Sei sulla pagina 1di 24

SEMINARIO

P
Pasian d P
di Prato 06 luglio
l l 2012

LA SICUREZZA NEI PALCHI E


NEI LUOGHI DI SPETTACOLO

La Nota del Ministero dell’Interno del


26/
26 /04
04//2011 sul controllo dei carichi sospesi

Quando si parla di sicurezza si parla di individui.


Mica si fa male la betoniera
betoniera.
(dal Quadrato di Sarnes)
Sarnes)

Ing. Vittorio Bozzetto 1
12 dicembre 2011

Ore 14.00 
Ore 14 00
muore  
Francesco 
Pinna 
Pinna

E’ stata una morte annunciata ?


Ing. Vittorio Bozzetto 2
Facciamo un salto all’indietro nel tempo

1931
VITTORIO EMANUELE III
PER GRAZIA DI DIO E PER VOLONTÀ DELLA
NAZIONE
RE D'ITALIA

decreta

REGIO DECRETO 18 GIUGNO 1931, n. 773


(GU n. 146 del 26/06/1931)

APPROVAZIONE DEL TESTO UNICO DELLE


LEGGI DI PUBBLICA SICUREZZA.

Ing. Vittorio Bozzetto 3
Il quale prevede

R.D.  773/31 L'AUTORITÀ di pubblica sicurezza non può concedere la LICENZA per

Art80
Art.  L'APERTURA di un teatro o di un luogo
g di PUBBLICO SPETTACOLO,
SPETTACOLO, p
prima

Comma 1 di aver fatto VERIFICARE da una COMMISSIONE TECNICA la SOLIDITÀ e la


SICUREZZA dell'edificio e l'esistenza di uscite pienamente adatte a
sgombrarlo prontamente nel caso di incendio.

ed il il Regolamento applicativo specifica che compito della Commissione

R.D.  635/40 b) VERIFICARE le condizioni di SOLIDITA


SOLIDITA', di SICUREZZA e di IGIENE dei

141
Art.  locali stessi o degli impianti ed INDICARE LE MISURE E LE CAUTELE

Comma 1 RITENUTE NECESSARIE sia nell'interesse dell'igiene che della


prevenzione degli infortuni;

Ing. Vittorio Bozzetto 4
Si ricorda che

R.D.  635/40 Per i locali e gli impianti con CAPIENZA COMPLESSIVA PARI O INFERIORE A
141
Art. 
200 PERSONE
PERSONE, le verifiche e gli accertamenti di cui al primo comma sono
Comma 1
SOSTITUITI, ferme restando le disposizioni sanitarie vigenti, da una
SOSTITUITI

RELAZIONE TECNICA DI UN PROFESSIONISTA iscritto nell'albo degli

g g
ingegneri o,, nell'albo degli
g architetti o,, nell'albo dei p
periti industriali o,,

nell'albo dei geometri CHE ATTESTA LA RISPONDENZA DEL LOCALE O

DELL'IMPIANTO ALLE REGOLE TECNICHE stabilite con decreto del Ministro

dell'Interno.

Ing. Vittorio Bozzetto 5
Si ricorda che

R.D.  635/40 Fuori dei casi di cui al comma precedente e di cui all'articolo 141, secondo
142
Art. 
e terzo comma,
comma LA VERIFICA DA PARTE DELLA COMMISSIONE PROVINCIALE
Comma 1
di cui al presente articolo E' SEMPRE PRESCRITTA:
PRESCRITTA

a) nella composizione di cui al primo comma, eventualmente integrata con

ggli esperti
p di cui al secondo comma,, p
per i locali cinematografici
g o teatrali e

PER GLI SPETTACOLI VIAGGIANTI DI CAPIENZA SUPERIORE A 1.300

SPETTATORI E PER GLI ALTRI LOCALI O GLI IMPIANTI CON CAPIENZA

SUPERIORE A 5.000 SPETTATORI;


SPETTATORI

Ing. Vittorio Bozzetto 6
Il 1° aprile 2011

Prot n.
Prot. n 1689 – SG 205/4 Roma 1 aprile 2011
Roma,

Oggetto : Locali di pubblico spettacolo di tipo temporaneo o permanente. Verifica della

solidità e della sicurezza dei carichi sospesi.

Ai Sigg.ri Prefetti della Repubblica


……
Negli ultimi anni si è registrata una ampia casistica di incidenti dovuti al collasso di strutture
fisse o temporanee per sovraccarico o non corretto montaggio di carichi sospesi, tutti
contrassegnati da conseguenze gravi,
gravi in alcuni casi mortali,
mortali che hanno interessato anche il
nostro Paese.
…..

