Sei sulla pagina 1di 8

! !

Città  di  Monte  Sant’Angelo    


Assessorato  al  Turismo

MONTE SANT’ANGELO

SACRA
“Impressionante è questo luogo.
Qui è la casa di Dio e la porta del cielo.
In questa grotta
i peccati degli uomini sono perdonati”

www.turismomontesantangelo.it  
1
www.turismomontesantangelo.it !

2 3

1. Una veduta del centro storico

Monte Sant’Angelo 2.
3.
Battistero di San Giovanni in Tumba
Castello Normanno-Svevo-Aragonese

La Città
Situata   a   837   metri   s.l.m.,   Monte   Sant’Angelo   è   ubicata   possono  ammirare  bianchi  e  stretti  vicoli  insieme  a  scorci  
all’interno  del  Parco  Nazionale  del  Gargano,  in  Puglia.     di  un  paesaggio  unico.    
!
Conosciuta   in   tutto   il   mondo   grazie   alla   presenza   del   San-­‐
!
A   breve   distanza   dal   centro   abitato   è   possibile   visitare  
tuario   di   San   Michele   Arcangelo,   la   città   garganica   è   un   l’antica  Abbazia  di  Santa  Maria  di  Pulsano,  risalente  al  
luogo   ricco   di   storia,   arte,   fede,   ma   anche   di   tradizioni,   XII  secolo.  
bellezze   paesaggistiche   e   tipicità   gastronomiche.   Oltre   al   ! A  pochi  chilometri,  la  piana  di  Macchia  (marina  di  Monte  
santuario   micaelico   tanti   sono   i   beni   artistico-­‐culturali  
all’interno  della  città.     Sant’Angelo)  si  affaccia  su  piccoli  angoli  di  natura  incon-­‐
! taminata:  mare  cristallino,  insenature  carsiche  e  ulivi  se-­‐
Tra   i   luoghi   più   suggestivi   della   città   vi   è   la   misteriosa   colari.    
chiesa  di  San  Pietro,  formata  dal  battistero  di  San  Gio-­‐ !
vanni   in   Tumba   (meglio   noto   come   “Tomba   di   Rotari”,   A   circa   30   km   dalla   città   si   trova   il   cuore   più   antico   del  
XII  secolo)  e  dalla  chiesa  di  Santa  Maria  Maggiore,  che   Parco  Nazionale  del  Gargano:  la  Foresta  Umbra.  Una  sel-­‐
costituisce   una   delle   più   importanti   manifestazioni   del   va   millenaria   che   si   estende   per   undicimila   ettari,   con  
romanico   pugliese   voluta   da   Costanza   D’Altavilla,   madre   altissimi  faggi,  oltre  2500  specie  botaniche  e  il  70%  delle  
varietà  di  orchidee  spontanee  presenti  in  Europa.    
di  Federico  II.    
! !
Nei  pressi  del  santuario  è  sito  anche  il  Castello  Norman-­‐ Chi  fa  tappa  a  Monte  Sant’Angelo  non  può  prescindere  dal  
no-­‐Svevo-­‐Aragonese.   Scendendo   nel   centro   storico   è   provare  alcune  specialità  tipiche  del  luogo  quali  il  pane,  il  
possibile   visitare   il   caratteristico   Rione   Junno,   dove   si   caciocavallo  podolico  e  le  ostie  piene.

2
IL SANTUARIO DI !
SAN MICHELE ARCANGELO
www.turismomontesantangelo.it

Il   Santuario   di  
S a n   M i c h e l e  
A r c a n g e l o   d i  
Monte   Sant’An-­‐
gelo   è   iscritto,  
dal  giugno  2011,  
nella   lista   dei  
beni   patrimonio  
mondiale   del-­‐
l’umanità  tutela-­‐
ti   dall’Unesco  
nell’ambito   del  
sito   seriale   “I  
Longobardi   in  
Italia,   i   luoghi  
del  potere  (568-­‐

!!
774  d.C.)”  

!
Info.  

