Sei sulla pagina 1di 3

profilo ADULTI/SENIOR

BALBONI

CARATTERISTICHE

.. autonomia decisionale
vuole decidere autonomamente in relazione al suo percorso di apprendimento e si assume
le responsabilità delle proprie decisioni

.. il rapporto tra docente e studente non è più educativo, ma è istruttivo.

Il docente non forma, è un tecnico che conosce la lingua

....Lo studente adulto si sente pari all’insegnante

Riconosce la superiorità dell'insegnante solo come guida

.. Nel momento in cui segue un corso di lingua per una motivazione strumentale e
utilitaristica, applica il principio “value for money”.
Non segue il corso per piacere, paga e vuole raggiungere risultati.

Mira al raggiungimento di obiettivi tangibili e prontamente spendibili.


L'apprendimento deve essere monetizzabile velocemente, sia al livello di autogratificazione sia di
rendimento sociale

È importante che studente e docente si accordino fin dall’inizio sugli obiettivi da raggiungere.
L'adulto predilige criteri, obiettivi, una programmazione chiara e precisa fin dall'inizio.

(– Scaglioso -
Il negoziato tra allievo e docente è un momento fondamentale del processo didattico.

Il negoziato e il successivo contratto implicano un diretto coinvolgimento degli studenti in ogni


attività.
Gli obiettivi scelti in prima persona si conseguono meglio e più rapidamente, i metodi e le tecniche
suggeriti dal docente si accettano più volentieri quando si è a conoscenza dei contenuti oggetto di
lavoro.)

Inoltre, L'adulto ha una immagine sociale che non è disposto a mettere in discussione e a vedere
sminuita.
Per questo è importante coinvolgere l’adulto nelle scelte relative ai contenuti e alle metodologie.
È importante l’esplicitazione degli obiettivi e delle tecniche didattiche che ne consentono il
raggiungimento.

.. I risultati devono essere raggiunti nel minor tempo possibile (time is money).

Docente e studente devono accordarsi su ciò che si può fare in un tempo X dato un impegno Y.
Senza questo accordo lo studente può perdere la motivazione.
Non bisogna proporre obiettivi troppo avanzati al momento sbagliato, pena la demotivazione e
l'abbandono nella convinzione che i risultati non siano raggiungibili nel tempo a disposizione.
.. sulla base della sua precedente esperienza di apprendimento, è convinto di sapere
come si impara una lingua e quali caratteristiche dovrebbe avere un buon insegnante.

Ma spesso si basa su metodologie obsolete, quindi potrebbe rifiutare le metodologie più recenti ed
avere poca fiducia nel docente. Per questo, bisogna spiegargli maniera esplicita i metodi.

L'adulto da un lato si ritiene insoddisfatto da approcci disciplinari teorici, perché gli danno
l'impressione di muoversi sul piano dell'astratto; dall'altro lato avverte una sorta di precarietà e di
insicurezza in un approccio disciplinare di natura pratica.

..il gusto della scoperta e della ricerca vengono sostituite dall'accettazione passiva
Tutto ciò che viene percepito come nuovo viene ricondotto alle categorie ormai da tempo
strutturate.

..resistenza al cambiamento e alle novità


tutte le tecniche che non siano state sperimentate in precedenza provocano diffidenza,
sono destabilizzanti.

..La rapidità e la stabilità dell’acquisizione diminuiscono con l’età

È necessario spiegare all’adulto questi cambiamenti per evitare la demotivazione.


Inoltre l'adulto preferisce dedicare più tempo allo svolgimento di un compito.
La velocità è sacrificata a vantaggio della completezza e dell'accuratezza.

((La capacità di raggiungere elevati livelli di competenza in L2 dipende anche dalla possibilità di
accedere direttamente o meno alla GU Grammatica Universale.
L'accesso diretto alla GU sarebbe però legato all'età.

Gli adulti accederebbero alla GU in modo indiretto, attraverso la L1 (attraverso i valori e i parametri
fissati per la L1) per cui non sarebbe possibile raggiungere livelli elevati di padronanza a tutti i
livelli della lingua))

..plasticità e capacità di adattamento ridotte

L’adulto è restio a mettere in discussione le sue conoscenze.


L'insegnamento ha successo solo se è lo studente stesso a decidere di voler modificare le sue
conoscenze e se viene rispettata la sua autonomia nei processi decisionali in ordine al suo
apprendimento.

.. Ha una grande necessità di sistematizzazione delle regole per cui richiede una maggiore
riflessione grammaticale esplicita. L'adulto è ossessionato dalla grammatica

Dal punto di vista psicologico, gli esercizi di apprendimento conscio e le attività di riflessione
linguistica offrono agli adulti un senso di sicurezza e di appagamento, e abbassano il grado di
ansietà procurato dallo stress da prestazione imprevedibile, tipico della psicologia adulta.

Secondo Krashen, l’adulto fa un uso molto più esteso del MONITOR (controllo della produzione
attraverso la conoscenza grammaticale), poiché possedendo una maggiore capacità di astrazione
e sistematizzazione rispetto ai più giovani, l’adulto è indotto a riflettere sul funzionamento della
lingua, pianificare e controllare la propria esecuzione.
Per questo richiede una riflessione esplicita maggiore.

I compiti sono affrontati con un atteggiamento meno spontaneo e disteso rispetto a quello di
apprendenti più giovani, soprattutto se basati sulla produzione orale, che consente un minor ricorso al
MONITOR (controllo della produzione attraverso la conoscenza grammaticale), di cui gli adulti fanno
largo uso.

ERRORI E IMMAGINE DI SÈ
.. Difficoltà nel riconosce i propri errori, li sottovaluta, li nega.

La volontà di contare solo sulle proprie forze, fa sì che gli risulti difficile accettare qualsiasi tipo di
aiuto da parte dell'insegnante, soprattutto se esplicito o non ben mascherato

..L'adulto ha un'immagine da tutelare e quindi prova vergogna per i propri errori di fronte al
docente, ma più ancora di fronte ai compagni in classe perché la loro stima e il loro
rispetto sono indispensabile garanzia del suo progredire.

Sono forti nell’adulto la paura di non riuscire e il timore della derisione.


Viene a porsi in primo ordine l’attenzione da riservare alle modalità di correzione degli errori.

ASPETTI POSITIVI

– possiedono capacità cognitive più complesse

– hanno una maggiore conoscenza del mondo

– hanno una maggiore consapevolezza del funzionamento della lingua

Per questo, gli adulti ottengono migliori risultati a breve termine rispetto ai bambini

– una maggiore capacità di superare le difficoltà legate all'apprendimento di una


seconda lingua

– la tendenza ad apprendere dai propri errori

– la tolleranza per l'ambiguità.


Accetta una comprensione globale e non si preoccupa se non conosce tutte le
parole.

– Capacità di prevedere ed evincere informazioni dal contesto

– Spesso l'adulto studia una lingua straniera per una motivazione INTRINSECA, per
piacere, per l'interesse per la lingua e la cultura italiana.
La motivazione affettiva è la spinta più potente, quella che può dare risultati migliori
e duraturi.