era possibile persino mettere in comune oggetti e
denaro. In questo caso invece, si condividevano solo gli oggetti spostati nella sezione in comune tra
i due giocatori.

Sachi, che non si era mai dichiarata e non mi aveva mai preso nemmeno la mano, mi aveva chiesto
di creare questa sezione condivisa poco prima di morire. Quando le chiesi il motivo mi diede una
risposta difficile da accettare, cioè per un rapido scambio di pozioni curative e simili—se fosse stato
il vero motivo, esisteva già una sezione comune a tutti i membri della gilda. Ma alla fine avevo
accettato e avevo creato quella sezione in comune solo tra Sachi e me.

Anche se lei era morta, la sezione era rimasta. Ovviamente nella lista degli amici c’era ancora il
nome di Sachi, ma sarebbe rimasta sempre grigia, e cioè non contattabile. E le poche pozioni
rimaste nell’inventario, anche quelle era meglio non usarle. Dopo sei mesi, dopo che aveva rimosso
la sezione condivisa con la gilda, non ero ancora in grado di rimuovere quella sezione che mi aveva
unito a Sachi. Ovviamente—il motivo non era perché credevo che potesse essere resuscitata—
Avevo paura che facendolo avrei pian piano cominciato a rimuovere anche il suo ricordo.

Chiusi la finestra dopo aver osservato il nome di Sachi per ben dieci minuti. Mancavano due ore
alla mezzanotte.

Quando uscii dalla stanza e mi diressi al varco del teletrasporto, continuai a pensare all’espressione
di Sachi in quel momento finale, cosa stesse pensando, e soprattutto, cosa stava per dirmi.

Teletrasportandomi al trentacinquesimo piano, Arrivai ad una piazza ben diversa da quella del
fronte, e cioè calma e silenziosa. Siccome era così lontana dal fronte e non c’era niente di
interessante, la gente doveva pensare che non valeva la pena passeggiarci. Eppure mi alzai il collare
della giacca per evitare lo sguardo degli altri giocatori, lasciando in fretta quel posto.

Non volendo perdere tempo a combattere mostri deboli, cominciai a correre velocissimo non
appena mi fui accertato di non essere seguito da nessuno. Con il livello che avevo raggiunto nello
scorso mese di allenamento, la mia agilità era schizzata alle stelle, ed i miei piedi accarezzavano la
neve come piume. Il dolore alla testa non era svanito, e mi aveva reso impossibile dormire.
Dopo dieci minuti di corsa ero arrivato all’entrata della foresta. Questo dungeon era composto da
numerosi poligoni di quattro lati, ed ogni area era collegata all’altra, ma era impossibile
attraversarla senza una mappa.

Dopo aver aperto la mappa fissai le zone marchiate. Dopo aver memorizzato per bene la mappa, la
chiusi ed entrai da solo in quella foresta.

Dopo due battaglie che non potei evitare, arrivai di fronte agli alberi che coprivano il mio obiettivo
senza alcuna difficoltà. Mancava ancora più di mezz’ora.

Presto avrei affrontato da solo un boss che probabilmente si sarebbe preso la mia vita—cosa molto
probabile. Non avvertivo alcuna paura. O forse era proprio quello che mi aspettavo. Morire in
battaglia nel tentativo di salvare Sachi era forse l’unico modo con cui potevo accettare la mia morte

Non stavo cercando eroicamente il luogo del mio riposo eterno. Avevo causato inutilmente la morte
di Sachi e degli altri, quindi non avevo il diritto di pretendere che la mia morte avesse un
significato.

Che senso aveva tutto questo? Mi aveva chiesto una volta Sachi. Ed io avevo risposto che non
c’era.

In quel momento potevo finalmente esprimere la realtà. Sachi era morta senza alcun motivo in
questo gioco di morte senza senso che aveva concepito il genio folle di Kayaba Akihito. Quindi
sarei morto anch’io in un posto ignoto a tutti, dimenticato da tutti, e anche la mia morte sarebbe
stata inutile.

