Sei sulla pagina 1di 5

IL BUDDHA DELLE CIMINIERE: UNISABAZIA 2010/11 - I Greci in India 21/11/2014

IL BUDDHA DELLE CIMINIERE


APPUNTI PER UN DHARMA SABAZIO

HOME PAGE UNISABAZIA LA POSTURA DI ZAZEN FARE ZAZEN A SAVONA

sabato 20 ottobre 2012 "Il Buddha, il Divino, dimora nel circuito di un


calcolatore o negli ingranaggi del cambio di una
moto con lo stesso agio che in cima a una montagna
UNISABAZIA 2010/11 - I Greci in India o nei petali di un fiore"

I Greci in India: scontri e incontri

Già 1000 anni prima dell’Era Volgare, durante il regno ebraico di Salomone, i contatti tra il mondo "Una delle domande tradizionali che lo spirito
mediterraneo e il sub-continente indiano erano relativamente frequenti e costanti. classico si pone è: quale pezzo della motocicletta,
Successivamente, dal VI secolo a.C. al V sec. d.C. è documentata la presenza in India di Greci: esploratori, quale granello di sabbia di quale mucchio è il
soldati, mercanti, filosofi, ambasciatori… E questo sia nelle valli gangetiche dell’India del Nord sia nelle Buddha? Questa domanda va nella direzione
regioni meridionali dell’odierno Tamil Nadu. sbagliata, perchè il Buddha è dappertutto. Ma va
Le fonti sanscrite attestano infatti che nel V sec. a.C. esistevano in India importanti colonie greche. Nei anche nella direzione giusta, perchè il Buddha è
Vishnu Purana (1) è detto che “a est di Bharata [l’India] vivono i Kirata e a ovest gli Yavana”. La letteratura dappertutto"
buddhista li chiama “Yona”. Nel Sutra di Assalayana, il Buddha stesso, nel discorso che tiene al giovane
brahmana (2) Assalayana in merito alla suddivisione in caste, cita i Greci, dicendo: “Tu che pensi,
Assalayano: hai sentito che tra gli Ioni ed i Kabuli ed in altri paesi stranieri vi sono due sole caste, signori e
servi; e che il signore può divenire servo, ed il servo signore?”. Questo non significa che il Buddha “storico” (da: Lo Zen e l'arte della manutenzione della
sia entrato in contatto con i Greci, ma dimostra comunque che essi erano ben conosciuti nell’India del V - motocicletta)
VI sec. a.C.
I termini che designano i Greci dell’India, Yona e Yavana, derivano direttamente dal nome “Ioni”, con cui
venivano chiamati i Greci che abitavano le coste e le isole dell’Asia Minore (l’attuale sponda egea della EVENTI
Turchia).
Seminario di pittura sumi-e a Varazze_aprile 2014
Pitagora Zazen a Genova_novembre 2013
E’ interessante osservare che era ionico, essendo nato a Samo, il filosofo Festival dell'Unisabazia_giugno 2013
Pitagora, contemporaneo del Buddha Shakyamuni, il quale poneva a fondamento
Conferenza sullo zen a Genova_giugno 2013
della propria scuola (che era insieme filosofica, religiosa e politica) una visione
del mondo molto simile a quella di diverse tradizioni indiane. Secondo Pitagora, il Introduzione allo Zen Soto a Genova_novembre
quale molto probabilmente, come il Buddha, come Socrate, come Cristo, non
2013
scrisse mai nulla, l’anima sopravvive dopo la morte del corpo, e trasmigra in altri
corpi (metempsicosi). La catena delle trasmigrazioni cessa solo dopo la UNISABAZIA
purificazione dell’anima stessa. La sua filosofia era quindi non solo una diversa
visione dell’uomo e del mondo, ma piuttosto una vera e propria disciplina Su alcune fonti della vita del Buddha - 3 - Le
spirituale, basata sulla non-violenza, sulla rinuncia, su una alimentazione opere di Asvaghosa e la letteratura kavya e
mahakavya
vegetariana, e sostenuta altresì da una comunità di persone motivate dalle
stesse finalità. I suoi discepoli erano divisi, come in molte comunità spirituali Su alcune fonti della vita del Buddha - 2 - Dalla
Pitagora letteratura dei Jataka al Jatakamala di Arya Sura
indiane, tra gli “acusmatici”, cioè gli ascoltatori, e i “matematici”, coloro che
erano ammessi agli insegnamenti più profondi. Pitagora era quindi molto simile ad un guru, i maestri spirituali Su alcune fonti della vita del Buddha - 1 - Le fonti
delle tradizioni indiane. Così come gli insegnamenti erano (e sono tuttora, in certi ambiti) di ordine nel Canone Pali
“essoterico”, ovvero rivolti a tutti, o “esoterico”, destinati ad una cerchia di iniziati. La parabola come genere letterario: il Sutra del
Loto
Alessandro/Sikandar Corpo e mente, qui ed ora

