Sei sulla pagina 1di 50

ESSERE DONNE E “DIVENTARE PERSONE”

costruzione di genere e identità

Maria Grazia Ricci

Già prima di nascere siamo pensati come maschi o femmine. Sia- mo accolti in calchi sociali fatti di gesti e di parole, di comporta-

menti e di attese, di pratiche e di discorsi, di simboli e di signifi- cati che ci plasmano lentamente come tali, inculcandoci l’idea di ciò che è giusto e ciò che è sbagliato per l’uno o l’altro genere. L’appartenenza viene continuamente sollecitata e rinforzata at- traverso una fitta rete di segnali subliminali, semafori numerosi e nascosti che passano velocemente e in continuazione dal verde

al rosso. Apprendiamo e interiorizziamo simboli e conoscenze

comuni che ci orientano nella nostra attribuzione di senso a ciò che ci circonda, alla complessità del “mondo umano” 1 ; essi gui-

dano il nostro percorso di individui e di gruppi, che, seguendo, riproduciamo (Berger e Luckmann 1969). Occorrono tempo e risorse – che variano sia localmente che storicamente – per farci diventare uomo o donna, costruiti come tali in tutte le culture, sebbene in ognuna con gradienti diver-

si

di aggressività e di sottomissione, di distanza e di vicinanza,

di

eguaglianza e di differenza. E all’interno di ogni cultura gli

elementi profondamente interiorizzati e condivisi sono percepi- ti come “naturali”, non sono tematizzati, non giungono alla co-

scienza. E anche quando elementi critici giungono alla coscienza

di singoli, o di gruppi 2 , il riconoscimento e la loro accettazione

1 Così viene definito da Hanna Arendt in Vita Activa. La condizione umana, Milano, Bompiani, 2004.

2 Come ci fa notare Susan M. Okin (1979), sul problema della ‘diffe- renza’ fra uomini e donne i filosofi hanno riflettuto fin dall’antichità e lo hanno riproposto nel corso del tempo, ma solo a cavallo degli ultimi due secoli il movimento delle suffragette riuscì a valorizzare la mobilitazione delle donne e ad ottenere il riconoscimento di una prima forma di ugua- glianza politica col diritto al voto.

121

Maria Grazia Ricci

come elementi di cambiamento dipendono dalle condizioni ge- nerali del più ampio gruppo di appartenenza 3 . Il movimento femminista, che è esploso come soggetto poli-

tico nei passati anni sessanta, ha potuto raccogliere e rappresen- tare la sofferenza, il disagio ma anche la nuova consapevolezza

di una moltitudine di donne e porli al centro del dibattito cultu-

rale, sociale e politico in una società opulenta in profondo e radi- cale mutamento. In quel momento storico di radicale innovazio- ne, in cui le routine sono entrate in crisi, è diminuita l’efficacia delle pratiche e i modelli consueti non vengono più riconosciuti e passivamente riprodotti (Giddens 1991), la percezione della distanza fra il presente e il passato ha consentito la messa in dub- bio radicale delle definizioni di maschile e di femminile, dei loro attributi, dei loro ruoli e corsi di vita. Il movimento femminista si è costruito intorno a posizioni te- oriche e punti di vista diversi il cui perno centrale è rappresentato

dal pensiero della differenza 4 . Una differenza che viene pensata innata, quando rivendica la capacità delle donne di generare la vita ed ispira un processo di valorizzazione di una cultura fem- minile radicalmente altra; o costruita, prodotta socialmente seb- bene appaia come elemento inscritto nella fisicità dei corpi, e in questo caso pone il riconoscimento dell’uguaglianza dei generi

attraverso la decostruzione della loro “naturalità”; o altra, quan- do il genere – situato nel complesso intreccio con diversità altre:

‘locali’, etniche, generazionali, culturali –, è visto come uno dei molteplici aspetti dell’alterità. In questo saggio si fa propria l’ipotesi di un pensiero maschi-

le che ha costruito il mondo a partire da sé e così facendo si è

imposto come universale e neutro sottraendo a quello femminile, denotato come altro, la possibilità di riconoscersi in categorie

3 Assumiamo dalla sociologia della memoria di Halbwachs che in condizioni non favorevoli gli elementi dissonanti vengono collocati fuori dal mainstream culturale, in latenza, finché non si creeranno le condizioni sociali per una nuova e diversa conoscenza e assunzione.

4 I lavori della filosofa belga Luce Irigaray si collocano all’origine di questa scuola di pensiero. Citiamo fra i molti: Speculum; L’altra donna, Milano, Feltrinelli, 1975; l’Etica della differenza sessuale, Milano, Feltri- nelli, 1985; J. Piaget, Io tu noi. Per una cultura della differenza, Torino, Bollati Boringhieri, 1992.

122

Essere donne e “diventare persone”

generali che, quando non lo stigmatizzano, lo escludono, e alle donne una autentica capacità di “autosignificarsi” 5 . Rifacendo- si al pensiero di studiose e studiosi che assumono la differenza innanzitutto a partire dalla sua denotazione, come problema del dominio, della parola, delle istituzioni non segue l’ipotesi del riconoscimento di una ‘diversità’ assoluta e irriducibile e di un pensiero ‘altro’ di pari dignità, ma propone l’assunzione di un paradigma critico volto all’acquisizione di una differenza, fra donne e uomini e fra singoli individui, che, non essendo ‘natu- rale’ e dunque data una volta per tutte, pone il problema della negoziazione continua dei significati e della loro necessaria ri- composizione.

dalla produzione alla cura. Verso la nuova invisibilità del lavoro

Arendt sostiene che l’età moderna ha comportato la trasforma-

zione dell’intera società in una società del lavoro, ne ha registrato il passaggio da attività necessaria alla sopravvivenza fisica degli individui a quella di indispensabile stampella della loro identità,

la sola in grado di giustificare, di dare un senso alla presenza

umana nel mondo. La studiosa ne coglie acutamente l’aspetto

di “mitologia sociale” del mondo occidentale contemporaneo.

Nell’apoteosi del lavoro industriale e nel suo recente declino 6 ,è possibile individuare pratiche di emancipazione e nuove forme

di individuazione 7 e intravedere le condizioni per lo sviluppo di

nuove categorie con cui pensare la società e i generi. In Vita Activa (1958; trad. it. 2004), che possiamo considera-

re una riflessione sulla condizione umana al culmine della mo-

dernità organizzata (Wagner 1994), la filosofa tedesca ripropo-

ne la tripartizione aristotelica delle attività propriamente umane

5 Cfr. E. Ruspini, Le identità di genere, Roma, Carocci, 2009, p. 60.

6 Quella del lavoro è una fra le molte metanarrazioni della modernità il cui declino è registrato da Lyotard nel suo La condizione postmoderna

(2004).

7 Cfr A. Melucci (1991), Il gioco dell’io. Il cambiamento del sé in una società globale, Milano, Feltrinelli, e, dello stesso autore, Culture in gioco. Differenze per convivere, Milano, Il Saggiatore, 2000.

123

Maria Grazia Ricci

indispensabili alla sopravvivenza della specie nel tempo e alla costruzione della condizione umana, così come la conosciamo

e la agiamo oggi. Le due principali, l’operare, che producendo

‘cose’ dà al mondo il suo carattere durevole, la sua “cosalità”,

e cioè quell’elemento di permanenza e di continuità che fa da

contrappeso alla labilità della vita dei singoli e alla limitatezza del loro tempo, e il lavoro, che nel suo incessante riproporsi as- sicura con la sopravvivenza degli individui quella della specie, ricalcano, anche se in modo impreciso, la distinzione marxiana tra produzione e riproduzione, così come anche la distinzione tra lavoro produttivo e improduttivo centrale nel discorso filosofico del XIX secolo. A queste si aggiunge una terza attività, l’agire in comune, centrale in una condizione umana che i greci chiama- vano polis, ovvero uno spazio pubblico in cui è possibile entrare in una relazione paritaria gli uni con gli altri e, conservando at- traverso il discorso la memoria degli atti compiuti, riprodurre la comunità nelle sue condizioni di eguaglianza e giustizia. Come segnala Dal Lago (p. xxiv) nella sua bella introduzione all’edizione italiana, Arendt parte dal presupposto che alle ori- gini della nostra cultura, nella Grecia pre-platonica, di fatto le modalità della vita activa collocassero al primo posto, come mo- dello di compiuta umanità, l’agire in comune o politeia, seguito dall’operare e, in ultimo, dal lavoro, la cui similitudine con il processo di ricostituzione della natura lo ha di fatto connotato come agire incompiuto, non pienamente umano. L’interesse per le tesi arendtiane, registrato negli ultimi anni nel dibattito delle scienze sociali, deriva indubbiamente dall’esi- genza di superare le difficoltà di comprensione dei mutamenti in atto attingendo a modelli interpretativi alternativi 8 . La non comu-

8 Come scrive André Gorz (1997; trad. it. 1998, pp. 12-13), una donna ha un lavoro quando insegna in una scuola materna e non ne ha quando alleva i propri figli; è pagata nel primo caso e non nel secondo, ma non è la remunerazione dell’attività l’elemento essenziale. Ciò che è realmente im- portante è che al lavoro viene riconosciuta una funzione “socialmente iden- tificata e normalizzata nella produzione e riproduzione di tutto il sociale” e a questo fine esso deve essere identificabile attraverso “competenze social- mente definite” che si dispiegano secondo “procedure socialmente determi- nate”. Nessuna di queste condizioni è soddisfatta dalla madre casalinga: il suo lavoro non è istituzionalmente controllato o conforme a norme profes-

124

Essere donne e “diventare persone”

ne distinzione tra lavoro ed opera è basata, oltre che su una palese evidenza fenomenica, sulla diffusione tra le lingue indoeuropee

di una doppia etimologia del termine lavoro, ben registrata nella

distinzione di Locke fra le mani che operano e il corpo che lavo- ra. Nelle coppie linguistiche sono i termini equivalenti a lavoro (ponein e laborare, travailler e arbeiten) che denotano attività che hanno a che fare con la fatica e la pena 9 . Il disprezzo per il

lavoro, attribuito ad un primigenio impulso verso la libertà dal-

la necessità ma anche all’insofferenza per ogni sforzo che non

lasciasse alcuna traccia di sé in un’opera, o in un gesto degno

di essere ricordato, sembra acquisito nell’idea, che Marx con-

divideva con Smith, che i “servi domestici” siano “ospiti oziosi [che] non lasciano nulla dietro di sé in cambio del loro consumo” (Smith, trad. it. 1987, pp. 325-326). L’attività ‘improduttiva’ di questi “servi” ha da sempre garantito non solo la mera sussisten- za, ma “ciò che gli schiavi lasciavano dietro di sé, in cambio del

loro consumo, non erano ‘cose’ bensì la libertà dei loro padroni o, come si è poi detto in epoca moderna, la loro capacità produttiva.

Il loro lavoro – come quello della quasi totalità delle donne, po-

tremmo aggiungere – non ha prodotto mai altro che vita” (Arendt 1958; trad. it. 2004, pp. 62-63). La vita degli altri 10 .

La principale caratteristica del lavoro, nel senso attribuitogli

da Arendt, è il suo provvedere ai bisogni relativi alla conserva-

zione della vita. Questa attività, continuamente reiterata, richiede

sionali né è assoggettato a orari predefiniti o a criteri pubblici di efficienza;

in breve, non si colloca nella sfera pubblica né nel suo discorso. Attraverso

l’omologazione delle competenze e delle procedure il lavoro è un potente mezzo di socializzazione e di standardizzazione, e la posta che mette in gioco non è solo economica bensì essenzialmente sociale e politica, perché essere esclusi dal lavoro vuol dire essere privati di una dimensione identi- taria forte che si costruisce nella “condivisione di parole e atti” così come

di spazi fisici. Si veda anche di U. Beck (1999), Schöne neue Arbeitswelt.

Vision: Weltbürgergesellshaft, Frankfurt am Main, Campus verlag GmbH [trad. it. Il lavoro nell’epoca della fine del lavoro. Tramonto delle sicurezze e nuovo impegno civile, Torino, Einaudi, 2000].

9 Cfr. Vita Activa (cit.), nota 3, p. 253.

10 In Una stanza tutta per gli altri, parafrasando il notissimo Una stanza tutta per sé di Virginia Woolf, Gímenz-Bartlett immagina la vita di due don- ne, le domestiche della scrittrice inglese, illustrandone la irremovibile con- dizione di ‘servitù’ o al servizio di un ‘padrone’ o al servizio di un ‘marito’.

125

Maria Grazia Ricci

un enorme dispendio di energie, e nonostante la sua radicale in- dispensabilità, non ha mai ottenuto un chiaro riconoscimento so- ciale, conseguenza questa del suo evidente carattere dissipativo:

non lascia nulla di concreto dietro di sé poiché il prodotto dello sforzo, pur creando la vita o le sue condizioni, viene consumato con la stessa rapidità con cui questo ultimo è speso. Sostenuta dagli schiavi nell’antichità, tramandata in tutte le forme di servi-

tù, esplicata nell’attività di “riproduzione sociale”, cui soprattut-

to le donne continuano a provvedere dall’inizio dei tempi, essa si

è moltiplicata, trasformata e mimetizzata nelle molteplici attività

di mantenimento e di cura previste dalle società contemporanee.

Così come, nonostante la crisi profonda del modello occi- dentale, continuano ad essere ritenuti validi i principi socio-eco- nomici che gli hanno dato forma, il declino dei principi cardine della società industriale non impedisce che continuino ad essere utilizzati i frames cognitivi in essa costituiti (Goffman 2001). L’attività che ancora viene ritenuta fondamentale nelle nostre società è infatti quella che, assumendo la forma dell’operare, garantisce la fisicità del mondo in cui viviamo. Nella solidità in-

trinseca delle cose, anche di quelle più fragili, nella loro eviden- za di artefatto, riconosciamo lo sforzo compiuto; attraverso la tangibilità del mondo che ci circonda sperimentiamo un senso di radicamento che diventa una fonte di fiducia in noi stessi, l’op- posto dello sforzo sfibrante e invisibile sperimentato nel mero lavoro della riproduzione. La funzione principale degli artefatti umani, materiali o simbolici che siano, sta nel loro uso e nella loro persistenza mentre la finalità del lavoro di cura (o di ripro- duzione) è invece il consumo. La fine del processo lavorativo non è in questo caso segnata da un prodotto finale socialmente riconosciuto ma solo dalla dissipazione della forza lavoro (ibid., pp. 100-102). Quando Marx (1979, pp. 186-187) sostiene che ogni lavoro è libero e produttivo, e dunque che ogni tipo di attività lavorativa merita in quanto tale di essere considerata come un operare, non intuisce – scrive acutamente Arendt (Arendt 2004, p. 92) – che l’espansione del lavorare, reso palese nella enorme produzione

di oggetti d’uso, la cui velocità d’utilizzo è però così accelerata

che la differenza tra uso e consumo diminuisce fino ad essere insignificante, porta con sé la scomparsa dell’operare in quanto

126

Essere donne e “diventare persone”

produzione di permanenza, stabilità e durevolezza. L’accelera- zione imposta al ritmo naturale e il carattere ripetitivo di ogni processo, così visibili nel lavoro alla catena di montaggio che ha caratterizzato la prima fase della società industriale, ma così dif- fusi anche nelle società odierne, recano il contrassegno inequi- vocabile del lavoro, nel senso arendtiano, così come la tendenza ad abbassare e livellare tutte le attività alla soglia del “guada- gnarsi la vita”. Appare dunque evidente che il prodotto del lavoro di homo fa- ber (il costruttore), il mondo umano così come l’abbiamo eredita- to e lo conosciamo, viene difeso e preservato attraverso quello di animal laborans (il riproduttore e/o il manutentore), che affronta la sfida continua rappresentata dal naturale processo di decadi- mento. Attività, quest’ultima, che ha poco in comune con l’eroi- smo della conquista o l’evidenza della costruzione, e molto, inve- ce, con la monotonia di una quotidiana lotta per la sopravvivenza:

