Sei sulla pagina 1di 81
La Progettazione Strutturale secondo il D.M. 14.01.08 e Circolare Applicativa Catanzaro, 15 Aprile 2010 Progettazione
La Progettazione Strutturale secondo il D.M. 14.01.08 e Circolare Applicativa Catanzaro, 15 Aprile 2010 Progettazione
La Progettazione Strutturale secondo il D.M. 14.01.08 e Circolare Applicativa Catanzaro, 15 Aprile 2010 Progettazione

La Progettazione Strutturale secondo il D.M. 14.01.08 e Circolare Applicativa

Catanzaro, 15 Aprile 2010

Progettazione di strutture in c.a.

Maurizio Orlando

Dipartimento di Ingegneria Civile e Ambientale Università degli Studi di Firenze

www.dicea.unifi . it/maurizio.orlando

La Progettazione Strutturale secondo il D.M. 14.01.08 e Circolare Applicativa Catanzaro, 15 Aprile 2010 Progettazione
La Progettazione Strutturale secondo il D.M. 14.01.08 e Circolare Applicativa Catanzaro, 15 Aprile 2010 Progettazione

La Progettazione Strutturale secondo il D.M. 14.01.08 e Circolare Applicativa

Catanzaro, 15 Aprile 2010

14.01.08 e Circolare Applicativa Catanzaro, 15 Aprile 2010 Progettazione di strutture in c.a. Solaio in latero

Progettazione di strutture in c.a.

Solaio in latero - cemento

Solaio in latero - cemento

S

l

i

o a o

i

l

t

t

n a ero-cemen o

in latero - cemento S l i o a o i l t t n a

Solaio in latero - cemento

A B C
A
B
C

Solaio in latero - cemento

C4.1.9.1.2 Limiti dimensionali Le varie parti del solaio devono rispettare i seguenti limiti dimensionali:

a) la larghezza delle nervature deve essere non minore di 1/8 del loro interasse e comunque non inferiore a 80 mm. Nel caso di produzione di

serie in stabilimento di pannelli solaio completi, il limite può scendere a 50

mm

b) l’interasse delle nervature deve essere non maggiore di 15 volte lo spessore della soletta

c) la dimensione massima del blocco di laterizio non deve essere maggiore di 520 mm

NESSUNA PRESCRIZIONE PER LO SPESSORE MINIMO

Solaio in latero - cemento

scelta dello spessore

si fissa uno spessore che rispetta i rapporti massimi di snellezza (L/s)

indicati nella Circolare perché la verifica di deformazione

sia soddisfatta senza calcolo diretto

di deformazione sia soddisfatta senza calcolo diretto L s Maurizio Orlando Dipartimento di Ingegneria Civile e
di deformazione sia soddisfatta senza calcolo diretto L s Maurizio Orlando Dipartimento di Ingegneria Civile e

L

di deformazione sia soddisfatta senza calcolo diretto L s Maurizio Orlando Dipartimento di Ingegneria Civile e

s

Solaio in latero - cemento

Tabella C4.1.I (Circolare n. 617)

Solaio in latero - cemento Tabella C4.1.I (Circolare n. 617) le NTC indicano inoltre come utilizzare
Solaio in latero - cemento Tabella C4.1.I (Circolare n. 617) le NTC indicano inoltre come utilizzare

le NTC indicano inoltre come utilizzare i valori della tabella per varie situazioni (travi a T, travi caricate da tramezzi, elementi in c.a.p., ecc.)

Solaio in latero - cemento

MATERIALI Calcestruzzo C25/30 f cd = 0,85 f ck / 1,5 = 0,85 25 / 1,5 = 14,16 N/mm 2 (0,47 R ck ) f ctm = 0,30 f ck 2/3 = 0,30 25 2/3 = 2,56 N/mm 2

Acciaio B450C f yd = f yk / 1,15 = 450 / 1,15 = 391 N/mm 2

f y d = f y k / 1,15 = 450 / 1,15 = 391 N/mm

Solaio in latero - cemento

CARICHI DISTRIBUITI

Carichi Permanenti Totali

di cui

5,38 kN/m 2

strutt. + portati compiutamente definiti: 4,18 kN/m 2

portati non comp. definiti (tramezzi):

1,20 kN/m 2 2,00 kN/m 2

Carico variabile (cat. A)

CARICHI PER TRAVETTO Perm. strutt. G 1 + portati compiutam. definiti Perm. non compiutam. definiti Carico variabile (cat. A)

G

G ’’

Q

2

2

1

2,09 kN/m 0 60 kN/m 1,00 kN/m

,

A) G G ’’ Q ’ 2 2 1 2,09 kN/m 0 60 kN/m 1,00 kN/m

Solaio in latero - cemento

5 117 kN/m

,

1,5 (Q k1 + G ’’) = 2,4 kN/m 2
1,5 (Q k1 + G ’’)
= 2,4 kN/m
2

COMB1 PER SLU

kN/m , 1,5 (Q k1 + G ’’) = 2,4 kN/m 2 COMB1 PER SLU 1,3
1,3 (G 1 + G 2 ’) = 2,717 kN/m A B C
1,3 (G
1 + G
2 ’)
= 2,717 kN/m
A
B
C