Se fossi sopravvissuto allo scontro, avrei fatto diventare reale la leggenda di quell’oggetto di
resurrezione. Ne ero certo. L’anima di Sachi sarebbe tornata dal Cammino della Morte o dal fiume
Stige, e sarei stato finalmente in grado di udire le sue ultime parole. Alla fine—alla fine, fa speravo
di sopravvivere almeno fino a quel momento...

Proprio quando mi mossi per coprire gli ultimi cinque metri, diversi giocatori apparvero dal punto
di teletrasporto posto alle mie spalle. Saltai su allarmato e strinsi l’elsa della spada dietro la mia
schiena.

Apparve un gruppo di dieci persone, e davanti a tutti c’era un ragazzo samurai con l’armatura
leggera, una katana al fianco, e una bandana—Klein.

I membri principali della gilda Fuurinkazan si guardarono tutti con aria nervosa mentre si
avvicinavano a me. Continuai ad osservare Klein e parlai con voce secca.
“...Mi stavate seguendo?”

Klein si afferrò una ciocca che spuntava dalla bandana e rispose.

“Si. Abbiamo qualcuno con una buona abilità rintracciante.”

“Perché?”

“Perché ho comprato l’informazione secondo la quale tu hai comprato le coordinate di questo posto,
e per sicurezza ho controllato il 49esimo piano, ma ho scoperto che ti stavi dirigendo qui. Sentivo
che il tuo istinto di giocatore e le tue abilità erano molto forti, più di quella degli altri
clearer...persino più forte di quel Heathcliff. Quindi...Kirito, non puoi morire in un posto simile.”

Klein allungò la sua mano destra indicandomi con l’indice e gridò,

“LASCIA PERDERE QUESTO ATTACCO SOLITARIO E FAI SQUADRA CON NOI! LA


PERSONA CHE TROVA L’OGGETTO DI RESURREZIONE SE LO TIENE, OK!?”

“...In questo caso...”

Non riuscivo a credere che Klein mi avesse detto quelle cose perché mi vedeva come un amico, e
che era preoccupato per me.

“In questo caso è inutile...Dovrò attaccare da solo...”

Allentai appena l’elsa della mia spada, mentre un pensiero folle cominciava a farsi largo nella mia
mente.

—Uccidili tutti.

In passato avevo abbandonato Klein, un principiante che non sapeva niente, e mi ero diretto alla
città successiva. Me ne ero pentito a lungo, ma poi fui felice di notare che era sopravvissuto e non
se la cavava male.

In quel momento ero seriamente tormentato dal dubbio, pur di fare questo devo uccidere uno dei
miei pochi amici e morire da giocatore rosso? Il mio cuore strillava impotente che era una follia. Un
altro lato di me invece gridava che meritavo di morire in quel modo e che nulla aveva più senso.
Ero convintissimo che se avessi estratto la spada, non sarei più riuscito a controllarmi. E Klein mi
guardava triste mentre la mia mano tremava, lottando contro sé stessa.

In quel momento arrivò un terzo gruppo di intrusi.

Inoltre stavolta non erano in dieci, ma tre volte di più. Fissai stordito quel party enorme e mormorai
a Klein che si stava voltando per guardare,

“Sembra che anche voi siate stati seguiti, Klein.”

“...Ahh, così pare...”

A circa cinquanta metri da noi c’erano un po’ di persone che nei giorni scorsi avevo sorpreso a
fissarmi al posto di allenamento. Adesso fissavano me e i Fuurinkazan senza dire una sola parola.
Gli spadaccini della Fuurinkazan che erano vicino a Klein si avvicinarono al leader e gli
sussurrarono,

“Quelli sono i tizi della «Sacra Alleanza del Drago», una marmaglia disposta a diventare arancione
pur di arrivare al flag boss.”

Anche io avevo sentito spesso quel nome. Erano famosi come i Cavalieri del Sangue, la gilda più
grande tra i clearers. Erano sicuramente al di sotto del mio livello, ma dubitavo di poterli
sconfiggere tutti.

Però—forse l’esito era sempre lo stesso.

All’improvviso sentii che essere ucciso dal boss o da una gilda, era ugualmente squallido. Ma era
sempre meglio che essere costretti a combattere contro Klein, no?

