Sei sulla pagina 1di 23

Scopo del processo di

misurazione

• Controllo del prodotto


• Controllo del processo

Al fine di accertare il rispetto delle


caratteristiche definite

Gestione delle apparecchiature di prova, misurazione e collaudo rev. 14/02/08 (1)


Caratteristiche critiche
Sono da considerare critiche le misure che si riferiscono a
una caratteristica che determina:

• Accettazione del prodotto da parte del cliente;


• Qualità;
• Sicurezza;
• Impatto ambientale;

O per le quali:

• è alta la probabilità che si verifichi una non conformità;


• è bassa la probabilità che la eventuale non conformità
venga individuata successivamente.

Gestione delle apparecchiature di prova, misurazione e collaudo rev. 14/02/08 (2)


Definizione di un requisito
Esigenza o aspettativa che può essere
espressa, generalmente implicita, o cogente.
(UNI EN ISO 9000:2005).

Un requisito quantitativo è completamente


definito se è indicato:
Unità di Misura
Valore richiesto
Tolleranza ammessa

Gestione delle apparecchiature di prova, misurazione e collaudo rev. 14/02/08 (3)


Tolleranza
Ogni caratteristica misurata è dotata di una
tolleranza espressa implicitamente o
esplicitamente.

L’ampiezza della tolleranza è la differenza tra


il valore massimo ed il valore minimo di una
caratteristica che individuano il campo di
accettazione della caratteristica stessa.

Spesso, la tolleranza è esplicitata per le sole


caratteristiche critiche.

Gestione delle apparecchiature di prova, misurazione e collaudo rev. 14/02/08 (4)


Definizione di una misura
Informazione ottenuta dal processo di
misurazione di un misurando.

Una misura è completamente espressa se è


indicato:
Unità di Misura
Valore stimato del misurando
Incertezza stimata
Livello di fiducia dell’incertezza stimata

Gestione delle apparecchiature di prova, misurazione e collaudo rev. 14/02/08 (5)


Incertezza
Ampiezza (stimata) del campo di valori del
misurando entro il quale si colloca il valore
vero con una data probabilità.

Ogni procedimento di misurazione presenta un


certo grado di incertezza da associare al valore
rilevato.
L’incertezza è legata a quei fattori di influenza
che determinano l’impossibilità di esprimere il
risultato della misurazione in modo
assolutamente certo.
Gestione delle apparecchiature di prova, misurazione e collaudo rev. 14/02/08 (6)
Relazione tra tolleranza ed
incertezza
Affinché l’incertezza non influenzi in modo
esplicito la verifica del rispetto delle
caratteristiche critiche, è necessario che
vi sia un adeguato rapporto tra la
tolleranza di tali caratteristiche e
l’incertezza associata alla misurazione
delle stesse.

Il rapporto convenzionalmente adottato è


compreso tra 3:1 e 10:1.
Gestione delle apparecchiature di prova, misurazione e collaudo rev. 14/02/08 (7)
Relazione tra tolleranza ed incertezza
V Nominale
Limite Limite
inferiore superiore
tolleranza tolleranza

Questa è la situazione
V Misurato limite per la quale si è
“certi” di rientrare
Limite inferiore Limite superiore nella tolleranza
incertezza incertezza
Zona di rischio di
accettazione
Zona di conformità
scarti

Zona di rischio di
rifiuto conformi

Gestione delle apparecchiature di prova, misurazione e collaudo rev. 14/02/08 (8)


Relazione tra tolleranza ed
incertezza
Al crescere del rapporto tra tolleranza ed
incertezza, la zona di conformità tende a
diventare uguale alla zona di tolleranza.

Ad ogni modo, nella maggior parte delle


realtà applicative, adottando un adeguato
rapporto tra tolleranza ed incertezza, è
possibile evitare di prendere in
considerazione la zona di conformità.

Gestione delle apparecchiature di prova, misurazione e collaudo rev. 14/02/08 (9)


Determinazione dell’incertezza
Fattori Tecnico – Strumentali:
• Non corretta applicazione del metodo di misurazione
• Approssimazioni introdotte da calcoli
• Errori intrinseci o imperfetto funzionamento o parziale
degradamento dello strumento utilizzato (incertezza
strumentale)
• Incertezze dei riferimenti usati per le tarature

Fattori Umani:
• Errori di lettura

Fattori ambientali:
• Condizioni ambientali (umidità, temperatura, pressione)
• Presenza di polveri
• Presenza di vibrazioni
• Interferenze elettromagnetiche

Gestione delle apparecchiature di prova, misurazione e collaudo rev. 14/02/08 (10)


Incertezza strumentale
Precisione (o ripetibilità):
Dispersione dei risultati di misure ripetute
dello stesso misurando (scostamento dei
singoli valori rispetto alla media degli
stessi)

Accuratezza (o esattezza):
Scostamento tra il valore medio dei
risultati di misure ripetute ed il valore vero

Gestione delle apparecchiature di prova, misurazione e collaudo rev. 14/02/08 (11)


Incertezza strumentale

poco preciso preciso preciso


poco accurato poco accurato accurato

E’ improbabile che uno strumento sia accurato ma


poco preciso

Gestione delle apparecchiature di prova, misurazione e collaudo rev. 14/02/08 (12)


Incertezza strumentale
La composizione dei valori di
precisione ed accuratezza dello
strumento di misura permette di
esprimerne l’incertezza.

