Sei sulla pagina 1di 27

Tecnologia Meccanica Proff.

Luigi Carrino – Antonio Formisano

Diagrammi di stato
Tecnologia Meccanica Proff. Luigi Carrino – Antonio Formisano

INTRODUZIONE

Fase: porzione omogenea (a livello microstrutturale) di un


materiale, che è diversa per microstruttura e/o composizione
chimica

Diagramma di stato:
 rappresenta le fasi presenti in diverse condizioni (temperatura,
pressione e composizione) in condizioni di lento
raffreddamento
 indica la massima solubilità solida di equilibrio di un elemento
in un altro
 indica la temperatura o l’intervallo di temperatura alla quale
avviene la solidificazione
 indica la temperatura alla quale diverse fasi iniziano a fondere
Tecnologia Meccanica Proff. Luigi Carrino – Antonio Formisano

DIAGRAMMA DI STATO DI SOSTANZE PURE


• La sostanza pura può esistere, in funzione delle condizioni di
temperatura e pressione, come solido, liquido e vapore
• La fasi sono separate da linee bifasiche
• Le 3 fasi coesistono al punto triplo
• Esempi: acqua, ferro puro
Tecnologia Meccanica Proff. Luigi Carrino – Antonio Formisano

SISTEMI AD UN SOLO COMPONENTE

a b
a: solidificazione
d b: fusione
c: liquefazione
d: gassificazione
g h
e: brinamento
f: sublimazione
e f g: condensazione
h: evaporazione

Diagramma di stato di equilibrio pressione


temperatura per l’anidride carbonica
Tecnologia Meccanica Proff. Luigi Carrino – Antonio Formisano

REGOLA DELLE FASI DI GIBBS


• F+V = C+N F = numero di fasi che coesistono in un sistema
C = numero di componenti nel sistema
V = gradi di libertà
N = variabili termodinamiche (di solito 2, P e T)

(La maggior parte dei diagrammi di stato binari usati in scienza dei materiali è
costituita da diagrammi temperatura-composizione nei quali la pressione è
tenuta costante: la regola delle fasi diventa F+V=C+1)
ESEMPIO:
Per l’acqua pura, al punto triplo, coesistono 3 fasi
C’è un componente (acqua) nel sistema, le variabili termodinamiche sono 2 (P
e T), quindi:
3+V=1+2 V=0
I gradi di libertà indicano il numero di parametri intensivi che possono essere
cambiati senza alterare l’equilibrio del sistema
Tecnologia Meccanica Proff. Luigi Carrino – Antonio Formisano

CURVE DI RAFFREDDAMENTO

• Utilizzate per determinare la temperatura di transizione di fase


• I valori di tempo e temperatura del metallo fuso che raffredda sono
registrati e diagrammati
• Arresto termico: perdita di calore = calore fornito per la
solidificazione del metallo
• Le leghe solidificano in un intervallo di temperature (non c’è arresto
termico)

Metallo puro ferro


Tecnologia Meccanica Proff. Luigi Carrino – Antonio Formisano

DIAGRAMMA DI STATO DA CURVE DI


RAFFREDDAMENTO
• Viene prima costruita una serie di curve di raffreddamento a diverse
composizioni di materiale
• Si considerano i punti di cambio di pendenza delle curve di
raffreddamento e si costruisce il diagramma di stato
• Maggiore è il numero delle curve di raffreddamento, più accurato è il
diagramma di stato risultante

I diagrammi sono determinati per raffreddamenti lenti,


in condizioni di equilibrio e a pressione atmosferica
Tecnologia Meccanica Proff. Luigi Carrino – Antonio Formisano

SOLUZIONI SOLIDE METALLICHE

• Le leghe sono utilizzate nella maggior parte delle


applicazioni industriali
• La lega è una miscela di due o più elementi (metalli e non
metalli)
• Esempio:
o Ottone: lega binaria 70% Cu e 30% Zinco
o Inconel: superlega a base di nichel con circa 10 elementi di lega

• La soluzione solida è un tipo semplice di lega nella quale 2


o più elementi sono atomicamente dispersi in una singola
fase
Tecnologia Meccanica Proff. Luigi Carrino – Antonio Formisano

