Sei sulla pagina 1di 93

ITA

ISTRUZIONI PER L’USO E LA


MANUTENZIONE

Robot semovente per l’avvolgimento con film plastici estensibili

ROBOT S6
Istruzioni originali
Codice: 3709301825.1
Edizione: 0117

__________ MATRICOLA __________

____________________________________________________________________________________________________________

ATTENZIONE
Leggere e capire le presenti istruzioni per l’uso, prima di utilizzare la macchina.
Conservare il presente libretto per future consultazioni

ROBOPAC S.p.A.
ROBOT S6

Sommario
1. INFORMAZIONI GENERALI
1.1. SCOPO DEL MANUALE
1.2. IDENTIFICAZIONE COSTRUTTORE E MACCHINA
1.3. TERMINI E DEFINIZIONI
1.4. MODALITÀ DI RICHIESTA ASSISTENZA
1.5. DOCUMENTAZIONE ALLEGATA
1.6. COME LEGGERE LE ISTRUZIONI PER L’USO
2. INFORMAZIONI SULLA SICUREZZA
2.1. AVVERTENZE GENERALI DI SICUREZZA
2.2. AVVERTENZE DI SICUREZZA PER MOVIMENTAZIONE E INSTALLAZIONE
2.3. AVVERTENZE DI SICUREZZA PER USO E FUNZIONAMENTO
2.4. AVVERTENZE DI SICUREZZA PER L’USO SCORRETTO
2.4.1. USO SCORRETTO RAGIONEVOLMENTE PREVEDIBILE
2.4.2. OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO
2.5. AVVERTENZE DI SICUREZZA SUI RISCHI RESIDUI
2.6. AVVERTENZE DI SICUREZZA PER REGOLAZIONI E MANUTENZIONE
2.7. AVVERTENZA DI SICUREZZA PER L'EQUIPAGGIAMENTO ELETTRICO
2.8. SEGNALI DI SICUREZZA E DI INFORMAZIONE
2.9. AREE PERIMETRALI
3. INFORMAZIONI TECNICHE
3.1. DESCRIZIONE GENERALE DELLA MACCHINA
3.1.1. CARATTERISTICHE CARRELLO PORTABOBINA
3.2. CICLO DI FUNZIONAMENTO E MODALITÀ DI AVVOLGITURA
3.2.1. CICLO DI FUNZIONAMENTO
3.2.2. MODALITÀ DI AVVOLGITURA
3.3. DESCRIZIONE DISPOSITIVI DI SICUREZZA
3.4. DESCRIZIONE DISPOSITIVI ELETTRICI
3.5. DESCRIZIONE ACCESSORI A RICHIESTA
3.6. DATI TECNICI
3.6.1. DIMENSIONI MACCHINA E BANCALE
3.6.2. CARATTERISTICHE TECNICHE
3.6.3. CARICABATTERIA S.P.E.
3.6.4. CARICABATTERIA NORDELETTRONICA
3.7. DATI TECNICI BOBINA
3.7.1. CARATTERISTICHE BOBINA
3.8. LIVELLO DI RUMOROSITÀ
3.9. CARATTERISTICHE DELL’AMBIENTE DI INSTALLAZIONE
4. INFORMAZIONI SULLA MOVIMENTAZIONE E INSTALLAZIONE
4.1. RACCOMANDAZIONI PER LA MOVIMENTAZIONE E CARICO
4.2. IMBALLO E DISIMBALLO
4.3. CARICO E TRASPORTO
4.4. INSTALLAZIONE PARTI SMONTATE
4.4.1. INSTALLAZIONE (CON COLONNA INCLINATA)
4.4.2. INSTALLAZIONE (CON COLONNA ORIZZONTALE)
4.4.3. INSTALLAZIONE TASTATORE E TIMONE
4.4.4. INSTALLAZIONE TIMONE STERZO ALLEGGERITO (OPZIONALE)
5. INFORMAZIONI SULLE REGOLAZIONI
5.1. RACCOMANDAZIONI PER LE REGOLAZIONI
5.2. REGOLAZIONE “STIRO FILM”

2/93
ROBOT S6

5.3. CARRELLI PORTABOBINA DI TIPO “FRD PER RETE”


5.4. CARRELLI PORTABOBINA DI TIPO "PDS" PER CAMBIARE I RAPPORTI DI PRESTIRO
5.5. REGOLAZIONE DELLA CATENA DI SOLLEVAMENTO DEL CARRELLO PORTABOBINA
5.6. REGOLAZIONE FRENO
5.7. REGOLAZIONE DELLA VELOCITÀ DI RIENTRO DEL TIMONE DIREZIONALE
5.8. REGOLAZIONE ALTEZZA RUOTA TASTATORE
5.9. REGOLAZIONE SPINTA TASTATORE
5.9.1. TASTATORE STANDARD
5.9.2. STERZO ALLEGGERITO (OPZIONALE)
6. INFORMAZIONI SULL’USO
6.1. RACCOMANDAZIONI PER L’USO E FUNZIONAMENTO
6.2. DESCRIZIONE DEI COMANDI
6.3. DESCRIZIONE INTERFACCIA UTENTE
6.3.1. TASTIERA NUMERICA E ALFANUMERICA
6.3.2. FINESTRA DI PROGRAMMAZIONE
6.4. SCHERMATA “HOME”
6.5. SCHERMATA “MOVIMENTAZIONE MANUALE”
6.6. SCHERMATA “RICETTE”
6.6.1. SCHERMATA “COPIA RICETTA”
6.6.2. SCHERMATA “COPIA LIVELLO”
6.6.3. SCHERMATA“TRASFERIMENTO DATI”
6.7. SCHERMATA “CICLO DI AVVOLGITURA”
6.8. SCHERMATA “PARAMETRI GENERALI”
6.9. SCHERMATA “CONTATORI DI PRODUZIONE (PALLETS)”
6.10. SCHERMATA “IMPOSTAZIONI H.M.I.”
6.11. SCHERMATA “MODIFICA PASSWORD”
6.12. SCHERMATA “INSERIMENTO PASSWORD (LOGIN UTENTE)”
6.13. SCHERMATA “SERVICE”
6.14. SCHERMATA AVVOLGITURA CON “CICLI SPECIALI”
6.15. PROGRAMMAZIONE NUOVA RICETTA
6.16. AVVIAMENTO E ARRESTO AVVOLGITURA
6.17. RIFORNIMENTO DI BOBINA FILM
6.18. REGOLAZIONE TAGLIO
6.19. MODALITÀ CARICA BATTERIA
7. INFORMAZIONI SULLE MANUTENZIONI
7.1. RACCOMANDAZIONI PER LA MANUTENZIONE
7.2. TABELLA INTERVALLI DI MANUTENZIONE
7.3. SCHEMA PUNTI DI LUBRIFICAZIONE
7.4. TABELLA LUBRIFICANTI
8. INFORMAZIONI SUI GUASTI
8.1. ELENCO DEI MESSAGGI DI ALLARME E INFORMAZIONE
9. INFORMAZIONI SULLE SOSTITUZIONI
9.1. RACCOMANDAZIONI PER LA SOSTITUZIONE DI PARTI DI MACCHINA
9.2. SOSTITUZIONE BATTERIA
9.3. ELENCO RICAMBI CONSIGLIATI
9.4. DISMISSIONE E ROTTAMAZIONE MACCHINA
9.4.1. DISMISSIONE MACCHINA
9.4.2. ROTTAMAZIONE MACCHINA
10. ALLEGATI
10.1. CONDIZIONI DI GARANZIA
10.2. MANUALE OPERATIVO CARICABATTERIE S.P.E.
10.3. MANUALE OPERATIVO CARICABATTERIE NORDELETTRONICA

3/93
ROBOT S6

10.4. DOCUMENTAZIONE BATTERIA ENERSYS


10.5. DOCUMENTAZIONE BATTERIA EXIDE
10.6. DOCUMENTAZIONE BATTERIA MIDAC
10.7. DICHIARAZIONE “CE” DI CONFORMITÀ

4/93
ROBOT S6

1. INFORMAZIONI GENERALI

1.1. SCOPO DEL MANUALE


‒ Il manuale, che è parte integrante della macchina, ha lo scopo di trasferire all’operatore le “Istruzioni
per l’uso” per prevenire e minimizzare i rischi durante l’interazione uomo–macchina.
Le informazioni sono state scritte dal Costruttore nella propria lingua originale (Italiano)
con il principio della scrittura professionale e in conformità alle norme vigenti.
Per facilitare la lettura e la comprensione delle informazioni, sono stati adottati i principi di
comunicazione più adeguati alle caratteristiche dei destinatari.
Le informazioni possono essere tradotte in altre lingue per soddisfare le esigenze legislative
e/o commerciali.
Le traduzioni dei manuali vanno effettuate direttamente, senza alterazioni, dai testi delle
istruzioni originali.
Ogni traduzione (anche quella realizzata dal mandatario o da chi immette la macchina nella
zona linguistica in questione) deve riportare la dicitura “traduzioni delle istruzioni
originali”.
‒ Conservare questo manuale per tutta la durata di vita della macchina in un luogo noto e facilmente
accessibile, per averlo sempre a disposizione nel momento in cui è necessario consultarlo.
‒ Per rintracciare facilmente gli argomenti specifici di interesse, consultare il sommario.
‒ Alcune informazioni potrebbero non corrispondere completamente all’effettiva configurazione della
macchina consegnata.
‒ Le informazioni supplementari, eventualmente inserite, non influenzano la leggibilità e non
pregiudicano il livello di sicurezza.
‒ Il Costruttore si riserva il diritto di apportare modifiche alle informazioni senza l’obbligo di comunicarlo
preventivamente, purché tali modifiche non alterino il livello di sicurezza.
‒ Ogni segnalazione da parte dei destinatari può essere un importante contributo per il miglioramento dei
servizi post-vendita che il costruttore intende offrire ai propri clienti.
‒ Per evidenziare parti di testo o specifiche importanti, vengono adottati i simboli di seguito raffigurati e
descritti.

i Pericolo – attenzione
Il simbolo indica situazioni di grave pericolo che, se trascurate, possono mettere seriamente a rischio la salute
e la sicurezza delle persone.

i Cautela – avvertenza
Il simbolo indica che è necessario adottare comportamenti adeguati per non mettere a rischio la salute e la
sicurezza delle persone e non provocare danni economici.

| Importante
Il simbolo indica informazioni tecniche ed operative di particolare importanza da non trascurare.

1.2. IDENTIFICAZIONE COSTRUTTORE E MACCHINA


La targhetta di identificazione raffigurata, è applicata direttamente sulla macchina. In essa sono riportati i
riferimenti e tutte le indicazioni indispensabili alla sicurezza di esercizio.

5/93
ROBOT S6

A) Modello macchina.
B) Numero di matricola macchina.
C) Anno di costruzione.
D) Tensione alimentazione elettrica.
E) Frequenza alimentazione elettrica.
F) Fasi alimentazione elettrica.
G) Corrente elettrica assorbita.
H) Potenza elettrica installata.
L) Consumo aria.
M) Pressione max․ alimentazione aria.
N) Peso della macchina.
P) Identificazione del Costruttore.

1.3. TERMINI E DEFINIZIONI


Vengono descritti alcuni termini ricorrenti all’interno del manuale in modo da fornire una visione più completa
del loro significato.
‒ Manutenzione ordinaria.
Insieme delle operazioni necessarie a conservare la funzionalità e l’efficienza della macchina.
Normalmente queste operazioni vengono programmate dal Costruttore, che definisce le competenze
necessarie e le modalità di intervento.
‒ Manutenzione straordinaria.
Insieme delle operazioni necessarie a conservare la funzionalità e l’efficienza della macchina. Queste
operazioni non sono programmate dal Costruttore e devono essere eseguite dal manutentore.
‒ Operatore.
Persona scelta e autorizzata fra coloro che hanno i requisiti, le competenze e le informazioni necessarie
all’uso ed alla manutenzione ordinaria della macchina.
‒ Manutentore.
Tecnico scelto ed autorizzato fra coloro che hanno i requisiti per eseguire interventi di manutenzione
ordinaria e straordinaria sulla macchina. Egli deve perciò possedere precise informazioni e competenze
con particolari capacità nel settore di intervento.
‒ Addestramento.
Processo formativo per trasferire al nuovo operatore le conoscenze, le abilità e i comportamenti
necessari per interagire con la macchina in modo autonomo, conveniente, corretto e privo di rischi.
‒ Installatore.
Tecnico scelto e autorizzato dal Costruttore o dal suo mandatario, fra coloro che hanno i requisiti per
eseguire l’installazione ed il collaudo della macchina o dell’impianto in questione.
‒ Responsabile di produzione.
Tecnico qualificato, con esperienza e competenza nel campo dei macchinari per il settore di riferimento.
Il responsabile di produzione, in base alle esigenze produttive, può usare direttamente la macchina o
selezionare l’operatore a cui affidare l’incarico.

6/93
ROBOT S6

1.4. MODALITÀ DI RICHIESTA ASSISTENZA


La rete di distribuzione ROBOPAC è, da questo momento, al vostro servizio per qualunque problema di
assistenza tecnica, parti di ricambio e per qualunque nuova esigenza che possa far sviluppare la vostra
attività.
Per ogni richiesta di assistenza tecnica, indicare i dati riportati sulla targhetta di identificazione, le ore
approssimative di utilizzo e il tipo di difetto riscontrato.
Per qualsiasi esigenza rivolgersi ad uno dei centri autorizzati oppure direttamente all’indirizzo indicato.

ROBOPAC S.p.A
VIA FABRIZIO DA MONTEBELLO, 81
47892 GUALDICCIOLO, REPUBBLICA S. MARINO (RSM)
Telefono 0549 (international ++378) 910511
Fax 0549/908549 - 905946
http://www.aetnagroup.com

1.5. DOCUMENTAZIONE ALLEGATA


La macchina, salvo diversi accordi commerciali, viene equipaggiata con la documentazione elencata.
‒ Dichiarazione “CE” di conformità.
‒ Condizioni di garanzia.
‒ Manuale d’uso del carica batteria S.P.E. (Lingua Italiano e Inglese).
‒ Manuale d’uso del carica batteria NORDELETTRONICA (Italiano, Inglese, Francese, Tedesco,
Spagnolo).
‒ Documentazione batteria (Lingua Italiano e Inglese).
‒ Manuali dispositivi commerciali installati (se necessari per l’uso della macchina).
‒ Istruzioni per il disimballo e l’installazione.
‒ Guida rapida per avvio veloce.
‒ Chiave USB che contiene le informazioni elencate.
- Manuale d’uso e manutenzione tradotto in varie lingue.
- Catalogo parti di ricambio.
- Software programmazione macchina.
- Schemi elettrici.

1.6. COME LEGGERE LE ISTRUZIONI PER L’USO


Il manuale è suddiviso in capitoli, ciascuno dei quali descrive una specifica categoria di informazioni.

Ogni operatore che interagisce con la macchina, oltre a leggere tutta la documentazione, dovrà leggere e
apprendere le informazioni che rientrano nella sua competenza operativa.

Riferirsi alla sigla che precede il titolo dei capitoli presenti nel sommario, per ricercare gli argomenti da
consultare.
Le presenti istruzioni sono il risultato di un sistema automatico di assemblaggio di testo e illustrazioni, è quindi
possibile che in corrispondenza dei cambi pagina, si riscontrino interruzioni nel flusso di testo e tabelle.

Conservare questo manuale per tutta la durata di vita della macchina in un luogo noto e
facilmente accessibile, per averlo sempre a disposizione nel momento in cui è necessario
consultarlo.

Conservare le istruzioni per l’uso e la documentazione allegata per future consultazioni.

7/93
ROBOT S6

2. INFORMAZIONI SULLA SICUREZZA

2.1. AVVERTENZE GENERALI DI SICUREZZA


‒ Leggere attentamente le “Istruzioni per l’uso” riportate nel manuale e quelle applicate direttamente
sulla macchina.
È importante dedicare un po’di tempo alla lettura delle “Istruzioni per l’uso” al fine di minimizzare i
rischi ed evitare spiacevoli incidenti.
‒ L’operatore, prima di interagire con la macchina, deve accertarsi di aver compreso il contenuto delle
“Istruzioni per l’uso”.
‒ Prestare attenzione alle avvertenze di sicurezza, non adottare usi impropri e valutare i rischi residui che
potrebbero sussistere.
‒ La prudenza è insostituibile.
La sicurezza è anche nelle mani di coloro che interagiscono con la macchina nell’arco della vita
prevista.
Alcune volte, gli incidenti possono dipendere da un uso “disattento” della macchina da
parte dell’operatore.
È sempre troppo tardi ricordarsi di quello che si sarebbe dovuto fare quando ciò è già
accaduto.
‒ Mantenere leggibili i segnali di informazione e rispettare le indicazioni riportate.
I segnali di informazione possono essere di forme e colori differenti, per segnalare pericoli, obblighi,
divieti e indicazioni.
‒ In fase di progettazione il Costruttore, oltre al rispetto delle leggi vigenti, ha adottato tutte le “regole
della buona tecnica di costruzione”.
La macchina è stata progettata per essere costruita ed equipaggiata con dispositivi che rendano la
sicurezza intrinseca.
La manomissione e l’elusione dei dispositivi di sicurezza può recare rischi (anche gravi) per gli
operatori.
‒ Il personale autorizzato ad effettuare una qualsiasi operazione sulla macchina deve avere esperienze
acquisite e riconosciute nel settore di intervento.
‒ Il Costruttore non risponde di eventuali danni al prodotto alloggiato nelle confezioni durante
la fase di avvolgimento e stabilizzazione e nelle successive fasi di vita.

La non osservanza delle informazioni riportate può comportare rischi per la sicurezza e la
salute delle persone e può arrecare danni economici.

2.2. AVVERTENZE DI SICUREZZA PER MOVIMENTAZIONE E


INSTALLAZIONE
‒ Il personale autorizzato alla movimentazione della macchina (carico e scarico) deve avere competenze
tecniche e capacità professionali riconosciute.
‒ Effettuare la movimentazione (carico e scarico) secondo le informazioni riportate direttamente sulla
macchina, sull’imballo e nel manuale d’uso.
‒ In fase di movimentazione, se le condizioni lo richiedono, avvalersi di uno o più aiutanti. Ciò può
comportare rischi non previsti.
Per minimizzare i rischi legati al coinvolgimento di aiutanti, è necessario informarli preventivamente sul
lavoro da svolgere e sui comportamenti da adottare.
‒ La movimentazione con l’ausilio di mezzi (gru, carrello elevatore, ecc․) va effettuata da personale in
grado di manovrarli in condizioni di sicurezza.
‒ Inserire e/o ancorare i dispositivi (ganci, forche, ecc․) solo nei punti previsti sull’imballo e/o sulla
macchina, quando si usano i mezzi di sollevamento.
‒ Effettuare il trasporto con mezzi idonei e di portata adeguata.
‒ Assicurarsi che la macchina e i suoi componenti siano adeguatamente ancorati al mezzo di trasporto.

8/93
ROBOT S6

Verificare e predisporre le opportune segnalazioni, se la sagoma della macchina supera gli ingombri
ammessi alla circolazione stradale.
‒ La temperatura minima e massima (durante il trasporto e/o l’immagazzinamento) deve rimanere entro i
limiti consentiti per non danneggiare i componenti elettrici.
‒ Installare la macchina in ambienti (artigianali e industriali) con una superficie piana e non sconnessa per
muoversi agevolmente attorno al bancale.
‒ Smaltire tutti i componenti di imballo nel rispetto delle leggi vigenti nel Paese di installazione della
macchina.
La non osservanza delle informazioni riportate può comportare rischi per la sicurezza e la
salute delle persone e può arrecare danni economici.

2.3. AVVERTENZE DI SICUREZZA PER USO E FUNZIONAMENTO


‒ L’operatore deve essere addestrato, avere capacità adeguate al lavoro da svolgere ed essere in
condizioni idonee per usare la macchina in sicurezza.
‒ L’operatore, al primo uso della macchina, deve leggere il manuale, individuare le funzioni dei comandi e
simulare alcune manovre, in particolare l’avvio e l’arresto.
‒ La macchina è stata progettata e costruita per soddisfare tutte le condizioni operative indicate dal
Costruttore.
‒ Usare la macchina solo per gli usi e con le modalità previste dal Costruttore.
Utilizzare la macchina solo con i dispositivi di sicurezza originali installati dal Costruttore.
‒ Indossare sempre i Dispositivi di Protezione Individuali indicati nelle “Istruzioni per l’uso” e quelli
previsti dalle leggi vigenti in materia di sicurezza sul lavoro.
‒ Mantenere sempre gli spazi perimetrali in condizioni idonee e senza ostacoli per assicurare il corretto
funzionamento della macchina.
‒ La macchina deve essere utilizzata da un solo operatore, incaricato ed autorizzato dal datore di lavoro.

La non osservanza delle informazioni riportate può comportare rischi per la sicurezza e la
salute delle persone e può arrecare danni economici.

2.4. AVVERTENZE DI SICUREZZA PER L’USO SCORRETTO


Leggere attentamente le avvertenze indicate di seguito.

2.4.1.USO SCORRETTO RAGIONEVOLMENTE PREVEDIBILE


‒ L’uso scorretto ragionevolmente prevedibile è: “l’uso della macchina in modo diverso da quello indicato
nel manuale d’uso, che può derivare dal comportamento umano facilmente prevedibile”.
La macchina deve essere utilizzata solo per avvolgere e stabilizzare prodotti alloggiati in
confezioni (scatole, contenitori per liquidi, ecc․) di forma regolare o comunque di forma tale
da consentire una pallettizzazione stabile.
Le confezioni che contengono liquidi o materiali inconsistenti devono avere caratteristiche
adeguate al prodotto ed essere perfettamente chiuse e sigillate, per evitare che il
contenuto possa fuoriuscire.
‒ Non utilizzare la macchina con i dispositivi di sicurezza non perfettamente installati ed efficienti.
‒ Non manomettere, non eludere, non eliminare o bypassare i dispositivi di sicurezza installati sulla
macchina.
‒ Non modificare in alcun modo le caratteristiche costruttive e funzionali della macchina.
‒ Non utilizzare la macchina in ambienti esposti ad agenti atmosferici, sostanze corrosive o con il rischio
di esplosione e/o incendio.
‒ Non utilizzare la macchina come mezzo per trasportare cose o persone.
‒ Non utilizzare la macchina per avvolgere e stabilizzare esseri viventi (ad esempio animali e persone).
‒ Non effettuare l’avvolgitura di prodotti sfusi, di forma irregolare e non adeguatamente raccolti, per
evitare la palletizzazione non adeguata.
‒ Non usare la macchina con materiale di avvolgitura diverso da quello previsto dal Costruttore.
‒ Non eccedere nello stiro o prestiro del film e non effettuare l’avvolgimento con un numero eccessivo di
fasciature, per evitare di danneggiare le confezioni e i prodotti contenuti.

9/93
ROBOT S6

‒ Non usare la macchina su superfici sconnesse o inclinate.


‒ Non usare o far usare la macchina per fini e con modalità non previste dal Costruttore.
‒ Non fare mai usare la macchina ad operatori non adeguatamente addestrati, documentati ed
autorizzati.
‒ Non utilizzare la macchina come dispositivo di sollevamento o come piano di appoggio per attività
lavorative (ad esempio banco da lavoro).
‒ Non usare mai la macchina se gli interventi di manutenzione programmata non sono stati regolarmente
effettuati.
‒ Non continuare ad utilizzare la macchina se si riscontrano anomalie. Arrestarla immediatamente e
riavviarla solo dopo aver ripristinato le condizioni normali d’uso.
‒ Non effettuare interventi diversi da quelli indicati nel manuale d’uso senza espressa autorizzazione del
Costruttore.
‒ Non effettuare mai alcun intervento con la macchina in funzione, ma solo dopo averla arrestata in
condizioni di sicurezza.
‒ Non pulire o lavare la macchina con prodotti aggressivi per non danneggiare i componenti.
‒ Non sostituire i componenti con ricambi non originali o con caratteristiche progettuali e costruttive
diverse.
‒ Non abbandonare la macchina o non lasciarla incustodita al termine dell’attività produttiva senza averla
arrestata in condizioni di sicurezza.
‒ Non far transitare o sostare persone nel raggio di azione della macchina durante le fasi di avvolgitura.

2.4.2.OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO


‒ L’operatore deve dimostrare di avere competenze adeguate e deve essere in condizioni idonee per
svolgere le attività in condizioni di sicurezza.
‒ Il datore di lavoro deve informare l’operatore sugli usi scorretti ragionevolmente prevedibili e sui rischi
residui che permangono.
‒ L’operatore deve essere in grado di leggere e comprendere il manuale d’uso e deve sapere riconoscere
i segnali di sicurezza.
Il datore di lavoro dovrebbe documentare adeguatamente l’addestramento effettuato agli
operatori, in modo da poterlo esibire in caso di contenzioso.

2.5. AVVERTENZE DI SICUREZZA SUI RISCHI RESIDUI


Il Costruttore, in fase di progettazione e costruzione, ha posto particolare attenzione ai rischi residui che
possono compromettere la sicurezza e la salute degli operatori.
I rischi residui sono: “tutti i rischi che permangono malgrado nella fase di progettazione siano state adottate
ed integrate tutte le soluzioni di sicurezza”.
L’elenco riporta i rischi residui tipici di questo tipo di macchine.

‒ Pericolo di tranciamento arti


superiori
Non introdurre le mani all’interno di
organi in movimento.

10/93
ROBOT S6

‒ Pericolo di schiacciamento arti


superiori
Per chiudere il carter copri batteria
abbassarlo lentamente ed evitare di
interporre le mani.

‒ Pericolo di schiacciamento del corpo


Non sostare nella zona operativa della
macchina.

‒ Pericolo di schiacciamento del corpo


Non sostare nella zona operativa della
macchina.

2.6. AVVERTENZE DI SICUREZZA PER REGOLAZIONI E MANUTENZIONE


‒ Mantenere la macchina in condizioni di massima efficienza ed effettuare la manutenzione programmata
secondo la frequenza e le modalità indicate dal Costruttore.
Una buona manutenzione consentirà di mantenere nel tempo le prestazioni, una più lunga durata di
esercizio e un livello costante dei requisiti di sicurezza.
‒ Attivare tutti i dispositivi di sicurezza della macchina, prima di effettuare gli interventi di manutenzione
e regolazione.
‒ Segnalare le zone limitrofe e predisporre adeguate condizioni di sicurezza, in conformità alle leggi sul
lavoro, per prevenire e minimizzare i rischi.
‒ Gli interventi di manutenzione in zone non facilmente accessibili o pericolose vanno effettuati dopo aver
predisposto le condizioni necessarie.
‒ Il personale autorizzato alla manutenzione ordinaria della macchina (regolazioni, sostituzioni, ecc․) deve
avere competenze tecniche e capacità professionali riconosciute.
‒ Indossare i Dispositivi di Protezione Individuali previsti dalle leggi sul lavoro, indicati nelle “Istruzioni per
l’uso” e/o sulla macchina.

11/93
ROBOT S6

‒ Sostituire i componenti solo con ricambi originali o con caratteristiche progettuali e funzionali uguali.
L’uso di ricambi simili ma non originali può portare a riparazioni non conformi, prestazioni alterate e
danni economici.
I componenti e/o i dispositivi di sicurezza vanno sostituiti solo con ricambi originali per non
alterare il livello di sicurezza previsto.
‒ Usare i lubrificanti (oli e grassi) consigliati dal Costruttore o lubrificanti con caratteristiche chimico–
fisiche uguali.
‒ Non disperdere nell’ambiente liquidi inquinanti, parti usurate e residui di manutenzione.
‒ Selezionare i componenti in base alle caratteristiche chimiche e fisiche del materiale ed effettuare lo
smaltimento differenziato secondo le leggi vigenti.
‒ Tutti gli interventi di manutenzione straordinaria vanno effettuati solo da operatori autorizzati, con
esperienza riconosciuta e acquisita nel settore di intervento.
La non osservanza delle informazioni riportate può comportare rischi per la sicurezza e la
salute delle persone e può arrecare danni economici.

2.7. AVVERTENZA DI SICUREZZA PER L'EQUIPAGGIAMENTO ELETTRICO


L’equipaggiamento elettrico è stato progettato e costruito secondo quanto previsto dalle norme vigenti in
materia.
Queste norme tengono in considerazione le condizioni di funzionamento in base all’ambiente circostante.
L’elenco riporta le condizioni necessarie per il corretto funzionamento dell’equipaggiamento elettrico.
― La temperatura ambientale deve essere compresa tra 5°C e 40°C.
― L’umidità relativa deve essere compresa tra il 50% (rilevata a 40°C) e il 90% (rilevata a 20°C).
― L’ambiente di installazione deve essere immune e non deve essere fonte di disturbi elettromagnetici e
di radiazioni (raggi x, laser, ecc․).
― L’ambiente non deve presentare zone con concentrazione di gas e polveri potenzialmente esplosivi e/o
a rischio di incendio.
― I prodotti e i materiali utilizzati durante l’attività produttiva e le fasi di manutenzione non devono
contenere agenti contaminanti e corrosivi (acidi, sostanze chimiche, sali, ecc․) e non devono poter
penetrare e/o venire in contatto con i componenti elettrici.
― Durante le fasi di trasporto ed immagazzinamento la temperatura dell’ambiente deve essere compresa
fra - 25°C e 55°C.
― L’equipaggiamento elettrico può comunque essere esposto ad una temperatura fino a 70°C, purché il
tempo di esposizione non sia superiore a 24 ore.
― L’equipaggiamento elettrico funziona correttamente fino a 1000 m di altitudine sul livello del mare.
Se non è possibile rispettare una o più condizioni fra quelle elencate, indispensabili per il corretto
funzionamento dell’equipaggiamento elettrico, è necessario concordare fin dalla fase contrattuale
quali soluzioni supplementari adottare, per creare le condizioni più adeguate (ad esempio,
componenti elettrici specifici, apparecchi di condizionamento, ecc․).

2.8. SEGNALI DI SICUREZZA E DI INFORMAZIONE


L’illustrazione indica la posizione dei segnali di sicurezza ed informazione applicati sulla macchina.

12/93
ROBOT S6

Per ogni segnale è riportata la relativa descrizione.

A) Segnale di avvertenza: indica che “la ricarica della batteria deve essere effettuata in un apposito locale
ben ventilato e fuori dall’ ambiente di lavoro”.
B) Segnale di divieto: non intervenire sul componente con le mani.
C) Segnale di avvertenza: indica il peso del componente.
D) Segnale di avvertenza: indica le viti che vanno bloccate dopo il sollevamento del palo.
E) Segnale di avvertenza: indica di ricaricare le batterie di accumulatori dopo ogni periodo di inattività
prolungata.
F) Segnale di informazione (applicato in fase di trasporto): fornisce le controindicazioni e indica come
predisporre la macchina all’uso dopo la fase di trasporto.
G) Segnale di informazione (applicato in fase di trasporto): indica come smontare il bancale dalla
macchina.
H) Segnale di informazione (applicato in fase di trasporto): indica le condizioni per il sollevamento della
colonna.
L) Segnale di informazione: indica i punti di sollevamento con dispositivo a forche.
M) Segnale di informazione: indica i punti di sollevamento con dispositivo a gancio.
N) Segnale di pericolo elettrico: non accedere alla zona per evitare rischi di shock elettrico o folgorazione.
P) Segnale di pericolo: non toccare la zona per evitare rischi di scottatura.
Q) Leggere attentamente il manuale prima di effettuare qualsiasi tipo di intervento.
R) Segnale di regolazione: indica come regolare la spinta del tastatore.
(Opzionale).

13/93
ROBOT S6

| Importante
Assicurarsi che le targhette siano ben leggibili; in caso contrario, effettuare la sostituzione e riposizionarle
nello stesso punto d’origine.

2.9. AREE PERIMETRALI


L’illustrazione riporta le aree perimetrali di lavoro della macchina.

A) Zona operativa della macchina.


B) Zona perimetrale.

