Sei sulla pagina 1di 11

Geometria 1 Calcolo lineare/1

Spazi vettoriali
Spazi vettoriali numerici
numerici ee matrici
matrici
Pn
Kn = {(x1 , . . . , xn ) | xi 2 K} 3 (x1 , . . . , xn ) = i=1 xi ei
Pm
K = {(y1 , . . . , ym ) | yj 2 K} 3 (y1 , . . . , yn ) = j=1 yj ej
m

' : Kn ! Km appl. lineare 3 (y1 , . . . , yn ) = '(x1 , . . . , xn )


8
< y1 = a1,1 x1 + . . . + a1,n xn
> Xn
.. .. ..
. . . yi = ai,j xj
>
: j=1
ym = am,1 x1 + . . . + am,n xn

Æ
f
0y 1 0a 1 0x 1
1 1,1 . . . a1,n 1
@ ... A = @ ... .. A @ .. A
. · . y = A · x = Ax
ym am,1 . . . am,n xn
BBB
D T T A = (ai,j )j=1,...,n matrice
i=1,...,m matrice m ⇥ n su K

Note
Note:
Note 1) x e y vettori
vettori colonna
colonna (= matrici con una sola colonna)
2) A = (A1 . . . An ) con Ai = '(ei ) (i-esima colonna di A)
(matrice m ⇥ n $ m colonne in Kn $ n righe in Km )
def
M< m,n K == {A = (ai,j )j=1,...,ni=1,...,m matrice m ⇥ n su K} 5 Kmn
ŒÕ< < D T T spazio vettoriale delle matrici m ⇥ n su K
con operazioni definite per componenti

Nota ' 7! M (') = A 3 Hom(Kn , Km ) 5 Mm,n K


Nota
Nota:
End(Kn ) 5 Mn,n K
Ml,m K ⇥ Mm,n K ! Ml,n K prodotto
prodotto righe
righe per
per colonne
colonne
Pm
definito (A, B) 7! C = A · B con C = (ci,k = j=1 ai,j bj,k )k=1,...,n
i=1,...,l

' 2 Hom(Kl , Km ), 2 Hom(Km , Kn ) ) M ( a ') = M ( ) · M (')


Note
Note:
Note 1) A · (B · C) = (A · B) · C per ogni A, B, C componibili
2) in generale A · B 6= B · A (anche se entrambe definite)
3) (A + B) · C = A · C + B · C , (c A) · B = c (A · B)
A · (B + C) = A · B + A · C , A · (c B) = c (A · B)
Geometria 1 Calcolo lineare/2

In = M (idKn) = ( i,j )j=1,...,n


i=1,...,n 2 Mn,n K matrice
matrice identità
identità
tale che Im · A = A = A · In per ogni A 2 Mm,n K
def
A 2 Mn,n K mat. invertibile () esiste (unica) A 1 2 Mn,n K
mat. invertibile
tale che A · A 1 = In = A 1 · A
def
GL(n, K) == ({A 2 Mn,n | A invert.}, · ) gruppo
gruppo lineare
lineare generale
generale
Note 1) ' 7! M (') 3 Aut Kn 5 GL(n, K) iso di gruppi
Note
Note:
2) ' : Kn ! Km , '(vi ) = wi con {v1 , . . . , vn } base di Kn
) M (') = (w1 . . . wn ) · (v1 . . . vn ) 1 2 Mm,n K
3) B = (v1 , . . . , vn ) e B 0 = (v10 , . . . , vn0 ) basi ord. di Kn
def
) MB,B 0 == M ( B,B 0 ) = (v1 . . . vn ) · (v10 . . . vn0 ) 1
A = (ai,j )j=1,...,n
i=1,...,m 2 Mm,n K
3 A⇤ = (a⇤i,j = aj,i )j=1,...,m
i=1,...,n 2 Mn,m K matrice
matrice trasposta
trasposta di A
def
A 2 Mn,n K matrice simmetrica () A⇤ = A
matrice simmetrica
def
matrice antisimmetrica () A⇤ =
matrice antisimmetrica A
Note 1)
Note
Note: A 7! A⇤ applicazione lineare Mm,n K ! Mn,m K
2) (A · B)⇤ = B ⇤ · A⇤ per ogni A, B componibili
3) A 2 Mn,n K invertibile ) A⇤ invertibile, (A⇤ ) 1 = (A 1 ⇤
)
4) sim
Mn,n K , Mn,n
antisim
K ⇢ Mn,n K sottospazi vettoriali
5) Mn,n K = Mn,n sim
K Mn,nantisim
K se car K 6= 2
Prop A 2 Mm,n K, A = M (') ) A⇤ = M ('⇤ )
Prop
Prop.
Dim '⇤ (e⇤j )i = '⇤ (e⇤j )(ei ) = e⇤j ('(ei )) = '(ei )j = aj,i = a⇤i,j
Dim
Dim.
A 2 Mm,n K 3 rango
rango di A
def
rg A == max numero righe di A lin. indipendenti in Kn
== max numero colonne di A lin. indipendenti in Km
== max ordine di B ⇢ A sottomatrice quadrata invertibile