L’incertezza può essere espressa con


diversi fattori di copertura, che indicano
con quale probabilità il valore vero della
caratteristica misurata si trova all’interno
del campo di incertezza.

Gestione delle apparecchiature di prova, misurazione e collaudo rev. 14/02/08 (13)


Taratura
Complesso di operazioni che
consente di stabilire, sotto
condizioni specificate, una
correlazione tra i valori di una
determinata grandezza (indicati dallo
strumento di misura) ed i valori
“noti” forniti da un “elemento di
riferimento”.

Gestione delle apparecchiature di prova, misurazione e collaudo rev. 14/02/08 (14)


Elementi di riferimento

Permettono di definire l’incertezza


strumentale dello strumento di
misura, attraverso la misurazione
(tramite lo strumento stesso) delle
caratteristiche dell’elemento di
riferimento che hanno valore “noto”.

Gestione delle apparecchiature di prova, misurazione e collaudo rev. 14/02/08 (15)


Elementi di riferimento

Anche i valori “noti” dati dagli


elementi di riferimento hanno una
loro incertezza.

Gli strumenti di misura che vengono


tarati tramite tali elementi di
riferimento “assorbono” l’incertezza
di quest’ultimi, incrementando la
propria.

Gestione delle apparecchiature di prova, misurazione e collaudo rev. 14/02/08 (16)


Criteri di accettazione
Per stabilire l’adeguatezza degli
strumenti di misura all’uso previsto,
devono essere definiti dei criteri di
accettazione da confrontare con i
risultati del processo di taratura.

In particolare, dovrà essere definita


l’incertezza massima ammissibile (in
funzione delle tolleranze delle
grandezze da misurare).

Gestione delle apparecchiature di prova, misurazione e collaudo rev. 14/02/08 (17)


Riferibilità

Proprietà del risultato di una


misurazione consistente nel poterlo
riferire, attraverso una catena
ininterrotta di confronti, a campioni
metrologici primari (nazionali o
internazionali).

Gestione delle apparecchiature di prova, misurazione e collaudo rev. 14/02/08 (18)


Laboratori di taratura

• Centro di taratura accreditato


• Centro di taratura non accreditato
• Laboratorio interno

In modo più o meno diretto, deve essere garantita la


riferibilità delle misurazioni.

Gestione delle apparecchiature di prova, misurazione e collaudo rev. 14/02/08 (19)


Schema della catena di riferibilità
Laboratorio Istituto metrologico
Laboratorio interno accreditato primario

Elemento di Elemento di
riferimento riferimento di Campione nazionale
Strumento minore (copia del campione
da tarare incertezza internazionale)

Gestione delle apparecchiature di prova, misurazione e collaudo rev. 14/02/08 (20)


Taratura di dispositivi non strumentali

“…, qualora tali campioni non esistano, devono essere registrati i criteri adottati
per la taratura o la verifica” (UNI EN ISO 9001:2008)

• Questionari e test
Modalità di verifica: utilizzo per campione limitato di utenti ed analisi
adeguatezza, comprensibilità e difficoltà delle domande, dispersione
delle risposte, parti non compilate, ecc.
• Software di monitoraggio
Modalità di verifica: confronto dei risultati con altre tecniche di
calcolo, con calcoli manuali, con software precedenti, analisi degli
algoritmi, ecc.

Identificazione e protezione contro regolazioni invalidanti degli strumenti

Gestione delle apparecchiature di prova, misurazione e collaudo rev. 14/02/08 (21)


La procedura
Modalità di:
• identificazione delle apparecchiature
• richiamo delle apparecchiature
• registrazione dei risultati
• eventuale richiamo dei prodotti

Gestione delle apparecchiature di prova, misurazione e collaudo rev. 14/02/08 (22)


Le istruzioni
• Taratura interna o esterna
• Elementi di riferimento da utilizzare
• Condizioni ambientali da garantire
• Punti di misura
• Numero di misurazioni
• Metodo di calcolo dell’incertezza
• Aspetti da verificare
• Criterio di accettazione
Gestione delle apparecchiature di prova, misurazione e collaudo rev. 14/02/08 (23)