!
santuariosanmichele.it  

longobardinitalia.it

Il santuario patrimonio UNESCO


tra le 10 Grotte Sacre più belle al mondo
Il   Santuario,   secondo   la   tradi-­‐ vento,   Spoleto,   Campello,   Bre-­‐ neggia   all’ingresso   dell’impo-­‐
zione,   ebbe   origine   nel   490   scia,  Castelseprio  e  Cividale  del   nente  Santuario.    
d.C.,   anno   della   prima   appari-­‐
zione   dell’Arcangelo   Michele   a  
Friuli.  
! !
“Pochi  luoghi  al  mondo  caratte-­‐
Monte  Sant’Angelo,  a  cui  segui-­‐ Nel   2014,   il   National   Geogra-­‐ rizzati  dalla  presenza  del  sacro  
rono  altre  due  (492  e  493  d.C.).   phic  ha  inserito  la  Sacra  Grotta   predispongono   all’incontro   col  
La   struttura   è   costituita   da   un   dell’Arcangelo   Michele   tra   le   divino   e   riescono   a   creare  
livello   superiore   (il   portale   10   Grotte   Sacre   più   belle   al   un’atmosfera   di   intensa   spiri-­‐
monumentale   e   il   campanile)   e   mondo.   La   Grotta   di   Monte   tualità,   come   il   santuario   gar-­‐
uno   inferiore   (la   Grotta   di   San   Sant’Angelo   è   l’unica   italiana   ganico.   La   montagna   stessa,  
Michele),   al   quale   si   accede   presente   nella   classiaica   del-­‐ elevandosi  verso  il  cielo,  sembra  
dalla   scalinata   angioina.   Da   l’autorevole  rivista  americana.     facilitare   il   contatto   con   Dio,  
visitare  il  museo  devozionale  e  
il   museo   Lapidario   (le   cripte  
! grazie   alla   mediazione   dell’Ar-­‐
Più   di   1500   anni   di   storia   per   cangelo  Michele”    
Longobarde).     un   Santuario   che   negli   anni   è   (G.  Otranto).
!
Dal   25   giugno   2011   il   Santua-­‐
stato   meta   ininterrotta   di   pel-­‐
legrinaggi   e   luogo   visitato   da  
rio   dedicato   all’Arcangelo   Mi-­‐ papi,  re  e  imperatori.  Ultima  la  
chele   è   iscritto   nella   lista   dei   visita   di   Papa   Giovanni   Paolo  
beni  patrimonio  mondiale  del-­‐ II,  nel  1987.    
l’umanità   tutelati   dall’UNE-­‐
SCO,  nell’ambito  del  sito  seria-­‐
!
“Terribilis   est   locus   iste/Hic  
le   “I   Longobardi   in   Italia,   i   domus   dei   est/et   porta   coeli”,  
luoghi   del   potere   (568-­‐774   (Impressionante  è  questo  luogo.  
d.C.)”   che   comprende   sette   Qui   è   la   casa   di   Dio   e   la   porta  
siti:   Monte   Sant’Angelo,   Bene-­‐ del  cielo)  è  l’iscrizione  che  tro-­‐
3
www.turismomontesantangelo.it Destinazione   di   continui   pellegrinaggi   da   tutto   il  
mondo   ed   oggetto   di   numerosi   rifacimenti   e   ristruttura-­‐
  Superato   il   portale   d’ingresso   fatto   costruire   dalla  
regina   Giovanna   di   Durazzo,   ha   inizio   la   scalinata   angioina   !
zioni  nel  corso  dei  secoli,  il  Santuario  rappresenta  da  oltre   (sec.   XIII),   costituita   da   86   gradini.   Lungo   la   scalinata   è  
