Sei sulla pagina 1di 150

PROGRAM GEO – B-rock ver.

2 per Windows
SOMMARIO

SOMMARIO..........................................................................................................................1
1. INSTALLAZIONE ED AVVIO DEL PROGRAMMA. ...............................................5
1.1 CONTENUTO DEL PACCHETTO. ..........................................................................................5
1.2 CONFIGURAZIONE MINIMA RICHIESTA. ..............................................................................5
1.3) PROCEDURA D'INSTALLAZIONE E AVVIAMENTO DEL PROGRAMMA...................................6
1.3.1) Installazione.............................................................................................................6
1.3.2 Avvio del programma................................................................................................6
2. CARATTERISTICHE DEL PROGRAMMA. ..............................................................7
2.1 OPZIONI ATTIVABILI DAI MENÙ. ........................................................................................7
2.1.1 Menù FILE. ...............................................................................................................7
2.1.2 Menù PROFILI E STRATIGRAFIA...........................................................................8
2.1.3 Menù OPERE E CARICHI........................................................................................9
2.1.4 Menù VEDI. ..............................................................................................................9
2.1.5 Menù PROCEDURE. ..............................................................................................10
2.1.6 Menù OPZIONI.......................................................................................................11
2.1.7 Menù UTILITA’.......................................................................................................12
2.1.8 Menù HELP.............................................................................................................12
2.2 OPZIONI ATTIVABILI DALLA TOOLBAR.............................................................................14
2.3 . FINESTRE DI INPUT E DI CALCOLO..................................................................................15
2.3.1 Profilo topografico della sezione. ...........................................................................15
2.3.2 Colonne stratigrafiche.............................................................................................17
2.3.3 Stratigrafia e parametri geomeccanici....................................................................20
2.3.4 Falde acquifere. ......................................................................................................24
2.3.5 Riassunto della stratigrafia lungo una verticale. ....................................................26
2.3.6 Modifica e posizionamento della legenda nella sezione. ........................................27
2.3.7 Impostazione della scala grafica.............................................................................28
2.3.8 Utilizzo degli strumenti di disegno..........................................................................29
2.3.9 Metodi dell’equilibrio limite: stabilità globale. ......................................................31
2.3.10 Metodi dell’equilibrio limite: stabilità di blocchi isolati. .....................................45
2.3.11 Verifiche di stabilità con metodi probabilistici. ....................................................49
Introduzione dei parametri..........................................................................................................49
Metodo di Rosenblueth...............................................................................................................50
Metodo di Montecarlo ................................................................................................................51
2.3.12 Verifiche di stabilità con il metodo fuzzy. .............................................................53
2.3.13 Introduzione di opere di sostegno e sovraccarichi................................................55
Ancoraggi ...................................................................................................................................55
Chiodature ..................................................................................................................................57
Gabbionate..................................................................................................................................59
Muri di contenimento .................................................................................................................61

1
PROGRAM GEO – B-rock ver.2 per Windows
Reticoli di micropali ...................................................................................................................63
Sovraccarichi e sisma..................................................................................................................65
Fratture di trazione......................................................................................................................67
3 TUTORIAL DI B-ROCK2 .............................................................................................69
3.1 INSERIMENTO DEL PROFILO TOPOGRAFICO DELLA SEZIONE. ............................................69
3.2 INSERIMENTO DELLE COLONNE STRATIGRAFICHE DI RIFERIMENTO..................................70
3.3 DISEGNO DELLA SEZIONE. ...............................................................................................74
3.4 DISEGNO DELLA FALDA. ..................................................................................................77
3.5 POSIZIONAMENTO DELLA LEGENDA E DELLA SCALA GRAFICA .........................................79
3.6 VERIFICA DI STABILITÀ GLOBALE ....................................................................................79
3.7 CHIODATURA DELLA PARETE...........................................................................................81
4. TEORIA E NORMATIVA ............................................................................................83
4.1 DEFINIZIONE DEL PROBLEMA. .........................................................................................83
4.2 IMPOSTAZIONE DELLA PROCEDURA DI CALCOLO. ............................................................84
4.3 DIFFERENZA CON IL CASO DI UN PENDIO IN TERRA..........................................................87
4.3.1 Criterio di Hoek e Brown. .......................................................................................87
4.3.2 Stima dei valori di ci e ϕi dell’ammasso roccioso. ..................................................90
4.3.3 Stima dei valori di ci e ϕi dei giunti meccanici........................................................92
4.4 RISOLUZIONE CON I METODI DELL'EQUILIBRIO LIMITE......................................................93
4.4.1 Metodo di Fellenius................................................................................................98
4.4.2 Metodo di risoluzione di Bishop (semplificato).......................................................99
4.4.3 Metodo di risoluzione di Janbu (semplificato)......................................................102
4.4.4 Metodo di risoluzione di Spencer..........................................................................106
4.4.5 Metodo di risoluzione G.L.E. (General Limit Equilibrium) ..................................107
4.4.6 Metodo di risoluzione di Sarma ............................................................................109
4.4.7 Applicazione della rottura progressiva a superfici di scivolamento in roccia......111
4.5 CALCOLO DELL'INFLUENZA DI CARICHI ESTERNI E DI OPERE DI SOSTEGNO SULLA
STABILITÀ DEL VERSANTE...................................................................................................116
4.5.1 Sovraccarichi esterni.............................................................................................116
4.5.2 Sollecitazioni sismiche. .........................................................................................117
4.5.3 Tiranti....................................................................................................................122
4.5.4 Reticolo di micropali.............................................................................................125
4.5.5 Muri e gabbionate. ................................................................................................126
4.5.6 Chiodature. ...........................................................................................................127
4.5.7 Tension crack. .......................................................................................................129
4.6 EFFETTO DELL'ACQUA SULLA STABILTÀ DEI VERSANTI. .................................................129
4.7 METODI DI ANALISI PROBABILISTICA. ............................................................................131
4.7.1 Introduzione. .........................................................................................................131
4.7.2 Metodi di Montecarlo applicati alla verifica di stabilita'. ...................................133
4.7.3 Metodo di Rosemblueth applicato alla verifica di stabilità. .................................134
4.7.4 Stima della probabilità di rottura. ........................................................................135

2
PROGRAM GEO – B-rock ver.2 per Windows
4.8 ANALISI QUALITATIVA DEL GRADO DI STABILITÀ DI UN PENDIO CON IL METODO FUZZY. 138
4.9 STABILITÀ DEI SINGOLI CUNEI ROCCIOSI. .......................................................................142
4.9.1 Individuazione dei blocchi rimovibili....................................................................142
4.9.2 Analisi con il metodo dell'equilibrio limite. ..........................................................144
4.9.3 Scelta dei parametri della resistenza al taglio. .....................................................147
4.9.4 Analisi del rischio di ribaltamento........................................................................148

3
PROGRAM GEO – B-rock ver.2 per Windows

4
PROGRAM GEO – B-rock ver.2 per Windows
1. Installazione ed avvio del programma.

Prima di iniziare a lavorare con B-rock ver.2 verificare che:

a) il contenuto del pacchetto B-rock sia quello elencato di seguito;


b) la configurazione del proprio sistema soddisfi i requisiti richiesti dal
programma;
c) la procedura d'installazione sul disco fisso sia stata eseguita e completata
correttamente.

1.1 Contenuto del pacchetto.

Il pacchetto B-rock ver.2 deve contenere:

1. il CDROM o la chiave USB contenente il programma;


2. il Manuale Utente (che state leggendo);
3. la licenza d’uso del programma.

1.2 Configurazione minima richiesta.

Il programma richiede che:

I)sia installato l'ambiente operativo Windows a 32 bit;

II)si disponga di circa 12 Mb di spazio libero sul disco rigido;

III) si disponga di un computer con processore Pentium e almeno 256Mb di


memoria RAM (consigliati 512).

5
PROGRAM GEO – B-rock ver.2 per Windows
1.3) Procedura d'installazione e avviamento del programma.

1.3.1) Installazione.

I file del programma sono contenuti nel CD o nella chiave USB in formato
compresso.

Non è possibile quindi far girare il programma direttamente da questo


supporto.

E' necessario invece procedere alla sua installazione sul disco fisso del
computer, riferendosi alla procedura di seguito descritta.

1) Accendere il computer ed avviare Windows.


2) Inserire il CD nel lettore o la chiave USB nella corrispondente porta.
3) Nella finestra di presentazione che apparirà selezionare la voce B-rock
nella lista dei programmi da installare.
4) Seguire le istruzioni che appariranno a video durante l’installazione.

I file del programma saranno installati automaticamente nella cartella di


lavoro denominata C:\Programmi\Program Geo, a meno che l'utente non
preferisca utilizzare una denominazione differente. Il nome della directory
potrà essere modificato direttamente in fase d'installazione.

1.3.2 Avvio del programma.

Per avviare B-rock eseguire semplicemente un doppio click con il mouse


sull'icona del programma o premere il tasto <Invio>, quando la sua
didascalia è evidenziata.

6
PROGRAM GEO – B-rock ver.2 per Windows

2. Caratteristiche del programma.

B-rock ver.2 è un programma per il calcolo della stabilità di pendii in roccia.


Si compone di una finestra di lavoro dimensionabile, all'interno della quale
viene visualizzato il pendio nelle varie fasi di calcolo.
Le caratteristiche geometriche del pendio e degli elementi connessi
(sovraccarichi, opere di sostegno, sollecitazioni sismiche) e i parametri
geomeccanici della roccia possono essere inseriti e modificati all'interno
dell'area di lavoro, attivando le opportune opzioni disponibili nei Menù del
programma e nella Toolbar.

2.1 Opzioni attivabili dai Menù.

2.1.1 Menù FILE.

Riunisce principalmente tutte le opzioni relative all'apertura e chiusura dei


progetti, alla gestione dei files d'archivio e alle stampe.

1)Nuovo progetto: apre un nuovo progetto.


2)Apri progetto: consente di richiamare i dati di un progetto elaborato in
precedenza ed archiviato in un file in formato BRK o BRW (da B-rock
ver.1 per Windows).
3)Salva progetto: permette di aggiornare un file BRK esistente in archivio
con i dati della sezione in corso di elaborazione.
4)Salva progetto con nome: consente di creare un nuovo file BRK
contenente i dati del progetto in corso di elaborazione.
5)Chiudi progetto: chiude il progetto corrente.
6)Imposta stampante: permette di modificare il formato e l’orientamento
della pagina di stampa.
7
PROGRAM GEO – B-rock ver.2 per Windows
7)Imposta pagina: consente d’impostare i margini di stampa del disegno e
di visualizzare l’anteprima.
8)Stampa immagine: invia in stampa il disegno del progetto secondo la
scala impostata.
9)Importa modello del terreno: consente di importare un file MTR
elaborato con altri programmi, contenente la stratigrafia e i parametri
geomeccanici della roccia.
10)Esporta modello del terreno: consente di esportare un file MTR,
contenente la stratigrafia e i parametri geotecnici del terreno, in un altro
programma (QSB, Lithos, ecc.).
11)Importa sfondo: permette di importare un’immagine in formato bitmap
da usare como sfondo del disegno.
12)Esporta immagine: permette di archiviare l’immagine del progetto in un
file grafico in formato bitmap o metafile.
13)Copia immagine negli appunti: copia l’immagine del progetto negli
appunti di Windows.
14)Esci: chiude l’applicazione.

2.1.2 Menù PROFILI E STRATIGRAFIA.

Riunisce tutte le opzioni relative all’input dei dati della sezione del terreno.

1)Intestazione stampe: consente di inserire e richiamare l’intestazione ed il


logo dello Studio.
2)Descrizione: apre un finestra per l’introduzione dei dati relativi
all’identificazione del progetto (committente, località, descrizione, ecc.).
3)Profilo topografico: richiama la finestra per l’input del profilo
topografico della sezione.
4)Stratigrafia: apre la finestra per l’inserimento dei limiti di strato e dei
relativi parametri geomeccanici.
5)Profilo falda: richiama la finestra per l’introduzione dei profili delle falde
esistenti.
6)Colonne stratigrafiche: consente l’introduzione di colonne stratigrafiche
sulla sezione.

8
PROGRAM GEO – B-rock ver.2 per Windows
2.1.3 Menù OPERE E CARICHI.

Riunisce tutte le opzioni relative all’introduzione di opere di sostegno e di


carichi agenti sul versante.

1)Tiranti: apre la finestra per il dimensionamento ed il posizionamento di


ancoraggi passivi e/o attivi.
2)Gabbionate: apre la finestra per il dimensionamento ed il posizionamento
di gabbionate di sostegno.
3)Muri di contenimento: apre la finestra per il dimensionamento ed il
posizionamento di muri di sostegno.
4)Reticoli di micropali: apre la finestra per il dimensionamento ed il
posizionamento di interventi di armatura del pendio con reticoli di
micropali.
5)Sovraccarichi e sisma: apre la finestra per il dimensionamento ed il
posizionamento di carichi superficiali (edifici, strade, ecc) e l’introduzione
dell’accelerazione sismica.
6)Fratture di trazione: apre la finestra per il dimensionamento ed il
posizionamento di eventuali tension crack presenti sul versante.
7)Chiodature: apre la finestra per il dimensionamento ed il posizionamento
di interventi di chiodatura del versante.

2.1.4 Menù VEDI.

Riunisce tutte le opzioni relative alla visualizzazione di elementi grafici


all’interno della finestra di lavoro.

1)Griglia: visualizza o nasconde la griglia metrica di riferimento.


2)Scala grafica: visualizza o nasconde la scala grafica.
3)Progressive: visualizza o nasconde la progressive del profilo topografico.
4)Bitmap di sfondo: visualizza o nasconde l’eventuale bitmap usata come
sfondo.
5)Colonne stratigrafiche: visualizza o nasconde le colonne stratigrafiche
sulla sezione.

9
PROGRAM GEO – B-rock ver.2 per Windows
6)Riempimento colonne: visualizza o nasconde i retini litologici all’interno
delle colonne stratigrafiche.
7)Retini litologici: visualizza o nasconde i retini litologici all’interno della
sezione stratigrafica.
8)Retini bitmap: visualizza o nasconde i retini bitmap all’interno della
sezione stratigrafica.
9)Linee di correlazione: visualizza o nasconde le linee di correlazione fra
le colonne stratigrafiche.
10)Livelli saturi e asciutti: visualizza o nasconde le condizioni
idrogeologiche dei diversi livelli in sezione (impermeabili, permeabili non
confinati, permeabili isolati e asciutti).
11)Legenda: visualizza o nasconde la legenda stratigrafica.
12)Superfici verificate: visualizza o nasconde le superfici di scivolamento
potenziali verificate.
13)Centri delle superfici: visualizza o nasconde i coefficienti di sicurezza
delle superfici di scivolamento analizzate.
14)Superficie con Fs minimo: visualizza o nasconde la superficie di
scivolamento potenziale con il coefficiente di sicurezza minimo.
15)Estremi di calcolo: visualizza o nasconde gli estremi di verifica sul
profilo topografico.
16)Reticolo discontinuità: visualizza o nasconde il reticolo delle
discontinuità meccaniche presenti proiettate lungo la sezione.

2.1.5 Menù PROCEDURE.

Contiene le voci relative all’impostazione del calcolo di stabilità.

1)Metodi dell’equilibrio limite:


• Stabilità globale: richiama la finestra per l’impostazione della
verifica di stabilità con i metodi dell’equilibrio limite (Fellenius,
Bishop semplificato, Janbu semplificato, Sarma, General Limit
Equilibrium e Spencer, e verifica del ribaltamento con Hoek e
Bray).

10
PROGRAM GEO – B-rock ver.2 per Windows
• Stabilità blocchi rocciosi isolati: apre la finestra per la verifica
di stabilità di cunei rocciosi tridimensionali secondo la teoria dei
blocchi.
2)Metodi probabilistici: apre le finestre per l’impostazione della verifica di
stabilità con metodi probabilistici (Montecarlo e Rosenblueth).
3)Metodi fuzzy: apre la finestra per l’impostazione della verifica di stabilità
con la tecnica fuzzy.

2.1.6 Menù OPZIONI.

Riunisce alcune opzioni relative alla gestione del progetto.

1)Nuova sezione: crea una nuova area di lavoro per l’inserimento di una
nuova sezione; è possibile passare da una sezione all’altra cliccando sulle
targhette numerate poste nella parte inferiore della finestra di lavoro.
2)Elimina sezione: cancella una sezione creata in precedenza.
3)Duplica sezione: copia la sezione corrente in una nuova area di lavoro.
4)Sposta: consente di spostare i punti del profilo topografico, della falda,
della stratigrafia e le eventuali opere e carichi presenti, usando il mouse; per
effettuare lo spostamento si esegua un click con il mouse sul punto da
muovere e, tenendo il tasto premuto, lo si trascini nella nuova posizione.
5)Elimina: elimina i punti del profilo topografico, della falda e della
stratigrafia usando il mouse.
6)Inserisci: aggiunge nuovi punti nel profilo topografico, nella falda e nella
stratigrafia usando il mouse.
7)Modifica opera: consente di richiamare la finestra per l’input dei dati
relativi ad un’opera di sostegno o ad un sovraccarico; la finestra viene
richiamata, eseguendo un click con il tasto sinistro del mouse sul piccolo
riquadro posto al piede dell’opera o del sovraccarico.
8)Assegna retino: permette di assegnare agli strati in sezione i retini
litologici delle colonne stratigrafiche; per effettuare l’operazione si esegua
un click con il tasto sinistro del mouse sul retino della colonna stratigrafica
visualizzata che s’intende assegnare allo strato e, tenendo premuto il
pulsante, lo si trascini all’interno del livello litologico di destinazione.
9)Seleziona strato: permette di richiamare l’editor di retini litologici,
cliccando con il mouse su uno strato presente nella sezione stratigrafica.
11
PROGRAM GEO – B-rock ver.2 per Windows
10)Stratigrafia nel punto X: richiama la finestra per la visualizzazione
della stratigrafia e dei relativi parametri geotecnici lungo una verticale
assegnata.
11)Annulla ultima azione: annulla l’ultima azione eseguita dall’operatore.
2.1.7 Menù UTILITA’.

Riunisce le opzioni relative alla gestione dell’aspetto grafico del progetto.

1)Modifica griglia X: consente di variare il passo orizzontale della griglia


metrica di riferimento.
2)Modifica griglia Y: consente di variare il passo verticale della griglia
metrica di riferimento.
3)Vincola alla griglia: consente di vincolare il disegno con il mouse alla
griglia metrica di riferimento.
4)Modifica scala X: consente di variare la scala orizzontale del disegno.
5)Modifica scala Y: consente di variare la scala verticale del disegno.
6)Modifica legenda: consente di modificare la posizione e l’aspetto della
legenda stratigrafica.
7)Strumenti di disegno: attiva la barra con gli strumenti di disegno.
8)Scala grafica: consente di modificare la posizione e l’aspetto della scala
grafica.
9)Adatta lo sfondo alla sezione: permette di adattare l’eventuale sfondo
bitmap alla larghezza della sezione.
10)Ridimensiona sfondo: consente di modificare le dimensioni
dell’eventuale sfondo bitmap.
11)Larghezza colonne stratigrafiche: consente di variare la larghezza delle
colonne stratigrafiche visualizzate nella sezione..

2.1.8 Menù HELP.

Riunisce le opzioni relative all’uso dell’ help in linea.

1)Sommario: richiama il sommario della guida in linea.


2)Guida all’uso dell’help: apre la guida all’uso dell’help di Windows.

12
PROGRAM GEO – B-rock ver.2 per Windows
3)Informazioni su Program Geo : richiama la finestra con le indicazioni
sul copyright del programma.

13
PROGRAM GEO – B-rock ver.2 per Windows

2.2 Opzioni attivabili dalla Toolbar.

La serie di pulsanti visibile sotto i menù, rappresenta la toolbar del


programma. Ad ogni pulsante è associata una funzione specifica, attivabile
eseguendo un click con il mouse sul pulsante stesso. La funzione di ogni
pulsante della toolbar viene evidenziata muovendovi sopra il cursore del
mouse.

14
PROGRAM GEO – B-rock ver.2 per Windows
2.3 . Finestre di input e di calcolo.

2.3.1 Profilo topografico della sezione.

Per l’introduzione del profilo topografico della sezione si proceda come


indicato di seguito.
• S’introduca la profondità massima della sezione stratigrafica, cioè la
profondità, misurata in corrispondenza dell’ascissa X=0, fino alla quale
visualizzare la stratigrafia;
• Per introdurre le coordinate del profilo topografico è possibile procedere
secondo quattro modalità differenti:
• inserimento delle coordinate in tabella: si digiti il numero dei punti
costituenti il profilo e si prema il pulsante AGGIORNA, quindi nella
tabella s’introducano i corrispondenti valori di X e Y (attenzione: il
primo punto dovrà sempre avere coordinate X=0 e Y=0);

15
PROGRAM GEO – B-rock ver.2 per Windows
• disegno del profilo con il mouse: si attivi l’opzione disegno con il
mouse e si chiuda la finestra; muovendosi da sinistra verso destra,
s’inseriscano i punti, cliccando con il tasto sinistro del mouse; per il
posizionamento dei punti si faccia riferimento alle coordinate
visualizzate nella parte superiore della finestra, attivando, per
ottenere una maggiore precisione nel disegno, l’opzione Vincola alla
griglia dal menù Utilità; completato il posizionamento dell’ultimo
punto si esegua un clik con il tasto destro del mouse, per terminare il
disegno;
• richiamo di una sezione topografica in formato DXF; il file deve
contenere esclusivamente la polilinea del profilo topografico.
• Caricamento di una tabella di coordinate X, Y da un file di testo
(txt); il file deve contenere esclusivamente due colonne di dati ( X e
Y) e nessuna intestazione.
• Nel caso si desideri introdurre un nuovo profilo topografico, è possibile
eliminare il precedente, cliccando sul pulsante ANNULLA PROFILO.
• Per invertire l’orientamento del profilo topografico (il programma
richiede che il versante sia orientato in modo che le ascisse e le quote
crescano in generale da sinistra verso destra), si prema il pulsante
INVERTI PROFILO.
• E’ possibile infine variare il colore dello sfondo del disegno e il colore,
lo spessore e il tipo di tratto usato per tracciare il profilo topografico
attraverso i corrispondenti comandi presenti nella finestra.
• Per stampare il riepilogo dei dati del profilo topografico si selezioni la
relativa opzione nel menù File della finestra.
• Per confermare i dati inseriti e chiudere la finestra si prema il pulsante
CONFERMA E CHIUDI.