Note 1) A 2 Mn,n K invertibile , rg A = n


Note
Note:
2) rg(A · B)  min{rg A, rg B} per ogni A, B componibili
rg(A · B) = rg A se B invertibile, = rg B se A invertibile
Geometria 1 Calcolo lineare/3

3) rg A = k , 9 B ⇢ A quadrata invertibile di ordine k


e @ C ⇢ A quadrata invertibile di ordine k + 1
(3 metodo
metodo degli
degli orlati
orlati per il calcolo di rg A)
elementari sulle righe di A 2 Mm,n K
Operazioni elementari
Operazioni
0 1 1 0 1 1 0 1
A A e1
B ... C B ... C B ... C
B C B C B C
B i C B iC B C
A = B A C 3 E(i, c) · A = B c A C con E(i, c) = B c ei C
B .. C B .. C B .. C
@ . A @ . A @ . A
Am Am em
0 1 0 1 1 0
A1 A1 e1
B ... C B ... C B ... C
B C B C B C
B i C B i jC B C
A = B A C 3 F (i, j) · A = BA + A C con F (i, j) = Bei + ejC
B .. C B .. C B .. C
@ . A @ . A @ . A
Am Am em

Note
Note:
Note 1) rg A non cambia se c 6= 0 e i 6= j
2) operazioni derivate: Ai 3 Ai + c Aj e Ai $ Aj
(A 3 E(j, c 1 ) · F (i, j) · E(j, c) · A con c 6= 0
A 3 F (i, j)·E(i, 1)·F (j, i)·E(j, 1)·F (i, j)·E(j, 1)·A)
3) operazioni elementari sulle colonne definite moltiplicando
a destra per le matrici E(i, c)⇤ = E(i, c), F (i, j)⇤ = F (j, i)
Metodo
Metodo di
di eliminazione
eliminazione di
di Gauss
Gauss
A 2 Mm,n K matrice non nulla
3 p1 = ai1 ,j1 6= 0 con ai,j = 0 8 i 1 8 j < j1
op. elem. 3 i1 = 1, ai,j1 = 0 8 i > 1
3 p2 = a2,j2 6= 0, . . . , pk = ak,jk 6= 0, finché ai,j = 0 8 i > k
(iterando il primo passo sulle sottomatrici (ah,l )l=j i +1,...,n
h=i+1,...,m )
3 A matrice
matrice aa gradini
gradini superiore
def
pivot di A)
() 9 p1 = a1,j1 6= 0, . . . , pk = ak,jk 6= 0 (pivot
pivot
t.c. j1 < . . . < jk e ai,j = 0 se j < ji o i > k
Geometria 1 Calcolo lineare/4
Prop A 2 Mm,n K ) rg A = numero dei pivot di A
Prop
Prop.
Dim A matrice a gradini ) A1 , . . . , Ak righe lin. indipendenti
Dim
Dim.
A 2 Mn,n K matrice a gradini invertibile
) p1 = a1,1 6= 0, . . . , pn = an,n 6= 0
matrice triangolare
ai,j = 0 se i > j (matrice
matrice triangolare superiore)
matrice diagonale
3 ai,j = 0 se i 6= j (matrice
matrice diagonale 3 A = In (elim.
diagonale) elim. inversa
elim. inversa
inversa)