quindici   secoli   un   riferimento   importante   per   tutto   il   possibile   osservare   numerose   nicchie,   impronte   di   pelle-­‐
grini,  croci  incise  sulle  pareti  e  resti  di  affreschi.    
mondo  cristiano  ed  è  una  straordinaria  espressione  di  un  
complesso  santuariale  di  epoca  altomedievale  e  di  origine  
tardoantica.  
!
  Nell’atrio  superiore  della  Basilica  è  racchiuso  sul-­‐
la   destra   l’imponente   campanile   ottagonale   con   la   chieset-­‐
ta   barocca   di   San   Rocco   e   di   fronte   il   prospetto   monumen-­‐
tale  a  due  archi,  da  cui  si  accede  alla  Basilica.  
!
  CAMPANILE   -­‐   Maestoso   monumento   ottagonale,  
il   campanile   -­‐   detto   anche   “Torre   Angiona”   -­‐   fu   eretto   in  
onore   di   San   Michele   Arcangelo   da   Carlo   I   d’Angiò,   in   se-­‐
gno   di   riconoscimento   per   la   conquista   dell’Italia   meridio-­‐
nale.  I  lavori  per  la  sua  costruzione  iniziarono  nel  1274  e  
fu   progettato   secondo   lo   schema   e   le   proporzioni   di   Castel  
del  Monte.  Il  campanile  è  alto  27  metri.       PORTA  DI  BRONZO  -­‐  Al  termine  della  scalinata,  la  
cosiddetta   “Porta   del   Toro”   introduce   nell’atrio   inferiore  
dove,  all’ingresso  della  grotta,  si  trova  la  porta  di  bronzo.  È  
una  delle  quattro  porte  importate  in  Italia  da  Costantino-­‐
poli   ed   eseguite   tra   il   1060   e   il   1076   su   committenza   della  
ricca  famiglia  dei  Mauroni  di  Amalai.  La  porta  è  costituita  
da   ventiquattro   formelle   nelle   quali   sono   rafaigurati   epi-­‐
sodi  dell'Antico  e  del  Nuovo  Testamento  aventi  come  pro-­‐
tagonisti  gli  Arcangeli  Michele  e  Gabriele.  
!
  LA   GROTTA   -­‐   Superata   la   Porta   di   Bronzo,   si   ac-­‐
cede   all’interno   della   Navata   Angioina,   voluta   da   Carlo   I  
d’Angiò,   costituita   da   tre   campate   con   volta   a   crociera   in  
stile   gotico,   che     incorniciano   l’apertura   rocciosa   della  
Grotta.  
Sul   fondo   dell’abside   si   può   ammirare   l’altare   del   Santis-­‐
simo  Sacramento  eretto  nel  1547.    
Al   centro   della   Basilica,   si   apre   l’imponente   e   ascetica  
Grotta   di   San   Michele,   una   vera   e   propria   caverna   dalla  
volta  rocciosa  irregolare  che  ospita  l’altare  maggiore,  alla  
quale  si  accede  attraverso  sei  gradini.  
Su  di  esso,  all’interno  di  una  teca  di  argento  e  cristallo  di  
Boemia,   è   situata   la   statua   di   San   Michele   Arcangelo,   in  
marmo   di   Carrara,   tradizionalmente   attribuita   ad   Andrea  
Sansovino,  ma  più  recentemente  ritenuta  opera  di  Andrea  
Ferrucci  da  Fiesole  (1465-­‐1526).