Decisi di estrarre la mia spada. Non mi andava neppure di pensare. Dovevo essere come un robot e
agitare la mia spada, distruggere tutto quello che avevo davanti finché non sarei stato distrutto.

Ma il grido di Klein mi fermò.

“FANCULO! QUEI BASTARDI!”

Estrasse la katana prima che potessi fare alcunché e mi ringhiò da dietro.


“Togliti da lì, Kirito! Lasciali a me! Vai a sconfiggere il boss! Non ti permetterò di morire però!
Non ti perdonerò mai se muori davanti a me! Mai!”

“...”

Non rimaneva più molto tempo. Diedi le spalle a Klein ed entrai nell’ultima sezione senza
nemmeno ringraziarlo.

I grandi abeti, il posto che ricordavo, e le curve presenti nei miei ricordi, erano tutte di fronte a me
in un silenzio di tomba. Quel posto non aveva una pianta poligonale come le altre aree, e brillava
del bianco della neve, e sembrava un luogo alieno privo di vita.

Non appena il timer presente nella mia visuale raggiunse lo zero, da qualche parte risuonò un
allarme, ed io sollevai lo sguardo per osservare la cima di un albero.

Il cielo nero come la pece, o piuttosto, con la base dl livello successivo come sfondo, fu scosso da
strane forme di luce. Guardandole attentamente, mi resi conto che si trattava della scia la sciata da
uno strano mostro che trascinava un’enorme slitta.

Raggiungendo la cima di un albero, un’ombra nera smontò dalla slitta, ed io feci qualche passo
indietro.

Quello che atterrò pesantemente era un mostro tre volte la mia taglia. Aveva sembianze umane, ma
le sue braccia erano lunghissime, e dato che aveva il corpo piegato in avanti, le sue braccia
toccavano quasi per terra. Gli occhietti rossi brillavano sotto l’anomalo rigonfiamento della fronte.
La metà inferiore del volto era coperto da una barba folta e grigiastra, gli arrivava fino alla vita.

Stranamente, il mostro indossava abiti bianchi e rossi, un cappello conico dello stesso colore,
un’ascia nella mano destra e un sacco pieno di cose nell’altra. Il designer di questo boss
probabilmente voleva impressionare e al contempo far divertire i giocatori con questa parodia di
Babbo Natale. Ma per me, che affrontavo questo «Nicholas il Rinnegato» da solo, l’aspetto del boss
non era per nulla importante.

Nicholas probabilmente stava recitando le frasi che davano inizio alla missione, dato che la sua
barba si muoveva.

“Stai zitto!”

Mormorando quelle parole, estrassi la spada, ed il mio piede destro colpì forte il suolo.
Parte 4

Era passato più di un anno da quando avevo iniziato a giocare a SAO, ma questa era la prima volta
che la mia barra degli HP era entrata nella zona rossa.

Dopo che i poligoni del mostro sconfitto finirono in frantumi, si lasciò dietro solo il sacco. Non
avevo neanche più un cristallo curativo, e non ero mai arrivato tanto vicino alla morte. Anche se ero
sopravvissuto, nel mio cuore non c’era alcuna gioia o consolazione. Invece provavo un’emozione
più vicina all’insoddisfazione. Perché ero vivo?

Riponendo la spada nel suo fodero, il sacco brillò e poi svanì. Tutti gli oggetti droppati, dovevano
essere finiti nel mio inventario. Facendo un respiro profondo, sollevai la mano destra tremante per
aprire la finestra del menù.

La barra dei menù aveva molte etichette dai nomi che avrebbero fatto irritare molti giocatori. Armi
& Armature, Gioielli/Minerali, Cristalli, e persino Ingredienti Culinari, scrollai tutta la pagina
finché vidi una sezione che conteneva un solo oggetto.

Un secondo dopo, avevo davanti l’oggetto che stavo cercando.

Si chiamava «Divina Pietra Restitutrice d’Anime».

Il mio cuore prese a battere all’impazzata, sembrava che finalmente il sangue fosse tornato a
scorrere in quell’organo rimasto stordito per gli ultimi mesi.