14/93
ROBOT S6

3. INFORMAZIONI TECNICHE

3.1. DESCRIZIONE GENERALE DELLA MACCHINA


‒ Il robot, serie S6, è una macchina semiautomatica semovente per avvolgere e stabilizzare carichi
pallettizzati con film estensibile.
‒ La macchina va utilizzata in ambienti (artigianali e industriali, al riparo dagli agenti atmosferici) con una
superficie piana e non sconnessa per muoversi agevolmente attorno al bancale.
È richiesto un solo operatore per avvicinare la macchina al bancale, annodare il film, effettuare il taglio
al termine dell’avvolgitura e il rifornimento bobina.
‒ Il taglio del film viene effettuato automaticamente alla fine di ogni ciclo di avvolgitura, se la
macchina è equipaggiata con dispositivo di taglio automatico.
‒ Per l’avvolgimento dei carichi si utilizzano bobine di pellicola estensibile, rintracciabili sul mercato.
‒ La macchina deve essere utilizzata solo per avvolgere e stabilizzare prodotti alloggiati in confezioni
(scatole, contenitori per liquidi, ecc․) di forma regolare o comunque di forma tale da consentire una
pallettizzazione stabile.
‒ Le confezioni che contengono liquidi o materiali inconsistenti devono avere caratteristiche adeguate al
prodotto ed essere perfettamente chiuse e sigillate, per evitare che il contenuto possa fuoriuscire.
‒ La macchina è dotata di una serie di dispositivi di sicurezza al fine di evitare pericoli all’operatore e alle
persone che interagiscono con la macchina stessa.
‒ La struttura della macchina è predisposta con sedi per il sollevamento (lato destro, sinistro e lato
colonna) con l’uso di un dispositivo a forche.
È assolutamente vietato l’uso di questa macchina in ambienti esplosivi o esposti agli agenti
atmosferici.
‒ La macchina è costruita in più modelli per soddisfare le diverse esigenze di mercato.

15/93
ROBOT S6

L’elenco riporta la descrizione dei componenti e le funzioni principali.

A) Colonna di scorrimento: serve per la movimentazione verticale del carrello porta bobina.
B) Carrello porta bobina: è realizzato con diversi sistemi di stiro e prestiro del film bobina.
Per maggiori dettagli consultare la tabella “caratteristiche carrello porta bobina”.
La movimentazione verticale è attivata dal motoriduttore (C), azionato da un motore elettrico
alimentato dalle batterie (P).
D) Ruota motrice: è azionata dal motore elettrico (F), alimentato dalla batteria (P), ed è equipaggiata con
freno elettromagnetico.
Il freno elettromagnetico blocca la ruota motrice se l’alimentazione delle batterie viene interrotta per
un’avaria (ad esempio rottura di un elemento) oppure quando si arresta la macchina (emergenza o Stop
ciclo).
Con ruota motrice bloccata, è possibile spostare la macchina per brevi tratti con l’uso del ruotino di
soccorso (G).
E) Ruota folle: è installata in asse con la ruota motrice (D).
G) Ruotino di soccorso: tramite il volantino (H), serve per sollevare, in caso di blocco, la ruota motrice (D)
dal pavimento al fine di spostare la macchina per brevi tratti.
M) Timone: è equipaggiato con le ruote direzionali (L) e serve per movimentare manualmente la macchina.
N) Tastatore: serve per seguire il perimetro del bancale durante le fasi di avvolgitura.
P) Batterie di accumulatori: alimentano i motori elettrici e il circuito elettrico.
Q) Paraurti emergenza: è un dispositivo di sicurezza che, in caso di urto, arresta la macchina.
Per maggiori dettagli consultare il paragrafo “descrizione dispositivi di sicurezza”.
R) Quadro comandi: è equipaggiato con comandi elettromeccanici e con un display touchscreen per
programmare i parametri di avvolgitura.
S) Caricabatteria: è di tipo elettronico e serve per effettuare la ricarica delle batterie di accumulatori.

16/93
ROBOT S6

3.1.1.CARATTERISTICHE CARRELLO PORTABOBINA

Tipo carrello Caratteristiche generali


portabobina
FRD Carrello portabobina tipo FRD e “FRD per rete” con rullo frizionato,
freno meccanico e regolazione manuale dello stiro film.
FR Carrello portabobina tipo FR con rullo frizionato, freno
elettromagnetico e regolazione stiro film dal quadro comandi.
PDS Carrello portabobina tipo PDS; con rulli di prestiro motorizzati e
tensionamento del film controllato elettronicamente.
Il prestiro è regolabile da quadro comandi (0%÷250%).
PVS Carrello portabobina tipo PVS: con rulli di prestiro a doppia
motorizzazione e tensionamento del film controllato elettronicamente.
Il prestiro è regolabile da quadro comandi (0%÷400%).

3.2. CICLO DI FUNZIONAMENTO E MODALITÀ DI AVVOLGITURA


L’illustrazione raffigura il ciclo di funzionamento con una breve descrizione e le modalità di avvolgitura (singola
e doppia).

3.2.1.CICLO DI FUNZIONAMENTO
‒ Fase 1
L’operatore avvicina la macchina fino ad appoggiare la ruota tastatore al bancale, annoda l’estremità
del film al bancale e avvia il ciclo di avvolgimento.
‒ Fase 2
La macchina gira in senso orario intorno al bancale, mentre il carrello porta bobina si alza e svolge il
film in base ai parametri impostati.
‒ Fase 3
Al completamento dell’avvolgitura, la macchina si arresta.
Effettuare il taglio del film (manuale o automatico) e poi avviarla per avvolgere il bancale successivo.

3.2.2.MODALITÀ DI AVVOLGITURA

17/93
ROBOT S6

‒ Avvolgitura singola: inizia alla base del


bancale (con fasciature di
stabilizzazione) e termina nella parte
superiore dopo aver completato la
fasciatura di chiusura.
Per iniziare una nuova fase di avvolgitura
dalla base, è necessario abbassare il
carrello porta bobina tramite i comandi
manuali.
1) START
2) Stop

‒ Avvolgitura doppia: inizia alla base del


bancale (con fasciature di
stabilizzazione) e lo avvolge fino alla
parte superiore.
Al completamento del rinforzo superiore,
l’ avvolgitura continua verso il basso e si
arresta dopo la fasciatura di chiusura.
1) START
Stop

‒ Avvolgitura doppia con mettifoglio: inizia


alla base del bancale (con fasciature di
stabilizzazione) e si ferma
momentaneamente nella parte
superiore.
Dopo l’inserimento del foglio di copertura
(TOP), l’operatore deve attivare il
comando per riavviare l’avvolgitura.
Al completamento del rinforzo superiore,
l’ avvolgitura continua verso il basso e si
arresta dopo la fasciatura di chiusura.
1) START
Stop
2) START
Stop

18/93
ROBOT S6

3.3. DESCRIZIONE DISPOSITIVI DI SICUREZZA


L’illustrazione raffigura la posizione dei dispositivi e l’elenco riporta la descrizione e la loro funzione.

A) Paraurti emergenza: in caso di urto con un ostacolo arresta l’avanzamento della macchina e la fase di
avvolgitura.
Rimuovere l’ostacolo, tagliare il film e premere il comando per resettare la macchina.
Avviare nuovamente la macchina per rifare l’avvolgitura, quando il carrello porta bobina ha raggiunto la
posizione di partenza.
Per maggiori dettagli consultare il paragrafo “Avviamento e arresto avvolgitura”.
B) Pulsante arresto di emergenza: serve per arrestare con un’ azione volontaria, in caso di rischio
imminente, gli organi della macchina che possono costituire un rischio.
Il comando deve rimanere “in blocco” fino a quando non sono state ripristinate le normali condizioni di
esercizio.
Ripristinare le normali condizioni di esercizio, tagliare il film, sbloccare il pulsante e premere il comando
per resettare la macchina.
Avviare nuovamente la macchina per rifare l’avvolgitura, quando il carrello porta bobina ha raggiunto la
posizione di partenza.
Per maggiori dettagli consultare il paragrafo “Avviamento e arresto avvolgitura”.
C) Segnalatore luminoso (luce arancione): segnala che la macchina è in funzione.
D) Avvisatore acustico: segnala l’inizio del ciclo di avvolgitura.

19/93
ROBOT S6

3.4. DESCRIZIONE DISPOSITIVI ELETTRICI


L’illustrazione indica la posizione dei dispositivi sulla macchina.

A) Motore elettrico: aziona la ruota motrice.


B) Motoriduttore: attiva la movimentazione del carrello portabobina.
C) Batterie di accumulatori: alimentano i motori elettrici e il circuito elettrico.
D) Sensore: è equipaggiato con una ruota fonica e rileva la velocità di movimentazione del carrello porta
bobina.
E) Sensore “conta spigoli”: rileva la quantità dei giri di avvolgitura effettuati.
F) Microinterruttore: si attiva e abilita l’arresto dell’avanzamento macchina quando il paraurti urta contro
un ostacolo.
G) Microinterruttore finecorsa carrello: è attivato quando il carrello portabobina raggiunge l’ altezza
minima e massima di avvolgitura.
H) Fotocellula: rileva l’ altezza e la presenza del carico da avvolgere.
L) Frizione elettromagnetica: attiva e disattiva il rullo di prestiro per mantenere costante la tensione del
film.
Informazioni valide solo per carrelli porta bobina di tipo "PDS".
M) Sensore “cella di carico”: rileva la tensione del film e abilita la variazione della velocità dei rulli di
prestiro.
N) Motore elettrico: aziona i rulli di prestiro.
O) Sensore “timone basso”: rileva il timone in posizione bassa.

| Importante
Per maggiori dettagli consultare lo schema elettrico.

20/93
ROBOT S6

3.5. DESCRIZIONE ACCESSORI A RICHIESTA


Per aumentare le prestazioni e la versatilità della macchina, il Costruttore rende disponibili gli accessori di
seguito indicati.

‒ Ruote antimacchia:
Ruote in materiale che riduce la formazione di segni sulla pavimentazione.

‒ Kit batterie supplementari: è equipaggiato con un dispositivo di ricarica, due batterie e due cestelli di
contenimento batterie.
Il kit consente di sostituire il cestello delle batterie scariche con il cestello delle batterie messe in
ricarica, per ridurre il fermo dell’attività di avvolgitura.
‒ Albero portabobina: è realizzato per utilizzare bobine film con diametro dell’anima diverso da quello
standard.

‒ Carrello portabobina “FRD per rete”:


Carrello per avvolgimento del bancale con film a rete.

‒ Dispositivo taglio automatico: effettua automaticamente il taglio del film a fine ciclo.

‒ Fotocellula per prodotti neri: ha un grado di sensibilità adeguato per rilevare anche l’altezza di bancali
con prevalenza di superfici nere.

‒ Alberi di scorrimento (maggiorati): consentono una fasciatura fino a 2400 mm, 2800 mm e 3100 mm
di altezza.

‒ Tastatore doppio (ø260÷400): adatto per avvolgere bancali in cui il prodotto sporge dal perimetro del
pallet in maniera irregolare.

‒ Tastatore con ruota maggiorata (ø400): adatto per avvolgere bancali in cui il prodotto non è compatto.

‒ Sensore rottura film: rileva la rottura del film o l’esaurimento della bobina.

‒ Timone alleggerito: permette lo spostamento della macchina in manuale con meno sforzo da parte
dell’operatore. Consente anche una regolazione più agevole della spinta della ruota tastatrice.

‒ Carrello porta bobina con altezza 750 mm: permette l’utilizzo di bobine di altezza 750 mm (solo per
certi mercati).

‒ Caricabatterie con ricarica rapida: consente la ricarica delle batterie in circa 10 ore (tale valore dipende
dallo stato delle batterie).

‒ Caricabatterie con marcatura UL/CSA: solo per certi mercati.

‒ Dispositivo stringifascia - cordonatore:


Il dispositivo ha una duplice funzione durante la fasciatura dell’imballo, può essere utilizzato per
regolare l’altezza del film (stringifascia) o per stringere il film e formare una corda di rinforzo
dell’imballo.

21/93
ROBOT S6

3.6. DATI TECNICI


L’illustrazione e la tabella riportano le caratteristiche dimensionali e i dati tecnici della macchina.

3.6.1.DIMENSIONI MACCHINA E BANCALE

Descrizione Unità di FRD FR PDS PVS


misura
Lunghezza totale macchina (A) mm 1825
Larghezza macchina (B) mm 722
Larghezza macchina (C) con mm 1183
tastatore aperto
Altezza timone (H) mm 984
(FxG) Dimensioni bancale mm ≥ 800

Versione standard
Altezza bancale (E) mm 2200
Altezza massima macchina (D)
(E) max = 2200 mm 2580 2630 2630 2805
Altezza massima colonna di scorrimento (L)
(E) max = 2200 mm 2556

Versione optional
Altezza bancale (E) mm 2400
mm 2800
mm 3100
Altezza massima macchina (D)
(E) max = 2400 mm 2780 2830 2830 3005
(E) max = 2800 mm 3180 3230 3230 3405

22/93
ROBOT S6

(E) max = 3100 mm - - 3430 3605


Altezza massima colonna di scorrimento (L)
(E) max = 2400 mm 2756
(E) max = 2800 mm 3156
(E) max = 3100 mm 3356

3.6.2.CARATTERISTICHE TECNICHE
Descrizione Unità di FRD FR PDS PVS
misura
Batterie di accumulatori al n. 2
piombo acido 12V 110 Ah
(Capacità riferita a 5 h di scarica)
Velocità avanzamento m/min 35÷80
Velocità salita/discesa carrello m/min 1,5÷5  ¹
Peso totale (Versione standard) kg 345 340 365 370
Peso minimo bancale kg 45
Temperatura ambientale di °C 5÷40
esercizio

 ¹ 2÷7,5 m/min con bobina altezza 750 mm.

3.6.3.CARICABATTERIA S.P.E.

Descrizione Unità di FRD FR PDS PVS


misura
Tensione di alimentazione Vac 100-240 +/-10% 1Ph
Frequenza corrente elettrica Hz 50/60
Potenza installata kW 0,3 ¹
Corrente assorbita A 4 (100 V)  ²
1,7 (240 V)  ³

 ¹ 0,4 kW con carica batteria per ricarica rapida.


 ² 4,3 A (100 V) con carica batteria per ricarica rapida.
 ³ 1,8 A (240 V) con carica batteria per ricarica rapida.

3.6.4.CARICABATTERIA NORDELETTRONICA
Descrizione Unità di FRD FR PDS PVS
misura
Tensione di alimentazione Vac 100 - 240 +/-10% - 1Ph
Frequenza corrente elettrica Hz 50/60
Potenza installata kW 0,4
Corrente assorbita A 5 (100 V)
2 (240 V)

23/93
ROBOT S6

3.7. DATI TECNICI BOBINA

3.7.1.CARATTERISTICHE BOBINA
Descrizione Unità Valore
di
misura
Dimensioni bobina film (A)
Diametro esterno massimo (D) mm 300
Altezza bobina (H) mm 500
Spessore film μm 17÷35
Diametro interno (d) mm 50  ¹ - 76
Peso max kg 20
Dimensioni bobina rete (B)
Diametro esterno massimo (D) mm 300
Altezza bobina (H) mm 500
Diametro interno (d) mm 76
Peso max kg 20

¹ Installare l’albero porta bobina optional.

3.8. LIVELLO DI RUMOROSITÀ


I valori relativi all’ emissione dei rumori aerei sono stati rilevati in conformità alle norme:
‒ ISO 4871
‒ ISO 11201

Descrizione Livello misurato di pressione sonora di


emissione ponderato A, nella posizione
dell'operatore (LpA)
Funzionamento in condizioni di 66,5 dB (A)
lavoro.

24/93
ROBOT S6

i Cautela – avvertenza
Un’esposizione prolungata sopra gli 80 dB (A) può provocare disturbi alla salute. Si consiglia l’utilizzo di
sistemi di protezione (cuffie, tappi ecc․).

3.9. CARATTERISTICHE DELL’AMBIENTE DI INSTALLAZIONE


Nella scelta dell’ambiente in cui la macchina va installata è opportuno considerare preventivamente le
condizioni ambientali al fine di ottenere condizioni di utilizzo agevoli e prive di rischi per le persone.

Pertanto suggeriamo alcuni requisiti da considerare quali ad esempio:


‒ Una temperatura ambientale adeguata (vedi “Dati tecnici”).
‒ Un ambiente sufficientemente arieggiato tale da contenere, in fase di utilizzo, valori di umidità che
risultino gradevoli per l’operatore.
‒ L’illuminazione ambientale deve avere un valore normale in modo da creare anche una condizione
gradevole e rilassante per chi usa la macchina.
‒ Una zona perimetrale che, anche per motivi di sicurezza, è necessario lasciare attorno alla macchina
(vedi “Aree perimetrali”).
‒ Una superficie piana, stabile e senza vibrazioni, con portata adeguata al peso da sostenere, anche in
considerazione del peso dei carichi pallettizzati.
‒ La zona dovrà disporre di adeguate prese per la distribuzione dell'aria compressa e dell’energia
elettrica.

i Pericolo – attenzione
È assolutamente vietato l’uso di questa macchina in ambienti esplosivi o esposti agli agenti atmosferici.

25/93
ROBOT S6

4. INFORMAZIONI SULLA MOVIMENTAZIONE E


INSTALLAZIONE

4.1. RACCOMANDAZIONI PER LA MOVIMENTAZIONE E CARICO


― Il personale autorizzato, prima di effettuare le operazioni, deve accertarsi di aver compreso
il contenuto delle “Istruzioni per l’uso”.

― Leggere attentamente le “Istruzioni per l’uso” riportate nel manuale, quelle applicate
sull’imballo e/o direttamente sulla macchina.

― Predisporre adeguate condizioni di sicurezza, in conformità alle leggi sui posti di lavoro, per
prevenire e minimizzare i rischi.

― Prestare attenzione alle avvertenze di sicurezza, non adottare usi impropri e valutare i
rischi residui che potrebbero sussistere.

4.2. IMBALLO E DISIMBALLO

L’imballo è realizzato, con contenimento degli ingombri, anche in funzione del tipo di trasporto adottato.

Per facilitare il trasporto, la spedizione può essere eseguita con alcuni componenti smontati ed
opportunamente protetti e imballati.

Alcune parti, in particolare quelle elettriche, vengono protette con nylon antiumidità.

Sull’imballo sono riportate tutte le informazioni necessarie ad effettuare il carico e lo scarico.

In fase di disimballo, controllare l’integrità e l’esatta quantità dei componenti.

Il materiale di imballo va opportunamente smaltito nel rispetto delle leggi vigenti.

Le illustrazioni raffigurano i più comuni tipi di imballo utilizzati.

Imballo su bancale con protezione in nylon

26/93
ROBOT S6

Imballo in cassa

Imballo con scatola in cartone

4.3. CARICO E TRASPORTO


Il trasporto, anche in funzione del luogo di
destinazione, può essere effettuato con mezzi
diversi.
Lo schema raffigura le soluzioni più utilizzate.

| Importante
Effettuare il trasporto con mezzi idonei e di portata adeguata.
Assicurarsi che la macchina e i suoi componenti siano adeguatamente ancorati al mezzo di trasporto.

27/93
ROBOT S6

4.4. INSTALLAZIONE PARTI SMONTATE


Procedere nel modo indicato.

4.4.1.INSTALLAZIONE (CON
COLONNA INCLINATA)
1. Agganciare il dispositivo di sollevamento
al golfare (A) per mantenere la colonna
in posizione.
2. Smontare il supporto (B).
3. Sollevare la colonna (C).
4. Serrare le viti di fissaggio (D-E).
5. Serrare le viti (F) di fissaggio cerniera.
6. Sganciare il dispositivo di sollevamento.

4.4.2.INSTALLAZIONE (CON
COLONNA ORIZZONTALE)
1. Agganciare il dispositivo di sollevamento
al golfare (A) e sollevare la colonna (C).
2. Serrare le viti di fissaggio (D-E).
3. Serrare le viti (F) di fissaggio cerniera.
4. Sganciare il dispositivo di sollevamento.

28/93
ROBOT S6

5. Agganciare il dispositivo di sollevamento


al carrello portabobina (G).
6. Sollevare il carrello portabobina (G),
portarlo in prossimità della colonna e
fissarlo con le viti (H).
7. Smontare i carter (L).
8. Collegare i connettori elettrici alla
morsettiera del carrello portabobina.
9. Rimontare il carter (L).

4.4.3.INSTALLAZIONE TASTATORE E
TIMONE
1. Sollevare ed estrarre il timone (M) dalla
macchina.

29/93
ROBOT S6

2. Ruotare il timone (M), collegare i connettori (R) ed inserirlo nel supporto della macchina.
3. Sollevare il timone (M) e fissarlo con le viti (N).

30/93
ROBOT S6

4. Montare il tastatore (P) e fissarlo con le viti (Q).

Importante
Per il montaggio del timone e del tastatore utilizzare la bulloneria fornita con la macchina.

31/93
ROBOT S6

4.4.4.INSTALLAZIONE TIMONE
STERZO ALLEGGERITO
(OPZIONALE)
1. Ripetere le operazioni del paragrafo
"Installazione tastatore e timone".
2. Agganciare il cavo (S) alla lamiera (T).

| Importante
Per abbassare il timone (V) tirare la maniglia
(U).

32/93
ROBOT S6

5. INFORMAZIONI SULLE REGOLAZIONI

5.1. RACCOMANDAZIONI PER LE REGOLAZIONI


‒ Il personale autorizzato, prima di effettuare le operazioni, deve accertarsi di aver compreso
il contenuto delle “Istruzioni per l’uso”.
‒ Attivare tutti i dispositivi di sicurezza previsti, arrestare la macchina e valutare se
sussistono energie residue, prima di effettuare le operazioni.
‒ Predisporre adeguate condizioni di sicurezza, in conformità alle leggi sui posti di lavoro, per
prevenire e minimizzare i rischi.
‒ Prestare attenzione alle avvertenze di sicurezza, non adottare usi impropri e valutare i
rischi residui che potrebbero sussistere.

5.2. REGOLAZIONE “STIRO


FILM”
Carrelli portabobina di tipo "FRD".

1. Agire sulla leva (A) per bloccare e


sbloccare il rullo (B).
2. Agire sul volantino (C) per regolare
l’azione frenante del rullo di stiro (B) che
determina l’allungamento del film.

5.3. CARRELLI PORTABOBINA


DI TIPO “FRD PER RETE”
Agire sui volantini (C-D) per regolare
l’effetto frenante dei rulli di stiro (E-F)
che determinano il tensionamento della
rete.
Importante
Per ottenere un tensionamento corretto
della rete, regolare l’effetto frenante in
modo che il rullo di uscita (F) risulti più
frenato rispetto al rullo di entrata (E);
inoltre per evitare che la rete scivoli sui
rulli di stiro, è necessario non frenarli
eccessivamente.

33/93
ROBOT S6

5.4. CARRELLI PORTABOBINA


DI TIPO "PDS" PER
CAMBIARE I RAPPORTI DI
PRESTIRO
Procedere nel modo indicato.

1. Arrestare la macchina in condizioni di


sicurezza.
2. Smontare il carter (A).
3. Allentare la cinghia (C) tramite il
tenditore (B).
4. Sfilare la cinghia dalla puleggia (D).
5. Svitare le viti (E).
6. Sfilare la piastra (F) completa di motore
e cuscinetti.

7. Estrarre l’anello di arresto (G).


8. Smontare la puleggia (D).
9. Estrarre l’anello di arresto (H).
10. Sfilare l’ingranaggio (L).
11. Estrarre l’anello di arresto (M).
12. Sfilare l’ingranaggio (N).
13. Svitare le viti e smontare il piattello (P)
dall’ingranaggio (N).
14. Selezionare la coppia di ingranaggi (L-N)
relativa alla percentuale di prestiro di
interesse (vedi tabella).

La tabella elenca i valori di prestiro ottenibili con i relativi rapporti di trasmissione.

| Importante
Impostare il prestiro in base alla resistenza e alla qualità del film per ottenere un basso consumo.

Valori di prestiro
Percentuale Codice ingranaggio Codice ingranaggio
prestiro (L) (N)
150% (∗) (∗)
200% (∗) (∗)
250% (∗) (∗)

34/93
ROBOT S6

300% (∗) (∗)

(∗) Vedi catalogo ricambi.

15. Montare il piattello (P) e fissarlo correttamente all’ ingranaggio (N) del nuovo rapporto di trasmissione.
16. Montare l’ ingranaggio (N) del nuovo rapporto di trasmissione.
17. Posizionare l’ ingranaggio con il lato del piattello (P) accoppiato alla frizione (Q).
18. Montare l’anello di arresto (M).
19. Montare l’ ingranaggio (L) del nuovo rapporto di trasmissione.
20. Montare l’anello di arresto (H).
21. Montare la puleggia (D).
22. Montare l’anello di arresto (G).

| Importante
Durante le fasi di rimontaggio, ricordarsi di prestare attenzione al corretto inserimento delle linguette di
accoppiamento.

23. Appoggiare la piastra (F) alle colonnette


con l’ accortezza di montare la cinghia
(C) sulla puleggia (D).
24. Serrare le viti (E).
25. Tensionare la cinghia (C) tramite il
tenditore (B).
26. Ruotare manualmente i rulli di prestiro in
entrambi i sensi per assestare
correttamente l’ accoppiamento fra
cinghia e pulegge.
27. Verificare nuovamente la tensione della
cinghia ed eventualmente regolarla
adeguatamente.
28. Rimontare il carter (A) ad operazione
ultimata.

5.5. REGOLAZIONE DELLA


CATENA DI
SOLLEVAMENTO DEL
CARRELLO PORTABOBINA
Procedere nel modo indicato.

1. Sollevare il carrello portabobina (con


funzionamento della macchina in
"modalità manuale") in posizione di
finecorsa "alto".
2. Spegnere la macchina.
3. Smontare il riparo (A).
4. Allentare i dadi (B).

35/93
ROBOT S6

5. Avvitare la vite (C) "M8x50 UNI 5739" con coppia di serraggio di 3 Nm sul tendicatena (D).
La vite e la chiave dinamometrica non vengono forniti.
6. Riavvitare i dadi (B) fino al piano del tendicatena (D).
7. Svitare la vite (C).
8. Rimontare il riparo (A).

5.6. REGOLAZIONE FRENO


Procedere nel modo indicato.
1. Sollevare la macchina e appoggiarla su un supporto.
2. Assicurarsi che la macchina si appoggiata correttamente, per evitare il rischio di schiacciamento
durante l’intervento.
3. Smontare il riparo (A).
4. Allentare i controdadi (E).
5. Utilizzando uno spessimetro (B), inserire uno spessore da 0,25 mm in prossimità della vite (D).
6. Regolare la distanza (C) fra magnete e flangia tramite la vite (D) fino a sentire una leggera resistenza
sullo spessimetro.
7. Ripetere l’intervento in prossimità delle altre viti.
8. Utilizzando uno spessimetro, provare ad inserire fra magnete e flangia, in corrispondenza delle viti (D),
uno spessore da 0,3 mm.
L’intervento risulta effettuato correttamente se non si riesce ad inserire lo spessimetro.
9. Serrare i controdadi (E).
10. Rimontare il riparo (A).

36/93
ROBOT S6

5.7. REGOLAZIONE DELLA


VELOCITÀ DI RIENTRO DEL
TIMONE DIREZIONALE
Agire sulla vite (A) per regolare la
velocità di rientro del timone.

La velocità di rientro del timone


direzionale non deve essere troppo
elevata per non causare rischi alla
sicurezza delle persone.

5.8. REGOLAZIONE ALTEZZA


RUOTA TASTATORE
‒ Tirare il pomello (A), regolare l’altezza
della ruota (C) tramite il pomello (B) e
rilasciare il pomello (A), in modo che il
perno si inserisca correttamente in uno
dei fori.
‒ Per ottenere altezze superiori, smontare
il pomello (B), svitare il dado della ruota
(C) e rimontarli in modo invertito.

5.9. REGOLAZIONE SPINTA TASTATORE


Procedere nel modo indicato.

37/93
ROBOT S6

5.9.1.TASTATORE STANDARD
1. Abbassare il timone (A).
2. Sollevare il cofano (B).
3. Afferrare leva (C).
4. Agganciare la leva (C) al tenditore (D).
5. Regolare il tenditore (D) seguendone il
percorso.
6. Sganciare la leva (C) al tenditore (D).
7. Riporre la leva (C).
8. Abbassare il cofano (B).
9. Sollevare il timone (A).

5.9.2.STERZO ALLEGGERITO
(OPZIONALE)
1. Aprire la manovella (A).
2. Ruotare la manovella (A) in senso orario
per aumentare la spinta del tastatore
(C).
3. Ruotare la manovella (A) in senso
antiorario per diminuire la spinta del
tastatore (C).
4. Chiudere la manovella (A).
L’indice (B) fornisce una indicazione
visiva sull’intensità della spinta del
tastatore.

38/93
ROBOT S6

6. INFORMAZIONI SULL’USO

6.1. RACCOMANDAZIONI PER L’USO E FUNZIONAMENTO


‒ L’operatore, prima di interagire con la macchina, deve accertarsi di aver compreso il contenuto delle
“Istruzioni per l’uso”.
‒ L’operatore, al primo uso della macchina, deve leggere il manuale, individuare le funzioni dei comandi e
simulare alcune manovre, in particolare l’avvio e l’arresto.
‒ Verificare che tutti i dispositivi di sicurezza siano perfettamente installati e efficienti.
‒ Attuare solo gli usi previsti dal Costruttore e non manomettere alcun dispositivo per ottenere
prestazioni diverse da quelle previste.

6.2. DESCRIZIONE DEI


COMANDI
L’illustrazione raffigura i comandi
principali della macchina e l’elenco
riporta la loro descrizione e funzione.

A) Pulsante arresto di emergenza: serve per


arrestare con un’ azione volontaria, in
caso di rischio imminente, gli organi
della macchina che possono costituire un
rischio.
Per maggiori dettagli consultare il
paragrafo “descrizione dispositivi di
sicurezza”.

B) Interfaccia utente: serve per impostare o


modificare i parametri operativi della
macchina.
Per maggiori dettagli consultare il
paragrafo “Descrizione interfaccia
utente”.

C) Pulsante “Start ciclo”: serve per avviare il ciclo automatico di avvolgimento.

D) Pulsante luminoso (luce bianca): serve per attivare e disattivare la tensione elettrica dei comandi.
L’accensione della spia luminosa segnala che la funzione è stata attivata.

E) Pulsante “Reset”: serve per resettare la macchina prima di riavviarla dopo un arresto di emergenza o
riavviarla dopo un arresto con disattivazione dell’alimentazione elettrica.

F) Pulsanti (ad azione mantenuta): servono per effettuare lo spostamento manuale della macchina.
G) Porta USB: consente lo scambio di dati.

6.3. DESCRIZIONE INTERFACCIA UTENTE

‒ L’interfaccia utente è equipaggiato con un display di visualizzazione a colori, di tipo “touch screen” a
matrice attiva.

39/93
ROBOT S6

‒ È sufficiente “toccare con un dito” le zone del display per visualizzare le diverse funzioni.
‒ Sono presenti due controlli del ciclo automatico di imballo: STANDARD CONTROL e MULTILEVEL
CONTROL (della schermata “home strati”).
‒ Il MULTILEVEL CONTROL permette di scomporre l’altezza del prodotto in 5 diversi livelli tutti regolabili in
spessore e per ognuno di questi è possibile regolare il tiro del film, il prestiro (solo su carrelli
motorizzati), i giri di rinforzo, la velocità di rotazione della macchina e la velocità del carrello.
‒ Ognuno dei 5 livelli può essere settato con valori dipendenti dalla direzione di movimento del carrello,
ovvero anche diversi tra salita e discesa.

Nr. Denominazione Descrizione della funzione


1 Schermata “home”. La schermata viene visualizzata all’attivazione del
comando di reset.
La pagina visualizza i valori dell’avvolgitura
attualmente in uso e serve per accedere alle altre
schermate.
1.1 Schermata “home La schermata viene visualizzata all’attivazione del
strati”. tasto posto a destra delle varie ricette dalla
schermata “ricette”.
La pagina visualizza i valori dell’avvolgitura
attualmente in uso e serve per accedere alle altre
schermate.
2 Schermata La schermata visualizza i comandi per attivare le
“Movimentazione movimentazioni in “modalità manuale”.
manuale”.
3 Schermata La schermata visualizza i comandi per attivare la
“RICETTE”. ricetta di interesse.
4 Schermata “ciclo di La schermata visualizza i comandi per programmare il
avvolgitura”. ciclo di avvolgitura.
5 Schermata La schermata visualizza i comandi per programmare i
“parametri parametri di configurazione della macchina.
generali”.
6 Schermata La schermata visualizza i comandi per verificare la
“contatori di quantità dei pallet realizzati (parziale e totale).
produzione
(pallets)”.
7 Schermata La schermata visualizza i comandi per personalizzare
“Abilitazioni la modalità di funzionamento dell’ interfaccia
(H.M.I.)”. utente.
8 Schermata “modifica La schermata visualizza i comandi per modificare la
password”. password di accesso alle funzioni protette.
9 Schermata La schermata visualizza i comandi per inserire la
“inserimento password (relativa all’utente selezionato) al fine
password (login di accedere alle funzioni protette.
utente)”.
10 Schermata La schermata è riservata solo al Servizio assistenza
“Service”. del Costruttore per effettuare la diagnostica e la
programmazione di base.
11 Schermata La schermata visualizza i comandi per attivare
avvolgitura con l’avvolgitura con “cicli speciali”.
“cicli speciali”.
Per i dettagli sulle schermate elencate, consultare la descrizione riportata nel paragrafo specifico.

