Sei sulla pagina 1di 80

controcultura Ì3

fa re co n tro
in fo rm a zio n e

^ % /m N A nvA ^
fa re controinformazione
è il risultato del lavoro e soprattutto della pratica di molti
compagni e fratelli di tutta Italia.
Marcello Baraghini ha coordinato la raccolta dei materiali
Controcultura / 3

Fare
controinformazione

La nuova sinistra
Edizioni Savelli
Copyright 1974
Giulio Savelli editore s. r. 1.
Via Cicerone 44
00193 Roma
Copertina: M arko
Stampa: E. L. Casalotti - Roma

COLLANA
CONTROCULTURA
supplemento a
STAMPA ALTERNATIVA
registrazione Tribunale di Roma
n. 14276 del 24-12-1972
direttore responsabile: M. Baragh
Indice
7. MA CHI SE NE FREGA
DELLA CONTROINFORM AZIONE...
9. I - VOLANTINO
9. Volantini realizzati con macchina ciclostile
12. Volantini realizzati con macchina ciclostile
normale e matrice elettronica
12. Volantino stampato in tipografia
13. Costo
13. Distribuzione
15. II - BOLLETTINO (Ovvero il giornale ciclostilato)
15. Esempi di costo di bollettino
17. Ili - GIORNALE
17. Procedimento offset
19. Procedimento con macchina rotativa
19- Procedimento con macchina piana
19. Costi
20. Distribuzione in libreria e in edicola
21. Licenze tipografiche
23. IV - GIORNALE MURALE - MANIFESTO
23. Procedimento eliografico
25. Procedimento serigrafico
30. Affissione
30. Scritte murali
32. V - REGISTRAZIONE (AUTORIZZAZIONE)
DELLE PUBBLICAZIONI PERIODICHE
32. Se si dispone del direttore responsabile iscritto
all’ordine dei giornalisti come pubblicista
o professionista
33. Se non si dispone del direttore
37. VI - DOPO LA REGISTRAZIONE
37. Abbonamento postale
39- Casella postale
39. Conto corrente postale
40. VII - FOTOGRAFIA
40. A) Ripresa
La macchina fotografica: teoria
45. La macchina fotografica: pratica
45. La macchina fotografica: acquisto
46. 2) Pellicola
47. B) Sviluppo e stampa
47. l) Camera oscura: teoria
50. 2) Camera oscura: pratica
53. V ili - AUDIOVISIVO
53. Audiovisivo con diapositive (e colonna sonora)
54. Videotape
61. IX - REGISTRAZIONE DELLE CASSETTE
62. Tipi di cavo per collegare registratore e
e giradischi stereo
64. Le cassette vergini
65- Attrezzature-costi-usato
67. X - CACCIATORE DI CONTROINFORMAZIONI
67. La controinformazione pratica
68. La controinformazione di denuncia
71. Il cacciatore di controinformazioni
74. STAMPA ALTERNATIVA
77. Indirizzi utili
Ma chi se ne frega
della controinformazione...

Due m e s i fa, in una c ittà ita lia n a , un com pagno è andato


a v is ita r e un gruppo che facev a rife rim e n to a lla sua s te s s a
o rg a n iz z a z io n e m ilita n te . 11 gruppo — a c a r a tte r e lo c a le —
stav a p re p a ra n d o un nuovo n u m ero del suo g io rn a le . P a rla n d o ,
viene fu o ri che i com pagni del gruppo producono il g io rn a le
con una te c n ic a nuova, che m ig lio ra la q u a lità e a b b a ssa i
c o sti, un p ro ced im en to s e r ig ra f ic o di nuovo tipo. Al com pagno
che da anni s i d ib atte in p ro b le m i di sta m p a e di m ancanza
di so ld i, e di fa tic a ,, gli b rilla n o gli occh i: «Ah, fa n ta stic o ,
d ite m i com e cazzo fate»; i com pagni g li rispondono: «No, il
p ro ced im en to lo abbiam o sc o p e rto n o i, ce lo teniam o». Il
com pagno s tra b u z z a gli occh i, non ci c re d e , p en sa a uno s c h e r ­
zo. «Non stia m o sch erzan d o , non ro m p e re le p alle , la p a ra c u -
la ta è n o s tra e non la diam o in g iro » .

QUESTO FASCICOLO E ’ NATO DA TU TTE LE ISTANZE,


ESIGENZE PROG ETTI E R EA L TA ’ COM PLETAM EN TE
A NTITETICI E COMUNQUE RADICALMENTE DIVERSI DAL­
L ’ATTEGGIAMENTO DI COMPAGNI CHE SI COMPORTANO
COSI’.

IL LAVORO POLITICO E MILITANTE PE R LA RIVOLUZIONE


E ’ TR O PPO IM PORTANTE PE R PER M ETTER SI DI NON
SCAMBIARSI QUI E SUBITO, NEL MODO P IU ’ RAPIDO
POSSIBILE, T U TTE LE INFORMAZIONI UTILI.

N ella p ra tic a di q u e sti u ltim i anni si è ric o n o sc iu to com e


p ro b lem a, che m o lti di noi — in un c e rto se n so tutti — sono
im p re p a ra ti, le n ti di r if le s s i, talv o lta a d d o rm e n ta ti, troppo
sp e s so inadeguati a q uella v ig ilan za e p ro n te z z a che è uno dei
p rim i s tru m e n ti p e r la v o ra re bene a liv e llo p o litico e p a r t i­
c o la rm e n te nel lav o ro po litico di c o n tro in fo rm azio n e.
M entre sono andate se m p re più ra ffin a n d o si le a n a lis i g lo ­
8

b a li o s e tto r ia li, so cio p o litich e, econom iche, te o ric h e , di


c la s s e , e c c ., fino ad a r r i v a r e a liv e lli s u p e r u n iv e rs ita ri anche
in m ilita n ti di b a se (g ra z ie p u re a s tru m e n ti c u ltu ra li p o d e ro si
di le ttu r e , e di la rg h e zone di tem po in v e s tite n ello stu d io e
n e ll’a n a lis i e s o p ra ttu tto in d is c u ssio n i in te rm in a b ili), sono r i ­
m a s te a un liv ello p iu tto sto b a sso le q u a lità , c e rta m e n te non
s tim o la te dal s is te m a in n essu n cam po, di s b r ig a r s i d a lle
d iffico ltà, di s u p e r a r e le p o rte c h iu se , di a g g ir a re g li o sta c o li
rite n u ti a p rim a v is ta in so rm o n ta b ili.
T ro p p i com pagni s i tira n o in d ie tro di fro n te a q u a ls ia s i
o p e razio n e che abbia un m inim o di d iffic o ltà , che e s c a appena
appena un po’ d a lla n o rm a . O ra sic c o m e le in fo rm a z io n i u tili,
p ra tic a m e n te e p o litic a m e n te , non a c aso sono ten u te n a sc o s te
(m a neanche tanto) o sem p lic e m e n te re s e non a c c e s s ib ili a r i ­
c h ie s te qualunque o peggio p ro v e n ie n ti da individui « so sp e tti» ,
è evidente la n e c e s s ità di s tru m e n ti e a tte g g ia m e n ti c re a tiv i
p e r fo tte re q u e sti s is te m i di co n tro llo .
In q u e sta chiave, abbiam o p ro p o sto una s e r ie di tr a c c e
(che chi co n su lta questo fa sc ic o lo p o trà c o m p le ta re con e le m e n ti
nuovi e m a g a ri m a n d a rc e le ) e a lcu n i c a s i e s e m p la r i di « c a c c ia ­
to r e di co n tro in fo rm azio n e » . I c a s i e le s te s s e tr a c c e sono
p a rtic o la rm e n te in so lite e q u alcuna p ro v o c a to ria o ta li da p o te r
u r t a r e la s u s c e ttib ilità e il p e rb e n ism o di q u alche com pagno
o com pagna: abbiam o di p ro p o sito tr a s c u r a to situ a z io n i che son
fin troppo note, p e r s c e g lie r e e s p e rie n z e in s o lite che a n o stro
a vviso c o stitu isco n o m a te ria le stim o la n te p e r il lav o ro c o n c re to
di ciascu n o , in qualunque posto, d i co n tro in fo rm a z io n e .
Volantino
Il volantino è lo stru m e n to più econom ico ed effic a c e d ella
co n tro in fo rm azio n e, p erch é :
1. le m acch in e c ic lo s tile n o rm a li (tipo O liv etti SADA
r e p o r te r , o ra non più in c o stru z io n e , GEKA, GESTETN ER,
a d e sso m olto diffusi) s i tro v an o d a p p e rtu tto , n e lle se d i dei
p a rtiti d e m o c ra tic i, dei c ir c o li a s s o c ia z io n i, n e lle sc u o le , n elle
p a rro c c h ie ecc.
2. con la te cn ica della m a tric e e le ttro n ic a s i ottengono
r is u lta ti di stam p a s im ili a q u e lli che s i hanno con le m acch in e
p er sta m p a re ;
3. il volantino (e il b o llettin o ) c ic lo s tila to co n sen te di s u p e r a ­
r e il c o n tro llo p o liz ie sc o p rev e n tiv o che invece la p o lizia
e s e r c ita su i volantini (e b o lle ttin i) sta m p a ti in una tip o g ra fia .
I p ro b le m i di re a liz z a z io n e p ra tic a del volantino e le p o s­
s ib ilità di a u to g e s tire tu tte le fa s i di lav o ro v aria n o secondo
le tecn ich e u sa te : v ale a d ire :

Volantini realizzati con macchina ciclostile normale


C i sono d iv e r s i tip i di m acc h in e c ic lo s tile , da q u e lle c o m ­
p le ta m e n te m anuali (o rm a i in d isu so p e rc h é non rie sc o n o a
fa r e con una m a tric e più di alcu n e ce n tin a ia di copie) e a
s p irito a q uelle e le ttr ic h e ed e le ttro n ic h e , con in c h io stra z io n e
au to m atica.
N ella ap p o sita a tta c c a tu r a su l ru llo d e lla m acchina c ic lo ­
s tile va ag g an ciata l ’a tta c c a tu r a d e lla m a tric e , la quale va
poi s te s a su l ru llo .
L a m a tric e , su cui va b attu to a m acc h in a l ’o rig in a le del
volantino è fa tta di tr e s tr a ti:
— il p rim o s tr a to è la p e llic o la che r i m a r r à poi a d e re n te
al ru llo ;
— il secondo s tr a to è un foglio di c a r ta c arb o n e che s e rv e
p e r c o n tr o lla re il te sto m e n tre s i b a tte a m acchina;
10

— il te r z o s tra to è un ca rto n c in o u tile p e r la b a ttitu ra e


m acchina e p e r la s iste m a z io n e d ella p e llic o la sul ru llo .
11 secondo e te rz o s tr a to (c a rta c arb o n e e c a rto n c in o ) v e r ­
ranno e lim in a ti una volta com piuta l ’o p e ra z io n e di s is te m a ­
zione su l ru llo , p rim a d e lla c ic lo s tila tu ra .
L a m a tr ic e s i p rep a ra usando una m acc h in a da s c r iv e r e
tipo O liv etti 45 (su q u elle più fr a g ili s i ris c h ia di s f a s c ia r e
il ru llo ); s i to g lie il n a s tro o p p u re si m ette su l bianco e, dopo
a v e r pulito (se s i ha voglia) bene i c a r a t te r i p e r o tte n e re una
buona in cisio n e della p e llic o la , s i s c r iv e il te s to battendo sui
ta s ti con un po’ più di e n e rg ia che p e r la s c r itt u r a su fogli
n o rm a li, stando a tte n ti a non a n d a re o ltre g li sp a z i m a s sim i
(in la rg h e z z a sono q u elli in d ic a ti d alle lin ee seg n a te su lla p e l­
lic o la, in lunghezza, di so lito , sino a lla p enultim a lin ea t r a t ­
teggiata).
L e c o r r e z io n i s u lla m a tric e s i fanno p assan d o l ’a p p o sito
liquido c o r r e tto r e su lle le tte r e o p a ro le sb a g lia te e poi,
dopo 10-12 seco n d i, quando il liquido è a s c iu tto , s i rib a tte
so p ra la le tte r a o la p a ro la g iu sta.
B isogna fa re a tten zio n e a non s o tto lin e a re tro p p o , p e r e s e m ­
pio non fa re rig h e in te re , p e rc h é la m a tric e s i sp e z z a .
L ’a tta c c a tu r a d e lla m a tric e può v a r ia r e , secondo la m a rc a ,
ma è m olto fa cile a d a tta rla a l l ’a tta c c a tu ra su l ru llo del c ic lo ­
s tile , b a sta u s a r e la punta d e lle fo rb ic i.
P e r rip ro d u rr e d ise g n i o s c r itt e s i fa c o sì: con una m a tita
s i tr a c c ia su lla p e llic o la d e lla m a tric e , con seg n i le g g e r i, il
disegno o la s c r itta ; è fa c ile fa r lo p e rc h é la p e llic o la è s e m i-
tr a s p a re n te ; p e r i tito li s i p o sso n o u s a re , ric a lc a n d o le , le s c r i t ­
te e i c a r a t te r i di stam p a dei g io rn a li.
B isogna c e r c a r e di e v ita re a l m a ssim o c a n c e lla tu re p e rc h é
lo sfre g a m e n to d e lla gom m a ro v in a la p e llic o la .
Si p a ss a quindi ad in c id e re m ettendo so tto la p e llic o la un
foglio di p la s tic a d u ra con la su p e rfic ie fatta a puntini in vendita
n elle c a r to le r ie , poi s i incid e tra fo ra n d o la p e llic o la p e r m ezzo
di una app o sita penna con la punta di a c c ia io a rro to n d a ta .
Se non si dispone d el foglio di p la s tic a con su p e rfic ie a puntini
o la penna s p e c ia le si può u tiliz z a re una qualunque s u p e rfic ie
p u rch é d u ra e una qualunque penna a b iro che non s c r iv e più.
N ella in cisio n e bisogna m e tte r e p a rtic o la re c u ra . E v ita re di
fa re e c c e ss iv a p re s s io n e o b ru sc h i m ovim enti d ella mano
p e rc h é co sì si p o treb b e s tr a p p a r e la p e llic o la . E ’ in v ece m eglio
p ro c e d e re nella in cisio n e con b re v i tr a tt i su c c e s s iv i.
Una volta te rm in a ta l ’o p e ra z io n e p e r c o n tro lla re che la p e l­
lico la sia s ta ta v e ra m e n te tr a fo ra ta , la si espone ad una q u a l­
s ia s i fonte lum inosa. Se la lu ce p a ss a in ogni punto d e lla s c r itta
o del disegno vuol d ire che tu tto è venuto bene.
P e r l ’uso d ella m acchina c ic lo s tile i c o n sig li b a se sono:
— s ta c c a r e il foglio di c a r ta carb o n e p rim a di a tta c c a r e la
11

m a tric e a l d isp o sitiv o di a tta c c o che si tro v a su l ru llo ;


— fa re a d e r ir e bene la p e llic o la al ru llo e fa r fa re d iv e rs i
g ir i al ru llo fino a quando non si s a r à c o sta ta ta la p e rfe tta
d istrib u z io n e d e ll’in c h io stro a ttr a v e r s o l ’in cisio n e d ella p e l­
licola;
— ta g lia r e il carto n cin o appena so p ra l ’in izio d e lla s c r ittu r a ;
— non sp in g e re m ai a fondo a v e lo c ità p e rc h é la p e llic o la
s i consum a p rim a (a v e lo c ità g iu sta s i possono c ic lo s tila re
anche 2000 fogli, a ltrim e n ti un m ig liaio );
— se la m acchina c ic lo s tile è m anuale o e le ttr ic a s ta r e
m olto a tte n ti a lla in c h io stra z io n e , che deve e s s e r e c o sta n te e
re g o la re ; se c ’è poco in c h io stro la p e llic o la si consum a p rim a ,
se ce n ’è troppo s i sfa s c ia il ru llo ;
— p u lire il ru llo con b atuffoli di o v atta im bevuti con un p o ’
di benzina, dopo a v e r usato d ie c i o più m a tric i;
— s m a z z a re bene la r is m a di c a r ta p rim a di m e tte rla n ella
p ia tta fo rm a della m acchin a c ic lo s tile ; se la ris m a non è s m a z ­
z a ta u sc ira n n o p a re c c h i fogli non sta m p a ti e se la c a rta è di
q u alità sc a d e n te a d d irittu ra in te ri m a z z e tti. Se s i ad o p e ra
c a r ta tipo e x tr a -s tro n g e si vuole poi c ic lo s tila re anche sul
r e tr o del foglio, o c c o rr e u s a r e il c ic lo s tile a v elo cità m inim a
p e rc h é bisogna in te rc a la re a ogni foglio che e sc e d alla m acchina
un a ltro foglio p e r e v ita re di im p ia s tr ic c ia r e il re tro .

P e r o ttenere una stampa sem p re perfetta


Se una m a tric e , po sta in o p e ra , dopò 1.000 e 2.000 cop ie,
secondo la q u alità della c a r ta a d o p e ra ta , è r e s a im p e rfe tta
d a lla p o lv e re di c a r ta so lle v a ta dai ru lli p o rta c a rta e le
copie risu lta n o m eno b e lle , si può c e r c a r e di rim e d ia re p a s ­
sando più volte su lla m a tric e un p icco lo batuffolo di cotone in u ­
m idito di benzina n o rm a le , finché q u e sta r is u lti di nuovo p u ­
lita . Q uesto p ro ced im en to può e s s e r e rip e tu to ogni volta che se
ne p re s e n ti bisogno. M ig lio re è la c a r ta da sta m p a , e meno
sp e s so s i v e rific a il sud d etto in conveniente. P e r e ffe ttu a re il
lavaggio so p ra d e s c ritto non o c c o rre to g lie re la m a tric e
d a ll’a p p arecch io .

P e r conservare La m atrice dopo l ’uso

Se una m a tric e già u sa ta deve e s s e r e c o n se rv a ta p e r un


u lte rio re im piego, o c c o rr e s te n d e rla , con la p a rte in c h io stra ta
v e rs o l ’a lto , su un foglio di c a r ta , a p p o g g iarv i so p ra un a ltro
foglio di c a r ta e s tro fin a re le g g e rm e n te col palm o d ella mano
su q u esto . R ip e te re l ’o p e ra z io n e alcu n e v olte cam biando la
c a rta , e c o n s e rv a rla poi tr a due fogli di c a rta c e ra ta .
12

Volantini realizzati con macchina ciclostile


normale e matrice elettronica
L a m a tric e e le ttro n ic a è una m a tric e sp e c ia le che viene
re a liz z a ta da un in c is o re e le ttro n ic o che in alcu n i m inuti la
re a liz z a da una o rig in a le fo to g rafato o d iseg n ato o s c r itto a
m acch in a, con la p o ss ib ilità di r ip ro d u rr e anche toni di g rig io .
Con la m a tric e e le ttro n ic a è p o ssib ile u s a r e n e ll’o rig in a le ,
che poi v e r r à rip ro d o tto , dei d iseg n i, s c r itt e a p e n n a re llo o
le tr a s e t, fo to g rafie ecc.
P e r fa re v e n ire bene la m. e. o c c o rre : — che l ’o rig in a le
s ia di fo rm ato uguale o le g g e rm e n te in fe rio re a q uello dei fogli
c ic lo s tile che poi s i u se ra n n o ; — che tu tti gli e le m e n ti d ella
com posizione siano n e tti, s ia gli e le m e n ti g ra fic i che le p a rti
s c r itte ; — tu tti gli ele m e n ti aggiunti, o ltre a lle p a rti s c r itte
a m acchina su l foglio o rig in a le , vanno a tta c c a te con un p o ’ di
colla su lla p a rte s u p e rio re ; — che s u ll’o rig in a le non vi siano
tro p p e zone n e re p e rc h é q u esto p ro v o c h e rà p ro b le m i d u ra n te la
c ic lo s tila tu ra p e r il p assa g g io dei fogli.
Con la m .e. il c ic lo s tile va u sa to con più atten z io n e del so lito ,
in p a rtic o la re la v e lo c ità che deve e s s e r e più m o d e ra ta .
Un s is te m a p a ra c u lo p e r o tte n e re un buon volantino anche
e s te tic a m e n te è di fa re l ’o rig in a le con d im en sio n i un te rz o
o il doppio più g ran d e di q u ello che d o v rà v e n ire , poi rid u rlo
con m acchina, x ero co p ia (è una m acch in a IBM che rim p ic c o li­
sc e gli o rig in a li, rid u ce n d o li al fo rm a to voluto) e quindi fa re
la m .e.

Volantino stampato in tipografia


E ’ so tto p o sto al ric a tto d e lla lo c a le Q u e stu ra p e rc h é il tip o ­
g rafo , com e p e r i g io rn a li, ha l ’obbligo di p o rta re 6 copie in
Q u estu ra p rim a di c o n se g n a rli al «clien te» .
L a Q u estu ra fo rm a lm e n te non può b lo c c a re la co n seg n a dei
volantini p e rò può fa r e p re s s io n i su l tip o g rafo m in accian d o di
r i t i r a r g l i la lic e n z a .
P e r s u p e r a re l ’o staco lo , a c c o rd a n d o si con un tip o g ra fo am ico ,
b a sta m e tte r e in c a lc e a l volantino la d ic itu ra che va m e s sa
su l volantino c ic lo s tila to (sp e c ific a ta più av an ti); l ’im p o rta n te
in q uesto ca so è u s a re c a r ta tipo c ic lo stila to e che la sta m p a
non s ia ra ffin a ta p e r p o te r rag io n ev o lm en te s o s te n e re in
caso di n e c e s s ità la te s i che s i è c ic lo stila to usando la m a tric e
e le ttro n ic a la quale dà appunto effetti s im ili a q u e lli di sta m p a .
I Costi dei volantini sta m p a ti sono m olto a lti p e r poche
copie e com inciano ad e s s e r e convenienti p e r ti r a t u r e da 5.000
in su. G ro sso modo fino a 5.000 copie un volantino stam p ato
su una so la fa c c ia ta c o sta un te rz o più di q u ello c ic lo stila to .
13

Costi
— L e MACCHINE CICLOSTILE co stan o nuove d a lle 100 m ila
(quelle m anuali) al m ilio n e e m ezzo (quelle e le ttro n ic h e ).
Si possono tr o v a re anche u sa te , sp e c ia lm e n te nei negozi che
vendono q u elle nuove. Il p re z z o v a ria secondo il ra p p o rto con il
v en d ito re.
— L ’INCISORE ELETTRONICO c o sta d alle 800 m i la l ir e in s u
(secondo il m odello). Il iiù diffuso è il G ESTETN ER (sed e via
V eneto 14 M ilano. Su r ic h ie s ta m andano dei cata lo g h i su i q uali
p erò non c ’è indicato il p rez z o ).
A ttenzione! L ’in c is o re e le ttro n ic o p ra tic a m e n te non e s is te
n elle c o p is te rie di p ro v in c ia , che nem m eno sanno c o s ’è, ed
è anche poco diffuso n elle c o p is te rie d e lle g ra n d i c ittà . P e rò
g u ard an d o si bene intorno , se p e r e se m p io s i sc o p re una sed e
di c h ie s a v ald ese, un c irc o lo c u ltu ra le , uno stu d io di a rc h ite tti,
la se d e di un sin d acato e un is titu to di u n iv e rs ità ecc. è p o s ­
sib ile tr o v a re la m acchina e, com e è su c c e s so v a rie volte,
p ag are la m a tric e e le ttro n ic a m olto meno che nei negozi.
— L a MATRICE ELETTRO NICA , fa tta in una c o p is te ria c o sta
dalle 1500 a lle 2500 secondo il tipo. 1500 q uella di tipo r e s i ­
ste n te , 2 5 0 0 q uella più re s is te n te in g rad o di s ta m p a re 2-3000
copie.

—L a MATRICE NORMALE c o sta d a lle 50 a lle 150 li r e , s e ­


condo il posto dove s i c o m p ra e la quan tità.
— L a CARTA q u ella NORMALE, di tipo com une, fo rm a to
22 cm . p e r 33 cm . e p eso 55 g ra m m i c o sta d a lle 800 a lle 1200
li r e a r is m a di 400 fogli, secondo il posto dove s i c o m p ra ,
la q u an tità e tenendo conto dei continui au m e n ti di p re z z o .
La c a r ta EXTRA STRONG, bian ca lucida c o sta c ir c a il doppio.
S o p rattu tto la c a r ta conviene a c q u is ta r la dai g r o s s is ti o nei
m agazzini, lì valgono i p re z z i m in o ri, m e n tre n e lle c a rto le r ie
n o rm a li i p re z z i raggiungono il te tto . Un modo p e r r is p a r m ia r e
è di c o m p ra re nei d ep o siti r is m e di c a rta 50x70 cm . e poi
con una ta g lie rin a r id u r li nel fo rm a to voluto. Il p ro b le m a è
di tr o v a re una ta g lie rin a da u s a r e e il posto m ig lio re è
qualche tip o g ra fia , p e rc h é tu tte ce l ’hanno in dotazio n e, e ci
sono d iv e r s i rita g li di tem po in cui lo ro non l ’adoprano.

Distribuzione
L a d is trib u z io n e di un volantino c ic lo stila to può a v v e n ire
dovunque p u rch é vi siano q u e ste in d icazioni:
— data; — nom e e in d iriz z o d e lla o rg a n iz z a z io n e o gruppo
o c o llettiv o ; — la d ic itu ra CICLOSTILATO IN PROPRIO.
Il volantino può anche r e c a r e la d ic itu ra «supplem ento a . ..»
(un nu m ero di g io rn a le , p e rio d ic o o quotidiano che e s c e r e ­
14

g o larm en te) che p erò non è su fficien te p e rc h è o c c o rr e lo s te s s o


m e tte re il rife rim e n to di chi c ic lo s tila ,il luogo dove si c ic lo ­
s tila è la d ata, o ltre n a tu ra lm e n te a « c ic lo stila to in p ro p rio » .
L a legge ric h ie d e p e r ogni d istrib u z io n e l ’invio di 4 copie
alla P r e f e ttu r a ed una a lla P ro c u r a d ella R epubblica. In p r a ­
tic a p e rò il 99% di co lo ro che hanno d is trib u ito v o lan tin i sen za
in v ia re copia a lle a u to rità non hanno su b ito co n seg u en ze penali.
Si sono sv o lti ie rò n eg li u ltim i anni ce n tin a ia di p ro c e s s i
p enali co n tro d is trib u to r i e a u to ri e c ic lo s tila to ri d i v o lan tin i
p e rfe tta m e n te in re g o la m a che non venivano in v ia ti a lla
P re f e ttu r a e a lla P ro c u ra . Tutti q u e sti p ro c e s s i, che s i fanno
in p re tu ra , s i concludono con una condanna: s i tr a tta p e rò di
una se m p lic e m ulta, che non fig u ra neanche com e p re c e d e n te
p e n ale , a n essu n effetto.
DURANTE LA DISTRIBUZIONE l ’ev en tu ale in te rv e n to dei
p o lizio tti può e s s e r e rin tu z z a to cosi:
— se il volantino è stam pato, a lla ric h ie s ta d e ll’avvenuto invio
di copie, s i risp o n d e rà che q u esto è obbligo d ello sta m p a to re ;
— se è ciclostilato ( l ’obbligo to cca a l l ’o rg a n iz z a z io n e ) si dice
che s i c re d e che l ’invio s ia sta to fatto.
CHI DISTRIBUISCE NON E ’ TENUTO AGLI OBBLIGHI
IMPOSTI DALLA LEGGE p e rc iò deve rifiu ta re il s e q u e s tro dei
volantini e di p a g a re una m ulta.
Il SEQUESTRO può e s s e r e o rd in a to so lo d a lla a u to rità g iu ­
d iz ia ria e a l m a ssim o possono e s s e r e s e q u e s tra te TRE C O PIE.
Se la p o liz ia non ha o rd in e s c r itto del m a g is tra to (e deve
e sib irlo ) NON PU Ò ’ SEQUESTRARE nep p u re una copia e a m a g ­
gior ra g io n e può c e r c a r la ad d o sso (s i tr a tte re b b e di p e rq u is i­
zione ille c ite ).
Se i p o lizio tti distru g g o n o o d e te rio ra n o i vo lan tin i c o m ­
m ettono REATO punibile con pene da 6 m e si a TRE ANNI
(legge 8 - 2 - 48, n. 47, ART. 20). Se i p o lizio tti sono in b o rg h e se
bisogna c h ie d e re l ’esib iz io n e del docum ento di ric o n o sc im e n to
e r i c o r d a r s i il nom e e la m a tric o la .
Se il contenuto del volantino può e s s e r e oggetto di re a to
(istig azio n e d ei m ilita r i a d isu b b id ire a lle le g g i...) s i ris c h ia
di e s s e r e ARRESTATI MENTRE SI DISTRIBUISCE.
II
Bollettino
(ovvero il giornale ciclostilato)

N ella ip o te si più e le m e n ta re il b o llettin o può e s s e r e una


s e r ie di volantini ra c c o lti in sie m e . Ma anche un g io rn a le può
e s s e r e fatto con la v este di un b o llettin o c ic lo stila to p e rc h è
in q u esta v e ste è p o ssib ile e v ita re il ric a tto d ella r e g i s t r a ­
zione in trib u n a le e il co n tro llo d e lla p o lizia. L a fo rm u la è
quella del «bollettino in te rn o d e l... gruppo, c irc o lo , co lle ttiv o
e m ov im en to ...» che, alm eno fo rm a lm e n te , non deve a v e re una
diffusione e s te rn a ag li a d e re n ti a lla o rg a n iz z a z io n e , né ta n to ­
meno e s s e r e posto in vendita; p e r q u esto è e s s e n z ia le che il
b o lle ttin o -g io rn a le c ir c o li in luoghi più p o ss ib ile c ir c o s c r itti
e che non re c h i in dicazio n i di p re z z o .
L a d ic itu ra e s a tta da m e tte re da q u alch e p a rte è il nom e d ella
te s ta ta poi «bollettino d el c ir c o lo ..., c ic lo s tila to in p ro p rio ,
luogo di c ic lo s tila tu ra , data».
Com e p e r i vo lan tin i, c o si anche p e r i g io r n a li-c ic lo s tila ti
è p o ss ib ile l ’o p erazio n e di sta m p a v e ra e p ro p ria , con l ’a v ­
v e rten za di s ta m p a re su c a rta di fo rm a to e di tipo di quella
c ic lo stile e di m e tte re la d ic itu ra com e p e r il b o llettin o c i­
clo stilato : a q u a ls ia s i co n te sta z io n e p o liz ie sc a s i s o s te r r à
che il b o llettin o è sta to re a liz z a to col s is te m a d e lle m a tric i
e le ttro n ic h e .
N el c a so invece in cui s i voglia il b o llettin o re g o la rm e n te
re g is tr a to in trib u n a le , o c c o rro n o tu tti i re q u is iti s p e c ific a ti più
avanti p e r i g io rn a li. L a re g is tr a z io n e d e lla te s ta ta del b o l­
lettin o co n sen te poi di sp e d irlo con 1’ab.bonamento p o sta le con
i m odi e le ta riffe sp e c ific a te più avanti.

