Sei sulla pagina 1di 302

SOMMARIO

PREMESSA ...................................................................................................................................................................... 7

MANUALE INTRODUTTIVO ....................................................................................................................................... 9

INSTALLAZIONE DELLA PROCEDURA .................................................................................................................. 9

SEQUENZA INSTALLAZIONE .................................................................................................................................... 9


FASE 1 - INSTALLAZIONE COMPONENTI SERVER............................................................................................................. 9
FASE 2 - INSTALLAZIONE COMPONENTI CLIENT ....................................................................................................... 10
Installazione Monoutente....................................................................................................................................... 11
Installazione Rete ................................................................................................................................................... 11
AVVIO DELLA PROCEDURA .................................................................................................................................... 12

LOGIN DI ACCESSO .................................................................................................................................................... 12

PROTEZIONE E PASSWORD ................................................................................................................................... 12

INTERNET ED AGGIORNAMENTI .......................................................................................................................... 12

ATTIVITA' PERIODICHE ........................................................................................................................................... 12

ATTIVITA' ANNUALI .................................................................................................................................................. 13

STRUMENTI DI LAVORO .......................................................................................................................................... 14

TASTIERA ...................................................................................................................................................................... 14

BARRA DEGLI STRUMENTI ..................................................................................................................................... 15

FILTRI DI RICERCA ................................................................................................................................................... 16

MANUALE APPLICATIVO ......................................................................................................................................... 17

TEMPIFICAZIONE DELLE ATTIVITA’ .................................................................................................................. 17


GESTIONE CARTELLE .................................................................................................................................................... 17
Creare una Nuova Cartella Vuota ......................................................................................................................... 17
Creare una Nuova Cartella Copiando o Spostando Aziende Esistenti ................................................................. 18
Modificare la Descrizione di una Cartella............................................................................................................. 18
Cancellare una Cartella (ed il suo contenuto) ...................................................................................................... 18
REGIMI CONTABILI ....................................................................................................................................................... 19
Contabilità Ordinaria Imprese– Caratteristiche e impostazione .......................................................................... 19
Contabilità Ordinaria Professionisti – Caratteristiche e impostazione ................................................................ 19
CONVERSIONE PROFESSIONISTI .................................................................................................................. 21
Contabilità Semplificata Imprese – Caratteristiche ed Impostazione ................................................................... 21
Contabilità Forfetaria Imprese e Professionisti - Caratteristiche ed impostazione ............................................. 22
Contabilità Supersemplificate - Caratteristiche ed impostazione ......................................................................... 23
REGIMI SPECIALI ....................................................................................................................................................... 24

MULTIATTIVITÀ ART. 36 - CARATTERISTICHE ED IMPOSTAZIONE ......................................................... 24

REGIME SPECIALE AGENZIE DI VIAGGIO – CARATTERISTICHE ED IMPOSTAZIONE ........................... 24

REGIME SPECIALE IMPRESE AGRICOLE - CARATTERISTICHE ED IMPOSTAZIONE ............................. 26


REGIME DEL MARGINE - CARATTERISTICHE ED IMPOSTAZIONE ........................................................... 26

REGIME AGEVOLATO LEGGE STABILITA’ 2015 ART. 1- CARATTERISTICHE ED IMPOSTAZIONE . 28

PARTICOLARITÀ FISCALI ...................................................................................................................................... 29


GESTIONE DEL PLAFOND .............................................................................................................................................. 29
Plafond Fisso ......................................................................................................................................................... 29
Plafond Mobile ...................................................................................................................................................... 30
GESTIONE DELLA VENTILAZIONE I.V.A. ..................................................................................................................... 30
GESTIONE ACQUISTI INTRACOMUNITARI ...................................................................................................................... 30
GESTIONE DEL PRORATA .............................................................................................................................................. 31
GESTIONE IVA IN SOSPENSIONE ................................................................................................................................... 31
GESTIONE SPLIT PAYMENT ........................................................................................................................................ 31
GESTIONE IVA AD ESIGIBILITA’/DETRAIBILITA’ DIFFERITA ....................................................................... 33
GESTIONE CONTABILITA’ AFFIDATA A TERZI ................................................................................................ 34

GESTIONE REGIME AUTOTRASPORTATORI EX ART.74, C.4 ....................................................................... 35

GESTIONE REGISTRAZIONI IN PRIMA NOTA PER MODELLI INTRASTAT .............................................. 37

GESTIONE REGISTRAZIONI IN PRIMA NOTA PER MODELLO COMUNICAZIONE BLACK LIST ....... 41

GENERAZIONE DICHIARAZIONE FISCALE DALLA CONTABILITA’ .......................................................... 43

MENU"SUITE" .............................................................................................................................................................. 44
APRI (AZIENDA) ............................................................................................................................................................ 44
CHIUDI (AZIENDA) ........................................................................................................................................................ 48
IMPOSTA ATTIVITÀ CORRENTE ...................................................................................................................................... 48
GESTIONE AZIENDE ...................................................................................................................................................... 48
CREA NUOVA AZIENDA ................................................................................................................................................ 48
creazione di una azienda vuota:............................................................................................................................. 49
Copia dei dati da un’azienda esistente ................................................................................................................... 49
GESTIONE GRUPPI......................................................................................................................................................... 51
CREA NUOVO GRUPPO.................................................................................................................................................. 53
ESCI .............................................................................................................................................................................. 53
MENU "ARCHIVI" ....................................................................................................................................................... 54
NOMINATIVI ................................................................................................................................................................. 55
TABELLA AZIENDA ....................................................................................................................................................... 58
Banche .................................................................................................................................................................... 58
Registri IVA ............................................................................................................................................................ 59
Liquidazione IVA ................................................................................................................................................... 64
VENTILAZIONE CORRISPETTIVI .......................................................................................................................... 73
MARGINE GLOBALE .......................................................................................................................................... 74
La sezione viene automaticamente alimentata in fase di stampa liquidazione IVA periodica quando risulta
selezionata l l’opzione “Giroconto IVA”. Vengono memorizzati i conti di ricavo e relativi importi riguardanti
l’imposta da regime del margine determinata in stampa liquidazione IVA ......................................................... 74
Dati plafond ............................................................................................................................................................ 74
Stato cliente / Stato fornitore ................................................................................................................................. 75
IVA in sospensione ................................................................................................................................................. 75
Filiali ...................................................................................................................................................................... 77
Gestione compensazioni ......................................................................................................................................... 77
Centri di costo/commesse ....................................................................................................................................... 80
Ripartizioni Centri di costo .................................................................................................................................... 80
Periodi Budget ........................................................................................................................................................ 81
Tabella Budget........................................................................................................................................................ 81
Collegamento Sistema Paghe ................................................................................................................................. 82
TABELLE GRUPPO ......................................................................................................................................................... 82
Piano dei conti ........................................................................................................................................................ 83
Causali .................................................................................................................................................................... 86
Pagamenti ............................................................................................................................................................... 95
Provvisori ................................................................................................................................................................ 95
TABELLE GENERALI ..................................................................................................................................................... 96
Codici IVA .............................................................................................................................................................. 96
Divise ...................................................................................................................................................................... 99
Cambi ...................................................................................................................................................................... 99
Codici tributo .......................................................................................................................................................... 99
Classi fiscali ............................................................................................................................................................ 99
Dati Studio ............................................................................................................................................................ 100
Forfait ................................................................................................................................................................... 100
Registri Multiaziendali ......................................................................................................................................... 101
Riclassificazione Piano dei Conti ........................................................................................................................ 102
TABELLE SISTEMA ...................................................................................................................................................... 102
Categorie Cespiti .................................................................................................................................................. 102
PARAMETRI ................................................................................................................................................................ 104
PARAMETRI ATTIVITÀ ................................................................................................................................................. 123
PARAMETRI STUDI DI SETTORE ................................................................................................................................... 124
PARAMETRI GLOBALI .................................................................................................................................................. 124
DATI DI STAMPA ......................................................................................................................................................... 125
MENU "CONTABILITÀ" .......................................................................................................................................... 127
PRIMA NOTA ............................................................................................................................................................... 127
PRIMA NOTA-MASCHERA ALTRI CAMPI .......................................................................................................... 133
Wizard - menu’ richiamabili dalla Prima Nota ................................................................................................... 137
GESTIONE REGISTRAZIONI REGIME DEL MARGINE ................................................................................... 138

CARICAMENTO CORRISPETTIVI MENSILI ...................................................................................................... 146


SCHEDA CONTABILE ................................................................................................................................................... 150
INCASSO CLIENTE ....................................................................................................................................................... 151
INSOLUTO CLIENTE..................................................................................................................................................... 153
PAGAMENTO FORNITORE ............................................................................................................................................ 154
VERSAMENTO RITENUTA ............................................................................................................................................ 156
VERSAMENTO CONTRIBUTO INPS .............................................................................................................................. 157
PARCELLA PROFESSIONISTI VENDITA (PROF.)............................................................................................................. 157
NOTA CREDITO CLIENTE (PROF.) ............................................................................................................................... 159
NOTA DEBITO CLIENTE (PROF.) ......................................................................................................................... 160
NOTA CREDITO CLIENTE IN CONTO FATTURA (PROF.) ................................................................................................ 161
INCASSO PARCELLA PROFESSIONISTI (PROF.) ............................................................................................................. 163
INSOLUTO CLIENTE (PROF.) ................................................................................................................................ 163
FATTURA FORNITORE (PROF.) .................................................................................................................................... 164
MODALITÀ PAGAMENTO OVER 3.000 ......................................................................................................................... 165
AI FINI DELL’ESPORTAZIONE DELL’IMPORTO NELLA COMUNICAZIONE DEI DATI OVER 3.000 OCCORRE DEFINIRE LA
MODALITÀ DI PAGAMENTO COME RICHIESTO DAL TRACCIATO RECORD MINISTERIALE. IL CAMPO RISULTA COMPILABILE
SOLO IN PRESENZA DI IMPORTI UGUALI O SUPERIORI AL LIMITE DA COMUNICARE. SONO PRESENTI LE SEGUENTI
MODALITÀ CHE CORRISPONDONO ALLE OPZIONI PRESENTI SUL TRACCIATO MINISTERIALE:........................................ 165
- VUOTO ..................................................................................................................................................................... 166
- IMPORTO NON FRAZIONATO ..................................................................................................................................... 166
- IMPORTO FRAZIONATO ............................................................................................................................................. 166
- CORRISPETTIVI PERIODICI ........................................................................................................................................ 166
NOTA CREDITO FORNITORE (PROF.) ........................................................................................................................... 166
NOTA DEBITO FORNITORE (PROF.).................................................................................................................... 167
NOTA CREDITO FORNITORE IN CONTO FATTURA (PROF.) .......................................................................... 168
NOTA DEBITO FORNITORE IN CONTO FATTURA (PROF.) ............................................................................... 169
PAGAMENTO FATTURA FORNITORE (PROF.) ............................................................................................................... 170
VENDITA MARGINE ANALITICO ......................................................................................................................... 170

VENDITA MARGINE FORFETARIO ...................................................................................................................... 175


MOVIMENTI CENTRI DI COSTO .................................................................................................................................... 178
GESTIONE PARTITE ..................................................................................................................................................... 178
MENU "STAMPE" ...................................................................................................................................................... 182
STAMPE UFFICIALI...................................................................................................................................................... 182
Libro Giornale ...................................................................................................................................................... 184
Libro IVA .............................................................................................................................................................. 185
Liquidazione IVA ................................................................................................................................................. 189
Liquidazione IVA (Riepilogativa) ........................................................................................................................ 194
Liquidazione IVA Attività .................................................................................................................................... 195
Prospetto plafond.................................................................................................................................................. 195
Registro Unico ...................................................................................................................................................... 196
Registro Multiaziendale ....................................................................................................................................... 200
Registro carico / scarico ....................................................................................................................................... 203
Acconto IVA ......................................................................................................................................................... 204
Acconto IVA Riepilogativa ................................................................................................................................... 204
Acconto IVA Attività ............................................................................................................................................ 205
Liquidazione IVA Forfait ..................................................................................................................................... 206
Liquidazione IVA Forfait Attività ........................................................................................................................ 207
Acconto IVA Forfait............................................................................................................................................. 207
Acconto IVA Forfait Riepilogativa ...................................................................................................................... 208
Acconto IVA Forfait Attività ................................................................................................................................ 208
Registro Cronologico............................................................................................................................................ 209
Registro incassi e Pagamenti ............................................................................................................................... 210
Registro Incassi .................................................................................................................................................... 210
Registro Pagamenti .............................................................................................................................................. 210
Somme non pagate nell'anno ............................................................................................................................... 211
Somme non incassate nell'anno .......................................................................................................................... 211
CONTROLLO................................................................................................................................................................ 213
Brogliaccio di Prima Nota ................................................................................................................................... 215
Situazione Acconti IVA ........................................................................................................................................ 216
Brogliaccio Comunicazione Annuale Dati Iva.................................................................................................... 216
Brogliaccio Dichiarazione IVA annuale ............................................................................................................. 217
Brogliaccio Dichiarazione IVA Rimborso/Compensazione ................................................................................ 217
Situazione Contabile ............................................................................................................................................ 219
Situazione Contabile Prof. per Cassa .................................................................................................................. 220
Situazione Contabile Prof. per Competenza ........................................................................................................ 221
Situazione Contabile Forfait ................................................................................................................................ 222
Situazione Somme non Pagate/Incassate ............................................................................................................ 223
Situazione Contabile a Sez. Contr. Prof. per Cassa ............................................................................................ 224
Situazione Contabile a Sez. Contr. Prof. per Competenza .................................................................................. 224
Simulazione Bilancio rettificato........................................................................................................................... 224
Simulazione Bilancio rettificato a Sezioni ........................................................................................................... 224
Estratto Conto a Ripresa di Saldo ........................................................................................................................ 225
Estratto Conto a Partite ........................................................................................................................................ 225
Certificazioni da ricevere ..................................................................................................................................... 226
Scadenzario .......................................................................................................................................................... 227
Scadenze aperte .................................................................................................................................................... 227
Corrispettivi .......................................................................................................................................................... 228
Classificazione Fiscale ......................................................................................................................................... 229
Situazione fiscale .................................................................................................................................................. 230
Allineamento piano dei conti ............................................................................................................................... 232
Stampa Riclassificazione Piano dei conti ............................................................................................................ 233
Stampa Ripartizione centri di costo ..................................................................................................................... 234
Stampa Estratto conto centri di costo .................................................................................................................. 234
Situazione Contabile per Centro di costo/Commesse .......................................................................................... 235
Stampa Movimenti centri di costo ........................................................................................................................ 235
Stampa Budget ..................................................................................................................................................... 235
Stampa Brogliaccio IVA MOSS ........................................................................................................................... 236
TABELLE ..................................................................................................................................................................... 237
Elenco clienti e fornitori ...................................................................................................................................... 237
Piano dei conti ...................................................................................................................................................... 237
Causali contabili ................................................................................................................................................... 239
Dati plafond .......................................................................................................................................................... 239
Codici IVA ............................................................................................................................................................ 240
Classi Fiscali ........................................................................................................................................................ 241
UTILITÀ ...................................................................................................................................................................... 242
Numerazione libri bollati ..................................................................................................................................... 242
Stampa Situazione Registri .................................................................................................................................. 244
Stampa Elenco Aziende ........................................................................................................................................ 244
Stampa Collegamenti Cespiti ............................................................................................................................... 244
STATISTICHE ............................................................................................................................................................... 246
Fatturato Clienti ................................................................................................................................................... 246
Fatturato Fornitori ............................................................................................................................................... 246
MULTIPLE ................................................................................................................................................................... 247
LIBRO INVENTARI ................................................................................................................................................. 248
PERSONALIZZATE ....................................................................................................................................................... 249
Utilizzo delle Liste Personalizzate ........................................................................................................................ 251
NUOVA GESTIONE STAMPE .................................................................................................................................. 251

STAMPA BROGLIACCIO BLACK LIST ................................................................................................................ 252

MENU SERVIZI ........................................................................................................................................................... 254


ARCHIVI (SERVIZI) ..................................................................................................................................................... 254
Controllo dei Dati ................................................................................................................................................. 255
Esportazione archivi cartella ............................................................................................................................... 255
Importazione archivi cartella ............................................................................................................................... 255
Collegamento Sistema Impresa ............................................................................................................................ 257
Collegamento Sistema Paghe ............................................................................................................................... 257
Duplicazione Codici Collegamento Paghe .......................................................................................................... 258
Conversione Professionisti ................................................................................................................................... 258
OPERAZIONI SUI MOVIMENTI (SERVIZI) .......................................................................................................... 259
Cancellazione Movimenti Contabili..................................................................................................................... 259
Cancellazione Movimenti Provvisori ................................................................................................................... 260
Gestione Titolari Partita IVA ............................................................................................................................... 261
Conferma Movimenti Provvisori.......................................................................................................................... 261
Riorganizzazione movimenti IVA ........................................................................................................................ 262
Aggiornamento Filiale movimenti ....................................................................................................................... 263
AGGIORNAMENTO FATTURE DA CORRISPETTIVI/FATTURE OVER 3000 .............................................. 263

AGGIORNAMENTO CODICI IVA ........................................................................................................................... 265


OPERAZIONI DI CHIUSURA (SERVIZI) .......................................................................................................................... 268
Generazione automatica rettifiche ....................................................................................................................... 269
Storno somme non pagate/incassate .................................................................................................................... 270
Chiusura/Apertura Contabile .............................................................................................................................. 271
OPERAZIONI SUI CENTRI DI COSTO .............................................................................................................................. 272
Abilitazione Conti per Centri di costo .................................................................................................................. 273
Ripartizione multipla centri di costo .................................................................................................................... 274
Cancellazione movimenti centri di costo ............................................................................................................. 275
ALLINEAMENTO PIANO DEI CONTI.............................................................................................................................. 276
RICLASSIFICAZIONE PIANO DEI CONTI ........................................................................................................... 277
PERSONALIZZAZIONI UTENTE ..................................................................................................................................... 277
MENU SERVIZI/OVER 3.000 .................................................................................................................................... 279

CONTRATTI ................................................................................................................................................................ 279

GESTIONE DATI ........................................................................................................................................................ 289

PER QUANTO CONCERNE I CRITERI DI ESPORTAZIONE DEI DATI ALL'APPLICATIVO OVER 3.000
È POSSIBILE FARE RIFERIMENTO A ESPORTAZIONE DATI OVER 3.000.000 ......................................... 293
COLLEGAMENTO CON ALTRE PROCEDURE................................................................................................... 294

UTILITÀ ....................................................................................................................................................................... 295


GESTIONE UTILITÀ SUITE .................................................................................................................................... 295
Sposta Aziende ...................................................................................................................................................... 295
Gestione Cartelle .................................................................................................................................................. 296
CONVERSIONI DI ANAGRAFICHE ....................................................................................................................... 299
CONVERSIONE DIRETTA ............................................................................................................................................. 299
CONVERSIONE INDIRETTA .......................................................................................................................................... 299
ASSISTENZA ............................................................................................................................................................... 301

TELEASSISTENZA ..................................................................................................................................................... 301


PREMESSA
Con il prodotto sulla contabilità, Wolters Kluwer ha raggiunto un livello di qualità ulteriore,
fornendo agli utenti uno strumento veloce e facilmente utilizzabile, al fine di gestire la propria
contabilità di studio.
Il prodotto è integrato con altri software Wolters Kluwer quali l’Anagrafica unica, la Dichiarazione
I.V.A., la Dichiarazione I.V.A. Periodica, le altre Dichiarazioni Fiscali, il Bilancio CEE,
l'Archiviazione Documenti, IpsoStudio, Parcellazione, etc., ed è stato realizzato sulla base
dell’esperienza fiscale ed informatica di Wolters Kluwer.
La procedura gestisce le seguenti tipologie di Contabilità:
 Contabilità Ordinaria Imprese;
 Contabilità Ordinaria Professionisti;
 Contabilità Semplificata Imprese;
 Contabilità Semplificata Professionisti;
 Contabilità Forfetaria Imprese;
 Contabilità Forfetaria Professionisti;
 Contabilità Supersemplificate.
E i seguenti Regimi Speciali :
Multiattività;
 Regime speciale per le Agenzie di Viaggio;
 Regime speciale per le Imprese Agricole.
Il presente manuale ha lo scopo di fornire all'utente un primo strumento di aiuto nell'impostazione
iniziale della procedura; sono comunque a disposizione:
Assistente contabile
Un nuovo strumento software rivolto al professionista e ai suoi collaboratori, integrato nel Sistema,
per gestire ogni problematica contabile grazie ad un efficace, qualificato ed esperto Assistente
Contabile sempre in linea.

Nell’attività di gestione contabile degli studi professionali l’obiettivo è quello di provvedere, in


breve tempo, a registrare correttamente tutti i fatti di gestione, compresi i casi particolari.
Wolters Kluwer ha creato un’opera con una solida garanzia di attendibilità e completezza che
risponde a queste esigenze specifiche in modo veloce, rapido, efficace e che permette al
commercialista di recuperare efficienza: l’Assistente Contabile.
La funzione, attivabile attraverso il bottone oppure con F2 dal menù Principale, da Prima Nota
e dalla Tabella Piano dei Conti, consente di richiamare le trattazioni contabili relative ai conti di
mastro del Piano dei Conti e visualizzare i relativi documenti.
Se il conto selezionato in Prima Nota non è trattato nell’Assistente Contabile viene visualizzato un
messaggio di avviso e aperto sul conto di livello superiore rispetto al conto ricercato
Help operativo
documentazione ipertestuale completa e contestuale alla funzione attiva (richiamabile con F1).
Help contabile
documentazione ipertestuale che con un linguaggio semplice aiuta l'utente nella comprensione di
tutti gli aspetti contabili e fiscali della procedura, fornendo anche dei casi pratici e relative
soluzioni.
Manuale su file
sul cd-rom distribuito è presente un file, in formato PDF che può essere consultato e stampato.
Descrizione aggiuntiva
per la maggior parte dei campi, lasciando il mouse posizionato per qualche secondo, viene fornita
una ulteriore spiegazione.
Osservazioni e consigli finalizzati al miglioramento del prodotto software possono essere segnalati
per iscritto al seguente indirizzo:

Wolters Kluwer Italia S.r.l


Strada 1, Palazzo F6
20090 Milanofiori Assago (MI)
Italia
Sito Internet: www.wolterskluwer.it
MANUALE INTRODUTTIVO

INSTALLAZIONE DELLA PROCEDURA

Il programma è distribuito su DVD e si installa attraverso una semplice procedura guidata.


Il programma di installazione aiuta l’utente ad installare il pacchetto completo su Computer
in monoutenza, rete peer to peer, rete Client/Server con Server dedicato E’ possibile eseguire
l’installazione in due modalità differenti:

- PRIMA INSTALLAZIONE / AGGIORNAMENTO MANUALE


- AGGIORNAMENTO AUTOMATICO

Prima installazione / Aggiornamento manuale


Consente di selezionare i programmi che si desiderano installare.
Deve essere eseguita in fase di prima installazione, oppure, in fase di aggiornamento, nel caso in cui
si desiderano aggiornare soltanto alcuni dei programmi precedentemente installati.

Aggiornamento automatico
Può essere eseguito solo dalla seconda installazione in poi poiché riconosce automaticamente i
programmi precedentemente installati aggiornandoli. Tale modalità non consente di selezionare
manualmente i programmi da aggiornare.

L’operazione è prevista in due tempi:


Installazione Componenti Server : installa i dati comuni a tutte le procedure e quindi utili a
tutti gli eventuali utenti.
Installazione Componenti Client : da ripetere su ogni stazione in rete locale per l’installazione
delle componenti necessarie alle singole stazioni.
ATTENZIONE:
L’installazione dei Componenti Client è sequenziale all’installazione dei Componenti Server, che
deve essere effettuata per prima. Il caricamento dei files riguardanti la Stazione di Lavoro non viene
eseguito se prima non si è provveduto ad installare le Componenti Server.

SEQUENZA INSTALLAZIONE

FASE 1 - INSTALLAZIONE COMPONENTI SERVER


Inserire nell’unità apposita il DVD
Attendere qualche istante la visualizzazione del Menu di installazione.
Selezionare la voce Installazione Componenti Server.
Selezionare Avanti per avviare l’installazione della Contabilità.
Selezionare l’opzione desiderata considerando la tipologia di installazione che si desidera avviare.
Nel caso in cui si tratti di “Prima Installazione / Aggiornamento manuale”, specificare o confermare
la directory di destinazione in cui caricare le Componenti Server, il nome del computer dove è
installato Sql Server ed il nome dell’istanza di Sql Server per Sistema Professionista .
Successivamente sarà necessario provvedere alla selezione dei programmi che si desidera installare
(l’installazione dei “Componenti condivisi” è obbligatoria)
E’ importante ricordare che per mantenere attivi i collegamenti con altri applicativi Ipsoware, deve
essere indicata la directory dei programmi già installati. Inoltre, volendo utilizzare l’applicativo in
rete, è opportuno selezionare una directory da tutte le stazioni di lavoro. Nel caso di installazione in
rete, la lettera dell’unità di destinazione deve essere comune a tutti i PC.
Selezionare Avanti nella maschera di installazione per dare avvio all’operazione.

La procedura esegue la copia dei programmi; a video compare una finestra indicante la percentuale
di installazione dei vari programmi che si stanno installando / aggiornando. Terminata questa
operazione è possibile procedere all’installazione dei Componenti Condivisi.

FASE 2 - INSTALLAZIONE COMPONENTI CLIENT


Inserire nell’unità apposita il DVD.

Attendere qualche istante la visualizzazione del Menu di installazione.

Selezionare la voce Installazione componenti client.

Selezionare Avanti per avviare l’installazione degli stessi.

Selezionare l’opzione desiderata considerando la tipologia di installazione che si desidera avviare.

Nel caso in cui si tratti di “Prima installazione / Aggiornamento manuale”, indicare:

la Directory Locale per i programmi (deve necessariamente risiedere su disco fisso).

la Directory Condivisa per i dati (deve essere una Directory accessibile a tutti gli utenti che

utilizzano la procedura).

E’ consigliato utilizzare come Directory Locale per i programmi il percorso:

C : \ Programmi \ Ipsoware
Per la Directory condivisa per i Dati è consigliato, in caso di Monoutenza, il percorso:

C : \ Ipsoware;

in caso di Multiutenza:

identificativo del Drive : \ Ipsoware (Es. F : \ Ipsoware)

Selezionare AVANTI per definire quali applicativi si desidera installare (l’installazione dei

componenti condivisi è obbligatoria)

Selezionare Avanti nella maschera di installazione per dare avvio all’operazione.

La procedura esegue la copia dei componenti; a video compare una finestra indicante la percentuale

del caricamento effettuato relativa ai vari programmi selezionati per l’installazione.

Dopo aver eseguito in modo completo l’installazione l’utente trova la seguente situazione sul
proprio PC:
Avvio  Programmi  Suite.

Installazione Monoutente
Per eseguire l'installazione su un PC monoutente occorre eseguire prima l'installazione Componenti
Server e, successivamente, l'installazione dei Componenti Condivisi.

Installazione Rete
Per eseguire l'installazione in rete occorre eseguire una volta l'Installazione Componenti Server sul
drive di rete e, successivamente, tante installazioni dei Componenti condivisi quanti sono i PC su
cui si intende lavorare.
L’unità di rete prescelta per l’installazione dei Componenti Server deve essere condivisa a tutti i
client della rete.
AVVIO DELLA PROCEDURA
Dopo aver effettuato correttamente l’installazione, per avviare il programma, eseguire le operazioni
qui riportate :
Cliccare su Avvio e scegliere il menù Programmi;
Selezionare la Suite;
Impostare la visualizzazione dei programmi installati, tramite apposite Caselle di visualizzazione;
Cliccare sull’icona corrispondente al programma di contabilità.

LOGIN DI ACCESSO
Novità

Dalla versione 1/2009 per accedere alla Suite, occorre utilizzare un utente diverso per ogni
client, non sarà pertanto più consentito l’accesso simultaneo da parte del medesimo utente da
più postazioni.

L’inserimento del campo Nome Utente è obbligatorio; se il campo non viene compilato, l’utente
viene avvisato mediante messaggio a video.
Il bottone OK esegue l’operazione; il bottone Annulla non conferma l’accesso al programma.
Il nome inserito viene utilizzato dall'applicazione per una razionale gestione dei files temporanei e
per consentire l'accesso ad archivi comuni in uso da altri utenti.

PROTEZIONE E PASSWORD
E' attiva una forma di protezione in grado di verificare illecite installazioni su un numero di
postazioni diverso da quelle acquistate.
Il controllo e la relativa certificazione, con conseguente rilascio della chiave d'accesso, viene
effettuato tramite Internet.

INTERNET ED AGGIORNAMENTI
L'utente della contabilità avrà la possibilità, tramite il sito Wolters Kluwer sia per eventuali
comunicazioni relative a modiche funzionali apportate al programma.

ATTIVITA' PERIODICHE
La procedura consente la gestione di attività periodiche quali:
 Gestione e Stampa della Liquidazione I.V.A.

 Gestione delle Stampe di controllo

 Gestione delle Stampe ufficiali

Periodicamente si consiglia di eseguire il compattamento ed il salvataggio degli archivi attraverso le

funzioni presenti nelle Utilità contabilità (vedi pag. 295)

ATTIVITA' ANNUALI
La procedura consente la gestione di attività annuali, tra cui:
 Gestione dei Movimenti Provvisori per le simulazioni
 Gestione delle Stampe di controllo con l’integrazione dei movimenti provvisori
 Gestione e Stampa del Bilancio Simulato e di verifica (simulazione risconti)
 Generazione automatica dei Risconti
 Gestione delle Stampe Ufficiali relative ai professionisti (Somme non incassate/pagate)
 Gestione della Chiusura Esercizio.
STRUMENTI DI LAVORO

TASTIERA
Sono attive combinazioni di tasti che permettono all’utente di spostarsi nella procedura, effettuare
operazioni o richiamare funzioni, senza avere necessità di utilizzare il mouse.
Qui di seguito sono riportate le combinazioni di tasti attive nella procedura, che richiamano le voci
del menù Comandi:

COMANDO DESCRIZIONE

CTRL + N Nuovo

CTRL + M Modifica

CTRL + C Cancella

CTRL + S Salva

CTRL + Z Annulla

CTRL + F Ricerca

CTRL + O Ordina

CTRL + I Informazioni
CTRL + L Lista

CTRL + P Primo

CTRL + E Precedente

CTRL + V Successivo

CTRL + U Ultimo

CTRL + H Chiudi finestra

SHIFT+CANC Taglia

SHIFT+INS Incolla

Inoltre, si possono richiamare tramite tastiera, le voci del menù mediante la combinazione del tasto
ALT + la lettera sottolineata relativa alla funzione scelta.
All’interno dei Menù è possibile richiamare le varie voci utilizzando la combinazione CTRL + la
lettera sottolineata, oppure mediante l’utilizzo delle Frecce Direzionali.
Il tasto ESC , oppure la combinazione ALT + F4, consentono di chiudere una maschera
precedentemente aperta.
Premendo il tasto F4 si attiva la visualizzazione delle tabelle.
Il Tasto F7 visualizza, qualora disponibili, i campi supplementari che permettono di gestire
particolari situazioni di lavoro (es., risconti, partite, divise, date competenza, saldo del conto).
In Prima Nota il tasto funzione F8 consente di richiamare gli automatismi della contabilità, come la
funzione di scorporo (che permette di scindere in automatico l’imposta dall'imponibile) o la
funzione di cambio proposto (nella mascherina Importi Euro/Divise della Prima Nota).
La combinazione dei tasti SHIFT + Freccia Destra consente di selezionare intere righe all’interno
della griglia di Prima Nota.
La guida in linea è richiamabile da qualsiasi punto del programma mediante il tasto F1.

BARRA DEGLI STRUMENTI


La procedura è completa di una barra degli strumenti che consente di organizzare al meglio i
comandi previsti, al fine di individuarli e di utilizzarli in modo semplice e veloce.
Il programma consente di personalizzare la barra degli strumenti in base alle esigenze dell’utente
evidenziando determinate funzioni più utilizzate rispetto ad altre. Per fare ciò basta cliccare con il
tasto destro del mouse su di essa per richiamare un menù di visualizzazione (Immagini, Guida,
Archivi, Stampe, Stampe Ufficiali, Contabilità), che consente di scegliere quali icone visualizzare
nella propria barra.
E’ inoltre possibile creare una nuova barra degli strumenti da aggiungere a quella standard,
composta con diversi gruppi di icone scelte a discrezione dell’utente. Per poter creare una nuova
barra, dal menù di visualizzazione, selezionare la voce Customize e, dalla maschera richiamata,
cliccare sul bottone Nuova Toolbar. La procedura richiede il nome da assegnare al nuovo oggetto e
crea la barra senza assegnare ad essa alcuna icona. Per specificare quali icone salvare nella nuova
toolbar, dalla scheda Comandi, selezionare la voce di menù desiderata nella sezione Categorie,
posizionarsi sull’icona che si intende importare (sezione Comandi) e, tenendo premuto il tasto
sinistro del mouse, trascinarla sulla nuova barra.
FILTRI DI RICERCA
In tutte le maschere, sia in fase di ricerca sia nelle funzioni di stampa, è prevista l’applicazione di
eventuali filtri, che permettono all’utente di ridimensionare la quantità di informazioni da
considerare e ricercare. La maschera del filtro, consente, attraverso l’utilizzo di uno o più operatori
logici definibili per ogni campo disponibile, di individuare con estrema precisione gli elementi che
si desidera estrarre.
La prima operazione da eseguire è la definizione di uno o più campi come filtri della ricerca. Per
filtro, quindi, si intende l’elemento chiave su cui effettuare l’operazione di ricerca. Lo si può
definire nella prima parte della maschera chiamata “Campi” scegliendo il campo desiderato ad
esempio “Capitale Sociale”, cliccando due volte con il mouse o dando invio da tastiera.
Si passa, poi, alla seconda parte della maschera “Filtro”; dove è possibile impostare il filtro di
ricerca utilizzando uno degli operatori logici disponibili, ( Es. si può porre il capitale sociale uguale
ad un valore, oppure diverso, inferiore, maggiore, ecc..).
Attivando il tasto “Browse”, presente nella maschera, è possibile visualizzare tutti i valori che sono
stati assegnati, di volta in volta, al campo “Capitale sociale”, in fase di compilazione anagrafiche e,
tra questi, scegliere quello che fungerà da “limitatore” della ricerca. Terminata la definizione di
ricerca, si deve selezionare il tasto “OK” per dare inizio all’operazione.
Il filtro può essere impostato anche “Complesso”, ossia non riferito ad un solo campo ma ad una
combinazione di campi diversi, accomunando così più criteri di ricerca.
Per creare filtri personalizzati, si utilizza la funzione “Nuovo” all’interno della sezione Filtro. Tale
funzione permette di associare più condizioni ad uno stesso filtro. Il bottone “Cancella”, invece,
elimina una condizione precedentemente fissata.
I filtri creati possono essere salvati, in modo che diventino riutilizzabili per ricerche successive,
attraverso la funzione “Salva” della maschera di ricerca. In questo modo l’utente può personalizzare
le modalità della funzione di ricerca creando filtri che risultano più utili allo scopo della stessa.
L’utente, però, ha sempre la possibilità di eliminarli con la funzione “Elimina” posta all’interno
della maschera contenente l’elenco di tutti i filtri salvati e richiamabile con il bottone “Apri”.
MANUALE APPLICATIVO

TEMPIFICAZIONE DELLE ATTIVITA’


Per il corretto funzionamento della procedura è consigliato eseguire le attività nella sequenza logica
di seguito definita:
- Creare la Cartella in cui collocare le aziende.

GESTIONE CARTELLE
La gestione delle cartelle permette all’utente di creare diversi indirizzari (“Cartelle”) per la
conservazione degli archivi, e di gestire le aziende in cartelle separate.
Attraverso questa funzione, richiamabile dalla procedura di Utilità Contabilità (vedi pag. 295)
situata tra le Utilità della Suite, l’utente ha la possibilità di creare una nuova cartella, modificare la
descrizione di una cartella o eliminarla.
Prima di accedere al Wizard “Gestione Cartelle” il programma controlla che nessun altro utente stia
lavorando con la procedura di contabilità, infatti in caso contrario viene visualizzato un messaggio
che impedisce l’avvio della Gestione. Questo perché potrebbe verificarsi un conflitto tra le
Aziende/Gruppi che si vogliono copiare o spostare e l’utilizzo delle stesse da parte di un altro utente
che sta lavorando sugli stessi dati.
Per tale gestione è stata predisposta una sequenza di maschere che aiutano l’utente, attraverso
determinate scelte, a compiere l’operazione. Sono possibili diverse opzioni:
- creare una nuova cartella;
- creare una nuova cartella copiando o spostando aziende esistenti;
- modificare la descrizione di una cartella;
- cancellare una cartella (e il suo contenuto).

Creare una Nuova Cartella Vuota


Se si effettua questa scelta viene creata una cartella priva di archivi. Procedendo nella maschera
successiva è necessario indicare:
il percorso su cui posizionare la nuova cartella. Se viene indicato un percorso già utilizzato, viene
visualizzato un messaggio di avviso bloccante che rende necessaria la modifica;
la descrizione della cartella. Se viene indicata una descrizione già esistente, viene visualizzato un
messaggio di avviso bloccante che rende necessario specificare una descrizione differente.
In fase di creazione di una nuova cartella l’utente deve confermare la creazione prima di terminare
l’operazione.
Creare una Nuova Cartella Copiando o Spostando Aziende Esistenti
Se si effettua questa scelta viene creata una cartella contenente gli archivi delle aziende selezionate.
Procedendo nelle maschere successive è necessario indicare:
il percorso su cui posizionare la nuova cartella. Se viene indicato un percorso già utilizzato, viene
visualizzato un messaggio di avviso bloccante che rende necessaria la modifica.
la descrizione della cartella. Se viene indicata una descrizione già esistente, viene visualizzato un
messaggio di avviso bloccante che rende necessario specificare una descrizione differente.
- confermare la creazione della nuova cartella;
- selezionare la cartella da cui prelevare i dati;
selezionare il gruppo relativo all’azienda/e da prelevare. Un gruppo viene selezionato in automatico
se le aziende che fanno parte di quel gruppo sono selezionate. Selezionando la cartella, invece,
vengono selezionati in automatico tutti i gruppi e tutte le aziende della cartella;
Prima di confermare l’operazione l’utente deve scegliere se:
copiare le aziende mantenendole nella cartella di origine. Scegliendo quest’opzione, la stessa
azienda sarà presente in due cartelle;
spostare le aziende nella nuova cartella, procedendo con la cancellazione dalla cartella di origine.
Scegliendo quest’opzione l’azienda verrà spostata fisicamente nella nuova cartella e cancellata dalla
cartella originaria.
Nell’ultima maschera vengono visualizzate le scelte precedenti, l’utente ha la possibilità di
confermarle con il bottone Fine, modificarle con il bottone Indietro o annullarle con il bottone
Annulla.

Modificare la Descrizione di una Cartella


Se si effettua questa scelta l’utente può cambiare la descrizione di una cartella. Per fare ciò è
necessario:
- selezionare la cartella di cui si desidera modificare la descrizione;
- inserire la nuova descrizione;
- confermare con il bottone Fine. Naturalmente se si sono riscontarti degli errori l’utente può
modificarli con il bottone Indietro o annullare l’operazione con il bottone Annulla.

Cancellare una Cartella (ed il suo contenuto)


Se si effettua questa scelta è necessario:
- selezionare la cartella da cancellare;
- digitare CANCELLA;
confermare l’operazione con il bottone Fine. Naturalmente se si sono riscontarti degli errori l’utente
può modificarli con il bottone Indietro o annullare l’operazione con il bottone Annulla.
Creare il proprio Gruppo di aziende (Es. tutte aziende appartenenti allo stesso regime fiscale).

REGIMI CONTABILI
Gestione della contabilità Ordinaria.
Gestione della contabilità Semplificata.
Gestione della contabilità Forfetaria.
Gestione della contabilità Supersemplificata.
Regimi speciali I.V.A.
Gestione della Multiattività art. 36.
Gestione del Regime Speciale per le Agenzie di Viaggio.
Gestione del Regime Speciale per le imprese Agricole.

Contabilità Ordinaria Imprese– Caratteristiche e impostazione


La contabilità ordinaria imprese è costituita da:
registrazioni di Prima Nota I.V.A.;
registrazioni di Prima Nota Semplice.
I movimenti di Prima Nota I.V.A. riguardano registrazioni di fatture Clienti / Fornitori e verranno
stampati sui Registri I.V.A. e sul Giornale Generale. Tutti i movimenti con codice I.V.A. verranno
considerati per il calcolo della liquidazione periodica I.V.A..
I movimenti di Prima Nota Semplice, invece, verranno stampati solo sul Libro Giornale . Il Libro
Giornale rappresenta il libro contabile nel quale vengono riportate, giorno per giorno, le operazioni
relative all’esercizio dell’impresa.

Contabilità Ordinaria Professionisti – Caratteristiche e impostazione


La contabilità Ordinaria Professionisti è costituita da registrazioni di Prima Nota IVA, registrazioni
di Incasso/pagamento e da registrazioni di Prima Nota Semplice.
I movimenti di Prima Nota IVA riguardano registrazioni di fatture (clienti/fornitori) e verranno
stampati sui Registri IVA o sui Registri Corrispettivi oltre che sul Registro Cronologico. Tutti i
movimenti con codice IVA verranno considerati per il calcolo della liquidazione periodica IVA.
Per la gestione della contabilità ordinaria professionisti occorre impostare i seguenti parametri:
Selezionare dalla scheda azienda l’opzione contabilità ordinaria professionisti.
Selezionare la scheda contabilità e completare con i dati richiesti (conti proposti, causali di
chiusura, etc.).
Selezionare la scheda professionisti e completare con i dati richiesti.
Selezionare la scheda ritenute e completare se necessario i campi dei conti proposti.
Selezionare la scheda controlli ed impostare il periodo di registrazione consentito.

Tale regime contabile viene gestito con apposite causali che permettono di applicare il principio di
cassa.

La registrazione di ogni singola fattura (cliente/fornitore) viene effettuata su conti transitori, fissati
nei parametri, che verranno girocontati sui conti impostati nella causale solo al momento
dell’effettivo incasso o pagamento.

Per la contabilità ordinaria professionisti sono abilitate le seguenti stampe:


Situazione contabile per cassa professionisti
Situazione contabile per competenza professionisti
Situazione contabile per cassa professionisti a sezioni contrapposte
Situazione contabile per competenza professionisti a sezioni contrapposte
Registro Cronologico
Nelle stampe per cassa verranno stampate tutte le operazioni che hanno avuto manifestazione
finanziaria nel periodo indicato, mentre nelle stampe per competenza verrà simulato l’incasso e il
pagamento di tutte le fatture clienti e fornitori.

Per consentire alla procedura di gestire il principio di cassa, è indispensabile registrare gli incassi e i
pagamenti di tutte le fatture emesse e ricevute. Tali registrazioni affluiranno ad un conto finanziario
fissato nei parametri (campo "Conto di incasso pagamento").

Le aziende create precedentemente all’ installazione della versione 4.2 devono essere convertite
tramite la funzione Conversione Professionisti al fine di poter utilizzare la nuova gestione.
CONVERSIONE PROFESSIONISTI
La funzione consente di convertire le aziende di tipo Ordinaria professionisti in Nuova ordinaria
professionisti creando una nuovo archivio in cui verrà gestito il principio di cassa e competenza.
La conversione e’ suddivisa in due passaggi:

 GENERAZIONE AZIENDA DI TIPO NUOVA ORDINARIA PROFESSIONISTI: Permette di


creare la nuova azienda in cui verranno trasferite le partite aperte al momento della
conversione per consentire la rilevazione degli incassi e pagamenti attraverso la nuova
gestione. Attraverso questa opzione verranno convertiti i seguenti dati:
 Archivio nominativi clienti\fornitori;
 Tabelle azienda presenti nel modulo contabilità e ritenute;
 Tabelle Gruppo;
 Parametri;
 Dati di Stampa;
 Movimenti contabili relative a fatture che non risultano totalmente pagate\incassate al
momento della conversione;
 Movimenti contabili relativi a pagamenti\incassi parziali per i quali la relativa fattura non
risulta ancora totalmente saldata al momento della conversione.
Prima di avviare questa funzione, è necessario aver inserito tutti i movimenti IVA ed i
relativi movimenti di incasso/pagamento relativi all’esercizio per il quale è stata tenuta la
contabilità con il metodo di gestione precedente. Eventuali movimenti IVA e/o
Incassi/pagamenti registrati sull’azienda da convertire successivamente all’avvio della prima
fase, dovranno essere riportati su entrambe le aziende (quella di origine e quella creata
mediante la conversione professionisti.
La conversione può essere eseguita solo sulle aziende con valuta EURO.
 TRASFERIMENTO MOVIMENTI DI APERTURA E CESPITI: Esegue il trasferimento dalla
vecchia alla nuova azienda dei movimenti di apertura contabile e le tabelle relative al
caricamento cespiti e i valori consolidati.

La seconda fase della conversione dovrà essere eseguita solo dopo aver completato tutte le
operazioni di chiusura dell’esercizio precedente al passaggio alla nuova gestione.

ATTENZIONE
La scelta del tipo di conversione viene eseguita automaticamente dal programma in funzione dello
stato di conversione.

Contabilità Semplificata Imprese – Caratteristiche ed Impostazione


La contabilità Semplificata Imprese è costituita sostanzialmente da registrazioni di Prima Nota
I.V.A., tuttavia sono ammesse anche le registrazioni di Prima Nota Semplice.
I movimenti di Prima Nota I.V.A. riguardano registrazioni di fatture (clienti / fornitori) e verranno
stampati sui Registri I.V.A.. Tutti i movimenti con codice I.V.A. verranno considerati per il calcolo
della liquidazione periodica I.V.A..
I movimenti di Prima Nota Semplice verranno stampati, nella sezione “Movimenti non rilevanti ai
fini I.V.A.”, sui Registri I.V.A. (Acquisti/Vendite). La stampa di tali movimenti è subordinata alla
selezione dell’opzione “Stampa anche movimenti di prima nota semplice” presente nella stampa
dei Registri I.V.A. Acquisti/Vendite.

Contabilità Semplificata Professionisti – Caratteristiche ed Impostazione


La contabilità Semplificata Professionisti è costituita sostanzialmente da registrazioni di Prima Nota
I.V.A., da movimenti di incasso e pagamento. Tuttavia sono ammesse anche le registrazioni di
Prima Nota Semplice.
I movimenti di Prima Nota I.V.A. riguardano registrazioni di fatture Clienti / Fornitori e verranno
stampati sui Registri I.V.A.. Tutti i movimenti con codice I.V.A. verranno considerati per il calcolo
della liquidazione periodica I.V.A..
I movimenti di incasso e pagamento saranno stampati sui registri Incassi/Pagamenti.
I movimenti di Prima Nota Semplice verranno stampati, nella sezione “Movimenti non rilevanti ai
fini I.V.A.”, sui Registri I.V.A. (Acquisti/Vendite). La stampa di tali movimenti è subordinata alla
selezione dell’opzione “Stampa anche movimenti di prima nota semplice” presente nella stampa
dei Registri I.V.A. Acquisti/Vendite.
Tale regime contabile viene gestito con apposite causali che permettono di applicare il principio di
cassa.
La registrazione di ogni singola fattura (cliente/fornitore) viene effettuata su conti transitori, fissati
nei parametri, che verranno girocontati sui conti impostati nella causale solo al momento
dell’effettivo incasso o pagamento.
Questo tipo di gestione permette di ottenere la stampa delle seguenti situazioni contabili:
Situazione contabile per cassa professionisti;
Situazione contabile per competenza professionisti;
Situazione contabile per cassa professionisti a sezioni contrapposte;
Situazione contabile per competenza professionisti a sezioni contrapposte;
Nelle stampe per cassa verranno stampate tutte le operazioni che hanno avuto manifestazione
finanziaria nel periodo indicato, mentre nelle stampe per competenza verrà simulato l’incasso e il
pagamento di tutte le fatture clienti e fornitori.
Per questo tipo di contabilità sono disponibili le stampe dei registri Incassi e Pagamenti in diversi
formati:
- Registro Incassi
- Registro Pagamenti
- Registro Incassi e Pagamenti
- Somme non Pagate nell’anno
- Somme non Incassate nell’anno
Per consentire alla procedura di gestire il principio di cassa, è indispensabile registrare gli incassi e i
pagamenti di tutte le fatture emesse e ricevute. Tali registrazioni affluiranno ad un conto finanziario
fissato nei parametri (campo conto di incasso pagamento).

Contabilità Forfetaria Imprese e Professionisti - Caratteristiche ed impostazione


La contabilità Forfetaria è costituita da registrazioni di Prima Nota I.V.A., tuttavia sono ammesse
anche le registrazioni di Prima Nota Semplice.
I movimenti di Prima Nota I.V.A. riguardano le sole registrazioni di fatture clienti e verranno
stampate sui Registri I.V.A. Vendite o sui Registri Corrispettivi. Tutti i movimenti con codice
I.V.A. verranno considerati per il calcolo della liquidazione periodica I.V.A..
I movimenti di Prima nota Semplice non compariranno in nessuna stampa ufficiale.
Per la tenuta della contabilità forfetaria è sufficiente pertanto registrare le sole fatture di vendita o i
corrispettivi giornalieri. Qualora si desideri registrare cumulativamente le fatture di vendita basterà
utilizzare la causale “Super Registrazione”, dopo aver definito il cliente fittizio nella Tabella
Nominativi (la definizione di tale cliente è indispensabile per il funzionamento della causale di
super registrazione).
La contabilità forfetaria viene gestita mediante l’utilizzo di determinate causali abilitate per questo
tipo di contabilità:
Fattura Cliente
Abilitazione a Super Registrazione
Note di Credito cliente
Corrispettivi senza ventilazione
Per tale tipo di contabilità sono abilitate le seguenti stampe:
Stampa registri I.V.A. (Vendite/Corrispettivi)
Stampa Liquidazione I.V.A. forfait
Stampa Situazione contabile forfait
Nella stampa della liquidazione I.V.A. forfait verrà evidenziata l’imposta a debito con l’indicazione
dell’abbattimento forfetario.
Nella stampa della situazione contabile verrà evidenziato, il reddito IRPEF al netto
dell’abbattimento forfetario previsto per le singole tipologie di attività.
Nella stampa dei registri I.V.A., in caso di registrazione cumulativa (Super registrazione), verranno
stampate sole le contropartite di ricavo in luogo del codice/nome del cliente.

Contabilità Supersemplificate - Caratteristiche ed impostazione


La contabilità Supersemplificata è un nuovo regime contabile (con decorrenza 1° gennaio 1997) per
i contribuenti minori, che si applica alle sole persone fisiche imprenditori o professionisti, che
nell’anno precedente: non hanno superato il limite di volume d’affari di 30 milioni di lire per le
attività di prestazione di servizi, e di 50 milioni di lire negli altri casi.
La contabilità Supersemplificata viene gestita analogamente alla contabilità semplificata ma con
alcune particolarità.
In tale regime, infatti, sono ammesse le registrazioni cumulative con riferimento a ciascun mese, sia
per i valori rilevanti ai fini I.V.A., sia per quelli ai fini delle imposte dirette. La registrazione dovrà
essere effettuata entro il 15 del mese successivo sui registri I.V.A. e riguarda anche gli acquisti e le
importazioni ai fini della detraibilità dell’I.V.A.. Entro la data di presentazione della dichiarazione
dei redditi dovranno essere annotate le rimanenze di magazzino.
Per abilitare la contabilità Supersemplificata è sufficiente abilitare l’apposita opzione posta nella
scheda azienda dei Parametri. Tale abilitazione consentirà di impostare il cliente fittizio per le
registrazioni cumulative (vedi Nominativi – pag. 55).
Qualora si desideri registrare cumulativamente le fatture di vendita basterà utilizzare la causale
“Super Registrazione”, (vedi Causali Contabili – pag. 86). Le stampe gestite per tale tipologia di
contabilità sono analoghe a quelle previste per il regime semplificato.
Nella stampa dei registri I.V.A., in caso di registrazione cumulativa (Super registrazione), verranno
stampate sole le contropartite di ricavo in luogo del codice/nome del cliente.
REGIMI SPECIALI

MULTIATTIVITÀ ART. 36 - caratteristiche ed impostazione


Per la gestione della Multiattività occorre impostare i seguenti parametri :
Nella maschera relativa ai Parametri dalla scheda azienda selezionare Multiattività art. 36.
Nella maschera relativa ai Parametri Attività creare una alla volta le attività che si desidera gestire.
Per ogni attività definire la percentuale di prorata, il tipo di plafond utilizzato ed eventualmente
l’appartenenza ad un regime speciale.
Impostare necessariamente un’attività come prevalente.
Creare nelle Tabelle azienda i nuovi registri I.V.A. compilando tutti i campi necessari e nel
campo “Attività associata al registro” indicare l’attività che si desidera associare al registro.
Selezionare dal menu File la voce “Imposta Attività Corrente” e impostare l’attività per la quale si
desidera effettuare registrazioni in Prima Nota.
La procedura consentirà all’utente, in caso di registrazioni di Prima Nota, di utilizzare solo i registri
abbinati all’attività correntemente impostata.
Per tale tipo di gestione sono abilitate le seguenti stampe :
Liquidazione I.V.A. Attività (relativa alle singole attività) (vedi pag. 195).
Liquidazione I.V.A. Riepilogativa (relativa a tutte le attività presenti nell’azienda) (vedi pag. 189).
Per determinare correttamente l’importo dell’I.V.A. da versare occorre effettuare prima la stampa
di tutte le liquidazioni I.V.A. relative alle singole attività e successivamente quella riepilogativa.
Le possibilità di gestione previste dalla procedura per tale particolarità sono:
- Imprese in contabilità ordinaria o semplificata con più di un’attività in regime normale;
- Imprese in contabilità forfetaria con più di un’attività;
- Imprese in contabilità ordinaria o semplificata con attività in regime normale insieme ad
attività in regime speciale (art. 74/ter – ADV e art. 34 - Agricolo);
- Imprese in contabilità ordinaria o semplificata con attività in cui è utilizzato il plafond e attività
in cui non è utilizzato o è di diverso tipo;
- Professionisti in contabilità ordinaria o semplificata con più di un’attività;
- Non è possibile gestire aziende in presenza di un’attività con regimi I.V.A. differenti (ordinario
insieme a semplificato o forfetario)
- Non è possibile gestire aziende dove coesiste lo status di imprenditore e professionista.