“ciò che rende penoso questo sforzo non è il pericolo della sfida – scrive infatti Arendt – ma la fatica insita nella sua inflessibile ripetizione” (ibid., p. 85) e assimila questo compito estenuante, ma ineludibile per il genere umano, ad una delle fatiche di Ercole, quella che consiste nel tenere pulite le stalle di Augia. Le categorie di homo faber e animal laborans appaiono par- ticolarmente interessanti e adeguate per lo scopo che ci si pro- pone in questo saggio, ci consentono infatti di individuare chia- ramente lo scarto primigenio, l’origine del genere, non come prodotto della natura ma della società. La familiarità del “mon- do umano”, la possibilità di conoscerlo ed esservi riconosciuti in quanto esseri umani viene attribuita alla sua cosalità e non alla sua intrinseca generatività (ibid., p. 67). Il porre l’essen- za dell’umanità del mondo che abitiamo, nella chiara evidenza delle cose “fabbricate” invece che nell’opaca indefinitezza del processo di riproduzione dei singoli e della specie, ha fissato un percorso di cui oggi si vedono non solo le contraddizioni ma anche i limiti radicali. Come in una sorta di nemesi, la consistenza del mondo delle cose si dissolve nella centralità che oggi ha assunto il loro consu- mo come anche nella proliferazione infinita dei tecnicismi da cui dipendono sia la nostra riproduzione che la nostra sopravvivenza (Giddens 1989). Una dinamica questa, che spinge gli individui

127

Maria Grazia Ricci

in un processo vitale enormemente intensificato, sempre più lon-

tano dal ciclo naturale della vita. La questione va ormai oltre l’interrogativo se siamo i padroni o gli schiavi delle nostre cose,

i creatori o i succubi delle nostre procedure, ma se e quando l’automatismo dei processi in atto ha cominciato a distruggere il nostro mondo, tradendo quello che Arendt (2004, p. 108) defini- sce “il compito più importante dell’artificio umano, che consiste

nell’offrire ai mortali una dimora più permanente e più stabile di quanto essi non siano”. La persistenza delle cose, che dà loro la relativa indipendenza dagli uomini che le producono e le usano, cosicché “alla sog- gettività dell’uomo si contrappone l’oggettività del mondo che l’uomo ha costruito piuttosto che la sublime indifferenza dell’in- tatta natura” perde il carattere positivo di proiezione dell’atti- vità umana nel tempo, di intercapedine fra la nostra fragilità e

la forza bruta della natura, nonché il suo carattere di nido per

assumere quello di una gabbia globale fatta di troppe cose, in parte inutili, velocemente obsolete e non facilmente rinnovabili (Bauman 2005). L’interpretazione dell’attività umana proposta da Arendt, ap- pare, soprattutto oggi, un’interessante chiave di lettura dell’am-

bigua situazione contemporanea perché ne focalizza un aspetto implicito ma, a mio avviso, centrale. All’invisibilità del lavoro di riproduzione, attività che ha accompagnato l’umanità fin dalle ori- gini, spesso in forma schiavile o servile, e principalmente affidata alle donne, a un immenso bacino di attività speso nel consumo necessario alla riproduzione degli esseri umani e del loro mondo,

si è da sempre contrapposta la visibilità del lavoro inteso come

costruzione. Questa – essenzialmente maschile – era l’attività che garantiva l’emancipazione dell’uomo dalla naturalità, la produ- zione dell’esistenza umana attraverso l’attività di ‘demiurgo’, di fabbricatore di cose, nonché la familiarità con questo mondo at-

traverso l’uso reiterato dei prodotti della propria azione. L’attività

di costruzione degli elementi del mondo materiale è sempre stata

alla base delle varie forme che ha assunto nel tempo la società, ma l’enorme accelerazione del processo – derivata dall’invenzio-

ne e utilizzo su larga scala delle ‘protesi’ umane che sono le mac-

chine – ne ha provocato una radicale trasformazione. La metafora della complessità, che richiama un mondo in cui la componente

128

Essere donne e “diventare persone”

artificiale ha sussunto quella biologica e la sostituisce in spazi sempre più ampi, rende esplicita la sofisticazione raggiunta dal mondo sociale. Il termine autopoiesi, coniato da Maturana e Va- rela (1985) ne evidenzia l’aspetto autoriproduttivo basato sulla circolarità delle sue stesse azioni. La riproduzione appare dunque l’elemento centrale delle società contemporanee, e non più la pro- duzione che ne ha invece segnato l’aspetto fondativo. La convivenza con l’enorme quantità di merci prodotte ha spostato la nostra attenzione dalla fatica della produzione alla necessità del consumo, e così facendo ha reso invisibile l’attività umana necessaria per produrle; il flusso continuo, che esige una assimilazione altrettanto continua e immediata, altera il nostro rapporto con le cose (Bodei 2009), non più chiaro rimando ad uno stabile ambiente umano ma aleatoria presenza in una ‘socie- tà dello spreco’ (Bauman 2005). La situazione di estrema labilità, di liquidità per usare la metafora utilizzata con successo da Bauman (2006), modifica, almeno in parte, le rappresentazioni tipiche dei macro ruoli di genere. E alcune delle caratteristiche del lavoro di cura, e cioè la penosità legata alla continua reiterazione, la estrema volatilità connessa al rapido consumo, la mancanza di un prodotto concre- to in cui viene a fissarsi il processo, e dunque la complessiva in- visibilità che è alla radice del deficit di identità e cittadinanza per quel tipo di lavoratore, si stanno trasferendo alla maggior parte delle attività delle società avanzate. La definizione delle società contemporanee come società del “terziario” o meglio, del “ter- ziario avanzato”, indica che la maggior parte dei lavoratori è im- pegnata in attività di mantenimento dei meccanismi economici, istituzionali e sociali di tali società, in un “metalavoro di cura” – che dalle persone si è allargato agli elementi fisici e simbolici del nostro mondo – la cui finalità altro non è che la ‘riproduzione’ dell’esistente in quanto tale, il mantenimento dell’artificialità del mondo umano, il costante impegno contro la sua dissoluzione. È il suo essere diventato pratica continuamente reiterata ma non più fissata in routine definite e riconosciute, sganciato dalla pro- duzione immediata di elementi compiuti, caratterizzato da atti- vità frammentarie in rapida obsolescenza, praticato da individui assolutamente interscambiabili, sradicato non solo da un luogo fisico ma anche dalla percezione di un’immediata utilità sociale

129

Maria Grazia Ricci

che sta portando l’operare, nella sua forma contemporanea di lavoro “produttivo”, nell’invisibilità nella quale il lavoro pro- priamente di cura si mantiene da sempre. L’allentamento dei confini del lavoro e la crisi dei suoi mo- delli si rispecchiano nella mutevolezza delle identità contempo- ranee e rimettono in gioco le definizioni dei generi e le connota- zioni dei loro attributi.

Voci multiple e voci diverse. Identità in transizione

Se il fulcro delle identità moderne evolveva attorno a scelte fon- damentali, come quelle dell’occupazione lavorativa, della posi- zione che si ricopriva nella famiglia, della posizione nella sfera pubblica, l’identità postmoderna sembra invece definirsi in uno spazio privo di vincoli forti e di “luoghi” predefiniti in cui sedi- mentare le esperienze, e soprattutto nella continua negoziazione del riconoscimento sociale. Se nel primo caso l’investimento nel sistema educativo, l’esaltazione di una vita familiare stabile 11 , un sistema di ruoli lavorativi fissi e riconosciuti socialmente (Par- sons e Bales 1974) aveva prodotto identità chiare, la cui prevedi- bilità dei percorsi di vita rientrava nell’orizzonte delle aspettative dell’epoca, nel secondo caso gli individui esistono in uno stato di continua costruzione e ricostruzione (Gergen 1991, pp. 6-7). Il venir meno di un universo simbolico integrato proietta gli indivi- dui in ‘mondi’ di significato che assumono definizioni della realtà non solo molto diverse, ma spesso profondamente discrepanti. Se l’identità individuale e il senso soggettivo non possono più essere ‘iscritti’ in un unico sistema, e utilizzare una condivisa definizio- ne della realtà, essi cessano di essere percepiti come destino per diventare invece scelta e costruzione del soggetto. L’orizzonte di scelta dell’individuo diventa dunque sempre più aperto e fluido e questi si può immaginare ‘protagonista di diverse biografie’, indipendentemente dalla sua stessa capacità di realizzarle.

11 Per le donne questo ha significato essenzialmente la conferma delle funzioni di cura all’interno della famiglia, e da questa assunzione si è con- tinuato a farne dipendere le aspirazioni, i progetti e le possibilità Si veda in Okin (1992), p. 283.

130

Essere donne e “diventare persone”

Il discorso sulle mutevoli relazioni tra le identità individuali, quelle sociali e le configurazioni della società è interno a quel-

lo sulla storia della modernità organizzata: accompagna la sua

nascita, il suo consolidamento temporaneo, la sua crisi (Lash e Friedman 1992). Ed è proprio l’esperienza delle certezze e rou- tine della complessiva vita sociale nel welfare state che ha per- messo agli individui, e in particolar modo alle donne, di gestire

con maggiore flessibilità i propri ruoli, di ‘giocare’ con questi, di interpretarli, di usarli a proprio vantaggio: di stare un po’ dentro

e un po’ fuori dal mondo del lavoro con la scelta del part-time;

di inseguire il proprio talento in un sistema di istruzione e di for-

mazione maggiormente accessibile, di occuparsi dei propri figli

o

anziani senza esserne assorbiti completamente, in sintesi, per

la

prima volta e in massa, la possibilità di portare avanti un pro-

prio progetto di vita. Il declino della modernità organizzata, che peraltro ha coinciso con l’assunzione dell’adeguatezza del para- digma imprenditoriale nella gestione delle istituzioni sociali, ha, almeno in parte, interrotto questo processo e tende a favorire lo sviluppo di un “sé imprenditore” in grado di cogliere o creare le opportunità della propria valorizzazione. Abbandonato il posto occupato in uno stabile ordine sociale, agli individui viene chiesto di impegnarsi in una attiva definizione

delle proprie posizioni e delle proprie vite in un contesto di peren-

ne mutamento che incrementa incertezze e ansietà. Senza la rete di

protezione costituita dalla prevedibilità dei percorsi, immerse nella ormai cronica incongruenza dei riferimenti e dei modelli, schiac-

ciate nella necessità di scegliere ma private della possibilità di ‘in- vestire’, le vite di oggi diventano radicalmente precarie 12 . Il pieno dispiegamento della nuova cultura beneficia senz’altro qualcuno, forse anche molti, ma lo fa a spese di una consistente minoranza,

di questa consistente minoranza le donne detengono il pacchetto

maggioritario. Nota Wagner (ibid., p. 166) che nella configurazio-

12 Il mercato delle expertises per fronteggiare ogni immaginabile situa- zione è visibilmente aumentato in questi ultimi anni. Uno sviluppo che, dal lato della domanda può essere interpretato come un nuovo modo di orien- tarsi e da quello dell’offerta come un modo per guidare gli individui verso un comportamento socialmente compatibile senza il ricorso all’autorità o alla forza (cfr. Giddens 1991).

131

Maria Grazia Ricci

ne sociale che sta prendendo il posto della modernità organizzata

l’abbandono della rigidità dei modelli di azione ed espressione so-

ciale in questa vigenti, dal maschio breadwinner alla madre di fa- miglia, va di pari passo con il declino delle sicurezze economiche

e sociali garantite dal welfare state. Se la rappresentazione sociale dominante invita a ‘to be yourself!’ ma contemporaneamente non

ne

crea le condizioni materiali generalizzate, si costituiscono allo-

ra

le premesse di un’incertezza sociale diffusa, di un crepuscolo

nel quale non ci si può più identificare nelle vecchie forme, ma mancano le opportunità per crearne di nuove. Per godere dell’offerta delle possibili forme di autorealizza- zione, e cioè dei nuovi e molteplici modelli di espressione e di azione, occorrono mezzi materiali, culturali, intellettuali che ne

sono i requisiti socialmente necessari; ma la ragione per la quale qualcuno possiede o non possiede, o può acquisire o meno tali mezzi, tende ora ad essere imputata agli individui stessi e non

ai

potenti meccanismi sociali in azione (Bourdieu 1979). Tut-

to

questo ci dice che gli spazi per la formazione delle identità

si

stanno allargando, ma anche che a questo non fa seguito la

concreta possibilità degli individui di accedere a questa libertà

ampliata, nonostante la loro motivazione o interesse a farlo (Wa- gner 1994, p. 167). Questo processo, che è stato letto soprattutto

in chiave di potenziamento del soggetto attraverso lo sviluppo di

molteplici percorsi d’azione in virtù di una libertà di scelta mai

apparsa così ampia sulla scena sociale, quando osservato nei

concreti sviluppi delle dinamiche sociali in atto, lascia spazio a

un

diverso modello di interpretazione che privilegia gli elementi

di

destrutturazione e crisi 13 . Assumendo una condizione di alie-

nazione della soggettività moderna (Marcuse 1964) si evidenzia come – non essendo più collocati in uno spazio sociale fisso, occupanti ‘privilegiati’ di un ruolo, chiaramente definiti da un genere, ma sempre più spesso sottoposti alle pressioni contra- stanti di ruoli che possiedono distinte aspettative, ricompense e

13 Correnti del dibattito postmoderno interpretano la pluralizzazione non come una condizione dell’autorealizzazione dell’individuo ma come l’espressione della frammentazione dell’identità che vede una radicale scomparsa del soggetto. Tra questi H. Garfinkel, Studies in Ethnometholol- ogy, Cambridge, Polity Press, 1995 1967 .

132

Essere donne e “diventare persone”

obblighi – uomini e donne di oggi si trovano di fronte a scelte che implicano una maggiore responsabilità individuale a fronte di una minore capacità di decidere 14 . Siamo dunque passati da un concetto di identità quale attributo ‘fisso e immodificabile’ di una persona a quello di definizione che l’individuo dà di sé, cioè ipotesi o rappresentazione che il soggetto formula e in base alla quale agisce, ma che viene verificata, con- solidata o modificata nel corso del processo di interazione sociale, un’identità dunque con un chiaro carattere processuale. Persone, gruppi, generi continuano però a comportarsi come se esistesse una qualche unità e continuità di azione, ad agire come un ‘io’ o un ‘noi’; e anche nella ‘molteplicità’ del presente, una qualche unità e continuità del soggetto dunque si forma e si mantiene 15 . Interessanti – nonché utili per lo sviluppo di questo percorso interpretativo – le osservazioni di Sennett (2001) sull’impatto che hanno avuto sul character (sulla personalità dei singoli individui) il radicale mutamento avvenuto nel mondo del lavoro e il sotteso elogio dell’individualizzazione. Nel “carattere” confluiscono i trat- ti permanenti di un’esperienza emotiva che si esprime attraverso la sincerità, la lealtà, la fedeltà e l’impegno reciproco nel tentativo di raggiungere obiettivi a lungo termine. La conferma di questi sen- timenti – che plasmano i tratti personali cui attribuiamo valore di fronte a noi stessi e in base ai quali ci sforziamo di essere valutati da parte degli altri – consente il perdurare della fiducia e la continua ricostruzione della socialità. La ristretta cornice temporale nella quale si muove l’economia contemporanea, con i suoi protagonisti individuali e collettivi, purtroppo, non ne permette più lo sviluppo. Le società, e i gruppi moderni, si baserebbero dunque sulla “for-

14 La fenomenologia sottolinea come l’identità muti nella sua stessa

struttura perdendo la capacità di rappresentare un sistema di rilevanza stabi-

le

e coerente per l’individuo. L’identità cambia nei suoi tratti fondamentali

e

la soggettività subisce un profondo processo di riorganizzazione che è

stato definito come “pluralizzazione dei mondi di vita sociali”. Cfr. Berger, Berger, Kellner 1983. 15 Melucci (2000, pp. 108-109) propone di usare il termine “identiz- zazione” per sottolineare il processo di costruzione dell’identità piuttosto che la sua esistenza e sottolinea anche i problemi che da questa definizione derivano: quello dei confini, e cioè dove comincia e dove finisce il soggetto agente, e quello della continuità, e cioè della sua permanenza nel tempo.