Nota metodo di elimin. di Gauss 3 invertibilità di A 2 Mn,n K
Nota
Nota:
(A invertibile , prodotto di matrici elementari invertibili)
eliminazione diretta e inversa 3 A 1 ((A |In ) 3 (In |A 1 ))
Determinanti
Determinanti
A 2 Mn,n K (matrice quadrata di ordine n)
def P
3 < det A ==
<ŒÕ< 2⌃nsgn( ) a1, (1) · · · an, (n) 2 K
D T T determinante
determinante di A
Esempi
Esempi:
Esempi 1) n = 1 3 A = (a1,1 ), det A = a1,1
2) n = 2 3 det A = a1,1 a2,2 a1,2 a2,1
3) n = 3 3 regola di Sarrus
Note 1) det A⇤ = det A (a1, (1) · · · an, (n) = a 1 (1),1 · · · a 1 (n),n )
Note
Note:
2) det A è multilineare rispetto alle righe e alle colonne
(mentre non c’è relazione tra det(A + B) e det A, det B)
3) det A è alternante (antisimm.) rispetto a righe e colonne
(cambia segno scambiando tra loro due righe o colonne)
4) det A = 0 se una riga o colonna è combin. lin. delle altre
(caso speciale: A contiene due righe o colonne uguali)
5) A triangolare sup. ) det A = a1,1 · · · an,n (det In = 1)
⇣ ⌘
6) C = A ⇤ matrice aa blocchi
matrice blocchi ) det C = det A det B
0B
Lemma
Lemma.
Lemma 1) det(E(i, c) · A) = det E(i, c) det A = c det A
2) det(F (i, j) · A) = det F (i, j) det A = det A
Dim segue dalle note 2 e 3
Dim
Dim.
Geometria 1 Calcolo lineare/5
Prop A 2 Mn,n K invertibile , det A 6= 0
Prop
Prop.
e in tal caso det(A 1 ) = (det A) 1
1
Dim
Dim.
Dim lemma applicato a (A |In ) 3 (In |A ) + nota 4
Prop (Teorema
Prop
Prop. Teorema di
Teorema di Binet
Binet
Binet)
A, B 2 Mn,n K ) det(A · B) = det A det B
1
Dim
Dim.
Dim lemma applicato a (A |B) 3 (In |A · B) + prop. prec.
A 2 Mn,n K, i, j  n
3 < Ai,j = ( 1)i+j det(A senza la riga i e la colonna j)
ŒÕ< < D T T complemento algebrico di a
i,j

Prop (Teorema
Prop
Prop. Teorema di
Teorema di Laplace
Laplace
Laplace)
det A = ai,1 Ai,1 + . . . + ai,n Ai,n (sviluppo risp. riga i)
det A = a1,j A1,j + . . . + an,j An,j (sviluppo risp. colonna j)
Dim
Dim.
Dim basta riordinare e raccogliere i termini di det A
rispetto agli elementi della riga i o della colonna j
Corol A 1 = (ai,j = Aj,i / det A)j=1,...,n
Corol
Corol. i=1,...,n
Pn Pn
Dim
Dim.
Dim j=1 ai,j aj,k = j=1 ai,j Ak,j / det A = i,k

