Sei sulla pagina 1di 113

Nostradamus predisse

l'attentato di New York!


Quale sarà il prossimo evento?

1
2
L'idea di questo lavoro e' nata subito dopo i tragici avvenimenti dell'
11 Settembre del 2001. Da qualche tempo ambivo presentare la
versione francese con la relativa traduzione in Italiano dell'epistola al
Re Enrico II di Francia scritta da Nostradamus nel lontano 1558,
questa infatti e' una parte fondamentale tra le opere da lui lasciateci in
eredita per capire meglio come gli eventi descritti dal veggente di
Salon dovrebbero svolgersi, infatti chiunque si e' cimentato con la
lettura delle sue profezie si e' immediatamente accorto della
impossibilita' nel districarsi solo con l'ausilio delle quartine
nell'intricato rovo cronologico creato ad arte per confondere, questo
avviene per vari motivi, in primo luogo perché' ci sono pochissime
date, secondariamente perché' sono estremamente ambigue e non
ultimo per il motivo che essendo noi troppo compressi dalla nostra
realtà' contingente non riusciamo ad essere completamente oggettivi.
Dopo la tragedia di New York mi sono ricordato che in uno dei miei
rari sprazzi interpretativi avevo probabilmente individuato, più' per
fortuna che non per merito, una quartina particolarmente "adattabile"
al fatto.
Ho detto adattabile proprio per chiarire, senza lasciare nessuna ombra
al dubbio che, infatti, senza una cronologia che spieghi la sequenza
delle quartine e' impossibile attribuirle un qualsiasi evento sia passato
che tanto meno futuro.
Rimangono comunque, come ho già' riferite poco addietro, le due
epistole scritte da Nostradamus, con chiari cenni sulle date in cui
questi avvenimenti dovrebbero accadere, ed e' proprio questo lo scopo
del libro, consegnare ai lettori le chiavi interpretative per capire come
si sta svolgendo la matassa del futuro proprio davanti ai loro occhi.
Ho deciso di dividere questo volume in più' argomenti per meglio
poter distinguere le parti dedicate alla presentazione dei documenti da
un punto di vista prettamente documentale da quelle destinate alla
speculazione, dopo questa brevissima introduzione seguirà' la
presentazione dell'interpretazione della famosa quartina X,72 che
potrebbe essere attribuita all'attacco suicida alle torri gemelle
( bisogna ricordare che l'interpretazione risale all'inizio del 1999 ), poi
seguiranno nella stessa parte alcune quartine che hanno qualche
possibile attinenza con lo stesso evento e che possono servire per
meglio capire cosa si intenda per ambiguità' profetica.
Infine ci addentreremo nel tentativo di capire a che epoca si
riferiscono le profezie contenute nelle quartine e soprattutto a quando
queste ultime si debbano presumere realizzate.

3
La seconda parte analizzerà' la parte dell'epistola con la relativa
spiegazione degli eventi che si sono già' verificati e di quelli che si
dovranno verificare.
Lungi dall'essere completata, l'analisi considera solo la parte più'
prossima al nostro tempo. Per completare il lavoro collegato alle altre
cronologie ed agli eventi più' lontani mi riservo qualche altro mese di
riflessione prima di iniziare la stesura del prossimo lavoro.
La terza parte, infine, presenterà' il facsimile della versione originale
in Francese con trascrizione e traduzione in fronte .

4
Prima parte

5
6
X, 72 Nostradamus predisse la tragedia delle torri gemelle?

In data Primo Febbraio 1999 iniziavo un thread sul newsgroup


alt.prophecies.nostradamus sulla famosa quartina n. 72 come si può'
leggere nella decima centuria
Questa è la quartina così come appare nella versione originale
stampata nel 1568 da Benoist Rigaud: (5)

L'an mil neuf cens nonante neuf sept mois


Du ciel viendra un grand Roy deffraieur
Resusciter le grand Roy d Angolmois.
Avant apres Mars regner par bon heur.

tradotta sommariamente in Italiano:

L'anno millenovecentonovantanove e sette mesi,


Dal cielo verrà un grande Re del terrore:
Resusciterà il grande Re d'Angolmois,
Prima e dopo Marte regnerà per buon ora.

In questa interpretazione mettevo principalmente in evidenza come il


Re d'Angolmois era il presidente degli Stati Uniti, desidero riassumere
in poche righe il senso di queste lettere spedite su Internet due anni
prima del catastrofico evento che ha colpito New York.
La prima riga naturalmente dà solo l'avviso temporale dell'evento
( attenzione però Nostradamus molte volte ha celato la vera data
tramite operazioni aritmetiche o altri artifici). Il secondo verso l'avevo
attribuito, come la maggior parte degli esegeti fecero, all'arrivo di una
cometa o di un asteroide ( a questo punto, come purtroppo abbiamo
constatato tragicamente, due aerei che precipitano dal cielo soddisfano
egregiamente il verso) , ora rimane solo come legare le altre due
righe , cosa vogliono indicare?
Proviamo a citare alcuni particolari interessanti :
La parola Angolmois indica per la maggior parte degli studiosi di
Nostradamus un possibile anagramma della parola "Mongoli"
(mongoils), invece dal mio punto di vista ritengo che come re
d'Angolmois Nostradamus si riferisse a Francesco I conte di
Angouleme , vissuto nello stesso periodo del veggente. Il secondo
particolare, il più interessante, e che Francesco I incaricò un certo
navigatore contemporaneo a Nostradamus, certo Verrazzano, di

7
scoprire nuove terre oltre oceano, costui così fece e scoprì la baia
(guarda caso) di New York, nemmeno a dirlo, indovinate come la
chiamo? Nouvelle Angouleme. (0)
Per cui la terza riga potrebbe chiaramente riferirsi al posto dove
l'evento doveva compiersi. Rimane da capire perché si parli di
resuscitare un Re, Bush e' infatti vivo e perciò' non ha bisogno di
essere resuscitato. Ho pensato in un primo momento che si riferisse
all'orgoglio Americano rinato, ma poi, pensandoci un attimo, si è
presentata chiarissima la soluzione, in un certo qual modo Bush è
come se fosse realmente resuscitato, questo per il semplice motivo che
il primo Re era Bush padre mentre il rinato Re (che porta lo stesso
cognome) è il figlio.
La quarta riga sembra indicare che la guerra regnerà prima e dopo
questi due Re.
Si può' constatare la veridicità' del mio post semplicemente
controllando l'archivio pubblico dei newsgroups in data 01/02/1999 e
relativo thread.

Conosciamo molte altre quartine che, sempre con il doveroso dubbio


che deve accompagnare il ricercatore, potremmo in qualche modo
collegare con la precedente quartina di cui sopra abbiamo cercato di
fornire una adeguata interpretazione.
Ecco qua elencate alcune di esse, ho voluto aggiungere qualche
spiegazione tentate da noti esegeti per meglio comprendere quanto sia
difficile cercare una soluzione agli enigmi scritti quasi mezzo
millennio fa' da Nostradamus:

Centuria 10 Quartina 49

Jardin du monde au pres de cité neufue,


Dans le chemin des montaignes cavees,
Sera saisi & plongé dans la Cuve,
Beuvant par force eaux soulfre envenimees.
-----
Giardino del mondo vicino a città nuova,
nella strada delle montagne cave:
Sarà catturato e immerso nel tino,
Bevendo per forza acque solforose avvelenate.

Per Fontbrune padre questa quartina e' relativa ad una invasione della

8
Svizzera durante una ipotetica terza guerra mondiale.
Per Laroche-Valmond riguarda la Svizzera nel tempo vicino
all'olocausto finale.
Per Ionescu riguardava lo sbarco in Normandia durante la seconda
guerra mondiale.
Per Hutin sarà' un attacco da parte dell'armata rossa nel terzo conflitto
mondiale.
Per Cheetham riguarda senz'altro New York e parla di un
avvelenamento di acque.
Per Lemesurier riguardava la caduta di Plaisance sulla strada per
Villeneuve.

Centuria 4 Quartina 55

Quant la corneille sur tour de brique joincte,


Durant sept heures ne fera que crier:
Mort presagee de sang statue taincte,
Tyran meurtry, aux Dieux peuple prier.
-----
Quando la cornacchia sul tetto di tegole giunte,
Durante sette ore non farà' che gracchiare:
Morte presagirà' di sangue statua tinta,
Tiranno morto, agli Dei popolo pregare.

Per Dr Fontbrune la quartina riguarda la messa a morte di un tiranno.


Per Hutin e' una chiara allusione a Benito Mussolini.
Per Schlosser e' solo una allusione al mito degli uccelli che portano
sfortuna ( le cornacchie).
Centuria 2 Quartina 23

Palais, oseaux, par oyseau dechassé,


Bien tost apres le prince prevenu:
Combien qu'hors fleuve ennemis repoulsé,
Dehors saisi trait d'oyseau soustenu.
-----
Nel palazzo, gli uccelli saranno cacciati dall'uccello,
Subito dopo il principe pervenuti:
Dopo numerose volte respinto il nemico oltre il fiume,
Colpito al di fuori con frecce d'uccello.
Per Hutin la quartina , malgrado l'oscurità' dei versi, sottolinea la

9
vittoria di Enrico IV sui cattolici Liguri di Francia nel 1593.
Per Dufresne parla esplicitamente di Napoleone Bonaparte e della
battaglia di Asterlitz il due Dicembre 1805.

Centuria 1 Quartina 24

A cité neuue pensif pour condamner,


L'oisel de proye au ciel se vient offrir:
Apres victoire à captifz pardonner,
Cremo. & Mant. grands maulx aura souffert.
-----
A città' nuova pensoso per condannare,
l'uccello da preda al cielo si viene a offrire:
dopo la vittoria perdona i prigionieri,
Cremona e Mantova grandi mali soffriranno.

La quartina viene interpretata da Fontbrune Jean-Charles come la


prima campagna Italiana di Napoleone.
Per Hutin, invece, tratta dei furiosi combattimenti avvenuti nel 1943
nel Nord Italia.
Per Dufresne indica il periodo di guerra attorno al 1797 che termino'
con il trattato di Campoformio il 18 Ottobre dello stesso anno,.
Per la Cheetham descrive la stessa guerra Napoleonica come dalla
descrizione di Dufresne, viene menzionato inoltre il periodo di guerre
fino all'anno 1859.

Centuria 10 Quartina 82

Cris, pleurs, larmes viendront avec coteaux


Semblant fouyr donront dernier assault
Lentour parques planter profons plateaux,
Vifs repoulsez & meurdrys de prinsault.
-----
Grida, pianti, lacrime verranno con coltelli,
Simulando di fuggire daranno l'ultimo assalto:
Recitante all'intorno pianteranno profonde piattaforme,
I vivi respinti e uccisi nel salto (gli altri).

Per Vlaicu Ionescu la quartina e' da interpretarsi con l'abbattimento del

10
volo 007 accaduto al Boeing 747 Coreano avvenuto il primo
Settembre 1983 da parte dei Sovietici.
Per Hutin e' l'assalto finale alla capitale della Germania per l'armata
Rossa nell'Aprile del 1945.
Per Roberts riguarderà un tentativo di una rapina al deposito di forte
Knox.
Per Guernon riguardava gli atti bellici avvenuti verso i 1992 nella
Jugoslavia.

Centuria 1 Quartina 87

Envosigée feu du centre de terre,


Fera trembler autour de cité neufue:
Deux grans rochers long temps feront la guerre
Puis Arethusa rougira nouveau fleuve.
-----
Ennosigeo fuoco al centro della terra
farà' tremare attorno a città' nuova:
due grandi rocce a lungo si faranno guerra
poi Aretusa arrosserà' nuovo fiume.

Per il dottor Fontbrune l'espressione " un fuoco che farà' tremare la


terra" e' relativo ad un terremoto che accadrà' dopo che scorrerà' molto
sangue sulla costa Est della Sicilia.
Per Hutin questo "fuoco dal centro della terra" e' da imputarsi allo
scoppio di una bomba nucleare.
Ionescu reputa che questa quartina interessi lo sbarco alleato del 6
Giugno 1944 sulle coste della Normandia.
Per Dufresne potrebbe essere il terremoto scoppiato nell'isola
Giapponese di Sakura il 14 Gennaio 1914.

Centuria 10 Quartina 97

Triremes pleines tout age captif,


Temps bon à mal, le doux pour amertume:
Proye à Barbares trop tost seront hastifs,
Cupid de veoir plaindre au vent la plume.
-----
Triremi piene di prigionieri di tutte le età,

11
Il tempo buono per il cattivo, il dolce per l'amaro:
Preda ai Barbari, troppo presto s'affretteranno,
Avidi di vedere la piuma gemere nel vento.

Per Jean-Charles de Fontbrune questa strofa riguarda la prossima terza


guerra mondiale quando ci sara' la sconfitta dei musulmani da parte
degli Occidentali.
Per Lemesurier la quartina da uno spaccato della guerra di religione
tra l'Islam e il Cristianesimo tra il 2002 e il 2025.
Per Roberts parla delle divergenze tra le sette sei Sunniti e degli sciiti.

Come si e' potuto chiaramente dedurre dalle spiegazioni accennate


poco sopra non esiste nessuna possibilità' di rendere omogenee le
interpretazioni sulle quartine da parte degli esegeti, quindi l'unica
possibilità' di giustificare un ulteriore studio sulle opere di
Nostradamus e' quella di applicarsi nella spiegazione degli eventi cosi'
come lui li ha riportati nelle epistole scritte al figlio Cesare ed al re
Enrico II di Francia.

Il primo spinoso problema che ho intenzione di affrontare nello studio


delle epistole e' quello relativo all'accertamento della data ultima per la
realizzazione delle quartine da parte di Nostradamus. Molti interpreti
hanno provato infinite volte a definire l'esatta sequenza delle quartine
profetiche nelle opere del veggente di Salon, purtroppo pero' i risultati
sono stati molto spesso contraddittori e nessuno risolutivo, a meno di
non aver fatto uso di espedienti per poter schiarire a proprio favore il
soggetto.
Partiamo dal passo inserito nell'epistola al figlio Cesare pubblicata per
la prima volta a Lione (1):

"Mais estant surprins par fois la sepmaine limphatiquant, & par


longue calculation, rendant les estudes nocturnes de souefue odeur,
i'ay côposé liures de propheties côtenant chacû cent quatrains
astronomiques de propheties, lesquelles i'ay vn peu voulu rabouter
obscuremêt & sont perpetuelles vaticinations, pour d'yci à l'annee
3797." (2)

In Italiano può essere cosi' tradotto:


"Ma essendo stato più' volte colto nella settimana dall'ispirazione, e
con lunghi calcoli rendendo gli studi notturni gradevoli con profumi,

12
ho composto libri di profezie, contenenti ciascuno cento quartine
astronomiche di profezie che ho voluto oscuramente correggere, che
costituiscono vaticini, da ora all'anno 3797."