Po.... Posso resuscitare Sachi? Allora se era possibile, non voleva forse dire che, Keita, Tetsuo, e le
vite di tutti gli altri giocatori le cui anime erano state distrutte in SAO non erano morti per
davvero...?

Questa poteva essere la mia ultima possibilità di rivedere Sachi. Solo a pensarci il mio cuore fece
un balzo. Non mi importa delle maledizioni che mi avrebbe rivolto per via delle mie menzogne,
questa volta l’avrei abbracciata e le avrei detto tutta la verità guardandola negli occhi. Non è che
non morirai mai, ma io farò di tutto per proteggerti. Per quello scopo mi sarei allenato duramente.

Dopo alcuni tentativi falliti di prelevare l’oggetto dall’inventario dovuti al tremolio alle mie mani,
riuscii finalmente a materializzare la « Divina Pietra Restitutrice d’Anime ». Sopra il menù adesso
fluttuava a mezz’aria una splendida pietra multicolore delle dimensioni di un uovo, la cui bellezza
era impossibile da descrivere.

"Sachi.......Sachi....."
Chiamando il suo nome, cliccai la pietra, leggendo il menù che si apriva, apparvero delle semplici
istruzioni su un pannello, scritte con un font familiare.

[L’oggetto si può usare dal menù a scelta rapida del giocatore oppure tenendo in pugno l’oggetto
materializzato e gridando «Rivivi .. Nome Giocatore», l’oggetto avrà effetto e resusciterà il
giocatore caduto solamente nell’arco di tempo tra la morte del giocatore e la sua scomparsa.
(approssimativamente 10 secondi)]

Approssimativamente 10 secondi.

Questa frase sembrava aggiunta intenzionalmente, a confermare chiaramente e crudelmente Sachi


non sarebbe mai più ritornata.

Approssimativamente 10 secondi. Era il tempo che passava tra la morte di un giocatore, il suo
frantumarsi in poligoni, fino al Nerve Gear che inviava un potente impulso per friggere il cervello
dei giocatori nel mondo reale. Non potei fare a meno di immaginare come si era sentita Sachi negli
ultimi 10 secondi, dal momento in cui il suo corpo spariva, fin quando il Nerve Gear le ha bruciato
il cervello. Doveva aver sofferto parecchio. Cosa aveva pensato durante quei 10 secondi? Che io sia
maledetto.....

"Ugg..Ahhhhhh. Ahhhhhhhhhhhhhhhh..."

Emisi un gemito animalesco.

Afferrando quell’oggetto che ancora galleggiava a mezz’aria lo strinsi forte e lo lancia al suolo con
tutte le forze.

"Ahh... Ahhhhhhhhhhhhhhhhhh!"

Calpestai il cristallo con il piede, gridando. Ma il cristallo continuava a brillare impassibile, senza
un graffio, tantomeno una crepa. Gridai con tutto il fiato che avevo, affondai entrambe le mani nella
neve ed usando le dita afferrai il manto soffice, alla fine continuai a gridare torcendomi per terra.

Era inutile, niente aveva senso. Non importava che Sachi fosse morta tra paura e atroci sofferenze, o
che io avessi sfidato il mostro di Natale, NO, vivere in questo mondo o il fatto che 10,000 erano
intrappolati in quel mondo, niente aveva senso. Finalmente l’avevo capito, quella era la mia unica
verità.
Non so per quanto tempo rimasi così, non importava quanto gridassi, di quanto urlassi, non riuscivo
a piangere in nessun modo. Era forse questo corpo fasullo che non poteva piangere? Alla fine mi
rialzai, presi il cristallo ormai sotto la neve e tornai di nuovo verso la zona precedente.

C’erano solo Klein ed i membri della «Fuurinkazan» nella foresta adesso. I membri della «Divina
Alleanza del Drago» erano svaniti. Avanzando verso il tipo con la Katana seduto per terra, notai che
non c’erano state perdite tra i suoi.

Era ovvio che Klein fosse stanco, ma non quanto lo ero io. Immagino che avesse negoziato con i
ceffi di prima e avesse duellato. Ma non avvertivo alcuna gratitudine.