40/93
ROBOT S6

L’ illustrazione raffigura lo schema logico funzionale sulle modalità di “navigazione”.

41/93
ROBOT S6

42/93
ROBOT S6

6.3.1.TASTIERA NUMERICA E
ALFANUMERICA
Alcuni valori visualizzati nelle zone di
ogni singola schermata possono essere
opportunamente programmati.
La tastiera viene visualizzata ogni volta
che si preme una zona modificabile o
programmabile.
Dopo aver digitato i caratteri (numerici o
alfabetici), premere il pulsante per
confermare.
Nella zona selezionata compare il nuovo
valore.

Nr. Denominazione Descrizione della funzione


A Zona di La zona visualizza i caratteri numerici e
visualizzazione. alfabetici digitati.
B Pulsante. L’ attivazione del comando chiude la
schermata e i valori digitati non rimangono
memorizzati.
C Pulsante. L’ attivazione del comando cancella il
carattere selezionato.
D Pulsanti. L’ attivazione del comando cancella un
carattere alla volta (a partire dall’ ultimo
a destra).
E Pulsante. L’ attivazione del comando memorizza il
valore o il testo digitato.
F Pulsante. L’ attivazione del comando svolge le funzioni
della “barra spaziatrice”.

6.3.2.FINESTRA DI
PROGRAMMAZIONE
La finestra viene visualizzata ogni volta
che si preme una zona modificabile o
programmabile.

A) Zona: visualizza l’icona corrispondente al


parametro di interesse da programmare.
L’ illustrazione raffigura un tipico
esempio di finestra e la tabella riporta la
descrizione delle icone.

Descrizione icone
Icona Descrizione della funzione
1 Fasciature inferiori
2 Fasciature di rinforzo

43/93
ROBOT S6

3 Fasciature superiori
4 Stiro film
5 Prestiro film
6 Velocità salita carrello
7 Velocità discesa carrello
8 Velocità avanzamento macchina
9 Dispositivo stringifascia - cordonatore

B) Pulsante: serve per chiudere la finestra di programmazione.


C) Barra: serve per aumentare o diminuire (velocemente) il valore visualizzato nella zona (E).
D) Pulsanti: servono per aumentare o diminuire (un’unità alla volta) il valore visualizzato nella zona (E).
E) Zona: visualizza il valore del parametro programmato.

6.4. SCHERMATA “HOME”


La pagina visualizza i valori dell’avvolgitura attualmente in uso e serve per accedere alle altre schermate.

C) Zona: visualizza l’ anteprima del ciclo selezionato di avvolgitura del bancale.


D) Pulsante: serve per visualizzare la schermata “ciclo di avvolgitura”.
E) Pulsante: serve per programmare la quantità delle fasciature nell’ estremità superiore del bancale.
Il numero visualizzato indica il valore programmato.
F) Pulsante: serve per programmare la quantità delle fasciature di rinforzo nella zona intermedia del
bancale.
Il numero visualizzato indica il valore programmato.
G) Pulsante: serve per programmare la quantità delle fasciature alla base del bancale.
Il numero visualizzato indica il valore programmato.
H) Pulsante: serve per programmare il valore di stiro del film.
Il numero visualizzato indica il valore programmato.
L) Pulsante: serve per programmare il valore di prestiro del film (solo per carrelli "PDS" - "PVS").
Il numero visualizzato indica il valore programmato.
M) Pulsante: serve per programmare la velocità di movimentazione verticale del carrello.
Il numero visualizzato indica il valore programmato.

44/93
ROBOT S6

N) Pulsante: serve per programmare la velocità di avvolgitura della macchina.


Il numero visualizzato indica il valore programmato.
O) Pulsante: serve per copiare i dati di un singolo strato su un altro.

Nota.
Per la descrizione dei tasti P, Q, R, T2, T3, T4 e T5 vedi capitolo “schermata ciclo di avvolgitura”.

P) Ciclo di avvolgitura.
Q) Distanza da terra di inizio avvolgitura.
R) Programmazione delle fasciature di rinforzo.
T2) Taglio (Opzionale).
T3) Altimetro.
T4) Dispositivo stringifascia - cordonatore.
T5) F1 Ciclo speciale.
U) Pulsante: serve per abilitare/disabilitare il livello indicato.
V) Zona: indica il numero del livello.
Z) Indicatore stato di carica batteria: indica le condizioni di carica della batteria.
‒ Batteria con riserva di carica: la condizione viene segnalata con barre luminose (colore verde,
giallo e rosso).
‒ Batteria scarica: la condizione, con autonomia residua inferiore al 20%, viene segnalata da un
messaggio di allarme e da un segnale acustico.
S) Barra degli strumenti.
La barra degli strumenti viene visualizzata in tutte le schermate e riporta solo i pulsanti attivabili.
L’elenco riporta la descrizione degli elementi (pulsanti, icone, ecc.) visualizzati nella zona.

‒ Pulsante: serve per visualizzare la


schermata “ricette”.
Il numero visualizzato indica la ricetta
attivata.
‒ Zona: visualizza il nome della ricetta
attivata.

‒ Pulsanti: servono per visualizzare le


schermate di programmazione delle
ricette dei cicli di avvolgitura.
La ricetta visualizzata corrisponde a
quella che il ciclo di avvolgitura
effettuerà.
Per maggiori dettagli consultare il
paragrafo "schermata "ciclo di
avvolgitura"".
‒ Pulsante: serve per visualizzare la
schermata “inserimento password”.
Per maggiori dettagli consultare il
paragrafo “schermata inserimento
password (login utente)”.

‒ Pulsante: serve per visualizzare la


schermata “movimentazione manuale”.

45/93
ROBOT S6

‒ Pulsante: serve per visualizzare la


schermata “parametri generali”.

‒ Pulsante: serve per visualizzare la


schermata di livello superiore.

‒ Pulsante: serve per visualizzare la


schermata “home”.

6.5. SCHERMATA “MOVIMENTAZIONE MANUALE”


La schermata visualizza i comandi per attivare la movimentazione verticale del carrello portabobina con
funzionamento in “modalità manuale”.

A) Pulsante (ad azione mantenuta): serve


per attivare la salita del carrello.

B) Pulsante (ad azione mantenuta): serve


per attivare la discesa del carrello.

C) Pulsante: serve per visualizzare la


schermata “home”.

D) Pulsante (ad azione mantenuta): serve


per attivare la salita del cordonatore.

E) Pulsante (ad azione mantenuta): serve


per attivare la discesa del cordonatore.

46/93
ROBOT S6

6.6. SCHERMATA “RICETTE”


La schermata visualizza i comandi per
attivare la ricetta di interesse.

A) Pulsanti: servono per attivare la ricetta di


interesse.
Sfondo colore rosso: funzione attivata.

B) Pulsanti: servono per programmare il


nome della ricetta.

C) Zona: visualizza l’ anteprima del ciclo


selezionato di avvolgitura del bancale.
D) Pulsante: premendo si accede alla
schermata “copia ricetta”.

E) Pulsante: serve per abilitare/disabilitare il


“multilevel control” per ogni singola
ricetta.

F) servono per passare dalla pagina 1 alla 2


e viceversa, nella schermata “RICETTE”
3.

6.6.1.SCHERMATA “COPIA
RICETTA”
A) Pulsante: premere +/- per variare la
ricetta di partenza.
B) Pulsante: premere per confermare
l’operazione (invio).
C) Pulsante: serve per tornare alla
schermata “RICETTE”.

47/93
ROBOT S6

6.6.2.SCHERMATA “COPIA
LIVELLO”
Per copiare e spostare i parametri da un
livello ad un altro, utilizzare i seguenti
pulsanti:

A) Pulsante: premere +/- per variare il


livello di partenza e destinazione.
B) Pulsante: premere per confermare
l’operazione (invio).
C) Pulsante: serve per tornare alla
schermata “HOME”.

6.6.3.SCHERMATA
“TRASFERIMENTO DATI”
Per trasferire o aggiornare i parametri di
una determinata “ricetta di lavoro”
occorre:

‒ Inserire la memoria di massa portatile


nella porta USB (A).
Nella barra della schermata “RICETTE”
compariranno i pulsanti (B) e (C).

‒ Premendo il tasto (B) si attiva la pagina


“DOWNLOAD RICETTE”.
Premendo il tasto centrale (D), tutte le
“Ricette di lavoro” visualizzate vengono
copiate nella memoria di massa inserita
nella porta USB (A).

‒ Premendo il tasto (C) si attiva la pagina


“UPLOAD RICETTE”.
Premendo il tasto centrale (E), la
“Ricetta” di partenza, selezionata nella
memoria di massa, viene trasferita nella
“Ricetta” di destinazione della macchina.
F) Pulsante: premere +/- per variare la
ricetta di partenza.

G) Pulsante: premere +/- per variare la


ricetta di destinazione.

E) Pulsante: premere per confermare


l’operazione (invio).

H) Pulsante: serve per tornare alla


schermata “HOME”.

R) Pulsante: serve per tornare alla


schermata “RICETTE”.

6.7. SCHERMATA “CICLO DI AVVOLGITURA”


La schermata visualizza i comandi per programmare il ciclo di avvolgitura.

48/93
ROBOT S6

A) Zona: visualizza il nome della ricetta in


fase di programmazione.
B) Zona: visualizza l’ anteprima del ciclo
selezionato di avvolgitura del bancale.
C) Pulsante: serve per selezionare il tipo di
ciclo di avvolgitura del bancale.
Ad ogni attivazione, il pulsante visualizza
la funzione abilitata con l’ icona di
riferimento:
‒ Icona C1: serve per selezionare il ciclo
“avvolgitura singola”.
‒ Icona C2: serve per selezionare il ciclo
“avvolgitura doppia”.
‒ Icona C3: serve per selezionare il ciclo
“avvolgitura doppia con mettifoglio”.
D) Pulsante: serve per selezionare la
modalità di arresto (automatica o
programmata) del carrello portabobina in
fase di salita.
Ad ogni attivazione, il pulsante visualizza
la funzione abilitata con l’ icona di
riferimento.
‒ Icona D1: serve per selezionare l’ arresto automatico del carrello portabobina (fase di salita) in
base all’ altezza del bancale in corso di avvolgitura.
‒ Icona D2: serve per selezionare l’ arresto programmato del carrello portabobina (fase di salita) in
base all’ altezza del bancale.
E) Pulsante: serve per programmare il ritardo del punto di arresto del carrello portabobina in fase di salita
(arresto automatico o programmato).
F) Pulsante: serve per abilitare e disabilitare la programmazione della distanza da terra (offset) di inizio
avvolgitura.
‒ Sfondo colore azzurro: funzione abilitata.
‒ Sfondo colore grigio: funzione disabilitata.
G) Pulsante: serve per programmare la distanza da terra (offset) di inizio avvolgitura.
Il pulsante è visibile solo se la funzione è stata abilitata tramite il pulsante (F).
H) Pulsante: serve per abilitare e disabilitare la programmazione delle fasciature di rinforzo.
‒ Sfondo colore azzurro: funzione abilitata.
‒ Sfondo colore grigio: funzione disabilitata.
L) Pulsanti: servono per programmare la quota di posizionamento e il numero delle fasciature di rinforzo.
I pulsanti sono visibili solo se la funzione è stata abilitata tramite il pulsante (H).
M) Pulsante: serve per visualizzare la schermata “avvolgitura con cicli speciali”.
N) Pulsante: serve per abilitare/disabilitare il taglio.
O) Pulsante: serve per abilitare e disabilitare la programmazione del ciclo con il cordonatore.
‒ Sfondo colore azzurro: funzione abilitata.
‒ Sfondo colore grigio: funzione disabilitata.

49/93
ROBOT S6

6.8. SCHERMATA “PARAMETRI


GENERALI”
La schermata serve per programmare i
parametri di funzionamento della
macchina.

A) Pulsante: serve per visualizzare la


schermata “contatori di produzione
(pallets)”.
B) Pulsante: serve per visualizzare la
schermata “abilitazioni (h.m.i.)”.
C) Pulsante: serve per visualizzare la
schermata “service”.
D) Zona: visualizza la macchina.

6.9. SCHERMATA “CONTATORI


DI PRODUZIONE
(PALLETS)”
La schermata visualizza i comandi per
verificare la quantità dei pallet realizzati
(parziale e totale).

A) Zona: visualizza il contatore (totale) dei


cicli di avvolgitura effettuati dalla
macchina.
B) Zona: visualizza il contatore (parziale)
dei cicli di avvolgitura effettuati dalla
macchina.
C) Pulsante: serve per azzerare il contatore
(B).
La funzione è attiva solo se si effettua l’
accesso al sistema come "responsabile
macchina" (vedi schermata "inserimento
password (login utente)".
D) Zona: visualizza il tempo di utilizzo della
macchina in giorni, ore, minuti e secondi.

50/93
ROBOT S6

6.10. SCHERMATA
“IMPOSTAZIONI H.M.I.”
La schermata visualizza i comandi per
personalizzare la modalità di
funzionamento dell’ interfaccia utente.

A) Pulsante: serve per visualizzare la


schermata con la versione del software.
B) Pulsante: serve per visualizzare la
schermata “impostazione data/ora”.
C) Pulsante: serve per visualizzare la
schermata “modifica password”.
D) Pulsante: serve per abilitare e
disabilitare la programmazione delle
ricette.
La funzione è attiva solo se si effettua l’
accesso al sistema come "responsabile
macchina" (vedi schermata "inserimento
password (login utente)".
E) Pulsante: serve per selezionare la lingua
di visualizzazione.
F) Pulsante: serve per abilitare e
disabilitare il segnale acustico del
display.

6.11. SCHERMATA “MODIFICA


PASSWORD”
La schermata visualizza i comandi per
modificare la password di accesso alle
funzioni protette.

A) Pulsante: serve per visualizzare la


schermata di livello superiore.
B) Zona: visualizza i caratteri digitati.
C) Tastiera numerica.
D) Pulsante: serve per confermare i valori
digitati.
L’attivazione del comando viene
segnalata dall’animazione dell’icona (G).
E) Pulsante: serve per memorizzare la
password.
Il comando è abilitato solo se è attiva l’
animazione dell’ icona (G).
F) Pulsante: serve per resettare i valori
digitati.
L’ attivazione del comando disattiva l’
animazione dell’ icona (G).

6.12. SCHERMATA “INSERIMENTO PASSWORD (LOGIN UTENTE)”


La schermata visualizza i comandi per inserire la password (relativa all’utente selezionato) al fine di
accedere alle funzioni protette.

51/93
ROBOT S6

A) Pulsante: serve per selezionare il tipo di


utente di interesse.
Ad ogni attivazione, il pulsante visualizza
la funzione abilitata con l’ icona di
riferimento.
‒ A1 Icona: serve per selezionare l’
utente “responsabile macchina”.
‒ A2 Icona: serve per selezionare l’
utente “servizio assistenza”.
B) Zona: visualizza i caratteri digitati.
C) Tastiera numerica.
D) Pulsante: serve per confermare la
password digitata (login).
Per evitare che un altro tipo di utente
possa accedere alle funzioni protette, al
termine delle operazioni utilizzare una
delle seguenti procedure per effettuare il
“logout utente”.
‒ Toccare l’ icona (A1) posizionata nella
barra degli strumenti.
‒ Spegnere e riaccendere la macchina.
E) Pulsante: serve per cancellare i valori
digitati sbagliati.

6.13. SCHERMATA “SERVICE”


La schermata è riservata solo al Servizio
assistenza del Costruttore per effettuare
la diagnostica e la programmazione di
base.

A) Pulsante: serve per accedere alla


schermata del caricabatteria.
B) Pulsante: serve per accedere alla
schermata dello storico allarmi.
C) Pulsante: serve per accedere alla
schermata dei parametri generali della
macchina.
D) Pulsante: serve per accedere alla
schermata degli ingressi/uscite del Plc.
E) Pulsante: visualizza lo stato del modbus.
F) Pulsante: visualizza tiro e prestiro
istantanei.
G) Pulsante: accede alla schermata per
eseguire l’aggiornamento del software.

6.14. SCHERMATA AVVOLGITURA CON “CICLI SPECIALI”


La schermata visualizza i comandi per attivare l’avvolgitura con “cicli speciali”.

52/93
ROBOT S6

A) Zona: visualizza il nome della ricetta in


fase di programmazione.
B) Pulsante: serve per selezionare il tipo di
avvolgitura con “cicli speciali”.
Premere ripetutamente il comando per
visualizzare la funzione di interesse.
‒ Funzione "F0": disabilita l’avvolgitura
con “cicli speciali”.
‒ Funzione "AAA": abilita l’avvolgitura di
prodotti di grandi dimensioni con "cicli
speciali".
‒ Funzione "AAA": abilita l’avvolgitura di
prodotti cilindrici con "cicli speciali".
C) Pulsante: serve per programmare le
avvolgiture con “cicli speciali” in base
alla funzione selezionata tramite il
pulsante (B).
Il numero visualizzato indica il valore
programmato.
‒ Con funzione selezionata “AAA”: il
comando serve per programmare il
passo del movimento carrello ad ogni
giro completo di avvolgitura.
‒ Con funzione selezionata “AAA”: il
comando serve per programmare il
diametro del prodotto da avvolgere.
D) Zona: visualizza l’ anteprima del ciclo
selezionato di avvolgitura del bancale.

6.15. PROGRAMMAZIONE NUOVA RICETTA


Procedere nel modo indicato.

1. Visualizzare la schermata “home” 1.

2. Premere il pulsante (A) per visualizzare la schermata “ricette” 3.


3. Selezionare la ricetta di interesse.
4. Programmare il nome della ricetta.
5. Premere il pulsante (B) per visualizzare la schermata “home” 1.
6. Premere il pulsante (C) per visualizzare la schermata “ciclo di avvolgitura” 4.
7. Programmare i parametri della ricetta.
La zona (D) visualizza l’ anteprima del ciclo di avvolgitura del bancale.
8. Premere il pulsante (E) per visualizzare la schermata avvolgitura con “cicli speciali” 11.

53/93
ROBOT S6

9. Verificare il tipo di funzione visualizzata nel pulsante (G) per programmare l’avvolgitura di interesse.
‒ Avvolgiture senza “cicli speciali”.
Premere il pulsante (G) fino a visualizzare la funzione "F0".
‒ Avvolgiture con “cicli speciali”.
Premere il pulsante (G) fino a visualizzare la funzione "F1" (prodotti di grandi dimensioni) oppure
"F2" (prodotti cilindrici).
Sul display, zona (F), viene visualizzata l’anteprima dell’avvolgitura con “cicli speciali” programmata.
10. Premere il pulsante (B) per confermare la ricetta programmata.
Sul display compare la schermata “home” 1.

6.16. AVVIAMENTO E ARRESTO AVVOLGITURA


Procedere nel modo indicato.

1. Premere il pulsante (D) per attivare


l’alimentazione elettrica dei comandi.
Il display digitale (B) si accende.
2. Premere il pulsante (E) per resettare la
macchina.
3. Agire sui pulsanti (F) per avvicinare la
macchina al bancale, fino ad appoggiare
la ruota tastatore (G) al pallet.
4. Controllare che la ruota tastatore (G) sia
in corrispondenza del bancale e non del
prodotto.
Regolare l’altezza della ruota del
tastatore.
(Vedi “Regolazione altezza ruota
tastatore”).
5. Fare aderire la pellicola al pallet.
6. Impostare la modalità di avvolgitura.
Per maggiori dettagli consultare il
paragrafo “Programmazione nuova
ricetta”.
7. Verificare che i parametri della
schermata “home” siano corretti.

i Cautela – avvertenza
Non eccedere nello stiro o prestiro del film e non effettuare l’avvolgimento con un numero eccessivo di
fasciature, per evitare di danneggiare le confezioni e i prodotti contenuti.

8. Premere il pulsante “Start ciclo” (C).


La macchina effettua l’avvolgitura e, al termine del ciclo impostato, si arresta automaticamente.
9. Procedere al taglio del film (manuale o automatico).

| Importante
Nel caso in cui sia presente il gruppo opzionale taglio automatico, questa fase avverrà in modo automatico.
Informazioni valide solo per la modalità di avvolgitura “ciclo mettifoglio”.

‒ Quando la macchina si arresta nella parte superiore del bancale, posizionare il foglio TOP (non
effettuare il taglio film).
‒ Premere il pulsante “Start ciclo” (C).
La macchina effettua l’avvolgitura e, al termine del ciclo impostato, si arresta alla base del bancale.
Al termine della fase di avvolgitura, la macchina può essere arrestata in “standby” o spenta.

54/93
ROBOT S6

‒ Con macchina in "standby" e non utilizzata per oltre 15 minuti, si attiva automaticamente lo stato di
funzionamento "risparmio energia".
Per ripristinare il funzionamento della macchina toccare il display.
Se la funzione di “Risparmio energia” rimane attiva per più di 60 minuti, la macchina si spegne
automaticamente.
‒ Premere il pulsante (D) per spegnere volontariamente la macchina.

6.17. RIFORNIMENTO DI
BOBINA FILM
Procedere nel modo indicato.
1. Arrestare la macchina in condizioni di
sicurezza.
2. Inserire la bobina (A) di film
nell’apposita sede sul carrello
portabobina.
3. Raccogliere il film (B) fino a farne un
sottile cordone e farlo passare nella zona
conica (C) dei rulli.

| Importante
Svolgere il film secondo il percorso inciso sulla piastra del carrello portabobina.
Carrello portabobina “FRD per rete”.
Svolgere il film come raffigurato nell’apposita targhetta.

4. Tirare il cordone verso l’esterno.


Il film automaticamente scende sul rullo e lo ricopre per tutta la sua altezza.

‒ Sui carrelli tipo "FRD", per permettere l’


inserimento del film o della rete tra i rulli
ed il suo svolgimento, è necessario
sbloccare il freno con rotazione del
volantino (D-D1-D2) in pos. "0".

55/93
ROBOT S6

‒ Sui carrelli tipo "PVS", per permettere lo


svolgimento del film, è necessario
premere il pulsante rotazione rulli (E) sul
carrello portabobina.

6.18. REGOLAZIONE TAGLIO


La tabella riporta i valori dei parametri P9 e P10 da impostare in caso di taglio automatico del film.
Per poter modificare tali parametri occorre accedere come responsabile macchina.
(Vedi "schermata "inserimento password (login utente)").

Spessore film Parametri


P9 P10
17μm 80 75
23μm 70 80
35μm 65 80

6.19. MODALITÀ CARICA BATTERIA


La macchina si arresta automaticamente, per salvaguardare la vita della batteria, quando la carica raggiunge
la soglia minima.
La soglia minima di carica viene segnalata sul display della batteria dalla tacca rossa lampeggiante rimasta
nell’icona di riferimento.
Il ciclo di avvolgitura in corso viene completato e successivamente sul display compare l’allarme
“E90‑battery low” (batteria scarica).
Con l’allarme visualizzato si può effettuare solo il trasferimento della macchina verso la zona di ricarica.

i Pericolo – attenzione
La ricarica della batteria va effettuata in locali riparati da agenti atmosferici, ben ventilati e fuori dall’ambiente
di lavoro.

56/93
ROBOT S6

Procedere nel modo indicato.


1. Spegnere la macchina.
2. Sollevare il carter copri batteria (A).

Con il kit batterie supplementari, è


sufficiente sostituire il cestello con le
batterie scariche (vedi “Sostituzione
batteria”) con quello delle batterie già
cariche.

3. Inserire la spina di alimentazione in una


presa di corrente.

| Importante
Se l’operazione viene effettuata con
macchina accesa, durante la fase finale
di ricarica si spegnerà automaticamente.

È consigliabile effettuare le operazioni


con macchina spenta per evitare di
danneggiare i componenti dalle
sovratensioni che possono generarsi
durante la ricarica.

4. Effettuare l’operazione e monitorare il ciclo di ricarica secondo le modalità descritte nel manuale
operativo del caricabatteria elettronico.
Per maggiori dettagli consultare il relativo manuale.
Al completamento della ricarica, disinserire la spina di alimentazione e richiudere il carter.
5. Riavviare la macchina solo dopo essersi accertati che la ricarica della batteria sia terminata
completamente (led verde caricabatteria acceso fisso).

i Cautela – avvertenza
La batteria è soggetta ad un processo di autoscarica che a lungo andare può compromettere il buon
funzionamento della stessa.

In caso di inattività prolungata, effettuare una ricarica completa della batteria ogni due mesi.

| Importante
Attendere il termine della ricerca prima di scollegare la batteria.

L’interruzione del ciclo di ricarica compromette la durata delle batterie.


Il tempo di ricarica completa con caricabatterie standard S.P.E. è di 13 ore circa.
Il tempo di ricarica completa con caricabatterie a carica rapida S.P.E. è di 10 ore circa.
Il tempo di ricarica completa con caricabatteria NORDELETTRONICA è di 10 ore circa.

57/93
ROBOT S6

7. INFORMAZIONI SULLE MANUTENZIONI

7.1. RACCOMANDAZIONI PER LA MANUTENZIONE


‒ Una buona manutenzione consentirà di assicurare una più lunga durata di esercizio e un
livello costante dei requisiti di sicurezza.
‒ Il personale autorizzato, prima di effettuare le operazioni, deve accertarsi di aver compreso
il contenuto delle “Istruzioni per l’uso”.
‒ Prestare attenzione alle avvertenze di sicurezza, non adottare usi impropri e valutare i
rischi residui che potrebbero sussistere.
‒ Effettuare gli interventi con tutti i dispositivi di sicurezza attivati e indossare i Dpi previsti.
‒ Segnalare le zone di intervento ed impedire l’ accesso ai dispositivi che, se attivati,
potrebbero causare dei pericoli inattesi e compromettere la sicurezza.
‒ Non effettuare interventi non descritti nel manuale, ma contattare un centro di assistenza
autorizzato dal Costruttore.
‒ Non disperdere nell’ambiente materiali, liquidi inquinanti e i residui generati durante gli
interventi, ma effettuare lo smaltimento nel rispetto delle leggi vigenti.

7.2. TABELLA INTERVALLI DI MANUTENZIONE


La tabella riporta gli intervalli di manutenzione programmata che consente di ottenere le migliori prestazioni,
una più lunga durata di esercizio e un livello di sicurezza costante.

Frequenza Componente Tipo di Modalità di Riferimento


intervento intervento
Ogni 40 ore o Aree operative Effettuare Usare un -
1000 cicli

della macchina la pulizia panno o un
getto d’aria
Ogni 200 ore o Rulli gommati Effettuare Usare un -
5000 cicli

la pulizia panno
imbevuto di
alcool
Ogni 200 ore o Carrello Lubrificare - Vedi “Schema
5000 cicli ∗ portabobina punti di
lubrificazione”
Ogni 200 ore o Carrello Controllare - Vedi “Regolazione
5000 cicli ∗ portabobina la tensione della catena di
della catena sollevamento del
carrello
portabobina”
Ogni 200 ore o Riduttori e Controllare Effettuare Vedi “Schema
5000 cicli

motoriduttori livello il rabbocco punti di
lubrificante se il lubrificazione”
¹ livello è
insufficien‑
te
Ogni 2000 ore o Carrello Controllare Fare Contattare il
10000 cicli

portabobina l’usura sostituire Servizio
della catena la catena se assistenza del
è usurata Costruttore
Ogni 2000 ore o Sensori induttivi Controllare Regolare la -
10000 cicli ∗ efficienza distanza dei
contrasti (2
mm)

58/93
ROBOT S6

Ogni 2000 ore o Dispositivi di Controllare Fare Contattare il


10000 cicli ∗ sicurezza efficienza sostituire i Servizio
dispositivi assistenza del
difettosi Costruttore
Ogni 5000 ore o Riduttori e Sostituire - Vedi “Schema
50000 cicli

motoriduttori il punti di
lubrificante lubrificazione”
¹
 ¹ Non effettuare il rabbocco e/o la sostituzione nei riduttori e motoriduttori lubrificati a vita.

Le tempistiche in cicli sono state definite in base al ciclo standard.
Il ciclo considerato standard è il seguente: bobina di film alta 500 mm, pallet alto 1500 mm, peso del
pallet pari a 1500 kg, ciclo di fasciatura totale due giri alla base, due giri alla sommità velocità di
rotazione 12 r.p.m. o 80 m/1' velocità di salita e discesa del carrello pari a 4 m/1'.

7.3. SCHEMA PUNTI DI LUBRIFICAZIONE


Lo schema raffigura gli organi principali e la frequenza degli interventi di lubrificazione.

Simbolo e descrizione

A - Ogni 200 ore o 5000 cicli.

59/93
ROBOT S6

Cospargere con grasso.

Controllare livello lubrificante.


Non effettuare il rabbocco e/o la sostituzione nei riduttori e motoriduttori lubrificati a vita.

Rispettare la frequenza di lubrificazione per ottenere le migliori prestazioni e una più lunga
durata di esercizio della macchina.
Usare i lubrificanti (oli e grassi) consigliati dal Costruttore o lubrificanti con caratteristiche
chimico–fisiche uguali.

7.4. TABELLA LUBRIFICANTI


La tabella riporta le specifiche dei lubrificanti consigliati dal Costruttore in funzione dei componenti e/o zone di
riferimento.
Usare i lubrificanti (oli e grassi) consigliati dal Costruttore o lubrificanti con caratteristiche
chimico–fisiche uguali.

Caratteristiche lubrificanti
Tipo di Sigla Parti da lubrificare
lubrificante
Olio minerale 23°C / 50°C - 320 CST 40°C Riduttore ad ingranaggi
MELLANA OIL 320 IP
SPARTAN EP 320 ESSO
BLASIA 320 AGIP
MOBILGEAR 632 MOBIL
OMALA EP 320 SHELL
ENERGOL GR-XP 320 BP
Olio minerale 32°C / 50°C - 460 CST 40°C Riduttore a vite senza fine
MELLANA OIL 460 IP
SPARTAN EP 460 ESSO
BLASIA 460 AGIP
MOBILGEAR 634 MOBIL
OMALA EP 460 SHELL
ENERGOL GR-XP 460 BP
Grasso TELESIA COMPOUND B IP Riduttore ad ingranaggi e
STRUCTOVIS P LIQUID KLUBER riduttore a vite
TOTALCARTER SYOO TOTAL
Olio sintetico TELESIA OIL IP Riduttore ad ingranaggi e
SYNTHESO D 220 EP KLUBER riduttore a vite
BLASIA S 220 AGIP
Grasso al litio ALVANIA R2 SHELL Cuscinetti con supporto
HL 2 ARAL
ENERGREASE LS2 BP
BEACON 2 ESSO
MOBILIX MOBIL
Olio sintetico -5°C / +5°C VG 68 (SAE 20) Catena carrello portabobina
+5°C / +25°C VG 100 (SAE 30)

| Importante
Non mescolare oli di marche o caratteristiche diverse.

60/93
ROBOT S6

8. INFORMAZIONI SUI GUASTI

8.1. ELENCO DEI MESSAGGI DI ALLARME E INFORMAZIONE


In caso di guasti durante il funzionamento, la macchina si arresta automaticamente e, sul display, vengono
visualizzati dei messaggi di allarme.
La tabella riporta l’elenco dei messaggi visualizzati, il tipo di inconveniente, le sue cause ed i possibili rimedi.

| Importante
Per questi interventi è richiesta una precisa competenza tecnica o particolari capacità e quindi devono essere
eseguiti esclusivamente da personale qualificato con esperienza riconosciuta e acquisita nel settore specifico
di intervento.