REGIME SPECIALE AGENZIE DI VIAGGIO – Caratteristiche ed


Impostazione
La gestione delle Agenzie di viaggio, così come prevista dall’art.74 ter Dpr 633/72, si articola su
una serie di codici I.V.A. (vedi pag. 96) e di registri (vedi pag. 59) che consentono alla procedura di
generare una particolare liquidazione I.V.A. (metodo base da base) (vedi pag. 195).
Per imposta il regime speciale Accedere alla maschera Parametri Attività e selezionare la voce ex
art. 74 ter impostando le relative percentuali (percentuale di scorporo e aliquota I.V.A.); la
procedura propone rispettivamente 16,65% e 20% per le due percentuali. La percentuale di scorporo
verrà applicata alla Base Imponibile Lorda per determinare la Base Imponibile Netta alla quale
verrà successivamente applicata l’Aliquota I.V.A. per determinare l’I.V.A. ex art. 74/ter
Per la gestione di tale particolarità sono disponibili due tipologie di registri I.V.A.:
- Registro Acquisti ex art. 74 ter (per la registrazione degli acquisti);
- Registro Corrispettivi ex art. 74 ter (per la registrazione delle vendite);

Il Registro Acquisti ex art. 74 ter andrà utilizzato per la registrazione degli acquisti effettuati nel
regime speciale, cioè di quegli acquisti di servizi, al lordo dell’I.V.A. che compongono il viaggio
prodotto dall'agenzia e che sono stati acquistati dalla medesima in nome proprio ma a
vantaggio diretto del cliente; tali acquisti devono essere così suddivisi:

- Costi nel territorio CEE;


- Costi extra CEE;
Le due sezioni dovranno essere divise a loro volta in due colonne la prima sezione:
- Viaggi interamente CEE;

- Viaggi misti (parte CEE);

La seconda sezione:
- Viaggi interamente extra CEE;
- Viaggi misti (parte extra CEE);
- Il Registro Corrispettivi ex art. 74 ter, dovrà essere utilizzato per annotare i documenti
emessi nel regime speciale distinguendoli in:
- Corrispettivi imponibili (CEE);
- Corrispettivi non imponibili (Extra CEE);
- Corrispettivi misti (parte CEE e parte Extra CEE);
Per permettere alla procedura di suddividere gli acquisti e le vendite è sufficiente utilizzare, al
momento della registrazione, gli appositi codici I.V.A. (La tabella codici I.V.A. contiene tutti i
codici necessari).
Si osservi che per i due registri ex art. 74 ter si potranno utilizzare solo Codici I.V.A. di tipo di
“Agenzie di Viaggio” o codici I.V.A. con aliquota uguale a zero (non imponibile, escluso, esente).
Per le registrazioni in Prima Nota e sufficiente utilizzare le apposite causali suddividendo gli
acquisti e le vendite come sopra descritto (la suddivisione avviene mediate l’applicazione degli
appositi codici I.V.A.).
Nella stampa della liquidazione I.V.A., prima del conteggio d’imposta, verrà riportato un prospetto
che riepiloga il calcolo dell’I.V.A. dovuta ai sensi dell’art 74/ter.
Per una corretta e semplice impostazione dell’azienda si consiglia di creare un nuovo Gruppo di
aziende eseguendo una copia del Gruppo DEMOG – Contabilità Agenzie di Viaggi e di creare la
propria Azienda copiando i dati dall’Azienda DEMO7 – Demo Contabilità Agenzia di Viaggi. Tale
procedura consentirà di utilizzare il Piano dei Conti e le causali predefinite dai nostri consulenti e di
aver già disponibile un modello di azienda con le parametrizzazioni corrette.

REGIME SPECIALE IMPRESE AGRICOLE - Caratteristiche ed


Impostazione
La gestione del regime agricolo prevede l'utilizzo, in fase di registrazione, di due particolari tipi di
codici I.V.A. che consentono alla procedura di determinare l’I.V.A. a debito secondo quanto
previsto dalla normativa vigente.
Per gestire un azienda con il regime speciale agricoltura è sufficiente accedere alla maschera
Parametri Attività e selezionare la voce ex art. 34 dalla sezione Regimi Speciali
Per le registrazioni in Prima Nota è sufficiente utilizzare Codici I.V.A. di tipo “regime agricolo
speciale acquisti” se si intende effettuare registrazioni di fatture di acquisto e di tipo “regime
agricolo speciale vendita” se si intende registrare fatture di vendita.
Da notare che per ogni aliquota di vendita corrisponde un’aliquota di compensazione. Tale aliquota
verrà applicata alle vendite del periodo determinando così l’I.V.A. sugli acquisti ai sensi dell’art.
34. (La tabella codici I.V.A. contiene tutti i codici necessari)
Nella stampa della liquidazione I.V.A. (vedi pag. 195), prima del conteggio d’imposta, verrà
riportato un prospetto che riepiloga il calcolo dell’I.V.A. detraibile ex art. 34 determinata
applicando le percentuali di compensazione alle vendite del periodo.
Per una corretta e semplice impostazione dell’azienda si consiglia di creare un nuovo Gruppo di
aziende copiando il Gruppo DEMOA – Contabilità Imprese Agricole e di creare la propria Azienda
copiando i dati dall’Azienda DEMO8 – Demo Contabilità Impresa Agricola. Tale procedura
consentirà all’utente di utilizzare il Piano dei Conti e le causali predefinite dai nostri consulenti e di
aver già disponibile un modello di azienda con le parametrizzazioni corrette.

REGIME DEL MARGINE - Caratteristiche ed Impostazione


La gestione del regime del margine (analitico o globale) prevede l’utilizzo in fase di registrazione a
prima nota di apposite causali e di codici IVA appositamente identificati all’interno della tabella dei
codici IVA.
Nel caso in cui sia necessario anche gestire in modo completo il regime, occorre attivare anzitutto
all’interno dei parametri dell’azienda (scheda contabilità) il flag “Abilita gestione beni”; ciò
consente di utilizzare la gestione dei beni usati comprensiva anche della stampa dei registri di carico
e scarico, funzioni che sono presenti nell’apposito modulo BENI USATI e che vengono rilasciate
mano a mano con i diversi aggiornamenti del programma. Nel caso in cui invece si desideri
solamente gestire le registrazioni contabili, la liquidazione dell’imposta e la stampa delle
informazioni relative al regime del margine sugli ordinari registri IVA (ovvero su registri
appositamente creati) non occorre attivare il flag “Abilita gestione beni”.
Il calcolo del regime del margine globale viene eseguito in fase di stampa liquidazione IVA per
attività sulla base dei movimenti contabili registrati a prima nota, sia nelle liquidazioni periodiche
che in liquidazione annuale. Ai fini del calcolo vengono considerate tutte le righe contabili che
contengano codici IVA in regime del margine GLOBALE. I movimenti presi in considerazione
riguardano gli acquisti e le vendite con data competenza liquidazione IVA nel periodo di stampa
richiesto (se selezionato il flag “Stampa annuale” il periodo considerato è 01/01 – 31/12).
Viene calcolata la differenza tra il prezzo di vendita (comprensivo delle eventuali note di credito) ed
il prezzo di acquisto (comprese le eventuali spese accessorie e note di credito), sottraendo il
margine negativo derivante dal periodo precedente. A seguito di tale operazione si può determinare
uno dei seguenti risultati:
- margine negativo o uguale a zero (se prezzo di vendita è inferiore o uguale al prezzo di acquisto);
- margine positivo (se il prezzo di vendita è superiore al prezzo di acquisto).

Se il margine è negativo o uguale a zero, tale margine non rientra nel conteggio di imposta del
periodo ma viene considerato nel conteggio d’ imposta della liquidazione IVA relativa al periodo
successivo. Infatti il margine negativo così determinato viene salvato dalla procedura all’interno
del campo “Eccedenza di costo del periodo” della tabella azienda Liquidazione IVA – sezione
Importi. Tale valore sarà viene ripreso in fase di stampa liquidazione IVA del periodo successivo
per il conteggio del margine del periodo medesimo.
Infine, se il margine è positivo, tale importo rientra nel conteggio di imposta del periodo.
Nel caso in cui siano presenti all’interno dello stesso periodo più aliquote IVA legate al regime del
margine globale, in sede di calcolo del margine globale la procedura effettua una suddivisione per
aliquota del totale dei corrispettivi, applicando pro-quota la relativa aliquota marginale, al fine di
determinare il margine lordo.

I contribuenti che applicano il regime del margine con il metodo globale devono fare riferimento, al
fine di determinare la base imponibile lorda o in alternativa il margine negativo, ai movimenti
contabili relativi a tutto l’ anno. A seguito di tale ricalcolo il risultato della liquidazione dell’ ultimo
periodo dell’ anno pertanto potrebbe non coincidere con quello annuale. Se dal conteggio risulta
un’eccedenza di costo, la stessa va riportata nel campo “Eccedenza di costo annuale” della tabella
liquidazione IVA relativa all’ultimo periodo di stampa dell’esercizio.

Per quanto riguarda la stampa dei registri IVA, in considerazione del fatto che il calcolo del
margine viene eseguito per masse di beni, in regime del margine globale non è necessario caricare
l’anagrafica di ogni singolo bene. Ciò comporta la possibilità di evitare l’utilizzo del software
Gestione beni, con la conseguenza della mancata gestione dei Registri di Carico e Scarico veri e
propri. Pertanto, in assenza dei Registri di Carico e di Scarico, le operazioni in regime del margine
devono essere annotate sui registri IVA esponendo le caratteristiche delle masse di beni, intese
come natura, qualità, quantità ossia le informazioni richieste in fase di caricamento delle fatture
qualora nei parametri dell’ azienda non sia attiva la Gestione Beni.
Pertanto la stampa del Libro IVA prevede le informazioni relative a Natura – Qualità – Quantità
relative ad ogni movimento contabile e memorizzate nella griglia “Regime del margine. Tali
informazioni compaiono solo per i registri IVA su cui risulta selezionato il flag “Regime del
margine”.
REGIME AGEVOLATO LEGGE STABILITA’ 2015 art. 1-
Caratteristiche ed Impostazione
Per gestire il regime agevolato previsto dall’art. 1 della Legge di stabilità 2015 occorre:
 accedere alla maschera Archivi/Parametri Azienda e selezionare l’opzione “Regime
agevolato L. Stabilità 2015”
L’opzione risulta attiva per le contabilità:
 Ordinarie
 Semplificate
e in presenza di tipologia:
 Impresa – Ditta Individuale
 Professionista - Individuale
 indicare la data decorrenza, il limite dei ricavi ed il coefficiente di redditività
Il limite dei ricavi ed il coefficiente di redditività vengono proposti, ma sono modificabili,
sulla base del codice ATECOFIN 2007 presente nei parametri attività dell’azienda.
Se selezionato “Regime agevolato L. Stabilità 2015”:
 nella tabella “Parametri Attività” non risultano attive le sezioni relative ai Regimi
Speciali (“Agricolo” e “Agenzie di Viaggio”) in quanto tali regimi non sono
compatibili con quello in oggetto;
 nel caso in cui per l’azienda corrente, almeno un’attività gestisce un regime speciale,
in fase di salvataggio “Parametri” viene visualizzato un messaggio bloccante
sull’incompatibilità con i regimi speciali Agricolo e Agenzie di viaggio;
 nel caso in cui il periodo di gestione del “Regime agevolato L. Stabilità 2015” si
sovrappone con la gestione dell’IVA ad esigibilità/detraibilità differita art. 32 bis ne
viene segnalata l’incompatibilità.
 Indicare nella scheda contabilità dei parametri azienda il conto contributi titolare.
 Eseguire le registrazioni di Prima Nota

Contribuenti di tipo Impresa


In presenza di gestione del regime agevolato in esame, nelle aziende di tipo Impresa, sia Ordinaria
che Semplificata, sono state attivate le stampe e le funzionalità per gestire il principio di cassa
applicato ai contribuenti in esame.
Selezionando “Regime agevolato L. Stabilità 2015” risultano attive le seguenti funzioni:
 stampa di controllo “Situazione contabile per cassa” (sia a sez. contrapposte che a scalare);
 stampa di controllo “Situazione somme non pagate/incassate”
 menu “Servizi” – “Operazioni di chiusura” - “Storno somme non pagate/incassate”
La funzione viene utilizzata a fine esercizio la corretta rilevazione del reddito e il corretto
collegamento con le dichiarazioni fiscali. Permette di stornare i costi ed i ricavi non incassati /
pagati nell’anno, generando automaticamente la loro riapertura nell’esercizio successivo attraverso
la creazione di apposite registrazioni in Prima Nota.

PARTICOLARITÀ FISCALI

GESTIONE DEL PLAFOND


La gestione del Plafond, che consente agli esportatori abituali di acquistare beni e servizi in
sospensione di imposta, è gestibile mediante l’utilizzo dei due regimi previsti dalla legge:
 Fisso
 Mobile
La scelta del regime va impostata nei Parametri Attività (vedi pag. 123).
Il calcolo del plafond utilizzato, di quello residuo e maturato viene effettuato attraverso la stampa
del Prospetto Plafond (vedi pag. 195) nel caso in cui si tratti di liquidazione I.V.A. trimestrale,
oppure direttamente nella stampa della Liquidazione (vedi pag. 195) per gli altri casi.

Costituzione ed utilizzo del plafond


Il plafond viene costituito, incrementato e diminuito da tutte quelle operazioni di Prima Nota
I.V.A. che utilizzano un Codice I.V.A. di tipo Plafond.
Ad ogni Liquidazione verrà creata automaticamente una tabella "Dati Plafond" alimentata dalle
operazioni effettuate nel mese. Qualora venisse utilizzato completamente il plafond disponibile (o
addirittura superato), verrà visualizzato un messaggio di avviso. In calce alla liquidazione verrà
stampato il prospetto riepilogativo dei "dati plafond " relativi al mese precedente.

Plafond Fisso
Il calcolo del plafond disponibile viene effettuato sulla base del totale delle esportazioni registrate
nell’anno solare precedente.
Qualora non siano presenti movimenti contabili relativi all’anno precedente è possibile caricare
manualmente i valori attraverso la tabella Dati Plafond inserendo per ogni mese l’ammontare delle
esportazioni effettuate oppure indicando direttamente il totale delle esportazioni effettuate relative a
dicembre dell’anno precedente.
Nel caso in cui siano presenti i movimenti contabili la procedura si comporta come segue:
Nella Liquidazione I.V.A. del mese di gennaio viene calcolato: il plafond disponibile.
Nella tabella Dati Plafond, generata automaticamente dalla procedura, compaiono:
Plafond Disponibile (somma delle esportazione effettuate nell’anno solare precedente);
Plafond Utilizzato Italia/UE: ammontare del plafond utilizzato e gestito a Prima Nota attraverso
codici IVA di tipo Regime Plafond.
Plafond Utilizzato Extra/UE: ammontare del plafond utilizzato e gestito a Prima Nota attraverso
codici IVA di tipo Regime Plafond e selezione dell’opzione “Importazioni”.
Plafond Residuo (differenza tra il Plafond disponibile e gli utilizzi dello stesso mese). Il residuo
costituirà il plafond disponibile per il mese successivo.

Plafond Mobile
Il calcolo del plafond disponibile viene effettuato sulla base del totale delle esportazioni registrate
nei 12 mesi precedenti, al netto degli utilizzi effettuati nel medesimo periodo.
Qualora non siano presenti movimenti contabili relativi ai 12 mesi precedenti è possibile caricare
manualmente i valori attraverso la tabella Dati Plafond inserendo l’ammontare delle esportazioni
effettuate, del plafond utilizzato e residuo relativi al mese di dicembre dell’anno precedente.
Nella Liquidazione I.V.A. la procedura calcolerà il plafond disponibile (somma delle esportazione
effettuate nei 12 mesi precedenti al netto dei relativi utilizzi), che verrà riportato nella
Tabella dati Plafond generata automaticamente dalla procedura.
Si ricorda che, fiscalmente, tale metodo non è utilizzabile dalle aziende che hanno iniziato l’attività
da meno di 12 mesi.
Nel calcolo del plafond mobile la procedura non controlla l’effettiva esistenza di esportazioni nei 12
mesi precedenti, ma ne considera solo la presenza. Questo significa che non verrà visualizzato alcun
messaggio di avviso qualora non siano presenti tutti i dati relativi ai 12 mesi precedenti.

GESTIONE DELLA VENTILAZIONE I.V.A.


La ventilazione dell’I.V.A. sui corrispettivi di vendita avviene in modo del tutto automatico in sede
di Liquidazione periodica dell’I.V.A (vedi pag. 195).
Per ottenere una corretta ventilazione occorre attenersi alle seguenti indicazioni di registrazione:
Vendite
Utilizzare l’apposito codice I.V.A. - Ventilazione I.V.A. Corrispettivi
Acquisti
Registrare gli acquisti di beni destinati alla rivendita utilizzando gli appositi codici I.V.A. -
Ventilazione I.V.A. Acquisti
In sede di liquidazione I.V.A. il programma provvederà automaticamente alla ventilazione
dell’I.V.A. assumendo come basi di calcolo i seguenti valori:

Totale degli acquisti = Totale delle registrazioni effettuate utilizzando i


codici I.V.A. Ventilazione I.V.A. Acquisti
(imponibile + I.V.A.)
Totale delle vendite = Totale delle registrazioni effettuate utilizzando il
codice I.V.A. Ventilazione I.V.A. Corrispettivi

Nella stampa della liquidazione verrà riportato il prospetto di calcolo della ventilazione con
l’indicazione dei coefficienti di riparto distinti per aliquota.

GESTIONE ACQUISTI INTRACOMUNITARI


Per la gestione degli acquisti intracomunitari è stata predisposta un’apposita tipologia di
causale IVA CEE/Reverse Charge, che, abbinata all’apposito registro acquisti intra CEE, permette,
al momento della registrazione della fattura, di generare automaticamente la relativa autofattura.
La scrittura contabile generata automaticamente dalla procedura movimenterà,
contemporaneamente, il conto dell’IVA a credito e quello dell’IVA a debito rendendo l’operazione
neutra ai fini dell’IVA.
Se si gestiscono un unico Registro IVA Acquisti e Vendite per la registrazione di fatture fornitori
Italia e intracee, è necessario utilizzare a Prima Nota la causale A11.
Attraverso la gestione automatizzata di Registri IVA fittizi (nulli ai fini delle stampe ufficiali) ai
quali sono associati i Registri IVA Acquisti e Vendite standard per la stampa, tale causale consente
di indicare nel medesimo Libro IVA, in ordine cronologico e con protocollazione distinta, sia
operazioni con fornitori Italia che acquisti intracee.
Anche in questo caso, la scrittura contabile generata movimenterà, contemporaneamente, il conto
dell’IVA a credito e quello dell’IVA a debito rendendo l’operazione neutra ai fini dell’IVA.

GESTIONE DEL PRORATA


La percentuale di prorata, che dal 1° gennaio 1998 identifica la detraibilità dell’imposta sul valore
aggiunto, viene impostata nei Parametri (Parametri - vedi pag. 104). Il valore predefinito per tale
percentuale è 100, ovvero, tutta l’I.V.A. sugli acquisti è interamente detraibile.
Qualora sia impostata una percentuale diversa da 100, la procedura provvederà, in sede di
liquidazione periodica I.V.A., ad applicare tale percentuale all’I.V.A sugli acquisti, che saranno
pertanto detraibili nella misura del prorata sopra specificato.
In presenza di una percentuale uguale a zero la procedura considererà interamente indetraibile
l’imposta derivante dai registri I.V.A. acquisti.
E’ inoltre possibile, in presenza di un prorata diverso da zero, segnalare alla procedura che l’I.V.A.
sugli acquisti di un determinato registro I.V.A. (vedi pag. 59) è comunque interamente indetraibile;
per fare ciò è sufficiente impostare sul singolo registro I.V.A. l’apposita opzione “L’I.V.A. del
registro è indetraibile”. In tale situazione la procedura considererà sempre indetraibile l’I.V.A. del
registro anche se la percentuale del prorata è uguale 100.

GESTIONE IVA IN SOSPENSIONE


A partire dal 1° gennaio 1998 la gestione dell’I.V.A. in sospensione è stata modificata, e, a
differenza di quanto accadeva in passato, la registrazione di documenti I.V.A. in sospensione
segue i criteri ordinari.
Per la registrazione di fatture con I.V.A. in sospensione basterà utilizzare una normale causale di
emessa fattura abbinata a dei codici I.V.A. di tipo “I.V.A. in sospensione”. Le fatture registrate con
detti codici I.V.A. non saranno comprese nella liquidazione I.V.A. del periodo in cui sono
state registrate, ma saranno liquidate solo nel momento in cui saranno incassate. Ogni volta che
viene registrato l’incasso utilizzando causali di tipo “Incasso”, viene alimentato automaticamente un
apposito archivio “I.V.A. in Sospensione”. Tale archivio può essere compilato anche manualmente
dall’utente per includere nella liquidazione I.V.A. del periodo, l’I.V.A. in sospeso incassata,
derivante da fatture non registrate in precedenza.

GESTIONE SPLIT PAYMENT


Per consentire la registrazione delle fatture attive, sono state predisposte le apposite causali abilitate
per la gestione Split Payment:
 V60 - Emessa Nostra Fattura Split Pay
 V61 - Emessa Nota Cred. cliente Split Pay
 V62 - Emessa Nota Cred. in c/fatt Split Pay
 B60 - Alienazione Cespite Ammortizzabile Split Pay
 S109 – Emessa Parcella Split Payment
 S110 – Alien. Cespite Amm. Split Payment

e i seguenti Codici IVA di tipo Imponibile normale con gestione Split Payment:
 S50 - IVA AL 04% - Split Payment
 S51 - IVA AL 04% - Cessione beni ammort. Split Payment
 S60 - IVA AL 10% - Split Payment
 S61 - IVA AL 10% - Cessione beni ammort. Split Payment
 S70 - IVA AL 22% - Split Payment
 S71 - IVA AL 22% - Cessione beni ammort. Split Payment

Per eseguire la registrazione di Prima Nota occorre pertanto utilizzare la causale di tipo Split
Payment associata ad un Codice IVA della stessa tipologia (Split Payment).

Nota: nelle registrazioni effettuate con causali di tipo “Split Payment” è possibile utilizzare solo i
codici IVA di tipo “Split Payment” e/o codici IVA con aliquota zero.

Il movimento contabile che viene generato ha la seguente struttura:

il cliente viene aperto in “dare” per il solo importo netto dell’imponibile;


il conto IVA viene movimentato sia in dare che in avere;
la scadenza e la partita risultano aperte per il reale credito nei confronti del cliente, senza la
necessità di ulteriori giroconti
Nella stampa della liquidazione IVA, le operazioni “Split Payment”, non influenzano il conteggio
dell’imposta.
Il totale dell’imposta a debito relativa ai codici IVA Split Payment, viene riportato anche come IVA
a credito (l’IVA si azzera e rimane a zero l’imponibile a credito).

Il Registro IVA viene elaborato come segue:

E’ possibile utilizzare Codici IVA di tipo Split Payment anche in registrazioni di corrispettivi senza
ventilazione.
Lo sviluppo contabile della registrazione del corrispettivo con Codice IVA Split Payment non
subisce alcuna variazione rispetto alla registrazione di un corrispettivo con Codice IVA “normale”.
Viene generato un movimento con CASSA, Corrispettivi e IVA c/vendite occorre successivamente
girocontare il conto dell’IVA alla Cassa, per ottenere il saldo contabile corretto dei conti IVA e
Cassa.
Nella stampa della liquidazione IVA, anche i corrispettivi di tipo “Split Payment”, non influenzano
il conteggio dell’imposta.

GESTIONE IVA AD ESIGIBILITA’/DETRAIBILITA’ DIFFERITA


L’art. 7 del D.L. 29/11/2008, n.185 (c.d. Decreto anti-crisi) dispone che l’IVA relativa alle cessioni
di beni ed alle prestazioni di servizi effettuate nei confronti di cessionari o committenti soggetti
passivi di imposta (escludendo quindi le operazioni effettuate nei confronti dei privati e degli enti
non commerciali per acquisti estranei all’eventuale attività commerciale) può essere esigibile
all’atto del pagamento del corrispettivo, previa indicazione sulla fattura che si tratti di “operazione
con imposta ad esigibilità differita ai sensi dell’art. 7 del Dl. 29 novembre 2008, n. 185, convertito
dalla legge 28 gennaio 2009, n.2”.
In sostanza, viene esteso alla generalità delle operazioni il cosiddetto sistema dell’”IVA sospesa”,
finora applicabile alle sole operazioni effettuate nei confronti dello Stato, degli Enti pubblici, ecc.,
come previsto dal comma 5 dell’art. 6 del D.P.R. 633/1972.
Per poter gestire l’IVA per cassa è necessario utilizzare, in fase di registrazione
dell’emessa/ricevuta fattura le apposite causali che consentono di sospendere
l’esigibilità/detraibilità dell’IVA presente in fattura.
La registrazione, quindi, delle fatture/parcelle e delle eventuali note di credito in conto fattura, deve
essere fatta utilizzando causali per le quali risulta selezionato il flag IVA ad esigibilità/detraibilità
differita.
Sono state previste le seguenti causali che consentono di sospendere l’esigibilità/detraibilità
dell’IVA.
Per le aziende di tipo Impresa:
A02 – Ricevuta Vostra Fattura con IVA sospesa ;
V02 – Emessa Nostra Fattura con IVA sospesa.
Per le aziende di tipo Professionista:
S04 – Ricevuta Fattura Fornitore con IVA sospesa;
S68 – Emessa Parcella (Sogg. 2%) con IVA sospesa;
S69 – Emessa Parcella (Sogg. 4%) con IVA sospesa;

GESTIONE CONTABILITA’ AFFIDATA A TERZI


La contabilità presso terzi è prevista dall’art.1 c.3 DPR100/98, in base alla quale, in deroga al
principio generale della periodicità della liquidazione mensile, i contribuenti mensili che affidano a
terzi la tenuta dei registri IVA o che si avvalgono di centri elettrocontabili gestiti da terzi, possono
optare per la liquidazione dell’imposta sulla base delle operazioni registrate del secondo mese
precedente a quello di liquidazione.
Per la gestione di tale opzione occorre procedere come segue:
accedere ai PARAMETRI - scheda azienda, nella sezione Gestione IVA e barrare la casella
“Contabilità affidata a terzi”. Tale casella è abilitata solo per i contribuenti mensili.
accedere ai PARAMETRI ATTIVITA’– scheda attività e compilare i campi per l’indicazione della
data di decorrenza dell’opzione, della eventuale revoca e il flag per l’indicazione dell’inizio attività.
Tali dati devono essere compilati per ogni attività dell’azienda per la quale sia gestita la contabilità
affidata a terzi.

In fase di liquidazione dell’imposta la procedura, per il calcolo della liquidazione del mese di
decorrenza dell’opzione, tiene conto delle operazioni con data competenza Liquidazione IVA
corrispondente allo stesso mese se si tratta di soggetto che inizia l’ attività (flag Inizio Attività
selezionato nei parametri attività). Se invece il soggetto è già esistente (e quindi non è selezionato il
flag Inizio Attività), per il calcolo della liquidazione del primo mese il programma tiene conto delle
operazioni con data competenza liquidazione IVA riferita al mese precedente.
In entrambi i casi, a decorrere dalla liquidazione del mese successivo, il programma tiene conto
delle operazioni aventi data competenza Liquidazione IVA riferita al mese precedente.

GESTIONE REGIME AUTOTRASPORTATORI EX ART.74, C.4

PREMESSA

Gli autotrasportatori in base al regime di cui all’art.74, c.4, del D.P.R.633/72, possono determinare
l’imposta trimestralmente, qualunque sia il volume d’affari realizzato. Non si applicano gli interessi
per il versamento dell’IVA trimestrale, attualmente pari all’1%.
Tali contribuenti hanno la facoltà di emettere una sola fattura riepilogativa delle prestazioni
effettuate nei confronti dello stesso committente nel corso di ciascun trimestre solare (non oltre,
comunque, la data di pagamento del corrispettivo), e di registrare tale fattura entro il termine del
trimestre solare successivo a quello di emissione, anziché entro i 15 giorni dall’emissione. L’IVA
relativa a tale fattura verrà, pertanto, liquidata e versata nel trimestre di registrazione del
documento.
Es. Fattura emessa il 10/02/2008: può essere registrata ai fini IVA entro il 30/06/2008; l’imposta
viene liquidata e versata entro il 16/08/2008.

L’IVA relativa al quarto trimestre deve essere versata entro il 16/02 dell’anno successivo, anziché
in sede di dichiarazione annuale.
Le prestazioni non comprese nel regime agevolato debbono essere registrate con una distinta
annotazione (salva la possibilità di tenere la contabilità separata ex art. 36 DPR 633/1972), e
seguono gli ordinari criteri di registrazione e di liquidazione dell’imposta.
PARAMETRI AZIENDA

Nei parametri dell’azienda, nella sezione GESTIONE IVA, deve essere impostata l’opzione
Trimestrale art.74, c.4. Tale opzione può essere presente contemporaneamente a quella di
Multiattività art.36, in quanto gli esercenti attività di autotrasporto possono optare per la gestione
della Multiattività. In questo caso gli interessi non vengono calcolati nemmeno per le differenti
attività trimestrali.

PRIMA NOTA

Per le registrazioni collegate ai registri IVA con flag "Vendite Autotrasportatori" la data
competenza liquidazione IVA assegnata automaticamente al movimento corrisponde alla data di
fine trimestre successivo.
Es. data registrazione 07/02: viene assegnata la data competenza liquidazione IVA 30/06
Su tale registro pertanto la procedura non effettua il controllo sulla non coincidenza della data
competenza liquidazione con la data documento\data registrazione.

LIQUIDAZIONE IVA

In presenza di attività trimestrale per la quale è stato impostato nei parametri il flag “trimestrale
art.74, c.4” per le fatture registrate sul registro IVA con l’opzione “Vendite Autotrasportatori” la
data di competenza liquidazione IVA viene impostata automaticamente alla data di fine trimestre
successivo.
Es. Fattura emessa il 10/02/2008:
Data registrazione: 10/02/2008
Data documento: 10/02/2008
Data competenza bilancio: 10/02/2008
Data competenza liquidazione IVA: 30/06/2008
In questo modo vengono utilizzate nella liquidazione del periodo solo le fatture emesse che hanno
la data di competenza nel periodo interessato dalla stampa della liquidazione IVA.

REGISTRI IVA

Nella tabella registri IVA è presente l’opzione per la tipologia Vendite autotrasportatori, attiva solo
se nei parametri dell’azienda risulta selezionata nella sezione Gestione IVA l’opzione “Trimestrale
art. 74 comma 4”, e serve ad identificare il registro IVA vendite sul quale sono annotate le fatture
emesse dall’autotrasportatore che usufruiscono dell’agevolazione.
Qualora l’autotrasportatore effettui anche prestazioni che non rientrano nell’agevolazione, dovrà
impostare un nuovo registro IVA vendite da usare per registrare le operazioni non agevolate, ed
indicare nella sezione “Opzioni di stampa” come registro di stampa il registro delle operazioni
agevolate (presenza del check “Vendite autotrasportatori”), oltre ad un apposito “Suffisso per
progressivo” e “Suffisso per protocollo”, al fine della distinta annotazione sul registro
dell’autotrasporto delle operazioni non agevolate.

STAMPA LIBRO IVA

Per la stampa dei registri IVA che nella tabella registri IVA hanno impostata l’opzione “Vendite
autotrasportatori”, le operazioni sono riportate con riferimento alla data competenza Liquidazione
IVA visualizzando questa data al posto della data di registrazione.
In particolare, solo per le aziende che nei parametri hanno impostato una contabilità semplificata e,
qualora nella maschera di stampa risulti selezionata l’ opzione “Stampa anche i movimenti di prima
nota semplice”, per la stampa relativa al 4° Trimestre, oltre alle registrazioni con competenza
liquidazione IVA 4° trimestre, vengono riportate, nella sezione “Ricavi imponibili ai fini delle
imposte dirette “ tutte le operazioni con data registrazione compresa nel 4° trimestre.
Nella stampa della liquidazione del 1° trimestre vengono stampate le operazioni con data
competenza liquidazione IVA 1° trimestre e le stesse operazioni sono riportate nella sezione
“Ricavi imponibili ai fini delle imposte dirette “ con segno opposto.
Infatti, considerando che devono visualizzarsi tutte le operazioni con competenza IVA compresa nel
periodo di stampa ma anche le operazioni ai fini delle imposta dirette, per il 4° ed il 1° trimestre
devono essere accodate le operazioni che vanno ad aggiungersi o a sottrarsi ai fini reddituali, dato
che le operazioni considerate ai fini reddituali si basano sulla data competenza bilancio

GESTIONE REGISTRAZIONI IN PRIMA NOTA PER MODELLI INTRASTAT


Per poter inserire documenti ai fini della compilazione dei modelli Intrastat, è necessario che
l’azienda sia abilitata a tale gestione, occorre cioè che sia stato impostato il flag “Abilita gestione
Intrastat” nei parametri dell’Azienda e che siano stati definiti anche la periodicità dell’invio e, in
caso di periodicità mensile, anche la tipologia dell’invio.
Il criterio di riconoscimento utilizzato dalla procedura consiste infatti nel verificare la presenza di
almeno una riga che abbia un codice IVA abilitato per la gestione INTRASTAT e l’ abilitazione
del flag gestione Intrastat nei parametri dell’azienda.
Le tipologie di documenti rilevanti sono le seguenti: Fatture, Note di credito, Note di credito in
conto fattura.
Pertanto, in fase di salvataggio di un documento di prima nota, in coda alle gestioni di scadenze,
centri di costo, prima dell’ incasso/pagamento contestuale, viene attivata la gestione INTRASTAT,
che prevede la visualizzazione della seguente maschera di inserimento dati.

TIPOLOGIE DI REGISTRAZIONE E CONTROLLI DELLA PROCEDURA

1 - INSERIMENTO DI UNA FATTURA


Una volta registrato il movimento in prima nota, viene visualizzata una griglia in cui è presente una
riga con tutti i campi compilabili necessari alla registrazione Intrastat; se il movimento di prima
nota ha più righe, l’importo è ottenuto sommando gli importi imponibili di tutte le righe del
movimento assoggettate alla gestione Intrastat.
E’prevista la possibilità di inserire ulteriori righe, al fine di suddividere l’importo su più voci (ad
esempio su più nomenclature combinate).
Cliccando sul pulsante SALVA, i dati immessi nella griglia vengono salvati nell’anagrafica Intrastat
(una registrazione per ogni riga della griglia) e tutte le registrazioni sono associate alla fattura
inserita.
2 - INSERIMENTO DI UNA NOTA DI CREDITO IN CONTO FATTURA
Registrando in prima nota una nota di credito in conto fattura (con causale V04), dopo il salvataggio
del documento, si visualizza una maschera di gestione Intrastat analoga a quella per l’inserimento
fattura, che richiama i dati Intrastat della fattura a cui si riferisce la nota di credito qualora tali dati
siano presenti nel data base e non siano stati inviati o stampati definitivamente, consentendo quindi
una modifica degli stessi; è possibile anche aggiungere nuovi dati sempre riferiti al movimento della
fattura.
Nel caso in cui non esistano oppure non si possano modificare i dati della fattura (perché definitivi)
è necessario effettuare un nuovo inserimento collegato al movimento nota di credito.
3 - INSERIMENTO DI UNA NOTA DI CREDITO
La casistica non presenta particolari difformità rispetto a quella di inserimento fattura di cui al
punto 1.
4 – MODIFICA DI UNA FATTURA
Nel caso si intenda modificare ad esempio l’importo di una fattura interessata alla gestione Intrastat
precedentemente registrata, si visualizza una maschera analoga a quella per l’inserimento fattura,
nella quale la griglia contiene la situazione corrente delle registrazioni Intrastat associate al
documento.
Se i movimenti Intrastat sono ancora in stato “in Attesa”, è consentito aggiungere, modificare o
eliminare righe dalla griglia. Pertanto, cliccando sul pulsante SALVA, i movimenti Intrastat
presenti nella griglia sostituiranno completamente quelli preesistenti.
Se i movimenti sono già in stato “Definitivo” non si apre la griglia Intrastat e viene mostrato il
seguente messaggio “Attenzione! I dati Intrastat collegati al movimento risultano definitivi per
modificarli occorre annullare preventivamente la stampa/archiviazione”.
Pertanto nessuna modifica ai dati Intrastat viene eseguita e soltanto dopo lo sblocco della fornitura è
possibile modificare il dato.
La griglia relativa ai movimenti Intrastat viene visualizzata in caso siano presenti codici IVA
abilitati a tale gestione oppure se il movimento contabile è già collegato a movimenti Intrastat.

Nota
L’importo totale da registrare nei dati Intrastat può variare anche per motivi diversi rispetto alla
modifica dell’importo, come nel caso della cancellazione o aggiunta di righe, oppure in caso di
variazione dei codici IVA di una o più righe, sostituendo quelli assoggettati alla gestione Intrastat
con altri non assoggettati (o viceversa).
5 – MODIFICA DI UNA NOTA DI CREDITO IN CONTO FATTURA O DI UNA NOTA DI
CREDITO
La casistica è analoga a quella descritta al punto 4; in particolare se non è già presente un dato
Intrastat con il numero di movimento della nota di credito, viene utilizzato il numero di movimento
della fattura a cui la nota di credito si riferisce.
6 – CANCELLAZIONE DI UNA NOTA DI CREDITO IN CONTO FATTURA O DI UNA NOTA
DI CREDITO
Qualora lo stato del documento da eliminare non risulti essere definitivo si visualizza un messaggio
di prima di procedere alla cancellazione dei dati Intrastat collegati al movimento.
Se invece i dati sono definitivi, appare il seguente messaggio d’ avviso: “Attenzione! Il movimento
cancellato era collegato alla gestione Intrastat e risulta stampato/archiviato in modo definitivo. Per
cancellarlo occorre annullare la stampa/archiviazione.”
Per le note di credito in conto fattura se il dato Intrastat risulta collegato con il numero di
movimento della nota di credito il dato Intrastat viene cancellato, altrimenti il riferimento Intrastat
della fattura non viene cancellato ma viene visualizzarlo per procedere poi all’ eventuale modifica.
7 – CANCELLAZIONE DI UNA FATTURA
Se esistono già note di credito collegate alla fattura la cancellazione non è consentita già a livello di
prima nota.
Il movimento contabile può essere sempre eliminato indipendentemente dallo stato dei dati Intrastat
ad esso riferiti. Qualora lo stato non risulti essere definitivo appare un prima di procedere, in caso di
risposta affermativa, alla cancellazione dei dati Intrastat collegati al movimento.
Se invece i dati sono definitivi, si visualizza il seguente messaggio d’ avviso: “Attenzione! Il
movimento cancellato era collegato alla gestione Intrastat e risulta stampato/archiviato in modo
definitivo. Per cancellarlo occorre annullare la stampa/archiviazione.”
Se al momento della modifica/cancellazione della fattura o della nota di credito in conto fattura non
è attiva la gestione Intrastat nei Parametri, anche se è presente un movimento Intrastat collegato al
movimento contabile, non si apre la griglia Intrastat né si visualizzano messaggi ad essa collegati.

NOTA BENE: VERIFICA PERIODICITA’ELENCHI INTRASTAT


All’atto dell’inserimento o della modifica o della cancellazione di un documento con codice IVA
abilitato alla gestione Intrastat , in fase di salvataggio dei dati inseriti a prima nota è presente un
controllo sul monte importi legato alla periodicità di presentazione dei modelli, effettuato sulla
somma di tutte le righe di imponibile che hanno un codice IVA con flag Intrastat da inizio anno fino
alla data di registrazione. Tale controllo è esplicitato dal seguente messaggio: “Attenzione: è stato
superato il monte importi del periodo XXX. La cadenza di invio dei modelli Intrastat deve essere
impostata a YYY”, ove XXX e YYY possono significare rispettivamente:
- Annuale Trimestrale
- Trimestrale Mensile
Il messaggio indica anche il totale raggiunto e qual è il valore limite.
In caso di riduzione del monte importi la parola “superato” del messaggio viene sostituita con
“ridotto”, e, in sostituzione del monte importi viene indicato il valore di riferimento.
ATTENZIONE: Il controllo sui movimenti di prima nota viene effettuato se è impostato il check
“Segnala superamento monte importi periodicità Intrastat” nelle Personalizzazioni Utente.

GESTIONE REGISTRAZIONI IN PRIMA NOTA PER MODELLO COMUNICAZIONE BLACK


LIST

Di seguito viene illustrato il criterio di estrazione dati per il riporto dei valori da contabilità al
modello Comunicazione operazioni con paesi Black List presente nella procedura delle
dichiarazioni fiscali.
MODALITA’ OPERATIVE
QUADRO Frontespizio
Per quanto riguarda la parte anagrafica vengono esportati solo i valori relativi al Codice fiscale e
alla Partita IVA dell’azienda necessari per poter collegare i quadri A generati dalla contabilità con il
relativo frontespizio presente nella Comunicazione. Questo perché a parità di periodo di riferimento
(mese/trimestre) è possibile compilare un solo quadro Frontespizio, ma più quadri A della
Comunicazione Black-list.
QUADRO A - Dati Anagrafici
I dati da riportare nei dati anagrafici presenti sull’anagrafica cliente / fornitore vengono riportati in
corrispondenza dei rispettivi campi sul quadro A. E’ prevista, inoltre, l’indicazione dello “Stato
Federato, Provincia, contea”, della “Località di residenza” e dell’”Indirizzo estero”.
Tali informazioni vengono riportati, se presenti, dalla scheda dati legali dell’anagrafica dei
clienti/fornitori,
Si segnala che nel rigo A1 del modello di comunicazione deve essere riportato il “Codice Stato
estero” sulla base delle codifiche indicate nelle istruzioni del modello dichiarativo.Tale dato è
presente nella Tabella Nazioni in Anagrafica Unica, nel campo Codice Estero.
Con riferimento ai campi Codice IVA e Codice fiscale del modello di comunicazione vengono
riportati i valori presenti rispettivamente nel campo “Partita IVA” e “C.F. estero” del nominativo.
QUADRO A – Operazioni Attive /Passive
Per individuare le operazioni che rientrano nel periodo di riferimento della comunicazione (mese o
trimestre), la procedura si basa sulla data di competenza di liquidazione IVA della registrazione
(normalmente coincide con la data di registrazione). I soggetti residenti in paesi Black List vengono
identificati sulla base del Codice Nazione presente nell’anagrafica del Nominativo.
In sede di caricamento del documento in prima nota e nei wizard professionisti, nel momento in cui
viene rilevato un cliente /fornitore con codice Nazione abilitato alla Black List (solo in modalità
Nuovo) e il tipo operazione Black List è valorizzato almeno su una riga del movimento, la
procedura rilascia, in fase di salvataggio, il seguente messaggio d’ avviso: <<Operazione con
soggetto in territorio a fiscalità privilegiata soggetta all’obbligo di comunicazione: qualora l’
obbligo non sussista togliere il tipo operazione Beni/Servizi in “Altri campi Prima Nota” >>
In fase di registrazione a Prima Nota, accedendo alla maschera “altri campi” sono previste le due
seguenti sezioni:
Sezione campi black list
Tipo: indicare la tipologia di operazione (cessione di beni/prestazione di servizi) con soggetto
residente in un paese black list. La voce beni\servizi serve per suddividere le operazioni tra gli
specifici righi del modello dichiarativo (acquisti di beni/servizi, cessioni di beni o prestazioni di
servizi); tale informazione viene incrociata con l’indicazione del “Tipo di IVA” presente sul codice
IVA utilizzato in fase di registrazione. Per alcuni codici IVA la procedura è in grado di proporre i
flag “Beni” e “Servizi”,
Soggetto: il campo viene attivato solo se è stata selezionata una delle due tipologie di operazione
black list in un movimento di tipo Acquisti il cui soggetto non appartiene ad un paese black List,
altrimenti risulta disabilitato. Se sul campo viene indicato un nominativo che non esiste o che non è
abilitato come Fornitore viene visualizzato il seguente messaggio d’ avviso in uscita dal campo: “Il
fornitore specificato non esiste”. In fase di salvataggio lo stesso messaggio risulta bloccante.
Qualora sia selezionato il tipo operazione black list su un movimento di acquisto con soggetto non
appartenente ad un paese black list, la compilazione del campo soggetto black list risulta
obbligatoria, pertanto, appare il seguente messaggio in fase di salvataggio movimento prima nota:
“Specificare il codice del fornitore Black List”.
Periodo di riferimento fattura

Tali campi sono obbligatori in presenza di un tipo operazione Black List e sono attivi in modalità
“Modifica” per movimenti registrati con causale di tipo “nota di credito normale” e “nota di credito
in c.to fattura” (sia imprese che professionisti). In modalità “ Nuovo” i campi in oggetto risultano
attivi solo in presenza di causali di tipo “nota di credito normale”
Per le note di credito in conto fattura, per ogni riga contabile che contiene un codice IVA, in fase di
salvataggio Prima nota/wizard professionisti i campi mese ed anno vengono precompilati,
assumendo come base la fattura cui si riferisce la nota di credito e viene considerata la data di
competenza liquidazione IVA.
Nel Wizard Nota credito in conto fattura professionisti, a differenza delle altre tipologie di
registrazione, questa causale non prevede la possibilità di imputare i dati nelle varie righe contabili
ma consente solo di selezionare la fattura a cui si riferisce la nota di credito. Pertanto, l’
informazione relativa al tipo operazione Black List viene valorizzata in automatico in funzione dell’
informazione presente sulla riga a cui la riga di storno si riferisce ; questo perché vengono generate
tante righe di storno quante solo le righe originali della fattura.
GENERAZIONE DICHIARAZIONE FISCALE DALLA CONTABILITA’
La funzione è disponibile accedendo al menù Strumenti / Genera dichiarazioni da Sistema
Professionisti presente nel programma Dichiarazioni Fiscali all’interno della Suite, e consente la
compilazione delle dichiarazioni mediante l’elaborazione dei movimenti contabili delle singole
aziende inserite nel programma Sistema Professionisti.

Attualmente sono disponibili:

 Generazione Dichiarazioni IVA Annuale


 Generazione Dichiarazioni Sostituti d'Imposta
 Genera Dichiarazioni Società di Capitali
 Genera Dichiarazioni Società di Persone
 Genera Dichiarazioni Persone Fisiche
 Generazione Comunicazione Annuale dati IVA
 Generazione IVA Rimborso Trimestrale

Tempificazione

1. Accedere al programma di Dichiarazioni Fiscali dalla Suite;


2. Cliccare sulla funzione Nuovo presente nel menù File;
3. Dalla maschera che compare denominata Pannello di Controllo, cliccare sull’opzione
Dati Generali Contribuente;
4. Compilare i campi necessari per la creazione della dichiarazione e cliccare sul bottone
Contabilità Generale al fine di selezionare l’azienda per la quale si sta creando la
dichiarazione che verrà integrata con i dati prelevati dal Sistema Professionisti;
5. Salvare la dichiarazione appena creata e chiuderla;
ATTENZIONE
All’interno del Sistema Professionisti l’azienda può restare aperta.

6. Per integrare i dati della dichiarazione prelevandoli dal Sistema Professionisti, è


necessario accedere al menù Strumenti e cliccare sulla funzione Genera dichiarazione
da Sistema Professionisti;
7. Dopo avere assegnato l’intervallo di aziende dalle quali si desiderano prelevare i dati per
integrare le relative dichiarazioni fiscali, è necessario indicare nel campo Procedura la
tipologia di dichiarazione che si desidera generare.
CONTABILITA’

Menu"SUITE"

APRI (AZIENDA)
Permette di accedere ai dati di un’azienda già creata e salvata in una determinata cartella.
In fase di apertura, viene visualizzato l’elenco delle aziende che si trovano nella cartella corrente.
FUNZIONAMENTO

Se l’azienda non risulta raccordata con l’Anagrafica Unica la procedura apre una maschera nella
quale viene richiesto se si intende eseguire il raccordo manuale e se contestualmente si vuole
eseguire l’aggiornamento dati.

A questo punto, in base alle scelte effettuate, possono verificarsi le seguenti diverse situazioni:
1. Se viene confermata l’esecuzione del raccordo e l’aggiornamento dei dati la procedura crea il
raccordo per l’azienda in questione e provvede ad aggiornare i dati dell’Anagrafica Unica con i dati
della CONTABILITA’.
In fatti, rispondendo affermativamente alla richiesta, viene aperta la maschera dell’Anagrafica
Unica dalla quale è possibile richiamare i dati del soggetto presente all’interno della stessa.
Successivamente viene richiesto se si intende eseguire anche l’aggiornamento dei dati

Di seguito la procedura segnala il codice dell’Anagrafica Unica che è stato utilizzato per il raccordo

Infine, a seguito dell’esecuzione del raccordo manuale e dell’aggiornamento , nei parametri


dell’azienda (scheda dati fiscali), i dati dei campi delle sezioni DATI FISCALI, SEDE
LEGALE/RESIDENZA e DOMICILIO FISCALE saranno disabilitati e visibili in sola lettura.
2.Se viene confermata l’esecuzione del raccordo senza aggiornamento dei dati la procura crea il
raccordo per l’azienda in questione ma i dati presenti in Anagrafica Unica resteranno quelli attuali.
Al termine della procedura di collegamento si visualizza un’icona verde al di sotto della barra
dei menu.
3. Se non viene confermata l’esecuzione del raccordo e di conseguenza nemmeno
dell’aggiornamento dati, l’anagrafica dell’azienda in CONTABILITA’ continuerà ad operare in
modalità disconnessa rispetto all’ Anagrafica Unica e continuerà a richiamare i dati anagrafici
locali. In questo caso si visualizza un’icona rossa al di sotto della barra dei menu
Se l’anagrafica risulta già raccordata non viene richiesto nulla.
Quando l’azienda viene aperta, la sua descrizione compare in fianco al titolo del programma; altre
informazioni relative alla valuta gestita,al codice ISTAT, alla ragione sociale, al tipo di azienda e
alla cartella di riferimento sono mostrate sulla barra di stato del programma.

CHIUDI (AZIENDA)
Attraverso questa voce di menù è possibile l'azienda sulla quale si sta lavorando

IMPOSTA ATTIVITÀ CORRENTE


Questa funzione, attiva solo in caso di multiattività, permette all’utente di impostare l’attività
corrente che verrà utilizzata durante le registrazioni in Prima Nota (vedi pag. 127). Attraverso tale
impostazione la procedura impedirà all’utente di utilizzare i registri IVA non associati all’attività
corrente evitando così possibili errori.

GESTIONE AZIENDE
Attraverso la voce di menù Gestione Aziende è possibile creare una nuova azienda, modificare la
descrizione di un’azienda esistente o eliminare l’archivio riferito ad un'azienda.
La maschera presenta l’elenco di tutte le aziende esistenti nella cartella corrente, con il riferimento
al codice, al gruppo di appartenenza ed alla valuta gestita. Il programma visualizza gli archivi di una
cartella per volta. La procedura è strutturata come la Gestione gruppi: le funzioni in essa contenute
sono identiche (vedi Bottoni disponibili - pag. 53)
Se l’ azienda è collegata rispetto all’ Anagrafica Unica, non risulta attiva la funzione di “ Modifica
la descrizione dell’ azienda”

ATTENZIONE
I gruppi e le aziende "DEMO" sono dimostrativi. Tali dimostrativi potrebbero subire variazioni
notevoli dettate da nuove normative in campo contabile o da nuove esigenze di sviluppo.
Per questo motivo, è disabilitata la gestione di tali aziende o gruppi, evitandone sia modifiche che
cancellazioni da parte dell'utente.

CREA NUOVA AZIENDA


Per la creazione di nuove aziende è stata predisposta una sequenza di maschere che aiutano l'utente
a compiere tale operazione attraverso determinate scelte. Oltre a selezionare il tipo di creazione
desiderata, è necessario definire la valuta gestita dalla nuova azienda.
Sono possibili due diversi casi:
creazione di una azienda vuota:
Se nella prima maschera proposta si effettua questa scelta, viene creata (nella cartella corrente)
un’azienda i cui archivi sono completamente vuoti.
Cliccando sul pulsante “Preleva anagrafica da Anagrafica Unica” in corrispondenza del campo
Codice Anagrafica Unica, è possibile richiamare un soggetto già presente in tale archivio. Viene
richiesto se si intende effettuare il Raccordo Manuale con l’Anagrafica Unica (vedi argomento
Scheda dati fiscali dei parametri azienda).
Nelle maschere successive è necessario impostare alcuni parametri, come ad esempio la tipologia di
soggetto, le date di inizio e fine periodo e le informazioni riguardanti la gestione cespiti.
Nell'ultima maschera vengono visualizzati i dati della nuova azienda: l'utente può confermarli con il
bottone Fine (creando così la nuova azienda), oppure, se ha riscontrato degli errori, con il bottone
Indietro può modificarli in quanto la creazione dell'azienda non è ancora stata confermata.
Per la gestione di tale azienda è necessario completare:
i Parametri Attività all’interno dei quali specificare il codice ISTAT, il prorata ed, eventualmente, i
dati relativi alla gestione del plafond e i regimi speciali;
le varie sezioni dei Parametri selezionando dalla scheda Azienda il regime contabile da attribuire,
eventuali conti da definire dalla scheda Contabilità, la data dell’ultima chiusura contabile dalla
scheda Chiusura Contabile, il periodo di registrazione consentito dalla scheda Controlli, i conti
relativi alla gestione ritenute dalla scheda Ritenute;
definire i conti da associare ad ogni Libro I.V.A. nella maschera Registri I.V.A..
ATTENZIONE
La creazione di un’azienda vuota è sempre possibile in qualsiasi cartella.