133

Maria Grazia Ricci

za dei legami deboli”. Con questo Granovetter (1973) intende che

nelle società contemporanee i rapporti occasionali di associazione

appaiono più utili dei legami a lungo termine e che i legami sociali forti, che derivano da lunghe consuetudini, hanno perso molto del-

la

loro potenza. Il saggio di Granovetter ispirerà una molteplicità

di

studi e di studiosi nonché un settore della disciplina denominata

sociologia delle reti. Con un diverso significato, la metafora della rete sarà un elemento centrale del lavoro di Carol Gilligan. Nel suo seminale lavoro In a Different Voice, tradotto in ita- liano col suggestivo Con voce di donna, la psicologa americana postulando l’esistenza di una prospettiva differente attraverso cui

le donne guardano il mondo, mette in evidenza che le categorie

da queste usate per descrivere ciò che vedono sono elaborate da

menti maschili (ibid., p. 13). Quindi, non essendo la loro, la voce con cui le donne parlano non può narrare con la giusta intonazio-

ne

il modo in cui esse pensano, le strategie che adottano, il mondo

in

cui vivono, né descrivere compiutamente tutto ciò.

Attraverso un’accurata disamina di teorie e ricerche sullo svi- luppo morale, la studiosa americana ricostruisce le ragioni profonde della costruzione di genere e i motivi della sua invisibilità. Ricondu-

ce al successo della teoria freudiana sullo sviluppo psico-sessuale,

fondata sul complesso edipico, l’origine e la diffusione del modello maschile come modello universale di sviluppo dell’identità (ibid., p. 14). Infatti, nel processo di repressione della sfera istintuale, di

controllo delle emozioni e di interiorizzazione delle norme che è funzionale alla produzione di tratti della personalità individuale co- erenti con il tipo di società in cui viviamo, viene riconosciuto, e im- plicitamente assunto come normale, il percorso di un genere della specie umana, quello maschile 16 . A lungo, la successiva riflessione pedagogica e sui processi di socializzazione interpreterà alla luce di quel modello anche le forme dell’esperienza femminile. Sarà Nancy Chodorow (1974) 17 a proporre un modello inter- pretativo alternativo sostenendo che è la predominanza della fi-

16 Questa posizione è evidente anche nei lavori più direttamente ‘socia- li’ di Freud: Totem e tabù, Mosè e il monoteismo, Il disagio della civiltà.

17 N. Chodorow (1974), Family Structure and Feminine Personality, in M.z. Rosaldo, L. Lamphere, eds., Woman, Culture and Society, Stanford, Stanford University Press, pp. 43-66.

134

Essere donne e “diventare persone”

gura materna nei primi anni di vita che produce nello sviluppo della personalità di bambini e bambine differenze basilari, che avranno come risultato il fatto che “in qualunque società, la per- sonalità femminile si definisce in rapporto agli altri più di quanto accada a quella maschile” (ibid., pp. 43-44). La somiglianza fra madre e figlia fa sì che l’esperienza dell’attaccamento affettivo si fonda con il processo di formazione dell’identità; la diversità del figlio maschio, invece, consente a questi di distinguere la madre da se stesso, e di conseguenza il suo sviluppo “comporta un’indi- viduazione più accentuata e un’affermazione più difensiva nella sperimentazione dei confini dell’io” 18 . La mascolinità si definisce quindi attraverso la percezione della differenza e della separazio- ne, mentre la femminilità attraverso l’identificazione e l’attacca- mento. Somiglianza e diversità, continuità e distacco costituisco- no dunque l’humus primigenio della differenza di genere. Ma dal momento che nella letteratura psicologica, da Pia- get a Kohlberg, l’individuazione per separazione viene assunta come pietra miliare dello sviluppo dell’individuo, argomenta la Gilligan, ecco che l’essere calata nell’interazione sociale e nei rapporti personali – che costituisce la caratteristica qualità dello sviluppo identitario e poi della vita femminile – non rappresenta una differenza descrittiva ma diventa uno svantaggio evolutivo:

la mancata, o diversa, separazione diventa mancato sviluppo. L’analisi dei giochi infantili – che sia G.H. Mead (1966) che J. Piaget (1932) considerano esperienze cruciali per lo sviluppo sociale – permette di dare consistenza scientifica a questa argo- mentazione, la cui premessa implicita è che il modello maschile

18 Questo “non significa che la donna abbia confini dell’Io più deboli dell’uomo… [ma che] la bambina emerge da questa fase della vita con una riserva di ‘empatia’ incorporata nella sua definizione di sé come non accade invece al maschietto”. Alla descrizione in negativo di Freud, Nancy Chodo- row contrappone una rappresentazione positiva e autonoma: “La bambina emerge con una più solida capacità di esperire come propri i bisogni e i sentimenti dell’altro (o comunque di crederlo)… Per il fatto di essere ac- cudita da una persona del suo stesso sesso è portata a viversi come meno differenziata del maschietto, più in continuità e in relazione con il mondo esterno, e a orientarsi in modo diverso anche rispetto a quello interno”. Cfr. The Reproduction of Mothering, Berkeley, University of California Press, 1978, pp. 166-167.

135

Maria Grazia Ricci

risponde meglio ai requisiti richiesti per una buona riuscita nel mondo esterno alla famiglia. Partecipando a situazioni competi-

tive regolarmente e socialmente approvate, i maschi imparano a far fronte in maniera diretta alla competitività, l’uso delle regole stabilite consente loro di giocare con i nemici o competere con gli amici. Le bambine, invece, riproducendo nel gioco il modello sociale dei rapporti primari che si basa sulla collaborazione, rie- scono in misura minore ad assumere il ruolo di “altro generaliz- zato” e dunque a orientarsi verso l’astrazione nei rapporti umani. L’idea sottesa è che la sensibilità e l’attenzione per i sentimenti altrui, che le bambine sviluppano attraverso i loro giochi, han- no scarso valore sociale e, anzi, ostacolano la riuscita nell’arena pubblica e nel mondo del lavoro 19 . Alle due tipizzazioni: la “speranza di successo” e la “paura del fallimento” proposte da McClelland 20 e derivate dallo stu- dio del comportamento maschile, Horner (1972) 21 ne aggiunge una terza, dedotta analizzando quello femminile, e cioè la “paura del successo”, un blocco emotivo che depotenzia l’azione del-

le donne. Questa difficoltà, tutta femminile di far fronte al suc-

cesso, viene interpretata in una luce diversa da Georgia Sassen (1980) 22 , la quale acutamente nota che, nella ricerca della col-

lega, l’ansia di fronte al successo si manifesta solo in situazioni

di competizione diretta, cioè quando il successo di una persona

viene pagato dal fallimento di un’altra. Questo elemento aggiuntivo sembrerebbe dunque rivelare la consapevolezza dell’altra faccia del successo ottenuto nel gioco

19 Cfr. L. Kohlberg, Stage and Sequence: The Cognitivie-Development Approach to Socialization, in D.A. Goslin, ed., Handbook of Socialization Theory and Research, Chicago, Rand McNally.

20 D. McClelland, 1975, Power: the inner experience, New York, Ir- vington Publishers [trad. it. Il potere. Processi e strutture: un’analisi dall’interno, Roma, Armando, 1983].

21 Per Martina Horner (in Toward an Understanding of Achievement- related Conflicts in Women, in “Journal of Social Issues”, 28, 1972, pp. 157-175) l’ansia che le donne manifestano di fronte alle situazioni competi- tive rappresenta un vero vulnus, che pregiudica la loro riuscita nelle attività intraprese, e il loro il successo.

22 G. Sassen, Success Anxiety in Women: A Constructivist Interpreta- tion of Its Sources and Its Significance, in “Harvard Educational Review”, 50, 1980, pp. 13-25.

136

Essere donne e “diventare persone”

diretto “uno a uno”, vale a dire il “mors tua vita mea” nascosto dietro a ogni competizione e con questo la diversa percezione fem-

minile del contesto. Non tanto la difficoltà nel mettersi in gioco o

la percezione di un’inadeguatezza nei confronti del ruolo, ma la

capacità delle donne di darne una definizione più concreta e sofisti-

cata che si spinge fino a includervi la vita degli altri. A questo pun-

to – suggerisce perspicacemente Gilligan (pp. 22-23) – dovremmo

chiederci non già il perché della difficoltà delle donne di fronte al successo in situazioni competitive, ma perché sia giudicata accet- tabile, e per quanto sia ancora sostenibile, una visione del successo così angusta come quella dettata dalla logica ‘maschile’. D’altra parte, se l’individuazione e la capacità di competere

e di aspirare al successo rappresentano elementi centrali della vita adulta e la maturità viene fatta coincidere soprattutto con l’autonomia personale, è evidente che l’atteggiamento di cura e l’attenzione alla relazione appaiono inevitabilmente una debo- lezza delle donne, piuttosto che un loro punto di forza 23 .

Regole e metafore della costruzione del genere

La critica che Freud rivolge allo spirito di giustizia delle donne, giudicato carente per il rifiuto dell’imparzialità, viene fatta pro- pria da Kohlberg (1981) 24 oltre che da Piaget 25 , ma il parados-

23 J. Baker Miller, Toward a New Psychology of Women, Boston, Bea- con Press, 1976.

24 L. Kohlberg, in The Philosophy of Moral Development, San Francis- co, Harper and Row, 1981, suddivide lo sviluppo del giudizio morale in sei fasi. In primo piano tra coloro che risultano carenti nello sviluppo morale – se misurati con la scala da lui ideata – sono le donne, che si fermano al terzo stadio. A questo stadio la moralità viene concepita in senso interpersonale e la bontà viene definita come dedizione agli altri. Questa idea di bontà è considerata funzionale alla vita delle donne adulte finché si svolge fra le mura domestiche. Vi è implicita l’idea che entrando nell’arena pubblica, riservata al lavoro maschile, la donna debba riconoscere l’inadeguatezza della propria ottica morale e progredire verso gli sviluppi più avanzati dove i rapporti sono subordinati alle regole (quarto stadio) e le regole ai principi universali di giustizia (quinto e sesto).

25 Nei suoi studi sull’età evolutiva Piaget sviluppa una distinzione degli stadi dello sviluppo cognitivo individuando 4 periodi fondamentali, comuni

137

Maria Grazia Ricci

so sta nel fatto che quei tratti che ufficialmente hanno sempre definito la ‘bontà’ delle donne, l’attenzione e la sensibilità per i bisogni degli altri, diventano in queste analisi il contrassegno del loro deficit morale. I costrutti ricavati dallo studio delle esperienze delle donne fanno però apparire un diverso quadro di questo sviluppo. I risul- tati delle molte indagini citate dalla Gilligan mostrano che, se os- serviamo le donne, il problema morale sorge quando il conflitto è tra le persone e non quando confliggono i loro diritti come nel caso degli uomini. Si evidenzia allora l’esistenza di una moralità intesa come cura degli altri, che si fonda sulla responsabilità e su un’attenzione ai rapporti diversa dalla moralità definita come equità che lega lo sviluppo morale al rispetto dei diritti e delle norme 26 . La morale dei diritti si differenzia da quella della re- sponsabilità soprattutto per l’accento che pone sulla separazione piuttosto che sulla connessione, nonché per la priorità che attri- buisce all’individuo piuttosto che al rapporto. La studiosa ame- ricana basa queste affermazioni su una lettura diversa degli stessi dati sui quali il suo maestro Kohlberg ha fondato la sua teoria dello sviluppo morale 27 . Essa intuisce che i bambini e le bambine (ai quali viene chiesto di risolvere lo stesso dilemma 28 ) organiz-

a tutti gli individui e che si susseguono sempre nello stesso ordine. Cfr. J. Piaget La psicologia del bambino, Torino, Einaudi, 1970; Il giudizio morale nel fanciullo, Firenze, Giunti e Barbera, 1993.

26 Ricordando l’osservazione di Piaget, corroborata dalla Lever, che ai maschi nei loro giochi interessano più le regole mentre alle bambine i rap-

porti, a volte anche a scapito del gioco stesso, e tenuto conto della conclu- sione della Chodorow secondo la quale l’orientamento sociale dell’uomo

è posizionale mentre quello della donna è personale si capisce come un

bambino che ha giocato secondo le regole del gioco e ha vinto, abbia tutto

il diritto di sentirsi a posto. La sua identità di individuo separato da coloro

che, paragonati a lui, sono meno competenti, è confermata, così come è

confermata la sua percezione posizionale di sé.

27 Cfr. il già citato L. Kohlberg, in The Philosophy of Moral Develop-

ment.

28 Il dilemma che Kohlberg propose ai bambini può essere così sintetiz- zato: Che cosa è giusto faccia un marito che ha una moglie malata grave- mente e non ha i soldi per comprare il farmaco che può salvarle la vita visto che il farmacista si rifiuta di darglielo gratuitamente?.

138

Essere donne e “diventare persone”

zano le proprie risposte sulla base di differenti posizioni etiche 29 , arrivando così a risposte fondamentalmente divergenti; ma, e qui è l’elemento centrale dell’analisi, poiché la logica riconosciuta e come tale accettata è quella interna alle risposte del maschietto, la diversa verità espressa nel giudizio della bambina si perde. Attraverso l’undicenne Amy, che si accinge a costruire un le- game là dove Kohlberg dà per scontato che ciò non sia possibi- le, o attraverso le studentesse di psicologia, che nelle interviste inventano reti di protezione là dove i loro compagni descrivono l’annientamento, le voci delle donne rivelano un diverso atteg- giamento di fronte alle scelte e ai conflitti, al freudiano proble- ma dell’aggressività. Localizzando il problema nell’isolamento dell’io e nell’ordinamento gerarchico dei rapporti umani, Cho- dorow, Gilligan e le loro colleghe mettono in luce un’esperienza dell’io diversa da quella narrata da Freud e comunemente ac- cettata come normale. È uno sviluppo dell’identità che, anziché condurre alla separazione attraverso l’aggressività, porta all’in- terdipendenza attraverso la differenziazione. Le narrazioni delle donne descrivono dunque la vita come una rete anziché come una successione di rapporti, e, nelle loro rappresentazioni, fallace e pericolosa è la ricerca dell’autonomia invece dell’attaccamento. Le immagini contrastanti della gerarchia e della rete, rilevate nel pensiero dei giovani intervistati e delle giovani intervistate, mostrano due modi di vedere la moralità (la differenza tra un io definito attraverso la separazione e un io descritto attraverso il contatto) che, in contrasto con la tendenza delle teorie evolutive

29 Nelle risposte al test somministrato da Kohlberg appare chiaro a Gil- ligan (cit., p. 50) che la bambina, dando per presupposta la connessione, inizia ad analizzare i parametri della separazione, mentre il bambino, dando per presupposta la separazione, inizia ad analizzare i parametri della con- nessione. Se l’aggressività è collegata ad una lacerazione dei legami tra gli esseri umani, allora sono le attività di cura responsabile – così come sembrano suggerire le percezioni delle donne – quelle che rendono sicuro il mondo sociale poiché evitano l’isolamento e prevengono l’aggressività, più che cercare di limitarne la portata per mezzo di regole. Nei giudizi di Amy, che sono stati considerati immaturi nel contesto del test effettuato da Kohlberg, Gilligan riscontra le intuizioni fondamentali di un’etica della responsabilità, mentre in quelli di Jake viene colto il riflesso di un’etica giusnaturalistica.