MINIMO MOMENTO ALLAPPOGGIO

COMB2 PER SLU

MASSIMO MOMENTO IN CAMPATA

5,117 kN/m

2,717 kN/m

PER SLU MASSIMO MOMENTO IN CAMPATA 5,117 kN/m 2,717 kN/m 1,5 (Q k 1 + G

1,5 (Q k1 + G ’’)

2

= 2,4 kN/m

kN/m 2,717 kN/m 1,5 (Q k 1 + G ’’) 2 = 2,4 kN/m 1,3 (G
kN/m 2,717 kN/m 1,5 (Q k 1 + G ’’) 2 = 2,4 kN/m 1,3 (G
1,3 (G 1 + G 2 ’) = 2,717 kN/m A B C
1,3 (G
1 + G
2 ’)
= 2,717 kN/m
A
B
C

Solaio in latero - cemento

DIAGRAMMA MOMENTI FLETTENTI

COMB1 PER SLU

3,48 kNm 6,25 kNm
3,48 kNm
6,25 kNm

-8,9292 kNm

COMB2 PER SLU

-7,3358 kNm

1,11 kNm
1,11 kNm

6,84 kNm

Solaio in latero - cemento

PROGETTO SEZIONE INFLESSA A SEMPLICE ARMATURA

per calcestruzzo di classe fino a C50/60, si ha:

ε cu = 0,0035 f cd = 0,85 f ck / 1,5

f yd

= f y / 1,15

f c d = 0,85 f c k / 1,5 f y d = f y
f c d = 0,85 f c k / 1,5 f y d = f y

Solaio in latero - cemento

PROGETTO ARMATURE SOLAIO

sezione inflessa con armatura semplice

leggi costitutive di progetto per l’acciaio teso il diagramma elastico-perfettamente plastico, che non richiede quindi il controllo del limite di deformazione dell’acciaio

ε yd =

f

y

d =

f

yk

f

yk

= 1,15

γ

S

f

yd

450

=

E

S 200000

= 1,96 ‰

f yk f yk = 1,15 γ S f yd 450 = E S 200000 =

Solaio in latero - cemento

PROGETTO ARMATURE SOLAIO

leggi costitutive di progetto per il calcestruzzo

SOLAIO leggi costitutive di progetto per il calcestruzzo area parabola-rettan g olo: (17/21) f c d
SOLAIO leggi costitutive di progetto per il calcestruzzo area parabola-rettan g olo: (17/21) f c d

area parabola-rettangolo: (17/21) f cd x = 0,8095 f cd x

Solaio in latero - cemento

PROGETTO ARMATURE

calcolo di x equilibrio alla rotazione intorno al baricentro delle armature tese

calcolo di A s equilibrio alla traslazione, nellipotesi di armatura tesa snervata (f s = f yd )

controllo armatura minima (4.1.6.1.1 NTC):

A s,req

>

A s,min = 0,26 b t d f ctm / f yk > 0,0013 b t d

Solaio in latero - cemento

PROGETTO ARMATURE SEZIONE DI APPOGGIO (M Ed = 8,9292 kNm)

calcolo di x dall’equazione di equilibrio alla rotazione della sezione intorno al baricentro delle armature tese

= d – 0,4 xz
= d – 0,4 xz

0,8 b x f cd

delle armature tese = d – 0,4 xz 0,8 b x f c d C (

C

(d-0,4 x)

armature tese = d – 0,4 xz 0,8 b x f c d C ( d-0,4

z

=

M Ed

= d – 0,4 xz 0,8 b x f c d C ( d-0,4 x )

x = 46 mm

z = d – 0,4 x = 171,6 mm

Solaio in latero - cemento

PROGETTO ARMATURE SEZIONE DI APPOGGIO

calcolo di A s

A s

= M Ed / (f yd z) = 8.929.200 / (391 171,6) = 133 mm 2

si adottano 2 φ 10

(A s = 157 mm 2 )

= 133 mm 2 si adottano 2 φ 10 (A s = 157 mm 2 )

Solaio in latero - cemento

PROGETTO ARMATURE SEZIONE DI APPOGGIO

OSS.NE

z = 171,6 mm z/d = 171,6 / 190 = 0,903

A s

= M Ed / (f yd z) = M Ed / (f yd 0,9 d)

d ⋅ z) = M E d / (f y d ⋅ 0,9 ⋅ d) Maurizio

Solaio in latero - cemento

VERIFICA SEZIONE DI APPOGGIO

Percentuale meccanica di armatura

ω = A

f

yd

/ (f

b d) = 0 8 x

,

s

cd

se x < 0,641 (o in modo equivalente se ω < 0,513) l’acciaio è snervato (altrimenti è in campo elastico)

per la sezione di appoggio si ha:

ω= 157 391 / (14,16 100 190) = 0,228 < 0,513

‰ ‰

M Rdu = 10,33 kNm > (M Ed = 8,929 kNm)

Solaio in latero - cemento

PROGETTO ARMATURE SEZIONE IN CAMPATA (M

calcolo di x (b = 500 mm)

x

= 6,5 mm

z

= 187,4 mm

Ed

=6 84 kNm)

,

calcolo di A s

A s

si adottano 2 φ 10 (A = 157 mm 2 )

= M Ed / (f yd z) = 6.840.000 / (391 187,4) = 93,3 mm 2

s

d ⋅ z) = 6.840.000 / (391 ⋅ 187,4) = 93,3 mm 2 s Maurizio Orlando

Maurizio Orlando

Dipartimento di Ingegneria Civile e Ambientale, Firenze

Solaio in latero - cemento

PROGETTO ARMATURE SEZIONE IN CAMPATA

OSS.NE

z = 187,4 mm z/d = 187,4 / 190 = 0,99 !!!

