Sei sulla pagina 1di 8

Come studiare velocemente e bene: le tattiche e i 3 principi fondamentali http://www.gliaudacidellamemoria.

com/come-studiare-velocemente-e-bene/

Come studiare velocemente e bene: le tattiche


e i 3 principi fondamentali

Armando Elle

In questo articolo parlo di come studiare velocemente e bene con 2 tipi di


strumenti diversi:

il primo sono tecniche di studio di cui parlo spesso nel blog, e che ognuna a modo
suo, e per aspetti specifici, aggiunge velocità al tuo studio

il secondo sono tre principi o leggi “cosmiche”, che ti fanno studiare velocemente e
meglio cambiando in generale la tua mentalità.

Il risultato dell’applicazione precisa e sistematica di questi principi e tecniche di


studio è strabiliante.

Perché quando impari come studiare velocemente la tua vita cambia:

i voti migliorano e ti senti più sicuro di te

il mattino dell’esame vai a scuola tranquillo, dopo una serata di relax e una bella
dormita

ti stressi e ti fai stressare meno

hai più tempo libero per divertirti, o per imparare ancora più cose

sei raramente in ritardo, e quasi mai stanco

Quando impari a studiare velocemente insomma, ti riappropri del tuo tempo e


delle tue energie, e la tua vita è molto più produttiva, e soprattutto felice:
il successo nello studio ti ha tolto una grossa fetta dei tuoi problemi, e puoi dedicarti

1 di 8 27/01/2018, 17:41
Come studiare velocemente e bene: le tattiche e i 3 principi fondamentali http://www.gliaudacidellamemoria.com/come-studiare-velocemente-e-bene/

meglio a quelli che rimangono.

Ma come si fa a raggiungere un obiettivo di questo tipo?

Come studiare velocemente con le tecniche di studio

Ci sono tecniche specifiche con cui studiare velocemente, e ne parlo spesso nel blog.
Le principali sono:

1# La lettura veloce e lo skimming

Quando affronti del materiale di studio nuovo, perdi spesso tempo per
orientarti. Questo rende l’inizio dello studio faticoso, come una macchina pesante che
per muoversi ha bisogno di vincere tanta inerzia.

La lettura veloce e lo skimming ti fanno vincere questa inerzia e studiare più


velocemente perché ti permettono di pre-digerire in fretta il materiale, costruendo
una “mappa del percorso” che ti prepara al meglio per l’approfondimento e la la
memorizzazione successivi.

E’ come se prima di addentrarti in un territorio completamente sconosciuto tu lo


sorvolassi in aereo a bassa quota. Sarebbe molto più facile e veloce uscirne, no?

2# Prendere appunti: Il Metodo Cornell

Nel “registro del tempo” di cui fra poco ti parlerò, sicuramente scoprirai che passi
tantissime ore a lezione rispetto ai risultati che questo ti da. Il metodo Cornell, messo
a punto nella omonima università di New York, ti fa studiare più velocemente perché
fa rendere al massimo le ore di lezione, e ti fa prendere appunti in maniera più
ordinata e veloce da ripassare.

3# Le tecniche di memoria

La memorizzazione non è l’unica componente di un metodo di studio, ma certamente


occupa un sacco di tempo. Grazie alla tecniche di memoria puoi studiare velocemente
tutto ciò che è mnemonico; inoltre, contrariamente a quello che pensano quelli che
non le conoscono o non le sanno usare, le tecniche di memoria aiutano anche la
concettualizzazione.

Imparare lettura veloce, skimming e tecniche di memoria costa tempo e sforzo,


proprio come se fossero esse stesse degli esami; dimenticati di poter leggere
un libro, un post di un blog o fare un corso di un week end ed essere in grado di

2 di 8 27/01/2018, 17:41
Come studiare velocemente e bene: le tattiche e i 3 principi fondamentali http://www.gliaudacidellamemoria.com/come-studiare-velocemente-e-bene/

utilizzarle in maniera efficace. Le devi studiare e praticare. Ma ne vale la pena, perché


mentre passare un esame non è detto che ti aiuti a studiare più velocemente per il
successivo, imparare le tecniche sì. .

Prima ancora che impararle però, per studiare velocemente devi applicare 3
principi generali o “Leggi” della gestione del tempo e delle energie.

Come studiare velocemente con tre “leggi” o principi

A differenza che con le tecniche che abbiamo visto sopra, queste leggi non sono
qualcosa che bisogna studiare come fossero un esame.

Bisogna però fare il lavoro, comunque impegnativo, di rifletterci su e cambiare


mentalità.

I tre principi sono:

Il principio della Consapevolezza

Il principio della Priorità

Il principio della Concentrazione

Vediamoli uno per uno:

Come studiare velocemente grazie alla Consapevolezza

Se non sai cosa fai, come puoi farlo meglio?