139

Maria Grazia Ricci

a

disporre le differenze in ordine gerarchico, sono complementa-

ri

più che progressivi o polari (cit., pp. 40-41).

Il porre come apriori la separazione oppure la connessione dà luogo a metafore completamente diverse dell’io e dei rapporti,

porta ad una diversa concezione dell’identità e della moralità, permette alle donne di immettere nel ciclo della vita un punto

di vista diverso e, in base a quello, consente loro di ordinare

l’esperienza umana su priorità diverse da quelle dell’uomo. Le descrizioni dei loro legami affettivi mostrano l’esigenza di una continuità nel mutamento piuttosto che quella di separazione e sostituzione, ma, come sottolinea Jean Baker Miller 30 , la psico-

logia non ha un linguaggio atto a descrivere positivamente una

struttura di senso che si organizza attorno alla capacità di creare

e poi mantenere in vita affiliazioni e rapporti. Denunciando l’esi- genza di un diverso linguaggio psicologico in grado di descrivere

la cura e la connessione senza ricorrere al vocabolario “maschi-

le” della disuguaglianza e dell’oppressione, la Miller indica che

la strada basilare per l’uguaglianza passa anche attraverso nuove

rappresentazioni del mondo e un nuovo linguaggio per descri- verle. La loro assenza è il motivo primario per cui l’esperienza

femminile è sempre stata così difficile da decifrare e soprattutto

da riconoscere.

Le immagini della gerarchia e della rete, che Gilligan indivi- dua nelle fantasie e nei pensieri dei ragazzi e delle ragazze, co- municano due modi radicalmente diversi di strutturare i rapporti

con gli altri e di percepire se stessi: il desiderio di essere solo

al vertice della scala e la paura che gli altri si avvicinino troppo

esplicitato dagli uomini e il desiderio di trovarsi al centro della rete e la conseguente paura di essere respinte troppo ai margini che è tipicamente femminile. Le opposte paure, di essere rag- giunti e dunque uniti ad altri e quella di smarrirsi e così separati che innervano il pensiero maschile e quello femminile, portano a modalità di azione differenti e a diversi modi di valutare le con- seguenze delle scelte, esse facilitano così l’accesso e la perma-

nenza in “luoghi” diversi: l’arena pubblica, luogo del successo, o delle gratificazioni socialmente riconosciute, o il mondo privato, luogo della cura e della non rappresentanza.

30 J. Baker Miller, cit., p. 83.

140

Essere donne e “diventare persone”

Poiché il complesso intreccio che forma il tessuto dei rap- porti viene descritto come una organizzata gerarchia di ruoli e norme, e la rete, percepita come elemento protettivo del singolo, viene riconosciuta come struttura che impedisce il volo anziché

come elemento di protezione dalla caduta, le donne dubitano del senso della propria esperienza. Ed è nella continua necessità di riaggiustare le proprie percezioni alla luce delle rappresentazioni sociali che sovrintendono al senso condiviso, nella difficoltà che

le donne hanno a rappresentare le proprie esperienze e se stesse

che Gilligan (cit., p. 56) registra le profonde radici della debo- lezza femminile. Se Gilligan coglie l’elemento centrale della differenza di genere nella dissonanza cognitiva che caratterizza l’esperienza delle donne, Bourdieu (1998), registrerà tale differenza come paradosso della doxa: “Ho sempre visto nel dominio maschile

– scrive – nel modo in cui viene imposto e subito, l’esempio per

eccellenza di questa sottomissione paradossale, effetto di quella che chiamo violenza simbolica … invisibile per le stesse vittime, che si esercita essenzialmente attraverso le vie puramente simbo- liche della comunicazione e della conoscenza…”. Nel dominio esercitato sulla base di un principio simbolico riconosciuto sia dal dominante che dal dominato, e nella logica di un rapporto so- ciale “straordinariamente ordinario” anche il sociologo francese individua le radici di uno scarto conoscitivo prima ancora che politico o sociale. Attraverso una serrata disamina dei processi responsabili della trasformazione “dell’arbitrio culturale nell’ovvio” e “della storia in natura”, ed evidenziando gli effetti assolutamente reali

che il lungo lavoro collettivo di “socializzazione del biologico” e

di

“biologizzazione del sociale” produce nei corpi e nelle menti,

il

sociologo francese svela la natura di “costruzione sociale natu-

ralizzata” che viene posta quale fondamento “naturale” della ar-

bitraria divisione sociale del lavoro situata alla radice della realtà

e della sua rappresentazione (ibid., pp. 7-8). Non sono dunque le

necessità della riproduzione biologica a determinare l’organizza- zione simbolica di tutto l’ordine naturale e sociale, ma piuttosto

– scrive Bourdieu – è la costruzione arbitraria del biologico e in

particolare del corpo, maschile e femminile, dei suoi usi e delle sue funzioni ad offrire un fondamento in apparenza naturale ad

141

Maria Grazia Ricci

una visione androcentrica della società, delle sue pratiche e delle sue gerarchie 31 . L’istituzione dei due generi come naturalmente dati è l’esito di un formidabile lavoro collettivo di socializzazio- ne diffusa e continua in cui vengono assunte identità distintive che si incarnano in habitus differenti, opposti e complementari, chiaramente differenziati secondo il principio di divisione do- minante e capaci di percepire il mondo secondo tale principio (Bourdieu 2003). In questa “divisione sociale del lavoro” spetta agli uomini, si- tuati dalla parte dell’esterno, dell’ufficiale, del pubblico compiere gli atti brevi, pericolosi e spettacolari che segnano una rottura nel corso ordinario della vita, azioni paragonabili all’operare di Arendt; le donne, situate invece dalla parte dell’interno, del basso e del continuo, si vedono assegnare i lavori domestici, o quelli più monotoni e umili, ed ogni attività invisibile e privata, espletando così la loro funzione sociale soprattutto nel lavorare. Poiché an- che il mondo finito nel quale sono state e continuano ad essere relegate contiene gli stessi silenziosi richiami all’ordine di quel- lo più ampio che lo racchiude, le donne “possono solo divenire ciò che sono”, confermando, innanzitutto di fronte a se stesse, di esservi naturalmente votate. “La rappresentazione androcentrica della riproduzione biologica e della riproduzione sociale viene in questo modo ad essere investita dell’oggettività di un senso comune, inteso come consenso pratico, evidente, sul senso del- le pratiche. E le stesse donne sono portate ad applicare ad ogni realtà, e in particolare ai rapporti di potere in cui sono coinvolte, schemi di pensiero che sono il prodotto dell’incorporazione di questi stessi rapporti di potere e si esprimono nelle opposizioni fondatrici dell’ordine simbolico” (Bourdieu 2009, p. 40).

31 L’ordine sociale è una potente macchina simbolica che rinforza il potere maschile su cui si fonda – attraverso la distribuzione dei ruoli nel- la divisione del lavoro, la strutturazione degli spazi pubblici e privati, la definizione dei tempi – facendolo apparire neutro, senza bisogno di legitti- mazione. La divisione tra i sessi appare naturale perché è oggettivata nelle cose, incorporata nelle pratiche e assunta nelle nostre definizioni del mon- do. È la husserliana “attitudine naturale”, la stretta concordanza tra strut- ture ‘oggettive’ e strutture cognitive, tra la forma dell’essere e quella del conoscere, tra il corso del mondo e le attese a questo relative. P. Bourdieu, Il dominio maschile, Bologna, Feltrinelli, 2009, p. 32.

142

Essere donne e “diventare persone”

Nella loro opera di “riproduzione” dell’ordine sociale esisten-

te, le donne riproducano le condizioni della propria sottomissione.

Esse subiscono gli effetti di una forza simbolica 32 che trova le sue condizioni di possibilità nell’immenso lavoro preliminare neces- sario per operare una trasformazione durevole dei corpi e produrre disposizioni permanenti, e che è tanto più potente quanto più si esercita, al di là della percezione cosciente, attraverso la familia- rizzazione con un mondo fisico simbolicamente strutturato (fuori e dentro, pubblico e privato, ecc.) e un’esperienza precoce e prolun-

gata di interazioni costruite sulla base di strutture di dominio (fem- minile e maschile, affettività e neutralità, parzialità e universalità ecc.). Proprio in virtù della complessa stratificazione di simboli e pratiche, la pressione esercitata sull’habitus dominato (dal punto

di vista del genere, o dell’etnia, della cultura, della lingua…) non

può essere sospesa con un semplice sforzo della volontà o con una liberatoria presa di coscienza 33 . Infatti, anche quando alcuni vincoli esterni vengono meno e le libertà formali – diritto di voto, diritto all’educazione, accesso a tutte le professioni, anche a quelle politiche – sono acquisite, l’autoesclusione e la ‘vocazione’ (che funziona sia in senso positivo che negativo) possono sostituirsi efficacemente all’esclusione dichiarata e portare le donne a esclu- dersi spontaneamente dall’agorà.

32 P. Bourdieu, Le pouvoir symbolique , in “Annales. Économies, So - ciétés Civilizations”, 3, 1977, pp. 405-411. Definito molto chiaramente in questo articolo: “Il potere simbolico è quel potere invisibile che non può

esercitarsi che con la complicità di coloro che non vogliono sapere, che lo subiscono o anche che lo esercitano” (p. 5). È il potere di far vedere e di far credere, di definire il mondo come scontato (taken for granted) e legittimo. 33 Le armi a disposizione sono, “in quanto armi del debole”, deboli, e soprattutto, essendo insufficienti a sovvertire realmente il rapporto di domi- nio, spesso ottengono il risultato di confermare il pregiudizio sfavorevole.

Si

cita come esempio, la forma di violenza morbida, e spesso invisibile, che

le

donne oppongono alla violenza fisica o simbolica esercitata su di loro

non solo dagli uomini, ma in genere da una società organizzata sul princi- pio androcentrico, che ricorre alla passività, all’astuzia, alla manipolazione, fino all’amore possessivo dei posseduti, tipico della madre mediterranea

o della sposa materna che vittimizza e colpevolizza vittimizzandosi. Cfr.

P. Bourdieu, Per una teoria della pratica. Con tre studi di etnologia cabi - la, Milano, Cortina, 2003 [ed. orig. Esquisse d’une théorie de la pratique, Genève, Droz, 1972].

143

Maria Grazia Ricci

Il potere simbolico non può esercitarsi senza una continua costruzione, che passa anche attraverso il riconoscimento impli-

cito e la ratifica della vittima, ma non per questo essa può es- serne considerata la responsabile 34 . Il principio dell’inferiorità e dell’esclusione della donna riproduce infatti l’asimmetria fonda- mentale del soggetto e dell’oggetto, dell’agente e dello strumen- to, dell’azione e della passiva ricezione. Nella costruzione socia- le dei rapporti di parentela e del matrimonio, che ha assegnato alle donne lo statuto sociale di oggetti di scambio votati alla ri- produzione del capitale simbolico degli uomini, prima ancora che alla riproduzione biologica della specie, viene individuata la spiegazione del primato attribuito alla mascolinità nelle tas- sonomie culturali. La divisione sessuale è inscritta nella divisio- ne delle attività produttive cui noi associamo l’idea di lavoro, e ancora più ampiamente nel lavoro di mantenimento del capitale sociale e del capitale simbolico che continua ad assegnare agli uomini il monopolio delle attività ufficiali e pubbliche, e impone

a loro, e solo a loro, di acquisire l’attitudine e la propensione a giocare una presenza attiva e direttiva. Il lavoro di trasformazione dei corpi, osserva Bourdieu (2009,

p. 70), li rende insieme disposti ed atti a entrare nei giochi sociali più favorevoli al dispiegamento della virilità o della femminilità.

Il mondo si presenta disseminato di indizi e segni che indicano le

cose da fare o da non fare e delineano un tracciato di traiettorie possibili, probabili o impossibili per l’una o l’altra categoria 35 :

34 La costruzione della pratica non è un atto soggettivo cosciente e deliberato, bensì l’effetto di un potere inscritto nel corpo sotto forma di schemi di percezione e di disposizioni (ad amare, ammirare, rispettare, te- mere) che rende recettivi rispetto a determinate manifestazioni simboliche del potere. Applicando a ciò che li domina schemi che sono il prodotto del dominio, o in altri termini, quando i loro pensieri e le loro percezioni sono strutturati conformemente alle strutture stesse del dominio che subiscono, gli atti di conoscenza dei dominati sono inevitabilmente atti di ricono- scenza , o, in altri termini, di sottomissione. Cfr. P. Bourdieu, Il dominio maschile, cit., p. 50. 35 “La logica, essenzialmente sociale, di quella che definiamo ‘voca- zione’ ha l’effetto di produrre questi incontri armoniosi tra le disposizioni e le posizioni, grazie alle quali le vittime del dominio simbolico possono portare a termine felicemente (nel doppio senso del termine – fortunatamen- te?) i compiti subalterni o subordinati che vengono conferiti alle loro virtù:

144

Essere donne e “diventare persone”

“È probabilmente nell’incontro con le “attese oggettive” inscrit-

te, soprattutto allo stato implicito, nelle posizioni offerte alle

donne dalla struttura, ancora fortemente sessuata della divisione

del lavoro che le disposizioni dette “femminili”, inculcate dalla

famiglia e da tutto l’ordine sociale, possono compiersi, o perfino espandersi, e trovarsi nello stesso tempo ricompensate, contri- buendo così a rafforzare la dicotomia sessuale fondamentale, sia

nei posti che sembrano richiamare la sottomissione e il bisogno

di sicurezza, sia in quanti li occupano… identificati in posizioni

nelle quali, incantati o alienati, essi si ritrovano e si perdono nel-

lo stesso tempo”. Le diverse opportunità si mostrano non solo nella divisione e

gerarchia del lavoro, ma anche in molte manifestazioni visibili:

maniere, abbigliamento e in particolari, apparentemente innocui,

dei comportamenti quotidiani che racchiudono numerosi e im-

percettibili, spesso inconsci per chi li mette in pratica, richia-

mi all’ordine delle cose. Il rimarcare la posizione di autorità,

e dunque la discriminazione, può spesso passare attraverso un atteggiamento benevolente: familiarità e intimità in situazioni “formali”, declassamento di rivendicazioni a capricci, sposta- mento dell’attenzione ad un particolare fisico, tutte scelte che costruiscono una situazione “debole” delle donne i cui effetti cumulati vengono “oggettivamente” registrati nelle statistiche ufficiali che registrano il permanere del gap di genere, la scarsa rappresentanza delle donne nel posizioni di potere economico e politico 36 .

sottomissione, gentilezza, docilità, devozione e abnegazione” (P. Bourdieu, Il dominio, cit. p. 71). Nel mondo del lavoro continuano a riprodursi oltre a gerarchie tipo capo/subordinata anche dinamiche para-familiari in cui il primo, ancora troppo spesso un uomo, offre protezione generalizzata alle seconde che vengono incoraggiate ad un investimento di tipo affettivo nell’istituzione e in colui che la incarna. 36 A questo si aggiunga che l’aumento del numero delle donne in un ambito di lavoro ne riduce la desiderabilità e il prestigio sociale. Questo ef- fetto, definito statisticamente come “tasso di femminilizzazione”, si registra ormai da tempo: cfr. J.C. Tonhey, Effects of Additional women Professio- nals on Rating of occupational Prestige and Desiderability, in “Journal of Personality and Social Psychology”, 29, 1, 1974, pp. 86-89.