OSS . NE z = 187,4 mm z/d = 187,4 / 190 = 0,99 !!! Maurizio

Solaio in latero - cemento

‰

VERIFICA SEZIONE IN CAMPATA

Percentuale meccanica di armatura ω = A s f yd / (f cd b d)

per la sezione in campata si ha:

ω= 157 391 / (14,16 500 190) = 0,045 < 0,513

M Rdu = 11,4 kNm >> (M Ed = 6,84 kNm) (considerando anche l’armatura compressa si ha: M Rdu = 12,3 kNm)

Solaio in latero - cemento

ARMATURA MINIMA
ARMATURA MINIMA
Solaio in latero - cemento ARMATURA MINIMA sez i one int eramen te rea gente (M

sezione interamente reagente (M M fessurazione )

gente (M ≤ M f e s s u r a z i o n e
gente (M ≤ M f e s s u r a z i o n e

sezione parzializzata (M > M fessurazione )

Maurizio Orlando

Dipartimento di Ingegneria Civile e Ambientale, Firenze

Solaio in latero - cemento

ARMATURA MINIMA - NTC 2008

SEZIONE IN CAMPATA

A = 0 26 b d f

/ f

s,min

.

t

ctm

yk

= 28 10 mm 2

,

> 0,0013 b t d = 24,7 mm 2

ctm yk = 28 10 mm 2 , > 0,0013 b t d = 24,7 mm

SEZIONE DI APPOGGIO A s,min = 0.26 b t d f ctm / f yk = 118,3 mm 2 > 0,0013 b t d = 104 mm 2

b = 500 mm

b

t

= 421 mm

0,0013 b t d = 104 mm 2 b = 500 mm b t = 421

Solaio in latero - cemento

CFR. CON METODO “n”

Sezione di appoggio: b = 10 cm, d = 19 cm

σ a = 2600 kg/cm 2 σ c = 97,5 kg/cm

2

M

Sd

M

Sdu

/ 1 4 = 6 38 kNm = 63800 kgcm

,

,

r = d / (M/b) 0,5 = 0,238 < 0,254 !!!

x = K d = 0,38 19 = 7,22 cm

A s = M Sd / (0,87 d 2600) = 1,48 cm 2

(SLU D.M. 2008 133 mm 2 )

Solaio in latero - cemento

CFR. CON METODO “n”

Sezione in campata: b = 50 cm, d = 19 cm

σ a = 2600 kg/cm 2 σ c = 0,7 97,5 kg/cm

2

M Sd = 4,90 kNm = 49000 kgcm

r = d / (M/b) 0,5 = 0,607 > 0,254

x = K d = 0,168 19 = 3,2 cm

σ
σ

A s = M Sd / (0,944 d 2600) = 1,05 cm 2

(SLU D.M. 2008 93,3 mm 2 )

Solaio in latero - cemento

DIAGRAMMA TAGLIO

A

1,5 (Q k1 + G ’’) = 2,4 kN/m 2 1,3 (G 1 + G
1,5 (Q k1 + G ’’)
= 2,4 kN/m
2
1,3 (G
1 + G
2 ’)
= 2,866 kN/m
B

C

COMB1 PER SLU 11,66 kN 8,24 kN C B 6,25 kN A 12 83 kN
COMB1 PER SLU
11,66 kN
8,24 kN
C
B
6,25 kN
A
12 83 kN
,
4,00 m
3,40 m

Oss.ne: il taglio massimo a filo trave è pari a 11,38 kN

Solaio in latero - cemento

DIAGRAMMA TAGLIO

A

1,5 (Q k1 + G ’’) = 2,4 kN/m 2 1,3 (G 1 + G
1,5 (Q k1 + G ’’)
= 2,4 kN/m
2
1,3 (G
1 + G
2 ’)
= 2,866 kN/m
B

C

COMB2 PER SLU 7,11 kN

8,63 kN C B A 2,64 kN
8,63 kN
C
B
A
2,64 kN

4,00 m

12,43 kN

3,40 m

kN 8,63 kN C B A 2,64 kN 4, 00 m 12 , 43 kN 3,

Oss.ne: i valori indicati sono relativi ai tagli in asse alle travi

Solaio in latero - cemento

Meccanismo resistente a pettine per elementi non armati a taglio

// // M T F F + ∆F t t t
//
//
M
T
F
F + ∆F
t
t
t
non armati a taglio // // M T F F + ∆F t t t ∆

F t produce all’incastro una coppia di reazione oraria (per conci posti nella semicampata sinistra)

