Sei sulla pagina 1di 21

Bagnasco, Barbagli, Cavalli, Corso di sociologia, Il Mulino, 2007

Capitolo V. Valori, norme e istituzioni

Valori, norme e istituzioni

1
Bagnasco, Barbagli, Cavalli, Corso di sociologia, Il Mulino, 2007
Capitolo V. Valori, norme e istituzioni

Il concetto di valore è polisemico e il suo significato


varia a seconda dell’uso, da una disciplina a un’altra
e all’interno di ogni singola disciplina.

Nel linguaggio comune si parla di valore per indicare:


Ú qualcosa che non appartiene al mondo delle cose
reali, ma alla sfera degli ideali e dei desideri
Ú qualcosa di reale di cui si teme la perdita

2
Bagnasco, Barbagli, Cavalli, Corso di sociologia, Il Mulino, 2007
Capitolo V. Valori, norme e istituzioni

In sociologia si è soliti definire i valori come l’insieme


di idee e opinioni condivise da una collettività
riguardo a ciò che è giusto, buono, apprezzabile

Il valore indica un criterio di valutazione

3
Bagnasco, Barbagli, Cavalli, Corso di sociologia, Il Mulino, 2007
Capitolo V. Valori, norme e istituzioni

In tal senso i valori sono:

•  orientamenti dai quali discendono i fini delle azioni


umane Ú valori e fini sono legati tra loro come in una
catena

•  trascendenti rispetto all’esistente Ú indicano un


dover essere che va al di là dell’essere, una tensione
verso uno stato di cose ritenuto ideale e desiderabile
ma che non è, o non è ancora, realizzato

4
Bagnasco, Barbagli, Cavalli, Corso di sociologia, Il Mulino, 2007
Capitolo V. Valori, norme e istituzioni

•  fatti sociali in quanto, e solo in quanto, vengono fatti


propri da individui o gruppi sociali, i quali orientano
in base a essi il loro agire Ú i valori sono forze
operanti, perché forniscono le motivazioni dei
comportamenti

•  i valori vengono fatti propri da individui e gruppi


mediante processi, più o meno consapevoli, di scelta
Ú i valori sono sempre sia oggettivi, sia soggettivi

5
Bagnasco, Barbagli, Cavalli, Corso di sociologia, Il Mulino, 2007
Capitolo V. Valori, norme e istituzioni

I valori universali:
•  sono i valori di “tutti”, ovvero sono quei valori nei
quali una civiltà si riconosce e chi non li accetta si
mette ipso facto al di fuori di essa
•  sono i valori che definiscono i confini del vivere
civile, la natura del “patto sociale”
•  sono il risultato di processi di lungo periodo,
intessuti di lotte condotte storicamente, e con
alterne vicende, da gruppi umani concreti.

6
Bagnasco, Barbagli, Cavalli, Corso di sociologia, Il Mulino, 2007
Capitolo V. Valori, norme e istituzioni

Pluralismo dei valori

Le società moderne, data la loro complessità e


differenziazione, sono caratterizzate dal pluralismo
dei valori.
Nelle società moderne si pone sempre più il
problema dell’integrazione dei valori.
Quando sistemi di valori o singoli valori sono in
conflitto tra loro, i gruppi che ne sono portatori
entrano essi stessi in conflitto.
Lo stesso individuo può far propri valori, tra loro in
linea di principio incompatibili, e trovarsi quindi di
fronte a situazioni di dilemma etico.