16
PROGRAM GEO – B-rock ver.2 per Windows
2.3.2 Colonne stratigrafiche.

Nel programma esiste la possibilità di introdurre lungo la sezione colonne


stratigrafiche di riferimento, ricavate da sondaggi, scavi o prove in situ.
Queste stratigrafie potranno poi essere correlate in automatico o
manualmente per ricostruire la sezione litologica. Per l’inserimento di una
colonna stratigrafica si proceda come descritto di seguito.
• Dal menù Dati si scelga la voce Colonne stratigrafiche: verrà richiamata
la finestra Stratigrafia e falde acquifere.
• Per inserire una nuova colonna si prema il pulsante AGGIUNGI
COLONNA: sulla parte superiore della finestra apparirà la targhetta
Colonna n.1.
• Nella casella N.strati si digiti il numero di strati presenti lungo la
colonna e si prema quindi il pulsante AGGIORNA;
• Nella tabella s’introducano le descrizioni dei singoli livelli e la
profondità della base di ognuno; è possibile richiamare una stratigrafia

17
PROGRAM GEO – B-rock ver.2 per Windows
elaborata con il programma LithosII, cliccando sul pulsante IMPORTA
COLONNA.
• Per inserire i retini litologici all’interno della stratigrafia si esegua un
click sul pulsante RETINI LITOLOGICI; verrà richiamata la seguente
finestra:

• Per associare un retino ad un determinato livello si operi come indicato


di seguito:
• nella lista Retino strato n. si selezioni lo strato da modificare;
• nella lista delle litologie (Torba o terreno vegetale, Argilla, Limo,
ecc.) si selezionino uno o più voci;
• si esegua un click sul pulsante ANTEPRIMA , per visualizzare
un’anterprima del retino creato, e quindi un click sul tasto
AGGIORNA, per confermare la scelta;
• i retini creati possono infine essere archiviati, per poterli utilizzare in
altri progetti; per farlo è sufficiente cliccare sul tasto ARCHIVIA;
per richiamare un retino archiviato selezionarlo dalla lista Archivio
retini litologici e cliccare su AGGIORNA;

18
PROGRAM GEO – B-rock ver.2 per Windows
• è possibile intervenire sull’archivio retini, cliccando sul pulsante
MODIFICA ARCHIVIO RETINI, che aprirà la finestra di gestione
dell’archivio.
• Il posizionamento della colonna stratigrafica sulla sezione può essere
eseguito secondo due procedure differenti: inserendo l’ascissa della
verticale nella casella X colonna(m) o collocandola direttamente con il
mouse; in questo secondo caso occorre selezionare la voce Posiziona la
colonna con il mouse, chiudere la finestra e, nella finestra di lavoro,
eseguire un click con il tasto sinistro del mouse nel punto in cui si
desidera inserire la colonna stratigrafica.
• Per duplicare una colonna stratigrafica si prema il pulsante DUPLICA
COLONNA , per eliminarla RIMUOVI COLONNA.
• E’ possibile infine modificare il colore dello sfondo e del riempimento
di ogni singolo livello, cliccando sulle caselle Colore sfondo e Colore
retino, dopo aver selezionato lo strato da modificare nella lista collocata
a fianco; per variare il carattere di scrittura utilizzare il pulsante
MODIFICA FONT.

19
PROGRAM GEO – B-rock ver.2 per Windows
2.3.3 Stratigrafia e parametri geomeccanici.

L’inserimento delle colonne stratigrafiche, pur essendo un’operazione


accessoria e non indispensabile per le successive fasi, può essere utile per
guidare l’operatore nel tracciamento dei limiti stratigrafici dei diversi livelli
presenti. Per il disegno dei limiti di strato e l’inserimento dei corrispondenti
parametri geotecnici si proceda come indicato di seguito.
• Dal menù dati si scelga l’opzione Stratigrafia.
• Nella casella Numero strati si digiti il numero di strati presenti nella
sezione e si prema il pulsante AGGIORNA; si tenga presente che è
possibile comunque anche in seguito aggiungere ulteriori livelli.
• Nella parte superiore della finestra apparirà un numero di targhette con
la dicitura Strato n… uguale al numero di strati inseriti; cliccando sulle
targhette è possibile introdurre e modificare le caratteristiche dello strato
corrispondente.
20
PROGRAM GEO – B-rock ver.2 per Windows
• Per introdurre i parametri geotecnici dello strato selezionato si proceda
come indicato di seguito.
• Si esegua un click sulla targhetta Parametri geotecnici.
• Si selezioni, con un click del mouse, il tipo litologico (calcare,
arenaria, marna, ecc.) che meglio approssima quello che si desidera
inserire.
• In automatico appariranno una descrizione sommaria e una serie di
valori indicativi dei parametri geotecnici; sia la descrizione che i
parametri possono essere ovviamente modificati a piacere
dall’utilizzatore.
• Nella tabella Parametri geomeccanici delle discontinuità andranno
inserite le giaciture e i principali parametri che servono a descrivere
il comportamento meccanico dei giunti; per aggiungere una nuova
riga nella tabella si prema il tasto ↓; per cancellare una riga si
premano contemporaneamente Ctrl+Canc; per inserire una riga si
utilizzi invece il tasto Ins.
• Il programma permette di indicare la presenza di eventuali livelli
impermeabili o permeabili sotto la quota di falda, ma asciutti, perché
isolati da strati impermeabili.
• Al termine delle eventuali modifiche nei parametri si prema il
pulsante CONFERMA PARAMETRI, per confermare tutte le
variazioni introdotte.

21
PROGRAM GEO – B-rock ver.2 per Windows

• Eseguito l’inserimento dei parametri geotecnici dello strato si può


procedere all’input delle coordinate del profilo del tetto dello strato,
cliccando sulla targhetta Profilo dello strato; attenzione: nel caso del
primo strato il tetto corrisponde al profilo topografico e quindi non deve
essere introdotto. Per l’inserimento delle coordinate si può procedere
come indicato di seguito.
• Nel caso di strati orizzontali è sufficiente introdurre la quota dal
piano campagna (con il segno meno davanti) e cliccare sul pulsante
CONFERMA PROFILO DELLO STRATO.
• Per profili irregolari s’introduca il numero dei punti costituenti il
profilo stesso nella casella N.coordinate tetto strato e si prema il
pulsante AGGIORNA. Nella tabella si digitino le coordinate del
limite di strato, con le ascisse crescenti da sinistra verso destra; nel
caso di strati lentiformi porre l’ultima coordinata X,Y uguale alla
prima. Anche in questo caso, per confermare i dati introdotti, occorre
premere il pulsante CONFERMA PROFILO DELLO STRATO.In
alternativa è possibile procedere al tracciamento del profilo
22
PROGRAM GEO – B-rock ver.2 per Windows
direttamente nella finestra di lavoro con il mouse. In questo occorre
selezionare l’opzione Disegna con il mouse e chiudere la finestra. I
punti possono essere tracciati lungo la sezione, cliaccando con il
tasto sinistro del mouse, sempre procedendo da sinistra verso destra.
Disegnato l’ultimo punto si prema il tasto destro del mouse per
chiudere il profilo. Anche in questo caso il tracciamento può essere
agevolato, attivando l’opzione Vincola alla griglia nel menù Utilità.
• Per annullare un profilo di strato inserito in precedenza cliccare sul
pulsante ANNULLA PROFILO STRATO.

• Gli strati inseriti possono essere personalizzati con colori e retini


litologici differenti. E’ inoltre possibile indicare l’ordine, partendo
dall’alto, con il quale devono essere disposti i simboli delle litologie
introdotte nella legenda; si tenga presente che strati con identica
descrizione vengono inseriti in legenda una sola volta, per evitare
ripetizioni. Per l’inserimento dei retini litologici infine si proceda come
indicato nel paragrafo 2.3.2.
23
PROGRAM GEO – B-rock ver.2 per Windows
• E’ possibile infine eliminare uno strato inserito premendo il pulsante
ELIMINA STRATO.
• Per stampare il riepilogo dei parametri geotecnici e del profilo degli
strati si selezionino le relative opzioni nel menù File della finestra.

2.3.4 Falde acquifere.

Il programma permette l’introduzione di una o più falde acquifere con


andamento qualsiasi.
• Dal menù Dati si scelga la voce Profilo falda.
• Nella casella Introdurre il numero delle falde digitare il numero di falde
presenti nella sezione e premere il pulsante AGGIORNA; è possibile
quindi introdurre acquiferi multifalda, con i singoli livelli saturi separati
da livelli impermeabili.
• Selezionare la falda che si intende introdurre o modificare, cliccando
sulla rispettiva targhetta nella parte alta della finestra (Falda n…).
24
PROGRAM GEO – B-rock ver.2 per Windows
• Inserire le coordinate del tetto della falda; come nel caso
dell’inserimento dei limiti di strato è possibile tracciare la falda
inserendo la quota (falda orizzontale), digitando le coordinate nella
relativa tabella o disegnandola con il mouse (vedere la procedura
descritta nel paragrafo 2.3.1).
• E’ possibile modificare il colore e il tratto usato per il tracciamento
delle falde; è inoltre possibile eliminare profili di falda inseriti in
precedenza.
• Per stampare il riepilogo del profilo della falda si selezioni la relativa
opzione nel menù File della finestra.

25
PROGRAM GEO – B-rock ver.2 per Windows
2.3.5 Riassunto della stratigrafia lungo una verticale.

In alcuni casi può essere comodo ottenere un riassunto dell’andamento dei


principali parametri geotecnici con la profondità lungo una determinata
varticale. Il programma consente di ottenere questa informazione
selezionando la voce Stratigrafia nel punto X del menù Opzioni. Si proceda
quindi come indicato di seguito.
• Nella finestra che si aprirà inserire la profondità di calcolo partendo dal
piano campagna, cioè lo spessore di terreno di cui si desidera conoscere i
parametri geotecnici e la coordinata della verticale di calcolo lungo la
sezione.
• Premere CALCOLA per visualizzare la stratigrafia cercata in tabella.
• Per stampare la tabella riassuntiva selzionare la relativa opzione nel
menù Stampa.

26
PROGRAM GEO – B-rock ver.2 per Windows

2.3.6 Modifica e posizionamento della legenda nella sezione.

La legenda stratigrafica che appare terminata l’introduzione della stratigrafia


può essere personalizzata dall’utilizzatore.
• Dal menù Utilità si selezioni la voce Modifica legenda.
• Intodurre il margine sinistro e superiore della legenda, cioè le coordinate
X e Y del vertice superiore-sinistro dell’area rettangolare che contiene la
legenda.
• I simboli in legenda possono essere visualizzati su più colonne;
introdurre il numero di colonne (il valore predefinito è 1) sulle quali
distribuire i simboli litologici.
• Digitare la spaziatura delle colonne, cioè la distanza fra una colonna e
l’altra (nel caso di più colonne) e la spaziatura delle righe, cioè la
distanza verticale fra i simboli.
• Per modificare il carattere di stampa della legenda, premere il pulsante
MODIFICA FONT LEGENDA.

27
PROGRAM GEO – B-rock ver.2 per Windows

2.3.7 Impostazione della scala grafica.

Nel disegno della sezione è possibile introdurre una scala grafica di


riferimento. Inoltre è possibile visualizzare le ascisse e le ordinate della
sezione.
• Dal menù Utilità selezionare la voce Scala grafica.
• Scegliere se visualizzare le coordinate del profilo topografico lungo gli
assi cartesiani, con una spaziatura uguale al passo impostato della griglia
X e Y, o in forma di progressive nella parte superiore della sezione. Per
modificare i caratteri di stampa delle coordinate cliccare sul pulsante
MODIFICA FONT.
• Inserire le coordinate X e Y del vertice superiore-sinistro della scala
grafica. In alternativa il posizionamento può essere effettuato con il
mouse:
• selezionare l’opzione Posiziona con il mouse;
• chiudere la finestra;
• fare un click con il tasto sinistro del mouse nel punto, lungo la
sezione, dove si desidera inserire la scala.

28
PROGRAM GEO – B-rock ver.2 per Windows

2.3.8 Utilizzo degli strumenti di disegno.

Il programma contiene alcuni comandi grafici elementari per il disegno di


linee, poligoni e per l’introduzione di commenti e note.
• Dal menù Utilità si selezioni la voce Strumenti di disegno: apparirà una
nuova toolbar contenente i pulsanti per l’attivazione delle funzioni
grafiche;
• Per disegnare una linea si proceda come indicato di seguito:
• si faccia un click sul pulsante per selezionare il colore della linea;
• si prema il pulsante che attiva il disegno delle linee ;
• all’interno della sezione si proceda al disegno delle linee, cliccando
con il tasto sinistro del mouse; premendo il tasto destro del mouse si
conclude l’operazione di tracciamento della linea;
• nel caso si voglia eliminare una delle linee tracciate, si faccia un click

sul pulsante : questo bottone attiva la funzione di selezione degli


oggetti grafici (linee, poligoni e testi), permettendone il successivo
spostamento, duplicazione o eliminazione;
• si esegua un click sulla linea da cancellare: apparirà, sulla barra
superiore della finestra principale l’indicazione ‘Oggetto selezionato:
LINEA’, a conferma della selezione avvenuta;
• si prema il pulsante sulla barra <Strumenti di disegno>: verrà
chiesta la conferma della cancellazione della linea selezionata;
• si utilizzi una procedura analoga per il disegno di poligoni.
• Per l’inserimento di testi si proceda invece come segue:
• sulla barra Strumenti di disegno si faccia un click sul pulsante per
la selezione del font corrente;
29
PROGRAM GEO – B-rock ver.2 per Windows

• si selezioni il pulsante , che attiva la funzione d’inserimento di un


testo;
• nella casella di testo che apparirà si digiti il testo che si desidera
inserire;
• si faccia un click nella finestra principale nel punto, dove si vuole
posizionare il testo; spostando il mouse verso destra si aprirà un’area
rettangolare, all’interno della quale verrà alla fine visualizzato il
commento; premere il tasto destro del mouse per completare
l’inserimento;
• nel caso si voglia spostare la scritta in una nuova posizione, si
selezioni il testo, utilizzando il bottone , quindi si faccia un click
sul pulsante ed un ulteriore click nel nuovo punto d’inserimento
del testo all’interno della finestra di lavoro;
• volendo modificare il testo del commento o qualunque altro attributo
(colore, dimensioni e tipo di font), si selezioni nuovamente il titolo, e
si esegua un click sul pulsante : riapparirà la casella di testo,
contenente il titolo selezionato, sul quale si potranno apportare le
correzioni volute; il pulsante inoltre consente di attribuire all’oggetto
grafico selezionato (linea, poligono o testo) le proprietà correnti (font,
tipo e spessore delle linee, colore, ecc...).

30
PROGRAM GEO – B-rock ver.2 per Windows

2.3.9 Metodi dell’equilibrio limite: stabilità globale.

Terminato l’inserimento della sezione del terreno è possibile procedere al


calcolo della stabilità del versante con i metodi dell’equilibrio limite. E’
possibile condurre un’analisi sull’ammasso roccioso considerato nella sua
globalità o sui singoli blocchi che vengono isolati dall’intersecarsi dei giunti
meccanici.
Per condurre una verifica di stabilità globale si proceda come indicato di
seguito:
• Dal menù Procedure si selezioni la voce Metodo dell’equilibrio limite e
quindi Stabilità globale.
• Selezionare i metodi di calcolo da utilizzare (Fellenius, Bishop, Janbu,
G.L.E., Sarma e Spencer); è possibile effettuare il calcolo con più
metodi contemporaneamente; nel caso di verifica al ribaltamento non va
selezinato nessun metodo, in quanto il programma utilizza, in questo
caso, direttamente il criterio semplificato di Hoek e Bray.

31
PROGRAM GEO – B-rock ver.2 per Windows
• Inserire il numero di conci delle superfici da verificare (tranne che nella
verifica al ribaltamento).
• Selezionare la normativa di riferimento.
• Nel caso si desideri forzare il programma a utilizzare esclusivamente le
caratteristiche di resistenza al taglio dell’ammasso roccioso o di una
delle discontinuità presenti selezionare la corrispondente voce nella lista
Resistenza al taglio delle superfici; di default è impostata la voce
Automatico che permette la selezione automatica della resistenza al
taglio in funzione della geometria del problema (vedi Teoria e
Normativa).
• Nel caso di voglia esprimere la resistenza al taglio mobilitata lungo i
giunti solo in termini di angolo di resistenza al taglio si disabiliti
l’opzione Considera la coesione nei giunti.
• Eventualmente modificare i font per la scrittura dei coefficienti di
sicurezza e le penne e i colori con le quali verranno tracciate le superfici
calcolate.
• Selezionare la tipologia delle superfici da calcolare (circolare,
poligonale, cuneo planare o ribaltamento).
• Nel caso si sia selezionata la tipologia circolare, è possibile impostare la
procedura di calcolo secondo tre criteri differenti.

32
PROGRAM GEO – B-rock ver.2 per Windows

• Griglia di centri: si disegna una griglia rettangolare composta da n


righe e m colonne, impostando la spaziatura fra le singole righe e le
singole colonne, le coordinate del primo nodo della griglia (quello in
basso a sinistra) e le coordinate del punto comune di passaggio di
tutte le superfici all’interno del versante; il programma genererà n x
m superfici circolari, aventi come centri i nodi della griglia e passanti
per il punto comune. Questo metodo è utile nel caso in cui si abbia la
necessità di vincolare le superfici di calcolo ad un punto di passaggio
ben preciso, come, per esempio, nell’analisi di stabilità globale di un
muro, dove si impone che i cerchi critici passino per l’estremo a
monte della mensola di fondazione.

33
PROGRAM GEO – B-rock ver.2 per Windows

• Estremi di verifica: il programma genera un numero di superfici


circolari, impostato dall’utilizzatore, che partono da un punto del
profilo topografico a valle e terminano in un punto del versante a
monte. Andranno inseriti, oltre ai valori delle ascisse dei punti di
partenza e di arrivo delle superfici (le ordinate vengono calcolate in
automatico dal programma) e al numero di cerchi da verificare, la
spaziatura fra il centro di un cerchio di calcolo ed il successivo e il
numero delle eventuali superfici da escludere dalla verifica (se si
scrive, per esempio, 2, il programma non calcolerà le prime due
superfici più profonde). Questo criterio è utile nel caso in cui si
debba analizzare un movimento franoso in corso, dove siano noti i
punti di partenza e di terminazione della superficie di scivolamento.

34
PROGRAM GEO – B-rock ver.2 per Windows

• Intervalli di verifica: il programma costruisce un fascio di superfici


uscenti da un tratto di pendio a valle e terminanti in un tratto di
pendio a monte. L’operatore dovrà impostare, oltre all’intervallo di
ascisse di partenza e di arrivo dei cerchi sul profilo, il numero di
cerchi da calcolare e gli angoli di uscita, dal piede del versante, delle
superfici analizzate. Per angolo di uscita s’intende l’angolo che la
tangente al cerchio di scivolamento, nel punto d’intersezione con il
profilo topografico, forma con l’orizzontale, nell’intervallo di ascisse
a valle. Se, per esempio, s’imposta un’angolo massimo di 0 e uno
minimo di –5, il programma genererà casualmente superfici di
calcolo che escono dal piede del versante con un angolo compreso
fra l’orizzontale e 5 gradi sotto l’orizzontale. Più sono bassi gli
angoli impostati più profondi saranno i cerchi analizzati. Il metodo è
indicato in particolare nel caso si debba impostare l’analisi di un
gran numero di superfici, per la ricerca del cerchio con coefficiente
di sicurezza minimo. Si consiglia, per ottenere un risultato
35
PROGRAM GEO – B-rock ver.2 per Windows
statisticamente significativo, di impiegare nel calcolo almeno 100,
200 superfici.
• Nel caso si sia selezionata la tipologia di superficie poligonale, è
possibile impostare la procedura di calcolo secondo tre criteri differenti.

• Superfici libere: il programma genera casualmente un fascio di


superfici potenziali di scivolamento poligonali, composte da n punti,
uscenti e terminanti all’interno di due intervalli di coordinate sul
profilo topografico, uno posto a valle e uno a monte. L’impostazione
del calcolo è simile a quella vista per il caso del metodo degli
intervalli di verifica applicato a superfici circolari. Come dato di
input in più viene richiesto il numero di punti costituenti la
superficie di scivolamento. Maggiore sarà il numero dei nodi, più
articolata sarà la superficie potenziale di scivolamento generata.

36
PROGRAM GEO – B-rock ver.2 per Windows

• Superficie definita dall’utente: in questo caso la superficie potenziale


di scivolamento viene impostata direttamente dall’operatore. Il
disegno della superficie può essere fatto digitando le coordinate nella
tabella ‘Punti di passaggio’ o direttamente attraverso il mouse. In
questo secondo caso, dopo aver selezionato l’opzione ‘Posiziona con
il mouse’ e aver cliccato sul pulsante CONFERMA DATI si potrà
chiudere la finestra corrente e disegnare la superficie direttamente
nella finestra di lavoro, cliccando con il pulsante sinistro del mouse
sui punti di passaggio. Questa impostazione è indicata nel caso in cui
sia nota con ragionevole precisione l’andamento in profondità della
superficie potenziale di scivolamento.