Sistemi lineari
Sistemi lineari
A 2 Mm,n K, B 2 Mm,1 K
sistema lineare
3 A · x = B sistema lineare con m equazioni in in n incognite
(x = (x1 , . . . , xn )⇤ vettore colonna delle incognite)
Note 1) A · x = 0 sistema
Note
Note: sistema lineare
lineare omogeneo
omogeneo
ammette sempre la soluzione nulla x = 0
2) {sol. A · x = 0} = Ker(' : x 7! A · x) ⇢ Kn sottosp. vett.
rg A = k ) dim{sol. A · x = 0} = n k
quindi la soluzione nulla x = 0 è l’unica , rg A = n
3) A · x = B ammette soluzioni , B 2 Im(' : x 7! A · x)
in tal caso: {sol. A · x = B} $ {sol. A · x = 0}
(' 1 (B) = ker ' + x0 (laterale) con x0 t.c. '(x0 ) = B)
Geometria 1 Calcolo lineare/6
Teorema di
Teorema di Rouché-Capelli
Rouché-Capelli
A · x = B sistema lineare con m equazioni e n incognite
ammette soluzioni , rg A = rg(A, B) (= n dim{soluzioni})
Dim
Dim.
Dim rg A = rg(A, B) , B 2 hA1 , . . . , An i , B 2 Im(' : x 7! A · x)
Risoluzione di A · x = B (I metodo)
Risoluzione
1) riduzione a gradini (eliminazione di Gauss su (A, B))
2) se si ottiene un’equazione 0 x1 + . . . + 0 xn = b con b 6= 0
allora il sistema A · x = B non ammette soluzioni
3) altrimenti si riduce A · x = B alle equazioni dei pivot (prime k)
4) A · x = B 3 C · x0 = B + D · x00 con:
C triang. sup. invertibile di ordine k
x0 = (xj1 , . . . , xjk ) incognite dei pivot
x00 = altre incognite = n k variabili “libere”
5) x0 = E + F · x00 (eliminazione inversa di Gauss su (C, B, D))
Risoluzione
Risoluzione di A · x = B (II metodo)
1) C ⇢ A quad. invert. di ordine k = rg A (metodo orlati con det.)
2) verifica che rg(A, B) = k (medoto degli orlati con determinanti)
3) riduzione di A · x = B alle equazioni contenenti le righe di C
3) A · x = B 3 C · x0 = B + D · x00 con:
x0 = (xj1 , . . . , xjk ) incognite delle colonne di C
x00 = altre incognite = n k variabili “libere”
5) x0 = C 1 · (B + D · x00 ) (C 1 calcolata con i determinanti)
Xn
bj Aj,i
Nota A · x = B, A invert. 3 xi =
Nota
Nota: regola di
(regola
regola di Cramer
Cramer
Cramer)
j=1
det A
Forme bilineari
Forme bilineari simmetriche
simmetriche
V spazio vettoriale su K, dim V = n < 1
B base ord. di V 3 Bil V 5 Mn,n K isomorfismo definito
$ M ( B ) con B (x, y) = x⇤ · M ( B ) · y
(B = (v1 , . . . , vn ) 3 M ( B )i,j = (vi , vj ))
1 1
B 0 altra base ord. di V 3 M ( B0 ) = (MB,B ⇤
0) · M( B) · MB,B 0
Geometria 1 Calcolo lineare/7
Note 1)
Note
Note: 2 Bil V (anti)simm. , 9 B t.c. M ( B ) mat. (anti)simm.
, M ( B ) matrice (anti)simm. per ogni base ord. B
2) A, A0 2 Mn,n K matrici
matrici congruenti
congruenti
def
() 9 M 2 GL(n, K) tale che A0 = M ⇤ · A · M