Elenco allarmi
Sigla Allarme Inconveniente Causa Rimedio
E01 - EMERGENCY STOP Allarme arresto Il pulsante Ripristinare il
di emergenza. arresto di pulsante e
emergenza è in premere il
blocco. pulsante di
“Reset”.
E02 - BUMPER Allarme paraurti Il paraurti ha Spostare
di emergenza. colpito un l’ostacolo e
ostacolo premere il
nell’area di pulsante “Reset”.
lavoro.
E12 - TIMONE BASSO Possibili solo le Timone in Sollevare il
operazioni in posizione bassa. timone.
manuale. Verificare il
funzionamento del
sensore e
consultare lo
schema
dell’impianto
elettrico.
E30 - TRACTION DRIVER Allarme motore Malfunzionamento Controllare il
OVERTEMP trazione. del motore di funzionamento del
- TRACTION DRIVER trazione. motore e
SHORT CIRCUIT consultare lo
- TRACTION DRIVER schema
UNDERVOLT dell’impianto
- TRACTION HEAT elettrico.
SINK OVERTEMP
- TRAZ. CURRENT
LIMIT
E31 - CARR. DRIVER Allarme motore Malfunzionamento Controllare il
OVERTEMP. carrello. del motore del funzionamento del
- CARR. DRIVER sollevamento motore e
SHORT CIRCUIT. carrello. consultare lo
- CARR. DRIVER schema
UNDERVOLT. dell’impianto
- CARR. HEAT SINK elettrico.
OVERTEMP.
- CARR. CURRENT
LIMIT.

61/93
ROBOT S6

E32 - STRETCH DRIVER Allarme motore Il motore di Controllare il


OVERTEMP. stiro film. stiro film è in funzionamento del
- STRETCH DRIVER avaria. motore e
SHORT CIRCUIT. consultare lo
- STRETCH DRIVER schema
UNDERVOLT. dell’impianto
- STRETCH HEAT elettrico.
SINK OVERTEMP.
- STRETCH CURRENT
LIMIT.
E33 - PRESTRETCH Allarme motore Il motore di Controllare il
DRIVER OVERTEMP. prestiro film. prestiro film è funzionamento del
- PRESTRETCH in avaria. motore e
DRIVER SHORT consultare lo
CIRCUIT. schema
- PRESTRETCH dell’impianto
DRIVER UNDERVOLT. elettrico.
- PRESTRETCH HEAT
SINK OVERTEMP.
- PRESTRETCH
CURRENT LIMIT.
E35 - TRACTION Allarme Motore in una Controllare il
OVERCURRENT. sovracorrente condizione di funzionamento del
motore trazione. lavoro gravosa da motore,
troppo tempo. accertarsi che la
macchina sia
libera di
muoversi e
consultare lo
schema
dell’impianto
elettrico.
E36 - CARR. Allarme Motore in una Controllare il
OVERCURRENT. sovracorrente condizione di funzionamento del
motore carrello. lavoro gravosa da motore,
troppo tempo. accertarsi che il
carrello sia
libero di
muoversi e
consultare lo
schema
dell’impianto
elettrico.
E60 - ALL. BROKEN Allarme Il film si è Inserire il film
FILM. rottura/fine rotto oppure è oppure sostituire
film. terminata la la bobina.
bobina.
E61 - ALL. COUNTER Allarme Malfunzionamento Controllare lo
CORNER. malfunzionamento del sensore stato del sensore
contaspigoli. contaspigoli. contaspigoli.
E62 - ALL. ENCODER Allarme encoder Malfunzionamento Controllare il
CARR. sollevamento dell’encoder funzionamento del
carrello. sollevamento motore e/o
carrello. sensore e
consultare lo
schema
dell’impianto
elettrico.

62/93
ROBOT S6

E65 - ALL. CREASING allarme Motore in una Controllare il


BLOCKED cordonatore condizione di funzionamento del
bloccato. lavoro gravosa da motore,
troppo tempo. accertarsi che il
cordonatore sia
libero di
muoversi e
consultare lo
schema
dell’impianto
elettrico.
E80 - ALL. BATTERY Allarme carica Malfunzionamento Controllare il
CHARGER. batterie. del funzionamento del
caricabatteria. caricabatteria e
consultare lo
schema
dell’impianto
elettrico.
E81 - H.M.I. COMUNIC. Allarme Cavo scollegato o Controllare il
FAULT. comunicazione malfunzionamento funzionamento del
pannello pannello pannello e
touchscreen. touchscreen. consultare lo
schema
dell’impianto
elettrico.
E82 - PRESTRETCH Allarme errore Cavo scollegato o Controllare il
COMUNIC. comunicazione malfunzionamento funzionamento
FAULT. seriale con scheda. della scheda e
scheda prestiro. consultare lo
schema
dell’impianto
elettrico.
E84 - CHECKSUM Allarme parametri L'elenco dei Per riportare i
PARAMETRI configurazione parametri di parametri di
CONFIGURAZIONE errati. configurazione configurazione a
ERRATO macchina è quelli di
corrotto. fabbrica inserire
nella presa USB
dietro al HMI la
chiave a corredo
della macchina e
premere il

pulsante (A) .
In alternativa,
per impostare
manualmente i
parametri premere
il pulsante
(B)∗∗.
E85 - CREASING Allarme Cavo scollegato o Controllare il
COMUNIC. FAULT. comunicazione malfunzionamento funzionamento
cordonatore. scheda. della scheda e
consultare lo
schema
dell’impianto
elettrico.

63/93
ROBOT S6

E90 - BATTERY LOW. Allarme batteria La batteria si è Trasportare la


scarica. scaricata fino macchina al più
alla soglia di vicino punto di
sicurezza; la ricarica,
macchina si utilizzando i
arresta. pulsanti manuali
Avanti/Indietro
posizionati sul
timone.
Vedi “Descrizione
comandi”.

A

∗∗
B

64/93
ROBOT S6

9. INFORMAZIONI SULLE SOSTITUZIONI

9.1. RACCOMANDAZIONI PER LA SOSTITUZIONE DI PARTI DI MACCHINA


‒ Il personale autorizzato, prima di effettuare le operazioni, deve accertarsi di aver compreso
il contenuto delle “Istruzioni per l’uso”.
‒ Effettuare gli interventi con tutti i dispositivi di sicurezza attivati e indossare i Dpi previsti.
‒ Segnalare le zone limitrofe e predisporre adeguate condizioni di sicurezza, in conformità
alle leggi sul lavoro, per prevenire e minimizzare i rischi.
‒ Non effettuare interventi non descritti nel manuale, ma contattare un centro di assistenza
autorizzato dal Costruttore.
‒ Non disperdere nell’ambiente materiali, liquidi inquinanti e i residui generati durante gli
interventi, ma effettuare lo smaltimento nel rispetto delle leggi vigenti.
‒ Sostituire i componenti solo con ricambi originali o con caratteristiche progettuali e
funzionali uguali.
L’uso di ricambi simili ma non originali può portare a riparazioni non conformi, prestazioni
alterate e danni economici.
‒ I componenti e/o i dispositivi di sicurezza vanno sostituiti solo con ricambi originali per non
alterare il livello di sicurezza previsto.

9.2. SOSTITUZIONE BATTERIA


Procedere nel modo indicato.

1. Sollevare il carter copri batteria (A).


2. Disinserire il connettore (B) dalla presa.
3. Scollegare i morsetti (C-D-E-F).

i Cautela – avvertenza
Scollegare per primo il morsetto negativo (−).

4. Estrarre le batterie (G) e sostituirle.


5. Ricollegare i morsetti (C-D-E-F).

i Cautela – avvertenza
Nel collegare i morsetti rispettare le polarità.
Cospargere di grasso il morsetto positivo (✚) e collegarlo per primo.

6. Innestare il connettore (B) alla presa.


7. Abbassare il carter (A).

65/93
ROBOT S6

| Importante
Non disperdere le batterie usate nell’ambiente.
Effettuare lo smaltimento nel rispetto delle leggi vigenti in materia.
(Vedi documentazione allegata).

9.3. ELENCO RICAMBI CONSIGLIATI


Elenco dei ricambi di facile usura di cui occorrerebbe dotarsi per evitare arresti prolungati della macchina.
Per l’ordinazione, contattare il rivenditore e fare riferimento al catalogo parti di ricambio.

‒ Tampone freno rullo.


(Solo per carrelli portabobina tipo "FRD").
‒ Frizione carrello.
(Solo per carrelli portabobina tipo "PDS").
‒ Cinghia di trasmissione.
(Solo per carrelli portabobina tipo "PDS" - "PVS").
‒ Batterie.
‒ Ruote anteriori.
‒ Ruote posteriori.

9.4. DISMISSIONE E ROTTAMAZIONE MACCHINA


Procedere nel modo indicato.

9.4.1.DISMISSIONE MACCHINA
‒ Scollegare le alimentazioni della macchina (elettrica, pneumatica, ecc.) in modo da non poterla
riavviare e posizionarla in un luogo non facilmente accessibile.
‒ Svuotare in modo adeguato i sistemi, che contengono sostanze dannose, e farlo nel rispetto delle leggi
vigenti nei posti di lavoro e di quelle per la tutela ambientale.

9.4.2.ROTTAMAZIONE MACCHINA
‒ La rottamazione va affidata a centri autorizzati con personale in possesso di esperienza e attrezzature
adeguate per operare in condizioni di sicurezza.
‒ Chi effettua la rottamazione deve individuare le eventuali energie residue e attuare un “piano di
sicurezza” al fine di eliminare rischi inattesi.
‒ I componenti vanno selezionati in base alle caratteristiche chimiche e fisiche del materiale e smaltiti in
modo differenziato secondo le leggi vigenti.
‒ Svuotare in modo adeguato i sistemi, che contengono sostanze dannose, e farlo nel rispetto delle leggi
vigenti nei posti di lavoro e di quelle per la tutela ambientale.

66/93
ROBOT S6

10. ALLEGATI

10.1. CONDIZIONI DI GARANZIA


ROBOPAC S.p.A. s’impegna, nei limiti descritti qui di seguito, a sostituire o riparare a titolo non oneroso le
parti che dovessero risultare difettose durante i 12 (dodici) mesi successivi alla data riportata sui propri
documenti di spedizione.
Per godere della garanzia l’utente deve notificare immediatamente il difetto riscontrato citando sempre il
numero di serie della macchina.
ROBOPAC S.p.A., a suo insindacabile giudizio, deciderà se provvedere a sostituire la parte difettosa oppure
chiederne l’invio per verifiche e/o riparazione.
Con la sostituzione o riparazione della parte difettosa ROBOPAC S.p.A. adempie pienamente ai propri
obblighi di garanzia ed è sollevata da ogni responsabilità ed obbligo relativamente a spese di trasporto,
viaggio e soggiorno di tecnici e montatori.
In nessun caso ROBOPAC S.p.A. sarà responsabile d’eventuali perdite risultanti da mancata produzione
come pure di danni a persone o cose causati da avaria o forzata sospensione d’uso della macchina oggetto di
garanzia.

NON SONO COPERTI DA GARANZIA:


‒ Avarie di trasporto.
‒ Danni dovuti ad errata installazione.
‒ Uso improprio della macchina o negligenza.
‒ Manomissioni o riparazioni effettuate da personale non autorizzato.
‒ Mancata manutenzione.
‒ Parti soggette a normale deperimento d’uso.

Per i componenti e le parti d’acquisto, ROBOPAC S.p.A. concede all’utente gli stessi termini di garanzia che
ottiene dai fornitori dei suddetti componenti e/o parti.
ROBOPAC S.p.A. non garantisce la conformità delle macchine alle normative vigenti nei paesi al di fuori
dell’Unione Europea.
L’eventuale adeguamento alle normative della Nazione in cui la macchina viene installata sarà a carico
dell’utente che si assume anche la piena responsabilità derivante dalle modifiche effettuate, manlevando la
ROBOPAC S.p.A. da ogni obbligo e/o responsabilità relativamente a qualsivoglia pretesa dovesse sorgere da
terzi a causa dell’inosservanza delle norme in questione.

67/93
ROBOT S6

10.2. MANUALE OPERATIVO CARICABATTERIE S.P.E.


Di seguito sono riportate le istruzioni per l’uso fornite direttamente dal costruttore del dispositivo
commerciale, standard o optional, installato sulla macchina.
La lingua di tale documentazione potrebbe non corrispondere a quella con cui sono redatte le istruzioni per
l’uso della macchina.

68/93
CBHD1• CBHD2 • HF1-IP • HF2-IP

CBHD1• CBHD2 • HF1-IP • HF2-IP


CARICA BATTERIE ELETTRONICO

ELECTRONIC BATTERY CHARGER

MANUALE OPERATIVO

OPERATING MANUAL

Attenzione: leggere attentamente il manuale operativo prima di utilizzare il


carica batterie.

Attention: read carefully the operating manual before using the


battery charger

69/93
Model
Modello Voltage
Tensione Current
Corrente Curva di carica
Charging Curve
lUla lUla lUla lUUo
OTHER
ACD GEL AGM GEL
CBHD1 12V 2A
CBHD1 12V 4A
CBHD1 12V 5A
CBHD1 12V 6A
CBHD1 12V 8A
CBHD1 12V 9A
CBHD1 12V 10A
CBHD1 12V 11A

CBHD1 24V 2A
CBHD1 24V 4A
CBHD1 24V 5A
CBHD1 24V 6A
CBHD1 24V 8A
CBHD1 24V 9A
CBHD1 24V 10A
CBHD1 24V 11A

CBHD1 36V 2A
CBHD1 36V 6A

CBHD2 12V 13A


CBHD2 12V 15A
CBHD2 12V 18A
CBHD2 12V 20A

CBHD2 24V 13A


CBHD2 24V 15A
CBHD2 24V 18A
CBHD2 24V 20A

CBHD3 12V 15A


CBHD3 12V 20A
CBHD3 12V 25A

CBHD3 24V 15A


CBHD3 24V 20A
CBHD3 24V 25A

HF1-IP 12V 10A


HF1-IP 12V 11A
HF1-IP 12V 13A

HF1-IP 24V 10A


HF1-IP 24V 11A
HF1-IP 24V 13A
Other
Altro
Model
Modello Voltage
Tensione Current
Corrente Curva di carica
Charging Curve
lUla lUla lUla lUUo
OTHER
ACD GEL AGM GEL

–– Storage
Temperatura
temperature: from -20°C to +50°C
di immagazzinamento: da -20°C a +50°C
–– Unidità
Relativerelativa:
humidity: 0 -080%
- 80%fino
upato50°C
50°C
–– Temperatura
Operating temperature
operativa: :dafrom
0°C0°C
a 40°C
to 40°C

70/93
ETICHETTA
BATTERYIDENTIFICATIVA
CHARGER IDENTIFICATION
DEL CARICABATTERIA
LABEL

A Model
ModelLO
B Battery charger
Numero di serie serial
del caricabatteria
number
C Battery
Data fabbricazione
charger manufacture
del caricabatteria
date
D Input voltage
Tensione di alimentazione
E Output voltage
Tensione e corrente
and current
di uscita
F Mains fuse
Valore fusibile
value
di rete
G Charging
Curva di carica
curve
H Mains absorption
Assorbimento di rete
I Battery capacity
Gamma capacitàrange
batterie
L Productcertificazione
Marchi certification stamps
di prodotto

71/93
Important
Istruzioni safety
importanti
instruction.
per la Keep
sicurezza.
these instructions.
Conservare This
queste
manual
istruzioni.
containsIl
important
presente manuale
instructions
contiene
for the
importanti
safety of istruzioni
the user and
peroperation
la sicurezza
of the
dell'utente
device.
ed il funzionamento dell'apparecchio.
GENERAL WARNINGS
1) Before eachGENERALI
AVVERTENZE use of the battery charger the instructions set out below must be carefully read and
abided
1) Primaby.di ogni utilizzo del caricabatteria è necessario leggere ed osservare attentamente le
2) The failure
istruzioni to di
fornite follow these instructions and /or errors in installing or using the battery charger,
seguito.
could lead to endangering
2) La mancata the operator
osservanza delle seguentiand /or damaging
istruzioni the
e/o errori in device,
fase di voiding the manufacturer's
installazione od utilizzo del
guarantee.
caricabatteria, può determinare pericoli per l'operatore e/o danni all'apparecchio invalidando la
3) The battery
garanzia charger cannot be used as a component in systems which provide life support and/or
del fabbricante.
medical devices, without
3) Il caricabatteria non explicit written
può essere authorisation
utilizzato come from S.P.E. ELETTRONICA
componente in dispositiviINDUSTRIALE.
per il supporto di
4) The battery
funzioni charger
vitali e/o must not be
apparecchiature used by
mediche persons
senza with autorizzazione
espressa reduced physical, sensory
scritta anddimental
da parte S.P.E.
capabilities
ELETTRONICA or INDUSTRIALE.
with lack of experience and/or knowledge, unless they are properly supervised and
instructed
4) Non è by a person l'utilizzo
consentito responsible
del for their safety. a persone con ridotte capacità psico – fisico –
caricabatteria
sensoriali o con esperienza e/o conoscenza insufficienti, a meno che non siano attentamente
CHILDREN
sorvegliate ed istruite da un responsabile della loro incolumità.
5) The battery charger must not be used by children. The battery charger is not a toy and must not
BAMBINI
be treated as such.
5) Non è consentito alcun utilizzo del caricabatteria da parte di bambini. Il caricabatteria non è un
giocattolo
WHERE TOeINSTALL
non deve essere trattato come tale.
6) NeverINSTALLAZIONE
LUOGO place the battery charger in the immediate vicinity of the battery in order to prevent gases
produced
6) Evitare and/or emitted di
assolutamente byposizionare
the actualil battery during nelle
caricabatteria charging corroding
immediate and/ordella
vicinanze damaging
batteriathe
in
battery
modo dacharger.
evitare che Place theprodotti
i gas battery e/o charger
emessi asdalla
far away
batteriafrom the durante
stessa battery la
as ricarica
the length of cables
corrodano e/o
permits.
danneggino il caricabatteria. Posizionare il caricabatteria il più lontano possibile dalla batteria per
7) Do not
quanto install the
consentito dallabattery
lunghezza charger in a closed space or in such a way as to somehow prevent
dei cavi.
ventilation. For unitsil equipped
7) Non installare caricabatteria with fans, at least chiusa
in un'area 30 mm clearance
o tale damust be leftinaround
impedire the modo
qualche vents. In
la
order to facilitate
ventilazione. Per gli the heat exchange
apparecchi dotati di of the battery
ventole charger uno
occorre lasciare it must belibero
spazio positioned vertically,
di almeno 30mm
exploiting
attorno alletheprese
fixture holesPer
d'aria. (where provided).
facilitare lo scambio termico del caricabatteria occorre installarlo in
8) Do not use
posizione the battery
verticale charger
sfruttando i forioutdoors.
di fissaggio (ove presenti).
9)
8) Do
Nonnot expose
usare the battery charger
il caricabatteria in ambienteto rain, water splashes or steam.
esterno.
10) Do not
9) Non install
esporre the battery charger
il caricabatteria in caravans
a pioggia, and / or
getti d'acqua, similar
fonti vehicles.
di vapore.
11) Do not
10) Non install the
installare battery charger
il caricabatteria near anye/o
su caravans heat sources
veicoli or in areas with high concentrations of
similari.
dust.
11) Non installare il caricabatteria vicino a fonti di calore o in locali densi di polveri.
12) Do
Nonnotinstallare
install theil battery charger vicino
caricabatteria near any potential sources
a potenziali fonti diofmateriale
flammable material, for come
infiammabile examplead
methane gas pipesdiorgas
esempio condotte fuelmetano
depotso(petrol,
depositi kerosene, ...). (benzina, kerosene, ...).
di carburanti
13) Do
Nonnot place and/or
posizionare e/o fitfissare
the battery charger onto
il caricabatteria su surfaces
piani di manufactured
appoggio prodottiout ofcon
combustible
materiali
materials,
combustibililike wooden
come shelves
mensole e/o or walls.
pareti di legno.
BATTERIE
BATTERIES
14) Follow
14) Seguirethe attentamente le specifiche
specific safety instructions istruzioni
provided diby
sicurezza fornite
the battery dal produttore
manufacturer della batteria,
carefully, for ad
esempio se
example, rimuovere
whether or nototomeno
remove i tappi degli
cell caps elementi
during chargingdurante la carica
and the e le modalità
recommended charge di carica
consigliate.
rates.
15) E'
15) pericoloso
Working lavorare
in the in of
vicinity prossimità
a lead-aciddi una batteria
battery al piombo acido
is dangerous, in quanto,
as batteries duranteexplosives
generate il ciclo di
ricarica, le batterie generano gas esplosivi. Occorre pertanto evitare di
gases during charging. Therefore smoking and/or generating open flames and/or sparks must fumare e/o generare fiammebe
libere
avoided.e/o scintille.
16) Never
16) Non caricare
chargeuna batteria
a frozen congelata.
battery.
17) La ricarica delle batterie deve
17) Batteries must be charged in specific, essere effettuata in locali
well-ventilated dedicati e ben aerati e/o ventilati.
areas.
18) In order to reduce risk of injury only charge Lead–Acid, al
18) Al fine di ridurre i rischi di incidenti, caricare solo batterie Piombo
GEL or AGM– Acido,
type, GEL o AGM,
Lithium Polimeri
Polymer or
di Litio Ion
Lithium o Ioni di Litio.
batteries. DoNon ricaricare
not charge otheraltri tipi of
types direchargeable
batterie ricaricabili o non ricaricabili
or non-rechargeable in quanto
batteries as
potrebbero
they esplodere
could explode causando
causing danni
damage ad oggetti
and/or injury.e/o persone.
ULTERIORI SPECIFICHE PER BATTERIE LITIO
FURTHER SPECIFICATIONS
19) Per effettuare FOR di
la ricarica LITHIUM
batterieBATTERIES
in Polimeri di Litio o Ioni di Litio, deve essere sempre
19) In order
presente un BMSto charge Lithium
(Battery Polymer System)
Management and Lithium Ion batteries,
comprendente un a BMS (Battery
sistema Management
di sicurezza attiva e
System)
passiva, in must always be
conformità alleused,
norme comprising
di sicurezzaan vigenti.
active and passive safety system, in compliance with
safety
20) Laregulations
possibilità,inda force.
parte del BMS, di agire direttamente sulle funzionalità del caricabatteria
20) The possibility
durante of the BMS acting
la fase di equilibratura directlyesclude
delle cellule on the ad
battery
ogni charger operation during
titolo il sussistere cell balancing
di una responsabilità
phases rules
diretta del out, for any nel
caricabatteria reason
caso whatsoever,
in cui i dannithat the battery
causati charger
alla batteria, is held directly
o addirittura responsible
un incendio o un
should damage
esplosione, sianocaused
dovutitoadtheun battery,
errore delorsoftware
even a firedel or
BMS.an explosion, be due to an error in the BMS
software.
21) La possibilità offerta dai materiali prodotti dalla S.P.E. ELETTRONICA INDUSTRIALE di selezionare
21) The faculty
differenti livelli dioffered
tensioneby della
the materials produced
carica, è affidata by S.P.E. ed
al controllo ELETTRONICA
alla direzione INDUSTRIALE to select
dell’utilizzatore finale
different
e la S.P.E.levels of voltageINDUSTRIALE
ELETTRONICA for charging,nonis entrusted
risponde intoalcun
the control andconseguenze
caso delle supervision of the end dalla
scaturenti user
and S.P.E.
scelta di un ELETTRONICA INDUSTRIALE
livello di tensione erroneo.isInnot
casoliable for anyl’utilizzatore
di dubbio, consequences resulting
dovrà from
chiedere the selection
chiarimenti ad
of
un the incorrect qualificato.
professionista level of voltage. If in doubt, the user should ask a qualified professional for
clarification.

13
5
72/93
22) The batterydicharger
Le soglie tolleranza tolerance thresholds, asper
del caricabatteria, far quanto
as levels of over-voltage
riguarda and
i livelli di overchargingeare
sovratensione di
concerned, aresono
sovraccarico, usedunicamente
only for the safeguarding
funzionali of the systems
alla salvaguardia of the same
dei sistemi and have
dello stesso e nonno hanno
safety
functions
alcuna for the dibattery
funzione sicurezza itself,
perthe la safety
batteria of in
which depends solely
sè considerata, on the BMS,
la sicurezza dellaeven
qualewhen the
dipende
battery
unicamentecharger dal isBMS connected
anche quandoto the battery, whether
il caricatore the latter
è connesso is being
alla charged
batteria, or not.
sia quest’ultima in fase di
23) Should
ricarica the client want to use the battery charger on a specific on-board system and in general in
o meno.
any Nel
23) cases
caso of special
in cui il clienteusage,
vogliait utilizzare
is the client's responsibility
il caricabatteria to inform
su un sistema S.P.E. specifico,
imbarcato ELETTRONICA o in
INDUSTRIALE,
generale so that
in tutti i casithe latter can draw up
di particolare any necessary
utilizzo, spetta alrecommendations.
cliente avvisare InS.P.E. this case, the client
ELETTRONICA
must provide S.P.E.
INDUSTRIALE, affinchè ELETTRONICA
quest’ultima INDUSTRIALE
possa formulare,with all designs, diagrams
all’occorrenza, andraccomandazioni.
delle descriptive material In
necessary.
questo casoS.P.E. ELETTRONICA
il cliente dovrà fornire INDUSTRIALE cannot be held
a S.P.E. ELETTRONICA responsible ogni
INDUSTRIALE for any damage
progetto, resulting
schema ed
from the use
elemento of the battery
descrittivo chargerS.P.E.
necessario. after opening
ELETTRONICA it and/orINDUSTRIALE
modifying it and/or
non potràinserting it into
essere other
ritenuta
systems.
responsabile per qualsiasi danno scaturente dall’utilizzo del caricabatteria in seguito alla sua
24) Under
apertura e/ono circumstances
modifica can S.P.E.
e/o inclusione in altroELETTRONICA
sistema. INDUSTRIALE be held responsible for the
malfunctioning
24) In nessun caso of the batteries
S.P.E. or the incineration/explosion
ELETTRONICA INDUSTRIALE potrà of these,ritenuta
essere in so much as the safety
responsabile of the
del guasto
battery
delle is the task
batterie of the BMS and not of the
o dell'incendio/esplosione di battery
queste charger.
ultime, in quanto la sicurezza delle batterie è
funzione del BMS e non del caricabatteria.
CHECKING CABLES, GRID, EARTHING
CONTROLLO CAVI, RETE,
25) Do not transport PRESE DI
the battery TERRAby pulling on the cables as they could be damaged.
charger
25) Non trasportare
Use the handles, if provided. il caricabatteria prendendolo per i cavi in quanto potrebbero danneggiarsi.
Utilizzare
26) Beforeleusingmaniglie predisposte
the battery qualora
charger, check presenti.
that the sleeving on the mains cable and battery cables
26) Prima dell'utilizzo del caricabatteria
is in good condition. Should one of the cables occorre verificare il buono stato
be damaged, have delle guaine dibyisolamento
it replaced a S.P.E.
del cavo di collegamento alla
ELETTRONICA INDUSTRIALE qualified technician. rete di alimentazione e dei cavi batteria. Qualora uno dei cavi fosse
danneggiato,
27) Check that farlo
thesostituire
input voltage da un of tecnico qualificato
the battery chargerda S.P.E.
givenELETTRONICA
on the data plateINDUSTRIALE.
is in line with the
27) Verificare
voltage available. che la tensione di ingresso del caricabatteria indicata sui dati di targa soddisfi la
tensione
28) Checkdithe alimentazione
compatibility disponibile.
of the mains plug supplied with the battery charger: the use of adaptors
28) Verificare
is not recommended la compatibilità
(in Canadadella spina dithe
it is against rete
law).in dotazione al caricabatteria: è sconsigliato (in
Canada proibito) l'utilizzo di adattatori.
29) The battery charger must be plugged into a socket fitted with an earth wire. Should the socket
29) be
not Il caricabatteria
equipped with deve essereconnection,
an earth collegato ad do una
not presa
use the di device
corrente dotata
before di conduttore
having a suitabledisocket
terra.
Qualora
installed labypresa non fosse
a qualified provvista di messa a terra, non utilizzare l'apparecchio prima di avere
technician.
fattoThe
30) installare
poweruna socketpresa toadatta
which da theunbattery
tecnicocharger
qualificato.is to be connected must be protected by an
30)
electrical device by law (fuse and/or automatic cut-out),deve
La presa di corrente a cui si collega il caricabatteria capableessereof protetta
absorbing daan un'apparecchiatura
electrical current
elettrica
equalling athe norma di legge
absorption of (fusibile
current statede/o interruttore automatico) number
on the matriculation dimensionata
of the per una corrente
battery charger,
elettrica pari
increased by 10%. all'assorbimento di corrente dichiarato sulla matricola del caricabatteria maggiorata del
10%.
31) Do not open the battery charger as there are no parts which can be serviced and/or replaced by
31) Non aprire
the user. il caricabatteria
Only specialised in quanto
personnel, all'interno
authorised by S.P.E.nonELETTRONICA
vi sono componenti INDUSTRIALEche possono
may carry essere
out
riparati e/o sostituiti dall'utente. Solo personale specializzato
servicing which involves opening the actual device. Electrical/electronic components inside may ed autorizzato da S.P.E. ELETTRONICA
INDUSTRIALE
cause electric può shocks eseguire
even ifinterventi
the deviceche is notrichiedono
plugged in. l'apertura dell'apparecchio stesso. All'interno
sono presenti componenti elettrici/elettronici che possono provocare scariche elettriche anche se
l'apparecchio
CHECKING BATTERY non è collegato
CHARGERalla presa di corrente.
OPERATION and CURVE
32) Before charging,
CONTROLLO FUNZIONImake sure that thee battery
CARICABATTERIA CURVA charger is in line with the voltage of the battery,
that the charging
32) Prima current una
di effettuare suits ricarica,
the capacity of the battery
assicurarsi che il and that the selected
caricabatteria soddisficharging curvedella
la tensione (for
lead-acid
batteria, che batteries,
la correnteor for airtightsia
di carica GEL or AGM type
appropriata batteries,
alla capacità Lithium
della Polymer
batteria, e che or Lithium Ion
la dinamica di
batteries)
ricarica is correct (per
selezionata for the type of
batterie albattery
piomboto be charged.
acido, o per batterie ermetiche al GEL o AGM, Polimeri di
33)
LitioWe recommend
o Ioni di Litio) siafitting
correttaa fuse
per between battery da
il tipo di batteria charger and battery. The fuse must be installed
ricaricare.
along
33) Si the connection
raccomanda di to the positive
interporre terminal
un fusibile tra ofcaricabatteria
the battery. eThe rating Iloffusibile
batteria. the fusedeve must be
essere
proportionate
installato lungo to ilthe nominal output
collegamento current
al polo of thedella
positivo battery charger,
batteria. the diameter
Il valore of cable
del fusibile deve used and
essere
the environment
dimensionato in which della
in funzione it is tocorrente
be installed.
nominale di uscita del caricabatteria, della sezione del cavo
34) We recommend
utilizzato e dell'ambiente unplugging
ove vieneitinstallato.
from the mains supply before connecting and disconnecting
batteries.
34) Si raccomanda di scollegare l'alimentazione dalla rete elettrica prima di effettuare il
35) During normal
collegamento operation
o il distacco of the
dalle battery charger, the external surface may become hot and may
batterie.
remain
35) so forila normale
Durante certain period of time after
funzionamento del itcaricabatteria,
has been switched off.
la superficie esterna può surriscaldarsi e
36)
può The battery
rimanere talecharger needsperiodo
per un certo no special maintenance,
di tempo anche dopo only regular cleaning
lo spegnimento procedures, to be
dello stesso.
carried
36) out according
Il caricabatteria nontonecessita
the typediofalcunaworking environment.
manutenzione Cleaningma
particolare procedures should
solo di normali only be
operazioni
carried
di puliziaoutdaon the external
effettuarsi surface of the
periodicamente battery
in base allacharger.
tipologia Before starting any
dell'ambiente cleaning
di lavoro. procedures,
Le operazioni di
the mains
pulizia sono supply cable and battery
da effettuarsi solo nellacables must beesterna
superficie unplugged. del Do NOT use water
caricabatteria. and/or
Prima di detergents
iniziare le
in general and/or
operazioni di pulizia,pressure
occorrewashers of any ilkind
scollegare cavo when carrying out cleaning.
di alimentazione dalla rete elettrica ed i cavi di
collegamento alle batterie. Per eseguire la pulizia si raccomanda di NON utilizzare acqua e/o
LACK OF USE
detergenti in generali e/o idropulitrici di ogni genere.
37) If safe operation of the battery charger can no longer be ensured, stop the device and
MANCATO
ensure thatUSO it cannot be put back into operation.
37)
38) TheSe specifications
il funzionamento set outinin sicurezza
this manual del arecaricabatteria
subject to change non without
può essere garantito,
any notice. This fermare
l'apparecchio e assicurarsi che non possa
publication replaces any previously supplied information. essere rimesso in funzione.
38) Le specifiche indicate in questo manuale sono soggette a modifiche senza preavviso. Questa
pubblicazione sostituisce ogni informazione precedentemente fornita.