Copia dei dati da un’azienda esistente


Se nella prima maschera proposta si effettua tale scelta, nella nuova azienda vengono riportati gli
stessi dati presenti in un’altra azienda già esistente.
Esistono due modalità di creazione dalla copia dei dati:
Copia Totale
Copia Parziale (selezionata per default)
Procedendo alla seconda maschera, sarà necessario indicare da quale azienda prelevare i dati,
scegliendo dall’elenco delle aziende salvate. Tale elenco riporta, per ogni azienda, il codice
assegnato, la relativa descrizione e il gruppo di appartenenza.
Su tale elenco di aziende è attiva la possibilità di eseguire una ricerca, richiamabile da apposito
bottone, specificando la cartella d’origine dell’azienda da cui si desidera effettuare la copia e
l’azienda stessa.
ATTENZIONE

Le aziende di tipo ORDINARIA PROFESSIONISTI che verranno create a partire dalla versione 4.2
adotteranno sempre la nuova gestione ad eccezione di quelle create con l’opzione COPIA TOTALE

Copia totale
Se selezionata la modalità di copia totale, nella terza maschera sono predisposti i campi per
l'indicazione del codice da assegnare alla nuova azienda e la relativa descrizione. Nella modalità di
copia totale la nuova azienda viene duplicata riportando sia i movimenti contabili che i valori di
tutte le tabelle.
All’azienda creata con copia totale viene associato automaticamente il gruppo dell’azienda dalla
quale si è effettuata la copia, non avendo la possibilità di modificarlo.
ATTENZIONE
La creazione di un’azienda, facendo una copia totale da un’altra azienda, è possibile solo all’interno
di una medesima cartella, ovvero se entrambe le aziende (la nuova e quella da cui si copia)
appartengono alla stessa cartella.
Copia parziale (scelta consigliata)
Se selezionata la modalità di copia parziale, viene mostrata una maschera in cui l'utente può
impostare il prelevamento dei dati relativamente alle singole tabelle riportate:
Parametri attività (Contiene i dati relativi all’attività contabile: Attività ISTAT, Prorata, Plafond,
Regimi speciali)
Parametri Azienda (Contiene i dati generici riguardanti l’azienda: Dati fiscali, i conti più
comunemente utilizzati per clienti e fornitori, abbuoni attivi e passivi, risconti, nonché le causali di
apertura e chiusura contabile, l’ultima chiusura contabile, i dati riferiti alla gestione cespiti …)
Registri I.V.A precompilando i campi dei conti da utilizzare a Prima Nota (vedi pag. 127) per le
registrazioni I.V.A.
Personalizzazioni Piano dei Conti trasferendo dall’azienda da cui si copia le modifiche apportate al
Piano dei conti
Banche
Clienti e Fornitori proposti solo se la copia parziale viene effettuata copiando i dati da un’azienda
appartenente alla stessa cartella dell’azienda da creare.
Solamente dopo aver confermato con Avanti la/e selezione/i, viene richiesto il codice da assegnare
alla nuova azienda e la relativa descrizione, seguendo lo stesso procedimento utilizzato per la copia
totale.
Nelle maschere successive è necessario impostare alcuni parametri, come ad esempio la tipologia di
soggetto, le date di inizio e fine periodo e le informazioni riguardanti la gestione cespiti.
Nell'ultima maschera vengono visualizzati i dati della nuova azienda: l'utente può confermarli con il
bottone Fine (creando così la nuova azienda), oppure, se ha riscontrato degli errori, con il bottone
Indietro può modificarli in quanto la creazione dell'azienda non è ancora stata confermata.

ATTENZIONE
La creazione di un’azienda facendo una copia parziale da un’azienda appartenente ad un’altra
cartella è possibile solo se si copia da aziende DEMO.
Riepilogo:

AZIENDA COPIA COPIA


ELEMENTI DA TRASFERIRE
VUOTA PARZIALE TOTALE
PARAMETRI AZIENDA X X
PARAMETRI ATTIVITÀ X X
REGISTRI I.V.A. (CONTI DA
X X
ASSOCIARE LORO)
PERSONALIZZAZIONE PIANO DEI
X X
CONTI
CLIENTI E FORNITORI X X
MOVIMENTI CONTABILI X
STAMPE UFFICIALI X
CATEGORIE CESPITI UTENTE X X

Impostare i Parametri dell’azienda e accedere ai Parametri Attività per impostare il tipo di attività
svolta (regimi speciali, plafond, prorata).
Controllare i Registri ed eventualmente integrare la tabella.
Inserire o recuperare dall'anagrafica unica i Nominativi dei clienti/fornitori della singola azienda
(tali riferimenti possono essere inseriti anche durante le registrazioni in Prima nota).
Effettuare le registrazioni in Prima nota.
Effettuare le Stampe di Controllo.
Effettuare le Stampe Ufficiali.

GESTIONE GRUPPI
Un gruppo può essere definito come l'archivio che contiene le tabelle (Piano dei conti, causali, etc.)
comuni a tutte le aziende comprese in esso.
Con la voce Gestione Gruppi del menù File è possibile creare un nuovo gruppo, modificare i dati
generali di un gruppo esistente o eliminare un gruppo in precedenza salvato.
Attraverso il bottone “Cambia Cartella” (vedi pag 296) del menù File è possibile visualizzare
l’elenco dei gruppi contenuti in ciascuna cartella.
Bottoni disponibili:
Ricerca: specificando codice e/o descrizione del gruppo da ricercare, è possibile visualizzare la
posizione di un gruppo all’interno della maschera. Selezionando tale gruppo dalla lista, la
procedura provvede a posizionarsi automaticamente sull'elemento ricercato;
Modifica: permette di ridefinire la descrizione del gruppo;
Elimina: permette di cancellare dall’elenco un gruppo creato. Tale eliminazione è consentita
soltanto dopo avere eliminato anche tutte le aziende appartenenti al sopracitato gruppo .
Per ordinare i dati visualizzati in tale elenco è necessario selezionare l'intestazione della colonna
per cui si vogliono ordinare i dati (Es. Se si vogliono ordinare i gruppi visualizzati per descrizione,
è necessario selezionare la colonna Descrizione).

ATTENZIONE
I gruppi e le aziende "DEMO" sono dimostrativi. Tali dimostrativi potrebbero subire variazioni
notevoli dettate da nuove normative in campo contabile o da nuove esigenze di sviluppo.
Per questo motivo, è disabilitata la gestione di tali aziende o gruppi, evitandone sia modifiche che
cancellazioni da parte dell'utente.
CREA NUOVO GRUPPO
Nel caso di creazione di un nuovo gruppo, sono effettuabili due diverse scelte:
Creazione di un gruppo vuoto
Effettuando questa scelta viene creato un gruppo completamente vuoto, con archivi ad esso
collegati ancora vuoti.
Sarà necessario indicare il codice del gruppo e la descrizione relativa.
La creazione di un gruppo vuoto è sempre possibile in qualsiasi cartella.
Copia dei dati da un gruppo esistente
Con questa opzione, già selezionata per default, vengono riportati nel nuovo gruppo gli stessi dati
presenti in un gruppo già esistente (es.: Piano dei Conti, Causali contabili, Modalità di pagamento,
Codici Provvisori, dati Forfait).
Sarà necessario indicare da quale gruppo prelevare i dati, scegliendo dall’elenco dei gruppi salvati.
In tale elenco è attiva la funzione di ordinamento dei gruppi per codice o descrizione. Per ordinare i
dati visualizzati, selezionare l'intestazione di una delle colonne previste.
Procedendo con la copia dei dati dal gruppo selezionato, sarà necessario indicare il codice del
nuovo gruppo e la relativa descrizione.

Eventualmente, inserire nell’Anagrafica Unica, le denominazioni delle aziende da gestire o, se


necessario, procedere con la conversione di tali dati dalla precedente procedura, mediante apposita
funzione.
Creare la propria azienda.

ESCI
Attraverso questa voce di menù è possibile chiudere la procedura.
Menu "ARCHIVI"
Raggruppa informazioni, dati comuni e impostazioni di default in archivi comuni a più aziende o in
archivi indipendenti.
Con questo menu è possibile definire la "struttura" principale su cui si basano la contabilità di tutte
le aziende e la contabilità dell’azienda corrente.
NOMINATIVI
Include le principali informazioni riguardanti tutti i soggetti inseriti, siano essi clienti o fornitori.
Possono essere indicati dati anagrafici (Cod. nominativo, Descrizione, Indirizzo, Città e Provincia)
e dati di utilità (Codice ISO, Partita IVA, Codice fiscale e Codice fiscale estero). E’ incluso anche
un campo per eventuali note.

E’ possibile creare i nominativi in base ai seguenti criteri:


 prelevare il nominativo dall'Anagrafica Unica
 creare un nuovo nominativo dalla maschera Nominativi
PRELEVARE IL NOMINATIVO DALL'ANAGRAFICA UNICA

In fase di nuovo inserimento, è visibile il pulsante per l'importazione dei dati dall'Anagrafica
Unica.
Premendo tale pulsante sarà possibile richiamare un nominativo già esistente in Anagrafica Unica,
oppure creare una nuova anagrafica direttamente in Anagrafica Unica che, in fase di salvataggio,
viene riportata sulla maschera dei Nominativi per essere salvata.

CREARE UN NUOVO NOMINATIVO

Per creare un nuovo nominativo senza prelevarlo dall'Anagrafica Unica è necessario indicare
nell’apposito campo il codice del nominativo e compilare manualmente i suoi dati anagrafici.

ATTENZIONE

Il nominativo creato direttamente dalla maschera Nominativi non viene mai riportato in Anagrafica
Unica.
Descrizione campi
Cod.nominativo (obbligatorio): è un codice alfanumerico che permette di identificare il
nominativo inserito. E’ di massimo sei caratteri ed è univoco, ossia non può essere duplicato: due
nominativi non avranno mai lo stesso codice.
In fase di inserimento di un nuovo nominativo, il codice è proposto in automatico dalla procedura
(non viene visualizzato ma sostituito con degli asterischi). Tale dato è modificabile dall’utente solo
in fase di inserimento.
Descrizione (obbligatorio): deve essere inserito il nominativo del soggetto. Sono da indicare,
quindi, il nome ed il cognome se si tratta di una persona fisica; la denominazione se si tratta di una
società.

Nella scheda DATI LEGALI è presente il check “Senza personalità giuridica”: ai fini
dell’esportazione dei dati dei nominativi nell’applicativo Over 3.000, se tale check risulta abilitato, i
seguenti campi del tracciato record di dettaglio per le operazioni con soggetti residenti, sono
considerati obbligatori:
• se il soggetto è persona fisica: Cognome, Nome, Data di nascita, Comune o stato estero di
nascita, Provincia di nascita
• se il soggetto è persona giuridica: Denominazione, Stato estero della sede legale

Indirizzo: specificare l’indirizzo del soggetto.


Città/Cap/Provincia/Regione/Nazione: è richiesto di specificare la città del soggetto.
Confermando la ricerca vengono compilati in automatico i restanti campi.
in corrispondenza del campo Nazione, aprendo la tabella è possibile visualizzare la colonna Black
List in cui è presente il flag di appartenenza della nazione selezionata alla lista dei paesi a fiscalità
privilegiata ai fini dell’inclusione delle operazioni effettuate nei confronti del nominativo (cliente o
fornitore) nel relativo modello di comunicazione.

ATTENZIONE
- In fase di caricamento del nominativo, le informazioni inserite nei campi Indirizzo, Città, Cap,
Provincia, Regione e Nazione vengono riportate automaticamente nella sezione Domicilio
Fiscale della SCHEDA DATI LEGALI.
Chiave di ricerca (obbligatorio): specificare, per il singolo nominativo, come poterlo ricercare in
tutto l’archivio dell’anagrafica. In automatico è proposto uguale alla descrizione del soggetto.
E-mail: indicare l’eventuale indirizzo di posta elettronica del soggetto.
Telefono 1/Telefono 2/Fax: ogni numero di telefono/fax è composto da tre campi:
 prefisso internazionale, di 5 caratteri,
 prefisso nazionale, di 5 caratteri,
 numero telefonico, di 10 caratteri.
Persona da contattare: segnalare l'eventuale soggetto da contattare come riferimento per il
nominativo corrente.
ATTENZIONE

Per consentire alla procedura una corretta e completa estrazione dati, si raccomanda di compilare
tutti i campi relativi alla sezione DATI LEGALI, con particolare riferimento al Codice Fiscale e alla
Partita IVA.
Black List/Over 3.000
Soggetto escluso da Over 3000: barrare il flag per segnalare che si tratta di soggetto escluso
dall’invio della comunicazione delle operazioni sopra i 3.000 euro
Soggetto escluso da Black List: tale flag risulta abilitato solo se per il nominativo (cliente o
fornitore) è stata indicata una Nazione di tipo Black List.
Nella scheda dati legali relativamente alla sezione Residenza Estera, i dati all’interno dei campi
Indirizzo, Località e Stato federato vanno inseriti al fine di compilare automaticamente la sezione
QUADRO A – Dati Anagrafici del modello di Comunicazione delle operazioni con paesi Black
List. Qualora il nominativo venga prelevato dall’ Anagrafica Unica tale sezione risulta precompilata
mediante il prelievo dei dati dalla scheda Domicilio Fiscale

Residenza Estera: i dati all’interno dei campi Indirizzo, Località e Stato federato vanno inseriti al
fine di compilare automaticamente la sezione QUADRO A – Dati Anagrafici del modello di
Comunicazione delle operazioni con paesi Black List. Qualora il nominativo venga prelevato dall’
Anagrafica Unica tale sezione risulta precompilata mediante il prelievo dei dati dalla scheda
Domicilio Fiscale
TABELLA AZIENDA
Queste tabelle si riferiscono alla singola azienda su cui si lavora; ciò significa che i dati al loro
interno possono essere inseriti o modificati solamente dall’azienda corrente. Di conseguenza, le
informazioni contenute in tali tabelle non vengono condivise e quindi richiamate da altre aziende.
Essendo a carattere personale, tali tabelle non verranno sovrascritte in caso di eventuali
aggiornamenti di programma.
Le tabelle personali sono:

Banche
Tale tabella contiene l’insieme dei rapporti con aziende di credito gestiti dall’azienda corrente. I
campi da compilare sono:
- Codice/Descrizione rapporto;
- Codice ABI/CAB dell’azienda di credito;
- Numero di conto corrente su cui avvengono le transazioni;
- Conto contabile da movimentare con le registrazioni.
Registri IVA
La tabella Registri I.V.A. contiene tutti i libri contabili ai fini I.V.A. che possono essere tenuti
dall’azienda.
Nel caso venga creata un’azienda vuota, senza effettuare la copia dei dati da altre aziende, la
procedura imposta in automatico i quatto registri più utilizzati:
- Registro I.V.A. Acquisti
- Registro I.V.A. Vendite
- Registro dei Corrispettivi
- Registro Acquisti intra CEE con Sezionale Vendite intra CEE
1. Sezione Tipo di registro IVA (obbligatoria)
Indica come considerare, il registro inserito, ai fini contabili.
Sono previste le seguenti tipologie:
Vendite
Corrispettivi
Acquisti
Acquisti intracomunitari
Corrispettivi ex art.74-ter
Acquisti ex art.74-ter
Vendite autotrasportatori

L’opzione per la tipologia Vendite autotrasportatori è attiva solo se nei parametri/scheda azienda
risulta selezionata nella sezione Gestione IVA l’opzione “Trimestrale art. 74 comma 4”, e serve ad
identificare il registro IVA vendite sul quale sono annotate le fatture emesse dall’autotrasportatore
che usufruiscono dell’agevolazione.
Regime del margine: il campo è abilitato solo se il tipo di registro IVA è di tipo Vendite,
Corrispettivi, Acquisti . La selezione di tale opzione permette alla procedura di effettuare, in fase di
registrazione a prima nota, un controllo tra il tipo di registro indicato e la tipologia di codice IVA
utilizzata. Sono previsti i seguenti Registri IVA per la gestione del carico e dello scarico dei beni
rientranti nel regime IVA del Margine Globale:
07 Vendite beni usati margine globale
08 Acquisto beni usati margine globale
09 Corrispettivi beni usati margine globale
Tali registri, sono caratterizzati dalla presenza del flag “Regime del margine” in funzione del quale
vengono abilitati dei controlli di congruenza dei Codici IVA utilizzati nel movimento contabile.

Gestione Registro Carico e Scarico tramite Libro IVA

In considerazione del fatto che il calcolo del margine viene eseguito per masse di beni, in regime
del margine globale non è necessario caricare l’anagrafica di ogni singolo bene. Ciò comporta la
possibilità di evitare l’utilizzo del software Gestione beni, con la conseguenza della mancata
gestione dei Registri di Carico e Scarico veri e propri. Pertanto, in assenza dei Registri di Carico e
di Scarico, le operazioni in regime del margine devono essere annotate sui registri IVA esponendo
le caratteristiche delle masse di beni, intese come natura, qualità, quantità ossia le informazioni
richieste in fase di caricamento delle fatture qualora nei parametri dell’ azienda non sia attiva la
Gestione Beni.
Pertanto la stampa del Libro IVA prevede le informazioni relative a Natura – Qualità – Quantità
relative ad ogni movimento contabile e memorizzate nella griglia “Regime del margine. Tali
informazioni compaiono solo per i registri IVA su cui risulta selezionato il flag “Regime del
margine”.
Selezionando la casella “L’IVA del Registro è indetraibile” non viene considerata la percentuale di
prorata ai fini del conteggio dell’imposta: in sede di liquidazione I.V.A. (vedi pag. 195) il valore
dell’imposta relativa al registro è considerata pari a zero.
Se tale casella non viene selezionata, in sede di liquidazione I.V.A., viene applicata la
percentuale di pro-rata specificata nei Parametri Attività (vedi pag. 123). Tale percentuale è
proposta di default a 100 ma è modificabile dall’utente.

2. Nel caso di Multiattività (vedi pag. 24) è necesasrio creare tanti registri quante sono le
attività da gestire associando ad ogni registro l’attività ISTAT corretta.

3. Solitamente il Registro di stampa viene indicato soltanto per quei registri fittizzi creati allo
scopo di scindere la protocollazione delle operazioni che lo compongono. Non è possibile
associare un registro di stampa con segno diverso rispetto al libro di nuova creazione: un
registro di tipo Acquisti non può essere associato per la stampa ad un registro di tipo Vendite.
Esempio: Voglio mantenere distinta la numerazione delle note di credito rispetto alle fatture di
acquisto, associandole entrambe allo stesso Libro I.V.A..
Soluzione: Creo un registro fittizio per le note di credito definendo le seguenti caratteristiche:
Tipo di registro I.V.A.: Acquisti
Segno per il conteggio dell’imposta: Credito
Defnisco un Suffisso per il protocollo (es. NC) e associo un Registro di stampa, il Registro
I.V.A. Acquisti.

4. Qualora non venga indicato nulla all’interno del campo , il numero di pagine a disposizione
può essere caricato manualmente all’interno della stampa ufficiale del Libro I.V.A. (vedi pag.
185). Tale valore viene riportato, aggiornato con il numero di pagine utilizzate per la stampa,
nel corrispondente campo del Registro I.V.A..

C'è una stretta connessione tra il tipo del registro e il segno per il conteggio dell'imposta (segno che
viene utilizzato nella stampa della liquidazione I.V.A.). In fase di inserimento o modifica di un
registro, quando l'utente modifica il tipo di registro, la procedura cambia in automatico il segno del
conteggio. Se l'utente dovesse forzare un segno differente, in fase di salvataggio, il programma
visualizza un messaggio di avvertimento.
Gli abbinamenti corretti fra tipologia di registro e segno utilizzato per il conteggio sono i seguenti:

TIPOLOGIA DI REGISTRO SEGNO PER IL CONTEGGIO

 Vendite Debito

 Corrispettivi Debito

 Acquisti Credito

 Acquisti Intracomunitari Credito

 Corrispettivi ex art. 74 ter (riservati Debito


alle agenzie di viaggio)

 Acquisti ex art. 74 ter (riservati alle Credito


agenzie di viaggio)

5) Contatori di stampa:
- Pagine disponibili pagine precedentemente bollate, ancora utilizzabili per la stampa
ufficiale. Le pagine disponibili vengono aggiornate automaticamente, detraendo lo stampato,
solo se è presente un valore significativo diverso da zero. L’alimentazione di tale campo,
può avvenire sia dalla relativa tabella oppure accedendo alla stampa Libri IVA. Nel caso in
cui le pagine disponibili siano azzerate, è possibile eseguire stampe ufficiali gestendo il
campo “pagine stampate”
- Anno di stampa: riporta a fianco del numero di pagina, l’anno di stampa. Tale valore può
essere indicato anche accedendo alle singole stampe
- Pagine stampate: indica l’ultimo numero di pagina stampato in ufficiale. La gestione delle
pagine stampate è significativa solo quando il campo “pagine disponibili” è azzerato. Nel
caso in cui, tale campo riporti un valore significativo, la procedura non numera ulteriori
pagine avviando la relativa stampa: prima, infatti, vengono azzerate quelle disponibili
eventualmente presenti
- Data bollatura: indica l’ultima data in cui è avvenuta la bollatura delle pagine.
Liquidazione IVA
Riporta gli estremi della liquidazione IVA effettuata dall’azienda corrente.
La maschera viene precompilata automaticamente in fase di stampa della liquidazione IVA (vedi
pag. 189), creando una scheda per ogni periodo liquidato. I valori sono riportati in diverse sezioni al
fine di rendere più agevole la consultazione dei valori portati a liquidazione.

Scheda Generale

Sezione Opzione liquidazione


Stampa provvisoria: riporta, in funzione della stampa effettuata in precedenza, la modalità con cui
è stata eseguita tale stampa. Se selezionata significa che i valori riportati sono relativi ad una stampa
non ufficiale.

Stampa riepilogativa: riporta la modalità con cui è stata eseguita la stampa della liquidazione IVA
, viene selezionata solo in caso di multiattività (vedi pag. 24) e identifica la liquidazione IVA
riepilogativa).
Calcolo Interessi trimestrali: tale campo è abilitato solo se selezionata l’opzione trimestrale. Se
selezionata l’opzione la procedura provvede a calcolare in automatico gli interessi.

Sezione Opzioni dichiarazione


La sezione è abilitata fino all’esercizio 2001, nei seguenti casi:
- se l’azienda non è in multiattività.
- se l’azienda è in multiattività ed è selezionata l’opzione “Stampa riepilogativa”.
Selezionando l’opzione “Compila opzione dichiarazione IVA periodica” dalla stampa della
Liquidazione IVA, vengono compilati manualmente dall’utente i seguenti campi:
- Dichiarazione provvisoria
- Importi in Euro
- Importi in lire
- Dichiarazione del gruppo
- Dichiarazione società aderente al gruppo
- Dichiarazione integrativa
- Versamento in Euro
- Subfornitore (comma 4 bis art. 74)
- Agevolazioni eventi eccezionali

Sezione Richiesta rimborso/compensazione


La sezione è abilitata:
- per i contribuenti che liquidano l’IVA mensilmente nei mesi di Marzo, Giugno, Settembre;
- per i contribuenti che liquidano l’IVA trimestralmente nel 1°, 2°, 3° trimestre .

Sezione Estremi versamento


Data versamento: definisce in quale giorno il versamento viene effettuato.
Importo versamento: indica l’ammontare dell’imposta da versare
Codice Concessione: indica il codice Concessione della città in cui si è effettuato il versamento.
Codice banca: Indica il codice ABI dell’azienda di credito; in base a questo dato vengono
compilati in automatico anche il codice dipendenza e la descrizione dell’azienda di credito. E’ attiva
la funzione di aiuto.
Azienda di credito: riporta la descrizione della banca.
Codice dipendenza: indica il codice CAB dell’azienda di credito.

Bottone Testo libero: nel caso si desideri aggiungere, in fase di stampa, del testo libero in fondo al
documento di liquidazione selezionare tale bottone. Con esso, infatti, si accede ad una mascherina
contenente una sezione apposita dove scrivere il testo. Il bottone OK permette di memorizzare tale
aggiunta, quello Annulla di poter, eventualmente, annullare tale operazione di modifica.

Scheda Importi

Sezione Importi del periodo


Imposta registrata a credito: riporta l’ammontare complessivo dell’imposta a credito per il
periodo selezionato. Il valore è comunque modificabile dall’utente.

Imposta registrata a debito: riporta l’ammontare complessivo dell’imposta a debito, comprensiva


di IVA sospesa incassata, per il periodo selezionato. Il valore è comunque modificabile dall’utente.
L’imposta registrata viene successivamente suddivisa in:
- di cui sospesa non esigibile: il campo comprende l’ammontare del debito IVA comprensivo
dell’IVA relativa alle vendite in sospensione;
- di cui sospesa divenuta esigibile: il campo comprende l’ammontare del debito IVA
comprensivo dell’IVA relativa alle Vendite in sospensione per le quali è stato registrato
l’incasso.
-
Sezione Richiesta di rimborso / compensazione annuale / infrannuale
Attivo per i mesi 3, 6, 9, 12 e per tutti i trimestri.
Credito disponibile: riporta l’importo relativo al credito risultante nel periodo, per i mesi 3, 6 e 9 e
per i trimestri 1, 2 e 3. Nel dodicesimo mese e nel quarto trimestre viene proposto il credito
risultante dalla liquidazione.
di cui richiesto a rimborso: se il credito è richiesto a rimborso
di cui a compensazione: indica il credito che si desidera portare in compensazione. A dicembre o
nel IV trimestre il campo è disabilitato riportando la differenza tra il credito risultante e l’eventuale
importo richiesto a rimborso.

Sezione Totali
Imposta dovuta: imposta dovuta risultante dalla liquidazione al netto degli interessi trimestrali.
Interessi trimestrali: riporta l’importo degli interessi trimestrali calcolati in sede di liquidazione
Imposta versata: riporta il totale versato ai fini della liquidazione. Il valore è modificabile
dall’utente.
Credito risultante: riporta l’imposta a credito risultante dalla stampa della liquidazione.

Sezione Importi da riportare al periodo successivo


A credito: riporta il solo credito formato nel periodo al netto dell’eventuale credito intromesso in
contabilità IVA. Il campo risulta con valore a zero per il mese di dicembre e per il quarto trimestre.
A debito: riporta il debito non superiore a L 50.000, al lordo degli interessi trimestrali. Il campo
risulta con valore a zero per il mese di dicembre e per il quarto trimestre.
Credito di costo: attivo per attività di tipo “Agenzia di viaggi”, è alimentato automaticamente dalla
stampa della liquidazione IVA qualora il valore della Base imponibile lorda sia minore di zero.
Progressivo crediti intromessi: riporta il progressivo dei crediti intromessi al netto degli eventuali
utilizzi in liquidazione IVA.

Sezione Altri importi


Credito d’imposta disponibile per la liquidazione del periodo successivo: riporta il credito
d’imposta da utilizzare nel periodo successivo.
IVA vendita auto immatricolate acquistate UE: riporta l’importo relativo all’ IVA auto
immatricolate acquistate UE, il cui valore è determinato dalle operazioni effettuate con codici IVA
aventi il flag IVA auto UE selezionato.
Sezione Dettaglio operazioni IVA periodica
Ammontare operazioni attive: totale operazioni attive effettuate nel periodo in questione;
Di cui INTRACEE: ammontare delle operazioni attive riguardante i movimenti intracomunitari;
Ammontare operazioni passive: totale operazioni passive effettuate nel periodo in questione;
Di cui INTRACEE: ammontare delle operazioni attive riguardante i movimenti intracomunitari.

Sezione Importazioni di oro e argento senza pagamento dell’IVA in dogana


Imponibile: indica l’ammontare di imponibile relativo alle importazioni di oro ed argento;
Imposta: indica l’ammontare dell’imposta relativa alle importazioni di oro ed argento.

Scheda Altri Importi

La maschera riporta tutti gli importi imputati in fase stampa Liquidazione IVA.
Variazioni d’imposta comprensive di interessi trimestrali e legali: riporta le variazioni di
imposta comprensive di interessi

Variazioni d’imposta non soggetto ad interessi: riporta le variazioni d’imposta non assogettate ad
interessi trimestrali.

Variazioni d’imposta per estromissioni del credito: riporta la variazione dell’imposta relativa
all’estromissione del credito dalla contabilità IVA.

Variazioni d’imposta a credito: riporta le variazioni di imposta a credito

IVA non versata relativa a liquidazioni precedenti: riporta l’ammontare dell’imposta a debito
non versata relativa a periodi precedenti
Credito compensabile portato in detrazione nella liquidazione periodica: riporta l’imposta a
credito relativa ad intromissioni del credito in contabilità IVA o ad utilizzo del credito in
liquidazione IVA per azzerare la liquidazione del credito stesso.

Scheda Acconto IVA


Nella scheda Acconto IVA vengono archiviati i dati relativi alla stampa dell’acconto IVA . E’ attiva
per il mese di novembre e per il terzo trimestre.

Sezione Opzioni
Stampa provvisoria: se selezionata, la stampa effettuata non è considerata definitiva.

Sezione Metodo
Storico 88%: l’acconto è pari all’88% del versamento dovuto relativamente all’ultimo mese o
trimestre dell’anno precedente. Tale metodo è gestibile solo manualmente.

Liquidazione al 20/12: riguarda il Metodo Operazioni Effettuate, in base al quale l’acconto può
essere pari al 100% dell’importo risultante effettuando una apposita liquidazione IVA che consideri:
- l’IVA a debito risultante da:
operazioni annotate o da annotare dall’1/12 al 20/12 per i mensili o dall’1/10 al 20/12 per i
trimestrali;

operazioni effettuate dall’1/11 al 20/12, anche se non sono state emesse o registrate le
relative fatture.
- l’IVA a credito risultante da acquisti e importazioni annotati dall’1/12 al 20/12 per i contribuenti
mensili o dall’1/10 al 20/12 per i trimestrali e dagli acquisti intracomunitari computati a debito.

Previsionale: l’acconto è pari all88% dell’IVA che si prevede di dovere versare per il mese di
dicembre dell’anno corrente per i contribuenti mensili o in sede di dichiarazione IVA annuale per i
contribuenti trimestrali. Tale metodo è gestibile solo manualmente.

Sezione Acconto IVA


Acconto calcolato: il valore dell’acconto calcolato al netto dell’imposta sulle operazioni non
fatturate e non annotate.
Imposta sulle operazioni non fatture: riporta il valore dell’imposta relativa alle operazioni
effettuate ma per le quali non è stata ancora emessa / la fattura.

Imposta sulle operazioni non annotate: riporta il valore dell’imposta relativa ad operazioni che
non sono ancora state registrate ma per le quali è già stata emessa / la fattura.

Acconto versato: indica quanto è stato versato in acconto ai fini della liquidazione del dodicesimo
mese o del 4° trimestre.
Sezione Estremi del versamento
Data versamento: si riferisce alla data del versamento dell’acconto IVA

Codice Concessione: indica il codice Concessione della città in cui si è effettuato il versamento
dell’acconto IVA.
Codice banca: indica il codice ABI dell’azienda di credito; in base a questo dato vengono compilati
in automatico anche il codice dipendenza e la descrizione dell’azienda di credito. E’ attiva la
funzione di aiuto.
Azienda di credito: riporta la descrizione della banca.

Codice dipendenza: indica il codice CAB dell’azienda di credito.

Bottone Testo libero: nel caso si desideri aggiungere, in fase di stampa, del testo libero in fondo al
documento di liquidazione selezionare tale bottone. Con esso, infatti, si accede ad una mascherina
contenente una sezione apposita dove scrivere il testo. Il bottone OK permette di memorizzare tale
aggiunta, quello Annulla di poter, eventualmente, annullare tale operazione di modifica.
Scheda Giroconto IVA

VENTILAZIONE CORRISPETTIVI
Viene visualizzata una griglia in cui appaiono i conti con i relativi importi scorporati in fase di
effettuazione del giroconto IVA.
La descrizione del conto proposta è quella personalizzata per l’ azienda se presente, altrimenti si
visualizza la descrizione presente nella tabella Piano Conti Gruppo

Il tab GIROCONTO IVA non è attivo se è selezionata l’ opzione “Stampa riepilogativa” nel tab
GENERALE della tabella liquidazione IVA oppure se nei parametri è impostato il tipo contabilità
FORFETARIA.
MARGINE GLOBALE

La sezione viene automaticamente alimentata in fase di stampa liquidazione IVA


periodica quando risulta selezionata l l’opzione “Giroconto IVA”. Vengono
memorizzati i conti di ricavo e relativi importi riguardanti l’imposta da regime
del margine determinata in stampa liquidazione IVA
IVA AD ESIGIBILITA’/DETRAIBILITA’ DIFFERITA

Tale sezione viene automaticamente compilata in fase di stampa della liquidazione IVA qualora nel
periodo sono state liquidate fatture per le quali è stata gestita l’IVA ad esigibilità/detraibilità
differita e la relativa imposta è rientrata nella liquidazione del periodo in quanto decorso il limite
temporale di un anno dal momento dell’effettuazione dell’operazione

La scheda GIROCONTO IVA/IVA PER CASSA non è attiva se è selezionata l’opzione ”Stampa
riepilogativa” nella scheda GENERALE della tabella liquidazione IVA oppure se nei parametri è
impostato il tipo contabilità FORFETARIA.

Dati plafond
La tabella contiene dati relativi al plafond gestito dall'azienda corrente.
La maschera comprende i seguenti campi:
- Anno/Mese: indicare l'anno ed il mese di riferimento in cui avvengono operazioni relative al
plafond dell'azienda;
- Tipo Plafond: indica la tipologia di plafond utilizzato dall'azienda e non è modificabile
dall'utente. Il Tipo Plafond viene compilato in automatico dal programma:
1) nel caso non sia già esistente un riferimento relativo al mese di gennaio per l'anno indicato, il
dato è compilato in base alle specifiche indicate nei Parametri Attività
2) in caso sia esistente un riferimento relativo al mese di gennaio per l'anno indicato, il dato viene
recuperato dalla tipologia di plafond specificata per quel mese.
- Attività associata: indica, in caso di multiattività, l’attività contabile alla quale si riferiscono i
dati plafond; se l’azienda non è in multiattività viene proposta l’attività predefinita;
- Plafond disponibile: indicare l'ammontare complessivo del plafond a disposizione dell'azienda.
Il campo viene compilato dalla procedura dopo l'esecuzione della stampa di liquidazione I.V.A.,
secondo il seguente prospetto:
se si tratta di plafond fisso, viene ripreso il residuo del mese precedente. Per il mese di gennaio
viene fatta un'eccezione in quanto è riportata la somma delle esportazioni effettuate nell'anno
precedente.
se si tratta di plafond mobile, viene ripresa la differenza fra la somma delle esportazioni effettuate
nei dodici mesi precedenti e la somma del plafond utilizzato nei dodici mesi precedenti.
- Esportazione Effettuate: indicare il valore delle eventuali esportazioni effettuate; il campo
viene compilato dalla procedura al momento della stampa della liquidazione I.V.A. con la
somma di tutte le vendite con codice I.V.A. di tipo Regime Plafond;
- Plafond Utilizzato Italia/UE: indicare l'ammontare del plafond utilizzato dall'azienda nel
periodo specificato, relativamente ad esportazioni effettuati nell’ambito CEE . Il campo
viene compilato dopo l'esecuzione della stampa di liquidazione IVA come somma di tutti gli
acquisti con codice IVA di tipo Regime Plafond.
- Plafond Utilizzato Extra/UE: indicare l'ammontare del plafond utilizzato dall'azienda nel
periodo specificato, relativamente ad esportazioni effettuati nell’ambito ExtraCEE. Il campo
viene compilato dopo l'esecuzione della stampa di liquidazione IVA come somma di tutti gli
acquisti con codice IVA di tipo Regime Plafond e selezione dell’opzione “Importazioni”.
- Plafond Residuo: viene compilato come differenza tra il campo Plafond disponibile ed il
campo
- Plafond utilizzato, considerando come importo minimo lo zero;

Stato cliente / Stato fornitore

Raccolgono per codice le situazioni possibili relativamente ai clienti/fornitori gestite dall’azienda.

IVA in sospensione
La tabella viene alimentata in automatico dalla procedura in fase di registrazione in Prima nota di
un movimento di incasso cliente. Tuttavia, la maschera consente anche l’eventuale gestione
manuale del campo Importo I.V.A. in Sospensione Incassato derivante da incassi effettuati con
causali di Prima Nota semplice.
La maschera è suddivisa in quattro sezioni:
Sezione Movimento di incasso/pagamento
Tutti i campi sono di sola visualizzazione (l'utente non può né inserirli né modificarli).
I campi sono:
 Numero movimento
 Numero e data documento
 Codice e anno partita
 Descrizione movimento
 Descrizione riga
 Cliente
 Importo incassato
IVA ad esigibilità/detraibilità differita: tale opzione, se selezionata, consente di visualizzare i
riferimenti collegati a fatture registrate con causali per le quali nella tabella causali è selezionato il
medesimo flag.

Sezione Scadenza
Tutti i campi sono di sola visualizzazione (l'utente non può né inserirli né modificarli).
I campi sono:
 Data scadenza
 Importo scadenza
 Importo IVA in Sospensione in scadenza
Sezione IVA in sospensione
Il campo Importo IVA in Sospensione Incassato è modificabile.
Data competenza liquidazione IVA: il campo è modificabile solo se il movimento a cui si
riferisce ha nella tabella causali la tipologia"Insoluto" o "Insoluto prof."; in modalità ricerca risulta
invece sempre attivo.
Sezione Attività
Attività associata: indica, in caso di multiattività, l'attività contabile alla quale si riferiscono i dati
relativi ai documenti con IVA in sospensione; se l'azienda non è in multiattività viene proposta
l'attività predefinita.
In fase di modifica, il campo Importo IVA in Sospensione Incassato è l’unico dato modificabile, in
quanto i dati della sezione Movimento di incasso e della sezione Scadenza derivano da registrazioni
in Prima Nota.
L'utente può cancellare un riferimento precedentemente inserito solo se non risultano scadenze ad
esso collegate.
In fase di inserimento (e di ricerca) è possibile richiamare una maschera di ricerca relativa alle righe
contabili del movimento registrato in Prima Nota. Tale funzione viene attivata dal pulsante posto di
fianco al campo Numero di Movimento.
Attraverso il passaggio suddetto si aggancia il nuovo riferimento inserito nella tabella alla riga del
cliente del movimento di incasso registrato precedentemente.
Selezionato il movimento di incasso, in automatico vengono compilati i campi della sezione
"Movimento di incasso", mentre i campi della sezione "Scadenza" restano disabilitati.

Filiali
Tale tabella contiene l’elenco delle Filiali aziendali. Per ciascuna filiale è necessario indicare:
Codice e Denominazione (campo obbligatorio);
Indirizzo/Città/Cap/Provincia/Regione;
Telefono: prefisso internazionale/ nazionale/ numero telefonico;
Sede INPS di Riferimento: indicare la sede INPS di riferimento.

ATTENZIONE
Il codice filiale non può assumere il valore “SD” , poiché è riservato alla sede principale.

Gestione compensazioni
La procedura gestisce i dati riguardanti le compensazioni orizzontali e verticali effettuate,
suddividendole per anno di formazione del credito e codice tributo applicato.
All’interno dell’apposita sezione , è possibile elencare i movimenti relativi alle operazioni di carico,
scarico, intromissioni ed estromissioni, nonché utilizzi in liquidazione IVA, dai quali deriva il
credito residuo disponibili.
ATTENZIONE
Le righe di carico devono avere importo positivo.
le righe di scarico devono avere importo negativo.
Le righe di scarico non possono avere un importo superiore al residuo disponibile.
Le righe relative ad estromissione non possono avere un importo superiore alle righe relative alle
intromissioni.

Le righe relative ai movimenti registrati possono presentarsi di colore azzurro se generate in fase
stampa della liquidazione IVA e non possono essere modificate dall’utente, oppure di colore giallo
se.riguardano periodi di liquidazione già stampati in ufficiale e non sono modificabili dall’utente.

Le righe azzurre diventano righe gialle dopo avere confermato la stampa della liquidazione
IVA in ufficiale.

Riporto in prospetto crediti (Gestione Deleghe): selezionando tale opzione viene consentito il
riporto del credito IVA nel prospetto crediti delle dichiarazioni.

Nel caso in cui la liquidazione del mese di dicembre/IV° Trimestre, risulti a credito, nella maschera
in cui viene richiesto a quale utilizzo destinare tale credito IVA, viene anche richiesto se riportare o
meno tale valore nel prospetto crediti. Rispondendo affermativamente a tale richiesta, Il flag viene
memorizzato nella tabella Gestione compensazioni e in qualsiasi momento può essere modificato
senza dover ristampare la liquidazione. Pertanto, in fase di generazione F24 da contablità, il credito
viene riportato nel prospetto crediti delle dichiarazioni solo se tale flag risulta selezionato

Il credito evidenziatosi in sede di stampa liquidazione IVA viene riportato anche se per il periodo
selezionato non esistono debiti da riportare a meno che nel prospetto crediti non esistano già dei
crediti con lo stesso codice e dello stesso periodo; in tal caso i dati non sono riportati e appare un
messaggio nel log di fine elaborazione.

I crediti inoltre non vengono importati nel caso in cui nel prospetto crediti non siano presenti
abbastanza righi per l’importazione; anche in questo caso viene esposto un messaggio nel log di
fine elaborazione.

I criteri di riporto dei campi e degli importi nel prospetto crediti sono di seguito indicati:

Credito infrannuale : per i mesi 3,6,9 e i trimestri 1,2,3, il periodo di riferimento viene esportato nel
formato AAAA.

Il credito annuale con codice tributo 6099 con periodo 2009 viene sempre riportato mentre il
credito annuale 6099 con periodo 2010 sarà riportato per la delega con periodo 01 e anno 2011.

Per il calcolo dell’importo dell’utilizzo del credito, per i contribuenti mensili si considerano sempre
le movimentazioni con periodo fino al mese precedente il mese di elaborazione (es. mese di
elaborazione 04/2009, si considerano le movimentazioni fino a 03/2009, per il mese di gennaio
2009 viene considerato anche l’utilizzo relativo all’acconto IVA). Per i trimestrali invece si
considerano le movimentazioni fino al trimestre precedente a quello in cui il credito si è formato

Per i crediti generati lo scorso esercizio con codice tributo 6099/2007 e 6036/37/38 2008 vengono
sempre esportati i dati relativi agli utilizzi come evidenziato in precedenza, considerando anche tutti
i movimenti del 2009.

I criteri di elaborazione dei dati sono i seguenti:

Utilizzi: vengono riportati dalla Contabilità gli utilizzi verticali 2009 e verticali 2010. Per quanto
riguarda gli utilizzi vengono riportati quelli relativi ai crediti generati nell'anno precedente (6099-
2008 e 6036/37/38-2009) e ai crediti generati nell'anno in corso ( 6099-2009 e 6036/37/38-2010)

Gli utilizzi orizzontali non vengono mai riportati in quanto sono già gestiti nel prospetto crediti
delle dichiarazioni fiscali.

Crediti

Vengono riportati il credito annuale 2009 e i crediti disponibili 2010.


Centri di costo/commesse
La maschera viene abilitata selezionando la relativa opzione dai Parametri – Scheda Contabilità e
consente di caricare i centri di costo e le commesse per la gestione dei centri di costo sui conti che
risultano abilitati dalla tabella Piano dei Conti.

ATTENZIONE
La selezione dell’opzione “Centro di costo” disabilita la possibilità di selezionare anche l’opzione
“commessa” per uno stesso caricamento e viceversa.

Ripartizioni Centri di costo


La maschera viene abilitata selezionando la relativa opzione dai Parametri – Scheda Contabilità e
consente di gestire la ripartizione in percentuale di costi/ricavi non attribuibili ad uno specifico
centro di costo gestito in fase di caricamento del movimento.
Si tratta, infatti, di importi originariamente rilevati su un centro di costo (definito generico) e
successivamente ripartiti su centri di costo più specifici utilizzando la funzione in oggetto: la
ripartizione verrà eseguita in base a percentuali applicate sull’ammontare complessivo del centro di
costo originario.
Per eseguire ripartizioni multiple è disponibile la funzione Ripartizione multipla centri di costo.

Le ripartizioni verranno considerate in fase di stampa Situazione contabile centri di costo /


commesse.
CENTRO DI COSTO: indica il centro di costo abbinato al conto dal Piano dei conti – Scheda
Centri di costo;
CONTO: indica il conto al quale è abbinato il centro di costo sopra citato dal Piano dei conti –
scheda centri di costo.
ANNO: indica l’esercizio nel quale la ripartizione è da considerarsi valida
CENTRO DI COSTO (Informazioni ripartizione: indica il centro di costo da abbinare al conto
determinato;
PERCENTUALE: indica per quale ammontare il saldo del conto deve essere abbinato al nuovo
centro di costo
PERCENTUALE RESIDUA: indica l’ammontare del saldo ancora abbinato al centro di costo
originario
GRIGLIA: dopo avere salvato, in tale sezione viene riportata la situazione di ripartizione dopo
l’inserimento dei dati

Periodi Budget
Consente di definire i dati dei periodi budget e dei relativi consuntivi in modo specifico al fine di
poterli successivamente confrontare attraverso le apposite stampe di controllo con il consuntivo del
centro di costo/commessa di riferimento.

Tabella Budget
La gestione del budget prevede il caricamento in apposite tabelle di periodi ed importi di previsione.
Con l’apposita stampa sarà successivamente possibile ottenere tutte le informazioni con gli importi
a consuntivo.

FUNZIONAMENTO
Nella Tabella Budget vengono memorizzati per periodo, conto, centro di costo / commessa associati
ed importi di previsione da confrontare successivamente con quelli a consuntivo.
Collegamento Sistema Paghe

Consente di associare ad ogni qualifica utente un totalizzatore al fine di collegare ad ogni rapporto
creato tra i due valori, un conto di Piano dei Conti da utilizzare a Prima Nota per la relativa
rilevazione contabile generata dal collegamento con il Sistema Paghe presente nella Suite 2002.

TABELLE GRUPPO
Comprendono dati che possono essere richiamati da tutte le aziende appartenenti allo stesso gruppo.
Forniscono uno strumento di compilazione uniforme dato che tutte le registrazioni principali
verranno basate su di esse. In caso di un eventuale aggiornamento di programma, le tabelle gruppo
non verranno sovrascritte. I dati inseriti dall’utente si manterranno in ogni versione della procedura.
Piano dei conti
Tabella di gruppo che comprende tutti i conti utilizzati per la contabilità delle aziende.
1) Il conto 15010101 identifica “Banca primo conto corrente da definire”. Tale dicitura è indicata
sul campo Descrizione gruppo. La procedura dà la possibilità di considerare tale conto con
descrizioni più specifiche a livello di singola azienda. Attraverso la Descrizione per l’azienda lo
stesso conto può essere visualizzato come “Banca dimostrativa 1” per l’azienda A e come Banca
dimostrativa 2 per l’azienda B. Le altre aziende, appartenenti allo stesso gruppo e per le quali
non è stata definita una descrizione per l’azienda, continuano a visualizzare il conto 15010101
come “banca primo conto corrente da definire”.
2) Attraverso il codice conto si può dedurre il livello associato. Un livello corrisponde a due cifre
del codice conto.

3) Selezionare “Clienti” oppure “Fornitori” nel caso in cui i conti facciano riferimento alla
maschera dei Nominativi (vedi pag. 55). In caso contrario selezionare “Nessuno”.
4) La classe fiscale rappresenta l’elemento di unione tra dati contabili e righi delle dichiarazioni.
Le classi fiscali sono state definite dai consulenti fiscali Wolters Kluwer sulla base della vigente
normativa (i riferimenti sono il Testo Unico delle Imposte sui Redditi - D.P.R. 22/12/1986
n.917 e le istruzioni ministeriali relative alle dichiarazioni fiscali); per ogni classe è disponibile
una descrizione sintetica della valenza fiscale attribuita alla classe ed un commento più
dettagliato.
Premesso che il Piano dei Conti è stato pensato con una logica prevalentemente civilistica, il
regolamento fiscale è costruito sulla base delle seguenti linee guida:
- Le classi fiscali sono state individuate sulla base della vigente normativa fiscale (il
riferimento normativo è il Testo Unico delle Imposte sul Reddito – D.P.R. 22/12/1986 n.
917) e delle istruzioni ministeriali relative alle dichiarazioni fiscali;
- Ad ogni voce del Piano dei Conti sono associate (ove necessario) cinque classi fiscali:
a) Classe professionisti : prevista per gestire le casistiche fiscali inerenti il reddito di lavoro
autonomo;
b) Classe imprese: prevista per gestire le casistiche fiscali inerenti il reddito d’impresa;
c) Classe imprese IRAP: per la gestione del modello IRAP
d) Classe Studi di settore (per le imprese): per l’elaborazione dei modelli relativi agli Studi
di Settore;
e) Classe Parametri (per le imprese): per l’elaborazione dei modelli relativi ai parametri.
- Esistono classi fiscali non agganciate a nessuna voce del piano dei Conti ma a disposizione
dell’utente per gestire le proprie specifiche esigenze fiscali;
- Quando si procede con l’elaborazione dei dati contabili, i programma esegue
automaticamente il riporto dei valori all’interno delle Dichiarazioni Fiscali, in base alla
tipologia di soggetto (Impresa / Professionista) ed al regime contabile (Ordinario /
Semplificato).

Tempificazione per una corretta gestione della procedura di applicazione delle Classi Fiscali
A) Leggere con particolare attenzione il contenuto normativo delle classi fiscali e del collegamento
voci Piano dei Conti – Classi Fiscali proposto dal programma;
B) Esaminare i gruppi di aziende gestite e valutare se le imprese presenti all’interno di uno stesso
gruppo sono fiscalmente omogenee;
C) Se necessario, estrarre l’azienda dal gruppo ed eseguire i collegamenti per singola azienda,
sebbene sia consigliabile modificare manualmente i valori all’interno della dichiarazione;
D) Verificare attraverso apposita stampa (vedi Stampa Allineamento piano dei Conti – pag. 230) i
collegamenti voci Piano dei Conti – Classi Fiscali;
E) Se necessario modificare il collegamento tra le voci del Piano dei Conti e le classi fiscali
proposte;
F) Agganciare le voci di Piano dei Conti create dall’utente alle relative classi fiscali;
G) Procedere all’elaborazione della dichiarazione fiscale.
Copia conto
Mediante questa funzione che si attiva cliccando sul simbolo a fianco del campo “Codice” è
possibile creare un nuovo conto all’interno della maschera Piano dei Conti, identico a quello dal
quale è stata richiesta la copia. I dati diversi sono relativi a : CODICE – DESCRIZIONE GRUPPO
– DESCRIZIONE PER L’AZIENDA.
Codice: tale campo propone i livelli di mastro non modificabili e gli asterischi (in rosso) sull’ultimo
livello che risulta modificabile.
E’ possibile assegnare la numerazione all’ultimo livello togliendo gli asterischi ed inserendo i
corrispondenti numeri. Nel caso venga indicato un codice esistente, in fase di salvataggio compare
il messaggio bloccante: “ Il codice conto specificato è già presente in archivio”.
Nel caso vengano mantenuti gli asterischi, la procedura assegna automaticamente la corrispondente
parte numerica.
Attenzione: Il piano dei conti Wolters Kluwer gestisce la numerazione dei conti movimentabili con
codici IVA (esistono, ad esempio, il conto 610101 ed il conto 610103 ma non esiste il conto
610102). Il codice pari può essere creato. Ma nel caso di assegnazione automatica del codice è
prevista l’assegnazione di numeri dispari.
Descrizione gruppo: il campo è di compilazione manuale. Non è possibile salvare un nuovo conto
senza imputare la descrizione. In questo caso compare il messaggio bloccante: “ Non è stato
specificato un valore per il campo “Descrizione gruppo”.
Descrizione per l’azienda: il campo è di compilazione manuale. Nel caso in cui venga compilato,
il valore immesso deve essere valido solo per l’azienda corrente, così come già avviene per
l’omonimo campo presente nella maschera Piano dei Conti – Scheda Generale.
SALVA: consente di salvare i dati inseriti nella maschera Copia Conto.
ANNULLA: permette di ritornare alla maschera Piano dei Conti senza salvare i dati della maschera
Copia conto.

Causali
La tabella raccoglie tutte le causali utilizzabili nelle registrazioni di Prima Nota.
La maschera è composta dalle seguenti sezioni:
 Generale;
 IVA ;
 Abilitazioni;
 Controlli;
 Proposte;
 Professionisti.
L’elenco delle causali inserite potrà essere visualizzato in fase di registrazione a Prima Nota (vedi
pag. 127).
La causale definisce la struttura della maschera di Prima Nota. Per tale ragione, una volta inserita
una causale per una registrazione, non è più possibile modificarla.
Scheda Generale

E’ la scheda che raggruppa le informazioni sulle causali.


All’interno è possibile definirne le caratteristiche e abilitare l’utilizzo della causale per i diversi tipi
di contabilità.
In tale maschera è necessario indicare il tipo di causale, al fine di definire la struttura della stessa
durante le registrazioni a Prima Nota.

Descrizione campi:
Codice (obbligatorio): codice identificativo della causale, rappresentato da un valore alfanumerico
di quattro caratteri; in automatico viene assegnato un progressivo, modificabile dall’utente.

Descrizione estesa (obbligatorio): descrizione della causale da visualizzare in Prima Nota.

Descrizione (obbligatorio): descrizione della causale da utilizzare nelle stampe (max 25 caratteri).
Chiusura risconti: abilita la causale ad essere utilizzata per generare movimenti di chiusura, in
presenza di scritture di assestamento (ratei e risconti).
Apertura Somme non pagate / incassate: abilitata per causali di tipo rettifica, viene utilizzata in fase
di Storno somme non pagate / incassate al fine di applicare il principio di cassa in contabilità
ordinarie professionisti.