() A, A0 rappr. stessa forma bilin. risp. a basi diverse
def
2 Bil V 3 < rg == rg M ( B ) (= rg M ( B 0 ))
ŒÕ< < D T T rango della forma bilineare
rango
diagonalizzabile
2 Bil V diagonalizzabile
def
() 9 B = {v1 , . . . , vn } base di V t.c. (vi , vj ) = 0 8 i 6= j
() 9 B = (v1 , . . . , vn ) t.c. M ( B ) = Diag(k1 , . . . , kn )
(matrice diagonale con ki = (vi , vi ) 8 i = 1, . . . , n)
Nota
Nota
Nota: 2 Bil V diagonalizzabile ) simmetrica
Prop V spazio vettoriale su K , dim V = n < 1 , car K 6= 2
Prop
Prop.
2 Bil V simmetrica ) diagonalizzabile
Dim per induzione su n 1 (n = 1 banale)
Dim
Dim.
6= 0 ) 9 v1 6= 0 tale che (v1 , v1 ) 6= 0
3 ⌘(v1 ) : v 7! (v1 , v) appl. lineare non nulla
3 U = Ker ⌘(v1 ) ⇢ V sottosp. vett. con dim U = n 1
3 {v2 , . . . , vn } base di U t.c. (vi , vj ) = 0 8 i 6= j
) {v1 , . . . , vn } base di V t.c. (vi , vj ) = 0 8 i 6= j
Note
Note:
Note 1) metodo di eliminazione simultanea (righe e colonne):
matrice simmetrica 3 matrice congruente diagonale
⇤ ⇤
(A 3 E(i, c) · ⇣ A · E(i,
⌘ c)⇣ e0 ⌘A 3 F (i, j) · A · F (i, j) )
2) elim. simult. A 3 A con B base diagonalizzante
In B
Teorema
Teorema didi Sylvester
Sylvester
V spazio vett. reale, dim V = n < 1 , 2 Bil V simm.
) 9 {v1 , . . . , vn } base di V t.c. (vi , vj ) = 0 per ogni i 6= j,
(vi , vi ) = 1 se i  p , (vi , vi ) = 1 se p < i  rg ,
def
con rg( ) e pos( ) == p univoc. determinati da
Geometria 1 Calcolo lineare/8
Dim {w1 , . . . , wn } base di V t.c. (wi , wj ) = 0 per ogni i 6= j
Dim
Dim.
p
3 {v1 , . . . , vn } con vi = wi / | (wi , wi )| se (wi , wi ) 6= 0
e vi = wi altrimenti, base opportunamente rinumerata
3 V+ = hv1 , . . . , vp i , V = hvp+1 , . . . , vrg i , V0 = hvrg +1 , . . . , vn i
t.c. V = V+ V V0 , dim V+ = p, dim(V V0 ) = n p
(v, v) > 0 8 v 2 V+ {0} , (v, v)  0 8 v 2 V V0
p0 = dim V+0 con V = V+0 V 0 V00 derivata da {v10 , . . . , vn0 }
) p0 = p (p0 > p ) V+0 \ (V V0 ) 6= {0} 3 assurdo)
Prop V spazio vett. complesso, dim V = n < 1 , 2 Bil V simm.
Prop
Prop.
) 9 {v1 , . . . , vn } base di V t.c. (vi , vj ) = 0 per ogni i 6= j,
(vi , vi ) = 1 per ogni i = 1, . . . , rg
Dim
Dim.
Dim {w1 , . . . , wn } base di V t.c. p(wi , wj ) = 0 per ogni i 6= j
3 {v1 , . . . , vn } con vi = wi / (wi , wi ) se (wi , wi ) 6= 0
Corol A, A0 2 Mn,n
Corol
Corol. sym
R congruenti , rg A = rg A0 e pos A = pos A0
A, A0 2 Mn,n
sym
C congruenti , rg A = rg A0
Operatori
Operatori lineari
lineari ee determinanti
determinanti
V spazio vettoriale su K, dim V = n < 1
B base ord. di V 3 End V 5 Mn,n K iso def. ' $ M ('B )
1
B 0 altra base ord. di V 3 M ('B 0 ) = MB,B 0 ·M ('B )·MB,B 0