ESEM PI DI COSTO DI BOLLETTINO

Le c ifre che seguono sono in d icativ e, nel se n so che vi possono


e s s e r e se n s ib ili sb a lz i di co sto le g a ti a g li au m en ti d ella c a rta
16

e a lla p o s s ib ilità di p o te r u s a r e g ra tu ita m e n te la m acchina


c ic lo s tile , se n za dover a n d a re in c o p is te ria .

A) p e r 400 copie di 10 fogli, c a r ta c ic lo s tile g ra m m i 55


(cioè q u ella di tipo econom ico, su lla q u ale è m olto d ifficile
c ic lo s tila re anche su l re tro ):

— c a r ta (10 r is m e a 900 l ’una) L. 9.000


— in c h io stro (1 tubo) L. 1.500
— m a tric i (10) L. 1.000

T o ta le L. 11.500

si presu p p o n e l ’uso g ra tu ito d e lla m acchina c ic lo stile .


Se s i va in c o p is te ria il co sto au m en ta di alm eno il doppio.
Se s i u sa c a r ta E x tra -S tro n g (g ra m m i 89-90) s i può c ic lo ­
s tila r e anche su l r e tr o del foglio e quindi il co sto d ella c a rta
rim an e lo s te s s o p e rc h è s i usano solo 5 ris m e che co stan o
c irc a 1.500 l ’una.

B) ste sso num ero di copie e di pagine, tu tte con m a tric i


e le ttro n ic h e :

- c a r ta (11 ris m e , p e rc h é c ’è uno sp re c o m ag g io re ) L. 9.900


- c a r ta (11 ris m e , p e rc h é c ’è uno sp re c o m ag g io re ) L. 9.900
- in c h io stro L. 1.500

Totale L. 26.400

sem pre presupponendo l ’uso gratuito della macchina ciclostile.

C) 800 copie con m acch in a p e r sta m p a re tipo M ULTILIT o


ABITIK (sono m ic ro -m a c c h in e s ta m p a tric i, che funzionano col
siste m a delle m acchine O F F S E T , che possono s ta m p a re un
fo rm ato di foglio 35 cm . p e r 25 c m ., 10 fa c c ia te , cio è 5 fogli.
Il costo v a ria d alle 5 a lle 12 li r e a foglio, cioè ogni due
fa c c ia te a seconda degli au m en ti d e lla c a rta m a s o p ra ttu tto
dalla p o ss ib ilità di p o te r u s a r e a p re z z i b a ss i la m acchina
p er s ta m p a re e di p re p a r a r e l ’o rig in a le d ella pagina in modo
tale che non ci s ia bisogno d e ll’in te rv e n to del fotografo.
Ili
Giornale
I g io rn a li possono e s s e r e fatti da m acch in e p e r s ta m p a re
tipo O FFSE T , ROTATIVA, PIANA. A seconda del p ro ced im en to
scelto v a ria n o i c o sti e le p o s s ib ilità di in te rv e n ire d u ra n te
la fa s e che p re c e d e la sta m p a v e ra e p ro p ria .

Procedimento offset
(Si d iffe re n z ia dagli a lt r i due p e rc h è tutto q uello che va
stam pato deve e s s e r e p rim a m ontato su un foglio tr a s p a re n te
che s e r v ir à ad im p re s s io n a re una la s tr a di zinco che s e v irà
per la stam p a).

V antaggi ris p e tto ag li a lt r i p ro ced im en ti:


— p o ss ib ilità di co n tro llo di tu tte le fa s i che p reced o n o la
stam p a v e ra e p ro p ria ;
— m ig lio re r e s a delle s c r itte e d e lle rip ro d u z io n i fo to ­
g rafich e;
— m ag g io re p re c isio n e ;
— in c e r ti c a s i esecu z io n e più ra p id a del lav o ro .

Svantaggi:
— co sto elevato;
— n e c e s s ità di fa r e ti r a tu r a a lte .

Fasi del procedim ento Offset.

1. TIPOGRAFIA, nel c a so cio è non s i ab b ia un te s to fo to g ra ­


fato, innanzitutto c ’è la com posizione del te s to che può a v ­
v e n ire in q u esti modi:

A) S istem a IBM: tr a m ite cioè una m acch in a da s c r iv e r e


che tr a s f e r is c e il te s to su una velina (foglio so tto liss im o di
m a te ria le p la stic o m olto tr a s p a re n te ) con il carattere (tipo
di le tte r e ) e la g iustezza (lunghezza d ella rig a ) d e c is e in p r e ­
18

cedenza su un menabò (m odello del g io rn a le com e d o v rà


fatto il fo rm ato o rig in a le uguale a q uello che v e r r à o p pu re in
scala);

B) Linotype: tr a m ite cio è una m acchina con ta s tie r a com e


quella da m acchina da s c r iv e r e che tr a s fo r m a il te s to in rig h e
di piom bo, e quindi in colonne di piom bo secondo la lunghezza
del pezzo, le q uali poi vengono tr a s f e r ite in velina.
P e r fa r e in modo che il c o m p o sito re sa p p ia com e vanno
b attu ti i te s ti è n e c e s s a rio s ta b ilire p rim a , secondo il menabò:
la g ra n d e z z a del c a r a tte r e (CORPO), il TIPO di c a r a tte r e ,
la GIUSTEZZA (la rg h e z z a d e lla colonna).
Nel caso in cui ci sono dei tito li da fa re non con le tte r e
tr a s f e r ib ili (LETR A SET), m a con c a r e tte r i tip o g ra fic i, si devono
s ta b ilire gli s te s s i tr e punti che valevano p e r la c o m p o sizio n e,
c o rp o - c a ra tte re -g iu s te z z a .

2. FOTOGRAFIA, tu tte le foto o s c r itte fo to g rafich e vanno


t r a s f e r it e (dal fotografo d e lla tip o g ra fia ) su pellicola foto-
m eccanica (una p e llic o la tr a s p a r e n te dove il n e ro diventa n e ro
opaco che non la s c ia p a s s a r e la luce ed il bianco diventa
tr a s p a re n te ) dalle d im en sio n i d e c is e in p re c e d e n z a .
P o ich é l ’o ffset stam p a g li e le m e n ti che s i tro v an o su llo s te s s o
piano s u lla la s tr a , la s te s s a q u an tità di n e ro , p e r o tte n e re il
g rig io s i deve r ip r o d u r r e la su p e rfic ie in te re s s a ta con una s e r ie
di puntini (RETINI) che rendono o ttic a m e n te il g rig io ric h ie s to .
P e r le s c r itt e invece b a sta che il fo to g rafo le tr a s f e r is c a
su lla p e llic o la fo to m eccan ica sp e c ia le che rip ro d u c e il bianco e
il n ero .

Il p ro ced im en to di sta m p a O FFSE T dà p o ss ib ilità di a u to ­


g e s tire tu tte le fa s i che preced o n o la stam p a.
In q uesto caso il te s to viene com posto con una m acch in a da
s c r iv e r e n o rm a le , m eglio se e le ttr ic a , c e rcan d o di s e g u ire al
m assim o tu tte le in d icazio n i di sp a z i, la rg h e z z a , lunghezza
del MENABÒ’, e c o s ì p e r tu tti g li a lt r i e le m e n ti (tito li, d i­
seg n i, s c r itte , re tin i e c c .). T u tti r i i e le m e n ti vanno poi in ­
c o llati su l m enabò di fo rm a to n a tu ra le , com e v e r r à il foglio
stam pato oppure su un m enabò più g ran d e e poi rip ro d o tti su
p ellico la che v e r r à u tiliz z a ta d a lla tip o g ra fia p e r fa re la la s tr a
p er la stam p a.
Ci sono alcune a v v e rte n z e da te n e re p re s e n ti:
— quando s i vuole r ip r o d u r r e il bianco e n e ro quando si
fanno d efin itiv i fo to g ra fic i che non devono e s s e r e r e tin a ti b i­
sogna e v ita re i c o lo ri che risc h ia n o di non v e n ire p e r n ien te
n ella foto ed anche le m e z z e tin te , seg n i di m a tita e c o lo n
grigi;
— quando s i fanno i d efin itiv i p a rtic o la rm e n te p r e c is i e quindi
più g ra n d i di com e v e rra n o una volta sta m p a ti, bisogna te n e re
ben p re s e n te della lo ro s u c c e s s iv a rid u zio n e e quindi:
19

a) non in s e r ir e e le m e n ti tro p p o p ic c o li, o alm eno c a lc o ­


la re quanto v e rra n o g ra n d i su c c e ssiv a m e n te ;
b) non in s e r ir e foto già re tin a te (p e r e se m p io q u elle p re s e
dai quotidiani) p e rc h è il re tin o s i chiude, cioè i fam o si p allin i
si toccano e la foto viene m ac c h ia ta ;
c) fa r e le s c r itt e in le t r a s e t su ROTOID (p ellico la t r a ­
sp a re n te ) p e rc h è a c c e le ra il lav o ro fin ale del fotografo; l ’id eale
sa re b b e di fa r e le s c r itte l / l , cioè di g ra n d e z z a com e v e rra n n o
su lla pagina stam p ata.

Procedimento con macchina rotativa


Qui fa tutto la tip o g rafia: la COMPOSIZIONE con d e lle m a c ­
chine L inotype, m e n tre tu tti gli a l t r i e le m e n ti g ra fic i che non
sono in dotazione d e lla tip o g ra fia (lin ee, a s te r is c h i, e c c .)
li fa lo zin co g rafo che fa p a g a re 25 li r e c ir c a a cm . q u ad rato .
L a IMPAGINAZIONE del piom bo ottenuto d a lla c o m p o sizio n e s i
fa al bancone con l ’im p a g in a to re , il quale può anche la v o ra re
da solo con le in d icazio n i del m enabò. F a tti g li u ltim i r is c o n tr i
sul bozzone d e lla pagina p ro n ta in cui sono s ta te in s e rite le
c o rre z io n i, il tipografo fa rà i flan i che s e rv ira n n o a lla stam p a.

Procedimento con macchina piana


L a m acchina piana è in d o tazione a lle p icco le tip o g ra fie .
La co m posizione e im paginazione è uguale a q u ella d e lla r o t a ­
tiva, solo che le tip o g ra fie hanno una lim ita ta sc e lta di c a r a t te r i
p er i tito li e di c a r a t te r i p e r il te sto . Sulla m acch in a piana s i
ottengono r is u lta ti di sta m p a m olto buoni ed il fo rm a to di
stam p a m a s sim o (salvo e ccezio n i) è il TABLOID, cioè m età
quotidiano.

Costi
E ’ d iffic ilissim o d a re sta n d a rd f is s i di c o s ti di tip o g ra fia
p e r g io rn a li.
L ’esem p io m edio po treb b e e s s e r e q u ello di una tip o g ra fia
fo rn ita di m acchine O FFSET che sta m p a il fo rm a to 50 cm .
per 70 c m ., la com posizio n e con m acch in a linotype e la im p a ­
ginazione sul tavolo lum inoso con i lu cid i e le v elin e di tutti
gli elem en ti:
p e r 5.000 copie di 4 pagine, fo rm a to TABLOID (m ezzo q u o ­
tidiano), c a r ta tipo quotidiano, c o lo re r o s s o o ltre il n ero ,
pagam ento a lla consegna p re zzo L. 100/120.000 lire .
Si a r r iv a con fa c ilità a lle 130-140 se la c a rta è m ig lio re ,
se c ’è un a ltro c o lo re o ltre il ro s s o e se ci sono fo to g rafie.
P e r 10.000 copie, con gli s t e s s i e le m e n ti il p re zzo è l i ­
re 180/200.000 lir e .
20

Distribuzione in libreria ed edicola


F a tto il g io rn a le c ’è il p ro b le m a d e lla vendita e d ella d i s t r i ­
buzione in li b r e r ia ed in edicola
L a vendita « m ilitan te» non p re s e n ta p ro b lem i di rilie v o ,
nel se n so che p o lizia può ro m p e re le p alle s e ria m e n te solo se
la pubblicazione non è r e g is tr a ta in trib u n a le o ha la d ic itu ra
di supplem ento o nu m ero unico in com pleta.
Anche b o llettin i e m a te ria le c ic lo stila to s i possono v e n d e re
in g iro ; se rom pono le ia lle s i dice che non s i sta vendendo,
b e n si reg alan d o e al m a ssim o s i a c c e tta n o o ffe rte .
L a d istrib u z io n e in edico la e li b r e r ia p re se n ta n o una s e r ie di
p ro b lem i, alcu n i dei q u ali, sp e c ia lm e n te p e r quanto rig u a rd a
le ed ico le, ir ris o lv ib ili.

L ib re rie

«Q uaderni P iac e n tin i» che è sta ta la pubblicazione più le tta


e a m ata dai com pagni della s i n is tr a non rifo rm is ta è andata
avanti p e r anni curando da s e la d istrib u z io n e , p e rc h è aveva
capito che è il m ezzo m ig lio re . I com pagni d e lle v a rie città
e p a e si, in te r e s s a ti a fa r c ir c o la r e la riv is ta anche nel can ale
li b r e r ia , si facevano a r r iv a r e un pacco di copie a c a sa e poi
le portavano a lle li b r e r ie con le q u ali avevano già p re s o con­
ta tti; quando usciv a il nu m ero su c c e s siv o to rnavano n ella l i ­
b r e r ia a p o rta re le nuove copie, r i t i r a r e le r e s e e in c a s s a re
la p e rc e n tu a le .
Q uaderni P ia c e n tin i in q u esto modo riu sc iv a a m an d a re la
riv is ta in un casino di li b r e r ie in tu tta Ita lia e a fa r c i anche
q u alche lira .
Lo s te s s o s is te m a può e s s e r e u sato anche lim ita ta m e n te ad
una c ittà o una o più reg io n i: in c a r ic a r e dei com pagni fid ati di
p re n d e re contatto con le lib r e r ie , fa r e a v e re a lo ro le copie
p e r p o r ta r le in li b r e r ia , r i t i r a r e le r e s e e le lir e d e lle copie
vendute.
L e lib r e r ie s i prendono p e rc e n tu a li che vanno dal 30 a l 50 p e r
cento e qualche volta fanno s to rie p e r il pagam ento m a in siste n d o
a lla fine le li r e si ottengono (quasi se m p re ).
L a r iu s c ita d e ll’o p e razio n e è affid ata m olto a lla « o n està»
dei com pagni che fanno da tr a m ite con la lib r e r ia . N el sen so
che m olte volte è s u c c e s s o che i com pagni s i son tenuti lo ro
i so ld i d e lle copie vendute.
Ci sono d e lle ag en zie di d is trib u z io n e che coprono le lib r e r ie ,
alcu n e sono n azio n ali, co lle g a te p e rò con i d is trib u to ri re g io n a li.
Sia le ag en zie n azionali che q u elle re g io n a li hanno la tendenza
a r if iu ta r e (anche se le condizioni s i p rese n ta n o su lla c a rta
v antag g io se p e r lo ro ) pubb licazio n i p e rio d ic h e p e rc h è dicono che
non gli convengono e poi che, e sse n d o p ubblicazioni che q u a si
s e m p re non risp e tta n o la p e rio d ic ità d ic h ia ra ta , fanno s a lta r e
in q uesto modo la p ro g ra m m a z io n e d el lo ro lav o ro .
21

Se anche s i tro v a qualche ag en zia d isp o sta a d is tr ib u ir e in


li b r e r ia , sono poi guai a f a r s i p a g a re , p e rc h è la ten den za è
di rim a n d a re al m assim o il pagam ento d e lle copie vendute e di
m e tte re in conto m olte copie « s m a rrite » .
L a so la a lte rn a tiv a p o ssib ile , in q u esto m om ento, è di p re n ­
d e re co n ta tti con la ISAT di M ilano (vedi sch ed a in appendice)
che è la so la agen zia « a lte rn a tiv a » p e r la d is trib u z io n e n e lle
li b r e r ie e che ha un buon c irc u ito n azio n a le.

E dicole

Q uello che può r i u s c ir e con le lib r e r ie , cioè la g e stio n e d i­


re tta della fa se d istrib u z io n e , è p ra tic a m e n te im p o ssib ile con
le ed icole. Sia p e rc h è il lo ro nu m ero nei g ra n d i e m edi c e n tri,
è a ltis s im o , sia p e rc h è gli ed ico lan ti sono poco d is p o sti ad
un ra p p o rto d ire tto con i com pagni.
Rim angono le agenzie di d is trib u z io n e . Com e p e r i lib ri,
ci sono ag en zie n azio n a li e re g io n a li. E n tra m b e tendono a
rifiu ta re le pubblicazioni p e rio d ic h e sc o n o sc iu te e p o v ere.
L ’acc o rd o iuò e s s e r e p o ssib ile con q u alch e d is trib u to r e r e ­
gionale. Ma a tten zio n e, le co ndizioni che te n d e rà ad im p o rre
sono q u asi s e m p re m olto e so s e (un g ro s s o a n ticip o , pagam ento
del 60 o m eno p e r cento dopo m o lti m e s i e una p e rc e n tu a le
del 2-3 p e r cento di copie s m a r r ite ) e ra r a m e n te ci s a r à
un in te re ss a m e n to del d is trib u to r e p re s s o g li e d ic o la n ti p e rc h é
cu rin o la esp o sizio n e.
Gli e d ico lan ti poi, a lo ro v o lta, a c c e tta n o la pubblicazio n e a
m ala voglia p e rc h é sono in te r e s s a ti a i g io rn a li ric c h i e re m u ­
n e ra tiv i. A d d irittu ra sp e s so nem m eno s i ric o rd a n o di a v e re la
pubblicazione, la nascondono in q u alche angolo o a d d ir ittu ra non
aprono nem m eno il pacco con le copie.

Licenze tipografiche
Non è r a r o il ca so di com pagni, sp e c ia lm e n te che fanno capo
a c o lle ttiv i, g ruppi, c e n tri di c o n tro c u ltu ra e c c ., che pensano
di im p ia n ta re d e lle tip o g ra fie o di a c q u is ta re d e lle m acch in e
per s ta m p a re u sa te .
S o p rattu tto p e rc h è su l m e rc a to d e ll’u sa to è a b b a sta n z a fa c ile
tro v a re o c c a sio n i buone sia di m acc h in a p e r s ta m p a re O FFSE T ,
sia d egli a p p a re c c h i a c c e s s o ri (b ro m o g rafo p e r in c id e re la
m a tric e , ta g lie rin a p e r ta g lia re i fogli a lla d im en sio n e voluta,
in g ra n d ito re fo to g rafico p e r le p e llic o le , o ltre a lla m acch in a da
s c r iv e r e e le ttr ic a p e r la co m p o sizio n e), anche con p ag am e n ti
r a te a li.
N a tu ra lm e n te , a p a rte i p ro b le m i di c o sto d eg li im p ia n ti,
l ’ip o te si è su b o rd in ata a lla p o s s ib ilità di a v e re la co n su len za
di qualch e com pagno tip o g rafo che in seg n a a g li a lt r i il c o rr e tto
uso d e lle m acchine, a ltrim e n ti n el g iro di 15 g io rn i si s fa s c ia
tutto.
22

Se si rie sc o n o a re a liz z a r e q u este co ndizioni, fin a n z ia rie e


tecn ich e, rim a n e il p ro b lem a q u a si in so rm o n ta b ile d e lla lic e n z a .
M entre p e r le m acchin e p e r s ta m p a re tipo M U LTILIT e
ABITIK che p ra tic a m e n te sono dei s u p e rc ic lo s tili funzionanti col
s is te m a d elle m acchine O F F S E T , non o c c o rre lic e n z a tip o ­
g ra fic a , p e r le a lt r e m acch in e o c c o rre la lic e n z a di tip og rafo .
L a licen za di tipografo la r ila s c ia la q u e stu ra co m p eten te
te r rito ria lm e n te e dato che non vi sono obblighi di fa rlo e n tro
tot g io rn i, la q u e stu ra , com e è c ap itato , adducendo s c u s e di
v ario g e n e re può rim a n d a re tutto a l l ’infinito. P e rc h è lo fa?
P e rc h é la p ro life ra z io n e d e lle tip o g ra fie v o rre b b e d ir e sp u n ­
ta r e la p o ss ib ilità d e lla q u e stu ra di s u p e rc o n tro lla re tutto e di
r i c a tta r e i tip o g rafi non « e sseq u ian ti» .
P e r cui la p r a s s i m ig lio re e di fa re tu tte le p ra tic h e in
q u e stu ra «usando» un com pagno in doppiopetto, un com pagno cioè
al di so p ra di ogni so sp e tto , con lav o ro re g o la re e buone r e f e ­
renze.
Q uesto non vuol d ir e che la lic e n z a si o ttien e su b ito , bisogna
se m p re a s p e tta r e m e si o anni.
A r i ta r d a r e i tem pi ci s i m ettono poi anche i p o m p ie ri i
quali p e r d a re un nulla o sta che è ob b lig a to rio le inventano tutte
(tipo che non ci sono u sc ite di s ic u re z z a e che s i m in a c c ia la
sta b ilità dei m u ri ecc.).
I

IV
Giornale murale - manifesto
Il g io rn a le m u ra le è uno stru m e n to e ffic a c issim o d ella c o n tro ­
in form azione: l ’uso lim ita to che se n ’è fatto fin o ra dipende fo rse
dalla s c a r s a co n o scen za che s i ha d e lle te c n ic h e p e r r e a liz z a r li
econom icam ente, dato che i c o sti di tip o g ra fia sono a ltis s im i
e non in tu tti i p o sti c i sono m acch in e p e r s ta m p a re ad atte
a fa rli.

Procedimento eliografico
E ’ quello che usano g li a rc h ite tti p e r rip ro d u rr e e lo ro
p ro g etti, m a s i possono o tte n e re b e llis s im i m a n ife sti, fu m etti
ed anche v e re e p ro p rie m o s tre fo to g rafich e.

Occorre:
— CARTA LUCIDA che s i co m p ra d alla c a rto le r ia e nei
negozi che hanno roba p e r d ise g n a to ri; viene venduta a ro to li
di 20 cm . oppure sc io lta e il P R EZ Z O v a ria secondo la q u an tità
e la g ra m m a tu ra e dalla lunghezza: da 200 a 350 lir e al m e tro ;
— RAPIDOGRAF p e r d is e g n a re o s c r iv e r e su lla c a rta lucida;
il pennino m ig lio re è lo 0,6, m a anche lo 04 e 08 vanno bene;
un ra p id o g ra f c o sta dalle 2500 a l 500 li re e l ’in c h io stro di china
su lle 500 li r e a boccetta;
— PENNA con pennini o PEN N ELLO che abbiano il segno
m orbido e sin u o so p e r s o s titu ir e o in te g ra r e il rap id o g ra f;
— MACCHINA DA SCRIVERE con n a s tro nuovo, p e rc h è
se s i vuole s i può s c r iv e r e sul foglio di c a rta lucida; è m eglio
m e tte re su l foglio di c a rta lu cid a su lla m acchina da s c r iv e r e
un foglio di c a r ta carb o n e (ric a lc a n te ) a l ro v e sc io , in modo che
s i s c r iv e da tu tte e due le p a rti del foglio di c a r ta lu cid a e
la luce non passa.

Si fa così:
— s i f is s a la c a r ta lucid a d ella g ra n d e z z a voluta, com e d o v rà
v en ire il m an ifesto o g io rn a le m u ra le , su un piano di legno con
24

d e lle puntine; poi s i può fa re una tr a c c ia a m a tita e infine si


u sa il ra p id o g ra f; se s i dispone di un o rig in a le da fa r v e n ire
tale e quale si può m e tte re so tto la c a rta lucida e ric a lc a r lo ;
— è im p o rta n te che i seg n i su l lucido siano n itid i e co m p atti
p e rc h è e ssen d o il p ro c e s s o di sta m p a sim ile a quello foto­
g ra fic o , la lu ce non deve t r a s p a r i r e d e n tro il n e ro d ella china;
p e r a c c e r ta r e che i seg n i sono ben d ati s i può m e tte re il lu ­
cido co n tro lu ce;
— p e r gli e r r o r i , m acchie e c c ., s i ra s c h ia con una la m e tta
da b a rb a con m olta d e lic a te z z a la c a r ta lucida fino a lla s c o m ­
p a rs a del segno o m acchia.
Se s i vogliono fa r e dei L IB R E T T I o FASCICOLI di piccolo
fo rm ato o s i fa solo su una fa c c ia ta , taglian d o dopo la sta m p a
d ella pagina, oppure c ’è un s is te m a di p ie g a tu ra dei fogli, e
quindi di o rd in e della pagine da r is p e tta r e s u ll’o rig in a le che d irà
il tecn ico che sta m p e rà .

Dove si stampa e i costi.