Fatture da ricevere / emettere: le causali per le quali è selezionata tale opzione consentono di
gestire a Prima Nota le fatture da ricevere / emettere attraverso l’imputazione dei dati di
competenza all’interno della maschera Altri campi Prima Nota.
ATTENZIONE
Tale opzione è attiva per le causali di tipo:
 IVA NORMALE:
 Fatture fornitori
 Fatture clienti
 Note di credito fornitori
 Note di credito clienti

Documenti competenza professionisti: se selezionata, l'opzione consente di gestire le operazioni


registrate con la causale corrente attraverso il principio di competenza anziché di cassa,
indipendentemente dall'avvenuto pagamento / incasso (Es: canoni leasing/acquisto, cessione beni
ammortizzabili).

La gestione documenti competenza professionisti avviene solo utilizzando le seguenti causali:


 Parcella professionisti vendita (prof)
 Nota di credito cliente in conto fattura (prof)
 Fattura fornitore (prof)
 Nota di credito fornitore in conto fattura (prof)
 IVA CEE/Reverse Charge (prof)

Gestione cespiti: abilita la causale ad essere utilizzata per generare movimenti di gestione cespiti.
Nel caso in cui tale casella venga utilizzata in abbinamento all’opzione fattura cliente genererà un
movimento di alienazione / decremento mentre se utilizzata in abbinamento all’opzione fattura
fornitore genererà un movimento di caricamento / incremento cespite.

GESTIONE REGIME DEL MARGINE


Regime del margine: tale opzione identifica le causali per la gestione del regime del margine
Tipo: il campo è attivo se è selezionata l’opzione “Regime del margine” e va utilizzato per
indicare la tipologia di regime gestito.
Sono previste apposite Causali contabili per la registrazione delle operazioni di
acquisto e di vendita rientranti nel regime Iva del Margine Globale:
M01 Vendite beni usati margine globale
M02 Acquisto beni usati margine globale
M03 Corrispettivi beni usati margine globale
L’utilizzo di suddette nuove causali non è obbligatorio, poiché la gestione del Regime del
Margine Globale
avviene mediante l’utilizzo degli apposti Codici IVA in abbinamento ai Registri IVA di carico e
scarico.
Per creare le nuove causali nelle aziende “utente” è possibile utilizzare la funzione “Allineamento
Piano dei
Conti selezionando l’ apposita opzione “Allinea Causali”.
Per utilizzare tali causali nelle aziende di tipo utente occorre però creare manualmente anche i
nuovi registri IVA
ad esse abbinati. E’ altresì possibile utilizzare i registri IVA 01 (Acquisti) o 02 (Vendite) o 03
(Corrispettivi) previa selezione dell’ opzione “Regime del margine globale”

Per quanto riguarda il regime analitico, gli acquisti possono essere registrati con le causali ordinarie
(es: A01, S01), per la vendita invece va utilizzata (all’interno della funzione “vendita margine
analitico” richiamabile dal menu contabilità) l’apposita causale M04.

Incasso al lordo ritenuta d’ acconto: abilitato solo per le causali di tipo “Incasso Parcella
Professionisti Vendita (Prof)”, se selezionato consente di incrementare l’ incasso della parcella per
l’ importo relativo alla ritenuta d’ acconto versata dallo studio per conto del cliente.

Versamento ritenuta: abilita la causale ad essere utilizzata per le registrazioni relative ai versamenti
delle ritenute.

Versamento contributo INPS: abilita la causale ad essere utilizzata per le registrazioni relative ai
versamenti del contributo INPS.

Tipi Causali
TIPO MOVIMENTO MENU’ DI ACCESSO DESCRIZIONE
CAUSALE GENERATO
Normale Prima Nota Semplice Contabilità / Prima Es.: Diversi, Giroconto
Nota
Apertura Prima Nota Semplice Contabilità / Prima Nel caso si utilizzi la Chiusura /
Nota Apertura Contabile (dal menù
Servizi) le scritture di apertura sono
generate automaticamente
Chiusura Prima Nota Semplice Contabilità / Prima Nel caso si utilizzi la Chiusura /
Nota Apertura Contabile (dal menù
Servizi) le scritture di chiusura sono
generate automaticamente
Rettifica Prima Nota Semplice Servizi / Generazione Automatismo
Automatica Rettifiche
IVA normale Prima Nota I.V.A. Contabilità / Prima Il tipo di movimento dipende da
Nota quanto impostato nel campo Tipo
I.V.A. della scheda I.V.A.
IVA CEE/ Prima Nota I.V.A. Contabilità / Prima Il tipo di movimento dipende da
Reverse Nota quanto impostato nel campo Tipo
Charge I.V.A. della scheda I.V.A.
Incasso Prima Nota Semplice Contabilità / Incasso Wizard (procedimento guidato);
Cliente aggiorna la situazione delle
scadenze con la possibilità di
incassarne contemporaneamente più
di una.
La Gestione automatica dell’incasso
(Servizi / personalizzazione utente)
permette l’incasso contestuale al
salvataggio della fattura
Insoluto Prima Nota Semplice Contabilità / Insoluto Wizard (procedimento guidato);
Cliente aggiorna la situazione delle
scadenze
Pagamento Prima Nota Semplice Contabilità / Wizard (procedimento guidato);
Pagamento Fornitore aggiorna la situazione delle
scadenze con la possibilità di
pagarne contemporaneamente più di
una.
La Gestione automatica del
pagamento (Servizi /
personalizzazione utente) permette il
pagamento contestuale al
salvataggio della fattura
Nota credito Prima Nota I.V.A. Contabilità / Prima Aggiorna automaticamente del
cliente in conto Nota valore corrispondente la scadenza
fattura aperta con la registrazione della
fattura
Nota debito Prima Nota I.V.A. Contabilità / Prima Aggiorna automaticamente del
cliente in conto Nota valore corrispondente la scadenza
fattura aperta con la registrazione della
fattura
Nota credito Prima Nota I.V.A. Contabilità / Prima Aggiorna automaticamente del
fornitore in Nota valore corrispondente la scadenza
conto fattura aperta con la registrazione della
fattura
Nota debito Prima Nota I.V.A. Contabilità / Prima Aggiorna automaticamente del
fornitore in Nota valore corrispondente la scadenza
conto fattura aperta con la registrazione della
fattura
Parcella Prima Nota I.V.A. Contabilità / Parcella Wizard (procedimento guidato);
Professionisti Professionisti Vendita Selezionando l’incasso contestuale
vendita (prof) la procedura genera
automaticamente anche il
movimento di incasso aggiornando
la situazione scadenze
Fattura Prima Nota I.V.A. Contabilità / Fattura Wizard (procedimento guidato);
fornitore (prof) fornitore (prof) Selezionando il pagamento
contestuale la procedura genera
automaticamente anche il
movimento di pagamento
aggiornando la situazione scadenze
Incasso Prima Nota semplice Contabilità / Incasso Wizard (procedimento guidato);
parcella parcella professionisti aggiorna la situazione scadenze
professionisti vendita (prof)
vendita
Chiusura Prima Nota semplice Servizi / Generazione Genera movimenti di chiusura in
risconti automatica rettifiche presenza di scritture di assestamento
Gestione Prima Nota semplice Contabilità / Prima Permette il collegamento tra Prima
cespiti / Prima Nota I.V.A. Nota Nota e Modulo Ritenute
Gestione Prima Nota semplice Contabilità / Prima Permette il collegamento tra Prima
ritenute Nota Nota semplice e Modulo Ritenute
Versamento Prima Nota semplice Contabilità / Wizard (procedimento guidato);
Ritenuta Versamento ritenuta aggiorna automaticamente il modulo
ritenute con il relativo versamento
Versamento Prima Nota semplice Contabilità / Wizard (procedimento guidato);
contributo Versamento contributo aggiorna automaticamente il modulo
INPS INPS ritenute con il relativo versamento
Scheda I.V.A.

La scheda è abilitata solo se la causale è di tipo IVA. o IVA CEE/Reverse Charge; in questo caso è
obbligatorio indicare il tipo I.V.A..

Opzioni disponibili:
Fattura cliente
Fattura fornitore
Nota credito cliente
Note debito cliente
Nota credito fornitore
Note debito fornitore
Corrispettivi senza ventilazione
Corrispettivi con ventilazione

Casella Super registrazione: abilita la causale ad essere utilizzata per generare movimenti di tipo
Super registrazione, in caso di contabilità forfetaria o supersemplificata.
Super Registrazione
La registrazione di più fatture in un unico movimento viene detta “super registrazione”; essa non è
altro che una registrazione unica e riepilogativa di più fatture ai fini IVA o di più movimentazioni ai
fini delle imposte dei redditi. Per poter inserire una super registrazione, è necessario indicare nei
Parametri dell’azienda il codice di un cliente fittizio, il quale non risulterà in nessuna stampa.

Nota debito cliente e nota debito fornitore: il check è attivo in modalità Nuovo e Modifica e
quando viene selezionato il Tipo IVA “Fattura cliente” o “Fattura fornitore”. Serve per identificare
le note di debito in fase di estrazione dati ai fini della comunicazione Over 3.000 e quindi
classificarle come tipo di documento corretto, ossia Note di variazione.

Scheda Abilitazioni
Nella scheda Abilitazioni della tabella Causali si specifica per quale tipo di contabilità
(Ordinaria/Semplificata Imprese, Ordinaria/Semplificata Professionisti, Forfetaria) viene utilizzata
la causale corrente.
Nel caso in cui si acceda ad una azienda che non gestisce la contabilità indicata, al momento della
registrazione di movimenti contabili, la causale inserita non potrà essere utilizzata per le
registrazioni relative a tale azienda e, di conseguenza, non verrà visualizzata nell’elenco di funzione
di aiuto.
In fase di inserimento di una nuova causale, il programma in automatico abilita la causale per tutti i
tipi di contabilità.
Se la contabilità gestita per l’azienda corrente è di tipo forfetario, tenere presente che le causali
abilitate per la contabilità forfetaria sono solamente di tipo:
-fattura cliente;
-nota credito cliente;
-corrispettivi senza ventilazione.
Le casuali di tipo IVA NORMALE – INCASSO – INSOLUTO - PAGAMENTO non devono
essere abilitate per la contabilità di tipo Nuova Ordinaria Professionisti. Qualora vengano abilitate
confermando il messaggio di avviso visualizzato dal programma, in fase di utilizzo a prima nota
apparira' il seguente avviso: "LE CAUSALI DI TIPO "XXXXX" NON SONO ABILITATE PER IL
TIPO DI CONTABILITÀ DELL' AZIENDA".

Scheda Controlli
Scheda in cui impostare i controlli di programma da eseguire in fase di salvataggio di un
movimento contabile che abbia come causale di riferimento quella corrente.
Nel caso qualche controllo risulti negativo, il salvataggio non viene effettuato e ne viene
comunicata l’interruzione all’utente.
I controlli possibili sono:
- Controllo esistenza data documento: impostando questo controllo, in fase di salvataggio di
movimenti contabili, viene verificata la presenza di un dato significativo nel campo Data
documento.
- Controllo esistenza numero documento: impostando questo controllo, in fase di salvataggio di
movimenti contabili, viene verificata la presenza di un dato significativo nel campo Numero
documento.
- Controllo esistenza descrizione movimento: impostando questo controllo, in fase di salvataggio
di movimenti contabili, viene verificata la presenza di un dato significativo nel campo
Descrizione movimento.
- Controllo esistenza descrizione righe: impostando questo controllo, in fase di salvataggio di
movimenti contabili, viene verificata la presenza di un dato significativo nel campo Descrizione
riga.
- Controllo esistenza divisa: impostando questo controllo, in fase di salvataggio di movimenti
contabili, viene verificata la presenza di dati significativi nei campi Divisa e Importo divisa.

Scheda Proposte
In questa scheda vengono specificati i dati che saranno proposti in automatico da programma nel
caso in cui venga utilizzata la causale corrente in fase di registrazioni di movimentazioni
contabili. Le impostazioni di default per la contabilità Semplificata Professionisti e Nuova
Ordinaria Professionisti sono da specificare nella scheda Professionisti .
Oltre ad impostare i conti che possono essere proposti nelle righe contabili, è possibile definire i
seguenti campi:
- Codice registro I.V.A. proposto;
- Codice registro I.V.A. vendite (abilitato solo per causali di tipo IVA CEE/Reverse Charge al
fine di gestire le operazioni Intracee);
- Codice provvisorio proposto;
- Descrizione movimento proposta;
- Codice causale successiva (causale che compare automaticamente dopo avere effettuato una
registrazione con la causale corrente) ;
- Conto cliente/fornitore;
Conto cassa corrispettivi/analitico (abilitato solo per causali con tipo IVA Corrispettivi con o senza
ventilazione).

Scheda Professionisti
Nella scheda Professionisti è possibile specificare i valori di default da utilizzare nella contabilità di
tipo Professionisti.

La scheda comprende i campi:

Sezione Onorario: indicare il codice di conto su cui viene registrato l’onorario del professionista e
il codice IVA che specifica quale ritenuta viene applicata.
Sezione Cassa previdenza soggetta a ritenuta: indicare il conto, il codice IVA e la percentuale
sull’onorario.
Sezione Cassa previdenza non soggetta a ritenuta: Sezione Cassa previdenza soggetta a ritenuta:
indicare il conto, il codice IVA e la percentuale sull’onorario.
Sezione Anticipazioni: indicare il conto delle anticipazioni al professionista ed il codice IVA.
Sezione Altro: indicare il conto utilizzato per movimentare la ritenuta d’acconto e la causale da
utilizzare in fase di pagamento. Nel campo “conto ritenuta per incasso al lordo” è necessario
indicare il conto relativo alla ritenuta che verrà versata dallo studio per conto del cliente.
Pagamenti

Raccoglie tutte le modalità di pagamento gestite.

La tabella si compone di due sezioni:


Generale
- I campi Codice / Descrizione (obbligatori): identificano la modalità di pagamento inserito.
- Casella rate fisse (obbligatoria in alternativa alla casella Rate variabili): selezionare tale casella
se il pagamento viene effettuato in più rate dello stesso valore;
- Casella rate variabili (obbligatoria in alternativa alla casella Rate fisse): da selezionare se il
pagamento viene effettuato in più rate ma di importi differenti;
Altro
- Casella mese commerciale/Casella fine mese: indicare il metodo adottato per effettuare i
pagamenti.
Esempio:
Una fattura scade il 4 di febbraio. Se viene selezionata la casella Fine mese, la scadenza viene
impostata automaticamente al 28 di febbraio. Se viene impostata la casella Mese commerciale, e il
pagamento è impostato con rate a 30 giorni, la scadenza viene spostata al 28 di marzo.

Provvisori
La tabella comprende tutti i codici provvisori, utilizzati per le registrazioni in Prima Nota,
dell’azienda corrente.
Tali codici sono utili al fine di identificare movimenti non ancora definitivi che, come tali, non
dovranno risultare nelle stampe ufficiali.
I campi obbligatori per tale tabella sono: Codice e Descrizione.
TABELLE GENERALI
Le tabelle generali comprendono dati che possono essere consultati in qualsiasi momento, sia
mantenendo tutte le aziende chiuse che da tutte le aziende (Es. codici IVA).

Codici IVA
La tabella comprende tutte le tipologie per poter applicare le percentuali in fase di movimenti
I.V.A.. Inoltre, consente il prelievo dei codici IVA da utilizzare per l'elaborazione della
dichiarazione IVA.
Nella scheda generale è presente anche l’opzione Riporta in OVER 3.000:

Riporta in Over 3.000: Il flag, se selezionato, permette di aprire il menu del campo Tipologia
imponibile in cui sono presenti le seguenti opzioni in funzione della tipologia di IVA:
IMPONIBILE
ESENTE
VUOTO (tipo IVA escluso)
NON IMPONIBILE
IMPONIBILE CON IVA NON ESPOSTA IN FATTURA (per tipologia IVA Agenzie di
Viaggio)
il flag viene proposto selezionato quando per il codice IVA è presente il dato relativo alle opzioni
del campo Tipologia imponibile

Se in fase di salvataggio del codice IVA risulta selezionato il flag “riporta in Over 3.000” ma non
risulta compilato il campo “Tipologia operazione” si visualizza il seguente messaggio bloccante:
"Per i codici IVA con Riporto in Over 3.000 è necessario specificare la tipologia imponibile."
Ciò consente di determinare in modo mirato la tipologia da specificare nella comunicazione senza
gestire alcun tipo di eccezione; esistono infatti ad esempio codici IVA di tipo Escluso ma l’
operazione ad esso riferita deve essere ricompresa nella comunicazione con tipologia Imponibile.

1) Non è possibile eliminare o modificare parzialmente o totalmente i codici IVA precaricati.


L’utente può creare propri codici IVA a condizione che la codifica inizi con la lettera U. Ad
ogni aggiornamento i dati presenti vengono sovrascritti fatta eccezione per quelli generati
dall’utente.
2) I codici I.V.A. con Tipo Imponibile “in sospensione” possono essere utilizzati solo in
movimenti di fattura cliente.
3) L’aliquota alternativa viene utilizzata comunemente per i passaggi interni o situazioni simili. La
procedura applicata alla registrazione di acquisto quanto specificato nel campo “Aliquota”.
Nella sezione di Ventilazione Corrispettivi presente in fase di liquidazione IVA, l’aliquota
alternativa viene applicata all’importo Ventilato al fine di ottenere il corretto conteggio
dell’Imposta.
4) IVA Rimborso/Compensazione
Utilizzabile nel caso si voglia impostare il collegamento tra la contabilità ed il modello di
richiesta rimborso/compensazione IVA: compilando, infatti, i campi richiesti, tali codici
verranno considerati in fase di generazione del modello IVA Rimborso/Compensazione.
Per ogni rigo di collegamento deve essere definita la natura dell’importo da esportare:
Imponibile o IVA.
5) Comunicazione Annuale Dati IVA: comprende nove campi (o righi), ciascuno dei quali
contiene il nome del campo della dichiarazione che deve essere alimentato qualora il codice
IVA venga utilizzato per la registrazione di un movimento contabile. I campi possibili sono:

 CD0101 – Operazioni attive


 CD0102 – Operazioni attive non imponibili
 CD0103 – Operazioni attive esenti
 CD0104 – Cessioni Intracomunitarie di beni
 CD0201 – Operazioni passive
 CD0202 – Acquisti non imponibili
 CD0203 – Acquisti esenti
 CD0204 – Acquisti intracomunitari di beni
 CD0301 - imponibile/CD0302 imposta – Importazioni di oro e argento senza pagamento
dell’ IVA in dogana

In fase di salvataggio di un nuovo codice IVA, la procedura controlla che uno stesso codice non
sia stato ripetuto per più righi.
PARTICOLARITÀ
L’opzione “Sospesi” è abilitata se viene selezionato il campo “Ventilazione IVA corrispettivi” e
consente di gestire il calcolo dell’IVA relativa alla cessione di prodotti farmaceutici in presenza di
ventilazione, per i quali l’esigibilità dell’imposta non coincide con l’effettuazione dell’operazione
ma è rinviata al verificarsi dell’incasso del corrispettivo, così come specificato dal V comma
dell’art. 6 DPR 633/72.

Regime del margine: tale sezione è attiva per i codici di tipo IVA imponibile e Tipo imponibile
normale e per i codici di tipo IVA non imponibile diverso da Regime speciale agricolo vendite e
acquisti e contiene le opzioni di selezione per le tipologie Globale, Analitico, Forfetario ed
Esportazione.
Per il regime del margine analitico sono presenti tre tipologia di codici IVA:
• Acquisto: va utilizzata per la registrazione dell’acquisto dei beni rientranti nel regime;
• Base: in caso di vendita del bene va utilizzato sulla quota di base imponibile corrispondente
al valore di acquisto;
• Margine: in caso di vendita, tale tipologia va utilizzata sul margine positivo lordo, ossia
sulla quota del prezzo di vendita che eccede il valore di acquisto.
Es: bene acquistato la prezzo di 1.000 e venduto in regime analitico al prezzo di 3.000 (quindi con
un margine positivo di 2.000): nella registrazione della vendita dovrà essere utilizzato un codice
IVA di tipo base su 1.000 e un altro di tipo margine su 2.000.
Divise
La tabella comprende le divise che possono essere utilizzate, suddividendole per codice.
I campi a carattere obbligatorio sono:
- Codice e Descrizione divisa;
- è possibile specificare il cambio di riferimento e la relativa data; l’opzione divisa UME è
prevista per le monete degli undici paesi dell’Unione Monetaria Europea.

Cambi
La tabella comprende i cambi che sono stati inseriti per gestire fatture con importi in valuta estera.
I cambi sono raggruppati per:
- codice divisa (campo obbligatorio);
- data (campo obbligatorio);
- importo del cambio/tasso di conversione..
Per le divise non appartenenti all’Unione Monetaria Europea i cambi successivi al 01/01/1999 sono
da intendere EURO/DIVISA.

Codici tributo
La tabelle contiene i codici utilizzabili per la gestione delle ritenute.
- Cod. Identificativo: specificare il codice con cui “riconoscere” il tributo inserito;
- Cod. Tributo: indicare il codice tributo;
- Descrizione: viene indicata la tipologia di reddito di riferimento del tributo;
- Ritenuta: indicare la percentuale di ritenuta;
- Abbattimento: indicare la percentuale di abbattimento che si intende applicare.

Classi fiscali
Le classi fiscali rappresentano l’elemento di unione tra la contabilità e le dichiarazioni fiscali.
Le “classi fiscali” sono state individuate sulla base della vigente normativa fiscale.
Le classi fiscali sono catalogate in base all’anno di riferimento al fine di mantenere un costante
allineamento con quanto previsto fiscalmente. In questo modo è possibile garantire il collegamento
nei diversi esercizi con riferimento ai righi della dichiarazione anno per anno. Non è possibile
inserire classi fiscali con riferimento anteriore al 2000.

Per ogni classe fiscale sono stati definiti uno o più righi di collegamento con le singole
dichiarazioni, differenziati per ciascuna tipologia di soggetto; per ogni rigo collegato è inoltre
definita una percentuale di riporto, che indica in che misura deve essere esportato sul rigo il valore
del conto.

Gli inserimenti previsti si distinguono in “Sistema” ed “Utente”.


Gli inserimenti “Sistema” sono effettuati direttamente da Wolters Kluwer e sovrascritti ad ogni
aggiornamento della procedura.
Gli inserimenti “Utente” sono effettuati direttamente dall’Utente e non vengono sovrascritti nel
corso di aggiornamenti futuri.

Dati Studio
Contiene la ragione sociale dello Studio da riportare nell’intestazione del Registro Multiaziendale.

Forfait
Attraverso la tabella Forfait è possibile impostare le aliquote I.V.A. e IRPEF forfetarie previste per
il calcolo specifico della liquidazione I.V.A..

Prospetto aliquote forfetarie

DESCRIZIONE CATEGORIA ALIQUOTA I.V.A. ALIQUOTA IRPEF


78
Professionisti 84

Prestazioni di Servizi 73 75
Altre Attività 60 61

La tabella comprende i seguenti campi:


- Codice / Descrizione (obbligatori): indicare il codice /descrizione identificati della categoria
forfetaria inserita.

- Aliquota I.V.A.(%): indicare l’aliquota forfetaria per il calcolo globale dell’I.V.A.


- Aliquota IRPEF(%): indicare l’aliquota forfetaria per il calcolo globale dell’IRPEF.

Registri Multiaziendali
Contiene le informazioni generali relative alla tenuta del registro multiaziendale per le aziende
gestite dallo Studio.

ATTENZIONE
Se si utilizza il Registro Multiaziendale per la prima volta è necessario:
- compilare solo i campi compresi nella sezione “Informazioni Registri”;
- le sezioni “Progressivi Registro” e “Dettaglio stampe” verranno alimentate automaticamente
con l’avvio della stampa ufficiale Registri Multiaziendali.

Se l’utilizzo del Registro Multiaziendale risale ad una data anteriore rispetto alla gestione effettua
con il Sistema Professionisti, è necessario:
- compilare i campi compresi nella sezione “Informazioni Registri”;
- la sezione “Progressivi Registro” dovrà essere alimentata indicando le pagine disponibili per la
stampa ufficiale”;
- la sezione “Dettaglio stampe” dovrà essere compilata indicando le pagine già stampate per ogni
registro delle aziende e le pagine da essi occupate all’interno del multiaziendale.

Riclassificazione Piano dei Conti


Riepiloga le voci di riclassificazione che potranno essere associate al Piano dei Conti suddivise per
tipo:
 PATRIMONIALE
 ECONOMICO

Gli inserimenti previsti si distinguono in "Sistema" ed "Utente":


 gli inserimenti "Sistema" sono effettuati direttamente da Wolters Kluwer e sovrascritti ad
ogni aggiornamento della procedura.
 gli inserimenti "Utente" sono effettuati direttamente dall’utente e non vengono sovrascritti
nel corso di aggiornamenti futuri.

TABELLE SISTEMA
Comprendono dati che possono essere richiamati da qualsiasi azienda, in quanto sono di utilità
generale. Le tabelle vengono fornite pre-compilate, ad eccezione della Tabella Località ISTAT.
Ogni aggiornamento del programma cancellerà ogni modifica apportata dall’utente alle tabelle pre-
compilate, per allinearle alle ultime modifiche di legge.
La variazione di tali tabelle è comunque consentita con l’unico scopo di non bloccare l’attività
dell’utente nel momento in cui si presentino nuove disposizioni implicanti la correzione delle stesse.

Categorie Cespiti
La tabella Categoria cespiti consente di organizzare tutti i beni materiali ed immateriali
suddividendoli in categorie omogenee, così come previsto dal D.M. 31/12/1988.
Le categorie si suddividono in:
 SISTEMA
 UTENTE

SISTEMA
Riassumono tutte le categorie ministeriali previste dal D.M. 31/12/1988.
Le categorie cespiti di sistema (ministeriali) non sono modificabili per ciò che riguarda la maschera
relativa ai dati generali (tipo di bene, cespite ammortizzabile, opzioni, aliquote), mentre sono
modificabili i dati relativi al collegamento con la contabilità presenti nella maschera Conti Ordinari
e Conti non deducibili (si tratta dei conti contabili che verranno utilizzati dalla procedura per
effettuare in automatico la registrazione contabile degli ammortamenti, distinguendo tra conti
deducibili/tassabili e indeducibili/non tassabili).

UTENTE
Tale tipologia è relativa ad eventuali caricamenti manuali di categorie cespiti che esulano dalla
gestione delle categorie ministeriali del D.M. 31/12/1988
Le categorie cespiti utente, al contrario di quelle ministeriali, possono essere gestite e modificate in
ogni loro campo: in questa ipotesi bisognerà fare attenzione alla gestione fiscale degli
ammortamenti poiché la procedura non sarà in grado di confrontare l’aliquota impostata dall’utente
con quella ministeriale di riferimento.
Per le categorie UTENTE i campi relativi a GRUPPO E SPECIE risultano disabilitati.

Per inserire una nuova categoria cespite occorre:


 indicare un codice categoria cespite con la relativa descrizione all'interno dei campi codice
Categoria Cespite e descrizione;
 indicare nella scheda generale i dati relativi a:
 Tipo Bene (Materiale/Immateriale)
 Opzioni (Opzioni relative alla tipologia di ammortamento)
 Aliquote proposte (Il valore verrà utilizzato come proposta nella creazione della tabella
aliquote)
 indicare nella schede Conti Ordinari e Conti non deducibili i conti e i sottoconti utilizzabili per
la gestione dei cespiti. E' possibile, cliccando sul tasto posto di fianco al codice del conto
ricercare direttamente dal Piano dei conti i conti che si desidera inserire nella tabella.
La scheda conti va compilata solo nel caso in cui si desideri avere un collegamento tra il modulo
dei cespiti e il modulo di contabilità.
Attenzione: I valori inseriti in ogni categoria vengono applicati a tutti i cespiti che fanno
riferimento ad essa. Si raccomanda di prestare particolare attenzione alla scheda conti, affinché non
si verifichino dei disallineamenti tra le registrazioni contabili eseguite in automatico e quanto
registrato manualmente nel modulo di contabilità.
PARAMETRI
La maschera è composta da più schede che permettono di impostare le specifiche per l’azienda
corrente e, di riflesso, i comportamenti generali del programma.

Scheda Azienda

Consente di definire la struttura base dell’azienda corrente in funzione delle sue caratteristiche
fiscali.
Le opzioni a disposizione sono abilitate / disabilitate in relazione alla tipologia ed al regime
contabile selezionati.

Tali selezioni consentono l’abilitazione e la relativa possibilità di utilizzo a Prima Nota delle voci di
Piano dei Conti e delle causali contabili che possiedono abilitazioni omogenee con quanto definito
nei Parametri relativamente ai filtri di visualizzazione ad essi collegati.

La sezione “Valuta” indica il tipo di valuta e, se effettuata, la data di conversione dell'azienda in


Euro.
La sezione risulta disabilitata poiché i valori esposti sono gestiti in fase di Conversione Azienda in
Euro o, in alternativa, in fase di creazione dell'azienda.
Scheda Dati fiscali

La scheda riepiloga i dati fiscali relativi all’azienda corrente e si presenta precompilata nel caso in
cui si inseriscano i dati qui richiamati in fase di creazione dell’azienda stessa.
Cliccando, in corrispondenza del campo Azienda, sul tasto di collegamento con l’Anagrafica
Unica, viene richiesto se si intende effettuare il Raccordo Manuale.
Se l’azienda non risulta raccordata con l’Anagrafica Unica la procedura apre una maschera nella
quale viene richiesto se si intende eseguire il raccordo manuale e se contestualmente si vuole
eseguire l’aggiornamento dati.
A questo punto, in base alle scelte effettuate, possono verificarsi le seguenti diverse situazioni:
1. Se viene confermata l’esecuzione del raccordo e l’aggiornamento dei dati la procedura crea il
raccordo per l’azienda in questione e provvede ad aggiornare i dati dell’Anagrafica Unica con i dati
della CONTABILITA’.
In fatti, rispondendo affermativamente alla richiesta, viene aperta la maschera dell’Anagrafica
Unica dalla quale è possibile richiamare i dati del soggetto presente all’interno della stessa.

Successivamente viene richiesto se si intende eseguire anche l’aggiornamento dei dati

Di seguito la procedura segnala il codice dell’Anagrafica Unica che è stato utilizzato per il raccordo
Infine, a seguito dell’esecuzione del raccordo manuale e dell’aggiornamento , nei parametri
dell’azienda (scheda dati fiscali), i dati dei campi delle sezioni DATI FISCALI, SEDE
LEGALE/RESIDENZA e DOMICILIO FISCALE saranno disabilitati e visibili in sola lettura.

2.Se viene confermata l’esecuzione del raccordo senza aggiornamento dei dati la procura crea il
raccordo per l’azienda in questione ma i dati presenti in Anagrafica Unica resteranno quelli attuali.
Al termine della procedura di collegamento si visualizza un’icona verde al di sotto della barra
dei menu.
3. Se non viene confermata l’esecuzione del raccordo e di conseguenza nemmeno
dell’aggiornamento dati, l’anagrafica dell’azienda in CONTABILITA’ continuerà ad operare in
modalità disconnessa rispetto all’ Anagrafica Unica e continuerà a richiamare i dati anagrafici
locali. In questo caso si visualizza un’icona rossa al di sotto della barra dei menu
Se l’anagrafica risulta già raccordata non viene richiesto nulla.
Scheda Rappresentante

La scheda riepiloga i dati anagrafici del rappresentante dell’azienda ed è compilata


automaticamente nel caso in cui gli stessi vengano inseriti in fase di creazione dell’azienda.
Il pulsante di collegamento con l’Anagrafica Unica apre l’ anagrafica di tale soggetto. Qualora non
sia presente, premendo il pulsante di anagrafica unica si apre l’ anagrafica dell’ azienda per
consentire la compilazione della sezione “Organo amministrazione e controllo”. Dopo aver salvato
l’ anagrafica sono visibili i dati del rappresentante nella scheda Parametri.
I dati del rappresentante vengono letti direttamente dalla scheda “Organo amministrazione
controllo” dell’ anagrafica azienda di Anagrafica Unica.
Scheda Contabilità

In questa scheda è possibile specificare i conti clienti e fornitori delle registrazioni in Prima Nota;
così come si possono definire i conti da proporre in presenza di abbuoni attivi o passivi.
Naturalmente tali conti devono essere precedentemente salvati nel piano dei conti (vedi pag. 83)
relativo all’azienda corrente. I conti eventualmente indicati per i campi Conto risconto attivo e
Conto risconto passivo, devono risultare di tipo Attività o Passività.
Per la causale del campo “Causale chiusura rettifiche” possono essere utilizzate solo causali di tipo
Rettifica e che abbiano impostato il sottotipo Chiusura Risconti.
Per la causale del campo “Causale apertura rettifiche” possono essere utilizzate solo causali di tipo
Rettifica.
Tali tipi di causali vengono utilizzate nella generazione automatica risconti (vedi pag. 262).
La Sezione “Codici proposti importazione paghe” è significativa solo nel caso in cui si desiderino
esportare i dati dal Sistema Paghe presente nella Suite per la creazione delle relative retribuzioni. Il
movimento verrà generato automaticamente a Prima Nota nella data definita dall’opzione di
registrazione selezionata e con la causale contabile indicata nell’apposito campo.
L’opzione “Abilita Gestione Centri di Costo”, abilitata solo per le aziende con valuta Euro,
consente di attivare la gestione dei centri di costo a Prima Nota per l’azienda corrente.
Il campo Giorno di chiusura settimanale permette di impostare il giorno di chiusura dell’attività,
utile per il caricamento mensile dei corrispettivi (vedi pag. 146), dove la riga relativa al giorno di
chiusura sarà evidenziata in giallo.
La selezione del campo “Stampa su Registro Multiaziendale” consente di stampare sul relativo
registro i libri ufficiali relativi all’azienda corrente

REGIME DEL MARGINE: in tale sezione sono presenti le opzioni, attive per le azienda di tipo
Impresa e con tipo contabilità Ordinaria o Semplificata, da scegliere qualora l’azienda gestisca il
regime del margine. Selezionando il flag “Abilita gestione beni” in fase di registrazione a prima
nota si attiva la maschera di caricamento della “Gestione beni”; inoltre va effettuata la scelta tra
regime “Analitico” (proposto) e “Globale”.
Scheda Chiusura Contabile

La scheda si presenta precompilata dalla procedura reperendo i dati attribuiti in fase di creazione
dell’azienda (creazione azienda pag. 48).
Nel caso in cui non vengano specificati criteri diversi, la procedura propone i dati dell’azienda da
cui si sta effettuando la copia. Tali dati sono comunque modificabili dall’utente.
I campi in cui vengono attribuiti i valori di inizio e fine esercizio nonché le causali contabili
richieste sono importanti al fine di una corretta chiusura / apertura contabile (vedi pag. 271).

Scheda Professionisti
La scheda riepiloga tutti i conti utilizzati a Prima Nota per la gestione delle contabilità semplificata
professionisti ed ordinaria professionisti.
La sezione semplificata/Nuova Ordinaria Professionisti è attiva solo per aziende di tipo Nuova
Ordinaria Professionisti e Semplificata Professionisti.
Per gestire meglio la contabilità di tipo Professionisti è stata predisposta questa scheda a
completamento dei Parametri relativi all’azienda corrente.
Il regime Semplificata professionisti interessa gli studi associati e i professionisti.
In questa scheda è possibile indicare i conti transitori per la gestione automatica del principio di
cassa, purché precedentemente impostati nel Piano dei Conti (vedi pag. 83).
La sezione “Ordinaria Professionisti” è abilitata solo nel caso in cui l’azienda gestisca il regime
contabile ordinario professionisti, indica i conti e le causali contabili che verranno utilizzati in sede
di Storno automatico incassi e pagamenti ai fini di una corretta gestione del principio di cassa.

Scheda Ritenute

In questa scheda vengono specificati i conti che verranno utilizzati dal programma in fase di
elaborazione delle scritture contabili in Prima Nota.
La scheda si divide in tre sezioni:
- Erario ritenute su lavoro autonomo
in cui specificare il conto relativo al debito verso l’Erario per il versamento delle ritenute;
- INPS
in cui indicare il costo economico a carico dell’azienda ed il conto di debito INPS.
- Enasarco
in cui indicare il costo economico ed il conto di debito verso l’Enasarco.
Su tutti i campi della scheda è attiva la funzione di aiuto che consente la ricerca dei conti sopra
citati all’interno del Piano dei conti.

Scheda Controlli

In questa scheda vengono impostati i controlli che il programma effettua in fase di registrazione a
Prima Nota (vedi pag. 127).
E’ possibile impostare una verifica sulla data di registrazione: impostando i campi Da data/ A data
viene definito l’intervallo di tempo consentito per effettuare registrazioni. Se il periodo è stato
specificato, in fase di inserimento o di modifica di un movimento in Prima Nota, viene verificato
che la data di registrazione inserita sia compresa nell’intervallo specificato.
Se si seleziona la casella Gestione scadenze automatica, in fase di inserimento di registrazioni
contabili, la procedura calcolerà automaticamente l’ammontare di eventuali rate. La selezione di
tale casella è proposta in automatico da programma.
Se si seleziona la casella “Descrizione righe contabili proposta”, verrà proposta automaticamente la
descrizione dell’operazione effettuata nelle righe contabili. Se tale casella non è selezionata, sarà
compito dell’utente inserire nella registrazione tale descrizione (in caso di movimenti registrati con
le maschere di Incasso cliente, Insoluto cliente o Pagamento fornitore, la descrizione viene proposta
sempre, in quanto l'utente non ha modo di intervenire sulle descrizioni). La procedura propone la
casella già selezionata.
Se si seleziona la casella “Abilita gestione automatica incassi / pagamenti” la procedura permette di
incassare / pagare le scadenze relative ad una fattura o nota credito Cliente/Fornitore subito dopo
che si è registrato il movimento in Prima Nota.
Se si seleziona la casella “Abilita creazione scadenze da Prima Nota semplice”, attiva solo per le
contabilità di tipo Impresa, è possibile creare le scadenze sui movimenti di Prima Nota semplice
direttamente dalla Prima Nota
Scheda Cespiti

In questa scheda vengono riepilogati i dati relativi alla gestione cespiti.


Parte dei dati vengono precompilati automaticamente dalla procedura in fase di creazione azienda. I
dati sono comunque modificabili dall’utente.

La modifica di alcuni valori può compromettere il corretto funzionamento della procedura.

Data inizio – Data fine: si riferisce all’esercizio corrente di gestione ed, inizialmente, è impostato
in automatico in base alla data di ultima chiusura contabile.

Opzioni:
1. Consolidamento infrannuale: consente, in fase di simulazione, di effettuare
l’ammortamento per periodi inferiori all’esercizio, di tutti i cespiti o solo dei cespiti
alienati/eliminati fino a quella data. Tale opzione permette di effettuare diversi
consolidamenti periodici sia provvisori che definitivi. Per i cespiti alienati/eliminati, tale
opzione permette di effettuare l’ammortamento prendendo come periodo di riferimento il
periodo intercorrente tra la data di inizio esercizio e la data di cessione di ogni singolo bene.
In questa ipotesi, il calcolo delle plusvalenze/minusvalenze/sopravvenienze passive in caso
di cessione o eliminazione, potrà avvenire solo a consolidamento effettuato (fintanto che
non viene eseguito il consolidamento di periodo non verranno calcolate plusvalenze,
minusvalenze, sopravvenienze passive). Pertanto, la selezione dell’opzione, disabilita la
possibilità di eseguire la registrazione contabile dell’alienazione / eliminazione presente nei
relativi wizard.

2. Prospetto ammortamenti anticipati: se selezionata, l’opzione permetterà di considerare gli


ammortamenti anticipati calcolati solo ai fini delle dichiarazioni dei redditi. Tali
ammortamenti non verranno salvati a prima nota nelle registrazioni di ammortamento e non
saranno considerati per il conteggio del valore residuo di ogni cespite.
I valori relativi agli ammortamenti anticipati verranno comunque salvati all’interno della
tabella valori consolidati per averne traccia e saranno visualizzati all’interno di un’apposita
sezione nella stampa del Libro cespiti.

3. Ammortamento anticipato civilistico: se selezionata, l’opzione permetterà di considerare


gli ammortamenti anticipati ai fini civilistici. Rientreranno, pertanto, nel conteggio del
valore residuo e verranno riportati in prima nota relativamente alle operazioni di
ammortamento.

Prima di generare qualsiasi movimento contabile dalla gestione cespiti si raccomanda di verificare
nella tabella Gruppo Categorie Cespiti, i singoli conti impostati.
Scheda Giroconto IVA

SEZIONE GESTIONE IVA

Causale Giroconto IVA: vengono proposte nella tabella esclusivamente le causali di tipo normale;
nel caso in cui si volesse indicare una causale diversa da quello rientrante in tale tipologia, la
procedura evidenzierebbe il seguente messaggio NON BLOCCANTE: ”La Causale giroconto IVA
può essere solo di tipo Normale”.
In fase di salvataggio della scheda parametri se la causale di giroconto IVA inserita non risulta
essere della tipologia corretta, cioè normale, lo stesso messaggio di cui sopra viene segnalato in
forma BLOCCANTE.

Conto IVA da Versare


Conto IVA Interessi
Conto IVA Prorata
Conto IVA Indetraibile
Conto IVA da % Compensazione (Agricoli)
Conto IVA in Sospensione
Conto IVA in Compensazione
Conto IVA a Rimborso
La visualizzazione dei conti è prevista in funzione della tipologia di conto che andrebbe indicata nel
campo, ad esempio per il conto IVA da versare la tipologia PASSIVITA’; qualora invece venga
indicato un conto di tipo diverso la procedura lo segnala tramite il seguente messaggio di AVVISO:
“Il conto rilevazione…. proposto deve essere di tipo ……”
PARAMETRI ATTIVITÀ

Contiene i dati relativi all’attività contabile. Se l’azienda non è in multiattività (vedi pag. 24) è
necessario definire una sola attività contabile che verrà considerata come prevalente. In caso di
multiattività è possibile inserire un numero maggiore di attività, delle quali una deve essere
considerata come attività prevalente.
Nel campo Codice ATECOFIN 2007 è possibile indicare il codice ISTAT relativo all’attività
selezionandolo tra quelli disponibili nella nuova tabella ATECOFIN 2007. In fase di creazione
azienda il dato viene prelevato automaticamente dall’Anagrafica Unica;
Nel campo Codice ATECOFIN 2004 viene proposto il codice attività prelevato dalla tabella
ATECOFIN 2004, il campo non è modificabile.
Nel campo Codice ATECOFIN 1993 viene proposto il codice attività prelevato dalla tabella
ATECOFIN 1993, il campo non è modificabile.
La maschera consente di indicare anche la percentuale di prorata e gestione del plafond considerati
per l’attività corrente, nonché un’eventuale gestione regimi speciali.
La selezione del campo “Attività non più in uso” non consente più la gestione della relativa attività
a Prima Nota e non permette la visualizzazione delle operazioni collegate a tale attività nelle stampe
in cui è richiesta l’attività da stampare (es. Stampa Situazione contabile).
Nella scheda gruppi ministeriali, è necessario attribuire, per ogni attività, il Gruppo e la Specie
Ministeriale di appartenenza. E’ possibile imputare più gruppi/specie ministeriali, dei quali uno
deve essere impostato come prevalente.

PARAMETRI STUDI DI SETTORE


Consente di memorizzare gli studi di settore gestiti dall’azienda corrente nel caso in cui operi in
multiattività o abbia più punti vendita.
Ogni codice studio è associato ad un’attività ISTAT definita in un campo apposito.

PARAMETRI GLOBALI

In tale tabella confluiscono tutti i parametri comuni a tutte le aziende appartenenti a qualsiasi
gruppo. E’ consultabile anche avendo tutte le aziende chiuse.
I valori precaricati nelle sezioni I.V.A.; INPS, ENASARCO e CESPITI possono essere modificati
dall’utente.

DATI DI STAMPA
Contiene i dati prevaricati automaticamente dall’avvio delle stampe ufficiali: i valori sono,
comunque, modificabili dall’utente.

La maschera si divide in quattro schede:


 Giornale Generale / Registro Cronologico
 Incassi / Pagamenti
 Libro cespiti
 Registro unico

Le sezioni presenti sono abilitate in funzione delle stampe disponibile per il regime contabile
definito nei Parametri.

Per ogni registro vengono indicati:


 i dati relativi alle ultime stampe ufficiali:
o progressivi dare e avere dell’esercizio in corso e precedente
o l’ultimo periodo stampato in ufficiale

 le pagine che compongono il bollato con la gestione dei seguenti campi:


o pagine disponibili = pagine precedentemente bollate, ancora utilizzabili per la stampa
ufficiale. Le pagine disponibili vengono aggiornate automaticamente, detraendo lo
stampato, solo se è presente un valore significativo diverso da zero. L’alimentazione
di tale campo, può avvenire anche accedendo alle singole stampe. Nel caso in cui le
pagine disponibili siano azzerate, è possibile eseguire stampe ufficiali gestendo il
campo “pagine stampate”
o pagine stampate = indica l’ultimo numero di pagina stampato in ufficiale. Tale
campo consente la numerazione automatica delle pagine avviando la stampa
ufficiale dei singoli registri. La gestione delle pagine stampate è significativa solo
quando il campo “pagine disponibili” è azzerato. Nel caso in cui, tale campo riporti
un valore significativo, la procedura non numera ulteriori pagine avviando la relativa
stampa: prima, infatti, vengono azzerate quelle disponibili eventualmente presenti.
L’alimentazione di tale campo, può avvenire anche accedendo alle singole stampe
o Anno di stampa = riporta a fianco del numero di pagina, l’anno di stampa. Tale
valore può essere indicato anche accedendo alle singole stampe.
o Data bollatura = indica l’ultima data in cui è avvenuta la bollatura delle pagine.
o N° righe stampate in ufficiale = presente sul Libro Giornale e sul Registro
Cronologico, tale numeratore consente di conteggiare le righe contabili occupate.
PARTICOLARITA’

Sezione “Studi di Settore”


La selezione dell’opzione “Riporto in stampa dell’annotazione ai fini degli studi di settore”
consente di visualizzare a fianco di ogni movimento stampato sul Libro Giornale e sul Registro
Cronologico lo studio di settore indicato sulle righe contabili di Prima Nota.

Registro Unico
La scheda contiene le caratteristiche strutturali ed i dati relativi alle stampe ufficiali effettuate sul
Registro Unico.
Essa consente di definire quali libri ufficiali compongono il Registro Unico e la selezione per
l’accodamento delle stampe relative alla liquidazione IVA ed al Prospetto plafond.

ATTENZIONE
La selezione dei Registri IVA è possibile accedendo alla tabella azienda Registri IVA e
selezionando la relativa opzione per ogni singolo registro
Menu "contabilità"
In questo menu sono racchiuse le funzioni principali del programma, ossia le funzioni che
permettono la gestione dei movimenti contabili.
Tramite questo menu, infatti, possono essere registrati movimenti di acquisto e di
vendita, di pagamento e di incasso ed eventualmente anche crediti insoluti da parte
dei clienti.

PRIMA NOTA

Consente di registrare i movimenti contabili dell’azienda.


La struttura varia in funzione al tipo di causale utilizzato, visualizzando automaticamente maschere
che consentono un inserimento guidato dei dati. In fase di accesso alla maschera, la Prima Nota
presenta la seguente struttura:
Solo dopo avere inserito e confermato la causale contabile attraverso il pulsante , viene
visualizzata la struttura definitiva della maschera in considerazione della tipologia di causale stessa.
Per tale ragione il codice della causale non è modificabile in corso di inserimento del movimento.
Per modificare una causale inserita è necessario annullare o eliminare l’intero movimento nel caso
in cui sia già stato salvato.

Prima Nota IVA


Consente di gestire operazioni di prima nota IVA quali:
 fatture emesse;
 fatture ricevute;
 note di credito;
 note di debito.
La maschera di Prima Nota strutturata per la contabilità IVA, si presenta come segue:
Descrizione campi
Causale
Indicare la causale da utilizzare per la registrazione. Al fine di accedere alla struttura della prima
nota, per la visualizzazione degli altri campi, è necessario confermare la causale con il tasto TAB
oppure premendo il pulsante . Siccome la causale assegna la struttura della Prima Nota, non è
possibile modificarla a suo inserimento avvenuto. Per indicare una causale diversa è necessario
annullare la registrazione in corso od eliminarla nel caso in cui sia già stata salvata.

Registro IVA
Indicare un Registro IVA congruo con il tipo di Registrazione che viene effettuata. La lista
evidenzia soltanto i Libri IVA in linea con la causale indicata.

Protocollo IVA
Viene assegnato automaticamente in funzione dell’ultimo n° utilizzato e memorizzato all’interno
della tabella azienda Registri IVA, può essere modificato manualmente

Movimento
Indica il numero progressivo di inserimento del movimento. Assegnato in modo automatico dal
programma, non è modificabile. Attraverso la sua struttura è possibile dedurre l’anno ed il mese di
registrazione del movimento:
Il primo numero corrisponde all’ultima cifra dell’anno di registrazione; la seconda e la terza cifra
del codice corrispondono al mese di registrazione; le rimanenti cifre rappresentano il progressivo di
registrazione.

Provvisorio
Utilizzato per registrare quelle operazioni contabili di prova” al fine di ottenere un determinato
risultato d’esercizio che, al momento non si è sicuri di volere confermare. Nel caso l’operazione
debba essere considerata definitivamente tali movimenti possono essere confermati attraverso la
funzione Conferma movimenti provvisori, oppure eliminati attraverso la funzione Cancella
movimenti provvisori.
ATTENZIONE
In fase di stampa ufficiale, la procedura propone un messaggio di avviso, nel caso si riscontri la
presenza di movimenti provvisori. Il messaggio risulta bloccante se si è selezionata l’opzione
"Stampa ufficiale". Nelle stampe di controllo, dove previsto, è possibile scegliere se stampare solo i
movimenti provvisori, quelli definitivi o entrambi.
Cliente/Fornitore: Apre una maschera che permette di visualizzare i nominativi dei clienti e
fornitori presenti in archivio. Cliccando sull’icona a destra del campo descrizione sia apre la
funzione di acquisizione automatica dei dati dal registro imprese, che consente appunto di acquisire
automaticamente i dati anagrafici dei soggetti iscritti al Registro Imprese attingendo tali dati
direttamente dalla Banca dati delle Camere di Commercio. Per poter beneficiare di questa
funzionalità è sufficiente disporre di una connessione Internet sul PC in uso.

I dati resi disponibili sono i seguenti:


- Ragione sociale
- Codice Fiscale
- Partita Iva
- Indirizzo della Sede legale
- Natura giuridica
- Data di iscrizione alla Camera di commercio
- Luogo della Camera di commercio
- Numero REA
- Codice attività
- Data di cessazione dell’impresa

Tipo pagamento
Indicare il mezzo utilizzato per il pagamento

Modalità
Indicare la modalità di pagamento. Se non è stata impostata alcuna modalità, e nei Parametri è
impostato il calcolo automatico delle scadenze, la procedura uguaglierà i dati relativi alla scadenza
del pagamento/incasso alla data del documento.
ATTENZIONE
Accedendo a campi sui quali sono consultabili delle informazioni supplementari, viene attivata una
barra di informazioni all’interno della quale è possibile consultare tali dati.

Filiali
Indicare la filiale dell’azienda alla quale si riferisce il movimento in registrazione; le filiali aziendali
devono essere preventivamente caricate nella Tabella azienda/Filiali; è attivo il pulsante di ricerca
della filiale; in automatico viene proposta la filiale prevalente, per la quale è stato indicato nella
tabella filiali il flag”Filiale/luogo prevalente”; per le fatture di vendita viene proposto in automatico
il codice filiale associato nella scheda clienti dell’archivio nominativi al cliente movimentato.

Prima Nota Semplice


Consente di gestire tutte quelle operazioni che non hanno l’obbligo di protocollazione.
La maschera di Prima Nota strutturata per la contabilità NON IVA, si presenta come segue:

Creazione scadenze da Prima Nota semplice

La funzione, attiva solo per le aziende di tipo Impresa, consente di generare le scadenze
direttamente dalla prima nota per i movimenti registrati con causali di tipo:

Normale

Apertura

L’utente ha la possibilità di creare le scadenze da prima nota solo se ha preventivamente selezionato


l’opzione “Abilita creazione scadenze da prima nota semplice” che si trova nella tabella
Parametri/Scheda Controlli. Per utilizzare questa funzione, in corrispondenza di righe contabili che
contengono un nominativo cliente/fornitore, è necessario impostare nella maschera Altri campi di
Prima Nota il codice della partita.

Gestione Ritenute direttamente da Prima Nota

La gestione relativa alle ritenute d’acconto prevista consente di:

1) Registrare la fattura fornitore comprensiva dei dati relativi alla ritenuta;

2) Effettuare il pagamento del fornitore e contestualmente scadenzare la ritenuta d’acconto;

3) Effettuare il pagamento della ritenuta e annotare gli estremi di versamento.

La gestione delle ritenute automatica attraverso la Prima Nota si attiva registrando una qualsiasi
fattura che abbia come fornitore un soggetto in cui è stata correttamente compilata la sezione
Gestione ritenute. In tale sezione, infatti, riveste importanza il campo "Assoggettamento a ritenuta":
se tale campo viene impostato a "NO" la gestione automatica delle ritenute viene inibita. Per
ottenerla sarà quindi necessario impostare un valore diverso.
La selezione della tipologia di reddito (modificabile da registrazione a registrazione) determina il
collegamento con la procedura mod. 770.

Tipologia A - Redditi di lavoro autonomo non soggetti al contributo INPS gest. Separata
Le registrazioni effettuate con tale tipologia affluiranno al quadro "Certificazioni Lavoro
Autonomo"; per tale tipologia non sono abilitate le schede INPS ed Enasarco.

Tipologia B - Redditi di lavoro autonomo e provvigioni soggetti al contributo INPS Gest. Separata
Le registrazioni effettuate con tale tipologia affluiranno al quadro "Certificazioni Lavoro
Autonomo"; per tale tipologia è possibile abilitare la scheda INPS. La gestione Enasarco è
disabilitata.