http://zenvadoligure.blogspot.it/2012/10/unisabazia-201011-i-greci-in-india.html 1/5
IL BUDDHA DELLE CIMINIERE: UNISABAZIA 2010/11 - I Greci in India 21/11/2014

Ganesh dalla pancia grassa


Nel 334 a.C. Alessandro, figlio di Filippo II, sovrano del regno greco di Macedonia, intraprese una grande
Ganga dal rapido corso
spedizione verso oriente, con l’intento di conquistare il mondo, fondando un impero insieme militare e
culturale. Con lui c’erano infatti, oltre ad un esercito di 40.000 uomini, anche numerosi scienziati e filosofi. Bhavachakra, la Ruota dell'Esistenza
Dopo ben sette anni di marce e battaglie, raggiunse i confini del territorio I 12 anelli: 1 - L'ignoranza; 2 - Le formazioni
indiano, nella zona dell’attuale Kandahar (oggi in Afghanistan), forma karmiche
modificata di Alessandria. Entrò poi nella valle di Kabul e in questi territori I 12 anelli: 3 - La coscienza; 4 - Nome-e-forma
fondò insediamenti greci che, molto tempo dopo, avrebbero avuto I 12 anelli: 5 - Le sei basi sensoriali; 6 - Il contatto
profonda influenza nella storia dell’India. Ricevette anche la visita di un I 12 anelli: 7 - La sensazione
giovane rifugiato dal regno di Magadha, nel nord-ovest dell’India, vicino al
regno della dinastia Shakya, che dette i natali a Siddhartha Gautama, il I 12 anelli: 8 - Il desiderio
Buddha. Il nome del giovane era, pronunciato alla greca, Sandrokottos, ma I 12 anelli: 9 - L'attaccamento; 10 - Il divenire
si trattava di Chandragupta, il futuro fondatore dell’impero Maurya. Alessandro/Sikandar I 12 anelli: 11 - La nascita
Nel 326 a.C. l’esercito greco attraversò l’Indo su un ponte di barche e I 12 anelli: 12 - Vecchiaia e morte
giunse a Taxila, grande centro commerciale dove convivevano le tre grandi tradizioni spirituali dell’India
dell’epoca: Brahmanesimo, Buddhismo, Jainismo. Lì Alessandro incontrò i “gimnosofisti” (i “sapienti nudi”): I Greci in India
asceti di diverse scuole, che avevano rinunciato al mondo per ricercare la liberazione, monaci, yogi, Il Buddha prima del Buddha
śramana. Cercò di convincere uno di loro, Dandamo, a seguirlo insieme al gruppo dei filosofi greci, ma questi Il Silenzioso degli Shakya
rifiutò dicendo al grande re: “Perché hai viaggiato tanto? Io ho tanta terra quanta ne hai tu o chiunque Il XIV Dalai Lama
altro. Anche se possiedi tutti i fiumi, non puoi bere più di me. Apprendi da me questa saggezza: non Il grande Silenzio: immagini della morte nelle
desiderare nulla e tutto sarà tuo.” Alessandro non fu fermato da queste parole, ma il filosofo Pirrone, che tradizioni buddhiste
era con lui, ne rimase certamente colpito: quando tornò in Grecia fondò infatti la scuola degli Scettici (3),