Sei così sicuro di non avere abbastanza tempo per studiare? Sai davvero dove se
ne va il tuo tempo? Se rispondi superficialmente, magari mi dici si. Quando però ci
pensi profondamente, ti rendi conto che la risposta è no.

Infatti a tutti capita di arrivare a fine giornata e chiedersi, vedendo i pochi risultati
che si sono ottenuti, come è possibile che il tempo sia andato via così veloce. Per
poterlo utilizzare meglio, devi allora essere veramente consapevole di come lo utilizzi
adesso.

1# Il registro del tempo

Scrivi allora ogni sera, per una settimana, il tuo registro del tempo, dove annoti
che cosa hai fatto e per quanto lo hai fatto.

Si tratta di fare un semplice foglio di carta (o file excel) diviso ora per ora, da quando
ti svegli a quando vai a dormire, con uno spazio per segnare le attività che fai.

3 di 8 27/01/2018, 17:41
Come studiare velocemente e bene: le tattiche e i 3 principi fondamentali http://www.gliaudacidellamemoria.com/come-studiare-velocemente-e-bene/

Ogni sera, riguardandolo, rispondi poi a queste domande:

In quali attività se ne va la maggior parte del mio tempo?

Sono soddisfatto della maniera in cui l’ho utilizzato?

Ci sono cose a cui dedico troppo tempo?

Ci sono cose che continuo a rimandare?

Quando indizio qualcosa, quante volte mi interrompo o mi faccio interrompere?

Ho fatto il miglior uso possibile del mio tempo? (questa è la domanda fondamentale!)

Potresti scoprire:

Che passi molto tempo sui libri, ma studi molto meno di quello che pensi.

Che fai troppe interruzioni che inevitabilmente danneggiano la qualità del tuo
studio.

Che passi un sacco di ore a lezione, ma che questo tempo è poco produttivo.

Che ci sono cose che fai e rifai, e altre che invece continui a rimandare.

Queste scoperte le fa chiunque tenga un diario del tempo. Quindi non ti preoccupare,
ma agisci!

2# Diventa padrone del tuo tempo

Fra noi e il tempo è come una continua danza. Ma chi porta chi?

Quindi, il primo passo per imparare a studiare velocemente è capire dove se ne va il


tuo tempo, per poi farlo andare dove vuoi tu. Come? È semplice. Basta
iniziare ogni giornata avendo già stabilito l’80% di quello che farai.

Si tratta di una strategia in sé semplice ed efficacissima, che non richiede studi


faticosi come per esempio le tecniche di memoria; eppure è così difficile fare il
cambio di mentalità necessario ad implementarla che, per aiutarti, ho scritto il
pdf gratuito “la tecnica dei 7 minuti”.

Come studiare velocemente dandosi delle Priorità

Sono certo che metti il 20% dei tuoi vestiti l’80% delle volte.

O, per dirla in altre parole, che nel tuo armadio c’è un 20% di cose che metti molto
molto spesso, e un 80% che non metti quasi mai. Punto più, punto meno.

4 di 8 27/01/2018, 17:41
Come studiare velocemente e bene: le tattiche e i 3 principi fondamentali http://www.gliaudacidellamemoria.com/come-studiare-velocemente-e-bene/

Quindi, a comprare quell’80% di cose che usi pochissimo, hai sprecato tempo e
soldi. E adesso sprechi spazio per conservarle.

Ê per questo che Marie Kondo, nel suo famoso libro sul decluttering, ti fa buttare via
mezzo armadio. Perché di fatto non lo usi e non ti serve, è solo fastidio!

1# Il principio di Pareto applicato allo studio

Il tuo armadio è un esempio di principio di Pareto o principio 80/20. Si tratta


di una legge empirica di efficienza che più o meno dice così: per ogni attività c’è
un 20% di cause che porta l’80% degli effetti.

O detto in altre parole, se ti concentri su ciò che veramente è importante ottieni


risultati maggiori in minor tempo.

Questo principio è molto usato nel business: per esempio, normalmente il 20% dei
clienti porta l’80% dei profitti; o, come scoprì microsoft negli anni ’90, il 20% dei
bugs del software porta l’80% dei crash di sistema.

Ma oltre che essere utile nel business, è una regola d’oro per chi vuole studiare
velocemente.

Per usare il principio di Pareto nello studio è fondamentale prendersi il tempo di


stabilire che cosa è prioritario, cioè prendere la massa di roba che forma il tuo
esame e capire cosa conta di più e cosa conta di meno.

Per poi avere il coraggio di agire di conseguenza.

2# Vincere l’insicurezza

Decidere le priorità e attenersi ad esse è un’attività molto difficile per la maggior


parte degli studenti. A fregarli è soprattutto l’insicurezza: lo studente insicuro fa
sforzi enormi per cercare di imparare tutto e mettersi al riparo dall’insuccesso.