Tipologia C - Provvigioni non soggette al contributo INPS


Le registrazioni effettuate con tale tipologia affluiranno al quadro "Certificazioni Lavoro
Autonomo"; per tale tipologia è abilitata la gestione Enasarco. La gestione INPS è disabilitata.

Per la registrazione automatica in Prima nota degli estremi di versamento delle ritenute, ci si
appoggia a causali abilitate al Versamento ritenute, tramite apposita casella. Attraverso tali causali,
viene richiamata la maschera di Versamento ritenute in cui è possibile registrare l’avvenuto
pagamento, totale o parziale, della ritenuta. Inoltre, la gestione delle ritenute si appoggia sulla
tabella Codici tributo , che contiene, oltre ai codici e alle descrizioni di tributi, anche le percentuali
di ritenuta e di abbattimento.
Attenzione
La gestione delle ritenute di altra natura non viene gestita dal programma. Si tratta principalmente
di: ritenute su lavoro dipendente (provenienti dalla gestione paghe) e altri movimenti, per esempio,
interessi, dividendi, ecc. che hanno normalmente natura occasionale.

La gestione automatica delle ritenute consente di non dover alimentare manualmente la tabella
Gestione ritenute .

Gestione Cespiti direttamente da Prima Nota


Il programma permette sia un collegamento dinamico della gestione cespiti con le scritture contabili
che la possibilità di un’alimentazione manuale della gestione cespiti.
Attualmente, la gestione cespiti è gestita attraverso la tabella Categoria cespiti (Tabella Sistema) e
la tabella Cespiti (Tabella azienda).
La tabella Categoria cespiti consente di organizzare tutti i beni materiali ed immateriali
suddividendoli in categorie che rispecchino la suddivisione nel Piano dei Conti. Per ottimizzare la
gestione automatica si consiglia di compilare tale tabella.
La tabella Cespiti racchiude, oltre agli elementi identificativi del singolo cespite, anche gli estremi
del movimento generato in Prima Nota. La tabella può essere mantenuta anche manualmente.

Si precisa che per poter procedere al caricamento dei cespiti direttamente dalla Prima Nota è
necessario utilizzare una causale abilitata alla gestione cespiti tramite apposita casella (Casella
Gestione cespiti).
Tramite l’utilizzo in Prima nota di causali abilitate, successivamente al salvataggio della fattura
fornitore, viene visualizzata una maschera di Gestione Cespiti in cui specificare gli estremi del
singolo cespite.
In tale maschera il sistema assegna automaticamente ad ogni registrazione analitica dei cespiti i
seguenti riferimenti:

codice e descrizione fornitore

estremi fattura (numero e data)

numero protocollo.

Nel caso l’utente annulli la compilazione di tali estremi, la procedura non è in grado di portare a
termine la gestione automatica per il cespite in oggetto. Sarà quindi necessaria una successiva
integrazione manuale alla tabella Cespiti, completa di estremi della fattura.

PRIMA NOTA-MASCHERA ALTRI CAMPI

In questa maschera sono contenuti tutti i campi relativi ad una riga che non sono visibili nella riga
contabile stessa, ossia:
Indetraibilità: questo campo è abilitato solo in caso di fatture di acquisto ed identifica la
percentuale di indetraibilità IVA

Studi settore: riportato automaticamente in funzione di quanto definito a Prima Nota, indica il
codice e l’unità produttiva associati allo Studio di settore collegato all’operazione corrente.

Campi Partita: i campi relativi alla partita (codice e anno) vengono compilati automaticamente
se il tasto ESC viene premuto mentre il cursore è posizionato su uno dei due campi stessi. I valori
proposti in automatico sono quelli della partita del soggetto.

Codice aliquote forfetarie: per le contabilità forfetarie, viene proposto il codice relativo
l'aliquota di abbattimento forfetario previsto nei parametri dell'azienda. Puo' essere modificato per
singola registrazione; in questo caso si otterranno due calcoli distinti in liquidazione IVA e un
riepilogativo unico. Anche le informazioni da un punto di vista contabile saranno separate e
conteggiate in base alle singole percentuali.

Conto competenza: per le contabilità semplificate professionisti, viene indicato il conto di


competenza utilizzato. Se è stata utilizzata una causale con impostato il flag "Documenti
competenza professionisti" il campo risulta disabilitato.

Causale riga: identifica il valore indicato nella riga e utilizzato ai fini delle stampe dei Registri
incassi/pagamenti e somme non pagate/incassate.
Anno comp. clienti/fornitori: tale campo è presente solo nelle registrazioni effettuate con le
causali di tipo:
 IVA normale,
 parcella professionisti vendita (prof.),
 fattura fornitore (prof.) IVA,
che hanno tipo IVA Nota credito clienti e Note credito fornitori; sono pertanto escluse dalla
visualizzazione di tale campo le note di credito in conto fattura.
Il campo consente di indicare l’anno di emissione della fattura a cui la nota di credito si riferisce,
qualora sia precedente all’anno di emissione della nota di credito. La compilazione di tale campo
consentirà in futuro l’esportazione dei dati relativi alle note di variazione riferite ad anni
precedenti nell’applicativo ”r;Invio clienti e fornitori”.

Sezione Periodo di competenza temporale risconti


Indicare le date di competenza per la generazione dei risconti. Ai fini di un corretto calcolo delle
quote di risconto che avverrà eseguendo l’automatismo Generazione automatica rettifiche, è
necessario compilare entrambi i campi relativi alle date di competenza, indicando la durata
complessiva della prestazione.

Conto di risconto: campo utile al fine della generazione automatica rettifiche.


Tale conto rappresenta il conto di risconto effettivo che la procedura utilizza in fase di
generazione dei movimenti di apertura/chiusura.
Se tale conto non viene specificato, la procedura fa riferimento al campo compilato nei Parametri .

SEZIONE PERIODO DI COMPETENZA TEMPORALE RATEI


Indicare le date di competenza per la generazione dei ratei. Ai fini di un corretto calcolo delle
quote di rateo che avverrà eseguendo l’automatismo Generazione automatica rettifiche, è
necessario compilare entrambi i campi relativi alle date di competenza, indicando la durata
complessiva della prestazione.

Conto di rateo: campo utile al fine della Generazione automatica rettifiche.

Tale conto rappresenta il conto di rateo effettivo che la procedura utilizza in fase di generazione
dei movimenti di apertura/chiusura .
Se tale conto non viene specificato, la procedura fa riferimento al campo compilato nei Parametri .

SEZIONE CAMPI BLACK LIST/OVER 3000

Tipo operazione: indicare la tipologia di operazione Beni o Servizi. (la voce beni\servizi serve per
suddividere le operazioni tra gli specifici righi del modello black list (acquisti di beni/servizi,
cessioni di beni o prestazioni di servizi) e per la corretta identificazione delle operazioni rientranti
nell’over 3.000. La proposta del campo (beni o servizi) è in funzione del codice IVA utilizzato
indipendentemente dal fatto che il cliente/fornitore risieda in un paese Black List, a condizione che
nell’archivio nominativi non risulti selezionato il flag “Soggetto escluso da Over 3.000” (la
presenza di tale flag viene verificata solo per i soggetti NON residenti in paesi Black List).

ATTENZIONE: in fase di salvataggio dei movimenti IVA aventi le seguenti caratteristiche:


- con soggetti NON Black List
- con soggetti con flag “Soggetto escluso da Over 3.000” NON selezionato nella scheda nominativi
- che hanno un totale registrazione maggiore o uguale a 3.000,00 €
- in presenza di righe contabili su cui non è specificato il tipo operazione
si visualizza il seguente messaggio di avviso: “Operazione soggetta all’obbligo di
comunicazione Over 3.000: qualora l’ obbligo sussista indicare il tipo operazione Beni/Servizi
per tutte le righe contabili in “Altri campi Prima Nota” > Proseguire comunque?

Fornitore: il campo viene attivato solo se selezionato il flag “Soggetto alternativo per Black List”
ed è stato indicato il Tipo operazione selezionata una in un movimento di tipo nel campo è possibile
indicare solo fornitori residenti in paesi Black List Se sul campo viene indicato un nominativo che
non esiste o che non è abilitato come Fornitore viene visualizzato il seguente messaggio d’ avviso in
uscita dal campo: “Il fornitore specificato non esiste”. In fase di salvataggio lo stesso messaggio
risulta bloccante.
La compilazione del campo soggetto black list risulta obbligatoria se selezionato “Bolla doganale
in Black list”, pertanto, in tale casistica viene segnalato: “Specificare il codice del fornitore Black
List”.

Soggetto alternativo: attivo, solo se indicato il Tipo operazione, nelle registrazioni movimenti di
tipo Fattura Acquisto in cui risulta movimentato un fornitore non residente in un paese Black List.

Periodo di riferimento fattura


Tali campi sono obbligatori se indicato il Tipo operazione e movimentato un nominativo residente
in un paese Black List e sono attivi in modalità “Modifica” per movimenti registrati con causale di
tipo “nota di credito normale” e “nota di credito in c.to fattura” (sia imprese che professionisti). In
modalità “ Nuovo” i campi in oggetto risultano attivi solo in presenza di causali di tipo “nota di
credito normale”

Per le note di credito in conto fattura, per ogni riga contabile che contiene un codice IVA, in fase di
salvataggio Prima nota/wizard professionisti i campi mese ed anno vengono precompilati,
assumendo come base la fattura cui si riferisce la nota di credito e viene considerata la data di
competenza liquidazione IVA.

Nel Wizard Nota credito in conto fattura professionisti, a differenza delle altre tipologie di
registrazione, questa causale non prevede la possibilità di imputare i dati nelle varie righe contabili
ma consente solo di selezionare la fattura a cui si riferisce la nota di credito. Pertanto, l’
informazione relativa al tipo operazione viene valorizzata in automatico in funzione dell’
informazione presente sulla riga a cui la riga di storno si riferisce ; questo perché vengono generate
tante righe di storno quante solo le righe originali della fattura.

Nota Bene

Nel wizard di inserimento delle fatture nella contabilità professionisti “la maschera altri campi di
prima nota” visualizza i campi interessati alla gestione Black List.

Mese/Anno : tali campi sono attivi in modalità Modifica e sono di inserimento manuale nel caso di
note di credito non in conto fattura; per le note di credito in conto fattura sono invece precompilati.
In modalità Nuovo i campi risultano attivi solo in presenza di causali di tipo Nota credito
“Normale”

CASISTICHE PARTICOLARI
E’ da notare che qualora l’utente compili:
il campo Indetraibilità, nell’ultima colonna della riga contabile viene riportata la lettera "I";
i campi relativi alla Partita, nell’ultima colonna della riga contabile viene riportata la lettera "P";
i campi della sezione Periodo di competenza temporale, nell’ultima colonna della riga contabile
viene riportata la lettera "C";

Nel caso vengano compilati contemporaneamente alcuni dei suddetti campi (ad esempio, se si
compilano i campi Indetraibilità e Partita/Anno partita), nell’ultima colonna della riga contabile
viene riportato il simbolo "*".
Se è valorizzato il Tipo operazione nell'ultima colonna della riga contabile viene riportata la lettera
“O”; se invece è valorizzata la sezione Periodo di riferimento nell'ultima colonna della riga
contabile viene riportata la lettera "R".

Modalità pagamento Over 3.000

Il pulsante è attivo in modalità NUOVO e MODIFICA con le tipologie di causali -Prima Nota IVA
(fatture cliente e fornitore) e IVA CEE /Reverse charge e viene abilitato se risultano soddisfatte le
seguenti condizioni:
- il nominativo non è escluso da Over 3.000
- è movimentato almeno un codice IVA di tipo Over 3.000
- il limite previsto per la comunicazione dell’operazione nell’ Over 3.000 risulta superato
Sono presenti le seguenti modalità che corrispondono alle opzioni presenti sul tracciato ministeriale:
- VUOTO
- IMPORTO NON FRAZIONATO
- IMPORTO FRAZIONATO
- CORRISPETTIVI PERIODICI

Wizard - menu’ richiamabili dalla Prima Nota


E’ possibile richiamare direttamente dalla Prima Nota, apposite maschere guidate i cosiddetti
“Wizard” che rendono più semplice l’inserimento dei dati e generano in automatico le relative
scritture contabili, attraverso il tipo di causale inserito :

TIPO CAUSALE UTILIZZATA WIZARD RICHIAMATO

Incasso Incasso Cliente

Insoluto Insoluto Cliente

Pagamento Pagamento Fornitore

Parcella Professionisti Vendita (sempl. Prof.) Parcella Professionisti Vendita (sempl. prof.)

Incasso Parcella Professionisti Vendita (sempl. Incasso Parcella Professionisti Vendita (sempl.
prof.) prof.)

Fattura Fornitore (sempl. prof.) Fattura Fornitore (sempl. prof.)

Pagamento Fattura Fornitore (sempl. Prof.) Pagamento Fattura Fornitore (sempl. prof.)

Versamento Ritenuta (I) Versamento Ritenuta


Versamento Contributo INPS (I) Versamento Contributo INPS

(I) Consentono di specificare, direttamente dalla Prima Nota, gli estremi del versamento effettuato,
alimentando la tabella Gestione Ritenute.

GESTIONE REGISTRAZIONI REGIME DEL MARGINE

PRIMA NOTA ACQUISTI


In fase di registrazione di una fattura di acquisto, qualora venga prescelto un registro di tipo
Acquisti con flag Regime del margine, vanno utilizzati i codici IVA di tipo Globale; infatti, in caso
di utilizzo di codici IVA di tipologia diversa, si visualizza il seguente messaggio di avviso in uscita
dal campo e in fase di salvataggio: “Per registri IVA di tipo Regime del margine si consiglia di
utilizzare codici IVA di tipo Globale”.

Solo in modalità NUOVO, al termine del salvataggio di movimenti a prima nota IVA registrati con
causale di tipo Acquisto (imprese) su cui risulta utilizzato un codice IVA di tipo Acquisto margine
globale, la procedura apre due maschere diverse a seconda della presenza o meno del flag “Abilita
gestione Beni” dei Parametri:

 Flag “Abilita gestione beni” selezionato


La sezione Estremi documento con i campi Data registrazione, Data documento, Numero
documento Totale documento, Numero Movimento, Protocollo IVA e Soggetto viene
automaticamente compilata, prelevando il corrispondente dato dalla Prima Nota.

Totale documento: deve corrispondere al Totale registrazione sulla Prima Nota.

I campi “Natura” e “Qualità” sono obbligatori.

In fase di salvataggio del bene la procedura verifica se l’ importo inserito nella maschera di
caricamento è maggiore di quello del movimento contabile e, in caso affermativo, vien esposto il
seguente messaggio di : “Il valore del bene che si sta caricando supera il totale della registrazione
di Prima Nota: Valore bene XXX, Totale registrazione YYY. Si desidera salvare ugualmente? Si –
No”
Rispondendo affermativamente, la procedura salva il bene caricato, altrimenti si posiziona
nuovamente sulla maschera di caricamento con il cursore sul campo “Totale documento”.
Qualora invece il bene salvato risulti avere un totale documento inferiore rispetto al totale delle
registrazione in prima nota, si visualizza la seguente richiesta:
“Il valore del bene appena caricato non corrisponde al totale registrazione di Prima Nota: Valore
bene XXX, Totale registrazione YYY. Si desidera caricare un altro bene? Si- NO”
In caso di risposta affermativa si apre un’ altra maschera di caricamento beni precompilata con gli
stessi dati di quella precedente e con i medesimi controlli.

 Flag “Abilita gestione beni” non selezionato


Qualora invece non sia presente il flag “Abilita gestione beni” la procedura propone la seguente
maschera:

Le colonne Conto/Descrizione/Codice IVA e Importo sono di sola visualizzazione ed espongono le


informazioni relative alla riga contabile selezionata; i restanti campi sono di inserimento manuale,
ad accezione del N. Riga che viene proposto e il valore si può solo selezionare cliccando sulla
freccia a lato del campo.
Cliccando sulla freccia a margine del campo N. Riga appare la lista tutte le righe contabili a cui
poter agganciare le informazioni relative ai beni, ossia tutte le righe di contropartita con il n. riga, il
conto, la descrizione, l’ importo e il codice IVA.

Se vengono inserite due righe riferite alla stessa riga contabile, in fase di salvataggio apparire
appare il seguente messaggio bloccante: “Per ogni riga contabile deve corrispondere una sola riga
in tabella Regime del Margine”.
Se nel movimento contabile sono state inserite due righe contabili, una avente codice IVA di tipo
margine globale e l’ altra no, la griglia Regime del Margine viene comunque precompilata con
entrambe le righe; occorre pertanto escludere eventuali righe contabili su cui non devono essere
inserite le informazioni relative al regime del margine, eliminandole.
Eliminando un movimento contabile vengono eliminati anche i dati inseriti nella griglia “Regime
del margine”

PRIMA NOTA VENDITE


In fase di registrazione di una fattura di vendita , qualora venga prescelto un registro di tipo
Vendite o Corrispettivi con flag Regime del margine, vanno utilizzati i codici IVA di tipo Globale;
infatti, in caso di utilizzo di codici IVA di tipologia diversa, si visualizza il seguente messaggio di
avviso in uscita dal campo e in fase di salvataggio: “Per registri IVA di tipo Regime del margine si
consiglia di utilizzare codici IVA di tipo Globale”.

Solo in modalità NUOVO, al termine del salvataggio di movimenti a prima nota IVA registrati con
causale di tipo Vendita (imprese) su cui risulta utilizzato un codice IVA di tipo Vendita margine
globale, la procedura apre due maschere diverse a seconda della presenza del flag “Abilita gestione
Beni” dei Parametri:
 Flag “Abilita gestione beni” selezionato

Al termine della registrazione, si apre una griglia che visualizza l’ elenco dei beni attivi:

Codice bene, Data Documento, Natura, Qualità e Quantità disponibile: sono dati non
modificabili

Selezione: tale check consente di specificare quali beni sono oggetto della fattura di vendita
contabilizzata

Aliquota IVA: sulle righe dove risulta presente il check “Selezione”, viene ripresa
automaticamente dalla prima nota se ne è stata indicata una sola di tipo vendita margine globale. In
presenza di aliquote diverse per medesimo movimento la procedura non propone aliquote.

I dati dei campi Quantità venduta , Aliquota e Prezzo Vendita vanno inseriti dopo aver attivato il
check “Selezione”

Il salvataggio di questa operazione genera sul modulo Gestione beni un’operazione di tipo “scarico”
in corrispondenza del bene selezionato.
Dopo avere salvato la registrazione di prima nota, se non esiste nemmeno un bene attivo, la
maschera di Vendita ben non compare e si visualizza il seguente messaggio di avviso: “Attenzione.
Non risultano beni attivi da vendere”.

 Flag “Abilita gestione beni” non selezionato


In caso di assenza del flag “Abilita gestione beni”, il programma apre invece la seguente maschera:

Le colonne Conto/Descrizione/Codice IVA e Importo sono di sola visualizzazione ed espongono le


informazioni relative alla riga contabile selezionata; i restanti campi sono di inserimento manuale,
ad accezione del N. Riga che viene proposto e il valore si può solo selezionare cliccando sulla
freccia a lato del campo.
Cliccando sulla freccia a margine del campo N. Riga appare la lista tutte le righe contabili a cui
poter agganciare le informazioni relative ai beni, ossia tutte le righe di contropartita con il n. riga, il
conto, la descrizione, l’ importo e il codice IVA.

Se vengono inserite due righe riferite alla stessa riga contabile, in fase di salvataggio apparire il
seguente messaggio bloccante: “Per ogni riga contabile deve corrispondere una sola riga in
tabella Regime del Margine”.

Se nel movimento contabile sono state inserite due righe contabili, una avente codice IVA di tipo
margine globale e l’altra no, la griglia Regime del Margine viene comunque precompilata con
entrambe le righe; occorre pertanto escludere eventuali righe contabili su cui non devono essere
inserite le informazioni relative al regime del margine, eliminandole.
Eliminando un movimento contabile vengono eliminati anche i dati inseriti nella griglia “Regime
del margine”.

PULSANTE REGIME DEL MARGINE

La griglia che appare in fase di salvataggio della registrazione in assenza del flag “Abilita Gestione
beni” dai Parametri e qualora il registro IVA indicato risulti essere di tipo “Regime del margine”,
può essere richiamata anche direttamente in fase di registrazione a Prima Nota, tramite un apposito
pulsante attivo in modalità Modifica e Visualizza, posizionato a lato del pulsante “Fatture da
corrispettivi”
In ogni caso, se nella registrazione contabile non sono presenti righe con codice IVA di tipo
Margine Globale, anche se attivo il nuovo pulsante è possibile accedere alla relativa maschera e
viene esposto il seguente messaggio:
“Per inserire dati relativi al Regime del Margine occorre utilizzare codici IVA di tipo Margine
Globale”
In modalità Visualizza non è possibile modificare/aggiungere/eliminare dati.

REGIME DEL MARGINE ANALITICO


Registrando una fattura di acquisto con una normale casuale contabile di tipo IVA normale – fattura
acquisto (esempio A01 – S01…) abilitata al regime del margine analitico, in fase di salvataggio
della registrazione su cui risulta utilizzato un codice IVA di tipo margine analitico e se nei
parametri attività è stato selezionato il flag “ Abilita Gestione Beni” si attiva la seguente maschera
di caricamento:

Codice bene: in fase di caricamento il codice viene proposto in automatico. Nel caso di indicazione
manuale del codice è possibile inserire manualmente solo le prime 7 cifre. Le ultime quattro sono
sempre proposte in automatico. La numerazione è attribuibile per anno.
I campi “Natura” e “Qualità” sono obbligatori
Crea riferimento per singolo bene: nel caso in cui la quantità è indicata in “pezzi” tale flag appare
automaticamente impostato dalla procedura.
La sezione Estremi documento con i campi Data registrazione, Data documento, Numero
documento Totale documento, Numero Movimento, Protocollo e Soggetto viene automaticamente
compilata, prelevando il corrispondente dato dalla Prima Nota.
Totale documento: corrisponde al Totale registrazione sulla Prima Nota.
In fase di salvataggio del bene la procedura verifica se l’ importo inserito nella maschera di
caricamento è maggiore di quello del movimento contabile e, in caso affermativo, viene esposto il
seguente messaggio di : “Il valore del bene che si sta caricando supera il totale della registrazione di
Prima Nota:

Valore bene XXX, Totale registrazione YYY. Si desidera salvare ugualmente? ”


Rispondendo affermativamente, la procedura salva il bene caricato, altrimenti si posiziona
nuovamente sulla maschera di caricamento con il cursore sul campo “Totale documento”.
Qualora invece il bene salvato risulti avere un totale documento inferiore rispetto al totale delle
registrazione in prima nota, si visualizza la seguente richiesta:
“Il valore del bene appena caricato non corrisponde al totale registrazione di Prima Nota: Valore
bene XXX, Totale registrazione YYY. Si desidera caricare un altro bene?

In caso di risposta affermativa si apre un’ altra maschera di caricamento beni precompilata con gli
stessi dati di quella precedente e con i medesimi controlli.
Una volta caricato il bene dalla prima nota, lo stesso viene inserito all’interno della gestione beni
del modulo BENI USATI

Caricamento corrispettivi mensili


Consente il caricamento mensile dei corrispettivi giornalieri attraverso l’utilizzo di un’unica
maschera che contabilizza automaticamente a Prima Nota i relativi movimenti.
DESCRIZIONE CAMPI PRINCIPALI:
Periodo: indicare il mese e l’anno in cui si intendono effettuare le registrazioni. Il campo giallo
riporta per esteso il mese di riferimento;
Descrizione del movimento: se non sono compilati i campi ”Fatture n. da/a”, alla descrizione
proposta viene aggiunta la data; nel caso in cui siano stati compilati i campi ”;Fatture n. da/a”
viene riportata la descrizione ”;Emesse fatt. da a”.
Filiali: indicare la filiale dell’azienda alla quale si riferisce il movimento in registrazione; le
filiali aziendali devono essere preventivamente caricate nella Tabella azienda/Filiali; è attivo il
pulsante di ricerca della filiale; in automatico viene proposta la filiale prevalente, per la quale è
stato indicato nella tabella filiali il flag ”;Filiale/luogo prevalente”;
Studi: proposto automaticamente definendo lo studio di settore prevalente indica il codice e
l’unità produttiva dello Studio di settore da assegnare all’operazione corrente. Il codice proposto,
viene assegnato a tutte le righe contabili della registrazione e può essere modificato solo da
Prima Nota, dopo avere confermato l’operazione.
Totale per quadratura: specificando tale dato è possibile effettuare un controllo di quadratura
dei dati. Se l’effettivo importo totale del movimento generato non corrisponde a quanto
specificato, la procedura avverte l’utente con un messaggio, lasciando la possibilità di salvare la
registrazione.
Sezione Corrispettivi: sono proposte cinque colonne all’interno delle quali caricare i
corrispettivi. Per ogni colonna sono disposti un campo per la contropartita ed un campo per il
codice IVA da applicare, nonché i campi relativi ai centri di costo ed alle commesse.
Quest’ultimi due campi sono abilitati solo se è attivata la Gestione dei centri di costo dai
Parametri.
Tutte le colonne sono precaricate con i valori di conto ricavo e codice IVA impostati nella
causale.
Tale sezione contiene il calendario del mese scelto, indicando ogni giorno della settimana come
segue:
 I campi gialli con data in grassetto rosso indicano le festività;
 I campi gialli con data in grassetto nero indicano il giorno di chiusura settimanale
impostato nella scheda Contabilità dei Parametri ;
 I campi azzurri indicano campi per i quali è già stata effettuata la registrazione dei
corrispettivi.
 I campi bianchi indicano campi per i quali non è ancora stato immesso alcun valore.
Per ogni riga è previsto un totale parziale che indica l’ammontare totale corrispettivi per la
singola giornata.

Fatture da…Fatture a…: indicare il numero iniziale e il numero finale delle fatture emesse nel
giorno, il cui importo è compreso nel corrispettivo indicato per la giornata; nel caso siano
compilati tali campi, viene assegnata al movimento la seguente descrizione: ”;Emesse fatt.
da…a… ”;.

NOTA
Nel caso in cui non siano compilati entrambi i campi, la procedura visualizza il seguente
messaggio: ”Specificare il n. fattura iniziale/finale”. Tale messaggio è bloccante in fase di
salvataggio.

Fatture da corrispettivi

Cliccando sul pulsante viene visualizzata la maschera relativa alle fatture da corrispettivi,
nella quale è possibile indicare la data fattura, il cliente, il n. del documento, la modalità di
pagamento, il totale corrispettivi, il codice IVA e l’IVA relativa alla fattura per la quale è stato
emesso anche lo scontrino fiscale.
Cliccando sull’icona posta a fianco del campo “cliente” è possibile attivare la maschera di
inserimento veloce dei nominativi

NOTA BENE
La registrazione dei dati relativi alle fatture da corrispettivi consente la memorizzazione degli
stessi al solo fine dell’invio telematico dell’elenco delle operazioni con importo superiore ad
euro 3.000, come previsto dal D.L. n.78/2010. Pertanto tali dati non vengono considerati in tutte
le altre elaborazioni ai fini IVA e non (Es. liquidazione IVA, situazione contabile, chiusura
contabile ..).

ATTENZIONE: nel caso siano presenti più corrispettivi collegati alla medesima fattura,
occorre inserire, al fine dell’invio della comunicazione delle operazioni superiori ad euro 3.000,
la fattura una volta sola per l’importo complessivo.

Data Fattura: in tale campo, non modificabile, viene proposta la data corrispondente alla riga
cui si riferiscono i dati oppure la data di registrazione presente a prima nota;

N.documento: l’indicazione di tale dato non è obbligatoria;

Modalità di pagamento: sono presenti le seguenti modalità che corrispondono alle opzioni
presenti sul tracciato record ministeriale:
- VUOTO
- IMPORTO NON FRAZIONATO
- IMPORTO FRAZIONATO
- CORRISPETTIVI PERIODICI

Tot.corrispettivi: se l’importo dei corrispettivi non è indicato viene richiesto di specificare


l’imponibile e l’imposta; se invece è presente un valore sul campo “Tot. Corrispettivi” e “IVA” i
campi “Imponibile” e “Imposta” vengono calcolati automaticamente.

Nel caso in cui il totale corrispettivi caricato nella maschera Fatture da Corrispettivi sia
superiore rispetto al totale di prima nota, in fase di salvataggio la procedura rilascia il seguente
messaggio di avviso: "Attenzione! Il totale delle fatture da corrispettivi risulta superiore al
corrispettivo di giornata. Si desidera procedere comunque ? SI - NO".

IVA: indicare il codice IVA; se tutte le righe della maschera di caricamento hanno lo stesso
codice IVA, viene proposto quello.

Imponibile e Importo IVA: se è presente un valore sul campo “Tot. Corrispettivi” e “IVA” i
campi “Imponibile” e “Imposta” vengono calcolati automaticamente. - Non è possibile salvare i
dati qualora la somma di “Imponibile” ed “Imposta” non coincida con il “Tot. Corrispettivo” se
presente.

La sezione "Riepilogo totali" indica, per ogni tipo di ricavo, l’ammontare mensile dei
corrispettivi e il dettaglio imponibile e imposta;
Il pulsante Salva permette di salvare l’operazione a Prima Nota.

"Cliccando" Annulla l’operazione di caricamento non viene portata a termine.

ATTENZIONE
La procedura di Caricamento mensile corrispettivi non è richiamabile direttamente da Prima
Nota, bensì dal menu Contabilità. Essa consente di generare automaticamente a Prima Nota
l’operazione relativa all’incasso corrispettivi creando, per ogni giorno caricato, un movimento
contabile.

Tali movimenti possono essere richiamati, modificati o cancellati accedendo alla maschera di
Prima Nota.
E’ possibile utilizzare solo causali di tipo IVA normale, con sottotipo a corrispettivi con/senza
ventilazione.

Al sottotipo corrispettivi con ventilazione possono essere associati codici IVA di tipo imponibile
con ventilazione corrispettivi e del tipo non imponibile, esente, escluso.

Al sottotipo senza ventilazione possono essere associati codici IVA di tipo non imponibile,
esente, escluso ed agenzie di viaggio solo nel caso in cui si tratti di agenzie di viaggio.

In caso di registrazione dei corrispettivi direttamente da Prima Nota, tali movimenti


incrementano la maschera di Caricamento mensile corrispettivi per i relativi giorni inseriti.

ESEMPIO
-In data 15/05 inserisco direttamente dalla Prima Nota un corrispettivo con causale V27.
Richiamando la maschera di Caricamento mensile corrispettivi, la riga relativa al 15/05 è
evidenziata in azzurro.

-Dalla maschera di Caricamento Mensile Corrispettivi, inserisco i corrispettivi relativi la periodo


dal 19/05 al 23/05.
A Prima Nota verranno generati quattro movimenti contabili, ossia un movimento per ogni
giorno.

SCHEDA CONTABILE
La scheda permette di gestire la situazione dei conti (mastrini) appartenenti all’azienda.
Consente di calcolare:
- il saldo contabile,
- il saldo contabile divise;
- il valore dei singoli saldi e della somma degli importi positivi (colonna Dare) e negativi
(colonna Avere).
- le contropartite al conto selezionato.

E’ necessario specificare il conto interessato ed il periodo da considerare per il calcolo del saldo
contabile.
La procedura visualizza, in ordine cronologico, gli estremi delle movimentazioni avvenute sul conto
scelto.

- Il bottone Visualizza attiva la visualizzazione delle movimentazioni relative al conto


selezionato;

- Il bottone Stampa consente di stampare i dati su normale carta bianca;

- lI bottone Esporta consente di esportare i dati risultanti dall'operazione per eventuali


elaborazioni esterne con altri applicativi;

- Il bottone Excel consente di esportare in un foglio elettronico di Excel il contenuto della


scheda contabile. Premendo su tale pulsante verrà aperto in automatico il software Microsoft
Excel.
- Il bottone Prima Nota consente di visualizzare il movimento selezionato nella scheda in Prima
Nota. La stessa maschera può essere aperta anche tramite il tasto F5
La scheda presenta, inoltre una sezione che riepiloga i “dettagli del movimento” selezionato nelle
righe ed una sezione di riepilogo “ Saldi e Divise”.

INCASSO CLIENTE
Attraverso questo Wizard (inserimento guidato) è possibile effettuare l’incasso totale/parziale di
una fattura cliente. Il Wizard permette la gestione degli incassi relativi allo stesso cliente o la
gestione contemporanea delle scadenze relative a differenti clienti.

Nella prima videata vengono impostati i dati relativi al/i cliente/i e al documento che si desidera
incassare.
“Cliccando” sul bottone Avanti si accede alla seconda maschera che mostra tutte le scadenze di
tutte le partite del/i Cliente/i selezionate per colonne:

- Scadenza (data della scadenza);


- Conto (codice conto del Cliente);
- Cliente (codice Cliente);
- Partita (codice della Partita);
- Anno (anno della Partita);
- Descrizione (Partita);
- In Scadenza (Importo in scadenza);
- Incassato (Importo incassato);
- Abbuono
- A Saldo (selezionare il campo in caso di incasso totale)

Le uniche colonne modificabili dall’utente sono: “Importo Incassato”, “A Saldo”.


La colonna “Abbuono” viene aggiornata in automatico dal programma:
- Se l’importo incassato è zero e si seleziona “a saldo”, automaticamente l’importo in
scadenza viene riportato nella colonna dell’importo incassato, e l’abbuono è zero.
- Se l’importo incassato è diverso da zero e si seleziona “a saldo”, l’importo incassato non
viene modificato, ma automaticamente viene calcolato e visualizzato l’abbuono.

Nella parte finale della maschera vengono visualizzati:

- Totale Partite Incassate: somma degli importi della colonna “In Scadenza” per le scadenze
saldate e della colonna “Incassato” per le scadenze non saldate;
- Totale Importi Incassati: somma degli importi della colonna “Incassato”;
- Totale Abbuoni: Somma degli Importi della colonna “Abbuono”.

“Cliccando” sul bottone Avanti si accede all’ultima maschera del Wizard in cui viene mostrato in
dettaglio il movimento che verrà creato. Nel movimento confluiscono gli Incassi di tutte le scadenze
di tutte le partite selezionate.

I valori modificabili dall’utente variano in base al tipo di riga:

- Riga del conto incasso: sono modificabili il codice conto e l’importo dare;
- Righe varie (abbuoni, …): sono modificabili il codice conto e l’importo dare/avere;
- Righe libere: è modificabile tutto.
- La descrizione riga è modificabile per tutti i tipi di righe.
Al fine di una verifica sulla correttezza della registrazione contabile, all’interno dell’ultima
maschera sono stati previsti i seguenti campi:

- Totale Dare (visualizza il totale degli importi dare);


- Totale Avere (visualizza il totale degli importi avere);
- Sbilancio (differenza tra totali dare e totali avere).
Una volta compilata questa maschera è possibile:

- Annullare l’intera operazione di registrazione con il bottone Annulla;


- Modificare i dati imputati, ritornando sulla maschera precedente con il bottone Indietro;
- Confermare i dati imputati con il bottone Fine.

ATTENZIONE
Il Wizard non è attivo per la Contabilità Semplificata Professionisti e Nuova Ordinaria
Professionisti in quanto previsto apposito Wizard.

INSOLUTO CLIENTE
Attraverso questo Wizard (inserimento guidato), richiamabile anche dalla Prima Nota inserendo una
Causale di Tipo Insoluto è possibile registrare l’insoluto di una fattura cliente registrata utilizzando
come tipo di pagamento le ricevute bancarie.

Il Filtro di ricerca consente di effettuare una selezione mirata dei movimenti che si desiderano
collegare all’operazione.
Qualora per il cliente selezionato non esistano fatture in scadenza verrà visualizzato un apposito
messaggio di avviso.

Selezionando il bottone Avanti si accede alla seconda maschera dove occorre compilare la colonna
Insoluto indicando l’importo che risulta insoluto. In caso di insoluto totale selezionare il campo a
Saldo.

Una volta compilata questa maschera è possibile:

- annullare l’intera operazione di registrazione con il bottone Annulla.


- modificare i dati imputati, ritornando sulla maschera precedente mediante il bottone Indietro
- proseguire visualizzando le scritture contabili mediante il bottone Avanti

ATTENZIONE
All’interno dell’ultima maschera sono stati previsti, al fine di una verifica sulla correttezza della
registrazione contabile i seguenti campi:

- TOTALE DARE (visualizza il totale degli importi Dare)


- TOTALE AVERE (visualizza il totale degli importi Avere)
- SBILANCIO (differenza tra totali Dare e Avere)

PAGAMENTO FORNITORE
Attraverso questo Wizard (inserimento guidato) è possibile effettuare il pagamento totale/parziale
di una fattura fornitore. Il Wizard permette la gestione dei pagamenti relativi allo stesso fornitore o
la gestione contemporanea delle scadenze relative a differenti fornitori.

Il Wizard viene “lanciato” da apposita voce del menu Contabilità o può essere richiamato dalla
Prima Nota inserendo una Causale di Tipo pagamento.

Nella prima videata vengono impostati i dati relativi al cliente e all’importo del documento che si
desidera dichiarare insoluto.
“Cliccando” sul bottone Avanti si accede alla seconda maschera che mostra tutte le scadenze di
tutte le partite del/i Fornitore/i selezionate per colonne:

- Scadenza (data della scadenza);


- Conto (codice conto del Fornitore);
- Fornitore (codice Fornitore);
- Partita (codice della Partita);
- Anno (anno della Partita);
- Descrizione (Partita);
- In scadenza/Dovuto (Importo in scadenza che sarà “Dovuto” se si gestiscono Ritenute);
- Ritenuta (Quota Ritenuta in scadenza);
- INPS (quota INPS in scadenza);
- Pagato (Importo pagato);
- Abbuono;
- A Saldo (selezionare il campo in caso di pagamento totale)
Le colonne Ritenuta/INPS sono presenti, selezionando la casella “Dettagli”, solo se la gestione
Ritenute /INPS è gestita, ovvero se sussistono contemporaneamente le seguenti condizioni:

- tra i Fornitori elencati vi è almeno uno assoggettato a Ritenuta;


- almeno uno degli importi relativi alla Gestione Ritenute/INPS è diverso da zero.

Le uniche colonne modificabili dall’utente sono: “Importo Pagato”, “a Saldo”.

La colonna “Abbuono” viene aggiornata in automatico dal programma:

- Se l’importo pagato è zero e si seleziona “a saldo”, automaticamente l’importo in scadenza


viene riportato nella colonna dell’
importo pagato, e l’abbuono è zero.

- Se l’importo pagato è diverso da zero e si seleziona “a saldo”, l’importo pagato non viene
modificato, ma automaticamente viene calcolato e visualizzato l’abbuono.

Nella parte finale della maschera vengono visualizzati:

- Totale Partite Pagate: somma degli importi della colonna “In Scadenza/Dovuto” per le
scadenze saldate e della colonna “Pagato” per le scadenze non saldate;
- Totale Importi Pagati: somma degli importi della colonna “Pagato”;
- Totale Abbuoni: Somma degli Importi della colonna “Abbuono”.

“Cliccando” sul bottone Avanti si accede all’ultima maschera del Wizard in cui viene mostrato in
dettaglio il movimento che verrà creato. Nel movimento confluiscono i Pagamenti di tutte le
scadenze di tutte le partite selezionate.

I valori modificabili dall’utente variano in base al tipo di riga:

- Riga del conto pagamento: sono modificabili il codice conto e l’importo dare;
- Righe varie (abbuoni, …): sono modificabili il codice conto e l’importo dare/avere;
- Righe libere: è modificabile tutto.
- La descrizione riga è modificabile per tutti i tipi di righe.
Al fine di una verifica sulla correttezza della registrazione contabile, all’interno dell’ultima
maschera sono stati previsti i seguenti campi:
- Totale Dare (visualizza il totale degli importi dare);
- Totale Avere (visualizza il totale degli importi avere);
- Sbilancio (differenza tra totali dare e totali avere).

Nel caso di gestione Ritenute/INPS viene mostrata la sezione “Riferimento per Gestione Ritenute”:

- Mese e Anno di riferimento (proposti in automatico in base alla data documento imputata
dall’utente nella prima maschera).

Una volta compilata questa maschera è possibile:

- annullare l’intera operazione di registrazione con il bottone Annulla;


- modificare i dati imputati, ritornando sulla maschera precedente con il bottone Indietro;
- confermare i dati imputati con il bottone Fine.
ATTENZIONE
Il wizard non è attivo per la Contabilità Semplificata Professionisti e Nuova Ordinaria Professionisti
in quanto previsto apposito wizard.

VERSAMENTO RITENUTA
Attraverso questo Wizard (inserimento guidato) è possibile effettuare il versamento delle ritenute
d’acconto senza dover compilare manualmente la scheda Pagamenti all’interno della tabella
Gestione ritenute.
Nella prima videata vengono impostati i dati relativi al fornitore e al documento per il quale si
desidera conteggiare la ritenuta. I filtri di ricerca consentono di effettuare una selezione mirata dei
movimenti che si desidera collegare all’operazione.
Una volta indicato l’importo della ritenuta, selezionare il bottone Avanti per passare alla maschera
successiva in cui indicare gli estremi del versamento (sui campi Causale versamento e Codice ABI
è attiva la funzione di aiuto).
Dopo avere visualizzato la scheda in cui viene riportata la scrittura contabile è possibile:

- confermare la registrazione con il bottone Fine,


- modificare i dati inseriti in precedenza, ritornando sulle maschere da variare mediante il
bottone Indietro,
- annullare l’intera operazione di registrazione con il bottone Annulla.

VERSAMENTO CONTRIBUTO INPS


Attraverso questo Wizard (inserimento guidato) è possibile effettuare il versamento del contributo
INPS senza dover compilare manualmente la scheda Pagamenti all’interno della tabella Gestione
ritenute.
Nella prima videata vengono impostati i dati relativi al fornitore e al contributo INPS che si
desidera versare.
Dopo avere indicato l’importo del contributo, selezionare il bottone Avanti per passare alla
maschera successiva in cui indicare gli estremi del versamento (sui campi Causale versamento e
Codice ABI è attiva la funzione di aiuto).
na volta visualizzata la scheda in cui viene riportata la scrittura contabile è possibile:

- confermare la registrazione con il bottone Fine,


- modificare i dati inseriti in precedenza, ritornando sulle maschere da variare mediante il
bottone Indietro,
- annullare l’intera operazione di registrazione con il bottone Annulla.

PARCELLA PROFESSIONISTI VENDITA (PROF.)


Attraverso questo Wizard (inserimento guidato), è possibile registrare le parcelle di vendita con la
possibilità, al termine della registrazione, di effettuare l’incasso contestuale della fattura stessa.

Nel caso la parcella sia incassata in un momento successivo alla emissione, al momento dell'incasso
sarà necessario utilizzare la voce Incasso Parcella Professionisti Vendita del menu Contabilità.
La funzione è disponibile solo per la contabilità Nuova Ordinaria Professionisti e Semplificata
Professionisti.

Tale maschera è richiamabile anche dalla Prima Nota inserendo una Causale di Tipo Parcella
Professionisti Vendita.

Nell’ultima pagina del procedimento guidato, è presente il campo “Parcella incassata”.


Selezionandolo tale casella, la parcella viene considerata immediatamente incassata totalmente. In
questo caso, contestualmente alla registrazione della parcella di vendita, viene generato anche un
movimento di incasso totale della fattura senza effettuare l’incasso della stessa tramite la voce
Incasso Parcella Professionisti Vendita.

Modalità Pagamento Over 3.000


Ai fini dell’esportazione dell’importo nella comunicazione dei dati Over 3.000 occorre definire la
modalità di pagamento come richiesto dal tracciato record ministeriale. Il campo risulta compilabile
solo in presenza di importi uguali o superiori al limite da comunicare.
Sono presenti le seguenti modalità che corrispondono alle opzioni presenti sul tracciato ministeriale:
- VUOTO
- IMPORTO NON FRAZIONATO
- IMPORTO FRAZIONATO
- CORRISPETTIVI PERIODICI
NOTA CREDITO CLIENTE (PROF.)

Attraverso questo Wizard (inserimento guidato), è possibile registrare le note di credito con la
possibilità, al termine della registrazione, di effettuare l’incasso contestuale della fattura stessa.

Nel caso la parcella sia incassata in un momento successivo alla emissione, al momento dell'incasso
sarà necessario utilizzare la voce Incasso Parcella Professionisti Vendita del menu' Contabilità.
La funzione è disponibile solo per la contabilità Nuova Ordinaria Professionisti e Semplificata
Professionisti.

Tale maschera è richiamabile anche dalla Prima Nota inserendo una Causale di Tipo Parcella
Professionisti Vendita, indicando nella scheda IVA l’opzione “Nota credito cliente”.

La funzione richiama la medesima struttura associata al wizard di Parcella Professionisti Vendita

Nell’ultima pagina del procedimento guidato, è presente il campo “Parcella incassata”.


Selezionandolo tale casella, la parcella viene considerata immediatamente incassata totalmente. In
questo caso, contestualmente alla registrazione della nota di credito, viene generato anche un
movimento di incasso totale della fattura senza effettuare l’incasso della stessa tramite la voce
Incasso Parcella Professionisti Vendita.
NOTA DEBITO CLIENTE (PROF.)

Attraverso questo wizard (inserimento guidato), è possibile registrare le note di debito cliente con la
possibilità, al termine della registrazione, di effettuare l’incasso contestuale della fattura stessa.
Nel caso la parcella sia incassata in un momento successivo alla emissione, al momento dell'incasso
sarà necessario utilizzare la voce Incasso Parcella Professionisti Vendita del menu Contabilità.
La funzione è disponibile solo per la contabilità Nuova Ordinaria Professionisti e Semplificata
Professionisti.
Tale maschera è richiamabile anche dalla Prima Nota inserendo una Causale di Tipo Parcella
Professionisti Vendita, indicando nella scheda IVA l’opzione "Nota debito cliente".
La funzione richiama la medesima struttura associata al wizard di Parcella Professionisti Vendita .
NOTA CREDITO CLIENTE IN CONTO FATTURA (PROF.)

Attraverso questo Wizard (inserimento guidato), è possibile registrare le note di credito in conto
fattura a rettifica di una fattura precedentemente emessa e consente, in fase di incasso, di saldare la
fattura solo per il netto (totale fattura – nota di credito).

La funzione è disponibile solo per la contabilità di tipo nuova Ordinaria Professionisti e


Semplificata Professionisti.

La funzione richiama la medesima struttura associata al wizard di Parcella Professionisti Vendita.

Se nella prima maschera è stato indicato il numero di documento che si desidera rettificare, verrà
visualizzato solo l’elenco delle scadenze aperte relative a quel documento, contrariamente verranno
visualizzate tutte le scadenze aperte per il cliente selezionato

ATTENZIONE

Il programma visualizza solo le scadenze riferite a partite aperte, qualora per il cliente selezionato
non esistano fatture in scadenza verrà visualizzato un apposito messaggio di avviso.

Non è possibile registrare un movimento di prima nota IVA se non sono stati impostati i conti
transitori nei Parametri dell'azienda.
NOTA DEBITO CLIENTE IN CONTO FATTURA (PROF.)

Attraverso questo Wizard (inserimento guidato), è possibile registrare le note di debito in conto fattura a
rettifica di una fattura precedentemente emessa e consente, in fase di incasso, attraverso l’utilizzo delle
apposite causali, di collegare alla medesima partita ed alla medesima scadenza della fattura l’importo della
nota di debito.
Per determinare il nuovo totale della scadenza, il totale della nota di debito viene sommato al totale della
fattura: (imponibile fattura + imponibile nota di debito) + (imposta fattura + imposta nota di debito). Il
totale della scadenza quindi varia per effetto di quest’ultima e, in fase di incasso, viene visualizzata una riga
sola per la sommatoria dei due movimenti che potrà essere chiusa.
La funzione è disponibile solo per la contabilità di tipo nuova Ordinaria Professionisti e
Semplificata Professionisti.
Per poter effettuare tale registrazione occorre:
indicare nel campo Codice causale una causale di Tipo Nota di debito cliente in conto fattura
ricercandola attraverso il bottone posto di fianco al campo codice;
indicare all’interno del campo Registro IVA il registro su cui deve essere annotata l’operazione ed il
relativo numero di protocollo;
indicare la data di registrazione del movimento (la procedura propone in automatico la data di
sistema);
indicare all’interno dei campi Data documento e numero documento gli estremi della nota di debito
che si sta registrando;
indicare la descrizione del movimento e, nel campo successivo indicare il codice del Cliente a cui fa
riferimento la nota di debito;
indicare il codice e l’unità produttiva associati allo Studio di settore collegato all’operazione
corrente. Il codice proposto, viene assegnato a tutte le righe contabili della registrazione e può
essere modificato solo da Prima Nota, dopo avere confermato l’operazione.

Indicare il codice cliente e se il nominativo è Titolare P.IVA


indicare gli estremi di pagamento all’interno dei campi posti di fianco alla dicitura pagamento (nel
primo campo va indicato il tipo di incasso ed accanto la modalità di incasso);
Compilati i campi necessari per la prima maschera, selezionando il pulsante Avanti si accede alla
seconda maschera, in cui compilare i conti che la procedura riporta in automatico prelevandoli dalla
tabella causali – scheda professionisti.
Il movimento viene creato accedendo alla maschera di Prima Nota, dove sono caricati i dati relativi
al documento e gli importi in valore assoluto.
Dopo avere inserito le righe contabili e avere eseguito il salvataggio del movimento, compare una
maschera denominata “Nota debito in conto fattura” dove vengono visualizzate le righe relative alle
scadenze ancora aperte riferite al cliente inserito a Prima Nota.
Qui è possibile selezionare solo una scadenza da rettificare con nota di debito. La selezione di una
scadenza implica la deselezione automatica di quella eventualmente selezionata in precedenza.
Premendo il pulsante Avanti si accede al terzo step dove viene conteggiata la ritenuta d’acconto
sulla nota debito, utilizzando lo stesso criterio gestito per la nota di credito in c/fattura
(professionisti). Premendo il bottone fine viene generato il movimento contabile.

INCASSO PARCELLA PROFESSIONISTI (PROF.)


Attraverso questo Wizard (inserimento guidato) è possibile registrare il movimento di incasso
totale/parziale di una parcella emessa in precedenza.
La funzione è disponibile solo per la contabilità Nuova Ordinaria Professionisti e Semplificata
Professionisti.
Nella prima videata vengono indicati i dati relativi al cliente e al documento che si desidera
incassare.
I filtri di ricerca consentono di effettuare una selezione mirata dei movimenti che sono interessati
all’operazione.
selezionando il bottone Avanti si accede alla seconda maschera dove occorre compilare la colonna
Incassato, indicando l’importo che si intende incassare. In caso di incasso totale della parcella
selezionare il campo “a Saldo”.

Se nella prima maschera è stato indicato il numero di documento che si desidera incassare, verrà
visualizzato solo l’elenco delle scadenze aperte relative a quel documento, contrariamente verranno
visualizzate tutte le scadenze aperte per il cliente selezionato.

Una volta compilata questa maschera è possibile:

- annullare l’intera operazione di registrazione con il bottone Annulla.


- modificare i dati imputati, ritornando sulla maschera precedente mediante il bottone Indietro
- confermare i dati inseriti mediante il bottone Fine

INSOLUTO CLIENTE (PROF.)


Attraverso questo wizard (inserimento guidato), richiamabile anche dalla Prima Nota inserendo una
Causale di Tipo Insoluto (Prof.) è possibile registrare l’insoluto di una fattura cliente la cui tipologia
di pagamento sia stata impostata a:
 B - Ricevute bancarie
 G - Pagherò
 A - Assegno
 R - Tratte accettate
 T – Tratte

La funzione è disponibile solo per la contabilità di tipo nuova ordinaria professionisti e semplificata
professionisti.
Nella prima maschera e’ necessario indicare il codice del cliente e il numero della fattura per la
quale si vuole registrare l’ insoluto.

ATTENZIONE
Qualora per il cliente selezionato non esistano fatture in scadenza verrà visualizzato il seguente
messaggio: “NESSUN INCASSO DELLE SCADENZE RELATIVE AL CLIENTE XXXXX”.

FATTURA FORNITORE (PROF.)

Attraverso questo Wizard (inserimento guidato), è possibile registrare le fatture fornitore con la
possibilità, al termine della registrazione, di effettuare il pagamento contestuale della fattura stessa.
Nel caso la fattura venga pagata in momento successivo al ricevimento, al momento del pagamento
sarà necessario utilizzare la voce Pagamento fattura fornitore (prof.) del menù contabilità.

La funzione è disponibile solo per la contabilità Nuova Ordinaria Professionisti e Semplificata


Professionisti.
Nella prima videata vengono impostati i dati relativi al fornitore che ha emesso la fattura da
registrare.
selezionando il bottone Avanti si accede alla seconda maschera, in cui compilare il conto di
contropartita (la procedura propone in automatico il conto impostato tra le proposte all’interno della
tabella nominativi), il codice IVA, l’imponibile, l’
imposta e l’eventuale percentuale di indetraibilità dell’IVA.

Una volta compilata questa maschera è possibile:

- confermare i dati inseriti con il bottone Avanti, e procedere con la registrazione;


- modificare i dati imputati, ritornando sulla maschera precedente mediante il bottone
Indietro,
- annullare l’intera operazione di registrazione con il bottone Annulla.

Se si procede con l'operazione verrà visualizzata un’ultima maschera dove vengono indicati:

Importo lordo della fattura: gestito in automatico dalla procedura; in esso viene riportato il totale
della registrazione calcolato nella maschera precedente.

Casella Fattura pagata: selezionando tale casella, la parcella viene considerata come subito pagata
totalmente. In questo caso, contestualmente al movimento di fattura, viene generato anche un
movimento di pagamento totale della fattura senza effettuare il pagamento stesso tramite la voce
Pagamento Fattura Fornitore.