37
PROGRAM GEO – B-rock ver.2 per Windows

• Superfici vincolate: è possibile fare generare al programma un fascio


di superfici poligonali, come nel caso del metodo delle superfici
libere, vincolandole però al passaggio attraverso alcuni punti fissi.
Le coordinate dei punti di vincolo devono essere inserite nella
apposita tabella e il loro numero deve essere minore del numero di
nodi costituenti la superficie poligonale. E’ possibile richiamare i
punti del tetto di uno strato inserito in precedenza, selezionandolo
nella lista posta sotto la tabella. Selezionando l’opzione ‘Superficie
di scivolamento tangente’ è possibile fare in modo che la poligonale
di calcolo generata sia tangente alla superficie ottenuta collegando i
punti di vincolo. Questo criterio è utile per la ricerca in automatico
della superficie critica, quando questa venga a passare, anche
parzialmente, in corrispondenza di una superficie di debolezza
meccanica nota.
• Oltre al caso di superfici di scivolamento circolari o poligonali, è
possibile prendere in esame la stabilità di cunei planari, cioè di volumi

38
PROGRAM GEO – B-rock ver.2 per Windows
di roccia che tendono a scivolare lungo una superficie di discontinuità,
per esempio il giunto di strato.

• Cunei planari: è possibile fare generare al programma una serie di


cunei potenzialmente instabili, selezionando la famiglia di
discontinuità lungo la quale si suppone possa scivolare il cuneo e,
eventualmente, la famiglia che isola il cuneo a monte. Il programma
prenderà in esame tutti i cunei che si formano all’interno degli
intervalli di calcolo definiti dall’utente.
• Un caso particolare d’instabilità è quello dovuto al ribaltamento di
blocchi rocciosi isolati da discontinuità subverticali lungo pareti molto
acclivi.

39
PROGRAM GEO – B-rock ver.2 per Windows

• Ribaltamento: è possibile verificare al ribaltamento settori di pendio


predisposti, selezionando la famiglia di discontinuità lungo la quale
si suppone possa impostarsi il ribaltamento e la famiglia subverticale
che isola i blocchi instabili. Il programma effettuerà la verifica
nell’intervallo di ascisse inserito dall’utente.
• Impostato il criterio di ricerca della superficie critica, si prema il
pulsante CONFERMA DATI e quindi AVVIA ELABORAZIONE per
lanciare il calcolo.
• Terminata l’elaborazione sarà possibile visualizzare i risultati, cliccando
sulla targhetta ‘Risultati’.

40
PROGRAM GEO – B-rock ver.2 per Windows

• E’ possibile visualizzare e stampare la tabella con il riepilogo dei


coefficienti di sicurezza calcolati, per tutte le superfici generate, con i
metodi scelti.

41
PROGRAM GEO – B-rock ver.2 per Windows

• E’ possibile visualizzare e stampare la tabella e il grafico riassuntivi


delle forze stabilizzanti e instabilizzanti agenti lungo le superfici e
l’eventuale deficit di forza.

• Il programma permette inoltre di visualizzare e stampare la tabella


riepilogativa del calcolo per la superficie con il coefficiente di sicurezza
minimo.

42
PROGRAM GEO – B-rock ver.2 per Windows

• Infine viene consentito di visualizzare e stampare la tabella riassuntiva


del calcolo del coefficiente di sicurezza di tutte le superfici analizzate,
evidenziando, eventualmente, solo quelle comprese in un determinato
intervallo di valori di Fs, utilizzando il menù Stampa della finestra.

43
PROGRAM GEO – B-rock ver.2 per Windows

44
PROGRAM GEO – B-rock ver.2 per Windows
2.3.10 Metodi dell’equilibrio limite: stabilità di blocchi isolati.

Per effettuare la verifica di stabilità dei singoli blocchi di roccia isolati


dall’intersezione delle famiglie di discontinuità presenti, si proceda come
indicato di seguito.
• Dal menù Procedure si selezioni la voce Metodi dell’equilibrio limite e
quindi Stabilità blocchi rocciosi isolati.

• Nella finestra che apparirà s’introducano i dati relativi alla giacitura del
fronte del versante (parete inferiore e superiore), il grado di saturazione
dei giunti (variabile da 0 a 100%), le caratteristiche degli eventuali
tiranti e carichi presenti e il numero identificativo dello strato roccioso
da verificare (corrispondente al numero d’ordine d’inserimento in
sezione).

45
PROGRAM GEO – B-rock ver.2 per Windows
• Si selezioni la normativa di riferimento.
• Si prema CALCOLA per avviare l’elaborazione. Nella tabella superiore
verranno riassunti i dati relativi ai blocchi individuati (giacitura
dell’intersezione, famiglie che isolano il blocco, volume del blocco,
coefficiente di sicurezza allo scivolamento, forze stabilizzanti e
instabilizzanti e deficit di forza, che, risulta negativo nel caso in cui
Fs<1).
• Per modificare i colori e l’aspetto delle penne con cui verranno disegnati
graficamente i blocchi individuati nel diagramma riassuntivo di Wulff ,
si faccia un click sulla targhetta Colori e opzioni di disegno.

• I dati di input e i risultati del calcolo verranno riassunti in un grafico


riproducente una proiezione equatoriale equiangolare di Wulff. Per
visualizzarla si prema la targhetta Diagramma di Wulff.

46
PROGRAM GEO – B-rock ver.2 per Windows

• Per visualizzare i piani di scivolamento dei blocchi individuati, questi


vanno selezionati nella lista presente sul lato destro della finestra. E’
possibile inoltre modificare il font del disegno, cambiare il titolo
dell’immagine e disattivare i singoli elementi grafici. Per ridisegnare

l’immagine si prema il pulsante .


• La tabella con i risultati del calcolo e il diagramma di Wulff riassuntivo
possono essere stampati, passando per le corrispondenti voci nel menù
Stampa della finestra.

47
PROGRAM GEO – B-rock ver.2 per Windows

48
PROGRAM GEO – B-rock ver.2 per Windows
2.3.11 Verifiche di stabilità con metodi probabilistici.

Introduzione dei parametri

Prima di passare all’analisi di stabilità del pendio con i metodi di


Montecarlo e di Rosenblueth è necessario introdurre, per i parametri GSI e
resistenza alla compressione monassiale, gli intervalli di valori misurati in
campagna e/o in laboratorio. Ovviamente se si dispone di una sola coppia di
valori GSI, qu non può essere condotta nessuna analisi di tipo probabilistico.
• Dal menù Procedure si selezioni la voce Metodi probabilistici e infine
l’opzione Intervallo parametri.

• Nella finestra Introduzione delle misure si prema la targhetta Strato n.1 e


nella tabella sottostante s’introducano le coppie di valori GSI, qu; per
creare una nuova riga nella tabella si prema il tasto ⇓ della tastiera.

49
PROGRAM GEO – B-rock ver.2 per Windows
• Si prema il pulsante CONFERMA MISURE, per confermare i dati di
input inseriti.
• La procedura va ripetuta per tutti gli strati presenti
• Per stampare il riassunto del calcolo selezionare la relativa opzione nel
menù File della finestra.

Metodo di Rosenblueth

Introdotti gli intervalli di variabilità di GSI e qu è possibile procedere al


calcolo della probabilità di rottura e del valore caratteristico del margine di
sicurezza per una data probabilità di superamento.
• Dal menù Procedure si selezioni la voce Metodi probabilistici e infine
l’opzione Metodo di Rosenblueth.
• Se si desidera valutare il margine di sicurezza per una data probabilità di
superamento, s’inserisca quest’ultimo parametro nella relativa casella di

50
PROGRAM GEO – B-rock ver.2 per Windows
input; di default viene utilizzato un valore del 5%, come suggerito dagli
Eurocodici.
• Si prema il pulsante CALCOLA MS per calcolare il valore medio e lo
scarto quadratico secondo il metodo di Rosenblueth.
• Si prema MS CARATTERISTICO per stimare la probabilità di rottura.
• Per visualizzare i grafici relativi all’andamento dei margini di sicurezza
calcolati e alle curve cumulative, cliccare sulle corrispondenti targhette
• Per stampare il riassunto del calcolo e i grafici selezionare le relative
opzioni nel menù File della finestra.

Metodo di Montecarlo

• Dal menù Procedure si selezioni la voce Metodi probabilistici e infine


l’opzione Metodo di Montecarlo.

51
PROGRAM GEO – B-rock ver.2 per Windows
• Se si desidera valutare il margine di sicurezza per una data probabilità di
superamento, s’inserisca quest’ultimo parametro nella relativa casella di
input; di default viene utilizzato un valore del 5%, come suggerito dagli
Eurocodici.
• S’introduca il numero di verifiche da effettuare (almeno 1000).
• Si prema il pulsante CALCOLA MS per calcolare il valore medio e lo
scarto quadratico secondo il metodo di Montecarlo.
• Si prema MS CARATTERISTICO per stimare la probabilità di rottura.
• Per visualizzare i grafici relativi all’andamento dei margini di sicurezza
calcolati e alle curve cumulative, cliccare sulle corrispondenti targhette
• Per stampare il riassunto del calcolo e i grafici selezionare le relative
opzioni nel menù File della finestra.

52
PROGRAM GEO – B-rock ver.2 per Windows

2.3.12 Verifiche di stabilità con il metodo fuzzy.

Per una valutazione qualitativà del grado di stabilità di un pendio, è


possibile procedere utilizzando gli strumenti della logica fuzzy (o logica
sfumata).
• Dal menù Procedure si selezioni la voce Metodo fuzzy.
• Nella finestra Stabilità con tecnica fuzzy si prema la targhetta Strato n.1
e s’introducano i valori GSI, qu che definiscono le funzioni di
appartenenza.
• Si prema il pulsante CONFERMA FUNZIONI per creare e visualizzare
le funzioni di appartenenza.
• Si prema VERIFICA STABILITA’ per generare la funzione di
appartenenza dei coefficienti di sicurezza e determinare il grado di
stabilità del pendio.

53
PROGRAM GEO – B-rock ver.2 per Windows
• Per stampare il riassunto del calcolo e i grafici selezionare le relative
opzioni nel menù File della finestra.
• Ripetere la procedura di calcolo per gli altri strati presenti, se necessario.

54
PROGRAM GEO – B-rock ver.2 per Windows

2.3.13 Introduzione di opere di sostegno e sovraccarichi.

Ancoraggi

Per l’inserimento di ancoraggi (tiranti passivi e attivi) sul versante in esame


si proceda come indicato di seguito.
• Dal menù Opere e carichi si selezioni la voce Tiranti.

55
PROGRAM GEO – B-rock ver.2 per Windows
• Nella finestra Tiranti si prema il pulsante AGGIUNGI TIRANTE per
iniziare il dimensionamento e il posizionamento della prima fila di
ancoraggi; il programma permette l’inserimento fino a 50 file di tiranti.
• Si digitino le coordinate X e Y della testa del tirante; è possibile
posizionare l’opera anche con il mouse, selezionando l’opzione
Posiziona l’opera con il mouse, chiudendo la finestra e facendo un click,
con il tasto sinistro del mouse, nel punto d’inserimento dell’opera lungo
il versante visualizzato nella finestra di lavoro principale.
• S’introducano i dati richiesti nella finestra di input e si prema il pulsante
CONFERMA PARAMETRI.
• Si calcoli la resistenza allo sfilamento del singolo tirante (metodo di
Bustamante Doix), digitando il coefficiente di sicurezza; il valore
calcolato della resistenza allo sfilamento potrà essere corretto
direttamente dall’operatore; nel caso in cui il valore del
pretensionamento venga posto uguale a zero, il tirante verrà considerato
esclusivamente passivo; in caso contrario verrà considerato attivo per un
valore di forza corrispondente al pretensionamento e passivo per la
differenza fra la resistenza massima calcolata e tale valore.
• E’ possibile modificare lo stile e lo spessore della penna usata per il
disegno dell’opera e i colori usati per visualizzarne il contorno ed il
riempimento.
• Per eliminare una file di tiranti si prema il pulsante RIMUOVI
TIRANTE; per duplicare l’opera si faccia un click sul bottone
DUPLICA TIRANTE.

56
PROGRAM GEO – B-rock ver.2 per Windows
Chiodature

Per l’inserimento di chiodature (elementi rigidi resistenti al taglio) sul


versante in esame si proceda come indicato di seguito.
• Dal menù Opere e carichi si selezioni la voce Chiodature.
• Nella finestra Diaframmi rigidi si prema il pulsante AGGIUNGI
CHIODATURA per iniziare il dimensionamento e il posizionamento
della prima serie di chiodi; il programma permette l’inserimento fino a
50 chiodature.
• Si digitino le coordinate X e Y della testa della fila di chiodi; è possibile
posizionare l’opera anche con il mouse, selezionando l’opzione
Posiziona l’opera con il mouse, chiudendo la finestra e facendo un click,
con il tasto sinistro del mouse, nel punto d’inserimento dell’opera lungo
il versante visualizzato nella finestra di lavoro principale.

57
PROGRAM GEO – B-rock ver.2 per Windows
• S’introducano i dati richiesti nella finestra di input e si prema il pulsante
CONFERMA PARAMETRI.
• E’ possibile modificare lo stile e lo spessore della penna usata per il
disegno dell’opera e i colori usati per visualizzarne il contorno ed il
riempimento.
• Per eliminare un diaframma si prema il pulsante RIMUOVI
CHIODATURA; per duplicare l’opera si faccia un click sul bottone
DUPLICA CHIODATURA.

58
PROGRAM GEO – B-rock ver.2 per Windows
Gabbionate

Per l’inserimento di gabbionate sul versante in esame si proceda come


indicato di seguito.
• Dal menù Opere e carichi si selezioni la voce Gabbionate.
• Nella finestra Gabbionate si prema il pulsante AGGIUNGI
GABBIONATA per iniziare il dimensionamento e il posizionamento
della prima gabbionata; il programma permette l’inserimento fino a 50
gabbionate.

59
PROGRAM GEO – B-rock ver.2 per Windows
• Si digitino le coordinate X e Y dello spigolo a monte della base della
gabbionata; è possibile posizionare l’opera anche con il mouse,
selezionando l’opzione Posiziona l’opera con il mouse, chiudendo la
finestra e facendo un click, con il tasto sinistro del mouse, nel punto
d’inserimento dell’opera lungo il versante visualizzato nella finestra di
lavoro principale.
• S’introducano i dati richiesti nella finestra di input e si prema il pulsante
CONFERMA PARAMETRI.
• Si tenga presenta che in questo programma la spinta attiva è un dato di
input in quanto non è possibile, in roccia, calcolarla direttamente.
• E’ possibile modificare lo stile e lo spessore della penna usata per il
disegno dell’opera e i colori usati per visualizzarne il contorno ed il
riempimento.
• Per eliminare una gabbionata si prema il pulsante RIMUOVI
GABBIONATA; per duplicare l’opera si faccia un click sul bottone
DUPLICA GABBIONATA.

60
PROGRAM GEO – B-rock ver.2 per Windows
Muri di contenimento

Per l’inserimento di muri di sostegno sul versante in esame si proceda come


indicato di seguito.
• Dal menù Opere e carichi si selezioni la voce Muri di contenimento.
• Nella finestra Muri di sostegno si prema il pulsante AGGIUNGI MURO
per iniziare il dimensionamento e il posizionamento del primo muro; il
programma permette l’inserimento fino a 50 muri.
• Si digitino le coordinate X e Y dello spigolo a valle della base del muro;
è possibile posizionare l’opera anche con il mouse, selezionando
61
PROGRAM GEO – B-rock ver.2 per Windows
l’opzione Posiziona l’opera con il mouse, chiudendo la finestra e
facendo un click, con il tasto sinistro del mouse, nel punto d’inserimento
dell’opera lungo il versante visualizzato nella finestra di lavoro
principale.
• S’introducano i dati richiesti nella finestra di input e si prema il pulsante
CONFERMA PARAMETRI.
• Si tenga presenta che, come nel caso delle gabbionate, in questo
programma la spinta attiva è un dato di input in quanto non è possibile,
in roccia, calcolarla direttamente.
• E’ possibile modificare lo stile e lo spessore della penna usata per il
disegno dell’opera e i colori usati per visualizzarne il contorno ed il
riempimento.
• Per eliminare un muro si prema il pulsante RIMUOVI MURO; per
duplicare l’opera si faccia un click sul bottone DUPLICA MURO.

62
PROGRAM GEO – B-rock ver.2 per Windows
Reticoli di micropali

Per l’inserimento di interventi di armatura del pendio con reticoli di


micropali sul versante in esame si proceda come indicato di seguito.
• Dal menù Opere e carichi si selezioni la voce Reticoli di micropali.
• Nella finestra Gruppi di micropali si prema il pulsante AGGIUNGI
GRUPPO per iniziare il dimensionamento e il posizionamento del primo
gruppo di micropali; il programma permette l’inserimento fino a 50
gruppi di micropali.
• Si digitino le coordinate X e Y della testa del gruppo di micropali; è
possibile posizionare l’opera anche con il mouse, selezionando l’opzione
Posiziona l’opera con il mouse, chiudendo la finestra e facendo un click,
63
PROGRAM GEO – B-rock ver.2 per Windows
con il tasto sinistro del mouse, nel punto d’inserimento dell’opera lungo
il versante visualizzato nella finestra di lavoro principale.
• S’introducano i dati richiesti nella finestra di input e si prema il pulsante
CONFERMA PARAMETRI.
• E’ possibile modificare lo stile e lo spessore della penna usata per il
disegno dell’opera e i colori usati per visualizzarne il contorno ed il
riempimento.
Per eliminare una palificata si prema il pulsante RIMUOVI GRUPPO; per
duplicare l’opera si faccia un click sul bottone DUPLICA GRUPPO.

64
PROGRAM GEO – B-rock ver.2 per Windows
Sovraccarichi e sisma

Per l’inserimento di sovraccarichi (edifici, strade, ecc.) agenti sul versante in


esame si proceda come indicato di seguito.
• Dal menù Opere e carichi si selezioni la voce Sovraccarichi e sisma.
• Nella finestra Sovraccarichi e sisma si prema il pulsante AGGIUNGI
CARICO per iniziare il dimensionamento e il posizionamento del primo
carico; il programma permette l’inserimento fino a 50 sovraccarichi.
• Si digitino le coordinate X e Y della spigolo a valle del sovraccarico; è
possibile posizionare il carico anche con il mouse, selezionando
l’opzione Posiziona il carico con il mouse, chiudendo la finestra e
facendo un click, con il tasto sinistro del mouse, nel punto d’inserimento

65
PROGRAM GEO – B-rock ver.2 per Windows
del carico lungo il versante visualizzato nella finestra di lavoro
principale.
• S’introducano i dati richiesti nella finestra di input e si prema il pulsante
CONFERMA PARAMETRI.
• E’ possibile modificare lo stile e lo spessore della penna usata per il
disegno del carico e i colori usati per visualizzarne il contorno ed il
riempimento.
• Per eliminare una sovraccarico si prema il pulsante RIMUOVI
CARICO; per duplicare il carico si faccia un click sul bottone DUPLICA
CARICO.

Per inserire la sollecitazione sismica si digitino direttamente i valori


dell’accelerazione sismica massima orizzontale e del coefficiente riduttivo
beta nelle rispettive caselle e si prema CONFERMA PARAMETRI. Se nel
calcolo si desidera considerare anche l’accelerazione sismica verticale si
spunti la relativa opzione.

66
PROGRAM GEO – B-rock ver.2 per Windows
Fratture di trazione

Per l’inserimento di eventuali fratture di trazione (tension crack) presenti sul


versante in esame si proceda come indicato di seguito.
• Dal menù Opere e carichi si selezioni la voce Fratture di trazione.
• Nella finestra Fratture di trazione si prema il pulsante AGGIUNGI
FRATTURA per iniziare il dimensionamento e il posizionamento della
prima frattura; il programma permette l’inserimento fino a 50 tension
crack.
• Si digitino le coordinate X e Y della sommità della frattura; è possibile
posizionare la tension crack anche con il mouse, selezionando l’opzione
Posiziona la frattura con il mouse, chiudendo la finestra e facendo un
click, con il tasto sinistro del mouse, nel punto d’inserimento della
frattura lungo il versante visualizzato nella finestra di lavoro principale.
• S’introducano i dati richiesti nella finestra di input e si prema il pulsante
CONFERMA PARAMETRI.

67
PROGRAM GEO – B-rock ver.2 per Windows
• E’ possibile modificare lo stile e lo spessore della penna usata per il
disegno della frattura e i colori usati per visualizzarne il contorno ed il
riempimento.
• Per eliminare una frattura si prema il pulsante RIMUOVI FRATTURA;
per duplicare la frattura si faccia un click sul bottone DUPLICA
FRATTURA.

68
PROGRAM GEO – B-rock ver.2 per Windows
3 Tutorial di B-rock2

Questo capitolo rappresenta un'introduzione pratica a B-rock. Nel corso di


esso verrà simulata la verifica di stabilità di un versante multristrato.

3.1 Inserimento del profilo topografico della sezione.

• Avviato il programma, dal menù File si scelga la voce Nuovo progetto:


apparirà la finestra di lavoro bianca contenente solo l’indicazione del
punto origine, inizialmente posto in corrispondenza delle coordinate
X=0 e Y=0 (rappresentato da una piccola croce nera).
• Nel menù Dati si scelga la voce Profilo topografico.
• Nella casella N.coordinate del profilo digitare 12 e premere
AGGIORNA.
• Inserire nella tabella le seguenti coordinate:

X (m) Y (m)
0 0
6 2,5
11,8 4,7
15,4 6,2
19,8 8,2
24,2 10,1
26,5 11
29,6 17,3
30,9 21,8
34,4 24
38,5 23,8
44,7 23,5
• In corrispondenza della casella di input ‘Profondità della sezione
stratigrafica’ lasciare il valore 0: questo parametro serve a definire lo
spazio di disegno della stratigrafia sotto il punto di origine.
• Nella casella Immersione sezione digitare 150°; questa è l’immersione,
rispetto al nord del fronte del pendio.
69
PROGRAM GEO – B-rock ver.2 per Windows
• Premere il pulsante CONFERMA E CHIUDI per confermare i dati di
input e chiudere la finestra.
• Nella finestra di lavoro principale comparirà il profilo topografico
introdotto, con l’indicazione numerica delle quote e delle ascisse lungo
gli assi.