4
!
I musei del santuario
www.turismomontesantangelo.it

IL  MUSEO  DEVOZIONALE    
IL  MUSEO  LAPIDARIO  _  
CRIPTE  LONGOBARDE  
  Il   museo   raccoglie   le   testimonianze   che   pel-­‐
 
! Le   “Cripte”   sono   composte   da   due   ambienti   le  
legrini  illustri  e  gente  comune  nel  corso  dei  secoli  han-­‐ cui   strutture   dovettero   realizzarsi   in   due   fasi   immediata-­‐
no   lasciato   come   rendimento   di   grazie   per   i   beneaici   mente   successive   l’una   all’altra.   Alcune   iscrizioni   murarie  
ricevuti   e   come   pegno   di   devozione.   Le   suppellettili   hanno  reso  possibile  datare  le  costruzioni  tra  la  aine  del  VII  
liturgiche,  gli  argenti,  i  paramenti  costituiscono  il  nucleo  
superstite   di   un   sontuoso   “tesoro”   di   cui   imperatori,  
papi,  vescovi  hanno  dotato  la  Basilica.    
!
e  l’inizio  del  secolo  VIII.  

  Lunghe   circa   60   metri,   si   sviluppano   ain   sotto   il  


pavimento  della  Basilica.  L’ambiente  giunge  aino  al  possente  
muro   di   sostegno   sul   quale,   nella   parte   superiore,   sono  
  L’altra  parte  del  patrimonio,  il  “tesoro  votivo”,   poggiate   le   famose   Porte   di   bronzo.   Questa   prima   parte  
è   costituita   da   doni   di   gran   valore   simbolico   e   storico   appare   come   una   galleria   porticata   coperta   da   volte   a   botte.  
per  il  santuario:  ex  voto  in  lamina  d’argento,  icone,  ceri,   Qui   sono   esposte   diverse   sculture   provenienti   dagli   scavi  
oggetti  d’uso  quotidiano  offerti  per  grazie  ricevute.  Nel   del   santuario,   dall’ex   chiesa   di   San   Pietro   e   dalle   rovine  
tempo,   a   questi   oggetti   si   sono   aggiunte   collezioni   di  
singoli   privati:   la   collezione   archeologica,   la   collezione  
numismatica,  la  raccolta  dei  vasi  di  maiolica.  
!
dell’abbazia  benedettina  di  Santa  Maria  di  Pulsano.  

  Tra  queste:  lo  stemma  della  Città  di  Monte    


Sant’  Angelo  dell’anno  1401;  una  statua  di  San  Michele  della  
prima   metà   del   secolo   XIV;   una   statua   del   Redentore   del  
  Le   numerose   statue   di   San   Michele   sono   per   secolo   XV;   una   Madonna   con   Bambino   del   secolo   XV;   una  
la  gran  parte  quelle  scolpite  “in  loco”,  in  pietra  locale  o   croce  funeraria  del  secolo  VIII;  un  angelo  con  vessillo  tra  il  
alabastro,   da   statuari   artisti   di   Monte   Sant’Angelo   che   X   -­‐   XI   secolo;   un   Cristo   orante   del   secolo   XI   -­‐   XII   e,   dello  
rivecevettero   il   riconoscimento   nel   1475   dal   re   Ferdi-­‐ stesso   periodo,   una   Madonna   acefala;   un   lavabo   decorato  
nando  d'Aragona.   con  scene  bibliche;  frammenti  di  ambone  fra  i  quali  un’aqui-­‐

  Posto   centrale,   per   signiaicato   e   valore,   è  


!
la  con  leggìo  della  bottega  di  Acceptus  del  secolo  XI.  

  Passando  attraverso  l’apertura  scavata  nel  muro  


riservato  alla  più  antica  icona  di  San  Michele  Arcangelo   di  sostegno  delle  porte  di  bronzo  si  passa  nell’altro  ambien-­‐
venerata  nel  santuario.  Originariamente,  e  aino  all’anno   te   di   epoca   longobarda,   diviso   in   due   ampie   navate.   La   co-­‐
1891,  si  trovava  nella  cosiddetta  Cava  delle  pietre;  poi  fu   pertura  doveva  essere  costituita  da  una  volta  a  botte  soste-­‐
custodita  nella  Cappella  delle  reliquie,  ainché  non  trovò   nuta   da   arconi   trasversali.   Le   navate   erano   occupate   da   due  
collocazione   nel   Museo   devozionale.   Quest’opera   di   scale:   quella   a   destra,   ad   andamento   curvilineo,   è   conserva-­‐
grande  valore  è  realizzata  in  rame  dorato  ed  è  conosciu-­‐ ta   integralmente   nel   suo   percorso;   quella   di   sinistra,   ad  
ta  come  Icona  bizantina  del  secolo  VI-­‐VII.     andamento   rettilineo,   è   andata   distrutta.   Le   due   scale   ter-­‐
minavano  su  una  piccola  platea,  delimitata  ad  est  da  un’ab-­‐
side,  con  un  altare  a  blocco  in  conci  squadrati.  Alla  sinistra  
Tutti   questi   doni   offerti   al   Santuario   di   Monte   Sant'An-­‐ dell’altare   è   stato   ritrovato,   protetto   da   lastre   di   pietra,   un  
gelo   testimoniano   il   culto,   l'amore,   la   devozione   a   San   affresco  chiamato  il  Custos  Ecclesiae,  attribuito  al  secolo  X,  
Michele   attraverso   i   secoli   ed   attestano   la   validità   e   oggi   esposto   nella   Sala   Convegni.   Questi   ambienti   furono  
l'importanza   di   questo   luogo   sacro   per   i   pellegrini   che   chiusi   deainitivamente   verso   gli   anni   1270   -­‐   1275,   quando  
qui  giungono  da  tutto  il  mondo.   gli   Angioini,   con   le   nuove   costruzioni,   diedero   al   Santuario  
l’assetto  attuale,  sacriaicando  le  precedenti  opere.