Una volta compilata anche questa maschera è possibile confermare l’intera operazione “cliccando”
sul bottone Fine

MODALITÀ PAGAMENTO OVER 3.000

AI FINI DELL’ESPORTAZIONE DELL’IMPORTO NELLA COMUNICAZIONE DEI


DATI OVER 3.000 OCCORRE DEFINIRE LA MODALITÀ DI PAGAMENTO COME
RICHIESTO DAL TRACCIATO RECORD MINISTERIALE. IL CAMPO RISULTA
COMPILABILE SOLO IN PRESENZA DI IMPORTI UGUALI O SUPERIORI AL LIMITE
DA COMUNICARE. SONO PRESENTI LE SEGUENTI MODALITÀ CHE
CORRISPONDONO ALLE OPZIONI PRESENTI SUL TRACCIATO MINISTERIALE:
- VUOTO

- IMPORTO NON FRAZIONATO

- IMPORTO FRAZIONATO

- CORRISPETTIVI PERIODICI

NOTA CREDITO FORNITORE (PROF.)

Attraverso questo Wizard (inserimento guidato), è possibile registrare le note di credito con la
possibilità, al termine della registrazione, di effettuare il pagamento contestuale della fattura stessa.

Nel caso la parcella sia pagata in un momento successivo alla emissione, al momento del
pagamento sarà necessario utilizzare la voce Pagamento Fattura Fornitore del menu' Contabilità.
La funzione è disponibile solo per la contabilità Nuova Ordinaria Professionisti e Semplificata
Professionisti.

Tale maschera è richiamabile anche dalla Prima Nota inserendo una Causale di Tipo Fattura
Fornitore (prof.), indicando nella scheda IVA l’opzione “Nota credito fornitore”.

La funzione richiama la medesima struttura associata al wizard di Fattura Fornitore (prof.).

Nell’ultima pagina del procedimento guidato, è presente il campo “Parcella pagata”. Selezionandolo
tale casella, la parcella viene considerata immediatamente pagata. In questo caso, contestualmente
alla registrazione della nota di credito, viene generato anche un movimento di pagamento totale
della fattura senza effettuare il pagamento della stessa tramite la voce Pagamento fattura fornitore .

NOTA DEBITO FORNITORE (PROF.)

Attraverso questo wizard (inserimento guidato), è possibile registrare le note di debito con la
possibilità, al termine della registrazione, di effettuare il pagamento contestuale della fattura stessa.
Nel caso la parcella sia pagata in un momento successivo alla emissione, al momento del
pagamento sarà necessario utilizzare la voce Pagamento Fattura Fornitore del menu Contabilità.
La funzione è disponibile solo per la contabilità di tipo Nuova Ordinaria Professionisti e
Semplificata Professionisti.
Tale maschera è richiamabile anche dalla Prima Nota inserendo una Causale di Tipo Fattura
Fornitore (Prof.), indicando nella scheda IVA l’opzione "Nota debito fornitore".
NOTA CREDITO FORNITORE IN CONTO FATTURA (PROF.)

Attraverso questo Wizard (inserimento guidato), è possibile registrare le note di credito in conto
fattura a rettifica di una fattura precedentemente ricevuta e consente, in fase di incasso, di saldare la
fattura solo per il netto (totale fattura – nota di credito).

La funzione è disponibile solo per la contabilità di tipo nuova Ordinaria Professionisti e


Semplificata Professionisti.

Se nella prima maschera è stato indicato il numero di documento che si desidera rettificare, verrà
visualizzato solo l’elenco delle scadenze aperte relative a quel documento, contrariamente verranno
visualizzate tutte le scadenze aperte per il cliente selezionato

ATTENZIONE
Il programma visualizza solo le scadenze riferite a partite aperte, qualora per il fornitore selezionato
non esistano fatture in scadenza verrà visualizzato un apposito messaggio di avviso.

Non è possibile registrare un movimento di prima nota IVA se non sono stati impostati i conti
transitori nei Parametri dell'azienda.
NOTA DEBITO FORNITORE IN CONTO FATTURA (PROF.)

Attraverso questo Wizard (inserimento guidato), è possibile registrare le note di debito in conto
fattura a rettifica di una fattura precedentemente ricevuta e consente, in fase di pagamento,
attraverso l’utilizzo delle apposite causali, di collegare alla medesima partita ed alla medesima
scadenza della fattura l’importo della nota di debito.
Per determinare il nuovo totale della scadenza, il totale della nota di debito viene sommato al totale
della fattura: (imponibile fattura + imponibile nota di debito) + (imposta fattura + imposta nota di
debito). Il totale della scadenza quindi varia per effetto di quest’ultima e, in fase di incasso, viene
visualizzata una riga sola per la sommatoria dei due movimenti che potrà essere chiusa.
La funzione è disponibile solo per la contabilità di tipo nuova Ordinaria Professionisti e
Semplificata Professionisti.
Per poter effettuare tale registrazione occorre:
indicare nel campo Codice causale una causale di Tipo Nota di debito fornitore in conto fattura
ricercandola attraverso il bottone posto di fianco al campo codice;
indicare all’interno del campo Registro IVA il registro su cui deve essere annotata l’operazione ed il
relativo numero di protocollo;
indicare la data di registrazione del movimento (la procedura propone in automatico la data di
sistema);
indicare all’interno dei campi Data documento e numero documento gli estremi della nota di debito
che si sta registrando;
indicare la descrizione del movimento e, nel campo successivo indicare il codice del Fornitore a cui
fa riferimento la nota di debito;
indicare il codice e l’unità produttiva associati allo Studio di settore collegato all’operazione
corrente. Il codice proposto, viene assegnato a tutte le righe contabili della registrazione e può
essere modificato solo da Prima Nota, dopo avere confermato l’operazione.
Indicare il codice cliente e se il nominativo è Titolare P.IVA
indicare gli estremi di pagamento all’interno dei campi posti di fianco alla dicitura pagamento (nel
primo campo va indicato il tipo di incasso ed accanto la modalità di incasso);
Compilati i campi necessari per la prima maschera, selezionando il pulsante Avanti si accede alla
seconda maschera, in cui compilare i conti che la procedura riporta in automatico prelevandoli dalla
tabella causali – scheda professionisti.
Il movimento viene creato accedendo alla maschera di Prima Nota, dove sono caricati i dati relativi
al documento e gli importi in valore assoluto.
Dopo avere inserito le righe contabili e avere eseguito il salvataggio del movimento, compare una
maschera denominata “Nota debito in conto fattura” dove vengono visualizzate le righe relative alle
scadenze ancora aperte riferite al fornitore inserito a Prima Nota.
Qui è possibile selezionare solo una scadenza da rettificare con nota di debito. La selezione di una
scadenza implica la deselezione automatica di quella eventualmente selezionata in precedenza.
Premendo il pulsante Avanti si accede al terzo step dove viene conteggiata la ritenuta d’acconto
sulla nota debito, utilizzando lo stesso criterio gestito per la nota di credito in c/fattura
(professionisti). Premendo il bottone fine viene generato il movimento contabile.

PAGAMENTO FATTURA FORNITORE (PROF.)


Attraverso questo Wizard (inserimento guidato) è possibile registrare il movimento di pagamento
totale/parziale di una fattura fornitore ricevuta in precedenza.
La funzione è disponibile solo per la contabilità Nuova Ordinaria Professionisti e Semplificata
Professionisti.
Tale maschera è richiamabile anche dalla Prima Nota inserendo una Causale di Tipo Pagamento
Fattura Fornitore (prof.).

Nella prima videata vengono impostati i dati relativi al fornitore e al documento che si desidera
pagare.
I filtri di visualizzazione consentono un reperimento più rapido delle scadenze richieste.
selezionando il bottone Avanti si accede alla seconda maschera dove occorre compilare la colonna
Pagato, indicando l’importo che si intende pagare. In caso di pagamento totale della fattura fornitore
selezionare il campo “a Saldo”.

Se nella prima maschera è stato indicato il numero di documento che si desidera pagare, verrà
visualizzato solo l’elenco delle scadenze aperte relative a quel documento, contrariamente verranno
visualizzate tutte le scadenze aperte per il fornitore selezionato.

Una volta compilata questa maschera è possibile:

- annullare l’intera operazione di registrazione con il bottone Annulla.


- modificare i dati imputati, ritornando sulla maschera precedente mediante il bottone Indietro
- confermare i dati inseriti mediante il bottone Fine

VENDITA MARGINE ANALITICO


La presente funzione, richiamabile dal menu Contabilità, va utilizzata per la registrazione delle
fatture di vendita dei beni acquistati in regime del margine analitico. La presente funzione risulta
abilitata solo per le aziende di tipo impresa in contabilità ordinaria o semplificate e solo se almeno
una delle attività associate all’azienda non è di tipo Agenzia Viaggio o Agricoli. Il wizard può
essere attivato anche da Prima Nota qualora si inserisca una causale abilitata alla gestione del
regime del margine “Analitico”.
I° passaggio
Accedendo alla funzione viene proposta la prima maschera della funzione:

Codice Causale
La lista delle causali deve essere filtrata per quelle abilitate alla gestione del regime del margine di
tipo “Analitico”. Qualora indicata una causale di tipologia diversa, in uscita dal campo visualizzare
il seguente messaggio d’ avviso (icona blu Info):
"Deve essere specificata una causale di tipo Regime del margine Analitico". La visualizzazione
del messaggio non deve impedire di proseguire nella compilazione dei campi della maschera.
Registro vendite: vengono proposti solo i registri di tipo vendite o corrispettivi
Codice IVA base
Il campo serve ad assegnare il codice IVA base. La lista dei codici IVA proposta mostra solo
quelli di tipo Margine Analitico relativo alla base, oltre ad eventuali codici IVA regime del Margine
– vendita creati dall’utente . Se indicato un codice IVA non presente nella lista viene visualizzato il
seguente messaggio d’ avviso in uscita dal campo e bloccante tentando di accedere al successivo
passaggio: “Per la base da margine analitico si possono utilizzare solo codici IVA di tipo Margine
Analitico.”
Conto incasso
Il campo propone il codice conto specificato nel campo “Conto cassa corrispettivi/analitico”
presente nella scheda proposte della causale contabile precedentemente selezionata.
Premendo sul tasto Avanti si passa alla fase successiva:
II° passaggio

In questa fase viene visualizzato l’elenco dei beni attivi, ossia, quelli che risultano ancora vendibili
presenti nella Gestione Beni del modulo BENI USATI.
Se non esiste nemmeno un bene attivo, non viene proposto il II° passaggio, ma compare invece il
messaggio bloccante: “Non sono stati rilevati beni da vendere”.
Le colonne cod. bene, Data Registrazione natura, qualità, quantità disponibile, valore bene
sono precompilate e disabilitate (quindi non modificabili) sulla base dei dati presenti nella Gestione
Beni.
Codice IVA Margine: tale colonna viene disabilitata in caso di margine negativo o uguale a zero,
cioè nel caso in cui il prezzo di vendita sia inferiore o uguale al valore del bene.
Le colonne quantità venduta, prezzo vendita e selezione sono invece vuote e compilabili da parte
dell’utente.
La colonna Valore bene è calcolata nel seguente modo: Carico + Incrementi – decrementi
Il campo Quantità viene proposto precompilato, indicando il valore residuo del bene dato dalla
differenza tra quantità di carico – quantità decrementi precedenti. Il contenuto del campo non può
essere modificato.
Attivando il flag nella colonna Selezione è possibile indicare il prezzo di vendita; solo nel caso in
cui sia inserito un prezzo di vendita superiore al valore del bene, si attiva anche la colonna Cod.IVA
margine per l’inserimento del codice IVA che verrà utilizzato per lo scorporo dell’imposta.
Nel caso in cui la data registrazione del wizard di vendita è anteriore rispetto a quella del bene
selezionato, non è possibile procedere con la registrazione e viene segnalato: “Non è possibile
vendere beni acquistati in data successiva rispetto alla data di vendita”.

Il terzo passaggio consente di visualizzare la registrazione contabile generata, scorporando le quote


di imponibile ed imposta dal regime del margine positivo calcolato.
Siccome il margine viene calcolato su singolo bene si possono presentare più casistiche:
- Uno o più beni generano margine positivo e altri negativo;
- Uno o più beni generano margine negativo e altri positivo;
- tutti i beni generano margine positivo;
- tutti i beni generano margine negativo.
Il margine viene calcolato sottraendo al prezzo di vendita di ogni singolo bene il relativo valore del
bene esposto in griglia: se la differenza risulta positiva allora si avrà margine positivo e verrà
effettuato lo scorporo dell’ imponibile e dell’ imposta se è stato indicato un codice IVA Margine di
tipo imponibile come di seguito esposto, applicando l’aliquota IVA presente nella colonna IVA in
corrispondenza del singolo bene, ovvero solo il margine se indicato un codice IVA Margine di tipo
non imponibile.
ATTENZIONE
Se il prezzo di vendita è uguale o inferiore al valore di acquisto, si ottiene un margine lordo pari a
zero o negativo. Tale margine NON viene considerato nel calcolo della liquidazione IVA.
Nell’ultimo passaggio del wizard viene richiesta l’indicazione della data di incasso con la
possibilità di registrare lo stesso inserendo l’apposito flag e la relativa causale

Modalità Pagamento Over 3.000

Ai fini dell’esportazione dell’importo nella comunicazione dei dati Over 3.000 occorre definire la
modalità di pagamento come richiesto dal tracciato record ministeriale. Il campo risulta compilabile
solo in presenza di importi uguali o superiori al limite da comunicare.
Sono presenti le seguenti modalità che corrispondono alle opzioni presenti sul tracciato ministeriale:
- VUOTO
- IMPORTO NON FRAZIONATO
- IMPORTO FRAZIONATO
- CORRISPETTIVI PERIODICI
VENDITA MARGINE FORFETARIO

Il presente wizard costituito da quattro passaggi consente l’inserimento dei dati per la registrazione
delle fatture di vendita relative al margine forfetario.

Il primo passaggio richiede l’indicazione degli estremi del documento di seguito elencati:

- Causale (preventivamente creata nella tabella causali)

- Registo IVA;

- Protocollo;

- Data registrazione;

- Data documento;

- Numero documento;

- Descrizione (proposta);

- Studi di settore;

- Cliente;

- Titolare partita IVA;

- Pagamento;

- Codice IVA base

- Conto incasso

Codice IVA base: è il codice IVA da associare alla quota indetraibile. Tale codice IVA è unico su
tutte le righe relative a ricavi non imponibili. Non possono essere indicati in questa fase più codici
IVA base. Nel caso sia necessario imputare più codici IVA base, è possibile farlo manualmente
agendo sulle proposte del terzo passaggio.
Nel secondo passaggio è presente una griglia all’interno della quale occorre inserire le percentuali
di scorporo gestite. Tale percentuale di scorporo deve essere inserita scegliendo tra quelle previste
dalla lista della tabella prevista sul campo “percentuale scorporo”.

Nel campo “Importo” viene proposto in automatico il totale della fattura; nel caso in cui il totale
venga ripartito su più righi, è comunque previsto un controllo che impedisce di proseguire al
passaggio successivo nel caso in cui la ripartizione del totale della fattura su più righe non
corrisponda al totale documento indicato nel primo passaggio.
Il terzo passaggio prevede la costruzione del movimento contabile, tramite la gestione di una
griglia, sulla base di quanto determinato nella fase precedente. La griglia è composta in modo
diverso a seconda della tipologia di azienda impostata nei parametri.

Gli imponibili e l’imposta sono calcolati in funzione della percentuale di scorporo e del codice IVA
parte detraibile.

Il quarto ed ultimo passaggio prevede già selezionato il flag “Registra incasso”, per la gestione
dell’incasso contestuale. Se il wizard è richiamato da una contabilità di tipo “imprese” viene
visualizzato anche il campo “Cod.causale pagamento” dove viene inserita la causale relativa al
movimento di incasso.

Se la contabilità è di tipo “professionisti” il campo “Cod.causale pagamento” invece non compare.


Modalità Pagamento Over 3.000

Ai fini dell’esportazione dell’importo nella comunicazione dei dati Over 3.000 occorre definire la
modalità di pagamento come richiesto dal tracciato record ministeriale. Il campo risulta compilabile
solo in presenza di importi uguali o superiori al limite da comunicare.

Sono presenti le seguenti modalità che corrispondono alle opzioni presenti sul tracciato
ministeriale:

- VUOTO

- IMPORTO NON FRAZIONATO

- IMPORTO FRAZIONATO

- CORRISPETTIVI PERIODICI

MOVIMENTI CENTRI DI COSTO


In questa funzione vengono caricati i movimenti dei centri di costo indicando gli estremi richiesti
per la loro gestione (conto, importo dare o avere, centro di costo e/o commessa di riferimento). La
maschera viene alimentata automaticamente attraverso la funzione Gestione centri di costo, che
viene richiamata in fase di salvataggio della Prima Nota se sono alimentati dei conti abilitati alla
gestione dei centri di costo.

I dati contenuti nella maschera sono elaborati dalla stampa di controllo Movimenti centri di costo.

GESTIONE PARTITE
La funzione consente di generare partite e scadenze legate a movimenti di Prima Nota semplice.
Applicando un filtro che permetta la sola visualizzazione dei movimenti non IVA riguardanti clienti
o fornitori, si accede ad una maschera all’interno della vengono elencate le voci alle quale è
possibile associare nuove partite, scadenze e pagamenti / incassi.

La visualizzazione ad albero consente l’accesso alle funzione richiamabili dalla procedura a


seconda del posizionamento del cursore sulle voci elencati e della conseguente abilitazione dei
menù.

La sezione di sinistra riporta il nominativo al quale sono associate le partite e le scadenze.


La sezione di destra indica il riferimento più diretto alla voce selezionata nella sezione di sinistra.

Es.:
- Se nella sezione di sinistra viene selezionata la voce “Partita ….”, la sezione di destra riporta
l’indicazione della scadenza legata a tale partita.
- Se nella sezione di sinistra viene selezionata la voce “Scadenza”, la sezione di destra riporta
l’indicazione del pagamento / incasso legato a tale scadenza.

ATTENZIONE
- Non è possibile accedere alla Gestione Partite mantenendo aperta la maschera di Prima Nota
- La funzione è attiva sulle contabilità Imprese sia in regime ordinario che semplificato, ad
eccezione di quelle forfetarie, e sulle contabilità di tipo semplificata professionisti e Nuova
ordinaria professionisti

Tempificazione

1) Registrare a Prima Nota un’apertura contabile con apposita causale (vedi pag. 86)
2) Generare con la funzione Gestione Partite una partita da collegare al movimento di apertura in
corrispondenza con la riga del nominativo.
3) Con la medesima funzione generare una scadenza da collegare al movimento di apertura in
corrispondenza con la riga del nominativo.
4) Registrare a Prima Nota il pagamento / incasso relativo al debito / credito rilevato in fase di
apertura contabile.
5) Sulla riga del fornitore aprire la maschera “Altri campi Prima Nota” (vedi Prima Nota pag. 127)
premendo il tasto F7 sull’estremo campo a destra ed indicare i dati relativi alla partita creata con
apposita funzione.
6) Accedere alla Gestione Partite e generare il pagamento da collegare con il movimento di Prima
Nota semplice relativo al pagamento stesso.

Descrizione Bottoni

CREA PARTITA. Permette di creare una nuova partita, abbinandola ad un movimento di


Prima Nota semplice. Tale creazione viene effettuata se:
- Il saldo attivo / passivo verso clienti / fornitori viene registrato con un movimento di
apertura (vedi Causali Contabili pag. 86).
- Il credito / debito verso clienti / fornitori viene chiuso con movimenti di Prima Nota
semplice.

MODIFICA PARTITA. Permette di modificare soltanto la descrizione della partita


desiderata. La funzione è abilitata solo nel caso in cui venga selezionata da Gestione Partite
una partita precedentemente creata.

ELIMINA PARTITA. Permette di eliminare la partita desiderata selezionandola da Gestione


Partite.
ATTENZIONE
- Non è possibile eliminare una partita associata a più movimenti contabili
- Se la partita che si desidera eliminare è associata a scadenze non ancora pagate /
incassate, la procedura elimina anche tale scadenza dopo la conferma di un apposito
messaggio di avviso.
- Se la partita che si desidera eliminare è associata a scadenze già pagate / incassate, la
procedura non permette di eliminarla avvisando con apposito messaggio.

CREA SCADENZA. Permette di creare una nuova scadenza, abbinandola ad un movimento


contabile. Abilitata sempre, qualunque sia la posizione del cursore all’interno della Gestione
Parte, consente la generazione di una scadenza solo dopo avere creato la relativa partita.

MODIFICA SCADENZA. Abilitata solo nel caso in cui venga selezionata da Gestione
Partite una scadenza precedentemente creata, permette di modificare i campi relativi a:
- tipo di pagamento
- tipo di scadenza
- importo in scadenza
- importo IVA in sospensione
- codice divisa
- importo in divisa
Nel caso in cui si tratti di scadenza già pagata, la procedura avvisa con apposito messaggio,
consentendo di proseguire comunque con l’operazione di modifica.

ELIMINA SCADENZA. Permette di cancellare la scadenza desiderata selezionandola da


Gestione Partite.
Non è possibile eliminare una scadenza alla quale si riferisce un pagamento già effettuato.

CREA PAGAMENTO / INCASSO. Permette di generare separatamente i pagamenti dagli


incassi relativi a scadenze già create, in funzione al filtro di visualizzazione su Clienti o
Fornitori impostato all’accesso in Gestione Partite.
Al fine di rendere attiva la funzione, è necessario selezionare la scadenza dalla sezione di
sinistra di Gestione Partite.
La procedura consente di imputare un importo di IVA in sospensione nel caso in cui si tratti
di creazione di un incasso da associare ad un movimento di Prima Nota semplice.

ATTENZIONE
La funzione non è attiva per le contabilità di tipo semplificata professionisti e nuova
ordinaria professionisti.

ELIMINA PAGAMENTO / INCASSO. Permette di cancellare il pagamento / incasso


desiderato selezionandolo dalla Gestione Partite. Attraverso la conferma di un apposito
messaggio è possibile eliminare automaticamente anche il relativo movimento di pagamento
/ incasso registrato a Prima Nota.
Nel caso in cui si desideri eliminare il pagamento / incasso di una partita risultante chiusa, la
procedura avvisa con apposito messaggio dell’eliminazione del pagamento / incasso e
conseguente riapertura della partita.
MENU "stampe"

Elenca le stampe attive per l’azienda corrente riguardanti la tenuta dei libri ufficiali o controlli che
possono essere eseguiti al fine di ottenere maggiori dettagli di tipo contabile nonché eventuali
collegamenti con le dichiarazioni fiscali.

STAMPE UFFICIALI
Mediante le sottovoci del menù Stampe Ufficiali, è possibile effettuare le stampe ufficiali relative
ad una singola azienda.
Contatori di pagina
Le stampe ufficiali consentono di numerare le pagine direttamente in fase di avvio delle stesse in
funzione di opzioni e contatori di stampa da compilare. Di seguito la descrizione dei campi che
riguardano tale casistica:

Opzioni
 Stampa numerazione pagina: consente di numerare le pagine in fase di stampa senza la
necessità di eseguire l’operazione dalla funzione “Numerazione libri bollati”, come previsto
dall’art. 8 della legge 18/10/2001 n° 383.

ATTENZIONE
Selezionando l’opzione “Stampa numerazione pagine”, in presenza di pagine disponibili
ancora da stampare, la funzione decrementa il numero di pagine disponibili fino ad
azzeramento.
 Stampa intestazione azienda: abilitato solo se non viene selezionata l’opzione “Stampa
Numerazione pagine” consente di visualizzare in stampa l’intestazione dell’azienda
corrente.
Campi
 Pagine disponibili: abilitato se l’opzione Stampa numerazione pagina non è selezionata,
consente di gestire la stampa ufficiale su pagine già numerate. Il numeratore può essere
alimentato direttamente dalla stampa oppure dalla maschera Dati di stampa.

 Pagine stampate: abilitato selezionando l’opzione Stampa numerazione pagine, indica


l’ultimo numero di pagina stampato in ufficiale. Tale campo consente la numerazione
automatica delle pagine in fase di esecuzione della stampa ufficiale e può essere compilato
sia dalla maschera di stampa che dalla tabella Dati di stampa.

ATTENZIONE
Se esistono pagine disponibili e si indica un valore nelle pagine stampate, l’esecuzione della
stampa ufficiale comporterà il decremento delle pagine disponibili e l’incremento delle
pagine stampate all’ultimo numero di pagina utilizzato.

 Anno di stampa: consente di indicare il suffisso di stampa rappresentato dall’anno in caso


di numerazione delle pagine in fase di stampa ufficiale. Il campo può essere compilato
direttamente dalla maschera di stampa oppure dalla tabella Dati di stampa.

E’ possibile integrare i dati disponibili in stampa con ulteriori informazioni di testo libero
premendo il bottone . Tali indicazioni verranno indicate dopo l’intestazione.

Libro Giornale
Funzione del menù Stampe che consente di effettuare la stampa del Libro Giornale della singola
azienda per il periodo di stampa definito.
Libro IVA

Stampa anche movimenti di prima nota semplice: permette di includere nella stampa dei registri
I.V.A. tutti i movimenti registrati in Prima Nota utilizzando una causale di tipo Normale o Rettifica.
L’ opzione Accoda stampa somme non pagate\incassate e’ attiva solo per le contabilità di tipo
Semplificata Professionisti nel caso in cui nel campo “A DATA” sia indicato 31/12 e consente di
accodare alla stampa del Libro IVA la stampa delle Somme non Pagate\Incassate.
L’opzione “Stampa legenda studi di settore” consente di indicare sulla prima pagina della stampa
l’elenco degli studi di settore inseriti per l’azienda corrente nella maschera Parametri Studi di
settore. Di seguito vengono riportati i movimenti contabili riferiti al periodo di stampa definito.
L’opzione “Stampa anche movimenti di Prima Nota Semplice” è attiva per le contabilità
semplificate e consente di includere nella stampa tutti i movimenti non IVA registrati in Prima Nota
utilizzando una causale di tipo Normale o Rettifica.

L’opzione “Accoda liquidazione” consente di prelevare i dati dalla tabella azienda Liquidazione
IVA a sua volta alimentata da una precedente stampa della liquidazione IVA. Pertanto, la funzione
non consentirà di riportare il dettaglio di eventuali conteggi come la ventilazione.

Accoda prospetto plafond: la funzione di accodamento prospetto plafond preleva i dati dalla tabella
azienda Dati plafond alimentata dall’esecuzione della stampa del Prospetto Plafond.

Stampa libri IVA nel regime degli autotrasportatori

Per la stampa dei registri IVA che nella tabella registri IVA hanno impostata l’opzione “Vendite
autotrasportatori”, le operazioni sono riportate con riferimento alla data competenza Liquidazione
IVA visualizzando questa data al posto della data di registrazione.
In particolare, solo per le aziende che nei parametri hanno impostato una contabilità semplificata e,
qualora nella maschera di stampa risulti selezionata l’ opzione “Stampa anche i movimenti di prima
nota semplice”, per la stampa relativa al 4° Trimestre, oltre alle registrazioni con competenza
liquidazione IVA 4° trimestre, vengono riportate, nella sezione “Ricavi imponibili ai fini delle
imposte dirette “ tutte le operazioni con data registrazione compresa nel 4° trimestre.
Nella stampa della liquidazione del 1° trimestre vengono stampate le operazioni con data
competenza liquidazione IVA 1° trimestre e le stesse operazioni sono riportate nella sezione
“Ricavi imponibili ai fini delle imposte dirette “ con segno opposto.
Infatti, considerando che devono visualizzarsi tutte le operazioni con competenza IVA compresa nel
periodo di stampa ma anche le operazioni ai fini delle imposta dirette, per il 4° ed il 1° trimestre
devono essere accodate le operazioni che vanno ad aggiungersi o a sottrarsi ai fini reddituali (dato
che le operazioni considerate ai fini reddituali si basano sulla data competenza bilancio

Stampa libri IVA in presenza del regime del margine

Se nella tabella registri IVA è selezionata l’opzione “Stampa margini complessivi” , nella sezione
di stampa denominata MARGINI COMPLESSIVI vengono riepilogati i margini dati dalla
compravendita di beni usati avvenuta nel periodo di stampa.

Nel dettaglio vengono effettuate due distinte estrazioni dati e due differenti calcoli, uno per il
margine globale ed uno per il margine analitico (questo perché possono coesistere entrambi i regimi
su un’unica attività).
• Margine globale
Vengono considerate tutte le righe contabili associate a codici IVA in regime del margine globale,
relative a movimenti contabili associati a registri IVA la cui attività è uguale a quella del registro di
stampa. I Margini complessivi in regime globale sono esposti sotto la sezione dedicata al Riepilogo
Registro IVA vendite / corrispettivi.

Le modalità di calcolo sono esposte nell’argomento le medesime della liquidazione IVA.

Se il margine è positivo viene riportato il prospetto di calcolo del regime del margine seguito dalla
determinazione dell’imposta come già avviene in liquidazione IVA; se invece il margine è negativo
la stampa evidenzia solo il prospetto di calcolo del regime del margine.
• Margine analitico
In questo caso i margini complessivi sono dati dalla differenza tra il valore di vendita ed il valore di
acquisto e i movimenti di acquisto e vendita che rientrano nel calcolo sono quelli associati a causali
contabili per le quali risulta selezionata l’opzione “Regime del Margine” con tipologia” analitico”.
Le vendite sono registrate utilizzando causali di tipo “ Normale” e di tipo “Fattura cliente” oppure
“Corrispettivi senza ventilazione”; gli acquisti sono registrati utilizzando causali di tipo “Normale e
Tipo “Fattura fornitore”.

Il calcolo viene effettuato per singola vendita e prevede quanto segue:


Se la vendita il corrispettivo della vendita è maggiore del valore di acquisto si ottiene una
differenza positiva che viene esposta nella sezione dei margini complessivi.
Se invece il corrispettivo della vendita la vendita è minore del valore di acquisto si ottiene una
differenza negativa che non viene evidenziata in tale sezione.

Nel caso di multiattività, su ciascun registro vendite / corrispettivi vengono stampati i margini
complessivi relativi esclusivamente ai movimenti associati a tale registro.

Nel caso di movimentazione di registri IVA sia vendite che corrispettivi è necessario determinare
un unico registro IVA all’interno del quale stampare i margini complessivi relativi sia alle fatture
emesse (stampate sul registro IVA vendite) che ai corrispettivi (stampati sul registro corrispettivi) in
regime del margine.
Pertanto, in considerazione della selezione dell’opzione Stampa margini complessivi in un tale
registro effettuata all’interno della tabella Registri IVA, i margini complessivi di tutti i movimenti
in regime analitico verranno stampati nel loro complesso all’interno di tale libro IVA.
Nel caso in cui all’interno dello stesso registro siano presenti movimenti in regime del margine
analitico ed in regime del margine globale, la stampa espone prima i margini complessivi riferiti al
globale e poi quelli riferiti all’analitico.
Gestione Registro Carico e Scarico tramite Libro IVA
In considerazione del fatto che il calcolo del margine viene eseguito per masse di beni, in regime
del margine globale non è necessario caricare l’anagrafica di ogni singolo bene. Ciò comporta la
possibilità di evitare l’utilizzo del software Gestione beni, con la conseguenza della mancata
gestione dei Registri di Carico e Scarico veri e propri. Pertanto, in assenza dei Registri di Carico e
di Scarico, le operazioni in regime del margine devono essere annotate sui registri IVA esponendo
le caratteristiche delle masse di beni, intese come natura, qualità, quantità ossia le informazioni
richieste in fase di caricamento delle fatture qualora nei parametri dell’ azienda non sia attiva la
Gestione Beni.
Pertanto la stampa del Libro IVA prevede le informazioni relative a Natura – Qualità – Quantità
relative ad ogni movimento contabile e memorizzate nella griglia “Regime del margine. Tali
informazioni compaiono solo per i registri IVA (jump a registri IVA) su cui risulta selezionato il
flag “Regime del margine”.
Liquidazione IVA
Consente di eseguire la stampa relativa alla liquidazione IVA della singola azienda attraverso
l’utilizzo di una procedura guidata che consente l’immissione di dati compilando le varie maschere
proposte.

FUNZIONAMENTO
In funzione delle opzioni selezione sulla prima pagina del wizard, il programma mostrerà delle
videate da compilare indicando gli importi richiesti negli appositi campi. Tutte le maschere della
procedura sono accompagnate da un commento fiscale che facilita l’inserimento dei valori.

Selezionare la voce desiderata per ottenere maggiori informazioni.


Descrizione campi

Sezione periodo
Anno/Mese/Trimestre: specificare il periodo da considerare al fine della liquidazione IVA. La
procedura, in funzione del tipo di gestione IVA specificato nei Parametri dell'azienda, propone la
compilazione del campo “Mese” o del campo “Trimestre”; in quest'ultimo caso sono accettati valori
numerici da uno a quattro. Se in precedenza è stata eseguita una stampa non provvisoria, la
procedura propone come anno e periodo i dati concordi con l'ultima stampa definitiva.

Stampa Annuale: selezionando tale opzione la stampa della liquidazione riveste tutto il periodo
dell'anno. Con tale opzione selezionata vengono disabilitati il periodo (Mese/Trimestre,
automaticamente impostato ad 1), la casella di stampa ufficiale ed il bottone Testo libero; inoltre, in
fase di stampa, non sono gestiti il prospetto plafond ed il testo libero.

Sezione Opzione
Stampa ufficiale: selezionando tale casella, la stampa viene considerata come definitiva e, di
conseguenza, non sarà più possibile apportare modifiche ai movimenti interessati. Se, in
precedenza, è stata effettuata una registrazione non provvisoria, i campi “Anno” e
“Mese/Trimestre” sono proposti compilati in automatico e disabilitati. L’opzione di stampa annuale
viene disabilitata e si attiva la sezione relativa al Registro.
E' possibile rieseguire una stampa impostata come ufficiale se la si definisce in modalità
provvisoria. All'utente viene comunque segnalato che tale stampa è già stata eseguita in modo
definitivo.
Giroconto IVA: se selezionata, l’opzione permette di generare in automatico il movimento di
giroconto dell’IVA risultante dalle liquidazioni periodiche, in base alla causale ed ai conti impostati
nella scheda Giroconto IVA dei parametri.
Tale opzione non è presente nel caso di liquidazione forfetaria ed è disabilitata nella stampa
dell’acconto IVA.
In caso di multiattività, il flag è attivo se risulta selezionata almeno una delle seguenti opzioni:
- Intromissione
- Estromissione
- Utilizza il credito per azzerare
- Richiesta rimborso/compensazione
- Calcola maggiorazione trimestrale
Il movimento di giroconto viene generato con la data di fine del periodo di stampa interessato: ad
esempio, se la liquidazione si riferisce al periodo di marzo 2008, la data del movimento sarà
31/03/2008.

Stampa dettaglio liquidazione: evidenzia le movimentazioni che influenzano la stampa della


liquidazione IVA per il periodo (mese/trimestre) indicato ai soli fini di controllo.

Credito d’imposta: permette di indicare, in un’apposita sezione, l’importo dei crediti speciali
d’imposta utilizzati nel periodo. Il dato viene salvato nell’apposito nella liquidazione IVA del mese
precedente.

Variazioni d’imposta: permette di indicare, in un’apposita sezione, l’ammontare delle variazioni


d’imposta:
sulle quali non devono essere calcolati interessi trimestrali per VARIAZIONE D’IMPOSTA CON
INTERESSI;
sulle quali verranno ricalcolati gli interessi trimestrali per VARIAZIONE D’IMPOSTA SENZA
INTERESSI;
in diminuzione del debito o in aumento del credito annuale per VARIAZIONE D’IMPOSTA A
CREDITO;
non versata ma già indicata in una precedente dichiarazione IVA periodica per VARIAZIONE
D’IMPOSTA IVA NON VERSATA.

Estromissioni dalla contabilità IVA: permette di indicare, in un’apposita sezione, l’ammontare del
credito IVA compensabile che si desidera estromettere dalla contabilità IVA precedentemente
intromesso per essere computato in detrazione IVA.

Intromissioni nella contabilità IVA: permette di indicare, da un’apposita sezione, l’ammontare


dei crediti IVA compensabili che si vogliono computare in detrazione nella liquidazione del
periodo.

Calcola maggiorazione trimestrale: selezionando tale casella verrà calcolato i automatico dal
programma l’importo degli interessi trimestrali. L’opzione è abilitata/disabilitata in funzione del
tipo di gestione IVA specificato nei Parametri.

Richiesta rimborso / compensazione: selezionando tale casella, dopo aver lanciato la stampa
viene visualizzata la maschera “Estremi de rimborso/compensazione”.
Il campo non è abilitato se sussiste almeno una delle seguenti ipotesi:
- la procedura è lanciata dalle stampe multiple ;
- la stampa è annuale;
- l’azienda è in multiattività e non si tratta di una stampa riepilogativa;
- l’azienda è in contabilità forfetaria.

L’opzione è attiva solo nei mesi di Marzo, Giugno, Settembre per le contabilità con regime IVA
Mensili e nel 1°, 2°, 3° trimestre per le contabilità con regime IVA Trimestrali.

I campi visualizzati sono:


- Credito risultante (non modificabile)
- di cui chiesto a rimborso
- di cui utilizzato in compensazione
- Residuo da riportare (calcolato come differenza degli importi precedenti).

Compila opzioni dichiarazione IVA periodica: permette di indicare, da un’apposita sezione, le


opzioni da riportare in dichiarazione IVA periodica.

ATTENZIONE
A partire dall’anno 2002 l’opzione “Compila opzioni dichiarazione IVA periodica” è disabilitata.

Utilizza il credito per azzerare: selezionare l’opzione se si desidera annullare l’imposta da versare
con un eventuale credito da utilizzare.

Accoda prospetto plafond: accoda alla stampa della liquidazione IVA la stampa dei dati plafond.
L’opzione è attiva solo per i contribuenti mensili per i quali è prevista la gestione del plafond.
Stampa Intestazione azienda: selezionando tale casella viene riportata in fase di stampa
l’intestazione dell’azienda.
Anteprima di stampa: permette di consultare a video la stampa della liquidazione prima di eseguirla
su cartaceo.

Stampante: il bottone consente di specificare la configurazione della stampante da utilizzare per


avviare la stampa della liquidazione IVA.

Testo libero: Se si desidera aggiungere ad una liquidazione del testo libero da stampare in fondo al
documento, oppure modificare testo aggiunto, selezionare il bottone Testo libero. Con esso, infatti,
è possibile imputare il testo aggiuntivo oppure, se era stato precedentemente inserito tramite
analogo bottone nella tabella Liquidazione IVA , modificare il testo aggiunto in precedenza. La
mascherina richiamata tramite tale bottone comprende una sezione apposita dove
digitare/modificare il testo da aggiungere, un bottone OK per memorizzare la modifica e un bottone
Annulla che consente di annullare eventualmente l'operazione.

Sezione Registro di stampa

Registro di stampa: indicare il registro sul quale verrà stampata la liquidazione IVA. E’ possibile
effettuare la stampa solo su registro di tipo IVA vendite o corrispettivi. E’ attiva la funzione di
aiuto.

Sezione Contatori di pagina


(vedi pag. XXX)
BOTTONI DISPONIBILI
GUIDA: permette di accedere direttamente al manuale in linea al fine di reperire le informazioni
necessarie per lo svolgimento dell’operazione.
ANNULLA: consente di terminare l’operazione prima di avviare la stampa
INDIETRO: consente di accedere ad una sezione precedente rispetto a quella corrente al fine di
consultare ed eventualmente modificare i dati inseriti
AVANTI: consente di accedere ad una sezione successiva rispetto a quella corrente al fine di
inserire dati eventualmente richiesti
FINE: consente di confermare le varie sezioni compilate ed accedere direttamente alla stampa della
liquidazione IVA.

Liquidazione IVA (Riepilogativa)


La stampa permette di realizzare il conteggio effettivo dell’imposta a credito o da versare in
considerazione dei risultati ottenuti nelle stampe delle liquidazioni IVA per attività .

STRUTTURA
La maschera ha la medesima struttura utilizzata dalla stampa della liquidazione IVA (vedi pag.
189), ad eccezione del campo “Crediti speciali d’imposta”. Tale campo, se selezionato, richiama
un’apposita maschera che consente di indicare l’importo dei crediti utilizzati nel periodo a
scomputo del versamento, escludendo quelli utilizzati in compensazione direttamente nel modulo di
pagamento unificato.
ATTENZIONE
Per effettuare la stampa ufficiale della liquidazione IVA riepilogativa, è necessario avere stampato
in ufficiale tutte le liquidazioni IVA relative alle singole attività.

Liquidazione IVA Attività


Permette di ottenere la situazione IVA a debito o a credito riferita alle singole attività gestite in
multiattività .

STRUTTURA
La struttura è identica a quella della stampa liquidazione IVA riepilogativa (stampa liquidazione
IVA riepilogativa 194) ad eccezione della sezione “Attività”. Tale sezione consente di indicare
l’attività alla quale si riferisce la stampa che si desidera effettuare.

Prospetto plafond
Permette di indicare in coda alla stampa dei libri I.V.A. le variazioni dei dati plafond in base agli
utilizzi effettuati nel periodo

La stampa è attiva sia per i contribuenti mensili che trimestrali.


I contribuenti mensili possono considerare l’opzione di stampa del prospetto plafond indicata
direttamente all’interno della stampa liquidazione I.V.A. , ignorando l’esistenza della maschera in
questione che, in ogni caso, è sempre abilitata.
I contribuenti trimestrali considerano la stampa del prospetto plafond per l’indicazione mensile
delle sue movimentazioni all’interno del Libro I.V.A. vendite / corrispettivi.
La stampa di un periodo riguardante un libro I.V.A. deve essere seguita dalla stampa del prospetto
plafond riguardante il periodo precedente
Es.: il libro I.V.A. vendite di gennaio deve essere integrato con la stampa del prospetto plafond di
dicembre.
La stampa riguardante la liquidazione I.V.A. trimestrale è seguita da un messaggio che avvisa
l’utente della necessità di effettuare anche la stampa del prospetto plafond.

Registro Unico
Consente di effettuare su un unico tabulato meccanografico le stampe ufficiali dell’azienda
corrente.

Ordinamento
Se selezionati tutti i registri, la stampa ordinerà i libri in base al seguente criterio:

a) Registri IVA (Acquisti / CEE / Corrispettivi / Vendite);

b) Liquidazione IVA;

c) Prospetto plafond;

Per le aziende in multiattività vengono stampate, in ordine, le liquidazioni IVA delle singole
attività, l’eventuale prospetto plafond e la liquidazione IVA riepilogativa.

d) Libro Giornale / Cronologico;

e) Registro Incassi / Pagamenti;

f) Libro Cespiti
Sezione Libro Cespiti

Abilitata se selezionata la relativa opzione nella sezione Elenco Registri;

Sezione Elenco Registri

Selezionare i libri che compongono il Registro Unico. Tale selezione alimenta automaticamente la
sezione Registro Unico presente nella maschera Dati di stampa o dalla Tabella dei registri IVA .

Sezione opzioni

Nel caso in cui vengano selezionati i libri che compongono il Registro Unico direttamente dai Dati
di stampa o dalla tabella azienda Registri IVA,, la sezione in esame risulterà già compilata, con la
possibilità di modifica.

Stampa ufficiale: rende definito il periodo stampato sul registro

Stampa numerazione pagina: consente di numerare le pagine in fase di stampa senza la necessità
di eseguire l’operazione dalla funzione Numerazione libri bollati, come previsto dall’art. 8 della
legge 18/10/2001 n° 383.

Stampa intestazione azienda: consente di visualizzare in stampa l’intestazione dell’azienda


corrente ed è proposto automaticamente abilitato.

Stampa anche i movimenti di prima nota semplice: attiva solo per le contabilità semplificate, se
selezionata, consente di includere nella stampa dei registri IVA tutti i movimenti registrati in Prima
Nota utilizzando una causale di tipo Normale o Rettifica.

Accoda liquidazione: a partire dall’anno 2000 è possibile indicare la liquidazione IVA nella
stampa solo se si è selezionato il registro di stampa IVA Vendite o IVA Corrispettivi. La selezione
dell'opzione consente di prelevare i dati dalla tabella azienda Liquidazione IVA alimentata da una
precedente stampa della liquidazione IVA.
Ciò comporta il mancato riporto del conteggio dell’imposta e tutti i calcoli intermedi quali
ventilazione, agricoli, prorata, agenzie di viaggio, IVA in sospensione, indicando solo il riepilogo
degli importi riguardanti i vari libri IVA.

ATTENZIONE
Se non si seleziona l’opzione di accodamento, è necessario effettuare la stampa della liquidazione
IVA da apposita voce di menu ed aggiornare manualmente il numero delle pagine disponibili del
Registro Unico per la stampa.

Accoda prospetto plafond: a partire dall’anno 2000 è possibile indicare il prospetto plafond nella
stampa solo se si è selezionato il registro di stampa IVA Vendite o IVA Corrispettivi.

La funzione preleva i dati dalla tabella azienda Dati plafond alimentata dalla stampa del Prospetto
Plafond.

ATTENZIONE
Se non si seleziona l’opzione di accodamento, è necessario effettuare la stampa del prospetto
plafond da apposita voce di menu ed aggiornare manualmente il numero delle pagine disponibili del
Registro Unico per la stampa

Progressivo iniziale: indica il numeratore progressivo che contrassegna ciascun movimento


stampato sul Registro Unico.
ATTENZIONE
Il numero progressivo utilizzato per la stampa dei registri IVA non viene utilizzato in fase di stampa
del Registro Unico. Tale dato viene riconsiderato nel caso in cui si effettui la stampa dei sezionali
Registri IVA da apposita voce di menù dove, per ogni movimento stampato, viene indicato il
riferimento al numero di progressivo ed alla pagina occupati nel Registro Unico.

Sezione contatori di pagina

Pagine disponibili: abilitato se l’opzione Stampa numerazione pagina non è selezionata, consente
di gestire la stampa ufficiale su pagine già numerate. Il numeratore può essere alimentato
direttamente dalla stampa oppure dalla maschera Dati di stampa.

Pagine stampate: abilitato selezionando l’opzione Stampa numerazione pagine, indica l’ultimo
numero di pagina stampato in ufficiale. Tale campo consente la numerazione automatica delle
pagine in fase di esecuzione della stampa ufficiale e può essere compilato sia dalla maschera di
stampa che dalla tabella Dati di stampa.

AVVERTENZA

Se esistono pagine disponibili e si indica un valore nelle pagine stampate, l’esecuzione della stampa
ufficiale comporterà il decremento delle pagine disponibili e l’incremento delle pagine stampate
all’ultimo numero di pagina utilizzato.
Anno di stampa: consente di indicare il suffisso di stampa rappresentato dall’anno in caso di
numerazione delle pagine in fase di stampa ufficiale. Il campo può essere compilato direttamente
dalla maschera di stampa oppure dalla tabella Dati di stampa.

E’ possibile riportare i dati relativi all’assolvimento dell’imposta di bollo premendo il pulsante .


Tali indicazioni verranno indicate dopo l’intestazione, sulla prima pagina stampata.

1) La stampa del Libro Cespiti è disponibile in due versioni:

- sintetica: raggruppa tutti i cespiti della stessa categoria per esercizio di formazione e
totalizza i valori sia per anno che per categoria;

- analitica: stampa i riferimenti di ogni cespite all’interno della categoria.

2) La selezione delle voci in elenco alimenta automaticamente la sezione Registro unico presente
nella maschera Dati di stampa e la tabella dei Registri IVA.
Nel caso in cui vengano selezionati i libri che compongono il Registro Unico direttamente dai
Dati di stampa e dalla tabella azienda Registri IVA, la sezione in esame risulterà già compilata,
con la possibilità di modificarla manualmente.

3) Il numero progressivo utilizzato per la stampa dei registri IVA non viene visualizzato in fase di
stampa del Registro Unico.
Tale dato viene riconsiderato nel caso in cui si effettui la stampa dei sezionali Registri IVA da
apposita voce di menù dove, per ogni movimento stampato, viene indicato il riferimento al
numero progressivo e alla pagina occupati nel Registro Unico.

4) A partire dall’anno 2000 è possibile indicare la liquidazione IVA nella stampa solo se si è
selezionato il registro di stampa IVA Vendite o IVA Corrispettivi. La stampa della liquidazione
IVA preleva i dati dalla tabella azienda Liquidazione IVA avviata da apposita voce di menù.
Ciò comporta il mancato riporto del conteggio dell’imposta e tutti i calcoli intermedi quali:
- ventilazione;
- agricoli;
- prorata;
- agenzie di viaggio;
- IVA in sospensione.
Se non si seleziona l’opzione di accoramento, è necessario effettuare la stampa della
liquidazione IVA da apposita voce di menù ed aggiornare manualmente il numero delle pagine
disponibili nel Registro Unico per la stampa.
5) A partire dall’anno 2000 è possibile indicare il prospetto plafond nella stampa solo se si è
selezionato il registro IVA Vendite o IVA Corrispettivi.
Se non si seleziona l’opzione di accoramento, è necessario effettuare la stampa del prospetto
plafond da apposita voce di menù ed aggiornare manualmente il numero delle pagine disponibili
nel Registro Unico per la stampa.

ATTENZIONE
1) E’ possibile effettuare stampe per un periodo superiore al mese / trimestre.
In tal caso, su ogni registro, verrà stampato il periodo per intero.
Se si desidera concludere la stampa di tutti i registri per ogni mese / trimestre prima di
passare al successivo, è necessario definire un periodo di stampa pari ad un mese /
trimestre.
2) Nel caso in cui si sia selezionato un periodo che comprende la stampa dell’acconto IVA
al 20 dicembre, la procedura avviserà con un messaggio al fine di provvedere a stampare
l’acconto IVA utilizzando l’apposita stampa ufficiale Acconto IVA .
Pertanto, sarà necessario aggiornare manualmente il numero delle pagine disponibili del
Registro Unico per la stampa.

Registro Multiaziendale
Gestita attraverso una maschera guidata, consente di effettuare su un unico tabulato meccanografico
le stampe ufficiali per cui lo Studio elabora la contabilità.
Il wizard permette di selezionare le aziende ed i libri ad esse riferiti che compongono il Registro
Multiaziendale.
Ad elaborazione di stampa conclusa, il wizard mostra un riepilogo elencando l’esito dell’operazione
per ogni stampa. In presenza di errori, al fine di evitare un mancato rispetto dell’ordinamento dei
libri, la procedura non effettuerà la stampa.
ATTENZIONE
1) Non è possibile effettuare la stampa nel caso in cui si gestisca un esercizio a cavallo con
liquidazione IVA trimestrale e chiusura contabile a cavallo di trimestre.

Es.: Chiusura contabile al 31/08 con liquidazione IVA trimestrale.


Effettuando la stampa del terzo trimestre viene segnalata l’impossibilità di effettuare la stampa
in quanto è stato selezionato un periodo di stampa che comprende la data di chiusura.
In tal caso sarà necessario effettuare la stampa dei mesi di luglio ed agosto dall’apposita voce
di menù stampa ufficiale Libro Giornale ed aggiornare manualmente lo scarico delle pagine
utilizzate per la stampa.

2) E’ possibile effettuare stampe per un periodo superiore al mese / trimestre.


In tal caso, per ogni registro, verrà stampato il periodo per intero.
Se si desidera concludere la stampa di tutti i registri per ogni mese / trimestre prima di passare al
successivo, è necessario definire un periodo di stampa pari ad un mese / trimestre.

3) A partire dall’anno 2000 è possibile indicare il prospetto plafond nella stampa solo se si è
selezionato il registro di stampa IVA Vendite o IVA Corrispettivi.
Se non si seleziona l’opzione di accodamento prospetto plafond, è necessario effettuare la
stampa del prospetto plafond da apposita voce di menù ed integrare manualmente lo scarico
delle pagine utilizzate nel Registro Multiaziendale.
4) A partire dall’anno 2000 è possibile indicare la liquidazione nella stampa solo se si è selezionato
il registro di stampa IVA Vendite o IVA Corrispettivi.
Se si seleziona l’opzione di accoramento liquidazione IVA, la procedura stampa la liquidazione
IVA prelevando i dati dalla tabella azienda Liquidazione IVA da apposita voce di menù. Ciò
comporta il mancato riporto di tutti i calcoli intermedi quali:
- ventilazione;
- agricoli;
- agenzia di viaggi;
- prorata;
- IVA in sospensione.
Se non si seleziona l’opzione di accodamento, è necessario effettuare la stampa della
liquidazione IVA da apposita voce di menù ed integrare manualmente lo scarico delle pagine
utilizzate nel Registro Multiaziendale.

5) Nel caso in cui si sia selezionato un periodo che comprende la stampa dell’acconto IVA al 20
dicembre, la procedura avviserà con un messaggio al fine di provvedere a stampare l’acconto
IVA utilizzando l’apposita stampa ufficiale Acconto IVA . Pertanto sarà necessario aggiornare
manualmente lo scarico delle pagine utilizzate nel Registro Multiaziendale.
Registro carico / scarico
Consente di stampare alcuni adempimenti da necessari in caso di utilizzo del registro
multiaziendale, seguendo i seguenti criteri:

 Registro di carico = consente di annotare gli estremi dei registri multiaziendali sottoposti a
vidimazione iniziale ai sensi del D.M. 22/12/1988, Art. 3 Lett.A;

 Registro di scarico = consente di annotare per anno solare il numero dei fogli dei libri o dei
registri multiaziendali utilizzati e gli utenti ai quali sono stati attribuiti ai sensi del D.M.
22/12/1988, Art. 3 Lett B;

 Indice fogli utilizzati = consente di stampare un indice di tutti i fogli utilizzati dei libri o dei
registri multiaziendali per ciascun utente ai sensi del D.M. 22/12/1988, Art. 2 Lett. C;

 Attestazione per azienda = consente di ottenere una stampa da consegnare a ciascun utente
dove viene indicato un riepilogo dei libri stampati sul registro multiaziendale, suddiviso per
azienda, ai sensi del D.M. 22/12/1988, Art. 2 Lett. D;

 Attestazione Amministrazione Finanziaria = consente di ottenere una stampa da consegnare


all’Amministrazione finanziaria attestante i numeri dei fogli dei libri o dei registri
multiaziendali utilizzati per le registrazioni relative a ciascun utente, nonché l’elenco degli
utenti per i quali sono state effettuate le elaborazioni, ai sensi del D.M. 22/12/1988, Art. 3 Lett.
C
Acconto IVA
Riporta gli importi di imposta a debito e a credito comprensivi dell’eventuale imposta sulle
operazioni effettuate ma non fatturate e delle operazioni effettuate ma non annotate.
Il wizard propone in automatico il periodo di stampa riferito al mese 12 o al trimestre 4. Tale valore
non è modificabile dall’utente.
STRUTTURA
La struttura della maschera è identica a quella proposta nella stampa della Liquidazione IVA (vedi
pag. 189).
Inoltre vi è la sezione Imposta sulle operazioni effettuate con i campi:
NON FATTURATE: indicare l’imposta relativa alle operazioni effettuate ma per le quali non è
ancora stata emessa la fattura;
NON ANNOTATE: indicare l’imposta relativa alle operazioni che non sono ancora state registrate
ma per le quali è già stata emessa fattura.

