Sei sulla pagina 1di 1

modulo 9 Trasformazioni della famiglia e dinamiche del mondo giovanile

Adolescenti oggi
Essere adolescenti non è mai stato facile, ma oggi proprio la ricchezza, il benessere, le infinite
possibilità offerte dal progresso e dalla scienza pare siano diventati un ostacolo, un problema per
chi si affaccia all’età adulta alla ricerca di una propria collocazione, una via, un destino.
C’è stato un tempo in cui, nonostante tutto, entrare nel mondo degli adulti era un’esperienza
entusiasmante, afferma Gustavo Pietropolli Charmet, docente di Psicologia dinamica all’Universí-
tà Statale di Milano, autore di moltissimi libri sull’adolescenza, oggi, paradossalmente, sembra
vero il contario.

“Quand’ero ragazzo io, non si vedeva l’ora di crescere. Essere bambini era una condizione decisa-
mente inappetìbìle. Si era dominati dai grandi, l’unico imperativo era ubbidire. Così, crescere
significava, finalmente, poter decídere, diventare autonomi, uscire dalla paura e dalla colpa.
Diventare grandi ora, invece, in un mondo – parlo soprattutto di quello occidentale – fatto di figli
unici, protetti, coccolati, vezzeggiati, è molto più difficile, perché coincide con l’abbandono dei
privilegi, del narcisismo, della bellezza.
I vantaggi sono visibili solo dopo molto tempo: all’inizio c’è solo un grande senso di solitudine
e confusione”.

Fonte: “D la Repubblica delle Donne”

Riflettiamo insieme
Siete d'accordo con quanto affermato dal prof. Pietropolli Charmet?