Alla fine mi vide avvicinarmi, e la sua espressione mostrò sollievo. Ma le sue labbra si serrarono
quando si accorse della mia espressione.

"...........Kirito............"

Lasciai il cristallo sulle ginocchia di Klein, che mi aveva chiamato con voce roca.

"Questo è l’oggetto della resurrezione, ma non può essere usato per persone morte tanto tempo fa.
Prendilo tu e salva la prossima persona che morirà avanti ai tuoi occhi."

Mentre mi stavo dirigendo verso l’uscita, Klein mi afferrò per il cappotto.

"Kirito... Kirito......"

Mi sconvolse vedere che le sue guance barbute erano rigate di lacrime.

"Kirito... Tu... Tu devi vivere.... Anche se tutti gli altri muoiono... Devi vivere fino alla fine....."

Tirai via il lembo del cappotto dalle mani di Klein, mentre mi ripeteva piangendo che dovevo
vivere.

"Addio."

Dopo quella parola, lasciai la foresta come un’anima persa.


Quando mi resi conto di dove ero finito camminando, ero tornato alla stanza al 49esimo piano senza
ricordare come avessi fatto.

Erano le 3 del mattino.

Cominciai a pensare a cosa avrei fatto d’ora in avanti. Nell’ultimo mese, l’oggetto della
resurrezione era stata la mia ragione per aggrapparmi alla vita. Esisteva, ma non si era rivelato
l’oggetto che mi serviva.

Dopo averci pensato un po’, decisi che all’alba avrei affrontato il boss di livello. Se ci fossi riuscito,
sarei passato al boss del 50esimo piano, e poi a quello del 51esimo.

Non riuscivo ad immaginare una fine diversa per lo stupido clown che ero. Dopo aver preso quella
decisione, trovai di nuovo pace, e rimasi seduto sulla sedia. Non vedendo nessuno, non pensando a
niente, aspettando solo che facesse giorno.

La luna che brillava fuori dalla finestra si spostava lentamente, e alla fine, venne sostituita da un
grigio albeggiare. Non so da quante ore ero sveglio, ma quella fu la mia miglior mattina dopo la
notte peggiore.

L’orologio a muro segnava le 7, mi alzai dalla sedia, e nelle mie orecchie risuonò uno strano
allarme.

Guardandomi intorno, non riuscii ad identificarne la fonte. Alla fine, notai un segnale violetto che
lampeggiava in un angolo della mia visuale, e mossi le dita.

A brillare era il menù che avevamo condiviso io e Sachi. C’era un oggetto dimenticato. Una sorta di
cristallo registratore a tempo che doveva essere l’origine dell’allarme.

Presi il cristallo, lo attivai e lo posai sul tavolo.

Dopo averlo cliccato, sentii la memorabile voce di Sachi.


Kirito, Buon Natale.

Quando sentirai questo messaggio, probabilmente sarò morta. Se così non fosse, avrei provveduto
a rimuovere questo cristallo dal nostro inventario condiviso alla Vigilia di Natale, e ti avrei detto di
persona quello che volevo dirti.

Ecco... Lascia che ti spieghi perché ho registrato questo messaggio.

Io, probabilmente, non sopravviverò a lungo. Ovviamente non dico che dubito delle capacità di
Kirito e dei «Gatti Neri della Luna Piena». Kirito è molto forte e anche tutti gli altri diventano
sempre più forti ogni giorno che passa.

Come posso spiegarlo..... Una mia cara amica di un’altra gilda è morta. Essendo una persona
timida e debole come me, cacciava solo nelle aree sicure, ma ha avuto sfortuna ed è stata uccisa da
dei mostri lungo il ritorno. Ci ho pensato un po’ ed ho raggiunto una conclusione. Per sopravvivere
in questo mondo, non importa quanto siano forti i tuoi compagni, se non hai la voglia di vivere o la
determinazione necessaria, alla fine morirai.