Acconto IVA Riepilogativa


Riporta gli importi di imposta a debito e a credito comprensivi dell’eventuale imposta sulle
operazioni effettuate ma non fatturate e delle operazioni effettuate ma non annotate.

La stampa in ufficiale dell’acconto IVA riepilogativo deve essere preceduta dalla stampa in ufficiali
dell’acconto IVA per singole attività.
Il wizard propone in automatico il periodo di stampa riferito al mese 12 o al trimestre 4. Tale valore
non è modificabile dall’utente.

STRUTTURA
La struttura della maschera è identica a quella proposta nella stampa dell’Acconto IVA (vedi pag.
203), ad eccezione del campo “Crediti speciali d’imposta”. Tale campo, se selezionato, richiama
un’apposita maschera che consente di indicare l’importo dei crediti utilizzati nel periodo a
scomputo del versamento, escludendo quelli utilizzati in compensazione direttamente nel modulo di
pagamento unificato.
Acconto IVA Attività
Nella tabella sono riportati gli estremi delle liquidazione IVA effettuate dall’attività selezionata.

STRUTTURA
La struttura della maschera è identica a quella proposta dalla stampa dell’Acconto IVA riepilogativa
(vedi pag. 204), ad eccezione della sezione “Attività”. Tale sezione consente di indicare l’attività
alla quale si riferisce la stampa che si desidera effettuare.
Inoltre è possibile compilare la sezione “Imposta sulle operazioni effettuate” riguardanti:
- operazioni non fatturate, dove riportare il valore dell’imposta relativa alle operazioni effettuate ma
per le quali non è stata ancora emessa / la fattura.
- operazioni non annotate, dove riportare il valore dell’imposta relativa ad operazioni che non sono
ancora state registrate ma per le quali è già stata emessa / la fattura.

E’ necessario avere stampato in ufficiale l’acconto IVA per singola attività prima di procedere alla
stampa in ufficiale l’acconto IVA riepilogativa.
Liquidazione IVA Forfait

Consente di eseguire la stampa relativa alla liquidazione IVA della singola azienda, specificando
l’annotazione per professionisti
Attivabile solo in caso di tipo azienda uguale a Professionisti e regime di contabilità forfetario.
Selezionando la voce “Annotazione per professionisti”, si abilita una sezione della maschera di
stampa che permette di aggiungere informazioni inerenti gli incassi:

- Incassi relativi al periodo di imposta precedente


- Mancati incassi delle operazioni effettuate nell'anno corrente.

Tali diciture, proposte da programma, sono modificabili dall'utente in base alle proprie necessità.

E' possibile indicare gli importi sopra indicati relativamente alle tipologie comprese nella tabella
Forfait .

Liquidazione IVA Forfait Riepilogativa


Consente di eseguire la stampa relativa alla liquidazione IVA della singola azienda, specificando
l’anno ed il mese di riferimento, in presenza di contabilità forfetaria.

STRUTTURA
La struttura della maschera è identica a quella della stampa Liquidazione IVA forfait (vedi pag.
206)
ATTENZIONE
Prima di eseguire la stampa della liquidazione IVA riepilogativa è necessario effettuare le stampe
della liquidazione IVA forfait per attività (vedi pag. 207).

Liquidazione IVA Forfait Attività


Consente di eseguire la stampa relativa alla liquidazione IVA della singola azienda, specificando
l’anno ed il mese di riferimento, in presenza di contabilità forfetaria.

STRUTTURA
La struttura della maschera è identica a quella della stampa Liquidazione IVA forfait (vedi pag.
206)

Acconto IVA Forfait


Effettua la stampa dell’acconto IVA in base ai dati effettivi registrati fino al 20 dicembre .
La procedura non prevede il calcolo sui dati storici (88% del versamento del mese di dicembre dell’
anno precedente), già gestito dal programma di dichiarazioni fiscali.

FUNZIONAMENTO
La procedura considera per il conteggio i seguenti valori:

- IVA A DEBITO
Per l’IVA mensile: operazioni registrate o da registrare dal 1 dicembre al 20 dicembre, compresi gli
acquisti intracee;
Per l’IVA trimestrale: operazioni registrate o da registrare dal 1 ottobre al 20 dicembre, compresi gli
acquisti intracee.
- IVA A CREDITO
Per l’IVA mensile: acquisti e importazioni registrate dal 1 dicembre al 20 dicembre, compresi gli
acquisti intracee;
Per l’IVA trimestrale: acquisti e importazioni registrate dal 1 ottobre al 20 dicembre, compresi gli
acquisti intracee.

Nel conteggio rientrano anche l’eventuale debito inferiore alle L. 50.000 non versato e l’eventuale
credito relativo al periodo precedente.

L’acconto non considera il calcolo degli interessi trimestrali.

Acconto IVA Forfait Riepilogativa


Riporta gli importi di imposta a debito e a credito comprensivi dell’eventuale imposta sulle
operazioni effettuate ma non fatturate e delle operazioni effettuate ma non annotate.
La stampa in ufficiale dell’acconto IVA riepilogativo deve essere preceduta dalla stampa in ufficiali
dell’acconto IVA per singole attività.
STRUTTURA
La struttura della maschera è identica a quella proposta nella stampa dell’Acconto IVA forfait (vedi
pag. 207).
Diversamente dalla Stampa Acconto IVA, nell’anagrafica della stampa riepilogativa non
compaiono i campi relativi all’inserimento dell’imposta su operazioni non fatturate e su operazioni
non annotate.

Acconto IVA Forfait Attività


Nella tabella sono riportati gli estremi delle liquidazioni IVA effettuate dall’attività selezionata.

STRUTTURA
La struttura della maschera è identica a quella proposta dalla stampa dell’Acconto IVA forfait (vedi
pag. 207).
Per la gestione della stampa acconto per singole attività è stato introdotto il seguente campo:
Attività associata alla liquidazione: indica l'attività per la quale si desidera avviare la stampa.

E’ necessario avere stampato in ufficiale l’acconto IVA per singola attività prima di procedere alla
stampa in ufficiale l’acconto IVA riepilogativo .
Registro Cronologico
Funzione del menù Stampe che consente di effettuare la stampa del Registro Cronologico della
singola azienda per il periodo di stampa definito

Escludi movimenti IVA: consente di escludere dalla stampa i movimenti registrati con causali di
tipo IVA.

Escludi movimenti di chiusura/apertura contabile: consente di escludere dalla stampa i


movimenti di tipo chiusura/apertura contabile.

SEZIONE PROSPETTO DI RICLASSIFICAZIONE


Accoda: abilitato solo per la Nuova ordinaria professionisti, se selezionato consente di accodare il
prospetto di riclassificazione alla stampa ufficiale del Registro Cronologico.
Tale prospetto indicherà i saldi attivi o passivi per ogni voce di riclassificazione in considerazione
del principio di cassa.

Stampa sintetica: visualizza tutte le voci di riclassificazione associate ad ogni conto di Piano dei
Conti dell'azienda corrente, indipendentemente dal saldo.

Stampa analitica: visualizza tutte le voci di riclassificazione associate ad ogni conto del Piano dei
Conti dell'azienda corrente, dettagliando solo i conti del Piano dei conti per i quali il saldo risulta
essere diverso da zero nel periodo di stampa assegnato.
Registro incassi e Pagamenti

Attiva in caso di contabilità semplificata professionisti.


Qualora venga selezionata l’opzione stampa ufficiale verrà abilitato anche il campo Pagine a
disposizione dove viene riportato il numero delle pagine a disposizione per tale stampa.
Il dato viene memorizzato e modificato automaticamente ad ogni stampa sottraendo il numero delle
pagine stampate.
Con la Stampa ufficiale, ai fini della stampa vengono presi in considerazione, se presenti, i dati
impostati nella tabella Dati di stampa .
La stampa include ai i movimenti di Prima Nota semplice registrati con causali per le quali è stata
selezionata la voce Registro incassi / pagamenti all’interno della scheda Profess..

Registro Incassi
La stampa rispecchia per struttura e caratteristiche la stampa Registro incassi e pagamenti (vedi pag.
209)

Registro Pagamenti
La stampa rispecchia per struttura e caratteristiche la stampa Registro incassi e pagamenti (vedi pag.
209)
Somme non pagate nell'anno

Somme non incassate nell'anno


(vedi stessa struttura della stampa somme non pagate)
CONTROLLO
Permettono un controllo complessivo dei dati inseriti nell’azienda corrente
Brogliaccio di Prima Nota

Visualizza conti di competenza: attiva solo per le aziende di tipo Semplificata Professionisti e
Nuova Ordinaria Professionisti, consente di stampare al di sotto di ogni conto transitorio il relativo
conto di competenza (tale conto si differenzia dai conti transitori perché stampato in corsivo).
Situazione Acconti IVA

La stampa riporta il dettaglio di tutti gli acconti IVA calcolati per le aziende comprese
nell’intervallo richiesto.

FUNZIONAMENTO
In base ai criteri definiti, la procedura crea una stampa all’interno della quale viene indicata la
situazione degli acconti IVA per le aziende considerate.

In coda alla stampa è presente una legenda che descrive i simboli utilizzati per il dettaglio acconti.

Brogliaccio Comunicazione Annuale Dati Iva


Consente di ottenere una stampa che riporta i valori indicati nella comunicazione annuale dati IVA
con riferimento ai vari righi di collegamento per l’elaborazione dati presenti nella Tabella Generale
Codici IVA.

Brogliaccio Dichiarazione IVA annuale

Brogliaccio Dichiarazione IVA Rimborso/Compensazione


Consente di ottenere una stampa che indica i valori che verranno riportati nel modello per la
richiesta di rimborso o per l’utilizzo in compensazione del Credito IVA trimestrale.
Adeguamento nuova aliquota 21%

La Risoluzione n. 96/E del 28/09/2011 dell’Agenzia delle Entrate, a seguito dell’adeguamento


all’aliquota IVA al 21%, ha disposto che il modello relativo alla Richiesta di rimborso
/compensazione gestito per l’anno 2011 non subirà alcuna variazione.
Pertanto, i movimenti registrati nel terzo trimestre 2011 (ossia dal 17/09/2011 al 30/09/2011) con
aliquota al 21% vengono gestiti nel seguente modo:
Operazioni attive (fatture e note variazione clienti): sono comprese nel rigo TA11, riservato alle
operazioni con aliquota al 20% e l’ulteriore 1% deve essere indicato nel rigo TA14, campo 1 e
campo 2.
Operazioni passive (fatture e note variazione fornitori): sono comprese nel rigo TB11 (operazioni
con aliquota al 20%) e l’ulteriore 1% deve essere indicato nel rigo TB13, campo 1 e campo 2.
Per ottemperare alle disposizioni di cui sopra, la procedura prevede l’aggiornamento di tutti i codici
IVA con aliquota al 21%, indicando i medesimi righi presenti ai corrispondenti codici IVA aliquota
20 % nella scheda IVA Rimborso/Compensaz. della tabella Codici IVA.
La procedura inoltre, calcola automaticamente la quota di imposta corrispondente al 1% dell’intera
imposta al 21%, riportandola ai righi TB13 e TB14.

Brogliaccio comunicazione Black List

La procedura, contenuta nel modulo contabilità, viene richiamata dal menu Stampe di controllo –
Stampa brogliaccio comunicazione Black List, prevedere la stampa dei dati relativi alle operazioni
attive e passive effettuate nei confronti di quei soggetti identificati come appartenenti a territori a
fiscalità privilegiata. Tali Dati verranno riportati nel modulo delle dichiarazioni fiscali nella
Comunicazione Black List territori a fiscalità privilegiata – Quadro A, in base al collegamento
previsto.
Situazione Contabile
Tale voce del menu "Stampe/Stampe di controllo" effettua la stampa della situazione contabile della
singola azienda.
ATTENZIONE
Campo “Attività”: la sezione è visibile solo in presenza di multiattività con contabilità separate e
consente di ottenere una situazione contabile che riporti i saldi in ragione dei soli movimenti riferiti
all’attività indicata.

Situazione Contabile Prof. per Cassa


Vedi maschera “Situazione contabile”
Situazione Contabile Prof. per Competenza
Situazione Contabile Forfait

Funzione INTERROGAZIONE CONTO

Tale funzione è attiva sulle seguenti situazioni contabili:


- Situazione contabile;
- Situazione contabile a sezioni contrapposte;
- Situazione contabile Professionisti per competenza;
- Situazione contabile a sezioni contrapposte Professionisti per competenza.

Attiva dall’anteprima di stampa, consente di interrogare i conti con la possibilità di richiamare la


scheda contabile e, conseguentemente, la Prima Nota. Eventuali modifiche apportate a quest’ultima
non vengono automaticamente recepite dall’anteprima di stampa visualizzata che dovrà essere
rieseguita per aggiornarla.
L’interrogazione del conto viene effettuata con doppio clic del mouse sul conto interessato
direttamente dall’anteprima di stampa.
Situazione Somme non Pagate/Incassate
Riporta gli importi relativi ai costi / ricavi non pagati / incassati, suddividendo i gli importi per
conto di costo / ricavo utilizzato in fase di registrazione.

ATTENZIONE
Gli importi vengono calcolati considerando le partite aperte create dai soli movimenti di prima nota
I.V.A.. Non vengono considerate partite assegnate a registrazioni di prima nota semplice.

Situazione Contabile a Sezioni Contrapposte

Cambio sez. importi negativi: permette di indicare nella sezione corretta i conti in base ai loro saldi.
Es.: se il conto Banca conto corrente da definire (sezione conto: Attività) avesse un saldo negativo,
la sua corrispondenza nella stampa sarebbe in AVERE anziché in DARE.
Situazione Contabile a Sez. Contr. Prof. per Cassa

Situazione Contabile a Sez. Contr. Prof. per Competenza

Simulazione Bilancio rettificato


vedi videate relative alle stampe della situazione contabile (vedi pag. 217 )

Simulazione Bilancio rettificato a Sezioni


vedi videate relative alle stampe della situazione a sezioni contrapposte (vedi pag. 223)
Estratto Conto a Ripresa di Saldo
Esegue la stampa del conto in base alle specifiche imputate nei campi . La stampa riprende il saldo
del conto dalla data dell’ultima chiusura contabile a quella indicata.

Estratto Conto a Partite


Raggruppa i movimenti per partite, riportando per ognuna di esse i movimenti con i relativi saldi
dei conti utilizzati fino al periodo indicato nell’apposito campo.
Certificazioni da ricevere
La stampa, abilitata solo per le contabilità di tipo Semplificata Professionisti e Ordinaria
Professionisti, consente di eseguire una stampa delle certificazioni da ricevere per ogni sostituto
dove verranno elencate le fatture in ragione delle quote effettivamente incassate.

TIPO DI STAMPA
Stampa analitica: la stampa visualizza gli incassi suddivisi per ogni cliente raggruppandoli
in base al numero documento
Stampa sintetica: la stampa visualizza gli incassi raggruppati per ogni cliente
Scadenzario

Data di Riferimento -: A partire dalla data indicata, la procedura è in grado di definire come
considerare le scadenze delle fatture comprese nel periodo. Gli importi vengono distinti in:
- In Scadenza: tutti gli importi con data uguale alla data di riferimento;
- Scaduto: tutti gli importi con data anteriore alla data di riferimento;
- A Scadere: tutti gli importi con data posteriore alla data di riferimento.
Es.: Visualizzo la fattura n. 1 con scadenza al 30/05/1999. Stabilisco “Data di
Riferimento” al 15/06/1999.
Tale fattura viene indicata tra gli importi A Scadere perché la data di scadenza è
anteriore alla data di riferimento.
Se per la stessa scadenza stabilissi “Data di Riferimento” al 20/05/1999 l’importo relativo ad essa
verrebbe indicato tra gli Scaduti.

Scadenze aperte
Consente di verificare il saldo di fatture relative a clienti o fornitori non ancora incassati o pagati
registrate con movimenti di Prima Nota IVA.
La stampa mostra gli importi delle fatture risultanti ancora aperti per i seguenti motivi:
 non sono ancora stati pagati;
 sono stati pagati con causali di tipo NORMALE che non gestiscono le scadenze.
Filtri

Tipo pagamento: consente di visualizzare una stampa delle scadenze aperte in base al codice di
pagamento prescelto.
Modalità pagamento: consente di visualizzare in stampa le scadenze aperte che si riferiscono a
fatture registrate con la modalità di pagamento indicata.

Se indicato sia il Tipo Pagamento, sia la Modalità Pagamento la stampa visualizza le scadenze
aperte che soddisfano entrambe le condizioni specificate.

Corrispettivi
La stampa permette di visualizzare tutti i movimenti registrati sul registro corrispettivi con la
possibilità di “filtrare” solo quelli che vengono esportati nella procedura dell’“Invio Clienti
Fornitori-Corrispettivi” per i contribuenti minimi in regime di franchigia
Classificazione Fiscale
La funzione permette la stampa dei Totali contabili/fiscali di ciascuna classe/conto a seconda
dell’opzione selezionata.

Le opzioni disponibili sono:


- Totali contabili per classe : selezionando questa opzione la stampa evidenzia il totale contabile
di ciascuna classe fiscale;
- Totali contabili per classe con dettaglio conti: selezionando questa opzione la stampa evidenzia
il Valore contabile di ciascuno conto collegato alla classe fiscale;
- Totali per conto con dettaglio rigo: selezionando questa opzione la stampa evidenzia il valore
sia contabile che fiscale di ciascun conto per il quale è previsto un collegamento con le
Dichiarazioni Fiscali.
Nella stampa viene, inoltre, evidenziato anche il codice di collegamento;
- Totali per rigo con dettaglio conti: selezionando questa opzione la stampa evidenzia il valore sia
contabile che fiscale dei conti collegati ordinati per rigo di collegamento con le Dichiarazioni
Fiscali.)
- Verifica allineamento piano dei conti: all’apertura della stampa, la procedura controlla che
sia stato effettuato l’ allineamento del piano dei conti all’ ultima versione in cui risultano
eseguite modifiche al collegamento tra conti e classi fiscali e, qualora tale allineamento non sia
stato eseguito, si visualizza il seguente messaggio d’ avviso:
- “Attenzione! Non risulta eseguito l’ Allineamento Classi Fiscali all’ ultima versione
disponibile; prima di procedere con la stampa si consiglia di eseguire tale operazione.”

Situazione fiscale
Tale stampa consente di ottenere, sulla base delle Classi Fiscali, una situazione contabile dal punto
di vista fiscale, con la rideterminazione del risultato d‘esercizio ai fini delle imposte dirette e con
indicazione dei costi non deducibili e variazione in aumento e diminuzione.

Per eseguire la stampa è necessario compilare i campi riportati di seguito:


Sezione Aziende
Inserire nei campi Da azienda/A azienda il codice/i delle aziende di cui si desidera stampare. Il
programma propone in automatico l’azienda corrente. E’ attiva la funzione di aiuto per la ricerca
delle aziende della cartella corrente;
Sezione Periodo
Da data/A data: indicare il periodo in relazione al quale si desidera stampare. E’ attiva la funzione
di aiuto;
Anno fiscale: indicare l’anno al quale si riferiscono le classi fiscali che si desidera stampare.

Sezione Tributo
Tipo: selezionare il tipo di tributo che si desidera visualizzare in stampa. Sono disponibili le
seguenti opzioni:
• Classi IRPEF/IRES
• Classi IRAP art.5 - bis
• Classi IRAP art.5
• Tutti
Sezione Opzioni di stampa
Considera conti non collegati: se il flag è attivo vengono riportati i conti non collegati a una
classe fiscale o collegati alla classe “00-nulla” insieme a tutti i conti la cui classe fiscale prevede
un rigo di collegamento.
Se il flag non è attivo, i conti vengono invece riportati non collegati a una classe fiscale o
collegati alla classe “00-nulla”
Excel: consente di esportare tutte le stampe disponibili nella classificazione fiscale in formato
Excel tramite l’utilizzo delle Stampe personalizzate.
Stampa sezione ritenute subite
In coda alla stampa è previstala la sezione denominata "Ritenute subite" nella quale viene
riportato il VALORE CONTABILE delle ritenute subite, in particolare:
- per le IMPRESE l’importo dei conti patrimoniali associati alla Classe fiscale IA131 e IA132
- per i PROFESSIONISTI l’importo dei conti patrimoniali associati alla Classe fiscale PA010
Se è presente la sezione dei conti non collegati, la sezione relativa alle ritenute deve viene
accodata a quest' ultima.
In fase di stampa (e nel file Excel) si visualizzano in grassetto tutte le righe la cui nota non
corrisponde alla descrizione della classe fiscale, quindi:
- conto non collegato
- conto collegato a classe nulla
- conto senza rigo di collegamento alla dichiarazione

Verifica allineamento piano dei conti: all’apertura della stampa, la procedura controlla che sia
stato effettuato l’ allineamento del piano dei conti all’ ultima versione in cui risultano eseguite
modifiche al collegamento tra conti e classi fiscali e, qualora tale allineamento non sia stato
eseguito, si visualizza il seguente messaggio d’ avviso:
“Attenzione! Non risulta eseguito l’ Allineamento Classi Fiscali all’ ultima versione disponibile;
prima di procedere con la stampa si consiglia di eseguire tale operazione.”

Allineamento piano dei conti


- La funzione è richiamabile dal menù Stampe di Controllo e permette un controllo sullo stato del
collegamento (Conti/Classi Fiscali) effettuato con la procedura di Allineamento Piano dei Conti

Tipo stampa:
- Solo conti collegati (vengono stampati solo i conti che prevedono un rigo di collegamento con
le dichiarazioni fiscali nella Scheda Collegamento Dichiarazioni della tabella Piano dei Conti);
- Solo conti non collegati (vengono stampati solo i conti che non prevedono un rigo di
collegamento con le dichiarazioni fiscali nella Scheda Collegamento Dichiarazioni della tabella
Piano dei Conti);
- Classificazione e conti collegati (vengono stampati tutti i conti riclassificati e collegati);
Tipo di classificazione (vengono stampati per ciascun conto il tipo di classe)
Tipo di conti
Le stampe di controllo prevedono la possibilità, selezionando la casella di interesse nella “Sezione
Movimenti Provvisori”, di considerare soltanto o anche i movimenti registrati con codice
provvisorio)

Stampa Riclassificazione Piano dei conti


La funzione è richiamabile dal menu Stampe di Controllo e consente di visualizzare l’associazione
esistente tra voci di riclassificazione e conti del Piano dei conti relativi al gruppo dell’ azienda
corrente.

Nota Bene
La stampa è abilitata solo per la Nuova Ordinaria Professionisti.

Tipo di stampa
 Solo conti riclassificati: selezionando questa opzione vengono stampati solo i conti che
risultano associati ad un codice di riclassificazione nella Scheda Riclassificazione della
tabella Piano dei Conti;
 Solo conti non riclassificati: selezionando questa opzione vengono stampati solo i conti
che non risultano associati ad un codice di riclassificazione nella Scheda Riclassificazione
della tabella Piano dei Conti .
Opzioni
 Per Conto: Visualizza tutti i conti del Piano dei Conti, con l’indicazione per ciascun conto
del codice di riclassificazione ad esso associato;
 Per Voce di Riclassificazione: Visualizza le voci di riclassificazione con il dettaglio per
ognuna di tutti i conti di Piano dei Conti ad esse associati;
 Evidenzia solo conti movimentati: abilitato solo se selezionata l’opzione “per voce di
riclassificazione”, consente di visualizzare solo i conti riclassificati per i quali è stata
modificata la descrizione.
Tipo di conti
 Tutti i conti del Piano dei conti;
 Solo conti Patrimoniali;
 Solo Conti Economici;
Stampa Ripartizione centri di costo
Tale funzione consente di visualizzare le ripartizioni dei conti in più centri di costo, presenti nella
Tabella Ripartizioni centri di costo.

FUNZIONAMENTO
I dati verranno esposti in considerazione delle opzioni di stampa selezionate:
 Stampa per centri di costo: la stampa visualizza il saldo dei conti raggruppato per
 centro di costo;
 Stampa per conto: la stampa visualizza il saldo per raggruppamento di conto
 Stampa per centro di costo e conto: la stampa visualizza il saldo dei conti raggruppato per
centro di costo. Tale importo verrà a sua volta esposto ripartito per conto di riferimento

ATTENZIONE
La voce “Stampa totale percentuale di ripartizione” si abilita solo selezionando l’opzione
“Stampa per centro di costo e conto” e consente di visualizzare la percentuale in cui
l’ammontare di un conto collegato ad un centro di costo “base” è stato ripartito in più centri
di costo.

 Stampa per centro di costo di destinazione: la stampa visualizza l’ammontare dei conti
raggruppati per centri di costo definiti dopo l’esecuzione della funzione Ripartizione centri
di costo.

Stampa Estratto conto centri di costo


Riporta i movimenti presenti nella tabella Movimenti Centri di costo, in funzione agli intervalli di
ricerca indicati negli appositi campi.

NOTA BENE
Opzione “Confronta con saldo contabile”: selezionando l’opzione, la stampa visualizzerà il saldo
contabile del conto indipendentemente dalla gestione dei centri di costo,in considerazione di tutte le
operazioni nelle quali è stato movimentato a Prima Nota.
Tale valore verrà confrontato con il saldo del conto, considerati i soli movimenti nei quali il conto
medesimo è abbinato ad un centro di costo.
Situazione Contabile per Centro di costo/Commesse
Tale funzione riporta i dati presenti nella tabella Movimenti centri di costo elaborati attraverso la
visualizzazione di una stampa simile ad una situazione contabile a sezioni contrapposte.

In base ai filtri di visualizzazione impostati saranno elaborati i dati relativi ad un singolo centro di
costo, ad una singola commessa o ad un centro di costo/commessa.

ATTENZIONE
Nel caso venga selezionata l’opzione “Considera ripartizioni”, in fase di stampa verranno calcolati
gli importi nelle percentuali previste per il centro di costo selezionato, considerate le ripartizioni
effettuate attraverso la funzione Ripartizione Multipla Centri di costo.

Stampa Movimenti centri di costo


Riporta i movimenti relativi ai centri di costo che sono presenti nella tabella Movimenti centri di
costo; tali movimenti sono visualizzati in ordine di data di registrazione, in considerazioni degli
intervalli di visualizzazione attribuiti nei campi disponibile nella maschera.

Stampa Budget
Consente di ottenere l’elaborazione dei dati relativi alla gestione del budget all’interno dell’azienda
corrente.
La maschera raggruppa due opzioni di stampa:
 Analisi budget / consuntivo di periodo
 Raffronto consuntivo / budget

ANALISI BUDGET / CONSUNTIVO DI PERIODO


Riporta solo gli importi a budget raffrontando l’importo a consuntivo esposto sia
come importo per differenza sia in percentuale.
ATTENZIONE
Se nel campo “Conto” si effettua la ricerca con apposito bottone, vengono visualizzati solo i conti
abilitati per la gestione dei centri di costo. Inserendo nel campo il conto manualmente è possibile
indicare qualsiasi conto del Piano dei conti, indipendentemente dalla sua abilitazione alla gestione
dei centri di costo.
RAFFRONTO CONSUNTIVO / BUDGET
Riporta tutti gli importi a consuntivo raffrontando l’importo previsto a budget sia
come importo per differenza sia in percentuale.
ATTENZIONE
Se nel campo “Conto” si effettua la ricerca con apposito bottone, vengono visualizzati solo i conti
abilitati per la gestione dei centri di costo. Inserendo nel campo il conto manualmente è possibile
indicare qualsiasi conto del Piano dei conti, indipendentemente dalla sua abilitazione alla gestione
dei centri di costo.

Stampa Brogliaccio IVA MOSS


La stampa del Brogliaccio IVA MOSS consente di identificare i dati da riportare nella
Dichiarazione IVA MOSS visualizzando per ogni trimestre il totale dell’imponibile e la relativa
imposta suddivisi per Nazione e codice/aliquota IVA .
Tramite l’opzione “Dettaglio movimenti” è possibile visualizzare anche i dettagli dei singoli
movimenti di Prima Nota.
TABELLE

Elenco clienti e fornitori


La stampa dell’elenco clienti/fornitori è in grado di visualizzare tutti i nominativi presenti nella
azienda e di filtrarli in base all’ abilitazione a clienti/fornitori relativi, al fine di procedere al
controllo di correttezza della Partita IVA e del Codice Fiscale per il successivo invio telematico
dell’ elenco clienti/fornitori.

Piano dei conti


La tabella consente di visualizzare il piano dei conti presente nell’azienda corrente. La
visualizzazione può variare in funzione delle opzioni selezionate. Nel caso in cui non si selezioni
l’opzione Filtri attivi per l’azienda in uso, la procedura visualizza l’intero piano dei conti attivo nel
gruppo. Selezionando l’opzione, la visualizzazione è limitata alle voci abilitate nell’azienda
corrente in base alle caratteristiche imputate all’interno della scheda Azienda dei Parametri (vedi
pag. 104)
Causali contabili
Funzione che consente di effettuare la stampa di tutte le causali contenute nella tabella Causali .
E' possibile impostare delle selezioni che consentono di mirare la ricerca dei dati, riducendone la
quantità di informazioni da stampare.
Le caselle di selezione coincidono con le tipologie di causali imputabili nella tabella Causali.
E' possibile selezionarle totalmente con il bottone Seleziona tutto, oppure singolarmente tramite
l'apposita casella.

Dati plafond
Attraverso questa stampa vengono riepilogate le movimentazioni del plafond, prelevandole dalla
tabella Dati plafond
Codici IVA
Consente di effettuare la stampa di tutti i codici IVA contenuti nella tabella Codici IVA.
E' possibile impostare delle selezioni che consentono di mirare la ricerca dei dati, riducendo la
quantità di informazioni da stampare.
Le caselle di selezione sono inerenti il tipo di IVA imputabile nella tabella dei Codici IVA e sono le
seguenti:

- Imponibile
- Escluso
- Esente
- Non imponibile
- Agenzie di viaggio ex art. 74 ter

L’opzione “Collegamenti Dichiarazioni” permette di riportare l’indicazione dei righi di


collegamenti tra la dichiarazione IVA e i codici IVA.

L’opzione “Commento fiscale” permette di indicare il commento fiscale definito nella tabella dei
Codici IVA relativamente a ciascun codice IVA.
Classi Fiscali
Permette la stampa delle Classi Fiscali .

Per eseguire la stampa è necessario compilare i seguenti campi:

- Tutte le classi: selezionando questa opzione la stampa, suddivisa per codice e descrizione,
evidenzia per ciascuna classe il tipo: I = Impresa, P = Professionista, E = Entrambi;
- Solo classi professionisti: selezionando questa opzione si ottiene la stampa delle classi
riferite ai professionisti;
- Solo Classi Imprese: selezionando questa opzione si ottiene la stampa delle classi riferite
all’Impresa;
- Solo Classi Impresa IRAP art.5 bis: selezionando questa opzione, valida solo per le imprese,
si ottiene la stampa delle classi IRAP per la determinazione della base imponibile in base all’art.5
bis riferite solo alle imprese .
- Solo Classi Impresa IRAP art.5: selezionando questa opzione, valida solo per le imprese, si
ottiene la stampa delle classi IRAP per la determinazione della base imponibile in base all’art.5.

- Solo Classi Imprese – SDS: se selezionata, tale opzione consente di stampare le classi fiscali
relative agli SDS per le imprese
- Solo Classi imprese – Parametri: se selezionata, tale opzione consente di stampare le classi
fiscali relative ai Parametri per le imprese

Dettaglio Rigo: selezionando questa opzione la stampa evidenzia per ciascuna classe la tipologia di
soggetto con i relativi righi di destinazione

Commento Fiscale: selezionando questa opzione la stampa riporta per ciascuna classe il commento
fiscale.
UTILITÀ

Numerazione libri bollati


Questa stampa consente di numerare i libri bollati.
In alternativa, i libri possono essere numerati direttamente eseguendo la relativa stampa ufficiale.
E’ necessario specificare la numerazione iniziale e finale da assegnare; è possibile aggiungere un
prefisso da riportare sulla pagina del giornale.
Stampa Situazione Registri
Questa stampa consente all’utente di ottenere una situazione dei registri/libri utilizzati per le
aziende selezionate
La maschera si divide in due sezioni:
Sezione aziende dove indicare il codice delle aziende per le quali si vuole ottenere la stampa
Sezione ordinamento che permette di ordinare i registri in base ai campi selezionati (codice –
descrizione)

Stampa Elenco Aziende


Mostra un elenco di tutte le aziende contenute nella cartella corrente, con la possibilità di porre dei
filtri (vedi Filtri di visualizzazione) e di visualizzare i parametri fondamentali di ciascuna azienda.

Stampa Collegamenti Cespiti

Tale funzione permette di ottenere una stampa che consente di verificare la presenza di movimenti a Prima
Nota per i quali non esiste la relativa anagrafica cespiti.
La stampa è abilitata:

 Se l’azienda risulta aperta;

 Se per l’azienda risulta essere stata effettuata la conversione cespiti;

 Se la licenza d’uso prevede la gestione del modulo cespiti;

 per tutte le tipologie di contabilità, fatta eccezione delle contabilità forfetaria imprese e forfetaria
professionisti.

SEZIONE PERIODO E NUMERO DEL MOVIMENTO

Specificare il periodo di riferimento (Da data/A data) e quali movimenti considerare (Da movimento/A
movimento).Nel caso si stabiliscano determinati numeri di movimento non è indispensabile, ai fini della
stampa, definire anche il periodo.

SEZIONE VISUALIZZA

Movimenti scollegati= visualizza tutti i movimenti per i quali non esiste un collegamento a nessuna
anagrafica cespite;

Movimenti parzialmente collegati= visualizza tutti i movimenti per i quali esiste almeno un cespite collegato,
verificando che l’imponibile della fattura sia maggiore della sommatoria del costo storico di tutti i cespiti
collegati al medesimo movimento di prima nota.

Entrambi= visualizza i movimenti scollegati e i movimenti parzialmente collegati

La stampa elaborata considera le registrazioni contabili effettuate con causali sulle quali risulta selezionata
l’opzione “Gestione Cespiti”, di tipo:

 IVA NORMALE
 IVA CEE/REVERSE CHARGE

 FATTURA FORNITORE (PROF.)

 IVA CEE/REVERSE CHARGE (PROF.)

STATISTICHE

Fatturato Clienti
Espone, in ordine decrescente, il fatturato clienti.

Fatturato Fornitori
Espone in ordine decrescente il fatturato fornitori
MULTIPLE

Sono stampe non ufficiali, previste dal modulo contabilità, che offrono la possibilità di effettuare, in
un solo passaggio, controlli ad ampio raggio riferiti a più aziende; questo mediante utilizzo delle
funzioni di stampa disponibili per singole aziende.
Devono essere specificati gli eventuali codici di aziende da inglobare nella stampa e, in base al tipo
di selezione che viene effettuata sono anche previsti dei parametri opzionali che consentono di
filtrare le informazioni da stampare.
Es.: per la stampa del libro IVA, con le scelte opzionali, è possibile indicare quale registro IVA
stampare, il periodo da stampare, un maggior o minor dettaglio (utile per alcuni registri).
LIBRO INVENTARI
La funzione, consente di effettuare la stampa del Libro Inventari della singola azienda.

FUNZIONAMENTO
Periodo: definire il periodo di stampa desiderato. Nel campo “Da data” viene proposta in
automatico data successiva all’ ultima chiusura contabile; nel campo “a data” viene proposta invece
la data di sistema.
Elenco Stampe
Situazione contabile: se selezionato, attiva le ulteriori opzioni “Solo conti economici” e “Solo conti
patrimoniali”; la stampa viene eseguita solo per i conti movimentati con saldo diverso da zero.
Conto d’ordine: tale opzione consente di stampare le schede contabili di tutti i conti di tipo CONTI
D’ORDINE.
Schede contabili: consente di stampare le schede di tutti i conti movimentabili che hanno
selezionato l’ opzione “Dettaglio su Libro Inventari”.
Elenco clienti/fornitori: permette di stampare il dettaglio dei conti relativi ai clienti e fornitori
movimentati in prima nota
Libro Cespiti: se selezionato, consente di stampare il Libro Cespiti di tipo Analitico.

Opzioni
Stampa numerazione pagine: selezionando tale opzione, si attivano i campi “Pagine stampate” e
“Anno di stampa” presenti nella sezione “Contatori di pagina”
Stampa intestazione azienda: se selezionato, permette di riportare all’ inizio di ogni pagina di cui
si compone la stampa, la denominazione/Cognome e Nome dell’ azienda e i relativi Partita
IVA/Codice Fiscale.
Solo Conti economici: tale opzione risulta abilitata se viene selezionata la scelta Situazione
contabile nell’Elenco stampe. Se selezionata, la situazione contabile risulta composta solo dal conto
economico; viceversa la stampa si compone di stato patrimoniale e conto economico.
Solo conti patrimoniali: se viene selezionata tale opzione, la situazione contabile risulta costituita
solo dai conti di tipo ATTIVITA' - PASSIVITA' e CONTI D' ORDINE.
Le opzioni Solo conti economici e Solo conti patrimoniali sono tra loro alternative
Contatori di pagina
Indica i numero di pagine stampate e l’anno a cui si riferisce la stampa
ATTENZIONE: per scegliere l’ordinamento di stampa delle diverse opzioni occorre cliccare sulle
frecce poste alla destra della sezione Elenco Stampe

PERSONALIZZATE

Le stampe personalizzate consentono di ottenere documentazioni più dettagliate in base alle


esigenze dell’utente. Con questa funzione, l'utente può elaborare i propri archivi ed ottenere una
stampa che riporti solo le informazioni di proprio interesse, ottenendo "tabulati personalizzati".
La creazione delle liste di dati avviene attraverso la scelta dei campi da visualizzare e
l’impostazione di filtri di ricerca (vedi pag. 16), i quali variano in funzione della stampa che si
desidera ottenere.
Per creare una stampa relativa all’anagrafica di tutti i fornitori che risiedono nel Comune di Milano
è necessario:
1) Selezionare dai Dati Disponibili la cartella Fornitori all’interno della quale si trova la
sottocartella “Nuova Lista”;
2) Cliccare su “Nuova Lista”: compare la maschera che permette la costruzione della stampa.
Tale maschera è posizionata di default sulla sezione “Selezione Campi”. Essa permette di
estrapolare i valori base che consentono una corretta costruzione della stampa in base alle
proprie esigenze. E’ necessario selezionare i dati contenuti nelle cartelle dei Campi
Disponibili al fine di trasportarli in Campi Selezionati.
Es.: Apro la cartella Fornitori e seleziono i seguenti dati: Cod. Fornitore;
Descrizione;
Indirizzo;
Città.
Dalla Cartella Piano dei Conti seleziono il codice conto.
In Campi Selezionati ottengo i seguenti valori: Fornitore\Codice Fornitore
Fornitore\Descrizione
………………………
Piano dei Conti\Codice Conto.
3) La sezione “Condizioni” permette di filtrare i dati selezionati in Selezione Campi, ottenendo
soltanto la visualizzazione dei valori ai quali appartengono determinate caratteristiche:
Es.: In Selezione Campi avevo richiesto la visualizzazione di tutti Fornitori a prescindere dalle loro
caratteristiche. Per ottenere la sola visualizzazione dei Fornitori di Milano è necessario
selezionare dalla sezione Condizioni la Tavola sulla quale applicare il filtro. Nel caso in
questione scelgo “Fornitori”.
Premo il bottone “Modifica Filtro” e, dopo avere definito la volontà di visualizzare esclusivamente i
Fornitori di Milano, confermo e ritorno alla maschera delle Liste Personalizzate.
4) E’ possibile ordinare i dati richiesti attraverso la sezione “Ordinamento” che permette di
ottenere un ordinamento ascendente o discendente del valore selezionato.
Es.: Al fine di ottenere un ordinamento alfabetico ascendente dei fornitori per descrizione è
necessario aprire la cartella Fornitori dai Campi Disponibili, selezionare la voce e trasportare
la voce Descrizione in Campi Selezionati.
Da Campi Selezionati bisogna selezionare tale voce al fine di abilitare l’Ordinamento all’interno del
quale porre la selezione su Ascendente.
5) La sezione “Opzioni” permette di visualizzare in stampa tutto il risultato della costruzione
ottenuta nel caso in cui si ponga la selezione sul campo Tutte delle Righe Selezionate.
Selezionando Prime e stabilendo un valore di visualizzazione, la procedura consente di
visualizzare solo parte della costruzione effettuata.
6) Il risultato di tale elaborazione viene fornito su un foglio elettronico fornito da Wolters
Kluwer, pienamente compatibile con Excel offrendo la possibilità di eseguire qualsiasi
formula o grafico sui dati dell’utente.
7) Una volta visualizzato o stampato il risultato, l’utente può salvare la lista in tale forma,
attribuendole un titolo e premendo Salva, o modificarla a proprio piacimento.

Utilizzo delle Liste Personalizzate


Dopo aver selezionato del menù stampe la voce “Stampe personalizzate” verrà visualizzata una
maschera contenente tutte le tabelle disponibili. Per ogni tabella sarà possibile richiamare, con un
semplice doppio click del mouse, una lista precedentemente salvata, o crearne una nuova cliccando
sull’icona Nuova Lista.
Selezionando la lista (nuova o preesistente), verrà visualizzata un maschera che contiene, nel
riquadro ‘campi disponibili’ tutte le tabelle e i campi collegati alla tabella selezionata in precedenza.
Ad esempio aprendo una lista relativa ai nominativi verranno visualizzate anche le tabelle relative al
piano dei conti, ai codici I.V.A., alle provincie, etc.

Una volta selezionati i campi (premendo sul tasto > o facendo doppio click sul nome del campo)
sarà possibile stabilire delle condizioni di ricerca utilizzando gli operatori logici disponibili nella
seconda pagina.

E’ possibile inoltre specificare un criterio di ordinamento per i campi selezionati e stabilire quanti
dati dovranno essere estratti.
Una volta completata l’impostazione della lista sarà sufficiente premere ‘Mostra dati’ per
visualizzare le informazioni così come impostate.
Al termine della visualizzazione sarà possibile salvare la lista utilizzando il pulsante ‘Salva’ oppure
‘Salva col nome’ se si stava modificando una lista preesistente.
Le liste salvate verranno visualizzate all’interno delle tabelle presenti nella prima maschera di avvio
Liste personalizzate

NUOVA GESTIONE STAMPE


La nuova GESTIONE STAMPE è richiamabile sul ribbon, dal menu Stampa/nuova gestione
stampe, ovvero dal tasto ad accesso diretto, posto sempre sul ribbon. Tale gestione verrà alimentata
da nuove stampe o da quelle già presenti nel normale menu stampe nel corso dei vari aggiornamenti
del programma. Accedendo alla funzione si presenta la seguente maschera.
Non impostando alcuna scelta nei campi Nome Gruppo e Nome Stampa, vengono visualizzate tutte
le stampe disponibili.
Per selezionare le varie stampe presenti occorre impostare nella sezione Criteri di Ricerca il nome
del gruppo (stampe di controllo, stampe ufficiali) ed eventualmente il nome della stampa da
richiamare.
Per le stampe già presenti nella vecchia gestione, si rinvia al commento ivi presente. Di seguito il
commento delle funzioni di stampa rilasciate esclusivamente all’interno della nuova gestione:

STAMPE DI CONTROLLO

Stampa Brogliaccio Black List


La procedura prevede la stampa dei dati relativi alle operazioni attive e passive effettuate nei
confronti di quei soggetti identificati come appartenenti a territori a fiscalità privilegiata. Tali Dati
verranno riportati nel modulo delle dichiarazioni fiscali nella Comunicazione Black List territori a
fiscalità privilegiata – Quadro A, in base al collegamento previsto.

Accedendo alla funzione si presenta la seguente maschera:


Aziende: da Azienda…ad Azienda: indicare l’intervallo di aziende per cui effettuare la stampa
Filtro aziende: è possibile attivare dei filtri di selezione per le aziende in archivio
Dettaglio movimenti: vengono stampati anche tutti i movimenti di Prima Nota che sono stati
considerati ai fini del riporto nella comunicazione Black List
Periodo: indicare nei campi anno e periodicità rispettivamente l’anno e il periodo (mese/trimestre)
relativamente al quale effettuare la stampa dei dati
Ordinamento: scegliere l’ordinamento per codice o per descrizione

Condizioni verificate dalla procedura


 Congruenza dei codici azienda selezionati: se non è selezionata nessuna azienda si
visualizza un messaggio di avviso che chiede la conferma dell’elaborazione totale.
“Stampare il brogliaccio per tutte le aziende?”
 Presenza dell’anno di elaborazione, in assenza del quale appare il messaggio di avviso,
bloccante “Inserire l’anno da stampare”.
 Se non è indicata l’ azienda di inizio si visualizza il seguente messaggio bloccante:
“Inserire anche il codice azienda iniziale/finale”
 Se indicato un codice azienda inesistente in uno dei due campi appare il messaggio
bloccante: “Il codice azienda iniziale/finale è inesistente o non è congruente con il tipo di
archivio impostato”
MENU SERVIZI

ARCHIVI (SERVIZI)
Contiene le funzioni necessarie per eseguire operazioni relative al controllo ed alla definizione della
struttura riguardante l’archivio corrente.
Controllo dei Dati
Esegue un controllo sui valori presenti nell’archivio dell’azienda corrente per verificare la
congruenza dei dati. Si consiglia di effettuare tale controllo periodicamente al fine di constatare la
presenza di anomalie non diversamente riscontrabili. La procedura effettua analisi approfondite
sulle seguenti voci:
Prima Nota
Piano dei Conti
Partite
Scadenze
Pagamenti / Incassi
Clienti / Fornitori;
L’utente, a sua discrezione, può determinare i controlli da effettuare. Terminata l’elaborazione
richiesta, è possibile visualizzare il risultato accedendo al file di testo creato dalla procedura. In
base a quanto elencato è possibile apportare le modifiche del caso.

Esportazione archivi cartella

Attraverso questa funzione, richiamabile dal menù Servizi, l’utente ha la possibilità di esportare il
contenuto di una cartella su file.
Per avviare l’esportazione degli archivi è stata predisposta una sequenza di maschere che aiutano
l’utente, attraverso determinate scelte, a compiere l’operazione.
Terminata l’elaborazione il programma visualizza un messaggio relativo all’esito dell’esportazione.
ATTENZIONE
E’ inibita l’esportazione delle aziende e dei gruppi DEMO forniti da Wolters Kluwer.

A partire dalla vers.10.7 è possibile procedere all’esportazione anche della singola azienda e non
necessariamente dell’intera cartella

Nota Bene

Per quanto riguarda l'esportazione da SQL la funzione crea un unico database denominato come la
cartella oggetto di export e con estensione .sdf (es. prova.sdf ) contenente la/e azienda/e
selezionate in fase di esportazione.

Importazione archivi cartella


Attraverso questa funzione l’utente ha la possibilità di importare un’intera cartella da un file
generato con la procedura di esportazione.
Per avviare l’importazione degli archivi è stata predisposta una sequenza di maschere che aiutano
l’utente, attraverso determinate scelte, a compiere l’operazione.
Terminata l’elaborazione il programma visualizza l’esito dell’importazione.
Nota Bene
Per quanto riguarda l'esportazione da SQL la funzione crea un unico database denominato come la
cartella oggetto di export e con estensione .sdf (es. prova.sdf ) contenente la/e azienda/e selezionate
in fase di esportazione.
Collegamento Sistema Impresa

Consente di effettuare il trasferimento delle anagrafiche clienti\fornitori e dei movimenti contabili


dal Sistema Impresa Artel al Sistema Professionisti.

La funzione è utilizzabile solo per le contabilità di tipo ordinaria imprese ed e’ attiva se risulta
aperta un’ azienda avente queste caratteristiche

Collegamento Sistema Paghe

Consente di indicare il percorso contenente il file per l’importazione dei dati all’interno del campo
PERCORSO FILE.
Quindi compilare la sezione "Causale e giorno registrazione": i dati della sezione sono proposti in
automatico se indicati nei Parametri.

Duplicazione Codici Collegamento Paghe

Consente di riportare da un’azienda in cui sono già stati inseriti all’azienda corrente i contenuti
della tabella Collegamento Sistema Paghe, al fine di evitare l’imputazione manuale di eventuali
collegamenti qualifiche/conti uguali già precedentemente caricati.
E’ possibile copiare i dati solo da aziende che appartengono al medesimo gruppo

Conversione Professionisti
La funzione consente di convertire le aziende di tipo Ordinaria professionisti in Nuova ordinaria
professionisti creando una nuovo archivio in cui verrà gestito il principio di cassa e competenza
come attualmente avviene per la contabilità semplificata professionisti.

ATTENZIONE
Un’azienda convertita avrà due database distinti:
 WE (codice azienda Ordinaria Professionisti).mdb
 WE (codice azienda Nuova Ordinaria Professionisti).mdb

La funzione è strutturata da una sequenza di maschere che facilitano l’operato attraverso scelte
guidate.
OPERAZIONI SUI MOVIMENTI (SERVIZI)
Contiene le funzioni necessarie alla ridefinizione e riorganizzazione dei movimenti contabili
registrati a Prima Nota.

Cancellazione Movimenti Contabili


Consente l’eliminazione di movimenti contabili registrati in precedenza; se selezionata l’apposita
opzione consente anche l’ eliminazione automatica dei movimenti provvisori e dei movimenti centri
di costo collegati.

Cancellazione Movimenti Provvisori

Consente di eliminare quei movimenti inseriti nella contabilità come provvisori e che non hanno
avuto la conferma per essere definiti come ufficiali; se selezionata l’ apposita opzione consente la
cancellazione automatica dei movimenti centri di costo collegati.
Gestione Titolari Partita IVA
Aggiornamento Movimenti Contabili

Consente di aggiornare la maschera “Informazioni Supplementari” della Prima Nota impostando o


deselezionando l’opzione “Titolare P. IVA, L. 350/2004, ex art. 2, c. 10, lettera i”.

La procedura viene applicata ai movimenti registrati con le causali di tipo:

IVA Normale (Fattura Cliente – Nota di credito cliente)


Parcella Professionisti Vendita Prof. (Fattura Cliente – Nota di credito cliente)
Nota Credito cliente in conto fattura
Nota Credito cliente in conto fattura (Prof)

Aggiornamento Anagrafica Clienti


La funzione consente di aggiornare l’opzione “Titolare P. IVA, L. 350/2003, ex art. 2, c. 10, lettera
i”, presente nella tabella nominativi - scheda cliente.
L’aggiornamento viene eseguito su tutte le anagrafiche dei nominativi abilitate come clienti
indipendentemente dalla compilazione del campo Partita IVA.

Conferma Movimenti Provvisori

Permette di rendere definitivi quei movimenti che, in fase di registrazione in Prima Nota, erano stati
impostati come provvisori, avendone compilato il campo Provvisorio;
Riorganizzazione movimenti IVA

La riorganizzazione movimenti I.V.A. è una procedura che effettua la riorganizzazione dei


protocolli I.V.A.. La procedura di Riorganizzazione movimenti I.V.A. riorganizza i protocolli
I.V.A. dell’azienda corrente, ordinando i movimenti per i seguenti campi:
- Data registrazione;
- Data documento;
- Numero documento;
- Numero movimento.
Aggiornamento Filiale movimenti

La funzione consente di aggiornare il codice filiale sui movimenti già presenti in archivio.

Viene visualizzata una griglia contenente tutti i movimenti interessati, in funzione dei parametri

prescelti. I movimenti visualizzati sono solo quelli registrati con causale di tipo IVA che non hanno

il codice filiale. La visualizzazione dei movimenti può essere filtrata per data registrazione, per

numero movimento e per codice attività

AGGIORNAMENTO FATTURE DA CORRISPETTIVI/FATTURE OVER


3000

La presente funzione, richiamabile dal menu sevizi/operazioni sui movimenti, consente di


aggiornare i dati inseriti nella maschera “Fatture da corrispettivi” in sede di caricamento dei
corrispettivi mensili, in quanto i dati relativi alle fatture non vengono considerati nell’ambito dei
conteggi delle liquidazioni periodiche.

DATA REGISTRAZIONE

Da data…a data: nel campo “da data” viene proposta la data successiva all’ ultima chiusura
contabile, nel campo “a data”, la data di chiusura esercizio relativa all’ esercizio con data inizio
proposto nel campo precedente.

VISUALIZZA: attivando i pulsanti “espandi tutto” e “riduci tutto”, è possibile visualizzare i


movimenti nella parte sottostante della maschera evidenziandone anche i dettagli (conto,
descrizione, IVA, imponibile e imposta), ovvero solamente il numero di movimento, la causale, la
data di registrazione ed il registro IVA utilizzato.

MOVIMENTI

Solo movimenti senza fattura: l’opzione deve essere selezionata qualora si intendano visualizzare
in stampa solo i movimenti per i quali non è stata emessa la fattura.

Movimenti over: se valorizzato tale campo, consente di visualizzare i soli movimenti che hanno un
totale imponibile + imposta maggiore o uguale a quello specificato; il valore proposto, nel caso di
fatture da corrispettivi è sempre pari a 3.600,00.
Cliccando sul menu ad albero alla sinistra della riga corrispondente al movimento interessato è
possibile visualizzare il dettaglio del movimento (conto, IVA, imponibile e imposta); inoltre, per
poter inserire i dati della fattura relativa al movimento occorre cliccare sulla parte destra della riga,
in modo tale che la procedura apra la maschera di inserimento delle fatture da corrispettivi.