73/93
6
14
ELECTRONIC
CARICA BATTERY
BATTERIACHARGER OPERATING
ELETTRONICO
MANUALEMANUAL
OPERATIVO
TECHNICAL FEATURES
CARATTERISTICHE OF THE
TECNICHE CBHD1
CBHD1 – CBHD2
– CBHD2 - CBHD3
– CBHD3 - HF1-IP
- HF1-IP
The innovative
Elenchiamo characteristics
le caratteristiche of the CBHD1
principali comuni –alle serie–CBHD1
CBHD2 HF1-IP –range
CBHD3–-CBHD2 CBHD3of battery
– HF1-IP:chargers are
1. the Sistema
following:ad alta frequenza in tecnologia avanzata.
2. 1. Processo
Advanced di technology High frequency
carica interamente controllato system.
da microprocessore.
3. 2. Ingresso
Charginguniversale:
process fully controlled
100-240 Vac by microprocessor.
4. 3. Inizio
Universal input voltage:
del processo 100-240
di carica Vac “soft start”.
in modalità
5. 4. Disponibile
Charging process start inReset
su richiesta the “soft start” mode.
automatico all’inserimento di una nuova batteria ed inizio
5. automatico
Available on delrequest
ciclo diautomatic
carica. Reset on insertion of a new battery and automatic charge cycle
6. start.
Protezione con relè in uscita contro l’inversione di polarità, corto circuiti, sovra tensioni o
6. anomalie.
Protection against polarity inversions, short-circuits, over-voltages or anomalies by means of an
7. output relay.della batteria al caricatore senza scintille ai morsetti d’uscita con ovvi vantaggi in
Connessione
7. termini
Batteryditosicurezza
battery attiva,
chargergrazie
connection without sparks
al riconoscimento dellaon the output
tensione terminals
di batteria with
a valle delobvious
relè
advantages
d’uscita, for the active
normalmente safety, thanks to the recognition of the battery voltage downstream
aperto.
8. the normally visiva
Segnalazione open output relay.anomalie mediante LED ROSSO LAMPEGGIANTE.
di eventuali
9. 8. Parametri
Signaling diof carica
possible anomalies
insensibili alleby red LED della
variazioni flashing.
tensione di rete ±10%.
10.9. Rendimento
Insensitive charge
> 85%.parameters in case of ±10% network voltage oscillations.
11.10. Ripple
Efficiency > 85%.
di uscita a massimo carico inferiore a 100mV.
12.11. Inizio
Outputdelripple
ciclo diat carica
maximum anchecharge lower than
con batterie 100mV.
a 2V.
12. Start of the charge cycle even with 2V batteries.
PRINCIPIO DI FUNZIONAMENTO CBHD1 – CBHD2 – CBHD3 - HF1-IP
OPERATING
All’accensione PRINCIPLE
i nuovi carica batterie dellaOFserieTHE CBHD1
CBHD1 – CBHD2 – CBHD2
– CBHD3 -–HF1-IP
CBHD3 - HF1-IP
eseguono un test
On tensione
sulla switchingdion a new battery
batteria charger
per decidere se of the CBHD1
iniziare o meno – CBHD2 – CBHD3
il processo – HF1-IP
di carica. Se laseries,
batteriathe non
charger
è
will check
connessa al the
caricabattery voltage
batteria and decide
lampeggerà whether
il led giallo.toSestart the charging
il test process.
ha dato esito If the trascorso
positivo, battery is 1 not
connected
secondo avràtoinizio
the battery
la caricacharger,
della the yellowcon
batteria, LEDil will
ledflash.
rossoIfacceso.
the result of the
Il relè ditest is positive
uscita si chiudeafter
e 1
second the
lentamente charging
sale of thedella
la corrente battery canfase
prima start, with
fino al the red nominale
valore LED on. The output relaySe,
programmato. closes and the
durante il
current di
processo ofcarica
the first phase
della rises l’utente
batteria, slowly till the nominal
scollega valuestessa
la batteria programmed
dal caricais batterie,
reached. dopoIf during
pochithe
batteryilcharge
secondi, process the
carica batterie user disconnects
si riazzera e si prepara thead actual battery
iniziare from the
un nuovo battery
processo dicharger, after a few
carica (disponiile
suseconds the Durante
richiesta). battery charger
il processowill reset and l’avanzamento
di carica get ready to start a new
della caricacharge process tramite
è segnalato (availabletreon
request).
indicatori The progress
luminosi of the giallo
a led: rosso, charging process
e verde. is shown
Il led by threeloLED’s:
verde segnala red, yellow
stop della carica o and green,fase
l’ultima as in
in the whole range
tampone; nel primoof the battery
caso si hachargers.
l’apertura The
delgreen
relè a LED shows the
scollegare end of the charging
galvanicamente or thedal
la batteria last
phase in case of deep charging process; in the former case, the relay is opened to disconnect
caricatore.
galvanically the battery from the battery charger.
SEGNALAZIONI VISIVE
VISUAL SIGNALS
Elenchiamo
Please findleinsegnalazioni visive
the following tabledel carica
a list batterie
of the visualserie CBHD1
signals – CBHD2
of the CBHD1 –– CBHD3
CBHD2 –– HF1-IP:
CBHD3 - HF1-IP.
SEGNALAZIONE
SIGNAL (LED) SIGNIFICATO
MEANING
LED rosso lampeggiante (2 volte) Caricabatteria configurato per ricaricare batterie Pb- Acido
Red LED flashing (twice) Battery charger set to charge Lead-Acid batteries
LED verde lampeggiante (2 volte) Caricabatteria configurato per ricaricare batterie GEL e/o AGM
Green LED flashing (twice) Battery charger set to charge GEL and/or AGM batteries
LED rosso fisso Prima fase di carica normale
Red LED
LED gialloon
fisso First phase of charge
Seconda fase diin progress
carica normale
LED verde
Yellow LEDfisso
on Second Terminazione dellain
phase of charge carica o fase di mantenimento
progress
Green LED on End of charge orAmaintenance
NOMALIE phase
LED giallo lampeggiante BATTERIA
ANOMALIES CONNESSA O CORTOCIRCUITO IN USCITA
ERRATA O NON
LED rosso lampeggiante TIMER DI SICUREZZA SUPERATO
Yellow LED flashing UNSUITABLE BATTERY INTERNO
CORTOCIRCUITO OR BATTERY NOT CONNECTED OR OUTPUT SHORT
CIRCUIT
Red LED flashing SAFETY TIMER EXCEEDED
INTERNAL SHORT
LED CIRCUIT
GIALLO

LED ROSSO LED VERDE


YELLOW LED

RED LED GREEN LED

157

74/93
CAVO
MAINSDI RETE
CABLE

CARICABATTERIA
BATTERY CHARGER

CAVI DI BATTERIA
BATTERY CABLES
2x2,5mmq

Esempio
Example di schema
diagram di collegamento
of connection trabattery
between caricabatteria
chargereand
batteria.
battery.

CAVO DI RETE

MAINS CABLE CARICABATTERIA


CAVI RELE' AUSILIARIO
2x1mmq BATTERY CHARGER
RELE' ESTERNO AUXILIARY RELAY CABLES RELE' AUSILIARIO
(non fornito) 2x1mmq INTERNO.
5Adc@24Vdc
INTERNAL MAX
EXTERNAL
RELAY (not CAVI DI BATTERIA AUXILIARY RELAY
supplied) 2X2,5mmq 5Adc@24Vdc MAX
BATTERY CABLES
2X2,5mmq

Esempio di schema di collegamento con utilizzo del relè ausiliario interno al caricabatteria.
Il relè ausiliario è Normalmente Chiuso e commuta all'accensione del caricabatteria.
IlExample
relè ausiliario
diagram interno può essere
of connection utilizzato
with con correnti
use of battery massime
charger diauxiliary
internal 5Adc a 24Vdc.
relay.
The auxiliary relay is Normally Off and switches on when the battery charger is turned on.
The internal auxiliary relay can be used with maximum voltages of 5Adc to 24Vdc.

16
8
75/93
CE DECLARATION OF CONFORMITY
According to: UNI CEI EN ISO/IEC 17050-1:2005

We

S.P.E. ELETTRONICA INDUSTRIALE di Poletti Sergio


Via di Mezzo Ponente, 383 – 40014 Crevalcore (Bologna) ITALY

Declare under our sole responsibility that the product:

ELECTRONIC AUTOMATIC BATTERY CHARGER MODEL:

to which this declaration applies, complies with the provisions of the Directives of the Council of the
European Union on the approximation of the laws of the members states:

Relating to Electromagnetic Compatibility (EMC) Directive 2004/108/EC of the European Parliament


and of the council of 15 December 2004 on the approximation of the laws of the member states
relating to electromagnetic compatibility and repealing directive 89/336/EEC, conformity is proven
by compliance with the following standard:

✔ EN 55014-1 (Emission)
✔ EN 55014-2+A1+A2 (Immunity – Category II)

Relating to Extra Low Voltage (LVD) Directive 2006/95/EC of the European parliament and of the
council of 12 December 2006 on the harmonisation of the laws of member states relating to
electrical equipment designed for use within certain voltage limits , conformity is proven by
compliance with the following standard:

✔ EN 60335-2-29:
“Safety of household and similar electrical appliance – Part 2: Particular requirements for battery
chargers”.

✔ EN 62233:
“Measurement methods for electromagnetic fields of household appliances and similar apparatus
with regard to human exposure”

Crevalcore 01-12-2009

Signature

76/93
25
ROBOT S6

10.3. MANUALE OPERATIVO CARICABATTERIE NORDELETTRONICA


Di seguito sono riportate le istruzioni per l’uso fornite direttamente dal costruttore del dispositivo
commerciale, standard o optional, installato sulla macchina.
La lingua di tale documentazione potrebbe non corrispondere a quella con cui sono redatte le istruzioni per
l’uso della macchina.

77/93

 

 


 
 

 

 
 

!"""##$% &"

78/93
   

 

'%()*+  ,  -  +.+
  
- .,/0
  ,   &&  + 1  . 
 %)2 
+ - 3 .- 1   
.    

   1 4   4 

 
 


  ,   .- 0+ ., 5         1    1   1   6+ 1 - .   +  
. 1 0 7  &
 .-      00   .- .  
,  
. 
 -1 4*-11 ,
1 0
 
'
0 .   1 
 - ,  

' 1  
.- 00 


&     6+

0 .   *1  1
5   & 1  -1 48&   ,

-0$9

  
 
:11
.- 00  ; <1  &  7 1  ,   
:11;   .71    
: 

;   71    


:2  ;      <1  .  .  



.
#
:#
.- 00 
0 

;  1 

0 & 1  -
 3   +  +1 8 9
%
:%
.- 00 
0 

; 

.  . :+ ;,   7 1 - 3,   --


& 8 9
%
:=
.- 00 
0 

;

.   ,   7 18 9


=
:)
.- 00 
0 

;

. 1& .-  +8 9



#
8 92  7  
 

0.  

,  
%
8 9

. 1  1 1 

0

.  5   1  - 1   1+
 
11 1 5
=
8 9

. 1 + : 1 6+


  ,  1 77 2  7  
& 
5  

  
 

:0 11;#"":%)"2 !:%!">?"@5 :<+1 ,
  0 11#"%!"287+1 ,
  9
:1 ;%)2 :#! :& 1   -
 3
:  ;#""A#?"48!9>#%"A#("48%"9 :   +   
:&  
:& 1 
:& .-  +

 


:0 11;  =-
?"=%"#)
:1 ; &11G#%; 
 & G#%; 
   (-
  :<H8I= :"#:%"(?9;&   ,

-0$


  
 
 

: 
  ,  &   1 

  +
55   7. 3 6+ 1  1 +5  -+B 00 1  +1 
1  

'-   
:&  -11 . 3 +,  
- .,*-  
1/
,  0  01 1-
1 & + 
.
7+5 .   
6+ 1 . &/- . +1 
  ,  /* 7.  
 .- 50 &

00   1 0+   1 .  
 1 +5  7 
:  + 
 1 4   1-
1  

,  /1 0+  6+ 1  1 +5   6+

  11 0 1+

,  
:  + 
 1 4  
1  /   1
,  
- .,/0
811 +1  4 
 +&   1
5  1  
 -
 ,     9&      
  -  ,    ,
   ,
C6+ 1 ,  -11 1-
  / +1

1  - 1
  
: ,  
- .,: -+ 

'  01 1-
1 & + 
  ; &  7 ..  1 

 - &   +' 0+ 


& 
5  
:&      +,   0
 
: +   + 
- +5  1- 7 4 
-+  

,   . 
 .5    -- 

+ 
    
-.   .    
:-1 5  
  ,    .  1-1 
,     / 01 
6+  

,  -  ,,     


 00  
  ,  1 5  
  ,  - D
 -11 ,


,  
:    -  
  ,  2 *
 1 4  1 11 
 4 / 4 1 
  ,  *1 

0 

'   1


.-   -,


'+  
:1+- 7 
  ,  -+B1+ 1 
1 + 
   - + .-1+ 11 &
: 1- 
  ,  

- 00 


- +1  
: &   +.  . =".. 1-5 
, 0  1  . 3
  ,  1 

 
  ,   
+01 +  , 
  
:   &      +1 1 00   &
0 1 
  11 1 5
: 

0 
'
.  5  - .  

0 1 

0 
  11  

,  
:-- 4 -+B 11  +
55 ,.,    3 7   (  - 1     - 37 1 4 /1 1 
.  
/
- &   1-  5

 11  1 5/-+ 4E1 1& 0


5--+ - 4 
1 11 ,,  &+  1 +5  

 & 

+11 +

-- 4  

 .- 1   -  
 11    ,.,   &0    
-- 4 
-+
5  
.+ 5   1   11   77 + 

+
55   &  11   77 + ,.,  1 51& 0
5
: 
   ,  - + .,
;
:
 . 


,   

0 

  &' 11   

0 - - .'


  11   &  11   77 + 

 /
 1 5

,   


 
 ,+ 
  ,  &-  

0 

  
.  5  
:-
  /1 

0 
  ,  

  
.  5  F+   .+&  
 

0.  

   7  



0.  

,  

79/93
2


L

?)..

. b#/)X0
?.
%=
 A ..
#
%= %)!
#"
#=% "..
..

:G@

 I:<H
= :"#:%"(?
#
)

 K
 
( !
c :L
) #
#  
%  
= 
J  
) 
J  
! 
J  
? )(!:
$ )(!:
(  

'+) '()
1
).0 *-, **/" )*+,+),
2+/0,  -."
+/0,. +/0,.

<< << << # ":,<


  << #
  << % ":,<
 : J1 << %
<<  << = :: << =
 << << ) ":,<
 :  << )
<< <<  ! :,<
   #
   ? :,<
 : J1  %
<<   $ ::  =
 <<  ( :,<
 :   )

.

 # %
))
 3'2'
.
0'.
= )
:G@ ))  #=
<< #!

&

80/93
81/93
82/93
ROBOT S6

10.4. DOCUMENTAZIONE BATTERIA ENERSYS


Di seguito sono riportate le istruzioni per l’uso fornite direttamente dal costruttore del dispositivo
commerciale, standard o optional, installato sulla macchina.
La lingua di tale documentazione potrebbe non corrispondere a quella con cui sono redatte le istruzioni per
l’uso della macchina.

83/93
Chapter
Capitolo 10
10
Annexes
Allegati

10.3.
10.3. BATTERY DOCUMENTATION
DOCUMENTAZIONE BATTERIA

Operationper
Istruzioni anduso
m aintenance instructions
e manutenzione pow erbloc dry
powerbloc ENGLISH
ITALIAN
M ot ive pow
Batterie per er batper
auto t eries for smleggera.
trazione all t ract ion Sealed gas recom binat ion m onoblocs
XP series: AGM ad tacido
echnology M FP series: Gel t echnology
s
Monoblocchi libero
serie TP: monobloccchi a piastra tubolare
serie FP e FTP: monoblocchi a piastra piatta
Rat ing dat a :
1.Caratteristiche
Nom inal capacity C5 : see type
2. Nom inal voltage : see type
1. Capacità nominale C5 : Vedi tipo
3. Discharge current : C5/5h
2. Tensione nominale : Vedi tipo
4. Rated tem perature : 30°C
3. Corrente di scarica : C5 / 5 h
4. Peso specifico elettrolito* : 1,29 kg/l
Pow erbloc dry batteries, XP and M FP series are valve-regulated lead-acid batteries. Unlike conventional batteries w ith liquid electrolyte these
5. Temperatura di riferimento : 30 °C
batteries have im m obilised electrolyte (gelled sulphuric acid : M FP series or AGM : XP series). Instead of a vent plug, a valve is used to
6. Livello nominale elettrolito : fino all’indicatore di livello “max”
regulate the internal gas pressure, preventing the ingress of oxygen from the air and allow ing the escape of excess charging gasses. When operating
valve-regulated lead-acid batteries the sam e safety requirem ents as for vented batteries apply, to protect against hazards from electric current, from
*ottenibile entro i primi 10 cicli
explosion of electrolytic gas and - w ith som e lim itations - from the corrosive electrolyte.
Battery valves should never be rem oved. These batteries do not require topping – up w ith distilled or dem ineralized w ater
AVVERTENZE DI SICUREZZA
SAFETY PRECAUTIONS
• Seguire attentamente le istruzioni ed esporre le stesse • Rischio di esplosione e incendio
in prossimità della batteria. • Evitare corto-circuiti: non usare attrezzi non isolati,
• La manutenzione della batteria deve essere affidata a non appoggiare né far cadere oggetti metallici sulla
• Pay attention to the operating instructions and keep • Risk of explosion and fire
personale esperto ! batteria. Togliere anelli, orologi e indumenti provvisti
them close to the battery. • Avoid short circuits: do not use non-insulated tools,
di parti metalliche che potrebbero venire a contatto
• Work on batteries m ust only be carried out by skilled do not place or drop m etal objects on top of the
con i terminali della batteria.
personnel! battery. Rem ove rings, w ristw atches and articles of
clothing w ith m etal parts that m ight com e into contact
• Usare occhiali protettivi e indossare indumenti di
• Use protective glasses and w ear safety clothing w hen w ith the battery term inals.
sicurezza durante l’uso delle batterie.
w orking on batteries.
• Conformarsi alle norme antinfortunistiche in vigore • L’elettrolito è fortemente corrosivo.
• Adhere to the current accident prevention rules in the • Electrolyte is highly corrosive.
nel paese in cui la batteria è usata o alla rispettiva
country w here the battery is used or DIN EN 50272-3, • In the norm al operation of this battery a contact w ith
DIN EN 50272-3, DIN EN 50110-1.
DIN EN 50110-1. acid isn’t possible. If the cell containers are dam aged,
the im m obilised electrolyte (gelled sulphuric acid or
• Non rovesciare la batteria.
absorbed in the separator for AGM technology) is
• Batterie e monoblocchi sono pesanti. Assicurarsi
• Keep children aw ay from batteries! corrosive like the liquid electrolyte.
• Tenere i bambini lontani dalle batterie!! sull’installazione sicura! Usare solo attrezzatura
adeguata. I ganci di sollevamento non devono
• Batteries and m onoblocs are heavy. Ensure secure
danneggiare blocchi, connettori o cavi.
• No sm oking! installation! Use only suitable handling equipm ent.
• Non esporre le batterie alla luce diretta del sole
• Do not expose batteries to naked flam es, glow ing • Lifting hooks m ust not dam age the blocs, connectors
• Vietato fumare! senza protezione.
em bers or sparks, as it m ay cause the battery to or cables.
• L’esposizione della batteria a fiamme libere, • Le batterie scariche possono gelare. Per questo
explode • Do not place batteries in direct sunlight w ithout
braci incadescenti o scintille può causare l’esplosione. motivo vanno sempre conservate al riparo dal gelo.
• Avoid sparks from cables or electrical apparatus as protection.
• Evitare scintille da cavi o apparecchiature elettriche
w ell as electrostatic discharges. Discharged batteries can freeze. For that reason,
nonché scariche elettrostatiche.
• alw ays store in a frostfree zone.
• Acid splashes into the eyes or on the skin m ust be
• Voltaggio elettrico pericoloso!
w ashed im m ediately w ith an abundance of clean • Dangerous electrical voltage!
• Schizzi di acido negli occhi o sulla pelle devono essere
w ater. After abundant flushing consult a doctor • Avoid contact and short circuits.
lavati immediatamente con acqua corrente. Dopo un
im m ediately! • Caution - m etal parts of the battery are alw ays live:
lavaggio abbondante, consultare immediatamente un
• Clothing contam inated by acid should be w ashed in do not place tools or other objects on the battery!
medico! • Fare attenzione ai rischi che possono essere
w ater.
• Lavare con acqua gli indumenti contaminati dall’acido. causati da batterie
• Pay attention to the hazards that can be caused by
batteries
Il mancato rispetto delle istruzioni d’uso e riparazioni con pezzi non originali faranno decadere il diritto alla garanzia.
Comunicare qualsiasi guasto, malfunzionamento o difetto della batteria, del caricabatteria o di qualsiasi altro accessorio al nostro Servizio Post-Vendita.
DESCRIZIONE
Ignoring the operating instructions, repair w ith non-original parts w ill render the w arranty void.
Le batterie per trazione Powerbloc sono adatte a tutti i tipi di trazione leggera.
All failures, m alfunctions or defaults of the battery, the charger or any other accessories, m ust be notified to our After Sales Service.

1. Messa in servizio Terminale conico DIN


1. Com m la
Controllare issionning
batteria per garantire il suo perfetto stato fisico. 8 ± 1 Nm
Bloc voltage (V) M ax. tolerance from average
Controllare
The XP and M FP series m onoblocs are supplied in a charged value - U bloc
1. lo stato di pulizia della batteria. Prima di installare la batteria, 2. Funzionamento
condition.The battery should be inspected to ensure it is in perfect physi-
pulire il vano batteria.
cal condition. Check 6 ± 0.035
2. il buon contatto dei cavi terminali della batteria con i terminali e la La norma di riferimento è la DIN EN 50272-3 “Batterie di trazione per
1. the battery cleanliness. Before installing, the battery com partm ent
corretta polarità. Altrimenti batteria, veicolo e caricatore possono autocarri industriali”. La temperatura nominale di funzionamento della
has to be cleaned. 12 ± 0.049
essere danneggiati. batteria è 30 °C. Temperature superiori abbreviano la vita della batteria,
2. the battery end cables have a good contact to term inals and the
3. il livello dell’elettrolito e la presenza dei tappi. quelle inferiori riducono la capacità disponibile. 55 °C è il limite di
polarity is correct. Otherw ise battery, vehicle or charger could be
4. In caso di sistema di rabbocco d’acqua, controllare la presenza dei temperatura superiore e le batterie non devono essere usate al di sopra
destroyed. After connecting, the term inals m ust be covered w ith grease as protec-
tappi specifici e del sistema di tubatura. Il livello dell’elettrolito deve di questa temperatura di funzionamento. La capacità della batteria varia
Use special coding system s for m aintenance free batteries for the tion against external corrosion.
trovarsi sempre al di sopra del bordo dei separatori. con la temperatura e scende notevolmente sotto i 0 °C. La durata ottimale
charging plug- and- socket devices to prevent accidental connection to The specified torque loading for the bolts/screw s of the end cables and
241-547-2.fm
IDM 241-547-2.fm

Rabboccare con acqua demineralizzata fino al livello nominale. Caricare della batteria dipende dalle condizioni di funzionamento (temperatura
the w rong type of charger. Never directly connect an electrical appliance connectors are:
la batteria (vedi 2.2.2) prima della messa in servizio. Collegare insieme moderata e scariche pari o inferiore all’80 % della capacità nominale C5). La
( for exam ple : w arning beacon) to a part of the battery. This could lead
solo blocchi con lo stesso stato di scarica (stesso voltaggio, tolleranza batteria raggiunge la piena capacità dopo circa 10 cicli di carica e di scarica.
to an im balance of the cells during the recharge, i.e. a loss of capacity, Flat pole M 6 DIN conic post
secondo la tabella seguente).
the risk of insufficient discharge tim e, dam age to the cells and this m ay
EFFECT THE WARRANTY 2.1 Scarica
Voltaggio blocco (V)OF THE BATTERY. Max. tolleranza dal valore 6 ± 1 Nm 8 ± 1 Nm
IDM

medio - Ubloc Accertare che le feritoie di ventilazione non siano ostruite o coperte.
Charge the battery (see 2.2) before com m issioning. Type of m onobloc Specific value
I collegamenti elettrici (p.es. spine) devono essere eseguiti o interrotti
Only blocs w ith 6the sam e state of discharge (the sam
±0,035
e voltage, tolerance
solo a circuito aperto. Per ottenere la durata di vita massima della
like the follow ing
12 table) should be connected together.
±0,049 12XP51-12XP73 8 to 10 Nm
batteria, evitare scariche al di sotto dell’80 % della capacità nominale
Dopo il collegamento, ricoprire i morsetti con grasso per proteggergli (scarica a fondo). Un peso specifico dell’elettrolito di 1,13 kg/l deve
6XP180 11 to 13 Nm
contro la corrosione esterna. essere controllato al termine della scarica. Ricaricare immediatamente
Coppia di serraggio indicata per bulloni/viti di cavi terminali e connettori: le batterie scariche; evitare di lasciare le batterie in stato scarico:

English
Italiano - 67 -
- 67 -
84/93
Chapter 10
Capitolo 10
Annexes
Allegati

Scarica Ricarica in stato di piena carica. Secondo la temperatura verrà applicata la


correzione del peso specifico rispetto a 30 °C:.
>40 % Ogni giorno
<40 % Ogni secondo giorno T °C Correzione a °C
Questo
2. Operatvale ion
anche per le batterie parzialmente scariche. Le batterie Si T °C > 30 °C
3.1. Daily +0,0007
scariche possono gelare. Si T °C < 30 °C - 0,0007
DIN EN 50272-3 “ Traction batteries for industrial trucks” is the standard • Recharge the battery after every discharge of m ore than 40% C5.
w2.2.
hichCarica
applies. • check: the
Esempio: condition
Lettura pesoofspecifico
the plugs, cables
1,285 a 36and
°C: that all insulation covers
The nom inal operating tem perature is 30°C. are in+ place
1,285 and
(0,0007 in =good
X 6) 1,289condition.
a 30 °C
Thebatterie
Le optim um lifetim e of
powerbloc the battery
possono esseredepends on con
ricaricate the operating
caricabatterieconditions La purezza dell’elettrolito deve corrispondere alla DIN 43530-2.
(tem
50 Hzperature
o HF. Se and depth of riutilizzare
desiderate discharge)un caricabatteria esistente, dovrete 3.2. Weekly
controllare che il profilo di carica sia approvato dal nostro teamand
The tem perature range of use for the battery is betw een +15°C tecnico. 2.4. Ispezione batteria
+35 la
Per °C.carica
Any useusareoutside of this range
sole corrente m ustCollegare
continua. be approved by a Service
la batteria solo al Visual inspection after recharging for signs of dirt and m echanical
Technician.
suo caricabatteria appositamente scelto e adatto per la misura della dam age.
Dopo una carica normale, misurare:
Optim al battery
batteria, al fine di life is obtained
evitare w ith the battery
il sovraccarico dei caviate a deitem perature
relativi of
contatti, • il voltaggio totale
25-30°C
la fuoriuscita di elettrolito e la gassificazione impropria delle celle. Nella • 3.3.ilQuart
voltaggioerlyper cella
Higher
fase tem peratures shorten
di gassificazione, la correntethe life
nonofdeve
the battery
superare (according to IEC
il valore limite • la densità specifica dell’elettrolito su diverse celle o sull’intera
1431 technical
prescritto dallareport),
DIN ENlow er temPrima
50272-3. peratures reducelathe
di iniziare available
carica, capacity.
accertare: At thebatteria.
end of the charge, carry out end of charge voltage readings,
•45°C lais the upperdei
presenza temtappi.
perature lim it and batteries should not be operated m easure
NB: misurare and record :
all’intensità costante di I = 0,033 C5 oppure, se il
•aboveInthis
caso temdi perature.
sistema di riempimento d’acqua, controllare il buono • the voltage ofnon
caricabatteria theèbattery
in grado di farlo, alla “carica di equalizzazione”.
The capacity
stato of the
del circuito di battery
rabbocco changes w ith specifici,
e dei tappi tem perature and falls consider-
il collegamento del I• voltaggi
the voltages of each
per una nuova cellbatteria saranno superiori o uguali a 2,65 Volt
ably under
tubo 0 °C.per il dispositivo di riempimento (collegamento saldo
dell’acqua If significant
per cella con changes
I = 0,033from C5. earlier m easurem ents or differences betw een
The optim um lifetim e of the battery depends
tra la batteria e il sistema di approvvigionamento d’acqua). on the operating conditions the m onoblocs are found, please contact our Service.
(m oderate
Durante la tem perature
carica, and discharges
provvedere alla correttaequal to or low er
ventilazione perthan 80% of the
l’eliminazione If the discharge tim e of the battery is not sufficient, check:
nomgas
dei inalprodotti. C5). o togliere i coperchi dei vani batteria. Tenere i
capacity Aprire •3. Manutenzione
that the required w ork is com patible w ith the battery capacity
The battery
tappi chiusi.obtains its full capacity
A caricabatteria spento,after about la
collegare 10batteria
charging and
rispettando •3.1.
the settings
Giornaliera:of the charger
discharging
la cycles.(positivo con positivo, negativo con negativo).
corretta polarità • the settings of the discharge lim iter.
Accendere il caricabatteria. In caso di riempimento automatico con • Tenere la batteria pulita e asciutta per evitare l’auto-scarica e
comando
2.1. Discharging premere il pulsante della scatola dell’elettro-valvola
manuale, 3.4.perdita
Annually di corrente.
per l’alimentazione di acqua demineralizzata, al termine della carica. • Controllare: lo stato di tappi e cavi e che tutti i coperchi di
The valves
Durante on the la
la carica, toptemperatura
of the battery m ust
della not be
batteria sealed or
aumenta di covered.
circa 10 °C, Internal dust
isolamento remsi oval from al
trovino the charger.
posto giusto e in buone condizioni.
èElectrical connections
quindi opportuno (e.g. plugs)
iniziare la caricam ust
soloonly betemperatura
se la m ade or broken dell’ in the Electrical connections: test all connections (sockets, cables, and con-
open circuit
elettrolito condition.
è inferiore a 45 °C. La temperatura dell’elettrolito della batteria tacts).
3.2. Settimanale
Dischargesessere
dovrebbe over 80% of the +10
di almeno rated°Ccapacity
prima dellaare deep
carica,discharges
altrimentiand nonare
sarà M onoblocs having term inals w ith insert :
not acceptable.
possibile ottenere They unareduce
caricaconsiderably
completa senza the impostazioni
life expectancy of the del
specifiche Check the
Qualora torque loading
necessario, regolareof the bolts/screw
il livello s.:
dell’elettrolito di ogni cella, usare
battery Discharged
caricabatteria. La caricabatteries m ust be recharged
è considerata im m ediately
completa quando il pesoand m ust
specifico According
solo acquato DIN EN 1175-1owdistillata.
demineralizzata hen necessary,
ll livello but at deve
non least once a year,althe
mai essere
not be left in aedischarged
dell’elettrolito il voltaggiocondition.:
della batteria rimangono costanti per 2 ore. insulation
di sotto delresistance
livello minimo,of the in
truck
altreand of thedeve
parole, battery m ustsempre
trovarsi be checked
sopraby
Durante la ricarica, le celle rilasciano gas idrogeni e ossigeni. anpiastre.
le electrical Daspecialist.
effettuarsi:
E’ necessario Discharge
provvedere all’aerazione dell’ambiente, Recharge
in particolare •The test
al termine della carica e senza superare il livello massimo se la in
on the insulation resistance of the battery m ust be conducted
durante la >40% ricarica. Tutti gli impianti devono essereEvery day ai
conformi accordance
batteriawèithprovvista
DIN EN 1987-1.
di tappi The average insulation
di riempimento standard.resistance of the
regolamenti <40%
in vigore nel paese in cui sono in Every uso. second day •battery m ust not
mediante be low er than
collegamento al 50 Ω peridrico
circuito Volt nomdellainal voltage
batteria, se la batteria
(DIN EN 50272-3)di riempimento automatico. La pressione deve essere
è provvista
2.2.1 Carica normale: For batteries
tra 0,2 eup 0,6tobar.
20 V nom inal voltage the m inim um value is 1000 Ω.
This also applies to partially discharged batteries. MOLTO IMPORTANTE
Discharged
E’ batteries
usata in seguito can scarica
a una freeze. « normale» della batteria (fino all’80 % In4.condizioni
St orage gravose
and Transportquali elevata
at iontemperatura ambiente, controllare il
LimCit5),the
di non discharge to 80% fino
viene interrotto DOD.all’indicazione
The presencedi ofcarica
a discharge lim iter
terminata sul is livello dell’elettrolito frequentemente. In presenza di tracce di fuoriuscita
im perative
display del w ith an energy cut-off set at 1.90Volts per cell.
caricabatteria. Store
di the battery
elettrolito, in a fullytracce
in generale, charged condition
di solfato in a dry, lavare
di piombo, clean and frost
la batteria
Non è necessario ricaricare la batteria subito, se dopo un ciclo d’uso la free acqua
con area. corrente a bassa pressione, con le feritoie di aerazione delle

notice. al testo senza alcun obbligo di darne preavviso.