nella quale si ritrovano molti punti di contatto con gli elementi della spiritualità indiana. Il karma
In realtà la spedizione di Alessandro non penetrò nell’India come la intendiamo oggi. Egli non giunse alla Introduzione alla psicologia del buddhismo
grande pianura del Gange, ma si fermò al Punjab, nel nord-ovest dell’attuale stato indiano. I suoi stessi Kali la Nera Amata
soldati, ridotti a meno della metà, chiesero di non proseguire. Consapevole che non sarebbe stato possibile Kodo Sawaki
battere i grandi eserciti dei regni indiani, Alessandro iniziò il viaggio di ritorno. Ma non rivide più la Grecia: a
L'uomo e il mondo nella tradizione indiana
causa delle ferite riportate in battaglia, o forse per un avvelenamento, morì a Babilonia nel 323 a.C., a 33
anni. Qualche tempo prima, l’asceta jaina Calano (Kalyana, cioè il virtuoso) aveva accettato di seguirlo, ma La CIA in Tibet
si era subito ammalato. Dopo aver rifiutato le cure dei medici greci, ritenendo che fosse meglio morire La comunità dei praticanti ieri e oggi
piuttosto che vivere al di fuori delle regole di condotta che egli stesso aveva scelto, salì da solo sul rogo La guerra
funebre, dicendo ad Alessandro: “Ci rincontreremo a Babilonia”. E così avvenne. Lama Yesce e Lama Tenzin Osel
Il tentativo di Alessandro di fondare un impero esteso fino all’India morì insieme a
lui, ma la sua figura ormai leggendaria (non a caso è conosciuto come Alessandro Le parabole del Buddha
Magno, o Alessandro il Grande) rimase viva nelle tradizioni medio-orientali e indiane, L’Imperatore Ashoka: un Costantino indiano?
dove venne ricordato come un eroe, un semidio. E’ anzi probabile che la fama di L’Insegnamento: la sofferenza, le sue cause, la
Sikandar, come era chiamato in Oriente, abbia contribuito alla concezione del Via che va al di là
Bodhisattva (4) Maitreya, il Buddha del futuro, il quale è spesso rappresentato Monaci e/o samurai?
seduto “all’europea”, su una alta sedia, con entrambi i piedi a terra o con la caviglia Padma nata dal loto
destra sul ginocchio sinistro.
Ancor oggi, molti capi clan del Pakistan del Nord e del Kashmir sostengono di essere
Siddhartha Shakyamuni, il Buddha: storia e mito
diretti discendenti di Sikandar, e i Kafir dell’Afghanistan affermano di essere di pura Studiare la Via del Buddha
stirpe greca (5). Tara madre di saggezza
Maitreya La spedizione di Alessandro diede origine nell’India settentrionale a diversi Regni Thich Nhat Hahn
ellenistici (almeno 36), che durarono fino al 10 d.C., e la cui presenza rafforzò Tiziano Terzani
ulteriormente il rapporto e lo scambio linguistico, religioso, filosofico, scientifico, tra i due mondi. Ne derivò
una forma di cultura indo-greca la cui influenza è visibile ancora oggi. Zen

