Sei sulla pagina 1di 2

32

"
A PITTIMA
Testo e Musica di F. DE ANDRÉ - M. PAGANr

Moderato

d J
R_e_ _ _ _ __

Co - sa ghe

s
'1 ~
! ~ J
- 1a ~ I: J ~ 1-ì i ~ f J J J Il
pos - su ghe pos- su fa se nu gh'ò_e bras- s~ pe f(u mai- na
- --
se in- fon- do a e

., J J J 1-
Re Sol4 Sol
I
l
Re
JJJ ) J. qr
Sol4
"O"
Sol
Re Re Re Re
bras - sè nu gh'ò e man du mas- sa-càn. E mi gh'ò ' n pG- gnu
1 ., ) J J J S. I
, 1 ?Q J J,Jr I!, ., ; J J J Ir- lì
Re Sol4 Sol Re 5..o1
Re ·Re Re Re
ch'u pa ' n nfu Jar- ga ' n df u giG- stu pe_a-

J J
j ,,
j
" Gf± 1-
u
., J . J ~ J--r t; J ., ., J O J I
Re Sol4 Sol Re Sol4 Sol
Re Re Re Re -$-
scun - di - me c'u ve - stf - u de - ré a 'n fi - u.

lì ., -
J J J qJr J J J J 'J I Il r·
r I
j )) o
.,

"O"
Re Sol4 Sol Re Re La
Re Re

l*! r Re
J J J J
f
Sol
14r·
Re
r
Sol
I,-- J J J J
f'
Re
J
r
Sol
I;.
r
La
J, J J
I
Sol

E vad-duin

'1 $
t
Re
JJJJ
E9J
Sol

Mi sun ' na pit - ti - ma


'I
Ji I~--
r
Re

ri - spet - ta
l J.
r
La
J, ir
Re

e nu
., J J ~ Il poi

a - na
Da_l ~al~'-
segue

' ngfu a cun - ta

., J J J I r- . w J J ·a J I- " J 1 1 I~
. r
Re l:1
Re
Re Sol4
Re
Edizioni Musicali: BMG Ricordi S.p.A. (ex JUBAL / ex FADO) - Via Berchet, 2 - 20121 Milano.
1983 (Anno di prima pubblicazione).
Diritti riservati a termini di legge per tutti i paesi del mondo.
Al i ri ghts reserved .
33

che quan- du_a vit - ti - ma l'è 'n stras - sé ghe do du mae.

$ii 'O'
7. J J J I~- J J J J q+ IS 'O'
]_
J; JJJ I o

Sol Re Sol4 Sol Re


Re Re Re

$*I vF· f
11. r. J J J J
f tJi
r r
Is J J J J J~I
f' r
La Re Sol Re Sol Re Sol

$*1., J, JJ
f Ir·' '~ J J J El 'I )l IJ J J 8$
r • ~:d.f'
$ ·11
La Sol Re Sol
u----r Re La Re
r
La

Re Sol4 Sol La

111 I
Re Sol4 Sol Re Sol4
Cosa ghe possu ghe possu fà e ghe i dumandu timidamente
Sol Re Sol4 S~ Re S~4
se nu gh' ò e brasse pe fà u maina ma in mezu a gente
Sol Re Sol Sol Re Sol4
se infundo a e brasse nu gh'ò e man e a chi nu veu dase raxun
Sol Re Sol4 Sol Re Sol4
du massacan che pà de stranGa cuntru u trun
Sol Re Sol4 Sol Re Sol4
e mi gh ' ò ' n pugnu dGu ch'u pà ' n nfu ghe mandu a dì che vive l'è cau
Sol Re Sol4 Sol Sol Re
gh'ò 'na cascetta larga 'n diu . ma a bu-n mercou
Re Sol4 Re Sol4
giiìstu pe ascundime c' u vestfu mi sun 'na pittima Cl) rispetta
Sol Re La Re Sol Re Sol4
deré a 'n fiu e nu anà 'ngiu a cuntà
La Re Sol Re La Re Sol Re Sol4
che quandu a vittima l'è 'n strassé
Re Sol4 Sol Re
e vaddu in giù a çerca i dine ghe do du mre .
Sol Re Sol4 La Re Sol Re Sol Re Sol La Sol Re Sol Re La
a chi se i tegne e ghe I' àn preste

O) Alla pittima, ancora oggi sinonimo di persona inesistente, noiosa e appiccicosa, si affidava il compito da
parte di cittadini privati dell'antica Genova di esigere i crediti dei debitori insolventi .

LA PITTIMA

Cosa ci posso fare


se non ho le braccia per fare il marinaio
se infondo alle braccia non ho le mani del muratore
e ho un pugno duro che sembra un nido
ho un torace largo un dito
giusto per nascondermi con il vestito dietro a un filo
e vado in giro a chiedere i soldi
a chi se li tiene e glieli hanno prestati
e glieli domando timidamente ma in mezzo alla gente
e a chi non vuole darsi ragione
che sembra di starnutire contro il tuono
gli mando a dire che vivere è caro ma a buon mercato
io sono. una pittima rispettata
e non andare in giro a raccontare
che quando la vittima è uno straccione gli do del mio.