capacità residua è ancora superiore o uguale al 60 % della sua capacità.
2.2. Charging Alw ays
celle disconnect
al posto giustothe battery from the electric vehicle before storage.
e chiuse.
In tal caso è necessario ricaricare al più tardi il giorno successivo. For easy recharge of the batteries, it is advised not to store w ithout
Pow erbloc dry batteries can be recharged w ith 50 Hz or HF chargers. recharge
3.3. Mensile for m ore than 3 m onths at 20°C and 2 m onths at 30°C.
o trimestrale
If2.2.2.
you wCarica
ish to use an existing charger w ith WUIa or IUIa profile, you
di equalizzazione: To ensure the battery is alw ays ready for use a choice of charging
should check that the profile is approved by our Technical Departm ent. m ethods can
Effettuare be m ade :di fine-carica: misurare e annotare i voltaggi
un controllo
Only
Le connect
cariche the battery to the
di equalizzazione correctly
vengono assigned
effettuate percharger, w hich isla vita
salvaguardare • mtutti
di onthly equalising
i blocchi charge according
con caricabatteria to 2.3.
acceso. Misurare e annotare il
suitable
della for the
batteria battery type.
e mantenere nel tempo la sua capacità. Sono necessarie • floatspecifico
peso charge wdell’elettrolito
ith 2.27 V x num ber of
di tutti cells In presenza di notevole
i blocchi.
dopo scariche a fondo e dopo ripetute scariche incomplete. Permettono variazione rispetto alle misurazioni precedenti o grandi variazioni tra
After any changing of
l’omogeneizzazione cables
della on the
densità charger,
specifica our Technician m ust visit
dell’elettrolito: Alw ays o
blocchi recharge before putting
celle, contattare il nostrotheServizio
battery into service.Se l’autonomia
Assistenza.
•the sitepertocompensare
check the charger setting.dovuta al periodo di
l’auto-scarica The storage
della batteriatim none should be taken
è sufficiente, into account
controllare che ilw hen
lavoroconsidering the life
richiesto sia
XP and M FP bat t eries have a low gas em ission.
immagazzinamento of the battery.
compatibile con la capacità della batteria, lo stato della batteria
•Nevertheless, w hen charging,
per compensare l’eventuale correct provision
perdita di caricam ust
conbe m adenormali.
cariche for (peso specifico di fine-carica) e le impostazioni del caricabatteria.
•venting perofomogeneizzare
the charging gases. Battery l’elettrolito
rapidamente container lids and theall’aggiunta
in seguito covers
of battery
di acquacomdistillata
partm ents m ust be opened or rem oved.
o demineralizzata. 3.4. Annuale
•With perthe compensare
charger sw itched off connect up
la stratificazione the battery,
in seguito ensuring
a cariche thatsenza
parziali the
polarity is correct.
mischiare (Positive (non
l’’elettrolito to positive, negative to negative). Now
consigliato). Batteria: per il bullone sui connettori, controllare le impostazioni della
sw itch
Da on thedopo
eseguire charger.
una carica normale quando si registra una variazione coppia di serraggio dei bulloni/viti dei terminali, I terminali devono
When charging
(differenza di oltrethe10tem perature
grammi of the
al litro) battery specifica.
di densità rises by aboutViene10°C, so
effettuata essere ricoperti di grasso contro la corrosione esterna. Caricabatteria:
Il presente documento non ha valore di offerta contrattuale.

charging
con should
l’utilizzo di unaonly begin ifcostante
corrente the batterycontem
un perature
valore bassois below
vicino35°C.
a C5/30 rimozione della polvere all’interna, controllare tutti i collegamenti
The
(C 5/20electrolyte
max) e dopo tem perature
una carica of normale
the battery should
della be at
batteria least
(fine +15 °C
carica, vedi (connettori, cavi e contatti) e parametri di carica. Secondo DIN EN 1175-1
modifiche

before
2.2). Lacharging, otherw iseèadifull
durata consigliata charge
8 ore. w ill not
La carica di be achieved w ithout
equalizzazione può qualora necessario, ma almeno una volta l’anno far controllare la
specificinterrotta
essere settings of sethe charger.specifiche sono omogeneizzate. Quando
le densità resistenza d’isolamento dell’autocarro e della batteria da un’elettricista
Use
la the correction
densità specificafactor according
dell’elettrolito to DIN VDE
nominale non0510-1 (draft)
è ottenuta dopo una esperto. Il test della resistenza d’isolamento della batteria deve essere
any prior

w ith –0.005
carica Vpc per °C. e quando questa densità specifica non
di equalizzazione, condotto in conformità con la DIN EN 1987-1. La resistenza d’isolamento
comporta la fuoriuscita di elettrolito, è possibile effettuare una ricarica della batteria non deve essere inferiore a 50 Ω per Volt di tensione
di apportare

a2.3.
completamento
Equalising Charge della carica di equalizzazione. Deve essere effettuata nominale (DIN EN 50272-3).
con corrente costante, vicino a C5/60 A, e dopo una carica completa per Per le batterie fino ad un voltaggio nominale di 20 V, il valore minimo è
w ithout

Equalising
72 charges la
ore. Controllare aretemperatura
used to safeguard the lifeaof
e provvedere the battery
sufficiente and to
aerazione! di 1000 Ω.
m aintain its capacity. Equalising charges are carried out follow ing nor-
m2.2.3.
al charging. They are necessary
Carica di desolforizzazione: after deep discharges and repeated 4. Immagazzinamento e Trasporto
la facoltà

incom plete recharges. For the equalising charges, only the chargers
m odification

prescribed
Da effettuarsi by dopo
the battery m anufacturer
una scarica can be used.
molto profonda della batteria (> 80 % C5) Le batterie devono essere sempre immagazzinate e trasportate in modo
se il caricabatteria non inizia a ricaricare a causa di scarica eccessiva sicuro, in posizione verticale, per evitare ogni fuoriuscita di elettrolito.
della
3. Mbatteria.
aint enanceDa effettuarsi con corrente costante, vicino a C5/60, Immagazzinare la batteria ben carica in un luogo asciutto e pulito e al
si riserva

per almeno 2 ore. E’ seguita da una carica normale e una carica di riparo dal gelo. Staccare sempre la batteria dal veicolo elettrico prima
The electrolyte(desolforizzazione,
equalizzazione is im m obilised. The density
qualora of the electrolyte
necessario). Il risultatocan not be si
migliore dell’immagazzinamento. Per una facile ricarica delle batterie, è
to technical

m easured.
ottiene con il valore di corrente più basso. Tuttavia interrompere la carica consigliabile non immagazzinarle senza una ricarica per oltre 3 mesi a
IDM 241-547-2.fm

Never rem
quando la ove the safetydell’elettrolito
temperatura valves from the m onobloc.
raggiunge i 45 °C. 20 °C e 2 mesi a 30 °C. Il tempo di immagazzinamento incide sul calcolo
Il fabbricante

In case of accidental dam age to the valve, contact our After Sales della vita prevista della batteria. Al fine di garantire che la batteria è sem-
Service for replacem ent.
2.3. Elettrolito pre pronta all’uso è possibile scegliere tra i seguenti metodi di carica:
• carica di equalizzazione mensile secondo 2.2.2.
01.2009 Subject

Il peso specifico nominale dell’elettrolito è 1,29 kg/l a 30 °C quando è • carica rapida (float charge) con 2,27 V x numero di celle.

Restituire
Back t o tal
heproduttore!
m anufact urer!
02/2006

LeBat
batterie
t eries provviste
w it h t his di questo
sign m ust segno devono essere riciclate.
be recycled.
LeBat
batterie
t eries w ichnon
che arevengono restituite
not ret urned perrecycling
for t he il processo di riciclaggio
prozess m ust bedevono essere
disposed of assmaltite come
hazardous rifiuti
w ast e! pericolosi!

www.enersys-em ea.com
w w w.enersys-em ea.com

English
Italiano - 68 -
85/93
ROBOT S6

10.5. DOCUMENTAZIONE BATTERIA EXIDE


Di seguito sono riportate le istruzioni per l’uso fornite direttamente dal costruttore del dispositivo
commerciale, standard o optional, installato sulla macchina.
La lingua di tale documentazione potrebbe non corrispondere a quella con cui sono redatte le istruzioni per
l’uso della macchina.

86/93
Chapter 10
Capitolo 10
Annexes
Allegati

Lead acid bloc batteries with positive flat plates (GiS) and
81700679 positive tubular plates (PzS)
Range: FF and FT
Istruzioni
Maintenanced’uso
free lead acid bloc batteries with positive flat plates (GiV)
Range: GF-V, GF-Y, AF-X, AF-Z, AS, df-V und df-Y
Accumulatori
OperatingalInstructions
piombo in monoblocco per impieghi in “Trazione leggera”
realizzati con piastre positive piane (Serie FF/EP) o tubolari (Serie FT/ET)
Traction batteries
1. Capacità
Ratingnominale
data C5: vedere Etichetta
• Nominal
2. Tensione capacity
nominale UNC : vedere
5 Etichetta:see type plate
• Nominal voltage UN :see type plate
3. Corrente di scarica IN = I5 : C5/5h
• Nominal current IN=I5 :CN/5h
4. Densità Elettrolito**
• Nominal S.G. of electrolyte*
Type GiS-Bloc
Monoblocchi Serie FF/EP: 1,28 Kg/dm3 :1,28 kg/l
Type PzS-Bloc :1,29 kg/l
Monoblocchi Serie FT/ET: 1,29 Kg/dm3 :the electrolyte is immobilised, the density of the electrolyte can not be measured
Type GiV-Bloc
• Rated temperature
5. Temperatura di riferimento: 30°C :30° C
• Nominal electrolyte level** :up to electrolyte level mark “max.” or cover at least the separators
6. Livello nominale elettrolito: fino all’indicatore di livello “max.”
* Will be reached within the first 10 cycles.
** Sarà raggiunto entro i primi 10 cicli.
** GiV batteries are valve-regulated batteries (VRLA) with an immobilised electrolyte, where a water refilling isn’t permitted
during the whole battery life. Instead of vent plugs, valves are used, which will be destroyed when they are opened. When
operating valve-regulated lead-acid batteries the same safety requirements as for vented cells apply to protect against
hazards from electricattentamente
• Seguire current, from explosion of electrolytic
le istruzioni ed esporlegases and, in case
in prossimità of batteria!
della the cell container is damaged, from the
corrosive electrolyte.
• La manutenzione della batteria deve essere affidata a personale esperto!
Nominal bloc Max. tolerance from average
• Pay attention to the "instructions for use" and fix them close to the battery. voltage [V] value – ΔUBloc [V]
• Work on the battery should only be carried out by qualified personnel.
2 ±0.020
• Quando si opera sulla batteria usare occhiali protettivi ed indossare abiti antiacido!
• Use protective glasses and clothes when working on batteries. 4 ±0.028
• Seguire attentamente le norme anti-infortunistiche vigenti, così come le norme EN 50272-3 e EN
Pay attention to the accident prevention rules as well as EN 50272-3, 6 ±0.035
EN 50110-1. 50110-1!
8 ±0.040
• No smoking! 12 ±0.049
Do not expose batteries to naked
• Vietato flames,
fumare! Nonglowing embers
esporre or sparks,
le batterie as it
a fiamme libere, braci o scintille accidentali in quanto
may cause the battery to explode. The battery end cables must have a good
potrebbero causarne l’esplosione!
contact to terminals, check that the polarity is
• Keep children away from batteries! correct. Otherwise battery, vehicle or charger
could be destroyed. After connecting cover the
• Mantenere le batterie lontane dal contatto con bambini oend poles inesperte.
persone with grease as external corrosion pro-
• Acid splashes in the eyes or on the skin must be washed with tection.
water. In case of accident consult a doctor immediately.
The level of the electrolyte must be checked. If it
• Clothing contaminated by acid should be washed in water
is below the electrolyte level mark ” min.” or the
top of the separator, it must first be topped up to
height with purified water (only GiS/ PzS-
• Risk of explosion and fire, avoid
• Schizzi short sugli
di acido occhi o sulla pelle debbono essere this
circuits. lavati immediatamente con acqua.
batteries).
• Consultare immediatamente un medico in caso di contatto accidentale con acido. Gli abiti spruzzati
• Electolyte is highly corrosive. The battery is then charged as in item 2.2.
• d’acido
In the normal operation debbono
of GiV batteriesessere lavati
a contact withcon
acidacqua.
isn't possible. If The electrolyte should be topped up to the spe-
the cell containers are damaged, the immobilised electrolyte (gelled sulphuric cified level with purified water (DIN 43530 part 4).
acid) is corrosive like the liquid electrolyte. (onlydiGiS/ PzS-batteries).
• Evitare il corto-circuito della batteria o degli elementi: rischio incendio o di esplosione!
• Do not spin battery!
Ensure secure installation. Use only suitable handling equipment e.g. lifting gear in The specified torque loading for the pole screws

accordance with VDI 3616. Avoid damage to the batteries, connectors or end of the end cables and connectors are:
cables with the lifting equipment.
Terminal Nomen- Tightening
• Dangerous electrical voltage!
• L’elettrolito presente all’interno della batteria è altamente corrosivo! clature Torque Value
Caution! Metal parts of the battery are always alive. Do not place tools or EN (A) conical - 8 ± 1Nm
other metal objects on the battery. Flat M5 (G5) / M6 (G6) F/G 5 / 6 ± 1Nm
Ignoring the operation instructions, repair with non-original parts or using additives for the Screw type (male)
electrolyte will render the warranty void. M/N 11 / 17 ± 1Nm
M8 / M10
• Le batterie e gli elementi sono oggetti con elevato peso! Screw type (female)
Spent batteries have to•beAssicurarsi
collected and della loro corretta
recycled separatelye from
stabile installazione!
normal household Utilizzare
M6 / M8 / M10e cateneO isolati
ganci / P* / Q 8 / 20 / 20 ± 1Nm
e strumenti di
IDM 241-547-2.fm

wastes (EWC 160601). The sollevamento


handling of spent affidabili, come
batteries ad esempio
is described in theparanchi WNT 3/8´´-16
EU Batteryin accordo con la, 5/16´´-18
norma VDI W 3616! 16 ± 1Nm
Pb Directive (91/157/EEC) and their national
• Evitare transitions
danni alle (UK:terminali,
batterie, HS Regulation
cavi e1994 No.con
spine 232,l’attrezzatura
Combinationdi
of sollevamento.
EN (A) 8 ± 1 Nm
Ireland: Statory Instrument No. 73/2000). Contact your supplier to agree upon the conical R
• Attenzione, tensione pericolosa! 16 ± 1Nm
recollection and recycling of your spent batteries or contact a local and authorized and Stud 3/8´´
Waste Management Company. • Le connessioni in metallo della batteria sono sempre sotto tensione. Non posare utensili od altri
oggetti metallici sulla batteria. *Exception GF 06 095 V P4:
➪ Tightening Torque = 12 ± 1Nm
1. Commissioning filled and charged batte- battery compartment has to be cleaned. Only
ries blocks with the same state of discharge (the Example for description: GF 06 180 V P
The battery should beLainspected
non osservanza
to ensuredelle
it is inistruzioni, riparare
same voltage, la batteria
tolerance con
like the parti non
following originali o aggiungere
table) ➪ additivi
Screw typeall’elettrolito
terminal (female)farà
M8
decadere
perfect physical condition. il diritto
Before alla garanzia.
installing the have to be connected together. ➪ Tightening Torque = 20 ± 1Nm

English
Italiano - 69 -
87/93
Chapter 10
Capitolo 10
Annexes
Allegati

For commissioning of unfilled GiS/PzS-batte- 2.3 Equalising charge further testing and maintenance by the service
ries see separate instructions. Equalising charges are used to safeguard the life department should be requested.
1. Messa in servizio di batterie riempite e cariche
of the battery and to maintain its capacity. They
2.4 Temperatura
2. Operation Per la messa in servizio di batterie are cariche necessary after deep
secche, seguire discharges,
le istruzioni repeated di3.4
La temperatura Quarterly
riferimento (only
ottimale GiV-batteries)
dell’elettrolito è 30°C; una temperatura
EN 50272-3 "Traction batteries for industrial incomplete recharges
specifiche! La batteria deve essere ispezionata prima della messa in servizio. and charges to an IU cha-la vita
più alta riduce After thebatteria
della end of the charge
mentre and a rest
una temperatura più time
bassaof 5h
riduce
trucks" is the standard, which applies
Il compartimento batteria deve to the racteristic
essere pulito prima curve. Equalising Solo
dell’installazione. chargeslaare carried
capacità following
disponibile. should be
La temperatura limitemeasured
è pari a 55°C and recorded:
e non è accettabile
operation traction batteries
monoblocchi in industrial
con lo stesso trucks. out possono
stato di carica following normal
essere charging.
collegati assieme; quale temperatura • dithe voltages
esercizio di unaof batteria.
the battery Non esporre le batterie alla
per la tensione si può prendere comeFor equalising
riferimento la seguente of GiV-batteries
chargetabella: luceonly
solare bat- • di
e a fonti the voltages of every cells or blocs
calore.
2.1 Discharging tery manufacturer approved chargers must be If significant changes from earlier measurements
Ventilation openings must not be sealed or used. 2.5 Elettrolito or differences between the cells or bloc batteries
Tensione nominale (V) Max tolleranza dal valore La densità ed il livello dell’elettrolito
covered. For medio GiS/PzS-batteries
- ΔU Block (V) the charging current are found, furthersono riferiti and
testing alla temperatura
maintenance di 30°C
by
ed elemento totalmente carico. Una temperatura più elevata di quella di
Electrical connections (e.g. plugs) must 2 only be must not exceed ± 0,020 5 A/100 Ah of rated capacity the service department should be requested.
riferimento riduce la densità dell’elettrolito, mentre una temperatura più
made or broken in the open circuit condition. 4 (end of charge ± 0,028 – see point 2.2). bassa la aumenta. Il fattore di correzione della densità è -0.0007 Kg/dm3
To achieve the optimum life for the battery, 6 ope- Watch the± temperature! 0,035 per °C (ad esempio 3.5il peso
Annually (only
specifico di 1.28for batteries
Kg/dm3 a 45°C in steel trays)al
corrisponde
rating discharges of more than 80% of 8 the rated ± 0,040 peso specifico diIn1.29 accordance
Kg/dm3 a with 30°C EN per 1175-1
lo stessoatelettrolito).
least onceInoltre
per
capacity should be avoided (deep discharge). 12 2.4 Temperature ± 0,049 l’elettrolito non deve contenere impurità e deve essere conforme alla insu-
year, an electrical specialist must check the norma
This corresponds to an electrolyte specific gravi- An electrolyte temperature of 30° CDIN is specified
43530 Parte lation2. resistance of the truck and the battery.
ty of 1.13 kg/l at the end of la
Collegare the discharge
batteria (only asrispettando
al caricabatteria the rated latemperature.
corretta polarità Higher
ed temperatures The tests on the insulation resistance of the bat-
GiS/ PzS-batteries). assicurando l’efficacia del contatto. In caso shorten the potrebbero
contrario battery, lower3.temperatu-
life of thedanneggiarsi Manutenzionetery must be conducted in accordance with EN
la batteria, il veicolo o il caricabatteria.
To measure the state of discharge use only the res reduce the capacity available. Ricoprire i poli con grasso per 1987-1.
proteggere dalla corrosione le zone di contatto
battery manufacturer recommended discharge 45° C (GiV) or 55° C (GiS/PzS) is the upper elettrico. 3.1 Giornaliera
tem- The insulation resistance of the battery thus
indicators. Deve essere inoltre controllato il livello dell’elettrolito.
perature limit and Se islo not
stesso è al di
acceptable Ricaricare
as an opera- la batteria dopo ogni scarica.
determined must not Dopobelabelow
fine dellaa carica
value controllare
of 50 Ω
sotto del livello “MIN”, o del bordo superiore dei separatori, la batteria deve il livello dell’elettrolito e ripristinarlo, se necessario, rabboccando solo con
Discharged batteries must be recharged imme- ting temperature.
essere rabboccata utilizzando acqua distillata (DIN 43530 parte 4). A questo
per Volt of nominal voltage, in compliance with
acqua distillata. Il livello dell’elettrolito non deve mai essere al di sotto dei
diately and must notpunto
be left discharged.
la batteria This also
sarà pronta Therefore the batteries should notparaspruzzi,
per la carica. be left in cioè EN 50272-3.
del bordo superiore dei separatori, o inferiore all’indicatore
applies to partially discharged batteries. Other- directly sunlight. dell’elettrolito “MIN”. For batteries up to 20 V nominal voltage the
wise the life of battery
Coppiewill di beserraggio
reduced.per differenti tipologie di attacchi terminali minimum value is 1000 Ω.
2.5 Electrolyte 3.2 Settimanale
2.2 Charging Terminale Nomenclatura TheCoppia
GiV-Batteries: di
electrolyte Procedere ad una4.
is immobilised. Carevisiva
ispezione of the dellabattery
batteria al fine di controllare eventuali
serraggio
Only direct current must be used for charging. All The density of the electrolyte cannotdanni be measu- The battery
meccanici visibili e rimuovere should
eventualealways be kept
sporcizia clean and
accumulatasi dry
durante
EN (A) conico - 8 ± 1 Nm la settimana. Se to la batteria
charging procedures in accordance with DIN red. preventviene caricata
tracking regolarmente
currents. con una
Cleaning curvabe
must di
Flat M5 (G5)/M6 (G6) F/G 5/6 ± 1 Nm carica IU, è opportuno effettuare una carica di equalizzazione (vedere punto
41773 and DIN 41774 are permitted. GiS/PzS-Batteries: The rated specific gravity done in accordance with the ZVEI code of prac-
A vite (maschio) M8/M10 M/N 11/17 ± 1 Nm 2.3 delle istruzioni).
For GiV-batteries these charging procedures (S. G.) of the electrolyte is related to a tempera- tice "The Cleaning of Vehicle Traction batteries".
A vite (Femmina) M6/M8/M10 O/P*/Q 8/20/20 ± 1 Nm
must only be applied in the manufacturer appro- ture of 30° C and the nominal electrolyte level in
WNT 3/8˝-16, 5/16˝-18 W 16 ± 1 Nm 3.3 Mensile
ved modifications. Therefore only battery manu- the cell in fully charged condition. Alla fine della carica, 5. disconnettere
Storage la batteria dal caricabatterie, rilevare le
Combinazione di EN (A) conico R 8 ± 1 Nm
facturer approved chargers must be
e Stud 3/8˝ used. Higher temperatures reduce
16 ± 1 Nm the specified
tensionigravi- If batteries
della batteria aresu
e registrarle taken out ofscheda.
un’apposita serviceRegistrare
for a lengthy
anche
Only connect the battery assigned to a charger, ty of the electrolyte, lower temperatures increase
la densità period
dell’acido di ognithey should
singolo be stored
elemento in thetemperatura.
e la relativa fully charged Se
suitable for the size2.ofFunzionamento
battery, in order to avoid it. The temperature correction factorsi dovessero is -0.0007 condition
riscontrare in a dry,
significative frost-free
variazioni rispettoroom. To ensure
all’ultima the
registrazione,
overloading of the Laelectric
normacablesEN 50272-3 and ècontacts
lo standard kg/l per K, e.g.
di riferimento per laan electrolyte specific
sicurezza. gravity
occorre of battery
procedere ad una is always
nuova serieready di for use adei
controlli choice of char-
dati rilevati ed
and unacceptable gassing of the cells. 1.28 kg/l at 45° C corresponds to an eventualmente S.G. of 1.29 richiedereging methods l’interventocandelbeServizio
made:Assistenza specializzato.
GiV-batteries have2.1 Scarica
a low gas emission. kg/l at 30° C. The electrolyte must conform to • a quarterly (GiS/PzS) or a yearly (GiV) full
In the gassing stage Assicurarsi
the current che tutti
limitsi tappi
given sfiatatoi
in thesiano liberiregulations
purity o non sigillati. Al fine
in DIN di
43530-2. 3.4 Annuale (solo per batterie like
charging in contenitori
charge as metallici)
in point 2.2. If any
EN 50272-3 must not garantire una buona If
be exceeded. durata
the char-della batteria occorre che la stessa non venga In accordo con la norma EN 1175
consumer is almeno
connected una volta with,all’anno la resistenza
e.g. measure or
scaricata oltre l’80% della capacità nominale. Questo livello di scarica di isolamento della macchina e della batteria debbono essere controllati da
ger was not purchased together with the battery 3. Maintenance controlling systems, it can be, that this char-
corrisponde ad una densità dell’elettrolito pari ad 1.13 Kg/dm . Le batterie 3 personale specializzato.
it is best to have its suitability checked by the
scariche debbono essere ricaricate immediatamente; non lasciare le batterie
ging is necessary every 14 days.
Il test della resistenza di isolamento della batteria deve essere condotto in
manufacturers service department.
scariche né totalmente né parzialmente. Do not refill with water in GIV-Batteries! accordo con la norma • float EN charging
1987-1. at a charging voltage of 2.25 V
When charging, proper provision must be made La resistenza di isolamento (GiS/PzS) cosìor 2,3 V (GiV)
determinata nonx the
devenumber of cells.a
essere inferiore
2.2 Caricagases. Battery con- 3.1 Daily
for venting of the charging 50 Ω per Volt dellaThe storage
tensione timedella
nominale should
batteriabe intaken
accordo into
conaccount
la norma
tainer lids and the Percovers of della
la carica battery compart-
batteria Charge
sono permesse the battery
soltanto immediately
le procedure di carica after ENevery
50272-3.dis-Per when
batterieconsidering
con tensione the fino life
a 20of theil battery.
Volt, valore minimo della
ments must be opened in accordo or removed.
alle normeThe DIN vent 41773 echarge.
DIN 41774. Connettere la batteria resistenza di isolamento è 1000 Ω.
plugs should stay on direttamente
the cellsaland caricabatterie
remain clo- appropriato al fine di evitare sovraccarico dei 6. Malfunctions

MXEBBOE00000304 · Hellersche Druckerei · Printed in Germany · Subject to change


sed. cavi di alimentazione e dei relativi contatti, gassificazione indesiderata
GIS/PzS-batteries: Towards the e end 4. Cura della batteria
of charge If malfunctions are found on the battery or the
fuoriuscita di
With the charger switched offelettrolito
connect dagli upelementi.
the the Nellaelectrolyte
fase di gassificazione
level should la corrente La batteria
be checked anddeve if essere
charger tenuta sempre pulita
our service ed asciutta
department superficialmente
should be called
non deve superare il valore imposto dalla norma EN 50272-3. per evitare dispersione di corrente.
battery, ensuring that the polarity is correct necessary topped up to the specified level with without delay. The measurements taken in point
Se il caricabatterie non è stato acquistato insieme alla batteria, è opportuno La pulizia deve essere effettuata in accordo con le raccomandazioni ZVEI:
(positive to positive,che
negative to negative). Now purified water. The electrolyte level must
venga controllato dal Servizio Assistenza del costruttore della batteria
not fall 3.3 will facilitate fault finding and their eliminati-
«La pulizia delle Batterie per Veicoli Trazione».
switch on the charger.
prima di procedere alla connessione below the top of Durante
di quest’ultima. the separatorla caricaor the electrolyte on.
When charging theoccorretemperature of the battery ”min” level mark.
prevedere una corretta ventilazione dell’ambiente per l’asportazione 5. Immagazzinamento A service contract with us will make it easier to
rises by about 10 dei K, gasso sviluppati.
chargingIl coperchio
should only del vano batterie e del cassone (se quest’ultimo Se gli accumulatori detect and correct
non vengono faults
utilizzati per in ungood
lungo time.
periodo di tempo
begin if the batteryètemperature is below
provvisto di coperchio) debbono 3.2 Weekly
35° Crimanere aperti o rimossi. I tappi debbono debbono essere immagazzinati carichi in ambienti secchi e mai a temperature
(GiV) or 45° C (GiS/PzS).
rimanere The electrolyte
chiusi e nei loro tempe- Visual
alloggiamenti inspection
in quanto after recharging
già provvisti di sfiatatoi. forinferiori
signs of allodirt
zero.
rature of batteries Con
should il caricabatterie
be at least spento,
+ 15° connettere
C and la batteria,
mechanical assicurarsi che la polarità
damage. Lo stato
If the battery di carica degli accumulatori va mantenuto operando in accordo
is char-
(GiV) or +10° C sia corretta (Positivo
(GiS/PzS) beforeconcharging.
Positivo e Negativo con Negativo),
ged regularly withquindi
an IUaccendere
characteristic ad unacurvedellean seguenti procedure:
il caricabatterie.
Otherwise a full charge will not be Poichéachieved. la carica delle batterie charge
equalising fa saliremustla temperatura
be carried out 1. una
(seecarica
pointcome da punto 2.2 con frequenza quadrimestrale
dell’elettrolito di 10°C è opportuno iniziare la carica della batteria soltanto oppure
For GiS/PzS-batteries a charge is finished when 2.3).
se la temperatura dell’elettrolito è inferiore a 45°C. La temperatura minima 2. una carica di mantenimento ad una tensione di 2.25 Volt x il numero degli
the specific gravity of the electrolyte and the bat-
dell’elettrolito della batteria non dovrebbe essere inferiore a +10°C prima elementi della batteria.
tery voltage have diremained constant for two 3.3 Monthly (only
iniziare la carica altrimenti la batteria non raggiungerà la carica piena. La GiS/PzS-batteries) Il tempo di stoccaggio va sempre incluso se si vuole determinare la vita
hours. batteria si può ritenere carica quandoAt la the
densitàenddell’elettrolito
of the charge the voltages
e la tensione dellaof batteria
all cellsin maniera corretta.
For GiV-batteries rimangono
only regulated costantichargers
per 2 ore. are or bloc batteries should be measured with the
permitted. These chargers switch off automati- charger switched on, and recorded. 6. Cattivo funzionamento
cally. Are the temperatures
2.3 Caricaadilonger time higher After charging has ended the specificSegravity
equalizzazione durante and l’esercizio della batteria si dovesse riscontrare un cattivo
than 40° C or lowerLethan cariche15° diC,equalizzazione
so the chargers vengonothe temperature
effettuate of the electrolyte
per salvaguardare la vita in all cells della stessa o del caricabatterie, occorre chiamare
funzionamento
need a temperatures della batteria evoltage.
regulated mantenere nel tempo
(Attend la capacità.
should Sono necessarie
be measured dopo
and recorded. immediatamente
If significant il nostro Servizio Assistenza.
81700679 2 II.05

scariche
to instructions of battery a fondo, ripetute cariche incomplete
manufacturer). changes efrom cariche measurementsI controlli
con caratteristica
earlier descritti al Punto 3 delle presenti istruzioni dovrebbero facilitare
or differen-
di ricarica IU. Le cariche di equalizzazione ces between the cells or bloc batteries are found del difetto riscontrato e la successiva eliminazione. Un
vengono effettuate dopo la l’identificazione
normale procedura di carica. contratto di manutenzione con la nostra Organizzazione renderà più semplice
La corrente di equalizzazione non deve superare 5 A/100 Ah della capacità l’individuazione dei guasti e più rapida la soluzione dei problemi.
nominale della batteria.
Durante la carica di equalizzazione controllare la temperatura!
10/05 - 302421540000
IDM 241-547-2.fm