Solaio in latero - cemento

Verifica sezione B (a pp gg o io centrale) ⎡ 0,18 ⎤ 1 V k(100ρ
Verifica sezione B (a
pp gg
o
io centrale)
⎡ 0,18
1
V
k(100ρ f
)
3
b
d
v
Rd
l
ck
w
γ
= ⎣
c

k

= +

1

200

d

= +

1

200 190
200
190

= 2 02

,

min

i

s

ρ=

l

A sw

157

=

b

w

d

100 190

=

0,0083

0,02

a

b

d

w

d

o

tt

a

k=2 0

,

V

Rd

=

1,5

0,18

2 0

,

=

0,66 100 190

=

1 3
1
3

(100 0 0083 25) 100 190 =

,

12530 N

=

12,53 kN

Solaio in latero - cemento

Verifica sezione B CONFRONTO CON IL TAGLIO RESISTENTE MINIMO

V Rd min

,

0,035 k

3 2 f ck
3
2
f
ck

V = 12,53 kN V

Rd

Rd,min

b

w

d

=

0,495 100 190

= 9,4 kN

=

9405 N

=

9,4 kN

V Rd = 12,53 kN > V Ed = 11,38 kN

VERIFICA SODDISFATTA

Solaio in latero - cemento

Cfr. Tensioni Ammissibili

V T.A. =

8,22 kN

V

adm

=τ

c0

b z

V T.A. < V adm

TAGLIO SOLLECITANTE A FILO TRAVE

0,6 100

0,9 190

=

10260N

=

10,26 kN

VERIFICA ALLE T.A. SODDISFATTA

TAGLIO

S.L.U.

T.A.

S.L.U. / T.A.

V Ed SOLLECITANTE

11,38 kN

8,22 kN

1,38

V Rd RESISTENTE

12,53 kN

10,26 kN

1,22

F S = V Rd / V Ed

1,10

1,25

 

Solaio in latero - cemento

Cfr. Tensioni Ammissibili

RAPPORTO V Rd / V adm

V

adm

w

b

d

w

z

τ =

c0

⎤ ⎥ b

=τ V adm c0 1 k 100ρ f ( ) 3 l ck
V adm
c0
1
k 100ρ f
(
)
3
l
ck
⎡ 0,18 1 k 100ρ f ( ) 3 ⎢ l ck γ ⎣ c
⎡ 0,18
1
k 100ρ f
(
)
3
l
ck
γ
c

0,18

γ

c

V

Rd

=

b

w

z

V

adm

 

τ

c0

b

w

z

0,9τ

c0

k

 

spessore

 

d

 

0,0083

ρ

l

(mm)

 

(mm)

 

0,005

(mm)   (mm)   0,005 0,01 0,015 0,02

0,01

0,015

0,02

2,00

220

190

1,03

1,22

1,30

1,49

1,64

1,98

240

210

1,02

1,28

1,47

1,62

1,93

 

260

 

230

 

1,00

1,26

1,44

1,58

1,89

280

250

0,98

1,23

1,41

1,55

Solaio in latero - cemento

Cfr. Tensioni Ammissibili

1,70 d = 190 mm 1,60 1,50 V Ed (SLU) / V Ed (T.A.) 1,40
1,70
d = 190 mm
1,60
1,50
V Ed (SLU) / V Ed (T.A.)
1,40
1,30
1,20
1,10
1,00
0,005
0,007
0,009
0,011
0,013
0,015
0,017
0,019
0,01 2

ρ

La Progettazione Strutturale secondo il D.M. 14.01.08 Circolare Applicativa Catanzaro, 15 Aprile 2010 e Progettazione
La Progettazione Strutturale secondo il D.M. 14.01.08 Circolare Applicativa Catanzaro, 15 Aprile 2010 e Progettazione

La Progettazione Strutturale secondo il D.M. 14.01.08 Circolare Applicativa

Catanzaro, 15 Aprile 2010

e

14.01.08 Circolare Applicativa Catanzaro, 15 Aprile 2010 e Progettazione di strutture in c.a. SLU per flessione

Progettazione di strutture in c.a.

SLU per flessione nelle travi

Travi

TRAVE IN SPESSORE (550 x 220 mm) ALLINEAMENTO N 5 PIANO II

.

TRAVE IN SPESSORE (550 x 220 mm) ALLINEAMENTO N 5 PIANO II . Maurizio Orlando Dipartimento

Travi

perc. armatura tesa
perc. armatura tesa

7.4.6.2.1 Limitazioni di armatura

almeno due barre di diametro non inferiore a 14 mm superiori ed inferiori per tutta la lunghezza della trave

armatura compressa almeno pari a 0,25 di quella tesa
armatura compressa
almeno pari a 0,25 di
quella tesa
perc. armatura tesa armatura compressa almeno pari a 0,5 di quella tesa prescrizioni zone critiche
perc. armatura tesa
armatura compressa
almeno pari a 0,5 di
quella tesa
prescrizioni
zone critiche

1,4 / f yk = 3,11 ‰

3,5/f yk = 7,78

Travi

TRAVE IN SPESSORE ALL. N.5 PIANO II

C B A -124,87 -121,95 - 78 92 , - 68 01 , +36,89 +64,86
C
B
A
-124,87
-121,95
- 78 92
,
-
68 01
,
+36,89
+64,86

Diagramma inviluppo momenti flettenti SLU [kNm]