Menandro/Milinda LIBRI
Il più famoso dei re indo-greci fu senza dubbio Menandro I, il quale regnò su un vasto territorio dell’attuale Le gesta del Buddha
Punjab verso la metà del II sec. a.C. La conquista di Lhasa
Oltre che dagli storici greci, è ricordato anche nella letteratura buddhista con il nome di Milinda, che ricorre Il Grande Gioco
già nel titolo di un fondamentale testo del buddhismo più antico, redatto forse in sanscrito e poi in pali, il Gandhi - Il risveglio degli umiliati
Milindapaňha, ovvero Le domande di Milinda. Si tratta di una serie di dialoghi, divisi in 7 libri, paragonabili ai
dialoghi socratici/platonici, tra il re Menandro/Milinda e il monaco buddhista Nagasena. Nell’opera vengono Apologia del Buddhismo
toccati un po’ tutti gli argomenti degli insegnamenti del Buddha, con il probabile scopo di creare un testo Dare il cuore a ciò che conta
utile alla diffusione del buddhismo, fors’anche nella stessa Grecia. Alla fine del VII libro dell’opera si legge Guida zen per non cercare la felicità
che Milinda, dopo i lunghi colloqui con Nagasena, “cessò dall’aver dubbio alcuno nelle Tre Gemme”(6), I vagabondi del Dharma
“divenne pieno di fiducia e libero di brame e tutto il suo orgoglio e presunzione lasciarono il suo cuore” e si
dedicò ad una sincera pratica del Dharma del Buddha. Lasciò il regno al figlio e “abbandonando la vita sotto Il Sutra del Diamante
un tetto per una condizione senza tetto, divenne grande in introspezione e raggiunse lo stato di arhat”(7). Il Sutra della Piattaforma
Non è possibile stabilire se la conversione di Menandro sia un fatto storico, ma è certo che il testo dimostra Il libro del desiderio - Libro della misericordia
il profondo interesse del re greco, forse anche dettato da un calcolo politico, per le tradizioni religiose dei Il mandala di Sherlock Holmes
suoi sudditi indiani. Il pensiero del Buddha
Le influenze reciprocamente esercitate dalle culture greca e indiana nei sei secoli prima dell’Era Volgare sono
documentate in vari campi. Si sono visti esempi negli ambiti filosofici e spirituali. In campo artistico, è Lo Zen alla guerra
probabile che l’influsso ellenistico abbia contribuito in maniera determinante allo sviluppo dell’arte buddhista Operazione Shadow Circus
(per quanto questa definizione possa valere). Alle origini, il Buddha non venne mai raffigurato: sarebbe stato Paura
un condizionamento, una riduzione dell’essenza del suo insegnamento, la vacuità, e quindi il non-dicibile, a Satori
ciò che è visibile, ad un mero concetto, ad una nozione rappresentabile. La presenza del Buddha nelle opere
d’arte era solo suggerita da simboli: un seggio vuoto, un ombrello regale, un reliquiario… Sotto l’influenza dei
Tornare a casa - Un commento Zen all'Odissea
canoni dell’estetica greca, vennero invece create le prime raffigurazioni antropomorfiche del Buddha, Una volta ero un soldato
soprattutto nella postura in piedi. Osservandole ancora oggi, non è possibile non andare col pensiero alle
immagini classiche delle divinità greche, soprattutto alle figure apollinee con i fini drappeggi dei manti. CINEMA
Eracle/Vajrapani L'arpa birmana
Un interessante caso di fusione tra elementi delle due culture è quello, Piccolo Buddha
attestato anche in un famoso bassorilievo, tra la figura del semidio greco Passaggio in India
(e poi romano) Eracle e il bodhisattva Vajrapani, “colui che tiene il vajra”
(8), uno dei protettori del Buddha, di cui rappresenta la potenza. Nel Orizzonte perduto
bassorilievo, Vajrapani è raffigurato nudo, muscoloso, con le tipiche
fattezze di Eracle. Ed il vajra nelle sue mani diviene un tozzo bastone, che MUSICA
rinvia alla famosa clava del semidio greco.
Secondo certe tradizioni, infatti, Eracle si era recato in India, dove aveva I maestri di Leonard Cohen
avuto molti figli maschi ed una figlia, Pandea. Ne parla lo scrittore Lucio Franco Battiato: tra echi di danze sufi ed oceani
Flavio Arriano (nato nel 95 d.C.) nella sua opera India (Indiké), dove dice di silenzio
che la popolazione indiana dei Sibi sosteneva di discendere dai soldati Santi del giorno: John, Paul, George, Richard
superstiti della spedizione di Eracle, ed infatti la loro tipica arma era la
Eracle/Vajrapani protegge il Buddha clava. In India Eracle scoprì anche un nuovo ornamento, la margherita
marina, ovvero l’ostrica perlifera, la cui pesca è ancora oggi fiorente lungo
le coste indiane.