145

Maria Grazia Ricci

A tutto ciò si affianca la logica del doppio standard, una radi- cale asimmetria nella valutazione delle attività maschili e fem- minili. Le stesse attività possono essere nobili e creative quando esercitate dagli uomini e insignificanti e impercettibili quando svolte dalle donne. Il modello è quello di lavori femminili che, “senza qualità” nella sfera privata in cui sono normalmente re- legati, una volta esportati dagli uomini nella sfera pubblica as- sumono e danno prestigio: il sarto, il cuoco, il maggiordomo, mentre all’inverso, l’arrivo delle donne in un mestiere maschile suscita una forte resistenza quando il non riconoscimento della professionalità. Il saggio di Maruani e Nicole mette in evidenza come lo stesso lavoro di composizione, se esercitato da una don- na può essere definito lavoro di dattilografia ed è ritenuto poco qualificante, se invece è esercitato da un uomo diventa un la- voro altamente professionalizzante e qualificato 37 . Che il lavoro delle donne continui a restare in buona parte nell’invisibilità, lo testimonia il fatto che quello di cura sia ancora essenzialmente femminile; e che appartenga ancora ad un ordine diverso, ci vie- ne ricordato ogni volta che una donna docente viene chiamata signora mentre un docente maschio viene sempre chiamato pro- fessore 38 .

Permanenze e possibilità di cambiamento

La più importante prerogativa dei dominanti è indubbiamente quella di essere in grado di far riconoscere ed accettare come universale il loro particolare modo d’essere, ma, sebbene la cor- rispondenza tra la realtà o i processi del mondo naturale e i prin- cipi di visione e divisione ad essi applicati sia molto stretta, nello scarto originario tra ciò che viene imposto e ciò che è voluto

37 M. Maruani, C. Nicole, Au labeur des dames. Métiers masculins, em- plois féminins, Paris, Syros/Alternative, 1989.

38 Ogni richiamo all’ordine inscritto nella struttura delle cose, ogni si- lenzioso comando o celato divieto inerenti il normale funzionamento del mondo sociale si adatta allo specifico campo e la differenza tra i sessi si presenta con una connotazione particolare in ciascuno di essi, data dalla definizione dominante della pratica che in tali campi ha corso, e che, non venendo percepita come sessuata, non viene messa in discussione.

146

Essere donne e “diventare persone”

c’è lo spazio vitale per una lotta cognitiva sul senso delle cose del mondo e la contestuale possibilità del cambiamento 39 . È dun- que possibile ribaltare gli schemi di percezione dominanti che ingabbiano le donne in rappresentazioni negative 40 , secondo la

logica del pregiudizio sfavorevole 41 , ma, nell’interpretazione di Bourdieu, la rivoluzione simbolica femminista non è riducibile

ad

una conversione delle coscienze, proprio perché il fondamen-

to

del dominio non sta in coscienze mistificate che è possibile

illuminare, ma in disposizioni che sono il prodotto delle strutture

di dominio. La rottura del rapporto di complicità istituito fra do-

minati e dominanti può avvenire solo attraverso il cambiamento radicale delle condizioni sociali di produzione delle (pre)dispo- sizioni (habitus) che portano i dominati ad assumere il punto di vista dei dominanti 42 . Osservando i meccanismi di costruzione della realtà sociale, Bourdieu descrive un mondo sociale che costruisce gli indivi-

dui come realtà sessuate e ne usa poi le differenze biologiche ed anatomiche per giustificare una differenza di genere socialmen-

te costruita. Il risultato è ottenuto attraverso un paziente lavorio

attraverso il quale i corpi e le loro pratiche non sono né com- pletamente determinati nel loro significato né completamente indeterminati, cosicché il simbolismo ad essi connesso è insieme

39 L’indeterminazione parziale della costruzione autorizza interpre- tazioni contrapposte che offrono ai dominati una possibilità di resistenza contro l’effetto dell’imposizione simbolica. Come ogni modello culturale, anche la costruzione di genere reca in sé la possibilità del suo superamento. Cfr. J. Bruner, La mente a più dimensioni, Roma-Bari, Laterza, 1993.

40 Anche la definizione sociale degli organi sessuali, lungi dall’essere una semplice registrazione delle proprietà naturali, direttamente offerte alla percezione, è il prodotto di una costruzione operata a costo di una serie di scelte orientate o attraverso l’accentuazione di certe differenze o l’occulta- mento di talune similitudini.

41 La rappresentazione maschile condanna le capacità o incapacità fem- minili che richiede o contribuisce a produrre: valga per tutti lo stereotipo delle donne in carriera che sono ‘peggio’ (più grintose? più determinate? più resi- stenti?) degli uomini. E non possono non esserlo, dato che devono investire molto di più degli uomini per stare, e legittimarsi, in quella posizione ‘fuori posto’, quel salire la scala – come direbbe la Gilligan – invece che stare al centro della rete che va giustificato a se stesse prima ancora che agli altri.

42 Cfr. Bourdieu (2009), cit., pp. 52-53.

147

Maria Grazia Ricci

convenzionale, e cioè dato, e ‘motivato’, cioè riprodotto, ed è in questa ambivalenza che viene costruita la loro naturalità 43 . In altre parole, per Bourdieu 44 , esattamente come per Gilli- gan, le norme in base alle quali si misurano le donne non hanno nulla di universale, e, a suo giudizio, il femminismo universali- sta, ignorando l’effetto del dominio, inscrive nella definizione universale di essere umano proprietà storiche dell’uomo virile, costruito in opposizione al femminile. Anche la visione differen- zialista, però, dimenticando che la differenza esiste solo quando accettiamo di vederla con gli occhi del dominante, con lo sguar- do di colui da cui ci si vuole differenziare, non si sottrae a una forma di essenzialismo. Per Bourdieu dunque, una storia delle donne deve partire dall’analisi del meccanismo di ri-costruzione delle strutture og- gettive e soggettive del dominio maschile e considerare la storia degli agenti e delle istituzioni che continuamente concorrono ad assicurare tali permanenze. Per spiegare l’esclusione delle donne dalle carriere e dalle discipline, occorre prendere atto e decodi- ficare la riproduzione delle gerarchie (professionali, disciplina- ri…) nonché delle disposizioni che queste favoriscono, spingen- do le donne a contribuire alla loro esclusione dai luoghi che le escludono (2009, p. 99). Azioni e strategie delle singole donne non possono prescin- dere dai potenti meccanismi strutturali che ne hanno perpetuato la subordinazione: la famiglia gioca il ruolo principale nella ri- produzione del dominio maschile; essa rappresenta il luogo in cui si impone precocemente l’esperienza della divisione sessuale del lavoro e della rappresentazione legittima di tale divisione. La scuola trasmette i presupposti della rappresentazione androcentri-

43 “Poiché il principio di visione sociale costruisce la differenza ana- tomica e poiché tale differenza socialmente costruita diviene il fonda- mento e l’avallo in apparenza naturale della visione sociale che la fonda, si instaura un rapporto di causalità circolare che rinchiude il pensiero nell’evidenza di rapporti di dominio inscritti ad un tempo nell’oggettivi- tà, sotto forma di divisioni ‘oggettive’, evidenti, di senso comune, e nella soggettività, sotto forma di schemi cognitivi che – organizzati secondo tali divisioni – organizzano la percezione di quelle divisioni oggettive” (Bourdieu 2009, cit., p. 20).

44 Ibid., pp. 76.

148

Essere donne e “diventare persone”

ca del mondo, la stessa divisione delle discipline in “morbide” o “dure” ne è un indicatore, ma nello stesso tempo essa è anche uno dei luoghi principali del cambiamento per le contraddizioni che introduce. Lo stato ha un ruolo centrale nella riproduzione della divisione dei generi, ratificando e rafforzando tutte le prescrizioni e proscrizioni del patriarcato privato con quello pubblico inscritto in tutte le istituzioni incaricate di regolare la quotidianità dell’uni- tà domestica, il cui ordine sociale è anche ordine morale. Ma, nonostante la capillare diffusione del modello e la co- stanza nella sua reiterazione, il dominio maschile non si impone più con l’evidenza dell’ovvio. Un profondo lavoro critico delle donne su se stesse e sulla propria condizione, in parte sollecitato dall’affermazione dei movimenti femministi, ha seguito di pari passo le trasformazioni delle società occidentali: negli ultimi de- cenni l’accesso massiccio delle donne all’istruzione, al lavoro salariato, alla sfera pubblica, la presa di distanza dai lavori do- mestici e di riproduzione hanno, almeno parzialmente, alterato uno scenario di genere che si era riprodotto inalterato nei secoli. Così benché l’inerzia degli habitus, e del diritto, tenda a perpe- tuare, al di là delle concrete trasformazioni della famiglia, il mo- dello dominante di struttura familiare, la visibilità pubblica dei nuovi modelli di famiglia e di sessualità contribuisce a spezzare il senso comune e ad allargare il modello del possibile 45 . Sebbene le donne abbiano avuto accesso in massa al mondo del lavoro 46 , esse continuano palesemente a restare escluse da po- sizioni di responsabilità e di prestigio 47 . Le ineguaglianze che già

45 Già dagli anni ’70 è stato osservato, ad esempio, che le figlie della madri lavoratrici avevano aspirazioni di carriera più elevate ed hanno as- sunto modelli femminili meno tradizionali. Cfr. L.W. Hoffman, Changes in Family Roles. Socialization and sex differences, in “American Psycholo- gist”, 1977, 32, pp. 644-657.

46 Anche se in Italia, in realtà, i termini della questione sono più pro- blematici e la “parità” è meno visibile all’orizzonte: tra i maggiori paesi industrializzati, infatti, il nostro è quello in cui il divario tra occupazione maschile e femminile è più ampio. Cfr. M.L. Pruna, Donne al lavoro, Bo- logna, Il Mulino, 2006; L. Benadusi, S. Piccone Stella, A. Viteritti, Dispari parità, Milano, Guerini, 2009.

47 Di Rita Biancheri, studiosa da tempo impegnata in studi di genere e che negli ultimi anni ha condotto una serie di ricerche su diversi aspetti del problematico rapporto fra donne e mondo del lavoro, si vedano: Mercato

149

Maria Grazia Ricci

si originano a livello di curricula scolastici, vengono poi proiet-

tate e ampliate nelle potenziali carriere. Lo stesso principio vige

anche all’interno delle facoltà o delle discipline in cui gli uomini

si appropriano della parte simbolicamente più apprezzata per la-

sciare alle donne quella meno prestigiosa 48 . Questa dimensione dello scarto si mantiene e si esalta nel fatto che le professioni che si femminilizzano troppo, o sono già squalificate (e cioè ab- bandonate dagli uomini, per la poca appetibilità, remunerazione, ecc.) o sono in declino, cosicché “il tasso di femminilizzazione

attuale e potenziale costituisce il miglior indice della posizione e del valore relativi delle diverse professioni… l’uguaglianza for- male tra gli uomini e le donne tende a dissimulare che, a parità

di condizioni, le donne continuano a occupare sempre posizioni

meno favorite” (Bourdieu 2009, p. 108). All’origine di questa situazione vi sono – secondo il sociolo- go francese – due proprietà, in apparenza contraddittorie. Da un lato, al di là della concreta posizione sociale, le donne continua- no ad essere separate dagli uomini da un coefficiente simbolico negativo che – come uno stigma – connota negativamente tutto ciò che sono o fanno; e dall’altro, malgrado le esperienze specifi- che che le avvicinano – i tratti spesso impercettibili del dominio,

del lavoro, famiglia e politiche sociali: un’analisi sociologica delle carrie- re femminili, in “Lavoro e Diritto”, 4, 2007, pp. 581-609; La dimensione di genere nel lavoro. Scelte o vincoli nel quotidiano femminile, Pisa, Edizioni Plus, 2008 e Tempi di vita e welfare. Verso un sistema territoriale della conciliazione, Pisa, Edizioni Plus, 2009. 48 R.M. Lagrave, Une émancipation sous-tutelle. Éducation et travail de femmes au XX e siècle, in G. Duby, M. Perrot (a cura di), Histoire de femmes. Le XX e siècle, vol. 5, Paris, Plon, 1992 [trad. it. Un’emancipazione sotto tutela. Educazione e lavoro delle donne nel XX secolo, in Storia delle donne. Il Novecento, Roma-Bari, Laterza, 1992, pp. 484-525]. Anche in Italia sono ormai molto numerosi gli studi di settore. Rossella Palomba col “rapporto Minerva” sfata i vecchi stereotipi di un ‘duro’ mondo scientifico poco adatto alla situazione di doppia presenza spesso vissuta dalle donne. Ma, dati alla mano, le scienziate fanno pochi figli e tardi, si fermano in laboratorio fino a tardi e producono lo stesso numero di pubblicazioni dei colleghi. Ma fanno precariati più lunghi, hanno paghe più misere e ricevo- no giudizi più severi sul loro lavoro. Cfr. R. Palomba (a cura di), Figlie di Minerva. Primo rapporto sulle carriere femminili negli Enti Pubblici di Ricerca italiani, Milano, Franco Angeli, 2000.

150

Essere donne e “diventare persone”

le numerose ferite, spesso subliminali, inferte da un ordine che

si mantiene saldamente maschile – esse sono divise tra loro da

differenze economiche e culturali che implicano un modo diver- so di subire il dominio maschile. I cambiamenti della condizione

femminile continuano peraltro a obbedire alla logica del modello tradizionale della divisione tra i generi: gli uomini mantengono il dominio dello spazio pubblico e il campo del potere (soprattutto economico) mentre le donne rimangono centrali nello spazio pri- vato (domestico) o nelle estensioni pubbliche di tale spazio che sono i servizi sociali ed educativi. Cosicché “le ragazze incorporano, sotto forma di schemi di percezione e di valutazione, difficilmente accessibili alla co- scienza, i principi della visione dominante che le porta a trova- re normale, o persino naturale, l’ordine sociale così com’è e ad anticipare in qualche modo il loro destino, rifiutando le carriere

o i curricula da cui esse sono in ogni caso escluse, orientandosi verso quelli cui sono in ogni caso destinate. La costanza degli

habitus che ne risulta è così uno dei fattori più importanti della costanza relativa della struttura della divisione sessuale del la- voro: nella misura in cui si trasmettono essenzialmente da corpo

a corpo, al di qua della coscienza e del discorso, questi principi

sfuggono in larga misura al controllo cosciente ed insieme re- sistono alle trasformazioni o alle correzioni (come attestano gli scarti spesso osservati tra le dichiarazioni e le pratiche). In più essendo oggettivamente orchestrati, essi si confermano e si raf- forzano a vicenda” (ibid., p. 112). Essendo escluse in massa dall’universo delle cose serie, dalle posizioni di responsabilità degli affari pubblici, soprattutto eco- nomici e politici, le donne continuano a rimanere confinate nello spazio domestico e nelle attività associate alla riproduzione bio-

logica e sociale – attività, quelle materne in particolare, che, pur essendo apparentemente valorizzate o addirittura celebrate, lo sono solo nella misura in cui rimangono subordinate alle attività

di produzione, le uniche realmente suscettibili di un vero ricono-

scimento economico e sociale. Tutto il lavoro, socialmente indi- spensabile, che le donne investono nel costruire e rinforzare la solidarietà e l’integrazione all’interno della famiglia, e di questa con i gruppi allargati al fine di assicurarne con il mantenimento dei rapporti anche il prestigio sociale, passa invece per lo più

151

Maria Grazia Ricci

inosservato quando non ufficialmente frainteso: possiamo legge- re in questa ottica la denuncia del gusto femminile per la chiac-

chiera o per le cose futili e inutili; e quando questa attività si impone all’osservazione, viene interpretata sul piano dell’affetto

o della morale, dato il carattere non immediatamente monetizza-

bile e ufficialmente “disinteressato” 49 . I numerosi cambiamenti che hanno investito la “condizione femminile” continuano a mascherare una permanenza di struttu- re invisibili che assumono consistenza e spessore quando mettia- mo in relazione l’economia domestica, cioè il lavoro di cura, e la divisione del lavoro e del potere che lo caratterizza, con i diversi settori del mercato del lavoro in cui sono impegnati uomini e donne. Così possiamo osservare come le poche donne salite a posizioni di grande responsabilità spesso paghino le posizioni di

prestigio raggiunte con “difficoltà” nella vita familiare (nubilato, matrimoni tardivi, divorzi, assenza o difficoltà o insuccessi con i figli, ecc.), o, come un successo nella vita familiare, spesso sia controbilanciato dalla rinuncia parziale o totale alla realizzazio- ne professionale. I vincoli che la struttura dello spazio domestico

e della riproduzione sociale impone a quella dello spazio profes-

sionale e della produzione spiegano infatti lo scarto continua- mente riprodotto tra la posizione lavorativa degli uomini e quella delle donne, quest’ultime impegnate in un inseguimento in cui non riescono mai a colmare l’handicap di partenza. Ed è nella relazione tra il polo della cura e quello del lavo- ro che passa la riproduzione del rapporto di dominio, in forme diverse nelle diverse condizioni femminili: dalla dedizione alla famiglia e alle opere pie delle donne dell’alta borghesia, a quella

49 La mancanza di un equivalente monetario per il lavoro domestico svolto dalla donna all’interno della propria casa contribuisce a svalutarlo anche agli occhi della donna stessa, come se questo tempo privo di un valo- re mercantile non avesse importanza e potesse essere dato senza contropar- tita, e senza limiti, innanzitutto ai membri della famiglia, soprattutto ai figli, ma anche all’esterno. Non portate a pensare il lavoro in termini di equiva- lenza monetaria, le donne, più degli uomini sono inclini al lavoro gratuito, al volontariato. Preposte alla gestione, e possibilmente all’accrescimento, del capitale simbolico delle famiglie, le donne assumono spesso quel ruolo anche all’interno delle aziende, facendosi carico di attività di ricevimento ed accoglienza, di presentazione e rappresentanza.