Gli accumulatori al piombo esausti vanno raccolti e smaltiti separatamente, a differenza dei rifiuti ordinari (CEE State: September 2004
160601). Il trattamento delle batterie esauste è descritto nella Direttiva UE sugli Accumulatori al Piombo (91/157/CEE).
Deutsche
Per la raccolta EXIDE GmbH
e lo smaltimento contattare il Fornitore oppure un’Azienda locale Autorizzata allo Smaltimento.
Im Thiergarten
63654 Büdingen – Germany

EXIDE ITALIA srl - Via DanteTel.: +49100/106


Alighieri (0) 60 42 / 81 454CENTRO LOGISTICO - Via della Meccanica, 32
24058 Romano di Lombardia Fax:
(BG) -+49
Italy(0) 60 42 / 81 39837139 Verona (loc. Bassone Z.A.I. 2) - Italy
Tel: +39 0363 999 111 - Fax: www.industrialenergy.exide.com
+39 0363 999 250 Tel: +39 045 851 9811 - Fax: +39 045 851 9838
www.industrialenergy.exide.com

English
Italiano - 70 -
88/93
Chapter 10
Capitolo 10
Annexes
Allegati

Operatinge Instructions
Istruzioni Messa in Servizio
Batterie
Traction
trazione
Batteries
con elementi
with Dry-Charged
carichi secchi
Cells
OPERATION
OPERAZIONI Alla fine
g) When dellaiscarica,
charging la the
finished, densità del-
density of
l’elettrolito
the di must
electrolyte ciascun elemento
be the same fordovrà
each
a) Open
Aprire
plugs.
i tappi. essere
cell, andomogenea
be between ed1,280
intorno a 1,280
1,290 kg/l,
- 1,290
at 30¯ C.kg/l a 30° C.
b) Pour
Versare
in the
l’elettrolito
electrolyte
ad at
unaa temperature
temperatura
between
tra i 15 e15¯i 30°
andC30¯e ad
C,una
at a densità
density of
di Durante
h) Leave thelaplugs
carica della
open batteria,
during lascia-
charging of
1.270 1.280 kg/l.
1,270-1,280 kg/l.
Make
Assicurarsi
sure the level
che ofil re i battery
the tappi aperti allotoscopo
in order allow di
anyfacilitare
gasses
the electrolyte
livello dell’elettrolito
is between
sia di 5÷7
5 _ mm
7 mm al la fuoriuscita
to di eventuali
dissipate (oxygen gas (ossige-
and hydrogen).
above
di sopra thedell’altezza
height of the superiore
separators
delle
in no e idrogeno).
each cell.di ciascun elemento.
placche i) Close the plugs and clean the upper part
i) of
Chiudere i tappi
the battery e pulire molto bene
carefully.
c) After
Dopo approximately
un’ora circa, onesehour,
necessario,
if necessary,
ri- la parte superiore della batteria.
top up theilelectrolyte
pristinare livello dell’elettrolito
level again, assor-
as it l) The temperature of the environment affects
may dalle
bito have been
placche.partially absorbed by the l) La
thetemperatura
density of thedell’ambiente
electrolyte. incide
plates. sulla densità dell’elettrolito.
d) Collegare il polo positivo e il polo ne- m) The temperature of the environment
d) Connect
gativo alpositive
raddrizzatore,
and negativeseguendo
poles tole m) affects
La temperatura dell’ambiente
the Ah capacity supplied incide
by the
the rectifier.
corrette polarità.
Make sure the polarity is sulla capacità
battery. in Ah erogati
Every increase dalla bat-
or decrease with
correct. teria. Ogni
respect variazione
to 30¯ C affects inthepiù o in meno
performance
e) Lasciare riposare la batteria per 4 ore daithe
of 30° C influenza le performances
battery.
e) Let
circa,
theiniziare
batterylarestcarica
for about
con una4 hours,
inten- della batteria.
then di
sità charge
corrente
at a current
ugualeintensity
a 1/10 about
della
1/10 of the
capacità nominale
rated capacity
della batteria
of battery,
e con-
proceeding
tinuare finofora the
chetime
ogni required
elementoto reach
non
a voltage
arrivi ad ofuna
abouttensione
2,7 V in dieach
2,7cell,
V con
and
a density
una densitàof 1.280
di 1,280-1,290
1.290 kg/lkg/lat 25¯
(indi-
C
(approximately,
cativamente da 5from
a 155oreto 15
al massimo.
hours, at
most.
Per esempio:
For example:
batteria
24V24 - 480
VoltAh
- 480
battery
Ah
corrente
charging di current
carica4848 A).A.

f) The
Durante
battery
la carica,
temperature
la temperatura
must never
della
exceed non
batteria 45¯ dovrà
C during
mai superare
charging.i 45°
If this
C.
threshold
Se questais soglia
exceeded,
venisse
gradually
superata,
reduce è
the
necessario
current intensity
diminuireuntil
l’intensità
an acceptable
di cor-
temperature
rente fino a raggiungere
is reached (around
una tempera-
30¯ C).
tura idonea (intorno ai 30° C).
IDM 241-547-2.fm

22
4

English
Italiano - 71 -
89/93
ROBOT S6

10.6. DOCUMENTAZIONE BATTERIA MIDAC


Di seguito sono riportate le istruzioni per l’uso fornite direttamente dal costruttore del dispositivo
commerciale, standard o optional, installato sulla macchina.
La lingua di tale documentazione potrebbe non corrispondere a quella con cui sono redatte le istruzioni per
l’uso della macchina.

90/93
1250(63285/
87,/,6$7,21(7/
(175(7,(1 1250$6'(862<0$17(1,0,(172
)5 (6
'(6%$77(5,(6)25&(EORFN '(%$7(5Ë$67,32)25&(EORFN
1RUPHVGHUpIpUHQFH 5HIHUHQFLDVQRUPDWLYDV
(1&21',7,216'(6e&85,7e5(48,6(63285/(6%$77(5,(6'
$&&808/$7(856(7/(85,167$//$7,21 (15(48,6,726'(6(*85,'$'3$5$%$7(5Ë$6'($&808/$'25(6<686,167$/$&,21(6
'RQQpHVGHODEDWWHULH 'DWRVEDWHUtD
7HQVLRQQRPLQDOH 9  YRLUpWLTXHWWH 7HQVLRQGH¿QGHGpFKDUJH 9SF 7HQVLyQQRPLQDO 9  YHUHWLTXHWD 7HQVLyQGH¿QGHGHVFDUJD9SF
&DSDFLWpQRPLQDOH& YRLUpWLTXHWWH 7HPSpUDWXUHQRPLQDOH ƒ& &DSDFLGDGQRPLQDO& YHUHWLTXHWD 7HPSHUDWXUDQRPLQDO ƒ&
&RXUDQWQRPLQDOGHGpFKDUJH & &RUULHQWHQRPLQDOGHGHVFDUJD &

/(6 %$77(5,(6 (7 /(6 e/e0(176 /¶pOHFWURO\WHHVWXQOLTXLGHKDXWHPHQW /$6 %$7(5Ë$6 < /26 (/(0(1726 (O HOHFWUROLWR HV XQ OtTXLGR DOWDPHQWH
6217 /285'6 5(63(&7(5 /(6 FRUURVLI DFLGH VXOIXULTXH  SRXYDQW 621 3(6$'26 5(63(7$5 /$6 FRUURVLYR iFLGR VXOI~ULFR  TXH SXHGH
5(&200$1'$7,216 '( 6e&85,7e SURYRTXHU GHV EU€OXUHV JUDYHV (Q 5(&20(1'$&,21(6'(6(*85,'$' SURYRFDUTXHPDGXUDVJUDYHV(QFDVR
(7 87,/,6(5 '(6 e48,3(0(176 FDV GH FRQWDFW DFFLGHQWHO DYHF OHV <87,/,=$5(48,326$'(&8$'26 GH FRQWDFWR DFFLGHQWDO FRQ ORV RMRV R
$'e48$76 \HX[RXODSHDXODYHUDERQGDPPHQW FRQODSLHOODYDUFRQDEXQGDQWHDJXD
DYHFGHO
HDXHWFRQVXOWHUXQPpGHFLQ FRUULHQWH\FRQVXOWDUDXQPpGLFR
'XUDQWOHVRSpUDWLRQVVXUOHV /HV EDWWHULHV HQ FKDUJH pPHWWHQW 8WLOL]DUJDIDV\SUHQGDVGHSURWHFFLyQ /DV EDWHUtDV HQ FDUJD HPLWHQ XQD
EDWWHULHVSRUWHUGHVOXQHWWHVHWGHV XQ PpODQJH H[SORVLI G
K\GURJqQH HW SDUDWUDEDMDUHQODVEDWHUtDV PH]FOD H[SORVLYD GH KLGUyJHQR \
YrWHPHQWVGHSURWHFWLRQ G
R[\JqQH5LVTXHG
H[SORVLRQVHWGH R[tJHQR 5LHVJR GH H[SORVLRQHV \
GpÀDJUDWLRQV GHÀDJUDFLRQHV
1H UHFKDUJHU OHV EDWWHULHV TXH GDQV /DV EDWHUtDV GHEHQ UHFDUJDUVH
GHV]RQHVYHQWLOpHV$YDQWG
HIIHFWXHU H[FOXVLYDPHQWH HQ iUHDV YHQWLODGDV
1H SDV IXPHU 1H SDV XWLOLVHU GH OD UHFKDUJH RXYULU OH FRXYHUFOH GX $QWHV GH LQLFLDU ODV RSHUDFLRQHV GH
ORJHPHQWGHODEDWWHULH 1R IXPDU 1R XWLOL]DU OODPDV OLEUHV UHFDUJDDEULUODWDSDGHODORMDPLHQWR
ÀDPPHV QXHV pYLWHU OHV FRXUWV HYLWDUFRUWRFLUFXLWRV\FXDOTXLHUIXHQWH
FLUFXLWV HW WRXWH DXWUH VRXUFH GHODEDWHUtD
/H NLW GH SUHPLHU VHFRXUV GHFKLVSDVHQOD]RQDGHODEDWHUtD\ (O NLW GH SULPHURV DX[LOLRV
G
pWLQFHOOHV j SUR[LPLWp GH OD EDWWHULH HQOD]RQDGHUHFDUJD
HWGDQVOD]RQHGHUHFKDUJH HW O
H[WLQFWHXU GRLYHQW rWUH \ HO H[WLQWRU GHEHQ HVWDU
UDQJpV GDQV XQ HQGURLW HQ XQ OXJDU IiFLOPHQWH
IDFLOHG
DFFqV DFFHVLEOH
$77(17,21 /HV SDUWLHV PpWDOOLTXHV GH OD EDWWHULH VRQW WRXMRXUV DFWLYHV $YDQW WRXWH £$7(1&,Ï1 7RGDV ODV SDUWHV PHWiOLFDV GH OD EDWHUtD VLHPSUH HVWiQ DFWLYDV $QWHV GH
FORCEblock
RSpUDWLRQ VXU OD EDWWHULH HQOHYHU OHV REMHWV PpWDOOLTXHV HW V
DVVXUHU TX
DXFXQ REMHW QH FXDOTXLHURSHUDFLyQHQODEDWHUtDUHWLUDUWRGRVORVREMHWRVPHWiOLFRV\DVHJXUDUVHGHTXH
SXLVVHWRPEHUVXUODEDWWHULHHOOHPrPH7RXMRXUVXWLOLVHUGHVpTXLSHPHQWVLVROpV1HSDV QLQJ~Q REMHWR SXHGD FDHU VREUH OD EDWHUtD 8WLOL]DU VLHPSUH KHUUDPLHQWDV DLVODGDV 1R
MIDAC
SODFHUG
REMHWVVXUOHVEDWWHULHV DSR\DUREMHWRVVREUHODVEDWHUtDV

,QVWDOODWLRQGHEDWWHULHVFKDUJpHV +HEGRPDGDLUH
,QVWDODFLyQGHEDWHUtDVFDUJDGDV %DWHUtDV GH WLSR DELHUWR  9/$ VyOR GHVSXpV GH
9pUL¿HUODFRQQH[LRQFRUUHFWH SRODULWp GHVFkEOHV (IIHFWXHU XQH LQVSHFWLRQ YLVXHOOH GH OD EDWWHULH HW
H[pFXWHUXQHFKDUJHG
pJDOLVDWLRQ 9HUL¿FDU OD FRUUHFWD FRQH[LyQ SRODULGDG  GH ORV XQDIDVHGHUHFDUJDYHUL¿FDUHOQLYHOGHOHOHFWUROLWR\
HWOHVHUUDJHGHVYLV1P
FDEOHV WHUPLQDOHV \ HO DSULHWH GH ORV WRUQLOORV VLHVQHFHVDULRUHOOHQDUFRQDJXDGHVPLQHUDOL]DGD
5HFKDUJHUODEDWWHULH YRLUSRLQW 
7ULPHVWULHO “1P
8WLOLVDWLRQ 9pUL¿HU OH FRXSOH GH VHUUDJH GHV YLV GHV ERUQHV 3URFHGHUDODFDUJDGHODEDWHUtD YHUHOSXQWR  6HPDQDO
6
DVVXUHU TXH OHV IHQWHV G
DpUDWLRQ QH VRQW SDV FRPPHH[SOLTXpGDQVOHSDUDJUDSKH 5HDOL]DU XQD LQVSHFFLyQ YLVXDO GH OD EDWHUtD \
REVWUXpHV GXUDQW O
XWLOLVDWLRQ 1H SDV RXYULU QL QH 8VR HIHFWXDUXQDFDUJDGHHFXDOL]DFLyQ
IHUPHU OHV FRQWDFWV GXUDQW OHV SKDVHV GH FKDUJH %DWWHULHVRXYHUWHV9/$ $VHJXUDUVH GH TXH GXUDQWH HO XVR ODV DEHUWXUDV
RXGHGpFKDUJHeYLWHUOHVGpFKDUJHVSURIRQGHVGH $X WHUPH G
XQH SKDVH GH FKDUJH G
pJDOLVDWLRQ GHDLUHDFLyQQRHVWpQREVWUXLGDV1RDEULURFHUUDU 7ULPHVWUDO
SOXVGHGHODFDSDFLWpQRPLQDOH/HVGpFKDUJHV FRQWU{OHU HW QRWHU OD WHQVLRQ HW OD GHQVLWp GH FRQWDFWRV GXUDQWH ODV IDVHV GH FDUJD \ GHVFDUJD &RQWURODU HO SDU GH DSULHWH GH ORV WRUQLOORV GH ORV
SURIRQGHVFRPSURPHWWHQWOHERQIRQFWLRQQHPHQWHW FKDTXHpOpPHQWGHODEDWWHULH9pUL¿HUOHQLYHDXGH (YLWDUODVGHVFDUJDVSURIXQGDVVXSHULRUHVDO WHUPLQDOHVWRPDQGRFRPRUHIHUHQFLDHODSDUWDGR
OD GXUpH GH YLH GH OD EDWWHULH $SUqV OD SKDVH GH O
pOHFWURO\WHGHWRXVOHVpOpPHQWV GHODFDSDFLGDGQRPLQDO/DVGHVFDUJDVSURIXQGDV IT
GpFKDUJH OD EDWWHULH GRLW rWUH UHFKDUJpH GDQV OHV %DWWHULHV95/$ SHUMXGLFDQHOEXHQIXQFLRQDPLHQWR\ODGXUDFLyQGH %DWHUtDVGHWLSRDELHUWR9/$
SOXVEUHIVGpODLV $X WHUPH G
XQH SKDVH GH FKDUJH G
pJDOLVDWLRQ OD EDWHUtD 'HVSXpV GH OD GHVFDUJD OD EDWHUtD VH DO ¿QDO GH XQD IDVH GH FDUJD GH HFXDOL]DFLyQ
YpUL¿HUHWQRWHUODWHQVLRQGHFKDTXHpOpPHQWGHOD GHEHUHFDUJDUFXDQWRDQWHV YHUL¿FDU \ DQRWDU OD WHQVLyQ \ OD GHQVLGDG GH
&KDUJH FDGD HOHPHQWR GH OD EDWHUtD 9HUL¿FDU HO QLYHO GHO EN
¬OD¿QGHODSpULRGHGHWUDYDLOFKDUJHUODEDWWHULH EDWWHULH &DUJD HOHFWUROLWRGHWRGRVORVHOHPHQWRV
GHODIDoRQVXLYDQWH (Q FDV GH IRUWHV YDULDWLRQV SDU UDSSRUW j OD $O¿QDOL]DUHOWXUQRGHWUDEDMRFDUJDUODEDWHUtDGH

91/93
HIIHFWXHU OD FKDUJH GDQV GHV HQGURLWV YpUL¿FDWLRQ SUpFpGHQWH FRQWDFWHU OH VHUYLFH DSUqV ODVLJXLHQWHPDQHUD %DWHUtDVWLSR95/$
H[FOXVLYHPHQW SUpYXV j FHW HIIHW HW ELHQ DpUpV YHQWH 1HWWR\HU VRLJQHXVHPHQW OD EDWWHULH YRLU HIHFWXDU OD FDUJD HQ OXJDUHV GHVWLQDGRV DO ¿QDO GH XQD IDVH GH FDUJD GH HFXDOL]DFLyQ
FRQIRUPpPHQWjODQRUPH(1
DE
SRLQW  H[FOXVLYDPHQWH SDUD WDO ¿Q \ ELHQ DLUHDGRV GH YHUL¿FDU \ DQRWDU OD WHQVLyQ GH FDGD HOHPHQWR GH
RXYULUOHFRXYHUFOHGHO
HPSODFHPHQWUpVHUYpjOD FRQIRUPLGDGFRQODQRUPD(1 ODEDWHUtD
EDWWHULH 9pUL¿HUOHERQpWDWGHO
LVRODWLRQ DEULUODWDSDGHODORMDPLHQWRGHODEDWHUtD
 /HVFDSRWVGHVGLIIpUHQWVpOpPHQWVGRLYHQWUHVWHU  /RVWDSRQHVGHEHQSHUPDQHFHUFHUUDGRV (Q FDVR GH YDULDFLRQHV FRQVLGHUDEOHV UHVSHFWR GH
1HWWR\DJH FR
IHUPpV HIHFWXDUODFDUJDH[FOXVLYDPHQWHFRQHOFDUJDGRU ODYHUL¿FDFLyQDQWHULRUFRQWDFWDUFRQHOVHUYLFLRGH
/H QHWWR\DJH GH OD EDWWHULH HVW SDUWLFXOLqUHPHQW
FKDUJHU OHV EDWWHULHV H[FOXVLYHPHQW DYHF OH SUHYLDPHQWHGH¿QLGR DVLVWHQFLD/LPSLDUELHQODEDWHUtD YHUHOSXQWR 
LPSRUWDQWSRXUVRQERQIRQFWLRQQHPHQW,OHVWGRQF
FKDUJHXUGp¿QLjO
DYDQFH FRQHFWDU OD EDWHUtD DO FDUJDGRU UHVSHWDQGR ODV
QpFHVVDLUHGHQHWWR\HUHWGHVpFKHUVRLJQHXVHPHQW
EUDQFKHUODEDWWHULHDXFKDUJHXUHQUHVSHFWDQWOHV SRODULGDGHV\FRPHQ]DUODFDUJD 9HUL¿FDUODLQWHJULGDGGHODLVODPLHQWR
OHVFRXYHUFOHVHWWRXWHVOHVSDUWLHVH[WHUQHV
SRODULWpVHWODQFHUODFKDUJH ES
%DWWHULHVVWRFNpHV &DUJDGHHFXDOL]DFLyQ /LPSLH]D
&KDUJHG
pJDOLVDWLRQ
/HV EDWWHULHV QRQ XWLOLVpHV GRLYHQW rWUH VWRFNpHV /D FDUJD GH HFXDOL]DFLyQ TXH GHEH HIHFWXDUVH DO /D OLPSLH]D GH OD EDWHUtD HV SDUWLFXODUPHQWH
/D FKDUJH G
pJDOLVDWLRQ TXL GRLW rWUH HIIHFWXpH DX
GDQVXQHQGURLWFRXYHUWjO
DEULGHO
KXPLGLWpGHOD PHQRV GRV YHFHV DO PHV DO WHUPLQDU OD IDVH GH LPSRUWDQWH SDUD VX EXHQ IXQFLRQDPLHQWR 3RU OR
PRLQV GHX[ IRLV SDU PRLV j OD ¿Q GH OD FKDUJH
SRXVVLqUHHWGXJHO(IIHFWXHUGHVFRQWU{OHVHWGHV FDUJD QRUPDO FRQWULEX\H D PDQWHQHU OD H¿FLHQFLD WDQWRHVQHFHVDULRVHFDU\OLPSLDUELHQODVWDSDV\
QRUPDOH FRQWULEXH j SUpVHUYHU O
HI¿FDFLWp GH
UHFKDUJHVSpULRGLTXHVDXPRLQVXQHIRLVSDUPRLV GHODEDWHUtD\HVSDUWLFXODUPHQWHLQGLFDGDGHVSXpV WRGDVODVSDUWHVH[WHUQDV
OD EDWWHULH &HWWH FKDUJH HVW SDUWLFXOLqUHPHQW
,OHVWUHFRPPDQGpGHQHMDPDLVODLVVHUOHVEDWWHULHV GHO XVR FRQ GHVFDUJDV SURIXQGDV R FRQ UHFDUJDV
LQGLTXpH DSUqV GHV XWLOLVDWLRQV FDUDFWpULVpHV SDU
GpFKDUJpHV SOXV GH  MRXUV DYHF XQH WHQVLRQ LQFRPSOHWDV %DWHUtDVHQDOPDFpQ
GHV GpFKDUJHV LPSRUWDQWHV RX GHV UHFKDUJHV
LQIpULHXUH j  9SF HW G
HIIHFWXHU GHV FKDUJHV /DV EDWHUtDV QR XWLOL]DGDV VH GHEHQ JXDUGDU HQ
LQFRPSOqWHV
FRPSOqWHVDYDQWGHORQJXHVSpULRGHVG
LQDFWLYLWp (OHFWUROLWR EDWHUtDVGHWLSRDELHUWR9/$ XQ DPELHQWH FXELHUWR VHFR QR SROYRULHQWR \
eOHFWURO\WH EDWWHULHVRXYHUWHV9/$ /D GHQVLGDG QRPLQDO GHO HOHFWUROLWR D ƒ& HV SURWHJLGR GH ODV KHODGDV 5HDOL]DU FRQWUROHV \
0DXYDLVIRQFWLRQQHPHQWVHWGpIDXWV
/DGHQVLWpQRPLQDOHGHO¶pOHFWURO\WHjƒ&HVWGH “NJ/ UHFDUJDV SHULyGLFDPHQWH DO PHQRV FDGD PHV 6H
(QFDVGHPDXYDLVIRQFWLRQQHPHQWVRXGHGpIDXWV
NJO UHFRPLHQGD QR GHMDU ODV EDWHUtDV PiV GH  GtDV
GH OD EDWWHULH FRQWDFWHU LPPpGLDWHPHQW OH VHUYLFH
1RWD/DVWHPSHUDWXUDVVXSHULRUHVDƒ&UHGXFHQ GHVFDUJDGDVRFRQXQDWHQVLyQLQIHULRUD9SF\
1% /HV WHPSpUDWXUHV VXSpULHXUHV j ƒ& DSUqVYHQWH /HV YDOHXUV GH WHQVLRQ HW GH GHQVLWp OD GHQVLGDG GHO HOHFWUROLWR \ ODV WHPSHUDWXUDV HIHFWXDUFDUJDVFRPSOHWDVDQWHVGHODUJRVSHUtRGRV
UpGXLVHQW OD GHQVLWp GH O
pOHFWURO\WH HW OHV UHOHYpHV YRLUSRLQW VHURQWXWLOHVD¿QG
LGHQWL¿HU LQIHULRUHV OD DXPHQWDQ (O IDFWRU GH FRUUHFFLyQ HV GHLQDFWLYLGDG
WHPSpUDWXUHV LQIpULHXUHV O
DXJPHQWHQW /H IDFWHXU O
DQRPDOLH GHNJ/SRUJUDGRƒ&
GHFRUUHFWLRQHVWGHNJOSDUGHJUpƒ& 'HVSHUIHFWRVGHIXQFLRQDPLHQWR\GHIHFWRV
([ j XQH GHQVLWp GH  NJO PHVXUpH j OD (M D XQD GHQVLGDG GH  NJ/ GHWHFWDGD D XQD (Q FDVR GH GHVSHUIHFWRV GH IXQFLRQDPLHQWR R
WHPSpUDWXUH GH ƒ& FRUUHVSRQG XQH GHQVLWp GH WHPSHUDWXUDGHƒ&FRUUHVSRQGHXQDGHQVLGDGGH GHIHFWRV HQ OD EDWHUtD FRQWDFWDU LQPHGLDWDPHQWH
NJOjƒ& /$*$5$17,((67$118/e((1&$6'('
 NJ/Dƒ& FRQHOVHUYLFLRGHDVLVWHQFLD/RVYDORUHVGHWHQVLyQ
\ GHQVLGDG REVHUYDGRV YHU HO SXQWR   VHUiQ
7HPSpUDWXUHV 1RQUHVSHFW GHV SUpVHQWHV LQVWUXFWLRQV SRXU
7HPSHUDWXUDV ~WLOHVSDUDLGHQWL¿FDUHOIDOOR
/D WHPSpUDWXUH QRPLQDOH HVW GH ƒ& HW O
XWLOLVDWLRQHWO
HQWUHWLHQ /D WHPSHUDWXUD QRPLQDO HV GH ƒ& \ GHEH HVWDU
VDXI pYDOXDWLRQ SUpDODEOH VSpFL¿TXH HOOH GRLW ,QWHUYHQWLRQV HIIHFWXpHV SDU GX SHUVRQQHO QRQ /$*$5$17Ë$48('$6,1()(&72(1&$62'(
FRPSUHQGLGD HQWUH ƒ& \ ƒ& GXUDQWH HO
UHVWHU FRPSULVH HQWUH ƒ& HW ƒ& DX FRXUV GX DXWRULVp IXQFLRQDPLHQWR ,QFXPSOLPLHQWR GH HVWDV LQVWUXFFLRQHV GH XVR \
IRQFWLRQQHPHQW 8WLOLVDWLRQGHFRPSRVDQWVQRQG
RULJLQH PDQWHQLPLHQWR
1RWD /DV WHPSHUDWXUDV GHPDVLDGR HOHYDGDV
1%OHVKDXWHVWHPSpUDWXUHVUDFFRXUFLVVHQWOD %DWWHULHV RXYHUWHV DGMRQFWLRQV GH VXEVWDQFHV DFRUWDQ OD GXUDFLyQ GH OD EDWHUtD \ ODV ,QWHUYHQFLRQHVGHSHUVRQDOQRDXWRUL]DGR
GXUpHGHYLHGHODEDWWHULHWDQGLVTXHOHVEDVVHV FKLPLTXHV GDQV O
pOHFWURO\WH DXWUHV TXH O
HDX WHPSHUDWXUDV GHPDVLDGR EDMDV UHGXFHQ VX (PSOHRGHFRPSRQHQWHVQRRULJLQDOHV
WHPSpUDWXUHVHQUpGXLVHQWO
HI¿FDFLWp GpPLQpUDOLVpH EDWHUtDV 9/$ DxDGLGR DO HOHFWUROLWR GH
H¿FLHQFLD
%DWWHULHV95/$HQOqYHPHQWGHVYDQQHV RXYHUWXUH FXDOTXLHU VXVWDQFLD TXtPLFD TXH QR VHD DJXD
(QWUHWLHQ GHODEDWWHULH  GHVPLQHUDOL]DGD
0DQWHQLPLHQWR
EDWHUtDV 95/$ GHVPRQWDMH GH ODV YiOYXODV
4XRWLGLHQ DSHUWXUDGHODEDWHUtD 
$SUqVXQHSKDVHGHGpFKDUJHUHFKDUJHUODEDWWHULH 'LDULR
'HVSXpV GH XQD IDVH GH GHVFDUJD UHFDUJDU OD
%DWWHULHV RXYHUWHV  9/$ VHXOHPHQW DSUqV EDWHUtD
XQH SpULRGH GH UHFKDUJH YpUL¿HU OH QLYHDX GH 
O
pOHFWURO\WH HW VL QpFHVVDLUH UHPHWWUH j QLYHDX
DYHFGHO
HDXGpPLQpUDOLVpH
1250(3(5/¶87,/,==2(/$0$187(1=,21( ,16758&7,216)257+(86($1'0$,17(1$1&( %(75,(%681':$5781*6$1/(,781*)h5%$77(5,(1 '(
,7 (1
',%$77(5,(7,32)25&(EORFN 2))25&(EORFN%$77(5,(6 '(67<36)25&(EORFN
5LIHULPHQWLQRUPDWLYL 5HIHUHQFHVWDQGDUGV 1RUPHQEH]XJ
(15(48,6,7,',6,&85(==$3(5%$77(5,(',$&&808/$725,(/252,167$//$=,21, (16$)(7<5(48,5(0(176)25%$77(5,(6$1'%$77(5<,167$//$7,216 ',1(16,&+(5+(,76$1)25'(581*(1$1%$77(5,(181'%$77(5,($1/$*(1
'DWLEDWWHULD %DWWHU\VSHFL¿FDWLRQV .HQQZHUWHGHU%DWWHULH
7HQVLRQHQRPLQDOH 9  YHGLHWLFKHWWD 7HQVLRQHGL¿QHVFDULFD 9SF 1RPLQDOYROWDJH 9  VHHODEHO (QGRIGLVFKDUJHYROWDJH 9SF 1HQQVSDQQXQJ 9  6LHKH7\SHQVFKLOG (QWODGHVFKOXVVVSDQQXQJ 9SF
&DSDFLWjQRPLQDOH& YHGLHWLFKHWWD 7HPSHUDWXUDQRPLQDOH ƒ& 1RPLQDOFDSDFLW\& VHHODEHO 1RPLQDOWHPSHUDWXUH ƒ& 1HQQNDSD]LWlW& 6LHKH7\SHQVFKLOG 1HQQWHPSHUDWXU ƒ&
&RUUHQWHQRPLQDOHGLVFDULFD & 1RPLQDOGLVFKDUJHFXUUHQW & 1HQQHQWODGHVWURP &