Possiamo subito notare che Nostradamus dice "da ora" per cui
iniziamo con il sottrarre dalla cifra 3797 la data di pubblicazione
dell'epistola cioè' 1555. Dalla cifra che risulta, il 2242, possiamo
intuire che ci sono alcune coincidenze con altre famose date, prima fra
tutte la corrispondenza con la data di inizio del ciclo angelico di
Tritemius (3)(3a) applicata dal meno famoso Richard Roussat nel suo
libro dello stato e mutazioni dei tempi (4) edito a Lione nel 1550
( cinque anni prima della pubblicazione delle profezie di
Nostradamus).
Comunque con ciò' siamo ben lontani nel potere dichiarare di avere
risolto i problemi, infatti nella seconda epistola al re Enrico II (5) ci
sono numerosi passi che rimescolano il tutto aggiungendo nuovi dubbi
a cosa si riferisse il veggente citando quelle date. Prendiamo per
esempio (6):

"Et pource, ô tres humanissime Roy, la pluspart des quatrins


prophetiques sont tellement sçabreux, que l'on n'y sçau roit donner
voye n'y moins aucuns interpreter, toutesfois esperant de laisser par
escrit les ans, villes, citez regions, ou la pluspart aduiendra, mesmes
de l'annee 1585. & de l'annee 1606. accommençant depuis le temps
presêt, qui est le 14. de Mars, 1557.
& passant outre bien loing iusques à l'aduenement qui sera apres au
commencement du 7. millenaire profondement supputé, tât que mon
calcul astronomique & autre sçauoir s'a peu estendre où les
aduersaires de Iesus Christ & de son Eglise: commenceront plus fort
de pulluler,"

In Italiano può' essere cosi' tradotta:


"Tuttavia, sperando di lasciare per iscritto gli anni, le città' , regioni,
nelle quali si realizzerà' la maggior parte, anche dell'anno 1585, e
dell'anno 1606, a partire dall'età' presente che e' il 14 marzo 1557,
andando oltre fino agli avvenimenti che si verificheranno dopo
l'inizio del settimo millennio esattamente calcolato, fintanto che il mio
calcolo astronomico, e la mia scienza si e' potuta estendere, allorché'
gli avversari di Gesù' Cristo e della Chiesa cominceranno più'
numerosi a pullulare,"

13
Qui troviamo in ordine , l'anno 1585, 1606, la data della stesura ( solo
una, perché' in realtà' l'epistola termina con una data differente) e
l'affermazione che gli avvenimenti predetti si realizzeranno entro
l'inizio del settimo millennio (cioè' l'anno 6000). Interessiamoci per
ora a quest'ultima affermazione.
Sappiamo che l'anno 6000 non ha nulla che a vedere con il 3797
riportato nella lettera a Cesare ne' ha alcun riferimento con altri dati
presi in esame, quindi controlliamo che l'anno non sia da intendersi
come Anno Mundi ( cioè' dalla creazione del mondo ). A questo
punto il primo ostacolo e' costituito dalle decine di differenti date
usate nei secoli scorsi da diversi studiosi per ottenere una cronologia
dell'umanità, da tutte quelle prese in esame le più' interessanti sono
quelle ottenute nello studio di un volume del 1908 Almanach Dantis
Aligherii (7) dove si presenta uno studio di un almanacco perpetuo
scritto da Dante Alighieri e pubblicato nel 1300. Da questo succinto
libretto possiamo ricavare una certa omogeneità di testi in cui si
dichiara come anno mundi per l'anno 6000 il 2240, (8) cifra questa
molto simile al 2242 ottenuto con l'interpolazione tra la data
pubblicata come termine ultimo delle profezie e la data di
pubblicazione della prima edizione delle profezie - in effetti
Nostradamus dicendo "dopo l'inizio del settimo millennio" intende
sottolineare che gli avvenimenti finiranno qualche anno dopo l'inizio
del settimo millennio, quindi avendo riscontrato che l'anno 6000
corrisponde al 2240, l'anno 2242 si presta come candidato perfetto per
essere la data in cui si dovrebbero realizzare le profezie contenute
nell'opera "le centurie".
Un altra "coincidenza", se cosi' la possiamo chiamare, e' costituita
dalla perfetta corrispondenza dell'anno Ebraico 6000 al nostro 2240
d.C. Questo riveste una particolare importanza dal momento che
Nostradamus proveniva da discendenza Ebraica. (9)
Possiamo perciò' affermare che siamo riusciti ad eliminare la prima
apparente contraddizione di date contenute nelle epistole, a questo
punto possiamo notare che le quartine essendo un numero prossimo al
migliaio dovrebbero interessare un lasso di tempo di circa 683/5 anni (
infatti 2240 meno 1555/7 ) con una frequenza statistica di circa tre
quartine ogni due anni.

NOTE

14
(0) I francesi designarono i territori di cui presero possesso a partire dalle prime
scoperte nel XVI secolo "Nuova Francia".
L'origine del nome viene attribuita a due fratelli, Giovanni e Girolamo da Verrazzano, i
quale nel 1542, usarono i nomi di Francesco e Nova Gallia per designare le terre situate
all'interno della costa atlantica dell'America.
Il territorio della Nuova Francia si estendeva dalla baia di Hudson alla foce del
Mississippi, e includeva tutte le terre attorno dal Labrador al Maine. Dopo il 1760 e la
conquista finale da parte degli Inglesi dei territori i termini scomparvero dall'uso. Vedi
appendice A

(1) Edition nº 1 des Centuries :


"LES/ PROPHETIES/ DE M. MICHEL / NOSTRADAMUS /
(Fleuron A 184)/ (vignette A 1) A LYON, /
Chés Macé Bonhomme / M.D.LV. /
La permi fsion est in ferée à la page fuiuante. /
AVEC PRI VILEGE."

(2) Pag estratta n° 37 da MICHEL NOSTRADAMUS/ la Iere edition /


enfin retrouvee!/"LES PROPHETIES"/(LYON 1555)/
LES AMIS DE MICHEL NOSTRADAMUS/
folio n.Bij originale Achevé d'imprimer le 20 Juillet 1984 par la Société Roannaise
d'Imprimerie à Roanne (Loire) France

(3) AUTORE : Trithemius, Johann von Heidenberg von Trittenheim (dit ; O.S.B.)
TITOLO : Ioan. Tritemij Abbatis Spanheymenn. De Septem Secundeis, id est,
intelligentijs, siue Spiritibus Orbes post deum mouentibus...Adjectae sunt aliquot
epistolae ex opere Epistolarum Jo. Tritemii utilissima.
EDITORE :Coloniae : apud J. Birckmannum 1567.

(3a) Che abbia usato questa cronologia lo si può vedere anche in alcune sue quartine...

Centuria I.48:
Vingt ans du regne de la lune passés
Sept mil ans autre tiendra sa monarchie:
Quand le soleil prendra ses jours lassés
Lors accomplir & mine ma prophetie.

Tradotta in Italiano:

Vent'anni del regno della luna passati


settemila anni un altro terra' la sua monarchia:
quando il sole prenderà' i suoi giorni deboli
allora compiersi la mia profezia.

Iniziamo con il prendere in esame la data di pubblicazione della quartina: L'anno 1555,
quindi deduciamo che in quell'anno dovremmo essere sotto il regno della Luna da
circa 20 anni.

15
Affrontiamo molto succintamente la cronologia riguardante la successione angelica di
Tritemius, leggiamo esattamente dal suo libro, "De septem Secundeis" , (Nota a) la
parte riguardante quel periodo di tempo:

(Nota a) AUTORE : Tritemius, Johann von Heidenberg von Trittenheim (dit ; O.S.B.)
TITOLO : Ioan. Tritemij Abbatis Spanheymenn. De Septem Secundeis, id est,
intelligentijs, siue Spiritibus Orbes post deum mouentibus...Adjectae sunt aliquot
epistolae ex opere Epistolarum Jo. Tritemii utilissima.
EDITORE :Coloniae : apud J. Birckmannum 1567.

"Per il ventesimo periodo, Gabriel, l’angelo della Luna, riprenderà la guida del
mondo, il 4 giorno del mese di giugno dell’anno 6732 della Creazione, cioè l’anno
1525 dell’era cristiana. Governerà l’universo per 354 anni e 4 mesi, anche dell’anno
del mondo 7086,"

Notiamo subito che nell'anno preso in considerazione l'angelo preposto al dominio era
Gabriel "l'angelo della Luna", anche se e' bene specificare esista una divergenza di 10
anni tra la sua cronologia e quella usata da Tritemius, vediamo ora se dopo la Luna
segua il dominio del Sole, come si trova scritto nella terza riga:
Orifiel, l'angelo di Saturno; Anael, l'angelo di Venere; Zachariel, l'angelo di Giove;
Raphael, l'angelo di Mercurio; Samuel, l'angelo di Marte; Gabriel, l'angelo della Luna;
Michael, l'angelo del Sole; In seguito il ciclo si ripete.
Notiamo che dopo l'angelo della Luna Gabriel segua Michael, l'angelo del Sole. Per cui
chiaramente il ciclo e' lo stesso usato da Tritemius, possiamo inoltre verificare che nella
seconda riga il riferimento ai "settemila anni" risponde perfettamente al tempo usato
nel "De Septem Secundeis" infatti il dominio del sole parte dall'anno 6732 fino all'anno
7086.

Centuria I.56

Vous verrés tost & tard faire grands change,


Horreurs extremes & vindications:
Que si la lune conduicte par son ange,
Le ciel s'approche des inclinations.

Tradotta in Italiano:

Voi vedrete presto e tardi grande cambiamento


orrori estremi, e vendette,
che se la luna condotta dal suo angelo
il cielo s'avvicina alle inclinazioni.

Anche per questa quartina il riferimento ad un angelo che presiede alla conduzione ad
un determinato periodo e' estremamente chiaro, inoltre la quarta riga fa presagire che si
parla della mutazione del tempo dovuto all'arrivo di Michael l'angelo del Sole.

Il passo dall'Epistola al figlio Cesare:


"Et maintenant que nous sommes conduicts par la Lune, moyennant la totale puissâce
de Dieu eternel, qu'auant qu'elle aye paracheué son total circuit le Soleil viendra, &
puis Saturne."

16
Tradotta in Italiano

"E intanto che siamo governati dalla Luna attraverso la potenza di Dio Eterno, prima
che essa abbia concluso il suo ciclo il Sole seguirà' , e poi Saturno."

Questo brevissimo passo estratto dall'epistola al figlio Cesare addirittura e' di una
chiarezza stupefacente, da l'esatta sequenza dei pianeti come dalla successione
Tritemica.

(4) LIVRE/DE L'ESTAT ET MVTATION DES TEMPS,/


Prouuant par authouritez de l'Efcripture Saincte,/
& par raifons aftrologales. la fin du/
Mond eftre prochaine./
A LYON/CHEZ GVILLAVME/
Roville a, l'fcu de Venife./
1550/Auec Priuilege du Roy.

(5) Edition nº 11 des Centuries :


(lère partie)
"LES / PROPHETIES/ DE M. MICHEL/ NOSTRADAMVS./
(Fleuron A 151)/ Dont il y en a trois cens qui/
n’ont encores iamais efté /imprimées./
Adiouftées denouueau par / ledict Autheur./
(Vignette A 27) A LYON, /
PAR BENOIST RIGAVD./ l568./ Auec permiffion. (2ème partie)
"LES/ PROPHETIES/ DE M.MICHEL / NOSTRADAMVS./
(Fleuron A 151) /Centuries VIII.IX.X./
Qui n’ont encores iamais esté / imprimees./

(6) Estratto dall'edizione 1568 (vedi punto 5)

(7) J. BOFFITO ET C. MELZI D’ ERIL/


ALMANACH/Dantis Aligherii/
SIVE PROFHACII JUDAEI MONTISPESSULANI
Almanack perpetuum/AD ANNUM 1300 INCHOATUM/
NUNC PRIMUM/EDITUM/AD FIDEM CODICIS LAURENTIANI -
(PL. XVIII sin. N. I)/FLORENTIÆ/
LEO S. OLSCHKI BIBLIOPOLA / M. .dccccviij

(8) Liber operationis sphaerae auctore Costa ben Louqa, 65 capitulis distinctus. , Mss.
cod.: Parmae, 167; Paris, 1065 : in quo, ut etiam in Parmensi, Prophaci nepotis
adnotatio legitur scripta in qua asserit versionem confectam esse a. 5016 A. M. =
1256 a. D.; Oxonii,
Bodl. 1256; cod. apud Steinsch.; Berolini, Q. 748, n. 227, chart.
saec. XV-XVI; a Steinschneider item descriptus.

Euclidis - Versio hebraica confecta a. 5032 = 1272 ad instar traductionis Honein ibn
Ishaq.

17
Autolyci, hebraice. In hebraicum sermonem vertit ex arabico Thabet ben Qorrah
opusque explevit , die 24 tammouz a. 5033 A. M. = 1273 a. D.

Astronomica: a) Opus astronomicum (librum astronomiae vel tractatum astr. iuxta


Assenianium),
auctore Ibn-al-Haytham (Abou-Ali-Ibn-el-Hassan) quod perfecit die 13 eloul (sept.)
5031 = 1271 vel 5035 = 1275.

(9) Il nonno di Michel De Nostredame era di fede Ebraica, il suo nome era Guy
Gassonet, fu' commerciante nella città di Avignon e figlio del mercante di cereali
Arnoton De Velorgne. Il 14 Giugno del 1463 fu dichiarato nullo il matrimonio tra Guy
Gassonet e sua moglie Benastruga, figlia di Ricavus perché lei si rifiutò di convertirsi
alla fede Cristiana. Guy Gassonet decise di convertirsi e prese il suo nuovo nome dalla
parrocchia di Nostre-Dame, (la Nostra Signora). In seguito si risposò con una donna
cattolica, Blanche De Sainte-Marie che gli diede 5 figli: Jacques o Jaume (Padre di
Michel De Nostredame); Marguerite (M.N. la zia) la quale si sposo' in Avignon e tenne
il giovane Nostradamus durante gli anni del suo liceo.
Nel 1481 la Provenza (precedentemente territorio dell'Arciduca di Anjoux), fu
conquistato dalla Corona francese, e presto iniziarono ad essere applicate le antiche
leggi della corona contro gli ebrei. Infatti, nel caso di un rifiuto a convertirsi alla
religione cristiana ed a pagare esorbitanti tasse, erano costretti tramite sentenza alla
confisca della loro cosa ed all'espulsione dal regno (1501 Editto di Luigi XII).
Jacques andò a lavorare come notaio in San-Rémy, e dovette pagare la Tassa sulla
discendenza, come è registrato chiaramente in un documento con data 21/12/1512. In
seguito si sposò con una donna discendente da famiglia Ebrea, Renée di San-Remy,
(figlia di Reymier di San-Rémy e di Beatrice Tourriel) la coppia ebbe 3 figli: Michel,
Jean e Bertrand. Jean (1507-1577) divenne procuratore nel parlamento di Lyon, e
scrisse: Vies des plus Cèlébres et Anciens Poétes Provencaux, Bertrand divenne un
notaio pubblico in Avignon e sposo' Thonine de Roux.

Seconda Parte

18
19
Iniziamo l'analisi della parte introduttiva dell'epistola.
Ho suddiviso la lettera in piccoli paragrafi per poter aggiungere le
note, le spiegazioni e le interpretazioni necessarie esattamente quando
si rendevano necessarie, per la lettura completa senza interruzioni sia
in originale Francese che in Italiano vi rinvio alla terza parte.

ALL'INVINCIBILE,
POTENTISSIMO E CATTOLICISSIMO ENRICO II, RE DI
FRANCIA, MICHELE NOSTRADAMUS, SUO UMILISSIMO ED
UBBIDIENTISSIMO SERVITORE E SUDDITO.
VITTORIA E FELICITA'

L'unica cosa da sottolineare nella presentazione del titolo e' la


possibilità' che Nostradamus abbia voluto indirizzare l'epistola non
solo al proprio re Enrico II di Francia, (a) ma molto più'
verosimilmente ad un futuro re Enrico come si può' evincere da alcune
quartine (b).

(a) Enrico II (1519-1559) eredito' il trono da suo padre Francesco I,


nel 1547. Fu' estremamente ambizioso e costante, tormento' gli
Ugonotti di cui confisco' i beni. Questa azione aiuto' a fomentare le
guerre di religione. Enrico II contrasto' il dominio degli Spagnoli
sull'Italia ma non riuscì mai a sconfiggerli. In altri luoghi ebbe più'
fortuna, Riprese Calais, l'ultima roccaforte Inglese in Francia, la città
di Metz, Toul e Verdun al Sacro Romano Impero.
Sposo' Caterina de Medici, i suoi figli succedettero a lui con i
rispettivi nomi di: Francesco II, Carlo IX ed Enrico III.

(b)Centuria 9 Quartina 41

Le grand Chyren soy saisir d'Avignon,


De Romme letres en miel plein d'amertume
Letre ambassade partir de Chanignon,
Carpentra pris par duc noir rouge plume.
-----

Il grande Chyren si impadronirà' di Avignone,


Da Roma lettere di miele piene di amarezza,
Lettera d'ambasciata partirà' da Chanignon,
Carpentras presa da duca nero dalla rossa piuma.

20
Centuria 8 Quartina 54

Soubz la colleur du traicte mariage,


Fait magnanime par grand Chyren selin,
Quintin, Arras, recouvrez au voyage
D'espaignolz fait second banc macelin.
-----
Sotto il colore del contratto matrimonio,
Fatto per magnanimo dal grande Chyren selin:
Quintino, Arras recuperare il viaggio,
Di spagnoli fatto secondo macello.

Centuria 4 Quartina 34

Le grand mené captif d'estrange terre,


D'oir enchainé au roy Chyren offert:
Qui dans Ausone, Milan perdra la guerre
Et tout son ost mis à feu & à fer.
-----
Il grande condotto catturato da straniera Terra,
D'oro incatenato al Re Chyren offerto:
Che dentro Ausonia, Milano prenderà' la guerra,
E tutto suo esercito messo a fuoco e a ferro.