3.2 Inserimento delle colonne stratigrafiche di riferimento.

Si suppone che sia stato eseguito un sondaggio a carotaggio continuo lungo


la sezione, in corrispondenza dell’ascissa X=38 m.

• Nel menù Dati si scelga la voce Colonne stratigrafiche.


• Si prema il pulsante AGGIUNGI COLONNA per introdurre la prima
colonna stratigrafica.
• In corrispondenza della casela di edit ‘N.strati’ digitare 2 e premere
aggiorna.
70
PROGRAM GEO – B-rock ver.2 per Windows
• Inserire nella tabella i seguenti dati:

Descrizione Profondità base (m)


Conglomerato 7,4
Marna 15
• Nella casella di edit ‘X colonna’ digitare 38 (la posizione sulla sezione
della prima stratigrafia).
• Si prema il pulsante CONFERMA STRATIGRAFIA per memorizzare i
dati introdotti.

• Nella lista degli strati si selezioni la voce ‘Strato n.1’; si faccia un click
sull’area Colore sfondo: apparirà una finestra di dialogo per la scelta del
colore da associare allo sfondo dello strato; selezionato il colore
desiderato si prema OK; si esegua un click sull’area Colore retino e si
scelga il colore da associare al retino litologico dello strato e si prema

71
PROGRAM GEO – B-rock ver.2 per Windows
nuovamente OK; si ripeta l’operazione per i restanti 3 strati della
colonna.
• Si esegua un click sul pulsante RETINI LITOLOGICI: apparirà la
finestra per la creazione dei retini litologici da associare agli strati.

• Per creare i retini si proceda come indicato di seguito.


1. Nella casella di edit ‘Retino strato n.’ si selezioni 1.
2. Nella lista delle litologie si scelgano le voci Ghiaia e Ciottoli e
trovanti.

72
PROGRAM GEO – B-rock ver.2 per Windows
3. Si premano i pulsanti ANTEPRIMA, per visualizzare il retino
ottenuto dalla combinazione delle due voci, e AGGIORNA, per
confermare la scelta.
4. Si ripeta l’operazione per lo strato restante e quindi si chiuda la
finestra.
• Chiudere la finestra per visualizzare la colonna stratigrafica sulla sezione
topografica.

73
PROGRAM GEO – B-rock ver.2 per Windows
3.3 Disegno della sezione.

Introdotta la colonna stratigrafica derivante dal sondaggio eseguito è


possibile passare al disegno della sezione litologica, correlando gli strati
individuati.
• Nel menù Dati si scelga la voce Stratigrafia.
• Nella casella di edit ‘Numero strati’ si digiti 2 e si prema AGGIORNA.
• Si faccia un clik sulla targhetta Strato n.1, si scelga il tipo litologico
corrispondente alla Conglomerato e breccia, si digiti la descrizione del
primo strato (Conglomerato), lasciando invaritati i parametri
geomeccanici dell’ammasso (GSI, qu, ecc.).
• Nella tabella Parametri geomeccanici delle discontinuità meccaniche
s’inseriscano i seguenti dati, ipotizzando tre famiglie di giunti (si ricordi
che per creare nuove righe nella tabella bisogna premere il tasto ↓ sulla
tastiera):

alfa Beta JCS JRC Phib S Dx Phi C


145 45 200 7 32 100 12 32 0
320 75 200 12 32 100 15 32 0
85 80 200 12 32 100 15 32 0

• Si prema il pulsante CONFERMA PARAMETRI.

74
PROGRAM GEO – B-rock ver.2 per Windows

• Si faccia un click sulla targhetta Strato n.2, si scelga il tipo litologico


corrispondente a marna; , lasciando invaritati i parametri geomeccanici
dell’ammasso (GSI, qu, ecc.).
• Nella tabella Parametri geomeccanici delle discontinuità meccaniche
s’inseriscano i seguenti dati, ipotizzando tre famiglie di giunti (si ricordi
che per creare nuove righe nella tabella bisogna premere il tasto ↓ sulla
tastiera):

alfa Beta JCS JRC Phib S Dx Phi C


145 45 250 4 22 100 0 0 0
320 75 250 6 22 100 0 0 0
85 80 250 6 22 100 0 0 0

• Si prema il pulsante CONFERMA PARAMETRI.

75
PROGRAM GEO – B-rock ver.2 per Windows

• A partire dal secondo strato è necessario inserire l’andamento del tetto


del livello; nel caso del primo strato, il più superficiale, ciò non è
necessario, perché il profilo del tetto corrisponde a topografico. Si
selezioni la targhetta Profilo dello strato. Nella casella di edit
‘N.coordinate tetto strato’ si digiti 4 e si prema AGGIORNA. Nella
tabella s’inseriscano le seguenti coordinate:
X (m) Y (m)
0 0
12,20 4,9
26,40 11,0
44,7 19,1
• Si prema CONFERMA PROFILO STRATO per memorizzare le
coordinate.

76
PROGRAM GEO – B-rock ver.2 per Windows
3.4 Disegno della falda.

Si ipotizza la presenza di una falda che scorre all’interno del primo strato
(conglomerati).
• Nel menù Dati si scelga la voce Profilo falda.
• Nella casella di edit ‘Introdurre il numero delle falde’ si digiti 1 e si
prema AGGIORNA.
• Nella casella di edit ‘N.coordinate tetto falda’ si inserisca 4 e si prema
AGGIORNA.
• Nella tabella si digitino le seguenti coordinate:

X (m) Y (m)
26,6 11
32,4 17,4
37,3 20,8
44,5 22,3
• Si prema CONFERMA PROFILO FALDA per memorizzare le
coordinate introdotte.
• Si chiuda la finestra per visualizzare l’andamento della falda lungo la
sezione.

77
PROGRAM GEO – B-rock ver.2 per Windows

78
PROGRAM GEO – B-rock ver.2 per Windows
3.5 Posizionamento della legenda e della scala grafica

Per posizionare la legenda stratigrafica nella sezione:


• si esegua un click sul pulsante Muovi legenda della toolbar;
• si faccia un secondo click all’interno della finestra di lavoro nel punto in
cui si desidera posizionare la legenda.

Per posizionare la scala grafica nella sezione:


• si esegua un click sul pulsante Muovi scala grafica della toolbar;
• si faccia un secondo click all’interno della finestra di lavoro nel punto in
cui si desidera posizionare la scala.
3.6 Verifica di stabilità globale

Si ipotizza di dovere valutare la stabilità della rupe in conglomerato che


parte circa dalla X=26,4. Si suppone che la superficie di scivolamento

79
PROGRAM GEO – B-rock ver.2 per Windows
coincida con il giunto di strato e che a monte il cuneo planare che si forma
sia isolato dalla famiglia n.3, subverticale.
• Dal menù Procedure si scelga la voce Metodi dell’equilibrio limite e
quindi Stabilità globale.
• Si selezionino i metodi di Fellenius, Janbu e s’inseriscano 15 conci.
• Si faccia un click sulla targhetta Cunei planari.
• Nella casella Famiglia sui s’imposta lo scivolamento si digiti 1 (giunto
di strato).
• Nella casella Famiglia che isola il cuneo a monte si digiti 3.
• Come intervallo di X a valle si inserisca 26,4 e 29,6;
• Come intervallo di X a monte si inserisca 34,4 e 36;
• Alla voce Numero superfici da elaborare si inserisca 100;
• Si prema CONFERMA DATI e quindi AVVIA ELABORAZIONE.
• A elaborazione conclusa, si prema sulla targhetta Risultati per vedere il
risultato dell’elaborazione.

80
PROGRAM GEO – B-rock ver.2 per Windows
3.7 Chiodatura della parete

Il coefficiente di sicurezza calcolato nella verifica precedente risulta


inferiore a 1,3. Ciò dipende dal fatto che il giunto di strato è aperto
(Dx>10mm) e quindi la resistenza al taglio viene fornita solo dal materiale
di riempimento. Si procede quindi al dimensionamento di un intervento di
chiodatura per riportare il valore di Fs sopra 1,3.
• Dal menù Opere e carichi si scelga la voce Chiodature.
• Nella finestra Chiodatura si prema AGGIUNGI CHIODATURA.
• Si digitino i dati di input come da immagine, premendo alla fine
CONFERMA PARAMETRI.
• Si chiuda la finestra e si torni alla finestra Stabilità globale.
• Senza modificare nessuna voce, si prema AVVIA ELABORAZIONE.

81
PROGRAM GEO – B-rock ver.2 per Windows

82
PROGRAM GEO – B-rock ver.2 per Windows
4. Teoria e Normativa
4.1 Definizione del problema.

Le procedure di analisi di stabilità di un pendio in roccia, attraverso la


valutazione dell'equilibrio limite, consistono nella stima di un coefficiente di
sicurezza alla traslazione e/o alla rotazione del volume di terra compreso fra
la superficie del versante ed una superficie di taglio potenziale imposta.
La procedura di calcolo prende in considerazione tutte le forze e/o i
momenti agenti lungo il piano di taglio, fornendo una valutazione della
stabilita' globale attraverso le equazioni d'equilibrio fornite dalla statica.
Il coefficiente di sicurezza globale del pendio viene calcolato attraverso il
rapporto fra la resistenza di taglio massima disponibile lungo la superficie
di rottura e gli sforzi tangenziali mobilitati lungo tale piano:

Fsic = Tmax / Tmob;

con
Fsic= coefficiente di sicurezza;
Tmax= resistenza di taglio massima;
Tmob= sforzo tangenziale mobilitato.

All'equilibrio(Tmax=Tmob) Fsic deve essere ovviamente uguale a 1.


Il pendio potrebbe essere considerato in teoria stabile, quando Fsic risulta
maggiore di 1 (Tmax>Tmob), instabile in caso contrario (Tmax<Tmob). In
realta', per tener conto dell'incertezza introdotta dalle ipotesi semplificatrici
nella procedura di calcolo e soprattutto dell'approssimazione con cui sono
noti i parametri geotecnici del terreno, per Legge (D.M.21.1.81 e successivi)
e per consuetudine pratica la stabilita'puo' dirsi raggiunta solo nel caso in cui
Fsic sia maggiore di 1.3.
Vanno quindi distinti tre casi:

a) Coefficiente di sicurezza inferiore a 1: il pendio si trova in condizioni di


instabilita' globale.

83
PROGRAM GEO – B-rock ver.2 per Windows
b) Coefficiente di sicurezza compreso fra 1 e 1.3: il pendio si trova in
condizioni prossime all'equilibrio limite; anche un piccolo incremento
degli sforzi tangenziali sulla superficie potenziale di rottura puo' innescare
il fenomeno franoso.

c) Coefficiente di sicurezza superiore a 1.3: il pendio si trova in condizioni


di stabilita' globale.

4.2 Impostazione della procedura di calcolo.

Nell'applicare le equazioni della statica al problema dell'analisi di


stabilita' di un pendio in terra occorre ipotizzare che siano verificate le
seguenti condizioni:

a) la verifica va eseguita prendendo in esame una striscia di versante di


larghezza unitaria (solitamente di 1 metro), trascurando l’interazione laterale
fra tale striscia ed il terreno contiguo;

b) la resistenza al taglio lungo la superficie potenziale di rottura deve essere


esprimibile attraverso la legge di Coulomb:

Tmax = c + γ h tg ϕ;

con
Tmax = resistenza di taglio massima del terreno;
c= coesione del terreno;
γ= peso di volume del terreno;
h= profondita' della superficie di rottura;
ϕ = angolo di resistenza al taglio del terreno.

c)la precisione con cui vengono stimati in sito o in laboratorio i parametri


geotecnici coesione e angolo di resistenza al taglio deve essere la stessa: in
caso contrario la resistenza al taglio mobilitata dovrebbe essere espressa
nel seguente modo:

84
PROGRAM GEO – B-rock ver.2 per Windows
Tmob = (c/Fsicc) + (γ h tg ϕ/Fsicp);

con
Fsiic =coefficiente di sicurezza legato a c;
Fsicp =coefficiente di sicurezza legato a ϕ;

introducendo nel calcolo due coefficienti di sicurezza invece di uno, con


ovvie complicazioni nella risoluzione analitica del problema;

d) deve aversi una distribuzione omogenea degli sforzi tangenziali


mobilitati (Tmob) lungo la superficie potenziale di rottura. Questo significa
che in ogni punto del piano ipotetico di scivolamento i parametri
dell'equazione di Coulomb c, ϕ, γ ed h devono avere lo stesso valore.

Per limitare l'errore introdotto nel calcolo da quest’ultima ipotesi, la


superficie di scivolamento viene, nella maggior parte delle procedure di
calcolo note in letteratura, suddivisa in piu' settori (conci), all'interno dei
quali si considera realizzata la condizione di omogeneita' di Tmob. Nella
pratica i limiti dei conci vengono fatti cadere dove vi sia una variazione
significativa di γ, c e ϕ del terreno o in corrispondenza di variazioni
significative nel profilo topografico del versante.
Questo modo d'impostare il problema conduce pero' all'introduzione nella
risoluzione analitica di nuove incognite che esprimono il modo in cui
interagiscono fra loro, lungo le superfici divisorie, i vari conci.
In definitiva nel calcolo del valore di Fsic intervengono le seguenti
incognite(n=numero dei conci preso in considerazione):

a) le forze normali (N) agenti sulla base del concio ( n incognite);


b) le forze tangenziali (T) agenti sulla base dei conci ( n incognite);
c) i punti, sulla base del concio, di applicazione delle forze normali e
tangenziali (n incognite);
d) le forze orizzontali agenti lungo le superfici di separazione dei conci ( n-
1 incognite);
e) le forze verticali agenti lungo le superfici di separazione dei conci (n-1
incognite);

85
PROGRAM GEO – B-rock ver.2 per Windows
f) i punti di applicazione, sulle superfici di separazione dei conci, delle
forze d) ed e) (n-1 incognite);
g) il coefficiente di sicurezza Fsic (1 incognita).

In totale il problema comporta l'introduzione di 6n-2 incognite.


Per la sua risoluzione sono disponibili:

a) 3n equazioni d'equilibrio;
b) n equazioni del tipo:

T = (c l + N tg ϕ)/Fsic;
con
l = lunghezza del concio;

che collegano fra loro, per ogni concio, le incognite N, T ed Fsic.


c) n equazioni ottenute ponendo che il punto di applicazione di N e T cada a
meta' della base del concio.

In totale quindi sono disponibili 5n equazioni per la soluzione analitica


del problema.
Perche' si possa arrivare alla determinazione di Fsic occorrerebbero
ovviamente tante equazioni quante sono le incognite.
In realta' perche' il problema sia staticamente determinato, e quindi
risolvibile, mancano ancora n-2 equazioni (la differenza fra il numero delle
incognite,6n-2, ed il numero delle equazioni disponibili, 5n).
Le equazioni mancanti possono essere ottenute introducendo nell'analisi
ulteriori ipotesi semplificatrici. Tali ipotesi riguardano generalmente la
distribuzione delle forze lungo le superfici di separazione dei conci. Le
varie procedure di risoluzione del problema differiscono essenzialmente
per la schematizzazione che viene fatta di questa distribuzione.

86
PROGRAM GEO – B-rock ver.2 per Windows
4.3 Differenza con il caso di un pendio in terra.

4.3.1 Criterio di Hoek e Brown.

A differenza di quanto avviene nelle terre sciolte, negli ammassi rocciosi la


resistenza al taglio del materiale non può generalmente essere descritta con
il criterio di rottura di Coulomb:

Tmax = c + σ tan ϕ;

dove
c = coesione;
σ = pressione efficace;
ϕ = angolo d'attrito.

Questo infatti indica una correlazione fra resistenza al taglio del materiale e
pressione di confinamento di tipo lineare, mentre negli ammassi rocciosi tale
correlazione è chiaramente di tipo non lineare.
D'altra parte i metodi dell’equilibrio limite per il calcolo della portanza visti
in precedenza richiedono che il materiale, terra o roccia, sia descrivibile
attraverso i parametri c e ϕ.
E' necessaria quindi una correlazione che leghi queste due grandezze a
quelle utilizzate normalmente per la descrizione del comportamento
meccanico dell'ammasso roccioso.
Hoek e Brown descrivono una procedura che consente l'applicazione delle
formule dell'equilibrio limite anche al caso di ammassi rocciosi.
La forma generale del criterio di rottura di Hoek & Brown è la seguente:

a
 σ 
σ 1 = σ 3 ' + σ c  mb 3 + s  ;
 σc 

dove:
mb = valore della costante m per gli ammassi rocciosi;
s, a = costanti dipendenti dalle caratteristiche dell’ammasso
roccioso;
87
PROGRAM GEO – B-rock ver.2 per Windows
σc = resistenza alla compressione monassiale della roccia intatta;
σ1 σ3 = sforzi principali in tensioni efficaci.

La determinazione dei parametri a, s e mb viene fatta in funzione della


qualità dell’ammasso roccioso, espressa numericamente dall’indice GSI
(Geological Strength Index).
Sulla base del valore stimato dell’indice GSI, si distinguono i seguenti casi:

• per ammassi rocciosi in condizioni indisturbate di qualità da buona a


media per i quali sia GSI≥25, si ha:

a= + e
2 6
(
1 1 −GSI / 15
)
− e − 20 / 3 ;

 GSI − 100 
mb = mi exp ;
 28 − 14 D 
 GSI − 100 
s = exp ;
 9 − 3D 

• per ammassi rocciosi in condizioni indisturbate per i quali sia GSI<25


(ma maggiore di 18, valore minimo previsto dalla classificazione), si ha:

GSI
a = 0.65 − ;
200
 GSI − 100 
mb = mi exp ;
 28 − 14 D 
s = 0;

• in tutti i casi in condizioni rimaneggiate o disturbate (ammassi rocciosi


scavati con esplosivo o alterati e detensionati), si ha:

 GSI − 100 
mb = mi exp ;
 14 

88
PROGRAM GEO – B-rock ver.2 per Windows

 GSI − 100 
s = exp  (solo nel caso GSI≥25, altrimenti s=0);
 6 
La grandezza D indica il grado di disturbo della roccia scavata
artificialmente e varia da 0 (roccia non disturbata) a 1 (roccia fortemente
disturbata). Può essere stimato indicativamente dalla seguente tabella:
Descrizione Valori di D
Scavo in galleria con uso controllato
di qualità ottima di esplosivi o
attraverso T.B.M. (Tunnel Boring 0
Machine) con disturbo minimo
dell’ammasso roccioso.
Scavo meccanico o manuale in
galleria (senza uso di esplosivi) di
roccia di qualità mediocre con 0
disturbo minimo dell’ammasso
roccioso.
Come sopra ma con problemi di
riflusso e deformazioni plastiche con 0,5
sollevamento della base della galleria
Scavo in galleria con uso
scarsamente controllato di esplosivi
in roccia compatta con danni che si 0,8
estendono localmente per 2-3 m.
Scavi di limitata entità su versanti
per la realizzazione di opere di 0,7
ingegneria con modesto
danneggiamento dell’ammasso
roccioso.
Come sopra ma con elevato
danneggiamento dell’ammasso 1,0
roccioso.
Cave di grande estensione con
utilizzo massiccio di esplosivi. 1,0
Come sopra ma con scavo 0,7
meccanico.
89
PROGRAM GEO – B-rock ver.2 per Windows

Per quanto riguarda la stima dei valori di mi, costante per i diversi litotipi, in
assenza di dati sperimentali, si può fare riferimento alla seguente tabella:

4.3.2 Stima dei valori di ci e ϕi dell’ammasso roccioso.

90
PROGRAM GEO – B-rock ver.2 per Windows
Poiché il criterio di Hoek e Brown esprime una curva di tipo non lineare, i
valori di coesione e angolo di resistenza al taglio variano in funzione dello
sforzo normale efficace (σn' ) agente sulla base del concio.
I valori di ci e ϕi si possono ottenere attraverso lo sviluppo di una tecnica
numerica per la soluzione in forma implicita. In questo caso i passi di
calcolo sono i seguenti:
• con le procedure di Hoek e Brown, si calcolano i valori di σ1,
facendo variare σ3 da un valore minimo prossimo a 0 fino ad un
valore massimo che può essere posto indicativamente uguale a
0,25σc. Il passo di variazione di σ3 (∆σ3) è fornito dalla relazione
∆σ3 = σc/210 . Ad n passi ∆σ3 corrispondono altrettante coppie di
valori di σ1, σ3, con le formule di Hoek e Brown, e n gruppi di
valori δσ1/δσ3 , σn’, τ, ottenuti attraverso le relazioni di Balmer:

σ1 − σ 3
σn = σ3 + ;
δσ 1
+1
δσ 3
δσ 1
τ = (σ n − σ 3 ) ;
δσ 3
δσ 1 mbσ c
= 1+ (caso GSI>25, a=0,5).
δσ 3 2(σ 1 − σ 3 )

a −1
δσ 1  σ3 
= 1 + amb a   (caso GSI≤25, s=0).
δσ 3  σc 

Dalle formule di regressione lineare:

 ∑σn ∑τ 
 ∑ σ nτ − 
ϕi ' = arc tan  n ,

 ∑σn − 2 ( ∑σn )
2 

 n 

91
PROGRAM GEO – B-rock ver.2 per Windows

 ∑ τ   ∑ σ n  
ci ' =   −   tan ϕi ' ,
 n   n  

si ricavano i corrispondenti valori di ci’ e ϕi’ dell’intervallo


considerato.
• S’individua l’intervallo di valori di σn calcolati nel passo
precedente (∆σn) nel quale ricade il σn’ medio della base del
concio. ∆σn a sua volta si collega a due intervalli di variazione
della coesione e dell’angolo di resistenza al taglio istantanei (∆ci’
e ∆ϕi’), da cui si ricavano:

σ nbc '
ci = ∆ci ' ,
∆σ n
σ '
ϕ i = nbc ∆ϕ i ' ,
∆σ n

4.3.3 Stima dei valori di ci e ϕi dei giunti meccanici.

Negli ammassi rocciosi fratturati in cui la stabilità dipende dalla resistenza


meccanica dei giunti, i valori di ci e ϕi si possono ottenere attraverso le
relazioni proposte da Barton.
Anche in questo caso i valori di coesione e angolo di resistenza al taglio
variano in funzione dello sforzo normale efficace (σn' ) agente sul giunto.
Questi i passaggi di calcolo:
  JCS 
τ = σ n ' tan ϕ b + JRCLog10   ;
  σ n ' 
δτ   JCS  πJRC  2   JCS  
= tan ϕ b + JRCLog 10   − tan ϕ b + JRCLog 10   + 1
δσ n   σ n '  180 ln 10 
   σ n '  
 δτ 
ϕ i = arc tan  ;
 δσ n 
;
ci = τ − σ n tan ϕ i .