Nota A, A0 2 Mn,n K matrici


Nota
Nota: matrici equivalenti
equivalenti
def
() 9 M 2 GL(n, K) tale che A0 = M · A · M 1
() A, A0 rappr. stesso operatore lin. risp. a basi diverse
def
' 2 End V 3 <det ' == det M ('B ) (= det M ('B 0 ))
ŒÕ< < D T T determinante dell’operatore lineare '
determinante
Nota
Nota:
Nota 1) det( a ') = det(') det( ) per ogni ', 2 End V
2) ' 2 Aut V , det ' 6= 0 e in tal caso det ' 1 = (det ') 1
3) det : Aut V ! (K {0}, · ) omomorfismo di gruppi
def
3 SL(n, K) == {M 2 Mn,n K | det M = 1} ⇢ GL(n, K)
gruppo lineare
gruppo lineare speciale
speciale (= ker det ) sottogr. norm.)
Geometria 1 Calcolo lineare/9
Orientazioni di
Orientazioni di spazi
spazi vettoriali
vettoriali reali
reali
V spazio vettoriale su R, dim V = n < 1
def
B, B 0 basi ordinate di V equiorientate
equiorientate () det B,B 0 > 0
def
3 due orientazioni
orientazioni su V == classi di basi equiorientate
def
' 2 Aut V conserva
conserva le
le orientazioni
orientazioni () det ' > 0
, '(B) e B sono equiorient. per ogni base ord. B di V
def
Aut+ V == {' 2 Aut V | ' cons. le orient.} ⇢ Aut V sottogr. norm.
in particolare: GL+ (n, R) = {M 2 Mn,n R | det M > 0} ⇢ GL(n, R)
Note 1) (v1 , . . . , vn ) base ord. positiva di Rn , det(v1 , . . . , vn ) > 0
Note
Note:
2) Rn ⇢ Cn $ R2n 3 GL(n, R) ⇢ GL(n, C) ⇢ GL+ (2n, R)
Note 1) V = spazio dei vettori liberi del piano, ' 2 End V
Note
Note:
) det ' = ±Area('(v1 ), '(v2 ))/Area(v1 , v2 )
per ogni v1 , v2 2 V linearmente indipendenti
2) V = spazio dei vettori liberi dello spazio, ' 2 End V
) det ' = ±Volume('(v1 ), '(v2 ), '(v3 ))/Volume(v1 , v2 , v3 )
per ogni v1 , v2 , v3 2 V linearmente indipendenti
Autovalori
Autovalori ee autovettori
autovettori
' 2 End V , V spazio vettoriale su K
def
invariante per ' () '(U ) ⇢ U
U ⇢ V sottospazio invariante
def
autovettore per ' () v 6= 0 e '(v) = kH v con k 2 K
v 2 V autovettore
HH
autovalore per ' associato a v 0 0 ∑∂
autovalore
k 2 K autovalore per ' 3 < Vk = {v 2 V | '(v) = k v} ⇢ V
ŒÕ< < D T T k-autospazio
autospazio
autospazio per '
Note
Note:
Note 1) v 2 V autovett. per ' , hvi ⇢ V sottosp. invar. per '
2) k 2 K autoval. per ' ) Vk ⇢ V sottosp. invar. per '
dilatazione di fatt. k 2 K)
3) ' : V ! V def. '(v) = k v (dilatazione
dilatazione
3 V = Vk (unico autosp.) e ogni sottosp. è invariante
' 2 End V , V spazio vettoriale su K, dim V = n < 1
3 p' (t) = det(' t idV ) 2 K[t] polinomio
polinomio paratteristico
paratteristico di '
Geometria 1 Calcolo lineare/10
Nota p' (t) = det(M ('B )
Nota
Nota: t In ) con base B di V ) gr p' (t) = n
Prop ' 2 End V , V spazio vettoriale su K, dim V = n < 1
Prop
Prop.
k 2 K autovalore per ' , k soluzione dell’equaz. p' (t) = 0
Dim
Dim.
Dim k autovalore , esiste v 6= 0 tale che '(v) = k v
, (M ('B ) k In ) · x = 0 ammette soluz. 6= 0 , p' (k) = 0
k autovalore di ' 2 End V , dim V = n < 1
def
3 µalg k == molteplicità di k come soluz. dell’equaz. p(t) = 0
(= max esponente m tale che (t k)m divide p(t))
def
3 µgeo k == dim Vk  n (= max numero di k-autovett. lin. indip.)
Prop
Prop.
Prop µgeo k  µalg k per ogni autovalore k di '
Dim per induzione su dim V = n 1 (n = 1 banale)
Dim
Dim.
'(v1 ) = k v1 con v1 6= 0 3 B = (v1 , v2 , . . . , vn ) base ord. di V
⇣ ⌘
3 M ('B ) = k ⇤ ) p' (t) = (t k)p (t), con : U ! U
0A
definita da U = hv2 , . . . , vn i e (v) = ⇡2,...,n ('(v)) 8 v 2 U
'
) µ'geo k  µgeo k + 1  µalg k + 1 = µalg k