Centuria 6 Quartina 27

Dedans les isles de cinq fleuves à un,


Par le croissant du grand Chyren Selin:
Par les bruynes de l'aër fureur en l'un,
Six eschapés cachés fardeaux de lyn.
-----
Dentro le Isole di cinque fiumi a uno,
Per la croce santa del grande Chyren Selin:
Per le brume dell'aria furore dell'uno,
Sei scappati nascosti fardelli di lino.

Centuria 2 Quartina 79

En barbe crespe & noire par engin,

21
Subjugera la gent cruelle & fiere:
Un grand Chyren ostera du longin,
Tous les captifz par Seline baniere.
-----
La barba crespa e nera con macchine,
Sottometterà' la gente crudele e fiera:
Il grande Chyren da lontano libererà' .
Tutti i prigionieri sotto la bandiera della mezzaluna.

Centuria 6 Quartina 70

Au chef du monde le grand Chyren sera,


Plus oultre apres aymé, craint, redoubté:
Son bruit & loz les cieulx surpassera,
Et du seul tiltre victeur fort contenté.
-----
A capo del mondo il grande Chyren sarà' ,
Più' oltre vicino amato, paventato, temuto:
Sua fama e gloria i cieli sorpasserà' ,
E del solo titolo (di) vincitore fortemente contento.

(I) - Per quella sovrana visione che ho avuto, o Cristianissimo e


Vittoriosissimo Re, dopo che il mio viso era stato per molto tempo
offuscato, si presenta davanti alla deità' di Vostra, Maestà' immensa,
e da allora io sono stato sempre abbagliato, non desiderando che
onorare e degnamente venerare quel giorno in cui per la prima volta
mi presentai davanti ad essa, come ad una speciale tanto umana
Maestà' .

(II) - Ora, cercando qualche occasione per la quale io possa


manifestarle il buon cuore e franco coraggio attraverso quel mio
potere, onde farmi adeguatamente conoscere dalla Vostra
Serenissima Maestà' .

(III) - Ora, vedendo che in effetti, dichiararlo non mi era possibile, il


mio singolare desiderio della mia tanto lunga ottenebrazione ed
oscurità' , mi hanno improvvisamente illuminato e trasportato al
cospetto dell'occhio Sovrano, e del primo Monarca dell'universo;

(IV) - in tale modo ho dubitato a lungo a chi avrei dedicato queste tre

22
ultime centurie che ancora rimangono delle mie Profezie, che
completano il migliaio,

Nostradamus, come uso al tempo, inizia con toni adulatori a dedicare


l'opera al proprio sovrano. Tale linguaggio e' in pieno accordo con il
canone d'allora, l'unico appunto meritevole di nota e' la frase in cui
indica che questa parte dell'opera completa il migliaio di quartine
scritte.
Purtroppo allo stato attuale la settima centuria rimane incompleta
mancando 58 quartine mai ritrovate.

(V) - e dopo avere a lungo riflettuto, con temeraria audacia mi sono


indirizzato a Vostra Maestà' , non restando stupito, come racconta
l'autorevole autore Plutarco nella "Vita di Licurgo" come coloro che
vedendo offerte e doni che si offrivano per i sacrifici ai templi degli
dei immortali di quei tempi, e per timore che non fossero troppo
adeguati per spesa e valore non osavano presentarsi ai templi.

(VI) - Ciò' nonostante, vedendo il vostro Reale splendore,


accompagnato da una incomparabile umanità' , mi sono rivolto a voi,
non come ai Re di Persia, dai quali non era affatto permesso di
andarci ne' tanto meno di avvicinarsi.

(VII) - Ma ad un Principe prudentissimo e cosi' saggio, io ho


consacrato i miei calcoli notturni e profetici, composti con spontaneo
intuito, accompagnati da estro poetico, più' che da regola poetica,

(VIII) - e la maggiore parte dell'opera e' composta secondo i canoni


del calcolo Astronomico, corrispondenti agli anni, mesi e settimane di
regioni, contrade e della maggior parte delle città' e paesi di tutta
l'Europa, comprendendo l'Africa ed una parte dell'Asia con il
cambiamento delle regioni che si avvicinano a questi climi formati da
identiche caratteristiche;

(IX) - qualcuno risponderà' che avrebbe bisogno di castigarsi


essendo il ritmo tanto facile come e' difficile la comprensione del
senso. E per questo, o umanissimo Re, la maggior parte delle
quartine profetiche sono talmente intricate che non si riuscirebbe a
scoprirne l'arcano ne' tanto meno alcuna interpretazione,
Anche in questa parte il veggente continua nella presentazione al re

23
della sua opera, spiegando come e' stata ottenuta ed elaborata.
Possiamo riportare l'accenno a Licurgo per il motivo che costui viene
considerato come l'inventore della crittografia. ( sembra che
Nostradamus voglia lasciarci una traccia ).

(X) - tuttavia, sperando di lasciare per iscritto gli anni, le città',


regioni, nelle quali si realizzerà' la maggior parte, anche dell'anno
1585, e dell'anno 1606, a partire dall'età' presente che e' il 14 marzo
1557,

(XI) - andando ben oltre fino agli avvenimenti che si verificheranno


dopo l'inizio del settimo millennio esattamente calcolato,

Di questi due brani abbiamo già' ampiamente parlato nella parte


relativa all'attacco alle torre gemelle nella prima parte, ricordo
solamente che servono per stabilire il termine ultimo per la
realizzazione delle quartine.

(XII) - fintanto che il mio calcolo astronomico, e la mia scienza si e'


potuta estendere, allorché' gli avversari di Gesù' Cristo e della
Chiesa cominceranno più' numerosi a pullulare,

(XIII) - tutto ciò' e' stato calcolato in giorni ed ore di elezione disposti
quanto più' esattamente mi e' stato possibile.

(XIV) - Ed il tutto "Minerva libera et non injuria" (con libero


pensiero e senza ingiuria) computando quasi tanti avvenimenti del
tempo futuro, quanti dei tempi passati, comprendendo il presente e
ciò' che con il passare del tempo di tutte le regioni si riconoscerà'
verificarsi esattamente come e' scritto, senza aggiungervi nulla di
superfluo secondo il detto: "Quod de futuris non est determinata
omnino veritas" (In quanto, circa le cose future, il vero non e'
assolutamente determinato).

Il dodicesimo paragrafo parla che quando saremo al termine della


realizzazione della sua opera ( il 2240 ) ci sarà' la battaglia finale tra il
bene ed il male.
Il tredicesimo conferma ancora una volta con che metodo e' stata
calcolata la cronologia.
Nel quattordicesimo paragrafo troviamo alcuni particolari degni di

24
nota, il primo riguardava la frase "Minerva libera et non injuria"
probabilmente prelevata da una citazione di Orazio, da Savonarola la
frase "Quod de futuris non est determinata omnino veritas", il
secondo, più' importante, affermando che l'opera comprende una parte
degli eventi passati che tanto quanto di quelli futuri.
Infatti Nostradamus con le date precedentemente lasciateci vuole
segnare uno spartiacque tra il passato ed il futuro.

(XV) Sara' proprio vero, Sire, che per mio natura istinto che mi e'
stato trasmesso dai miei avi, non tema di presagire, aggiustando ed
accordando quel naturale istinto, con i miei accurati calcoli,
liberando l'animo, lo spirito, ed il coraggio, da ogni inquietudine,
sollecitudine e malumore, con il riposo e la tranquillità' dello spirito.

(XVI) - Il tutto concordato e presagito sul tripode di bronzo.

Nella quindicesima parte il veggente si riferisce molto chiaramente ai


propri avi Ebrei per la propria capacita' di profetizzare aggiungendo
ancora una volta l'uso di accurati calcoli.
Per il quindicesimo paragrafo troviamo semplicemente un accenno al
sistema usato per ottenere le profezie, come d'altronde spiegato in
alcune quartine:

Centuria 1 Quartina 1

Estant assis de nuict secret estude,


Seul reposé sus la selle d'aerain:
Flambe exigue sortant de solitude,
Faict prosperer qui n'est à croire vain.
-----
Stando di notte nel segreto raccoglimento
solo, seduto sul tripode di rame,
esigua fiamma che esce dalla solitudine
fa proferire ciò' cui credere non a' vano.
Centuria 1 Quartina 2

La verge en main mise au millieu de branches,


De l'onde il moulle & le limbe & le pied:
Un peur & voix tremissent par les manche
Splendeur divine Le Divin pres s'assied.

25
-----
La verga in mano posta nel mezzo dei BRACCI,
il lembo (della veste) e il piede lambiti dall'onda,
Paura e voce vibrano lungo le maniche,
splendore divino. Il divino si siede accanto.

(XVII) - Benché' siano in molti ad attribuirmi sia ciò' che mi


appartiene, sia ciò' che non mi appartiene, Dio Solo Eterno che e'
scrutatore degli ardimenti umani, pio, giusto e misericordioso, e' il
vero giudice, ed e' Lui che io prego di volermi difendere dalle
calunnie dei malvagi,

(XVIII) - che vorrebbero cosi' calunniosamente scoprire per quale


ragione tutti i vostri antichissimi progenitori, Re di Francia, hanno
guarito dalle scrofole, e delle altre nazioni hanno guarito dal morso
dei serpenti ed altri hanno avuto una certa facoltà' divinatoria ed
altri casi che sarebbero troppo lunghi da raccontare qui.

(XIX) - Ciò' nonostante coloro ai quali la malvagità' dello spirito


maligno, non sarà' repressa nel corso del tempo, dopo la mia terrena
morte, varrà' più' il mio scritto che me vivente;

(XX) - tuttavia se io sbaglierò' nel calcolo degli anni, non potrà'


essere imputato alla volontà' di alcuno.

(XXI) - Piacerà' a Vostra più' che imperiale Maestà' , di perdonarmi,


dichiarando davanti a Dio ed ai suoi Santi, che non ho alcuna pretesa
di mettere per iscritto, in questa Epistola, niente che sia contro la
vera Fede cattolica, nel riferire i miei calcoli Astronomici secondo il
mio sapere,

In questi tre paragrafi troviamo solo una supplica di protezione a Dio,


la previsione, interamente avveratasi, sulla celebrità degli scritti di
Nostradamus dopo la morte ed infine la dichiarazione di fedeltà alla
fede Cristiana ( bisogna ricordare che in quei tempi era estremamente
pericoloso discostarsi dai canoni della chiesa)

(XXII) - poiché' lo spazio del tempo dei nostri antenati che ci hanno
preceduto, sono tali, rimettendomi al giudizio più' corretto, che il
primo uomo Adamo visse prima di Noè' circa mille duecento

26
quaranta due anni,

(XXIII) - non contando i tempi secondo i calcoli dei Gentili, come ha


scritto Varrone, ma solamente secondo le Sacre Scritture e secondo le
debolezze del mio spirito ed i miei calcoli Astronomici .

In questi paragrafi inizia la prima cronologia sottolineando che non e'


come quella classica ma ottenuta rielaborando quella biblica, qui
voglio ricordare che Nostradamus, nella sua lettera, ha creato due
diverse cronologie.
Volendo riassumere brevemente il tutto:

INTRODUZIONE
PRIMA CRONOLOGIA DEL PASSATO
EVENTI FUTURI LEGATI A QUESTA
SECONDA CRONOLOGIA
EVENTI FUTURI LEGATI A QUEST'ULTIMA

Ora iniziamo a leggere la prima cronologia del passato:

(XXIV) - Dopo Noè', da lui e dal Diluvio Universale venne Abramo


circa mille ottanta anni dopo, il quale e' stato un abilissimo
Astrologo, e secondo alcuni ha inventato per primo le lettere Caldee.

(XXV) - Dopo circa cinquecentoquindici o cinquecentosedici anni,


venne Mose',

(XXVI) - e tra il periodo di Davide e di Mose' e' passato un tempo di


circa cinquecentosettanta anni.

(XXVII) - Dopo di che', tra il tempo di Davide ed il tempo del Nostro


Salvatore e Redentore Gesù' Cristo, nato dall'Unica Vergine, ci sono
stati (secondo alcuni Cronografi) mille trecento cinquanta anni;

(XXVIII) qualcuno potrà' obbiettare che questo calcolo non e' esatto,
perché' differisce da quello di Eusebio.

(XXIX) - E dopo il tempo della Redenzione Umana, fino alla


detestabile seduzione dei Saraceni sono trascorsi circa 621 anni,
Per evitare una inutile fatica ai lettori desidero avvertire della inutilità

27
di ricontrollare questi calcoli, infatti sono errati!
Ci sono molte contraddizioni nell'esporre le sequenze, ricordo
solamente a titolo di esempio:
Sommando gli eventi si ottiene un totale di 1056 mentre lui dichiara
che la somma e' 1242. Interessante la "coincidenza" del risultato,
infatti sottraendo il valore ricavato da questa prima cronologia con
quello dell'Anno Mundi di Tritemius si ottiene 1242.
L'intervallo tra Noè' ed Abramo e' calcolato dalla bibbia come 890
anni mentre lui indica 1080.
Da Adamo a Gesù' il computo riportato nel brano e' di 4757 anni
mentre in seguito lo riporterà' come 4173.
Non e' comunque mia intenzione risolvere questo rebus aritmetico,
infatti mi accontenterò, nella parte successiva, di definire gli eventi
passati, presenti e futuri che si trovano nella prima prima cronologia.

(XXX) e da questa data in avanti si può' facilmente controllare quanto


tempo e' passato, se il mio calcolo non e' buono e valido per tutte le
nazioni.

(XXXI) - per il fatto che tutto e' stato calcolato secondo il corso
celeste, per associazione di ispirate intenzioni in certe ore, di
abbandono, per influsso dei miei antichi progenitori.

(XXXII) - Ma l'ingiuria del tempo, o Serenissimo Re, richiede che tali


segreti avvenimenti non siano resi noti che tramite enigmatiche
sentenze, non avendo che un solo significato e unica comprensione,
senza averci aggiunto nulla di ambiguo ne' calcoli polivalenti;

(XXXIII) - ma piuttosto sotto velala oscurità' per naturale ispirazione


avvicinandosi alla sentenza di uno dei mille e due Profeti, che vi sono
stati dopo la creazione del mondo, come del calcolo e dalle Cronache
Puniche di Joel: "Effundam spiritum meum super omnem carmen et
prophetabunt ,filii vestri et filiae vestrae" (Effonderò' il mio spirito su
tutta la carne e diverranno profeti i vostri figli e le vostre figlie).

(XXXIV) - Ma quella Profezia proveniva dalla bocca dello Spirito


Santo che e' la Suprema Potenza Eterna, mentre a quella Celeste ed
alcune di queste hanno predetto grandi e
meravigliosi avvenimenti.
(XXXV) - Io, da questo punto di vista, non mi attribuisco affatto tale

28
titolo, a Dio piacendo, confermo che tutto proviene da Dio ed a Lui
rendo grazie. onore e lode immortale, senza averci mescolato la
Divinazione che proviene dal Fato, ma da Dio a natura,

(XXXVI) - per la maggior parte accompagnata dal movimento dei


corpi celesti, tanto che guardo come in uno specchio ardente, come
per nebulosa visione, i grandi avvenimenti tristi, prodigiosi e le
avventure calamitose che secondo i principali cultori, si avvicinano.

(XXXVII) - In primo luogo nei templi di Dio poi in quelli che sono
più' vicino alla terra, si avvicinerà' una tale decadenza con mille
altre calamitose avventure, che si vedranno nel futuro;

Nei paragrafi precedenti specifica, fino alla noia, l'uso di calcoli per
definire gli eventi, oscurità del linguaggio usato nelle quartine, la
Divinità delle profezie stesse ed infine il preambolo alla prima
cronologia.

(XXXVIII) - poiché' Dio guarderà' la lunga sterilità' della Gran


Dama, che poi concepirà' due figli importanti,

Sembra che Nostradamus inizi questa cronologia descrivendo il


periodo storico del XVIII secolo, in particolare parla della sterilità
della Dama facendo intuire che ella sia la monarchia costituzionale
reintrodotta con Luigi XVIII e Carlo X (fratello di Luigi XVI).