7
Bagnasco, Barbagli, Cavalli, Corso di sociologia, Il Mulino, 2007
Capitolo V. Valori, norme e istituzioni

Nelle società moderne e avanzate:


•  si sta allargando il grappolo dei valori universali
•  i sistemi di valori si frammentano (complessità,
differenziazione, secolarizzazione, fine grandi narrazioni)
•  si assiste a un processo di “presentificazione” (uno dei
caratteri dei valori è il “differimento”) dell’orizzonte di
realizzazione dei valori, in cui ogni individuo cerca di
realizzare il proprio ideale di “vita buona” nel qui e ora o,
almeno, nell’arco della propria stessa esistenza

8
Bagnasco, Barbagli, Cavalli, Corso di sociologia, Il Mulino, 2007
Capitolo V. Valori, norme e istituzioni

Norme = mezzi che prescrivono o vietano dei


comportamenti in vista di qualche fine/valore Ú
possiamo intendere le norme come delle obbligazioni

Valori = guide capaci di orientare i comportamenti


nell’ambito consentito dalle norme

9
Bagnasco, Barbagli, Cavalli, Corso di sociologia, Il Mulino, 2007
Capitolo V. Valori, norme e istituzioni

Le norme sociali sono uno strumento che


rende prevedibile il comportamento altrui
entro un numero limitato di alternative.

Le norme sociali sono tali in quanto i


comportamenti che da esse si scostano
incontrano invariabilmente qualche forma di
sanzione Ú in ogni società la conformità alle
norme viene mantenuta attraverso l’uso o
la minaccia di sanzioni.

10
Bagnasco, Barbagli, Cavalli, Corso di sociologia, Il Mulino, 2007
Capitolo V. Valori, norme e istituzioni

Le sanzioni si distinguono in:

-  positive Ú ricompensano chi rispetta la norma


-  negative Ú puniscono chi non rispetta la norma
-  formali Ú se applicate da specifiche autorità a ciò
preposte
-  informali Ú reazioni più spontanee e meno organizzate
-interne Ú quando le norme sociali sono state
interiorizzate e quindi trasformate in norme morali

11
Bagnasco, Barbagli, Cavalli, Corso di sociologia, Il Mulino, 2007
Capitolo V. Valori, norme e istituzioni

Tipi di norme

- regole costitutive Ú pongono in essere delle


attività che non esisterebbero all’infuori delle regole
stesse, non ammettono eccezioni e la loro
applicazione non richiede in genere un apparato
preposto alla loro interpretazione

- regole regolative Ú indicano ciò che è prescritto o


ciò che è vietato nell’ambito di un’attività già
costituita, ammettono eccezioni e consentono in
genere ampio spazio all’interpretazione

12
Bagnasco, Barbagli, Cavalli, Corso di sociologia, Il Mulino, 2007
Capitolo V. Valori, norme e istituzioni

- norme giuridiche (le leggi) Ú sono emanate


dall’autorità (potere legislativo), presuppongono un
apparato per la loro applicazione (potere giudiziario) e
per l’amministrazione delle sanzioni da esse previste
(istituzioni penali)
- norme implicite (galateo, buone maniere) Ú sono
quell’insieme di norme e regole di comportamento che
seguiamo quotidianamente e che diamo per scontate
- norme che valgono soltanto per gli appartenenti a
determinati gruppi sociali e regolano i rapporti sia
all’interno del gruppo, sia con soggetti esterni Ú codici
deontologici Ú codici d’onore

13
Bagnasco, Barbagli, Cavalli, Corso di sociologia, Il Mulino, 2007
Capitolo V. Valori, norme e istituzioni

Anche se in genere gli individui nella maggior parte


delle situazioni sanno che cosa è vietato e che cosa
è permesso fare, sanno cioè quali sono i vincoli che
le norme sociali pongono al loro agire, non è
infrequente che si verifichino situazioni nelle quali:
- vi è un eccesso di norme Ú ricorso agli esperti
- vi sono norme contraddittorie per cui la stessa
azione è nello stesso tempo prescritta da una
norma e vietata da un’altra Ú dilemma etico
- vi è una carenza di norme e quindi l’azione non
trova chiari punti di riferimento normativi Ú anomia

14
Bagnasco, Barbagli, Cavalli, Corso di sociologia, Il Mulino, 2007
Capitolo V. Valori, norme e istituzioni

Nelle scienze sociali per istituzione si intendono modelli


di comportamento che in una determinata società sono
dotati di cogenza normativa.

