Sei sulla pagina 1di 4

LE SOCIETA'

Le società sono organizzazioni di persone e mezzi create dall'autonomia privata per l'esercizio in comune di una
attività produttiva.
Art. 2247: con il contratto di società due o più persone conferiscono beni o servizi per l'esercizio in comune
di un' attività economica allo scopo di dividerne gli utili.

L’atto costitutivo della società è un contratto consensuale bilaterale o plurilaterale di scopo; questa definizione
non è adatta comprendere l’intero patrimonio societario perché non tiene conto delle società costituite ad opera di
un solo soggetto, cioè le srl e le spa unipersonali.

Il legislatore nazionale pone a disposizione dell'autonomia privata otto tipi di società:


 società di persone
1. società semplice
2. società in nome collettivo
3. società in accomandita semplice

 società di capitali
4. società a responsabilità limitata
5. società per azioni
6. società in accomandita per azioni
7. società cooperative (scopo mutualistico)
8. mutue assicuratrici (scopo mutualistico)

Sia pure con tali eccezioni le società sono quindi enti associativi a base contrattuale che si caratterizzano per la
contemporanea presenza di tre elementi:
a) i conferimenti dei soci;
b) l'esercizio in comune di una attività economica (scopo-mezzo);
c) lo scopo lucrativo o lo scopo mutualistico (scopo-fine).

I conferimenti

I conferimenti sono le prestazioni cui le parti del contratto si obbligano; essi costituiscono il contributo dei soci
alla formazione del patrimonio iniziale della società. La loro funzione è quella di dotare la società del capitale di
rischio iniziale; con il conferimento ogni socio destina stabilmente parte della propria ricchezza all'esercizio
dell'attività e si espone al rischio di impresa.
L'art. 2247 stabilisce che i conferimenti possono essere formati da beni e servizi. Può cioè costituire oggetto di
conferimento ogni cosa suscettibile di valutazione economica.

Patrimonio sociale e capitale sociale

Il patrimonio sociale è il complesso dei rapporti giuridici attivi e passivi che fanno capo alla società. La consistenza
del patrimonio sociale è accertata periodicamente mediante la redazione del bilancio di esercizio. Questo
garantisce la garanzia principale od esclusiva dei creditori della società. Il capitale sociale è una cifra che esprime
il valore in denaro dei conferimenti così come risulta dall'atto costitutivo della società. Il capitale sociale rimane
inalterato per tutto il periodo di vita della società: può essere aumentato o diminuito soltanto attraverso la
modificazione dell'atto costitutivo. Ha una importante funzione vincolistica e organizzativa. Vincolistica perché
indica la frazione di patrimonio netto non disponibile e costituisce una garanzia patrimoniale supplementare per i
creditori.
Organizzativa perché il suo ammontare è determinante al fine del calcolo degli utili o delle perdite al momento
della redazione del bilancio di esercizio.
Inoltre può fungere da base di misurazione di alcuni fondamentali diritti soggettivi dei soci: diritti sia
amministrativi (diritto di voto) sia patrimoniali (diritto alla percezione degli utili). Tali diritti spettano infatti in
maniera proporzionale rispetto alla quota di capitale sociale sottoscritto.


Oggetto sociale


L'oggetto sociale è il c.d. scopo-mezzo e con questo si intende l'attività economica che i soci si prefiggono di
svolgere; deve essere predeterminato nell'atto costitutivo ed è modificabile solo nel rispetto delle norme che
regolano le modificazioni dell'atto costitutivo. Per tutte le società questo deve riguardare lo svolgimento di una
attività economica. Le società non possono essere costituite per il solo scopo di godimento dei beni conferiti dai
soci (la disciplina che si applica in questo caso è quella relativa alla comunione).

Scopo fine

L'ultimo elemento caratterizzante delle società è quello costituito dallo scopo perseguito dalle parti.
 Una società può essere costituita al fine di svolgere una attività economica con i terzi in modo da
conseguire utili (lucro oggettivo) da suddividere poi fra i soci (lucro soggettivo). E' questa la società
lucrativa o a scopo di lucro.
 Una società può però anche essere costituita per procurare ai soci un vantaggio patrimoniale diretto
consistente in una maggiore remunerazione del lavoro prestato dai soci nella cooperativa.

Sotto il profilo dello scopo perseguibile le società possono essere distinte in:
1) società lucrative,
2) società mutualistiche

Tipi di società e autonomia patrimoniale

Le società formano un sistema composto da una pluralità di modelli organizzativi, ciascuno dei quali costituisce
una diversa combinazione di risposte legislative ai problemi di disciplina che solleva l’esercizio in forma societaria
dell’attività d’impresa.