N egozi di e lio g ra fia ce ne sono m o lti n e lle g ra n d i c ittà


e di meno in p ro v in cia. A ttenzione che ci provano se m p re a
c h ie d e re c if re p a zzesch e anche p e r i p ic c o lis s im i la v o ri.
A llo ra conviene fa re un g iro dei negozi o f a r s i in d ic a re da
chi già ci va, p ro m e tte re a l p r o p r ie ta rio o g e s to re del negozio
del lav o ro p e rc h è c o sì p e r q u an tità di 8 0/100 copie s i possono
o tte n e re sc o n ti intorno al 20 p e r cento.
I co sti in d icativ i sono into rn o a lle 200 p e r m e tro q u ad rato ,
se la stam p a è in n ero . P o te te b e n issim o s e n tir c h ie d e re 300
400 lir e . Se s i vogliono a l t r i c o lo ri (p.e; c o lo r sep p ia il p re z z o
aum enta di 50 lire ).
Si possono anche o tte n e re d iffe re n ti to n a lità di c o lo re a p ­
plicando al lucido, p rim a de lla sta m p a d ei RETINI. P e rò b i­
sogna c o n o sc e rli m olto bene ed hanno il d ifetto di c o s ta re
molto (c irc a 1000 li r e al m e tro q u a d ra to e 700-800 un foglio
con d ei d iseg n i d entro).
P e r la sta m p a e lio g ra fic a data l ’e n o rm e d iffe re n z a di p re z z o
da negozio a negozio, sp e c ie nei p o sti dove c ’è un so lo n eg o ­
zio, v ale la pena di p re v e d e re una s o r tita in negozi di p a e s i o
città vicini.
LA MACCHINA PER CIANOGRAFIA p o treb b e e s s e r e l ’e le ­
m ento chiave p e r una s tr u ttu r a m in im a d i stam p a a lte rn a tiv a .
Il costo p e r una m acchina nuova è di un m ilio n e e più; secondo il
tipo s i tro v a ab b astan za fa c ilm e n te u s a ta a p re z z i in to rn o al
m ezzo m ilione.
Quando col p ro ced im en to e lio g ra fic o s i vogliono r ip r o d u r r e
d e lle fo to g rafie, anche in g ra n d ite di m olto p e r r e a liz z a r e p e r
esem pio una m o s tra fo to g rafic a , si fa c o sì:
— con la fotografia o rig in a le (oppure il negativo d e lla foto­
g rafia) s i va in uno studio p ro fe ssio n a le fo to g rafico e s i fa
25

fare la GIGANTOGRAFIA, cioè la foto in g ra d ita a lla d im en sio n e


voluta, sta m p a ta su PERGAMEN (una s p e c ia le p e llic o la t r a s p a ­
ren te) che poi va m e s s a sul foglio lucido da e lio g ra fia nello
spazio d eciso in p rec e d e n z a .
Anche se s i ha un piccolo la b o ra to rio fo to g rafico conviene
se m p re fa r fa r e la stam p a su PERGAMEN da uno stu d io p ro ­
fe ssio n ale p e rc h è solo uno studio può p e r m e tte r s i g li a p p a re c c h i
per q uesto lav o razio n e.
Il co sto p e r un m e tro q u ad rato di sta m p a su PERGAMEN è
su lle 6-800 lire .
— se la foto da r ip r o d u r r e è g rig ia e p a s s a luce in v ece di
fa re a d e r ir e la p e llic o la PERGAMEN d ire tta m e n te sul lucido
da e lio g ra fia s i deve fa re una fin e s tr a su l lucido d e lle d im en sio n i
della foto da in s e r ir e e poi s i in s e r is c e la p e llic o la p e rg am en
congiungendola al lucido con d ello scoch.
— p e r o tte n e re d ei giochi di c o lo re e dei fondi o c c o rr e u s a re
dei re tin i a d e siv i o sem p lic e m e n te c a r ta c o lo ra ta
Una m o s tra fo to g rafic a di 5 m e tri q u a d ra ti viene in fa tti a
c o s ta re in ORIGINALE su lle 60.000 lir e , m a poi s i possono fa re
quante copie s i vogliono a c ir c a 1000 li r e l ’una.

Procedimento serigrafico
C onsente di o tte n e re ris u lta ti o ttim i, sp e s so anche m ig lio ri
com e q u alità a q u elli otten u ti con la sta m p a o ffset. E ’ n e c e s ­
s a r ia p e rò una c e r ta a b ilità m anuale. A ll’in iz io bisogna sp e n ­
d e re c ir c a 50.000 li r e p e r c o m p ra re questo m a te ria le :
1 sp ato la;
1 te laio 50x70 cm .;
1 s p re m ito re ;
2 c o lo ri (n ero e ro s s o , conviene la confezione g ran d e);
g e la tin a e se n s ib iliz z a n te .
Lo s p r e m ito re deve e s s e r e un pò più lungo d e lle dim en sio n i
del disegno da rip ro d u rr e e un pò meno lungo d ella la rg h e z z a
del telaio . P e r un te laio 50x70 va bene uno s p r e m ito re di 45 cm .
Il te laio ed il piano di sta m p a s i possnono fa re da s o li s p e ­
cia lm e n te con l ’aiuto di un falegnam e.

TELAIO

Si può c o s tr u ir e da se . B isogna u s a r e 4 ste c c h e di legno


re s is te n te e che non s i pieghi m a non troppo duro. I bo rd i
e s te rn i del te la io , uno spigolo so ltan to , vanno a rro to n d a ti con
una ra s p a e poi lis c ia ti bene con una c a rta v e tra ta fina. Le
d im ensioni devono e s s e r e c ir c a 10 cm . più g ra n d i di q u elle del
m anifesto o del g io rn a le che s i vuole sta m p a re .
Sotto ognuno d ei 4 angoli del te la io biso g n a f is s a r e uno s p e s ­
so re che tenga il te la io ria lz a to di un m ezzo cm . Si possono u sa -
26

re p e r esem p io 4 tappi di gom m a di q u e lli che si m ettono alle


p a re ti p e r non fa r c i s b a tte re le p o rte.

TV

SEZIONE Di Oh S orbo B F l T l .

U t t O j ROM UNO STIROLO ARRA.


T 0 N » A T 0 . L E TU iOR-6 SENE

iN E I C A T I V t

Al te la io s i applica una te la p e r s e r ig r a f ia da 45 m ag lie p e r


c e n tim e tro q u ad rato com e m inim o. La te la va p rim a bagnata e
poi fis s a ta ben te s a sul te la io con g ra ffe tte ad U. P e r p ia n ta re
le g ra ffe tte e sisto n o delle a p p o site p isto le . La te la va te s a un
pò a lla volta e in p ra tic a conviene fa re cd sì:

© F is s a r e « d i (J) S u r r e « m
V

- Mo ta c.* c h e la t e l a beve

E SSERE H E tó A U H LE H A R L lt
Pa r a lle le a l t e l a io

© FISSARCOJ^ ^ ® P l I S A M «IH

F is s a r e poi i 4 la ti continuando a te n d e re . A q u esto punto


conviene p ro v a re se la tela è ben te s a e d ev e e s s e r lo m olto.
Se p assan d o un dito su l bordo del te la io s i fo rm an o d elle g rin z e
la te la è len ta, se il te la io «suona» ta m b u re lla n d o c i so p ra a llo ra
va bene. Se la te la è te s a bene si f is s a d efin itiv am en te con l ’a p ­
p o sita co lla ARGON o ISI, sp alm an d o la u n ifo rm em en te su i b o rd i
del telaio . ATTENZIONE ALLE UNGHIE P E R C H E ’ LA TELA
TESA SI ROM PE FA CILM EN TE.
27

PREPARAZIONE DELLA TELA

V e rs a re il s e n s ib iliz z a n te n ella g e la tin a (ARGONSOL); le dosi


e sa tte sono già p ro n te. Poi con la sp a to la s i sten d e la g elatin a
davanti e d id ie tro sul te la io m e sso in piedi. L a sp a to la va
tenuta in clin ata a 45 g ra d i ed è IM PORTANTE NON USARE
ALTRI T IPI DI SPATOLA. Si rip a s s a poi la sp a to la più volte
sul telaio p e r e lim in a re la g e la tin a su p e rflu a ed avendo cu ra
di non la s c ia r e sp a z i v u o tio g ru m i. D u ra n te q u e sta seconda o p e­
razio n e la sp ato la va tenuta p e rp e n d ic o la re al telaio .
Si la s c ia il te la io ad a s c iu g a re o riz z o n ta le p e r c ir c a 15 o re .
E ’ bene che il posto dove si fa a s c iu g a re il te la io non sia po l­
veroso o um ido. P e r fa re p rim a s i può u s a r e un a sc iu g a c a p e lli,
senza a v v ic in a rlo troppo a lla tela p e rò , sp e c ie se si u sa l ’a ria
calda.
TU TTE QUESTE OPERAZIONI VANNO FA TTE ALLA LUCE
DI UNA LAMPADA ROSSA DA FOTOGRAFO.

LA VELINA

P e r la v elin a s i u sa un foglio di c a r ta da lucido p e r a r c h i­


tetti. C onviene u s a r e il tipo buono, che piegato non fa g rin z e ,
e che c o sta c ir c a 1500 lir e a l m e tro q u a d ra to . Sul foglio va d i­
segnato il m an ifesto in fo rm ato n a tu ra le , p ro p rio com e dovrà
v en ire, usando te m p e re da rito c c o p e r n eg ativ i fo to g ra fic i (ro sso
coprente). L a te m p e ra va d is trib u ita m olto bene p e r non p e r ­
m e tte re in filtra z io n i di luce. B isogna u s a r e un pennellino.
NON USARE MAI PENN E, PENNINI O PENN ARELLI. P e r
le s c r itt e sono com ode ma c o sto se le le tte r e tr a s f e r ib ili a
ric a lc o e i re tin i tr a s f e r ib ili.

IMPRESSIONE DELLA M ATRICE

Si poggia la v elina CAPOVOLTA s u ll’e s te rn o d e lla te la f i s ­


sandola bene con sco tch . L ’id eale s a re b b e fa rla a d e r ir e alla
tela m ettendo s o p ra a lla velina un v e tro e so tto la te la un panno
scu ro m orbido p e r im p e d ire che la luce f iltr i tr a velina e te la .
A QUESTO PUNTO SI M ETTE IL TELAIO SOTTO LA
LAMPADA. Il tem po di esp o siz io n e v a ria secondo la luce, la
d istan za d e lla lam pada del te la io , le d im en sio n i del te la io ,
il tipo di g e latin a. E cco alcu n i dati in d icativ i:
— lam pada da 1000 w att;
— d is ta n z a dal te la io 80-100 cm .;
— te la io 50x70;
— g e la tin a ARGONSOL.
Tempo di esposizione 4 minuti.
Se la lam pada è m eno potente p e r e se m p io 500 w att s i a u ­
m enta il tem po di esp o siz io n e , p e r e se m p io 9-1 0 m inuti.
Si lav a il te la io con acqua c o rre n te , m eg lio cald a , fino a che
28

non a p p a re d istin ta m e n te il disegno. Si fa a s c iu g a re la tela;


la m a tric e è p ro n ta.
QUESTA OPERAZIONE E LE SUCCESSIVE SI FANNO ALLA
LUCE NATURALE.

STAMPA

Si ap p lica a l l ’in tern o della m a tric e sui bo rd i del te la io del


n a s tro adesiv o la rg o da im b a lla g g i, p e r im p e d ire a lla v e rn ic e
di p e n e tr a re tr a la te la e il legno form ando d e lle in c ro sta z io n i.

CERNIERE

STACCO

Si f is s a il te laio a l piano su cui si stam p a con due c e rn ie re .


Il te laio deve e s s e r e p e rfe tta m e n te o riz z o n ta le , cioè bisogna
che i tap p i poggiano bene tu tti e 4 su l piano. Qui è n e c e s s a ria
un pò di atten zio n e. In p ra tic a conviene fare c o sì: s i usano due
c e rn ie re ro b u ste m a non troppo g ra n d i. Si f is s a su l piano su
cui s i stam p a un lis te llo di gom m a. Si fissa n o le c e r n ie r e p rim a
su l bordo non a rro to n d a to d el ta la io , poi sul lis te llo . SI DEVONO
USARE D ELLE VITI.
29

USTI LLO

stampa
T * ff» n
CAMMA TW fo «
(.IMITA

Si d ilu is c e il c o lo re con a c q u a ra g ia o dilu en te a lla n itro


fino a fa rlo d iv e n ta re le g g e rm e n te meno denso di un uovo
sbattuto. Si m ette il foglio su cui s i vuole s ta m p a re ben c e n tra to
sotto il te la io . Si v e rs a un pò più di un b ic c h ie re di c o lo re su lla
tela vicino al lato d elle c e r n ie r e e s i sten d e con lo s p r e m i­
to re facendo s c o r r e r e fino in fondo al telaio . Lo s p re m ito re
va tenuto in clin ato a 45°, p e r fa r p a s s a r e la g iu sta q u an tità
di co lo re .
Dopo di che s i so llev a il te la io , s i to g lie il foglio sta m p a to ,
si re c u p e r a il co lo re p ortandolo con lo s p r e m ito re v e rs o la
c e rn ie ra e s i rip e te l ’o p e ra z io n e . E ’ bene c o m p ie re le o p e­
razio n i di stam p a con una c e rta v e lo c ità a ltrim e n ti il c o lo re
si s e c c a e le m aglie de lla te la s i chiudono. E ’ bene p u re fa re
p rim a qualche stam p a di p ro v a su fogli vecch i p e r v e d e re se
la d e n sità del c o lo re è g iu sta e se tu tto va bene. I fogli s ta m p a ­
ti vanno fa tti a s c iu g a re e vanno a p p e si con d e lle m o lle tte a un
filo.

RECUPERO D ELLA MATRICE

Dopo a v e r tolto il più p o ssib ile il c o lo re av an zato p u lire la


tela usando s t r a c c i o una spugna im bevuti in a c q u a ra g ia o
solvente a lla n itro , STROFINANDO DELICATAMENTE IL T E ­
LAIO e rifin en d o con c u ra i punti in cui il c o lo re è p a ss a to p e r
la sta m p a . NON USARE ASSOLUTAMENTE SPA ZZO LE O ROBA
DEL GENERE.
M ettere poi sul te laio d e lla v a re c c h in a . Dopo c ir c a 20 m inuti
30

la v a re con un g etto d ’acqua; se la g e la tin a non va v ia rip e te r e


tu tta l ’o p e razio n e.
SE SI STAMPA UNA COSA MOLTO SEM PLICE COME UN
MARCHIO O UNO SLOGAN, in v ece di u s a r e il se n s ib iliz z a n te
e la g e la tin a si rip ro d u c e il disegno IN NEGATIVO con una a p ­
p o sita c a r ta a d e siv a da in tag lio (ARGON). In q u esto modo si
ab breviano i tem p i di lav o ro e il te la io a lla fine si re c u p e ra
staccando la c a r ta e pulendo con il so lv en te. NON USARE MAI
VERNICE. SI ROVINA LA TELA .

COSTI

Sono in d icativ i nel se n so che aum entano in continuazione.


Tutto il m a te ria le e c c e tto il te la io che si può fa re da so li,
si tro v a nei negozi ARGON e ISI.
E cco alcu n i in d iriz z i:
ARGON, via M irandola, l l / B ROMA;
ARGON, via M alpighi, 4, MILANO;
ARGON, c o rs o L E C C E , 86, TORINO.
Ma il m a te ria le s i può anche tr o v a re in c e r ti m a g az zin i,
n elle g ra n d i c ittà , b a sta sfo g lia re le pagine g ia lle d egli elen ch i
telefo n ici.
P e r esem p io a M ilano c ’è il m agazzino UIFAT (via G ene­
ra le Govone, 56) dove non solo s i tro v a tutto il m a te ria le m a
anche p e r tr e m ila lir e s i b ecca un su p e r m an u ale dove c ’è
a sso lu ta m e n te tutto su com e fa re a p e rfe z io n e la s e r ig ra f ia .

DIFFUSIONE E VENDITA DEI M ANIFESTI E GIORNALI ELIO ­


GRAFICI E SERIG RAFATI

Il s is te m a di stam p a e lio g ra fic o ha un en o rm e vantaggio


risp e tto al s is te m a di sta m p a in tip o g ra fia . Non o c c o rr e il
nome dello sta m p a to re , cioè del negozio che ha la m acchina
p er e lio g ra fa re . Quindi non c ’è il p ro b lem a d e lle copie da p o rta re
in q u e stu ra .
P e r la vendita e la diffusione:
— se è un m an ifesto , non o c c o rre n ie n te e s i va so lo in ­
contro a i c a sin i p e r «occupazione di suolo pubblico» o p e rc h è
secondo il p o lizio tto di tu rn o non s i la lic e n z a p e r v en d ere;
— se è g io rn a le o g io rn a le m u ra le è s e m p re m eglio, se p o s­
sib ile , m e tte r c i un bel SU PPLEM EN TO a ... q u alco sa che già
e s is te , fa rlo n o ta re al p o lizio tto di tu rn o , al q u ale s i deve
d ire che si sta regaland o e al m a ssim o si a c cettan o o ffe rte .

Affissione
I M ANIFESTI SCRITTI A MANO possono e s s e r e a ffiss i
ovunque, p u rch é non vi sia l ’is c riz io n e DIVIETO DI A F­
FISSIONE.
I MANIFESTI STAM PATI, ELIOGRAFATI ecc. d o v re b b e ro
31

e s s e r e a ff is s i solo negli spazi m urali d e stin a ti ap p o sita m e n te


dal com une o dal p re fe tto . P r e s s o g li ap p o siti uffici com unali
ci d o v reb b ero e s s e r e gli elen c h i di ta li sp a z i. Chi c o n tra v ­
viene è punibile solo con un m ulta di lir e 10.000 ( a r t. 113
della legge di pubblica sic u re z z a ).
In p ra tic a poiché è im p o ssib ile c o n o sc e re g li sp a z i d e stin a ti
dal com une a lla affissio n e , si affigge dove è m eglio.
Se in te rv ie n e la p o lizia s i fa p re s e n te che non e sse n d o c i
la s c r itt a D ivieto di A ffissio n e, in quel p o sto s i può a ffig g e re .
Se c ’è fla g ra n te divieto di a ffissio n e o c c o rre e s ib ire i docu­
m enti.
P e r le a ffiss io n i la po lizia sp e s so ci p ro v a tentando di fa r
v a le re l ’a r t. 113 della legge di pubblica s ic u re z z a e l ’a rt. 663
del co d ice penale dove im pongono l ’a u to riz z a z io n e d e lle a u to ­
rità di P.S. p e r la d is trib u z io n e e a ffissio n e di sta m p a ti.
Ma ta li n o rm e sono s ta te an n u llate d a lla c o rte c o stitu z io n a le .
A lle co n testazio n i del p o lizio tto di tu rn o a llo ra s i rib a d is c e
che l ’unica pena p o ssib ile è q u ella di 10.000 lir e p er a ffissio n e
fuori dagli sp azi co n sen titi
T e o ric a m e n te il polizio tto o chiunque s tra p p a m a n ife sti è
punibile con una pena da 6 m e si a 3 anni p e r il re a to di d i s t r i ­
buzione e d e te rio ra m e n to di sta m p a ti.

Scritte murali
L e s c r itt e m u ra li o p e r te r r a possono e s s e r e fa tte , secondo
le situ a z io n i e le n e c e s s ità , o con v e rn ic e n o rm a le da m uro
(opportunam ente d ilu ita) nel c a so di s c r itte m u ra li « c o n si­
stenti», o con v e rn ic e s p ra y , ad a tta p e r slogan e s c r itt e b re v i
e non m olto g ran d i, oppu re con v e rn ic e sp ra y e d egli sta m p in i
sfondati con lo slogan voluto (lo stam p in o s i fa a d e r ir e al
m uro o p e r t e r r a e lo s p ra y si p a ss a so p ra due o tr e v o lte, si
sta c c a lo stam p in o e rim a n e la s c r itta voluta).

L e sc r itte m urali sono sem p re possibili.


Al m a ssim o lo s c r iv e r e sul m u ro o p e r te r r a p o treb b e
p o rta re a lla in c rim in azio n e p e r « im b ra tta m e n to » . Ma, a tte n ­
zione, in q uesto caso è n e c e s s a ria la « q u e re la » del p r o p r ie ­
ta rio del m uro o d ella s tra d a . Se non c ’è la q u e re la non s i r i ­
sponde di niente.
O c c o rre ric o r d a r e che s c r iv e r e su i m u ri o p e r t e r r a non
è a ffissio n e e quindi, anche se a r r iv a il p o lizio tto c e r c a di
im p ed ire che l ’o p e ra venga p o rta ta a com pim ento, l ’a tte g g ia ­
m ento da te n e re è quello d e lla più fe rm a o pposizione. In a s ­
senza d e lla q u e re la in fatti (ed è evidente che quando a r r iv a la
«p an tera» la q u e re la del p r o p r ie ta rio del m uro non c ’è a n c o ra
sta ta ) il p o lizio tto non può in te rv e n ire .
Il p o lizio tto p o treb b e in te rv e n ire solo se la s c r itta in sé c o ­
s titu is c e c h ia ra m e n te re a to , p e r e sem p io o ltra g g io o v ili­
pendio.
V
Registrazione (autorizzazione)
delle pubblicazioni periodiche

L a re g is tr a z io n e di una pubblicazio n e p e rio d ic a p re s s o l ’uf­


ficio stam p a del trib u n a le co m p eten te te r rito ria lm e n te che n o r­
m alm ente ed e rro n e a m e n te viene ch ia m a ta a u to riz z a z io n e , è
il m ezzo p e r im p e d ire anche solo una p a rv e n z a di lib e rtà
di sta m p a (vedi - nota su legge sulla stampa e ordine dei g io r ­
nalisti). In fatti sono ric h ie s te tante e ta li condizioni da m e t­
te re in c r i s i, subito, già p e r q u esto , la m ag g io r p a rte d e lle
in iz ia tiv e di b ase, spontanee ed a u to g e stite .
Se non c ’è la re g is tr a z io n e del trib u n a le , sp e c ia lm e n te in
p ro v in cia, è q u asi im p o ssib ile tr o v a re una tip o g ra fia che sta m p i,
dato che q u e s t’u ltim a è obbligata a p o rta re in Q u e stu ra , p rim a
della consegna delle copie al c lie n te , s e i e s e m p la ri d e lla pub­
b licazione; se la Q u estu ra vede che non c ’è la re g is tr a z io n e
può b lo c c a re tutto a quantom eno e s e r c it a r e p re s s io n i su l t i ­
pografo, m inacciando il r i ti r o d e lla licen za.
LE SCA RTO FFIE p e r la p ra tic a di re g is tr a z io n e sono uguali
q u a ls ia si sia la p e rio d ic ità d ic h ia ra ta (quotidiano, m e n sile , t r i ­
m e s tra le ec c .) e ce ne sono alcu n e b a se che valgono in d istin ­
tam ente p e r tu tti ì trib u n a li, m e n tre a ltr e v arian o e dipendono
dallo zelo r e p r e s s iv o dei trib u n a li.

Se non si dispone del direttore


responsabile iscritto all’ordine dei giornalisti
come pubblicista o professionista
L e sca rto ffie base sono:
— c e rtific a to di is c riz io n e a l l ’o rd in e dei g io rn a lis ti del
g io rn a lista p u b b licista o p ro fe s s io n is ta d ir . re s p in <u rta uso
bollo;
33

— c in q u a n ta m ila lire di IVA da v e r s a r e su un C CP che d irà


il c a n c e llie re del trib u n ale ;
— dom anda del p ro p r ie ta rio su c.ar*a da bollo con firm a
a u te n tic a ta ( l ’a u ten tica conviene fa r la a l l ’an a g ra fe o dal c a n ­
c e llie re s te s s o p e rc h é si spende d a lle 100 a lle 500 e non
2.000 lir e com e d ai notai) n ella quale s i sp ecific an o le c a r a t­
te ris tic h e della pubblicazione (tito lo , p e rio d ic ità , c a r a tte r e ,
nome del d ir e tto r e re s p .) e s i d ic h ia ra appunto di e s s e r e il
p ro p rie ta rio ;
— dom anda d el direttoY e re sp o n sa b ile , s e m p re su c a rta da
bollo con firm a a u te n tic a ta ; quando il d ire tto re responsabile
è anche proprietario la domanda è unica;
— is ta n z a su c a r ta da bollo con firm a non a u te n tic a del
p ro p rie ta rio d ir e tta al p re sid e n te del trib u n a le con la quale
gli s i chiede il b e n e s ta re p e r le pubblicazioni. Su q u esta
dom anda a lcu n i trib u n a li chiedono, che venga sp e c ific a to il n o ­
m e d e lla tip o g ra fia dove il g io rn a le v e r r à sta m p a to .
Gli a ltri elem enti r ic h ie s ti da alcu n i trib u n a li e da a lt r i sono:
— i c e rtif ic a ti di re s id e n z a e c itta d in a n z a , uso bollo, del
p ro p r ie ta rio e del d ir e tto r e re sp o n sa b ile ;
— i c e rtif ic a ti di is c riz io n e a lle lis te e le tto r a li di e n tra m b i
con so p ra a p p licata una m a rc a da 500 tim b ra ta a l l ’ufficio del
re g istro ;
— i d ir itti di s e g r e te r ia , la cui e n tità v a ria da trib u n a le a
trib u n ale.

La reg istrazione di un giornale murale.


L a p ra tic a di re g is tr a z io n e di un g io rn a le m u ra le è co m ­
p letam en te autonom a dalla p ra tic a di re g is tr a z io n e n o rm a le .
Nel sen so che vanno fa tte (o rifa tte , se già s i è r e g is tr a ta
la te s ta ta d e lla pubblicazio n e n o rm a le ) tu tte le p ra tic h e e i
docum enti. B isogna solo s p e c ific a re su i 'v iri docu m en ti «GIOR­
NALE MURALE».

Se non si dispone
del direttore iscritto
all’ordine dei giornalisti
Se tr a co lo ro che fanno il g io rn a le , com e q u a si s e m p re a c c a ­
de, non c ’è n essu n is c r itto a lla s u p e rc o rp o ra z io n e dei g io r n a ­
lis ti, ci sono v a rie p o ss ib ilità p e r s u p e r a re l ’o staco lo :
1. U scire com e supplemento
E ’ p o ss ib ile u s c ire quante colte s i vuole com e supplem ento
ad una te s ta ta già r e g is tr a ta . B asta m e tte re ogni volta la
d ic itu ra «SU PPLEM EN TO AL N °... D E L ... D I... REGISTRATO
PRESSO IL TRIBUNALE D I... COL N °... (oppure se m p lic e -
mente SU PPLEM EN TO A ... REG. TRIB. D I... N °...)D IR E T T O ­
CI R ESPO N SABILE...».
■■

34

Non o cco rro n o au to riz z a z io n i sp e c ia li p e r u s c ire com e su p ­


plem ento a q u a lc o s a ... solo che se il g io rn a le v e r r à denunciato
o q u e re la to in trib u n a le c i a n d rà il d ir. re s p . d e lla puoD lica-
zione di cui s i è supplem ento. I su p p lem en ti non sono v isti
di buon occhio da alcune q u e stu re . Dopo che ne escono due o
tre lo sta m p a to re viene « a v v e rtito » d alla q u e stu ra che la sua
licen za è in p e ric o lo . Il c o m p o rtam en to d e lla p o lizia è a s s o ­
lutam ente ille g a le . Ma il ris u lta to la p o liz ia l ’o ttien e se m p re
perch é il tip o g rafo è co m p letam en te n e lle sue m an i, cioè
com pletam ente ric a tta b ile .
Le tip o g ra fie di alcu n e c ittà di p ro v in cia non a c cettan o di
sta m p a re i su p p lm en ti se non c ’è una d ic h ia ra z io n e con firm a
autentica del d ir. re s p .
Alcuni trib u n a li, ric h ie s ti di in fo rm az io n i p e r il supplem ento,
hanno detto che il supplem en to non è p o ss ib ile p e rc h é « se ogni
pubblicazione reg o lam e n te r e g is tr a ta a v e s s e cento su p p le ­
m enti in tu tta Ita lia non ci sa re b b e più p o s s ib ilità di c o n tro llo ...»
2. rrN um ero unico in attesa di registrazione».
E ’ p o ss ib ile u s c ire anche più di una volta (a seconda degli
e c c e s s i di zelo d e lla lo cale q u e stu ra ) se ogni volta s i cam bia
leg g e rm e n te il tito lo («il g atto giallo » ) poi «il nuovo gatto
giallo» e co si via.
L a d ic itu ra e s a tta da m e tte re è «n u m ero unico in a tte s a di
re g is tr a z io n e del trib . d i... d ata, in d iriz z o , tip o g rafia» .