(XXXIX) - ma essendo essa in pericolo, quello che sarà' unito per


l'audacia dell'età' pur essendo in pericolo di morte nel diciottesimo
anno, non ancora passato il trentaseiesimo, partorirà' tre maschi ed
una femmina e ne avrà' due che non ne ebbe mai dallo stesso padre, i
tre fratelli saranno talmente differenti, pero' uniti ed in accordo che i
tre o quattro partiti d'Europa tremeranno;

Nell'anno 1830 Carlo X fu deposto ( il pericolo di morte della


monarchia costituzionale) in favore di Luigi-Filippo che regnerà per
18 anni, gli succederà' Napoleone III che porterà' la corona per altri 18
anni (fino al trentaseiesimo anno).
Avrà' tre maschi (Enrico V, nipote di Carlo X; Filippo VII, nipote di
Luigi-Filippo; Filippo VIII, figlio del precedente) e una femmina ( la
repubblica ).

29
Due non avranno lo stesso padre ( Filippo VII, della casata d'Orleans;
Enrico V, della casata Borbonica ).
I tre fratelli saranno differenti ( un Borbonico, uno della casata degli
Orleans, un Bonaparte ) ma con una politica comune.

(XL) - con il minore, la Monarchia Cristiana sarà' sostenuta ed


accresciuta, le sette innalzate e tosto abbassate, gli arabi cacciati ed i
Reami uniti, nuove leggi promulgate;

Il minore, Carlo X (1824-1830) tenterà' di ripristinare una monarchia


classica basata sul Cristianesimo ( vedi il nuovo Cristianesimo di San
Simone nel 1826 ), scaccerà gli Arabi ( guerra d'Algeria ) e promulgo'
nuove leggi ( soppressione della libertà' di stampa ecc )

(XLI) - degli altri fanciulli, il primo occuperà' i leoni furiosi


incoronati tenendo gli avi sopra le intrepide insegne.

Il primo fu' Luigi-Filippo che instaurerà' la dinastia di Leopoldo I in


Belgio ( Leoni coronati ).

(VLII) - Il secondo si spingerà' cosi' avanti accompagnato dai Latini


che sarà' fatta la seconda via tremante e furibonda al Monte di
Giove, discenderà' per salire sui Pirenei, non sarà' ridato all'antica
Monarchia, e ci sarà' la terza inondazione di sangue umano, ne' si
troverà' per molto tempo Marzo in Quaresima.

Il secondo, Napoleone III (1808-1873), fu' particolarmente attivo con


le campagne d'Italia, ( infatti "il monte di Giove" e' il passo del Gran
San Bernardo) ricordiamo le battaglie a Montebello, Magenta e
Solferino, cadrà' a causa del tentativo di porre sul trono di Spagna un
Hohenzollern, cosa fatale perché sarà' il pretesto per la guerra del
1870, causa principale della caduta dell'impero.
La frase che si riferisce alla terza inondazione di sangue umano si
riferisce chiaramente alla prima guerra mondiale, infatti come prima
guerra si può' considerare la successione al trono di Spagna ( 1701-
1714 ) in cui parteciparono molti degli stati europei per contendersi la
corona lasciata senza eredi da Carlo II, come seconda inondazione
sicuramente il candidato d'eccezione e' Napoleone Bonaparte con le
sue sanguinose campagne (1795-1815).

30
(XLIII) - E sarà' data la figlia per la conservazione della Chiesa
Cristiana, tenendosi al suo dominatore della setta pagana dei nuovi
infedeli, essa avrà' due figli: uno fedele e l'altro infedele per il crisma
della Chiesa Cattolica,

(XLIV) - l'altro, per la sua grande confusione e tardo pentimento, la


vorrà' rovinare saranno tre regioni con grande differenza di fazioni:
e precisamente la Romana, la Germania e la Spagna, che istituiranno
diversi settori con mano militare,

In questi due paragrafi Nostradamus spiega che la democrazia ( la


figlia ) sarà' tradita con il formarsi di tre potenze militari ben distinte
l'Italia, la Germania e la Spagna. Si prepara la prima guerra mondiale.

(XLV) - cedendo dai 50 e 52 gradi di latitudine e faranno atto di


omaggio alle religioni lontane alla religione dell'Europa e del
Settentrione di 48 gradi di latitudine che per primo tremerà' per vana
timidezza, poi le più' occidentali, meridionali,

Si cederà dai 50 e 52 gradi ( L'Inghilterra come rappresentante della


libertà' ) verso i paesi settentrionali posti verso il 49mo grado (la
Germania ) coinvolgendo poi i paesi più' meridionali (l'Italia)

(XLVI) - tale sarà' la loro potenza che ciò' che si farà' per concordia
ed unione insuperabile delle conquiste belliche;

(XLVII) - saranno uguali per natura ma differenti molto per fede.

I tre paesi sono estremamente forti bellicamente ma differenti nelle


fedi
(XLVIII) - Dopo di ciò', la Dama Sterile, molto più' potente della
seconda, sarà' accolta da due popoli, dal primo risoluto da colui che
ha avuto il potere su tutto, dal secondo e dal terzo che estenderanno
le loro forze verso la parte orientale dell'Europa, fino ai Pannoni,
dove e' stato sconfitto e soccombente e per mare si estenderà' verso
la Trinacria Adriatica, Mirmidoni e Germanici completamente
annientati, e sarà' la compagine barbarica sconfitta e perseguitata
dai Latini.

(XLIX) - Poi il grande impero dell'Anticristo comincerà' nell' Atila e

31
Zerses a scendere in gran numero, muovendosi, tanto che la venuta
dello Spirito Santo procedendo da 48 gradi, trasmigrerà',
sconfiggendo l'abominio dell'Anticristo: combattendo contro il Re che
sarà' il Gran Vicario di Gesù' Cristo e contro la sua Chiesa ed il suo
regno "per tempus et in occasione temporis" (nel momento in cui il
tempo storicamente si realizza).

Questi ultimi due brani sono la descrizione vera e propria della prima
guerra mondiale, l'attacco della Germania, dell'Austria e
dell'Ungheria. Prima iniziarono ad espandersi verso la Serbia e la
Russia poi la dichiarazione di guerra alla Francia, infine con l'entrata
in guerra degli Stati Uniti, dell'Italia e del Giappone si creo' quella
globalizzazione che porto alla sconfitta completa della Germania e dei
suoi alleati.

(L) - Una eclissi solare precederà' e sarà' la più' oscura e tenebrosa


che vi sia stata dopo la creazione del mondo, fino alla morte ed alla
passione di Gesù' Cristo,

(LI) - e da quel tempo fino ad ora, ed avverrà' nel mese di ottobre,


che qualche grande cambiamento sarà' fatto, tale che si crederà' che
la terra abbia perduto il suo naturale movimento e si stia inabissando
nelle tenebre eterne; il tempo invernale avanzerà' e seguiranno
estremi cambiamenti, mutazioni di. regni, grandi terremoti,
pullulazione della nuova Babilonia, miserabile figlia, ingrandita
dalla abominazione del primo olocausto,

Questi due passi sono considerati dai più' ( dopo l'interpretazione da


parte di Ionescu) come relativo alla nascita, la durata e la caduta del
comunismo.
In effetti ci sono moltissimi particolari che farebbero propendere per
ciò', vediamone alcuni:
Il veggente inizia citando il mese di Ottobre come l'inizio del
cambiamento, noi tutti oramai sappiamo che la rivoluzione Russa del
1917 e' conosciuta anche come "rivoluzione d'Ottobre".
Prosegue indicando questo cambiamento come uno dei più' terribili
mai avvenuti nella nostra storia, ed in effetti la rivoluzione e' costata
milioni di vittime all'interno dell'Unione Sovietica ed ha cambiato
profondamente il mondo.
Termina dicendo "pullulazione della nuova Babilonia, miserabile

32
figlia, ingrandita dalla abominazione del primo olocausto",
interessante l'uso della parola "olocausto", infatti nel passo descrive
l'allargamento dell'Unione Sovietica dopo la seconda guerra mondiale
che ha compreso il primo olocausto Ebraico.

(LII) - e durerà' soltanto 73 anni e 7 mesi,

Nostradamus si sbilancia con una data esatta per la durata dell'evento


che ha cosi' fortemente influito sul mondo dichiarando la durata 73
anni e sette mesi, Il comunismo in Unione Sovietica e' durato dal 7
Novembre 1917 al 20 Agosto 1991 con una durata esattamente di 73
anni e nove mesi, possiamo dire che come previsione e' abbastanza
precisa (anche considerando che non sappiamo quali "paletti" abbia
usato Nostradamus per definire l'inizio e la fine dell'evento.

(LIII) - poi uscirà' dallo stelo quella che era stata cosi' a lungo
sterile, procedendo dal cinquantesimo grado, che rinnovellerà' tutta
la Chiesa Cristiana.

In questo passo si vuole evidenziare come la chiesa rimasta a lungo


sterile di cambiamenti inizierà' una rivoluzione che partirà dal 50mo
grado.
Più' chiaro di cosi Nostradamus non poteva essere! Infatti Cracovia
giace al 50mo grado del Parallelo Nord, città' natale di Papa Giovanni
Paolo II, il Papa che con il suo operato e' riuscito a smuovere una
chiesa da tempo non più' attiva nel campo internazionale.

(LIV) - Sara' fatta una grande Pace, unione e concordia tra uno dei
fanciulli dei fronti sconvolti e separati dei diversi regni;

Con la caduta del muro di Berlino ed il dissolvimento dell'Unione


Sovietica sono venuti a mancare i presupposti per la continuazione
della guerra fredda.
Dopo decine di anni gli Stati Uniti d'America hanno iniziato ad
intrattenere una relazione con la Russia non più' basata sulla reciproca
minaccia nucleare ma bensì su politiche estere uniformi sfociate nei
giorni in cui sto' scrivendo con l'appoggio alla politica Americana da
parte del presidente Putin per l'attacco all'Afganistan.

(LV) - e sarà' fatta una tale pace che rimarrà' appeso al più'

33
profondo baratro il suscitatore e promotore della fazione di guerra
per la diversità' delle religioni e sarà' riunito il regno del Rabbioso
che imiterà' il saggio.

Dopo questa pace sembrava, infatti, che non ci fosse più' posto per
altre guerre di carattere mondiale, invece a causa della diversità delle
religioni le varie fazioni terroristiche verranno riunite in un unico
"regno" sotto il comando del Rabbioso ( che qui possiamo certamente
indicare come Usama Bin Laden ) la persona che nella frase finale del
paragrafo viene indicata come imitatore del Saggio.

(LVI) - E le contrade, città' , paesi, regni, e province che avranno per


prime le vie per salvarsi, rendendosi ancor più' prigioniere, saranno
segretamente private della loro libertà' e, perduta la perfetta
religione, cominceranno a colpire a sinistra, per ritornare a destra,

Dopo aver sconfitto il terrorismo e le vicissitudini che


caratterizzeranno questo periodo, le misure di polizia che sono state
introdotte per assicurare una protezione ai cittadini finiranno per
essere privati della loro libertà. Il brano termina spiegando come ci
saranno repentini cambiamenti politici ( sinistra e destra ) che
purtroppo non miglioreranno le norme che hanno privato i cittadini
delle loro libertà aquisite anni prima.

(LVII) - ristabilendo la santità' sconfitta da lungo tempo con la loro


antica scrittura, cosi' che dopo il grande cane, sorgerà il più' grosso
mastino che tutto distruggerà , anche ciò che prima era stato
perpetrato, verranno ricostruiti i templi come nei tempi remoti, e sarà
restituito il clero al suo primitivo stato,

(LVIII) e ricomincerà' la costituzione, la lussuria, il fare e


commettere mille misfatti.

(LIX) - Ed essendo prossima un'altra desolazione, allorché' essa sarà'


al vertice della sua dignità' , si innalzeranno dei potenti e delle forze
militari,
Siamo di nuovo vicino ad un'altra guerra, dopo uno sviluppo del
benessere fino ad arrivare agli eccessi costituiti dalla lussuria e dal
potere del denaro un colpo di stato militare preparerà' la terza e
penultima guerra mondiale.

34
Lungi dall'aver terminato l'analisi dell'epistola ho deciso di fermarmi
in questo punto per poter meglio digerire la cronologia degli eventi di
cui ho sopra esposto e che riguardano specificatamente i tempi in cui
viviamo, seguirà' nel prossimo capitolo l'originale della lettera cosi
come e' stata presentata nel lontano 1568 ed infine la trascrizione in
Francese con la traduzione in fronte.

35
Terza Parte

36
37
38
39
40
41
42
43
44
45
46
47
48
49
50
51
52
53
54
55
56
57
58
59
Trascrizione & Traduzione

60
A L'INVICTISSIME,
TRES-PUISSANT ET TRES-CHRESTIEN
HENRY ROY DE FRANCE SECOND:
MICHEL NOSTRADAMUS
TRES HUMBLE, TRES-OBEYSSANT SERUITEUR ET SUBJECT,
VICTOIRE ET FELICITÉ.

[I] Povr icelle souueraine obseruation qui i'ay eu, ô Tres-Chrestien &
tres-victorieux Roy, depuis que ma face estant long temps obnubilee se
presente au deuant de la deité de vostre maiesté immesuree, depuis en
ça i'ay esté perpetuellement esblouy, ne desistant d'honorer &
dignement venerer iceluy iour que premierement deuant icelle ie me
presentay, comme à vne singuliere maiesté tant humaine.

[II] Or cherchant quelque occasion par laquelle ie peusse manifester


le bon coeur & franc courage, que moyênant iceluy mon pouuoir eusse
faict ample extension de cognoissance enuers vostre serenissime
maiesté.

[III] Or voyant que par effets le declairer ne m'estoit possible, ioint


auec mon singulier desir de ma tant longue obtenebration & obscurité,
estre subitement esclarcie & transportee au deuant de la face du
souuerain oeil, & du premier monarque de l'vniuers,

[IV] tellement que i'ay esté en doute longuement à qui ie viendrois


consacrer ces trois Centuries du restant de mes Propheties,
paracheuant la miliade,

[V] & apres auoir longuement cogité d'vne temeraire audace, ay prins
mon addresse enuers vostre maiesté, n'estant pour cela estonne,
comme raconte, le grauissime aucteur Plutarque en la vie de Lycurgue,
que voyant les offres & presens qu'on faisoit par sacrifices aux temples
des dieux immortels diceluy temps, & à celle fin que l'on ne
s'estonnast par trop souuent desdictes fraiz & mises ne s'osoyent
presenter aux temples.

61
ALL'INVINCIBILE,
POTENTISSIMO E CATTOLICISSIMO ENRICO II, RE DI
FRANCIA, MICHELE NOSTRADAMUS, SUO UMILISSIMO ED
UBBIDIENTISSIMO SERVITORE E SUDDITO.
VITTORIA E FELICITA'

(I) - Per quella sovrana visione che ho avuto, o Cristianissimo e


Vittoriosissimo Re, dopo che il mio viso era stato per molto tempo
offuscato, si presenta davanti alla deità' di Vostra, Maestà' immensa,
e da allora io sono stato sempre abbagliato, non desiderando che
onorare e degnamente venerare quel giorno in cui per la prima volta
mi presentai davanti ad essa, come ad una speciale tanto umana
Maestà' .

(II) - Ora, cercando qualche occasione per la quale io possa


manifestarle il buon cuore e franco coraggio attraverso quel mio
potere, onde farmi adeguatamente conoscere dalla Vostra Serenissima
Maestà' .

(III) - Ora, vedendo che in effetti, dichiararlo non mi era possibile, il


mio singolare desiderio della mia tanto lunga ottenebrazione ed
oscurità' , mi hanno improvvisamente illuminato e trasportato al
cospetto dell'occhio Sovrano, e del primo Monarca dell'universo;

(IV) - in tale modo ho dubitato a lungo a chi avrei dedicato queste tre
ultime centurie che ancora rimangono delle mie Profezie, che
completano il migliaio,

(V) - e dopo avere a lungo riflettuto, con temeraria audacia mi sono


indirizzato a Vostra Maestà' , non restando stupito, come racconta
l'autorevole autore Plutarco nella "Vita di Licurgo" come coloro che
vedendo offerte e doni che si offrivano per i sacrifici ai templi degli
dei immortali di quei tempi, e per timore che non fossero troppo
adeguati per spesa e valore non osavano presentarsi ai templi.

62
[VI] Ce nonobstant voyant vostre splendeur Royalle, accompagnee
d'vne incomparable humanité ay prins mon addresse, non comme aux
Roys de Perse, qu'il n'estoit nullement permis d'aller à eux, ny moins
s'en approcher.