1. Una prima classificazione è quella basata sullo scopo istituzionale perseguibile: le società cooperative e
le mutue assicuratrici (società mutualistiche) si contrappongono a tutti gli altri tipi di società, definiti come
società lucrative.
2. Una seconda distinzione (nell’ambito delle lucrative) è quella basata sulla natura dell’attività esercitabile:
la società semplice solo per l’esercizio di attività non commerciale; tutte le altre società lucrative possono
esercitare sia attività commerciale sia attività non commerciale.

3. Altra distinzione legislativa è quella fra società dotate di personalità giuridica (società di capitali e società
cooperative) e società prive di personalità giuridica (società di persone).

Nelle società di capitali: è prevista un’organizzazione di tipo corporativo (presenza di una pluralità di organi:
assemblea, organo di gestione, di controllo...); il funzionamento degli organi sociali è dominato dal principio
maggioritario (maggioranze assembleari calcolate in base alla partecipazione di ciascun socio al capitale sociale);
il singolo socio ha il solo diritto di concorrere, con il suo voto, dell’organo amministrativo e/o di controllo (non
ha alcun potere diretto); la partecipazione sociale è di regola liberamente trasferibile.

Nella società di persone: l’attività si fonda su un modello organizzativo che riconosce ad ogni socio a responsabilità
limitata di amministrare la società e richiede di regola il consenso di tutti i soci per le modificazioni dell’atto
costitutivo; il singolo socio è investito del potere di amministrazione e di rappresentanza della società
indipendentemente dall’ammontare del capitale conferito e dalla consistenza del suo patrimonio personale. Ne
consegue che la partecipazione sociale è di regola trasferibile solo col consenso degli altri soci.


Il legislatore del 1942 ha operato una netta distinzione: le società di capitali e le società cooperative sono persone
giuridiche; la personalità giuridica è invece negata alle società di persone, che godono però di autonomia
patrimoniale.

Con il riconoscimento della personalità giuridica, le società di capitali e le società cooperative sono trattate, per
legge, come soggetti di diritto formalmente distinte dalle persone dei soci (piena e perfetta autonomia
patrimoniale). I beni conferiti dai soci diventano beni di proprietà della società: questa è titolare di un proprio
patrimonio, di propri diritti e di proprie obbligazioni distinti da quelli personali dei soci. I creditori personali dei
soci non possono soddisfarsi sul patrimonio sociale, né i creditori sociali possono soddisfarsi sul patrimonio
personale dei soci.

Le società di persone godono invece di autonomia patrimoniale imperfetta: al creditore personale del socio non è
permesso aggredire il patrimonio della società, ma è concesso di ottenere la liquidazione della quota del proprio
debitore; i creditori della società non possono aggredire direttamente il patrimonio personale dei soci: tale
operazione gli è consentita solo dopo aver infruttuosamente escusso il patrimonio sociale. Quindi, le obbligazioni
sociali sono obbligazioni della società, cui si aggiunge a titolo di garanzia la responsabilità di tutti (o di alcuni soci
nel caso della società in accomandita semplice).
Le società con strutture particolari


La nozione di società contenuta nell’art. 2247 è alla base della disciplina dettata per la società stessa, ma il
legislatore spesso chiama “società” dei fenomeni che non possono essere riportati a quella nozione, ma a cui è
applicata la disciplina della società.

1) dal punto di vista della struttura soggettiva, il legislatore ritiene che sia società anche quella costituita da un solo
socio sia dal momento della sua costituzione sia per il venire meno della pluralità dei soci.

2) dal punto di vista causale il legislatore ammette che la società possa non avere come fine quello di realizzare
utili (es. società con fini consortili).
3) il legislatore ha inoltre previsto la categoria delle “start-up” per le quali però deve essere adotatta o la società di
capitali o la società cooperativa.

La società tra professionisti e la società tra avvocati

Gli interventi permissivi accolti in Unione Europea hanno spinto anche in Italia a lavorare per permettere la
costituzione di società fra professionisti. Nel 2001 si è arrivati a permettere la costituzione di società tra avvocati,
volta a facilitare il libero esercizio della professione di avvocato nell'ambito della UE. La società fra avvocati è
regolata dalle norme della società in nome collettivo, ove non diversamente disposto. La società fra avvocati è
iscritta in una apposita sezione del registro delle imprese e l'iscrizione ha solo la funzione di certificazione
anagrafica e di pubblicità notizia. La società fra avvocati non è esposta al fallimento, in quanto non costituisce
attività di impresa. Nella società fra avvocati vige il principio della diretta responsabilità del professionista nei
confronti del cliente: questo ha il diritto di chiedere che l'incarico venga conferito ad uno o più soci da lui scelti
(solo quello o quelli incaricati sono professionalmente ed illimitatamente responsabili). Nel 2006, con un ulteriore
passo in avanti è stata consentita la prestazione di servizi professionali interdisciplinari da parte di società di
persone oppure di associazioni tra professionisti (consulenza legale ed assistenza fiscale). Differenziazione tra
società tra professionisti, società di mezzi e società di servizi imprenditoriali.