!
Nelle  foto:  

1. San  Michele  
Arcangelo,  icona  
bizantina  del  
secolo  VI-­‐VII  
(Museo  Devozio-­‐

! nale)  

2. Aquila  con  leggìo  


della  bottega  di  
Acceptus  del  
secolo  XI  (Cripte  

! Longobarde)  

!
Info.  

!
santuariosanmichele.it  

tel.  0884.561150

1 2

5
L’ABBAZIA DI!
SANTA MARIA DI PULSANO
www.turismomontesantangelo.it

N e i   d i n t o r n i  
dell’abbazia,   in  
uno   scenario   di  
rocce   grigie   su  
strapiombi   di  
oltre  200  metri,  
si   trovano   24  
eremi.  
!
P e r   v i s i t a r e  
alcuni   di   tali  
eremi,   i   monaci  
organizzano,   a  
richiesta,   per-­‐
corsi   con   visite  
guidate.  

!
!
Info.    

!
abbaziadipulsano.org  

tel.  0884.561047

  Legati   al   culto   dell’Ar-­‐ cui   un   forte   terremoto   nel   1646),   scuola   di   iconograaia   sacra   di  
cangelo   San   Michele   e   ai   pellegri-­‐ il   complesso   monasteriale   fu   af-­‐ stampo  bizantino.    
naggi   che   lo   vedevano   da   secoli   aidato   ad   alcuni   sacerdoti   dioce-­‐
come   meta,   sorsero   sulle   balze   del   sani  che  lo  gestirono  aino  al  1969,     Nei  dintorni  dell’abbazia,  
promontorio   del   Gargano   nu-­‐ anno   in   cui   fu   deainitivamente   in   uno   scenario   di   rocce   grigie   su  
merosi   monasteri   benedettini,   tra   abbandonato  e  in  cui  cominciò  un   strapiombi   di   oltre   200   metri,   si  
i   quali   alcuni   raggiunsero   grande   processo   di   grave   depauperamen-­‐ trovano   24   eremi.   Essi   in   alcuni  
importanza   e   aloridezza   nel   to   artistico   dell’abbazia,   a   causa   di   casi   sono   costituiti   da   una   sem-­‐
Medioevo.   Tra   questi   spicca   furti  di  ignoti  e  atti  vandalici.     plice   grotta,   lungo   la   parete  
l’Abbazia   di   Santa   Maria   di   Pul-­‐ scoscesa   del   aianco   del   vallone,   in  
sano,   che,   con   i   suoi   eremi,   si   è     Nel   1990   il   Movimento   altri   invece   da   piccole   costruzioni  
aggiudicata   il   primo   posto   nel   Cristiani   Pro   Pulsano,   formato   da   solitarie   su   dirupi   impervi.   Gli  
censimento   FAI   "I   luoghi   del   cuore   volontari   laici   di   Manfredonia   e   eremiti  che  abitavano  queste  celle  
da  salvaguardare"  2010.   Monte   Sant’Angelo,   dà   l’avvio   al   erano  senz’altro  in  comunicazione  
ripristino   dell’originario   splen-­‐ tra   di   loro:   alcuni   di   questi  
  Situata   a   circa   8   km   a   dore   dell’abbazia,   che   porterà   nel   eremitaggi,   infatti,   erano   dedicati  
sud   ovest   di   Monte   Sant’Angelo,   è   1997   alla   riapertura   dell’abbazia   alla  vita  comunitaria  (di  culto  e  di  
posta   nel   luogo   in   cui,   secondo   con   l’ingresso   della   nuova   comu-­‐ abitazione)   e   al   lavoro   collettivo  
