Sei sulla pagina 1di 1

Pipino (re dei Franchi)

re dei Franchi, detto il Breve (Jupille 715-Saint-Denis 768). Alla morte del padre Carlo Martello (741) divenne
maestro di palazzo della Neustria e più tardi anche dell'Austrasia, quando il fratello Carlomanno lasciò la
carica (747). Con il consenso di papa Zaccaria (Assemblea di Soissons, 751), deposto Childerico III, l'ultimo
dei re merovingi, si fece proclamare re (751) e in seguito consacrare (752) dall'arcivescovo Bonifacio. Compì
imprese fortunate contro gli Arabi, i Sassoni, gli Aquitani e i Longobardi; in quest'ultima impresa venne
incontro alle insistenze del papa Stefano II, che si vedeva minacciato dalle conquiste di re Astolfo. Il
pontefice si recò di persona in Francia e, accolto con grande onore nel castello di Ponthion (754) incoronò
Pipino a Parigi in St.-Denis, confermandogli i diritti al trono di Francia, esprimendogli un particolare favore
con la nomina di patrizio dei Romani e riconoscendo il diritto di successione ai figli. Pipino in cambio giurò a
Quierzy (754) la Promissio carisiaca, con la quale si impegnava a proteggere la sua autorità nei territori
dell'Italia centrale. Il re avviò dapprima trattative con Astolfo per la restituzione dei territori conquistati, ma
non riuscendo a concludere decise la guerra nell'Assemblea di Berny Rivière (754). Sbaragliò il nemico alle
Chiuse di San Michele, lo inseguì e assediò Pavia e, costrettolo alla resa, gli impose la restituzione di
Ravenna, della Pentapoli e di altre terre (755). Ma il longobardo non mantenne le promesse, anzi assediò
Roma. Al nuovo appello di Stefano II, Pipino ripercorse la val di Susa, assediò Pavia e ingiunse condizioni più
gravi. Per eliminare le eventuali pretese bizantine fece solenne e formale donazione alla Chiesa delle terre
restituite dai Longobardi (756), dando inizio di fatto al potere temporale dei papi. Anche questa volta i patti
non furono del tutto rispettati. Quando Paolo I, succeduto a Stefano II, protestò per le inadempienze di
Desiderio, succeduto ad Astolfo, Pipino, impegnato contro i Sassoni e gli Arabi, tentò di appianare le
discordie con trattative diplomatiche, facendosi mediatore di pace tra il papa e i Longobardi, ma la morte lo
colse prima che la questione venisse risolta.