152

Essere donne e “diventare persone”

ancillare e ‘mercenaria’ delle domestiche 50 , passando per l’as- sunzione di un lavoro salariato complementare a quello del ma- rito e ad esso compatibile delle donne della piccola borghesia. Nella dicotomia tra cura e lavoro, tra affetto e interesse, tra in- terno ed esterno, tra concreto ed astratto si rinnova ancor oggi quella ‘linea di demarcazione mistica’ tra donne e uomini di cui parlava Virginia Woolf 51 .

Fuori dall’invisibilità: tra rappresentanza e nuove rappresentazioni

La filosofa Martha Nussbaum pone le origini del problema dell’invisibilità delle donne nello sviluppo di una tradizione di pensiero che, non affrontando il problema della differenza, ignora i fallimenti nella percezione dell’altro e nel suo riconoscimento in cui gli individui normalmente incorrono. Molto difficilmente vediamo la realtà delle persone che abbiamo di fronte perché de- gli ‘altri’, scrive, si riesce a vedere solo quello che la nostra mente ha creato. L’invisibilità dipende dalla struttura dei nostri occhi interni, quelli cioè coi quali, attraverso gli occhi corporei, noi guardiamo la realtà 52 (Nussbaum 1999, pp. 101-102). Nuove ge- nerazioni di intellettuali, e non esclusivamente donne, stanno po- nendo rimedio a questa forma di cecità: psicologhe, sociologhe,

50 Cfr. A. Gimenez-Bartlett, Una stanza tutta per gli altri, Palermo, Sel- lerio, 2003.

51 Cfr. Virginia Woolf, Le tre ghinee, Milano, Feltrinelli, 1992.

52 L’esclusione di alcune persone e del loro modo di vivere dal dominio del sapere è sempre andata di pari passo, scrive la Nussbaum. L’elemento degno di nota è che queste esclusioni continuano ad apparire naturali e non ‘politiche’; solo la richiesta di inclusione sembra motivata da una ‘finalità politica’. Ma, se da giovane donna al suo primo incarico ebbe l’impressione che ai suoi colleghi fosse preclusa la vista di molte persone e di molte vite, oggi, in quella stessa università vede la crescita di una scuola in cui le don- ne, i membri di minoranze etniche e religiose, gay e lesbiche, e le persone che appartengono a culture non occidentali possano essere visti e ascoltati con rispetto in veste di portatori di una conoscenza specifica, una scuola in cui si consideri che il mondo è formato da tipi diversi di cittadini, e nella quale si possa tutti imparare a diventare cittadini del mondo (Nussbaum 1999, pp. 21-22).

153

Maria Grazia Ricci

filosofe, politologhe, antropologhe hanno favorito interpretazioni nuove di dati vecchi, hanno ricercato nuovi dati con nuovi meto-

di, e, in qualche caso, giudicato inadeguati i vecchi, hanno chiesto

agli studiosi di non arrendersi alla tirannia dell’abitudine e alle convenzionali relative a ciò che è naturale. Affrontando nuove tematiche e soggetti tradizionali attraverso il prisma dell’appar- tenenza sessuale hanno modificato i canoni tradizionali delle di- scipline influenzandone la direzione e il carattere delle ricerche 53 . In Women in Western Political Thought (1979), Susan Mol- ler Okin argomenta che la questione del genere è centrale e non marginale anche e soprattutto per una disciplina come la filosofia

politica 54 . Prendendo in considerazione i modi in cui le supposi- zioni relative alla differenza sessuale hanno strutturato alcuni dei

concetti chiave di questa tradizione, quelli di natura e di ragione,

di politica e di giustizia, ma anche la nozione di separazione tra

vita pubblica e vita privata, ha cercato di individuare le radici ide- ologiche delle disuguaglianze di genere rileggendo autori ed ope-

re fondamentali della tradizione del pensiero politico occidentale.

53 L’attenzione per fenomeni umani di grande importanza – ma pensati tipicamente femminili e in quanto tali non giudicati meritevoli di attenzio-

ni ‘scientifiche’ – quali le emozioni, l’amore, l’immaginazione e al ruolo

che questi rivestono in un giudizio veramente razionale hanno permesso

di modificare alcuni paradigmi di razionalità, comunemente accettati e di

stampo chiaramente maschile. Questi tendevano ad anteporre, in modo as- solutamente semplicistico, l’emozione alla ragione e a non riconoscere che anche la prima può essere una fonte di conoscenza assolutamente autentica. Catherine Lutz (1988) e Michelle Rosaldo (1980) notarono nei loro studi

come le norme culturali che definiscono i limiti di un’espressione appropria-

ta dell’ira, della vergogna, del dolore, dell’amore esprimano in realtà valuta-

zioni, e non semplici reazioni fisiologiche del tutto prive di discernimento.

54 Anche Justice, Gender, and the Family (1989) rappresenta una critica serrata delle moderne teorie della giustizia. Okin asserisce che sia pensatori liberali come John Rawls e Robert Nozick, sia communitarians come Ala- sdair MacIntyre e Michael Walzer, scrivendo da una prospettiva maschile, assumono erroneamente che l’istituzione familiare sia giusta. L’ipotesi di fondo della studiosa è che le famiglie perpetuano le ineguaglianze di genere attraverso la crescita e l’educazione di bambini in una situazione di genere sbilanciata, e facendo loro acquisire le idee e i valori considerati universali (anche se profondamente sessuati) crescono giovani adulti che li ripropor- ranno. Solo includendo il punto di vista delle donne e l’attenzione alla situa- zione di genere, una teoria della giustizia può considerarsi attendibile.

154

Essere donne e “diventare persone”

Analizzando le argomentazioni pro e contro l’uguaglianza del-

le

donne, espresse da filosofi quali Platone e Aristotele, Rousseau

e

Mill, Okin mostra come fin dagli albori, nel pensiero politico

occidentale siano esistite interpretazioni diverse della condizione

femminile. Quella riconducibile a Platone, e poi a Mill, è una po- sizione scettica sulla differenza naturale e, facendo dipendere lo sviluppo umano dall’educazione, assume la legittimità della pie- na uguaglianza di opportunità per le donne. Come Mill 55 dobbia- mo chiederci – ricorda Okin – se abbiamo delle vere prove della differenza innata tra uomini e donne, per giungere con lui alla conclusione che non ne esistono dal momento che noi possiamo osservare uomini e donne solo in condizioni di disuguaglianza. Mill riteneva che anche le preferenze degli uomini non fossero autentiche perché a costoro veniva (viene ancora, purtroppo) tra- smessa un’idea della propria superiorità, anche rispetto alle don- ne più dotate, semplicemente per il fatto di essere uomini. Questo elemento ha ingenerato nei maschi una concezione distorta della

propria identità e della propria condotta ed ha strutturato attorno

al principio di gerarchia sociale e di disuguaglianza la democrazia

liberale, condizionandone finalità e scelte.

55 “I deny that any one knows or can know, the nature of the two sexes, as long as they have only been seen in their present relation to one another. Until conditions of equality exist, no one can possibly assess the natural differences between women and men, distorted as they have been. What is natural to the two sexes can only be found out by allowing both to develop and use their faculties freely”, in The Subjection of Woman, 1869, cap. I. Mill, forse il maggiore tra i filosofi politici liberali, riteneva che le prefe- renze espresse dalla donne fossero distorte non solo perché non avevano la possibilità di votare, ma anche per un serie di fattori a monte del voto:

l’assenza di un’educazione paritaria la mancanza di informazioni precise sulle potenzialità e sulle capacità delle donne; l’atteggiamento di superiori- tà degli uomini, portati a trattare le donne con condiscendenza e a svalutare le loro conquiste; la concezione diffusa secondo la quale le donne erano adatte a svolgere solo o principalmente lavori domestici e non implicanti l’uso della ragione; il timore, giustificato, da parte delle donne stesse nel mettere in discussione l’autorità, una paura che le ha portate a rinunciare a ruoli e occasioni; la loro ritrosia, ugualmente giustificata, ad abbandonare uno stato di disuguaglianza, comunque interiorizzato e socialmente regola- to, per ricercare una posizione che le avrebbe lasciate senza protezione e in ogni caso discriminate.

155

Maria Grazia Ricci

La posizione assunta dal pensiero liberale si fonda sull’idea che, dipendendo da differenze innate e immutabili fra i due ses-

si, i ruoli maschili e femminili siano naturalmente asimmetrici, e

tratta la questione delle potenzialità e del ruolo delle donne come

un elemento già risolto in una famiglia retta su una base patriar-

cale, ma percepita e accettata come un dato di fatto. Ne consegue che la struttura patriarcale e autoritaria dei rapporti interni alla famiglia, che è la cellula fondamentale della società, diventa la principale fonte di corruzione della democrazia liberale 56 . La sua

figura centrale, l’angelo del focolare, è una donna che è stata edu- cata non come una libera cittadina, ma come una schiava dome-

stica, asservita ai doveri della riproduzione e ai diritti della stirpe. Sebbene John Stuart Mill, da autentico liberale rivendichi pari di- ritti civili e politici per le donne, assumendo la famiglia nucleare borghese e l’istinto materno come naturali non è in grado di do- tarsi degli strumenti per affrontare sia il problema della divisione sessuale del lavoro entro la famiglia, che quello della assunzione acritica di questa divisione entro la società. Okin ha rielaborato questa tesi in Justice, Gender and the Family (1989) sostenendo che alla base della mancanza di giustizia nella sfera ‘pubblica’ – segnalata dai dislivelli nel reddito, nelle gerarchie professionali, nella capacità di trovare rappresentanza politica – vi è la mancan-

za di giustizia nella sfera ‘privata’, quella della famiglia. La sva-

lutazione del lavoro riproduttivo e la persistenza della tradiziona-

le divisione del lavoro continuano a rendere le donne vulnerabili

e i loro progetti di vita perennemente inadeguati. In Woman and Human Devolopment. The Capabilities Appro- ach, tradotto in italiano col suggestivo Diventare persone. Donne e universalità dei diritti (2001), anche Martha Nussbaum, pren- dendo spunto dalla sua esperienza in India e dalla collaborazione

con l’economista Amartya Sen, riflette sulla concreta possibilità

di esistenza dell’universalismo legato al concetto di “persona”.

L’ipotesi interpretativa è che essendo lo statuto di “persona” ap- pannaggio fondamentalmente maschile occorre rinegoziare il con- tenuto di questo universalismo a partire dalle situazioni contin- genti, dal locale. Queste situazioni, diverse a seconda del periodo storico, della generazione, del gruppo di appartenenza, del singolo

56 Cfr. M.C. Pievatolo, www.swif.uniba.it/lei/filpol/schedaok.htm.

156

Essere donne e “diventare persone”

individuo, influenzano profondamente la vita delle persone e con essa le loro scelte, sia ciò che sperano che ciò che sono in grado di fare. Le diverse opportunità di scelta diventano così diverse oppor- tunità di pensiero e di azione, ma non per questo sono costitutive

di

un’essenza peculiare, inaccessibile all’altrui percezione. “Al di

delle differenze di classe e di contesto, scrive Nussbaum (ibid.,

p. 45), si riconoscono alcune aspirazioni fondamentali alla crescita umana, per quanto difficile sia il capire l’influenza del contesto sulle scelte e sulle aspirazioni”. Con il capabilities approach, la studiosa introduce un punto di vista pragmatico attraverso il quale è possibile determinare i principi di base e le misure adeguate per ottenere una vita dignitosa e, con questa, la qualità di persona. Questi principi generali sono inquadrati in termini di capaci- tà, potenzialità basate su circostanze personali e sociali, definite interne se riferite a stadi di sviluppo del soggetto e rappresentano condizioni sufficienti per l’esercizio delle funzioni richieste, e combinate quando le capacità interne sono adattate alle condi- zioni esterne utili per esercitare quella funzione. Per la filosofa americana le capabilities possono diventare oggetto di consenso condiviso tra individui che altrimenti hanno diverse concezioni

di “ciò che è bene”. Esse rappresentano uno strumento concet-

tuale che consente di superare le difficoltà legate al relativismo culturale derivante dall’accettazione di criteri normativi che sono il prodotto della società che li applica. A giudizio di Nus- sbaum il capabilities approach tratta ogni individuo come un fine 57 , ma non è incompatibile con un’appropriata valutazione dell’importanza dell’affetto e delle cure familiari e dei bisogni di appartenenza di ognuno. La libertà, la dignità e l’integrità della persona, di ciascuna persona, sono mete sociali irrinunciabili; esse sono in gioco in primo luogo nella famiglia, e la forma che tale istituto assume le influenza profondamente.

57 “Il principio di ogni persona come fine, scrive (p. 198), implica che la persona individualmente deve essere l’unità fondamentale della distribuzio- ne politica. I principi politici fondamentali richiedono che ogni società assi- curi a ciascuno un livello di soglia di beni vitali fondamentali, considerando la vita di ciascuno degna di sostegno vitale fondamentale e di fondamentali libertà e opportunità; e richiedono anche che non ci accontentiamo di un totale o di una media splendidi, quando alcuni individui vengono privati o della libertà o del benessere materiale” (Diventare persone, cit., p. 198).