C B A
C
B
A

Traslazione diagramma momenti

Sezioni armate a taglio con staffe = a 1

con

0,45 d < a 1 < 1,125 d

Travi

TRAVE IN SPESSORE ALL N 5 PIANO II

. . C V1 B V2 A V3
.
.
C
V1
B
V2
A
V3

V 1 : M

i

neg,m n

= -124,87 kNm

V 2 : M neg = -68,01 kNm

V 3 : M pos,max = +64,86 kNm

sezioni di verifica

55 22 4 18
55
22
4
18

sezione trasversale

Travi

TRAVE IN SPESSORE ALL N 5 PIANO II

. . C V1 B V2 A MOMENTI RESISTENTI MOMENTI SOLLECITANTI V3 585 450 Lanc
.
.
C
V1
B
V2
A
MOMENTI RESISTENTI
MOMENTI SOLLECITANTI
V3
585
450
Lanc
Lanc
Lanc
136
258
4 Ø16
4 Ø16
1035 7 Ø18 7 Ø18 1035
1035
7
Ø18
7
Ø18
1035
 

Msoll

Mres

       

trave all. 5 piano II

[kNm]

[kNm]

d [cm]

e c [‰]

e s [‰]

x/d

V1 - Mneg

-124,87

-144,90

18,00

3,50

4,70

0,427

V2 - Mneg

-68,01

-102,50

18,00

3,50

7,38

0,322

V3 - Mpos

64,86

102,50

18,00

3,50

7,38

0,322

La Progettazione Strutturale secondo il D.M. 14.01.08 Circolare Applicativa Catanzaro, 15 Aprile 2010 e Progettazione
La Progettazione Strutturale secondo il D.M. 14.01.08 Circolare Applicativa Catanzaro, 15 Aprile 2010 e Progettazione

La Progettazione Strutturale secondo il D.M. 14.01.08 Circolare Applicativa

Catanzaro, 15 Aprile 2010

e

14.01.08 Circolare Applicativa Catanzaro, 15 Aprile 2010 e Progettazione di strutture in c.a. SLU per taglio

Progettazione di strutture in c.a.

SLU per taglio nelle travi

Travi

TRAVE IN SPESSORE ALLINEAMENTO N 5 PIANO II

.

Travi TRAVE IN SPESSORE ALLINEAMENTO N 5 PIANO II . Maurizio Orlando Dipartimento di Ingegneria Civile

Travi

7.4.6.2.1 Limitazioni di armatura

staffe zona critica passo massimo staffe h/4 175 mm CD”A” (225 mm CD”B”) 6 φ
staffe zona critica
passo massimo staffe
h/4
175 mm CD”A” (225 mm CD”B”)
6 φ long CD”A” (8 φ long CD”B”)
24 φ st
staffe A st ≥ 1,5 b mm 2 /m p ≤ 333 mm p ≤
staffe
A st ≥ 1,5 b mm 2 /m
p ≤ 333 mm
p
≤ 0,8 d
s ≤ 133 mm
s ≤ 55 mm
A st ≥ 0,5 A taglio

Travi

TRAVE IN SPESSORE

Progetto delle staffe

Ta g lio sollecitante ?

Travi

PRESCRIZIONI

TAGLIO

PER

DI

TENERE

NORMATIVA

PER

LE

ARMATURE

MINIME

A

CONTO

DELLA

GERARCHIA

DELLE

RESISTENZE

IN UNA TRAVE LA ROTTURA PER FLESSIONE DEVE PRECEDERE QUELLA PER TAGLIO

LA ROTTURA PER FLESSIONE DEVE PRECEDERE QUELLA PER TAGLIO Maurizio Orlando Dipartimento di Ingegneria Civile e

Travi

7.4.4.1 NTC Schemi per il calcolo del taglio

7.4.4.1 NTC Schem i per il ca l co lo de l t a gli o

Travi

Metodo del traliccio ad inclinazione variabile [traliccio dove l’inclinazione dei puntoni è variabile tra 21.8° (cot θ = 2.5) e 45° (cot θ = 1.0)]

Traliccio di Mörsch

C

biella compressa cls

θ = 1.0)] Traliccio di Mörsch C biella compressa cls 45° 45° A asta tesa ∆x
45° 45° A asta tesa ∆x P V C
45°
45°
A
asta tesa
∆x
P V
C

1 cotg θ 2,5 45° θ 21,8°

Traliccio ad inclinazione variabile V
Traliccio ad inclinazione variabile
V

V

Travi

(4.1.19)-NTC Resistenza a taglio-trazione (associata alla resistenza a trazione delle armature trasversali)

V

V Rsd = R sd senα = f yd (A sw / s) 0.9 d (cotg α + cotg θ) senα

(A s w / s) 0.9 d ( co t g α + co t g

passo p

V R sd
V
R sd

passo p

Travi

. compressione delle bielle di calcestruzzo)

Resistenza

(4 1 19)-NTC

a

ta lio-com ressione

g

p

.

