Sei sulla pagina 1di 2

La Repubblica di Cuba è un arcipelago dei Caraibi, posto tra il mar dei Caraibi,

il golfo del Messico e l'oceano Atlantico. Verso nord si trovano gli Stati Uniti
e Bahamas, a ovest il Messico, a sud le isole Cayman e la Giamaica a sud. Il suo
territorio è prevalentemente pianeggiante, con una cordigliera che si allunga
parallela alla costa. Tutta la costa meridionale è sormontata dalla catena
montuosa . Il notevole sviluppo costiero offre un’ampia varietà di paesaggi marini,
dalla costiera rocciosa a quella alta con dirupi. La barriera corallina si estende
all’esterno dell’arcipelago di Camaguey; nello sviluppo della costa si trovano ampie
insenature che costituiscono bacini portuali naturali di eccezionale bellezza come:
Avana, Santiago di Cuba e Cienfuegos. I fiumi hanno un corso breve, quello più
lungo è il Rio Cauto. La popolazione cubana si compone in maggioranza di bianchi
discendenti dai coloni spagnoli, mentre i mulatti e i neri sono delle consistenti
minoranze. L’immigrazione giovanile giustifica la massiccia presenza straniera del
sistema scolastico cubano, la percentuale di studenti stranieri rispetto al totale
della popolazione è tra le più elevate al mondo. Cuba è uno stato Laico, infatti
l’ateismo di stato è stato abolito nel 1992 e la libertà religiosa è garantita dalla
Costituzione. Esistono comunità di cristiano-protestanti, ebraiche e cristiano-
ortodosse. Lo spagnolo è la lingua ufficiale, il creolo è parlato dalla comunità
haitiana. La musica cubana è una mescolanza di tradizione spagnola e africana,
anche i ritmi caraibici della salsa devono molto alla musica cubana. La rumba è il
genere musicale cubano per antonomasia. La Rumba si sviluppò nelle provincie de
l’Avana e Matanzas. Essendo un ballo energetico e a sfondo sessuale la rumba
veniva repressa e bandita perché considerata oscena. La rumba cubana può essere
suddivisa in tre categorie: Yambú(lo stile più vecchio e lento), Columbia,
e Guaguancó (lo stile più popolare, che abbiamo ascoltato in brani
come Quimbara di Celia Cruz).La rumba cubana è stata dichiarata dall'Unesco
"Patrimonio culturale immateriale dell'Umanità".
La Rumba Yambù è lo stile più antico e più lento, chiamato la “rumba dei vecchi”
.IL ritmo è lento e incorpora movimenti che simulano fragilità; può essere ballata
da soli (questo vale specialmente per le donne) o in coppia. Sebbene i ballerini
possano flirtare con le compagne durante il ballo, non usano il vacunao della
Rumba Guaguancó

La Rumba Guaguancò è più veloce del Yambù con ritmi più complessi e sviluppa
movimenti di approccio tra uomo e donna che interpretano il ruolo del gallo e della
gallina. Le donne hanno il compito sia di attrarre l'uomo che di "proteggersi" da
lui, che tenta di "possedere" la donna con il vacunao mentre lei è distratta -
l'uomo indirizza la mano che tiene un fazzoletto verso le gambe o il bacino della
donna per simulare un contatto sessuale. Per difendere se stessa, la donna copre
con una o entrambe le mani, oppure può usare la gonna, il punto a cui è rivolto il
"colpo" dell'uomo e frusta via l'energia sessuale dal suo corpo. Molto
probabilmente il vacunao è stato ereditato dalla danza yuca o macuta, che è
stata portata sull’isola sull’ isola dai Bantù.