[VII] Mais, à vn tres-prudent, à vn tressage Prince, i'ay consacré mes


nocturnes & prophetiques supputations, composees plustot d'vn naturel
instinct: accompagné d'vne fureur poëtique, que par reigle de poësie,

[VIII] & la pluspart composé & accordé à la calculation


Astronomique, correspondant aux ans, moys & sepmaines des regions,
contrees, & de la pluspart des villes & tirez de toute l'Europe,
comprenant de l'Affrique, & vne partie de l'Asie par le changement des
regions, qui s'approchent la pluspart de tous ces climats, & composé
d'vne naturelle faction:

[IX] respondra quelqu'vn qui auroit biê besoin de soy moucher, la


rithme estre autant facile, comme l'intelligence du sens est difficile. Et
pource, ô tres humanissime Roy, la pluspart des quatrins prophetiques
sont tellement sçabreux, que l'on n'y sçauroit donner voye n'y moins
aucuns interpreter,

[X] toutesfois esperant de laisser par escrit les ans, villes, citez
regions, ou la pluspart aduiendra, mesmes de l'annee 1585. & de
l'annee 1606. accommençant depuis le temps presêt, qui est le 14. de
Mars, 1557.

[XI] & passant outre bien loing iusques à l'aduenement qui sera apres
au commencement du 7. millenaire profondement supputé,

[XII] tât que mon calcul astronomique & autre sçauoir s'a peu estendre
où les aduersaires de Iesus Christ & de son Eglise: commenceront plus
fort de pulluler,

[XIII] le tout a esté composé & calculé en iours & heures d'election &

63
bien disposees, & le plus iustement, qu'ilma esté possible

(VI) - Ciò' nonostante, vedendo il vostro Reale splendore,


accompagnato da una incomparabile umanità' , mi sono rivolto a voi,
non come ai Re di Persia, dai quali non era affatto permesso di andarci
ne' tanto meno di avvicinarsi.

(VII) - Ma ad un Principe prudentissimo e cosi' saggio, io ho


consacrato i miei calcoli notturni e profetici, composti con spontaneo
intuito, accompagnati da estro poetico, più' che da regola poetica,

(VIII) - e la maggiore parte dell'opera e' composta secondo i canoni


del calcolo Astronomico, corrispondenti agli anni, mesi e settimane di
regioni, contrade e della maggior parte delle città' e paesi di tutta
l'Europa, comprendendo l'Africa ed una parte dell'Asia con il
cambiamento delle regioni che si avvicinano a questi climi formati da
identiche caratteristiche;

(IX) - qualcuno risponderà' che avrebbe bisogno di castigarsi essendo


il ritmo tanto facile come e' difficile la comprensione del senso. E per
questo, o umanissimo Re, la maggior parte delle quartine profetiche
sono talmente intricate che non si riuscirebbe a scoprirne l'arcano ne'
tanto meno alcuna interpretazione,
(X) - tuttavia, sperando di lasciare per iscritto gli anni, le città' ,
regioni, nelle quali si realizzerà' la maggior parte, anche dell'anno
1585, e dell'anno 1606, a partire dall'età' presente che e' il 14 marzo
1557,

(XI) - andando ben oltre fino agli avvenimenti che si verificheranno


dopo l'inizio del settimo millennio esattamente calcolato,

(XII) - fintanto che il mio calcolo astronomico, e la mia scienza si e'


potuta estendere, allorché' gli avversari di Gesù' Cristo e della Chiesa
cominceranno più' numerosi a pullulare,

(XIII) - tutto ciò' e' stato calcolato in giorni ed ore di elezione disposti

64
quanto più' esattamente mi e' stato possibile.

[XIV] & le jour "Minerua libera, et non inuita", supputant presque


autant des aduentures du temps aduenir, comme des eages passez,
comprenant de present, & de ce que par le cours du temps par toutes
regiôs l'on cognoistra aduenir, tout ainsi nommement comme il est
escrit n'y meslant rien de superflu, combien que l'on dit: Quod de
futuris non est determinata omnino veritas.

[XV] Il est bien vray, Sire que pour mon naturel instinct qui m'a esté
donné par mes auites ne cuidant presager, & adioustant & accordant
iceluy naturel instinct auec ma longue supputation vny, & vuidant
l'ame, l'esprit, & le courage de toute cure, solicitude, & fascherie par
repos & tranquilité de l'esprit.

[XVI] Le tout accordé & presagé l'vne partie tripode aeneo

[XVII] Combien qu'ils sont plusieurs qui m'attribuent ce qu'est autant à


moy, comme de ce que n'en est riê, Dieu seul eternel, qui est
perscrutateur des humains courages pie, iuste, & misericordieux, est le
vray iuge, auquel ie prie qu'il me vueille defendre de la calomnie des
meschans

[XVIII] qui voudroyent aussi calomnieusement s'enquerir pour quelle


cause tous vos antiquissimes progeniteurs Roys de France ont guery
des escroüelles, & des autres nations ont guery de la morsure des
serpens, les autres ont eu certain instinct de l'art diuinatrice, & d'autres
cas qui seroyêt loing icy à racôpter.

[XIX] Ce nonobstant ceux à qui la malignité de l'esprit malin ne sera


comprins par le cours du temps apres la terrêne mienne extinction,
plus sera mon escrit qu'à mon viuant

[XX] cependant si à ma supputation des ages ie faillois on ne pourroit


estre selon la volôté d'aucuns.

65
(XIV) - Ed il tutto "Minerva libera et non injuria" (con libero pensiero
e senza ingiuria) computando quasi tanti avvenimenti del tempo
futuro, quanti dei tempi passati, comprendendo il presente e ciò' che
con il passare del tempo di tutte le regioni si riconoscerà' verificarsi
esattamente come e' scritto, senza aggiungervi nulla di superfluo
secondo il detto: "Quod de futuris non est determinata omnino veritas"
(In quanto, circa le cose future, il vero non e' assolutamente
determinato).

(XV) Sara' proprio vero, Sire, che per mio natura istinto che mi e' stato
trasmesso dai miei avi, non tema di presagire, aggiustando ed
accordando quel naturale istinto, con i miei accurati calcoli, liberando
l'animo, lo spirito, ed il coraggio, da ogni inquietudine, sollecitudine e
malumore, con il riposo e la tranquillità' dello spirito.

(XVI) - Il tutto concordato e presagito sul tripode di bronzo.

(XVII) - Benché' siano in molti ad attribuirmi sia ciò' che mi


appartiene, sia ciò' che non mi appartiene, Dio Solo Eterno che e'
scrutatore degli ardimenti umani, pio, giusto e misericordioso, e' il
vero giudice, ed e' Lui che io prego di volermi difendere dalle calunnie
dei malvagi,

(XVIII) - che vorrebbero cosi' calunniosamente scoprire per quale


ragione tutti i vostri antichissimi progenitori, Re di Francia, hanno
guarito dalle scrofole, e delle altre nazioni hanno guarito dal morso dei
serpenti ed altri hanno avuto una certa facoltà' divinatoria ed altri casi
che sarebbero troppo lunghi da raccontare qui.

(XIX) - Ciò' nonostante coloro ai quali la malvagità' dello spirito


maligno, non sarà' repressa nel corso del tempo, dopo la mia terrena
morte, varrà' più' il mio scritto che me vivente;

(XX) - tuttavia se io sbaglierò' nel calcolo degli anni, non potrà' essere
imputato alla volontà' di alcuno.

66
[XXI] Plaira à vostre plus qu'imperialle Maiesté me pardonner
protestant deuant Dieu & ses saincts, que ie ne pretends de mettre rien
quelconque par escrit en la presente epistre, qui soit contre la vraye
foy Catholique, conferant les calculations Astronomiques, iouxte mon
sçauoir

[XXII] car l'espace du temps de nos premiers, qui nous ont precedez
sont tels, me remettant sous la correction du plus sain iugement, que le
premier homme Adam fut deuant Noé enuiron mille deux cens quarâte
deux ans

[XXIII] ne computant les temps par la supputation des Gentils, comme


a mis par escrit Varron: mais tant seulement selon les sacrees
Escriptures, & selon la foiblesse de mon esprit, en mes calculations
Astronomiques.

[XXIV] Apre Noè, de luy & de l'vniuersel deluge, vint Abraham


enuiron mille huictante ans, lequel a esté souuerain Astrologue selon
aucuns, il invêta premier les lettres Chaldaiques:

[XXV] apres vint Moyse enuiron cinq cens quinze ou seize ans,

[XXVI] & entre le temps de Dauid & Moyse ont esté cinq cens
septante ans là enuiron.

[XXVII] Puis apres entre le temps de Dauid, & le temps de nostre


sauueur & redempteur Iesus-Christ, n'ay de l'vnique Vierge, ont esté
(selon aucuns Cronographes) mille trois cens cinquâte ans:

[XXVIII] pourra obiecter quelqu'vn ceste supputation n'estre veritable,


pource qu'elle differe à celle d'Eusebe.

[XXIX] Et puis le temps de l'humaine redêption iusques à la seduction


detestable des Sarrazins, sont esté six cens vingt & vn an, là enuiron,

[XXX] depuis en çà l'on peut facilement colliger quels temps sont


passez, si la mienne supputatiô n'est bonne & valable par toutes natiôs,

67
(XXI) - Piacerà' a Vostra più' che imperiale Maestà' , di perdonarmi,
dichiarando davanti a Dio ed ai suoi Santi, che non ho alcuna pretesa
di mettere per iscritto, in questa Epistola, niente che sia contro la vera
Fede cattolica, nel riferire i miei calcoli Astronomici secondo il mio
sapere,

(XXII) - poiché' lo spazio del tempo dei nostri antenati che ci hanno
preceduto, sono tali, rimettendomi al giudizio più' corretto, che il
primo uomo Adamo visse prima di Noè' circa
milleduecentoquarantadue anni,

(XXIII) - non contando i tempi secondo i calcoli dei Gentili, come ha


scritto Varrone, ma solamente secondo le Sacre Scritture e secondo le
debolezze del mio spirito ed i miei calcoli Astronomici .

(XXIV) - Dopo Noè', da lui e dal Diluvio Universale venne Abramo


circa mille ottanta anni dopo, il quale e' stato un abilissimo Astrologo,
e secondo alcuni ha inventato per primo le lettere Caldee.

(XXV) - Dopo circa cinquecentoquindici o cinquecentosedici anni,


venne Mose',

(XXVI) - e tra il periodo di Davide e di Mose' e' passato un tempo di


circa cinquecentosettanta anni.

(XXVII) - Dopo di che', tra il tempo di Davide ed il tempo del Nostro


Salvatore e Redentore Gesù' Cristo, nato dall'Unica Vergine, ci sono
stati (secondo alcuni Cronografi) mille trecento cinquanta anni;

(XXVIII) qualcuno potrà' obbiettare che questo calcolo non e' esatto,
perché' differisce da quello di Eusebio.

(XXIX) - E dopo il tempo della Redenzione Umana, fino alla


detestabile seduzione dei Saraceni sono trascorsi circa 621 anni,

(XXX) e da questa data in avanti si può' facilmente controllare quanto


tempo e' passato, se il mio calcolo non e' buono e valido per tutte le
nazioni.

68
[XXXI] pource que tout a esté calculé par le cours celeste, par
association d'esmotion infuse à certaines heures delaissees par
l'esmotion de mes antiques progeniteurs.

[XXXII] Mais l'iniure du temps, ô serenissime Roy, requiert que tels


secrets euenemens ne soyêt manifestez, que par aenigmatique
sentence, n'ayant qu'vn seul sens, & vnique intelligence, sans y auoir
rien mis d'ambigue n'amphibologique calculation:

[XXXIII] mais plustost sous obnubillee obscurité par vne naturelle


infusion approchant à la sentence d'vn des mille & deux Prophetes, qui
ont esté depuis la creation du môde, iouxte la supputation &
Chronique punique de Ioël, Effundam spiritû meum super omnem
carnem, et prophetabunt filij vestri, et filiae vestrae.

[XXXIV] Mais telle Prophetie procedoit de la bouche du S. Esprit, qui


estoit la souueraine puissance eternelle, adioincte auec la celeste à
d'aucuns de ce nombre ont predit de grandes & emerueillables
aduêtures:

[XXXV] Moy en cest endroict ie ne m'attribue nullement tel tiltre, ia à


Dieu ne plaise, ie confesse bien que le tout vient de Dieu, & luy en
rends graces, honneur & loüange immortelle, sans y auoir meslé de la
diuination que prouient à fato: mais à Deo, à natura,

[XXXVI] & la pluspart accompagnee du mouuement du cours celeste,


tellement que voyant comme dâs vn miroüer ardant, comme par vision
obnulilee, les grans euenemens tristes, prodigeux, & calamiteuses
aduentures qui s'approchent par les, principaux culteurs.

[XXXVII] Premierement des temples de Dieu, secondement par ceux


qui sont terrestrement soustenus s'approcher telle decadence, auecques
mille autres calamiteuses aduentures, que par le cours du temps
oncognoistra aduenir:

[XXXVIII] car Dieu regardera la longue sterilité de la grand dame, qui


puis apres conceura deux enfans principaux:

69
(XXXI) - per il fatto che tutto e' stato calcolato secondo il corso
celeste, per associazione di ispirate intenzioni in certe ore, di
abbandono, per influsso dei miei antichi progenitori.

(XXXII) - Ma l'ingiuria del tempo, o Serenissimo Re, richiede che tali


segreti avvenimenti non siano resi noti che tramite enigmatiche
sentenze, non avendo che un solo significato e unica comprensione,
senza averci aggiunto nulla di ambiguo ne' calcoli polivalenti;

(XXXIII) - ma piuttosto sotto velala oscurità' per naturale ispirazione


avvicinandosi alla sentenza di uno dei mille e due Profeti, che vi sono
stati dopo la creazione del mondo, come del calcolo e dalle Cronache
Puniche di Joel: "Effundam spiritum meum super omnem carmen et
prophetabunt ,filii vestri et filiae vestrae" (Effonderò' il mio spirito su
tutta la carne e diverranno profeti i vostri figli e le vostre figlie).

(XXXIV) - Ma quella Profezia proveniva dalla bocca dello Spirito


Santo che e' la Suprema Potenza Eterna, mentre a quella Celeste ed
alcune di queste hanno predetto grandi e
meravigliosi avvenimenti.

(XXXV) - Io, da questo punto di vista, non mi attribuisco affatto tale


titolo, a Dio piacendo, confermo che tutto proviene da Dio ed a Lui
rendo grazie. onore e lode immortale, senza averci mescolato la
Divinazione che proviene dal Fato, ma da Dio a natura,

(XXXVI) - per la maggior parte accompagnata dal movimento dei


corpi celesti, tanto che guardo come in uno specchio ardente, come per
nebulosa visione, i grandi avvenimenti tristi, prodigiosi e le avventure
calamitose che secondo i principali cultori, si avvicinano.

(XXXVII) - In primo luogo nei templi di Dio poi in quelli che sono
più' vicino alla terra, si avvicinerà' una tale decadenza con mille altre
calamitose avventure, che si vedranno nel futuro;

(XXXVIII) - poiché' Dio guarderà' la lunga sterilità' della Gran


Dama, (1) che poi concepirà' due figli importanti,

70
[XXXIX] mais elle periclitant, celle qui luy sera adioustee par la
temerité de l'aage de mort periclitât dedans le dixhuictiesme, ne
pouuant passer le trentesixiesme qu'en delaissera trois masles, & vne
femelle, & en aura deux, celuy qui n'en eut iamais d'vn mesme pere,
de trois freres seront telles differences puis vnies & accordees, que les
trois & quatre parties de l'Europe trembleront:

[XL] par le moindre d'aage sera la monarchie crestiêne soustenue &


augmêtee: sectes esleuees, & subitemêt abaissees, Arabes reculez,
Royaumes vnis, nouuelles Loix promulguees:

[XLI] des autres enfans le premier occuperà les Lions furieux


couronnez, tenans les pattes dessus les armes interpidez.

[XLII] Le second se profondera si auant par les Latins accompagné,


que sera faicte la seconde voye tremblante & furibonde au mont Iouis
descendant pour monter aux Pyrennees ne sera translatee à l'antique
monarchie, sera faiste la troisiesme innôdation de sang humain, ne se
trouuera de long temps Mars en Caresme.

[XLIII] Et sera donnee la fille par la conseruation de l'Eglise


Chrestiêne tombant son dominateur à la paganisme secte des nouueaux
infidelles elle aura deux enfans, l'vn de fidelité, & l'autre d'infidelité
par la côfirmation de l'Eglise Catholique.