(associata

alla

resistenza

V

R

cd
cd
ta lio -com ressione g p . (associata alla resistenza V R cd V passo p

V

passo p

V

f’ cd = 0,5 f cd (resistenza a compressione ridotta del calcestruzzo d’anima)

α c : coefficiente che tiene conto della presenza di una tensione di compressione

= R

sen θ = α

c

f’

cd

b

w

0 9 d (cotg α + cotg θ) / (1 + cotg 2 θ)

,

Rcd

cd

σ cp

a

Travi

La resistenza al taglio della trave è la minore tra la resistenza a taglio-trazione e quella a taglio-compressione:

V Rd = min (V Rsd , V Rcd )

(4.1.20-NTC)

Travi

0,60 V 0 50 , V 0,40 0,30 V Rcd / (f cd b z)
0,60
V
0 50
,
V
0,40
0,30
V Rcd / (f cd b z) =
0,20
= cotg θ / (1 + cotg 2 θ)
per α = 90°
0,10
0,00
V
/ (f' cd b
z)
R
cd

0

0,5

1

1,5

2

2,5

3

3,5

 

cot θ

Variazione della resistenza a taglio-compressione con l inclinazione delle bielle

Travi

0,60 V Ed,1 / (f’ cd b z) 0 50 , V Ed,2 / (f’
0,60
V Ed,1 / (f’ cd b z)
0 50
,
V Ed,2 / (f’ cd b z)
0,40
0,30
V
/ (f’
b z)
Ed,3
cd
0,20
0,10
0,00
0
0,5
1
1,5
2
2,5
3
3,5
cot θ
V
/ (f' cd b
z)
R
cd

Travi

V Rsd / (f’ cd b z) = [f yd (A sw / s) / (f’ cd b)] cotg θ

per α = 90°

0,80 0,70 (A sw / s) 3 (A sw / s ) 2 0,60 V
0,80
0,70
(A sw / s) 3
(A sw / s
)
2
0,60
V
0 50
,
V
0,40
0,30
(A sw / s) 1
0,20
0,10
0,00
V
/ (f' cd b
z)
R
cd

0

0,5

1

1,5

2

2,5

3

3,5

 

cot θ

Variazione della resistenza a taglio-trazione con l’inclinazione delle bielle e per diversi quantitativi di armatura trasversale (α = 90°, staffe)

Travi

0,60 0 50 , V Ed / (f’ cd b z) 0,40 0,30 0,20 0,10
0,60
0 50
,
V Ed / (f’ cd b z)
0,40
0,30
0,20
0,10
0,00
0
0,5
1
1,5
2
2,5
3
3,5
cot θ
V
/ (f' cd b
z)
R
cd

Travi

V Rsd = V Ed

0,60 0 50 , V Ed / (f’ cd b z) 0,40 0,30 0,20 0,10
0,60
0 50
,
V Ed / (f’ cd b z)
0,40
0,30
0,20
0,10
0,00
V
/ (f' cd b
z)
R
cd
cot θ 2

0

0,5

1

1,5

2

2,5

3

3,5

 

cot θ

Travi

z)

/ (f' cd b

cd

R

V

0,60

0 50

,

0,40

0,30

0,20

0,10

0,00

V Ed / (f’ cd b z) (A sw / s) 1 cot θ 1
V Ed / (f’ cd b z)
(A sw / s) 1
cot θ 1
cot θ 2

0

0,5

1

1,5

2

2,5

3

3,5

 

cot θ

Travi

0,60 0 50 , V Ed / (f’ cd b z) 0,40 0,30 0,20 0,10
0,60
0 50
,
V Ed / (f’ cd b z)
0,40
0,30
0,20
0,10
0,00
V
/ (f' cd b
z)
R
cd
cot θ 2
cot θ 3

0

0,5

1

1,5

2

2,5

3

3,5

 

cot θ

Travi

0,60 0 50 , V Ed / (f’ cd b z) 0,40 0,30 0,20 0,10
0,60
0 50
,
V Ed / (f’ cd b z)
0,40
0,30
0,20
0,10
0,00
V
/ (f' cd b
z)
R
cd
cot θ 1
cot θ 2
cot θ 3

0

0,5

1

1,5

2

2,5

3

3,5

 

cot θ

Travi

0,60 0 50 , 0,40 0,30 V / (f’ b z) Ed cd 0,20 0,10
0,60
0 50
,
0,40
0,30
V
/ (f’
b z)
Ed
cd
0,20
0,10
0,00
V
/ (f' cd b
z)
R
cd

0

0,5

1

1,5

2

2,5

3

3,5

 

cot θ

Travi

0,60 0 50 , 0,40 V Ed / (f’ cd b z) 0,30 0,20 0,10
0,60
0 50
,
0,40
V Ed / (f’ cd b
z)
0,30
0,20
0,10
0,00
V
/ (f' cd b
z)
R
cd

0

0,5

1

1,5

2

2,5

3

3,5

 

cot θ

Travi

Progetto delle staffe trave in spessore

Taglio sollecitante

V = 132 kN

Ed

Dimensioni geometriche (sezione rettangolare)

b w = 550 mm, h = 220 mm,

z = 150 mm (dal calcolo di x/d a flessione)

d = 180 mm,

Materiali acciaio B450C:

f yd = 391 N/mm 2

calcestruzzo C25/30:

f ck = 25 N/mm 2

f cd = 14,16 N/mm 2

f’ cd = 7,8 N/mm 2

Travi

1.

si

compressione

calcola

θ uguagliando il taglio sollecitante alla resistenza a taglio-

θ =

1

arcsen

2V

Ed

 