Solo che cercare di imparare tutto è difficile e faticosissimo, e quindi aumenta il


rischio di insuccesso invece di diminuirlo; ne trvoi un esempio nell’articolo in
cui parlo di un ragazzo che, dopo aver imparato la tecnica di memoria del keyword
method, per imparare il tedesco è partito dalla lettera A del dizionario sperando di
arrivare un giorno alla Z.

Questo è proprio il tipo di mentalità completamente opposta al principio di Pareto!


Evitala come la peste, e scopri come fare a dividere ciò che è importante da ciò che
non lo è.

5 di 8 27/01/2018, 17:41
Come studiare velocemente e bene: le tattiche e i 3 principi fondamentali http://www.gliaudacidellamemoria.com/come-studiare-velocemente-e-bene/

3# Stabilire le priorità

Sembrerebbe facile stabilire le priorità, perché un “senso della priorità” ce


l’abbiamo tutti, è innato!

Cioè tutti noi, a precisa domanda, siamo bene o male in grado di identificare
(quasi sempre) cosa è più importante e cosa lo è meno.

Ma questo senso della priorità è anche molto generico, e facilmente sopprimibile


dall’ammassarsi di piccole e grandi attività quotidiane.

E quindi, quando rifletti su cosa hai studiato, spesso scopri che per mille motivi
hai tralasciato cose importanti, anche se in qualche modo sapevi che lo erano.

Per questo motivo, al diario del tempo che hai imparato a fare nel punto precedente,
aggiungi un secondo strumento, anch’esso molto semplice: la “priority check
sheet”.

4# Priority check sheet

Si tratta di un elenco delle tue attività, non solo di studio, in cui assegni a
ciascuna un punteggio da 1 a 3. Dove 1 indica il massimo della priorità, e 3 il minimo.

Quando studi, utilizza la “priority check sheet” come mappa per decidere cosa
fare prima e cosa fare dopo. In questo modo non lavorerai a caso, ma secondo il
principio di Pareto.

Perché quando metti le cose su un foglio di carta e le formalizzi con un punteggio,


conferisci struttura e memoria al tuo generico “senso della priorità”.

E ti basta un’occhiata al foglio per valutare quanto è importante quello che stai
facendo in un dato momento.

Come studiare velocemente grazie alla Concentrazione

Di recente ho tradotto e pubblicato il libro sulla concentrazione di un autore inglese.


E molte cose sono state illuminanti anche per me.

Non perché nel libro si scopra l’acqua calda, ma perché ho avuto modo di apprezzare
la logica completa del concetto di concentrazione.

Avere concentrazione non significa semplicemente fare una attività, come per
esempio studiare un libro, e lavorarci sù senza farsi distrarre.

La concentrazione vera è invece un processo molto più complesso in cui, prima

6 di 8 27/01/2018, 17:41
Come studiare velocemente e bene: le tattiche e i 3 principi fondamentali http://www.gliaudacidellamemoria.com/come-studiare-velocemente-e-bene/

ancora di iniziare una attività:

hai analizzato e stabilito gli obiettivi

hai preparato l’ambiente in maniera ottimale

hai lo stato mentale giusto per farla

hai messo da parte le risorse necessarie

hai pianificato il lavoro e l’energia per farlo.

In questa maniera, anche una qualunque sessione pomeridiana di studio


prende tutto un altro senso e da tutti altri risultati.

Conclusioni su come studiare velocemente

Tutti passano tempo sui libri. Qualcuno poi ce ne passa anche troppo.

Per alcuni studiare significa passare genericamente del tempo su un libro, pensando
spesso ad altro, e senza una chiara idea di priorità e obiettivi.

Chi invece sa come studiare velocemente è diverso, perché:

sa esattamente dove se ne va il suo tempo, pianifica, e lo indirizza dove vuole lui.

sa quali sono le cose più importanti, e comincia sempre da quelle

sa come focalizzarsi veramente

Tutti sappiamo che quando le cose vanno male si entra spesso in circoli viziosi. Vai
male, e andare male dopo un po’ ti fa andare peggio.

Il bello invece è che qui si crea un circolo virtuoso: più impari come studiare
velocemente più ti viene facile farlo; allora ti senti più motivato, vai a più scuola
felice, la tua autostima cresce.

E impari a studiare ancora più velocemente! Un saluto. Armando.

7 di 8 27/01/2018, 17:41
Come studiare velocemente e bene: le tattiche e i 3 principi fondamentali http://www.gliaudacidellamemoria.com/come-studiare-velocemente-e-bene/

SuperStudente in 7 minuti!

Con questa Guida GRATUITA di Armando Elle scoprirai:

Il problema Numero 1 che ti sta bloccando

Perche´preferisci stare disteso sul divano che studiare

La tecnica che ti farà diventare un SuperStudente

I 4 passi per sviluppare un metodo di studio efficace

Acconsento al trattamento dei miei dati personali in conformità al D.Lgs 196/2003.


Leggi la Privacy Policy

8 di 8 27/01/2018, 17:41

Potrebbero piacerti anche