2. Iscrizio n e a ll’Albo speciale dei d ire tto ri non isc ritti a l­


l’ordine dei giornalisti.
L a c o rp o ra z io n e dei g io rn a lis ti co m p eten te te r rito ria lm e n te
ha la faco ltà di is c r iv e r e in un app o sito albo o elen c o sp e c ia le
dei d ir e tto r i di p u bblicazio n i sp e c ia liz z a te non is c r itti a l­
l’o rd in e dei g io rn a lis ti chi vuole. L a p o ss ib ilità la dà la s te s s a
legge su lla stam p a che d ice che è p o ssib ile fa r q u esto p e r le
pubblicazioni di c a r a tte r e tecn ico , p e r i b o lle ttin i p ro fe ssio n a li
o p e r le pubblicazioni di p a r titi, sin d a c a ti ecc.
O c c o rre a llo ra c o s titu ir s i se già non lo s i è fatto in sindacato
o m ovim ento, r e g i s tr a r e lo sta tu to dal n o taio , (oppure no) e
fare una c a r ta in te s ta ta su lla quale il re sp o n sa b ile della o r ­
g anizzazione s te n d e rà la dom anda p e r c h ie d e re a l l ’o rd in e dei
g io rn a lis ti la is c riz io n e n e ll’elen co sp e c ia le dei d ir e tto ri di
uno q u a ls ia s i degli e s te n s o ri d e lla p u b blicazione Nella p r a ­
tica, com e m o lti ep iso d i d im o stra n o , l ’o rd in e d e i g io rn a lis ti
piuttosto che fa r e q u esta c o n cessio n e, a p a rte la ric h ie sta folle
di d o cum enti (bisogna c h ie d e re l ’elen co d e tta g lia to alla sed e
d e ll’o rd in e d ei g io rn a lis ti com petente te r r ito r ia lm e n te ) e 1so ld i
(v arie decine di m ig lia ia di lire ), c e rc a in tu tti 1 modi di s c o ­
ra g g ia re , chiedendo se m p re nuova docum entazione e facendo
p a s s a re m olto tem po con la sc u sa che si deve riu n ire il c o n si­
glio d ire ttiv o e sim ili caz z a te .
Una volta poi o tten u ta la « c o n cessio n e» o c c o rr e lo s te s s o
35

la firm a di un is c r itto a lla c o rp o ra z io n e , com e fatto e s c lu s i­


vam ente b u ro c ra tic o , che fig u re rà com e vice d ir e tto r e re s p o n ­
sa b ile , m en tre r i s c r i t t o a l l ’albo s p e c ia le s a r à il d ir e tto re
re s p o n sa b ile e risp o n d e rà pen alm en te dei conten u ti d e lla pub­
blicazione.

Nota
L ’ordine dei giornalisti - L ’iscrizione a ll’Albo dei pubblicisti
o professionisti.
In Ita lia , è g io rn a lista non chi s c riv e o c e r c a n o tizie,
m a chi è is c r itto a una co sa sp e c ia le : p e r is c r iv e r s i p erò
o c c o rr e un ta le casin o che ci vogliono anni.
L a « co sa sp e c ia le » è una c o rp o ra z io n e che s i ch iam a
ORDINE DEI GIORNALISTI e com e LORDINE DEI MEDICI
è un’albo p ro fe ssio n a le che chi ci sta d e n tro è GIORNALISTA
0 MEDICO, con ta rg h e su lla p o rta , te s s e r e , stip e n d i, p en sio n i,
m e d ag liette d ’o ro dopo 50 anni di « o n o rata» p ro fe ssio n e ,
ecc.
P e r e n tr a le n e ll’O rdine dei G io rn a listi, bisogna a v e r s c r itto
dozzine di a rtic o li pagati su un g io rn a le che e s c e reg o la r­
m ente e che è r e g is tr a to in trib u n a le : c o sì si può d iv e n ta re
« g io rn a lis ti pubblicisti». Ma non b a sta p e rc h é dopo, se si
vuole d iv e n ta re « p ro fe ssio n isti» , bisogna fa r e un e sa m e dove
1 g iu d ici sono vecch i g e ro n to c ra ti.
Ma vediam o più in d e tta g lio com e funziona: l ’o rd in e dei
g io rn a lis ti è un albo p ro fe ssio n a le al quale devono e s s e r e
is c r i t t i o b b lig ato riam en te i g io r n a lis ti d iv isi in due c a te g o rie ,
« p u b b licisti» e « p ro fe ssio n isti» , is titu ito allo scopo di tu te la re
i lo ro in te r e s s i d a lla legge su lla sta m p a del 1963, a p p ro v ata
a lla q u a si un an im ità dal p a rla m e n to , c o m p re so il P a rtito co ­
m unista
Se uno vuol fa r e un g io rn a le sta m p a to deve a v e re un d ir e tto re
is c r itto a q u esta c o rp o ra z io n e , m a p e r a c c e d e re a lla c o rp o -
ra z io n e o c c o rr e a v e r s c r itto alm eno 50 a rtic o li: in so m m a è
un c irc o lo v izioso che va b e n issim o a lla p o lizia la quale
può in te rv e n ire su i tip o g ra fi p e rc h é non stam pino (pena la r e ­
voca della licen za) la p u bblicazione che non è a posto con la
legge, che non abbia cioè la re g is tra z io n e del trib u n a le e il
d ir e tto r e re s p o n sa b ile « g io rn a lista » .
L ’o rd in e dei g io r n a lis ti è a rtic o la to in o rd in i re g io n a li
co m p eten ti te r r ito r ia lm e n te p e r una o più reg io n i.

A) Iscrizio n e a ll’ordine dei giornalisti - Albo pubblicisti.

L ’a s p ira n te p u b b licista deve p re s e n ta re a l l ’o rd in e d ei g io r ­


n a lis ti com petente te r rito ria lm e n te : 50 a rtic o li s c r itt i di cui
alcu n i o b b lig ato riam en te firm a ti e le d ic h ia ra z io n i di due
d ir e tto r i re s p o n s a b ili e a m m in is tra tiv i di pubb licazio n i (una
d e lle quali im p o rta n te , e l ’im p o rta n z a n e c e s s a ria n a tu ra i-
36

m e n tre la s ta b ilis c e l ’o rd in e ) che da alm eno due anni l ’a s p ira n te


p u b b licista c o lla b o ra « re g o la rm e n te pagato», in o ltre s b o r s a r e
q u alche d ie c im ila lir e e p re s e n ta re d o cum enti v a ri.
Una c o m m issio n e se tu tta la docum entazione è in re g o la ,
d e o id e rà in un paio di m e si se l ’a s p ira n te p o trà fa r p a rte d ella
c o rp o ra z io n e .
L a a p p a rte n z a alla c o rp o ra z io n e dei g io rn a lis ti com e pub­
b lic is ta ha q u esti effetti:
— bisogna p a g a re 12.000 a l l ’anno di ta s s a di is c riz io n e ;
— s i ha d ir itto a s e tte sc o n trin i f e r r o v ia r i p e r viaggio in
tre n o col 70 p e r cento di sconto, ogni anno;
— s i ha d ir itto a un te s s e rin o p e r voli in te rn i A lita lia col
25 p e r cento di sconto;
— s i ha d ir itto a un te s s e rin o p e r p a g a re di m eno su lle a u to ­
s tra d e ;
— s i può d iv e n ta re d ir e tto r i re s p o n sa b ili di q u a ls ia s i pu b b li­
cazio n e, anche di un quotidiano; dopo 50 anni di a p p a rte n e n z a
a l l ’o rd in e , se s i sara n n o pagate re g o la rm e n te le quote, c ’è una
m ed ag lietta.

B) Iscrizio n e a ll’ordine dei giornalisti - Albo professionisti.

P e r a c c e d e re n e ll’Olimpo dei p ro fe s s io n is ti o c c o rr e fa r e a
R om a: un co n co rso con una p ro v a s c r itta e una o ra le , vale a
d ir e un tem ino che poi s a r à e sa m in a to da una co m m issio n e
c o m p o sta da vecch i m a g is tra ti, vecchi g io rn a lis ti, v ecchi b u ro ­
c r a t i, su p e ra ta la quale la s te s s a c o m m issio n e so tto p o rrà
ad un e sa m e o ra le tipo q u elli che s i fanno ai bam bini del
cottolengo.
Se l ’e sa m e è facilm en te su p e ra b ile (fino a un c e rto punto
p erò : è sta to bocciato anche M arco S assan o , che aveva la v o ­
ra to p e r anni a l l ’A Danti, e av ev a s c r itto to n n ellate di a rtic o li
su lla S trag e di Stato), è p e rò in su p e ra b ile la condizione p e r
s o s te n e rlo cioè di a v e r fatto due anni di p ra tic a n ta to n e lla r e ­
d azione di un quotidiano o p e rio d ic o e diffusione nazio n ale.
VI
Dopo la registrazione
Una volta ottenuto il nu m ero di re g is tr a z io n e d ella p u b b li­
cazio n e dal trib u n a le com petente te r r ito r ia lm e n te (c irc a una
s e ttim a n a dopo la p re s e n ta z io n e di tu tte le c a rte ) si possono
a v v ia re le p ra tic h e p e r sp e d ire con l ’abbonam ento p o sta le ,
p e r a p r ir e il conto c o rre n te p o sta le in te sta to a lla p u b b lic a ­
zione e o tte n e re la c a s e lla p o stale.

Abbonamento postale
Con una copia d e lla re g is tra z io n e , su c a rta uso bollo, o t­
tenuta d a ll’ufficio del T rib u n a le , si va a l l ’U FFICIO ABBONA­
MENTI POSTALI d e lT a m m in istra z io n e p ro v in c ia le de lle p o ­
s te . B isogna anche p o rta re :
— due copie d ella pu bblicazione che deve a v e re in co p e rtin a
l ’in d iriz z o e, in un riq u a d ra to a l l ’in te rn o , o ppure a c can to allo
in d iriz z o in p rim a pagina, le in d icazio n i di n u m ero e d ata di
re g is tr a z io n e del T rib u n a le , d ir e tto r e re s p o n sa b ile , l ’in d ic a ­
zione « spedizione in abbonam ento p o sta le g ru p p o ... (secondo
la p e rio d ic ità d e lla pub b licazio n e, il gruppo v a ria ) e accan to
70%, che s ta ad in d ic a re che a l l ’in te rn o la p u b b licità non su p e ra
il 70 p e r cento dello sp azio .
In o ltre bisogna fa re m o lta a tten zio n e a una s e r ie di p a r tic o ­
la r i p e rc h é possono b lo c c a re la p ra tic a , p e r e se m p io se il
g io rn a le è fatto su fogli tipo c ic lo s tile , le pagine devono e s ­
s e r e n u m e ra te e i fogli d i uguale dim en sio n e.
— se s i fa un NUMERO ZERO, o un n u m ero in a tte s a di r e g i­
s tra z io n e questo non v ale a i fini d e lla p ra tic a di abbonam ento
p o stale.
— il giorno s u c c e s siv o a lla consegna di tu tta la ro b a a l l ’uf­
ficio abbonam enti p o sta li s i va a l l ’ufficio te s o r e r ia e si r i ti r a
un foglio che s e r v ir à p e r la sp ed izio n e a lla sta z io n e f e r r o v ia ­
38

r ia . C ontem p o ran eam en te, a l l ’ufficio te s o r e r ia , bisogna p a g a re


un im porto p a ri al num ero di copie che s i intendono s p e d ire
(m inim o 500, anche se poi se ne sp e d iran n o di m eno) m o lti­
p lic a ti p er:
— 2 li r e a copia di DEPOSITO CAUZIONE (che v e r r à
re s titu ito dopo la sped izio n e d el secondo n u m ero , facendo
a l l ’ufficio abb. p o stali una p ra tic a autonom a e asp ettan d o anche
u no-due m e si p rim a della re stitu z io n e dei so ld i)
— più l ’im p o rto u n ita rio d ella ta riffa di abbonam ento p o sta le
(0,50 li r e a copia p e r i quotidiani; 2,50 p e r i m e n sili, 1,50
p e r i q u indicinali) p e r il n u m ero di copie che si intendono
s p e d ire (m inim o 500 anche se poi ce ne sped isco n o di m eno).
A ll’ufficio te s o r e r ia o ltre a p a g a re e r i t i r a r e il foglio p e r la
spedizione s i r i t i r a una d elle due copie tim b ra ta e s u p e rv i-
sio n a ta d a ll’ufficio sp ed izio n i in abbonam ento p o sta le , che va
p o rta ta a l l ’ufficio sp ed izio n i d e lla sta z io n e . Con il foglio, la
copia tim b ra ta e le copie d e lla p u b blicazione da s p e d ire in
p a c ch etti d iv isi p e r zone p o sta li (p e r le g ra n d i c ittà ) e p e r
c ittà e p a e si si consegna tutto a l l ’apposito ufficio a lla s ta z io ­
ne fe r ro v ia r ia .
F a tta la spedizione del p rim o n u m ero , si rito rn a , con due
co p ie del nuovo num ero a llo s te s s o ufficio abbonam enti p o s ta ­
li, se n za a lt r e c a rte , m a risp e tta n d o rig o ro sa m e n te la p e rio d i­
c ità d ic h ia ra ta e con tu tte le in d icazio n i e s a tte di re g is tra z io n e
e c c . v is te s o p ra . Il giorn o su c c e s siv o s i va nuovam ente allo
ufficio c a s s a p e r p a g a re l ’im p o rto che q u e sta volta am m onta
a l l ’im p o rto u n ita rio (secondo il gruppo sc e lto ) m o ltip licato
p e r il n u m ero delle copie che s i vogliono sp e d ire (s e m p re
m inim o 500, anche se poi se ne sp ed isco n o di m eno) e s i o t­
tie n e fin alm en te il LIBRETTO PE R LE SPEDIZIONI IN AB­
BONAMENTO POSTALE.
Da q uesto m om ento non s i p a s s a più a ttr a v e r s o l ’ufficio
abbonam enti p o sta li, m a so lo d a ll’ufficio d ella sta z io n e f e r ­
ro v ia ria .
L ’abbonam ento p o stale s i può u s a r e p e r una s e r ie di o p e r a ­
zioni ed in iz ia tiv e che a ltrim e n ti ric h ie d e re b b e ro un g ro s s o d i­
spendio di li r a in fran co b o lli. Con c e r ti a c c o rg im e n ti, che
v arian o secondo la p ig n o le ria dei b u ro c r a ti d e lle fe rro v ie ,
s i possono in fatti sp e d ire con la ta r iff a di abbonam ento p o sta le
c ir c o la r i, co m u n icati, m a n ife sti.

Una indicazione che p e rò , in tu tti i c a s i, biso g n a r is p e tta r e


se s i vuol co n tin u are a u s u f ru ir e d e ll’abbonam ento p o sta le dopo
il 31 d ic e m b re , è di s p e d ire n ella fra z io n e di anno da quando si
è ottenuto l ’abbonam ento ta n ti n u m e ri d ella pubblicazio n e c o r ­
risp o n d e n ti a due te r z i d i q u elli d e lla p e rio d ic ità d ic h ia ra ta
(s e p e r esem p io s i fa un m e n sile a p a r t ir e da giugno, e n tro il
31 d ic e m b re bisogna a v e r sp ed ito alm en o 6 n u m e ri d e lla pub­
b licazio n e). P e r cui quando si av v ic in a fine anno, s e non si è
39

in re g o la bisogna fa re un n u m ero doppio e trip lo o quadruplo


(pagando co si, p e r ogni copia il doppio o tr ip lo o quadruplo).

Casella postale
S em p re con una copia uso bollo d e lla re g is tra z io n e del
trib u n a le il p r o p r ie ta rio d e lla p u b blicazione va a l l ’ufficio p o sta ­
le più vicino fo rn ito di c a s e lle p o sta li e se ce n ’è una lib e ra
l ’o ttien e, in te s ta ta appunto a lla pu b b licazio n e, pagando una
piccola cauzione e qualche m e se di a ffitto an tic ip a to . L e t a r i f ­
fe m e n sili sono:
— 400 li r e p e r la c a s s e tta picco la;
— 600 p e r la m edia;
— 800 p e r la grande;
L a p o sta che a r r iv a deve se m p re r e c a r e com e rife rim e n to
quello u fficia le della c a s e lla anche se è d ir e tta a qualche
p e rs o n a fisic a .

Conto corrente postale


Con la so lita copia uso bollo il p r o p r ie ta rio d ella p u b b lica­
zione va a l l ’ufficio p ro v in c ia le dei conti c o rr e n ti p o sta li e dopo
a v e r rie m p ito s e i- s e tte m oduli e pagato una picco la so m m a
s i o ttien e il conto c o rre n te in te sta to a lla pubblicazione.
L a firm a p e r l ’em issio n e di a ss e g n i p o sta li possono a v e rla
anche a ltr e due p e rso n e , b asta che sian o sp e c ific a te dal p r o ­
p rie ta r io n ei m oduli.
VII
Fotografia

F o to g ra fa re è m olto se m p lic e . F o to g ra fa re bene è più d if­


fic ile . Non la s c ia te v i s c o ra g g ia re d ai p rim i in s u c e ssi: d ag li
sb ag li e d a lla p ra tic a quotidiana v e rra n n o fu o ri le v o s tre foto
« m ilitan ti» , cioè foto u tili p e r il v o stro lav o ro p o litico e c r e a ­
tivo.
V ogliam o d a re a chi p ren d e p e r la p rim a volta in m ano una
m acchina fo to g rafica, le in d icazio n i e i c o n sig li su ffic ie n ti p e r
s c a tta r e una foto, sv ilu p p a rla e sta m p a rla da so li e in q u esto
modo r is p a r m ia r e m olto dato che le s p e s e di sviluppo e sta m p a
nei la b o ra to ri sono m olto alte .
Poche sono le cose che occorre veram ente sapere.
T utto diventa m olto più se m p lic e se c ’è un am ico o un c o m p a­
gno che vi insegna p e r un paio di volte a fo to g ra fa re e s v ilu p ­
p a re .
L a co sa m ig lio re da fa re p e r a ffin a re la v o stra te c n ic a è
d is p o rre di uno o due buoni lib r i p e r « stu d ia rli» .
Q uelli che seg n aliam o co stan o d iv e r s e li r e , m a se ne c o m p ra te
da meno p re z z o d o v rete poi, via v ia, a c q u is ta rn e n u m e ro si a ltr i.
I m ig lio ri sono « T ra tta to di fo to g rafia m o d ern a» (ed. il C a ­
s te llo , L. 5.600) e « T ra tta to com p leto di fo to g rafia» ed. F o ­
to g ra fa re , L. 7.900).
L e scu o le di fo to g rafia , in v ece non se rv o n o a ltro che a fa re
s b o r s a r e un sa cco di soldi e non in s e g n a rv i n ien te.
Im p o rta n tis sim o è invece a c q u is ta re ogni m e se un paio di
r iv is te fo to g rafich e; le due m ig lio ri sono: « F o to g ra fa re » (lire
400) e « T u tti F o to g rafi» (L. 450). In q u e ste p u bblicazioni si
tro v an o n o tizie in te re s s a n ti, p re z z i, c o n sig li, p ra tic a , tru c c h i
p e r r is p a r m ia r e , ecc.

A) Ripresa
La macchina fotografica : teoria
Sorvolando su co sa è una m acch in a fo to g ra fic a e il p ro c e s so
41

p e r cui si viene a fo rm a re l ’im m agine (c o se che sono sp ie g a te


bene su q u a ls ia s i lib ro ), c ’è da d ir e che di m acc h in e fo to g rafich e
ce ne sono di d iv e r s i fo rm a ti (m ic ro c a m e re , 35 m m ., 6 x 6 ,
6 x 9 , ecc.).
C o n sid eriam o la 35 m m ., sia p e rc h è è la più com une, p e r
rag io n i di sp azio e p e rc h è p e r la foto « m ilita n te » è la più
ad atta.
35 m m . non è a ltro che la m is u ra in m illim e tri del foto­
g ra m m a , una sezio n e d e lla p e llic o la .

L e c a r a tte r is tic h e de lla m acchina sono:

R EFLEX -N O N R EFL E X : s ta ad in d ic a re se l ’im m agine


viene tr a s m e s s a d ire tta m e n te d a ll’obiettiv o o in d ire tta m e n te ,
cioè se dal m irin o d e lla m acchina (dove s i appoggia l ’occh io p e r
v ed ere) tu tta l ’im m agin e che vede v e r r à , una volta sc a tta to ,
rip o rta ta tu tta sul fo to g ram m a (R E F L E X ) o se invece non tutta
l ’im m agine v e r r à r ip o rta ta , con una p e rd ita d ai b o rd i (NON­
R EFLEX ).
ESPOSIMETRO: è im p o rta n tissim o , FONDAMENTALE p e r
fa re s e m p re delle buone foto. M isu ra l ’in te n sità d e lla luce
(v alo re luce), in p a ro le p o v ere in che modo d o v re te m e tte re
tem pi d ’o ttu ra z io n e e d ia fra m m i (vedi a p p re s s o ) p e r fa r si che
la foto venga bene, ne tro p p o s c u r a ne tro p p o c h ia ra .
E sisto n o v a ri tip i di e s p o s im e tri; a lcu n i (n e lle m acchine
R EFL E X ) sono già in s e r iti n e lla m acc h in a. Anche n egli e sp o ­
s im e tri d iv e r s i m odelli e p re z z i:
ASAHI PENTAX M ETER II L. 18.000
CAPITAL M 2 L. 10.000
SIXT1NO 2 L. 13.000.
Un ottim o e s p o s im e tro è venduto d a lla INTERCOLOR (lire
5.900) e p o te re ric h ie d e rlo a l l ’in d iriz z o via MARATONA 66,
ROMA.
OBIETTIVO: ogni m acc h in a fo to g ra fic a è fo rn ita di un o b ie t­
tivo, p e rò è fondam entale d is p o rre di una m acc h in a che abbia la
IN TERC AM BIABILITÀ’ d eg li o b iettiv i.
Gli o b iettiv i si distinguono p e r la lunguezza fo cale (28 mm .
50 m m ., 135 m m . ecc.).
L e lunghezze focali vanno dal FISH -EY E (8 m m .) a l T E L E O ­
BIETTIVO (2.000 m m . e o ltre ).
P rend endo com e o ttic a b a se il 50 m m ., fino a l l ’8 m m . il
soggetto viene allo n tan ato m a con il vantaggio di in q u a d ra rlo
m olto più am p iam en te. Dal 50 m m . in su fino a l 2000 mm .
s i ha il vantaggio di v e d e re il sog g etto in q u ad rato m olto più
vicino (com e con un binocolo) cioè s i av v icin a il soggetto
a scap ito p erò d e ll’am p ie z z a d e lla foto.
42 I

Q uesto disegno aiu ta a c a p ire m eglio:

^0«M. >35 MM. 150 MM. 500 m m .

L ’o ttic a sta n d a rd è il 50 m m ., di so lito il più in u tile, quindi


ev ita te ci co m p ra rlo .
E v itate anche di c o m p ra re o b iettiv i di « m a rc a » p e rc h é
la m aggior p a rte delle volte co stan o il doppio e rendono uguale
ad uno non di m a rc a . P e rò s ta te m olto atten ti! Di o b ie ttiv i non
di m a rc a ce ne sono c e r ti che fanno v e ra m e n te schifo.
T ra le so tto m a rc h e , le m ig lio ri sono la SIGMA, la VIVITAR,
e la SOLIGOR.

Ecco alcu n i p re z z i sco n tati:

28 mm. 35 mm. 135 mm. 200 mm.

SIGMA 39.000 - 42.000 49.000


72.000

VOLIGOR 38.000 30.000 36.000 37.000

VIVITAR 49.000 39.000 44.000 57.000


43

In te re s s a n te è il M O LTIPLICA TORE di FOCALE. Q uesto è


com posto da due tubi di pro lu n g a che m oltip lican o p e r 2 e p e r
3 la focale d e ll’obiettivo. P e r ese m p io , un 50 m m . av v itato
ad un m o ltip lic a to re di focale diventa un 100 m m . col d u p li­
c a to re e un 150 col trip lic a to re .
Il co sto è uguale p e r tu tti, m a il m ig lio re è il KENKO
(L. 11.000 solo il 2x e L. 15.000 il 2x e 3x). Anche q u esto a p ­
p arecch io s i può c h ie d e re a l l ’In te rc o lo r.
E sc lu d e te tu tte q u elle m acch in e com e la Kodak is ta m a tik ,
Agfa, e c c ., che costan o d a lle 10 a lle 30.000 li r e p e rc h é s i
ottengono foto sc a d e n tiss im e ..

I COMPONENTI PRIN CIPALI DI UNA MACCHINA sono:

T EM PI D’OTTURAZIONE e DIAFRAMMI: e n tra m b i s i tro v an o


su l corpo della m acch in a. Sono n u m e ri che vanno da 1 a 500
e 1000.
D eterm in an o il tem po che deve r e s t a r e a p e rto l ’o b iettivo
(cioè il tem po che l ’im m ag in e s i im p re ss io n a su lla p e llico la).
In siem e a i d ia fra m m i (che sono d ei n u m e ri, d i so lito da 1,4
a 16 o 22, p o sti s u ll’ob iettiv o e che se rv o n o a re g o la re l ’a p e r ­
tu ra d e ll’ob iettiv o , cioè a fa r e e n tr a r e più o m eno luce)
serv o n o a r ip o r ta r e su lla m acch in a il v a lo re luce dato d allo
e s p o s im e tro e solo se re g o la ti nel g iu sto modo (nel g iu sto
ra p p o rto ) la foto v e r r à bene, ne tro p p o s c u ra ne tro p p o c h ia ra .
I T EM PI D’OTTURAZIONE: sono una s e r ie di n u m e ri
(1, 2, 4, 8, 16, 30, 60, 125, 250, 500, 1.000) che non sono a ltro
che 1 uguale a 1 secondo, 2 uguale a 1 /2 di secondo, 4 uguale
a un q u arto di secondo e c o sì via fino a un m ille sim o di
secondo.
P iù i tem p i sono b re v i (un cin q u an tesim o e un m ille sim o
di secondo) e meno e n tra luce; più i tem p i sono lunghi (I,
un m ezzo e un q u arto di secondo) e più e n tra luce d a ll’o b ie t­
tivo (p erch è questo rim a n e a p e rto più a lungo).
I DIAFRAMMI: (1, 4, 5, 6, 8, 16, e c c .) ap ro n o l ’o biettivo
più o meno secondo il d ia fra m m a m e sso . Da 1, 4, dove l ’a p e r ­
tu ra è m a s sim a , m a s sim a è p u re l ’e n tra ta d e lla lu ce, fino a
16 o 22 dove l ’a p e rtu ra è m in im a, e p u re m inim a è l ’e n tra ta
d e lla luce.
P iù lu ce c ’è, più i tem p i dovranno e s s e r e c o rti (un conto-
v en ticin q u esim o , un d u ecen to cin q u an tesim o di secondo) e più
i d ia fra m m i dovranno e s s e r e c h iu si (16, 22); q u esto p e rc h è
se no la p e llico la p ren d e re b b e tro p p a luce e la foto v e rre b b e
fuori tu tta n e ra .
Meno luce c ’è e più i tem p i dovranno e s s e r e lunghi (Un
se s s a n te s im o un tre n te s im o di secondo) e il d ia fra m m a a p e rto
al m a ssim o (1, 4, 2) p e rc h è la luce è poca e quindi la p e llic o la
ne deve a s s o r b ir e di più.
Con p o c h issim a luce i tem p i di o ttu ra z io n e non devono m ai
44
%
e s s e r e in f e rio r i ad un s e s s a n te s im o a m ano lib e ra , cioè
se n za c av alletto .
SCALA DEGLI ASA O DIN. Sono una s e r ie di n u m e ri che
partono da 20 ASA fino a 3.200 ASA (14-37 DIN) e s i tro v an o
sul co rp o d e lla m acchina.
G li ASA (o DIN) sono la s e n s ib ilità che ha una p e llic o la .
Se s i u sa una p ellico la 125 ASA, anche s u lla m acch in a si
d o vrà m e tte re la s c a la degli ASA su l v a lo re 125.
Se il v a lo re ASA c o rrisp o n d e n te a lla p e llic o la non viene
re g o lato su lla m acchina, s i a v rà tu tta una e r r a ta v isio n e d ella
e sp o sizio n e (TEM PI-DIA FRAM M I) e quindi le foto s a r à m olto
d ifficile che v en g alo fuori.
FUOCO o METRI: a ltr a co sa im p o rta n tis s im a è la re g o la ­
zione d e lla d ista n z a del soggetto in q u ad rato s a lla m acch in a p e r
e v ita re che la foto venga poi sfu o c a ta , rovinando c o si anche una
buona foto.
Si d o v rà m e tte re il soggetto a «FUOCO».
Su c e r te m acchine (le re fle x ) il fuoco s i ha a u to m a tic a m e n te
m uovendo un anello re g o la to re che si tro v a s u ll’obiettivo.
Dal m irin o a ttr a v e r s o l ’obiettiv o si vede quando il soggetto
è a fuoco.
N elle a lt r e m acchine (sc o n sig lia te p e r foto « m ilita n ti» ) la
re g o lazio n e del fuoco viene fatta so lo indicando i m e tri su llo
obiettivo dopo a v e r calc o la to a m ente a p p ro s sim a tiv a m e n te la
d ista n z a d e lla m acchina al soggetto (il m irin o di q u e sta
m acchina non su b isc e alcun m utam ento rim an en d o s e m p re a
fuoco).
AUTOSCATTO: m olte m acch in e sono dotate d e ll’a u to sc a tto
(q uasi tu tte le re fle x ), un m e c c a n ism o che una volta p rem u to
il p u lsan te p e r fa r e la foto, r ita r d a d i una d ecin a di seco n d i
10 sc a tto .
ATTACCO FLASH: tu tte le m acchine p o ssiedono una s litta
p er l ’in s e rim e n to del flash . Q uesta può e s s e r e a co n tatto caldo
(quasi in tu tte le m acchine re fle x ) cioè b a sta m e tte re li d en tro
11 flash e si ha questo colleg ato d ire tta m e n te con la m acc h in a,
o p e r m ezzo di un cavetto di cui una p a rte va in fila ta nel flah
s te s s o e l ’a lt r a n e lla m acc h in a in un a p p o sito buco.
SBLOCCO RIAVVOLGIMENTO PE LL IC O LA : s e rv e , una volta
sc a tta to il ru llin o , a ria v v o lg e rlo tu tto nel suo c a ric a to r e
o rig in ale.
E ’ q u esta una le v e tta che g ira tu tta su se s te s s a , ria v v o l­
gendo il ru llin o . P rim a di q u e sta o p e ra z io n e bisogna r ic o r d a r s i
p e rò di s b lo c c a re il ru llin o p e r fa r s i che s i p o ssa ria v v o l­
g e re (p erch è se no s i s e n tirà , g ira n d o la le v e tta , una fo rte
re s is te n z a ).
Lo sblocco s i ha m edian te un b o ttoncino posto di so lito so tto
45

il corpo della m acchina. Anche p e r q u e sta o p e ra z io n e , v a le il


su g g erim en to di fa rv i in s e g n a re bene dal so lito com pagno che
se ne intende.