Dioniso/Śiva

http://zenvadoligure.blogspot.it/2012/10/unisabazia-201011-i-greci-in-india.html 2/5
IL BUDDHA DELLE CIMINIERE: UNISABAZIA 2010/11 - I Greci in India 21/11/2014

Come Eracle, anche il dio Dioniso si dice abbia compiuto, prima di Alessandro, una spedizione in India, della
quale parla Arriano. Ivi egli fondò città e diede loro delle leggi; fece dono agli Indiani del vino, come aveva
fatto con i Greci; insegnò a seminare e ad arare la terra con i buoi. Lo zazen al Festival dell'Oriente di Carrara 2012
“Insegnò loro a venerare diversi dèi e in particolare lui stesso suonando
cembali e timpani; fece loro imparare la danza dei Satiri”, il kordax (9);
mostrò come farsi crescere i capelli in onore della divinità… ARCHIVIO BLOG
Dioniso (Bacco per i Romani, ma anche Liber Pater) era il dio al centro del ► 2014 (19)
culto chiamato Orfismo (da Orfeo, sacerdote del culto stesso). Non era
una divinità originaria della Grecia, bensì della Tracia (tra le attuali Grecia, ► 2013 (50)
Bulgaria e Turchia Europea). Era quindi estraneo al pantheon ▼ 2012 (43)
dell’aristocrazia greca, ma molto più vicino alle classi popolari, e alla loro
spinta democratica e libertaria. ► dicembre (2)
Caratteristica centrale dell’Orfismo è la concezione della necessità per ► novembre (10)
l’uomo di trasmigrare da un corpo ad un altro (non necessariamente
▼ ottobre (27)
umano), fino a raggiungere la perfezione spirituale. Il corpo è una sorta di Dioniso
prigione in cui l’anima è racchiusa a causa delle sue colpe, ma è anche ciò Perchè Bodhidharma è partito per Hollywood?
che le permette di evolversi. La via della salvezza non consiste in una astratta contemplazione del divino, - 3 - ...
ma negli slanci frenetici, fisici e spirituali, che preparano l’unione effettiva col dio. L’Orfismo ha addolcito gli UNISABAZIA 2010/11 - La CIA in Tibet
aspetti più estremi di altre forme del culto dionisiaco, ha sostituito le danze orgiastiche (il kordax), l’uso
De Bello
rituale del vino e della carne, con offerte vegetali e di incenso, e con danze e canti liturgici.
Ma tutti questi aspetti, più o meno estremi, del culto dionisiaco (che sono anche alla base delle concezioni UNISABAZIA 2010/11 - Monaci e/o samurai?
pitagoriche), hanno permesso ad alcuni studiosi di collegare la figura di Dioniso a quella del dio indiano Śiva UNISABAZIA 2010/11 - L'Imperatore Ashoka
e al culto śivaita, fino a far parlare di Dioniso come di uno Śiva occidentale.
Sono déi accomunati da infiniti elementi: le sembianze fisiche, i capelli UNISABAZIA 2010/11 - I Greci in India
lunghi, l’abbigliamento “selvaggio” o la stessa nudità, l’uso rituale di Perchè Bodhidharma è partito per Hollywood?
sostanze inebrianti, il vino o il soma (10), e di carni; l’utilizzo di strumenti - 2 - ...
musicali, soprattutto a percussione, per raggiungere stati di trance Correva l'anno 1966...
mistica; e, non ultima, una sessualità vissuta con finalità di ordine
spirituale, argomento che necessiterebbe di una trattazione a se stante. UNISABAZIA 2009/10 - Le parabole del Buddha
Dioniso e Śiva rappresentano le energie naturali, sono déi della natura: UNISABAZIA 2009/10 - Il Buddha prima del
mostrano all’uomo i metodi per conoscere se stesso (Śiva è il Signore dello Buddha
Yoga) e per comunicare con tutti gli esseri viventi: gli animali, anche i più Franco Battiato: tra echi di danze sufi ed
feroci, ascoltavano rapiti e pacificati la musica del sacerdote dionisiaco oceani ...
Orfeo, e Śiva è anche Paśupati, Signore degli animali.
Dioniso, si è detto, ha insegnato agli Indiani la danza sacra dei Satiri che Come il monaco Senkei
Shiva/Pashupati
porta all’unione col dio. E Śiva è anche Nataraja, il Signore della danza, Perchè Bodhidharma è partito per Hollywood?
manifestazione dell’energia ritmica primordiale da cui Tutto ha origine. - 1 - ...
UNISABAZIA 2007/08 - Il Grande Silenzio
Molti secoli dopo, il filosofo tedesco Friedrich Nietzsche (1844-1900) scriverà: “Potrei credere solo a un dio