AGGIORNAMENTO CODICI IVA

A seguito dell’aumento dell’aliquota ordinaria dal 20 al 21%, la presente funzione ha l’obiettivo di


aggiornare automaticamente i codici IVA proposti in automatico sia nelle causali, sia all’interno dei
nominativi.
All’accesso della funzione viene proposta automaticamente la maschera di aggiornamento delle
causali
All’apertura della maschera la griglia visualizza solo i dati relativi al primo livello, mostrando
soltanto l’elenco delle causali. Espandendo solo successivamente (manualmente o attraverso il
bottone) la causale vengono visualizzati anche i relativi conti.
Selezione: mediante i pulsanti Seleziona tutto/Deseleziona tutto è possibile
selezionare/deselezionare tutte le causali presenti.
Aggiorna righe selezionate: prevede il campo Codice IVA, affiancato dal bottone lista contenente
l’elenco di tutti i codici IVA. L’inserimento nel campo di un valore comporta la disabilitazione
automatica dell’intera colonna “Codice IVA Nuovo”. Se risultano compilate alcune righe al campo
Codice IVA Nuovo, la deselezione della colonna comporta l’automatica cancellazione delle
proposte precedente inserite sulle singole righe.

Sul campo “Codice IVA corrente” si visualizza la descrizione del codice IVA indicato..
Sul campo “Codice IVA Nuovo” è previsto un pulsante per la selezione da elenco del codice IVA
da inserire, il quale compare solo se ci si posiziona sul campo medesimo.
Cliccando nella maschera sul tasto Nominativi, si passa all’aggiornamento dei codici IVA
all’interno dei nominativi:
In base all’azienda selezionata nella parte sinistra della maschera sono visualizzati tutti i
clienti/fornitori dell’azienda medesima per i quali risulta specificato un conto fatturazione
indipendentemente dall’associazione di un codice IVA.
Nella parte destra della maschera viene esposto un primo livello a cui appartiene la tipologia del
nominativo e un secondo livello di dettaglio a cui corrispondono i seguenti campi:
Codice
Denominazione
Conto fatturazione
Codice IVA corrente
Tali campi sono precompilati e non modificabili.
Sul campo “Codice IVA corrente” si visualizza la descrizione del codice IVA indicato..
Sul campo “Codice IVA Nuovo” è previsto un pulsante per la selezione da elenco del codice IVA
da inserire, il quale compare solo se ci si posiziona sul campo medesimo.

E’ possibile eseguire la funzione anche con riferimento più gruppi o aziende eseguendo un unico
aggiornamento per tutti, senza uscire dalla maschera: la selezione di nominativi e causali
appartenenti ad un’azienda o ad un gruppo vengono mantenute anche quando si seleziona
un’azienda o un gruppo diverso. Le selezioni precedentemente apportate vengono annullate solo nel
caso in cui si preme il bottone ESCI confermando il messaggio di uscita senza salvare le selezioni
richieste.
Premendo il bottone SALVA compaiono delle status bar dalle quali si visualizza lo stato
avanzamento dell’aggiornamento dati. Prima viene elaborato l’aggiornamento delle causali e
successivamente quello dei nominativi.

Se non risulta almeno un dato selezionato (almeno una riga nella sezione Causali o una riga nella
sezione Nominativi), dopo avere premuto il bottone SALVA, compare il seguente messaggio di
informazione:
“Selezionare almeno un dato da aggiornare”.
Altrimenti, se esistono dati selezionati da aggiornare, a conclusione dell’elaborazione appare un
messaggio con il seguente testo:
“Aggiornamento eseguito. Si desidera visualizzare l’esito dell’elaborazione ?”
Premendo SI compare un file di testo dove viene riepilogato l’esito dell’aggiornamento suddiviso
per:
- tipologia:
o Causali
 suddiviso per singolo gruppo
o Nominativi
 suddiviso per singola azienda

OPERAZIONI DI CHIUSURA (SERVIZI)


Contiene le funzioni necessarie per la generazione automatica dei movimenti di chiusura a Prima
Nota. Le voci sono abilitate in funzione del regime contabile definito nei Parametri.
Generazione automatica rettifiche

La procedura di generazione automatica rettifiche esegue in automatico lo storno degli importi che
non sono di competenza dell’esercizio sui conti di risconto, creando due nuovi movimenti (di
prima nota semplice) per la chiusura e l’apertura contabile.
Per poter generare automaticamente i ratei, i risconti, le fatture da emettere e le fatture da ricevere
tramite apposita maschera, è necessario definire il Periodo di competenza temporale abilitato in
“Altri campi Prima Nota”, vedi pag. 127, (per abilitare la maschera premere F7 in Prima Nota) al
momento della registrazione del costo/ricavo la cui competenza è relativa a due esercizi.

ATTENZIONE
Non è consigliabile eseguire più generazioni automatiche per lo stesso esercizio contabile. La
ripetizione dell'operazione causerebbe una duplicazione dei movimenti di chiusura e apertura creati
in precedenza.
In caso l'utente, dopo aver effettuato la generazione delle rettifiche per un certo esercizio contabile,
acceda di nuovo alla generazione, la procedura visualizza un messaggio di avviso.
La procedura consente la generazione di movimenti provvisori compilando l’apposito campo; tali
registrazioni potranno essere confermate attraverso la funzione Conferma Movimenti provvisori
oppure eliminate nel caso in cui risultino superflue.
Storno somme non pagate/incassate

Permette di stornare i costi ed i ricavi non incassati / pagati nell’anno, generando automaticamente
la loro riapertura nell’esercizio successivo attraverso la creazione di apposite registrazioni a Prima
Nota .

Dopo avere effettuato lo storno somme non pagate / incassate, la situazione per competenza
coincide con la situazione per cassa dedotta precedentemente l’avvio della funzione di storno.

ATTENZIONE
La funzione è sempre attiva per le contabilità di tipo impresa che nei parametri abbiano il flag sul
campo “contribuente minimo L.24/12/07 n.244”.
Tuttavia, per un corretto utilizzo della stessa, sarebbe opportuno eseguire la funzione solo una volta
all’anno per evitare una duplicazione dei movimenti di chiusura e apertura generati in precedenza.
A tutela dell’utente, è stato disposto un apposito messaggio di avviso.
Chiusura/Apertura Contabile

La funzione imposta automaticamente tutte le scritture contabili per la chiusura/apertura


dell’esercizio e genera la registrazione dell’utile / perdita d’esercizio.
Le stampe ufficiali possono essere eseguite quando si desidera, salvo la stampa del libro giornale. In
quest’ultima, la data in cui avviene la chiusura contabile deve essere stampata in ufficiale solo dopo
l’effettuata generazione della chiusura stessa.
La procedura esegue le seguenti operazioni:
- Individuazione dei conti interessati dalla chiusura/riapertura;
- Individuazione delle date da assegnare alle scritture
- Contabilizzazione delle scritture di chiusura del conto economico;
- Contabilizzazione delle scritture di chiusura e riapertura dello stato patrimoniale.

PARTICOLARITA’
L'opzione “Chiusura per attività” è visibile solo nel caso di gestione multiattività in contabilità
separate e consente di rilevare i movimenti di chiusura/apertura e di utile/perdita d’esercizio sulla
relativa attività di riferimento.
L'opzione risulta abilitata in automatico e consente il riporto dei movimenti di chiusura e apertura
contabile sulle singole attività: i saldi dei conti che alimenteranno tali chiusure e aperture contabili
verranno conteggiati considerando separatamente i movimenti imputati ad ogni singola attività.
Inoltre l’opzione dovrà consentire la registrazione contabile di tante rilevazioni di utile/perdita
d’esercizio quante sono le attività gestite. Deselezionando l’opzione, la chiusura/apertura contabile
e la rilevazione dell’utile/perdita d’esercizio sarà unica e verrà eseguita sull’attività prevalente,
considerando il saldo complessivo dei conti alimentati a Prima Nota indipendentemente dalla loro
attività di riferimento.

Elimina movimenti di chiusura/apertura esistenti

è una funzione opzionale che consente di eliminare i movimenti di chiusura/apertura e rilevazione


utile/perdita rilevati nel periodo che si sta chiudendo.

Esempio : chiusura periodo 01/01/2009 – 31/12/2009: vengono eliminati tutti i movimenti con la
causale di chiusura specificata nella presente maschera che rientrano (data competenza bilancio) nel
periodo di chiusura selezionato (01/01/2009 – 31/12/2009)
vengono eliminati tutti i movimenti con causale di apertura specificata che rientrano (data
competenza bilancio) nel periodo di chiusura selezionato + 1 anno (01/01/2010 – 31/12/2010)
vengono eliminati tutti i movimenti con causale giroconto specificata che rientrano (data
competenza bilancio) nel periodo di chiusura selezionato (01/01/2009 – 31/12/2009)
La funzione non differenzia nella cancellazione i movimenti creati manualmente dall’utente dai
movimenti generati da una precedente elaborazione.

Genera movimenti di chiusura/apertura conti d’ordine

impostando tale opzione nella chiusura/apertura contabile vengano considerati anche i conti
d’ordine

AVVERTENZA
SEMPLIFICATA PROFESSIONISTI – NUOVA ORDINARIA PROFESSIONISTI
Prima di eseguire la generazione delle scritture contabili relative all’utile/perdita d’esercizio,
comparirà un messaggio all’interno del quale verranno riportati i saldi relativi a costi, ricavi,
attività, passività. Il controllo di squadratura non e’ bloccante in quanto la chiusura/apertura
contabile non considera i conti transitori. Si determinerà di conseguenza un risultato d’esercizio
diverso tra Stato Patrimoniale e Conto Economico ottenendo due registrazioni contabili distinte per
la rilevazione dell’utile/perdita d’esercizio, una relativa al Conto Economico e l’altra relativa allo
Stato Patrimoniale.

OPERAZIONI SUI CENTRI DI COSTO


Contiene tutte le funzioni relative alla gestione della contabilità analitica.
Abilitazione Conti per Centri di costo
La funzione visualizza il Piano dei Conti presente nella tabella Piano dei Conti attraverso una
struttura ad albero.

Consente di abilitare i conti alla gestione dei centri di costo, così come avviene anche dalla scheda
Centri di costo della tabella Piano dei Conti, ma con il vantaggio di selezionare ed abilitare più conti
in un’unica operazione senza quindi procedere alla singola visualizzazione del conto medesimo.

I conti abilitati risultano nella visualizzazione ad albero del Piano dei conti contraddistinti da un
“visto”; i conti di mastro ed i conti di gruppo, oltre ad essere contraddistinti da medesimo visto,
sono anche visualizzati in rosso.

La funzione prevede due tipi di visualizzazione del Piano dei Conti presente nella tabella Piano dei
Conti attraverso una struttura ad albero:
 Visualizzazione totale
 Visualizza solo conti abilitati
Abilitando il singolo conto vengono automaticamente selezionati in rosso anche il relativo conto di
mastro e di gruppo.
Inoltre, se si seleziona per l’abilitazione un conto di mastro, tutti i sottoconti vengono
automaticamente abilitati alla gestione dei centri di costo.
Sui conti abilitati è possibili indicare il centro di costo da gestire attraverso apposito campo.

Ripartizione multipla centri di costo


Consente di ripartire contemporaneamente più conti appartenenti al medesimo centro di costo su più
centri di costo, indicando per ciascuno la relativa percentuale di riparto.
La funzione alimenta automaticamente la tabella azienda Ripartizioni Centri di costo, creando un
caricamento per ogni conto soggetto a ripartizione.
Descrizione Campi
CENTRO DI COSTO: indicare il codice centro di costo gestito sui conti
DA CONTO A CONTO: indicare l’intervallo di conti di Piano dei conti sul quale si desidera
applicare la ripartizione. E’ possibile indicare solo conti ai quali è associato il centro di costo da
ripartire. In fase di elaborazione la procedura consente, tramite conferma di apposito messaggio, di
eseguire la ripartizione solo sui conti abilitati abilitati alla gestione dei centri di costo (rispondendo
NO al messaggio) o su tutti i conti compresi nell’intervallo (rispondendo SI’ al messaggio).
ANNO: indicare l’anno a cui si riferisce la ripartizione
INFORMAZIONI RIPARTIZIONE: indicare i centri di costo e la percentuale di ripartizione da
applicare al centro di costo originario per l’intervallo di conti assegnato.

Cancellazione movimenti centri di costo


Funzione che consente l’eliminazione di movimenti centri di costo registrati in precedenza.
L’ opzione solo collegati a movimenti contabili consente di eliminare i movimenti centri di costo
che risultano essere collegati a movimenti contabili
L’ opzione senza collegamento a movimenti contabili consente di eliminare i movimenti che non
hanno nessun collegamento a movimenti contabili o collegati a movimenti contabili non più
esistenti
L’ opzione tutti consente di eliminare tutti i movimenti centri di costo contenuti nel range di
selezione indipendentemente dal collegamento con i movimenti contabili

ALLINEAMENTO PIANO DEI CONTI


Tale funzione consente di gestire la copia dei conti e delle causali inseriti ad ogni rilascio nei gruppi
dimostrativi. Si tratta di una funzione di allineamento piano dei conti, classi fiscali e lingua
effettuabile solo ad azienda aperta e con riferimento al gruppo di cui fa parte l’azienda aperta .
La stessa funzione di allineamento piano dei conti è richiamabile dalle Utilità della Contabilità e, in
questo caso, può essere effettuata per tutte le aziende di tutti i gruppi presenti.
RICLASSIFICAZIONE PIANO DEI CONTI

La funzione, richiamabile dal menu Servizi, consente di associare automaticamente ad ogni conto
del Piano dei Conti il codice di riclassificazione presente nel gruppo DEMO.

L’utilizzo della funzione è utile a tutti quegli utenti che hanno utilizzato i gruppi DEMO per la
creazione dei propri gruppi .

ATTENZIONE
La procedura non riclassifica i seguenti conti:

 Conti non movimentati


 Conti d’ordine
 Conti creati manualmente
 Conti per i quali e’ stato variato il “Tipo Conto”.

PERSONALIZZAZIONI UTENTE
Attraverso questa funzione è possibile parametrizzare alcuni comportamenti della procedura.
- Visualizza il numero di movimento alla fine dell’inserimento: consente di visualizzare al termine
della registrazione il numero di movimento assegnato;
- Abilita controlli sui campi: se l’opzione è selezionata, durante lo spostamento del cursore da un
campo all’altro verranno visualizzati immediatamente gli eventuali messaggi di errore;
- Abilita controlli sulla tipicità dei conti: se l'opzione è selezionata la procedura controlla se il
conto che si sta utilizzando è tipico per la contabilità in uso;
- Selezione del Campo: se viene selezionata tale casella, all’effettuarsi di uno spostamento da un
campo all’altro delle maschere, il contenuto del campo su cui ci si posiziona viene evidenziato.
- Modalità di Apertura delle Maschere Anagrafiche: permette di definire in quale modalità
vengono aperte le maschere. La procedura propone l’apertura a Pronto.
Es.: Nel caso in cui si selezionasse Nuovo, la procedura aprirebbe qualsiasi tipo di maschera
con la possibilità di inserimento immediato
 Salta campo provvisori, totale quadratura, studi di settore, filiali, Registro IVA (se
presente), Protocollo IVA (se presente), Data documento per fatture di vendita (se
presente), Numero documento (se presente), Descrizione (in alternativa Codice
cliente/Descrizione cliente), Inserimento veloce nominativi, Tipo pagamento, Modalità
pagamento: se l’opzione è selezionata consente di saltare i campi prescelti nell’utilizzo del
tabulatore in fase di inserimento dei dati a prima nota.
- Segnala superamento monte importi periodicità Intrastat: l’opzione permette di ottenere, in
fase di inserimento di un documento in prima nota, la segnalazione in tempo reale
dell’eventuale splafonamento del monte importi previsto per la periodicità impostata.

MENU SERVIZI/OVER 3.000


Contiene le due funzioni Contratti e Gestione dati finalizzate all’esportazione degli importi
all’applicativo Over 3.000

CONTRATTI

La presente funzione può essere utilizzata, ai fini della comunicazione dati Over 3000, per
impostare, modificare ed eliminare collegamenti tra più movimenti IVA oppure escludere fatture
che per il loro importo sarebbero oggetto di comunicazione. Accedendo alla funzione si presenta in
primo luogo la seguente maschera in cui è possibile impostare i criteri di selezione delle operazioni
da visualizzare.
TIPO DI SOGGETTO: occorre selezionare tra Clienti, Fornitori, Tutti; l’opzione impostata dalla
procedura è su Clienti
FILTRI DI RICERCA: l’opzione è attiva solo se è stata precedentemente selezionata l’ opzione
“Clienti” o “Fornitori”; nei campi Da soggetto…a Soggetto è possibile indicare il codice
cliente/fornitore o utilizzare il pulsante di ricerca per visualizzare la lista in funzione della scelta
effettuata nella sezione“Tipo di Soggetto”.

DATA REGISTRAZIONE: indicare, nei campi Da data…A data, l’intervallo temporale entro cui
visualizzare le operazioni in base alla data di registrazione; nel caso in cui venga inserita una data
di inizio superiore a quella di fine, premendo sul pulsante OK si visualizza il seguente messaggio
bloccante: “Le date di registrazione non formano un intervallo valido”.
Premendo sul pulsante OK si accede alla maschera corrispondente al tipo di gestione selezionato,
filtrando i dati in funzione degli eventuali altri filtri impostati. Qualora, avviando la funzione con
opzione “Contratti collegati” non risultino compilati i filtri “Tipo di Soggetto” e “Data
registrazione” si visualizza il seguente messaggio d’ avviso: “Non è stato impostato un filtro di
selezione. Visualizzare tutti i movimenti e tutti i contratti?”
Nella parte alta della maschera sono presenti i seguenti comandi:
- Crea nuovo contratto
- Salva
- Annulla
- Ricerca (richiama la maschera del filtro di ricerca)
- Espandi tutto
- Comprimi tutto
- Uscita

La maschera è costituita nella parte alta da una sezione che visualizza i filtri selezionati nella
maschera precedente:
Da soggetto /A soggetto: espone il codice e la descrizione degli eventuali nominativi impostati nel
filtro.
Da data/A data: visualizza l’eventuale intervallo di date impostato nella maschera precedente.
La parte restante della maschera è suddivisa in due parti:
 Sul lato sinistro vengono visualizzati tutti i movimenti IVA, con le relative righe contabili,
registrati per i soggetti e nel periodo impostati come filtro che non risultano appartenere a
nessun contratto.

I movimenti sono raggruppati per soggetto mentre le righe contabili per movimento; se è stata
selezionata nella precedente maschera l’ opzione tutti (sezione “Tipo Soggetto”), i dati vengono
raggruppati anche per le voci CLIENTI e FORNITORI. Per ogni nominativo (cliente o fornitore)
vengono visualizzate le relative fatture/righe contabili che non appartengono a nessun contratto. Se
uno stesso nominativo è sia cliente che fornitore, compare in entrambi i raggruppamenti come
soggetto, ma i movimenti visualizzati in ogni raggruppamento sono quelli riferiti alla tipologia di
nominativo (CLIENTI per i movimenti di vendita, FORNITORI per i movimenti di acquisto).
Per ogni movimento sono visualizzati:
- Il numero movimento
- Il codice partita
- Il numero fattura

 Sul lato destro vengono mostrati tutti i contratti riferiti ai soggetti e al periodo impostati
come filtro; sono visualizzati tutti i contratti a cui appartiene almeno un movimento nell’
arco temporale definito come filtro; inoltre vengono esposti tutti i movimenti appartenenti al
contratto indipendentemente dal periodo cui si riferiscono.

Es. contratto composto da un movimento del 27/12/2010 e da un movimento del 03/01/2012


- se imposto il filtro 01/01/2010 – 31/12/2010 si visualizza il contratto con entrambi i
movimenti
- se imposto il filtro 01/01/2011 – 31/12/2011 non si visualizza nessun movimento
- se imposto il filtro 01/01/2012 – 31/12/2012 si visualizza il contratto con entrambi i
movimenti
Per creare un nuovo contratto è sufficiente, con il tasto destro del mouse, posizionarsi su un
soggetto, un movimento o una riga contabile e scegliere l’opzione "Crea nuovo contratto", il quale
viene creato nella parte destra della maschera.
I dati vengono raggruppati per contratto e per numero movimento.

Creazione e gestione dei contratti

Per creare i contratti è possibile “trascinare” le righe contabili dal lato sinistro al lato destro della
maschera. Se la riga viene trascinata in uno spazio vuoto viene creato un nuovo contratto.
Per inserire una riga contabile su un contratto esistente occorre trascinare la riga su tale contratto; è
indispensabile che la riga trascinata appartenga allo stesso soggetto del contratto su cui si desidera
inserirla
Per creare un nuovo contratto occorre posizionarsi su un soggetto, un movimento o una riga
contabile e con il tasto destro del mouse scegliere l’opzione "Crea nuovo contratto".
E’ possibile trascinare nella sezione contratti il soggetto (e tutti i movimenti ad esso collegati)
creando un unico contratto.
Spostando una fattura nel contratto (nuovo o esistente) la procedura verifica se esiste una nota di
credito in conto fattura collegata alla medesima partita e, in caso affermativo, si presenta la
seguente richiesta: “Includere nel contratto anche le note di credito in conto fattura collegate alla
partita? Si – No” Rispondendo affermativamente vengono spostate automaticamente nel contratto
anche tutte le note di credito in conto fattura collegate alla partita; rispondendo NO invece viene
spostato solo il movimento selezionato. In caso di selezione dell’ intero soggetto il messaggio che
appare è il medesimo; il controllo viene effettuato però su tutte le partite associate ai movimenti che
risultano in elenco e rispondendo affermativamente vengono spostate tutte le NC C\Fatt. relative a
tali partite.

Attenzione
Se si tenta di associare una riga di soggetto diverso appare il seguente messaggio bloccante: “Non
è possibile collegare righe contabili appartenenti a soggetti diversi”.
Tentando invece di associare una riga di soggetto cliente ad un contratto dello stesso soggetto ma
facente parte del raggruppamento Fornitori (e viceversa) viene mostrato il seguente messaggio
bloccante: “Non è possibile collegare righe contabili riferiti a movimenti aventi tipologia diversa”
; in questo caso la riga contabile trascinata, dopo l’ apparizione del messaggio, viene esposta ancora
sul lato sinistro in quanto il collegamento al contratto selezionato non è andato a buon fine.

Per eliminare una riga/movimento dal contratto occorre trascinarla nel lato sinistro della maschera.
Ad ogni nuovo contratto generato viene assegnato un nuovo numero.
I dati visualizzati per il contratto sono:
- Il numero contratto
- La descrizione del soggetto

I dati visualizzati per i movimenti sono:


- Il numero movimento
- Il codice partita
- Il numero fattura
I contratti sono ordinati in funzione del numero. Se nella maschera di filtro si è scelto di
visualizzare sia clienti che fornitori i contratti vengono raggruppati in funzione della tipologia di
nominativo Clienti/Fornitori.

Posizionandosi sulla riga del contratto nella parte destra della maschera (Contratti – Accorpamenti –
Acconti) si apre in basso la sezione TOTALE CONTRATTO che visualizza i campi Importo e
Imposta. Selezionando invece qualsiasi riga diversa dalla riga del contratto tale sezione risulta
sempre disabilitata.

Premendo il tasto destro sulle righe della sezione sinistra della Gestione contratti compare una
maschera che visualizza le seguenti voci:
- Assegna modalità pagamento: visibile solo se la maschera è richiamata dalla riga del contratto.
- Elimina operazione: visibile solo se la maschera è richiamata dalle righe relative al contratto, al
movimento, alle singole operazioni (righe contrassegnate con l’icona verde).
La maschera Modalità di pagamento Over 3.000 prevede le seguenti modalità che corrispondono
alle opzioni presenti sul tracciato record ministeriale:
- VUOTO
- IMPORTO NON FRAZIONATO
- IMPORTO FRAZIONATO
- CORRISPETTIVI PERIODICI

ESPORTAZIONE DATI OVER 3.000


Ai fini dell’esportazione nell’applicativo Over 3.000 per l’inserimento dei dati nel tracciato record
ministeriale la procedura prevede l’esportazione dei dati in funzione di quanto previsto ai par. 3 e 4
della Circ.Min. n.24/E del 30 maggio 2011 ed è allineata con le specifiche del 16/09/2011.

Di seguito vengono esposti i criteri di esportazione dei dati nell’applicativo Over 3.000.

Dati anagrafici azienda


I dati anagrafici dell’azienda azienda vengono esportati in considerazione della data di
storicizzazione valida nel periodo in cui si sta eseguendo l’esportazione.
Se nella scheda dei dati legali dei nominativi il check “Senza Personalità giuridica” risulta abilitato,
i seguenti campi del tracciato record di dettaglio per le operazioni con soggetti residenti, sono
considerati obbligatori:
- se il soggetto è persona fisica
o Cognome
o Nome
o Data di nascita
o Comune o stato estero di nascita
o Provincia di nascita

- se il soggetto è persona giuridica


o Denominazione
o Stato estero della sede legale

Nominativi Black List

I soggetti Black list vengono considerati in base ai seguenti criteri:


Se si tratta di soggetto economico, questo rientra nella comunicazione Black List e quindi non fa
parte della comunicazione Over 3.000. I soggetti privati invece non rientrano mai nella Black List.
Se il tipo operazione è relativa a cessione di beni in regime di esportazione o prestazione servizi,
vengono considerati nella comunicazione Over 3.000. Pertanto:
Se la nazione del nominativo è Black List ed il flag “Escluso Black List” presente nella maschera
Nominativi è selezionato, il soggetto viene esportato nella comunicazione Over 3.000.
Se la nazione è Black List ed il flag “Escluso Black List” non è selezionato, il soggetto non viene
esportato nella comunicazione Over 3.000.
Contribuenti minimi
I soggetti in regime di Contribuente minimi sono da considerare esonerati dall’ obbligo di
comunicazione.
L’ esclusione tuttavia non opera qualora in corso d’ anno il regime cessi di avere efficacia; in tal
caso il contribuente è obbligato alla comunicazione per tutte le operazioni effettuate a decorre dalla
data in cui vengono meno i requisiti per l’ applicazione del regime fiscale semplificato.
Pertanto, richiedendo l’ importazione dei dati per la comunicazione Over 3.000 per un anno in cui l’
azienda rientra in tale regime, la procedura espone il seguente messaggio senza elaborare alcun
dato:
“Azienda: XXXXXX L’ azienda è un contribuente minimo. Non è previsto il collegamento con il
modulo Comunicazione Over 3.000”.
Per determinare se l’ azienda rientra nel regime dei contribuenti minimi occorre controllare se
risulta selezionato l’ apposito flag presente nei Parametri azienda e in funzione della data di
decorrenza e della data termine ivi indicati:
Es: data decorrenza 01/01/2009 – data termine 15/07/2011
Generazione Over 3.000 per l’ anno 2010: la procedura espone il messaggio di blocco in quanto l’
azienda risulta essere un contribuente minimo per tutto l’ esercizio;
Generazione Over 3.000 per l’ anno 2011: vengono esportati i movimenti validi dal 16/07/2011 al
31/12/2011 con l’aggiunta di eventuali Note di credito del 2012 o contratti collegati;
Generazione Over 3.000 per l’ anno 2012: vengono esportati i movimenti per l’ intero esercizio
con l’aggiunta di eventuali Note di credito del 2012 o contratti collegati.

Corrispettivi
Vengono esportati in base ai seguenti criteri:
 valore maggiore o uguale a 3.600 compreso nel periodo di elaborazione 01/01 – 31/12 dell’
anno di riferimento da cui è stato avviato il prelievo dati
 codice IVA che prevede il riporto in Over 3.000

Vengono estratti anche i corrispettivi per i quali in prima nota non risulta compilato il campo “N.
Doc.” della maschera Corrispettivi / Fatture Over 3.000
Di seguito è riportata la corrispondenza tra i campi del tracciato record e quelli della procedura di
contabilità:
Data dell’operazione = Data fattura
Modalità di pagamento = Importo non frazionato =1
Importo dovuto = Se è presente il campo “imponibile” corrisponde alla somma di imponibile ed
imposta, altrimenti al campo “totale”
Importo totale dell’operazione = Se è presente il campo “imponibile” corrisponde alla somma di
imponibile ed imposta, altrimenti al campo “totale
Note di variazione
ESPORTAZIONE NOTE DI CREDITO DA PRIMA NOTA
Note di debito o di credito non in c/fattura:
La gestione è manuale in quanto la procedura non è in grado di individuare la fattura alla quale si
riferiscono. Questo caso pertanto non rientra nella gestione dei dati esportati nell’applicativo Over
3.000.
Note di debito o di credito in c/fattura:
Caso A: la nota di credito/debito è registrata nello stesso periodo in cui è registrata anche la
fattura.
Viene importato un solo record con la sommatoria dei due documenti se la somma degli imponibili
è pari o superiore alla soglia 3.000 o 25.000.
Caso B: la nota di credito è registrata l’anno successivo rispetto alla data registrazione della
fattura.
Se la fattura originaria superava la soglia allora viene importata anche la nota di credito che
rientrerà nel record delle note di variazione.
Se la fattura originaria NON superava la soglia allora NON viene importata nemmeno la nota di
credito.
Caso C: la nota di debito è registrata l’anno successivo rispetto alla data registrazione della
fattura.
Se la fattura originaria superava la soglia allora viene importata anche la nota di debito che rientrerà
nel record delle note di variazione.
Se la fattura originaria NON superava la soglia allora, se con la presente nota di debito viene
superata la soglia, viene importata sia la fattura collegata che la nota di debito nel record delle note
di variazione.
Se la fattura originaria NON superava la soglia allora, se con la presente nota di debito NON viene
superata la soglia non viene importato nulla.

ESPORTAZIONE NOTE CREDITO DA GESTIONE CONTRATTI

Valgono gli stessi criteri sopra indicati.

Il riporto dei dati nei campi della comunicazione Over 3.000 è in funzione della tipologia del
nominativo (cliente o fornitore) e dei seguenti campi previsti dal tracciato intermedio di
importazione:
Tipo Nominativo
Variazione imponibile a debito o a credito
Variazione imposta a debito o a credito
Se il nominativo è un cliente e se la nota di variazione è una nota di credito (campo Variazione
imponibile a debito o a credito = C) nel campo “Importo” della griglia Over 3.000 viene riportato il
valore con segno positivo.
Se il nominativo è un cliente e se la nota di variazione è una nota di credito (campo Variazione
imposta a debito o a credito = C) nel campo “Imposta” della griglia Over 3.000 viene riportato il
valore con segno positivo.
Se il nominativo è un cliente e se la nota di variazione è una nota di debito (campo Variazione
imponibile a debito o a credito = D) nel campo “Importo” della griglia Over 3.000 viene riportato il
valore con segno negativo.
Se il nominativo è un cliente e se la nota di variazione è una nota di debito (campo Variazione
imposta a debito o a credito = D) nel campo “Imposta” della griglia Over 3.000 viene riportato il
valore con segno negativo.
Se il nominativo è un fornitore e se la nota di variazione è una nota di credito (campo Variazione
imponibile a debito o a credito = C) nel campo “Importo” della griglia Over 3.000 viene riportato il
valore con segno negativo.
Se il nominativo è un fornitore e se la nota di variazione è una nota di credito (campo Variazione
imposta a debito o a credito = C) nel campo “Imposta” della griglia Over 3.000 viene riportato il
valore con segno negativo.
Se il nominativo è un fornitore e se la nota di variazione è una nota di debito (campo Variazione
imponibile a debito o a credito = D) nel campo “Importo” della griglia Over 3.000 viene riportato il
valore con segno positivo.
Se il nominativo è un fornitore e se la nota di variazione è una nota di debito (campo Variazione
imposta a debito o a credito = D) nel campo “Imposta” della griglia Over 3.000 viene riportato il
valore con segno positivo.

Contratti collegati

Vengono esportate tutte le righe contabili collegate ad un contratto che presenta almeno una riga
contabile nel periodo di elaborazione 01/01 – 31/12 dell’ anno di riferimento da cui è stato avviato
il prelievo dati (per i movimenti di acquisto/vendita) e 01/01 – data scadenza adempimento (30/04 a
regime e 31/10 per la scadenza del 2011 riferita ai dati 2010) per le note di variazione, che hanno le
seguenti caratteristiche:
1. Righe contabili: sono considerate tutte le righe di contropartita diverse da S e I, ad
esclusione delle righe su cui la causale riga è P4 – P5 – P6; tale righe contabili devono avere
un codice IVA che prevede il riporto in Over 3.000 e il campo Tipo_Operazione valorizzato
2. IMPORTO TOTALE OPERAZIONE maggiore o uguale a 3.600 per codici IVA di tipo
Agenzie di Viaggio e Regime del margine Globale, Analitico e Forfettario e 3.000 per tutti
gli altri
3. Per le fatture di vendita, se il nominativo è una persona fisica (presenza del Codice Fiscale)
la procedura verifica che il tipo pagamento sia diverso da E = Carte di credito italiane: se
tutte le fatture appartenenti al contratto hanno questo tipo di pagamento il contratto viene
escluso, diversamente viene esportato comprensivo di quelle fatture pagate con carta di
credito.

Limitatamente all’ anno di riferimento 2010 il controllo viene effettuato sul superamento dei limiti
in funzione dei seguenti valori: 30.000 per codici IVA di tipo Agenzie di Viaggio e Regime del
Margine Globale, Analitico e Forfettario 25.000 per tutti gli altri.
Dall’ estrazione dei movimenti sono esclusi tutti quelli riferiti ad un soggetto per il quale, nella
maschera dei nominativi è presente il flag “Soggetto escluso da Over 3.000” o residente in paesi
Black List senza selezione del flag “Soggetto Escluso Black List” presente nella maschera dei
nominativi.
Le righe contabili già inviate vengono estratte per la determinazione dell’ importo/imposta totale
operazione ma sono più essere esportate.
Tutte le righe contabili di ogni contratto che risultano da inviare vengono sommate in un unico
record a cui viene attribuita la data della fattura più alta (quindi al massimo 31/12 dell’ anno di
riferimento).
Il raggruppamento viene effettuato in base alla somma dell’ importo che compone il contratto.
Es. contratto n. 1 così composto:
fattura 1 del 04/05/2011 – 1.000€
fattura 2 del 30/09/2011 – 2.000€
fattura 3 del 14/10/2011 – 2.000€
Il record generato per questo contratto avrà importo 5.000 € con data documento della fattura
14/10/2011 n. 3 in quanto risulta essere la più recente.
Per quanto concerne le operazioni che, in base ai criteri sopra descritti, risultano essere non
esportabili, tali contratti sono visualizzabili nella apposita sezione a parte della maschera di
simulazione. In ogni caso, in fase di esportazione, è possibile scegliere di riportare anche tali
contratti effettuandone la selezione tramite l’apposito flag.

I campi in oggetto vengono precompilati con la sommatoria di imponibile e imposta di tutte le righe
contabili che compongono il contratto. I campi possono essere modificati Se i valori calcolati non
vengono mai modificati vengono sempre aggiornati in funzione dell’ inserimento di una nuova riga
contabile (o eliminazione di una esistente) nel contratto.
Nel caso in cui il valore venga modificato la procedura verifica che non risulti inferiore a quello
calcolato dalla procedura (sommatoria movimenti del contratto); in tal caso compare il seguente
messaggio bloccante: “L’ importo totale dell’ operazione non può essere inferiore alla
sommatoria delle operazioni che lo compongono”. Dopo aver confermato il messaggio il cursore
si posiziona nuovamente sul campo dell’ importo.
Lo stesso controllo viene effettuato sia per il campo Importo che Imposta
In fase di salvataggio, per i contratti su cui risulta salvato (perché modificato in precedenza) il totale
Importo/Imposta, viene effettuato un confronto tra il totale salvato e la sommatoria delle righe che
compongono il contratto: qualora quest’ ultima risulti superiore al totale salvato, si visualizza il
seguente messaggio bloccante: “Attenzione! Rilevata la presenza di contratti con totale
operazione inferiore alle operazioni che compongono il contratto.” Dopo aver confermato il
messaggio, i contratti che si trovano in questa situazione risultano evidenziati per distinguerli da
quelli su cui il controllo è andato a buon fine.

GESTIONE DATI
La presente funzione ha l’obiettivo di fornire una visualizzazione delle operazioni che saranno
esportate verso l’applicativo Over 3.000, consentendo anche di poter intervenire manualmente sul
riporto delle stesse al fine di includere nella comunicazione anche operazioni che ne sarebbero
escluse . Alla funzione si accede dal menu servizi, scegliendo l’opzione Over 3.000 e infine optando
per la scelta Gestione Dati. La maschera che si presenta accedendo alla funzione è la seguente:

PERIODO

Anno elaborazione: permette di gestire esclusivamente anni a partire dal 2010. Inserendo un anno
inferiore al 2010 infatti compare il seguente messaggio bloccante: “Attenzione! Non è possibile
indicare anni anteriori al 2010”. In automatico viene proposto l’anno precedente a quello di
sistema.

TIPO DI SOGGETTO
Occorre effettuare una selezione tra Clienti, Fornitori, Tutti; l’opzione impostata dalla procedura è
su Clienti

FILTRI DI RICERCA: è attiva solo se è stata precedentemente selezionata l’opzione “Clienti” o


“Fornitori”; nei campi Da Soggetto…a Soggetto è possibile indicare il codice cliente/fornitore o
utilizzare il pulsante di ricerca per visualizzare la lista in funzione della scelta effettuata nella
sezione“Tipo di Soggetto”.

TIPO DOCUMENTO: va utilizzato per filtrare la ricerca del documento da visualizzare. Sono
previste le seguenti opzioni:

Fatture: considera tutti i movimenti inclusi nell’importazione Over 3.000 con causale di tipo
fattura fornitore / clienti ed emessa parcella sia per imprese che per professionisti;

Note variazione: considera tutti i movimenti inclusi nell’importazione Over 3.000 con causale nota
di variazione e nota variazione in conto fattura (nota debito e nota credito) sia per imprese che per
professionisti;

Corrispettivi: considera tutti i movimenti inclusi nell’importazione Over 3.000 con causale di tipo
corrispettivo per i quali la maschera Fatture da corrispettivi risulta compilata.

VISUALIZZAZIONE MOVIMENTI

Visualizza movimenti inferiori al limite

Impostando tale opzione, se l’anno di simulazione è 2010 per le fatture e le note di variazione sono
considerati tutti i movimenti il cui imponibile sia inferiore a € 25.000,00; per i corrispettivi vengono
considerati tutti i movimenti il totale documento sia inferiore a € 30.000,00; se l’anno di
simulazione è successivo al 2010 per le fatture sono considerati tutti i movimenti il cui imponibile
sia inferiore a € 3.000,00; per i corrispettivi vengono considerati tutti i movimenti il totale
documento sia inferiore a € 3.600,00

Visualizza nominativi esclusi Over 3.000

Permette di visualizzare anche i nominativi (clienti e/o fornitori) per i quali nella maschera dei
nominativi (jump a scheda nominativi) è presente il flag “Soggetto escluso da Over 3.000”.

Visualizza codici IVA esclusi da Over 3.000

Tale opzione consente la visualizzazione di quelle operazioni registrate con codici IVA per i quali
nella tabella dei codici IVA (jump a tabella codici IVA) non è impostato il flag “Riporta in Over
3.000”

Premendo il tasto OK, vengono esposte le operazioni di prima nota attraverso la gestione di una
griglia, suddivisa in due schede.
SCHEDA COMPRAVENDITA

La presente scheda consente la visualizzazione di fatture di acquisto, fatture di vendita , note di


variazione e corrispettivi. Nella sezione di sinistra i movimenti sono organizzati in base alla
suddivisione tra CLIENTI E FORNITORI. Nella sezione di destra vengono invece visualizzati i
movimenti relativi alla voce selezionata nella parte sinistra della maschera. I movimenti vengono
raggruppati in:
- Movimenti inclusi Over 3.000

- Movimenti esclusi Over 3.000

- se nella parte sinistra viene selezionata la voce CLIENTI o FORNITORI, nella parte destra
sono visualizzati tutti i movimenti appartenenti a tutti i clienti/fornitori;

- se nella parte sinistra viene selezionata la voce “Cod. cliente e Descrizione ” o “Cod.
Fornitore e descrizione” , nella parte destra vengono visualizzati tutti i movimenti
appartenenti a quel cliente / fornitore.

- se nella parte sinistra viene selezionata la voce “Partita n/anno”, nella parte destra sono
visualizzati tutti i movimenti collegati a tale partita, esponendo prima le fatture e
successivamente le note di variazione, prima le note di debito e poi le note di credito.
Movimenti esclusi Over 3.000

Elenca tutti i movimenti che automaticamente non rientrano in Over 3.000 per uno dei seguenti
motivi:

- il nominativo è escluso Over 3.000

- il codice IVA non è di tipo Over 3.000 (check “Riporta in Over 3.000” deselezionato nella
tabella dei codici IVA);

- l’operazione è inferiore al limite previsto;

- le operazioni sono state precedentemente escluse dalla Gestione Over 3.000

Operazioni Incluse Over 3.000

Elenca tutti i movimenti che rientrano abitualmente in Over 3.000.

GESTIONE DATI

Anno di elaborazione 2010 (Termine presentazione telematico 31/12/2011)

Sono inclusi i seguenti movimenti:

Fatture con data documento 2010

Note di variazione in conto fattura con data documento 2010 e data fattura collegata 2010 +
Note di variazione in conto fattura con data documento 2011 e data fattura collegata 2010

Corrispettivi nessuno

Anno di elaborazione 2011 (Termine presentazione telematico 30/04/2012)

Sono inclusi i seguenti movimenti:

Fatture con data documento 2011

Note di variazione non in conto fattura con data documento 2011 + Note di variazione non in conto
fattura con data documento precedente al 30/04/2012 + Note di variazione non in conto fattura con
data documento 2011

Note di variazione in conto fattura con data documento 2011 e data fattura collegata 2011 + Note
di variazione in conto fattura con data documento precedente al 30/04/2012 e riferimento fattura
collegata data documento 2011

Corrispettivi 2011

Anno di elaborazione 2012(Termine presentazione telematico 30/04/2013)


Sono inclusi i seguenti movimenti:

Fatture con data documento 2012

Note di variazione non in conto fattura con data documento 2012 + Note di variazione non in conto
fattura con data documento precedente al 30/04/2013 + Note di variazione non in conto fattura con
data documento 2012

Note di variazione in conto fattura con data documento 2012 e data fattura collegata 2012 + Note
di variazione in conto fattura con data documento precedente al 30/04/2013 e riferimento fattura
collegata data documento 2012

Corrispettivi 2012

SCHEDA CONTRATTI

La scheda Contratti gestisce le operazioni suddividendole tra contratti inclusi e contratti esclusi,
così come previsto per la scheda compravendita, applicando le medesime regole già trattate in sede
di esportazione dei dati
I movimenti vengono raggruppati suddividendoli per soggetto Clienti/Fornitori.
Vengono visualizzati prima i contratti inclusi e successivamente i contratti esclusi composti da
almeno un movimento con anno della data documento uguale all’anno di elaborazione della
gestione dati. Le informazioni relative al contratto (sia contratti inclusi che esclusi) sono
visualizzate attraverso una griglia su tre livelli.

Per quanto concerne i criteri di esportazione dei dati all'applicativo Over 3.000 è possibile fare
riferimento a Esportazione Dati Over 3.000.000
COLLEGAMENTO CON ALTRE PROCEDURE
UTILITÀ

GESTIONE UTILITÀ SUITE


Comprende delle funzioni che permettono di migliorare la gestione dei propri archivi, oltre che
risolvere alcuni eventuali problemi tecnici che si potrebbero creare nel corso delle elaborazioni.
Per eseguire le operazioni contenute nella Gestione Archivi è necessario operare nel seguente
modo:
richiamare la Suite;
visualizzare le icone delle utilità, tramite le apposite caselle di visualizzazione;
Appare a video la maschera da cui è possibile richiamare le funzioni di utilità.

Sposta Aziende

La funzione di estrazione aziende è richiamabile dalle Utilità della Contabilità presente nella Suite e
permette di spostare una o più aziende contemporaneamente da un gruppo già esistente ad un altro
nuovo, creato identico a quello di origine. Non è possibile trasferire un’azienda in un gruppo
precedentemente creato.
Tale funzione è utile qualora si renda necessario intervenire in modo radicale sul Piano dei conti
senza riflettere le modifiche sulle altre aziende appartenenti al medesimo gruppo.

Per effettuare tale trasferimento è necessario:


 selezionare il gruppo all’interno del quale si trova l’azienda da spostare e "cliccare" sul
bottone Avanti
 selezionare l’azienda da spostare e "cliccare" su Avanti.
 inserire il codice e la descrizione del gruppo che verrà creato identico a quello di origine e
all’interno del quale sarà trasferita l’aziende
 "cliccare" Avanti: la maschera che si presenta riporta tutti i dati relativi all’operazione da
confermare.
 se tali dati sono corretti procedere all’esecuzione del trasferimento "cliccando" sul bottone
Fine. Nel caso in cui l’utente riscontri degli errori, "cliccare" sul bottone Indietro al fine di
apportare le dovute correzioni
Gestione Cartelle
Attraverso questa funzione, richiamabile dalla procedura di Utilità Contabilità contenuta tra le
utilità della Suite, l’utente ha la possibilità di creare una nuova cartella, modificare la descrizione di
una cartella o eliminarla.
La gestione delle cartelle permette all’utente la di creare diversi indirizzari (“Cartelle”) per la
conservazione degli archivi, e di gestire le aziende in cartelle separate.
Le cartelle possono essere create su qualsiasi unità accessibile dalla stazione di lavoro (ad
eccezione delle unità floppy), tenendo presente che eventuali cartelle create su unità locali
non saranno accessibili dalle altre stazioni di lavoro. Ogni cartella conterrà’ quindi i database
relativi alle aziende (Wa_azienda Wg_gruppo), un file Generale.mdb, un file Aziende.mdb e
un file AzDemo.mdb
Il vecchio percorso \ipsoware\Coge\Archivi rimane in ogni caso quello di default e contiene un
nuovo database, AzPath.mdb, nel quale vi si trova l’elenco di tutti i percorsi disponibili e
l’elenco di tutte le aziende.
Inoltre solamente nel percorso di default risiedono le aziende e i gruppi Demo.
Prima di accedere al Wizard “Gestione Cartelle” il programma controlla che nessun altro utente stia
lavorando con la procedura di contabilità, perché potrebbe verificarsi un conflitto tra le
Aziende/Gruppi che si vogliono copiare o spostare e l’utilizzo delle stesse da parte di un altro utente
che sta lavorando sugli stessi dati.
Per tale gestione è stata predisposta una sequenza di maschere che aiutano l’utente, attraverso
determinate scelte, a compiere l’operazione. Sono possibili diverse opzioni:
- creare una nuova cartella;
- creare una nuova cartella copiando o spostando aziende esistenti;
- modificare la descrizione di una cartella;
- cancellare una cartella (e il suo contenuto).

Creare una Nuova Cartella Vuota


Se si effettua questa scelta viene creata una cartella priva di archivi. Procedendo nella maschera
successiva è necessario indicare:
- il percorso su cui posizionare la nuova cartella;
- la descrizione della cartella.
Creare una Nuova Cartella Copiando o Spostando Aziende Esistenti
Se si effettua questa scelta viene creata una cartella contenente gli archivi delle aziende selezionate.
Procedendo nelle maschere successive è necessario indicare:
- il percorso su cui posizionare la nuova cartella.
- la descrizione della cartella.
- confermare la creazione della nuova cartella;
- selezionare la cartella da cui prelevare i dati;
- selezionare il gruppo relativo all’azienda/e da prelevare.
Sono disponibili due opzioni per mezzo delle quali è possibile scegliere se copiare le aziende
mantenendole nella cartella di origine (la stessa azienda sarà presente in due cartelle), oppure
spostare le aziende nella nuova cartella, procedendo alla cancellazione dalla cartella di origine.
Scegliendo l’ opzione “Sposta” viene aggiornato il raccordo con il nuovo codice di collegamento
con l’Anagrafica Unica attribuito all’ azienda; scegliendo invece ” copia” il raccordo relativo all’
azienda di origine rimane invariato; viene creato un nuovo raccordo con il codice di collegamento
della nuova azienda di contabilità e con il medesimo codice di anagrafica a cui risulta associata l’
azienda da cui si è scelto di effettuare la copia.

Modificare la Descrizione di una Cartella


Se si effettua questa scelta l’utente può cambiare la descrizione di una cartella. Per fare ciò è
necessario:
- selezionare la cartella di cui si desidera modificare la descrizione;
- inserire la nuova descrizione;
Cancellare una Cartella (e il suo contenuto)
Se si effettua questa scelta viene cancellata la cartella e tutto il suo contenuto. E’ necessario
selezionare la cartella da cancellare e digitare la parola CANCELLA per confermare.
La cancellazione della cartella comporta anche l’eliminazione del raccordo con l’Anagrafica Unica
relativo a tutte le aziende eliminate

Allineamento piano dei conti


Tale funzione consente di gestire la copia dei conti e delle causali inseriti ad ogni rilascio nei gruppi
dimostrativi. Si tratta della funzione di allineamento piano dei conti, classi fiscali e lingua già
presente all’interno del programma di contabilità, effettuabile per più gruppi di aziende
contemporaneamente.
La stessa funzione di allineamento piano dei conti è richiamabile dal menu Servizi all'interno del
programma; in questo caso viene visualizzato solo il gruppo presente nella cartella aperta.

Sblocco Utenti
La funzione, presente solo nella versione SQL, consente di sbloccare eventuali utenti che risultano
connessi ai vari database, nel caso siano rimasti appesi (es. a causa di una chiusura non corretta del
programma di contabilità).
La funzione viene attivata all’interno della Suite, scegliendo, dalla voce Contabilità, l’opzione
“Utilità Contabilità. Attivando la procedura, viene proposta una griglia in cui si visualizza l’utente,
la cartella, il tipo di database rimasto aperto (azienda, gruppo, generale) e il codice dell’azienda.
Tramite il pulsante SBLOCCA viene avviata la cancellazione dei dati presenti; il pulsante
ANNULLA consente invece di uscire dalla funzione.
Non è possibile selezionare solo alcuni utenti o database da sbloccare.
CONVERSIONI DI ANAGRAFICHE
E’ possibile eseguire una importazione nei database utilizzati dalla contabilità delle anagrafiche
aziende e dei relativi clienti/ fornitori;
Le conversioni di anagrafiche si installano attraverso la seguente procedura guidata :
Inserire nell’unità apposita il CD ROM.
Selezionare avanti per avviare l’installazione delle Conversioni.
Selezionare o confermare la directory dove verranno installati i file delle Conversioni.
Selezionare Avanti nella maschera di installazione per dare avvio all’operazione.
La procedura inizia la copia dei componenti; a video compare una finestra indicante la percentuale
del caricamento effettuato.
Dopo aver eseguito in modo completo l’installazione comparirà all’interno della Suite l’icona
“Conversioni Anagrafiche” e “Conversioni da intermedio”.
Nel caso si intenda trasferire i dati anagrafici della propria procedura nel software di contabilità,
esistono due possibilità :

CONVERSIONE DIRETTA
Con tale procedura vengono trasferite le anagrafiche aziende e clienti/ fornitori direttamente dai
principali software in commercio.

CONVERSIONE INDIRETTA
Tramite tale procedura Wolters Kluwer mette a disposizione un file intermedio da cui leggere i dati;
sarà cura dell’utente definire i propri dati come dalle specifiche rilasciate Wolters Kluwer.
Prima di procedere con la conversione delle anagrafiche (aziende, clienti e fornitori) occorre creare
un nuovo gruppo al quale dovranno essere associate le aziende da convertire. Se fosse già
disponibile un gruppo è possibile passare direttamente al lancio della procedura selezionando, nel
caso di conversione diretta, il pulsante relativo alla conversione che si desidera utilizzare, ed
eventualmente specificare i percorsi dove sono posizionati gli archivi da convertire.
Al termine della prima fase di elaborazione viene visualizzata una nuova maschera che richiede la
conferma di una serie di valori : il conto clienti (il conto 110101 che corrisponde al mastro “Clienti
Italia”) il conto fornitori (il conto 272101 che corrisponde al mastro “Fornitori Italia”) e il percorso
del database intermedio.
Nel caso in cui venga effettuata una conversione indiretta viene proposta subito la maschera di
conferma di tali valori.
Terminata questa seconda fase bisogna selezionare le aziende che si desidera convertire e associarle
al relativo gruppo (utilizzare il tasto SHIFT per una selezione multipla). E’ possibile eliminare le
aziende che non si desidera convertire selezionando l’intera riga e premendo il tasto CANC.
A questo punto inizia l’importazione vera e propria dell’anagrafica aziende all’interno
dell’Anagrafica Unica e la creazione nel modulo della contabilità delle singole aziende con i
rispettivi clienti e fornitori .
Al termine della procedura di conversione viene generato un file di Esito, che può essere
visualizzato e stampato, nel quale sono contenuti gli eventuali errori di conversione con
l’indicazione delle aziende, dei clienti e dei fornitori che non sono stati convertiti.
ASSISTENZA
Per il servizio di assistenza tecnica può far riferimento alla Sua Agenzia di riferimento di fiducia,
che è costantemente aggiornata sulle novità normative e funzionali dei prodotti.

TELEASSISTENZA

Il Supporto Software in caso di necessità potrà intervenire direttamente sulla macchina dell’utente
utilizzando un sistema di teleassistenza da effettuarsi mediante un collegamento INTERNET.
Questo strumento potrà essere utilizzato sia per assistere l’utente dal punto di vista funzionale sia
nel caso di problemi di natura sistemistica. E’ bene tener presente che le attività svolte in
teleassistenza sono monitorate dal cliente che può seguire sul monitor del proprio PC tutte le
operazioni effettuate dal tecnico Wolters Kluwer. Al termine della teleassistenza il tecnico dovrà
informare il cliente circa i risultati di detto intervento.