/¶HOHWWUROLWD q XQ OLTXLGR DOWDPHQWH 7KHHOHFWURO\WHLVDKLJKO\FRUURVLYHOLTXLG %$77(5,(1 81' %$77(5,(=(//(1 'HU (OHNWURO\W LVW HLQH VWDUN lW]HQGH
/( %$77(5,( ( */, (/(0(17, %$77(5,(6 $1' &(//6 $5( +($9< )OVVLJNHLW 6FKZHIHOVlXUH  GLH VFKZHUH
6212 3(6$17, 5,63(77$5( /( FRUURVLYR DFLGR VROIRULFR  LQ JUDGR )2//2:7+(6$)(7<,16758&7,216 VXOSKXULFDFLG WKDWPD\FDXVHVHULRXV 6,1' 6&+:(5 ',(
EXUQV,QWKHHYHQWRIDFFLGHQWDOFRQWDFW 6,&+(5+(,76+,1:(,6( (,1+$/7(1
9HUOHW]XQJHQ YHUXUVDFKHQ NDQQ 'HQ
5$&&20$1'$=,21, ', 6,&85(==$ GL SURYRFDUH VHULH XVWLRQL ,Q FDVR GL $1'86(68,7$%/((48,30(17 (OHNWURO\WHQ QDFK HLQHP .RQWDNW PLW
(' 87,/,==$5( $775(==$785( FRQWDWWR DFFLGHQWDOH FRQ JOL RFFKL R ZLWK WKH H\HV RU VNLQ ULQVH WKRURXJKO\ 81' *((,*1(7(6 :(5.=(8*
ZLWK ODUJH TXDQWLWLHV RI UXQQLQJ ZDWHU $XJHQ RGHU +DXW VRIRUW PLW YLHO NODUHP
$'(*8$7( FRQ OD SHOOH ODYDUH FRQ DEERQGDQWH 9(5:(1'(1 :DVVHU DXV E]Z DEVSOHQ XQG
DFTXDFRUUHQWHHFRQVXOWDUHXQPHGLFR DQGVHHNPHGLFDODWWHQWLRQ
XPJHKHQGlU]WOLFKH+LOIHYHUDQODVVHQ
8WLOL]]DUHRFFKLDOLHDELWLSURWHWWLYL /H EDWWHULH LQ FDULFD HPHWWRQR XQD 8VHSURWHFWLYHJODVVHVDQGFORWKLQJ %DWWHULHVEHLQJFKDUJHGHPLWDQH[SORVLYH %HL$UEHLWHQDQ%DWWHULHQ %DWWHULHQ VHW]HQ ZlKUHQG GHV
TXDQGRVLRSHUDVXOOHEDWWHULH PLVFHODHVSORVLYDGLLGURJHQRHRVVLJHQR ZKHQZRUNLQJRQEDWWHULHV PL[WXUHRIK\GURJHQDQGR[\JHQ5LVNRI JUXQGVlW]OLFKHLQH6FKXW]EULOOHXQG /DGHYRUJDQJV HLQ H[SORVLYHV *DVJHPLVFK
5LVFKLRGLHVSORVLRQLHGHÀDJUD]LRQL H[SORVLRQ 6FKXW]NOHLGXQJWUDJHQ DXV :DVVHUVWRII XQG 6DXHUVWRII IUHL (V
EHVWHKW([SORVLRQVXQG9HUSXIIXQJVJHIDKU
/H EDWWHULH GHYRQR HVVHUH ULFDULFDWH %DWWHULHV VKRXOG RQO\ EH FKDUJHG LQ %DWWHULHQ GUIHQ QXU LQ DXVUHLFKHQG
HVFOXVLYDPHQWHLQDUHHYHQWLODWH3ULPD YHQWLODWHGDUHDV2SHQWKHFRYHURQWKH EHOIWHWHQ 5lXPHQ DXIJHODGHQ ZHUGHQ
GLLQL]LDUHOHRSHUD]LRQLGLULFDULFDDSULUH EDWWHU\FRPSDUWPHQWEHIRUHUHFKDUJLQJ 9RU GHP /DGHYRUJDQJ GHQ 'HFNHO GHV
1RQIXPDUH1RQXVDUH¿DPPHOLEHUH LOFRSHUFKLRGHOYDQREDWWHULD 'R QRW VPRNH 'R QRW XVH QDNHG 1LFKW UDXFKHQ .HLQH RIIHQHQ %DWWHULHIDFKV|IIQHQ
HYLWDUH FRUWRFLUFXLWL H TXDOXQTXH ÀDPHV DYRLG VKRUW FLUFXLWV DQG DQ\ )ODPPHQ YHUZHQGHQ .XU]VFKOVVH
VRUJHQWH GL VFLQWLOOH QHOOH YLFLQDQ]H ,O NLW GL SULPR VRFFRUVR H VRXUFHRIVSDUNVQHDUWKHEDWWHU\DQG $ ¿UVWDLG NLW DQG ¿UH XQG )XQNHQELOGXQJ LQ GHU 1lKH (UVWH+LOIH$XVUVWXQJXQG
GHOODEDWWHULDHQHOOD]RQDGLULFDULFD O¶HVWLQWRUH GHYRQR HVVHUH UHFKDUJLQJDUHD H[WLQJXLVKHU VKRXOG EH GHU %DWWHULH VRZLH LP JHVDPWHQ )HXHUO|VFKHU DQ HLQHP
SRVL]LRQDWL LQ XQ OXRJR SRVLWLRQHG LQ DQ HDVLO\ /DGHEHUHLFKYHUPHLGHQ JXW ]XJlQJOLFKHQ 2UW
IDFLOPHQWHDFFHVVLELOH DFFHVVLEOHDUHD DXIEHZDKUHQ
$77(1=,21( 7XWWH OH SDUWL PHWDOOLFKH GHOOD EDWWHULD VRQR VHPSUH DWWLYH 3ULPD GL RJQL &$87,21$OOPHWDOSDUWVRQWKHEDWWHU\DUHSHUPDQHQWO\OLYH5HPRYHDOOPHWDOREMHFWVDQG $&+781* 6lPWOLFKH 0HWDOOWHLOH GHU %DWWHULH VWHKHQ SHUPDQHQW XQWHU 6SDQQXQJ 9RU
RSHUD]LRQH VXOOD EDWWHULD ULPXRYHUH WXWWL JOL RJJHWWL PHWDOOLFL H DVVLFXUDUVL FKH QHVVXQ HQVXUHWKDWQRWKLQJFDQIDOORQWRWKHEDWWHU\EHIRUHFDUU\LQJRXWDQ\RSHUDWLRQRQWKHEDWWHU\ $UEHLWHQ DQ GHU %DWWHULH DOOH 0HWDOOJHJHQVWlQGH HQWIHUQHQ XQG VLFKHUVWHOOHQ GDVV NHLQH
RJJHWWR SRVVD FDGHUH VXOOD EDWWHULD 8WLOL]]DUH VHPSUH VWUXPHQWL LVRODWL 1RQ SRVL]LRQDUH $OZD\VXVHLQVXODWHGWRROV'RQRWSODFHDQ\WKLQJRQWKHEDWWHULHV *HJHQVWlQGHDXIGLH%DWWHULHIDOOHQN|QQHQ$XVVFKOLH‰OLFKLVROLHUWH:HUN]HXJHYHUZHQGHQ
RJJHWWLVXOOHEDWWHULH .HLQH*HJHQVWlQGHDXI%DWWHULHQDEOHJHQ

,QVWDOOD]LRQHGLEDWWHULHFDULFKH 6HWWLPDQDOH ,QVWDOOLQJFKDUJHGEDWWHULHV :HHNO\ ,QEHWULHEQDKPHJHIOOWHU%DWWHULHQ QDFKHLQHU(QWODGHSKDVHSUIHQXQGQXUEHL%HGDUI


9HUL¿FDUH LO FRUUHWWR FROOHJDPHQWR SRODULWj  GHL FDYL 3URFHGHUH DG XQ LVSH]LRQH YLVLYD GHOOD EDWWHULD HG &KHFNWKDWWKHWHUPLQDOFDEOHVDUHFRUUHFWO\FRQQHFWHG 9LVXDOO\LQVSHFWWKHEDWWHU\DQGFDUU\RXWDQHTXDO 'HQ SROULFKWLJHQ $QVFKOXVV GHU (QGNDEHO XQG HQWPLQHUDOLVLHUWHV:DVVHUQDFKIOOHQ
WHUPLQDOLHGLOVHUUDJJLRGHOOHYLWL“1P HVHJXLUHXQDFDULFDGLHTXDOL]]D]LRQH SRODULW\ DQGWKDWWKHEROWVDUHWLJKWHQHG“1P L]HFKDUJH GHQ )HVWVLW] GHU 6FKUDXEHQ YRQ 6WHFNHUQ XQG
3URFHGHUHDOODFDULFDGHOODEDWWHULD YHGLSXQWR  6WDUWFKDUJLQJWKHEDWWHU\ VHHSRLQW  $QVFKOXVVNOHPPHQQDFKZHLVHQ“1P :|FKHQWOLFKH:DUWXQJ
7ULPHVWUDOH 4XDUWHUO\ 'LH%DWWHULHODGHQ VLHKH3XQNW  (LQH6LFKWSUIXQJGHU%DWWHULHYRUQHKPHQXQGHLQH
8WLOL]]R &RQWUROODUHODFRSSLDGLVHUUDJJLRVXOOHYLWLGHLWHUPL 8VH &KHFNWKHWLJKWHQLQJWRUTXHRIDOOWKHWHUPLQDOEROWVDV $XVJOHLFKVODGXQJGXUFKIKUHQ
$FFHUWDUVLFKHGXUDQWHO¶XWLOL]]ROHDSHUWXUHG¶DUHD]LR QDOLLQULIHULPHQWRDOSDUDJUDIR 0DNH VXUH WKH DLU YHQWV GR QRW EHFRPH REVWUXFWHG GHVFULEHGLQSDUDJUDSK %HWULHEGHU%DWWHULH
QHQRQVLDQRRVWUXLWH1RQDSULUHRFKLXGHUHFRQWDWWL GXULQJXVH'RQRWRSHQRUFORVHWKHFRQWDFWVGXULQJ %HL %HWULHE VWHWV VLFKHUVWHOOHQ GDVV GLH 9LHUWHOMlKUOLFKH:DUWXQJ
GXUDQWHOHIDVLGLFDULFDRVFDULFD(YLWDUHVFDULFKHSUR %DWWHULHWLSRDSHUWR9/$ FKDUJLQJRUGLVFKDUJLQJ$YRLGGHHSGLVFKDUJHVJUHDW 2SHQEDWWHULHV9/$ /IWXQJV|IIQXQJHQ QLFKW YHUVFKORVVHQ RGHU 'HQ HLQZDQGIUHLHQ )HVWVLW] GHU 6FKUDXEHQ DQ
IRQGHROWUHO¶GHOODFDSDFLWjQRPLQDOH/HVFDULFKH DOOD¿QHGLXQDIDVHGLFDULFDGLHTXDOL]]D]LRQHYH HU WKDQ  RI QRPLQDO FDSDFLW\ 'HHS GLVFKDUJHV &KHFN DQG QRWH GRZQ WKH YROWDJH DQG GHQVLW\ RI YHUGHFNW ZHUGHQ 'LH .RQWDNWH QXU LQ VWURPORVHP GHQ $QVFKOXVVNOHPPHQ QDFKZHLVHQ VLHKH KLHU]X
SURIRQGHSUHJLXGLFDQRLOEXRQIXQ]LRQDPHQWRHODGX UL¿FDUHHGDQQRWDUHODWHQVLRQHHODGHQVLWjGLRJQL FRPSURPLVHEDWWHU\RSHUDWLRQDQGVKRUWHQEDWWHU\OLIH HDFKLQGLYLGXDOEDWWHU\FHOODWWKHHQGRIDQHTXDOL]H =XVWDQG |IIQHQ XQG VFKOLH‰HQ 7LHIHQWODGXQJHQ $EVFKQLWW
UDWDGHOODEDWWHULD'RSRODIDVHGLVFDULFDODEDWWHULD VLQJROR HOHPHQWR GHOOD EDWWHULD 9HUL¿FDUH LO OLYHOOR 7KHEDWWHU\VKRXOGEHUHFKDUJHGDVVRRQDVSRVVLEOH FKDUJHF\FOH&KHFNWKHHOHFWURO\WHOHYHORIDOOFHOOV YRQ PHKU DOV   GHU 1HQQNDSD]LWlW YHUPHLGHQ 2IIHQH%DWWHULH9/$
GHYHHVVHUHTXDQWRSULPDULFDULFDWD GHOO¶HOHWWUROLWRGLWXWWLJOLHOHPHQWL IROORZLQJGLVFKDUJH 7LHIHQWODGXQJHQEHHLQWUlFKWLJHQGHQVW|UXQJVIUHLHQ 1DFK HLQHU $XVJOHLFKVODGXQJ GLH 6SDQQXQJ XQG
95/$EDWWHULHV %HWULHE XQG GLH /HEHQVGDXHU GHU %DWWHULH 1DFK (OHNWURO\WGLFKWH MHGHU HLQ]HOQHQ %DWWHULH]HOOH
&DULFD %DWWHULHWLSR95/$ &KDUJLQJ &KHFNDQGQRWHGRZQWKHYROWDJHRIHDFKLQGLYLGXDO HLQHU(QWODGHSKDVHPXVVGLH%DWWHULHVRUDVFKZLH PHVVHQ XQG QRWLHUHQ 'HQ (OHNWURO\WVWDQG
$O WHUPLQH GHO WXUQR ODYRUDWLYR FDULFDUH OD EDWWHULD DOOD¿QHGLXQDIDVHGLFDULFDGLHTXDOL]]D]LRQH $WWKHHQGRIWKHZRUNVKLIWFKDUJHWKHEDWWHU\DVIRO EDWWHU\FHOODWWKHHQGRIDQHTXDOL]HFKDUJHF\FOH P|JOLFKZLHGHUDXIJHODGHQZHUGHQ VlPWOLFKHU%DWWHULH]HOOHQEHUSUIHQ
FRPHVHJXH YHUL¿FDUHHGDQQRWDUHODWHQVLRQHGLRJQLVLQJROR ORZV /DGHQGHU%DWWHULH %DWWHULHQYRP7\S95/$
HOHPHQWRGHOODEDWWHULD

92/93
HIIHWWXDUHODFDULFDLQOXRJKLHVFOXVLYDPHQWHDFLz RQO\ FKDUJH WKH EDWWHULHV LQ ZHOO YHQWLODWHG DUHDV &RQWDFWWKHDVVLVWDQFHVHUYLFHLQWKHHYHQWRIVLJQL¿ 'LH %DWWHULH QDFK MHGHU $UEHLWVVFKLFKW ZLH IROJW 1DFK HLQHU $XVJOHLFKVODGXQJ GLH 6SDQQXQJ MHGHU
 GHVWLQDWLHEHQDUHDWLLQFRQIRUPLWjDOODQRUPD GHGLFDWHGWRWKLVSXUSRVHLQFRPSOLDQFHZLWK6WDQG FDQWYDULDWLRQVZLWKUHVSHFWWRWKHSUHYLRXVLQVSHF DXÀDGHQ HLQ]HOQHQ%DWWHULH]HOOHPHVVHQXQGQRWLHUHQ
 (1 ,Q FDVR GL FRQVLGHUHYROL YDULD]LRQL ULVSHWWR DOOD YH DUG(1 WLRQ7KRURXJKO\FOHDQWKHEDWWHU\ VHHSRLQW  'HQ /DGHYRUJDQJ DXVVFKOLH‰OLFK DQ HLQHP GDIU
DSULUHLOFRSHUFKLRGHOYDQREDWWHULD UL¿FDSUHFHGHQWHFRQWDWWDUHLOVHUYL]LRDVVLVWHQ]D RSHQWKHFRYHURIWKHEDWWHU\FRPSDUWPHQW YRUJHVHKHQHQJXWEHOIWHWHQ2UWDXVIKUHQVLHKH ,P )DOO HUKHEOLFKHU $EZHLFKXQJHQ JHJHQEHU GHU
 ,WDSSLGH,VLQJROLHOHPHQWLGHYRQRULPDQHUHFKLXVL (VHJXLUH XQ¶DFFXUDWD SXOL]LD GHOOD EDWWHULD YHGL  7KHFDSVRQWKHLQGLYLGXDOFHOOVVKRXOGEHOHIWFORVHG &KHFNWKHFRQGLWLRQRIWKHLQVXODWLRQ KLHU]XGLH9RUJDEHQGHU1RUP',1(1 YRUDXVJHJDQJHQHQhEHUSUIXQJGHQ.XQGHQGLHQVW
HVHJXLUHODFDULFDHVFOXVLYDPHQWHFRQLOFDULFD SXQWR  RQO\ FKDUJH WKH EDWWHULHV XVLQJ WKH EDWWHU\ FKDUJHU 'HQ 'HFNHO GHV %DWWHULHIDFKV |IIQHQ GLH NRQWDNWLHUHQ 'LH %DWWHULH JHZLVVHQKDIW VlXEHUQ
 EDWWHULDSUHYHQWLYDPHQWHGH¿QLWR GH¿QHGLQDGYDQFH &OHDQLQJ 9HUVFKOVVH GHU HLQ]HOQHQ %DWWHULH]HOOHQ MHGRFK VLHKH3XQNW 
FROOHJDUHODEDWWHULDDOFDULFDEDWWHULDULVSHWWDQGROH 9HUL¿FDUHO¶LQWHJULWjGHOO¶LVRODPHQWR FRQQHFWWKHEDWWHU\WRWKHEDWWHU\FKDUJHUREVHUYLQJ &OHDQLQJ WKH EDWWHU\ LV SDUWLFXODUO\ LPSRUWDQW IRU JHVFKORVVHQKDOWHQ
 SRODULWjHGLQL]LDUHODFDULFD WKHFRUUHFWSRODULW\DQGEHJLQFKDUJLQJ JRRG EDWWHU\ RSHUDWLRQ$OO H[WHUQDO SDUWV DQG FRY 3UIHQREGLH,VROLHUXQJXQEHVFKlGLJWLVW
'LH %DWWHULH DXVVFKOLH‰OLFK PLW GHU GDIU
3XOL]LD HUVVKRXOGWKHUHIRUHEHGULHGDQGFOHDQHGZLWKFDUH YRUJHVHKHQHQ%DWWHULHODGHVWDWLRQODGHQ 5HLQLJXQJ
&DULFDGLHTXDOL]]D]LRQH /D SXOL]LD GHOOD EDWWHULD q SDUWLFRODUPHQWH LPSRU (TXDOL]HFKDUJH 'LH %DWWHULH SROULFKWLJ DQ GDV /DGHJHUlW 6DXEHUNHLW LVW IU HLQHQ HLQZDQGIUHLHQ %HWULHE GHU
/DFDULFDGLHTXDOL]]D]LRQHFKHGHYHHVVHUHHVHJXLWD WDQWHSHULOVXREXRQIXQ]LRQDPHQWRHGqSHUWDQWR 7KH HTXDOL]H FKDUJH VKRXOG EH FDUULHG RXW DW OHDVW 6WRULQJEDWWHULHV DQVFKOLH‰HQXQGGHQ/DGHYRUJDQJVWDUWHQ %DWWHULH lX‰HUVW ZLFKWLJ 'DKHU GHQ 'HFNHO XQG
DOPHQRGXHYROWHDOPHVHDOWHUPLQHGHOODQRUPDOH QHFHVVDULRDVFLXJDUHHSXOLUHFRQFXUDLFRSHUFKLH WZLFHDPRQWKIROORZLQJWKHQRUPDOFKDUJLQJF\FOH,W %DWWHULHV QRW EHLQJ XVHG VKRXOG EH VWRUHG LQ D VlPWOLFKH lX‰HUHQ .RPSRQHQWHQ GHU %DWWHULH
IDVHGLFDULFDFRQWULEXLVFHDPDQWHQHUHHI¿FLHQWHOD WXWWHOHSDUWLHVWHUQH FRQWULEXWHVWRPDLQWDLQLQJWKHEDWWHU\
VHI¿FLHQF\DQG FRYHUHG HQYLURQPHQW WKDW LV GU\ IUHH RI GXVW DQG $XVJOHLFKVODGXQJ
VlXEHUQXQGDQVFKOLH‰HQGDEWURFNQHQ
EDWWHULDHGqSDUWLFRODUPHQWHLQGLFDWDGRSRXWLOL]]LFRQ LVSDUWLFXODUO\UHFRPPHQGHGIROORZLQJXVHZLWKGHHS SURWHFWHGDJDLQVWIURVW&DUU\RXWSHULRGLFDOFKHFNV 'LH $XVJOHLFKVODGXQJ GHU %DWWHULH PXVV
VFDULFKHSURIRQGHRULFDULFKHLQFRPSOHWH %DWWHULHDPDJD]]LQR GLVFKDUJHVRULQFRPSOHWHUHFKDUJLQJF\FOHV DQGUHFKDUJHF\FOHVDWOHDVWRQFHDPRQWK1HYHU PLQGHVWHQV ]ZHLPDO SUR 0RQDW QDFK GHP /DJHUXQJYRQ%DWWHULHQ
/HEDWWHULHQRQXWLOL]]DWHGHYRQRHVVHUHPDQWHQXWH OHDYHEDWWHULHVGLVFKDUJHGRUZLWKWKHYROWDJHORZHU QRUPDOHQ /DGHYRUJDQJ YRUJHQRPPHQ ZHUGHQ 1LFKW YHUZHQGHWH %DWWHULHQ VWDXE XQG IURVWIUHL LQ
(OHWWUROLWR EDWWHULHWLSRDSHUWR9/$ LQDPELHQWHFRSHUWRDVFLXWWRQRQSROYHURVRHGDOUL (OHFWURO\WH RSHQEDWWHULHV9/$ WKDQ  9SF IRU PRUH WKDQ  GD\V$OZD\V FDUU\ 'LHV KLOIW GLH /HLVWXQJVIlKLJNHLW GHU %DWWHULH ]X HLQHPJHVFKORVVHQHQXQGWURFNHQHQ5DXPODJHUQ
/D GHQVLWj QRPLQDOH GHOO¶HOHWWUROLWR ULIHULWD D ƒ& q SDURGHOJHOR(VHJXLUHGHLFRQWUROOLHGHOOHULFDULFKH 7KH QRPLQDO GHQVLW\ RI WKH HOHFWURO\WH DW ƒ& LV RXWDIXOOFKDUJLQJF\FOHEHIRUHDQ\ORQJSHULRGVRI HUKDOWHQ XQG LVW YRU DOOHP QDFK HLQHP %HWULHE PLW'LH HUIRUGHUOLFKHQ .RQWUROOHQ XQG 1DFKODGXQJHQ
“NJ/ SHULRGLFDPHQWHFRQIUHTXHQ]DDOPHQRPHQVLOH6L “NJ/ LQDFWLYLW\ 7LHIHQWODGXQJHQ RGHU XQYROOVWlQGLJHQ /DGH]\NOHQ LQ PRQDWOLFKHQ $EVWlQGHQ GXUFKIKUHQ (QWODGHQH
UDFFRPDQGDGLQRQODVFLDUHPDLSHUSLGLJLRUQL VHKUVLQQYROO %DWWHULHQ GHUHQ 6SDQQXQJ JHULQJHU DOV  9SF
1%7HPSHUDWXUHVXSHULRULDƒ&ULGXFRQRODGHQVL OH EDWWHULH VFDULFKH FRQ WHQVLRQH  LQIHULRUH D  1%7HPSHUDWXUHVKLJKHUWKDQƒ&UHGXFHWKHGHQ 0DOIXQFWLRQVDQGIDXOWV LVW P|JOLFKVW QLFKW OlQJHU DOV  7DJH ODJHUQ 9RU
(OHNWURO\W RIIHQH%DWWHULH9/$
Wj GHOO¶HOHWWUROLWR H WHPSHUDWXUH LQIHULRUL OD DXPHQWDQR 9SFHGLHVHJXLUHFDULFKHFRPSOHWHSULPDGLOXQJKL VLW\RIWKHHOHFWURO\WHDQGORZHUWHPSHUDWXUHVLQFUHDVH &RQWDFW WKH DVVLVWDQFH VHUYLFH LPPHGLDWHO\ LQ WKH OlQJHUHQ 6WDQG]HLWHQ VLQG MHZHLOV 9ROOODGXQJHQ
'LH 1HQQGLFKWH GHV (OHNWURO\WHQ EHL  ƒ& EHWUlJW
,OIDWWRUHGLFRUUH]LRQHqGLNJ/SHUJUDGRƒ& SHULRGLGLLQDWWLYLWj LW7KHFRUUHFWLRQIDFWRULVNJ/SHUGHJUHHƒ& HYHQWRIEDWWHU\PDOIXQFWLRQVRUIDXOWV7DNHYROWDJH GXUFK]XIKUHQ
“NJO
DQG HOHFWURO\WH GHQVLW\ UHDGLQJV VHH SRLQW   WR
(VDGXQDGHQVLWjGLNJ/ULOHYDWDDOODWHPSHUDWX 0DOIXQ]LRQDPHQWLHGLIHWWL (J D GHQVLW\ RI  NJ/ PHDVXUHG DW D WHPSHUD KHOSLGHQWLI\WKHIDXOW 6W|UXQJHQXQG'HIHNWH
+,1:(,6 %HL 7HPSHUDWXUHQ EHU  ƒ& LVW GLH
UHGLƒ&FRUULVSRQGHXQDGHQVLWjGLNJ/Dƒ& 4XDORUD IRVVHUR ULVFRQWUDWL PDOIXQ]LRQDPHQWL R WXUHRIƒ&FRUUHVSRQGVZLWKDGHQVLW\RINJ/ %HL 6W|UXQJHQ RGHU 'HIHNWHQ GHU %DWWHULH
'LFKWHGHV(OHNWURO\WHQJHULQJHUEHL7HPSHUDWXUHQ
GLIHWWL QHOOD EDWWHULD FRQWDWWDUH LPPHGLDWDPHQWH LO DWƒ& XPJHKHQG GHQ .XQGHQGLHQVW NRQWDNWLHUHQ 'LH
XQWHUƒ&LVWVLHK|KHU'HU.RUUHNWXUIDNWRUEHWUlJW
7HPSHUDWXUH VHUYL]LR DVVLVWHQ]D , YDORUL GL WHQVLRQH H GHQVLWj DXIJH]HLFKQHWHQ 6SDQQXQJV XQG 'LFKWHZHUWH
NJOSUR*UDG&HOVLXV
/DWHPSHUDWXUDQRPLQDOHqGLƒ&HVDOYRVSHFL¿FD ULOHYDWL YHGLSXQWR VDUDQQRXWLOLSHULQGLYLGXDUH 7HPSHUDWXUH VLHKH 3XQNW   HUOHLFKWHUQ XQG YHUNU]HQ GLH
YDOXWD]LRQH SUHYHQWLYD GHYH ULPDQHUH FRPSUHVD WUD LOJXDVWR 7KH QRPLQDO WHPSHUDWXUH RI WKH HOHFWURO\WH LV ƒ& =XP%HLVSLHOHQWVSULFKWHLQHEHLƒ&JHPHVVHQH )HKOHUVXFKH
ƒ&Hƒ&GXUDQWHO¶HVHUFL]LR DQGVKRXOGUHPDLQEHWZHHQƒ&DQGƒ&GXULQJ 7+( :$55$17< ,6 ,19$/,'$7(' ,1 7+( 'LFKWHYRQNJOHLQHU'LFKWHEHLƒ&YRQ
1% 7HPSHUDWXUH HOHYDWH DFFRUFLDQR OD GXUDWD /$*$5$1=,$'(&$'(1(/&$62', RSHUDWLRQ H[FHSW LQ WKH HYHQW RI D VSHFL¿F SULRU DV (9(172) NJO '(5 *$5$17,($16358&+ (5/,6&+7 ,1
GHOODEDWWHULDHWHPSHUDWXUHEDVVHQHGLPLQXLVFR VHVVPHQW )2/*(1'(1)b//(1
0DQFDWR ULVSHWWR GHOOH SUHVHQWL LVWUX]LRQL G¶XVR H )DLOXUHWRFRPSO\ZLWKWKHVHLQVWUXFWLRQVIRUXVHDQG 7HPSHUDWXU
QRO¶HI¿FLHQ]D 1% +LJK WHPSHUDWXUHV VKRUWHQ EDWWHU\ OLIH DQG PDLQWHQDQFH 'LH 1HQQWHPSHUDWXU GHV (OHNWURO\WHQ EHWUlJW 1LFKWHLQKDOWXQJ GLHVHU %HWULHEV XQG
PDQXWHQ]LRQH ORZWHPSHUDWXUHVUHGXFHEDWWHU\HI¿FLHQF\
,QWHUYHQWLHIIHWWXDWLGDSHUVRQDOHQRQDXWRUL]]DWR 2SHUDWLRQVFDUULHGRXWE\XQDXWKRULVHGSHUVRQQHO  ƒ& $X‰HU LQ 6RQGHUIlOOHQ GLH YRUDE YRP :DUWXQJVDQOHLWXQJ
0DQXWHQ]LRQH 7KHXVHRIQRQRULJLQDOFRPSRQHQWV +HUVWHOOHU EHXUWHLOW XQG JHQHKPLJW ZHUGHQ PXVV (LQJULIIH GLH YRQ QLFKW DXWRULVLHUWHP 3HUVRQDO
,PSLHJRGLFRPSRQHQWLQRQRULJLQDOL 0DLQWHQDQFH
EDWWHULH 9/$ DJJLXQWH DOO¶HOHWWUROLWR GL TXDOVLDVL 9/$EDWWHULHVWKHDGGLWLRQWRWKHHOHFWURO\WHRIDQ\ GLH7HPSHUDWXUEHL%HWULHELP%HUHLFKYRQƒ&ELV YRUJHQRPPHQZHUGHQ
*LRUQDOLHUD FKHPLFDOVXEVWDQFHVRWKHUWKDQGHPLQHUDOLVHGZD ƒ&OLHJHQ 9HUZHQGXQJYRQ1LFKW2ULJLQDO(UVDW]WHLOHQ
'RSRXQDIDVHGLVFDULFDULFDULFDUHODEDWWHULD VRVWDQ]D FKLPLFD DG HFFH]LRQH GL DFTXD GHPLQH 'DLO\
UDOL]]DWD WHU +,1:(,6 +RKH 7HPSHUDWXUHQ YHUNU]HQ %DWWHULHQ GHV 7\SV 9/$ =XJDEH FKHPLVFKHU
5HFKDUJHWKHEDWWHU\IROORZLQJDGLVFKDUJHF\FOH 95/$EDWWHULHVUHPRYDORIWKHYDOYHV RSHQLQJWKH GLH /HEHQVGDXHU GHU %DWWHULH QLHGULJH 6WRIIH ]XP (OHNWURO\WHQ PLW $XVQDKPH YRQ
%DWWHULH WLSR DSHUWR  9/$ HVFOXVLYDPHQWH GRSR EDWWHULH 95/$ ULPR]LRQH GHOOH YDOYROH DSHUWXUD EDWWHU\  7HPSHUDWXUHQPLQGHUQLKUH/HLVWXQJ HQWPLQHUDOLVLHUWHP:DVVHU
XQDIDVHGLULFDULFDYHUL¿FDUHLOOLYHOORGHOO¶HOHWWUROLWR GHOODEDWWHULD  2SHQ EDWWHULHV  9/$ FKHFN WKH HOHFWURO\WH OHYHO %DWWHULHQ GHV 7\SV 95/$ (QWIHUQHQ GHU 9HQWLOH
HVRORVHQHFHVVDULRUDEERFFDUHFRQDFTXDGHPL RQO\IROORZLQJDFKDUJHF\FOHWRSXSZLWKGHPLQHU :DUWXQJ gIIQHQGHU%DWWHULH 
QHUDOL]]DWD DOLVHGZDWHURQO\LIQHFHVVDU\
7lJOLFKH:DUWXQJ
'LH %DWWHULH QDFK HLQHU (QWODGHSKDVH ZLHGHU
DXÀDGHQ
2IIHQH %DWWHULH  9/$ 'HQ (OHNWURO\WVWDQG VWHWV
3710308616_001_0516 CE_IT

DICHIARAZIONE CE DI CONFORMITÁ
(Allegato II A DIR. 2006/42/CE)
Robopac S.p.A.
Via Fabrizio da Montebello, 81 - 47892
Gualdicciolo Repubblica di San Marino

DICHIARA CHE LA MACCHINA

Robopac S.p.A.
Via Fabrizio da Montebello, 81
47892 – Gualdicciolo
Repubblica di San Marino
http://www.aetnagroup.com/

MODELLO
MODEL

MATRICOLA
SERIAL NUMBER

DATA
DATE OF MANUF.

ALIMENTAZIONE
[V]
SUPPLY VOL.
FREQUENZA
FREQUENCY [HZ]

N° FASI
PHASE

ASSORBIMENTO
[A]
ABSORPTION

POTENZA TOT.
[kW]
TOTAL POWER

CONSUMO ARIA
[nl/min]
AIR CONSUMPTION

PRESSIONE MAX
[bar]
MAX PRESSURE

PESO
[kg]
WEIGHT

È CONFORME ALLE DIRETTIVE


DIRETTIVA 2006/42/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 17 maggio 2006 relativa alle macchine e che modifica
la direttiva 95/16/CE.
DIRETTIVA 2014/30/UE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 26 febbraio 2014 concernente l’armonizzazione delle
legislazioni degli Stati membri relative alla compatibilità elettromagnetica.

Riferimento a norme armonizzate e relativi allegati, nei punti applicabili:


EN ISO 12100:2010, EN 60204-1:2006/A1:2009, EN 415-5:2010, EN 415-6:2013, EN 415-10:2014.

LA PERSONA AUTORIZZATA A COSTITUIRE IL FASCICOLO TECNICO È


Ing. Pierangelo Laghi - R&D Manager c/o Aetna Group S.p.A.

S. P. Marecchia, 59 47826 Villa Verucchio Rimini, Italy

Luogo e data del documento Ing. Pierangelo Laghi - R&D Manager

San Marino, Firma

93/93