che sapesse danzare”. UNISABAZIA 2007/08 - Il Silenzioso degli
Shakya
Testi e siti Internet citati e /o consultati UNISABAZIA 2006/07 - Thich Nhat Hahn
UNISABAZIA 2006/07 - Il XIV Dalai Lama
Danielou, Storia dell’India, Ed. Ubaldini
Danielou, Śiva e Dioniso, Ed. Ubaldini UNISABAZIA 2006/07 - Kodo Sawaki
Stutley, Dizionario dell’Induismo, Ed. Ubaldini UNISABAZIA 2006/07 - Lama Yesce e Lama
Batchelor, Il risveglio dell’Occidente, Ed. Ubaldini Tenzin Osel...
Abbagnano, Storia della filosofia, Ed. UTET
UNISABAZIA 2006/07 - Tiziano Terzani
Severino (a cura di), Filosofia, Ed. Curcio
Kipling, L’uomo che volle essere re, Ed. Sellerio UNISABAZIA 2006/07 - Studiare la Via del
Cornu, Dizionario del Buddhismo, Ed. Bruno Mondadori Buddha
Cagnola (a cura di), Dialoghi del Re Milinda, Ed. Phoenix (3 voll.) 5 OTTOBRE - Santi del giorno: John, Paul,
Arriano, L’India, Ed. BUR George, ...
O m odeo Salè, Breve storia dell’arte indiana, Ed. Martello
UNISABAZIA 2005/06 - 8 - Zen
Grant – Hazel, Dizionario della mitologia classica, Ed.SugarCo
UNISABAZIA 2005/06 - 7 - La guerra
http://www.canonepali.net/m n/m n_93.htm (voce: Assalayana Sutta) UNISABAZIA 2005/06 - 6 - Il karma
http://it.wik ipedia.org (voci: Vajrapani, O rfism o, Dioniso, Regno indo-greco, Alessandro)
UNISABAZIA 2005/06 - 5 - Corpo e mente, qui
ed ora...
Note
1) I Purana sono antichissim e raccolte di testi della letteratura indiana successiva ai Veda. In essi sono trattati argom enti quali UNISABAZIA 2005/06 - 4 - La comunità dei
la creazione e la distruzione degli universi, le genealogie divine, le storie delle dinastie regali, le arti m ilitari, la m edicina, la
praticant...
geografia.. I Purana sono divisi in varie categorie: Brahm a P., Visnu P., Garuda P., Shiva P. ecc. – Ebbero la funzione di far
► settembre (4)
pervenire gli insegnam enti anche alle categorie sociali “inferiori” e alle donne.
2) Appartenente alla prim a delle quattro caste tradizionali, quella sacerdotale (della quale possono far parte anche laici che
svolgono attività non sacerdotali).
Etichette
3) Dal greco sk epsis, che significa critica, investigazione, ed anche dubbio, però in senso positivo, il dubbio che non blocca, m a
spinge alla ricerca. 12 anelli
4) Il bodhisattva (= “essere dell’Illum inazione”) è colui che rinuncia per la sua grande com passione ad entrare nel nirvana, al arte
fine di aiutare tutti gli esseri a raggiungere con lui il Risveglio.
5) A queste tradizioni, che si è visto essere solo in parte leggendarie, si ispirò Rudyard Kipling per il suo rom anzo breve “L’uomo bodhisattva
che volle essere re” del 1888, da cui John Huston trasse il film “L’uomo che volle farsi re” (1975) con Sean Connery e Michael Buddha
Caine. Cina cinema compassione
6) Il Buddha, il Dharm a (gli insegnam enti), il Sangha (la com unità dei praticanti).
7) Colui che, em ancipato da tutte le contam inazioni delle passioni, alla m orte entra nel nirvana, liberato dall’esistenza ciclica, il corpo Dalai Lama
sam sara. La via dell’arhat si distingue da quella del bodhisattva per la com passione di quest’ultim o, che dedica agli altri esseri Deshimaru Dharma Dogen
la propria pratica. duhkha
8) Il vajra (= “fulm ine”, o “diam ante”) rappresenta i m ezzi abili, ed è accom pagnato dalla cam pana, sim bolo della vacuità. Il ego
buddhism o tantrico è detto anche Vajrayana, la Via del vajra.
9) I Satiri erano geni dei m onti e dei boschi, che accom pagnavano le Ménadi, le seguaci di Dioniso, nelle feste.
Rappresentavano gli aspetti più licenziosi del com portam ento um ano, e vennero raffigurati anche con zam pe di cavallo, code e Giappone guerra
piccole corna sulla fronte. ignoranza impermanenza
10) Som a è il nom e di una pianta (non m eglio identificata) e del suo succo, utilizzato ritualm ente com e inebriante o forse com e
India induismo interdipendenza
vero e proprio allucinogeno durante alcuni tipi di cerim onie.

