Sei sulla pagina 1di 1

Roberto Tognella

Speciale
Prevenzione
delle lesioni La cura non si può
improvvisare
da decubito

L
Nel contesto del a gestione delle lesioni cutanee saltuaria consulenza di uno specialista in

Poliambulatorio Specialistico croniche (LCC) rappresenta,


a causa dell’importanza
quanto mancano servizi e centri dedicati,
mancano univoche, ben delineate e comuni
Pacini l’unità ambulatoriale numerica, della complessità e Linee Guida Regionali di prevenzione,
di II livello per la Vulnologia costi del fenomeno, una delle classificazione, stadiazione e trattamento
opera a Milano per la sfide principali per un Sistema Sanitario sia medico sia chirurgico, manca la
diagnosi e trattamento avanzato. L’entità del fenomeno è comunicazione e l’integrazione tra le strutture
importante, sia per il numero di pazienti del territorio e i centri ospedalieri. Nella realtà
della patologia ulcerativa coinvolti sia per i tempi e le risorse attuale solo in rare occasioni queste figure
cutanea acuta e cronica necessari per il trattamento del problema. professionali lavorano in maniera integrata
Le LCC sono debilitanti, dolorose, e di concerto. Tutto ciò si traduce in una
provocano immobilità o marcata riduzione personalistica “own experience based”
dell’autonomia individuale e riducono la modalità di trattamento del paziente che
qualità di vita del paziente. Nella pratica si limita a un approccio terapeutico della
clinica esse sono di consueto riscontro, lesione cronica in quanto tale e non dei
nonostante ciò l’estensione del problema suoi moventi patogenetici con conseguente
è relativamente poco conosciuta per la possibile potenziamento della cronicità.
mancanza di studi epidemiologici su vasta Come logica conseguenza si assiste a
scala. In Italia, la raccolta dei dati non è un’inefficacia terapeutica per trattamenti
ancora precisa e uniforme e la scarsità incongrui, ripetitivi, spesso eseguiti con
di studi epidemiologici non consente una metodi empirici, utilizzo irrazionale di risorse
stima esatta dell’ampiezza del fenomeno. umane e strumentali, allungamento delle liste
La natura cronica delle lesioni con d’attesa, aumento dei costi, disorientamento
tendenza alle recidive e la multifattorialità e disagio dei pazienti. Il processo
etiopatogenetica, condizionano spesso assistenziale viene così frammentato per
cure prolungate e ospedalizzazioni sede, tipologia d’interventi e operatori, in
frequenti, che incidono sfavorevolmente quanto mancano percorsi assistenziali
sui costi sanitari e sui tempi di degenza, definiti, per la gestione delle lesioni cutanee. I
rendendole difficilmente inquadrabili nella pazienti afferiscono a più servizi ambulatoriali
sfera di competenza di un solo specialista, o a vari specialisti, oltre che essere seguiti
richiedendo un approccio multidisciplinare. sul territorio. È proprio da queste carenze
che è nasce la necessità d’individuare
La situazione in Lombardia nuove figure professionali, come il vulnologo,
In Lombardia le LCC vengono trattate in e di implementare nuovi modelli, anche
ambiente ospedaliero o in strutture territoriali nel privato, di integrazione fra territorio e
da specialisti di varia estrazione, con ospedale e di percorsi diagnostico terapeutici
modalità e trattamenti difformi anche per (PDTA) improntati su criteri di appropriatezza
lo stesso tipo di lesione e quadro clinico. ed efficienza, al fine di assicurare al
Sul territorio vengono affidate alle cure paziente quella continuità assistenziale e
d’infermieri di società pattanti accreditate la necessaria integrazione sociosanitaria.
con modalità Voucher o ancora più
spesso a quelli che operano privatamente Dal servizio domiciliare a quello
(professionisti non specificatamente formati ambulatoriale
Devices a ultrasuoni per la detersione e certificati), con o senza la supervisione La gestione del paziente portatore di LCC
meccanica e il debridement avanzata del Medico di Medicina Generale e la necessita della sinergia di un gruppo

Ortopedici & Sanitari


44 giugno 2015

OS_2015_005_INT@044-049.indd 44 20/05/15 12:19