=

1

arcsen

2

132000

2

f '

cd

b

w

z

2

7,8 550150

= 12,11

°

da cui cot θ = 4,66 > 2,5

α = 90° Collasso simultaneo V Rd A 0,50 f ’ b z V Rd
α = 90°
Collasso simultaneo
V Rd
A
0,50
f ’
b
z
V Rd max
,
cd
w
(1)
Collasso
(2)
B
0,34
staffe
(3)
V Rd,s
(4)
C
0
0,5
1,0
1,5
2,0
2,5
cot
θ
4,66
45,0°
33,7°
26,5°
21,8°
θ

Travi

2. essendo cot θ > 2,5 si calcola l’armatura a taglio ponendo cot θ = 2,5 ed invertendo la formula della resistenza a taglio-trazione:

A

sw

V

Ed

132000

=

=

s

z

f

ywd

cot θ

150 391 2,5

2

= 0,9 mm /mm

che può essere soddisfatta con staffe a 2 bracci φ 8/100 mm (1,00 mm 2 /mm = 10 cm 2 /m).

OCCORRE APPLICARE LA REGOLA DELLA TRASLAZIONE PER DEFINIRE LA LUNGHEZZA DELLE ARMATURE LONGITUDINALI

Travi

0,45 d a 1 = z (cot θ - cot α) / 2 1,125 d

≤ a 1 = z ( cot θ - cot α ) / 2 ≤ 1,
La Progettazione Strutturale secondo il D.M. 14.01.08 Circolare Applicativa Catanzaro, 15 Aprile 2010 e Progettazione
La Progettazione Strutturale secondo il D.M. 14.01.08 Circolare Applicativa Catanzaro, 15 Aprile 2010 e Progettazione

La Progettazione Strutturale secondo il D.M. 14.01.08 Circolare Applicativa

Catanzaro, 15 Aprile 2010

e

14.01.08 Circolare Applicativa Catanzaro, 15 Aprile 2010 e Progettazione di strutture in c.a. A ncoraggio e

Progettazione di strutture in c.a.

Ancoraggio e giunzioni delle barre

Ancoraggio e giunzioni

4 1 6 1 4

.

.

.

.

A

i

ncoragg o

d

e

ll

e

b

l

i

i

i

arre e oro g unz on

. . A i ncoragg o d e ll e b l i i i arre

Ancoraggio e giunzioni

4.1.6.1.4 Ancoraggio delle barre e loro giunzioni nel caso di armature molto addensate o ancoraggi in zona di calcestruzzo teso, la resistenza di aderenza va ridotta dividendola almeno per 1,5

Valori della tensione di aderenza ultima per barre di diametro φ 32 (1)

Buona aderenza (1,0)

f [N/mm 2 ]

ck

16

20

25

28

30

32

35

40

45

50

55

60

f bd [N/mm 2 ]

1,95

2,25

2,70

2,90

3,00

3,18

3,30

3,75

4,05

4,35

4,50

4,65

 

Altri casi di aderenza (0,7)

 

f ck [N/mm 2 ]

16

20

25

28

30

32

35

40

45

50

55

60

f bd [N/mm 2 ]

1,36

1,57

1,89

2,03

2,10

2,22

2,31

2,62

2,83

3,04

3,15

3,25

(1) Per barre di diametro φ > 32 , i valori del prospetto vanno moltiplicati per (132 - φ) / 100.

Ancoraggio e giunzioni

4 1 6 1 4

.

.

.

.

A

i

ncoragg o

d

e

ll

e

b

l

i

i

i

arre e oro g unz on

nel caso di armature molto addensate o ancoraggi in zona di calcestruzzo teso, la resistenza di aderenza va ridotta dividendola almeno per 1,5

Circolare:

in alternativa

riferimento alla EN1992-1-1

si

può

a) b) 250 mm ≤ h ≤ 600 mm c) h ≤ 250 mm d)
a)
b)
250 mm ≤ h ≤ 600 mm
c) h ≤ 250 mm
d)
h > 600 mm

fare

Ancoraggio e giunzioni

Valori del rapporto l b,rqd / φ per acciaio B450C e barre di diametro φ per σ sd = 450 / 1,5 = 391 N/mm 2

Buona aderenza (η 1 = 1,0)

f ck [N/mm 2 ]

16

20

25

28

30

32

35

40

45

50

55

60

l b,rqd / φ

50,2

43,5

36,3

33,7

32,6

30,8

29,7

26,1

24,2

22,5

21,8

21,1

 

Altri casi di aderenza (η 1 = 0,7)

 

f ck [N/mm 2 ]

16

20

25

28

30

32

35

40

45

50

55

60

71,7

62,1

51,8

48,1

46,6

44

42,4

37,3

34,5

32,2

31,1

30,1

l b,rqd / φ

Per barre di diametro φ > , i valori di (l b,rqd / φ) del prospetto vanno divisi per (132 - φ) / 100.