karma
m. mauro ton ko, ottobre 2010
letteratura
Pubblicato da Ton Ko a 10:55 Consiglialo su Google meditazione
Etichette: Alessandro, arte, bodhisattva, cinema, Dioniso, Eracle, Grecia, India, Kipling, letteratura, Milinda, musica, mente mito
morte
Occidente, Pitagora, reincarnazione, rinascita, Shiva
Nobili Verità
Nessun commento: Occidente
pace
Posta un commento

http://zenvadoligure.blogspot.it/2012/10/unisabazia-201011-i-greci-in-india.html 3/5
IL BUDDHA DELLE CIMINIERE: UNISABAZIA 2010/11 - I Greci in India 21/11/2014

Posta un commento

0 Altro Blog successivo»


poesia postura
pratitya samutpada
Rech
reincarnazione rinascita risveglio

simbolo
sofferenza Soto
sutra
Thich Nhath
Hanh Tibet
Vangelo

yoga zazen zen

Post più recente Home page Post più vecchio


Iscriviti a: Commenti sul post (Atom)

Il Picco dell'Avvoltoio

Link preferiti
Gruppo Zen Savona
A.S.D. Fiore
d'Inverno Savona
ABZen Association
Bouddhiste Zen
d'Europe
Associazione Essere
Pace
Comunità
Bodhidharma Lerici
Istituto Lama Tzong
Khapa Pomaia
UBI Unione
Buddhista Italiana
in quiete - Il sito di
Gianfranco Bertagni

Snow on Lord Buddha


in Vado Ligure

Blog favoriti
Vento largo
Maresa Di Noto -
Versi e Prosa
ASSOCIAZIONE IL
CERCHIO Una via
tra oriente e
occidente

Un angolo di
Giappone a Savona

Higashi no kaze - Japan


shop

Informazioni personali
Ton Ko
Visualizza il mio profilo completo

Modello Travel. Immagini dei modelli di micheldenijs. Powered by Blogger.

http://zenvadoligure.blogspot.it/2012/10/unisabazia-201011-i-greci-in-india.html 4/5
IL BUDDHA DELLE CIMINIERE: UNISABAZIA 2010/11 - I Greci in India 21/11/2014

http://zenvadoligure.blogspot.it/2012/10/unisabazia-201011-i-greci-in-india.html 5/5