' 2 End V triangolarizzabile


triangolarizzabile
def Pi
() 9 B = {v1 , . . . , vn } base di V t.c. '(vi ) = j=1 aj,i vj
() 9 B = (v1 , . . . , vn ) t.c. M ('B ) triangolare superiore
diagonalizzabile
diagonalizzabile
def
() 9 B = {v1 , . . . , vn } base di V t.c. '(vi ) = ki vi
() 9 B = (v1 , . . . , vn ) t.c. M ('B ) = Diag(k1 , . . . , kn )
Note
Note:
Note 1) triangolariz. di operatori 6= riduzione a forma
triangolare con il metodo di eliminazione di Gauss
2) diagonaliz. di operatori 6= diagonaliz. forme bilineari

Prop ' 2 End V , V spazio vettoriale su K, dim V = n < 1


Prop
Prop.
P
1) ' triangolarizzabile , k µalg k = n (k = autoval. di ')
(cioè p' (t) = 0 ha n soluz. in K)
P
2) ' diagonalizzabile , k µgeo k = n () µgeo k = µalg k 8 k)
Geometria 1 Calcolo lineare/11
Qn P
Dim
Dim
Dim. 1) A triang. sup. ) p' (t) = i=1 (ai,i t) ) k µalg k = n
( per induzione su dim V = n 1 (n = 1 banale)
P P '
dimostr. preced. 3 k µalg k = k µalg k 1 = n 1
) triangolariz. ) ' triangolariz.
P P
2) ' diagonaliz. ) V = k Vk ) k µgeo k = n
P
k µgeo k = n ) V = k Vk (Vk trasvers.) ) ' diagonaliz.

Corol ' 2 End V , V spazio vettoriale su K, dim V = n < 1


Corol
Corol.
9 k1 , . . . , kn 2 K autovalori distinti per ' ) ' diagonaliz.
Pn
Dim
Dim
Dim. µalg ki = 1 ) µgeo ki = 1 ) i=1 µgeo ki = n
Esempi 1)
Esempi
Esempi: y: R2 ! R2 (riflessione rispetto all’asse x)
3 autoval. = ±1, sottosp. inv. V1 = hex i e V 1 = hey i
diagonalizzabile (µgeo (1) = µgeo ( 1) = 1)
2) ⌘y,h : R2 ! R2 (scorrimento parallelo all’asse x)
3 autoval: = 1, sottosp. inv. V1 = hex i
triang. ma non diagonal. (µgeo (1) = 1, µalg (1) = 2)
3) ⇢↵ : R2 ! R2 (rotazione di angolo ↵ 6= 0, ⇡)
3 @ autovettore/autovalore, @ sottosp. inv. non ban.
non triangolarizzabile (su R, ma diagonaliz. su C)

Note ogni endomorf. ' è triangolariz. su C (teor. fond. algebra),


Note
Note:
ma non necessariamente diagonalizzabile (per es. ⌘y,1 );
forma canonica
9 B base ord. t.c. M ('B ) è in forma canonica di
di Jordan
Jordan
Jordan,
cioè una matrice diagonale a blocchi con blocchi del tipo
0 1
k 1 0 ... 0 0
B 0 k 1 ... 0 0 C
B C
B 0 0 k ... 0 0 C
B C
B . . . . .. .. C
B . . . . . . . C
B . . . C
B C
@ 0 0 0 ... k 1 A
0 0 0 ... 0 k
univoc. determ. a meno dell’ordine (k = autoval. di ')