La macchina fotografica: pratica


Q ueste sono le fa s i « in d isp en sab ili» p e r il funzionam ento
della m acchina fo to g rafica:

1) CARICAMENTO PELLICO LA ;
2) R egolate il v a lo re ASA d ella p e llic o la su lla m acch in a;
3) F a te s e m p re due o tr e s c a tti a vuoto;
4) R egolate l ’ESPOSIZIONE (del v a lo re luce dato dallo
ESPOSIMETRO) cioè m e tte te nel g iu sto ra p p o rto T EM PI di
OTTURAZIONE e DIAFRAMMI;
5) Inquadrate e m e tte te a FUOCO (o c a lc o la re la d ista n z a
in m e tri del soggetto de lla m acchina);
6) S cattate in posizio n e sta b ile se n za m u o v ere m in im am en te
la m acchina d u ra n te lo sc a tto ;
7) R ic a ric a te la m acch in a, una volta sc a tta to , p e r m ezzo
della leva;
8) F inito il ru llin o , STATE IN CAMPANA!: RICORDATEVI
SEMPRE di ria v v o lg e re il ru llin o p rim a di a p r ir e la m acchina
se no p o tre te d ir e addio a lle foto;
9) F in ito il ru llin o , prem ete il bottoncino di SBLOCCO p e l­
licola (che s i tro v a n o rm a lm e n te so tto il d o rso d e lla m acch in a)
riav v o lg ete, m ediante l ’a p p o sita le v e tta , il ru llin o finché s e n ti­
r e te un tac e s e n tire te la lev etta g ir a r e a vuoto;
9) a p rite o ra la m acch in a e p re n d e re il ru llin o .
PE R FARE TUTTO QUESTO «BEN E», è INDISPENSABILE
che lo fa c c ia te p e r le p rim e volte con un com pagno o un am ico
che s i cap iscan o , e alm eno fatev elo d ire bene da un negozio
di fotog rafia o a lla peggio alm eno r i c o r r e t e a l lib re tto di i s t r u ­
zioni d e lla m acchina.

La macchina fotografica : acquisto


L a m acchina a l l ’inizio conviene se n z a ltro c o m p ra rla u sa ta .
Sia che s i c o m p ri nuova che u sa ta , o c c o rr e s e m p re s e r v ir s i
della co nsulenza del so lito com pagno o a m ico che ne c a p isc e
p e rc h è , sp e c ia lm e n te p e r le m acch in e u sa te è m olto freq u en te
b e c c a rs i g ro s s e fre g a tu re .
E im p o rta n tissim o a c q u is ta re una m acchina che sia R E ­
FLEX (cioè, il cui m irin o g u a rd i a ttra v e r s o l ’ob iettiv o , che abbia
p o ss ib ilità di in te rc a m b ia re g li o b ie ttiv i, a lla q u ale cioè p o s­
sono e s s e r e a p p lic a ti d iv e r s i tip i d i le n ti (n o rm a li, g ra n d a n ­
g o la ri, tele o b ie ttiv i) e con l ’e s p o s im e tro in c o rp o ra to (p e r m i­
s u r a r e l ’in te n sità della luce).
Una m acch in a con q u e ste c a r a tte r is tic h e , p e r i re c e n ti e
46

continui au m enti di p re z z o è d ifficile tr o v a rla nuova a meno di


100.000 li r e . I p re z z i v a ria n o m olto da riv e n d ito re a riv e n d i­
to re : NON FATEVI FREGARE! C e rti riv e n d ito ri au m en tan o il
p re z z o di 10-20.000 e a d d ir ittu ra di 50.000 lire .
Un su g g erim en to è quello d i c o m p ra re «A lm anacco F o to g ra ­
fa re » (L. 2000) dove ci sono tu tti i p re z z i sc o n ta ti di m acchine
fo to g rafich e, o b iettiv i, in g ra n d ito ri, e s p o s im e tri, ecc. P e r gli
a c q u isti conviene e v ita re i negozi « v isto si» e « sm ag lian ti» :
sono delle tra p p o le .
In c e r ti negozi delle g ra n d i c ittà , R om a, M ilano, Genova,
Napoli è p o ss ib ile a c q u is ta re a p p a re c c h i c o n tra b a n d a ti cioè
sen za g a ra n z ia che costan o d a lle 20.000 a lle 30.000 lir e in
meno.
Se s i dispone di poche lir e , a l l ’in izio s i possono a c q u is ta re
a p p a re c c h i R u ssi o C in esi nuovi p e r 30.000 lir e ; in q u esto
c a so p e rò o c c o rr e anche c o m p ra re un e s p o s im e tro a m ano.
S em p re a p ro p o sito d e ll’USATO c ’è un d is c re to m e rc a to che
fa rife rim e n to a lle riv is te fo to g ra fic h e . Anche i negozi m olto
sp e s so hanno degli a p p a re c c h i u sa ti: b a sta c h ie d e re in g iro ,
usando com e guida gli in d iriz z i che ci sono su lle P ag in e G ialle.
L a zona, n e lle g ra n d i c ittà , dove s i possono tr o v a ra d elle
buone o c c a sio n i è quella into rn o a l Banco dei pegni.
P r e z z i in d icativ i di m acchine nuove R EFL E X :
ASAHI PENTAX SPOTMATIC II L. 170.000;
CANON F T QL L. 105.000;
PRAKTICA SUPER TL L. 75.000;
ZENIT E L. 60.000;
ZENIT B L. 35.000.

2) pellicola
Le p e llic o le sono di d iv e rs e fo rm a to secondo il tipo di m a c ­
china (peli. 35 m m . p e r le m acchine 35 m m ., e c o sì via). Ogni
p e llico la n o rm a le contiene 20 o 36 pose (FOTOGRAMMI).
Le p e llico le v a rian o secondo la lo ro s e n s ib ilità ASA. Gli
ASA d eterm in an o tu tta la e sp o siz io n e d e lla p e llic o la e n a tu ­
ra lm e n te a seconda d e lla in te n sità d e lla luce b iso g n e rà m e tte re
n ella m acchina la p e llic o la a d atta.
L e p e llic o le sta n d a rd sono due: la 100-125 ASA p e r il gio rn o
e in tu tte le situ a z io n i in cui la luce s ia su fficien te; la 400-
800 ASA quando la lu ce è s c a r s a , m a s e m p re ce ne s ia a b ­
b asta n z a (di giorno con poca lu ce, s e r a , in te rn i e c c .).
In o ltre c i sono le 50 ASA p e r le condizioni d i luce o ttim e,
tipo pieno so le e con lam pade da stu d io p o ten ti; le 1600-
3200 ASA nelle situ a z io n i di luce s c a r s is s im a . P o i ci sono p e l­
lico la s p e c ia li che hanno se n s ib ilità ASA e le v a tis s im e .
P iù la p e llico la è di b a s s a in te n sità e m ig lio ri sa ra n n o i
r is u lta ti; più la p e llic o la è ad a lta s e n s ib ilità p e g g io ri sa ra n n o
i r is u lta ti: questo solo a confronto d e lle p e llic o le a b a ss a se n -
47

s i b il it i p e rc h è con le p ellic o le ad a lta s e n s ib ilità le foto


vengono le s te s s o bene, a volte m eglio.
1 RULLINI SI POSSONO FARE DA SOLI, se n z a bisogno di
c o m p ra rli che costan o il doppio.
B asta c o m p ra re una BOBINATRICE (4.000 lir e ) e la p e l­
lic o la a m etrag g io (17 m e tr i di q u a ls ia s i s e n s ib ilità c ir c a 3.000
lire ; 5 m e tri su lle 1.000 lir e ) e f a r s i r e g a la r e i c o n te n ito ri
in qualche negozio fo to -c in e .
L a m a rc a m ig lio re di p e llic o la è la ILFORD
Anche la KODAK è buona m a solo due p e llic o le sono ottim e:
la T R I-X (400-800-1600 ASA) che è m eglio d e lla HPA d ella
ILFORD e la RECORDING 2475 (1600-3200 ASA). L ’AGFA ha
p e ss im e p ellico le salv o l ’AGFAPAN 100 (100 ASA).

C i si m ette p a re c c h io a sv ilu p p a re e s ta m p a re d e lle buone


foto, quindi non sc o ra g g ia te v i p e r i p rim i in s u c c e ssi.

l) Camera oscura: teoria


P e r sv ilu p p a re e s ta m p a re il ru llin o , due sono g li acid i
p rin c ip a li: RIVELATORE e FISSAGGIO.
Il RIVELATORE (che va s e m p re u sa to p e r p rim o ) rile v a
appunto la foto, m a se n z a il FISSAGGIO, l ’im m agine s ia sul
negativo che su lla stam p a una volta p re s a luce d iv e rre b b e
tu tta n e ra (appunto p e rc h è il FISSAGGIO fis s a la foto d ata dal
RIVELATORE).
L ’ACIDO ACETICO è un bagno faco ltativ o che viene fatto
in term ed io tr a il RIVELATORE E IL FISSAGGIO.
48

Dopo il fissa g g io , il negativo o la foto d A o n o e s s e r e la s c ia ti


p e r un o ra in acqua p o ssib ilm e n te c o rr e n te p e r s c ia c q u a rs i
bene dagli a c id i che s i sono im p re g n a ti.

OCCORRENTE PER SVILU PPARE IL RULLINO:

1 TANK, che è un cilin d ro di p la s tic a con un tappo con d en tro


una o più s p ir a li nelle q uali deve v e n ire in filato il ru llin o .
P o ss ie d e nel tappo un buco n e l q u ale s i devono v e r s a r e e
v u o ta re gli a c id i. Da q u esto buco possono e n tr a r e e u s c ir e gli
a c id i, m a non può neanche e n tr a r e un filo di luce (b a sta il
m inim o sp ira g lio di luce p e r ro v in a re tu tto un ru llin o ); il
suo p re z z o s i a g g ira su lle 4.000 lir e .
2 BOTTIGLIE fo to g rafich e: una p e r il riv e la to re ed una p e r il
fissag g io ( lir e 200 a b o ttig lia).
1 IMBUTO ( lir e 200).
1 TERM OM ETRO fo to g rafico ( lir e 700).

OCCORRENTE PER STAM PARE:

L ’INGRANDITORE e il pezzo più im p o rta n te e più co sto so


d e lla c a m e ra o sc u ra . Una v o lta in filato d e n tro il n egativo,
non fa a ltro che r ip r o d u r r e la s te s s a im m agine d ata dal n e ­
gativo, su l suo piano, p e rò in g ra n d ita (appunto). S a re te voi a
d e c id e re le dim en sio n i d e ll’in g ra n d im e n to tr a m ite una m anopola
(che fa s p o s ta re in sue e in giù la te s ta ta d e ll’in g ra n d ito re ).
L ’in g ra n d ito re non è a ltro che una sc a to la con una g ran d e
lam padina più o m eno potente e un o b iettiv o con i d ia fra m m i.
I d ia fra m m i serv o n o a re g o la re la lu m in o sità del negativo
in re la z io n e a lla g rad azio n e d e lla c a r ta u sa ta .
L ’in g ra n d ito re s e r v e a p r o ie tta r e l ’im m ag in e su lla c a rta p e r
im p re s s io n a rla .
Una volta im p re s s io n a ta , la c a r ta v e r r à m e s sa n ella b a c i­
n e lla dove c ’è il RIVELATORE, n e lla quale v e r r à fu o ri su lla
c a r ta tu tta l ’im m agine p ro ie tta ta (che g li e r a sta ta ) so p ra d allo
in g ra n d ito re e poi nella b a c in e lla del fissa g g io dove l ’im ­
m agine s i f i s s e r à e quindi p e r m e z z ’o ra n e lla b a c in e lla con
acqua c o rre n te . Anche tr a gli in g ra n d ito ri e sisto n o v a ri tip i
e m odelli che vanno da lle 20.000 a lle 300.000 lire fino ad un
m ilio n e e o ltre . P e r l ’usato v ale lo s te s s o d is c o rs o fatto p e r
le m acchine fo to g rafich e.
I m ig lio ri in g ra n d ito ri sono i DURST (i q uali s i tro v an o
anche u sati): ecco i p re z z i:
DURST J 35 L. 20.000;
DURST F 30 L. 33.000;
DURST M 301 L. 55.000;
DURST S 609 L. 87.000;
DURST M 601 L. 120.000;
DURST M 700 L. 150.000.
49

S erve in o ltre una luce G IALLO-VERDE o ROSSA la quale


si può te n e re a c c e s a du ran te la sta m p a e p e rm e tte di v e d e re
ab b astan za bene, al c o n tra rio dello sviluppo D S-negativo,
il qu ale deve e s s e r e effettu ato c o m p letam en te al buio.
L a luce v e ra e p ro p ria di « sic u re z z a » co sta su lle 3.000-
4.000 lire .
Se non av ete q u esti so ld i, p o tete fa rv e n e una voi s te s s i
com prando sem p lic e m e n te una lam p ad in a g ia llo -v e rd e e a p ­
plicandola ad una n o rm a le lam padina.
3 BACINELLE 18 x 24: una p e r il r iv e la to re , una p e r il f i s ­
saggio ed una p e r l ’acqua, q u e sta p o ssib ilm e n te più g ran d e,
(1.000 li r e l ’una).
3 P IN Z E T T E , c ir c a 350 li r e l ’una.
1 TERM OM ETRO (già indicato p e r lo sviluppo del negativo).
2 BOTTIGLIE p e r fo to g rafia (200 lir e a b o ttig lia), e in o ltre
sia p e r lo sviluppo che p e r la sta m p a dovete d is p o rre di un
orologio o una sv eg lia che abbia p u re il co n taseco n d i.

CARTA ne esisto n o di v a rie m a rc h e , tipo e g ra d a z io n i. La


m a rc a m ig lio re e la ILFORD se g u ita d a ll’AGFA e poi d alla
KODAK. I tip i sono innanzi tutto in CARTA e CARTONCINO
(conviene il c a rto n cin o , p e rc h é più du ro e sp e s s o , e la sp e sa
e q u asi uguale).
Q uesto può e s s e r e : LUCIDO, SEMILUCIDO, NON LUCIDO.
La s c e lta va fatta a secondo il gusto. L e g ra d a z io n i vanno
dallo 0 a l 5 (0, I, 2, 3, 4, 5). Q u este vanno u sa te a secondo del
tipo del negativo u sato .
L a g rad azio n e sta n d a rd e la 2 e la 3.
D alla 0, che è la più m o rb id a cioè la m eno c o n tr a s ta ta , a lla
5 che è la più d u ra , la più c o n tra sta ta .
ACIDI: s a re b b e un d is c o rs o tro p p o lungo. In c o m m e rc io
esisto n o decin e e decin e di a c id i d iv e rs i: la m ag g io r p a rte sono
p e rò p e r d e te rm in a te situ a z io n i o s p e c ia li r is u lta ti.
M entre il riv e la to re è d iv e rso p e r i due sv ilu p p i, cioè il
r iv e la to re p e r il negativ o è d iv e rso da q u ello p e r la c a rta ,
il fissag g io è u n iv e rsa le , cioè va bene s ia p e r f i s s a r e il r u l ­
lino che p e r f i s s a r e la c a r ta (cam biano solo le d iluzioni).
RIVELATORI RULLINO: il D -76 d e lla Kodak o l ’I D II d e lla
Ilfo rd sono i m ig lio ri p e rc h è danno s e m p re buoni r is u lta ti
q u asi in ogni situ azio n e. S p ecialm en te p e r le p rim e volte u sate
q u e sti sviluppi p e rc h è « sa lv e ra n n o » m o lti ru llin i.
S tesso d is c o rs o p e r il R odinal d e ll’Agfa.
Buoni sviluppi sono p u re il MICRODOL X e il MICROPHEN
d e ll’U ford e il D 23 d e lla Kodak. Il lo ro p re z z o s i a g g ira d a lle
500 a lle 1.000 lire .
RIVELATORI CARTA: p e r il riv e la to re c a r ta va bene q u a l­
s ia s i d e ll’U ford e d e ll’Agfa.
FISSAGGIO: p e r il fissa g g io u n iv e rsa le (s ia p e r negativo che
p e r c a rta ) anche qui q u a ls ia s i d e ll’U ford o d e ll’Agfa.
50

T utto il m a te ria le se n s ib ile (c a r ta , a c id i, p e llic o la ) e tu tti gli


a c c e s s o r i p e r lo sviluppo e la sta m p a (b acin elle, tank, p in ­
z e tte ) conviene c o m p ra rle a lla M etro Im p o rt o a l l ’In te rc o lo r
(in d iriz z o Rom a: via D onatello, 15, tei. 39.32.62, oppure
via A n astasio II, 438. In d irizz o M ilano: v ia le T u n isia, 40,
tei. 66.63.27).

Camera oscura: pratica


Anche questo capitolo è d iv iso in due p a rti: NEGATIVO E
STAMPA.

NEGATIVO
COM PLETAM EN TE AL BUIO, c a ric a te n ella s p ira le d elle
tank il ru llin o . Una volta c a ric a ta m e tte te la d en tro la tank e
chiudete bene con il tappo a v ite la tank. SOLO ORA P O TE T E
ACCENDERE LA LUCE. P re p a r a te n e lle due b o ttig lie i due
ac id i che vanno SEM PRE ris c a ld a ti a 20 g ra d i (im p o rta n tis ­
sim o) ne più, ne meno nelle d ilu zio n i in d ic a te ( c ’è tutto s c r itto
s u lla ta rg h e tta del v iraggio ).
A lzate il tappo s u p e rio re d e lla tank (in fa tti la tank so p ra al
tappo v e ro e p ro p rio , cioè q uello che s i av v ita, ne p o ssie d e
un a ltro da so lle v a re ). S ollevato q u esto , tr o v e re te un buco
c e n tra le nel quale d o v rete v e r s a r e lo sviluppo e tr e la te r ia li
che serv o n o poi, una volta capovolta la tank a v e r s a r lo fu o ri.
V e rsa te quindi il riv e la to re (sc a ld a to a 20 g ra d i) n e lla tank,
a g ita te lo com e s c r itto (di so lito di a g ita p e r tu tto il p rim o
m inuto e poi i p rim i d ie c i seco n d i p e r ogni m inuto su c c e ssiv o ).
L ’ag itazio n e d o v rà a v e re un m ovim ento re g o la re c ir c o la r e e
non d o v rà m ai e s s e r e troppo v io len ta, m a le g g e ra e poco v e ­
loce.
Q uesta o p e razio n e, può e s s e r e e ffe ttu a ta a luce a c c e s a ,
m eglio con la luce g ia llo -v e rd e o r o s s a d e lla stam p a. L ’o p e ­
ra z io n e del r iv e la to re d u re r à i m inuti p r e s c r it ti da quel tipo
di riv e la to re ( p e r F P 4 , HP4 Ilfo rd e T R I-X Kodak e Agfapan
100 con riv e la to re D -76 Kodak o ID11 Ilfo rd , che sono p e r tutto
id en tici, 8 m inuti).
F in iti i m inuti p r e s c r itti dal riv e la to re capovolgete la tank
e v e rs a te il riv e la to re tr a m ite un im buto, n ella sua bottig lia
(con D -76 o ID11 s i possono sv ilu p p a re 6 ru llin i aum entando
m an m ano p e r ogni ru llin o sv ilu p p ato il 10% del tem po). O ra
v e rs a te nella tank il fissag g io p e r il tem po p r e s c r itto (di so lito
1 -2 -3 m inuti secondo la dilu zio n e) se n za a g ita re . F in ito il tem po
d e l fissag g io , ricapovolgendo la tank, v e r s a te il fissa g g io n ella
su a b o ttig lia (o rm a i la luce non fa più n ien te a l negativo p e rc h è
fissa to ) e m e tte te tu tta la tank (c h ia ra m e n te con d en tro il r u l ­
lino) p er 1/2 o ra so tto acqua c o rre n te .
51

P a s s a ta la m e z z ’o ra , sfila te il ru llin o d a lla s p ira le (b asta


tir a r lo ) e g u ard ate c o n tro -lu c e i r is u lta ti.
O ra p e rò s ta te a tten ti: p e r a s c iu g a re il ru llin o d o v rà e s s e r e
m esso appeso, se n za che si to cch i n ie n te , in un posto dove
non ci s ia un g ra n e llo di p o lv e re e c e rc a te , nel tem po che si
sta asciugando, di a p r ir e il meno p o ssib ile q u ella p o rta .

STAMPA

M e tte re l ’in g ra n d ito re al c e n tro , su lla s i n is tr a la c a rta e


i negativi (che dovranno e s s e r e m e s s i sem p re n eg li ap p o siti
c o n ten ito ri p e r e v ita re p o lv e re e s g ra ffi che ro v in e re b b e ro
il negativo), su lla d e s tra le 3 b a c in e lle , l ’u ltim a che dovrà
e s s e r e più g ran d e d elle a lt r e due, piena d ’acqua. S p o stata in d ie ­
tro t r a l ’in g ra n d ito re e le tr e b a c in e lle d o v rà e s s e r e m e s sa la
luce di s ic u re z z a (quella g ia llo -v e rd e o ro s s a ).
P re p a r a te i bagni (riv e la to re e fissa g g io ) e sc a ld a te li a
20 g ra d i (im p o rta n tissim o ) ric o rd a n d o v i, dopo che s ta te s v i­
luppando da un po, di r i s c a ld a r li quando q u e sti s i sono r a f ­
fre d d a ti m olto. V e rsa to il riv e la to re n e lla p rim a b a c in e lla e
il fissag g io n e lla second a, sp en g ete la luce e ac c e n d e te q uella
di s ic u re z z a (quella g ia llo -v e rd e o ro s s a ).
P re n d e te il ru llin o (che va ta g lia to ogni 6 fo to g ram m i)
e in s e rite lo nella fe s s u ra d e ll’in g ra n d ito re , che intanto a v re te
a c c e so m ediante un’in te ru tto re .
Una volta in quadrato bene il fo to g ram m a fis s a te (m ed ian te
quella m anopola che fa sp o s ta re su e giù la te s ta ta d e ll’in ­
g ra n d ito re ) l ’in g randim en to d e sid e ra to (a secondo d el fo rm ato
di c a rta ). M ettete a fuoco l ’im m agine e m ed ian te un p iro le tto
v e d re te che, spostandolo a p p a rirà tu tta l ’im m agine in ara n c io n e .
Q uesta luce non im p re ss io n a la c a rta , quindi p o tre te a p rire
la c a r ta d a lla b u sta p la s tic a in cui s i tro v a .
RICORDATEVI, ogni volta che p re n d e te un foglio di c a rta ,
di ric h iu d e re bene a ltrim e n ti r is c h ie r e te , una volta a c c e s a la
luce, di b u tta rla tu tta quanta.
M ettete la c a r ta sul piano d e ll’in g ra n d ito re , rico rd a n d o v i
p rim a , di in s e r ir e il filtro a ra n c io n e , a ltrim e n ti la foto v e rr à
m o ssa; L evate il filtro a ra n c io n e p e r a lcu n i seco n d i, 10-20-
30 di so lito (poi con la p ra tic a vi s a p re te re g o la re a secondo
del tipo di negativo e di c a rta che in s e rite ).
F in ito il tem po n e c e s s a rio , p rim a di le v a re la c a rta r ic o r d a ­
tevi SEM PRE di rim e tte r e il filtro a ra n c io n e , sp eg n ete l'in -
g ra d ito re (m ediante l ’app o sito in te rru to re ) e m e tte te la c a rta
n ella p rim a b acin e lla (riv e la to re ).
Qui non c ’è un tem po p re c is o . L ’im m ag in e v e r r à fuori
(m uovendo la b acin e lla da un lato a l l ’a ltro ); g ra d u a ta m e n te su lla
c a rta . C h iaram en te non d o v re te s p e r a r e che le p rim e volte
vi venga fu o ri subito una buona foto, com unque...
D entro a l riv e la to re , una foto, a r r iv a ta al punto che vi
p ia c e rà , la le v e re te (con la p in z e tta , m ai con le dita!) e la
52

m e tte re te nella seconda b ac in e lla (fissag g io ) p e r 1-2 m inuti


(secondo il tipo di fissa g g io e la diluzione).) Q uindi, n e ll’ultim a
b acin e lla (acqua, p o ssib ilm e n te c o rr e n te ) peV m e z z ’o ra . Intanto
finito il fissag g io e m e s sa la foto n e ll’acqua, si può a c c e n d e re
la luce e g u a rd a re bene il ris u lta to . Im p o rta n te , e non s c o r a g ­
g ia r s i le p rim e volte se le foto non v e rra n n o fu o ri. P e r
a s c iu g a re le foto i p rim i tem pi b a s te rà che le ste n d ia te su
un piano (non p o lv ero so , ne p elo so , e c c .). In seg u ito se volete
p o tre te c o m p ra re una s m a lta tric e (20.000 - 30.000 lir e ) e
m ettendole al c o n tra rio di com e s i asciu g h e ra n n o so la m e n te in
tem po m olto m in o re. Com unque il p rim o m odo, se non av ete
fr e tta p e r le foto, va b en issim o .
V ili
Audiovisivo

Audiovisivo con diapositive (e colonna sonora)