157

Maria Grazia Ricci

Gli economisti definiscono un certo tipo di distorsione delle preferenze come adattamento. In questo caso un individuo orga- nizza le proprie preferenze affinché si accordino con l’insieme (spesso ristretto) di opportunità che ha a disposizione. Le donne, in molte parti del mondo, manifestano preferenze distorte anche quando sono in gioco questioni fondamentali come la salute, la nutrizione, la sicurezza (Sen 1995). Infatti, se non si è mai speri- mentato cosa voglia dire sazietà è più semplice accontentarsi di uno stato di malnutrizione, se non si è imparato a leggere e si è sempre sentito dire che l’istruzione non è cosa per donne, è facile convincersi che si è soggetti di serie B e che non ci si deve im- pegnare a raggiungere, ma neppure a desiderare, ciò che la tra- dizione ha reso non praticabile (Nussbaum 1999, pp. 240-241). La questione cruciale, e troppo spesso sottorappresentata, è che la presenza di questi problemi, di queste asimmetrie di potere, impedisce alla democrazia di esplicarsi completamente. Citando Elizabeth Cady Stanton, Carol Gilligan (p. 133) so- stiene che sviluppare se stesse è un dovere più alto che sacrifica- re se stesse e che ciò che più frena e si oppone allo sviluppo di sé da parte delle donne è l’abnegazione di sé. All’affermazione dei propri diritti, esse devono imparare a collegare l’assunzione della responsabilità di se stesse esattamente come si fanno carico della responsabilità degli altri e dei rapporti sociali in genera- le. La tensione, individuata dalla psicologa statunitense, tra una morale dei diritti che annulla i legami sociali a sostegno delle pretese individuali, e una morale della responsabilità, che intesse tali pretese in una trama di rapporti, rendendo più labile la distin- zione tra sé e l’altro attraverso la rappresentazione della loro in- terdipendenza, rimane un nodo centrale. I conflitti descritti nelle ricerche effettuate mostrano che al centro della preoccupazione morale della donna continua ad albergare un’etica della respon- sabilità, che ancorando l’io ad un mondo di rapporti, promuove e rinforza le attività di cura. Gilligan intravede però, nelle riflessioni delle giovani donne intervistate, i segni di una trasformazione. Un cambiamento che passa attraverso il riconoscimento della validità del principio dei diritti individuali, della consapevolezza dell’interdipendenza, e alla convinzione che “tutti, in qualche misura, hanno la respon- sabilità di badare gli uni agli altri”. In un mondo sociale che

158

Essere donne e “diventare persone”

continua ad essere percepito come una fitta rete di rapporti, la sofferenza di uno riguarda anche tutti gli altri, ed è questo aspetto rende più complessa qualsiasi decisione, eliminando la possibili-

tà di soluzioni chiare ma astratte. La scelta non appare più “come

una strada diritta”, bensì come “un reticolo in cui ad ogni istante

si può scegliere tra percorsi diversi” come le donne ben sanno.

Occorre accettare la presenza dei conflitti e ad essere consapevo-

li che niente è assoluto. L’elemento costante è il carattere proces- suale della decisione che comporta cura e un’attenta valutazione

di tutti gli elementi presenti nonché l’assunzione della responsa-

bilità della scelta compiuta e il riconoscimento della legittimità

di altre soluzioni possibili. È attraverso questo percorso che la

cura diventa “cura responsabile” (ibid., pp. 150-151). La percezione di essere titolari legittimi di diritti individuali, assieme a quella della co-responsabilità della cura, si sta facendo lentamente strada tra le donne e contrasta con maggiore o minare efficacia, a seconda dei luoghi e delle situazioni, l’antica morale del sacrificio e dell’abnegazione. “Mettendo in dubbio lo stoi- cismo della negazione di sé e sostituendo all’illusione dell’in- nocenza la consapevolezza della scelta, quella generazione di donne – facendo proprio il concetto di diritto individuale – ha

acquisito l’idea che l’interesse del proprio io possa considerarsi legittimo. In questo senso l’idea di diritto modifica la concezione che le donne hanno di sé consentendo loro di vedere la propria forza e di prendere direttamente in considerazione i propri bi- sogni. E quando l’autoaffermazione non appare più pericolosa, anche l’idea di rapporto si modifica e da vincolo che protrae la dipendenza diviene spazio dinamico di interdipendenza. Allora l’idea di cura responsabile si amplia. Non più paralizzante di- vieto di fare del male agli altri bensì ingiunzione a rispondere responsabilmente a sé e all’altro e a mantenere in vita la connes- sione. I cambiamenti avvenuti in relazione ai diritti delle donne cambiano così i giudizi morali delle donne e consentono loro

di considerare morale prendersi cura di se stesse oltre che degli

altri” (ibid., p. 152).

“Sebbene oggi le donne godano dei diritti di cittadinanza – scrive Susan Moller Okin – è innegabile che esse siano rimaste cittadine di serie B. Misurate nei termini di caratteristiche quali

159

Maria Grazia Ricci

l’educazione, l’indipendenza economica o lo status occupazio- nale, esse si trovano ancora molto distanti dalle posizioni degli uomini”. E continua: “Certamente, il fatto che le donne stiano facendo più lavoro pagato non implica che esse siano più uguali. Viene spesso sostenuto che viviamo in un’era di post femmini- smo. Questa rivendicazione, in parte dovuta alla distorta enfasi sulle donne che ‘ce l’hanno fatta’, è falsa, al di là del che cosa esattamente voglia dire. Certamente non è vero che il femmini- smo è scomparso, ed è ugualmente non vero che non ce n’è più bisogno perché i suoi scopi sono stati raggiunti. Finché non ci sarà giustizia all’interno della famiglia, le donne non saranno in grado di ottenere uguaglianza in politica, al lavoro e in ogni altra sfera” (Okin,1979, pp. 1-4). Anche Bourdieu, che definendo il rapporto di dominio in ter- mini relazionali impone l’abbandono di un femminile ontologi- camente dato, evidenzia la persistenza strutturale del rapporto di squilibrio fra uomini e donne, squilibrio che si mantiene al di là delle diverse condizioni storiche e geografiche e delle posizioni occupate nello spazio sociale. Una “costanza trans-storica del rapporto di dominio maschile” che non deve essere scambiata per naturalità ma deve indurci a diffidare del superamento del dualismo. Un dualismo che, profondamente radicato negli og- getti, nelle strutture e nei corpi non può essere eliminato con qualche magia performativa, essendo i generi, in quanto inscritti nei corpi e in un universo di cui sono elemento imprescindibile, diversamente dai ruoli, non assumibili con un atto di volontà 58 . La difficoltà delle donne a trovare e a fare sentire la propria voce continua ancora a manifestarsi in molti modi; le precisazio- ni che aggiungono nel discorso o le formule dubitative che usano sono il chiaro indizio di un giudizio diviso, della coesistenza di un pensiero pubblico e di un pensiero privato fondamentalmente incompatibili. La condizione di subordinazione sociale rimane strettamente correlata all’attenzione ai bisogni altrui: la disponi-

58 Judith Butler radicalizza la questione ponendo al centro della discus- sione la preminenza sociale della relazione eterosessuale vista come veico- lo del dominio maschile; cfr. Bodies that Matter: On the Discursive Limits of “Sex”, New York, Routledge, 1993, p. 94 [trad. it. Corpi che contano, Milano, Feltrinelli, 1996, p. 79].

160

Essere donne e “diventare persone”

bilità a farsene carico induce le donne a prestare ascolto a voci diverse dalla propria e a comprendere nel loro giudizio punti di vista diversi dal proprio. Assumendo i rapporti come esperien-

za

primaria, anziché derivata dalla separazione, e tenendo con-

to

dell’interdipendenza della vita di tutti gli individui, le donne

mantengono “la tensione costante tra qualcosa di più ampio di cui sono parte e l’entità autonoma che è il sé” 59 . La capacità di

convivere con questa tensione è contemporaneamente la loro de- bolezza e la loro forza. Halbwachs ci dice che in ogni momento della sua evoluzione una famiglia, un gruppo, una classe, e possiamo aggiungere, un “genere”, parte dalla concezione di sé che ha acquisito per com- prendere, interpretare, rifondere e, nello stesso tempo, ritrovare

il proprio passato, e attraverso la sua rappresentazione proiettare

la propria identità nel futuro. La possibilità che il contenuto delle

coscienze collettive, l’immagine del passato di un gruppo, ven- ga di volta in volta ricomposta, sebbene in accordo con quella socialmente ‘dominante’, apre alla possibilità di considerare an- che gli assetti esistenti in una società determinata, come poste in gioco, esposte agli esiti di uno scontro permanente fra interessi e gruppi contrapposti (Halbwachs 1950, pp. 20-21). Il fatto che il

passato, e con esso le identità e gli assetti del presente, si conser-

vi solo al prezzo di una costante negoziazione e riformulazione,

apre però alla possibilità per le donne di un riequilibrio sociale e simbolico nel tempo. Arendt ci indica un percorso, precisando che è solo nell’azio-

ne, intesa come cominciamento, come nuovo inizio, come mes-

sa in discussione dell’esistente che si fonda il politico, e nel di-

scorso che lo conserva si creano le condizioni per il ricordo e la storia, su cui si costruisce la vera stabilità e riproducibilità del

mondo umano. Come la polis – nel suo assetto fisico su un terri- torio ma anche in quanto dimensione organizzativa degli indivi-

dui – ha garantito agli antichi cittadini identità e continuità delle loro storie individuali nel radicamento e nel riconoscimento in

un storia più ampia e condivisa, così non solo l’agorà, ma la ‘fab-

brica’ o l’‘ufficio’ o qualsiasi luogo pubblico condiviso, con le sue pratiche, la sua organizzazione, la sua dimensione simbolica e la

59 Gilligan, cit., p. 65.

161

Maria Grazia Ricci

sua collocazione nell’immaginario sociale ha rappresentato per i soggetti moderni lo ‘spazio dell’apparire’ nel più vasto senso della parola: lo spazio del riconoscimento pubblico all’origine della cittadinanza. Il movimento femminista aveva intuito una terza dimensio- ne, o meglio la necessità – o la possibilità – di espansione della cittadinanza in “nuovi luoghi”, e l’aveva indicata in un famoso slogan “il privato è pubblico”. Il problema dell’inizio, legato ad ogni nuova nascita, della cura, del mantenimento, della riprodu- zione del mondo umano in ogni sua dimensione, anche quella più strettamente legata alla corporeità degli esseri umani e del- la valorizzazione di questa attività non è un “problema” delle donne, ma la sfida, ineludibile, su cui la società contemporanea gioca la sua sopravvivenza. Alain Touraine intravede nel nuovo modo di porsi della soggettività femminile 60 l’espressione princi- pale di un rovesciamento culturale di cui le donne sono e saranno sempre più protagoniste, e, nella costruzione di nuovi modelli culturali – che, abbandonata l’idea di un progresso unico e line- are, appaiono orientati verso l’accettazione del molteplice, del locale, dell’ambivalente e al rifiuto di frames cognitivi basati su opposizioni binarie –, la piena manifestazione di un pensiero e un’azione postfemminista 61 . Il lavoro di Hannah Arendt, e soprattutto Vita Activa. La condizione umana, ha profondamente influenzato la riflessione esposta in questo saggio. Arendt non pone in quel libro, né in al- tri, una specifica questione femminile né teorizza direttamente la posizione della donna, ma è indubbiamente la marginalità della sua posizione di donna, di sradicata e di ebrea che le ha consen- tito di gettare uno sguardo, al contempo lucido e accorato, fem- minile, sulla condizione umana contemporanea. La “banalità del male” non è solo quella di Eichmann che tanto lucidamente ha

60 Prese le distanze da forme di azione politica diretta ed anche di azio- ne collettiva, e avendo cominciato a investire nella riflessione sui propri percorsi esistenziali e sulle proprie identità, le donne sono in grado ormai di affermarsi positivamente in quanto persone e non più in rapporto ad altri individui, o come membri di un gruppo.

61 Cfr. A. Touraine, Il mondo è delle donne, Milano, Il Saggiatore, 2009, pp. 191-193.

162

Essere donne e “diventare persone”

descritto 62 , ma si annida nella nostra mancanza di responsabilità collettiva, nella incapacità di farci carico degli altri, nell’indiffe- renza verso le conseguenze di azioni individuali e collettive che hanno la concreta possibilità di distruggere il mondo, o pezzi di esso, non solo come esito di un’azione volutamente distruttiva ma anche, per così dire, incidentalmente, come ‘effetto perverso’ (Boudon 1981) dell’azione umana. Arendt ha il coraggio di cercare un’alternativa nella rivaluta- zione dell’agire. Agire in comune la cui premessa è la pluralità, della condizione umana e del mondo abitato e agito dagli esse- ri umani: “Non l’Uomo ma gli uomini [esseri umani, maschi e femmine] abitano questo pianeta. La pluralità è la legge della terra” (1993, p. 99) e il cui primato fra le altre attività umane (la- voro e operare) è dato dal fatto che la presuppone. L’azione poli- tica è impensabile senza altri uomini che partecipano, assistono, rispondono o si oppongono. L’agire, scrive Dal Lago (2004, p. xv), consente il rivelarsi del chi, perché questi, per definizione, appare agli altri, e si rende manifesto nella sua identità e nella sua differenza, è impensabile senza che altri confermino diret- tamente o indirettamente, esplicitamente o implicitamente colui che agisce. Per questo è così importante, in tempi così difficili e incerti, l’azione “politica” delle donne, una loro attiva presenza anche sulla scena pubblica. Perché “anche nei tempi più bui abbiamo il diritto ad un po’

di illuminazione. Essa non scaturisce tanto da teorie e concetti

quanto dalla luce incerta, tremolante, spesso debole che taluni uomini e donne, nella loro vita come nel loro lavoro, accendono

in qualsiasi circostanza e promanano per tutto il tempo concesso

loro sulla terra” (Arendt 1970, p. ix). E “il buio – scrive Elisabeth

Young-Bruhel ricordando la formula in finsteren Zeiten di Brecht – è ciò che viene quando gli spazi aperti e chiari tra la gente, gli

spazi pubblici in cui gli individui possono rivelarsi l’un l’altro e riconoscersi sono sfuggiti o evitati, il buio è il rifiuto della sfe-

ra pubblica e della politica. Ma coloro che hanno rinunciato al

mondo, e dunque ad apparire nella sfera pubblica, pensando di potersene stare fuori, trovando rifugio nella sfera privata e nei

62 Cfr. H. Arendt, Eichmann in Jerusalem: a report on the banality of the evil, New York, Viking, 1963.

163

Maria Grazia Ricci

rapporti personali mettono a rischio i loro interessi vitali e la loro libertà personale perché questi, se perseguiti senza la consapevo- lezza del resto dell’umanità e in armonia con essa, saranno privi

di

senso se non controproducenti” (p. 8). Per “il suo impegno a identificare l’inaudito” con la men-

te

aperta, di chi prende in considerazione altri punti di vista,

fa

attenzione a più aspetti delle questioni affrontate, ne vede le

molteplici prospettive di osservazione (ibid., pp. 13-15), per il suo pensare, al di là della specificità del genere, alla ‘condizione umana’ e alla politica come ‘azione’ per eccellenza, ma con un peculiare, ellittico sguardo, che è tale perché è quello di una don- na, il pensiero di Hannah Arendt “ci riguarda”. Le sue riflessioni assumono oggi il carattere di preveggenza e illuminano il nostro percorso di donne, di individui, di cittadini e cittadine.

Bibliografia

Arendt H. (1958), The Human Condition, Chicago, University of Chica- go Press [trad. it. Vita Activa. La condizione umana, Milano, Bom- piani, 2004]. Arendt H. (1963), Eichmann in Jerusalem: a report on the banality of the evil, New York, Vicking [trad. it. La banalità del male: Eich- mann a Gerusalemme, Milano, Feltrinelli, 1993]. Arendt H. (1970), Men in dark times, London, Cape. Arendt H. (1978), The life of the mind, London, Secker and Warburg [trad. it. La vita della mente, Bologna, Il Mulino, 1993]. Balbo L. (2008), Il lavoro e la cura, Torino, Einaudi. Bauman z. (1998), Globalization. The Human Consequences, Cam- bridge-Oxford, Polity-Blackwell [trad. it. (2005), Dentro la globa- lizzazione. Le conseguenze sulle persone, Roma-Bari, Laterza]. Bauman z. (2000), Liquid modernity, Cambridge, Polity Press [trad. it. Modernità liquida, Roma-Bari, Laterza, 2006]. Bauman z. (2004), Wasted lives. Modernity and its Outcasts, Cam- bridge-Oxford, Polity-Blackwell [trad. it. Vite di scarto, Roma- Bari, Laterza, 2005]. Beck U. (1999), Schöne neue Arbeitswelt. Vision: Weltbürgergesells- haft, Frankfurt am Main, Campus verlag GmbH [trad. it. Il lavoro nell’epoca della fine del lavoro. Tramonto delle sicurezze e nuovo impegno civile, Torino, Einaudi, 2000].