Ancoraggio e giunzioni

4.1.6.1.4 Ancoraggio delle barre e loro giunzioni

continuità fra le barre:

1. sovrapposizione, calcolata in modo da assicurare l’ancoraggio di ciascuna barra; lunghezza di sovrapposizione nel tratto rettilineo non minore di 20 φ

F s F s F s F s 45° 45° l 0 Schema di trasferimento
F s
F s
F s
F s
45°
45°
l 0
Schema di trasferimento della forza di trazione tra due barre sovrapposte (in
alto) e relativo quadro fessurativo (in basso) [MC’90]
d t rasv

Ancoraggio e giunzioni

continuità fra le barre:

2. interferro nella sovrapposizione non superiore a 4 φ

3. saldature, previa verifica della saldabilità degli acciai impiegati e la compatibilità fra metallo e metallo di apporto nelle posizioni o condizioni operative previste nel progetto esecutivo

4.

giunzioni meccaniche per barre di armatura (da validare preventivamente mediante prove sperimentali)

5.

particolari

cautele

negli

ancoraggi

e

nelle

sovrapposizioni per barre di diametro φ > 32 mm

nelle sovrapposizioni per barre di diametro φ > 32 mm Maurizio Orlando Dipartimento di Ingegneria Civile
nelle sovrapposizioni per barre di diametro φ > 32 mm Maurizio Orlando Dipartimento di Ingegneria Civile
nelle sovrapposizioni per barre di diametro φ > 32 mm Maurizio Orlando Dipartimento di Ingegneria Civile
La Progettazione Strutturale secondo il D.M. 14.01.08 Circolare Applicativa Catanzaro, 15 Aprile 2010 e Progettazione
La Progettazione Strutturale secondo il D.M. 14.01.08 Circolare Applicativa Catanzaro, 15 Aprile 2010 e Progettazione

La Progettazione Strutturale secondo il D.M. 14.01.08 Circolare Applicativa

Catanzaro, 15 Aprile 2010

e

14.01.08 Circolare Applicativa Catanzaro, 15 Aprile 2010 e Progettazione di strutture in c.a. Dettagli costruttivi

Progettazione di strutture in c.a.

Dettagli costruttivi pilastri

Pilastri

4.1.6.1.2 Armatura dei pilastri armature longitudinali φ minimo: 12 mm interasse massimo: 300 mm area minima:

A

= (0 10 N

,

/ f

) 0 003 A

,

s,min

Ed

yd

c

(4 1 44)

.

.

N , / f ) ≥ 0 003 A , s,m in Ed yd c (4
≤ 30 cm
≤ 30 cm

f yd è la resistenza di calcolo dell’armatura (riferita allo snervamento)

N Ed è la forza di compressione assiale di calcolo A c è l’area di
N Ed è la forza di compressione assiale di calcolo
A c è l’area di calcestruzzo
armature trasversali
φ long
interasse massimo: 12 φ long ≤ 250 mm
diametro minimo: 6 mm ≥ φ long / 4
area massima fuori dalle zone
250 mm
p
<
12
Ø long
6 mm
φ staffe
Ø
staffe
di sovrapposizione: A s,max = 0,04 A c ,
/ 4
Ø long
A : area sezione trasversale di calcestruzzo
c
almeno 1Ø12 per spigolo

Pilastri

7.4.6.1.2 Pilastri dimensione minima sezione trasversale h: 250 mm (se le non linearità geometriche devono essere messe in conto, la dimensione minima deve soddisfare anche la condizione h max (L 1 , L 2 ) / 10)

L 1 L 2 2 1
L 1
L
2
2
1
L cr L cr
L cr
L cr

la lun hezza della zona critica L è il valore massimo tra:

g

cr

1. altezza della sezione

2. 1/6 dell’altezza libera del pilastro

3. 45 cm

4. altezza libera del pilastro se inferiore a 3 volte l’altezza della sezione (es. pilastro 30x30 di 85 cm, L cr = 85 cm)

Maurizio Orlando

Dipartimento di Ingegneria Civile e Ambientale, Firenze

Pilastri

7.4.6.1.2 Pilastri nel caso in cui i tamponamenti non si estendano per l’intera altezza dei pilastri adiacenti, l’armatura risultante deve essere estesa per una distanza pari alla profondità del pilastro oltre la zona priva di tamponamento; nel caso in cui l’altezza della zona priva di tamponamento fosse inferiore a 1,5 volte la profondità del pilastro, debbono essere utilizzate armature bi-diagonali

pilastro, debbono essere utilizzate armature bi-diagonali h p ’ l p l p l ’ p
h p ’ l p l p l ’ p h p
h p
l
p
l p
l ’ p
h p

qualora il tamponamento sia presente su un solo lato di un pilastro, l’armatura trasversale da disporre alle estremità del pilastro deve essere estesa all’intera altezza del pilastro

Pilastri

7.4.6.1.2 Pilastri per tutta la lunghezza del pilastro l’interasse tra le barre non deve essere superiore a 25 cm

≤ 25 cm
≤ 25 cm

limiti per la percentuale geometrica ρ di armatura longitudinale nella sezione corrente del pilastro:

1% ≤ρ≤4%

(7.4.27)

se sotto l’azione del sisma la forza assiale su un pilastro è di trazione, la lunghezza di ancoraggio delle barre longitudinali deve essere incrementata del

50%

Pilastri

7.4.6.1.2 Pilastri armature longitudinali nelle zone critiche:

1.le barre disposte sugli angoli della sezione devono essere contenute dalle staffe 2.almeno una barra ogni due, di quelle disposte sui lati, deve essere trattenuta da staffe interne o da legature 3.le barre non fissate devono trovarsi a m