In m ig liaia di p o sti, d ap p e rtu tto , scu o le o sp e d a li fa b b rich e
q u a rtie r i p a e si ecc. e sisto n o « im m ag in i» im p o rta n ti, im m agini
«bom ba» che nessun fotografo d ei g io rn a li b o rg h e si s c a tte r à
m ai, ep p u re se lo fa rà , non v e rra n n o m ai d iffuse. Un ru llin o
di im m agini bom ba s c a tta te d ai com pagni è più che su ffic ie n te
p e r c o s tr u ir e un « g io rn ale» v isiv o a lte rn a tiv o .
S trum ento chiave è una m acch in a fo to g ra fic a con o b iettivo
n o rm ale (non in g ran d isc e e non da d e fo rm azio n i e poi è
econom ica) con il co n tro llo R E FL E X (p e r v e d e re e sa tta m e n te
l ’im m agine che si fotografa) e con l ’e s p o s im e tro (p er c o n tro l­
la r e la q u an tità e s a tta di luce.
L ’audiovisivo con d iap o sitiv e e colonna so n o ra è uno « s p e t­
tacolo» con p ro iezio n i di im m ag in i fis s e , « m ontate» in seq u en za,
e accom pagnate da com m ento so n o ro , che può anche e s s e r e
m u sica più voci più ru m o ri, ra c c o lto usando anche un piccolo
r e g is tr a to r e a b a tte ria .
E ’ uno stru m e n to id eale d ella c o n tro in fo rm a z io n e anche p e r
i b a s s i c o sti di rip ro d u zio n e e p e r la v elo cità con cui si può
d is p o rre d elle foto s c a tta te e d e lla re g is tra z io n e so n o ra d i un
avvenim ento.
P e r a v e re una v elo cità di «sviluppo» m olto rap id a d e lle p e l­
lico le a c o lo ri a c c o r r e u s a r e le p e llic o le KODAK e AGFA:
l ’id eale s a re b b e e s s e r e in g rad o di sv ilu p p a re da s o li la p e l­
lico la oppure in un la b o ra to rio d i un com pagno o un am ico,
p erch è n ei la b o ra to ri p ro fe ssio n a li c o m m e rc ia li i c o sti a u ­
m entano del 50 p e r cento.
I co sti d elle p ellico le, sc o n ta ti, sono:
- p e llic o la KODAK EKTACHROME, 36 p o se, L. 1850;
- KODAK EKT High Speed 22 DIN p e r le r ip r e s e con poco
sole) 36 POSE L. 1.900;
- AGFA da 36 POSE, L. 1.600.
54

P e r sv ilu p p a re ru llin i di d ia p o sitiv e da 36 foto i la b o ra to ri


chiedono su lle 2.000 li r e e le foto le consegnano g ià m ontate
in TELA I DI PLASTICA, cioè p ro n te p e r e s s e r e in s e rite
nel p ro ie tto re .
Se il lav o ro è p ra tic a m e n te in te re s s a n te e s i vuol fa re
c ir c o la r e più p o ss ib ile o c c o rr e d u p lic a rlo , v ale a d ire
duplicazione di poche copie: s is te m a di rip ro d u z io n e d ire tto
con d u p lic a to re , ap p licato d ire tta m e n te davanti a l l ’obiettivo
« n o rm ale» , il « d u p lica to re » c o sta 30/40.000 li r e e ogni d iap o ­
sitiv a co sì o tten u ta può c o s ta re 160 lire.
duplicatore media tiratura 30 copie ■ s is te m a di r i p r o ­
duzione con p ellico la KODAK EKTACHROME Slude D uplicating
5038 che s i tro v a in bobine da 3 5 -4 6 -6 0 -7 0 m t. B isogna a v e re
p e rò anche un c a ric a p e llic o le p e r ta g lia r e lo «sp ezzo n e» in
s t r is c e da 36 pose e un piccolo c a s s e tto p e r illu m in a re la
foto da r ip r o d u r r e e p e r ap p o g g iare l'a p p a re c c h io che si può
c o s tru ir e da so li (tu tte le in fo rm az io n i su lla riv is ta «PHOTO
13» del luglio 1973 ric h ie d e te a: REDAZIONE PHOTO 13,
c o rso Venezia 18 M ilano te i. 708.061. Ogni foto dup licata c o ­
s te r à 80 lire ;
duplicatore grande tiratura 400-1.000 copie: con s is te m a n e ­
gativo co lo re film 35 m m . cin em a, la d iap o sitiv a dup licata
co sta dalle 10 a lle 20 lir e con o ttim a r e s a del c o lo re (in fo r­
m azioni tr a m ite Stam pa a lte rn a tiv a con gru p p i che producono
au d io v isiv i di M ilano).
Il sonoro può b en issim o e s s e r e s o s titu ito da d id a s c a lie ,
com e facevano p e r i film , p rim a d e ll’avvento del sonoro.
Si possono c o m p ra re dei te la in i in v e tro p e r c o n s e rv a re le
d iap o sitiv e su i q uali s i può s c r iv e r e a mano e con le tte r e
le tr a s e t (1200 ogni venti). Le d id a s c a lie possono anche e s s e r e
u tili se c ’è il so n o ro , p e r s trin g e r e un ra c c o n to o p r e c is a r e

Videotape
Ha il p reg io di e s s e r e in stan tan eo , cioè l ’evento re g is tr a to
può e s s e r e r itr a s m e s s o se n za d o v er sv ilu p p a re p e llic o le .
Funziona com e un r e g is tr a to r e , m olto u tile n ella c o n tro ­
in fo rm azio n e p e r b a tte re sul tem po i c a n a li d ’in fo rm az io n e
del s is te m a e p e r la com unicazione tr a i gru p p i. B isogna
te n e r p re s e n te che l ’im m ag in e TV è un «continuo» quindi non
s i p re s ta a m anipolazio n i e m ontaggi; l ’id e a le è r i p o r ta r e un
evento c o sì com e s i svolge.
Il vediotape o VTR (video tape r e c o r d e r , video re g is tr a to r e )
è un a p p arecch io in grad o di r e g i s tr a r e im m ag in i e suoini su
n a s tro m agnetico e di « p ro ie tta rli» su un te le v is o re di q u a l­
s ia s i tipo m e n tre succedono o subito dopo, o in q u a ls ia s i
a ltro m om ento.
E ’ com posto: da 1) il video re g is tr a to r e ; 2) la video c a m e ra ;
3) il n a s tro m agnetico; 4) un m o n ito r, che a volte è in c o rp o -
55

ta to nella video c a m e ra , m a che può e s s e r e s o s titu ito da un


q u a ls ia s i te le v is o re casalin g o , p e r v e d e re la re g is tr a z io n e in
m o lti.
L a video c a m e ra , fo rn ita di obbiettivo e di m icro fo n o , c a t­
tu r a le im m agini e i suoni e li tr a s m e tte al video r e g is tr a to r e
so tto fo rm a di im p u lsi e le ttr ic i. Il video r e g is tr a to r e ra c c o ­
g lie q u e sti im p u lsi e li tr a f e r is c e su l n a stro .
A q uesto punto ciò che è s ta to re g is tr a to è pro n to p e r e s s e r e
rip ro d o tto . P e r rip ro d u rr e , salv o d iv e rs e is tru z io n i, s i fa
co sì: s i ap p lica su l v id e o re g is tra to re l ’a p p o sito a d a tta to re
(R F C o n v e rte r). Si accen d e il te le v is o re di c a sa e s i stac c a n o
le sp in e tte d e ll’antenna, s i co llegano i 2 c a v e tti che esco n o dal
RF C o n v e rte r a l l ’in g re s s o d e ll’antenna: su l p rim o o su l s e ­
condo can ale, oppure un polo a un polo del p rim o can ale e
l ’a ltro polo a l l ’a ltro polo d el secondo can ale.
Si p re m e s u ll’avviam ento del n a s tro , e g iran d o la m anopola
d ei ca n a li, s i c e rc a la m ig lire sin to n ia. Invece di C a ro se llo
s i v e d rà la scen a r e g is tr a ta . P utro p p o non tu tti i te le v is o ri
rip ro d u co n o p e rfe tta m e n te audio e im m agine. Q uelli di re c e n te
fa b b ricazio n e s i p re s ta n o m eglio p e r fa re q u esto gioch etto .
C hi ha un m inim o di p ra tic a e le ttro n ic a può c o s tr u ir e lo
sc h em a pubblicato a pag. 199 del lib ro «Senza c h ie d e re p e r ­
m e sso » a c u ra di F aen za , su p eran d o tutte le d iffic o ltà , anche
se n z a d o v er u s a r e il R F C o n v e rte r.
Di video r e g is tr a to r i ce ne sono un sa c c o di tipi più o meno
e la b o ra ti o co m p le ssi a seco n d a del fo rm a to del n a s tro : i
più p e rfe z io n a ti, con video n a s tro da due p o llic io da un p o llice,
hanno il g ra n d issim o difetto di c o s ta re v a rie decine di m ilio n i,
di e s s e r e in g o m b ran ti, co m p licati e a lla p o rta ta d ei so li p r o ­
fe s s io n is ti. Gli a lt r i (m ezzo p o llice o un q u a rto di p o llice)
costan o m olto m eno, possono e s s e r e p o rta tili e fa c ili da
u s a r e ; la q u alità delle im m ag in i, anche se non al liv e llo del
su p e r VTR, è più che a c c e tta b ile . I video r e g is tr a to r i p o r ta ­
tili (video re g is tr a to te - c a m e r a ) possono e s s e r e a lim e n ta ti sia
a c o rr e n te e le ttr ic a che a b a tte ria . In q u esto ca so si tra s p o rta n o
ovunque se n za bisogno di fili e sp in e. Il peso di tu tto il c o m p le s­
so s i a g g ira sugli 8 Kg. Il tutto è in g e n e re congegnato p e r
e s s e r e p o rta to a tra c o lla .
Se s i usano ap p a re c c h i a b a tte ria o c c o rr e r i c o r d a r s i di a c ­
c e n d e re alm eno 8 secon d i p rim a di c o m in c ia re a g ir a r e .
C onviene sp e s so , data l ’autonom ia lim ita ta a m e z z ’o ra -q u a ra n ta
m inuti che hanno le b a tte rie del VTR, m u n irs i di b a tte rie su p -
p lm e n ta ri. P e r non a r r ic c h i r e i m e rc a n ti di VTR, si possono
a d a tta re b a tte rie da m o to c ic le tta . In g e n e re vanno dene 12
V olts, m a è in d isp en sab ile a s s ic u r a r s i p rim a che il voltaggio
s ia quello giusto.
56

Cosa è im portante sapere prim a di acquistare o fa r s i p re sta re


un VTR:

a) Compatibilità. S a rà bene che il VTR sia sta to fab b ric a to


secondo lo sta n d a rd E1AJ: un n a s tro re g is tr a to con un VTR
di una c e r ta m a rc a p o trà e s s e r e v isio n ato su un VTR di
un’a lt r a m a rc a solo se tu tti e 2 q u e sti VTR sono c o s tru iti
secondo lo sta n d a rd EIAJ. R ic o rd a r s i che il p ro g etto di r e a l iz ­
z a re te le v is io n i via cavo al liv e llo d e lle re g io n i, s i re g g e ,
te c n ic a m e n te , s u lla fa ls a rig a di q u e sti sta n d a rd . T e n e re anche
p re s e n te che il PC I ha ottenuto d a lla DC di m e tte r e in d is c u s ­
sio n e la p o s s ib ilità d e lla re a liz z a z io n e di una TV re g io n a le
via cavo, solo garan ten d o a lla DC di s b a tte re fu o ri d a ll’af­
fa re tu tta la s in is tr a riv o lu z io n a ria . Sul sab o tag g io d ei cavi
p e r in s e r ir e p ro g ra m m i c la n d e stin a m e n te , so s titu e n d o si a
q u elli a d d o m e stic a ti dei p a r titi c o sid e tti d e m o c ra tic i d a re m o
n o tizie a tem po debito.
T e n e re dunque p re s e n te fin d ’o ra che p e r in s e r ir e c la n d e ­
stin a m e n te le p ro p r ie tr a s m is s io n i c i v o rr à un VTR EIAJ.
b) Riproduzione: A ssic u ra z io n e che non s ia troppo c o m p li­
cato v is io n a re e s e n tire il n a s tro re g is tr a to su un q u a ls ia si
te le v is o re , usando un se m p lic e R F C o n v e rte r, p e r non e s s e r e
c o s tr e tti a fa b b r ic a rs i il c irc u ito di cui abbiam o p a rla to
so p ra.
c) P rezzo: è la nota dolente p e rc h é un v id e o - re g is tr a to re
p o rta tile - c a m e ra ha un p re z z o di listin o che v a ria d alle
700.000 al 1.100.000 a seco n d a d el fo rm a to , d e lla m a rc a e
dei riv e n d ito ri. Con il p agam ento in co n ta n ti s i possono o tte n e ­
r e sc o n ti dal 10 al 40%.
A ttenzione lo s te s s o m odello viene sp e s so o fferto a p re z z i
d iv e rs i a seconda del riv e n d ito re . Si co n sig lia di g ir a r li
tu tti p e r non f a r s i fo tte re . P e r i m o d elli vecch io sta n d a rd
il v a lo re è m eno della m e tà dei p re z z i di listin o . A ttualm ente
sono da c o n s id e ra re s ic u ra m e n te v ecch io sta n d a rd : il SONY
DVK 2400 AC e lo SHIBADEN SV 707 E.
E ’ im p o rta n te che il riv e n d ito re g a ra n tis c a u n ’a s s is te n z a
efficente p e rc h é gli a p p a re c c h i sono d e lic a ti e n e c e ssita n o
continuam ente di picco le rip a ra z io n i. E ’ anche im p o rta n te
fa rs i d a re la g a ra n z ia (in g e n e re di 90 g io rn i). In S v iz z e ra
e nei p o rti fra n c h i gli a p p a re c c h i co stan o in g e n e re di m eno
del 40%, m a possono n a s c e r e p ro b le m i di a s s is te n z a con i
riv e n d ito ri ita lia n i che s i rifiu tan o di r ip a r a r e a p p a re c c h i
non venduti da lo ro .
d) Camera: è im p o rta n te s a p e r e s e hanno m irin o e le ttr o ­
nico o m irin o reflex . L e p rim e consentono di v e d e re le im ­
m agini in q u ad rate e sa tta m e n te com e a p p a rira n n o in q u a d ra te
sul te le v is o re le seco n d e no. Il p ro b le m a in p ra tic a s i pone
com unque solo p e r le AKAI che m ontano sia il re fle x che
l ’e le ttro n ic o , tu tte le a l t r e c a m e re sono fo rn ite di m irin o
ele ttro n ic o .
57

A ltri e le m e n ti d is c rim in a n ti, m a di im p o rta n z a non e ss e n z ia le


sono d ati d a lla d u ra ta di re g is tra z io n e , dal p eso , d alla p r e ­
senza o meno del fe rm a q u ad ro , d a lla riso lu z io n e (il n u m ero
delle lin ee o riz z o n ta li che compongono le im m agini: più sono
m eglio è, e d alla potenza d e lla zoom e d a lla p o s s ib ilità o
meno del doppiaggio audio (un d isp o sitiv o che c o n sen te di
c a m b iare il so n o ro m antenendo la s te s s a re g is tra z io n e video).
I nastri: ce ne sono v a r i tip i, i m ig lio ri hanno la s u p e rfic ie
molto lucida e q u a si n e ra . I p re z z i v aria n o a seco n d a d ella
m arca, della lunghezza e del fo rm ato : un n a s tro di c ir c a venti
m inuti di 1 /4 c o sta in to rn o a lle 4.000; tre n ta m inuti di 1/2 c o sta
sulle 12.000. Lo s te s s o n a s tro può e s s e r e c a n c e lla to e usato
più volte.
I p re z z i possono e s s e r e rid o tti a 3.500 e 10.000 lir e , c o m ­
prando a l l ’in g ro sso .
Anche se non tu tti sono d ’acc o rd o , è p re f e re ib ile u s a r e i
n a s tri co n sig lia ti dal fa b b ric a n te del VTR, an ch e se costano
di più. L e te s tin e di re g is tr a z io n e video fanno 50.000 g iro al
m inuto: una v elo cità p a z z e sc a . Se il n a s tro non è ad atto a u ­
m enta l ’a ttrito : abbiam o v isto al m ic ro sc o p io d e lle te s tin e che,
a c a u sa d e ll’uso di un n a s tro inadatto, se m b ra n o p re s e a colpi
d’a s c ia . C a m b ia rle vuol d ir e m o lti g io rn i di VTR fe rm o in
la b o ra to rio e un m inim o di 50.000 lir e . E s p e s s o con te le
rim etto n o in azim uth: questo vuol d ire che non è p o ssib ile
riv e d e re i n a s tr i che avevi in c iso p rim a d e lla so stitu z io n e
delle te s tin e .

Come fa funzionare un Video Tape.

P e r fa r fun zio n are un vt. non sono n e c e s s a rie nozioni p a r ti­


c o la ri b a sta le g g e rs i le is tru z io n i a lle g a te e p u n ta re l ’o b b iet-
tivo su ciò che s i vuole r e g i s tr a r e .
L ’obiettivo d e lla c a m e ra è g e n e ra lm e n te uno zoom: ci sono
tr e a n elli: il prim o è la m essa a fuoco: re g o la la d ista n z a
tr a quello che s i vuole rip re n d e re e la v id e o c a m e ra . G irarlo
finché l ’im m agine è a fuoco, nitida. Il secondo anello r e ­
gola la zoomata: s e r v e a s c e g lie re l ’in q u a d ra tu ra : ad e sem p io
il p a rtic o la re di un viso , o ppure tutta la p e rso n a in so sta n z a ,
avvicina o allo n tan a la scen a. P e r p rin c ip io , quando m etti a
fuoco m etti prim a lo zoom tutto chiuso, cio è n e lla p osizione
teleo b b iettiv o , il soggetto da in q u a d ra re d o v rà e s s e r e ingran d ito
più p o ssib ile . Dopo a ve r m esso a fuoco in questa posizione
puoi com inciare a gira re con la sicurezza di a v e r sem p re tutto
a fuoco, naturalm ente senza spostarti, anche cambiando la
posizione dello zoom.
Se facendo la zoom ata il fuoco non è c o sta n te , vuol d ire
che lo zoom non è c o llim ato ; in q u esto si deve re g o la re
la d ista n z a t r a vidicon (il tubo e le ttro n ic o che c o n v e rte gli
im p u lsi di luce in im p u lsi e le ttr ic i) e zoom . Q ualche te le c a ­
58

m e ra ha una vite e s te rn a che reg o la la d ista n z a del vidicon.


Se non c ’è, bisogna a n d a re da un o ttico di cin em a che re g o li
l ’u ltim a len te in te rn a dello zoom. Se invece di uno zoom hai
un n o rm a le obbiettivo, q u e sti p ro b le m i non e sisto n o si fa com e
per le m acchine fo to g rafich e. Il tergo anello è il diaframm a:
regola la q u an tità di luce che va a c o lp ire il vidicon; se cè
molta luce l ’anello va chiuso, se la luce època, va aperto.
Avendo il m irin o e le ttro n ic o (view fin d e r) s i può g u id a re «a
occhio», g iran d o l ’anello del d ia fra m m a , quando la luce è
giusta.
Di re g o la il d ia fra m m a va su f. (faco ltà) 2 in in te rn i e quando
la luce è m inim a va su f. 4 o 5, 6 quando s i è in e s te rn i ed è
nuvoloso in o m b ra. Su f. 11 o 16 quando s i è e s te rn i col so le.
T u ttav ia non o c c o rr e e s s e r e p r e c is i, n e lla re g o lazio n e del
d iafram m a, com e lo s i deve e s s e r e usando la p e llic o la , p e rc h è
i VTR hanno un c irc u ito e le ttro n ic o di a u to reg o lazio n e della
lu m in o sità; n a tu ra lm e n te e n tro c e r ti lim iti.

Cosa da non fa re mai:

E ’ im p o rtan te non p u n ta re m ai l ’ob iettiv o d ire tta m e n te v e rs o


le so rg e n ti lum inose (so le, lam p ad e). Il tubo che tr a s fo r m a
le im m ag in i in im p u lsi e le ttro n ic i è m olto d e lic a to e p o treb b e
d an n eg g ia rsi. Quando è danneggiato s i fo rm a una m acch ia s i ­
m ile a un buco, che r e s ta d en tro il tubo e s i vede a ttra v e r s o
l ’obiettivo.
Non p u n tare lobiettivo v e rso le lu ci nem m eno quando il VTR
è spento. P e r s t a r e tra n q u illi, d u ra n te le p au se di lav o ra z io n e ,
m e tte re il tappo s u ll’obbiettivo o c h iu d e re co m p letam en te il
d iafram m a, se l ’obbiettivo ha un d ia fra m m a cne chiude co m p le ­
tam ente il p assa g g io della luce; q u esto s i può c o n tro lla re a
occhio guardando a ttr a v e r s o le len ti.
Suono: Se s i vuol rip re n d e re di n a sc o sto un p o rco o un pezzo
g ro s so m e n tre com pie a tti o sc e n i, il suono non ha m olto im p o r­
tanza. Ma se si ha bisogno di r e g i s tr a r e p a ro le , bisogna r i ­
c o rd a r s i che non tu tti p arla n o l ’in effab ile e idiota linguaggio
degli s p e a k e rs te le v is iv i, sta ccan d o bene le p a ro le , ecc. I
com pagni usano p e r fortu n a, il d ia le tto e un g erg o che non è
c o rro tto d a lla lingua u ffic ia liz z a ta da Mike B ongiorno, p e rc h è
quello che dicono è au ten tico . E ’ in d isp e n sa b ile m u n irsi di un
m icrofno d ire z io n a le , che s o s titu is c a q u ello in c o rp o ra to n ella
te le c a m e ra , al fine di is o la re i d is c o rs i che in te re ss a n o e
re n d e rli, in rip ro d u zio n e , p e rfe tta m e n te p e rc e p ib ili.
B a sta in fila re il jack del cavo del m icro fo n o aggiunto nel
VTR (tu tti i VTR sono m uniti di una p re s a su p p le m e n ta re ) e
il m icrofono in c o rp o ra to n ella te le c a m e ra s i e sc lu d e a u to m a ­
ticam en te.
59

Consigli pratici p e r non incazzarsi e distruggere la macchina.

C apita sp e s so di m e tte re in moto il r e g is tr a to r e e v e d e re che


tutto r e s ta ferm o : può d a r s i che il n a s tro non s ia s ta to m e sso
in modo c o rr e tto ; è n e c e s s a rio s ta r e a tte n ti a fa r c o r r e r e il
n a stro n e ll’apposito tra c c ia to seguendo le in d icazio n i in g e n e re
segnate sugli s t e s s i r e g is tr a to r i.
L a v id eo ca m era è a lla c c ia ta al video r e g is tr a to r e . Se r a v ­
viam ento non è com pleto, la c a m e ra non è in s e rita . E ’ su ffi­
ciente r e g i s tr a r e pochi seco n d i e riv e d e re im m e d ia ta m e n te p e r
v e rific a re se video e audio sono s ta ti r e g i s tr a ti c o rre tta m e n te .
A ttenzione quando s i riav v o lg e il n a s tro facendolo s c o r r e r e
indietro v elo cem en te, sp e s so s i ris c h ia di in g a rb u g lia rlo o
ro m p e rlo p e rc h è non s c o r r e n e lla m a n ie ra g iu sta.
Nei p o rta tili le b a tte rie s i s c a ric a n o dopo una tre n tin a di m i­
nuti che il r e g is tr a to r e è in funzione. E v ita re di c o n su m a rle
inutilm ente e te n e re a c c e ss o solo quando si è c e r ti di r e g i s tr a r e .
In g e n e re c ’è un’indicazio n e di c a ric a (la n c e tta ) che seg n ala lo
stato di c a ric a d e lla b a tte ria . Se s i r e g is tr a a b a tte ria s c a r ic a ,
le im m agini perdono in defin izio n e (sem b ran o sfu o cate) e i suoni
vengono ra lle n ta ti.

Nota

ASSISTENZA TECNICA VIDEOTAPE-ROM A.


1. N egozio T e le s to re
Via del T rito n e , di fro n te al P a la z z o E sp o siz io n i - te le ­
fono 6595024 - 6794633.
E ’ un negozio c o lo ssa le dove fanno da c e n tra lin o telefonico
p er il m ig lio r tecn ico videotape di R om a, il sig . T appa.
Il la b o ra to rio del sig. Tappa sta a: L arg o del N a z z a re n o , 3.
In questo la b o ra to rio p e r fa re rip a ra z io n i non è n e c e s s a rio ,
com e negli a lt r i negozi, p re s e n ta re il tallo n cin o che a tte s ta
l ’acq u isto d e ll’a p p arecch io . Il che va m olto bene sp e c ia lm e n te
se l ’a p p arecch io viene da g ir i « stra n i» o è s ta to co m p ra to m a ­
g a ri di seconda mano a l l ’e s te ro . A q u esto p ro p r o s ito è da te n e r
p re s e n te che in alcuni p a e si, com e p e r e sem p io la G erm a n ia ,
c ’è un g ro s s o g iro di a p p a re c c h i u sa ti e il co sto di un SONY
o un SCHIBADEN in buono sta to è su lle 600.000 lire .
2. P ia z z a del C am pidano, 3 /4 - te i. 4271597, (T ecnico
sig. C onti, a m m in is tra to r e sig . G hezzi).
E ’ un negozio la b o ra to rio p e r rip a ra z io n i che non rich ied o n o
a ltis s im a p re c isio n e e dove s i tro v an o a c c e s s o r i tipo q u e lli p e r
c o lle g a re in sie m e m o lti te le v is o ri e co se del g en e re ).
3. L a b o ra to rio A r t i d i via O landa, 4 - tei. 850217.
A rtio li è il nom e del tecn ico , m a in r e a ltà il p r o p r ie ta rio
è R usconi il fa n fa sc ista ; hanno m o lti so ld i e a ttr e z z a tu r e ma
anche m olte co se che non funzionano com e il VIDI-GRAFO.
60

4. A lla RAI lav o ran o m o lti te c n ic i di c ir c u iti te le v is iv i che


sono e s p e r ti di c e r ti a s p e tti e le ttro n ic i che rig u a rd a n o anche
il V ID E O -T A PE . Un modo p e r b e c c a rli e c h ie d e rg li una mano
è di a n d a re a i FESTIVAL D E L L ’UNITA’ dove ci sono dei c irc u iti
chiusi e lì s i trovano.
(Lo s te s s o lav o ro che sia m o r iu s c iti a fa re p e r R om a, di
in dividuare tu tti i p o sti dove è p o ssib ile fa r i p a r a r e g li a p p a ­
re c c h i p e r il videotape, con d e lle in d icazio n i p ra tic h e su l fun­
zionam ento, vogliam o fa rlo p e r ogni a ltr a c ittà o luogo dove
esisto n o la b o ra to ri del g e n e re . P e r fa re q u esto o c c o rr e che
tutti i com pagni ci inviino le n otizie).
Registrazione delle cassette

Im p a ra re a r e g i s tr a r e da so li le c a s s e tte vuol d ire :


— to g lie re d alle g rin fie dei p ad ro n i d e lla m u sica una fonte
sp av en to sa di guadagno e di sfru tta m e n to del prodotto d ella
in tellig en za e della fan tasia di co lo ro che la c re a n o . Una c a s ­
s e tta a i d is c o g ra fi c o sta a l l ’o rig in e 120 lire e n ei negozi si
paga 3.500 lire.
— la v o r a re p e r la cre a z io n e di un c irc u ito a lte rn a tiv o , non
solo p e r quanto rig u a rd a la m u sic a s tru m e n ta liz z a ta dai p ad ro n i,
m a p e r r e c u p e r a re e v a lo r iz z a r e m u sic a spontanea e a l t r i
m a te ria li « so n o ri» u tili ad in iz ia tiv e di b a se ed a u to g e stite .
I p ro b le m i di re g is tra z io n e d e lle c a s s e tte v aria n o a seconda
se chi lo fa se ne intende di e le ttro n ic a o può u s u fru ire del
lavoro di’ un e s p e rto oppure non ne c a p ie sc e n u lla . V ale a d ire :

Chi registra le cassette non s e ne intende di elettronica

In q uesto caso p e r r e g i s tr a r e le c a s s e tte o c c o rre ;


— c a s s e tte v e rg in i di q u alità;
— un g ira d isc h i ste re o ;
— un r e g is tr a to r e se re o ;
— un cavo p e r c o lle g a re r e g is tr a to r e a g ira d isc h i.