tradizione,   sorgeva   un   tempio   nità  monastica  di  Pulsano,  di  dirit-­‐ (un   eremo   è   stato   persino   adibito  
pagano  dedicato  a  Calcante.   to   diocesano,   birituale,   latina   e   a   mulino);   inoltre   i   vari   eremi  
bizantina.   sono  collegati  da  una  rete  viaria  di  
  Instaurata   sul   colle   di   sentieri  e  scalinate,  nonché  da  una  
Pulsano   nel   VI   secolo   per   opera     Tra   le   varie   fasi   di   dis-­‐ vera   e   propria   “rete   idrica”   di  
del   monaco-­‐papa   San   Gregorio   truzioni   e   ristrutturazioni   il   nu-­‐ canali   scavati   nella   roccia   per   con-­‐
Magno,   l'abbazia   ha   visto   il   suo   cleo   monastico   medievale   ha   las-­‐ vogliare   le   acque   in   cisterne,   ter-­‐
massimo   splendore   nel   XII   secolo     ciato   intatta   la   sua   struttura   razzamenti  e  singole  celle.
ad   opera   dei   monaci   benedettini   sovrapponendosi   a   precedenti   fasi  
pulsanesi,   quando   l’abbazia   aveva   rupestri.  
diversi   possedimenti   in   Toscana,  
in   Campania,   in   Abruzzo   e   sul     Attualmente   l’Abbazia   è  
Gargano.   Dal   1809,   a   con   il   gestita   dai   Padri   Pulsanesi   che,  
susseguirsi  di  vari  ordini  monasti-­‐ oltre   ad   ofaiciare   il   doppio   rito  
ci,   di   varie   congregazioni   e   gli   greco   e   latino,   promuovono   una  
eventi   che   lo   hanno   colpito   (tra  
6
cardMSA
www.turismomontesantangelo.it

il biglietto unico per “... Sono venuto anch’io per


l’ingresso ai musei-mo- godere un istante dell’atmo-
numenti sfera propria di questo san-

 
!
A   Monte   Sant’Angelo   è  
tuario, fatta di silenzio, di
preghiera e di penitenza;
attiva   la   “cardMSA”,   la   “chiave”   sono venuto per venerare ed
d’accesso   a   tutti   i   musei   ed   i   invocare l’Arcangelo San
monumenti   alla   scoperta   delle  
radici  culturali  della  città.  
Michele, perché protegga e
!   Antonio  di  Iasio,   Sindaco  
difenda la Santa Chiesa”.
di   Monte   Sant’Angelo:   “È   il   nostro   !
benvenuto   a   quanti   sceglieranno  
Monte   Sant’Angelo   come   desti-­‐ Papa Giovanni Paolo II
nazione.  Con  questa  card  conseg-­‐ (Monte Sant’Angelo,
niamo   idealmente   le   chiavi   della   24 maggio 1987)
Città   ai   turisti,   con   l’auspicio   che  
possano  sentirsi  a  casa”.  
!   La   card,   che   ha   un   costo  
di   6   euro,   è   acquistabile   diretta-­‐
mente  presso  i  5  musei  e  dà  dirit-­‐ COME  ARRIVARE  A  
to  allo  sconto  del  10  %  in  tutte  le  
a t t i v i t à   c o m m e r c i a l i   c h e  
!
MONTE  SANT’ANGELO  
IN  AEREO  
aderiscono  al  progetto.  
!   La   CARD   è   un   viaggio   at-­‐
Bari  _  (dist.  160  km)  