SOLUZIONE SOLIDA SOSTITUZIONALE


• Gli atomi di soluto sostituiscono atomi di solvente in un reticolo
cristallino
• La struttura rimane invariata
• Il reticolo cristallino può essere leggermente distorto per la variazione
di diametro degli atomi
• La percentuale di soluto nel solvente può variare dallo 0% al 100%

Atomi di solvente

Atomi di soluto
Tecnologia Meccanica Proff. Luigi Carrino – Antonio Formisano

SOLUZIONE SOLIDA SOSTITUZIONALE


• La solubilità dei solidi è maggiore se:
o Il diametro degli atomi non differisce più del 15%
o Le strutture cristalline sono le stesse
o Non c’è grande differenza nella elettronegatività, in modo che
non si formino composti
o Hanno la stessa valenza
• Esempi
Differenza Differenza di Solubilità
Sistema raggio elettronegatività solida
atomico
Cu-Zn 3.9% 0.1 38.3%
Cu-Pb 36.7% 0.2 0.17%
Cu-Ni 2.3% 0 100%
Tecnologia Meccanica Proff. Luigi Carrino – Antonio Formisano

SOLUZIONE SOLIDA INTERSTIZIALE


• Gli atomi di soluto si inseriscono tra i vuoti (interstizi) degli atomi di
solvente
• Gli atomi di solvente in questo caso dovrebbero essere più grandi
degli atomi di soluto (Es: H, C, N, O)
• Esempio: tra 912 e 1394°C, si forma la soluzione solida interstiziale di
carbonio nel ferro γ (CFC)
• Un massimo di 2.8% di carbonio può dissolversi negli interstizi del
ferro

Atomi di ferro, r = 0.129nm

Atomi di carbonio, r = 0.075nm


Tecnologia Meccanica Proff. Luigi Carrino – Antonio Formisano

SISTEMA DI LEGA BINARIA ISOMORFA

• lega binaria Sistema a due componenti


• Sistema isomorfo : due elementi completamente solubili uno
nell’altro allo stato liquido e solido
• Esempio: soluzione Cu-Ni

La composizione delle fasi liquida


e solida ad ogni temperatura può
essere determinata tracciando una
linea orizzontale che intercetta tali
composizioni sulle linee del
liquidus e del solidus
Tecnologia Meccanica Proff. Luigi Carrino – Antonio Formisano

REGOLA DELLA LEVA

• La regola della leva fornisce le frazioni in peso delle fasi nelle due
regioni

Frazione in peso della fase solida


w0 − wl
Xs =
ws − wl
Frazione in peso della fase liquida

ws − w0
Xl =
ws − wl
Tecnologia Meccanica Proff. Luigi Carrino – Antonio Formisano

SISTEMI BINARI: COMPLETA SOLUBILITÀ


Tecnologia Meccanica Proff. Luigi Carrino – Antonio Formisano

SOLIDIFICAZIONE DI LEGHE
IN CONDIZIONI DI NON EQUILIBRIO
• Il raffreddamento veloce non consente una corretta diffusione che
accompagna il raffreddamento stesso, consentendo il continuo
variare delle concentrazioni delle fasi. Ne consegue struttura
disomogenea • Omogeneizzazione: trattamento a
temperatura elevata per accelerare la
diffusione atomica e quindi
l’omogeneizzazione della struttura
• La temperatura di
omogeneizzazione deve essere
inferiore al più basso punto di fusione
di ciascun componente della lega
Tecnologia Meccanica Proff. Luigi Carrino – Antonio Formisano

SISTEMA EUTETTICO DI LEGA BINARIA


In alcuni sistemi di lega binaria, i componenti hanno una solubilità solida
limitata (solubilità parziale allo stato solido)
Esempio : lega Pb-Sn
• Trasformazione eutettica
L α+β
•La composizione eutettica
solidifica a temperatura minore
di tutte le altre composizioni
• Questa più bassa temperatura
è detta temperatura eutettica

Temperature eutettica
Liquido soluzione solida α + soluzione solida β
Raffreddamento
Tecnologia Meccanica Proff. Luigi Carrino – Antonio Formisano

LENTO RAFFREDDAMENTO DELLA LEGA


60% Pb – 40% Sn (NON EUTETTICA)

• Liquida a 300°C
• A circa 245°C si forma il primo
solido (solido proeutettico)
• Appena sopra 183°C la
composizione a segue il solidus
e la composizione di Sn varia tra
40 e 61.9%
• Alla temperatura eutettica,
solidifica tutto il liquido restante