Ing. Vittorio Bozzetto 7
L’ottimizzazione dei controlli

Prot n.
Prot. n 1689 – SG 205/4 Roma 1 aprile 2011
Roma,

Oggetto : Locali di pubblico spettacolo di tipo temporaneo o permanente. Verifica della

solidità e della sicurezza dei carichi sospesi.

……
Ciò posto, muovendo dalla descrizione delle tipologie più ricorrenti di carichi sospesi, si ritiene
utile fornire le seguenti indicazioni, al fine di assicurare, anche sul piano della completezza
documentale, l'ottimizzazione dei controlli concernenti la sicurezza e la solidità di tali
elementi strutturali,, a g
garanzia dell'incolumità del p
pubblico e del p
personale addetto…..

Ing. Vittorio Bozzetto 8
La distanza temporale tra la presentazione e la realizzazione

Prot n.
Prot. n 1689 – SG 205/4 Roma 1 aprile 2011
Roma,

Oggetto : Locali di pubblico spettacolo di tipo temporaneo o permanente. Verifica della

solidità e della sicurezza dei carichi sospesi.

……
Deve inoltre evidenziarsi che, nella prassi, un fattore di criticità nella verifica degli elementi in
discorso, può essere rappresentato dalla distanza temporale intercorrente, in taluni casi, fra la
fase di progettazione iniziale e il momento di effettiva realizzazione dell'allestimento
dell'allestimento, e
dalla p
possibilità di disporre
p di una documentazione tecnica completa
p e aggiornata
gg sulle
modifiche intervenute fino all'ultimazione dell'allestimento medesimo
…..

Ing. Vittorio Bozzetto 9
Il concetto di carico sospeso

CARICO SOSPESO FISSO : carico sospeso


vincolato ad uno o più punti di una
struttura superiore od inferiore ivi
comprese funi, tiranti, catene e staffe;

CARICO SOSPESO AD UN ORGANO DI


SOLLEVAMENTO::
SOLLEVAMENTO carico sospeso
vincolato tramite un elemento mobile
sia esso fune, catena, cinghia e/o banda
ad una macchina ovvero ad un sistema
complesso di sollevamento

CARICO SOSPESO DINAMICO carico


sospeso vincolato o tramite un organo
movimentato da una macchina o
tramite un sistema complesso di
sollevamento in grado di muoversi nello
spazio in una o più direzioni;

Ing. Vittorio Bozzetto 10
L’idoneità statica e l’adeguatezza delle condizioni di ancoraggio

Prot n.
Prot. n 1689 – SG 205/4 Roma 1 aprile 2011
Roma,

Oggetto : Locali di pubblico spettacolo di tipo temporaneo o permanente. Verifica della

solidità e della sicurezza dei carichi sospesi.

Per tali elementi scenotecnici e/o di arredo (p.e. televisioni, schermi, proiettori, corpi
ill i
illuminanti,
i casse audio,
di americane,
i pedane
d per sollevamento
ll scene o artisti,
i i ecc.),
) diversi
di i dagli
d li
elementi costruttivi descritti e dimensionati nel progetto strutturale e quindi già verificati in
sede di collaudo statico, occorre dunque garantire la idoneità statica delle strutture fisse o
temporanee di ancoraggio
ancoraggio,, l'adeguatezza delle condizioni di ancoraggio e la pianificazione e
attuazione degli interventi di manutenzione

Ing. Vittorio Bozzetto 11
Documentazione utile ad attestare la sicurezza dei  carichi sospesi

DOCUMENTAZIONE TECNICA illustrativa la PRESENZA


PRESENZA, la TIPOLOGIA e la CONSISTENZA dei carichi
1
sospesi, a firma di TECNICO QUALIFICATO

SCHEMI dei sistemi di sospensione/appendimento EVIDENZIANTI


EVIDENZIANTI, ove presenti, i SISTEMI
2
COMPLESSI (p.e. struttura di sostegno a sua volta sospesa ad altra struttura), i CARICHI DINAMICI
((carichi che si muovono o p
possono farlo durante lo spettacolo),
p ), e ggli eventuali MOTORI
MOTORI,, a firma di
tecnico qualificato;

Ing. Vittorio Bozzetto 12
Documentazione utile ad attestare la sicurezza dei  carichi sospesi

CERTIFICAZIONE sulla IDONEITÀ STATICA DEL SISTEMA COMPLESSIVO DEI CARICHI SOSPESI
3
effettivamente in opera, a firma di tecnico qualificato, CORREDATA dalla DOCUMENTAZIONE
SISTEMA, come p
CERTIFICATIVA DEI SINGOLI COMPONENTI DEL SISTEMA, precisato nella tabella che segue:
g