Per me.. Onestamente, fin dalla prima volta che ho messo piede al campo di addestramento per
principianti, ho avuto una paura tremenda. Non ho mai avuto intenzione di lasciare la Starting
City. Anche se nel mondo reale ero molto amica con tutti i membri dei Gatti Neri della Luna Piena
e mi piaceva il tempo passato insieme, ho sempre odiato scendere in battaglia. Se continuerò a
combattere con tale atteggiamento, prima o poi morirò. Non sarà colpa di nessuno, il problema
sono io.

Ogni notte mi ripeti che andrà tutto bene. Per questo sono certa che se io dovessi morire, tu ti
danneresti per non essere riuscito a proteggermi. Anche per questo ho deciso di lasciare questo
messaggio. Ti avrei detto, Kirito, che non è stata colpa tua. Semmai la colpa è soltanto mia. La
data sarà impostata al prossimo Natale, perché vorrei vivere almeno fino ad allora, sperando di
poter passeggiare per le strade innevate con te.

In verità.... Sapevo quanto fossi forte. Una volta, svegliandomi nel tuo letto, avevo letto per caso il
tuo livello da un menù lasciato aperto per sbaglio.

Dopo averci ragionato a lungo, non ho capito come mai Kirito-kun avesse tenuto nascosto il suo
livello a me e agli altri. Ma non ho detto niente agli altri membri, perché credevo che un giorno ce
ne avresti parlato di persona.... Ero così felice quando capii quanto eri forte. Fu da allora che
riuscii a dormire di nuovo come si deve. Forse anche per te, stare insieme a me da un senso alla
tua vita, e questo pensiero mi fa molto felice. Se questo è il caso, allora non ho buttato via la mia
vita, seguendo gli altri fin quassù.

Ecco... Quello che sto cercando di dire, è che anche se muoio, devi tirare avanti. Vivi, affronta
questo mondo fino alla fine, aiutami a comprendere le ragioni per cui è stato creato questo mondo,
il ruolo di una persona timida come me, ed il significato del nostro incontro. E’ questo il mio
desiderio.

Ah... C’è altro. Questo cristallo può registrare molta roba. Hmmm, allora, dato che Natale è un
giorno speciale, canterò una canzone di Natale. Mi fido molto della mia voce. Credo che canterò
[Rudolph, la renna dal naso rosso]. Avrei preferito altre canzoni come [Winter Wonderland],
[Bianco Natale] che sono più conosciute, ma sfortunatamente conosco le parole solo di questa qui.

Perché ricordo solo [Rudolph, la renna dal naso rosso]? La scorsa notte, Kirito mi ha detto una
cosa, "Non importa chi tu sia, puoi sempre fare la differenza nella vita di qualcuno." Questo
significa più o meno che anche io ho un luogo a cui appartengo. Dopo aver sentito quelle parole,
non so perché ma ho ricordato questa canzone. Credo sia perché mi sono immedesimata in
Rudolph e te in Babbo Natale.... se dovessi esprimerlo a parole, emani una sensazione molto
paterna. Mio padre mi ha lasciata che ero molto piccola, ecco perché ogni notte che dormivamo
insieme, mi chiedevo se fosse quella la sensazione di avere un papà. Ah, ok, è ora di cantare.

Rudolph, la renna dal naso rosso, il naso brillante


aveva.♪ Le altre renne lo sfottevano con mille
soprannomi.♪
Poi, una Vigilia di
Natale♪ Babbo Natale
venne e disse:♪
"Rudolph con quel naso tanto luminoso, guideresti la mia slitta
stanotte?"♪ Rudolph che sempre piangeva, da quella notte prese a
sorridere.♪

......Per me, sarai sempre come una stella brillante che mi guida dall’altra parte di un baratro
buio e orrendo. Addio, Kirito. Sono stata molto fortunata ad averti conosciuto e aver passato del
tempo insieme.

Grazie.

Addio.

(Fine)
Versione Originale di “Rudolph, the red nose reindeer”

Rudolph, the red-nosed reindeer had a very shiny nose.♪


All of the other reindeer used to laugh and call him names.♪
Then one Christmas Eve♪
Santa came to say:♪
"Rudolph with your nose so bright, won't you guide my sleigh tonight?"♪ Rudolph who was
always crying, started smiling that night.♪