[XLIV] Et l'autre qui a sa grande confusion & tarde repentance la


voudra ruiner, seront trois regions par l'extreme difference des ligues,
c'est assauoir la Romaine, la Germanie, l'Espagne, qui feront diuerses
sectes par main militaire,

[XLV] delaissant le 50. & 52. Degrez de hauteur, & feront tous
hommage des religions loingtaines aux regions de l'Europe & de
Septentrion de 48. degrez d'hauteur, qui premier par vaine timidité
tremblera, puis les plus occidentaux, meridionaux & orientaux
trembleront,

[XLVI] telle sera leur puissance, que ce qui se fera pas concorde &
vnion insuperable des conquestes belliques.

[XLVII] De nature seront esgaux: mais grandement differents de foy.

71
(XXXIX) - ma essendo essa in pericolo, quello che sarà' unito per
l'audacia dell'età' pur essendo in pericolo di morte nel diciottesimo
anno, non ancora passato il trentaseiesimo, partorirà' tre maschi ed
una femmina e ne avrà' due che non ne ebbe mai dallo stesso padre, i
tre fratelli saranno talmente differenti, pero' uniti ed in accordo che i
tre o quattro partiti d'Europa tremeranno;

(XL) - con il minore, la Monarchia Cristiana sarà' sostenuta ed


accresciuta, le sette innalzate e tosto abbassate, gli arabi cacciati ed i
Reami uniti, nuove leggi promulgate;

(XLI) - degli altri fanciulli, il primo occuperà' i leoni furiosi


incoronati tenendo gli avi sopra le intrepide insegne.

(VLII) - Il secondo si spingerà' cosi' avanti accompagnato dai Latini


che sarà' fatta la seconda via tremante e furibonda al Monte di Giove,
discendendo per salire sui Pirenei, non sarà' ridato all'antica
Monarchia, e ci sarà' la terza inondazione di sangue umano, ne' si
troverà' per molto tempo Marzo in Quaresima.

(XLIII) - E sarà' data la figlia per la conservazione della Chiesa


Cristiana, tenendosi al suo dominatore della setta pagana dei nuovi
infedeli, essa avrà' due figli: uno fedele e l'altro infedele per il crisma
della Chiesa Cattolica,

(XLIV) - l'altro, per la sua grande confusione e tardo pentimento, la


vorrà' rovinare saranno tre regioni con grande differenza di fazioni: e
precisamente la Romana, la Germania e la Spagna, che istituiranno
diversi settori con mano militare,

(XLV) - cedendo dai 50 e 52 gradi di latitudine e faranno atto di


omaggio alle religioni lontane alla religione dell'Europa e del
Settentrione di 48 gradi di latitudine che per primo tremerà' per vana
timidezza, poi le più' occidentali, meridionali,

(XLVI) - tale sarà' la loro potenza che ciò' che si farà' per concordia
ed unione insuperabile delle conquiste belliche;

(XLVII) - saranno uguali per natura ma differenti molto per fede.

72
[XLVIII] Apres cecy la Dame sterille de plus grande puissance que la
seconde sera receüe par deux peuples, par le premier obstiné par celuy
qui a eu puissance sur tous, par le deuxiesme & par le tiers qui estêdra
ses forces vers le circuit de l'Oriêt de l'Europe aux pannons l'a profligé
& succôbé & par voile marine fera ses extensions à la Trinacrie
Adriatique par Mirmidon, & Germaniques du tout succombé, & sera la
secte Barbarique du tout des Latins grandement affligee & dechassee.

[XLIX] Puis le grand Empire de l'Antechrist commencera dans la Atila


& Zerses descendre en nombre grand & innumerable, tellement que la
venue du Sainct Esprit procedant du 48. degré, fera transmigrastion,
dechassant à l'abomination de l'Antechrist, faisant guerre contre le
royal qui sera le grand Vicaire de Iesus-Christ, & contre son Eglise, &
son regne per tempus, et in occasione temporis,

[L] & precederà deuant vne eclypse solaire le plus obscur, & le plus
tenebreux, qui soit esté depuis creation du monde iusques à la mort &
passion de Iesus-Christ,

[LI] & de la iusques icy, & sera au moys d'octobre que quelque grâde
translatiô sera faicte, & telle que l'on cuidera la pesanteur de la terre
auoir perdu son naturel mouuement, & estre abismee en perpetuelles
tenebres, seront precedens au têps vernal, & s'en ensuyuant apres
d'extremes châgemens, permutations de regnes, par grand tremblement
de terre, auec pullulation de la neufue Babylonne, fille miserable
augmentee par l'abomination du premier holocauste,

[LII] & ne tiendra tant seulement septante trois ans, sept moys,

[LIII] puis apres en sortira du tige celle qui auoit demeuré tant long
têps sterille, procedât du cinquantesme degre, qui renouuellera toute
l'Eglise chrestienne.

[LIV] Et sera faicte grande paix vnion & côcorde entre vns des enfans
des fronts esgarez, & separez par diuers regnes

[LV] sera faicte telle paix que demeurera attaché au plus profond
baratre le suscitateur & promoteur de la martiale faction par la
diuersité des religieux, & sera vny le royaume du Rabieux: qui
côtrefera le sage.

73
(XLVIII) - Dopo di ciò', la Dama Sterile, molto più' potente della
seconda, sarà' accolta da due popoli, dal primo risoluto da colui che
ha avuto il potere su tutto, dal secondo e dal terzo che estenderanno le
loro forze verso la parte orientale dell'Europa, fino ai Pannoni, (1)
dove e' stato sconfitto e soccombente e per mare si estenderà' verso la
Trinacria Adriatica, (2) Mirmidoni (3) e Germanici completamente
annientati, e sarà' la compagine barbarica sconfitta e perseguitata dai
Latini.

(XLIX) - Poi il grande impero dell'Anticristo comincerà' nell' Atila (4)


e Zerses (5) a scendere in gran numero, muovendosi, tanto che la
venuta dello Spirito Santo procedendo da 48 gradi, trasmigrerà' ,
sconfiggendo l'abominio dell'Anticristo: combattendo contro il Re che
sarà' il Gran Vicario di Gesù' Cristo e contro la sua Chiesa ed il suo
regno "per tempus et in occasione temporis" (nel momento in cui il
tempo storicamente si realizza).

(L) - Una eclissi solare precederà' e sarà' la più' oscura e tenebrosa


che vi sia stata dopo la creazione del mondo, fino alla morte ed alla
passione di Gesù' Cristo,

(LI) - e da quel tempo fino ad ora, ed avverrà' nel mese di ottobre, che
qualche grande cambiamento sarà' fatto, tale che si crederà' che la
terra abbia perduto il suo naturale movimento e si stia inabissando
nelle tenebre eterne; il tempo invernale avanzerà' e seguiranno estremi
cambiamenti, mutazioni di. regni, grandi terremoti, pullulazione della
nuova Babilonia, miserabile figlia, ingrandita dalla abominazione del
primo olocausto,

(LII) - e durerà' soltanto 73 anni e 7 mesi,

(LIII) - poi uscirà' dallo stelo quella che era stata cosi' a lungo sterile,
procedendo dal cinquantesimo grado, che rinnovellerà' tutta la Chiesa
Cristiana.

(LIV) - Sara' fatta una grande Pace, unione e concordia tra uno dei
fanciulli dei fronti sconvolti e separati dei diversi regni;

(LV) - e sarà' fatta una tale pace che rimarrà' appeso al più' profondo
baratro il suscitatore e promotore della fazione di guerra per la
diversità' delle religioni e sarà' riunito il regno del Rabbioso che
imiterà' il saggio.
74
[LVI] Et les côtrees villes, citez, regnes, & prouinces qui auront laissé
les premieres voyes pour le deliurer, se caftiuant plus profondement
seront secrettement laschez de leur liberté, & parfaicte religion perdue,
commenceront de frapper dans la partie gauche, pour retourner à la
dextre,

[LVII] & remettant la saincteté profligee de long temps, auec leur


pristin escrit, qu'apres le grand chien sortira le plus gros mastin, qui
fera destruction de tout, mesmes de ce qu'au parauât sera esté perpetré,
seront redressez les temples comme au premier temps, & sera restitué
le clerc à son pristin estat,

[LVIII] & commencera à meretricquer & luxurier, faire & cômettre


mille forfaits.

[LIX] Et estant proche d'vne autre desolation, par lors qu'elle sera à sa
plus haute & sublime dignité se dresseront de potentats & mains
militaires

[LX] & luy feront ostez les deux glaiues, & ne luy demeurera que les
enseignes,

[LXI] desquelles par moyen de la curuature qui les attire, le peuple le


faisant aller droict, & ne voulât se condescendre à eux par le bout
opposite de la main aigue, touchât terre, voudront stimuler iusques, a
ce que naistra d'vn rameau de la sterile de long temps, qui deliurera le
peuple vniuers de celle seruitude benigne & volontaire, soy remettant à
la protection de Mars spoliant Iupiter de tous ses hôneurs & dignitez,
pour la cité libre, constituee & assise dans vn autre exigue
Mezopotamie,

[LXII] Et sera le chef & gouuerneur ietté du milieu, & mis au lieu de
l'air, ignorant la conspiration des coniurateurs, auec le second
Trasibulus, qui de long temps aura manié tout cecy:

[LXIII] Alors les immundicitez des abominations seront par grande


honte obiectees & manifestees aux tenebres de la lumiere obtenebre,
cessera deuers la fin du changement de son regne,

75
(LVI) - E le contrade, città' , paesi, regni, e province che avranno per
prime le vie per salvarsi, rendendosi ancor più' prigioniere, saranno
segretamente private della loro libertà' e, perduta la perfetta religione,
cominceranno a colpire a sinistra, per ritornare a destra,

(LVII) - ristabilendo la santità' sconfitta da lungo tempo con la loro


antica scrittura, cosi' che dopo il grande cane, sorgerà' il più' grosso
mastino che tutto distruggerà' , anche ciò' che prima era stato
perpetrato, verranno ricostruiti i templi come nei tempi remoti, e sarà'
restituito il clero al suo primitivo stato,

(LVIII) e ricomincerà' la costituzione, la lussuria, il fare e commettere


mille misfatti.

(LIX) - Ed essendo prossima un'altra desolazione, allorché' essa sarà'


al vertice della sua dignità' , si innalzeranno dei potenti e delle forze
militari,

(LX) - e gli saranno tolte le due spade, e non gli resteranno che le
insegne,

(LXI) - delle quali, per mezzo della curvatura che le attira, il popolo le
farà' proseguire diritto, e non vorrà' concedersi ad essi per lo scopo
opposto alla tagliante autorità' , toccando terra, volendo stimolare fino
ciò' che nascerà' da un ramo della da lungo tempo Sterile, che libererà'
tutti i popoli dell'universo da quella schiavitù' benigna e volontaria
rimettendosi alla protezione di Marte, spogliando Giove di tutti i suoi
onori e dignità' , per la città' libera, fondata e situata in un'altra esigua
Mesopotamia.

(LXII) - E saranno il capo ed il governatore gettati dal centro e messi


in aria, ignorando la cospirazione dei congiurati con il secondo
Trasibulo, che da molto tempo aveva manipolato tutto ciò'.

(LXIII) - Allora le sozzure, le abominazioni, saranno con grande


disonore obbiettate, e manifestate alle tenebre della offuscata luce, e
cesserà' verso la fine del cambiamento del suo regno,

76
[LXIV]& les clefs de l'Eglise seront en arriere de l'amour de Dieu[

LXV] & plusieurs d'entre eux apostatizerôt de la vraye foy,

[LXVI] & des trois sectes, celle du milieu, par les culteurs d'icelle,
sera vn peu mis en decadence.

[LXVII] La prime totallement par l'Europe, la plus part de l'Affrique


exterminee de la tierce, moyennât les pauures d'esprit, que par insêsez
esleuez par la luxure libidineuse adultereront.

[LXVIII] La plebe se leuera soustenant, dechassera les adherâs des


legislateurs, & semblera que les regnes affoiblis par les Orientaux que
Dieu le Createur aye deslié Satan des prisons infernalles, pour faire
naistre le grand Dog & Dohan, lesquels seront si grande fraction
abominable aux Eglises, que les rouges ne les blancs sans yeux ne sans
mains plus n'en iugeront, & leur sera ostee leur puissance.

[LXIX] Alors sera faicte plus de persecutiô aux Eglises, que ne fut
iamais

[LXX] Et sur ces entrefaictes naistra la pestilence si grande que trois


pars du monde plus que les deux defaudront.

[LXXI] Tellement qu'on ne sçaura, cognoistre ne les appartenans des


champs & maisons, & naistra l'herbe par les ruës des cités plus haute
que les genoux:

[LXXII] Et au clergé sera faicte toute desolation, & vsurperont les


martiaux ce que sera retourné de la cité du Soleil de Melite, & des
isles Stechades, & sera ouuerte la grâd chaisne du port qui prêd sa
denomination au boeuf marin.

[LXXIII] Et sera faite nouuelle incursion par les maritimes plages,


volant le saut Castulum deliurer de la premiere reprinse Mahumetane.

[LXXIV] Et ne seront de leurs assaillemens vains, & au lieu que iadis


fut l'habitation d'Abraham, sera assaillie par personnes qui auront en
veneration les Iouialistes.

77
(LXIV) - e le chiavi della Chiesa saranno in difetto dell'amore di Dio,

(LXV) - e parecchi di essi rinnegheranno la vera Fede,

(LXVI) - e delle tre sette, quella di mezzo, per i suoi cultori, sarà' un
poco messa in minoranza.

(LXVII) - La prima interamente per l'Europa, la maggior parte


dell'Africa sterminata dalla terza, grazie ai poveri di spirito, che
adultereranno per errata educazione, e per libidinosa lussuria.

(LXVIII) - Il popolo si solleverà' , scaccerà' i seguaci dei legislatori e


sembrerà' che i regni siano stati indeboliti dagli Orientali, che Dio
Creatore abbia slegato Satana dalle prigioni infernali, per far nascere il
grande Gog e Magog, che provocheranno una cosi' abominevole
frattura alle Chiese, che ne' i rossi ne' i bianchi senza occhi e senza
mani non potranno più' giudicare, e sarà' loro negata ogni potenza.

(LXIX) - Allora vi sarà' la più' grande persecuzione alle Chiese di


quanta ne sia mai stata fatta.

(LXX) - E durante questi avvenimenti sorgerà' una epidemia cosi'


vasta che due terzi del mondo periranno,

(LXXI) - tanto che non si riconosceranno gli appartenenti ai campi o


alle case, e l'erba crescerà' più' alta delle ginocchia per le vie delle
città' ;

(LXXII) - al Clero verra' fatta ogni angheria, ed i militari usurperanno


ciò' che proverrà' dalla città' del Sole di Malta e dalle isole Egadi e
sarà' aperta la grande catena del porto che prende il nome di bue
marino.

(LXXIII) - E sarà' fatta una nuova incursione sulle spiagge del mare,
volendo liberare Castulum dalla prima ripresa maomettana.

(LXXIV) - E non saranno vani i loro assalti, e nel luogo che un tempo
per la dimora di Abramo, saranno assaliti da persone che avranno in

78
grande venerazione i Giovialisti.

79
[LXXV] Et icelle cité d'Achem sera enuironnee, & assaillie de toutes
parts en tresgrande puissance de gens d'armes.

[LXXVI] Seront affoiblies leurs forces maritimes par les Occidentaux.

[LXXVII] Et à ce regne sera faicte grande desolation, & les plus


grandes citez seront de peuplees, & ceux qui entreront dedans seront
comprins à la vengeance de l'ire de Dieu.

[LXXVIII] Et demeurera le sepulchre de tant grande veneration par


l'espace de long temps soubs le serain à l'vniverselle vision des yeux
du Ciel, du Soleil, & de la Lune.

[LXXIX] Et sera conuerty le lieu sacré en ebergement de troupeau


menu & grand, & adapté en substances prophanes.

[LXXX] O quelle calamiteuse affliction sera par lors aux femmes


enceintes:

[LXXXI] & sera par lors du principal chef Oriental, la plus part esmeu
par les Septentrionaux & Occidentaux vaincu, & mis à mort, profligez,
& le reste en fuite, & ses enfans de plusieurs femmes emprisonnez, &
par lors sera accomplie la Prophetie du Royal Prophete: Vt audiret
gemitus compeditorum, vt solueret filios interemptorum.