92
PROGRAM GEO – B-rock ver.2 per Windows

Si ricorda che nel caso in cui lo scivolamento s’imposti lungo la superficie


di un giunto e questo risulti aperto (>10 mm) nel calcolo di stabilità
andranno utilizzati i parametri del materiale di riempimento.

CONSIDERAZIONI SULL’USO DEL CRITERIO DI ROTTURA DI HOEK & BROWN.

Il criterio di rottura di Hoek & Brown andrebbe utilizzato in teoria solo in


presenza di rocce intatte o ammassi rocciosi altamente fratturati, dove
l’ammasso roccioso nella sua globalità può essere considerato come un
mezzo omogeneo ed isotropo. Non deve essere applicato in situazioni
intermedie, dove le superfici di discontinuità presenti vadano ad influenzare
il comportamento geomeccanico dell’ammasso. In questi casi problemi
d'instabilità potranno aversi esclusivamente per singoli blocchi o porzioni di
versante isolati dall'intersezione dei giunti di discontinuità meccanica
presenti. Questo tipo di problema andrà affrontato con una procedura
sostanzialmente differente (vedi 'Stabilità di cunei isolati').

4.4 Risoluzione con i metodi dell'equilibrio limite

Le instabilità di interi versanti o di importanti parti di versanti in roccia,


avvengono per superfici circolari o subcircolari solo in presenza delle
seguenti caratteristiche geostrutturali e geomeccaniche:
• Pendio costituito da rocce altamente fratturate fino a cataclasate (“waste
or crushed rock mass”), con comportamento a grande scala
tendenzialmente simile a quello dei terreni e discontinuità non isorientate
(“random”) in cui si verificano le condizioni:
• basso grado di “interlocking” ovvero di intercompenetrazione
e reciproco incastro dei volumi rocciosi unitari determinati
dalle superfici di discontinuità
• dimensioni dei volumi rocciosi unitari isolati dalle
discontinuità, trascurabili nei confronti delle dimensioni del
pendio. Questa situazione si verifica nei confronti dei versanti
fortemente estesi in rapporto al reticolo fratturativo presente;
si tratta quindi di un fenomeno che risente in maniera
93
PROGRAM GEO – B-rock ver.2 per Windows
piuttosto evidente del decadimento delle caratteristiche di
resistenza per il cosiddetto“effetto scala”. Tale fenomeno
contraddistingue i cosiddetti “sackung” (“Deep Seated Mass
Rock Creep”) che consistono in frane di versante di grosse
dimensioni.
• Pendio costituito da rocce con una o più famiglie di superfici di
discontinuità geostrutturale-geomeccanica disposte sfavorevolmente alla
giacitura del pendio o con direzione prossima alla stessa. Le superfici di
discontinuità geostrutturale-geomeccanica possono essere di origine
singenetica, tettonica o metamorfica ( o post-tettonica o post-
metamorfica) e possono essere inclinate in qualsiasi modo rispetto al
pendio purché la loro direzione sia prossima allo stesso (± 20° da “Rock
Slope Engineering”) ovvero le superfici siano “cinematicamente
ammissibili”. E’ il caso prevalentemente considerato nella presente
trattazione.
• Pendio costituito da rocce tenere e/o suoli molto compatti e
sovraconsolidati dove il comportamento complessivo a grande scala è
quello rispettivamente di un mezzo omogeneo isotropo continuo e dei
terreni.
• Pendio costituito da rocce completamente alterate dai fenomeni di
“weathering” dove il comportamento è quello dei terreni.

Fig. 1 Scivolamento subcircolare in roccia fratturata con discontinuità non


isorientate (“random”)

94
PROGRAM GEO – B-rock ver.2 per Windows
Superfici di rottura subcircolari possono verificarsi in tutti i casi in cui esiste
una combinazione delle precedenti quattro tipologie di caratteristiche
geostrutturali e geomeccaniche.
Con riferimento alla classificazione proposta da Aydan et Alii, che classifica
la tipologia di rottura nei versanti in roccia essenzialmente sui criteri di
classificazione di tipo C, ovvero determinati dalle strutture o insieme di
strutture coinvolte nella rottura, questi fenomeni rientrano nella classe II
della Fig. 2. In particolare modo essi combinano taglio lungo la matrice
rocciosa e scivolamento lungo le discontinuità preesistenti.

95
PROGRAM GEO – B-rock ver.2 per Windows

Fig. 2 Classificazione di Aydan et Alii di rottura su pendii in roccia

Questa eventualità è individuata anche da Jaeger che suggerisce il caso


particolare di un pendio con discontinuità a franappoggio con diverse
possibili superfici di rottura (vedi Fig. 3);

96
PROGRAM GEO – B-rock ver.2 per Windows

Fig. 3 Possibilità di rottura su roccia e discontinuità secondo Jaeger

a titolo di esempio eclatante e internazionalmente riconosciuto riporta la


frana del Vajont (vedi Fig. 4).

Fig. 4 Frana del Vajont (9 Ottobre 1963)

Di seguito sono illustrati alcuni esempi di pendii in roccia con potenziale


formazione di superfici di rottura circolari o subcircolari in base alle relative
caratteristiche geostrutturali e geomeccaniche.
Nb. : In tutti i casi le discontinuità devono risultare con direzione prossima
(± 20°) a quella del pendio; qualora posseggano discontinuità con
97
PROGRAM GEO – B-rock ver.2 per Windows
immersione reggipoggio di elevata inclinazione, le superfici di potenziale
scivolamento non devono ricalcare dette discontinuità nella parte alta del
pendio ovvero le analisi all’equilibrio limite a conci non contemplano
superfici a tetto con conseguenti stati di sforzo a trazione.
1. Pendio con una sola famiglia di discontinuità immergente a
contropoggio
2. Pendio con una sola famiglia di discontinuità immergente a debole
franappoggio (in caso di pronunciato franappoggio prevale lo
scivolamento planare “plane failure”
3. Pendio con una sola famiglia di discontinuità immersa a reggipoggio
4. Pendio con due o più famiglie di discontinuità in combinazioni di
assetti geostrutturali variabili
5. Pendio con due o più famiglie di discontinuità con giaciture
orizzontali e verticali
Pendio con una o più famiglie di discontinuità e con contatto
formazionali, stratigrafici e/o tettonici particolari.

4.4.1 Metodo di Fellenius.

Con il metodo di Fellenius si pone la condizione che le forze agenti sulle


superfici di separazione dei conci (forze di interstriscia) siano trascurabili.
E’ un metodo basato sull’equilibrio dei momenti agenti.
Posto:

Ni=Wconcio(i) cos αi;

con
Wconcio(i)=peso del volume di terra compreso nel concio i-esimo;
αi=inclinazione della base del concio i-esimo;
Ni=componente normale alla base del concio di Wconcio(i).

Imponendo l’equilibrio dei momenti rispetto al centro della superficie


circolare di scivolamento potenziale del pendio, si può scrivere:

ΣR sen αi Wconcio(i)=ΣR Ti;

98
PROGRAM GEO – B-rock ver.2 per Windows
in cui il prodotto R sen αi rappresenta il braccio di Wconcio(i).
Si ottiene infine:

Fsic = Σ(Ci Lconcio(i)+Ni tg ϕi) / Σsen αi Wconcio(i);

con
Ci=coesione agente lungo la base del concio i;
Lconcio(i)=lunghezza della base del concio i;
ϕi=angolo d’attrito agente lungo la base del concio i;

Introducendo il contributo dovuto alla presenza di falda idrica si ottiene:

Fsic = ΣCi Lconcio(i) + (Ni-hfalda(i) Lconcio(i))tg ϕi] / ΣWconcio(i) sen αi


;

in cui:
hfalda(i)=altezza della falda rispetto alla base del concio i;

Il metodo di Fellenius conduce generalmente a sottostime di Fsic rispetto a


metodi più rigorosi, soprattutto in terreni coesivi e/o sovraconsolidati e per
superfici profonde. L’errore è comunque a favore della sicurezza, anche se
in alcuni casi può superare il 20% rispetto a metodi rigorosi.
Può essere utilizzato con superfici di calcolo circolari e di forma qualsiasi.
Questo metodo, come i successivi che verrano presi in esame, può a volte
fornire coefficienti di sicurezza negativi. Ciò si verifica, quando
l’inclinazione della superficie di scivolamento al piede assume valori
negativi molto elevati, come nel caso di superfici molto profonde rispetto
alla loro estensione in lunghezza. Queste superfici vanno considerate
sicuramente stabili e il valore di Fs stimato privo di significato. Nel
programma le superfici di scivolamento che presentano valori di Fs negativi
vengono ignorate.

4.4.2 Metodo di risoluzione di Bishop (semplificato).

99
PROGRAM GEO – B-rock ver.2 per Windows
Con il metodo di Bishop semplificato si pone la condizione che le forze
verticali agenti sulle superfici di separazione dei conci siano trascurabili. Di
conseguenza i conci interagiscono fra di loro solo attraverso forze orientate
lungo l'orizzontale.
E’ anche questo un metodo basato sull’equilibrio dei momenti agenti.
Viene supposto che la superficie potenziale di scivolamento sia circolare.
La resistenza al taglio massima disponibile lungo la superficie potenziale
di rottura e' data, per ogni concio da:

Ti max = Xi / (1 + Yi / Fs);

con Xi = ( c + (g x h - gw x hw) x tg ϕ) x dx / cos α


con gw = peso di volume dell'acqua;
hw = altezza dell'acqua sulla base del concio;
dx = lunghezza del concio lungo l'orizzontale;
α = inclinazione del concio sull'orizzontale.

Yi = tg α x tg ϕ

La resistenza al taglio mobilitabile lungo il piano di taglio e' per ogni concio
data da:

Ti mob = Zi
con Zi = g x h x dx x sen α

Il coefficiente di sicurezza del pendio viene espresso come segue:

Fs = ∑(i=1-n) Ti max / ∑(i=1-n)Ti mob

Si noti che il coefficiente di sicurezza Fs, che e' la grandezza da


determinare, viene a comparire anche al numeratore attraverso l'espressione
della T max. Di conseguenza non sarà possibile la determinazione diretta
di Fs.
La procedura da adottare dovra' essere di tipo iterativo, fino all'ottenimento
della convergenza su un valore praticamente costante di Fs.

100
PROGRAM GEO – B-rock ver.2 per Windows
Questi sono i passi da seguire:

1. si introduce un valore iniziale di Fs (per es. ottenuto applicando


Fellenius) e si calcola un primo valore del coefficiente di sicurezza;

2. il nuovo valore di Fs (Fs') ottenuto viene confrontato col valore di


partenza;

3. se la differenza supera un limite prefissato ( es. Fs'-Fs>0.001), si


ritorna al passo a), inserendo, al posto del valore di partenza di Fs, il
nuovo valore calcolato;

4. se la differenza rimane contenuta nel limite indicato, l'elaborazione va


interrotta: il coefficiente di sicurezza cercato e' Fs'.

Generalmente il procedimento richiede dalle quattro alle otto iterazioni per


convergere.
Il metodo di Bishop richiede che siano, per tutti i conci, rispettate le due
seguenti condizioni:

• s' = (g x h - gw x hw - c x tg α / Fs)/(1+Y / Fs) > 0

con s' = pressione normale agente sulla base del concio;

• cos α x (1 + Y/Fs) > 0.2.

In caso contrario il metodo puo' condurre a valori del coefficiente di


sicurezza non realistici.
Il metodo va applicato preferibilmente su versanti costituiti da terreni
omogenei, dal punto di vista litologico e delle caratteristiche geotecniche, o,
al limite, su terreni in cui la stratificazione non porti a contatto litologie a
comportamento meccanico significativamente diverso (per esempio sabbia
su argilla); se ne sconsiglia l'uso anche in presenza di terreni fortemente
sovraconsolidati.
Confrontando il metodo di Bishop semplificato con la sua versione
completa, si ottengono differenze massime nei valori dei coefficienti di
101
PROGRAM GEO – B-rock ver.2 per Windows
sicurezza non superiori all'uno percento. Rispetto ad altri metodi piu'
rigorosi, come il G.L.E., lo scarto non supera il 5%, tranne nel caso, di
scarso interesse pratico, in cui sia Fs<1.

4.4.3 Metodo di risoluzione di Janbu (semplificato).

Nel metodo di Janbu semplificato si pone la condizione che le forze


verticali agenti sulle superfici di separazione dei conci siano trascurabili. Di
conseguenza i singoli conci interagiscono fra di loro solo attraverso forze
orientate lungo l'orizzontale.
Questo metodo, a differenza di quello di Bishop, consente di verificare
superfici potenziali di scivolamento di forma qualsiasi ed è un metodo
basato sull’equilibrio delle forze agenti.
La resistenza al taglio massima disponibile lungo la superficie potenziale
di rottura e' data, per ogni concio, da:

Ti max = Xi / (1+Yi/Fs);

con Xi = [c+(g x h-gw x hw ) x tg ϕ] x [1+(tg ϕ2)] x dx


con gw = peso di volume dell'acqua;
hw = altezza dell'acqua sulla base del concio;
dx = lunghezza del concio lungo l'orizzontale;
α = inclinazione del concio sull'orizzontale.

Yi = tg α x tg ϕ

La resistenza al taglio mobilitabile lungo il piano di taglio e' per ogni concio
data da:

Ti mob = Zi

con Zi = g x h x dx x tg α

Il coefficiente di sicurezza del pendio viene espresso come segue:

102
PROGRAM GEO – B-rock ver.2 per Windows
Fs = ∑(i=1-n)Ti max / ∑(i=1-n)Ti mob

Si noti che il coefficiente di sicurezza Fs, che e' la grandezza da


determinare, viene a comparire anche al numeratore attraverso l'espressione
della T max. Di conseguenza non sara' possibile la risoluzione diretta.
La procedura da adottare, anche in questo caso, dovra' essere di tipo iterativo
fino all'ottenimento della convergenza su un valore praticamente costante di
Fs.
Questi sono i passi da seguire:

1. si introduce un valore iniziale di Fs (per es. con Fellenius) e si


dtermina un primo valore del coefficiente di sicurezza;

2. il nuovo valore di Fs (Fs') ottenuto viene confrontato col valore di


partenza;

3. se la differenza supera un limite prefissato ( es. Fs'-Fs>0.001), si


ritorna al passo a), inserendo al posto del valore di partenza di Fs, il
nuovo valore calcolato;

4. se la differenza rimane contenuta nel limite indicato, l'elaborazione va


interrotta: il coefficiente di sicurezza cercato e' Fs'.

Generalmente il procedimento richiede dalle quattro alle otto iterazioni per


convergere.
Il metodo va applicato preferibilmente su versanti costituiti da terreni
eterogenei, dal punto di vista litologico e delle caratteristiche geotecniche, o
fortemente sovraconsolidati. In questi casi infatti la superficie potenziale di
rottura avra' probabilmente forma irregolare, lontana dalla circolarita'.
Il metodo di Janbu puo' condurre, rispetto ad altri metodi piu' rigorosi, come
il G.L.E., a scarti non trascurabili in presenza di superfici potenziali di
rottura profonde o in presenza di forte coesione. E' quindi consigliabile, in
queste situazioni, l'introduzione di un fattore correttivo che minimizzi tale
scarto.
Janbu suggerisce per tale coefficiente la seguente forma:
103
PROGRAM GEO – B-rock ver.2 per Windows

f = 1 + K x [ d/l - 1.4 x (d/l)2];

con
l = lunghezza del segmento retto congiungente il piede del versante con
la sua estremita' superiore;
d = scarto massimo fra la congiungente il piede del versante e l' estremità
superiore e la superficie potenziale di scivolamento, misurato lungo la
perpendicolare del primo;
K = costante uguale a 0.31 in terreni privi di coesione (c=0) e a 0.5 per
terreni coesivi (c>0).

Il coefficiente di sicurezza corretto e' dato quindi da:

Fs' = f x Fs

con Fs = coefficiente di sicurezza non corretto.


Il metodo di Janbu semplificato si presta inoltre meglio di altre procedure
alla verifica dell’influenza di superfici di discontinuità geostrutturali-
geomeccaniche sulla stabilità complessiva. Le porzioni di superficie di
potenziale scivolamento appartenenti alle superfici subcircolari e/o irregolari
che ricadono all’interno di un intervallo prefissato intorno ai piani di
discontinuità ne assumono le relative caratteristiche di resistenza, mentre le
restanti parti assumeranno le caratteristiche della massa rocciosa nel suo
complesso.
In pratica nel calcolo si tiene conto di ciò attraverso la seguente procedura:
• s’individuano le superfici di discontinuità con valore della direzione di
immersione contenute entro ± 20° rispetto alla direzione di immersione
del pendio (asse della sezione) e le relative caratteristiche di:
a1) distribuzione di frequenza dei valori di immersione
(dip, β );
a2) caratteristiche di resistenza secondo il criterio di Hoek
& Brown, Mohr-Coulomb o Barton;
• s’individuano le inclinazioni (α) (valori di dip) delle basi dei conci della
massa di potenziale scivolamento;

104
PROGRAM GEO – B-rock ver.2 per Windows
• si stima l’intervallo o “cono di confidenza” (± ε), dipendente dalla
distribuzione di frequenza dei valori di immersione (β ) entro il quale
applicare alla base del concio le caratteristiche della discontinuità in essa
compresa. L’intervallo (ε) si può determinare sulla base di:
c1) un valore prefissato “a priori”
c2) un valore di ampiezza della classe modale
c3) altri valori di significatività statistica in base alla forma
di distribuzione di frequenza del campione
(“gaussiana” o non)
• si attribuiscono le caratteristiche di resistenza alle basi dei conci quando
la loro dip (α) ricade (vedi Fig. 6) all’interno dell’intervallo o “cono di
confidenza” (± ε) precedentemente definito ovvero quando β - ε < α < β
+ ε. Le caratteristiche di resistenza saranno immesse secondo i parametri
richiesti dal criterio di resistenza prescelto nella fase a2).

b2
59°02'10"

Discontinuit
Pendio con superficie di K2
scivolamento circolare

Superficie circolare
Profilo del pendio 6°27'30"
+e
6°58'08"
-e

Discontinuit b1
18°35'30"

K1
4°02'20" 4°04'02"

+e -e

b1, b2 = valori di immersione (dip) delle discontinuit


+ e, - e = valori di escursione del "cono di confidenza" intorno alla discontinuit

105
PROGRAM GEO – B-rock ver.2 per Windows
4.4.4 Metodo di risoluzione di Spencer

Nel metodo di Spencer si pone la condizione che le forze d'interazione lungo


le superfici di divisione dei singoli conci siano orientate parallelamente fra
loro ed applicate nel punto medio della base del concio. Si tratta, nella sua
espressione analitica, di un' estensione del metodo di Bishop semplificato,
ed è quindi valido per superfici di scivolamento sub-circolari.
E’ un metodo rigoroso in quanto basato sia sull’equilibrio dei momenti che
delle forze agenti.
La forza d'interazione fra i conci applicata nel punto medio della base del
concio i-esimo è data da:

Qi = [(c x l /Fs) x (W cos α - h x gw x l x sec α) x tg ϕ / Fs - W sen α] / (cos


(α-θ) x ma

con ma=1+ [tg ϕ x tg(α-θ)] / Fs


θ = angolo d'inclinazione della forza Qi rispetto all'orizzontale.

Imponendo l'equilibrio dei momenti rispetto al centro dell'arco descritto


dalla superficie di scivolamento si ha:

(1)∑ Qi x R x cos(α-θ)=0;

con R= raggio dell'arco di cerchio.

Imponendo l'equilibrio delle forze orizzontali e verticali si ha


rispettivamente:

∑ Qi cos θ=0;

∑ Qi sen θ=0.

Con l'assunzione delle forze Qi parallele fra loro, si può anche scrivere:

(2)∑ Qi =0.
106
PROGRAM GEO – B-rock ver.2 per Windows

Il metodo propone di calcolare due coefficienti di sicurezza: il primo (Fsm),


ottenuto dalla (1) legato all'equilibrio dei momenti; il secondo (Fsf) dalla
(2), legato all'equilibrio delle forze. In pratica si procede risolvendo la (1) e
la (2) per un dato intervallo di valori dell'angolo teta, considerando come
valore unico del coefficiente di sicurezza quello per cui si abbia Fsm=FsF.
Il metodo è valido per superfici di scivolamento circolari e di forma
qualsiasi.