Se per organizzazione si intende un insieme coordinato


di risorse umane e materiali, per istituzione si intende
l‘impianto di regole che rende possibile tale
coordinazione.

15
Bagnasco, Barbagli, Cavalli, Corso di sociologia, Il Mulino, 2007
Capitolo V. Valori, norme e istituzioni

Rispetto al linguaggio comune, il concetto sociologico


di istituzione assume un significato:
- più ampio Ú riguarda in generale tutti i modelli di
comportamento e non solo quelli che si manifestano
in apparati e organizzazioni
- più preciso Ú sottolinea come, affinché un modello
di comportamento possa essere considerato
un’istituzione, sia necessaria la presenza di un
elemento normativo in qualche misura vincolante

16
Bagnasco, Barbagli, Cavalli, Corso di sociologia, Il Mulino, 2007
Capitolo V. Valori, norme e istituzioni

Le varie istituzioni si possono ordinare lungo un continuum, a


seconda del grado di istituzionalizzazione raggiunto
Il grado si istituzionalizzazione di un sistema di regole dipende da
diversi fattori:
- dalle forme flessibili o rigide del controllo sociale che ne
garantiscono l’osservanza
- dal grado di informazione in merito alla loro esistenza che ne
hanno gli attori coinvolti
- dal grado di accettazione di tali regole da parte della società nel
suo complesso
- dal tipo e dall’intensità delle sanzioni che premiano la conformità
o puniscono la trasgressione
- dal grado di interiorizzazione nei codici morali individuali
- dal grado in cui le norme vengono di fatto osservate oppure no

17
Bagnasco, Barbagli, Cavalli, Corso di sociologia, Il Mulino, 2007
Capitolo V. Valori, norme e istituzioni

Ogni sistema sociale per esistere deve soddisfare


quattro requisiti fondamentali:
•  formulare dei fini Ú funzione politica
•  adattare i mezzi ai fini Ú funzione economica
•  regolare le transazioni tra le sue parti Ú funzione
normativa
•  mantenere nel tempo i propri orientamenti di fondo
Ú funzione della riproduzione biologica e culturale

Alle varie funzioni corrispondono istituzioni diverse,


anche se molte istituzioni svolgono una pluralità di
funzioni.
18
Bagnasco, Barbagli, Cavalli, Corso di sociologia, Il Mulino, 2007
Capitolo V. Valori, norme e istituzioni

Le istituzioni, come ogni prodotto dell’attività umana,


hanno una durata temporale.

Nella dinamica delle istituzioni si possono distinguere


due tipi fondamentali di processo:
- da un lato le istituzioni nascono, si sviluppano e
muoiono per effetto di processi spontanei, vale a dire
non intenzionalmente voluti e prodotti dalle azioni di
individui e gruppi identificabili Ú effetto di composizione
o emergente
- dall’altro lato, invece, tali eventi e processi sono
imputabili alla volontà specifica di qualche attore

19
Bagnasco, Barbagli, Cavalli, Corso di sociologia, Il Mulino, 2007
Capitolo V. Valori, norme e istituzioni

La vita e il mutamento delle istituzioni dipende dalla loro


capacità di rispondere efficacemente alle sfide che
provengono:
- dall’ambiente esterno Ú fattori di mutamento esogeni
- dall’ambiente interno Ú fattori di mutamento
endogeni

20
Bagnasco, Barbagli, Cavalli, Corso di sociologia, Il Mulino, 2007
Capitolo V. Valori, norme e istituzioni

In linea di principio, due possono essere i tipi di


risposta strategica alle sfide ambientali:
•  una risposta “rigida”, tendente a conservare
l’identità e l’integrità dell’istituzione di fronte alla
turbolenza interna o esterna
•  una risposta “flessibile” in grado di modificare la
propria struttura interna, di ridefinire i confini con
l’ambiente e quindi l’identità stessa dell’istituzione

21