Certificazione di idoneità statica con evidenziata la massima portata utile


3A STRUTTURA DI
STRUTTURA  DI SOSTEGNO
della struttura nei punti di ancoraggio, a firma di tecnico abilitato
VINCOLO DI COLLEGAMENTO
3B FRA LA STRUTTURA E IL Certificato del sistema di aggancio del produttore e/o di tecnico abilitato
COLLEGAMENTO PRINCIPALE

Certificazione della p
portata utile del p
produttore e/o
/ di tecnico abilitato
3C COLLEGAMENTO PRINCIPALE

Certificazione della portata utile (superiore a quella del collegamento

3D COLLEGAMENTO DI SICUREZZA principale) del produttore e/o di tecnico abilitato e verifica annuale del
sistema estensibile
Marcatura CE con relativa dichiarazione di conformità
conformità;; stralcio del
3E MOTORE /PARANCO (eventuale) libretto di uso e manutenzione con indicato il carico utile e collaudo
(annuale) in corso
VINCOLO DI COLLEGAMENTO FRA Certificazione del sistema di aggancio (p.
(p.e. gancio, golfare, occhiello) del
3F MOTORE/COLLEGAMENTO
produttore e/o di tecnico abilitato
PRINCIPALE E CARICO
Dichiarazione riportante la valutazione analitica (*) dei carichi statici e/o
3G CARICO di i i sospesii installati,
dinamici i t ll ti a firma
fi t i abilitato
di tecnico bilit t

Ing. Vittorio Bozzetto 13
Documentazione utile ad attestare la sicurezza dei  carichi sospesi

DOCUMENTAZIONE TECNICA illustrativa la PRESENZA


PRESENZA, la TIPOLOGIA e la CONSISTENZA dei carichi
1
sospesi, a firma di TECNICO QUALIFICATO

SCHEMI dei sistemi di sospensione/appendimento EVIDENZIANTI


EVIDENZIANTI, ove presenti, i SISTEMI
2
COMPLESSI (p.e. struttura di sostegno a sua volta sospesa ad altra struttura), i CARICHI DINAMICI
((carichi che si muovono o p
possono farlo durante lo spettacolo),
p ), e ggli eventuali MOTORI
MOTORI,, a firma di
tecnico qualificato;
CERTIFICAZIONE sulla IDONEITÀ STATICA DEL SISTEMA COMPLESSIVO DEI CARICHI SOSPESI
3
effettivamente
ff tti t in
i opera, a firma
fi di tecnico
t i qualificato,
lifi t CORREDATA dalla
d ll DOCUMENTAZIONE
CERTIFICATIVA DEI SINGOLI COMPONENTI DEL SISTEMA,
SISTEMA come precisato nella tabella che segue:

ATTESTAZIONE DI CONOSCENZA E OSSERVANZA delle condizioni di ESERCIZIO e delle VERIFICHE


4
periodiche (con relative modalità attuative) FISSATE IN AMBITO PROGETTUALE e/o PREVISTE
dalla normativa vigente (p.e. quelle sui motori) NONCHÉ DEI TERMINI DI UTILIZZO DI
COMPONENTI SOGGETTI A SCADENZA quali fasce, funi o altro, a firma del responsabile della
attività/manifestazione

Ing. Vittorio Bozzetto 14
Per quanto riguarda i coordinatori

Prot n.
Prot. n 1689 – SG 205/4 Roma 1 aprile 2011
Roma,

Oggetto : Locali di pubblico spettacolo di tipo temporaneo o permanente. Verifica della

solidità e della sicurezza dei carichi sospesi.

Al fine di verificare la "solidità


solidità e la sicurezza
sicurezza" di un "locale" di pubblico spettacolo in
relazione
l i aii carichi
i hi sospesii e alle
ll strutture fisse
fi o temporanee destinate
d i all'ancoraggio
ll' i degli
d li
stessi, può farsi riferimento a quanto disposto dalle norme sulla sicurezza delle costruzioni
(in particolare, dal D.M. 14 gennaio 2008, recante le nuove norme tecniche per le costruzioni) e
dalle norme in materia di salute e sicurezza sul lavoro (Decreto legislativo 9 aprile 2008,
2008, n.
81 e ss.
ss.mm
mm..ii.
ii.).