Va subito detto che è im p o ssib ile r e g i s tr a r e c a s s e tte usando


uno degli a p p a re c c h i s te re o e l ’a ltro mono, v ale a d ire un g i­
ra d is c h i s te re o e un r e g is tr a to r e mono o un g ira d is c h i mono
e r e g is tr a to r e ste re o .
Se g ir a d is c h i e r e g is tr a to r e s te re o sono e n tra m b i p e r e sem p io
a m e ric a n i e giapponesi (m eglio a n c o ra d e lla s te s s a m a rc a ) o
te d e s c h i è tutto iiù se m p lic e p e r quanto rig u a rd a il p ro b le m a
più g ro s s o del collegam ento col cavo tr a i due a p p a re c c h i.
N ella p ro s p e ttiv a di in c id e re c a s s e tte , se s i a c q u istan o a p p a ­
re c c h i nuovi, bisogna c h ie d e re al riv e n d ito re il cavo di c o lle ­
62

gam ento t r a g ir a d is c h i e r e g is tr a to r e ed anche che il cavo


le m onti lui.
Il cavo s i può anche m o n tare da so li (co sta 500-600 lire )
e ce ne sono di d iv e r s i tip i secondo g li a p p a re c c h i che si devono
co lle g a re .
Ci sono tr e tipi di cavo p e r c o lle g a re r e g is tr a to r e e g ira d isc h i:

I. il cavo EUROPA-USA (D IN -PIN ), vale a d ir e se uno degli


a p p a re c c h i è di m a rc a eu ro p e a e l ’a ltro è di m a rc a a m e ric a n a
o giapponese.

2. il CAVO EUROPA-EUROPA(DIN-DIN)

3. il CAVO USA-USA (PIN -PIN )


63

P e r m o n ta re da so li il cavo bisogna fa re co sì: p r e p a r a r e


due sp ezzo n i di filo s c h e rm a to di e ric a 30 cm . l ’uno, com e
nel disegno

q uesto sono le spine che co llegano r e g is tr a to r e s te re o e g i­


ra d isc h i s te re o (esisto n o solo q u e sti due tip i di spone, quindi
non ci s i può sb a g lia re ):

Collegamento europa - USA

S a ld a re (allo spina DIN) il filo A al piedino 1, il filo F al


piedino 3 e le due calz e B ed E (in sie m e ) al piedino 2.
L e due spine P1N vanno c o sì sa ld a te : la p rim a : filo C al
p ie d in o l, c a lz a F a l l ’e s te rn o d e lla sp in a 2, la seconda: filo
al piedino 1, c a lz a H a l l ’e s te rn o 2 d e lla spina.

COLLEGAMENTO USA-USA

A - 1 B - 2 (spina PIN)
C - 1 D - 2 (spina PIN)
F - 1 E - 2 (spina PIN)
G - 1 H - 2 (spina PIN)

COLLEGAMENTO EUROPA-EUROPA

1 - A 2 - B - E 3 - F (spina DIN)
1 -C 2 - D - H 3 - G (spina DIN)
64

L ’im pianto di re g is tra z io n e è m olto più e fficace se al posto


del g ir a d is c h i s i ua un r e g is tr a to r e s te re o a bobine, su l quale
vanno in s e r ite le bobine da r e g is tr a r e .
Q uesto p e rc h é usando il g ira d is c h i, il d isc o , ancne se è nuovo
e tenuto b en issim o , può e s s e r e u sa to effic a c e m e n te una cin q u an ­
tin a di volte.

Chi registra ca ssette se ne intende di elettronica

Se c ’è chi se ne intende di e le ttro n ic a e sa u s a re il s a ld a to re


s i può anche fa r e a meno del g ira d is c h i. B asta rim e d ia re un
g ira d is c h i s te re o anche s c a s s a to , cioè con l ’a m p lific a to re che
non funziona più m a che p e rò abbia un p ia tto p e rfe tta m e n te fun­
zionante.
L a p rim a o p erazio n e da fa re è di c a m b ia re la te s tin a , dato
che q u ella che c ’è s ic u ra m e n te è in p e ssim o sta to . B isogna
m o n tare una di tipo buono (p e r esem pioS H U R E , ADC, EM PIR E,
PICKERING, costan o a l l ’in c irc a 15 m ila lir e l ’una).
B isogna re g o la re bene il p eso del b ra c c e tto m ettendo dei p e si
(piom bini) o ltre il fu lcro d a lla p a rte opposta a lla te s tin a , così:

Il p eso d e lla te s tin a s i c o n tro lla con una s p e c ia le b ilan cin a


(SHURE, li r e 3.500).
P e r s o s titu ir e l ’a m p lific a to re s c a s s a to b a sta a c q u is ta re nei
negozi GBC (negozi di e le ttro n ic a su p e r s p e c ia liz z a ti che si
trovano p ra tic a m e n te in ogni p ro v in c ia ) un e q u a liz z a to re
p re a m p lific a to re RIAA (co sto 5.000 lire ) in sc a to la di m ontaggio
(cioè sm ontato).
Si co lleg a poi a i fili p ro v e n ie n ti d alla te stin a da una p a rte ,
al r e g is tr a to r e d a ll’a ltra .

L E CASSETTE VERGINI

L e c a s s e tte v erg in i più con v ien ien ti sono q u elle C -45 che
p erm etto n o di in c id e re un L .P . (che in g e n e re d u ra 40 m inuti);
oppure le C -90 su cui s i possono in c id e re due L .P ., uno p e r
fa c c ia ta . .
65

In un n o rm a le negozio i c o sti d elle c a s s e tte v e rg in i sono:


— p e r le C -45 c ir c a 1.000 lire ;
— p e r le C -90 c ir c a 1.500 lire .
Un m etodo p a ra c u lo è q uello di o rd in a rn e alm en o ì n d ir e t­
tam ente dal p ro d u tto re (SASEA, via P. R ondani, 1 Mi; AGFA,
via de G a sp e ri, 21 MI; te i. 02/3074; AIWA, via M osè L o ira , 23,
MI, te i. 02/4226146; SCOTCH, S. F e lic e MI, te i. 02/7545)
telefonando facendo finta di e s s e r e un neg o zian te o un la b o ra to rio
ra d io -tv o dicendo di e s s e r e un ta b a c c a io (i ta b a c c a i, sp e s so ,
n elle p icco li c e n tr i hanno anche la lic e n z a p e r v e n d e re m a ­
te r ia le e le ttric o ), m eglio a n c o ra se s i r ie s c e a rim e d ia re o
« fa b b ric a re » c a r ta in te s ta ta . U sando q u esto m arch in g eg n o le
c a s s e tte s i hanno con lo sconto del 45-48%.
C onviene non u s a r e c a s s e tte a l b io ssid o di cro m o (C r 02)
p erch é costano di più e s i possono u s a r e so lo con a p p a re c c h i
ad atti (m olto co sto si).

A TT R E ZZ A TURE-COSTI-USA TO

I negozi che vendono a p p a re c c h ia tu re nuove hanno sp e s so


d elle o ccasio n i di a p p a re c c h i a n c o ra in buono sta to , m odello
di due o tr e anni p rim a , che s i possono a v e re col 70-80 p e r
cento di sconto ris p e tto al p re z z o di listin o .
P rim a di a c q u is ta re ch ied ete di p ro v a re in cuffia il r e ­
g is tr a to r e facendo in c id e re da un d isco una c a s s e tta v erg in e;
a s c o lta te la quindi in cuffia, TUTTA. Se p re s e n ta d ei m om enti
di «vuoto» su uno dei due can a li o se m anca di « a lti» è una
tru lla .
P ro v a te il riav v o lg im en to velo ce, se è m a g g io re a 100-110
secondi (p er una C -60) non funziona bene.
Se è p o ss ib ile a s c o lta te una c a s s e tta già in c isa di m a rc a (p er
esem p io BASF) che p o rti s c r itta la d u ra ta in m in u ti d ei b ran i
m u sic a li in c isi. Una d iffe re n z a di tem po s u p e rio re a — o — il
due p e r cento è tro p p a.
NUOVO un r e g is tr a to r e PH ILIPS, GRUNDIG, TOSHIBA, T E -
LEFUNKEN, NATIONAL c o sta da lle 70 m ila (TELEFU N K EN ) a l ­
le 90 (PH ILIPH S) sc o n ta ti. Si possono a v e re u lte r io r i sc o n ti,
in sisten d o un po’ al m om ento d e ll’a cq u isto .
Appena a c q u is ta to , rip o rta te l ’a p p a re c c h io in d ie tro dicendo:
— che l ’e q u ilizzazio n e non è c o rr e tta ; non si sentono a b ­
b a stan za gli a lti;
— la v elo cità di sc o rrim e n to non è e s a tta (d ire te di a v e r
efettuatuto la prova con il n a s tro BASF già in c iso , com e s i è
detto p rim a);
— la v e lo c ità di sc o rrim e n to non è re g o la re (si sentono dei
«m iagolii»).
C o sì l ’ap p a re c c h io v e r r à p e rfe tta m e n te ta ra to e m e s so a posto.
66

REGISTRAZIONE DAL VIVO

P e r r e g i s tr a r e dal vivo una c a z z a ta q u a ls ia s i (c o n c e rto ,


d is c o rs o del p re te , co n v e rsa z io n e sul tra m ec c .) c ’è un a p ­
p are c c h io id eale, l ’UHER 124, a b a tte rie , c o rre n te , a c c u m u ­
la to re , è stere o fo n ic o ; ha anche il m icrofono in c o rp o ra to p e r
in cisio n i meno fedele. P e r r e g i s tr a r e c o n c e rti o c c o rr e e s s e r e
m olto p ra tic i, m e n tre p e r uso « re p o rta g e » 1 a p p a rec c h io è
co m p letam en te au to m atico .
Il co sto di listin o è 234 m ila.

F A B B R irA DI CASSETTE

Chi può sp e n d e re (a ra te , n a tu ra lm e n te ) 1.800.000 può a c q u i­


s ta r e un ap p a re c c h io p e r rip ro d u rr e DUE CASSETTE AL
MINUTO. Inform azioni su q u esto a p p a re c c h io s i po sso n o c h ie ­
d e re a STAMPA ALTERNATIVA.
X

Cacciatore di controinformazioni

Ci sono due tipi di controinform azione: la controinform a­


zione pratica (com e telefonare g ra tis in Cile) e la controin­
form azione di denuncia (scoprire un Vescovo che si fo tte i
soldi d e ll’asilo popolare).
L a c o n tro in fo rm azio n e p ra tic a ha un in te re s s e im m ed iato ,
è subito u tile. L a co n tro in fo rm a z io n e di denuncia s e rv e in s e rita
in un p ro g ra m m a , p e r una cam pagna p o litic a . S c o p rire il p r o ­
v o cato re M erlino p rim a d ella S tra g e di Stato, è una c o n tro in ­
fo rm azio n e p ra tic a , s c o p r irlo dopo s e r v e com e c o n tro in fo rm a ­
zione di denuncia p e r una cam pagna p litic a .

La controinformazione pratica
Una co n tro in fo rm azio n e p ra tic a fa r is p a r m ia r e m ilio n i di
lir e e anni di lav o ro . L a c o n tro in fo rm a z io n e p ra tic a n a sce
dalla m a liz ia , d a ll’a s tu z ia , e d a lla fa n ta sia di chi la v o ra p e r la
riv oluzione.
Il com pagno e le ttr ic is ta b rav o sa m olto bene com e fo tte re
il c o n ta to re del re g im e , com e b lo c c a rlo in modo che n essuno se
ne a c c o rg a , p erm etten d o al c irc o lo di c u ltu ra p o p o lare di e s ­
s e r e ris c a ld a to tutto l ’inverno con stu fe e le ttric h e se n za sp e n ­
d e re nulla.
C ontro la co n fro in fo rm azio n e p ra tic a ci sono obiezioni b a ­
n ali che vale la pena di sm o n ta re . P e r e se m p io che p u b b lic a re
una c o n tro in fo rm azio n e p ra tic a sig n ific a a u to m aticam en te b r u ­
c ia r la : se l'a z ie n d a di sta to d ella luce legge la p u bblicazione
che in fo rm a del tru c c o , a llo ra cam b ia a u to m aticam en te il m e ­
todo di c o n tro llo e s i m ette a lla c a c c ia dei com pagni che la
stanno im brogliando.
Ma q uesto è fa re il p ro c e s s o a lle intenzioni: chi la v o ra nel
cam po della co n tro in fo rm a z io n e p ra tic a è il p rim o a s a p e re
che non conviene s p u tta n a re c e rte n o tizie e le a m m in is tra con
atten zio n e p assan d o le so ltan to a com pagni non s tro n z i.
68

ALCUNI ESEMPI DI CONTROINFORMAZIONE PRATICA:

I com pagni e le t tr ic i s ti non so lo possono s a p e re m olto bene


i m etodi p e r fo tte re la lu c e , m a possono anche ta r e d e lle co se
notevoli a liv ello telefoni.
I com pagni che lav o ran o n e lle tip o g ra fie conoscono d iv e rs i
m etodi p e r e c o n o m iz z a re nei c o sti di sta m p a e s o p r ir e nuovi
m archingegni.
I com pagni im p ieg ati a lla so c ie tà dei telefoni ra p p re se n ta n o
un ru o lo chiave ris p e tto a lle esig e n z e d e lle o rg a n iz z a z io n i po­
litich e: dalla ra p id a solu zio n e di un p ro b le m a di g u a sti, alla
in sta lla z io n e te m p e stiv a di un im pianto, al blocco d e lla m in a c ­
cia di un taglio del telefono, p e r d ire le c o se m in im e, fino a lle
co se più im p o rta n ti, i m etodi p e r non p a g a re le b o lle tte (e ci
sono), i s is te m i p e r te le fo n a re g r a tis a l l ’e ste ro .

La controinformazione di denuncia
TIPOGRAFI - I com pagni tip o g ra fi possono d a re u n 'o c c h ia ta
a i la v o ri che stanno stam pando: p o tranno s c o p r ir e c o sì d o cu ­
m enti m olto u tili da c o n o sc e re in a n te p rim a com e un m a n i­
festo dei fa s c is ti o le bozze di un lib ro di denuncia d e lle
p re s u n te violenze r o s s e p re p a ra to da q ualche c e n tro di p re v e n ­
zione.
IL SERVIZIO M ILITARE - A lcuni com pagni possono d e c id e re
di fa re il se rv iz io m ilita r e in c o rp i in te re s s a n ti deH ’e s e rc ito :
esem p io la p o lizia, i c a ra b in ie r i, la g u ard ia di finanza. C on­
tr a ria m e n te a ciò che s i p e n sa , a r r u o la r s i in q u e sti c o rp i non
è affatto im p o ssib ile: è una p o ss ib ilità che s i a p re non so lo a
chi è asso lu ta m e n te non sch ed ato e in c e n su ra to p o litic a m e n te ,
m a anche a chi è sch ed ato p re s s o q ualche co rp o , e p e rò
la sc h e d a tu ra è ignota al co rp o in cui si a rr u o la . E sem p io
tip ico , un com pagno di V enezia, m ilita n te di un gruppo a n ti­
m ilita r is ta , e che fu a rr u o la to d ai c a ra b in ie r i '■he non lo s a ­
pevano e p e r q u asi due anni fo rn isc e n o tiz ie m olto u tili. Una
volta a r r u o la ti n e lla p o lizia o n ei c a ra b in ie r i ogni c o sa che si
vede è una co n tro n o tizia .
In qualche c a so , il s e r v iz io m ilita r e in q u e sti c o rp i, d u ra di
più. P e rò viene pagato.
IM PIEGATI DI MINISTERI - Dato che il liv e llo m edio di
in tellig en za p o litica d e lla gente è b a s s is s im o (anche q u ello di
m o lti «com pagni») e sisto n o m o lte situ a z io n i n ien te affatto c o ­
p e rte dai c o n tro lli. Im p ieg atin e s o r rid e n ti m aneggiano d o s s ie r
e sp lo siv i, che i lo ro cap i g li affidano p e r una fotocopia o p e r
u n ’a rc h iv ia z io n e , o p e r una r ib a ttitu ra , p e rfe tta m e n te s ic u r i che
la « so tto p o sta» non fa rà m ai a tten zio n e ai contenuti o non p e n ­
s e r à m ai che possono e s s e r e im p o rta n ti p e r qualcun a ltro .
P e r questo conviene in fila re p ulci n elle o re c c h ie a lle am ich e
im p ieg ate, a lle s e g r e ta r ie , ag li im p ieg ati com pagni e non. C om e
c re d e te che sia a r r iv a ta al M anifesto la le tte r a di T av ia n i ad
69

Henke p e r i co rp i s p e c ia li con cui r e p r im e r e le lo tte n e lle p r i ­


gioni.
LA CONTROINFORMAZIONE IMPOSSIBILE: LA MAGIA DEL
TELEFO N O - Quando sta v a m orendo il p re s id e n te d ella re p u b ­
blica Antonio Segni, a un c e rto punto sc a ttò la consegna del
sile n z io , e i s a n ita ri d ella c lin ic a dov’e r a ric o v e ra to eb b ero
l ’o rd in e di non d a re n e ssu n a in fo rm az io n e su llo sta to di sa lu te
del capo dello sta to . N essun g io rn a lis ta , neanche d e lla ra d io
v atican a, e r a a m m e sso a ric e v e re n o tizie.
E i g io rn a lis ti ita lia n i, ab itu a ti a c o p ia re i co m u n icati
stam p a u fficia li delle q u e stu re o dei m in is te ri, non tro v a ro n o
c e rto il modo di s c o p r ire le n o tiz ie p ro ib ite . Uno di lo ro p e rò ,
con un a ttim o in più di fa n ta sia , telefo n av a tu tti i g io rn i a lla
c lin ic a con una voce da alto pap av ero : « P ro n to qui è il d o tto r
R o ssi d ir e tto r e d ella s e g r e te r ia p a rtic o la re d ella P re s id e n z a
del C onsiglio. Sua e c c e lle n z a voleva a v e re gli u ltim i d ati su llo
sta to di sa lu te del P re s id e n te » . I m ed ici ca c a ro n o le in fo rm a ­
zioni se n za p e n sa rc i.
C osì è fa c ilissim o p e r chi ha più co rag g io , o ab b astan za
p aracu lag g in e, quando sco p p ia un c a so , in una c ittà , c h ia m a re
il Q u e sto re di quella c ittà , d ir e che si telefona da L o n d ra, e
s i è l ’addetto p a rtic o la re d e ll’ufficio del M in iste ro d e ll’in tern o ,
in quel m om ento in v is ita a H eath, e c h ie d e rg li u n ’in fo rm az io n e
d e tta g lia ta su g li u ltim i avven im en ti; il q u e sto re risp o n d e rà
con voce com pita e tre m o la n te .
IN FERM IERI O MEDICI IN OSPEDALI CIVILI - Il c a so dei
neonati in frig o rife ro a R om a, è s ta to sc o p e rto da in fe rm ie ri
e m edici e studenti che bazzicav an o l ’o sp ed ale e che avevano
occhi ben a p e rti. P oi è s ta to g e stito p o litic a m e n te e p o rta to
avanti. Ma è sta to n e c e s s a rio c o m in c ia re . O ltre a lle o p e re dei
m edici e d egli e s p e rim e n ta to ri, stan d o in o sp ed ale s i può
qualche volta o s s e r v a r e anche c a s i di d eten u ti che vengono
ric o v e ra ti o di p e rso n e in sta to d ’a r r e s to . Q uasi s e m p re in
q u e sti c a s i ci sono co n tro n o tiz ie d a . s c o p r ire con un m i­
nim o di a c c o rte z z a .
IL TRAVESTIM ENTO - M igliaia di p o liz io tti ita lia n i hanno
rin u n ciato a i lo ro a b iti p r e f e r iti e si sono v e s titi, p e ttin a ti,
com e le p e rs o n e che odiano, con b a rb e e c a p e lli lunghi, con
jean s e m aglioni e eskim o , hanno co m in ciato a p a r la r e com e
h ip p ies o com e a n a rc h ic i, e s i sono in fila ti anche in o rg a n iz z a ­
zioni a b b a stan za s e r ie . Una s e r a un m a re s c ia llo dei c a r a b i­
n ie r i è andato in p iazz a T r a s te v e r e a R om a in F e r r a r i e p a r ­
lando in in g le se diceva di e s s e r e uno p s ic h ia tra che voleva
u s a r e le droghe leg g e re p e r in te re s s a n ti e s p e rim e n ti su lla
c o sc ie n z a p e r p o rta re a g alla l ’in c o sc io a fini lib e ra to ri: in
poche o re ha tro v ato i gonzi che gli hanno venduto un po' di
h a sh ish e li ha a r r e s ta t i. Se la fa n ta sia dei m a r e s c ia lli a r r iv a
a q uesto punto p e rc h é i com pagni d o v re b b e ro s e m p re s u b ire
e non in v e n ta re lo ro dei m odi p e r in c u la re i p o rc i?
70

Il tra v e stim e n to è c la s s ic a m e n te uno di q u e sti modi; la gente


(anche i n o s tri n e m ici) non è in cam pana e p a rla v o le n tie ri
quando (in modo ir ra z io n a le e quindi fa c ilm e n te inducibile)
è convinta che l ’a ltro non s ia o s tile e non s ia una sp ia . I p o rc i
f a s c is ti su i tre n i s i facevano v e d e re con L otta C ontinua e II
M anifesto in mano p rim a di m e tte re le bom be. T r a v e s tir s i non
è d ifficile. Anche fisic a m e n te con o c c h ia li b a rb e p a rru c c h e , è
m olto fa cile r e n d e r s i irric o n o s c ib ili; anche la voce è fa c il­
m ente c a m b iab ile, b a sti p e n sa re a l l ’uso che s i può fa re del
d ialetto .
PIGLI PA REN TI O AMICI DI: QUESTORI, COMMISSARI,
DIRETTORI DI GIORNALI, D EPU TATI, MINISTRI, COLONELLI,
DIRETTORI DI CARCERI, ECC. - C ioè di tu tte le p e rso n e
che hanno un ruolo « d elicato » nel siste m a . L a p ra tic a del m o ­
vim ento di q u e sti u ltim i anni ha s fru tta to sp e s so q u e sti s p i­
ra g li p e r o tte n e re n o tizie im p o rta n ti: ma l ’im p re s s io n e di m olti
com pagni è che q uesto filone non sia sta to p e rc o r s o in tu tte
le su e p o ss ib ilità . I d e te n to ri dei ru o li, allen tan o le m a s c h e re
e i c o n tro lli quando sono in fam ig lia.
E sem pio:
Il figlio di un c o m m is s a rio capo d ella n a rc o tic i di una g ran d e
c ittà ita lia n a , una s e r a tro v ò d ella co cain a in sie m e a riv is te
p o rn o g rafich e nel com odino del p a d re .
FIORI, GIORNALI, PORTINAIE, BARISTI, CAM ERIERI -
Le p o rtin a ie furono inventate da N apoleone n ei p rim i anni dello
Im pero: p rim a non esiste v a n o . N apoleone aveva p en sa to che
n iente m eglio di una p o r tie r a poteva e s s e r e u tile p e r c o n tro l­
la r e tu tte le c a s e e dunque tu tti i citta d in i; e r a uno d ei s is te m i
p e r fa r fun zio n are uno s ta to di p o lizia. Nel MANUALE DEL P O ­
LIZIO TTO , fatto s tu d ia re a lla scu o la di p o liz ia , si insegna
che l ’agente deve f a r s i a m ic i tu tte le p e rs o n e che hanno un
ruolo pubblico, la p o ss ib ilità cioè di v e d ere m olte p e rs o n e d u ­
ra n te il giorno e di s e n tire i lo ro d is c o rs i: quindi b a r is ti,
fio ra ie , g io rn a la i, ec c . Il m an u ale su g g e risc e di e s s e r e m olto
g e n tili con lo ro anche p e rc h è con qualche piccolo accenno che
la Q u estu ra può s e m p re r i t i r a r e la lic e n z a n e c e s s a ria a
e s e r c ita r e il m e s tie re tu tte q u e ste p e rso n e diventano gli in f o r­
m a to ri id eali, g ra tu iti, m olto m ig lio ri d egli a p p a re c c h ie tti t e ­
le v isiv i. Ma la c o sa è re v e r s ib ile : i c o m m e ssi di b a r com pagni,
i g io rn a la i, e c c ., sono n e lla po sizio n e m ig lio re p e r te n e re
so tto co n tro llo , un q u a rtie r e p e r in d iv id u are i f a s c is ti, p e r
a rc h iv ia r e m em o nicam ente gli am bigui, p e r sc h e d a re i p ro v o ­
c a to ri, p e r ric o n o s c e re dopo un pò i p o liz io tti in b o rg h e se .
P e r c o lla b o ra re infine con i com pagni, im p eg n ati n e lla c o n tro ­
in fo rm azio n e fornendo o r a r i, tr a c c ie , r ife rim e n ti, p e r sc o v a re ,
fo to g ra fa rli, se g n a la re i connotati, l ’in d iriz z o ecc.
TECNICI - A sso lu tam en te tu tti i te c n ic i, m e d ic i, av v o cati,
g io rn a lis ti, o p e ra to ri c u ltu ra li, s ta m p a to ri, c h im ic i, a rm a io li,
e le ttro n ic i, e c c ., sono a sso lu ta m e n te in d isp e n sa b ili a lla c o n ­
trin fo rm a z io n e : uh’in fo rm az io n e che nei la b o r a to r i, n e lle u n i-
71

v e r s i t i , e c c ., è com une com e n e lle fa m ig lie c ris tia n e o rie tta


b e r ti è invece o ro a cinquanta c a r a ti p e r chi è e sc lu so da q u e sti
p o sti.
IL SESSO - Com e s i sc o p re il nom e e cognom e a u te n tic o di
un p ro v o c a to re ? D alla ta rg a , b a sta p re n d e rg li la ta rg a e a n d a re
a l l ’autom obil club della c ittà d e lla ta rg a e con tre c e n to lire
danno nom e e cognom e e in d iriz z o .
E se il p o rco non ha la m acchina e neanche la m o to re tta ? Si
può p ed in a rlo , m a non se m p re è p o ss ib ile qualche volta è
ris c h io s o . E a llo ra ? Il se s s o . Una com pagna che non ha s c r u ­
poli o m o ra lis m i p ic c o lo -b o rg h e si se lo p o rta in a lb e rg o e
m e n tre il porco d o rm e, la m attin a non le s a r à d iffic ile s c e n d e re
e con una s c u s a q u a ls ia s i p la u sib ile r i t i r a r e i docu m en ti di
e n tra m b i e GUARDARE SUL DOCUMENTO DEL PORCO IL
SUO NOME E COGNOME E INDIRIZZO E DATA DI NASCITA
DEL PADRE E PROFESSIONE E NUMERO DEL DOCUMENTO
E ALTRI MATERIALI INTERESSANTI.

Il cacciatore
di controinformazioni
Il c a c c ia to re di c o n tro in fo rm a z io n i è il c o n tra rio del g io rn a ­
lis ta b o rg h e se pig ro e a d d o rm en tato in c a ric a to di p r e p a r a r e
n o tizie a l clo ro fo rm io .
C a c c ia to re di co n tro in fo rm a z io n i può e s s e r e chiunque: non
deve nem m eno « s a p e r s c r iv e re » . Il c a c c ia to re di c o n tro in fo r­
m azioni è un com pagno con occhi e o re c c h ie a sso lu ta m e n te
in cam p an a tanto da ric o n o s c e re le sp ie , i p o liz io tti tr a v e s titi,
e i p ro v o c a to ri, sotto q u in ta li di b a rb e e c a p e lli, al di là di
m ontagne di d is c r o s i ideo lo g ici da «com pagno», o ltre i cum uli
di p a ro le g e rg a li a tte a a confo n d ere anche i v ecchi « m ilita n ti»
F are la spia p e r cacciare controinform azione è a portata
di tutti se n z a d o v er p e r fo rz a sp e n d e re m ilio n i com e fanno i
p o rc i. F a c c ia m o e sem p i di azio n i che non sono c o sta te una lira .