4.4.5 Metodo di risoluzione G.L.E. (General Limit Equilibrium)

Il metodo G.L.E. (Fredlund e Kran, 1977) rappresenta una riformulazione


del quello di Morgenstern Price. Si tratta di un metodo ‘rigoroso’, che cioè
prende in considerazione sia l’equilibrio dei momenti che delle forze.
L’espressione della forma normale agente sulla base del concio i-esimo è la
seguente:

Wi + ( X i −1 − X i ) + Vi − u i li cos α i −
1
ci l i sen α i
Fs
Ni '=
1
cos α i + sen α i tgϕ i
Fs
dove:
W =Peso del concio;
X =Forza d’interstriscia verticale;
V =Forze esterne verticali;
u =Carico idraulico;
l =Lunghezza della base del concio;
α =Inclinazione della base del concio.
Il coefficiente di sicurezza per l’equilibrio delle forze è dato dalla relazione:
107
PROGRAM GEO – B-rock ver.2 per Windows

∑(ci l i + N i ' tgϕ i ) cos α i


F forze =
∑( N i '+uil i )sen α i + ∑ kWi − ∑ Oi

dove:
O = Forze esterne orizzontali;
k = Coefficiente sismico orizzontale.
Il coefficiente di sicurezza per l’equilibrio dei momenti è dato invece
dall’espressione:
∑(ci l i + N i ' tgϕ i )ri
Fm om enti =
∑ Wi d i − ∑( N i '+uil i )s i + ∑ kWi mi − ∑ Oi ni + ∑ Vi d i

dove:
r = Distanza, misurata lungo la perpendicolare, della base del concio dal
centro di rotazione ;
s = Distanza, misurata lungo la parallela, del punto mediano della base
del concio dal centro di rotazione ;
d = Distanza, misurata lungo l’orizzontale, del punto mediano della base
del concio dal centro di rotazione ;
m = Distanza, misurata lungo la verticale, del baricentro del concio dal
centro di rotazione ;
n = Distanza, misurata lungo la verticale, del punto topografico giacente
sulla verticale del punto mediano della base del concio dal centro di
rotazione .
A queste espressioni va aggiunta quella che lega le forze di interstriscia
verticali (X) a quelle orizzontali (E):

X ( x ) = E ( x ) λf ( x )
dove:
E = Forze d’interstriscia orizzontali;
λ = Coefficiente variabile da 0 a 1;
f(x) = Funzione di interstriscia, posta nel programma costante e uguale a
1.
Nella pratica la determinazione di Fs si ottiene con la seguente procedura di
calcolo.
108
PROGRAM GEO – B-rock ver.2 per Windows
• Si stima un primo valore di Fs, per esempio con il metodo di Fellenius.
• Facendo variare il coefficiente λ all’interno dell’intervallo 0-1 con passo
prestabilito (per esempio 0,1), si calcolano, con procedura iterativa, le
forze normali N’, le forze di interstriscia, partendo da un valore iniziale
di X=0 e E=0, e quindi i fattori di sicurezza Fforze e Fmomenti.
• Il valore di Fs da adottare è quello per cui, i valori di N’, X e E calcolati
danno Fforze = Fmomenti. .

La scelta della funzione f(x) da utilizzare non influenza in maniera


significativa il calcolo.
Il metodo è valido per superfici di scivolamento circolari e di forma
qualsiasi.

4.4.6 Metodo di risoluzione di Sarma

Il metodo di Sarma si differenzia dai metodi dell’equilibrio limite visti per


un approccio al problema basato non sulla stima del coefficiente di
sicurezza, ma sulla valutazione del coefficiente sismico critico per il quale il
pendio si trova in condizioni di equilibrio limite (Fs=1).
Le forze di interstriscia, in questo caso, vengono calcolate con la relazione:

X i −1 − X i = λΨi ;
dove ψi è una forza, inserita dall’operatore, tale per cui sia abbia:

∑ Ψi = 0 .
Il coefficiente λ può essere calcolato direttamente con la relazione:

− Di ( y i − y g )
λ=
[
∑ Ψi (xi − x g ) + ( y i − y g )tg (ϕ i − α i ) ]
dove:
ci bi cos ϕ i sec α i − u i li sen ϕ i
= Wi tg (ϕ i − α i ) + ;
D cos α i cos ϕ i + sen α i sen ϕ i
109
PROGRAM GEO – B-rock ver.2 per Windows

b = lunghezza del concio proiettata sull’orizzontale;


xi, yi = coordinate del punto mediano della base del concio;
xg, = coordinate del baricentro del volume di terreno isolato dalla
yg superficie di scivolamento.
Determinato il coefficiente λ si può procedere al calcolo diretto del
coefficiente sismico critico.

∑ Di + λ ∑ψ i tg (ϕ i − α i )
kc =
∑ Wi
Il valore di Kc determinato rappresenta quindi il coefficiente sismico al
quale è associabile un coefficiente di sicurezza Fs=1.
Più problematico è il calcolo inverso, cioè, noto il valore di Kc, che può
anche essere uguale a zero, la determinazione del coefficiente di sicurezza
ad esso abbinabile.
La procedura suggerita in letteratura è presentata di seguito.
• Si determina il valore di Kc in condizioni critiche (Fs=1).
• Si fissa un valore arbitrario di Fs, per esempio 1,3, e si ripete il calcolo
di Kc, utilizzando i valori della coesione dell’angolo di attrito corretti
come segue:
c ϕ
cc = ,ϕc = .
Fs Fs
• Ripetendo la procedura con nuovi valori di Fs, si costruisce un
diagramma con, lungo le ascisse, i valori di Fs e lungo le ordinate i
valori di Kc, dal quale si può ricavare immediatamente il valore di Fs
associato ad ogni valore di Kc.
In realtà questo diagramma non è esattamente lineare, quindi
l’interpolazione conduce ad un errore spesso non trascurabile.
Si consiglia quindi di utilizzare questo metodo esclusivamente per la
determinazione di kc in condizioni critiche, in analisi di stabilità in zona
sismica.

110
PROGRAM GEO – B-rock ver.2 per Windows
4.4.7 Applicazione della rottura progressiva a superfici di scivolamento
in roccia.

Molto frequentemente se non sempre il collasso di un versante o di un fronte


di scavo in roccia avviene per il fenomeno della rottura progressiva; alla
rottura delle parti più sollecitate, le cui caratteristiche di resistenza
precipitano verso termini residui, segue infatti la ridistribuzione delle
tensioni in eccesso con conseguente crisi di porzioni sempre maggiori che
conducono al collasso globale.
Di tale effetto, difficilmente implementabile in un codice di calcolo
automatico basato sull’equilibrio limite, se ne può tenere in conto attraverso
due approcci:
a) con l’attribuzione dei parametri residui ai conci con coefficiente di
sicurezza FS(n) < 1
b) considerando la cessione degli esuberi di forze agenti sulla base di
conci con FS(n) < 1 ai conci limitrofi.
La prima procedure appare più semplice e percorribile.
Secondo questa metodologia e considerando il metodo di Bishop
semplificato si può procedere attraverso le seguenti fasi:
1) si determina il valore di FS globale
2) si stimano i valori di FS(n) relativi ai singoli conci
3) s’individuano i conci a rottura per scivolamento (dove cioè FS(n)<1)
4) si attribuiscono i valori di resistenza al taglio residua ai conci con
FS(n)<1
5) si procede al ricalcolo del coefficiente di sicurezza globale del versante.
La fase 4 appare la più critica nell’intero processo.
Il comportamento tensio-deformativo di una roccia o ammasso roccioso
dipende da svariati fattori.
Considerando una curva sforzi-deformazioni caratteristica (Fig. 1, [Price,
1979]) di un campione in roccia sottoposto a compressione monoassiale si
osservano le fasi tipiche di evoluzione della rottura.
In essa si individuano, dopo un iniziale fase di compattazione dei vuoti (a),
tre fasi fondamentali di sviluppo corrispondenti a :
1) fase di pseudo-elasticità (b, c)
2) fase di inizio rottura (d, e)
3) fase di propagazione della rottura (f)
111
PROGRAM GEO – B-rock ver.2 per Windows

Fig.1 - Curva sforzi-deformazioni caratteristica.

Tale comportamento, tipico di un campione di roccia intatta, può in realtà


differire notevolmente nella pratica nel caso di un ammasso roccioso
fratturato sottoposto a un tensore di sforzi non monoassiale.
Esemplificativamente, con riferimento alla Fig. 2, si possono distinguere tre
tipologie di comportamenti tipo:
a) elastico-fragile (brittle)
b) elastico perfettamente plastico (ductile)

112
PROGRAM GEO – B-rock ver.2 per Windows
c) elastico-plastico con incrudimento (ductile-strain hardening)

Fig.2 - Tipologie di comportamenti.

113
PROGRAM GEO – B-rock ver.2 per Windows
Il comportamento elastico-plastico con rammolimento può essere
considerato un sottotipo dei casi a) e b).
Nella figura 2 i tre comportamenti sforzi-deformazioni differiscono a causa
della diversa tensione di confinamento (s3) applicata: al crescere di questa
si ha una migrazione dal tipo a) al tipo c).
In generale si possono quindi individuare tre livelli di resistenza, che con
riferimento al tipo elastico-fragile della Fig. 3 [Brady & Brown],
corrispondono ai punti A, B, C:
A = sforzo di “snervamento” (yield strength)
B = sforzo di picco (peak strength)
C = sforzo residuo (residual strength).

Fig.3 - Livelli di resistenza sulla curva intrinseca.

Il comportamento di tipo b) è di fatto considerato in tutti i metodi di calcolo


all’equilibrio limite di stabilità di versanti; infatti in esso la resistenza di
picco coincide con quella residua.
Il comportamento di tipo a) elastico-fragile è proprio delle rocce; esse
possono avere comportamento di tipo b) solo se fortemente fratturate o
alterate.
In generale comunque è lecito aspettarsi, nel caso degli ammassi rocciosi,
una caduta di resistenza connessa al superamento della resistenza di picco.
Detta caduta di resistenza sarà funzione di:
a) stato fratturativo dell’ammasso
b) tensione di confinamento nel campo degli sforzi.
Qualora si applicasse il criterio di rottura di Hoek & Brown si possono
allora utilizzare come parametri residui quelli ottenuti dalla formulazione

114
PROGRAM GEO – B-rock ver.2 per Windows
empirica di Priest & Brown che definisce i valori di m,s in funzione del
parametro RMR.

115
PROGRAM GEO – B-rock ver.2 per Windows
4.5 Calcolo dell'influenza di carichi esterni e di opere di sostegno sulla
stabilità del versante.

4.5.1 Sovraccarichi esterni.

Con Sn indichiamo la componente normale al piano potenziale di taglio


della somma delle forze applicate sulla superficie della base del concio da
sovraccarichi esterni (Si). La sua espressione è la seguente:

Sn = Si (sen β cos α + cos β sin α);

con
α=inclinazione della base del concio.
β=inclinazione dei sovraccarichi rispetto all'orizzontale, crescente in senso
antiorario.

Con St indichiamo la componente tangenziale al piano potenziale di taglio


della somma delle forze applicate sulla superficie del concio da
sovraccarichi esterni (Si). La sua espressione è la seguente:

St = Si (cos β cos α - sen β sen α);

L'effetto di un sovraccarico sul pendio e' quindi duplice: si ha una variazione


positiva o negativa (a seconda dell'inclinazione del sovraccarico rispetto alla
superficie potenziale di rottura ) sia delle forze normali sia di quelle
tangenziali, con conseguente modifica dei valori della resistenza al taglio
massima e di quella mobilitata.

Forzestab + ∑ Sni
Fs =
Forzeinstab + ∑ St i

116
PROGRAM GEO – B-rock ver.2 per Windows
4.5.2 Sollecitazioni sismiche.

L’analisi dell’influenza delle sollecitazioni sismiche sulla stabilità globale di


un versante può essere condotta attraverso due approcci differenti:

1. si può introdurre la semplificazione che il sisma agisca come un sistema


di forze sul pendio di intensità e verso costante per tutta la durata
dell’evento sismico (metodo pseudostatico);

2. si può introdurre nel calcolo un sistema di forze che tenga conto delle
variazioni di verso ed intensità della sollecitazione sismica durante l’evento
(metodo dinamico).

La seconda procedura (metodo dinamico), pur conducendo a valutazioni più


realistiche, richiede la conoscenza o la simulazione di un accelerogramma di
riferimento, che fornisca per ogni istante dell’evento sismico l’andamento
delle accelerazioni subite dal pendio. Questi dati non sono però di facile
acquisizione, fatto che limita in pratica l’utilizzo di questo approccio.
Il programma utilizza il metodo pseudostatico, metodo meno preciso di
quello dinamico (fornisce in genere stime a favore della sicurezza della
stabilità globale), ma che presenta il vantaggio di essere di facile
applicazione. Gli unici dati richiesti in questo caso sono l’accelerazione
sismica massima orizzontale
Il valore Ago (accelerazione massima orizzontale), si ricava dalla seguente
relazione:
Ago = S s S t a g
dove ag è l’accelerazione sismica orizzontale al bedrock che, in mancanza di
valutazioni migliori, può essere scelto fra quelli proposti dal D.M.
14/09/2005:

• ag = 0.05 in zona 4;
• ag = 0.15 in zona 3;
• ag = 0.25 in zona 2;
• ag = 0.35 in zona 1;

117
PROGRAM GEO – B-rock ver.2 per Windows
o, nel caso si applichi il D.M. 14/01/2008, ricavato direttamente
dall’allegato relativo alla pericolosità sismica del decreto.
Questi valori devono essere moltiplicati per un fattore correttivo Ss
(amplificazione stratigrafica) e per un fattore St (amplificazione
topografica).
Per il calcolo del fattore Ss vengono identificate 5 classi, A, B, C, D e E. Lo
schema indicativo di riferimento per la determinazione della classe del sito,
secondo il D.M.14/09/2005, è il seguente:
Classe Descrizione SS
A Formazioni litoidi o suoli omogenei molto rigidi caratterizzati da 1.0
valori di Vs30 superiori a 800 m/s, comprendenti eventuali strati
di alterazione superficiale di spessore massimo pari a 5 m.
B Depositi di sabbie o ghiaie molto addensate o argille molto 1.25
consistenti, con spessori di diverse decine di metri, caratterizzati
da un graduale miglioramento delle proprietà meccaniche con la
profondità e da valori di Vs30, compresi fra 360 m/s e 800 m/s
(Nspt>50 o coesione non drenata >250 kPa).
C Depositi di sabbie e ghiaie mediamente addensate o di argille di 1.25
media consistenza, con spessori variabili da diverse decine fino a
centinaia di metri, caratterizzati da valori di Vs30 compresi fra
180 e 360 m/s (15<Nspt<50, 70<cu<250 kPa).
D Depositi di terreni granulari da sciolti a poco addensati oppure 1.35
coesivi da poco a mediamente consistenti caratterizzati da valori
di Vs30<180 m/s (Nspt<15, cu<70 kPa).
E Profili di terreno costituiti da strati superficiali non litoidi 1.25
(granulari o coesivi), con valori di Vs30 simili a quelli delle
classi C o D e spessore compreso fra 5 e 20 m, giacenti su un
substrato più rigido con Vs30>800 m/s.

Lo schema, con il D.M.14/01/2008, varia leggermente:


Classe Descrizione SS
A Ammassi rocciosi affioranti o terreni 1,00
molto rigidi caratterizzati da valori di Vs30
superiori a 800 m/s, comprendenti
eventuali strati di alterazione superficiale
di spessore massimo pari a 3 m.
B Rocce tenere e depositi di terreni a grana 1,00≤1,40-0,40F0ag≤1,20
grossa molto addensati o terreni a grana
fina molto consistenti, con spessori
superiori a 30m, caratterizzati da un

118
PROGRAM GEO – B-rock ver.2 per Windows
graduale miglioramento delle proprietà
meccaniche con la profondità e da valori
di Vs30, compresi fra 360 m/s e 800 m/s
(Nspt,30>50 nei terreni a grana grossa o
cu30 >250 kPa nei terreni a grana fina).
C Depositi di terreni a grana grossa 1,00≤1,70-0,60F0ag≤1,50
mediamente addensati o terreni a grana
fina mediamente consistenti, con spessori
superiori a 30 metri, caratterizzati da un
graduale miglioramento delle proprietà
meccaniche con la profondità e da valori
di Vs30 compresi fra 180 e 360 m/s (15<
Nspt,30<50 nei terreni a grana grossa, 70<
cu30<250 kPa nei terreni a grana fina).
D Depositi di terreni a grana grossa 0,90≤2,40-1,50F0ag≤1,80
scarsamente addensati oppure di terreni a
grana fina scarsamente consistenti, con
spessori superiori a 30 metri,
caratterizzati da un graduale
miglioramento delle proprietà meccaniche
con la profondità e da valori di Vs30<180
m/s (Nspt,30<15 nei terreni a grana grossa,
cu30<70 kPa nei terreni a grana fina).
E Terreni di tipo C o D per spessore non 1,00≤2,00-1,10F0ag≤1,60
superiore a 20 m, giacenti su un substrato
di riferimento (Vs30>800 m/s).
F0 è l’amplificazione spettrale massima, su bedrock orizzontale, e ha un
valore minimo di 2,2; si ricava, come ag, dalla tabella allegata al D.M.14
gennaio 2008.

Per Vs30 s’intende la media pesata delle velocità delle onde S negli strati fino
a 30 metri di profondità dal piano di posa della fondazione, calcolata
secondo la relazione:
30
Vs 30 =
hi

i =1, N V si

Analogamente per Nspt30 e cu30:

119
PROGRAM GEO – B-rock ver.2 per Windows
30
N spt ,30 =
hi

i =1, N N spt ,i

30
cu 30 =
hi

i =1, N cu i

Nel caso non siano disponibili le misure di Vs per i primi 30 metri e i terreni
siano costituiti da alternanze di terreni a grana grossa e fina, si procede
calcolando le classi corrispondenti per Nspt,30 e cu30, assumendo quindi la
classe peggiore fra le due calcolate.
In generale il fenomeno dell’amplificazione sismica diventa più accentuato
passando dalla classe A alla classe E.
Il fattore di amplificazione topografica, con il D.M.14/09/2008, St si ottiene
dal seguente schema:
• S≥1.2 per siti in prossimità del ciglio superiore di pendii scoscesi isolati;
• S≥1.4 per siti prossimi alla sommità di profili topografici aventi
larghezza in cresta molto inferiore alla larghezza alla base e pendenza
media >30°;
• S≥1.2 per siti prossimi alla sommità di profili topografici aventi
larghezza in cresta molto inferiore alla larghezza alla base e pendenza
media ≤30°.
Con il D.M.14/01/2008 St si ricava dalla seguente tabella
Categoria Caratteristiche della superficie Ubicazione St
topografica topografica dell’opera
T1 Superficie pianeggiante, pendii e rilievi isolati con - 1,00
inclinazione media i≤15°.
T2 Pendii con inclinazione media i>15°. Sommità del pendio 1,20
T3 Rilievi con larghezza in cresta molto minore che alla Cresta del rilievo 1,20
base e inclinazione media 15°≤i≤30°.
T4 Rilievi con larghezza in cresta molto minore che alla Cresta del rilievo 1,40
base e inclinazione media i>30°.

Per il parametro Agv (accelerazione massima verticale) una stima può essere
fatta applicando la relazione proposta da Tezcan et alii (1971):
120
PROGRAM GEO – B-rock ver.2 per Windows

Agv = f x Ago;

con f = fattore di trasformazione variabile da 0.5 a 0.67 (f=0.5 secondo i


D.M. 14/09/2005 e 14/01/2008).
Una valutazione dell’effetto di un sisma sulla stabilità di un versante può
essere fatta, supponendo che, durante l’intervallo di tempo in cui si ha la
manifestazione dell’evento sismico, su ogni singolo concio venga applicata
una forza orizzontale, applicata al baricentro del concio e diretta verso
l’esterno, di modulo uguale a:

Fsisma = k cWi

con kc = coefficiente sismico orizzontale dato da βAgo;


W = peso del concio i-esimo.
Il parametro β, secondo il D.M. 14/09/2005, va posto sempre uguale a 0,5.
Nel D.M.14/01/2008 invece β va ricavato dalla seguente tabella:
Categoria del sottosuolo
A B,C,D,E
β β
0,2<ag≤0,4 0,30 0,28
0,1<ag≤0,2 0,27 0,24
ag≤0,1 0,20 0,20

Nella verifica occorre tener conto anche dell’azione sismica verticale che va
ad incrementare il peso dei singoli conci secondo l’espressione:
Wis = Wi (1 + k v )
in cui kv è il coefficiente sismico verticale, da porre uguale alla metà di kc.
Nella stima del coefficiente di sicurezza la forza sismica calcolata va
aggiunta alle forze instabilizzanti.

Forze stab
Fs =
Forzeinstab + ∑ Fsisma cos α i

121
PROGRAM GEO – B-rock ver.2 per Windows
4.5.3 Tiranti.

La tirantatura di un versante potenzialmente instabile cerca di conseguire il


duplice obiettivo di introdurre forze tangenziali (St) che si oppongano a
quelli instabilizzanti dovuti alla forza di gravità e di aumentare lei forze
normali (Sn) agenti sulla base del concio.
Si fa una distinzione fra tiranti passivi, attivi e parzialmente attivi.

TIRANTI PASSIVI
Nel caso di tiranti passivi l’ancoraggio non viene pretensionato. In questo
caso l’effetto dell’opera è quello di incrementare, a lungo termine, a seguito
della deformazione del volume di terreno a monte, le forze normali
stabilizzanti agenti sulla superficie di scivolamento.
Analiticamente la variazione del fattore di sicurezza può essere espresso
come segue:
Forzestab + ∑ T cos θ i
Fs =
Forzeinstab
T=resistenza allo sfilamento del tirante;
θ= angolo che il tirante forma con la perpendicolare alla base del concio,
dove viene applicato.