Ing. Vittorio Bozzetto 15
Queste attività attengono spesso ad un cantiere edile

D.Lgs 81/08 a) CANTIERE TEMPORANEO O MOBILE


MOBILE,, in appresso denominato
89
Art. 
"C A N T I E R E ": QUALUNQUE LUOGO in cui si effettuano LAVORI EDILI o di
Comma 1
INGEGNERIA CIVILE il cui elenco è riportato all’allegato X;

D.Lgs 81/08 1. I lavori di COSTRUZIONE, manutenzione, riparazione, demolizione,

Allegato
Allegato  X conservazione, risanamento, ristrutturazione o equipaggiamento, la trasforma‐
zione, il rinnovamento o lo smantellamento di OPERE fisse, permanenti o

TEMPORANEE, in muratura, in cemento armato, in METALLO, in legno o in altri


materiali, comprese le linee elettriche, le parti strutturali degli impianti elettrici, le
opere stradali, ferroviarie, idrauliche, marittime, idroelettriche e, solo per la parte
che comporta lavori edili o di ingegneria civile, le opere di bonifica, di sistemazione
forestale e di sterro.

Ing. Vittorio Bozzetto 16
Dal punto di vista normativo 

D.Lgs 81/08 I°
PRINCIPI COMUNI

II° VI° X°
LUOGHI DI LAVORO MOVIMENTAZIONE  ESPOSIZIONE AD AGENTI 
MANUALE DEI CARICHI
MANUALE DEI CARICHI BIOLOGICI

III° VII° XI°


USO DELLE ATTREZZATURE DI
USO DELLE ATTREZZATURE DI ATTREZZATURE MUNITE 
ATTREZZATURE MUNITE PROTEZIONE DA ATMO‐
PROTEZIONE DA ATMO
Voi siete qui LAVORO E DEI DISPOSITIVI DI DI VIDEOTERMINALI SFERE ESPLOSIVE
PROTEZIONE INDIVIDUALE

IV°
IV VIII°
VIII XII°
XII
CANTIERI TEMPORANEI O  AGENTI FISICI DISPOSIZIONI IN MATERIA 
MOBILI PENALE E DI PROCEDURA 
PENALE
V° IX° XIII°
SEGNALETICA DI SALUTE  SOSTANZE PERICOLOSE NORME TRANSITORIE E 
E SICUREZZA SUL LAVORO FINALI

Ing. Vittorio Bozzetto 17
Quindi

I L   C O O R D I N AT O R E

Ing. Vittorio Bozzetto 18
Abbiamo quindi alcuni problemi
1
Sapere chi è il Committente e l’esistenza di
?
possibili Responsabili dei Lavori

D.Lgs 81/08 b) COMMITTENTE: il SOGGETTO PER CONTO DEL QUALE l'intera opera
At 89
Art.  viene realizzata,
realizzata indipendentemente da eventuali frazionamenti della sua

Comma 1
realizzazione.

Produttore ? Pro loco ?

Promotore
P t e? Amministrazione poprietaria del sito?

Il noleggiatore delle strutture ?

Ing. Vittorio Bozzetto 19
Abbiamo quindi alcuni problemi
2
In presenza di una “confusione” di
?
Committenti in una situazione di
affidamenti di lavori,
lavori di servizi e di forniture
contestuale di che cosa si occupa l’eventuale
PSC ?

Montaggio delle sole strutture ?


Montaggio delle apparecchiature di scena?
Dei servizi attinenti lo spettacolo?

Ing. Vittorio Bozzetto 20
Abbiamo quindi alcuni problemi
3
In assenza di un Direttore dei Lavori e
?
soprattutto di un Direttore dei Lavori opere
strutturali abbiamo bisogno di sapere fino dove
si spingono i compiti dei Coordinatori rispetto
alla sicurezza strutturale

Un coordinatore può entrare negli aspetti tecnici e strutturali?

Ad esempio chi ordina lo smontaggio degli appendimenti in


caso di neve ?
In definitiva qual è il rapporto tra la Commissione di
Vigilanza e i Coordinatori?

Ing. Vittorio Bozzetto 21
Abbiamo quindi alcuni problemi
4
Più specificatamente uali sono i rapporti tra un
?
coordinatore e …….
…….

Un Direttore di Produzione?

Il Progettista delle strutture?

I fornitori di servizi compresenti?

Ing. Vittorio Bozzetto 22
Abbiamo quindi alcuni problemi
5
Abbiamo bisogno di sapere come ci
?
comportiamo con le produzioni straniere e le
loro ditte al seguito

Idoneità Tecnico Professionale?


f
Durc??
Durc
POS?

Ing. Vittorio Bozzetto 23
In definitiva

Se questo è un cantiere e lo vogliamo trattare come tale dobbiamo

risolvere velocemente questi nodi e soprattutto dobbiamo formare una

generazione
i di coordinatori
di t i che
h sii sposii con il variegato
v i t ed d imprevedibile
i v dibil

mondo dello spettacolo


spettacolo..

Ing. Vittorio Bozzetto 24