[LXXXII] Quelle grande oppression qui par lors sera faicte sur les
Princes & gouuerneurs des Royaumes, mesmes de ceux qui seront
maritimes & Oriêtaux, & leurs langues entremeslees à grande societé:

[LXXXIII] la langue des Latins & des Arabes par la communication


Punique,

[LXXXIV] & seront tous ces Roys Orientaux chassez profligez,


exterminez, nô du tout par le moyen des forces des Roys d'Aquilon &
par la proximité de nostre siecle par moyen des trois vnys secrettemêt
cerchant la mort, & insidies par embusches l'vn de l'autre,

[LXXXV] & durerà le renouuellement de Triumuirat sept ans, que la


renommee de telle secte fera son estenduë par l'vnivers, & sera
soustenu le sacrifice de la saincte & immaculee hostie:

80
(LXXV) - E la città' di Achem sarà' circondata ed assalita da tutte le
parti con enorme massa di soldati.

(LXXVI) - Saranno indebolite le loro forze marittime dagli


Occidentali.

(LXXVII) - Ed a questo regno verra' inflitta grande desolazione, le


più' grandi città' saranno spopolate e quelli che vi entreranno,
verranno sottomessi alla vendetta dell'ira di Dio

(LXXVIII) - E il sepolcro tanto venerato sarà' a lungo esposto alla


vista del Cielo, del Sole, e della Luna.

(LXXIX) - Ed il luogo sacro sarà' trasformato in un ovile per armenti


piccoli e grandi ed adattato per cose profane.

(LXXX) - Oh quali calamitose afflizioni colpiranno le donne incinte!

(LXXXI) - La maggior parte saranno minacciate dal principale Capo


Orientale, dai Settentrionali e dagli Occidentali vinti ed uccisi,
sconfitti ed i restanti in fuga, ed i figli di molte donne imprigionati;
allora si compirà' la Profezia del Profeta reale: "Affinché' udissero i
gemiti dei prigionieri e liberassero i figli degli uccisi".

(LXXXII) - Quella grande oppressione che da loro sarà' fatta sui


Principi e Governatori dei Regni, perfino di quelli che saranno
naviganti ed orientali e le loro lingue mescolate in grande società' ;

(LXXXIII) - la lingua dei Latini e degli Arabi per la comunicazione


Punica, e tutti questi Re Orientali saranno cacciati sconfitti, sterminati,

(LXXXIV) - non solamente dalle forze dei Re d'Aquilone,- e in


prossimità' del nostro secolo, per mezzo di tre segretamente uniti
cercando la morte, ed insidiati per reciproche imboscate,

(LXXXV) il rinnovo del triumvirato durerà' sette anni cosi' che la


fama di quella setta di estenderà' per tutto l'universo e sarà'

81
mantenuto il sacrificio della Santa ed immacolata Ostia;

82
[LXXXVI] & seront lors les Seigneurs deux en nombre d'Aquilon,
victorieux sur les Orientaux, & sera en iceux faict si grand bruit &
tumulte bellique, que tout iceluy. Orient tremblera de la frayeur
d'iceux freres, non freres Aquilonaires.

[LXXXVII] Et pource, Sire, que par ce discours ie mets presque


confusement ces predictions,

[LXXXVIII]& quand ce pourra estre & l'aduenement d'iceux, pour le


denombrement du temps que s'ensuit, qu'il n'est nullemêt ou bien peu
conforme au superieur:

[LXXXIX]lequel tant par voye Astronomique, que par autres mesmes


des sacrees escritures, qui ne peuuent faillir nullement, que si ie
voulois à vn chacun quatrain mettre le denombrement du temps, se
pourroit faire:

[XC] mais à tous ne seroit aggreable, ne moins les interpreter iusques


à ce Sire, que vostre Maiesté m'aye octroyé ample puissance pour ce
faire, pour ne donner cause aux calomniateurs de me mordre.

[XCI] Toutesfois contans, les ans depuis la creation du monde, iusques


à la naissance de Noë, sont passez milcinq cens & six ans,

[XCII] & depuis la naissance de Noë iusques à la parfaicte frabrication


de l'arche, approchant de l'vniuerselle mondation, passerent six cens
ans (si les dôs estoyêt Solitaires ou Lunaires, ou des dix mixtions) ie
tiens ce que les sacrees escriptures tiennent qui estoyent Solaires.

[XCIII] Et à la fin d'iceux six ans Noë entra dans l'arche pour estre
sauué du deluge:

[XCIV] & fut iceluy deluge, vniuersel sur terre, & dura vn au & deux
mois.

[XCV] Et depuis la fin du deluge iusques à la natiuité d'Abraham,


passa le nombre des ans de deux cens nonâte cinq.

83
84
(LXXXVI) - e saranno allora in numero di due i Signori d'Aquilone
vittoriosi sugli orientali ed intorno a loro sarà' fatto gran rumore e
tumulto bellico, che tutto l'Oriente tremerà' di paura. per questi
fratelli, non fratelli Aquilonari.

(LVXXVII) - E perciò' SIRE, che con questo discorso, Voi Mi


aiuterete a scacciare Satana nella sua infernale dimensione, dove sarà'
rinchiuso per un lunghissimo millennio e non potrà' più' disturbarvi.
Formulo queste previsioni in modo un poco confuso,

(LXXXVIII) - e quando queste potranno avverarsi con l'adempimento


di esse, per il computo del tempo che fugge, che non e' per niente o
ben poco conforme al meglio,

(IXXXIX) - il quale, tanto per studi astronomici che per altri mezzi,
perfino dalle Sacre Scritture, che non possono assolutamente
sbagliare, tanti che se io volessi dare la datazione del tempo ad ogni
quartina, si potrebbe fare,

(XC) - ma ciò' non sarebbe gradito a tutti, neppure per interpretare


fino a quando SIRE Vostra Maestà' non mi abbia concesso ampia
facoltà' di farlo per non offrire ai calunniatori motivo per criticarmi.

(XCI) - Nondimeno, contando gli anni dalla creazione del mondo fino
alla nascita di Noè' sono passati 1506 anni.

(XCII) - E dopo la nascita di Noè' fino al termine della fabbricazione


dell'arca, avvicinandosi il Diluvio Universale, passarono seicento anni
(non si sa se gli anni fossero solari o lunari, o delle due sorti) io
giudico ciò' che raccontano le Sacre Scritture cioè' che siano solari.

(XCIII) - Alla fine di questi 600 anni, Noè' entro' nell'arca per essere
salvato dal Diluvio,

(VCIV) - e quel Diluvio fu universale sulla terra e duro' un anno e due


mesi.

(XCV) - E dopo la fine del Diluvio fino alla nascita di Abramo passo'
un numero di anni pari a duecento novanta cinque.

85
[XCVI] Et depuis la natiuité d'Abraham iusques à la natiuité d'Isaaç
passerent cent ans.

[XCVII] Et depuis Isaac iusques à Iacob, soixante ans dès l'heure qu'il
entra en Egypte iusques à l'yssue d'iceluy passerent cent trête ans.

[XCVIII] Et depuis l'entrée de Iacob, en Egypte iusques à l'issue


d'iceluy, passerent quatre cens trente ans.

[XCIX] Et depuis l'yssue d'Egypte iusques à l'edification du Temple


faicte par Salomon au quatriesme an de son regne, passerent quatre
cens octâte ou quatre vingts ans.

[C] Et depuis l'edification du temple iusques à Iesus Christ selon la


supputation des hierographes, passerent quatre cens nonante ans.

[CI] Et ainsi par ceste supputation que i'ay faicte, colligee par les
sacres lettres, sont enuiron quatre mille cent septante trois ans & huict
mois, peu ou moins:

[CII] Or de Iesus Christ en ça par la diuersité des sectes ie laisse,

[CIII] & ayant supputé & calculé les presentes Propheties, le tout
selon l'ordre de la chaisne qui contient sa revelation, le tout par
doctrine Astonomique, & selon mon naturel instinct,

[CIV] & apres quelque temps & dans iceluy comprenant depuis le
temps que Saturne qui tournera entre à sept du mois d'Auril, iusques au
15. d'Aoust Iupiter à 14. de Iuin iusques au 7. Octobre Mars depuis le
17. d'Auril, iusques au 22. de Iuin, Venus depuis le 9. d'Auril iusques
au 22. de May, Mercure depuis le 3. de Feurier, iusques au 24. dudit.

[CV] En apres le premier de Iuin, iusques au 24. dudit, & du 25. de


Septembre, iusques au 16. de Octobre, Saturne en Capricorne, Iupiter
en Aquarius, Mars en Scorpio, Venus en Pisces, Mercure dans vn
moys en Capricorne, Aquarius, & pisces, la lune en Aquarius la teste
du Dragon en Libra: là queüe à son signe opposite

86
(XCVI) - Tra la nascita di Abramo e quella d'Isacco passarono cento
anni.
(XCVII) - Da Isacco a Giacobbe sessanta anni. Quando entro' in Egitto
fino alla sua uscita passarono centotrenta anni.

(XCVIII) - Dopo l'entrata di Giacobbe in Egitto fino alla sua uscita


passarono quattrocentotrenta anni.

(XCIX) - Dopo l'uscita dall'Egitto fino alla costruzione del Tempio di


Salomone nel quarto anno del suo regno, passarono quattrocentottanta
anni.

(C) - E dopo l'edificazione del Tempio, fino a Gesù' Cristo secondo il


calcolo dei geroglifici. passarono quattrocentonovanta anni.

(CI) - E cosi' da questi calcoli che ho fatto, secondo le Sacre Scritture


sono circa quattro cento settanta tre anni ed otto mesi, più' o meno.

(CII) - Ora da Gesù' Cristo in poi, per la diversità' delle sette, io


lascio,

(CIII) - avendo considerato e calcolato le presenti Profezie, il tutto


secondo l'origine degli avvenimenti, secondo le dottrine Astronomiche
e secondo il mio istinto,

(CIV) - e dopo qualche tempo ed in quello in cui Saturno tornerà' al


sette di aprile fino al 15 d'agosto, Giove dal 14 di giugno fino al 7 di
ottobre, Marte dopo il 17 d'aprile fino al 22 di giugno, Venere dopo il
9 di aprile fino al 22 di maggio, Mercurio dopo il 3 di febbrai o fino al
24 dello stesso mese.

(CV) - E dopo il primo di Giugno, fino al 24 di giugno e dal 25


settembre fino al 16 di ottobre, Saturno in Capricorno, Giove in
Acquario, Marte in Scorpione, Venere in Pesci, Mercurio per un mese
in Capricorno, Acquario e Pesci, la Luna in Acquario, la testa del
Dragone in Bilancia; la coda del suo segno opposto,

87
[CVI] suyuant vne conionction de Iupiter à Mercure auec vn quadrin
aspect de Mars à Mercure, & la teste du Dragon sera auec vne
conionction du Soleil à Iupiter, l'annee sera pacifique sans eclypse, &
non du tout,

[CVII] & sera le commencement comprenant ce de ce que durera &


cômençant icelle annee sera faicte plus grande persecution à l'Eglise
Chrestienne, que n'a esté faicte en Afrique, & durera ceste-icy iusques,
à l'an mil sept cens nonante deux que l'ô cuydera estre vne renouation
de siecle:

[CVIII] apres commencera le peuple Romain de se redresser, & de


chasser quelques obscures tenebres, receuant quelque peu de leur
pristine clarté, non sans grande diuision & continuel châgemens.

[CIX] Venise en apres en grande force & puissance leuera ses aisles si
treshaut, ne disant gueres aux forces de l'antique Rome.

[CX] Et en iceluy temps grandes voyles Bisantines associees aux


Ligustiques par l'appuy & puissance Aquilonaire, donnera quelque
empeschement que des deux Cretenses ne leur sera la foy tenueë.

[CXI] Les arcs edifiez par les antiques Martiaux, s'accompagneront


aux ondes de Neptune.

[CXII] En l'Adriatique sera faicte discorde grande ce que sera uny sera
separé, approchera de maison ce que paravant estoit & est grande cité,
comprenant le Pompotam la Mesopotamie de l'Europe à quarante cinq
& autres de quarante vn, quarante deux, & trente sept.

[CXIII] Et dans iceluy temps, & en icelles contrees la puissance


infernale mettra à l'encontre de l'Eglise de Iesus Christ la puissance
des aduersaires de sa loy, qui sera le second Antechrist, lequel
persecurera icelle Eglise & son vray Vicaire, par moyen de la
puissance des Roys temporels, qui seront par leur ignorance seduicts
par langues, qui trencheront plus que nul glaiue entre les mains de
l'insensé.

88
(CVI) - seguendo una congiunzione da Giove a Mercurio, con Marte
in quadratura con Mercurio e la testa del Dragone sarà' in
congiunzione con Sole e Giove, l'annata sarà' pacifica, senza eclissi
ma non del tutto e sarà' l'inizio che comprenderà' quello che durerà' .

(CVII) - E cominciando da quell'anno, avverrà' la più' grande


persecuzione della Chiesa Cristiana, quale mai era stata fatta in Africa
e questa persecuzione durerà' fino all'anno 1 792 che si considererà'
essere un rinnovamento del secolo,

(CVIII) - dopo comincerà' a sollevarsi il popolo Romano ed a


cacciare alcune oscure tenebre riacquistando un poco del suo passato
splendore noti senza pero' grandi divisioni e continui sconvolgimento,

(CVIX) - Venezia con grande forza e potenza innalzerà' le sue ali


molto in alto non molto dissimili ai fasti dell'antica Roma.

(CX) - In quei tempi molte vele Bizantine alleate ai Liguri per


appoggio alla potenza Aquilonare, causeranno qualche impedimento,
tanto che non sarà' tenuta fede dai due Cretesi.

(CXI) - Gli archi costruiti marziali si uniranno alle onde di Nettuno.

(CXII) - In Adriatico sarà' fatta discordia grande, ciò' che era stato
unito, sarà' separato, si avvicinerà' ad una casa, ciò' che prima era e'
una grande città' , comprendendo il più' potente, la Mesopotamia
dell'Europa a 45 gradi ed altri, di 41, 42 e 37 gradi.

(CXIII) - Ed in quel tempo, ed in quelle contrade la potenza infernale


metterà' contro la Chiesa di Gesù' Cristo la potenza degli avversari
della sua legge che sarà' il secondo Anticristo il qua perseguiterà'
quella Chiesa ed il suo vero Vicario con l'aiuto potenze dei Re
temporali, che saranno per loro ignoranza sedotti lingue che
taglieranno più' che una spada tra le mani di insensati.

Le susdicts regne de l'Antechrist ne durera que iusques au definement

89
de ce n'ay pres de l'aage & de l'autre à la cité de Plancus accompagnez
de l'esleu de Modone Fulcy, par Ferrare, maintenu par Liguriens
Adriaticques, & de la proximité de la grande Trinacrie: Puis passera le
môt Iouis, Le Gallique ogmium, accompagné de si grand nombre que
de bien loing l'Empire de sa grande loy sera presenté, & par lors &
quelque temps apres sera espanché profuseement le sang des Innocens
par les nocens vn peu esleuez: alors par grands deluges la memoire des
choses contenues de tels instrumens receura innumerable perte,
mesmes les lettres: qui sera deuers les Aquilonaires par la volonté
diuine, & entre vnefois lié Satan. Et sera faicte paix vniuerselle entre
les humains, & sera deliuree l'Eglise de Iesus Christ de toute
tribulation, combien que par les Azos-tains voudroit mesler dedans le
miel du fiel, & leur pestifere seduction: & cela sera proche du
septiesme millenaire, que plus le sanctuaire de Iesus Christ ne sera
conculqué par les infideles qui viendront de l'Aquillon, le monde
approchant de quelque grande conflagration combien que par mes
supputations en mes propheties, le cours du temps aille beaucoup plus
loing Dedans l'Epistre que ces ans passez ay dedié à mon fils Cesar,
Nostradamus i'ay assez appertement declaré aucuns poincts sans
presage.
Mais icy, ô Sire, sont comprins plusieurs grands & merueillieux
aduenemens, que ceux qui viendront apres le verrôt.