Come andando una mattina al Bar, s i viene a sapere in a n ti­


cipo chi verrà, perquisito qualche giorno dopo.

Una com pagna stu d e n te ss a s i m ette a fre q u e n ta re un b a r


di fro n te a! P alazz o di G iu stiz ia di una g ran d e c ittà . Cor. un o ra
a l g iorno p e r due o tr e se ttim a n e di seg u ito b ecca un fam oso
m a g is tra to ..., già a u to re di d iv e rs e c la m o ro se o p e ra z io n i co n tro
la s i n is t r a e x tr a -p a rla m e n ta re . «Mi fa a c c e n d e re ? » d ice la
com pagna con m a n ie re a s s o lu ta m e n te in d iffe re n ti ma g en tili,
dopo a v e r o rd in a to un caffè a pochi c e n tim e tri di d ista n z a d alla
ta zz a del m a g istra to . «Si s i, s i c e rto , un attim o s o lo ... ecco
qua», risp o n d e quello (la ra g a z z a è n a tu ra lm e n te p iu tto sto
«fica» secondo i p re v e d ib ili sta n d a rd m a g is tra te s c h i)
72

Dopo due m inuti di im b a ra z z a to sile n z io il m a g is tra to si


a z z a rd a a riv o lg e rle di nuovo la p a ro la , « ... le i... è qui p e r
q u alche p ro c e s s o ...? » L a ra g a z z a è m olto ben v e s tita , com e
vanno in g iro le fighe b o rg h e si non com pagne e non stra v a g a n ti
(m oda hippy). «Oh s i, sto p re p a ra n d o una te s i di la u re a sul
d ila g a re d e lla p o rn o g ra fia , e su g li s tru m e n ti le g isla tiv i a p p ro n ­
ta ti d a lla n o rm a tiv a italian a» . «Oh, s i, m a ... è in c re d ib ile ... io
m i occupo da anni di q uesto p ro b le m a ho fatto d ecin e di s e ­
q u e s tr i... c e rto non sono un m o r a lis ta nel sen so bacchettone
del te r m in e ... P e r esem p io una r iv is ta com e Playboy lei mi
c a p isc e è fa tta con gusto, può e s s e r e le tta n e lle m ig lio ri
fa m ig lie ...» C osì com incia una s to r ia di a m ic iz ia fra una c o m p a ­
gna (in b o rg h ese) e il te r r ib ile m a g istra to . G iocando s u ll’i r r e ­
s is tib ile a ttra z io n e a lunga scad en za su l m a g istra to , la r a -
g azzo tta ha avuto in q u a ttro se ttim a n e più in fo rm az io n i di
quante ne ra c c o lg a un fam oso c ro n is ta g iu d iz ia rio s p e c ia liz ­
zato in v e n t’anni di c a r r ie r a .

Come guardando più spesso dalla finestra, può nascere uno


splendido controservizio fotografico.

Il com pagno B ., non s i e r a m ai a c c o rto che una fin e s tra


d e lla c a s a di sua zia stav a p ro p rio di fro n te a lla c a s e r m a dei
c a ra b in ie r i. G lie l’ha detto un g io rn o un a ltro com pagno che sta
un p o ’ più atten to a lle «com binazioni»: «Ah stro n z o , m a via
C ib ellin i sta d ie tro a lla c a s e r m a . ».
Andando più sp e s so a tr o v a re la z ia , il com pagno ha stu d iato
un p o ’ più atte n ta m e n te l ’o ra r io . C ’e r a una c e r ta sq u a d ra che
q u asi tu tti i g io rn i e n tra v a e u sc iv a ad o re più o meno fis s e .
E ra la sq u a d ra fa n ta sm a , q u ella co m p o sta da g iovanotti v e s titi
con co llan in e hippy, e sim b o li zen. Un te le o b ie ttiv o m ojto
econom ico p re s ta to da un com pagno fo to g rafo , ha p e rm e s s o
spendendo poche cen tin aia di li r e , di fo to g ra fa re la sq u a d ra
fan tasm a ; le fo to g rafie sono s ta te fatte v e d e re dai com pagni
fid ati, ed o ra si p ro g e tta di s ta m p a re un g ra n d e m an ifesto
con le foto.

Come un im piegato delle P oste può diventare una pedina im ­


portante p e r un gruppo m ilitante rivoluzionario.

M olti s i sono a b itu a ti a s c a tta r e a f a r s i v e n ire il rifle s s o


quando su cced e q u alco sa, a c o r r e r e su b ito a ra c c o n ta rlo alla
sede di L o tta continua e del M anifesto e del g io rn a le un p o ’
d e m o c ra tic o . Quando i fa s c is ti pedinano qualcuno, quando il
p re s id e n te fa le c e r te c o se , quando i c a ra b in ie r i fanno una
p e rq u isiz io n e con la sc u s a d e lla d ro g a e con l ’in ten to di sc h e d a re
i com pagni di un c irc o lo . Ma non è a n c o ra e n tr a ta l ’idea che
tu tte le in fo rm az io n i possono d iv e n ta re co n tro in fo rm a z io n i.
Un g io rn a le a lte rn a tiv o di T o rin o e r a riu s c ito sim p a tic o a un
im piegato d e lle P o ste . P o c h is sim i sanno che i g io rn a li sono
73

nella m e rd a , devono c h iu d e re , a u m e n ta re il p re z z o , e c c .,
p erch é non risc o n o a ris o lv e r e c e r ti p ro b le m i p ra tic i: la d i­
strib u z io n e la sp ed izio n e, ecc. Con una p ra tic a che s i ch iam a
abbonam ento p o sta le s i possono s p e d ire 10.000 g io rn a li in
tu tta Ita lia spendendo 5.000 li r e com e fanno da s e m p re una
m iria d e di enti re lig io s i e di a ss o c ia z io n i c le r ic o - f a s c is te .
Coi c o sti n o rm a li, invece, s i spendono ogni v o lta d ecin e e a
volte c e n tin aia di m ig lia ia di lir e . Con 500.000 o un m ilio n e,
s i può s ta m p a re un nu m ero di g io rn a le da 10.000 copie o anche
più ... Insom m a, sono co se g ro s s e . L ’im p ieg ato a lle P o ste andò
a tr o v a re i com pagni in re d azio n e: p a rla ro n o un poco e v en ­
n ero fu o ri dei p ro b le m i, le s p e s e d i sp ed izio n e, ecc. «Ma non
c ’è p ro b lem a d is s e l ’im piegato d e lle p o ste b asta n o alcu n i
tru c c h e tti che i p re ti ad o p eran o ogni gio rn o p e r s p e d ire i lo ro
g io rn a le tti conti c o r r e n ti pagando 0,50 li r e a pezzo». Da a llo ra
i com pagni di T o rin o sp ed isco n o pacch i p e s a n tis s im i di g io rn a li
spendendo poco più di una c a rto lin a p o sta le ...
Stampa alternativa

CHE FA STAM PA ALTERN ATIVA


(c a s e lla p o sta le 741 - Roma)

Non siam o un gruppo, con una lin ea e una id eologia, che vuol
d iv e n ta re più su p e r d egli a ltr i. Siam o solo un SERVIZIO p e r
tutto il m ovim ento riv o lu z io n a rio , p e r tu tti i gruppi e le in iz ia ­
tive di b ase che hanno il p ro b lem a di u s c ire dal ghetto dove
v o rre b b e te n e r le il re g im e . L a n o s tra c a r a tte r is tic a è un co n ­
tinuo flu sso di m a te ria li c o n tro n o tiz ie e s tim o li a doppia d ir e ­
zione: noi spediam o m ig lia ia di pacch i n o tizie seg n alazio n i
in d iriz z i e m ig lia ia di com pagni e f r a te lli fanno a ltre tta n to con
noi.

R ete di contatti - Come c e n tro di co n tro in fo rm a z io n e S A. è in


contatto con g io r n a lis ti avv o cati s c ie n z ia ti tecn ici e con c e n ­
tin aia com pagni fr a te lli c o rrisp o n d e n ti e cacciatori di contro­
inform azioni s p a r s i d ap p ertu tto : da Nus in p ro v in cia di A osta
a B ro n te vicino a C atania.

M ateriale - S.A. p roduce m a te ria le di c o n tro in fo rm azio n e


u tiliz z a b ile subito p e r in iz ia tiv e c re a tiv e , p e r d a re fo rz a a
m ovim enti e gruppi di b ase; p e r sp u tta n a re im b ro g li m an o v re
in tra lla z z i e prov o cazio n i su cui non s i sa n iente e non si
pubblica niente.

Pacchi e pacchetti subito - S A. li sp e d isc i a q u elli che vogliono


s e m in a re un c e rto tipo di n o tiz ie con u rg e n z a . B asta a v v e rtir e
in tem po (le p o ste non sc h e rz a n o a r i ta r d a r e l ’in o ltro ) se c ’è
una o ccasio n e s p e c ia le , p e r e se m p io un c o n c e rto o una m a n i­
fe sta z io n e , oppure con più c a lm a se s i vuole im p e sta re la p ro ­
p ria zona o q u a rtie r e o scu o la.

I soldi dopo - S A. sp e d isc e i p acchi e p a c c h e tti di v o lantini


e m a te ria li se n za c h ie d e re so ld i. Ma S.A. non è ric c a , s i a u to -
finanzia fino a l l ’ultim o c e n te sim o e ci sono ogni gio rn o cam b ia li
da p a g a re . P e r q uesto è di fondam entale im p o rta n z a m an d a re
I

75

a S.A. qualch e fran co b o llo , un cinquecento d e tro la b u sta o


qualche m ila lir e su l conto c o rre n te : ogni li r a che a r r iv a la
in v estiam o in un nuovo m a te ria le in nuovi volantini.

COME SI USA STAM PA ALTERNATIVA


(c a s e lla p o sta le 741 - R om a)
SI STA CON LE ORECCHIE E GLI OCCHI A PER TI - P e r
s p ia re le p u ttan ate del p ad ro n e, d el p a rro c o , del p re s id e ,
del p o lizio tto , p e r b e c c a rli con le m ani nel sa c c o m e n tre r u ­
bano ru b acch ian o vendono d roghe p e sa n ti o inculano bam bini,
oppure c a si di g e n ito ri che se q u e s tra n o i fig li con la sc u sa
che sono m in o ren n i. Con q u esto m a te ria le in m ano S.A.
può fa r e un c asin o b e stia le anche a liv e llo n a zio n a le e co n ­
tr ib u ire a s b o c c a re situ a z io n i di m e rd a .
SI PERQUISISCONO i g io rn a li lo c a li qu o tid ian i b o lle ttin i p a r r o c ­
c h iali la riv is ta dei c a ra b in ie r i e a l t r i fo g lia c c i s p e c ia liz z a ti:
sp e s so s i p escano co n tro n o tiz ie im p o rta n ti sp u n ti foto. P e r i
quotidiani lo c a li al p rim o posto ^la pagina di cro n a c a : a r r e s t i
p e r d ro g a, fogli di via, prov o cazio n i.
I RITAGLI LE SCHEDE LE FOTO LE SEGNALAZIONI vanno
sp ed ite a ra z z o a S.A. che li o rg a n iz z a in d o s s ie r in fa s c ic o li
in c o n tro in c h ie ste bom ba.
UN CONTO APERTO S.A. ce l ’ha con g li sc ia c a lli d e lla m u sica,
i la d r i del pop. E ’ im p o rta n te a llo ra b e c c a re in an ticip o p r o ­
g ra m m i e o r a r i e p re z z i dei c o n c e rti anche se sono in p icco li
lo cali e c h ie d e re in tem po u tile , p a re c c h i g io rn i p rim a p e rc h é
le po ste sono le n te, pacch i di v o lantini di c o n tro in fo rm a z io n e ­
m u sica. DOPO IL CONCRETO, q u a ls ia s i c o sa a c c a d a m an d are
una re la z io n e m inuziosa.
PE R RICEV ERE TUTTI 1 MATERIALI REGOLARM ENTE ci
sono due p o ss ib ilità : s c r iv e r e ogni tanto (p e r e se m p io ogni
m ese) due rig h e C artolina p o sta le p e rc h é ogni volta che fa c ­
ciam o una co sa nuova è un p ro b lem a troppo g ro s so m a n d a rla
a tu tti q u elli che hanno s c ritto : sono m o lte m ig lia ia . O ppure
m an d are un m ille o un d u e tre m ila com e quota di so tto sc riz io n e
annua (conto c o rr e n te p o sta le 1/61922 in te sta to a S.A. R om a).

M ATE R IA LE DISPONIBILI SUBITO

DROGHE E MARIHUANA (DOSSIER n.4 di S A.). La p rim a


docum entazione sc ie n tific a com piuta su tu tte le d ro g h e, da
quelle fu o rileg g e a q u elle leg ali (alco l tab ac co p sic o fa rm a c i).
E ’ un docum ento b a se p e r sp u tta n a re i c ia ltro n i c le r ic o fa ­
s c is ti che dicono di e s s e r e co n tro la d ro g a con s c u s e e p r e ­
te s ti p se u d o -sc ie n tific i.
(lire 400, chi le ha)
LA SCIENZA CONTRO I PRO LETARI (DOSSIER n. 5 a c u ra
del co llettiv o co n tro in fo rm a z io n e sc ie n z a e sta m p a to da S.A.).
T ren ta d u e pagine g ig an ti, m ig lia ia di n o tiz ie e ric o s tru z io n i
76

m in u zio se che docum entano le m a le fa tte d ei f a s c is ti in cam ic e


bianco.
(lire 40U da m an d are a sso lu ta m e n te p e rc h é p e r p o te r s ta m p a re
abbiam o dovuto f ir m a r e un sa cco di c a m b ia li che non abbiam o
a n c o ra pagato).
LA DROGA NERA E DEMOCRISTIANA (DOSSIER n. 6 di S A.).
C o n tro in c h ie sta su c la m o ro s i c a s i d i p ro v o cazio n e fa s c is ta con
la s c u s a d e lla drt)ga: da P a le rm o a T re n to a V icenza.
(lire 200, chi le ha)
VOLANTINI CONTROINFORMAZIONE MUSICA; I v o lan tin i che
co n tro in fo rm an o s u lle m ale fa tte d egli s c ia c a lli d e lla m u sic a e
con le n o tiz ie u tili p e r la c o stru z io n e del c irc u ito a lte rn a tiv o ,
(g r a tis , p acch i e p a c c h e tti, chi può m andi qu alch e li r a p e r
p a g a re le sp e s e di stam p a).
FARE CONTROINFORMAZIONE (O ttandue pagine: MANUALE
DI S.A .) tu tti i s is te m i più eco n o m ici e p a ra c u li p e r la sta m p a
d is trib u z io n e diffusione e i m arch in g eg n i p e r fo tte re le leggi
fa s c is te s u lla stam p a. D entro c ’è anche tutto su i c ic lo s tila ti
g io rn a li m a n ife sti s e r ig r a f ia fo to g rafia au d io v isiv i videotape r e ­
g is tra z io n e d elle c a s s e tte .
(lire 500, chi può)
FARE MACROBIOTICA (MANUALE DI S.A. sta m p a to da S avelli
e d ito re ). C entododici pagine: a sso lu ta m e n te tutto p e r f a r s i
m a c ro b io tic a da so li spendendo m eno che p e r il cibo di m e rd a
e di p la s tic a del s is te m a : ric e tte in d iriz z i p re z z i in g ro sso ecc.
(lire 700, c o m p re se s p e s e sp ed izio n e)
CONTRO IL SERVIZIO M ILITARE (MANUALE DI S.A. s ta m ­
pato da S av elli ed ito re ). T utte le n o tiz ie e i m a rch in g eg n i p e r
fo tte re il « m o s tro m ilita re » . In o ltre il vadem ecum a g g io rn ato
e s u p e r com pleto su l se rv iz io c iv ile .
( lir e 700, c o m p re se s p e s e di sp ed izio n e)
M ATERIALE IN PREPARAZIONE (intanto si può p re n o ta re )
ANDARE IN INDIA (MANUALE DI S A., sta m p a to da S avelli
'e d ito re ) T utto quello che s e r v e p e r chi vuole a n d a re in O rien te:
d o cum enti v accin i bagaglio p e rc o r s o tappe cam b i posta e un
casin o di a lt r e co se e n o tizie c o n c re te .
(lire 700)
VOLANTINI PER LA CAMPAGNA CONTRO IL FERMO DI
DROGA
77

Indirizzi utili

L ’elenco che segue sono alcuni d ei g io rn a le tti a lte rn a tiv i


che e sisto n o e che cono sciam o , o ltre n a tu ra lm e n te ai q u o ti­
diani L o tta C ontinua e M anifesto, a l quotidiano ra d ic a le . L i­
b e ra z io n e , e a i p e rio d ic i d e lla s in is tr a riv o lu z io n a ria che tu tti
conoscono.
Q ualcuno m anca: di q u e sti, non abbiam o rife rim e n ti re c e n ti,
non sappiam o se escono a n c o ra ; li in s e rir e m o n ella p r o s ­
sim a lis ta appena ci c o n fe rm e ra n n o che intendeno u s c ir e an c o ra .
Su d iv e r s i di q u e sti g io rn a le tti, Stampa Alternativa ha un
«pacchetto» di in fo rm az io n i (lim iti, situ a z io n i, in te r e s s i, e f­
ficien za tipo di lav o ro ) più p a rtic o la re g g ia te , che p o ssiam o
fo rn ire a chi ha in tenzio n e c o n c re te di c o lla b o ra re p ra tic a -
m ente con q u e sti, in modo da s a p e r s i re g o la re .
A p a rte l ’ideologia, la c a r a tte r is tic a di q u e ste te s ta te ,
è q u ella di u s c ire se n z a c o n trib u ti d e ll’in d u s tria p riv a ta o
sta ta le o p a rtitic a , cio è di e s s e r e «autonom i». T ra n n e un paio
di eccezio n i: su q u este « eccezio n i» , stia m o conducendo a p p ro ­
fondite c o n tro in c h ie ste . Q uindi, p reg h iam o i com pagni che
ne s a p e s s e ro di più, DI SEGNALARCI T U TTE LE CONTRO-
NOTIZIE E LE TRACCE PE R TROVARE NOTIZIE (CON­
C R E T E , PORCODDIO !) A LORO DISPOSIZIONE.

ISAT, c a s e lla p o stale 4096, 20100 MILANO.


E ’ la so la ag en zia di d istrib u z io n e a lte rn a tiv a . F unziona p e r
il c irc u ito delle lib r e r ie : ne c o p re c ir c a 150 s p a r s e in tutta
Italia. C u ra la d is trib u z io n e del BCD di M ilano, RENUDO,
COM, NUOVI T E M PI, IL PANE E LE ROSE, ecc.

CENTRO DI DOCUMENTAZIONE, c a s e lla p o sta le 53, 51100


PISTOIA.
E ’ un c e n tro di s e r v iz i p e r la d iffusione di m a te ria li m i­
lita n ti. Ogni m e se m anda a g li abbonati un b o lle ttin o con d e n tro
le sch ed e e i p re z z i d ei m a te ria li d isp o n ib ili e che può in v ia re
d ire tta m e n te p e r p o sta, p re v io v e rsa m e n to del p re z z o indicato.
I m a te ria li se g n a la ti rig u a rd a n o so p ra ttu tto l ’a re a della
s in is tr a riv o lu z io n a ria , del d is se n so catto lic o e d e lle in iz ia tiv e
a u to g estite di b a se (scu o la, doposcuola, q u a r tie r i e c c .) ed o ra
anche d e lla c o n tro c u ltu ra .
A bbonam ento annuo a l b o llettin o 1000 li r e da v e r s a r e sul
CCP 5/27769 in te sta to a « e d itric e c e n tro d o cu m en tazio n e-
P isto ia» .

INTERNATIONAL ALTERNATIVE PRESS (IAP), via A n fiteatro


9, 20121 M ilano.
D is trib u is c e p e r po sta p u bblicazioni un d erg ro u n d e di c o n ­
78

tro c u ltu ra . C osì: su ric h ie s ta m anda un elen co d e lle p u b b lic a ­


zioni d isp o n ib ili e i p re z z i; avvenuto il v e rsa m e n to con la
sp e c ific a z io n e dei tito li la IAP invia i g io rn a li a c a s a , p e r
posta.

COLLEGAM ENTI INTERNAZIONALI PER IL COMUNISMO


Via T o rin o 77, 20123 MILANO
« T r im e s tr a le di a n a lis i, docum enti n o tizie n e ll’E uropa»

B O LLETTIN O DI CONTROINFORMAZIONE DEMOCRATICA


(BCD) c /o Club T u ra ti Via B re ra 18, 20121 MILANO.
E sc e ogni due m e s i c ir c a e contiene m a te ria li in te r e s s a n ­
tis s im i e u tili su lle « tra m e n e re » , le m anovre re a z io n a rie e
p o liz ie sc h e co n tro la s in is tr a d e m o c ra tic a e di c la s s e , su lle
o p e ra z io n i di co n cen trazio n e d elle te s ta te d ei g io rn a li, su lla
m anipolazione d e lla in form az io n e ecc.
Il BCD ha rip e tu ta m e n te so lle c ita to tu tti i com pagni che hanno
m a te ria li in te re s s a n ti ad in v ia rli a lla red azio n e.
A bbonam ento annuo L. 2.000 da v e r s a r e sul C /C 3/17258
in te sta to a BCD.

COMITATO VIETNAM, Via C e s a re C o rre n ti 11, 20123 MILANO


C u ra la pubblicazione p e rio d ic a di fa s c ic o li. G li u ltim i tito li
sono « G u e rra di popolo nel golfo a ra b ic o » (L. 300), «L e colonie
P o rto g h e si» (L. 300), «La g e stio n e d e lla riu n ific a z io n e d ella
C orea» (L. 300), «C om una B a ire s - te a tro - riv o lu zio n e: una a n a ­
lis i, una p ro p o sta , una p ra tic a » (L. 2.000).
A lle o rg a n iz z a z io n i p o litich e viene p ra tic a ta una rid u zio n e
del 30% su l p rezzo di c o p e rtin a . In o ltre il co m itato m ette a
d isp o sizio n e film , au d io v isiv i e m o s tre fo to g rafich e: l ’elenco
può e s s e r e ric h ie s to a l l ’in d iriz z o di Via C e s a re C o o ren ti 11.
P e r i v e rs a m e n ti c / c / p 3/14421 in te sta to a C om itato V ietnam .

FUORI ! c a s e lla p o stale 147, 10100 TORINO


m e n sile del F ro n te riv o lu z io n a rio O m o se ssu a le Italiano.
A bbonam ento annuo L. 2.000 con vaglia o asseg n o c ir c o la r e .

E F F E , via C am po M arzio 7, 00186 ROMA


g io rn a le fe m m in ista m en sile
A bbonam ento annuo (11 n u m e ri) L. 4.000

SE LA PATRIA CHIAMA, c /o C laudio P in i, c a se lla p o sta le


29 9/8, 35100 PADOVA
« p erio d ico di lo tta e docum entazione s u ll’e s e rc ito »
A bbonam ento annuo L. 1 000 con vaglia o assegno c ir c o la r e
in te sta to a C laudio P in i, via C h ia b re ra 6 /9 , 35100 PADOVA

RENUDO, via M aro n celli 14, 20154 MILANO


« m e n sile di c o n tro c u ltu ra e co n tro in fo rm a z io n e »
A bbonam ento annuo L. 2000 da v e r s a r e sul C /C 3/33838
79

in testato a RENUDO, via M aro n celli 14, 20154 MILANO

ROSSO, via C onca del N aviglio 12, 20123 MILANO


« risu lta to della p ro p o s ta p e r un d iv e rso modo di fa re p o litica»

IL PANE E LE ROSE, c /o C o lleg am en ti in te rn a z io n a li p e r il


com uniSm o, Via T orino 77, 20133 MILANO.

LA VECCHIA TA LPA , c /o GIANCARLO GUERRA, via M oc-


chie 2, 10138 TORINO
M ensile di co n tro in fo rm a z io n e
Un n u m ero 1. 100

IL BUCO, via Adige 11, 70017 PUTIGNANO-BARI


P u b blicazione di co n tro c u ltu ra leg ata al c e n tro di c o n tro -
c u ltu ra IL BUCO di Putignano.

CA’ BALA, via C a lz o la ri 11, 50061 COM PIOBB1-FIRENZE


P ub b licazio n e di g ra fic a s a tir ic a
Un num ero L. 300.

PU ZZ, c /o MAX CAPA, CASELLA POSTALE 395, 20100 MILANO


Pubblicazione di fum etti a lte rn a tiv i r e a liz z a ti col p ro c e ­
dim ento elio g ra fic o ; sono anche m agnifici m a n ife sti m u ra li.
Un num ero L. 300.

CARTA STAMPATA (CS), c /o M ichele M arino, c a s e lla p o ­


s ta le 44, 191Ó0 LA SPEZIA
P u bblicazione m e n sile di c o n tro c u ltu ra
Un num ero L. 200

PRIMO MAGGIO, CALUSCA EDITRICE, c o rs o P o rta T ic in e se ,


20123 MILANO
Pubblicano la collana DOCUMENTO e la riv is ta PRIMO MAG­
GIO Su ric h ie s ta inviano un d ep lian t illu s tra tiv o d elle due
In iziativ e e d ito ria li; ogni fa sc ic o lo d e lla c o llan a, giunta al v en ­
tunesim o n um ero, co sta 400 lire .

CIA COOK BOOK, ARCANA ED ITRICE, v ia G iu lia 167, 00186


ROMA
E ’ il bollettino d e lla c a sa e d itric e , dove ci sono le sched e dei
lib ri p ubblicati e a ltr i m a te ria li in te re s s a n ti. Su ric h ie s ta il
bollettino CIA COOK BOOK viene sp ed ito g ra tis .

ALCUNI INDIRIZZI STRANIERI

BIT FR EE INFORMATION SERVICE, 146 GREAT WESTERN


ROAD, LONDON W. II (tei. 01/2298219).
E ’ il più o rig in a le e im p o rta n te c e n tro a lte rn a tiv o londinese.
F ondam entale p e r q u e lli che capitano a L o n d ra se n za a v e re
80

già dei rife rim e n ti, p e rc h é p re s s o la sed e funziona un se rv iz io


di seg n alazio n i di p o sti dove si può an d a re a d o rm ire e m an g ia ­
r e con poche li r e e anche dove s i può tr o v a re lav o ro . In o ltre
n e lla sed e c ’è anche un tab ello n e pieno zeppo d i m e ssa g g i
u tilis s im i: p e r esem p io di com pagni e fr a te lli ita lia n i che già
sono a L ondra.

BIT pubblica un bo llettin o p e rio d ic o il «B itm an» ric c h is s im o


di c o n tro n o tizie, in d iriz z i, rife rim e n ti a lte rn a tiv i in g le si e e u ­
ro p ei. E pubblica anche dei fa s c ic o li com e «viaggio in India»
e «Viaggio intorno a l l ’A frica» che contengono una m ontagna
di notizie u tili. P e r ric e v e re s ia il b o llettin o che i fa s c ic o li
bisogna m a n d are al BIT un v ag lia in te rn a z io n a le di due o tr e

RELEASE, 1 ELGIN AVENUE? LONDON W9 - T el. 01/2891123,


e m erg en za te i. 01-6038654
E ’ un c e n tro a lte rn a tiv o p e r i p ro b le m i di d ro g a , m ed ici e
so p ra ttu tto legali.

ALTERNATIVE PRESS SYNDACATE, BOX 26, VILLAGE. STA­


TION, NEW YORK N.Y. 10014.
E ’ il sin d acato della stam p a a lte rn a tiv a che ha com e m e m b ri
p ra tic a m e n te tu tte le riv is te e le p u b b licazio n i a lte rn a tiv e
di tutto il mondo. P ubb lica un b o llettin o p e rio d ic o pieno di
n o tizie e sch ed e in te re s s a n tis s im e .