!
Pescara  _  (dist.  215  km)  

IN  AUTO  O  IN  AUTOBUS  


traverso   i   luoghi   dello   spirito,   da  Bari  -­‐  dopo  130  km  uscire  a  Foggia,  prose-­‐
d e l l ’ a r t e   e   d e l l e   a n t i c h e   guire  per  55  km  
tradizioni,  che  hanno  reso  Monte   da  Napoli  -­‐  dopo  180  km  uscire  a  Foggia,  
Sant’Angelo   luogo   simbolo   del   proseguire  per  55  km  
da  Pescara  -­‐  dopo  190  km  uscire  a  Foggia,  
Gargano.    

  Il   Museo   Lapidario   e   il  
!
proseguire  per  55  km  

IN  TRENO  
Museo   Devozionale   del   Santu-­‐ Dalla  stazione  di  Foggia:  
Opzione  1:  treno  per  Manfredonia,  
ario   patrimonio   UNESCO,   il   Bat-­‐ corriera  per  Monte  Sant’Angelo  
tistero   di   San   Giovanni   in   Opzione  2  -­‐  corriera  diretta  
Tumba,   il   Castello   Normanno-­‐ Opzione  3  -­‐  corriera  per  Manfredonia,  
coincidenza  per  Monte  Sant’Angelo  
Svevo-­‐Aragonese,   il   Museo   Orari:  ferroviedelgargano.it  e  sitabus.it
delle  Arti  e  Tradizioni  popolari  
del  Gargano:  cinque  monumenti   29 settembre_La processione della Sacra Spada di San Michele Arcangelo

in   rete   dislocati   tra   i   bianchi   vi-­‐


coli  della  città  dell’Arcangelo,  vis-­‐
itabili   grazie   ad   un   unico   bigliet-­‐ SUL  SITO    
to,  la  city  card,  a  cui  sono  inoltre   TURISMOMONTESANTANGELO.IT    
legati  sconti  presso  i  ristoranti  ed   SONO  DISPONIBILI  TUTTE  LE    
alberghi   che   aderiscono   al   prog-­‐ INFORMAZIONI  RELATIVE  A:  
etto  “scopriMSA”. -­‐  DOVE  DORMIRE  
-­‐  DOVE  MANGIARE  
-­‐   VIRTUAL   TOUR   DEI   MONUMEN-­‐
TI,   DELLE   CHIESE,   DEL   CENTRO  
CARDMSA  
!
La   cardMSA   è   il   biglietto   unico   per  
STORICO  E  DEI  MUSEI  
!
l’ingresso  ai  musei-­‐monumenti  della   VISITE  GUIDATE:  
città.   PROLOCO  _  tel.  0884.565520  
Ha  un  costo  di  €  6,00  ed  è  acquista-­‐ COOP.   ECOGARGANO   _   tel.  
bile   direttamente   presso   i   Musei-­‐
0884.562062
Monumenti.  

La Foresta Umbra

7
!
Città  di  Monte  Sant’Angelo    
Assessorato  al  Turismo

Il Santuario di San Michele Arcangelo


L’Abbazia di Santa Maria di Pulsano
!
Monte Sant’Angelo _ Gargano _ Puglia
!
Febbraio 2014
Realizzazione e grafica: Pasquale Gatta
Testi e photo credits: Padri Micheliti, Comunità Monastica di Pulsano, Pasquale Gatta, Comune di Monte Sant’Angelo
!
L’Assessore al Turismo, Prof. Antonio Mazzamurro Il Sindaco, Ing. Antonio di Iasio
!
!
Ufficio Turismo | tel: 0884.566209 _ fax: 0884.566233 _ mobile: 348.7196465 _ @: info@turismomontesantangelo.it

www.montesantangelo.it | www.turismomontesantangelo.it
8