[CXIV] Et durant icelle supputation Astrologique, conferee aux


sacrees lettres, la persecution des gens Ecclesiastiques prendra son
origine par la puissance des Roys Aquilonaires, vnis auec les
Orientaux. Et ceste persecution durera onze ans, quelque peu moins,
que par lors defaillira le principal Roy Aquilonaire lesquels ans
accomplis suruiendra son vny Meridional, qui persecutera encore plus
fort par l'espace de trois ans les gens d'Eglise, par la seductiô
apostatique, d'vn qui tiendra toute puissance absoluë à l'Eglise
militaire, & le sainct peuple de Dieu obseruateur de sa loy, & tout orde
de religion sera grandement persecuté & affligé tellement que le sang
des vrais Ecclesiastiques, nagera par tout, & vn des horribles Roys
temporels par ses adherans luy seront donnes telles louanges, qu'il aura
plus respandu de sang humain des innocens Ecclesiastiques, que nul ne
sçauroit auoir du vin. & iceluy Roy cômettra des forfaicts enuers

90
Il suddetto regno dell'Anticristo non durerà' che fino alla morte questo
ultimo e dell'altro nella città' di Planco accompagnato dall letto di
Modena, Fulcy per Ferrara, tenuto dai Liguri Adriatici in prossimità'
della grande Trinacria. Poi passera' il monte di Giove L'Ercole
Gallico accompagnato da cosi' gran numero (di sorda ti), da molto
lontano sarà' rappresentato dall'Impero della sua ed allora e qualche
tempo dopo sarà' sparso abbondantemente sangue di innocenti da
parte di individui che si erano innalza attraverso matrimoni, allora per
grandi invasioni il ricordo cose contenute in tali strumenti decadrà' ,
perfino le lettere,- che per volontà' divina sarà' per gli Aquilonari, ed
una volta legato a Satana E sarà' promulgata una pace universale fra
gli uomini, sarà' libera la Chiesa di Gesù' Cristo da tutte le
tribolazioni, cosi' che Azostani, (2) si vorrà' mescolare il fiele con
miele, e la loro funesta lusinga; ciò' avverrà' in vicinanza del settimo
millennio, quando Santuario di Gesù' Cristo non sarà' più' calpestato
dagli infedeli verranno dall'Aquilone, avvicinandosi il mondo a
qualche gran conflagrazione, secondo i calcoli delle mie Profezie il
corso dei tempi andrà' molto più' lontano. Nella Epistola che negli
anni passa avevo dedicata a mio figlio Cesare, avevo abbastanza
chiaramente esposti alcuni eventi, senza presagi. Ma qui, o SIRE sono
compresi molti grandi e meravigliosi avvenimenti che coloro che
verranno dopo, lo vedranno.

(CXIV) - E per quel calcolo Astrologico, rapportato alle Sacre


Scritture, la persecuzione degli Ecclesiastici prenderà' origine da
potenza dei Re Aquilonari, uniti agli Orientali. Questa persecuzione
durerà' undici anni, od un po' meno, quando da loro verra' meno il
principale Re Aquilonario, e trascorsi tali anni giungerà' il suo alleato
Meridionale e perseguiterà' ancor più' duramente per tre anni le genti
della Chiesa con la lusinga della Apostasia di uno che deterrà' tutto il
potere assoluto della Chiesa militante ed il santo popolo di Dio,
osservante della Sua Legge, ed ogni ordine religioso, saranno
fortemente perseguitati ed afflitti, tanto che il sangue dei veri
Ecclesiastici scorrerà' ovunque, ed uno dei terribili Re temporali sarà'
molto onorato dai suoi aderenti, egli avrà' sparso più' sangue umano
degli Innocenti Ecclesiastici che non se ne potrà' avere di più', come
vino (sparso) e questo Re commetterà' incredibili misfatti contro

91
l'Eglise incroyables, coulera le sang humain par les rues publiques, &
temples, comme l'eau par pluye impetueuse, & rougiront de sang les
plus prochains fleuues, & par autre guerre nauale rougira la mer, que
le rapport d'vn Roy à l'autre luy sera dit: Bellis rubuit naualibus
aequor.

[CXV] Puis dans la mesme annee & les suiuantes s'en ensuiura la plus
horrible pestilence, & la plus meruelleuse par la famine precedente, &
si grandes tribulations que iamais soit aduenue telle depuis la premiere
fondation de l'Eglise Chrestienne, & par toutes les regions Latines,

[CXVI] demeurant par les vestiges en aucunes contrees des Espaignes.

[CXVII] Par lors le tiers Roy Aquilonaire entendât la plaincte du


peuple de son principal tiltre, dressera si grande armee, & passera par
les destroits de ses derniers auites & bisayeuls, qui remettra la plus
part en son estat,

[CXVIII] & le grand Vicaire de la cappe sera remis en son pristin


estat: mais desolé, & puis du tout abandonné, & tournera estre Sancta
Sanctorum destruicte par Paganisme & le vieux & nouueau Testament
serôt dechassez, bruslez,

[CXIX] en apres l'Antechrist sera le prince infernal, encores par la


derniere foy trembleront tous les Royaumes de la Chrestienté, & aussi
des infideles, par l'espace de vingt cinq ans, & seront plus grieues
guerres & batailles, & seront villes, citez chasteaux, & tous autres
edifices bruslez, desolez, destruicts, auec grande effusion de sang
vestal, mariees, & vefues violees, enfans de laict contre les murs des
villes allidez & brisez, & tant de maux se commettront par le moyen
de Satan, prince infernal, que presque le monde vniuersel se trouuera
defaict & desolé:

[CXX] & auant iceux advenemens aucuns oyseaux insolites crieront


par l'air, Huy huy, & seront apres quelques temps esuanouys.

[CXXI] Et apres que tel temps aura duré longuement, sera presque
renouuellé vn autre regne de Saturne, & siecle d'or,

92
la Chiesa, scorrerà' il sangue umano per le pubbliche strade e nei
templi, come acqua per pioggia impetuosa, e arrossiranno di sangue i
fiumi più' vicini e per altra guerra navale si arrosserà' il mare, tanto
nel rapporto di un Re all'altro sarà' detto: "Il mare si fece rosso per le
battaglie navali".

(CXV) - Poi nello stesso anno e nei successivi scoppierà' la più'


terribile epidemia causata dalla precedente carestia e cosi' grandi
tribolazioni, mai avvenute dopo la fondazione della Chiesa Cristiana
ed in tutti i paesi latini,

(CXVI) - si espanderà' in alcune contrade della Spagna.

(CXVII) - Allora il terzo Re Aquilonario udendo il lamento del popolo


della sua principale regione, formerà' una grande armata e passera'
per i territori dei suoi ultimi avi e bisavoli e li rimetterà' per la
maggior parte nei loro insediamenti,

(CXVIII) - il grande Vicario della cappa sarà' rimesso nel suo


primitivo rango, ma desolato e poi del tutto abbandonato ed il Sancta
Sanctorum tornerà' ad essere distrutto dal Paganesimo ed il Vecchio
ed il Nuovo Testamento saranno banditi e bruciati,

(CXIX) - in seguito l'Anticristo sarà' ancora per l'ultima volta il


Principe infernale, tremeranno tutti i regni della Cristianità' , ed anche
quelli degli infedeli per un periodo di 25 anni e vi saranno gravissime
guerre e battaglie ed edifici bruciati, devastati, distrutti, con grande
spargimento di sangue di vergini, spose e vedove violate, neonati
scagliati e maciullati contro le mura delle città' e si commetteranno
tanti mali per mezzo di Satana, principe infernale che quasi tutto il
mondo si troverà' distrutto e devastato,

(CXX) - prima di ciò' alcuni strani uccelli grideranno nell'aria: huy,


huy e svaniranno dopo qualche tempo.

(CXXI) - Dopo che quel periodo sarà' durato a lungo, sarà' quasi
ripristinato un altro regno di Saturno, secolo d'oro;

93
[CXXII] Dieu le createur dira entendant l'affliction de son peuple,
Satan sera mis, & lié dans l'abysme du barathre dans la profonde fosse:

[CXXIII] & adonc commencera entre Dieu & les hommes vne paix
vniuerselle, & demeurera lié enuiron l'espace de mille ans, & tournera
en sa plus grande force, la puissance Ecclesiastique, & puis tourne
deslié.

[CXXIV] Que toutes ces figures sont iustement adaptees par les
diuines lettres aux choses celestes visibles, c'est à sçavoir, par Saturne,
Iupiter, & Mars, & les autres conioincts, comme plus à plain par
aucuns quadrins l'on pourra voir.

[CXXV] Ie eusse calculé plus profondement, & adapté les vns


auecques les autres.

[CXXVI] Mais voyant ô Serenissime Roy, que quelqu'vns de la


sensure trouueront difficulté, qui sera cause de retirer ma plume à mon
repos nocturne: Multa etiam, ô rex omnium potentissime, praeclara et
sanè in breui ventura, sed omnia in hac tua epistola innectere non
possumus, nec volumus: sed ad intelligenda quaedam facta horrida
fata, pauca libanda sunt, quamuis tanta sit in omnes tua amplitudo et
humanitas homines, deosque pietas, vt solus amplissimo et
Christianissimo Regis nomine, et ad quem summa totius religionis
auctoritas deferatur dignus esse videare.

[CXXVII] Mais tant seulement ie vous requiers, ô Roy tres clemêt; par
icelle vostre singuliere & prudente humanité, d'entendre plus tost le
desir de mon courage, & le souuerain estude que i'ay d'obeyr à vostre
Serenissime Maiesté, depuis que mes yeux furent si proches de vostre
splendeur Solaire, que la grandeur de mon labeur n'attainct ne requiert.
-- De Salon, ce 27. de Iuin, 1558.

Faciebat Michaël Nostradamus Salonae Petrae Prouinciae.

94
(CXXII) - Dio Creatore, ascoltando i lamenti del suo popolo, disporrà'
che Satana sia caccialo nell'abisso del baratro, nella fossa profonda.

(CXXIII) - E dopo comincerà' fra Dio e gli uomini una pace


universale che durerà' per mille anni ed il potere Ecclesiastico
ritornerà' nel più' grande splendore e poi ritornerà' disunito.

(CXXIV) - Che tutte queste visioni siano giustamente adattate dalle


Sacre Scritture alle cose celesti visibili, e' da scoprire in Saturno,
Giove e Marte e gli altri congiunti, e più' chiaramente si potrà' vedere
in alcune quartine.

(CXXV) - Se avessi calcolato più' profondamente ed adattato le une


con le altre,

(CXXVI) - ma vedendo, o serenissimo Re che qualcuno della censura


trovasse delle difficoltà' che potrebbe essere occasione di colpire i
miei scritti ed il mio notturno riposo: "O Re, il più' potente fra tutti i
Re, avvenimenti eccezionali fra breve si verificheranno, ma tutti non li
posso indicare in questa epistola, ne' lo voglio: ma per comprendere
qualcuno dei più' orrendi, e' sufficiente chiarirne alcuni, sebbene tanto
grande sia la tua maestà' , la tua umanità' , nei confronti di tutti, la tua
fede in Dio ed il solo degno dell'autorevolissimo e cristianissimo titolo
di Re e degno che ti si conferisca la suprema autorità' religiosa".

(CXXVII) - Ma solamente Vi chiedo, o Re clementissimo, per quella


Vostra singolare e prudente umanità' , di comprendere piuttosto il
desiderio del mio coraggio e la deferenza che io ho di obbedire a
Vostra serenissima Maestà' dopo che i miei occhi furono cosi' vicini al
Vostro splendore solare che la grandezza del mio lavoro non
raggiunge ne' ricerca. Da Salon, il 27 giugno 1558.

Faceva Michele Nostradamus in Salon, terra di Provenza.

95
96
Appendice A

97
98
99
100
101
102
103
104
105
106
107
Bibliografia

108
109
AUTORE : Trithemius, Johann von Heidenberg von Trittenheim (dit ;
O.S.B.)
TITOLO : Ioan. Tritemij Abbatis Spanheymenn. De Septem
Secundeis, id est, intelligentijs, siue Spiritibus Orbes post deum
mouentibus...Adjectae sunt aliquot epistolae ex opere Epistolarum Jo.
Tritemii utilissima.
EDITORE :Coloniae : apud J. Birckmannum 1567.

AUTORE : Roussat, Richard (chanoine de Langres)


TITOLO : Livre de l’estat et mutation des temps...
EDITORE : Lyon : chez Guillaume Rouillé 1550.
COTE(S) : Rés B 491766
BIBLIOTHEQUE MUNICIPALE DE LYON

AUTORE : Moult, Thomas-Joseph


TITOLO : Prophéties perpétuelles, très-curieuses et très-certaines...
traduites de l’italien en françois, qui auront cours pour l’an 1269, &
qui dureront jusques à la fin des siècles. Faites à Saint-Denis en
France, l’an de Notre seigneur 1268, du Règne de Louis IX, le
quarante-deuxième.
EDITORE : Paris : Prault 1743.
COTE(S) : 481565

AUTORE : Guynaud (capitaine)


Valtere (commissaire de l’Artillerie)
Nostradamus, Michel
Cosson, C. (M. D.)
David, P. (de Bordeaux)
La Motte, Antoine Houdar de
Guynaud, Jean
Duche de Baney
TITOLO : [La] Concordance des prophéties de Nostradamus avec
l’histoire, depuis Henri II jusqu’à Louis le Grand, la vie et l’apologie
de cet auteur, ensemble quelques essais d’explication sur plusieurs de
ses autres prédications,... Nouv. éd. rev., corr. et augm.... par M.
Guynaud. (Vers par Duché de Baney, Guynaud, Valtere, P. David,

110
Houdard de La Motte, C. Cosson, J. Guynaud) .
EDITORE : Paris : Vve Jacques Morel 1712.
AUTORE : Thomas (Frère)
TITOLO : Copie de la prophetie faicte par le pauvre frere Thomas,
souuerain exclamateur de la parole de Dieu, nouuellement translatee
d’Italien en François.
EDITION : S. l. : s. n. (c. 1610).
COTE(S) : 324291

AUTORE : Wayne Shumaker


TITOLO : RENAISSANCE CURIOSA ; M.R.T.S. 1982 1st edition
HB w/gold stamping, Fine copy, 208 pages. Includes chapters on John
Dee’s onverstaions with Angels, Johannes Trithemius and Cryptology,
Cardano’s Horoscope of Christ, Hermetics, Enochian magick, occult.

AUTORE :Tritheme Jean


TITOLO :Traite des causes secondes. Traite des causes secondes
precede d’une vie de l’auteur, d’une bibliographie et d’une preface et
accompagne de notes. P., Bibliotheque Chacornac, 1898, in-12, br.,
153 pp. Ouvrage orne d’un portrait de Tritheme.

AUTORE : Pichon Jean Charles


TITOLO : Nostradamus en clair
EDITORE : Robert Laffont

AUTORE : Robert Benazra


TITOLO : Repertoire Chronologique Nostradamique ( 1545-1989 )
EDITORE : Guy Tredaniel Editeur, 1990

AUTORE : Boulanger Louis


TITOLO : Les Cles Astrologiques des centuries de Nostradamus
EDITORE : RAMUEL

AUTORE : Chomarat Michel, Dupebe Jean, Polizzi Gilles


TITOLO : Nostradamus ou le savoir trasmis
EDITORE : Michel Chomarat

111
AUTORE : Reynaud-Plense Charles
TITOLO : Les Vraies Centurie Propheties
EDITORE : Imprimerie Regionale
AUTORE : Michel de Nostredame
TITOLO : Les Propheties de maitre Michel Nostradamus, Dont il y en
a trois cents qui n’ont jamais ete imprimees
EDITORE : Chez Jean Viret a Lyon 1697

AUTORE :Chomarat Michel, Nostradamus,


TITOLO : Les Propheties Lyon 1557
fac-simile dell’originale 1557 a cura di Du Rosne
EDITORE : Michel Chomarat

AUTORE : De Fontbrune dr
TITOLO : Les Propheties de Nostradamus
EDITORE : Devoicee Adyar

AUTORE : Ovason David


TITOLO : The secrets of Nostradamus
EDITORE : Century

AUTORE : Frontenac Roger


TITOLO : Le Clef Secrete de Nostradamus
EDITORE : Denoel

AUTORE : Ramotti Ottavio Cesare


TITOLO : Scienza temporali e Papi del futuro illustrati da
Nostradamus
EDITORE : Noesis

AUTORE : Edouard M.P.


TITOLO : Texte original des propheties de Michel Nostradamus
EDITORE : Les Belles

AUTORE : Pierre Brind’Amour


TITOLO : Les Premiers Centuries ou Propheties (edition Mace
Bonhomme de 1555 )

112
EDITORE : Droz, 1996

113

Potrebbero piacerti anche