TIRANTI ATTIVI
Nel caso di tiranti attivi l’ancoraggio viene pretensionato fino al
raggiungimento della resistenza massima allo sfilamento. In questo caso
l’effetto dell’opera è quello di contrastare immediatamente le forze
tangenziali instabilizzanti agenti sulla superficie di scivolamento.
Analiticamente la variazione del fattore di sicurezza può essere espresso
come segue:
Forzestab
Fs =
Forzeinstab − ∑ Tsinθ i
T=resistenza allo sfilamento del tirante;
θ= angolo che il tirante forma con la perpendicolare alla base del concio,
dove viene applicato.

TIRANTI PARZIALMENTE ATTIVI


122
PROGRAM GEO – B-rock ver.2 per Windows
Nel caso di tiranti parzialmente attivi l’ancoraggio viene pretensionato ad un
valore inferiore al valore della resistenza massima allo sfilamento. In questo
caso l’effetto dell’opera è quello di contrastare, immediatamente, le forze
tangenziali instabilizzanti agenti sulla superficie di scivolamento, con una
forza uguale a quella del pretensionamento e, a lungo termine, incrementare
le forze normali stabilizzanti, con una forza data dalla differenza fra la
resistenza allo sfilamento e il pretensionamento.
Analiticamente la variazione del fattore di sicurezza può essere espresso
come segue:
Forzestab + ∑(T − P ) cos θ i
Fs =
Forzeinstab − ∑ Psinθ i
T=resistenza allo sfilamento del tirante;
P=pretensionamento del tirante;
θ= angolo che il tirante forma con la perpendicolare alla base del concio,
dove viene applicato.

La grandezza T può essere calcolata con la relazione di Bustamante Doix.

La relazione è la seguente:
Tl = παD p Lq s ;
dove:
Dp =diametro di perforazione;
L =lunghezza della zona ancorata;
α =fattore che misura l’incremento di diametro del bulbo del tirante
nella zona di ancoraggio;
qs =attrito e adesione laterale unitaria nella zona di ancoraggio.

IL coefficiente α è funzione della litologia dominante nel tratto di


ancoraggio e delle modalità di iniezione. Può essere stimato dalla seguente
tabella:

Litologia Coefficiente α
Iniezione ripetuta Iniezione semplice
Ghiaia 1,8 1,3-1,4
Ghiaia sabbiosa 1,6-1,8 1,2-1,4
123
PROGRAM GEO – B-rock ver.2 per Windows
Sabbia ghiaiosa 1,5-1,6 1,2-1,3
Sabbia pulita 1,4-1,5 1,1-1,2
Sabbia limosa 1,4-1,5 1,1-1,2
Limo 1,4-1,6 1,1-1,2
Argilla 1,8-2,0 1,2
Marne e arenarie 1,8 1,1-1,2
alterate e/o fratturate
Il fattore qs può essere ricavato attraverso le seguenti due relazioni:
iniezione semplice:
q s ( MPa ) = 0,01(Dr − 50 ) + 0,05 per terreni granulari (Dr=densità relativa)
q s ( MPa ) = 0,006(c − 10 ) + 0,1 per terreni coesivi(c=coesione in t/mq)
iniezione ripetuta:
q s ( MPa ) = 0,01(Dr − 50 ) + 0,1 per terreni granulari (Dr=densità relativa)
q s ( MPa ) = 0,008(c − 10 ) + 0,18 per terreni coesivi(c=coesione in t/mq)

La resistenza allo sfilamento si ottiene quindi dividendo Tl per un


coefficiente di sicurezza, solitamente posto uguale a 2,5.

Tl
T=
2,5

Nel posizionare e dimensionare i tiranti va tenuto presente che:

• il bulbo d'ancoraggio deve trovarsi ad una profondità superiore a quella


della superficie potenziale di scivolamento, per poter esercitare la sua
azione stabilizzante;
• l'inclinazione ottimale del tirante può essere valuta con la relazione :

iottimale = arctg(tan ϕ/Fs)

con
ϕ=angolo di resistenza al taglio del terreno;
Fs=coefficiente di sicurezza da raggiungere con l'intervento.

124
PROGRAM GEO – B-rock ver.2 per Windows
4.5.4 Reticolo di micropali.

La stabilizzazione di un versante può essere ottenuta anche attraverso la


messa in opera di un reticolo di pali di piccolo diametro (micropali).
L'effetto che si cerca di ottenere in questo caso è di incrementare la
resistenza al taglio mobilitabile lungo la superficie di scivolamento, creando
un complesso pali-terreno che si comporti come un insieme omogeno,
rispetto ale sollecitazioni a cui è sottoposto il pendio. Questa azione di
armatura del pendio può essere introdotta nel calcolo, supponendo un
incremento virtuale della resistenza meccanica del terreno costituente il
versante.
Supponendo, a favore della sicurezza, che l'angolo di resistenza al taglio del
terreno rimanga invariato, si può esprimere il miglioramento delle
caratteristiche meccaniche del pendio incrementando il parametro coesione.
La procedura è descritta di seguito.

• Si calcola l'area resistente equivalente del micropalo singolo attraverso


la relazione:

Ae = Acls + Co x Aacciaio;

con
Acls=area trasversale del micropalo;
Aacciaio=area dell'armatura d'acciaio.
Co=coef. di omogeneizzazione.
• Si valuta l'incremento della superficie potenziale di scivolamento con la
formula:

DS=Co x Nm x Ae;
in cui
Co=rapporto fra i moudli elastici palo-terreno dato da:

Co=Ep/Et;

dove:
Ep=modulo di elasticità del calcestruzzo;
125
PROGRAM GEO – B-rock ver.2 per Windows
Et=modulo di deformazione media del terreno;

Nm=numero di file di micropali per metro verticale.

• Si determina l'incremento della coesione lungo la superficie potenziale


di scivolamento con la relazione:

Dc = (ci + Smi x tan phii) x DS / ∑ li

dove:
ci=coesione media del concio i-esimo;
phii=angolo di resistenza al taglio media nel concio i-esimo;
Smi=pressione efficace media agente sulla base del concio i-esimo
∑li=sommatoria delle lunghezze delle basi dei singoli conci.

• Si stima infine coesione virtuale per ogni concio, da usare nella verifica
di stabilità, con la relazione:

Cv = Ci + DC.

Come nel caso dei tiranti è evidente che il reticolo di micropali per svolgere
un'azione stabilizzante deve andare ad appoggiarsi ad una profondità
superiore a quella della superficie potenziale di scivolamento.

4.5.5 Muri e gabbionate.

Opere di stabilizzazione superficiali, come muri e gabbionate, vanno


considerati , nella verifica di stabilità del pendio, sia per il loro effetto come
sovraccarichi verticali sia per l'azione di contenimento che esercitano sul
terreno a monte . I due effetti vanno calcolati come segue:

• il sovraccarico verticale (Sv) è dato dal peso dell'opera, muro o


gabbionata per metro di spessore;
• la forza massima di contenimento (So), che si suppone agisca lungo il
piano orizzontale, è data dalla relazione:

126
PROGRAM GEO – B-rock ver.2 per Windows
S o = (Wmuro + S a )tgϕ + cb ;
in cui:
Wmuro = peso del muro;

b = larghezza della base del muro;


Sa = spinta attiva del terreno;

Va tenuto presente che l’azione di sostegno entra in gioco solo nelle


superfici potenziali di scivolamento che vanno ad intersecare la base
dell'opera: per superfici più profonde il muro o la gabbionata agiscono solo
come sovraccarichi, senza espletare funzione di contenimento.
Nel calcolo della stabilità del pendio, l'effetto delle due spinte è quello di
modificare le forze stabilizzanti e instabilizzanti agenti sulla base del
concio. Analiticamente questo può essere espresso come segue:
• nel caso l'opera agisca come sovraccarico verticale:

Forzestab + ∑ Sv cos α i
Fs =
Forzeinstab + ∑ Svsinα i

• nel caso invece l'opera svolga azione di contenimento:


Forze stab + ∑ Sosinα i
Fs =
Forzeinstab + ∑ So cos α i

4.5.6 Chiodature.

La presenza dell’elemento strutturale lineare metallico (tirante o chiodo)


agisce come sezione resistente al taglio puro lungo la superficie di
potenziale rottura; in tal caso, allo scopo di rappresentare lo sforzo resistente

127
PROGRAM GEO – B-rock ver.2 per Windows
di taglio puro offerto dall’elemento resistente, d’ora in poi chiamato
“chiodo”, è possibile introdurre un incremento di resistenza (Τ Τd)
nell’ammasso roccioso dovuto al cosiddetto “effetto Dowel” (in italiano
“effetto tassellatura o incavicchiatura”).
I presupposti perchè si sviluppi l’ ”effetto Dowel” sono:
a) elementi di rinforzo passivi ovvero non tesati
b) sufficiente rigidezza e resistenza dell’ammasso roccioso al contorno
dell’insieme cementazione-chiodo.
Secondo Bjurstrom questo effetto dipende da tre parametri dell’insieme
roccia al contorno-cementazione-chiodo:
1. il diametro del chiodo (o barra) (∅ ∅b o db)
2. la resistenza a compressione monoassiale minore tra quella
dell’anello di cementazione nel foro e quella dell’ammasso roccioso
al contorno (σσ c)
3. la resistenza allo snervamento del chiodo (o barra) (σ σs)
Il contributo allo forza resistente così offerto da ciascun chiodo è pari a :

Td = 0,67 d b
2
σ sσ c [MPa * m2] ;

dove i parametri sono espressi in:


db [m], σc [MPa], σs [MPa]
In termini di incremento di coesione dovuto all’ “effetto Dowel” -
Cd = coesione dovuta all’ “ effetto Dowel” – si ha:

nTd
Cd = [MPa];
s

dove :
n = numero di chiodi che interessa la superficie di scivolamento
s = sviluppo della superficie di scivolamento considerata

Per inserire l’incremento di resistenza così espresso nelle verifiche di


stabilità in roccia occorre calcolare i parametri ni e si relativi alla base di
ciascun i-esimo concio e conseguentemente stimare la componente di
128
PROGRAM GEO – B-rock ver.2 per Windows
resistenza (coesione = Cd-i-esimo ) per “effetto Dowel” di ciascuno di essi da
sommarsi alla coesione dell’ammasso roccioso naturale.

4.5.7 Tension crack.

In presenza di movimenti franosi incipienti o in evoluzione, è frequente la


formazione in superficie di fratture di trazione (tension crack). Queste oltre
a rappresentare vie preferenziali per l'infiltrazione delle acque superficiali
nel corpo di frana, possono portare alla formazione di ristagni superficiali,
agenti come sovraccarichi sul pendio.
La variazione delle forze normali e tangenziali agenti sulla superficie del
concio è data da:

Forzestab + ∑ Sv cos α i
Fs =
Forzeinstab + ∑ Svsinα i

con
Sv= γ h
γ = peso di volume dell'acqua;
h = altezza dell'acqua nella tension crack;

Va ricordato anche che fratture di trazione superficiali possono formarsi in


terreni coesivi per essiccazione.

4.6 Effetto dell'acqua sulla stabiltà dei versanti.

Come è possibile constatare dall'osservazione delle formule utilizzate nei


metodi dell'equilibrio limite, la falda viene fatta intervenire nel calcolo in
due modi:

129
PROGRAM GEO – B-rock ver.2 per Windows
• attraverso l'introduzione del carico idrostatico in diminuzione delle forze
normali agenti sulla base del concio;
• attraverso l'utilizzo nelle verifiche del peso di volume immerso del
terreno.

Attenzione.
Non bisogna confondere il peso di volume immerso del terreno con il peso
di volume saturo.
Il peso di volume saturo è dato dalla somma del peso per unità di volume
dello scheletro solido del terreno e del peso dell'acqua gravitativa infiltrata
nei pori beanti dello stesso.
Il peso di volume immerso è uguale invece al peso di volume saturo
diminuito dalla spinta di galleggiamento.
Per esempio, se il peso di volume saturo del terreno è uguale a 2 t/mc ed il
peso di volume dell'acqua è 1 t/mc, il peso di volume immerso del terreno
sarà dato da:

peso di volume saturo - peso di volume dell'acqua = 2 -1 = 1

Nel caso in cui siano presenti carichi idraulici superficiali (corsi d'acqua,
laghi, ristagni ecc...) la superficie del pendio, a favore della sicurezza, può
essere considerata permeabile. Questo comporta che il terreno costituente il
pendio venga considerato saturo e trattato come se si fosse in presenza di
falda. Ciò, da un punto di vista del calcolo porta ad una parziale
compensazione dell'effetto, generalmente stabilizzante (perchè di solito
applicati al piede del versante) dei carichi idraulici superficiali.
Un caso particolare è quello costituito da pendii dove la circolazione idrica
sia limitata a livelletti di terreno più permeabili di spessore limitato e dove
quindi non sia possibile individuare una vera e propria falda. In questi casi
trattare le venute d'acqua come falda, disegnando una superficie di
filtrazione continua, può condurre ad errori grossolani. Questi errori nel caso
di terreno con phi>0 (condizioni drenate) sono a favore della sicurezza, ma
in terreni con phi=0 (condizioni non drenate) risultano al contrario a sfavore
della sicurezza. Si consideri, per esempio, un pendio costituito
prevalentemente da terreni argillosi: nel caso phi=0, utilizzando per
semplicità la relazione di Fellenius, la relazione diventerà:
130
PROGRAM GEO – B-rock ver.2 per Windows

Fsic =ΣCi Lconcio(i) / Σ Wconcio(i) sen αi .

Effettuando la verifica in assenza di falda e poi ripetendola con la falda si


noterà che il coefficiente di sicurezza tenderà ad aumentare, in contrasto
con quello che indica l'esperienza. Da una punto numerico il risultato si
spiega con il fatto che in presenza di falda, mentre il numeratore della
relazione non viene modificato, il denominatore risulterà diminuito, e quindi
il coefficiente di sicurezza aumentato, per l'utilizzo nel calcolo del peso di
volume immerso del terreno.
In questa situazione si consiglia di effettuare la verifica in assenza di falda e
di introdurre l'effetto della circolazione idrica limitata, diminuendo il valore
della coesione, per effetto del rammollimento del terreno, ed aumentando il
peso di volume del terreno, per tener conto della sua parziale saturazione.
In linea di principio si dovrebbe considerare anche la forza esercitata
dall’acqua nel suo moto di filtrazione nel terreno. Questa forza può essere
introdotta nel calcolo come altezza d’acqua equivalente che va a sommarsi
all’altezza piezometrica. Il contributo dovuto alla filtrazione è stimabile con
la relazione:
v2
h ( m) =
2g
dove:
v(m/s)= Velocità di filtrazione dell’acqua nel terreno, fornita dalla legge
di Darcy k x i;
k(m/s)= Permeabilità del terreno;
i= Gradiente idraulico
g(m/s2)= Accelerazione di gravità
Risulta evidente che, essendo la velocità di filtrazione molto bassa, quasi
sempre questo termine può essere trascurato.

4.7 Metodi di analisi probabilistica.

4.7.1 Introduzione.

131
PROGRAM GEO – B-rock ver.2 per Windows
Nelle verifiche di stabilità di un pendio si è in condizioni di equilibrio,
quando il rapporto fra le forze stabilizzanti (R) e quelle instabilizzanti (S) è
uguale a 1 (R/S=1). Il rapporto R/S viene detto, come noto, coefficiente di
sicurezza (Fs). Per tener conto dei possibili errori introdotti nell’analisi,
però, per consuetudine e per Legge si prende come coefficiente di sicurezza
di riferimento non l’unità, ma un valore superiore, solitamente 1,3.
Le fonti di errore sono principalmente quattro:
1. la naturale disomogenità del terreno: le indagini geognostiche sono
solitamente puntuali e non permettono, o permettono solo in parte, di
riconoscere la variabilità laterale delle caratteristiche meccaniche del
terreno;
2. l’imprecisione nell’esecuzione delle indagini geognostiche condotte in
sito o in laboratorio;
3. l’approssimazione delle correlazioni empiriche disponibili in letteratura
per ricavare indirettamente i parametri del terreno;
4. le semplificazioni introdotte nel modello del terreno.
In un approccio di tipo deterministico gli errori introdotti nel calcolo
vengono, come si è detto, assorbiti, imponendo un valore del coefficiente di
sicurezza maggiore di 1.
Un’analisi di tipo probabilistico, che permetta l’esame degli errori con gli
strumenti della teoria della probabilità, consente di affrontare il problema
delle fonti di incertezza in maniera più rigorosa e razionale.
L’analisi probabilistica abbandona il concetto di coefficiente di sicurezza,
preferendogli quello di margine di sicurezza (MS), definito come la
differenza fra le forze stabilizzanti e quelle instabilizzanti (MS=R-S).
Poiché, però, l’applicazione rigorosa di questa definizione non
consentirebbe l’utilizzo di alcuni metodi di calcolo, quali quelli di Sarma e
di Spencer, spesso il margine di sicurezza viene ridefinito come segue:
R
MS = − 1 = Fs − 1
S
In pratica questa definizione di margine di sicurezza si ottiene, dividendo i
due membri per S e fornisce un MS normalizzato.
All’equilibrio MS dovrà essere uguale a zero (S=R); valori maggiori di zero
sono indicativi di pendii stabili, valori minori di zero di pendii instabili.

132
PROGRAM GEO – B-rock ver.2 per Windows
Le fonti di incertezza conducono alla generazione di un intervallo di valori
di MS possibili distribuiti secondo una legge di densità di probabilità (per
esempio quella gaussiana). Si definisce probabilità di rottura (pr) la
probabilità che il valore di MS sia inferiore a 0 (condizione di equilibrio).
L’indice di affidabilità è legato alla probabilità di rottura attraverso la
relazione:
I = 1 − pr
Le analisi di stabilità di un pendio con approccio probabilistico vengono
comunemente condotte con i metodi di Montecarlo e di Rosenblueth. Tali
metodi consentono la generazione di una distribuzione dell’andamento del
margine di sicuirezza, partendo da un numero relativamente limitato di
coppie di valori c e ϕ misurati. Su tale distribuzione sarà possibile effettuare
la stima della probabilità di rottura.

4.7.2 Metodi di Montecarlo applicati alla verifica di stabilita'.

I metodi di Montecarlo si basano sulla generazione di numeri casuali, scelti


in determinati intervalli, che godano nel complesso di proprieta' statistiche.
Fra le varie applicazioni possibili di tali metodi, vi e' quella detta 'del
campionamento' che consiste nel dedurre proprieta' generali di un insieme
grande, studiandone solo un sottoinsieme casuale, giudicato rappresentativo
dell' insieme stesso. E' evidente che maggiori saranno le dimensioni del
campione random, piu' rappresentative saranno le proprieta' dedotte.
Nel caso di applicazione del metodo alla verifica di stabilità di pendii in
terra, la procedura da seguire potrebbe essere la seguente:

• si genera la distribuzione delle variabili aleatorie coesione e angolo


d'attrito misurate in situ o in laboratorio, supponendo che sia di tipo
gaussiano ( cioè rappresentate da una curva a campana, con il valore
centrale corrispondente al valore medio);
• attraverso un generatore di numeri casuali, si crea una serie, estesa
quanto si vuole, di valori numerici compresi fra 0 e 1;
• si associa ad ogni valore numerico casuale della serie un valore della
coesione e dell'angolo d'attrito, rispettando la curva di distribuzione delle
probabilità di queste due grandezze (facendo cioè in modo che la

133
PROGRAM GEO – B-rock ver.2 per Windows
frequenza con cui un certo parametro viene chiamato nel calcolo sia
uguale alla sua probabilità ricavata dalla curva gaussiana di probabilità
del parametro stesso); in questo modo si trasforma la serie di numeri
casuali generati nel punto precedente in una serie di coppie di valori di c
e ϕ;
• scelto un metodo deterministico di calcolo, si esegue la verifica di
stabilità con tale metodo per ogni coppia di valori di c e ϕ , ricavando il
rispettivo margine di sicurezza MS;
• si crea la curva di distribuzione della frequenza dei valori di MS
ottenuti, per esempio sottoforma di istogramma, visualizzando
l'andamento di tali coefficienti.

Dopo aver generato una curva di probabilità stabile, è possibile quindi


calcolare il valore medio MSm e lo scarto quadratico medio SMS del
campione virtuale generato.
Il metodo di Montecarlo può essere impiegato anche per retro-analisi di
stabilità. Costruendo infatti a tentativi delle curve di distribuzione ipotetiche
di c e ϕ, si può stimare per quale intervallo di questi valori il pendio risulta
stabile. Il confronto fra la distribuzione dei parametri geotecnici ipotizzata e
quella misurata permette di trarre delle conclusioni sulla stabilità globale del
pendio.
Il metodo di Montecarlo richiede, per consentire di ottenere delle
distribuzioni di MS valide, che venga generato un numero sufficientemente
elevato di coppie di parametri c e ϕ . Normalmente per ottenere distribuzioni
stabili del margine di sicurezza sono necessarie alcune migliaia di verifiche.
Il raggiungimento della stabilità delle curve di distribuzione può essere
valutato, applicando il metodo di Montecarlo su due insiemi di verifiche e
confrontando quindi le relative distribuzioni con il test del χ2.

4.7.3 Metodo di Rosemblueth applicato alla verifica di stabilità.

Il metodo di Rosemblueth, applicato allla verifica di stabilità di un pendio in


terra, consente di ricavare il valore più probabile del margine di sicurezza (
valore medio) ed un'indicazione della sua dispersione (scarto quadratico
medio).