Un ulteriore raffreddamento abbassa il contenuto di Sn α e Pb β


Tecnologia Meccanica Proff. Luigi Carrino – Antonio Formisano

SISTEMA EUTETTICO DI LEGA BINARIA


In alcuni sistemi di lega binaria, i componenti hanno una solubilità solida
pari a zero (completa immiscibilità allo stato solido)
Tecnologia Meccanica Proff. Luigi Carrino – Antonio Formisano

SISTEMA PERITETTICO DI LEGA BINARIA


Reazione peritettica: la fase liquida reagisce con una fase
solida per formare una nuova e differente fase solida
raffreddamento
Liquido + α β
• Esempio:
la reazione peritettica avviene
quando una lega di Fe-4.3 Ni
in peso raffreddata lentamente
passa per la temperatura
peritettica pari a 1517°C.
• Il punto peritettico è
invariante
raffreddamento
Liquido(5.4% Ni) + δ (4.0% Ni) γ 4.3% Ni
Tecnologia Meccanica Proff. Luigi Carrino – Antonio Formisano

SISTEMA PERITETTICO DI LEGA BINARIA

• A 42.4% Ag e a 1400°C
Fasi presenti Liquido Alfa
Composizione 55% Ag 7%Ag
Quantità di Fasi 74% 26%

• A 42.4% Ag e 1186°C – ∆T
Fasi presenti solo beta
Composizione 42.4% Ag
Quantità di Fasi 100%

• A 42.4% Ag and 1186°C + ∆T


Fasi presenti Liquido Alfa
Composizione 66.3% Ag 10.5%Ag
Quantità di Fasi 57% 43%
Tecnologia Meccanica Proff. Luigi Carrino – Antonio Formisano

SOLIDIFICAZIONE RAPIDA
IN UN SISTEMA PERITETTICO
• Circondamento: durante la reazione peritettica, L+ α β, la fase β è
presente attorno alla fase alfa
• La fase β crea una barriera di diffusione formando un nucleo di fase α
Tecnologia Meccanica Proff. Luigi Carrino – Antonio Formisano

SISTEMA MONOTETTICI BINARI


• Reazione monotettica: La fase liquida si trasforma in una
fase solida ed un altro liquido
raffreddamento
L1 α + L2

• I due liquidi sono immiscibili


• Esempio
il sistema rame-piombo a
955°C e 36% Pb
Tecnologia Meccanica Proff. Luigi Carrino – Antonio Formisano

REAZIONI INVARIANTI DEI SISTEMI BINARI


Tecnologia Meccanica Proff. Luigi Carrino – Antonio Formisano

FASI INTERMEDIE
• Fasi limite: fasi che si
trovano agli estremi delle
composizioni dei diagrammi
di stato
• Fasi intermedie: fasi che si
trovano in un range di
composizioni all’interno del
diagramma di stato
• Esempi: il diagramma Cu-
Zn presenta sia fasi limite
che fasi intermedie
• Cinque punti invarianti
peritettici ed un punto
eutettoidico
Tecnologia Meccanica Proff. Luigi Carrino – Antonio Formisano

COMPOSTI INTERMETALLICI
• Composti intermetallici: composti con legame
essenzialmente metallico e composizione definita.
• Esempi: il diagramma Mg-Ni presenta i composti
intermetallici Mg2Ni e MgNi2. MgNi2 è a fusione
congruente, siccome mantiene la sua composizione fino al
punto di fusione, mentre Mg2Ni è a fusione incongruente,
siccome subisce una decomposizione peritettica a 761°C
nelle fasi liquida e MgNi2.
Tecnologia Meccanica Proff. Luigi Carrino – Antonio Formisano

DIAGRAMMI DI STATO TERNARI

Diagrammi a tre
componenti, validi
per pressione
costante di 1 atm.
Possono essere con
rappresentazione
tridimensionale
(temperatura su un
asse verticale) o a
più sezioni
isoterme (come le
curve altimetriche
su una mappa
geografica)
Tecnologia Meccanica Proff. Luigi Carrino – Antonio Formisano

DIAGRAMMI DI STATO TERNARI

Esempio:
Diagramma Fe-Cr-Ni,
utile per lo studio degli
acciai inossidabili, che
hanno tipica
composizione 74% Fe,
18% Cr, 8% Ni