164

Essere donne e “diventare persone”

Becker G. (1991), A Treatise on the Family, Cambridge, Mass., Harvard University Press.

Benadusi L., Piccone Stella S., Viteritti A. (2009), Dispari parità, Mi- lano, Guerini.

Berger P.L., Berger B., Kellner H. (1973), The Homeless Mind, New York, Penguin, Harmondsworth.

Berger P.L., Luckmann T. (1966), The Social Construction of Reality, New York, Doubleday [trad. it. La realtà come costruzione sociale, Bologna, Il Mulino, 1969].

Berger P.L., Luckmann T. (1995), Modernity, Pluralism and the Crisis of Meaning: The Orientation of Modern Man/Modernität, Pluralis- mus und Sinnkrise. Die orienterung des modernen Menschen, Güt- ersloh, Bertelsmann [trad. it. Lo smarrimento dell’uomo moderno, Bologna, Il Mulino, 2010].

Bhabha H. (1994), Location of culture, London, Routledge [trad. it. I luoghi della cultura, Roma, Meltemi, 2006].

Biancheri R. (2007), Lavoro e Diritto, 4, 2007, pp. 581-609.

Biancheri R. (2008), La dimensione di genere nel lavoro. Scelte o vin- coli nel quotidiano femminile, Pisa, Edizioni Plus.

Biancheri R. (2009), Tempi di vita e welfare. Verso un sistema territo- riale della conciliazione, Pisa, Edizioni Plus.

Blaffer Hardy S. (1991), Empathy, Polyandry, and the Myth of the Coy Female, in R. Bleier, ed., Feminist Approaches to Science, New York, Teacher College Press, pp. 119-146.

Bleier R., ed. (1991), Feminist Approaches to Science, New York, Teach- er College Press.

Bodei R. (2009), La vita delle cose, Bari-Roma, Laterza.

Boudon R. (1977), Effets pervers et ordre social, Paris, PUF [trad. it. Effetti “perversi” dell’azione sociale, Milano, Feltrinelli, 1981].

Bourdieu P. (1977), Le pouvoir symbolique , in “Annales. Économies, Sociétés Civilizations”, 3, pp. 405-411.

Bourdieu P. (1989), Le sens pratique , Paris, Ed. de Minuit.

Bourdieu P. (1998), La domination masculine , Paris, Édition du Seuil [trad. it. Il dominio maschile, Milano, Feltrinelli, 2009].

Bourdieu P. (2000), Esquisse d’une theorie de la pratique. Trois etudes d’ethnologie kabyle, Paris, Édition du Seuil [trad. it. Per una teoria della pratica. Con tre studi di etnologia cabila, Milano, Cortina, 2003].

Bruner J.S. (1986), Actual Minds, Possible Worlds [trad. it. La mente a più dimensioni, Roma-Bari, Laterza, 1993].

165

Maria Grazia Ricci

Butler J., Bodies that Matter: On the Discursive Limits of “Sex”, New York, Routledge, 1993, [trad. it. Corpi che contano, Milano, Feltri- nelli, 1996].

Chodorow N. (1978), The Reproduction of Mothering, Berkeley and Los Angeles, University of California Press [trad. it. La funzione mater- na: psicoanalisi e sociologia del ruolo materno, Milano, La Tarta- ruga, 1991].

Chodorow N. (1974), Family Structure and Feminine Personality, in M.z. Rosaldo, L. Lamphere, eds., Woman, Culture and Society, Stanford, Stanford University Press, pp. 43-66.

Dal Lago A. (2004), Introduzione alla trad. it. di Arendt (1958).

de Waal F. (1995), Bonobo Sex and Society, in “Scientific American”, marzo 1995.

Duby G., Perrot M. (a cura di) Histoire de femmes. Le XX e siècle, vol. 5, Paris, Plon, 1992 [trad. it. Storia delle donne. Il Novecento, Roma- Bari, Laterza, 1992].

Fraisse G. (1994), Quand gouverner n’est pas représenter, in “Esprit”, 200, pp. 103-114.

Friedman M. (1993), What Are Friends For? Feminist Perspective on Personal Relationships and Moral Theory, Ithaca, Cornell Univer- sity Press.

Garfinkel H. (1995 1967 ), Studies in Ethnomethodology, Cambridge, Pol- ity Press.

Gergen K.J. (1991), The Saturated Self. Dilemmas of Identity in Con- temporary Life, New York, Basic Books.

Giddens A. (1984) The constitution of society: outline of the theory of structuration, Cambridge, Polity Press [trad. it. La costituzione del- la società. Lineamenti di una teoria della strutturazione, Milano, Comunità, 1990].

Giddens A. (1990) The consequences of Modernity, Cambridge, Polity Press [trad. it. Le conseguenze della modernità. Fiducia e rischio, sicurezza e pericolo, Bologna, Il Mulino, 1994].

Gilligan C. (1982), In a different voice: Psychological Theory and Hu- man Development, Cambridge, Mass., Harvard University Press [trad. it. Con voce di donna, Milano, Feltrinelli, 1987].

Giménez-Bartlett A. (1997), Una habitación ajena, Barcellona, Belac- qua [trad. it. Una stanza tutta per gli altri, Palermo, Sellerio, 2003].

Goffman E. (1986), Frame analysis. An essays on the organization of experience, Boston, Northeastern University Press [trad. it. Frame analysis. L’organizzazione dell’esperienza, Roma, Armando, 2001].

166

Essere donne e “diventare persone”

Gorz A. (1997), Misères du présent, richesse du possible, Paris, Edi- tions Galilée [trad. it. Miserie del presente, ricchezze del possibile, Roma, Manifestolibri, 1998].

Goslin D.A., ed. (1969), Handbook of Socialization Theory and Re- search, Chicago, Rand McNally.

Granovetter M. (1973), The Strenght of Weak Ties, in “American Jour- nal of Sociology”, 78, pp. 1360-1380.

Halbwachs M. (1950), La mémoire collective, Paris, Presses Universitaires de France [trad. it. La memoria collettiva, Milano, Unicopli, 1996].

Horner M. (1972), Toward an Understanding of Achievement-related Conflicts in Women, in “Journal of Social Issues”, 28, pp. 157-175.

Irigaray L. (1974), Speculum de l’autre femme, Paris, Le Minuit [trad. it. Speculum. L’altra donna, Milano, Feltrinelli, 1975].

Irigaray L. (1984), Ethique de la différence sexuelle, Paris, Le Minuit [trad. it. Etica della differenza sessuale, Milano, Feltrinelli, 1985].

Irigaray L. (1992), Je, tu, nous. Pur une culture de la difference, Paris, Grasset [trad. it. Io, tu, noi. Per una cultura della differenza, Torino, Bollati Boringhieri, 1992].

Kohlberg L. (1969), Stage and Sequence: The Cognitivie-Development Approach to Socialization, in D.A. Goslin, ed., Handbook of Social- ization Theory and Research, Chicago, Rand McNally.

Kohlberg L. (1981), The Philosophy of Moral Development, San Fran- cisco, Harper and Row.

Kohlberg L., Hersch R.H. (1977), Moral Development: A Review of the Theory, in “Theory into Practice”, 16, 2, Moral Development, pp. 53-59.

Lagrave R.M. (1992), Une émancipation sous-tutelle. Éducation et travail de femmes au XX e siècle, in G. Duby e M. Perrot (a cura di) Histoire de femmes. Le XX e siècle, vol. 5, Paris, Plon [trad. it. Un’emancipazione sotto tutela. Educazione e lavoro delle donne nel XX secolo, in Storia delle donne. Il Novecento, Roma-Bari, La- terza, 1992, pp. 484-525].

Lash C. (1984), The Minimal Self. Psychic Survival in Troubled Times, New York, Norton [trad. it. L’io minimo. La mentalità della soprav- vivenza in un’epoca di turbamenti, Milano, Feltrinelli, 1996].

Lash S., Friedman J., eds. (1992), Modernity and Identity, Oxford, Blackwell.

Lutz C. (1988), Unnatural Emotions: Everyday Sentiments on a Micro- nesian Atoll and Their Challenge to Western Theory, Chicago, Uni- versity of Chicago Press.

167

Maria Grazia Ricci

Lyotard J.F. (1979), La condition postmoderne, Paris, Les Editions de Mi- nuit [trad. it. La condizione postmoderna, Milano, Feltrinelli, 2004].

Maccoby E.E. (1990), Le sexe, categorie sociale, in “Actes de la Ré- cherche en Sciences Sociales”, 83, pp. 16-26.

Marcuse H. (1964), One-Dimensional Man. Studies in the Ideology of Advanced Industrial Society, Boston, Beacon Press [trad. it. L’uomo a una dimensione, Torino, Einaudi, 1967].

Maruani M., Nicole C. (1989), Au labeur des dames. Métiers mascu- lins, emplois féminins, Paris, Syros/Alternative.

Marx K., Engels F. (1846), Die Deutsche Ideologie. Kritik der neuesten deutschen Philosophie in ihren Repräsentanten Feuerbach, B. Bau- er und Stirner, und des deutschen Sozialismus in seinen verschiede- nen Propheten, Wien-Berlin, Verlag fur Literatur und Politik [trad. it. L’Ideologia Tedesca, Roma, Editori Riuniti, 1979].

Maturana H.R., Varela F.J. (1980), Autopoiesis and cognition: the reali- zation of the living, Dordrecht, Reidel [trad. it. Autopoiesi e cogni- zione. La realizzazione del vivente, Venezia, Marsilio, 1985].

McClelland D. (1975) Power: the inner experience, New York, Irvin- gton Publishers [trad. it. Il potere. Processi e strutture: un’analisi dall’interno, Roma, Armando, 1983].

Mead G.H. (1934), Mind, Self and Society, Chicago, University of Chi- cago Press [trad. it. Mente, sé e società dal punto di vista di uno psicologo comportamentista, Firenze, Barbera Universitaria, 1966]

Melucci A. (1991), Il gioco dell’io. Il cambiamento del sé in una socie- tà globale, Milano, Feltrinelli.

Melucci A. (2000), Culture in gioco. Differenze per convivere, Milano, Il Saggiatore.

MerlliÉ D. (1990), Le sexe de l’écriture. Note sur la perception sociale de la fémininité, in “Actes de la Récherche en Sciences Sociales”, 83, pp. 40-51.

Mill J.S. (1869), The Subjection of Women [trad. it. La servitù delle don- ne, Milano, Rizzoli, 2010]

Miller J.B. (1976), Toward a New Psychology of Women, Boston, Bea- con Press.

Nussbaum M.C. (1997), Cultivating Humanity. A Classical Defense of Reform in Liberal Education, Cambridge, Mass., Harvard University Press [trad. it. Coltivare l’umanità. I classici, il multiculturalismo, l’educazione contemporanea, Roma, Carocci, 1999].

Nussbaum M.C. (1999), Sex and Social Justice, New York, Oxford Uni- versity Press.

168

Essere donne e “diventare persone”

Nussbaum M.C. (2000), Women and Human Development. The Capa- bilities Approach, Cambridge, Cambridge University Press [trad. it. Diventare persone. Donne e universalità dei diritti, Bologna, il Mulino, 2001].

Nussbaum M.C., Glover J., eds. (1995), Women, Culture and the Devel- opment, Oxford, Clarendon Press.

Nussbaum M.C. (2007), The Clash Within: Democracy, Religious Violence, and India’s Future, 2007, Cambridge, Mass., Harvard University Press [trad. It. Lo scontro dentro le civiltà. Democra- zia, radicalismo religioso e futuro dell’India, Bologna, Il Mulino,

2009].

Okin S.M. (1979), Women in Western Political Thought, Princeton, N.J., Princeton University Press.

Okin S.M. (1989), Justice, Gender and the Family, New York, Basic Books [trad. it. Le donne e la giustizia. La famiglia come problema politico, Bari, Dedalo, 1999].

Palomba R., a cura di (2000), Figlie di Minerva. Primo rapporto sulle carriere femminili negli Enti Pubblici di Ricerca italiani, Milano, Franco Angeli.

Parsons T., Bales R.F. (1956), Family, Socialization and Interaction Process, London, Routledge&Paul [trad. it. Famiglia e socializ- zazione. Uno studio globale della struttura familiare nella nostra società, Milano, Mondadori, 1974].

Piaget J. (1932), Le jugement moral chez l’enfant, Paris, PUF, 1995 [trad. it. Il giudizio morale nel fanciullo, Firenze, Barbera, Giunti, 1969].

Piaget J. (1966), La psychologie de l’enfant, Paris, PUF, 1993 [trad. it. La psicologia del bambino, Torino, Einaudi, 1970].

Piccone Stella S., Saraceno C., a cura di (1996), Genere. La costruzione sociale del maschile e del femminile, Bologna, Il Mulino.

Pievatolo M.C. (1999) www.swif.uniba.it/lei/filpol/schedaok.htm

Pruna M.L. (2006), Donne al lavoro, Bologna, Il Mulino.

Rosaldo M.z. (1980), Knowledge and Passion: Ilangot Notions of Self and Social Life, Cambridge, Cambridge University Press.

Rosaldo M.z., Lamphere L., eds. (1974), Woman, Culture and Society, Stanford, Stanford University Press.

Ruspini E. (2009), Le identità di genere, Roma, Carocci.

Sassen G. (1980), Success Anxiety in Women: A Constructivist Interpre- tation of Its Sources and Its Significance, in “Harvard Educational Review”, 50, pp. 13-25.

169

Maria Grazia Ricci

Scott J.W. (1990), “L’ouvrière, mot impie, sordide…” Le discours de l’économie politique française sur les ouvrières (1840-1860), in “Actes de la Récherche en Sciences Sociales”, 83, pp. 2-15. Sen A. (1990), Gender and Cooperative Conflicts, in I. Thinker ed., Per- sistent Inequalities, New York, Oxford University Press, 123-149. Sen A. (1995), Gender, Inequality and Theories of Justice, in M.C. Nuss- baum, J. Glover, eds., Women, Culture and the Development, Oxford, Clarendon Press, pp. 259-273. Sennett R. (1998), The Corrosion of Character. The Personal Conse- quences of Work in the New Capitalism, New York, Norton [trad. it. L’uomo flessibile. Le conseguenze del nuovo capitalismo sulla vita personale, Milano, Feltrinelli, 2001]. Touraine A. (2006), Le monde des femmes, Paris, Arthème Fayard [trad. it. Il mondo è delle donne, Milano, Il Saggiatore, 2009]. Villano P. (2005), Pregiudizi e stereotipi , Roma, Carocci. Wagner P. (1994), A sociology of modernity. Liberty and discipline , Lon - don, Routledge. Woolf V. (1929), A Room of One’s Own, London, Penguin, 2000 [trad. it. Una stanza tutta per sé, Torino, Einaudi, 2006]. Woolf V. (1938), Three guineas, Oxford, Blackwell, 2001 [trad. it. Le tre ghinee, Milano, Feltrinelli, 1992]. Young-Bruhel E. (2006), Why Arend Matters?, New Haven, Conn., Yale University Press [trad. it. Hannah Arendt: perché ci riguarda?, Torino, Einaudi, 2009].

170