134
PROGRAM GEO – B-rock ver.2 per Windows
Si possono utilizzare anche in questo caso come variabili casuali i parametri
c e ϕ, supponendo una loro distribuzione gaussiana simmetrica (cioè a curva
a campana con i tratti di sinistra e di destra simmetrici rispetto al valore
centrale).
Il procedimento da seguire è il seguente:
• dai dati misurati in situ o in laboratorio, si calcoli il valore medio di c e
ϕ (cm e ϕm) e i rispettivi scarti quadratici medii (sc e sϕ);
• utilizzando uno dei metodi dell'equilibrio limite, si calcoli il margine di
sicurezza relativo alle seguenti combinazioni di parametri:
1. ( c = cm + sc ϕ = ϕm + sϕ )⇒ MS1
2. ( c = cm + sc ϕ = ϕm - sϕ )⇒ MS2
3. ( c = cm - sc ϕ = ϕm + sϕ )⇒ MS3
4. ( c = cm - sc ϕ = ϕm - sϕ )⇒ MS4

• si calcoli quindi il valore medio di MS attraverso la relazione:

MSm = ( MS1 +MS2 + MS3 + MS4) / 4;

e lo scarto quadratico medio con la formula:

SMS =0.5 x √ ( MS12 +MS22 + MS32 + MS42 ).

4.7.4 Stima della probabilità di rottura.

Lo scopo di un’analisi condotta con il critetrio probabilistico è quello di


arrivare all’individuazione della probabilità di rottura (pr) del pendio in
esame. I metodi di Montecarlo e di Rosenblueth consentono di ricavare
valutazioni attendibili del valore medio MSm e dello scarto quadratico SMS
del margine di sicurezza. Queste grandezze consentono di ricavare
direttamente il valore di MS associato ad una determinata probabilità di
superamento (valore caratteristico di MS) attraverso la relazione:
MS k = MS m (1 + χVms )
dove:
MSk = valore caratteristico del margine di sicurezza;
MSm = valore medio del margine di sicurezza;
135
PROGRAM GEO – B-rock ver.2 per Windows
Vms = coefficiente di variazione di MS, definito come il rapporto fra lo
scarto quadratico medio e la media dei valori di MS;
χ = parametro dipendente dalla legge di distribuzione della
probabilità e dalla probabilità di non superamento adottata.
Per probabilità di superamento s’intende la probabilità che il valore ‘reale’
di MS sia inferiore ad un valore dato. Quindi, per esempio, affermare che un
valore di MS ha una probabilità di superamento del 10% significa che c’è
una probabilità del 10% che il valore ‘reale’ del margine di sicurezza sia
inferiore.
Il parametro χ dipende esclusivamente dalla legge di densità di probabilità
scelta. Nel caso di una distribuzione gaussiana i valori di χ si possono
ricavare direttamente dalla seguente tabella:

Tabella 1
Probabilità di χ
superamento %
1 -2,326
5 -1,645
10 -1,282
20 -0,842
30 -0,524
40 -0,253
50 0
60 0,253
70 0,524
80 0,842
90 1,282
95 1,645
99 2,326
ESEMPIO:
Si voglia calcolare il valore caratteristico di MS corrispondente ad una
probabilità di superamento del 10%, con un valore medio di MS di 0,12 e
uno scarto quadratico di 0,02.
MSm=0,12
SMS=0,02
χ=-1,282 (dalla tabella)
136
PROGRAM GEO – B-rock ver.2 per Windows
VMS = 0,02/0,12=0,167
MSk = 0,12 x (1-1,282 x 0,167) = 0,09

Dalla definizione di probabilità di superamento deriva direttamente quella di


probabilità di rottura, che può essere definita come la probabilità di
superamento associata ad un valore di MS nullo. Il parametro χ associato ad
un valore di MS=0 viene fornito dalla relazione:
1
χr = −
Vms
Calcolato il valore di χr , dalla tabella 1 si ricava la probabilità di rottura.
Nell’esempio visto in precedenza si ha:
χr = -1/0,167 = -5,99
Il valore ricavato indica che la probabilità di rottura è inferiore all’uno per
cento, cioè che la probabilità, per il pendio preso in esame, che il margine di
sicurezza ‘reale’ sia inferiore a 0 è minore dell’1%.
Rimane da definire quale probabilità di rottura si possa consideare
accettabile, cioè per quale valore di pr il pendio può essere definito stabile.
In linea di principio tale valore dovrebbe essere legato all’importanza del
caso e allo stato di conoscenza delle caratteristiche del terreno. Prendendo
come riferimento quanto suggerito da Priest e Brown (1998), , si può in
prima approssimazione considerare come riferimento una probabilità di
superamento del 1% in situazioni in cui il verificarsi dell’evento franoso non
comporti gravi danni a cose e persone e dello 0,3% nei casi contrari. Quindi
se la probabilità di rottura risulta inferiore a questo valore il pendio potrà
essere considerato stabile. E instabile in caso contrario.

137
PROGRAM GEO – B-rock ver.2 per Windows
4.8 Analisi qualitativa del grado di stabilità di un pendio con il metodo
fuzzy.

Gli strumenti della logica fuzzy, o logica sfumata, consentono di trattare in


maniera rigorosa problemi in cui vi è la necessità di giungere ad un giudizio
di tipo qualitativo, partendo da una serie di dati noti solo con grande
approssimazione.
Fra le innumerevoli applicazioni possibili vi è quella relativa alla
valutazione del grado di stabilità di un pendio. La procedura di calcolo
prevede tre passaggi fondamentali.
1. Definizione delle funzioni di appartenenza dei parametri di resistenza al
taglio. La funzione di appartenenza è lo strumento base della logica
fuzzy. Indica in generale il grado di appartenenza di una serie di dati ad
un particolare insieme. Nel caso specifico rappresenta il grado di
appartenenza dei parametri GSI, qu (resistenza alla compressione
monassiale) allo strato di terreno preso in considerazione. Quei valori di
GSI, qu che sicuramente appartengono all’insieme strato considerato
vengono contraddistinti da un grado di appartenenza uguale a 1. I valori
di GSI, qu che altrettanto sicuramente non appartengono all’insieme
strato hanno un grado di appartenenza uguale a 0. Valori intermedi
hanno gradi di appartenenza intermedi.
ESEMPIO: si suppone che, sulla base di dati bibliografici o di indagini
eseguite in precedenza su terreni simili, un pendio, costituito da un unico
strato, possa avere un GSI compreso fra 25 e 35 e una qu compresa fra
250 e 350 kg/cmq; si suppone anche che la roccia non possa avere valori
di GSI minori di 23 e maggiori di 40 e qu minori di 200 e maggiori di
400 kg/cmq. Sulla base di queste indicazioni è possibile costruire le due
funzioni di appartenenza per GSI e qu.

138
PROGRAM GEO – B-rock ver.2 per Windows

2. Generazione della funzione di appartenenza del coefficiente di sicurezza.


Combinando insieme le coppie di valori GSI, qu riconosciute e
utilizzando un metodo di calcolo deterministico (Fellenius, Bishop,
Janbu, ecc.) si ottengono i corrispondenti valori del coefficiente di
sicurezza (uno per ogni coppia). La possibile superficie di scivolamento
può essere stabilita, eseguendo, per esempio, una verifica preliminare
con una coppia di valori medii di GSI e qu. Con i valori di Fs
determinati si costruisce la funzione di appartenenza del coefficiente di
sicurezza.
Nell’esempio precedente andrà calcolato il coefficiente di sicurezza per
le coppie (23, 200), (25, 250), (35, 350) e (40 400). Supponendo di
ottenere i seguenti valori di Fs, Fs1=1,25, Fs2=1,37, Fs3=1,42 , Fs4=1,56,
questa sarà la loro rappresentazione grafica :

Il significato di questo grafico è il seguente: i coefficienti di sicurezza


compresi nell’intervallo 1,37 – 1,42 appartengono sicuramente
all’insieme pendio (grado di appartenenza 1), i valori minori di 1,25 e
139
PROGRAM GEO – B-rock ver.2 per Windows
maggiori di 1,57, viceversa non ne fanno parte (grado di appartenenza
0).
3. Giudizio qualitativo sulla stabilità del versante. Riferendo la funzione di
appartenenza del coefficiente di sicurezza al valore Fs=1 (condizione di
equilibrio) è possibile ottenere un’indicazione qualitativa sul grado di
stabilità del pendio in esame. Sakurai e Shimizu (1987) propongono il
seguente schema:

Pendio instabile

Pendio scarsamente stabile

140
PROGRAM GEO – B-rock ver.2 per Windows

Pendio mediamente stabile

Pendio stabile

L’utilità del metodo fuzzy applicato all’analisi di versanti consiste nella sua
capacità di fornire indicazioni qualitative sul grado di stabilità del pendio
attraverso un procedimento rigoroso. Ovviamente non sostituisce i metodi
quantitativi, deterministici e probabilistici, ma ne può rappresentare un
prologo, in grado di fornire al progettista, prima dell’esecuzione
dell’indagine geognostica e della successiva interpretazione, un
orientamento di massima sugli eventuali interventi di consolidamento. Si
tenga infine presente che, utilizzando le funzioni di appartenenza di GSI e
qu, non è possibile affrontare il caso in cui lo scivolamento avvenga lungo la
supeficie di un giunto, con la mobilitazione quindi della resistenza al taglio
della discontinuità e non di quella dell’ammasso roccioso.

141
PROGRAM GEO – B-rock ver.2 per Windows
4.9 Stabilità dei singoli cunei rocciosi.

I fenomeni di instabilità delle scarpate in roccia sono condizionati dallo


assetto strutturale dell'ammasso roccioso. Il meccanismo del dissesto
dipenderà quindi dal numero e dall'orientamento delle famiglie di
discontinuità che interessano l'ammasso roccioso stesso. Se due piani di
giunto si intersecano tra loro si può avere, nel caso che questo sia limitato
da altre due superfici libere costituite dal fronte e dalla superficie del
versante, la formazione di un cuneo roccioso. Nel caso di scivolamenti
lungo giunti coniugati appartenenti a famiglie diverse l'analisi della
stabilità viene condotta con il metodo dell'equilibrio limite, assumendo
che la resistenza allo scorrimento sia diretta parallelamente alla direzione
del movimento. La soluzione del problema richiede la definizione dei
principali elementi geometrici del cuneo (angoli, aree e volumi) e della
risultante delle varie forze agenti.

4.9.1 Individuazione dei blocchi rimovibili

L’individuazione dei blocchi rocciosi rimovibili, cioè predisposti allo


scivolamento, può avvenire secondo lo schema proposto da Goodman e Shi,
per il caso generale, e da Priest e Hudson, per blocchi tetraedrici.
Un piano di discontinuità (giunto di strato, frattura o faglia) può essere
identificato nello spazio dal suo vettore normale:

ni = ( Ai , Bi , C i ) = (sen α i sen β i , sen α i cos β i , cos α i )


dove αi e βi sono, rispettivamente, l’immersione e l’inclinazione del piano i-
esimo.
L’intersezione fra due piani strutturali è fornita dal prodotto vettoriale:

[ ]
I ij = ni xn j = (Bi C j − B j C i ), (A j C i − Ai C j ), (Ai B j − A j Bi ) (i≠j)

in cui, ovviamente, Iij=Iji.


Il numero totale di intersezioni è dato da:

142
PROGRAM GEO – B-rock ver.2 per Windows
n!
N=
[2(n − 2)!]
Quindi nel caso, per esempio, di giunti si ha una sola intersezione, tre nel
caso di tre giunti e sei nel caso di quattro giunti.
Calcolati i vettori Iij, si ricava la matrice I:

 0 I 12 I 13 I 1 j n11 n12 n13 n1 j 


 
I 0 I 23 I 2 j n 21 n 22 n23 n2 j 
I = segno 21 
 I 31 I 32 0 I 3 j n31 n32 n33 n3 j 
 I i1 I i2 I i3 0 ni1 ni 2 ni 3 nij 
 

dove il simbolo segno sta ad indicare che nella matrice risultante si prende
+1, se il prodotto fra i singoli elementi è maggiore di 0, e –1 nel caso il
prodotto sia minore di 0.
Ogni singolo blocco viene isolato dall’intersezione dei giunti meccanici e
dal piano che rappresenta il pendio. Per descrivere un blocco vengono usati
dei marcatori, cioè dei simboli che indicano in che modo le singole famiglie
di discontinuità meccanica delimitano il volume di roccia. Nelle
applicazioni di calcolo automatico, in genere, si utilizza il valore +1 per
indicare la faccia superiore del giunto e –1 per quella inferiore. Supponendo
di avere, per esempio, tre famiglie di giunti, l’indicazione [1,1,-1] sta a
significare che il blocco in esame è delimitato dalle facce superiori delle
famiglie 1 e 2 e da quella inferiore della famiglia 3.
La matrice dei marcatori del blocco D è data da:

m1 0 0 0
0 m2 0 0
D=
0 0 m3 0
0 0 0 mn

dove n è il numero di famiglie di giunti presenti.

143
PROGRAM GEO – B-rock ver.2 per Windows
Nell’esempio visto prima si avrà quindi:

1 0 0
D= 0 1 0
0 0 −1
La matrice di determinazione della rimovibilità di un blocco è data dal
prodotto delle matrici I e D.

T=ID

Per decidere se il blocco esaminato può scivolare, si fa riferimento al


seguente schema:

Elementi della matrice T Condizioni del blocco


Tutti 0 o +1 e –1 insieme Il blocco può scivolare
Tutti 0 e +1 Il blocco non può scivolare
Tutti 0 e -1 Il blocco non può scivolare

4.9.2 Analisi con il metodo dell'equilibrio limite.

Il più semplice schema di dissesto tridimensionale fa riferimento ad un


cuneo di roccia a forma tetraedrica che può avere due superfici libere (caso
più importante e frequente) o una sola superficie libera. Per il calcolo del
fattore di sicurezza si consideri il caso di un cuneo simmetrico (con due
superfici libere) soggetto soltanto alla sola azione del peso proprio. Il peso
del cuneo può essere scomposto in due componenti:

T12 agente lungo la linea di intersezione


N12 normale a tale linea

Quest'ultima deve essere equilibrata da una reazione tangenziale TN e da


una reazione normale N, agenti su ciascuna faccia.
La reazione N determina la massima resistenza allo scorrimento
mobilizzabile e il coefficiente di sicurezza potrà essere definito come segue:

144
PROGRAM GEO – B-rock ver.2 per Windows

N
ATr
Fs = A
2
 T12 
 + TN
2

 2 
con:
A = area di ciascun giunto;
Tr = legge di resistenza assunta (vedi paragrafo 'Scelta dei parametri
di resistenza al taglio');

Per L'equilibrio in direzione perpendicolare alla linea di intersezione deve


aversi:

i i
2 N sen + 2TN cos = N 12 = W cos b12
2 2
con:

i = angolo compreso fra i due giunti A e B;


b12 = inclinazione rispetto all'orizzontale della linea d'intersezione.

Il problema risulta staticamente indeterminato per cui varie combinazioni di


N e TN possono fornire coefficienti di sicurezza molto differenti tra loro.
Se si assume TN = 0 si ottiene il coefficiente più elevato tra quelli possibili
(metodo del cuneo rigido).
Per il calcolo della stabilità del cuneo occorre in primo luogo che la
giacitura dei giunti rispetto al pendio sia tale da consentire cinematismi.
Occorre che il cuneo sia appoggiato sulla massa rocciosa retrostante. Le
normali alle facce del cuneo devono essere cioè dirette verso il basso.
Il fattore di sicurezza di sicurezza può essere calcolato come segue.

N1 N
A1TR1 + A2TR 2 2
A1 A2
1) Fs =
T12
145
PROGRAM GEO – B-rock ver.2 per Windows

dove:
A1 = area del giunto 1
A2 = area del giunto 2
TR1 (N1/A1) = resistenza disponibile lungo il giunto 1 in
corrispondenza delle sollecitazioni normali N1/A1;
TR2 (N2/A2) = resistenza disponibile lungo il giunto 2 in
corrispondenza delle sollecitazioni normali N2/A2;
T12 = componente del peso del cuneo agente lungo l'intersezione
dei piani 1 e 2.

La 1) in realtà può essere considerata valida solo nel caso in cui sia N1>0 e
N2 > 0, con il cuneo che tende a scivolare lungo la linea d'intersezione dei
piani 1 e 2.
Nei casi in cui sia N1 > 0 e N2 < 0 oppure N1 < 0 e N2 > 0 lo scivolamento
non avviene più lungo l'intersezione dei piani, ma lungo la linea di massima
pendenza dei piani 1 o 2 rispettivamente.
Il coefficiente di sicurezza deve essere espresso allora nei seguenti modi:

N1
A1TR1
A1
Fs = (N1>0 e N2<0)
T1
con
T1 = componente del peso del cuneo agente lungo la linea di
massima pendenza del piano 1

N2
A2TR 2
A2
Fs = (N2>0 e N1<0)
T2

con
T2 = componente del peso del cuneo agente lungo la linea di
massima pendenza del piano 2.

146
PROGRAM GEO – B-rock ver.2 per Windows
Nell'ipotesi infine in cui si abbiano N1 < 0 e N2 < 0 (cuneo che si solleva
rispetto al versante, per esempio per fenomeni di ribaltamento o per
sottopressioni idrauliche molto elevate) non esiste alcuna definizione di Fs
e si assume una generale instabilità senza quantificarla numericamente.

4.9.3 Scelta dei parametri della resistenza al taglio.

Il comportamento meccanico dei giunti di discontinuità meccanica può


essere descritto con due criteri alternativi. Supponendo che il giunto
abbia un comportamento meccanico globale di tipo lineare (la resistenza
mobilitata cresce linearmente con gli sforzi applicati) può essere utilizzata
la relazione di Mohr-Coulomb:

T = C + (s-u)tg ϕ;

con:

T = reistenza al taglio del giunto;


s = pressione totale agente sul giunto;
u = carico idraulico;
ϕ = angolo di resistenza la taglio del giunto;
C = coesione del giunto.

L'esperienza ha però dimostrato la non corrispondenza di questa ipotesi


col comportamento reale dei giunti meccanici, tranne nel caso in cui la
discontinuità sia aperta e riempita da uno spessore notevole di materiale
sciolto. Più indicata è l'adozione di un criterio non lineare (la resistenza
mobilitata cresce in maniera non lineare al crescere degli sforzi efficaci,
con un andamento di tipo parabolico).
Barton suggerisce l'adozione del seguente criterio empirico:

T = Pn tg [ϕ b + JRC Log (Pj / Pn) ];

con:

T = resistenza la taglio del giunto;


147
PROGRAM GEO – B-rock ver.2 per Windows
Pn = pressione normale applicata sul giunto;
ϕ b= angolo di resistenza la taglio di base del giunto;
JRC = coefficiente che descrive il grado di rugosità della superficie
della discontinuità (Joint Roughness Coefficient);
Pj = resistenza alla compressione monoassiale del giunto.

Questa relazione ha il suo campo ottimale di applicabilità per valori di


(Pj/Pn) compresi nell'intervallo 0.01 e 0.3., all'interno del quale ricadono la
maggior parte dei casi di analisi di stabilità.

4.9.4 Analisi del rischio di ribaltamento.

Hoek e Bray (1981) hanno suggerito un metodo semplificato per la stima del
coefficiente di sicurezza al ribaltamento di blocchi rocciosi. La procedura,
anche se si presta alla risoluzione solo di casi particolari (block toppling), ha
il pregio di permettere un’analisi quantitativa del problema.
Considerando una serie di n blocchi, si fa partire la procedura di calcolo da
quello posto più a monte, in cui sia verificata la relazione:

Hn
> cot gα
dx

dove:
Hn = altezza del blocco n-esimo;
dx = larghezza della base del blocco;
α = inclinazione della base sulla quale appoggia il blocco (per esempio un
giunto meccanico).
Questa relazione, se soddisfatta, indica che il blocco, in assenza di sostegno
a valle, tende a ribaltarsi.
Per ogni blocco, da monte verso valle, si calcolano le seguenti espressioni:

W 
Pn (H n − dx tan α ) +  n (H n sen α − dx cos α )
Pn −1,t =  2  (ribaltamento)
H n −1

148
PROGRAM GEO – B-rock ver.2 per Windows

Wn (tan ϕ cos α − sen α )


Pn −1, s = Pn − (scivolamento)
1 − tan 2 ϕ

dove:
Pn-1,t = forza applicata dal blocco n-1, cioè quello subito a valle
dell’esaminato, sul blocco n dovuta alla resistenza al ribaltamento e diretta
verso monte;
Pn-1,s = forza applicata dal blocco n-1 sul blocco n dovuta alla resistenza allo
scivolamento che si sviluppa lungo il piano di base dei blocchi e diretta
verso monte; ϕ è l’angolo di attrito mobilitato lungo il giunto;

Queste sono le forze che impediscono al blocco n di muoversi verso valle.


Wn è il peso del blocco n e Pn è la forza che il blocco sovrastante (n+1)
esercita sul blocco n. Nel caso del blocco più a monte Pn è ovviamente
uguale a zero.
Passando al blocco immediatamente a valle si pone:

Pn=Pn-1,t se Pn-1,t> Pn-1,s


Pn=Pn-1,s se Pn-1,s> Pn-1,t

Quando si arriva al blocco di base (blocco 0), cioè quello più a valle delle
serie presa in esame, si possono presentare tre situazioni:
1. P0=0: in questo caso il pendio si trova in condizioni di equilibrio limite e
Fs viene posto uguale a 1.
2. P0>0: il pendio è instabile; il calcolo va ripetuto utilizzando un valore di
ϕ maggiorato (ϕs)fino ad ottenere P0=0; il coefficiente di sicurezza è
dato quindi da Fs = tan ϕ / tan ϕs.
3. P0<0: il pendio è stabile; il calcolo va ripetuto utilizzando un valore di ϕ
ridotto (ϕs)fino ad ottenere P0=0; il coefficiente di sicurezza è dato
quindi da Fs = tan ϕ / tan ϕs.

149
PROGRAM GEO – B-rock ver.2 per Windows

150